Sei sulla pagina 1di 22

La part ecipazione alla cost ruzione di Roma

capit ale
Maria Luisa Neri
Cul t ura archeol ogica, curiosit st orica, amore per Leon Bat t ist a
Al bert i, conoscenza del l a t radizione archit et t onica romana: sono quat t ro
f il i condut t ori su cui si pu t essere un int erpret azione crit ica del l a f igu-
ra e del l opera del l archit et t o Et t ore Bernich. Tra i cost rut t ori di Roma
capit ale, una figura che non sempre ha t rovat o ampi consensi di pubbli-
co e di crit ica, ma che ha lavorat o su solide basi conoscit ive delle font i
classiche, con l invent iva capacit di ut ilizzare liberament e st ili diversi,
erudit e rievocazioni decorat ive e fant asiose t rasfigurazioni del det t aglio
archit et t onico: ragione e immaginazione sono le parole chiave per definir-
ne l opera, chiarament e sost anziat a da un erudit o classicismo evocat ivo.
Figura ancora pressoch sconosciut a, Bernich nasce a Roma il 18 genna-
io 1850 e lavora at t ivament e nella capit ale per circa un vent ennio (1874-
93), per poi t rasferirsi in Puglia, su incarico del Minist ero della Pubblica
Ist ruzione, e successivament e a Napoli, dov conservat o il suo archivio.
Archit et t o, uomo dot t o, espert o di ant ichit , t eorico dell archit et t ura,
st udioso di st oria e at t ent o alla t ut ela dei monument i, sul suo ruolo e sulla
sua opera sono ancora da colmare molt e lacune, sulle quali int endo forni-
re solo alcune chiavi di let t ura, possibili chiariment i e inedit i cont ribut i
sulla sua part ecipazione alla cost ruzione della capit ale. Il vent ennio di
at t ivit romana lo vede principalment e coinvolt o nella prassi cost rut t iva
legat a, t ant o a una normalizzat a edilizia residenziale, quant o all ideazio-
ne di nuovi t ipi edilizi, t emi sui quali speriment a un plurist ilismo clt o e
raffinat i archeologismi eclet t ici. Parallelament e part ecipa ai principali
concorsi bandit i dal nuovo St at o laico per la realizzazione degli edifici pub-
blici rappresent at ivi della nuova realt polit ico-sociale.
In un quadro pol it ico t eso a dar vit a ad uno st at o unit ario a carat t ere
cent ral ist ico, si ponevano al governo compl essi probl emi di varia nat ura.
Non sol o divent ava urgent e predisporre nel l Urbe sedi at t e ad accogl iere
quel l e esigenze d ordine amminist rat ivo e pol it ico general e che scat uri-
vano dal nuovo ruol o che l a cit t era chiamat a a svol gere, ma appariva
anche ideol ogicament e ut il e riuscire a carat t erizzarl e st il ist icament e in
modo che risul t assero espressione del l a nuova real t unit aria. Si t rat t a-
va, cio, di superare con opport une scel t e di l inguaggio quei part icol ari-
smi regional i sui qual i si era invece f ondat a l a cul t ura it al iana, non sol o
archit et t onica.
La giunt a provvisoria di governo, ist it uit a nel 1870, aveva nominat o
una commissione d ingegneri e archit et t i per l o st udio dei proget t i di
ampl i azi one e abbel l i ment o del l a cit t da sot t oporre al l a giunt a munici-
pal e. Esaurit i gl i ef f imeri programmi di girandol e pat riot t iche e macchi-
ne pirot ecniche ideat e su int ent i simbol ico-al l egorici, t ra 1875 e 1895,
anni nei qual i Bernich at t ivo a Roma, si ridisegna il vol t o del l a capit a-
l e, nel l a ricerca di una f orma urbi s non pi rispondent e a cont enut i rel i-
giosi, bens pat riot t ici e nazional i. cos avviat a a Roma l a serie del l e
43
grandi opere pubbl iche con l a cost ruzione di sedi minist erial i, del nuovo
Pal azzo di Giust izia, di quel l o del Parl ament o, di edif ici dest inat i ai pub-
bl ici dipendent i, di nuovi edif ici di servizio per i cit t adini e di simbol ici
monument i cel ebrat ivi. Ed proprio in quest o rit o rif ondat ivo del l a cit t
in chiave sabaudo-nazional e che ci si appropria dei suoi pi import ant i
l uoghi del l a memoria, imponendovi i nuovi sigil l i l aici.
La cost ruzione del l a capit al e, probl ema ancora oggi apert o, cost it u
al l ora una f ort e anomal ia per Roma che, con l a conquist a sabauda, aveva
sof f ert o una sort a di decl assament o, t rasf ormandosi da cent ro universa-
l e e cosmopol it a del l a crist ianit a cit t principal e di un piccol o regno
l aico. Tut t avia, l a sua eredit monument al e f ece s che l a cit t f osse vist a
nel suo insieme come i l monument o del nascent e St at o It al iano, anche se
ai cont emporanei non f u n chiaro n univoco il t ipo di simbol o monu-
ment al e da esibire agl i al t ri St at i europei. Da quel moment o si pu af f er-
mare che due t emi di f ondo abbiano sigl at o l a st oria f ut ura di Roma: l a
compl essit del l a sua real t st orica e l errore inizial e di averl e at t ribui-
t o pi che il ruol o di una cit t quel l o di un i dea. Quest a inizial e scel t a
ideol ogica ha avut o come conseguenza il suo essere considerat a come un
cont enit ore vuot o, incapace di conf igurare sia un disegno del l a cit t
f isica sia un archit et t ura che f osse espressione del l a sua nuova f unzione.
Il mezzo pi f acil e con il qual e cost ruire l immaginario col l et t ivo e l iden-
t it nazional e f u, al l ora, quel l o di impadronirsi f isicament e del l o spazio
pubbl ico, l a piazza, con st at ue e monument i che ricordassero gl i eroi del
Risorgiment o e con l a l oro presenza svol gessero un ruol o ammonit ore.
Su quest i crit eri si bandiscono i primi grandi concorsi pubbl ici, nei
qual i l a quest ione del l o st i l e nazi onal e nodo cent ral e del dibat t it o. E,
se Roma un i dea, non cert ament e un caso che nel primo concorso per
il monument o civile a Vit t orio Emanuele II - nelle parole di Boit o, il Re
che andat o a Roma, e dell It alia in pillole ha fat t o una It alia t ant o gran-
de e bella che gi molt i s adoperano nel volerla disfare - non sia previst o
un luogo su cui cost ruirlo, lasciando la scelt a al singolo proget t ist a: ci che
va esalt at o proprio la sacralit dell idea e non la realt del cont est o.
E sul l a sacral it del l idea, ma in un preciso cont est o urbano, l avora
anche Et t ore Bernich, che compare t ra i duecent onovant at re concorren-
t i che part ecipano al primo concorso bandit o per l a real izzazione del
monument o a Vit t orio Emanuel e II (1881-82). Nel l a gara di concet t i pi
che di opere, perch non andasse perdut o il germe d una idea grande ,
cos come vol ut o dal Parl ament o, il t rent unenne archit et t o scegl ie come
spazio urbano dove col l ocare il monument o Piazza di Termini, nuovo cen-
t ro del l a cit t e l uogo d incont ro t ra l ant ica e l a nuova capit al e. Le t re
t avole di disegni, due delle quali unit e, ma di cui purt roppo non si t rova-
t a t raccia, n negli archivi n nelle raccolt e st oriche, raccont avano l idea
del proget t o n. 224, dal mot t o Xsperi s!, il cui mit t ent e e aut ore risult a
essere Bernich Et t ore Ant onio, dimorant e a Roma in via dell Arancio n. 50.
Un arco quadrif ront e f iancheggiat o da port ici: l unica descrizione,
l apidaria, che ci rest a del l a propost a bernichiana. Di quest a possiamo
sol o rest it uire l e f orme immaginarie di un monument o onorario, f orse
post o al cent ro di una croce di st rade, oppure inserit o in un sist ema edi-
l izio pi compl esso e col l egat o al l e archit et t ure circost ant i t ramit e un
sist ema di port ici che riconnet t ono l e part i e l e vie in un insieme est et i-
cament e def init o. L ispirazione al l ant ico, ident if icat a nel l a scel t a t ipo-
44
Et t ore Berni ch archi t et t o 1850-1915 l a st ori a, i l proget t o, i l rest auro
45
Mari a Lui sa Neri - La part eci pazi one al l a cost ruzi one di Roma capi t al e
f ig: 1 - 2
Et t ore Bernich
Schizzi di st udio del
Monument o a Vit t orio
Emanuel e II
(dai Taccuini, 1881)
l ogica del l arco t rionf al e, pur rit enut a da mol t i non part icol arment e
adat t a al l a circost anza per i suoi non coerent i rimandi ideol ogici al l e
f orme, in real t f u suggerit a dal primo programma di concorso propost o
in Parl ament o nel 1879. una sol uzione che, pur con diverse decl inazio-
ni st il ist iche, adot t at a da mol t i concorrent i, per l o pi decisi a erigere
un arco di t rionf o moral e pi che mil it are, come gl i archit et t i sicil iani
Giovan Bat t ist a Fil ippo ed Ernest o Basil e - unici t ra col oro che avevano
svil uppat o quest o t ema a ot t enere una medagl ia - oppure Enea Gambi,
Pierl uigi Mont ecchini, Piet ro Marchet t a, Gugl iel mo Cal derini, Domenico
Jannet t i e Luigi Rol l and; ma anche dagl i art ist i f rancesi Luca Madrassi e
Adol phe Leof ant i.
Nel caso di Bernich, per, appare assai signif icat ivo che il t ema t ipo-
l ogico del l arco di t rionf o, propost o nel l embl emat ica occasione come
erudit a chiave int erpret at iva del l ant ico, capace di t rasf igurarsi nel sim-
bol o del Re e del l It al ia unit a, diverr l el ement o ricorrent e del l e sue
opere pubbl iche romane, sia proget t at e sia real izzat e. L arco di t rionf o si
conf igura, cio, come una vera e propria cif ra st il ist ica che rende ricono-
scibil i l e sue archit et t ure e l a sua ident it d archit et t o. Ma ci non valse
cert ament e ad un riconosciment o di valore della sua propost a, che molt o
probabilment e fu scart at a gi nella prima o seconda selezione.
El iminat i i proget t i che non avevano ot t enut o vot i, scremat e l e propo-
46
Et t ore Berni ch archi t et t o 1850-1915 l a st ori a, i l proget t o, i l rest auro
f ig: 3
Et t ore Bernich
Schizzi di st udio del
Monument o a Vit t orio
Emanuel e II
(dai Taccuini, 1881)
Mari a Lui sa Neri - La part eci pazi one al l a cost ruzi one di Roma capi t al e
f ig: 4 -5
Et t ore Bernich
Schi zzi per l a pri ma
sol uzi one del l Acquari o
Romano i n vi a Nazi onal e
(dai Taccuini, 1881)
47
st e non rit enut e idonee, si sel ezionano t re vincit ori: Henri-Paul Nnot ,
Et t ore Ferrari con Pio Piacent ini, e St ef ano Gal l et t i. Tut t avia, nessuna
propost a era st at a rit enut a degna di soddisf are l e esigenze del l a nazione.
In part icol are, i pareri discordi sul l a scel t a del l uogo su cui erigere il
monument o, anche per mot ivi di convenienza urbanist ica, prima di ban-
dire il secondo concorso il 12 dicembre 1882 t roveranno accordo sul l area
t ra l e pendici del col l e capit ol ino e piazza Venezia, che diverr il nuovo
cent ro cat al izzat ore del l e ideol ogie del l a capit al e. Il l uogo-immagine
ocul at ament e scel t o da Depret is per af f ermare, anche nel l a cit t f isica,
l aut orit del l o St at o su quel l e del Comune e del l a Chiesa: il cenot af io
del l a gl oria nazional e si approprier del l area capit ol ina e, anche a ricor-
do del l a creazione del l a nuova It al ia, diverr il f ondal e scenograf ico del
paesaggio cit t adino.
Nel nuovo concorso per il monument o al Re sar part icol arment e viva-
ce il dibat t it o sul l a scel t a del l o st i l e nazi onal e, e ci spiega anche il
cl ima ret orico nel qual e si svol geranno l e discussioni sul ruol o simbol ico
da at t ribuire al monument o al l Unit d It al ia. Non a caso l esit o del
secondo concorso rispecchia in t ermini f isici il dibat t it o sul l o st i l e, svol -
t o proprio nel moment o in cui It al ia, Germania e Aust ria st ringono il pat t o
del l a Tripl ice Al l eanza. Cont rariament e all esit o del primo concorso (vint o
dal francese Henri-Paul Nnot ), ora il clima cult urale mut at o; con una
scelt a esplicit ament e ant i-francese, si vuole, piut t ost o, esibire le proprie
radici classiche, sulla scia di una t emperie cult urale germanica di t radizio-
ne neoclassica, chiarament e evident e in diversi proget t i di concorso.
Nell immaginario art ist ico di molt i archit et t i, sono i prot ot ipi neo-greci - o
meglio la loro t rasfigurazione in chiave moderna - a divenire element i di
riferiment o, da cui t rarre le parole di un vocabolario per definire la nuova
sint assi dello st ile nazionale.
L ideal it cl assica una scel t a europea, neut ral e e cosmopol it a, che
ben si adat t a al l a nuova immagine del l a Terza Roma vol ut a dal l o St at o.
Ma va sot t ol ineat o che, per quant o at t iene l edil izia pubbl ica, il t ema
pol it ico del l unit cul t ural e propost o ed impost o in sede governat iva,
f orzando e def ormando i t ermini del dibat t it o in corso: l embl emat ica
avvent ura del monument o al re Vit t orio Emanuel e II (l Emanuel i on)
l esempio pi ecl at ant e di una st rument al izzazione il l uminat a del l a cul -
t ura archit et t onica.
Probabil ment e del uso dal l esit o negat ivo del primo concorso, per il
qual e non aveva ot t enut o n medagl ie n riconosciment i pubbl ici o di cri-
t i ca, Berni ch non part eci pa al l a seconda compet i zi one (1883-84).
L int eresse che dimost ra per quest o monument o , per, assai chiaro
nel l a serie di schizzi che disegna t ra il dicembre 1881 e l april e del l an-
no successivo, periodo in cui apert a l a most ra dei proget t i del primo
concorso per il Monument o a Vit t orio Emanuel e II, organizzat a nel l e
ampie sal e del Museo agrario geol ogico, real izzat o pochi anni prima da
Raf f ael e Canevari a l argo Sant a Susanna. Se vero, come qui sol o ipot iz-
zat o, che al cuni disegni cont enut i nel l e Memorie e schizzi del 1881
sono bozzet t i si st udio del monument o, real izzat i t rasf igurando al cuni
proget t i espost i nel l a most ra (ad esempio quel l o di Piacent ini-Ferrari),
essi appaiono t ant o pi int eressant i quant o pi sembrano ant icipare quel -
l o che sar l esit o del secondo concorso, del qual e risul t er vincit ore, nel
1885, Giuseppe Sacconi. Del rest o, essi corrispondono perf et t ament e
48
Et t ore Berni ch archi t et t o 1850-1915 l a st ori a, i l proget t o, i l rest auro
49
Mari a Lui sa Neri - La part eci pazi one al l a cost ruzi one di Roma capi t al e
f ig: 6 - 7
Et t ore Bernich
Pi ant a e prospet t o
del l Acquari o Romano i n
vi a Nazi onal e, proget t o
present at o al l a commi s-
si one edi l i zi a per l appro-
vazi one, 1882
(da L Acquario Romano,
pp. 62-63)
f ig: 8
Et t ore Bernich
Proget t o per l Acquari o
Romano nel l a pri ma sol u-
zi one per pi azza Manf redo
Fant i , 1882
(da Esquil ino e Cast ro
Pret orio, p. 108)
f ig: 9
Et t ore Bernich
Proget t o per l Acquari o
Romano nel l a seconda
sol uzi one per pi azza
Manf redo Fant i ,
poi real izzat o t ra 1884 e
1887
(da L archit et t ura di Roma
capit al e, p. 141)
50
Et t ore Berni ch archi t et t o 1850-1915 l a st ori a, i l proget t o, i l rest auro
Mari a Lui sa Neri - La part eci pazi one al l a cost ruzi one di Roma capi t al e
51
al l int eresse di Bernich per l a cul t ura cl assica e neocl assica di t radizione
germanica che iniziava proprio in quel moment o ad ent rare nel l ideal e
art ist ico di mol t i archit et t i it al iani (f igg. 1-3).
Non sol o perch del uso non part ecipa al l a seconda gara, ma f orse
anche perch pienament e impegnat o nel l a real izzazione di due pal azzi
residenzial i e, f in dal 1881, coinvol t o nel proget t o e poi nel l a cost ruzio-
ne del suo edi f i ci o romano pi f amoso, l a const ruct i on subl i me
Aquarium , nel l a f el ice def inizione che ne dar Ernst Wasmut h nel 1891.
Due disegni di st udio present i nel l e Memorie e schizzi rendono in modo
assai ef f icace l idea originaria di Bernich per l o st abil iment o di piscicul -
t ura, che nel l a prima ipot esi doveva essere real izzat o su via Nazional e
(f igg. 4-7). Pur present at o al l a commissione edil izia per l approvazione,
quest o proget t o non avr esit o: per l a sua cost ruzione l anno successivo
il Consigl io comunal e conceder l area cent ral e di piazza Manf redo Fant i,
dove poi sar ef f et t ivament e cost ruit o, ma in f orme assai diverse.
L opera real izzat a sar pi not a al l est ero che in It al ia, anche se ebbe
non pochi apprezzament i, t ra i qual i quel l o di un suo biograf o:
La prima opera, per la quale si mise in grande evidenza, fu l Acquario
Romano, di st ile it alico, cost ruit o in Roma nel periodo dal 1884 al 1887. Egli
vi esplic una vera genialit , perch diede all edificio un aspet t o origina-
lissimo e perfet t ament e rispondent e all uso, cui doveva essere dest inat o .
52
Et t ore Berni ch archi t et t o 1850-1915 l a st ori a, i l proget t o, i l rest auro
f ig: 10
Dant e Paol occi
Est erno del l Acquari o
Romano
(da L Il l ust razione
It al iana , 5 giugno 1887)
53
Mari a Lui sa Neri - La part eci pazi one al l a cost ruzi one di Roma capi t al e
f ig: 11
Acquari o Romano, l a sal a
el l it t ica int erna
(da L Il l ust razione
It al iana , 5 giugno 1887)
f ig: 12 - 13
Acquari o Romano, dipint i
a encaust o sopra l e port e
d accesso al corridoio
anul are, opera di Sil vest ro
Sil vest ri
(da L Acquario Romano,
p. 89 e da Il Vit t oriano, II,
p. 146)
Nuovi usi st avano ent rando nel l a capit al e e ad essi dovevano corri-
spondere nuovi t ipi archit et t onici e nuovi st il i rappresent at ivi del l e inno-
vat ive f unzioni int rodot t e in cit t . Per comprendere l e t rasf ormazioni che
l a cit t met t e in at t o nel processo del l a sua cost ruzione come capit al e
non si pu prescindere dal considerare come avvenut o un radical e rove-
sciament o dei principi di cost ruzione del l a cit t , rispet t o a quel l i propri
del l Ancien Rgime. Se la st rada il nuovo st rument o di cont rollo della
t rasformazione e dello sviluppo della cit t , gli edifici a servizio della cit t a-
dinanza sono pensat i come grandi cont enit ori e st rut t ure int ercambiabili,
comprendent i spazi che possono essere dest inat i a molt eplici funzioni.
Inolt re, t ra i ruoli ideologici che la capit ale doveva assumere, il cult o della
scienza t rova una delle sue espressioni proprio nella sede dell Acquario
Romano, anch esso un edificio di servizio polifunzionale che cont iene uno
st abiliment o (produt t ivament e associat o all allevament o it t ico del lago di
Nemi), una scuola di piscicolt ura e una st rut t ura esposit iva, forse predispo-
st a anche come sala t eat rale e da ballo, e cert ament e come luogo d incon-
t ro per la classe borghese del nuovo quart iere Esquilino.
Come per al t ri edif ici, l Acquario Romano, uno st abil iment o che,
secondo il precet t o oraziano, mesca l ut il e al dol ce, e possa servire per
ogni sort a di passat empi onest i e genial i , manca di manual i cui f are rif e-
riment o o di repert ori con suggeriment i per l a sua cost ruzione, anche se
pu cont are su al cuni esempi real izzat i, come ad esempio l Acquario di
Berl ino (1869). In assenza di un preciso modello cui riferirsi, di una forma-
lizzazione scient ifica del t ema, Bernich non pu che invent are una nuova
t ipologia che racchiude in se variegat i riferiment i formali: nella piant a
evoca sia t emi ant iquari, come l Anfit eat ro Flavio - che peralt ro l archit et -
t o aveva accurat ament e st udiat o e rilevat o insieme al collega Felice
Cicconet t i e all archeologo inglese Parker - sia pi recent i impiant i t eat ra-
li; t ra alt ri, la Royal Albert Hall di Londra, del 1871, e il Polit eama Garibaldi
a Palermo, del 1874.
Nel passare dal l a prima propost a di massima (25 giugno 1882) al pro-
get t o def init ivo, poi real izzat o (1884-87), Bernich ruot a l edif ico, sempre
inserit o in un giardino recint at o, riduce l originario ingresso port icat o al
giardino, conf erisce maggiore import anza al l edif icio del l Acquario,
abbandonando i paradigmat ici rimandi al Pant heon ed enf at izzando l ar-
co t rionf al e d accesso, di al bert iana memoria, ma con un grande nicchio-
ne absidat o cent ral e incast onat o t ra due edicol e ornat e di scul t ure - La
Pesca e La Navigazione - e con i soprast ant i t ondi a ril ievo cont enut i in
riquadri del imit at i da cariat idi, t rat t o da esempi ant ichi (f igg. 8-10).
Come det t o, l el ement o archit et t onico del grande arco t rionf al e un
t ema da l ui gi speriment at o in f orma pi compl essa nel primo concorso
per il monument o a Vit t orio Emanuel e II, ma anche un t ema che ripropor-
r con maggiore enf asi nel proget t o per il concorso di secondo grado del
Pal azzo di Giust izia di Roma.
L at t ent a let t ura st ilist ica che dell edificio st at a propost a, dimost ra la
chiara t rasfigurazione di t emi archeologici messa in at t o da Bernich, il
rimando evocat ivo all archit et t ura imperiale romana e a quella palladiana,
l assonanza con i modelli rinasciment ali e neoclassici: una prassi t ipica del-
l eclet t ismo st oricist a, volt o alla ricerca di un ibrida cont aminazione di lin-
guaggi diversi, liberament e compost i in forme moderne per definire la
nuova lingua degli it aliani.
54
Et t ore Berni ch archi t et t o 1850-1915 l a st ori a, i l proget t o, i l rest auro
L Acquario Romano il cl assico esempio in cui il progresso indust rial e
si coniuga al l ident it l ocal e e al decoro che l edif icio deve esprimere
come at t rezzat ura civil e inserit a in un l uogo nodal e del l a cit t nuova.
Al l est erno, l a rievocazione romant ica del l archit et t ura ant iquaria e
rinasciment al e, dal carat t ere sol o apparent ement e aust ero e massiccio,
rimanda al l e presenze del passat o archeol ogico e al l o st il e urbano carat -
t erist ico di Roma, ment re al l int erno il rinnovament o cost rut t ivo t iene
cont o del l indust ria met al l urgica e dei nuovi mat erial i, f erro e vet ro,
real izzando un vast o spazio el l it t ico privo di sost egni int ermedi, che
risponde al l e l eggi omol ogant i del mat erial e f erroso e al l a l oro mat rice
indust rial e. Non perci riconducibil e a model l i st il ist ici not i o a propor-
zioni e f orme riscont rabil i nel vocabol ario del l archit et t ura.
Nel Ragionament o sul l a necessit del l uso del f erro nel l e opere archi-
t et t oniche moderne , dissert azione per il Concorso Pol et t i del 1877
al l Accademia Nazional e di San Luca, Raf f ael e Ingami sost iene:
Non pu negarsi che l i dea di grandezza, e l ammi rabi l e magni f i cenza di quest i
pi cci ol i mondi , ove si compendi ano come i n un quadro t ut t i i prodot t i del l e f orze
appl i cat e del l a nat ura, e degl i uomi ni abbarbagl i ano si f f at t ament e l a vi st a, che
quasi l a rendono i net t a a vedere l e si ngol ari vi ol azi oni del l e regol e del l Art e. In
ogni modo quest e vi ol azi oni esi st ono purt roppo, e f requent ement e si mani f est ano
o con vergognosa nudi t , o col sopraccari co del l ornat o, o col l i ndi gest o i mpast o di
st i l i . [E poi che] i l modo nel qual e f i nora f u usat o i l f erro nel l e opere di
Archi t et t ura, non sol ament e non bast a a st abi l i re uno st i l e corret t o, ed el egant e
[] ma ci porge argoment o di ri t enere che vi vogl i a ancora del t empo, pri ma di
gi ungere a st abi l i rl o []. Se l Archi t et t o f u chi amat o a prender part e nel l a cost ru-
zi one degl i edi f i ci , non f u gi per creare f orme, e t i pi nuovi , ma per esegui re un
l avoro di t arsi a, mont ando i pezzi f orni t i dal l i ndust ri a. [] Dopo ci l a ragi one l a
qual e co suoi cal col i gel at i cerca l ut i l e, l esat t o ed i l buono, pu ri maner paga del
Ferro come mezzo di soddi sf are l e esi genze del l a soci et , i n ci che concerne l ut i -
l e, e i l comodo; i l sent i ment o cal do, passi onat o e f ant ast i co ri f ugge, e si ri t rae i n
ri guardando quel l e gabbi e met al l i che f ormat e a cupol e, od a t et t oj e []. Anzi
aggiunger di pi che nel caso prat ico del l Archit et t ura in f erro, il sent iment o ha
ragione di rimaner disgust at o in quel l e cose st esse, di cui rest a appagat a l a ragione.
Bernich, t ut t avia, nel l uso di un ossat ura port ant e met al l ica a t ravi e
pil ast ri, pur riprendendo sol uzioni di nat ura indust rial e, riesce a carat t e-
rizzare l int erno con sent iment o rievocando in modo f ant asioso l o spazio
del Pant heon del l Al t es Museum di Schinkel , che t rasf igura in immagine
moderna di gust o ant iquario ut il izzando anche una decorazione di t ipo
scenograf ico e narrat ivo (f ig. 11). Perf et t ament e inserit a in un giardino
rust icament e nat ural e, di t radizione ingl ese, con un padigl ione d ingres-
so in st il e romano (successivament e demol it o), l a propost a t ipol ogica
del l edif icio f uoriesce dal l a prassi cost rut t iva romana, ment re l a sua
archit et t ura un coacervo st il ist ico che sint et izza cl assicismo romant ico
di t radizione f rancese, aul icit del l inguaggio romano, con al cune l icen-
ze d ispirazione archeol ogica.
Per una scel t a erudit a, o f orse con spirit o aut oironico per met t ere l a
propria opera a conf ront o con il pi import ant e monument o in corso di
cost ruzione nel l a capit al e in quegl i st essi anni, nel 1885 Bernich vuol e
siano real izzat i nel l at rio d ingresso due dipint i post i uno di f ront e al l al -
55
Mari a Lui sa Neri - La part eci pazi one al l a cost ruzi one di Roma capi t al e
f ig: 14 - 15
Et t ore Bernich
schi zzi di st udi o per i l
proget t o di concorso per
i l Pal azzo di Gi ust i zi a di
Roma (dai Taccuini, 1885)
f ig: 16
Et t ore Bernich e Vincenzo
Benvenut i
proget t o n. 42 - mot t o
It al i cus , present at o al
secondo concorso per i l
Pal azzo di Gi ust i zi a di
Roma, 1885-87
(da L It al ia art ist ica il l u-
st rat a , vol . 4, n. 7, 1886,
p. 105)
56
Et t ore Berni ch archi t et t o 1850-1915 l a st ori a, i l proget t o, i l rest auro
f ig: 17
Et t ore Bernich e Umbert o
Bot t azzi
Proget t o di concorso per
i l Tempi o Israel i t i co di
Roma, Tav. 1
prospet t o pri nci pal e e
pi ant a d assi eme
(Museo di Roma, Archivio
Fot ograf ico Comunal e,
neg. XA6014)
Mari a Lui sa Neri - La part eci pazi one al l a cost ruzi one di Roma capi t al e
t ro sopra l e port e d accesso al corridoio anul are: l avorat i ad encaust o
dal l art ist a spol et ino Sil vest ro Sil vest ri, raf f igurano l Acquario Romano e
il Vit t oriano (f igg. 12-13). Ma l immagine di quest ul t imo verament e l a
rappresent azione del proget t o di Sacconi, con il qual e ha una not evol e
af f init , o piut t ost o l a t rasf igurazione del monument o che l o st esso
Bernich aveva ideat o in mol t epl ici f orme negl i schizzi disegnat i t ra il 1881
e il 1882?.
Al di l del Tevere, l a cal ibrat ura a dimensione d uomo del l Acquario
Romano si t ramut a nel l a negazione del l a scal a urbana nel l al t ro impor-
t ant e concorso romano, quel l o per il Pal azzo di Giust izia, che si svol ge in
diverse f asi f ra il 1882 e il 1887. Nel bando espl icit ament e af f ermat o
che il proget t o del grande edif icio sar af f idat o a chi most rer di saper-
l o erigere degno del l It al ia in Roma . Forse anche con int ent i riconcil ia-
t ivi, ma con un ambiguit che f a pensare piut t ost o ad un at t eggiament o
di sf ida, nel piano regol at ore del 1883 il Pal azzo di Giust izia previst o in
un area che anche l uogo d incont ro ideol ogico e prospet t ico di monu-
ment i ant ichi e nuovi. Per quest o concepit o come il monument o che,
in ordine al concet t o che f u chiamat o ad esprimere, doveva superare in
maest t ut t i gl i al t ri , proprio perch embl ema del l a giust izia nazional e
it al iana, moral izzat rice e t ut rice del l a nuova l ibert .
L edif icio deve simbol eggiare l a Giust izia amminist rat a dai nuovi orga-
ni nazional i e, nel vol ut o superament o dei regional ismi, l a scel t a opera-
t a da Bernich - che part ecipa sol o al secondo concorso del 1885-87 insie-
me al f ol ignat e Vincenzo Benvenut i con una propost a dal mot t o ITALICUS
- si rif a un l inguaggio aul ico capace di t rasmet t ere concet t i di it al iani-
t che rimandano al l e origini cl assiche del l a nost ra cul t ura archit et t oni-
ca. Lo st ile grandioso e severo richiest o dal programma del bando, risol-
t o in sint onia con lo st ile urbano della cit t , in vigorose forme it aliane, cos
descrit t e:
La nat ura del mat eri al e, i l t ravert i no, e l amore al l a grandi osi t che t rae
l i spi razi one da una archi t et t ura purament e i t al i ca senza che vi si t rovi l i mi t a-
zi one con al t re opere del l o st esso st i l e ma che si conf ormi agl i st essi pri nci pi ; t al e
st at o l o st udi o archi t et t oni co dei prospet t i .
La decorazi one sobri a. Le st at ue dei grandi gi ureconsul t i conveni ent ement e
post e aggi ungono decoro e megl i o carat t eri zzano l a nat ura del l edi f i ci o. Il grande
arco al cent ro l asci a vedere sul f ondo un gran musai co a f ondo d oro, e l e col onne e
corni ci con severa pol i cromi a, al t ri ment i i l vuot o l asci at o dal l arco non avrebbe al cu-
na espressi one, anzi cos prepara l ani mo a quel l a i mponenza e venerazi one a cui i l
popol o deve essere sogget t o nel l ent rare nel l uogo dove si accogl i e l a gi ust i zi a.
In maniera conf orme al l e esigenze richiamat e nel bando, Bernich pro-
pone un pal azzo dal l ef f et t o scenograf ico, con il grande arco t rionf al e
d ingresso post o a f ondal e del Pont e Umbert o e visivament e at t raversat o
dal l a st rada di col l egament o t ra piazza Navona e il nuovo quart iere di
Prat i di Cast el l o, t ema poi ripreso dal proget t o vincit ore di Gugl iel mo
Cal derini nel l ul t imo concorso bandit o per l import ant e real izzazione.
Scenograf ia part icol arment e evocat iva, poich l a giust izia t emporal e
era messa a conf ront o con quel l a universal e del l a Chiesa at t raverso
l appropriat a l ocal izzazione del pal azzo di l dal Tevere, nel punt o in cui
il suo asse t rasversal e, t ramit e Cast el Sant Angel o, s innest ava sul l a
58
Et t ore Berni ch archi t et t o 1850-1915 l a st ori a, i l proget t o, i l rest auro
f ig : 18 - 19
Et t ore Bernich
Al cuni schi zzi di st udi o
del l el ement o t orre che si
el eva al cent ro del l a f ac-
ci at a pri nci pal e i n di verse
sol uzi oni archi t et t oni che
(dai Taccuini, 1885)
Mari a Lui sa Neri - La part eci pazi one al l a cost ruzi one di Roma capi t al e
spina di Borgo verso l a basil ica di San Piet ro.
Da abil e manipol at ore di st il i diversi, Bernich crea un immagine con-
cret ament e decl inat a sul vocabol ario archit et t onico rinasciment al e di
t radizione it al iana e romana, t raendo spunt o dal l e ant ichit l ocal i e dai
manual i e t rat t at i al l ora in uso. Pi che in al t ri proget t i si al l inea al pen-
siero di Camil l o Boit o sul l art e di cost ruire l a Roma it al iana, da l ui vissu-
t a come una cit t che mi si rivel at a gigant e , del l a qual e sent ivo t re
civil t sul mio dorso , una cit t nel l a qual e port are una maniera st ra-
niera o it al iana ad essa del t ut t o nuova, sarebbe un best emmiare l a st o-
ria e seminare pat at e dove crescono pal me . Non rimaneva che t rasf or-
mare l o st il e del l a Roma ant ica in un nuovo organismo e in una nuova
est et ica, senza rompere per ci il l ibero l egame del l a t radizione; cos
crediamo gl i archit et t i d oggi possano con t ut t i gl i el ement i di quel l e
varie archit et t ure romane comporre l o st il e moderno, pur rispet t ando
l art e sont uosa e grave che si addice ad un pal azzo pubbl ico .
Con quest o spirit o creat ivo Bernich aveva concepit o il suo proget t o
che, a part ire da un chiaro richiamo al bert iano, ne aveva el aborat o f orme
e principi, conf ermando ul t eriorment e il suo amore per l ant ico e per l a
sua rivisit azione rinasciment al e. Nei t accuini degl i schizzi sono st at i rin-
t racciat i due disegni che f anno pensare a st udi prel iminari per il Pal azzo
di Giust izia: in una f ormul a part icol arment e enf at ica, al cent ro del l a
composizione di ambedue, compare il grande arco t rionf al e (f igg. 14-15).
Nonost ant e l impegno messo nel part ecipare al concorso, il suo proget t o non
sar t ra quelli presi in esame dalla sot t o-commissione, poich rit enut o
incomplet o, mancando i disegni della piant a del sot t erraneo e di due delle
numerose sezioni richiest e, anche se per la sua propost a espresso un ot t i-
mo giudizio per il gust o art ist ico con cui sono t rat t at e alcune part i dei pro-
spet t i (fig. 16).
Nel l e biograf ie di Et t ore Bernich non mai cit at o un al t ro proget t o di
concorso, da l ui el aborat o insieme a Umbert o Bot t azzi, quel l o per il
Tempio Israel it ico di Roma, redat t o t ra il 1889 e il 1890. L archit et t ura
del l o spazio sacro aveva assunt o un ruol o part icol are t ra bat t agl ia degl i
st il i e vol ont di modernizzazione, poich poneva il probl ema del l a t ut e-
l a di un ident it rel igioso-cul t ural e assai ant ica. Pur cost it uendo un t ema
secondario rispet t o a quel l o civil e (l a Chiesa ora considerat a indipen-
dent e e dist int a dal l o St at o), t empl i e chiese sono carat t erizzat i da varie-
gat i l inguaggi st il ist ici. Ad esempio, dopo i decret i di Emancipazione
(1848), in prima ist anza era st at a proprio l a comunit ebraica a vol er
dare una nuova immagine di s e a manif est are il suo nuovo val ore ist i-
t uzional e nel l a societ civil e. La cost ruzione di t empli israelit ici in nume-
rose cit t it aliane, olt re che europee, st ret t ament e legat a al risanamen-
t o d int eri nuclei urbani ant ichi e, come quella dell archit et t ura civile,
t ende a most rarsi per i valori sociali che cont iene.
Tra l e ul t ime compet izioni it al iane sul t ema, quel l a per il Tempio
Israel it ico di Roma si avvia dopo l unghe cont roversie quando raggiunt o
l accordo t ra il Comune, che cede il t erreno per l edif icazione, e
l Universit Israel it ica. Bandit o da quest ul t ima, il concorso per l a nuova
cost ruzione s inserisce nel l e compl esse vicende del l a demol izione e rico-
st ruzione del l ant ico quart iere del Ghet t o, in mezzo a cont rast i t ra i
diversi at t ori del l operazione e in piena crisi economico-edil izia. Al con-
corso di primo grado part ecipano vent isei gruppi di proget t ist i con al t ret -
60
Et t ore Berni ch archi t et t o 1850-1915 l a st ori a, i l proget t o, i l rest auro
f ig : 20
Et t ore Bernich
Al cuni schi zzi di st udi o
del l el ement o t orre che si
el eva al cent ro del l a f ac-
ci at a pri nci pal e i n di verse
sol uzi oni archi t et t oni che
(dai Taccuini, 1885)
t ant e propost e, t ra l e qual i si dist inguono quel l e di Aurel i, Cal cat erra-
Cal amani, Vanessa-Fasce, Muggia, Cost a-Armanni, Pincherl e, Tognet t i-
Col l amarini e Bernich-Bot t azzi. Gl i aut ori del l e due propost e sel ezionat e
nel l a prima compet izione, Muggia e Cost a-Armanni, saranno invit at i a
part ecipare a una seconda prova nel 1899; dopo che Muggia si era rit ira-
t o rit enendo di non avere avut o il giust o apprezzament o, risul t eranno
vincit ori del concorso Cost a e Armanni, che real izzeranno l edif icio inau-
gurat o nel 1904.
Del proget t o del gruppo Bernich-Bot t azzi, consist ent e in nove t avol e
cont enent i quindici disegni, una Rel azione e un Prevent ivo di spesa, a
t ut t oggi sono st at i rit rovat i sol o gl i ul t imi due document i; a quest i si pu
aggiungere una f ot ograf ia del l a prima t avol a di proget t o, che cont iene
una piant a del t empio inserit a nel cont est o, nel l a scal a 1: 200, e il pro-
spet t o principal e su via de Cenci, nel l a scal a 1: 50 (f ig. 17). Nel l a
Rel azione gl i aut ori richiamano l e mol t e dif f icol t dovut e af f ront are
nel l o svol giment o del proget t o, prima f ra t ut t e l a scel t a di uno st il e ido-
neo al Tempio Maggiore di Roma:
Non era i l caso di pensare al Greco n al Romano per ragi oni che f aci l e con-
cepi re, non al l arabo n al l egi zi o perch non essendo mai st at i quest i gl i st i l i
adoperat i dagl i Ebrei , l uso ne di veni va i l l ogi co, meno ancora a qual che al t ro
degl i st i l i adoperat i nel medi o evo i qual i hanno avut o f ormazi one e svi l uppo
dal l a ci vi l t cri st i ana.
Perch dunque l o st i l e avesse un i mpront a carat t eri st i ca del l a nazi one l a qual e
i nnal zava i l t empi o, occorreva t ornare al l a sorgent e i nesaust a del l art e:
61
Mari a Lui sa Neri - La part eci pazi one al l a cost ruzi one di Roma capi t al e
al l Ori ent e. Cos dal l ebrai co presero l a sol i da cost ruzi one a bl occhi , l e t orri qua-
drat e, l e t errazze coronat e da carat t eri st i che merl at ure. Dal l assi ro st udi arono i
mot i vi del l ornament azi one, l a pol i cromi a sapi ent ement e equi l i brat a, dal l egi zi o
che f u maest ro ai greci , l a f orma squi si t ament e ri gi da dei prof i l i , gl i ornament i di
pal me e f i ori di l ot o. E coi medesi mi cri t eri , venendo f i no al l e pri me chi ese
cost rui t e nel l a Si ri a, gl i aut ori del l e qual i dovet t ero i spi rarsi ai Tempi Israel i t i ci ,
si i spi ravano a quel l e spl endi de f orme d art e che di edero ori gi ne al l o st i l e det t o
poi Bi sant i no.
un coacervo st il ist ico che, nel l e parol e degl i aut ori, nul l a ha a che
vedere con l idea di una ricost ruzione archeol ogica; nasce piut t ost o dal -
l amore per l o st udio del passat o e da una f ervida immaginazione in cui
mol t epl ici f orme d art e si sono ricongiunt e nel l ispirazione poet ica. Nel l o
st udio dei vol umi e del l e masse assorbono l e carat t erist iche ambient al i di
Roma e, per ot t enere una f orma special e che si disegnasse net t a sul
ciel o , concepiscono una t orre a base quadrat a che si el eva sul l asse
del l a f acciat a principal e, con l a qual e int esero incarnare t ut t e l e aspi-
razioni del popol o ebreo, simbol eggiare con essa un grido di vit t oria l an-
ciat o nel l aria . La t orre che si eleva al cent ro della facciat a principale
un t ema archit et t onico a lui part icolarment e caro, t ant o che lo t roviamo
spesso ricorrere nei suoi schizzi di st udio in formule variegat e, in molt epli-
ci t ipologie edilizie e in diverse soluzioni archit et t oniche (figg. 18-20).
Tre ampi ingressi immet t ono nel t empio t ramit e uno spazioso vest ibo-
l o, ment re i due accessi l at eral i conducono al doppio ordine di gal l erie.
Nel f ondo del l o spazio sacro, int rodot t a da un grandioso arcone, l arca
sant a: ornat a di mosaici dorat i il l uminat i dal l al t o, ha l a f orma di un edi-
col a ai cui l at i sono l e t ribune del coro. Sul l o st esso asse del t empio, e in
cont inuit spazial e con l o st esso, l Orat orio con l e t ribune, cui si acce-
de t ramit e t orret t e esagonal i. Due ordini di f inest roni post i in corrispon-
denza del l e gal l erie il l uminano l o spazio int erno del t empio, vol ut amen-
t e privo di vol t e per mot ivi acust ici.
A f ianco del t empio l edif icio sede del l Universit Israel it ica, dove
sono anche l a sagrest ia e l a cust odia degl i arredi sacri che, cont enut a al
suo int erno, riceve l a l uce dal l al t o. Un art icol at o sist ema di comunica-
zioni met t e in rel azioni l e diverse part i del l edif icio, ment re una scal a
post a nel l a t orre d angol o, il cui moviment o individuat o da un moder-
no sist ema di f inest re rampant i, dist ribuisce i t re piani del l edif icio e
conduce agl i ambient i degl i uf f ici amminist rat ivi. Col l egat e al l e gal l erie
sono sia l e scuol e f emminil i sia quel l e maschil i sia, inf ine, i servizi annes-
si, ment re in comunicazione con l a seconda gal l eria sono l a grande Sal a
del Consigl io e gl i uf f ici ad essa l egat i; una scal a dist int a conduce diret -
t ament e al l a bibl iot eca, uno spazioso ambient e post o sopra l Orat orio.
L est erno si conf igura come un organismo il cui carat t ere coincide con
l a l inea schiet t ament e organica che dist ingue t ut t o l edif icio , copert o
a t errazze sia per assecondare l a scel t a di ut il izzare mot ivi spiccat amen-
t e orient al i sia per permet t erne l uso durant e l a Fest a del l e Capanne
(Succot ). Pur nella cert ezza degli aut ori di aver compiut o opera in cui l ar-
t e e la scienza giust ament e si cont emperano e pur apprezzat o dalla com-
missione giudicat rice, il proget t o di Bernich e Bot t azzi non t ra i due sele-
zionat i per la seconda prova.
Tra il 1892 e il 1894, anno in cui si gi t rasf erit o in Pugl ia, su com-
62
Et t ore Berni ch archi t et t o 1850-1915 l a st ori a, i l proget t o, i l rest auro
missione del Municipio di Roma, nel l a capit al e real izza ancora l e basi per
i monument i a Gof f redo Mamel i, a Terenzio Mamiani, in piazza Sf orza
Cesarini, e a Piet ro Cossa, in piazza Arenul a. Con quest e opere minori
l at t ivit romana di Et t ore Bernich pu considerarsi concl usa. Cont inuer
con un int ensa at t ivit di rest auro e con al t re opere edil izie nel l a nuova
t erra d adozione, ma soprat t ut t o seguit er a svol gere un art icol at o l avo-
ro di ricerca sul l archit et t ura e sugl i archit et t i, pubbl icando t est i st ori-
co-crit ici e monograf ie su monument i cl assici.
La sot t esa adesione di Et t ore Bernich a un l it e int el l et t ual e europea
che l avora int orno al l a ricerca di una nuova est et ica, capace di rendere
possibil e un incont ro f el ice f ra archit et t ura e archeol ogia, f ra cul t ura
ant iquaria e modernit , f ra cl assicismo e sua t rasgressione, f a si che l a
sua f igura possa ent rare a f ar part e di quel l a erudit a cl asse prof essiona-
l e che t rover pi ampio spazio nel l at t ivit del rest auro piut t ost o che in
quel l a del l archit et t ura moderna. La sua opera non era, t ut t avia, cos
l ont ana da una prassi cost rut t iva che si st ava consol idando anche nel l a
capit al e, a conf erma di una riconoscibil e ident it it al iana proprio nel l ar-
chit et t ura cl assica e neorinasciment al e.
A quest o proposit o, va inf ine ricordat o come nel secol o del l o st orici-
smo e del l a nascit a del l a st oriograf ia archit et t onica, cert ament e l e
archit et t ure di Roma megl io di al t re rappresent ano il Rinasciment o it a-
l iano, che t ra t ut t i gl i st il i era quel l o int ernazional ment e riconosciut o
come il pi suscet t ibil e di svil uppo e di progresso , al meno cos sost ene-
vano Got t f ried Semper in Germania, James Fergusson in Inghil t erra e
Csar Dal y in Francia. Nascono nuovi t i pi archit et t onici, l egat i a nuovi
cost umi social i ai qual i l a cit t non pot eva che rispondere anche nei t er-
mini espressivi degl i st i l i corrispondent i, e ci avviene, sot t ol inea argu-
t ament e Cal derini in quegl i st essi anni:
Perch noi sempre vedemmo che, col vol gere dei t empi , col mut are del l e i dee,
col l usso, col f ast o, l a f orma segue i l pensi ero, l art e i n genere, e speci al ment e
l archi t et t ura, i l vero specchi o del l a soci et . Noi vi vi amo i n una soci et f rammi -
st a di cost umi di versi , ecl et t i ca per eccel l enza, che, a mezzo dei l umi cresci ut i ,
s i mmedesi m col l e passat e sue t radi zi oni , e quel l e di t ut t a l a ci vi l t europea
i nsi eme t ramescol .
63
Mari a Lui sa Neri - La part eci pazi one al l a cost ruzi one di Roma capi t al e

Potrebbero piacerti anche