Sei sulla pagina 1di 1

BARUCH SPINOZA (1632-1677)

MONISMO ONTOLOGICO: esiste una sola sostanza, infinita, unica, indivisibile, necessaria, causa di se stessa:
DIO. TUTTA LA REALTA E UNA DERIVAZIONE LOGICA DELLUNICA SOSTANZA. (paragrafo 3, pp. 325-326)
LA SOSTANZA HA INFINITI ATTRIBUTI ma noi ne conosciamo soltanto due: il pensiero e lestensione
(paragrafo 3.1, pp.326-327). I MODI SONO LA MANIERA IN CUI SI MANIFESTANO GLI ATTRIBUTI.
DISTINZIONE TRA MODI FINITI E INFINITI. CORRISPONDENZA TRA LORDINE DELLE IDEE E LORDINE DEI
CORPI. (fotocopia).
DEUS SIVE NATURA: luniverso e Dio sono la stessa cosa, TUTTAVIA possibile operare una distinzione tra
natura naturans e natura naturata (inizio paragrafo 3.1 + paragrafo 3.3). Grosso modo: la natura naturata
solo linsieme degli elementi presenti nel mondo, la natura naturans (Dio) anche la loro organizzazione
logica per cui e in cui ogni elemento legato, connesso a un altro.
DIO NON E UNA PERSONA , NON CI AMA NE CI PUNISCE.
LA RAGIONE CERCA LA VERITA, LA FEDE CERCA E SI AVVALE DELLUBBIDIENZA. Se sviluppassimo appieno la
nostra ragione, la Rivelazione sarebbe inutile.
I miracoli non esistono (lacqua che si trasforma in vino sarebbe un sovvertimento dellordine logico della
realt) e la natura NON ha un fine ma solo una derivazione logica della causa prima (Dio)
E LUOMO? COSA PUO FARE? A COSA PUO ASPIRARE? Attraverso lintuizione intellettuale (che diversa
dalla ragione) luomo pu arrivare a conoscere e a considerare le cose nella loro assoluta realt (sub specie
aeternitatis= dal punto di vista delleternit) e, almeno dei due attributi di cui partecipa (pensiero ed
estensione) con la stessa profondit e la stessa certezza di Dio.
LUOMO NON PUO CAMBIARE IL CORSO DEGLI EVENTI, logicamente determinato, ma pu adeguarsi ad
esso. (cfr terza regola morale provvisoria di Cartesio). Anzich subire le nostre passioni, dovremmo cercare
di comprenderle: conoscere la loro origine e il loro funzionamento ci consente di non subirle ma piuttosto
di sfruttarle a nostro vantaggio.