Sei sulla pagina 1di 2

anabolizzanti in Azienda Ittica forse pure i pesci sono dopati

E il titolo di un recente articolo di giornale.


Sar davvero interessante analizzare i campioni prelevati, perch lAzienda
sottoposta a controllo (ex Ittica Sud) molto vicina allArea MICOROSA,
lIsola dei veleni (44 ettari circa) nella quale per decenni sono state sversate
a cielo aperto sostante tossiche di ogni tipo.
Sar davvero interessante analizzare i campioni prelevati, perch quei
veleni sono anche finiti in mare fino a 5 km. di distanza, come denunciato dal
Rapporto Ambientale del 2003 pubblicato dal Comune.
Sar davvero interessante analizzare i campioni prelevati, perch il Parco
Regionale le Saline di Punta della Contessa, nel quale sarebbero potute
nascere aziende ittiche a bizzeffe, scambia lacqua dolce della terra con
lacqua salata del mare.

www.pierpaolopetrosillo.blogspot.com

dallarticolo di giornale pubblicato:
Le sostanze dopanti fanno il loro ingresso anche nel mondo dellittica farmaci a
base di gonadotropina corionica (gli stessi di cui fanno uso i culturisti) e
antibiotici, sono state trovate dai carabinieri in una azienda brindisina che
alleva pesci destinati ai banconi delle pescherie (per lo pi orate e spigole).
120 tonnellate di prodotti ittici sono stati quindi sottoposti a sequestro indagini
che dovranno accertare leventuale somministrazione di tali farmaci ai pesci e
quindi la sussistenza di eventuali rischi per la salute dei consumatori.
Gli investigatori sono adesso in attesa dei risultati degli esami di laboratorio
che verranno eseguiti sui campioni prelevati.




Anabolizzanti in azienda ittica, forse pure i pesci sono dopati.
Denunciati 2 imprenditori
Gia.Gre.27 giugno 2014


Lo stabilimento della Maribrin Srl, ex Ittica Sud

BRINDISI Le sostanze dopanti fanno il loro ingresso anche nel mondo dellittica. Undici
confezioni di medicinali, fra farmaci a base di gonadotropina corionica (gli stessi di cui fanno uso i
culturisti) e antibiotici, sono state trovate dai carabinieri del comando provinciale di Brindisi, in
collaborazione con i colleghi dei Nas di Taranto, in una azienda brindisina, la Maribrin Srl, che
alleva pesci destinati ai banconi delle pescherie (per lo pi orate e spigole) nello stabilimento
Ittica Sud.
Centoventi tonnellate di prodotti ittici sono stati quindi sottoposti a sequestro cautelativo di
tipo sanitario finalizzato alle indagini che dovranno accertare leventuale somministrazione di
tali farmaci ai pesci e quindi la sussistenza di eventuali rischi per la salute dei consumatori. I
due amministratori dellazienda, uno residente a Mantova, laltro in provincia di Cremona, sono
stati denunciati per ricettazione dei medicinali e per altri reati in materia sanitaria.
Gli investigatori, coordinati dal pm Luca Buccheri, sono adesso in attesa dei risultati degli esami
di laboratorio che verranno eseguiti sui campioni prelevati. I militari hanno fatto questa
scoperta nellambito di una serie di controlli mirati alla prevenzione e repressione del fenomeno del
lavoro nero e alla verifica del rispetto delle normative del settore sanitario di aziende che operano
nellitticoltura, espletati negli ultimi tre giorni.
Tali controlli hanno interessato anche due aziende ittiche presenti nel Fasanese. In una di queste
sono stati individuati 27 lavoratori, tutti regolarmente assunti, ma privi della visita medica
preventiva riguardante la sorveglianza sanitaria da parte del datore di lavoro. Nellaltra, stata
riscontrata la presenza di un dipendente sprovvisto di regolare contratto di lavoro, oltre alla
mancanza della visita medica preventiva. I tre responsabili delle due aziende sono stati quindi
denunciati per violazione della normativa in materia di lavoro.