Sei sulla pagina 1di 5

Il Medioevo

Il medioevo si colloca in europa tra il 476 d.c(Caduta impero romano d'occidente) e il 1492(
scoperta dell'America)
la visione del medioevo come periodo buio e culturalmente inferiore deriva proprio dalla
cultura umanistica del 14!1". solo recentemente#anc$e %ra&ie al contributo dei
romantici# il 'edioevo ( visto come un passa%%io fondamentale nella forma&ione ed
evolu&ione della societ) occidentale.
*'Alto medioevo(476!1) ( culturalmente ed economicamente inferiore al basso
medioevo(1!1492)risente della fine dell'Impero +omano.
*a letteratura in vol%are nac,ue nel 1- sec. *e ra%ioni di ,uesta evolu&ione culturale sono la
caduta dell'Impero +omano e ,uindi la frantuma&ione dell'unit) lin%uistica e culturale create
dall'Impero.
*e modifica&ioni morfolo%ic$e e lessicali portano allo sviluppo delle cosiddette lin%ue
neolatine. .ale lin%ue erano dette vol%ari perc$/ parlate dal vol%o(popolo). Il latino rest0 la
lin%ua scritta per tutto l'Alto medioevo# ma conosciuto da una sempre pi1 ristretta cerc$ia di
intellettuale# ,uasi esclusivamente ecclesiastici.
2ei secoli 11!12 sec si ini&iarono a sviluppare le letterature roman&e3 in particolare
incentrate su Carlo 'a%no e sulle imprese dei Cavalieri della .avola +otonda di +e Art1.
4n autentica letteratura in vol%are si produsse nel nostro paese a partire dal 12. 2ell'Italia
centrosettentrionale si svilupp0 una nuova classe sociale la bor%$esia mercantile urbana
costituta da arti%iani# mercanti# banc$ieri# la ,uale cominci0 a esprimere esi%en&e nuove
anc$e sul piano della scrittura. 2ac,uero anc$e nuove esi%en&e culturali# come poter
esprimere valori ed idealit)# c$e la bor%$esia mercantile avvertiva come propri.
5er tutte ,ueste ra%ioni# si affermarono i nuovi intellettuali laici di estra&ione bor%$ese c$e
scrivevano in vol%are# ma c$e conoscevano anc$e il latino. *a letteratura in vol%are
dell'ori%ini si espresse in3 poesia reli%iose# %enere didattico!alle%orico# poesia lirica# poesia
burlesca# prosa.
La poesia religiosa
4n po' tutta la letteratura in vol%are del 2!- conteneva riferimenti reli%iosi# dato c$e la
reli%ione era assolutamente preminente nella vita de%li uomini del 'edioevo. 5er poesia
reli%iosa si intende ,uella c$e stimolava ad una condotta di vita pi1 morale e ammoniva c$i
non si comportava da buon cristiano. In 4mbria emersero due fi%ure notevoli3 6an
7rancesco d'Assisi e Iacopone da .odi.
!6an 7rancesco d'Assisi(1181!1226)abbandon0 a%li ai%i della casa per dedicarsi ad una vita
puramente spirituale. Il componimento poetico universalmente conosciuto di 6an 7rancesco
( il Cantico delle Creature# scritto in vol%are umbro#il primo testa poetico della letteratura
italiana.
Il genere didattico-allegorico
fu molto diffuso sia nella poesia c$e nella prosa. *a sua finalit) era di diffondere verit) di
fede e precetti morali# ma anc$e no&ioni di vario sapere# spesso ricorrendo alla fi%ura
retorica dell'alle%oria(il massimo esponente 9runetto *atini).
La poesia lirica
comprende i poeti della :scuola siciliana;# della :scuola toscana; e del :dolce stil novo;.
!*a scuola siciliana
corrente letteraria c$e si svilupp0 presso la corte di 5alermo. I siciliani diedero vita a una
poesia lirica amorosa raffinata# acco%liendo il tema dell'amor cortese#e ponendo l'atten&ione
sull'interiorit) del poeta(<iacomo da *entini inventore del sonetto).
!*a scuola toscana
Ai tradi&ionali motivi dell'amor cortese# a%%iunse temi morali# civili e politici derivati dalla
pi1 dinamica e movimentata vita politica dei Comuni della .oscana. (<uittone d'Are&&o)
!Il dolce stil novo
si manifest0 soprattutto in .oscana nella seconda met) del 2. dante ne defin= lo stile
dolce # per la delicate&&a e soavit) dell'espressione poetica# e novo perc$/ ,uesta
espressione doveva trascrivere lo stato d'animo del poeta.( <uido <uini&&elli# >ante con la
?ita 2ova)
I motivi essen&iali del :dolce stil novo; furono3 nobilt) d'animo# il le%ame tra amore e cor
%entil e l'ideali&&a&ione della donna.
Francesco Petrarca
7rancesco 5etrarca nac,ue nel 1-4 ad Are&&o. Comp= fre,uenti via%%i in Italia e in @uropa
e fu in contatto con molti intellettuali europei. 2el 1-41 fu incoronato poeta dal 6enato
romano. 6o%%iorn0 presso le corti 2apoli# 5arma# 'ilano. 5adova. A 7iren&e incontr0 il
9occaccio con il ,uale strinse una forte amici&ia. 'or= ad Ar,u) nel 1-74. Incarna la fi%ura
di un nuovo tipo di intellettuale# per il suo interesse per il suo interesse a%li scritti
dell'antic$it) classica.
La poetica
Il poeta aretino fu un precursore dell'umanesimo. Incline all'introspe&ione fu sempre
combattuto tra l'attaccamento per i beni terreni# come la %loria l'amore e la belle&&a#e il
desiderio dell'eterno3 un dissidio interiore c$e rispecc$iava le contraddi&ioni dell'epoca di
transi&ione in cui viveva#c$e non aveva pi1 le certe&&e reli%iose del 'edioevo#ma nella
,uale non erano ancora ben saldi i nuovi valori dell'umanesimo.
Le opere
il 5etrarca scrisse molto in latino# ma la sua fama ( le%ata ad un opera scritta in vol%are3 Il
can&oniere# una raccolta di -66 componimenti poetici#specialmente sonetti e can&oni#distinti
in due parti rime in vita e rime in morte di 'adonna *aura. *'amore per *aura ( il filo
conduttore di ,uesta raccolta# c$e comprende#per0#anc$e alcune poesie di contenuto non
amoroso.
Boccaccio Giovanni
<iovanni 9occaccio nac,ue a Certaldo# presso 7iren&e#nel 1-1-. il padre lo mand0 a far
pratica mercantile a 2apoli e in ,uel periodo il %iovane 9occaccio pot/ dedicarsi a%li studi
letterari# scrivendo il :7ilocolo;# opera in prosa# il :7ilostrato; e il :.eseida;#poemetti
epico!mitolo%ici in ottave. 2el 1-4 ritorn0 a 7iren&e# dove compose altre opere minori.
Aueste# insieme all'opere del periodo napoletano#costituirono il tirocinio letterario del
9occaccio# c$e tra 1-48 e 1-"1#scrisse il >ecameron#(1 %iornate in %reco) una raccolta di
1 novelle in,uadrate in una cornice narrativa. 9occaccio scrisse dopo il >ecameron oltre
opere minori in vol%are#tra cui le :+ime;e il :Corbaccio;. 'or= al Certaldo nel 1-7".
Il Decameron
*'epidemia di peste# c$e colp= nel 1-48 7iren&e e ,uasi tutta l'@uropa#spinse il 9occaccio a
scrivere un opera c$e esaltasse la vita umana e la descrivesse nei suoi vari aspetti. 2el
>ecameron 1 %iovani# 7 donne e - uomini#per sfu%%ire al conta%io# si rifu%iano in una ?illa
in campa%na nei dintorni di 7iren&e#trascorrendovi 14 %iorni. 5er passare piacevolmente il
tempo#o%ni %iorno#o%nuno di loro racconta una novella. *a caratteristica principale del
>ecameron ( il realismo con cui viene rappresentata la societ) del '-.
La poesia comica, popolare e burlesca
*a lirica popolare# diffusasi in tutta l'Italia#presto si tradusse in canti# spesso composti per
essere recitati o per accompa%nare le dan&e e in componimenti ,uali poesie amorose#
lamenti# burle e addirittura invettive# corsivi o impreca&ioni. *a ma%%ior parte di ,uesti
scritti ideati dai %iullari di corte c$e si dedicavano alla composi&ione di ballate e canoni
secondo %li stili della poesia proven&ale ed erano infarciti di riferimenti e osserva&ioni
personali# spesso comic$e e triviali. Convivono ,uindi# in ,uesto vero e proprio ponte tra
poetica aulica e letteratura popolare#elementi dotti e motivi pi1 smali&iati o realistici pi1
vicini al %usto e alla curiosit) delle classi popolari. +icordiamo# per l'appunto poesia
popolare#la fi%ura di Cielo d'Alcamo e del suo Contrasto c$e riprende la tradi&ione
proven&ale delle pastorelle nella rappresenta&ione scenica di un assedio amoroso# ma non fa
mancare accenti parodici# popolari e motte%%iatori# espressi con cadute dialettali e
vernacolari.
4n alfiere della poesia comica e %oliardica# c$e si oppose alla pensosa introspe&ione de%li
stilnovisti e dei siculo!toscani#( il senese Cecco An%iolieri# rappresentante della vita
comunale#condusse un esisten&a %oliardica da bon vivant# privile%iando nella sua poesia i
temi dell'amore carnale e del piacere mondano# del motte%%io# dell'invettiva e della befa
personale# rendendoli in un lin%ua%%io diretto# pittoresco# iperbolico# spesso vol%are e
allusivo e sempre teso a rovesciare %li stilemi del lin%ua%%io cortese.
2onostante tutto# ( un errore considerare la poesia comica come una poesia incolta#
%rossolana e ro&&a perc$/ ( tutt'altro# infatti# sono %li stessi poeti a sce%lierlo come stile di
scrittura# ,uindi non ( una mancan&a di capacit) artistic$e o espressive# si pensi c$e lo
stesso >ante us0 ,uesto stile in alcune sue opere#alla ricerca dell'effetto comico.
A partire dalla met) del >uecento ai primi del .recento# in .oscana si sviluppa un nuovo
%enere di poesia# il poemetto#teso alla divul%a&ione dei nuovi saperi e delle conoscen&e
ac,uisite nella nascente civilt) comunale# ,uesto a causa del fatto c$e le nascenti classi
bor%$esi e mercantili c$e pativano il distacco culturale# non avendo tutti una cultura molto
profonda#volevano dare l'importan&a alla scien&a e alla pratica. 2asce cos= ,uesto %enere
letterale c$e si distin%ueva per il suo essere diretto# conciso ed essen&iale# tra cui non
possiamo non ricordare come scrittori importanti 9runetto *atini# 9onvesin de *a +iva e
7rancesco da 9arberino.
La prosa: cronache,narrativa e novellistica
*a forma pi1 diffusa nel medioevo delle cronac$e storic$e erano di sicuro %li annales latini#
c$e racco%lievano e suddividevano %li eventi anno per anno fornendo cos= una se,uen&a
panoramica dei fatti accaduti. Con l'affermarsi della prosa vol%are# verso la fine del
>uecento#ini&iano a nascere e svilupparsi in tutta l'Italia modelli di cronaca incentrate su%li
eventi di sin%ole aree urbane o provinciali. Come per esempio la 'Cronica delle cose
occorrenti ne tempi suoi' nelle ,uali il politico fiorentino >ino Compa%ni usando il %enere#
sviluppatosi a 7iren&e#della cronaca cittadina# racconta i fatti accaduti nella sua citt) tra il
128 e il 1-12 rimanendo del tutto impar&iale.
In tutt'altra ottica si colloca il 'ilione#il resoconto del via%%io in veste di ambasciatore del
papa <re%orio B all'Imperatore mon%olo della Cina CubilaD Ca$n#di 'arco 5olo# infatti
oltre essere una cronaca ( anc$e un manuale diplomatico# un roman&o d'avventura# un
resoconto %eo%rafico# contenendo anc$e una descri&ione etnolo%ica e la trattatistica
scientifica. Auesto perc$/ era impossibile adattare un solo %enere a un opera simile essendo
anc$e un opera innovativa oltre di una vastit) considerevole. Il 'ilione#inoltre# era visto
come un resoconto ampio e detta%liato di un mondo di cui fino ad allora si era sentito solo
parlare.
E %ra&ie alla novellistica italiana# fiorita nel contesto laico e mondano della civilt)
comunale#c$e la pro%ressiva laici&&a&ione della cultura aveva preso piede e trae# la novella#
le sue ori%ini dalla confluen&a di %eneri diversi risentendo dell'influsso latino e francese. .ra
tutte le novelle italiane ,uella c$e pi1 va ricordata ( il 2ovellino# un opera c$e si compone
di circa cento novelle ra%%ruppate per so%%etto# e coerente con il movimento di
laici&&a&ione e ,uindi la sua ori%ine comunale#del tutto priva di tematic$e reli%iose o
spirituali.
Dante Alighieri
>ante nac,ue in una fami%lia della piccola nobilt) fiorentina e comp= i suoi primi studi di
arte retorica sotto la %uida di 9runetto *atini. 7in da %iovane# >ante#mostra curiosit) e
interesse per l'opera de%li stilnovisti coi ,uali intrattiene amici&ie condividendone l'ideali e
valori letterali.
2el 1274 >ante incontra per la prima volta 9eatrice# o%%etto del suo amore sublimato
nonc$/ fi%ura centrare della futura lirica dantesca#e fu proprio a causa della sua morte#
avvenuta nel 129#c$e il poeta si ritrov0 in una profonda crisi reli%iosa c$e lo riavvicina a%li
studi filosofici e teolo%ici. 7u anc$e in ,uesti anni c$e ini&ia a partecipare pi1 attivamente
alla politica fiorentina vedendolo sc$ierarsi al fianco dei %uelfi bianc$i# cosa c$e l'avrebbe
poi portato all'esilio# essendosi opposto al papa 9onifacio ?III e ai %uelfi neri di Corso
>onati#c$e lo porter) a visitare diversi corti italiane# finendo per morire da esule a +avenna
nel 1-21# sen&a mai ritornare nella sua citt).
*e principali opere da ricordare di >ante sono3
!la ?ita 2uova# di cui non si sa con certe&&a la data di scrittura anc$e se si fa risalire tra il
1292!1294#in cui racco%lie tutte le sue opere le%ata all'esperien&a stilnovista# >onne
c$'avete intelletto d'amore e .anto %entile e tanto onesta pare#e celebra il suo incontro con
9eatrice e la sua successiva ideali&&a&ione della donnaF
!le +ime#c$e contiene svariate liric$e amorose# i tre sonetti della .en&one con 7orese >onati
e la can&one alle%orica .re donne intorno al cor mi son venute# praticamente le opere c$e
non sono contenute nella ?ita nuova e neppure nel ConvivioF
!il Convivio# scritto in vol%are# tra il 1-4 e il 1-7# per una ma%%iore del sapere oltre c$e di
fornire ai suoi contemporanei i pi1 alti modelli etici e politici#( un opera tesa alla
divul%a&ione didascalica di commenti dello stesso >ante ad alcune sue can&oni composte
prima dell'esilioF
!>e vul%ari elo,uentia opera c$e racco%lie lo studio e l'atten&ione di >ante per il vol%are
italiano# diventato o%%etto di studio vero e proprio# in cui# in latino essendo scritto per le
classi colte#si parla della possibilit)# anc$e se in maniera del tutto teorica#di una lin%ua
vol%are illustre c$e potesse affiancarsi al latino diventando cos= la lin%ua na&ionale italiana.
5urtroppo fu anc$'essa un opera incompiuta# essendo stata pro%ettata in ,uattro libri# ne
complet0 soltanto dueF
!>e 'onarc$ia ( un'opera# di cui non si sa la data&ione anc$e se si fa risalire tra il 1-1- e il
1-18#di caratteri&&a&ione laica c$e teori&&a la divisione tra potere temporale e spirituale
scritto in latino essendo un opera destinata %li intellettuali# ma anc$e perc$/ destina anc$e
alle corti straniere per dare ma%%ior diffusione ai suoi ideali di esalta&ione della monarc$ia
universale# come unica forma di %overno c$e permette lo sviluppo# la pace e il pro%resso
dell'umanit).
5er finire c'( la >ivina Commedia# di sicuro l'opera dantesca per eccellen&a c$e l'$a reso
immortale. Il libro ( diviso in cento canti# ra%%ruppati a loro volta in tre cantic$e# per un
totale di 142-- versi endecasillabi. 6critta ,uasi sicuramente durante %li anni dell'esilio#
narra del via%%io di >ante attraverso l'inferno# il pur%atorio e il paradiso c$e lo porter)# con
la %uida di ?ir%ilio nelle prime due cantic$e e di 9eatrice nell'ultima#alla conoscen&a del
male e all'ac,uisi&ione del bene sommo# coincidente con la visione di >io.
*'inferno viene descritto come un imbuto diviso in nove cerc$ioni c$e vanno mano mano a
strin%ersi verso il basso# dove o%ni cerc$io corrisponde a dei peccati commessi nella vita
terrena. ?isitandolo pian piano >ante ac,uista una maturit) c$e %li permetter) un distacco
sempre ma%%iore dai peccati commessi nei %ironi pi1 profondi dell'inferno. Il pur%atorio# la
cui rappresenta&ione si avvicina a ,uella del mondo terreno#dove ven%ono accolte le anime
con peccati lievi da scontare prima di arrivare in paradiso# infatti ven%ono sistemati su sette
diverse bal&e simbole%%ianti i 7 diversi vi&i capitali# o anime sinceramente pentite.
2ell'ultima cantica# ,uella del paradiso# si $a il completo riscatto e ri%enera&ione morale del
poeta c$e#mentre avan&a %uidato da 9eatrice#con,uista pro%ressivamente la beatitudine
arrivando fino alla visione di >io# espressa tramite un'alle%oria di una luce abbacinante
essendo una fi%ura ineffabile.