Sei sulla pagina 1di 2

MARTED 25 MARZO 2014

URBINO E MONTEFELTRO 21

Ad Urbino domani si presenta Il parlar franco di Tonino Guerra


A DUE ANNI dalla scomparsa di Tonino Guerra, domani mattina si svolger un incontro di studio e di approfondimento sul poeta romagnolo (1920-2012). Alle 9,30, nella sala degli Incisori del Collegio Raffaello si presenter il numero 11/12 de Il parlar franco (rivista diretta da Gualtiero De Santi), interamente dedicato al poeta di Santarcangelo. Liniziativa, dovuta alla Libreria Moderna Universitaria, con il patrocinio della Citt di Urbino e dellUniversit, vuole essere un momento di riflessione su un intellettuale che ha segnato il Novecento culturale e letterario italiano. Poeta, scrittore, narratore, sceneggiatore, Tonino Guerra, che ha studiato a Urbino, tornandovi in varie occasioni per conferenze e lezioni, al quale lUniversit ha conferito la laurea ad Honorem nel 2005, autore anche di fantasiose fontane, di quel singolare Orto dei frutti dimenticati, noto nel mondo, di installazioni particolarmente suggestive. Partecipano allincontro alcuni dei critici presenti con i propri contributi ne Il parlar franco: Luca Cesari, Gualtiero De Santi, Maria Lenti, Tiziana Mattioli, Salvatore Ritrovato.

DOMANI Baldacci, confronto sul rilancio dellAteneo


URBINO

DOMANI pomeriggio alle 14,30 al Collegio Raffaello, si svolger un seminario per costruire insieme il rilancio dellAteneo. Massimo Baldacci, candidato rettore allUniversit di Urbino, ha invitato a intervenire al seminario anche gli altri candidati al Rettorato, i soggetti che compongono lAteneo (docenti, ricercatori, precari, personale tecnico-amministrativo e studenti) nonch la cittadinanza urbinate.

Al via i restauri dellAccademia di Belle Arti di Urbino. Una folla per la giornata Fai
URBINO

PARTONO i restauri allAccademia di Belle Arti di Urbino, che grazie al Fondo Ambiente Italiano ha rivelato nello scorso week end a cittadini e turisti le sue immense volumetrie e gli scorci unici sulla citt. Al saluto del Delegato Provinciale FAI Anna Siccoli e di quello urbinate Eugenia Rigi Luperti, che hanno sottolineato le difficolt ogni anno affrontate, ma sempre concluse con successo per offrire al pubblico nuove sco-

perte sul patrimonio artistico italiano, ha fatto seguito laccompagnamento del Presidente dellAccademia Giorgio Londei verso i sotterranei di quello che fino allUnit dItalia era il complesso monastico del Carmelitani Scalzi, poi riformatorio e dal 1967 sede di unAccademia che dai 50 iniziali conta ora su 457 studenti provenienti da ogni parte dItalia e del mondo. I RESTAURI, avviati grazie a un

finanziamento ministeriale da centomila euro, riguarderanno la facciata, la sicurezza generale e soprattutto la definitiva sistemazione dei sotterranei un luogo destinato a spazio espositivo, che si aprir ai cittadini ha sottolineato Londei e che dar nuove opportunit agli urbinati per rendersi conto del grande patrimonio di arte e di bellezza di questa citt, che non pu e non deve limitarsi allofferta del Palazzo Ducale. FASI successive e un nuovo fi-

nanziamento da 278.000 euro in arrivo consentiranno di avviare poi un altro importante progetto: la copertura del cortile esterno, un tempo destinato allora daria dei discoli, che dallaccesso sul Parco della Resistenza e sulla splendida vista su Urbino dar nuove spazi di incontro e di creativit. La struttura potrebbe avere un ingresso autonomo dal Parco della Resistenza ed utilizzabile al di l degli orari dapertura dellAccademia. Tiziano Mancini

URBINO LA SCUOLA DI TEATRO DUCALE DI RACHEL ZEKRI HA PREPARATO UN INTENSO PROGRAMMA DA GIOVEDI

Un corso per diventare mimo con lassistente di Marceau


URBINO

A FIANCO DEL MITO Elena Serra con Marcel Marceau

LA SCUOLA di Teatro Ducale di Rachel Zekri offre unoccasione unica agli appassionati di teatro: lo stage Mimo, illusioni e metamorfosi, il corpo del attore con Elena Serra, in programma da gioved al 30 marzo per 18 ore intensive e coinvolgenti. Mimare un atto primordiale, un atto dinfanzia spiega lartista. Il bambino mima il mondo per imparare a riconoscerlo e a confrontarsi a lui. Il teatro un Jeux che prolunga questo evento. Il Mimo prima di tutto unazione, il corpo che subisce prima di reagire. Questa una regola fondamentale del teatro, poich a teatro tutto comincia da un corpo sulla scena. Il Mimo propone il corpo

dellattore come principale protagonista dellazione drammatica. E che questo atto sia poetico, assurdo, comico, astratto, aneddotico resta comunque che latto tradotto da questo corpo possa tradurre le emozioni universali, non imitando ma identificandosi, incarnandosi e trasformandosi in vento, fuoco, infanzia, vecchiaia, simbolo, personaggio. Per questa ragione il Mimo certamente il primo linguaggio fondamentale che deve conoscere un attore. ELENA Serra stata per oltre 20 anni lassistente del grande maestro Marcel Marceau, insegnando 10 anni nella sua scuola di Parigi e recitando in tutti gli spettacoli della sua Compagnia che per pi di 15 anni hanno calcato centina-

ia di palchi nel mondo. Dal 1990 insegna Arti del Mimo e del Gesto e dal 2005 collabora con Carlo Boso allAccademia delle Arti dello Spettacolo. Lavora per diverse scuole di teatro e Universit europee, come lIstituto di music-Hall di Le Mans, lActing International di Parigi, lAccademia di Neufchateau in Belgio, il CUT di Brescia, lAtelier di Teatro Fisico di Torino e ha partecipato alle scuole darte drammatica Nico Pepe di Udine e Paolo Grassi di Milano. Elena Serra dirige insieme a Maxime Nourissat la Compagnia Mime de Rien di Parigi, dedita alla creazione di spettacoli e formazione sulle alle Arti del Mimo e del Gesto. contatti e info: Rachel Zekri: 389 94 24 931. Tiziano Mancini

Urbino
MARTED 25 MARZO 2014

19
DOMANI QUANDO LA SCIENZA SI INTERROGA SUL SENSO DEL SACRO
LA SCIENZA si interroga sul sacro. Accademici e studiosi si confrontano sul senso dellesistere. Le religioni, la scienza, la filosofia, la magia, le societ iniziatiche occidentale si incontrano in questo percorso accidentato, tutto in salita, dove certezze sembrano non esserci. I professori Flavio Vetrano (ordinario di Fisica) e Vincenzo Fano (ordinario di Logica e Filosofia della Scienza) alle 17,30 di domani saranno con Marco Rocchi (associato di statistica medica) nella sala rossa di Palazzo Battiferri (via Saffi) per discutere a chiusura del convegno Al divino dallumano. Interverr il Magnifico Rettore Stefano Pivato. I cittadini sono invitati ad intervenire.

Interessi correlati