Sei sulla pagina 1di 19

rti

\'r,
, , l l i i :
. :
, : ' )
l, I
t1\,
i.'
.
, 1\
|
{.'l
, "1
r
---i
r 1
.(\ .l
'\i5
. ?, ,
#t t
1
l -'
,i
':
"""1rr
, , }'
, i
ryril
t
' w
i '
I
T
, l
' \ , . . . . . l .
I
rr: ,
r ' l i i
l,lL,.
z\
w*
' 1,
I i
.r
l i .
u"t
t r , t .
: : ' :
: ,
i . r
4
rri
-
1,
,C'Ji1'
I
#
l i i l r
t l l r t

", *4r - r ' l


,;
t
r',.
*lxr+y'''t*
' l
' r,
.,' "'
il
r 'r'
i ,
l l . {"l i l t
) i "
u l ' .
tf
,,
(,
gry-
i ,
.
t
j
"
I / "- . i
*t
[c?
i I ,
{
. _l : ,
\ "
t:.r.
ri
*| . r *t *' r r * *?
Dorcr E Lrquonr er
Mmr-p
*?+
^bxt *=f f o**o**
Vxs
Realizzzione editoriale
Mulino Don Chiscioae
Taro a cun di
Amsrdia Za nonclli
ReduioDe e impagin@ione
Ebla srudio editoriale
Illu@ioni
Giulia Pianigii e Mario Stoppele
Maro Bagnaro
Un ringroiamento per la collaborzione a
Gimanceso Mineno
1'
DoLcl
I uauoB Ar Mi.r.L
I edizione Seftemble 2005
\, MULINO DON UHISCIOTTE
^hY' &*. f
r
X*: r * xs
- *
INlrcp rN oRDINE ALFABETICo
Mirro rosso 5
Elisir di mnta 6
Bevanda della salute 14
Bemnda eneryetica 14
Grappa al carciofo 9
Grappa al ffco 6
Grappa al kiwi 12
Gnppa al larnpone 11
Grappa al miele 14
Grapp" a miele e spezi 12
Grappa al peperoncino I 0
Grappa all'ananas 13
Grappa all'arancia e caf 12
Grappa all'anemisia o all'assenzio 8
Grappa alla genziana gialla 9
Grappa alla melagram l1
Grappa alla melissa 10
Grappa alla salvia l0
Grappa alle more di rovo 1l
Idromele 5
Latte 3ll'arancia 14
Lane di mandorle 7
Liquore al miele 7
Liquore d'erbe al miele 13
Liquore di eucalipro 8
Liquore di genziana 6
Brutti ma buoni 19
Budino di castn 18
Calcionetti 23
CicerchiaB 20
Coppetta 2l
Crerna al miele cona al forno 22
Crema di prugne 17
Crema di ricona 2 I
Crpes al miele millefrori 26
Crostata di rniele e noci 20
Cubbaita di "ghiugghiulena" 28
Focaccia al miele 24
Gelato al miele 27
Macedonia invernale 28
Mascarpone al miele 24
Mele al fotno 19
Mele cotte con mile e noci 27
Nuvola di uvetta e miele 25
Pampeparo 24
Parre in torta di frurta 17
Pasriccini orientali al miele 26
Pere al rniele 18
Scherzi di carnerele 16
Seada 16
Torrone 15
Torta al miele 18
Tofta con noci e miele 23
Torta della massaia 25
Torta di cioccolato 22
Tora di formaggio al miele 27
Torta di pesche 2l
Torta di riso e miele 19
es#:
**=S
LI
IDRoMELE
a!rt g.lrl nl|liol
'nidc.
2 g.L nt.a J , annela.
2 chodi di garofano, k sntza d 1 lnone,3,5 dl / ahaola 80", t I d'acqaa
Lasciate macerare nell'alcool po diec giorni la scorza di limone, la cannella e
i chiodi di grofano dentro un vaso chiuso.
Trascorso quesro periodo filtrrte, unite il mielc all'acqua e hte bollire fino a
che il voluoe si riduce a merq lasciate raffreddare e versate qucsto sciroppo
nell'alcool arornatizzaro.
Quindi
imbonigliate ermeticamente o chiudendo
con ceralacca e sughero. Aspenare un paio di mesi prima di consumate
Questo
liquore uno dei pir antichi della storia dell'umanit1, ed era tanto
gradiro che Greci e Romani lo chiamavano anche "netrare degli dei", attri-
buendogli proprietL magiche e anche divinarore. Era spesso servito dunnte le
fesre nuziali, che nell'antichirL potcvano durare un intero ciclo lunare, cio
circa un mese:sernbra che proprio da questo derivi il nome di "lunr di miele",
usaro per indicare il periodo imncdiararnente seguente la cerinonia di nozze,
quando gli sposi novelli continu:ro
(per fonuna ogsi in fona privata) i fe-
steggiamenri per la loro scelta di vira.
MIRTO Rosso
600 g rli bacche di mi/to ben ru1tare, 600 g .li niele,
I lli alcoala 90", 2 I d'acqua.
Pulite le bacche di mirto con uno strofinaccio ruvido in modo da lberarle
dalle impurire nettetele in un recipiente di vctro scuro insieme all'alcool,la-
sciandole in infusione per due seaimane.
'liascorso
questo periodo filtrate con un tclo a tama sottile il liquido e sprc-
mete con le mani le bacchc ancora ricche di aromi. Aggiungete all'alcool, a
freddo, lo sc;roppo ottenuto sciogliendo il miele ncll'acqua calda. Per una mi-
gliore conservazione preferibile travasare il liquore in botciglie scurc.
,x
K*
,rr
QUORI
,-
,h
*.,|s
Et,rsIR Dt MENTA
,*,
fr
ty,,v;
Ll euoRl Al MIFT.F-
I ld abaol a 50', I aranda,600 gdi nieb,3 chiod; d; galofano,
2 bastondni di cannelk, t linone.
Sbucciate amrcia e limone avendo cura di rogliere la parte bimca: tagliate le
bucce a strisciolinc dopo avcrle lavate e ponetele iD un varo. Aggiungete tlrtto
lalcool, chiudete ermeticamenre e lasciare in intusione per unr qunrdicnra di
giorni in luogo fresco e buio.
Dopo questo tempo, disponere il mielc in una terrina e ftelo sciogliere in
rnezzo litro d'acqua tiepida, rnescolando bene. AggiuDgcte, quindi, pian
Pia-
no, l'alcool usaro per I'intusione. Aromarizzate con la c.rnnelh e i chiod; di ga-
rofano, mescolatc con cura e po trrsferite il composto in un vav,. Chiudete e
lasciate arcora n infsione per 4 giorni: i primi due rgitate il vaso un paio di
volte al giorno.
lnfine filtrate il composto usando un colino a maglia fnissima, rravasate in
boniglie di vetro c tappate bene. Si pu gustare gi dopo qualche giorno.
50 g d;
Jigtit
tli mettta' la scorza di 2 lnon, 2'5 dl
'li
t); o hianrc s?tco'
150
s
di nicle,2 dl.li ahool95'
Poncrc r macerare in un vaso 1e foglic di menta assieme all'alcool pcr duc gior-
ni. Aggiungcte
quindi il vino, le scorze di limone e ii micle'
poi lasciatc ripo
*re r.-r al;i du. eio'ni
il composto prima di filtrarlo'
Il liquore di men, olrre . cssere un oimo,disset"T':.'l::il:-{.-
i , , . , 1l . r
. i ""-
' ""*".
pcrci o I ' crr. rron bernt pi i r dr | 2 bi " hi e
'
r;ni al gionrc. o,ns;sliabile iloltre consumarlo
freddo'
LIQUORE DI GENZIANA
2tt | lad;p
's:^'
dta P
su+ta
Ji
X'
a't tnn n
'gio*
l o
' i o, -
p, on, t n, , J, t a' a ' a 1! 1< t a' at ' '
<y, t ;
t , i , nai qt *p"o
sI di
l i nahn
sxh ahi a
<4
t i ,:1; uino bianco secco' I dl di ahala 95"
Ponetc a rnacerarc nel vino e nell'alcool le droghe e la scorza d'arartcia denrto
un vaso crmetco pcr dieci giorni' rimestando due vote al giorno'
.rmi,-" f"
-*i*,;..e
nate,
'ggiunget"
il miele c imbonigliate: sigillate
con ceralacca e asirettate un nrcsc prim'r di conumrrc'
" ti..f i..l". p.i-,' . aopo i pasti ottimo r:ome srinolante dcllo stomaco
u co-e digesriuo. Olrre a qucste pruprict:i' il liquorc dj. genziana uo buon
rcgolat.,ei"lh
milza c del feg,rto. sconsigliaro
l'so
'lle
scstanti'
Gruqppa
,q.L rtco
t f i r h nat un. t gJ
ona u, l , ant cl k l I i odo' l i qt t ul t na
i , r o, at t Lr y. nc t ' t ' ' t i uJ' qt l "
| | d; ?dppd
I-asciarc macerarc per due mesi in trn vaso a chiu*ra ermeti-
c.r i fich; e
elj
arcmi con il miele e la grappa Filtrate' ;mborrigliarc
e gustate
;;;;;
-:;.
c""*-"na"n.
-.,'o
sil.r.i.'in' dopo il pasto principale ne
onerete, tra l'alto, un discrero lassarivo'
':;:",-n,"ffi?g
LATTE DI MANDORL,
Questa
bibita, tipicr dcllc terre mediterranee e in particolare dclla Sicilia, ha
grandi propriet rinfescanti e dissctmt; ed un potente antinfiamrnatorio
per tutto I organismo.
Inmergere in acqu. tiepida le mandorlc peL mezlora, poi scolatele e, pre-
rnendole fra pollicc c indice, elirninare la pellicola che le ricopLe. Tiiratele
grossolanamente con una mezzaluna di cetamica evtando il tritatutto per-
ch il calore sprigionato dalle lame pu dare un crttivo saporc ai frurd e poi
pcstarcle in un monaio fino a ridurle a una pastaomogenea, bagnandole spes-
so con poca acqua frcdda per impcdire che trasudino olio.
Aiutmdovi con un,r lusta scioglictc il miele nell'acqua minerale, stemperate
vi la pxta di mando e, mcscolare bene e lasciate riposare pcr mezlora ptirna
rti filtrare anraverso una garza sottilc c imbottigliare.
Conservare qucsta bibita in una boniglir ben chiusa in frigorifcro.
4q.
M
-r\
\a
Nh
Li , / , , ' , | l / r eY' f
f
r
//
ilt
GR\ppA ALtlAI{rF-MlsL{
o ALf ASsF-NZlo
20 g.li nietr
"eryin?,
10 g.li /tssnzin' t noce moscatd'
.l g di legno quasia, t,5 t d
std|']'a
'et&
Ci fu un pcriodo in cui in Francir I'assenzio divenne una vera e propria droga
popolare, grazie .rnche al suo b:tsso costo
i , ' n' i ' n, i ' . , 1i , ^' . u". l i ' r r , 1, "l . o
me*"Lndo' omour h
r nr ' ceal r r co'
he i r u . , i
"pp"nr o
l **nzi , ' . i u l a *i r nr ' r Madr me H' nr i or ' m
'
r ho' nd'
cl , l . rmL' i . ' . ri f t u' i "ne
' oh, nr"
qu"r' d" He' rri l oui ' I er'
"d
rr' or"^' end"ne
h oi "r. ool . za e l cf f erro i ncbri ; nr. . l o produ*' i rl n"Jo i ndu' rn' l c l l l r"
do' ro del l ,
. ur dnrrl l eri r
' egno
rbncmcnre L
' ror: '
Jel l a hel l el oqn egl i ; ne'
betiti bevitori rl'asscnzio fuiuno i,'rnonal"ti dagli artisri pir rivoluzionari dcl
peLioclo c <escrird nei veni dipoeti maedeni
':onc
Baudclaire Le autorit si
uide." cost.cme a p."ibnne l.r prodLrzione per arginarc lc delcterie consegucn-
rc di un suo uso idncriminato
Soltanto nel 1951, quando vennc tolto il divieto, a ditta I'ernod pot ripren-
de- la p'o,l.rzio". Ji u' disrillato d; adce, iL moo
-i'ar
51 che non avcva
comunque uni pefcntuale di alcool e di rsenzio cos fone da ilcidcrc grave-
mente sulla s:rlute dei consumatori
Ponerc dunquc I'ascnzio e il legno quassb r rnaccrare
'on
la grappa
'n
L'n va-
.o..-.ti"u. Oop" qoonro giorni aggingcre la noce moscra c doPo rltri
q.r.rtr*, il n'i"le. la'liate riposarc per due setrimane rimest do di tanto in
tanto. quindi filtrate. Si consuma comc otrimo aPcritivo o digestivo
L(uoRE DI r,ucAr.IP'l o
t nanc;ata di
figlie
tt; rucaliPl,10
sd
ide, I t di g
?n
'eccd
Farc maccrare pcr un mese I'eucalipto in 2,5 dl di grappa dentro un vaso er-
mcricamente chiuso, ricordandovi di agitare ogl tanto'
Trascorso qLresto periodo sciogliete lcntamente a bagnomaria ;L mielc nella
grappa rinasn, fltrare i1 macerato e aggiungetoi o sciroppo di micie
.
Consumate il liquore tuPo sverlo conservarc in un luogo rresco
Per
armcno
p'
! ht ! - Vyb
/ . i 1( , vr '
, I t
- t s- /
|
; R \ l ' l ' c ct LA Ll rrzraNa L, Jh
I
; oq. l ; t adnc+t , , ans, u anasi al k. I / g' appa.
/ h
I :-::iHi!:;il;:::
'11:H:1i,1
.:'
*
J(
l'cr prep.rr.rre la grappa di gcnzana si udliza la radice che, s fresca, ha un
prolrmo moho intenso e m alto conrenuto di oli essenziali c di sostanze ama-
rc che viene tr,rsferito alla grappa. Il liquoLe assume cos anche proprietL cura-
rive in crso di disrurbi della digestione e di pesantezzr di *omaco, olrc che
come stimolante per Iappcrito.
Inoltrc le sue sosranze amrre favorncono la secrczionc di bile, lacilirando la
disintossic.rzione delle cellulc cpatche.
Spczzcnarc la radice di genzian.r e ponetela in una bottigla asscme ala grap-
pa. Dopo aver ben cLiuso la boniglia, l*ciatcla al sole per due senimane, poi
riponcrela in cantina per alcuni mesi prnna di consumarc.
Sr preferite, potete lasciarc i pczzeni di radicc nella grappa, una volta aperta la
borriglia, cvnando di filtrare.
Se il sapore amaro dcUl gcnziana risulnsse troppo marcato, potere corcggcr
[, con qualche cucchiaio di miele.
(IId{PPA
Ar. cAR(rd,o
,t
J"!/;,
i,t, t
"p
tu', iaIo. ) rrrc earnkq".
) pczz d anice stellato, 2 tucthiai li niele, Ia :rorza di 1 litnone, t I d; grappa
sciacquate lxne le foglie di carciofo c unirele al miele, dle spezie e alla scorza
, l i l i monc, poncndo t urt o i n un vaso: chi usura ermct ca a macerarc ncl l a
sLappa
per circa dieci giorni. Dovrctc tcnere il v*o in un luogo caldo ma non
,sposro ai raggi del rclc, avendo cura di scuoterlo quotidianamcntc.
lrrcono questo periodo filnatc c imbortigliatc.
Quata
grapp,t pu esete
Lonsumara giL a panire dala settimana seguente I imbottigliamento.
{,r.rzie alla presenza nella pianra del catcn,tu dcll.r cnarina, i suoi preparat
riurano la funzn,ne di cisrileller e fgato, lavorendo ur cffcno depurativo sul
fiL#
1f
/x,h LYn''
s
GRAPPA ALIA MELlssA
Abuni ranetti li netissa
fetra,
5 cucchia d nieh' I I di gr'l??d'
Olrre che digestiva, questa grappa un ottimo calmante contro gli
spasmi .,ldo-rninali e le emicranie Come curativo potrete berne
rnezzo bicchierino prima di coricani'
Fate macerare per venti giorni la melissa in un quano
-della
grappa'
Dop.
que"ro pe, i o, l o.
' ci ogl i cre
a brgnom' rri a
i l mi el c nel l a gt appr t i
-^ra
J agg, unger. l i rl
-; erJro
l mborrrgl are ermet r rmenre dopo
aver filtrato.
GRAPPA AL PEPERONCINO
8 peperoncinfath cox il ganbo, 2 cacchiai di niele' I I d gappd
Lavate arcuratamente i peperoncini, facendo anenzione a non lacenrli' e met-
teteli sono grappa in un vaso a chiusura ermeri' insieme al miele'
P.".,. ;. Jh l,* diretta del sole per due settimane'
quindi filtrate e im-
bottieliate.
Potre-re cons.rnare il liquore solo dopo due setrinane c lo scoprirete sorpren-
dentemente piccante .. inudle consigliawi di gustarlo in bicchierini e a picco-
risorsi!
7
\e
\-
GRAtl,A ALIA SALVIA
1 ldmetto d.i
',1h,ia
fre',
6 cutchai di nide' I I di
YlP?a
'e(d'
l -rre mr. erar. l a sal vi a . "n un quan" del L grrppa per t t e
'
9
, er r i m; ne i n un vr so. hi u' o cr mcr i . r mcnr e r gr r i nd
Filtrate, unite il resto della grappa nel qLrale avrete
sciolto il miele a bagnomaria e imbottigliate'
r. ' . * g, "' , * r, gpP" r, . ' . . l . . me t oni ' o u+
/
'endooe
mezzo bicchieriDo lontdno da' pJst'
#rn
eh
t : r
l - =
F
, , r
B1*
*
(RAPPA
Ar.r.E MoR DI Rov6
) 3 manc;dte .li morc di nuo glosse e matult,
2 storze di lnone, 4 catchia; .li nide, t I di gtut?a.
Dopo averle lavate sotto un getto delicato di acqua redda,
disponete ordinatamente le more e le scorze del limone sul
fondo di un vaso a chiusura crmetica e copritele uniformement con il miele
Aggiungete la grappa e lasciate macerare al sole per un paio di mesi Filtrate e
;mbortigliate.
I'otrete gusrarne mezzo bicchierino dopo il pasto
Principale
comc digestivo,
ruicchendo rnche di sal; mioerali I'organismo.
GRAPPA AI , I -AMPON
, J
) mantate tti knponi natui,.3 g di.olttctia
);
"'--rt" '*
2chiarlidgarofano,4carhiaitiimicle,ttd;s,;;;. l
Dopo avcrli hv.rti accuratancnte, ponete i lamponi denrro un vaso a chiusu-
r.r ermetica stendcndoli ordinatamente sul fondo; scaldate leggermente il mie-
lc a bagnomaria, quind; versatelo sopn i lamponi. Unite anche le spezie e ag-
giLrlgere lentamcnre la grappa. Senza mescolare, chiudete il vaso ed esponcte-
1o al sole per circa due mesi. Tra.scomo questo periodo, filrare e imbottgliate
qLresto liquore ricco di vitamine.
(]R{PPA
ALLA MEIAGRANA
t lkgdna ntltura, I g di cotttctia di cannelk,
h scorza di 1 lnone, I ncchaio di nielz, I I tli grappa.
llstr.rete le bacchc dalla melagrana appoggiandole su carta da cucina Farelc
tsiccarc al sole in luogo venrilaro per cinque gorni, poi mettetele a macerare
nella grappa assicme alle spezie, al miele e alla scom di limone, dentro un va'
r a chiusura ermetca, perventi giorni.
llicordate di scuotcre il vaso di tanto in tanto c, trascorso iltempo indicaro, 6l-
rnrc il liquido e imbottigliate. Potrete bcre la grappa sohanto dopo un mese
-
/fui
I
.b liprrr,,.
*l
//
l
GRAPPA Al KI\l
r *$
VxF
4 kiwi naturi, 1 g di rortecria di tannelk, la scorza di I linane'
2
?ezzi
tt; a ice
't
tktn, I cucchiao di niele, I I di g"??d
Sbucciate ikiwi e ponereli a macerare nella grappa con tutti gli ald ingte-
dicnti, dentro un vaso di vetro a chiusura ermetica'
Per
venti giorni Mttete
il vaso in un luogo caldo, ma non esPosto ai raggi diretd del sole' avendo cu-
ra di eitarlo di tanto in tanto
.pr r p-i"a. ai
-*erazione
potete lmre il liquido e imbonigliado'
fa'
*"L
oJ.a
*,,.",i.". , fasciarlo riposare alneno per un altro mese prima di
Il kiwi no dei fruFi col il pr alto contenuto di vitanina C
GRAPPA ALAMNCIA
E CATFE
1 grosa dldncia mdtaft1
(nn la scorza sottib) t0 thicch; rli calJ
tosnti, 40 g di nele, I I d.i buon l gtdfi'1'
Steccate I'arancia con i chicchi di caff, in modo che sporgano per met dalla
scorza, e meitete a maccrare l'arancia per una ventina di giotni' nr un vaso I
chiusura crmetca, assieme a mer della grappa'
i."""o,,o qu."o p-iodo scaldate a bagnomaria il resto della grappa' scioglie'
tevi il mi.le, poi uersate a freddo lo sciroppo
nel maceraro che avrete filtrato
Do'..t. uti.nd".. un
-ese
prima di gustare questa grapp' dal s'pore t'ttto
brasiliano.
GRAfPA AL MIL,LE F- SI,DZIE
50 g rl nbk, 2 g tti cottecca i cannella, 3 cbiodi di garoJno'
la rorn di l linone, t I di ga?P.t
Metcerc a macerarc per dieci giorni ta scorza di limone insieme agli aromi e a
un q"arro ,lella graPpa dentro un vaso a chiusum ermetica' agitando di tanto
F4
&h
r l
;r' Y.
.
L;pr' ;
r
Y
- r l
Iirscono quexo periodo filtrate ililcerato; scaldare a bagnomaria la grappa
,imanente sciogliendovi il miele e versatela nel liquore fltrato lmboaigliate
poi rappando con sughero e cenlacca.
,\spettate almeno tre mesi prima di consumare questa delizia che si rivelerL
.rnchc ur valido ricostituente e un ottimo energetico.
(RATPA
AL|ANANAS
I ananas di nedie proporz;oni, 2 pezzi di ance stelkto,
h rorza di I linone, I cucchiaio rli nieb di acacia, I I di gtappa
l\rlite l'ananas dalla scorza e dalla parte dura centrale, ragliatelo a rondele e
ctrerclc a essiccare al sole per circ una sett;mana su carta assorbnte da
cucina. Una volta che le rondelle di ananas si saranno seccarc,
Ponete
l, scor-
,.r di lim,ne e I'anmas in un vaso a chiusura crmetica insieme alla grappa, al-
'.urice
srellaro e al miele. Conservate il vaso in luogo caldo ma non esposto ai
,.rggi direni del sole e, dopo circa venti giorni, filtrate e imbonigiate.
|
'
S, Jppr
. rr; pron, J pd e*ere. on' umI J dopo . i r' a un mc\ r.
I,IQUORE D ERBE AI MIELF,
tt ,,1/d; ahool. 8 dl dhcqua, 700 g tli zucchero, 120 g li nieb milhfoi,
L
lBlie
di ba'ili, 6fogle di erba di. San Giouanni, 6Jigle di sahia,
t nnetti di nsnarno, 6
foglie
di nenta, 6
foglk
di t, 6
fogle
di lnone,
r,
/oglie
di allorc, 6
Joi
di canonl.la,
r, lnttbc di ginepro, 2 chiod; di gatuJno,
i p li zalferano, 3
s
d; Mnnelk n pobere.
l\lrrrcte in infusion per sei giorni nell'alcool tutti
,rli .uorni e lc spezie, ricordandovi di scuotere dolce-
,'r.ntc i recipiente un paio di vohe al giorno.
\ggiungctc quindi o sciroppo preprito con acqua
. zucchcro, a cui avrete incorporaro a freddo arche
Ll rrele. Filtrate, ed pronto un liquore dalle note
v,'li prcpriet tonificanti.
. * Lyti
' ,*,.W
y*
V' *,
F
fr
CRAPTA AL MTEL
| l g,1PPa, 10 g di n;ele d eanlipto o atomatico a piacere
10
foglit
d nenta seludtica
Ponete la menta e il miele a nacerate in un vaso con la gnppa per una qua-
ra,rrin.r di
siorni,
tenendolo bene esposro al sole e rovcsciardolo di nnto in
mnto. Trascorso il periodo filtrate, imbonigliare e chiudetc con cctdrcca'
Avrcte confsionato una variantc della grappa al mielc, ottencndo un liquorc
dr1 gusto singolare, rnolto profumato c ottimo per alleviarc i disturbi dellc afl
fvioni dclla gola e dei broncbi.
L,qrll ,qLfantNct,q
8 dt tti ktte. 4 curchian n;eb di agun; a nlhfuti'
atcune gocte di esuza dhnnc;d, k bucti'1dnra cd grdtlttg;d1
Ponate illatte qua-si:r ebollizionc Unirc il mielc e I'essenza d arancia
Dccorate con la buccia d'rrancia
Se
BEVANDA DELL{ SALUI E
I t rli ktte, 2 tuccbi.4i di nele di castagno, I ldi sutco zli carote'
2 cacchiai d nocriole trtate.
Scal<late il latte. Unite il mielc, ilsucco di carrte e lc nocciole trirate' poi ser'
vite immediatamerte.
B,VANDA trNL,RGE].ICA.
3 aranre, 2 tua d'uouo, 3 b;rhierini tli nar:ak'
1 cacchiaini di n;ele, cuban di ghiaccirt
Spremete le arance; menete il succo ncL fnrllatore assieme agLi alrri ingredicn-
tie frullate. Si pLL sostitunc i succo di arance' in tutto o in parte' con quello
di p"rnpel-o. ."
"ersiote
adatta ai bambin; pu escre realizzata climinan'
do il marsala. Il miele consigliato iL vostro preferito o qucllo di acacia'
p,'a
,"t{
xF
'*,
*,#F
tr;;".
r
#
s rr *:
F
Dor-cr E DoLCETTT"
ts
I ' ANI . ORTE
t00 g d narulorle, 100 g d caruliti, 100 g li norciob, 25 g di cacao,
t )5
s
li .arhefo, t 25 g.l; niele nilefari a dt dcdcia, zrttlo a uto,
',nnelk,
ch;odi zli garafana, ahani
fogl
tli osna.
l'rantumate le mandorle e le nocciole dopo avetle pelrte (porete ;mmergcrle
ln ecqua calda bollenre pcr un minLrto). Unitevi i canditi, il rniele e poi 1o zuc
.hero. il cacao c le spcze passari al setaccior quando il composto sar amdg.r-
r,,rto versatclo in una teglia di piccolo diametro lodcrata con il foglio da osric,
pressandolo benc con una lama di coltcllo bagnalr d'rcqua.
Qundi
cocete
'n
foLno a cJore moderaro per mezz ora.
I
rrra
volta raffrcddaro spolver.relo con lo zucchero . velo
l i )RRONg
|50 gdi niele di acaria o i efori. I5) g d; zrtrhero,
1 50 g di nan lo e dolci, 2 ahuni, 25 g di nociole,
,1tn ltlr tutchao d atqua, alcuni
fogli
d; a:ta.
1'clLarc
le rnandorle e lc nocciole renendole qualche minuro in acqua bollcn-
, c poi asciugandole.Ll forno.
\lonrate a neve gli albumi; prepamte 1o sciroppo facendo bollire lo zucchcro
,,rrr l'acqua, poi mcttete il miele sul tuoo e fatelo sciogliere.
l , rorporre pi ao pi ano i l mi el e sci ol t o e g1; al bumi , amal gamando bcne
\grungete lo sciroppo, sempre mcscolando delicxtanentc, c rimetiete su
(
ntiruando lmescolare, attendere chc divcnti di consistenza molto dens.r,
lr.rticamente
caramellosa. Versateci quindi le mandorle e le nocciole e mcsco-
L,rt rncor:r Vcnate poi in una teglia foderata con Lrn foglio di ostia sul fndo
, sri leri, premete il composto dandogli una forma retangolare e coprire con
,rrr rlrro foglio di ostia.
&
a
.x Dr/,,'..1/,"m.
Y*{F
f
Xm
SEADA
50U gdiJa,1a. <00 g k,nagn
1t'-o.
s0 g,L
"nuno
l liqau
","t"
i*,
.*t"
"-,' "
,po d nrhr. zah olio ext"ersin dotin a'qua
Sono dolci tipici della Sardegna' a base di formaggio delcatamente acido e
miele, che a.econd. della provincia possono subire qualche variazione negli
irgre<lienti e arche nel nome. Disponete la firina a fonrana sulla spianatoia e
'.-.r"t.
.l ..nr.o lo ,t.uno sciolro a bagnornaria e poca acqua leggermente sala-
ra. Lavorate energicamente,
incamerando via via la farina dai bordi della fonta-
na, fi'o a orenere
"n
impasto morbido ed ela'stico che lascerete riposue
f ael i rre r pezzcni rl ror mrggi o e merrerel o i n unr
'
rseruol ; i rrri eme
'
on 2
s
Jl di
^qu, . ' n
cu. . hl ai o di ' emol a: i r r ' ' uo' oe r ' al or e moder at o' empt e
me-ol ando, f i no. r orrenere una Lrem. den\ "
'Ioeliete
dal tuoco, hsciate intepidire e, con le m:rni bagnate' modellrte delle
oaliine, s.hiacci.tele e mettetele ad asciugare sopra un tclo
ilel franempo rip..ndere a lavoLare la pasta' ragliatch in ut numero pari.di
oe",e ni d.lla erandezza
di un m.rndarino e stendcteli uno dla volta sulla spia-
."r" con il arterello, .icavandone dei dischi di sfoglia sottile del diametro
di Lrna decina di centimetri.
Disponete meta dei dischi sulla sPianatoia, ponete al centro di ognuno una
ual l i n, i di r, rmaegi o e ,
"prnc
. on i dL. hi ri manenri prcmendo bene
s i
orl i
i eci ei Uarl i . I ' ri escr. l e
' crd. t
po. he rl h
' oha
i n rbb"ndrnre ol i o r' i ugat t l e
*. -i ,
^*' U. . *a, -' i na
e
' penn' l l arel e' on
i l mi el e
" of t o
I b. l gnomrrt a'
SCHERZI Dt CARNEVAI,
t \ Updi t da? nl l no. t 00nl Ji kuei ncro 2uoua I 0Ugdi uucna
r o giuil i a,,'i
".',
u,' hni di n ieh n i tttio' i
"
li ba nto' pno
t b'ie,r.irino rL
sappa
znrhe, n rtcl'
faum
olio
'umcryine
o/;t'a
Dooo aver soezzettato il pane, mettetelo per qualche miDuto a bagno nel
t"r,'.. Na f.r,.-po
"-rnllate
I'uv.tta nell'acqua tiepida e tritate i gherigi
di noce. Con i rebbi di una forchena ammorbidite il pane e aggiungete'
continuando a mescolate, le uova' I'uvetra asciugam e infarinata' il miele' le
*"h
#.'*.ff
ft
n,,1-.,.,11*n,,
r:F
,roci e la grappa. Lavorate il cornposto fino a ottenere na p.stela compat-
lbnete sul tuoco una padella di olio a scaldare a fuoco lento e poi immergete-
ria cucchiaiate la pasrella, faccndo attenzione a cuocere accuratamente da
,urt i lad. Pon.rc le friftelle ad asciueare sulla certa xsorbente e serviteie do-
po rvele spolverare di zucchero a velo.
IJANE IN TOR]]{ DI FRU'I''I}.
5 pdn;ni nrfem, 1 peft, I mela rcnetta, I rametto di rosmaino,
I grappolo di ara rosa al acni pircol, 2 cacciai di n;eb n;lQfon o di acaca,
t 00 g lli zathen, 60 g di buno, 250 nl zli ktte, 2 aotn, sale.
Nel larte caldo, in cui avete stemperato le uova, il miele e disciolto lo zucche-
ro, ponete in ammollo il pane a pezzett. Mentre s'inzuppa, dopo averle sbuc-
, itre, riducete la pera e la mela in pezzeni piccolissimi.
l..rvorate il pane con i rebbidi una forchena e incorpontevi la frurra, il burro,
il rosnarino, il sale e met dell'uva. Imburrare una reglia, disponetevi I'impa-
no e ponete a cuocere per quaranta minuri circa a 180 'C.
ll ima di senirla in tavola decorate la torra con I'uva rimasta.
(
]RIMA DI PRUGNE
;{)0 gdi ygrt natarale,200 gli prugne secche, 50 g di mandorb tosta*,
'
trt;a; d; niele rl nekta, sale, cannelk in pobere.
\rrrmorbidite le prugne in acqua per 8 ore circa; po lcssatele in pochissima
,,qua con un pizzico di saie per nezz'ora
',r
larnrna dolce. Mescolate con un cuc-
, lirio di lcgno di tanto in tanto, poi la-
"
i.nele inriepidire, eliminate i noccioli e
l,rrllatelc insierne allo yoguft e al miele.
lristribuire Ia crcma in 4 coppene indivi-
, l Lrrl i , cosparget e di cannel l a e guarni t e
,,'rr qualche mandorla tostata.
\
I ) 0L, , , l ( **i
S**Vt m
na,inaa,, ldtt", manlorb, teni di *sano,
fettt
d limone e arancia tanditi
Preriscaldate il forno a 180'Cl Battete le trova con il burro o l margarilra'
il
"'11..
r"
o*.
ai a**ri. Aggiungete la vanillina e il rum Mescolare e ag-
"i.''-.,.
i'-*a.+
-".i""ii
it g'"lro
-"'i""to
"
il larte Mescolate di nuo-
i"'rii.
".,"*-
," i-pa,to cnnsit'nte
'
lasciatelo in frigo per un'or:r'
r-i"*"," ,*,.gfi., *.,.rte'i l'impast' e st'ndctelo con un coltello urnido
srr'...,.
r" *i..n.i.
-"
il .,rca', le mandodc' il sesamo e icanditi
Merrete nel forno, a 180'C,
Per Poco
'cno
'1r
unora'
BUDINO DI cAsrAGN[
750
g.li
fai111t
di ca'tagne m cucthkio d; kuzu' 100 g di netta pasa'
3 a;hai tl niek di ca*agno, I arancia, pinoli' sale
Lavate l'uvetta e lrullatcLa con una rrzza d'acqua tolta dal litro complestvo
J"
'.*.p*
p*p*-. it budino Mescoiatc poi mrti gli ingredienti a cccezio-
"e
d"l n;"1., i.i"gli""do
il kuzu il un poco dcqua irtiepid;t' e mertctelr a
cuocerc a fuoco rrolro leto, mcscolando'
Per
c'rc unora'
o** , r *. ' .
' "C* ' r
mi cl ' i u"r i d' i r uo' o amr l gr mar ' l o
e
' er vi r '
i l huJt n"
. , ri . g. , . ' i ' , . "' prr"' l i .
"
l ' *i rrel o r' rf l rc' l < c i
' cr\ i t cl u
i l
srurr)'
dof "
TORTA Al MIll-E
1 rora, 200
r
lti kna a natgarint,
200 250 g rli nitle' 200 g zli
,tlsta di dit;/i, 1/2 buttna di unillina' I caciditlo di nm'
i cucchiain .ti .no' I50
s
di nandorle nandk' 500 g
'ti
grdno
PErur Al MI[,]-E
1 oere d nedia
qrandezza, 50 g di zllcchtto'
t , , . . hi at d; ni ch t f L, ar; a. 2 c", , I , i Jt d!
, h?n)
Mcr r er , l e pc, e i n unr . . r scr uoL' nt r i r el c
d a' qur : por r r ' ' l e r bol l ' r e c f ar e
: , ". . . . . J, "' , ver r t i nr Ji
Lr i nur i r unol ' nr o
t nr Lc l o I ' r "h' r o e pr o' c'
eui t < l a . orrur; peL ; l t ri di ec nt i nut t
. ei . * r. p. " l , rr; . q, r. l a* i arcl ' r' : rnedd' re
l ' nerc dr prne l / 4 d' l r'
t/3
qur di cottura della frutta c aggiungctevi il miele e lo sherrv, mcscolando pcr
lr amalgamare bene il composto. Disponctc ogni pera in un pi.rnino da des-
'cn,
quindi versatevi sopra la cLena <ti micle e portate in tavola.
MELE Al FoRNo
,Vcle renette o golcn, bnrro, miele d luanda o a piaere,
pnnaJiesu, cannelk n pahce
sbucciate, levare il rorsolo e tagliatc a fette spcssc un dito le mele. I'osatc sul
iirrdo di una p;rofila imburrata le rondelle di mclc, dopo avet aggiunro un
i,,ccheno di burro sono a ognuna. Spalnate la superncie delle rondelle con
rrriele e passarelc in fomo per circa un quano d'ora. Servirc con panna monta-
r.r rcldolcita con rniele e aromatizzata con cannelh in polvere.
llRUtrt trd DUONI
4'
e
l; na4dolb
?pl4rr
<00 j Ji
'ueh
nithfrr; t'or tnppo d,a4dti,.
'i0
g.lifnrina,3 chare dnoua.
lrgliarc lc mandorlc a met per il lulgo, mcscolatc con l miele reso liquido e
llriungete
la t'rrina. Monratc lc chare d'uovo .r neve t'lnissirla e unirclc dc
,.rrrmcnrc agl altri ingrcdienri. I'reparate una placca da forno imburnta o
'
Lcstita con carta da forno, disribuite il composto a cucchiaiatc distanziate
,,.r d;rll'altra e cuocerc in lorno .r 160 "C finch saranno i dolceft comilci,-
,,,' .r dorare. Staccateli d.rlla cana una volra feddi.
|
( )RTA DI Rrso [, MEr.E
.r)
c l rsa, I I d kttt,200 gdi niele, 30 g di anido d nat,
' tntli, I bu.stbu di udnllina.
, ,,,.ere il riso insieme al latte e alla vanillina per circa 20 rninuri aggnrngeD
1,, i rniele, i ruorli c I'amido. Versate in una rordera imburrata, renendo il
,,,iposro non superiore ai 3 cn. Cuocctc a 200 "(l pcr 20 minuri.
CICERCHIATA
150 g tli
farina,
200 g di nieb nill$ o d; aucia 2 uoua'
z ,,i,ti;,ti
"".t "i'
q
,ucrbiai di' nanttorle, zurchera in gra eli' Mnnelk
in
?oluere,
olo entaueryine d'oliu'1
Su un piano inlarinato impastate a farina con le uova' lo zucchero c 4 cuc-
chiai d olio in mudo d. ottc'ere u"'r pasta piuttosto morbidr' Prendete un
po'tii pasta pcr volta e, lavorandoh con le mani' formate dei ciindri che ta-
;li-t;
in p;zzlrti dell"
srandezza
di un cece Frigsreli un
Po' Pct
volta nei
iai. *ra. n"a't
",".
J"rari,
poi sgocciolareli su una cart ssorbenre
Scaldrte il mielc fino a che comnrccr a prendere un colore bruDo: a qesio
pr"t. r"" g*.i" d;
-i.le
lasciata odere in acqua fredda dovr indurirsi subi-
l o. Acci , "i , .
". l l ". , "cr u"l ,
r pczr er r i Ji pa' r r f r i r a e r no' oLr <
' on
r ' n
. , . . r, i . a l . gno per-h;
' r
ri ' -rrrr" Lrcnc di mi ' l e
vo' rrcl i qrrr' Ji
' u
un
pia"",li
-anno
leggc.'ienre inumidito d'acqua e' con le mani umidc' mo-
"[ate una ciambeli" Guarnie con nandoLle sbucci]te e tagiare a scagliette'
zucchero in granelli e arrmatizzate
con cannella in polvere
Simili
"
ques"t. ricena sono .rrche la pignolata e i celebri sfnci siciliani
:::J:;,.::,::,:,i.i)'
*-,,,.*,,?.
-,9
u
300 g di'nieb nn$oti' 300 g di noc trtate, un
'acchiaino
d rn
r'.rte arnmorbidire il burro tagliato a pezzetti, amdgamatelo
con lo zucchero'
,'"it. i t,".1;
""o "lL" 'oln.
fi"' 1" f-in" p"""ta al setaccio perch non for
mr cr umi .
t mpar ar e gl i i ngr cdi ( nr i f i n' h' ' uno Jmr l gamr r i ' l r r i ndi
l a*i r ' e r '
- ' 1, .
i l . or r r n. "o , l i "' ,
r i r r r r i g"n{cr o vr h' r ' e'
' open"d' un' r r "r r "i ' '
irl*..late i'tant. noci, mielc e run, po dividete la pastafrclla in due ptni'
Usate una pane per foderare uno starnpo da crostate rivefito con carta forno
Ri e. pi r er ". or r
i l compo' r o J n, i ' l ' e r r ' "i e r i ' of r i r (
' on
l ' l r r r mer r
' cl a
p^' r. ' 1 i , , i . r"l " i f f ' . ' o
Pi r' i gi l l "r
(
uocer< rrr {t r o r l 8u
r pcr' i rc: 1s
minuti. Sctarte con panna montara oPPure coperta con cioccolato fondente
sciolto a bagnornaria
. : L'
(
IoPPETTA
t00 gdi noci,300 gli nele nill$n 100 gdi zuttben,
Jgli
dbstid.
lu na caseruola amalgamate a liroco lento, mescorndo continuamente per
. ifca 20 mntLti, il miele con lo zuccherc: deve risultare un imprsto piurrosto
.cnso. TogJiere dal fuoco e aggiungete le noci tritare. Stendete un foglio
,lxria su un piano di marmo, vcrsarevi na parte del composro, coprite con
LLri.rltro foglio d'osria e appiattite con il marrercllo allo spessore di circa 4
,nm. Tagliate a losanghe o in alm forma e conservate in una scatola di latta.
l mpasro di base pu essere variato sostrucndo met delle noci con pane
lrrrrugirto
o con una rrlisccla di divcrsa liuna secca e aromatizzandolo con
Lnraretti sbriciolati o con scorza grattugiara di arancia o di limone.
' foRrA
r)t PESCHE
t00 gdifarna, 50 gdiferok zli patatt I nezn pe:che scirotpate,
' .- a. 1 0o
t
bu,' a. | 00 g d
"t"c
I a,aria
"
a pnrcre.
t ln:tiu d lieuto uanigliato, I limane.
\malgamate in rrna terrina;l burro ammorbidito, il miele reso l;quido dopo
'crlo
scaldato dolcemcnre a bagnornaria, le uova. la fatinr e la fecola.
\qgiungete qundi le pesche tagliatc apezrrri c, pcr ultimi, i lieviro e lascor
: r ili limone graaugiata. Versate il composto in una toniera imburata e infa-
r . r . r . . r r u. aei n f onr or l du
(
t cr
40mi nur . i r . J.
(
]REMA DI RICOTTA
't0
g di riotta, 50 g li niele d'agrumi o d nil|lef zli nontagn,
t )5 nl di panna
fresca,
I tuorL d'atu, I linane, I dn/tcit1, ktte.
',,.rldrrc il miele con un po'di lane, roglicrc dal tuoco incorporare il tuoro
.
'.,rtendolo.
Lasciate raffreddare e quindi aggiungctc Ia ricorta, il succo e la
., ,
'rza
gLattugi.rta del limone. Montatc a parte la pann.r e aggiungetela dclica-
, , , , t nre al l a crema. Uni re i nf i ne l a scorza del l ' aranci a ragl i at a a pezzeni .
\, i\rre nellc coppette e servire guarncndo con fcttine di arancia.
.-?/di
ToRrA Dt cloccol.ATo
200
!d
tioccokn
fan.hnte,2t)0
gdi bam' 2 uora intel' e 3 hortt'
200
s
lti miete I acatid o .li agruni, 100 g di
farna'
bicarhonato
Sciocliere il cioccolato e il mielc a bagnonaria Versateli sul buno taglrro t
uc, . i r r r
", mm"' bi d' t "
e l av"r r r e f i r . heoncr r er ' unr cr mr
t oh ' e' ur r i l or
' ne.
Aggi , r "S, . r e qui nJr l J r dt i nd r un pi r zi t o di br t r r hor r ' : r o' er r ' ' r r i
r r o-
rando finch il composto sar perfeaamente omogeneo'
Versatc l'impasto in uno
""-p"
f*t.rato ai
-*"
da forno e cuocerc a 1ll0'C
per circa rnezz'ora: all'interno devc rim:rnere moLto morbida
Servitc la rorta calda o frcdda a piacerc'
CRL.MA AL MI.LE corTA Al foRN0
250 s,li
neb li k .1a, 3 lldi taxe inttto, 2 dldi
?a
ntl da t'cind'
t haccelh ,1; udnislia, 2 ao e 2 tuotli, 170 nl
la
a da no tarc'
Prendcte 4 ciotolc <a dcssen e versatc 3 cucchiaini di miele di lavarda in
ognuna, girandde h modo da rivcstire bene il fondo c i latir pesarelc subirir
nel f-..er c lasciat. solidificare per circa tre quarti d ora
Scal<lrte il fbrno a 180 "C e intanto versarc il latrc in un tegamc' agglungete a
panna d.r cucin.r e ;l baccello di vaniglia inciso per Ia lLrnghezza c ponatc t
ebollizione.
Levate ilal fuoco, unite il miele avanzato e farc riposare per qu'rlchc minuto la-
sciando il b.rcccllo di variglia in nrfusione nel larte
Quando
questo depido'
L, sLcrc l , r ani el rr, i ncorp"r-re i ru"rl r h' rruri c rmJl F"n r' r ber' (
Vnr r e i l . unr po' o n' l l c
' i or "l '
pr c
'
J; l n' ent c
sistemarele a bagnomaris tn na penrora ptene per
met d'acqua frcdd. Passate al fnt gi caldo per
35-40 ninuri, lnch l.r parre srryeriorc della crcma
appare dor.na e, insercndo un coltello alllaro' ta ta-
Se-ite Ji.pone"do og"i ciotola in un piaro
'rfian-
cata da un po di pant.t tnont.ta c guarntr pr"ere
p,22
' #m
ToRTA coN Nocl E MIr,Ll
I panetto di pa:ta
Jiolla
190 g l ghoigi li nue, 150 g zl zuabero,
t,5 dldi
?an
.t, I tuorlo, 2 cacchiai di niele.
In un tegame late caramellare lo zucchero a firoco b.rsso.
Quanclo
diventato
.Lorato unirevi la panna e, mescolando, un cucchiaio di miclc c lc noc; rrirarc,
poi fate rafleddare.
l)ividete la pasra lrolla in duc parti. Mcr rirarcla a sloglia c fodcratcvi uu rc
gia facendola risalire lungo ilbordo. Sopra distribuire ilcomposto di noci.
licoprre con I'iltra merL della pasta frolla tirata a disco. tlhiudete pressando
i bordi, spennellate con il tuorlo e cuocete in forno a 180 'C per mezlora.
\crvitela fredda.
(
-Al
(
l oNF f f l
KJsU
l'r( LA
pAsA:
300 g .l
f,1rna,
olio extra uergine r/'o/ira, 2 cl
rli no banca, vle, zucchero a rclo.
I'rR IL RtptENo: 250 g di lrtagne, 100 g di /niek, 100 g d;
uuo in poluerc, nnnelk, t00 g di nnndotu, t .e&o cdndiro, l
;0 g di nfil nninata, I bcchit;no li nn.
1'rcparatc innanzituao il ripicno con lc casragne sbuc
, .rre, lessate e passate al setaccio; aggiungete miele,
' . . , , 1J, o. . r n, , n
J r r r dor l e r hhr u' r ol i r " r r i r r r , .
,1,'rlche pezzetto di cedro, la scorza d'arancia grattu-
, ri . , t a, i l caf f naci Darc c un bi cchi cri no di run.
Il.scol:rte bene in modo che riulti un inpasto omogeneo.
&
l )i coD la farina, un cu.chiaio d'olio, il vino bianco c un pizzico di sale pre
l
u(e un pasta che tirerete in sfoglia somilissima; fatt.r la sfgla, distribuite-
, i r ra i l r; pi cno a mucchi ct t i , poi copri rc con I ' al rra mct del l a sf ogl i a e
, hiacciare i bordi attorno ai mucchiett di ripieno, irr modo da ottenere dei
rrnni che taglierete con la rctella ragliapasra o cor un cohcllo afllaro.
| ,igeteli in:rbbondante olio lmllente e scol,rteli qu.rndo avranno preso un bel
.,'l<rc dorato; fareli raffreddarc, ricoprircli d zucchcro avclo c scrvirc.
_.'rs
*'.r"-
D,,,*
".,{ohtu.
Y
*t 'tp
*
S
PAMPEPAI o
z00r. L
l n' d.
100 g annr' o# 100e. L ai t u 1o0
8di
a' ' i a
l ' ot t "'
t
t ri
x
d, yu n a, , nn u a ugl u zu n 2
t , 1' '
hi o J ga' ot a +' t ' t ' r'
2 gdi cannella, 8A g d riottokro
fondente
qcr k coVetnra
lmpasrate in .cqua tiePida o atte gli ingredienti e lavorate fino a ottencre un
copusto abb.'tanza
",do.
Formate il pampepato dandogi la carancrisrica
Cuocetelo in forno, con la massima artenzionc,
Perch
se bnrci: prercle a-
maro, c hsciatclo riposare in lrrogo fresco c umido per dieci girxn Trascorso
qucsto tempo, ricopritelo con il cioccolato fondcnte ltrso
Foc{C( ]A Al MIELE
300 gdiJrna. 1 buxina li leuitrt per dth'
200 gdi nele, origano,
',utto
o batta
Disponere la farina a fontana sulla spianatoia c versate al centro il ievito' iL
miele scnrlto sul fuoco e lxigano Lavoratc accuratamcnte i tutto n modo
cla ottcnere una pasta omogenea e versatela in una teglia unta con stntrto o
burro e spolverata di frha
Cuorcte in forno gi caldo. 1l0'C per it rcmpo necessario c servne la focac
, i r
- . . or np. r gr r and, J
r con mu- JI . . mr l ! r ' r -
MASCARI'ONE Al MIL.LE
200 g di natry'on?
l;"s(o,
2 aor'1, bi!.otti lecch; o sdroiltdi
1 cucciai l nielz li erca o .li nelat'l, .ioccokta
Io
/*ntu
Manrecatc il nascaryone con i tuorli dclle uovr c il miclc sciolto a bagnoma-
A parte nnntate a neve lrma gli albumi e uoiti delicaramentc allr crema di
masc.rpone. V.rsare n"lle coppcnc e lasciate r:rffrcddrre in frigorifcro per al
maro un'ora. Servite guancndo con biscorti sccchi o savoirdi c sPolverizzatl-
do con cioccolato fndcnte rrtato
I
ToRr,{ DELLA. MASSAIA
PER rA
pAsrA:
90 gdifdr;na integrale, 90 g d
fur;na
bianta,
t curh;aino di niele di erca, I0 gdi linno li bina, 50 g di nargarina,
I uoto, 1 cld sttro d'amo, I bkni d.li lanllinn.
PLR tL NHENa: 6 oc tfitatc,2 histatti integral,2 cacchia di nrhar4
-l
racchia di zacchero li ta d, 18 su!ne be mtuft, 2 tahiai di lcqad.
t-ate sciogliere il lievito in 2 cucchiai di acqua tiepida c incorporatevi il niele,
hsciando riposarc poi per un qu ro d ota.
Unire i due ripi di faLina, lrovo, due terzi dclla margarina amnorbidita, il
succo dcrc c la vanillina e lavorarc la pasta molto bene; lasciate licvnare al
Con un mancrcllo stendete la pasra c ponetela in un: tortiera foderata con
..rrta forno; lascatc lievirare ancora per mezziora.
Sbriciolare i biscorti, mescolatcli con le noci e un cucchiaio d; zucchcrc di
cenna e cospargercrc la superficie della pasta. Ricoprirc con le susine snoccio-
Iurc c ragliare a qtr.rti. Irrorate con la rimancnte mrrg,rrnra fusa e cospargete
con lo zucchcro di canna rimrsto. lnfrnate a 200 "(l per circa tLnor
NrJVot\DIL TTTA E Mrr.rr-E
t50 g di
farina,
200 g li
"iele,
80 g d ut)d
ta'ta,
50 g.liJtola
l patate, I I di laxe, 3 cucchiai i olia txnaurgim dblta,
| lnone, t0 g d palun letnnte
!c/
doh, vtk.
Accendete ilfrno e portatclo a une remperatur:r d 170 "C. Ungete c spolve-
r:rrc con arina uno stampo da plun cake. In una ciorola capiente mcttctc la
tirina. l.r fcola, la scorza granugiata del limone e il licvito. A parte sc.rldate il
lrtte in ura casscruola e diluitevi il miclc scnza far prendere bollore.
\trsatc lentamente
jl
laac ticpido sttle frine, unire I'olio. un pizzico cli sale e
Lnpasrate pcr emalgarrrare gi ingrcdicnri.
Quando
il comporo om%cneo
crlatelo nella teglia, aggiungerc I'uvetta e inforlate pcr uniora c un qlr.rrto l
\tornate, togliete dallo stampo e lesciare asciugare all'aria su una griglia.
p:+
:t9.
PASTICCINI ozuENTALI AI- MIELE
200 g di nielt d'aai.l, 50 g dbnido di nan,
50 g di polpa noce di co.o gratt giatu, I albsne, sale.
Sbattete con energia l'alburne con un pizzico di sale, quindi incorporate il
miele e, sempre sbattendo con energia, cercate di ottenere una crema leggera e
spumosa alla quale unire anche l'amido e la polpa di cocco.
Distribuite a mucchietti il composco sulla placca del forno imburata e cuoce-
te in forno preriscaldato a tempentura dolce finch i pasticcini saranno dorati
Si consumano freddi e possono ssere peparari con qualche giorno d'antici-
po, avendo I'accortezza di conservarli in vasi di vetro.
CRPES AT MIELE MILLEFIORI
PER 12 cRpF: 100 g di
farna,
2 dl di htte, I *ouo, burro, sab
(o
zatrhera)
PER r,4 4RC'A: 200 g di mieb nilbfori, 2 arance, liqaote all'aranda,
200 g d nandorle, zarchero a ulo.
In una terrina diluire la farina con il latte, in modo da ottenere una pctella
abbasnnza poco pir densa della panna fresca Fate fondere una noce di burro
e sbattete I'uovo con una presa di sale. Uno dopo I'altro, unite alla farina il
buno e I'uovo e rnescolate per amalgarnare bene gli ingredienti. Coprite il re-
cipiente con pellicola trasparente e lasciate riposare la pasrella per almeno
mezz'ora in luogo tiepido.
Per la cottura sc date su framma moderara un padellino di 14-16cm di dia-
metro, ungendolo con pochissimo burro. Prima che questo prenda colore ver-
sate un mestolino di pastella e distribuirela bene sul fondo, in modo che ne re-
sti appena velato. l-asciate rapprendere la crpe poi, quando il bordo si colon
leggermente, giratela delicatamente con una paletta e cuocetela dall'altro lato.
Cuocete cos tume le crpe e impilatele una sull'alra: se devono essere servite
ancora calde, mantenecle nel forno tiepido con lo sponello socchiuso.
Farcire poi ogni crpe con miele e un po' di mandorle tritate grossolanamen-
te, piegatela a metL e fatela insaporire in padella con il liquore e il succo delle
arance. Servitele ben calde spolverizate con zucchero al velo.
:::":,r
*
*n
*
2 taorli d'uouo, t 50 g di zacchero, 1 dl di panna
lqala, 1 dl /; latte, 6 cacchiai di miele di acaua,
ana bustina di uanillina.
Sbattete le uova con lo zucchero, poi poco alla vol-
ta aggiungete la panna e la vanillina. Menete sul
fuoco il latte, versate il miele e fateto sciogliere
conrinuando a mescolare. Lasciate inriepidire,
quindi unite al composro.
Quando,ar:
frcddo. menere iJ rutro nella gelatiera.
Servite con i biscotd ripo wafer e decorate con alcune gocce di miele.
TORTA DI FORMAGGIO Al- MIELE
350 g di pane careeco, 200 g di gorgonala pbran?, 2 ra?rni,
150 g d ricotta, 50 g d burro, pepe nen, miele d casugno, 10 gherigli di nore
Mettete tutti i formaggi nel frullatore insieme al burro ammorbidito a 5
gherigli di noce. Otterrete una mousse morbida che mettrete in frigorifero
per mezz'ora. Intanto, sruorate la forma di pane e, con la mollica, preparate
dei piccoli pezzi di forma regolare e fateli leggermente abbru.stolire nel forno.
l momento di servire riempite la fotma di pane con la mousse e decorate con
i gherigli rimasti e il miele di castagno. Gustate con le palline di mollica calde
c dell'altro miele servito a parre.
MELE COTIE CON MI,LE E NOCI
4 neb renette, 3 cucthiai d neb d arancio, 3 mcchia; d; nod itate, buo
Lavate le mele e rcgliete il torsolo scavandole dal picciolo in modo la.sciule in-
tere nella parte esrerna e non romperle sotto. Preparite un composro di miele
e noci rrirare e riempite le mele.
lmburrate una teglia, sistemarevi le mele e infornatele a 180 "C per mezlora.
Servitele calde.
F6
-'.h$
ab
AA,.W.. ernbhe di |alorizzazio e de
,,ielt del Cd.ro, NovimpEsa
AA.W. L abe e,l'home le niel e laci-
/e, Museo Nazionale dellc api e tradizioni
popolari Parigi
Api],ondia, Miele, a:perti ecnoLogc,
Ed, FAI
Beck, lpeldptd, Nuova IPSA
Cherlton Newclq 1/ ,,tele, Tecnicle nuove
Cirf.a:ri., L apicokurc manuale prutio.
La Casa Verde
Cirone, 1/ ,,,e/e, La Ca.sa Verde
C;mrc, La
Wpa
,.ale, La Casa Yefde
Cirone, .[po[i,re, La Casa Verdc
Cirone, ld pmpor, La Casa Verde
Contessi, , dpi Riologia, albwnento,
pmdotl, Edagdcoe
Conri,i, L'alinento niele n cuci a,
Studio edizioni
ar'c, niele e l salute.Ed.l"tBB
D?frigol, I niele per Ia vosta talute.
l\'lusrmeci
Donadieu, Mrde, Maloine s.a. Ed. Parigi
Donadcu, Pr@d /at /e, Maloine s.a.
Ed. Parigi
Donadiex, Pollre, Maloine s.a. Ed. Parig
Donadieu, f/dpoll, Maloin s.a. Ed. Parigi
Feanlcy, Pmpoli, I'antibiotico mturule,
Macro Edizioni
l ischer, Dolct dl rdtrldle, La Casa Verde
F ossai, Flola ne ttal iferu, E . F AI
Fsc|,, Nel mo do delle apLFl'agcole
Gnofi,Api rcgi e e popt ftale,
Edagricole
Go,'er-Vnche, L analiri sensotiale del
niele, Ed. F LI
'*,,
#i *.xf
MACEDONIA INVERNALE
250 g di dtl'inche esiccdk, 150 gli
Jthi
lecchi, 75 g di *,etta:ulanind,
125 gd nandoie, 100gdi noc,50gdi p;starhi, I0 g di:eni di rana,
3 cuccb;a; d; niele d aca.;a, 2 cscrhiai d dcqa di tuv,
2 banane, t limone, tannclk.
Spcllatc le mandorlc dopo averle sbollentate in acqua e passatc al ftrno.
'tbstate
i semi di scsamo. Sciacquate in acqua riepida lc albicocche. l uvetta c i
fichi secchi, rnettcteli in una coppa grande con la frutta secca spezzerrara, i se-
rni di sesamo, il miele d'acacia e I'acqur di rose.
Versate ac<ya sufcienrc per coprire ruao a filo, mescoate, coprire e Ltsciate
ripos:rre pcL 24 ore.
Aggiungete infine lc bananc aflenate e pasare nel succo di l;nronc c spolvera-
te la nacedonia con cannella in polvere Servitc dopo 3-4 ore.
CuBRAf rh DI "ct-luc;c;gluLEN,q."
1 bg:eni dl senno
(ghiugghiahna),600 gnieb,
3A0 g zarthero, 250 g man larb, snrru di atancia a piatere
Questo
un dolce siciliano tipico sopratmtto del periodo namlizio. Sciogictc
miclc e zucchero in un tcAmc c quindi versatc i serni di sesarno e lc manclor-
le dopo avcrle ieggermente abbrusrolitc.
Portate r ebollizione mescolando continuamente
Per
evirare all'imPrro di
bruciare, aggiungere le scorze di arancia e versate i composto su un piano
inumidito pr evirare chc si arrrcchi.
Spianarelo con un manerello sino a raggiungere uno sPessore di circa I cm'
poi ragliatelo a quadratini o a rombi che potrete conservare a uDgo in sc.tole
di latta.
Hooper, Le api e il niele,Mxia
Locat.lli eMoIel\o,ll gdvie librc del
,,,/e, Ed. La Spiga
MaM, Pi olct del mielE, F.d.ree
Marchenay, , !/o,ro e l'dpe, F,la$1cole
Marchenay, Pmpo, Ed. FAI
Morse, I'id'o'neL, Ed. FAI
Nahmias, Cr,rdlert co, ,l,iele, De Vecchi
Nardi, ,4pireruprn, Ed. Aporie
Neunzig, 1/ lm del ,'rtlr, A. Vallardi
Panella e Gassone,lprioltuJ'd, Ed.
Aspromiclc
Peoi Il miele e prodot del ubeaft,
Demeta
Persano Oddo e colleghi,l nte,
'ltrflr,'lrlt
ialiani: nuow schele d cantteizzrlzio e,
Mi!af
Penano, Oddo e colleshi, Co"orcefe il
nide, Ed. Avenue Media
Pian
,
Le ap, o rita, i pnotti, Ed. Pi^Da
Piana, Persana, Oddo, Miels . ren)or"iid,
Naipaf
Pigozz, Atipuntata & apiterupi,t,
La Casa Verde
Proseryio, Lape cosnctica, Studio edzioni
Ricciardell, D'Alborc, flon dprrlrcd i/r,
/iald, Ed. FAI
Ricciardclli, D'Albore, lnl,oppa, Frori c dpt,
Edagricole
nngale. Produzione e uso de a prcpal i
agri@lluro, cos eli e nediina,LaC.ls
Uccrr'sic, Ldfarnads de e api,Guli.ti'
Valleri. Calamai Castellucci, gruwle lihro
'/e11
'a1'ealr, Nardini Editore
#23
:,+
' / /
/ 1 \ a
'a\ t;t*7",ft ,t litV,,'t ,Lt/i'r'r't
t
f
b
-,'-
/
-./
http://wrw.apic0ltura.org
Sezionc d Apcoltura d Roma, otlino sito con un data
b; deua bbliotec dcll'ISZA (lsliluto Spedmentale
ler
la zoologja Agmria) in cur
trovetcte parecchie pubblicazioni, tra libri c riviste, sul'argomenlo Alcune pubbhca-
/ ronr suro dnchc di : f orubrl r
onri n( (
' rampabi l i
http://rl\r.rr'.apicoltura2000.it
Ponale di apicoltum ilalano costanlementc
'ggrorna
to. Continc consigli dl apco1tura. cucna, legislazione apistica con
larhcolarc
atten-
zonc a conlibuti perl alicolta, corcorsi e manifcstazioni E'possible scrilcrsi al-
la Inailinglist.
htgr/wMd.apicolturaonline.it
Sito di alcune coopcrative di apjcoltori l?eqxentc
mente aggiomalo che fomisce, olte a una nailjnglist e a ua chat. alcune nonzre' an
chc di caraltcre legislalivo, utili agli apicoltori
httpr/ww$'.apiservices.conlapimondia
- Il sito ffici tlc di Apirondia l'organzza
zione nondiale chc ha comc finait lo s\iluppo e la diltusione dclle conoscenze ncl
sctiore apcolo a livcllo mondale ln inglese e liarcese, conliene I'elenco di lure le
iniziati\ e dell'organizzazione
httpr^ndrv.cittadelmiele.it - L'Associazione "Citl del micle". nata a Castel San
Pjeiro Tcrme ne 2002, ha ra le proprie finalit la tutela e la valoizzazionc de nicli
laliani.ll slo. molio ben realzzato e nodemo' olfre un' npia panonmica dell'rttri-
t dcll'Associazior,
presentundo nel detlaglio le clt associate e fomendo ntcressan-
ti nformazion sui micli italianj, sxddivsr in colode schcde lntercssante anche
l'Agenda, $lla quale vengono ripofate tutte lc manfestazioni
Fogran
nate in lt'lia
http:/ vwr,conapi.it Presentaziorc dcll'altivil del Consorzio' il
liu
inporante u
Italia per la prorluzione di miele c di nielc biologico Sono illustrati anche i prodotti
comercializzati dal Consorzio con il marclio Miclizia
http://wu,ilmiel.info - Portale d ,{coltori ilaliani chc offte spunti suila conetta
produzione e r.legustazione de micle italiro con possibiit d iscrivorsl ala nailin-
glist, cosuhare il forum c le newslctter'
ittp://lwn.irapicoltra.org - Rivisla onlinc delL'Istituto Nazionale di apicoltura'
Prcienta gli albi dei nelissopalinologi, degli espcrti di analisi sensonale dcl niele e
degli alleiator di ap regre, ofiic senizi
qualianlisi d Laboratorio' analisidel DNA'
Coisi per apicoltura, inscminazioc slrumcntale dl1c api regine e offrc una bibljoteta
molto fomlta, Ha inoltre ur archi\'io ragiollo di news' dossier. cventi e naeriale le-
gislativo c normativo.
;prhvrrv.nieli'titalir.it ' Silo ufticiale di Unaapi, I'Unone Nazionalc delle
AJociazioni Apicoltoi lalian. Molto complelo, veloce aggiornato
quasi quotidia-
- i r l
nc per ld prima vota.
http://rrvn.mordoapi.it
Un sito dedicato inieranente lla folografia dell'affasci
namr" momlo rlelle api. nealizzato da LucaMazzocchi.
il s1o comprende la mostra fo-
rogafica:"La vitae i segreti dcll'alveare".
htipr/wnw.nusoapicoltur.it - Sito che prolienta l mseo in emoria di Guido
rrcgonesc cle per primo s dedic alla apicoltura locale della sinisra Pia\ e Raccojllle
".cit'l
,t"umenii .liapi.ottoi ed spcsso meta dirisilc scolaslche per h rscoperta del
mondo del'ape.
httprrwrlr.nsodellniele.com - Dall aziendaAmelio Merigo dj Lavarone
(Tn), xn
muieo cor ben tre percorsi ddaltici Spat ricrealivi, ancle all'perto' pcr i bambinr'
Bcllo e ben reallzzato.
ht t or' l rs$. o\ \ ert t ori omi el r. org
_
PonJl < dcl O"c^d rro \ d/ i nal e del d produ-
zi , ' nc e rl el mcrcaru dct mi el J. I i l nl omaggromenl (rn' ormdl r\ o"rm$i roal Jgi ' a-
tura e alla tsorsa del micle
bttp://rn'w.webmsum.ch/\Ntur/Bicnen/bu-inder'cfm
Sezionc dedcalaalle api
ti
tuesto
rnuseo svizzero on line lmmagini incredibili realizzate al microscoplo elet'
trcnico. Antcnne, zrmpe, occhi, addomi e ali cone non le avetc mar vlsle
.y*=
r1.;,;rtctdqrttli.
t: I;hlal4tti t'dtz.t:'
ll'.
*
AAPI
(Associazione Apicoltori Professionisti ltaliani), Str' M adonna, 33, 27045
Castcggio PV, Tel. 0183 805452
,lssociazione Nazionale ltaliana
"Lc
citt del Miel", c/o Palazo del Conxne,
Pzza Viitorio Emanuelc II.37017 Lazisc delGarda - VR, Tel 015 6445120
CONAPI, Consorzio Apicoltori e Agricoltori Biologici ltli|ni, via ldice,299,
40050 Monterenzlo B0, Tel 05l 92028:l
FAI - Federazione apic0ltori italirni, C.so Vittoro timaneleIl,101.00186
Rona
htituto Nazionale di Apicoltur, Vla di Salicelo, 80. BO, Tcl 05 1 3 51 i 0l
Museo di Apicoltra
"Guido
Frtg0nes", Vja Maggiorc,2l. Piovan di Oderzo TV
Osservarorio Nazionale della produzione edel mercato del miele, VraMalteotti'
12- 40024 Ca$elsan Pielo Terme BO,Tel eFax05l 940147
U.N.A.API.
(Unione NazionaleAssociazioni
Apicoltori lt|liani)' Str' Tassarolo 22'
l 50o \ u\ r I i gxr( \ l
ft'
Filito di stampare nel mese di Scttembre 2005
dalle Grafichc BUSTI S.rl. - Colognola ai Colli
(Verona)
, L,
. . r r ar .
, .l,r
.
:
Qirr,",,,,,*,.,,. ,'
t,'
,tfl
.-{)t1
r
.fi '
, r, $ri .
'!f
P
y,,,.,,ii4r,1
,,,,
,
l rl hr.,
l r l i .
.
jll,i,,
.
il,,::rrr
j ,.a(
a
a
: 1, "
'r;
.-
T
)
'
fr lrs;iil
I
ii! !.j