Sei sulla pagina 1di 2

Proiettili.

Alzo:  =

 .  angolo 


Tempo Caduta:   =     



Spazio Orizzontale: % % =  & 

Gittata: ( =

)*+
,

 2

Traiettoria:  = .
 /0%

Altezza 67 =

)*+ 389+ :

Derivazione:
=

,

=)
=>

=>

, +

 .)* 123 40+

? @=
=
=>

ACCELERAZIONE COSTANTE
Manca Equazione
% %  =  +



% % =  +


=+
=> +

  =  + 2
.% % 0

% % = . + 0



% % = 




MOTO CADUTA LIBERA


Manca Equazione
   =  


  =   


  =  2.  0

  = . + 0



  =  + 



FORZE ELASTICHE:
} 

{| = * * da cui deriva: ^8 = * {|.
*

*

Ma anche: RRRRRP
^8 .%0 = .% | 0 W

Pulsazione: l = .
IMPULSO: pP =

>+
> ^Pk

= {RP . p =

RP. 0
con RP. 0 = m j
MOMENTO DI UNA FORZA
Definiamo quindi P il momento di una
forza, e RP il momento di una quantit di
moto.
=
P = P ^P
RP = P RP
RP = P
=>
= = mj =
Momento Inerzia:
Inerzia p = r mr r
Momento dInerzia rispetto asse z:
p = r mr r = r mr .%r + r 0
Se ||l:
=
=
=
= .p l0 = p
= p  = p 
=>

=>

VETTORI:
SOMMA
P =
P + QRP
P =
P + QRP
S P =
P + QRP

PT =
PT + QRPT
PROD. SCALARE
P =
P QRP

P =
Q & /
PROD. VETTORE
P =
P QRP

P = ?
 W +
 X +
T Y@
?Q W + Q X + QT Y@

URTO ANAELASTICO
6
j = jr
6 6+

mr jr = mr j
r

MOTO ARMONICO SEM.



l = 2] =
= 2

6
f

j. 0 = l &.l + 0

. 0 = l W.l + 0
% = W 
j = l & 


  = *
 =

*
+

% + *+

PRINCIPIO DI
CONSERVAZIONE
DELLENERGIA
t = t + tf
t,z = t,y = t,
^P P = 0
y
y
z, ^P P = z, ^P P

=>

Prima Legge Cardinale dei Sistemi di Punti Materiali: M


P = ^P .k0

RP . Energia Sistema  r mr j
RPr >  j
RP
Quantit Moto: RP3 = j


.0
SISTEMA ISOLATO: ^Pr,f = 0.

.0
^Pr,
.0
^Pr
^P .ok0
.0
^Pr,

Forza Interna tra W e X, con X W

Forza Risultante Interna su W.


Risultante di tutte le forze Interne
Forza Esterna tra W e X, con X W

.0
^Pr
Forza Risultante Esterna su W.
^P .k0 Risultante di tutte le forze Esterne

FORZA ATTRITO
CORPO FERMO: ]3 = ^_
]3,67 = a3 b. Se ^ > ]3 il corpo si muove
CORPO IN MOTO: ]f = ag b
Valore Limite Piano Inclinato:
a3 <
 , ag <
 
MOTO CIRCOLARE UNIFORME
Acc. Centripeta:
=
i
Tang: jk = l,
k = 
)+

Forza Centripeta: ^ = m
=
i
Moto Uniforme: /. 0 = / + l

M. Unif. Accelerato: /. 0 = / + l +  


Acc.:
 =
 +
 =
o
+
k
Vel,: P = l
RP P
Momento Inerzia:
Inerzia p = r mr r


l = l + 2.s s 0

tf = pl
6) +

MOTO PUNTI

%yz = %y . 0 %z . 0
Pyz = Pyz . 0 = wyz = y . 0 z . 0
xyz = xy . 0 xz . 0
%uv = %uv . 0
Puv = Puv . 0 = wuv = uv . 0
xuv = xuv . 0

In meccanica classica, il lavoro di una forza


costante ^P lungo un percorso rettilineo definito
come il prodotto scalare del vettore forza per il
RP = || ||
vettore spostamento P: = RP
Dove il lavoro e  l'angolo tra la direzione
della forza e la direzione dello spostamento.
Esiste unaltra definizione di lavoro, pi precisa e
che tiene conto delle variazioni infinitesime di
questo: = ^P . P0 P
= ^P . P0 P = ^. P0 & s
^. P0 & s = ^k . P0 e P =
RP k . 0
i
Lavoro:
Lavoro = i ^P . P0 P = ^P P

Lavoro Molla:
Molla =  Y%r  Y%


Potenza Media: =
>

Istantanea: = ^, ma anche: =

=
=>

=
=>

= l

ENERGIA CINETICA tf = mj 


1
1
, = mjj = mj j mj j7 = tf
2
2

EQUAZIONE DEL MOTO CON MOLLA - r ^Pr = m


P
f
m% + Y% + m. 0 = 0, = l
6
% + l % = . 0
,
. 0 = W.l + 0 + + . 0

Ponendo % = 0, W.s0 =

+
).>0

. 0

Ponendo % = . 0, & s =

Poi, rapporto tra le due equazioni, semplifico ,


trovo la tangente, trovo langolo e risalgo ad .

Il principio tuttavia ci consente di affermare che il lavoro per spostare una massa m da una posizione ad una posizione
non dipende dal tragitto. La Condizione Necessaria e Sufficiente (C.N.S.)per dimostrare ci :
y
y
^P P = 0 z, ^P P = z, ^P P
Possiamo dimostrare la Condizione Necessaria (C.N.), cio che il valore non dipende dal percorso:
y
z
y
z
^P P = 0 z, ^P P + y, ^P P = 0 E, sapendo che: z, ^P P + y, ^P P = 0
y
z
y
z
y
y
Otteniamo: z, ^P P + y, ^P P = z, ^P P + y, ^P P -> z, ^P P = z, ^P P
La Condizione Sufficiente (C.S.) che il lavoro per andare da a sommato al lavoro per tornare indietro sia nullo.
y
y
Ipotesi: z, ^P P = z, ^P P

Per dimostrarla ricorriamo a due equazioni note: z, ^P P = z, ^P P - y, ^P P = z, ^P P
y

y
z
y
y
Sommando membro a membro ottengo: z, ^P P + y, ^P P = z, ^P P z, ^P P = 0

y
z
z, ^P P + y, ^P P = 0 ^P P = 0
Avendo dimostrato sia la condizione necessaria che quella sufficiente abbiamo dimostrato il principio completo.

In un sistema isolato non ci sono iterazioni con i corpi esterni, questo implica che: ^Pr,f = 0
Cio che il CM si muove di moto rettilineo traslatorio uniforme. E se le orze esterne sono nulle, allora possiamo scrivere:
.0
m
P = r ^Pr,
.0

Sapendo che il sistema dunque non accelerato: 9r mr


Pr = M
P = 0
Questo mi dice che la risultante delle forze interne nulla, perci le sole forze interne non possono muovere il sistema.

.0
.0
.0
Possiamo infatti scrivere: .m + m 0
P = 9r 9 ^Pr, = ^P, + ^P, = 0
r

.0
^Pr,
.0
^Pr
^P .ok0
.0
^Pr,

Ora, con 3 particelle nel sistema lequazione diventa:


.0
.0
.0
.0
.0
.0
P,
P,
P,
P,
P,
P,
.m + m + m 0
P = ^
+^
+^
+^
+^
+^
=0

.0
}P

.0
}P+

.0
}P

Tuttavia sappiamo che:


.0
.0
^P, + ^P, = 0
.0
.0
.0
.0
.0
^P, + ^P, = 0 ^P + ^P + ^P = 0

Forza Interna tra W e X, con X W

Forza Risultante Interna su W.


Risultante di tutte le forze Interne
Forza Esterna tra W e X, con X W

.0
^Pr
^P .k0

.0
.0
^P, + ^P, = 0

Forza Risultante Esterna su W.


Risultante di tutte le forze Esterne

.0
.0
E, per induzione, posso dire che elimino sempre le forze a coppie: ^Pr, + ^P,r = 0

QUANTITA DI MOTO
Il momento di una forza fornisce una misurazione della capacit della forza stessa di far ruotare un corpo. Dipende
quindi da due fattori: la distanza del punto di applicazione della forza dal centro di rotazione, detto polo, e dellangolo
che forma la direzione di applicazione della forza con lasse che collega il polo al punto di applicazione stesso:
RRRP = RP
M
b RFP
=
=
=
=
=
RP RP + P m
P = j
RP mj
RP + P fr ^Pr
RP = P
RP = P RP = P RP + P RP = j
=>

=>

=>

=>

= 0 + fr P RP = fr.P0 = P

=>

=>

RP = P

Il centro di massa del sistema (da qui C.M.) una propriet specifica del sistema, misura la risposta complessiva di tutte
RP
6 iP
6 iP
RP = = P = 6
le particelle alla presenza di forze esterne. P = = e j
6

Derivando anche la velocit si ottiene laccelerazione del CM:


P =

RP

=>

j
=>
=

6 7RP

E da qui tramite Prima Legge Cardinale dei Sistemi di Punti Materiali otteniamo che: M
P = ^P .k0
Cio molto utile per dare una descrizione del sistema in generale senza dover calcolare la forza risultante su ogni
particella del sistema. Evitando calcoli lunghi e dispendiosi. possibile trovare unaltra funzione propria del sistema,
RPr r RPr = r mr j
RPr RP3 = j
RP
ovvero la quantit di moto totale: RPr = mr j
v
Konig: 3 = 3 +  Da cui: 3 = r r = r mr r = r mr .r +  0 = r mr r + r mr  = 3v + 
v

 0
Konig 2: t, = t,
+ 
Ottenuta da: t, = r mr r = r mr .r +  0 = r mr .r + 2r  + 







v

= r mr r + r mr r  + r mr 
= t,
+ 



Konig 3: u, =

v,




+  Ottenuta da: u, = r u,r = r. r r 0 = r . rv + 0 .mr r  0 =

= r r mr r + r. r mr  0 + r . r r 0 + r . mr  0 = v, +