Sei sulla pagina 1di 30

IL MIO PAP UN TIPO TRANQUILLO . .

Storia di un pap utilizzabile


a cura di dott.ssa M. Cornelli

LE FUNZIONI PATERNE . . .

Infondere fiducia nelle nuove generazioni Educare soprattutto nei momenti di confusione Fungere da contenitore e da guida Contribuire alla costruzione dellidentit di genere Supportare e sostenere la madre nella crescita del bambino Favorire la separazione dalla figura materna Promuovere interessi vitali Rappresentare una storia damore Testimone di coraggio

UN PAP UTILIZZABILE QUANDO . . .

un testimone sufficientemente attendibile che permette ai figli di stare al mondo pur non sapendo cosa sia davvero giusto e cosa sia la felicit
un compagno che aiuta la madre a liberarsi dalla tirannia del codice materno, che sa tenere aperto il conflitto tra madre e padre, che sa proteggere e dispiacere, che sa mantenere la distanza dai figli e donare il segreto pi prezioso del vivere, affidare uneredit, consapevole che le sue aspettative saranno tradite dai figli mentre cresceranno Si mette in gioco e rischia una strada, un supporto, una richiesta, un desiderio, anche nel dubbio nelleducazione dei suoi figli Mantiene la rotta senza temere di perdere lamore del proprio figlio Vive una storia damore con la sua donna senza rendersi equivalente ai suoi figli

. . . QUINDI RISCHIA DI DIVENTARE INUTILIZZABILE . . . . . . . . QUANDO . . . ???

Abdica alla sua funzione rifornimento materno

favore

di

un

Non disponibile a: Instaurare una relazione damore con i propri figli A fare la persona adulta Ad accettare la responsabilit di educare nella quotidianit A provarci

QUALI SONO I CODICI EDUCATIVI NELLA RELAZIONE GENITORIALE?

CODICE PATERNO

Sostenere la madre nel 1anno di vita Stimolare a conquistare la vita Fornire regole e limiti Fare esperienze Soddisfare i bisogni Favorire la socialit Dare ordine e controllo Dare responsabilit

E UN . . . .

CODICE MATERNO

Proteggere Tollerare Compiacere Gratificare Soddisfare i bisogni Dare ordine e controllo

Scopo dellEducazione favorire lAutonomia . . .

PRIMO ANNO DI VITA


DEVOZIONE E DISPONIBILITA Il primo anno di vita deve essere di autentica devozione verso il neonato D. Winnicot Mesi in cui si sviluppa lattaccamento primario verso la figura materna, unesperienza di relazione che sar alla base di tutti i rapporti futuri Nessuna norma Il padre avr il faticoso compito di sostenere la figura materna in questo primo periodo

SECONDO E TERZO ANNO DI VITA


I DIVIETI

E necessario che vengano dati al bambino in modo che cominci a costruirsi una prima mappa del territorio fatto di zone accessibili e altre meno Anni in cui il bambino ha bisogno di fare esperienza sensoriale Primi passi verso la costruzione di una competenza emotiva Parole chiave: Non Sostituirsi Linguaggio e la socialit come importanti fattori di crescita

QUARTO E QUINTO ANNO DI VITA


LAUTONOMIA

Il bambino acquisisce delle competenze cognitive ed emotive pi mature sta uscendo dalla fase simbiotico fusionale entrando in una di maggiore autonomia Stop ad un accudimento eccessivo Progressiva educazione al pudore Stabilire confini e distanze Regole chiare

DAI SEI AI DIECI ANNI


REGOLE

Il bambino abbandona il pensiero dicotomico e inizia a svilupparsi il pensiero reversibile I genitori devono vivere il proprio ruolo educativo Va abbandonata la sgridata Basta !, il comando Vai a dormire . . . e la discussione Chiarezza regole e comunicazioni chiare

LA PREADOLESCENZA E LADOLESCENZA
Il ragazzo ha bisogno di confini precisi Negoziazione di regole (riunione famigliare) Fermezza educativa Dialogo e ascolto non giudicante Il pensiero logico astratto si allontana dai genitori interessato ai coetanei Attenzione adulti a non desiderare di essere come gli adolescenti !!!

GIOCO E FANTASIA . . .
Il mio pap un tipo tranquillo, gli piacciono i ravioli di ricotta e dopo cena si addormenta alla tv, ma quando viene la domenica, usciamo dalla porta di dietro, quella che da sulla tundra gelata e . . . .

ESPERIENZA ed APPRENDIMENTO . . .

Il mio pap mi insegna la pista dellelefante e quella del rinoceronte nero . . .

GUIDA E SOSTEGNO . . .

Io tengo la mia mano nella sua . . .

CRESCITA. . . .
Mi insegna a guardare il cielo senza provare paura e per questo grande e mi insegna a riconoscere tra le nuvole quella che porta la tempesta . . .

CONDIVISIONE . . .
E dopo ci infiliamo nelligloo tutti e due, ci sdraiamo sulle morbide, bianche pellicce e lui mi racconta una storia di quelle antiche, di animali e di giganti . . .

GENITORI CHE DICONO ESSERE DISORIENTATI !


Si passati da un modello Autoritario Come faccio a far valere le mie decisioni? ad uno Affettuoso Come faccio a farmi amare? In entrambi i modelli le figure genitoriali pensano a loro stesse ...
Nel modello Autorevole i genitori possono dire al figlio: Usa me per diventare grande!

TIPI DI FAMIGLIA . . .
La famiglia affettiva

Economia di godimento Negare le frustrazioni Soddisfare i bisogni . . . Se immediatamente ancora meglio! Argomentare tutto Avere figli felici

La famiglia autoritaria La famiglia normativa

TRE METAFORE PER UNA EDUCAZIONE SUFFICENTEMENTE BUONA . . .

UNA BUONA BANDA MUSICALE . . . .

IL FARO . . . .

IL PACHIDERMA . . .

GRAZIE PER LATTENZIONE e.... BUON LAVORO !!!!

Tratto dal libro Il mio pap un tipo tranquillo di C. Mariniello Edizioni Giunti