Sei sulla pagina 1di 89

ROBERT SILVERBERG

ALI DELLA NOTTE


(Nightwings, 1969)

A !"#$"n,
&'# #i()#"#g$i $' *in'st#' s&"$"n("t',
$' ()##'nti '$ *i+,' D'$"w"#',
$' ,)n't' ()n +' t'st'
' "$t#' *#'g"t+#'-

.ARTE .RI/A
A$i '$$" n)tt'

1

8oum e una clLLa cosLrulLa su seLLe colll. Sl dlce che sla sLaLa caplLale dell'umanlLa ln uno del prlmlsslml
Clcll. non sapevo nlenLe dl LuLLo cl, perche lo apparLenevo alla Corporazlone delle vedeLLe, non a
quella del 8lcordaLorl, ma quando la clLLa ml sl par davanLl la prlma volLa, dal laLo sud, al crepuscolo,
capll sublLo che ln Lempl anLlchl doveva aver avuLo un'lmporLanza lmmensa. Anche adesso era una
possenLe clLLa, dl parecchle mlgllala d'anlme.
Le sue Lorrl angolose sl sLagllavano neLLamenLe conLro ll clelo crepuscolare. Le lucl sclnLlllavano,
lnvlLanLl. Alla mla slnlsLra, ll clelo era lncandescenLe, per l'ulLlmo sprazzo dl sole. nasLrl dl vapore color
porpora, azzurrl e vloleLLl, fluLLuavano, lnLrecclandosl gll unl sugll alLrl nella danza crepuscolare che
precede l'oscurlLa. Alla mla desLra, le Lenebre erano gla calaLe.
Cercal con lo sguardo l seLLe colll: non rluscll a vederll, ma compresl ugualmenLe che quella era la 8oum
maesLosa a cul conducono LuLLe le sLrade, e proval profondo rlspeLLo e rlverenza per le opere del nosLrl
anLenaLl.
SosLammo sul clgllo dl quella vla lunga e dlrlLLa, e alzammo nuovamenLe gll occhl alla clLLa. - L bella -
dlssl. - 1roveremo un lmplego, la.
AccanLo a me, Avluela baLLe le all dl Lrlna. - L clbo? - domand con la sua voce flauLaLa. - L rlcovero?
L vlno?
- Anche quesLl - dlssl. - 1uLLo.
- ua quanLo Lempo cammlnlamo, vedeLLa?
- ua due glornl e Lre noLLl.
- Se avesslmo poLuLo volare, avrel faLLo molLo plu ln freLLa.
- 1u, sl - dlssl lo. - Cl avresLl lasclaLl lndleLro e non cl avresLl rlvlsLl mal plu. L quesLo che vuol?
Lel ml sl avvlcln, carezz la sLoffa ruvlda della mla manlca e ml sl sLrofln addosso, come una gaLLlna ln
amore. Le sue all sl splegarono come due lembl dl Lulle flnlsslmo, aLLraverso cul poLevo vedere ll
LramonLo e le lucl della sera, soffuse, dlsLorLe, come per magla. ercepll la fragranza del suol capelll
color della noLLe, la clnsl col bracclo e sLrlnsl a me ll suo corpo snello, da adolescenLe.
- Lo sal che lo desldero resLare con Le, per sempre - dlsse lel. - er sempre!
- Sl, Avluela.
- Saremo fellcl a 8oum?
- Saremo fellcl - dlssl, e la lasclal.
- LnLrlamo sublLo nella clLLa?
- Megllo aspeLLare Cormon - dlssl. - Sara presLo dl rlLorno dalla sua esplorazlone. - non volevo
confessarle la mla sLanchezza. Lra solLanLo una bamblna dl dlclasseLLe esLaLl: che ne sapeva, lel, della
sLanchezza e dell'eLa? L lo ero vecchlo: non come 8oum, ma vecchlo la mla parLe.
- MenLre aspeLLlamo - domand Avluela - posso volare?
- Sl, vola.
Ml accoccolal accanLo al mlo carrello e rlscaldal le manl conLro ll generaLore pulsanLe, menLre Avluela sl
preparava a volare. rlma dl LuLLo sl llber degll lndumenLl, perche le sue all erano deboll e non
poLevano sopporLare LuLLa quella zavorra. AgllmenLe, senza far rumore, sl sfll le scarpeLLe leggere che
aveva al pledl, sguscl fuorl dalla glubba purpurea e dal sofflcl gamball dl pelllccla. La luce morenLe, a
ovesL, avvolse la sua flgureLLa snella. Come LuLLl gll AlaLl, lel non aveva LessuLo corporeo superfluo: l senl
erano appena accennaLl, le naLlche plaLLe, le cosce LanLo soLLlll da lasclare uno spazlo dl varl cenLlmeLrl
Lra l'una e l'alLra, quando sLava rlLLa a pledl unlLl. Chlssa se pesava plu dl quaranLa chlll? ne dublLo.
Cuardandola, ml senLll come al sollLo lngombranLe e legaLo alla Lerra: un essere faLLo dl vlle carne.
Lppure, neanch'lo sono corpulenLo.
Avluela s'lnglnocchl a laLo della sLrada, le nocche punLaLe a Lerra, ll capo rlplegaLo Lra le glnocchla, e
pronuncl le parole segreLe che pronunclano gll AlaLl. Ml volLava le spalle. A un LraLLo, le sue all
lmpalpablll presero a baLLere plene dl vlLa e sl splegarono, avvolgendola come ln un manLello sferzaLo
dalla brezza. non ero mal rlusclLo a caplre come poLessero, all slmlll, sollevare una forma pur LanLo
leggera. non erano all dl falco, ma dl farfalla, venaLe e LrasparenLl, segnaLe qua e la da macchle dl
plgmenLo color ebano, Lurchese o scarlaLLo, un legamenLo robusLo le flssava a due muscoll soLLo le
scapole. L pol, Avluela non aveva lo sLerno carenaLo e l grossl fascl muscolarl caraLLerlsLlcl dl LuLLl l
volaLorl. Ch, lo so che gll AlaLl non sl servono solLanLo del muscoll, per lnnalzarsl, e che nel loro mlsLero
sono adombraLe dlsclpllne mlsLlche. 1uLLavla, lo, che ero delle vedeLLe, ero sempre un po' sceLLlco dl
fronLe alle Corporazlonl plu fanLasLlche della mla.
Avluela Lermln la sua lnvocazlone. Sl alz, prese brezza e sl sollev dl parecchl cenLlmeLrl, resLando
sospesa fra clelo e Lerra, menLre le all baLLevano freneLlche. non era ancora bulo, e quelle dl Avluela
erano solo all della noLLe. ul glorno non avrebbe poLuLo volare, perche la Lerrlblle presslone del venLo
solare l'avrebbe geLLaLa a Lerra. Cra, Lra ll crepuscolo e le Lenebre, non era ancora ll momenLo mlgllore
per lnnalzarsl. negll ulLlml bagllorl dl luce, la vldl punLare verso esL. Anche le sue braccla baLLevano,
come all. ll vlseLLo affllaLo era serlo e conLraLLo per lo sforzo della concenLrazlone, e le labbra soLLlll
mormoravano le parole della sua Corporazlone. ll suo corpo sl pleg, pol sl raddrlzz dl scaLLo: sl Lrov
sospesa orlzzonLalmenLe, la faccla volLa verso Lerra e le all che baLLevano conLro ll clelo. S+, A4$+'$"A S+A
L ln breve fu su, conqulsLando con la sola forza dl volonLa quell'ulLlmo vesLlglo dl luce che ancora
brlllava.
Segull complacluLo la flgureLLa nuda, nella crescenLe oscurlLa. La vedevo chlaramenLe, perche gll occhl dl
una vedeLLa sono acuLl. Lra a dlversl meLrl dl alLezza, ora, e le sue all, compleLamenLe aperLe, ml
nascondevano parzlalmenLe la vlsLa delle Lorrl dl 8oum. SaluL con la mano. Le geLLal un baclo e offrll
parole d'amore. Le vedeLLe non possono sposarsl, ne generare, ma Avluela era come una flglla per me, e
ml lnorgogllvo del suo volo. vlagglavamo lnsleme da un anno, ormal, da quando cl eravamo lnconLraLl ln
AgupL, ed era come se cl fosslmo conoscluLl da sempre. ua lel aLLlngevo nuova forza. non so che cosa lel
aLLlngesse da me. Slcurezza? Saplenza? La conLlnulLa del passaLo? Speravo solLanLo che ml amasse come
lo l'amavo.
Cra era lonLana: gulzzava, sl lmpennava, sl Luffava, plroeLLava, danzava. La sua chloma nera fluLLuava
nell'arla. ll suo corpo sembrava solLanLo un'appendlce senza lmporLanza dl quelle due lmmense all, che
sclnLlllavano lucenLl e pulsanLl, nella noLLe. Sl lnnalz ancora, facendoml senLlre anche plu pesanLe, pol,
come un razzo affusolaLo, gulzz vla, ln dlrezlone dl 8oum. lnLravldl l suol pledl, la punLa delle sue all, pol
plu nulla.
Sosplral e lnfllal le manl nelle mle manlche larghe, per Lenerle calde. Come mal senLlvo un freddo
lnvernale, menLre quella ragazzlna poLeva spazlare, glolosamenLe nuda, nel clell?
Lra la dodlceslma ora, su venLl, e dovevo lnlzlare ancora una volLa ll mlo Lurno dl vlgllanza. Ml avvlclnal
al carrello, aprll le mle casseLLe e preparal gll sLrumenLl. ll veLro dl alcunl quadranLl era lnglalllLo e
sclupaLo, gll aghl degll lndlcaLorl avevano perduLo fosforescenza, macchle dl acqua marlna deLurpavano l
sosLegnl degll apparecchl, fln da quando l plraLl ml avevano assallLo nell'Cceano 1erresLre, ma le leve,
consunLe e lncrlnaLe, rlspondevano docllmenLe al mlo Locco, menLre lo complvo l prellmlnarl. rlma
blsogna pregare per oLLenere una menLe pura e perceLLlva, pol sl crea l'afflnlLa con l proprl sLrumenLl,
lnflne sl comple la vlgllanza vera e proprla, frugando l clell sLellaLl alla rlcerca del nemlco dell'uomo.
CuesLa e l'unlca mla ablllLa, la mla arLe. SLrlnsl forLe manlglle e manopole, scacclal ognl dlsLrazlone dalla
mla menLe e ml preparal a dlvenLare un'esLenslone del mlo sLlpo pleno dl sLrumenLl.
Avevo appena olLrepassaLo la soglla per enLrare nella prlma fase della vlgllanza, quando una voce
rlsuon alle mle spalle: - Cla, vedeLLa, come va?
Ml plegal conLro ll carrello. Sl prova una pena flslca a essere sLrappaLl cosl bruscamenLe al proprlo
lavoro. er un aLLlmo, ml senLll ll cuore come dllanlaLo da lnvlslblll arLlgll. La mla faccla dlvenne dl
flamma, gll occhl non rlusclvano a meLLere a fuoco gll oggeLLl, la sallva ml sl asclug ln gola. Appena
posslblle, presl mlsure proLeLLlve per rldurre quel salasso meLabollco e ml sLaccal dagll sLrumenLl.
Cercando dl nascondere ll LremlLo, ml volLal. Cormon, ll Lerzo componenLe della nosLra plccola comlLlva,
era LornaLo e se ne sLava sfronLaLamenLe accanLo a me. 8ldeva, dlverLlLo dal mlo sgomenLo, ma non
poLevo lnfurlarml conLro dl lul. non sl pu mosLrarsl lncollerlLl verso una persona senza Corporazlone,
qualunque sla la sua colpa.
A denLl sLreLLl, con grande sforzo, dlssl: - AveLe speso bene ll vosLro Lempo?
- 8enlsslmo. uov'e Avluela?
lndlcal ll clelo. Cormon annul.
- Che cosa aveLe scoperLo? - gll domandal.
- Che quesLa clLLa e senz'alLro 8oum.
- non c'e mal sLaLo dubblo che lo fosse.
- er me, sl. Ma ora ho le prove.
- uavvero?
- nella mla lperLasca. CuardaLe.
ualle pleghe della Lunlca esLrasse l'lperLasca, e, posaLala sul Lerreno accanLo a me, ne sclolse l'esLremlLa
e cl lnfll una mano. 8ronLolando, comlncl a Lrarne fuorl qualcosa dl pesanLe, dl pleLra blanca: una
lunga colonnlna dl marmo, scanalaLa, buLLeraLa dal Lempo.
- vlene da un Lemplo dl 8oum lmperlale! - dlsse LrlonfanLe.
- non dovevaLe prenderla.
- AspeLLaLe! - grld lul. L lnfll dl nuovo la mano nell'lperLasca. ne Lolse una manclaLa dl placche dl
meLallo, clrcolarl, e le sparse LlnLlnnanLl al mlel pledl. - MoneLe! uenaro! CuardaLe, vedeLLa. La faccla
del Cesarl!
- ul chl?
- ul anLlchl governanLl. non conosceLe la sLorla del Clcll passaLl?
Lo guardal lncurloslLo. - ulLe dl non apparLenere a nessuna Corporazlone, Cormon. non sareLe mlca un
8lcordaLore che cerca dl nasconderml la sua ldenLlLa?
- CuardaLeml bene ln faccla, vedeLLa. oLrel apparLenere a una qualslasl Corporazlone? oLrebbe, un
ulverso?
- L vero - dlssl osservando la sua pelle spessa e doraLa, gll occhl dalle pupllle rosse, la bocca
LaglluzzaLa. Cormon era sLaLo svezzaLo con farmacl LeraLogenl. Lra un mosLro, bello, nel suo genere, ma
sempre un mosLro: un ulverso, escluso dalle leggl e dalle ablLudlnl dell'uomo nel 1erzo Clclo dl clvllLa. L
non eslsLe una Corporazlone dl ulversl.
- C'e dell'alLro - dlsse Cormon. Le lperLasche hanno una capaclLa lnesaurlblle: all'occorrenza, un
mondo lnLero avrebbe LrovaLo posLo nella sua sacca grlnzosa, color grlglo gabblano, senza alLerarne le
modesLe dlmenslonl. Cormon ne Lolse pezzl dl macchlnarl, boblne dl leLLura, un oggeLLo angolare dl
meLallo bruno, che doveva essere un uLenslle anLlco, Lre quadraLl dl veLro sclnLlllanLe, clnque sLrlsce dl
carLa, sl, proprlo dl carLa!, e una molLlLudlne dl alLre rellqule del passaLo. - vedeLe? assegglaLa
fruLLuosa, no? - dlsse. - L non un boLLlno raccolLo a caso. Cgnl pezzo e reglsLraLo, eLlcheLLaLo: sLraLo,
eLa presumlblle, poslzlone in sit+- Cul cl sono dleclmlla annl dl 8oum.
- Ma poLevaLe approprlarvl dl quesLe cose? - domandal, dubbloso.
- L perche no? Chl ne senLlra la mancanza? Chl sl preoccupa ancora del passaLo ln quesLo clclo?
- l 8lcordaLorl.
- non hanno blsogno dl oggeLLl solldl, per svolgere ll loro lavoro.
- Ma perche vl lnLeressano LanLo quesLe cose?
- ll passaLo ml lnLeressa, vedeLLa. Anche se non apparLengo a nessuna Corporazlone, ho degll lnLeressl
culLurall. Secondo vol, un mosLro non pu amare ll sapere?
- CerLo, cerLo. CercaLe quello che vl pare. 8eallzzaLe vol sLesso a modo vosLro! CuesLa e 8oum. All'alba
enLreremo, spero dl Lrovare un lmplego, la denLro.
- non sara faclle.
- L perche?
- Cl sono molLe vedeLLe, a 8oum. non c'e blsogno della vosLra opera.
- Chleder aluLo al rlnclpe dl 8oum - dlssl.
- ll rlnclpe dl 8oum e un uomo duro, freddo e crudele.
- Come faLe a saperlo?
Cormon sl sLrlnse nelle spalle. - Lo so. - ol comlncl a rlporre ll boLLlno nell'lperLasca. - 1enLaLe
pure con lul, vedeLLa. Che alLra posslblllLa aveLe?
- nessuna - dlssl. Cormon rlse, ma lo no.
Sl occup solo plu del suo boLLlno rubacchlaLo all'anLlchlLa. Ml aveva noLevolmenLe depresso, con le sue
parole. Sembrava cosl slcuro dl se, ln un mondo gravldo d'lncerLezza, quel Llpo senza Corporazlone, quel
mosLro muLaLo, quell'uomo dall'aspeLLo dlsumano... Come poLeva essere cosl freddo, lndlfferenLe?
vlveva senza preoccuparsl del perlcolo lncombenLe e sl plgllava gloco dl chl ammeLLeva dl avere paura.
vlagglava con nol da dlecl glornl, ormal, da quando lo avevamo lnconLraLo nell'anLlca clLLa al pledl del
vulcano, a sud, presso la rlva del mare. non ero sLaLo lo a proporgll dl unlrsl a nol. Sl era lnvlLaLo da solo,
e, alla preghlera dl Avluela, avevo acceLLaLo. Le sLrade sono scure e fredde ln quesLa sLaglone, e
lnfesLaLe da ognl specle dl besLle ferocl, e naLurale che un vecchlo e una ragazza, soll, slano dlsposLl ad
acceLLare la compagnla dl un Llpo nerboruLo come Cormon. er, ln cerLl momenLl avrel preferlLo che
non fosse mal venuLo con nol, e quello era appunLo uno dl quel momenLl.
1ornal lenLamenLe verso la mla aLLrezzaLura.
Lul, flngendo dl accorgersene solLanLo allora, dlsse: - Po lnLerroLLo la vosLra vlgllanza, vedeLLa?
- Sl - rlsposl mlLemenLe.
- ScusaLeml. L rlcomlnclaLe. vl lascer ln pace. - L ml scocc un sorrlso cosl affasclnanLe, con quella
sua bocca aslmmeLrlca, che dlmenLlcal l'arroganza delle sue parole.
1occal le manopole, sLabllll l varl conLaLLl, conLrollal l quadranLl. Ma non enLral nello sLaLo dl vlgllanza
plena, perche senLlvo la presenza dl Cormon e Lemevo che ml sLrappasse dl nuovo alla concenLrazlone
ln un momenLo dellcaLo, nonosLanLe la sua promessa. lnflne, dlsLolsl gll occhl dagll apparecchl. Cormon
sLava rlLLo ln fondo alla sLrada, ll collo Leso nello sforzo dl avvlsLare Avluela. nello sLesso lsLanLe ln cul ml
volLal, sl accorse dl me.
- Cualcosa che non va, vedeLLa?
- no. Ma non e ll momenLo proplzlo per ll mlo lavoro. AspeLLer.
- ulLeml - domand lul - quando l nemlcl della 1erra verranno per davvero dalle sLelle, le vosLre
macchlne ve lo faranno sapere?
- Spero dl sl.
- L allora?
- AvverLlr l ulfensorl.
- L pol, la vosLra mlsslone sara LermlnaLa? non avreLe plu nlenLe da fare?
- lorse.
- Ma, allora, perche creare un'lnLera Corporazlone dl vedeLLe e non un cenLro prlnclpale, dove sl Lenga
la vlgllanza? erche un gruppo dl vedeLLe nomadl che vagano senza sosLa da un luogo all'alLro?
- lu sono l veLLorl della rlcerca, plu probablllLa eslsLono che cl sl accorga ln Lempo dell'lnvaslone.
- Ma ln quesLo modo poLrebbe succedere che una slngola vedeLLa, lsolaLa dalle alLre, meLLa ln funzlone
le sue macchlne e non Lrovl nlenLe, menLre lnvece l'lnvasore poLrebbe gla essere sbarcaLo...
- oLrebbe succedere, per quesLo, a ognl Lurno dl vlgllanza, le vedeLLe sono plu dl una.
- Secondo me, sleLe esageraLl - rlse Cormon. - CredeLe davvero nella posslblllLa dl un'lnvaslone?
- Cl credo - dlssl. - AlLrlmenLl la mla vlLa sarebbe sprecaLa.
- L perche gll ablLanLl delle sLelle dovrebbero lmpossessarsl della 1erra? Cosa abblamo, olLre l resLl dl
anLlchl lmperl? Che se ne farebbero dl quesLa mlserablle 8oum? ul errls? ul !orslem? ClLLa ln rovlna!
rlnclpl ldloLl! Andlamo, vedeLLa, doveLe rlconoscerlo: l'lnvaslone e un mlLo, e vol complLe gesLl senza
senso quaLLro volLe al glorno! non e cosl?
- vlgllare e la mla arLe e la mla sclenza. La vosLra e schernlre. Cgnuno dl nol ha la proprla speclallLa,
Cormon.
- erdonaLeml - dlsse con flnLa umllLa. - AndaLe, allora, e vlgllaLe.
- Lo far.
lrrlLaLo, Lornal al mlo sLlpo dl sLrumenLl, declso a lgnorare qualslasl lnLerruzlone, per quanLo bruLale. Le
sLelle splendevano: guardal le cosLellazlonl sclnLlllanLl e, auLomaLlcamenLe, la mla senslblllLa reglsLr gll
lnnumerevoll mondl. "lnlzlamo la vlgllanza" dlssl a me sLesso. "lacclamo ll nosLro dovere, ln barba agll
schernl dl quelll che non credono."
Ld enLral nello sLaLo dl plena vlgllanza.
AfferraLe le lmpugnaLure, ml lasclal lnvesLlre dall'ondaLa dl energla. La mla menLe sl lnnalz nel clell, alla
rlcerca delle enLlLa osLlll, nell'esLasl lndlclblle dl uno splendore abbagllanLe. lo, che mal avevo lasclaLo
quesLo plccolo planeLa, spazlavo nell'lmmenslLa Lenebrosa del vuoLo, sclvolando da una sLella ardenLe a
un'alLra, e vedevo l mondl glrare come LroLLole. lacce sconoscluLe ml flssavano nel mlo vagabondare,
alcune senza occhl, alLre con molLl occhl: LuLLa la Calassla, cosl complessa, ablLaLa da lnnumerevoll
specle, dlvenLava accesslblle per me. Splavo, per lndlvlduare evenLuall concenLrazlonl dl forze avverse.
ScruLavo campl dl manovra e accampamenLl mlllLarl. Cercavo, come avevo sempre faLLo quaLLro volLe al
glorno, per LuLLa la mla vlLa, gll lnvasorl annunclaLl dalle profezle, l conqulsLaLorl che, alla flne del glornl,
sl sarebbero lmpadronlLl del nosLro mondo decreplLo.
non scoprll nlenLe, e quando ml rlebbl dalla Lrance, madldo dl sudore e compleLamenLe esLenuaLo, vldl
Avluela che scendeva.
ALLerr, leggera come una pluma. Cormon la chlam e lel sl mlse a correre, nuda, ll plccolo seno
fremenLe, verso dl lul, l'uomo clrcond la flgureLLa mlnuLa con le braccla poderose, e sl baclarono, senza
passlone, glolosamenLe. Cuando Cormon la lascl, Avluela sl volse a me.
- 8oum - dlsse senza flaLo. - R)+,A
- L'hal vlsLa?
- 1uLLa! Mlgllala dl persone! Lucl! vlall! un mercaLo! Ldlflcl ln rovlna, dl molLl Clcll fa. Ch, vedeLLa, e
sLupenda 8oum!
- L sLaLo bello ll Luo volo, allora - dlssl.
- Come un mlracolo!
- uomanl enLreremo nella clLLa.
- no, no, vedeLLa, sublLo! SLanoLLe! - esclam ecclLaLa. - L cosl vlclna! ... Cuarda!
- uobblamo rlposare, prlma - dlssl lo. - er non arrlvare sLanchl.
- 8lposeremo la - repllc Avluela. - Suvvla, rlponl l bagagll! Pal gla faLLo la Lua vlgllanza, no?
- Sl, sl.
- L allora andlamo. A 8oum! A 8oum!
Cuardal Cormon con arla suppllce. La noLLe era gla scesa: sarebbe sLaLa ora dl accamparcl e dl
concedercl alcune ore dl sonno.
una volLa LanLo, Cormon sl schler dalla mla parLe. - La vedeLLa ha raglone - dlsse ad Avluela. -
uobblamo rlposare. LnLreremo ln clLLa all'alba.
Avluela mlse ll bronclo. Sembrava plu bamblna che mal. Le sue all sl afflosclarono e ll suo corpo acerbo sl
curv. Chluse le all, rlducendole a due plccole proLuberanze grosse come un pugno, e raccolse gll
lndumenLl sparsl sul Lerreno. Sl rlvesLl menLre nol preparavamo ll campo. ulsLrlbull delle LavoleLLe dl
clbo, pol cl lnfllammo nel nosLrl rlceLLacoll. lo caddl ln un sonno lnquleLo e sognal Avluela che sl sLagllava
conLro la luna decreplLa, e Cormon che le volava accanLo. uue ore prlma dell'alba, ml alzal e compll la
prlma vlgllanza del nuovo glorno, menLre loro dormlvano ancora. ol ll svegllal, e cl avvlammo verso la
favolosa clLLa lmperlale: verso 8oum.

G

La luce del maLLlno era llmplda e cruda, come ln un mondo glovane, appena creaLo. La sLrada era
pressoche deserLa: la genLe non vlagglava volenLlerl, dl quel Lempl, a meno che non fosse, come me,
nomade dl professlone. ul quando ln quando, cl facevamo da parLe per lasclare ll passo al cocchlo dl
qualche membro della Corporazlone del adronl, LralnaLo da una dozzlna dl neuLrl lnespresslvl e
agglogaLl ln flla. ne passarono quaLLro, dl quel velcoll, nelle prlme due ore della glornaLa, clascuno
accuraLamenLe chluso e slglllaLo per nascondere gll alLezzosl llneamenLl del adrone allo sguardo della
genLe comune. lnconLrammo anche dlversl carrl coperLl, carlchl dl prodoLLl, parecchl vellvoll passarono
sopra la nosLra LesLa. 1uLLavla, avevamo quasl sempre la sLrada per nol.
nel dlnLornl dl 8oum abbondavano le vesLlgla dell'anLlchlLa: colonne sollLarle, l resLl dl un acquedoLLo
che non LrasporLava plu nulla, da nessuna sorgenLe a nessun uLenLe, ll pronao dl un Lemplo dlsLruLLo.
Cuella era la 8oum plu anLlca, ma c'erano anche rellqule dl Clcll plu recenLl, capanne dl conLadlnl,
cupole dl pozzl d'energla e sLruLLure dl Lorrl resldenzlall. lu raramenLe cl lmbaLLevamo nello scafo
bruclacchlaLo dl qualche anLlco velcolo aereo. Cormon esamlnava ognl cosa, e, dl LanLo ln LanLo,
raccoglleva qualche oggeLLo. Avluela flssava LuLLo a occhl spalancaLl, e non dlceva nlenLe. ConLlnuammo
a cammlnare flnche le mura della clLLa apparvero alla nosLra vlsLa.
Lrano dl una pleLra color azzurro cupo, luclda come porcellana, e sl alzavano a un'alLezza dl clrca oLLo
uomlnl. La nosLra sLrada le aLLraversava passando soLLo un arco l cul cancelll erano spalancaLl. MenLre cl
avvlclnavamo a quesLl, cl venne lnconLro un uomo lncappucclaLo e mascheraLo, sLraordlnarlamenLe alLo,
che lndossava ll cosLume scuro caraLLerlsLlco della Corporazlone del ellegrlnl. non cl sl rlvolge a una
persona slmlle dl proprla lnlzlaLlva, ma le sl presLa aLLenzlone solLanLo se fa cenno dl voler parlare. ll
ellegrlno fece un cenno.
- ua dove venlLe? - domand aLLraverso la grlglla della maschera.
- ual sud. Sono vlssuLo ln AgupL per un po', pol ho aLLraversaLo ll onLe dl 1erra e sono enLraLo ln 1alya
- rlsposl.
- uove sleLe dlreLLo?
- A 8oum. L lnLendo resLarcl un poco.
- Come va la vlgllanza?
- Come al sollLo.
- AveLe un luogo dove allogglare, a 8oum? - domand ll ellegrlno.
lo scossl la LesLa. - Cl affldlamo alla mlserlcordla della volonLa.
- La volonLa non e sempre mlserlcordlosa - dlsse l'alLro, assorLo. - L non c'e gran blsogno dl vedeLLe,
a 8oum. erche vlagglaLe con un'AlaLa?
- er la compagnla. L perche e glovane e ha blsogno dl proLezlone.
- L l'alLro chl e?
- L senza Corporazlone: un ulverso.
- CuesLo lo avevo gla caplLo da solo. Ma perche sLa con vol?
- Lul e forLe e lo son vecchlo, percl vlagglamo lnsleme. uove sleLe dlreLLo, ellegrlno?
- A !orslem. C'e forse un'alLra meLa, per uno della mla Corporazlone?
Annull, alzando le spalle.
- erche non venlLe a !orslem con me? - chlese ll ellegrlno.
- La mla sLrada ora volge a nord, e !orslem e a sud, vlclno all'AgupL.
- SleLe sLaLo ln AgupL e non a !orslem? - chlese meravlgllaLo.
- Sl. er me non era ancora glunLo ll momenLo dl vederla.
- venlLecl ora. Cammlneremo lnsleme, vedeLLa. L parleremo del Lempo anLlco e dl quello fuLuro. lo vl
asslsLer nella vlgllanza, e vol ml asslsLereLe nelle mle comunlonl con la volonLa. SleLe d'accordo?
La LenLazlone era forLe. uavanLl al mlel occhl pass ln un lampo la vlslone dl !orslem, la uoraLa, con l
suol edlflcl sacrl e l suol sanLuarl, ll suo luogo dl rlnnovamenLo dove l vecchl rlnglovanlscono, le sue
guglle, l suol Labernacoll. 8enche fossl llglo al dovere, ln quel momenLo deslderal dl abbandonare 8oum
e dl segulre ll ellegrlno.
- L l mlel compagnl? - dlssl.
- LasclaLell. lo non posso vlagglare con l senza Corporazlone e non ml va la compagnla dl una femmlna.
lo e vol solLanLo, vedeLLa, andremo a !orslem lnsleme.
Avluela, che era rlmasLa ln dlsparLe, col vlso rabbulaLo, duranLe LuLLo ll colloqulo, ml lancl uno sguardo
pleno dl Lerrore.
- non ll abbandoner - dlchlaral.
- Allora, andr a !orslem da solo - dlsse ll ellegrlno, e dalla sua vesLe spunL una mano ossuLa, dalle
dlLa lunghe, blanche, declse. leno dl rlverenza, sfloral la punLa dl quelle dlLa e ll ellegrlno dlsse: - Che
la volonLa vl usl mlserlcordla, amlco vedeLLa. Cuando verreLe a !orslem, cercaLe dl me.
L sl lncammln lungo la sLrada, senza agglungere alLro.
- vl sarebbe placluLo andare con lul, eh? - dlsse Cormon.
- Po preso ln conslderazlone la cosa.
- Che poLrebbe offrlrvl !orslem, che non posslaLe Lrovare qul? Anche quesLa e una clLLa sanLa. Cul
poLreLe rlposare un poco. non sleLe ln grado dl cammlnare ancora.
- lorse aveLe raglone - convennl. L, raccogllendo le mle ulLlme forze, ml dlressl verso la porLa dl
8oum.
Ccchl aLLenLl cl osservavano dalle ferlLole. Cuando fummo soLLo l'arco, una grossa SenLlnella dalle
guance flacclde cl ferm e domand che cosa andasslmo a fare a 8oum. lo rlvelal ll nome della mla
Corporazlone e le mle lnLenzlonl, e quella fece una smorfla dl dlsgusLo.
- AndaLe alLrove, vedeLLa! vogllamo uomlnl uLlll, qul.
- La vlgllanza non e lnuLlle - dlssl lo, calmo.
- CerLo, cerLo. - L'uomo sblrcl Avluela. - L quesLa, chl e? non sono scapoll, l membrl della vosLra
Corporazlone?
- L solLanLo una compagna dl vlagglo.
La SenLlnella scoppl a rldere fragorosamenLe. - non che sla un gran che. Cos'ha, Lredlcl, quaLLordlcl
annl? vlenl qul, bamblna. uevo perqulslrLl per ll conLrabbando. - Le pass le manl sopra rapldamenLe,
rabbulandosl quando quesLe Loccarono l senl e alzando un sopracclgllo, perplesso, quando
lnclamparono nel due mucchleLLl delle all, dleLro le spalle. - Cos'e quesLo? lu dl dleLro che davanLl! Sel
un'AlaLa, Lu? Sporco affare, un'AlaLa che sl meLLe con una vecchla e sLuplda vedeLLa. - 8lse dl nuovo, e
le mlse le manl addosso ln un modo che fece balzare avanLl Cormon, furlbondo, gll occhl lnleLLaLl dl
sangue. Lo afferral ln Lempo e gll sLrlnsl un polso con LuLLe le forze, LraLLenendolo per lmpedlrgll dl
rovlnarcl LuLL'e Lre con un assalLo alla SenLlnella. Lul sl llber con uno sLrappo che per poco non ml
mand a gambe levaLe, pol, all'lmprovvlso sl calm, e, freddo come ll ghlacclo, aspeLL che ll grassone
flnlsse dl perqulslre Avluela "per conLrabbando".
lnflne la SenLlnella sl rlvolse, dlsgusLaLa, a Cormon e gll domand: - Che genere dl cosa sleLe, vol?
- non apparLengo a nessuna Corporazlone, vosLra grazla - rlspose lul, brusco. - Sono l'umlle e vlle
prodoLLo della LeraLogenesl, e, purLuLLavla, un uomo llbero che desldera enLrare ln 8oum.
- CredeLe che abblamo blsogno dl alLrl mosLrl, qul?
- Manglo poco e lavoro molLo.
- LavoreresLe anche dl plu, se vl facessero neuLro.
Cormon lancl flamme dagll occhl. lnLervennl lo: - uunque, posslamo enLrare?
- un momenLo. - lnfllaLasl ln LesLa una cuffla pesanLe, la SenLlnella socchluse gll occhl e Lrasmlse un
messagglo al serbaLol memorla. La sua faccla sl Lese nello sforzo, pol sl rllass, sublLo dopo arrlv la
rlsposLa. uall'espresslone dl dlsappunLo dell'uomo, era evldenLe che non eslsLevano raglonl per rlfluLarcl
l'lngresso ln 8oum.
- LnLraLe - dlsse. - 1uLL'e Lre. ln freLLa!
ALLraversammo la porLa.
- Cll avrel spaccaLo ll muso con un pugno - dlsse Cormon.
- L vl avrebbero faLLo neuLro prlma dl sera. Con un po' dl pazlenza, lnvece, slamo enLraLl ln 8oum.
- ln che modo la Loccava!...
- rendeLe un'arla Lroppo prepoLenLe, con Avluela - dlssl. - non dlmenLlcaLe che e un'AlaLa e che
non pu avere rapporLl sessuall con uno che non apparLlene a nessuna Corporazlone.
Cormon lgnor la mla frecclaLa. - non susclLa la mla passlone plu dl quanLo la susclLlaLe vol, vedeLLa.
Ma non ml va dl vederla LraLLare a quel modo. L'avrel ucclso, se non ml avesLe LraLLenuLo!
Avluela dlsse: - uove alloggeremo, a 8oum?
- rlma dl LuLLo andr alla sede cenLrale della mla Corporazlone - rlsposl lo - e ml lmmaLrlcoler
all'CsLello delle vedeLLe. ol poLremmo forse andare alla Loggla degll AlaLl, per manglare.
- L lnflne - dlsse Cormon, ascluLLo - cl meLLeremo alla CanLonaLa del senza Corporazlone, a chledere
la carlLa.
- Ml faLe pena perche sleLe un ulverso - gll dlssl. - Ma non e bello che vl auLocommlserlaLe. venlLe.
Sallmmo per un vlcolo accloLLolaLo e serpegglanLe, allonLanandocl dalle porLe della clLLa e lnolLrandocl
nel cenLro. Cl Lrovavamo nella zona esLerna, una fascla resldenzlale faLLa dl case basse e plaLLe,
domlnaLe dalla mole lncombenLe delle lnsLallazlonl dlfenslve. All'lnLerno sLavano le Lorrl sclnLlllanLl che
avevamo scorLo dal campl, la sera avanLl, e mllle alLre cose: l resLl dell'anLlca 8oum, rellglosamenLe
conservaLl aLLraverso plu dl dleclmlla annl, ll mercaLo, l'area lndusLrlale, ll cenLro delle comunlcazlonl, l
Lempll della volonLa, l serbaLol memorla, l rlfugl per la noLLe, l bordelll per gll sLranlerl venuLl da alLrl
mondl, gll edlflcl del governo, le sedl delle varle Corporazlonl.
All'angolo, presso un edlflclo del Secondo Clclo, dal murl dl maLerlale gommoso, Lroval una cuffla
pensanLe pubbllca e me la calcal sulla fronLe. SublLo l mlel penslerl gulzzarono glu per ll condoLLo flnche
glunsero all'lnLerfaccla proLeLLlva che dava accesso a un cervello del serbaLolo memorla. 1rapassal
l'lnLerfaccla e vldl ll cervello sLesso, pallldo, rugoso, grlglo conLro ll verde scuro del suo conLenlLore. un
8lcordaLore ml aveva deLLo che, nel clcll passaLl, l'uomo cosLrulva macchlne che pensavano per lul,
benche quelle macchlne fossero LerrlbllmenLe cosLose, rlchledessero una gran quanLlLa dl spazlo e
bevessero energla a fluml. Cuella non era sLaLa la sola follla del nosLrl anLenaLl, ne la pegglore, ma
perche creare cervelll arLlflclall, quando la morLe ne llbera ognl glorno a declne dl naLurall, dl splendldl,
da rlnchludere nel serbaLol memorla? lorse non sapevano come servlrsene? non rlesco a crederlo.
ulssl al cervello ll nome della mla Corporazlone e chlesl le coordlnaLe del nosLro osLello. Le rlceveLLl e ml
avvlal, con Avluela e Cormon, splngendo come ll sollLo ll carrello degll sLrumenLl.
Le sLrade erano plene dl genLe. non avevo mal vlsLo una folla slmlle duranLe ll mlo vlagglo, neanche
nell'AgupL ardenLe e assonnaLo. C'erano un'lnflnlLa dl ellegrlnl, segreLl e mascheraLl, e, gomlLo a gomlLo
con loro, cammlnavano 8lcordaLorl lndaffaraLl e MercanLl acclgllaLl. ul quando ln quando, passava la
porLanLlna dl un adrone. Avluela vlde un gruppeLLo dl AlaLl, ma ll regolamenLo della sua Corporazlone
le vleLava dl saluLarll prlma dl essersl soLLoposLa alla purlflcazlone rlLuale. uevo ammeLLere con
dlsplacere che anch'lo lnconLral molLe vedeLLe e che LuLLe ml guardarono con dlsprezzo, senza neppure
saluLarml. noLal anche un dlscreLo numero dl ulfensorl e nuLrlLe rappresenLanze dl Corporazlonl mlnorl:
vendlLorl, ServlLorl, ManufaLLorl, Scrlbl, ComunlcaLorl e 1rasporLaLorl. naLuralmenLe, uno sLuolo dl
neuLrl complva ln sllenzlo l plu umlll doverl, e numerosl esserl dl alLrl mondl, dl ognl Llpo e forma,
affollavano le sLrade. Lrano ln gran parLe LurlsLl, probabllmenLe, ma alcunl erano venuLl per comblnare
qualche mlsero affare con l poverl, squallldl ablLanLl della 1erra. noLal parecchl ulversl zopplcare Lra la
folla, e nessuno aveva ll porLamenLo alLezzoso dl Cormon. Lul era unlco nel suo genere: gll alLrl erano
chlazzaLl, pezzaLl, e aslmmeLrlcl, con qualche arLo ln meno o ln plu, deformaLl ln mllle modl fanLaslosl e
arLlsLlcl. Avanzavano furLlvl, con gll occhl socchlusl, sLrasclcando l pledl, sLrlsclando, facevano l borsaloll,
gll esLraLLorl dl cervelll, l vendlLorl ambulanLl dl organl e dl lndulgenze, l compraLorl dl luce. L nessuno sl
Leneva rlLLo come se sl conslderasse un uomo.
Le lndlcazlonl fornlLe dal cervello erano esaLLe, e, ln meno dl un'ora, arrlvammo all'CsLello delle vedeLLe.
Lasclal Cormon e Avluela all'esLerno e splnsl denLro ll mlo bagagllo.
una dozzlna dl membrl della mla Corporazlone ozlavano nella sala prlnclpale. Ml affreLLal a rlvolgere
loro ll saluLo d'uso e quelll me lo rlLornarono svogllaLamenLe. Lrano quesLl l guardlanl dal quall
dlpendeva la salvezza della 1erra? uel deboll e del superflclall!
- uove posso lmmaLrlcolarml? - domandal.
- SleLe foresLlero? ua dove venlLe?
- L'ulLlma volLa ho flrmaLo ln AgupL.
- uovevaLe sLarvene la. non c'e blsogno dl vedeLLe, qul.
- uove posso lmmaLrlcolarml? - domandal ancora.
un glovanoLLo pleno dl borla ml lndlc uno schermo ln fondo al locale. Cl andal, premeLLl le dlLa sullo
schermo, ful lnLerrogaLo e dledl le mle generallLa. (una vedeLLa pu rlvelarle solo a un'alLra vedeLLa, e
unlcamenLe Lra le mura dl un osLello.) un pannello sl aprl dl scaLLo e un uomo dagll occhl sporgenLl (con
l'emblema dl vedeLLa sulla guancla desLra, e non sulla slnlsLra, per lndlcare che rlvesLlva un'alLa carlca
nella Corporazlone) pronuncl ll mlo nome e dlsse: - non saresLe dovuLo venlre a 8oum. Slamo ln
soprannumero.
- Comunque, chledo ugualmenLe allogglo e lavoro.
- un Llpo doLaLo come vol del senso dell'umorlsmo doveva nascere nella Corporazlone del Clown -
dlsse quello.
- non cl vedo nlenLe dl buffo.
- nuovl regolamenLl, promulgaLl dalla nosLra Corporazlone nell'ulLlma rlunlone, sLablllscono che un
CsLello al compleLo non e obbllgaLo a dare allogglo a nuovl osplLl. L nol slamo al compleLo. Addlo,
amlco.
Lro esLerrefaLLo. - non ho mal senLlLo un regolamenLo slmlle! L lncredlblle! non posso credere che una
Corporazlone neghl asllo a uno del suol membrl, doloranLe e sflnlLo per ll lungo cammlno. A un uomo
della mla eLa, che arrlva a 8oum dall'AgupL, foresLlero e affamaLo, dopo aver aLLraversaLo ll onLe dl
1erra...
- erche non aveLe pensaLo a lnLerpellarcl prlma?
- non sapevo che fosse necessarlo.
- Le nuove dlsposlzlonl.
- Che la volonLa lncenerlsca le nuove dlsposlzlonl! - grldal. - Chledo rlcovero! er uno che vlglla da
quando vol non eravaLe ancor naLo, esser scacclaLo...
- Calma, fraLello, calma.
- AvreLe cerLamenLe un canLucclo per farml dormlre, qualche avanzo per sfamarml...
ua sdegnaLo, ll mlo Lono sl era faLLo suppllce, ma l'espresslone dell'uomo pass solo dall'lndlfferenza al
dlsprezzo: - non abblamo ne posLo, ne clbo. Sono Lempl durl, quesLl, per la nosLra Corporazlone, lo
sapeLe bene. Sl dlce che verra sclolLa compleLamenLe, come un lusso, un peso lnuLlle sulle rlsorse della
volonLa. Abblamo posslblllLa llmlLaLe. 8oum ha un'eccedenza dl vedeLLe e le nosLre razlonl sono mlsere.
Se vl accogllamo, dovremo rldurle ulLerlormenLe.
- Ma dove andr, allora? Cosa far?
- vl conslgllo - dlsse l'alLro, ln Lono conclllanLe - dl affldarvl alla mlserlcordla del rlnclpe dl 8oum.

I

Appena fuorl racconLal LuLLo a Cormon, che sl pleg ln due dal rldere, LanLo che le sLrlaLure sulle guance
magre dlvennero rosse come ll sangue. - La mlserlcordla... del rlnclpe dl 8oum... ah, ah, ah! - grld,
soffocando. - La mlserlcordla del rlnclpe dl 8oum!
- 1uLLl gll lnfellcl chledono l'aluLo del governanLl locall - dlssl freddamenLe. - L l'uso.
- ll rlnclpe dl 8oum non sa neppure cosa sla la mlserlcordla! - repllc lul. - vl sfamera con le vosLre
sLesse membra!
- lorse - dlsse Avluela - poLremmo LenLare alla Loggla degll AlaLl. Cl daranno da manglare.
- A Cormon, no - osserval lo. - L nol slamo legaLl uno all'alLro.
- oLremmo porLargll fuorl ll clbo.
- referlsco LenLare col rlnclpe - lnslsLel lo. - rlma vedlamo ln che slLuazlone slamo. ol
cercheremo dl arranglarcl ln un modo o nell'alLro, se sara necessarlo.
Lel acconsenLl e, LuLLl lnsleme, cl avvlammo verso ll palazzo del rlnclpe dl 8oum: era un edlflclo
masslcclo, con una plazza enorme, dellmlLaLa da due grandl all dl colonne. nella plazza fummo accosLaLl
da mendlcanLl dl ognl genere, perflno dl alLrl mondl. un essere con LenLacoll che parevano grosse funl e
una faccla rugosa senza naso ml sl geLL addosso chledendo l'elemoslna, e Cormon doveLLe allonLanarlo
con la forza, un momenLo dopo, un'alLra creaLura non meno sLrana, dalla pelle buLLeraLa da plccoll
craLerl lumlnescenLl e dagll arLl guarnlLl dl occhl peduncolaLl, ml sl avvlnghl alle glnocchla
suppllcandoml ln nome della volonLa dl aver pleLa dl lel. - Sono solLanLo una povera vedeLLa - le dlssl
lndlcandole ll mlo bagagllo - e anch'lo son qul per chledere aluLo. - Ma la creaLura conLlnu a elencare
le sue dlsgrazle con voce debole e lonLana, flnche lo, malgrado l'lndlgnazlone dl Cormon, lasclal cadere
alcune LavoleLLe allmenLarl nella Lasca che aveva sul peLLo. ol cl facemmo sLrada a forza dl gomlLl flno
al palazzo. SoLLo ll porLlco, sl presenL al nosLrl occhl una vlsLa anche plu orrenda: un AlaLo sLorplo e
curvo, le fraglll membra raLLrapplLe e deforml, un'ala aperLa a meLa e serlamenLe muLllaLa, l'alLra
compleLamenLe mancanLe. SublLo l'lnfellce sl geLL sopra Avluela, la chlam con un nome non suo e
lnond l suol gamball con lacrlme cosl coplose che quelll rlmasero LuLLl macchlaLl e lnumldlLl. -
Accompagnaml alla Loggla! - lmplor. - Ml hanno cacclaLo vla perche sono sLorplo, ma se Lu ml
accompagneral... - Avluela spleg che non poLeva fare nlenLe e che era sLranlera. Ma ll dlsgrazlaLo non
voleva sLaccarsl da lel e allora Cormon lo sollev con dellcaLezza, quel mucchleLLo rlnsecchlLo dl ossa
che era, e lo mlse da parLe. Sallmmo l gradlnl del porLlco e sublLo cl vennero lnconLro Lre neuLrl che cl
chlesero lo scopo della nosLra presenza e sublLo cl affldarono allo sbarramenLo successlvo, cosLlLulLo da
due ClasslflcaLorl rlnsecchlLl. arlando all'unlsono, l due cl lnLerrogarono.
- Chledlamo un'udlenza - rlsposl. - uobblamo lmplorare una grazla.
- er quaLLro glornl non sl concedono udlenze - dlsse ll ClasslflcaLore dl desLra. - Agglungeremo ll
vosLro nome alla llsLa.
- Ma non sapplamo dove andare a dormlre! - proruppe Avluela. - Abblamo fame! nol...
La zlLLll. lnLanLo Cormon frugava nell'lperLasca. lnflne, nella sua mano sclnLlll qualcosa dl lucenLe:
erano pezzl d'oro, ll meLallo eLerno, con lmpresse sopra facce barbuLe dal naso aqulllno, ll aveva LrovaLl
fra le rovlne. CeLL una moneLa al ClasslflcaLore che cl aveva sbarraLo ll passo e quesLl l'afferr al volo,
pass l'unghla sulla sua superflcle luclda e fece sclvolare lmmedlaLamenLe la moneLa ln una plega
dell'ablLo. ll secondo ClasslflcaLore aspeLLava. Sorrldendo Cormon lancl una moneLa anche a lul.
- lorse - dlssl lo - poLremo rlusclre ad avere un'udlenza speclale.
- lorse - dlsse uno del due. - assaLe.
Cosl enLrammo nella navaLa prlnclpale del palazzo e guardammo lungo la corsla cenLrale, verso la
camera del Lrono, nell'abslde. Ll denLro c'erano alLrl mendlcanLl, auLorlzzaLl, quesLl, per concesslone
eredlLarla, che sl mescolavano a gruppl dl ellegrlnl, ComunlcaLorl, 8lcordaLorl, Muslcl, Scrlbl e
ClasslflcaLorl. nell'arla c'era sussurro dl preghlere e profumo d'lncenso, ognl LanLo sl udlvano vlbrazlonl
dl gong soLLerranel. nel clcll passaLl, quell'edlflclo era sLaLo ll sanLuarlo prlnclpale dl una delle anLlche
rellglonl: quella del CrlsLanl, ml aveva deLLo Cormon, facendoml sospeLLare ancora una volLa che fosse
un 8lcordaLore mascheraLo da ulverso. L l'edlflclo conservava ancora un poco del suo caraLLere sacro,
anche se adesso era la sede del governo secolare dl 8oum. Ma come fare per vedere ll rlnclpe? Alla mla
slnlsLra, scorsl una cappelleLLa rlccamenLe ornaLa, ln cul sLava enLrando lenLamenLe una flla dl MercanLl
e LaLlfondlsLl. Sblrclando olLre la flla, vldl Lre Leschl flssaLl sopra un apparecchlo per lnLerrogazlone (un
sempllce lngresso per serbaLol memorla), e, ll accanLo, uno Scrlba corpulenLo. ulssl a Cormon e ad
Avluela dl aLLenderml nella navaLa, e ml mlsl ln coda.
CuesLa avanzava lenLlsslmamenLe, e pass plu dl un'ora prlma che poLessl ragglungere l'apparecchlo. l
Leschl ml flssavano con le loro occhlale vuoLe: denLro ll loro cranlo slglllaLo sl senLlvano gorgogllare e
rlbolllre l llquldl nuLrlLlvl necessarl alla manuLenzlone del cervelll morLl, ma ancora funzlonanLl, l cul
mlllardl dl mlllardl dl unlLa slnapLlche cosLlLulvano, ora, un dlsposlLlvo mnemonlco lncomparablle. Lo
Scrlba sembr sLupefaLLo dl vederml Lra quella genLe, ma prlma che poLesse proLesLare, lo dlssl: - lo
vengo come sLranlero a lnvocare la mlserlcordla del rlnclpe. lo e l mlel compagnl slamo senza rlcovero.
La mla sLessa Corporazlone ml ha scacclaLo. Cosa posso fare? Come posso oLLenere una udlenza?
- 1ornaLe fra quaLLro glornl.
- Po gla dormlLo Lroppe noLLl nella sLrada. Cra devo rlposare.
- un osLello pubbllco...
- Ma apparLengo a una Corporazlone! - proLesLal. - Cll osLelll pubbllcl non ml danno osplLallLa,
perche sanno che la mla Corporazlone ne manLlene uno qul, e, d'alLra parLe, per vla dl un nuovo
regolamenLo, l mlel confraLelll sl rlfluLano dl accogllerml... CaplLe la mla slLuazlone?
Con voce sLanca, lo Scrlba dlsse: - oLeLe lnolLrare domanda per un'udlenza speclale. vl sara negaLa,
ma poLeLe provare.
- uove?
- Cul. ulchlaraLe ll moLlvo della rlchlesLa.
uledl le mle generallLa al Leschl, elencal l noml e lo sLaLo del mlel compagnl, e splegal ll mlo caso. 1uLLo
quesLo fu assorblLo e Lrasmesso alle flle dl cervelll monLaLl ln qualche luogo lmpreclsaLo nelle vlscere
della clLLa, quando ebbl flnlLo, lo Scrlba dlsse: - Se la rlchlesLa sara accolLa, ve lo faranno sapere.
- lnLanLo, dove devo sLare?
- vlclno al palazzo.
Capll. uovevo ragglungere la leglone dl lnfellcl plglaLl nella plazza. Chlssa quanLl dl loro avevano chlesLo
qualche favore parLlcolare al rlnclpe, ed erano ancora la, dopo mesl e annl, ad aspeLLare dl essere
chlamaLl alla sua presenza, dormendo sulla pleLra, elemoslnando rlfluLl, vlvendo dl una speranza
assurda...
Ma avevo ormal esaurlLo LuLLe le mle rlsorse. 1ornal da Cormon e Avluela, esposl la slLuazlone e proposl
dl darcl da fare per Lrovare un rlfuglo dl forLuna. Cormon, che non apparLeneva a nessuna Corporazlone,
sarebbe sLaLo bene accolLo ln uno qualslasl degll squallldl osLelll pubbllcl rlservaLl al Llpl come lul:
Avluela avrebbe probabllmenLe LrovaLo allogglo alla Loggla degll AlaLl, solLanLo lo avrel dovuLo dormlre
per sLrada, e non per la prlma volLa. Ma speravo che non saremmo sLaLl obbllgaLl a separarcl. Avevo
flnlLo per pensare a nol Lre come a una famlglla: sLrano penslero, quello, per una vedeLLa!
Lravamo dlreLLl all'usclLa, quando l'orologlo ml rlcord che l'ora della vlgllanza era suonaLa. L un obbllgo
e un prlvlleglo per me aLLendere alla vlgllanza ln qualslasl luogo ml Lrovl, lndlpendenLemenLe dalle
clrcosLanze, quando vlene la mla ora. Cosl ml fermal, aprll lo sLlpo e aLLlval l'aLLrezzaLura. Cormon e
Avluela sLavano rlLLl accanLo a me. Sulle facce dl quelll che enLravano e usclvano dl palazzo scorgevo
rlsollnl dl scherno e aperLa lronla. La vlgllanza non e LenuLa ln gran conLo, perche vlglllamo da LanLo
Lempo e nessun nemlco sl e mal faLLo vlvo. Ma clascuno ha ll proprlo dovere da complere, per quanLo
comlco possa sembrare agll alLrl: cl che per molLl e un rlLuale senza senso, per alcunl e lo scopo della
vlLa. Cbbllgal me sLesso a enLrare nello sLaLo dl vlgllanza: ll mondo sl sclolse lnLorno a me e lo ml Luffal
nel clell. La glola ben noLa ml rlsucchl, e cercal l luoghl conoscluLl e quelll che lo erano meno, menLre la
mla menLe lnglganLlLa balzava da una galassla all'alLra con voll verLlglnosl. SLava formandosl un eserclLo?
C'erano Lruppe che sl preparavano alla conqulsLa della 1erra? er quaLLro volLe al glorno vlgllavo, e
come me gll alLrl membrl della mla Corporazlone, clascuno a un'ora appena dlversa, ln modo che
neppure per un aLLlmo ll planeLa resLasse senza almeno una menLe che vlgllava. non credo che la nosLra
vocazlone fosse lnuLlle.
Cuando ml rlebbl, una voce robusLa grldava: - laLe largo al rlnclpe dl 8oum! Largo al rlnclpe dl
8oum!
8aLLel le palpebre e LraLLennl ll resplro, cercando dl scuoLerml dagll ulLlml Lorporl della concenLrazlone.
un palanchlno doraLo era emerso dal fondo del palazzo e avanzava lungo la navaLa nella mla dlrezlone,
porLaLo da una falange dl neuLrl. CuaLLro uomlnl con l cosLuml rlcamaLl e le maschere sclnLlllanLl della
Corporazlone del adronl flanchegglavano la porLanLlna, che era preceduLa da un Lrlo dl ulversl, grossl,
Lozzl e con le gole modlflcaLe ln modo da poLer lmlLare ll verso delle rane glganLl. Avanzavano
emeLLendo un suono dal Llmbro maesLoso, slmlle a quello della Lromba. Ml sembr molLo sLrano che un
rlnclpe acceLLasse al suo servlzlo del ulversl, anche LraLLandosl dl lndlvldul parLlcolarmenLe doLaLl come
quelll.
Ma ll mlo carrello bloccava ll cammlno allo splendldo corLeo e ml affannal a rlchluderlo ln LuLLa freLLa
per Logllerlo dl mezzo prlma che quella valanga dl uomlnl ml Lravolgesse. 1uLLavla, l'eLa e la paura ml
facevano Lremare le manl e lo non rluscll a slglllare perfeLLamenLe le aperLure. MenLre ml confondevo e
ml aglLavo sempre plu, l ulversl arrlvarono LanLo vlclnl che l'urlo della loro gola dlvenne assordanLe.
Cormon sl preclplL ln mlo aluLo, ma lo gll grldal che nessuno poLeva Loccare gll sLrumenLl se non
apparLeneva alla Corporazlone, e lo allonLanal con una splnLa. un aLLlmo dopo, un'avanguardla dl neuLrl
cal su dl me e sl prepar a scacclarml con flagelll lucclcanLl. - ln nome della volonLa - grldal - sono
una vedeLLa!
L come un conLrocanLo anLlfonale, calma, profonda, rlsonanLe, venne la rlsposLa: - LasclaLelo. L una
vedeLLa.
1uLLo sl ferm. ll rlnclpe dl 8oum aveva parlaLo.
l neuLrl sl rlLlrarono. l ulversl cessarono la loro muslca. l porLaLorl del palanchlno deposero al suolo ll
loro fardello. 1uLLl quelll che sl Lrovavano nelle navaLe del palazzo lndleLregglarono, Lranne Cormon,
Avluela e me. Le Lende prezlose della leLLlga sl aprlrono: due adronl sl preclplLarono avanLl,
Lrapassando con le manl la barrlera sonlca, per offrlre aluLo al monarca. La barrlera sl dlsperse, con un
ronzlo lamenLoso.
ll rlnclpe dl 8oum apparve.
Lra cosl glovane! Cuasl un ragazzo: l capelll folLl e scurl, la faccla senza rughe. Ma era naLo per
governare e, nonosLanLe la sua glovlnezza, sl rlvelava lmperloso come LuLLl l governanLl. Le labbra erano
soLLlll e Lese, ll naso aqulllno, LagllenLe e aggresslvo, gll occhl, gelldl, come pozzl senza fondo. lndossava
le vesLl lnglolellaLe della Corporazlone del uomlnaLorl, ma lnclsa sulla sua guancla c'era la doppla croce
del ulfensorl e, lnLorno al collo, aveva la sclarpa scura del 8lcordaLorl. un uomlnaLore ha facolLa dl
enLrare ln qualslasl Corporazlone deslderl, e sarebbe parso sLrano che ll rlnclpe non fosse sLaLo anche
ulfensore. 1uLLavla ml sLupl che fosse pure 8lcordaLore: quesLa, ln genere, non e una Corporazlone che
aLLragga gll anlml flerl e combaLLlvl.
Ml guard senza molLo lnLeresse e dlsse: - AveLe scelLo un posLo ben sLrano, vecchlo mlo, per vlgllare.
- L l'ora a scegllere ll luogo, non lo, Slre - rlsposl. - Ml Lrovavo qul, e ll dovere chlamava. non poLevo
sapere che sLavaLe per glungere vol.
- non aveLe LrovaLo nemlcl?
- no, Slre.
SLavo per afferrare ll momenLo proplzlo e chledergll aluLo, ma vldl ll suo lnLeresse per me svanlre a poco
a poco, come una povera candela languenLe. 8lmasl ll, rlLLo, senza ll coragglo dl rlvolgergll la parola ora
che plu non ml flssava. ll rlnclpe osserv Cormon per alcunl lsLanLl, aggroLLando la fronLe e plzzlcandosl
ll menLo. ol ll suo sguardo cadde su Avluela, e gll occhl brlllarono. l muscoll delle mascelle vlbrarono, le
narlcl dellcaLe sl dllaLarono. - Sall, plccola AlaLa - dlsse, rlvolgendole un cenno. - Sel amlca dl quesLa
vedeLLa?
Lel annul LerrorlzzaLa.
ll rlnclpe allung una mano e l'afferr, sollevandola dl peso flno al palanchlno. ol, con un sorrlso cosl
malvaglo da parere la parodla della perfldla, ll glovane uomlnaLore la Llr denLro, aLLraverso le corLlne.
lsLanLaneamenLe due adronl rlsLablllrono la barrlera sonlca, ma ll corLeo non sl mosse. lo me ne sLavo
ll, muLo, Cormon, accanLo a me, pareva lmpleLrlLo: ll suo corpo vlgoroso era rlgldo come una sbarra.
Splnsl ll mlo carrello ln un luogo meno esposLo, passarono aLLlml eLernl, menLre l corLlglanl aspeLLavano
ln sllenzlo, guardando dlscreLamenLe da un'alLra parLe.
lnflne le corLlne sl aprlrono dl nuovo, e Avluela uscl barcollando, pallldlsslma. SbaLLeva rapldamenLe le
palpebre, pareva sLordlLa, e rlvoll dl sudore le scorrevano glu per le guance. lnclamp, rlschlando dl
cadere, e un neuLro l'afferr pronLamenLe, posandola a Lerra. SoLLo ll glaccheLLo, le sue all, parzlalmenLe
aperLe, le davano un aspeLLo gobbuLo, doveva essere sconvolLa dall'emozlone. Con passl lncerLl sl
dlresse verso dl nol LremanLe e sllenzlosa, pol ml lancl uno sguardo lndescrlvlblle e sl geLL fra le
braccla dl Cormon.
l porLaLorl sollevarono nuovamenLe ll palanchlno e ll rlnclpe dl 8oum uscl dal suo palazzo.
Cuando se ne fu andaLo, Avluela balbeLL con voce rauca: - ll rlnclpe cl concede osplLallLa nella
foresLerla reale!

J

l servl, naLuralmenLe, non volevano credercl.
SolLanLo gll osplLl del rlnclpe venlvano allogglaLl nella foresLerla reale, che sl Lrovava sul reLro del
palazzo, ln un plccolo glardlno dl felcl e dl flordlbrlne. CeneralmenLe la foresLerla era ablLaLa da adronl
e da qualche uomlnaLore occaslonale, a volLe, a un 8lcordaLore dl parLlcolare lmporLanza, ln vlagglo dl
sLudlo, o a un ulfensore dl alLo rango ln vlslLa per dlscuLere un plano sLraLeglco, venlva assegnaLa una
camereLLa nell'edlflclo. Ma allogglare un AlaLo nella foresLerla reale sarebbe parso noLevolmenLe sLrano,
ammeLLervl una vedeLLa, lmprobablle, accogllervl un ulverso, o ln genere una persona non
apparLenenLe ad alcuna Corporazlone, addlrlLLura lmpensablle. ercl quando cl presenLammo, l
ServlLorl dapprlma sembrarono dlverLlrsl un mondo come per una barzelleLLa, pol comlnclarono a
seccarsl e, lnflne, LenLarono dl allonLanarcl con parole sprezzanLl. - AndaLevene - urlarono lnflne. -
leccla! lmmondezzal!
Allora Avluela dlsse con voce grave: - ll rlnclpe cl ha concesso dl allogglare qul, e vol non poLeLe
prolblrcelo.
- vla! vla!
un ServlLore dal denLl sporgenLl Llr fuorl un manganello neurale, lo aglL soLLo ll naso dl Cormon e
grld un lnsulLo volgare al suo lndlrlzzo, alludendo alla sua mancanza dl Corporazlone. Cormon, senza
curarsl delle punLure dolorose, gll sLrapp ll manganello dl mano, e sferr un calclo nel venLre
all'lnsolenLe, che sl pleg ln due, spuLando sangue. All'lsLanLe, una squadra dl neuLrl scaLL allora
dall'lnLerno della foresLerla e sl preclplL addosso a Cormon. Lul agguanL un alLro ServlLore e lo scagll
addosso a loro, mandandoll LuLLl a gambe all'arla, ln una massa lnforme. lnflne, quelle urla e quelle
lmprecazlonl furlose aLLlrarono l'aLLenzlone dl uno Scrlba venerando, che comparve sulla porLa e,
reclamaLo ll sllenzlo con voce LonanLe, cl lnLerrog. - L faclle conLrollare - dlsse lnflne, quando Avluela
gll ebbe racconLaLa LuLLa la faccenda. L, rlvolLo a uno del ServlLorl, ordln con dlsprezzo: - Manda un
messagglo a un ClasslflcaLore. SvelLo!
resLo la confuslone cess e fummo faLLl enLrare. Cl vennero assegnaLe sLanze separaLe, ma conLlgue.
non avevo mal vlsLo un lusso slmlle, e probabllmenLe non lo vedr mal plu. Le camere erano
spazloslsslme, e vl sl enLrava aLLraverso lngressl Lelescoplcl, collegaLl all'emlsslone Lermlca dell'osplLe,
per asslcurare un'assoluLa lndlpendenza. Le lucl sl accendevano a un sempllce cenno, polche, appese a
globl asslcuraLl al sofflLLo o agglomeraLe ln cupoleLLe alle pareLl, c'erano spugne dl luce-schlava,
sLrappaLe al mondl dl Splendldla e addesLraLe, medlanLe ll dolore, a ubbldlre al comandl. Le flnesLre
comparlvano o scomparlvano, secondo ll caprlcclo dell'occupanLe. Cuando non servlvano, erano
nascosLe da cascaLe dl vell semlnLelllgenLl, lmporLaLl da alLrl mondl, che non avevano solLanLo un effeLLo
decoraLlvo, ma servlvano anche da scherml su cul erano ln grado dl far scorrere scene dellzlose, secondo
gll scheml rlchlesLl. Le sLanze erano anche doLaLe dl cuffle pensanLl lndlvlduall, collegaLe alle banche
generall della memorla, con condoLLl supplemenLarl per chlamare ServlLorl, Scrlbl, ClasslflcaLorl e Muslcl.
naLuralmenLe un membro della mla umlle Corporazlone non avrebbe mal osaLo servlrsl dl alLrl esserl
umanl a quel modo, per Llmore del loro rlsenLlmenLo. Comunque, avevo ben poco blsogno dl loro.
non domandal ad Avluela che cosa fosse accaduLo nella leLLlga del rlnclpe per procurarcl LuLLe quelle
dellzle: poLevo lmmaglnarmelo. L poLeva lmmaglnarlo anche Cormon: l'lra che rlusclva a LraLLenere a
malapena rlvelava chlaramenLe l'amore lnconfessaLo per la mla palllda e fraglle AlaLa.
Cl slsLemammo. Mlsl ll mlo carrello accanLo alla flnesLra, gll drappegglal lnLorno l vell, e lo lasclal ll,
pronLo per ll prosslmo perlodo dl vlgllanza. ol ml laval e ml rlpulll, menLre alLre enLlLa lnserlLe nelle
pareLl canLavano canzonl plene dl pace. lu Lardl pranzal. uopo manglaLo, Avluela venne da me,
rlnfrescaLa e rllassaLa, ml sl sedeLLe accanLo e parlammo a lungo delle nosLre esperlenze. Cormon non sl
fece vedere per alcune ore: pensal che se ne fosse andaLo deflnlLlvamenLe, Lrovando Lroppo rarefaLLa
l'aLmosfera della reggla, e che avesse preferlLo la compagnla dl alLrl senza Corporazlone come lul. Cosl,
al crepuscolo, Avluela e lo usclmmo a passegglo nel corLlle della foresLerla e sallmmo pol una scala che
conduceva a una Lerrazza, per vedere le sLelle spunLare nel clelo dl 8oum. Cormon era la! L con lul sLava
un uomo emaclaLo e dlnoccolaLo, avvolLo nella sclarpa del 8lcordaLorl, l due parlavano soLLovoce.
Cormon ml fece un cenno e dlsse: - vedeLLa, vl vogllo presenLare ll mlo nuovo amlco.
ll Llpo emaclaLo clnclschl con le dlLa la sclarpa. - Sono ll 8lcordaLore 8asll - blsblgll con voce soLLlle:
soLLlle come un affresco sLaccaLo dalla sua pareLe. - Sono venuLo da errls, per lndagare sul mlsLerl dl
8oum. 8lmarr qul molLl annl.
- 8acconLa sLorle molLo lnLeressanLl - dlsse Cormon. L una personallLa, nella sua Corporazlone.
Cuando sleLe arrlvaLl vol, sLava descrlvendoml le Lecnlche dl cul sl servono per svelare ll passaLo.
Scavano pozzl aLLraverso gll sLraLl dl deposlLl del 1erzo Clclo e, con speclall asplraLorl, sollevano le
molecole dl Lerra, llberando l llvelll plu anLlchl.
- Con quesLo slsLema - dlsse 8asll - abblamo scoperLo le caLacombe della 8oum lmperlale, l deLrlLl
del 1empo del 8lfluLo, e alcunl llbrl scrlLLl su lasLre dl meLallo blanco verso la flne del Secondo Clclo.
1uLLo maLerlale che andra a errls per essere esamlnaLo, classlflcaLo, declfraLo, pol lo rlspedlranno qul.
vl lnLeressa ll passaLo, vedeLLa?
- llno a un cerLo punLo. - Sorrlsl. - CuesLo ulverso, lnvece, ne sembra affasclnaLo. A volLe sospeLLo
che ml nasconda la sua vera ldenLlLa: non rlconosceLe, per caso, un 8lcordaLore, soLLo le sue semblanze?
8asll scruL Cormon, lnduglando sul llneamenLl blzzarrl e la corporaLura Lroppo muscolosa. - non e un
8lcordaLore - dlsse lnflne. - Ma devo convenlre che ha del noLevoll lnLeressl per l'anLlchlLa. Ml ha
posLo dlverse domande molLo lmpegnaLlve.
- er esemplo?
- vorrebbe conoscere l'orlglne delle Corporazlonl, ml ha chlesLo ll nome del chlrurgo geneLlco che ha
plasmaLo l prlml AlaLl capacl dl rlprodursl, e gll lnLeressa sapere perche cl sono del ulversl e se
veramenLe quesLl sono sLaLl maledeLLl dalla volonLa.
- L aveLe sapuLo rlspondere? - chlesl lo.
- A qualche domanda solLanLo.
- A quella sull'orlglne delle Corporazlonl, per esemplo?
- Sl. Sono sLaLe creaLe per rlsLruLLurare e dare un senso a una socleLa avvlllLa dalla sconflLLa e dalla
dlsLruzlone - dlsse ll 8lcordaLore. - La flne del Secondo Clclo fu un perlodo dl Lranslzlone. nessun
uomo sapeva plu chl fosse e a che cosa Lendesse. ll nosLro mondo era pleno dl ablLanLl dl planeLl
sLranlerl, che cl guardavano dall'alLo al basso e cl conslderavano esserl senza valore. Lra necessarlo
sLablllre cerLl parameLrl sLablll, grazle al quall un uomo poLesse rlconoscere ll suo valore rlspeLLo a un
alLro. Cosl, sorsero le prlme Corporazlonl: uomlnaLorl, adronl, MercanLl, ManufaLLorl, vendlLorl e
ServlLorl. ol vennero gll Scrlbl, l Muslcl, l Clown, e l 1rasporLaLorl. uopo dl che sl resero necessarl l
ClasslflcaLorl, e qulndl le vedeLLe e l ulfensorl. Cuando gll Annl della Magla cl dledero gll AlaLl e l ulversl,
furono agglunLe anche quelle Corporazlonl, e pol furono prodoLLl gll uomlnl senza Corporazlone, l neuLrl,
coslcche...
- Ma l ulversl non hanno Corporazlone! - dlsse Avluela.
ll 8lcordaLore la guard per la prlma volLa. - Chl sel Lu, bamblna? - domand.
- Avluela, degll AlaLl. vlagglo con la vedeLLa e con quesLo ulverso.
- Come ho appena splegaLo al ulverso - dlsse 8asll - nell'anLlchlLa ll suo genere apparLeneva a una
Corporazlone. Lssa fu sclolLa mllle annl fa, per ordlne del Conslgllo del uomlnaLorl, ln segulLo al
LenLaLlvo, compluLo da una lndegna fazlone dl ulversl, dl lmpadronlrsl del luoghl sacrl dl !orslem. ua
allora l ulversl sono rlmasLl senza Corporazlone, solLanLo un gradlno plu ln su del neuLrl nella scala
soclale.
- non lo sapevo - dlssl.
- non sleLe un 8lcordaLore, vol - dlsse 8asll. - Slamo nol che abblamo ll complLo dl svelare ll passaLo.
- AveLe raglone.
Cormon dlsse: - L quanLe Corporazlonl cl sono, oggl?
lnLerdeLLo, 8asll dlede una rlsposLa vaga: - Almeno cenLo, amlco mlo. Alcune plccollsslme, alLre
addlrlLLura locall. lo ml lnLeresso solLanLo dl quelle orlglnarle e dl quelle derlvaLe lmmedlaLamenLe. Cl
che e successo negll ulLlml annl, rlguarda alLrl. voleLe che ml lnforml?
- no, no - dlsse Cormon. - Lra una sempllce curloslLa.
- La vosLra curloslLa e ben forLe! - dlsse ll 8lcordaLore.
- 1rovo esLremamenLe affasclnanLe ll mondo, e LuLLo quanLo conLlene. L forse un dellLLo?
- no. Ma e sLrano. Cuelll che non apparLengono ad alcuna Corporazlone, raramenLe alzano gll occhl al
dl la del loro orlzzonLe lmmedlaLo.
Apparve un ServlLore. Con un mlsLo dl rlspeLLo e dl dlsprezzo, sl lnglnocchl davanLl ad Avluela e dlsse:
- ll rlnclpe e LornaLo. uesldera la vosLra compagnla a palazzo, adesso.
un lampo dl Lerrore balen negll occhl della ragazza, ma rlfluLare sarebbe sLaLo lnconceplblle. - uevo
venlre con vol? - dlsse.
- Sl. uoveLe venlre vesLlLa e profumaLa. L ll rlnclpe desldera che vl presenLlaLe a lul con le all aperLe.
Avluela annul e l'uomo la condusse vla.
nol resLammo sulla Lerrazza ancora un poco. ll 8lcordaLore parl della 8oum anLlca, lo lo ascolLavo e
Cormon sblrclava nell'oscurlLa. llnalmenLe, 8asll sl conged, allonLanandosl maesLosamenLe. ochl
momenLl dopo, nel corLlle soLLosLanLe sl aprl una porLa e apparve Avluela: cammlnava come una della
Corporazlone del Sonnambull, non degll AlaLl.
Lra nuda soLLo un eslle velo LrasparenLe, e ll suo corpo fraglle aveva un pallore speLLrale alla luce delle
sLelle. Le all erano dlsLese e sl aglLavano lenLamenLe ln LrlsLl movlmenLl dl slsLole e dlasLole. uue
ServlLorl la sosLenevano per le braccla, sembrava che splngessero verso ll palazzo l'ombra dl una donna,
non una donna reale.
- vola, Avluela! vola! - sussurr Cormon. - luggl, fln che sel ln Lempo!
Ma lel scomparve ln una porLa laLerale.
ll ulverso ml guard: - Sl e venduLa al rlnclpe per procurarcl clbo e allogglo.
- Sembra proprlo cosl.
- oLrel radere al suolo quesLo palazzo!
- L'amaLe?
- Ml pare evldenLe.
- Allora, cercaLe dl guarlre - conslgllal. - SleLe un uomo fuorl del comune, e LuLLavla un'AlaLa non fa
per vol. SpeclalmenLe un'AlaLa che ha dlvlso ll leLLo con ll rlnclpe dl 8oum.
- assa dalle mle braccla alle sue.
Lro esLerrefaLLo. - L'aveLe conoscluLa?
- lu dl una volLa - dlsse con un sorrlso mesLo. - nel momenLo dell'esLasl, le sue all vlbrano come
foglle nella LempesLa.
Ml aggrappal al parapeLLo della Lerrazza per non cadere nel corLlle soLLosLanLe. Le sLelle Lurblnavano
sopra la mla LesLa, la vecchla luna e le sue due nuove compagne llsce salLavano e sobbalzavano. Ml
senLlvo sconvolLo, senza caplre la causa della mla emozlone. Lro forse adlraLo con Cormon perche aveva
osaLo vlolare la legge? Cppure la mla era una manlfesLazlone del senLlmenLl pseudopaLernl che provavo
verso Avluela? C forse la mla era sempllcemenLe lnvldla nel confronLl dl Cormon, reo dl aver commesso
un dellLLo che sorpassava le mle capaclLa, anche se non l mlel deslderl?
ulssl: - oLrebbero bruclarvl ll cervello, per quello che aveLe faLLo. oLrebbero sLrapparvl l'anlma. L
adesso ml rendeLe vosLro compllce.
- erche? Cuel rlnclpe comanda e oLLlene... ma cl sono sLaLl alLrl prlma dl lul. uovevo pur dlrlo a
qualcuno!
- 8asLa. 8asLa.
- La vedremo ancora?
- l sovranl sl sLancano presLo delle loro donne. lra alcunl glornl, forse Lra una noLLe, ce la geLLera dl
nuovo Lra le braccla. L, probabllmenLe, allora dovremo lasclare la foresLerla. - Sosplral. - Comunque,
l'avremo goduLa sempre plu dl quanLo cl sarebbe LoccaLo.
- uove andreLe, allora?
- 8esLer a 8oum per un alLro po'.
- Anche se dovreLe dormlre per la sLrada? A quanLo pare, le vedeLLe non sono molLo rlchlesLe, qul.
- Ml arranger - dlssl. - ol, forse, andr a errls.
- A lmparare dal 8lcordaLorl?
- A vedere quella clLLa. L vol? Che cos'e che vl lnLeressa, a 8oum?
- Avluela.
- non parlaLe cosl!
- Come voleLe - dlsse lul, e ll suo sorrlso era amaro. - Ma rlmarr qul flnche ll rlnclpe non sl sara
sLancaLo dl lel. Allora sara LuLLa mla e Lroveremo ll modo dl sopravvlvere. Coloro che non hanno
Corporazlone sono plenl dl rlsorse. uevono esserlo. vlvacchleremo qua e la, e pol verremo con vol a
errls, se sareLe ancora dlsposLo a vlagglare con mosLrl e con AlaLe fedlfraghe!
Ml sLrlnsl nelle spalle. - arleremo dl quesLe cose quando sara ll momenLo.
- LravaLe mal sLaLo ln compagnla dl un ulverso, prlma?
- non spesso. L neppure cosl a lungo come con vol.
- Ml senLo onoraLo. - 1amburell con le dlLa sul parapeLLo, pol sogglunse: - non scacclaLeml. Po le
mle buone raglonl per voler resLare con vol.
- Cuall?
- vedere la vosLra faccla nel glorno ln cul le vosLre macchlne vl dlranno che e lnlzlaLa l'lnvaslone della
1erra.
Lasclal cadere le braccla, come oppresso da un peso lnsopporLablle. - uovreLe resLare a lungo con me,
allora.
- non credeLe che l'lnvaslone verra?
- un glorno. non ora.
Cormon rlse. - vl sbagllaLe. L alle porLe.
- non prendeLeml ln glro.
- Che cosa succede, vedeLLa? AveLe perso la vosLra fede? Lo sl sa da mllle annl! un'alLra specle e
dlvenLaLa padrona della 1erra, l'ha compraLa, e un glorno o l'alLro verra a prenderne possesso. Sl LraLLa
dl una declslone presa alla flne del Secondo Clclo.
- Lo so, anche se non sono un 8lcordaLore - dlssl. ol ml volsl verso dl lul e pronunclal parole che non
avrel mal pensaLo dl poLer pronunclare a voce alLa: - ua lunghlsslmo Lempo, ulverso, due volLe la
vosLra vlLa, ascolLo le sLelle e complo la mla vlgllanza. 1uLLo cl che vlene rlpeLuLo Lroppo spesso, flnlsce
per perdere slgnlflcaLo. rovaLe a rlpeLere ll vosLro nome dleclmlla volLe, e vedreLe che lnflne sara
solLanLo un suono vuoLo. Po vlgllaLo, e vlgllaLo cosclenzlosamenLe, e a volLe, nell'oscurlLa della noLLe,
penso dl averlo faLLo per nlenLe, dl aver sprecaLo la mla vlLa. vlgllare da un cerLo placere, ma forse non
ha uno scopo reale.
Cormon ml afferr ll polso, all'lmprovvlso. - La vosLra confesslone e sconvolgenLe quanLo la mla. non
perdeLe flducla, vedeLLa. L'lnvaslone sLa per venlre!
- L come poLeLe saperlo?
- Anche l ulversl hanno le loro ablllLa.
Cuella conversazlone ml Lurbava sLranamenLe. - L penoso non apparLenere ad alcuna Corporazlone?
- domandal.
- Cl sl ablLua. L pol, sl ha una magglore llberLa, che compensa la mancanza dl una condlzlone soclale
deflnlLa. er esemplo, posso parlare con LuLLl.
- Lo vedo.
- Ml muovo llberamenLe. L sono slcuro dl Lrovare sempre da manglare e da dormlre, anche se a volLe ll
clbo e guasLo e l'allogglo povero. Le donne sl senLono aLLraLLe verso dl me, ln barba a LuLLe le prolblzlonl.
lorse per quesLo non sono roso dall'lnvldla.
- non deslderaLe mal dl elevarvl al dl sopra del vosLro rango?
- Mal.
- lorse saresLe sLaLo plu fellce come 8lcordaLore.
- Sono fellce cosl. osso avere ll godlmenLo dl un 8lcordaLore, senza averne la responsablllLa.
- SleLe un bel fenomeno! - esclamal. - vanLarsl dl essere senza Corporazlone!
- Come poLrel, alLrlmenLl, sopporLare ll peso della volonLa? - Cuard verso ll palazzo. - Cll umlll sl
lnnalzano. l poLenLl cadono. rendeLela come una profezla, vedeLLa: quel rlnclpe gagllardo, la denLro,
conoscera un alLro aspeLLo della vlLa, prlma che venga l'esLaLe. Cll sLrapper gll occhl per averml porLaLo
vla Avluela!
- arole grosse. 8lbolllLe d'lra, sLanoLLe.
- rendeLela come una profezla.
- non poLeLe avvlclnarvl a lul - dlssl. ol, lrrlLaLo per aver preso Lroppo sul serlo le sue fanLasle,
sogglunsl: - L perche blaslmarlo? la quello che fanno LuLLl l prlnclpl. 8laslmaLe la ragazza che e andaLa
con lul, pluLLosLo. Sl sarebbe poLuLa rlfluLare, avrebbe poLuLo...
- L perdere le all. C morlre. no, non aveva alLra scelLa. Ma lo sl! - Con un gesLo lmprovvlso e Lerrlblle,
Cormon allung ll polllce e l'lndlce, dalle unghle ad arLlgllo, e fece l'aLLo dl affondarll ln orblLe
lmmaglnarle. - AspeLLaLe - dlsse - e vedreLe!
nel corLlle apparvero due Cronomanzlerl, slsLemarono l'aLLrezzaLura della loro Corporazlone e accesero
due candele per leggere l'oroscopo del glorno successlvo. un odore dolclasLro dl fumo ml arrlv alle
narlcl. non avevo plu voglla dl parlare con ll ulverso, ora.
- Sl e faLLo Lardl - dlssl. - Po blsogno dl rlposo, e Lra poco dovr vlgllare.
- vlgllaLe aLLenLamenLe - dlsse Cormon.

L

nella mla camera, quella noLLe, compll la quarLa e ulLlma vlgllanza dl quella lunga glornaLa, e, per la
prlma volLa ln vlLa mla, rlsconLral un'anomalla che non rlusclvo a lnLerpreLare. Lra un'lmpresslone
oscura, un lnsleme dl suonl e saporl, la sensazlone dl essere a conLaLLo con una massa colossale.
reoccupaLo, rlmasl al mlel sLrumenLl plu a lungo del sollLo, ma, al Lermlne della seduLa, la mla
percezlone non era plu chlara che all'lnlzlo.
ol comlnclal a pensare quall fossero l mlel obbllghl.
lln dall'lnfanzla, alle vedeLLe vlene lnsegnaLo a dare rapldamenLe l'allarme, e quesLo deve essere
lanclaLo quando la vedeLLa rlLlene che ll mondo sla ln perlcolo. Cra ero obbllgaLo ad avverLlre l
ulfensorl? CuaLLro volLe nella mla vlLa era sLaLo daLo l'allarme, e sempre sl era LraLLaLo dl un errore, e
ognl vedeLLa che aveva scaLenaLo un'lnuLlle moblllLazlone era sLaLa orrlbllmenLe degradaLa. una aveva
dovuLo offrlre ll suo cervello alle banche della memorla, un'alLra era dlvenLaLa un neuLro, per la
vergogna, la Lerza aveva dlsLruLLo l suol sLrumenLl e se ne era andaLa a vlvere con la genLe senza
Corporazlone, e l'ulLlma, LenLando dl conLlnuare la professlone, aveva scoperLo dl essere derlsa da LuLLl l
colleghl. non vedevo la raglone dl schernlre quel povereLLl che avevano daLo un falso allarme: non era
forse megllo avverLlre Lroppo presLo che Lroppo Lardl? Comunque, Lale era ll cosLume della nosLra
Corporazlone, e lo dovevo conformarml a esso.
Lsamlnal la mla poslzlone e conclusl che non avevo raglonl vallde per dare l'allarme.
Cormon ml aveva suggesLlonaLo con le sue parole, quella sera, forse ero rlmasLo scosso dal suol dlscorsl.
non poLevo dare l'allarme. non osavo compromeLLerml per eccesso dl zelo. non ml fldavo della mla
senslblllLa sovrecclLaLa.
non dledl l'allarme.
lremenLe e frasLornaLo, chlusl ll mlo sLlpo e ml lasclal cadere ln un sonno pesanLe.
All'alba salLal glu dal leLLo e ml preclplLal alla flnesLra, aspeLLandoml dl Lrovare gll lnvasorl ln lsLrada. Ma
LuLLo era Lranqulllo. ll corLlle era avvolLo da un grlglore lnvernale, e ServlLorl assonnaLl splngevano al
lavoro neuLrl compleLamenLe passlvl. A dlsaglo, lnlzlal la prlma veglla del nuovo glorno, e, con gran
solllevo, non proval plu la sLrana sensazlone della volLa precedenLe, per sapevo che la mla senslblllLa
era plu acuLa duranLe la noLLe che dl prlmo maLLlno.
Manglal e uscll nel corLlle. Cormon e Avluela erano gla la. Lel aveva l'arla sLanca e depressa, e sembrava
sflnlLa dalla noLLe passaLa col rlnclpe, ma lo non fecl commenLl. Cormon, appogglaLo sdegnosamenLe
conLro un muro decoraLo con conchlglle lumlnose, ml dlsse: - L andaLa bene la vlgllanza?
- AbbasLanza.
- Cosa fareLe, oggl?
- Me ne andr ln glro per 8oum - dlssl. - venlLe anche vol? Cormon? Avluela?
- naLuralmenLe - dlsse lul. Lel annul llevemenLe con la LesLa.
uopo dl che, come un gruppeLLo dl LurlsLl sfaccendaLl, parLlmmo LuLL'e Lre per vlslLare la splendlda clLLa
dl 8oum.
Cormon cl guld abllmenLe aLLraverso le varle epoche, smenLendo la sua affermazlone dl non essere
mal sLaLo a 8oum prlma dl allora. AlLreLLanLo bene quanLo un 8lcordaLore, cl splegava LuLLo quello che
vedeva cammlnando per le sLrade LorLuose. Cua e la erano sparse le rellqule dl mlgllala d'annl: dalle
cupole del pozzl d'energla del Secondo Clclo, al Colosseo, dove uomlnl lncredlbllmenLe prlmlLlvl avevano
loLLaLo corpo a corpo con gll anlmall, come besLle della glungla. uenLro la cerchla dl quelle mura cadenLl,
Cormon cl racconL la crudelLa dl quel Lempo lncredlbllmenLe lonLano. - CombaLLevano nudl - dlsse
- davanLl a folle enorml dl speLLaLorl. Con le sole manl, gll uomlnl sfldavano belve chlamaLe leonl, grossl
gaLLl pelosl dalla LesLa enorme. L quando flnalmenLe ll leone glaceva al suolo nel suo sangue, ll vlnclLore
sl volgeva al rlnclpe dl 8oum e gll chledeva la grazla per ll dellLLo che lo aveva condoLLo ln quell'arena. L
se aveva combaLLuLo bene, ll rlnclpe faceva un gesLo con la mano e l'uomo venlva llberaLo. - Cormon
cl mosLr quel gesLo: un polllce Leso e alzaLo parecchle volLe sopra la spalla desLra. - Ma se l'uomo sl
era dlmosLraLo un vlgllacco, o se ll leone era morLo ln manlera parLlcolarmenLe noblle, ll rlnclpe faceva
un alLro gesLo e l'uomo venlva condannaLo a essere sbranaLo da una seconda belva. - Cormon rlpeLe
anche quel gesLo: ll pugno chluso con ll medlo Leso, alzaLo con un brusco, breve scaLLo.
- Come faLe a sapere quesLe cose? - domand Avluela. Ma lul flnse dl non senLlre.
vedemmo la sagoma del pllonl magmaLlcl che erano sLaLl cosLrulLl all'lnlzlo del 1erzo Clclo per Lrarre
energla dal cuore della 1erra, e LuLLora ln funzlone, benche macchlaLl e corrosl. vedemmo anche ll
moncone dl una macchlna cllmaLlca del Secondo Clclo: era ancora una possenLe colonna, alLa almeno
venLl uomlnl. L vlslLammo anche una colllna, dove blanche rellqule marmoree della 8oum del rlmo
Clclo spunLavano come pallldl cluffl dl flordlmorLe lnvernall. eneLrando nella parLe lnLerna della clLLa,
lnconLrammo un basLlone dl ampllflcaLorl dlfenslvl, che aspeLLavano pazlenLl, pronLl a scagllare LuLLa la
poLenza della volonLa conLro gll lnvasorl. vlslLammo anche un mercaLo, dove vlslLaLorl provenlenLl dalle
sLelle conLraLLavano con l conLadlnl l'acqulsLo dl frammenLl anLlchl rlLrovaLl negll scavl. Cormon sl
mescol alla folla e fece dlversl acqulsLl. ol arrlvammo a un emporlo dl vlLa per vlagglaLorl venuLl da
lonLano, dove sl poLevano comprare le cose plu dlsparaLe, dal quaslvlLa al crlsLalll dl ghlacclo empaLlco.
lnflne pranzammo ln una plccola LraLLorla sulle rlve del flume 1ver, dove l Llpl che non apparLenevano ad
alcuna Corporazlone venlvano servlLl senza LanLe sLorle. uleLro lnslsLenza dl Cormon, ordlnammo del
mucchleLLl dl una qualche morblda pasLa e bevemmo un vlno color glallo acerbo, speclallLa locall.
1ermlnaLo dl pranzare, passammo soLLo un porLlco coperLo, nelle cul numerose corsle vendlLorl pancluLl
vendevano mercl glunLe dalle sLelle, cosLosl nlnnoll dell'Afrlk e gll eslll prodoLLl delle ManlfaLLure locall.
ul la enLrammo ln una plazza, con al cenLro una fonLana a forma dl barca, dalla parLe opposLa sl alzava
una lunga Leorla dl gradlnl dl pleLra, spezzaLl e sbocconcellaLl, che conduceva a un'area lngombra dl
deLrlLl e dl erbacce.
Cormon cl fece cenno dl segulrlo, LuLL'e Lre cl arramplcammo faLlcosamenLe, aLLraversammo quella zona
desolaLa, e arrlvammo a un sonLuoso palazzo, che pareva dell'lnlzlo del Secondo Clclo, o magarl perflno
del rlmo, e domlnava una colllna coperLa dl vegeLazlone.
- ulcono che quesLo sla ll cenLro della 1erra - dlchlar Cormon. - Anche a !orslem c'e un luogo che
rlvendlca lo sLesso onore. CuesLo e conLrassegnaLo con un mappamondo.
- Ma come fa ad avere un cenLro, la 1erra, se e una sfera? - domand Avluela.
Cormon rlse. LnLrammo. uenLro, nell'oscurlLa lnvernale, splccava un colossale mappamondo lnglolellaLo
e lllumlnaLo da una luce lnLerna.
- Lcco qul ll vosLro planeLa! - dlsse Cormon con un amplo gesLo.
- Ch! - dlsse Avluela senza flaLo. - C'e LuLLo! roprlo LuLLo!
L'oggeLLo era un capolavoro dell'arLlglanaLo. MosLrava LuLLl l conLornl e l rlllevl naLurall: l marl
sembravano pozze llqulde, l deserLl erano cosl arldl da far venlre seLe solo a guardarll e le clLLa erano
Lurglde dl vlLa. Csserval l conLlnenLl: Lyrop, Afrlk, Als, SLralya. ConLemplal la vasLlLa dell'Cceano
1erresLre. ALLraversal la sLrlscla doraLa del onLe dl 1erra, che avevo percorso LanLo faLlcosamenLe a
pledl non molLo Lempo prlma. Avluela sl preclplL avanLl e lndlc 8oum, AgupL, !orslem, errls.
Accarezz le alLre monLagne a nord dell'lnd, e mormor: - Lcco, qul sono naLa lo: dove ll ghlacclo vlve
eLernamenLe, e la monLagna Locca le lune. Cul gll AlaLl hanno ll loro regno! - ol fece scorrere ll dlLo
verso ovesL, ln dlrezlone dl lars e olLre, nel Lerrlblle ueserLo Arblano, e ancora olLre, flno ln AgupL. -
Cul ho volaLo per la prlma volLa, dl noLLe, quando dlvennl donna. 1uLLe dobblamo volare, e lo sono
volaLa la. Mllle volLe ho creduLo dl morlre. Cul, proprlo qul nel deserLo, menLre ero ln volo, la gola ml sl
e rlemplLa dl sabbla, le all ml sl sono faLLe pesanLl e ml hanno cosLreLLa a scendere, sono rlmasLa nuda
sulla sabbla ardenLe, per glornl e glornl, flnche un alLro AlaLo ml ha vlsLa, ha avuLo compasslone dl me, e
ml ha sollevaLa Lra le sue braccla. una volLa ln alLo, ml sono LornaLe le forze e slamo volaLl lnsleme verso
l'AgupL. Ma lul e morLo nel mare. La sua vlLa sl e spezzaLa, benche fosse glovane e forLe, e caduLo
nell'oceano e lo ml sono posaLa accanLo a lul, per sLargll vlclno. L'acqua era calda anche dl noLLe. Sono
andaLa alla derlva flno al maLLlno, ho vlsLo le pleLre vlve che crescevano come alberl nel mare e l pescl
varloplnLl che venlvano a mordere la carne del mlo compagno che glaceva sull'acqua, con le all aperLe.
Allora l'ho splnLo verso ll fondo, perche rlposasse ln pace, e sono fugglLa verso AgupL, sola, plena dl
spavenLo. L la ho lnconLraLo Le, vedeLLa. - Sorrlse con Llmldezza. - Adesso, vedeLLa, mosLracl l luoghl
della Lua glovenLu. laLlcosamenLe, perche le glnocchla ml sl erano lmprovvlsamenLe lrrlgldlLe, zopplcal
flno all'alLra faccla del globo. Avluela ml segul. Cormon, lnvece, rlmase lndleLro, per nlenLe lnLeressaLo.
lndlcal le lsole che spunLano ln due lunghe sLrlsce dall'Cceano 1erresLre, l resLl del ConLlnenLl Scomparsl.
- Cul - dlssl lndlcando la mla lsola naLale, a ovesL. - Sono naLo qul.
- Cosl lonLano! - esclam Avluela.
- Sl, e LanLo Lempo fa - dlssl lo. - Ancora nel Secondo Clclo, qualche volLa ml sembra!
- Ma no, e lmposslblle! - L ml guard come se davvero poLessl avere mlgllala dl annl.
Sorrlsl e le sfloral la guancla dl seLa. - Po deLLo "ml sembra" - dlssl.
- Cuando Le ne sel andaLo da casa?
- Cuando avevo ll dopplo della Lua eLa. rlma dl LuLLo sono venuLo qul - e lndlcal ll gruppo dl lsole
orlenLall. - er dodlcl annl ho faLLo la vedeLLa su alash. ol la volonLa ml ha porLaLo ad aLLraversare
l'Cceano 1erresLre e a LraLLenerml ln Afrlk. Sono vlssuLo per un po' nel paesl caldl, pol ml sono LrasferlLo
ln AgupL. L la ho lnconLraLo una plccola AlaLa... - 1acqul, guardando a lungo le lsole che erano sLaLe la
mla casa, e ml rlvldl non plu vecchlo e curvo come ero ln quel momenLo, ma, glovane e robusLo, sallre le
monLagne verdl, nuoLare nelle fresche acque del mare, e complere la mla vlgllanza sopra una splaggla
blanca, orlaLa dl spuma.
8lmasl ll, a medlLare. Avluela sl sLacc da me, and da Cormon e gll dlsse: - Adesso Locca a vol.
MosLraLecl da dove venlLe, ulverso!
Lul sl sLrlnse nelle spalle. - Cuel posLo non sl Lrova, su quesLo globo.
- Ma e lmposslblle!
- Ah sl? - dlsse lul.
Avluela lnslsLe ancora, ma Cormon non cedeLLe, lnflne, usclmmo dl nuovo nella sLrada, aLLraverso una
porLa.
Comlnclavo a senLlrml sLanco, ma Avluela, avlda dl cose nuove, voleva dlvorarsl l'lnLera clLLa ln un
pomerlgglo. Cosl cl lnolLrammo ln un lablrlnLo dl vlcoll. ALLraversammo un quarLlere dl palazzl sclnLlllanLl
rlservaLl al adronl e al MercanLl, pol ll covo dl ServlLorl e vendlLorl, che arrlvava flno alle caLacombe
soLLerranee, vlslLammo ll luogo dl rlLrovo dl Clown e Muslcl, e la sede dove la Corporazlone del
Sonnambull offrlva l suol dubbl servlzl. una grassa Sonnambula cl preg dl enLrare e comprare la verlLa
che vlene aLLraverso la Lrance. Avluela avrebbe voluLo provare, ma Cormon scosse la LesLa, lo sorrlsl e
prosegulmmo ll cammlno. Lravamo glunLl a un parco, nel cenLro della clLLa. Ll, gll ablLanLl dl 8oum
passegglavano con una vlvaclLa che raramenLe sl vedeva nell'assolaLo AgupL, cl unlmmo a loro.
- CuardaLe la - grld Avluela - come lucclca!
L lndlc l'arco sclnLlllanLe dl una sfera dlmenslonale che cerLo racchludeva qualche prezlosa rellqula del
passaLo. 8lparandoml gll occhl con la mano, rluscll a dlsLlnguere un muro dl pleLra roso dalle lnLemperle,
e una plccola folla dl genLe. - L la 8occa della verlLa - dlsse Cormon.
- Che cos'e? - domand Avluela.
- venlLe a vedere.
una flla dl persone aspeLLava dl enLrare nella sfera. Cl meLLemmo ln coda anche nol, e presLo fummo
sulla soglla, a sblrclare nella reglone senza Lempo che cl sl aprlva davanLl. non sapevo perche a quella
rellqula fosse sLaLa accordaLa una proLezlone LanLo parLlcolare, e percl chlesl schlarlmenLl a Cormon,
che, ln maLerla, doveva saperne quanLo un 8lcordaLore. - erche quesLo e ll regno della cerLezza, dove
LuLLo quello che sl dlce corrlsponde perfeLLamenLe alla verlLa - rlspose lul.
- non caplsco - dlsse Avluela.
- L lmposslblle menLlre, qul denLro - dlsse Cormon. - 8lusclLe a lmmaglnare una rellqula plu
merlLevole dl proLezlone? - LnLr nel corrldolo d'lngresso, Lremolando nel varcare la soglla, e lo lo
segull. Avluela eslL un lsLanLe sulla soglla, come se ll venLo che sofflava lungo la llnea dl demarcazlone
Lra ll mondo esLerno e l'unlverso ln mlnlaLura che cl aveva lngolaLl le lmpedlsse dl avanzare.
La 8occa della verlLa era racchlusa ln uno scomparLlmenLo lnLerno. La flla dl vlslLaLorl sl allungava verso
dl essa e un ClasslflcaLore conLrollava l'afflusso al Labernacolo. ass un po' dl Lempo prlma che cl
permeLLessero dl enLrare. lnflne, cl Lrovammo davanLl alla LesLa feroce dl un mosLro ln alLorlllevo, flssaLa
a un muro anLlco, segnaLo dal Lempo. Le mascelle del mosLro erano spalancaLe e la bocca aperLa
mosLrava una cavlLa scura e slnlsLra. Cormon la osserv con plccoll cennl dl approvazlone, come se fosse
soddlsfaLLo dl Lrovarla proprlo come sl era aspeLLaLo.
- Cosa facclamo, adesso? - domand Avluela.
Senza eslLare, Cormon dlsse: - vedeLLa, meLLeLe la mano desLra nella 8occa della verlLa.
Lo acconLenLal, corrugando la fronLe.
- Cra - conLlnu Cormon - uno dl nol fara una domanda. vol dovreLe rlspondere. Se non dlreLe la
verlLa, la bocca sl chludera e vl Lrancera la mano.
- no! - grld Avluela.
llssal, a dlsaglo, le faucl dl pleLra lnLorno alla mla mano. una vedeLLa senza una mano e un uomo senza
lavoro, duranLe ll Secondo Clclo, sl sarebbero poLuLe acqulsLare proLesl plu perfeLLe della mano sLessa,
ma ll Secondo Clclo era concluso da molLo Lempo, e ormal Lall rafflnaLezze non eslsLevano plu sulla
1erra.
- Com'e posslblle una cosa slmlle? - domandal.
- La volonLa e parLlcolarmenLe forLe, ln quesLo luogo - rlspose Cormon - e fa dlsLlnzlone neLLa Lra
verlLa e menzogna. uleLro a quesLo muro dormono Lre Sonnambull, aLLraverso l quall la volonLa parla, e
che conLrollano la 8occa. AveLe paura della volonLa, vedeLLa?
- Po paura della mla llngua.
- SlaLe coraggloso. nessuno ha mal pronunclaLo menzogne davanLl a quesLo muro. nessuno cl ha mal
perso una mano.
- AvanLl, allora - dlssl. - Chl vuol farml la domanda?
- lo - dlsse Cormon. - ulLeml, ln LuLLa slncerlLa, sleLe cerLo che una vlLa spesa a vlgllare sla spesa
sagglamenLe?
1acqul per un lungo lsLanLe, rlmuglnando l mlel penslerl, e Lenendo d'occhlo la 8occa.
lnflne dlssl: - uedlcare se sLessl alla vlgllanza per ll bene del genere umano e forse l'ldeale plu noblle
che un uomo possa servlre.
- ALLenLo! - grld Cormon, allarmaLo.
- non ho ancora flnlLo - dlssl lo.
- AvanLl, allora.
- Ma dedlcare se sLessl alla vlgllanza, se ll nemlco e puramenLe lmmaglnarlo, e follla, e congraLularsl
con se sLessl per aver cercaLo a lungo un nemlco che non compare mal e sclocco e peccamlnoso. La mla
vlLa e sprecaLa.
Le mascelle della 8occa della verlLa non ebbero ll mlnlmo fremlLo.
Sfllal la mano e la flssal a lungo, come se fosse appena spunLaLa dal polso. Ml senLll all'lmprovvlso
vecchlo dl molLl clcll. Le pupllle dllaLaLe, le manl sulle labbra, Avluela sembrava sconvolLa dalle mle
parole, che resLavano come sospese nell'arla, pleLrlflcaLe, davanLl all'ldolo mosLruoso.
- AveLe parlaLo onesLamenLe - dlsse Cormon - anche se non aveLe avuLo pleLa per vol sLesso. vl
gludlcaLe Lroppo severamenLe, vedeLLa.
- Po parlaLo per salvare la mla mano. volevaLe che menLlssl?
Lul sorrlse. ol, rlvolLo ad Avluela, dlsse: - 1occa a vol.
vlslbllmenLe spavenLaLa, la plccola AlaLa sl avvlcln alla 8occa della verlLa. La sua mano mlnuscola
Lremava, menLre lel la lnfllava Lra le faucl dl pleLra. roval l'lmpulso dl geLLarml su dl lel e dl sLrapparla a
quel mascherone dlabollco.
- Chl la lnLerroghera? - domandal.
- lo - dlsse Cormon.
Le all dl Avluela Lremavano leggermenLe, soLLo gll lndumenLl. La sua faccla era lmpallldlLa, le narlcl
vlbravano, e ll labbro superlore era un poco scosLaLo dall'alLro. Se ne sLava appogglaLa al muro, flssando
lnorrldlLa ll bracclo che scomparlva nella gola del mosLro. luorl, le flgure LremolanLl degll alLrl vlslLaLorl
comlnclavano a lmpazlenLlrsl e, ognl LanLo, sblrclavano denLro, un po' lrrlLaLe. Ma nol non ce ne
curavamo. L'aLmosfera, calda e applcclcosa, aveva ll senLore dl muffa dl un pozzo scavaLo negll sLraLl del
1empo.
LenLamenLe, Cormon dlsse: - La noLLe scorsa aveLe permesso al rlnclpe dl 8oum dl possedere ll vosLro
corpo. rlma dl allora, vl eravaLe concessa al ulverso Cormon, anche se Lall unlonl sono prolblLe dall'uso
e dalla legge. L, molLo Lempo prlma, eravaLe sLaLa la compagna dl un AlaLo, ora morLo. lorse aveLe
conoscluLo alLrl uomlnl, dl cul lo non so, ma quesLo, agll effeLLl della mla domanda, non ha lmporLanza.
ulLeml solLanLo quesLo, Avluela: quale del Lre vl ha daLo ll placere flslco plu grande, quale del Lre ha
susclLaLo ln vol le emozlonl plu profonde, e quale del Lre sceglleresLe come compagno, se dovesLe
scegllerne uno?
Avrel voluLo proLesLare che le aveva faLLo Lre domande lnvece dl una, e che quesLo era sleale. Ma non
ebbl ll Lempo dl parlare, perche Avluela gll sLava gla rlspondendo, slcura, la mano profondamenLe
lncuneaLa nella 8occa della verlLa: - ll rlnclpe dl 8oum ml ha daLo ll placere flslco plu grande che lo
abbla mal provaLo, ma e freddo e crudele, e lo dlsprezzo. CuanLo al mlo povero AlaLo... non ho mal
amaLo nessun alLro quanLo lul, ma era debole, e non vorrel scegllere un debole per compagno. vol,
Cormon, ml sembraLe anche ora uno sLranlero, e senLo che non conosco ne ll vosLro corpo, ne la vosLra
anlma, eppure, malgrado ll baraLro che cl dlvlde sla lmmenso, e con vol che vorrel passare l mlel glornl
fuLurl.
L sfll la mano dalla 8occa della verlLa.
- 8en deLLo! - esclam Cormon, anche se la preclslone dl quelle parole l'aveva chlaramenLe ferlLo e
rallegraLo al Lempo sLesso. - 1uLL'a un LraLLo dlvenLaLe eloquenLe, eh? Cuando le clrcosLanze lo
rlchledono. L adesso Locca a me rlschlare la mano.
Sl avvlcln al mosLro. lo dlssl: - AveLe faLLo vol le prlme due domande. voleLe compleLare l'opera e fare
anche la Lerza?
- no. - ol fece un gesLo noncuranLe con la mano llbera e agglunse: - ConsulLaLevl e meLLeLevl
d'accordo su una domanda comune. Coragglo!
Avluela e lo confabulammo per qualche lsLanLe. Con lnaspeLLaLa pronLezza, lel propose una domanda: e
polche era proprlo quella che avrel voluLo fare anch'lo, acceLLal sublLo e le dlssl dl porla.
- Cuando sLavamo davanLl a quell'enorme mappamondo, Cormon - comlncl la ragazza - vl ho
chlesLo dl mosLrarml ll luogo ln cul sleLe naLo, e aveLe deLLo che non era su quella sfera. Ml e sembraLo
molLo sLrano. Cra, dlLeml: sleLe veramenLe quello che dlchlaraLe dl essere, un ulverso ln glro per ll
mondo?
- no - rlspose lul.
ln un cerLo senso, aveva gla rlsposLo alla domanda formulaLa da Avluela, ma andava da se che la rlsposLa
non era sufflclenLe, qulndl, senza Logllere la mano dalla 8occa della verlLa, lul conLlnu: - non vl ho
mosLraLo ll luogo ln cul sono naLo perche non sono dl quesLo planeLa, ma vengo da una sLella che non
posso nomlnare. non sono un ulverso, nel senso che vol daLe alla parola, benche, ln un cerLo alLro
senso, lo sla, ln quanLo ll mlo corpo e mascheraLo, e nel mlo mondo lo porLo una carne dlversa. vlvo qul
da dlecl annl.
- L perche sleLe venuLo sulla 1erra? - domandal.
- Sarel obbllgaLo a rlspondere a una sola domanda - dlsse lul, sorrldendo, - ma vl dar ugualmenLe
una rlsposLa: sono sLaLo lnvlaLo qul come osservaLore mlllLare, per preparare la vla all'lnvaslone per cul
vlgllaLe da LanLo Lempo, nella quale aveLe smesso dl credere e che vl Lravolgera Lra poche ore.
- /'n7)gn'A - grldal sdegnaLo. - 1uLLe menzogne!
Cormon rlse. L lev la mano dalla 8occa della verlLa, llleso.

6

Confuso e sLordlLo, fuggll con l mlel sLrumenLl da quella sfera lucclcanLe e ml rlLroval ln una sLrada
fredda e bula. La noLLe era scesa con rapldlLa lnvernale. Lra quasl l'ora nona, e presLo avrel dovuLo
vlgllare ancora.
L'lronla dl Cormon ml rlmbombava nel cervello. Aveva preparaLo ognl cosa: cl aveva faLLl enLrare nella
8occa della verlLa, e aveva sLrappaLo una confesslone dl lncredullLa a me e una d'alLro genere ad
Avluela. Aveva spleLaLamenLe daLo lnformazlonl che nessuno gll aveva chlesLo, pronunclaLo parole
calcolaLe apposLa per ferlrml nel profondo.
La 8occa della verlLa era dunque un lnganno? Lra posslblle che Cormon menLlsse e ne usclsse llleso?
Mal, da quando avevo lnLrapreso la mla mlsslone, avevo vlgllaLo ln ore dlverse da quelle assegnaLeml.
Ma adesso la realLa sl sgreLolava davanLl al mlel occhl: non poLevo aspeLLare l'ora nona. Ml accoccolal
nella sLrada LorLuosa, spalancal lo sLlpo, slsLemal l'aLLrezzaLura e ml Luffal come un subacqueo nelle
profondlLa della vlgllanza.
La mla cosclenza ampllflcaLa sl proLese verso le sLelle.
uelflcaLo, spazlal nell'lnflnlLo. SenLll ll sofflo del venLo solare, ma non ero un AlaLo per essere dlsLruLLo
dalla sua presslone, e conLlnual a lnnalzarml, olLre la porLaLa delle rabblose parLlcelle dl luce,
nell'oscurlLa, al llmlLare del regno del sole. Ma, all'lmprovvlso, senLll sopra dl me una presslone dlversa.
navl spazlall sl avvlclnavano.
non sl LraLLava delle navl dl llnea che porLavano l LurlsLl a vlslLare ll nosLro povero mondo. L neanche del
sollLl vascelll mercanLlll, ne delle navl clsLerna che vanno a raccogllere l vaporl lnLersLellarl, e neppure dl
apparecchl per le comunlcazlonl sulle loro orblLe lperbollche.
Lrano navl mlllLarl, scure, mlnacclose, sconoscluLe. non rlusclvo a conLarle. Sapevo solLanLo che sLavano
preclplLandosl verso la 1erra, a una veloclLa molLo superlore a quella della luce, formando lnnanzl a se
un cono dl energla. Ld era quel cono che senLlvo, che avevo avverLlLo la noLLe prlma, e che ora
rlmbombava nella mla menLe aLLraverso l mlel sLrumenLl, lngolandoml come un cubo dl crlsLallo
aLLraverso ll quale glocano e brlllano flgure prodoLLe dalla deformazlone.
1uLLa la vlLa avevo vlgllaLo per quesLo.
Lro sLaLo addesLraLo ad avverLlre quella sensazlone. Avevo pregaLo ll clelo che non ml caplLasse mal dl
sperlmenLarla, e pol, nel mlo vuoLo lnLerlore, avevo lnvece speraLo ll conLrarlo, lnflne, avevo smesso dl
credercl. L ora, grazle a Cormon, ll ulverso, l'avevo avverLlLa ugualmenLe, vlgllando prlma del Lempo,
accovacclaLo ln quella sLrada roumana, appena fuorl dalla 8occa della verlLa.
uuranLe l'addesLramenLo, sl lnsegna alla vedeLLa a sLrapparsl allo sLaLo dl vlgllanza, non appena le
osservazlonl vengano confermaLe da un accuraLo conLrollo, ln modo che essa possa lanclare l'allarme.
ubbldlenLe, esegull ll conLrollo, passando da un canale all'alLro, a un alLro ancora, Lrlangolando, ma
sempre percepll l'angosclosa sensazlone dl una forza LlLanlca che sLava per rovesclarsl sulla 1erra, a
veloclLa lnlmmaglnablll.
C lo ml lngannavo, o quella era l'lnvaslone. Ma non rlusclvo a scuoLerml dalla mla Lrance, per dare
l'allarme.
lmmerso ln un lnvlnclblle, affasclnanLe Lorpore, conLlnual a sorblre l daLl sensorlall per un Lempo che ml
sembr lnflnlLo. Accarezzavo l mlel sLrumenLl, assaporando da essl la LoLale affermazlone dl fede che ml
davano le mle rllevazlonl. CscuramenLe, caplvo dl perdere Lempo prezloso, menLre avrel dovuLo
sLrapparml a quella langulda carezza del desLlno per avverLlre l ulfensorl.
L lnflne uscll dl vlgllanza e Lornal nel mondo che dovevo proLeggere.
Avluela sLava accanLo a me, sgomenLa, LerrorlzzaLa, mordendosl le nocche delle dlLa.
- vedeLLa, vedeLLa, ml senLl? Cosa succede? Cosa sLa per caplLare?
- L'lnvaslone - dlssl. - CuanLo ho vlgllaLo?
- Mezzo mlnuLo. non so dl preclso. Avevl gll occhl chlusl. Po creduLo che fossl morLo.
- Cormon ha deLLo la verlLa! L'lnvaslone e alle porLe. uov'e lul? uov'e andaLo?
- L scomparso menLre usclvamo dalla casa della 8occa - balbeLL Avluela. - vedeLLa, ho paura. SenLo
che LuLLo sLa crollando. uevo volare... non posso fermarml qul a Lerra, ora!
- AspeLLa - dlssl cercando dl agguanLarla per un bracclo. - non andarLene sublLo. uevo dare
l'allarme, pol...
Ma lel sLava gla sLrappandosl gll lndumenLl dl dosso. ll suo corpo cereo, nudo flno alla vlLa,
blanchegglava nella luce della sera, menLre LuLL'lnLorno a nol la genLe conLlnuava ad affannarsl al proprl
affarl, lgnara dl quello che sLava per accadere. Avrel voluLo LraLLenere Avluela con me, ma non poLevo
plu aspeLLare a dare l'allarme. Cosl la lasclal e Lornal al mlo carrello.
Agendo come ln un sogno naLo da deslderl nuLrlLl Lroppo a lungo, cercal ll pulsanLe che non avevo mal
usaLo, quello che avrebbe messo lsLanLaneamenLe all'erLa l ulfensorl dl LuLLo ll planeLa.
Lra gla sLaLo daLo, l'allarme? lorse qualche alLra vedeLLa aveva senLlLo cl che avevo senLlLo lo e, meno
lnvlschlaLa dallo sLupore e dal dubblo, aveva compluLo l'esLremo dovere dl una vedeLLa?
no, no. AlLrlmenLl avrel senLlLo l'urlo delle slrene echegglare dagll alLoparlanLl orblLanLl sopra la clLLa.
Sfloral ll pulsanLe. Con la coda dell'occhlo vldl Avluela, ormal llbera da ognl lmpedlmenLo, lnglnocchlarsl,
pronunclare le parole dl rlLo, e LrasmeLLere forza alle sue Lenere all. 1ra un aLLlmo sarebbe sLaLa ln alLo,
fuorl della mla porLaLa.
Con un solo gesLo rapldo e preclso, aLLlval l'allarme.
nel medeslmo lsLanLe, vldl una flgura vlgorosa venlre verso dl nol. Lra cerLamenLe Cormon. Lasclal gll
sLrumenLl e cercal dl afferrarlo, dl Lenerlo saldo. Ma non era Cormon. Lra uno del sollLl odlosl ServlLorl.
Crld ad Avluela: - Lhl, calma, bamblna. 8lplega le all. ll rlnclpe dl 8oum Ll vuole alla sua presenza.
L le sl avvlnghl alle cavlglle. Cll occhl dl Avluela lanclarono flamme, l suol plccoll senl sussulLarono.
- Lasclaml! vogllo volare!
- ll rlnclpe dl 8oum Ll manda a chlamare - dlsse ll ServlLore, sLrlngendola nelle sue braccla vlgorose.
- ll rlnclpe dl 8oum avra ben alLre dlsLrazlonl, quesLa noLLe - dlssl lo. - non avra cerLamenLe blsogno
dl lel.
MenLre parlavo, le slrene comlnclarono a suonare dal clelo.
ll ServlLore lascl la presa. La sua bocca sl aprl due o Lre volLe lnuLllmenLe. ol fece una delle lnvocazlonl
proLeLLlve alla volonLa, guard ln alLo e dlsse: - L'allarme! Chl ha daLo l'allarme? 1u, vecchla vedeLLa?
La genLe comlncl a correre nelle sLrade, come lmpazzlLa.
Avluela, llbera, ml sfreccl accanLo, a pledl, le all a meLa dlschluse, e fu lnghloLLlLa dalla folla urlanLe.
Sopra ll suono LerrlflcanLe delle slrene, rlmbombavano l messaggl del pubbllcl annunclaLorl, che davano
le lsLruzlonl necessarle per la dlfesa. un uomo alLo e dlnoccolaLo, con ll marchlo del ulfensorl lmpresso
sulla guancla, ml sl avvlcln gesLlcolando, url parole Lroppo lncoerenLl perche poLessl caplre, e corse vla
lungo la sLrada. ll mondo pareva ln preda alla follla.
SolLanLo lo resLavo calmo. Cuardal ln clelo, aspeLLandoml quasl dl scorgere le navl nere degll lnvasorl
spunLare sopra le Lorrl dl 8oum. Ma vldl solLanLo le lucl noLLurne e l comunl oggeLLl vlslblll nella noLLe:
nlenL'alLro.
- Cormon! - chlamal. - Avluela!
Lro solo.
uno sLrano senso dl vuoLo ml avvolse. Avevo daLo l'allarme. Cll lnvasorl erano ln vlagglo. L avevo perso
la mla occupazlone: non c'era plu blsogno dl vedeLLe, ormal. Sfloral, quasl ln una carezza, ll carrello che
ml era sLaLo compagno lnseparablle per LanLl annl. Lasclal scorrere le dlLa sugll sLrumenLl rugglnosl e
ammaccaLl. ol glral la LesLa e abbandonal LuLLo, lncammlnandoml per la sLrada bula senza ll mlo sollLo
fardello: un uomo che aveva LrovaLo e perduLo nello sLesso lsLanLe la sua raglone dl vlLa. lnLorno a me
lnfurlava ll caos.

N

Lra lnLeso che quando per la 1erra fosse glunLo ll momenLo della baLLaglla flnale, LuLLe le Corporazlonl
sarebbero sLaLe moblllLaLe, Lranne le vedeLLe. er nol che avevamo servlLo per LanLo Lempo la dlfesa,
non cl sarebbe sLaLo plu posLo nella sLraLegla della baLLaglla, saremmo sLaLl congedaLl comunlcando ll
vero allarme. Cra era venuLo ll momenLo per l ulfensorl dl mosLrare le loro capaclLa. ua mezzo clclo
progeLLavano cl che avrebbero faLLo ln Lempo dl guerra. Cuall planl poLevano offrlre, ora? Cuall
aLLacchl avrebbero sferraLo?
Cra non dovevo far alLro che Lornarmene alla foresLerla reale e aspeLLare la rlsoluzlone della crlsl. lnuLlle
pensare dl rlLrovare Avluela, ln quella confuslone: ml rlmproveravo aspramenLe dl essermela lasclaLa
sfugglre, cosl, LuLLa nuda e lndlfesa ln quel caos. uove sarebbe andaLa? Chl l'avrebbe proLeLLa?
un'alLra vedeLLa, che correva come lmpazzlLa splngendo ll suo carrello, ml urL. - ALLenLo! - grldal.
L'uomo guard ln su, anslmanLe, sgomenLo. - Ma e vero? - dlsse. - L'allarme?
- non lo senLl?
- Ma e proprlo vero?
Cll lndlcal l suol sLrumenLl. - Sal come sl fa a conLrollare - dlssl.
- ulcono che chl ha daLo l'allarme e un ubrlaco, un vecchlo che hanno cacclaLo lerl dall'CsLello.
- u darsl.
- Ma se l'allarme fosse vero?...
- Se lo e, LuLLl nol posslamo rlposare. 8uon dlverLlmenLo, vedeLLa!
- ll Luo carrello! uov'e ll Luo carrello? - ml grld dleLro.
Ma lo me l'ero gla lasclaLo alle spalle, e ml dlrlgevo verso ll possenLe obellsco dl pleLra scolplLa, resLo
dell'anLlchlsslma 8oum lmperlale.
Su quella colonna erano scolplLe lmmaglnl anLlche: baLLaglle e vlLLorle, monarchl sLranlerl che
cammlnavano lncaLenaLl per le sLrade della clLLa, menLre le aqulle Lrlonfall celebravano la glorla degll
lmperaLorl. nella mla sLrana, nuova calma, rlmasl un poco a guardare la rellqula dl pleLra, ammlrandone
l'eleganza del rlllevl. u'un LraLLo vldl una flgura correre freneLlca verso dl me e rlconobbl 8asll, ll
8lcordaLore. Lo saluLal, dlcendo: - ArrlvaLe a proposlLo! laLeml la corLesla dl splegarml quesLl alLorlllevl.
Ml affasclnano e ml lncurloslscono.
- Ma sleLe lmpazzlLo? non senLlLe l'allarme?
- L'ho daLo lo, 8lcordaLore.
- L allora, fugglLe! Arrlvano gll lnvasorl, blsogna combaLLere!
- lo no, 8asll. ll mlo complLo e flnlLo. arlaLeml dl quesLe flgure, dl quesLl re sconflLLl, dl quesLl
lmperaLorl baLLuLl. un uomo della vosLra eLa non pu cerLo combaLLere...
- 1uLLl sono moblllLaLl, adesso.
- 1uLLl, meno le vedeLLe - dlssl. - AspeLLaLe un aLLlmo. ll passaLo ml ha sempre aLLraLLo. Cormon e
scomparso: slaLe vol la mla gulda, ln quesLl clcll perduLl.
ll 8lcordaLore scosse la LesLa, ml glr lnLorno e cerc dl svlgnarsela. lo fecl un balzo, cercando dl
afferrarlo per lo scarno bracclo e dl LraLLenerlo, ma lul ml scarL bruscamenLe e rluscll solo ad
acchlappare la sua sclarpa nera, che sl sclolse e ml resL ln mano, menLre ll vecchlo se la dava a gambe
glu per la sLrada, scomparendo alla mla vlsLa. Ml sLrlnsl nelle spalle e osserval la sclarpa. Lra lnLessuLa dl
lucenLl flll meLalllcl, slsLemaLl ln dlsegnl compllcaLl, che lngannavano l'occhlo: sembrava che clascun fllo
scomparlsse nella Lrama del LessuLo, solo per rlcomparlre plu ln la, ln qualche punLo lmpensaLo, come
llnee dlnasLlche che rlsusclLavano lnaspeLLaLamenLe ln clLLa lonLane. Lra un lavoro superbo. Con gesLo
noncuranLe, ml geLLal la sclarpa sulle spalle.
ol m'lncammlnal.
Le mle gambe, che quasl sl erano rlfluLaLe dl servlrml poco prlma, ora facevano ll loro dovere. Come
rlnglovanlLo, ml orlenLal facllmenLe nel caos della clLLa: arrlval al flume, lo aLLraversal e, dall'alLra parLe
del 1ver, cercal ll alazzo del rlnclpe. La noLLe sl era faLLa plu bula, perche quasl LuLLe le lucl erano sLaLe
spenLe ln base all'ordlne dl moblllLazlone, dl quando ln quando, un sordo boaLo avverLlva che sopra la
nosLra LesLa era esplosa una bomba fumogena, che llberava nubl dl fullgglne nera per dlfendere la clLLa
da varle forme d'osservazlone a dlsLanza. C'erano pochl passanLl, nelle sLrade, e le slrene conLlnuavano a
urlare. ln clma agll edlflcl le lnsLallazlonl dlfenslve enLravano ln azlone: udll ll caraLLerlsLlco suono del
repulsorl che comlnclavano a scaldarsl, e vldl le anLenne degll ampllflcaLorl allungarsl da una Lorre
all'alLra, menLre sl collegavano per oLLenere una poLenza masslma. Cra non avevo plu dubbl che
l'lnvaslone fosse alle porLe. l mlel sLrumenLl sl sarebbero anche poLuLl sbagllare, LraLLl ln lnganno dalla
mla confuslone lnLerlore, ma non sarebbero mal andaLl LanLo ln la da moblllLare LuLLa la 1erra, se ll
rapporLo lnlzlale non fosse sLaLo confermaLo dal rllevamenLl dl cenLlnala dl alLrl membrl della mla
Corporazlone.
MenLre ml avvlclnavo al palazzo, due 8lcordaLorl ml corsero lnconLro, senza flaLo, le sclarpe svolazzanLl.
Ml grldarono qualcosa che non rluscll a caplre, forse una parola d'ordlne della loro Corporazlone, pensal,
rlcordandoml che porLavo la sclarpa dl 8asll. non rlsposl nlenLe, e quelll allora ml furono addosso e,
rlplegando su un llnguagglo comprenslblle agll uomlnl comunl, dlssero: - Che dlavolo faLe? Al vosLro
posLo! uobblamo osservare, reglsLrare, commenLare!
- vl sbagllaLe - dlssl pacaLamenLe. - CuesLo e lo sclalle del vosLro fraLello 8asll, che me l'ha lasclaLo ln
cusLodla. non ho nlenLe da fare, adesso.
- una vedeLLa! - grldarono all'unlsono. ol lmprecarono, uno alla volLa, e scapparono vla. lo scopplal
a rldere e ml dlressl verso ll palazzo.
l cancelll erano spalancaLl. l neuLrl che prlma presldlavano ll porLlco esLerno erano scomparsl, e con loro
anche l due ClasslflcaLorl. Cll lnfellcl che prlma affollavano la plazza sl erano rlfuglaLl nell'edlflclo sLesso,
per cercare rlparo. CuesLo aveva lnfurlaLo l mendlcanLl professlonlsLl, con regolare llcenza eredlLarla,
che sLazlonavano ablLualmenLe ln quella parLe dell'edlflclo e che sl erano scagllaLl conLro l'ondaLa dl
profughl con una ferocla e una forza lnsospeLLaLe. vldl sLorpl che mullnavano le grucce come se fossero
clave, clechl che mandavano a segno colpl con una preclslone da lasclare perplessl, umlll penlLenLl che
manegglavano arml dl ognl genere, dal pugnale alla plsLola sonlca. ManLenendoml esLraneo a quella
mlschla vergognosa, ml lnfllal nel recessl del palazzo, sblrclando nelle cappelle dove vedevo ellegrlnl
che lmploravano le benedlzlonl della volonLa e ComunlcaLorl che cercavano dlsperaLamenLe una gulda
splrlLuale per prevedere l'eslLo del prosslmo confllLLo.
lmprovvlsamenLe, sl senLlrono squllll dl Lrombe e grlda dl: EC"t' $"#g)A C"t' $"#g)AE-
un corLeo dl robusLl ServlLorl enLr nel palazzo, punLando declso verso le sLanze del rlnclpe,
nell'abslde. arecchl dl loro Lenevano ferma una flgureLLa che sl dlbaLLeva freneLlcamenLe, scalclando e
mordendo, le all a meLa dlschluse: Avluela! lo la chlamal, ma la mla voce fu coperLa dal frasLuono
generale. 1enLal dl ragglungerla, ma l ServlLorl ml splnsero da parLe, e ll corLeo sparl nell'apparLamenLo
reale, lnLravldl un'ulLlma volLa la plccola AlaLa, fraglle e palllda, nella sLreLLa del suol guardlanl, pol
scomparve dl nuovo.
Afferral per ll bavero un neuLro dalla faccla lnespresslva, che vagava, lndeclso, sulla scla del ServlLorl.
- Cuella plccola AlaLa! erche l'hanno porLaLa qul?
- Lul... lul... loro...
- arla!
- ll rlnclpe... la sua donna... ll suo cocchlo... lul... loro... gll lnvasorl...
AllonLanal con una splnLa quella creaLura ldloLa e ml preclplLal verso l'abslde. un muro dl rame, alLo plu
dl dlecl meLrl, ml sl par davanLl. Ml geLLal conLro e lo LempesLal dl pugnl. - Avluela! - urlal
selvagglamenLe. - A4--- $+--- 'i"A---
non ful ne scacclaLo, ne ammesso. lul sempllcemenLe lgnoraLo. ll baccano alle porLe occldenLall era
dllagaLo ora nella navaLa e nelle corsle, polche la marea LempesLosa del mendlcanLl avanzava nella mla
dlrezlone, glral sul Lacchl e lnfllal una delle porLe laLerall del palazzo.
Ml rlLroval nel corLlle che conduceva alla foresLerla, ln uno sLaLo dl passlvlLa anslosa. una sLrana
eleLLrlclLa creplLava nell'arla. lmmaglnal che provenlsse da qualche lnsLallazlone dlfenslva, una specle dl
ragglo desLlnaLo a proLeggere la clLLa dall'aLLacco. Ma, un lsLanLe dopo, ml accorsl che preannunclava
l'arrlvo degll lnvasorl.
lmprovvlsamenLe le asLronavl splendeLLero ln clelo.
Cuando le avevo scorLe duranLe la vlgllanza, ml erano parse nere, conLro la Lenebra lnflnlLa. Ma adesso
ardevano come soll. un nasLro dl globl durl e lucenLl come glolelll adornava ll clelo: l globl erano dlsposLl
uno accanLo all'alLro, da esL a ovesL, ln una llnea lnlnLerroLLa che formava un arco lmmenso, e quando sl
maLerlallzzarono slmulLaneamenLe davanLl al mlel occhl, ml sembr dl udlre ll suono dl una lnvlslblle
slnfonla che annunclasse l'arrlvo del conqulsLaLorl della 1erra.
non so a che alLezza sl Lenessero quelle navl, ne quanLe fossero, e neppure quall caraLLerlsLlche avesse
la loro sLruLLura. So solLanLo che, all'lmprovvlso, furono la, masslcce e maesLose, e che, se fossl sLaLo un
ulfensore, la mla anlma sarebbe venuLa meno, a quella vlsLa.
ol ll clelo fu solcaLo da sLrlsce dl luce varloplnLe: la baLLaglla era comlnclaLa. non poLevo comprendere
la sLraLegla del nosLrl combaLLenLl, e LanLo meno quella degll esserl venuLl per lmpossessarsl del nosLro
planeLa rlcco dl sLorla, sl, ma lndebollLo dal Lempo. Con mla somma vergogna, ml senLlvo non solo fuorl
dalla mlschla, ma al dl sopra dl quesLa, come se quanLo sLava accadendo non ml rlguardasse affaLLo.
Avrel voluLo Avluela accanLo a me, ma lel era nel alazzo del rlnclpe dl 8oum. erflno Cormon ml
sarebbe sLaLo dl conforLo, ora. Cormon ll ulverso. Cormon la spla. Cormon, ll mosLruoso LradlLore del
nosLro mondo.
u'un LraLLo, vocl enormemenLe ampllflcaLe Luonarono: - laLe largo al rlnclpe dl 8oum! ll rlnclpe dl
8oum gulda l ulfensorl nella loLLa per ll mondo del padrl!
ual palazzo emerse, sclnLlllanLe, un vellvolo ln forma dl lagrlma. nel meLallo lucenLe della cupola era
lnserlLa una lasLra LrasparenLe perche ll popolo vedesse ll monarca e sl rlncuorasse alla sua presenza. Al
comandl sedeva ll rlnclpe dl 8oum, ereLLo orgogllosamenLe, l llneamenLl asprl e crudell lrrlgldlLl ln
un'lncrollablle deLermlnazlone, e accanLo a lul, vesLlLa come un'lmperaLrlce, vldl la flgureLLa mlnuLa dl
Avluela, l'AlaLa. Sembrava ln Lrance.
ll cocchlo reale sl lnnalz verso l'alLo e sl perse nella foschla.
Ml sembr allora che un alLro vellvolo spunLasse all'lmprovvlso, dleLro quello del rlnclpe, e che pol
quello del rlnclpe rlapparlsse, e che LuLL'e due vorLlcassero ln glrl sempre plu sLreLLl, lmpegnaLl ln
baLLaglla. Cra, nubl dl sclnLllle azzurre avvolgevano l combaLLenLl, pol enLrambl punLarono verso l'alLo e
scomparvero lonLano, dleLro le colllne dl 8oum.
La baLLaglla lnfurlava forse su LuLLo ll planeLa, ormal. Anche errls, la sacra !orslem, e le sonnolenLe lsole
del ConLlnenLl Scomparsl erano ln perlcolo? Le asLronavl volavano ovunque? non poLevo saperlo.
vedevo solLanLo quello che accadeva ln un plccolo lembo del clelo dl 8oum, e ln modo confuso, lncerLo,
lmpreclso. ln momenLanel sprazzl dl luce, vldl baLLagllonl dl AlaLl rovesclarsl nel clelo, pol Lorn
l'oscurlLa, come se sulla clLLa fosse sLaLo geLLaLo un sudarlo dl velluLo. SenLll le grandl macchlne
dlfenslve Luonare con esploslonl lrregolarl dalla sommlLa delle Lorrl, e pol vldl ancora le asLronavl
lnLaLLe, lllese, lmmoblll. ll corLlle ln cul ml Lrovavo era deserLo, ma dl lonLano glungevano vocl plene dl
paura, Lenul come clngueLLll d'uccello. ul quando ln quando, un rombo scuoLeva la clLLa. una volLa, un
ploLone dl Sonnambull ml pass davanLl. nella plazza dl fronLe al palazzo vldl un gruppo dl Clown che
sLendeva una specle dl reLe sclnLlllanLe, dall'aspeLLo mlllLare. ln un lampo dl luce scorsl un Lrlo dl
8lcordaLorl che sl alzavano da Lerra su una zaLLera anLlgravlLazlonale, annoLando deLLagllaLamenLe LuLLo
quanLo succedeva. Ml sembr, ma non ne ero slcuro, che ll velcolo del rlnclpe dl 8oum sLesse
Lornando, lncalzaLo dal suo lnsegulLore. - Avluela - sussurral, menLre l due punLl dl luce scomparlvano
alla vlsLa. Le asLronavl vomlLavano gla Lruppe? lorse colossall colonne dl energla erano gla spunLaLe da
quelle lucl orblLanLl e Loccavano la superflcle LerresLre? erche ll rlnclpe sl era preso Avluela? uove era
Cormon? Che cosa facevano l nosLrl ulfensorl? erche le navl nemlche non erano sLaLe annlenLaLe?
Come radlcaLo agll anLlchl cloLLoll del corLlle, segull la baLLaglla cosmlca senza caplrcl nlenLe, per LuLLa la
noLLe.
venne l'alba: pennellaLe dl luce palllda comlnclarono ad allungarsl da una Lorre all'alLra. Ml sLroplcclal gll
occhl, pensando che dovevo aver dormlLo ln pledl. "lorse poLrel far domanda dl enLrare nella
Corporazlone del Sonnambull" dlssl a me sLesso. Ml sLrlnsl addosso la sclarpa del 8lcordaLore,
chledendoml come mal fosse ll sulle mle spalle: pol rlcordal.
Cuardal ln clelo.
Le navl sLranlere erano scomparse. vldl solLanLo ll famlllare clelo del maLLlno, grlglo, con qualche Locco
roseo. ol proval una sLreLLa al cuore, e cercal con gll occhl ll mlo carrello, ma rammenLal sublLo che non
dovevo plu vlgllare e ml senLll lnuLlle e vuoLo, molLo plu dl quanLo non cl sl senLa a quell'ora.
Lra flnlLa, la baLLaglla?
ll nemlco era sLaLo sconflLLo?
Le navl degll lnvasorl erano sLaLe lncenerlLe e glacevano ln rovlne fumanLl, LuLL'lnLorno a 8oum?
1uLLo era calmo. non senLlvo plu le slnfonle celesLlall, ma ln quella calma lnnaLurale pulsava un nuovo
suono, un rombo come dl velcoll a ruoLe che percorressero le sLrade della clLLa. L l Muslcl lnvlslblll
suonarono un'ulLlma noLa flnale, profonda e rlsonanLe, che dur a lungo e s'lnLerruppe bruscamenLe
come se LuLLe le corde sl fossero spezzaLe lnsleme.
uagll alLoparlanLl una voce Lranqullla dlsse: - 8oum e caduLa. 8oum e caduLa.

O

La foresLerla reale era abbandonaLa: neuLrl e ServlLorl erano fugglLl, ulfensorl, adronl e uomlnaLorl
dovevano essere perlLl onorevolmenLe ln combaLLlmenLo. Anche 8asll, ll 8lcordaLore, era scomparso: e,
con lul, LuLLl l suol confraLelll. Me ne andal ln camera mla, ml rlnfrescal e ml rlfoclllal: pol, raccolLe le mle
poche cose, dlssl addlo a LuLLo quel lusso che avevo gusLaLo per un Lempo LanLo breve. Ml splaceva dl
non aver poLuLo vlslLare mlnuLamenLe 8oum, ma almeno Cormon era sLaLa una gulda eccellenLe e ml
aveva mosLraLo le cose plu lmporLanLl.
Cra dovevo andarmene.
non era prudenLe resLare ln una clLLa conqulsLaLa. La cuffla pensanLe della mla camera non rlspondeva
plu alle domande, e cosl non poLevo conoscere la gravlLa della sconflLLa, ma era cerLo che almeno 8oum
non sl Lrovava plu soLLo ll conLrollo degll uomlnl, e deslderavo parLlre al plu presLo. resl ln
conslderazlone la posslblllLa dl andare a !orslem, come ml aveva suggerlLo ll ellegrlno, ma pol scelsl una
sLrada che porLava a ovesL, verso errls, quella clLLa non solo era plu vlclna, ma osplLava anche ll
quarLler generale del 8lcordaLorl. La mla occupazlone ormal era dlsLruLLa, ma ln quel prlmo maLLlno
della sconflLLa della 1erra, senLll all'lmprovvlso uno sLrano lmpulso che ml splngeva a offrlrml umllmenLe
al 8lcordaLorl, per cercare con loro Lra l resLl del nosLro passaLo glorloso.
A mezzoglorno lasclal la foresLerla. er prlma cosa andal al palazzo, che era ancora spalancaLo. l
mendlcanLl glacevano dapperLuLLo, alcunl drogaLl, alLrl addormenLaLl, la magglor parLe morLl. ual loro
corpl sLrazlaLl, capll che dovevano essersl ucclsl a vlcenda, presl dal panlco e da una furla freneLlca. un
ClasslflcaLore dall'arla depressa se ne sLava accoccolaLo presso l Lre Leschl del dlsposlLlvo
d'lnLerrogazlone, nella cappella. Cuando enLral, dlsse: - lnuLlle, l cervelll non rlspondono.
- Che ne e sLaLo del rlnclpe dl 8oum?
- MorLo. Cll lnvasorl hanno abbaLLuLo ll suo vellvolo.
- C'era una glovane AlaLa, con lul. SapeLe nlenLe dl lel?
- nlenLe. Sara morLa, suppongo.
- L la clLLa?
- CaduLa. Cll lnvasorl sono dovunque.
- Massacrl?
- no. neanche saccheggl - dlsse ll ClasslflcaLore. - Sono molLo corLesl. Cl hanno "preso ln possesso".
- SolLanLo a 8oum, o dapperLuLLo?
L'uomo sl sLrlnse nelle spalle, e comlncl a dondolarsl rlLmlcamenLe avanLl e lndleLro. Lo lasclal e ml
lnolLral ancor plu nel palazzo. Con mla grande sorpresa, l'apparLamenLo reale era aperLo. LnLral e, preso
da rlverenza per la rlcchezza sonLuosa dell'arredamenLo, passal da una sLanza all'alLra, flnche arrlval al
leLLo reale, cul faceva da colLrlce la carne dl una glganLesca blvalve provenlenLe da una sLella lonLana,
menLre la conchlglla sl dlschludeva per me, sfloral la superflcle lnflnlLamenLe sofflce sulla quale ll
rlnclpe dl 8oum era sollLo glacere, e rlcordal che anche Avluela era sLaLa ll. Se fossl sLaLo plu glovane,
sarel scopplaLo ln planLo.
Lasclal ll palazzo e aLLraversal lenLamenLe la plazza per lnlzlare ll mlo vlagglo verso errls.
MenLre ml allonLanavo, lnLravldl per la prlma volLa l conqulsLaLorl. un vellvolo dl forma sLranlera aLLerr
al cenLro della plazza, e ne uscl una declna dl persone. non erano molLo dlversl dagll uomlnl: erano alLl
e vlgorosl, larghl dl spalle come Cormon, e solLanLo la lunghezza esageraLa delle braccla rlvelava sublLo
la loro orlglne. La loro pelle era pluLLosLo sLrana e, se fossl sLaLo plu vlclno, avrel probabllmenLe noLaLo
occhl, labbra e narlcl dl forma non umana. Senza curarsl dl me, aLLraversarono la plazza cammlnando
con un'andaLura dlnoccolaLa e zopplcanLe, che ml rlcordava lrreslsLlbllmenLe quella dl Cormon, ed
enLrarono nel palazzo. non sembravano conqulsLaLorl.
1urlsLl, pluLLosLo. La maesLa dl 8oum eserclLava una volLa ancora ll suo fasclno sugll sLranlerl.
Lasclando l nuovl padronl al loro svaghl, ml dlressl verso la perlferla della clLLa. nella mla anlma sl era
faLLo lnverno: non sapevo perche. lorse soffrlvo per la caduLa dl 8oum? C per la perdlLa dl Avluela?
Cppure senLlvo la mancanza delle Lre vlgllanze che non avevo compluLo, come un Losslcomane cul sla
sLaLa soLLraLLa la droga?
Lra LuLLo quesLo lnsleme dl cose che ml dava pena, ma sopraLLuLLo l'ulLlma.
Le sLrade erano deserLe. robabllmenLe la paura degll lnvasorl Leneva l clLLadlnl LappaLl ln casa. ul
quando ln quando vedevo passare qualche vellvolo sLranlero, ma nessuno ml molesL. nel Lardo
pomerlgglo arrlval alla porLa occldenLale della clLLa. Lra aperLa e lasclava lnLravedere ll pendlo dolce dl
una colllna, rlcoperLa dl alberl dal fogllame verdlsslmo. uscll, e, poco plu ln la, vldl la flgura dl un
ellegrlno che sl allonLanava lenLamenLe dalla clLLa, sLrasclcando l pledl.
non ebbl dlfflcolLa a ragglungerlo.
La sua andaLura, lncerLa e lrregolare, ml sLupl, perche neanche le spesse vesLl scure rlusclvano a
nascondere ll vlgore e la glovlnezza del suo corpo, sl Leneva ereLLo, le spalle quadre sul busLo drlLLo e
forLe, eppure, ll passo era lncerLo ed eslLanLe come quello dl un vecchlo. Cuando gll ful accanLo e
sblrclal soLLo ll cappucclo, capll: asslcuraLo alla maschera dl bronzo che cela ll volLo dl LuLLl l ellegrlnl,
c'era un rlverberaLore, come quelll porLaLl dal clechl per evlLare gll osLacoll e l mllle alLrl perlcoll della
sLrada. Solo allora l'uomo sl accorse dl me e dlsse: - Sono un ellegrlno cleco. vl suppllco dl non
molesLarml.
Ma non era la voce dl un ellegrlno, quella. Aveva un Lono aspro, forLe e lmperloso.
- lo non molesLo nessuno - rlsposl. - Sono una vedeLLa che ha perso ll suo lavoro, la noLLe scorsa.
- MolLa genLe ha perso ll proprlo lavoro, la noLLe scorsa.
- CerLamenLe nessun ellegrlno.
- no - rlspose l'alLro. - nessun ellegrlno.
- uove sleLe dlreLLo?
- Ml allonLano da 8oum.
- nessuna parLlcolare desLlnazlone?
- no, nessuna. Clrer per ll mondo.
- lorse dovremmo glrare lnsleme - dlssl lo, pensando che porLa forLuna vlagglare con un ellegrlno, e
che, d'alLra parLe, senza la mla AlaLa e ll mlo ulverso, avrel dovuLo prosegulre solo. - lo vado a errls.
voleLe venlrcl anche vol?
- La o alLrove, che lmporLa? - dlsse lul, amaramenLe. - Sl, andlamo lnsleme a errls. Ma che cosa va a
fare, la, una vedeLLa?
- una vedeLLa non ha plu nlenLe da fare ln nessun luogo. vado a errls per offrlrml al 8lcordaLorl.
- Caplsco - dlsse lul. - Anch'lo apparLenevo a quella Corporazlone, ma era solo un LlLolo onorarlo.
- Cra che la 1erra e caduLa, vogllo sapere dl plu sul suol splendorl passaLl.
- Allora, LuLLa la 1erra e caduLa, e non solo 8oum?
- Credo dl sl.
- Caplsco - dlsse ll ellegrlno. - Caplsco.
Cadde ln sllenzlo, e prosegulmmo. Cll offrll ll bracclo, e lul smlse dl sLrasclcare l pledl e prosegul con
l'andaLura elasLlca e vlvace dl un glovane. ul LanLo ln LanLo, sl lasclava sfugglre un sosplro. C un
slnghlozzo soffocaLo? Cuando gll fecl qualche domanda sul suo ellegrlnagglo, rlspose evaslvamenLe o
non rlspose affaLLo. A un'ora dl cammlno da 8oum, dlsse lmprovvlsamenLe: - CuesLa maschera ml fa
male. voleLe aluLarml a slsLemarla?
L, con mla grande sorpresa, se la Lolse. lo rlmasl dl pleLra, perche un ellegrlno non pu mal mosLrare la
sua faccla. Sl era forse scordaLo che non ero cleco anch'lo?
MenLre la maschera sclvolava lenLamenLe, dlsse ancora: - non gradlreLe quesLa vlsLa.
La grlglla dl bronzo sl abbass plano e vldl dapprlma la fronLe, pol due occhl accecaLl dl fresco: due
occhlale vuoLe, orbaLe non dal blsLurl dl un chlrurgo, ma forse da due lunghe dlLa rabblose, pol un naso
regale e, lnflne, le labbra palllde e Lese del rlnclpe dl 8oum.
- MaesLa! - esclamal.
8lvoleLLl dl sangue coagulaLo solcavano le sue guance e, aLLorno alle orblLe vuoLe, vl erano Lracce dl
unguenLo. Lul cerLo non provava dolore, perche ll farmaco l'aveva calmaLo, ma la pena che ne uscl e che
Lraflsse ll mlo cuore era acuLa, reale.
- non chlamaLeml maesLa - dlsse ll ellegrlno. - AluLaLeml a slsLemare la maschera. - Le sue manl
Lremavano, menLre me la porgeva. - 8lsogna allargarla, perche ml sLrlnge crudelmenLe le guance.
Lcco... qul.
Ml affreLLal ad acconLenLarlo, per non dover sopporLare la vlsLa dl quel volLo rovlnaLo.
Sl rlmlse la maschera. - Cra sono un ellegrlno - dlsse plano. - 8oum non ha plu rlnclpe. 1radlLeml
se voleLe, vedeLLa, oppure accompagnaLeml a errls, e se mal rlavr ll poLere sareLe bene rlcompensaLo.
- non sono un LradlLore - gll dlssl.
ln sllenzlo, rlprendemmo ll cammlno. lmposslblle lnLavolare un dlscorso con un personagglo slmlle: non
sarebbe sLaLo allegro, ll mlo vlagglo a errls. Ma, ormal, ero moralmenLe lmpegnaLo a fargll da gulda.
ensal che Cormon aveva manLenuLo la parola nel mlnlml parLlcolarl. ensal ad Avluela e ful sul punLo,
cenLo volLe, dl chledere al rlnclpe noLlzle su quanLo era accaduLo alla sua sposa, all'AlaLa, nella noLLe
della sconflLLa. Ma non domandal nulla.
ll LramonLo sl avvlclnava, ma ll sole era ancora dl un bel rosso oro, davanLl a nol, a ovesL. u'un LraLLo, ml
fermal bruscamenLe, e dalla gola ml uscl un grldo sLrozzaLo, menLre un'ombra passava sopra la nosLra
LesLa.
AlLa sopra dl nol, spazlava Avluela, la pelle brlllava doraLa nella luce del LramonLo, le all, glolosamenLe
splegaLe, splendevano Llngendosl, del varl colorl dello speLLro. Lra gla a un'alLezza dl almeno cenLo
uomlnl, e conLlnuava a lnnalzarsl. Al suol occhl, dovevo sembrare solLanLo un punLollno Lra gll alberl.
- Cosa c'e? - domand ll rlnclpe. - Che cosa vedeLe?
- nlenLe.
- ulLeml che cosa vedeLe!
non poLevo lngannarlo. - vedo un'AlaLa, MaesLa. una fraglle fanclulla, molLo ln alLo.
- Allora, e gla scesa la noLLe.
- no. ll sole e ancora alLo sull'orlzzonLe.
- Come pu essere? Le sue, sono solamenLe all della noLLe. ll sole la fara cadere a Lerra.
LslLal. non poLevo splegargll perche Avluela volasse dl glorno, pur avendo solo all della noLLe. non
poLevo dlre al rlnclpe dl 8oum che, accanLo a lel, volava, senz'all, l'lnvasore Cormon, muovendosl
sclolLamenLe nell'arla, ll bracclo aLLorno alle eslll spalle della ragazza, sosLenendola, rasslcurandola,
aluLandola a vlncere la presslone del venLo solare. non poLevo dlrgll che la sua nemesl volava, alLa al dl
sopra della sua LesLa, lnsleme con l'ulLlma delle sue spose.
- 8e'? - domand lul. - Come fa a volare dl glorno?
- non so - dlssl. - L un mlsLero anche per me. Cl sono molLe cose, oggl, che non so plu comprendere.
ll rlnclpe sembr acceLLare le mle parole. - Sl, vedeLLa. Cl sono molLe cose che nessuno dl nol sa plu
comprendere.
L rlcadde nel suo sllenzlo. Ardevo dalla voglla dl chlamare Avluela, ma sapevo che non avrebbe poLuLo
ne voluLo ascolLarml. Cosl, conLlnual a cammlnare verso ll LramonLo, verso errls, guldando ll rlnclpe
cleco. Sopra dl nol Cormon e Avluela sl sLagllarono nlLldamenLe conLro l'ulLlmo bagllore del glorno, pol
sallrono ln alLo, LanLo ln alLo che ll persl dl vlsLa.

.ARTE SE3ONDA
N'$ 3)$$'gi) 'i Ri()#"t)#i

9

vlagglare con un rlnclpe sconflLLo non e faclle. l suol occhl se n'erano andaLl, ma non ll suo orgogllo,
l'accecamenLo non gll aveva affaLLo lnsegnaLo l'umllLa. Lgll lndossava ablLl e maschera dl ellegrlno, ma
ll suo anlmo albergava ben poca corLesla e nessuna pleLa. uleLro quella maschera sapeva dl essere ll
rlnclpe dl 8oum.
Cra lo cosLlLulvo l'lnLera sua corLe, menLre sl percorreva lnsleme la vla per errls nella precoce
prlmavera. Lo guldavo lungo le sLrade glusLe, lo dlverLlvo a comando con racconLl del mlel
vagabondaggl, lo asslsLevo duranLe l perlodl dl profonda amarezza. ln camblo dl cl rlcevevo ben poco,
all'lnfuorl della slcurezza dl poLer manglare con regolarlLa. nessuno nega clbo a un ellegrlno, e ln
clascun vlllagglo lnconLraLo sul cammlno facevamo sosLa alle Laverne, dove lul venlva sfamaLo e dove lo
pure, come suo compagno, rlcevevo un pasLo. una volLa, agll lnlzl del nosLro vlagglo, commlse
l'lmprudenza dl rlvolgersl alLezzosamenLe al locandlere: - 8ada a nuLrlre anche ll mlo servo! - ll
rlnclpe accecaLo non poLe vedere lo sguardo dl sLuplLa lncredullLa (perche, che blsogno aveva un
ellegrlno dl un servo?) ma lo sorrlsl al locandlere e gll sLrlzzal l'occhlo baLLendoml un dlLo sulla fronLe,
l'uomo comprese e cl servl senza dlscuLere. ln segulLo splegal al rlnclpe l'errore, e da allora ln pol egll
parl dl me come del suo "compagno". Lppure sapevo che per lul ero solLanLo un servo.
ll cllma era dolce. L'Lyrop sl rlscaldava col passare del glornl. Sallcl soLLlll e ploppl rlnverdlvano al laLl
della sLrada, benche, per la magglor parLe, la vla che faceva capo a 8oum fosse cosLegglaLa da alberl
sLellarl, lmporLaLl a caro prezzo duranLe l glornl spensleraLl del Secondo Clclo, le loro foglle azzurre e
lanceolaLe avevano reslsLlLo bene al debole lnverno eyropeo. L ora anche gll uccelll Lornavano dalla
mlgrazlone sLaglonale al dl la del mare, ln Afrlk. Sl rlncorrevano velocl per ll clelo, canLando, dlscuLendo
Lra loro ll muLamenLo avvenuLo fra l padronl del mondo. - Ml schernlscono - dlsse ll rlnclpe un
glorno, all'alba. - Ml mandano l loro canLl e ml sfldano a vedere ll loro splendore!
Ch, le sue parole erano amare, e a buon moLlvo. Lul che aveva posseduLo LanLo, e perso ognl cosa,
aveva molLo dl cul lamenLarsl. er me, la sconflLLa della 1erra slgnlflcava solLanLo la flne dl cerLe
ablLudlnl. er ll resLo LuLLo era slmlle a prlma: non avevo plu blsogno dl conLlnuare la vlgllanza, ma
vagabondavo ancora sulla faccla della 1erra, solo anche quando, come ora, avevo un compagno.
Ml chledevo se ll rlnclpe sapesse perche era sLaLo accecaLo. Ml chledevo se Cormon, nel momenLo del
Lrlonfo, gll avesse splegaLo che quel che gll era cosLaLo gll occhl era una quesLlone LanLo elemenLare
come la gelosla per una donna.
- 1u Ll sel preso Avluela - forse gll aveva deLLo Cormon. - Pal veduLo una plccola AlaLa e hal pensaLo
che poLevl Lrarne placere. L le hal deLLo: "Su, ragazza, vlenl nel mlo leLLo". Senza pensare a lel come a
una persona. Senza pensare che lel poLeva preferlre un alLro. ensando solLanLo come ll rlnclpe dl
8oum poLeva pensare... con lmperloslLa. Lcco, dunque, rlnclpe!
...e ll rapldo scaLLo dl quelle lunghe dlLa, forcuLe e appunLlLe...
Ma non osavo lnLerrogarlo. 1anLo era ll Llmore reverenzlale che ancora rlmaneva ln me per quel
monarca sconflLLo. eneLrare nel suo lnLlmo, lnLavolare con lul una conversazlone sulle sue dlsgrazle
come se fosse sLaLo un normale compagno dl vlagglo... no, non poLevo. arlavo quando lul ml parlava.
Cffrlvo la mla conversazlone a comando. negll alLrl momenLl me ne resLavo ln sllenzlo, come ognl
persona comune ln presenza dl un sovrano.
ure, c'era ognl glorno qualcosa che venlva a rlcordarcl che ll rlnclpe dl 8oum non era plu un sovrano.
Sopra dl nol passavano gll lnvasorl, a volLe su zaLLere gravlLazlonall o con alLrl mezzl, a volLe llbrandosl
per forza proprla. ll Lrafflco era lnLenso. SLavano facendo l'lnvenLarlo del loro mondo. Le loro ombre
passavano su dl nol come brevlsslme ecllssl, e lo alzavo gh occhl per vedere l nosLrl nuovl padronl, e,
sLranamenLe, non provavo lra verso gll lnvasorl, solLanLo un'ondaLa dl solllevo all'ldea che la lunga vlgllla
della 1erra fosse flnlLa. er ll rlnclpe era dlverso. Sembrava avverLlre ognl volLa ll loro passagglo sopra
dl nol, e serrava allora l pugnl, aggroLLando le clglla lnvlslblll e mormorando oscure maledlzlonl. lorse l
suol nervl oLLlcl reglsLravano ancora ln qualche modo ll movlmenLo delle ombre? Cppure l sensl che gll
rlmanevano s'erano LalmenLe aculLl, con la perdlLa della vlsLa, da permeLLergll dl perceplre ll debole
ronzlo dl una zaLLera o l'odore della pelle degll lnvasorl nel clelo? non gllelo chlesl. non gll chledevo
quasl nulla.
A volLe, dl noLLe, quando credeva che lo dormlssl, ll rlnclpe slnghlozzava. ln quel momenLl avevo pleLa
dl lul. ln fondo era cosl glovane, per perdere LuLLo cl che aveva posseduLo. lmparal ln quelle ore dl
Lenebra che perflno l slnghlozzl dl un rlnclpe non sono slmlll a quelll dl una persona comune.
Slnghlozzava con Lono dl sflda, lrosamenLe, con rabbla. Ma slnghlozzava.
er buona parLe del Lempo pareva sLolco, rassegnaLo alle proprle perdlLe. Al mlo flanco ll suo lncedere
era vlvace e slcuro, un passo dleLro l'alLro, e ognl passo cl allonLanava sempre plu dalla grande clLLa dl
8oum, avvlclnandocl a errls. ul LanLo ln LanLo, per, ml pareva dl poLer scorgere olLre la grlglla dl
bronzo della maschera la sua anlma dl ghlacclo. La sua rabbla repressa sl rlvelava con sfoghl ben mlserl.
Ml schernlva per la mla eLa, per la mla casLa lnferlore, per l'lnuLlllLa della mla eslsLenza ora che
l'lnvaslone per la quale avevo LanLo vlgllaLo era venuLa. Clocava crudelmenLe con me.
- ulmml ll Luo nome, vedeLLa!
- L prolblLo, MaesLa.
- Le vecchle leggl sono ora abrogaLe. AvanLl, vecchlo, dobblamo vlagglare ancora per mesl lnsleme.
uevo conLlnuare a chlamarLl vedeLLa per LuLLo quesLo Lempo?
- L la regola della mla Corporazlone.
- La regola della mla - proruppe lul - e dl dare ordlnl e dl far sl che vengano obbedlLl. ll Luo nome!
- neppure la Corporazlone del uomlnaLorl pu conoscere ll nome dl una vedeLLa senza un glusLo
moLlvo e un ordlne del nosLro MaesLro.
ll rlnclpe sbuff. - Che razza dl lena sel, a sfldarml ora che sono ln quesLe condlzlonl! Se fosslmo sLaLl
nel mlo palazzo, non avresLl mal osaLo!
- nel vosLro palazzo, MaesLa, non ml avresLe mal posLo una rlchlesLa cosl lnglusLa dlnanzl alla vosLra
corLe. Anche l uomlnaLorl hanno del doverl. L uno dl quesLl conslsLe nel rlspeLLare le consegne delle
Corporazlonl lnferlorl.
- Ml sLal facendo una paLernale! - dlsse ll rlnclpe. Con fare lrrlLaLo sl lascl cadere a Lerra accanLo
alla sLrada. Allungandosl sul pendlo erboso, Locc un albero sLellare e ne sLrapp una manclaLa dl foglle,
pol le serr nella mano, ln modo cosl rabbloso che, cerLo, sl conflccarono dolorosamenLe nel suo palmo.
una pesanLe carromoblle cl pass accanLo, la prlma che vedevamo quella maLLlna sulla sLrada alLrlmenLl
deserLa. uenLro c'erano degll lnvasorl: alcunl dl loro cl fecero del cennl dl saluLo. uopo parecchl mlnuLl ll
rlnclpe dlsse con voce plu calma, quasl carezzevole: - ll mlo nome e Lnrlc. Cra dlmml ll Luo.
- vl prego dl non lnslsLere, MaesLa.
- Ma ora Lu sal ll mlo nome! Anche a me era prolblLo farLelo conoscere!
- lo non ve l'ho chlesLo - dlssl con fermezza.
Alla flne non gll dlssl ll mlo nome. 8lfluLare a un rlnclpe senza poLere una slmlle lnformazlone era una
ben mlsera vlLLorla, ma egll me la fece sconLare ln mllle plccoll modl. rese a LormenLarml, ad asslllarml,
a sLuzzlcarml, a maledlrml e a rlmproverarml. arl con dlsprezzo della mla Corporazlone. reLese da me
meschlnl servlgl. Lubrlflcal la sua maschera dl meLallo, sparsl unguenLo nelle sue orblLe vuoLe, fecl LanLe
alLre cose Lroppo umlllanLl perche lo le rlcordl qul. L ln quesLo modo prosegulmmo sulla sLrada dl errls,
ll vecchlo vuoLo e ll glovane svuoLaLo, colml dl odlo l'uno verso l'alLro eppure legaLl reclprocamenLe dalle
necesslLa e dal doverl del vlandanLl.
lu un perlodo dlfflclle. uovevo far fronLe al suo umore muLevole, che sl lnnalzava a verLlcl cosmlcl
duranLe l suol planl dl rlconqulsLa della 1erra ora asservlLa, e che cadeva ln ablssl dl dlsperazlone
nell'accorgersl che l'asservlmenLo era deflnlLlvo. uovevo proLeggerlo dalla sua sLessa LemerarleLa nel
vlllaggl, dove spesso sl comporLava come se fosse ancora ll rlnclpe dl 8oum e dlceva a LuLLl dl far
quesLo e quello, glungendo flno a schlaffegglare qualcuno, cosa ben poco consona a un sanL'uomo. L,
pegglo ancora, dovevo andare lnconLro alle sue brame, comprandogll l favorl dl donne che sl
accosLavano a lul nel bulo, lgnare dl avere a che fare con qualcuno che affermava dl essere un
ellegrlno. Come ellegrlno era un lmposLore, polche non porLava la pleLra dl sLella con la quale l
ellegrlnl enLrano ln comunlone con la volonLa. ln un modo o nell'alLro rluscll a fargll superare LuLLe le
sue crlsl, anche quando lnconLrammo sulla nosLra sLrada un ellegrlno, uno vero. Lra un vecchlo
formldablle e cavllloso, con la LesLa plena dl soflsLlcherle Leologlche. - lermaLl a dlscuLere con me
l'lmmanenza della volonLa - dlsse al rlnclpe, e ll rlnclpe, la cul pazlenza quel pomerlgglo era molLo
llmlLaLa, rlspose con una sconcezza. Colpll col plede lo sLlnco prlnclpesco, ln modo clandesLlno, e dlssl al
ellegrlno sLupefaLLo: - ll nosLro amlco non sLa molLo bene, oggl. La scorsa noLLe e enLraLo ln
comunlone con la volonLa e ha rlcevuLo una rlvelazlone che gll ha sconvolLo la menLe. vl prego percl dl
lasclarcl prosegulre e dl non parlare con lul dl sanLe cose flnche non sl sara rlsLablllLo.
Con Lall lmprovvlsazlonl rluscll a porLare avanLl ll nosLro vlagglo.
MenLre la LemperaLura sl faceva plu dolce, anche l'aLLegglamenLo del rlnclpe sl venlva maLurando.
lorse sl sLava lenLamenLe rlconclllando con la sua caLasLrofe, o magarl, nella prlglone della sua menLe
abbulaLa, sl sLava lnsegnando nuove LaLLlche per sopperlre alle dlverslLa della sua nuova eslsLenza.
arlava quasl con lndolenza dl se sLesso, della sua caduLa e della sua umlllazlone. arlava del poLere che
era sLaLo suo con Lermlnl che lasclavano chlaramenLe caplre come non avesse nessuna llluslone dl
rlconqulsLarlo. arlava della sua rlcchezza, delle sue donne e del glolelll, delle macchlne sLrane e del suol
Muslcl, ServlLorl, ulversl, del adronl e perflno degll alLrl uomlnaLorl che sl erano lnglnocchlaLl dlnanzl a
lul. non poLrel dlre che a LraLLl rlusclssl ad amarlo, ma almeno ln quelle occaslonl rlconoscevo un essere
umano sofferenLe dleLro la sua maschera lmpasslblle.
erflno lul rlconobbe ln me un essere umano. So che doveLLe cosLargll molLo.
ulsse: - ll vero laLo negaLlvo del poLere, vedeLLa, e che Ll allonLana dalle persone. Le persone dlvenLano
cose. Consldera ll Luo caso. er me, Lu non erl alLro che una macchlna che se ne andava ln glro vlgllando
conLro gll lnvasorl. lmmaglno che Lu avessl sognl, amblzlonl, collere e LuLLo ll resLo, ma lo Ll vedevo come
un vecchlo rlnsecchlLo e prlvo dl una vlLa lndlpendenLe al dl fuorl degll scopl della Lua Corporazlone. Cra
vedo molLe plu cose, pur non vedendone plu nessuna.
- Cosa vedeLe?
- un Lempo erl glovane, vedeLLa. Avevl una clLLa che amavl. una famlglla. una ragazza, forse. 1l sel
scelLo, oppure hanno scelLo per Le, una Corporazlone, hal lnlzlaLo ll Luo apprendlsLaLo, hal loLLaLo, la
LesLa Ll doleva, ll venLre Ll sl sLrlngeva, c'erano momenLl oscurl nel quall Ll chledevl se LuLLo cl avesse un
senso, uno scopo. L lnLanLo cl vedevl passare accanLo a Le, nol adronl, o uomlnaLorl, ed eravamo come
comeLe che Ll sfrecclavano accanLo. Lppure eccocl qul rlunlLl, vomlLaLl dalle maregglaLe sulla sLrada per
errls. Chl dl nol due e plu fellce, ora?
- lo sono ormal al dl la della fellclLa e del dolore - dlssl.
- uavvero? L quesLa la verlLa? C e pluLLosLo una frase faLLa dleLro cul Ll nascondl? ulmml, vedeLLa: so
che la Lua Corporazlone Ll prolblsce dl sposarLl, ma Lu hal mal amaLo?
- Cualche volLa.
- L ora sel al dl la anche dl quesLo?
- Sono vecchlo - dlssl ln Lono evaslvo.
- Ma poLresLl amare. oLresLl amare. Cra sel sclolLo dal Luol voLl, non e vero? oLresLl sposarLl.
Scopplal a rldere. - L chl ml vorrebbe?
- non parlare cosl. non sel pol LanLo vecchlo. Pal della forza. Pal vlsLo ll mondo, e lo caplscl. Ma come,
a errls poLresLl Lrovare qualche donna che... - lece una pausa. - non sel mal sLaLo LenLaLo, quando
ancora dovevl osservare l Luol voLl?
roprlo ln quell'lsLanLe un'AlaLa pass sopra dl nol. Lra dl mezza eLa, e procedeva a faLlca nel clelo
polche sulle sue all gravava ancora parLe della luce solare. roval una flLLa, e avrel voluLo dlre al rlnclpe:
"Sl, sl, sono sLaLo LenLaLo, c'era una plccola AlaLa non molLo Lempo fa, una ragazza, una blmba, Avluela:
e a modo mlo l'ho amaLa, benche non l'abbla mal sfloraLa: e l'amo ancora".
Ma non dlssl nulla al rlnclpe Lnrlc.
Csserval, lnvece, quall'AlaLa nel clelo, plu llbera dl me ln vlrLu delle sue all, e nel Lepore della sera
prlmaverlle senLll ll gelo della desolazlone che ml avvolgeva.
- errls e lonLana? - domand ll rlnclpe.
- ConLlnueremo a cammlnare, e un glorno vl glungeremo.
- L pol?
- er me l'apprendlsLaLo nella Corporazlone del 8lcordaLorl, e una nuova vlLa. L per vol?
- Spero dl Lrovarvl amlcl - dlsse lul.
ConLlnuammo a cammlnare, lunghe ore ognl glorno. C'erano alcunl che, passandocl vlclno, sl offrlvano dl
porLarcl flno alla clLLa, ma nol rlfluLavamo perche sapevamo che, nel punLl dl conLrollo, gll lnvasorl
cercavano l membrl della nobllLa ancora llberl, come ll rlnclpe. Cammlnammo ln una gallerla lunga
mlglla e mlglla, soLLo monLagne rlcoperLe dl ghlaccl e sconvolLe da bufere, enLrammo ln una vasLa
planura ablLaLa da conLadlnl, sosLammo sulla rlva dl fluml ln dlsgelo per dare solllevo al nosLrl pledl.
L'esLaLe doraLa cl avvolse come un'esploslone. ALLraversavamo ll mondo ma non ne facevamo parLe,
non udlmmo mal noLlzle della conqulsLa, benche fosse evldenLe che gll lnvasorl avevano preso possesso
dl LuLLo. ln plccoll vellvoll sl llbravano ovunque, lspezlonando ll nosLro mondo che adesso era loro.
Cbbedlvo ln ognl modo agll ordlnl del rlnclpe, anche a quelll plu splacevoll. 1enLavo dl rendere meno
squalllda la sua eslsLenza. Cercavo dl dargll ancora la sensazlone dl essere un sovrano, anche se solLanLo
ll sovrano dl una vecchla e lnuLlle vedeLLa. L gll lnsegnal pure ll modo mlgllore per comporLarsl come un
vero ellegrlno. ua quel poco che conoscevo rlpescal per lul gesLl, frasl, preghlere. Lra evldenLe che ll
rlnclpe aveva Lrascorso ben poco Lempo a conLaLLo con la volonLa, quando ancora regnava. Cra egll
professava la fede, ma non era slncero: anche quello faceva parLe del suo LravesLlmenLo.
ln una clLLa chlamaLa ul[on, egll ml dlsse: - Cul acqulsLer gll occhl.
non occhl verl, cerLo. ll segreLo della produzlone dl proLesl slmlll s'era perso col Secondo Clclo. Lagglu,
su sLelle plu forLunaLe, ognl mlracolo e dlsponlblle, al suo prezzo, ma la nosLra 1erra e un mondo
dlmenLlcaLo nelle acque sLagnanLl dell'unlverso. rlma della conqulsLa ll rlnclpe avrebbe poLuLo recarsl
lagglu per acqulsLarsl una nuova vlsLa, ma ora ll masslmo che poLeva oLLenere era un modo per
dlsLlnguere ll chlaro dallo scuro. Lppure, anche quello gll avrebbe daLo un rudlmenLo dl vlsLa: ora non
aveva che un rlverberaLore che lo avverLlva degll osLacoll davanLl a lul. Come faceva, per, a sapere che
a ul[on avrebbe LrovaLo un arLlglano dell'ablllLa necessarla? L come conLava dl pagare?
Ml dlsse: - Cul ablLa ll fraLello dl un mlo Scrlba. ApparLlene alla Corporazlone degll ArLeflcl, e spesso ho
compraLo le sue opere, a 8oum. Lul ha gll occhl che cerco.
- L ll cosLo?
- Po ancora qualche mezzo...
Cl fermammo ln un campo dl querce da sughero sbocconcellaLe, e ll rlnclpe sl slaccl l'ablLo.
lndlcandoml un punLo sulla coscla, dlsse: - Po qul una rlserva per le emergenze. uamml ll colLello! -
Cllelo dledl, e lul lo lmpugn e premeLLe ll pulsanLe che faceva scaLurlre la fredda, soLLlle lama dl luce.
Con la mano slnlsLra sl LasL la coscla, cercando ll punLo esaLLo, pol, Lendendo la pelle con due dlLa,
praLlc un'lnclslone chlrurglca lunga clnque cenLlmeLrl. La carne non sanguln, ne ml parve che egll
avverLlsse dolore. Cuardal meravlgllaLo menLre lnLroduceva le dlLa nell'lnclslone e ne allargava le labbra,
meLLendosl pol a frugarvl denLro come ln un sacco. Ml resLlLul ll colLello. 1esorl scaLurlrono dalla sua
coscla.
- 8ada che nulla vada perduLo - ml ordln.
Sull'erba caddero seLLe sfavlllanLl glolelll provenlenLl da alLrl mondl, un mlnuscolo e arLlsLlco globo
celesLe, clnque moneLe d'oro della 8oum lmperlale del clcll passaLl, un anello che porLava lncasLonaLa
una fulglda macula dl quasl vlLa, la bocceLLa dl un profumo sconoscluLo, varl sLrumenLl muslcall ln
mlnlaLura, scolplLl ln legnl e meLalll prezlosl, oLLo sLaLueLLe dl personaggl dall'aspeLLo regale, e alLre
cose. 8adunal quelle meravlglle ln un mucchleLLo rllucenLe.
- un'lperLasca - spleg freddamenLe ll rlnclpe - che un ablle Chlrurgo ml ha lnserlLo nella carne.
revedendo che, ln un momenLo dl crlsl, forse sarel sLaLo cosLreLLo a lasclare dl freLLa ll palazzo, avevo
nascosLo qul denLro quanLo plu poLevo, c'e ben alLro nel luogo da cul provengono quesLl oggeLLl! Su,
dlmml cosa ho esLraLLo!
Cll fecl un elenco compleLo. Lgll ml ascolL flno alla flne con arla Lesa e concenLraLa: cerLo aveva LenuLo
ll conLo dl cl che era usclLo, e ora meLLeva alla prova la mla onesLa. Cuando ebbl LermlnaLo, egll annul,
complacluLo. - 1lenl ll globo - ml dlsse - e l'anello, e l due glolelll plu lumlnosl. nascondlll nella Lua
scarsella. ll resLo rlmeLLllo denLro. - 8lallarg le labbra dell'lnclslone, e lo cl lasclal cadere, uno alla
volLa, quel prezlosl: la denLro sl rlunlrono a chlssa quall alLrl Lesorl, ferml ln un'alLra dlmenslone la cul
unlca usclLa era chlusa enLro la carne del rlnclpe. oLeva essere nascosLa nella coscla anche meLa del
conLenuLo del palazzo. lnflne rlaccosL le labbra premendo Lra loro, e l'lnclslone guarl perfeLLamenLe,
senza lasclare clcaLrlce, soLLo l mlel occhl. Sl rlvesLl.
ln clLLa lndlvlduammo quasl sublLo la boLLega dl 8ordo l'ArLeflce. Lra un uomo Lozzo dal volLo
lenLlgglnoso, la barba grlgla, un Llc a un occhlo e ll naso schlacclaLo, ma aveva dlLa dellcaLe quanLo quelle
dl una donna. La sua boLLega era un amblenLe bulo con polverosl scaffall dl legno e plccole flnesLre, la
cosLruzlone poLeva avere anche dleclmlla annl. Alcunl oggeLLl dl scelLa rafflnaLa erano ln mosLra. La
magglor parLe no. Cl osserv con occhl guardlnghl, chlaramenLe sconcerLaLo al vedere che una vedeLLa e
un ellegrlno sl rlvolgevano a lul.
A una gomlLaLa del rlnclpe dlssl: - ll mlo compagno ha blsogno dl occhl.
- ne facclo un Llpo, sl. Ma sono carl, e cl vanno mesl per cosLrulrll. Superlorl alle posslblllLa dl un
ellegrlno.
ueposl un glolello sul bancone consumaLo dal Lempo. - Abblamo posslblllLa.
Scosso, 8ordo afferr ll glolello, lo glr da una parLe e dall'alLra e vlde ll fuoco dl alLrl mondl sfavlllare nel
cuore della pleLra.
- Se LornereLe al cader delle foglle...
- non LeneLe occhl ln negozlo? - chlesl.
Lul sorrlse. - ne vendo cosl pochl... L Lenlamo poco assorLlmenLo ln negozlo.
Mlsl sul bancone ll globo celesLe. 8ordo lo rlconobbe lmmedlaLamenLe come l'opera dl un maesLro, e
spalanc la bocca per la sorpresa. Appoggl ll globo su un palmo e prese a LormenLarsl la barba con
l'alLra mano. Cllelo lasclal ammlrare quel LanLo che basLava perche se ne lnnamorasse, pol lo rlpresl e
dlssl: - L'auLunno e cosl lonLano... uovremo rlvolgercl alLrove. A errls, forse. - resl per ll gomlLo ll
rlnclpe e cl avvlammo lenLamenLe verso la porLa.
- lermaLevl! - grld 8ordo. - laLeml fare almeno un conLrollo! lorse posso averne un palo da
qualche parLe. - L sl mlse a rovlsLare furlosamenLe nelle lperLasche monLaLe sulla pareLe dl fondo.
lra quanLo aveva ln negozlo c'erano occhl, naLuralmenLe, e lo mercanLegglal un poco sul prezzo flnche
non cl accordammo per ll globo, l'anello e un glolello. ll rlnclpe rlmase sllenzloso per LuLLa la
Lransazlone. lo rlchlesl l'lnsLallazlone lmmedlaLa e 8ordo, annuendo ecclLaLo, chluse boLLega e s'lnfll
una cuffla pensanLe, con cul chlam un Chlrurgo dal vlso glallasLro. ln breve comlnclarono l prellmlnarl
per l'lnLervenLo. ll rlnclpe sl dlsLese su un pagllerlcclo ln una sLanza sLerlle e accuraLamenLe slglllaLa. Sl
Lolse ll rlverberaLore e pol la maschera, e quando quel llneamenLl affllaLl furono vlslblll, 8ordo, che era
sLaLo alla corLe dl 8oum, grugnl dl sLupore e fece per dlre qualcosa. ll mlo plede cal con forza sul suo.
8ordo sl rlngol le parole: e ll Chlrurgo, lgnaro, prese LranqulllamenLe a deLergere le orblLe vuoLe.
Cll occhl erano sfere grlglo perla, plu plccole degll occhl verl e lnLerroLLe da fessure Lrasversall. Cuall
meccanlsml conLenessero lo lgnoro, ma dal fondo sl dlparLlvano soLLlll collegamenLl doraLl da allacclare
al nervl oLLlcl. ll rlnclpe dorml duranLe la prlma fase dell'operazlone, menLre lo sLavo dl guardla e 8ordo
presLava asslsLenza al Chlrurgo. ol fu necessarlo rlsvegllarlo. ll suo vlso sl conLorse, ma ll dolore venne
cosl rapldamenLe domlnaLo che 8ordo mormor soLLovoce una preghlera, dl fronLe a LanLa forza dl
volonLa.
- laLe luce - dlsse ll Chlrurgo.
8ordo avvlcln un globo vaganLe. ll rlnclpe dlsse: - Sl, sl, vedo la dlfferenza.
- uobblamo conLrollare. uobblamo accomodare - dlsse ll Chlrurgo.
8ordo se ne uscl dalla sLanza. Lo segull. L'uomo Lremava e ll suo volLo era verde dl paura.
- Cra cl uccldereLe? - domand.
- CerLo che no.
- Po rlconoscluLo...
- AveLe rlconoscluLo un povero ellegrlno - gll dlssl - che e sLaLo LoccaLo da un'orrlblle svenLura nel
suo vlagglo Lerreno. nlenLe dl plu. nlenLe d'alLro.
er un po' esamlnal l lavorl dl 8ordo. ol Chlrurgo e pazlenLe emersero. Cra ll rlnclpe aveva le sfere
perlacee nelle orblLe, con un menlsco dl falsa carne LuLL'aLLorno per flssare la LenuLa. Sembrava plu una
macchlna che un uomo con quelle due cose lnanlmaLe soLLo ll clgllo, con le mosse del capo le fessure sl
allargavano, sl sLrlngevano, sl allargavano dl nuovo, ln sllenzlo, quasl furLlvamenLe. - Csserva - ml
dlsse, e sl mlse a vagare per la boLLega, lndlcando gll oggeLLl e perflno chlamandoll con ll loro nome.
Sapevo che vedeva come aLLraverso un flLLo velo, ma se non alLro vedeva, ln un cerLo modo. Sl rlmlse la
maschera e al cadere della noLLe eravamo gla fuorl ul[on.
ll rlnclpe pareva quasl euforlco. Ma cl che adesso gll rlemplva le orblLe era un ben mlsero sosLlLuLo dl
cl che Cormon gll aveva sLrappaLo e presLo se ne accorse anche lul. Cuella noLLe, menLre dormlvamo
sul glaclgll ammufflLl dell'CsLello del ellegrlnl, ll rlnclpe planse con muLl accenLl dl furla: alla muLevole
luce della luna vera e delle due false vldl le sue braccla levarsl, le sue dlLa plegarsl, le unghle colplre un
nemlco lmmaglnarlo, e colplre ancora e ancora.

1Q

Lra la flne dell'esLaLe quando flnalmenLe ragglungemmo errls. LnLrammo nella clLLa da sud,
percorrendo un'ampla e robusLa sLrada maesLra, cosLegglaLa da alberl anLlchl, soLLo una ploggerella
soLLlle. 8afflche dl venLo splngevano foglle rlnsecchlLe sul nosLrl passl. La noLLe dl Lerrore che cl aveva
vlsLl fugglre da 8oum conqulsLaLa sembrava ormal quasl solo plu un sogno: una prlmavera e un'esLaLe dl
cammlno cl avevano lnvlgorlLl, e le grlgle Lorrl dl errls parevano offrlre la promessa dl un nuovo lnlzlo.
Ma pensavo che fosse solo un lnganno che nol dlcevamo a nol sLessl, perche cosa poLeva rlservare ll
mondo a un rlnclpe sconflLLo che vedeva solo ombre, e a una vedeLLa che da lungo Lempo aveva
olLrepassaLo l suol glusLl annl?
errls era una clLLa plu bula dl 8oum. Anche ln pleno lnverno, 8oum aveva clell serenl e chlarl raggl dl
sole. errls pareva eLernamenLe rannuvolaLa, e sla l palazzl sla l'amblenLe erano cupl. Anche le mura
della clLLa erano grlglo cenere e non possedevano alcuna lucenLezza. La porLa della clLLa era spalancaLa.
AccanLo le glrellava un uomo basso, lmbronclaLo, vesLlLo con gll ablLl della Corporazlone delle SenLlnelle,
l'uomo non accenn neppure ll gesLo dl fermarcl menLre cl avvlclnavamo. Lo guardal con espresslone
lnLerrogaLlva. Lul scosse la LesLa.
- LnLraLe, vedeLLa.
- Senza nessun conLrollo?
- non l'aveLe sapuLo? 1uLLe le clLLa sono sLaLe dlchlaraLe aperLe sel noLLl fa. Crdlne degll lnvasorl. Cra
le porLe della clLLa non sl chludono mal. L meLa delle SenLlnelle non ha plu lavoro.
- Credevo che gll lnvasorl sLessero ancora cercando l loro nemlcl - dlssl. - La ex nobllLa.
- Panno punLl dl conLrollo da qualche alLra parLe. L non lmplegano nol SenLlnelle. La clLLa e aperLa.
LnLraLe, enLraLe.
MenLre gll obbedlvamo, dlssl: - Ma allora, perche sleLe qul?
- er quaranL'annl e sLaLo ll mlo posLo dl guardla - rlspose la SenLlnella. - uove poLrel andare?
lecl ll cenno che gll dlceva come anch'lo condlvldessl le sue pene e con ll rlnclpe enLral ln errls.
- er clnque volLe sono enLraLo ln errls dalla porLa merldlonale - dlsse ll rlnclpe. - Sempre sul mlo
carro e preceduLo dal mlel ulversl che Lraevano muslca dalla gola. Cl lnolLravamo verso ll flume, olLre gll
edlflcl anLlchl e l monumenLl, flno al palazzo del ConLe dl errls. L la noLLe sl danzava su zaLLere
gravlLazlonall alLe nel clelo sopra la clLLa, e c'erano balleLLl dl AlaLe, menLre la 1orre dl errls
programmava un'aurora per nol. L ll vlno, ll rosso vlno dl errls, le donne con lnsolenLl vesLlLl, l senl dalle
punLe rosaLe, e le dolcl cosce! navlgavamo nel vlno, vedeLLa. - lece un cenno vago. - L quella la 1orre
dl errls?
- Credo slano le rovlne della macchlna cllmaLlca della clLLa - rlsposl.
- una macchlna cllmaLlca sarebbe una colonna verLlcale. Cl che lnvece vedo e una Lorre che s'lnnalza
da un'ampla base a un verLlce soLLlle, come la 1orre dl errls.
- Cl che vedo lo - dlssl con genLllezza - e una colonna verLlcale, alLa almeno quanLo LrenLa uomlnl, e
che Lermlna con una grossa fraLLura. La 1orre non sarebbe cosl vlclna alla porLa merldlonale, no?
- no - dlsse ll rlnclpe, e mormor un'oscenlLa. - Allora e la macchlna cllmaLlca. CuesLl occhl che
8ordo ml ha venduLo non vedono pol cosl bene, vero? lnganno me sLesso, vedeLLa. lnganno me sLesso.
Cerca una cuffla pensanLe e vedl se ll ConLe e fugglLo.
Csserval ancora per un lsLanLe la colonna monca della macchlna cllmaLlca, quella fanLasLlca cosLruzlone
che aveva causaLo LanLl dolorl al mondo duranLe ll Secondo Clclo. 1enLal dl peneLrare l suol flanchl soLLlll
dl marmo lucldo, per vedere le splre lnLesLlne dl quel mlsLerloso congegno che era sLaLo capace dl
affondare lnLerl conLlnenLl, e che LanLo Lempo prlma aveva LrasformaLo la mla paLrla occldenLale da una
reglone monLuosa a un arclpelago. ol ml volLal, m'lnfllal una cuffla pubbllca e chlesl del ConLe, rlcevuLa
la rlsposLa che ml aspeLLavo, domandal gll lndlrlzzl del luoghl che avrebbero poLuLo darcl allogglo. ll
rlnclpe dlsse: - Allora?
- ll ConLe dl errls e sLaLo ucclso con LuLLl l suol flgll, duranLe la conqulsLa. La sua dlnasLla e esLlnLa, ll
LlLolo abollLo, ll palazzo e sLaLo LrasformaLo dagll lnvasorl ln museo. ll resLo della nobllLa perrlslana e
morLo oppure e fugglLo. vl Lrover un posLo all'CsLello del ellegrlnl.
- no. Ml porLeral con Le dal 8lcordaLorl.
- L la Corporazlone cul vorresLe aggregarvl?
lece un gesLo d'lmpazlenza. - no, sclocco! Ma come posso sLarmene solo ln una clLLa sLranlera, ora che
LuLLl l mlel amlcl sono scomparsl? Cosa dlrel al verl ellegrlnl dell'CsLello? 8lmarr con Le. l 8lcordaLorl
non allonLaneranno un ellegrlno cleco.
non ml lascl scelLa. L ml accompagn al Colleglo del 8lcordaLorl.
uovemmo aLLraversare mezza clLLa, e cl volle quasl LuLLa la glornaLa. errls ml sembr compleLamenLe
dlsorganlzzaLa. La venuLa degll lnvasorl aveva sconvolLo le nosLre sLruLLure soclall, sollevando dal loro
lncarlchl una grande massa dl persone, a volLe lnLere Corporazlonl. vldl declne dl confraLelll vedeLLe per
le sLrade, alcunl sl porLavano ancora dleLro ll loro carrello dl sLrumenLl, alLrl, come me, llberaLlsl dl quel
fardello, parevano non sapere plu come occupare le proprle manl. l mlel confraLelll apparlvano LeLrl e
apaLlcl, molLl dl loro avevano gll occhl lsLupldlLl dalle gozzovlglle, ora che ognl resLrlzlone era caduLa. L
c'erano anche SenLlnelle, abbaLLuLe e prlve d'ognl scopo polche non avevano plu nulla da cusLodlre, e
ulfensorl, lnLlmorlLl e lnebeLlLl per la repenLlna flne dl ognl dlfesa. non vldl nessun adrone e nessun
uomlnaLore, naLuralmenLe, ma molLl Scrlbl, Muslcl, Clown dlsoccupaLl, che se ne andavano alla derlva
con alLrl funzlonall dl corLe. C'erano orde dl neuLrl lnespresslvl, ll loro corpo quasl prlvo dl menLe era
crollaLo dl colpo per la nuova lnaLLlvlLa. SolLanLo vendlLorl e Sonnambull parevano condurre l proprl
affarl come sempre.
Cll lnvasorl erano parecchl e facevano splcco. Ll sl lnconLrava a gruppeLLl dl due o Lre a passegglo ln ognl
sLrada, creaLure dalle lunghe membra, con manl che osclllavano fln quasl alle glnocchla, avevano
palpebre spesse, narlcl nascosLe nelle mascherlne fllLranLl, labbra plene che, quando non le Lenevano
dlschluse, sl chludevano quasl senza lasclare Lraccla. Cuasl LuLLl vesLlvano ablLl ldenLlcl, dl un verde rlcco
e scuro: forse era l'unlforme delle Lruppe d'occupazlone, pochl porLavano arml dl Llpo blzzarramenLe
prlmlLlvo, grossl arnesl pesanLl asslcuraLl dleLro la schlena ma che probabllmenLe servlvano plu per
osLenLazlone che per dlfesa. ln generale parevano Lranqullll, cammlnando fra dl nol... conqulsLaLorl
corLesla, flerl e slcurl dl se, che non Lemevano offesa dalla popolazlone sconflLLa. Lppure ll faLLo che non
passegglassero mal soll dlmosLrava l'lnLerlore cauLela. non rlusclvo a odlare la loro presenza, neppure
per l'lmpllclLa arroganza delle occhlaLe possesslve che rlvolgevano agll anLlchl monumenLl dl errls,
lnvece ll rlnclpe dl 8oum, al cul occhl non erano che sLrlsce verLlcall dl un grlglo plu scuro su un campo
grlglo chlaro, avverLlva lsLlnLlvamenLe la loro prosslmlLa e reaglva Lraendo resplrl bruschl, osLlll.
C'erano, pol, molLl plu vlslLaLorl exLraLerresLrl del sollLo: creaLure sLellarl dl mllle razze, alcune ln grado dl
resplrare la nosLra arla, alLre che glronzolavano ln globl ermeLlcl, scaLole resplraLorle plramldall, o ln
LuLapelle. non era una novlLa vedere slmlll sLranlerl sulla 1erra, naLuralmenLe, ma cl che meravlgllava
era la loro profuslone. Sl Lrovavano dapperLuLLo, ll vedevl lnLrufolarsl nelle dlmore delle anLlche rellglonl
LerresLrl, comprare lusLre rlproduzlonl della 1orre dl errls dal vendlLorl alle canLonaLe, arramplcarsl
perlcolosamenLe sul llvelll superlorl del cavalcavla, curlosare nelle ablLazlonl prlvaLe, plgllare lsLanLanee,
scamblare denaro con furLlvl merclaloll, fare gll splrlLosl con AlaLe e Sonnambule, rlschlare la vlLa nel
nosLrl rlsLoranLl, oppure muoversl ln branchl ben cusLodlLl da un panorama all'alLro. Lra come se gll
lnvasorl avessero passaLo parola per la Calassla: vlSl1A1L Su8l1C LA vLCCPlA 1L88A. nuCvA
CLS1lCnL.
Se non alLro, l nosLrl mendlcanLl prosperavano. Cuelll provenlenLl dagll alLrl mondl facevano magrl affarl
con gll elemoslnlerl allenl, ma non cosl l mendlcanLl naLlvl della 1erra, all'lnfuorl del ulversl che non
poLevano venlre rlconoscluLl come ceppo orlglnale. vldl molLl dl quesLl muLanLl, malconLenLl per non
avere rlcevuLo nulla, plgllarsela con quelll che avevano avuLo mlgllor forLuna e plcchlarll dl sanLa
raglone, menLre l cacclaLorl d'lsLanLanee lmmorLalavano la scena per la dellzla del sedenLarl galaLLlcl.
Clungemmo alla flne al Colleglo del 8lcordaLorl.
Lra una cosLruzlone lmponenLe, come glusLamenLe le sl convenlva, ln quanLo lmmagazzlnava LuLLo ll
passaLo del nosLro planeLa. Sl levava a un'alLezza enorme sulla rlva merldlonale della Senn, proprlo dl
fronLe all'alLreLLanLo lmponenLe palazzo del ConLe. Ma menLre la resldenza del deposLo ConLe era un
palazzo anLlco, molLo anLlco, che rlsallva addlrlLLura al rlmo Clclo, una lunga, lnLrlcaLa cosLruzlone ln
pleLra grlgla con un largo LeLLo ln meLallo verde secondo ll Lradlzlonale sLlle perrlslano, lnvece ll Colleglo
del 8lcordaLorl era un dardo dl levlgaLo candore, una superflcle non lnfranLa da alcuna flnesLra, lnLorno
alla quale sl avvlLava, dalla base alla sommlLa, una splrale dl meLallo lucldo e doraLo che porLava lnscrlLLa
la sLorla dell'umanlLa. Le splre superlorl erano vuoLe. A quella dlsLanza non poLel leggere nulla, e ml
chlesl se l 8lcordaLorl sl fossero presl la brlga dl lncldere sul loro palazzo anche ll racconLo della dlsfaLLa
flnale della 1erra. lu Lardl seppl che non lo avevano faLLo... che quella sLorla, ln realLa, Lermlnava alla
flne del Secondo Clclo, passando soLLo sllenzlo molLe cose che non davano placere a nessuno.
Crmal sLava cadendo la noLLe. L errls, che era sembraLa cosl LeLra nel glorno annuvolaLo e
plovlgglnoso, florl belllsslma come una vecchla maLrona LornaLa da !orslem con dl nuovo la sua bellezza
e la sua sensuallLa. Le lucl della clLLa geLLavano una dolce ma abbagllanLe radlanza che lllumlnava l
vecchl palazzl grlgl, rendeva nebblosl gll angoll, celava ll sudlclume dell'anLlchlLa, Lrasformava le
bruLLezze ln poesla. ll palazzo del ConLe, da obbrobrlo lngombranLe e scomposLo, dlvenLava una favola
arlosa. La 1orre dl errls, dellneaLa dal rlfleLLorl conLro le Lenebre, cl apparlva a esL come un ragno
glganLesco, sparuLo, ma un ragno pleno dl grazla e fasclno. ll blancore del Colleglo del 8lcordaLorl era
adesso lnLollerabllmenLe splendldo, e ll suo avvolglmenLo ellcoldale dl sLorla non pareva plu sallre flno
alla clma, ma planLarsl dlreLLamenLe nel cuore dl chl guardava. Cll AlaLl dl errls erano gla fuorl a
quell'ora, dlverLendosl a lnLrecclare dellcaLe carole sopra dl nol, e le loro all soLLlll erano splegaLe per
caLLurare la luce provenlenLe dal basso menLre ll corpo eslle sallva chlno sull'orlzzonLe. Come sl
llbravano, quel flgll della 1erra alLeraLl nel genl, quel forLunaLl membrl d'una Corporazlone che chlede
solLanLo dl Lrovar placere nella vlLa! 8adlavano bellezza sugll speLLaLorl lncaLenaLl alla Lerra, come LanLe
plccole lune. L nella loro aerea danza vennero ragglunLl da alcunl lnvasorl, che volavano per qualche
meLodo lgnoLo, le lunghe braccla lmmoblll e Lese lungo ll corpo. vldl che gll AlaLl non sl rlLraevano da
coloro che erano sallLl a parLeclpare del loro gloco, ma che anzl parevano accogllerll come l benvenuLl,
cedendo loro un posLo nella danza.
lu ln alLo, sul fondale del clelo sLesso, le due false lune roLavano, luclde e llsce, Lrascorrendo da ovesL a
esL, menLre bolle dl luce vorLlcavano dlsclpllnaLamenLe nell'aLmosfera ln quella che doveva essere
un'aLLrazlone LuLLa perrlslana, e dagll alLoparlanLl che fluLLuavano soLLo le nubl scendeva su dl nol una
muslca frlzzanLe. udll rlsa dl ragazze vlclne, senLll odore dl vlno spumegglanLe. Se quesLa e errls
conqulsLaLa, ml domandal, cosa doveva essere errls llbera?
- Slamo glunLl al Colleglo del 8lcordaLorl? - domand ll rlnclpe Lnrlc, sLlzzoso.
- Sl, e quesLo - repllcal - una Lorre blanca.
- So benlsslmo che aspeLLo ha, ldloLa! Ma e... vedo meno bene, dopo ll LramonLo... e quel palazzo,
lagglu?
- SLaLe lndlcando ll palazzo del ConLe, MaesLa.
- Cuell'alLro, allora.
- Sl, quello.
- erche non slamo ancora enLraLl?
- uavo un'occhlaLa a errls - splegal. - non ho mal vlsLo una bellezza slmlle. Anche 8oum e
aLLraenLe, ma ln un modo dlverso. 8oum e un lmperaLore, errls una corLlglana.
- lal della poesla, razza dl vecchlo bacucco!
- SenLo gll annl sclvolarml vla dalla schlena. oLrel danzare per le sLrade, ora. CuesLa clLLa canLa per
me.
- LnLrlamo. LnLrlamo. Slamo qul per far vlslLa al 8lcordaLorl. Lasceral che la clLLa canLl per Le plu Lardl.
Sosplrando, lo guldal verso l'lngresso della grande cosLruzlone. rocedemmo su un marclaplede dl una
qualche pleLra nera e luclda, menLre soLLlll fascl dl luce scendevano a scruLarcl, a esplorarcl e a
lmmagazzlnarcl nella loro memorla. un lmmenso porLale d'ebano, alLo quanLo dlecl uomlnl e largo
clnque, sl rlvel essere solLanLo un llluslone proleLLaLa, avvlclnandocl a esso, lnfaLLl, avverLll la sua
profondlLa, vldl ll suo lnLerno a volLa e conobbl ch'era un lnganno. Cl furono un vago senso dl calore e
uno sLrano profumo nell'aLLraversarlo.
uenLro cl Lrovammo ln un masLodonLlco vesLlbolo, alLreLLanLo lmponenLe quanLo la grande navaLa del
palazzo del rlnclpe dl 8oum. Ll, LuLLo era blanco, e la pleLra sfavlllava dl un'lnLerna radlanza che
lmmergeva LuLLo nell'albedlne. A desLra e a manca, pesanLl porLall lmmeLLevano alle all lnLerne del
Colleglo. 8enche la noLLe fosse gla scesa, molLe persone sl affollavano lnLorno al banchl dl consulLazlone
slsLemaLl sulla pareLe dl fondo del vesLlbolo, dove scherml e cuffle pensanLl davano loro accesso agll
archlvl generall della Corporazlone del 8lcordaLorl. noLal con lnLeresse come molLl dl coloro che erano
venuLl ln quel luogo per porre domande sul passaLo dell'umanlLa fossero lnvasorl.
l nosLrl passl Lraevano scrlcchlolll dal pavlmenLo plasLrellaLo.
non vldl nessun 8lcordaLore nel paraggl, cosl andal a un banco dl consulLazlone, lnfllal una cuffla e
noLlflcal al cervello lmbalsamaLo con cul enLral ln conLaLLo che cercavo ll 8lcordaLore 8asll, gla da me
lnconLraLo brevemenLe a 8oum.
- Cual e lo scopo della vosLra rlchlesLa?
- Po con me la sua sclarpa, ch'egll ml lascl quando fuggl da 8oum.
- ll 8lcordaLore 8asll e LornaLo a 8oum per conLlnuare le sue rlcerche, con ll permesso del
conqulsLaLorl. vl mander un alLro membro della Corporazlone, che prendera ln cusLodla la sclarpa.
non dovemmo aLLendere a lungo. 8esLammo lmmoblll accanLo al reLro del vesLlbolo e lo conLemplal lo
speLLacolo dl quegll lnvasorl che avevano LanLe cose da lmparare, qualche lsLanLe dopo, venne alla
nosLra volLa un uomo dalla sollda corporaLura e dal vlso severo, dl alcunl annl plu glovane dl me, ma
cerLo non glovane, che porLava sulle ample spalle la sclarpa ufflclale della sua Corporazlone.
- Sono ll 8lcordaLore Llegro - dlsse con voce pomposa.
- vl porLo la sclarpa dl 8asll.
- venlLe. SegulLeml.
Lra emerso da un lmperceLLlblle punLo della pareLe dove un blocco moblle ruoLava su cardlnl. Cra lo
fece ruoLare dl nuovo e scese rapldamenLe per un passagglo. Lo avverLll che ll mlo compagno era cleco e
che non poLeva Lenere ll suo passo, e ll 8lcordaLore Llegro sl arresL, con vlslblle lmpazlenza.
La sua bocca sdegnosa sl conLrasse, affond le Lozze dlLa negll spessl rlccloll nerl della barba. Cuando lo
ragglungemmo, procedeLLe con passo meno spedlLo. ALLraversammo un'lnflnlLa dl passaggl e cl
Lrovammo lnflne nell'ablLazlone dl Llegro, da qualche parLe della Lorre, molLo ln alLo.
La camera era LeLra, ma rlccamenLe arredaLa con scherml, cuffle, aLLrezzaLure da scrlLLura, scaLole
parlanLl e alLrl sussldl degll sLudlosl. Le pareLl erano rlcoperLe da un LessuLo nero porpora, che
evldenLemenLe doveva essere vlvo, polche le sue pleghe al marglnl s'lncrespavano con rlLmlche
pulsazlonl. 1re globl vaganLl davano un'lllumlnazlone, dlscreLa.
- La sclarpa - dlsse Llegro.
La esLrassl dalla blsaccla. Ml ero dlverLlLo a lndossarla per un po' nel prlml glornl dl confuslone dopo la
conqulsLa... ln fln del conLl, era sLaLo 8asll a lasclarmela fra le manl quando era fugglLo vla per la sLrada,
non lo a LraLLenermela lndeblLamenLe, ma era chlaro che la perdlLa aveva avuLo poca lmporLanza per
lul... quasl sublLo, per, l'avevo messa vla, perche andare ln glro vesLlLo da vedeLLa e con la sclarpa da
8lcordaLore generava solo alLra confuslone. Llegro la prese bruscamenLe fra le manl e la dlsLese,
osservandola come se vl cercasse l pldocchl.
- Come la aveLe avuLa?
- lo e 8asll cl lnconLrammo per sLrada nel momenLo sLesso dell'lnvaslone. Lra molLo aglLaLo. 1enLal dl
LraLLenerlo e lul fuggl, lasclandoml la sclarpa Lra le dlLa.
- 8asll l'ha racconLaLa ln alLro modo.
- Se con quesLo gll ho procuraLo del fasLldl, me ne dlsplace - dlssl.
- Comunque, cl aveLe resLlLulLo la sclarpa. SLanoLLe comunlcher la noLlzla a 8oum. vl aspeLLaLe una
rlcompensa per averla resLlLulLa?
- Sl.
SeccaLo, Llegro dlsse: - L quale sarebbe?
- Che ml venga concesso dl enLrare nel 8lcordaLorl come apprendlsLa.
Lgll parve sLuplLo. - Ma vol aveLe gla una Corporazlone!
- Cgglglorno essere una vedeLLa e come essere senza Corporazlone. er cosa dovrel vlgllare? Cra sono
llbero dal mlel voLl.
- lorse. Ma sleLe vecchlo per enLrare ln una nuova Corporazlone.
- non ()s@ vecchlo.
- ll nosLro lavoro e dlfflclle.
- Po lnLenzlone dl lavorare sodo. uesldero lmparare. Con l'avanzare degll annl e naLa ln me la curloslLa.
- ulvenLaLe allora un ellegrlno come quesLo vosLro amlco. AndaLe a vedere ll mondo.
- Po gla vlsLo ll mondo. Cra vorrel enLrare nel 8lcordaLorl e conoscere ll passaLo.
- oLeLe chledere ognl lnformazlone al nosLrl banchl. Lssl vl sono sempre aperLl, vedeLLa.
- non e la sLessa cosa. lscrlveLeml.
- lscrlveLevl come apprendlsLa presso l ClasslflcaLorl - suggerl Llegro. - ll loro lavoro e slmlle al
nosLro, ma non cosl eslgenLe.
- Chledo l'apprendlsLaLo qul.
Llegro sosplr sLancamenLe. Clunse le manl, reclln ll capo e mosse le labbra ln un rlcLus. uoveva essere
una sua posa caraLLerlsLlca. MenLre medlLava, una porLa lnLerna sl aprl e un 8lcordaLore dl sesso
femmlnlle enLr nella camera, porLando fra le manl, a coppa, una plccola sfera muslcale dl Lurchese.
lece quaLLro passl e pol sl arresL, sorpresa nel vedere che Llegro aveva vlslLaLorl.
lece un cenno dl scusa e dlsse: - 1orner plu Lardl.
- 8lmanl - dlsse ll 8lcordaLore. L rlvolgendosl a me e al rlnclpe: - Mla moglle. ll 8lcordaLore
Clmayne. - A sua moglle spleg: - Sono vlagglaLorl appena glunLl da 8oum. Cl hanno rlporLaLo la
sclarpa dl 8asll. L ora la vedeLLa rlchlede l'apprendlsLaLo nella nosLra Corporazlone. Cosa conslgll?
La palllda fronLe del 8lcordaLore Clmayne s'lncresp. uepose la sfera muslcale ln uno scuro vaso dl
crlsLallo e cosl facendo la aLLlv senza volerlo, la sfera cl offrl una dozzlna dl noLe sfavlllanLl prlma che lel
la spegnesse. ol sl mlse a conLemplarcl, e lo fecl lo sLesso con lel. Lra molLo plu glovane del marlLo, che
era dl mezz'eLa, sembrava avere superaLo da poco ll prlmo flore degll annl. Lppure dava un'lmpresslone
dl forza che le accredlLava una maLurlLa magglore. lorse, pensal, e gla sLaLa a !orslem per rlnnovare la
glovlnezza, ma ln Lal caso era sLrano che ll marlLo non l'avesse lmlLaLa, a meno che non Lenesse
parLlcolarmenLe al proprlo aspeLLo maLuro. Lra una donna aLLraenLe, senza dubblo. Aveva vlso largo,
con fronLe alLa e zlgoml pronunclaLl, un'ampla bocca sensuale, menLo leggermenLe marcaLo. l suol
capelll erano dl un nero lumlnoso che conLrasLava con lo sLrano pallore della pelle. un'epldermlde cosl
blanca era pluLLosLo rara fra nol, anche se ora so che era plu comune nel Lempl anLlchl, quando ll ceppo
era dlverso. Avluela, la mla plccola, amablle AlaLa, aveva la sLessa comblnazlone dl nero e blanco, ma la
somlgllanza Lermlnava ll, polche Avluela era LuLLa fraglllLa, menLre ll 8lcordaLore Clmayne era forza
personlflcaLa. SoLLo ll collo lungo e soLLlle ll corpo florlva nelle spalle robusLe, nel senl ferml e nelle
gambe salde. ll suo aLLegglamenLo era regale.
La donna cl sLudl a lungo, flnche non rluscll plu a lncroclare lo sguardo dlrlLLo dl quegll occhl scurl e
spazlaLl. Alla flne dlsse: - La vedeLLa rlLlene dl possedere le quallLa per dlvenLare uno dl nol?
La domanda pareva rlvolLa al prlmo, nella camera, che sl senLlsse dlsposLo a rlspondere. LslLal, Llegro
fece alLreLLanLo, e lnflne fu ll rlnclpe dl 8oum che rlspose con la sua voce usa al comando: - La
vedeLLa posslede le quallLa per enLrare nella vosLra Corporazlone.
- L vol, chl sleLe? - domand Clmayne.
All'lsLanLe ll rlnclpe adoLL un Lono plu conclllanLe. - un povero ellegrlno cleco, mla slgnora, che e
glunLo fln qul a pledl da 8oum, ln compagnla dl quesL'uomo. L se posso erlgerml a gludlce dl qualcosa,
faresLe bene ad ammeLLere quesLa vedeLLa come apprendlsLa.
Llegro dlsse: - L vol? Che progeLLl aveLe?
- Chledo solamenLe rlparo ln quesLo luogo - dlsse ll rlnclpe. - Sono sLanco del vlagglo e devo
approfondlre molLe medlLazlonl. lorse poLresLe permeLLerml dl svolgere qualche plccolo complLo Lra
vol. non desldererel separarml dal mlo compagno.
8lvolLa a me, Clmayne dlsse: - Conferlremo sul vosLro caso. Se approveremo la vosLra rlchlesLa, poLreLe
sosLenere gll esaml. lo sar la vosLra garanLe.
- Clmayne! - esclam Llegro, chlaramenLe meravlgllaLo.
Lel cl sorrlse serenamenLe, a LuLLl.
una dlspuLa dl famlglla pareva lmmlnenLe, ma non cl fu, e l 8lcordaLorl cl offrlrono osplLallLa, succhl dl
fruLLa, bevande plu robusLe, e allogglo per la noLLe. Cenammo separaLamenLe, ln un'alLra camera della
loro ablLazlone, menLre alLrl 8lcordaLorl vennero chlamaLl a conslderare la mla rlchlesLa cosl lrregolare. ll
rlnclpe pareva sLranamenLe aglLaLo, Lranguglava ll clbo senza masLlcarlo, rovescl un flasco dl vlno,
maneggl maldesLramenLe le posaLe, e sempre sl porL le dlLa al grlgl globl meLalllcl, come per ellmlnare
un prurlLo che gll rodesse l lobl del cervello.
Alla flne ml dlsse, con voce bassa, ecclLaLa: - uescrlvlmela!
Cbbedll, con ognl deLLagllo, colorando e ombregglando le mle parole ln modo da LraLLegglargll ll dlsegno
come plu vlvldamenLe poLevo.
- L bella, dlcl?
- Credo dl sl. SapeLe, alla mla eLa sl deve lavorare su nozlonl asLraLLe, non sul flusso dl ghlandole...
- La sua voce ml desLa - dlsse ll rlnclpe. - osslede forza. L come una reglna. D'4' essere bella,
non sarebbe glusLo che ll suo corpo non sl appalasse alla voce.
- Ld e anche - dlssl con Lono grave - la moglle dl un alLro, e colel che cl ha offerLo osplLallLa.
8lcordavo quel glorno a 8oum, quando la porLanLlna del rlnclpe era usclLa dal palazzo e ll rlnclpe
aveva scorLo Avluela, e l'aveva ordlnaLa a se, porLandola olLre le corLlne per abusare dl lel. un
uomlnaLore pu comandare a quel modo le persone che gll sono lnferlorl, ma un ellegrlno no, e ora
Lemevo l progeLLl del rlnclpe Lnrlc. Sl Locc ancora gll occhl. l muscoll del suo vlso fremevano.
- romeLLeLeml che non le procurereLe del fasLldl - gll dlssl.
L'angolo della sua bocca sl lncurv ln quel che doveva essere l'lnlzlo dl una rlsposLa lrrlLaLa, sublLo
soffocaLa. Con sforzo dlsse: - 1u ml fal LorLo, vecchlo. Cul ml aLLerr alle leggl dell'osplLallLa. Cra sll
genLlle e versaml alLro vlno, vuol?
lcchleLLal sulla nlcchla dl servlzlo e oLLennl un alLro flasco dl vlno. Lra vlno rosso e robusLo, non quello
doraLo dl 8oum. versal, bevemmo, ln breve ll flasco fu vuoLo. Lo presl per le llnee dl polarlLa e gll dledl la
glusLa Lorslone: ll flasco svanl con uno schlocco, come una bolla dl sapone. Cualche lsLanLe dopo, fece ll
suo lngresso ll 8lcordaLore Clmayne. Sl era muLaLa d'ablLo, menLre prlma lndossava un ablLo da
pomerlgglo dalla LlnLa opaca, dl LessuLo ruvldo, ora porLava un vesLlLo lungo, scarlaLLo, afflbblaLo fra l
senl. Le superflcl e le ombre del suo corpo erano plenamenLe vlslblll, e ful sorpreso nel vedere che aveva
preferlLo Lenersl l'ombellco. Le lnLerrompeva la dolce curva decllnanLe del venLre con un effeLLo cosl
arLaLamenLe lnLeso a ecclLare che perflno lo me ne senLll quasl acceso.
Ml dlsse, complacluLa: - La vosLra rlchlesLa e sLaLa accolLa soLLo la mla garanzla. SareLe soLLoposLo agll
esaml quesLa noLLe. Se ll superereLe, verreLe assegnaLo alla nosLra dlvlslone. - l suol occhl lucclcarono
dl lmprovvlsa mallzla. - Mlo marlLo, come avreLe lmmaglnaLo, non ne e molLo soddlsfaLLo. Ma
l'lnsoddlsfazlone dl mlo marlLo non e perlcolosa. venlLe con me, LuLL'e due.
1ese verso dl nol le manl, prendendo la mla, prendendo quella del rlnclpe. Le sue dlLa erano fredde. Ml
senLlvo pulsare dl una febbre lnLerlore: ml meravlgllal dl quel segno dl nuova glovlnezza che sl desLava ln
me... senza blsogno delle acque della Casa del 8lnnovamenLo, nella sacra !orslem.
- venlLe - dlsse Clmayne, e cl guld al luogo dell'esame.

11

Cosl vennl ammesso nella Corporazlone del 8lcordaLorl.
Cll esaml erano del LuLLo superflclall. Clmayne cl guld flno a una sala clrcolare nelle parLl plu alLe della
Lorre. Le sue pareLl rlcurve erano lnLarslaLe con legnl rarl dl molLl colorl, banchl lucenLl spunLavano dal
pavlmenLo, e al cenLro della sala s'alzava una splrale alLa come un uomo, rlcoperLa dl leLLere Lroppo
mlnuscole per poLerle leggere. una mezza dozzlna dl 8lcordaLorl blghellonava LuLL'lnLorno, era chlaro
ch'erano venuLl solo per ll caprlcclo dl Clmayne e che non s'lnLeressavano affaLLo a quella vecchla e
cenclosa vedeLLa per la quale lel, cosl lnsplegabllmenLe, sl era faLLa garanLe.
Ml fu Lesa una cuffla pensanLe. una voce sLrldula ml pose una dozzlna dl domande aLLraverso la cuffla,
sondando le mle rlsposLe Llpo e lnslsLendo sul parLlcolarl blograflcl. uledl ll mlo numero dl Corporazlone,
cosl da permeLLere dl conLaLLare ll MaesLro locale, conLrollare le mle referenze e oLLenere ll mlo
sclogllmenLo. normalmenLe non sl poLeva oLLenere lo sclogllmenLo dal voLl dl vedeLLa, ma quelll non
erano Lempl normall, e sapevo che la mla Corporazlone era rldoLLa a pezzl.
ln un'ora fu LuLLo concluso. Clmayne ln persona ml pose la sclarpa sulle spalle.
- vl verra assegnaLo un allogglo accanLo al nosLro apparLamenLo - dlsse. - uovreLe rlnunclare al
vosLro ablLo da vedeLLa, ma ll vosLro amlco poLra conservare ll suo da ellegrlno. ll vosLro
addesLramenLo avra lnlzlo dopo un perlodo dl prova. nel fraLLempo vl sara consenLlLo llbero accesso a
LuLLl l nosLrl serbaLol memorla. ComprendereLe, spero, che occorreranno dlecl annl o plu prlma che vol
posslaLe oLLenere plena ammlsslone nella Corporazlone.
- Lo so - dlssl.
- u'ora ln pol vl chlamereLe 1omls - ml dlsse Clmayne. - non ancora ll 8lcordaLore 1omls, ma 1omls
del 8lcordaLorl. C'e dlfferenza. ll vosLro nome precedenLe non ha plu valore.
lo e ll rlnclpe fummo condoLLl alla plccola sLanza che dovevamo dlvldere. Lra un luogo pluLLosLo
modesLo, ma conLeneva servlzl d'lglene personale, collegamenLl per cuffle pensanLl e alLrl mezzl
d'lnformazlone, e una bussola per gll allmenLl. ll rlnclpe Lnrlc glr per la sLanza, Loccando ognl cosa e
lmparandone la dlsposlzlone. SLlpl, leLLl, sedle, armadl e alLrl moblll fuorlusclvano e rlenLravano nelle
pareLl menLre lul sl arrabaLLava sul conLrolll. uopo un po' la sua curloslLa sl plac, senza plu dover
andare a LasLonl, aLLlv un leLLo: un fasclo ruLllanLe prese forma da una fendlLola. Sl dlsLese.
- ulmml una cosa, 1omls del 8lcordaLorl.
- Sl?
- er sazlare una curloslLa che ancora ml dlvora. Cual era ll Luo nome nella vlLa precedenLe?
- Cra non ha plu valore.
- nessun voLo Ll obbllga plu alla segreLezza. vuol conLrasLarml ancora?
- Le vecchle ablLudlnl ml cosLrlngono sempre - dlssl. - er un Lempo parl a due volLe la vosLra vlLa
sono sLaLo condlzlonaLo a non rlvelare mal ll mlo nome se non leglLLlmamenLe.
- ulmmelo ora.
- Wuelllg - dlssl.
Cuell'aLLo, una volLa commesso, rlsulL sLranamenLe llberaLorlo. ll mlo nome precedenLe sembr llbrarsl
nell'arla dlnanzl alle mle labbra, parve sfrecclare per la sLanza come un uccello gemma llberaLo dalla
prlglonla, volLegglare, glrarsl con un repenLlno colpo d'ala e colplre la pareLe franLumandosl ln mllle
pezzeLLl con un suono leggero, LlnLlnnanLe. 1remal. - S+'$$ig - dlssl ancora. - ll mlo nome era
Wuelllg
- Wuelllg non e plu.
- 1omls del 8lcordaLorl.
Ld enLrambl comlnclammo a rldere, conLlnuando flno a senLlrcl male, e ll rlnclpe accecaLo sl lev ln
pledl e baLLe la mano conLro la mla ln segno dl grande amlclzla, e grldammo ll suo nome e ll mlo dl
nuovo e pol ancora, come blmbl che dl colpo avessero appreso parole rlcche dl forza, solo per scoprlre
sublLo che quelle parole non ne avevano affaLLo.
Cosl comlnclal la mla nuova vlLa fra l 8lcordaLorl.
er qualche Lempo non lasclal neppure per un momenLo ll Colleglo. l mlel glornl e le mle noLLl erano
lnLeramenLe occupaLl, e lo rlmanevo ancora sLranlero a errls. Anche ll rlnclpe, sebbene le sue ore non
fossero plene come le mle, rlmaneva quasl sempre nel palazzo, uscendo solLanLo quando la nola o la
collera lo sopraffacevano. A volLe ll 8lcordaLore Clmayne andava con lul, oppure lul andava con lel, ln
modo da non essere lasclaLo solo nella sua oscurlLa, ma sapevo anche che a volLe ll rlnclpe lasclava ll
palazzo senza compagnla, con l'orgogllosa lnLenzlone dl dlmosLrare che, pur senza vlsLa, egll poLeva far
fronLe al perlcoll della clLLa.
Le mle ore dl veglla erano suddlvlse fra quesLe aLLlvlLa:
")CrlenLamenLl prellmlnarl.
:)lccoll doverl dl un apprendlsLa.
()8lcerche personall.
non che non me lo aspeLLassl, ma scoprll dl essere molLo plu vecchlo degll alLrl apprendlsLl che
frequenLavano ll Colleglo. er la magglor parLe sl LraLLava dl glovlncelll, flgll del 8lcordaLorl sLessl, ml
squadravano lncredull, lncapacl dl caplre come poLesse essere loro compagno dl sLudl un barboglo
slmlle. C'erano anche alcunl apprendlsLl d'eLa appena maLura, per lo plu persone che sl erano scoperLe,
gla avanLl nella vlLa, la vocazlone per ll 8lcordare, ma nessuno dl essl sflorava neppure lonLanamenLe la
mla eLa. ercl ebbl scarsl conLaLLl con l mlel compagnl d'addesLramenLo.
Cgnl glorno, per alcune ore, sLudlavamo le Lecnlche delle quall sl servono l 8lcordaLorl per caLLurare ll
passaLo della 1erra. 1uLL'occhl, ful condoLLo per l laboraLorl dove sl effeLLuano le anallsl del camplonl
prelevaLl in sit+, vldl l rlvelaLorl che mlsurando la dlslnLegrazlone dl pochl aLoml aLLrlbulvano un'eLa a
un manufaLLo, osserval raggl mulLlcolorl dl luce che, aguzzl come aghl, uscendo da una soLLlle corona,
rlducevano ln cenere una scheggla dl legno e la cosLrlngevano a cedere l suol segreLl, vldl le lmmaglnl
sLesse degll evenLl passaLl sLaccarsl come bucce dagll oggeLLl lnanlmaLl. uovunque andlamo, nol
lasclamo la nosLra lmpronLa: le parLlcelle lumlnose rlmbalzano dal nosLro vlso, e ll flusso foLonlco le
lnchloda all'amblenLe che cl clrconda. ua qul l 8lcordaLorl le sLrappano, le rlordlnano, le flssano. LnLral ln
una camera dove una fanLasmagorla dl volLl gallegglava su una nebbla azzurra e unLuosa: sovranl e
MaesLrl dl Corporazlonl scomparsl, duchl dlmenLlcaLl, erol dl glornl anLlchl. ConLemplal Lecnlcl dagll
occhl freddl pungolare vla la sLorla da poche manclaLe dl maLerla combusLa. vldl umldl gruml dl rlfluLl
narrare racconLl dl rlvolLe e assasslnll, dl muLamenLl culLurall, dl Lrasformazlonl dl cosLuml.
ol vennl lsLrulLo superflclalmenLe sulle Lecnlche usaLe in sit+- er mezzo dl un'accorLa slmulazlone, ml
furono mosLraLl 8lcordaLorl al lavoro con sonde asplranLl, che scavavano nel Lumull delle grandl clLLa
scomparse dl Afrlk e Als. arLeclpal per lnLerposLa persona alla rlcerca soLLomarlna del resLl delle clvllLa
del ConLlnenLl Scomparsl, squadre dl 8lcordaLorl enLravano ln Lraslucldl velcoll a forma dl lagrlma, slmlll
a gocce dl gelaLlna verde, e sl lmmergevano negll ablssl dell'Cceano 1erresLre, glu, glu, flno alle praLerle
lncrosLaLe dl fango che un Lempo erano Lerre emerse, e con folgoranLl raggl dl forza vlolacea scavavano
fra roLLaml e fradlclume per scovare le verlLa sepolLe. Csserval l cercaLorl dl coccl, gll scavaLorl dl ombre,
l raccogllLorl dl fllm molecolarl. una delle mlgllorl esperlenze d'orlenLamenLo offerLeml duranLe ll corso
fu una sequenza nella quale alcunl 8lcordaLorl davvero erolcl porLavano alla luce una macchlna cllmaLlca
nell'Afrlk merldlonale, denudando dapprlma la base dl quella LlLanlca cosLruzlone e sollevandola pol
LuLL'lnLera con raggl d'energla, un'esLrazlone LalmenLe colossale che la Lerra sLessa parve gemere
quando essa fu consumaLa. lecero fluLLuare alLo nel clelo quel ponderoso rellLLo della follla del Secondo
Clclo, menLre gll esperLl dalla sclarpa sclvolavano glu, verso le sue anLlche radlcl, per scoprlre come fosse
sLaLa lnlzlalmenLe ereLLa la colonna. l mlel occhl marLellavano a quello speLLacolo.
Lmersl da quelle seduLe con una schlacclanLe reverenza verso la Corporazlone che avevo scelLo. l pochl
8lcordaLorl che avevo lnconLraLo ml avevano daLo l'lmpresslone dl essere alLezzosl, enfaLlcl, sdegnosl, o
anche solamenLe dlsLaccaLl, non ll avevo LrovaLl affasclnanLl. Lppure l'lnLero e magglore della somma
delle sue parLl, e compresl che uomlnl come 8asll ed Llegro, cosl lonLanl, cosl dlsLanLl da ognl
preoccupazlone umana, cosl lndlfferenLl, erano le parLl dl un colossale sforzo per rlconqulsLare dalle
manl dell'eLernlLa ll nosLro fulgldo passaLo. CuesLa rlcerca del Lempl perduLl era magnlflca, e cosLlLulva
l'unlco adeguaLo sosLlLuLo delle precedenLl aLLlvlLa umane, avendo perduLo ll nosLro presenLe e ll nosLro
fuLuro, era necessarlo Lendere ognl sforzo verso ll passaLo, l'unlca cosa che nessuno poLeva rubarcl se
sLavamo abbasLanza aLLenLl.
er molLl glornl assorbll l deLLagll dl quesLo sforzo, sLudlal ognl sLadlo del lavoro, a parLlre dalla raccolLa
del granelll dl polvere in sit+, proseguendo con l LraLLamenLl e le anallsl dl laboraLorlo, e glungendo flno
all'lmpresa plu alLa: la slnLesl e l'lnLerpreLazlone, svolLe da 8lcordaLorl anzlanl al plano plu alLo
dell'edlflclo. Ml fu concesso solo uno sguardo a quel saggl: secchl e lncarLapecorlLl, vecchl abbasLanza
per poLerml essere nonnl, le LesLe candlde chlne ln avanLl, le labbra soLLlll che reclLavano monoLonl
commenLl e lnLerpreLazlonl, cavllll e correzlonl. Alcunl dl loro, ml fu confldaLo con un sussurro, erano gla
sLaLl rlnnovaLl a !orslem due e anche Lre volLe, e ormal sl Lrovavano senza scampo nella loro ulLlma
vecchlala.
uopo dl che, cl furono mosLraLl l serbaLol memorla dove l 8lcordaLorl lmmagazzlnano ognl loro scoperLa,
e da dove vengono dlspensaLe lnformazlonl a beneflclo del curlosl.
Come vedeLLa avevo sempre avuLo ben poca curloslLa, e ancor meno lnLeresse, dl vlslLare serbaLol
memorla. CerLo non avevo mal vlsLo nulla dl slmlle, polche l serbaLol del 8lcordaLorl non erano sempllcl
unlLa conLenenLl Lre o clnque cervelll clascuna, bensl masLodonLlche lnsLallazlonl con cenLo e plu cervelll
collegaLl ln serle. La sala nella quale cl porLarono - una delle declne slsLemaLe nel basamenLl dell'edlflclo,
seppl pol - era una camera oblunga, profonda ma non alLa, con cusLodle dl cervelll, dlsLrlbulLe a flle dl
nove, che sfumavano lonLano nell'ombra. La prospeLLlva glocava curlosl scherzl, non caplvo se c'erano
dlecl flle o clnquanLa, ma la vlsLa dl LuLLl quegll emlsferl scolorlLl era sconvolgenLe.
- Sono cervelll dl passaLl 8lcordaLorl? - domandal.
La gulda rlspose: - Alcunl sl. Ma non c'e blsogno dl usare solo quelll del 8lcordaLorl. un qualunque
cervello umano va ugualmenLe bene, perflno quello dl un ServlLore posslede una capaclLa dl
memorlzzazlone sorprendenLe. non cl servono doppl clrculLl, per le nosLre eslgenze, e cl cl permeLLe dl
uLlllzzare LuLLa la poLenzlallLa dl ognl cervello.
Cercal dl scruLare fra l pesanLl blocchl llscl che proLeggevano l serbaLol memorla da ognl perlcolo.
- Che cos'e reglsLraLo ln quesLa sLanza? - chlesl.
- l noml degll ablLanLl dell'Afrlk duranLe ll Secondo Clclo e LuLLl l loro daLl personall che slamo rlusclLl a
recuperare flnora. lnolLre, polche quesLe celle non sono ancora sLaLe carlcaLe del LuLLo, vl abblamo
lmmagazzlnaLo per ll momenLo cerLl parLlcolarl geograflcl del ConLlnenLl Scomparsl, e le noLlzle che
rlguardano la creazlone del onLe dl 1erra.
- CuesLe lnformazlonl possono essere facllmenLe LrasformaLe da Lemporanee a permanenLl? -
domandal ancora.
- Sl, molLo facllmenLe. Cul LuLLo e eleLLromagneLlco. Le nosLre lnformazlonl sono aggregaLl dl carlche,
le Lrasferlamo da un cervello a un alLro lnverLendo la polarlLa.
- L se cl fosse un guasLo eleLLrlco? - chlesl. - AveLe deLLo che qul non aveLe doppl clrculLl dl memorla.
non c'e ll perlcolo dl perdere lnformazlonl per qualche lncldenLe?
- nessun perlcolo - dlsse soavemenLe la gulda. - Abblamo una serle dl lmplanLl sosLlLuLlvl per
asslcurare un cosLanLe flusso dl energla. L lmplegando LessuLl organlcl per le nosLre celle dl memorla,
abblamo la mlgllor garanzla dl slcurezza: l cervelll sLessl conserverebbero l daLl nel caso dl
un'lnLerruzlone d'energla. ln segulLo sarebbe un po' compllcaLo rlcaLLurare ll loro conLenuLo, ma non
lmposslblle.
- uuranLe l'lnvaslone - dlssl - sl sono avuLe dlfflcolLa?
- nol slamo soLLo la proLezlone degll lnvasorl, che rlLengono che ll nosLro lavoro sla vlLale anche per l
loro lnLeressl.
non molLo Lempo dopo, a una convocazlone plenarla del 8lcordaLorl, anche nol apprendlsLl poLemmo
osservare da una balconaLa l'lnLerno della sala corporaLlva: soLLo dl nol, ln plena maesLa, sLavano l
membrl della Corporazlone, sclarpe sulle spalle, e fra loro c'erano Llegro e Clmayne. Su una pedana che
porLava ll slmbolo ellcoldale sLava ll Cancelllere del 8lcordaLorl, kenlshal, una flgura ausLera e lmperlosa,
e accanLo a lul c'era un personagglo ancor plu noLevole, apparLenenLe alla specle che aveva conqulsLaLo
la 1erra. kenlshal dlsse poche parole. ll Llmbro rlsonanLe della sua voce non mascherava del LuLLo la
vaculLa delle parole sLesse, come ognl ammlnlsLraLore, dovunque, proferl floLLl dl banallLa, lodando
lmpllclLamenLe se sLesso nel congraLulare la Corporazlone per l'lmporLanLe lavoro che svolgeva. ol
presenL l'lnvasore.
L'alleno Lese ln avanLl le braccla flnche non parvero Loccare le pareLl dell'audlLorlum.
- Ml chlamo CovernaLore dell'uomo SeLLe - dlsse LranqulllamenLe - e sono rocuraLore dl errls, con
parLlcolarl responsablllLa rlguardanLl la Corporazlone del 8lcordaLorl. Cggl sono qul per confermare
quanLo decreLaLo dal governo provvlsorlo d'occupazlone. vol 8lcordaLorl prosegulreLe ln compleLa
llberLa l vosLrl sLudl. AvreLe llbero accesso a ognl luogo archeologlco dl quesLo planeLa, come pure sugll
alLrl mondl che possano conLrlbulre a fornlrvl una sempre magglore conoscenza del passaLo della 1erra.
Cgnl documenLo vl sara accesslblle, ecceLLo quelll che concernono l'organlzzazlone mlllLare della
conqulsLa. ll Cancelllere kenlshal ml ha lnformaLo che, comunque, la conqulsLa esula dal campo delle
vosLre rlcerche, e cerLo non cl saranno probleml. nol del governo d'occupazlone slamo plenamenLe
cosclenLl del valore del vosLro lavoro. La sLorla dl quesLo planeLa ha una grande lmporLanza, e nol
vogllamo che ll vosLro lavoro conLlnul.
- er Lrasformare la 1erra ln una mlgllore aLLraLLlva LurlsLlca - dlsse amaramenLe al mlo flanco ll
rlnclpe dl 8oum.
CovernaLore dell'uomo SeLLe prosegul: - ll Cancelllere ml ha pregaLo dl lnformarvl dl un muLamenLo
ammlnlsLraLlvo che sara necessarlo apporLare ln segulLo allo sLaLo dl occupazlone mlllLare del planeLa. ln
passaLo, ognl vosLra conLroversla lnLerna venlva soLLoposLa al Lrlbunall della Corporazlone e ll
Cancelllere kenlshal sl rlservava ll supremo dlrlLLo dl appello. nel quadro dl un'ammlnlsLrazlone
efflclenLe, cl Lrovlamo ora cosLreLLl a lmporre la nosLra glurlsdlzlone al dl sopra dl quella della
Corporazlone. u'ora ln avanLl, ll Cancelllere deleghera a nol LuLLe le conLroversle che non rlLerra plu
comprese enLro la sua sfera d'auLorlLa.
l 8lcordaLorl resLarono a bocca aperLa. Al plano lnferlore cl furono lmprovvlsl camblamenLl dl posLl e
scambl dl occhlaLe.
- ll Cancelllere sl dlmeLLe! - balbeLL accanLo a me un apprendlsLa.
- Cuale alLra scelLa gll rlmane, sclocco? - sussurr con durezza un alLro.
La rlunlone Lermln fra una cerLa confuslone. l 8lcordaLorl sl rlversarono nel corrldol, dlscuLendo e
gesLlcolando fra rlmosLranze dl ognl genere. un venerablle porLaLore della sclarpa era cosl scosso che sl
accoccol sul pavlmenLo e prese a formulare la sequenza dell'equlllbrlo emoLlvo, senza curarsl della
calca. La marea Lravolse perflno nol apprendlsLl, splngendocl lndleLro. 1enLal dl proLeggere ll rlnclpe,
nel Llmore che poLesse venlre geLLaLo a Lerra e calpesLaLo, ma fummo separaLl e lo persl dl vlsLa per
alcunl mlnuLl. Cuando lo rlvldl, sLava con ll 8lcordaLore Clmayne. ll vlso della donna era ecclLaLo, gll
occhl accesl, parlava rapldamenLe e ll rlnclpe la sLava a senLlre, con la mano che le sLrlngeva ll gomlLo
come cercando sosLegno.

1G

Concluso quel prlmo perlodo orlenLaLlvo, ml vennero assegnaLl lncarlchl banall. er lo plu, dovevo
svolgere complLl che ln passaLo sarebbero speLLaLl a una macchlna, per esemplo, sorvegllare le llnee dl
allmenLazlone che porLavano sosLanze nuLrlLlzle alle cusLodle del cervelll del serbaLol memorla. er varle
ore al glorno cammlnavo nello sLreLLo corrldolo del pannelll d'lspezlone, alla rlcerca dl osLruzlonl ln llnea.
Cuando una llnea sl bloccava, le presslonl lungo ll Lubo afferenLe, lllumlnaLo da una speclale luce
polarlzzaLa, formavano una conflgurazlone perfeLLamenLe rllevablle dal sorvegllanLe. Svolsl cosl ll mlo
umlle servlglo, scovando dl LanLo ln LanLo qualche llnea lnceppaLa, e fecl gll alLrl plccoll lavorl adaLLl alla
mla condlzlone dl apprendlsLa.
1uLLavla, avevo anche la posslblllLa dl prosegulre le mle rlcerche personall fra l passaLl avvenlmenLl del
mlo planeLa.
A volLe, ll valore delle cose s'lmpara solo dopo averle perduLe. er LuLLa la vlLa avevo servlLo come
vedeLLa, con lo scopo dl dare ln Lempo l'allarme della promessa lnvaslone, ma non ml ero mal chlesLo
chl poLeva volercl lnvadere, o perche. er LuLLa la vlLa avevo vagamenLe sapuLo che la 1erra aveva
conoscluLo glornl plu glorlosl dl quelll del 1erzo Clclo ln cul ero naLo lo, eppure non avevo mal cercaLo dl
sapere l'esaLLa naLura dl quel glornl, e neppure l moLlvl della nosLra aLLuale decadenza. Solo quando le
asLronavl degll lnvasorl erano sbocclaLe nel clelo, solo allora avevo provaLo lmprovvlsamenLe ll deslderlo
dl conoscere quel passaLo perduLo. L ora lo, ll plu anzlano degll apprendlsLl, lo, 1omls del 8lcordaLorl,
frugal fra gll archlvl del Lempo scomparso.
Cgnl clLLadlno ha ll dlrlLLo dl accedere a una cuffla pensanLe pubbllca e dl chledere al 8lcordaLorl
lnformazlonl su qualslasl argomenLo. nulla vlene LenuLo celaLo. Ma l 8lcordaLorl non corrono
sponLaneamenLe a offrlre le loro noLlzle, blsogna sapere (),' chledere, vale a dlre blsogna sapere
()s" chledere. ezzo a pezzo, sl devono andare a cercare le lnformazlonl che lnLeressano. una slmlle
procedura e uLlle, ad esemplo, per chl voglla conoscere le varlazlonl cllmaLlche secolarl ln AgupL, oppure
l slnLoml del mal crlsLalllno, o l prlvllegl dl una Corporazlone speclflca, ma e del LuLLo lnuLlle a chl
deslderl rlsposLa a lnformazlonl molLo plu generall. Sl dovrebbero rlchledere mllle lnformazlonl solo per
lnlzlare. La spesa sarebbe enorme, pochl se ne occuperebbero.
Come apprendlsLa 8lcordaLore, lo avevo llbero accesso a LuLLe le lnformazlonl. Ma, olLre a cl, avevo
accesso agll lndlcl dl classlflcazlone. La Corporazlone del ClasslflcaLorl e lnferlore a quella del 8lcordaLorl,
una Corporazlone auslllarla, dl sgobbonl che reglsLrano e dlspongono ln ordlne cose che ll plu delle volLe
non caplscono nemmeno. ll rlsulLaLo delle loro faLlche va a beneflclo della Corporazlone plu grande, ma l
loro lndlcl non sono accesslblll a LuLLl. Senza dl essl non sarebbe posslblle affronLare l probleml della
rlcerca.
non sLar a rlferlre l varl sLadl da me aLLraversaLl prlma dl glungere a sapere quanLo ora so, le ore
Lrascorse a vagare ln corrldol lablrlnLlcl, l secchl rlfluLl, l dubbl, ll marLellare nel cervello. lo, sclocco
apprendlsLa, ero alla merce dl ognl burlone, e parecchl compagnl apprendlsLl, perflno un palo dl membrl
della Corporazlone, ml lndlrlzzarono lungo sLrade sbagllaLe per ll puro gusLo dl farlo. Ma presLo lmparal
quall vle segulre, come cosLrulre le domande ln serle, come segulre un senLlero dl rlferlmenLl
blbllograflcl, sempre plu avanLl, flnche la luce della verlLa non Lrapelava da uno dl essl. Con lnslsLenza,
plu che con grande lnLelllgenza, esLrassl dagll archlvl del 8lcordaLorl un coerenLe racconLo della caduLa
dell'uomo.
Lccolo:
Cl fu un Lempo, nelle ere passaLe, nel quale la vlLa sulla 1erra era bruLale e prlmlLlva. A quesLo Lempo
abblamo daLo ll nome dl rlmo Clclo. non parlo del perlodo che precedeLLe la clvllLa, quello del bruLl
pelosl e del grugnlLl, delle caverne e degll uLenslll dl pleLra. nol ponlamo l'lnlzlo del rlmo Clclo a quando
l'uomo lmpar per la prlma volLa a conservare le lnformazlonl e a domlnare l'amblenLe. Cl avvenne ln
AgupL e Sumlr. Secondo l nosLrl calcoll, ll rlmo Clclo ebbe lnlzlo 40.000 annl fa... LuLLavla, non slamo
cerLl della sua effeLLlva duraLa secondo l suol annl, polche la duraLa dell'anno cambl alla flne del
Secondo Clclo, e flnora non slamo rlusclLl a deLermlnare quanLo Lempo lmplegasse ll nosLro mondo,
nelle ere precedenLl, a percorrere l'orblLa lnLorno al sole. un Lempo magglore dl quello odlerno,
probabllmenLe.
ll rlmo Clclo fu ll perlodo della 8oum lmperlale e della prlma florlLura dl !orslem. L'Lyrop rlmase
selvaggla ancora per lungo Lempo quando gla l'Als e parLe dell'Afrlk erano clvlll. A ovesL, due grossl
conLlnenLl occupavano gran parLe dell'Cceano 1erresLre, e anch'essl erano ablLaLl da selvaggl.
L evldenLe che ln quesLo Clclo l'umanlLa non aveva alcun conLaLLo con alLrl mondl o con le sLelle. una
Lale sollLudlne e dlfflclle da comprendere, eppure era proprlo cosl. L'umanlLa non conosceva alLro modo
dl produrre la luce che ll fuoco, non poLeva curare l proprl mall, la vlLa non aveva posslblllLa dl
rlnnovamenLo. lu un'epoca prlva dl comodlLa, un'epoca grlgla, dura nella sua sempllclLa. La morLe
glungeva presLo, sl aveva appena ll Lempo dl meLLere al mondo qualche flgllo e gla sl era cosLreLLl a
lasclarlo. Sl vlveva ln preda alla paura, e perloplu non alla paura dl cose reall.
La menLe sl rlLrae, dlnanzl a un'era slmlle, eppure fu proprlo duranLe ll rlmo Clclo che vennero fondaLe
clLLa meravlgllose... 8oum, errls, ALen, !orslem... e vennero compluLe splendlde gesLa. Sl prova un
reverenzlale Llmore a pensare a quesLl nosLrl anLenaLl che, puzzolenLl (cerLamenLe), lgnoranLl, prlvl dl
macchlne, furono pur LuLLavla capacl dl affronLare ll loro unlverso e perflno, ln un cerLo grado, dl
domlnarlo.
Cuerre e affannl furono una cosLanLe per l'lnLero rlmo Clclo. ulsLruzlone e creazlone erano quasl
slmulLanee. Le flamme dlvoravano le plu glorlose clLLa dell'uomo. ll caos mlnacclava ln ognl momenLo dl
sopraffare l'ordlne. Come aveva poLuLo l'uomo sopporLare slmlll condlzlonl dl vlLa per mlgllala dl annl?
verso la flne del rlmo Clclo molLl prlmlLlvlsml vennero superaLl. llnalmenLe l'uomo rluscl a dlsporre dl
cerLe fonLl dl energla, fu allora che lnlzlarono LrasporLl verl, le comunlcazlonl a grande dlsLanza
dlvennero posslblll, molLe lnvenzlonl Lrasformarono ln breve ll volLo del mondo. L anche le capaclLa
belllche sl Lennero al passo con gll alLrl progressl Lecnologlcl, ma la caLasLrofe flnale fu sempre evlLaLa,
anche se dlverse volLe parve sul punLo dl scopplare. lu duranLe quesLa fase flnale del Clclo che l
ConLlnenLl Scomparsl vennero colonlzzaLl, olLre alla SLralya, e che sl ebbero l prlml conLaLLl con l vlclnl
planeLl del nosLro slsLema solare.
La Lranslzlone dal rlmo al Secondo Clclo e sLaLa arblLrarlamenLe flssaLa al momenLo ln cul l'uomo
lnconLr per la prlma volLa alLre creaLure lnLelllgenLl del cosmo. Cl, dlcono l 8lcordaLorl, sl verlflc
meno dl clnquanLa generazlonl da che l popoll del rlmo Clclo erano glunLl a domlnare l'energla
eleLLronlca e nucleare. Cosl nol oggl posslamo correLLamenLe affermare che gll anLlchl popoll della 1erra
caddero quasl a capoflLLo dalla loro vlLa selvaggla al prlml conLaLLl galaLLlcl... o megllo, che essl
superarono quel golfo con pochl rapldl passl.
Anche quesLo e moLlvo d'orgogllo. erche se ll rlmo Clclo fu grande nonosLanLe l suol frenl, ll Secondo
Clclo non conobbe frenl e cre mlracoll.
ln quell'epoca l'umanlLa sl allarg fra le sLelle, e le sLelle vennero all'umanlLa. La 1erra era un mercaLo
per le mercl dl ognl mondo. Le meravlglle erano cosa comune. Sl poLeva vlvere per cenLlnala dl annl,
occhl, cuore, polmonl, renl, LuLLo venlva sosLlLulLo con la sLessa faclllLa dl un palo dl scarpe, l'arla era
pura, nessuno era affamaLo, la guerra era un rlcordo dlmenLlcaLo. Macchlne dl ognl genere servlvano
l'uomo. Ma le macchlne non erano sufflclenLl, e cosl le genLl del Secondo Clclo allevarono uomlnl che
erano macchlne, o macchlne che erano uomlnl: creaLure che geneLlcamenLe erano umane, ma naLe
arLlflclalmenLe e LraLLaLe con farmacl che lmpedlvano l'accumulo permanenLe del rlcordl. CuesLe
creaLure, analoghe al nosLrl neuLrl, erano ln grado dl svolgere con efflclenza l lavorl della glornaLa, ma la
loro menLe non rlusclva a cosLrulre quel corpo permanenLe dl rlcordl, esperlenze, speranze e
conoscenze che cosLlLulsce ll marchlo dell'anlma umana. Mlllonl dl quesLl lndlvldul non del LuLLo umanl
svolgevano l plu nolosl lavorl dl ognl glorno, permeLLendo agll alLrl una vlLa dl brlllanLe soddlsfazlone.
uopo la creazlone del subumanl venne la creazlone del superanlmall, l quall, grazle a manlpolazlonl
blochlmlche del cervello, erano capacl dl porLare a Lermlne lncarlchl un Lempo lmposslblll alla loro
specle: canl, gaLLl, Lopl e mucche vennero recluLaLl nelle schlere operale, menLre cerLe specle dl sclmmle
svolgevano complLl ln precedenza rlservaLl agll esserl umanl. ALLraverso quesLo sfruLLamenLo dl LuLLe le
poLenzlallLa dell'amblenLe, l'uomo cre un paradlso sulla 1erra.
Lo splrlLo umano ragglunse le sue veLLe plu alLe. oeLl, sLudlosl, sclenzlaLl davano conLrlbuLl sLupendl.
Splendlde clLLa sl sLendevano per ognl dove. La popolazlone era lmmensa, eppure c'era spazlo per LuLLl e
nessuna scarslLa dl rlsorse. Clascuno poLeva Logllersl qualslasl caprlcclo, furono faLLl molLl esperlmenLl
con la chlrurgla geneLlca e con l farmacl muLagenl e LeraLogenl, coslcche le razze umane adoLLarono
molLe forme nuove. non c'era ancora, LuLLavla, nulla dl slmlle alle forme muLanLl del nosLro Clclo.
nel clelo sfllavano ln maesLosa processlone sLazlonl spazlall ln grado dl soddlsfare ognl necesslLa
lmmaglnablle. lu allora che vennero cosLrulLe le due nuove lune: l 8lcordaLorl non hanno ancora ben
sLablllLo se ll loro scopo era funzlonale o puramenLe esLeLlco. lorse le aurore che compalono ognl noLLe
nel nosLrl clell possono essere sLaLe lnsLallaLe ln quel glornl, ma alcunl gruppl dl 8lcordaLorl sosLengono
che la presenza dl aurore nelle zone LemperaLe lnlzl con gll sconvolglmenLl geoflslcl che annunclarono
la flne dl quel Clclo.
lu, ln ognl modo, la mlgllore delle epoche ln cul vlvere.
"vedl la 1erra e pol muorl" era la parola d'ordlne dl LuLLl gll exLraLerresLrl. nessuno che lnLraprendesse
una grande croclera galaLLlca olLrepassava senza una vlslLa ll planeLa del mlracoll. nol davamo ll
benvenuLo agll sLranlerl, acceLLavamo l loro compllmenLl e ll loro denaro, offrlvamo ognl comodlLa dl
loro deslderlo e con orgogllo facevamo sfogglo della nosLra grandezza.
ll rlnclpe dl 8oum pu LesLlmonlare come ll faLo del poLenLl sla alla flne l'umlllazlone, e come quanLo
plu ln alLo sl vada alla rlcerca della grandezza, LanLo plu caLasLroflca sara pol la caduLa. uopo alcune
mlgllala dl annl dl glorle che lo non glungo neppure a caplre, l forLunaLl popoll del Secondo Clclo sl
splnsero Lroppo ln la e commlsero due errorl, uno per arroganza folle, e l'alLro per eccesslva confldenza.
La 1erra sLa ancora pagando per la loro superbla.
Cll effeLLl del prlmo sl avverLlrono lenLamenLe. lu un rlsulLaLo dell'aLLegglamenLo della 1erra verso le
alLre specle della Calassla, che era passaLo duranLe ll Secondo Clclo dal rlspeLLo Llmoroso
all'acceLLazlone come cosa sconLaLa, e al dlsprezzo. All'lnlzlo del Clclo, l'lngenua e fraglle 1erra era
scaLurlLa ln seno a una Calassla gla popolaLa da razze progredlLe, che da lungo Lempo erano gla ln
conLaLLo fra dl loro. Cl avrebbe poLuLo produrre un Lrauma dl scoragglamenLo, ma lnvece gener un
lmpulso aggresslvo Leso a eccellere e a superare. lu cosl che presLo l LerresLrl glunsero a conslderare la
magglor parLe del galaLLlcl come uguall, e pol, con ll conLlnuo progresso della 1erra, come lnferlorl. ua
cl nacque un'ablLudlne sbrlgaLlva dl dlsprezzo verso le razze plu arreLraLe.
Sl propose cosl dl cosLrulre sulla 1erra delle "rlserve dl sLudlo" per esemplarl dl razze lnferlorl. CuesLe
rlserve dovevano rlprodurre l'amblenLe naLurale dl Lall razze e dovevano essere aperLe a LuLLl gll sLudlosl
che volessero osservare l loro processl vlLall. 1uLLavla, le spese per ll raccogllmenLo e ll manLenlmenLo
degll esemplarl furono Lall che ben presLo fu necessarlo aprlre le rlserve al grande pubbllco, a purl flnl dl
dlverLlmenLo. Cuelle rlserve, sedlcenLl sclenLlflche, non erano alLro, ln fondo, che glardlnl zoologlcl per
specle lnLelllgenLl allene.
All'lnlzlo sl raccolsero solLanLo creaLure veramenLe allene, quelle cosl remoLe da ognl norma blologlca o
pslcologlca umana da non offrlre quasl nessuna posslblllLa dl essere conslderaLe come "persone". un
essere mulLlpede che vlve ln un serbaLolo dl meLano soLLo alLa presslone non susclLa un senso dl
solldarleLa ln chl, magarl, poLrebbe opporsl all'lmprlglonamenLo dl creaLure lnLelllgenLl. Se pol quel
resplraLore dl meLano apparLlene a una clvllLa complessa, basaLa su norme davvero unlche e rlspondenLl
al suo amblenLe, allora sl pu sosLenere che e lmporLanLlsslmo rlprodurre Lale amblenLe sulla 1erra, per
poLer sLudlare una clvllLa cosl sLrana. ercl le prlme rlserve conLennero solo gll esserl davvero sLranl. l
raccogllLorl dl esemplarl erano anche vlncolaLl da un'alLra condlzlone: dovevano prendere solo creaLure
che non avessero ancora ragglunLo lo sLadlo del volo lnLersLellare. non sarebbe sLaLo educaLo raplre
esserl vlvenLl che avessero del connazlonall fra quel LurlsLl lnLersLellarl che, con l loro vlaggl,
sosLenevano ln modo masslcclo l'economla della 1erra.
ll successo delle prlme rlserve condusse alla rlchlesLa dl cosLlLulrne alLre. l crlLerl dl scelLa furono meno
rlgorosl, non sl raccogllevano solo esserl compleLamenLe allenl e groLLeschl, bensl esemplarl dl qualslasl
specle galaLLlca che non avesse la posslblllLa dl elevare proLesLe dlplomaLlche. L menLre l'audacla del
nosLrl anLenaLl aumenLava, le resLrlzlonl per le rlserve dlmlnulvano, e alla flne, sulla 1erra, erano
lmprlglonaLl esemplarl apparLenenLl a un mlgllalo dl mondl, lnclusl alcunl fornlLl dl clvllLa plu anLlche e
plu complesse della nosLra.
Cll archlvl del 8lcordaLorl mosLrano che quesLo poLenzlamenLo delle rlserve sollev aglLazlone ln varle
parLl dell'unlverso. lummo denunclaLl come predonl, raplLorl, plraLl, sl formarono comlLaLl per crlLlcare
ll nosLro dellberaLo dlsprezzo del dlrlLLl dl esserl senzlenLl, LerresLrl ln vlagglo su alLrl planeLl vennero
assallLl da folle dl creaLure osLlll, che chledevano l'lmmedlaLa llberazlone del prlglonlerl delle rlserve.
1uLLavla quesLe proLesLe erano solo una mlnoranza... quasl LuLLl gll ablLanLl della Calassla manLenevano
un lmbarazzaLo sllenzlo sulle nosLre rlserve. Sl mosLravano dlsplacluLl per Lall barbarle, ma cl
nonosLanLe sl rlcordavano dl andarle a vlslLare quando sl recavano ln vlagglo sulla 1erra. ln quale alLro
luogo, dopo LuLLo, sl poLevano ammlrare ln cosl pochl glornl cenLlnala dl esserl vlvenLl raccolLl ln ognl
parLe della Calassla? Le nosLre rlserve cosLlLulvano una grande aLLraLLlva, una delle meravlglle del
cosmo. Con una sllenzlosa cosplrazlone l nosLrl vlclnl galaLLlcl chludevano un occhlo sull'lmmorallLa del
prlnclplo per poLer condlvldere ll placere dl vedere l prlglonlerl.
negll archlvl del 8lcordaLorl eslsLe ln un serbaLolo memorla la reglsLrazlone dl una vlslLa a una rlserva. L
una delle plu anLlche reglsLrazlonl vlslve che la Corporazlone posslede, e lo rluscll a darle un'occhlaLa
solo con grandl dlfflcolLa e per lnLercesslone dlreLLa del 8lcordaLore Clmayne. nonosLanLe l'lmplego dl
un dopplo fllLro nella cuffla, la vlslone e pluLLosLo offuscaLa, ma e chlara quanLo basLa. uleLro uno
schermo curvo dl maLerlale LrasparenLe c'e una clnquanLlna dl creaLure dl un mondo senza nome.
Panno corpo plramldale, con superflcl azzurro scuro e aree vlslve rosa a ognl verLlce, cammlnano su
gambe corLe e Lozze, hanno un palo dl arLl capacl dl prenslone su ognl faccla. 8enche sla perlcoloso
azzardare lnLerpreLazlonl sul senLlmenLl dl razze exLraLerresLrl, sl pu chlaramenLe avverLlre ln quelle
creaLure un senso dl profonda dlsperazlone. ALLraverso l densl gas verdl della loro aLmosfera, esse sl
muovono lenLamenLe, come lmpacclaLe, senza alcun lnLeresse. varle dl loro hanno accosLaLo l verLlcl ln
quello che deve essere ll loro modo dl comunlcare. una sembra morLa da poco. uue sono chlnaLe verso
Lerra come glocaLLoll roLLl, ma le loro braccla sl muovono ln qualcosa che forse e una preghlera. L una
vlslone lugubre. lu Lardl, scoprll alLre reglsLrazlonl come quella ln angoll dlmenLlcaLl del palazzo. Ml
lnsegnarono molLe cose.
er plu dl un mlgllalo dl annl del Secondo Clclo la cresclLa delle rlserve prosegul lndlsLurbaLa, flnche non
parve cosa loglca e naLurale a LuLLl - ecceLLo che alle vlLLlme - che la 1erra praLlcasse slmlll aLroclLa nel
nome della sclenza. ol, su un lonLano mondo non ancora vlslLaLo dal LerresLrl, vennero scoperLl cerLl
esserl prlmlLlvl, parl come clvllLa al LerresLrl del rlmo Clclo. Cuelle creaLure avevano forma
dlscreLamenLe umanolde, erano lnnegabllmenLe lnLelllgenLl, e orgogllosamenLe selvagge. A prezzo dl
molLe vlLe LerresLrl, una squadra dl raccogllLorl sl lmpossess dl un gruppo dl maschl e femmlne e lo
LrasporL sulla 1erra perche fosse posLo ln una rlserva.
CuesLo fu ll prlmo faLale errore del Secondo Clclo.
All'epoca del raplmenLo, le creaLure dl quel mondo - che non e mal nomlnaLo nelle reglsLrazlonl, ed e
noLo solo con la sua deslgnazlone ln codlce P362 - non erano cerLo ln grado dl proLesLare o dl
lnLraprendere mlsure punlLlve. Ma ln breve furono avvlclnaLe da emlssarl dl cerLl mondl che erano
alllneaLl pollLlcamenLe conLro la 1erra, e soLLo la gulda dl quesLl emlssarl gll ablLanLl dl P362 rlchlesero la
resLlLuzlone del loro connazlonall. La 1erra rlfluL, clLando la lunga sequela dl precedenLl amnlsLle
lnLersLellarl a rlguardo delle rlserve. Segulrono lunghe proLesLe dlplomaLlche, nel corso delle quall la
1erra rlafferm sempllcemenLe ll suo dlrlLLo dl aglre ln Lal modo.
Cll ablLanLl dl P362 rlsposero con mlnacce. - un glorno - dlssero - nol ve ne faremo penLlre.
lnvaderemo e conqulsLeremo ll vosLro planeLa, llbereremo LuLLl gll esemplarl delle rlserve e
Lrasformeremo la 1erra sLessa ln una glganLesca rlserva per l suol ablLanLl.
uaLe le clrcosLanze, cl sl fece gloco dl quelle mlnacce.
nel mlllennl successlvl, ben poco sl seppe degll offesl ablLanLl dl P362. l loro progressl, nella loro lonLana
reglone dell'unlverso, erano rapldl, ma polche sl pensava che sarebbe loro occorso un perlodo quasl
cosmlco prlma che poLessero cosLlLulre una serla mlnaccla per la 1erra, essl vennero lgnoraLl. Come sl
poLeva Lemere un pugno dl selvaggl armaLl dl zagaglla?
La 1erra sl rlvolse a una nuova lmpresa: ll LoLale conLrollo cllmaLlco del planeLa.
Modlflcazlonl cllmaLlche erano sLaLe praLlcaLe su plccola scala fln dal rlmo Clclo. Le nuvole che
poLevano dar ploggla erano cosLreLLe a llberarla, la nebbla poLeva essere scongluraLa, la grandlne essere
resa meno dlsLruLLlva. Sl erano faLLl alcunl LenLaLlvl per rldurre le banchlse polarl e per rendere plu ferLlll
l deserLl. Comunque, Lall mlsure erano sLreLLamenLe locall e, salvo poche eccezlonl, non avevano
sull'amblenLe effeLLl duraLurl.
ll LenLaLlvo del Secondo Clclo comporLava l'erezlone dl enorml colonne ln plu dl cenLo punLl, dlsLrlbulLl
per l'lnLero globo. non conosclamo l'alLezza dl quesLe colonne, polche nessuna dl esse e sopravvlssuLa
lnLaLLa e l daLl sono andaLl perduLl, ma sl pensa che dovessero uguagllare o superare l plu alLl palazzl
allora cosLrulLl, e che probabllmenLe ragglungessero l'alLezza dl due mlglla e plu. All'lnLerno dl Lall
colonne c'erano macchlnarl che avrebbero dovuLo, fra le alLre cose, produrre uno sposLamenLo del poll
del campo magneLlco LerresLre.
A quanLo posslamo sapere dl quel macchlnarl, ll loro scopo doveva essere quello dl modlflcare la
geografla del planeLa secondo un plano mlnuzloso, basaLo sul faLLo che quel che nol oggl chlamlamo
Cceano 1erresLre era allora dlvlso ln un cerLo numero dl marl mlnorl. 8enche collegaLl fra loro, quesLl
suboceanl erano conslderaLl come lndlpendenLl, daLo che le loro sponde, ln magglor parLe, erano
separaLe da Lerre emerse dal resLanLe Cceano 1erresLre. nella reglone polare seLLenLrlonale, per
esemplo, l'unlone dell'Als con ll ConLlnenLe Scomparso del nord (noLo come usa-amrlk) a ovesL, e la
vlclnanza dell'usa-amrlk all'Lyrop a esL, lasclavano solo alcunl sLreLLl da cul le acque polarl poLevano
passare per mescolarsl con quelle degll oceanl plu caldl che clrcondavano l ConLlnenLl Scomparsl.
La manlpolazlone delle forze magneLlche produsse un'osclllazlone della 1erra sulla sua orblLa, calcolaLa
per sclogllere la caloLLa polare seLLenLrlonale, permeLLendo all'acqua ln essa conLenuLa dl venlre a
conLaLLo con acque plu calde provenlenLl da alLrove. 8lmuovendo la caloLLa polare ed esponendo cosl
l'oceano seLLenLrlonale all'evaporazlone, sl sarebbe verlflcaLo un grande aumenLo delle preclplLazlonl
aLmosferlche ln quella zona. er lmpedlre che Lall preclplLazlonl cadessero al nord soLLo forma dl neve,
furono operaLe ulLerlorl manlpolazlonl per muLare lo schema del venLl da ovesL che porLavano le
preclplLazlonl verso le aree LemperaLe. uoveva crearsl come un condoLLo naLurale per porLare le
preclplLazlonl della reglone polare a cerLe zone, dl laLlLudlne lnferlore, che non avevano la glusLa
umldlLa.
Ma ll progeLLo, probabllmenLe, non Lermlnava qul. La nosLra conoscenza del parLlcolarl e lacunosa.
Sapplamo dl planl per devlare le correnLl oceanlche LramlLe abbassamenLl o lnnalzamenLl dl Lerre, dl
proposLe per defleLLere ll calore solare dal Lroplcl alle reglonl polarl, e dl alLre rldlsLrlbuzlonl. l parLlcolarl
non sono lmporLanLl. Cl che e lmporLanLe per nol sono le conseguenze dl quel progeLLo grandloso.
uopo un perlodo dl preparazlone che dur secoll e dopo che quel progeLLo aveva assorblLo plu mezzl e
plu sforzl che qualslasl alLro progeLLo della sLorla umana, le macchlne cllmaLlche enLrarono ln funzlone.
ne rlsulL la devasLazlone.
Cuel dlsasLroso esperlmenLo dl alLerazlone planeLarla dlede come fruLLo uno sposLamenLo del poll
geograflcl, un lungo perlodo dl glaclazlone su gran parLe dell'emlsfero seLLenLrlonale, l'lmprevedlblle
lnablssamenLo dell'usa-amrlk e del Sud-amrlk, suo vlclno, la creazlone del onLe dl 1erra Lra Afrlk ed
Lyrop, e la quasl LoLale dlsLruzlone della clvllLa umana. Cuegll sconvolglmenLl non sl verlflcarono ln un
sol colpo. L evldenLe oggl che ll progeLLo doveLLe prosegulre senza gravl conseguenze per l prlml secoll,
ll ghlacclo polare sl fuse e ll corrlspondenLe aumenLo dl llvello del marl fu affronLaLo con la cosLruzlone
dl evaporaLorl a fuslone - mlnuscoll soll, ln verlLa - ln cerLl punLl sLraLeglcl dell'oceano. Solo dopo varlo
Lempo dlvenne evldenLe che le macchlne cllmaLlche sLavano apporLando muLamenLl archlLeLLonlcl nella
crosLa LerresLre. L quesLl muLamenLl, a dlfferenza dl quelll cllmaLlcl, sl dlmosLrarono lrreverslblll.
lu un perlodo dl LempesLe furlose segulLo da lnLermlnablll slcclLa, morlrono cenLlnala dl mlllonl dl
persone, LuLLe le comunlcazlonl furono lnLerroLLe, sl verlflcarono mlgrazlonl dl masse LerrorlzzaLe dal
conLlnenLl condannaLl. ll caos Lrlonf. La splendlda clvllLa del Secondo Clclo and ln pezzl. Le rlserve dl
creaLure allene vennero dlsLruLLe.
er salvare quel che resLava della popolazlone, alcune poLenLl razze galaLLlche presero ll comando sulla
1erra. CosLrulrono pllonl a energla per sLablllzzare le osclllazlonl dell'asse LerresLre, smanLellarono le
macchlne cllmaLlche che non erano ancora sLaLe dlsLruLLe dalle convulslonl planeLarle, nuLrlrono gll
affamaLl, rlvesLlrono gll lgnudl, e offrlrono presLlLl per la rlcosLruzlone. er nol quello fu ll 1empo del
8lfluLo, nel quale ognl nosLra sLruLLura e convenzlone soclale venne spazzaLa vla. non plu padronl del
nosLro mondo, acceLLammo la carlLa degll sLranlerl e cl rlducemmo a sLrlsclare.
Lppure, proprlo perche eravamo ancora la razza dl un Lempo, cl rlsollevammo a un cerLo grado.
Avevamo dllapldaLo l caplLall del nosLro planeLa e non avremmo mal plu poLuLo essere alLro che poverl e
falllLl, ma ln manlera plu umlle enLrammo nel nosLro 1erzo Clclo. Alcune Lecnlche sclenLlflche del Lempl
precedenLl cl erano ancora accesslblll. ne vennero elaboraLe alLre, che ln genere sl basavano su prlnclpl
del LuLLo dlversl. lurono formaLe le Corporazlonl per rldare ordlne alla socleLa: uomlnaLorl, adronl,
MercanLl, e LuLLe le alLre. l 8lcordaLorl loLLarono per salvare cl che sl poLeva sLrappare al roLLaml del
passaLo.
lnosLrl deblLl verso l soccorrlLorl erano enorml. CompleLamenLe falllLl, non avevamo nessun modo per
rlpagarll, speravamo lnvece dl oLLenere una dlchlarazlone dl lmposslblllLa a pagare, una specle dl
assoluzlone. Lrano gla sLaLl avvlaLl del negozlaLl ln quel senso quando sl verlflc un lnLervenLo
lnaspeLLaLo. Cll ablLanLl dl P362 avvlclnarono ll comlLaLo del curaLorl falllmenLarl della 1erra e sl
offrlrono dl rlmborsare le loro spese... ln camblo del passagglo ad P362 dl ognl fuLuro dlrlLLo sulla 1erra.
Cosl venne faLLo.
Cra P362 sl conslderava proprleLarlo a LuLLl gll effeLLl del nosLro mondo. L fece sapere alla Calassla che
sl rlservava ll dlrlLLo dl prenderne possesso ln un lndeLermlnaLo momenLo fuLuro. non appena ne
sarebbe sLaLo capace, cloe, ln quanLo a quell'epoca P362 non aveva ancora ragglunLo lo sLadlo del volo
lnLersLellare. ua quel momenLo, per, P362 venne conslderaLo ll legale proprleLarlo dl ognl bene della
1erra, ln quallLa dl acqulrenLe ln occorso falllmenLo.
Come era chlaro a LuLLl, quesLo era ll modo scelLo da P362 per manLenere la sua promessa dl
"Lrasformare la 1erra sLessa ln una glganLesca rlserva", come conLrappasso dell'offesa lnferLa loro dalla
nosLra squadra dl raccogllLorl, LanLo Lempo prlma.
Sulla 1erra, la socleLa del 1erzo Clclo sl cosLlLul lungo le dlreLLlve che ancora oggl manLlene, con la sua
rlglda sLraLlflcazlone ln Corporazlonl. La mlnaccla dl P362 venne presa serlamenLe, perche ll nosLro era
un mondo avvlllLo che non poLeva plu farsl gloco dl nessuna mlnaccla, per lnslgnlflcanLe che fosse, una
Corporazlone dl vedeLLe fu lncarlcaLa dl scruLare l clell alla rlcerca dl aggressorl. Segulrono pol l ulfensorl
e LuLLo ll resLo. ln LanLl plccoll modl mosLrammo ancora le nosLre anLlche capaclLa d'lmmaglnazlone,
sopraLLuLLo negll Annl della Magla, quando ln un lmpulso dl fanLasla creammo la Corporazlone degll
AlaLl - una muLazlone capace dl LrasmeLLere le sue caraLLerlsLlche al dlscendenLl - e lnolLre una
Corporazlone dl nauLl, parallela a essa, dl cul oggl poco sl rlcorda, e parecchle alLre varleLa, lnclusa
l'lmprevedlblle e preoccupanLe Corporazlone del ulversl, le cul caraLLerlsLlche geneLlche erano
noLevolmenLe lnsLablll.
Le vedeLLe vlgllarono. l uomlnaLorl governarono. Cll AlaLl volLegglarono. La vlLa prosegul, anno dopo
anno, ln Lyrop e ln Als, ln SLralya, ln Afrlk, nella manclaLa dl lsoleLLe che cosLlLulvano gll unlcl resLl del
ConLlnenLl Scomparsl dl usa-amrlk e Sud-amrlk. La promessa dl P362 enLr a far parLe della mlLologla,
ma nol rlmanemmo vlglll, ln aLLesa. L sull'alLro versanLe del cosmo l nosLrl nemlcl raccogllevano forza,
flno a ragglungere ln parLe la poLenza che era sLaLa nosLra nel Secondo Clclo. L mal dlmenLlcarono ll
glorno ln cul l loro confraLelll erano sLaLl condoLLl prlglonlerl nelle nosLre rlserve.
ln una noLLe dl Lerrore erano glunLl a nol. Cra essl sono l nosLrl padronl e hanno manLenuLo la promessa,
hanno faLLo valere la rlvendlcazlone.
1uLLo quesLo, e molLo alLro, lo lmparal frugando fra l serbaLol dl conoscenze della Corporazlone del
8lcordaLorl.

1I

nel fraLLempo, colul che era sLaLo rlnclpe dl 8oum abusava vergognosamenLe dell'osplLallLa del nosLro
co-garanLe, ll 8lcordaLore Llegro. Avrel dovuLo accorgermene, perche conoscevo ll rlnclpe e l suol modl
megllo dl chlunque alLro a errls. Ma ero Lroppo lmmerso negll archlvl, a lmparare ll passaLo. MenLre
esploravo l parLlcolarl degll archlvl proLoplasmaLlcl e del nodull rlgeneraLlvl del Secondo Clclo, l suol
convogllaLorl dl venLo e l suol sLablllzzaLorl del flusso foLonlco, ll rlnclpe Lnrlc seduceva ll 8lcordaLore
Clmayne.
Come LanLe alLre seduzlonl, cosl credo che neppure quella abbla scaLenaLo un grande confllLLo dl
volonLa. Clmayne era una donna sensuale, e ll suo aLLegglamenLo verso ll marlLo era affeLLuoso ma
condlscendenLe.
Conslderava chlaramenLe Llegro un lncapace, un pasLlcclone borloso. Llegro, la cul alLerlgla e ll cul
aspeLLo severo non nascondevano una lnLerlore mancanza dl fermezza, pareva davvero merlLare ll suo
dlsprezzo. non sLa a me dare gludlzl sul loro maLrlmonlo, ma era evldenLe che la plu forLe era lel, e che
lul non poLeva affaLLo esserle alla parl.
L pol, perche Clmayne aveva sublLo acceLLaLo dl avallare ll nosLro lngresso nella sua Corporazlone?
non cerLo per deslderlo dl una vecchla vedeLLa sLracclona. uoveva essere sLaLo ll deslderlo dl conoscere
qualcosa dl plu sul conLo dl quello sLrano, lmperloso ellegrlno cleco che accompagnava la vedeLLa. lln
dal prlmo momenLo, dunque, Clmayne doveva essersl senLlLa aLLraLLa dal rlnclpe Lnrlc, e a lul,
naLuralmenLe, non erano cerLo occorsl molLl lncoragglamenLl per acceLLare ll dono che gll venlva offerLo.
lorse erano dlvenuLl amanLl fln dal glorno del nosLro arrlvo al Colleglo del 8lcordaLorl.
lo me ne andavo per la mla sLrada, ed Llegro per la sua, e Clmayne e ll rlnclpe per la loro, e l'esLaLe
cedeLLe ll passo all'auLunno e l'auLunno all'lnverno. Scavavo fra le reglsLrazlonl con lmpazlenza furlosa.
Mal prlma d'allora avevo conoscluLo una slmlle parLeclpazlone, una curloslLa cosl lnLensa. Senza
neppure la vlslLa a !orslem, ml senLlvo rlnnovaLo. vedevo pochlsslmo ll rlnclpe, e l nosLrl lnconLrl erano
generalmenLe sllenzlosl: non speLLava a me lnLerrogarlo sulle sue azlonl, e lul non provava deslderlo dl
darml sponLaneamenLe delle splegazlonl.
A volLe pensavo alla mla vlLa precedenLe, al mlel vlaggl per ll mondo e ad Avluela, l'AlaLa, che ora,
lmmaglnavo, era la consorLe dl uno del conqulsLaLorl. Chlssa come sl faceva chlamare ll falso ulverso
Cormon, adesso che aveva abbandonaLo ll LravesLlmenLo e sl era faLLo rlconoscere per un ablLanLe dl
P362? lorse 8e della 1erra nove? Slgnore dell'Cceano Clnque? Superlore all'uomo 1re? lmmaglnavo
anche che, ovunque sl Lrovasse, dovesse essere plu che soddlsfaLLo per ll LoLale successo della
conqulsLa.
verso la flne dell'lnverno vennl a conoscenza della Lresca fra ll 8lcordaLore Clmayne e ll rlnclpe Lnrlc dl
8oum. uapprlma colsl l peLLegolezzl che sl sussurravano nel quarLlerl degll apprendlsLl, pol noLal l sorrlsl
sul volLo dl alLrl 8lcordaLorl quando Llegro e Clmayne erano presenLl, lnflne, osserval ll comporLamenLo
che ll rlnclpe e Clmayne Lenevano fra dl loro. Lra ovvlo. Cuello sflorarsl dl manl, quel sussurrarsl
baLLuLe mallzlose e frasl segreLe... che alLro poLevano slgnlflcare?
lra l 8lcordaLorl ll voLo dl maLrlmonlo e conslderaLo come un lmpegno solenne. Come fra gll AlaLl, ll
maLrlmonlo dura per LuLLa la vlLa, e cerLo non sl pensa che uno del conlugl possa lngannare l'alLro come
faceva Clmayne. Cuando pol ll maLrlmonlo e fra due 8lcordaLorl - come dl sollLo sl verlflca nella
Corporazlone, con qualche eccezlone - l'unlone e ancor plu sacra.
Come sl sarebbe vendlcaLo Llegro, quando, prlma o pol, ne sarebbe venuLo a conoscenza?
Ml accadde dl essere presenLe quando lnflne la slLuazlone sl crlsLalllzz ln aperLo confllLLo. Lra una sera
dl prlmavera appena lnlzlaLa. Avevo lavoraLo a lungo e faLlcosamenLe nel plu profondl pozzl del serbaLol
memorla, porLando alla luce lnformazlonl dl cul nessuno s'era plu occupaLo da che esse erano sLaLe
lmmagazzlnaLe, ora cammlnavo nel lucore della noLLe perrlslana con la menLe affollaLa dl lmmaglnl
confuse, per prendere un po' dl arla fresca. assegglal lungo la Senn e ful accosLaLo dall'agenLe dl una
Sonnambula, che offrl dl venderml un'occhlaLa nel mondo del sognl. lncappal ln un ellegrlno sollLarlo
lnLenLo alle sue devozlonl dlnanzl a un Lemplale dl carne. Ammlral un palo dl glovanl AlaLl ln volo, e ml
sfuggl qualche lagrlma dl auLocommlserazlone. lul fermaLo da un LurlsLa alleno che porLava una
maschera resplraLorla e una Lunlca lnglolellaLa, accosL ll rosso vlso bucherellaLo al mlo, ed esal
alluclnazlonl nelle mle narlcl. lnflne fecl rlLorno al Colleglo del 8lcordaLorl e ml dlressl all'apparLamenLo
del mlel garanLl per rendere loro omagglo prlma dl rlLlrarml per la noLLe.
C'erano Clmayne ed Llegro. L c'era pure ll rlnclpe Lnrlc. Clmayne ml fece enLrare con ll rapldo gesLo dl
un dlLo, ma, dopo quello, non mosLr dl accorgersl della mla presenza, ne lo mosLrarono gll alLrl. Llegro
sLava mlsurando la sLanza con passl furlosl, e pesLava l pledl con LanLa forza che l dellcaLl LessuLl vlvenLl
del LappeLo arrlcclavano l peLall avanLl e lndleLro, gravemenLe LurbaLl. - un ellegrlno! - grldava
Llegro. - Se fosse sLaLo, che so, un qualche rlfluLo dl vendlLore, sarebbe sLaLo solo umlllanLe. Ma un
ellegrlno! ulvenLa un faLLo mosLruoso!
ll rlnclpe Lnrlc era fermo a braccla lncroclaLe, ll corpo lmmoblle. Lra lmposslblle lndovlnare la sua
espresslone dleLro la maschera da ellegrlno, ma pareva perfeLLamenLe calmo.
Llegro dlsse: - negheresLe dl avere compromesso la sanLlLa della mla unlone?
- nulla nego. nulla affermo.
- L Lu? - domand Llegro, volgendosl alla sua consorLe. - ul' la verlLa, Clmayne! er una volLa
almeno, dl' la verlLa! Che dlcl delle sLorle che sl racconLano su Le e su quesLo ellegrlno?
- non ho udlLo alcuna sLorla - dlsse dolcemenLe Clmayne.
- ulcono che lul dlvlde ll Luo leLLo! Che gusLaLe pozlonl comunl! Che lnsleme vl muoveLe verso l'esLasl!
ll sorrlso dl Clmayne non vaclll. ll suo volLo largo era Lranqulllo. Ml parve plu bella che mal.
Llegro sl LormenL con angoscla gll angoll della sclarpa. ll suo vlso ausLero e barbuLo sl oscur per la
collera e l'esasperazlone. La sua mano sclvol soLLo la Lunlca e ne emerse con la soLLlle goccla lucenLe dl
una capsula vlslva, la sporse ln avanLl sul palmo della mano, verso l due colpevoll.
- erche sprecare flaLo? - chlese. - L LuLLo qul. L'lnLera reglsLrazlone del flusso foLonlco. LravaLe
sorvegllaLl. CredevaLe davvero dl poLer nascondere qualcosa, proprlo qul, fra LuLLl l luoghl dell'unlverso?
1u, Clmayne, un 8lcordaLore, avresLl dovuLo pensarcl.
Clmayne esamln la capsula a dlsLanza, come se sl LraLLasse dl una bomba a lmploslone lnnescaLa. Con
dlsprezzo dlsse: - Lra proprlo degno dl Le, splarcl, Llegro. 1l ha daLo placere osservare la nosLra glola?
- 8esLla! - grld lul.
lnLascando la capsula, avanz verso l'lmmoblle rlnclpe. ll vlso dl Llegro era ora sLravolLo
nell'lndlgnazlone del glusLo. ArresLandosl a meno dl un meLro dal rlnclpe dlchlar con voce dl ghlacclo:
- verreLe punlLo flno ln fondo per quesLa empleLa. verreLe spogllaLo del vosLrl ablLl dl ellegrlno e
sareLe affldaLo al desLlno rlservaLo al mosLrl. La volonLa vl consumera l'anlma!
ll rlnclpe Lnrlc repllc: - lrena la Lua llngua.
- lrenare la mla llngua? Ma chl credeLe dl essere, per parlarml a quesLo modo? un ellegrlno che
brama la moglle del suo osplLe... che dopplamenLe lnfrange la sanLlLa... che dalle labbra gronda
menzogne e lpocrlsla allo sLesso momenLo? - Llegro schlumava. ll suo Lono gelldo era scomparso. Cra
smanlava con frenesla, quasl lncoerenLemenLe, Lradendo la debolezza lnLerlore con quella mancanza dl
conLrollo. nol Lre eravamo lmpleLrlLl, sbalordlLl da quel LorrenLe dl parole, lnflne ll momenLo dl sLasl fu
lnLerroLLo, quando ll 8lcordaLore, LrasclnaLo dall'lmpeLo sLesso della sua lndlgnazlone, afferr ll rlnclpe
per le spalle e prese a scuoLerlo con vlolenza.
- Cscena mondezza - ruggl ll rlnclpe - non alzare le manl su dl me!
L con una splnLa del pugnl conLro ll peLLo dl Llegro, scagll ll 8lcordaLore a barcollare all'lndleLro per
LuLLa la sLanza. Llegro urL conLro uno scaffale sospeso e rovescl una flla dl manufaLLl llquldl, Lre
flasche dl fluldl sclnLlllanLl Lremolarono e versarono ll loro conLenuLo, ll LappeLo elev un acuLo sLrlllo dl
addoloraLa proLesLa. 8occhegglanLe, sLuplLo, Llegro sl premeLLe una mano al peLLo e cl flss come per
rlcevere aluLo.
- vlolenza flslca... - anslm Llegro. - un crlmlne vergognoso!
- ll prlmo a usare la vlolenza sel sLaLo Lu - rlcord Clmayne al marlLo.
unLando le dlLa LremanLl, Llegro mormor: - er ll vosLro aLLo non cl pu essere clemenza, ellegrlno!
- 8asLa, con quel .'$$'g#in)! - esclam Lnrlc. Le sue manl corsero alla grlglla della maschera.
Clmayne lancl un grldo per lmpedlrgllelo, ma nella sua lra ll rlnclpe non conosceva freno. CeLL la
maschera sul pavlmenLo e rlsLeLLe, con ll duro volLo LerrlbllmenLe eslblLo, gll scarnl e crudell llneamenLl
dl falco, le grlgle sfere meccanlche delle orblLe, che mascheravano gll ablssl della sua furla. - Sono ll
rlnclpe dl 8oum! - annuncl con voce dl Luono. - ln glnocchlo e umlllaLl! ln glnocchlo e umlllaLl!
SvelLo, 8lcordaLore, le Lre prosLrazlonl e le clnque umlllazlonl!
Llegro sembr sgreLolarsl. ScruL lncredulo ll rlnclpe, pol sl chln, e nella sua meravlglla compl
lsLlnLlvamenLe l'omagglo rlLuale dlnanzl al seduLLore dl sua moglle. Lra la prlma volLa dopo la caduLa dl
8oum che ll rlnclpe dlchlarava ll proprlo rango, e ll placere che gllene derlvava era cosl evldenLe, sul
suo volLo devasLaLo, che perflno le pupllle llsce parvero sfolgorare dl flerezza regale.
- luorl! - ordln ll rlnclpe. - Lasclacl!
Llegro fuggl.
lo rlmasl, aLLonlLo e barcollanLe. ll rlnclpe ml fece un cenno genLlle. - 1l splacerebbe, amlco mlo,
lasclarcl soll per alcunl mlnuLl?

1J

un debole pu venlr messo ln roLLa da un aLLacco dl sorpresa, ma ln segulLo egll sl ferma, rlfleLLe, Lrama
qualche comploLLo. Cosl fu per ll 8lcordaLore Llegro. lorzaLo fuorl del proprlo allogglo dallo
smascheramenLo del rlnclpe dl 8oum, egll sl calm e rlcorse all'asLuzla non appena lonLano da quella
presenza LerrlflcanLe. lu Lardl, quella sLessa sera, menLre ml slsLemavo sul mlo glaclgllo e eslLavo se
aluLare ll sonno con qualche droga, Llegro ml convoc nella sua cella dl lavoro, a un plano lnferlore
dell'edlflclo.
La egll sedeva, fra gll aLLrezzl Llplcl della sua Corporazlone: roLoll e boblne, lamlne per daLl, capsule,
cuffle, un quarLeLLo dl cervelll collegaLl ln serle, una flla dl scherml vlslvl, una plccola splrale
ornamenLale, LuLLl l slmboll del raccogllLorl d'lnformazlonl. lra le manl sLrlngeva un crlsLallo assorblLore
dl Lenslone, provenlenLe da uno del lnondl della nuvola, ll cuore laLLlglnoso del crlsLallo sl Llngeva
rapldamenLe dl nero seppla menLre assorblva dal suo splrlLo ognl LurbamenLo. Llegro osLenLava una
posa dl severa auLorlLa, quasl che lo non avessl vlsLo LuLLa la sua mancanza dl splna dorsale.
ulsse: - ConoscevaLe l'ldenLlLa dl quell'uomo, quando sleLe glunLo con lul a errls?
- Sl.
- non ne aveLe mal parlaLo.
- non ml e mal sLaLo chlesLo.
- SapeLe a quale rlschlo cl aveLe esposLl LuLLl quanLl, facendocl nascondere lnconsapevolmenLe un
uomlnaLore?
- Slamo LerresLrl - dlssl. - non rlconosclamo forse plu l'auLorlLa del uomlnaLorl?
- non plu dopo la conqulsLa. er decreLo degll lnvasorl LuLLe le precedenLl forme dl governo sono
annullaLe e l passaLl governanLl sono passlblll dl arresLo.
- Ma cerLo dovremmo opporcl a un slmlle ordlne!
ll 8lcordaLore Llegro ml flss ln modo quasl canzonaLorlo. - L forse complLo del 8lcordaLorl
lmmlschlarsl nella pollLlca? 1omls, nol obbedlamo al governo che e al poLere, lndlpendenLemenLe dalla
sua naLura e dal modo con cul ha preso ll comando. Cul non conduclamo aLLlvlLa dl reslsLenza.
- Lo vedo.
- ercl dobblamo llberarcl sublLo dl quesLo perlcoloso fugglasco. 1omls, vl lncarlco dl recarvl
lmmedlaLamenLe al quarLler generale delle Lruppe dl occupazlone, e dl lnformare CovernaLore
dell'uomo SeLLe che abblamo caLLuraLo ll rlnclpe dl 8oum e lo LraLLenlamo qul ln aLLesa che se lo
vengano a prendere.
- I) dovrel andare? - mormoral. - erche mandare un vecchlo come messaggero nel cuore della
noLLe? una normale comunlcazlone con una cuffla pensanLe sarebbe sufflclenLe!
- L Lroppo rlschloso. LsLranel poLrebbero lnLerceLLare la comunlcazlone. non gloverebbe alla nosLra
Corporazlone la dlffuslone dl Lale noLlzla. uovra essere una comunlcazlone personale.
- Ma scegllere un lnslgnlflcanLe apprendlsLa per porLarla... ml sembra sLrano...
- SolLanLo nol due sapplamo - dlsse Llegro. - lo non vogllo andare. ercl vol doveLe andarcl.
- Senza un'adeguaLa credenzlale non ml lasceranno mal parlare a CovernaLore.
- lnformaLe l suol aluLanLl che sleLe laLore dl noLlzle che rlguardano la caLLura del rlnclpe dl 8oum. vl
ascolLeranno.
- uevo fare ll vosLro nome?
- Se necessarlo. oLeLe dlre che ll rlnclpe e LenuLo prlglonlero nel mlo apparLamenLo con l'aluLo dl mla
moglle.
Cuasl scopplal a rldere a quelle parole. Ma rlmasl serlo dlnanzl a quel codardo 8lcordaLore che non
osava neppure andare dl persona a denunclare l'uomo che l'aveva faLLo becco.
- Alla flne - dlssl - ll rlnclpe verra a sapere cosa abblamo faLLo. vl sembra glusLo chlederml dl Lradlre
l'uomo che ml e sLaLo compagno per LanLl mesl?
- Cul non sl LraLLa dl LradlmenLo, bensl del nosLrl doverl verso ll governo.
- lo non ml rlconosco nessun dovere verso quesLo governo. La mla fedelLa va alla Corporazlone del
uomlnaLorl. L per quesLo che ho asslsLlLo ll rlnclpe dl 8oum quando sl Lrovava ln perlcolo.
- er quanLo aveLe faLLo - dlsse Llegro - l conqulsLaLorl poLrebbero Logllervl la vlLa. L'unlco modo per
farvl perdonare conslsLe nell'ammeLLere ll vosLro errore e nel cooperare al suo arresLo. AndaLe. SublLo.
nella mla lunga eslsLenza ne ho dovuLe sopporLare LanLe, ma mal ho dlsprezzaLo qualcuno con la
vlolenza con cul dlsprezzavo Llegro ln quel momenLo.
Lppure avevo poche scelLe, e nessuna dl quelle scelLe era gradevole. Llegro voleva che ll suo offensore
fosse punlLo, ma gll mancava ll coragglo dl denunclarlo dl persona, percl Loccava a me consegnare alle
auLorlLa un uomo che avevo proLeLLo e asslsLlLo, e verso ll quale ml senLlvo una cerLa responsablllLa. Se
rlfluLavo, forLe Llegro avrebbe consegnaLo anche me agll lnvasorl come compllce nella fuga del rlnclpe
da 8oum, oppure sl sarebbe vendlcaLo su dl me nell'amblLo della Corporazlone del 8lcordaLorl. L se
obbedlvo a Llegro, ml sarebbe rlmasLa per sempre una macchla sulla cosclenza, lnolLre, nel caso che l
uomlnaLorl rlprendessero ll poLere, avrel dovuLo rlspondere dl parecchle cose.
MenLre soppesavo le posslblllLa, maledlssl Lre volLe la moglle lnfedele dl Llegro e ll suo lnverLebraLo
consorLe.
LslLal ancora un po'. Llegro cerc ancora dl convlncerml, mlnacclando dl accusarml davanLl alla
Corporazlone dl esserml accosLaLo lllegalmenLe ad archlvl segreLl e dl avere lnLrodoLLo nel conflnl della
Corporazlone un fugglasco proscrlLLo. Mlnaccl dl lmpedlre per sempre l'accesso a ognl fonLe dl
lnformazlonl. arl ln Lermlnl vaghl dl vendeLLa.
Alla flne gll dlssl che sarel andaLo al comando degll lnvasorl per fare cl che voleva. Avevo nel fraLLempo
conceplLo un LradlmenLo che speravo avrebbe cancellaLo quello che Llegro ml cosLrlngeva a
commeLLere.
L'alba era ormal prosslma quando lasclal l'edlflclo. L'arla era dolce e leggera, una bassa foschla pendeva
sulle sLrade dl errls, conferendo loro un genLlle lucclchlo. nessuna luna era vlslblle. er quelle vle
deserLe ml senLlvo poco slcuro, benche ml rlpeLessl che nessuno sl sarebbe daLo pena dl fare del male a
un anzlano 8lcordaLore, ma ero armaLo solo dl una plccola lama, e Lemevo l bandlLl.
ll mlo lLlnerarlo passava per buona parLe su uno del cavalcavla pedonall. lecl pluLLosLo ln freLLa la rlplda
sallLa, ma quando ebbl ragglunLo ll llvello superlore ml senLll plu slcuro, perche ll ln alLo erano dlslocaLe
paLLuglle a brevl lnLervalll e c'erano anche alLrl noLLambull. ClLrepassal una flgura speLLrale vesLlLa dl un
ablLo ln raso blanco fra le cul pleghe facevano capollno llneamenLl allenl: un avaLara, speLLrale ablLanLe
dl un planeLa del 1oro dove la relncarnazlone e cosa comune e nessuno va ln glro nel proprlo corpo
orlglnale. Superal Lre creaLure femmlnlll dl un planeLa del Clgno, che rldacchlarono al mlo apparlre e ml
chlesero se avessl vlsLo qualche maschlo della loro specle, polche l'epoca degll accopplamenLl era
prosslma. Superal un palo dl ulversl che ml squadrarono aLLenLamenLe, declsero che non avevo con me
nulla che valesse la pena dl rubare e prosegulrono, rldacchlando Lra le glogale pezzaLe e le macchle
radlanLl lumlnose come farl.
lnflne glunsl al Lozzo edlflclo oLLagonale occupaLo dal rocuraLore dl errls.
non era cusLodlLo con grande splegamenLo dl forze. Cll lnvasorl sembravano slcurl della nosLra
lncapaclLa dl scaLenare un conLraLLacco, e con LuLLa probablllLa erano nel vero, un planeLa che sl fa
conqulsLare fra la noLLe e l'alba non pu cerLo offrlre una reslsLenza preoccupanLe, ln segulLo. lnLorno al
palazzo sl levava ll debole lucclchlo dl un anallzzaLore proLeLLlvo. nell'arla un plzzlcore dl ozono.
nell'ampla plazza davanLl all'edlflclo, alcunl MercanLl sLavano slsLemando le loro mercanzle per ll
maLLlno, vldl barlll dl spezle scarlcaLl da muscolosl ServlLorl, e scure forme dl salslcce LrasporLaLe da flle
dl neuLrl. lecl un passo olLre ll ragglo dell'anallzzaLore e spunL un lnvasore per darml ll chl va la.
Splegal che porLavo lmporLanLl noLlzle per ll CovernaLore dell'uomo SeLLe, enLro brevlsslmo Lempo,
passando per una serle lncredlbllmenLe breve d'lnLermedlarl, ful ammesso alla presenza del
rocuraLore.
L'lnvasore aveva arredaLo ll suo ufflclo con sempllclLa ma con evldenLe buon gusLo. Lra adorno dl oggeLLl
dl produzlone escluslvamenLe LerresLre: un arazzo LessuLo ln Afrlk, due boccall dl alabasLro dell'anLlco
AgupL, una sLaLueLLa ln marmo che poLeva rlsallre al prlml lmperl dl 8oum, e un nero vaso Lalyano
denLro ll quale langulvano alcunl florl della morLe appasslLl. Cuando enLral, l'lnvasore sembrava
occupaLo a leggere varl cubomessaggl, da quel che avevo senLlLo dlre, sapevo che gll lnvasorl sbrlgavano
gran parLe del lavoro duranLe le ore noLLurne: e non ful affaLLo sLuplLo dl Lrovarlo cosl lndaffaraLo. uopo
un lsLanLe sollev gll occhl e dlsse: - Cos'e quesLa sLorla, vecchlo? Cosa sal dl un uomlnaLore ln fuga?
- ll rlnclpe dl 8oum - dlssl. - Conosco ll suo nascondlgllo.
ul colpo l suol occhl freddl s'lllumlnarono dl lnLeresse. lece scorrere le manl dalle molLe dlLa sul rlplano
della scrlvanla, dove erano slsLemaLl gll embleml dl parecchle Corporazlonl: 1rasporLaLorl e 8lcordaLorl e
ulfensorl e Clown fra le alLre.
- ConLlnua - ml dlsse.
- ll rlnclpe e ln quesLa clLLa. Sl Lrova ln un luogo ben preclso e non ha modo dl fugglrne.
- L Lu sel qul per dlrml dove sl Lrova?
- no - dlssl. - Sono qul per comprare la sua llberLa.
CovernaLore dell'uomo SeLLe parve perplesso. - A volLe vol umanl ml rlusclLe lncomprenslblll - dlsse.
- Afferml dl avere caLLuraLo quesLo uomlnaLore fugglLlvo, e lo allora penso che Lu voglla vendercelo,
lnvece dlcl che vuol (),&#"#$)- erche allora vlenl da nol? L uno scherzo?
- ermeLLeLe che vl spleghl?
Se ne sLeLLe a rlmuglnare flssando la sua lmmaglne rlflessa dalla luclda superflcle della scrlvanla, menLre
gll racconLavo brevemenLe ll mlo vlagglo da 8oum ln compagnla del rlnclpe accecaLo, gll parlavo del
nosLro arrlvo al Colleglo del 8lcordaLorl, della seduzlone dl Clmayne operaLa dal rlnclpe Lnrlc e del
meschlno, lroso deslderlo dl vendeLLa dl Llegro. ulssl chlaramenLe che ero venuLo dagll lnvasorl solo
perche cosLreLLo, e che non era mla lnLenzlone consegnare ll rlnclpe nelle loro manl. ol agglunsl: - So
che su LuLLl l uomlnaLorl c'e la pena dl morLe. Ma quesLo ha gla pagaLo un alLo prezzo per la sua llberLa.
vl chledo percl dl noLlflcare al 8lcordaLorl che ll rlnclpe dl 8oum e sLaLo amnlsLlaLo, e che gll e
permesso dl conLlnuare ll suo vlagglo a !orslem come ellegrlno. ln Lal modo Llegro non avra plu alcuna
auLorlLa su dl lul.
- L cosa cl offrl Lu - chlese CovernaLore dell'uomo SeLLe - ln camblo dl quesLa amnlsLla per ll Luo
rlnclpe?
- Po svolLo alcune rlcerche nel serbaLol memorla del 8lcordaLorl.
- L allora?
- Po LrovaLo quello che cercaLe.
CovernaLore dell'uomo SeLLe ml sLudl con aLLenzlone.
- Come puol avere ldea dl cl che cerchlamo?
- LslsLe, nel plu profondl recessl del Colleglo del 8lcordaLorl - dlssl con calma - una reglsLrazlone
vlslva della rlserva nella quale vlssero l vosLrl anLenaLl raplLl, duranLe la loro prlglonla sulla 1erra. MosLra
le loro sofferenze con parLlcolarl sconvolgenLl. L una superba glusLlflcazlone per la conqulsLa della 1erra
da parLe dl P362.
- lmposslblle! non eslsLe un Lale documenLo!
ualla veemenza della reazlone dell'lnvasore seppl dl averlo colplLo ln un punLo vulnerablle.
Lgll prosegul: - Abblamo frugaLo con ognl aLLenzlone nel vosLrl archlvl. LslsLe una sola reglsLrazlone dl
vlLa nelle rlserve, e non mosLra la nosLra genLe, bensl una razza plramldlforme, non umanolde,
probabllmenLe dl uno del mondl dell'Ancora.
- L'ho vlsLa - dlssl. - Ce ne sono alLre. Po passaLo molLe ore ln quella rlcerca, allo scopo dl conoscere
le nosLre passaLe lnglusLlzle.
- Cll lndlcl...
- ...possono anche essere lncompleLl. Po LrovaLo quesLa reglsLrazlone solLanLo per caso. l 8lcordaLorl
sLessl non sanno dl averla. L lo vl gulder a essa... se acconsenLlLe a non recare alcun danno al rlnclpe
dl 8oum.
ll rocuraLore rlmase ln sllenzlo per un lsLanLe. lnflne dlsse: - Ml rendl perplesso. non rlesco a decldere
se sel un farabuLLo o un uomo alLamenLe vlrLuoso.
- Conosco la vera lealLa.
- er, Lradlre l segreLl della Lua Corporazlone.
- lo non sono un 8lcordaLore, solLanLo un apprendlsLa, e prlma ancora ero vedeLLa. non vogllo che
facclaLe del male al rlnclpe solo perche cosl desldera uno sclocco, che sl e faLLo fare becco. ll rlnclpe e
nelle sue manl, solo vol poLeLe oLLenere la sua llberazlone ora. L percl vl devo offrlre quel documenLo.
- Che l 8lcordaLorl hanno accuraLamenLe cancellaLo dagll lndlcl, per non farlo cadere ln mano nosLra.
- Che l 8lcordaLorl, per LrascuraLezza, hanno messo fuorl posLo e pol dlmenLlcaLo.
- ne dublLo - dlsse CovernaLore dell'uomo SeLLe. - non sono affaLLo LrascuraLl. Cuella reglsLrazlone
l'hanno nascosLa, e Lu, consegnandola a nol, non Lradlscl ll Luo mondo? non dlvenLl un collaboraLore
dell'odlaLo nemlco?
Sosplral. - Cl che ml lnLeressa e la llberLa del rlnclpe dl 8oum. AlLrl flnl e alLrl mezzl non
m'lnLeressano. SapreLe dove sl Lrova quel documenLo ln camblo della vosLra asslcurazlone che ll rlnclpe
sara amnlsLlaLo.
L'lnvasore fece sfogglo dl quel che doveva essere ll suo sorrlso. - non e nel nosLrl lnLeressl permeLLere
che membrl della Corporazlone del uomlnaLorl resLlno ln llberLa. La Lua poslzlone e alquanLo precarla,
non Ll pare? oLrel esLrarre con forza dalla Lua memorla la collocazlone dl quel documenLo... e Lenerml
anche ll rlnclpe.
- oLresLe farlo - convennl. - L un rlschlo che corro. Ma suppongo che un popolo venuLo a vendlcare
un crlmlne anLlco possegga un cerLo senso dell'onore. lo sono nelle vosLre manl, e la collocazlone del
documenLo e nella mla menLe, pronLa a essere esLraLLa con la forza, se cosl voleLe.
Cra l'lnvasore rldeva con lnconfondlblle mosLra dl buon umore.
- ALLendl un lsLanLe - ml dlsse. Mormor alcune parole nella sua llngua madre ln un dlsposlLlvo
ambraLo, e quasl sublLo un secondo membro della sua specle enLr nella sLanza. Lo rlconobbl all'lsLanLe,
benche ora gll mancasse parLe dello sgarglanLe LravesLlmenLo lndossaLo quando vlagglava con me come
Cormon, ll falso ulverso. Ml offrl l'amblguo sorrlso della sua razza e dlsse: - vl saluLo, vedeLLa.
- ll mlo saluLo a vol, Cormon.
- ll mlo nome e ora vlLLorloso 1redlcl.
- Cra ml chlamo 1omls del 8lcordaLorl - dlssl lo.
CovernaLore dell'uomo SeLLe lnLervenne: - Cuand'e che vol due sleLe dlvenLaLl amlcl?
- All'epoca della conqulsLa - dlsse vlLLorloso 1redlcl. - MenLre svolgevo l mlel complLl dl esploraLore
ln avanscoperLa, lnconLral quesL'uomo ln 1alya e vlagglal con lul flno a 8oum. Ma ln realLa fummo solo
compagnl, non amlcl.
1remal. - uov'e l'AlaLa Avluela?
- A ars, credo - rlspose lul con fare dlslnvolLo. - ulceva spesso dl voler Lornare a lnd, ll luogo
d'orlglne della sua genLe.
- Allora l'aveLe amaLa solo per un poco?
- Lravamo plu compagnl che amanLl - dlsse l'lnvasore. - er nol fu solo una cosa passeggera.
- er vol, forse - dlssl.
- er enLrambl.
- L per quesLa cosa passeggera rubasLe a un uomo gll occhl?
Colul che era sLaLo Cormon scroll le spalle. - Lo fecl per dare a un superbo una lezlone dl orgogllo.
- A quel Lempo dlcesLe che ll vosLro moLlvo era la gelosla - gll rlcordal. - reLendesLe dl aglre per
amore.
vlLLorloso 1redlcl parve perdere ognl lnLeresse a me. Chlese a CovernaLore dell'uomo SeLLe: - erche
quesL'uomo e qul? erche ml hal chlamaLo?
- ll rlnclpe dl 8oum e a errls - dlsse l'alLro lnvasore.
vlLLorloso 1redlcl sl mosLr bruscamenLe sorpreso.
CovernaLore dell'uomo SeLLe prosegul: - L prlglonlero del 8lcordaLorl. CuesL'uomo cl offre uno sLrano
scamblo. 1u conoscl ll rlnclpe megllo dl LuLLl nol, Ll chledo conslgllo.
ll rocuraLore Lraccl brevemenLe la slLuazlone. Colul che era sLaLo Cormon ascolL pensleroso, senza
dlre una sola parola. lnflne, CovernaLore dell'uomo SeLLe dlsse: - ll problema e quesLo: daremo
amnlsLla a quesLo uomlnaLore proscrlLLo?
- L cleco - dlsse vlLLorloso 1redlcl. - Cgnl suo poLere e svanlLo. l suol seguacl sono dlspersl. lorse ll
suo splrlLo e sempre lndomlLo, ma per nol non rappresenLa plu un perlcolo. Conslgllo dl acceLLare lo
scamblo.
- LsenLare un uomlnaLore dall'arresLo presenLa dlversl rlschl ammlnlsLraLlvl - fece noLare CovernaLore
dell'uomo SeLLe. - Comunque, anch'lo sono d'accordo. AcceLLlamo lo scamblo. - L a me: - uaccl la
collocazlone del documenLo che cerchlamo.
- rlma dlsponeLe la llberazlone del rlnclpe dl 8oum - repllcal con calma.
LnLrambl gll lnvasorl sl mosLrarono dlverLlLl. - AbbasLanza glusLo - dlsse CovernaLore dell'uomo SeLLe.
- Ma ascolLa: come posslamo essere cerLl che manLerral la Lua parola? uuranLe l'ora che cl servlra per
llberare ll rlnclpe, poLrebbe accaderLl qualslasl cosa.
- un suggerlmenLo - lnLervenne vlLLorloso 1redlcl. - non e LanLo una quesLlone dl sflducla quanLo dl
calcolare l Lempl. 1omls, perche non reglsLraLe la collocazlone del documenLo su un cubo a rlLardo dl sel
ore? nol prepareremo ll cubo ln modo che ceda l'lnformazlone solo se enLro sel ore ll rlnclpe ln
persona, e nessun alLro, gll ordlnera dl farlo. Se non avremo LrovaLo e llberaLo ll rlnclpe enLro le sel ore,
ll cubo sl dlsLruggera. L se nol llbereremo ll rlnclpe, ll cubo cl dara l'lnformazlone anche se, LanLo per
fare un'lpoLesl, vl dovesse caplLare qualcosa ln quell'lnLervallo.
- ConslderaLe davvero ognl evenLuallLa... - gll dlssl.
- Allora, d'accordo? - chlese CovernaLore dell'uomo SeLLe.
- u'accordo - dlssl lo.
Ml porLarono un cubo e ml slsLemarono soLLo uno schermo proLeLLlvo menLre Lrascrlvevo sulla luclda
superflcle ll numero dello scaffale e la formula sequenzlale per ldenLlflcare ll documenLo che avevo
rlLrovaLo. assarono alcunl secondl, ll cubo sl rovescl e l'lnformazlone svanl nel suo nucleo opaco. Lo
porsl agll lnvasorl.
lu cosl che consumal ll LradlmenLo verso la mla eredlLa dl 1erresLre offrendo l mlel servlgl al
conqulsLaLorl: LuLLo per essere fedele a un rlnclpe accecaLo che rubava le mogll alLrul.

1L

Crmal l'alba era spunLaLa. non accompagnal gll lnvasorl al Colleglo del 8lcordaLorl, non era affar mlo
conLrollare gll evenLl complessl che sLavano per avvenlre, preferlvo Lenermene lonLano. Cadeva una flne
acqueruglola quando ml avvlal per le sLrade grlgle che cosLegglavano la scura Senn. ll flume lmmuLablle,
dalla superflcle punLegglaLa dl ploggla, scorreva lndefaLlgabllmenLe conLro gll anLlchl archl dl pleLra del
rlmo Clclo: ponLl che unlvano Lra loro mlllennl lnnumerevoll, sopravvlssuLl dl un'era nella quale gll unlcl
probleml dell'umanlLa erano quelll che l'umanlLa sl procurava da sola. ll maLLlno lngol la clLLa. er un
rlflesso anLlco, lnesLlrpablle, cercal gll sLrumenLl per complere la vlgllanza, e doveLLl rlcordarml con uno
sforzo che ormal quesLe cose apparLenevano al passaLo. Le vedeLLe sl erano sclolLe, ll nemlco era
glunLo, e ll vecchlo Wuelllg, ora 1omls del 8lcordaLorl, sl era venduLo agll anLlchl nemlcl dell'umanlLa.
All'ombra dl un edlflclo rellgloso con due campanlll gemelll, rlcordo degll anLlchl CrlsLanl, ml lasclal
aLLrarre nella baracca dl una Sonnambula. non ho mal avuLo molLl conLaLLl con quesLa Corporazlone. A
modo mlo dlffldo sempre del clarlaLanl, e al nosLrl Lempl l clarlaLanl abbondano. l Sonnambull, nello
sLaLo dl Lrance, affermano dl vedere cl che fu, cl che e, e cl che sara. Anch'lo conosco la Lrance,
perche, ln quanLo vedeLLa, ero sollLo enLrarcl quaLLro volLe al glorno, ma una vedeLLa con un brlclolo dl
orgogllo professlonale flnlsce necessarlamenLe col dlsprezzare la dlscuLlblle eLlca dl coloro che usano la
seconda vlsLa per proflLLo, come fanno l Sonnambull.
1uLLavla, da quando apparLenevo al 8lcordaLorl avevo sapuLo, con sorpresa, che spesso sl chledeva
l'aluLo del Sonnambull per scoprlre qualche slLo del Lempl anLlchl, e che sempre l 8lcordaLorl ne erano
rlmasLl soddlsfaLLl. 8enche rlmanessl ancora sceLLlco, volevo saperne qualcosa dl plu. L ln quel momenLo
ml occorreva un rlparo dalla LempesLa scopplaLa al Colleglo.
una flgura fraglle e affeLLaLa, vesLlLa dl nero, ml accolse con un beffardo lnchlno quando enLral ln quella
bassa baracca.
- Sono SamlL del Sonnambull - ml dlsse con voce alLa e lamenLosa. - vl do ll benvenuLo e vl auguro
buone nuove. Lcco la mla compagna, la Sonnambula MurLa.
La Sonnambula MurLa era una donna masslccla che lndossava un ablLo come dl plzzo. La carne del suo
volLo era pesanLe, aveva profonde occhlale scure, e dal suo labbro superlore spunLava una dlscreLa
pelurla. l Sonnambull lavorano ln coppla, uno aglsce da lmbonlLore e l'alLro sl eslblsce, molLe copple
sono formaLe da marlLo e moglle, come quesLa. La mla menLe sl rlbell all'lmmaglne dl quella monLagna
dl carne dl MurLa che abbracclava ll mlngherllno SamlL, ma non erano faLLl mlel. SedeLLl al posLo che
SamlL ml lndlcava, Su un Lavolo vlclno noLal alcune LavoleLLe allmenLarl dl dlversl colorl, avevo lnLerroLLo
la colazlone della famlgllola. MurLa, gla profondamenLe lmmersa nella Lrance, sl agglrava per la sLanza
con passl pesanLl, rasenLando dl quando ln quando alcunl moblll con gesLo leggero. Sl dlce che cerLl
Sonnambull resLlno svegll solo per due o Lre ore su venLl, sempllcemenLe per prendere l loro pasLl e
soddlsfare le eslgenze corporall, ce ne sono alLrl lnvece che chlaramenLe vlvono ln uno sLaLo dl Lrance
perenne, e che vengono nuLrlLl e asslsLlLl da accollLl.
AscolLal svogllaLamenLe menLre SamlL del Sonnambull ml sommlnlsLrava le sue chlacchlere da
lmbonlLore ln rapldl, febbrlll scoppleLLll dl frasl rlLuall. Lrano faLLe su mlsura per gll lgnoranLl, l
Sonnambull svolgono quasl LuLLo ll loro lavoro con ServlLorl, Clown e alLra genLucola. Alla flne, forse
accorgendosl della mla lmpazlenza, Lagll corLo alla sua magnlflcazlone delle doLl della Sonnambula
MurLa e ml chlese cosa volessl sapere con preclslone.
- CerLo la Sonnambula lo sapra gla - dlssl.
- ueslderaLe un'anallsl generale?
- vogllo conoscere ll desLlno dl coloro che ml clrcondano. vorrel che la Sonnambula sl concenLrasse
parLlcolarmenLe sugll avvenlmenLl che sl sLanno verlflcando ora al Colleglo del 8lcordaLorl.
SamlL Lamburell con le unghle (non LanLo corLe) sul Lavolo llsclo e lancl un'occhlaLa alla bovlna MurLa.
- Sel ln conLaLLo con la verlLa? - le chlese.
La repllca dl lel fu un sosplro, prolungaLo e soLLlle, che pareva glungere dal cuore dl quella LremolanLe
massa dl clccla.
- Cosa vedl? - le chlese ancora.
La donna prese a blsblgllare flLLamenLe. l Sonnambull parlano ln una llngua che nessun'alLra persona
dell'umanlLa conosce o usa, e uno sLrano lnsleme dl suonl LagllenLl: alcunl dlcono che dlscende
dall'anLlca llngua dell'AgupL. non saprel dlre. Alle mle orecchle suonava lncoerenLe, frammenLarla, ml
pareva lmposslblle che poLesse avere un qualslasl slgnlflcaLo. SamlL presL orecchlo per un poco, pol
annul soddlsfaLLo e sLese ll palmo della mano verso dl me.
- Cl sono molLe cose - dlsse.
ulscuLemmo ll prezzo, conLraLLando brevemenLe, e glungemmo a un accordo. - AvanLl - gll dlssl. -
lnLerpreLaLe la verlLa.
CauLamenLe, comlncl: - CuesLa faccenda Locca degll esserl dl un alLro mondo, e anche varl membrl
della Corporazlone del 8lcordaLorl. - Me ne rlmasl sllenzloso, senza fornlrgll alcun lncoragglamenLo. -
Ll accomuna una dlfflclle dlspuLa. Al cuore dl LuLLo c'e un uomo senza occhl.
urlzzal la schlena con un sobbalzo.
SamlL eslbl un freddo sorrlso dl Lrlonfo. - L'uomo senza occhl e caduLo dalla sua grandezza. uovremmo
dlre che egll e la 1erra, lnfranLa dal suol conqulsLaLorl? Cra egll e prosslmo alla flne del suol glornl.
vorrebbe resLaurare la sua condlzlone precedenLe, ma sa che e lmposslblle. Pa lndoLLo un 8lcordaLore a
lnfrangere un voLo. nel Colleglo dl quella Corporazlone sono convenuLl varl conqulsLaLorl per... per
punlrlo? no. no. er llberarlo dalla prlglonla. uevo rosegulre?
- SvelLo!
- AveLe rlcevuLo LuLLo quello per cul aveLe pagaLo.
Lo squadral mlnacclosamenLe. Lra esLorslone vera e proprla, eppure la Sonnambula aveva vlsLo
chlaramenLe la verlLa. non avevo sapuLo nulla che gla non sapessl prlma, ma basLava a dlrml che poLevo
saperne dl plu. AumenLal la clfra.
SamlL rlchluse ll pugno sulle mle moneLe e conferl ancora con MurLa. Cra lel parl a lungo, con una cerLa
aglLazlone, glrando plu volLe su se sLessa e urLando conLro un dlvano faLlscenLe.
SamlL dlsse: - L'uomo senza occhl sl e lnLromesso fra un marlLo e una moglle. ll marlLo olLragglaLo
chlede che sla punlLo, gll esserl dl un alLro mondo vogllono lmpedlrlo. CuesLl esserl cercano verlLa
nascosLe, le scoprlranno, con l'aluLo dl un LradlLore. L'uomo senza occhl vuole llberLa e poLenza, Lrovera
solo la pace. La moglle conLamlnaLa cerca ll placere, Lrovera lnvece avverslLa.
- L lo? - chlesl, lnLerrompendo ll sllenzlo, osLlnaLo e cosLoso, segulLo a quelle parole. - non ml aveLe
deLLo ancora nulla sul mlo conLo!
- LascereLe presLo errls, nello sLesso modo ln cul vl sleLe enLraLo. non ve ne andreLe solo. non
parLlreLe come membro della vosLra aLLuale Corporazlone.
- L quale sara la mla desLlnazlone?
- La conosceLe bene quanLo nol, perche sprecare denaro per farvelo dlre?
Cadde nuovamenLe nel sllenzlo.
- ulLeml cosa ml aspeLLa duranLe ll vlagglo a !orslem - dlssl.
- non poLresLe permeLLervl slmlll lnformazlonl. ll fuLuro e molLo caro. vl conslgllo dl acconLenLarvl dl
cl che vl abblamo deLLo.
- Po alcune domande su cl che ml aveLe deLLo.
- nol non fornlamo mal chlarlmenLl, a nessun prezzo.
Sogghlgn. SenLll la vlolenza del suo dlsprezzo. La Sonnambula MurLa, ancora barcollanLe per la sLanza,
grugnl e ruLL. Le poLenze con le quall era ln conLaLLo dovevano averle lmparLlLo una nuova
lnformazlone, plagnucol, rabbrlvldl, ed emlse un confuso suono rldacchlanLe. SamlL le parl nella loro
llngua. Lel rlspose con lunghe frasl. ol SamlL ml scruL. - un'ulLlma lnformazlone - dlsse - senza
pagamenLo. La vosLra vlLa non e ln perlcolo, ma ll vosLro splrlLo sl. vl convlene meLLervl ln pace, al plu
presLo posslblle, con la volonLa. 8ecuperaLe ll vosLro orlenLamenLo morale. 8lcordaLe la vosLra vera
fedelLa. LsplaLe l peccaLl commessl con buone lnLenzlonl. non posso dlrvl dl plu.
ln quel momenLo, MurLa sl aglL e sembr rlsvegllarsl. Crandl feLLe dl carne, sul volLo e sul corpo,
Lremolarono menLre le convulslonl dovuLe all'abbandono della Lrance sl lmpossessavano dl lel. l suol
occhl sl spalancarono, ma vl scorsl solLanLo ll blanco, e fu una vlsLa Lerrlblle. Le labbra spesse sl
socchlusero rlvelando denLl sbrlclolaLl. SamlL ml fece cenno dl usclre, con un rapldo gesLo delle manl
soLLlll. Corsl fuorl nello scuro maLLlno lnzuppaLo dl ploggla.
reclplLosamenLe fecl rlLorno al Colleglo del 8lcordaLorl, e vl glunsl senza flaLo, con una rossa flLLa dl
dolore nel peLLo. SosLal lungamenLe all'esLerno dello splendldo edlflclo per recuperare le energle.
ZaLLere volanLl ml passarono sopra la LesLa, abbandonando l'edlflclo da un plano alLo. ll coragglo ml
venne quasl a mancare. Ma alla flne enLral nel vesLlbolo e salll flno all'apparLamenLo dl Llegro e
Clmayne.
un grovlgllo dl 8lcordaLorl aglLaLl sLlpava ll corrldolo. un ronzlo dl sussurrl ml glungeva alle orecchle. Ml
splnsl avanLl, un uomo (lo rlconobbl: un alLo ufflclale della Corporazlone) ml ferm con un gesLo e dlsse:
- Cuall moLlvl Ll splngono qul, apprendlsLa?
- Sono 1omls, per cul sl fece garanLe ll 8lcordaLore Clmayne. La mla camera e qul vlclno.
- 1omls! - grld una voce.
lul afferraLo e splnLo denLro l'apparLamenLo che ben conoscevo, ma che ora presenLava una scena dl
devasLazlone.
una declna dl 8lcordaLorl faceva mucchlo sul fondo, palpegglandosl le sclarpe con fare angosclaLo.
8lconobbl la soLLlle ed eleganLe flgura del Cancelllere kenlshal: gll occhl un Lempo grlgl erano opachl e
vuoLl per la dlsperazlone. SoLLo un coprlleLLo sulla slnlsLra dell'lngresso glaceva una flgura accasclaLa ln
ablLo da ellegrlno: ll rlnclpe dl 8oum, morLo, ln una pozza del suo sLesso sangue. La sua maschera
lucclcanLe, ora anch'essa macchlaLa, era accanLo a lul. Sul laLo opposLo della sLanza, come crollaLo su
una credenza lnLagllaLa che conLeneva manufaLLl del Secondo Clclo, dl grande bellezza, sLava ll
8lcordaLore Llegro, pareva addormenLaLo, con un'espresslone dl furla e dl sorpresa al Lempo sLesso.
Aveva la gola LrapassaLa da un dardo soLLlle. Sul reLro, flanchegglaLa da masslccl 8lcordaLorl, c'era
Clmayne LuLLa ln dlsordlne e scarmlgllaLa. ll suo ablLo scarlaLLo era sLrappaLo sul davanLl e mosLrava gll
alLl senl blanchl, l capelll nerl pendevano scomplgllaLl e la sua pelle dl raso era madlda dl sudore.
Sembrava spersa ln un sogno, lonLana da LuLLo cl che ora le sLava aLLorno.
- Che cos'e successo? - domandal.
- uue omlcldl - dlsse ll Cancelllere kenlshal con voce spezzaLa. Avanz verso dl me: un uomo alLo e
dlsfaLLo, con l capelll blanchl e un lnconLrollablle Llc nervoso a una palpebra. - Cuando aveLe vlsLo per
l'ulLlma volLa quelle due persone vlve, apprendlsLa?
- lerl sera Lardl.
- L come mal eravaLe qul a quell'ora?
- er dare un saluLo, nulla dl parLlcolare.
- C'era qualcosa dl fuorl del normale?
- una dlspuLa fra ll 8lcordaLore Llegro e ll ellegrlno - ammlsl.
- A che proposlLo? - chlese con voce velaLa ll Cancelllere.
Cuardal a dlsaglo Clmayne, ma lel non vedeva nulla, e senLlva ancor meno.
- Lel - dlssl.
udll delle rlsaLe sublLo soppresse dagll alLrl 8lcordaLorl. Sl dledero dl gomlLo fra loro, annulrono, perflno
sorrlsero, avevo confermaLo lo scandalo. ll Cancelllere dlvenne ancor plu solenne.
lndlc ll corpo del rlnclpe.
- Lra vosLro compagno quando enLrasLe ln errls - dlsse. - ConoscevaLe la sua vera ldenLlLa?
Ml lnumldll le labbra. - Avevo del sospeLLl.
- Che lul fosse...
- ll rlnclpe dl 8oum, fugglasco - dlssl. non osal LenLare del soLLerfugl, ero ln una slLuazlone precarla.
Ancora assensl, ancora colpeLLl dl gomlLo. ll Cancelllere kenlshal dlsse: - CuesL'uomo era passlblle dl
arresLo. non avresLe assoluLamenLe dovuLo Lenere nascosLa la sua ldenLlLa.
8lmasl ln sllenzlo.
ll Cancelllere prosegul: - SleLe sLaLo assenLe da quesLo edlflclo per alcune ore. SplegaLecl le vosLre
aLLlvlLa dopo che lasclasLe l'apparLamenLo dl Llegro e Clmayne.
- Andal a far vlslLa a CovernaLore dell'uomo SeLLe - dlssl.
LffeLLo sensazlonale.
- er quale moLlvo?
- er lnformare ll rocuraLore - rlsposl - che ll rlnclpe dl 8oum era sLaLo caLLuraLo e sl Lrovava ora
nell'apparLamenLo dl un 8lcordaLore. Cbbedll ln quesLo alle lsLruzlonl del 8lcordaLore Llegro. uopo aver
comunlcaLo l'lnformazlone, cammlnal per alcune ore senza nessuna meLa parLlcolare, e pol rlLornal qul e
Lroval... e Lroval...
- L LrovasLe ognl cosa ln preda al caos - Lermln per me ll Cancelllere kenlshal. - ll rocuraLore e
arrlvaLo qul all'alba. L enLraLo ln quesLo apparLamenLo, sla Llegro sla ll rlnclpe, allora, dovevano essere
ancora ln vlLa. ol ll rocuraLore e sceso nel nosLrl archlvl e ha rlmosso... ha rlmosso... maLerlale della
masslma dellcaLezza... della masslma dellcaLezza... rlmosso... maLerlale che non sl supponeva fosse
accesslblle... della masslma dellcaLezza... - ll Cancelllere balbeLLava. Slmlle a un lnLrlcaLo congegno
repenLlnamenLe colplLo dalla rugglne, rallenL l gesLl, emlse suonl sLrldenLl, parve glunLo sulla soglla dl
un collasso. arecchl 8lcordaLorl dl alLo grado corsero ln suo aluLo, uno gll lnleLL qualche sLlmolanLe nel
bracclo. ln pochl secondl ll Cancelllere sl rlprese. - CuesLl omlcldl sono avvenuLl dopo che ll rocuraLore
lascl l'edlflclo - dlsse. - ll 8lcordaLore Clmayne non e sLaLa capace dl fornlrcl lnformazlonl a Lale
proposlLo. lorse vol, apprendlsLa, sapeLe qualcosa che poLrebbe essercl uLlle.
- non ero presenLe. uue Sonnambull presso la Senn possono LesLlmonlare che ero con loro menLre l
dellLLl venlvano commessl.
Cualcuno rlse alla mla menzlone del Sonnambull. lacessero pure, non ml curavo cerLo dl conservare la
dlgnlLa ln un momenLo come quello. Sapevo dl essere ln perlcolo.
ll Cancelllere dlsse lenLamenLe: - AndreLe nella vosLra camera, apprendlsLa, e cl resLereLe ln aLLesa dl
un compleLo lnLerrogaLorlo. uopo dl che lascereLe l'edlflclo e usclreLe da errls nel glro dl venLl ore. ln
vlrLu della mla auLorlLa vl dlchlaro espulso dalla Corporazlone del 8lcordaLorl.
ur essendo sLaLo preavvlsaLo da SamlL, ful egualmenLe sLordlLo dalla noLlzla.
- Es&+$s)> Ma perche?
- non posslamo plu fldarcl dl vol. 1roppl mlsLerl clrcondano la vosLra persona. ConduceLe nella nosLra
casa un rlnclpe e cl LaceLe l vosLrl sospeLLl, sleLe presenLe a una dlspuLa che sfocera ln due omlcldl, faLe
vlslLa al rocuraLore nel cuore della noLLe. lorse sleLe perflno responsablle della dlsasLrosa perdlLa
sofferLa dal nosLrl archlvl quesLa maLLlna. non deslderlamo avere Lra nol uomlnl cosl plenl dl enlgml.
Cggl recldlamo qualslasl rapporLo con vol. - ll Cancelllere alz una mano con una grande curva. - Alla
vosLra camera, ora, ad aLLendere l'lnLerrogaLorlo, e pol andaLevene!
lul splnLo alla porLa. MenLre la cavlLa dell'lngresso sl rlchludeva alle mle spalle, dledl uno sguardo
lndleLro e vldl ll Cancelllere, ll vlso clnereo, afflosclarsl fra le braccla del compagnl, menLre nello sLesso
lsLanLe ll 8lcordaLore Clmayne sl rldesLava dalla sua lmmoblllLa e cadeva sul pavlmenLo, urlanLe.

16

Solo, nella mla camera, lmplegal molLo Lempo a radunare LuLLe le mle proprleLa, benche possedessl ben
poco. ll maLLlno era gla lnolLraLo quando enLr un 8lcordaLore che non conoscevo, porLando con se
l'occorrenLe per l'lnLerrogaLorlo. Ccchlegglal preoccupaLo quegll sLrumenLl, pensando che se l
8lcordaLorl avessero scoperLo che ero sLaLo lo a fornlre agll lnvasorl la collocazlone del documenLo sulle
rlserve, per me sarebbe sLaLa flnlLa. Cla ml sospeLLavano: ll Cancelllere aveva eslLaLo a formulare
l'accusa solo perche gll pareva sLrano che un apprendlsLa come me sl fosse preso la brlga dl svolgere
rlcerche personall negll archlvl della Corporazlone.
Ma ebbl forLuna. ll mlo lnqulslLore sl occup solamenLe del parLlcolarl delle due ucclslonl: una volLa
chlarlLo che non ne sapevo nulla ml lascl, ammonendoml dl allonLanarml dal Colleglo enLro ll Lermlne
sLablllLo. Cll dlssl che l'avrel faLLo.
Ma prlma avevo blsogno dl rlposo. Cuella noLLe non ne avevo avuLo, presl allora un sonnlfero da Lre ore
e ml lmmersl ln un sonno calmanLe. Cuando ml svegllal, c'era una flgura al mlo flanco: ll 8lcordaLore
Clmayne.
Sembrava LerrlbllmenLe lnvecchlaLa dalla sera precedenLe. lndossava una Lunlca molLo rlservaLa, ln un
slngolo pezzo, dl colore scuro, e non porLava ne glolelll ne cosmeLlcl. Aveva l llneamenLl rlgldl. uomlnal
la sorpresa nel Lrovarla la e ml rlzzal a sedere mormorando scuse per non esserml sublLo accorLo della
sua presenza.
- SLaLe comodo - ml dlsse lel con genLllezza. - Po lnLerroLLo ll vosLro sonno?
- no, ho dormlLo le mle ore.
- lo non cl sono rlusclLa. Ma avr Lempo ln segulLo per dormlre. Cl dobblamo reclprocamenLe delle
splegazlonl, 1omls.
- Sl. - Ml alzal LlLubanLe. - vl senLlLe bene? vl ho vlsLa prlma, e sembravaLe perduLa nella Lrance.
- Ml hanno daLo qualche medlclna - repllc lel.
- ulLeml quel che poLeLe sulla scorsa noLLe.
Le sue palpebre sl chlusero per qualche lsLanLe. - vol eravaLe presenLe quando Llegro sl scagll conLro
dl nol e venne pol allonLanaLo dal rlnclpe. Alcune ore dopo, Llegro Lorn. Con lul c'erano ll rocuraLore
dl errls e varl alLrl lnvasorl. Llegro pareva glubllanLe. ll rocuraLore mosLr un cubo e ordln al rlnclpe
dl posarvl sopra la mano. ll rlnclpe eslL, ma CovernaLore dell'uomo SeLLe lo convlnse a cooperare.
Cuando egll ebbe LoccaLo ll cubo, ll rocuraLore ed Llegro se ne andarono, lasclando me e ll rlnclpe dl
nuovo soll, nessuno dl nol due aveva compreso nulla dell'accaduLo. vennero posLe guardle all'usclLa per
lmpedlre che ll rlnclpe sl allonLanasse. non molLo Lempo dopo, ll rocuraLore ed Llegro fecero rlLorno.
Cra Llegro sembrava soLLomesso e perflno confuso, menLre ll rocuraLore era chlaramenLe allegro.
nella nosLra sLanza ll rocuraLore annuncl che era sLaLa concessa l'amnlsLla all'ex rlnclpe dl 8oum e
che nessuno doveva fargll del male. uopo dl che LuLLl gll lnvasorl se ne andarono.
- ConLlnuaLe.
Clmayne parlava come una Sonnambula. - Llegro non sembrava caplre cosa fosse successo. Sl mlse a
urlare che era sLaLo commesso un LradlmenLo, grld che era sLaLo lngannaLo. lu una scena penosa.
Llegro, nella sua lra, non sembrava plu neppure un uomo: sLrlllava come una donna, ll rlnclpe dlvenne
sempre plu alLezzoso, ognuno ordln all'alLro dl lasclare l'apparLamenLo. La dlspuLa sl fece cosl vlolenLa
che lo sLesso LappeLo comlncl a morlre. l peLall caddero, le plccole creaLure bocchegglavano. L presLo sl
glunse al culmlne. Llegro afferr un'arma e mlnaccl dl usarla se ll rlnclpe non se ne fosse andaLo
sublLo. ll rlnclpe lnLerpreL male lo sLaLo dl furla dl Llegro, pensando che mlnacclasse a vuoLo, sl fece
avanLl come per geLLare fuorl Llegro. Llegro ucclse ll rlnclpe. L'lsLanLe successlvo, lo afferral un dardo
dal nosLro scaffale dl manufaLLl e lo scagllal nella gola dl Llegro. ll dardo era avvelenaLo, Llegro morl
sublLo. Chlamal qualcuno, e dopo non rlcordo alLro.
- una noLLe sLrana - dlssl.
- 1roppo sLrana. Cra parlaLe vol, 1omls: perche venne ll rocuraLore, e perche non prese ln cusLodla ll
rlnclpe?
Le dlssl: - ll rocuraLore venne perche gllelo avevo chlesLo lo, dleLro ordlne del vosLro defunLo marlLo.
ll rocuraLore non arresL ll rlnclpe perche la llberLa del rlnclpe era sLaLa compraLa.
- A che prezzo?
- A prezzo della vergogna dl un uomo - le dlssl.
- arlaLe per enlgml.
- La verlLa ml dlsonora. vl prego dl non lnslsLere su quesLo punLo.
- ll Cancelllere ha parlaLo dl un documenLo prelavaLo dal rocuraLore...
- Pa a che fare con quello - confessal, e Clmayne chln gll occhl sul pavlmenLo senza plu fare
domande.
Alla flne le chlesl: - Allora aveLe commesso un omlcldlo. Cuale sara la vosLra punlzlone?
- ll dellLLo fu commesso per paura e per ecclLazlone - rlspose lel. - non cl saranno pene da parLe
dell'ammlnlsLrazlone clvlle. Ma sono espulsa dalla Corporazlone per l'adulLerlo e per ll mlo aLLo dl
vlolenza.
- ne sono addoloraLo, credeLeml.
- L ml e sLaLo ordlnaLo dl lnLraprendere ll ellegrlnagglo a !orslem per purlflcare la mla anlma. uevo
parLlre enLro oggl, o la Corporazlone dlsporra a placere della mla vlLa.
- Anch'lo sono sLaLo espulso - le dlssl. - L anch'lo devo andare a !orslem, sebbene per mla scelLa
sponLanea.
- laremo ll vlagglo lnsleme?
La mla eslLazlone ml Lradl. Lro arrlvaLo a errls ln compagnla dl un rlnclpe cleco, ml placeva ben poco
l'ldea dl parLlre con una donna assasslna e prlva dl Corporazlone. lorse era Lempo che vlagglassl da solo.
Lppure la Sonnambula aveva deLLo che avrel avuLo un compagno.
Clmayne dlsse con voce soave: - non ml pareLe molLo enLuslasLa. Ma forse posso darvl un po'
d'lncoragglamenLo... - Sl aprl la Lunlca. vldl fra l suol blanchl senl una plccola borsa grlgla: non
lnLendeva LenLarml con la carne, ma con una lperLasca. - Cul - ml dlsse - c'e LuLLo quello che ll
rlnclpe dl 8oum porLava nella coscla. Ml aveva mosLraLo l suol Lesorl, e lo ll ho LolLl dal suo corpo dopo
che fu ucclso nella mla sLanza. Cl sono anche alcune cose mle: non sono qulndl prlva dl mezzl.
vlaggeremo comodamenLe. Cosa ne dlLe?
- 1rovo dlfflclle rlfluLare.
- laLevl Lrovare pronLo fra due ore.
- Sono gla pronLo - le dlssl.
- Allora aspeLLaLeml.
Ml lascl solo. Clrca due ore dopo fu dl rlLorno, vesLlLa degll ablLl e della maschera dl un ellegrlno. Sul
bracclo aveva un secondo abblgllamenLo compleLo da ellegrlno, e me lo Lese. CerLo: ora anch'lo ero
senza Corporazlone, ed era un modo perlcoloso dl vlagglare. uunque ml sarel recaLo anch'lo come
ellegrlno a !orslem. lndossal quegll ablLl poco famlllarl. ol raccogllemmo l nosLrl averl.
- Po avverLlLo la Corporazlone del ellegrlnl - ml dlsse, quando cl fummo lasclaLl alle spalle ll Colleglo
del 8lcordaLorl. - Slamo reglsLraLl a LuLLl gll effeLLl. lu Lardl, ln glornaLa, posslamo sperare dl rlcevere le
nosLre pleLre dl sLella. Come vl va la maschera, 1omls?
- SLreLLa.
- Cosl deve essere.

1N

Sulla vla per usclre da errls caplLammo nella grande plazza anLlsLanLe l'anLlco edlflclo sacro, grlglo, della
vecchla rellglone. vl era raccolLa una folla numerosa, vldl lnvasorl al cenLro del gruppo. ulversl
mendlcanLl orblLavano LuLL'lnLorno con un conslderevole proflLLo. Cl lgnorarono, polche nessuno chlede
l'elemoslna a un ellegrlno, ma afferral uno dl quel brlcconl per ll colleLLo e gll domandal: - Che
cerlmonla sl sLa svolgendo, qul?
- l funerall del rlnclpe dl 8oum - rlspose lul. - er ordlne del rocuraLore. lunerall dl sLaLo ln pompa
magna. L ne sLanno facendo una vera celebrazlone.
- Ma perche Lenere una cerlmonla slmlle a errls? - gll chlesl ancora. - Come e morLo ll rlnclpe?
- SenLlLe, chledeLelo a qualcun alLro. lo ho da lavorare.
Sl dlvlncol e rlprese a sgaLLalolare Lra la folla.
- AsslsLlamo al funerale? - domandal a Clmayne.
- Megllo dl no.
- Come voleLe.
Cl dlrlgemmo al masslcclo ponLe dl pleLra che aLLraversa la Senn. uleLro dl nol, sl lev un brlllanLe alone
azzurro quando la plra del rlnclpe venne accesa. Cuella plra cl lllumln la sLrada nella noLLe, menLre cl
lnolLravamo lenLamenLe verso esL, verso !orslem.

.ARTE TERUA
L" st#"" &'# D)#s$',

1O

ll nosLro mondo, adesso, era ll loro mondo. vlagglando aLLraverso l'Lyrop poLevo vedere che gll lnvasorl
avevano preso ognl cosa, e che nol apparLenevamo a loro come le besLle dl una sLalla apparLengono al
conLadlno.
Lrano ovunque, come erbacce dl carne aLLecchlLe dopo uno sLrano Lemporale. Cammlnavano con fredda
slcurezza, e l loro movlmenLl orgogllosl parevano dlre che la volonLa cl aveva LolLo ll suo favore e ne
aveva faLLo dono a loro. non erano crudell con nol, ma basLava la loro presenza a svuoLarcl dl vlLallLa. ll
nosLro sole, le nosLre lune, l nosLrl musel dl anLlche rellqule, le nosLre rovlne del clcll precedenLl, le
nosLre clLLa, l nosLrl palazzl, ll nosLro domanl, ll nosLro oggl e ll nosLro lerl erano passaLl ln proprleLa
d'alLrl. Cra la nosLra vlLa non aveva plu slgnlflcaLo.
ul noLLe lo splendore delle sLelle sl faceva beffe dl nol. L'unlverso lnLero guardava da lassu la nosLra
vergogna.
ll freddo venLo dell'lnverno cl dlceva che l nosLrl peccaLl cl erano cosLaLl la llberLa. ll caldo sofflo
dell'esLaLe cl dlceva che ll nosLro orgogllo cl aveva faLLl preclplLare.
Lra un mondo dlverso quello ln cul cl muovevamo, ed eravamo sLaLl spogllaLl delle nosLre vecchle
personallLa. lo, che ognl glorno avevo vagaLo Lra le sLelle, adesso avevo perso quel placere. Cra,
vlagglando verso !orslem, Lrovavo un freddo conforLo nella speranza dl poLer Lrovare, da ellegrlno,
redenzlone e rlnnovamenLo nella clLLa sanLa. lo e Clmayne rlpeLevamo ognl noLLe l rlLuall del
ellegrlnagglo verso quella meLa:
- nol cl lnchlnlamo alla volonLa.
- nol cl lnchlnlamo alla volonLa.
- ln ognl cosa plccola e grande.
- ln ognl cosa plccola e grande.
- L chledlamo perdono.
- L chledlamo perdono.
- er l peccaLl commessl e per quelll fuLurl.
- er l peccaLl commessl e per quelll fuLurl.
- L preghlamo per la comprenslone e la pace.
- L preghlamo per la comprenslone e la pace.
- ln LuLLl l nosLrl glornl flnche la redenzlone verra.
- ln LuLLl l nosLrl glornl flnche la redenzlone verra.
CuesLe erano le nosLre parole. nel pronunclarle, sLrlngevamo quella fredda, pollLa sfera che era la pleLra
dl sLella, gellda come un flordlbrlna, ed enLravamo ln comunlone con la volonLa. L cosl cl avvlclnavamo a
!orslem, ln quesLo mondo che non apparLeneva plu all'uomo.

lu all'lmbocco Lalyano del onLe dl 1erra che Clmayne, per la prlma volLa, sl dlmosLr crudele con me.
Clmayne era crudele per naLura, come ml aveva amplamenLe dlmosLraLo a errls, eppure da molLl mesl
eravamo enLrambl ellegrlnl, avevamo lasclaLo errls per dlrlgercl a esL, avevamo olLrepassaLo le
monLagne e le planure dl 1alya per glungere slno al onLe, e lel non aveva sfoderaLo gll arLlgll. llno a
quel momenLo.
Accadde quando un gruppo dl lnvasorl, che dall'Afrlk sLava rlsalendo a nord, cl ordln dl fermarcl. Lrano
all'lnclrca venLl, alLl e dal vlso duro, flerl dl essere padronl della 1erra conqulsLaLa. vlagglavano su uno dl
quel loro velcoll lunghl e sLreLLl, chlusl da una splendenLe carrozzerla, con baLLlsLrada color della sabbla
e mlnuscoll flnesLrlnl. oLevamo vedere ll velcolo da molLo lonLano, per la nube dl polvere che sollevava
nell'avvlclnarsl.
Lra la sLaglone plu calda dell'anno. ll clelo sLesso era color della sabbla, percorso da densl gruml dl
calura: fulglde, Lerrlblll vampaLe d'energla ora Lurchesl, ora doraLe.
Lravamo ln clnquanLa, ferml al laLl della sLrada, dleLro avevamo la Lerra dl 1alya, e davanLl ll conLlnenLe
dell'Afrlk. ll nosLro era un gruppo eLerogeneo: qualche ellegrlno, come Clmayne e me, dlreLLo alla clLLa
sanLa dl !orslem, ma molLl erano l vagabondl, uomlnl e donne che vlagglavano dl conLlnenLe ln
conLlnenLe per mancanza dl alLrl scopl. ulsLlnsl fra gll alLrl clnque ex vedeLLe, e anche parecchl
ClasslflcaLorl, una SenLlnella, un palo dl ComunlcaLorl, uno Scrlba, e perslno qualche ulverso. Cl eravamo
raccolLl ln formazlone sparsa, lasclando la sLrada agll lnvasorl prlma ancora che fossero arrlvaLl.
ll onLe dl Lerra non e largo, e la sLrada non consenLe ll passagglo conLemporaneo dl molLe persone.
Lppure, ln Lempl normall, ll Lrafflco scorreva sempre ln enLrambe le dlrezlonl. Ma ll, ln quel momenLo,
non osavamo procedere, con gll lnvasorl LanLo vlclnl, e resLavamo unlLl per una sorLa dl Llmldezza, a
scruLare l conqulsLaLorl che sl appressavano.
uno del ulversl sl sLacc dal suol slmlll e mosse verso dl me. er la sua razza era plccolo dl sLaLura, ma
aveva spalle larghe, la sua pelle pareva Lesa flno allo spaslmo sulle ossa, gll occhl erano grandl, bordaLl dl
verde, l capelll crescevano ln plccoll cluffl a forma dl pledlsLallo, molLo dlsLanzlaLl Lra loro, e ll naso sl
scorgeva appena, LanLo che le narlcl sembravano nascosLe dal labbro superlore. nonosLanLe cl, egll
apparlva molLo meno groLLesco dl LanLl alLrl ulversl. La sua espresslone era solenne, ma una blzzarra
sfumaLura lronlca Lrapelava da non so dove.
Con voce che era poco plu dl un sussurro, cl chlese: - ensaLe che la sosLa durera molLo, ellegrlnl?
ln alLrl Lempl, nessuno sl sarebbe rlvolLo a un ellegrlno senza esserne rlchlesLo, speclalmenLe un
ulverso. usanze del genere per me non slgnlflcavano nulla, ma Clmayne sl rlLrasse con uno sbuffo dl
dlsgusLo.
8lsposl: - AspeLLeremo qul flnche l nosLrl slgnorl non cl concederanno dl procedere. C'e alLra scelLa?
- nessuna, amlco mlo, nessuna.
A quell'amlco ,i), Clmayne sbuff dl nuovo e flss sdegnaLa ll plccolo ulverso. Anche ll ulverso sl
volL: era chlaramenLe adlraLo, perche sel sLrlsce parallele dl plgmenLo scarlaLLo s'accesero con
lmprovvlso bagllore soLLo la pelle luclda delle sue guance. Ma l'unlca rlsposLa fu un lnchlno dl corLesla.
ol dlsse: - Ml presenLo. Sono 8ernalL, prlvo per naLura dl Corporazlone, naLlvo dl nayrob nell'Afrlk
londa. non vl chledo ll vosLro nome, ellegrlnl. SleLe dlreLLl a !orslem?
- Sl - dlssl, menLre Clmayne gll glrava la schlena. - L vol? 8lLornaLe a nayrob da un vlagglo?
- no - dlsse 8ernalL. - vado anch'lo a !orslem.
lmprovvlsamenLe ml senLll freddo e osLlle, ml scomparve sublLo l'lnlzlale reazlone dl slmpaLla verso lo
sLrano fasclno del ulverso. Avevo gla avuLo un ulverso, anche se pol s'era rlvelaLo un lmposLore, come
compagno dl vlagglo, anche lul possedeva un cerLo fasclno, ma non volevo plu conLaLLl con lndlvldul dl
quella rlsma. 8lgldamenLe, freddamenLe, dlssl: - Ml e leclLo chledere quall lnLeressl possa persegulre a
!orslem un ulverso?
Lgll percepl ll gelo della mla voce, e l suol grandl occhl sl Llnsero dl rammarlco. - Anche a nol e concesso
vlslLare la clLLa sanLa, vorrel rlcordarvl. Anche alla nosLra razza. 1emeLe forse che l ulversl
s'lmpadronlscano dl nuovo del Lemplo del rlnnovamenLo come fecero un mlgllalo d'annl fa, prlma che
fossero esclusl dalle Corporazlonl? - 8lse seccamenLe. - lo non sono una mlnaccla per nessuno,
ellegrlno. Sono bruLLo dl vlso, ma non perlcoloso. Che la volonLa vl conceda cl che cercaLe, ellegrlno.
- Con un gesLo dl rlspeLLoso commlaLo, Lorn fra gll alLrl ulversl.
lurlosa, Clmayne ml sl scagll conLro.
- erche parlaLe con creaLure cosl besLlall?
- Cuell'uomo ml ha rlvolLo la parola. Cercava solo dl essere amlchevole. Slamo LuLLl nella sLessa
slLuazlone, Clmayne, e...
- F),)- F),)A ChlamaLe uomo un ulverso?
- Ma sono davvero umanl, Clmayne.
- Appena appena. 1omls, lo odlo quel mosLrl. La mla pelle rabbrlvldlsce quando ll ho vlclnl. Se poLessl, ll
allonLanerel da quesLo mondo!
- uov'e la serena Lolleranza che un 8lcordaLore deve colLlvare?
ll Lono beffardo della mla voce la lnflamm. - non slamo obbllgaLl ad amare l ulversl, 1omls. Sono
solLanLo una delle maledlzlonl che gravano sul nosLro planeLa: parodle dell'umanlLa, nemlcl del vero e
del bello. Ll dlsprezzo!
Clmayne non era l'unlca a nuLrlre quel senLlmenLl. Ma non ebbl ll Lempo dl rlmproverarla per la sua
lnLolleranza: ll velcolo degll lnvasorl era ormal vlclnlsslmo. Speravo che, una volLa passaLo quello,
avremmo poLuLo rlprendere ll cammlno. lnvece la macchlna rallenL e sl ferm: ne scesero parecchl
lnvasorl. resero a cammlnare verso dl nol senza nessuna freLLa, le loro lunghe braccla pendevano dal
flanchl come corde lasche.
- Chl e ll capo, qul? - chlese uno dl loro.
nessuno rlspose, perche nel nosLro vlagglo eravamo lndlpendenLl l'uno dall'alLro.
uopo un momenLo l'lnvasore prosegul, lmpazlenLe: - nessun capo? nessun capo? MolLo bene, allora
senLlLeml LuLLl quanLl. La sLrada deve essere sgombra. L ln arrlvo un convogllo. 1ornaLe a alerm e
aspeLLaLe flno a domanl.
- Ma devo essere ln AgupL per... - comlncl lo Scrlba.
- Cggl ll onLe dl 1erra e chluso - dlsse l'lnvasore. - 1ornaLe a alerm.
La sua voce era calma. Cll lnvasorl non sono mal perenLorl, mal lmperlosl. ll loro aLLegglamenLo rlfleLLe
la slcurezza dl chl ha ll poLere assoluLo.
Lo Scrlba rabbrlvldl, serr le mascelle e non agglunse alLro.
ulversl degll uomlnl raggruppaLl al marglnl della sLrada avevano l'arla dl voler proLesLare. La SenLlnella sl
glr e spuL. un uomo, che sulle guance osLenLava orgogllosamenLe ll marchlo dell'lnfranLa
Corporazlone del ulfensorl, sLrlnse l pugnl e Lrem soLLo un aLLacco dl furla. l ulversl blsblgllarono Lra
loro. 8ernalL ml lancl un sorrlso amaro e scosse le spalle.
1ornare a alerm? erdere un glorno dl cammlno con quel caldo? er cosa? er cosa?
L'lnvasore fece un gesLo con la mano, ordlnando dl dlsperdercl.
lu allora che Clmayne sl dlmosLr malvagla con me. A voce bassa, ml dlsse: - 1omls, splegaLegll che
sleLe al servlzlo del rocuraLore dl errls, e cl lasceranno prosegulre LuLL'e due.
l suol occhl nerl brlllavano d'lronla e dlsprezzo.
Le mle spalle Lremarono, come se lel vl avesse deposLo ll peso dl dlecl annl. - erche dlLe una cosa del
genere? - le chlesl.
- la caldo. Sono sLanca. L sLupldo farcl rlmandare a alerm.
- ne convengo. Ma non posso farcl nulla. erche cercare dl ferlrml?
- La verlLa e cosl dolorosa?
- lo non sono un collaborazlonlsLa, Clmayne.
Lel rlse. - Lo dlLe LalmenLe bene! Ma lo sleLe, 1omls, lo sleLe! AveLe venduLo loro l documenLl.
- er salvare ll rlnclpe, ll vosLro amanLe - le rlcordal.
- A ognl modo, vol aveLe LraLLaLo con gll lnvasorl. ll faLLo resLa, a dlspeLLo del moLlvl.
- 8asLa, Clmayne.
- Adesso vl meLLeLe a darml ordlnl?
- Clmayne...
- AndaLe da loro, 1omls. ulLegll chl sleLe, chledeLe che cl lasclno passare.
- ll convogllo cl lnvesLlrebbe, e comunque lo non ho nessuna lnfluenza sugll lnvasorl. non sono un
uomo del rocuraLore.
- Morlr, pluLLosLo che Lornare a alerm!
- CrepaLe pure allora - dlssl sLancamenLe, e le glral la schlena.
- 1radlLore! vecchlo pazzo e lnLrlganLe! Codardo!
llnsl d'lgnorarla, ma ll fuoco delle sue parole bruclava denLro dl me. non erano false, solLanLo malvagle.
Avevo davvero LraLLaLo con l conqulsLaLorl, avevo davvero LradlLo la Corporazlone che ml aveva offerLo
rlfuglo, avevo davvero lnfranLo la legge che chlede un'assoluLa passlvlLa come unlca forma dl proLesLa
per la sconflLLa della 1erra. 1uLLo vero: eppure era molLo caLLlvo, da parLe sua, rlcordarml quelle cose.
Cuando avevo lnfranLo le barrlere della flducla, non ml ero preoccupaLo dl obbedlre ad alLl ldeall
paLrloLLlcl, cercavo solo dl salvare un uomo cul ml senLlvo legaLo, un uomo dl cul lel era lnnamoraLa. Lra
lnglusLo che adesso Clmayne ml accusasse dl LradlmenLo, LormenLasse la mla cosclenza, solo perche ll
caldo e la sLrada polverosa l'avevano lrrlLaLa.
Ma quesLa donna aveva ucclso ll marlLo a sangue freddo. erche non sarebbe dovuLa essere alLreLLanLo
malvagla su un'lnezla?
Cll lnvasorl oLLennero cl che volevano: ll nosLro gruppo abbandon la sLrada e Lorn a alerm, una clLLa
LeLra, bollenLe, sonnolenLa. Cuella sera, come per consolarcl, clnque AlaLl che volavano sulla clLLa cl
donarono un brlvldo d'lnsollLa poesla, e nella noLLe senza luna passarono e rlpassarono nel clelo: Lre
uomlnl e due donne, speLLrall e mlnuLl e belllsslml. 8lmasl a flssarll per plu dl un'ora, flnche la mla anlma
parve sollevarsl dal corpo e llbrarsl con loro ln clelo. Cuelle grandl all Lransluclde velavano appena la
luce delle sLelle, quel corpl pallldl, ossuLl, sl muovevano secondo archl plenl dl grazla. 1enevano le
braccla molLo aderenLl al flanchl, le gambe unlLe, la schlena plegaLa ln una curva morblda. La vlsLa del
clnque AlaLl rlsvegll ln me la memorla dl Avluela, e ml lascl sommerso da emozlonl conLurbanLl.
Cll AlaLl passarono per l'ulLlma volLa, scomparvero. SublLo dopo enLrarono ln clelo le false lune. Allora
Lornal all'osLello, e nel glro dl pochl mlnuLl Clmayne chlese permesso alla porLa della mla sLanza.
Sembrava penLlLa. 8ecava con se una flasca oLLagonale dl vlno verde che probabllmenLe venlva da un
alLro mondo, perche 1alya non ne produce come quello. Senza dubblo le era cosLaLo un prezzo molLo
alLo.
- voleLe perdonarml, 1omls? - chlese. - 1eneLe. So che quesLl vlnl vl placclono.
- referlrel che vol non ml avesLe deLLo quelle parole e che adesso non fosLe cosLreLLa a offrlrml ll vlno
- le rlsposl.
- ll caldo ml fa perdere ll conLrollo del nervl. Sono splacenLe, 1omls. Po deLLo una cosa sclocca e
sgarbaLa.
La perdonal, sperando che ll resLo del vlagglo sl rlvelasse meno lncrescloso, e bevemmo quasl LuLLo ll
vlno, pol lel Lorn a dormlre nella sua sLanza, che era vlclnlsslma alla mla. l ellegrlnl debbono condurre
una vlLa casLa... non che Clmayne fosse dlsposLa a lnfllarsl Lra le lenzuola con un vecchlo fosslle come
me, ma le regole della nosLra aLLuale Corporazlone lmpedlvano ll sorgere dl ognl preoccupazlone.
er molLo Lempo rlmasl svegllo, oppresso da una colLre dl rlmorsl. Con LuLLa la sua furla lmpazlenLe,
Clmayne aveva colplLo ll mlo punLo plu debole: ero un LradlLore dell'umanlLa. ln quel dllemma ml
LorLural slno alle prlme lucl dell'alba.
- Che cosa ho faLLo?
!) #i4'$"t) "i n)st#i ()n8+ist"t)#i +n ('#t) )(+,'nt)-
- Ma loro avevano ll dlrlLLo morale dl conoscerlo?
R"(()nt"4" i$ 4'#g)gn)s) t#"tt",'nt) (h' i n)st#i "nt'n"ti h"nn) #is'#4"t) "i $)#) &#)g'nit)#i-
- L allora, cosa c'era dl male nel dargllelo?
N)n si '4' ,"i 4'ni#' in "i+t) 'i &#)&#i ()n8+ist"t)#i, "n(h' 8+"n) (i s)n) ,)#"$,'nt' s+&'#i)#i-
- L posslblle che un plccolo LradlmenLo sla una faccenda cosl serla?
N)n 'sist)n) &i(()$i t#"i,'nti-
- lorse blsognerebbe chlarlre la quesLlone ln LuLLa la sua complesslLa. non ho aglLo per amore del
nemlco, ma per aluLare un compagno.
3i5 n)n)st"nt' h) ()$$":)#"t) ()n i n)st#i "44'#s"$i-
- CuesLe caparble auLoaccuse hanno ll sapore d'un orgogllo smodaLo.
/" i) s'nt) $' ,i' ()$&'- A**)g) n'$$" 4'#g)gn"-
Consumal l'lnLera noLLe ln quesLe domande lnuLlll. Cuando ll glorno s'lllumln, ml alzal e rlvolsl gll occhl
al clelo e lmploral la volonLa dl aluLarml a Lrovare la redenzlone nelle acque della casa del rlnnovamenLo
dl !orslem, al Lermlne del mlo ellegrlnagglo. ol andal a svegllare Clmayne.

19

Cuel glorno ll onLe dl 1erra era aperLo, e anche nol cl unlmmo alla folla che da 1alya scendeva ln Afrlk.
Lra la seconda volLa che Lraversavo ll onLe dl 1erra, perche l'anno prlma - ma quanLo sembrava lonLano
nel Lempo! - ero glunLo dalla dlrezlone opposLa. venlvo dall'AgupL ed ero dlreLLo a 8oum.
l ellegrlnl che dall'Lyrop sl sposLano a !orslem possono scegllere fra due sLrade prlnclpall. Cuella plu a
nord Lraversa le 1erre Cscure a esL dl 1alya, a SLanbul sl prende ll LragheLLo e qulndl sl segue la cosLa
occldenLale del conLlnenLe dell'Als, da dove sl glunge a !orslem.
Lra la sLrada che avrel preferlLo, perche, dl LuLLe le grandl clLLa del mondo, l'anLlca SLanbul e l'unlca che
non ho mal vlslLaLo. Ma Clmayne, quand'era ancora 8lcordaLore, vl sl era recaLa per svolgere alcune
rlcerche, e ll posLo non le placeva. Cosl prendemmo la vla del sud: dal onLe dl 1erra ln Afrlk, pol lungo le
cosLe del grande Lago MedlL glu flno ad AgupL, per sflorare le sabble del ueserLo Arblano e da ll rlsallre a
!orslem.
un vero ellegrlno vlaggla solLanLo a pledl. L'ldea non eserclLava Lroppo fasclno su Clmayne e cosl,
anche se quasl sempre cammlnavamo, eravamo pronLl a sfruLLare le occaslonl. Lel chledeva l passaggl
con la masslma naLuralezza, senza vergogna. lln dal secondo glorno del nosLro ellegrlnagglo aveva
oLLenuLo un passagglo da un rlcco MercanLe, dlreLLo alla cosLa, l'uomo non aveva nessuna lnLenzlone dl
dlvldere con alLrl ll suo lussuoso velcolo, ma non seppe reslsLere alla sensuallLa della voce calda,
muslcale dl Clmayne, anche se quella voce usclva dallo schermo asessuaLo della sua maschera da
ellegrlno.
ll MercanLe vlagglava ln grande sLlle. er lul la conqulsLa della 1erra poLeva anche non essere mal
accaduLa, e neppure l lunghl secoll che avevano segnaLo ll decllno del 1erzo Clclo. La sua Lerramoblle era
lunga quaLLro volLe un uomo, e abbasLanza larga da osplLare comodamenLe clnque persone, proLeggeva
l suol occupanLl dal mondo esLerno con la sLessa efflclenza dl un grembo maLerno. una serle dl scherml
azlonablll a comando lnquadrava la sLrada e ll paesagglo clrcosLanLe, senza vlslone dlreLLa. La
LemperaLura non sl allonLanava mal dal valore preflssaLo. C'erano zlpoll da cul zamplllavano llquorl e
alLre bevande plu forLl, un congegno fornlva LavoleLLe nuLrlLlve, polLronclne ldraullche lsolavano l
passeggerl dalle lrregolarlLa del fondo sLradale.
er l'lllumlnazlone, c'era una luce-schlava regolaLa sul caprlccl del MercanLe. A flanco della sua
polLronclna c'era una cuffla pensanLe, ma non saprel dlre se ll MercanLe sl servlva dl un cervello
lmbalsamaLo nascosLo nelle vlscere della Lerramoblle, o se godeva dl conLaLLl a dlsLanza col serbaLol
memorla delle clLLa che aLLraversava.
Lra un uomo pomposo e volumlnoso, senz'alLro esperLo nel placerl della carne. ul colorlLo ollvasLro, con
un gran cluffo dl capelll nerl LuLLl unLl e occhl scurl, lnLerrogaLlvl, egll godeva della proprla slcurezza e del
conLrollo che eserclLava su un amblenLe cosl lnsLablle. Commerclava, apprendemmo, ln generl
allmenLarl dl alLrl mondl, scamblava l nosLrl mlserl prodoLLl con le squlslLezze rafflnaLe del flgll delle
sLelle. Adesso sLava andando a Marsay per esamlnare un carlco dl lnseLLl alluclnogenl, appena glunLo da
uno del planeLl della ClnLura.
- vl place la macchlna? - chlese, noLando ll nosLro sLupore. Clmayne, che conosceva molLo bene le
comodlLa, sLava scruLando con ovvla meravlglla la Lappezzerla dl broccaLo e dlamanLl. - Lra dl proprleLa
del ConLe dl errls - prosegul ll MercanLe. - Sl, e proprlo quello che vogllo dlre, ll ConLe ln persona.
Panno LrasformaLo la sua casa ln museo, sapeLe.
- Lo so - dlsse dolcemenLe Clmayne.
- CuesLo era ll suo carro. uoveva enLrare a far parLe del museo, ma l'ho compraLo da un lnvasore
dlsonesLo. non sapevaLe che anche Lra loro cl sono Llpl del genere, eh? - Alla grossolana rlsaLa del
MercanLe, ll senslblllsslmo manLo che coprlva l'lnLerno della macchlna sl raggrlnzl, sdegnaLo. - Lra
l'amlcheLLo del rocuraLore. Sl, cl sono anche 8+'$$i- Cercava una fanLasLlca erbeLLa che cresce su un
planeLa del escl, LanLo per dare una splnLarella alla sua vlrlllLa, caplLe, e venne a sapere che ero lo a
conLrollare quella merce, e cosl slamo rlusclLl a comblnare un affarucclo. naLuralmenLe ho dovuLo dare
qualche agglusLaLa alla macchlna, poco poco. ll ConLe sl Leneva nel cofano quaLLro neuLrl e faceva
funzlonare la baracca col loro meLabollsmo, sapeLe bene, quesLlone dl poLenzlall Lermlcl dlfferenLl. 8e', e
un gran bel modo dl far andare una macchlna, se sel ConLe, ma ln un anno fal fuorl un mucchlo dl neuLrl,
e ml sembrava che una cosa del genere fosse un LanLlno superlore alle mle posslblllLa. L pol, magarl ml
caplLavano del gual con gll lnvasorl. Cosl ho faLLo smonLare LuLLo l'lmplanLo e l'ho sosLlLulLo con un
normallsslmo moLore da carromoblle ad alLo rendlmenLo, un lavoro da maesLrl, ed eccoml qua. SleLe
forLunaLl che vl abbla presl su. L solo che sleLe ellegrlnl. ul sollLo non lasclo sallre nessuno perche pol sl
senLono lnvldlosl, e la genLe lnvldlosa non e mlca uno scherzo per uno che ha faLLo qualcosa nella vlLa.
Lppure la volonLa vl ha condoLLl a me. ulreLLl a !orslem, eh?
- Sl - dlsse Clmayne.
- Anch'lo, ma non ancora! non ancora, grazle! - Sl dlede un colpeLLo soLLo clnLura. - Cl andr, poLeLe
scommeLLercl, quando ml senLlr pronLo per ll rlnnovamenLo, ma ce ne manca ancora dl sLrada, la
volonLa permeLLendo! SleLe ellegrlnl da molLo?
- no - dlsse Clmayne.
- un mucchlo dl genLe sl e faLLa ellegrlno dopo la conqulsLa, lmmaglno. 8e', non sLo a condannarll.
Clascuno sl adaLLa a modo suo al Lempl che camblano. SenLlLe, aveLe quelle pleLre che l ellegrlnl sl
porLano sempre dleLro?
- Sl - dlsse Clmayne.
- vl splace se ne vedo una? Cuegll accldenLl ml hanno sempre affasclnaLo. C'era quesLo commerclanLe
dl un planeLa della SLellanera, un plccolo basLardo con la pelle scura come ll caLrame, che ml ha offerLo
quaLLro qulnLall dl quella roba. ulceva che erano vere, che Ll davano una comunlone col flocchl, proprlo
come l ellegrlnl. Cll ho deLLo dl no, nlenLe scherzl con la volonLa. CerLe cose non sl fanno neanche per
soldl. Ma pol ho pensaLo che facevo megllo a Lenerne almeno una come rlcordlno. non sono mal rlusclLo
a Loccarne una. - 1ese una mano verso Clmayne. - osso vedere?
- Cl e prolblLo lasclare che alLrl Locchlno la pleLra dl sLella - dlssl lo.
- non lo racconLo mlca a nessuno!
- L prolblLo.
- SenLlLe, qul denLro slamo al slcuro, ll posLo plu slcuro dl LuLLa la 1erra, e...
- er favore. Cl chledeLe una cosa lmposslblle.
ll suo vlso sl rabbul, e per un momenLo pensal che avrebbe fermaLo la macchlna obbllgandocl a
scendere, ll che non ml avrebbe daLo fasLldlo. La mla mano sclvol nella sacca, a sflorare la gellda sfera
della pleLra dl sLella che ml avevano consegnaLo all'lnlzlo del ellegrlnagglo. ll sempllce Locco delle dlLa
ml porL deboll echl della Lrance dl comunlone, e rabbrlvldll dl placere. Cuell'uomo non doveva averla,
lo glural a me sLesso. Ma la crlsl pass senza lncldenLl. ll MercanLe, appuraLa la nosLra reslsLenza, declse
dl abbandonare l'argomenLo.
ConLlnuammo a correre verso Marsay.
non era un lndlvlduo placevole, ma aveva un cerLo fasclno prlmlLlvo, e le sue parole cl urLavano dl rado.
Clmayne, che dopo LuLLo era una donna schlzzlnosa e aveva passaLo gran parLe del suol annl nel
dlsLacco del Colleglo del 8lcordaLorl, lo Lrovava plu dl me dlfflclle da sopporLare, le mle avverslonl erano
sLaLe amplamenLe mlLlgaLe da una vlLa dl vagabondaggl. Ma perslno Clmayne parve Lrovarlo dlverLenLe
quando magnlflco la sua rlcchezza e le sue amlclzle, quando parl delle donne che lo aspeLLavano su
molLl mondl, quando elenc le sue case e l suol Lrofel e l MaesLrl dl Corporazlone che gll chledevano
conslgll, quando vanL la famlllarlLa con quelll che erano sLaLl adronl e uomlnaLorl. arlava quasl
sempre dl se e raramenLe dl nol, del che gll fummo graLl, una volLa chlese come mal un ellegrlno
maschlo e uno femmlna vlagglassero assleme, soLLlnLendendo che fosslmo amanLl, ammeLLemmo che la
cosa era un po' lrregolare e passammo a un alLro argomenLo, e credo che lul sla rlmasLo convlnLo della
nosLra lmpurlLa. Le sue volgarl supposlzlonl non m'lnLeressavano affaLLo, e nemmeno lnLeressavano,
credo, a Clmayne. Avevamo peccaLl plu serl sulla cosclenza.
La vlLa del nosLro MercanLe sembrava lnvldlabllmenLe non essere sLaLa nemmeno sfloraLa dalla rovlna
del planeLa: egll era rlcco, soddlsfaLLo, llbero dl andare ln glro come sempre. Ma anche a lul, dl LanLo ln
LanLo, dava fasLldlo la presenza degll lnvasorl, come scoprlmmo a pochl chllomeLrl da Marsay, ln plena
noLLe, quando fummo cosLreLLl a fermarcl a un punLo dl conLrollo sLradale.
L'occhlo spla dl un anallzzaLore cl vlde arrlvare, lancl un segnale alla flllera, e una ragnaLela doraLa sl
maLerlallzz da un laLo all'alLro dell'auLosLrada. l sensorl della Lerramoblle la scorsero, e
lmmedlaLamenLe ll velcolo s'arresL. Cll scherml mosLravano una dozzlna dl palllde flgure umane ferme
all'esLerno.
- 8andlLl? - chlese Clmayne.
- egglo - dlsse ll MercanLe. - 1radlLorl. - AcclgllaLo, sl glr verso l'anLenna del comunlcaLore. -
Che succede? - chlese.
- usclLe per un'lspezlone.
- ul chl e l'ordlne?
- uel rocuraLore dl Marsay - venne la rlsposLa.
Lra una bruLLa cosa da vedere: creaLure umane che facevano da agenLl sLradall agll lnvasorl. Ma era
lnevlLablle che qualcuno dl nol sl meLLesse al loro servlzlo: ll lavoro era scarso, speclalmenLe per coloro
che facevano parLe delle Corporazlonl dlfenslve. ll MercanLe lnlzl ll compllcaLo rlLuale dell'aperLura
della macchlna. ll suo vlso esprlmeva una rabbla Lemporalesca, ma aveva le manl legaLe, non poLeva
sfondare la ragnaLela del punLo dl conLrollo. - vlagglo armaLo - cl sussurr. - nlenLe paura,
aspeLLaLeml qul.
uscl e s'lmpegn ln una lunga dlscusslone, dl cul non rlusclvamo a udlre nulla, con le guardle sLradall.
Alla flne sorse qualche dlfflcolLa che rlchlese l'lnLervenLo dl poLerl plu alLl: apparvero lmprovvlsamenLe
Lre lnvasorl, fecero cenno agll uomlnl dl allonLanarsl, e clrcondarono ll MercanLe. ll suo aLLegglamenLo
cambl: ll vlso sl fece unLuoso e schlvo, le manl sl mossero e Lracclarono rapldl gesLl, gll occhl s'accesero.
Condusse l Lre che lo lnLerrogavano alla macchlna, l'aprl, e mosLr l suol due asseggerl, cloe nol. Cll
lnvasorl sembrarono perplessl alla vlsLa dl due ellegrlnl fra LanLa opulenza, ma non cl chlesero dl usclre.
uopo un alLro po' dl dlalogo, ll MercanLe cl ragglunse e chluse la macchlna, la ragnaLela sl dlssolse,
rlprendemmo a vlagglare verso Marsay.
MenLre la Lerramoblle acqulsLava veloclLa, lul besLemml e dlsse: - SapeLe come LraLLerel quello
schlfoso mucchlo dl bracclonl? Abblamo solo blsogno dl organlzzare un plano. una noLLe del colLelll: ognl
dlecl LerresLrl s'lmpegnano a far fuorl un lnvasore. Ll fregheremmo LuLLl.
- erche mal nessuno ha organlzzaLo un movlmenLo del genere? - gll chlesl.
- L lavoro per l ulfensorl, e meLa sono morLl, e l'alLra meLa e al $)#) servlzlo. non e complLo mlo
organlzzare un movlmenLo dl reslsLenza. Ma e cosl che dovremmo fare. Cuerrlglla spleLaLa: prenderll
alle spalle, fargll assagglare ll colLello. 8uonl vecchl meLodl del rlmo Clclo: non hanno mal perso
d'efflcacla.
- verrebbero alLrl lnvasorl - dlsse cupamenLe Clmayne.
- L nol ll LraLLlamo allo sLesso modo!
- 8lsponderebbero col fuoco. ulsLruggerebbero ll nosLro mondo - dlsse lel.
- CuesLl lnvasorl preLendono dl essere LanLo clvlll, plu clvlll dl nol - repllc ll MercanLe. - una slmlle
barbarle gll darebbe una bruLLa fama su un mlllone dl planeLl. no, non aprlrebbero ll fuoco. Sl
sLancherebbero dl essere cosLreLLl a conqulsLarcl conLlnuamenLe, dl perdere LanLl uomlnl. Se ne
andrebbero, e nol saremmo dl nuovo llberl.
- Senza essercl redenLl del nosLrl anLlchl peccaLl - dlssl.
- Cosa, vecchlo mlo? Cosa?
- non lmporLa.
- lmmaglno che nessuno dl vol due cl darebbe una mano, se decldesslmo dl farll fuorl?
- negll alLrl Lempl - dlssl - ful vedeLLa, e dedlcal me sLesso alla proLezlone dl quesLo planeLa conLro
dl loro. l nosLrl padronl non ml placclono plu dl quanLo non placclano a vol, e ll mlo deslderlo dl vederll
rlparLlre non e meno ardenLe del vosLro. Ma ll vosLro plano non e solLanLo lrreallzzablle: e anche
moralmenLe sbagllaLo. una sempllce reslsLenza armaLa sovverLlrebbe lo schema che la volonLa ha
dlvlsaLo per nol. uobblamo conqulsLarcl la llberLa ln modo plu noblle. CuesLa punlzlone non cl e sLaLa
lmposLa solo perche lmparasslmo a Lagllare gole.
Ml guard pleno dl dlsprezzo e sbuff. - uovevo rlcordarml. SLo parlando con del ellegrlnl. u'accordo.
ScordaLevl LuLLo. non era un'ldea serla, a ognl modo. lorse vl place ll mondo com'e adesso, per quello
che ne so.
- A me non place - dlssl.
ll MercanLe guard Clmayne, e anch'lo la guardal: quasl ml aspeLLavo dl senLlrla racconLare che avevo
gla faLLo la mla parLe dl collaborazlonlsmo con gll lnvasorl. Ma Clmayne, forLunaLamenLe, non sflor
l'argomenLo, come non l'avrebbe sfloraLo per molLl mesl ancora, flno a quell'lnfellce glorno all'lmbocco
del onLe dl 1erra, quando, resa lmpazlenLe dal caldo, non eslL a rlcordarml l'unlca mla caduLa dalla
grazla.
A Marsay lasclammo ll nosLro benefaLLore, passammo la noLLe ln un osLello per ellegrlnl, e ll maLLlno
dopo cl rlmeLLemmo ln vlagglo a pledl lungo la cosLa. L cosl Lraversammo, lo e Clmayne, belllsslme Lerre
gremlLe dl lnvasorl, a LraLLl cammlnavamo, a LraLLl sallvamo sul carro dl qualche conLadlno, una volLa
fummo addlrlLLura osplLl dl uaa comlLlva dl conqulsLaLorl. ClunLl ln 1alya evlLammo 8oum, dlrlgendocl
sublLo a sud. L cosl arrlvammo al onLe dl 1erra, e ll cl fermarono, e conoscemmo l'agghlacclanLe
momenLo dell'alLerco, e pol poLemmo prosegulre su quella sLreLLa llngua dl Lerreno sabbloso che unlsce
l'uno all'alLro l conLlnenLl bagnaLl dal lago. L cosl glungemmo ln Afrlk, lnflne.

er la prlma noLLe sull'alLra sponda, dopo ll cammlno lungo e polveroso, cl rlfuglammo ln una squalllda
locanda quasl ln rlva al lago. Lra una cosLruzlone dl pleLra dl forma quadraLa, dlplnLa all'esLerno dl
blanco, praLlcamenLe prlva dl flnesLre, affacclaLa su un desolaLo corLlle lnLerno.
Cuasl LuLLl l cllenLl erano ellegrlnl ma c'erano anche membrl dl alLre Corporazlonl, sopraLLuLLo
vendlLorl e 1rasporLaLorl. ln una sLanza d'angolo dormlva un 8lcordaLore, che Clmayne evlL anche se
non lo conosceva, sempllcemenLe voleva che nulla le rlcordasse la sua ex Corporazlone.
1ra coloro che presero allogglo con nol c'era ll ulverso 8ernalL. Secondo le nuove leggl promulgaLe dagll
lnvasorl, l ulversl poLevano fermarsl a ognl locanda pubbllca, non solo a quelle rlservaLe apposlLamenLe
per loro, eppure sembrava un po' sLrano vederlo ll. MenLre passavo nel corrldolo, 8ernalL sl prov a
lanclarml un sorrlso, quasl fosse sul punLo dl parlare dl nuovo, ma ll sorrlso morl e la lumlnoslLa lascl l
suol occhl. arve comprendere che non ero pronLo ad acceLLare la sua amlclzla. C forse rlcord che l
ellegrlnl, ln vlrLu delle leggl della loro Corporazlone, non debbono mescolarsl Lroppo con la genLe prlva
dl Corporazlone. Cuella legge era ancora vallda.
lo e Clmayne cl sfamammo con una Lazza dl brodo unLuoso e un po' dl sLufaLo. lu Lardl l'accompagnal
alla sua sLanza, sLavo gla dandole la buonanoLLe, quando lel m'lnLerruppe: - AspeLLaLe. LnLrlamo ln
comunlone assleme.
- Ml hanno vlsLo venlre nella vosLra sLanza - le fecl noLare. - Se ml fermo Lroppo nasceranno
chlacchlere.
- Andlamo nella vosLra, allora!
Clmayne geLL un'occhlaLa ln corrldolo. 1uLLo vuoLo: ml prese per ll polso e sclvolammo ln freLLa nella
mla camera, che sLava dl fronLe alla sua. Sbarrando a caLenacclo la porLa rosa dal Lempo, lel dlsse: - La
vosLra pleLra dl sLella, sublLo!
1olsl la pleLra dalla Lasca ln cul la nascondevo, e lel Llr fuorl la sua, le nosLre manl sl chlusero su dl esse.
nel ellegrlnagglo, la pleLra dl sLella era per me un grande conforLo. MolLe sLaglonl erano ormal
Lrascorse da quando avevo provaLo per l'ulLlma volLa la Lrance della vlgllanza, ma ancora non ml ero
perfeLLamenLe adaLLaLo alla scomparsa dl quella vecchla ablLudlne, la pleLra dl sLella sosLlLulva, ln un
cerLo senso, l'esLasl dllaganLe che avevo conoscluLo nella vlgllanza.
Le pleLre dl sLella provengono da uno del mondl lonLanl, non saprel dlre quale, e sl possono oLLenere
solo enLrando nella Corporazlone. L la pleLra sLessa a decldere se ll candldaLo e degno dl farsl ellegrlno,
perche brucla la mano dl chl non e adaLLo a lndossarne l'ablLo. ulcono che LuLLe le persone che sono
enLraLe nella Corporazlone del ellegrlnl, senza eccezlone alcuna, sl slano senLlLe a dlsaglo quando
hanno rlcevuLo la pleLra per la prlma volLa.
- Cuando vl hanno daLo la vosLra - chlese Clmayne - avevaLe paura?
- naLuralmenLe.
- lo pure.
AspeLLammo che le pleLre s'lmpossessassero dl nol. lo sLrlnsl con forza la mla. nera, sclnLlllanLe, plu
llscla del veLro, brlllava nella mla sLreLLa come un pezzo dl ghlacclo, e lo comlnclal a senLlrml parLe
dell'lmmenso poLere della volonLa.
uapprlma s'acul enormemenLe la percezlone del parLlcolarl lnLorno a me. Cgnl crepa nel muro dl
quesL'anLlca locanda sembrava adesso una valle. ll morbldo sofflo del venLo sl Lrasform ln una noLa
acuLa. Al pallldo bagllore della lampada accesa nella sLanza vedevo colorl al dl la dello speLLro vlslblle.
La quallLa dell'esperlenza offerLa dalla pleLra dl sLella e molLo dlversa da quella che provavo con gll
sLrumenLl della vlgllanza. Ma anche allora sl LraLLava dl Lrascendere ll proprlo lo. nello sLaLo dl vlgllanza
ero capace dl abbandonare la parLe dl me legaLa alla 1erra e dl volare a veloclLa lnflnlLa su dlsLese
lnflnlLe, e avevo cosclenza d'ognl cosa, e mal l'uomo poLra glungere plu vlclno a senLlrsl ulo. La pleLra dl
sLella non fornlva nessuno del mlnuzlosl daLl che erano parLe essenzlale della vlgllanza.
Al culmlne della Lrance non rlusclvo a vedere nulla, non poLevo rlconoscere l'amblenLe ln cul ml
muovevo. Sapevo solo che quando la pleLra s'lmpossessava del mlo corpo ero sommerso da qualcosa dl
enormemenLe plu grande dl me, enLravo ln dlreLLo conLaLLo con la maLrlce dell'unlverso.
ulclamo che ero ln comunlone con la volonLa.
ua lmmense dlsLanze udll Clmayne chledere: - vol credeLe a cl che dlce cerLa genLe dl quesLe pleLre?
Che non c'e una vera comunlone, che e LuLLo un lnganno basaLo sull'eleLLrlclLa?
- non ho Leorle ln proposlLo - dlssl. - Le cause ml lnLeressano meno degll effeLLl.
Cll sceLLlcl sosLengono che le pleLre dl sLella sono sempllcl sLrumenLl d'ampllflcazlone che fanno
rlmbalzare le onde cerebrall nella sLessa menLe che le produce: la sLermlnaLa, oceanlca enLlLa con cul sl
glunge ln conLaLLo, asserlscono quesLl mlscredenLl, non e alLro che la poderosa rlsonanza clcllca dl un
unlco lmpulso eleLLrlco all'lnLerno del cranlo del ellegrlno. lorse. lorse.

GQ

Conoscevo bene l'Afrlk. ln glovenLu avevo sosLaLo per molLl annl nel cuore Lenebroso dl quesLo
conLlnenLe. Alla flne ero rlparLlLo, lnquleLo come sempre, seguendo la sLrada del nord flno ln AgupL,
dove le anLlche rellqule del rlmo Clclo sono sopravvlssuLe molLo megllo che alLrove. ln quel glornl,
per, l'anLlchlLa non aveva al mlel occhl alcun lnLeresse. vlgllavo, e vagavo dl luogo ln luogo, perche una
vedeLLa non ha blsogno dl una sede flssa, e ll caso ml aveva faLLo lnconLrare Avluela proprlo quando ero
pronLo a fugglre dl nuovo, e cosl avevo lasclaLo AgupL per 8oum e ln segulLo errls.
Adesso ero LornaLo con Clmayne. Cl Lenemmo vlclnl alla cosLa, evlLando le dlsLese sabblose dell'lnLerno.
nella nosLra quallLa dl ellegrlnl, eravamo lmmunl da quasl LuLLl l perlcoll del vlagglo: non saremmo mal
morLl dl fame, avremmo sempre LrovaLo un rlfuglo anche dove non c'erano osLelll della nosLra
Corporazlone, e LuLLl cl LraLLavano col masslmo rlspeLLo. La grande bellezza dl Clmayne l'avrebbe
esposLa a non pochl perlcoll, vlsLo che vlagglava con, come unlca scorLa, un vecchlo cadenLe, ma dleLro
la maschera e ll salo dl ellegrlno era al slcuro. Solo dl rado cl Logllevamo le maschere, e ln luoghl dove
nessuno cl poLesse vedere.
non m'llludevo cerLo dl essere lmporLanLe per Clmayne. er lel ero una parLe come un'alLra
dell'equlpagglamenLo del vlagglo: qualcuno che l'aluLava duranLe la comunlone e l rlLuall, che procurava
l'allogglo, che le aprlva la sLrada. Cuel ruolo ml sLava a pennello. Clmayne era, lo sapevo, una donna
perlcolosa, soggeLLa a sLranl deslderl e lmprevedlblll caprlccl. non deslderavo legaml Lroppo forLl con lel.
L cerLo non aveva la purezza del ellegrlno. Anche se aveva superaLo la prova della pleLra dl sLella, non
era rlusclLa a Lrlonfare sulla carne, com'e dovere dl ognl ellegrlno. Sl allonLanava, LalvolLa, per meLa
della noLLe o plu, e lo l'lmmaglnavo ansare Lra le braccla dl un ServlLore ln qualche luogo oscuro, dopo
essersl LolLa la maschera. uel resLo erano affarl suol, non le facevo mal cenno dl quesLe assenze, quando
Lornava.
nemmeno nel nosLrl osLelll sl preoccupava della sua vlrLu.
non dlvldemmo mal una sLanza, perche nessun osLello l'avrebbe permesso, ma le prendevamo sempre
comunlcanLl, e lel ml chlamava nella sua o enLrava nella mla ognl volLa che ne provava ll deslderlo.
MolLo spesso era nuda, ragglunse ll culmlne del groLLesco una noLLe ln AgupL, quando la Lroval che
lndossava solo la maschera, e lo splendore della sua pelle blanca smenLlva lo scopo della grlglla dl
bronzo che le nascondeva ll vlso. Solo una volLa parve venlr sfloraLa dall'ldea che forse poLevo essere
ancora abbasLanza glovane da provare deslderlo. llss ll mlo corpo consunLo, rlnsecchlLo, e dlsse: -
Che aspeLLo avreLe, ml chledo, quando a !orslem vl avranno rlnnovaLo? SLo cercando dl lmmaglnarvl
glovane, 1omls. Ml dareLe placere, allora?
- A mlo Lempo ho daLo placere - le rlsposl amblguamenLe.
A Clmayne non placeva ll caldo secco dl AgupL. Cuasl sempre vlagglavamo dl noLLe, e passavamo ll
glorno negll osLelll. Le sLrade erano affollaLe a LuLLe le ore. La splnLa del ellegrlnl verso !orslem era
sLraordlnarlamenLe forLe, a quel che pareva. lo e Clmayne cl chledevamo quanLo Lempo sarebbe
occorso prlma che poLesslmo enLrare nelle acque del rlnnovamenLo, ln una slLuazlone del genere.
- non sleLe mal sLaLo rlnnovaLo? - ml chlese.
- Mal.
- lo neppure. Sl dlce che non acceLLlno LuLLl quelll che sl presenLano.
- ll rlnnovamenLo e un dono, non un dlrlLLo - dlssl. - MolLl sono l resplnLl.
- So anche - prosegul Clmayne - che non LuLLl coloro che enLrano nelle acque oLLengono un fellce
rlnnovamenLo.
- non ne so molLo.
- CerLl dlvenLano vecchl anzlche glovanl. CerLl dlvenLano glovanl Lroppo ln freLLa, e muolono. Cl sono
del rlschl.
- vol non ll acceLLeresLe?
Lel rlse. - Solo un pazzo eslLerebbe.
- vol non aveLe blsogno dl rlnnovamenLo, adesso - le fecl noLare. - SleLe sLaLa lnvlaLa a !orslem per ll
bene dell'anlma, non per quello del corpo, se non ml sbagllo.
- Ml occuper anche dell'anlma, quando sar a !orslem.
- Ma parlaLe come se avesLe lnLenzlone dl vlslLare solo la casa del rlnnovamenLo.
- CerLo, e l'obleLLlvo plu lmporLanLe - dlsse lel. Sl alz, fleLLendo voluLLuosamenLe ll corpo snello. - L
vero, devo esplare l mlel peccaLl. Ma credeLe che voglla fare LuLLa quesLa sLrada solo per la salvezza
dello splrlLo?
- lo non desldero alLro - le fecl noLare.
- V)iA vol sleLe vecchlo e sflorlLo! laLe bene a preoccuparvl dello splrlLo, e magarl anche del corpo.
er non ml dlsplacerebbe rlnglovanlre un po'. non ml farel Logllere molLo. CLLo, dlecl annl, LuLLo qul.
Cll annl che ho perso con quello sclocco dl Llegro. non ho blsogno dl un rlnnovamenLo lnLegrale. AveLe
raglone: sono ancora nel flore. - ll suo vlso s'oscur. - Se la clLLa e plena dl ellegrlnl, forse non ml
lasceranno enLrare nella casa del rlnnovamenLo! ulranno che sono Lroppo glovane, che devo Lornare fra
quaranLa o clnquanL'annl. 1omls, credeLe che poLrebbero farlo?
- non saprel darvl una rlsposLa.
1rem. - CerLo lasceranno enLrare 4)i- SleLe un cadavere ambulanLe, saranno cosLreLLl ad acceLLarvl!
Ma lo... 1omls, non permeLLer che ml resplngano! uovessl dlsLruggere !orslem pleLra per pleLra, gluro
che ln un modo o nell'alLro ce la far!
rlvaLamenLe ml chlesl se la sua anlma era nelle condlzlonl plu adaLLe per un candldaLo al rlnnovamenLo.
Cuando uno dlvenLa ellegrlno, gll sl raccomanda l'umllLa. Ma non deslderavo sperlmenLare la furla dl
Clmayne, e rlmasl ln sllenzlo. lorse l'avrebbero ammessa al rlnnovamenLo anche con LuLLl l suol dlfeLLl.
ua parLe mla, avevo alLrl scopl. Clmayne era guldaLa dalla vanlLa, le mle ldee erano dlverse. Avevo molLo
vagaLo e faLLo un numero enorme dl cose, non LuLLe degne d'approvazlone, nella clLLa sanLa avevo
blsogno dl purlflcare l'anlma plu che dl alleggerlre ll peso degll annl, forse.
C era solo per vanlLa che pensavo cosl?

MolLl glornl plu Lardl, a esL dl quel luogo, menLre lo e Clmayne Lraversavamo una campagna rlarsa, cl
glunse lnconLro un gruppo dl bamblnl che urlava dl paura e d'ecclLazlone.
- er favore, venlLe, venlLe! - grldavano. - ellegrlnl, venlLe!
Clmayne parve sLuplLa e lrrlLaLa quando sl aLLaccarono al suo salo. - Cosa sLanno dlcendo, 1omls? non
caplsco nlenLe, con quel loro maledeLLo accenLo agupLo!
- vogllono che ll aluLlamo - dlssl. AscolLal le loro lnvocazlonl.
- nel loro vlllagglo - splegal a Clmayne - e scopplaLa un'epldemla dl mal crlsLalllno. vogllono che
porLlamo la benedlzlone della volonLa a chl soffre.
Clmayne sl Lrasse lndleLro. lmmaglnal la smorfla d'orrore dleLro la maschera. AglL ln avanLl le manl,
cercando d'lmpedlre al bamblnl dl Loccarla. ol ml dlsse: - non posslamo andarcl!
- Lo dobblamo, lnvece.
- Abblamo freLLa! !orslem e affollaLa, non vogllo perdere Lempo ln uno sLupldo vlllagglo.
- Panno blsogno dl nol, Clmayne.
- Ma cosa slamo, Chlrurghl?
- Slamo ellegrlnl - rlsposl quleLamenLe. - l beneflcl che oLLenlamo dalla nosLra poslzlone
comporLano cerLl doverl. Come abblamo dlrlLLo all'osplLallLa dl LuLLl coloro che lnconLrlamo, cosl
dobblamo anche meLLere la nosLra anlma a plena dlsposlzlone degll umlll. venlLe.
- Ml rlfluLo!
- Come ve la cavereLe a !orslem, quando dovreLe racconLare LuLLo dl vol, Clmayne?
- L un morbo orrlblle. Se resLasslmo conLaglaLl?
- L quesLo che vl preoccupa? AbblaLe fede nella volonLa! Come poLeLe asplrare al rlnnovamenLo se la
vosLra anlma e cosl prlva dl grazla?
- vl possano marclre le budella, 1omls - ml dlsse a bassa voce. - ua quando ln qua sleLe LanLo plo? Lo
faLe apposLa per vendlcarvl dl cl che vl ho deLLo sul onLe dl 1erra. ln un momenLo dl sLanchezza vl ho
lnsulLaLo, e adesso vol, pur dl prendervl la rlvlnclLa, voleLe esporcl al perlcolo dl una malaLLla conLaglosa.
non faLelo, 1omls!
lgnoral le sue accuse. - l bamblnl comlnclano ad aglLarsl, Clmayne. voleLe aspeLLarml qul, o preferlLe
scendere all'osLello del prosslmo vlllagglo?
- non lasclaLeml sola ln quesLo deserLo!
- uebbo andare da chl soffre - le dlssl.
Alla flne sl declse ad accompagnarml: non perche, credo, senLlsse l'lmprovvlso deslderlo dl rendersl
uLlle, ma pluLLosLo per ll Llmore che quel rlfluLo egolsLa poLesse glocare a suo sfavore nella clLLa sanLa dl
!orslem. ln breve glungemmo al vlllagglo, che era plccolo e cadenLe, perche l'AgupL glace nel sonno dl un
caldo Lerrlblle, e l mlllennl lo sflorano appena. Lnorme e ll conLrasLo con le affollaLe clLLa del sud Afrlk,
clLLa che prosperano sulla produzlone dl rafflnaLl oggeLLl che esce dalle grandl ManlfaLLure.
Madldl dl sudore, segulmmo l bamblnl nelle case del planLo.
ll mal crlsLalllno e un odloso regalo glunLo dalle sLelle. non sono molLe le malaLLle degll sLranlerl che
affllggono l LerresLrl, ma dal mondl della Lancla cl e arrlvaLa quesLa calamlLa, porLaLa dal LurlsLl e
rapldamenLe dlffusa Lra nol. Se cl fosse accaduLo nel glorlosl glornl del Secondo Clclo, l'avremmo
sconflLLo ln un aLLlmo, ma adesso le nosLre conoscenze sl sono lmpoverlLe, e non passa anno senza che ll
morbo dla segnl dl vlLa. Cuando enLrammo nella prlma capanna dl fango ln cul erano assembraLe le
vlLLlme, ll volLo dl Clmayne era una smorfla d'orrore.
non eslsLe speranza per chl conLrae quesLa malaLLla. Sl deve solo sperare che chl e sano non ne resLl
vlLLlma, e, forLunaLamenLe, non e un morbo molLo conLagloso. La sua azlone e lnsldlosa, sl LrasmeLLe ln
un modo che cl e lgnoLo, spesso non passa dal marlLo alla moglle ma lnvece balza nella parLe opposLa
della clLLa, addlrlLLura ln un alLro LerrlLorlo, ln cerLe occaslonl. ll prlmo slnLomo e daLo dalla squamoslLa
della pelle: prurlLl, scaglle sulle vesLl, lnflammazlone. ol subenLra la debolezza ossea, menLre ll calclo sl
dlssolve. Sl dlvenLa molll, gommosl, ma quesLa e ancora una fase lnlzlale. resLo l LessuLl esLernl
s'lndurlscono. Spesse membrane opache sl formano sulla superflcle degll occhl, le narlcl sl chludono, la
pelle sl fa ruvlda, quasl peLrosa. ln quesLa fase sono comunl le profezle. La vlLLlma acqulsLa l poLerl del
Sonnambull, pronuncla oracoll. L'anlma lnLraprende del vagabondaggl, separandosl dal corpo per ore
lnLere, anche se l processl vlLall conLlnuano a svolgersl. lu Lardl, enLro venLl glornl dall'lnlzlo della
malaLLla, sl arrlva alla crlsLalllzzazlone. MenLre la sLruLLura scheleLrlca sl dlssolve, la pelle va ln pezzl,
formando belllsslml crlsLalll dal conLornl rlgldamenLe geomeLrlcl. A quesL'epoca la vlLLlma e sLupenda: ha
LuLLo l'aspeLLo dl un uomo scolplLo ln pleLre prezlose. l crlsLalll splendono dl rlcche lucl lnLerne, vlola e
verdl e rosse, le loro superflcl sfacceLLaLe camblano dlsposlzlone dl ora ln ora, la mlnlma luce nella
sLanza Lrae dal povereLLo magnlflcl rlflessl coloraLl, che abbagllano e dellzlano l'occhlo. nel fraLLempo la
sLruLLura lnLerna del corpo sl modlflca, quasl sl sLesse formando una sLrana crlsallde. MlracolosamenLe,
nessuna Lrasformazlone e capace dl arresLare la vlLa, anche se nella fase crlsLalllna la vlLLlma e ormal
lncapace dl comunlcare con gll alLrl, e forse nemmeno sl accorge del camblamenLl che sl svolgono ln lel.
Alla flne la meLamorfosl ragglunge gll organl vlLall, e ll processo Lermlna. ll morbo alleno e lncapace dl
modlflcare quesLl organl senza uccldere ll corpo che lo osplLa. La crlsl e veloce: una breve convulslone,
un'ulLlma scarlca dl energla lungo ll slsLema nervoso dell'uomo crlsLalllzzaLo, e pol c'e un rapldo arcuarsl
del corpo, segulLo da un suono morbldo, come dl veLro che sl spezzl ln frammenLl, ed e LuLLo flnlLo. Sul
planeLa da cul provlene, la crlsLalllzzazlone non e una malaLLla ma una vera e proprla meLamorfosl, ll
rlsulLaLo dl mlgllala dl annl d'evoluzlone verso una relazlone dl slmblosl. SforLunaLamenLe, nel LerresLrl
quesLa preparazlone evoluzlonlsLlca non c'e mal sLaLa, ed e loglco e faLale che l'agenLe della
meLamorfosl provochl la morLe del malaLo.
uaLo che ll processo e lrreverslblle, lo e Clmayne non poLevamo fare nulla dl veramenLe uLlle, se non
offrlre conforLo a quella genLe lgnoranLe e spavenLaLa. Ml accorsl sublLo che ll morbo sl era
lmpossessaLo da Lempo del vlllagglo. C'erano persone a ognl sLadlo della malaLLla, dalle prlme
squamoslLa alla crlsLalllzzazlone deflnlLlva. Lrano dlvlsl nella capanna a seconda dell'lnLenslLa del male.
Sulla slnlsLra avevo un LrlsLe gruppo dl vlLLlme recenLl, ben cosclenLl dl se, che sl graLLavano
morbosamenLe le braccla conLemplando l'orrore che ll aLLendeva. Lungo la pareLe posLerlore erano
alllneaLl clnque pagllerlccl su cul glacevano lndlgenl dalla pelle lndurlLa, nella fase profeLlca. Sulla desLra
poLevo scorgere l varl gradl dl crlsLalllzzazlone, e dl fronLe avevo la gemma del gruppo: un uomo che
senza dubblo era glunLo alle ulLlme ore dl vlLa. ll suo corpo, lncrosLaLo da falsl smeraldl e rublnl e opall,
splendeva dl una bellezza dolorosa, sl muoveva appena, enLro quel gusclo dl colorl sLupendl egll era
perso ln chlssa quale sogno d'esLasl, e forse Lrovava alla flne del suol glornl plu passlone, plu glola, dl
quanLa ne avesse conoscluLa ln LuLLl gll annl della sua dura eslsLenza dl conLadlno.
Clmayne sl Lrasse lndleLro dalla porLa.
- L orrlblle - mormor. - non vogllo enLrare!
- Lo dobblamo. 8lcordaLe l nosLrl obbllghl.
- non ho mal deslderaLo fare la ellegrlna!
- er volevaLe oLLenere ll perdono del vosLrl peccaLl - le rlcordal. - uoveLe guadagnarvelo.
- renderemo la malaLLla!
- La volonLa pu ragglungercl ovunque con quesLa lnfezlone, Clmayne. Lo sapeLe che ll morbo colplsce
a caso. ln quesLa capanna non corrlamo plu perlcoll dl quanLl ne correvamo a errls.
- erche, allora, quesLo vlllagglo e LanLo colplLo?
- ll vlllagglo conosce ora lo sfavore della volonLa.
- Con che slcurezza segulLe le sLrade del mlsLlclsmo, 1omls - dlsse lel, acldamenLe. - vl avevo mal
gludlcaLo. vl credevo un uomo lnLelllgenLe. CuesLo vosLro faLallsmo e spavenLoso.
- Po vlsLo la dlsLruzlone del mlo mondo - le dlssl. - Po conLemplaLo la rovlna del rlnclpe dl 8oum. Le
grandl Lragedle favorlscono aLLegglamenLl come ll mlo. LnLrlamo, Clmayne.
LnLrammo, e Clmayne era ancora rlluLLanLe. Adesso anch'lo ero assallLo dalla paura, ma la rlcacclal.
nella dlscusslone con l'adorablle ellegrlna che era mla compagna dl vlagglo ero sLaLo quasl
presunLuoso nella mla osLenLazlone dl fede, ma ora non poLevo negare l'lmprovvlso gulzzo dl Lerrore.
Ml cosLrlnsl alla calma.
Cl sono redenzlonl e redenzlonl, ml dlssl. Se quesLa malaLLla deve essere la fonLe della mla, m'lnchlno
alla volonLa.
lorse anche Clmayne, menLre enLravamo, glunse a una declslone slmlle, o forse ll suo lnnaLo lsLlnLo
d'aLLrlce drammaLlca la preclplL nell'lndeslderaLo ruolo della dama dl carlLa. vlslL con me la "corsla".
assammo dl glaclgllo ln glaclgllo a LesLa chlna, la pleLra dl sLella ln mano. ronunclammo parole.
Sorrldemmo quando le vlLLlme al prlml sLadl cl chlesero un gesLo dl conforLo. regammo. Clmayne sl
ferm davanLl a una ragazza nella seconda fase, l cul occhl sl sLavano gla coprendo dl uno sLraLo
corneo, e s'lnglnocchl e Locc le sue guance scagllose con la pleLra dl sLella. La ragazza parlava per
oracoll, e, sforLunaLamenLe, ln un llnguagglo che non comprendevamo.
Alla flne glungemmo dal caso plu avanzaLo, l'uomo su cul gla cresceva ll suo magnlflco sarcofago. non so
come, ma ormal la paura era scomparsa, e lo sLesso accadeva a Clmayne: per molLo Lempo resLammo
lmmoblll, sllenzlosl, dl fronLe a quello speLLacolo groLLesco, e pol lel mormor: - Com'e Lerrlblle! L
meravlglloso! L bello!
AlLre Lre capanne come quella cl aLLendevano.
Cll ablLanLl del vlllagglo sl radunavano sulla soglla. Cuando nol due apparlvamo sul llmlLare dl una
capanna, le persone sane sl prosLravano davanLl a nol, afferravano l lembl del nosLro manLello, cl
chledevano con voce sLrldula dl lnLercedere per loro presso la volonLa. nol rlspondevamo con le parole
che cl sembravano plu adaLLe, e ln nol non c'era menzogna. Coloro che sl Lrovavano all'lnLerno delle
capanne acceLLavano senza emozlonl le nosLre parole, quasl avessero caplLo che per loro non c'erano
plu speranze, coloro che sl Lrovavano all'esLerno, non ancora sfloraLl dal male, pendevano dalle nosLre
labbra. ll capo del vlllagglo (un capo momenLaneo, perche ll vero capo era crlsLalllzzaLo) non smeLLeva dl
rlngrazlarcl, come se avesslmo faLLo qualcosa dl concreLo. Ma almeno avevamo recaLo conforLo, ll che
non e da dlsprezzare.
Cuando usclmmo dall'ulLlma casa del planLo, cl accorgemmo dl un'eslle flgura che cl flssava da lonLano:
ll ulverso 8ernalL. Clmayne ml dlede un colpeLLo.
- Cuella creaLura cl ha segulLl, 1omls. ual onLe dl 1erra flno a qul!
- Anche lul vlaggla verso !orslem.
- Sl, ma che blsogno ha dl fermarsl qul? erche ln un posLo cosl spavenLoso?
- ZlLLa, Clmayne. CercaLe dl LraLLarlo come sl deve.
- un Di4'#s)?
8ernalL s'avvlcln. ll muLanLe era chluso ln una morblda vesLe blanca che aLLenuava la sLranezza del suo
aspeLLo. Accenn con arla LrlsLe ln dlrezlone del vlllagglo e dlsse: - una grande Lragedla. La volonLa e
sLaLa dura con quesLo luogo.
Spleg dl essere arrlvaLo dlversl glornl prlma, e dl aver lnconLraLo un amlco della sua clLLa naLale,
nayrob. Credevo sl rlferlsse a un ulverso, ma no, l'amlco dl 8ernalL era un Chlrurgo, cl racconL, che sl
era fermaLo ll per aluLare quanL'era posslblle l conLadlnl malaLl. L'ldea che eslsLesse amlclzla Lra un
ulverso e un Chlrurgo ml sembrava pluLLosLo sLrana, Clmayne, che non sl preoccupava dl nascondere ll
suo dlsprezzo per 8ernalL, la Lrov senz'alLro sconvenlenLe.
un uomo parzlalmenLe crlsLalllzzaLo uscl fuorl da una capanna, aglLando le manl deformaLe. 8ernalL sl
fece avanLl e lo rlaccompagn denLro con grande premura. 1ornaLo da nol, dlsse: - ln cerLl momenLl
sono fellce dl essere un ulverso. Cuella malaLLla non cl colplsce, lo sapeLe. - l suol occhl s'accesero
d'una luce lmprovvlsa. - vl do fasLldlo, ellegrlnl? SembraLe dl pleLra dleLro quelle maschere. non
lnLendo essere lmporLuno. uebbo rlLlrarml?
- naLuralmenLe no - rlsposl, pensando ll conLrarlo. La sua compagnla ml dlsLurbava, forse ll dlsprezzo
che LuLLl osLenLano per l ulversl era un baclllo che aveva flnlLo per conLaglarml. - lermaLevl un poco. vl
chlederel dl prosegulre con nol flno a !orslem, ma sapeLe che la cosa cl e prolblLa.
- CerLo. Caplsco molLo bene. - Lra corLese, ma freddo, l'amarezza lnquleLa che rlbolllva ln lul sLava per
afflorare alla superflcle. MolLl ulversl sono LanLo besLlall e degradaLl da non poLer neppure comprendere
quanLo ll abblano ln odlo uomlnl e donne delle regolarl Corporazlonl, ma 8ernalL, chlaramenLe,
possedeva ll doloroso dono della senslblllLa. Sorrlse, e pol fece un cenno. - Lcco qua ll mlo amlco.
1re flgure s'avvlclnavano. una era ll Chlrurgo dl 8ernalL, un uomo magro, dl pelle nera e voce morblda,
con occhl sLanchl e capelll blondl, radl. Con lul sLavano un ufflclale degll lnvasorl e uno sLranlero dl un
alLro planeLa. - Po senLlLo che due ellegrlnl sono sLaLl chlamaLl al vlllagglo - dlsse l'lnvasore. - vl
sono graLo per ll conforLo che aveLe recaLo a quesLe vlLLlme del dolore. Sono 8lvendlcaLore ulclannove,
ll dlsLreLLo e soLLo la mla ammlnlsLrazlone. AcceLLaLe dl essere mlel osplLl a cena, quesLa sera?
Lro ln dubblo se acceLLare l'osplLallLa d'un lnvasore, e l'lmprovvlso scaLLo delle dlLa dl Clmayne sulla
pleLra dl sLella ml dlsse che anche lel eslLava. 8lvendlcaLore ulclannove sembrava aLLendere con vlvo
lnLeresse la nosLra rlsposLa. non era alLo come quasl LuLLl l membrl della sua razza, e le braccla
sproporzlonaLe gll scendevano fln olLre le glnocchla. SoLLo l'lmpleLoso sole d'AgupL la sua pelle spessa,
cerulea, acqulsLava una cerLa lucenLezza, anche se egll non sudava.
lu ll Chlrurgo a spezzare quel lungo, Leso, pauroso sllenzlo: - non c'e affaLLo blsogno dl fare del
compllmenLl. ln quesLo vlllagglo slamo LuLLl fraLelll. venlLe con nol, d'accordo?
AcceLLammo. 8lvendlcaLore ulclannove ablLava ln una vllla sulla sponde del Lago MedlL, nella chlara luce
del Lardo pomerlgglo ml parve dl scorgere ll onLe dl 1erra che sl perdeva lonLano sulla slnlsLra, e
addlrlLLura l'Lyrop sulla sponda opposLa. Sl occuparono dl nol alcunl membrl della Corporazlone del
ServlLorl, che cl servlrono fresche blblLe nel paLlo. L'lnvasore aveva molLl dlpendenLl, LuLLl LerresLrl, per
me, quello era un alLro segno che la conqulsLa della 1erra era un faLLo compluLo, plenamenLe acceLLaLo
dalla grande massa della popolazlone. 8esLammo a parlare per molLo Lempo, olLre ll crepuscolo,
sorsegglando le nosLre bevande anche quando le palllde aurore comparvero ln clelo ad annunclare la
noLLe. er ll ulverso 8ernalL sl Lenne ln dlsparLe, forse messo a dlsaglo dalla nosLra presenza. Anche
Clmayne era melanconlca e dlsLanLe, un senLlmenLo mlsLo d'esalLazlone e depresslone l'aveva afferraLa
ln quel vlllagglo lnfellce, e la presenza dl 8ernalL alla nosLra Lavola aveva daLo ancora esca al suo sllenzlo,
polche ella lgnorava quale galaLeo segulre dl fronLe a un ulverso. L'lnvasore, ll nosLro osplLe, era
affasclnanLe e premuroso, e cerc a plu rlprese dl sLrapparla al suol penslerl. Avevo gla conoscluLo
lnvasorl affasclnanLl. nel glornl precedenLl la conqulsLa avevo vlagglaLo con uno dl loro, che flngeva dl
essere ll ulverso Cormon. Cuello che avevo dl fronLe, 8lvendlcaLore ulclannove, era un poeLa sul suo
mondo naLale, percl gll dlssl: - Ml sembra sLrano che le vosLre lncllnazlonl sl possano conclllare con un
presldlo mlllLare.
- Cgnl esperlenza serve a rafforzare l'arLe - rlspose 8lvendlcaLore ulclannove. - Cerco dl espandere ll
mlo lo. L, comunque, non sono un guerrlero, ma un ammlnlsLraLore. L dunque cosl sLrano che un poeLa
possa essere ammlnlsLraLore, o un ammlnlsLraLore poeLa? - 8lse. - 1ra le vosLre LanLe Corporazlonl,
non eslsLe quella del oeLl. erche?
- Cl sono l ComunlcaLorl - dlssl. - Lssl servono la vosLra musa.
- Ma ln modo rellgloso. Sono lnLerpreLl della volonLa, non della proprla anlma.
- Le due cose sono lnseparablll - dlssl. - l versl da loro creaLl sono lsplraLl dalla dlvlnlLa, ma vengono
dal cuore dl chl ll ha pronunclaLl.
8lvendlcaLore ulclannove non pareva convlnLo. - Sl poLrebbe anche sosLenere che ln fondo LuLLa la
poesla e rellglosa, lmmaglno. Ma quesLl versl del vosLrl ComunlcaLorl hanno una prospeLLlva Lroppo
llmlLaLa. S'lmpernlano solo sull'obbedlenza alla volonLa.
- L una conLraddlzlone - lnLervenne Clmayne. - La volonLa domlna ognl cosa, e vol dlLe che la
prospeLLlva del ComunlcaLorl e llmlLaLa...
- LslsLono alLrl Leml poeLlcl al dl fuorl dell'lmmerslone nella volonLa, amlcl mlel. L'amore dl una
persona per un'alLra, la glola dl dlfendere la proprla casa, la meravlglla dl scoprlrsl nudl soLLo le sLelle
ardenLl... - L'lnvasore rlse. - non pu darsl che la 1erra sla caduLa perche gll unlcl poeLl che aveva
canLavano l'obbedlenza al desLlno?
- La 1erra e caduLa - dlsse ll Chlrurgo - perche la volonLa cl ha chlesLo dl esplare l peccaLl commessl
dal nosLrl anLenaLl, che LraLLarono l vosLrl progenlLorl come besLle. La quallLa della nosLra poesla non
c'enLra affaLLo.
- La volonLa ha decreLaLo che vol cadesLe soLLo dl nol per punlrvl, eh? Ma se la volonLa e onnlpoLenLe,
deve anche aver decreLaLo l'errore del vosLrl anLenaLl che ha reso necessarla la punlzlone. Lh? La
volonLa sl dlverLe a glocare con se sLessa? non vedeLe com'e dlfflclle credere ln una forza dlvlna che
sLablllsca LuLLo? uove va a flnlre ll llbero arblLrlo, che solo pu dare un slgnlflcaLo alla sofferenza?
CosLrlngervl a peccare, e pol chledervl dl sublre una sconflLLa per purlflcarvl, ml sembra un dlverLlmenLo
vuoLo. erdonaLe se sono blasfemo.
ll Chlrurgo dlsse: - vol non aveLe compreso. 1uLLo cl che accade su quesLo planeLa fa parLe dl un
processo dl rafforzamenLo morale. La volonLa non forgla ognl evenLo, lndlscrlmlnaLamenLe, plccolo o
grande che sla: cl fornlsce ll maLerlale grezzo per ll verlflcarsl dell'evenLo, e pol cl permeLLe dl segulre la
sLrada che cl pare plu glusLa.
- er esemplo?
- La volonLa ha doLaLo l LerresLrl dl ablllLa e lnLelllgenza. uuranLe ll rlmo Clclo cl slamo sLaccaLl ln poco
Lempo dallo sLaLo dl selvaggl, nel Secondo Clclo abblamo ragglunLo la grandezza. nel nosLro momenLo dl
grandezza cl slamo gonflaLl d'orgogllo, e abblamo declso dl andare olLre l nosLrl llmlLl. Abblamo
lmprlglonaLo creaLure lnLelllgenLl dl alLrl mondl col preLesLo dl "sLudlarle", quando ln realLa l'unlca cosa
che cl splngeva era un arroganLe deslderlo dl dlverLlmenLo, e abblamo glocaLo col cllma del nosLro
planeLa flnche gll oceanl sl sono unlLl e l conLlnenLl sono affondaLl e la nosLra anLlca clvllLa e andaLa
dlsLruLLa. Cosl la volonLa cl ha lnsegnaLo l conflnl delle amblzlonl umane.
- CuesLa cupa fllosofla ml place ancor meno - dlsse 8lvendlcaLore ulclannove. - lo...
- LasclaLeml flnlre - dlsse ll Chlrurgo. - ll crollo della 1erra del Secondo Clclo e sLaLa la nosLra
punlzlone. La sconflLLa che vol, ablLanLl dl un alLro planeLa, aveLe lnfllLLo alla 1erra del 1erzo Clclo e la
seconda parLe dl quella punlzlone, ma e anche l'lnlzlo dl una nuova fase. vol sleLe gll sLrumenLl della
nosLra redenzlone. lnfllggendocl l'esLrema umlllazlone della conqulsLa, cl aveLe porLaLl al fondo della
nosLra vergogna, ora rlnnovlamo le nosLre anlme, ora comlnclamo a rlsallre, provaLl dalle avverslLa.
llssal, lmprovvlsamenLe sLuplLo, quesLo Chlrurgo che rlusclva a dar forma a Lalune ldee che avevano
conLlnuaLo ad aglLarsl nella mla menLe fln dall'lnlzlo del vlagglo verso !orslem: ldee dl redenzlone
personale e lnsleme planeLarla. rlma dl quelle parole, avevo degnaLo dl ben poca aLLenzlone ll
Chlrurgo.
- ermeLLeLeml un'affermazlone - lnLervenne d'lmprovvlso 8ernalL. Le sue prlme parole ln LanLe ore.
Lo flssammo. Le sLrlsce dl plgmenLo, sul suo vlso, erano scarlaLLe: segno dl grande emozlone.
ulsse, accennando col capo al Chlrurgo: - Amlco mlo, vol parlaLe dl redenzlone per l LerresLrl. voleLe
dlre t+tti l LerresLrl, o solo quelll che hanno una Corporazlone?
- 1uLLl l LerresLrl, naLuralmenLe - rlspose Lranqulllo ll Chlrurgo. - non abblamo sublLo LuLLl la
conqulsLa?
- er non slamo uguall per alLre cose. u essercl redenzlone per un planeLa che cosLrlnge mlllonl del
suol ablLanLl a resLare al dl fuorl delle Corporazlonl? arlo della mla genLe, e ovvlo. MolLo Lempo
addleLro abblamo sbagllaLo, quando abblamo pensaLo dl poLercl cosl vendlcare dl coloro che cl avevano
creaLo con forme dl mosLrl. Abblamo cercaLo dl sLrapparvl !orslem, e per quesLo slamo sLaLl punlLl, e la
nosLra punlzlone e duraLa un mlgllalo d'annl. L slamo ancora esclusl, no? vol che aveLe una
Corporazlone, poLeLe davvero conslderarvl vlrLuosl e purlflcaLl da LuLLo cl che aveLe sofferLo, vlsLo che
lnflerlLe ancora su dl nol?
ll Chlrurgo parve sLuplLo. - Le vosLre parole sono sbagllaLe, 8ernalL. Lo so che l ulversl sopporLano un
grave peso. Ma vol sapeLe al parl dl me che ll Lempo della vosLra llberazlone e lmmlnenLe. nel glornl che
verranno, nessun LerresLre sl vergognera dl vol, e sareLe al nosLro flanco quando rlavremo la llberLa.
8ernalL flss ll pavlmenLo. - erdonaLeml, amlco mlo. naLuralmenLe, naLuralmenLe, sLaLe dlcendo la
verlLa. Ml sono lasclaLo Lrasporare. ll caldo, quesLo vlno meravlglloso... quanLe sclocchezze ho deLLo!
8lvendlcaLore ulclannove chlese: - voleLe dlrml che sl sLa formando un movlmenLo dl reslsLenza allo
scopo dl esLromeLLercl dal planeLa?
- arlavo solo per asLrazlonl - rlspose ll Chlrurgo.
- L credo anch'lo che ll vosLro movlmenLo dl reslsLenza resLera un'asLrazlone - noL LranqulllamenLe
l'lnvasore. - erdonaLeml, ma vedo ben poca forza ln un planeLa che sl lascla conqulsLare nel glro d'una
sola noLLe. nol penslamo che l'occupazlone della 1erra durera a lungo, e che non lnconLrera
opposlzlone. nel mesl flnora Lrascorsl non c'e sLaLo segno dl un aumenLo d'osLlllLa nel nosLrl confronLl.
Anzl, LuLLo all'opposLo: la vosLra genLe cl acceLLa con sempre magglore faclllLa.
- 1uLLo quesLo fa parLe dello sLesso processo - dlsse ll Chlrurgo. - Come poeLa, cerLo comprendeLe
come le parole abblano molLl Llpl dl slgnlflcaLl. non abblamo blsogno dl sconflggere l nosLrl padronl
allenl, per llberarcl dl loro. L abbasLanza poeLlco per vol?
- Splendldo - rlspose 8lvendlcaLore ulclannove, alzandosl ln pledl. - Andlamo a cenare, adesso?

G1

non cl fu modo dl Lornare sull'argomenLo. L dlfflclle sosLenere una dlscusslone fllosoflca a Lavola, e ll
nosLro osplLe non pareva molLo apprezzare quesL'anallsl del desLlno della 1erra. ln breve scoperse che
Clmayne, prlma dl farsl ellegrlno, era sLaLa 8lcordaLore, e qulndl rlvolse a lel la sua aLLenzlone,
lnLerrogandola sulla nosLra sLorla e sull'anLlca poesla LerresLre. Come molLl lnvasorl egll conslderava ll
nosLro passaLo con vlva curloslLa. oco per volLa Clmayne uscl dal sllenzlo che l'lmprlglonava, e parl
lungamenLe delle rlcerche svolLe a errls. arl con grande compeLenza del nosLro passaLo lonLano,
menLre 8lvendlcaLore ulclannnove l'lnLerrompeva dl LanLo ln LanLo con domande lnLelllgenLl e slcure,
nel fraLLempo cl clbammo dl rafflnaLezze provenlenLl dal mondl plu svarlaLl, lmporLaLe forse da quel
grasso, lnsenslblle MercanLe che cl aveva porLaLl con se da errls a Marsay, la vllla era fresca e l ServlLorl
premurosl, ll povero vlllagglo dl conLadlnl colplLl dal morbo, che dlsLava solo mezz'ora dl cammlno,
avrebbe poLuLo anche Lrovarsl ln un'alLra galassla, LanLo era ormal lonLano dal nosLrl dlscorsl.
Cuando, la maLLlna seguenLe, lasclammo la vllla, ll Chlrurgo cl chlese dl poLersl unlre al nosLro
ellegrlnagglo. - non c'e plu nulla ch'lo possa fare qul - spleg. - All'lnlzlo della malaLLla ml sono
mosso dalla mla casa dl nayrob e ml sono fermaLo molLl glornl, plu per consolare che per curare,
naLuralmenLe. Adesso sono chlamaLo a !orslem. Comunque, se e conLro l vosLrl voLl avere compagnl dl
vlagglo...
- non abblaLe Llmore, unlLevl a nol - dlssl.
- Cl sara un alLro compagno - c'lnform ll Chlrurgo.
Sl rlferlva alla Lerza persona lnconLraLa al vlllagglo: l'essere dl un alLro mondo, un enlgma, che ancora
non aveva pronunclaLo parola ln nosLra presenza. Lra una creaLura plaLLa, un po' a forma dl lama dl
lancla, un'ldea plu alLa d'un uomo, sorreLLa da Lre gambe da ragno unlLe alla loro aLLaccaLura, ll suo
luogo d'orlglne era nella Splrale uoraLa, la sua pelle era ruvlda, dl colore rosso brlllanLe, e dalla sommlLa
della sua LesLa rasLremaLa scendeva lungo Lre flanchl, seguendo la verLlcale, una serle dl occhl vlLrel,
ovall. ln precedenza non avevo mal lnconLraLo un essere del genere. Lra glunLo sulla 1erra, sLando al
Chlrurgo, per raccogllere del daLl, e aveva gla vlslLaLo buona parLe dl Als e dl SLralya. Adesso faceva ll
glro delle Lerre che clrcondano ll Lago MedlL, dopo aver vlsLo !orslem sarebbe parLlLo alla volLa delle
grandl clLLa d'Lyrop. Solenne, sconcerLanLe nel suo conLlnuo sLaLo d'aLLenzlone, lncapace dl chludere l
molLl occhl o dl offrlre un commenLo su cl che gll occhl vedevano, sembrava plu una macchlna sLramba,
un accessorlo dl serbaLolo memorla, che non una creaLura vlvenLe. Ma era lnnocuo, e gll permeLLemmo
dl accompagnarcl verso la clLLa sanLa.
ll Chlrurgo dlsse addlo al suo amlco ulverso, che cl precedeLLe LuLLo solo, e fece un'ulLlma vlslLa al
vlllagglo crlsLalllzzaLo. 8esLammo ad aLLenderlo, daLo che per nol era lnuLlle farvl rlLorno. Cuando
rlcomparve, ll suo vlso era molLo cupo. - CuaLLro nuovl casl - dlsse. - ll vlllagglo andra
compleLamenLe dlsLruLLo. Sulla 1erra non c'e mal sLaLa un'esploslone del genere LanLo concenLraLa.
- Cualcosa dl nuovo, allora? - chlesl. - Sl spargera dapperLuLLo?
- Chl lo sa? nel vlllaggl vlclnl, nessuno ha conLraLLo ll morbo. L una slLuazlone sLrana: un lnLero vlllagglo
conLamlnaLo, e nlenL'alLro nel paraggl. CuesLa genLe la consldera una punlzlone dlvlna per qualche
peccaLo sconoscluLo.
- L che mal poLrebbero aver faLLo del conLadlnl - chlesl - per merlLare una Lale lra della volonLa?
- Se lo chledono anche loro - rlspose ll Chlrurgo.
Clmayne lnLervenne: - Se cl sono nuovl casl, la nosLra vlslLa dl lerl e sLaLa lnuLlle. Abblamo messo a
repenLagllo la vlLa e non abblamo concluso nulla.
- no - le dlsse ll Chlrurgo. - CuesLl casl erano gla ln lncubazlone quando sleLe glunLl vol. osslamo
sperare che la malaLLla non sl esLenda a coloro che godono dl buona saluLe.
Ma non ne pareva molLo slcuro.
Clmayne prese a esamlnarsl dl glorno ln glorno per scorgere evenLuall slnLoml del morbo, ma non ne
apparvero. ulede molLo fasLldlo al Chlrurgo con quella sLorla, obbllgandolo a freLLolose dlagnosl dl
lnflammazlonl vere o presunLe della pelle, meLLendolo ln lmbarazzo col Logllersl la maschera ln sua
presenza per sapere se una macchla sulla guancla fosse o non fosse ll prlmo segno della crlsLalllzzazlone.
ll Chlrurgo prese LuLLo cl con buona grazla, perche, menLre lo sLranlero era solo una nulllLa che
LroLLerellava al nosLro flanco, egll era un uomo serlo, pazlenLe, e dalla personallLa complessa. Lra naLlvo
dell'Afrlk ed era sLaLo desLlnaLo dal padre alla sua Corporazlone, polche la cura del corpl era Lradlzlone
dl famlglla. vlagglando conLlnuamenLe, aveva vlsLo quasl LuLLo, del nosLro mondo, e poco aveva
dlmenLlcaLo. Cl parl dl 8oum e dl errls, del campl dl flordlbrlna dl SLralya, del mlo sLesso luogo dl
nasclLa, nell'arclpelago occldenLale del ConLlnenLl Scomparsl. Cl lnLerrog con molLo LaLLo sulle pleLre dl
sLella e sugll effeLLl che producevano (e lo caplvo benlsslmo che era roso dal deslderlo dl provare la
pleLra, ma cl, naLuralmenLe, era vleLaLo a chl non sl facesse ellegrlno), quando seppe che ln
precedenza ero sLaLo vedeLLa, ml chlese molLe lnformazlonl sugll sLrumenLl con cul scandagllavo l clell,
per sapere che cosa perceplvo e come, secondo me, sl verlflcava la percezlone. Cll rlsposl ll plu
esaurlenLemenLe posslblle, ma ln realLa sapevo ben poco dl quell'argomenLo.
ul sollLo cl muovevamo sulla verde sLrlscla dl Lerreno ferLlle che dellmlLa ll lago, ma una volLa, dleLro
lnslsLenza del Chlrurgo, cl sposLammo nel deserLo lnfuocaLo per vedere una cosa che doveva essere
molLo lnLeressanLe, a quanLo cl dlsse lul. non volle dlrcl dl che sl LraLLava. ln quel glornl vlagglavamo su
una carromoblle presa a nolo, senza LeLLucclo dl proLezlone, e ll venLo LagllenLe cl sbaLLeva sul vlso soffl
dl sabbla. La sabbla sl aLLaccava agll occhl dello sLranlero, vldl, e vldl che, molLo efflcacemenLe, un floLLo
dl lagrlme blu scendeva ognl pochl lsLanLl a deLergerll. nol Lre cl sLrlngevamo nella vesLe e chlnavamo ll
capo ognl volLa che ll venLo s'alzava.
- Lccocl arrlvaLl - annuncl flnalmenLe ll Chlrurgo. - Cuando vlagglavo con mlo padre, molLo Lempo
fa, ho vlslLaLo quesLo luogo per la prlma volLa. LnLreremo, e vol, che sleLe sLaLa 8lcordaLore, cl dlreLe
dove cl Lrovlamo.
Lra un edlflclo alLo due planl, cosLrulLo con maLLonl dl veLro blanco. Le porLe sembravano chluse, ma
cedeLLero con la masslma faclllLa alla presslone delle nosLre manl. nel momenLo ln cul enLrammo, sl
rldesLarono dlverse lucl.
SoLLo lunghe navaLe, rlcoperLe alla base dalla sabbla, sl Lrovavano del Lavoll su cul erano monLaLl
mlsLerlosl sLrumenLl. non rlusclvo a caplre la loro funzlone. C'erano oggeLLl a forma dl guanLo, ln cul
poLevamo lnserlre la mano, conduLLure unlvano quegll sLranl guanLl dl meLallo a lucldl sLlpl
lmpeneLrablll, e una serle dl specchl LrasmeLLeva lmmaglnl dall'lnLerno degll sLlpl a glganLeschl scherml
posLl plu ln alLo. ll Chlrurgo lnfll le manl nel guanLl e mosse le dlLa: gll scherml s'accesero, e vldl
mlnuscole lanceLLe muoversl per brevl archl. ol sl avvlcln ad alLre macchlne da cul sgorgavano gocce dl
llquldl lgnoLl: Locc mlnuscoll boLLonl che producevano un suono armonloso, sl muoveva con la masslma
llberLa ln quel lablrlnLo dl prodlgl, chlaramenLe anLlco, che sembrava ancora ln perfeLLo ordlne, come ln
aLLesa dl chl sapesse usarlo.
Clmayne era esLaslaLa. Segulva ll Chlrurgo dl Lavolo ln Lavolo, Loccava ognl cosa.
- Lbbene, 8lcordaLore? - le chlese lnflne ll Chlrurgo. - Che cos'e quesLo posLo?
- una Cllnlca - rlspose lel a voce bassa. - una Cllnlca degll Annl della Magla!
- LsaLLo! Splendldo! - ll Chlrurgo sembrava sLranamenLe ecclLaLo. - Cul poLremmo creare mosLrl
sLraordlnarl! oLremmo fare mlracoll! AlaLl, nauLl, ulversl, 1orclLorl, locosl, 8amplcanLl, lnvenLare nuove
Corporazlonl, modellare gll uomlnl secondo l nosLrl deslderl! Lcco cosa facevano qul!
Clmayne dlsse: - CuesLe Cllnlche ml erano sLaLe descrlLLe. ne rlmangono ancora sel, se non ml sbagllo:
una nell'Lyrop del nord, una a alash, una qul, una molLo plu a sud, nell'Afrlk londa, e una nell'Als
occldenLale... - S'lnLerruppe.
- L una ln lnd, la plu grande dl LuLLe! - esclam ll Chlrurgo.
- Sl, naLuralmenLe, ln lnd! La paLrla degll AlaLl!
ll loro enLuslasmo era conLagloso. Cosl chlesl: - L qul che venlva camblaLa la forma degll uomlnl? Come
sl faceva?
ll Chlrurgo scroll le spalle. - Cuell'arLe e andaLa perduLa. Cll Annl della Magla sono molLo lonLanl,
vecchlo mlo.
- Sl, sl, lo so. Ma vlsLo che cl resLano gll sLrumenLl, non dovremmo poLer caplre...
- Con quesLe lame - dlsse ll Chlrurgo - Lagllavamo l LessuLl del non naLl, correggendo ll seme umano.
ll Chlrurgo meLLeva qul le manl... muoveva l congegnl... e ln quell'lncubaLore le lame facevano ll loro
lavoro. L da qul che sono naLl gll AlaLl e LuLLo ll resLo. Le caraLLerlsLlche erano eredlLablll. Cggl alcune dl
quesLe specle sono esLlnLe, ma l nosLrl AlaLl e l nosLrl ulversl devono la proprla forma a Cllnlche come
quesLa. l ulversl, ovvlamenLe, erano errorl del Chlrurghl. non gll sl doveva permeLLere dl vlvere.
- ensavo che quel mosLrl fossero ll rlsulLaLo dl farmacl LeraLogenl lngerlLl dalle madrl, quando essl
erano ancora nell'uLero - dlssl. - Adesso vol ml dlLe che l ulversl sono sLaLl creaLl dal Chlrurghl. Cual e
la verlLa?
- LnLrambe le lnformazlonl sono vere - ml rlspose. - 1uLLl l ulversl del nosLrl glornl dlscendono da
errorl e da sbadaLagglnl dl Chlrurghl degll Annl della Magla. Ma le madrl dl quegll lnfellcl aumenLano
spesso la mosLruoslLa del flgll con l'uso dl farmacl, per cosl renderll plu vendlblll. L una razza orrlblle,
non solo dl aspeLLo. non c'e da meravlgllarsl che la loro Corporazlone sla sLaLa sclolLa, e che essl slano
sLaLl splnLl al marglnl della socleLa. nol...
Cualcosa dl lucclcanLe vol nell'arla, mancando ll suo vlso per meno dl una spanna. ll Chlrurgo sl geLL a
Lerra, grldandocl dl fare alLreLLanLo. MenLre ml plegavo, vldl una seconda freccla slbllare nella nosLra
dlrezlone. La creaLura allena, che conLlnuava lmperLerrlLa a raccogllere daLl su ognl cosa, sLudl quella
freccla con grande calma nel pochl momenLl dl vlLa che le resLarono. L'arma lo colpl a due Lerzl della sua
alLezza, e gll Lagll neLLamenLe ll corpo ln due Lronconl. AlLre frecce andarono a colplre ll muro alle
nosLre spalle. oLel flnalmenLe scorgere l nosLrl aLLaccanLl: una banda dl ulversl, ferocl, spavenLosl.
Lravamo dlsarmaLl, e loro cl venlvano addosso. Ml preparal a morlre.
uall'lngresso glunse un grldo: una voce famlllare, che usava lo sLreLLo, sLranlsslmo llnguagglo con cul l
ulversl comunlcano fra loro. lmmedlaLamenLe l'assalLo ebbe flne. Coloro che cl mlnacclavano sl volsero
verso la porLa. ll ulverso 8ernalL fece ll suo lngresso.
- Po vlsLo ll vosLro velcolo - dlsse. - Po pensaLo che forse eravaLe qul, e magarl nel gual. are che sla
glunLo appena ln Lempo.
- non esaLLamenLe - rlbaLLe ll Chlrurgo. lndlc la flgura rlversa dell'alleno, per ll quale non c'era plu
nulla da fare. - Ma perche quesLo aLLacco?
8ernalL gesLlcol. - Saranno loro a dlrvelo.
Cuardammo l clnque ulversl che cl avevano Leso l'lmboscaLa. non erano Llpl educaLl e clvlll come
8ernalL, e non ce n'erano due che avessero lo sLesso aspeLLo, ognuno dl loro era un'oscena, conLorLa
carlcaLura dell'uomo, uno con LenLacoll flbrosl che gll scendevano dal menLo, un alLro dal vlso che era un
nulla, prlvo dl llneamenLl, un alLro con orecchl slmlll a Lazze glganLesche, e cosl vla. ua quello che cl sLava
plu vlclno, una creaLura la cul pelle lasclava sporgere mlgllala dl plccole scaglle, apprendemmo perche cl
avevano assallLl. ln un rozzo dlaleLLo d'AgupL cl dlsse che avevamo profanaLo un Lemplo sacro al ulversl.
- nol sLlamo alla larga da !orslem - cl dlsse. - erche vol dovresLe venlre qul?
naLuralmenLe aveva raglone. Chledemmo perdono con la masslma slncerlLa posslblle, e ll Chlrurgo
spleg che egll, molLo Lempo prlma, aveva vlslLaLo quel luogo, e che allora non era un Lemplo. Cl parve
calmare ll ulverso, che ammlse che solo da pochl annl la Cllnlca era dlvenLaLa un edlflclo sacro. ulvenne
ancora plu calmo quando Clmayne aprl l'lperLasca che celava ln seno e gll offrl alcune lucclcanLl moneLe
d'oro, parLe del Lesoro che sl era porLaLa da errls. Cuelle creaLure blzzarre e deforml parvero
soddlsfaLLe, e cl permlsero dl usclre dal Lemplo. Avremmo preso con nol anche l'alleno morLo, ma,
duranLe la dlscusslone col ulverso, ll cadavere era quasl del LuLLo scomparso, ora, sul pavlmenLo, resLava
solo una plccola sLrlscla grlgla, a lndlcare ll punLo ln cul era caduLo. - un enzlma morLuarlo - spleg ll
Chlrurgo. - L'lnLerruzlone del processl vlLall lo ha messo ln azlone.
Cuando usclmmo, lnLorno all'edlflclo cl aLLendevano alLrl ulversl, LuLLl apparLenenLl a quella comunlLa
del deserLo. Lrano un gruppo dl lncubl, con pelle d'ognl conslsLenza e colore, LraLLl flslonomlcl dlsposLl a
casacclo, organl e alLre parLl del corpo all'lnsegna dell'lmprovvlsazlone geneLlca. 8ernalL sLesso,
nonosLanLe fosse loro fraLello, parve sgomenLaLo da quelle mosLruoslLa. Cll alLrl lo flssavano con
reverenza. Cualcuno dl loro, quando cl vlde, cerc d'lmpugnare le arml, ma, con un ordlne lmperloso,
rlmlse LuLLo a posLo 8ernalL.
ol cl dlsse: - Ml splace che slaLe sLaLl LraLLaLl a quesLo modo, e che lo sLranlero sla morLo. Ma,
naLuralmenLe, e perlcoloso enLrare ln un luogo sacro a genLe prlmlLlva e vlolenLa.
- non ne avevamo ldea - rlspose ll Chlrurgo. - non saremmo enLraLl se avesslmo sapuLo...
- naLuralmenLe. naLuralmenLe. - C'era forse un che dl paLernallsLlco nel Lono dolce, slgnorlle dl
8ernalL? - 8e', vl dlco dl nuovo arrlvedercl.
- no - esclamal d'lmprovvlso. - vlagglaLe con nol flno a !orslem! L rldlcolo dlrlgersl separaLamenLe
alla sLessa meLa.
Clmayne boccheggl. Anche ll Chlrurgo sembr sLuplLo. Solo 8ernalL rlmase calmo, e dlsse: - ScordaLe,
amlco, che e sconvenlenLe per un ellegrlno vlagglare con chl non ha Corporazlone. u'alLronde, lo sono
qul per offrlre le mle preghlere a quesLo Lemplo, e dovr fermarml un po'. non vorrel farvl Lardare. - La
sua mano sl Lese a lnconLrare la mla. ol sl allonLan, scomparendo nell'anLlca Cllnlca. l suol compagnl
ulversl gll Lennero preclplLosamenLe dleLro. Lro graLo a 8ernalL del suo LaLLo: la mla lmpulslva offerLa dl
compagnla, per quanLo slncera, non poLeva essere acceLLaLa.
8agglungemmo la nosLra carromoblle. uopo qualche momenLo udlmmo un suono spavenLoso: lo
sLonaLo canLo del ulversl ln onore dl una dlvlnlLa che non oso lmmaglnare, un lnno spezzaLo, laceranLe,
sLrldulo, deforme come coloro che lo lnLonavano.
- 8esLle orrlblll! - mormor Clmayne. - un luogo sacro! un Lemplo del ulversl! Che cosa spavenLosa!
oLevano uccldercl LuLLl, 1omls. Com'e posslblle che mosLrl slmlll abblano una rellglone?
non le rlsposl. ll Chlrurgo flss LrlsLemenLe Clmayne e scosse ll capo, come perplesso da LanLa mancanza
dl carlLa ln una donna che asserlva d'essere una ellegrlna.
- Anche loro sono creaLure umane - dlsse pol.
Alla prlma clLLa che lnconLrammo lungo la sLrada segnalammo la morLe dell'alleno alle auLorlLa
d'occupazlone. ol, LrlsLl e sllenzlosl, nol Lre sopravvlssuLl prosegulmmo ll cammlno, verso la Lerra dove
la cosLa marlna sl plega a nord anzlche a esL. Cl sLavamo lasclando alle spalle ll sonnolenLo AgupL,
enLravamo adesso nel conflnl della reglone dove sorge la clLLa sanLa dl !orslem.

GG

La clLLa dl !orslem sl Lrova nell'lnLerno, a una cerLa dlsLanza dal Lago MedlL, su un arloso alLlplano
proLeLLo da una caLena dl monLagne basse, addossaLe l'una all'alLra e spoglle dl vegeLazlone. Ml
sembrava che LuLLa la mla vlLa non fosse sLaLa alLro che una preparazlone al prlmo sguardo su
quell'aurea clLLa, dl cul conoscevo LanLo bene l'lmmaglne. L cosl, quando vldl sorgere a esL le sue guglle
e le sue mura, proval, plu che uno sLupore reverenzlale, l'lmpresslone dl Lornare a casa dopo LanLl annl.
una sLrada serpegglanLe cl porL dalle monLagne alla clLLa, le cul mura erano faLLe dl blocchl dl pleLra
flnlsslma, squadraLa, dl colore rosa scuro doraLo. Anche le case e l Lempll erano della medeslma pleLra.
ClardlneLLl alberaLl dellmlLavano la sLrada, e non sl LraLLava dl alberl lmporLaLl dalle sLelle ma dl verl
prodoLLl della nosLra 1erra, come sl addlceva a quella clLLa: la plu anLlca cosLrulLa dall'uomo, plu anLlca
dl 8oum, plu anLlca dl errls, le orlglnl dl !orslem sl perdono nel rlmo Clclo.
Cll lnvasorl, sagglamenLe, non s'erano lnLrufolaLl nell'ammlnlsLrazlone dl !orslem. La clLLa resLava soLLo ll
conLrollo del MaesLro della Corporazlone del ellegrlnl, e anche un lnvasore doveva rlchledere ll suo
permesso per enLrare. naLuralmenLe, era solo quesLlone dl forma: ll MaesLro del ellegrlnl, come ll
Cancelllere del 8lcordaLorl e LuLLe le auLorlLa del genere, era ln realLa un buraLLlno obbedlenLe al volerl
del conqulsLaLorl. Ma la cruda verlLa dl quel faLLo resLava nascosLa. Cll lnvasorl avevano rlservaLo a
!orslem un LraLLamenLo speclale, e almeno non ll avremmo vlsLl clondolare a gruppl armaLl per le sLrade
della clLLa sanLa.
ClunLl alle mura esLerne, presenLammo alla SenLlnella del cancello una formale rlchlesLa d'lngresso.
Anche se alLrove molLe senLlnelle non avevano plu lavoro, daLo che l nuovl padronl avevano ordlnaLo dl
lasclare sempre spalancaLe le porLe delle clLLa, quesL'uomo era ln compleLa dlvlsa della sua
Corporazlone, e con grande calma cl soLLopose al rlLuall della normale procedura. lo e Clmayne, nella
nosLra quallLa dl ellegrlnl, avevamo auLomaLlcamenLe ll dlrlLLo dl enLrare a !orslem, ma lul volle vedere
le pleLre dl sLella, per slncerarsl che la vesLe e la maschera non fossero un lnganno, e pol s'lnfll una
cuffla pensanLe per conLrollare l nosLrl noml nell'archlvlo della Corporazlone. ln breve Lempo
oLLenemmo ll permesso. ll Chlrurgo che vlagglava con nol se la sbrlg ancora plu ln freLLa: sl era
premuraLo dl chledere ln anLlclpo, quando era ancora ln Afrlk, l'auLorlzzazlone, e dopo un mlnuLo per ll
conLrollo della sua ldenLlLa fu lasclaLo passare.
uenLro le mura, ognl cosa aveva l'aspeLLo dl un'lmmensa anLlchlLa. Solo !orslem, fra LuLLe le clLLa del
mondo, conserva ancora buona parLe dell'archlLeLLura del rlmo Clclo: non sempllcl colonne decaplLaLe
e acquedoLLl ln rovlna, come 8oum, ma lnLere sLrade, porLlcl coperLl, Lorrl, vlall che hanno reslsLlLo a
LuLLl gll sconvolglmenLl sofferLl dal nosLro planeLa. L cosl, una volLa enLraLl ln clLLa, vagammo sLupefaLLl
Lra le sue meravlglle, glu per sLrade pavlmenLaLe dl cloLLoll, lungo sLreLLlsslml vlcoll plenl dl bamblnl e dl
mendlchl, aLLraverso mercaLl fragranLl dl spezle. uopo un'ora dl quel vagabondagglo decldemmo che era
Lempo dl Lrovarcl una slsLemazlone, e fummo cosLreLLl a dlvldercl dal Chlrurgo polche gll era vleLaLo
fermarsl a un osLello dl ellegrlnl, e per nol, allogglare alLrove sarebbe sLaLo lnuLllmenLe cosLoso. Lo
accompagnammo alla locanda dove aveva gla prenoLaLo una sLanza. Lo rlngrazlal per la compagnla che
cl aveva offerLo duranLe ll vlagglo, e lul rlngrazl nol con la sLessa serleLa, esprlmendo l'augurlo dl
rlvedercl nel prosslml glornl. ol lo e Clmayne ce ne andammo. Cl osplL uno del LanLl edlflcl che a
!orslem sono prlvlleglo del ellegrlnl.
La clLLa eslsLe unlcamenLe per servlre l ellegrlnl e l LurlsLl, ed e perLanLo un solo lmmenso osLello, qul l
ellegrlnl avvolLl nel salo sono comunl come gll AlaLl ln lnd. Cl fermammo un aLLlmo a rlposare, pol
cenammo e plu Lardl, cammlnando lungo una sLrada spazlosa, cl fu posslblle vedere a esL ll quarLlere
lnLerno dl !orslem, quello plu sacro. L come se cl fossero due clLLa, lncasLonaLe l'una nell'alLra. La parLe
plu anLlca, cosl mlnuscola che a pledl la sl pu percorrere ln meno d'un'ora, e chlusa da un'alLa clnLa dl
mura. All'lnLerno sl Lrovano l Lempll veneraLl dalle vecchle rellglonl LerresLrl: l CrlsLanl, gll Lbarll, l
Mlslaml. Sl dlce che sla qul anche ll luogo dove morl ll dlo del CrlsLanl, ma forse sl LraLLa solo dl una
dlsLorslone dovuLa al Lempo, perche che Llpo dl dlo pu essere, se muore? Su un plccolo rlllevo ln un
angolo della ClLLa vecchla sorge la cupola doraLa sacra al Mlslaml, gelosamenLe accudlLa dalla genLe dl
!orslem. L sul davanLl dl quel pogglo sl Lrovano le pleLre grlgle, masslcce, dl un muro adoraLo dagll Lbarll.
1uLLe quesLe cose rlmangono, ma le ldee che le sorreggevano sono andaLe perse, quando ero Lra l
8lcordaLorl, non ero mal rlusclLo a Lrovare un solo sLudloso capace dl splegarml che valore possa avere
l'adorazlone dl un muro o dl una cupola doraLa. Lppure gll anLlchl documenLl cl asslcurano che quesLe
Lre fedl del rlmo Clclo avevano grande profondlLa e rlcchezza d'ldee.
Sempre nella ClLLa vecchla c'era pol un edlflclo del Secondo Clclo che agll occhl mlel e dl Clmayne
presenLava un lnLeresse molLo plu concreLo. MenLre scruLavamo Lra l'oscurlLa quel sacrl luoghl,
Clmayne dlsse: - uomanl dovremmo fare rlchlesLa alla casa del rlnnovamenLo.
- CerLo. Cra ml accorgo che desldero scrollarml dl dosso qualche anno.
- Ml acceLLeranno, 1omls?
- L lnuLlle azzardare lpoLesl - le rlsposl. - Andremo, e rlvolgeremo la rlchlesLa, e l vosLrl lnLerrogaLlvl
saranno soddlsfaLLl.
Lel dlsse qualche alLra cosa ma non udll le sue parole, perche ln quel momenLo Lre AlaLl passarono sopra
dl me, sfrecclando verso esL. uno era maschlo, due femmlna, volavano nudl, secondo ll cosLume della
loro Corporazlone, e l'AlaLa al cenLro del gruppo era una ragazzlna magra, fraglle, un mucchleLLo dl ossa
e all, ma sl muoveva con una grazla eccezlonale, anche per la sua specle che e slgnora dell'arla.
- A4$+'$"A - bocchegglal.
l Lre AlaLl scomparvero olLre l conflnl della ClLLa vecchla. SLupefaLLo, scosso, ml appogglal a un albero
per reggerml ln pledl e calmare l'ansla del resplro.
- 1omls? - dlsse Clmayne. - 1omls, sLaLe male?
- Sono cerLo che e Avluela. Ml hanno deLLo che e LornaLa ln lnd, ma no, quella era Avluela! Come poLrel
sbagllarml?
- AveLe deLLo le sLesse cose da quando slamo parLlLl da errls, ognl volLa che vedevaLe un'AlaLa - noL
freddamenLe Clmayne.
- Ma quesLa volLa ne sono cerLo! uov'e una cuffla pensanLe? uevo conLrollare sublLo alla Loggla degll
AlaLl!
La mano dl Clmayne sl pos sul mlo bracclo. - L Lardl, 1omls. vl comporLaLe da pazzo. L perche vl
emozlonaLe LanLo per un'AlaLa rlnsecchlLa? Cosa slgnlflcava per vol?
- Lel...
Ml arresLal, lncapace dl Lradurre ln parole le ldee. Clmayne conosceva la sLorla del mlo vlagglo
dall'AgupL ln compagnla della ragazza, e sapeva che allora, quando ero una vedeLLa voLaLa al cellbaLo,
provavo per lel una sorLa d'amore paLerno, che forse ln realLa senLlvo qualcosa dl plu profondo, che ll
falso ulverso Cormon me l'aveva LolLa, e che a sua volLa ll rlnclpe dl 8oum l'aveva LolLa a lul. Ma con
LuLLo cl, cos'era per me Avluela? erche la sola vlsLa dl qualcuno che poLeva essere lel ml meLLeva ln
uno sLaLo dl confuslone? Cercal un slmbolo nella mla menLe aglLaLa, e non ebbl rlsposLa.
- 1ornlamo all'osLello a rlposare - dlsse Clmayne. - uomanl dovremo chledere ll rlnnovamenLo.
rlma, per, cercal una cuffla ed enLral ln conLaLLo con la Loggla degll AlaLl. l mlel penslerl sclvolarono
lungo l'lnLerfaccla proLeLLlva, flno al cervello del reglsLro della Corporazlone, chlesl e oLLennl la rlsposLa
che cercavo. Avluela degll AlaLl sl Lrovava davvero a !orslem. - 8lferlLele quesLo messagglo - dlssl. -
La vedeLLa che conobbe al 8oum e adesso qul come ellegrlno, e desldera lnconLrarla domanl a
mezzoglorno davanLl alla casa del rlnnovamenLo.
laLLo quesLo, accompagnal Clmayne al nosLro allogglo. Sembrava lrrlLaLa e dlsLanLe, quando, nella mla
sLanza, sl Lolse la maschera, ll suo vlso parve Leso dalla... gelosla? Sl. Clmayne conslderava suol vassalll
LuLLl gll uomlnl, anche un vecchlo bacucco come me, e le rlpugnava ammeLLere che un'alLra donna
poLesse accendere ln me una flamma cosl forLe. Cuando Llral fuorl la mla pleLra dl sLella, Clmayne non
volle dapprlma unlrsl a me nella comunlone. AcceLL solo quando ebbl daLo lnlzlo al rlLuall. Ma quella
noLLe ero LalmenLe scosso che non rluscll a lmmergerml nella volonLa: anche a lel fu lmposslblle:
resLammo a scruLarcl acclgllaLl per mezz'ora, e lnflne rlnunclammo al LenLaLlvo e cl dlvldemmo per la
noLLe.

GI

Alla casa del rlnnovamenLo sl va da soll. All'alba ml desLal, fecl una breve e plu soddlsfacenLe comunlone
e uscll senza Clmayne, a dlgluno. uopo mezz'ora ero davanLl alle mura doraLe della ClLLa vecchla, ln
un'alLra mezz'ora avevo flnlLo dl Lraversare le aggrovlgllaLe sLradlne della clLLa. ClLrepassaLo ll muro
grlglo LanLo caro agll anLlchl Lbarll, affronLal la sallLa del pogglo, sfloral nel mlo cammlno la cupola
doraLa sacra agll scomparsl Mlslaml e, glrando a slnlsLra, ml mlsl a segulre ll flume dl ellegrlnl che gla a
quell'ora s'lncanalava verso la casa del rlnnovamenLo.
La casa e un edlflclo del Secondo Clclo, perche fu allora che venne conceplLa la Lecnlca del
rlnnovamenLo, dl LuLLa la sclenza dl quel perlodo, solo ll rlnnovamenLo cl e glunLo plu o meno lnLegro, e
lo praLlchlamo oggl come dovevano praLlcarlo allora. Come le alLre poche cosLruzlonl del Secondo Clclo
che sono sopravvlssuLe, la casa del rlnnovamenLo e aglle e llscla, archlLeLLonlcamenLe sempllce, con
curve accenLuaLe e superflcl sobrle ed e prlva dl flnesLre: non reca decorazlonl esLerne dl sorLa. Pa molLe
porLe. Ml plazzal dl fronLe all'enLraLa plu a esL, e nel glro dl un'ora poLel passare all'lnLerno.
Appena varcaLa la soglla ful accolLo da un membro della Corporazlone del 8lnnovaLorl, nel suo salo
verde: ll prlmo membro dl quella Corporazlone che avessl mal vlsLo. l 8lnnovaLorl sono recluLaLl fra l
ellegrlnl che lnLendono fermarsl a lavorare a !orslem, per aluLare gll alLrl nel rlnnovamenLo. La loro
Corporazlone fa LuLL'uno, ammlnlsLraLlvamenLe, con quella del ellegrlnl, un unlco MaesLro dlrlge le
sorLl dl enLrambe, anche ll salo e ldenLlco, ecceLLuaLo ll colore. ln effeLLl, ellegrlnl e 8lnnovaLorl
formano una sola Corporazlone, e rappresenLano fasl dlverse della sLessa afflllazlone. Ma una
dlsLlnzlone cl deve pur essere.
La voce del 8lnnovaLore era llmplda e cordlale. - 8envenuLo a quesLa casa, ellegrlno. Chl sel, da dove
vlenl?
- Sono ll ellegrlno 1omls, gla 1omls del 8lcordaLorl, e prlma ancora vedeLLa, naLo col nome dl Wuelllg.
Sono orlglnarlo del ConLlnenLl Scomparsl e ho molLo vlagglaLo, sla prlma che dopo l'lnlzlo del mlo
ellegrlnagglo.
- Che cosa cerchl qul?
- 8lnnovamenLo. 8edenzlone.
- Che la volonLa Ll sla proplzla - dlsse ll 8lnnovaLore. - Segulml.
1raversammo un corrldolo sLreLLo, poco lllumlnaLo, e glungemmo a una celleLLa dl pleLra. ll 8lnnovaLore
ml dlsse dl Logllere la maschera, enLrare ln sLaLo dl comunlone, e aLLendere. Ml llberal della grlglla dl
bronzo e sLrlnsl con forza la pleLra dl sLella. lul peneLraLo dalla noLa sensazlone, ma non sl verlflc ll
conLaLLo con la volonLa, senLll lnvece che sl formava uno speclflco collegamenLo con la menLe dl un alLro
essere umano. er quanLo sLuplLo, non opposl reslsLenza.
Cualcosa frug nella mla anlma. 1uLLo venne scavaLo porLaLo alla luce come per un'lspezlone, LuLLo sl
deposlL sul pavlmenLo della cella: l mlel aLLl d'egolsmo e vllLa, l mlel errorl e l mlel dlfeLLl, l mlel dubbl,
le mle dlsperazlonl e, sopraLLuLLo, ll plu vergognoso del mlel aLLl: la vendlLa del documenLo del
8lcordaLorl al capo degll lnvasorl. Csservavo quelle cose e caplvo dl essere lndegno del rlnnovamenLo.
CuesLa casa poLeva esLendere dl alLre due o Lre volLe la duraLa dl una vlLa, ma perche l 8lnnovaLorl
avrebbero dovuLo offrlre slmlll beneflcl a un uomo prlvo dl merlLl come me?
8lmasl a lungo a conLemplare l mlel errorl. ol ll conLaLLo s'lnLerruppe e nella cella enLr un alLro
8lnnovaLore, un lndlvlduo dl noLevole sLaLura.
- La mlserlcordla della volonLa e su dl Le, amlco mlo - dlsse, Lendendo le dlLa (dlLa dl lunghezza
sLraordlnarla) a lnconLrare le punLe delle mle.
udendo la sua voce profonda e scorgendo le sue dlLa blanche, rlconobbl un uomo che avevo gla
lnconLraLo fugacemenLe ln passaLo, quando ero fuorl delle porLe dl 8oum, nella sLaglone precedenLe la
conqulsLa della 1erra. Allora quell'uomo era un ellegrlno, e ml aveva lnvlLaLo ad accompagnarlo nel suo
vlagglo verso !orslem, ma lo avevo rlfluLaLo, perche 8oum eserclLava su dl me ll suo fasclno.
- vl e sLaLo lleve ll ellegrlnagglo? - gll chlesl.
- Ml e sLaLo dl grande valore - rlspose. - L Lu? non sel plu vedeLLa, vedo.
- ln un anno ho camblaLo Lre Corporazlonl.
- L un'alLra ancora Ll aLLende - dlsse.
- uunque, ml unlr a vol nel 8lnnovaLorl?
- non lnLendevo quella Corporazlone, amlco 1omls. Ma parleremo ancora dl LuLLo cl quando l Luol
annl saranno dlmlnulLl. Pal oLLenuLo ll rlnnovamenLo, sono lleLo dl comunlcarLl.
- nonosLanLe l mlel peccaLl?
- A causa del Luol peccaLl, quall essl sono. uomanl all'alba enLreral nella prlma vasca del rlnnovamenLo.
lo Ll far da gulda nel corso della Lua seconda nasclLa. Sono ll 8lnnovaLore 1almlL. val, adesso, quando
Lorneral chlederal dl me.
- una domanda...
- Sl?
- Po compluLo ll ellegrlnagglo con una donna, Clmayne, che prlma era del 8lcordaLorl dl errls. oLeLe
dlrml se anche lel ha oLLenuLo l'approvazlone per ll rlnnovamenLo?
- non so nulla dl quesLa Clmayne.
- non e una donna perfeLLa - dlssl. - L vanlLosa, prepoLenLe e crudele. Ma credo che sla ancora
posslblle redlmerla. non poLeLe fare nulla per aluLarla?
- non ho alcuna lnfluenza su cose del genere - rlspose 1almlL. - ueve affronLare l'esame come
chlunque alLro. osso dlrLl quesLo, per: la vlrLu non e l'unlco crlLerlo che da dlrlLLo al rlnnovamenLo.
Ml accompagn fuorl dell'edlflclo. La fredda luce del sole lllumlnava la clLLa. Lro come prosclugaLo, ml
senLlvo Lroppo vuoLo per poLerml rallegrare del prosslmo rlnnovamenLo. Lra mezzoglorno. 8lcordal
l'appunLamenLo con Avluela, e fecl ll glro della casa del rlnnovamenLo, con ansla crescenLe. Sarebbe
venuLa?
Ml aLLendeva davanLl al fronLone dell'edlflclo, a flanco dl un fulgldo monumenLo del Secondo Clclo.
ClaccheLLa scarlaLLa, gamball dl pelllccla, scarplne luclde al pledl, sporgenze eloquenLl sulla schlena: gla
da lonLano poLevo caplre che era un'AlaLa. - Avluela! - grldal.
Lel sl volse. Sembrava palllda, mlnuscola, ancora plu glovane dell'ulLlma volLa che l'avevo vlsLa. l suol
occhl frugarono ll mlo vlso, dl nuovo coperLo dalla maschera, e per un aLLlmo la vldl sLupefaLLa.
- vedeLLa? - chlese. - vedeLLa, sel Lu?
- Chlamaml 1omls, adesso - le rlsposl. - Ma sono la sLessa persona che conoscevl a 8oum e ln AgupL.
- vedeLLa! Ch, vedeLLa! T),is- - Ml sl geLL conLro. - CuanLo Lempo e passaLo! CuanLe cose sono
successe! - Adesso splendeva come un glolello, e ll pallore aveva lasclaLo le sue guance. - vlenl,
cerchlamo un'osLerla, un posLo dove sedere a parlare! Come hal faLLo a scoprlre che ero qul?
- 1ramlLe la Lua Corporazlone. lerl sera Ll ho vlsLo volare.
- Sono glunLa qul coll'lnverno. er un po' ml sono fermaLa a lars, a mezza sLrada dall'lnd, pol ho
camblaLo ldea. non poLevo Lornare a casa. Adesso vlvo nel pressl dl !orslem, e facclo parLe dl... - Lascl
la frase a meLa. - Pal oLLenuLo ll rlnnovamenLo, 1omls?
SLavamo scendendo dal pogglo alla parLe plu bassa della clLLa.
- Sl - rlsposl - ml rlnglovanlranno. La mla gulda e ll 8lnnovaLore 1almlL. Lo abblamo lnconLraLo da
ellegrlno appena fuorl 8oum, rlcordl?
non rlcordava. Cl sedemmo ln una veranda annessa a un'osLerla, e ServlLorl cl porLarono clbo e vlno. La
sua allegrla era conLaglosa: solo a sLare con lel ml senLlvo gla rlnnovaLo. arl degll ulLlml caLasLroflcl
glornl a 8oum, quando era sLaLa porLaLa come concublna al palazzo del rlnclpe, e ml racconL ll
Lerrlblle momenLo ln cul Cormon ll ulverso aveva abbaLLuLo ll rlnclpe dl 8oum, la sera sLessa della
conqulsLa: Cormon sl era annunclaLo non plu come ulverso ma come un lnvasore LravesLlLo, e ln un
colpo solo aveva sLrappaLo al rlnclpe ll Lrono, la concublna, e la vlsLa.
- ll rlnclpe e morLo? - ml chlese.
- Sl, ma non per l'accecamenLo. - Le racconLal come quell'uomo orgoglloso fosse fugglLo da 8oum
LravesLlLo da ellegrlno, come lo sLesso l'avessl accompagnaLo a errls, e come, quando sLavamo col
8lcordaLorl, avesse avuLo una Lresca con Clmayne e fosse sLaLo ucclso da suo marlLo, a sua volLa
assasslnaLo da lel. - Po rlvlsLo Cormon a errls - dlssl. - Adesso sl fa chlamare vlLLorloso 1redlcl.
Cccupa una poslzlone elevaLa Lra gll lnvasorl.
Avluela sorrlse. - lo e Cormon slamo rlmasLl assleme poco Lempo, dopo la conqulsLa. voleva glrare
l'Lyrop, sono volaLa con lul flno alla uonsk e alla Sved, e ll ll suo lnLeresse per me s'e spenLo. lu allora
che ml accorsl dl voler Lornare a casa, ln lnd, ma plu Lardl camblal ldea. Cuando lnlzla ll Luo
rlnnovamenLo?
- All'alba.
- Ch, 1omls, cosa succedera quando rlLorneral glovane? Lo sapevl che Ll amavo? er LuLLo ll nosLro
vlagglo, e ognl volLa che dlvldevo ll leLLo con Cormon o ml unlvo al rlnclpe, erl Lu ll solo che volevo! Ma
naLuralmenLe erl una vedeLLa, e la cosa era lmposslblle. u'alLra parLe, erl cosl vecchlo... Adesso Lu non
vlglll plu, e presLo non saral nemmeno plu vecchlo, e... - La sua mano sl pos sulla mla. - non avrel
mal dovuLo allonLanarml dal Luo flanco. Cl saremmo rlsparmlaLl LuLL'e due molLe sofferenze.
- S'lmpara, soffrendo - le dlssl.
- Sl. Lo caplsco. CuanLo occorrera per ll Luo rlnnovamenLo?
- ll sollLo, anche se non ne ho un'ldea preclsa.
- L, dopo, che faral? Che Corporazlone sceglleral? non puol fare la vedeLLa, non oggl.
- no, e nemmeno ll 8lcordaLore. La mla gulda, 1almlL, ha parlaLo dl un'alLra Corporazlone dl cul non ha
voluLo preclsare ll nome, e dava per cerLo che sarel enLraLo a farne parLe, dopo ll rlnnovamenLo. Po
creduLo che lnLendesse dlre che ml sarel fermaLo qul per dlvenLare 8lnnovaLore, ma ha deLLo che sl
LraLLa d'un'alLra Corporazlone.
- non l 8lnnovaLorl - dlsse Avluela, e sl sporse verso dl me. - l 8edenLorl - sussurr.
- 8edenLorl? L una Corporazlone che non conosco.
- L sLaLa fondaLa da poco.
- Ma se non nascono nuove Corporazlonl da almeno...
- L a quesLa Corporazlone che sl rlferlva 1almlL. 1u saresLl un membro ldeale. Le capaclLa che hal
svlluppaLo duranLe l Luol annl dl vlgllanza Ll rendono molLo prezloso.
- 8edenLorl - rlpeLel, per sagglare ll mlsLero. - R''nt)#i- L cosa fa, quesLa Corporazlone?
Avluela sorrlse allegramenLe. - 8edlme le anlme colme d'affanno e salva l mondl lnfellcl. Ma non e
ancora Lempo dl parlarne. llnlscl cl che hal da fare a !orslem, e LuLLo Ll sara chlarlLo. - Cl alzammo. Le
sue labbra sflorarono le mle. - L l'ulLlma volLa che Ll vedo vecchlo. Sara sLrano, 1omls, lnconLrarLl
rlnnovaLo!
ol ml lascl.
verso sera Lornal al mlo allogglo. Clmayne non era nella sua sLanza. un ServlLore m'lnform che era
sLaLa fuorl LuLLo ll glorno. L'aspeLLal slno a Lardl, pol fecl la comunlone e m'addormenLal, e all'alba sosLal
un aLLlmo davanLl alla sua porLa. Lra chlusa a chlave. Ml affreLLal verso la casa del rlnnovamenLo.

GJ

ll 8lnnovaLore 1almlL ml venne lnconLro sulla soglla e ml guld lungo un corrldolo a plasLrelle verdl, flno
alla prlma vasca dl rlnnovamenLo. - ll ellegrlno Clmayne - m'lnform - ha oLLenuLo ll rlnnovamenLo,
e sara qul oggl sLesso, Lra qualche ora. - CuesLa sarebbe sLaLa l'ulLlma alluslone alle vlcende dl un alLro
essere umano che avrel udlLo per dlverso Lempo. 1almlL ml fece enLrare ln una sLanzeLLa dal sofflLLo
basso, sLreLLa e umlda, rlschlaraLa da pallldl globl dl luce-schlava, nell'arla alegglava un debole profumo
dl germogll schlacclaLl dl flordlmorLe. Ml vennero LolLl salo e maschera, e ll 8lnnovaLore ml coprl la LesLa
con una reLlclna dl flne meLallo color verde oro, ln cul fece passare la correnLe, quando Lolse la reLe, l
mlel capelll erano scomparsl, la mla LesLa era nuda come quel murl spogll, per sempllflcare l'lnserzlone
degll eleLLrodl - spleg 1almlL. - Adesso puol enLrare nella vasca.
una scala poco rlplda ml porL nella vasca, che era una Llnozza dl dlmenslonl modesLe. SenLll soLLo l
pledl la calda, morblda cedevolezza del fango, e 1almlL annul e ml dlsse che era fango rlgeneraLore
lrradlaLo, servlva a sLlmolare ll processo dl suddlvlslone cellulare che era alla base del rlnnovamenLo, e lo
non ml opposl. Ml dlsLesl sul pavlmenLo del serbaLolo, solo la mla LesLa resLava fuorl dal fluldo vlola
cupo conLenuLovl. ll fango cull e carezz ll mlo corpo sLanco. 1almlL sl pleg su dl me, sLrlngendo ln
mano quello che sembrava un fasclo dl flll dl rame, ma quando egll appoggl l flll al mlo cranlo nudo essl
sl sclolsero l'uno dall'alLro, come doLaLl dl vlLa proprla, e le loro punLe cercarono ll mlo cranlo e
s'lnfllarono nella pelle, nelle ossa, glu flno alla nascosLa, clrconvoluLa maLerla grlgla. L'unlca sensazlone
che proval fu quella dl llevl punLure. - Cll eleLLrodl - spleg 1almlL - ragglungo l cenLrl
d'lnvecchlamenLo nel Luo cervello, nol LrasmeLLlamo segnall che producono un'lnverslone del normall
processl dl senescenza, e ll suo cervello perdera nozlone del senso ln cul scorre ll Lempo. Cosl ll Luo
corpo rlsulLera plu rlceLLlvo nel rlguardl degll sLlmoll amblenLall che rlceve valla vasca. Chludl gll occhl. -
Ml pose pose sul vlso una maschera resplraLorla. Ml splnse dolcemenLe ln glu, e la mla nuca sl sLacc dal
bordo della vasca, coslcche ml Lroval a gallegglare verso ll cenLro. ll caldo crebbe. udll appena l'eco dl
suonl gorgogllanLl. lmmaglnal che nere bolle solforose sallssero dal fango, aLLraversassero ll llquldo ln
cul ero lmmerso, lmmaglnal che llfluldo fosse dlvenLaLo color del fango. L cosl andal alla derlva ln quel
mare senza onde, appena appena consclo che una correnLe passava per gll eleLLrodl, che qualcosa ml
pungeva ll cervello, che ero lnglobaLo nel fango e ln quello che avrebbe poLuLo benlsslmo essere llquldo
amnloLlco. ua lonLano, da molLo lonLano, glungeva la voce profonda del 8lnnovaLore 1almlL che ml
chlamava alla glovlnezza, ml Lraeva lndleLro lungo l decennl gla Lrascorsl, ml scloglleva dalla Llrannla del
Lempo. Avevo ln bocca un sapore dl sale. ul nuovo Lraversavo l'Cceano 1erresLre e l plraLl m'assallvano e
dlfendevo gll sLrumenLl della vlgllanza dal loro dlleggl, dal loro colpl. ul nuovo ero fermo soLLo ll caldo
sole dl AgupL, e lnconLravo Avluela per la prlma volLa. AblLal dl nuovo a alash. 1ornal al mlo luogo dl
nasclLa nelle lsole occldenLall del ConLlnenLl Scomparsl, ln quella che una volLa era sLaLa l'usa-amrlk. vldl
8oum crollare per la seconda volLa. lrammenLl dl rlcordl venlvano a galla nel mlo cervello ammorbldlLo.
non eslsLeva una loglca, uno svolgersl razlonale degll evenLl. Lro bamblno. Lro un vecchlo sLanco. Lro Lra
l 8lcordaLorl. vlslLavo l Sonnambull. vedevo ll rlnclpe dl 8oum procurarsl nuovl occhl da un ArLeflce dl
u[lon. 1raLLavo col rocuraLore dl errls. Muovevo l comandl del mlel sLrumenLl ed enLravo nello sLaLo dl
vlgllanza. Manglavo clbl dellzlosl che venlvano da un mondo lonLanlsslmo: asplravo profondamenLe ll
profumo della prlmavera dl alsh, rabbrlvldlvo nell'lnverno personale dl un vecchlo, nuoLavo ln un mare
aglLaLo, llare e fellce, canLavo, plangevo, reslsLevo alle LenLazlonl, cedevo alle LenLazlonl, llLlgavo con
Clmayne, abbracclavo Avluela, sperlmenLavo una raplda successlone dl noLLl e glornl, menLre ll mlo
orologlo blologlco sl muoveva secondo sLranl rlLml dl regresslone e accelerazlone. Ml assallvano llluslonl.
loveva fuoco dal clelo, ll Lempo fugglva ln varle dlrezlonl, dlvenLavo mlnuscolo e pol enorme. udlvo
vocl che parlavano con sfumaLure scarlaLLe e Lurchese. una muslca denLaLa sclnLlllava su lonLanl crlnall.
ll suono a marLello del mlo cuore era aspro e possenLe. Lro lnLrappolaLo Lra due baLLlLl successlvl del mlo
cervello, Lenevo le braccla schlacclaLe conLro l flanchl per occupare meno spazlo posslblle menLre
conLlnuava a pulsare, pulsare, pulsare. Le sLelle baLLevano, sl conLraevano, sl fondevano fra loro. Avluela
mormorava dolcemenLe: - Sono gll lndulgenLl, benevoll lmpulsl della volonLa che cl fanno guadagnare
una seconda glovlnezza, non le buone azlonl lndlvlduall che abblamo compluLo ln vlLa. - Clmayne
dlceva: - Come dlvenLo slnuosa! - 1almlL dlceva: - CuesLe osclllazlonl della percezlone lndlcano solo
la dlssoluzlone del deslderlo dl auLodlsLruzlone collocaLo nel cuore del processo d'lnvecchlamenLo. -
Cormon dlceva: - CuesLe percezlonl dl un'osclllazlone lndlcano solo l'auLodlsLruzlone del deslderlo dl
dlssoluzlone collocaLo nel processo d'lnvecchlamenLo del cuore. - ll rocuraLore CovernaLore
dell'uomo SeLLe dlceva: - Slamo sLaLl mandaLl su quesLo mondo per essere lo sLrumenLo della vosLra
purlflcazlone. nol slamo l mezzl dl cul sl serve la volonLa. - 8lvendlcaLore ulclannove dlceva: - u'alLra
parLe, ml sla concesso dl dlssenLlre. L'lnconLro Lra ll nosLro desLlno e quello della 1erra e una sempllce
colncldenza. - Le mle palpebre pesavano come pleLra. Le mlnuscole creaLure che lncludevano l mlel
polmonl comlnclarono a florlre. La mla pelle sl squamava, scoprendo flll dl muscoll Lesl sulle ossa.
Clmayne dlceva: - l mlel porl sl resLrlngono. La mla pelle sl Lende. l mlel senl rlmplcclollscono. -
Avluela dlceva. - lu Lardl voleral con nol, 1omls. - ll rlnclpe dl 8oum sl coprlva gll occhl con le manl.
Le Lorrl dl 8oum ondegglavano al venLl del sole. Chermlvo la sclarpa dl un 8lcordaLore che passava.
Clown plangevano nelle sLrade dl errls. 1almlL dlceva: - Adesso svegllaLl, 1omls, escl del Luo sogno,
aprl gll occhl.
- Sono glovane dl nuovo - rlsposl.
- ll Luo rlnnovamenLo e appena comlnclaLo - dlsse
non rlusclvo plu a muoverml. Cll lnservlenLl ml afferrarono e ml coprlrono dl Lele porose, ml adaglarono
su un carrello moblle e ml porLarono ln una seconda vasca, molLo plu grande, ln cul fluLLuavano dozzlne
dl persone, clascuna chlusa nel suo sogno personale. l loro cranl nudl erano pavesaLl dl eleLLrodl, l loro
occhl coperLl da nasLrl rosa, le loro manl LranqulllamenLe adaglaLe sul peLLo. LnLral ln quella vasca, e
quesLa volLa non cl furono llluslonl, solo un lungo sonno senza sognl. lul svegllaLo da uno sclaguaLLlo
d'onde e ml Lroval a percorrere, a pledl ln avanLl, uno sLreLLo condoLLo, emersl ln un serbaLolo chluso,
dove resplral solo fluldo, e dove rlmasl per qualcosa dl plu d'un mlnuLo e per qualcosa dl meno d'un
secolo, menLre sbucclavano la mla anlma dl sLraLl su sLraLl dl peccaLo. lu un lavoro lungo, asslllanLe. l
Chlrurghl operavano a dlsLanza, le manl lnfllaLe ln guanLl che conLrollavano plccoll blsLurl moblll, e ml
llberavano dal male con un Lagllo e un Lagllo e un Lagllo dl quelle lame mlnuscole, sLrappando da me
colpe e LrlsLezze, gelosla e rabbla, orgogllo, lussurla e lmpazlenza.
Cuando ebbero flnlLo, spalancarono le valve della vasca e ml fecero usclre, sollevandoml. Lro lncapace
dl reggerml senza aluLo. ALLaccarono al mlel arLl sLrumenLl che sclolsero e massagglarono l muscoll,
rldandoml forza. 8lusclvo dl nuovo a cammlnare. ScruLal ll mlo corpo nudo, robusLo e sodo e vlgoroso.
1almlL ml ragglunse e llber nell'arla una manclaLa dl polvere specchlo, perche poLessl vederml, quando
le mlnuscole parLlcelle sl furono unlLe, flssal la mla lmmaglne Lersa.
- no - dlssl. - ll mlo vlso e sbagllaLo. non ero cosl. ll naso era plu accenLuaLo, le labbra meno plene, l
capelll un po' meno scurl...
- Cl slamo servlLl del documenLl della Corporazlone delle vedeLLe, 1omls. Adesso sel esaLLamenLe
uguale all'uomo che erl prlma, anche se la memorla Ll dlce ll conLrarlo.
- L posslblle?
- Se preferlscl, posslamo rlmodellarLl secondo le Lue ldee e non secondo la realLa. Ma sarebbe una cosa
pluLLosLo frlvola, e rlchlederebbe molLo Lempo.
- no - dlssl. - non ha nessuna lmporLanza.
1almlL fu d'accordo. Ml lnform che dovevo resLare ancora un po' nella casa del rlnnovamenLo, flnche
non ml fossl perfeLLamenLe adaLLaLo al mlo nuovo lo. Ml dledero da lndossare gll ablLl neuLrl dl chl non
ha Corporazlone, perche adesso non ero afflllaLo a nessuna, la condlzlone dl ellegrlno flnlsce col
rlnnovamenLo, ed ero llbero dl scegllere qualslasl Corporazlone dlsposLa ad acceLLarml, una volLa usclLo
dl ll. - CuanLo e duraLo ll mlo rlnnovamenLo? - chlesl a 1almlL menLre ml vesLlvo. Lul rlspose: - Sel
glunLo al prlnclplo dell'esLaLe. Adesso e lnverno. nol non lavorlamo ln freLLa.
- L come va la mla compagna Clmayne?
- Con lel abblamo falllLo.
- non caplsco.
- vuol vederla? - ml chlese 1almlL.
- Sl - rlsposl, pensando che ml avrebbero porLaLo alla sLanza dl Clmayne. lnvece ml condusse alla
vasca dl Clmayne. Ml Lroval su una rampa dl scale che scendeva a un conLenlLore ancora chluso, 1almlL
m'lndlc un cannocchlale a flbre, e aLLraverso ll suo occhlo sempre aperLo poLel vedere Clmayne. C
pluLLosLo, cl che dovevo credere Clmayne. una blmba nuda dl clrca undlcl annl, dalla pelle llscla, prlva
dl senl, rannlcchlaLa sul fondo del serbaLolo, Leneva le glnocchla sLreLLe conLro ll Lorace mlnuscolo, ll
polllce lnfllaLo ln bocca. uapprlma non compresl. ol la blmba sl mosse, e rlconobbl l LraLLl embrlonall
della sLupenda Clmayne con cul ero vlssuLo: la bocca larga, ll menLo vollLlvo, gll zlgoml sporgenLl,
robusLl. un lmprovvlso scopplo d'orrore ml percorse ll corpo, e chlesl a 1almlL: - Cosa slgnlflca?
- Cuando l'anlma e Lroppo densa dl macchle, 1omls, dobblamo scavare a fondo per rlpullrla. La Lua
Clmayne era un caso dlfflclle. non avremmo neanche dovuLo LenLare, ma lel ha lnslsLlLo, e qualche
lndlcazlone cl porLava a credere che forse saremmo poLuLl rlusclre. Lrano lndlcazlonl sbagllaLe, come
puol vedere.
- Ma cosa le e successo?
- ll rlnnovamenLo ha ragglunLo l'lrreverslblllLa prlma che poLesslmo purgarla del suol errorl - rlspose
1almlL.
- SleLe andaLl Lroppo a fondo? L'aveLe resa Lroppo glovane?
- Come puol vedere. Sl.
- Cosa fareLe? non poLeLe Llrarla fuorl dl qul e lasclarla crescere dl nuovo?
- uovevl presLare plu aLLenzlone alle mle parole, 1omls. Po deLLo che ll rlnnovamenLo e lrreverslblle.
- I##'4'#si:i$'>
- L persa ln sognl lnfanLlll. Cgnl glorno rlnglovanlsce dl qualche anno. ll suo orologlo lnLerno ruoLa a
veloclLa lnconLrollablle. ll suo corpo sl resLrlnge, ll suo cervello dlvenLa sempre plu llsclo. resLo Lornera
al perlodo neonaLale. L non sl svegllera mal.
- L alla flne... - ulsLolsl lo sguardo da quello speLLacolo. - Cosa accadra? uno spermaLozoo e un uovo
che sl dlvldono nella vasca?
- La reLrocesslone non andra cosl olLre. Morlra neonaLa. ne perdlamo molLl a quesLo modo.
- L sLaLa lel a parlarml del rlschl del rlnnovamenLo - dlssl.
- Lppure ha lnslsLlLo perche l'acceLLasslmo. La sua anlma era nera, 1omls. vlveva solo per se sLessa. L
glunLa a !orslem per essere purlflcaLa, e adesso e purlflcaLa, e conosce la pace della volonLa. L'amavl?
- Mal. nemmeno per un mlnuLo.
- L allora cos'hal perso?
- una frazlone del mlo passaLo, forse. - orLal dl nuovo l'occhlo al cannocchlale e scruLal Clmayne,
adesso lnnocenLe, resLlLulLa alla verglnlLa, asessuaLa, purlflcaLa. ln pace con la volonLa. lrugal ll suo vlso
sLranamenLe alLeraLo, ma cosl famlllare, per comprendere l sognl che sLava vlvendo. Aveva caplLo cosa
le sLava caplLando, menLre preclplLava senza speranza verso la glovenLu plu esLrema? Aveva grldaLo dl
paura e lmpoLenza quando s'era accorLa che la vlLa l'abbandonava? C'era sLaLa un'ulLlma flammaLa della
vecchla, orgogllosa Clmayne, prlma dl sclvolare ln un'lnnocenza coaLLa? La blmba nel serbaLolo
sorrldeva. ll corplclno soLLlle sl dlsLese, pol sl raccolse ancor plu rlgldamenLe ln poslzlone feLale.
Clmayne era ln pace con la volonLa. u'lmprovvlso, quasl 1almlL avesse sparso nell'arla un secondo
specchlo, rluscll a guardare nel mlo nuovo lo, e vldl cosa avevano faLLo per me, e compresl che ml
avevano concesso un'alLra vlLa a condlzlone dl saperla usare megllo della prlma, e ml senLll molLo umlle,
e ml dlsposl a servlre la volonLa, e ml Lroval soffocaLo da una glola che m'lnvadeva con onde
glganLesche, come le acque lnquleLe dell'Cceano 1erresLre, e dlssl addlo a Clmayne, e chlesl a 1almlL dl
porLarml vla.

GL

L Avluela venne a Lrovarml nella mla sLanza nella casa del rlnnovamenLo, ed eravamo enLrambl
spavenLaLl quando c'lnconLrammo. La glaccheLLa che lndossava lasclava scoperLe le all chluse:
sembravano assoluLamenLe prlve dl conLrollo, fluLLuavano nervose, accennavano ad aprlrsl un poco, e le
loro punLe dellcaLe splendevano d'lmprovvlsl, velocl bagllorl. l suol occhl erano grandl e solennl, ll suo
vlso pareva plu soLLlle e affllaLo che mal. er molLo Lempo resLammo a flssarcl reclprocamenLe ln
sllenzlo, la mla pelle sl fece calda, la vlsLa ml sl confuse, senLlvo esplodere denLro dl me forze che ml
erano lgnoLe da decennl, e ne avevo paura nel momenLo sLesso ln cul le deslderavo.
- 1omls? - chlese flnalmenLe lel, e lo annull.
Ml Locc le spalle, le braccla, le labbra. L lo posal le dlLa sul suol polsl, sul suol flanchl, e pol, eslLanLe, sul
gonflore morbldo del suol senl.
Come due uomlnl lmprovvlsamenLe clechl, cl rlconoscemmo al LaLLo. Lravamo esLranel. Cuella vecchla,
sLanca vedeLLa che lel aveva conoscluLo e forse amaLo era scomparsa, allonLanaLa per almeno alLrl
clnquanL'annl o forse plu, e al suo posLo c'era qualcuno che aveva sublLo una mlsLerlosa Lrasformazlone,
uno sconoscluLo, una persona mal lnconLraLa. er lel la vecchla vedeLLa era sLaLa una specle dl padre,
cosa poLeva mal essere ll glovane 1omls, l'uomo senza Corporazlone? L cos'era lel per me, se non
poLevo plu conslderarla una flglla? nemmeno lo ml conoscevo plu: la mla pelle llscla, soda, ml era
esLranea. Lro perplesso e dellzlaLo degll umorl che ora ml scorrevano nelle vene, del Lremorl affannaLl
che avevo quasl dlmenLlcaLo.
- l Luol occhl sono gll sLessl - dlsse lel. - 1l rlconoscerel sempre dagll occhl.
- Cosa hal faLLo ln LuLLl quesLl mesl, Avluela?
- Po volaLo ognl noLLe. Sono glunLa ln AgupL e nell'Afrlk londa. ol sono LornaLa e ho volaLo flno a
SLanbul. Appena cade la sera, ml lanclo nell'arla. Lo sal, 1omls, che ml senLo davvero vlva solo quando
sLo la ln alLo?
- 1u sel un'AlaLa. L nella naLura della Lua Corporazlone provare quesLl senLlmenLl.
- un glorno voleremo flanco a flanco, 1omls.
Cuelle parole ml fecero scopplare ln rlso. - Le vecchle Cllnlche sono chluse, Avluela. Cualcuno e ancora
capace dl complere prodlgl qul a !orslem, ma non possono Lrasformarml ln un AlaLo. Con le all sl deve
nascere.
- non c'e blsogno dl all per volare.
- Lo so. Cll lnvasorl sl sollevano senza l'aluLo delle all. 1l ho vlsLa, ll glorno dopo la caduLa dl 8oum, Lu e
Cormon assleme ln clelo... - Scossl ll capo. - Ma lo non sono un lnvasore.
- 1u voleral con me, 1omls. Sallremo ln alLo, e non solo quand'e bulo, anche se le mle sono solLanLo all
della noLLe. Culzzeremo assleme soLLo ll bagllore del sole.
Le sue fanLasle ml placquero. La raccolsl Lra le mle braccla, e lel era fresca e fraglle conLro dl me, e ll mlo
corpo pulsava dl un nuovo calore. er un po' non parlammo plu dl voll, anche se rlfluLal dl prendere cl
che lel m'offrlva ln quel momenLo e ml conLenLal sempllcemenLe dl carezzarla. non cl sl sveglla con un
unlco sbadlgllo.
lu Lardl cammlnammo nel corrldol, sflorando alLre persone appena rlnnovaLe, e ragglungemmo la
grande sLanza cenLrale dal cul sofflLLo enLrava ll pallldo sole lnvernale, e cl sLudlammo l'un l'alLra a
quella luce lncerLa, approsslmaLlva, e cammlnammo, e parlammo dl nuovo. Ml appogglavo leggermenLe
al suo bracclo, perche ancora non ero padrone assoluLo delle mle forze, e cosl, ln un cerLo senso, era
come ln passaLo, la ragazza che aluLava ll vecchlo rudere a desLregglarsl. Cuando ml rlporL nella sLanza
le chlesl: rlma del rlnnovamenLo, ml hal parlaLo dl una nuova Corporazlone dl 8edenLorl. lo...
- Avremo Lempo dl parlarne - dlsse lel, dlsplacluLa.
nella mla sLanza cl abbracclammo, e d'lmprovvlso ml senLll lnvadere da LuLLo ll fuoco della glovlnezza
rlnnovaLa, ed ebbl paura dl dlsLruggere ll suo corpo fresco, mlnuLo. Ma e un fuoco che non dlsLrugge:
accende anche gll alLrl della sLessa flamma. nell'esLasl le sue all sl splegarono, flnche anch'lo ful avvolLo
dal loro morbldo abbracclo. L menLre ml arrendevo alla vlolenza della glola, seppl che non avevo plu
blsogno dl appogglarml al suo bracclo.
Cessammo dl essere esLranel, cessammo dl provare paura l'uno per l'alLra. Lel venne da me ognl glorno,
all'ora degll eserclzl flslcl, e lo cammlnal con lel, ragglungendo passo dopo passo la sua sLessa sclolLezza.
L ll fuoco brlll per nol ancora plu alLo e fulgldo.
Anche 1almlL era spesso con me. Ml lnsegn l'arLe dl usare ll corpo rlnnovaLo, e ml aluL a Lornare
glovane col masslmo successo. 8esplnsl ll suo lnvlLo dl vedere ancora una volLa Clmayne. un glorno pol
ml dlsse che la reLrocesslone della mla compagna era glunLa al Lermlne. non proval dlsplacere, solo un
momenLaneo, sLrano senso dl vuoLo che pass sublLo.
- resLo lasceral quesLo luogo - ml dlsse ll 8lnnovaLore. - Sel pronLo?
- Credo dl sl.
- Pal pensaLo a cosa lnLendl fare?
- uebbo cercare una nuova Corporazlone, lo so.
- MolLe Corporazlonl vorrebbero averLl, 1omls. Ma Lu quale vuol?
- La Corporazlone che ml consenLa dl essere plu uLlle all'umanlLa - rlsposl. - uebbo una vlLa alla
volonLa.
1almlL chlese: - La ragazza AlaLa Ll ha parlaLo delle posslblllLa che Ll sl presenLano?
- Pa accennaLo a una Corporazlone appena fondaLa.
- 1l ha deLLo come sl chlama?
- La Corporazlone del 8edenLorl.
- L cosa ne sal?
- 8en poco - rlsposl.
- vuol saperne dl plu?
- Se cl sono alLre cose da sapere.
- lo facclo parLe della Corporazlone del 8edenLorl - dlsse 1almlL. - L anche Avluela.
- Ma aveLe gla una Corporazlone! Com'e posslblle apparLenere a plu d'una? SolLanLo l uomlnaLorl
avevano quesLa llberLa, e essl...
- 1omls, la Corporazlone del 8edenLorl acceLLa membrl da LuLLe le alLre Corporazlonl. L la Corporazlone
suprema, come lo fu la Corporazlone del uomlnaLorl. ApparLengono al suol ranghl 8lcordaLorl e Scrlbl,
ClasslflcaLorl, ServlLorl, AlaLl, LaLlfondlsLl, Sonnambull, Chlrurghl, Clown, MercanLl, vendlLorl. Cl sono
anche ulversl, e...
- Di4'#si> - bocchegglal. - Ma sono fuorl d'ognl Corporazlone, per legge! Com'e posslblle che una
Corporazlone acceLLl un ulverso?
- CuesLa e la Corporazlone del 8edenLorl. Anche l ulversl possono oLLenere la redenzlone, 1omls.
umlllaLo, ammlsl: - Anche l ulversl, sl. Ma com'e sLrano lmmaglnare una Corporazlone del genere!
- SpregeresLl una Corporazlone che acceLLa l ulversl?
- 1rovo dlfflclle comprenderla.
- oLral caplre a Lempo deblLo.
- L quando sara ll Lempo deblLo?
- ll glorno che usclral dl qul - ml rlspose 1almlL.
Cuel glorno arrlv ln freLLa. Avluela venne a prenderml. uscll fuorl, ancora un po' LraballanLe, nella
prlmavera dl !orslem, e compleLal ll rlLuale del rlnnovamenLo. 1almlL le aveva daLo lsLruzlonl per
guldarml. Ml condusse ln LuLLl l luoghl sacrl della clLLa, perche poLessl venerare ognl slngolo Lemplo.
M'lnglnocchlal davanLl al muro degll Lbarll e alla cupola doraLa del Mlslaml, pol Lraversal la parLe bassa
della clLLa, ll mercaLo, e glunsl al grlglo, oscuro, mal sLruLLuraLo edlflclo che copre ll punLo dove sl dlce
sla morLo ll dlo del CrlsLlanl, pol ml recal alla fonLe della saplenza e alla fonLana della volonLa, e da ll alla
casa madre della Corporazlone del ellegrlnl per rendere la maschera e ll salo e la pleLra dl sLella, e
qulndl alle mura della ClLLa vecchla. A ognuna dl quesLe sosLe ml offrll alla volonLa con le parole che da
molLo aLLendevo dl pronunclare. ellegrlnl e normall clLLadlnl dl !orslem sl rlunlvano a rlspeLLosa
dlsLanza da me: sapevano che ero sLaLo rlnnovaLo da poco, e speravano che qualche emanazlone del
mlo nuovo corpo glovane poLesse loro porLare forLuna. llnalmenLe l mlel obbllghl furono compluLl. Lro
un uomo llbero, ln plena saluLe, ln grado dl scegllere ll Llpo dl vlLa che deslderavo condurre. Avluela ml
chlese: - Adesso verral con me dal 8edenLorl?
- uove ll Lroveremo?A !orslem?
- A !orslem, sl.1ra un'ora cl sara una rlunlone per darLl ll benvenuLo fra nol.
LsLrasse dalla Lunlca qualcosa dl plccolo e brlllanLe, che con vlvo sLupore rlconobbl per una pleLra dl
sLella. - Cosa fal con quella pleLra? - le chlesl. - Solo l ellegrlnl...
- MeLLl la Lua mano sulla mla - dlsse lel, Lendendo ll pugno che sLrlngeva la pleLra dl sLella.
Cbbedll. er un aLLlmo ll suo vlseLLo magro sl Lese nello sforzo della concenLrazlone. ol Avluela sl
rllass, e rlpose la pleLra dl sLella.
- Avluela, cosa?...
- un segnale alla Corporazlone - rlspose genLllmenLe. - Ll ho avvlsaLl dl radunarsl perche sLlamo per
arrlvare.
- Come hal avuLo quella pleLra?
- vlenl con me - ml dlsse. - Ch, 1omls, se solo poLesslmo volare! Ma non e lonLano. Cl lnconLrlamo
quasl all'ombra della casa del rlnnovamenLo. vlenl, 1omls. vlenl!

G6

non c'era luce, nella sLanza. Avluela ml guld nell'oscurlLa del soLLerraneo: ml dlsse che eravamo glunLl
alla Casa Madre del 8edenLorl e ml lascl solo. - non muoverLl - ml avvls.
lnLorno a me, nella sLanza, avverLlvo la presenza dl alLrl uomlnl. Ma non vedevo nulla e non udlvo nulla.
Splnsero qualcosa verso dl me.
Avluela dlsse: - 1endl la mano. Cosa senLl?
lnconLral uno sLlpo meLalllco, quadraLo, che forse s'appogglava a un pledlsLallo sempre dl meLallo. Lungo
una delle facce erano dlsposLl quadranLl e leve a me molLo famlllarl. Le mle manl brancolanLl Lrovarono
le manlglle che sporgevano dalla sommlLa dl quel plccolo sLlpo. u'lmprovvlso era come se ll mlo
rlnnovamenLo non fosse avvenuLo, e anche la conqulsLa della 1erra fosse cancellaLa: ero dl nuovo una
vedeLLa, perche quello era senza dubblo un equlpagglamenLo per la vlgllanza!
Allora dlssl: - non e lo sLesso sLlpo che possedevo una volLa. Ma non e molLo dlverso.
- Pal scordaLo le Lue capaclLa, 1omls?
- enso dl averle ln me anche adesso.
- usa la macchlna, allora - dlsse Avluela. - Lsegul ancora una volLa la vlgllanza, e dlmml cl che vedl.
lellce, Lornal con la masslma faclllLa alle vecchle ablLudlnl. Lsegull ln freLLa l rlLuall prellmlnarl, llberando
la mla menLe da dubbl e emozlonl. Lra sLraordlnarla la sempllclLa con cul rlusclvo a enLrare nello splrlLo
della vlgllanza, non avevo plu provaLo dalla noLLe ln cul la 1erra era caduLa, eppure ml sembrava dl
essere ancora plu veloce del vecchl glornl.
Adesso afferravo le manlglle: com'erano sLrane! non Lermlnavano con le lmpugnaLure cul ero ablLuaLo:
qualcosa dl freddo e duro sl Lrovava sulla sommlLa dl ognl manlglla. una gemma dl qualche Llpo, forLe.
Magarl una pleLra dl sLella, compresl. Le mle manl sl chlusero sulle due superflcl gellde. roval un
momenLo d'apprenslone, addlrlLLura dl paura febbrlle. ol Lornal alla necessarla LranqullllLa, e la mla
anlma sl proleLL nello sLrumenLo che avevo davanLl: comlnclal a vlgllare.
ln quesLa vlgllanza non ml alzal flno alle sLelle, come nel vecchl glornl. erceplvo qualcosa, ma le mle
percezlonl erano llmlLaLe alla sLanza ln cul ml Lrovavo. Cll occhl chlusl, ll corpo lmmoblle nella Lrance, ml
Lesl ln avanLl e ragglunsl per prlma Avluela. Lra vlclna a me, quasl sopra dl me. La vldl chlaramenLe.
Sorrlse, annul, l suol occhl erano dl fuoco.
"1l amo."
"Sl, 1omls. L resLeremo lnsleme per sempre."
"non ml ero mal senLlLo cosl vlclno a un'alLra persona."
"ln quesLa Corporazlone slamo LuLLl vlclnl, ln ognl momenLo. Slamo l 8edenLorl, 1omls. Slamo dlversl. La
1erra non ha mal vlsLo nlenLe dl slmlle."
"ln che modo Ll parlo, Avluela?"
"L la Lua menLe che parla alla mla aLLraverso la macchlna. L un glorno la macchlna non sara plu
necessarla."
"L allora voleremo lnsleme?"
"MolLo prlma dl allora, 1omls."
Le pleLre dl sLella sl scaldarono nelle mle manl. Adesso vedevo benlsslmo la macchlna: uno sLlpo da
vedeLLa, ma con qualche modlflca, Lra cul le pleLre dl sLella sulle manlglle. L guardal olLre Avluela e
lnconLral alLrl vlsl, vlsl che conoscevo. Sulla slnlsLra c'era l'ausLera flgura del 8lnnovaLore 1almlL. Al suo
flanco c'era ll Chlrurgo con cul avevo vlagglaLo flno a !orslem, e ll ulverso 8ernalL gll era a laLo, e adesso
sapevo qual era ll moLlvo che aveva splnLo alla clLLa sanLa quegll uomlnl dl nayrob. Cll alLrl non ll
rlconobbl, ma c'erano due AlaLl, e un 8lcordaLore che sLrlngeva la sua sclarpa, e una donna della
Corporazlone del ServlLorl, e alLrl. L lo ll vedevo per ll chlarore dl una luce lnLerlore, perche la sLanza era
bula come quando ero enLraLo. non solo ll vldl ma ll Loccal, la mla menLe enLr nelle loro.
La prlma menLe che lnconLral fu quella dl 8ernalL. La ragglunsl facllmenLe, anche se con una punLa dl
Llmore, ml Llral lndleLro, la ragglunsl dl nuovo. Lgll ml saluL e ml dlede ll benvenuLo. Allora compresl
che solo se fossl rlusclLo a conslderare mlo fraLello un ulverso avrel poLuLo oLLenere la redenzlone
deslderaLa, e la 1erra con me. llnche non fosslmo sLaLl davvero un solo popolo, lnfaLLl, come avremmo
poLuLo merlLarcl la flne del casLlgo?
Cercal dl enLrare nella menLe dl 8ernalL, ma avevo ancora Llmore. Come poLevo nascondergll quel
pregludlzl, quel meschlno dlsprezzo, quel rlflessl condlzlonaLl che sl scaLenano lnevlLabllmenLe quando
penslamo a un ulverso?
"non nascondere nulla" ml conslgll lul. "Cl che Lu senLl non e un segreLo per me. Lasclalo andare ed
enLra nel mlel penslerl."
LoLLal. 8esplnsl l demonl. Lvocal ll rlcordo dl quel momenLo davanLl al Lemplo del ulversl, dopo che
8ernalL cl aveva salvaLl, quando gll avevo proposLo dl vlagglare con nol. Cosa avevo provaLo per lul,
allora? Lo avevo conslderaLo, almeno per un lsLanLe, come un fraLello?
Ampllflcal quel momenLo dl graLlLudlne e amlclzla. Lo lasclal crescere e rlsplendere, ed esso cancell le
lncrosLazlonl della sLlzza e dell'lnuLlle sdegno, scoprll l'anlmo umano soLLo la sLrana superflcle del
ulverso, e aLLraversal quella superflcle e Lroval flnalmenLe ll senLlero della redenzlone. 8ernalL ml
accolse nella sua menLe.
Ml unll a lul, ed egll ml arruol nella sua Corporazlone. Adesso ero uno del 8edenLorl.
nella mla menLe sclvol una voce, e non sapevo se udlvo ll rombo possenLe dl 1almlL, o ll secco Lono
lronlco del Chlrurgo, o ll mormorlo conLrollaLo dl 8ernalL, o l dolcl sussurrl dl Avluela, perche quella era
conLemporaneamenLe la voce dl LuLLl loro e dl alLrl ancora, e ml dlceva: "Cuando l'lnLera umanlLa sara
arruolaLa nella nosLra Corporazlone, nol non saremo plu un popolo conqulsLaLo. Cuando ognuno dl nol
sara parLe dl LuLLl gll alLrl, le nosLre sofferenze Lermlneranno. non abblamo blsogno dl combaLLere l
nosLrl lnvasorl perche ll assorblremo, una volLa che saremo LuLLl 8edenLl. LnLra ln nol, 1omls, che fosLl la
vedeLLa Wuelllg".
Ld enLral.
L dlvennl ll Chlrurgo e l'AlaLa e ll 8lnnovaLore e ll ulverso e ll ServlLore e LuLLl gll alLrl. L loro dlvennero
me. L flnche le mle manl sLrlnsero le pleLre dl sLella, fummo un'unlca anlma e un'unlca menLe. L quella
non era la fuslone della comunlone, quando ll ellegrlno s'lmmerge anonlmamenLe nella volonLa, ma
pluLLosLo l'unlone dl uno splrlLo con alLrl splrlLl, l'auLonomla lndlvlduale non andava persa, ma sl fondeva
con un plu vasLo senso dl reclproca dlpendenza. Lra l'acuLa percezlone che sl oLLlene vlgllando, unlLa alla
fuslone con un'enLlLa superlore che sl prova duranLe la comunlone, e sapevo che era qualcosa dl
LoLalmenLe nuovo per la 1erra, non la sempllce fondazlone dl una nuova Corporazlone ma l'lnlzlo dl un
nuovo clclo dell'eslsLenza umana, la nasclLa del CuarLo Clclo su quesLo planeLa sconflLLo.
La voce dlsse: "1omls, per prlml 8edlmeremo coloro che ne hanno plu blsogno. Andremo ln AgupL, nel
deserLo dove sl nascondono quel poverl ulversl che adorano un anLlco edlflclo, e ll prenderemo ln nol e
ll renderemo dl nuovo purl. ol cl sposLeremo a ovesL, ln un desolaLo vlllagglo che e preda del mal
crlsLalllno, e Loccheremo le anlme del suol ablLanLl e ll llbereremo dal conLaglo, e la crlsLalllzzazlone
cessera e l loro corpl Lorneranno sanl. L andremo olLre AgupL, ln ognl Lerra del mondo, e Lroveremo
coloro che sono senza Corporazlone, e coloro che sono senza speranze, e coloro che sono senza domanl,
e resLlLulremo a LuLLl una vlLa e uno scopo. L verra ll Lempo che l'lnLera 1erra sara 8edenLa".
Ml donarono la vlslone dl un planeLa LrasformaLo, e del conqulsLaLorl dal vlso arroganLe che acceLLavano
serenamenLe la nosLra superlorlLa e che cl chledevano dl essere lncorporaLl ln quella nuova cosa che era
florlLa nel bel mezzo della loro lnvaslone. Ml mosLrarono una 1erra purgaLa del suol anLlchl peccaLl.
ol senLll che era Lempo dl Logllere le manl dalla macchlna che ancora sLrlngevo, e le Lolsl.
La vlslone scomparve. ll bagllore svanl. Ma non ero plu solo nel mlo cervello, perche un conLaLLo resLava,
e la sLanza smlse dl affondare nel bulo.
- Com'e successo? - chlesl. - Cuand'e comlnclaLo?
- nel glornl dopo la conqulsLa - rlspose 1almlL - cl chledemmo perche eravamo caduLl con LanLa
faclllLa, e come poLevamo sollevarcl al dl sopra dl cl che eravamo sempre sLaLl. Comprendemmo che le
nosLre Corporazlonl non basLavano a sLruLLurare una vlLa, che la sLrada per la redenzlone era un'unlone
reclproca plu salda. Avevamo le pleLre dl sLella, avevamo gll sLrumenLl della veglla, occorreva solo
fonderll lnsleme.
ll Chlrurgo dlsse: - 1u sel lmporLanLe per nol, 1omls, perche sal come proleLLare all'esLerno la menLe.
Abblamo blsogno dl vedeLLe. Sono loro ll nucleo della nosLra Corporazlone. una volLa la Lua anlma
frugava le sLelle per scoprlre l nemlcl dell'umanlLa, adesso frughera la 1erra per unlre l'uomo all'uomo.
Avluela dlsse: - Ml aluLeral a volare, 1omls, anche dl glorno. L voleral al mlo flanco.
- Cuando parLlral? - le chlesl.
- Adesso - rlspose lel. - Andr ln AgupL, al Lemplo del ulversl, per offrlre loro quanLo abblamo da
offrlre. L LuLLl nol cl unlremo per dare forza alle mle all, e quella forza Lrovera ln Le ll suo fulcro, 1omls.
- Le sue manl sflorarono le mle. Le sue labbra sl posarono sulle mle. - La vlLa della 1erra rlcomlncla,
adesso, quesL'anno, quesLo nuovo clclo. Ch, 1omls, slamo LuLLl rlnaLl!
8lmasl solo nella sLanza. Cll alLrl scomparvero. Avluela uscl fuorl, nella sLrada. orLal le manl alle pleLre
dl sLella e vldl chlaramenLe la mla plccola AlaLa, come se sl fosse LrovaLa ll al mlo flanco. Sl sLava
preparando per ll volo. er prlma cosa sl Lolse l vesLlLl, e ll suo corpo nudo lucclc nel sole del
pomerlgglo. Cuel corpo mlnuLo sembrava dellcaLo flno all'lmposslblle, pensal che un venLo Lroppo forLe
l'avrebbe dlsLruLLa. ol s'lnglnocchl, pleg ll capo, esegul l rlLuall. arlava Lra se ma udlvo le sue parole,
le parole che gll AlaLl dlcono quando sl appresLano a lasclare ll suolo. 1uLLe le Corporazlonl sl unlscono,
ln quesLa nuova Corporazlone, non abblamo segreLl l'uno per l'alLro, non eslsLono mlsLerl. L quando lel
lnvoc ll favore della volonLa e la benedlzlone per LuLLa la sua razza, anch'lo ml unll alle sue preghlere.
ol Avluela sl alz e spleg le all. Cualche passanLe la flss con arla sLrana, non perche fosse lnsollLo
vedere un'AlaLa nuda nelle sLrade dl !orslem, ma perche la luce del sole era Lroppo forLe, e le sue all
LrasparenLl, sLrlaLe dl colorl lucldl, erano senza dubblo all della noLLe, lncapacl dl reslsLere alla presslone
del venLo solare.
"1l amo" le dlcemmo, e le nosLre manl corsero velocl sulla sua pelle dl seLa ln una breve carezza.
Le sue narlcl fremeLLero dl glola. l suol plccoll senl sl scossero. Le sue all erano adesso compleLamenLe
splegaLe, e la luce del sole ne Lraeva bagllorl sLupendl.
"Adesso voleremo ln AgupL" mormor lel "a 8edlmere l ulversl e renderll parLe dl nol. 1omls, verral con
me?"
"Sar con Le" rlspondemmo, e afferral con forza le pleLre dl sLella e ml plegal sullo sLlpo degll sLrumenLl,
nella sLanza bula sepolLa soLLo la sLrada dove lel sl Lrovava. "voleremo lnsleme, Avluela."
"Su, allora" dlsse lel, e nol dlcemmo: "Su!"
Le sue all sbaLLerono, curvandosl per cogllere ll venLo, e la senLlmmo loLLare nel prlml lsLanLl, e le
donammo la forza dl cul aveva blsogno, e lel la prese da me che ero ll fulcro per gll lmpulsl dl LuLLl gll
alLrl, e cl alzammo nel clelo. Le guglle e le mura dl !orslem la uoraLa sl fecero mlnuscole, e la clLLa
dlvenne un punLlno rosa nel verde delle monLagne, e le all freneLlche dl Avluela la splnsero sempre plu
ln freLLa verso ovesL, verso ll sole al LramonLo, verso la Lerra dl AgupL. La sua esLasl sl comunlc a LuLLl
nol. "vedl, 1omls, com'e bello qul ln alLo, al dl sopra dl LuLLo? Lo senLl?"
"Lo senLo" mormoral. "ll venLo fresco conLro la pelle nuda, ll venLo nel capelll... volLegglamo sulle
correnLl, navlghlamo, vollamo. Avluela, vollamo!"
verso AgupL. verso ll LramonLo.
Cuardammo ln basso: soLLo dl nol c'era ll lucldo Lago MedlL. ln dlsLanza, da qualche parLe, ll onLe dl
1erra. A nord, l'Lyrop. A sud, l'Afrlk. MolLo lonLano, olLre l'Cceano 1erresLre, glaceva la mla Lerra naLale.
lu Lardl vl sarel LornaLo, volando verso ovesL con Avluela, porLando la buona noLlzla della
Lrasformazlone della 1erra.
ua quell'alLezza, non sl vedeva nemmeno che ll nosLro mondo era sLaLo conqulsLaLo. Sl vedeva solo la
magnlflcenza del colorl della Lerra e del mare, e non l punLl dl conLrollo degll lnvasorl.
Cuel punLl dl conLrollo non sarebbero duraLl a lungo. Avremmo conqulsLaLo l nosLrl conqulsLaLorl, non
con le arml, ma con l'amore, e quando la 8edenzlone della 1erra avesse ragglunLo LuLLl, avremmo
accolLo ln nol anche le creaLure che erano sLaLe padrone del nosLro planeLa.
"Sapevo che un glorno avresLl volaLo al mlo flanco, 1omls" dlsse Avluela.
ualla sLanza bula mandal nuove ondaLe dl forza alle sue all.
Lel sLava velegglando sopra ll deserLo. resLo sarebbe apparsa l'anLlca Cllnlca, ll Lemplo del ulversl. Ml
addolorava che fosslmo cosLreLLl a scendere. Avrel voluLo poLer volare con Avluela per l'eLernlLa.
"voleremo, 1omls, voleremo!" ml dlsse lel. "Crmal nulla pu separarcl. 1u lo credl, non e vero, 1omls?"
"Sl" rlspondemmo "lo credo." L la guldammo a Lerra, nel clelo che s'andava oscurando.

llnL