Sei sulla pagina 1di 3

COMUNICATO STAMPA DEL 24 MARZO 2014

Fine settimana denso di successi operativi delle Volanti della Questura, il cui costante lavoro di prevenzione, contrasto e repressione di episodi di criminalit diffusa, su preciso impulso del Questore di Prato Dott. Filippo Cerulo, si sviluppa quotidianamente senza soluzione di continuit realizzando tangibili risultati operativi in termini di continui arresti, denunce, segnalazioni e sequestri. Questa volta sono stati assicurati alla giustizia tra gli altri, due ladri di appartamenti, e determinante stato il senso civico di testimoni che hanno segnalato alla polizia situazioni sospette permettendo alle forze dell rdine di intervenire tempestivamente.

Furti in appartamenti. !"anti arre#tan! "a$ri #u #e%na"a&i!ne $i te#tim!ni.


Sa'at! #era 22 mar&! 2014, alle ore 20.40 circa, giungeva in Sala Operativa la segnalazione di un abitante del (uartiere San Pa!"! il quale, mentre era affacciato sulla terrazza del suo appartamento, aveva notato la presenza di tre in$i)i$ui intenti ad entrare in un appartament! la cui finestre erano semiaperte, utilizzando dei tubi della grondaia dello stabile. Notata la scena, il solerte cittadino che si trovava casualmente fuori dal suo balcone per fumare una sigaretta, provvedeva a chiamare il 11 segnalando quanto stava accadendo e fornendo all!operatore di polizia gli elementi necessari per coordinare l!intervento. "n effetti dopo pochissimo tempo convergevano sul luogo due !"anti i cui operatori entravano nel cortile dello stabile ove i tre ma")i)enti erano stati avvistati. " malfattori a quel punto vistisi scoperti desistevano dal portare a compimento il disegno criminoso e raccolti alcuni arnesi da scasso si davano alla fuga celermente. #entre due riuscivano a far perdere le loro tracce, un terzo soggetto, nel frattempo riconosciuto dagli operatori come un n!t! pre%iu$i*at! a"'ane#e, peraltro arrestato per analogo reato appena un mese addietro, cercava una disperata fuga braccato da due $genti che lo inseguivano a piedi. Senza perderlo di vista gli operatori hanno continuato a tallonarlo per le vie limitrofe ove il malfattore, ormai esausto e a corto di fiato, riusciva per un attimo a nascondersi dietro alcune auto in sosta. %uttavia l!attenta perlustrazione degli $genti nella zona e la singolare presenza di un *ane il quale, dall!interno di un edificio abbaiava in una determinata direzione, permetteva agli Operatori di individuare e bloccare il fuggitivo. "dentificato compiutamente per un )enti#eienne a"'ane#e in possesso di regolare permesso di soggiorno ed attualmente gravato dalla misura dell!obbligo di dimora presso la sua abitazione emesso dal tribunale di &rato, veniva accompagnato in 'uestura per la stesura degli atti relativi all! arre#t! in flagranza per tentat! +urt! in *!n*!r#! con persone ignote. Nella circostanza dell!intervento veniva rinvenuto e debitamente sequestrato uno zainetto in n(lon contente una serie di attre&&i atti a""! #*a##! utilizzati dai ladri per compiere furti in appartamenti. Ieri #era, 2- mar&!, in!"tre, alle ore 21.20 circa, un equipaggio delle !"anti veniva celermente inviato in )ia D!n .iu"i! Fa*i'eni, zona )asale, per segnalazione di tentat! +urt! in atto in un!a'ita&i!ne posta al terzo piano dello stabile, con il suo proprietario e due residenti del palazzo che erano riusciti, dopo una )i!"enta *!""utta&i!ne, a momentaneamente fermare uno dei due ladri, mentre l!altro aveva guadagnato la fuga. *apidamente sul posto gli Operatori della &olizia di Stato mettevano definitivamente in sicurezza il fermato, generalizzandolo per un $i*iann!)enne prate#e con svariati precedenti di polizia per rapine, scippi e altri reati contro il patrimonio, apprendendo dal proprietario dell!abitazione che il giovane era stato da lui sorpreso mentre cercava, insieme al complice poi fuggito, di #*a)a"*are il suo 'a"*!ne passando da una finestra condominiale di uno dei pianerottoli. "l trambusto richiamava tuttavia l!attenzione di altri due residenti del palazzo, un rumeno e un pratese, i quali intervenivano in suo aiuto, riuscendo a placcare il diciannovenne pregiudicato ancora nelle scale condominiali, con il residente rumeno che veniva successivamente giudicato guaribile da personale sanitario del 11+ con prognosi di sette giorni guarigione, mentre il diciannovenne ladro, nella ressa che seguiva, pativa contusioni per , giorni di prognosi. )ondotto dagli $genti quest!ultimo in 'uestura, si determinava pertanto il suo definitivo arre#t! nella flagranza dei reato di tentat! +urt! a%%ra)at! in concorso con persona al momento ancora da identificare, venendo quindi trattenuto presso le locali camere di sicurezza, in attesa dell!odierno rito direttissimo.

M!t! /Ni''i!0 $e""e !"anti per *!ntr!""are i" territ!ri!.


I" 1ue#t!re Ceru"!, con l!inizio della stagione primaverile ha disposto l!utilizzo di pattu%"ie m!t!m!ntate cosiddette /Ni''i!0 che affiancheranno il dispositivo di controllo del territorio gi- realizzato dagli equipaggi automontati ./olanti e pattuglie del *eparto &revenzione )rimine0 e che svolgeranno l!attivit- in particolare

nelle vie del centro storico, lungo gli argini del fiume e in tutte quelle zone urbane ove la maneggevolezza della motocicletta meglio si presta ad interventi rispetto alle 1 pantere 1 della &olizia. 2n ulteriore strumento per aumentare l!efficienza e l!efficacia dei servizi di prevenzione a tutela del territorio e dei suoi cittadini.

In$i)i$uata aut! rapinata in pia&&a Mar*ata"e.


Ne" p!meri%%i! $i #a'at! 22 mar&! 2014, un agente della 'uestura, libero dal servizio mentre transitava in via del )astagno intercettava un!autovettura tipo #ini, condotta da un cittadino straniero. "l predetto mezzo era stato sottratto al proprietario nella precedente nottata del 22 marzo u.s. nel corso di una rapina avvenuta in piazza #ercatale ad opera di due nordafricani. 3!$gente, senza esitazione, si metteva pertanto all!inseguimento dell!autovettura fermatasi poco dopo in via della *omita. 'ui l!Operatore, posizionatosi con il proprio mezzo dietro la #ini per precluderne la fuga, scendeva e, qualificandosi, cercava di bloccare il conducente. 'uest!ultimo tuttavia, avvedutosi della presenza dell!$gente di polizia, abbandonava la vettura fuggendo a piedi lungo via *omita facendo perdere le proprie tracce. "ntanto il mezzo veniva sottoposto a sequestro per i rilievi utili per il proseguo delle indagini ed affidato in giudiziale custodia ad una ditta di soccorso stradale

ALTRI IMPORTANTI INTER ENTI Ser)i&i $i pre)en&i!ne.


Ne" p!meri%%i! $i #a'at! #*!r#!, alle ore 14.40 circa, un equipaggio delle !"anti, nel corso di attenta attivit- di prevenzione e controllo effettuata in via $rc. #artini, procedeva all!identificazione in strada di una donna sospetta che, generalizzata per una )enti*in(uenne ita"iana, residente in provincia di 4irenze, risultava essere persona pregiudicata peraltro gi- raggiunta da un provvedimento di F!%"i! $i )ia !''"i%at!ri!, emesso nel settembre del 2012 dal 'uestore di &rato, con divieto di far ritorno nel capoluogo pratese per tre anni, palesemente inosservato determinandosi pertanto, in conclusione d!intervento, la sua $enun*ia in stato di libert- per il reato di inottemperanza del citato foglio di via.

Da +u!*! a #"!t ma*2ine. Fermat! e $enun*iat! *itta$in! eritre!


Ieri p!meri%%i!, alle ore 1 .,0 circa, un equipaggio delle !"anti veniva inviato in )ia Pia)e, per segnalazione di un cittadino centroafricano che aveva deliberatamente dato +u!*! a una #"!t ma*2ine posta all!interno di un 'ar, di propriet- di cittadini cinesi, per poi allontanarsi e far momentaneamente perdere le proprie tracce. *apidamente sul posto gli Operatori della &olizia di Stato coadiuvavano l!opera di spegnimento dell!incendio, provocato dal centroafricano utilizzando il contenuto infiammabile di una bottiglia di plastica, dallo stesso rovesciato sulla slot machine, per poi dargli fuoco con un accendino. 3!immediata battuta di ricerca dell!autore del gesto aveva successo quando, poco dopo, lo straniero veniva rintracciato ancora in centro storico, fermato e identificato per un trenta(uattrenne eritre! regolarmente soggiornante sul %.N., il quale riferiva di aver dato fuoco alla slot machine poich5, nell!arco di una giornata, vi aveva perso al gioco circa 1.000 euro, pari a tutto il suo stipendio mensile, mentre il titolare cinese del bar riconosceva successivamente senza dubbio alcuno il centroafricano come il protagonista della vicenda, cosa che determinava, in conclusione d!intervento, la $enun*ia in stato di libert- del trentaquattrenne eritreo per il reato di $anne%%iament! a #e%uit! $i in*en$i!.

Cine#i a%%re$i#*!n! A%enti in *!ntr!""! #u #tra$a a" Ma*r!"!tt!. Un arre#t! e tre $enun*e
Ieri p!meri%%i!, alle ore 16.20 circa, un equipaggio delle !"anti, nel corso di attivit- di prevenzione e controllo effettuata nella zona industriale del Ma*r!"!tt! Un!, imponeva l!alt in via &ollative a una Mini C!!per sospetta, identificando alla guida un )ent!ttenne *ine#e, il quale appariva essere straniero pri)! $i patente $i %ui$a, peraltro mai conseguita, viepi7 di altri documenti identificativi nonch8 irregolare sul %.N. #entre gli $genti provvedevano pertanto a redigere i dovuti atti di rito, sottoponendo la #ini )ooper a fermo amministrativo e facendo giungere in loco un carro attrezzi per la sua materiale rimozione, si presentava sul posto la proprietaria dell!auto la quale, spalleggiata da altri suoi connazionali, da subito si

frapponeva con violenza tra il veicolo e il mezzo di soccorso pubblico, impedendo la prosecuzione delle dovute operazioni di sequestro e rimozione dell!auto, facendosi peraltro scudo del proprio figlio di sei anni che, ovviamente, appariva particolarmente scosso dalla vicenda in corso. *ichiesto inevitabilmente l!ausilio di una seconda /olante, tra gli altri orientali presenti si distingueva per particolare aggressivit- una seconda donna, successivamente generalizzata per una trentatreenne *ine#e, regolarmente soggiornante sul %.N. la quale, a pi7 riprese, a%%re$i)a in maniera m!"t! )i!"enta gli Operatori, tanto che due di essi sono stati successivamente costretti a ricorrere a cure mediche, con prognosi di 1 e , giorni di guarigione per le escoriazioni e contusioni di varia natura patite nel corso dell!intervento. #essa la trentatreenne momentaneamente in sicurezza, si provvedeva a identificare anche gli altri orientali che avevano partecipato all!aggressione di gruppo degli $genti, risultati essere la citata )enti#eienne *ine#e pr!prietaria della #ini )ooper e un altro *ine#e, un )entunenne, tutti condotti in 'uestura per la prosecuzione dei dovuti accertamenti di specie. "n conclusione di intervento si determinava pertanto l! arre#t! della trentatreenne *ine#e per i reati di re#i#ten&a, )i!"en&a e "e#i!ni a P.U. , mentre la )enti#eienne *ine#e pr!prietaria della #ini )ooper e il )entunenne *ine#e da ultimo identificato sono stati entrambi $enun*iati in stato di libertper il reato di re#i#ten&a a P.U. con il )ent!ttenne *!n$u*ente *"an$e#tin! dell!auto, marito della proprietaria, che 8 stato invece $enun*iat! in stato di libert- per il reato di %ui$a #en&a a)er mai *!n#e%uit! "a patente. ATTI ITA3 DI SOCCORSO PU44LICO Ne""a #erata $i #a'at! 22 mar&! #*!r#!, alle ore 22.,0 circa, un equipaggio delle !"anti veniva inviato presso il locale Pr!nt! S!**!r#! su richiesta dei sanitari che segnalavano l!avvenuto arrivo in Ospedale di una donna cinese ormai priva di vita, trasportata da alcuni suoi familiari a seguito di un malore avvenuto in casa. Sul posto gli Operatori della &olizia di Stato apprendevano che la m!rte della !rienta"e era sicuramente imputabile a *au#e natura"i, avvenuta durante il trasporto della stessa in auto, da parte del figlio e del marito della deceduta, in presenza dei quali la donna, successivamente generalizzata per un cinquantaquattrenne cinese residente a )armignano, peraltro gi- sofferente di patologie circolatorie, si era sentita male per poi spirare poco dopo, senza che le successive operazioni di rianimazione dei sanitari sortissero esito positivo.