Sei sulla pagina 1di 2

IL GIARDINO DEI FINZI - CONTINI

1. Analisi spazio tempo


Il periodo in cui ambientata lopera di Bassani, si pu far coincidere con il periodo in cui si era gi
insediato il Fascismo in Italia, cio il periodo appena precedente la seconda guerra mondiale. Il
protagonista del romanzo nacue nel 1!1" e la narrazione scandita da due ellissi narrati#e, una
comprendente laltra. $a prima comincia con il protagonista c%e ricorda dal 1!&!, do#e lautore fa
riferimento alla propria #ita infantile, alle proprie delusioni scolastic%e e ai suoi primi incontri con
'icol, una discendente della famiglia dei Finzi()ontini, della uale egli si era innamorato. Finita
lellissi, la narrazione riparte dal 1!*!.
Il romanzo ambientato tra la fine degli anni *+ ,precisamente nel biennio 1!*- 1!*!, anni della
legislazione razziale e dei suoi primi effetti sulle comunit ebraic%e. ed il 1!/*, anno in cui tutta la
famiglia Finzi )ontini ,ad eccezione di Alberto, morto tempo prima a causa di una malattia. #iene
deportata in un campo di concentramento nazista. Il posto pi0 freuentato della #icenda
sicuramente il giardino dei Finzi )ontini, famiglia di culto ebraico c%e #i#e a Ferrara, una
cittadina dell1milia 2omagna. Altri luog%i do#e si s#olgono i fatti sono3 la sala da pranzo, la
biblioteca del signor 1rmanno, il campo da tennis, le camere di Alberto e 'icol.
&. 'essaggio dellautore
Il romanzo, per uanto il racconto segua l4io protagonista, c%iaramente scritto come monumento in
memoria di 'icol, c%e %a a#uto anc%e un ruolo importante nella crescita interiore del protagonista.
5iorgio Bassani con uesto libro #uol far capire alla gente i problemi c%e esiste#ano a uei tempi,
le gra#i situazioni c%e #eni#ano a presentarsi a causa dellentrata in #igore delle leggi antisemite.
5li ebrei erano perseguitati dai nazisti3 non pote#ano fare niente, non pote#ano a#ere un la#oro ed
erano segregati nei g%etti.
6uesto un romanzo di tono neorealistico in uanto ci presenta la #era situazione della fine degli
anni trenta.
Il neorealismo, nacue in Italia in seguito alla frattura storica causata dalla crisi c%e tra il 1!/+ ed il
1!/7 con la guerra e la lotta antifascista in#est8, scon#olse e cambi lintera societ italiana. 6uesta
corrente letteraria 9#enne alimentata: dallideologia della ri#oluzione antifascista3 la #ecc%ia classe
dirigente era fallita e le masse popolari domina#ano la scena. )era perci il bisogno di scoprire
lItalia nei suoi problemi. Il neorealismo si manifest uindi contro coloro c%e tende#ano a mettere
in secondo piano i reali problemi del nostro paese.
*. )apitolo 1+
)ominciai a camminare sull4orlo del pendio erboso, gli occ%i fissi alla magna domus. ;utto
spento, in casa Finzi()ontini, e sebbene le finestre della camera di 'icl, c%e da#ano #erso
mezzogiorno, non potessi #ederle, ci nondimeno ero certo c%e anc%e da uelle non trapelasse la
minima luce. 5iunto infine a dominare dall4alto il punto esatto del muro di cinta <sacro=, come
dice#a 'icl, au #ert paradis des amours enfantines=, fui assalito da un4idea repentina. 1 se fossi
entrato nel parco di nascosto, scalando il muro> ?a ragazzo, in un lontanissimo pomeriggio di
giugno, non a#e#o osato farlo, a#e#o a#uto paura. 'a adesso>
?i l8 a un momento sta#o gi di sotto, alla base del muro, ritro#ando subito nell4ombra afosa il
medesimo odore di ortic%e e di sterco. 'a la parete del muro no, era di#ersa. Forse proprio
perc%@ in#ecc%iata di dieci anni ,anc%e io ero in#ecc%iato di dieci anni, nel frattempo, e cresciuto
di statura e di forza., non mi sembr n@ tanto imper#ia n@ tanto alta come la ricorda#o. ?opo un
primo tentati#o fallito accesi un fiammifero. 5li appigli non manca#ano, ce n4era addirittura in
abbondanza. )4era perfino il grosso c%iodo rugginoso, sporgente ancora adesso dalla parete. $o
raggiunsi al secondo tentati#o, e, afferratolo, mi fu poi abbastanza facile arri#are in cima.
1
6uando fui seduto lass0, con le gambe penzoloni dall4altra parte, non tardai a notare una scala
a pioli appoggiata al muro poco sotto le mie scarpe. Ai0 c%e sorprendermi, la circostanza mi
di#ert8. <;o%= mormorai sorridendo, <anc%e la scala.. Arima per di ser#irmene, mi girai indietro,
#erso la 'ura degli Angeli. 1cco l l4albero, e ai piedi dell4albero la bicicletta. Figuriamoci. 1ra
un #ecc%io catenaccio c%e ben difficilmente a#rebbe fatto gola a ualcuno.
&