Sei sulla pagina 1di 1048

Il libro

SONO UN ESPERTO SCHERMITORE. E SONO ABILE IN MATERIA DI MORTE. NON TRAGGO PIACERE DAL mio talento. Sono bravo, questo tutto. 1735, LONDRA. HAYTHAM KENWAY STATO ISTRUITO A USARE LA SP ADA FIN DALLET IN CUI HA POTUTO IMPUGNARNE UNA. QUANDO LA CASA DELLA SUA FAMIGLIA VIENE ATTACCATA, SUO PADRE ASSASSINATO E SUA SORELLA RAPITA DA UOMINI ARMATI, HAYTHAM SI DIFENDE NELLUNICO MODO CHE conosce: uccidendo. SOLO AL MONDO, VIENE ACCOLTO DA

UN MISTERIOSO TUTORE CHE LO ADDESTRA A DIVENTARE UN ASSASSINO IMPLACABILE. CONSUMATO DALLA SETE DI VENDETTA, HAYTHAM INIZIA UN VIAGGIO ALLA RICERCA DEI COLPEVOLI, UN VIAGGIO DURANTE IL QUALE COSTRETTO A DIFFIDARE DI TUTTI E A METTERE IN DUBBIO ogni certezza. SEMPRE CIRCONDATO DA TRADITORI E NEMICI PRONTI A COMPLOTTARE CONTRO DI LUI, HAYTHAM VIENE TRASCINATO NELLA secolare battaglia tra Assassini e Templari.

OLIVER BOWDEN

ASSASSINS CREED FORSAKEN

Prologo

NON lho mai conosciuto. Lo credevo, ma fu solo nel leggere il suo diario che mi resi conto di non averlo mai conosciuto. Ora troppo tardi. troppo tardi per dirgli che mi ero fatto unidea sbagliata di lui. Troppo tardi per dirgli che mi dispiace.

PARTE PRIMA
Dal diario di Haytham E. Kenway

6 dicembre 1735

1
DUE giorni fa avrei dovuto festeggiare il mio decimo compleanno, invece quel giorno passato inosservato; niente festeggiamenti, solo funerali e la nostra casa, distrutta dal fuoco, sembra un dente annerito e marcio tra gli alti e signorili edifici in mattoni bianchi della piazza dedicata alla Regina Anna. Per il momento viviamo in una delle propriet di mio padre a Bloomsbury. una bella casa e, sebbene la famiglia sia devastata e le nostre esistenze lacerate, siamo grati di averla. Rimarremo qui, sconvolti, come in un limbo, come fantasmi, finch verr

deciso il nostro futuro. Lincendio ha divorato i miei diari, cos che iniziare questo come ricominciare da capo. giusto quindi che parta con il mio nome, Haytham, un nome arabo per un ragazzo inglese che vive a Londra e che dalla nascita fino a due giorni fa aveva vissuto unesistenza idilliaca, protetta dalla immane sporcizia che invade la citt. Da casa nostra vedevamo il fumo e la nebbia sospesi sul fiume e, come tutti gli altri, eravamo infastiditi dalla puzza che posso descrivere soltanto come quella di pelo di animale bagnato; non dovevamo, tuttavia, camminare attraverso i maleodoranti rifiuti di concerie, macellerie ed escrementi di

animali e persone. Gli effluvi che accelerano la diffusione di malattie: dissenteria, colera, poliomielite Dovete coprirvi bene, signorino Haytham, se non volete essere contagiato. Attraversando i campi per raggiungere Hampstead, le balie mi tenevano alla larga dai poveracci squassati dalla tosse e mi coprivano gli occhi, affinch non vedessi bambini deformi. Ci che pi temevano era la malattia, immagino perch con lei non si pu discutere: non la si pu ricattare n combattere con le armi e non rispetta n ricchezza n posizione sociale. una nemica implacabile. Naturalmente aggredisce senza

preavviso. E cos ogni sera mi controllavano per vedere se avevo qualche segno di morbillo o varicella, poi riferivano a mia madre che stavo bene, allora lei veniva a darmi il bacio della buona notte. Io ero uno dei fortunati, con dei genitori che volevano bene a me e alla mia sorellastra Jenny, che mi parlavano di povert e ricchezza, mi inculcavano lidea di quanto fossi fortunato e mi spingevano a pensare agli altri; erano loro che assumevano balie e istruttori per occuparsi di me e della mia istruzione, cos che potessi crescere e diventare un uomo con alti valori morali e di grande merito. Un privilegiato, non come i bambini che devono lavorare nei campi, nelle

fabbriche e inerpicarsi su per i camini. A volte, tuttavia, mi chiedevo se quei bambini avessero amici. E se ne avevano, pur non invidiando le loro vite, sapendo che la mia era molto pi confortevole, invidiavo loro gli amici. Io non ne avevo, non avevo neppure fratelli o sorelle della mia et e cos, ecco, ero timido. Cera inoltre un altro problema, sorto quando avevo appena cinque anni. Era successo un pomeriggio. Le abitazioni signorili della nostra piazza erano costruite luna accanto allaltra, e ci capitava di vedere i nostri vicini o nella piazza o nei loro giardini sul retro. Nella casa accanto alla nostra viveva una famiglia con quattro figlie, due

delle quali avevano pressappoco la mia et. Le bambine passavano ore e ore a saltellare o a giocare a moscacieca nel giardino e io le sentivo mentre studiavo sotto gli occhi vigili del mio precettore, il vecchio signor Fayling, dalle folte e grigie sopracciglia e labitudine di toccarsi il naso e di studiare attentamente ci che aveva tirato fuori dei recessi delle sue narici, per poi mangiarselo furtivamente. Quel particolare pomeriggio il vecchio signor Fayling era uscito dalla stanza e io avevo atteso di non sentire pi i suoi passi prima di abbandonare laritmetica, alzarmi, andare alla finestra e sbirciare nel giardino della casa dei Dawson.

Mio padre, celando a malapena il fastidio, mi aveva detto che il signor Dawson era un deputato. Il loro giardino era circondato da un alto muro, per, malgrado gli alberi, i cespugli e il fogliame verdeggiante, dalla finestra della stanza dello studio scorgevo parti del giardino e le figlie di Dawson che, quel giorno, stavano giocando a campana. Avevano sistemato delle mazze da pallamaglio per creare un percorso improvvisato, anche se non mi pareva prendessero il gioco molto sul serio; forse le due sorelle maggiori stavano cercando di insegnare le regole alle minori. In una confusione di trecce e vestiti rosa pieghettati, si chiamavano a vicenda e ridevano e di

tanto in tanto sentivo il suono di una voce adulta, con ogni probabilit quella di una bambinaia nascosta alla mia vista dal fogliame degli alberi. Trascurata per un attimo laritmetica, le avevo guardate giocare, quando, allimprovviso, come se avesse capito che la stavo osservando, una delle due pi piccole, di un anno circa pi piccola di me, aveva alzato gli occhi e mi aveva visto alla finestra e i nostri sguardi si erano incrociati. Avevo deglutito e, esitante, avevo alzato una mano per salutarla. Con mia grande sorpresa, lei mi aveva sorriso. Aveva poi chiamato le sorelle, che si erano raccolte attorno a lei, tutte e quattro, i colli allungati e, riparandosi

gli occhi dal sole, avevano fissato la mia finestra dove me ne stavo come un oggetto da museo, un oggetto che agitava la mano e che era leggermente arrossito per limbarazzo, sentendo comunque la dolce e calda sensazione di qualcosa che avrebbe potuto essere amicizia. Una sensazione di calore che era svanita appena la bambinaia era apparsa da sotto gli alberi, aveva lanciato unocchiata tanto irata alla finestra da farmi subito capire che mi aveva considerato un ficcanaso o peggio. Aveva quindi allontanato le bambine dalla mia vista. Avevo gi notato quel genere di occhiata e lavrei rivista, nella piazza o

nei campi dietro la nostra casa. Ricordate come le mie bambinaie mi allontanavano dagli straccioni? Altre bambinaie tenevano allo stesso modo i loro pupilli lontani da me. Non mi ero mai chiesto il perch immagino, perch non cera ragione per indagare.

2
Un giorno, quando avevo sei anni, Edith arriv con un pacco di abiti ben stirati e un paio di scarpe con la fibbia argentata. Io uscii da dietro il paravento indossando le mie nuove scarpe lucide, un gilet e una giacchetta e Edith chiam una delle cameriere. Lei disse che ero il ritratto di mio padre, che era esattamente la loro intenzione. Pi tardi erano venuti a vedermi i miei genitori e io avevo visto gli occhi di mio padre inumidirsi, mentre mia madre non aveva finto ed era scoppiata in lacrime, agitando la mano, finch Edith le aveva passato un fazzoletto.

Mi ero sentito grande e istruito, pur avvertendo di nuovo la sensazione di calore sulle guance. Mi ritrovai a chiedermi se le Dawson mi avrebbero considerato elegante nel mio abito nuovo, un vero gentiluomo. Avevo pensato spesso a loro. A volte le scorgevo dalla finestra, mentre correvano nel giardino o venivano condotte nelle carrozze davanti alle case. Una volta avevo immaginato che una di loro mi avesse lanciato unocchiata furtiva, ma, anche se mi avesse visto, quella volta non mi aveva rivolto n un sorriso n un saluto con la mano, solo lombra dellocchiata ostile della bambinaia, come se il disapprovarmi venisse tramandato al

pari una scienza antica. Cos avevamo i Dawson da un lato, con quelle misteriose, saltellanti bambine, mentre dallaltra parte cerano i Barrett, una famiglia con otto figli tra femmine e maschi. Come con le Dawson, li intravedevo soltanto quando salivano sulle carrozze e da lontano nel giardino. Poi un giorno, prima del mio ottavo compleanno, mentre passeggiavo lungo il perimetro del mio giardino trascinando un bastone sui rossi mattoni dellalto muro e fermandomi di tanto in tanto per rovesciare dei sassi ed esaminare qualsiasi insetto scappasse via da sotto, ero arrivato alla porta che dava in un passaggio tra la nostra casa e quella dei Barrett.

La pesante porta era chiusa con un enorme e arrugginito pezzo di metallo che pareva non fosse stato aperto da anni e io lo fissai per un po, soppesando il chiavistello nel palmo, quando udii una voce fanciullesca, sussurrante e insistente. Ehi, tu, vero ci che dicono di tuo padre? Arrivava dallaltra parte della porta, sebbene ci avessi messo un po per individuarla, un attimo in cui ero rimasto scosso, irrigidito dalla paura. Sbalordito, avevo visto attraverso un foro nelluscio un occhio impassibile che mi fissava, poi risentii la domanda. Su, mi chiameranno a momenti. vero ci che dicono di tuo padre?

Mi ero chinato per portare locchio a livello del buco nella porta. Chi ? avevo chiesto. Sono io, Tom, della casa accanto. Sapevo che era il pi piccolo e aveva circa la mia et. Avevo sentito chiamare il suo nome. Tu chi sei? mi aveva domandato. Voglio dire, come ti chiami? Haytham, avevo risposto, chiedendomi se Tom sarebbe stato il mio nuovo amico. Il suo bulbo oculare almeno era amichevole. Che strano nome! arabo. Vuole dire giovane aquila. Ah, ecco, questo ha senso. Cosa intendi dire con ha senso? Oh, non saprei, ma in qualche modo

ce lha. Ci sei solo tu l, vero? Io e mia sorella, avevo replicato. E mia madre e mio padre. Una famiglia piccolina. Avevo annuito. Senti, aveva insistito lui. vero o no? Tuo padre ci che dicono? E non mentirmi, ti vedo gli occhi, sai. Capir se stai mentendo. In quel momento avevo provato una sensazione strana ma per nulla piacevole: la percezione che da qualche parte esistesse lidea di ci che era normale e che noi, i Kenway, non ne facessimo parte. Forse il proprietario dellocchio aveva sentito qualcosa nel tono della mia voce, perch si era affrettato ad

aggiungere: Mi dispiace, mi dispiace se ho detto qualcosa di sbagliato. Ero solo interessato, tutto qui. Vedi, gira una voce e sarebbe molto emozionante se fosse vero Quale voce? Penserai che una cosa sciocca. Sentendomi coraggioso, mi ero avvicinato al buco e lavevo guardato, bulbo oculare contro bulbo oculare, chiedendo: Che vuoi dire? Cosa dice la gente di mio padre? Lui aveva battuto le palpebre. Dicono che era un Allimprovviso cera stato un rumore alle sue spalle e avevo sentito una voce maschile adirata gridare il suo nome: Thomas!

Lo spavento lo aveva fatto indietreggiare. Oh, fratello, aveva sussurrato. Devo andarmene. Mi chiamano. Ci rivediamo, spero. Ed era scomparso e io ero rimasto l a chiedermi cosa avesse inteso dire. Quale voce? Cosa diceva la gente di noi, della nostra piccola famiglia? Nello stesso tempo mi era venuto in mente che pure io avrei fatto meglio ad allontanarmi. Era quasi mezzogiorno, lora del mio addestramento con le armi.

7 dicembre 1735

1
MI sento invisibile, come se fossi bloccato in un limbo tra passato e futuro. Attorno a me gli adulti intrattengono colloqui carichi di tensione. I loro volti sono tirati e le signore piangono. I caminetti vengono tenuti accesi, naturalmente, ma la casa vuota a parte noi, che siamo pochi, e gli scarsi beni salvati dalla casa bruciata, e pare faccia sempre freddo. Fuori iniziato a nevicare, mentre dentro il dolore che gela le ossa. Con nullaltro da fare che scrivere nel mio diario, avevo sperato di aggiornarlo con la storia della mia vita fino a questo momento, ma mi pare che

ci sia pi da raccontare di quanto avessi pensato e naturalmente ci sono altre faccende importanti cui dedicarsi. I funerali. Oggi quello di Edith. Ne siete sicuro, signorino Haytham? mi aveva chiesto Betty accigliata, gli occhi stanchi. Per anni, da quanto posso ricordare, aveva aiutato Edith. Ora era in lutto come me. S, avevo risposto, con indosso il mio abito e, per oggi, una cravatta nera. Edith era sola al mondo, cos soltanto i Kenway e i dipendenti sopravvissuti si erano radunati per il rinfresco dopo il funerale, prosciutto, birra e una torta. Alla fine gli uomini dellimpresa funebre, gi piuttosto alticci, avevano caricato il corpo sul

carro per portarlo nella cappella, con noi che li seguivamo in altre carrozze e ne erano bastate due. Al termine della funzione mi ero ritirato nella mia stanza, per continuare la mia storia.

2
Un paio di giorni dopo avere parlato con il bulbo oculare di Tom Barrett, le sue parole si agitavano ancora nella mia mente, cos un mattino, mentre Jenny e io eravamo soli in salotto, mi ero deciso a chiederlo a lei. Jenny. Io avevo quasi otto anni e lei ventuno e avevamo tanto in comune quanto io e luomo che ci consegnava il carbone. Forse anche meno, a ben pensarci, perch almeno alluomo del carbone e a me piaceva ridere, mentre io avevo visto raramente Jenny sorridere, per non parlare di ridere. Lei ha lucidi capelli neri e occhi scuri, direi assonnati, li ho sentiti per

descrivere come meditabondi e almeno un ammiratore si era spinto a dire che aveva uno sguardo fumoso, qualsiasi cosa voglia dire. Laspetto di Jenny era un altro argomento di conversazione. una vera bellezza, o cos mi viene ripetuto spesso. Io comunque non la vedevo in quel modo. Per me era semplicemente Jenny che si era rifiutata di giocare con me tanto spesso che avevo smesso di chiederglielo; sempre seduta su una sedia dallalto schienale, la testa china sul cucito o sul ricamo, qualunque cosa fosse ci che faceva con ago e filo. E sempre accigliata. Quello sguardo fumoso di cui parlavano i suoi ammiratori io lo chiamavo cipiglio.

Il fatto era che, bench fossimo poco pi che ospiti nellesistenza luno dellaltra, come navi che veleggiavano nello stesso piccolo porto, passandoci accanto senza mai entrare in contatto, avevamo lo stesso padre. E Jenny, di dodici anni pi vecchia di me, ne sapeva su di lui molto pi di me. Cos, sebbene per molto tempo non avesse fatto altro che dirmi che ero troppo stupido o troppo giovane per comprendere, o troppo stupido e troppo giovane e una volta addirittura che ero troppo basso per capire, qualsiasi cosa avesse voluto dire, io cercavo sempre di attaccare discorso con lei. Non so per quale motivo, perch, come ho detto, alla fine ne sapevo quanto prima. Forse solo per

darle fastidio. In quelloccasione, tuttavia, un paio di giorni dopo la mia conversazione con locchio di Tom, fu perch ero sinceramente curioso di scoprire cosa avesse voluto dire Tom. Per questo le chiesi: Cosa dice la gente di noi? Lei sospir con fare melodrammatico e alz gli occhi dal cucito. Cosa vuoi dire, moccioso? Solo questo, cosa dice la gente di noi? Parli di pettegolezzi? Se lo desideri. E perch ti dovrebbero interessare i pettegolezzi? Non sei un po troppo Minteressano, la interruppi prima che cominciasse la solita litania che ero

troppo giovane o troppo stupido o troppo basso. Davvero? Come mai? Qualcuno ha detto qualcosa, tutto qui. Lei depose il cucito sul cuscino accanto a s. Chi? Chi ha detto che cosa? Un ragazzo alla porta in giardino. Ha detto che la nostra famiglia era strana e che nostro padre era un Cosa? Non lho mai saputo. Lei sorrise e riprese il cucito. E questo ti ha indotto a riflettere, non vero? Non lavresti fatto anche tu? Io so gi tutto ci che ho bisogno di

sapere, ribatt altezzosa. Ma ti dico questo, non mimporta un fico secco ci che dicono di noi nella casa accanto. Allora dimmelo, insistetti. Cosa faceva nostro padre prima della mia nascita? Jenny a volte sorrideva. Sorrideva quando aveva il sopravvento, quando poteva esercitare un po di potere su qualcuno, specialmente se quel qualcuno ero io. Lo scoprirai, rispose. Quando? Al momento opportuno. Dopotutto, tu sei il suo erede maschio. Dopo un lungo silenzio le chiesi: Che vuol dire erede maschio? Che differenza c tra questo e ci che sei tu?

Sospir. Al momento non molta, ma tu vieni addestrato alle armi e io no. Tu no? le domandai, anche se, riflettendoci, gi lo sapevo e immagino di essermi chiesto per quale motivo io mi dedicavo alla scherma e lei al cucito. No, Haytham, io non vengo preparata a usare le armi, credo che a nessun bambino venga offerto questo addestramento, Haytham, almeno non a Bloomsbury e forse nemmeno in tutta Londra. Solo tu. Non te lo hanno mai detto? Detto cosa? Di non farne parola. S, ma E non ti sei mai chiesto perch, perch non devi dire niente?

Forse me lo ero chiesto, forse lavevo sempre saputo e non avevo mai detto nulla. Scoprirai presto cosa ti aspetta, dichiar. Le nostre vite sono state gi tracciate, non preoccuparti di questo. Allora, che cosa c in serbo per te? Lei sbuff con fare derisorio. Cosa c in serbo per me la domanda sbagliata. Sarebbe pi appropriato chiedermi Chi? Nella sua voce cera una traccia di qualcosa che avrei compreso solo molto pi tardi e cos la fissai, sapendo che era meglio non indagare oltre, rischiando di sentire la puntura di quellago. Ma quando infine chiusi il libro che stavo leggendo e uscii dal

salotto, lo feci sapendo che, pur non avendo avuto alcuna informazione su mio padre o la nostra famiglia, avevo appreso qualcosa su Jenny: il motivo per cui non sorrideva mai, perch mi mostrava sempre tanto antagonismo. Era perch lei aveva visto il futuro. Laveva visto e sapeva che era pi vantaggioso per me soltanto perch ero nato maschio. Avrei dovuto dispiacermi per lei e forse mi sarebbe rincresciuto, se non fosse stata una tale musona. Sapendo ci che ora sapevo, il tirocinio alle armi del giorno seguente mi diede un brivido diverso. Nessuno, oltre a me, veniva addestrato. Di colpo provai la sensazione di assaggiare un

frutto proibito e il fatto che mio padre fosse il mio maestro lo rendeva ancora pi succulento. Se Jenny avesse avuto ragione e ci fosse stato un mestiere per il quale venivo preparato, come altri bambini venivano indottrinati al sacerdozio o a diventare maniscalchi o macellai o falegnami, bene, la cosa mi aggradava. Non cera nessuno al mondo che ammiravo pi di mio padre. Lidea che mi stesse trasmettendo la sua conoscenza era sia confortante sia eccitante. E, naturalmente, implicava le spade. Cosa poteva desiderare di pi un ragazzo? Ripensandoci, so che da quel giorno fui un pupillo pi entusiasta e volenteroso. Ogni giorno, o a

mezzogiorno o dopo cena, a seconda del programma di lavoro di mio padre, ci riunivamo in quella che chiamavamo la stanza delladdestramento, ma che era semplicemente la stanza dei giochi. E fu l che la mia abilit con la spada inizi a migliorare. Non mi sono pi allenato da quando siamo stati assaliti. Non ho pi avuto voglia di prendere in mano una qualsiasi spada, ma so che, quando lo far, immaginer quella stanza, con le sue pareti a pannelli di scuro legno di quercia, gli scaffali per i libri e il tavolo da biliardo coperto che veniva spostato di lato per fare spazio. E in quella sala mio padre, gli occhi lucidi, vispi ma gentili, sempre sorridente, sempre

pronto a incoraggiarmi: parata, copertura, gioco di gambe, equilibrio, affondo. Ripeteva quelle parole come un mantra, a volte era tutto ci che diceva per lintera lezione, urlando i comandi, annuendo quando li eseguivo bene, scuotendo la testa quando sbagliavo, fermandosi di quando in quando per scostarsi i capelli dal viso e posizionarsi dietro di me per sistemarmi gambe e braccia. Per me quelli sono, o erano, i suoni e gli oggetti delladdestramento alle armi: gli scaffali per i libri, il tavolo da biliardo, i mantra di mio padre e il suono del Legno. S, legno. Con mio grande dispiacere ci

esercitavamo con spade in legno. Lacciaio lavremmo usato in seguito, diceva ogni volta che mi lamentavo.

3
Il mattino del mio compleanno, Edith fu pi che gentile con me e mia madre si assicur che mi venisse preparata una delle mie colazioni preferite: sardine con senape, pane fresco con marmellata delle ciliegie degli alberi che crescevano nel nostro giardino. Sorpresi Jenny lanciarmi unocchiata beffarda mentre mi gettavo sul cibo, ma non ci feci caso. Dalla nostra conversazione nel salotto, qualsiasi potere avesse avuto su di me, per quanto piccolo, era stato ancora pi ridotto. Prima me la sarei presa, forse quella colazione mi avrebbe fatto sentire sciocco e imbarazzato, ma non quel giorno. Ripensandoci, mi domando

se il mio ottavo compleanno non avesse segnato il giorno in cui avevo iniziato a trasformarmi da ragazzo in uomo. Avevo occhi solo per mia madre e mio padre che avevano occhi solo per me. Capivo dal linguaggio dei loro corpi, minuscoli codici che avevo colto nel corso degli anni, che stava per arrivare qualcosaltro; che ci sarebbero state altre gioie per me. E cos fu. Terminata la colazione, mio padre annunci che quella sera saremmo andati alla Casa del Cioccolato di White in Chesterfield Street, dove la cioccolata calda veniva preparata con solidi pezzi di cacao importati dalla Spagna. Pi tardi quel giorno Edith e Betty mi aiutarono a indossare il mio abito pi

elegante. Poi tutti e quattro salimmo sulla carrozza in attesa fuori casa e io lanciai unocchiata furtiva alle finestre dei nostri vicini chiedendomi se i volti delle bambine Dawson o quelli di Tom e i suoi fratelli fossero premuti contro il vetro. Lo speravo, speravo che mi vedessero ora. Che ci vedessero tutti e pensassero: Ecco la famiglia Kenway che esce per passare una bella serata proprio come una famiglia normale.

4
La zona attorno a Chesterfield Street era trafficata, ma riuscimmo a posteggiare proprio di fronte a Whites, lo sportello ci venne aperto e, attraversata rapidamente laffollata via, entrammo. Eppure, durante il breve tragitto dalla carrozza al rifugio della cioccolateria, mi guardai a destra e a sinistra e vidi qualcosa del mondo violento di Londra: la carcassa di un cane in un canale di scolo, un vagabondo che vomitava contro una grata, venditrici di fiori, mendicanti, ubriaconi, monelli in un fiume di fango che pareva ribollire nella strada.

Poi fummo allinterno, accolti dal pungente aroma di fumo, birra, profumo e naturalmente cioccolata, come pure dal frastuono di un piano e di grida. Le persone urlavano appoggiate a tavoli da gioco. Gli uomini bevevano da enormi boccali di birra, e pure le donne. Alcuni sorseggiavano cioccolata calda e mangiavano dolci. Tutti, o cos mi parve, erano in uno stato di forte eccitazione. Guardai mio padre, che si era bloccato, e intuii il suo disagio. Per un attimo, prima di scorgere un gentiluomo che teneva sollevato un bastone da passeggio, temetti che si sarebbe girato e sarebbe uscito. Pi giovane di lui, con un sorriso disinvolto e uno scintillio che

si notava fin dallaltra parte della sala, stava agitando il bastone verso di noi. Mio padre lo salut e ci guid a incontrarlo, infilandosi fra i tavoli, scavalcando cani e addirittura uno o due bambini che si agitavano ai piedi dei giocatori, in attesa di qualsiasi cosa fosse caduta dai tavoli da gioco: pezzetti di torta, forse monete. Raggiungemmo il signore con il bastone da passeggio. A differenza di mio padre che portava i capelli disordinatamente legati sulla nuca con un nastro, lui indossava una parrucca incipriata di bianco e trattenuta dietro in un sacchetto di seta nero. Aveva una redingote dun intenso color rosso. Salut mio padre con un cenno del capo,

quindi rivolse lattenzione su di me e mi fece un inchino esagerato. Buonasera, signor Haytham, cento di questi giorni! Mi ricordate per favore la vostra et? Capisco dal vostro contegno che siete un bambino di grande maturit. Undici? Dodici, forse? Nel pronunciare quelle parole guard oltre la mia spalla con uno sfavillante sorriso e i miei genitori ridacchiarono soddisfatti. Ho otto anni, signore, risposi, gonfiandomi dorgoglio, mentre mio padre completava le presentazioni. Il gentiluomo era Reginald Birch, uno degli amministratori delle sue propriet, e il signor Birch disse di essere felice di fare la mia conoscenza, poi salut mia

madre con un lungo inchino, baciandole la mano. Rivolse poi lattenzione a Jenny, chin la testa, le prese la mano e vi premette sopra le labbra. Ne sapevo abbastanza da rendermi conto che ci che stava facendo era corteggiarla, perci lanciai unocchiata a mio padre, aspettandomi che sintromettesse. Vidi invece che sia lui sia mia madre parevano entusiasti, mentre Jenny aveva assunto unespressione dura e laveva mantenuta mentre venivamo condotti in una saletta privata sul retro e fatti accomodare, lei e il signor Birch luno accanto allaltra, mentre il personale di Whites iniziava a darsi da fare attorno a noi.

Sarei potuto restare l tutta la notte, con grandi porzioni di torta e cioccolata calda, mentre i miei genitori parevano apprezzare la birra. Alla fine fu mia madre a insistere per andare via, prima che io o loro stessimo male, e cos uscimmo nella notte che nel frattempo era diventata, se possibile, ancora pi affollata. Per un attimo il rumore e lodore della strada mi disorientarono. Jenny fece una smorfia e io notai un guizzo di preoccupazione attraversare il volto di mia madre. Istintivamente, mio padre si avvicin a noi, come per tentare di allontanare il clamore. Una mano sudicia si tese verso il mio volto e io vidi un mendicante

elemosinare in silenzio, gli occhi larghi e imploranti, di un bianco luminoso in contrasto con lo sporco dei capelli e della faccia; una venditrice di fiori tent di infilarsi tra mio padre e Jenny e cacci un grido indignato quando il signor Birch us il bastone per fermarla. Io mi sentii spingere e vidi due monelli che cercavano di toccarci. Allimprovviso mia madre strill: un uomo era balzato fuori dalla folla, gli abiti sporchi e laceri, i denti scoperti e la mano tesa, pronto a strapparle la collana. Un secondo dopo, nel vedere una lama spuntare dallinterno del bastone da passeggio di mio padre, compresi il motivo dello strano rumore che faceva.

In un battibaleno mio padre super la distanza, ma prima di togliere il fodero, cambi idea, forse perch aveva visto che il ladro era disarmato, fece rientrare con un colpo la lama nel bastone che riprese la sua forma normale, e lo us per spostare la mano del ladro. Luomo url di dolore e sorpresa e indietreggi direttamente contro il signor Birch che lo sbatt in strada e gli salt addosso premendogli le ginocchia sul petto e puntandogli un pugnale alla gola. Io trattenni il fiato. Mia madre spalanc gli occhi. Reginald! grid mio padre. Basta cos. Ha cercato di derubarvi, Edward,

replic Reginald senza voltarsi. Il ladro piagnucol. I tendini delle mani che stringevano il pugnale del signor Birch sporgevano e le nocche erano bianche. No, Reginald, non questo il modo, ribatt con calma mio padre, abbracciando mia madre che aveva affondato il viso nel suo petto e stava singhiozzando sottovoce, mentre Jenny e io eravamo al loro fianco. Attorno a noi si era radunata una folla, mentre i vagabondi e i mendicanti che ci avevano infastiditi prima si tenevano a rispettosa distanza. Una rispettosa e impaurita distanza. Ascoltatemi, Reginald. Mettete via il pugnale e lasciatelo andare. Non fatemi apparire ridicolo,

Edward! lammon Birch. Non di fronte a persone come queste, per favore. Sappiamo entrambi che questuomo deve pagare, se non con la vita, almeno con un dito o due. Io trattenni il fiato. No! ordin mio padre. Non ci sar spargimento di sangue, Reginald. Qualsiasi rapporto ci sia tra noi, terminer qui, se non fate ci che vi dico in questo istante. Cal il silenzio. Sentivo il ladro farfugliare di continuo: Per favore, signore, per favore, signore Giaceva intrappolato, con le braccia bloccate lungo il corpo, e con le gambe scalciava e grattava inutilmente i ciottoli ricoperti di sporcizia. Infine il signor Birch parve aver

preso una decisione, ritir il pugnale, lasciando solo una piccola scalfittura sanguinante. Alzandosi, tir un calcio alluomo che non ebbe bisogno di altro incitamento per rimettersi gattoni e allontanarsi in Chesterfield Street, contento di essersela cavata. Il cocchiere si era ripreso e, accanto allo sportello, ci stava invitando ad affrettarci a metterci al sicuro nella carrozza. Mio padre e il signor Birch si fissavano, immobili luno di fronte allaltro. Mentre mia madre mi spingeva oltre, vidi lo sguardo truce del signor Birch. Mio padre lo guardava allo stesso modo, poi gli tese la mano, dicendo: Grazie, Reginald. A nome di tutti noi,

grazie per avere reagito tanto prontamente. Sentii la mano di mia madre sul fondoschiena, che mi esortava a entrare nella carrozza, ma io allungai il collo per vedere mio padre, la mano tesa verso il signor Birch che continuava a fissarlo di traverso, rifiutando lofferta di pace. Poi, proprio mentre venivo spinto nella carrozza, vidi il signor Birch afferrare la mano di mio padre e il suo cipiglio trasformarsi in un sorriso, un sorriso leggermente imbarazzato, timido, come se fosse tornato in s. I due si strinsero le mani e mio padre rivolse al signor Birch quel cenno che conoscevo tanto bene e che voleva dire

che era tutto a posto, che non occorreva pi parlare della faccenda.

5
Tornammo alla nostra vera casa, dove chiudemmo a chiave la porta e cacciammo via lodore di fumo e letame e cavalli e io dissi a mia madre e a mio padre che la serata mi era piaciuta molto, li ringraziai profusamente e li assicurai che il trambusto nella strada non aveva affatto rovinato la mia serata, anche se dentro di me pensavo che era stato il momento saliente. Eppure salt fuori che la serata non era ancora terminata, perch quando mi avviai verso le scale, mio padre mi fece segno di seguirlo, mi fece strada fin nella stanza dei giochi, dove accese una lampada a olio di paraffina.

Ti piaciuta la serata, vero, Haytham? mi chiese. Moltissimo signore. Che impressione ti ha fatto il signor Birch? Mi piaciuto molto, signore. Mio padre ridacchi. Reginald un uomo che d grande importanza alle apparenze, alle buone maniere, alletichetta e allordine. Non come alcune persone che indossano etichetta e protocollo come un distintivo solo quando fa loro comodo. un uomo donore. Sissignore, concordai, ma il mio tono doveva essere stato dubbioso come mi sentivo, perch mi fiss aspramente. Ah, esclam, stai pensando a ci

che successo dopo? Sissignore. Allora, cosa ne pensi? Mi fece cenno di avvicinarmi a una delle librerie. Sembrava mi volesse pi vicino alla luce e ai suoi occhi per guardarmi in faccia. La luce della lampada giocherell sui suoi lineamenti e i suoi capelli scuri luccicarono. Gli occhi erano sempre gentili, ma a volte potevano essere intensi, come lo erano ora. Notai una delle sue cicatrici, che pareva brillare alla luce. Ecco, stato molto eccitante, signore, risposi, aggiungendo subito: Anche se ero pi che altro preoccupato per mia madre. La vostra velocit nel salvarla, non avevo mai visto nessuno

muoversi tanto in fretta. Rise. Lamore pu fare questo a un uomo. Un giorno lo scoprirai di persona. Ma cosa mi dici della reazione del signor Birch? Lhai compresa, Haytham? Prego? Il signor Birch sembrava sul punto di amministrare una dura punizione a quel furfante, Haytham. Hai pensato che se la meritasse? Riflettei un attimo prima di rispondere. Avevo capito dallespressione di mio padre, acuta e attenta, che la mia risposta era importante. Nel fervore del momento immagino di avere pensato che il ladro si meritasse unaspra reazione. Cera

stato un attimo, per quanto breve, in cui una rabbia primitiva gli aveva augurato il male per avere aggredito mia madre. Adesso, tuttavia, nel soffuso bagliore della lampada, con mio padre che mi fissava con dolcezza, provai un sentimento diverso. Dimmelo sinceramente, Haytham, mi stimol mio padre, come se mi avesse letto nel pensiero. Reginald possiede un acuto senso di giustizia o di ci che lui descrive come giustizia. qualcosa di biblico! Ma tu coshai pensato? Allinizio avevo provato un forte desiderio di vendetta, signore. Ma era passato rapidamente ed ero stato contento che a quelluomo fosse stata

concessa clemenza. Mio padre sorrise e annu, quindi si gir verso lo scaffale. Con uno scatto del polso azion un interruttore, facendo muovere una parte dello scaffale e svelando uno scomparto segreto. Il mio cuore perse un colpo mentre lui tirava fuori qualcosa: una scatola che mi porse e che, con un cenno, mi invit ad aprire. Un regalo di compleanno, Haytham, disse. Mi inginocchiai, misi la scatola sul pavimento, laprii e dentro cera una cintura in cuoio che tolsi rapidamente, ben sapendo che sotto ci sarebbe stata una spada, non una spada giocattolo in legno, ma una lucente spada in acciaio

con impugnatura intarsiata. La tolsi dalla scatola e la tenni tra le mani. Era corta e, sebbene con mia somma vergogna avessi provato una punta di delusione, capii immediatamente che era splendida e che era la mia spada corta. Decisi che non avrebbe mai lasciato il mio fianco e stavo gi per prendere la cintura, quando mio padre mi ferm. No, Haytham, la spada resta qui e non la potrai prendere n usare senza il mio permesso. Hai capito? Laveva ripresa, laveva rimessa nella scatola insieme con la cintura e laveva richiusa. Presto inizierai ad addestrarti con questa spada, continu. Hai ancora

molto da imparare, Haytham, non solo riguardo lacciaio che hai tenuto in mano, ma anche sullacciaio nel tuo cuore. S, padre, dissi, cercando di non apparire confuso e deluso come mi sentivo. Lo guardai voltarsi e rimettere la scatola nello scomparto segreto e, se avesse tentato di impedirmi di vedere quale libro apriva lo scomparto, ecco, non ci era riuscito. Era la Bibbia.

8 dicembre 1735

1 OGGI ci sono stati altri due funerali, quelli dei due soldati che erano stati piazzati nel giardino. Per quanto ne so, il maggiordomo personale di mio padre, il signor Digweed, aveva presenziato al funerale del capitano di cui non ho mai saputo il nome, ma nessuno della nostra casa era stato al funerale del secondo uomo. In questo momento siamo circondati da troppo dolore e lutto, come se non ci fosse pi spazio per altri, per quanto insensibile ci appaia.

2
Dopo il mio ottavo compleanno, il signor Birch venne a trovarci regolarmente e, quando non faceva da cavaliere a Jenny passeggiando nel giardino o accompagnandola in citt nella sua carrozza o sedendosi in salotto a bere t o sherry e a intrattenere le donne con racconti della sua vita militare, discuteva con mio padre. Era chiaro a tutti che si proponeva di sposare Jenny e che quellunione aveva la benedizione di nostro padre, ma si vociferava anche che il signor Birch avesse chiesto di rimandare il matrimonio, perch voleva diventare ricco cos che Jenny avrebbe avuto il

marito che si meritava e lui aveva posto gli occhi su una casa signorile a Southwark per poterle permettere di vivere come era abituata. I miei genitori ne erano entusiasti, Jenny molto meno. Lavevo vista di tanto in tanto con gli occhi rossi e aveva sviluppato labitudine di correre fuori delle stanze in preda a una collera rabbiosa o con la mano sulla bocca cercando di reprimere le lacrime. Pi di una volta avevo sentito mio padre dire: Ci si abituer, e una volta mi aveva lanciato unocchiata di traverso. Proprio mentre lei pareva appassire sotto il peso del suo futuro, io fiorivo aspettando il mio. Lamore che provavo per mio padre minacciava di continuo di

sommergermi con la sua mera grandezza: pi che amarlo lo idolatravo. A volte era come se noi due condividessimo una conoscenza segreta al resto del mondo. Per esempio, voleva sapere spesso che cosa mi stavano insegnando i miei precettori, poi ascoltava attento, quindi chiedeva: Perch? Ogni qualvolta mi domandava qualcosa, che fosse sulla religione o la moralit, capiva se davo una risposta meccanica o se ripetevo ci che mi avevano insegnato alla stregua di un pappagallo e osservava: Ecco, mi hai appena detto ci che pensa il vecchio signor Fayling, oppure: Sappiamo cosa scrive uno scrittore di secoli fa, ma cosa ti dice qui, Haytham? e si portava

una mano sul petto. Comprendo ora cosa stava facendo. Il signor Fayling mi insegnava fatti e verit assolute, mio padre mi istigava a metterli in discussione. La conoscenza che mi impartiva il vecchio signor Fayling da dove era originata? Chi aveva tenuto in mano la penna e perch dovevo fidarmi di quelluomo? Mio padre era solito dire: Per vedere in modo differente, bisogna prima pensare in modo differente, e ci potrebbe suonare stupido o io potrei ripensarci anni dopo e ridere, ma a volte era come se sentissi il mio cervello espandersi per guardare il mondo con gli occhi di mio padre. Lui aveva un modo che nessun altro aveva o

cos mi pareva; un modo che sfidava lidea della verit. Naturalmente, io mettevo in dubbio il vecchio signor Fayling. Una volta, durante una lezione sulle Scritture, lo sfidai e mi guadagnai un colpo sulle nocche con il suo bastone, insieme con la promessa che avrebbe informato mio padre, cosa che fece. Mio padre mi chiam nel suo studio e, dopo avere chiuso la porta, sorrise. Haytham, spesso meglio tenere per s le proprie idee. Nascoste in piena vista. E cos feci. E mi scoprii a osservare le persone attorno a me cercando di guardare dentro di loro come se potessi indovinare come vedevano il mondo, come il vecchio signor Fayling o come

mio padre. Nello scriverne adesso, capisco che mi stavo montando la testa; mi sentivo molto pi grande della mia et, il che tanto poco piacevole adesso come lo era stato a otto e poi nove anni. Con ogni probabilit ero arrogante in modo insopportabile, mi sentivo lometto di casa. Quando compii nove anni, mio padre mi regal un arco con frecce e, mentre mi allenavo in giardino, speravo che le ragazze Dawson o i ragazzi Barrett mi spiassero dalle finestre. Era passato pi di un anno da quando avevo parlato con Tom, ma a volte indugiavo a quella porta con la speranza di incontrarlo di nuovo. Mio padre era aperto su tutto, tranne che sul suo

passato. Non parlava mai della sua vita prima di Londra, n della madre di Jenny, perci ancora speravo che qualsiasi cosa avesse voluto riferirmi Tom mi avrebbe chiarito il mistero. A parte ci, desideravo un amico. Non un genitore o una bambinaia o un precettore o un mentore, di questi ne avevo a sufficienza. Semplicemente un amico. E speravo che sarebbe stato Tom. Naturalmente non accadr mai. Lo seppelliranno domani.

9 dicembre 1735

1
IL signor Digweed venuto da me questa mattina. Ha bussato, ha atteso la mia risposta, poi ha dovuto abbassare la testa per entrare, perch, oltre a essere quasi calvo, con gli occhi leggermente sporgenti, alto e magro e le porte nella nostra casa provvisoria sono molto pi basse di quelle della vecchia. Il modo in cui doveva curvarsi per muoversi accresceva la sua aria sconcertata, il senso di essere un pesce fuor dacqua. Era stato il maggiordomo di mio padre da prima della mia nascita, almeno da quando i Kenway si erano stabiliti a Londra e, come tutti noi, forse ancor pi di noi, apparteneva alla

nostra vera casa. Ci che rendeva il suo dolore ancora pi acuto era il senso di colpa, per essere stato lontano la notte dellaggressione, per essersi occupato di faccende famigliari nello Herefordshire: lui e il nostro cocchiere erano tornati il mattino successivo allattacco. Spero possiate perdonarmi, signorino Haytham, mi aveva ripetuto nei giorni seguenti, il volto pallido e tirato. Naturalmente, Digweed, rispondevo senza sapere cosaltro aggiungere. Non mi ero mai sentito a mio agio a rivolgermi a lui chiamandolo con il cognome, non mi era mai parsa una cosa giusta. E cos tutto ci che

riuscivo ad aggiungere era: Grazie. Questa mattina il suo viso cadaverico presentava la stessa espressione e io compresi che, qualunque fosse la notizia, era brutta. Signorino Haytham, esord, in piedi di fronte a me. S Digweed? Mi dispiace terribilmente, signorino Haytham, ma arrivato un messaggio da parte dei Barrett. Desiderano che nessuno di casa Kenway partecipi al funerale del giovane Thomas. Chiedono rispettosamente che non ci sia alcun tipo di contatto. Grazie, Digweed, risposi e lo osservai fare un breve e triste inchino prima di andarsene, abbassando la testa

per evitare la trave delluscio. Rimasi immobile per un po, lo sguardo vacuo sullo spazio che aveva occupato, fin quando Betty torn per aiutarmi a togliermi labito per il funerale e indossare quello di tutti i giorni.

2
Un pomeriggio di alcune settimane fa stavo giocando nel breve corridoio sotto le scale che portava dallentrata della servit alla porta sbarrata della sala dellargenteria. Era l che erano conservate le cose di valore della famiglia: vasellame dargento che vedeva la luce del giorno solo nelle rare occasioni in cui mia madre e mio padre avevano ospiti; cimeli di famiglia, i gioielli di mia madre o i libri che mio padre riteneva di grande valore, libri che non si potevano sostituire. Teneva sempre con s la chiave di quella stanza, in un anello alla cintura, e io lavevo visto affidarla solo al signor

Digweed e solo per brevi momenti. Mi piaceva giocare nel corridoio l vicino, perch non ci passava quasi mai nessuno, e ci voleva dire che non venivo mai disturbato dalle bambinaie, che mi avrebbero detto di alzarmi dal pavimento sporco prima che si formasse un buco nei calzoni, o da altri dipendenti che si sarebbero intrattenuti con me obbligandomi a rispondere a domande sulla mia istruzione o su amici inesistenti, o forse addirittura da mia madre o mio padre che mi avrebbero ingiunto di alzarmi prima che si formasse un buco nei calzoni e poi mi avrebbero costretto a rispondere a domande sulla mia istruzione o su amici inesistenti. O, peggio ancora, da Jenny

che avrebbe deriso qualsiasi gioco stessi facendo e che, si fosse trattato di soldatini di latta, avrebbe fatto di tutto per rovesciarli. No, il passaggio tra la stanza della servit e la sala dellargenteria era uno dei pochi posti nella nostra casa dove potevo sperare di evitare queste cose, perci mi rifugiavo l quando non volevo essere disturbato. Ma il volto del signor Birch apparve nel corridoio proprio mentre stavo per allineare le mie truppe. Avevo sistemato sul pavimento una lanterna e la fiammella guizz nello spiffero quando la porta si apr. Dalla mia posizione sul pavimento, scorsi lorlo della sua redingote e la punta del

bastone da passeggio, quindi vidi che mi guardava dallalto in basso e mi chiesi se anche nel suo bastone ci fosse una spada nascosta e se avrebbe tintinnato come quella di mio padre. Signorino Haytham, speravo di trovarla qui, esord con un sorriso. Mi stavo chiedendo se foste occupato. Mi alzai. Stavo solo giocando, signore, risposi. Qualcosa non va? Oh, no, rispose ridendo. Di fatto, lultima cosa che vorrei disturbarvi nellora della ricreazione, anche se c qualcosa di cui vorrei parlare con voi. Naturalmente, dissi, ma ero rattristato allidea di unaltra serie di domande sulla mia bravura in aritmetica. S, i calcoli mi piacevano. S,

mi piaceva molto scrivere. S, speravo di diventare un giorno intelligente come mio padre. S speravo di subentrargli un giorno negli affari di famiglia. Con un gesto della mano il signor Birch mi invit invece a riprendere a giocare e addirittura mise da parte il bastone e si arrotol i calzoni per accovacciarsi accanto a me. Che cosa abbiamo qui? chiese indicando i soldatini di latta. solo un gioco, signore, replicai. Sono i vostri soldati, non vero? sinform. E qual il comandante? Non c un comandante, signore. Lui emise una secca risata. I vostri uomini hanno bisogno di un capo, Haytham. In che altro modo sapranno

qual il miglior piano dazione? In che altro modo verrebbe loro instillato il senso di disciplina? Non lo so, signore. Ecco, riprese lui, togliendo uno dei soldatini dal gruppo, pulendolo sulla manica e mettendolo da parte. Forse dovremmo nominare capo questo signore, che ne dite? Se cos desiderate, signore. Signorino Haytham, prosegu sorridendo, questo il vostro gioco. Io sono soltanto un intruso, qualcuno che spera che voi minsegnate come giocare. Sissignore, un capo andrebbe bene in questo caso. Allimprovviso la porta del passaggio

si apr di nuovo ed entr il signor Digweed. Nella guizzante luce della lampada lo vidi scambiare unocchiata con il signor Birch. I vostri affari possono aspettare, Digweed? chiese Birch in tono aspro. Certamente, signore, rispose Digweed, inchinandosi, indietreggiando e chiudendo la porta alle sue spalle. Benissimo, continu Birch, riportando la sua attenzione sul gioco. Allora spostiamo qui questo soldatino che, come capo dellunit, potr incoraggiare i suoi uomini a grandi gesta, guidarli con lesempio e insegnare loro i valori dellordine, della disciplina e della lealt. Che ne pensate, signorino Haytham?

Sissignore, risposi obbediente. E ora unaltra cosa, signorino Haytham, aggiunse, prendendo tra i piedi un altro soldatino e sistemandolo accanto al comandante. Un capo ha bisogno di luogotenenti fidati, non vero? Sissignore, concordai. Segu un lungo silenzio, durante il quale osservai Birch sistemare con cura altri due luogotenenti accanto al comandante, un silenzio che mi mise sempre pi a disagio, fin quando chiesi, pi per rompere quello strano silenzio che per discutere linevitabile: Signore, desiderate parlare con me di mia sorella? Che diamine, voi sapete leggere

dentro di me, signorino Haytham, rise Birch. Vostro padre un ottimo insegnante. Vedo che vi ha insegnato lastuzia e la furbizia, tra le altre cose. Non avendo ben capito cosa avesse inteso, rimasi in silenzio. Come va laddestramento alle armi, se posso chiederlo? Molto bene, signore. Miglioro di giorno in giorno, o cos sostiene mio padre. Ottimo, ottimo. E vostro padre vi ha mai rivelato lo scopo del vostro addestramento? Mio padre dice che il vero addestramento inizier il giorno del mio decimo compleanno.

Ecco, mi chiedo cosa avr da dirvi, disse, accigliato. Davvero non ne avete idea? Neppure un sospetto? Nossignore. So solo che mi fornir un cammino da seguire. Un credo. Capisco. Molto eccitante. E non vi ha mai fornito un indizio su cosa potrebbe essere questo credo? Nossignore. Affascinante. Scommetto che non vedete lora. Nel frattempo, vostro padre vi ha dato una spada da uomo con cui apprendere larte o vi state ancora allenando con una di legno? Alzai il capo orgoglioso. Ho la mia spada, signore. Mi piacerebbe molto vederla. La tiene nella stanza dei giochi,

signore, in un posto sicuro cui solo mio padre e io abbiamo accesso. Soltanto vostro padre e voi? Volete dire che ne avete accesso anche voi? Arrossii, grato che la fioca luce gli impedisse di notare limbarazzo sul mio volto. Ci che intendo dire che so dove tiene la mia spada, signore, non che io vi abbia accesso, chiarii. Capisco. Un luogo segreto, giusto? Una cavit nascosta nella libreria? La mia espressione deve avere svelato ogni cosa. Lui scoppi a ridere. Non preoccupatevi, signorino Haytham, il vostro segreto al sicuro con me. Grazie, signore. Non c di che.

Si alz, raccolse il bastone da passeggio, si spazzol via dello sporco, reale o immaginario che fosse, dai calzoni e si diresse verso la porta. Mia sorella, signore? domandai. Non mi avete chiesto nulla di lei. Lui si ferm, ridacchi sottovoce e mi arruff i capelli. Un gesto che mi piacque. Forse perch lo faceva anche mio padre. Ah, non necessario. Mi avete rivelato tutto ci che avevo bisogno di sapere, signorino Haytham. Voi ne sapete poco quanto me sulla bella Jennifer e forse cos che deve essere. Le donne dovrebbero essere per noi un mistero, non vero, signorino Haytham?

Non sapevo di cosa stesse parlando, ma gli sorrisi e trassi un sospiro di sollievo quando riebbi il corridoio della sala dellargenteria tutto per me.

3
Non molto dopo quel colloquio con il signor Birch, mi trovavo in unaltra parte della casa e mi stavo dirigendo verso la mia camera da letto quando, nel passare davanti allo studio di mio padre, sentii delle grida: mio padre e il signor Birch. Il guaio di un buon nascondiglio che voleva dire stare tanto lontano da non poter sentire cosa veniva detto, ma fui contento di avere mantenuto la distanza, perch un attimo dopo la porta dello studio si spalanc e il signor Birch si precipit fuori. Era infuriato, ma appena mi vide si ferm di colpo, pur rimanendo agitato.

Ci ho provato, signorino Haytham, disse, mentre si riprendeva e iniziava ad abbottonarsi il mantello. Ho tentato di avvertirlo. Si calz il tricorno in testa e usc a grandi passi. Sulla soglia, mio padre fiss torvo il signor Birch e, sebbene fosse stato chiaramente un incontro spiacevole, erano faccende da adulti e non me ne preoccupai. Cerano altre cose su cui riflettere. Poi, soltanto un giorno o due dopo, ci fu lattacco.

4
Accadde la notte prima del mio compleanno. Lattacco, intendo. Ero sveglio, forse perch troppo eccitato per il giorno seguente, ma anche perch avevo preso labitudine di alzarmi dopo che Edith era uscita dalla camera e di andare a sedermi sul davanzale e guardare fuori della finestra. Da quella posizione vedevo gatti e cani e addirittura volpi attraversare il prato rischiarato dalla luna. Oppure, quando non cercavo di individuare animali selvatici, mi bastava osservare la notte, guardare la luna, il grigio pallido che dava allerba e agli alberi. Dapprima pensai che ci che vedevo in lontananza

erano lucciole. Ne avevo sentito parlare, ma non le avevo mai viste. Tutto ci che sapevo era che si riunivano in sciami ed emettevano un fioco bagliore. In ogni caso, presto mi resi conto che non era uno scintillio, ma una luce che si accendeva, per poi spegnersi e riaccendersi di nuovo. Era un segnale. Mi si mozz il fiato. La luce lampeggiante pareva provenire da vicino alla vecchia porta in legno nel muro, quella dove avevo visto Tom, e il mio primo pensiero fu che lui stesse tentando di contattarmi. Ora pare strano, ma neppure per un secondo supposi che quel segnale non fosse per me. Ero troppo impegnato a tirarmi su

un paio di calzoni, a infilarci dentro la camicia da notte e ad agganciare le bretelle. Non persi tempo con la giacca. Tutto ci cui riuscivo a pensare era lavventura che stavo per vivere. Riflettendoci ora, mi rendo conto che nella casa accanto Tom doveva essere stato un altro cui piaceva sedersi sul davanzale e osservare la vita notturna nel giardino di casa sua. E, come me, anche lui doveva avere notato il segnale e forse aveva avuto la mia stessa idea, invertita: che fossi io a inviargli segnali. E aveva avuto la mia stessa reazione; era sceso dal suo posatoio e si era infilato dei vestiti per andare a investigare Nella casa erano arrivate due nuove

persone, una coppia di ex soldati dal volto duro assunti da mio padre, che ci aveva spiegato che avevamo bisogno di loro perch aveva ricevuto delle informazioni. Solo questo. Aveva parlato solo di informazioni. E allora come ora mi ero chiesto cosa avesse inteso e se avesse avuto qualcosa a che fare con laccesa discussione tra lui e il signor Birch. In ogni caso, avevo incontrato raramente i due soldati. Ci che sapevo era che uno era piazzato nel salotto sul davanti della casa, mentre laltro rimaneva accanto al caminetto nella stanza della servit. Mi era stato facile evitarli entrambi mentre sgattaiolavo gi per le scale e nella cucina silenziosa che non

avevo mai visto tanto scura e vuota. E fredda. Vidi il mio fiato e rabbrividii, tremendamente consapevole di quanto facesse freddo rispetto al misero tepore della mia camera da letto. Vicino alla porta cera una candela, che accesi e, riparando la fiamma con le mani, illuminai il percorso verso il cortile delle scuderie. E se avevo pensato che in cucina faceva freddo, allora, be, fuori cera quel genere di gelo che dava limpressione che il mondo fosse fragile e sul punto di rompersi; abbastanza freddo da togliermi il fiato, da spingermi a cambiare idea, da chiedermi se sarei riuscito a proseguire.

Uno dei cavalli nitr e batt le zampe e, per qualche motivo, quel rumore mi fece decidere, facendomi superare in punta di piedi le gabbie dei cani fino a un muro laterale e attraversare una grande porta ad arco che immetteva nel frutteto. Camminai tra i meli affusolati fino a ritrovarmi allaperto, conscio della casa alla mia destra, dove immaginai volti a ogni finestra: Edith, Betty, mia madre e mio padre che mi vedevano correre come un pazzo nel prato. Non che stessi davvero correndo come un matto, naturalmente, ma questo ci che avrebbero detto: ci che Edith avrebbe detto rimproverandomi e ci che mio padre avrebbe detto, mentre mi puniva colpendomi con il

bastone da passeggio. Ma se maspettavo un urlo da casa, non arriv. Lungo il muro di cinta corsi verso la porta. Stavo ancora tremando, ma, mentre cresceva la mia eccitazione, cominciai a chiedermi se Tom avrebbe portato del cibo per un banchetto di mezzanotte: formaggio, una torta e dei dolcetti. Oh, e un grog caldo sarebbe stato pi che gradito Un cane cominci a latrare. Thatch, il bracco irlandese di mio padre, dalla sua gabbia nel cortile delle scuderie. Il suono mi ferm e mi acquattai sotto i rami bassi e spogli di un salice, finch smise di colpo come era iniziato. In seguito compresi perch si fosse azzittito tanto bruscamente. In quel

momento comunque non vi riflettei su, perch non avevo motivo di sospettare che un intruso avesse tagliato la gola a Thatch. Ora riteniamo che fossero stati in cinque a procedere lentamente verso di noi con coltelli e spade. Cinque uomini che si facevano strada verso la casa, e io nel giardino, ignaro di tutto. Ma come potevo saperlo? Ero un ragazzino sciocco con la voglia di avventura e temerariet nella testa, per non parlare del prosciutto e della torta e cos continuai a camminare lungo il muro di cinta fino alla porta. Che era aperta. Cosa mi ero aspettato? Forse di trovarla chiusa e che dallaltra parte ci fosse Tom. Forse uno di noi si sarebbe

arrampicato sul muro. Forse ci saremmo scambiati pettegolezzi con la porta tra noi. Tutto ci che sapevo era che luscio era aperto e che cominciavo a provare la sensazione che ci fosse qualcosa di sbagliato e infine mi venne in mente che i segnali che avevo visto dalla finestra della mia camera non fossero per me. Tom? sussurrai. Nessun suono. La notte era silente: non un uccello, non un animale, nulla. Agitato, stavo per voltarmi e tornare a casa, alla sicurezza del mio letto caldo, quando intravidi qualcosa. Un piede. Mi allontanai ancor pi dalla porta dove il passaggio era immerso in una luce lunare di un bianco sporco che dava a ogni cosa un bagliore fioco e sudicio,

incluso il corpo di un ragazzo disteso scompostamente sul terreno. Era per met sdraiato, per met seduto, appoggiato al muro di fronte, abbigliato quasi come me, con un paio di calzoni e una camicia da notte, solo che lui non si era preso la briga di infilarla nei pantaloni e ora era attorcigliata attorno alle gambe storte in modo innaturale sul duro fango del vialetto. Naturalmente era Tom. Tom, i cui occhi morti mi fissavano senza vedermi da sotto la tesa del cappello sghembo sulla testa. Tom con la luce della luna che splendeva sul sangue sgorgato da uno squarcio alla gola. Cominciai a tremare. Sentii un lamento e mi resi conto che ero io a

gemere. Una ridda di pensieri spaventosi mi attraversano la mente. Poi mille cose accaddero in modo tanto rapido che non ricordo neppure lesatto ordine in cui avvennero, sebbene credo che fossero iniziate con il rumore di un vetro rotto e un grido proveniente dalla casa. Scappa. Mi vergogno ad ammettere che le voci, i pensieri che mi sballottavano in testa, tutti insieme avevano urlato quellunica parola. Scappa. E io obbedii. Mi misi a correre, ma non nella direzione che avevano voluto. Mi stavo comportando come mio padre mi aveva istruito a fare, ascoltando il

mio istinto o ignorandolo? Non lo sapevo. Tutto ci che sapevo era che, sebbene ogni fibra del mio corpo paresse volere che io fuggissi da ci che sapevo essere il pi tremendo pericolo, di fatto corsi verso di esso. Attraversai il cortile delle scuderie e mi precipitai nella cucina, senza neppure accorgermi che la porta era stata scardinata. Da qualche parte nel salone udii altri schiamazzi, vidi del sangue sul pavimento della cucina e corsi su per le scale, solo per trovare un altro corpo. Era quello di uno dei due soldati che si stringeva lo stomaco, una striscia di sangue che gli gocciolava dalla bocca mentre moriva sul pavimento del corridoio.

Lo scavalcai e corsi verso le scale pensando solo a raggiungere i miei genitori. Latrio era buio, ma colmo di grida e piedi che correvano e dei primi riccioli di fumo. Tentai di orientarmi. Da sopra giunse un altro strillo e vidi delle ombre danzanti sul balcone e, brevemente, il balenio dellacciaio nelle mani di uno dei nostri assalitori. Stava combattendo con uno dei camerieri personali di mio padre, ma la luce svolazzante mi imped di vedere il destino di quel povero ragazzo. Udii invece il sordo tonfo del suo corpo quando cadde dal balcone sul pavimento in legno, non molto distante da me. Il suo assassino lanci un urlo di trionfo e io lo sentii correre verso le camere da

letto. Madre! chiamai, lanciandomi su per la scala nello stesso momento in cui vidi la porta della camera dei miei genitori spalancarsi e mio padre uscire per affrontare lintruso. Indossava i calzoni e aveva tirato le bretelle sulle spalle nude, i capelli erano spettinati e sciolti. In una mano teneva la lanterna, nellaltra la spada. Haytham! grid appena arrivai in cima alla scala. Lintruso, che era sul pianerottolo tra noi, si ferm, si volt e mi guard e, alla luce della lanterna di mio padre, lo vidi distintamente per la prima volta. Indossava calzoni e un panciotto nero in pelle; una piccola maschera, come quelle che si portano

nei balli in costume, gli copriva met faccia. E stava cambiando direzione. Invece di lanciarsi contro mio padre, si era diretto verso di me, sogghignando. Haytham! tuon nuovamente mio padre, staccandosi da mia madre e inseguendo lintruso lungo il pianerottolo. Di colpo la distanza tra loro si accorci, ma non sarebbe stata sufficiente, quindi mi voltai per fuggire, solo per vedere un secondo uomo ai piedi della scala, la spada sguainata, che mi bloccava la strada. Era abbigliato come il primo, anche se notai una differenza: le orecchie. Erano a punta, e con la maschera lo facevano assomigliare a un deforme e orrendo essere. Raggelai per un attimo, poi mi

girai e vidi che luomo ghignante dietro di me si era voltato per affrontare mio padre e che le loro spade stavano cozzando luna contro laltra. Mio padre aveva abbandonato la lanterna, dunque ora stavano combattendo nella semioscurit. Una battaglia breve e brutale punteggiata da grugniti e dal tintinnio dellacciaio. Anche nella foga e nel pericolo del momento, avrei voluto avere pi luce per poterlo vedere combattere. Poi tutto fin e lassassino ghignante non sogghignava pi, lasciava cadere la spada e, precipitando dalla balaustra, si schiantava sul pavimento. Lintruso dalle orecchie appuntite, che si trovava a met scala, ci ripens e fugg verso

latrio. Dal basso si ud una voce. Oltre la balaustra vidi un terzo uomo, anche lui con la mezza maschera, che chiamava lo sgherro dalle orecchie appuntite per poi svanire entrambi sotto il pianerottolo. Lanciai unocchiata verso lalto e nella fioca luce notai una strana espressione sul viso di mio padre. La stanza dei giochi, disse. Un attimo dopo, prima che mia madre o io riuscissimo a fermarlo, era balzato oltre la balaustra, nellatrio. Mentre saltava, mia madre strill: Edward! e langoscia nella sua voce riecheggi i miei pensieri. No. Il mio unico e solo pensiero: Ci sta abbandonando.

Perch ci abbandona? La camicia da notte di mia madre era in disordine mentre correva lungo il pianerottolo verso di me, fermo in cima alle scale; il suo volto era una maschera di terrore. Dietro di lei arrivava un altro assalitore, comparso dalla scala in fondo al pianerottolo, che la raggiunse nel medesimo istante in cui lei raggiungeva me. Lafferr da dietro con una mano, mentre la mano della spada volava in avanti, per trafiggerle la gola. Non mi soffermai a riflettere. Non ci pensai pi se non molto dopo. Ma con un solo movimento feci un passo avanti, raccolsi la spada dellassalitore morto dalla scala, la sollevai sopra la testa e con due mani gliela infilai nella faccia

prima che lui avesse il tempo di tagliarle la gola. La mira fu perfetta e la punta attravers lapertura per locchio della maschera e penetr nellorbita. Il suo urlo lacer la notte e lui si stacc da mia madre con la spada ancora infilzata nellocchio. La spada cadde mentre lui si accasciava contro la balaustra, vacillava un attimo, crollava sulle ginocchia e poi cadeva in avanti, morto prima che la testa colpisse il pavimento. Mia madre corse tra le mie braccia e sprofond la testa nella mia spalla, mentre io raccoglievo la spada e le prendevo la mano per condurla gi per le scale. Quante volte mio padre,

andando al lavoro, mi aveva ripetuto: Oggi hai tu la responsabilit di occuparti di tua madre al posto mio. Ora lavevo realmente avuta. Arrivammo in fondo ai gradini, dove una strana quiete era scesa sulla casa. Latrio era deserto, ma ancora buio, sebbene illuminato da un bagliore arancione guizzante. Laria cominciava a essere satura di fumo, ma attraverso la nebbia notai dei corpi: lassassino, il valletto che era stato ucciso precedentemente e Edith che giaceva con la gola squarciata in una pozza di sangue. Quando mia madre la vide, gemette e cerc di trascinarmi verso lingresso principale, ma la porta della stanza dei

giochi era per met aperta e dallinterno sentii il rumore di un combattimento con le spade. Tre uomini, e uno era mio padre. Mio padre ha bisogno di me, dichiarai, tentando di liberarmi dalla stretta di mia madre che cap ci che stavo per fare e mi stratton con maggiore forza, finch riuscii a liberare la mano tanto violentemente che lei cadde a terra. Per un momento mi ritrovai lacerato tra il desiderio di aiutare mia madre ad alzarsi e quello di scusarmi. Vederla a terra per colpa mia era spaventoso. Ma poi sentii un grido provenire dallinterno della stanza dei giochi e ci bast per farmi oltrepassare la porta. La prima cosa che vidi fu che lo

scomparto nella libreria era aperto e che dentro cera la scatola con la mia spada. Per il resto la stanza era come sempre, come lavevamo lasciata dopo il mio ultimo allenamento, con il tavolo da biliardo coperto e spostato per creare lo spazio per addestrarmi, dove precedentemente quel giorno ero stato istruito e rimproverato da mio padre. Dove ora mio padre era inginocchiato, morente. In piedi davanti a lui cera un uomo con una spada infilata fino allelsa nel petto di mio padre, con la lama che sporgeva dalla schiena da cui gocciolava sangue. Non molto distante cera luomo dalle orecchie appuntite, una grossa ferita in faccia. Ce nerano voluti

due per sconfiggere mio padre, e solo per poco. Mi lanciai contro lomicida che, colto di sorpresa, non ebbe il tempo di estrarre la spada dal corpo di mio padre. Fece invece un brusco movimento per evitare la mia lama, mollando la sua spada nello stesso istante in cui mio padre cadeva a terra. Continuando come un pazzo a inseguire lassassino, mi dimenticai di proteggermi il fianco e un attimo dopo con la coda dellocchio notai un improvviso movimento mentre luomo dalle orecchie appuntite scattava in avanti. Che lo volesse o avesse mancato il colpo, non ne sono sicuro, ma invece di colpirmi con la spada mi picchi con il

pomo e non vidi pi niente; la mia testa entr in contatto con qualcosa che ci misi un secondo per riconoscere come la gamba del tavolo da biliardo e mi ritrovai a terra, stordito, disteso di fronte a mio padre che giaceva sul fianco con la spada infilzata nel petto. Nei suoi occhi cera ancora vita e le palpebre batterono per un attimo, come se cercasse di mettermi a fuoco. Per un momento giacemmo cos, luno di fronte allaltro, due uomini feriti. Le sue labbra si stavano muovendo. Attraverso una scura nuvola di dolore e angoscia vidi la sua mano tendersi verso di me. Padre dissi, ma in quellistante lassassino si avvicin a noi e senza fermarsi si chin ed estrasse la spada

dal corpo di mio padre che sobbalz, sinarc in un ultimo spasimo di dolore, mentre moriva. Sentii uno stivale contro il fianco rovesciarmi sulla schiena e alzai lo sguardo sugli occhi dellassassino di mio padre, ora il mio assassino che con un ghigno sollev la spada con due mani, pronto a trapassarmi. Se solo pochi attimi prima mi ero vergognato nel riferire che le mie voci interiori mi avevano ordinato di fuggire, ora sono orgoglioso di dire che si erano zittite; che avevo affrontato la morte con dignit sapendo di avere fatto il mio meglio per la mia famiglia, grato del fatto che mi sarei presto riunito a mio padre.

Naturalmente le cose non andarono cos. Non un fantasma che scrive queste parole. Qualcosa attir la mia attenzione, la punta di una spada che apparve tra le gambe del sicario e che nello stesso istante venne spinta verso lalto, aprendogli il busto dallinguine in su. Ho compreso fin da allora che la direzione del colpo aveva meno a che fare con latrocit e pi con la necessit di allontanare da me lassassino. Fu comunque atroce e luomo ulul, schizzando sangue, mentre veniva fatto a pezzi e le sue viscere caddero sul pavimento, seguite dal suo cadavere. Dietro di lui cera il signor Birch. State bene, signorino Haytham? domand.

Sissignore, ansimai. Bello spettacolo, comment, poi alz la spada per intercettare luomo dalle orecchie appuntite che si era lanciato contro di lui. Mi misi in ginocchio, afferrai la spada caduta e balzai in piedi, pronto a unirmi al mio salvatore che aveva spinto luomo fino alla porta della stanza, quando allimprovviso lassalitore vide qualcosa nascosto dietro la porta, e si spost di lato. Un attimo dopo il signor Birch indietreggi e allung una mano per impedirmi di avanzare, mentre luomo dalle orecchie appuntite era ricomparso alla porta. Solo che questa volta aveva un ostaggio. Non mia madre, come avevo

temuto, ma Jenny. Indietro! sbrait Orecchie Appuntite. Jenny piagnucol, in preda al terrore mentre le veniva premuta la lama alla gola. Posso ammettere, posso veramente ammettere che in quel momento ero pi interessato a vendicare la morte di mio padre che a proteggere Jenny? Non muovetevi! ripet Orecchie Appuntite, strattonando Jenny. Lorlo della camicia da notte le si era attorcigliato attorno alle caviglie e trascinava i calcagni sul pavimento. Un altro uomo mascherato comparve brandendo una torcia. Latrio era ormai quasi pieno di fumo. Vedevo le fiamme arrivare da unaltra parte della casa,

lambendo le porte che davano nel salotto. Luomo con la torcia corse ai tendaggi, li incendi e attorno a noi la casa cominci a bruciare; n il signor Birch n io potevamo fare qualcosa per fermare lincendio. Con la coda dellocchio vidi che mia madre stava bene e ringraziai Dio. Jenny invece era unaltra faccenda. Mentre la trascinavano verso lingresso, lei fissava me e il signor Birch come se fossimo la sua ultima speranza. Laggressore che reggeva la torcia spalanc la porta e si precipit in strada verso una carrozza. Per un attimo pensai che avrebbero lasciato andare Jenny, ma non lo fecero. Lei inizi a strillare mentre veniva

gettata dentro la carrozza e stava ancora urlando quando un terzo uomo mascherato seduto sul posto del cocchiere scosse le redini e la carrozza part rumorosamente nella notte, mentre noi fuggivamo dalla casa in fiamme e trascinavamo i nostri morti lontano dalle grinfie delle fiamme.

10 dicembre 1735

1
PUR avendo sepolto oggi mio padre, la prima cosa cui pensai quando mi svegliai questa mattina non riguardava lui n il funerale ma la sala dellargenteria nella nostra casa. Non avevano tentato di entrare. Mio padre aveva assunto i due soldati perch temeva un furto, ma i nostri aggressori si erano diretti ai piani superiori senza prendersi la briga di saccheggiare quella stanza. Perch ci che volevano era Jenny, ecco perch. E luccisione di mio padre faceva forse parte del loro piano? Questo fu tutto ci cui riuscii a pensare quando mi svegliai in una

camera gelida, cosa non insolita. In verit succedeva ogni giorno, solo che oggi la stanza era particolarmente fredda. Il genere di freddo che fa battere i denti, che penetra fin nelle ossa. Lanciai unocchiata al caminetto, chiedendomi perch il fuoco non riscaldasse di pi, solo per vedere che era spento e che la graticola era ricoperta di grigia cenere. Scesi dal letto e andai alla finestra che era ricoperta allinterno da uno spesso strato di ghiaccio che mi imped di guardare fuori. Ansimando per il gelo, mi vestii, uscii dalla camera e fui colpito dal silenzio che avvolgeva la casa. Scesi al pianterreno, trovai la stanza di Betty, bussai delicatamente,

poi un po pi forte. Poich non rispose, mi chiesi cosa fare, preoccupato per lei. Non ricevendo risposta, mi inginocchiai per sbirciare attraverso il buco della serratura, pregando di non vedere qualcosa che non avrei dovuto vedere. Giaceva addormentata in uno dei due letti. Laltro era vuoto e rifatto, ma ai suoi piedi cera un paio di quelli che mi parvero stivali maschili, con una striscia dargento sul tacco. Riportai lo sguardo su Betty e per un po osservai la coperta alzarsi e abbassarsi, poi decisi di lasciarla dormire e mi rialzai. Mi diressi lentamente in cucina, dove la signora Searle sobbalz nel vedermi, mi squadr dal basso in alto con aria di disapprovazione, quindi riprese ci che

stava facendo al tagliere. Non che la signora Searle e io avessimo litigato, solo che lei guardava tutti con sospetto, ancor pi dopo lassalto. Non la persona pi indulgente al mondo, mi aveva detto un pomeriggio Betty. Quella era unaltra cosa che era cambiata dallaggressione: Betty era diventata molto pi schietta e di quando in quando lasciava cadere delle allusioni su come realmente vedeva il mondo. Non mi ero mai reso conto che lei e la signora Searle non andassero daccordo, per esempio, n avevo mai pensato che Betty guardasse il signor Birch con sospetto. Ma era ci che faceva. Non so perch stia prendendo decisioni a nome dei Kenway, aveva borbottato

ieri. Non un membro della famiglia e dubito che mai lo diventer. In qualche modo, sapere che Betty non aveva una grande opinione della signora Searle aveva reso la governante meno minacciosa ai miei occhi e, se nel passato ci avrei pensato due volte prima di entrare in cucina allimprovviso chiedendo qualcosa da mangiare, ora non avevo pi simili scrupoli. Buon giorno, signora Searle, la salutai. Lei mi fece una piccola riverenza. Nella fredda cucina cera solo lei. Nella nostra casa precedente, la signora Searle aveva almeno tre assistenti, per non parlare di vari altri dipendenti che

entravano e uscivano dalle grandi porte a due ante della cucina. Ma ci avveniva prima dellassalto, quando avevamo un personale completo e non c nulla come uninvasione di uomini mascherati e armati di spada per far fuggire la servit. La maggior parte di loro non era neppure tornata. Ora cerano soltanto la signora Searle, Betty, il signor Digweed, una cameriera di nome Emily e la signorina Davy, la cameriera personale di mia madre. Erano gli unici che si occupavano dei Kenway. O dei Kenway rimasti, dovrei dire. Ceravamo solo io e mia madre. Quando uscii dalla cucina con un pezzo di torta avvolto in un telo datomi

con unaspra occhiata dalla signora Searle che di certo disapprovava il fatto che vagassi per casa a quellora del mattino, cercando cibo prima della colazione che stava preparando. La signora Searle mi piace e, dal momento che una delle poche rimaste con noi dopo quella terribile notte, mi piace ancora di pi. Ma ora ci sono altre cose di cui preoccuparsi: il funerale di mio padre e, naturalmente, mia madre. Mi ritrovai poi nellatrio a fissare la parte interna della porta e, senza rendermene conto, laprii e, senza pensarci troppo, uscii sui gradini in un mondo avvolto nel gelo.

2
Che diavolo progettate di fare in una mattinata tanto fredda, signorino Haytham? Una carrozza aveva appena accostato fuori casa e al finestrino cera il signor Birch. Portava un cappello pi pesante del solito e una sciarpa tirata sul naso che, a prima vista, lo faceva sembrare un brigante. Sto solo guardando, signore, risposi dal gradino. Lui abbass la sciarpa, tentando di sorridere. Prima, quando sorrideva, anche i suoi occhi brillavano, ora sembravano le ceneri del fuoco che si stavano raffreddando, incapaci di

generare un qualche calore, tese e stanche come la sua voce quando disse: Penso di sapere che cosa state cercando, signorino Haytham. Che cosa, signore? La strada di casa. Riflettei sulla sua risposta e mi resi conto che aveva ragione. Il problema era che avevo vissuto i primi dieci anni della mia vita guidato dai miei genitori e dalle bambinaie. Sebbene sapessi che la piazza dedicata alla Regina Anna era poco distante, non sapevo come arrivarci. E avevate intenzione di andarci? domand. Alzai le spalle, ma in verit era proprio ci che avrei voluto fare. Mi ero

immaginato nella carcassa della mia vecchia casa, nella stanza dei giochi intento a prendere La vostra spada? Annuii. troppo pericoloso entrare in quella casa, temo. Vi piacerebbe andarci ugualmente? Almeno la potreste vedere. Entrate, qua fuori fa freddo come le narici di un levriero. Non vidi motivo per rifiutare, specialmente quando mi porse un cappello e un mantello dallinterno della carrozza. Quando, poco dopo, accostammo, la casa non aveva per nulla laspetto che mi ero immaginato. No, era molto, molto peggio, come se un gigantesco

pugno lavesse colpita dallalto, fracassando il tetto e i pavimenti, scavando unenorme e frastagliata voragine. Ora non era pi tanto una casa quanto uno spaccato di casa. Attraverso le finestre infrante vedevamo latrio e attraverso le aperture nei pavimenti il corridoio del terzo piano, il tutto annerito di fuliggine. Vidi mobili che riconobbi, scuri e carbonizzati, ritratti bruciati appesi storti alle pareti. Mi dispiace, veramente troppo pericoloso entrare, signorino Haytham, ripet il signor Birch. Poco dopo mi fece risalire nella carrozza, batt due volte con il bastone sul soffitto, quindi partimmo.

In ogni caso, aggiunse, ieri mi sono preso la libert di recuperare la vostra spada, e da sotto il sedile tir fuori la scatola. Era anchessa sporca di fuliggine, ma quando se la mise sulle ginocchia e sollev il coperchio, dentro vidi la spada, splendente come il giorno in cui me laveva data mio padre. Vi ringrazio, signor Birch, fu tutto ci che riuscii a dire, mentre richiudeva il coperchio e la sistemava sul sedile tra di noi. una bella spada, Haytham. Sono certo che la terrete molto cara. Lo far, signore. E quando, mi chiedo, sentir il sapore del sangue? Non lo so, signore.

Cadde il silenzio e il signor Birch strinse il bastone da passeggio tra le ginocchia. La notte dellassalto, avete ucciso un uomo, riprese poi, girando la testa per guardare fuori dal finestrino. Superammo delle case che erano appena visibili, galleggianti tra una nebbia di fumo e aria gelida. Era ancora presto. Le strade erano silenziose. Che cosa avete provato, Haytham? Stavo proteggendo mia madre, signore. Quella era la vostra unica opzione, Haytham, concord, e avete fatto la cosa giusta. Non pensate neppure per un attimo di avere sbagliato. Ma lessere stata la vostra unica opzione non

cambia il fatto che non una faccenda da poco uccidere un uomo. Per nessuno. Non per vostro padre. Non per me. Ma soprattutto non per un ragazzino tanto giovane. Non avevo provato alcuna tristezza nel farlo. Avevo solo agito. E non ci avete pi pensato? Nossignore. Ho pensato solo a mio padre e a mia madre. E a Jenny? Oh, sissignore. Segu un altro silenzio, e quando parl di nuovo, la sua voce era piatta e solenne. Dobbiamo trovarla, Haytham. Rimasi in silenzio. Ho intenzione di partire per il

Continente, dove credo la stiano tenendo. Come fate a sapere che l, signore? Haytham, io faccio parte di unimportante e influente organizzazione. Una specie di club o di societ. Uno dei numerosi vantaggi del farvi parte che abbiamo occhi e orecchie ovunque. Come chiamata, signore? I Templari, signorino Haytham. Io sono un Cavaliere Templare. Un cavaliere? chiesi, fissandolo. Lui fece una risatina. Forse non il genere di cavaliere cui state pensando, Haytham, un cimelio del Medio Evo, ma i nostri ideali sono gli stessi. Proprio

come i nostri antenati avevano deciso di diffondere la pace nella Terra Santa secoli fa, cos noi siamo il potere occulto che aiuta a mantenere la pace e lordine ai giorni nostri. Indic con la mano il finestrino e le strade ora pi affollate. Tutto questo, Haytham, richiede struttura e disciplina e struttura e disciplina richiedono un esempio da seguire. I Cavalieri Templari sono quellesempio. Mi girava la testa. E dove vi incontrate? Che cosa fate? Avete unarmatura? Pi tardi, Haytham. In seguito vi dir di pi. Mio padre ne era membro? Era un cavaliere? Il cuore mi balz in petto.

Mi stava addestrando perch diventassi anchio uno di voi? No, signorino Haytham, lui non lo era e temo che, per quanto ne so, vi stesse addestrando alla scherma, affinch ecco, il fatto che vostra madre sia viva dimostra il valore delle lezioni. No, il mio rapporto con vostro padre non dipendeva dalla mia appartenenza allOrdine. Ma fa piacere dire che mi aveva assunto per le mie capacit nella gestione di patrimoni immobiliari e non per qualche rapporto segreto. Ciononostante, sapeva che ero un cavaliere. Dopotutto i Templari hanno legami potenti che a volte possono rivelarsi utili nella nostra attivit. Vostro padre non sar stato un

membro, ma era tanto astuto da comprendere il valore delle relazioni: una parola amichevole, il passaggio di uninformazione utile, trasse un profondo respiro, una delle quali era stata la soffiata riguardante lassalto. Glielo avevo riferito, naturalmente. Gli avevo chiesto se conosceva il motivo per cui era stato preso di mira, ma lui si era fatto beffe di quellidea, forse in malafede. Abbiamo discusso, Haytham. Abbiamo alzato la voce, ma ora vorrei soltanto essere stato pi insistente. Era quella la discussione che avevo sentito? domandai. Mi lanci unocchiata di traverso. Allora ci avevate sentiti, eh? Spero non steste origliando.

No, signor Birch, ho solo sentito delle grida, risposi, contento di non avere origliato. Mi lanci una dura occhiata, ma cap che stavo dicendo la verit. Guardando in avanti, comment: Vostro padre era tanto caparbio quanto imperscrutabile. Ma non aveva ignorato il vostro avvertimento, signore. Dopotutto, aveva assunto i soldati. Il signor Birch sospir. Vostro padre non aveva preso sul serio la minaccia e non avrebbe fatto niente. Nel vedere che non mi prestava ascolto, avevo informato vostra madre. Era stato su sua insistenza che aveva assunto i due soldati. Ora vorrei avere sostituito quei due con uomini delle nostre fila. Non

sarebbero stati sopraffatti tanto facilmente. Tutto ci che posso fare ora trovare sua figlia per lui e punire i responsabili. Per poterlo fare, devo sapere perch, qual era lo scopo dellassalto. Ditemi, che sapete della sua vita prima di Londra, Haytham. Nulla, signore. Bene, e cos siamo in due. In verit, pi di due. Neppure vostra madre sa qualcosa. E Jenny, signore? Ah, laltrettanto imperscrutabile Jenny. Frustrante quanto era bella, imperscrutabile quanto era adorabile. Era, signore? Un giro di frase, signorino Haytham, almeno lo spero con tutto il

cuore. Continuo a sperare che Jenny sia al sicuro nelle mani di coloro che lhanno catturata, che sia loro utile solo da viva. Pensate che labbiano rapita per ottenere un riscatto? Vostro padre era molto ricco. La vostra famiglia potrebbe essere stata presa di mira per la ricchezza e la morte di vostro padre accidentale. possibile. Abbiamo uomini che in questo momento stanno indagando su questa possibilit. Nello stesso tempo, potrebbero avere programmato di uccidere vostro padre e ho altri uomini che stanno esaminando anche questa eventualit, ecco, lo sto facendo io, perch lo conoscevo bene e saprei se aveva dei nemici: nemici con i

mezzi per effettuare un simile attacco, intendo dire, pi che locatari scontenti, ma non ho scovato una sola possibilit, il che mi induce a credere che lo scopo fosse stato quello di risolvere un rancore, qualcosa collegato alla sua vita prima di Londra. Jenny, essendo lunica che lo conosceva da prima, avrebbe potuto avere le risposte, ma, qualsiasi fossero, le ha messe nelle mani di chi lha catturata. In entrambi i casi, Haytham, noi dobbiamo trovarla. Cera qualcosa nel modo in cui disse noi. Come ho detto, si ritiene che sia stata portata da qualche parte sul Continente, cos che sar l che noi la cercheremo. E con noi intendo me e voi,

Haytham. Sobbalzai. Signore? chiesi, quasi incapace di credere alle mie orecchie. Proprio cos. Verrete con me. Mia madre ha bisogno di me. Non posso lasciarla. Il signor Birch mi guard di nuovo e nei suoi occhi non cera malizia n gentilezza. Haytham, temo che non tocchi a voi prendere questa decisione. La deve prendere mia madre, insistetti. Esattamente. Che intendete dire, signore? Avete pi parlato con vostra madre da quella notte? Stava troppo male per vedere altri che non fossero la signorina Davy o

Emily. rimasta in camera sua e la signorina Davy dice che verr convocato appena potr vedermi. Quando la vedrete, la troverete cambiata. Signore? La notte dellaggressione, Tessa ha visto suo marito morire e suo figlio uccidere un uomo. Queste cose avranno avuto un profondo effetto su di lei, Haytham, potrebbe non essere pi la persona che conoscevate. Motivo in pi perch abbia bisogno di me. Forse ci di cui ha bisogno guarire, Haytham, possibilmente senza essere attorniata dai ricordi di quella tremenda notte.

Capisco, signore. Mi dispiace che ci vi abbia sconvolto, Haytham. Corrug la fronte. E potrei sbagliarmi, naturalmente, ma mi sono occupato degli affari di vostro padre dalla sua morte e abbiamo sistemato le cose con vostra madre. Ho avuto lopportunit di vederla di persona e non credo di sbagliare. Non questa volta.

3
Mi madre mi convoc poco prima del funerale. Quando Betty, che si era scusata profusamente e con imbarazzo per essere rimasta a letto pi del solito, mi chiam, pensai che mia madre avesse cambiato idea sulla mia partenza con il signor Birch, ma sbagliavo. Mi precipitai alla sua porta, bussai e a malapena la sentii dirmi di entrare, la voce tanto debole e sottile, molto diversa da quella cui ero abituato, dolce ma autoritaria. La trovai seduta alla finestra con la signorina Davy che si stava dando da fare con le tende; sebbene fosse giorno, la giornata non era luminosa, eppure

mia madre agitava la mano di fronte a s, come se fosse infastidita da un uccello iroso e non da qualche grigio raggio di sole invernale. Quando la signorina Davy termin di spostare le tende come voleva mia madre, mi invit con un debole sorriso a sedermi. Mia madre volt il capo verso di me, molto lentamente, mi guard e mi rivolse un sorriso forzato. Lassalto le era costato in modo terribile. Era come se tutta la sua vitalit fosse svanita, come se avesse perduto la luce che aveva sempre avuto, sia quando sorrideva sia quando era arrabbiata o, come diceva sempre mio padre, quando parlava con il cuore in mano. Ora il sorriso le scivol via dalle labbra: non

aveva pi la forza di fingere. Sai che non andr al funerale, vero, Haytham? chiese in tono assente. S, madre. Mi dispiace, mi dispiace veramente, Haytham, ma non sono abbastanza forte. Di solito non mi chiamava mai Haytham, solo tesoro. S, madre, ripetei, sapendo che lo era, che era sufficientemente forte. Tua madre ha pi coraggio di qualsiasi uomo abbia conosciuto, Haytham, era solito dirmi mio padre. Si erano conosciuti poco dopo essersi trasferiti a Londra e lei gli aveva dato la caccia, come una leonessa che insegue la sua preda, aveva scherzato

mio padre, uno spettacolo sia raccapricciante sia solenne, e si era guadagnato uno schiaffo per quella particolare battuta, il genere di battuta che con ogni probabilit conteneva una parte di verit. Non le piaceva parlare della sua famiglia. Tutto ci che sapevo che erano benestanti. Una volta Jenny aveva accennato al fatto che lavevano diseredata a causa della sua relazione con nostro padre. Naturalmente non avevo mai scoperto il motivo. In quelle rare volte in cui avevo tormentato mia madre sulla vita di mio padre prima di Londra, lei aveva sorriso in modo misterioso. Me ne avrebbe parlato lui stesso al momento opportuno. Seduto

nella sua camera da letto, mi resi conto che almeno parte del dolore che provavo dipendeva dal fatto che non avrei mai saputo cosa mio padre aveva avuto intenzione di dirmi il giorno del mio compleanno. Una piccola parte, una parte insignificante del dolore per avere perso mio padre e del dolore che provavo nel vedere mia madre in queste condizioni. Tanto ridotta. Tanto priva di quel coraggio di cui parlava mio padre. Forse la fonte della sua forza era stato lui. Forse non era riuscita a sopportare la strage di quella tremenda sera. Dicono che succeda ai soldati. Si prendono un cuore da soldato e diventano le ombre di loro stessi. In

qualche modo il massacro li cambia. Era questo il caso con mia madre, mi domandai. Mi dispiace, Haytham, ripet. Va tutto bene, madre. No, voglio dire, devi andare con il signor Birch. Ma voi avete bisogno di me qui. Devo occuparmi di voi. Lei emise una risata eterea. Il soldatino di mamma, eh? e mi fiss con uno strano sguardo scrutatore. Capii al volo dove era diretta la sua mente. A ci che era accaduto sulle scale: mi stava vedendo infilzare una spada nellorbita oculare dellassalitore mascherato. Poi distolse gli occhi, e laccesa

emozione del suo sguardo mi lasci quasi senza fiato. Ci sono la signorina Davy ed Emily che si occupano di me, Haytham. Quando la nostra casa verr sistemata, torneremo l e potr assumere altro personale. No, dovrei essere io a occuparmi di te e ho nominato il signor Birch amministratore dellimpresa di famiglia e tuo tutore, affinch ci si occupi di te in modo adeguato. ci che avrebbe voluto tuo padre. Guard poi le tende con aria interrogativa, come se stesse tentando di ricordare perch erano state tirate. Credo che il signor Birch volesse parlarti subito della vostra partenza. Lo ha fatto, s, ma

Bene. Mi fiss e di nuovo nel suo sguardo cera qualcosa di sconcertante: mi resi conto che non era pi la madre che conoscevo. O ero io a non essere pi il figlio che lei conosceva? per il tuo meglio, Haytham. Ma, madre Lei mi guard, poi distolse rapidamente lo sguardo. Partirai e questo tutto, disse con fermezza, riportando nuovamente lo sguardo sulle tende. Io alzai gli occhi sulla signorina Davy come per cercare aiuto, senza trovarlo. Mi rivolse soltanto un sorriso comprensivo, come per dire: Mi dispiace, Haytham, non posso fare nulla, ha deciso cos. Nella stanza cal il silenzio, nessun rumore a

parte lo scalpiccio di zoccoli di cavalli allesterno, in un mondo che continuava, ignaro del fatto che il mio era stato distrutto. Puoi andare, Haytham, mi conged mia madre, agitando la mano. Prima, prima dellassalto intendo dire, non mi aveva mai convocato, n mi aveva mai congedato. Prima non mi aveva mai lasciato andare via senza almeno un bacio sulla guancia e avermi detto che mi amava almeno una volta al giorno. Mentre mi alzavo mi venne in mente che non aveva detto nulla su ci che era successo quel giorno sulle scale. Non mi aveva mai ringraziato per averle salvato la vita. Mi fermai sulluscio e mi

voltai per guardarla chiedendomi se desiderasse che lesito fosse stato diverso.

4
Il signor Birch mi accompagn al funerale, una piccola funzione informale nella stessa cappella in cui era stato celebrato quello di Edith, con quasi lo stesso numero di presenti: i dipendenti, il vecchio signor Fayling e altre persone dellimpresa di mio padre con i quali il signor Birch parl alla fine del rito. Mi present a uno di loro, il signor Simpkin, un uomo che ritenni fosse sui trentacinque anni e che mi venne detto si sarebbe occupato degli affari di famiglia. Mi fece un leggero inchino e mi rivolse unocchiata che avevo appreso a riconoscere come un misto di imbarazzo e partecipazione, entrambi sensi che

lottavano per trovare una giusta espressione. Mi occuper di vostra madre mentre siete via, signor Haytham, mi assicur. Mi colp il fatto che stavo realmente partendo, che non avevo scelta n voce in capitolo. Ecco, una scelta ce lho, immagino, quella di scappare. Non che fuggire sia una scelta. Tornammo a casa. Entrando, vidi Betty sorridermi debolmente. A quanto pareva, la notizia della mia partenza si era diffusa. Quando le chiesi cosa avesse intenzione di fare, mi rifer che il signor Digweed le aveva trovato un altro impiego. I suoi occhi erano colmi di lacrime e, quando usc, io mi sedetti alla scrivania per scrivere nel diario con

il cuore gonfio.

11 dicembre 1735

1
P ARTIAMO per il Continente domani mattina. Mi colpisce che siano necessari preparativi tanto scarsi. come se il fuoco avesse gi tagliato tutti i legami con la mia vecchia vita. Le poche cose che mi erano rimaste riempivano due bauli che sarebbero stati portati via in mattinata. Oggi devo scrivere delle lettere e vedere il signor Birch per parlargli di qualcosa accaduta la notte scorsa, dopo che mi ero coricato. Ero quasi addormentato quando avevo sentito qualcuno bussare piano alla porta, mi ero messo seduto e avevo detto: Entrate, aspettandomi di vedere Betty.

Non era lei. Vidi la sagoma di una ragazza che entr rapidamente e si chiuse la porta alle spalle. Sollev una candela cos che potei vedere la faccia e il dito che teneva sulle labbra. Era Emily, la bionda Emily, la cameriera. Signorino Haytham, aveva mormorato. Devo dirle qualcosa che mi sta rodendo lanima, signore. Daccordo, avevo acconsentito, sperando che la mia voce non tradisse il fatto che mi sentivo di colpo giovane e vulnerabile. Conosco la cameriera dei Barrett, continu. Violet, una di quelle che erano uscite dalla loro casa quella notte. Era vicina alla carrozza in cui avevano messo vostra sorella, signore.

Mentre trascinavano la signorina Jenny verso la carrozza, lei aveva incrociato lo sguardo di Violet e le aveva detto qualcosa che poi Violet mi ha riferito. Che cosa? Era stato tutto molto rapido, signore, e cera un sacco di rumore e prima che potesse aggiungere altro lavevano spinta nella carrozza, ma ci che Violet aveva sentito fu la parola, traditore. Il giorno seguente un uomo era andato a trovare Violet, un uomo con un accento della regione occidentale, o cos mi ha riferito, che aveva voluto sapere cosa aveva sentito, ma Violet gli aveva risposto di non avere sentito nulla, anche quando luomo laveva minacciata. Lui le aveva

mostrato un coltellaccio, signore, ma neppure allora aveva aperto bocca. Ma lo ha riferito a voi? Violet mia sorella, signore. Si preoccupa per me. Lavete riferito ad altri? Nossignore. Lo dir domattina al signor Birch. Ma, signore Cosa? E se il traditore fosse il signor Birch? Feci una risatina e scossi il capo. Impossibile. Mi ha salvato la vita. Ha lottato con Qualcosa mi colp. Qualcuno comunque non cera.

2
Naturalmente quel mattino riferii quelle parole al signor Birch e pure lui giunse alla mia stessa conclusione. Unora dopo arriv un altro uomo che venne introdotto nello studio. Aveva circa la stessa et di mio padre e un volto scavato, cicatrici e gli occhi freddi e fissi di qualche specie marina. Era pi alto del signor Birch e pi robusto e pareva riempire la stanza con la sua presenza. Una fosca presenza. Mi guard con disprezzo. Lui il signor Braddock, lo present il signor Birch, mentre io ero bloccato dal cipiglio del nuovo arrivato. Anche lui un Templare e ha la mia pi

totale fiducia, Haytham. Si schiar la voce e disse: E un contegno a volte in contrasto con ci che so avere nel cuore. Il signor Braddock sbuff e gli lanci unocchiata raggelante. Edward, borbott Birch, Haytham, il signor Braddock avr la responsabilit di scovare il traditore. Grazie, signore. Il signor Braddock mi esamin, poi si rivolse a Birch: Questo Digweed, forse mi potreste mostrare il suo alloggio. Quando mi mossi per seguirli, il signor Braddock fiss cupo Birch che annu quasi impercettibilmente, quindi si volt verso di me, sorridendo, con unespressione negli occhi che

implorava la mia indulgenza. Haytham, forse dovreste occuparvi di qualche altra faccenda. Forse i preparativi per la partenza, e io fui costretto a tornare in camera mia, dove esaminai i bagagli, per poi recuperare il diario in cui scrivere gli eventi della giornata. Poco fa il signor Birch mi ha informato che Digweed fuggito. Lo troveranno, mi ha assicurato. I Templari catturano sempre la loro preda e, nel frattempo, nulla cambia. Partiamo ugualmente. Mi amareggia il fatto che questa sar la mia ultima annotazione scritta nella mia casa di Londra. Queste sono le ultime parole della mia vecchia vita, prima che ne inizi una nuova.

PARTE SECONDA
1747, dodici anni dopo

10 giugno 1747

1
OGGI ho osservato il traditore aggirarsi per il mercato. Con indosso un cappello piumato, fibbie colorate e giarrettiere, passava di bancarella in bancarella con fare tronfio e strizzava gli occhi nella luminosa luce cangiante del sole spagnolo. Scherz e rise con alcuni ambulanti, con altri scambi parole burbere. A quanto pareva non era n amico n despota e di fatto limpressione che mi feci di lui, anche se formata da lontano, era quella di un uomo giusto, addirittura benevolo. Ma non questa gente che sta tradendo. il suo Ordine. Siamo noi. Le sue guardie rimasero al suo fianco

per tutto il giro ed erano uomini scrupolosi. I loro occhi non smettevano di guardarsi attorno e, quando uno dei mercanti gli diede una pacca sulla schiena e gli offr un pezzo di pane, lui fece un cenno alla pi alta delle sue guardie che lo prese con la mano sinistra, tenendo libera la mano della spada. Bene. Bravo. Addestrato nello stile dei Templari. Pochi attimi dopo un ragazzino balz fuori dalla folla e di colpo il mio sguardo torn sulle guardie, le vidi irrigidirsi, valutare il pericolo e poi Rilassarsi? Ridere di loro stesse per essere tanto nervose? No. Rimasero allerta, perch non

erano sciocche e sapevano che il ragazzo avrebbe potuto essere una trappola. Erano bravi uomini. Mi chiesi se erano stati corrotti dagli insegnamenti del loro datore di lavoro, un uomo che si dichiarava fedele a una causa mentre promuoveva gli ideali di unaltra. Sperai di no, perch avevo gi deciso di lasciarli vivere. E se questa mia decisione dava limpressione che fosse dettata dallopportunismo e che in realt non me la sentissi di ingaggiare un combattimento con due uomini tanto competenti, allora quellimpressione sarebbe falsa. Saranno anche svelti, di sicuro saranno esperti spadaccini, abili nellattivit di dare la morte.

Ma anchio sono svelto e non mi manca la destrezza della lama. E sono abile nellarte della morte. Ne ho unattitudine naturale, anche se, in contrasto con la teologia, la filosofia, i classici e le lingue, in particolar modo lo spagnolo che parlo tanto bene da riuscire a farmi passare per uno spagnolo qui ad Altea, anche se piuttosto riservato, non ricavo alcun piacere dalla mia abilit a uccidere. Semplicemente lo so fare bene. Forse se il mio obiettivo fosse Digweed, allora potrei ricavare qualche piacere dalla sua morte per mano mia. Ma non lo .

2
Nei primi cinque anni dalla mia partenza da Londra, Reginald e io abbiamo percorso lEuropa, muovendoci di paese in paese in una carovana itinerante di dipendenti e amici Cavalieri che si susseguivano intorno a noi, entrando e uscendo dalle nostre vite, noi due gli unici fattori costanti mentre ci spostavamo seguendo a volte la pista di un gruppo di mercanti di schiavi turchi che si credeva trattenessero Jenny e reagendo di quando in quando a informazioni riguardanti Digweed, di cui si sarebbe occupato Braddock, allontanandosi a cavallo anche per mesi, ma tornando

sempre a mani vuote. Reginald era il mio tutore e sotto questo aspetto assomigliava a mio padre; in primo luogo perch tendeva a deridere quasi tutto ci che proveniva dai libri, affermando costantemente che esisteva una conoscenza pi alta e pi evoluta di quella che si poteva trovare in vecchi libri di scuola polverosi e che in seguito avrei scoperto essere linsegnamento Templare; in secondo luogo perch insisteva sempre a che pensassi con la mia testa. Ci che li differenziava era che mio padre mi chiedeva sempre di prendere le mie decisioni. Reginald vedeva il mondo in termini pi assoluti. Con mio padre provavo la sensazione che

pensare fosse sufficiente, che fosse un mezzo di per s e che la conclusione cui arrivavo era meno importante del percorso. Con lui i fatti e, rileggendo i vecchi diari mi rendo conto anche lintero concetto di verit, sembrava fossero instabili, mutevoli. Reginald non aveva simili ambiguit e nei primi anni, se ribattevo, mi sorrideva e mi diceva che sentiva mio padre in me. Mi diceva che mio padre era stato un uomo grande e saggio e il miglior spadaccino che avesse mai conosciuto, ma che il suo atteggiamento verso lapprendimento non era colto come avrebbe dovuto. Dovrei vergognarmi ad ammettere che con il tempo ho preferito lo stile di

Reginald, lo stile pi rigido dei Templari? Seppur sempre di buon umore, pronto a scherzare e a sorridere, gli mancava la gioia naturale, addirittura la malizia di mio padre. Era sempre abbottonato e impeccabile ed era un fanatico della puntualit; insisteva a che tutto fosse sempre ordinato. Eppure, cera qualcosa di risoluto in Reginald, una certezza interiore ed esteriore, e pi gli anni passavano pi la trovavo attraente. Un giorno ne compresi il motivo. Era lassenza del dubbio e con esso quella della confusione, dellindecisione, dellincertezza. Questa sensazione di conoscenza che Reginald mi instill fu la mia guida dalladolescenza alla

maturit. Non ho mai dimenticato gli insegnamenti di mio padre, al contrario, lui sarebbe stato orgoglioso di me perch mettevo in dubbio i suoi ideali. Nel farlo ne ho adottati di nuovi. Non abbiamo mai trovato Jenny. Con il passare degli anni, il suo ricordo si era addolcito. Rileggendo il diario, da giovane non mi sarei potuto interessare di meno a lei, qualcosa di cui mi vergogno, perch ora sono adulto e vedo le cose in modo diverso. Non che la mia antipatia giovanile verso di lei avesse ostacolato la sua ricerca. In quella missione il signor Birch era zelante per entrambi. Ma non bast. I fondi che ricevevamo dal signor Simpkin da Londra erano sostanziosi, ma non

infiniti. Trovammo un castello in Francia, nascosto nelle vicinanze di Troyes, nelle terre dello champagne, in cui fissammo la nostra base e dove il signor Birch continu il mio apprendistato, favorendo la mia ammissione come Adepto e poi tre anni fa, come membro effettivo dellOrdine. Potevano passare settimane senza che nominassimo Jenny o Digweed, e poi mesi. Eravamo coinvolti in altre attivit dei Templari. La guerra di successione austriaca era parsa ingoiare lintera Europa nel suo stomaco ingordo e noi dovevamo proteggere gli interessi dei Templari. La mia abilit, la mia bravura nel dare la morte si afferm e Reginald ne vide subito i vantaggi. Il primo a

morire, non il mio primo omicidio, naturalmente, il mio primo assassinio, dovrei dire, fu un avido mercante di Liverpool. Il mio secondo un principe austriaco. Dopo avere ucciso il mercante, due anni addietro, ero tornato a Londra solo per scoprire che i lavori di restauro della nostra casa erano continuati e che mia madre mia madre era troppo stanca per incontrarmi quel giorno, come pure il giorno seguente. troppo stanca anche per rispondere alle mie lettere? avevo chiesto alla signorina Davy che si scus e distolse lo sguardo. Dopo di che ero andato nello Herefordshire con la speranza di trovare la famiglia di Digweed, inutilmente. A

quanto pareva, non avremmo mai trovato il traditore, o per meglio dire, non labbiamo mai trovato. In questi giorni, tuttavia, il fuoco della vendetta brucia in me meno intensamente, forse soltanto perch sono cresciuto; forse per ci che mi ha insegnato Reginald sul controllo del proprio temperamento, sul dominio delle proprie emozioni. Eppure, per quanto fioco, continua ad ardere dentro di me.

3
La moglie del proprietario dellhostale era appena venuta a trovarmi, gettando una rapida occhiata gi per le scale prima di chiudersi la porta alle spalle. Mentre ero fuori era arrivato un messaggero, rifer, e mi consegn una missiva con uno sguardo libidinoso che mi avrebbe indotto a rispondere allinvito se non avessi avuto altre cose per la mente. Gli eventi della sera precedente, per esempio. E cos la spinsi fuori dalla mia stanza e mi sedetti per decifrare il messaggio: appena avessi concluso la mia missione ad Altea, non sarei dovuto tornare a casa in Francia, ma sarei dovuto andare

a Praga, dove avrei incontrato Reginald nelle cantine della casa in via Celetn, il quartier generale dei Templari. Birch aveva qualcosa di molto urgente da discutere con me. Nel frattempo mi ero procurato il formaggio. Questa sera il traditore incontrer la morte.

11 giugno 1747

1
FATTA. Lomicidio, intendo. E sebbene ci siano state alcune complicazioni, lesecuzione stata pulita: lui morto e io non sono stato individuato e per questo posso permettermi di essere soddisfatto per avere portato a termine il mio compito. Si chiamava Juan Vedomir e il suo lavoro doveva essere quello di proteggere i nostri interessi ad Altea. Aveva sfruttato loccasione per crearsi un impero e ci era stato tollerato; avevamo saputo che controllava il porto e il mercato con mano benevola e da quanto avevo visto quel mattino pareva godere di qualche appoggio, anche se la

costante presenza delle sue guardie dimostrava che le cose non stavano sempre cos. Era per caso troppo benevolo? Reginald lo pensava e per questo aveva investigato e alla fine aveva scoperto che Vedomir aveva abbandonato a tal punto le ideologie dei Templari da risultare un traditore. LOrdine non tollerava i traditori. Io ero stato mandato ad Altea, lavevo osservato e, la notte scorsa, ero uscito per lultima volta dallhostale e mi ero diretto verso la sua villa. S? aveva chiesto la guardia aprendo la porta. Ho del formaggio, avevo risposto. Lo sento fin qui, aveva replicato.

Spero di convincere il seor Vedomir a lasciarmelo vendere al mercato. Lattivit del seor Vedomir quella di attirare clienti al mercato, non di allontanarli. Forse quelli con un palato pi raffinato potrebbero non essere daccordo con voi, seor? La guardia socchiuse gli occhi. Il vostro accento. Di dove siete? Era la prima persona a mettere in dubbio la mia cittadinanza spagnola. Originariamente dalla repubblica di Genova, avevo risposto, sorridendo, dove il formaggio una delle nostre migliori merci desportazione. Il vostro formaggio ha molta strada

da fare prima di battere quello di Varela. Avevo continuato a sorridere. Sono fiducioso. Sono sicuro che lo penser anche il seor Vedomir. Con espressione dubbiosa si era spostato e mi aveva fatto entrare in un ampio atrio che, sebbene la notte fosse stata calda, era fresco, quasi freddo, scarsamente ammobiliato, con solo due sedie e un tavolo su cui cerano delle carte. Le fissai. Una partita di picchetto, notai con piacere, perch il picchetto si gioca in due, il che voleva dire che nessunaltra guardia sarebbe spuntata dal nulla. La prima guardia mi fece segno di appoggiare il formaggio avvolto nella

carta sul tavolo da gioco e io ubbidii. Il secondo uomo rimase indietro, una mano sullelsa della spada, mentre il suo compagno controllava che non avessi armi, picchiettando a fondo i miei vestiti e frugando poi nella sacca che portavo alla spalla, e che conteneva alcune monete e il mio diario, ma nulla pi. Non avevo la spada. Non armato, aveva detto la prima guardia e il secondo uomo aveva annuito. Il primo aveva poi indicato il formaggio. Volete che il seor Vedomir lo assaggi, immagino? Io avevo annuito con entusiasmo. Forse dovrei assaggiarlo prima io? aveva chiesto la prima guardia,

osservandomi con attenzione. Avevo sperato di darlo tutto al seor Vedomir, avevo risposto con un sorriso servile. La guardia aveva sbuffato. Ne avete pi che a sufficienza. Forse dovreste assaggiarlo voi. Avevo cominciato a protestare. Ma io avevo sperato di conservarlo per Luomo pose la mano sullelsa della sua spada. Assaggiatelo, aveva insistito. Naturalmente, seor, e avevo scartocciato un pezzo e, staccata una porzione, lavevo mangiata. Poi mi aveva fatto segno di provare un altro pezzo, cosa che avevo fatto, facendo una smorfia per mostrare quanto era

buono. E ora che stato aperto, avevo detto, porgendo linvolucro, potete assaggiarlo pure voi. Le due guardie si erano cambiate unocchiata, poi la prima aveva sorriso, e insieme si erano dirette verso una spessa porta in legno in fondo al corridoio, avevano bussato ed erano entrate. Erano poi riapparse e mi avevano fatto cenno di avvicinarmi, di entrare nella stanza di Vedomir. Era un luogo buio e molto profumato. Nellentrare delle tende in seta appese al soffitto si erano gonfiate leggermente. Vedomir era seduto alla scrivania dandoci le spalle e stava scrivendo alla luce di una candela, i lunghi capelli neri sciolti, una camicia

da notte indosso. Volete che resti qui, seor Vedomir? aveva chiesto la guardia. Vedomir neppure si era voltato. Immagino che il nostro ospite non sia armato. No, seor, aveva risposto la guardia, lodore del suo formaggio per potrebbe abbattere un esercito. Per me quellaroma un profumo, Cristian, aveva replicato ridendo Vedomir. Su, fate accomodare il mio ospite, sar subito da lui. Mi ero seduto su un basso sgabello accanto a un focolare spento e lui aveva asciugato il foglio ed era venuto da me, fermandosi per raccogliere un coltellino da un tavolino.

Formaggio, eh? Il suo sorriso aveva spaccato in due un sottile baffo mentre raccoglieva la camicia da notte per accomodarsi su uno sgabello di fronte a me. S, seor. Lui mi aveva guardato. Oh? Mi era stato detto che venite dalla repubblica di Genova, ma dal vostro accento direi che siete inglese. Ero sobbalzato, ma il largo sorriso sul suo volto mi aveva fatto capire che non avevo nulla da temere, per il momento almeno. E io che credevo di essere stato tanto bravo nel celare la mia identit per tutto questo tempo, avevo esclamato, impressionato, ma voi mi avete scoperto, seor.

Il primo a riuscirci, immagino, visto che avete ancora la testa sulle spalle. I nostri due Paesi sono in guerra, non vero? Tutta lEuropa in guerra, seor. A volte mi chiedo se qualcuno sa chi sta combattendo chi. Vedomir aveva ridacchiato. Siete in malafede, amico mio. Credo che tutti noi conosciamo le lealt di re Giorgio, come pure le sue ambizioni. Si dice che la vostra marina si ritiene la migliore al mondo. I francesi, gli spagnoli, per non parlare degli svedesi, non sono daccordo. Un inglese in Spagna ha la vita nelle sue mani. Dovrei preoccuparmi della mia sicurezza, seor?

Con me? Aveva allargato le mani e mi aveva rivolto un sorriso sghembo e ironico. Mi piace pensare di essere al di sopra delle misere preoccupazioni dei re, amico mio. Chi servite allora, seor? Che diamine, la gente della citt, naturalmente. E a chi siete fedele, se non a re Ferdinando? A un potere pi alto, seor. Vedomir aveva sorriso e chiuso largomento volgendo la sua attenzione agli involti di formaggio che avevo messo accanto al focolare. Ebbene, aveva proseguito, scusate il mio imbarazzo, ma questo formaggio viene dalla repubblica di Genova o inglese?

il mio formaggio, seor. I miei formaggi sono i migliori in qualsiasi parte del mondo uno pianti la sua bandiera. Tanto buono da usurpare Varela? Forse per commerciarlo insieme con lui? E poi? Allora avrei un Varela infelice. Sissignore. Una simile situazione potrebbe non interessarvi, seor, ma sono questioni che infastidiscono me quotidianamente. Ora fatemi assaggiare questo formaggio prima che si squagli. Fingendo di avere caldo, mi allentai la sciarpa, poi la tolsi. Furtivamente infilai la mano nella sacca e strinsi nel

palmo un doblone. Quando lui rivolse la sua attenzione al formaggio, io feci cadere il doblone nella sciarpa. Il coltello aveva scintillato alla luce della candela, mentre Vedomir tagliava un pezzo del primo formaggio, tenendolo con il pollice e fiutandolo, una cosa per nulla necessaria, potevo sentirlo da dove ero seduto, prima di infilarselo in bocca. Dopo averlo assaggiato con fare cogitabondo, mi aveva guardato e aveva preso un altro pezzetto. Ehm, aveva commentato dopo qualche attimo. Sbagliate, seor, questo non migliore del formaggio di Varela. Di fatto esattamente uguale. Il sorriso era svanito e il suo volto si

era oscurato. In verit, questo il formaggio di Varela. La sua bocca aveva iniziato ad aprirsi per chiamare aiuto mentre io, con un rapido movimento del polso, trasformavo la sciarpa in seta in una garrota, balzavo in avanti a braccia incrociate, la facevo cadere sopra la sua testa e attorno al collo. Aveva alzato la mano con il coltello, ma era stato troppo lento e soprattutto era stato colto di sorpresa, il coltello aveva sferzato verso la sciarpa sopra le nostre teste, mentre io stringevo il rumal e la moneta premeva contro la sua trachea, bloccando ogni rumore. Tenendo la garrota con una mano, lo avevo disarmato, avevo gettato il

coltello su un cuscino, quindi avevo usato entrambe le mani per stringere il rumal. Mi chiamo Haytham Kenway, avevo detto con indifferenza, chinandomi per guardarlo negli occhi spalancati e sporgenti. Voi avete tradito lOrdine dei Templari e per questo siete stato condannato a morte. Il suo braccio si era alzato in un ultimo, futile tentativo di artigliarmi gli occhi, ma io avevo spostato la testa e avevo osservato il rumal in seta ondeggiare leggermente mentre la vita lo abbandonava. Alla fine avevo messo il suo corpo sul letto, quindi, come mi era stato ordinato, avevo preso dalla scrivania il

suo diario. Era aperto e locchio mi era caduto su una frase: Para ver de manera diferente, primero debemos pensar diferente. Lavevo riletta, traducendola con cura, come se stessi apprendendo un nuovo idioma: Per vedere in modo diverso, prima dobbiamo pensare in modo diverso. Avevo fissato il foglio, meditabondo, poi avevo chiuso di scatto il diario e lavevo infilato nella mia sacca, riportando la mia attenzione al mio compito. La morte di Vedomir non sarebbe stata scoperta fino al mattino, quando io sarei gi stato lontano, diretto a Praga, dove ora avevo qualcosa da chiedere a Reginald.

18 giugno 1747

1
RIGUARDA vostra madre, Haytham. Era davanti a me nello scantinato del quartier generale in via Celetn. Non si era sforzato minimamente di abbigliarsi per Praga. Sfoggiava il suo stile inglese come uninsegna donore: impeccabili calze bianche, braghe nere e, naturalmente, la parrucca bianca, che aveva distribuito la sua cipria sulle spalle della redingote. Era illuminato dalle fiamme di alte lampade a olio in ferro fissate a pareti in pietra tanto scure da essere quasi nere nei pallidi aloni di luce. Di solito se ne stava rilassato, le mani dietro la schiena,

appoggiato al suo bastone da passeggio, oggi invece aveva unaria formale. Mia madre? S, Haytham. malata, fu il mio primo pensiero, e di colpo provai una calda ondata di senso di colpa tanto intensa che mi fece venire le vertigini. Non le avevo scritto da settimane, non avevo quasi mai pensato a lei. morta, Haytham, disse Reginald, abbassando lo sguardo. Una settimana fa era caduta, ferendosi malamente la schiena e temo che le ferite labbiano uccisa. Lo fissai. Quellintenso impeto di senso di colpa era svanito rapidamente come era sorto e al suo posto, l dove

avrebbero dovuto esserci emozioni, cera un vuoto. Mi spiace, Haytham. Aveva unespressione di partecipazione e i suoi occhi erano gentili. Vostra madre era una gran donna. vero. Dobbiamo partire immediatamente per lInghilterra. Ci sar una funzione religiosa in sua memoria. Capisco. Se avete bisogno di qualsiasi cosa, per favore, non esitate a chiederla. Grazie. La vostra famiglia ora lOrdine, Haytham. Potete rivolgervi a noi per qualsiasi cosa. Grazie.

Si schiar la voce a disagio. E se aveste bisogno sapete, di parlare, io sono qui. Cercai di non sorridere allidea. Grazie, Reginald, ma non ne avr bisogno. Bene. Segu un lungo silenzio. Lui distolse lo sguardo. fatta? Juan Vedomir morto, se questo che intendete. E avete il suo diario? Temo di no. Per un attimo sincup, poi il suo volto sindur. Molto. Avevo gi visto il suo viso inasprirsi cos, in un momento di debolezza. Cosa? domand.

Lho ucciso perch aveva tradito la nostra causa, non vero? chiesi. Certo replic Reginald guardingo. Perch allora avrei avuto bisogno del suo diario? Contiene i suoi scritti. Ci interessano. Come mai? Haytham, avevo motivo di credere che il tradimento di Juan Vedomir andasse oltre la questione della sua adesione alla dottrine. Penso che potrebbe essere passato a lavorare per gli Assassini. Ora ditemi la verit, avete il suo diario? Lo tirai fuori dalla sacca, glielo diedi e lui si avvicin a uno dei candelabri, lo apr e lo sfogli rapidamente prima di

chiuderlo di scatto. Lavete letto? mi domand. in codice. Ma non tutto, replic con calma. Annuii. S, avete ragione, ci sono alcuni passaggi che ho potuto leggere. I suoi pensieri sulla vita. Una lettura interessante. Di fatto, sono rimasto particolarmente incuriosito, Reginald, da quanto la filosofia di Juan Vedomir fosse compatibile con ci che mi aveva insegnato mio padre. possibile. Eppure avete voluto che lo uccidessi? Vi ho fatto uccidere un traditore dellOrdine. Il che interamente differente. Naturalmente sapevo che

vostro padre aveva idee diverse su molti, forse sulla maggior parte dei principi dellOrdine, perch non li approvava. Il fatto che non fosse un Templare non mi aveva spinto a rispettarlo di meno. Lo guardai e mi chiesi se non avessi sbagliato a dubitare di lui. Perch allora il diario tanto importante? Non per le riflessioni di Vedomir sulla vita, questo certo, rispose. Come dite, erano simili a quelle di vostro padre ed entrambi sappiamo quale opinione abbiamo di esse. No, sono interessato ai brani in codice che, se avessi ragione, conterrebbero dei dettagli su chi possiede una chiave. Una chiave per cosa?

Tutto a tempo debito. Emisi un grugnito di frustrazione. Appena avr decifrato il codice, Haytham, insistette. Quando, se avessi ragione, potremo iniziare la successiva fase delloperazione. E quale sarebbe? Lui apr la bocca per parlare, ma io lo prevenni. Tutto a tempo debito, Haytham, cos? Altri segreti, Reginald? Lui si adir. Segreti? Davvero? ci che pensate? Che ho fatto per meritarmi il vostro sospetto, Haytham, oltre a prendervi sotto le mie ali, favorire il vostro accesso nellOrdine, darvi una vita? Sapete, potrei essere perdonato per ritenervi a volte ingrato, signore.

Non siamo mai riusciti a trovare Digweed, no? ribattei, rifiutandomi di lasciarmi intimidire. Non mai stata avanzata alcuna richiesta di riscatto per Jenny, per cui lo scopo principale della scorreria deve essere stata la morte di mio padre. Noi speravamo di trovare Digweed, Haytham. Era tutto ci che potevamo fare. Speravamo di fargliela pagare. Quella speranza non stata esaudita, ma ci non vuole dire che siamo stati negligenti. Inoltre io avevo il dovere di occuparmi di voi, Haytham, cosa che ho fatto. Ora siete un uomo, un rispettato Cavaliere dellOrdine. Penso che non abbiate tenuto conto di questo. E non dimenticate che speravo di sposare

Jenny. Forse nella foga di vendicare vostro padre, ritenete la perdita di Digweed come il nostro unico importante fallimento, ma non lo , perch non abbiamo trovato neppure Jenny? Naturalmente non pensate mai alla sofferenza di vostra sorella. Mi accusate di insensibilit? Di crudelt? Lui scosse il capo. Chiedo semplicemente che volgiate gli occhi sulle vostre manchevolezze prima di gettare luce sulle mie. Lo guardai con attenzione. Non mi avete mai detto nulla sulla ricerca. stato mandato Braddock a cercarlo. Lui mi ha aggiornato regolarmente.

Ma non mi avete mai riferito quelle informazioni. Eravate un ragazzo. Che cresciuto. Allora mi scuso per non avere tenuto conto di questo fatto, Haytham. In futuro vi tratter alla pari. Allora cominciate adesso, iniziate a parlarmi del diario. Lui rise, come se fosse stato messo in scacco. Avete vinto, Haytham. Daccordo, il diario rappresenta il primo passo verso lindividuazione di un tempio, un tempio della prima civilt, che si ritiene sia stato costruito da Coloro Che Sono Venuti Prima. Per un attimo pensai: Tutto qui? poi scoppiai a ridere.

Lui mi fiss costernato, ricordando forse che, la prima volta in cui mi aveva parlato di Coloro Che Sono Venuti Prima, mi era stato difficile frenarmi. Quelli che sono venuti prima di cosa? avevo esclamato in tono derisorio. Prima di noi, aveva risposto quasi stizzito. Prima delluomo. Una civilt precedente. Ora mi guard di traverso. Trovate ancora la faccenda divertente, Haytham? Non tanto divertente, no. Pi mi sforzai di trovare le parole arduo da capire, Reginald. Una razza di esseri che esistevano prima delluomo. Dei Non dei, Haytham, esseri umani di una prima civilt che controllavano

lumanit. Ci hanno lasciato dei manufatti di immenso potere, un tale potere che noi possiamo soltanto sognare. Credo che chiunque possieder quei manufatti, potr controllare il destino dellumanit. La mia risata scem nel vedere quanto era diventato serio. una pretesa grandiosa, Reginald. vero. Se fosse una pretesa modesta, non ne saremmo interessati, giusto? Gli Assassini non ne sarebbero interessati. Gli brillavano gli occhi e dentro splendevano e danzavano le fiammelle delle torce. Avevo gi visto quellespressione, ma di rado. Non quando mi insegnava le lingue, la filosofia o i classici o le regole del

combattimento. Neppure quando mi aveva insegnato i dogmi dellOrdine. No, cera solo quando parlava di Coloro Che Sono Venuti Prima. A volte a Reginald piaceva deridere ci che considerava un eccesso di passione che vedeva come un difetto. Ma quando parlava degli esseri della prima civilt, parlava come uno zelota.

2
Passiamo la notte nel quartier generale dei Templari qui a Praga. Seduto in una misera stanza dalle pareti in pietra grigia, sento su di me il peso di migliaia di anni di storia dei Templari. La mia mente corre alla mia vecchia casa a Londra, dove erano tutti tornati appena conclusi i lavori di restauro. Il signor Simpkin ci aveva tenuti al corrente degli sviluppi; Reginald aveva sorvegliato il lavoro di ricostruzione, anche mentre ci spostavamo di paese in paese alla ricerca di Digweed e Jenny. (E s, Reginald aveva ragione. Il fatto di non essere riusciti a trovare Digweed mi rode, mentre non penso quasi mai a

Jenny.) Un giorno Simpkin ci aveva fatto sapere che tutti avevano lasciato Bloomsbury e che ora risiedevano nuovamente nella piazza dedicata alla Regina Anna. Quel giorno ripensai alle pareti coperte da pannelli in legno della casa in cui ero cresciuto e mi accorsi di poter immaginare le persone allinterno, soprattutto mia madre. Ma naturalmente mi stavo figurando la donna che avevo conosciuto da bambino, che splendeva, luminosa come il sole e due volte pi calda, sulle cui ginocchia avevo conosciuto la perfetta felicit. Lamore per mio padre era intenso, forse pi forte, ma quello per mia madre era pi puro. Per mio padre

provavo timore reverenziale, unammirazione tanto grande che a volte mi sentivo schiacciato da lui e provavo una sensazione che potrei descrivere solo come ansia per dover essere in qualche modo alla sua altezza, diventare lenorme ombra creata da lui. Con mia madre, invece, non cera una simile insicurezza, soltanto il quasi schiacciante senso di conforto, amore e protezione. Inoltre era bellissima. Mi piaceva quando la gente mi paragonava a mio padre, perch era straordinario, ma quando diceva che assomigliavo a mia madre, capivo che intendevano dire che ero bello. Di Jenny dicevano che un giorno avrebbe spezzato alcuni cuori, che gli uomini avrebbero lottato per

conquistarla. Impiegavano il linguaggio della lotta e del conflitto. Ma non con mia madre. Lei aveva una bellezza gentile, materna, di cui parlare non con la diffidenza che ispirava laspetto di Jenny, ma con calore e ammirazione. Naturalmente io non avevo mai conosciuto la madre di Jenny, Caroline Scott, ma mi ero formato unopinione su di lei, e cio che era una Jenny e che il suo aspetto aveva catturato mio padre proprio come quello di Jenny catturava i suoi ammiratori. Vedevo mia madre come una persona del tutto diversa. Quando aveva incontrato mio padre era la semplice, cara Tessa Stephenson-Oakley. Questo, in ogni caso, era ci che diceva sempre

lei: la semplice, cara Tessa Stephenson-Oakley, anche se a me non pareva affatto semplice, ma non importa. Mio padre si era trasferito a Londra senza avere una dimora, ma con una scarsella tanto grande da poterne comprare una. Quando ne aveva presa in affitto una da un ricco proprietario terriero, la figlia si era offerta di aiutare mio padre a trovare una sistemazione stabile e il personale per gestirla. La figlia, naturalmente, era la semplice, cara Tessa StephensonOakley Aveva solo accennato che la sua famiglia non era entusiasta della relazione: di fatto, non ho mai conosciuto la sua famiglia. Lei aveva

dedicato tutte le sue energie a noi e, fino a quella orrenda notte, la persona che aveva avuto la sua intera attenzione, il suo infinito affetto, il suo amore incondizionato, ero stato io. Ma lultima volta che lavevo vista era una persona del tutto diversa. Ripensando ora a quel nostro ultimo incontro, ci che ricordo il sospetto nei suoi occhi che ora mi rendo conto era disprezzo. Quando avevo ucciso luomo che stava per ammazzarla, ai suoi occhi ero cambiato. Non ero pi il ragazzo che sedeva sulle sue ginocchia. Ero un assassino.

20 giugno 1747

VIAGGIANDO verso Londra rilessi un mio vecchio diario. Perch? Un istinto, forse. Qualche tormento inconscio un dubbio, suppongo. Qualsiasi cosa fosse, nel rileggere il passo del dieci dicembre 1735, seppi cosa dovevo fare appena giunto in Inghilterra.

2-3 luglio 1747


OGGI c stato il rito in memoria di mia madre e anche be, mi spiegher. Dopo la funzione, lasciai Reginald con il signor Simpkin sui gradini della cappella. Il signor Simpkin mi aveva annunciato di avere delle carte che avrei dovuto firmare. Alla morte di mia madre, le finanze erano passate a me. Con un sorriso ossequioso mi aveva detto che si augurava che io ritenessi pi che soddisfacente il modo in cui aveva gestito gli affari per me. Avevo annuito e sorriso, senza dire nulla di impegnativo, quindi avevo detto loro che desideravo un po di tempo per me

stesso. Mi ero allontanato, apparentemente per essere solo con i miei pensieri. Avevo sperato che la direzione dei miei passi sembrasse casuale mentre percorrevo la via, tenendomi lontano dalle ruote delle carrozze che diguazzavano nel fango e nel letame, schivando le persone che affollavano le strade: mercanti nei loro grembiuli in pelle insanguinati, meretrici e lavandaie. Ma non era cos, non erano affatto casuali. Davanti a me camminava una donna sola, con ogni probabilit persa come me nei suoi pensieri. Lavevo vista alla cerimonia, seduta con il personale, Emily e altre due o tre persone che non

avevo riconosciuto, nellaltro lato della cappella, con un fazzoletto premuto sul naso. Aveva alzato lo sguardo e mi aveva visto, non poteva essere altrimenti, ma non aveva fatto alcun cenno. Mi ero chiesto se Betty, la mia vecchia bambinaia, mi avesse riconosciuto. Ora la stavo seguendo, mantenendomi a una certa distanza affinch non mi vedesse, nel caso avesse lanciato unocchiata alle spalle. Era calato il buio quando raggiunse la sua casa, o per meglio dire la famiglia per cui ora lavorava, un maestoso palazzo che si profilava nel cielo color carbone, non molto diverso dalla nostra vecchia casa. Era ancora una bambinaia,

mi chiesi, o era salita di grado? Indossava luniforme di una governante sotto il mantello? La strada ora era meno affollata di prima e io indugiai sul lato opposto, osservandola mentre scendeva la corta rampa di gradini in pietra che portava nellalloggio sotto le scale della servit ed entrava. Appena non la vidi pi, attraversai la via e mi avviai verso la casa, consapevole di non dover dare nellocchio, se qualcuno mi avesse notato dalle finestre. Una volta ero stato un bambino che aveva guardato dalle finestre i passanti andare e venire e si era chiesto quali fossero le loro attivit. Cera forse un bambino che mi spiava dalla finestra di questa casa

adesso, chiedendosi chi fossi? Da dove ero venuto e dove stavo andando? Cos camminai lungo linferriata davanti alla casa e lanciai unocchiata in basso per scrutare le finestre illuminate di quello che immaginai fosse lalloggio della servit e venni ricompensato dalla vista dellinconfondibile figura di Betty che tirava una tenda. Avevo avuto linformazione che ero venuto a cercare. Vi tornai dopo mezzanotte, quando le tende alle finestre della casa padronale erano tirate, la strada era buia e le uniche luci erano quelle delle scarse carrozze che passavano. Per la seconda volta mi avvicinai alla facciata delledificio e con una rapida occhiata a destra e a sinistra mi

arrampicai sullinferriata e mi lasciai cadere silenziosamente nel fosso dallaltra parte. Lo percorsi fino alla finestra di Betty, dove mi fermai e appoggiai lorecchio sul vetro, ascoltando per alcuni istanti, finch fui persuaso che dentro non cera alcun rumore. Poi, con infinita pazienza, la punta delle dita sulla base della finestra a ghigliottina, la sollevai, pregando che non cigolasse, quindi, appena le mie preghiere furono esaudite, entrai e mi chiusi la finestra alle spalle. Lei si mosse leggermente nel letto, forse a causa dello spiffero proveniente dalla finestra aperta; o per uninconscia percezione della mia presenza. Rimasi

immobile come una statua e attesi che riprendesse a respirare profondamente e sentii laria intorno a me stabilizzarsi, la mia intrusione assorbita dalla camera, cos che, dopo qualche attimo, era come se ne facessi parte, come se ne avessi sempre fatto parte, come un fantasma. Sguainai la spada. Era giusto, o forse ironico, che si trattasse proprio di quella che mi aveva dato mio padre. In questo periodo raramente vado in giro senza. Anni fa Reginald mi aveva chiesto quando prevedevo di farle assaggiare il sangue e naturalmente lho fatto molte volte. Se avevo ragione su Betty, lavrebbe tastato di nuovo.

Mi sedetti sul letto e le posi la lama della spada vicino alla gola, poi le chiusi la bocca con la mano. Lei si svegli, gli occhi spalancati per il terrore. Mosse la bocca e il mio palmo vibr mentre tentava di urlare. Le tenni fermo il corpo che si dimenava, senza dire nulla, aspettando che i suoi occhi mi mettessero a fuoco e solo allora deve avermi riconosciuto. Come non poteva, dopo essersi occupata di me per dieci anni, dopo essere stata una madre per me? Come non poteva aver riconosciuto il signorino Haytham? Quando infine smise di lottare, le sussurrai: Salve, Betty, con la mano sempre sulla sua bocca. C qualcosa che devo chiedervi. Per rispondere

dovrete parlare e per consentirvelo dovr togliervi la mano dalla bocca e potreste essere tentata di gridare, ma se gridaste le toccai la gola con la punta della spada per farmi capire. Poi, molto delicatamente, sollevai la mano dalla sua bocca. Il suo sguardo era duro come granito. Per un attimo mi sentii tornare bambino e fui quasi intimidito dal fuoco e dalla furia che emettevano, come se la vista dei suoi occhi avesse scatenato il ricordo di un rimbrotto cui non potevo fare a meno di rispondere. Dovrei sculacciarvi, signorino Haytham, sibil. Come osate insinuarvi nella stanza di una signora mentre dorme? Non vi ho insegnato

proprio nulla? Edith non vi ha insegnato nulla? Vostra madre? Stava alzando la voce. Vostro padre non vi ha insegnato nulla? Quella sensazione fanciullesca non mi abbandon e dovetti cercare dentro di me la fermezza, lottando contro il desidero di riporre la spada e dire: Mi dispiace, Betty, e promettere che non lavrei pi rifatto, che dora in poi sarei stato un bravo bambino. Il pensiero di mio padre mi diede quella determinatezza. vero che una volta eravate per me come una madre, Betty, replicai. vero che ci che sto facendo terribile e imperdonabile, ma credetemi, non sono qui alla leggera.

Anche ci che avete fatto voi terribile e imperdonabile. Che cosa dite? Infilai laltra mano nella redingote e tirai fuori un pezzo di carta ripiegato che le mostrai. Ricordate Laura, la sguattera? Guardinga, annu. Mi ha inviato una lettera, proseguii, in cui mi raccontava tutto sulla vostra relazione con Digweed. Per quanto tempo il maggiordomo di mio padre stato il vostro amante, Betty? Una simile lettera non esisteva; sul pezzo di carta che tenevo in mano cera soltanto lindirizzo del mio alloggio per la notte e io stavo confidando sulla fioca luce per ingannarla. La verit era che,

nel rileggere i miei vecchi diari, ero stato riportato al mattino di tanti, tanti anni prima, quando ero andato a cercare Betty che non si era ancora svegliata e, sbirciando dal buco della serratura, avevo visto un paio di stivali maschili in camera sua. Allepoca non avevo capito, ero troppo giovane. Li avevo visti con gli occhi di un bambino di nove anni e non ci avevo fatto caso. N allora, n dopo. Solo quando avevo riletto quel passo, avevo capito: gli stivali erano appartenuti al suo amante. Doveva essere cos. Ci di cui ero meno certo era se lamante fosse Digweed. Ricordo che parlava di lui con grande affetto, ma era cos per tutti; aveva ingannato

tutti noi. Quando ero partito per lEuropa con Reginald, Digweed aveva trovato un altro impiego per Betty. Tuttavia la mia era solo una congettura che fossero amanti, unipotesi ragionevole, ma rischiosa, con tremende conseguenze se sbagliavo. Ricordate il giorno in cui eravate rimasta a letto pi a lungo del dovuto, Betty? domandai. Lei annu cauta. Ero venuto a cercarvi, continuai. Perch avevo freddo. E nel corridoio fuori della vostra camera, ecco, non mi piace ammetterlo, ma mi ero inginocchiato e avevo sbirciato dal buco della serratura. Mi sentii arrossire, malgrado tutto.

Lei mi aveva fissato con aria minacciosa, ma ora i suoi occhi diventarono duri come la selce e sembrava indispettita, come se quella vecchia intrusione fosse brutta come lattuale. Non vidi niente, ripresi. Solo voi, assopita sul letto e un paio di stivali da uomo che riconobbi come appartenenti a Digweed. Avevate una tresca con lui, non vero? Oh, signorino Haytham, sussurr, scuotendo la testa, gli occhi tristi, cosa siete diventato? In che genere di uomo vi ha trasformato quel Birch? Che puntiate un coltello alla gola di una signora della mia et gi abbastanza intollerabile, ma guardatevi, state

scodellando male su male, accusandomi di avere avuto una tresca, di essere una rovina famiglie. Il signor Digweed aveva dei figli, vero, di cui si occupava una sua sorella nellHerefordshire, ma sua moglie era morta molti anni prima che lui entrasse in casa vostra. La nostra relazione non era una tresca come pensate con la vostra mente contorta. Eravamo innamorati e vergognatevi di pensare altrimenti. Vergognatevi. Sentendo la mano stringersi sullimpugnatura della spada, chiusi gli occhi. No, no, non sono io a dovermi sentire in colpa. Fate larrogante con me quanto volete, il fatto che avevate una relazione di qualche genere, di qualsiasi genere, non importa quale, con

Digweed e Digweed ci ha traditi. Senza il suo tradimento mio padre sarebbe vivo. Mia madre sarebbe viva e io non sarei qui con un coltello puntato alla vostra gola, per cui non incolpate me della vostra attuale situazione, Betty. Date a voi la colpa. Lei trasse un profondo respiro e si calm. Non aveva avuto scelta, ammise infine. Jack non aveva avuto scelta. cos che si chiamava, Jack. Lo sapevate? Legger il suo nome sulla sua pietra tombale, sibilai, e saperlo non fa alcuna differenza, perch aveva avuto una scelta, Betty. Che fosse tra il diavolo e il profondo mare blu, non mimporta. Una ne aveva.

No, quelluomo aveva minacciato i figli di Jack. Uomo? Quale uomo? Non lo so. Un uomo che aveva rivolto la parola a Jack in citt. Lavete mai visto? No. Che vi aveva detto Digweed di lui? Che veniva dalla regione occidentale? S, aveva detto che aveva un accento di quelle parti. Perch? Quando quegli uomini avevano rapito Jenny, lei aveva gridato qualcosa su un traditore. Violet laveva sentita, ma il giorno seguente un uomo con accento della regione occidentale era andato a parlarle per ammonirla a non dire ad alcuno ci che aveva sentito.

Regione occidentale. Vidi che Betty era impallidita. Che c? sbottai. Cosho detto? Si tratta di Violet, signore. Poco dopo che eravate partito per lEuropa, forse gi il giorno seguente, stata uccisa dai briganti. Hanno mantenuto la parola, dissi, guardandola. Parlatemi delluomo che aveva dato ordini a Digweed. Non so nulla. Digweed non mi ha mai parlato di lui. Solo che faceva sul serio; che se Jack non avesse obbedito, avrebbero trovato i suoi figli e li avrebbero uccisi. Che se lavesse riferito al suo padrone, avrebbero scovato i suoi ragazzi e li avrebbero uccisi lentamente, tutti quanti. Gli

avevano spiegato ci che avevano intenzione di fare, ma sulla mia vita, signorino Haytham, gli avevano assicurato che non avrebbero fatto male a nessuno, che tutto sarebbe accaduto in piena notte. Mi venne in mente una cosa. Perch avevano avuto bisogno di lui? Lei parve sconcertata. Non era neppure l la notte dellassalto, proseguii. Non avevano bisogno di lui per entrare. Hanno rapito Jenny, hanno ucciso mio padre. Perch avevano avuto bisogno di Digweed? Non ne ho idea, signorino Haytham. Davvero non lo so. Quando abbassai lo sguardo su di lei, ero in una sorta di torpore. Mentre

attendevo che calasse il buio, la rabbia mi ribolliva dentro, il pensiero del tradimento di Digweed aveva riacceso la mia furia, rinfocolato dallidea che Betty avesse agito con lui, lavesse saputo. Avevo sperato che fosse innocente. Pi di ogni altra cosa, avevo desiderato che si fosse innamorata di un altro membro del personale di casa. Ma se lo era stata di Digweed, avrei voluto che non avesse saputo nulla del suo tradimento. La volevo innocente, perch se fosse stata colpevole, avrei dovuto ucciderla, perch se avesse potuto fare qualcosa per evitare il massacro di quella notte e non aveva agito, allora sarebbe dovuta morire. Quella era

giustizia. Era causa ed effetto. Controlli e contrappesi. Occhio per occhio. Ed in questo che credo. Questa la mia ideologia. Un mezzo per negoziare un passaggio sensato attraverso la vita anche quando la vita stessa non ha senso. Un modo per imporre lordine sul caos. Ma lultima cosa che desideravo era ucciderla. Dove adesso? le domandai sottovoce. Non lo so, signorino Haytham, rispose con voce tremante di paura. Lultima volta che ho avuto sue notizie stato il mattino della sua scomparsa. Chi altri era a conoscenza della vostra relazione?

Nessuno. Eravamo sempre molto prudenti. A parte lasciare i suoi stivali in piena vista. Erano stati spostati subito. La sua espressione sindur. E la maggior parte della gente non era solita sbirciare attraverso il buco della serratura. Cal il silenzio. Cosa accadr ora, signorino Haytham? chiese infine, il tono esitante. Dovrei uccidervi, Betty, risposi semplicemente e guardandola negli occhi vidi che si era resa conto che lavrei fatto, se lavessi voluto, che ero capace di farlo. Piagnucol.

Mi alzai. Ma non lo far. Ci sono gi state troppe morti a conseguenza di quella notte. Non ci rivedremo pi. Per i vostri anni di servizio e di affetto vi risparmio la vita e vi lascio con il vostro disonore. Addio.

14 luglio 1747

1
DOPO avere trascurato il diario per quasi due settimane ho molto da raccontare e dovrei riassumere, tornando alla notte in cui ero andato a trovare Betty. Ero tornato nel mio alloggio, avevo dormito a intermittenza per alcune ore, quindi mi ero alzato, vestito e con una carrozza ero tornato a casa sua. Avevo chiesto al cocchiere di fermarsi a una certa distanza, abbastanza vicino da vedere, ma non tanto da suscitare sospetti e, mentre lui faceva un pisolino, ben felice di potersi riposare, io ero rimasto seduto, guardando fuori dal finestrino in attesa.

Di che cosa, non ne ero sicuro. Ma ancora una volta stavo dando retta al mio istinto. Che ancora una volta si era rivelato giusto, perch poco dopo lalba era comparsa Betty. Avevo congedato il cocchiere, lavevo seguita a piedi e, come avevo immaginato, lei si era diretta allufficio postale in Lombard Street, era entrata per uscirne pochi minuti dopo e aveva ripreso la strada finch era stata inghiottita dalla folla. Lavevo osservata allontanarsi, senza provare nulla, n il desiderio di seguirla e di tagliarle la gola per il tradimento, n lombra dellaffetto che avevamo provato luno per laltra.

Niente. Mi ero sistemato invece in un uscio e per circa unora avevo guardato il mondo passare, allontanando con il mio bastone mendicanti e venditori ambulanti, finch S, era uscito, il portalettere con la sua campanella e la cassetta piena di posta. Mi ero staccato dalluscio e, roteando il bastone da passeggio, lavevo seguito, sempre pi da vicino, fin quando non aveva preso una strada laterale dove i pedoni erano pi scarsi e colsi la mia occasione Un attimo dopo ero inginocchiato accanto al suo corpo sanguinante e incosciente in un vicolo e frugavo nella cassetta delle lettere finch la trovai,

una busta indirizzata a Jack Digweed. La lessi, diceva che lei lo amava e che io avevo scoperto la loro relazione; non cera nulla che gi non sapessi, ma non era tanto il contenuto della lettera che mi interessava quanto la sua destinazione che era proprio l, sul davanti della busta che era diretta nella Foresta Nera, in una piccola citt chiamata Sankt Peter, non distante da Friburgo. Quasi due settimane di viaggio dopo, Reginald e io arrivammo in vista di Sankt Peter, un grappolo di edifici annidati in fondo a una valle ricca di campi verdeggianti e macchie di boschi. Questo era successo questa mattina.

2
Arrivammo nel villaggio verso mezzogiorno, sporchi e stanchi per il lungo viaggio. Trotterellando attraverso strade strette e intricate, vidi i volti dei residenti che ci lanciavano occhiate dai viottoli o si ritiravano rapidamente dalle finestre, chiudendo porte o tirando tende. Avevamo la morte nelle nostre menti e in quel momento pensai che in qualche modo lo sapessero o che fossero impauriti. Ci che non sapevo era che non eravamo i primi forestieri ad attraversare la cittadina quel mattino. Gli abitanti erano gi impauriti. La lettera era stata indirizzata a Digweed presso lemporio di Sankt

Peter. Arrivammo in una piccola plaza con una fontana ombreggiata da alberi di noce e chiedemmo informazioni a una donna nervosa. Altre girarono alla larga, mentre la donna ci indicava la strada, per poi allontanarsi furtiva, fissandosi le scarpe. Poco dopo impastoiavamo i cavalli allesterno del negozio ed entravamo, inducendo lunico cliente a decidere di fare la spesa in un altro momento. Reginald e io ci scambiammo unocchiata sconcertata, poi mi guardai in giro. Alti scaffali in legno erano allineati ai tre lati, carichi di vasi e pacchetti legati con cordicelle, mentre in fondo cera un alto bancone dietro il quale era appostato il proprietario del negozio, un

ampio grembiule indosso, larghi baffi e un sorriso che svan come una candela consumata nel darci unattenta occhiata. Alla mia sinistra cera una scaletta usata per arrivare in cima agli alti scaffali. Su di essa un ragazzino sui dieci anni, che dalla fisionomia, non poteva essere che il figlio del bottegaio, che per poco non cadde per la fretta di scendere e che rimase in piedi nel bel mezzo del pavimento con le mani ai fianchi, in attesa di ordini. Buon pomeriggio, signori, salut il negoziante in tedesco. Avete laspetto di chi ha cavalcato a lungo. Avete bisogno di scorte per continuare il viaggio? Indic un recipiente sul

bancone davanti a s. Avete forse bisogno di uno sputino? Una bevanda? Fece subito un cenno al ragazzo. Christophe, hai dimenticato le buone maniere? Prendi i mantelli di questi signori Di fronte al bancone cerano tre sgabelli e il negoziante li indic, dicendo: Accomodatevi, per favore. Lanciai unaltra occhiata a Reginald, notai che stava per accettare linvito e lo fermai. No, vi ringrazio, declinai. Il mio amico e io non intendiamo fermarci. Con la coda dellocchio vidi le spalle di Reginald afflosciarsi, ma non disse nulla. Tutto ci che ci occorre uninformazione.

Sul volto del bottegaio cal unespressione guardinga, come una scura tenda. S? Dobbiamo trovare un uomo. Si chiama Digweed. Lo conoscete? Lui scosse la testa. Non lo conoscete? insistetti. Fece di nuovo cenno di no. Haytham esclam Reginald, come se potesse leggermi il pensiero dal tono della mia voce. Lo ignorai. Ne siete proprio sicuro? Sissignore, replic luomo. I baffi gli tremarono e lui deglut. Mi irrigidii. Poi, prima che qualcuno avesse il tempo di reagire, avevo estratto la spada e lavevo appoggiata sotto il mento di Christophe. Il ragazzo

ansim, si alz sulla punta dei piedi e i suoi occhi saettarono mentre gli premevo la lama alla gola. Non avevo distolto lo sguardo dallesercente. Haytham ripet Reginald. Lasciate che mi occupi io di questa faccenda, Reginald, replicai, e mi rivolsi al negoziante Le lettere a Digweed vengono inviate a questo indirizzo, dissi. Ve lo chiedo di nuovo. Dov? Signore, implor luomo, facendo saettare gli occhi da me a Christophe che stava emettendo una serie di bassi suoni, come se trovasse arduo deglutire. Per favore, non fate del male a mio figlio. Non diedi ascolto alle sue

implorazioni. Dov? ripetei. Signore, implor il bottegaio. Implorarono le sue stesse mani. Non posso dirlo. Con un minuscolo movimento del polso aumentai la pressione della lama sulla gola di Christophe e venni ripagato da un gemito. Con la coda dellocchio vidi il ragazzo tendersi ancora pi in alto e intuii, senza vederlo, limbarazzo di Reginald. Per tutto il tempo non persi di vista il bottegaio. Per favore, signore, per favore, supplic, agitando in aria le mani come se cercasse di fare un gioco di destrezza con un bicchiere invisibile. Non posso dirlo. Mi stato ordinato di non dirlo.

Ah-ah, esclamai. Chi? Chi vi ha diffidato dal farlo? stato lui? Digweed? Nossignore, rispose luomo. Non vedo il signor Digweed da settimane. stato qualcun altro, ma non so dirvi chi fosse. Quegli uomini, erano seri. Credo che entrambi sappiamo che anchio sono serio, ribattei con un sorriso, e la differenza tra loro e me che io sono qui e loro no. Ora parlate. Quanti erano, chi erano e cosa volevano sapere. I suoi occhi corsero da Christophe che, pur coraggioso e stoico e capace di mostrare quel genere di forza danimo in una brutta situazione che avrei sperato in un mio figlio, aveva

piagnucolato di nuovo, il che doveva aver deciso il negoziante, perch i suoi baffi tremarono di pi, poi parl, rapidamente, le parole che gli ruzzolavano dalla bocca. Erano qui, signore. Circa unora fa. Due uomini con lunghi mantelli neri sopra le tuniche rosse dellesercito britannico, sono entrati nel negozio proprio come avete fatto voi e mi hanno chiesto dove si trovasse il signor Digweed. Quando lho detto loro, senza pensarci, si sono incupiti, signore e mi hanno detto che sarebbero potuti arrivare altri uomini alla ricerca del signor Digweed e che, se cos fosse stato, avrei dovuto negare di conoscerlo e di dire che erano stati qui, sotto pena

di morte. Dov? Vive in una casupola nel bosco, a una quindicina di chilometri a nord di qui. N Reginald n io dicemmo una parola. Entrambi sapevamo di non avere un minuto da perdere e, senza altre minacce n salutare n scusarci con Christophe per averlo spaventato a morte, ci precipitammo fuori dalla porta, slegammo i cavalli, montammo in groppa e li spronammo con alte grida. Cavalcammo il pi velocemente possibile per pi di mezzora, coprendo una decina di chilometri di pascolo tutto in salita, stancando i cavalli. Giungemmo a una stretta fila di pini,

oltre i quali si stendevano altri alberi attorno alla cima di una collina. Di fronte a noi, il terreno scendeva in un altro bosco, per poi aprirsi, ondeggiando come un enorme lenzuolo derba, chiazzato da alberi, erba e campi. Ci fermammo e chiesi il binocolo. I cavalli sbuffarono e io scrutai larea davanti a noi, spostando il binocolo da sinistra a destra, dapprima come un pazzo, spinto dallemergenza, con il panico che mi rendeva indiscriminato. Poi riuscii a calmarmi, trassi un profondo respiro e, strizzando gli occhi, ricominciai muovendo questa volta il cannocchiale lentamente e con metodo da un punto allaltro del paesaggio. Divisi nella mente il territorio in un

reticolo e passai da un quadrato allaltro, in modo sistematico ed efficace, spinto dalla logica e non pi dallemozione. Un silenzio composto da un delicato vento e dal canto degli uccelli venne infranto da Reginald. Lavreste fatto? Cosa? Intendeva uccidere il bambino. Uccidere il ragazzino. Lavreste fatto? Non ha senso fare una minaccia se non la si pu attuare. Il bottegaio avrebbe capito che stavo fingendo. Lavrebbe visto nei miei occhi. Lavrebbe capito. Reginald si dimen sulla sella. Quindi un s? Lavreste ucciso?

Proprio cos, Reginald, lavrei ucciso. Da quando luccisione di innocenti stata mai parte dei miei insegnamenti, Haytham? Sbuffai. Solo perch mi avete insegnato a uccidere, Reginald, non vi d il diritto di dire chi devo uccidere e a quale scopo. Vi ho insegnato lonore. Vi ho insegnato un codice. Vi ricordo, Reginald, sul punto di amministrare la vostra forma di giustizia davanti a Whites tanti anni fa. Era stata forse una cosa onorevole? Era arrossito. Si era dimenato a disagio sul cavallo. Luomo era un ladro, replic.

Gli uomini che sto cercando sono degli assassini, Reginald. In ogni caso, ribatt con una punta di irritazione, lo zelo vi sta oscurando il giudizio. Sbuffai di nuovo con sdegno. E siete voi a dirlo? Il fascino che provate per Coloro Che Sono Venuti Prima in linea con la politica dei Templari? Certamente. Davvero? Siete sicuro di non avere trascurato i vostri altri doveri per quello? Quali lettere avete scritto, quali pagine di diario, quali letture avete fatto ultimamente, Reginald? In abbondanza, replic indignato. Che non fossero collegate a Coloro Che Sono Venuti Prima? soggiunsi.

Per un attimo sinfuri, simile a un grasso uomo dal viso rubizzo cui stata data la carne sbagliata a cena. Sono qui adesso, o no? Certamente, Reginald, esclamai, proprio mentre scorgevo un fil di fumo elevarsi dal bosco. Vedo del fumo tra gli alberi, forse da una casupla. Dovremmo dirigerci l. Nello stesso momento ci fu un movimento in un gruppo di abeti non molto distanti e vidi un cavaliere risalire la collina pi lontana, allontanandosi da noi. Guardate, Reginald, da quella parte. Lo vedete? Regolai la messa a fuoco. Il cavaliere ci rivolgeva la schiena ed era distante,

ma una cosa la riconobbi. Ero certo che avesse le orecchie appuntite. Vedo un uomo, Haytham, ma dove laltro? chiese Reginald. Tirando le redini del mio cavallo, risposi: Ancora nella baracca, Reginald. Andiamo.

3
Ci mettemmo circa venti minuti per arrivare, venti minuti durante i quali io spinsi il mio destriero ai limiti, lanciandolo pericolosamente tra gli alberi e sopra rami abbattuti dal vento, lasciandomi indietro Reginald mentre volavo verso il punto dove avevo visto il fumo, la casupola dove ero certo che avrei trovato Digweed. Vivo? Morto? Non lo sapevo, ma il negoziante aveva detto che altri due uomini avevano chiesto di lui e noi ne avevamo visto solo uno, per cui ero ansioso di sapere che fine aveva fatto il secondo. Era partito per primo? O era ancora nella casupola?

Eccola l, costruita in mezzo a una radura. Un tozzo edificio in legno, un cavallo impastoiato allesterno, una sola finestra sul davanti e fili di fumo che sbuffavano dal camino. La porta sul davanti era spalancata. Sbucando nella radura sentii un grido dallinterno e spronai il cavallo verso la porta, sguainando la spada. Con gran rumore balzammo sulle assi davanti alla casa e io mi allungai in avanti per guardare la scena allinterno. Digweed era legato a una sedia, le spalle curve, la testa inclinata. Il suo viso era una maschera di sangue, ma notai che muoveva le labbra. Era vivo e in piedi sopra di lui cera il secondo uomo, un coltello insanguinato in mano,

un coltello con una lama ricurva e seghettata, sul punto di finire il suo lavoro. Sul punto di tagliare la gola di Digweed. Non avevo mai usato la spada come una lancia e, credetemi, non affatto il suo uso ideale, ma in quel preciso momento la mia priorit era mantenere in vita Digweed. Avevo bisogno di parlare con lui, inoltre, nessuno lavrebbe ucciso, tranne me. Cos la lanciai. Mi mancava il tempo per qualsiasi altra azione. E, sebbene, il lancio avesse tanta poca forza quanta mira, colp il braccio delluomo con il coltello nel momento in cui la sua lama stava calando e bast per farlo indietreggiare, barcollando e urlando

per il dolore, nel preciso istante in cui io balzavo da cavallo, atterravo sulle assi allintenro della casupola, rotolavo in avanti e strappavo la mia corta spada dal suo braccio. Tanto bast per salvare Digweed. Atterrai accanto a lui. Braccia e gambe erano tenute legate alla sedia da una corda insanguinata. Aveva i vestiti strappati e neri di sangue, il volto gonfio e sanguinante. Muoveva ancora le labbra. Gli occhi scivolarono pigramente su di me e io mi chiesi cosa pensasse nel breve momento in cui mi esamin. Mi aveva riconosciuto? Aveva provato un senso di colpa o un lampo di speranza? Poi i miei occhi corsero alla finestra nera e videro le gambe

dellaccoltellatore scomparirvi attraverso, mentre lui si lanciava fuori e cadeva con un tonfo sul terreno. Seguirlo attraverso la finestra avrebbe voluto dire mettermi in una situazione vulnerabile, non desideravo restare bloccato nel telaio mentre luomo aveva tutto il tempo per infilzarmi con il suo coltello. Corsi invece alla porta e fuori nella radura per inseguirlo. Reginald stava arrivando in quel momento. Aveva visto lassalitore, e stava gi prendendo la mira con il suo arco. Non uccidetelo, gridai, mentre scoccava la freccia, e lui ulul per la rabbia di averlo mancato. Dannazione a voi, lavevo sotto tiro, si lament. Ora tra gli alberi.

Avevo aggirato la facciata della casupola, sollevando un tappeto di aghi di pino, in tempo per vederlo scomparire nel limite degli alberi. Mi occorre vivo, Reginald, gli gridai. Digweed nella casa. Tenetelo al sicuro fino al mio ritorno. Con quelle parole mi lanciai nel bosco, il volto che veniva frustato da foglie e rami, la corta spada in pugno. Davanti a me, tra il fogliame, vidi una sagoma scura muoversi con la mia stessa mancanza di leggiadria. O forse con ancora minor grazia, perch io stavo guadagnando terreno. Ceravate anche voi? gli gridai. La notte in cui hanno ucciso mio padre?

Non ne ho avuto il piacere, ragazzo, rugg oltre la sua spalla. Quanto vorrei esserci stato. Avevo fatto la mia parte, comunque, ero io il corruttore. Naturalmente. Aveva un accento della regione occidentale. Chi altri laveva? Luomo che aveva ricattato Digweed. Luomo che aveva minacciato Violet mostrandole un coltellaccio. Fermatevi e affrontatemi! urlai. Se vi piace tanto il sangue dei Kenway, vediamo se riuscite a versare il mio! Io ero pi agile, pi veloce e ora anche pi vicino. Avevo sentito che ansimava quando mi aveva parlato ed era solo una questione di tempo prima che lo raggiungessi. Lui lo sapeva e,

invece di stancarsi oltre, decise di voltarsi e di combattere, saltando un ultimo ramo caduto che lo port in una piccola radura, roteando su se stesso, la lama ricurva in mano. La lama ricurva, seghettata e minacciosa. Il volto era grigio e tremendamente butterato, come segnato dalle cicatrici di qualche malattia infantile. Ansim mentre si passava il dorso della mano sulla bocca. Durante la fuga aveva perso il cappello, mettendo in luce capelli grigi cortissimi, e il suo mantello, scuro, proprio come lo aveva descritto il bottegaio, era lacero e si era aperto svelando la sua rossa tunica militare. Siete un soldato britannico, osservai.

luniforme che indosso, sogghign, ma la mia lealt altrove. Davvero? A chi avete giurato lealt, allora? domandai. Siete un Assassino? Scosse la testa. Io non ho padroni, ragazzo. Qualcosa che tu puoi solo sognare. passato molto tempo da quando qualcuno mi ha chiamato ragazzo. Pensi di esserti fatto un nome, Haytham Kenway, lassassino, il sicario dei Templari, solo perch hai ucciso un paio di grassi mercanti? Per me sei solo un ragazzo. Sei un ragazzo, perch un uomo affronta i suoi obiettivi, faccia a faccia, non si avvicina furtivo alle loro spalle nel pieno della notte, come un

serpente. Sinterruppe. Come un Assassino. Inizi a passarsi il coltello da una mano allaltra con un effetto quasi ipnotico, o almeno quello fu ci che gli lasciai credere. Credete che non sappia combattere? domandai. Devi ancora dimostrarlo. Questo un posto buono come qualsiasi altro. Lui sput e mi fece cenno di avvicinarmi con una mano, rotolando la lama nellaltra. Forza, Assassino, mi pungol. Sii un guerriero per la prima volta. Vieni a vedere che sensazione d. Forza, ragazzo, sii uomo. Le sue parole avrebbero dovuto

farmi adirare, invece mi spinsero a concentrarmi. Lo volevo vivo, avevo bisogno di parlare con lui. Saltai il ramo e balzai nella radura, muovendomi in modo esagerato per farlo indietreggiare, ma riprendendo rapidamente la mia posizione prima che lui potesse spingersi in avanti con un contrattacco. Per alcuni istanti ci movemmo in cerchio, ciascuno in attesa che laltro sferrasse il suo attacco successivo. Io interruppi lo stallo tuffandomi in avanti, menando colpi e indietreggaindo di botto. Per un secondo pens che lavessi mancato, poi sent il sangue gocciolare lungo la guancia e si port una mano al viso, gli occhi spalancati per la

sorpresa. A me il primo sangue. Mi avete sottovalutato, dissi. Il suo sorriso era ora pi teso. Non ci sar una seconda volta. Ci sar, ribattei, avanzando di nuovo, facendo una finta verso sinistra e poi buttandomi a destra, quando il suo corpo era gi in una errata posizione di difesa. Gli si apr uno squarcio nel braccio e il sangue gli macchi la manica lacera e inizi a gocciolare per terra, rosso vivo sugli aghi marrone e verdi del bosco. Sono migliore di quanto pensate, osservai. Potete aspettarvi solo la morte, a meno che parliate. A meno che mi riveliate tutto ci che sapete. Per chi lavorate?

Balzai in avanti e lo attaccai, mentre il suo coltello si agitava scomposto. Gli aprii anche laltra guancia. Nella pelle marrone del viso cerano ora due nastri rosso scarlatto. Perch mio padre stato ucciso? Avanzai di nuovo e questa volta gli tagliai il dorso della mano che reggeva il coltello. Se avevo sperato che lavrebbe fatto cadere, sarei rimasto deluso. Se avevo sperato di dargli una dimostrazione delle mie capacit, allora ci ero riuscito in pieno, glielo vidi in faccia. Sul suo volto insanguinato. Non sorrideva pi. Aveva per ancora voglia di combattere e, quando avanz, lo fece in modo rapido, sciolto, spostando il

coltello da una mano allaltra per disorientarmi e per poco non mi colp. Per poco. Ci sarebbe forse riuscito, se non mi avesse gi mostrato quel particolare trucco, se le ferite che gli avevo inferto non lo avessero rallentato. Di fatto mi abbassai con facilit sotto la lama e colpii verso lalto, infilandogli la mia nel fianco. E subito imprecai. Lavevo colpito troppo forte e nel rene. Era morto. Lemorragia interna lavrebbe ucciso nel giro di mezzora, ma sarebbe svenuto immediatamente. Che se ne fosse o no reso conto, non lo so, ma mi assal, i denti coperti di sangue, e io mi scansai facilmente, gli afferrai il braccio, lo

torsi e glielo spezzai allaltezza del gomito. Il rumore che fece non fu tanto un grido quanto uninspirazione angosciata e, mentre gli schiacciavo le ossa del braccio, pi per leffetto che per uno scopo utile, il coltello cadde a terra con un lieve tonfo e lui lo segu, cadendo sulle ginocchia. Lasciai andare il braccio, che si afflosci, un sacco di ossa rotte e pelle. Lo guardai e notai che il sangue era gi defluito dal suo volto e che attorno alla vita cera una macchia nera che si stava allargando. La mantella formava una pozza attorno a lui sul terreno. Debolmente si tocc il braccio floscio e penzolante con la mano sana e, quando

alz lo sguardo su di me, nei suoi occhi cera un qualcosa di quasi malinconico, patetico. Perch lavete ucciso? gli domandai. Come acqua che esce da una fiaschetta che non tiene, si accasci e giacque sul fianco. Tutto ci che gli importava ora era morire. Ditemelo, insistetti e mi chinai su di lui. Aveva aghi di pino attaccati al sangue sul viso e stava esalando i suoi ultimi respiri nel terriccio della foresta. Vostro padre inizi, poi sput un grumo di sangue prima di continuare. Vostro padre non era un Templare. Lo so, lo interruppi. stato ucciso per questo? stato ucciso perch

si era rifiutato di entrare nellOrdine? Lui era un Assassino. E i Templari lo hanno ucciso? Lhanno ucciso per questo? No. stato ucciso per ci che possedeva. Cosa? Mi chinai in avanti, cercando disperatamente di cogliere le sue parole. Che cosa aveva? Non rispose. Chi? domandai quasi urlando. Chi lo ha ucciso? Ma era svenuto. La bocca aperta, gli occhi che sbatterono leggermente per poi chiudersi e per quanto lo schiaffeggiassi, non riprese conoscenza. Un Assassino. Mio padre era un Assassino. Feci rotolare luomo sul fianco, gli chiusi gli occhi e cominciai a

svuotargli le tasche. Ne usc la solita serie di scatolette e alcuni pezzetti di carta sgualciti; ne aprii uno e vidi che si trattava di alcuni documenti di arruolamento. Per la precisione erano per il reggimento di guardie a piedi Coldstream, una guinea e mezzo al momento delliscrizione, poi uno scellino al giorno. Sui documenti cera il nome dellufficiale pagatore. Era il tenente colonnello Edward Braddock. E Braddock con il suo esercito era nella repubblica olandese, dove stava combattendo contro i francesi. Pensai alluomo dalle orecchie appuntite che avevo visto allontanarsi a cavallo. Di colpo seppi dove era diretto.

4
Mi voltai e tornai fragorosamente e rapidamente alla casupola. Allesterno cerano tre cavalli che brucavano pazienti sotto il sole. Linterno era buio e pi fresco e Reginald era accanto a Digweed, la testa ciondolante, ancora legato alla sedia, e io compresi che morto, dissi e guardai Reginald. Ho tentato di salvarlo, Haytham, ma il poveretto era pi di l che di qua. Perch? Per le ferite, sbott Reginald. Guardatelo, perdio. Il volto di Digweed era una maschera di sangue che si stava seccando. I suoi

vestiti ne erano ricoperti. Luomo con il coltello laveva fatto soffrire, senza alcun dubbio. Era vivo quando me ne sono andato. Ed era vivo quando sono arrivato, dannazione, borbott Reginald. Ditemi almeno che ne avete ricavato qualcosa. Abbass gli occhi. Prima di morire, ha detto che era dispiaciuto. Con un frustrato colpo di spada sbattei un calice nel caminetto. Tutto qui? Niente sulla notte dellassalto? Un motivo? Un nome? Maledizione, Haytham, pensate che labbia ucciso io? Pensate che abbia fatto tutta questa strada, che abbia

trascurato gli altri miei doveri solo per vedere Digweed morto? Volevo trovarlo tanto quanto voi. Lo volevo vivo quanto voi. Ne dubito, sibilai. Cos successo allaltro? sinform Reginald. morto. Sul suo viso apparve unespressione ironica. Ah, capisco. E di chi la colpa, esattamente? Lo ignorai. Braddock conosce lassassino. Reginald sobbalz. Davvero? Nella radura avevo infilato i documenti nel mantello e ora li tirai fuori e parevano la testa di un cavolfiore. Ecco, i suoi documenti di

arruolamento. Fa parte delle Guardie Coldstream, sotto il comando di Braddock. Non proprio la stessa cosa, Haytham. Edward ha un esercito di quindicimila uomini, molti dei quali arruolati nel Paese. Sono sicuro che ogni singolo uomo ha un brutto passato e sono sicuro che Edward ne sappia ben poco. Pur tuttavia, una coincidenza, non credete? Il bottegaio aveva detto che entrambi indossavano luniforme dellesercito britannico e secondo me il cavaliere che abbiamo visto si sta dirigendo l. Avr, cosa, unora di vantaggio su di noi? Non sar tanto in ritardo. Braddock si trova nella

repubblica olandese, non vero? l che si sta dirigendo, sta tornando dal suo generale. Prudenza, Haytham, esclam Reginald, gli occhi e la voce sempre pi duri. Edward amico mio. Non mi mai piaciuto, replicai, con un cenno di insolenza fanciullesca. Oh, suvvia! esplose Reginald. Unopinione che vi siete formato da ragazzo, perch Edward non vi aveva mostrato il rispetto cui eravate abituato, perch, potrei aggiungere, stava facendo tutto il possibile per assicurare alla giustizia gli assassini di vostro padre. Lasciate che ve lo dica, Haytham, Edward serve lOrdine, un bravo e leale servitore e lo sempre

stato. Mi voltai verso di lui e stavo per dirgli: Ma mio padre non era forse un Assassino? ma mi trattenni. Una sensazione, o un istinto, difficile stabilire cosa, mi indusse a non rivelare quellinformazione. Reginald se ne accorse, vide le parole impilarsi dietro i miei denti e forse vide anche la menzogna nei miei occhi. Lassassino, incalz, ha detto qualcosa? Siete riuscito a strappargli altre informazioni prima che morisse? Solo quel tanto che voi avete ottenuto da Digweed, ribattei. In fondo alla casupola cera una piccola stufa con accanto un tagliere, su cui cera un

pezzo di pane che mi infilai in tasca. Cosa state facendo? domand Reginald. Sto prendendo provviste per il viaggio, Reginald. Cera una ciotola con delle mele che mi sarebbero servite per il cavallo. Una pagnotta stantia. Alcune mele? Non bastano, Haytham. Tornate almeno nel villaggio per prendere delle scorte. Non c tempo, Reginald. In ogni caso, linseguimento sar breve, non ha un grande vantaggio e non sa che viene inseguito. Con un po di fortuna posso raggiungerlo prima di avere bisogno di cibo. Possiamo rifornirci per strada. Posso aiutarvi. Lo fermai. Sarei andato

da solo, gli dissi, e prima che potesse discutere, ero in sella al mio destriero e lavevo voltato nella direzione che avevo visto prendere dalluomo dalle orecchie appuntite, con buone speranze di riuscire a raggiungerlo in breve tempo. Speranze che non vennero esaudite. Cavalcai a gran velocit, ma alla fine cal il buio; era diventato troppo pericoloso continuare e avrei rischiato di ferire il cavallo. In ogni caso, era esausto, per cui decisi, sebbene, riluttante, di fermarmi e farlo riposare per qualche ora. E ora, mentre scrivo, mi chiedo come mai, dopo tutti gli anni in cui avevo considerato Reginald un padre, un

mentore, un tutore e una guida, come mai avessi deciso di partire da solo? E perch non gli avevo riferito ci che avevo scoperto su mio padre? Sono cambiato? cambiato lui? Oppure cambiato il legame che avevamo condiviso? La temperatura scesa. Il mio cavallo, e mi pare giusto dargli un nome, perci, in onore del modo in cui mi strofina il muso contro quando vuole una mela, lho chiamato Graffio, dorme vicino a me. Ha gli occhi chiusi e pare soddisfatto; io aggiorno il diario. Penso a ci di cui Reginald e io abbiamo parlato e mi chiedo se abbia ragione a mettere in dubbio luomo che sono diventato.

15 luglio 1747
MI alzai appena fece luce, radunai i carboni del fal e montai in groppa a Graffio. La caccia continu. Mentre cavalcavo rimuginai sulle mie possibilit. Perch Orecchie Appuntite e quello con il coltello si erano separati? Avevano entrambi avuto intenzione di recarsi nella repubblica olandese e unirsi a Braddock? Orecchie Appuntite si aspettava che il suo compagno lo raggiungesse? Era impossibile saperlo. Potevo solo sperare che, qualunque fosse stato il loro piano, luomo davanti a me non

avesse idea che lo stavo inseguendo. Se cos era ma come avrebbe potuto saperlo? perch non riuscivo a raggiungerlo? Cavalcai velocemente con passo costante, conscio che se fossi sopraggiunto troppo in fretta il risultato sarebbe stato disastroso come non raggiungerlo. Dopo tre quarti dora circa arrivai nel punto in cui si era riposato. Se avessi spronato Graffio, lavrei forse colto di sorpresa? Mi inginocchiai per toccare il calore morente del suo bivacco. Alla mia sinistra, Graffio scov qualcosa a terra, un pezzo di salsiccia, e il mio stomaco brontol. Reginald aveva avuto ragione. La mia preda era molto

meglio equipaggiata per il vaggio di quanto lo fossi io, con la mia mezza pagnotta e le mele. Mi maledii per non avere frugato nelle bisacce del suo compagno. Forza Graffio, andiamo. Cavalcai per il resto della giornata e lunica volta in cui rallentai fu per prendere il binocolo dalla tasca e scrutare lorizzonte, alla ricerca di un segno della preda che era sempre davanti a me in modo frustrante. Per tutto il giorno. Quando la luce cominci a svanire, cominciai a temere di averlo perso del tutto. Potevo solo sperare di avere ragione a proposito della sua destinazione. Alla fine non ebbi altra scelta se non

quella di riposarmi di nuovo, accamparmi, accendere un fuoco, consentire a Graffio di riposarsi e pregare di non avere perso la traccia. E mentre siedo qui mi chiedo: Come mai non sono riuscito a raggiungerlo?

16 luglio 1747

1
QUANDO mi svegliai al mattino, ebbi unispirazione. Ma certo. Orecchie Appuntite era un soldato dellesercito di Braddock e lesercito di Braddock si era unito alle forze comandate dal principe dOrange nella repubblica olandese, ed era l che luomo avrebbe dovuto essere. Per questo motivo si stava affrettando Perch si era allontanato e ora si stava sbrigando a tornare, prima che venisse scoperta la sua assenza. E ci voleva dire che la sua presenza nella Foresta Nera non era stata autorizzata ufficialmente, che Braddock, quale suo tenente colonnello,

non ne sapeva niente. O che probabilmente non ne sapeva niente. Scusami, Graffio. Lo feci galoppare di nuovo duramente, sarebbe stato il suo terzo giorno consecutivo, e notai la stanchezza che lo faceva rallentare. In ogni caso, dopo una mezzora, raggiungemmo i resti del bivacco di Orecchie Appuntite e, questa volta, invece di fermarmi per esaminare le braci, lo spronai e gli permisi di riposarsi solo in cima a una collina, dove mi fermai per tirare fuori il binocolo e studiare la zona davanti a noi, quadrato per quadrato, centimetro per centimetro, fin quando lo vidi. Eccolo l, un puntino che stava risalendo la collina di fronte a noi,

inghiottito da un gruppo di alberi mentre lo guardavo. Dove eravamo? Non sapevo se avevamo passato o no il confine della repubblica olandese. Da due giorni non avevo incontrato anima viva, non avevo sentito nulla, se non il rumore del respiro mio e di Graffio. Le cose sarebbero cambiate presto. Spronai Graffio e venti mintui dopo stavo entrando nello stesso bosco in cui avevo visto scomparire la mia preda. La prima cosa che notai fu un carro abbandonato. L vicino, con mosche che strisciavano su occhi non vedenti, cera il cadavere di un cavallo, la cui vista fece impennare Graffio. Come me, anche lui si era abituato alla solitudine:

solo noi due, gli alberi e gli uccelli. E qui, allimprovviso, lorrendo memento che in Europa nessuno mai al sicuro, lontano da un conflitto, lontano da una guerra. Cavalcammo pi lentamente, prudenti tra gli alberi e qualsiasi altro ostacolo avremmo potuto trovare. Pi avanzavamo, pi il fogliame era annerito, spezzato o calpestato. Non cera dubbio che qui ci fosse stata una battaglia: cominciai a vedere cadaveri, arti divaricati e occhi fissi, morti, con sangue scuro e fango che rendevano i cadaveri anonimi a parte sprazzi di uniformi: il bianco dellesercito francese, il blu di quello olandese. Vidi moschetti rotti, baionette e spade

spezzate, qualsiasi cosa ancora utile era gi stata recuperata. Quando emersi dal limite del bosco mi trovai in un campo, il campo di battaglia, dove cerano ancora pi corpi. A quanto pareva, era stata soltanto una scaramuccia, per il criterio della guerra, eppure sembrava che la morte fosse dappertutto. Non potei stabilire con sicurezza quando era avvenuta; abbastanza prima da consentire agli uomini di spogliare il campo di battaglia, ma non tanto da rimuovere i cadaveri; entro il giorno precedente, avrei detto, a giudicare dallo stato dei corpi e dal fumo che ancora indugiava sopra il pascolo, un velo, come una nebbia mattutina, ma con il pesante e aspro odore del fumo di

polvere da sparo. Qui il fango era pi spesso, rivoltato da zoccoli e piedi, e, mentre Graffio iniziava a dibattersi, lo condussi verso il bordo, con lintenzione di percorrere il perimentro del campo. Poi, proprio quando inciampava e stava per farmi cadere in avanti sul suo collo, scorsi Orecchie Appuntite davanti a noi. Era in fondo al campo, a circa un chilometro, una sagoma confusa, indistinta, che avanzava a fatica nel terreno appiccicoso. Il suo cavallo doveva essere esausto quanto il mio, perch era smontato e ora stava cercando di tirarlo per le redini, e le sue imprecazioni arrivavano debolmente fino a me.

Presi il binocolo. Lultima volta che lavevo visto da vicino era stato ventanni prima e allora portava una maschera, e ora mi scoprii a chiedermi, addirittura a sperare, che la mia prima buona occhiata potesse rivelarmi qualcosa. Lavrei riconosciuto? No. Era solo un uomo, vecchio e ingrigito come lo era stato il suo compagno, sporco e stanco per la cavalcata. Guardandolo ora non provai alcun senso di improvvisa conoscenza. Nulla si sistem. Era solo un uomo, un soldato britannico, uguale a quello che avevo ucciso nella Foresta Nera. Lo vidi allungare il collo, mentre mi fissava attraverso la foschia. Estrasse dal mantello un binocolo e per un attimo

ci esaminammo attraverso i nostri cannocchiali, poi lo osservai mentre correva alla cavezza e con rinnovato vigore iniziava a strattonare le redini, lanciandomi nello stesso tempo occhiate. Mi aveva riconosciuto. Bene. Graffio aveva ripreso equilibrio e io lo guidai dove il terreno era pi duro e dove riuscimmo ad avanzare meglio. Davanti a me, la sagoma di Orecchie Appuntite era sempre pi netta e vedevo chiaramente lo sforzo sul suo volto mentre tirava il cavallo, poi notai che si era reso conto di essere bloccato e che io stavo guadagnando terreno e che lavrei raggiunto entro pochi istanti. Allora fece lunica cosa che poteva

fare. Lasci cadere le redini e cominci a correre. Nello stesso istante il ciglio erboso attorno a noi cedette e Graffio trov di nuovo arduo mantenere lequilibrio. Con un rapido e sussurrato grazie balzai dalla sella e iniziai a rincorrelo a piedi. Gli sforzi degli ultimi giorni si fecero sentire e minacciarono di sommergermi. Il fango mi risucchiava gli stivali, rendendomi la corsa un diguazzare e il respiro nei polmoni era irregolare, come se stessi inalando sabbia. Ogni muscolo protestava, implorandomi di fermarmi. Non potevo fare altro che sperare che le cose per il mio amico fossero altrettanto dure, addirittura pi dure, perch lunica cosa che mi spronava ad

avanzare, lunica cosa che mi faceva muovere le gambe e permetteva al mio petto di respirare era sapere che stavo accorciando la distanza. Lui si lanci unocchiata alle spalle e io ero tanto vicino da vedere i suoi occhi spalancarsi per la paura. Ora non aveva alcuna maschera, nulla dietro cui nascondersi. Malgrado il dolore e la stanchezza gli sorrisi, e sentii le labbra secche e riarse ritirarsi dai denti. Lui continu a correre, sbuffando per lo sforzo. Aveva iniziato a piovere, una pioggerellina che diede al giorno un altro strato di foschia, come se fossimo impantanati in un paesaggio dipinto con il carboncino. Si concesse unaltra occhiata alle

spalle e vide che ero ancora pi vicino; questa volta si ferm e sguain la spada, tenendola con entrambe le mani, ansimando. Pareva esausto. Sembrava un uomo che aveva trascorso giorni e giorni cavalcando senza sosta e dormendo poco. Aveva laspetto di un uomo in attesa di venire sconfitto. Ma sbagliavo: mi stava invitando a farmi sotto e io, come uno sciocco, finii nel tranello e un attimo dopo stavo barcollando in avanti, cadendo sotto un terreno cedevole e sprofondando in unampia pozza di spesso fango che mi imprigion. Mio Dio! esclamai. Vidi i miei piedi scomparire, poi le caviglie e, prima di rendermene conto,

ero nella melma fino alle ginocchia, dando disperati strattoni alle gambe, tentando di liberarle, mentre nello stesso tempo mi puntellavo con una mano sul terreno pi solido, cercando di tenere la spada sollevata con laltra. Alzai lo sguardo su Orecchie Appuntite e ora tocc a lui sorridere mentre si avvicinava e calava la spada come una mannaia, con grande forza, ma in modo maldestro. Con un grugnito e un tintinnio dacciaio, parai il colpo, facendolo indietreggiare di un paio di passi. Poi, mentre aveva perso lequilibrio, liberai un piede e lo stivale, e vidi la mia calza bianca, sporca comera, eppure splendente paragonata alla terra che cera attorno.

Nel vedere che il suo vantaggio era stato sprecato, Orecchie Appuntite si spinse di nuovo in avanti, la spada di fronte e io parai una e poi due volte i colpi. Per un secondo si sent solo il suono metallico dellacciaio, quello dei grugniti e della pioggia, che cadeva ora pi forte, sbattendo nel fango, mentre io ringraziavo silenziosamente Dio perch le sue riserve di trucchi erano finite. O no? Quando si rese conto di potermi battere pi facilmente se si fosse spostato alle mie spalle, capii cosa aveva in mente e tirai un fendente che lo colp al ginocchio appena sopra lo stivale, facendolo crollare allindietro. Si rimise in piedi, urlando per il dolore e

il disonore, spinto forse dallo sdegno di non riuscire a vincere pi facilmente e sferr un calcio con il piede sano. Glielo afferrai con laltra mano e lo torsi con tutta la forza che trovai, facendolo roteare e infine cadere a faccia in gi nel fango. Tent di rotolare via, ma era troppo lento o troppo stordito, cos riuscii a colpirlo dallalto con la spada, trapassandogli la parte posteriore della coscia fin nel terreno e infilzandolo l. Nello stesso tempo usai limpugnatura per issarmi fuori dal fango, lasciandovi dentro il secondo stivale. Lui grid e si dimen, ma era bloccato dalla spada che gli attraversava la coscia. Il peso che

esercitai su di lui nellusare la spada come leva per tirarmi fuori dalla melma deve essere stato insopportabile e lui strill dal dolore facendo delle smorfie terribili. Eppure continu a menare fendenti e io ero disarmato, cos, mentre piombavo su di lui, la lama mi colp il collo, aprendo un taglio e facendo sgorgare il sangue che sentii caldo sulla pelle. Cercai di afferrargli la mano e allimprovviso ci trovammo avvinghiati nel tentativo di prendere la spada. Lottammo sbuffando e imprecando, quando da dietro udii qualcosa, qualcosa che di certo era il rumore di piedi che si avvicinavano. Poi voci. Qualcuno che

parlava olandese. Imprecai. No, disse una voce, e mi resi conto che era la mia. Doveva averla sentita anche lui. Siete arrivato in ritardo, Kenway, sibil. I passi dietro di me. La pioggia. Le mie stesse girda: No, no, no, mentre una voce intimava: Ehi, voi. Fermatevi immediatamente. Mi staccai da Orecchie Appuntite, schiaffeggiando il fango per la frustrazione mentre mi mettevo in piedi, ignorando il suono della sua aspra risata, per affrontare la truppa che era sbucata dalla nebbia e dalla pioggia, e, tentando di raddrizzarmi del tutto, dissi: Mi chiamo Haytham Kenway e

sono un compagno del tenente colonnello Edward Braddock. Pretendo che questuomo mi venga dato in custodia. Non capii se la seconda risata che sentii provenisse da Orecchie Appuntite, che giaceva ancora immobilizzato a terra, o da uno del drappello di soldati che si erano materializzati davanti a me, come fantasmi inviati dal campo di battaglia. Del comandante vidi i baffi, una giubba a doppio petto sporca e bagnata, orlata con una fradicia treccia che una volta doveva essere stata color oro. Lo vidi sollevare qualcosa, qualcosa che parve balenare davanti ai miei occhi e, un attimo prima che mi toccasse, mi resi conto che mi stava colpendo con

lelsa della conoscenza.

spada,

quindi

persi

2
Non mettono a morte uomini svenuti. Non una cosa nobile. Neppure in un esercito comandato dal tenente colonnello Edward Braddock. E cos venni risvegliato con dellacqua fredda sul viso, o si trattava di uno schiaffo? In ogni caso, ero stato destato bruscamente e, appena mi ripresi, ci misi un attimo a capire chi ero e dove ero E perch avevo un cappio attorno al collo. E perch avevo le braccia legate dietro la schiena. Mi trovavo allestremit di una piattaforma. Alla mia sinistra cerano

quattro uomini, anche loro, come me, con i colli nei cappi e in quel mentre luomo allestrema sinistra si agit e sussult, i piedi che calciavano nellaria. Davanti a me si lev un respiro affannoso e mi resi conto che avevamo un pubblico. Non eravamo pi nel campo di battaglia, ma in qualche pascolo dove si erano radunati degli uomini. Portavano le uniformi dellesercito britannico e i cappelli in pelle di orso del reggimento delle guardie a piedi Coldstream. I volti erano cinerei. Erano stati chiaramente obbligati a guardare il poveretto in fondo alla fila tirare lultimo ansante respiro, la bocca aperta e la punta della lingua,

sanguinante per essersela morsicata, sporgente, la mascella che si muoveva cercando di inspirare aria. Continu a dimenarsi e a scalciare, il corpo che scuoteva la forca che si estendeva per tutta la lunghezza della piattaforma sopra le nostre teste. Alzai lo sguardo e vidi che cera legato il mio cappio, poi lo abbassai sullo sgabello in legno su cui stavo e notai i miei piedi, coperti solo dalle calze. Cal un silenzio in cui si sent soltanto il rumore delluomo impiccato che moriva, lo stridio della corda e il lamento della forca. Questo ci che succede ai ladri, strill il boia, indicandolo, e spostandosi verso il secondo uomo, gridando alla

folla immobile: Incontrerai il tuo creatore allestremit della corda, ordini del tenente colonnello Braddock! Conosco Braddock, gridai. Dov? Portatelo qui. Chiudi il becco! grugn il boia, il dito puntato, mentre nello stesso tempo il suo aiutante, luomo che mi aveva svegliato gettandomi acqua in faccia, mi si avvicin e mi schiaffeggi, solo che questa volta non lo fece per svegliarmi, ma per zittirmi. Mi divincolai nella corda che mi legava le mani, ma senza metterci troppa energia per non perdere lequlibrio e cadere dallo sgabello su cui ero tanto pericolosamente appollaiato. Mi chiamo Haytham Kenway, urlai,

con la corda che mi sfregava il collo. Ho detto: Chiudi il becco, ripet il boia e di nuovo il suo aiutante mi colp, abbastanza forte da farmi quasi cadere dallo sgabello. Per la prima volta vidi il soldato appeso alla mia sinistra e lo riconobbi. Era Orecchie Appuntite. Attorno alla coscia aveva una benda nera di sangue. Mi guard con occhi offuscati e socchiusi, un ghigno viscido sul volto. Intanto il boia aveva raggiunto il secondo della fila. Questuomo un disertore, latr. Ha lasciato morire i suoi camerati. Uomini come voi. Vi ha lasciati morire. Ditemi, quale dovrebbe essere la sua punizione?

Senza molto entusiasmo, i soldati risposero: Impiccatelo. Se questo che volete, sorrise furbescamente il boia, e, fatto un passo indietro, piant il piede sul fondoschiena del condannato e spinse, assaporando la nauseata reazione degli astanti. Mi scrollai il dolore dello schiaffo dalla testa e continuai a dimenarmi, proprio mentre il boia raggiugneva il terzo uomo, ponendo alla folla la stessa domanda e ricevendo la stessa, muta e doverosa risposta, poi spinse il povero disgraziato incontro alla morte. La piattaforma oscill e trem mentre i tre uomini sobbalzavano alle estremit delle loro funi. Sopra la mia testa la

forca scricchiol e gemette e, guardando in alto, vidi le giunture separarsi brevemente prima di riunirsi. Poi il boia si avvicin a Orecchie Appuntite. Questuomo, questuomo si goduto un breve soggiorno nella Foresta Nera e aveva pensato di poter tornare di soppiatto senza essere scoperto, ma si sbagliava. Ditemi, come dobbiamo punirlo? Con limpiccagione! borbott la folla. Pensate che debba morire? incalz il boia. S, rispose la folla, ma vidi alcuni scuotere la testa e altri, che bevevano da fiaschette in pelle, parevano godere

di pi lo spettacolo, ma come persone corrotte con della birra. Mi chiesi se la birra potesse spiegare lapparente torpore di Orecchie Appuntite. Stava ancora sorridendo, anche quando il boia and dietro di lui e gli piant il piede contro il fondoschiena. ora di impiccare un disertore! grid, spingendolo, mentre io urlavo: No! e tentavo disperatamente di liberarmi dai legacci. No, dovete tenerlo in vita! Dov Braddock? Dov il tenente colonnello Edward Braddock? Laiutante del boia mi comparve davanti, un sorriso sdentato e la barba incolta. Non avete sentito? chiese. Chiudi il becco! E tir indietro il pugno per colpirmi.

Non ne ebbe la possibilit. Allungai le gambe, facendo cadere lo sgabello, e un attimo dopo le attrocigliavo attorno al collo dellaiutante e stringevo. Lui grid. Io premetti con pi forza. Il suo urlo si trasform in un suono strozzato e il suo volto comici a diventare rosso, mentre tentava di afferrarmi i polpacci. Io tirai da una parte allaltra, scuotendolo come fa un cane con una preda tra le mascelle, sollevandolo quasi, tendendo nello stesso tempo i muscoli delle cosce mentre cercavo di non premere con il mio peso sul cappio attorno al collo. Alla mia sinistra Orecchie Appuntite continuava a dimenarsi. La lingua gli sporgeva dalle labbra e gli occhi gli

sporgevano dalle orbite, come se stessero per esplodergli dal cranio. Il boia era tornato allaltra estremit della piattaforma dove stava tirando le gambe degli impiccati per assicurarsi che fossero morti, ma il trambusto cattur la sua attenzione, alz lo sguardo e vide laiutante intrappolato nella morsa delle mie gambe. Si precipit allora verso di noi, imprecando e sguainando la spada. Con un ultimo sforzo, roteai il corpo e strinsi le gambe, tirando con me laiutante e per un miracolo calcolai il momento giusto e andai a sbattere contro il boia. Con un grido luomo cadde rovinosamente dalla piattaforma. Di fronte a noi gli uomini erano in piedi,

ammutoliti per lo stupore, ma nessuno si mosse. Strinsi ancora di pi le gambe e fui ricompensato da un suono scoppiettante proveniente dal collo dellaiutante. Il sangue inizi a fluirgli copioso dal naso e allent la presa sulle mie braccia. Mi contorsi di nuovo e di nuovo gridai mentre i miei muscoli protestavano e lo tirai, questa volta dallaltra parte, sbattendolo contro la forca. La vibrante, cigolante forca stava per crollare. Scricchiol e protest ancora. Con un ultimo sforzo, non avevo pi energie e, se questo non avesse funzionato, sarei morto qui, sbattei nuovamente luomo contro la forca che, questa volta,

finalmente, cedette. Mentre cominciavo a sentirmi svenire, come se uno scuro velo mi venisse messo sulla mente, sentii la pressione sul collo allentarsi di colpo, mentre il supporto crollava a terra davanti alla piattaforma, la traversa precipitava e infine anche la piattaforma cedeva per limprovviso peso di uomini e legno, crollando su se stessa e frantumandosi. Il mio ultimo pensiero prima di perdere conoscenza fu: Per favore, che sia vivo, e le mie prime parole nel riprendere conoscenza nella tenda in cui ora giaccio furono: vivo?

3
Chi dovrebbe essere vivo? mi chiese il medico che aveva del bei baffoni e un accento che indicava che era di una classe sociale pi alta della maggior parte di noi. Luomo con le orecchie appuntite, risposi, cercando di mettermi seduto, solo per sentire la sua mano sul petto che mi spingeva in posizione sdraiata. Temo di non avere la minima idea di chi stiate parlando, disse, gentilmente. Ho saputo che conoscete il tenente colonnello. Forse lui potr spiegarvi ogni cosa appena arriver al mattino. Per questo sono seduto qui,

annotando gli eventi della giornata, in attesa di incontrare Braddock.

17 luglio 1747
ASSOMIGLIAVA a una versione pi grossa e pi intelligente dei suoi uomini con tutto il contegno richiesto dal suo rango. I neri e lucidi stivali gli arrivavano fino al ginocchio. Indossava una redingote con bordura bianca sopra una giubba scura e abbottonata, una sciarpa bianca al collo e unalta cintura in pelle marrone a cui era appesa la spada. I capelli erano tirati indietro e legati con un nastro nero. Gett il cappello su un tavolino accanto alla mia branda, si mise le mani sui fianchi e mi fiss con quello sguardo intenso e indifferente

che conoscevo bene. Kenway, disse, Reginald non mi aveva informato che intendavate unirvi a me qui. stata una decisione presa su due piedi, Edward, risposi, sentendomi di colpo giovane in sua presenza, quasi intimidito. Capisco. Pensavate di poter entrare cos, semplicemente, non vero? Da quanto tempo sono qui? chiesi. Quanti giorni sono passati? Tre, replic Braddock. Il dottor Tennant temeva che potesse venirvi la febbre. Secondo lui, un uomo pi debole non lavrebbe superata. Siete fortunato a essere vivo, Kenway. Non tutti riescono a sfuggire al patibolo e alla

febbre. Una fortuna per voi che mi abbiano informato che un uomo che stava per essere impiccato aveva chiesto di me personalmente, altrimenti i miei uomini avrebbero portato a termine il lavoro. Avete visto come puniamo chi sgarra. Mi portai la mano sul collo, che era bendato per la ferita infertami da Orecchie Appuntite e che ancora mi faceva male per la bruciatura della corda. S, Edward, ho scoperto di prima mano come trattate i vostri uomini. Sospir, fece cenno al dottor Tennant di allontanarsi e lui si ritir, chiudendo i lembi della tenda dietro di s. Poi Braddock si sedette, mettendo uno stivale sul letto, come per

accamparvi diritto di possesso. Non i miei uomini, Kenway. Criminali. Gli olandesi vi hanno consegnato a noi in compagnia di un disertore, un uomo che si era allontanato con un camerata. Naturalmente hanno pensato che foste voi quel camerata. Cosa gli successo, Edward? Cos successo alluomo con cui ero? Luomo di cui avete chiesto informazioni, giusto? Quello che il dottor Tennant dice che vi interessa particolarmente, un uomo con le orecchie appuntite? Non riusc a trattenere la derisione nella voce. Quelluomo, Edward, era l la notte in cui hanno assalito la mia casa. uno degli uomini che abbiamo cercato in

questi ultimi dodici anni. Gli lanciai unocchiata dura. E lo trovo arruolato nel vostro esercito. Proprio cos, nel mio esercito. E allora? Una coincidenza, non credete? Braddock aveva sempre lo sguardo truce, ma ora si era fatto pi intenso. Perch non dimenticate linsinuazione, ragazzo, e non mi dite cosa avete realmente in mente. A proposito, dov Reginald? Lho lasciato nella Foresta Nera. Ormai sar quasi a casa. Per continuare la sua ricerca sui miti e le leggende? chiese Braddock con un guizzo di scherno negli occhi che mi indusse a sentirmi stranamente leale

nei confronti di Reginald e delle sue ricerche, malgrado i miei stessi dubbi. Reginald crede che se riuscissimo a svelare i segreti della stanza del tesoro, lOrdine sarebbe pi potente di quanto sia mai stato dal tempo delle crociate, forse addirittura di pi. Saremmo pronti a governare completamente. Mi rivolse unocchiata stanca, disgustata. Se ci credete veramente, allora siete sciocco e idealista come lui. Non abbiamo bisogno di magia o trucchi per convincere la gente alla nostra causa, abbiamo bisogno di spade. Perch non usare entrambe? argomentai. Perch una solo una perdita di tempo, ecco perch.

Incrociai il suo sguardo. Forse. In ogni caso non ritengo che il mezzo migliore per conquistare i cuori e le menti degli uomini sia giustiziarli. Mi ripeto. Feccia. E lhanno giustiziato? Il vostro amico con scusate, cosa erano, orecchie appuntite? Il vostro scherno non mi tocca, Edward. La vostra impertinenza ha per me lo stesso valore del vostro rispetto, cio niente. Forse ritenete di tollerarmi solo a causa di Reginald, ecco, vi assicuro che provo la stessa cosa. Ma ora, ditemi, quelluomo morto? morto sulla forca, Kenway. Ha avuto la morte che si meritava. Chiusi gli occhi e per un secondo

giacqui l, inconsapevole di tutto tranne che di un mio cosa? Un malefico, ribollente magma di dolore, ira e frustrazione, di diffidenza e dubbio. Conscio anche del piede di Braddock sul mio letto e della voglia di colpirlo con la mia spada e di liberarmi per sempre di lui. Ma questo era il suo stile, no? Non era il mio. E cos era l quella notte? domand Braddock, con un lieve tono beffardo. Era uno dei responsabili delluccisione di vostro padre, e per tutto questo tempo stato tra noi e non labbiamo mai saputo. Unamara ironia, vi pare, Kenway? Davvero. Ironia o coincidenza.

Prudenza, ragazzo, qui non c un Reginald a togliervi dai guai. Come si chiamava? Come centinaia di uomini del mio esercito, Tom Smith, il campagnolo Tom Smith; molto di pi su di loro non sappiamo. Probabilmente in fuga per avere ucciso in duello il figlio del suo padrone o per averne sverginato la figlia o per essersela spassata con sua moglie. Chi lo sa? Noi non facciamo domande. Se mi chiedeste se mi sorprende che uno degli uomini cui abbiamo dato la caccia era qui tra i miei soldati, risponderei di no. Aveva amici nellesercito? Qualcuno con cui potrei parlare? Lentamente Braddock tolse il piede

dalla branda. Quale Cavaliere dellOrdine potete godere della mia ospitalit e fare le vostre indagini. Spero di poter in cambio ricorrere al vostro aiuto per i nostri sforzi. E quali sarebbero? I francesi hanno posto sotto assedio la fortezza di Bergen op Zoom. Allinterno ci sono i nostri alleati: olandesi, austriaci, nativi di Hannover e dellAssia, oltre naturalmente ai britannici. I francesi hanno gi scavato trincee e ora ne stanno scavando una seconda serie parallela. Presto inizieranno a bombardare la fortezza, tenteranno di conquistarla prima delle piogge. Ritengono che dar loro laccesso ai Paesi Bassi e gli alleati

pensano che la si debba difendere e tenere a ogni costo. Abbiamo bisogno di tutti gli uomini che possiamo. Capite ora perch non tolleriamo i disertori? Avete il coraggio di combattere, Kenway, o siete tanto concentrato sulla vendetta da non poterci aiutare?

PARTE TERZA
1753, sei anni dopo

7 giugno 1753

1
HO un lavoro per voi, esord Reginald. Annuii, lavevo previsto. Era passato molto tempo dallultima volta che lavevo visto e avevo avuto la sensazione che la sua richiesta di incontrarci non fosse solo una scusa per scambiarci pettegolezzi, anche se ci trovavamo da Whites, dove stavamo sorseggiando una birra, sotto gli occhi attenti di una pettoruta cameriera desiderosa di portarcene dellaltra. Alla nostra sinistra, una tavolata di gentiluomini, i biscazzieri di Whites, stava giocando rumorosamente a dadi; per il resto il locale era vuoto.

Non lavevo rivisto da quel giorno di sei anni prima nella Foresta Nera e da allora erano successe molte cose. Unendomi a Braddock nella repubblica olandese, avevo partecipato con il reggimento delle guardie a piedi Coldstream allassedio di Bergen op Zoom, poi fino al Trattato di Aix-laChapelle lanno seguente, che aveva segnato la fine di quella guerra. Dopo di che avevo preso parte con loro a numerose campagne per salvaguardare la pace che mi avevano tenuto lontano da Reginald, la cui corrispondenza arrivava o da Londra o dal castello nella foresta delle Lande di Guascogna. Sapendo che le mie lettere potevano venir lette prima di essere spedite,

avevo mantenuto la corrispondenza sul vago, aspettando con ansia il momento in cui mi sarei seduto con Reginald e gli avrei esposto i miei timori. Tuttavia, quando ero tornato a Londra e mi ero stabilito nella mia vecchia casa, lui non era stato disponibile. O cos mi era stato riferito: si era isolato con i suoi libri, lui e John Harrison, un altro Cavaliere dellOrdine, che a quanto pareva, era ossessionato dai templi, dalle antiche stanze del tesoro e dagli esseri spettrali del passato come lui. Ricordate quando eravamo venuti qui per il mio ottavo compleanno? domandai, desiderando in qualche modo rimandare il momento in cui avrei

conosciuto lidentit della persona che avrei dovuto uccidere. Ricordate cosa era accaduto quando eravamo usciti, lammiratore impulsivo pronto ad amministrare una sommaria giustizia in strada? Annu. Le persone cambiano, Haytham. E voi siete cambiato. Non avete fatto altro che interessarvi alle vostre ricerche sulla prima civilt, replicai. Ci sono molto vicino, ammise, come se pensarci gli avesse tolto di dosso un pesante velo. Siete riuscito a decifrare il diario di Vedomir? Si incup. No, una sfortuna, e di certo non per non averci provato. O

dovrei dire non ancora, perch abbiamo un decodificatore, un affiliato Assassino italiano, una donna, riuscite a crederci? nel nostro castello in Francia, nella foresta, ma sostiene di avere bisogno di suo figlio per decriptare il libro e suo figlio scomparso da alcuni anni. Personalmente non ci credo, ritengo che potrebbe farlo da sola, se volesse. Penso che ci stia usando per ricongiungersi con il figlio. Ha comunque accettato di lavorare sul diario se lavessimo trovato e, finalmente, ce labbiamo fatta. Dov? Dove andrete presto a riprenderlo. In Corsica. Mi ero sbagliato. Non un omicidio,

ma un lavoro da bambinaia. Cosa? chiese nel vedere la mia espressione. Credete che sia un compito indegno per voi? Niente di pi falso, Haytham, questo lincarico pi importante che vi abbia mai affidato. No, Reginald, sospirai, non lo . Lo solo nella vostra mente. Cosa state dicendo? Che forse il vostro interesse in questa faccenda vi ha portato a trascurare altri impegni. Forse avete lasciato che altre questioni finissero fuori controllo Quali faccende? chiese perplesso. Edward Braddock. Parve sorpreso. Capisco. C qualcosa che volete dirmi sul suo

conto? Feci segno per avere dellaltra birra e la nostra cameriera mise sul tavolo i boccali con un sorriso, quindi si allontan ancheggiando. Cosa vi ha raccontato Braddock dei suoi movimenti negli ultimi anni? domandai a Reginald. Non lho quasi mai sentito e lho visto ancora meno, rispose. Negli ultimi sei anni ci siamo incontrati una sola volta, per quanto ricordi e la nostra corrispondenza diventata sempre pi sporadica. Disapprova il mio interesse per Coloro Che Sono Venuti Prima e, a differenza di voi, non ha tenuto per s le sue obiezioni. A quanto pare abbiamo idee molto differenti su come diffondere

il messaggio dei Templari, quindi, no, so molto poco di lui. Se volessi sapere qualcosa su Edward, la chiederei a chi ha partecipato alle sue campagne Mi lanci unocchiata sarcastica. Dove potrei trovare una persona simile, secondo voi? Sareste uno sciocco a chiedere informazioni a me, replicai ridacchiando. Sapete benissimo che, per quel che riguarda Braddock, non sono un osservatore imparziale. Inizialmente lavevo trovato antipatico e ora mi piace ancora meno, ma in mancanza di commenti pi obiettivi, ecco il mio: diventato un tiranno. In che modo? crudele con i suoi sottoposti, ma

anche con gli innocenti. Lho visto con i miei occhi, per la prima volta, nella repubblica olandese. Come Edward tratta i suoi uomini affar suo, replic Reginald. Gli uomini rispondono alla disciplina, Haytham, lo sapete. Scossi il capo. C stato un caso particolare, Reginald, lultimo giorno dellassedio. Reginald si sistem meglio per ascoltarmi. Continuate. Ci stavamo ritirando. I soldati olandesi ci minacciavano con i pugni, imprecando contro re Giorgio perch non aveva mandato pi uomini per aiutarli a liberare la fortezza. Perch non fossero arrivati altri soldati non lo

so. Avrebbero fatto qualche differenza? Non saprei. Dubito che qualcuno di noi appostato allinterno di quelle mura pentagonali sapesse come affrontare un attacco francese tanto brutale e spietato quanto prolungato. Braddock aveva avuto ragione: i francesi avevano scavato due file parallele di trincee e avevano iniziato a bombardare la citt, incalzando vicini alle mura della fortezza e quando, a settembre, avevano conficcato delle mine sotto le fortificazioni, distruggendole, ci furono addosso. Il diciotto settembre sferrammo attacchi allesterno delle mura per tentare di rompere lassedio. Inutilmente. I francesi fecero irruzione

alle quattro del mattino, se ben ricordo. Avevano sorpreso le forze alleate mentre stavano dormendo e prima di rendercene conto eravamo invasi. I francesi stavano massacrando lintera guarnigione. Sappiamo che alla fine i comandanti avevano perso il controllo dei loro soldati che avevano inflitto danni ancora peggiori ai poveri abitanti di quella citt, ma la carneficina era gi iniziata. Edward si era procurato unimbarcazione al porto e da tempo aveva deciso che, fosse arrivato il giorno in cui i francesi avessero fatto irruzione, lavrebbe usato per evacuare i suoi soldati. Quel giorno era arrivato. Un gruppo di noi si era diretto al porto, dove avevamo iniziato a

sovrintendere limbarco di uomini e il carico di provviste sul battello. Avevamo mantenuto un picchetto accanto alle mura del porto per tenere lontana qualsiasi truppa francese, mentre Edward, io e altri eravamo accanto allo scalandrone. Avevamo portato circa quattordicimila uomini nella fortezza di Bergen op Zoom, ma i mesi di battaglie avevano quasi dimezzato quel numero. Sullimbarcazione cera spazio, non tanto da portare tutti quelli che dovevano andarsene dalla fortezza, ma cera posto. Lanciai una dura occhiata a Reginald. Avremmo potuto farli salire, questo che sto dicendo. Chi avreste potuto far salire,

Haytham? Bevvi una lunga sorsata di birra. Una famiglia si era avvicinata a noi nel porto. Tra loro cerano un vecchio che riusciva a stento a camminare e dei bambini. Un giovane uomo si affianc e mi chiese se cera posto sulla barca. Io annuii, non cera motivo di negarlo, e feci un cenno a Braddock che, invece di invitarli a bordo come avevo previsto, alz una mano e ordin loro di allontanarsi, mentre faceva cenno ai suoi uomini di affrettarsi a imbarcarsi. Il giovane era sorpreso quanto me e io aprii la bocca per protestare, ma lui si era avvicinato a Braddock prima di me e, il volto severo, gli aveva detto qualcosa che non colsi, ma che doveva

essere un insulto. In seguito Braddock mi aveva riferito che gli aveva dato del vile. Non un granch come insulto, di certo non allaltezza di ci che successe in seguito, cio che Braddock aveva sguainato la spada e laveva conficcata nel giovane. Braddock era quasi sempre attorniato da un drappello di uomini. I suoi due compagni fissi erano il boia Slater e il suo aiutante, il suo nuovo aiutante, dovrei specificare. Quello vecchio lavevo ucciso. Si potrebbe dire che quei due fossero le sue guardie del corpo. Di sicuro erano molto pi vicini a lui di me. Che li ascoltasse o no, non potrei dirlo, ma erano leali e protettivi

ed erano accorsi mentre il corpo del giovane stava gi cadendo. Aggredirono la famiglia, Reginald, Braddock e quei due. Li abbatterono tutti: i due uomini, unanziana donna, una pi giovane e i bambini, uno dei quali un infante, laltro un innocente Sentii la mascella serrarsi. stato un bagno di sangue, Reginald, la peggior atrocit di guerra a cui avessi mai assistito, e temo di averne viste molte. Annu con fare grave. Naturalmente questo ha indurito il tuo cuore nei confronti di Edward. Certo. Siamo tutti uomini di guerra, Reginald, ma non siamo barbari. Capisco, capisco. Davvero? Capite finalmente? Vi

rendete conto che Braddock incontrollabile? Calmatevi, Haytham. Una cosa farsi prendere dallira, tuttaltra essere fuori controllo. Tratta i suoi uomini come schiavi, Reginald. E allora? Sono soldati britannici, se lo aspettano. Credo che si stia allontanando da noi. Quegli uomini che lo servono non sono Templari, sono uomini liberi. I due uomini nella Foresta Nera facevano parte della cerchia ristretta di Braddock? Lo fissai. Lo osservai attentamente, mentre mentivo: Non lo so. Segu un lungo silenzio e, per non

incrociare il suo sguardo, bevvi una lunga sorsata di birra e finsi di ammirare la cameriera, e accolsi con piacere che cambiasse argomento, per darmi maggiori dettagli sul mio viaggio in Corsica.

2
Reginald e io ci separammo allesterno di Whites e salimmo sulle nostre carrozze. Quando la mia fu a una certa distanza, battei il soffitto per fermarla e il cocchiere scese, controll a destra e a sinistra per assicurarsi che nessuno stesse guardando, quindi apr lo sportello e sinfil dentro. Si sedette di fronte e si tolse il cappello, lo depose sul sedile accanto a s e mi fiss con occhi curiosi e vivaci. Allora, signor Haytham? domand. Trassi un profondo respiro e scrutai fuori dal finestrino. Devo partire per mare. Torneremo nella nostra vecchia casa dove far i bagagli, quindi mi

porterete alla darsena. Si lev un cappello immaginario. Al vostro servizio, signor Kenway, mi sto abituando a questo continuo viaggiare. Un sacco di tempo passato ad aspettare, ecco, di questo potrei fare a meno, ma almeno non ci sono francesi che vi sparano n i vostri stessi ufficiali che vi sparano addosso. Di fatto, direi che lassenza di uomini che aprono il fuoco un vantaggio di questo lavoro. A volte era veramente fastidioso. Proprio cos, Holden, replicai con unocchiataccia che avrebbe dovuto zittirlo, anche se le probabilit erano scarse. In ogni caso, avete appreso qualcosa, signore?

Nulla di concreto, temo. Stavo lottando con sensi di colpa e slealt, combattuto dai dubbi, chiedendomi se vi fosse qualcuno di cui mi fidassi sinceramente, qualcuno cui rimanere fedele. Per colmo dironia, la persona di cui pi mi fidavo era Holden. Lavevo conosciuto nella repubblica olandese. Braddock aveva mantenuto la parola e mi aveva permesso di circolare tra i suoi soldati, chiedendo loro se sapevano qualcosa sul Tom Smith morto sul patibolo, ma non rimasi sorpreso quando la mia indagine si rivel vana. Nessuno dei soldati che avevo interrogato aveva anche solo ammesso di conoscerlo, se si chiamava realmente

Smith, fin quando, una sera, avevo sentito un movimento alla porta della mia tenda e mi ero messo seduto sulla branda in tempo per vedere apparire una figura. Era giovane, pi di ventanni, capelli rossicci tagliati corti, e un sorriso sbarazzino. Era il soldato semplice Jim Holden, londinese, un bravo giovane che voleva che venisse fatta giustizia. Suo fratello era stato uno degli impiccati lo stesso giorno in cui io avevo quasi incontrato la morte. Era stato giustiziato per avere rubato dello stufato, tutto ci che aveva fatto era stato sottrarre un po di carne perch stava morendo di fame: un delitto che si sarebbe meritato al massimo una

fustigazione, invece lavevano mandato al patibolo. Il suo pi grosso errore, a quanto pareva, era stato portar via lo stufato a uno degli uomini di Braddock, uno dei suoi mercenari. Era stato questo che mi aveva raccontato Holden: lesercito delle guardie a piedi Coldstream era composto per lo pi da soldati britannici come lui, ma cera anche un gruppo pi piccolo di uomini scelti personalmente da Braddock: mercenari. Tra questi cerano Slater e il suo aiutante e, cosa pi preoccupante, i due che erano andati nella Foresta Nera. Nessuno di quegli uomini portava lanello dellOrdine. Erano criminali, scagnozzi. Mi ero chiesto, perch

Braddock scegliesse gentaglia simile per la sua cerchia ristretta e non Cavalieri Templari. Pi tempo trascorrevo con lui, pi mi scoprivo a pensare di avere trovato la risposta: si stava staccando dallOrdine. Ora tornai a guardare Holden. Quella notte avevo protestato, ma lui aveva intravisto la corruzione nel cuore dellorganizzazione di Braddock. Era un uomo che voleva giustizia per suo fratello e proprio per questo tutte le mie proteste non avrebbero fatto alcuna differenza. Intendeva aiutarmi, che mi piacesse o no. Avevo acconsentito, a patto che il suo aiuto rimanesse segreto. Con la speranza di raggirare quelli che

parevano sempre un passo avanti a me, avevo bisogno che si pensasse che avevo smesso di cercare gli assassini di mio padre. Di conseguenza, quando abbandonammo la repubblica olandese, Holden assunse lincarico di mio autista, e a tutti gli effetti, per quello che riguardava il mondo esterno, era esattamente questo. Nessuno sapeva che portava avanti le indagini per conto mio. Non lo sapeva neppure Reginald. Forse in particolar modo neanche Reginald. Holden not il senso di colpa sul mio volto. Signore, non state raccontando menzogne al signor Birch. Tutto ci che

state facendo ci che ha fatto lui, cio nascondere alcune informazioni, finch sarete soddisfatto che il suo nome pulito, e non ho dubbi che lo sar, signore. Ne sono sicuro, dato che il vostro pi vecchio amico, signore. Vorrei poter condividere il vostro ottimismo, Holden. Sinceramente. Forza, muoviamoci. Il mio incarico mi aspetta. E dove vi porter questo incarico, se posso chiedervelo? In Corsica, risposi. Parto per la Corsica. Ah, nel bel mezzo di una rivoluzione, o cos ho saputo Giusto, Holden. Un luogo dove si combatte il posto perfetto per

nascondersi. E cosa farete, signore? Temo di non potervelo dire. Vi basti sapere che non ha nulla a che fare con la ricerca degli assassini di mio padre, quindi ha per me un interesse secondario. un lavoro, un dovere, nulla di pi. Spero che, mentre sar lontano, continuerete con le vostre indagini. Certamente, signore. Bene. E badate che rimangano segrete. Non preoccupatevi di questo, signore. Per quello che riguarda la gente, il signor Kenway ha da tempo abbandonato la sua ricerca di giustizia. Chiunque siano, signore, alla fine

abbasseranno la guardia.

25 giugno 1753

1
DI giorno faceva molto caldo in Corsica, ma di notte la temperatura scendeva. Non era gelida, ma abbastanza rigida da rendere il giacere sul fianco di una collina cosparsa di pietre senza alcuna coperta, unesperienza scomoda. Per quanto freddo facesse, tuttavia, cerano questioni pi pressanti di cui occuparsi, come il manipolo di soldati genovesi che risalivano la collina furtivamente, avrei voluto dire. Avrei voluto, ma cos non era. In cima, su un altopiano, cera la fattoria. Lavevo sorvegliata per due giorni, il binocolo puntato su porte e

finestre della costruzione pi grande e sulla serie di granai e annessi pi piccoli, annotando landirivieni: ribelli che arrivavano con provviste e che se ne andavano con provviste; mentre il primo giorno un drappello, ne avevo contati otto, aveva lasciato il complesso per sferrare un attacco, come capii al loro ritorno. I ribelli corsi che colpivano i padroni genovesi. Erano tornati in sei, e quei sei apparivano esausti e sanguinanti, eppure, senza parole o gesti, avevano unaria trionfale. Le donne erano giunte poco dopo con le vettovaglie e cera stata una festa che si era prolungata nella notte. In mattinata erano arrivati altri ribelli con

moschetti avvolti in coperte. Erano ben equipaggiati e appoggiati; non cera da meravigliarsi che i genovesi desiderassero eliminare questa roccaforte dalla mappa. Avevo trascorso quei due giorni spostandomi per la collina per evitare di essere visto. Il terreno era sassoso e mi ero tenuto a una distanza di sicurezza. Il mattino del secondo giorno, tuttavia, mi ero reso conto di avere compagnia. Cera un altro uomo sulla collina, un altro osservatore. Al contrario di me, era rimasto sempre nella stessa posizione, trincerato in un affioramento roccioso, nascosto dalla boscaglia e da alberi scheletrici che in qualche modo sopravvivevano sul fianco di quella

collina riarsa.

2
Il mio obiettivo si chiamava Lucio e i ribelli lo nascondevano. Non sapevo se anche loro erano affiliati degli Assassini, non aveva importanza, era lui che cercavo: un ragazzo di ventun anni che era la chiave per risolvere un enigma che aveva tormentato il povero Reginald per sei anni. Un ragazzo anonimo, con i capelli che gli sfioravano le spalle, che dava una mano trasportando secchi dacqua, foraggiando il bestiame e, ieri, torcendo il collo a un pollo. E cos era l, ora ne avevo la conferma e questo era gi una buona cosa, ma cerano dei problemi. In primo

luogo, aveva una guardia del corpo, un uomo che non si allontanava mai da lui e che indossava la lunga tunica con cappuccio degli Assassini. Il suo sguardo scrutava spesso il fianco della collina, mentre Lucio portava acqua o spargeva il mangime per i polli. Alla vita portava una spada e fletteva le dita della mano destra. Aveva forse linfame lama celata degli Assassini? Certamente. Senza dubbio avrei dovuto guardarmi da lui, per non parlare dei ribelli che abitavano nella fattoria. Larea brulicava di guerriglieri. Non ultimo stavano pianificando di andarsene a breve. Forse avevano usato la fattoria come base per lassalto o forse sapevano che i genovesi avrebbero

voluto vendicarsi e sarebbero venuti a cercarli. In ogni caso non avevano fatto che portare provviste nei granai per caricarle su carri. Secondo me sarebbero partiti il giorno seguente. La risposta quindi era unincursione notturna, e dovevo compierla questa notte. Al mattino ero riuscito a localizzare lalloggio di Lucio; condivideva un annesso di media grandezza con lAssassino e almeno altri sei ribelli. Avevano una frase in codice per entrare nella casa e lessi il labiale con il binocolo: Lavoriamo al buio per servire la luce. Unazione, quindi, che richiedeva una certa premeditazione, ma, proprio mentre mi stavo preparando a lasciare

la collina per pianificare lattacco, vidi il secondo uomo. E i miei progetti cambiarono. Avvicinandomi furtivo, vidi che era un soldato genovese. Se avessi avuto ragione, voleva dire che faceva parte di un gruppo in avanscoperta che avrebbe tentato di assaltare la roccaforte; gli altri quando sarebbero arrivati? Presto. Avrebbero voluto vendicarsi della scorreria del giorno precedente. Ma non solo, avrebbero anche voluto dimostrare che reagivano immediatamente. Questa notte, quindi. Cos lo lasciai continuare la sorveglianza e, invece di allontanarmi, rimasi sulla collina ideando un piano diverso, nuovo, che coinvolgeva le

truppe genovesi. Losservatore era stato bravo. Era rimasto nascosto, quindi, al calare del buio, aveva ridisceso piano il fianco del colle. Mi chiesi dove fosse il resto dellesercito. Non molto distante. Circa unora pi tardi notai dei movimenti ai piedi della collina e sentii unimprecazione soffocata in italiano. A quel punto ero a met del colle e, rendendomi conto che presto avrebbero cominciato ad avanzare, mi avvicinai al recinto degli animali. A una cinquantina di metri scorsi una delle sentinelle. La notte precedente ne avevo contate cinque lungo il perimetro dellaia. Questa notte avrebbero aumentato la guardia.

Tirai fuori il binocolo e lo puntai sulla guardia pi vicina, la cui sagoma si stagliava nella luce della luna, che stava diligentemente scrutando il fianco del colle sotto di lui. Avrebbe preso me solo come unaltra forma irregolare in un paesaggio di forme irregolari. Non cera da stupirsi che avessero deciso di andarsene subito dopo limboscata. Non era il nascondiglio pi sicuro che avessi mai visto. In verit, sarebbero stati un facile bersaglio, se le truppe genovesi in avvicinamento non fossero state tanto dannatamente maldestre. Quegli uomini non avevano idea di che cosa fosse muoversi furtivamente e io iniziavo a sentire sempre pi rumori dalla base del colle. I ribelli se ne sarebbero accorti. E

se li avessero sentiti, avrebbero avuto la possibilit di fuggire. E se fossero fuggiti, avrebbero portato con loro Lucio. Per questo motivo decisi di dare loro una mano. Ogni guardia aveva la responsabilit di una fetta del cortile, perci luomo pi vicino a me si sarebbe spostato su e gi lungo circa venticinque metri. Era bravo; si era anche assicurato che, mentre scrutava un settore della sua area, il resto non fosse mai del tutto fuori della sua visuale. Ma si spostava in continuazione e, quando si muoveva, io avevo alcuni preziosi secondi durante i quali potevo avvicinarmi. Cosa che feci, finch fui tanto vicino

da vedere la guardia: la sua grigia e folta barba, il cappello con la tesa che gli copriva gli occhi e il moschetto appeso alla spalla. Pur non sentendo n vedendo i soldati genovesi, ero conscio della loro presenza e presto lo sarebbe stato anche lui. Potevo solo presumere che la stessa scena si stesse svolgendo anche dallaltra parte della collina, e ci voleva dire che dovevo agire in fretta. Sguainai la corta spada e mi preparai. Ero dispiaciuto per la sentinella e mi scusai in silenzio. Non mi aveva fatto nulla, era una guardia brava e diligente e non meritava di morire. Poi, sul fianco sassoso della collina, mi fermai. Per la prima volta in vita mia

misi in dubbio la mia capacit di andare fino in fondo. Pensai alla famiglia nel porto, abbattuta da Braddock e dai suoi uomini. Sette morti assurde. E fui colpito dalla convinzione di non essere pi pronto ad accrescere il tributo di morte. Non potevo uccidere questa sentinella che non era neppure mia nemica. Non potevo. Per poco quellesitazione mi cost cara, perch proprio in quel momento il comportamento maldestro dei soldati genovesi annunci la loro presenza e si sentirono rumori di pietre smosse e unimprecazione raggiunse prima le mie orecchie poi quelle della sentinella. Mosse il capo e subito dopo stava prendendo il moschetto, allungando il

collo e socchiudendo gli occhi, guardando verso il basso. Mi vide. Per un istante i nostri sguardi si incrociarono. Il mio attimo di esitazione era scomparso e saltai, coprendo la distanza tra noi con un balzo. Allungai la mano destra come un artiglio, mentre nella sinistra tenevo la spada. Atterrando, lo afferrai per la nuca e gli infilai la spada nella gola. Stava per allertare i suoi camerati, ma il grido si spense in un gorgoglio, mentre il sangue zampill sulla mia mano e lungo il suo petto. Tenendogli la testa ben stretta con la destra, lo deposi dolcemente e in silenzio sulla secca terra del cortile. Mi accovacciai. A poco pi di

cinquanta metri cera la seconda guardia, una sagoma indistinta nel buio, ma capii che stava per voltarsi. Appena luomo si fosse voltato, con ogni probabilit mi avrebbe visto. Corsi tanto velocemente che, per un attimo, sentii il flusso della notte, e lo raggiunsi mentre si stava girando. Lo afferrai per la nuca e lo infilzai con la spada. Anche questa volta, luomo era morto prima di toccare il suolo. Dal fianco del colle, pi in basso, sentii altri rumori della truppa genovese, che era beatamente inconsapevole che avevo evitato che la loro avanzata fosse scoperta. I loro camerati dallaltro lato del colle erano stati altrettanto incapaci e, non avendo

avuto un angelo custode di nome Kenway, erano stati scoperti dalle sentinelle. Di colpo si levarono grida e si accesero delle luci nella fattoria e i ribelli si riversavano fuori portando torce, infilandosi gli stivali sopra le brache, tirandosi le giubbe sulle schiene e passandosi spade e moschetti. Mentre me ne stavo accovacciato a osservare, vidi le porte di un fienile spalancarsi e uscirne due uomini che tiravano fuori un carro, gi carico di provviste, mentre un altro correva verso di loro con un cavallo. Il momento per essere furtivi era passato e i soldati genovesi su entrambi i fianchi del colle lavevano capito e avevano abbandonato i tentativi di

prendere dassalto la fattoria di soppiatto e ora, gridando, si stavano affrettando su per la collina verso il cortile. Io avevo un vantaggio, ero gi nel cortile e non indossavo luniforme di un soldato genovese, perci, nella confusione, potei muovermi tra i ribelli senza destare sospetti. Mi diressi verso la costruzione in cui alloggiava Lucio e per poco non sbattei contro di lui mentre si precipitava fuori. Aveva i capelli sciolti, ma era vestito e stava chiamando un altro uomo esortandolo ad affrettarsi verso il fienile. Non molto lontano vidi lAssassino correre, infilarsi la veste e nello stesso tempo sguainare la spada.

Due soldati genovesi apparvero dal lato di un fienile e lui li impegn immediatamente in duello, gridando da sopra la spalla: Lucio, corri al fienile. Ottimo. Proprio ci che volevo, cio che lAssassino fosse distratto. In quel momento vidi un altro soldato genovese correre sullaltopiano, acquattarsi, sollevare il moschetto e prendere la mira. Lucio, la torcia in mano, era il suo bersaglio, ma il soldato non ebbe il tempo di sparare, perch mi precipitai su di lui prima ancora che mi vedesse. Lanci un unico grido soffocato, mentre gli ficcavo la spada fino allelsa nella nuca. Lucio! gridai e nello stesso momento spinsi il dito del morto che era

ancora sul grilletto e il moschetto spar, ma in aria. Lucio si blocc, riparandosi gli occhi per guardare dallaltra parte del cortile, dove gettai a terra con ostentazione il corpo floscio del soldato. Il compagno di Lucio corse fuori, proprio ci che volevo. A una certa distanza, lAssassino stava ancora combattendo e per un secondo ammirai la sua abilit nel parare simultaneamente i colpi dei due uomini. Grazie, grid Lucio. Aspettate, gli urlai a mia volta. Dobbiamo andare via di qui prima che il cortile venga invaso. Devo arrivare al carro, rispose. Grazie di nuovo, amico. Poi si volt e corse via.

Dannazione. Mi precipitai verso il fienile, correndo parallelo a lui, ma nascosto nellombra. Alla mia destra vidi che un soldato genovese stava per sgusciare dal fianco della collina ed entrare nellaia ed era tanto vicino che i nostri sguardi sincrociarono. Prima che potesse reagire, gli afferrai il braccio e gli infilai la spada nellascella, appena sopra la corazza e lo lasciai cadere, in agonia, sulla roccia, strappandogli nello stesso tempo la torcia. Continuai a correre, assicurandomi che Lucio restasse fuori pericolo. Raggiunsi il fienile un attimo prima di lui. Mentre passavo, sempre nascosto nellombra, potei dare unocchiata allinterno dove due ribelli stavano legando un cavallo al

carro, mentre altri due facevano la guardia, con uno che sparava mentre laltro ricaricava, per poi inginocchiarsi e sparare. Continuai a correre fino al muro delledificio, dove trovai un genovese che stava per infilarsi dentro da una porta laterale. Premetti la spada verso lalto alla base della spina dorsale. Per un istante si contorse dal dolore, impalato sulla lama, e io spinsi il suo corpo nella porta davanti a me, gettai la torcia accesa nella parte posteriore del carro e mi nascosi di nuovo nellombra. Prendeteli! gridai, in quello a che sperai fosse un accento simile a quello di un soldato genovese. Prendete quei rognosi ribelli!

Poi gridai: Il carro in fiamme! con la speranza di avere parlato, almeno approssimativamente, con la voce e laccento di un ribelle corso. Simultaneamente uscii dallombra, stringendo il corpo del genovese e lo feci cadere come se lavessi appena ucciso. Il carro in fiamme! ripetei, quindi rivolsi lattenzione a Lucio che aveva appena raggiunto il fienile. Dobbiamo uscire di qui, Lucio, venite con me. Vidi i due ribelli scambiarsi unocchiata confusa, chiedendosi chi fossi e cosa volessi da lui. Attorno a noi si sentirono colpi di moschetto e volarono schegge di legno. Uno dei

ribelli cadde, una palla di moschetto nellocchio e io mi tuffai sullaltro, fingendo di volerlo difendere dal fuoco di moschetto, infilandogli invece la lama del coltello nel cuore. Mentre moriva, mi resi conto che era il compagno di Lucio. morto, dissi a Lucio, rialzandomi. No! piagnucol lui. Non cera da meravigliarsi, se lavevano ritenuto adatto solo a dare da mangiare al bestiame, pensai, visto che si era sciolto in lacrime la prima volta che un suo camerata era morto in combattimento. Il fienile era ormai in fiamme. Gli altri due ribelli, vedendo che non cera

nulla da salvare, attraversarono precipitosamente il cortile diretti verso il fianco della collina, svanendo nelloscurit. Altri ribelli stavano scappando e dallaltra parte del cortile vidi che alcuni soldati genovesi avevano dato fuoco ad altri edifici della fattoria. Devo aspettare Miko, grid Lucio. Scommisi che Miko fosse lAssassino, la sua guardia del corpo. impegnato altrove. Mi ha chiesto, sono un membro della Confraternita, di occuparmi di voi. Ne siete sicuro? Un buon Assassino mette tutto in dubbio, risposi. Miko vi ha ben istruito. Ma ora non c tempo per lezioni sui principi del nostro Credo.

Dobbiamo andare. Lui scosse il capo. Ditemi la frase in codice, pretese con fermezza. Libert di scegliere. E conquistai sufficiente fiducia da convincere Lucio a seguirmi e iniziammo a scendere la collina; io, allegro, ringraziando Dio di averlo finalmente con me; lui, non del tutto sicuro. Allimprovviso si ferm. No, esclam, scuotendo la testa. Non posso. Non posso abbandonare Miko. Fantastico, pensai. Ha detto di andare, replicai, e che lo troveremo allo sbarramento della gola, dove sono legati i nostri cavalli. Dietro di noi, nel cortile della

fattoria, il fuoco infuriava e sentivo gli ultimi frammenti della battaglia. I soldati genovesi stavano liquidando gli ultimi ribelli. Non molto distante un tintinnio di pietre e vidi altre sagome nelloscurit: un paio di ribelli che stavano fuggendo. Li vide anche Lucio e stava per chiamarli, ma io gli misi una mano sulla bocca. No, sussurrai. I soldati li inseguirebbero. Spalanc gli occhi. Ma sono miei camerati, miei amici. Devo stare con loro. Dobbiamo assicurarci che Miko sia salvo. Da sopra giunsero implorazioni e grida e gli occhi di Lucio sfrecciarono, come se tentasse di affrontare il

conflitto nella sua mente: doveva aiutare i suoi amici o unirsi a quelli che scappavano? In ogni caso aveva deciso di non stare con me. Straniero esord e io pensai: Sono uno straniero adesso, eh? Vi ringrazio per tutto ci che avete fatto per aiutarmi e spero di incontrarvi di nuovo in un momento pi felice, forse quando potr esprimere meglio la mia gratitudine, ma al momento devo stare con la mia gente. Si alz per andarsene. Premendogli una mano sulla spalla, lo riportai al mio livello. Lui si stacc da me con decisione. Lucio, sono stato mandato da vostra madre per portarvi da lei. Queste parole lo fecero

indietreggiare. Oh, no! esclam. No, no, no. Non era la reazione che avevo previsto. Dovetti arrampicarmi sulla roccia per raggiungerlo, ma lui cominci a respingermi. No, no, ripet. Non so chi siete, lasciatemi. Per lamor di Dio, gridai, e silenziosamente ammisi la sconfitta mentre lo afferravo e, senza badare a come lottava, premetti, limitando il flusso della sua carotide; non tanto da causargli un danno permanente, ma sufficiente per farlo svenire. E mentre me lo gettavo sulla spalla, era esile e lo portavo ai piedi della collina, attento a evitare le ultime

sacche di ribelli che fuggivano dallattacco genovese, mi chiesi perch non lavessi messo subito fuori combattimento.

3
Mi fermai al bordo del burrone e misi Lucio a terra, poi presi la mia corda, lassicurai e la calai nelloscurit sottostante. Usai la cintura di Lucio per legargli le mani, avvolsi laltra estremit sotto le sue cosce e la legai cos da poterlo reggere a tracolla. Iniziai quindi a scendere lentamente. Circa a met strada il peso divenne insopportabile, ma era uneventualit cui ero preparato e riuscii a resistere fino a che giunsi a unapertura nella rupe che portava in un antro buio. Vi entrai, mi tolsi Lucio dalla schiena e sentii i muscoli rilassarsi. Dal fondo della grotta giunse un

rumore. Dapprima un movimento, come il rumore di uno spostamento, poi un clic. Il suono che fa la lama celata degli Assassini quando viene innestata. Sapevo che sareste venuto qui, disse una voce, una voce che apparteneva a Miko, lAssassino. Sapevo che sareste venuto qui, perch ci che avrei fatto io. Poi attacc, lanciandosi in avanti dallinterno e sfruttando la mia sorpresa. Io stavo gi sguainando la spada e lavevo sfoderata del tutto quando ci scontrammo, la sua spada cozz contro la mia con tale forza che me la tolse di mano, facendola volare fino al bordo della caverna e poi

nelloscurit sottostante. La mia spada. La spada di mio padre. Ma non cera tempo per piangerla, perch lAssassino stava per assalirmi di nuovo ed era bravo, molto bravo. Io non avevo alcuna possibilit. Tutto ci che avevo era Fortuna. E la fortuna fu ci che mi bast, perch, mentre mi schiacciavo contro la parete della grotta, lui calcol male lo slancio e si sbilanci per una frazione di secondo. In qualsiasi altra situazione, contro qualsiasi altro avversario, si sarebbe ripreso immediatamente e lavrebbe ucciso, ma questa non era una situazione qualsiasi e io non ero un qualsiasi avversario e cos gli feci

pagare caro quel minuscolo errore. Mi appoggiai a lui, gli afferrai il braccio, glielo torsi e lo spinsi, facendolo volare nel buio. Ma lui si tenne stretto a me, trascinandomi con s fino allentrata della caverna e io urlai di dolore mentre cercavo di impedire che mi trascinasse nel vuoto. Steso sulla pancia, guardai fuori e lo vidi, un braccio aggrappato al mio, laltro che tentava di afferrare la corda. Avendo toccato il supporto della sua lama celata, allungai laltra mano e mi misi ad armeggiare con i ganci. Comprese troppo tardi cosa stavo facendo e smise di tentare di afferrare la corda, concentrando i suoi sforzi per impedirmi di slegare il supporto. Per un attimo le nostre mani si agitarono per il

possesso della lama che, appena aprii il primo gancio, scivol lungo il suo braccio, facendolo vacillare di lato, in una posizione ancora pi precaria di prima, con laltro braccio che roteava come una girandola. Fu tutto ci di cui avevo bisogno, e con un ultimo sforzo urlato sganciai lultimo fermaglio, liberai il supporto e nello stesso tempo gli morsicai la mano che mi stringeva il polso. Un misto di dolore e mancanza di aderenza bast per staccarlo da me. Lo vidi inghiottito dal buio e pregai che, atterrando, non cadesse sul mio cavallo. Ma non sentii nulla. Nessun suono di atterraggio, niente. Poi vidi la corda, tesa e vibrante, e allungai il collo, socchiusi gli occhi per scrutare

nelloscurit e vidi Miko, che, vivo, si stava arrampicando verso di me. Presi la sua lama e la tenni sopra la corda. Se vi arrampicate ancora, quando taglier la corda, la caduta vi uccider, gridai. Era gi tanto vicino che potei guardarlo negli occhi e notai lindecisione. Non dovreste patire una simile morte, amico, aggiunsi. Iniziate a scendere e potrete vivere per combattere un altro giorno. Cominciai a segare lentamente la corda e lui si ferm, guard in gi nel buio, dove non si vedeva il fondo del burrone. Avete la mia lama. Le spoglie ai vincitori.

Forse cincontreremo di nuovo e potr reclamarla. Sento che solo uno di noi due sopravvivrebbe a un secondo scontro, replicai. Forse, disse e scomparve nella notte. Trovai imbarazzante dovermi arrampicare di nuovo ed essere stato costretto a cedere il mio cavallo, ma lo preferii alla possibilit di ritrovarmi faccia a faccia con lAssassino. Intanto ci stiamo riposando. Ecco, io mi sto riposando. Il povero Lucio ancora svenuto. Pi tardi lo consegner ai soci di Reginald che lo metteranno in un carro coperto, compiranno la traversata del Mediterraneo fino al Sud

della Francia e poi al castello, dove Lucio si ricongiunger a sua madre, la decodificatrice. Poi io nolegger una nave per lItalia, badando a che mi vedano, accennando una, due volte al mio giovane compagno. Se e quando gli Assassini verranno a cercare Lucio, sar in Italia che concentreranno i loro sforzi. Reginald sostiene che dopo questa missione non avr pi bisogno di me. Io devo scomparire in Italia, senza lasciare tracce n una pista da seguire.

12 agosto 1753

1
MI svegliai in Francia, essendo tornato dallItalia, unimpresa non facile. Si fa presto ad annotarla sul diario, ma uno non torna semplicemente indietro. Ero andato in Italia per fuorviare gli Assassini quando erano venuti a cercare Lucio, e cos, tornando in Francia, proprio nel luogo dove lo tenevamo con sua madre, stavo mettendo in pericolo non solo la mia ultima missione, ma tutto ci su cui Reginald aveva lavorato negli ultimi sei anni. Era rischioso. Era tanto rischioso, di fatto, che se ci avessi pensato, il pericolo mi avrebbe tolto il respiro e mi indusse a domandarmi se non fossi

stupido. Quale sciocco si assumerebbe un tale rischio? E la risposta era: uno sciocco con dubbi in testa.

2
A meno di un centinaio di metri di distanza, mi imbattei in un perlustratore isolato, una guardia vestita come un contadino con un moschetto a tracolla, che pareva addormentata, ma che era attenta e vigile. Quando mi avvicinai, i nostri sguardi sincrociarono per un attimo. Il suo guizz brevemente come se mi avesse riconosciuto e mosse leggermente la testa per farmi sapere che potevo passare. Sapevo che ce ne sarebbe stata unaltra allaltro lato del castello. Uscii dal bosco e seguii lalto muro perimetrale, finch raggiunsi una grande porta ad arco in legno in cui era

inserito un portello pi piccolo, dove cera una guardia, una che avevo conosciuto negli anni trascorsi nel castello. Bene, bene, esord, se non il signorino Haytham, ormai cresciuto. Sorrise e resse le redini dei miei cavalli mentre smontavo, quindi apr la porticina che oltrepassai, battendo le palpebre allimprovvisa luce del sole dopo la relativa oscurit della foresta. Davanti a me si stendeva il prato del castello che attraversai con una strana sensazione nella pancia che sapevo essere nostalgia per gli anni trascorsi qui in giovent, quando Reginald aveva continuato gli insegnamenti di mio padre? Laveva detto lui, ma

naturalmente io ora so che mi aveva ingannato. Forse laveva fatto insegnandomi a combattere, ma Reginald mi aveva cresciuto nello stile dellOrdine dei Templari e mi aveva insegnato che la condotta dei Templari era lunica condotta; e che quelli che credevano in altri principi erano nel migliore dei casi fuorviati, nel peggiore malvagi. Da allora avevo appreso che mio padre era uno dei fuorviati e malvagi e chi poteva dire cosa mi avrebbe insegnato? Chi lo sapeva? Lerba era incolta, malgrado la presenza di due giardinieri che portavano corte spade alla vita e le cui mani corsero sullelsa appena mi videro

dirigermi verso lentrata del castello. Mi avvicinai a uno dei due che, riconoscendomi, annu con il capo. un onore conoscervi finalmente, signor Kenway, salut. Immagino che la vostra missione sia stata un successo. Lo stata, grazie, risposi alla guardia, o giardiniere, o qualsiasi cosa fosse. Per lui ero un cavaliere, uno dei pi celebri dellOrdine. Potevo realmente odiare Reginald, quando uno dei suoi ufficiali mi aveva tanto osannato? Dopotutto, avevo mai messo in dubbio i suoi insegnamenti? La risposta era no. Ero stato costretto a seguirli? Ancora no. Avevo sempre avuto la libert di scegliere la mia strada, ma ero rimasto con lOrdine

perch credevo nel suo Codice. Tuttavia mi aveva mentito. No, non mi ha mentito. Come si era espresso Holden? Ha celato la verit. Perch? E poi nellimmediato, perch Lucio aveva reagito in quel modo quando gli avevo detto che avrebbe rivisto sua madre? Nel sentire il mio nome, il secondo giardiniere mi guard con maggiore attenzione, poi anche lui si inginocchi, mentre gli passavo accanto, rivolgendogli un cenno con il capo, sentendomi di colpo pi alto e manc poco che gonfiassi il petto mentre raggiungevo la porta che conoscevo tanto bene. Mi voltai prima di bussare,

per lanciare unocchiata dallaltra parte del prato, dove le due guardie mi stavano osservando. Mi ero addestrato su questo prato, vi avevo passato ore affinando le mie capacit di spadaccino. Bussai e la porta venne aperta da un uomo vestito come gli altri due, una corta spada alla vita. Il castello non aveva mai avuto tanto personale quando vivevo qui, ma allora non avevamo mai avuto unospite importante come la decodificatrice. Il primo volto noto che vidi fu quello di John Harrison che mi guard, poi mi fiss con stupore. Haytham, esclam, che diavolo fate qui? Salve, John, risposi con calma, Reginald qui?

S, Haytham, ma Reginald normale che sia qui. Sono venuto a vedere come sta Lucio. Cosa? Harrison stava arrossendo. Siete venuto a vedere come sta Lucio? Faticava a parlare. Perch? Cosa diavolo pensate di fare? John, dissi dolcemente, per favore, calmatevi. Non sono stato seguito dallItalia. Nessuno sa che sono qui. Lo spero proprio. Dov Reginald? Nel seminterrato, con i prigionieri. Oh. I prigionieri? Monica e Lucio. Non sapevo che fossero considerati

dei prigionieri. Una porta si era aperta sotto le scale e comparve Reginald. Conoscevo quella porta: conduceva nella cantina, unumida stanza dal soffitto basso con malandati scaffali per il vino per lo pi vuoti lungo un lato e una scura e umida parete lungo laltro. Salve, Haytham, sibil Reginald a denti stretti. Non vi aspettavamo. A poca distanza cera una guardia, alla quale se ne un unaltra. Feci scorrere lo sguardo da loro a Reginald e John, che sembravano una coppia di sacerdoti turbati. Nessuno di loro era armato, ma anche se lo fossero stati, calcolai che avrei potuto ucciderli tutti e quattro. Se fossimo arrivati a quel

punto. John mi stava dicendo quanto fosse sorpreso dalla mia visita. Ebbene, Haytham, siete stato molto imprudente Forse, ma volevo vedere come vi occupavate di Lucio. E ora mi stato detto che un prigioniero, cos forse ho ricevuto la risposta. Che cosa vi aspettavate? Ci che mi era stato detto. Che la missione era quella di ricongiungere madre e figlio; che la decodificatrice aveva accettato di lavorare sul diario di Vedomir se riuscivamo a liberare suo figlio, tenuto prigioniero dai ribelli. Non vi ho mentito, Haytham. Di fatto, Monica lavora sul diario da

quando arrivato Lucio. Ma non come mi ero immaginato. Se la carota non funziona, usiamo il bastone, sentenzi Reginald, gli occhi freddi. Mi spiace se avevate avuto limpressione che cerano pi carote che bastoni. Andiamo da lei, ordinai e, con un breve cenno, Reginald accett. Si volt e ci guid attraverso la porta che si apriva su una rampa di gradini in pietra. A proposito del diario, ci siamo quasi, Haytham, disse. Finora siamo riusciti a stabilire che esiste un amuleto. In qualche modo si accorda con la stanza del tesoro. Se riuscissimo a procurarci lamuleto In fondo alle scale delle torce in

ferro su pali illuminavano il cammino fino a una porta sorvegliata da una sentinella, che si spost e lapr. Allinterno la cella era come la ricordavo, illuminata dalla luce tremolante delle torce. A unestremit cera una scrivania fissata al pavimento e Lucio era ammanettato alla scrivania con sua madre accanto, una scena assurda. Era seduta su una sedia che pareva fosse stata portata nella cantina proprio per questo scopo. Indossava una lunga gonna e una blusa abbottonata e la si poteva prendere per una fedele praticante, non fosse stato per i ferri arrugginiti ai polsi e ai braccioli della poltrona e soprattutto per la mordacchia alla testa.

Lucio si agit nella sedia, mi vide e i suoi occhi sinfiammarono dodio, poi riprese a lavorare. Io mi ero fermato in mezzo alla stanza, a met strada tra la porta e la donna. Reginald, che senso ha questo? chiesi, indicando la madre di Lucio che mi guard con aria minacciosa da sotto la maschera di ferro. La briglia delle comari temporanea, Haytham. Monica ha protestato un po troppo rumorosamente contro la nostra tattica questa mattina. Per questo li abbiamo spostati qui per oggi. Alz la voce rivolgendosi alla donna. Potranno tornare nel loro solito alloggio domani, quando si saranno calmati.

Ma non giusto, Reginald. Il loro alloggio abituale molto pi gradevole, mi garant con stizza. Non dovrebbero essere trattati cos. Neppure quel povero bambino nella Foresta Nera avrebbe dovuto subire quello spavento con voi che gli puntavate la spada alla gola, sbott Reginald. Cercai di ribattere, ma non seppi che dire. Quello era era Diverso? Perch centrava la vostra ricerca degli assassini di vostro padre? Haytham Mi prese per il gomito e mi condusse fuori della cantina e su per le scale. Questo molto pi importante. Per voi non sar cos, ma lo . Riguarda

tutto il futuro dellOrdine. E che accadr quando il diario sar completamente decifrato? chiesi mentre sbucavamo nellatrio. Mi fiss. Oh, no, esclamai, comprendendo. A nessuno dei due deve essere fatto del male. Haytham, non minteressano i vostri ordini E allora non consideratelo un ordine, sibilai. Ritenetela una minaccia. Tratteneteli qui alla fine del loro lavoro, se proprio dovete, ma se fate loro del male dovrete risponderne a me. Mi resi conto che mi martellava il cuore e sperai che non se ne

accorgesse. Mi ero mai messo contro di lui in questo modo? Con tale violenza? Non lo credevo. Benissimo, disse Reginald dopo un momento, non faremo loro del male. Cenammo quasi in silenzio e lofferta di un letto per la notte fu fatta con riluttanza. Parto al mattino e Reginald mi promette di tenersi in contatto con novit riguardanti il diario. Laffetto tra noi, comunque, svanito. In me lui vede linsubordinazione; in lui vedo menzogne.

18 aprile 1754

1
SUL presto questa sera mi ritrovo alla Royal Opera House, seduto vicino a Reginald che si stava sistemando per assistere allOpera del mendicante con manifesta gioia. Lultima volta che ci eravamo incontrati, lavevo minacciato, cosa che non avevo dimenticato, ma a quanto pareva lui s. O dimenticata o perdonata. In ogni caso era come se quello scontro non fosse mai avvenuto, come se ci fosse stata passata sopra una spugna dalla sua pregustazione dello spettacolo serale o dal fatto che credeva che lamuleto fosse vicino. Di fatto era nel teatro dellopera, al collo di un Assassino che era stato

nominato nel diario di Vedomir e poi scovato da spie Templari. Un Assassino. Era il mio prossimo obiettivo. Il mio primo lavoro dal salvataggio di Lucio in Corsica e il primo che avrebbe assaporato il morso della mia nuova arma: la lama celata. Mentre prendevo il binocolo da teatro e osservavo il mio bersaglio dallaltra parte della sala, fui colpito dallironia della sorte. Era Miko. Lasciai Reginald al suo posto e mi avviai per i corridoi del teatro, dietro le poltrone, oltre gli impresari del teatro, e quando arrivai al palco di Miko, entrai in silenzio e gli diedi una leggera pacca sulla spalla.

Ero pronto, qualsiasi cosa avesse tentato, ma sebbene si irrigidisse e lo sentissi inspirare, non fece nulla per difendersi. Come se avesse previsto che sarei entrato e gli avrei strappato lamuleto dal collo, percependo un suo senso di sollievo? Come se fosse contento di cedere la responsabilit, di non esserne pi il custode. Sareste dovuto venire da me, sospir. Avremmo trovato un altro modo S, ma allora lo avreste saputo, replicai. Feci scattare la lama con un clic e lo vidi sorridere, sapendo che era quella che gli avevo portato via in Corsica. Per quel che vale, mi dispiace, gli

dissi. Anche a me, ribatt lui e lo uccisi.

2
Alcune ore dopo partecipai a un incontro nella casa in Fleet Street vicino alla chiesa di St Bride, in piedi attorno a un tavolo con altri, lattenzione concentrata su Reginald e su un libro. Era aperto e sulla pagina notai il simbolo degli Assassini. Signori, esord Reginald, gli occhi lucidi come se stesse per piangere. In mano mia ho la chiave. E se si deve credere a questo libro, aprir le porte di una stanza del tesoro costruita da Coloro Che Sono Venuti Prima. Mi trattenni. Ah, i nostri cari amici che hanno governato, distrutto e che poi sono svaniti nel nulla, esclamai.

Sapete cosa vi troveremo? Reginald non fece capire di avere colto il mio sarcasmo. Prese invece lamuleto, lo sollev e si crogiol nel silenzio che cal su tutti, appena inizi a brillare nella sua mano. Era impressionante, dovetti ammetterlo pure io, e Reginald mi lanci unocchiata. Potrebbe contenere la conoscenza, replic. O forse unarma o qualcosa ancora sconosciuta, con struttura e scopo impenetrabili. Potrebbe essere una qualsiasi di queste cose, o nessuna. I nostri predecessori sono ancora un enigma. Ma di una cosa sono certo, qualsiasi cosa ci attenda dietro quelle porte, sar per noi una grande e gradita

sorpresa. O per i nostri nemici, dissi, dovessero trovarlo per primi. Lui sorrise. Stavo iniziando a credere, finalmente? Non ci riusciranno. Ci avete pensato voi. Miko era morto con il desiderio di trovare un altro modo. Che aveva voluto dire? Un accordo tra Assassini e Templari? Pensai a mio padre. Immagino sappiate dove si trova questa stanza, chiesi dopo un attimo di silenzio. Signor Harrison, disse Reginald e John avanz con una mappa e la stese. Come vanno i vostri calcoli? gli domand Reginald e John tracci un

cerchio attorno a una zona della mappa che, chinandomi pi vicino, vidi conteneva New York e il Massachusetts. Credo che il luogo si trovi da qualche parte allinterno di questarea, rispose. un sacco di terreno da coprire. Mi accigliai. Scusatemi, se potessi essere pi preciso Va bene, lo interruppe Reginald. Per iniziare sufficiente. per questo che vi abbiamo invitato qui, signor Kenway. Vorremmo che andaste in America, trovaste il luogo e prendeste possesso di ci che contiene. Ai vostri comandi, dissi. Tra me e me maledii lui e la sua follia; avrei

voluto che mi lasciassero in pace a continuare le mie indagini, quindi aggiunsi: Anche se per un lavoro tanto grande ci sar bisogno di altre persone oltre a me. Naturalmente, rispose Reginald e mi porse un pezzo di carta. Qui ci sono i nomi di cinque uomini che apprezzano la nostra causa. Ognuno di loro vi aiuter a modo suo nella vostra impresa. Con loro al vostro fianco, non avrete bisogno di nulla. Bene, allora meglio che mi muova. Sapevo che la nostra fiducia in voi era ben riposta. Vi abbiamo prenotato un viaggio per Boston. La vostra nave parte allalba. Andate, Haytham, e fate

onore a tutti noi.

8 luglio 1754

1
BOSTON luccic nel sole, e i gabbiani volteggiavano sopra le nostre teste lanciando grida acute, lacqua lambiva rumorosa il muro del porto e lo scalandrone sbatteva come un tamburo, mentre sbarcavamo dalla Providence, esausti e disorientati dopo pi di un mese in mare, ma leggeri di felicit per avere finalmente raggiunto terra. Mi bloccai quando marinai di una fregata vicina fecero rotolare dei barili sul mio cammino con un rumore come di tuono. Il mio sguardo pass dallo scintillante oceano color smeraldo, dove gli alberi delle navi da guerra della marina reale, degli scafi e delle fregate

beccheggiavano, alla darsena, ai gradini in pietra che portavano dai pontili e dai moli al porto, affollati di giubbe rosse, mercanti e marinai, poi oltre il porto fino alla citt di Boston, con le guglie delle chiese e i suoi edifici in mattoni rossi che parevano opporsi a qualsiasi tentativo di ordine. E ovunque bandiere britanniche sventolanti nella brezza, solo per ricordare ai visitatori, casomai avessero qualche dubbio, che qui cerano gli inglesi. La traversata dallEuropa allAmerica era stata, come minimo, movimentata. Avevo stretto amicizie e scoperto nemici ed ero scampato a un tentato omicidio, senza dubbio opera degli Assassini che volevano vendicare

lomicidio al teatro e riprendersi lamuleto. Per gli altri passeggeri e per la ciurma ero un mistero. Alcuni pensavano fossi uno studioso. Avevo detto al mio nuovo conoscente, James Fairweather, che risolvevo problemi e che stavo andando in America perch volevo conoscere la vita in quel Paese, constatare cosa limpero aveva mantenuto e cosa aveva scartato e quali cambiamenti avevano portato i britannici. Erano frottole, ma non menzogne. Infatti, bench andassi in America per una faccenda dei Templari, ero anche curioso di vedere questo Paese di cui avevo sentito tanto parlare, che pareva

essere estremamente vasto, con un popolo con un indomabile spirito da pioniere. Alcuni sostenevano che quello spirito un giorno si sarebbe potuto rivoltare contro di noi e che i nostri sudditi, se avessero imbrigliato quella determinazione, sarebbero diventati dei nemici formidabili. Altri affermavano che lAmerica era semplicemente troppo grande per essere governata dagli inglesi, che era una polveriera, pronta a esplodere; che il popolo si sarebbe stancato delle tasse imposte per consentire a un Paese lontano migliaia di chilometri di fare guerra ad altri Paesi lontani migliaia di chilometri, e che quando fosse esploso non avremmo

forse avuto le risorse per proteggere i nostri interessi. Io speravo di poter giudicare tutto ci di persona. Ma solo come interesse secondario alla mia missione principale che, ritengo giusto dire, era cambiata strada facendo. Mi ero imbarcato sulla Providence con precise ideologie, ma, quando ero sbarcato, le avevo dapprima sfidate, poi scosse e infine mutate, e tutto grazie al libro. Il libro che Reginald mi aveva dato e su cui avevo passato buona parte del mio tempo sulla nave; dovevo averlo letto non meno di una ventina di volte e ancora non sono sicuro di averlo compreso. Una cosa comunque la so. Mentre

prima avevo dubitato di Coloro Che Sono Venuti Prima, come farebbe uno scettico, un miscredente, e avevo visto lossessione di Reginald nel migliore dei casi come unirritazione, nel peggiore come un interesse che minacciava di far deragliare il funzionamento vero e proprio dellOrdine, ora non lo pensavo pi. Credevo. Il libro pareva essere stato scritto, o per meglio dire, scritto, illustrato, decorato, scarabocchiato, da un uomo o forse da pi uomini: uomini folli che avevano riempito pagine su pagine con ci che, in principio, avevo preso per pazze e stravaganti affermazioni adatte solo per essere derise e ignorate. Eppure, pi leggevo e pi vedevo la

verit. Nel corso degli anni, Reginald mi aveva intrattenuto (ero solito dire che mi aveva tediato) con le sue teorie riguardanti una razza di esseri antecedenti a noi. Aveva sempre affermato che eravamo nati dalle loro lotte e che per questo eravamo obbligati a servirli; che i nostri antenati avevano combattuto una lunga e sanguinosa guerra per garantirsi la libert. Ci che avevo scoperto durante la traversata fu che tutto ci era stato ispirato dal libro che, mentre lo leggevo, stava avendo su di me un effetto profondo. Di colpo compresi perch Reginald era ossessionato da quella razza. Lavevo deriso, ricordate?

Ma leggendo il libro, non provai pi alcun desiderio di schernirlo, solo un senso di meraviglia, una sensazione di leggerezza interiore che a volte mi aveva fatto quasi venire le vertigini dalleccitazione e un senso di irrilevanza, non saprei in che altro modo descriverlo, la sensazione di trovare il mio posto nel mondo. Era come se avessi sbirciato da un buco della serratura aspettandomi di vedere unennesima stanza e di avere visto invece un mondo del tutto nuovo. E cosa era accaduto a Coloro Che Sono Venuti Prima? Che cosa si erano lasciati alle spalle e come ci poteva esserci utile? Non lo sapevo. Era un mistero che aveva sconcertato il mio

Ordine per secoli, un mistero che mi era stato chiesto di risolvere, un mistero che mi aveva portato qui, a Boston. Signor Kenway! Signor Kenway! Un giovane sbucato dalla folla mi stava chiamando. Avvicinandomi, domandai, guardingo: S? Posso esservi daiuto? Tese la mano per stringermela. Charles Lee, signore. un piacere fare la sua conoscenza. Mi stato chiesto di farle visitare la citt. Di aiutarla a sistemarsi. Mi avevano parlato di Charles Lee. Non apparteneva allOrdine, ma desiderava unirsi a noi e, secondo Reginald, avrebbe voluto ingraziarmi con la speranza di assicurarsi il mio

patrocinio. Vederlo mi fece tornare in mente che ora ero un Gran Maestro del rito coloniale. Charles aveva lunghi capelli neri, folte basette, un naso aquilino e, anche se mi piacque immediatamente, notai che, mentre sorrideva parlando con me, riservava occhiate di disprezzo per tutte le altre persone al porto. Mi fece cenno di lasciare i miei bagagli e ci avviammo tra la folla lungo il molo, oltre passeggeri e marinai intontiti che cercavano di orientarsi sulla terraferma, tra portuali, mercanti e soldati britannici, bambini euforici e cani che sgattaiolavano fra i piedi. Salutai sollevando leggermente il cappello un paio di donne, poi gli chiesi:

Vi piace vivere qui, Charles? Boston ha un certo fascino, grid da sopra la spalla, come tutte le colonie. Certo, le citt coloniali non hanno la raffinatezza n lo splendore di Londra, ma la gente seria e lavora sodo. Possiedono un certo spirito pionieristico che trovo irresistibile. Mi guardai in giro. davvero qualcosa, guardare persone che si sono finalmente ambientate. S, ma grazie al sangue di altre, temo. Ah, questa una storia vecchia come il tempo e una che difficilmente muter. Siamo creature crudeli e disperate, imbrigliate nei nostri desideri di conquista. I Sassoni e i

Franchi, gli Ottomani e i Safavidi. Potrei continuare per ore. Lintera storia dellumanit non che una serie di conquiste. Prego che un giorno supereremo tutto questo, replic Charles in tono serio. Mentre voi pregate, io agir. Vedremo chi avr successo per primo! Era solo un modo di dire, ribatt, un accenno di offesa nella voce. Ah, ma pericoloso. Le parole hanno potere, maneggiatele con saggezza. Cademmo nel silenzio. Voi siete un ufficiale di Edward Braddock, non vero? domandai, mentre superavamo un carro carico di frutta.

S, ma non ancora arrivato in America e io avevo pensato che potrei ecco Almeno fino al suo arrivo Pensavo Mi spostai agilmente di lato per evitare una bambina con le treccine. Forza, ditelo, lo incalzai. Perdonatemi, signore. Io avevo avevo sperato di poter studiare con voi. Se mai servir lOrdine, non riesco a immaginare un mentore migliore di voi. Provai una piccola ondata di soddisfazione. Siete gentile a parlare cos, ma temo che mi sopravvalutiate. Impossibile, signore. Non molto distante, uno strillone con tanto di berretto e volto congestionato

stava gridando le notizie della battaglia di Fort Necessity: Forze armate francesi dichiarano vittoria in seguito alla ritirata di Washington, urlava. Il duca di Newcastle reagisce chiedendo pi truppe per rispondere alla minaccia straniera! La minaccia straniera, pensai. I francesi, in altre parole. Questo conflitto che chiamavano guerra francoindiana si sarebbe intensificato, stando alle voci. Non esisteva inglese che non detestasse i francesi, ma io conoscevo un inglese in particolare che li odiava con smodata passione ed era Edward Braddock. Quando fosse giunto in America, perch qui che era diretto,

quando mi aveva lasciato andare a badare ai fatti miei, o cos speravo. Cacciai lo strillone con un cenno della mano quando cerc di estorcermi una moneta da sei centesimi per il suo giornale. Non avevo voglia di leggere altro sulle vittorie francesi. Nel frattempo, mentre raggiungevamo i nostri cavalli e Charles mi informava che saremmo andati alla taverna Green Dragon, mi chiesi come sarebbero stati gli altri. Vi stato detto perch sono venuto a Boston? gli domandai. No. Il signor Birch ha detto che io dovrei sapere solo quel tanto che voi riterrete giusto condividere con me. Mi ha inviato un elenco di nomi e mi ha

ordinato di assicurarmi che li troviate. Avete avuto fortuna con loro? S. William Johnson ci aspetta al Green Dragon. Lo conoscete bene? Non molto, ma quando ha visto il simbolo dellOrdine non ha esitato a venire. Dimostratevi leale alla nostra causa e potreste venire a conoscenza dei nostri piani, dissi. Sillumin. Nulla mi piacerebbe di pi, signore.

2
Il Green Dragon era un grande edificio in mattoni con un tetto impeciato e uninsegna con un drago sulla porta dingresso. Secondo Charles era il locale pi famoso della citt. Dove tutti, da patrioti a giubbe rosse e governatori sincontravano per chiacchierare, complottare, spettegolare e commerciare. Era probabile che tutto ci che accadeva a Boston avesse avuto origine qui, nella zona di Union Street. Non che Union Street fosse bella. Poco pi di un fiume di fango, rallent il nostro passo mentre ci avvicinavamo alla taverna, facendo attenzione a non

schizzare i gentiluomini che sostavano allesterno, appoggiati ai loro bastoni da passeggio. Evitando carretti e rivolgendo secchi cenni di saluto ai soldati a cavallo, raggiungemmo una bassa scuderia in legno, dove lasciammo i nostri stalloni, quindi ci dirigemmo alla taverna attraversando con accortezza fiumi di fango. Allinterno fummo accolti dai proprietari: Catherine Kerr, e non vorrei apparire scortese, e Cornelius Douglass, le cui prime parole che udii entrando furono: Vaffanculo, sgualdrina! Per fortuna non si era rivolto n a me n a Charles, ma a Catherine. Quando ci videro, il loro contegno cambi immediatamente da guerrigliero

a servile e badarono a che i bagagli venissero portati immediatamente in camera mia. Charles aveva ragione: William Johnson era gi l e cincontrammo in una stanza al piano superiore, dove stava esaminando delle mappe. Era anziano, abbigliato come Charles, il viso segnato dalla vita, e si alz con una certa fatica per stringermi la mano. Piacere, salut e, mentre Charles si allontanava per mettersi di guardia, si chin in avanti e aggiunse: Un bravo ragazzo, ma un po troppo serio. Tenni per me qualsiasi opinione mi ero fatto su Charles e gli feci segno con gli occhi di continuare. Mi stato detto che state

organizzando una spedizione, esclam. Crediamo che ci sia una localit fondata dai nostri precursori in questa regione, spiegai, scegliendo con cura le parole, poi aggiunsi: Mi serve la vostra conoscenza del Paese e della sua gente per trovarla. Fece una smorfia. Purtroppo mi stata rubata una cassa contenente le mie ricerche. Senza quella non potr esservi utile. Sapevo per esperienza che nulla era mai facile. Allora la troveremo, sospirai. Avete qualche indizio? Il mio socio, Thomas Hickey, ha parlato in giro. piuttosto bravo a sciogliere le lingue. Ditemi dove posso trovarlo e vedr

di accelerare le cose. Abbiamo sentito di banditi che agiscono da un complesso di edifici a sudovest di qui, rispose William. Con ogni probabilit lo troverete l.

3
Allesterno della citt un campo di grano ondeggiava in una leggera brezza notturna. Non molto distante cera lalto recinto di un complesso che apparteneva ai banditi e dallinterno giungeva il frastuono di feste. Perch no? pensai. Quando si vive una vita da banditi, ogni giorno sopravvissuto al cappio del boia o alla baionetta di una giubba rossa motivo di celebrazione. Ai cancelli cerano sentinelle e dei seguaci indugiavano nei paraggi, alcuni bevevano, altri tentavano di fare la guardia e tutti discutevano. A sinistra dellarea recintata, il campo di grano si stendeva fino a una collina in cima alla

quale era appostata una vedetta che badava a un focherello. Starsene seduti davanti alle fiamme non era la posizione ideale per un osservatore, ma era anche uno dei pochi che prendeva sul serio il suo compito. Non sembrava ci fossero guardie in avanscoperta e se cerano, stavano oziando sotto un albero, ubriachi fradici, perch nessuno individu me e Charles, mentre ci avvicinavamo strisciando e raggiungevamo un uomo che sorvegliava larea recintata, accovacciato accanto a un muro in pietra mezzo crollato. Era lui: Thomas Hickey. Un uomo dal viso tondo, trasandato e pure lui amante del grog. Quello era luomo che secondo William era bravo a sciogliere

le lingue? Sembrava che avesse problemi a slacciarsi i mutandoni. Lavversione che provai per lui era, forse con arroganza, alimentata dal fatto che era il mio primo contatto da quando ero arrivato a Boston e il suo nome non mi diceva nulla. Ma, se questo infastidiva me, non era nulla al confronto delleffetto che ebbe su Charles, che non esit a sguainare la spada. Un po di rispetto, ragazzo, sibil. Gli misi una mano sul braccio per calmarlo. Pace, Charles, lo fermai, quindi mi rivolsi a Thomas: William Johnson ci ha mandati qui nella speranza che potessimo accelerare la vostra ricerca.

Non ho bisogno che venga accelerata, ribatt Thomas, strascicando le parole. Non ho neppure bisogno del vostro affettato accento londinese. Ho scovato i ladri. Accanto a me Charles si alter. Perch allora ciondolate qui in giro? Sto cercando di capire come affrontare quei furfanti, replic Thomas, indicando la propriet recintata e rivolgendoci poi occhi speranzosi e un sorriso insolente. Sospirai. Era ora di mettersi allopera. Bene. Io uccider la vedetta e prender posizione dietro le guardie. Voi due avvicinatevi dal davanti. Quando apro il fuoco su un gruppo, vi precipitate dentro. Avremo lelemento

sorpresa dalla nostra. La met cadr prima di essersi resa conto di ci che sta accadendo. Presi il moschetto, lasciai i miei due compagni e strisciai verso il bordo del campo di grano, dove mi acquattai e mirai alla sentinella che si stava scaldando le mani con il fucile tra le gambe e che, con ogni probabilit, non mi avrebbe visto n sentito se mi fossi avvicinato in groppa a un cammello. Mi parve quasi unazione codarda premere il grilletto, ma lo feci ugualmente. Imprecai quando cadde in avanti, sollevando scintille. Avrebbe presto cominciato a bruciare e la puzza avrebbe messo in allerta i suoi compatrioti. Tornai in fretta da Thomas

e Charles, che si avvicinarono al recinto, mentre io prendevo posizione poco distante, premevo il calcio del fucile contro la spalla guardandomi in giro, controllando uno dei banditi che era in piedi, o per meglio dire che ondeggiava, appena fuori i cancelli. Mentre lo tenevo docchio, lui cominci a muoversi verso il campo di grano, forse per dare il cambio al piantone a cui avevo appena sparato e che stava arrostendo nel fuoco di bivacco. Attesi che arrivasse al bordo del campo, e che il frastuono che proveniva dallinterno del complesso si placasse un attimo per poi riprendere con maggiore forza, e in quel momento premetti il grilletto. Cadde sulle ginocchia, quindi croll

su un fianco, met cranio scomparso, e i miei occhi corsero immediatamente allentrata del complesso per vedere se avevano sentito lo sparo. No, ma la marmaglia al cancello aveva rivolto lattenzione su Charles e Thomas, sguainando le spade e gridando: Via di qui! Charles e Thomas indugiarono, come avevo detto loro. Li vedevo fremere dal desiderio di estrarre le armi, ma attesero il momento opportuno. Bravi. Aspettarono che io sparassi il primo colpo. Mirai con cura uno degli uomini, che immaginai fosse il capo, poi premetti il grilletto e vidi il sangue sprizzargli dalla nuca mentre barcollava allindietro.

Questa volta lo sparo era stato sentito, ma non importava, perch nello stesso momento Charles e Thomas sguainarono le spade e caricarono, e altre due guardie caddero a terra con il sangue che zampillava da ferite al collo. Al cancello scoppi il caos e la battaglia inizi seriamente. Io riuscii ad abbatterne altri due prima di abbandonare il moschetto, sguainare la spada e gettarmi nella mischia per combattere fianco a fianco con Charles e Thomas. Per una volta mi piacque lottare con due compagni ed eliminai tre banditi, che morirono gridando, mentre i loro compagni correvano alle porte e si barricavano dentro.

In un battibaleno, gli unici uomini in piedi eravamo io, Charles e Thomas, e tutti e tre ansimavamo mentre ripulivamo le spade. Fissai Thomas con un nuovo rispetto: si era comportato bene, con una velocit e unabilit che smentivano il suo aspetto. Anche Charles lo stava guardando, anche se con disgusto, come se la bravura di Thomas lavesse infastidito. Era sorto comunque un altro problema: avevamo conquistato lesterno, ma la porta era stata bloccata. Fu Thomas a suggerire di sparare al barile di polvere da sparo, unaltra buona idea da parte delluomo che solo poco prima avevo considerato un ubriacone. Sparai, aprendo un varco

nella parete, attraverso il quale ci riversammo, calpestando i cadaveri contorti e cenciosi che ingombravano il corridoio dallaltra parte. Continuammo a correre. Il pavimento era coperto da alti e spessi tappeti e tappetini, mentre alle finestre erano stati appesi mirabili arazzi. Tutto il posto era in una semioscurit. Avanzammo rapidamente, io con la spada in una mano e la pistola nellaltra, usando entrambe, trucidando ogni uomo che incontravo, tra urla maschili e femminili e rumore di piedi che correvano. Thomas aveva preso un candeliere che us per deformare la testa di un bandito, pulendosi poi dalla faccia

sangue e cervello, mentre Charles ci ricordava il motivo per cui eravamo qui: trovare la cassa di William. Ce la descrisse mentre ci precipitavamo lungo altri cupi corridoi, trovando ora minor resistenza. O i briganti si tenevano alla larga o si stavano ordinando in una forza pi coesiva. Non che ci interessasse: noi dovevamo trovare il baule. Lo scovammo nascosto in fondo a un boudoir che puzzava di birra e sesso e che era pieno di gente: donne discinte che afferrarono i loro abiti e fuggirono via strillando e parecchi ladri che caricarono i loro fucili. Un proiettile si conficc nel legno della porta e noi ci riparammo, mentre un altro uomo,

nudo, alzava la pistola per sparare. Charles rispose al fuoco da dietro il telaio e luomo nudo croll sul tappeto con un brutto foro rosso nel petto, trascinando con s una manciata di lenzuola. Unaltra pallottola perfor lintelaiatura e noi indietreggiammo chini. Thomas sguain la spada mentre altri due arrivavano urlando verso di noi, e Charles segu il suo esempio. Mettete gi le armi, grid uno dei ladri da dentro il boudoir, e rifletter se lasciarvi vivere. Vi faccio la stessa offerta, ribattei io da dietro la porta. Non abbiamo alcun motivo di contrasto con voi. Vorrei solo rendere questa cassa al suo legittimo proprietario.

Nella sua voce notai un accenno di scherno. Il signor Johnson non ha nulla di legittimo. Non lo chieder di nuovo. Daccordo. Sentii un movimento vicino a me e mi spostai rapidamente dallaltra parte delluscio. Un altro uomo aveva cercato di avanzare furtivo verso di noi, ma io gli ficcai una pallottola tra gli occhi e lui croll a terra e la pistola ruzzol sul pavimento. Laltro bandito fece nuovamente fuoco, quindi si tuff per prendere larma del compagno, ma io avevo gi ricaricato e anticipai la sua mossa, sparandogli nel fianco, mentre si allungava per recuperarla. Come un animale ferito scatt allindietro sul

letto, atterrando in una bagnata confusione di sangue e lenzuola e fissandomi mentre entravo con prudenza, larma davanti a me. Mi lanci unocchiata minacciosa. Non era cos che aveva programmato di concludere la notte. Gente come voi non ha bisogno di libri e mappe, dissi, indicando la cassa di William. Chi vi ha indotto a rubarla? Non ho mai visto una faccia, rispose. Solo lettere lasciate in posti segreti. Ma pagano sempre, per cui eseguiamo il lavoro. Ovunque andavo incontravo sempre feccia come questa canaglia, che avrebbe fatto qualsiasi cosa per soldi.

Erano stati uomini come lui a irrompere nella casa della mia infanzia e a uccidere mio padre. Erano stati uomini come lui a mettermi sulla strada che percorrevo oggi. Pagano sempre. Noi eseguiamo il lavoro. Attraverso un velo di disgusto, riuscii in qualche modo a resistere allimpulso di ucciderlo. Ebbene, quei giorni sono terminati. Riferite ai vostri padroni che lho detto io. Si sollev leggermente, rendendosi forse conto che avevo deciso di lasciarlo in vita. Chi devo dire che siete? Non dovete dirlo. Loro capiranno, risposi e lo lasciai andare.

Thomas arraff altro bottino, mentre Charles e io prendevamo la cassa, quindi uscimmo dal complesso. Fu pi facile allontanarsi, dal momento che la maggior parte dei banditi aveva deciso che la discrezione era la parte migliore del coraggio e non si fece vedere. Noi raggiungemmo i nostri cavalli e ci allontanammo al galoppo.

4
Al Green Dragon, William Johnson stava nuovamente studiando le sue carte. Appena gli riportammo la cassa, inizi subito a controllare se cerano tutte le mappe e i rotoli. Grazie, signor Kenway, disse, appoggiandosi allo schienale della sedia, contento di avere trovato tutto in ordine. Ora ditemi di che cosa avete bisogno. Al collo portavo lamuleto. Mi ero spesso ritrovato a prenderlo in mano e ammirarlo. Era la mia immaginazione o brillava? Non laveva fatto quando lavevo preso a Miko nel teatro. La prima volta che lavevo visto diventare

incandescente era stato quando Reginald laveva sollevato in Fleet Street. Ora parve farlo nella mia mano, come se fosse alimentato, per quanto possa sembrare ridicolo, dalla fede. Lo guardai, poi portai la mano al collo, feci passare lamuleto sopra la testa e glielo porsi. Lui lo prese, senza distogliere gli occhi, intuendo la sua importanza, poi lo esamin attentamente a occhi socchiusi, mentre io gli chiedevo: Conoscete le immagini che sono su questo amuleto. Forse una delle trib vi ha mostrato qualcosa di simile? Sembra Kanienkeh:ka in origine, rispose. I Mohawk. Il cuore mi batt pi

forte. Potete attribuirlo a un luogo specifico? domandai. Ho bisogno di sapere da dove proviene. Forse, con le carte che mi avete riportato. Vediamo cosa posso fare. Lo ringraziai con un cenno del capo. Prima, per, mi piacerebbe saperne di pi su di voi, William. Parlatemi di voi. Cosa c da dire? Sono nato in Irlanda, da genitori cattolici, cosa che, appresi precocemente, aveva ridotto gravemente le mie opportunit. E cos mi ero convertito al protestantesimo e sono venuto qui su ordine di mio zio. Temo comunque che zio Peter non fosse luomo pi intelligente. Aveva cercato di fare affari con i Mohawk, ma aveva

scelto di costruire la sua colonia lontana dalle strade del commercio. Io avevo tentato di farlo ragionare ma Sospir. Come ho detto, non era molto furbo. E cos, con i pochi soldi che avevo guadagnato, acquistai un pezzo di terra. Costruii una casa, una fattoria, un negozio e un mulino. Umili inizi, ma in una buona posizione, il che fece tutta la differenza. Quindi per questo che avete conosciuto i Mohawk? Proprio cos. Ed stato un rapporto proficuo. Ma non avete sentito dire nulla sul luogo dei precursori? Nessun tempio o edifici antichi? S e no. Il che significa che hanno

anche loro luoghi sacri, ma nessuno corrisponde a ci che descrivete. Cumuli di terra, radure nella foresta, caverne segrete tutte cose naturali. Nessun metallo strano. Nessun bagliore strano. Ehm. ben nascosto. A quanto pare, anche a loro. Sorrise. Ma su con il morale, amico mio. Troverete il tesoro dei precursori. Ve lo giuro. Alzai il mio bicchiere. Al nostro successo, allora. E presto! Sorrisi. Eravamo in quattro adesso. Eravamo una squadra.

10 luglio 1754

1
AL Green Dragon avevamo una stanza tutta per noi, una base, se volete, e fu l che entrai e vi trovai Thomas, Charles e William. Thomas stava bevendo, Charles aveva unespressione turbata e William stava esaminando le sue carte e le mappe. Li salutai e Thomas mi rispose con un rutto. Affascinante, sbott Charles. Io sorrisi. Coraggio, Charles, gli piacerai, dissi e mi sedetti accanto a Thomas che mi rivolse unocchiata grata. Novit? domandai. Lui scosse la testa. Voci. Nulla di

solido al momento. So che sperate di sentire qualcosa di fuori dellordinario qualcosa che riguardi templi, spiriti e tempi antichi e che altro. Ma per ora, non posso dire che i miei ragazzi abbiano sentito molto. Nessun gingillo o manufatto passato attraverso il vostro mercato ombra? Nulla di nuovo. Un paio di armi disoneste, alcuni gioielli rubati a qualche essere vivente. Ma voi avete detto di origliare qualsiasi discorso su bagliori e borbottii e di cercare qualsiasi cosa strana, giusto? E su cose strane non ho sentito niente. Continuate, gli dissi. Oh, lo far. Mi avete aiutato molto,

signore, e intendo ripagare il mio debito, tre volte tanto. Grazie, Thomas. Un posto per dormire e un pasto sono un grazie sufficiente. Non preoccupatevi, vi ripagher presto. Alz il boccale solo per scoprire che era vuoto e io risi, gli diedi una pacca sulla spalla e lo guardai, mentre si alzava e andava in cerca di birra da qualche altra parte. Poi rivolsi la mia attenzione su William, tirando una sedia accanto al suo leggio. Come vanno le vostre ricerche? Lui aggrott la fronte. Mappe e matematica non risolvono nulla. Niente mai semplice, mi rammaricai. Cosa mi dite dei vostri

contatti locali? volli sapere, sedendomi di fronte a lui. Thomas era rientrato, con un boccale di birra spumeggiante in mano e il segno rosso di uno schiaffo sul volto, in tempo per sentire William rispondere: Dobbiamo guadagnarci la loro fiducia prima che condividano ci che sanno. Io saprei come ottenerla, borbott Thomas e noi ci voltammo a guardarlo con diversi gradi di interesse: Charles come lo guardava sempre, con lespressione di chi ha appena calpestato una cacca di cane, William con divertimento e io con genuino interesse. Thomas, ubriaco o sobrio, era un individuo pi acuto di quanto n Charles n William gli dessero credito.

Continu: C un uomo che rende schiavi gli indigeni. Salvateli e ci saranno grati. Indigeni, pensai. I Mohawk. Questa s che era unidea. Sapete dove sono tenuti? Lui scosse il capo, ma Charles disse: Lo sapr Benjamin Church. uno scopritore e un faccendiere, anche lui sulla vostra lista. Gli sorrisi. Bravo. E io ero qui a chiedermi chi altri potremmo sollecitare.

2
Benjamin Church era un medico e trovammo facilmente la sua casa. Quando nessuno rispose alla porta, Charles non perse tempo e la spalanc con un calcio e ci precipitammo dentro, solo per scoprire che il posto era stato saccheggiato. Non solo i mobili erano stati rovesciati e i documenti sparsi a terra e distrutti durante una ricerca confusa, ma cerano anche tracce di sangue sul pavimento. Ci guardammo. A quanto pare non siamo gli unici che cercano il signor Church, osservai, sguainando la spada. Dannazione! esplose Charles. Potrebbe essere ovunque. Che

facciamo? Indicai un ritratto del buon dottore appeso sopra il caminetto che rappresentava un uomo sulla ventina, ma con un aspetto distinto. Lo troviamo. Venite, vi mostro come. Cos iniziai a spiegare a Charles larte della vigilanza, come fondersi nellambiente, come sparire, notando abitudini, esaminando i movimenti attorno a noi e adattandoci, diventando una cosa sola con lambiente, parte della scena. Mi accorsi che questo ruolo di mentore mi piaceva molto. Da ragazzo avevo avuto mio padre come tutore, poi Reginald e avevo sempre aspettato con ansia le loro lezioni, avevo sempre

apprezzato questo passaggio di conoscenze, di conoscenze proibite, del genere che non si trova nei libri. Mentre le insegnavo a Charles, mi chiesi se mio padre e Reginald si fossero sentiti come me ora: sereno, saggio ed esperto delle cose del mondo. Gli mostrai come porre domande, come origliare, come aggirarsi per la citt come un fantasma, raccogliendo ed elaborando le informazioni. Dopo ci separammo e portammo avanti le nostre indagini da soli, per poi incontrarci di nuovo, le espressioni cupe. Ci che avevamo scoperto era che Benjamin Church era stato visto in compagnia di altri uomini, tre o quattro,

che lo stavano portando via da casa sua. Alcuni testimoni avevano pensato che Benjamin fosse ubriaco; altri avevano notato che era pieno di lividi e insanguinato. Un uomo che si era avvicinato per aiutarlo aveva ricevuto una coltellata nelle viscere come ringraziamento. Ovunque stessero andando, era chiaro che Benjamin era nei guai, ma dove erano andati? La risposta giunse da un araldo che gridava le notizie del giorno. Avete visto questuomo? gli domandai. Difficile a dirsi Passa cos tanta gente per questa piazza, difficile Gli misi delle monete in mano e latteggiamento cambi di colpo. Si

chin in avanti con aria da cospiratore: Lo stavano portando al magazzino al porto, qui a est. Grazie per il vostro gentile aiuto, gli dissi. Ma affrettatevi, aggiunse. Era con gli uomini di Silas. Simili incontri tendono a finire male. Silas, pensai, mentre ci facevamo strada verso il distretto dei magazzini. Chi diavolo era Silas? La folla era calata considerevolmente quando raggiungemmo la nostra destinazione, distante dalla strada principale, dove un debole odore di pesce pareva sospeso sopra il giorno. Il deposito si trovava tra altri enormi edifici simili, che

emanavano un senso di sgretolamento e sfacelo, e io sarei passato oltre non fosse stato per la guardia che oziava allesterno della porta principale. Era seduta su un barile, i piedi su un altro, per nulla allerta, cos che fu facile fermare Charles e tirarlo a lato delledificio prima che ci scorgesse. Nel muro vicino a noi cera unentrata e io controllai se fosse sorvegliata prima di provare ad aprirla. Era chiusa. Dallinterno provenne un rumore di lotta, poi un urlo straziante: Benjamin Church. Charles e io ci guardammo. Dovevamo entrare e in fretta. Allungando il collo lanciai unaltra occhiata alla sentinella, vidi il lampo rivelatore di un anello per chiavi

alla cintola e seppi cosa fare. Aspettai che un uomo che stava spingendo un barile si fosse allontanato, poi, con un dito sulle labbra, dissi a Charles di attendere e uscii dal nascondiglio, barcollando come se avessi bevuto troppo. Dal barile su cui era seduto, il piantone mi osserv. Inizi a estrarre la spada dal fodero, mostrandomi la sua lama lucente. Barcollando, mi raddrizzai, alzai una mano per farle capire che avevo visto il suo avvertimento e feci per allontanarmi, inciampando e sfiorandolo. Ehi! grid, e mi spinse via con tanta forza che persi lequilibrio e caddi. Mi tirai su e, scusandomi di

nuovo, ripresi la mia strada. Ci che luomo non sapeva era che mi ero allontanato con lanello delle chiavi che gli avevo sfilato dalla cintola. Tornato da Charles, ne provammo un paio prima di trovare con grande sollievo quella che apriva la porta. Sussultando a ogni minimo cigolio e scricchiolio, laprimmo e ci infilammo nel buio e umido magazzino. Allinterno ci acquattammo accanto alla porta, adattandoci al nuovo ambiente, un grande spazio, per lo pi avvolto nel buio. Spazi vuoti e riecheggianti parevano stendersi allinfinito, con lunica luce proveniente da tre bracieri che erano stati sistemati in mezzo allo stanzone. Vedemmo infine

luomo che avevamo cercato, luomo del ritratto, Benjamin Church. Era legato a una sedia, una guardia a entrambi i lati, un occhio color porpora e ammaccato, la testa che ciondolava e il sangue che si riversava da un labbro ferito sulla bianca e sporca sciarpa. In piedi davanti a lui cera un uomo abbigliato in modo vistoso, senza alcun dubbio, Silas, e un altro che stava affilando un coltello. Il leggero rumore che faceva era quasi ipnotico e per un attimo fu lunico suono nella stanza. Perch dovete sempre rendere le cose tanto difficili, Benjamin? chiese Silas con una melodrammatica aria di tristezza. Aveva un accento inglese e pareva di unalta classe sociale.

Continu: Fornitemi la mia ricompensa e tutto sar perdonato. Benjamin lo fiss con uno sguardo ferito, ma di sfida. Non pagher una protezione che non mi serve, ribatt impavido. Silas sorrise e indic con la mano il magazzino umido e sporco. evidente che avete bisogno di protezione, altrimenti non saremmo qui. Benjamin gir la testa e sput un grumo di sangue sul pavimento in pietra, quindi fiss di nuovo Silas, che aveva unespressione come se Benjamin avesse fatto un peto a cena. Che rozzo, esclam. Allora, che dobbiamo fare con il nostro ospite? Luomo che stava affilando il coltello

alz gli occhi. Questo era il segnale dazione. Potrei tagliargli la mano, rispose con voce stridente. Impedirgli di operare? O potrei tagliargli la lingua. Fargli smettere di dimenarsi? O potrei tagliargli luccello. Fargli smettere di prenderci per il culo. Gli uomini parvero scossi da un tremore di disgusto, paura e divertimento. Silas rispose: Cos tante opzioni, impossibile decidere. Guard luomo del coltello e finse di essere indeciso poi aggiunse: Facciamo tutti e tre. Aspettate un momento, lo blocc Benjamin. Forse sono stato troppo precipitoso a rifiutarla. Mi dispiace, Benjamin, ma quella

porta ora chiusa, replic mesto Silas. Siate ragionevole inizi Benjamin, un accenno implorante nella voce. Silas inclin la testa e socchiuse gli occhi in un finto corruccio. Penso di esserlo stato. Ma voi avete sfruttato la mia generosit. Non mi lascer prendere in giro una seconda volta. Il torturatore fece un passo avanti, la punta del coltello sul suo bulbo oculare, sporgendo gli occhi e sorridendo con fare maniacale. Temo mi manchi il temperamento per sopportare la vista di una tale barbarie, disse Silas con laria di una vecchia facilmente impressionabile. Vieni a cercarmi quando hai finito,

Cutter. Silas si avvi verso la porta, mentre Benjamin Church strillava: Ve ne pentirete, Silas! Mi sentite! Avr la vostra testa! Sulla porta Silas si ferm, si volt e lo fiss. No, disse con un ghigno. No, non penso proprio. Le urla di Benjamin iniziarono, appena Cutter si mise al lavoro, mentre cominciava a maneggiare il coltello come un artista che d le prime pennellate, come se iniziasse un progetto molto pi grande. Il povero dottor Church era la tela e Cutter stava dipingendo il suo capolavoro. Sussurrai a Charles cosa dovevamo fare e lui si spost, correndo nel buio

verso il fondo del magazzino, dove lo vidi mettersi una mano sulla bocca e gridare: Da questa parte, bastardi, per poi spostarsi rapidamente e silenziosamente. Cutter alz la testa di scatto e fece cenno alle due guardie di muoversi, lanciando occhiate in giro, mentre i suoi uomini sguainavano le spade e si dirigevano guardinghi verso il fondo, da dove era provenuta la voce. In quel mentre si lev un altro urlo, questa volta da unaltra pozza doscurit: Da questa parte. Le due guardie si fermarono, si scambiarono occhiate nervose, mentre gli occhi di Cutter scrutavano le ombre, timoroso e un po frustrato. Mi

sembrava di vederlo valutare se erano i suoi stessi uomini che facevano degli scherzi o dei bambini che facevano gli stupidi. No. Era unazione nemica. Che succede? ringhi uno dei gorilla. Entrambi allungarono il collo per guardare negli spazi bui del magazzino. Prendi una torcia, grid il primo al compagno e il secondo corse al centro della stanza, sollev uno dei bracieri, poi si pieg in due per il peso. Allimprovviso si sent un guaito dallombra e Cutter grid: Che diavolo c? Luomo con il braciere lo ripose a terra e sbirci nelloscurit. Greg, grid da sopra la spalla. Non c pi,

capo. Cutter sinfuri. Che vuol dire che non c pi? Era qui un attimo fa. Greg! grid il secondo uomo. Nessuna risposta. Ve lo ripeto, capo, non c pi. E proprio in quellistante, come per sottolineare le sue parole, una spada arriv volando dagli scuri recessi e si ferm ai piedi di Cutter. La lama era macchiata di sangue. Quella la spada di Greg, osserv la guardia, nervosa. Hanno preso Greg. Chi ha preso Greg? sbott Cutter. Non lo so, ma lo hanno preso. Chiunque tu sia, faresti meglio a mostrarti, url Cutter. I suoi occhi

saettarono su Benjamin e io vidi il suo cervello lavorare e la conclusione cui arriv; venivano aggrediti da amici del dottore; questa era unazione di salvataggio. Il primo furfante rimase dovera, accanto alla sicurezza del braciere, la punta della spada che brillava nella luce del fuoco mentre lui tremava. Charles rimase nascosto, una silenziosa minaccia. Sapevo che cera solo Charles, ma per Cutter e il suo compagno era un demone vendicatore, silenzioso e implacabile come la morte stessa. Fareste meglio a farvi vedere, prima che uccida il vostro compagno, esclam Cutter. Si avvicin a Benjamin, pronto a colpirlo, la schiena rivolta

verso di me e io scorsi la mia occasione e uscii furtivo dal nascondiglio e mi mossi verso di lui. Nello stesso istante il suo compagno si volt, mi vide e grid: Capo, dietro di voi! e Cutter rote su se stesso. Balzai, facendo scattare la lama celata. Cutter si fece prendere dal panico e io vidi la mano del coltello tendersi, sul punto di uccidere Benjamin. Allungandomi al massimo riuscii a colpire la mano e a farlo volare allindietro, ma anchio mi ero sbilanciato e lui ebbe il tempo di sguainare la spada e di assalirmi, la spada in una mano, il coltello nellaltra. Sopra la sua spalla vidi che Charles non aveva sprecato la sua occasione e

che si era lanciato contro la guardia, e si sent il tintinnio dellacciaio quando le loro spade si scontrarono. Nel giro di pochi secondi anche Cutter e io stavamo lottando, ma si cap rapidamente che la spada non era il suo forte. Sar anche stato bravo con il coltello, ma non era abituato ad avversari che reagivano; era un maestro torturatore, non un guerriero. Mentre le sue mani si agitavano e le sue lame si muovevano a scatti davanti alla mia vista, tutto ci che faceva vedere erano trucchi, giochi di destrezza, mosse che potevano terrorizzare un uomo legato a una sedia, ma non me. Ci che vidi fu un sadico, un sadico spaventato. E se cera una cosa pi patetica e odiosa di un

sadico, era un sadico spaventato. Non aveva intuizioni, nessun gioco di piedi n abilit difensive. Dietro di lui, lo scontro era terminato; il secondo carceriere cadde sulle ginocchia con un lamento e Charles gli piant un piede sul petto e ritrasse la spada, lasciandolo cadere sulla pietra. Se ne accorse anche Cutter e io mi tirai indietro e lasciai che guardasse il suo compagno, lultima sua protezione, morire. Si sent un colpo alla porta, la sentinella allesterno si era finalmente accorta che le erano state rubate le chiavi e stava cercando, senza riuscirci, di entrare. Gli occhi di Cutter ruotarono in quella direzione, alla ricerca della salvezza, senza trovarla. Quegli occhi

spaventati tornarono su di me e io sorrisi, poi avanzai e iniziai a tagliarlo a mia volta. Non ci ricavai alcun piacere. Gli diedi semplicemente il trattamento che si meritava e quando infine si pieg sul pavimento con uno squarcio rosso nella gola e il sangue che zampillava, non provai altro che un distaccato senso di gratificazione nel vedere che giustizia era stata fatta. Il suo coltello non avrebbe pi fatto soffrire nessuno. Avevo dimenticato i colpi alla porta, finch cessarono e nellimprovviso silenzio lanciai unocchiata a Charles che giunse alla mia stessa conclusione: la guardia era andata a cercare aiuto. Benjamin si lamentava e io corsi da lui, tagliai i legacci con due fendenti, poi lo

afferrai, mentre cadeva dalla sedia. Il suo sangue mi macchi istantaneamente le mani, ma lui pareva respirare in modo regolare e, sebbene li chiudesse di tanto in tanto per il dolore, aveva gli occhi aperti. Sarebbe sopravvissuto. Le ferite erano dolorose ma non profonde. Mi guard. Chi chi siete? riusc a domandare. Sollevai leggermente la tesa del cappello. Haytham Kenway al vostro servizio. Intravidi un timido sorriso mentre diceva: Grazie. Grazie. Ma non capisco perch siete qui? Siete un Cavaliere Templare, no? Annu.

Anchio e non nostra abitudine lasciare i nostri amici cavalieri alla merc di pazzi accoltellatori. Questo e il fatto che ho bisogno di voi. Sono a vostra disposizione, disse. Ditemi soltanto di che avete bisogno Gli diedi una mano a mettersi in piedi e feci cenno a Charles di avvicinarsi. Insieme lo aiutammo a raggiungere la porta laterale e uscimmo, gustando laria fresca e pulita della notte dopo lumido odore di sangue e morte nel magazzino. Mentre ci rimettevamo in cammino per tornare in Union Square e al rifugio del Green Dragon, parlai al dottor Benjamin Church della lista.

13 luglio 1754

1
CI eravamo riuniti al Green Dragon, sotto le basse e scure travi della stanza sul retro che ora chiamavamo la nostra stanza e che stavamo riempiendo, infilandoci nei polverosi sottotetti: Thomas, che amava la posizione orizzontale quando non stava sollevando boccali di birra o infastidendo i nostri ospiti per averne di pi; William, le cui rughe sulla fronte si incavavano, mentre sgobbava sulle sue carte e mappe allargate sulla tavola, spostandosi da quella al leggio ed emettendo di quando in quando un sospiro di frustrazione, facendo cenno con la mano a Thomas e al suo boccale di birra di allontanarsi

ogni volta che lui indugiava l attorno; Charles, la mia mano destra, che si sedeva con me ogni volta che ero nella stanza, la cui devozione era tale che a volte la sentivo come un peso, altre volte come una grande fonte di forza; e ora, naturalmente, il dottor Church, che aveva trascorso con noi gli ultimi giorni riprendendosi dalle ferite in un letto che gli era stato fornito con invidia da Cornelius. Avevamo lasciato Benjamin sul letto; lui si era medicato le ferite e quando infine si era alzato, ci aveva assicurati che nessuna di quelle sul viso avrebbe lasciato una cicatrice permanente. Gli avevo parlato due giorni fa, interrompendolo, mentre stava

medicando la peggiore delle ferite o almeno la pi spaventosa a vedersi: un lembo di pelle che Cutter aveva tagliato via. Allora, una domanda per voi, avevo esordito, con la sensazione di non avere ancora capito il suo carattere: Come mai la medicina? Lui aveva sorriso tristemente. Dovrei dirvi che lho scelta perch amo gli esseri umani, giusto? Perch mi permette di fare del bene? Non sono i reali motivi? Forse. Ma non stato questo a guidarmi. No a indurmi a scegliere questa professione stato un motivo meno astratto: mi piace il denaro. Ci sono altre strade verso la

ricchezza, osservai. vero, ma quale migliore merce da vendere della vita? Nientaltro tanto prezioso n tanto disperatamente desiderato. E nessun prezzo tanto alto per un uomo o una donna che teme una fine brusca e durevole. Trasalii. Le vostre parole sono crudeli, Benjamin. Ma anche vere. Disorientato, domandai: Avete giurato di aiutare la gente, non vero? Rispetto il giuramento, che non menziona alcun prezzo. Io pretendo semplicemente una retribuzione, una giusta retribuzione per i miei servizi. E se non hanno i soldi richiesti? Allora ci sono altri che si

occuperanno di loro. Un panettiere offre per caso gratis il pane ai mendicanti? Il sarto offre forse un vestito a una donna che non pu permetterselo? No. Perch dovrei farlo io? Lavete detto voi stesso, ribattei. Nulla pi prezioso della vita. vero. Una ragione di pi per assicurarsi di avere i mezzi per conservarla. Lo fissai di traverso. Era giovane, pi giovane di me. Mi chiesi se fossi stato come lui una volta.

2
Pi tardi i miei pensieri tornarono su questioni pi pressanti. Sapevamo tutti che Silas avrebbe voluto vendicarsi di ci che era successo nel magazzino; e fu solo una questione di tempo prima che ci colpisse. Stavamo al Green Dragon, forse il luogo pi visibile della citt, per cui sapeva dove trovarci appena avesse deciso di lanciare il suo attacco. Nel frattempo avevo un numero sufficiente di spadaccini esperti per indurlo a riflettere e non avevo intenzione di fuggire o nascondermi. William aveva detto a Benjamin cosa avevamo in mente di fare, e cio cercare dingraziarci i Mohawk

attaccando il negriero. Johnson mi ha detto cosa intendete fare, esord il dottore. Si d il caso che luomo che mi aveva fatto prigioniero sia lo stesso che state cercando. Si chiama Silas Thatcher. Dentro di me imprecai per non averlo capito. Naturalmente. Ma non laveva capito neppure Charles. Quel tipo azzimato un mercante di schiavi? chiese incredulo. Non lasciatevi ingannare dal suo tono vellutato, rispose Benjamin, annuendo. Non ho mai conosciuto una creatura pi crudele e perversa. Che mi potete dire della sua operazione? Ospita almeno cento uomini, pi

della met dei quali sono giubbe rosse. Tutto per qualche schiavo? Benjamin scoppi a ridere. No, un comandante della truppa del re, responsabile del forte Southgate. Ma i britannici hanno qualche probabilit di ricacciare i francesi solo alleandosi con gli indigeni, non facendoli schiavi, commentai perplesso. Silas fedele solo al suo portamonete, comment William dal leggio. Che le sue attivit danneggino la Corona irrilevante. Fin che ci sono acquirenti per i suoi prodotti continuer a operare. Un motivo in pi per fermarlo, allora, dichiarai. Io passo il mio tempo a parlare con

i locali, tentando di convincerli che siamo noi quelli di cui dovrebbero fidarsi, aggiunse William. Che i francesi li stanno semplicemente usando, per poi abbandonarli appena avranno vinto. Le vostre parole perdono vigore dinnanzi alla realt dellattivit di Silas, sospirai. Ho cercato di spiegare loro che lui non ci rappresenta, replic con unocchiata mesta. Ma lui indossa la giubba rossa. Comanda un forte. Devono considerarmi un bugiardo o un pazzo Con ogni probabilit entrambe le cose. Coraggio, fratello, esclamai. Quando consegneremo loro la sua testa, capiranno che le vostre parole

erano sincere. Ma prima dobbiamo trovare il modo di entrare nel forte. Lasciatemi riflettere. Nel frattempo mi occuper della nostra ultima recluta. Al che Charles si rianim. John Pitcairn il nostro uomo. Vi porter da lui.

3
Ci ritrovammo in un accampamento militare allesterno della citt, dove le giubbe rosse controllavano diligentemente quelli che entravano e uscivano. Erano uomini di Braddock e io mi chiesi se ne avrei riconosciuti alcuni dal periodo delle mie campagne militari di tanti anni prima. Ne dubitavo. Il suo sistema era troppo brutale, i suoi uomini mercenari, ex galeotti, uomini in fuga che non rimanevano mai a lungo in un posto solo. Ora uno, non rasato e trasandato nonostante luniforme di soldato britannico, fece un passo avanti. Dichiarate il motivo della vostra

presenza, ordin, mentre ci scrutava senza trovarci di suo gradimento. Stavo per rispondere, quando Charles sintromise, mi indic e disse alla guardia: Una nuova recluta. La guardia si spost di lato. Altra legna minuta per la pira, eh? Entrate. Oltrepassammo il cancello ed entrammo nellaccampamento. Come ci siete riuscito? chiesi a Charles. Ve ne siete dimenticato, signore? Io sono un ufficiale del generale Braddock, quando non mi occupo di voi, naturalmente. Ci super un carro guidato da un uomo che portava un cappello a tesa larga e noi si scostammo per lasciar

passare un gruppo di lavandaie. Le tende punteggiavano tutta larea, su cui era sospesa una bassa nuvola di fumo che sinnalzava dai fuochi dellaccampamento, cui badavano uomini e bambini, civili al servizio dellesercito il cui compito era quello di preparare il caff e cucinare per i loro padroni imperiali. Cerano bucati appesi a corde tirate fra i tettucci davanti alle tende; civili caricavano casse di provviste su carri in legno, sorvegliati da ufficiali a cavallo. Vedemmo un gruppo di soldati alle prese con un cannone impantanato nel fango e altri che impilavano casse, mentre nella piazza principale una truppa di venti o trenta giubbe rosse veniva fatta

marciare da un ufficiale che lanciava ordini incomprensibili. Guardandomi in giro mi colp come laccampamento fosse chiaramente il risultato del Braddock che conoscevo: indaffarato e ordinato, un alveare di operosit, un crogiolo di disciplina. Qualsiasi visitatore avrebbe pensato che faceva onore allesercito britannico e ai suoi comandanti, ma se avesse osservato pi attentamente, o se conosceva il Braddock di una volta, come me, avrebbe intuito che i soldati avevano pervaso il luogo da unaria di risentimento per le loro attivit. Non erano spinti a lavorare da un senso di orgoglio per la loro uniforme, ma dal giogo della brutalit.

E parlando di brutalit Stavamo avvicinandoci a una tenda e, giunti pi vicini, capii, con una spiacevole sensazione alla bocca dello stomaco, che quella voce urlante apparteneva a Braddock. Quando lavevo visto lultima volta? Parecchi anni prima, quando avevo lasciato il reggimento di guardie a piedi Coldstream, e non ero mai stato tanto contento di piantare in asso un uomo come quel giorno. Avevo abbandonato la compagnia giurando che avrei fatto tutto il possibile per far s che Braddock rispondesse dei crimini cui avevo assistito durante il periodo trascorso con lui, crimini di crudelt e brutalit. Non avevo per considerato i legami che

univano lOrdine: non avevo tenuto conto della lealt che Reginald nutriva nei suoi confronti e, alla fine, avevo dovuto accettare che Braddock avrebbe continuato come aveva sempre fatto. La cosa non mi piaceva, ma avevo dovuto accettarla e tenermi alla larga da lui. Ora, tuttavia, non potevo evitarlo. Quando entrammo, stava rimproverando un uomo che doveva avere circa la mia et, che indossava abiti civili, ma che era chiaramente un militare. Era John Pitcairn e stava sopportando lo scoppio dira di Braddock, un furore che conoscevo bene, mentre il generale gridava: avevate intenzione di annunciarvi? O speravate che i miei uomini non

avrebbero notato il vostro arrivo? John mi piacque immediatamente. Mi piacque il modo imperturbabile in cui rispose, laccento scozzese calmo e misurato, per nulla intimidito da Braddock: Signore, se mi permettesse di spiegare Il tempo non era stato clemente con Braddock. Il suo volto era pi rubizzo che mai e cominciava a stempiarsi. Avvamp ancora di pi mentre ribatteva: Oh, mi piacerebbe molto sentire la vostra spiegazione! Non ho disertato, signore, protest Pitcairn. Sono qui agli ordini del comandante Amherst. Ma Braddock non era dellumore di farsi impressionare dal nome del

comandante Jeffrey Amherst, anzi il suo umore peggior. Mostratemi una lettera con il suo sigillo ed eviterete la forca, ringhi. Non ho nulla di simile, rispose Pitcairn, deglutendo, lunico indizio di nervosismo che aveva mostrato; forse il pensiero della corda che si stringeva attorno al suo collo, la natura del mio compito, signore Braddock indietreggi come se tutta la faccenda lavesse annoiato e forse stava per dare lordine di giustiziare sommariamente Pitcairn, quando io colsi lopportunit per farmi avanti. Non il genere di cosa che si mette per iscritto, intervenni. Braddock si volt bruscamente per

guardarmi e per la prima volta si accorse della presenza mia e di Charles e ci esamin con mutevoli gradi di irritazione. A Charles non dedic astio pi che tanto, ma a me? Mettiamola cos: lantipatia era reciproca. Haytham, disse semplicemente, il mio nome unimprecazione sulle sue labbra. Generale Braddock, replicai, senza curarmi di nascondere la mia avversione per il suo nuovo rango. Lui guard da Pitcairn a me e, forse, alla fine, colse il legame. Immagino che non dovrei essere sorpreso. I lupi si spostano spesso in branchi. Il signor Pitcairn rester qui solo alcune settimane, gli spiegai, poi,

appena avremo finito, lo riporter al suo posto. Braddock scosse la testa. Io feci del mio meglio per celare un sorriso e riuscii a non far trapelare la mia soddisfazione. Era furioso, non solo perch la sua autorit era stata sminuita, ma anche perch, ed era la cosa peggiore, era stata sminuita da me. Un lavoro del diavolo, immagino, esclam. gi abbastanza brutto che i miei superiori abbiano insistito a che vi permettessi di sfruttare Charles, ma non avevano detto nulla di questo traditore. Non lo avrete. Edward iniziai. Ma Braddock si era gi rivolto ai suoi

uomini. Qui abbiamo Accompagnate fuori gentiluomini, ordin.

finito. questi

4
Ecco, non andata come avevo previsto, osserv con un sospiro Charles. Eravamo nuovamente fuori le mura, con laccampamento alle nostre spalle e Boston davanti a noi con il mare allorizzonte, gli alberi e le vele delle navi nel porto. Sostammo accanto a una pompa allombra di un ciliegio e ci appoggiammo al muro da cui potevamo osservare landirivieni nellaccampamento senza attrarre attenzione. E pensare che chiamavo Edward fratello ammisi tristemente. Era passato molto tempo ed era

difficile da ricordare, ma era vero. Cera stato un tempo in cui avevo guardato con ammirazione Braddock, quando ritenevo lui e Reginald amici e complici. Ora disprezzavo profondamente Braddock. E Reginald? Non ero ancora sicuro di lui. E adesso? domand Charles. Ci caccerebbero, se tentassimo di tornare. Fissando laccampamento, vidi Braddock uscire a grandi passi dalla sua tenda, sbraitando come al solito, facendo un cenno a un ufficiale, uno dei suoi mercenari scelti, che gli si avvicin, seguito da John. Almeno era ancora vivo; la collera di Braddock era scemata o laveva diretta contro

qualcosaltro. Con ogni probabilit contro di me. Mentre guardavamo, lufficiale radun i soldati che avevamo visto esercitarsi nella piazza delle baracche e li organizz in una pattuglia, poi, con Braddock alla loro testa, li condusse fuori dallaccampamento. Altri soldati e civili si affrettarono a scansarsi e il cancello, che prima era attorniato da persone, si sgombr rapidamente per permettere loro di attraversarlo. Passarono a un centinaio di metri da noi, e tra i rami pendenti del ciliegio li osservammo scendere la collina e dirigersi verso i confini della citt, reggendo orgogliosi la bandiera dellUnione.

Al loro passare scese uno strano senso di pace e io mi staccai dal muro e dissi a Charles: Seguitemi. Restammo a duecento metri dietro di loro, eppure riuscimmo ugualmente a sentire la voce di Braddock che cresceva di volume pi ci avvicinavamo alla citt. Anche mentre era in marcia aveva laria di uno che teneva banco, ma comprendemmo presto che quella era una missione di reclutamento. Braddock inizi avvicinando un fabbro ferraio, ordinando alla squadra di osservare e imparare. Ogni ombra di ira era scomparsa e si rivolse alluomo con un ampio sorriso, pi come uno zio preoccupato che come il tiranno spietato che era realmente.

Mi sembrate depresso, amico, esord cordiale. Cosa c che non va? Charles e io ci fermammo a una certa distanza, con Charles che aveva abbassato la testa e si teneva nascosto, per tema di essere riconosciuto. Io tesi le orecchie per sentire la risposta del maniscalco. Gli affari sono scarsi, ultimamente, rispose. Ho perso sia la bottega sia la merce. Braddock alz le mani come se fosse un problema di facile risoluzione. E se vi dicessi che potrei spazzare via tutti i vostri problemi? domand. Sarei molto diffidente, per prima Giusto! Ma ascoltatemi ancora un po. I francesi e i loro amici selvaggi

stanno devastando la campagna. Il re ha affidato a uomini come me il compito di radunare un esercito per costringerli a ritirarsi. Unitevi alla mia spedizione e verrete cospicuamente ricompensato. Solo alcune settimane del vostro tempo e tornerete carico di monete e potrete riaprire una nuova bottega, pi grande e pi bella! Mentre parlavano, notai che gli altri ufficiali avevano ordinato ai membri della pattuglia di avvicinare altri cittadini e di fare la stessa cosa. Nel frattempo, il maniscalco stava chiedendo: Davvero? Braddock gli stava gi porgendo dei certificati di nomina a ufficiale che aveva tirato fuori dalla giubba.

Guardate voi stesso, disse borioso, come se stesse consegnando alluomo delloro e non delle carte per arruolarsi nellesercito pi brutale e disumano che avessi mai conosciuto. Lo far, esclam il povero maniscalco credulone. Ditemi soltanto dove devo firmare! Braddock riprese il cammino, conducendoci in una pubblica piazza dove pronunci un breve discorso e altri suoi soldati cominciarono ad andare in giro. Ascoltatemi, brava gente di Boston, esord, nel tono di un gentiluomo paterno che sta per dare una fantastica notizia. Lesercito del re ha bisogno di uomini forti e leali. Forze

oscure si stanno radunando nel Nord, bramose della nostra terra e della sua grande generosit. Sono qui oggi davanti a voi con una richiesta: se tenete in gran conto i vostri beni, le vostre famiglie, le vostre stesse esistenze, allora unitevi a noi. Prendete le armi per servire Dio e il Paese, per difendere tutto ci che abbiamo creato qui. Alcuni cittadini alzarono le spalle e si allontanarono; altri si consultarono con i loro amici. Altri ancora si avvicinarono alle giubbe rosse, presumibilmente desiderosi di offrire i loro servizi e guadagnare un po di soldi. Non potei evitare di notare una precisa correlazione tra la povert del

loro aspetto e la probabilit che venissero attratti dal discorso di Braddock. E infatti lo sentii dire al suo ufficiale: Dove andiamo ora? Forse gi a Marlborough? rispose il fedele tenente che, sebbene fosse troppo lontano per vederlo bene, aveva una voce familiare. No, rispose Braddock. I residenti di quel quartiere stanno troppo bene. Le loro case sono belle, le loro vite senza preoccupazioni. Che ne dite dellarea di via Lyn o Ship? Daccordo. I nuovi arrivati finiscono spesso in miseria. pi che probabile che colgano lopportunit di impinguare

le loro borse e di dare da mangiare ai loro figli. Non molto distante cera John Pitcairn. Volevo avvicinarmi a lui. Osservando le giubbe rosse che lo circondavano, capii che mi occorreva ununiforme. Peccato per il poveretto che si allontan dal gruppo per liberarsi. Era il tenente di Braddock. Si mise a bighellonare in giro, si fece strada a spallate tra due donne ben vestite con cuffiette in testa e ringhi quando espressero disapprovazione per il suo comportamento, il suo modo di conquistare cuori e menti in nome di sua maest. Lo seguii da lontano, fin quando

arriv in fondo alla via, dove cera un basso edificio in legno, una sorta di deposito, e, dopo avere controllato in giro, appoggi il moschetto alla parete e si sbotton le brache per urinare. Naturalmente qualcuno lo stava guardando. Io. Controllai che non ci fossero altre giubbe rosse nelle vicinanze, quindi mi avvicinai, facendo una smorfia per la puzza; a quanto pareva, molte giubbe rosse dovevano essersi liberate in quel posto. Poi caricai la lama con un leggero clic, che lui sent, perch si irrigid, ma senza interrompersi. Chiunque voi siate, fareste meglio a stare dietro di me quando piscio, disse, scuotendo e poi rimettendo nelle

brache luccello. Allora riconobbi la voce. Era il boia. Era Slater! esclamai. Quello il mio nome, non rovinatelo con la vostra brutta voce. E voi chi siete? Fingeva di avere problemi con i bottoni, ma lo vidi tendere la mano destra verso lelsa della spada. Forse vi ricordate di me. Mi chiamo Haytham Kenway. Lui si irrigid di nuovo e raddrizz la testa. Haytham Kenway, ripet con voce roca. Davvero, un nome di persona molto influente. Avevo sperato di non rivedervi pi. E io voi. Voltatevi, per favore. Un cavallo e un carretto passarono

nel fango, mentre Slater si girava lentamente verso di me, lo sguardo sulla lama al mio polso. Siete un Assassino adesso, eh! Un Templare, Slater, come il vostro capo. Il generale Braddock non pi interessato al vostro Ordine. Proprio come avevo sospettato. Ecco perch aveva tentato di sabotare i miei sforzi di reclutare una squadra per la missione di Reginald. Braddock si era messo contro di noi. Sguainate la spada, Slater, gli intimai. I suoi occhi guizzarono. Mi infilzereste se lo facessi. Annuii. Non posso uccidervi a

sangue freddo. Non sono il vostro generale. No, siete solo una briciola delluomo che lui. E prese la spada Un secondo dopo luomo che una volta aveva cercato di impiccarmi, che io avevo guardato massacrare unintera famiglia allassedio di Bergen op Zoom, giaceva morto ai miei piedi e io fissai il suo cadavere che si stava ancora contraendo, pensando solo che dovevo sfilargli la divisa prima che si macchiasse di sangue. La indossai e tornai da Charles che mi guard accigliato. Sembrate proprio uno di loro! Gli rivolsi un sorriso ironico. Ora

dobbiamo far conoscere a Pitcairn i nostri piani. Quando vi dar il segnale, dovrete creare un alterco. Sfrutteremo la distrazione per allontanarci furtivamente. Nel frattempo Braddock stava impartendo ordini. Forza, soldati, ci spostiamo, grid e io colsi lopportunit per confondermi nelle fila della pattuglia, tenendo la testa bassa. Sapevo che Braddock si sarebbe focalizzato sul reclutamento e non sui suoi uomini; pur tuttavia, confidai nel fatto che gli uomini della pattuglia avrebbero avuto una tale paura di incorrere nella sua collera che si sarebbero tanto concentrati a reclutare nuove leve da non notare un volto

sconosciuto tra le loro fila. Mi misi in riga accanto a Pitcairn e, sottovoce, lo salutai: Salve di nuovo, Jonathan. Lui sobbalz, mi guard ed esclam: Signor Kenway? Lo zittii e alzai lo sguardo per assicurarmi di non avere attirato unattenzione indesiderata prima di proseguire: Non stato facile infiltrarmi qui ma ci sono e sono venuto a salvarvi. Questa volta tenne la voce bassa. Pensate realmente che ce la caveremo? Non avete fiducia in me? Vi conosco a malapena Quel tanto che basta. Sentite, sussurr. Vorrei tanto

aiutarvi, ma avete sentito Braddock. Se avesse sentore di questa cosa, per noi sarebbe la fine. Mi occuper di Braddock, lo rassicurai. Lui mi guard. Come? Gli rivolsi unocchiata per dirgli che sapevo esattamente cosa stavo facendo, mi misi le dita sulle labbra e lanciai un forte fischio. Era il segnale che Charles stava attendendo e si precipit di corsa da una strada tra due edifici. Si era tolto la camicia e la stava usando per nascondersi la faccia; anche il resto dei vestiti era scompigliato; si era coperto di fango tanto da non sembrare pi un ufficiale militare. In verit pareva un

pazzo e si comport come tale, mettendosi davanti alla pattuglia che si arrest disordinata, troppo sorpresa o divertita per puntare le armi, mentre Charles iniziava a gridare: Siete tutti dei ladri e furfanti! Giurate che limpero ci ricompenser e ci onorer! Ma alla fine ci mandate solo a morire! E per cosa? Rocce e ghiaccio, alberi e torrenti? Ecco, non li vogliamo! Non ne abbiamo bisogno! Prendete le vostre false promesse, le vostre borse, le vostre uniformi e i fucili, prendete tutte le cose che vi sono tanto care, e infilatevele nel culo! Le giubbe rosse si scambiarono occhiate, le bocche spalancate per la sorpresa, tanto sconcertate che, per un

momento, temetti che non avrebbero reagito. Lo stesso Braddock rimase fermo a una certa distanza, la bocca aperta, senza sapere se arrabbiarsi o ridere per questo inatteso scoppio di pura follia. Si sarebbero semplicemente girati per andarsene? Forse Charles aveva temuto la stessa cosa, perch di colpo aveva gridato: Vergogna a voi e alla vostra falsa guerra, aggiungendo un tocco finale. Allung la mano, raccolse un pezzo di sterco di cavallo e lo lanci verso il gruppo. La maggior parte di loro lo scans, i fortunati, cio, tra i quali non era incluso il generale Edward Braddock. Lui rimase fermo, lo sterco

sulluniforme, e non dubitava pi se essere arrabbiato o divertito. Ora era soltanto infuriato e il suo urlo parve scuotete le foglie sugli alberi. Prendetelo! Alcuni soldati si staccarono dal gruppo e si misero a inseguire Charles che si era gi voltato e stava superando di corsa lemporio, per poi svoltare a sinistra in una strada tra il negozio e la taverna. Era la nostra occasione, ma invece di afferrarla, John disse: Dannazione! Che c? chiesi. il momento giusto per scappare. Temo di no. Il vostro uomo si infilato in un vicolo cieco. Dobbiamo salvarlo.

Gemetti. E cos era diventata una missione di salvataggio, e non solo delluomo che avevo inteso salvare. Mi lanciai anchio verso il vicolo, non con lintenzione di soddisfare lonore del nostro generale, ma la pelle di Charles. Arrivai troppo tardi. Vidi che era gi stato arrestato e rimasi nascosto, imprecando in silenzio, mentre lui veniva trascinato nella via principale e portato davanti a un furibondo generale Braddock che stava gi per sfoderare la spada, quando decisi che le cose erano andate troppo avanti. Lasciatelo, Edward. Si volt verso di me. Era impossibile che il suo volto sincupisse ancora di pi, ma lo fece. Attorno a noi, giubbe

rosse senza fiato si scambiarono sguardi sconcertati, mentre Charles, trattenuto da due soldati e ancora senza camicia, mi lanciava unocchiata grata. Ancora voi! tuon con rabbia Braddock. Pensavate che non sarei tornato? gli chiesi con calma. Mi sorprende di pi la facilit con cui vi abbiamo smascherato, replic, gongolante. Vi siete rammollito, a quanto pare. Non avevo alcuna voglia di scambiare insulti con lui. Lasciateci andare e John Pitcairn con noi. Non permetto che si sfidi la mia autorit. Nemmeno io.

I suoi occhi fiammeggiarono. Lavevamo veramente perso? Per un attimo mi immaginai seduto con lui a mostrargli il libro e a osservare la trasformazione scendere su di lui. Avrebbe percepito lo stesso senso di improvviso sapere che avevo provato io? Sarebbe potuto tornare da noi? Incatenateli, grid. No, decisi che non poteva farlo. Desiderai nuovamente che Reginald fosse presente, perch lui avrebbe stroncato questa discussione e avrebbe evitato ci che accadde in seguito. E cio che io decisi che avrei potuto liberarli e feci la mia mossa. In un batter docchio avevo estratto la spada e il soldato pi vicino mor con

unespressione di sorpresa sul volto mentre io lo trapassavo da parte a parte. Con la coda dellocchio vidi Braddock saettare di lato, sguainare la spada e lanciare un ordine a un altro giannizzero che tent di puntare la pistola, gi innescata. John lo raggiunse prima che ci riuscisse, la spada dardeggi dallalto in basso, tagliando il polso delluomo, senza staccargli del tutto la mano, ma arrivando fino allosso, cos che per un momento la mano penzol allestremit del braccio e la pistola cadde innocua a terra. Un altro soldato mi assal dalla sinistra e ci scambiammo colpi, uno, due, tre. Lo spinsi in avanti fino a sbattere contro un muro e il mio ultimo

colpo fin tra le cinghie incrociate sulla giubba, direttamente nel cuore. Ruotai su me stesso e mi scontrai con un terzo uomo, deviai il suo fendente e lo colpii al petto, facendolo volare a terra. Con il dorso della mano mi asciugai il sangue dalla faccia in tempo per vedere John infilzare un altro uomo e Charles, che aveva strappato una spada a uno di quelli che lavevano catturato, finire laltro con alcuni fendenti precisi. Poi la lotta termin e io affrontai lultimo uomo in piedi e lultimo uomo era il generale Edward Braddock. Sarebbe stato tanto facile finire qui la faccenda. I suoi occhi mi dissero che sapeva che avevo il coraggio di ucciderlo. Forse, per la prima volta, si

rese conto che qualsiasi vincolo ci avesse una volta legati, quello dei Templari o il nostro comune rispetto per Reginald, non esisteva pi. Lasciai quel momento in sospeso, poi abbassai la spada. Mi trattengo oggi dalluccidervi, perch una volta eravate mio fratello, dissi, e un uomo migliore. Ma se i nostri passi dovessero nuovamente incrociarsi, dimenticherei tutti i debiti. Mi voltai verso John: Ora siete libero, John. E mi allontanai con lui e Charles. Traditore! grid Braddock. Continuate cos. Unitevi al loro folle progetto. E quando vi ritroverete ferito e morente in fondo a qualche fossa,

prego che le mie parole di oggi siano le ultime che ricorderete. Si allontan a grandi passi, scavalcando i cadaveri dei suoi uomini e facendosi strada a spallate tra gli astanti. Nelle strade di Boston non si era mai troppo lontani da una pattuglia di giubbe rosse e, con Braddock che poteva chiamare rinforzi, decidemmo di squagliarcela. Mentre se ne andava, gettai unocchiata ai corpi dei soldati caduti che giacevano nel fango e pensai che, per quello che riguardava il reclutamento, il pomeriggio non era stato uno dei pi riusciti. Non cera da stupirsi se i cittadini girarono alla larga da noi mentre ci affrettavamo a raggiungere il Green

Dragon. Eravamo coperti di fango e di sangue e Charles stava tentando a fatica di rivestirsi. John, intanto, era curioso di conoscere il motivo della mia animosit verso Braddock e io gli raccontai il massacro al porto, e terminai dicendo: Da quel momento le cose non furono pi le stesse. Conducemmo ancora alcune campagne militari insieme, ma ogni spedizione era pi cruenta della precedente. Uccideva e uccideva: nemici o alleati, civili o soldati, colpevoli o innocenti, non importava. Se avvertiva che qualcuno era dostacolo, lo eliminava. Sosteneva che la violenza era la soluzione pi efficace. Divenne il suo mantra. E mi spezz il cuore.

Dovremmo fermarlo, concluse John, lanciandosi unocchiata alle spalle come se potessimo farlo subito. Immagino che abbiate ragione ma continuo stupidamente a sperare che possa essere ancora salvato e riportato alla ragione. Lo so, lo so, sciocco credere che una persona con le mani cos sporche di sangue possa cambiare allimprovviso. Era veramente tanto sciocco? mi chiesi. Dopotutto, io non ero forse cambiato?

14 luglio 1754

1
STANDO al Green Dragon, eravamo nel luogo ideale per sentire qualsiasi voce circolasse su di noi e Thomas teneva le orecchie ben aperte. Non che per lui fosse un lavoro fastidioso, naturalmente; stare attento a qualsiasi indizio di complotto contro di noi voleva dire sorseggiare birra mentre origliava o si faceva raccontare pettegolezzi. In questo era molto bravo. Doveva esserlo. Ci eravamo fatti dei nemici: Silas, naturalmente, anche se il pi preoccupante di tutti era il generale Edward Braddock. Ieri sera ero seduto alla scrivania in camera mia a scrivere nel mio diario.

Sul tavolo accanto a me cera la lama celata, la spada era a portata di mano, casomai Braddock avesse lanciato immediatamente il suo inevitabile attacco di rappresaglia, e io compresi che dora in poi sarebbe sempre stato cos: dormire con un occhio aperto, non staccarsi mai dalle armi, guardarsi sempre alle spalle, ritenere che ogni viso sconosciuto fosse quello di un possibile nemico. Il solo pensiero era stancante, ma che altre possibilit cerano? Secondo Slater, Braddock aveva abbandonato lOrdine dei Templari. Ora era una mina vagante e la cosa peggiore di una mina vagante era una mina vagante con un esercito a sua disposizione.

Potevo almeno confortarmi sapendo che ora avevo una squadra scelta e, ancora una volta, ci eravamo riuniti nella stanza sul retro, con in pi John Pitcairn, un osso duro per entrambi i nostri avversari. Quando entrai, si alzarono tutti per salutarmi, anche Thomas che pareva pi sobrio del solito. Li osservai: le ferite di Benjamin erano guarite bene; John pareva avere sostituito laria preoccupata con una nuova leggerezza di spirito; Charles era ancora un ufficiale dellesercito britannico e temeva che Braddock lo richiamasse, per cui, quando non guardava dallalto in basso Thomas, aveva unespressione ansiosa, mentre William se ne stava al

leggio con una penna in mano, sempre intento a comparare i segni sullamuleto con il libro, le mappe e i grafici, ancora perplesso, ancora incapace di comprendere i dettagli significativi. Riguardo a questo mi era venuta unidea. Indicai a tutti di sedersi e mi accomodai tra loro. Signori, credo di avere trovato la soluzione del nostro problema. O, per meglio dire, lha trovata Ulisse. La menzione del personaggio mitologico ebbe un effetto diverso sui miei amici e, mentre William, Charles e Benjamin, annuirono con aria solenne, John e Thomas parvero perplessi, con Thomas il meno imbarazzato.

Ulisse? un nuovo membro? rutt. leroe greco, cretino, lo rimbrott Charles, disgustato. Permettetemi di spiegarmi, dissi. Entreremo nel forte di Silas. Una volta dentro, facciamo scattare la trappola. Liberiamo i prigionieri e uccidiamo il negriero. Li osservai riflettere. Thomas parl per primo. Furbo, furbo, mi piace. Allora iniziamo, continuai. Per prima cosa dobbiamo procurarci un convoglio.

2
Charles e io eravamo su un tetto che dava su una delle piazze pubbliche di Boston ed eravamo entrambi abbigliati come giubbe rosse. Guardai la mia uniforme. Cera ancora un po di sangue di Slater sulla cintura in pelle marrone e una macchia sulle calze bianche, ma per il resto ero perfetto, come pure Charles, anche se continuava a sistemarsi luniforme. Avevo dimenticato quanto sono scomode. Ma necessarie, temo, replicai, per attuare bene linganno. Lo guardai, almeno non avrebbe dovuto soffrire a lungo. Il convoglio

dovrebbe arrivare presto, gli dissi. Attaccheremo al mio segnale. Intesi, signore. Nella piazza sotto di noi un carro capovolto bloccava luscita opposta e due uomini stavano sbuffando e borbottando cercando di rimetterlo diritto. O fingendo di sbuffare e borbottare e di volerlo rimettere in piedi, dovrei dire, perch i due uomini erano Thomas e Benjamin e il carro era stato deliberatamente rovesciato da noi quattro pochi minuti prima e sistemato strategicamente per bloccare il passaggio. Non molto distanti cerano John e William, che attendevano allombra della bottega di un

maniscalco, seduti su secchi capovolti con i cappelli tirati sugli occhi, un paio di maniscalchi che facevano un riposino guardando il mondo passare. La trappola era sistemata. Presi il cannocchiale e lo puntai sul paesaggio dietro la piazza e questa volta li vidi, il convoglio e una squadra di nove giubbe rosse che si avvicinavano. Uno di loro guidava un carro di fieno e accanto a lui cera Regolai la messa a fuoco. Era una donna Mohawk, una bella donna Mohawk, la quale, malgrado fosse incatenata, aveva unespressione fiera e spavalda e sedeva eretta, in contrasto con la giubba rossa che guidava seduta accanto a lei, le spalle curve e una pipa

dal lungo stelo in bocca. Notai che la donna aveva un livido sul volto e mi sorpresi nel provare un accesso di ira nel vederlo. Mi chiesi quanto tempo prima lavessero catturata e come ci fossero riusciti. Era chiaro che aveva lottato. Signore, mi domand Charles, sollecitandomi, non fareste meglio a dare il segnale? Mi schiarii la voce. Naturalmente, Charles, risposi e mi misi le dita in bocca e lanciai un fischio dal tono basso e osservai i miei compagni sotto scambiarsi i segnali, mentre Thomas e Benjamin continuarono a fingere di voler raddrizzare il carro. Attendemmo finch le giubbe rosse

entrarono marciando nella piazza e videro il carro che bloccava loro la strada. Che diavolo succede? chiese una delle guardie. Scusate, scusate, signori a quanto pare abbiamo avuto uno sfortunato incidente, rispose Thomas allargando le mani e rivolgendo loro un sorriso suadente. Il capo dei soldati not laccento di Thomas e di colpo assunse unespressione sprezzante. Il suo volto si fece color porpora, non ancora tanto adirato da eguagliare il colore della sua giubba, ma piuttosto intenso. Sistematelo e alla svelta, sbott e Thomas si port una mano alla fronte

con fare servile prima di tornare a dare una mano a Benjamin. Naturalmente, signore, subito. Charles e io, ora stesi sulla pancia, restammo a guardare. John e William tenevano le facce nascoste, ma osservarono la scena, mentre le giubbe rosse, invece di girare semplicemente attorno al carro o, non sia mai, aiutare Thomas e Benjamin, rimasero fermi immobili, mentre il loro capo diventata sempre pi furibondo, fin quando scoppi. O raddrizzate il carro o noi ci passiamo attraverso. Per favore, no. Vidi gli occhi di Thomas saettare prima verso lalto dove eravamo noi, poi dallaltra parte

della piazza dove William e John sedevano pronti, le mani sulle impugnature delle loro spade, e pronunci la frase che avrebbe avviato lazione: Abbiamo quasi finito. Rapidamente Benjamin estrasse la spada e trafisse luomo pi vicino, mentre, prima che il capo della guardia avesse tempo di reagire, Thomas aveva fatto apparire un pugnale da dentro la manica che piazz nellocchio della guardia al comando. Simultaneamente, William e John irruppero dallombra e i tre uomini caddero sotto le loro spade, mentre Charles e io saltavamo dallalto, prendendo i pi vicini di sorpresa. Quattro morirono e noi non demmo loro

neppure la possibilit di esalare lultimo respiro con dignit. Temendo che le loro uniformi si inzuppassero di sangue, stavamo gi spogliando quegli uomini morenti. Nel giro di pochi attimi avevamo spostato i cadaveri in una sorta di stalla, chiusa e sprangata la porta e, quando tornammo in strada, eravamo sei giubbe rosse che avevano preso il posto di nove. Un nuovo convoglio. Mi guardai in giro. La piazza gi poco affollata prima, ora era deserta. Non avevamo idea di chi potesse avere assistito allimboscata, coloniali che odiavano i britannici ed erano felici di vederli abbattuti? Sostenitori dellesercito britannico che in questo

momento stavano andando al forte Southgate per avvisare Silas di ci che era accaduto? Non avevamo tempo da perdere. Balzai sul sedile del cocchiere e la donna Mohawk si ritrasse quel tanto che le permettevano le manette, e mi lanci unocchiata guardinga, ma sovversiva. Siamo qui per aiutarvi, tentai di rassicurarla. Insieme con gli altri prigionieri nel forte Southgate. Liberatemi, allora, esclam. Con rincrescimento le dissi: Solo dopo che saremo entrati nel forte. Non posso rischiare che unispezione alla porta finisca male, e in cambio ricevetti unocchiata di disgusto, come per dire che era ci che si aspettava.

Vi salver, insistetti, avete la mia parola. Scrollai le redini e i cavalli si mossero e i miei uomini si avviarono lungo i lati del carro. Sapete qualcosa dellattivit di Silas? le domandai. Quanti uomini ci saranno? Come sono le difese del forte? Lei rimase in silenzio. Dovete essere molto importante per lui se vi ha dato una scorta personale, insistetti, ma lei continu a ignorarmi. Vorrei che vi fidaste di noi, ma immagino sia naturale per voi essere diffidente. Il suo silenzio mi fece capire che le mie parole erano sprecate e decisi di restare zitto. Arrivati alle porte, una guardia fece un passo avanti e grid: Altol. Tirai le redini e ci fermammo, io e le

mie giubbe rosse. Guardando oltre la mia prigioniera, alzai leggermente il cappello. Buona sera, signori. Compresi che la sentinella non aveva alcuna voglia di scambiare cortesie. Dichiarate il motivo della vostra presenza, disse, fissando la Mohawk con occhi interessati e lascivi. Lei ricambi il suo sguardo con unocchiata astiosa. Per un attimo ricordai che, appena arrivato a Boston, avevo voluto vedere quali cambiamenti aveva portato il governo inglese in questo Paese, quali effetti aveva avuto sulla gente del luogo. Per la Mohawk, si vedeva chiaramente che non erano stati effetti benefici. Parlavamo con orgoglio di

salvare questo Paese, invece lo stavamo distruggendo. Indicai la donna. Consegna per Silas, dissi e la guardia annu, si lecc il labbro, poi buss alla porta per farsela aprire e noi avanzammo lentamente. Allinterno il forte era silenzioso. Ci trovammo vicini agli spalti, basse mura in pietra scura dove i cannoni erano sistemati con le bocche verso Boston, verso il mare e alcune giubbe rosse con moschetti a tracolla pattugliavano avanti e indietro. Erano concentrati sullesterno del forte; temevano un attacco dei francesi e, guardando gi dagli spalti, rivolsero a malapena una seconda occhiata al nostro carro; cercando di apparire il pi

possibile disinvolti, ci dirigemmo verso un settore isolato, dove per prima cosa liberai la donna. Visto? Vi sto liberando, proprio come vi avevo promesso. E adesso, se mi lasciate spiegare Ma, con unultima occhiata, era gi saltata gi dal carro ed era scomparsa nelloscurit e io rimasi l a fissare il buio con la sensazione di una questione in sospeso; il desiderio di spiegarmi, di passare pi tempo con lei. Thomas stava per correrle dietro, ma io lo fermai. Lasciatela andare. Ma ci tradir, protest. Guardai il suo posto sul carro, ma era gi un ricordo, un fantasma. No, non lo far, affermai, e scesi dal carro,

mi guardai in giro per assicurarmi che fossimo soli nel cortile interno, quindi radunai gli altri per dire loro cosa dovevano fare: liberare i prigionieri ed evitare di essere scoperti. Annuirono, ognuno gi impegnato a portare avanti limpresa. E Silas? domand Benjamin. Pensai alluomo sprezzante che avevo visto nel magazzino, che aveva abbandonato Benjamin alla merc di Cutter. Ricordai la promessa di Benjamin di avere la sua testa e guardai il mio amico: Muore. Osservai i miei uomini dileguarsi nella notte e decisi di tener docchio Charles, il mio pupillo, e lo vidi avvicinare un gruppo di giubbe rosse e

presentarsi. Guardai dallaltra parte del cortile e notai che Thomas stava parlando con un altro soldato. Intanto William e John si stavano dirigendo verso un edificio che pensai fosse la prigione militare, dove una guardia si era mossa per bloccarli. Controllai che le altre guardie fossero tenute occupate da Charles e Thomas e, soddisfatto, mostrai a John il pollice alzato, quindi lo vidi scambiare due parole con William mentre si avvicinavano alla sentinella. Posso esservi daiuto? sentii dire la guardia, la cui voce venne portata dallaltra parte della corte interna proprio mentre John gli tirava una ginocchiata nelle palle. Con un gemito simile a quello di un animale preso in

trappola, lasci cadere lasta della picca e cadde sulle ginocchia. Subito John gli tast la vita e prese lanello per le chiavi, quindi, con la schiena rivolta al cortile, apr la porta, afferr una torcia da un sostegno esterno e scomparve allinterno. Mi guardai in giro. Nessuna delle guardie aveva visto ci che stava accadendo alla prigione. Quelle sugli spalti fissavano diligentemente il mare; quelle allinterno erano distratte da Charles e Thomas. Riportai gli occhi sulla prigione e vidi John spingere fuori il primo dei prigionieri. Allimprovviso uno dei soldati sugli spalti not ci che stava succedendo.

Ehi, voi, che state combinando? grid, puntando il moschetto. Io mi precipitai sugli spalti, dove il primo soldato britannico stava per premere il grilletto, salii di corsa i gradini e gli infilai la spada sotto il mento con un unico, sciolto movimento. Mi acquattai e lasciai che il suo corpo cadesse su di me, quindi balzai da sotto il cadavere per trafiggere il cuore di unaltra guardia. Un terzo uomo mi rivolgeva la schiena e stava prendendo la mira su William, ma io gli colpii la parte posteriore delle gambe, quindi, mentre cadeva, gli diedi il colpo di grazia sulla nuca. A poca distanza William mi ringrazi alzando una mano, quindi si volt per affrontare un altro avversario.

La sua spada rote e una giubba rossa cadde sotto la sua lama e, quando si gir per affrontare un altro uomo, il suo volto era sporco di sangue. Nel giro di pochi istanti tutte le guardie erano morte, ma la porta di uno degli annessi si era aperta e ne era uscito Silas, gi furioso. Tutto quello che avevo chiesto era unora di silenzio, tuon. Ma neppure dieci minuti dopo vengo svegliato da questa follia cacofonica. Mi aspetto una spiegazione e che sia buona. Si blocc di colpo e lo scoppio dira gli mor sulle labbra mentre impallidiva. Sparsi nel cortile cerano i cadaveri dei suoi uomini e lui, girata di scatto la testa, guard verso la prigione dove la

porta era spalancata e i prigionieri si stavano riversando fuori con John che li spronava ad affrettarsi. Silas sguain la spada mentre altri comparivano dietro di lui. Cosa? Come successo? La mia preziosa mercanzia liberata? inaccettabile, siatene certi. Avr le teste dei responsabili, ma prima prima dobbiamo ripulire questo pasticcio. Le sue guardie si stavano infilando le giubbe, si assicuravano le spade alla vita e caricavano i moschetti. La corte, vuota a parte qualche cadavere fino a pochi minuti prima, si riemp di soldati ansiosi di sangue. Silas era fuori di s, gridava ai suoi soldati e indicava freneticamente loro di prendere le armi,

cercando di calmarsi mentre ordinava: Chiudete il forte. Uccidete chiunque tenti di fuggire. Non mimporta se sar uno di noi o uno di loro. Avvicinarsi alla porta vuol dire diventare un cadavere! Mi avete capito? La battaglia continu. Charles, Thomas, William, John e Benjamin si muovevano tra i soldati, sfruttando al massimo il loro travestimento. I soldati finirono per lottare tra loro, senza sapere con sicurezza chi tra gli uomini in uniforme era un amico e chi un nemico. Gli indigeni, inermi, si ripararono in attesa che il combattimento finisse, anche quando un gruppo di soldati britannici di Silas si alline davanti allentrata del forte.

Vidi la mia occasione, Silas si era posizionato di fianco alla truppa e stava esortando i soldati a essere spietati. Era evidente che a lui non importava chi moriva, a patto che alla sua preziosa mercanzia fosse impedito di scappare, a patto che il suo orgoglio non ne risentisse. Feci un cenno a Benjamin, ci avvicinammo a Silas e notammo che ci aveva individuati con la coda dellocchio. Per un attimo scorsi la confusione nei suoi lineamenti, finch si rese conto che, in primo luogo, eravamo due degli intrusi e poi che non poteva fuggire, dato che gli impedivamo di raggiungere il resto dei suoi uomini. Effettivamente sembravamo due sue

leali guardie del corpo che cercavano di proteggerlo. Voi non sapete chi sono, gli dissi, ma credo che voi due vi conosciate bene conclusi e Benjamin Church fece un passo avanti. Ti ho fatto una promessa, Silas, sibil Benjamin, una che intendo mantenere Tutto fin in pochi secondi. Benjamin fu molto pi clemente con Silas di quanto era stato Cutter con lui. Con il loro capo morto, la difesa del forte si disgreg, le porte si aprirono e noi consentimmo alle giubbe rimaste di uscire. Dietro di loro arrivarono i prigionieri Mohawk e io rividi la donna. Non era fuggita, ma era rimasta per

aiutare la sua gente. Era tanto coraggiosa quanto bella e piena di energia. Mentre aiutava i membri della sua trib ad allontanarsi da quel maledetto forte, i nostri sguardi sincrociarono e io rimasi incantato da lei. Poi spar.

15 novembre 1754

1
FACEVA freddo e la neve copriva il terreno tuttattorno a noi quando questa mattina partimmo presto e cavalcammo verso Lexington allinseguimento di Forse ossessione un termine troppo forte. Fissazione, allora. La mia fissazione per la donna Mohawk del carro. In particolare, la fissazione di trovarla. Perch? Se me lo avesse chiesto Charles, gli avrei risposto che volevo trovarla perch sapevo che parlava bene inglese e ritenevo che potesse essere un contatto utile per aiutarci a trovare la

localit dei precursori. Questo ci che avrei detto a Charles se mavesse chiesto perch volevo ritrovarla e in parte sarebbe stata la verit. In parte. In ogni caso, Charles e io stavamo prendendo parte a una di queste spedizioni, quella per Lexington, quando lui mi disse: Mi dispiace, ma temo di avere una brutta notizia, signore. Cio? Braddock vuole che torni a servire sotto di lui. Ho tentato di tirarmi indietro con delle scuse, inutilmente, ammise mesto. Senza alcun dubbio ancora fuori di s per avere perso John, per non parlare di come labbiamo disonorato, risposi

pensieroso, chiedendomi se non avrei fatto meglio a ucciderlo allora, quando ne avevo avuto la possibilit. Fate ci che chiede. Nel frattempo mi dar da fare per farvi esonerare dallobbligo. In che modo? Non lo sapevo. Una volta avrei potuto fare affidamento su una lettera di Reginald per far cambiare idea a Braddock, ma ora era chiaro che Braddock non era pi un nostro affiliato. Mi dispiace crearvi dei problemi, insistette Charles. Non colpa vostra, replicai. Mi sarebbe mancato. Dopotutto aveva fatto molto per scovare la mia donna del mistero che, secondo lui, doveva trovarsi nelle vicinanze di Boston, a Lexington, dove a quanto

pareva stava agitando le acque contro i britannici, guidati da Braddock. Chi poteva biasimarla, dopo avere visto la sua gente imprigionata da Silas? E cos eravamo a Lexington, in un accampamento da poco abbandonato. Non molto lontana, mi disse Charles. E io immaginai o sentii veramente il mio cuore battere pi forte. Era passato molto tempo da quando una donna mi aveva fatto sentire cos. Avevo trascorso la vita o studiando o spostandomi di continuo e, per quello che riguardava le donne nel mio letto, non ce nera stata una importante: le lavandaie durante la vita militare con le guardie Coldstream, le figlie di miei padroni di casa, donne che

mi avevano dato conforto e sollievo non solo fisici, ma che non avrei mai descritto come speciali. Questa donna, invece avevo visto qualcosa nel suo sguardo, come se fosse la mia anima gemella, unaltra persona solitaria, unaltra guerriera, un altro spirito acciaccato che guardava il mondo con occhi stanchi. Esaminai laccampamento. Il fuoco stato appena spento e la neve smossa di recente. vicina. Smontai da cavallo, ma, nel vedere che Charles stava seguendo il mio esempio, lo fermai. Meglio che torniate da Braddock, prima che sinsospettisca. Da qui posso occuparmi della faccenda da solo.

Lui annu, fece voltare il cavallo e io lo guardai mentre si allontanavano, quindi rivolsi la mia attenzione al terreno coperto di neve attorno a me, chiedendomi quale fosse il reale motivo per cui lavevo mandato via. E sapendo esattamente qual era.

2
Avanzai tra gli alberi. Aveva ripreso a nevicare e la foresta era stranamente silenziosa: si sentiva solo il suono del mio respiro il cui vapore si levava davanti a me. Avanzai rapido, ma furtivo e ben presto la vidi, o almeno vidi la sua schiena. Era inginocchiata nella neve, il moschetto appoggiato a un albero, e stava esaminando una trappola. Mi avvicinai il pi silenziosamente possibile, ma la vidi irrigidirsi. Mi aveva sentito. Perdio, quanto era brava. Un attimo dopo era rotolata sul fianco, aveva afferrato il moschetto,

lanciata unocchiata alle spalle e poi era fuggita nel bosco. La inseguii. Per favore, fermatevi, gridai mentre volavamo attraverso la foresta imbiancata di neve. Desidero solo parlarvi. Non sono vostro nemico. Ma lei continu a correre. Corsi sulla neve, muovendomi in fretta, superando con facilit il terrazzamento, ma lei era pi veloce, poi si arrampic sugli alberi, staccandosi dalla neve e dondolando di ramo in ramo ogni volta che le era possibile. Alla fine mi port sempre pi addentro il bosco e sarebbe riuscita a sfuggirmi se non fosse inciampata in una radice di un albero. Barcoll, cadde e io ero accanto a lei, non per

aggredirla, ma per aiutarla e alzai una mano, ansimando mentre riuscivo a dire: Io. Haytham. Io. Venuto. In. Pace. Lei mi guard come se non avesse capito una mia sola parola. Mi sentii prendere dal panico. Forse sul carro non avevo capito, forse non sapeva affatto parlare inglese. Poi, improvvisamente, chiese: Siete stupido? In perfetto inglese. Oh scusatemi Lei scosse il capo con disgusto. Cosa volete? Ecco, per prima cosa vorrei sapere come vi chiamate. Le mie spalle si sollevavano mentre riprendevo pian

piano fiato, che fumava nel freddo gelido. Dopo un attimo di indecisione rispose: Kanieht:io, e dopo che avevo tentato invano di ripetere il suo nome, aggiunse: Ma chiamatemi semplicemente Ziio. E ora ditemi perch siete qui. Mi sfilai lamuleto dal collo. Sapete cosa ? Di colpo mi afferr il braccio. Ne avete una? domand. Per un attimo rimasi sconcertato, poi mi resi conto che non stava guardando lamuleto, ma la mia lama celata. La osservai per un attimo, provando ci che potrei descrivere solo come uno strano miscuglio di emozioni: orgoglio,

ammirazione, poi trepidazione, quando, senza volere, fece scattare la lama. A suo merito, comunque, non trasal, ma mi guard con gli occhi marroni spalancati, e io mi sentii sprofondare ancor pi mentre diceva: Ho gi visto il vostro piccolo segreto. Le sorrisi a mia volta, tentando di mostrarmi pi sicuro di quanto mi sentissi, e sollevai di nuovo lamuleto e lo feci dondolare davanti ai suoi occhi. Sapete cosa ? Lei lo prese in mano e lo fiss. Chi ve lo ha dato? Un vecchio amico, risposi, pensando a Miko e offrendogli una silenziosa preghiera. Mi chiesi se non avrebbe dovuto esserci lui qui al mio

posto. Un Assassino invece di un Templare. Ho visto simili segni solo in un altro posto, disse e io provai una subitanea eccitazione. Dove? Mi mi proibito parlarne. Mi chinai verso di lei e la fissai negli occhi con la speranza di persuaderla con la forza della mia convinzione. Io ho salvato la vostra gente. Questo non ha alcun valore per voi? Non rispose. Sentite, insistetti. Non sono il nemico. Forse pens ai rischi che avevamo affrontato nel forte, a come avevamo strappato tante persone a Silas. E forse,

solo forse, vide qualcosa in me che le piacque. In ogni caso, annu, poi rispose: Nelle vicinanze c una collina, in cima alla quale cresce un possente albero. Venite, vedremo se dite il vero.

3
Mi condusse in cima al colle e mi indic in basso, dove cera una citt che mi disse chiamarsi Concord. In quella citt ci sono soldati che cercano di cacciare la mia gente da queste terre. Sono comandati da un uomo conosciuto come il Bulldog. Compresi immediatamente. Edward Braddock. Si gir bruscamente verso di me. Lo conoscete? Non un mio amico, la rassicurai, e non ero mai stato pi sincero. Ogni giorno, sempre pi gente del mio popolo viene uccisa da uomini come lui, esclam con ferocia.

E io propongo di porre fine a questo. Insieme. Lei mi rivolse una dura occhiata. Nei suoi occhi lessi il dubbio, ma anche speranza. Cosa proponete? Di colpo seppi esattamente cosa bisognava fare. Uccideremo Edward Braddock. Lasciai che recepisse le mie parole, poi aggiunsi: Ma prima dobbiamo trovarlo. Iniziammo a scendere la collina verso Concord. Non mi fido di voi, disse. Lo so. Eppure restate. Per dimostrarvi che vi sbagliate. Non accadr, ribatt con aria

decisa, credendoci. Non sarebbe stato facile convincere questa donna misteriosa e affascinante. In citt ci fermammo davanti a una taverna. Aspettate qui, le dissi. Una donna Mohawk sollever sospetti, se non moschetti. Lei scosse la testa invece di tirarsi su il cappuccio. Questa non certamente la prima volta che sono stata tra la vostra gente, replic. So cavarmela. Lo sperai. Allinterno trovammo un gruppo di uomini di Braddock che bevevano con una intensit che avrebbe impressionato Thomas Hickey e ci aggirammo tra loro, origliando i loro discorsi. Scoprimmo

cos che Braddock era in viaggio. I britannici volevano arruolare i Mohawk per marciare ancor pi verso nord e combattere i francesi. Mi resi conto che quei soldati avevano paura di Braddock. Parlavano solo di quanto potesse essere spietato e di come i suoi stessi ufficiali lo temessero. Uno dei nomi che sentii fu George Washington. Secondo un paio di giubbe rosse chiacchierone, era lunico tanto coraggioso da contestare il generale. Quando arrivai in fondo al locale, trovai proprio lui seduto con un altro ufficiale a un tavolo isolato e indugiai nelle vicinanze per poter ascoltare la loro conversazione. Ditemi che avete buone notizie, chiese uno dei due.

Il generale Braddock ha rifiutato la proposta. Non ci sar alcuna tregua, rispose laltro. Dannazione. Perch, George? Quale motivo ha addotto? Luomo che il primo aveva chiamato George, e che supposi fosse George Washington, rispose: Ha detto che una soluzione diplomatica non una soluzione. Permettere ai francesi di ritirarsi, rinvierebbe soltanto un inevitabile conflitto, uno in cui ora hanno il sopravvento. C del vero in queste parole, per quanto detesti ammetterlo. Eppure non ritenete che sia una cosa poco saggia?

Non piace neppure a me. Siamo lontani da casa, con forze militari separate. Peggio ancora, temo che la sua sete di sangue renda Braddock imprudente. Mette i suoi uomini in pericolo. Preferirei non dare ferali notizie alle madri e alle vedove solo perch lui voleva dimostrare di avere ragione. Dove ora il generale? Sta radunando le truppe. Poi immagino si diriger a Fort Duquesne. Alla fine. La marcia verso nord richieder molto tempo. Almeno cos questo finir presto Ci ho provato, John. Lo so, amico mio. Lo so

Braddock se ne era andato per radunare le sue truppe, dissi a Ziio fuori della taverna. E stanno marciando verso Fort Duquesne. Passer un po prima che siano pronti, il che ci d il tempo per formulare un piano. Non ce n bisogno, replic lei. Gli tenderemo unimboscata vicino al fiume. Andate a radunare i vostri alleati, io far la stessa cosa. Vi far sapere quando sar ora di colpire.

8 luglio 1755
ERANO passati circa otto mesi da quando Ziio mi aveva detto di attendere sue notizie, ma finalmente erano arrivate e noi ci dirigemmo verso il territorio dellOhio, dove i britannici stavano per dare inizio a una grande campagna contro i forti francesi. La spedizione di Braddock doveva distruggere Fort Duquesne. Nel frattempo ci eravamo dati molto da fare, e nessuno pi di Ziio, come scoprii quando cincontrammo e vidi che aveva portato con s molti soldati, molti dei quali erano nativi americani. Tutti questi uomini vengono da

molte trib diverse, uniti dal desiderio di vedere Braddock cacciato, spieg. Gli Abenachi, i Lenape, gli Shawnee. E voi? le chiesi, finite le presentazioni. Chi rappresentate? Un leggero sorriso: Me stessa. Cosa volete che faccia? le domandai infine. Aiuterete gli altri a preparare Non stava scherzando. Misi i miei uomini al lavoro e mi unii a loro nella costruzione di blocchi, riempiendo un carro di polvere da sparo per creare una trappola esplosiva, fin quando tutto fu a posto e mi scoprii a sorridere, dicendole: Non vedo lora di vedere la faccia di Braddock, quando scatter limboscata.

Lei mi rivolse unocchiata diffidente. Questo vi diverte? Siete stata voi a chiedermi di aiutarvi a uccidere quelluomo. Non mi fa alcun piacere ucciderlo. Lui viene sacrificato per salvare la terra e la gente che ci abita. Qual il vostro motivo? Un torto del passato? Un tradimento? O si tratta semplicemente delleccitazione della caccia? Mi avete frainteso. Lei indic gli alberi, nella direzione del fiume Monongahela. Gli uomini di Braddock saranno qui presto. Dovremmo prepararci.

9 luglio 1755

1
UN esploratore Mohawk a cavallo pronunci alcune parole che non compresi, ma appena indic con la mano la valle verso il Monongahela, immaginai cosa avesse detto: gli uomini di Braddock avevano attraversato il fiume e presto sarebbero arrivati. Se ne and per informare gli altri e Ziio, stesa al mio fianco, conferm ci che gi sapevo. Stanno arrivando. Mi era piaciuto stare sdraiato accanto a lei nel nascondiglio, averla vicina. E cos fu con un certo rimpianto che guardai fuori da sotto una frangia di sottobosco per vedere il reggimento

emergere dal limite degli alberi ai piedi della collina e nello stesso tempo sentii un lontano rombo che cresceva annunciando larrivo, non di una pattuglia e neppure di un gruppo di esploratori, ma di un intero reggimento di soldati di Braddock. In testa cerano gli ufficiali a cavallo, poi i tamburini e i bandisti, seguiti dalle truppe a piedi, quindi i facchini e i servitori dellaccampamento che sorvegliavano i carri con le vettovaglie. Lintera colonna si stendeva fin quasi dove arrivava lo sguardo. E, alla testa del reggimento, il generale in persona che dondolava dolcemente al ritmo del suo cavallo, il fiato gelido che annebbiava laria

davanti a lui, con George Washington al suo fianco. Dietro gli ufficiali i tamburini mantenevano un rullo costante, di cui fummo eternamente grati, perch tra gli alberi cerano cecchini francesi e indiani. Sullaltura cerano gruppi di uomini in attesa del segnale dattacco: un centinaio o pi di uomini che aspettava di far scattare limboscata; un centinaio di uomini che trattenne il respiro, quando, allimprovviso, il generale Braddock alz una mano, un ufficiale url un ordine, i tamburi tacquero e il reggimento si arrest, con i cavalli che nitrivano e starnutivano, pestando il terreno gelato e coperto di neve, il silenzio che calava pian piano

sullintera colonna, una calma misteriosa. Nel luogo dellimboscata, noi trattenemmo il respiro e sono certo tutti, uomini e donne, si chiesero, come me, se non fossero stati scoperti. George Washington guard Braddock, poi dietro di s, dove il resto della colonna, ufficiali, soldati e servitori stava aspettando ansioso, e infine riport lo sguardo su Braddock. Si schiar la voce. Tutto a posto, signore? domand. Braddock trasse un profondo respiro. Stavo semplicemente assaporando il momento, rispose, poi aggiunse: Sono certo che molti si chiedono perch ci siamo spinti tanto a occidente. Queste

sono terre selvagge, ancora indomite e disabitate, ma non sar sempre cos. Con il tempo, il nostro contenimento non baster pi e quel giorno pi vicino di quanto pensiate. Abbiamo bisogno di pi terre. I francesi lo sanno e tentano di evitare una simile crescita. Si aggirano per il nostro territorio, erigendo forti e stringendo alleanze, in attesa del giorno in cui ci strangoleranno con il cappio che hanno costruito. Questo non deve accadere. Dobbiamo tagliare la corda e cacciarli. Ecco perch avanziamo, per offrire loro unultima possibilit: i francesi si ritireranno o moriranno. Ziio mi lanci unocchiata e io compresi che non cera nulla che

avrebbe preferito di pi dello strappare via la sua pomposit. Infatti, sibil: giunto il momento di attaccare. Aspettate, esclamai. Quando girai la testa scoprii che mi stava fissando, i nostri volti vicinissimi. Non sufficiente disperdere la spedizione. Dobbiamo assicurarci che Braddock fallisca, altrimenti ci riprover. Quello che intendevo era che morisse e non ci sarebbe mai pi stato un momento migliore per colpirlo. Riflettei un istante, poi, indicando un piccolo convoglio di esploratori che si era allontanato dal reggimento, dissi: Finger di essere uno di loro e mi porter al suo fianco. Limboscata mi

fornir la copertura perfetta per assestare il colpo mortale. Mi diressi verso il basso e mi avvicinai cauto agli esploratori. Silenziosamente feci scattare la lama, la infilzai nel collo del soldato pi vicino e gli stavo sbottonando la giubba prima ancora che cadesse a terra. Il reggimento, a poco meno di trecento metri di distanza, inizi a muoversi con un frastuono simile a quello di un temporale in avvicinamento, i tamburi ripresero a suonare e gli indiani sfruttarono limprovviso fracasso come copertura per spostarsi nel bosco, rettificando la loro posizione, approntando limboscata.

Io balzai in sella al cavallo dellesploratore, calmando per qualche secondo lanimale, lasciando che si abituasse a me, prima di condurlo gi per un piccolo pendio verso la colonna. Un ufficiale, anche lui a cavallo, mi vide e mi ordin di riprendere la mia posizione, cos gli feci un cenno di scuse, poi ripresi a trottare verso la testa della colonna, oltre il convoglio di carri e servitori, oltre i soldati in marcia che mi lanciarono occhiate risentite, oltre la banda, fino a trovarmi parallelo alla prima fila della colonna. Vicino adesso, ma molto pi vulnerabile. Tanto vicino da sentire Braddock parlare con uno dei suoi, uno della sua cerchia ristretta, un mercenario.

I francesi sanno di essere deboli su tutti i fronti, stava dicendo, e cos si sono alleati ai selvaggi che abitano questi boschi. Poco pi che animali, dormono sugli alberi, collezionano scalpi e addirittura mangiano i loro morti. La clemenza fin troppo per loro. Non risparmiatene neppure uno. Mangiano i loro morti. Nessuno poteva ancora crederci, o no? Lufficiale parve pensarla come me. Ma, signore, protest, quelle sono solo storie. I nativi che ho conosciuto non fanno nulla di simile. Braddock si gir di colpo verso di lui. Mi state dando del bugiardo? url. Mi sono confuso, replic il mercenario, tremando. Mi dispiace.

Sinceramente, sono grato di essere al vostro servizio. Essere stato, volete dire, ringhi Braddock. Signore? esclam luomo, terrorizzato. Siete grato di essere stato al mio servizio, ribatt il generale, estraendo la pistola e sparandogli. Lufficiale cadde dal cavallo, un buco rosso dove una volta cera stata la faccia, il corpo che sbatt sul terreno riarso della foresta. Nel frattempo, la detonazione aveva spaventato gli uccelli che si erano levati in volo dagli alberi e la colonna si arrest di nuovo, con gli uomini che toglievano i moschetti dalle spalle e puntavano le armi, pensando di essere

stati attaccati. Rimasero allerta per alcuni momenti, poi arriv lordine di abbassare la guardia e una voce filtr fino a loro, un messaggio consegnato sottovoce: il generale aveva appena ucciso un ufficiale. Io ero abbastanza vicino alla testa della colonna per vedere la sconvolta reazione di George Washington, lunico che ebbe il coraggio di opporsi a Braddock. Generale! Braddock si volt verso di lui e forse per un attimo Washington si chiese se non stesse per ricevere lo stesso trattamento. Poi Braddock tuon: Non tollerer dubbi tra coloro che comando.

N comprensione per il nemico. Non ho tempo per insubordinazioni. Coraggiosamente George Washington ribatt: Nessuno nega che abbia sbagliato, signore, solo Ha pagato per il suo tradimento come capita a tutti i traditori. Se vogliamo vincere questa guerra contro i francesi No, quando vinceremo questa guerra sar grazie a uomini come voi che obbediscono a uomini come me e lo fanno senza esitare. Lordine deve regnare tra le nostre fila e una netta catena di comando. Capi e seguaci. Senza una simile struttura, non pu esserci vittoria. Mi sono spiegato? Washington annu, distogliendo per rapidamente gli occhi, tenendo per s i

suoi veri sentimenti, poi, quando la colonna riprese la sua marcia, si allontan dalla prima linea con la scusa di doversi occupare di altro. Vidi la mia possibilit e mi misi alle spalle di Braddock, quasi alla sua stessa altezza, ma in modo tale che non potesse vedermi. Non ancora. Attesi il momento opportuno, un trambusto alle nostre spalle che indusse lufficiale dallaltra parte di Braddock ad andare a vedere cosa stesse succedendo, lasciandoci soli. Me e il generale Braddock. Puntai la pistola. Edward, chiamai e apprezzai il momento in cui ruot sulla sella e i suoi occhi passarono da me alla canna della

mia pistola e poi di nuovo su di me. Spalanc la bocca per fare qualcosa, con ogni probabilit per chiamare aiuto, ma non gliene avrei dato il tempo. Questa volta non aveva alcuna via duscita. Non tanto divertente trovarsi dallaltra parte della canna, non vero? chiesi e premetti il grilletto In quel preciso istante, il reggimento venne attaccato, la trappola era scattata troppo presto, e il mio cavallo scart e il colpo non colp il bersaglio. Negli occhi di Braddock lampeggiarono speranza e trionfo, proprio mentre i francesi ci circondavano e dagli alberi sopra di noi cominciarono a piovere frecce. Braddock tir le redini del suo cavallo e un istante dopo stava saltando

il ciglio della strada verso gli alberi, mentre io restavo immobile, la pistola scarica in mano, stordito dal brusco corso degli eventi. Per poco quellesitazione mi cost la vita. Mi ritrovai nella traiettoria di un francese, giubba blu e brache rosse, che la spada roteando, si dirigeva verso di me. Era troppo tardi per far scattare la mia lama, troppo tardi per sguainare la spada. Poi, altrettanto rapidamente, il francese stava volando dalla sella, come se fosse stato lanciato su un pezzo di corda e la parte destra della sua testa esplose in uno zampillio di sangue. Nello stesso momento sentii lo sparo e vidi, su un cavallo dietro di lui, il mio amico

Charles Lee. Lo ringraziai con un cenno del capo, gli avrei mostrato maggiore gratitudine in seguito, perch vedevo Braddock sparire tra gli alberi, i piedi che davano calci ai fianchi del suo destriero, lanciare unocchiata alle sue spalle e accorgersi che stavo per inseguirlo.

2
Spronando con alte grida il mio cavallo, seguii Braddock nella foresta, superando indiani e francesi che si stavano precipitando gi per la collina verso la colonna. Davanti a me vidi frecce piovere su Braddock, ma nessuna che colpisse il bersaglio. Ora venivano fatte scattare le trappole che avevamo sistemato. Vidi il carretto, colmo di polvere da sparo, sbucare da dietro gli alberi e disperdere alcuni fucilieri prima di esplodere e mettere in fuga cavalli senza pi cavalieri, mentre, dallalto, i cecchini indiani miravano ai soldati spaventati e disorientati. Braddock continu a starmi davanti,

fin quando il terreno non spavent il suo cavallo che simpenn e lo disarcion. Ululando dal dolore, Braddock rotol, cerc di recuperare la pistola, poi cambi idea, si alz in piedi e si mise a correre. Per me era solo una questione di tempo, per cui spronai il mio cavallo. Non vi avevo mai ritenuto un codardo, Edward, gridai quando lo raggiunsi e spianai la pistola. Lui si ferm di botto, si volt e incroci il mio sguardo. Nei suoi occhi larroganza e il disprezzo che conoscevo tanto bene. Forza, allora. Mi avvicinai al trotto, la pistola puntata, quando, allimprovviso, ci fu uno sparo e il mio cavallo cadde sotto di

me e io precipitai a terra. Una tale arroganza, sentii Braddock gridare. Ho sempre saputo che sarebbe stata la vostra morte. Al suo fianco cera ora George Washington, che punt il suo moschetto contro di me. Di colpo provai un senso di conforto dolceamaro nel vedere che sarebbe stato Washington, che possedeva una coscienza e non era come il generale, a porre fine alla mia vita; chiusi gli occhi, pronto ad accettare la morte. Rimpiansi di non avere visto gli assassini di mio padre assicurati alla giustizia e di essere arrivato tanto vicino a scoprire i segreti di Coloro Che Sono Venuti Prima, ma di non essere mai entrato nella stanza del tesoro;

avrei inoltre voluto vedere gli ideali dellOrdine diffondersi in tutto il mondo. Alla fine, non ero riuscito a cambiare il mondo, ma almeno avevo cambiato me stesso. Non ero sempre stato un uomo buono, ma avevo cercato di essere uno migliore. Ma lo sparo non arriv. Quando riaprii gli occhi vidi Washington sbattuto gi dal suo cavallo e Braddock che si girava e vedeva il suo ufficiale che si stava azzuffando con una figura che riconobbi immediatamente essere Ziio, la quale non solo aveva sorpreso Washington, ma laveva anche disarmato e gli premeva il coltello alla gola. Braddock sfrutt lopportunit per

scappare e io mi rimisi in piedi, e corsi da Ziio. Sbrigatevi, mi incit lei. Prima che ci sfugga. Esitai, non volendo lasciarla sola con Washington e altri soldati in arrivo, ma lei lo colp con limpugnatura del coltello, stordendolo e io compresi che sapeva cavarsela da sola. E cos mi rimisi a inseguire Braddock e questa volta eravamo entrambi a piedi. Lui, che aveva ancora la pistola, si lanci dietro un enorme tronco, si gir e alz il braccio puntandomela contro. Mi fermai e rotolai in un riparo nello stesso istante in cui faceva fuoco. Sentii lo sparo colpire un albero alla mia sinistra e senza aspettare un attimo balzai fuori

dal rifugio per continuare la caccia. Lui se la stava gi dando a gambe levate con la speranza di farmi perdere le sue tracce, ma io avevo trentanni di meno, non avevo passato gli ultimi venti a ingrassare comandando un esercito e non mi misi neppure a sudare, mentre lui rallentava. Lanci unocchiata alle sue spalle e gli cadde il cappello, mentre metteva un piede in fallo e quasi rovinava sulle radici scoperte di un albero. Rallentai anchio, per dargli il tempo di riprendere lequilibrio e ricominciare a correre, poi lo inseguii, camminando quasi lentamente. Dietro di noi, i rumori di spari, di grida, di uomini e animali feriti, si fecero pi deboli. La foresta

pareva smorzare il rumore della battaglia, lasciando solo il suono del respiro stridente di Braddock e dei suoi passi sul morbido terreno del bosco. Lanci unaltra occhiata alle sue spalle e mi vide, vide che non stavo neppure correndo e cos, finalmente, si lasci cadere, esausto, sulle ginocchia. Io schioccai un dito, feci scattare la lama e mi avvicinai a lui. Con le spalle che si sollevavano, mentre cercava di riprendere fiato, chiese: Perch, Haytham? La vostra morte apre una porta, non nulla di personale, risposi. Affondai la lama e guardai il sangue gorgogliare attorno allacciaio, mentre il suo corpo si tendeva e scattava

nellagonia dellimpalamento. Ecco, forse qualcosa di personale c, rettificai mentre deponevo il suo corpo morente sul terreno. Dopotutto mi avete rotto le scatole. Ma siamo fratelli darmi, mormor. Una volta, forse, ma ora non pi. Pensate che abbia dimenticato ci che avete fatto? Tutti quegli innocenti massacrati senza pensarci due volte. E per cosa? Il vostro modo di arrivare alle soluzioni non genera pace. Mi fiss. Sbagliato, replic con una sorprendente e improvvisa energia interiore. Se usassimo la spada pi generosamente e pi spesso, il mondo avrebbe meno problemi.

In questo caso, sono daccordo, ammisi. Gli afferrai la mano e gli tolsi lanello con lo stemma dei Templari. Addio, Edward, dissi e attesi che morisse. In quel momento per sentii il rumore di un gruppo di soldati che si avvicinavano e compresi che non avevo pi il tempo per scappare. Allora mi sdraiai sulla pancia e strisciai sotto il tronco di un albero caduto, dove mi ritrovai faccia a faccia con Braddock che gir la testa verso di me, gli occhi lucidi, e io capii che, se avesse potuto, avrebbe rivelato dovero. Mentre arrivavano i suoi uomini, allung lentamente la mano e punt il dito

ricurvo nella mia direzione. Maledizione. Avrei dovuto infliggergli il colpo mortale. Vidi gli stivali degli uomini che entravano nella radura e mi chiesi come era andata a finire la battaglia; quindi scorsi George Washington farsi strada a spallate tra un manipolo di soldati, correre avanti e inginocchiarsi accanto al generale morente. Braddock mosse la bocca cercando di formulare parole, le parole per tradirmi. Mi feci forza, contando i piedi: almeno sei o sette soldati. Potevo abbatterli tutti? Mi resi tuttavia conto che i tentativi di Braddock di avvertire i suoi uomini della mia presenza venivano ignorati.

George Washington pose invece la testa sul suo petto, ascolt, poi grid: vivo. Sotto il tronco chiusi gli occhi e imprecai, mentre gli uomini sollevavano Braddock e lo portavano via. Pi tardi raggiunsi Ziio. fatta, le dissi e lei annu. Ora che ho soddisfatto la mia parte dellaccordo, mi aspetto che onorerete la vostra, aggiunsi. Lei annu di nuovo e mi invit a seguirla e partimmo a cavallo.

10 luglio 1755
CAVALCAMMO per tutta la notte fin quando lei si ferm e indic un cumulo di terra davanti a noi. Era quasi come se fosse apparso dalla foresta e mi chiesi se sarei riuscito a vederlo, fossi venuto qui da solo. Il battito del cuore acceler e deglutii. Me lo immaginai o fu veramente come se lamuleto al collo si fosse svegliato e fosse diventato pi pesante, pi caldo? La guardai prima di avvicinarmi allapertura, poi scivolai dentro, e mi ritrovai in una piccola camera lungo la quale cerano semplici oggetti di ceramica. Cera un cerchio di

pittogrammi che conducevano a una depressione nella parete. Una depressione grande come un amuleto. Mi accostai e mi sfilai dal collo il talismano, felice di vederlo brillare lentamente nel mio palmo. Fissando Ziio, che rispose al mio sguardo, piena di trepidazione, mi avvicinai alla tacca e, mentre gli occhi si adattavano al buio, vidi due figure dipinte sulla parete inginocchiate di fronte a essa, le mani tese come per fare unofferta. Lamuleto ora pareva splendere di pi, come se il manufatto stesso si aspettasse di venire riunito alla struttura della camera. Quanto era antica? mi chiesi. Quanti milioni di anni fa lamuleto era stato sbozzato da

questa pietra? Mi resi conto che avevo trattenuto il fiato e lo esalai in un sibilo, mentre mi allungavo e premevo lamuleto nello spazio vuoto. Non accadde nulla. Guardai Ziio, poi di nuovo il talismano, la cui brillantezza stava svanendo, come se rispecchiasse le mie aspettative sgonfiate. Lo tolsi e riprovai. Niente. Sembrate deluso, osserv lei. Pensavo di avere in mano la chiave, replicai, e il tono nella mia voce, di sconfitta e delusione, mi sgoment. Che aprisse qualcosa qui Lei alz le spalle. Mentre questa stanza tutto ci che c.

Mi aspettavo Che cosa mi aspettavo? di pi. Quelle immagini, sapete cosa significano? le chiesi, calmandomi. Ziio si avvicin alla parete per esaminarle. Una in particolare parve attirare la sua attenzione. Era un dio o una dea con un antico e complesso copricapo. Raccontano la storia di Iottsitson, rispose, che era venuta nel nostro mondo e laveva formato per la vita che sarebbe arrivata. Il suo era stato un viaggio faticoso, gravido di perdite e grandi pericoli. Ma credeva nel potenziale dei suoi figli e in ci che avrebbero potuto compiere. Sebbene sia

andata via dal mondo fisico da tanto tempo, i suoi occhi continuano a sorvegliarci. Le sue orecchie a sentire le nostre parole e le sue mani a guidarci. Il suo amore ancora ci d forza. Mi avete fatto un grande favore, Ziio. Grazie. Quando mi guard, il suo volto era dolce. Mi spiace che non abbiate trovato ci che cercate. Le presi la mano. Dovrei andare, mormorai, ma in verit volevo restare e fu lei a fermarmi: si chin in avanti e mi baci.

13 luglio 1755
SIGNOR Kenway, lavete trovato? Quelle furono le prime parole che mi rivolse Charles Lee quando entrai nella nostra stanza al Green Dragon. I miei uomini si erano riuniti e mi guardavano con occhi speranzosi, ma, quando scossi il capo, li abbassarono. Non era il posto giusto, confermai. Temo che il tempio non fosse altro che una caverna dipinta. Conteneva comunque immagini e scritte di antenati, quindi siamo vicini. Dobbiamo raddoppiare gli sforzi, ampliare il nostro Ordine e fissare una base permanente qui, continuai. Anche se il luogo ci

sfugge, sono sicuro che lo troveremo. Vero! esclam John Pitcairn. Sentite, sentite! approv Benjamin Church. Credo, inoltre che sia ora di accogliere Charles nellovile. Si dimostrato un leale discepolo e ci ha offerto i suoi servigi fin dal primo giorno. Dovreste poter condividere la nostra conoscenza e cogliere tutti i vantaggi che un simile dono implica, Charles. Qualcuno si oppone? Gli uomini rimasero in silenzio, lanciando occhiate di approvazione a Charles. Bene, proseguii. Charles, venite qui. Mentre si avvicinava, chiesi: Giurate di appoggiare tutti i principi

del nostro Ordine e tutto ci che noi sosteniamo? Lo giuro. Giurate di non condividere segreti n di divulgare la vera natura della nostra opera? Lo giuro. E di farlo fino alla morte, a qualsiasi costo? Lo giuro. Gli uomini si alzarono. Vi diamo il benvenuto, fratello. Insieme annunceremo lalba di un nuovo mondo, uno contraddistinto dallordine e dalla fermezza. Datemi la mano. Presi lanello che avevo tolto dal dito di Braddock e lo infilai in quello di Charles.

Lo guardai. Ora siete un Templare. A quelle parole sorrise. Che il padre della comprensione ci guidi, dissi e gli uomini si unirono a me. La nostra squadra era completa.

1 agosto 1755
LAMO? Trovo arduo rispondere a questa domanda. Tutto ci che sapevo era che mi piaceva stare con lei e apprezzavo il tempo passato insieme. Lei era diversa. Cera qualcosa in lei che non avevo mai trovato in nessunaltra donna. Quello spirito di cui avevo parlato prima emergeva in ogni sua parola e gesto. Mi scoprivo a osservarla, affascinato dalla luce che pareva infiammarle gli occhi e a chiedermi, a continuare a chiedermi, cosa succedeva dentro di lei. Che cosa stava pensando.

Pensavo che mi amasse. Dovrei dire che credo mi ami, sicuramente mi trova simpatico. C cos tanto di lei che tiene nascosto. E, come me, sa che lamore non potr progredire, che non potremo vivere le nostre esistenze insieme, n nella foresta n in Inghilterra, che ci sono troppe barriere tra noi e le nostre vite insieme: la sua trib, tanto per cominciare. Non vuole abbandonare la sua vita. Il suo posto con la sua gente, deve proteggere la sua terra, una terra che ritengono minacciata da persone come me. Pure io ho una responsabilit verso la mia gente. I principi del mio Ordine sono in linea con gli ideali della sua trib? Non ne sono sicuro. Se mi

chiedessero di scegliere tra Ziio e gli ideali in cui mi hanno cresciuto, cosa sceglierei? Questi sono i pensieri che mi hanno tormentato nelle ultime settimane: anche mentre mi abbandonavo a queste dolci ore rubate con Ziio, mi chiedevo cosa fare.

4 agosto 1755
LA decisione stata presa per me, perch questa mattina abbiamo ricevuto una visita. Eravamo nellaccampamento, a otto chilometri da Lexington, dove per alcune settimane non avevamo visto nessuno, nessun altro essere umano. Lavevo sentito prima di vederlo, o, per meglio dire, avevo sentito il trambusto che aveva creato: uno sbattere dali in lontananza quando gli uccelli erano volati via dagli alberi. Nessun Mohawk li avrebbe indotti a comportarsi in quel modo, si trattava quindi di qualcun altro: un colono, un patriota, un soldato

britannico, forse addirittura un esploratore francese che si era perso. Ziio si era allontanata circa unora prima per andare a caccia, ma sapevo che avrebbe capito che qualcosa aveva disturbato gli uccelli e che avrebbe preso il suo moschetto. Mi arrampicai sullalbero di vedetta e scrutai la zona attorno a noi. In lontananza cera un cavaliere solitario che attraversava la foresta trotterellando. Teneva il moschetto a tracolla e portava il tricorno e uno scuro mantello tutto abbottonato, ma non ununiforme militare. Tir le redini e si ferm e io notai che infilava la mano in una sacca, tirava fuori un binocolo e se lo portava agli occhi. Lo osservai

mentre lo dirigeva verso lalto, sopra le fronde degli alberi. Perch verso lalto? Ragazzo intelligente. Stava cercando spirali di fumo rivelatrici, grigie contro il cielo celeste e luminoso del primo mattino. Lanciai unocchiata al nostro fuoco di bivacco, vidi il fumo che sinnalzava verso il cielo, quindi riportai lo sguardo sul cavaliere, osservandolo mentre spostava il binocolo lungo lorizzonte, proprio come avrei fatto io o uno dei miei pupilli. Mi permisi di rilassarmi. Era uno dei miei uomini, con ogni probabilit Charles, a giudicare dalla corporatura e dai vestiti. Lo osservai notare il filo di fumo del mio fuoco, rimettere via il

binocolo e avviarsi al piccolo trotto verso il mio accampamento. Ora che era vicino, mi resi conto che era proprio Charles e scesi dallalbero, chiedendomi dove fosse Ziio. Messi i piedi a terra, mi guardai in giro e vidi laccampamento attraverso gli occhi di Charles: il fuoco di bivacco, i due piatti di latta, una tela tirata tra gli alberi sotto cui cerano le pelli con le quali Ziio e io ci coprivamo per scaldarci di notte. Lasciai cadere il telo per nascondere le pelli, poi minginocchiai accanto al fuoco e raccolsi i piatti. Pochi attimi dopo, il suo cavallo entr nella radura. Salve, Charles, esclamai, senza guardarlo.

Sapevate che ero io? Ho visto che sfruttate laddestramento: sono rimasto molto colpito. Sono stato addestrato dal migliore, osserv. Sentii il sorriso nella sua voce e finalmente alzai gli occhi e lo vidi che mi fissava. Ci siete mancato, signor Kenway. Annuii. E voi a me. Davvero? Sapete dove siamo. Spinsi un bastoncino nel fuoco e osservai la punta ardere. Volevo rendermi conto, se potevate agire in mia assenza. Lui annu. Penso sappiate che possiamo farlo. Qual il vero motivo della vostra assenza, Haytham?

Distolsi gli occhi dal fuoco. Quale potrebbe essere, Charles? Forse vi piace la vita con la donna indiana, sospeso tra due mondi, di nessuno dei due responsabile. Deve essere bello farsi una simile vacanza Attento, Charles, lo ammonii. Rendendomi improvvisamente conto che mi stava guardando dallalto in basso, mi alzai per sostenere il suo sguardo, per essere alla pari con lui. Forse, invece di interessarvi delle mie attivit, dovreste concentrarvi sulle vostre. Ditemi, come vanno le cose a Boston? Ci siamo occupati di quelle faccende cui avreste voluto badassimo. Riguardanti il Paese. Annuii, pensando a Ziio, chiedendomi

se ci fosse un altro modo. Nientaltro? domandai. Continuiamo a cercare indizi sul luogo dei precursori rispose. Capisco William intende guidare una spedizione in quella camera. Sobbalzai. Nessuno mi ha chiesto il permesso. Non ceravate, non potevamo chiedervelo, ribatt Charles. William pensava ecco, se vogliamo trovare quel luogo, quello il posto migliore da cui partire. Faremmo adirare i nativi, se piantassimo un accampamento sulle loro terre. Charles mi guard come se avessi

perso la ragione. Ma certo, che importava a noi Templari turbare alcuni indiani? Ho riflettuto sul luogo, continuai alla svelta. In qualche modo ora mi pare meno importante Guardai in lontananza. C qualcosaltro che intendete trascurare, domand con insolenza. Attenzione ripetei, flettendo le dita. Lui si guard in giro. Dov? La vostra amante indiana? Non deve importarvi dov, Charles, e vorrei che dora in poi eliminaste quel tono quando parlate di lei, altrimenti potrei sentirmi costretto a eliminarlo io con la forza.

Mi guard con occhi gelidi. arrivata una lettera, disse, tirandola fuori dalla sacca e facendola cadere ai miei piedi. Abbassai lo sguardo e vidi il mio nome sulla busta e riconobbi immediatamente la calligrafia. La lettera proveniva da Holden e il cuore inizi a battermi pi velocemente: un collegamento con la mia vecchia vita, con la mia altra vita e i miei interessi in Inghilterra, scovare cio gli assassini di mio padre. Non feci n dissi alcunch per tradire le mie emozioni nel vedere la lettera, quando chiesi se ci fosse dellaltro. S, rispose Charles. Alcune buone notizie. Il generale Edward Braddock deceduto a causa delle ferite.

Finalmente morto. Quando successo? morto poco dopo essere stato ferito, ma labbiamo saputo solo da poco. Quindi quella faccenda conclusa, commentai. Ottimo, disse Charles. Allora posso tornare e riferire alla squadra che vi state godendo la vita nella foresta. Possiamo solo sperare che in un prossimo futuro ci onorerete della vostra presenza. Pensai alla lettera di Holden. Forse prima di quanto pensiate, Charles. Ho la sensazione che verr presto chiamato a occuparmi di altro. Avete dimostrato di essere pi che capace di affrontare i

problemi. Gli rivolsi un sorriso triste. Forse continuerete cos. Charles tir le redini del suo cavallo. Come desiderate, signor Kenway. Dir agli altri che arriverete presto. Nel frattempo porgete alla vostra amica i nostri saluti. E se ne and. Io rimasi accucciato ancora un poco accanto al fuoco, la foresta silenziosa attorno a me, poi dissi: Puoi uscire, Ziio, se n andato, e lei salt gi da un albero ed entr nella radura a grandi passi, scura in volto. Mi alzai per andarle incontro. La collana che portava sempre al collo luccicava nel sole mattutino e i suoi occhi fiammeggiavano furiosi.

Era vivo, esclam. Mi avete mentito. Deglutii. Ma, Ziio, io Mi avevate detto che era morto, mi accus. Mi avevate detto che era morto, affinch vi mostrassi il tempio. vero, ammisi, lho fatto e mi dispiace. E che cosa questa faccenda sulla terra? minterruppe. Che stava dicendo quelluomo su questa terra? State cercando di prendervela, non vero? No. Bugiardo! Aspettate posso spiegare Ma lei aveva gi sguainato la spada. Dovrei uccidervi per ci che avete

fatto. Avete ragione ad arrabbiarvi, a maledire il mio nome e a desiderare che io sia morto. Ma la verit non quella che credete, iniziai. Andatevene! url. Abbandonate questo posto e non tornate mai pi. Perch, se lo faceste, vi strapperei il cuore con le mie mani e lo darei in pasto ai lupi. Se solo mi ascoltaste, io Giuratelo, grid. Chinai il capo. Come volete. Allora tra noi tutto finito, disse, quindi si volt si allontan e a me non rimase che radunare le mie cose e tornare a Boston.

17 settembre 1757 (due anni dopo)

1
MENTRE il sole tramontava, colorando Damasco di un marrone dorato, camminavo con il mio amico e compagno Jim Holden allombra delle mura di Qast al-Azm e pensavo alle tre parole che mi avevano portato qui. Lho trovata. Erano le uniche parole nella lettera, ma mi avevano detto tutto ci che avevo bisogno di sapere ed erano bastate per trasportarmi dallAmerica allInghilterra, dove, prima che potesse capitare qualcosaltro, avevo incontrato Reginald al Whites per aggiornarlo sugli eventi a Boston. Naturalmente era gi al corrente di molte cose, grazie alle

lettere che gli avevo inviato, mi ero, tuttavia, aspettato che mostrasse interesse per lattivit dellOrdine, in particolar modo in ci che riguardava il suo vecchio amico Edward Braddock. Sbagliavo. Tutto ci che gli importava era il luogo dei precursori e, quando gli riferii che avevo nuovi dettagli sulla localit del tempio e che si sarebbero trovati nellimpero ottomano, sospir e mi rivolse un gioioso sorriso, come quello di un laudano dipendente che sta assaporando il suo sciroppo. Poco dopo mi stava chiedendo, in tono nervoso: Dov il libro? William Johnson ne ha fatto una copia, avevo risposto e dalla mia sacca

avevo estratto loriginale e lavevo fatto scivolare dallaltra parte del tavolo. Era avvolto in un telo, legato con una cordicella e lui mi aveva guardato con gratitudine prima di prenderlo, slegare il fiocco e togliere linvolucro per fissare il suo amato volume: la copertina in pelle marrone invecchiata con il sigillo degli Assassini. Stanno esaminando a fondo quella camera? mi aveva chiesto, mentre impacchettava nuovamente il libro, legava il fiocco, quindi lo riponeva con fare avido. Mi piacerebbe vederla di persona. Certamente, avevo mentito. Gli uomini stanno montando un accampamento nei pressi, ma devono

affrontare quotidianamente attacchi da parte degli indigeni. Sarebbe troppo pericoloso per voi, Reginald. Siete il Gran Maestro del rito britannico. Il vostro tempo speso bene qui. Capisco, capisco, aveva convenuto. Lo avevo osservato con attenzione. Insistere per vedere la camera sarebbe stato per lui ammettere di trascurare i suoi doveri di Gran Maestro, e Reginald non era ancora pronto a farlo. E lamuleto? aveva chiesto. Ce lho io, avevo risposto. Avevamo chiacchierato ancora un po, ma senza particolare ardore e, quando ci eravamo separati, me ne ero andato chiedendomi cosa pensasse lui in

cuor suo e io nel mio. Avevo iniziato a considerarmi non pi tanto un Templare quanto un uomo con radici Assassine e credenze Templari, che aveva brevemente dato il suo cuore a una donna Mohawk. Un uomo, in altre parole, con ununica visione. Ero pi interessato a unire le due discipline, quella degli Assassini e quella dei Templari, che a trovare il tempio e a usare il suo contenuto per affermare la supremazia dei Templari. Avevo riflettuto su come gli insegnamenti di mio padre erano spesso coincisi con quelli di Reginald e avevo cominciato a vedere pi le somiglianze tra le due fazioni che le differenze. In primo luogo, tuttavia, cera la

questione incompiuta che aveva occupato la mia mente per cos tanti anni. Ora era pi importante scovare gli assassini di mio padre o trovare Jenny? In ogni caso volevo liberarmi di quella lunga ombra oscura che aveva indugiato per cos tanto tempo sopra di me.

2
E cos era stato che con quelle due parole: Lho trovata Holden aveva dato il via a unaltra odissea, che ci aveva portati nel cuore dellimpero ottomano, dove, negli ultimi due anni, avevamo pedinato Jenny. Era viva, era questo che Holden aveva scoperto. Viva e nelle mani di mercanti di schiavi. Mentre il mondo combatteva la guerra dei sette anni, noi avevamo quasi scoperto il luogo esatto in cui era tenuta, ma gli schiavisti si erano spostati prima che potessimo muoverci. Lavevamo poi cercata per molti mesi, solo per scoprire che era stata venduta come concubina alla corte

ottomana e che era tenuta nel Palazzo Topkapi dove eravamo diretti. Eravamo arrivati di nuovo troppo tardi. Era stata trasferita a Damasco, nel maestoso palazzo costruito dal governatore ottomano in carica, Asad Pasci alAzm. E cos andammo a Damasco, dove io indossai labito di un ricco mercante, caffettano, turbante, e gli ampi pantaloni salwar, sentendomi, in verit, piuttosto impacciato, mentre accanto a me Holden indossava abiti normali. Nellattraversare le porte della citt e percorrere, tra polvere e afa, le strette strade serpeggianti verso il palazzo, notammo che cerano pi guardie del solito e Holden, che si era informato, mi

mise al corrente. Il governatore nervoso, signore, spieg. Si dice che il Gran Visir Raghib Pasci a Istanbul ce labbia con lui. Ed vero? Il Gran Visir gli ha dato del bifolco, lha chiamato figlio di un bifolco. A quanto pare ce lha proprio con lui. Gi. Il governatore teme che vogliano deporlo e, di conseguenza, ha aumentato la sicurezza in tutta la citt, soprattutto a palazzo. Vedete quella gente? Mi indic un gruppo di cittadini che si affrettavano a tagliarci la strada. S. Stanno andando allesecuzione di una spia infiltratasi a palazzo. Asad

Pasci al-Azm ne vede ovunque. In una piazzetta affollata assistemmo alla decapitazione di un uomo, che mor con dignit e la folla url la propria approvazione, mentre la sua testa rotolava verso le assi annerite dal sangue del patibolo. Sopra la piazza, la piattaforma del governatore era vuota. Le voci dicevano che se ne stava rinchiuso nel palazzo e che non osava mostrarsi. Quando il macabro spettacolo termin, Holden e io ci voltammo e ci allontanammo, diretti al palazzo, dove percorremmo a grandi passi il perimetro delle mura, notando quattro sentinelle alla porta principale e altre posizionate alle porte laterali.

Com dentro? chiesi. Ci sono due ali principali: lharamlik e il salamlik. Nel salamlik ci sono saloni, atri e cortili, ma nellharamlik che troveremo la signorina Jenny. Sempre che ci sia. C, signore. Ne siete sicuro? Che Dio mi sia testimone. Come mai stata spostata dal Palazzo Topkapi? Lo sapete? Mi guard e fece una smorfia. Let, signore. Sar stata molto apprezzata, allinizio, quando era pi giovane. contro la legge islamica tenere donne musulmane come schiave, cos le concubine sono in maggior parte cristiane, catturate nei Balcani, e se la

signorina Jenny era bella come raccontate, sono certo che sia stata una preda molto ambita. Ma di belle donne se ne trovano, e la signorina Kenway ha passato la quarantina, signore. Da tempo immagino non avr pi avuto compiti da concubina, sar poco pi che unancella. Si potrebbe dire che stata retrocessa di grado, signore. Riflettei sulle sue parole, trovando arduo credere che la Jenny che conoscevo, la bella e arrogante Jenny, avesse una posizione tanto umile. Avevo immaginato si fosse conservata perfettamente e fosse una presenza autorevole alla corte ottomana, arrivando forse al rango di regina madre. Invece era qui, a Damasco, nella

casa di un governatore impopolare che stava per essere deposto. Che facevano a servitori e concubine di un governatore destituito? mi chiesi. Era possibile che incontrassero lo stesso destino del poveretto che avevamo visto decapitare poco prima. Cosa mi dite delle guardie allinterno? domandai. Credevo che non consentissero agli uomini di entrare nellharem. Tutte le guardie nellharem sono eunuchi. Loperazione che eseguono per renderli tali, maledizione, signore, non vorreste mai conoscerla. Ma me la descriverete ugualmente. Non capisco perch dovrei

sopportare quel fardello da solo. Evirano il poveretto, poi lo seppelliscono nella sabbia fino al collo per dieci giorni. Solo il dieci percento di loro sopravvive e solo i pi duri dei duri. Giusto. Ah, nellharamlik, dove vivono le concubine, che si trovano i bagni. I bagni sono l? Sissignore. E perch me lo dite? Lui si ferm. Guard a destra e a sinistra, strizzando gli occhi al sole. Soddisfatto che la via fosse libera, si chin, afferr un anello di ferro che non avevo visto, tanto era ben coperto di sabbia, e lo tir, aprendo una botola e

mettendo in luce dei gradini in pietra che scendevano nelloscurit. Svelto, signore, mi intim, sorridendo, prima che arrivi una sentinella.

3
Una volta in fondo alla scala, esaminammo lambiente. Era buio, troppo buio per vedere qualcosa, ma dalla nostra sinistra arrivava il gocciolio di un corso dacqua, mentre davanti a noi si allungava una specie di passaggio che poteva essere usato per consegne o per la manutenzione dei canali di acqua corrente; probabilmente serviva per ambedue le cose. Non aprimmo bocca. Holden tir fuori da una sacca un moccolo e una scatola con pietra focaia, esca e acciarino. Accese la candeletta, la strinse tra i denti e dalla bisaccia estrasse una corta torcia che accese e

tenne sopra la testa, gettando cos un fioco bagliore arancione attorno a noi. Potemmo cos vedere che alla nostra sinistra cera un acquedotto, mentre il viottolo accidentato svaniva nelloscurit. Ci porter diritti sotto il palazzo e sotto i bagni, sussurr Holden. Se non mi sbaglio, sbucheremo in una stanza con una vasca dacqua fresca, proprio sotto i bagni principali. Questo lavevate tenuto segreto, dissi impressionato. Mi piace avere qualche asso nella manica, signore. Sorrise raggiante. Far strada, daccordo? E si avvi, zittendosi, lungo il viottolo. Quando le torce si spensero, le

lasciammo cadere e ne accendemmo altre due con il moccolo tra i denti di Holden, poi riprendemmo il cammino. Infine larea davanti a noi si allarg in una camera scintillante, dove la prima cosa che vedemmo fu una vasca, le pareti rivestite di piastrelle in marmo, lacqua tanto limpida che pareva brillare nella scarsa luce offerta da una botola in cima a dei gradini. La seconda cosa che vedemmo fu un eunuco, inginocchiato con la schiena rivolta verso di noi, che stava riempiendo dacqua una brocca di terracotta. Portava in testa un alto e bianco kalpak e indossava abiti morbidi. Holden mi guard con un dito sulle labbra, quindi avanz furtivo, un

pugnale gi stretto nel pugno, ma io lo fermai mettendogli una mano sulla spalla. Volevamo gli abiti delleunuco e dovevamo evitare che si macchiassero di sangue. Quelluomo era un servitore delle concubine in un palazzo ottomano, non una giubba rossa e intuii che non sarebbe stato facile spiegare il sangue sui suoi vestiti. Avanzai lentamente, flettendo inconsciamente le dita e localizzando nella mia mente la carotide delleunuco, avvicinandomi, mentre lui terminava di riempire la brocca e si rialzava per andarsene. Ma poi il mio sandalo sfreg il pavimento con un rumore impercettibile che tuttavia risuon come un vulcano in eruzione in uno spazio chiuso e leunuco

trasal. Mi irrigidii e maledii tra me e me il sandalo, mentre lui inclinava allindietro la testa per guardare la botola, tentando di individuare la fonte del rumore. Non vedendo niente, si immobilizz, come se si fosse reso conto che il suono non era venuto dallalto, che doveva essere venuto da Rote su se stesso. Cera stato qualcosa nei suoi abiti, nel suo atteggiamento, nel modo in cui era inginocchiato per riempire la brocca, ma nulla mi aveva preparato alla velocit della sua reazione. N alla sua bravura. Infatti, mentre si girava, si accucciava e con la coda dellocchio lo vidi sbattermi contro la brocca a tale rapidit che mi

avrebbe steso, non avessi mostrato uguale velocit nellabbassarmi. Ero riuscito a schivarla, ma solo per un pelo. Mentre indietreggiavo per evitare un altro colpo, i suoi occhi scorsero sopra di me e videro Holden. Si volt allora per dare una rapida occhiata alla scala, la sua unica uscita. Stava valutando le sue opzioni: fuggire o restare e combattere. Decise di restare e combattere. Indietreggi di alcuni passi, allung la mano sotto labito ed estrasse una spada, spaccando nello stesso tempo la brocca contro il muro per avere una seconda arma. Poi, la spada in una mano, la brocca frastagliata nellaltra, avanz.

Il passaggio era troppo stretto. Lo potevamo affrontare solo uno alla volta e io ero il pi vicino. Senza pi pensare al sangue sul suo vestito, feci scattare la lama, indietreggiando un poco e mettendomi in posizione. Lui avanz, implacabile, senza mai staccarmi gli occhi di dosso. Cera qualcosa di spaventoso in lui, qualcosa che dapprima non riconobbi, ma che poi compresi: faceva qualcosa che nessun avversario aveva mai fatto; come avrebbe detto la mia vecchia bambinaia Edith, mi fece accapponare la pelle. Era il sapere che cosa aveva dovuto subire, il cammino che laveva trasformato in eunuco. Avendo vissuto quellesperienza, nulla poteva pi

spaventarlo, meno che mai un gonzo impacciato come me, incapace persino di arrivargli di soppiatto alle spalle. E lo sapeva pure lui. Sapeva che mi stava facendo accapponare la pelle e sfrutt la mia paura. Glielo si leggeva negli occhi, occhi che non esprimevano emozioni, mentre mi tirava un fendente con la spada. Fui costretto a parare il colpo e riuscii appena a evitare quello successivo che arrivava da destra, mentre tentava, e quasi ci riusciva, di picchiarmi la faccia con il coccio della brocca. Non mi lasci il tempo di riposare, rendendosi conto che lunico modo per sconfiggerci era spingerci indietro lungo lo stretto corridoio. La sua spada balen

di nuovo, questa volta dal basso e io mi difesi con la mia lama, facendo una smorfia di dolore mentre usavo lavambraccio per bloccare un secondo colpo della brocca e poi rispondere con una mossa dattacco, spostandomi leggermente alla mia destra e allungando la spada verso il suo sterno. Lui us la brocca come scudo e la lama ci sbatt contro, spruzzando pezzi di terracotta sul pavimento in pietra e nella vasca. Pensai che avrei dovuto fare affilare la lama, se fossi uscito vivo da questa situazione. Maledetto, era il primo eunuco che incontravamo e gi stavamo combattendo. Feci segno a Holden di indietreggiare e di non finirmi tra i piedi

mentre arretravo, tentando di crearmi lo spazio necessario e di riorganizzarmi mentalmente. Leunuco mi stava sconfiggendo, non solo con la sua abilit, ma anche perch lo temevo. Ed la paura ci che un guerriero teme di pi. Mi acquattai, misi in azione le lame e incrociai il suo sguardo. Per un attimo rimanemmo immobili, impegnati in una silenziosa ma feroce battaglia di volont. Una battaglia che vinsi. In qualche modo la sua presa su di me si ruppe e bast un guizzo dei suoi occhi per farmi comprendere che pure lui aveva capito che non aveva pi in mano la vittoria psicologica. Avanzai, le lame scintillarono e ora

tocc a lui indietreggiare, difendendosi bene e con costanza, ma senza pi avere il sopravvento. A un certo punto borbott, le labbra indietro a mostrare i denti e io notai gocce di sudore sulla sua fronte. La mia spada si mosse rapidamente e ora che lavevo spinto a indietreggiare, cominciai di nuovo a pensare a non sporcare di sangue il suo abito. La battaglia era mutata; ora era mia e lui stava brandendo la spada disordinatamente, i suoi attacchi diventavano sempre pi disorganizzati, scorsi infine la mia opportunit, mi abbassai e spinsi verso lalto la lama, perforandogli la mascella. Il suo corpo fremette e le sue braccia si allargarono come se fosse crocifisso.

Lasci cadere la spada e, quando le sue labbra si tesero in un grido silenzioso, vidi nella sua bocca largento della lama che laveva impalato. Poi croll a terra. Lavevo spinto fino ai piedi dei gradini e la botola era aperta. In qualsiasi momento un altro eunuco avrebbe potuto affacciarsi per vedere dove era finita la brocca dacqua. Come previsto, sentii dei passi e unombra sorvol la botola. Indietreggiai tenendomi accucciato, afferrai le caviglie del morto e lo trascinai via, strappandogli il cappello e sbattendomelo in testa. Poi vidi i piedi nudi di un eunuco che scendevano i gradini, mentre lui inclinava la testa per scrutare nella

camera della vasca. Vedermi con il bianco copricapo lo disorient per un prezioso secondo e io balzai in avanti, lo afferrai per labito, lo tirai gi dai gradini e gli sbattei la fronte sul naso, prima che si mettesse a urlare. Le ossa scricchiolarono e si ruppero e io gli tenni la testa sollevata per evitare che il sangue gli gocciolasse sulla veste, mentre lui si accasciava, stordito, contro il muro. Nel giro di pochi minuti si sarebbe risvegliato e avrebbe invocato aiuto, cosa che non potevo permettere. E cos gli colpii con il palmo della mano il naso fracassato, conficcando frammenti di osso nel cervello e uccidendolo istantaneamente. Pochi secondi dopo ero corso su per

la scala e, con delicatezza e attenzione, avevo chiuso il portello, dandoci cos un momento di tregua prima che arrivassero rinforzi. Da qualche parte una concubina stava aspettando che le portassero la brocca dacqua. In silenzio ci infilammo le vesti dei due eunuchi e indossammo i kalpak. Con grande piacere mi liberai dei sandali. Poi notai una macchia di sangue sul davanti della veste di Holden, sangue gocciolato quando avevo fracassato il naso delleunuco. Provai a grattarlo via con lunghia, ma, invece di sfaldarlo come avevo sperato, era ancora bagnato e la macchia si allarg. Alla fine, dopo una complessa serie di afflitte espressioni facciali e furiosi

cenni con il capo, decidemmo di lasciar perdere e di correre il rischio. Aprii con cautela la botola e uscii nella stanza sovrastante, che era vuota. Era una camera fredda e buia, rivestita di mattonelle che parevano luminescenti, grazie a una vasca che si estendeva per quasi tutto il pavimento, la sua superficie liscia, silenziosa eppure in qualche modo viva. Dopo avere controllato che la via fosse libera, mi voltai e feci cenno a Holden, che sbuc dal portello. Restammo per alcuni istanti fermi, esaminando lambiente, lanciandoci occhiate trionfanti prima di andare alla porta, aprirla e uscire in un cortile.

4
Non sapendo cosa avrei trovato dallaltra parte della porta, avevo flesso le dita, pronto a far scattare la lama, mentre Holden si era preparato a sguainare la spada, entrambi pronti a combattere, fossimo stati accolti da uno squadrone di eunuchi ringhiosi o da uno sciame di concubine urlanti. Ci che vedemmo, invece, fu una scena che pareva uscita direttamente dal paradiso, una vita ultraterrena colma di pace, serenit e belle donne. Era un enorme cortile pavimentato con pietre bianche e nere, una fontana zampillante al centro e tuttattorno un portico a colonne ombreggiato da alberi

e piante rampicanti. Un luogo rilassante, allinsegna della bellezza e della serenit. Dedicato alla tranquillit e alla riflessione. Malgrado ci fossero molte persone, lunico suono era il gocciolio e il gorgoglio della fontana. Concubine avvolte in bianche sete sedevano su panche in pietra, meditabonde o occupate a ricamare, oppure passeggiavano per il cortile a piedi nudi, orgogliose ed erette, salutandosi cortesemente le une le altre con cenni del capo. Tra loro circolavano ancelle, abbigliate quasi come loro, ma facili da individuare perch erano o pi giovani o pi vecchie, oppure meno belle delle donne che servivano. Cerano altrettanti uomini, la

maggior parte dei quali se ne stava lungo il bordo del cortile, tutti vigili e in attesa di venire chiamati a servirle: gli eunuchi. Notai con sollievo che nessuno guardava dalla nostra parte: le regole sul contatto visivo erano elaborate quanto i mosaici. Il che faceva al caso nostro, due eunuchi sconosciuti che si facevano strada in un luogo sconosciuto. Ci fermammo accanto alla porta che conduceva ai bagni, in parte nascosta dalle colonne e dai rampicanti del portico e, inconsciamente, adottai la posa delle altre guardie, schiena diritta, mani giunte davanti a me, mentre facevo scorrere lo sguardo alla ricerca di Jenny. Cera, ma non la riconobbi

immediatamente: i miei occhi la sorvolarono, per, quando li riportai su una concubina che se ne stava seduta con la schiena rivolta alla fontana facendosi massaggiare i piedi da unancella, mi resi conto che la servitrice era mia sorella. Il tempo aveva avuto un impatto negativo sul suo aspetto e, sebbene ci fosse ancora un barlume della sua antica bellezza, gli scuri capelli erano ora striati di grigio, il volto era teso e rugoso e la pelle opaca, con scure occhiaie sotto occhi stanchi. Per colmo dironia riconobbi lespressione sul volto della ragazza di cui si stava prendendo cura: il modo vanitoso e sprezzante con cui guardava dallalto in

basso. Ero cresciuto vedendo proprio quellespressione sul viso di mia sorella. Non che quellironia mi facesse piacere, ma non potei ignorarla. Mentre la fissavo, Jenny lanci unocchiata dallaltra parte del cortile e mi vide. Per un attimo corrug la fronte, perplessa, e io mi chiesi se, dopo tutti questi anni, mi avesse riconosciuto. No, ero troppo lontano ed ero travestito da eunuco. La brocca era per lei, e forse in quel momento si stava chiedendo, perch nella stanza della vasca erano entrati due eunuchi e ne erano usciti due diversi. Senza perdere quellespressione perplessa, si alz, fece un inchino alla concubina, quindi si avvi verso di noi,

facendosi strada tra concubine avvolte in sete. Scivolai dietro Holden nel momento in cui lei chinava la testa per evitare i rami penzolanti dal portico e si ferm a un passo da noi. Non disse nulla, naturalmente, parlare era vietato, ma non ne aveva bisogno. Nascosto dietro la spalla destra di Holden, osai lanciare unocchiata al suo viso e vidi i suoi occhi scivolare da lui alla porta della camera del bagno, con il significato della sua domanda inespressa chiaramente comprensibile: Dov lacqua? Sul suo volto, mentre esercitava quel poco di autorit che aveva, rividi la ragazza che era stata, unombra dellarroganza che una volta

avevo conosciuto tanto bene. Nel frattempo, Holden, reagendo alla furiosa occhiata di Jenny, chin il capo e si volt verso la camera. Pregai che avesse avuto lo stesso lampo dispirazione che avevo avuto io e si fosse reso conto che, fosse riuscito a indurre Jenny a entrarvi, saremmo potuti fuggire senza provocare trambusto. Allarg infatti le mani per indicare che cera stato un problema, poi indic la porta, come per dire che aveva bisogno di aiuto, ma Jenny, per nulla intenzionata a offrirglielo, aveva notato qualcosa nellabito di Holden e, invece di seguirlo nella stanza, lo blocc, alzando un dito e piegandolo per indicargli qualcosa sul suo petto. Una

macchia di sangue. Spalanc gli occhi e questa volta la guardai e vidi il suo sguardo spostarsi dalla veste di Holden al suo viso e ci che vide fu il volto di un impostore. A bocca aperta, fece un passo indietro, poi un altro, finch sbatt contro una delle colonne e limpatto la fece uscire dallo stordimento. Mentre apriva la bocca, sul punto di infrangere la sacra regola e chiedere aiuto, sbucai da dietro la spalla di Holden, sibilando: Jenny, sono io. Sono Haytham. Mentre pronunciavo quelle parole, mi guardai nervosamente in giro, ma nel cortile era tutto come prima, nessuno si era accorto di ci che stava accadendo sotto il portico; riportai lo sguardo su

Jenny che mi stava fissando, gli occhi sempre pi spalancati e gi appannati di lacrime, mentre gli anni scivolavano via e mi riconosceva. Haytham, mormor, sei venuto a prendermi. S, Jenny, s, risposi sottovoce, provando uno strano miscuglio di emozioni, almeno una delle quali era senso di colpa. Sapevo saresti venuto, aggiunse. Lo sapevo. Stava alzando la voce e io, preoccupato, lanciai unocchiata spaventata nel cortile. Poi lei allung le mani e strinse le mie e si avvicin a me fissandomi con espressione implorante negli occhi. Dimmi che morto. Dimmi

che lo hai ucciso. Lacerato tra il desiderio che rimanesse in silenzio e quello di sapere chi intendesse, sibilai: Chi? Chi devo dirti che morto? Birch, esclam e questa volta a voce troppo alta. Oltre la sua spalla vidi una concubina. Mentre scivolava verso di noi sotto il portico, forse diretta alla stanza del bagno, mi era sembrata persa nei suoi pensieri, ma al suono di una voce aveva alzato gli occhi e la sua espressione di tranquilla serenit fu sostituita da una di panico e subito si sporse nel cortile e grid lunica parola che avevamo tutti temuto. Guardie!

5
La prima guardia che si precipit verso di noi non si era resa conto che ero armato e io avevo fatto scattare la lama e lavevo affondata nel suo addome prima che capisse cosa stava accadendo. Spalanc gli occhi e mi spruzz gocce di sangue sul viso. Con un grido lo tirai verso di me, quindi sbattei il suo corpo che ancora si contorceva contro un secondo uomo, facendo cadere entrambi sulle piastrelle nere e bianche del pavimento. Ne arrivarono altri e la battaglia inizi. Con la coda dellocchio vidi il bagliore di una lama e mi voltai appena in tempo per evitare che mi sinfilzasse nel collo. Ruotando, afferrai

il braccio della spada del mio aggressore, glielo spezzai e gli infilai la mia spada nel cranio. Mi acquattai, girai su me stesso e tirai un calcio contro le gambe di un quarto uomo, poi mi rimisi in piedi, gli calpestai la faccia e sentii il cranio scricchiolare. Non molto distante da me, Holden ne aveva abbattuti tre, ma ora le guardie ci avevano valutati e si stavano avvicinando con cautela, raccogliendosi per combattere, mentre noi ci riparavamo dietro le colonne e ci scambiavamo occhiate preoccupate, chiedendoci, se saremmo riusciti a tornare alla botola prima di venire annientati. Ragazzi furbi. Due di loro erano

avanzati insieme. Fianco a fianco, Holden e io contrattaccammo, mentre altre due guardie avanzavano dalla nostra destra. Per un attimo la situazione fu incerta, mentre cacciavamo, combattendo schiena contro schiena, le guardie dal portico; gli eunuchi si ritirarono pronti a lanciare il loro attacco successivo, avvicinandosi piano, accalcandosi. Dietro di noi Jenny se ne stava accanto alla porta della camera del bagno. Haytham! grid, una punta di panico nella voce. Dobbiamo andarcene. Che le avrebbero fatto, se lavessero catturata? mi chiesi. Quale sarebbe stata la sua punizione? Il solo pensiero

mi atterr. Fuggite voi due, mi esort Holden da sopra la spalla. Neanche per idea! ribattei. Ci battemmo contro un altro attacco. Un eunuco cadde morendo con un gemito. Neppure morendo, neppure con una spada nelle viscere, questi uomini gridavano. Oltre le spalle di uno di quelli che avevamo davanti a noi vidi che altri si stavano riversando nel cortile. Erano come scarafaggi. Ne uccidevamo uno solo per vederne due prendere il suo posto. Andate, signore! insistette Holden Li trattengo, poi vi seguir. Non dite assurdit, Holden, urlai, senza riuscire a evitare un tono di

scherno nella voce. impossibile trattenerli. Vi uccideranno. Mi sono trovato in situazioni peggiori di questa, signore, borbott Holden, continuando a fendere colpi. Percepii comunque nella sua voce la falsa spacconeria. Allora non vi importer, se resto, replicai, schivando i colpi di spada di un eunuco e sferrandogli un pugno in faccia che lo fece roteare su se stesso. Andate via! grid Holden. Moriamo. Moriamo entrambi, replicai. Ma Holden aveva deciso che non cera pi tempo per la gentilezza. Ascoltatemi, amico, o voi due ve ne andate di qui o non lo far nessuno. E

allora che succeder? Nello stesso istante, Jenny mi stava tirando la mano, la porta della stanza del bagno era aperta, e altri uomini stavano arrivando da sinistra. Esitai, fin quando, scuotendo la testa, Holden si gir bruscamente e grid: Dovete scusarmi, signore, e, prima che avessi il tempo di reagire, mi spinse attraverso la porta e la chiuse. Per un attimo, mentre cadevo lungo disteso sul pavimento e tentavo di capire cosa era successo, nella stanza cal il silenzio. Dallaltra parte della porta sentii i rumori del combattimento, una strana battaglia silenziosa, e poi un rumore sordo contro la porta, cui segu un grido, un grido che apparteneva a

Holden e mi tirai in piedi, pronto a spalancare la porta e a precipitarmi fuori, quando Jenny mi agguant il braccio. Non lo puoi aiutare adesso, Haytham, mi disse dolcemente, mentre dal cortile giungeva un altro urlo, e sentimmo Holden tuonare: Bastardi, maledetti bastardi castrati. Lanciai unultima occhiata alla porta, poi la sbarrai, mentre Jenny mi trascinava verso la botola nel pavimento. Non sapete fare di meglio, bastardi? udii da sopra, mentre scendevamo la scala e la voce di Holden diventava sempre pi debole. Forza, castrati, fatemi vedere come ve la

cavate contro uno degli uomini di sua maest Lultima cosa che sentimmo, mentre percorrevamo di corsa il corridoio, fu un grido.

21 settembre 1757

1
AVEVO sperato di non ricavare pi alcun piacere nelluccidere, ma ho dovuto fare uneccezione per il prete copto che faceva la guardia al monastero di Abou Gerbe sul monte Ghebel Eter, e devo ammettere che mi piaciuto ucciderlo. Croll alla base di una recinzione che circondava una piccola area, il petto che si sollevava e lultimo respiro che usciva stridente mentre moriva. In alto, una poiana gracchi e io lanciai unocchiata agli archi e alle guglie del monastero in arenaria che si profilavano allorizzonte. Alla finestra vidi il caldo bagliore di vita.

La guardia morente gorgogli ai miei piedi e per un secondo pensai di finirla alla svelta, ma poi mi chiesi, perch mostrare clemenza? Per quanto lentamente fosse morta e per quanto soffrisse morendo, non era nulla, assolutamente nulla, paragonata allagonia inflitta a quei poveretti che avevano patito allinterno di quello spazio recintato. Uno in particolare, che stava soffrendo l dentro proprio ora. Al mercato di Damasco avevo scoperto che Holden non era stato ucciso, come avevo pensato, ma catturato e trasportato in Egitto nel monastero copto di Abou Gerbe, dove trasformavano gli uomini in eunuchi. Per

questo motivo ero venuto qui, pregando di non arrivare troppo tardi, anche se, in cuor mio, sapevo che cos sarebbe stato. Era troppo tardi. Osservando la recinzione, compresi che era stata infissa profondamente nel terreno per impedire ai predatori notturni di scavare sotto di essa. Allinterno del recinto cera il luogo in cui seppellivano gli eunuchi fino al collo, tenendoli l per dieci giorni. Non volevano che, in quel lasso di tempo, le iene rosicchiassero i volti degli uomini sepolti. Assolutamente no. No, se quegli uomini dovevano morire, dovevano farlo lentamente per lesposizione al sole o per le ferite inflitte loro durante la castrazione.

Con la guardia morta dietro di me, entrai guardingo nel recinto. Era buio e per guidarmi avevo solo la luce della luna, ma vidi che la sabbia attorno era sporca di sangue. Quanti uomini, mi chiesi, avevano sofferto qui, mutilati e poi sepolti fino al collo? Da poco distante giunse un fioco lamento e io strizzai gli occhi e notai una forma irregolare al centro del recinto e compresi immediatamente che apparteneva al soldato semplice James Holden. Holden, sussurrai e un attimo dopo ero accovacciato dove la sua testa sporgeva dalla sabbia, inorridito da ci che vedevo. La notte era fresca, ma di giorno faceva caldo, un caldo infido e il

sole laveva scottato cos tanto che pareva che la pelle gli fosse caduta dalla faccia, ustionata. Le labbra e le palpebre erano incrostate e sanguinanti, la pelle rossa e screpolata. Aprii una fiaschetta dacqua che avevo a portata di mano e gliela tenni vicino alle labbra. Holden? ripetei. Lui si agit, apr gli occhi e li mise a fuoco su di me, occhi acquosi e colmi di sofferenza, ma mi riconobbe e lentamente sulle sue labbra, spaccate e pietrificate, apparve lombra di un sorriso. Poi, rapidamente come era apparso, svan e cominci a contorcersi. Non capii se stesse tentando di tirarsi fuori dalla sabbia o se fosse stato colpito da

una convulsione, ma sbatteva la testa da una parte allaltra, la bocca spalancata, e io mi chinai in avanti e gli presi il viso tra le mani per impedirgli di farsi del male. Holden, mormorai. Holden. Smettetela, per favore Tiratemi fuori di qui, signore, disse con voce stridula, gli occhi lucidi nella luce lunare. Tiratemi fuori. Holden Tiratemi fuori di qui, implor. Tiratemi fuori di qui, signore, per favore, adesso, signore Riprese a sbattere la testa da sinistra a destra e io allungai di nuovo la mano per fermarlo, era importante che non diventasse isterico. Quanto

tempo avevo prima che mandassero unaltra guardia? Gli appoggiai di nuovo la fiaschetta alle labbra e lasciai che sorseggiasse ancora un po dacqua, poi presi il badile che avevo portato con me e iniziai a togliere la sabbia imbevuta di sangue attorno alla sua testa, continuando a parlargli mentre portavo alla luce le spalle e il petto nudi. Mi dispiace, Holden, mi dispiace tanto. Non avrei mai dovuto lasciarvi. Ve lo avevo chiesto io, signore, riusc a dire. Vi avevo dato una spinta, ricordate Pi scavavo, pi la sabbia era nera di sangue. Oh, mio Dio, cosa vi hanno fatto? Ma gi lo sapevo e, in ogni caso, ne

ebbi conferma poco dopo, quando arrivai alla vita e la trovai avvolta in bende, anche quelle nere e incrostate di sangue. Fate attenzione l sotto, signore, per favore, disse sottovoce, e capii che era trasalito, e che si stava mordendo la lingua per il dolore. Dolore che alla fine fu troppo anche per lui che perse conoscenza, una benedizione che mi permise di disseppellirlo, tirarlo fuori da quella buca maledetta e portarlo fino ai due cavalli legati agli alberi ai piedi del colle.

2
Sistemai comodamente Holden, quindi mi alzai e volsi gli occhi al monastero. Controllai il meccanismo della lama, mi agganciai la spada alla cintola, caricai due pistole e le infilai nella cintura, poi caricai due moschetti. Attizzai infine un moccolo e una torcia e, presi i moschetti, tornai nuovamente in cima alla collina, dove accesi una seconda e poi una terza torcia. Spinsi fuori i cavalli, quindi lanciai la prima torcia nella scuderia, e vidi il fieno incendiarsi; lanciai la seconda nel vestibolo della cappella e, quando vidi quella e le stalle in fiamme, ne accesi altre due, mi diressi al dormitorio,

fracassai le finestre sul retro e le lanciai dentro. Tornai poi alla porta dentrata dove avevo lasciato i moschetti appoggiati a un albero. E attesi. Non a lungo. Pochi attimi dopo comparve il primo prete. Gli sparai, poi buttai di lato il moschetto, presi il secondo e lo usai contro il secondo. Cominciarono a riversarsi fuori altri preti e io svuotai le pistole contro di loro, quindi mi precipitai alla porta e comincia ad aggredirli con la lama e la spada. I corpi caddero attorno a me, dieci, undici o pi, mentre ledificio bruciava e infine mi ritrovai appiccicoso, le mani ricoperte di sangue che mi rigava pure la faccia. Lasciai i

feriti strillare dal dolore mentre i restanti preti si rannicchiavano allinterno, troppo spaventati per correre fuori e affrontare la morte, ma neppure desiderosi di morire bruciati. Alcuni corsero comunque il rischio e si precipitarono fuori, brandendo spade, solo per essere abbattuti. Ne sentii altri prendere fuoco. Forse qualcuno riusc a fuggire, ma non avevo voglia di essere meticoloso. Mi assicurai che ne morisse la maggior parte; udii le urla e sentii lodore di carne bruciata, quindi scavalcai i corpi dei morti e dei morenti e me ne andai, mentre il monastero ardeva alle mie spalle.

25 settembre 1757
ERAVAMO in una casetta, a un tavolo, i resti di un pasto e una candela tra noi. Non molto lontano, Holden dormiva, febbricitante e di quando in quando mi alzavo per cambiargli il panno sulla fronte con uno pi fresco. Dovevamo lasciare che la febbre seguisse il suo corso e solo allora, quando fosse stato meglio, avremmo proseguito il viaggio. Nostro padre era un Assassino, mi disse Jenny quando mi risedetti. Era la prima volta che affrontavamo questo argomento da quando lavevo salvata. Eravamo stati troppo presi da altre

questioni: curare Holden, scappare dallEgitto e trovare ogni notte un rifugio. Lo so, ammisi. Lo sai? S. Lho scoperto. Ho capito anche che era questo che intendevi tanti anni fa. Ricordi? Mi chiamavi moccioso Lei si mosse a disagio. e ci che mi avevi detto sul fatto che io ero lerede maschio e come un giorno o laltro avrei scoperto cosa cera in serbo per me. Ricordo Ecco, ci ho messo molto tempo a scoprire cosa mi aspettava. Ma se lo sapevi, come mai Birch ancora vivo?

Perch dovrebbe essere morto? un Templare. Come me. Lei si alz, il volto offuscato dal furore. Tu tu sei un Templare? Ma contrario a tutto ci che nostro padre S, la interruppi. S, sono un Templare e no, non contrario a tutto ci in cui credeva nostro padre. Da quando sono venuto a conoscenza della sua appartenenza, ho scoperto molte analogie tra le due fazioni. Ho cominciato a chiedermi se, date le mie radici e la mia attuale posizione allinterno dellOrdine, non fossi nel posto ideale per unire in qualche modo gli Assassini e i Templari Mi fermai. Mi resi conto che era

leggermente ubriaca: allimprovviso i suoi lineamenti si erano come rilassati ed emise un suono di disgusto. E che mi dici di lui? Il mio ex fidanzato, il padrone del mio cuore, lattraente e focoso Reginald Birch? Che mi dici di lui? Su, dimmelo! Reginald il mio mentore, il mio Gran Maestro. Il suo volto si contorse nel ghigno pi brutto e amaro che avessi mai visto. Bene, non sei stato fortunato? Mentre di te si prendeva cura un mentore, di me si prendevano cura negrieri turchi. Ebbi limpressione di non riuscire a ingannarla, che lei avesse capito quali erano state le mie priorit in tutti quegli anni e abbassai gli occhi, quindi

guardai dallaltra parte della stanza dove giaceva Holden. Una stanza piena di mie manchevolezze. Mi dispiace, mormorai, e fu come se mi rivolgessi a lei e alle mie colpe. Mi dispiace veramente. Non dispiacerti. Io sono stata una delle fortunate. Mi hanno mantenuta pura per vendermi alla corte ottomana, dopodich si sono occupati di me nel Palazzo Topkapi. Distolse lo sguardo. Mi sarebbe potuta andare peggio. Dopotutto, cero gi abituata. A cosa? Immagino che tu abbia idolatrato nostro padre, non vero, Haytham? Con ogni probabilit lo fai ancora. Il tuo sole e la tua luna? Mio padre, il mio re? Io

no: lo odiavo. Tutti i suoi discorsi di libert, libert spirituale e intellettuale, non valevano per me, sua figlia. Ricordi, nessun addestramento alle armi per me. Nessun Pensa in modo diverso per Jenny. Sapeva solo dirmi: Fai la brava e sposa Reginald Birch. Che fantastica unione sarebbe stata. Oserei dire che sono stata trattata meglio dal sultano di quanto lo sarei stata da lui. Una volta ti avevo detto che le nostre vite erano gi state tracciate, ricordi? Ebbene, in un senso sbagliavo, perch non credo che nessuno di noi avrebbe potuto prevedere cosa sarebbe successo, ma in un altro? In un altro senso non avrei potuto essere pi nel giusto, Haytham, perch tu sei nato

per uccidere e uccidere ci che hai fatto, mentre io ero nata per servire gli uomini e servire gli uomini ci che ho fatto. Ma ora per me quel periodo finito. E tu? Si port il calice alle labbra e sorseggi il vino. Mi chiesi quali orribili ricordi quel vino riuscisse a eliminare. Sono stati i tuoi amici Templari ad assalire casa nostra, continu, dopo avere vuotato il bicchiere. Ne sono certa. Io comunque non avevo visto anelli. No, e allora? Che significa? Se li erano tolti, naturalmente. No, Jenny, non erano Templari. Mi sono imbattuto in loro dopo quella

notte. Erano mercenari, sicari. S, mercenari, pensai. Mercenari che lavoravano per Edward Braddock, che era intimo amico di Reginald Mi chinai in avanti. Mi era stato detto che nostro padre aveva qualcosa, qualcosa che loro volevano. Sai che cosa era? Oh, s. Lavevano nella carrozza quella notte. Allora? Era un libro. Provai nuovamente una sensazione di gelo. Che genere di libro? Marrone, rilegato in pelle, con il sigillo degli Assassini. Annuii. Lo sapresti riconoscere, se lo rivedessi?

Probabilmente. Lanciai unaltra occhiata a Holden, la cui schiena luccicava di sudore. Quando gli sar passata la febbre, ce ne andremo. Per andare dove? In Francia.

8 ottobre 1757

1
SEBBENE facesse freddo, quella mattina splendeva il sole, con la brillante luce che attraversava il fogliame degli alberi per dipingere sul suolo della foresta un mosaico doro. Eravamo una colonna di tre persone, con io che la guidavo. Dietro di me Jenny, che aveva da tempo eliminato gli abiti da ancella e indossava un vestito che scendeva lungo i fianchi del cavallo. Si era tirata un ampio cappuccio scuro sulla testa, dal quale il viso serio e incorniciato da capelli striati di grigio che le cadevano sulle spalle, sembrava scrutare dallinterno di una caverna. Alle sue spalle cera Holden che,

come me, indossava una redingote abbottonata, una sciarpa e un tricorno, ma lui era ricurvo sulla sella, la carnagione pallida, giallognola e spettrale. Non aveva parlato molto, dopo essersi ripreso. Cerano stati dei momenti, minuscoli sprazzi del vecchio Holden; un fuggevole sorriso, un lampo della sua saggezza londinese, ma erano fugaci e lui tornava a isolarsi. Durante la traversata del Mediterraneo si era chiuso in se stesso, se ne stava seduto da solo, rimuginando. In Francia ci eravamo travestiti, avevamo acquistato cavalli e avevamo iniziato il lungo tragitto verso il castello e lui aveva cavalcato in silenzio. Era cinereo e,

avendolo visto camminare, avevo capito che stava ancora soffrendo. Lavevo visto trasalire anche sulla sella, soprattutto quando il terreno era irregolare. A stento riuscivo a pensare al dolore che stava sopportando, fisico e mentale. A unora dal castello, ci fermammo e io mi agganciai la spada alla cintola, caricai una pistola e me la infilai alla cintura. Holden fece lo stesso e io gli chiesi: Siete sicuro di stare abbastanza bene per combattere, Holden? Lui mi lanci unocchiata di rimprovero e io notai le borse e le occhiaie scure sotto gli occhi. Vi chiedo scusa, signore, ma sono luccello e le palle che mi hanno portato via, non la

grinta. Scusatemi, Holden, non volevo insinuare nulla di simile. Ho avuto la mia risposta e ci mi basta. Pensate che dovremo combattere, signore? domand e lo vidi trasalire, mentre allungava la mano per sistemare la spada a portata di mano. Non lo so, Holden, proprio non lo so. Giunti nelle vicinanze del castello, vidi il primo uomo della pattuglia che si par davanti al mio cavallo e mi guard da sotto lampia tesa del cappello: era lo stesso uomo, mi resi conto, che si era trovato in quel posto lultima volta che ero stato l, quasi quattro anni prima. Siete voi, signor Kenway?

domand. Sono proprio io e ho con me due compagni, risposi. Lo osservai mentre il suo sguardo passava da Jenny a Holden e, sebbene cercasse di celarlo, i suoi occhi mi dissero tutto ci che mi serviva sapere. Stava per portarsi le dita alla bocca, ma io balzai dal cavallo, gli afferrai la testa, gli infilai la spada negli occhi fin nel cervello e gli squarciai la gola prima che potesse emettere un altro suono.

2
Mi inginocchiai con una mano sul petto della sentinella, mentre il sangue colava rapido e denso dallo squarcio alla gola che pareva una seconda bocca sorridente, e guardai oltre la mia spalla dove Jenny mi fissava cupa e Holden sedeva eretto sulla sella, la spada sguainata. Ti dispiace spiegarci perch lhai fatto? chiese Jenny. Stava per fischiare, risposi, scrutando la foresta attorno a noi. Lultima volta non aveva fischiato. E allora? Forse hanno cambiato la procedura. No, sanno che stiamo arrivando. Ci

stanno aspettando. Il fischio avrebbe avvisato gli altri. Ci avrebbero uccisi prima che riuscissimo ad attraversare il prato. Come fai a saperlo? Non lo so, ribattei. Sotto la mia mano il petto delluomo si alz e si abbass unultima volta. Ebbe un ultimo spasmo prima di morire. Lo sospetto, continuai, pulendomi le mani insanguinate sul terreno e rialzandomi. Ho passato anni a diffidare, trascurando lovvio. Il libro che avevi visto quella notte nella carrozza, ce lha Reginald. E se non sbaglio, sar nel castello. stato lui a organizzare il saccheggio di casa nostra. lui il responsabile della morte di nostro

padre. Oh, lhai capito, finalmente, mi schern Jenny. Mi ero rifiutato di crederci, ma ora lo so. S. Le cose hanno cominciato ad avere senso. Come quel pomeriggio, ero un bambino allora, quando avevo incontrato Reginald accanto alla porta della sala dellargenteria. Scommetterei che stava gi cercando il libro. Era diventato amico intimo della nostra famiglia e aveva chiesto la tua mano solo perch desiderava il libro. Non occorre che tu lo dica a me, esclam. Quella notte avevo tentato di avvertirti che era lui il traditore. Lo so, ammisi, poi rimuginai un attimo. Pap sapeva che era un

Templare? Dapprima no, ma io lavevo scoperto e glielo avevo riferito. Per questo avevano discusso, dissi, avendo finalmente compreso. Avevano discusso? Un giorno li avevo sentiti, poi nostro padre aveva assoldato le guardie, di certo Assassini. Reginald mi aveva detto di avere avvertito nostro padre Altre menzogne, Haytham La fissai, tremando lievemente. S. Altre menzogne. Tutto ci che sapevo, la mia intera fanciullezza, tutto era basato su falsit. Stava usando Digweed, aggiunsi. Era stato Digweed a dirgli dove era

custodito il libro Sobbalzai al subitaneo ricordo. Che c? mi domand. Il giorno vicino alla sala dellargenteria, Reginald mi aveva chiesto dove veniva tenuta la mia spada e io gli avevo rivelato il nascondiglio segreto. Nella stanza del biliardo? Annuii. Erano andati subito l, vero? Annuii di nuovo. Sapevano che non era pi nella stanza dellargenteria, perch Digweed glielo aveva riferito, ed per questo che si erano diretti subito l. Ma non erano Templari? domand. Scusa?

In Siria mi avevi detto che gli uomini che ci avevano attaccati non erano Templari, rispose in tono derisorio. Non potevano essere i tuoi amati Templari. No, non lo erano. Come ti ho detto, li avevo rivisti ed erano uomini di Braddock. Reginald doveva avere programmato di avvicinarmi allOrdine riflettei di nuovo e mi venne in mente qualcosa. a causa di quelleredit di famiglia, probabilmente. Sarebbe stato troppo rischioso ricorrere ai Cavalieri Templari. Avrei potuto scoprirlo. Ci sarei potuto arrivare prima. Ero quasi arrivato a Digweed, li avevo quasi smascherati nella Foresta Nera, ma

Ricordai quando ero tornato nella casupola nella Foresta Nera. Reginald aveva ucciso Digweed. Ecco perch erano sempre un passo avanti noi e lo sono ancora. Indicai il castello. Che facciamo allora, signore? domand Holden. Facciamo ci che avevano fatto loro la famosa notte in cui ci hanno attaccati. Attendiamo il calare della notte. Poi entriamo e uccidiamo.

9 ottobre 1757

LA data in alto dice nove ottobre e io lavevo scribacchiata, piuttosto ottimisticamente, alla fine della precedente annotazione, pensando che sarebbe stato un resoconto redatto poco dopo avere fatto irruzione nel castello.

2
Quanti ce ne saranno? Erano sei lultima volta che ero venuto qui. Reginald avr rafforzato la sua guardia sapendo che sarei potuto venire? Pensai che come minimo laveva raddoppiata. Quindi, diciamo dodici, pi John Harrison, se ancora soggiornava nel castello. E, naturalmente, Reginald. Aveva cinquantadue anni e la sua abilit si era forse affievolita, sapevo comunque che era meglio non sottovalutarlo. E cos attendemmo e sperammo che facessero ci che alla fine fecero, e cio inviare un gruppo di ricerca della guardia scomparsa; erano in tre e

arrivarono con torce e spade sguainate, attraversando il prato buio con la luce delle torce che danzava su volti cupi. Li guardammo materializzarsi dalloscurit e svanire tra gli alberi. Ai cancelli iniziarono a gridare il nome delluomo, poi corsero lungo lesterno del basso perimetro verso il luogo dove avrebbe dovuto trovarsi il ricognitore. Il suo corpo era rimasto dove lavevo lasciato e Holden, Jenny e io prendemmo posizione nel bosco. Jenny rimase indietro, armata di coltello, ma lontana dallazione; Holden e io, pi avanti, ci arrampicammo sugli alberi, Holden con una certa difficolt, per osservare e aspettare, facendoci coraggio, mentre il gruppo simbatteva

nel cadavere. morto, signore. Il capo si allung sul corpo. Da alcune ore. Lanciai un verso duccello, un segnale per Jenny, che fece ci che avevamo deciso. Cacci un grido daiuto dal profondo del bosco che lacer la notte. Con un cenno agitato, il capo della squadra guid i suoi uomini nel bosco e loro si precipitarono verso il punto in cui eravamo appollaiati in attesa. Guardai tra gli alberi e vidi la sagoma di Holden a pochi metri di distanza e mi chiesi se stesse abbastanza bene, sperando che fosse cos, perch un attimo dopo la pattuglia stava correndo

sotto di noi e io mi lanciai dal ramo. Presi per primo il capo, facendo scattare la lama che gli trapass locchio e sinfil nel cervello, uccidendolo allistante. Da accovacciato tagliai lo stomaco di un secondo uomo, che cadde sulle ginocchia con le interiora che luccicavano da un foro nella giubba, quindi si schiant a faccia in gi sul suolo. Guardando verso Holden, vidi il terzo uomo cadere sotto la sua spada e Holden lanciarmi unocchiata di trionfo. Ottimo grido, mi complimentai con Jenny poco dopo. Felice di esserti stata di aiuto, replic. Ma stai pur sicuro, Haytham, che non me ne star nascosta quando

saremo dentro. Sollev il coltello. Voglio occuparmi di Birch di persona. Mi ha rubato la vita. Qualsiasi clemenza avesse mostrato impedendo loro di uccidermi, la ripagher lasciandogli luccello e Si blocc e fiss Holden, che si era inginocchiato e aveva distolto lo sguardo. Mi inizi a dire. Non importa, signorina, la interruppe Holden. Alz la testa e, con unespressione che non gli avevo mai visto, aggiunse: Assicuratevi per di staccargli luccello e le palle prima di ucciderlo. Fatelo soffrire, quel bastardo.

3
Tornammo al cancello, dove unagitata sentinella solitaria si stava chiedendo dove era finito il gruppo di ricerca, intuendo che qualcosa non andava, i sensi allerta. Ma qualsiasi istinto avesse avuto, non bast per salvargli la vita e pochi istanti dopo noi stavamo oltrepassando il portello e, tenendoci bassi, attraversavamo il prato. Ci fermammo e ci inginocchiamo accanto a una fontana, trattenendo il fiato nel sentire il rumore di altri quattro uomini che arrivavano dallentrata, gli stivali che risuonavano sulla pavimentazione, chiamando nomi. Un gruppo di ricerca inviato a trovare il

primo. Ora tutto il castello era in allarme. Fine di unentrata silenziosa. Almeno avevamo ridotto il loro numero di Otto. Al mio segnale Holden e io irrompemmo dal riparo e fummo su di loro, abbattendoli tutti prima che avessero la possibilit di sguainare le spade. Eravamo stati visti. Dal castello provenne un grido e subito dopo sentimmo la detonazione di moschetti e il rumore di pallottole che colpivano la fontana alle nostre spalle. Corremmo verso la porta, dove unaltra guardia ci vide arrivare e, mentre io mi precipitavo su per la corta scala, tent di fuggire per la stessa. Fu troppo lento. Conficcai la spada

nella porta che si stava chiudendo e nella sua faccia, sfruttando lo slancio in avanti per spalancare la porta e precipitarmi nellatrio, mentre lui cadeva con il sangue che defluiva dal mento fracassato. Dal pianerottolo in alto giunse lo scoppio del fuoco di moschetto, ma il pistolero aveva mirato troppo in alto e la pallottola sinfranse nel legno senza colpirci. In un attimo ero in piedi e mi stavo lanciando su per la scala verso il pianerottolo, dove il cecchino abbandon il moschetto con un grido di frustrazione, estrasse la spada dal fodero e avanz per affrontarmi. Vidi il terrore nei suoi occhi. Mi sentivo pi animale che uomo, agivo per mero istinto, come se fossi levitato dal

corpo e mi stessi guardando combattere. Poco dopo avevo squarciato la guardia e lavevo gettata oltre la balaustrata nellatrio sottostante, dove ne era arrivata unaltra, appena in tempo per scontrarsi con Holden che stava entrando con Jenny alle calcagna. Balzai dal pianerottolo con un grido, atterrando sul corpo delluomo che avevo appena buttato gi e costringendo il nuovo arrivato a girarsi per proteggersi il posteriore. Holden non si lasci sfuggire loccasione e lo trafisse. Con un cenno mi voltai e corsi di nuovo su per le scale, in tempo per vedere una figura arrivare sul pianerottolo, mi abbassai nel sentire lo

scoppio dello sparo mentre la pallottola colpiva il muro in pietra alle mie spalle. Era John Harrison e io gli fui addosso prima che avesse il tempo di estrarre il pugnale, gli afferrai la camicia da notte e lo costrinsi a inginocchiarsi, tirando indietro il braccio della spada per colpirlo. Lo sapevate? ringhiai. Avete dato una mano a uccidere mio padre e a rovinare la mia vita? Lui inclin la testa in segno di assenso e io gli affondai la lama nella nuca, tranciando la vertebra, uccidendolo allistante. Sguainai la spada. Alla porta di Reginald, mi fermai, lanciai unocchiata a destra e a sinistra, quindi mi inclinai

allindietro e stavo per aprirla con un calcio, quando mi resi conto che era gi aperta. Acquattato, la spinsi e la porta oscill allinterno con un cigolio. Al centro della camera cera Reginald, vestito di tutto punto. Proprio da lui, sempre tanto pignolo riguardo letichetta, vestirsi per affrontare i suoi assassini. Allimprovviso vidi unombra sulla parete, gettata da una persona nascosta dietro la porta e io, invece di attendere che scattasse la trappola, trapassai la porta con la spada, entrai nella stanza e lasciai che la porta si chiudesse, con il cadavere dellultima guardia inchiodato su di essa che fissava la spada che gli aveva trapassato il petto con occhi stupiti e

increduli, mentre i suoi piedi raspavano il pavimento in legno. Haytham, disse Reginald con calma.

4
Era lultima delle vostre guardie? gli chiesi, riprendendo fiato. Dietro di me, i piedi delluomo morente strisciavano ancora sul legno e io sentii Jenny e Holden dallaltra parte della porta che cercavano di aprirla, ostacolati dal corpo che si contorceva. Infine, con un ultimo colpo di tosse, luomo mor, il suo corpo cadde dalla spada e Holden e Jenny si precipitarono dentro. S, ammise Reginald. Ora ci sono solo io. Monica e Lucio, sono salvi? Nel loro alloggio, s, in fondo al corridoio.

Holden, potete farmi un favore? domandai da sopra la spalla. Potreste andare a controllare che Monica e Lucio siano incolumi? La loro condizione potrebbe servirci per decidere a quanta sofferenza sottoporre il signor Birch. Holden spost il corpo della guardia e disse: Sissignore, e se ne and chiudendo la porta con una risolutezza che non sfugg a Reginald. Reginald sorrise, un lungo, lento e mesto sorriso. Ho fatto ci che ho fatto per il bene dellOrdine, Haytham. Per il bene dellintera umanit. A spese della vita di mio padre. Avete distrutto la mia famiglia. Pensavate che non lavrei mai scoperto?

Scosse la testa tristemente. Mio caro ragazzo, quale Gran Maestro, bisogna prendere ardue decisioni. Non ve lho forse insegnato? Vi ho elevato a Gran Maestro del rito coloniale, sapendo che anche voi avreste dovuto prendere simili decisioni e confidando nella vostra capacit di prenderle, Haytham. Decisioni prese perseguendo un bene pi grande. Perseguendo un ideale che voi condividete, ricordate? Avete chiesto, se pensavo se lavreste mai scoperto, naturalmente la risposta positiva. Siete tenace e pieno di risorse. Vi ho addestrato a essere cos. Dovevo prendere in considerazione la possibilit che, un giorno, avreste appreso la verit, ma avevo sperato che, quando

quel giorno fosse arrivato, avreste assunto un punto di vista pi filosofico. Il suo sorriso era teso. Dato il numero di cadaveri, devo ritenermi deluso in questo senso, non vero? Feci una secca risata. Proprio cos, Reginald. Proprio cos. Ci che avete fatto ha contaminato tutto ci in cui credo e sapete perch? Non lavete fatto applicando i nostri ideali, ma ingannandomi. Come possiamo ispirare fiducia quando ci che abbiamo nei nostri cuori sono menzogne? Suvvia, sono solo ingenue stupidaggini. Me le sarei aspettate da voi quando eravate solo un giovane adepto, ma ora! sbott con disgusto. In guerra, si fa quello che si pu per

assicurarsi la vittoria. Quello che conta cosa si fa poi con quella vittoria. No. Dobbiamo mettere in pratica ci che predichiamo. Altrimenti le nostre parole sarebbero vuote. Ora parla lAssassino che in voi, ribatt. Non mi vergogno delle mie radici. Ho avuto anni per riconciliare il mio sangue Assassino con le mie opinioni Templari e lho fatto. Sentivo il respiro di Jenny al mio fianco farsi sempre pi stridulo e accelerato. Ah, cos allora, mi schern Reginald. Vi considerate un moderato? Non risposi. E pensate di poter cambiare le

cose? mi beffeggi con unespressione che svelava quanto poco mi rispettasse. A questa domanda rispose Jenny. No, Reginald. Uccidervi vuole dire vendicarsi per ci che ci avete fatto. Rivolse la sua attenzione a lei, prendendo atto per la prima volta della sua presenza. Come state, Jenny? le chiese, alzando leggermente il mento prima di aggiungere insincero: Vedo che il tempo non vi ha appassita. Con la coda dellocchio vidi che Jenny allungava minacciosamente la mano con il coltello. Se ne accorse pure lui. E la vita da concubina, continu, stato un periodo gratificante per voi? Immagino che abbiate avuto

lopportunit di vedere tante parti del mondo, di conoscere molte persone e varie culture Stava cercando di provocarla e ci riusc. Con un urlo di rabbia generata da anni di soggiogamento balz verso di lui per colpirlo. No, Jenny! gridai, ma troppo tardi, perch naturalmente lui era pronto. Lei stava facendo esattamente ci che lui aveva sperato e, come arriv a distanza per mettere a segno il suo affondo, lui estrasse il pugnale, che doveva aver tenuto infilato nella cintura, ed evit il fendente con facilit. Un attimo dopo lei stava urlando di dolore e indignazione, mentre lui le afferrava e torceva il polso, facendo

cadere il coltello sul pavimento e tenendola con un braccio attorno al collo, la lama alla gola. Da sopra la spalla di Jenny, mi fiss e i suoi occhi brillarono. Io ero gi pronto a saltare in avanti, ma lui premette la lama e lei gemette, mentre tentava con entrambe le braccia di spostargli lavambraccio e di liberarsi dalla presa. Ah, ah, lammon e si stava gi spostando, tenendole sempre il coltello alla gola, tirandola verso la porta, mentre la sua espressione cambiava da trionfale a irritata quando lei inizi a dimenarsi. Ferma, le intim a denti stretti. Fa ci che ti dice, Jenny, la

esortai, ma lei si stava dibattendo, i capelli umidi di sudore appiccicati sul viso, come se la disgustasse tanto essere trattenuta da lui che avrebbe preferito essere ferita piuttosto che passare un altro secondo vicina a lui. E venne ferita e il sangue le flu lungo il collo. Volete stare ferma, donna! sbott Reginald, cominciando a perdere la calma. Per lamor di Dio, volete morire qui? Meglio questo e sapere che mio fratello vi uccider che permettervi di fuggire, sibil Jenny e continu a far forza contro di lui. Vidi i suoi occhi guizzare verso il pavimento. Non molto distante da dove stavano lottando cera

il corpo della guardia e io compresi ci che stava facendo un secondo prima che accadesse: Reginald inciamp in una gamba distesa del cadavere e si sbilanci. Solo un po, ma sufficiente. Quando Jenny, con un urlo, si spinse indietro, lui incespic sul corpo e perse lequilibrio, sbattendo pesantemente contro la porta, dove cera ancora conficcata la mia spada. La bocca di Reginald si spalanc in un silenzioso urlo di dolore e stupore. Continuava a tenere Jenny, ma la sua presa si allent e lei cadde in avanti, lasciando Reginald appeso alla porta e facendo scorrere lo sguardo da me al petto delluomo da cui spuntava la mia spada. Quando lui fece una smorfia di

dolore, i suoi denti erano coperti di sangue. Poi, lentamente, scivol via dalla spada e fin accanto alla guardia, le mani sul petto, il sangue che stava imbevendo i vestiti e gi iniziava a formare un pozza sul pavimento. Voltando leggermente la testa, riusc ad alzare gli occhi su di me. Ho cercato di fare ci che era giusto, Haytham, sussurr. Questo vi chiaro, vero? Lo guardai dallalto in basso e piansi, non per lui, ma per la fanciullezza che mi aveva rubato. No, risposi e, mentre la luce si spegneva nei suoi occhi, sperai che portasse via con s nellaltro mondo la mia freddezza. Bastardo! grid Jenny da dietro. Si

era messa su mani e ginocchia e ringhiava come un animale. Ritenetevi fortunato che non vi abbia strappato le palle, ma non credo che Reginald la sentisse. Quelle parole sarebbero rimaste nel mondo fisico. Era morto.

5
Dallesterno giunse un rumore e io scavalcai il corpo e aprii la porta, pronto, fosse stato necessario, ad affrontare altre guardie. Vidi invece Monica e Lucio passare lungo il pianerottolo, entrambi con fagotti in mano e spinti verso le scale da Holden. Mostravano i volti pallidi e magri di chi stato a lungo incarcerato e, quando guardarono oltre la balaustrata verso latrio sottostante, la vista dei cadaveri spavent Monica che si pose una mano sulla bocca. Mi dispiace, dissi, non del tutto sicuro per che cosa mi stavo scusando. Per averli sorpresi? Per i cadaveri? Per il

fatto che erano stati tenuti in ostaggio per quattro anni? Lucio mi lanci unocchiata di puro odio, quindi distolse lo sguardo. Non vogliamo le vostre scuse, signore, replic Monica in un inglese stentato, ma vi ringraziamo per averci liberati. Se ci aspettate, ce ne andremo in mattinata, li informai. Se siete daccordo, Holden? Sissignore. Preferiamo andarcene appena avremo raccolto le provviste per il viaggio, rispose Monica. Per favore, aspettate, ripetei, sentendo la stanchezza nella mia voce. Monica. Lucio. Per favore, aspettate e

partiremo insieme al mattino, per garantirvi un viaggio sicuro. No, grazie, signore. Erano arrivati in fondo alle scale e Monica volt il viso per guardarmi. Credo che abbiate gi fatto abbastanza. Sappiamo dove sono le scuderie. Se potessimo prendere delle provviste in cucina e i cavalli Certo. Certo. Avete avete qualcosa con cui difendervi, doveste imbattervi nei banditi? Corsi gi per le scale, presi la spada da una delle guardie morte e la porsi a Lucio, presentandogliela dallimpugnatura. Lucio, prendetela. Ne avrete bisogno per proteggere vostra madre mentre tornate a casa. Lui afferr la spada, mi guard e io

pensai di vedere i suoi occhi addolcirsi. Poi laffond dentro di me.

27 gennaio 1758
MORTE. Ce nera stata tanta e ce ne sarebbe stata ancora. Anni fa, quando avevo ucciso il riparatore nella Foresta Nera, avevo sbagliato pugnalandolo nel rene, accelerando cos la sua dipartita. Quando Lucio aveva conficcato la spada dentro di me nellatrio del castello, solo per caso non aveva colpito alcun organo vitale. Mi aveva colpito con ferocia. Come nel caso di Jenny, la sua era stata unira generata da anni di rabbia repressa e sogni di vendetta. Dal momento che io stesso ero un uomo che aveva trascorso lintera vita alla ricerca

della vendetta, non potevo certo biasimarlo, ma non mi ha ucciso, ovviamente, altrimenti non sarei qui a scrivere questo resoconto. Era stato comunque un colpo tanto violento da procurarmi una grave ferita e per il resto dellanno ero rimasto a letto nel castello. Mi ero trovato sullorlo della morte, perdendo e riprendendo conoscenza, ferito, infettato, febbricitante, ma sempre lottando stancamente, una debole e guizzante fiammella di energia dentro di me che si rifiutava di venire spenta. I ruoli si erano capovolti e questa volta era toccato a Holden prendersi cura di me. Ogni qualvolta riprendevo conoscenza e mi svegliavo agitandomi

nel letto inzuppato di sudore, Holden era l, lisciando le lenzuola, ponendomi nuovi panni freddi sulla fronte febbricitante, calmandomi. Va tutto bene, signore. Calmatevi. Il peggio passato. Era vero? Avevo superato il peggio? Un giorno, non so da quanto tempo ero stato in uno stato febbricitante, mi ero svegliato, afferrando il braccio di Holden, mi ero tirato seduto e lavevo fissato intensamente negli occhi. Lucio. Monica. Dove sono? avevo chiesto. Avevo questa immagine, limmagine di un furibondo e vendicativo Holden che li uccideva entrambi. Lultima cosa che avevate detto

prima di svenire, signore, era stata di risparmiare loro la vita, aveva risposto, con unespressione che indicava che non ne era affatto contento, e questo feci, risparmiai loro la vita. Li abbiamo spediti via con cavalli e provviste. Bene, bene avevo sussurrato e mi ero sentito avvolgere di nuovo nelloscurit. Non potete biasimare Unazione vigliacca, ecco cosa fu, stava dicendo in tono triste, mentre svenivo di nuovo. Non esiste altro aggettivo, signore. Fu unazione vigliacca. Ma ora chiudete gli occhi, riposatevi Avevo visto anche Jenny e, pur nel mio stato comatoso, ferito, non avevo

potuto evitare di notare quanto fosse cambiata. Era come se avesse trovato una pace interiore. Una o due volte mi ero reso conto che era seduta accanto al mio letto e lavevo sentita parlare della sua vita nella nostra vecchia casa di Londra, della sua intenzione di tornarvi e, come si espresse, di occuparsi degli affari. Tremavo al solo pensiero. Anche semincosciente, avevo commiserato i poveretti responsabili degli affari dei Kenway il giorno in cui Jenny fosse tornata allovile. Sul tavolo accanto al mio letto cera lanello dei Templari di Reginald, ma non me lo infilai, n lo presi in mano, non lo toccai mai. Per il momento,

almeno, non mi sentivo n Templare n Assassino e non volevo avere nulla a che fare con entrambi quegli Ordini. Circa tre mesi dopo essere stato pugnalato da Lucio, mi alzai dal letto. Traendo un profondo respiro e con Holden che mi stringeva il braccio sinistro con entrambe le mani, feci oscillare la gambe da sotto le lenzuola, le appoggiai sul freddo pavimento in legno e sentii la camicia da notte scivolarmi fino alle ginocchia mentre mi drizzavo per la prima volta in quella che mi parve uneternit. Subito dopo sentii un dolore lancinante al fianco e ci misi sopra la mano. Si era infettata gravemente, signore, mi spieg Holden. Abbiamo

dovuto tagliare via un po di pelle ulcerata. Feci una smorfia. Dove volete andare, signore? domand Holden, dopo che avevamo raggiunto lentamente luscio. Mi fece sentire un invalido, ma, per il momento, ero contento di essere trattato come tale. Le forze mi sarebbero tornate presto. E allora sarei tornato a essere Quello di prima? mi chiesi. Vorrei guardare fuori dalla finestra, Holden, per favore, risposi e lui acconsent e mi aiut a raggiungerla, affinch potessi osservare i prati dove avevo trascorso parte della mia infanzia. L, immobile, mi resi conto che, per buona parte della mia vita da

adulto, quando avevo pensato a casa, mi ero visto a guardare fuori da una finestra o i giardini della piazza dedicata alla Regina Anna, o quelli del castello. Li avevo chiamati entrambi casa e lo facevo ancora, ma ora che conoscevo tutta la verit su mio padre e Reginald, avevano acquisito un significato pi grande, quasi una doppia natura: due met della mia adolescenza, due parti delluomo che ero diventato. Basta cos, grazie, Holden, dissi e lasciai che mi accompagnasse al letto. Ci salii su, sentendomi, odio ammetterlo, fragile, dopo il lungo tragitto dal letto alla finestra e ritorno. In ogni caso, mi ero quasi del tutto ristabilito e ci mi fece sorridere,

mentre Holden si dava da fare prendendo un bicchiere dacqua e un panno, sul suo viso una strana, mesta e impenetrabile espressione. bello rivedervi in piedi, signore, disse, nel rendersi conto che lo stavo fissando. Devo ringraziare voi, Holden, replicai. E la signorina Jenny, signore. Giusto. Per un po abbiamo temuto entrambi per voi, signore. Era una situazione critica. Sarebbe stato il colmo essere sopravvissuto a guerre, Assassini e sanguinari eunuchi e poi morire per mano di un ragazzo mingherlino.

Proprio cos, signore. Unamara ironia per davvero. Ebbene, vivo per affrontare unaltra giornata, osservai, e presto, forse tra una settimana, ce ne andremo, torneremo in America e l continuer il mio lavoro. Lui mi guard e annu. Come desiderate, signore. Non vi serve altro per il momento, signore? No, no. Scusatemi, Holden, per essere stato un tale peso in questi ultimi mesi. Il mio unico desiderio era vedervi rimesso in salute, signore, disse e usc.

28 gennaio 1758
LA prima cosa che sentii al mattino fu un grido. Lurlo di Jenny. Era entrata in cucina e aveva trovato Holden appeso a una corda per asciugare i panni. Lavevo saputo prima ancora che si precipitasse in camera mia, avevo capito cosa era accaduto. Aveva lasciato un biglietto, ma non ne avrebbe avuto bisogno. Si era ucciso per ci che gli avevano fatto i preti copti. Tutto qui, nessuna sorpresa, realmente. La morte di mio padre mi aveva insegnato che uno stato di torpore era un buon indice del dolore che sarebbe sopravvenuto. Quanto pi uno si sente

paralizzato, stordito e sconvolto, tanto pi lungo e intenso sar il periodo del lutto.

PARTE QUARTA
1774, sedici anni dopo

12 gennaio 1774

1
DOPO una serata colma di eventi, ho una sola domanda in testa. possibile che Che io abbia un figlio? Non lo so con sicurezza, ma ho qualche indizio e, in modo forse pi insistente, una sensazione che continua a ronzarmi, a strattonarmi lorlo del mantello come un mendicante insistente. Naturalmente non lunico peso che porto sulle spalle. Ci sono giorni in cui mi sento piegato in due dai ricordi, dai dubbi, dal rimpianto e dal dolore. Giorni in cui ho limpressione che i fantasmi non mi lasceranno mai in pace.

Dopo avere sepolto Holden, ero partito per le Americhe e Jenny era tornata a vivere in Inghilterra, nella nostra vecchia casa, dove rimasta felicemente zitella. Senza dubbio stata oggetto di infiniti pettegolezzi e congetture sugli anni passati lontano da casa e senza dubbio ci le garba moltissimo. Ci scriviamo, ma anche se vorrei dire che le nostre esperienze condivise ci hanno uniti, in verit cos non . Ci siamo tenuti in contatto perch condividiamo il cognome Kenway. Jenny non mi ha pi insultato, e in questo senso immagino che la nostra relazione sia migliorata, ma le nostre lettere erano frettolose e stentate. Eravamo due persone che

avevano vissuto sofferenze e perdite sufficienti per una decina di vite. Di che cosa potevamo parlare nelle nostre lettere? Di niente. E di niente discutevamo. Nel frattempo, avevo avuto ragione, ho pianto Holden. Non avevo mai conosciuto un uomo tanto in gamba e non mi capiter mai pi. Non gli erano, tuttavia, bastati la forza e il carattere che aveva in abbondanza. Gli era stata strappata la virilit. Non poteva vivere cos, non era preparato, e per questo aveva atteso che mi riprendessi prima di togliersi la vita. Ho sofferto per lui e con ogni probabilit continuer a farlo, e ho sofferto per il tradimento di Reginald,

per il rapporto che avevamo avuto e per le menzogne e le slealt sulle quali era basata la mia vita. E ho sofferto per luomo che ero stato. Il dolore al fianco non era mai scomparso del tutto, di tanto in tanto mi faceva trasalire e, malgrado non avessi permesso al mio corpo di invecchiare, aveva deciso di farlo ugualmente. Dalle orecchie e dal naso erano spuntati piccoli e ispidi peli. Allimprovviso non ero pi agile come una volta. Sebbene la mia posizione allinterno dellOrdine fosse pi importante che mai, fisicamente non ero pi luomo di una volta. Tornato nelle Americhe avevo trovato una casa con terreno in Virginia dove coltivare tabacco e grano e percorrevo la

propriet a cavallo, conscio che le mie capacit calavano lentamente con il passare degli anni. Montare e smontare da cavallo era pi faticoso. Non voglio dire che fosse pesante, solo pi faticoso, perch ero ancora pi forte, pi veloce e pi agile di uomini che avevano la met dei miei anni e non cera un lavoratore nella mia propriet che potesse superarmi fisicamente, eppure non ero pi veloce, forte o agile come prima. La vecchiaia non si era dimenticata di me. Nel 1773 anche Charles era tornato nelle Americhe ed era diventato mio vicino, un proprietario terriero ad appena una mezza giornata a cavallo di distanza, e ci eravamo tenuti in

contatto, concordando di incontrarci per parlare delle attivit dei Templari e per decidere come promuovere gli interessi del rito coloniale. Pi che altro, comunque, discutevamo della crescente aria di rivolta, dei germi della rivoluzione che fluttuavano nella brezza e di come sfruttarla al meglio, perch i nostri sudditi coloniali non ne potevano pi delle nuove norme che venivano imposte dal parlamento britannico: dazio sul bollo, imposta sulle entrate, tributo sullindennit, tassa doganale. Venivano spremuti dalle tasse e mal sopportavano che non ci fosse nessuno a rappresentare i loro punti di vista, che esprimesse il loro malcontento. Tra gli scontenti cera un certo

George Washington. Quel giovane ufficiale che una volta aveva cavalcato al fianco di Braddock aveva rassegnato le dimissioni e aveva accettato una ricompensa in terre per avere aiutato i britannici durante la guerra francoindiana. Nel frattempo comunque le sue simpatie si erano spostate. Lufficiale dagli occhi svegli che avevo ammirato per la sua mentalit compassionevole, o almeno pi compassionevole di quella del suo comandante, era ora una delle voci pi forti nel movimento antibritannico. Non dubitavo che questa sua posizione dipendesse dal fatto che gli interessi del governo di sua maest erano in conflitto con le sue ambizioni imprenditoriali: allAssemblea della

Virginia aveva richiesto lintroduzione di una legge che vietasse limportazione di beni dalla Gran Bretagna. Il fatto che fosse una legge destinata al fallimento aveva solo aumentato la crescente insoddisfazione nazionale. Il Tea Party, avvenuto nel dicembre del 1773, meno di un mese fa, fu il culmine di anni, anzi, di decenni di disagi. Trasformando il porto di Boston nella pi grande tazza di t al mondo, i coloni avevano detto alla Gran Bretagna e al mondo che non erano pi disposti a vivere sotto un sistema ingiusto. Era solo questione di mesi prima che scoppiasse una rivolta su vasta scala. E cos, con lo stesso entusiasmo che dedicavo alla cura del mio raccolto, alla

corrispondenza con Jenny o ad alzarmi ogni mattina, decisi che era giunta lora per lOrdine di prepararsi allimminente rivoluzione e convocai una riunione.

2
Ci riunimmo tutti per la prima volta in pi di quindici anni, gli uomini del rito coloniale con cui avevo condiviso cos tante avventure ventanni prima. Ci eravamo radunati sotto le bassi travi di una taverna abbandonata, il Restless Ghost, alla periferia di Boston. Cera qualche cliente quando eravamo arrivati, ma Thomas aveva fatto s che ben presto il posto fosse solo per noi, cacciando letteralmente i pochi avventori seduti ai tavoli in legno. Quelli di noi che di solito portavano uniformi avevano indosso abiti civili con mantelli abbottonati e cappelli calati sugli occhi, e prendemmo posto attorno

a un tavolo con boccali di birra a portata di mano: io, Charles Lee, Benjamin Church, Thomas Hickey, William Johnson e John Pitcairn. Fu l che seppi per la prima volta del bambino. Benjamin affront largomento. Era il nostro uomo nelle fila dei Figli della Libert di Boston, un gruppo di patrioti, di coloni antibritannici che avevano preso parte allorganizzazione del Tea Party, e due anni prima, a Marthas Vineyard, aveva incontrato qualcuno. Un ragazzino indiano, disse. Non qualcuno che avevo gi visto Non qualcuno che ricordate di avere gi visto, Benjamin, lo corressi. Lui fece una smorfia. Non qualcuno

che ricordo di avere gi visto, daccordo, si corresse. Mi si avvicin e con sfacciataggine mi chiese dove fosse Charles. Mi rivolsi a Charles: Chiede di voi. Sapete chi ? No, rispose, ma cera un che di evasivo nel modo in cui pronunci quellunica parola. Ci riprovo, Charles. Avete qualche sospetto su chi sia quel ragazzino? Si appoggi allo schienale della sedia e guard dallaltra parte della taverna. Non credo. Ma non ne siete sicuro? Cera un bambino Un silenzio imbarazzato parve calare sul tavolo. Gli uomini o presero i loro

boccali o curvarono le spalle o trovarono qualcosa da esaminare nel fuoco vicino. Nessuno incroci il mio sguardo. Che ne dite di svelarmi cosa sta accadendo? domandai. Quegli uomini, nessuno di loro valeva un decimo delluomo che era stato Holden. Mi resi conto che ero stufo di loro, proprio stufo. Fu Charles il primo ad alzare lo sguardo su di me e a dire: La vostra donna Mohawk. Ebbene? Mi dispiace, Haytham, continu. Davvero. morta? S.

Naturalmente, pensai. Cos tante morti. Quando? Come? Durante la guerra. Nel 1760. Quattordici anni fa. Il suo villaggio era stato attaccato e bruciato. Sentii serrarsi la bocca. stato Washington, prosegu alla svelta, lanciandomi unocchiata. George Washington e i suoi uomini. Hanno bruciato il villaggio e la vostra morta nellincendio. Eravate l? Avvamp. S, avevamo sperato di parlare con gli anziani del villaggio del luogo dei precursori. Non potei fare nulla, Haytham, ve lo garantisco. Washington e i suoi erano dappertutto. Quel giorno avevano sete di sangue.

E cera un bambino? gli chiesi. I suoi occhi guizzarono. S, un bambino, sui cinque anni. Cinque anni. Rividi Ziio, il volto che avevo amato quando ancora ero capace di amare, e provai un sordo riflusso di dolore per lei e di disprezzo per Washington che, a quanto pareva, una o due cose le aveva imparate quando era un ufficiale del generale Braddock, lezioni di brutalit e spietatezza. Pensai allultima volta che eravamo stati insieme, lei e io, e la immaginai nel nostro piccolo accampamento a scrutare il bosco con unespressione rapita negli occhi e portarsi, quasi inconsciamente, la mano sul ventre. No, scartai quellidea. Troppo

stravagante. Troppo incredibile. Mi ha minacciato, stava dicendo Charles. In altre circostanze, avrei sorriso allimmagine di Charles, in tutto il suo metro e ottanta, che viene minacciato da un indigeno di cinque anni, ma stavo tentando di assimilare la morte di Ziio e cos trassi un profondo, ma quasi impercettibile respiro, sentendo laria nel petto, e allontanai limmagine di lei. Non ero solo quel giorno, continu in tono difensivo e io guardai gli altri con fare indagatore. Forza, chi altri cera? William, Thomas e Benjamin annuirono, gli occhi fissi sullo scuro e nodoso legno del tavolo.

Non pu essere stato lui, borbott William. Non pu essere stato lo stesso bambino. Suvvia, quali sono le probabilit? intervenne Thomas Hickey. E non lavete riconosciuto a Marthas Vineyard? domandai a Benjamin. Lui scosse la testa. Era solo un bambino, un bambino indiano. Sembrano tutti uguali, no? E che ci facevate a Marthas Vineyard? Con voce seccata rispose: Mi stavo riposando. Davvero? chiesi, pensando: O stavi facendo piani per riempirti le tasche? Se le cose andranno come

pensiamo, e i ribelli si organizzeranno in un esercito, allora potrei diventare medico capo, signor Haytham, replic, una delle posizioni di maggior responsabilit nellesercito. Credo che, invece di mettere in discussione la mia presenza sullisola quel giorno, dovreste congratularvi con me. Si guard in giro per avere appoggio, ma trov soltanto esitanti cenni da parte di Thomas e William, che nello stesso tempo mi lanciarono occhiate con la coda dellocchio. Ammisi la sconfitta. Mi sono completamente dimenticato delle mie buone maniere, Benjamin. Sar davvero un grande supporto per lOrdine il giorno in cui otterrete quella

posizione. Speriamo anche che, se si creer un simile esercito, il nostro Charles verr nominato comandante supremo. Non vedevo bene, la luce nella taverna era fioca, ma percepii che Charles era arrossito. ben pi che una speranza, protest. Io sono lovvio candidato. La mia esperienza militare supera di gran lunga quella di George Washington. S, ma voi siete inglese, Charles. Nato in Inghilterra, balbett, ma un colono nel cuore. Ci che siete nel cuore potrebbe non bastare, sottolineai. Vedremo, ribatt, offeso. Vedremo davvero, pensai

stancamente, poi rivolsi la mia attenzione su William, sfuggente fino a quel momento. Visto che sarebbe stato quello pi colpito dagli eventi del Tea Party, aveva il motivo pi ovvio per essere evasivo. Che mi dite del vostro compito, William? Come vanno i piani per acquisire la terra degli indigeni? Lo sapevamo tutti, naturalmente, ma bisognava dirlo e doveva dirlo William, che gli piacesse o no. La confederazione ha dato la sua benedizione allaffare esord. Ma Trasse un profondo respiro. Signor Kenway, voi siete naturalmente a conoscenza dei nostri piani per

raccogliere fondi Foglie di t? E sapete tutto del Tea Party di Boston? Alzai entrambe le mani. Le ripercussioni si sono sentite in tutto il mondo. Prima il dazio sul bollo, ora questo. I nostri coloni si stanno ribellando, non vero? William mi lanci unocchiata di rimprovero. Mi fa piacere che la situazione vi diverta, signor Kenway. La bellezza del nostro approccio che includiamo tutti gli aspetti. Attorno a questo tavolo abbiamo rappresentanti dei coloni, indicai Benjamin, dellesercito britannico, e indicai John, e naturalmente il nostro uomo a

pagamento, Thomas Hickey. Viste da fuori le vostre associazioni non potrebbero esse pi diverse. Ci che avete nel cuore sono gli ideali dellOrdine. E cos dovrete scusarmi, William, se mantengo il buonumore malgrado il vostro contrattempo. solo un contrattempo, e pure uno di scarsa importanza. Ecco, spero abbiate ragione, signor Kenway, perch la realt che quella via di raccolta fondi ora ci sbarrata. A causa delle azioni dei ribelli Gi. E c dellaltro Cosa? chiesi, sentendo tutti gli occhi su di me. Il ragazzo era qui. Era uno dei capi. Ha gettato casse di t nel porto.

Labbiamo visto tutti. Io, John, Charles Lo stesso ragazzo? Sono quasi certo, ammise William, che la sua collana fosse uguale a quella descritta da Benjamin. Collana? domandai. Che genere di collana? Mantenni unespressione impassibile, tentai addirittura di non deglutire, mentre Benjamin descriveva la collana di Ziio. Non significava nulla, mi dissi, quando finirono. Ziio era morta, per cui la collana poteva essere passata in altre mani se era veramente quella. C altro, non vero? Sospirai, fissando i loro volti. Annuirono come una persona sola,

ma fu Charles che parl: Quando Benjamin laveva incontrato a Marthas Vineyard, era un ragazzo daspetto normale. Durante il Tea Party, non era pi un ragazzo qualsiasi. Indossava le vesti, Haytham. Le vesti? Quelle di un Assassino.

27 giugno 1776 (due anni dopo)

1
FU in questo periodo dello scorso anno che dimostrai di avere avuto ragione e che Charles si era sbagliato: George Washington fu nominato comandante supremo dellesercito continentale appena formato, e Charles maggiore. Bench io fossi tuttaltro che felice nellapprendere questa notizia, Charles era furioso e da allora non ha smesso di fumare di rabbia. Gli piaceva dire che George Washington non era adatto a comandare una guardia, il che, naturalmente, come spesso succede, non era del tutto vero n assolutamente falso. Mentre da una parte Washington

mostrava una certa ingenuit nel comando, dallaltra aveva ottenuto notevoli vittorie, la pi importante delle quali era stata la liberazione di Boston in marzo. Aveva inoltre la fiducia del suo popolo e, senza dubbio, anche alcune ottime qualit. Ma non era un Templare e noi volevamo che la rivoluzione fosse guidata da uno dei nostri. Non solo avevamo progettato di avere il controllo della parte vincente, ma pensavamo di avere una migliore possibilit di vincere con Charles al comando. E cos, ordimmo un complotto per uccidere Washington. Niente di pi semplice. Un complotto che si sarebbe svolto senza problemi se non si fosse intromesso

quel giovane Assassino. QuellAssassino, che potrebbe essere mio figlio, che continuava a essere una spina nel fianco.

2
In primo luogo ci fu la morte di William. Ucciso lanno precedente, poco prima dellinizio della rivoluzione. Dopo il Tea Party, William aveva iniziato a negoziare un accordo per acquistare terra indiana. Cera stata comunque una forte resistenza, in particolar modo allinterno della confederazione irochese che aveva incontrato William nella sua propriet. I negoziati erano iniziati bene, ma, come spesso succede, era stato detto qualcosa di sbagliato e le cose erano peggiorate. Fratelli, vi prego, aveva implorato William, sono sicuro che troveremo una soluzione.

Ma gli indiani irochesi non lavevano ascoltato. La terra apparteneva a loro. Avevano chiuso le orecchie al ragionamento di William che sosteneva che, se la terra fosse passata nelle mani dei Templari, i Cavalieri avrebbero potuto evitare che finisse nelle grinfie di qualsiasi forza militare fosse uscita vincitrice dallimminente conflitto. Il dissenso era ribollito tra i membri della confederazione indiana. Il dubbio si era insinuato tra loro. Alcuni avevano sostenuto che non avrebbero mai potuto affrontare la potenza degli eserciti britannici o coloniali; altri pensavano che entrare in affari con William non avrebbe offerto loro una soluzione migliore. Si erano dimenticati di come i

Templari avevano liberato la loro gente dalla schiavit di Silas due decenni prima; ricordavano invece le spedizioni organizzate da William nella foresta alla ricerca del luogo dei precursori e gli scavi nella camera. Ricordavano ancora bene quegli affronti che non potevano trascurare. Pace, pace, aveva detto William. Non sono forse sempre stato un vostro sostenitore? Non ho forse sempre cercato di proteggervi? Se desiderate proteggerci, allora dateci armi. Moschetti e cavalli per consentirci di difenderci, aveva ribattuto un membro della confederazione. La guerra non la risposta, aveva

insistito William. Ricordiamo come avete spostato i confini. Ancora oggi i vostri uomini scavano la terra, senza alcun rispetto per coloro che ci vivono. Le vostre parole sono mielose, ma false. Non siamo qui per negoziare. N per vendere. Siamo qui per dire a voi e alla vostra gente di andarvene da queste terre. Purtroppo William era ricorso alla forza per sostenere il suo punto di vista, un indigeno era stato ucciso e lui aveva minacciato altre morti, se la confederazione non avesse firmato il contratto. Gli uomini avevano detto di no. Si erano rifiutati di chinare la testa

davanti alla dimostrazione di forza di William. Che amara giustificazione devono aver provato quando la loro gente era caduta sotto le pallottole di moschetto. Poi era comparso il ragazzo. Me lo ero fatto descrivere nel dettaglio dal soldato di William e ci che aveva detto corrispondeva esattamente a quello che aveva riferito Benjamin sul suo incontro a Marthas Vineyard, e a ci che Charles, William e Thomas avevano visto al porto di Boston. Portava la stessa collana, le stesse vesti degli Assassini. Era lo stesso. Cosa disse a William? avevo chiesto al soldato. Disse che intendeva porre fine ai

piani del signor Johnson, fargli smettere di pretendere quelle terre per i Templari. E William reag? Sissignore, spieg al suo assassino che i Templari avevano cercato di reclamare la terra per proteggere gli indiani. Gli disse che n a re Giorgio n ai coloni importava difendere gli interessi degli indiani irochesi. Un argomento assai poco convincente, visto che stava massacrando gli indigeni, quando il ragazzo aveva colpito. Il soldato aveva chinato il capo. Ha ragione, signore.

3
Se mi sono mostrato troppo filosofico per la morte di William, cerano delle attenuanti. William, bench coscienzioso e appassionato nel suo lavoro, non era mai stato amichevole e, dovendo affrontare una situazione che richiedeva diplomazia, aveva combinato un gran pasticcio. Sebbene mi addolori ammetterlo, era stato lui lartefice della sua stessa fine e temo di non essere mai stato capace di sopportare lincompetenza; non da giovane, quando immagino fosse qualcosa che avevo ereditato da Reginald, e ancora meno ora che ho superato il mio cinquantesimo

compleanno. William era stato uno sciocco e aveva pagato la sua stupidit con la vita. Inoltre, il progetto di accaparrarsi terra indiana, pur rimanendo importante, non era pi la nostra principale priorit; non lo era pi stata dallo scoppio della guerra. Il nostro principale compito ora era quello di assumere il comando dellesercito e, avendo fallito con mezzi leali, stavamo facendo ricorso a quelli sleali, con lassassinio di Washington. A quel piano, tuttavia, fu assestato un brutto colpo quando lAssassino prese di mira John, il nostro ufficiale nellesercito britannico che doveva sbarazzarsi dei ribelli. Ancora una volta, bench fosse stato irritante

perdere un uomo tanto prezioso, il fatto non avrebbe influito sui nostri piani se nella tasca di John non fosse stata trovata una lettera che, sfortunatamente, conteneva i piani dettagliati per uccidere Washington e citava proprio il nostro Thomas Hickey come luomo prescelto per compiere lomicidio. In un battibaleno, il giovane Assassino si era affrettato a portarla a New York e Thomas era diventato il bersaglio successivo. In quella citt Thomas falsificava denaro, il suo modo di aiutare a raccogliere fondi, e nello stesso tempo preparava lassassinio di Washington. Charles era gi sul posto con lesercito continentale, e cos raggiunsi anchio

quella citt e vi presi alloggio. Ero appena arrivato che ricevetti la notizia: il ragazzo aveva trovato Thomas, ma tutti e due erano stati arrestati e gettati nella prigione Bridewell. Non possono esserci altri errori, Thomas, siamo intesi? gli avevo detto quando ero andato a trovarlo, rabbrividendo per il freddo e disgustato dalla puzza e dal rumore della prigione, quando, allimprovviso, nella cella accanto, lo vidi: lAssassino. E compresi. Aveva gli occhi di sua madre, gli stessi capelli neri corvini, lo stesso fiero atteggiamento della mascella. Era la sua immagine. Senza alcun dubbio era mio figlio.

4
lui, esclam Charles, quando uscimmo insieme dalla prigione. Sobbalzai, ma non se ne accorse. New York era gelida, il nostro fiato era sospeso nellaria come una nuvola e lui era troppo preso a scaldarsi. Chi? Il ragazzo. Di chi diavolo state parlando, Charles? sbottai adirato, facendo finta di non capire, e mi soffia sulle mani. Ricordate che vi avevo parlato di un ragazzino che avevo incontrato nel lontano 1760, quando gli uomini di Washington avevano attaccato il villaggio indiano?

S. Allora quello il nostro Assassino? Lo stesso del porto di Boston? Lo stesso che ha ucciso William e John? quel ragazzo rinchiuso l dentro? A quanto pare, Haytham. Lo aggredii. Capite cosa significa questo, Charles? Siamo stati noi a creare quellAssassino. In lui arde un odio contro tutti i Templari. Vi aveva visto il giorno in cui hanno bruciato il suo villaggio, vero? S, s, ve lo ho gi detto Immagino che abbia visto il vostro anello. Immagino che abbia avuto limpronta del vostro anello sulla sua pelle per alcune settimane dopo

quellincontro. Ho ragione, Charles? Il vostro interesse per quel bambino toccante, Haytham. Siete sempre stato un gran sostenitore degli indigeni Le parole gli si congelarono sulle labbra, perch, un attimo dopo, avevo stretto nel pugno parte della sua mantella e lavevo lanciato contro il muro in pietra della prigione. Torreggiai sopra di lui e i miei occhi lo trapassarono. Io mi preoccupo dellOrdine, gridai. Il mio unico interesse lOrdine. E, correggetemi se sbaglio, Charles, ma lOrdine non predica di massacrare in modo insensato gli indigeni, di bruciare i loro villaggi. Se

ben ricordo, questo non faceva parte dei miei insegnamenti. Sapete perch? Perch il genere di comportamento che crea, come dire, un sentimento ostile tra coloro che vorremmo convincere a pensare come noi. Fa correre le persone neutrali al fianco dei nostri nemici. Proprio come successo qui. Uomini sono morti e i nostri piani sono minacciati a causa del vostro comportamento di sedici anni fa. Non dal mio comportamento, Washington Lo lasciai andare, indietreggiai e mi strinsi le mani dietro la schiena. Washington pagher per ci che ha fatto. Ce ne occuperemo noi. brutale, lo so, e non idoneo a essere un capo.

Sono daccordo, Haytham e ho gi preso provvedimenti per garantire che non ci siano pi ostacoli, per prendere due piccioni con una fava. Lo guardai duramente. Continuate. Il ragazzo indiano verr impiccato per avere organizzato luccisione di George Washington e per lassassinio di una guardia carceraria. Mi assicurer che Washington sia presente e sfrutteremo quellopportunit per eliminarlo. Thomas pi che felice di assumersi lincarico. Tocca a voi, quale Gran Maestro del rito coloniale, dare il beneplacito alla missione. un piano dellultimo minuto, osservai e sentii il dubbio nella mia stessa voce. Ma perch? Perch

mimportava ancora chi viveva e chi moriva? Charles allarg le mani. Lo davvero, ma a volte i piani migliori sono ideati allultimo. Giusto, concordai. Giusto. Allora? Riflettei. Con una parola avrei ratificato lesecuzione del mio unico figlio. Che sorta di mostro poteva fare una cosa simile? Fatelo, risposi. Benissimo, replic con improvvisa e tronfia soddisfazione. Allora non sprecheremo un solo minuto. Dovremo diffondere la voce in tutta New York che domani un traditore della rivoluzione morir.

troppo tardi per me per sentimentalismi paterni. Se mai avessi avuto amore per mio figlio, quellamore era stato distrutto o consumato. Ci avevano pensato anni di tradimenti e massacri.

28 giugno 1776

1
QUESTA mattina mi sono svegliato nel mio alloggio con un sobbalzo e mi sono ritrovato seduto sul letto a osservare un ambiente sconosciuto. Fuori dalla finestra, anche le strade di New York si stavano risvegliando. Me limmaginavo o cera una carica elettrica nellaria, un nervosismo nelle chiacchiere che arrivavano fino alla finestra? E, se era veramente cos, era forse tutto collegato allesecuzione che ci sarebbe stata in citt? Oggi avrebbero impiccato Connor, cos che si chiama. il nome che gli ha dato Ziio. Mi chiesi quanto sarebbero state diverse le cose,

se lavessimo cresciuto insieme. Si sarebbe chiamato ancora Connor? Avrebbe ugualmente scelto il cammino degli Assassini? E se la risposta a queste domande fosse negativa, no, non avrebbe scelto la via di un Assassino, perch suo padre era un Templare, allora che cosa sono io se non un abominio, un bastardo? Un uomo dagli interessi contrastanti. Ma anche un uomo che aveva deciso che non poteva permettere che suo figlio morisse. Non oggi. Mi vestii, non in modo normale, ma con una lunga veste nera con cappuccio che mi tirai sugli occhi, poi corsi alla scuderia, balzai sul mio cavallo e lo spronai verso la piazza dellesecuzione,

lungo strade fangose e affollate, facendo scappare i cittadini che mi agitavano contro i pugni o mi fissavano stupiti da sotto le tese dei loro cappelli. Continuai a galoppare verso il punto in cui la folla di curiosi, riuniti per assistere allimpiccagione, era pi fitta. Mentre cavalcavo, mi chiesi cosa stessi facendo e mi resi conto che non lo sapevo. Tutto ci che sapevo era come mi sentivo, come se fossi stato addormentato e mi fossi destato allimprovviso.

2
L, su una piattaforma, la forca attendeva la sua prossima vittima, mentre la folla aspettava lo spettacolo del giorno. Lungo i lati della piazza cerano cavalli e carretti, su cui le famiglie si erano arrampicate per avere una vista migliore: uomini vigliacchi, donne minute con visi tirati e preoccupati e sudici bambini. Curiosi sedevano nella piazza, mentre altri girovagavano: gruppi di donne che spettegolavano, uomini che tracannavano birra o vino da fiaschette in pelle. Tutti erano l per vedere mio figlio che veniva giustiziato. Un calesse fiancheggiato da soldati

arriv nella piazza e io scorsi di sfuggita Connor prima che un Thomas Hickey sorridente saltasse fuori e lo tirasse gi dal calesse, dicendogli in tono derisorio: Non avrete pensato che mi sarei perso la vostra festa daddio, vero? Ho saputo che lo stesso Washington sar presente. Spero che non gli succeda nulla di male Connor, le mani legate davanti, lanci a Thomas unocchiata di puro odio e io, ancora una volta, mi stupii per quanto assomigliava a sua madre. Oggi per, assieme a disprezzo e coraggio, sul suo viso cera anche paura. Avevate detto che ci sarebbe stato un processo, ribatt Connor, mentre

Thomas lo ammanettava. Ai traditori non si fanno processi, temo. Ci hanno pensato Lee e Haytham. Ve ne andrete direttamente sulla forca. Mi sentii svenire. Connor stava andando alla morte pensando che fossi stato io a firmare lordine di esecuzione. Oggi io non morir, afferm Connor con orgoglio. Lo stesso non si pu dire per voi. Ma lo stava dicendo da sopra la spalla, mentre le guardie che avevano scortato il carro nella piazza usavano le aste delle picche per spingerlo verso il patibolo. Il fragore crebbe, mentre la calca tendeva le mani per afferrarlo, picchiarlo, gettarlo a

terra. Vidi un uomo con lodio negli occhi che stava per tirargli un pugno, ma io gli ero tanto vicino che riuscii a fermarlo e a torcergli il braccio prima di gettarlo a terra. Mi guard furibondo, ma nel vedere il mio sguardo truce da sotto il cappuccio si ferm, si tir in piedi e un attimo dopo la folla rabbiosa e indisciplinata lo trascin via. Nel frattempo Connor era stato esposto ancor pi al pericolo e io ero troppo lontano per bloccare un altro uomo che si era lanciato in avanti e laveva agguantato, ma sufficientemente vicino per vedere il volto delluomo sotto il suo cappuccio, abbastanza vicino da leggere le sue labbra.

Non siete solo. Lanciate un urlo quando ne avete bisogno. Achilles. Era qui, era qui per salvare Connor che stava dicendo: Non preoccupatevi per me, dovete fermare Hickey. Lui ha Ma fu trascinato via e io terminai la frase nella mia testa: Ha intenzione di uccidere George Washington. Quando si parla del diavolo. Il comandante supremo era arrivato con una piccola scorta. Mentre Connor veniva spinto sulla piattaforma e un boia gli stringeva il cappio attorno al collo, lattenzione della piazza si spost su Washington che saliva su un palco che le guardie stavano ancora cercando

di sgomberare dalla gente. Charles, quale maggiore, era con lui e ci mi diede la possibilit di paragonare i due: Charles, parecchio pi alto di Washington, ma con unaria distaccata al confronto del fascino disinvolto di Washington. Guardandoli luno vicino allaltro compresi di colpo perch il Congresso Continentale aveva preferito Washington a lui. Charles era tanto britannico. Poi Charles aveva lasciato Washington e aveva attraversato la piazza scortato da un paio di guardie, facendosi strada a spallate, quindi era salito sul patibolo da dove si rivolse agli spettatori che si protesero in avanti. Mi ritrovai schiacciato tra corpi che

puzzavano di birra e sudore e sgomitai per farmi spazio tra il branco. Fratelli, sorelle, patrioti, esord Charles e un impaziente silenzio cal sulla folla. Parecchi giorni fa siamo venuti a conoscenza di un piano tanto ignobile, tanto vile che anche il solo parlarne qui mi turba. Luomo di fronte a voi aveva tramato di uccidere il nostro amato generale. La folla rest senza fiato. Quale malvagit, grid Charles, animandosi, quale follia labbia spinto nessuno lo sa. E lui stesso non presenta nulla in sua difesa. Non mostra alcun rimorso. E sebbene lavessimo implorato e pregato di dirci ci che sa, lui resta in silenzio.

A questo punto, il boia si fece avanti e cal un sacco in tela di iuta sulla testa di Connor. Se questuomo non dar spiegazioni, se non confesser e non far ammenda, quale altra opzione ci resta se non questa? Aveva cercato di buttarci nelle braccia del nemico, per questo siamo costretti dalla giustizia a cacciarlo da questo mondo. Che Dio abbia misericordia della sua anima. Aveva finito di parlare e io mi guardai attorno, tentando di individuare gli uomini di Achilles. Se cera una missione di soccorso, questo era il momento di attuarla. Ma dove erano? Che diavolo avevano in mente di fare? Un arciere. Dovevano avere pensato

di usare un arciere. Non era il massimo: una freccia non avrebbe tagliato completamente la corda, tutto quello che i soccorritori potevano sperare era che incidesse la fibra cosicch il peso di Connor lavrebbe spezzata. Ma doveva essere un tiro molto preciso. La freccia doveva essere lanciata da Molto lontano. Mi girai per esaminare gli edifici alle mie spalle. Come previsto, nel punto che avrei scelto io, unalta finestra a battenti, cera un arciere. Mentre guardavo, luomo tese la corda dellarco e strizz gli occhi. Poi, proprio mentre la botola si apriva e il corpo di Connor cadeva, lui scocc la sua freccia, che vol sopra di noi anche se io ero lunico a saperlo, e

girai lo sguardo verso il palco, giusto in tempo per vederla colpire la corda, vero, ma senza tranciarla. Corsi il rischio di venire visto e scoperto, ma feci ci che feci, dimpulso, distinto. Estrassi il pugnale dalla veste e lo lanciai, lo guardai volare e ringraziai Dio, mentre tagliava di netto la corda. Mentre il corpo di Connor cadeva, contorcendosi ma, grazie a Dio, ancora vivo, nella botola, la folla ansim e indietreggi sconvolta, creando uno spazio vuoto attorno a me. Nello stesso momento scorsi Achilles infilarsi sotto il patibolo dove era caduto il corpo di Connor. Poi, appena lo sconvolto silenzio fu sostituito da un vendicativo

fragore e la gente si rivolt contro di me con calci e pugni e le guardie cominciarono a farsi strada a spallate per raggiungermi, lottai per fuggire. Feci scattare la lama e ferii uno o due curiosi, quel tanto da far sgorgare sangue e indurre gli altri aggressori a fermarsi a pensare. Fattisi pi timorosi, finalmente mi fecero spazio. Mi precipitai fuori della piazza e raggiunsi il mio cavallo, nelle orecchie i fischi di disapprovazione della folla furibonda.

3
arrivato da Thomas prima che potesse raggiungere Washington, mi spieg pi tardi un abbattuto Charles, mentre sedevamo nel buio della taverna Restless Ghost per parlare degli eventi della giornata. Era nervoso e continuava a guardarsi alle spalle. La sua espressione rispecchiava ci che provavo io e quasi lo invidiai per la libert di esprimere le sue emozioni. Io dovevo tenere nascosto il mio tumulto interiore. E che tumulto! Avevo salvato la vita di mio figlio, ma avevo anche compromesso lazione del mio stesso Ordine, unazione che io stesso avevo ordinato. Ero un traditore. Avevo

tradito la mia gente. Che successo? chiesi. Connor aveva trovato Thomas e, prima di ucciderlo, gli aveva rivolto delle domande. Perch William aveva cercato di comperare la terra del suo popolo? Perch stavamo tentando di uccidere Washington? Annuii e bevvi un sorso di birra. Che gli ha risposto Thomas? Gli ha detto che quello che Connor cercava non lavrebbe mai trovato. Charles mi fiss, gli occhi spalancati e stanchi. E ora, Haytham? Che si fa?

7 gennaio 1778 (quasi due anni dopo)

1
CHARLES aveva cominciato ad avercela con Washington e il fatto che il nostro tentato omicidio fosse fallito aveva soltanto accresciuto la sua ira. Aveva preso come un affronto personale che fosse sopravvissuto. Come aveva osato? e non glielo aveva mai perdonato. Poco dopo New York era caduta nelle mani dei britannici e la colpa fu attribuita a Washington, che per un soffio non era stato catturato, soprattutto da Charles che non era rimasto molto impressionato dalla successiva incursione di Washington dallaltra parte del fiume Delaware, malgrado la sua vittoria nella battaglia

di Trenton avesse rinnovato la fiducia nella rivoluzione. Per Charles, il fatto che Washington avesse poi perso la battaglia di Brandywine e quindi Filadelfia, era stato come portare acqua al suo mulino. Lattacco di Washington ai britannici a Germantown era stato una catastrofe e ora cera Valley Forge. Dopo avere vinto la battaglia di White Marsh, Washington aveva portato le sue truppe in una localit che sperava fosse pi sicura. Valley Forge era unaltura in Pennsylvania: dodicimila soldati dellesercito continentale, mal equipaggiati e stanchi che, marciando a piedi scalzi per sistemare il campo base e prepararsi per limminente inverno, avevano lasciato tracce di orme

insanguinate. Cibo e vestiti erano scarsi e i cavalli morivano di fame. Tifo, itterizia, dissenteria e polmonite si diffusero senza controllo e i soldati morirono a migliaia. Morale e disciplina scarseggiavano tanto da essere quasi inesistenti. Eppure, malgrado la perdita di New York e Filadelfia e il lento, lungo, implacabile disfacimento del suo esercito a Valley Forge, Washington aveva un angelo custode: Connor. E Connor, con la certezza della giovent, credeva in lui. Nessuna mia parola avrebbe potuto persuaderlo altrimenti, ne ero sicuro; non avrei potuto dirgli nulla per convincerlo che il responsabile

della morte di sua madre era di fatto Washington. Nella sua testa, i colpevoli erano i Templari e chi poteva biasimarlo per essere arrivato a quella conclusione? Dopotutto quel giorno aveva visto Charles. E non solo lui, anche William, Thomas e Benjamin. Ah, Benjamin. Un altro problema. In questi ultimi anni era diventato una sorta di disonore per lOrdine, per non dire di peggio. Dopo avere cercato di vendere informazioni ai britannici, nel 1775 era stato portato davanti a una corte dinquisizione, a capo della quale cera stato proprio George Washington. Al tempo era medico capo e direttore generale dellospedale dellesercito continentale. Era stato dichiarato

colpevole del reato di comunicazione con il nemico, imprigionato ed era rimasto in carcere fino ai primi mesi di questanno, quando era stato rilasciato per scomparire immediatamente. Che avesse ripudiato gli ideali dellOrdine, proprio come aveva fatto Braddock tanti anni prima non lo so. Ci che sapevo era che con ogni probabilit aveva organizzato il furto di scorte dirette a Valley Forge, compromettendo ulteriormente la gi difficile situazione dellesercito accampato l; che aveva tradito gli obiettivi dellOrdine a favore di un guadagno personale e che bisognava fermarlo, un compito che mi ero assunto personalmente, partendo dalle vicinanze di Valley Forge e

attraversando a cavallo larea selvaggia e innevata di Filadelfia, finch ero arrivato alla chiesa dove si era accampato Benjamin.

2
Una chiesa abbandonata, non solo dalla sua congregazione, ma anche dagli uomini di Benjamin. Giorni prima erano stati l, ora non cerano pi. Non cerano provviste, n uomini, solo i resti di fuochi di bivacco, gi freddi e alcune zone di fango e di terreno dove erano state piantate le tende. Legai il cavallo sul retro, quindi entrai nella chiesa dove regnava lo stesso gelo dellesterno. Lungo la navata cerano i resti di altri fuochi e accanto alla porta una pila di legna che, esaminandola da vicino, scoprii essere banchi di chiesa. La riverenza la prima vittima del freddo. I rimanenti banchi correvano su

due file lungo ciascun lato della chiesa, di fronte a un imponente pulpito da tempo in disuso e la polvere fluttuava e danzava nei larghi fasci di luce proiettai da sporche finestre che si aprivano in alto in maestosi muri in pietra. Disseminati sul ruvido pavimento in pietra cerano casse capovolte e resti di imballaggi e per un po camminai su e gi, fermandomi di quando in quando per raddrizzare una cassa con la speranza di poter trovare un indizio su dove fosse andato Benjamin. Poi un rumore, passi provenienti dalla porta, e raggelai, prima di balzare dietro il pulpito proprio mentre lenorme porta in legno di quercia si apriva, cigolando, lentamente e

minacciosamente per fare entrare una figura: una figura che sembrava ricalcare i miei passi per come si muoveva per la chiesa, capovolgendo e ispezionando casse e addirittura imprecando sottovoce come avevo fatto io. Era Connor. Sbirciai dalle tenebre dietro il pulpito. Indossava la veste degli Assassini e aveva unespressione intensa e lo osservai per un attimo. Fu come guardare me stesso in versione giovane, da Assassino, il cammino che avrei dovuto prendere, il percorso per il quale ero stato preparato e che avrei seguito, non fosse stato per il tradimento di Reginald Birch.

Osservandolo, provai un miscuglio di emozioni tra cui rimpianto, amarezza, addirittura invidia. Mi avvicinai. Vediamo quanto bravo un Assassino. Oppure, mettiamola in altro modo, vediamo se io ero ancora bravo. 3 Lo ero. Padre, disse, dopo che lo avevo gettato a terra e gli tenevo la lama alla gola. Connor, replicai io in tono sarcastico. Nessuna ultima parola? Aspettate. Una scelta mediocre. Si dibatt e i suoi occhi ardevano. Siete venuto a controllare Church, non

vero? Ad assicurarvi che avesse rubato abbastanza provviste per i vostri fratelli britannici? Benjamin Church non un mio fratello, replicai seccato. Non pi delle giubbe rosse o del loro stupido re. Mi aspettavo ingenuit, ma questo I Templari non combattono per la Corona. Noi cerchiamo ci che cerchi tu, ragazzo. Libert. Giustizia. Indipendenza. Ma Ma cosa? domandai. Johnson. Pitcairn. Hickey. Hanno tentato di rubarci la terra. Di saccheggiare i nostri villaggi. Di uccidere George Washington. Sospirai. Johnson cercava di

possedere la terra che noi avremmo tenuto al sicuro. Pitcairn mirava a incoraggiare la diplomazia, cosa che tu hai incasinato tanto bene da avviare una dannata guerra. E Hickey? George Washington un pessimo capo. Ha perso quasi ogni battaglia cui ha preso parte. tormentato da incertezze e insicurezze. D unocchiata a Valley Forge e capirai che sto dicendo la verit. Staremo tutti meglio senza di lui. Ci che gli stavo dicendo fece effetto. Guarda, per quanto mi piacerebbe discutere con te, la bocca di Benjamin Church grande quanto il suo ego. evidente che tu vuoi le provviste che ha rubato: io voglio che venga

punito. I nostri interessi sono allineati. Che cosa proponete? domand con diffidenza. Che cosa proponevo? Vidi i suoi occhi correre allamuleto che portavo al collo mentre i miei si posavano sulla sua collana. Ero certo che sua madre gli avesse parlato dellamuleto e senza alcun dubbio lui avrebbe voluto portarmelo via. Daltra parte, entrambi i simboli che portavamo al collo ci ricordavano lei. Una tregua, risposi. Forse, ripeto forse un po di tempo insieme ci farebbe bene. Sei mio figlio e potrei ancora sottrarti allignoranza. Cal il silenzio. Oppure, se preferisci, potrei

ucciderti adesso. Risi. Sapete dove andato Church? chiese. Purtroppo no. Avevo sperato di tendergli un agguato quando lui o uno dei suoi fosse tornato qui, ma a quanto pare sono arrivato troppo tardi. Sono venuti e se ne sono andati. Io potrei seguirlo, disse con uno strano tono fiero nella voce. Indietreggiai e lo osservai, mentre mi dava unappariscente dimostrazione delladdestramento di Achilles, indicando segni sul pavimento della chiesa dove erano state trascinate le casse. Il carico era pesante, osserv. Con ogni probabilit era stato caricato

su un carro per trasportarlo nelle casse cerano razioni militari, scorte di medicinali e vestiti. Allesterno della chiesa, Connor indic della neve calpestata. L cera un carro che si era lentamente appesantito mentre lo caricavano. La neve ha nascosto le tracce, ma ne restano a sufficienza per seguirle. Venite Andai a prendere il cavallo, quindi insieme ci allontanammo, con Connor che indicava i segni delle tracce mentre io cercavo di non mostrare la mia ammirazione. Mi sentii, e non per la prima volta, colpito dalle somiglianze della nostra conoscenza e notai che stava facendo le stesse cose che avrei

fatto io nella medesima situazione. A una ventina di chilometri dallaccampamento, si gir sulla sella e mi lanci unocchiata trionfante, indicandomi la pista davanti a noi, dove cera un carro fuori uso e un uomo che stava cercando di riparare la ruota e che, mentre ci avvicinavamo, stava borbottando. La mia solita fortuna Morir congelato, se non riuscir a sistemare questa Sorpreso, alz lo sguardo al nostro arrivo, e spalanc gli occhi per la paura. Non molto distante cera il suo moschetto, troppo lontano comunque per poterlo prendere. Compresi immediatamente, proprio mentre Connor gli chiedeva: Siete uno degli

uomini di Benjamin Church? che sarebbe fuggito e fu ci che fece. Con sguardo allucinato si tir in piedi e scapp nel bosco, avanzando a fatica nella neve, goffo come un elefante ferito. Ben giocato, commentai e Connor mi lanci unocchiata irosa, poi balz dalla sella e si tuff nel bosco per inseguirlo. Lo lasciai andare, sospirai, scesi dal mio cavallo, controllai la lama e ascoltai il trambusto proveniente dal bosco quando Connor cattur luomo, poi mi incamminai per unirmi a loro. Non cosa saggia fuggire, stava dicendo Connor. Aveva immobilizzato luomo contro un albero. C cosa volete? riusc a chiedere il

malcapitato. Dov Benjamin Church? Non lo so. Stavamo andando allaccampamento a nord di qui. dove di norma scarichiamo il carro. Forse lo troverete l I suoi occhi guizzarono verso di me, come se cercasse aiuto, cos puntai la pistola e gli sparai. Basta cos, dissi. Faremmo meglio a metterci in cammino. Non occorreva ucciderlo, osserv Connor, togliendosi il sangue dalla faccia. Sappiamo dov laccampamento, gli spiegai. servito allo scopo. Mentre tornavamo ai cavalli, mi chiesi cosa pensasse di me. Stavo

cercando di istruirlo? Lo desideravo nervoso ed esausto come me? Stavo tentando di mostrargli dove portava il cammino? Persi nei nostri pensieri, cavalcammo verso il campo militare e, appena vedemmo il fumo rivelatore salire sopra le cime degli alberi, smontammo, legammo i cavalli e continuammo a piedi, muovendoci silenziosamente e furtivamente tra gli alberi. Restammo nel bosco, strisciando sulla pancia, usando il mio binocolo per scrutare fra i tronchi e i rami gli uomini che si muovevano nel campo e si raggruppavano attorno ai fuochi tentando di scaldarsi. Connor si diresse allaccampamento, mentre io mi

mettevo comodo, nascosto. O almeno cos avevo pensato, avevo creduto di essere nascosto, fin quando non sentii il solletico di un moschetto sul collo e le parole: Bene, bene, bene, chi abbiamo qui? Imprecando, mi tirarono in piedi. Erano in tre, tutti soddisfatti di loro stessi per avermi preso, come era giusto fosse, perch non era mai stato facile cogliermi di sorpresa. Dieci anni prima li avrei sentiti e mi sarei allontanato senza fare rumore. E dieci anni prima ancora li avrei sentiti arrivare, mi sarei nascosto e li avrei uccisi tutti. Due di loro mi puntavano contro i moschetti, mentre il terzo avanz,

mordendosi nervosamente le labbra. Facendo un rumore come se fosse impressionato, mi sleg la lama celata, poi mi prese la spada, il pugnale e la pistola. Solo quando fui disarmato os rilassarsi, sorridendo e mostrando una fila di denti anneriti e guasti. Naturalmente io avevo ancora unarma celata. Connor. Ma dove diavolo era finito? Denti Guasti indietreggi di un passo. Grazie a Dio era tanto incapace a nascondere le sue intenzioni che riuscii a scansare la ginocchiata che mi aveva tirato nellinguine, quel tanto da evitare un serio danno, ma finsi di essere stato colpito, urlai per il finto dolore e mi lasciai cadere sul suolo gelato, dove

rimasi, apparendo pi stordito di quanto fossi e cercando di guadagnare tempo. Deve essere una spia yankee, disse uno degli altri. Si appoggi al moschetto per chinarsi e mi fiss. No. qualcosaltro, obiett il primo, chinandosi pure lui, mentre io mi tiravo sulle ginocchia. Qualcosa di speciale. Non ho ragione Haytham? Church mi ha raccontato tutto di voi. Allora dovreste essere pi saggio di quanto non siate, replicai. Non siete nella posizione di fare minacce, ringhi Denti Guasti. Non ancora, ribattei con calma. Davvero? domand Denti Guasti. Che ne dite se vi dimostrassimo il contrario? Avete mai avuto il calcio di

un moschetto nei denti? No, ma mi sembra che voi possiate dirmi che effetto fa. Cercate forse di essere divertente? I miei occhi guardarono in alto, ai rami di un albero alle loro spalle, dove vidi Connor acquattato, la lama celata estesa e un dito sulle labbra. Non poteva che essere un esperto sugli alberi, addestrato senza dubbio da sua madre. Lei aveva insegnato anche a me come arrampicarsi, nessuno sapeva muoversi sugli alberi come lei. Guardai Denti Guasti, sapendo che aveva ancora solo pochi secondi di vita e ci attenu leffetto del suo stivale mentre entrava in contatto con la mia

mascella, mi sollevava e mi faceva volare allindietro; atterrai accasciato in un boschetto. Forse questo il momento giusto, Connor, pensai. Attraverso occhi vitrei per il dolore, vidi Connor lasciarsi cadere dal ramo, poi la mano con la lama scatt in avanti e lacciaio argentato macchiato di sangue spunt da dentro la bocca della prima sfortunata guardia. Le altre due erano morte prima che mi rimettessi in piedi. New York, disse Connor. Perch? Perch l che si trova Benjamin. Allora l che dobbiamo andare.

26 gennaio 1778

1
NEW York era a dir poco cambiata dallultima volta che cero stato: era bruciata. Il grande incendio del settembre 1776 era iniziato nella taverna Fighting Cocks, aveva distrutto pi di cinquecento case e aveva lasciato circa un quarto della citt bruciato e inabitabile. Come conseguenza, i britannici avevano imposto la legge marziale. Le case agibili erano state sequestrate e assegnate a ufficiali dellesercito britannico; le chiese erano state trasformate in prigioni, caserme o ospedali; era come se lo spirito stesso della citt si fosse in un certo senso affievolito. Ora era la bandiera

dellUnione che pendeva dalle aste in cima agli edifici in mattoni e dove, prima, la citt aveva unaria di energia e movimento, di vita sotto tendoni e portici e dietro le finestre, ora quegli stessi tendoni erano sporchi e sbrindellati, le finestre annerite dalla fuliggine. La vita continuava, ma i cittadini erano molto scoraggiati. In un clima simile, non fu difficile trovare dove viveva Benjamin. Scoprimmo che era in un birrificio abbandonato lungo il fronte del porto. Dovremmo aver risolto questa faccenda entro lalba, predissi avventatamente. Bene, comment Connor. Mi piacerebbe rendere quelle provviste il

pi presto possibile. Certo, non vorrei mai distrarti dalla tua causa persa. Andiamo, seguimi. Salimmo sui tetti e, un attimo dopo, stavamo guardando, momentaneamente impressionati da quella vista, il profilo di New York, in tutta la sua lacera gloria devastata dalla guerra. Ditemi una cosa, chiese Connor dopo un po. Avreste potuto uccidermi quando ci siamo incontrati la prima volta, che cosa ha trattenuto la vostra mano? Avrei potuto lasciarti morire sulla forca, pensai. Avrei potuto dire a Thomas di ucciderti nella prigione Bridewell. Che cosa aveva trattenuto la mia mano in quelle due occasioni? Qual

era la risposta? Stavo diventando vecchio? Sentimentale? Forse avevo nostalgia di una vita che in realt non avevo mai avuto. Non minteressava comunque condividere questi pensieri con Connor e, alla fine, dopo un attimo di silenzio, rigettai la sua domanda con un: Curiosit. Nessunaltra domanda? Che cosa cercano i Templari? Ordine, risposi. Scopo. Direzioni. Niente di pi. il vostro gruppo che intende disorientarci con tutto quellassurdo parlare di libert. Una volta gli Assassini avevano un obiettivo pi ragionevole, quello della pace. Libert pace, insistette. No. un invito al caos. Pensate

solo a questa rivoluzione avviata dai vostri amici. Sono stato davanti al Congresso Continentale. Li ho sentiti pestare i piedi e gridare. Tutto in nome della libert. Ma era solo rumore. Per questo sostenete Charles Lee? Lui comprende i bisogni di questa sedicente nazione molto meglio degli idioti che dichiarano di rappresentarla. Mi sembrate come la volpe e luva, ribatt. Il popolo ha deciso e ha scelto Washington. Eccolo di nuovo. Quasi lo invidiavo per come guardava al mondo in modo univoco. A quanto pareva, il suo era un mondo privo di dubbi. Quando infine avesse scoperto la verit su Washington, cosa che, se il mio piano

avesse avuto successo, sarebbe accaduto presto, il suo mondo, anzi la sua intera visione del mondo sarebbe andata in frantumi. Se invidiavo la sua certezza, questo non glielo invidiavo affatto. La gente non sceglie nulla. Sospirai. Lha fatto un gruppo di codardi privilegiati che cercavano soltanto di arricchirsi. Si sono riuniti segretamente e hanno preso una decisione che sarebbe loro giovata. Forse lhanno resa pi attraente con bella parole, ma ci non la rende giusta. Lunica differenza, Connor, lunica differenza tra me e quelli che aiuti che io non fingo simpatia. Mi guard. Non molto tempo prima

avevo detto a me stesso che le mie parole non avrebbero mai avuto effetto su di lui, eppure eccomi qui a provarci ugualmente. E forse sbagliavo, forse aveva capito ci che avevo detto.

2
Arrivati al birrificio, ci fu chiaro che dovevamo trovare un travestimento per Connor, dato che le sue vesti da Assassino erano un po appariscenti. Procurarsene una gli diede la possibilit di darsi nuovamente delle arie, e ancora una volta lesinai le mie lodi. Appena fummo entrambi vestiti in modo adeguato, ci dirigemmo verso il complesso di edifici, con le torreggianti mura in mattoni rossi, le scure finestre che ci fissavano implacabili. Attraverso i cancelli vidi i barili e i carri dellimpresa, come pure uomini che andavano avanti e indietro. Benjamin aveva sostituito la maggior parte dei

Templari con mercenari; la storia si ripeteva, pensai, tornando con la mente a Edward Braddock. Sperai solo che risultasse pi facile uccidere Benjamin di quanto fosse stato con Braddock. Non so perch, ma ne dubitavo. Avevo poca fiducia nella levatura dei miei nemici in quei giorni. Avevo poca fiducia in qualsiasi cosa in quei giorni. Altol, stranieri! Una sentinella usc dallombra, disturbando la nebbia che turbinava attorno alle nostre caviglie. State entrando in una propriet privata. Quali affari vi portano qui? Alzai la tesa del cappello per mostrare il mio viso. Che il Padre della

Conoscenza ci guidi, risposi e luomo parve rilassarsi, pur continuando a guardare con diffidenza Connor. Riconosco voi, asser, ma non il selvaggio. mio figlio, risposi e fu strano, sentirmelo dire. La guardia intanto esaminava Connor, quindi, guardandomi con la coda dellocchio, chiese: Avete assaggiato i frutti della foresta, vero? Lo lasciai vivere. Per ora. Ma gli sorrisi. Entrate, allora, esclam e noi oltrepassammo la porta ad arco ed entrammo nelledificio principale del birrificio Smith & Company. Cinfilammo rapidamente in un settore coperto, dove

una serie di porte conducevano nei depositi e nellarea degli uffici. Mi misi ad armeggiare con la serratura della prima porta che incontrammo, mentre Connor sorvegliava lambiente, continuando a parlare. Deve essere stato strano scoprire in quel modo la mia esistenza. In realt sono curioso di sapere che ti ha detto tua madre di me, replicai, continuando a trafficare con la serratura. Mi sono spesso chiesto come sarebbe stata la nostra vita, se avessimo deciso di passarla insieme. Agendo distinto gli domandai: A proposito, come sta? morta, rispose. Assassinata. Da Washington, pensai, ma non dissi

nulla, a parte: Mi dispiace. Davvero? stata uccisa dai vostri uomini. Intanto avevo aperto la porta, ma, invece di oltrepassarla, la richiusi e mi girai verso Connor. Cosa? Ero solo un bambino quando erano venuti a cercare gli anziani. Sapevo che erano pericolosi gi allora, per cui non avevo aperto bocca. Charles Lee mi ha picchiato fino a farmi svenire. E cos avevo avuto ragione. Charles aveva lasciato veramente limpronta fisica e metaforica del suo anello templare su Connor. Non fu arduo far trasparire lorrore sul mio viso, anche se finsi di essere turbato quando prosegu: Quando mi

ero risvegliato, avevo trovato il villaggio in fiamme. I vostri uomini se ne erano gi andati, come le speranze di sopravvivenza di mia madre. Ecco, questo era il momento per tentare di convincerlo della verit. Impossibile, esclamai. Non avevo mai dato un simile ordine. Anzi, avevo detto loro di smettere di cercare la localit dei precursori. Dovevamo concentrarci su obiettivi pi pratici Connor mi guard dubbioso, ma alz le spalle. Non importa. passato tanto tempo ormai. Oh, no, importava. Ma tu sei cresciuto ritenendo me, tuo padre, responsabile di quella atrocit. Io non centravo affatto.

Forse dite la verit, forse no. Come potr mai saperlo?

3
Silenziosamente entrammo nel deposito, dove pile di barili di birra parevano cacciare fuori qualsiasi luce e poco distante cera una persona che ci volgeva la schiena, lunico suono lo stridio che faceva mentre scriveva su un libro mastro che reggeva in mano. Lo riconobbi di colpo e tirai un profondo respiro prima di chiamarlo. Benjamin Church, dichiarai, siete accusato di avere tradito lOrdine dei Templari e di avere abbandonato i nostri principi per un vostro personale guadagno. In considerazione dei vostri crimini, con il presente atto vi condanno a morte.

Benjamin si volt. Solo che non era Benjamin, ma unesca che di colpo grid: Ora, ora! dopodich la stanza si riemp di uomini che balzarono fuori da nascondigli, puntandoci contro pistole e spade. Siete arrivato troppo tardi, gracchi lesca. Church e la merce se ne sono andati via da tempo, e temo che non sarete nella condizione di seguirli. Restammo fermi con tutti gli uomini di fronte a noi e ringraziai Dio per Achilles e il suo addestramento, perch entrambi stavamo pensando la stessa cosa: di fronte a una forza superiore, strappa lelemento sorpresa. Stavamo pensando: trasforma la difesa in attacco.

E fu ci che facemmo. Attaccammo. Con un rapido scambio di occhiate facemmo scattare le nostre lame nascoste, balzammo in avanti e infilzammo la prima guardia, le cui grida riecheggiarono lungo le mura in mattoni del deposito. Tirai un calcio e feci indietreggiare uno degli uomini armati di pistola che sbatt la testa contro una cassa, poi lo aggredii, le ginocchia sul suo petto, e gli ficcai la lama nella faccia fin nel cervello. Mi girai in tempo per vedere Connor roteare su se stesso, tenendosi basso e girando nello stesso tempo la mano con la lama, aprendo le pance di due sfortunate guardie che caddero, stringendosi laddome squarciato,

entrambi morti senza ancora saperlo. Un moschetto spar e sentii laria fischiare, la pallottola mi aveva mancato per un pelo, ma gliela feci pagare con la vita. Due uomini vennero verso di me, oscillando e, mentre li uccidevo, ringraziai le nostre buone stelle per avere consigliato a Benjamin di assoldare mercenari invece che Templari che non sarebbero stati sconfitti tanto rapidamente. Per come andarono le cose, la battaglia fu breve e brutale, fin quando non rimase che luomo esca, con Connor che incombeva su di lui che tremava come un bambino spaventato sul pavimento in mattoni, ora reso scivoloso dal sangue.

Finii un uomo morente, quindi mi avvicinai a loro in tempo per sentire Connor che domandava: Dov? Vi dir, piagnucol lesca, tutto ci che volete, ma promettetemi di lasciarmi vivere. Connor mi guard e, senza sapere se eravamo daccordo, lo aiut ad alzarsi. Con una nervosa occhiata a entrambi, continu: Se ne andato ieri per la Martinica. Si imbarcato su un mercantile chiamato Welcome. Ha caricato nella stiva met di ci che ha rubato ai patrioti. tutto ci che so. Lo giuro. Dietro di lui, gli infilai la lama nella spina dorsale e lui fiss stupito la punta insanguinata che gli sporgeva dal petto.

Avevate promesso disse. E lui ha mantenuto la sua parola, lo interruppi e guardai Connor, quasi sfidandolo a contraddirmi. Andiamo, aggiunsi, proprio mentre tre fucilieri si precipitavano sulla galleria sopra di noi con un fracasso di stivali sul legno, si appoggiavano il calcio dei moschetti sulle spalle e facevano fuoco, non su di noi, ma contro dei barili che, troppo tardi, mi resi conto essere pieni di polvere da sparo. Ebbi appena il tempo di tirare Connor dietro alcuni fusti di birra, che il primo barilotto esplose, seguito da quelli vicini, ciascuno esplodendo con un rombo assordante che parve piegare laria e fermare il tempo, uno scoppio

tanto violento che, quando riaprii gli occhi e mi tolsi le mani dalle orecchie, mi sorpresi quasi che il deposito fosse ancora in piedi attorno a noi. Ogni uomo presente si era o gettato a terra o era stato gettato dalla forza dellesplosione. Ma le guardie si stavano rimettendo in piedi, riprendevamo i moschetti e, ancora frastornate, si chiamavano le une le altre, strizzando gli occhi nella polvere per cercarci. Le fiamme stavano lambendo i barili, le casse presero fuoco. Una guardia corse gi nel deposito, i vestiti e i capelli in fiamme, gridando mentre il suo volto si scioglieva, quindi cadde sulle ginocchia e mor faccia in gi sulla pietra. Le fiamme, sempre pi avide, trovarono

limpagliatura di una cassa che and immediatamente a fuoco. Tuttattorno a noi, un inferno. Ripresero a volare pallottole di moschetto. Mentre ci dirigevamo verso i gradini che portavano alla passerella, uccidemmo due spadaccini, poi ci facemmo strada con la spada tra una squadra di quattro fucilieri. Il fuoco stava divampando, anche le guardie cominciavano a fuggire, per cui corremmo al livello superiore, sempre pi in alto, finch raggiungemmo il solaio del deposito del birrificio. I nostri aggressori ci stavano seguendo, ma non le fiamme. Da una finestra vedemmo lacqua sotto di noi e io mi guardai in giro alla ricerca di

unuscita. Connor mi afferr, mi lanci verso la finestra e insieme fracassammo il vetro e cademmo in acqua prima che io avessi avuto la possibilit di protestare.

7 marzo 1778

1
NON avrei mai permesso che Benjamin se la cavasse. Non dopo aver sopportato la vita sullAquila per quasi un mese, intrappolato con gli amici di Connor e il capitano della nave, Robert Faulkner, allinseguimento dellimbarcazione di Benjamin, che era rimasta sempre fuori portata, schivando attacchi di cannone, intravedendolo sul ponte della sua nave, il volto sbeffeggiante In alcun modo gli avrei permesso di cavarsela, soprattutto dopo che gli eravamo arrivati tanto vicino nelle acque adiacenti il Golfo del Messico che lAquila era riuscita finalmente ad avvicinarsi alla fiancata

della sua goletta. Per questo motivo strappai il timone dalle mani di Connor, lo girai con forza a dritta e con un improvviso beccheggio mandai a gran velocit la nave verso la goletta. Nessuno si era aspettato una manovra simile. Non la ciurma della sua nave, non gli uomini sullAquila, non Connor n Robert, solo io; e non sono sicuro di averlo previsto, finch non lavevo fatto, quando ogni membro della ciurma che non si era aggrappato a qualcosa era stato sbattuto violentemente di lato e la prua dellAquila era finita, scricchiolando, nel lato di mancina della goletta, sfondando e frantumando lo scafo. Forse ero stato avventato. Forse dovrei delle

scuse a Connor e certamente a Robert per il danno causato alla loro nave. Ma non potevo permettere che se la cavasse.

2
Per un attimo cal un silenzio stupito, rotto solo dal rumore dei rottami della nave che sbattevano contro loceano e il cigolio e lo scricchiolio della costola dello scafo a pezzi. Le vele sventolavano nella dolce brezza sopra di noi, ma nessuna delle due navi si muoveva, come immobilizzate dal trauma dellimpatto. Poi, altrettanto improvvisamente, appena la ciurma di entrambe le navi si riprese, si lev un grido. Io ero davanti a Connor e mi ero gi precipitato verso la prua dellAquila, e balzavo sul ponte della goletta di Benjamin con la lama allungata e uccidevo il primo membro

della ciurma che mi aveva puntato contro unarma, pugnalandolo e gettando il suo corpo fuori bordo. Appena scorsi il portello di boccaporto, corsi in quella direzione, bloccai un marinaio che tentava di scappare e gli ficcai la lama nel petto prima di imboccare la scaletta e, con un ultima occhiata alla distruzione che avevo provocato facendo incastrare tra loro le due navi che iniziavano lentamente a inclinarsi nelloceano, chiusi con forza il portello dietro di me. Dallalto giunsero attutiti il rombo di piedi sul ponte, le grida e gli scoppi di fucili della battaglia e il tonfo di corpi che colpivano il legno. Sottocoperta regnava uno strano, umido, quasi

inquietante silenzio. Da breve distanza, tuttavia, giunse il gocciolio e lo sciabordio che mi fece capire che la goletta stava imbarcando acqua. Quando la goletta sinclin di colpo, mi aggrappai a un montante e, da qualche parte, il gocciolio divenne un flusso continuo. Per quanto ancora sarebbe rimasta a galla? Nel frattempo vidi ci che Connor avrebbe presto scoperto: le provviste che avevamo inseguito per cos tanto tempo non cerano, almeno non su questa nave. Proprio mentre recepivo questo fatto, sentii un rumore, mi voltai e vidi Benjamin Church che, strizzando gli occhi, mi puntava contro una pistola.

Salve, Haytham, ringhi e premette il grilletto. Era bravo. Lo sapevo. Per questo aveva sparato immediatamente, per uccidermi mentre aveva a suo vantaggio lelemento sorpresa; e non aveva mirato me, ma un punto alla mia destra, dal momento che sapeva che io ero un combattente destrorso, per cui mi sarei tuffato verso il mio lato pi forte. Ma naturalmente questo lo sapevo, avendolo addestrato io stesso. E il suo colpo incocci senza fare danni lo scafo, mentre io mi lanciavo non a destra ma a sinistra, rotolavo via per poi balzare in piedi e lanciarmi su di lui prima che potesse sguainare la spada. Stringendo la sua camicia nel pugno, gli strappai la

pistola e la gettai lontana. Avevamo un sogno, Benjamin, gli gridai in faccia, un sogno che voi avete tentato di distruggere. E per questo, mio disonorato amico, dovrete pagare. Gli tirai una ginocchiata nellinguine. Quando si pieg in due, ansimando per il dolore, lo colpii con un pugno nelladdome cui ne feci seguire un altro nella mascella, tanto forte da fargli volare due denti insanguinati. Lo lasciai cadere e lui stramazz sul pavimento bagnato, la faccia nello sciabordio dellacqua di mare montante. La nave sinclin di nuovo, ma, al momento, non me ne import. Quando Benjamin tent di mettersi a gattoni, lo colpii con lo stivale, togliendogli quel

poco di fiato che gli era rimasto. Afferrai un pezzo di corda, poi lo tirai in piedi, lo sbattei contro un barile, quindi lo legai rapidamente. La testa gli casc in avanti, lasciando fluire lentamente sangue, sputo e muco per terra. Indietreggiai, lo afferrai per i capelli e lo fissai negli occhi, poi gli assestai un pugno in faccia e sentii lo scricchiolio del naso che si rompeva; indietreggiai di nuovo, scuotendomi via il sangue dalle nocche. Basta! grid Connor da dietro. Mi voltai e vidi che fissava prima me poi Benjamin, con unespressione disgustata. Siamo venuti qui per un motivo disse.

Per motivi diversi, a quanto pare. Ma Connor mi spinse da parte e sguazz nellacqua, che ora arrivava alle caviglie, fino a Benjamin che lo guardava con aria di sfida negli occhi pesti e iniettati di sangue. Dove sono le scorte che avete rubato? gli domand Connor. Benjamin sput. Andate allinferno. Poi, incredibilmente, si mise a cantare Rule Britannia. Feci un passo avanti. Chiudete il becco, Church. Non che ci lo facesse smettere. Continu a cantare. Connor venne avanti e punt la lama alla gola di Benjamin. Ve lo chiedo di nuovo: dov il

carico? Benjamin lo guard e batt le palpebre. Per un attimo pensai che avrebbe insultato Connor o che gli avrebbe sputato in faccia, inizi invece a parlare: Sullisola, in attesa di venire recuperato. Ma voi non avete alcun diritto di prenderlo. Non vostro. No, non mio, replic Connor. Quelle scorte sono per uomini e donne che credono in qualcosa di pi grande di loro stessi, che combattono e muoiono, affinch un giorno possano vivere liberi da tirannie come le vostre. Benjamin sorrise mesto. Sono gli stessi uomini e le stesse donne che combattono con moschetti forgiati con acciaio britannico? Che si fasciano le

ferite con bende create da mani britanniche? Che comodo per loro che si faccia noi tutto il lavoro, mentre loro ne raccolgono i frutti. State imbastendo una storia per giustificare i vostri crimini. Come se voi foste linnocente e loro i ladri, argoment Connor. solo una questione di prospettiva. Nella vita non esiste un solo cammino che sia diritto e giusto e che non causi danni. Credete veramente che la Corona non abbia ragione? Nessun diritto di sentirsi tradita? Dovreste saperlo, impegnato come siete a combattere i Templari, i quali ritengono che il loro lavoro sia altrettanto giusto. Rifletteteci la prossima volta che

insisterete nel dire che solo il vostro lavoro si addice al bene comune. Il vostro nemico si permetter di non essere daccordo, e lo farebbe con giusta causa. Le vostre parole saranno anche state sincere, sussurr Connor, ma ci non le rende veritiere. E lo uccise. Ti sei comportato bene, gli dissi mentre il mento di Benjamin cadeva sul petto e il suo sangue schizzava sullacqua che continuava a crescere. La sua dipartita un vantaggio sia per me sia per te. Forza. immagino che vorrai aiutarmi a recuperare tutto ci che sullisola

16 giugno 1778

1
SONO passati mesi dallultima volta che lho visto, eppure non posso negare di avere pensato spesso a lui e di essermi chiesto se ci fosse qualche speranza per noi. Io un Templare, un Templare forgiato nel crogiolo del tradimento, ma pur tuttavia un Templare, lui un Assassino, nato dal massacro commesso dai Templari. Una volta, molti anni fa, avevo sognato che un giorno avrei unito i Templari e gli Assassini, ma allora ero pi giovane e pi idealista. Il mondo non mi aveva ancora mostrato il suo vero volto. E il suo vero volto era inflessibile, crudele e spietato, barbaro

e brutale. E non aveva posto per i sogni. Eppure era tornato da me e sebbene non avesse detto niente, finora almeno, mi chiesi, se il mio vecchio idealismo non fosse celato dietro i suoi occhi e se fosse stato proprio quello a condurlo alla mia porta a New York, alla ricerca forse di risposte o per porre fine ad alcuni dubbi che lo tormentavano. Forse sbagliavo. Forse, dopotutto, quel giovane aveva delle incertezze. New York era ancora nelle mani delle giubbe rosse che occupavano le strade. Erano passati anni, eppure non era ancora stato trovato il responsabile dellincendio che aveva gettato la citt in una cupa e fuligginosa depressione. La legge marziale perdurava, il dominio

delle giubbe rosse era oppressivo e la gente pi indignata che mai. Da estraneo studiavo i due gruppi, i cittadini sottomessi che lanciavano occhiate dodio ai soldati indisciplinati e abbruttiti. Li osservavo con occhio cinico. Mi davo da fare per cercare di contribuire a vincere questa guerra e porre fine alloccupazione, trovare la pace. Stavo torchiando uno dei miei informatori, un bastardo chiamato Tic, quando, con la coda dellocchio, vidi Connor. Alzai una mano per fermarlo, mentre continuavo ad ascoltare Tic, e mi chiesi cosa volesse. Perch gli interessava luomo che riteneva avesse dato lordine di uccidere sua madre?

Abbiamo bisogno di sapere quali sono i piani dei lealisti se vogliamo metter fine a tutto questo, dissi alla mia spia. Connor indugiava, origliando, ma non aveva importanza. Ci ho provato, rispose Tic, mentre le narici si dilatavano e i suoi occhi saettavano verso Connor, ma ora neppure ai soldati viene detto qualcosa, solo di aspettare ordini dallalto. Allora continuate a scavare. Tornate da me quando avrete qualcosa di valido da riferirmi. Tic annu, se la fil e io trassi un profondo respiro per affrontare Connor. Per un attimo ci fissammo e io lo guardai dallalto in basso, trovando le sue vesti da Assassino piuttosto

contrastanti con il giovane indiano che le indossava, i lunghi capelli neri e gli occhi penetranti. Che nascondevano? mi chiesi. Sopra di noi uno stormo di uccelli si accomod sulla sporgenza di un edificio, gracchiando rumorosamente. Nelle vicinanze, una pattuglia di giubbe rosse ciondolava accanto a un carro e ammirava le lavandaie che passavano, lanciando osceni apprezzamenti e reagendo con gesti minacciosi a qualsiasi occhiata o verso di disapprovazione. Siamo vicini alla vittoria, dissi a Connor, prendendolo per il braccio e conducendolo gi per la strada, lontano dai soldati. Solo qualche altro attacco

ben piazzato e potremo porre fine alla guerra civile e liberarci della Corona. Un sorrisino agli angoli della bocca trad una certa soddisfazione. Che avete in mente? Nulla al momento, dato che non sappiamo niente. Pensavo che i Templari avessero occhi e orecchie ovunque, replic, con unombra di freddo umorismo. Proprio come sua madre. Li avevamo, finch hai cominciato a eliminarli. Sorrise. Il vostro contatto ha detto che erano ordini dallalto, quindi sappiamo esattamente cosa dobbiamo fare. Scovare altri comandanti lealisti. I soldati rispondono agli Jaeger,

osservai. Gli Jaeger ai comandanti, quindi dobbiamo farci strada fino in cima alla scala. Alzai gli occhi. Non molto lontano, le giubbe rosse continuavano a comportarsi in modo volgare, tradendo la loro uniforme, la bandiera e re Giorgio. Gli Jaeger erano il collegamento tra i capoccioni dellesercito e le truppe nel territorio e avrebbero dovuto tenere sotto controllo le giubbe rosse, impedire loro di esasperare una popolazione gi ostile, ma si facevano vedere raramente, solo se cerano guai seri nelle strade. Luccisione di una giubba rossa, per esempio. O di due Estrassi dal vestito la pistola e la

puntai dallaltra parte della strada. Con la coda dellocchio vidi la bocca di Connor aprirsi involontariamente, mentre miravo al gruppo indisciplinato di giubbe rosse vicino al carro, ne sceglievo una che stava ancora rivolgendo proposte spinte a una donna che passava con la testa china, avvampando sotto la cuffia. E tirai il grilletto. Lo scoppio della mia pistola diede il via alla giornata: la giubba rossa barcoll allindietro con un foro grande come un centesimo tra gli occhi da cui stava gi sgorgando sangue rosso scuro, mentre il suo moschetto cadeva a terra e lui crollava pesantemente nel carro dove rimase immobile.

Per un attimo i suoi commilitoni furono troppo sconvolti per fare altro che girare le teste, cercando di individuare la fonte dello sparo, mentre si toglievano i fucili dalle spalle. Io mi avviai verso di loro. Cosa state facendo? mi grid Connor. Uccidine a sufficienza, e gli Jaeger arriveranno, risposi. Ci porteranno direttamente dai comandanti. Intanto uno dei soldati si era voltato verso di me per pugnalarmi con la baionetta, ma io lo colpii al petto con la mia lama, trapassandogli le bianche fasce incrociate, la giubba e lo stomaco. Subito dopo balzai addosso alla giubba rossa pi vicina, mentre unaltra, che

aveva cercato di indietreggiare e trovare spazio per alzare larma e sparare, fin contro Connor che un istante dopo estraeva fuori dal corpo la sua lama. La battaglia era finita e la strada, affollata un attimo prima, era deserta. Nello stesso momento udii uno scampanio e ammiccai: Gli Jaeger sono usciti, proprio come avevo previsto. Era urgente bloccarne uno e fui ben contento di lasciar fare a Connor che non mi deluse. In meno di unora avevamo una lettera e, mentre drappelli di Jaeger e di giubbe rosse correvano su e gi gridando per le strade alla ricerca di due Assassini Assassini, ti assicuro! Hanno usato la lama degli hashashin

che avevano abbattuto senza misericordia una delle loro pattuglie, noi salimmo sui tetti, dove ci sedemmo per leggerla. La lettera in codice, osserv Connor. Non preoccuparti, lo conosco. Dopotutto uninvenzione dei Templari. La lessi, poi gliela spiegai. Il commando britannico nel caos. I fratelli Howe hanno dato le dimissioni e Cornwallis e Clinton hanno lasciato la citt. I capi rimasti hanno convocato una riunione alle rovine della chiesa della Trinit. l che dobbiamo andare.

2
La chiesa della Trinit, o meglio, quello che ne era rimasto, si trovava allincrocio di Wall Street e Broadway. Era stata pesantemente danneggiata nellincendio del settembre 1776, tanto che i britannici non si erano nemmeno dati la pena di trasformarla in caserma o in prigione. Lavevano invece recintata e la usavano come ritrovo, come per lincontro clandestino dei comandanti in cui Connor e io avevamo intenzione di imbucarci. Wall Street e Broadway erano al buio. I lampionai non venivano qui, perch non cerano lampioni da accendere, per lo meno nessuno

funzionante. In ogni caso, che avrebbero illuminato? Entro il diametro di un chilometro dalla chiesa era tutto annerito e coperto di fuliggine, i vetri in frantumi su carcasse di legno e i muri erano ammassi di rovine adatti solo ad alloggiare cani randagi e delinquenti. Sopra questo sfacelo torreggiava la guglia della Trinit ed era l che eravamo diretti, scalando uno dei pochi muri rimasti della chiesa per appostarci. Mentre ci arrampicavamo, mi resi conto che ledificio mi ricordava una versione ingrandita della mia vecchia casa a Londra. Acquattati negli oscuri recessi in attesa dellarrivo delle giubbe rosse, ricordai il giorno in cui ci ero tornato con Reginald e come lavevo

trovata. Come nella chiesa, il fuoco aveva distrutto il tetto ed era ridotta a uno scheletro, lombra di se stessa. Sopra di noi le stelle brillavano e io le fissai attraverso lo squarcio del tetto, fin quando una gomitata al fianco non mi dest dalle fantasticherie e vidi Connor indicarmi un gruppo di ufficiali e di giubbe rosse che stava percorrendo la deserta Wall Street, ingombra solo di detriti, diretto alla chiesa. Davanti alla squadra, due uomini tiravano un carro e appendevano lanterne ai rami neri e secchi degli alberi per illuminare il percorso. Raggiunsero la chiesa e noi li osservammo dallalto agganciare altre lanterne. Muovendosi rapidamente tra le colonne tronche della chiesa, dove

cominciavano a crescere erbacce e muschio, la natura che reclama per s le rovine, sistemarono lanterne sulla fonte e sul pulpito, quindi si scostarono, mentre a grandi passi entravano i delegati: tre comandanti e un picchetto. Un attimo dopo tendevamo le orecchie per sentire la conversazione, ma senza riuscirci. Contai allora le guardie, erano dodici, non erano troppe, pensai. Stanno parlando con giri di parole, sibilai a Connor. Non capiremo nulla. Cosa proponete? Andare gi a esigere delle risposte? Lo guardai e sorrisi. Proprio cos. Un attimo dopo stavo scendendo, finch fui abbastanza vicino, e saltai,

sorprendendo due delle guardie che morirono, le bocche aperte a forma di O. Imboscata! sentii gridare, mentre caricavo altre due giubbe rosse. Sentii Connor imprecare, mentre balzava dal suo posatoio per unirsi a me. Avevo avuto ragione. Non erano troppi. Come sempre, le giubbe rosse si affidavano troppo ai moschetti e alle baionette. Efficaci su un campo di battaglia, forse, ma inutili in un combattimento a distanza ravvicinata, che era quello in cui Connor e io primeggiavamo. Ormai combattevamo bene insieme, eravamo quasi una squadra. In breve tempo le statue della chiesa luccicavano di sangue fresco, i

soldati erano morti e restavano soltanto i tre atterriti comandanti, rannicchiati per la paura, le labbra che si muovevano in preghiera, mentre si preparavano a morire. Io per avevo qualcosaltro in mente, un viaggio a Fort George, per essere precisi.

3
Fort George si trovava nella parte pi meridionale di Manhattan, Aveva pi di centocinquantanni e dal mare offriva un vasto profilo di guglie, torri di guardia e lunghi edifici che parevano estendersi per lintera lunghezza del promontorio, mentre allinterno dei bastioni cerano zone di addestramento che circondavano gli alti dormitori e gli edifici amministrativi, il tutto notevolmente difeso e fortificato. Un luogo perfetto per i Templari in cui fissare la loro base. Un luogo perfetto per noi in cui portare i tre comandanti. Cosa stanno pianificando i britannici? domandai al primo, dopo

averlo sbattuto su una sedia nella stanza degli interrogatori nelle viscere delledificio nordorientale, dove la puzza di umido pervadeva ogni angolo, e dove, se si ascoltava con attenzione, si sentivano i topi raschiare e rosicchiare. Perch mai dovrei dirvelo? Perch vi uccider, se non lo fate. Aveva le braccia legate, ma indic la stanza con il mento. Mi ucciderete, se lo far. Molti anni fa avevo incontrato un uomo di nome Cutter, un esperto in torture e nella somministrazione del dolore, capace di tenere le sue vittime vive per giorni e giorni, ma sofferenti, con solo Feci scattare il meccanismo della lama che salt fuori, scintillando

crudelmente nella luce guizzante della torcia. Lui la fiss. Promettetemi una morte rapida se ve lo dico. Avete la mia parola. E cos parl e io mantenni la mia parola. Quando tutto fu finito, uscii nel corridoio, dove ignorai lo sguardo indagatore di Connor e andai a prendere il secondo prigioniero. Tornato nella cella, lo legai alla sedia e osservai i suoi occhi posarsi sul corpo del primo uomo. Il vostro amico si rifiutato di dirmi ci che volevo, gli spiegai, ecco perch gli ho tagliato la gola. Siete pronto a dirmelo voi? Deglut, gli occhi spalancati.

Sentite, qualsiasi cosa sia, non posso rivelarvela, neppure la conosco. Forse il comandante Ah, non siete voi il comandante? domandai allegramente e feci scattare la lama. Aspettate singhiozz, mentre mi spostavo dietro di lui. Una cosa la so Mi fermai. Proseguite Mi raccont ci che sapeva e, appena fin di parlare, lo ringraziai e gli squarciai la gola. Mentre moriva, mi resi conto che provavo solo una sensazione di annoiata inevitabilit e non il legittimo entusiasmo di chi esegue atti repellenti nel nome di un bene comune. Molti anni fa, mio padre

mi aveva insegnato la misericordia, la clemenza. Ora io macellavo prigionieri come fossero bestiame. Ecco quanto depravato ero diventato. Cosa succede l dentro? domand Connor con sospetto, quando tornai nel corridoio dove sorvegliava lultimo prigioniero. Questo il comandante. Portalo dentro. Poco dopo la porta della stanza degli interrogatori si chiuse con un tonfo alle nostre spalle e per un attimo lunico suono nella cella fu il gocciolio del sangue. Nel vedere i cadaveri gettati in un angolo della stanza, il comandante si dimen, ma, con una mano sulla sua spalla, lo spinsi nella sedia, ora resa

scivolosa dal sangue, lo legai, quindi mi misi davanti a lui e con un colpetto del dito feci scattare la lama celata. Nella cella si sent un leggero clic. Lo sguardo dellufficiale corse alla lama, poi si spost su di me. Stava tentando di sorridere in modo impavido, ma non riusc a nascondere il tremore del labbro inferiore. Che stanno pianificando i britannici? gli domandai. Gli occhi di Connor erano puntati su di me. Quelli del prigioniero erano puntati su di me. Dal momento che non rispondeva, sollevai leggermente la lama che riflett la luce della torcia. Luomo riport gli occhi sulla lama, quindi, croll.

Andarsene da Filadelfia. Quella citt finita. New York la chiave. Raddoppieranno il nostro numero, respingeranno i ribelli. Quando cominceranno? Dopodomani. Il diciotto giugno, osserv Connor. Devo avvertire Washington. Visto? dissi al comandante. Non stato difficile, vero? Vi ho detto tutto. Ora lasciatemi andare, implor, ma io non ero dellumore giusto per la clemenza. Mi misi alle sue spalle e, sotto gli occhi di Connor, gli aprii la gola. Di fronte alla sua espressione inorridita dissi: Gli altri due avevano detto la stessa cosa. Deve essere vera.

Quando Connor mi guard, lo fece con disgusto. Lavete ucciso li avete uccisi tutti e tre. Perch? Avrebbero avvertito i lealisti, risposi semplicemente. Avreste potuto tenerli prigionieri fino alla fine del conflitto. Non molto distante da qui c la baia di Wallabout, ripresi, dove ormeggiata la nave carcere Jersey, una nave in rovina su cui i patrioti prigionieri di guerra stanno morendo a migliaia, sepolti in fosse poco profonde sulle spiagge o semplicemente gettati fuori bordo. cos che i britannici trattano i loro prigionieri, Connor. Lui accett le mie parole, ma controbatt: per questo che

dobbiamo liberarci della loro tirannia. Ah, tirannia. Non dimenticare che il tuo capo George Washington avrebbe potuto salvare i prigionieri su quella nave, se gliene fosse importato. Ma lui non vuole scambiare soldati britannici con soldati americani, e cos i prigionieri di guerra americani sono condannati a marcire sulle navi carcere della baia di Wallabout. cos che si comporta il tuo eroe George Washington. In qualsiasi modo finisca la rivoluzione, Connor, puoi star certo che saranno gli uomini con danaro e terre a trarne beneficio. Gli schiavi, i poveri, i soldati semplici continueranno a marcire. George diverso, insistette

Connor, ma ora nella sua voce cera un accenno di dubbio. Vedrai presto il suo vero volto, Connor. Si sveler e quando succeder potrai prendere la tua decisione. Potrai giudicarlo.

17 giugno 1778

1
PUR avendone sentito tanto parlare, non avevo mai visto Valley Forge con i miei occhi e fu l che mi ritrovai, quella mattina. Le cose erano chiaramente migliorate. La neve si era sciolta ed era spuntato il sole. Cammin facendo, vidi una squadra messa alla prova da un uomo con accento prussiano che, se non mi sbagliavo, era il famoso barone Friedrich von Steuben, capo di stato maggiore di Washington, che aveva contribuito ad addestrare, con successo, il suo esercito. Mentre prima gli uomini erano privi di disciplina e morale, soffrivano di malattie e denutrizione,

ora il campo era pieno di soldati in salute e ben nutriti che marciavano con un vivace rumore di armi e fiaschette, con passo rapido e deciso. Tra loro cerano uomini e donne al seguito dellesercito che trasportavano ceste di provviste e di biancheria o pentole fumanti e bollitori. Anche i cani che si inseguivano e giocavano ai margini del campo parevano farlo con rinnovata energia e vigore. Ciononostante, mentre Connor e io attraversavamo laccampamento, quello che mi colp fu che erano stati in massima parte gli sforzi degli Assassini e dei Templari a migliorare lo spirito del campo. Avevamo procurato scorte ed evitato ulteriori furti, e mi fu detto che

Connor aveva avuto mano nel garantire la sicurezza di von Steuben. Cosa aveva fatto il loro glorioso capo Washington a parte averli condotti in questo guaio? Eppure, ancora credevano in lui. Motivo in pi per svelare la sua falsit. Motivo in pi per indurre Connor a vedere la sua vera faccia. Dovremmo condividere ci che sappiamo con Lee, non con Washington dichiarai in tono irritato, camminando. Sembrate pensare che io lo preferisca, ribatt Connor. Aveva abbassato la guardia, e i capelli neri brillavano nel sole. Qui, lontano dalla citt, era come se il suo lato indigeno fosse sbocciato. Ma il mio nemico

una nozione, non una nazione. sbagliato esigere obbedienza, che sia alla Corona o alla Croce Templare. Io spero che, con il tempo, lo capiscano anche i lealisti, perch anche loro ne sono vittime. Sei contrario alla tirannia, allingiustizia, ma questi sono sintomi, figliolo. La loro vera causa la debolezza umana. Per quale altro motivo credi che io continui a tentare di mostrarti lerrore del tuo modo di pensare? Avete detto molto, vero, ma non mi avete mostrato nulla. Gi, pensai, ma solo perch tu non ascolti la verit che esce dalla mia bocca. Hai bisogno di sentirla dalluomo

che idolatri. Hai bisogno di sentirla da Washington.

2
Trovammo il capo in una capanna di legno, intento alla corrispondenza e, superate le guardie allentrata, chiudemmo la porta sul fragore del campo, non udendo pi gli ordini del sergente istruttore, il costante rumore metallico della cucina e quello dei carri che si muovevano pesantemente. Lui alz lo sguardo, sorrise e fece un cenno a Connor: si sentiva tanto al sicuro in sua presenza che era felice che le guardie fossero rimaste fuori; a me rivolse unocchiata pi fredda e indagatrice prima di tornare ai suoi documenti. Intinse la penna doca nel calamaio e, mentre aspettavamo con

pazienza la nostra udienza, firm qualcosa con uno svolazzo. Rimise la penna nel vaso, asciug il documento, quindi si alz e aggir la scrivania per venirci a salutare. Che cosa vi porta qui? domand, e, mentre i due amici si abbracciavano calorosamente, mi ritrovai vicino alla scrivania. Tenendo gli occhi sui due, indietreggiai leggermente e gettai unocchiata furtiva sul piano della scrivania, cercando qualcosa, qualsiasi cosa, da poter usare come prova contro di lui. I britannici hanno richiamato i loro uomini da Filadelfia, stava dicendo Connor. Sono in marcia verso New York.

Washington annu con aria grave. Sebbene i britannici avessero il controllo di New York, i ribelli dominavano ancora alcuni settori della citt. New York era un nodo cruciale e, se gli inglesi avessero ottenuto il controllo totale, avrebbero acquisito un notevole vantaggio. Benissimo, disse Washington, la cui incursione al di l del fiume Delaware per riprendersi il territorio nel New Jersey era gi stato uno dei punti di svolta pi importanti del conflitto. Sposter le forze a Monmouth. Se riuscissimo a sconfiggerli, la situazione si capovolgerebbe. Mentre parlavano, io tentavo di leggere il documento che Washington aveva appena firmato. Lo

sistemai con la punta delle dita per leggerlo meglio. Poi, esultando tra me, lo presi e lo sollevai in modo che lo vedessero. E questo cos? Interrotto, Washington si gir e vide cosa avevo in mano. Corrispondenza privata, rispose stizzito e si mosse per strapparmelo, ma io lo allontanai e aggirai la scrivania. Ne sono sicuro. Ti piacerebbe sapere cosa dice, Connor? Confusione e conflitto interiore tra due lealt gli si leggevano sul volto. Fece per parlare, ma non disse nulla e i suoi occhi saettarono tra me e Washington, mentre io proseguivo: Mi pare che il tuo amico abbia appena

ordinato di attaccare il tuo villaggio. Anche se attaccare un eufemismo. Diteglielo voi, comandante. Indignato, Washington rispose: Abbiamo ricevuto rapporti su alleati indiani che lavorano per i britannici. Ho chiesto ai miei uomini di porvi fine. Bruciando i loro villaggi e versando sale sulla loro terra. Chiedendo che vengano sterminati, stando a questo ordine. Avevo finalmente la possibilit di dire a Connor la verit. E non per la prima volta. Fissai Washington. Ditegli cosa avete fatto quattordici anni fa. Nella capanna cal un silenzio carico di tensione. Dallesterno arrivava

smorzato il rumore metallico delle cucine, lo sferragliare dei carri che entravano e uscivano dallaccampamento, lurlo stentoreo del sergente istruttore e il ritmico scricchiolio di stivali in marcia. Allinterno, invece, Washington avvamp, mentre guardava Connor, e forse comprese che cosa aveva veramente fatto tanti anni prima. Apr e chiuse la bocca come se trovasse arduo emettere le parole. Quello era un altro periodo, sbott infine, infuriato. A Charles era sempre piaciuto definire Washington uno sciocco indeciso e balbuziente e l, forse per la prima volta, afferrai cosa avesse inteso. La guerra dei sette anni,

continu, come se quel fatto da solo dovesse spiegare ogni cosa. Lanciai unocchiata a Connor che era raggelato, ma dava limpressione di essere distratto. E cos ora sai, figlio mio, cosa fa questo grande uomo sotto coercizione. Inventa scuse. Addossa ad altri la colpa. Fa un sacco di grandi cose, davvero, tranne assumersi la responsabilit. Washington era impallidito. Fiss il pavimento, con evidente senso di colpa. Guardai supplichevolmente Connor che inizi ad ansimare, poi esplose di rabbia. Basta! La questione su chi ha fatto cosa e perch deve aspettare. Il mio popolo deve venire per primo. Tesi la mano verso di lui.

No! Si ritrasse. Tra voi e me tutto finito. Figlio Ma lui si rivolt. Pensate che sia tanto rammollito che chiamarmi figlio potrebbe farmi cambiare idea? Da quanto tempo lo sapevate? O devo credere che labbiate scoperto solo adesso? Il sangue di mia madre macchier forse le mani di qualcun altro, ma Charles Lee non per questo meno disgustoso e tutto ci che fa lo fa su vostro ordine. Si volt verso Washington che indietreggi, spaventato dallira di Connor. Un avvertimento a entrambi, ringhi. Decidete di inseguirmi o di contrastarmi e vi uccider.

E se ne and.

16 settembre 1781 (tre anni dopo)

1
NELLA battaglia di Monmouth del 1778 Charles, bench Washington gli avesse ordinato di attaccare i britannici in ritirata, arretr. Non so perch si comport cos. Forse non aveva avuto sufficienti uomini, e questo fu il motivo che diede, o forse aveva sperato che una sua ritirata avrebbe avuto una ripercussione negativa su Washington e il Congresso, e che cos gli avrebbero finalmente tolto il comando. Per una ragione o per laltra, e non ultimo perch non importava pi, non gli chiesi mai spiegazioni. Ci che so che Washington gli

aveva ordinato di attaccare, e lui aveva fatto proprio il contrario e la situazione si era trasformata rapidamente in una disfatta. Mi hanno riferito che Connor aveva dato una mano nella battaglia successiva, aveva aiutato i ribelli a evitare la sconfitta, mentre Charles, ritirandosi, si era imbattuto in Washington, avevano discusso aspramente e Charles in particolare aveva usato un linguaggio oltraggioso. Me lo potevo immaginare. Pensai al giovane uomo che avevo conosciuto tanti anni prima al porto di Boston, al timore reverenziale con cui aveva guardato me, mentre guardava tutti gli altri con disprezzo. Dal momento in cui era stato scavalcato per il posto di

comandante supremo dellesercito continentale, il suo risentimento verso Washington, come una ferita aperta, era peggiorato invece di rimarginarsi. Non solo aveva parlato male di Washington ogni volta che ne aveva avuto lopportunit, denigrando ogni aspetto della sua personalit e del suo comando, ma si era anche imbarcato in una campagna di missive, con cui aveva tentato di portare i membri del Congresso dalla sua parte. Il suo fervore, a dire il vero, era ispirato dalla sua lealt verso lOrdine, ma era anche alimentato dalla sua rabbia personale per essere stato messo da parte. Charles aveva potuto anche dimettersi dalla sua posizione nellesercito

britannico per diventare a tutti gli effetti un cittadino americano, ma aveva un senso molto inglese di elitarismo e riteneva che la posizione di comandante supremo fosse sua di diritto. Non potevo biasimarlo per avere portato i suoi sentimenti personali in questa disputa. Chi tra i cavalieri che si erano riuniti per la prima volta nella taverna del Green Dragon ne era immune? Io no di certo. Avevo odiato Washington per ci che aveva fatto al villaggio di Ziio, ma, per quanto ne sapevo, la sua guida della rivoluzione, sebbene a volte spietatamente perspicace, non era stata macchiata da brutalit. Aveva conquistato la sua meritata parte di successo, e ora che

eravamo nelle fasi conclusive della guerra, cui mancava soltanto la dichiarazione dindipendenza, come poteva non essere considerato un eroe? Avevo visto Connor per lultima volta tre anni prima, quando aveva lasciato Washington e me nella capanna. Sebbene fossi pi vecchio e pi lento e soffrissi quasi costantemente per la ferita al fianco, avevo avuto lopportunit di vendicarmi per ci che aveva fatto a Ziio, di togliergli il comando per sempre. Lavevo invece risparmiato, perch stavo gi iniziando a chiedermi se la mia opinione su di lui fosse errata. Forse ora di ammettere che sbagliavo. una debolezza umana vedere i cambiamenti in se stessi,

supponendo nello stesso tempo che tutti gli altri siano rimasti uguali. Forse mi ero reso colpevole di questa debolezza con Washington. Forse era cambiato. Mi chiedo se Connor avesse avuto ragione su di lui. Intanto Charles era stato arrestato per insubordinazione dopo che aveva insultato Washington, era stato portato davanti alla corte marziale, era stato esonerato dal servizio e aveva cercato rifugio a Fort George, dove ancora si trova.

2
Il ragazzo sta venendo qui, minform Charles. Ero seduto alla scrivania nella mia stanza nella Torre Occidentale di Fort George, davanti alla finestra che dava sulloceano. Con il binocolo avevo visto delle navi allorizzonte. Stavano venendo qui? Connor si trovava su una di quelle? I suoi compagni? Feci cenno a Charles di sedersi. Pareva nuotare negli abiti: il volto era magro e teso e i capelli brizzolati gli cadevano sul viso. Era nervoso e, se Connor stava realmente arrivando, aveva ragione desserlo. mio figlio, Charles, gli dissi.

Lui annu e distolse lo sguardo. Me lero chiesto, comment. C una certa somiglianza. Sua madre era la donna Mohawk con la quale eravate scappato, vero? Oh, allora ero scappato con lei? Lui alz le spalle. Non parlate a me di trascurare lOrdine, Charles. Voi avete fatto la vostra parte. Cal un lungo silenzio, poi mi guard con un nuovo guizzo di vita negli occhi. Una volta mi avevate accusato di avere creato lAssassino, disse con amarezza. Non vi colpisce lironia della situazione, anzi lipocrisia, dato che lui vostro figlio? Forse, ammisi. In realt non ne

sono pi tanto sicuro. Rise. Sono anni che non dimostrate pi interesse, Haytham. Non ricordo lultima volta in cui nei vostri occhi ho visto qualcosa che non fosse debolezza. Non debolezza, Charles. Dubbio. Dubbio, daccordo, sbott. Ma non ritenete anche voi che il dubbio non si addica a un Gran Maestro Templare? Pu darsi, concordai. O forse ho appreso che solo gli sciocchi e i bambini ne sono privi. Mi voltai per guardare fuori dalla finestra. Prima le navi erano state solo capocchie di spillo a occhio nudo, ora erano pi vicine. Scempiaggini, ribatt Charles.

Discorsi da Assassini. Convinzione assenza di dubbio. Questo tutto ci che chiediamo ai nostri capi: convinzione. Ricordo che un tempo avevate bisogno del mio sostegno per unirvi a noi, ora avreste la mia posizione. Pensate che sareste stato un bravo Gran Maestro? Voi lo siete stato? Segu una lunga pausa. Ci mi ferisce, Charles. Lui si alz. Me ne vado. Non voglio essere qui quando lAssassino, vostro figlio, lancer il suo attacco. Mi fiss. E voi dovreste venire via con me. Almeno avremmo un vantaggio. Scossi la testa. No, Charles. Credo

di dover restare e sostenere la mia ultima battaglia. Forse avete ragione, forse non sono stato il Gran Maestro pi efficiente. Forse giunta lora di rimediarvi. Intendete affrontarlo? Combatterlo? No, risposi mesto. Temo sia impossibile cambiare Connor. Neppure dopo avere saputo la verit su Washington ha cambiato idea. Connor vi piacerebbe, Charles, lui ha convinzione. E allora? Non gli permetter di uccidervi, Charles, replicai e mi tolsi lamuleto dal collo. Prendetelo, per favore. Non voglio che labbia lui, dovesse

sconfiggermi. Abbiamo lavorato sodo per portarlo via agli Assassini, non desidero renderlo. Ma lui rifiut. Non lo prender. Dovete tenerlo al sicuro. Siete capace di farlo voi. Sono quasi vecchio, Charles. Faremmo meglio a peccare per eccesso di prudenza. Gli misi lamuleto in mano. Vi assegner alcune guardie come protezione, disse. Come volete. Lanciai unaltra occhiata alla finestra. Dovreste affrettarvi. Ho limpressione che il giorno della resa dei conti sia vicino. Lui annu e and alla porta, poi si volt. Siete stato un buon Gran

Maestro, Haytham e mi dispiace se vi ho dato limpressione di pensare altrimenti. Sorrisi. E a me dispiace di avervi dato motivo di pensarlo. Fece per parlare, poi ci ripens e usc.

3
Quando inizi il bombardamento, pregai che Charles fosse riuscito a fuggire e pensai che questa poteva essere la mia ultima annotazione sul diario; che queste parole potevano essere le ultime. Spero che Connor, mio figlio, legger questo diario e che, forse, appena sapr del mio viaggio attraverso la vita, mi capir, forse addirittura mi perdoner. Il mio cammino era lastricato di menzogne, la mia diffidenza forgiata dal tradimento. Ma mio padre non mi aveva mai mentito e, con questo diario, salvaguardo questa tradizione. Ti offro la verit, Connor, e tu fanne

ci che vuoi.

Epilogo

16 settembre 1781
P ADRE! gridai. Il bombardamento era assordante, ma io avevo raggiunto la Torre Occidentale dove avrei trovato il suo alloggio e l, in un corridoio che portava alle stanze del Gran Maestro, lo incontrai. Connor, rispose. I suoi occhi erano duri, imperscrutabili. Tese il braccio e fece scattare la lama celata. Io feci lo stesso. Dallesterno giunse il rombo e il fragore del fuoco di cannone, il frantumarsi di pietre e le grida di uomini morenti. Lentamente ci muovemmo luno verso laltro. Avevamo combattuto a fianco a fianco,

ma mai luno contro laltro. Mi chiedo se, come me, era curioso. Con una mano dietro la schiena, present la sua lama. Io feci la stessa cosa. Al prossimo colpo di cannone, disse. Quando arriv, parve scuotere le mura, ma nessuno di noi due se ne preoccup. La battaglia era cominciata e il rumore delle nostre lame che sincrociavano era penetrante, i nostri grugniti chiari e presenti. Tutto il resto, la distruzione del forte attorno a noi, era solo un rumore di sottofondo. Forza, mi schern, non puoi sperare di essere alla mia altezza, Connor. Per quanto tu sia abile, sei solo

un ragazzo che ha ancora molto da imparare. Non mi mostr alcuna piet. Alcuna clemenza. Qualsiasi cosa avesse nel cuore e nella mente, la sua lama balen con la solita precisione e ferocia. Se ora era un vecchio e pi debole guerriero, allora non mi sarebbe piaciuto doverlo affrontare quando era nel fiore degli anni. Se ci che voleva era mettermi alla prova, allora lo ha fatto. Datemi Lee, chiesi. Ma Lee se ne era andato da tempo. Ora cera solo mio padre e lui colp, veloce come un cobra, e per poco la sua lama non mi squarci il collo. Trasforma la difesa in attacco, pensai, e risposi con un uguale attacco veloce, roteando

su me stesso e colpendogli lavambraccio, trafiggendolo e spezzando le cinghie che fissavano la lama. Con un urlo di dolore balz indietro e io notai la preoccupazione offuscargli gli occhi, ma lasciai che si riprendesse e strappasse un pezzo della veste per fasciarsi la ferita. Abbiamo unopportunit adesso, insistetti. Insieme possiamo rompere il cerchio e porre fine a questa antica guerra. Lo so. Vidi qualcosa nei suoi occhi: il ricordo di un sogno non realizzato? Lo so, ripetei. Con la benda insanguinata tra i denti, scosse la testa. Era veramente

tanto disilluso? Il suo cuore si era indurito a tal punto? Termin di legare la fasciatura. No. Tu vuoi saperlo. Tu vuoi che sia vero. Nelle sue parole cera una sfumatura di tristezza. Anche una parte di me lavrebbe voluto. Ma un sogno impossibile. Noi siamo simili, insistetti. Per favore Per un attimo pensai di essere riuscito a farmi capire. No, figliolo, siamo nemici. E uno di noi due deve morire. Dallesterno arriv unaltra serie di cannonate. Le torce tremolarono nei loro supporti, la luce danz sulla pietra e particelle di polvere piovvero dalle pareti.

E cos sia. Combattemmo. Una lunga, dura battaglia, anche se non sempre eccellente. Lui mi attacc, con la lama della spada, con i pugni, a volte anche con la testa. Il suo stile di combattimento era diverso dal mio, pi brutale. Non aveva la finezza del mio, eppure era altrettanto efficace e, come presto appresi, altrettanto doloroso. Ci separammo, entrambi ansanti. Lui si asciug il dorso della mano sulla bocca, poi si acquatt, flettendo le dita del braccio ferito. Ti comporti come se avessi diritto di giudicare, disse. Di dichiarare me e le mie idee sbagliati per questo mondo. Eppure tutto ci che ti ho mostrato, tutto ci che ho detto e

fatto, dovrebbe chiaramente dimostrare il contrario. Noi non abbiamo fatto del male al tuo popolo, non abbiamo appoggiato la Corona. Ci siamo dati da fare per vedere questo Paese unito e in pace. Sotto il nostro dominio, tutto sarebbe andato per il meglio. I patrioti promettono forse la stessa cosa? Loro offrono la libert, replicai, osservandolo, ricordando qualcosa che mi aveva insegnato Achilles: che ogni parola, ogni gesto combattimento. Libert? esclam in tono di scherno. Ti ho detto e ridetto che la libert pericolosa. Non ci sar mai unanimit, figlio mio, tra quelli che hai aiutato a salire. Avranno punti di vista diversi su ci che vuol dire essere liberi.

La pace che cerchi tanto disperatamente non esiste. No. Insieme forgeranno qualcosa di nuovo, migliore di ci che cera stato prima. Questi uomini sono uniti da una causa comune, continu, facendo un ampio gesto con il braccio ferito per indicare noi, immagino. La rivoluzione. Ma quando questa battaglia sar conclusa, combatteranno tra loro su come garantirsi al meglio il comando. Con il tempo, ci porter a unaltra guerra. Vedrai. Poi si lanci in avanti, attaccando con la spada, ma mirando al mio braccio della spada e non al mio corpo. Deviai il colpo, ma lui era rapido, si allung e mi

colp di rovescio con lelsa sopra locchio. La vista mi si offusc e barcollai allindietro, difendendomi in modo concitato, mentre lui tentava di portare fino in fondo il suo vantaggio. Per pura fortuna lo colpii al braccio ferito, facendolo urlare di dolore e guadagnando una momentanea tregua mentre ci riprendevamo. Un altro colpo di cannone. Altra polvere dalle pareti e io sentii il pavimento tremare. Il sangue mi colava dalla ferita sopra locchio e lo asciugai con il dorso della mano. I capi dei patrioti non cercano il comando, ribattei. Non ci sar alcun monarca qui, il popolo avr il potere, come giusto sia.

Lui scosse la testa lentamente e mestamente, un gesto di condiscendenza che, se doveva rabbonirmi, ebbe leffetto opposto. Il popolo non ha mai il potere, disse stanco, solo lillusione di averlo. Ed ecco il vero segreto: non lo vuole. una responsabilit troppo pesante. Ecco perch obbediscono appena qualcuno si assume la responsabilit. Vuole che gli venga detto cosa deve fare. Desidera obbedire. Il che non deve meravigliare, visto che lumanit stata creata per servire. Ci scambiammo altri fendenti. Entrambi eravamo feriti. Guardandolo, vedevo la mia immagine riflessa? Avendo letto il suo diario, posso

guardare indietro e sapere esattamente come mi vedeva: come luomo che avrebbe voluto essere. Sarebbe stato tutto diverso se avessi saputo allora ci che so adesso? Posso rispondere solo che non lo so. E che ancora non lo so. E cos, dato che tendiamo per natura a essere dominati, chi potrebbe farlo meglio dei Templari? Scossi la testa. una ben misera proposta. la verit, esclam Haytham. Principi e pratica sono due bestie molto differenti. Io vedo il mondo come , non come vorrei che fosse. Attaccai e lui si difese, e per alcuni istanti nel corridoio risuon il rumore metallico dellacciaio. Eravamo esausti;

il duello aveva perso importanza. Per un attimo mi chiesi se non si sarebbe semplicemente esaurito; se non fosse possibile che in qualche modo entrambi ci voltassimo, ci allontanassimo e prendessimo le nostre strade. Ma no. Questo doveva arrivare a una conclusione, lo sapevo. Leggevo nei suoi occhi che lo sapeva pure lui. Doveva finire qui. No, padre voi vi siete arreso e vorreste che ci arrendessimo tutti. Sentimmo poi il boato e il tremore di una cannonata che aveva colpito nelle vicinanze, e le pietre che cadevano dai muri. Era vicina. Tanto vicina. E ne sarebbe seguita unaltra. E cos fu. Allimprovviso nel corridoio si apr una

voragine. 2 Fui gettato allindietro dallesplosione e atterrai dolorante, come un ubriaco che scivola lentamente lungo la parete di una taverna, la testa e le spalle inclinate verso il resto del corpo. Il corridoio era pieno di polvere e di macerie, mentre il rimbombo dellesplosione declinava nel crepitio e nellacciottolio dei calcinacci che si spostavano. Mi tirai in piedi a fatica, strizzai gli occhi nella nuvola di polvere e lo vidi accasciato a terra come ero stato io, ma dallaltra parte dello squarcio nel muro; e mi avvicinai a lui zoppicando. Mi fermai, lanciai unocchiata e rimasi sconvolto nel

vedere la camera del Gran Maestro senza pi parete posteriore, con il muro frastagliato che incorniciava loceano. Nelloceano cerano quattro navi, tutte con scie di fumo che si alzavano dai cannoni sul ponte e, mentre guardavo, sentii il rombo di unaltra cannonata. Mi avvicinai, ingobbito, a mio padre, che mi guard e si mosse leggermente. La sua mano strisci verso la spada, che era appena fuori portata, e che io allontanai con un calcio. Con una smorfia di dolore, mi chinai su di lui. Arrendetevi e vi risparmier la vita, dissi. Sentii la brezza sulla pelle, mentre il corridoio veniva illuminato dalla luce naturale. Aveva un aspetto tanto

vecchio, il volto tumefatto e ferito, eppure sorrise: Parole coraggiose dette da un uomo che sta per morire. Voi non ve la passate meglio, replicai. Ah, sorrise, mettendo in mostra denti insanguinati, ma non sono solo e mi girai per vedere due delle guardie del forte precipitarsi lungo il corridoio, puntare i moschetti e fermarsi a poca distanza. I miei occhi corsero da loro a mio padre, che si stava alzando, facendo cenno ai suoi uomini di fermarsi, lunica cosa che imped loro di uccidermi. Sostenendosi alla parete, toss e sput, quindi mi guard. Anche quando sembrate trionfare noi risorgiamo. Sai

perch? Scossi la testa. Perch lOrdine sorto da una consapevolezza. Non abbiamo bisogno di alcun credo. Di alcun indottrinamento da parte di vecchi disperati. Tutto ci che ci serve che il mondo sia come . Per questo non si potranno mai distruggere i Templari. Ora mi chiedo se lavrebbe fatto. Avrebbe lasciato che mi uccidessero? Non avr mai la risposta. Perch, allimprovviso, ci fu il crepitio di una sparatoria e le due guardie crollarono a terra, uccise dal fuoco di un cecchino appostato dallaltra parte del muro. Un attimo dopo ero corso in avanti e, prima che lui potesse reagire, lavevo

ributtato a terra ed ero di nuovo sopra di lui, la mano della lama tirata indietro. Poi, con un accesso di ci che avrebbe potuto esse futilit, in un rumore che mi resi conto essere il mio singhiozzo, lo pugnalai al cuore. Il suo corpo si contrasse, poi si rilass e, mentre ritiravo la lama, vidi che stava sorridendo. Non credere che abbia intenzione di accarezzarti la guancia e dirti che sbagliavo, sussurr mentre la vita lo abbandonava. Non pianger n mi chieder come sarebbero potute andare le cose. Sono certo che capisci. Mi ero inginocchiato e cercai di sorreggerlo. Ci che provai fu niente.

Un torpore. Unenorme stanchezza per essere dovuti arrivare a questo. Eppure, disse, mentre batteva le palpebre e il sangue pareva defluire dal suo volto, in un certo senso sono orgoglioso di te. Hai dimostrato convinzione. Forza, coraggio. E queste sono caratteristiche nobili. Con un sorriso beffardo aggiunse: Avrei dovuto ucciderti tanto tempo fa. Poi mor. Cercai lamuleto di cui mi aveva parlato mia madre, ma non lo trovai. Chiusi gli occhi a mio padre, mi alzai e mi allontanai.

2 ottobre 1782
ALLA fine, in una gelida notte alla frontiera, lo trovai nella locanda Conestoga, dove se ne stava seduto al buio, le spalle curve, una bottiglia accanto a s. Pi vecchio e trasandato, i capelli ispidi e incolti, senza pi alcuna traccia dellufficiale che era stato, ma decisamente lui: Charles Lee. Mentre mi avvicinavo al suo tavolo, lui alz lo sguardo e rimasi sorpreso dallintensit nei suoi occhi cerchiati di rosso. Qualsiasi pazzia, tuttavia, era o repressa o nascosta, e lui non mostr alcuna emozione nel vedermi, a parte unespressione che credo fosse di

sollievo. Lavevo inseguito per pi di un mese. Senza parlare, mi porse la bottiglia, io bevvi un sorso e gliela ridiedi. Rimanemmo seduti l a lungo, osservando gli altri clienti della taverna, ascoltando le chiacchiere, le partite e le risate che continuavano attorno a noi. Poi mi guard e, sebbene non dicesse nulla, per lui lo fecero i suoi occhi e io estrassi la mia lama, quindi, quando li chiuse, gliela infilai sotto le costole, diritta nel cuore. Mor senza un suono e io lo appoggiai sul tavolo, come se fosse semplicemente svenuto per il troppo bere. Poi gli sfilai lamuleto dal collo e lo misi al mio.

Lo vidi brillare per un attimo. Poi lo spinsi sotto la camicia, mi alzai e uscii.

15 novembre 1783

1
REGGENDO le redini del cavallo, attraversai il mio villaggio con un crescente senso di incredulit. Nellavvicinarmi avevo visto campi ben curati, ma il villaggio era deserto, la casa comune abbandonata, i fuochi spenti e lunico essere vivente in giro era un cacciatore brizzolato, un cacciatore bianco, non un Mohawk, seduto su un secchio capovolto davanti a un fuoco, intento ad arrostire allo spiedo qualcosa che emanava un buon odore. Mi scrut guardingo mentre mi avvicinavo e i suoi occhi corsero al moschetto a terra vicino a lui, ma io gli

feci cenno che non intendevo fare nulla di male. Se avete fame, ce n per due, disse in tono cordiale. Il profumo era invitante, ma io avevo altro in mente. Sapete cosa successo qui? Dove sono finiti tutti? Se ne sono andati a occidente. Sono partiti alcune settimane fa. A quanto pare, il Congresso ha concesso la terra a gente di New York. Immagino abbiano deciso di non avere bisogno dellapprovazione di coloro che vivevano qui per insediarvisi. Cosa? chiesi. Gi. Accade sempre pi spesso. Gli indigeni vengono spinti via da mercanti e agricoltori che vogliono ingrandirsi. Il

governo dice loro di non prendere terre che sono di propriet altrui, ma, ecco qui potete constatare che le cose vanno in modo diverso. Come potuto accadere? domandai, girandomi lentamente, vedendo solo il vuoto dove prima avevo visto i volti noti della mia gente, la gente con cui ero cresciuto. Ce la dobbiamo cavare da soli adesso, prosegu. Non pi vecchi e allegri materiali inglesi. Il che vuole dire che dobbiamo affannarci da soli. E anche pagare per averli. Vendere terre rapido e facile, e non tanto brutto come le tasse. Poich alcuni sostengono che erano state le tasse a dare il via alla guerra, nessuno ha fretta di

reintrodurle. Scoppi in una risata gutturale. Furbi i nostri nuovi governanti. Sanno di non dover fare troppa pressione, per ora. Troppo presto. Troppo inglese. Fiss il fuoco. Ma lo faranno, lo fanno sempre. Lo ringraziai e mi allontanai per dirigermi alla casa comune, pensando che avevo fallito: la mia gente se nera andata, cacciata da quelli che avevo pensato ci avrebbero protetti. Mentre camminavo, lamuleto al collo brill e io me lo sfilai, lo tenni nel palmo della mano e lo esaminai. Forse cera unultima cosa che potevo fare: salvare questo posto da tutti, sia patrioti sia Templari.

2
In una radura nella foresta mi accovacciai e guardai ci che tenevo nelle mani: la collana di mia madre in una, lamuleto di mio padre nellaltra. Madre. Padre. Mi dispiace, dissi a voce alta. Vi ho delusi entrambi. Avevo promesso di proteggere la nostra gente, madre. Avevo pensato che, se avessi fermato i Templari, se avessi potuto evitare che influenzassero la rivoluzione, allora quelli che appoggiavo avrebbero fatto la cosa giusta. Lhanno fatta, immagino, hanno fatto ci che era giusto, ci che era giusto per loro. Per quello che riguarda voi, padre, avevo pensato che sarei riuscito a unirci, che

avremmo dimenticato il passato per creare un futuro migliore. Avevo creduto che, con il tempo, sarei riuscito a farvi vedere il mondo come lo vedo io, a comprendere. Ma era solo un sogno e avrei dovuto capirlo. Quindi non siamo destinati a vivere in pace? cos? Siamo nati per discutere? Per combattere? Cos tante voci e ciascuna pretende qualcosaltro. A volte stata dura, ma mai come oggi. Vedere tutto ci per cui mi ero impegnato distorto, scartato, dimenticato. Voi direste che ho appena descritto la storia, padre. State sorridendo? Sperando che io pronunci le parole che non vedevate lora di sentire? Per confermarvi? Per dire che

avevate sempre avuto ragione? Non lo far. Mi rifiuto, anche ora che sono di fronte alla verit delle vostre insensibili parole, perch credo che si possano ancora cambiare le cose. Forse non ci riuscir mai. Gli Assassini potrebbero lottare per altri mille anni invano. Ma non si fermeranno. Cominciai a scavare. Giungere a compromessi. su questo che tutti hanno insistito. E cos ho imparato la lezione, ma in modo diverso dalla maggioranza, credo. Mi rendo conto, ora, che ci vorr del tempo, che la strada davanti a noi lunga e avvolta nelle tenebre. un percorso che non mi porter sempre

dove voglio e dubito che vivr per vederne la fine. Ma lo far comunque. Scavai e scavai, finch la buca fu abbastanza profonda, pi profonda di quanto sarebbe stato necessario per seppellire un cadavere, tanto profonda che potei scendervi dentro. Perch al mio fianco cammina la speranza. A dispetto di chi insiste a che io torni sui miei passi, continuo. Questo il mio compromesso. Feci cadere lamuleto nella buca, poi, mentre il sole iniziava a tramontare, vi gettai sopra della terra fino a nasconderlo, quindi me ne andai. Colmo di speranza per il futuro, tornai dalla mia gente, dagli Assassini. Era giunta lora di avere nuova linfa.

Personaggi
Asad Pasci al-Azm: governatore ottomano di Damasco, data di nascita sconosciuta, morto nel 1758 Jeffrey Amherst: comandante britannico, 1717-1797 Tom Barrett: ragazzo che vive nella casa accanto a quella di Haytham Reginald Birch: amministratore capo delle propriet di Edward Kenway e Templare Edward Braddock, Bulldog: generale britannico e comandante supremo delle colonie, 1695-1755 Benjamin Church: dottore e Templare Connor: Assassino

Cutter: torturatore Betty: domestica in casa Kenway Signorina Davy: cameriera personale della signora Kenway Geoffrey Digweed: maggiordomo personale del signor Kenway Edith: bambinaia di Haytham Emily: cameriera in casa Kenway James Fairweather: conoscente di Haytham Il vecchio signor Fayling: precettore di Haytham John Harrison: Templare Thomas Hickey: Templare Jim Holden: soldato semplice nellesercito britannico William Johnson: Templare Kanieht:io: donna Mohawk, conosciuta anche come Ziio; madre di Connor Edward Kenway: padre di

Haytham Haytham Kenway: figlio di Edward e Tessa Kenway Jenny Kenway: sorellastra di Haytham Tessa Kenway, nata Stephenson-Oakley: madre di Haytham Catherine Kerr e Cornelius Douglass: proprietari del Green Dragon Charles Lee: Templare Gran Visir Raghib Pasci: primo ministro del sultano John Pitcairn: Templare Signora Searle: governante in casa Kenway Signor Simpkin: dipendente di Edward Kenway Slater: boia e tenente di Edward Braddock Silas Thatcher: schiavista e comandante delle truppe del re, responsabile del forte Southgate Tic: informatore

Juan Vedomir: traditore dei Templari George Washington: aiutante di campo del generale Braddock; comandante supremo del nuovo esercito Continentale; padre fondatore e futuro presidente degli Stati Uniti dAmerica, 1732-1799

Ringraziamenti
Un grazie speciale a Yves Guillemot Stphane Blais Jean Guesdon Corey May Darby McDevitt e anche a Alain Corre Laurent Detoc Sbastien Puel Geoffroy Sardin Xavier Guilbert Tommy Franois Cecile Russeil Joshua Meyer Ufficio legale Ubisoft Chris Marcus Etienne Allonier Anouk Bachman Alex Clarke Hana Osman Andrew Holmes Virginie Sergent Clmence Deleuze

La serie di Assassins Creed Assassins Creed - Rinascimento Firenze, 1476: il giovane Ezio Auditore, lasciati gli agi di corte e abbracciato il Credo degli Assassini, si aggira per lItalia per uccidere a uno a uno i pericolosi Templari, di cui il padre gli ha lasciato una lista. Assassins Creed - Fratellanza Roma, 1503: i Borgia, segretamente parte dellOrdine dei Templari, minacciano di distruggere la Citt Eterna. Lunica speranza il Maestro Assassino Ezio Auditore, che chiama a raccolta la sua fratellanza.

Assassins Creed - La crociata segreta Raccontata da un narratore deccezione, il padre di Marco Polo, la storia di Altar, uno dei pi straordinari membri della Confraternita che ai tempi delle crociate condusse una pericolosa missione speciale. Assassins Creed - Revelations Lantica biblioteca di Altar, Maestro Assassino, custodisce un pericoloso documento. Ezio Auditore accetta la sfida di recuperarlo, ma deve procurarsi le cinque chiavi nascoste a Costantinopoli.

Dello stesso autore

(anche in ebook) ASSASSINS CREED - RINASCIMENTO ASSASSINS CREED - FRATELLANZA ASSASSINS CREED - LA CROCIATA SEGRETA ASSASSINS CREED0 - REVELATIONS (solo in ebook) ASSASSINS CREED - LA TRILOGIA (Rinascimento, Fratellanza, Revelations)

Questo ebook contiene materiale protetto da copyright e non pu essere copiato, riprodotto, trasferito, distribuito, noleggiato, licenziato o trasmesso in pubblico, o utilizzato in alcun altro modo ad eccezione di quanto stato specificamente autorizzato dalleditore, ai termini e alle condizioni alle quali stato acquistato o da quanto esplicitamente previsto dalla legge applicabile. Qualsiasi distribuzione o fruizione non autorizzata di questo testo cos come lalterazione delle informazioni elettroniche sul regime dei diritti costituisce una violazione dei

diritti delleditore e dellautore e sar sanzionata civilmente e penalmente secondo quanto previsto dalla Legge 633/1941 e successive modifiche.

Questo ebook non potr in alcun modo essere oggetto di scambio, commercio, prestito, rivendita, acquisto rateale o altrimenti diffuso senza il preventivo consenso scritto delleditore. In caso di consenso, tale ebook non potr avere alcuna forma diversa da quella in cui lopera stata pubblicata e le condizioni incluse alla presente dovranno essere imposte anche al fruitore successivo.

www.sperling.it www.facebook.com/sperling.kupfer Traduzione di Marina Deppisch a cura di Selida Grafica Editoriale Assassins Creed - Forsaken Copyright 2012 Ubisoft Entertainment All rights reserved Assassins Creed, Ubisoft, Ubi.com and the Ubisoft logo are trademarks of Ubisoft Entertainment in the U.S. and/or other countries. All artworks are the property of Ubisoft. First published in Great Britain in the English language by Penguin Books Ltd.

2012 Sperling & Kupfer Editori S.p.A. Ebook ISBN 9788873396949 COPERTINA || ART DIRECTOR: FRANCESCO MARANGON | GRAPHIC DESIGNER: ANTONELLA CUCINOTTA

Indice
Il libro Prologo PARTE PRIMA 6 dicembre 1735 1 2 7 dicembre 1735

1 2 3 4 5 8 dicembre 1735 1 2 9 dicembre 1735

1 2 3 4 10 dicembre 1735 1 2 3 4

11 dicembre 1735 1 2 PARTE SECONDA 10 giugno 1747 1 2 3

11 giugno 1747 1 18 giugno 1747 1 2 20 giugno 1747 2-3 luglio 1747 14 luglio 1747 1

2 3 4 15 luglio 1747 16 luglio 1747 1 2 3 17 luglio 1747

PARTE TERZA 7 giugno 1753 1 2 25 giugno 1753 1 2 3 12 agosto 1753

1 2 18 aprile 1754 1 2 8 luglio 1754 1 2 3

4 10 luglio 1754 1 2 13 luglio 1754 1 2 3 4

14 luglio 1754 1 2 15 novembre 1754 1 2 3 8 luglio 1755 9 luglio 1755

1 2 10 luglio 1755 13 luglio 1755 1 agosto 1755 4 agosto 1755 17 settembre 1757 (due anni dopo) 1 2

3 4 5 21 settembre 1757 1 2 25 settembre 1757 8 ottobre 1757 1

2 9 ottobre 1757 1 2 3 4 5 27 gennaio 1758 28 gennaio 1758

PARTE QUARTA 12 gennaio 1774 1 2 27 giugno 1776 (due anni dopo) 1 2 3

4 5 28 giugno 1776 1 2 3 7 gennaio 1778 (quasi due anni dopo) 1 2

26 gennaio 1778 1 2 3 7 marzo 1778 1 2 16 giugno 1778 1

2 3 17 giugno 1778 1 2 16 settembre 1781 (tre anni dopo) 1 2

3 Epilogo 16 settembre 1781 2 ottobre 1782 15 novembre 1783 1 2 Personaggi Ringraziamenti

Realizzato da
Il Bibliotecario il 21-11-2012 Per gli utenti di "LA BIBLIOTECA" con l'augurio che sia di loro gradimento. Buona lettura

Per favore, non cancellarlo.