Sei sulla pagina 1di 3

Giulia Rodano - Assessore alla Cultura, Spettacolo e Sport della Regione Lazio -

http://www.giuliarodano.eu

OFFICINE CULTURALI, PRESENTATO NUOVO BANDO


2010-2011

Prosegue l’esperienza delle officine culturali del Lazio. Dopo i


due bandi dei bienni 2006-2007 e 2008-2009, per l’assessorato
regionale alla Cultura quella del biennio 2010-2011 sarà la terza
esperienza delle officine culturali regionali.

Oltre a finanziare dieci nuove officine culturali nei territori del


Lazio, il bando 2010-11, presentato oggi in Regione dall’assessore
alla Cultura Giulia Rodano, conferma e rafforza l’esperienza delle
officine di teatro sociale, sperimentata nel bando precedente,
portando da tre a cinque i soggetti vincitori. E il nuovo avviso
promuove poi la creazione di una novità assoluta, un’officina
culturale dedicata culturale esclusivamente alla danza
contemporanea. In tutto dunque sedici nuove esperienze, che
nasceranno dal nuovo bando biennale emesso nell’ambito della
Legge Regionale 32/1978 dall’assessorato alla Cultura, Spettacolo
e Sport della Regione Lazio, rivolto ad associazioni culturali ed altri
soggetti attivi nella promozione e produzione culturale quali
Fondazioni o Cooperative.

“La mission istituzionale delle dieci officine culturali consisterà


nell’animazione dei territori e nella promozione dei linguaggi artistici
pagina 1
Giulia Rodano - Assessore alla Cultura, Spettacolo e Sport della Regione Lazio -
http://www.giuliarodano.eu

e dello spettacolo presso i Comuni della nostra regione”, ha


dichiarato l’assessore alla Cultura, Spettacolo e Sport della
Regione Lazio, Giulia Rodano “mentre le cinque officine di teatro
sociale metteranno in campo, nei luoghi del disagio e della
rieducazione, progetti teatrali e artistici in cui la cultura è strumento
di riabilitazione e prevenzione del disagio sociale e psichico. Con
l’officina di danza contemporanea, infine, vogliamo dare più spazio
ai linguaggi della danza contemporanea, ingiustamente trascurati
dalle istituzioni e dalle reti tradizionali di spettacolo dal vivo”.

Tra il 2006 e il 2009 le officine culturali hanno costituito uno


strumento di animazione, promozione, produzione culturale in
grado di coinvolgere complessivamente le comunità di 80 Comuni
della nostra regione, a fronte di un investimento di due milioni e
mezzo di euro. In questi quattro anni, le officine culturali finanziate e
promosse dalla Regione Lazio hanno messo a disposizione dei
cittadini delle cinque province 197 laboratori artistici, cui hanno
preso parte più di cinquemila persone. Nello stesso lasso
temporale, le officine hanno realizzato 816 eventi dal vivo di teatro,
musica e danza, cui hanno assistito 125mila spettatori.
Un’esperienza di promozione e animazione culturale dei territori cui
hanno contribuito - tra artisti, organizzatori e operatori culturali -
circa 3600 addetti ai lavori. E le officine “uscenti”, ovvero quelle del
biennio 2008-2009, si sono distinte per aver allestito nei territori 13
nuovi spazi di spettacolo dal vivo ed aver messo a disposizione di
gruppi e compagnie locali 9 nuove sale prove. L’officina culturale
Tuscania d’Arte, ad esempio, ha “riaperto” a Tuscania lo stabile del
Supercinema, un ex teatro all'interno del centro storico oggi
utilizzato per residenze teatrali e coreografiche; l’officina Teatro
Bertold Brecht, attiva a Formia, ha aperto due scuole stabili di
teatro per ragazzi a Gaeta e a Minturno; l’officina culturale “ La
Freccia ” ha ristrutturato l’ex Mattatoio comunale di Aprilia e vi ha
creato uno studio di produzione musicale “Il Musicatoio”. Alcune
officine, nate per la gran parte da associazioni culturali, hanno
iniziato a stipulare alcuni contratti di lavoro, creando nuove
occupazioni stabili (in tutto 28 in questo biennio). Per quanto
concerne infine le officine di teatro sociale del biennio 2008- 2009,
in due anni hanno realizzato 32 spettacoli-performance, cui hanno

pagina 2
Giulia Rodano - Assessore alla Cultura, Spettacolo e Sport della Regione Lazio -
http://www.giuliarodano.eu

partecipato complessivamente 917 detenuti. Sono stati allestiti 34


laboratori artistici, di cui hanno fruito 160 detenuti.

La domanda di contributo per il nuovo bando deve essere


compilata obbligatoriamente utilizzando la procedura on line messa
a disposizione sul sito della Regione Lazio, all’indirizzo
www.regione.lazio.it e www.culturalazio.it dal 28 novembre 2009.

pagina 3

Interessi correlati