Sei sulla pagina 1di 5

LA SPERIMENTAZIONE DI KUNEL

Risale al 1982 eseguita dal tedesco in modo molto


comprensibile, ha usato come materiali : supermagneti ,
ferro dolce come intermediario , ferrite amorfa dolce,
traferri opportuni per leffetto rubinetto, pezzi aggiuntivi
per aiutare lannullamento del flusso, 2 bobine pilota, 10
bobine di raccolta flusso dei supermagneti-
Nei suoi schemi costruttivi appaiono modelli a flusso aperto
e modelli a flusso chiuso . sotto ci sono tutti i modelli a
flusso chiuso.

Il Kunel evidenzia la necessit di lavorare con le bobine di
annullamento del flusso delle calamite , ma per questo usa
blocchetti di ferro dolce come intermediari adatti alla
diffusione verso lesterno delle linee di forza, quindi alla
pi ampia ( geometricamente parlando ) percorrenza nello
spazio che facilit nella seconda fase di attrazione la
modulazione del flusso medesimo allinterno del nucleo.
Per questa ragione indica necessari 4 traferri che si trovano
prima e dopo le 2 bobine pilota, da calcolare per la cattura
progressiva del flusso che penetra nel nucleo con effetto
progressivo per questo i traferri debbono essere impostati
con materiali isolanti con adesivi appropriati.
Il fatto che la costruzione di 10 bobine di stessa quantit di
spire e filo come le bobine pilota , d la netta certezza che
ci troviamo a sperimentare il coefficiente di prestazione
maggiore della unit. (1,5) , infatti prosegue la traduzione,
come questo elemento pu essere ripetuto in serie
progressiva per avere prestazioni molto alte rielaborando il
segnale di uscita per il suo rientro parziale sulla prima unit
in modo da moltiplicare il COP fra di loro.


La progettazione della bobina A B deve essere progettata
per una corrente massima di 1 uno ampere , cos da potere
utilizzare un generatore di segnale mantenuto da una
batteria da 12 volt ed un sistema elettronico per un segnale
a forma rettangolare , ma si pu utilizzare un generatore di
funzioni con annesso amplificatore di potenza da 10 watt a
12 volt. Per le bobine viene indicato il filo da 1,25 mm
diametro ma non le spire .
Per quanto riguarda la utilizzazione del filo di ferro ricotto
per il nucleo toroidale bisogna approvvigionare almeno 5
kg di filo di ferro ricotto che deve essere nastrato e poi
ripiegato a forma di C e tagliato opportunamente, infine
verniciato e messo al forno. In seguito verranno montate le
10 bobine , 5 per parte e collegate elettricamente. E
siccome il nucleo gi perfettamente isolato , le bobine
possono essere costruite senza rocchetto, nastrate verniciate
e messe al forno .