Sei sulla pagina 1di 34

A COLLOQUIO CON LO SPECCHIO

Per essere domani Classe IIIA Istituto Comprensivo Giovanni Paolo II Arcinazzo Romano a.s. 2013/14 http://goccediarmonia.blogspot.it/2014/02/per-essere-domani-ilcorpo-e-la-mente.html

Adolescenza, et di grandi cambiamenti, rivoluzione del corpo e della mente; spesso abituarsi richiede del tempo, come spesso diventa la cosa pi naturale del mondo, come in effetti , ma il corpo che cambia e quindi anche la mente significa molto altro. Noi siamo il nostro corpo, il corpo rappresenta il nostro rapporto con gli altri, ci che arriva per primo all'altro, ancor prima della nostra parola, ci rappresenta e ci fa identit. Quando il corpo si trasforma siamo inevitabilmente alla ricerca della nostra identit, saremo gli stessi ma un po' pi grandi, gli stessi, ma alla ricerca di un nuovo ruolo nella societ: la famiglia, gli amici, ... Accettarsi o no? Volont di trasformarsi? Come mi vedono gli altri? Come mi vedo io? Queste ad altre ancora sono le riflessioni di un adolescente tipo, domande coscienti o non, che conducono allet adulta e a una nuova consapevolezza del s.

Cosa abbiamo fatto? I ragazzi hanno semplicemente parlato e argomentato con loro stessi immaginando una conversazione allo specchio. Si sono poi divertiti a disegnare una loro caricatura, ma lo hanno fatto in modo mentale, nel senso che si sono immaginati e poi con una bella benda sugli occhi si sono disegnati su un foglio con un colore che li rappresentasse.

Il Bruco e Alice si guardarono a vicenda per qualche tempo in silenzio; finalmente il Bruco stacc la pipa di bocca, e le parl con voce languida e sonnacchiosa: Chi sei? - disse il Bruco. Non era un bel principio di conversazione. Alice rispose con qualche timidezza: - Davvero non te lo saprei dire ora. So dirti chi fossi, quando mi son levata questa mattina, ma d'allora credo di essere stata cambiata parecchie volte. - Che cosa mi vai contando? - disse austeramente il Bruco. - Spiegati meglio. - Temo di non potermi spiegare, - disse Alice, - perch non sono pi quella di prima, come vedi. - Io non vedo nulla, - rispose il Bruco. - Temo di non potermi spiegare pi chiaramente, - soggiunse Alice in maniera assai gentile, - perch dopo esser stata cambiata di statura tante volte in un giorno, non capisco pi nulla. - Non vero! - disse il Bruco. - Bene, non l'hai sperimentato ancora, - disse Alice, - ma quando ti trasformerai in crisalide, come ti accadr un giorno, e poi diventerai farfalla, certo ti sembrer un po'strano, - non vero? - Niente affatto, - rispose il Bruco. - Bene, tu la pensi diversamente, - replic Alice; - ma a me parrebbe molto strano. - A te! - disse il Bruco con disprezzo. - Chi sei tu? E questo li ricondusse di nuovo al principio della conversazione. Alice si sentiva un po' irritata dalle brusche osservazioni del Bruco e se ne stette sulle sue, dicendo con gravit: - Perch non cominci tu a dirmi chi sei? - Perch? - disse il Bruco. Era un'altra domanda imbarazzante. Alice non seppe trovare una buona ragione. Il Bruco pareva di cattivo umore e perci ella fece per andarsene. - Vieni qui! - la richiam il Bruco. - Ho qualche cosa d'importante da dirti. La chiamata prometteva qualche cosa: Alice si fece innanzi. - Non arrabbiarti! - disse il Bruco. - E questo tutto? - rispose Alice, facendo uno sforzo per frenarsi. - No, - disse il Bruco. Alice pens che poteva aspettare, perch non aveva niente di meglio da fare, e perch forse il Bruco avrebbe potuto dirle qualche cosa d'importante. Per qualche istante il Bruco fum in silenzio, finalmente sciolse le braccia, si tolse la pipa di bocca e disse: - E cos, tu credi di essere cambiata? [] Alice nel paese delle meraviglie, I consigli del bruco

Era una mattina come tutte, quella maledetta sveglia mi aveva appena dato il buongiorno con il suo grido ripugnante ed io ero l, come sempre, dinanzi a quello specchio che, prima o poi, da un giorno allaltro non mi avrebbe sopportato pi. - E oggi cosa mi metto? Quella maglietta mi sta troppo stretta, quellaltra mi fa troppo goffa, quellaltra ancora mi sta larghissima. Per quanto riguarda i pantaloni meglio non discuterne .

Sono giunta alla conclusione che devo mettermi a dieta, sono una palla gonfiata, sono grassa. Guarda questo busto: se lo vedesse qualcuno lo scambierebbe per un trapezio isoscele. Per non parlare di questo ammasso di ciccia che fa s che le mie cosce siano ingombranti. - Frena questi vocaboli Elisa. Innanzitutto vorrei dirti che non sei eccessivamente grassa, sei solo un po come dire, in carne ecco! Sai che gli uomini privilegiano particolarmente le ragazze in carne? In effetti una donna tutta ossa non che sia proprio il massimo! Ritengo che anche il tuo cosiddetto trapezio li faccia impazzire, ma poi dai, daltro canto la donna deve avere una forma concava, non deve essere un rettangolo. Guarda Shakira, i suoi fianchi hanno fatto impazzire il mondo. In aggiunta a ci vorrei confessarti che le tue cosce mi fanno impazzire, sono compatte, sono originali. Hanno un qualcosa di speciale che le rende piccole. - Tu dici cos perch ancora non hai visto le mie mani. Sembrano pongo: le odio, le odio con tutta me stessa. Non riesco ad infilare mai un dito da nessuna parte, troppo voluminoso. Sono dellidea che oggi come oggi la bellezza sia paragonata alla magrezza. Vorrei sottolineare che i miei amici mi prendono sempre in giro dicendomi che sono una balena con le mani piccole e ciccione. Sono troppo debole per rispondere, preferisco stare zitta e accumulare tutte queste critiche, fra laltro hanno ragione, non posso contraddi rli. - Sai Elisa, le tue mani sono rare. Tu adesso, dimmi dove trovi queste mani che, essendo piccole, non ingombrano. Da quello che dicono i fabbricanti di guanti, le mani troppo grosse danno fastidio. Ritieniti fortunata! Per concludere sostengo che una persona deve piacere caratterialmente, laspetto fisico conta poco e niente. Cara Elisa, devi imparare a fregartene del giudizio altrui, devi pensare con la tua testa senza rendere conto a nessuno. Il tuo corpo deve piacere a te, tuo, fai ad esso quello che vuoi, ma non fargli del male, lui ti vuole bene e vorrebbe sempre il meglio per te. La vita la tua, solo la tua e di nessun altro. Fai di te unopera darte e non permettere mai a nessuno di rovinartela. - Forse hai ragione, daltronde quelli non sono amici, sono solo persone che non mi accettano per quello che sono! Mi hanno sempre criticata perch gli sbattevo i miei pensieri in faccia, perch non ci pensavo due volte a dire la mia. E sai tutto ci a cosa mi ha portato? Ad essere emarginata dal gruppo, nessuno mi rivolgeva pi la parola. Ammetto che a volte perdevo la calma e diventavo furibonda perch non mi facevano parlare. Sono io la sbagliata qui, non sto mai zitta, devo farmi gli affari miei e basta. Quello che penso devo tenermelo dentro. Oramai non dir pi niente a nessuno viste le conseguenze dellultima volta. - No Elisa, non dire cos. Tu devi continuare a sbattergli, come dici tu, i tuoi pensieri in faccia. Sai che sono proprio questi che fanno la tua personalit? Se ti tenessi tutto dentro, spiegami che persona saresti. Un ignava, come avrebbe detto Dante, che non prende mai una posizione e preferisce star zitta. No, non funziona cos la vita. Devi imparare a dire a chi vuoi tutto ci che pensi, ma con rispetto. Se tu vuoi essere rispettata, in primis devi rispettare gli altri. Posso darti un consiglio? Non cambiare te stessa solo perch hai ricevuto una batosta dai tuoi amici, resta come sei e vedrai che solo cos, solo cos un domani ne farai di strada. - Ci penser su, grazie di avermi aiutato, mi servivano queste parole.

Uno schifo. Si, mi sento proprio cos, uno schifo! Non c giorno, ora o secondo in cui io non mi senta questa maledetta frase attraversarmi questo stupido corpo, anzi questo orribile fisico che non fa altro che darmi frustrazioni su frustrazioni. Ma guardami! Sono la ragazza che nessuno vorrebbe mai avere accanto, sono quella ragazza che sta aspettando qualcuno che le dica semplicemente un sei carina, sei bella, ma sono anche quella che sa che purtroppo questo non succeder mai. Ma che stai dicendo!? Ma ti stai sentendo!? Non vero che sei uno schifo, anzi sei una bella ragazza ma ancora non te ne rendi conto. E poi il tuo fisico, se proprio lo vuoi sapere non neanche tanto male perch devi sapere che ci sono ragazze che pagherebbero oro per avere il corpo che hai tu, che anche se non perfetto come lo vuoi tu, bellissimo cosi com! Ma smettila! Tanto lo so che stai dicendo tutto questo solo per non farmi soffrire e per vedere sul mio viso uno di quei sorrisi forzati che faccio ogni volta che voglio mentire e voglio farmi vedere forte, anche se poi lunica verit che io non sono per niente forte, anzi tutto il contrario! Io sono fragile, fragile come la foglia che cade lentamente dallalbero quando autunno! Ma sai che c? Sai perch quella foglia si voluta staccare dallalbero? Perch era stufa. Ecco perch. Perch era semplicemente stufa di stare male, di soffrire e di farsi vedere per quello che non ! E cosi sono io, io sono quella foglia E credo che continuer ad esserlo per sempre. Ma perch cavolo devi continuare a vederti quella sbagliata, quella che della vita non ci ha mai capito niente? Perch devi dirti queste atroci parole senza pensare che invece

c qualcuno l fuori che sta aspettando proprio una come te?Forse, sicuramente in quellinfame mondo fatto solo di persone senza felicit c invece qualcuno proprio come te, qualcuno che sta solo aspettando di essere salvato da qualcuno, ma soprattutto da se stesso! Daltra parte in quel mondo senza un essere felice c anche quel qualcuno che pu salvare te e farti vivere una favola, una di quelle favole perfette, come quelle delle vere principesse Non una di quelle che dopo due giorni finiscono, no. Una di quelle che sono per sempre! E sono assolutamente sicuro che l fuori qualcuno cos c, e prima poi arriver e ti salver da tutto e da tutti, da te stessa e da quella te che tu pensi che sia sbagliata, ma che invece stupenda cosi com, quella te che tu odi tanto prima o poi sar la ragione di vita e la forza di andare avanti per qualcunaltro. No! Io al lieto fine ormai non ci credo pi! Le favole non esistono pi ed io non potr mai essere la principessa di una di quelle favole che dici tu. Io una principessa? Con questi capelli crespi e disordinati? Con questi brufoli rossi e giganteschi? Con questo fisico terrificante? Ma fammi il piacere! Le principesse delle vere favole non sono cos, tuttaltro. Le principesse delle favole sono belle, senza nessuna imperfezi one, magre, bionde, insomma perfette! Dai, adesso mi dirai che la perfezione non esiste e che se continuo cos non sar mai felice! Ebbene allora sar cosi. Perch la felicit non esiste e io non vivr mai in una favola! Innanzitutto ti dico che per vivere una favola ed essere una principessa non serve assolutamente essere belle, magre, bionde o cose varie Perch la vera bellezza quella interiore. La vera bellezza quella che ognuno di noi mette quando ha la bont, la gentilezza, lamore e lamicizia, la bellezza si ha dentro e non fuori! E poi ancora con questa maledetta perfezione! Ancora non lhai capito che la perfezione non esiste, s te lo dico, la perfezione non esiste! E te ne dovrai fare una ragione, perch se vuoi essere perfetta, come dici tu devi solo imparare ad accettarti cosi come sei e provare a vedere i tuoi pregi e i tuoi lati positivi, solo cosi potrai finalmente essere felice e perfetta! questa la vera perfezione niente di pi! Questa la favola e solo se impari a comprendere tutto quello che ti sto dicendo potrai viverla tutta nel migliore dei modi e essere la principessa della favola! Non lo so se hai ragione Forse s, o forse stai dicendo solo un mucchio di cavolate! Potranno passare anche giorni, settimane, anche anni, lunica cosa che so e che voglio quella di poter essere felice prima o poi e ci devo riuscire! Lo devo fare per me, solo ed esclusivamente per me stessa! Il mondo non pu continuare a crollarmi addosso senza che io faccia niente per fermarlo! Devo reagire e imparare a fregarmene del giudizio degli altri, che non fa altro che fermarmi e rendermi pi debole! E s, credo che in fondo non sono poi cos tanto fragile, anzi, io sono forte. Devo solo trovare nella mia anima e nel mio cuore quella forza che mi serve per essere felice e per farmi andare avanti! Perch alla fine voglio essere felice e vivere quella splendida favola che ho sempre sognato di vivere, quella favola che ho sempre sognato di vivere, essendo perfetta con tutti i mie difetti e le mie imperfezioni. Essendo bella e perfetta dentro e non fuori E giuro che io ce la far! Ora lo posso dire Io ce la far!

Era una delle solite giornate in cui mi sedevo sul letto e mi guardavo allo specchio in malo modo, come se avessi qualcosa che non andava, o meglio, come se avessi qualcosa di sbagliato. Non so cosa avevo, per mi sentivo diversa da tutte le altre ragazze che ogni giorno frequentavo. Cercavo di riflettere su me stessa attraverso il mio corpo, e attraverso il mio carattere. Bh Non vedevo molto. Vedevo solo una ragazza arrogante e scontrosa che voleva cambiare a qualsiasi costo, per non ci riusciva. Vedevo una ragazza che a volte non accettava alcune conseguenze e non sempre si prendeva le sue responsabilit, per via delle situazioni problematiche che laffogavano ogni giorno diversamente. Vedevo una ragazza che pensava solo al divertimento, al godersi la vita a volte in modo sbagliato. - Io non so pi chi sono! - Non dire sciocchezze. Sai perfettamente chi sei: una ragazza che insegue i sogni fino al giorno che li rende veri, una ragazza che lotta per ottenere qualcosa e fidati che oggigiorno ce ne sono veramente molto poche di ragazze come te. - Non questo il punto. Sono un obbrobrio! Per cominciare sulla mia faccia si vedono solo brufoli che partono dalla fronte fin sotto il mento. Per non parlare del mio naso Ho una nasca assurda, indescrivibile direi. Sono orribile! A volte non riesco neanche a guardarmi allo specchio. - Innanzitutto hai dei brufoli perch stai crescendo, quindi una cosa normale. Per quanto riguarda il tuo naso anche lui normale, solo fatto un po a punta. E poi non sei perfetta, lo sai. Ma chi se ne frega! Nemmeno la luna perfetta, piena di crateri. E il mare? Nemmeno lui, troppo salato. E il cielo? Sempre cos infinito Le cose belle non sono perfette, sono speciali! Sappilo. - E poi c il mio carattere Lo ammetto: a volte sono troppo menefreghista, basta che sto bene io. Non mi accorgo che magari facendo cos, posso far star male qualcuno che a me tiene veramente tanto. Non mi accorgo che magari le persone vogliono soltanto

aiutarmi dandomi dei consigli che, la maggior parte delle volte, prendo per delle critiche o per dei giudizi. - Si, ok. Per devi ammettere che stai prendendo tutti i lati negativi del tuo carattere. Sei una persona determinata, perch quando vuoi qualcosa, la vuoi ottenere a tutti costi e lotti molto per ottenerla. Questo tuo lato positivo da ammirare molto. - Infatti io stavolta mollo, stavolta io non lotto pi! Per una volta, una sola volta, voglio che sia qualcunaltro a lottare per me! Non ne posso pi. Io comincio ad avere dei dubbi su me stessa. Perch non riesco ad avere una stupida relazione con qualcuno? Perch?! Forse sono sbagliata io. Ho qualcosa che non va sicuramente, perch senno io non mi spiego. Tutti che mi illudono e mi usano. - Il perch di tutto ci lo sai anche tu. Non sei tu il problema! Il punto che scegli sempre male, molto male. Ti scegli sempre i ragazzi sbagliati, i ragazzi che non fanno per te, i ragazzi che allinizio ti sembrano sinceri e invece alla fine scopri che ti hanno preso solo in giro. Il problema non sei tu, sono loro. Lo sai - In aggiunta a ci alcune volte le persone si annoiano con me e neanche mi ascoltano quando parlo So di essere brutta, so di non essere mai abbastanza, per questo mi sento sbagliata. - Dal mio punto di vista non sei cos brutta come pensi: hai un fisico che potresti far invidia, hai la maggior parte delle volte un sorriso che spacca le pietre. Forse i tuoi amici si annoiano con te, perch capiscono che non sempre sei te stessa, anzi, capiscono che cerchi di imitare le ragazzine che frequenti, e quando parli non dici mai quello che pensi perch, come ho gi detto, cerchi di imitare altre ragazze. - Forse hai ragione Per oggi come oggi, c chi sostiene che non sei nessuno se hai una tua personalit o se sei bella dentro, vali solo per il tuo aspetto esteriore! - Aspetta Ci sono ragazzi che pensano soltanto a questo, ed altri che magari pensano i l contrario. Il problema che di questi ragazzi ce ne sono rimasti veramente pochi, perch i ragazzi di oggi pesano soltanto a quello intendiamoci. Per devo ammettere che non tutti sono cos. Non nel tuo caso per! - Hai perfettamente ragione. - Lo so! Adesso non ti soffermare su queste cose. La vita ancora lunga e tu sei solo ai primi passi. Non farti paranoie inutili. Troverai quello giusto che ti apprezzer per quello che sei e non per quello che gli altri vogliono che tu sia. - Giusto. Spero che per sar veramente come dici. Grazie mille. Mi hai fatto ragionare, e devo dire che la prima volta che qualcuno si interessa a me. Grazie ancora

Laltro giorno appena mi sono svegliata ero davvero tranquilla fino a che non sono andata davanti allo specchio e come al solito avrei voluto sparire dalla faccia della terra! Come ogni giorno, mi guardavo e guardavo, un essere deforme che cercava un pregio del suo corpo ma non riusciva a capire dovera, se cera. - O mio dio che spavento! Ho due occhi che sembrano due palloni, delle occhiaie che sembra che non dormo da anni, stasera ho anche una festa e non so nemmeno cosa indossare. Aiuto! Se metto dei pantaloni non va bene dato che ho questi coscioni, per non parlare di come mi sta un vestitino! - Ma sei scema o cosa? Un vestitino ti starebbe da Dio! Tu mi sa proprio che non sai cosa dici, spari e basta . - No, mi sa che tu non sai cosa dici, ma non vedi come sono brutta? Come sono cicciona? Vorrei tanto mettermi un bel vestito con dei tacchi che mi slanciano un pochino, ma non mi sta per niente bene! Lunica cosa una tuta con un felpone un po grande - Cio ma fammi capire tu ad una festa come quella di questa sera ci vorresti andare con una tuta? Tu non sei per niente normale! Io penso che tu sai di non essere una vacca da latte ma per colpa delle tue amiche che ti mettono in testa inutili idee su di te, facendoti pensare cicciona, ma sei tutto il contrario. Sei bella cos come sei! -Avrai pure ragione sul fatto che sono le mie amiche a mettermi in testa queste cose ma alla fine hanno ragione! Non mi curo, mi vesto cos come mi capita, ti credo che non mi si fila nessuno!

- Tu credi che per essere bella e piacere devi per forza vestirti come una modella? Beh sai, le modelle sono molto brutte per come la penso io, con quel corpo come uno stecchino e quel viso pi piccolo del palmo della mia mano! - Intanto loro hanno dei ragazzi a cui piacciono e riescono a stare in pace con se stesse. Io invece sto qua a farmi mille complessi al giorno per il mio corpo e per come mi comporto. - Non credi che sarebbe meglio se allontanassi da te queste brutte amicizie e che trovassi delle persone che ti apprezzano per la tua personalit? - Forse hai ragione, ma tanto in ogni angolo in cui mi giro ci sono solamente persone che ti guardano male solo perche sei vestita un po da maschiaccio, ormai gente che ti apprezza per come sei dentro non la trovi pi da nessuno parte. - Sai normale che pensi cos, date tutte le batoste che hai preso, normale che hai perso la fiducia, ma fidati che l fuori ci sar qualcuno che ti sta aspettando per conoscerti a fondo e per amarti cos come sei! - E ok, ma non hai visto come sono anche caratterialmente? Cos timida, troppo altruista e insicura di me stessa! Non andr mai avanti nella vita se non cambio carattere! Penso troppo agli altri, penso pi a loro che a me, e di me chi si preoccupa invece? Nessuno. E cosi non va bene. - Beh laltruismo non puoi assolutamente valutarlo come un difetto! Forse dovresti esserlo meno, cerca di aiutare i tuoi amici, le persone che ti stanno accanto! - Non ci riuscir mai, poi con linsicurezza che ho dove vado? A pensarci sono anche ingenua, non riesco a capire come stanno veramente le cose se non me le fa capire qualcun altro, non riesco a farmi entrare da un orecchio e a fare uscire dallaltro le prese in giro versate su di me. - Caterina, nessuno perfetto lo vuoi capire o no? Sei piccola ancora, hai tutta la vita davanti, hai tutto il tempo per cambiare sempre di pi, nel bene o nel male. E normale se ancora sei un po insicura, con il tempo e con la buona volont vedrai che passer e che sarai una persona diversa! -Sai hai proprio ragione! Ho 14 anni, non posso pensare sempre che non sono nessuno, che valgo 0, io sono io, non mi piaccio ma far del tutto per avere un po di autostima.. Alla fine non ci vuole molto.. basta che non penso alle ciarle della gente! -Oh, finalmente.. Brava, cos ti voglio! Comincia ad amare di pi il tuo corpo e te stessa e vedrai che con un batter docchio si risolver tutto! Avevo riflettuto tanto, ho capito che per essere buone amiche non c bisogno di portare una borsa che piaccia anche a lei, ma bisogna piacersi per quello che si dentro, cosa che con i miei vecchi amici non era cos. Alla fine ho preferito rimanere in casa a leggere un bel libro damore piuttosto che stare con delle persone false che mi considerano solo se ho una borsa griffata e alla moda.

Sono gi le tre!Alle quattro con le mie amiche devo incontrare altre ragazze di un altro Paese che abbiamo conosciuto alla festa di Luca sabato scorso; e come al solito non so mai cosa mettere. Allora se indosso la felpa dopo se gioco e sudo sento troppo caldo,se mi metto la maglietta leggera mi ammalo e poi chi la sente mamma! Oppure se mi metto i jeans non sto comoda e lunica soluzione la tuta che per non mi piace per niente indossare perch alle gambe troppo larga. Aiutatemi! -Io invece penso che la tuta a te starebbe molto bene! -Ma dai ma mi hai mai visto? Poi le mie cosce non mi piacciono proprio per niente;per me sono troppo piccole io le voglio pi grandi! -Ahahha mi vien da ridere,ma dai ci sono ragazze che pagherebbero oro per avere delle cosce come le tue e tu che dici, che le vuoi pi grandi? Ma allora sei tu, che se non cerchi qualche difetto non sei felice.

-Ma il mio corpo fatto tutto di difetti! Guarda i miei capelli! -Non capisco cosa c di strano. -Te lo dico io cosa c di strano:TUTTO. Per prima cosa sono corti e a me piacciono lunghi e secondo sono di mille colori:sopra sono pi scuri, alle punte pi chiari, allombra sono castani e al sole biondi; una cosa normale secondo te? -Per me sono molto belli e sentiamo un po come li vorresti? -Meglio di questi, per esempio a me piacciono lunghi fino allombelico, lisci e biondi;che belli! -Cos li rovini solamente. -Oppure guarda i miei occhi; sarebbero stupendi se fossero celesti. -Purtroppo per non li hai e allora che fai, li colori? -Semplice:le lenti a contatto. -Ridicola;ma tornando allabbigliamento allora hai deciso che cosa indosserai? -Ma lo stai facendo apposta?No, non ho deciso,quasi quasi rimango qui a casa visto che non so che mettermi. -Io ho unidea metti i pantacollant con una bella maglietta lunga. Che ne pensi? -No,perch a me le magliette lunghe non mi piacciono preferisco quelle corte. -Allora fai da sola,ti ho dato tutti i consigli del mondo e tu nemmeno ne stai facendo uso. -Io di certo non vado a credere ai consigli che mi d uno stupido specchio, anzi preferisco i consigli che mi danno le mie amiche almeno sono migliori dei tuoi. -A me invece sembra che le tue amiche ti dicono troppe cose che non sono per niente utili,perch mi vuoi far credere che tutte le cose che mi hai detto le pensi tu o le tue amiche? Io credo proprio le tue amiche. Sai che ti dico che devi cominciare a pensare con la tua testa e non devi pensare al giudizio degli altri,perch la vita la tua non delle tue amiche. -Invece sai che ti dico io,che sei veramente uno sfacciato e che tutto questo lo penso io e solo io,anzi le mie amiche la pensano su per gi come te! -E allora perch una buona volta non gli dai ragione? -Perch faccio come mi hai detto tu DEVO PENSARE CON LA MIA TESTA. Sono giunta ad una conclusione che indosser semplicemente i pantacollant neri con una maglietta corta bianca ed un giacchetto. -Io avrei preferito unaltra cosa, ma visto che tu sei di coccio -Per concludere mi faresti un grande favore a non intrometterti pi,visto che non sai nemmeno darmi dei buon consigli e visto che lunica cosa che sai fare far perdere tempo alla gente;si fatto tardi e per star a chiacchierare con te ho perso tempo. Sei solo un buono a nulla.

-Buongiorno! amico mio specchio cerca di essere carino, secondo te come sto oggi? -Ti trovo bene, hai i soliti capelli dritti, ma stai bene -Ancora non mi guardo, fammi vedere se mi stai prendendo in giro Ma stai scherzando, mi sono venuti almeno altri quattro brufoli e sono belli rossi, poi non parliamo del mio nasone, che oggi mi sembra pi grande che mai. -Ma cosa dici i brufoli li avevi anche ieri e il naso sempre lo stesso!a proposito hai gli occhi lucidi ma di felicit mi sembra,o mi sbaglio? -Non ti sbagli,oggi volevo essere in forma perch un giorno molto importante, e io mi vedo bruttissimo!! -Allora amico mio, i brufoli li metteremo ko con quella pomatina che ti ha comprato tua madre, il naso come sempre, ma potremmo fare degli impacchi con lacqua gelida, cos ti sembrer diverso. Ma la cosa pi importante, sapere che tu sei felice. Allora vuoi dirmi che giorno , e perch cos importante? -Oggi devo uscire con una ragazza che mi piace tanto, e volevo essere al masssimo! -Allora prendi i jeans, quelli con i tasconi, la camicia che ti ha regalato tuo zio, il maglione blu e gli scarponi quelli della Wrangler. Intanto sistema quei boboloni e rinfrescati con lacqua fredda, io sto qui ad aspettarti! Sei pronto? Quanto ci vuole? -Eccomi sto arrivando allora tu dici che cos posso andare!? -Girati un po, fammi una piccola passerella mm mm s puoi andare -Sar! -Caro Nico la cosa pi bella di te quello che tu sei dentro. Non preoccuparti di come puoi stare fisicamente, perch un giorno cos e laltro diverso ancora, preoccupati solo di ragionare con la tua testa e di continuare ad essere la bella persona che sei! -Graziefammi gli auguri! -In bocca al lupo! -Crepi!!!

Era una giornata piovosa ed ero in camera da letto,non sapevo cosa fare cos decisi di accendere lo stereo per ascoltare della musica. Quando passai per avviarmi verso lo stereo,mi fermai davanti allo specchio e notai sulla faccia tanti brufoletti: -Oh dio che schifoo! - esclamai. -Ma che dici? Piano piano scompaiono tutti...Bisogna avere solo pazienza,questa la crescita. -S ma guarda che schifo di capelli! Sono tutti rovinati, dovrei rasarli come quelli delle mie amiche... -No, ma per piacere! Si diversa dagli altri, distinguiti. -Ma se mi acconcio come piace a me, poi non piacer agli altri...

-E che ti frega? Devi stare bene tu, mica devi dare tanta importanza a quello che pensano gli altri di te. -Ma che...Dopo non sarei una ragazza adatta alla societ d'oggi. -O con quel gruppetto con cui esci? Smettila di pensare che sei brutta -Ma guarda che occhi a cinese! E che occhiaie!-Scema,non dormi per niente!Vai a dormire sempre tardi con le lacrime agli occhi perch piangi a causa di litigi con i tuoi...Io sono uno specchio,ma vedo ogni cosa. Vedo quando ti alzi e piombi davanti a me per vedere in che condizioni sei...Vedo quando metti quella roba sopra la tua faccia,vedo quando piangi e ti si gonfiano gli occhi!Vedo tutto... -Sei un impiccione! Faccio schifo,sono grassa guarda che fianchi larghi!E le coscie?!Devo assolutamente mettermi a dieta! -Ma sei scema?Hai un fisico snello snello,non provare nemmeno a pensare di iniziare una dieta. -E le mani?Tutte rovinate! -Se magari la smettessi di mangiucchiarti le unghie! -E' un vizio,non posso farci nulla...Ma sto naso?Sembra una patata! -E' bellino, piccolo piccolo e diverso da tutti! -Che mi metto?!Oddio... -Quello che vuoi,devi sentirti comoda e fregartene di quello che pensa la gente. -Se mi vesto come piace a me,poi mi sento diversa dalle mie amiche... -Perch?Perch non sei uguale a loro?Perch non ti sei messa un tipo di pantalone che va di moda in questo periodo? Chiara,distinguiti da tutti,si diversa che meglio. -Gi,forse dovrei smetterla di pensare che devo essere come tutte le altre... -Esatto, sei fantastica cos come sei...! -Boh non lo so,non mi convince essere diversa da tutte. -Certo adesso dici cos perch sei talmente abituata a copiare lo stile delle tue amiche,che sembra che tu non abbia un po di personalit. -Ma guarda che labbraaa!Sono rovinate pi della mani! Appena posso le rifaccio. -Tu non ti rifai nulla!Sei bella cos,fidati di uno specchio che nota ogni cosa di te. -Va bene, allora metto quello che piace a me da oggi in poi!Sono stufa di essere come tutte le altre! -Meno male! -Adesso scendo che devo cenare e mamma mi aspetta. -Brava.E mangiaaa!

-Devo sbrigarmi a vestirmi che lappuntamento al bar tra cinque minuti! -Ehi, aspetta un attimo! -Che cosa vuoi? -Come?!? Vuoi andarci cos! -S, perch? Cosa c che non va? -Ma come; non te ne accorgi? Guardati! Hai foruncoli sparsi per tutta la faccia! Tra un po diventerai un vulcano ambulante! -Allora in primo luogo non sono poi cos tanti -Umm -E in secondo luogo io non mi curo poi tanto di questo aspetto. -Per me invece dovresti -Fatti gli affari tuoi!

-E va bene, ma non credere che sia solo questo il tuo problema. -Davvero?!? Dimostrami che hai ragione. -Sei grasso! -E con questo? -Credi di continuare ad andare avanti cos? -Beh io faccio del mio meglio per dimagrire. -Se questi sono i risultati -Dai ora basta pensare ai miei difettitu che ne pensi della mia nuova capigliatura?

-Fa schifo! Erano meglio i capelli lunghi dato che almeno coprivano un po di foruncoli! -Per me no! E poi I capelli lunghi avevano molti aspetti negativi, come per esempio mettevo troppo tempo ad asciugarmeli quando li lavavo oppure quando giocavo a calcio mi andavano sempre davanti agli occhi! -No, un po erano meglio! -E tu che ne sai? -Fidati. -Ehi senti, come ti sembro? Vado bene cos? -No. -E che cosa c questa volta? -Sei basso. -Non credo, per la mia et una statura del genere normale! -Tu dici? -Beh, sono pi alto di molti dei miei compagni! -Questo non significa che tu sei alto. -Dai, basta! E comunque io parlavo dei vestiti! Come mi stanno? -Malissimo, sono orrendi! Ma non solo questi! Sono orribili tutti i tuoi vestiti dato il tuo bruttissimo gusto in fatto di moda! -Lo sai che io sono fatto cos, e non posso cambiare! -E perch no? -Perch il mio carattere; certo posso avere tutti i difetti del mondo, ma i difetti di una persona non si possono cambiare. -Dimostramelo! -Certo!!! Ma ora devo andare dai miei amici, ciao.

-Ah si stasera sono bellissimo! Sono vestito bene, elegante e bello! Guarda che capelli invidiabili, sono perfetto. -Ma cosa dici ma ti sei visto allo specchio? -Perch che cosho che non va? -Ehi ma non ci vedi , sei cieco? -Ancora; dimmi cosa non va -Tutto, lo capisci? tutto?!?!? Io non so proprio qual la parte che non riesci a capire di tutto fa schifo, e non capisco come hai solo il coraggio di presentarti davanti a TE con questa allegria sfavillante!! Dovresti chiuderti dentro casa e uscire solo quando necessario, ma comunque coperto. -Dici questo solo perch sei invidioso di non avere una vita, invece, di criticare quelle altrui, ne vorresti una tutta per te. Sar cos bello che far innamorare tutte le ragazze che incontrer per la via e quando torner a casa pieno di baci mi invidierai ancora di pi a tal punto da odiarmi. -Chiacchieri tanto ma, i fatti dove sono? Io sto bene con la vita da critico e con una vita di uomo non ci farei niente. -Servi solo a disintegrare i sogni della gente. Adesso devo andare mi aspetta la mia serata e Valeria. -S s codardo, sei solo un codardo, che gira a largo dai problemi e non li affronta. Presi lo specchio e lo ruppi. -Ah che silenzio. Finalmente. Ma come sono finito a parlare con gli specchi? Valeria: Best andiamo? -S, ecco, arrivo.

Innanzitutto io mi considero una persona bella non solo fuori ma anche dentro, anche se le persone ormai considerano solo il bello esteriore e non quello interiore, e ormai per quasi tutti contano soltanto le apparenze di una persona, senza conoscerla pienamente, in fondo anzi alcuni non hanno nammeno interesse a conoscerela. Comunque io mi considero pienamente una persona bella fuori, ma sono pi che sicuro di essere una bella persona dentro.

-Ma che stai dicendo? Allora dimmi perch i tuoi amici non ti parlano mai e perch si confidano oppure dicono i loro segreti a tutti tranne che a te? Se tutti pensano di te queste cose vuol dire che non sei come in effetti tu dici di essere. Non forse cosi?

-Forse perch non mi accettano per quello che sono, a me questo non fa piacere ma sono loro che non riescono a comprendere il bello che io sono dentro e se loro non mi accettano per quello che sono ma per quello che vorrebbero che io fossi, a me non impora affatto, se non vogliono accettarmi questo un problema loro, ho molti altri amici che mi conoscono veramente e mi rispettano per quello che sono.

-Inoltre ti ricordi di quando ti piaceva quella ragazza? Non ti ha degnato neanche di una minima attenzione, tu per lei non sei nessuno, per lei sei soltanto un piccolo pescolino rosso in mezzo a un oceano infinito. Non avrai mai speranze di fidanzarti, sei bruttissimo sia fuori che dentro, nessuno e nessuna ti considerer mai, non sarai mai felice con nessuno per tutta la tua misera e inutile esistenza!

-Avere una ragazza non l' unica cosa importante, anzi ti dir di pi per me avere dei veri amici pi importante di essere fidanzati, inoltre adesso sono felice, tu puoi continuare a ripetermi che sono brutto, che non avr mai veri amici e una ragazza, ma a me non importa; ho soltanto 13 anni, posso aspettare ancora un po' non credi? Ho ancora una vita davanti per essere felice!

-Non avrai mai speranze di essere bello, n ora n mai, sarai sempre brutto, stolto e incapace, come sei ora o forse anche peggio di come tu sei ora, sarai il peggio del peggio! Non ci riuscirai mai n dentro, n fuori non hai speranze, non vedi come sei grasso? E come hai i tuoi capelli? E quegli occhiali non ti donano affatto, anzi ti dir di pi, anche senza occhiali sei bruttissimo!

-Io sono quello che sono, non posso cambiare il mio essere e anche se potessi non lo farei mai perch ogni persona diversa dall' altra sia di bellezza sia di emozioni, io mi accetto per quello che sono, la stessa cosa che dovrebbero fare gli altri, accettarmi per quello che sono, io mi piaccio cos, per quello che sono e non vorrei cambiare neanche una minima parte del mio corpo o del mio carattere, non vorrei essere altre persone a parte me.

Mi devo sbrigare che devo andare a prendere Marco con Laura che dobbiamo andare alla festa, ora vado a vedere come sto: -Sto una meraviglia, questa sera sono sicuro che far colpo su qualcuna. -Ma cosa dici? Ti sei visto? Mi sembri un barbone! -Ma che stai dicendo! Questa sera sto benissimo. -Ma tu guardati, solo i capelli che ti sei fatto fanno schifo, sembra che una mucca ti abbia leccato in testa! -No, ora vanno di moda cos, puoi dire qualsiasi cosa ma me li lascio cos, mica mi metto a dare ragione al mio specchio. Tu sei matto! -Ma fidati di me, ti dico cose vere, anzi io ti posso far riflettere per far vedere come sei, se no mica mi metterei qui solo per vederti, io ci tengo a te. -Ti ho detto gi cosa ne penso, quindi lasciami stare. Ora me ne vado, mi hai fatto arrabbiare prima che ti tiri un pugno e ti spacchi in mille pezzetti, poi voglio vedere proprio cosa dici, specchio schifoso!

Era uno di quei giorni in cui non avevo proprio niente da fare, non avevo voglia nemmeno di accendere e guardare la tv, cosi scelsi di andare ai giardinetti con i miei amici, giocare a pallone e andare a mangiare un pezzo di pizza in pizzeria. Andai in camera mia per mettermi le scarpe e cambiarmi la felpa che faceva schifo, quando ad un certo punto mentre mi specchiavo per vedere se si intonavano bene le scarpe con la tuta, sentii una voce. -Ma cosa ti sei messo? Sembri uno stupido, ma non ti sei visto?

-Perch? c qualcosa che non va? -Si sei tu che non vai, ma non ti sei visto, hai delle orecchie pi grandi di quelle di Dumbo, hai degli occhi schifosi, delle unghie schifose, sei bruttissimo e mi chiedi pure che cosa c che non va?! -Non vero, sono perfetto, anzi forse pi perfetto di te, che non hai nemmeno gli occhi, il naso e la bocca, non hai niente, hai solo una brutta boccaccia con cui fai mettere qualcosa in testa agli altri che non vero! -Io non metto cose in testa agli altri, sei tu che fai schifo e parli sempre, non sai nemmeno cosa stai dicendo, perch fai schifo anche nel parlare, non sai dire un bel niente. -Tu sai solo predicare, sei solo un vecchio specchio cattivo e imbecille. -Ma tu ti sei visto, sei un pagliaccio, anche nei vestiti, non sai abbinare niente, ti vesti come un clown. -No, mi vesto benissimo invece! -Ahahahahahah! Se ti vesti ancora cosi, le ragazze le potrai soltanto far scappare perch diranno: Oddio, quel ragazzo si veste come un clown da circo! ecco quello che diranno. -Dici che vero? S che vero, devi cambiare in tutto, soprattutto in quelle orecchie, devi rifarle, sono bruttissime. -Non vero, io non voglio stare a sentirti, faremo i cont i pi tardi, io esco un po, non ti preoccupare ci penso io al tuo bel viso di pietra. Dopo alcuni minuti tornai a casa, avevo una pietra in mano, salutai mia madre che era in cucina, salii in camera e lo specchio -Finalmente sei tornato, dobbiamo parlare dei tuoi ritocchi alla faccia! -La mia faccia non viene ritoccata per niente, io sono perfetto come sono, prenditi questa! Lanciai la pietra contro lo specchio, che and in mille pezzi -Sono perfetto! Non ho niente che non vada! Mamma sal di corsa sopra. -Non era perfetto, era brutto e cattivo!

Devo uscire con le mie amiche ma non so cosa mettirmi. Se mi metto i jeans dopo sto scomoda, se mi metto i leggins mi si vedono le cosce..mmm ho deciso mi metto la tuta...e sopra cosa mi metto, maglietta a maniche

lunghe o corte, scollata o non scollata? Uff quella maglietta rosa mi fa vedere la pancia, no questa blu mi va troppo grande. Mantre scelgo cosa mettermi mi sento chiamare, ma io ignoro la chiamata e continuo a cercare dei panni da provare. Dopo un po' di tempo sento di nuovo chiamarmi di l in camera di mia madre, io mi alzo e vado, sento una voce ma non so da dove proviene.
Mi giro nella stanza ma non vedo nessuno. Ad un certo punto sento bussare mi giro verso lo specchio e vedo me stessa che mi saluta. Non posso credere ai miei occhi, mi do un pizzicotto ma niente, mi strofino gli occhi e capisco che non sto sognando. Lo specchio mi dice: avvicinati! appena vicina, lei mi dice : metti la maglietta blu, ti sta bene e poi un po di pancia segno di salute! Ti consiglio poi di mettere i jeans e non la tuta. Sei scema? Con i jeans sto scomoda e poi mi si vedono troppo le cosce e il sedere enorme! Ma che dici? Non enorme formoso! Ok! E i capelli? Legati o sciolti? Per se li lascio sciolti devo fare la piastra e se li lego ho il viso troppo grosso! Lasciali naturali, cosi come sono, lascia stare la piastra e non dire stupidaggini il tuo viso perfetto! Uh!!!! oddio....ho un brufolo enorme sulla fronte....che orrore, non posso uscire cos! Dov' il correttore? Ma sono sicura che che neanche il correttore pu salvarmi..oddio! Ma tutto a me?? E' la crescita, normale avere qualche brufolo e non c' niente di cui vergognarsi! Poi cosa c' che non va in te?? di cosa ti preoccupi? Sei una bella ragazza, qualsiasi cosa indossi ti sta bene...con o senza trucco, sei sempre meravigliosa, sei semplice e unica! Hai ragione, sono bella cos, anche con questo brufolone..ahahaha!!! neanche mi trucco, esco cos, acqua e sapone, non c' niente di meglio! Dopo aver detto queste parole, lo specchio si frantumato in mille pezzi, ho capito allora di non aver pi bisogno di lui.

E ora come mi vesto? I jeans dell Hollister, o il vestitino blu? Che confusione che ho in testa! Mannaggia! Era meglio che a Francesco gli avessi detto che non ci sarei andata alla sua festa! Sarebbe meglio che non mi vestissi e truccassi, tanto sono un mostro in persona che lo faccio a fare? Ma che dici Giulia? Sei bellissima, anzi splendida, hai un viso rotondo perfetto come la luna perch dici queste cose brutte su di te? Perch la verit caro specchio anche se mi dici cos non interessa perch sono brutta ma talmente brutta che nessuno pu prendersi cura di un disastro come me!!! Non vero! Non dire cos mi rattristi ancora di pi! Mah specchio, sono grassa, ho i miei fianchi che mi fanno sembrare il corpo come una pera marcia, brutta e invecchiata, penso che dovrei farmi proprio una plastica per farmi notare... Non ci provare nemmeno! Se hai un po di pancia o hai i fianchi mica vuol dire che sei obesa? Vuol dire che sei robusta tutto qui... mica tutti possono essere perfetti come le modelle che alcune volte nemmeno lo sono per seguire la fama! Allora dammeli tu i consigli per stasera no? Che mi metto? Devo essere allaltezza delle mie amiche e che scherzi? E invece no, perch tu devi pensare solo a te stessa, alle tua amiche non ci devi proprio pensare quando tempo di vestirsi per andare ad una festa devi fare di testa tua e non ascoltare il giudizio degli altri! Specchio, forse hai...hai ragione, in fin dei conti non sono cos tanto brutta e non sono nemmeno perfetta soprattutto perch la perfezione non esiste e non lo nessuno di noi, penso sempre a farmi giudicare dagli altri, penso sempre cose negative su di me! Adesso grazie a te ho riscoperto di essere una persona semplice, generosa e anche un po carina! No, Giulia grazie a te piccola! Penso che se ti metterai quel vestitino blu... questa sera farai un figurone con Francesco! Lo spero grazie! Vado a prepararmi! Ahh si specchio mi hai fatto ricordare che essere prefetti non vuol dire essere perfetti per tutti ma limportante essere speciali per qualcuno!

-Guarda che corpo che ho. Una botte sarebbe meglio. Sembro quei bufali ingrassati pi del normale.

-Ma che dici, ma li hai visti bene i ragazzi della tua et? Sono come te, forse poco pi magri ma la corporatura la stessa. Ma ti senti quando parli? -Ma tu ti sei sentito? Hai capito cosa hai detto? No, guarda. Guarda il mio viso, una ciambella strapiena di crema. -No, il tuo viso bello, quegli occhiali danno un tocco fashion alla tua bellezza. -Basta, io ho ragione perch questo il mio corpo e so io come curarlo. Che non vedi che ho un nasone come una patata gonfia. Questa tutta colpa di pap e della genetica, se pap avesse avuto un naso decente, ora anche io avrei avuto un naso da chiamarsi naso. Fra qualche anno mi far un operazione estetica per ricostruirmelo -A te non sta mai bene niente, il tuo naso a posto. Tu lo vedi troppo grande, ma in fondo la gente lo vede normale. Non farti venire queste strane idee. La ricostruzione. Bho. -Per non parlare degli occhiali, ormai passati di moda gi da un bel pezzo, uscito gi il nuovo modello ed io ho ancora questo come gli antichi. -Ti ripeto: Chi segue la moda beve la broda. Uomo avvisato mezzo salva to. -Ora ti ci metti pure tu con questi detti del cavolo? Gi mia nonna mi fa una testa grande come un pallone, per piacere, basta. -E dei capelli proprio non ne dobbiamo avere un'idea. Peggio dei frantoi dopo un frantumamento, sporchi e unti. Appena li tocchi ti sporchi le mani e puzzano. Vorrei diventare pelato pur di non avere questi capelli. -Seee ecco, ora anche i capelli non ti stanno bene. -No. A me non stanno bene, perch a te piacciono? -S. -E allora sei stupido. Come tutti gli altri che dicono che i miei capelli sono belli. -No. Tu sei stupido che non capisci niente. -Ah, io e allora di questi denti che dici? Sono proprio come topi adulti, conigli giganti. Io non li voglio, ora chiedo a mamma se pu farmi fare un operazione con il laser per unire i denti e spezzarli cosi avr dei denti come tutti. No questi. -Visto, non capisci niente. Quei denti danno un tocco alla tua personalit, tra i tuoi amici stai diventando popolare, ti chiamano, anzi ti soprannominano tutti Topino. Non sei contento? -Si, per a me non stanno pi piacendo. -Fai come ti pare ma comunque sei un bel ragazzo. -Ma che dici, come fai a saperlo se nessuna ragazza si mette con me, credi che io sia un bel ragazzo???? - .............. -Allora, stai zitto.

Qualunque fiore tu sia, quando verr il tuo tempo, sboccerai. Prima di allora una lunga e fredda notte potr passare. Anche dai sogni della notte trarrai forza e nutrimento. Perci sii paziente verso quanto ti accade e curati e amati senza paragonarti o voler essere un altro fiore, perch non esiste fiore migliore di quello che si apre nella pienezza di ci che . E quando ci accadr, potrai scoprire che andavi sognando di essere un fiore che aveva da fiorire. Daisaku Ikeda