Sei sulla pagina 1di 27

STATO DI VALIDITA'

NORMA TECNICA
DATA
TITOLO
AUTORI
Prestazione termica degli edifici - Determinazione della permeabilit all'aria degli edifici -
Metodo di pressurizzazione mediante ventilatore
Thermal performance of buildings - Determination of air permeability of buildings - Fan
pressurization method
La presente norma la versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN
13829 (edizione novembre 2000). La norma definisce un metodo di misurazione in
campo della permeabilit all'aria di edifici o di parti di edifici. Essa specifica l'uso della
pressurizzazione o depressurizzazione meccanica di un edificio o di parte di esso.
Viene descritta la misurazione delle portate di aria risultanti in un campo definito da
differenze di pressione statica tra interno ed esterno. La norma si applica per la
misurazione delle infiltrazioni di aria dell'involucro edilizio di un edificio monozona. Per le
sue finalit, molti edifici multizone possono essere trattati come edifici monozona,
aprendo porte interne o inducendo pressioni uguali in zone adiacenti. La norma non
destinata alla valutazione della permeabilit all'aria attraverso componenti singoli.
01/11/2002
In vigore
CLASSIFICAZIONE ICS
UNI EN 13829:2002
NRIF AA018213
91.100.60 91.120.10
CTI
GRADO DI COGENZA
TESTO DELLA NORMA
LINGUA
- Soci Non Soci
19 PAGINE
20,75 Euro 41,50 Euro
Italiano
PREZZO EURO
COLLEGAMENTI INTERNAZIONALI
PARZIALMENTE SOSTITUITA
SOMMARIO
CLASSIFICAZIONE ARGOMENTO AA10B0206
UNI EN 13829:2002 - 01-11-2002 - Prestazione termica degli edifici - Determinazione della permeabilit all'aria degli edifici - Metodo di pressurizzazione mediante ventilatore
IDcompl
CTI
ITEM3
UNIN1382900_2002_EIT.pdf Filename
UNIN1382900 filename2

NORMA I TALI ANA

Pagina I UNI EN 13829:2002
UNI - Milano
Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microlm o altro, senza
il consenso scritto dellUNI.

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unicazione

Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia

N
N
O
O
R
R
M
M
A
A


E
E
U
U
R
R
O
O
P
P
E
E
A
A





UNI EN 13829

NOVEMBRE 2002

Prestazione termica degli edici

Determinazione della permeabilit allaria degli edici

Metodo di pressurizzazione mediante ventilatore

Thermal performance of buildings

Determination of air permeability of buildings

Fan pressurization method

CLASSIFICAZIONE ICS

91.100.60; 91.120.10

SOMMARIO

La norma denisce un metodo di misurazione in campo della permeabilit
allaria di edici o di parti di edici. Essa specica luso della pressurizza-
zione o depressurizzazione meccanica di un edicio o di parte di esso.
Viene descritta la misurazione delle portate di aria risultanti in un campo
denito da differenze di pressione statica tra interno ed esterno.
La norma si applica per la misurazione delle inltrazioni di aria dellinvolu-
cro edilizio di un edicio monozona. Per le sue nalit, molti edici multi-
zone possono essere trattati come edici monozona, aprendo porte
interne o inducendo pressioni uguali in zone adiacenti.
La norma non destinata alla valutazione della permeabilit allaria attra-

verso componenti singoli.

RELAZIONI NAZIONALI
RELAZIONI INTERNAZIONALI

= EN 13829:2000
La presente norma la versione ufciale in lingua italiana della norma

europea EN 13829 (edizione novembre 2000).

ORGANO COMPETENTE

CTI - Comitato Termotecnico Italiano

RATIFICA

Presidente dellUNI, delibera del 24 luglio 2002

Gr. 7
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.

UNI Pagina II UNI EN 13829:2002
Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conittuale, per rappresentare il reale stato
dellarte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dellapplicazione di questa norma, di poter fornire sug-
gerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dellarte
in evoluzione pregato di inviare i propri contributi allUNI, Ente Nazionale Italiano di
Unicazione, che li terr in considerazione, per leventuale revisione della norma stessa.

PREMESSA NAZIONALE

La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, del-
la norma europea EN 13829 (edizione novembre 2000), che assu-
me cos lo status di norma nazionale italiana.
La traduzione stata curata dallUNI.
Il CTI, ente federato allUNI, segue i lavori europei sullargomento
per delega della Commissione Centrale Tecnica.
Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubbli-
cazione di nuove edizioni o di aggiornamenti.
importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di es-
sere in possesso dellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.
Si invitano inoltre gli utilizzatori a vericare lesistenza di norme UNI
corrispondenti alle norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.

INDICE

UNI Pagina III UNI EN 13829:2002

INTRODUZIONE

1

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

1

2 RIFERIMENTI NORMATIVI

1

3 TERMINI E DEFINIZIONI

2

4 ATTREZZATURA

3

5 PROCEDIMENTO DI MISURAZIONE

4

6 PRESENTAZIONE DEI RISULTATI

7

figura 1

Superficie dellinvolucro

..............................................................................................................................

8

figura 2

Esempio di diagramma di infiltrazione di aria

.....................................................................................

9

7 RAPPORTO DI PROVA

11

8 ACCURATEZZA

11

APPENDICE A DESCRIZIONE DELLATTREZZATURA PER LA PRESSURIZZAZIONE

(informativa)

DI UN EDIFICIO

13

figura A.1

Disposizione schematica dellapparecchiatura per la prova su un intero edificio

................

13

APPENDICE B DIPENDENZA DELLA MASSA VOLUMICA DELLARIA DALLA

(informativa)

TEMPERATURA, DAL PUNTO DI RUGIADA E DALLA PRESSIONE
BAROMETRICA

15

APPENDICE C PROCEDIMENTO RACCOMANDATO PER LA STIMA DEGLI ERRORI

(informativa)

NELLA



VALUTAZIONE DELLE GRANDEZZE DERIVATE

16

prospetto C.1

Limiti di confidenza bilateri

T

(

P

,

N

) per una distribuzione di Student

....................................

17

APPENDICE D SCALA BEAUFORT PER LINDICAZIONE DELLA FORZA DEL VENTO

18
(informativa)

prospetto D.1

Scala Beaufort per la forza del vento (estratto)

...............................................................................

18

BIBLIOGRAFIA

19
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.

UNI Pagina IV UNI EN 13829:2002
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.

La presente norma europea stata approvata dal CEN
I membri del CEN devono attenersi alle Regole Comuni del CEN/CENELEC
che deniscono le modalit secondo le quali deve essere attribuito lo status di
norma nazionale alla norma europea, senza apportarvi modiche. Gli elenchi
aggiornati ed i riferimenti bibliograci relativi alle norme nazionali corrisponden-
ti possono essere ottenuti tramite richiesta alla Segreteria Centrale oppure ai
membri del CEN.
La presente norma europea esiste in tre versioni ufciali (inglese, francese e
tedesca). Una traduzione nella lingua nazionale, fatta sotto la propria respon-
sabilit da un membro del CEN e noticata alla Segreteria Centrale, ha il me-
desimo status delle versioni ufciali.
I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria,
Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda,
Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito,
Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera.

UNI Pagina V UNI EN 13829:2002

CEN
COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE

European Committee for Standardization
Comit Europen de Normalisation
Europisches Komitee fr Normung

Segreteria Centrale: rue de Stassart, 36 - B-1050 Bruxelles

CEN
Tutti i diritti di riproduzione, in ogni forma, con ogni mezzo e in tutti i Paesi, sono
riservati ai Membri nazionali del CEN.

EN 13829

NOVEMBRE 2000

Prestazione termica degli edici

NORMA EUROPEA

Determinazione della permeabilit allaria degli edici

Metodo di pressurizzazione mediante ventilatore

Thermal performance of buildings

EUROPEAN STANDARD

Determination of air permeability of buildings

Fan pressurization method (ISO 9972:1996, modied)
Performance thermique des btiments

NORME EUROPENNE

Dtermination de la permabilit l'air des btiments

Mthode de pressurisation par ventilateur (ISO 9972:1996, modie)
Wrmetechnisches Verhalten von Gebuden

EUROPISCHE NORM

Bestimmung der Luftdurchlssigkeit von Gebuden

Differenzdruckverfahren (ISO 9972:1996, modiziert)

DESCRITTORI
ICS

91.120.10

il 18 ottobre 2000.

2000
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.

UNI Pagina VI UNI EN 13829:2002

PREMESSA

La presente norma europea stata elaborata dal Comitato Tecnico CEN/TC 89 "Presta-
zioni termiche degli edici e dei componenti edilizi", la cui segreteria afdata al SIS.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o median-
te pubblicazione di un testo identico o mediante notica di adozione, entro maggio 2001, e
le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro maggio 2001.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei se-
guenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Danimar-
ca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia,
Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera.
La presente norma fa parte di una serie di norme che precisano i metodi di prova per la
valutazione delle prestazioni termiche degli edici e dei componenti edilizi.
Le appendici A, B, C e D della presente norma europea sono solamente per informazione.
La presente norma include un elenco di voci bibliograche.
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.

UNI Pagina 1 UNI EN 13829:2002

INTRODUZIONE

Il metodo di pressurizzazione mediante ventilatore nalizzato alla determinazione della
permeabilit all'aria dellinvolucro edilizio o di parti di edicio. Pu essere usato nei
seguenti casi:
a) per misurare la permeabilit all'aria di un intero edicio o di parte di esso per
conformit ad una specica di progetto di tenuta allaria;
b) per confrontare la permeabilit all'aria di numerosi edici simili o di parti di essi;
c) per identicare le cause di inltrazione;
d) per determinare la riduzione di inltrazione di aria che deriva da applicazioni
successive di singole misure migliorative ad un edicio esistente o ad una parte di
esso.
Con questo metodo non viene misurata la portata di aria di inltrazione di un edicio. I
risultati della prova di pressurizzazione con ventilatore possono essere usati per valutare
l'inltrazione di aria per mezzo di calcoli. Quando si vuole ottenere una misura diretta
della portata di inltrazione dell'aria devono essere applicati altri metodi. meglio usare il
metodo di pressurizzazione con ventilatore per scopi diagnostici e misurare la portata di
inltrazione effettiva con metodi che utilizzano gas tracciante. Una singola misurazione
con gas tracciante fornisce informazioni limitate sulle prestazioni di ventilazione e di inl-
trazione degli edici.
Questo metodo si applica alle misurazioni di portata di aria attraverso la costruzione
dallesterno verso linterno o viceversa. Esso non si applica alle misurazioni di portata di
aria dallesterno attraverso ledicio e di nuovo verso lesterno.
L'uso appropriato della presente norma richiede la conoscenza dei principi su cui si
basano le misurazioni di portata di aria e di pressione. Piccole differenze di temperatura e
basse velocit del vento rappresentano condizioni ideali per la prova descritta nella
presente norma. Per prove effettuate in campo, occorre tener presente che le condizioni
in campo possono essere lontane da quelle ideali. In ogni caso, si dovrebbe evitare di
effettuare prove in presenza di forti venti e di grandi differenze di temperatura tra interno
ed esterno.

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

La presente norma denisce un metodo di misurazione in campo della permeabilit
all'aria di edici o di parti di edici. Essa specica l'uso della pressurizzazione o depres-
surizzazione meccanica di un edicio o di parte di esso. Viene descritta la misurazione
delle portate di aria risultanti in un campo denito da differenze di pressione statica tra
interno ed esterno.
La norma si applica per la misurazione delle inltrazioni di aria dellinvolucro edilizio di un
edicio monozona. Per le sue nalit, molti edici multizone possono essere trattati come
edici monozona, aprendo porte interne o inducendo pressioni uguali in zone adiacenti.
La norma non destinata alla valutazione della permeabilit all'aria attraverso compo-
nenti singoli.

2 RIFERIMENTI NORMATIVI

La presente norma europea rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni
contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati
del testo e vengono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive
modiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte
nella presente norma europea come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non
datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento (compresi gli
aggiornamenti).
EN ISO 7345 Thermal insulation - Physical quantities and denitions
(ISO 7345:1987)
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.

UNI Pagina 2 UNI EN 13829:2002

3 TERMINI E DEFINIZIONI

Ai ni della presente norma si applicano i termini e le denizioni riportati nella
EN ISO 7345 e quelli indicati qui di seguito.

3.1 portata di inltrazione di aria

: Portata di aria attraverso linvolucro edilizio.

Nota

Questo movimento di aria include il usso attraverso giunti, fessure e superci porose, o una loro combina-
zione, indotti dall'apparecchiatura di movimentazione dellaria utilizzata nella presente norma (vedere 4).

3.2 volume interno

: Spazio riscaldato, raffreddato o ventilato meccanicamente all'interno di
un edicio o di parte di un edicio sottoposto alla misurazione, generalmente non
comprendente il volume del sottotetto, dello scantinato e delle strutture connesse.

3.3 involucro edilizio

: Conne o barriera che separa il volume interno soggetto alla prova
dall'ambiente esterno o da un'altra parte delledicio.

3.4 portata di aria di rinnovo alla pressione di riferimento

: Portata di inltrazione di aria per
unit di volume interno, in corrispondenza alla differenza di pressione di riferimento della
prova, attraverso linvolucro edilizio.

Nota

Generalmente 50 Pa.

3.5 permeabilit allaria

: Portata di aria di inltrazione per unit di supercie dellinvolucro, in
corrispondenza alla differenza di pressione di riferimento della prova, attraverso linvolucro
edilizio.

Nota

Generalmente 50 Pa.

3.6 portata specica di inltrazione di aria

: Portata di inltrazione di aria per supercie netta
di pavimento, in corrispondenza alla differenza di pressione di riferimento della prova,
attraverso linvolucro edilizio.

Nota

La differenza di pressione usuale di 50 Pa.

3.7 Simboli e unit di misura

Simbolo Nome della grandezza Unit di misura

r

Portata di aria, valore letto sullo strumento m

3

/h

m

Portata di aria, valore misurato m

3

/h

env

Portata di aria attraverso linvolucro edilizio m

3

/h

L

Portata di inltrazione di aria m

3

/h

pr

Portata di inltrazione di aria ad una determinata differenza di pressione di
riferimento
m

3

/h

50

Portata di inltrazione di aria per una differenza di pressione di 50 Pa m

3

/h

q

Portata di iniezione di gas tracciante m

3

/h
C

env

Coefciente di portata di aria m

3

/(h Pa

n

)

C

L

Coefciente di inltrazione di aria m

3

/(h Pa

n

)


Massa volumica dell'aria kg/m

3


Umidit relativa dell'aria -


Temperatura C

n

Esponente di portata di aria -

p

Pressione Pa

p

bar

Pressione barometrica non corretta Pa

p

v

Pressione parziale di vapore acqueo Pa
V

Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.

UNI Pagina 3 UNI EN 13829:2002

4 ATTREZZATURA
4.1 Generalit

La seguente descrizione dell'apparecchio a carattere generale. consentita qualsiasi
altra congurazione di apparecchiatura basata sugli stessi principi e in grado di eseguire
il procedimento di prova all'interno delle tolleranze ammesse. Esempi di congurazioni di
apparecchiatura comunemente usati sono indicati nellappendice A.
richiesta una calibrazione periodica del sistema di misurazione usato in questo metodo
di prova, secondo speciche del fornitore o sistemi normalizzati di garanzia di qualit.

4.2 Apparecchiatura

4.2.1 Apparecchiatura di movimentazione aria

; dispositivo in grado di indurre uno specico
intervallo di valori di differenze di pressione positive e negative attraverso linvolucro
edilizio o parte di esso. Il sistema deve fornire una portata di aria costante in
corrispondenza ad ogni differenza di pressione per il periodo necessario ad ottenere
letture di portata di aria.
In grandi edici, possono essere usati gli impianti di riscaldamento, ventilazione e condi-
zionamento dellaria.

4.2.2 Dispositivo di misura di pressione

; strumento in grado di misurare differenze di pressione
con un'accuratezza di 2 Pa nel campo di valori tra 0 Pa e 60 Pa.

4.2.3 Sistema di misurazione di portata dellaria

; dispositivo per misurare la portata dellaria
entro 7% della lettura.
Deve essere posta attenzione se la misurazione della portata volumetrica effettuata
attraverso un orizio. La lettura della portata deve essere corretta in relazione alla massa
volumica dellaria (vedere le speciche del fornitore).

4.2.4 Dispositivo di misura della temperatura

; strumento per misurare la temperatura con
un'accuratezza di 1 K.

p

vs

Pressione di saturazione del vapore acqueo Pa


p

Differenza di pressione indotta Pa


p

m

Differenza di pressione misurata Pa


p

0

Differenza di pressione a usso nullo (media) Pa

p
0,1
; p
0,2
Differenza di pressione nulla a usso nullo prima e dopo la prova (apparecchio di
movimentazione aria fermo)
Pa
p
r
Pressione differenziale di riferimento Pa
A
E
Area dellinvolucro m
2
A
F
Area del pavimento m
2
V Volume interno m
3
n
50
Ricambio daria a 50 Pa h
-1
q
50
Permeabilit dellaria a 50 Pa m
3
/(h m
2
)
w
50
Portata specica di inltrazione a 50 Pa m
3
/(h m
2
)
Simbolo Nome della grandezza Unit di misura
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 4 UNI EN 13829:2002
5 PROCEDIMENTO DI MISURAZIONE
5.1 Condizioni di misurazione
5.1.1 Generalit
L'accuratezza di questo procedimento di misurazione dipende in gran parte dalla
strumentazione e dall'apparecchiatura utilizzate e dalle condizioni ambientali nelle quali i
dati sono presi.
5.1.2 Estensione misurata
Lestensione misurata delledicio o della parte delledicio denita come segue:
1) la parte delledicio misurata include generalmente tutte le stanze intenzionalmente
condizionate;
2) in casi speciali lestensione della parte delledicio effettivamente da sottoporre a
prova pu essere denito in accordo con il cliente;
3) se lo scopo della misurazione la conformit con le speciche di tenuta allaria di un
codice o di una norma edilizia e lestensione misurata non denita in questo codice
o norma, essa deve essere assunta come in 1).
Le singole parti di un edicio possono essere misurate separatamente; per esempio in
edici con pi appartamenti ciascun appartamento pu essere misurato singolarmente.
Tuttavia, nell'interpretazione dei risultati si deve tenere in considerazione che linltrazione
di aria misurata in questo modo pu includere il usso attraverso le fessure verso le parti
adiacenti delledicio.
Nota 1 possibile che i requisiti di tenuta allaria per lintero edicio siano rispettati ma non per uno o pi
appartamenti.
Nota 2 La buona pratica richiede misurazioni di pressioni indotte negli spazi contigui quali softta e scantinato o
appartamenti adiacenti, poich con il metodo di prova pu essere indotta una portata di aria verso o da questi
spazi.
5.1.3 Tempo di misurazione
La misurazione pu avvenire soltanto dopo che linvolucro edilizio o la parte delledicio
da sottoporre a prova sia stata completata.
Nota Una misurazione preliminare di permeabilit all'aria della parte dellinvolucro che deve garantire la tenuta
allaria pu permettere di rimediare pi facilmente alle inltrazioni, prima che ledicio sia completato.
5.1.4 Condizioni meteorologiche
Se il prodotto tra la differenza di temperatura dell'aria tra interno ed esterno, in K, e
l'altezza dellinvolucro edilizio, in m, ha un valore maggiore di 500 m K, improbabile che
si ottenga una differenza di pressione a usso nullo soddisfacente (vedere 5.3.3).
Lo stesso dicasi per il caso in cui la velocit del vento sia maggiore di 6 m/s o raggiunga
3 sulla scala Beaufort.
5.2 Preparazione
5.2.1 Generalit
La presente norma descrive due metodi di prova da utilizzarsi secondo lo scopo da
raggiungere. I due tipi hanno bisogno di una differente preparazione delledicio:
Metodo A (prova di un edificio in uso)
Lo stato dellinvolucro edilizio dovrebbe rappresentare le sue condizioni nella stagione in
cui utilizzato limpianto di riscaldamento o limpianto di raffrescamento.
Metodo B (prova dellinvolucro edilizio)
Tutte le aperture esistenti nellinvolucro edilizio devono essere chiuse o sigillate come
specicato in 5.2.2 e in 5.2.3.
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 5 UNI EN 13829:2002
5.2.2 Componenti delledicio
Chiudere tutte le aperture esterne esistenti delledicio o dalla parte delledicio da sotto-
porre a prova (nestre, porte, tagliafuoco).
Per gli scopi del metodo A (edicio in uso) non occorre prendere misure ulteriori per
migliorare la tenuta allaria.
Per gli scopi del metodo B (involucro edilizio) tutte le aperture regolabili devono essere
chiuse e le restanti aperture esistenti devono essere sigillate.
L'intero edicio o la parte di esso da sottoporre a prova deve essere preparato per
rispondere alla pressurizzazione come una singola zona.
Tutte le porte di collegamento (tranne armadietti e armadi, che dovrebbero essere chiusi)
nella parte delledicio da sottoporre a prova, devono essere aperte in modo da
mantenere una pressione uniforme in un intervallo di meno del 10% della differenza
misurata di pressione tra interno ed esterno.
Nota Quando si analizza un edicio grande o complesso, questa condizione diventa sempre pi importante e pu
essere vericata tramite misurazioni di pressione differenziale fra diversi ambienti, scelte in corrispondenza
alla pi alta pressione considerata.
Fare osservazioni generali sullo stato delledicio. Prendere note sulle nestre, sulle
porte, sulle pareti opache, sul tetto e sul pavimento, sulla posizione delle aperture
regolabili e su tutte le sigillature applicate sulle aperture esistenti.
5.2.3 Impianti di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dellaria
Gli impianti di riscaldamento con presa di aria interna devono essere spenti. Zone a
amma libera devono essere pulite dalle ceneri. Gli impianti di ventilazione meccanica e
di condizionamento dellaria devono essere spenti.
Dispositivi terminali dellaria per la ventilazione meccanica o per il condizionamento
dellaria devono essere sigillati. Altre aperture di ventilazione (per esempio aperture per
ventilazione naturale) devono essere chiuse per i ni del metodo A e sigillate per il
metodo B.
Prendere idonei accorgimenti per evitare il rischio di scarico di aria dagli impianti di riscal-
damento. Considerare le fonti di calore in appartamenti adiacenti.
Se si vuole valutare la portata di rinnovo dell'aria di inltrazione verso o dallambiente,
secondo EN 832 (vedere bibliograa), per gli scopi della prova di pressurizzazione
vengono mantenute aperte le aperture naturali oppure ne viene calcolato il contributo.
5.2.4 Apparecchiatura di movimentazione aria
Collegare l'apparecchiatura di movimentazione aria allinvolucro edilizio usando una
nestra, una porta, o un'apertura di ventilazione. Accertarsi che i giunti fra l'apparec-
chiatura e ledicio siano sigillati per eliminare qualsiasi inltrazione.
Se viene usato limpianto di riscaldamento, di ventilazione e di condizionamento dellaria
delledicio, per la movimentazione dellaria occorre organizzare i ventilatori e le valvole di
usso per consentire allimpianto di pressurizzare o depressurizzare ledicio in modo tale
che possa essere misurata la portata di aria totale verso linterno o verso lesterno
(vedere A.4).
Nota In un edicio a tenuta daria, possibile che la porta, nestra o apertura di ventilazione utilizzata per la
movimentazione dellaria durante la prova sia la causa della pi elevata portata di aria di inltrazione, durante
la prova. Si dovrebbe fare attenzione in tal caso alla scelta del posizionamento del dispositivo di movimenta-
zione aria e/o all'interpretazione dei risultati della prova.
5.2.5 Dispositivi di misura della pressione
La differenza di pressione tra interno ed esterno viene misurata solitamente al piano pi
basso dellinvolucro edilizio considerato.
Nota In edici alti buona pratica misurare anche la differenza di pressione al piano pi alto dellinvolucro edilizio
soggetto alla prova.
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 6 UNI EN 13829:2002
Accertarsi che le perdite di pressione interne ed esterne non siano inuenzate
dall'apparecchiatura di movimentazione dellaria. La presa di pressione esterna dovrebbe
essere protetta dagli effetti di pressione dinamica, per esempio inserendo un tubo a T o
collegandolo ad un contenitore perforato. Specialmente in condizioni ventose, buona
pratica disporre la presa di pressione esterna ad una certa distanza dalledicio ma non
vicino ad altri ostacoli.
Le tubazioni di pressione non dovrebbero essere allineate verticalmente. Deve essere
evitato che la tubazione sia soggetta a grandi differenze di temperatura (per esempio
dovute al sole).
5.3 Fasi del procedimento
5.3.1 Controllo preliminare
Controllare sempre linvolucro edilizio completo in corrispondenza approssimativamente
della pi alta differenza di pressione usata nella prova, per individuare grandi perdite per
inltrazione e difetti delle aperture temporaneamente sigillate. Se vengono individuate tali
perdite, prendere note dettagliate.
Devono essere ripristinate in questa fase tutte le sigillature temporanee trovate mancanti
o difettose, per esempio nei componenti di riscaldamento, ventilazione e di condiziona-
mento dellaria.
Controllare che i sifoni dellimpianto idraulico siano correttamente riempiti o sigillati.
5.3.2 Condizioni di temperatura e di vento
Per correggere le misurazioni di portata dellaria con la massa volumica dell'aria (vedere
appendice B), rilevare la temperatura interna ed esterna alledicio prima, durante o dopo
la prova.
Registrare la velocit o la forza di vento. sufciente determinare la forza del vento
mediante osservazione visiva degli alberi, dell'acqua, ecc., in riferimento alla scala
Beaufort (vedere prospetto D.1).
5.3.3 Differenza di pressione a usso nullo
Cortocircuitare il dispositivo di misurazione di pressione e vericare o correggere la lettura
in corrispondenza dello zero.
Collegare il dispositivo per misurare la differenza di pressione tra interno ed esterno e
coprire temporaneamente l'apertura dell'apparecchiatura di movimentazione dellaria.
Osservare e registrare la media dei valori positivi della differenza di pressione a usso
nullo p
01+
in un intervallo di tempo di almeno 30 s. Osservare e registrare la media dei
valori negativi della differenza di pressione a usso nullo p
01-
in un intervallo di tempo di
almeno 30 s. Non effettuare la prova se uno o laltro di questi valori maggiore di 5 Pa.
Osservare e registrare la media di tutti i valori della differenza di pressione a usso nullo
p
01
in un intervallo di tempo di almeno 30 s.
Ripetere questo processo alla ne della prova (per ottenere p
02+
, p
02-
e p
02
). Se la
lettura positiva o quella negativa della differenza di pressione a usso nullo dopo la prova
maggiore di 5 Pa, la prova deve essere considerata non valida. Se viene emesso un
rapporto per tale prova, in esso deve essere dichiarata la mancanza di corrispondenza
con le condizioni di prova richieste.
5.3.4 Sequenza di differenza di pressione
Togliere la copertura ed avviare l'apparecchiatura di movimentazione dellaria.
La prova viene effettuata prendendo misurazioni di portata di aria e di differenza di
pressione tra interno ed esterno in un intervallo di differenze di pressione applicate con
incrementi non maggiori di 10 Pa. La differenza minima di pressione deve essere pari al
valore maggiore tra i due seguenti: 10 Pa o cinque volte la differenza di pressione a usso
nullo (maggiore dei valori medi positivi e negativi). La pi alta differenza di pressione
applicata pu dipendere dalla forma delledicio secondo quanto riportato ai seguenti
punti a) e b):
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 7 UNI EN 13829:2002
a) Singole abitazioni ed altri piccoli edici
La pi alta differenza di pressione deve essere almeno 50 Pa ma si raccomanda di
prendere le letture in corrispondenza a differenze di pressione no a 100 Pa per
ottenere una migliore accuratezza dei risultati calcolati.
b) Grandi edici (con volume maggiore di 4 000 m
3
circa)
Se possibile la pi alta differenza di pressione deve essere la stessa assunta per le
singole abitazioni [vedere a)]. Tuttavia, a causa delle grandi dimensioni di molti edici
non-residenziali e delle limitazioni pratiche della capacit dell'apparecchiatura
portatile di movimentazione dell'aria usata per eseguire le prove, spesso una diffe-
renza di pressione di 50 Pa non raggiungibile. In questi casi dovrebbe essere
impiegata un'apparecchiatura supplementare di movimentazione dell'aria (per
aumentare la capacit totale), e/o possibile effettuare la prova no alla pi alta
differenza di pressione realizzabile con l'apparecchiatura disponibile (di movimenta-
zione dell'aria). In tali casi la prova non valida a meno che possa realizzarsi una
differenza di pressione di 25 Pa. Nel caso in cui la differenza di pressione sia
compresa fra 25 Pa e 50 Pa, questa deve essere indicata chiaramente nel rapporto
di prova con la precisazione che le prescrizioni della presente norma non sono state
completamente soddisfatte e un appunto sulle ragioni per le quali questo si
vericato.
Si raccomanda di effettuare due serie di misurazioni, per pressurizzazione e depressuriz-
zazione. Tuttavia, consentito eseguire una sola serie di misurazioni per pressurizza-
zione o depressurizzazione e comunque ottemperare ai requisiti della presente norma.
Per ogni prova devono essere deniti almeno cinque punti di riferimento approssimativa-
mente equidistanti fra la maggiore e la minore differenza di pressione.
Nota 1 pi preciso prendere i dati alle pi alte differenze di pressione che a quelle pi basse. Di conseguenza,
dovrebbe essere posta particolare attenzione nel caso in cui le misurazioni siano prese in corrispondenza a
basse differenze di pressione.
Nota 2 consigliabile controllare che lo stato dellinvolucro edilizio non sia cambiato durante ciascuna prova, per
esempio che le aperture siano rimaste sigillate o che porte, nestre o ventole non siano state aperte per
effetto della pressione indotta.
6 PRESENTAZIONE DEI RISULTATI
6.1 Valori di riferimento
6.1.1 Volume interno
Il volume interno, V, il volume di aria all'interno delledicio o della parte di edicio
soggetto alla prova. Il volume interno viene calcolato moltiplicando la supercie netta del
pavimento (vedere 6.1.3) per l'altezza netta media del softto. Non viene sottratto il
volume degli arredi.
6.1.2 Supercie dellinvolucro
La supercie dellinvolucro, delledicio, A
E
, o della parte di esso soggetto alla prova, corri-
sponde all'area complessiva di tutti i pavimenti, pareti e softti che delimitano il volume
interno sottoposto a prova. Essa include pareti e pavimenti sotto il livello esterno del
terreno.
Per calcolare questa supercie devono essere usate le dimensioni interne complessive.
Non deve essere sottratta larea in corrispondenza della giunzione tra partizioni interne e
quelle esterne (vedere gura 1).
Nota Nel contesto della presente norma la supercie dellinvolucro di una casa a schiera include il/i muro/i di
divisione. La supercie dellinvolucro di un appartamento in un edicio multipiano include i pavimenti, le pareti
ed i softti verso gli appartamenti adiacenti.
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 8 UNI EN 13829:2002
gura 1 Supercie dellinvolucro
Legenda
1 Esterno
2 Dimensioni complessive
3 Interno
6.1.3 Supercie netta del pavimento
La supercie netta del pavimento, A
F
, la supercie totale di tutti i pavimenti che appar-
tengono al volume interno soggetto a prova. Essa viene calcolata in accordo con i regola-
menti nazionali.
6.2 Determinazione della portata di inltrazione di aria
Sottrarre la differenza media di pressione a usso nullo da ciascuna delle differenze di
pressione misurate, p
m
, per ottenere le differenze di pressione indotte, p, usando
l'equazione (1). Porre attenzione al segno positivo o negativo.
(1)
Convertire i valori letti di portata di aria,
r
, dal sistema di misurazione nei valori misurati
della portata di aria,
m
, in corrispondenza a temperatura e pressione nel dispositivo di
misurazione di portata, in conformit con le speciche del fornitore:
(2)
Convertire la portata di aria,
m
, nella portata di aria attraverso linvolucro edilizio,
env
,
per depressurizzazione, con l'equazione (3):
(3)
dove:

i
la massa volumica dellaria interna, in kg/m
3
;

e
la massa volumica dellaria esterna, in kg/m
3
.
Convertire la portata di aria misurata,
m
, in portata di aria attraverso linvolucro edilizio,
env
, per pressurizzazione con lequazione (4):
(4)
Riportare su un diagramma bilogaritmico la portata di aria attraverso linvolucro edilizio in
funzione delle corrispondenti differenze di pressione per completare il graco di inltra-
zione di aria sia per pressurizzazione sia per depressurizzazione (vedere gura 2).
p p
m
p
0,1
p
0,2
+
2
--------------------------------- =
V

m
f V

r
( ) =
V

env
V

e
-----
,
_
=
V

env
V

i
-----
,
_
=
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 9 UNI EN 13829:2002
gura 2 Esempio di diagramma di inltrazione di aria
Legenda
1 Portata di aria, in m
3
/h
2 Depressurizzazione
3 Pressurizzazione
4 Differenza di pressione, in Pa
I dati convertiti devono essere usati per determinare il coefciente di portata di aria, C
env
,
e lesponente di portata di aria, n, in conformit allequazione (5), mediante una tecnica ai
minimi quadrati.
(5)
dove:
env
la portata di aria attraverso linvolucro edilizio, in m
3
/h;
p la differenza di pressione indotta, in Pa.
Nella determinazione della regressione dellequazione (5), si dovrebbe calcolare gli inter-
valli di condenza del coefciente di portata di aria, C
env
, e dellesponente di portata di
aria, n, ottenuti. C
env
e n devono essere calcolati separatamente per pressurizzazione e
depressurizzazione.
Per ottenere il coefciente di inltrazione di aria, C
L
, correggere il coefciente di portata di
aria, C
env
, alle condizioni di riferimento [(20 1) C e 1,013 10
5
Pa] usando lequazione
(6) per la depressurizzazione:
(6)
dove:

e
la massa volumica dellaria esterna, in kg/m
3
;

0
la massa volumica dellaria nelle condizioni di riferimento, in kg/m
3
.
Per la pressurizzazione utilizzare lequazione (7):
(7)
dove:

i
la massa volumica dellaria interna, in kg/m
3
;

0
la massa volumica dellaria nelle condizioni di riferimento, in kg/m
3
.
V

env
C
env
p ( )
n
=
V

C
L
C
env

0
-----
,
_
1 n
=
C
L
C
env

0
-----
,
_
1 n
=
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 10 UNI EN 13829:2002
Lappendice B contiene i prospetti e le equazioni adatte per valutare la dipendenza di da
temperatura, pressione barometrica e umidit relativa. In generale leffetto della pressione
barometrica trascurabile. Se deve essere considerata, usare la pressione barometrica
non corretta misurata sul posto o la pressione barometrica in dipendenza dellaltezza sul
livello del mare. Lumidit relativa pu essere posta pari a 0 (aria secca).
La portata di inltrazione di aria,
L
, pu essere calcolata con lequazione (8):
(8)
dove:
C
L
il coefciente di inltrazione di aria, in m
3
/(h Pa
n
);
p la differenza di pressione indotta, in Pa;
n lesponente di portata di aria dallequazione (5).
6.3 Quantit derivate
6.3.1 Portata di rinnovo dellaria alla differenza di pressione di riferimento
La portata di inltrazione di aria alla differenza di pressione di riferimento, p
r
, solitamente
50 Pa,
pr
, determinata con lequazione (9).
(9)
e cio
dove:
C
L
il coefciente di inltrazione di aria, in m
3
/(h Pa
n
).
I valori derivati sono calcolati per la portata media di inltrazione di aria a 50 Pa per la
prova di pressurizzazione e di depressurizzazione.
Laria di rinnovo, n
pr
, per una differenza di pressione, per esempio 50 Pa, calcolato
dividendo la portata media di aria di inltrazione a 50 Pa, per il volume interno secondo
6.1.1 con lequazione (10):
(10)
per esempio:
6.3.2 Permeabilit allaria
La permeabilit all'aria a 50 Pa, q
50
, calcolata dividendo la portata media di aria di inl-
trazione a 50 Pa per la supercie dellinvolucro, secondo 6.1.2, con lequazione (11).
(11)
6.3.3 Portata specica di inltrazione
La portata specica di inltrazione w
50
calcolata dividendo la portata media di aria di
inltrazione a 50 Pa per la supercie netta del pavimento secondo 6.1.3, con
lequazione (12).
(12)
6.3.4 Portata di inltrazione di aria alla differenza di pressione di riferimento
La portata di inltrazione di aria in corrispondenza di una specicata differenza di
pressione di riferimento,
pr
, espressa in m
3
/h, si calcola mediante lequazione (9).
V

L
C
L
p ( )
n
=
V

pr
C
L
p
r
( )
n
=
V

50
C
L
50 Pa ( )
n
=
n
pr
V

pr
V
----------- =
n
50
V

50
V
--------- =
q
50
V

50
A
E
--------- =
w
50
V

50
A
F
--------- =
V

Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 11 UNI EN 13829:2002
7 RAPPORTO DI PROVA
Il rapporto deve contenere almeno le seguenti informazioni:
a) tutti i dettagli necessari per identicare loggetto sottoposto a prova: scopo della
prova (metodo A o B); indirizzo postale e data stimata di costruzione delledicio;
b) un riferimento alla presente norma e qualsiasi deviazione da essa;
c) oggetto della prova:
- descrizione delle parti delledicio sottoposte a prova; numero
dellappartamento,
- supercie netta del pavimento e volume interno dello spazio sottoposto a prova
ed altre dimensioni delledicio richieste,
- documentazione dei calcoli in modo da poter vericare i risultati dichiarati,
- stato di tutte le aperture nellinvolucro edilizio, chiuse, sigillate, aperte, ecc,
- descrizione dettagliata delle aperture temporaneamente sigillate, se presenti,
- tipo impianto di riscaldamento, di ventilazione e di condizionamento dellaria;
d) apparecchiatura e procedimento:
- apparecchiatura e tecnica impiegata;
e) dati di prova:
- differenze di pressione a usso nullo p
0,1+
, p
0,1-
, p
0,2+
, p
0,2-
, p
0,1
e p
0,2
per
la prova di pressurizzazione e di depressurizzazione,
- temperature interna ed esterna,
- velocit del vento, pressione barometrica se fa parte del calcolo,
- prospetto di differenze di pressione indotte e corrispondenti portate di aria,
- graco dellinltrazione di aria (per esempio vedere gura 2),
- coefciente di portata di aria, C
env
, esponente di portata di aria, n, e coefciente
di inltrazione di aria, C
L
, per le prove di pressurizzazione e di
depressurizzazione determinato con il metodo indicato in 4, 5 e 6 insieme con i
corrispondenti limiti di condenza,
- portata di rinnovo dellaria, n
50
a 50 Pa, per pressurizzazione e/o
depressurizzazione e valore medio,
- grandezza derivata secondo i regolamenti nazionali;
f) data della prova.
8 ACCURATEZZA
8.1 Generalit
Laccuratezza complessiva di una prova di pressurizzazione dipende da molti fattori. Per
tutte le grandezze derivate, nellanalisi di dati deve essere inclusa una valutazione
dellintervallo di condenza.
Nota Lappendice C descrive un procedimento semplicato per la valutazione dellincertezza delle quantit derivate
C ed n. Questa non corrisponde allincertezza di misurazione.
8.2 Valore di riferimento
Laccuratezza dei valori di riferimento pu essere stimata con il calcolo della propagazione
dellerrore. Tipicamente, lincertezza risulta compresa fra il 5% e il 10%.
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 12 UNI EN 13829:2002
8.3 Incertezza complessiva
Lincertezza complessiva nelle quantit derivate descritte in 6.3.1, 6.3.2, 6.3.3 e 6.3.4 di
una prova di pressurizzazione effettuata secondo la presente norma pu essere valutata
con il calcolo della propagazione dellerrore. Questo calcolo dovrebbe includere le incer-
tezze di tutte le quantit usate per il risultato nale.
Nota In condizioni di calma lincertezza complessiva nella maggior parte dei casi minore del 15%. In presenza
di vento lincertezza complessiva pu raggiungere il 40%.
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 13 UNI EN 13829:2002
APPENDICE A DESCRIZIONE DELLATTREZZATURA PER LA PRESSURIZZAZIONE DI UN EDIFICIO
(informativa)
A.1 Generalit
Ci sono diversi modi per pressurizzare linvolucro edilizio. I pi comuni sono indicati nei
punti da A.2 a A.4.
A.2 Sistema con ventilatore e condotto
Un complesso comprendente un ventilatore, un condotto e un misuratore di portata di aria
collegato alledicio (vedere gura A.1). La dimensione del condotto di aria e la capacit
del ventilatore sono adeguati in modo che la velocit lineare del usso all'interno del
condotto di aria rientri dellintervallo di misurazione del misuratore di portata di aria.
gura A.1 Disposizione schematica dellapparecchiatura per la prova su un intero edicio
A.3 Porta con ventilatore
Un complesso con porta e ventilatore un dispositivo accettato in molti Paesi per
realizzare le misurazioni di permeabilit dellinvolucro. Il complesso include una porta a
supporto di un ventilatore adattabile alle comuni aperture. Il ventilatore dovrebbe
possedere un motore a velocit variabile per far fronte ai valori di portata di aria richiesti.
A.4 Ventilatori degli impianti di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dellaria
delledicio
Per determinare la permeabilit all'aria di grandi edici, pu essere possibile utilizzare i
ventilatori dellimpianto di ventilazione per la pressurizzazione e la depressurizzazione
delledicio. consigliabile unispezione iniziale in loco per stabilire il numero di ventilatori
principali di immissione (o di estrazione), le prestazioni di portata di aria, la possibilit di
fare funzionare i ventilatori con il 100% di aria esterna o il 100% di aria di estrazione, e i
mezzi disponibili per controllare le portate di aria di immissione (o di estrazione) (per
esempio adeguando lapertura delle valvole di usso o le velocit del ventilatore). Pu
anche essere esaminato il sistema del condotto ed essere scelte posizioni adatte per le
misurazioni di portata di aria.
Poich spesso difcile soddisfare i criteri accettati per le misurazioni di portata di aria in
condotti nellimpianto di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dellaria operanti
in un edicio reale, la portata di aria, , pu essere determinata con uniniezione costante
di un tracciante nel usso dellaria che entra o che lascia ledicio. La portata di aria, ,
espressa in m
3
/s determinata con lequazione (A.1).
(A.1)
V

q
w
B
------- =
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 14 UNI EN 13829:2002
dove:
q la portata di iniezione del gas tracciante, in m
3
/s;
w
B
la concentrazione del gas tracciante, in m
3
/m
3
.
Nota Si richiede particolare attenzione quando le valvole di usso e/o le velocit del ventilatore sono generalmente
gestiti in modo automatico (per esempio da un sistema di gestione di energia delledicio) per assicurare che
possano essere regolati indipendentemente come richiesto per la prova. Per effettuare la prova pu essere
anche necessario sigillare alcune griglie interne o aperture dellimpianto del riscaldamento, di ventilazione e
di condizionamento dellaria.
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 15 UNI EN 13829:2002
APPENDICE B DIPENDENZA DELLA MASSA VOLUMICA DELLARIA DALLA TEMPERATURA, DAL
(informativa) PUNTO DI RUGIADA E DALLA PRESSIONE BAROMETRICA
La massa volumica dellaria, , kg/m
3
, alla temperatura, , in C, alla pressione barome-
trica, p
bar
, in Pa, e allumidit relativa, , in %, pu essere ottenuta dallequazione (B.1):
(B.1)
dove:
p
v
la pressione parziale del vapore acqueo in aria calcolata con lequazione (B.2):
(B.2)
p
vs
la pressione di saturazione del vapore acqueo in aria ad una temperatura, ,
ottenuta dallequazione (B.3):
(B.3)

p
bar
0,37802 p
v

287,055 273,15 + ( )
------------------------------------------------------ =
p
v
p
vs
=
p
vs
59,484085
6 790,4985
273,15 +
----------------------------- - 5,02802 In 273,15 + ( )
,
_
exp =
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 16 UNI EN 13829:2002
APPENDICE C PROCEDIMENTO RACCOMANDATO PER LA STIMA DEGLI ERRORI NELLA
(informativa) VALUTAZIONE DELLE GRANDEZZE DERIVATE
La presente norma contiene diverse grandezze derivate che sono spesso usate per sinte-
tizzare la permeabilit all'aria delledicio o della parte delledicio sottoposto a prova.
consigliata lapplicazione del metodo seguente: tutte le grandezze derivate dipendono
dalla valutazione del coefciente C di inltrazione di aria e dellesponente n di portata di
aria dalle equazioni da (5) a (7). Per determinare C ed n trasformare in logaritmi i valori
delle variabili e p per ogni lettura:
x
i
= ln(p
i
)
y
i
= ln(
i
) per i = 1 . N
dove N il numero totale di letture nella prova.
Lequazione (5) pu essere riscritta nel modo seguente (C.1):
(C.1)
Calcolare le seguenti grandezze:
(C.2)
(C.3)
(C.4)
(C.5)
(C.6)
Allora la migliore stima di n, ln(C) e di C data dalle equazioni da (C.7) a (C.9):
(C.7)
(C.8)
(C.9)
Una stima degli intervalli di condenza di C e di n pu essere determinata come segue. Lo
scarto tipo di n dato dallequazione (C.10):
(C.10)
e la stima dello scarto tipo di ln(C) data dallequazione (C.11):
(C.11)
V

y In C ( ) n x + =
x
1
N
---- x
i
i 1 =
N

=
y
1
N
---- y
i
i 1 =
N

=
s
x
2
1
N 1
-------------- x
i
x ( )
2
i 1 =
N

=
s
y
2
1
N 1
-------------- y
i
y ( )
2
i 1 =
N

=
s
xy
1
N 1
-------------- x
i
x ( ) y
i
y ( )
i 1 =
N

=
n
s
xy
s
x
2
------- =
In C ( ) y n x =
C exp
y n x ( )
=
s
n
1
s
x
-----
s
y
2
n s
xy

N 2
-------------------------
,
_
1
2
---
=
s
In C ( )
s
n
x
i
2
i 1 =
N

N
---------------
,




_
1
2
---
=
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 17 UNI EN 13829:2002
Se T(P, N ) il limite di condenza della distribuzione di bilatera Student per una proba-
bilit P su N eventi, allora le ampiezze dei semi intervalli di condenza per ln(C) e per n
sono rispettivamente:
(C.12)
(C.13)
I valori dei limiti di condenza T(P, N ) per una distribuzione di bilatera Student sono
indicati nel prospetto C.1.
Questo signica che con una probabilit P lesponente del usso di aria n si trova
nellintervallo di condenza (n - l
n
, n + l
n
) e il coefciente di inltrazione di aria C
compreso nellintervallo di condenza:
(C.14)
La stima dello scarto tipo intorno alla linea di regressione [equazione (C.1)] in corrispon-
denza al valore x :
(C.15)
e lampiezza dei semi intervalli di condenza nella stima di y valutati mediante lequazione
(C.1) per ogni x :
(C.16)
quindi, la portata di aria, , calcolata con lequazione (5) per una qualsiasi differenza di
pressione, p, si trova allinterno dellintervallo di condenza con una probabilit P :
(C.17)
In pratica la sopradetta analisi degli errori pu essere svolta utilizzando correnti
programmi statistici per supporti informatici.
prospetto C.1 Limiti di condenza bilateri T (P, N ) per una distribuzione di Student
N P
0,8 0,9 0,95 0,99 0,995 0,999
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

3,0780
1,8860
1,6380
1,5330
1,4760
1,4400
1,4150
1,3970
1,3830
1,3720
-
6,3138
2,9200
2,3534
2,1318
2,0150
1,9430
1,8946
1,8595
1,8331
1,8125
1,6450
12,7060
4,3027
3,1825
2,7764
2,5706
2,4469
2,3646
2,3060
2,2622
2,2281
1,9600
63,6570
9,9248
5,8409
4,6041
4,0321
3,7074
3,4995
3,3554
3,2498
3,1693
2,5760
127,3200
14,0890
7,4533
5,5976
4,7733
4,3170
4,0293
3,8325
3,6897
3,5814
2,8070
636,6190
31,5980
12,9240
8,6100
6,8690
5,9590
5,4080
5,0410
4,7810
4,5787
3,2910
I
In C ( )
s
In C ( )
T P N , 2 ( ) =
I
n
s
n
T P N , 2 ( ) =
C I
In C ( )
[ ] exp C I
In C ( )
[ ] exp , ( )
s
y
x ( ) s
n
N 1
N
--------------s
x
2
x x ( )
2
+

' ;

1
2
---
=
l
y
x ( ) s
y
x ( )T P N , 2 ( ) l
y
Inp ( ) = =
V

l
y
In p ( ) [ ] V

l
y
In p ( ) [ ] exp , exp ( )
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 18 UNI EN 13829:2002
APPENDICE D SCALA BEAUFORT PER LINDICAZIONE DELLA FORZA DEL VENTO
(informativa)
prospetto D.1 Scala Beaufort per la forza del vento (estratto)
Numero
Beaufort
Descrizione Velocit del vento
[m/s]
Caratteristiche
0 Bonaccia Minore di 0,45 Calma, il fumo sale verticalmente
1 Bava di vento Da 0,45 a 1,34 La direzione del vento indicata dal fumo ma non da
segnavento
2 Brezza leggera Da 1,8 a 3,1 Vento sulla faccia; stormire di foglie; le bandiere iniziano a
muoversi
3 Brezza fresca Da 3,6 a 5,4 Foglie e piccoli ramoscelli in continuo movimento; le bandiere
leggere sono tese
4 Vento moderato Da 5,8 a 8 Il vento solleva polvere e foglie secche; i rami pi leggeri si
piegano
5 Vento teso Da 8,5 a 10,7 Gli alberi pi giovani sono agitati dal vento; si formano piccole
onde nelle acque interne
6 Vento fresco Da 11,2 a 13,9 Si muovono i rami delle piante pi grosse; sibilo del vento tra i
li telegraci; difcolt nelluso dellombrello
7 Vento forte Da 14,3 a 17 Interi alberi agitati, difcolt a camminare controvento
8 Burrasca moderata Da 17,4 a 20,6 I rami si spezzano; camminare controvento diventa impossibile
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
UNI Pagina 19 UNI EN 13829:2002
BIBLIOGRAFIA
EN 832 Thermal performance of buildings - Calculation of energy use for
heating - Residential buildings
ISO 9972:1996 Thermal insulation - Determination of building airtightness - Fan
pressurization method
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.
La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci,
dellIndustria e dei Ministeri.
Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 N 633 e successivi aggiornamenti.
UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unicazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia
Document o cont enut o nel pr odot t o UNI EDI L I MPI ANTI edi zi one 2007. 1
E' vi et at o l ' uso i n r et e del si ngol o document o e l a sua r i pr oduzi one. E' aut or i zzat a l a st ampa per uso i nt er no.