Sei sulla pagina 1di 7

AGOSTINO

LA FIGURA STORICA
- Dispersione e inquietudine, crisi e redenzione, ragione speculante e opera di
vescovo
- In tutta la sua speculazione ha cercato e raggiunto se non la chiarezza su di s e
sul suo proprio destino, il significato autentico della sua vita interiore
- CONFESSIONI = atteggiamento costante del pensatore e delluomo dazione
che ha come scopo primario venire in chiaro con se stesso ed essere quello che
deve essere
- Radicale interiorizzazione della ricerca filosofica i predecessori sono i
NEOPLATONICI (specialmente Plotino)
- Neoplatonici = latteggiamento dellintrospezione pu essere solo privilegio
del saggio
- S. Agostino = pu essere proprio di ogni uomo
- AGO = ripresenta alla speculazione cristiana lesigenza della ricerca con
altrettanta forza di quella con cui Platone laveva presentata alla filosofia greca

LA VITA
- 354, Tagaste: Africa romana
- Suo padre Patrizio era pagano, sua madre Monica cristiana ed esercit sul
figlio una profonda influenza
- Adolescenza a Tagaste e Cartagine = vita disordinata e dispersa
- Studi classici, specialmente latini (difficolt greco).
Passione per la grammatica
- 19 anni = lettura dellORTENSIO di Cicerone che lo trae alla filosofia
- Ortensio = opera perduta che esorta alla filosofia. Segue le tracce del
Protrettico di Aristotele
- Setta dei Manichei
- 19 anni inizia a insegnare retorica a Cartagine
- Dubbi sulla verit del Manicheismo, dubbi che si confermarono quando vide
che neppure Fausto, il pi famoso manicheo dei suoi tempi, sapeva risolverli.
- Roma, insegnamento retorica (frode studenti che non pagano le tasse)
Milano
- Qui Aurelio Simmaco senatore tardo impero romano lo aiut ad ottenere il
posto con lintento di contrastare la fama del vescovo Ambrogio
- AMBROGIO = persuade Ago alla verit del cristianesimo
- AGO = arriva a credere che luniverso sia pieno di Dio al modo di una
gigantesca spugna che occupa il mare
- Villa di Verecondo = malato Ago. Si dimette come insegnante. Con una
piccola schiera di amici e parenti (Monica) prega e riflette in questo luogo.
Nascono le sue prime opere: Contro gli accademici, Sullordine, Sulla
beatitudine, Soliloqui
- 387 = riceve il battesimo dalla mani di Ambrogio (sta per riceverlo anche in un
momento di grave malattia, ma a pericolo passato prefer attendere)
- Missione AGO = diffondere nella sua patria la sapienza cristiana
- Vescovo di Ippona Chiarisce i principi della fede e combatte i nemici della
fede e della Chiesa:
MANICHEISMO (bene e male e non luce e ombra principi materiali)
DONATISMO (sulla validit dei sacramenti)
PELAGIANESIMO (non ritenevano necessaria la grazia per la salvezza)
ARIANESIMO (in polemica sulla divinit di Cristo)
- La citt di Dio
- Invasione dei Vandali in Africa romana
- Assedio Ippona

LE OPERE
- I primi scritti rimasti di Agostino sono quelli composti a Cassiciaco
- Esposizioni completa di tutte le arti liberali condotta a Tagaste = incompiuta
(porta a termine solo la parte che riguarda la Musica)
- La citt di Dio = i primi dieci libri con la finalit di difendere il cristianesimo
dalle accuse dei pagani ed analizzare le questioni sociali-politiche dell'epoca;
negli altri dodici libri, invece, tratta della salvezza dell'uomo
Il termine latino civitas non dovrebbe essere tradotto con quello citt, si
dovrebbe parlare piuttosto di cittadinanza, di una condizione spirituale in cui si
gioca il destino di salvezza e di dannazione di ciascun individuo
- 400 13 libri delle Confessioni opera chiave della sua personalit di
pensatore
- 427 Ritrattazioni = sguardo retrospettivo su tutta la sua opera letteraria
- Lettere = utili per la conoscenza della sua vita, influenza e dottrina

CARATTERE DELLA RICERCA AGOSTINIANA
- S. Agostino stato chiamato il Platone cristiano
- Egli rinnova nello spirito del cristianesimo quella ricerca che era stata la realt
fondamentale della speculazione platonica
- FEDE = termine della ricerca, non del suo inizio. Eppure la fede la
condizione della ricerca
- AGO = contrario alla pura gnosi
- La ricerca agostiniana si impone una disciplina rigoroso: non si abbandona
facilmente a credere
- Slancio mistico verso la verit = rinvigoriscono la ricerca stessa, le danno un
valore e un calore vitale

LO SCOPO DELLA RICERCA: DIO E LANIMA
- Allinizio dei Soliloqui che sono tra le prime sue opere, Agostino dichiara lo
scopo della sua ricerca: Io desidero conoscere Dio e lanima
- Ma Dio e lanima non richiedono per Agostino indagini diverse = Dio infatti
nellanima
- Cercare Di significa cercare lanima e cercare lanima significa ripiegarsi su se
stesso, riconoscersi nella propria natura spirituale, confessarsi
- La stesse Confessioni non sono unopera autobiografica
- Libro X = ogni accenno autobiografico cessa e S. Ago passa negli altri tre libri
a trattare problemi di pura speculazione teologica
- Soltanto il ritorno a se stesso, il rinchiudersi nella propria interiorit
veramente laprirsi alla verit e a Dio
- Aprirsi a Dio Eliminare il dubbio
- Carriere di Ago come scrittore iniziata con unca confutazione dello
scetticismo accademico
- Chi dubita della verit certo di dubitare, ci di vivere e di pensare
consegue quindi, nel dubbio stesso, una certezza
- La vita interiore dellanima non pu fermarsi al dubbio, che perfino il dubbio
consente allanima di trascendersi e di muovere vero la verit
- La verit dunque nello stesso tempo interiore alluomo e trascendente
- La verit si rivela a colui che cerca
- VERIT = il criterio di cui la ragione si serve per giudicare le cose

LA RICERCA DI DIO
- La verit Dio: questo il principio fondamentale della teologia agostiniana
- VERIT = Verbo di Dio
- Dio si rivela come trascendenza alluomo che incessantemente e amorosamente
lo cerca nella profondit del suo io
- Amore e verit vanno congiunti perch non ci si pu essere amore se no nper la
verit e nella verit
- Lamore fraterno tra gli uomini non solo deriva da Dio ma Dio stesso
- Dio si offre come Amore solo a chi ama
- La ricerca di Dio non pu essere dunque solo intellettuale, anche bisogno di
amore
- Dio, proprio nella sua trascendenza, il trascendentale dellanima, la
condizione della sua ricerca, di ogni sua attivit
- Dio lamore e condiziona e rende possibile ogni amore
- Ma non possibile riconoscerlo come amore, e quindi amarlo, se non si ama
- Presenza del trascendete alluomo come possibilit della ricerca
- La libert delliniziativa filosofica appare come grazia

LUOMO
- La possibilit di cercare Dio e di amarlo radicata nella stessa natura
delluomo. Se fossimo animali, potremmo amare soltanto la vita carnale e gli
oggetti sensibili.
- Abbiamo dunque la possibilit di ritornare a lui, nel quale il nostro essere non
avr pi morte, il nostro sapere non avr pi errori
- Sono i tre aspetti delluomo che si rivelano nelle tre facolt dellanima umana,
la memoria, lintelligenza, e la volont, le quali insieme, e ognuna per s,
costituiscono la vita, la mente e la sostanza dellanima
- Che luomo sia fatto ad immagine di Dio significa dunque che luomo pu
cercare Dio ed amarlo e rapportarsi allessere di lui
- Ma luomo pu allontanarsi e decadere dallessere e in tal caso pecca
- Ogni individuo per sua natura un uomo vecchio, ma deve diventare un uomo
nuovo, deve rinascere alla vita spirituale
- O vivere secondo la carne e indebolire e rompere il proprio rapporto con
lessere
O vivere secondo lo spirito rinsaldando il proprio rapporto con Dio e prepararsi
a partecipare alla sua stessa eternit
- La causa del peccato, cos degli angeli ribelli a Dio come degli uomini, una
sola: la rinunzia a quelladesione
- PECCATO = non ha una causa efficiente, ma solo una causa deficiente:
rinunzia a ci ch e sommo per adattarsi a ci che inferiore

IL PROBLEMA DELLA CREAZIONE E DEL TEMPO
- DIO = creatore di tutto
- Alcuni Padri della Chiesa, per es. Origene, ritenevano che la creazione del
mondo fosse eterna non potendo essa implicare un mutamento nella volont
divina. Il problema si presenta anche ad Agostino. Che cosa faceva Dio prima
di creare il cielo e la terra?
- Dio lautore non solo di ci che esiste nel tempo, ma del tempo stesso. Prima
della creazione non cera tempo: non cera dunque un prima e non ha senso
domandarsi che cosa Dio facesse allora
- Il passato tale perch non pi, il futuro tale perch non ancora; e se il
presente fosse sempre presente e non trapassasse continuamente nel passato,
non sarebbe tempo, ma eternit
- Dove effettuiamo questa misura? Agostino risponde: nellanima
- Partito alla ricerca della realt oggettiva del tempo, Agostino giunge invece a
chiarire la soggettivit
- Che cos dunque il tempo? Se nessuno minterroga, lo so; se volessi
spiegarlo a chi minterroga, non lo so
- Senza nulla che passi, non esisterebbe un tempo passato; senza nulla che
venga, non esisterebbe un tempo futuro; senza nulla che esista, non esisterebbe
un tempo presente
- Un fatto ora limpido e chiaro: n futuro n passato esistono
- inesatto dire che i tempi sono tre: presente, passato e futuro
- Forse sarebbe esatto parlare di: presente del presente, presente del passato e
presente del futuro
- Queste tre specie di tempi esistono i qualche modo nellanimo e no nle vedo
altrove: il presente del passato la MEMORIA, il presente del presente la
VISIONE, il presente del futuro lATTESA
- Il tempo non movimento di un corpo: nessun corpo si muove fuori dal
tempo vero; ma che il movimento stesso del corpo sia il tempo questo non lo
intendo
- Il movimento del corpo dunque cosa distinta dalla misura della sua durata

POLEMICA CONTRO IL MANICHEISMO
- Manichei = ammettevano che Dio dovesse combattere eternamente col
principio del male.
- Ma se il principio del male pu nuocere a Dio, Dio non incorruttibile
- E se non gli pu nuocere manca qualsiasi motivo perch Dio debba combattere
- AGO = smentisce i manichei affermando che Dio incorruttibile
- Se Dio lautore di tutto ed anche delluomo, donde deriva il male?
- La realt del male contraddice alla bont perfetta di Dio: non rimane dunque
che negare la realt del male; e tale la soluzione per cui si risolve Agostino

LA POLEMICA CONTRO IL DONATISMO
- Dontasimo = quando Agostino fu consacrato vescovo, dilagava nellAfrica
romana da circa un secolo
- Donatisti = la Chiesa una comunit di perfetti che non devono avere contatti
con le autorit civili. Quelle autorit religiose che tollerano tali contatti
perdono la capacit di amministrare i sacramenti, e i fedeli devono ritenerli
traditori e rinnovare il battesimo e gli altri sacramenti ricevuti
- Qualsiasi fedele ha il diritto di indagare i titoli del suo superiore gerarchico e di
negarli, ove lo credesse opportuno, obbedienza e disciplina
- Esponevano i sacramenti stessi ad un dubbio continuo
- AGOSTINO = afferma la validit dei sacramenti indipendentemente dalla
persona di chi li amministra. Cristo che opera direttamente attraverso il
sacerdote e conferisce efficacia al sacramento che egli amministra

LA POLEMICA CONTRO IL PELAGIANESIMO
- PELAGIO = nega che la colpa di Adamo abbia indebolito radicalmente la
libert originaria delluomo e quindi la sua capacit di fare il bene
- Peccato Adamo = esempio cattivo rende pi difficile il compito di operare il
bene, ma non lo rende impossibile
- Lessere umano, sia prima del peccato di Adamo, sia dopo, naturalmente
capace di operare virtuosamente senza bisogno del soccorso straordinario della
grazia
- Ma questa dottrina conduceva a ritenere inutile lopera redentrice del Cristo
- AGOSTINO = con Adamo e in Adamo ha peccato tutta lumanit e quindi il
genere umano una sola massa dannata, nessun membro della quale pu
essere sottratto dalla dovuta punizione, se non dalla misericordia e dalla non
dovuta grazia di Dio
- AGO = fu indotto a difendere sullorigine dellanima, non il
CREAZIONISMO (giacch non si pu ammettere che Dio crei unanima
dannata), ma il TRADUCIANESIMO per il quale lanima viene trasmessa di
padre in figli attraverso la generazione del corpo
- Ago inclin quindi a un pessimismo sulla natura e la possibilit delluomo,
ritenuto incapace di compiere il pi piccolo passo
- Fu portato ad insistere sul carattere imperscrutabile della scelta divina che
predestina alcuni uomini e danna gli altri (la Chiesa cattolica dovette mitigare)
- LIBERT UMANA = Grazia Divina
- Volont = libera soltanto quando non asservita al vizio e al peccato
- Questa libert pu essere restituita allessere umano solo dalla grazia divina
- NON poter peccare = questultima libert sar data allessere umano come un
dono divino, giacch non appartiene alla natura umana

LA CITT DI DIO
- La vita delluomo dominata dallalternativa fondamentale: vivere secondo la
carne o vivere secondo lo spirito
- La stessa alternativa domina la STORIA DELLUMANIT. Questa
costituita dalla lotta di due citt o regni: regno della carne e regno dello spirito
- Queste due citt non si dividono mai nettamente il loro campo dazione nella
storia
- Lamore di s portato fino al disprezzo di Dio genera la citt terrena; lamore
di Dio portato fino al disprezzo di s genera la citt celeste
- Solo interrogando se stesso ognuno potr scorgere a quale delle due citt
appartenga
- Sviluppo di queste due citt si divide in tre periodi fondamentali:
1) Uomini vivono senza legge
2) Uomini sotto la legge. Combattono contro il mondo e sono vinti
3) Combattono e Vincono
- Agostino distingue questi periodi nella storia del popolo dIsraele
- Le coincidenze della dottrina platonica con quella cristiana sono spiegate da
Agostino con i viaggi di Platone in Oriente durante i quali egli potette
conoscere il contenuto dei libri sacri
- Neo-platonici = essi hanno insegnato la dottrina del verbo ma non che il Verbo
si incarnato e si sacrificato per gli uomini