Sei sulla pagina 1di 2

DORATURA O ARGENTATURA A GUAZZO DORATURA O ARGENTATURA A GUAZZO

Gessatura o Ammannitura

Si prepara la colla di coniglio (una parte di colla di coniglio e 6 parti di acqua) la si scioglie a caldo (a bagnomaria) per circa 8 ore e la si filtra. Si mescola poi questa soluzione con il gesso di Bologna fino ad ottenere una densit semiliquida, cio quando copre, ma si vede sempre il legno sottostante. Si danno sei o sette mani di gesso e ogni volta se ne rende liscia la superficie usando carta vetrata o la lana di ferro. Per quanto riguarda la densit del gesso, il discorso che si vede il legno sottostante vale logicamente per la prima mano, perch alla terza la superficie di gesso completamente bianca e copre totalmente il legno. Se dopo la ammannitura avanza ancora del gesso, lo si mette in frigorifero,nella parte bassa,quella delle verdure, per intenderci; questo si rassoda, ma, rimettendolo a bagno-maria, ridiventer liquido. Si scioglie in acqua la colla di pesce: una parte di colla di pesce e 8 parti di acqua. Si mescola questa soluzione con il bolo fino ad avere un composto semiliquido e assolu-tamente senza grumi. La misura della diluizione data dal fatto che, come per il gesso, alla prima mano si deve sempre intravedere la superficie bianca sottostante. Si danno due o pi mani, dopo aver filtrato detta soluzione e, ad ogni mano, si procede a rendere liscia la superficie passando leggermente la lana di acciaio. Bagnare il bolo con acqua pura mista a colla di pesce (solo un pezzettino). Quando la superficie bagnata, posare la foglia oro e operare in questo modo mettendo obliquamente la cornice da dorare. Via via che si esegue la doratura tamponare con un batuffolo di cotone laddove l oro inizia ad attaccare al fine di far aderire meglio la foglia al bolo. Quando la doratura asciutta si procede alla brunitura dove l oro dovr risultare lucido. Si esegue passando il brunitoio o agata sulla superficie dorata prima leggermente e poi con pi pressione.

Fase della Bolatura

Fase della Doratura

Fase della Brunitura

www.manetti.it

Consumazione

Passando della lana di acciaio sulla doratura facendo riaffiorare il bolo sottostante sembrer una cornice antica dove l'usura del tempo ha portato via l'oro. E' questo un procedimento molto usato per pezzi del 700/800, dove l'oro viene consumato, ma rimane sempre lucido. Per il 500/600 si segue invece il procedimento dell' Si usa del mordente ad acqua color bruno noce (penetro). Si prende poi un pennello a tampone, lo si intinge nel mordente, lo si scuote e lo si batte su una tavola anche sudicia e poi, quando sembra quasi asciutto, lo si d sulla cornice; non lo si strofina, cio, come un pennello, ma lo si batte sopra con forza. Attenzione: prima di passare il penetro, l'oro va fissato perch c' sempre il pericolo che detto mordente si porti via l' oro. Si procede pennellando sulla doratura una vernice alla nitro trasparente (Zapon o altra marca) come anche gommalacca decerata o vernice bicomponente.

Invecchiamento

Fissaggio

www.manetti.it