Sei sulla pagina 1di 3

Le disciplina delle arti marziali - la cui etimologia ci riporta a Marte, il Dio della guerra secondo i

romani, il nostro equivalente di Belzebub' che anche il Dio della Pace - sono quelle che ci
permettono di crescere e perfezionarci sempre attraverso la pratica di forme codificate di
combattimento, in giapponese !ata che ritroviamo in diverse arti che analizzeremo tutte in modo
critico e collegandola di conseguenza con una parte della filosofia del "atanismo "pirituale#
$%$&'"%#
Letteralmente (rte )entile *o cedevole+ un'arte la cui origine incerta si pensa che sia nata in
&ndia ed evoluta in )iappone ed basata prevalentemente sulla forza dell'avversario il quale attacco
sar, sempre equivalente alla difesa da noi effettuata ed un sistema di combattimento che
comprende (temi *colpi di percussione+ -age .aza *tecniche di proiezione+ e -e'-.aza *lotta a
terra+#
/ra praticato dai "amurai, i quali venivano visti come tipi solitari che seguivano il Bushi-do *0ia
del guerriero+ e servivano un "ignore1"ovrano fino a che questo non moriva o passava il proprio
potere ad un suo /rede# Possiamo definire il Bushi-do anche come una branchia della via della
mano destra il cui ultimo fine aggregarsi all'%no, innumerevoli prove sono date dagli atti di
suicidio compiuti dai samurai *cercasi 2ara-!iri letteralmente taglio del ventre ovvero dove
risiede il centro della nostra forza fisica ed energia vitale+ per onore#
L'ultimo fine del $u $itsu far capire che niente impossibile e si cresce guardando le nostre paure
negli occhi e affrontandole, quindi si passa attraverso l' /voluzione e la 3rescita, due dei valori base
del "atanismo "pirituale#

!(4('/D5#
&l 6arate-do *trad70ia della mano vuota+ un'arte marziale la cui origine incerta, si pensa che sia
nata in 3ina per poi diffondersi come variante nelle sue colonie ad 56ina8a pi9 precisamente nelle
isole 4:u6u6u ed esistevano due scuole principali, -aha-'e e "huri-te *sviluppatesi appunto nelle
relative citt,+, La differenza risiede nella respirazione, e nelle posizioni che nella scuola di -aha
sono entrambe forzate, mentre in quella di "huri avvengono in maniera pi9 naturale# &nizialmente si
rivel; come un'arte marziale di autodifesa per i contadini e i pescatori di 56ina8a privati delle armi
in seguito all'editto di "hopasi# &l !arate-Do quindi si pu; definire come un'arte marziale
appartenente alle maggiori classi sociali del tempo ad 56ina8a affiancata alla pratica del !obudo
sistema eclettico in cui si usa al <==> la tecnica che si perfeziona sempre poich? ci sar, sempre un
minimo errore nei 6ata *forme+ e nei 6umite *combattimenti+#
)li obiettivi del !arate sono quindi quelli di sviluppare una personalit, estroversa, ottimista e che si
perfeziona sempre, si deve essere in grado di saper controllare se stessi psichicamente e fisicamente
*respiro, postura e 6iai o esplosivit, della propria energia interiore+ nonch, il controllo del !i#
-&-$%'"%
&l termine -in@utsu composto dai due termini -in *che vuol dire sopportazione - pazienza+ e @utsu
*che vuol dire arte+ una possibile traduzione pu; essere arte della furtivit, e la sua origine a noi
incerta ma da quel che si sa' le sue prime apparizioni le troviamo nel medioevo giapponese con la
figura dei temibili nin@a che vengono descritti come dei terribili sicari, ladri e spie ma in realt,
loro erano dei mercenari che si aiutavano tra di loro e che li accomunava uno stile ed una
concezione di vita appartenente decisamente al "entiero della Mano "inistra#
%n'ennesima arte, era caratterizzata da delle prove che il nin@a doveva affrontare da giovane, per lui
il suo cammino iniziava con l'isolarsi dalla famiglia di origine per essere lasciato nelle montagne di
&ga e !oga e affrontare l'ambiente ostico da solo contando solo su se' stesso e sulle sue reali
capacit,# &l -in@a appunto crede che il potere di ognuno risiede in se' stessi come diritto di nascita
basta tirarlo fuori attraverso per esempio la meditazione e ogni pratica ad essa associata *identiche a
quelle praticate da noi satanisti occidentali+#
%na Particolare attenzione rivolta per la pratica dei !u@i-!iri o taglio della mani che sono in totale
A e sono simboli di potere che si rifanno alla meditazione buddhista tibetana ed erano molto usati
dai nin@a per attrarre denaro, fortuna e crescita spirituale, essi sono7
4&- La forza della mente e del corpo
!B5 - Direzione dell'energia
'5- (rmonia con l'universo
"2( - )uarire se stessi o gli altri
!(& - Premonizione del pericolo
$&- - Lettura dei pensieri altrui
4/'"% - Padronanza del 'empo e dello "pazio
C(&- 3ontrollo sugli elementi della -atura
C/- - &lluminazione
A il numero della realizzazione e della generazione e questi ultimi se praticati costantemente e per
grado di difficolt, dovrebbero permettere, associati alla meditazione, il controllo dello spazio e del
tempo da parte dell'esoterista#
Per quel che riguarda la parte pratica del nin@utsu sappiamo che esso suddiviso in <A arti marziali
che comprendono discipline di spionaggio, teatro, nuoto, equitazione, uso di strumenti che
permettevano di planare e che permettevano di usare diverse armi e non sono presenti 6ata#
L'ultimo fine del -in@utsu sia spirituale che pratico quello di forgiare un individuo capace di non
avere blocchi mentali o di superarli nel caso ci fossero# "apersi adattare ad un ambiente ostile nel
nostro caso ad una societ, in cui chi professa il "atanismo "pirituale viene etichettato come drogato,
6iller o qualsiasi altra cosa di negativo esista, invece di comprendere cosa ci manca per essere e
diventare individui autosufficienti, attraverso queste discipline preziose oggi pi9 che mai#
"pero che vi siano piaciute le storie legate alle arti marziali, e per chiudere voglio aggiungere che,
chi in genere pratica una qualsiasi arte marziale qui descritta, sviluppa con gli anni un carattere forte
ma assertivo, deciso ed estremamente equilibrato e cerca sempre di usare le stesse arti, solo in casi
di estrema necessit,, quando cio in gioco la propria stessa vita o quella di una persona a noi cara#
"olo chi agisce in questo modo *ed effettuando un sano percorso+ rende davvero onore ad una
determinata antica tradizione originale che porta da sempre con se i giusti valori legati all'uomo e
alle sue stesse arti morali nel campo del combattimento#