Sei sulla pagina 1di 157

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 1

Indice

1 Introduzione..............................................................................................................................................8
2 Lamuratura...............................................................................................................................................9
2.1.1 Caratteristichegeneraliecaratterizzazionenormativa............................................................9
2.1.1.1 Gliedificiinmuratura............................................................................................................9
2.1.1.2 Caratterizzazioneresistentedelmaterialemuratura..........................................................10
2.1.1.3 Resistenzadipannellimurari..............................................................................................12
2.1.2 Modellazionedellamuratura..................................................................................................15
2.1.3 Ilproblemasismico..................................................................................................................17
2.1.4 Metodidicalcoloavanzati.......................................................................................................19
2.1.4.1 Modellisemplificatiatelaioequivalente............................................................................19
2.1.4.2 Modelliaplasticitconcentrata..........................................................................................20
2.1.4.3 Modelliamacroelementi...................................................................................................23
2.1.4.4 Modellazioneadelementipianiosolidi..............................................................................24
2.2 Stimadellacapacitsismicadistruttureinmuratura:approcciosemplificato..............................25
2.2.1 IlmetodoRigStripTS................................................................................................................26
2.2.2 Validazione..............................................................................................................................32
2.2.2.1 PareteDdelprogettoCatania.............................................................................................32
2.2.2.2 Casostudiotridimensionale................................................................................................35
2.3 Modellazioneciclicadellamuratura................................................................................................37
2.3.1 Formulazionedellelementoistereticopermurature.............................................................37
2.3.2 Calcolodellerigidezzeelastiche..............................................................................................40
2.3.3 Dominioresistente..................................................................................................................41
2.3.4 Leggiisteretiche.......................................................................................................................41
2.3.4.1 Illegameciclicoperlemolleataglio...................................................................................43
2.3.4.2 Legameciclicoperlamollarotazionale...............................................................................44
2.3.4.3 Degradodirigidezza............................................................................................................45
2.3.4.4 Degradodiresistenza..........................................................................................................47
2.3.4.5 Valutazionedellenergia......................................................................................................47
2.3.5 Validazionedelmodellosusingolipannelli.............................................................................48
2.3.5.1 Calibrazionedeiparametri..................................................................................................48
2.3.5.2 Analisidimaschiefasce......................................................................................................48
2.3.6 Analisidiparetimurarie..........................................................................................................50
2.3.6.1 ProgettoCatania:pareteD..................................................................................................51
2.3.6.2 Analisidipushover...............................................................................................................51
2.3.6.3 Analisiincrementalidinamiche...........................................................................................52
2.3.6.4 WallDdellUniversitdiPavia.............................................................................................53
2 GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

2.4 Modelloamesoscala.......................................................................................................................57
2.4.1 Meshatoreperilmodelloamesoscala...................................................................................57
2.4.1.1 Generazionedellamesh......................................................................................................58
2.4.1.2 Definizionedelmodello.......................................................................................................59
2.4.2 Maschiomurario......................................................................................................................61
2.4.3 Fasciadipiano.........................................................................................................................62
2.4.3.1 Variazionedeiparametridelmodello.................................................................................68
3 Illegnostrutturale...................................................................................................................................72
3.1 Comportamentomeccanicodellegno............................................................................................72
3.2 Lestruttureinlegno........................................................................................................................75
3.2.1 StruttureinXlam....................................................................................................................75
3.2.2 Struttureatelaioleggero........................................................................................................77
3.2.3 Struttureatelaio.....................................................................................................................78
3.3 Comportamentodellunionechiodata............................................................................................79
3.3.1 Comportamentodelsingolochiodo........................................................................................79
3.3.2 Comportamentodelconnettore.............................................................................................83
3.3.2.1 Modellipertelaioleggero...................................................................................................84
3.3.2.2 ModelliperXlam................................................................................................................84
3.4 Ilmodellononlinearedelconnettore.............................................................................................85
3.4.1.1 Modellocostitutivodellecomponenti................................................................................86
3.4.1.2 Leggeistereticaataglio.......................................................................................................87
3.4.1.3 Leggeistereticaassiale........................................................................................................89
3.4.1.4 Degradodiresistenzaerigidezza........................................................................................89
3.4.1.5 Dominiodiresistenza..........................................................................................................90
3.4.1.6 Effettodellattritostatico....................................................................................................91
3.4.2 Calibrazionedelmodello.........................................................................................................92
3.4.3 Calibrazionedellecomponenti................................................................................................92
3.4.3.1 Calibrazionediangolari.......................................................................................................93
3.4.3.2 Calibrazionediholddown...................................................................................................94
3.4.3.3 Calibrazionediviti...............................................................................................................94
3.4.3.4 Parametrididegradodienergia..........................................................................................95
3.4.3.5 Parametrimedi....................................................................................................................95
3.5 Analisinumerichesucasistudio......................................................................................................96
3.5.1 PannelliXlam..........................................................................................................................97
3.5.2 EdificiomonopianoinXlam..................................................................................................100
3.5.3 Paretiatelaioleggero............................................................................................................103
3.5.4 Edificioatelaioleggero.........................................................................................................112
3.5.4.1 ConfrontoconmodellodiDu(2003).................................................................................115
3.5.5 Edificiomultipianoatelaio....................................................................................................117
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 3

3.5.5.1 Riproduzioneditestsperimentali.....................................................................................117
3.5.5.2 Ilcasostudio......................................................................................................................118
3.5.5.3 Estrapolazionedelcomportamentodigiunticonconnettoridi35mmdidiametro........119
3.5.5.4 Modellazionenumericadeltelaio.....................................................................................121
4 Validazionedimetodidiverificanonlinearipropostiattualmentedallenorme.................................125
4.1 RispostadeisistemiSDOF..............................................................................................................125
4.1.1 Setdiaccelerogrammiutilizzato...........................................................................................125
4.1.2 Modelliisteretici....................................................................................................................126
4.1.2.1 Leggefulldissipative......................................................................................................126
4.1.2.2 Leggeflagshape.............................................................................................................127
4.1.2.3 Leggesliptype................................................................................................................127
4.1.3 Softwaredianalisi.................................................................................................................128
4.1.3.1 Calcolodelleenergie.........................................................................................................129
4.1.4 RisultatiperisistemiSDOF....................................................................................................130
4.1.4.1 MetodoN2.........................................................................................................................130
4.1.4.2 Metododellospettrosovrasmorzato..............................................................................130
4.1.4.3 RisultatiinformatoS
a
T...................................................................................................132
4.1.4.4 RisultatiinformatoADRS..................................................................................................136
4.1.4.5 Risultatiinterminidienergia............................................................................................139
4.1.5 RisultatiperisistemiMDOF..................................................................................................141
4.1.5.1 EnergieneisistemiMDOF.................................................................................................145
5 Conclusioni............................................................................................................................................147
6 Bibliografia.............................................................................................................................................149
6.1 Capitolo2.......................................................................................................................................149
6.2 Capitolo3.......................................................................................................................................151
6.3 Capitolo4.......................................................................................................................................155

4 GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Indicedellefigure

Figura 2.1 Elementi del sistema resistente scatolare (sinistra) e comportamento dellinsieme di pareti nel caso di perfetto
ammorsamentofraloro(destra).............................................................................................................................................................9
Figura2.2(a)Legamicostitutiviuniassialetipicidellamalta (pediceM)edimattoniinlaterizio(pediceL)(trazionepositiva), (b)
Legamecostitutivouniassialedellamuratura(compressionepositiva)................................................................................................10
Figura2.3SuperficidirotturadiCapursoSacchialvariaredellangolonellospaziodelletensioniprincipali...................................11
Figura2.4Estrattodinormativaitalianasullecaratteristichedellemuratureesistenti(daNTC2008,tabellaC8.A.2.1)...................12
Figura2.5Schemadicalcoloperlarotturaapressoflessione............................................................................................................13
Figura2.6Schemadicalcoloperlarotturaataglioscorrimento(A.)eperlafessurazionediagonale(B.).......................................14
Figura2.7Dominiresistentiadimensionaliperimaschimurarisecondoitremeccanismiesposti...................................................15
Figura2.8Rappresentazioneschematicadelmetododeltelaioequivalente....................................................................................16
Figura2.9Modellazionediunaparetemurariaconelementiplate(a.)estatotensionaledopolapplicazionedicarichiverticalie
laterali(b.).............................................................................................................................................................................................17
Figura2.10Modellazionediunaparetemurariaconelementisolidi(a.)estatotensionaledopolapplicazionedicarichiverticalie
laterali(b.).............................................................................................................................................................................................17
Figura2.11Fattoridistrutturadaadottarsiperlenuovecostruzioniinmuratura(estrattoNTC2008)............................................18
Figura2.12Pianotipodelledificioanalizzato(misureincm).............................................................................................................20
Figura2.13Modellodelledificioatrepianiinvistaestrusa(a)eatelaioequivalente(b)................................................................21
Figura2.14Backbonetipicadellecerniere(a)ecaratteristichemeccanichedellamuratura(b).......................................................21
Figura2.15Posizionamentodellecerniereplasticheallinternodielementimaschio(a)efascia(b)...............................................22
Figura2.16Legametipicoperlecerniereassiali(a)etagliantieflessionali(b).................................................................................22
Figura2.17Curvedicapacitperivaricasianalizzati(a)estatodiplasticizzazionedellecerniere(bluelastico,rossorottura)(b).22
Figura2.18Confrontodeirisultatidiunanalisidispintasuunaparetemuraria(trattodaMagenes,2000)econfrontodeirisultati
incampononlineareconunamodellazionemedianteelementibidimensionalieatelaioequivalente..............................................23
Figura2.19RappresentazioneschematicadelmodelloamacroelementidiBrencicheLagormarsino(1997)................................24
Figura2.20CurvascheletroataglioperunmaschiomurarioimplementatanelcodiceRAN(daAugentietal.,2010)....................24
Figura2.21Modellazionedelmattonoedeilettidimalta(a)erispettivielementifiniti(b)(trattodaMacorinieIzzuddin,2011).25
Figura2.22ModellazionedellapareteconilmetodoRigStripTS.......................................................................................................26
Figura2.23Schemistaticidelmaschiodurantelanalisi:casoa)fascedipianointegre;casob)fascedipianoacollasso...............27
Figura2.24Legamecostitutivoperungenericomaschio..................................................................................................................27
Figura 2.25 Sforzo normale sul maschio iesimo e trasmissione degli sforzi taglianti dalle fasce adiacenti al maschio prima della
lororottura............................................................................................................................................................................................28
Figura2.26Andamentodellesollecitazioniflessionaliassuntonelmodello......................................................................................29
Figura2.27DiagrammadiflussodifunzionamentodelprogrammaRigStripTS................................................................................30
Figura2.28Piantadelledificio(a)eprospettodellapareteD(b)......................................................................................................33
Figura2.29DatigeometriciemodelloatelaioequivalentedellapareteD.......................................................................................33
Figura2.30ConfrontodelrisultatoottenutoconilcodiceSAMeilprogrammaRigStripTS..............................................................34
Figura2.31SequenzadiplasticizzazioneperlapareteDnelprogrammaRigStripTS.........................................................................34
Figura2.32TipodirotturacoltodalmetodoSAM(asinistra)edaRigStripTS(adestra)...................................................................34
Figura2.33Curvadicapacitdellapareteanalizzataalvariaredi
P
H
.............................................................................................35
Figura2.34Pianotipodelledificioanalizzato(misureincm).............................................................................................................35
Figura2.35Confrontodellecurvedipushoverottenuteperledificioadunpiano...........................................................................36
Figura2.36Confrontodellecurvedipushoverottenuteperledificioaduepiani............................................................................36
Figura2.37Confrontodellecurvedipushoverottenuteperledificioatrepiani..............................................................................36
Figura2.38Molleneipannellimurariemeccanismidirotturaassociati...........................................................................................37
Figura2.39ApprocciodimodellazioneM1(a.)eM2(b.)...................................................................................................................38
Figura2.40Elementomollautilizzatocon3gradidilibert...............................................................................................................39
Figura2.41ModificadellacurvascheletrosullabasedeldominioNV.............................................................................................41
Figura2.42Legametagliospostamentotipicodeiunmaschitozziedellefascedipiano.................................................................42
Figura2.43Legameforza(momento)spostamento(rotazione)tipicodimaschimurarisnelli.........................................................42
Figura2.44CurvascheletropropostadaTomazevic(a)enumerazionedeiramiadottata(b)..........................................................43
Figura2.45LeggeistereticapropostadaTomazevic(1996)...............................................................................................................44
Figura2.46Leggeciclicaperlemollerotazionali...............................................................................................................................45
Figura2.47Leggedidegradodellarigidezzadiscarico(a)erappresentazionescalatadellerigidezzedelmodello(b)....................46
Figura2.48Definizionegraficadelparametro|................................................................................................................................47
Figura 2.49 Confronto numericosperimentale del comportamento ciclico del pannello LW (a) e del pannello HW [18] (b) con
lapproccioM1.......................................................................................................................................................................................49
Figura2.50Confrontonumericosperimentaledelcomportamentociclicodiunafasciadipiano,modellataconlapproccioM1..49
Figura2.51AnalisidisensibilitaiparametridiinputperilmaschioHW(a)elafasciadipiano(b).................................................50
Figura2.52ConfrontofragliapprocciM1eM2perilLW(a)econfrontofraleenergietotali(b)....................................................50
Figura2.53ModelloatelaioequivalentedellapareteD(quoteinm)...............................................................................................51
Figura2.54Confrontoconlanalisidipushovermolleelastoperfettamenteplastiche..................................................................52
Figura2.55SpettroutilizzatoperlagenerazionedellaccelerogrammaACC14.................................................................................52
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 5

Figura2.56ConfrontofracurvaIDAefusodipushover.....................................................................................................................53
Figura2.57ModellazioneeposizionamentodellemolleconcentratenellaWallDPavia.................................................................53
Figura2.58CurvadipushoverdellaWallDPavia...............................................................................................................................54
Figura2.59Storiadispostamentoadottataperiltestciclico............................................................................................................55
Figura2.60Risultatideltestciclico....................................................................................................................................................55
Figura2.61RisultatidellIDAsvoltasulWallD...................................................................................................................................55
Figura2.62Taglioallabasevs.spostamentoperleanalisidinamichea0.15ge0.47gconACC15....................................................56
Figura2.63PushoverciclicodelWallDdiconfrontofraapproccioM1eM2....................................................................................56
Figura2.64Numerazionedei20nodiperlelementomattone(a)eassemblaggiodeglielementi(b)...........................................57
Figura2.65Leggicostitutiveintrazione(a)eataglio(b)perlelementocorotazionale...................................................................58
Figura2.66Schermataprincipaledelmeshatoreperpannellisingoli(a)eschermataprincipaledelmeshatoreperpartizioni(b)..58
Figura2.67Pannellodiinputdeidatiperilmeshatoresviluppato....................................................................................................60
Figura2.68Partizionamentodiunaparetemuraria...........................................................................................................................60
Figura2.69Partizionamentocorretto(a)epartizionamentononcorretto(b)diunaparetemuraria..............................................61
Figura2.70Curvaforzaspostamentolateraleinsommitconfrontataconquellasperimentale.....................................................61
Figura2.71RispostanonlinearedelmaschiomurarioLWsollecitatoataglioprimadelpiccoresistente........................................62
Figura2.72RispostanonlinearedelmaschiomurarioLWsollecitatoatagliodopoilpiccoresistente............................................62
Figura2.73Facciatainmuraturadalqualeidealmenteestrattoilprovino(sinistra)emodalitdiprova(destra).........................63
Figura2.74VistefrontalidelprovinoMS1(a)eMS2(b)(trattodaGattescoetal.,2010)................................................................63
Figura2.75VistaposterioredelprovinoMS2(a)esetupdeltestsperimentale(b).........................................................................63
Figura2.76CicliistereticisperimentaliperlafasciadipianoMS1(a)eperilprovinoMS2(b).........................................................64
Figura2.77CicliistereticisperimentaliperlafasciadipianoMS1(a)eperilprovinoMS2(b)(trattodaGattescoetal.,2010)......64
Figura2.78Partizionamentodelmodelloperlafasciadipiano.........................................................................................................65
Figura2.79Meshaturadelmodelloutilizzato....................................................................................................................................65
Figura2.80Curvespostamentovs.tempoutilizzatenelmodellodellafascia...................................................................................66
Figura2.81Distribuzionedelletensioniverticalinelmuroaltempo1.0s(scalainMPa)..................................................................67
Figura2.82Distribuzionedelletensioniverticalinelmuroafineanalisi(scalainMPa,deformazioniamplificate250volte)..........67
Figura2.83RispostamonotonadelmodelloaconfrontoconquellasperimentaledelprovinoMS2................................................68
Figura2.84RispostemonotonedeimodellianalizzatiaconfrontoconquellasperimentaledelprovinoMS1(invilupponegativo)69
Figura2.85Distribuzionedelletensioniverticalinelmuroainizioanalisi(scalainMPa)..................................................................69
Figura 2.86 Distribuzione delle tensioni verticali e fessure nel muro a fine analisi (scala in MPa, deformazioni amplificate 250
volte).....................................................................................................................................................................................................70
Figura2.87Distribuzionedelletensioniverticalinelmuroainizioanalisi(scalainMPa)..................................................................70
Figura 2.88 Distribuzione delle tensioni verticali e fessure nel muro a fine analisi (scala in MPa, deformazioni amplificate 250
volte).....................................................................................................................................................................................................71
Figura3.1Direzionianatomichedelmaterialelegno(a)eleggecostitutivaperlediversedirezionidicarico(b).............................72
Figura3.2VistatridimensionaledeicriteridiTsaiWu(nero)eNorris(rosso)nellospaziodelletensioni
0 90
, , o o t ....................74
Figura3.3SezionediunpannelloinXlama5stratidi17mm(a)epacchettocostruttivotipicoperlestruttureinXlam(b)(fotoda
ProgettoSOFIE).....................................................................................................................................................................................75
Figura3.4NomenclaturaadottataperlasezionetipicadiunpannelloinXlam...............................................................................76
Figura3.5TestsismicosutavolavibranteinGiapponeperedificiodi3(a)e7piani(b)...................................................................77
Figura3.6Strutturamonopianoatelaioleggero(a)etipicociclosperimentaledelleparetiatelaioleggero(b).............................78
Figura3.7Telaioinlegnopercostruzioneadusoindustriale(a)espaccatodiungiuntocontuboinacciaio(b).............................78
Figura3.8ProvasperimentalediLeijtenetal.(2006)........................................................................................................................79
Figura3.9Modidicollassodeiconnettoriagambocilindricopersingolaedoppiasezioneconnessa.............................................80
Figura3.10TabellapropostadallanormaCNRDT206/2007perilcalcolodelloscorrimentoistantaneo.........................................80
Figura3.11ModellodiFoschiperilconnettore:schemadicalcolo(sinistra)eciclotipo(destra)(daFoschi2000).........................81
Figura3.12Comportamentodellacciaionelchiodo(a)edellembedmentlegnoso(b),nelmodellodiFoschi(2000).....................81
Figura3.13Sezionetrasversaledelchiodoezonadicontattoconlembedmentlegnoso(inrosso)................................................82
Figura3.14Schemastaticoadottatoperilsingolochiodo(a)edeformatatipicadelchiodo(b)......................................................82
Figura3.15Legameciclicorisultanteperilmodellodelchiodo.........................................................................................................83
Figura3.16Modellodelchiodotridimensionale................................................................................................................................83
Figura3.17Modellazionedelledificioa3piani(sinistra)emodelliistereticiperholddowneangolari(destra)(daCeccottietal.,
2008).....................................................................................................................................................................................................85
Figura3.18Taraturadiunsingoloholddown(a)eangolare(b)(daCeccottietal.,2008)................................................................85
Figura3.19Dettagliosuangolareeholddown(destra)utilizzatinellecostruzioniinXlam.............................................................86
Figura3.20Leggelineareatrattiutilizzataperiltaglio......................................................................................................................88
Figura3.21Leggelineareatrattiutilizzatanelcasoassiale...............................................................................................................89
Figura3.22Dominiodiresistenzaelasticoadottato..........................................................................................................................91
Figura3.23SchermataprincipaledelprogrammaSo.ph.i..................................................................................................................92
Figura3.24Calibrazionedelgradodiliberttagliante(a)eassiale(b)diunangolare(Gavricetal.,2011).....................................93
Figura3.25Calibrazionedelgradodilibertassiale(a)etagliante(b)diunholddown(Gavricetal.,2011)..................................94
Figura3.26Calibrazioneataglioverticale(a)eorizzontale(b)diunaconnessioneconviti(Gavricetal.,2012)..............................95
Figura3.27SetupdellaprovaperpannelliinXlampressoilCNRIVALSA........................................................................................97
6 GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura3.28ProtocollodicaricoutilizzatoperleprovesuipannelliinXlamsecondolanormaEN12512........................................97
Figura 3.29 Mesh e posizione delle molle adottati per il test 1.2 (a) e deformata tipica sotto carico orizzontale ciclico di un
pannelloinXlamdurantelanalisi(b)...................................................................................................................................................98
Figura 3.30 Mesh e posizione delle molle adottati per il test 1.2 (a) e deformata tipica sotto carico orizzontale ciclico di un
pannelloinXlamdurantelanalisi(b)...................................................................................................................................................98
Figura3.31LayoutdeipannelliinXlamtestati(Gavricetal.,2012).................................................................................................99
Figura3.32ConfrontonumericosperimentalesuparetiinXlamaccoppiatesoggetteacaricociclico............................................99
Figura3.33ConfrontonumericosperimentalefraenergietotalisviluppateduranteiltestdelleparetiinXlamaccoppiate........100
Figura3.34FotodelleultimefasidellacostruzionedelledificiomonopianoinXlampressoillaboratoriodellUniversitdiTrento
.............................................................................................................................................................................................................101
Figura3.35Setupsperimentaleadottatoperlaprovadelledificio(a)epiantadellaconfigurazioneasimmetrica(misureinm)(b)
.............................................................................................................................................................................................................101
Figura 3.36 Disposizione delle molle nel modello (a) e contour dello spostamento e deformata (amplificata 20 volte) durante la
provaciclica(b)....................................................................................................................................................................................102
Figura3.37StoriadispostamentodellattuatoredurantelaprovasperimentaleconilsismadiKobeJMA0.5g............................102
Figura3.38Confrontonumericosperimentalesullarispostaciclica(taglioallabasevs.spostamentoinsommit)delledificio(a)e
andamentoneltempodellenergiatotale(b).....................................................................................................................................103
Figura3.39LayoutdeltestsperimentalesuparetiatelaioleggerocondottoaKassel(misureinm).............................................104
Figura3.40Risultatisperimentalisuunsingolochiodo(trattosottile)efittingnumerico(trattospesso)......................................105
Figura3.41StoriadispostamentoperlanalisidellaparetesecondoilprotocolloISO21581.........................................................105
Figura3.42Deformatadellaparete(pannellietelaio)(a)edeformatadelsolotelaio(b)..............................................................106
Figura3.43Schermatadelprogrammapervisualizzareilcomportamentoneltempodiognimolla..............................................106
Figura3.44Confrontonumericosperimentaleinterminiditaglioallabasecontrospostamentoinsommitperlapareteatelaio
leggero.................................................................................................................................................................................................107
Figura3.45LayoutdellaparetetestatadaDolan(1989)..................................................................................................................107
Figura 3.46 Calibrazione del modello del chiodo sul test sperimentale eseguito in (Fischer et al., 2001) (a) e calibrazione
modificatadelmodellodelchiodo(b)(diagrammiinforzaespostamento,inmmekN)..................................................................109
Figura3.47Deformatadellaparetesoggettaaspostamentoorizzontaleinsommit.....................................................................109
Figura 3.48 Confronto numericosperimentale del comportamento ciclico in taglio alla base vs. spostamento in sommit della
paretetestata(Dolan,1989)...............................................................................................................................................................110
Figura3.49Comportamentoistereticointaglioallabasevs.spostamentodelleparetimodellate,alvariaredellalorolarghezza110
Figura3.50Schematizzazionedellapareteconmollediagonaliequivalenti(approccioM2)..........................................................111
Figura3.51Calibrazionedellemollediagonaliperlapareteda762mmdilunghezza(inmmekN)...............................................111
Figura3.52Calibrazionedellemollediagonaliperlapareteda915mmdilunghezza(inmmekN)...............................................111
Figura3.53Calibrazionedellemollediagonaliperlapareteda1220mmdilunghezza(inmmekN).............................................112
Figura3.54Calibrazionedellemollediagonaliperlapareteda2440mmdilunghezza(inmmekN).............................................112
Figura3.55Vistaschematicadelledificioanalizzato,scompostoinmoduli,ciascunorappresentanteunaparete........................113
Figura3.56TestdelledificiosutavolavibrantepressoUCSanDiego(trattadaFischeretal.,2001).............................................113
Figura3.57AccelerogrammainfrazionidigdelsismadiNorthridge(1994,Rinaldistation)..........................................................114
Figura3.58Vistaassonometricadelmodellodelledificiocontruss,mollediagonalieshelldipiano.............................................114
Figura3.59Confrontonumericosperimentaleperledificiointerminiditaglioallabasespostamentoinsommit...................115
Figura3.60VistaassonometricadelmodellodiDu(2003),riprodottoinAbaqus...........................................................................115
Figura3.61Interstoreydriftperilprimopianodelledificio,modellodiDu(2003).........................................................................116
Figura3.62Interstoreydriftilpianodicopertura,modellodiDu(2003).........................................................................................116
Figura3.63ConfrontonumericofrairisultatiottenutiinAbaquseilmodellodiDu(2003)...........................................................116
Figura3.64Risultatodeltestciclicoeseguitosuungiuntocon4tubididiametro28mm..............................................................117
Figura3.65Confrontonumericosperimentaleperlaprovasuiconnettoritubolarididiametro28mm(inradkNm,screenshotdal
programmaSo.ph.i.v.4)......................................................................................................................................................................117
Figura3.66Vistaestrusadelledificioperilcasostudio(a)egeometriaedisposizionedellemolleneltelaioanalizzato(b)..........118
Figura3.67Spettroelasticoediprogettoperledificioanalizzato..................................................................................................118
Figura3.68Layoutdellaconnessionecon12tubimetallicineltelaioanalizzato(misureinmm)...................................................119
Figura3.69Layoutdellaconnessionecontubimetallicineltelaioanalizzato(misureinmm)........................................................119
Figura3.70Curvadiregressioneperunconnettoremetallicodi35mmdidiametro(Leijten,1998)..............................................120
Figura 3.71 Calibrazione della molla rappresentante il giunto sui dati ottenuti dallestrapolazione (in radkNm, screenshot dal
programmaSo.ph.i.v.4)......................................................................................................................................................................121
Figura3.72Curvedipushoverdeltelaioanalizzatoeraggiungimentodeidiversistatilimite.........................................................121
Figura 3.73 Accelerogramma #1 generato per le analisi dinamiche del telaio (a) e tipico comportamento della molla rotazionale
durantelanalisidinamicanonlineare(b)...........................................................................................................................................122
Figura3.74Evoluzioneneltempodeltagliodibasenellastrutturaelasticaeinelastica.................................................................123
Figura3.75ValoridelfattoredistrutturainfunzionedellePGAutilizzateperlIDAconilsecondoaccelerogrammagenerato.....123
Figura3.76ValoridelfattoredistrutturainfunzionedellePGAutilizzateperleIDA......................................................................124
Figura4.1Spettrielasticidegliaccelerogrammiselezionati(a)emediadeglispettriconsideraticonfrontataconlospettrofornito
dallEC8(b)..........................................................................................................................................................................................126
Figura4.2Leggeistereticafulldissipative.....................................................................................................................................126
Figura4.3Leggeistereticaflagshape...........................................................................................................................................127
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 7

Figura4.4Leggeistereticasliptype..............................................................................................................................................128
Figura4.5Schemadicalcoloutilizzatodallalgoritmodibisezione..................................................................................................128
Figura4.6RappresentazionegraficadelleenergiedissipataedideformazioneelasticaperlEq.4.6.............................................131
Figura4.7SpettroinelasticomedioperilcasoEPconduttilitparia2...........................................................................................132
Figura4.8SpettroinelasticomedioperilcasoEPconduttilitparia4...........................................................................................132
Figura4.9SpettroinelasticomedioperilcasoEPconduttilitparia6...........................................................................................132
Figura4.10SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia2eC
F
=0.01.........................................................................133
Figura4.11SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia4eC
F
=0.01.........................................................................133
Figura4.12SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia6eC
F
=0.01.........................................................................133
Figura4.13SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia2eC
F
=0.35.........................................................................134
Figura4.14SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia4eC
F
=0.35.........................................................................134
Figura4.15SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia6eC
F
=0.35.........................................................................134
Figura4.16SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia2eC
F
=0.35.........................................................................134
Figura4.17SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia4eC
F
=0.99.........................................................................135
Figura4.18SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia6eC
F
=0.99.........................................................................135
Figura4.19SpettroinelasticomedioperilcasoSTconduttilitparia2.........................................................................................135
Figura4.20SpettroinelasticomedioperilcasoSTconduttilitparia4.........................................................................................135
Figura4.21SpettroinelasticomedioperilcasoSTconduttilitparia6.........................................................................................136
Figura4.22SpettroinelasticomedioperilcasoEPconduttilitparia2.........................................................................................136
Figura4.23SpettroinelasticomedioperilcasoEPconduttilitparia6.........................................................................................136
Figura4.24SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia2eC
F
=0.01.........................................................................137
Figura4.25SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia6eC
F
=0.01.........................................................................137
Figura4.26SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia2eC
F
=0.35.........................................................................137
Figura4.27SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia6eC
F
=0.35.........................................................................137
Figura4.28SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia2eC
F
=0.99.........................................................................138
Figura4.29SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia6eC
F
=0.99.........................................................................138
Figura4.30SpettroinelasticomedioperilcasoSTconduttilitparia2.........................................................................................138
Figura4.31SpettroinelasticomedioperilcasoSTconduttilitparia6.........................................................................................138
Figura4.32Andamentodelleenergieneltempoconlaccelerogramma#9perilcasoEPconduttilitparia6,perT=1.0s..........139
Figura4.33Andamentodelleenergieneltempoconlaccelerogramma#9perilcasoFSconduttilitparia6eC
F
=0.01,perT=0.3s
.............................................................................................................................................................................................................139
Figura4.34Andamentodelleenergieneltempoconlaccelerogramma#9perilcasoSTconduttilitparia4,perT=0.3s..........140
Figura4.35SpettromediodelleenergieperilcasoEPconduttilitparia2...................................................................................140
Figura4.36SpettromediodelleenergieperilcasoFSconduttilitparia2eC
F
=0.01....................................................................140
Figura4.37SpettromediodelleenergieperilcasoSTconduttilitparia2....................................................................................141
Figura4.38Geometriadeltelaioanalizzato(misureinm)...............................................................................................................141
Figura4.39Spettrodellaccelerogrammageneratoaconfrontoconquelloelastico(a)eaccelerogrammageneratocontroiltempo
(b)........................................................................................................................................................................................................142
Figura4.40CurvadicapacitperilcasoEPconT=0.3se=2..........................................................................................................142
Figura4.41CurvadicapacitperilcasoFSconC
F
=0.01conT=0.3se=2......................................................................................143
Figura4.42CurvadicapacitperilcasoSTconT=0.3se=2..........................................................................................................143
Figura4.43CurvadicapacitperilcasoEPconT=1.0se=2..........................................................................................................143
Figura4.44CurvadicapacitperilcasoFSconC
F
=0.01conT=1.0se=2......................................................................................144
Figura4.45CurvadicapacitperilcasoSTconT=1.0se=2..........................................................................................................144
Figura4.46CurvadicapacitperilcasoEPconT=2.0se=2..........................................................................................................144
Figura4.47CurvadicapacitperilcasoFSconC
F
=0.01conT=2.0se=2......................................................................................145
Figura4.48CurvadicapacitperilcasoSTconT=2.0se=2..........................................................................................................145
Figura4.49EnergiainingressoneltempoaT=1.0se=2................................................................................................................145
Figura4.50EnergiaplasticaneltempoaT=1.0se=2.....................................................................................................................146
Figura4.51EnergiadismorzamentoneltempoaT=1.0se=2.......................................................................................................146
Figura4.52EnergiacineticaneltempoaT=1.0se=2....................................................................................................................146

8 GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

1 Introduzione

Lesigenza di modellare le strutture in campo ciclico si fatta sempre pi pressante negli ultimi
decenni, grazie anche allevoluzione normativa atta ad indirizzare il professionista verso i concetti del
Performance Based Design (Priestley et al., 2005). Tale esigenza trova il suo pi naturale sviluppo nella
ricercadimodelliciclicinonlinearichepossanosimulareinmodoaccuratolarispostaciclicadellastruttura.
Questo lavoro si focalizza sullo studio delle strutture in muratura non armata e in legno, per le quali si
avvertelamancanza,alivelloaccademicoepratico,dimodellicicliciaccurati.
Per le murature, di tipo non armato, si prendono in considerazione strutture caratterizzate da una
regolaritcostruttivataledaconsentireingenereunamodellazioneatelaioequivalente.Perillegnosono
analizzatelestruttureincrosslam(acronimopercrosslaminatedtimberbuilding,inseguitoabbreviatoin
Xlam)eatelaioleggero,cherappresentanolasfidacostruttivapiimportantedelsettorenegliultimianni.
Siaperlestruttureinlegnocheperlemurature,vieneformulataunaleggedicomportamentociclicaditipo
fenomenologicoattaarappresentareilcomportamentodiunsingoloelementostrutturale(connettoreper
legno o pannello murario). La scelta di operare a livello di elemento dettata dalla convenienza
computazionalechequestemodellazionifenomenologichecomportano,ancheseinmolticasinecessaria
unataraturapreventivasuunnumerodiparametrispessoelevato.Diversicasistudiosonoanalizzatialfine
di validare i modelli proposti. Gli strumenti sviluppati rivestono un ruolo importante per lo sviluppo di
analisiaccuratedivulnerabilitsismicaedistimadellenergiadissipataperciascunatipologiastrutturale.La
stimadiquestepropriet,chedipendonofortementedallacapacitdelmodelloadottatodirappresentare
la reale risposta ciclica, potranno consentire lo sviluppo di criteri di progetto e di verifica sempre pi
accuratiedattendibili.

In questo lavoro di tesi, in particolare, il capitolo 2 dedicato al materiale muratura: dopo una
presentazione delle sue caratteristiche, vengono discussi i metodi di progetto relativi e gli avanzamenti
dellaricercainquestocampofinoaigiorninostri.Successivamentevieneillustratounmetodosemplificato
per ottenere la curva di capacit di una struttura in muratura, a partire dalla geometria e dalle
caratteristichedelmateriale,denominatoRigStripTS.
Neisottoparagraficheseguono,vienepresentatounmodelloperlanalisinonlinearestaticaedinamicadi
una qualsiasi struttura in muratura, che si avvale, per la modellazione, del metodo del telaio equivalente.
Talestrumentovalidatosudiverseprovesperimentali,siadisingolipannelli,siadiinteriedifici.

Nelcapitolo3vengonotrattatelecostruzioniinlegno,apartiredaunapresentazionedelmaterialeedelle
leggi costitutive pi utilizzate. In seguito, alcuni modelli di letteratura per la caratterizzazione ciclica delle
piimportantitipologieinlegnosarannoillustratiecommentati,perpoidescrivereecomparareilmodello
sviluppato.Ilmodello,sviluppatoinizialmenteperlestruttureinXlam,vienevalidatosullabasedirisultati
sperimentalidiproveciclichesuparetiededifici.Essostatoinfineestesoadaltretipologie,qualiiltelaio
leggeroeiltelaiotradizionaleinlamellare.

Allalucedeimodelliciclicipresentatineiprecedenticapitoli,ilcapitolo4sioccupadivalidaregliapproccidi
verificaglobaleinelasticadellestrutturepropostiattualmentedallenorme,qualiilmetodoN2eilmetodo
dellospettrosovrasmorzato.TalestudiosibasasulcalcolodispettriinelasticidisistemiSDOFcaratterizzati
da un diverso comportamento ciclico (riconducibile a quello delle strutture in acciaio, in legno e in
muratura)esullanalisideglispettriottenuti.Lobiettivodellavoropresentatoquellodivalidareimetodi
citatialvariaredellenergiadissipatadallastrutturaanalizzata.
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 9

2 La muratura

Le costruzioni in muratura, assieme a quelle in legno, sono notoriamente tra le pi antiche utilizzate
dalluomo, grazie ad unampia disponibilit di materiali utilizzati e alla loro semplicit costruttiva. Per le
murature,ilprocedimentocostruttivo,ciolassemblaggiodimaltaeblocchidipietraolaterizio,rimasto
invariato nel corso tempo; sono cambiate solamente la qualit dellelemento legante (malta) e le
dimensioni e le caratteristiche dei laterizi (per i quali oggi esiste una grande variet a seconda delle
caratteristiche volute, come peso, percentuale di foratura, dimensione), o delle pietre (diverso materiale,
squadrate,sbozzate,ecc.).
Altre importanti caratteristiche che rendono la muratura una delle principali tipologie costruttive sono
laspetto,lasolidit,ladurabilit,ilconforttermicoeacusticoelaresistenzaalfuoco.
Contrariamente alla sua diffusione, la muratura non ha, a tuttoggi, metodi di calcolo evoluti che nel
contempo siano efficienti e generali, e che permettano una stima accurata del suo comportamento, sia
statico che dinamico, a causa della complessit di modellazione, dovuta principalmente alla non
omogeneit della muratura e alla complessit di caratterizzazione delle diverse componenti che la
costituisconoecaratterizzano.

2.1.1 Caratteristiche generali e caratterizzazione normativa


2.1.1.1 Gli edifici in muratura

Comedetto,lamuraturacostituitadaunaggregatodielementiresistentiartificialionaturali(mattonio
pietre) sovrapposti in opera e legati, con eccezione delle murature a secco, dalla malta. Oltre che per fini
strutturali, la muratura utilizzata anche per tamponamento, suddivisione fra vani diversi, finitura (mur.
faccia a vista) o per esigenze acustiche o termiche (barriere). Inoltre, grazie alla versatilit del materiale,
essa pu essere anche armata con tondini in acciaio per aumentarne la resistenza e la duttilit. In questo
lavoroverranalizzatalamuraturastrutturale(portante)nonarmata.

Lorganizzazionestrutturalediunedificioinmuraturanecessariamentescatolare,alfinediresisterealle
azioni orizzontali (vento forte, sisma): si distinguono per ogni direzione di applicazione delle forze
orizzontali,imuriportantiicarichiverticali,imuridicontroventoeisolaidipiano,qualielementistrutturali
costituenti il sistema. Ogni parte, per essere pienamente collaborante nel sistema scatolare, deve essere
connessa rigidamente alle altre; per questo motivo necessario avere un buon ammorsamento fra pareti
portantieortogonali,efraparetiesolaidipiano(Figura2.1).

Figura2.1Elementidelsistemaresistentescatolare(sinistra)ecomportamentodellinsiemedipareti
nelcasodiperfettoammorsamentofraloro(destra).

Tale sistema assicura dunque il corretto funzionamento delle pareti murarie, che lavorano
prevalentemente per le azioni nel proprio piano, dove il momento dinerzia della sezione maggiore. La
10GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

sproporzione fra resistenza nel piano e fuori piano in genere tale da poter trascurare questultima nella
caratterizzazionemeccanicaperquantoriguardailtaglioresistentefornitoallacostruzionedaognisingola
parete.
2.1.1.2 Caratterizzazione resistente del materiale muratura

La valutazione della resistenza massima delle pareti murarie un aspetto progettuale fondamentale e nel
contempodifficiledastimare,acausadellanisotropiadelmaterialedelsuocomportamentofragile.
Laresistenzadellamuraturafunzionedelleresistenzedeisuoielementicostituenti,mattoniemalta.Per
gli elementi naturali (pietre squadrate, pietrame, tufo, argilla, ecc.), vista la notevole variabilit, tale
resistenzacaratterizzataessenzialmentesullabasediprovesperimentali.
Perglielementiartificiali(laterizio,calcestruzzo,ecc.)laresistenzavienespessofornitadirettamentedalle
norme sulla base di unapposita classificazione, basata sul materiale, sulle specifiche (UNI EN 771 per la
normaitaliana)esullapercentualediforatura.
Anche le malte sono classificate sulla base della loro resistenza media a compressione. Esse sono infatti
organizzate in classi di resistenza denominate con la lettera M seguita dal valore resistente in MPa (es.
M10=maltaconresistenzaacompressione10MPa).
Il valore di riferimento per una muratura la sua resistenza a compressione, essendo quella a trazione
molto ridotta. Le normative italiane ed europee forniscono tabelle per la stima della resistenza a
compressione della muratura sulla base di tipo di malta e di mattone. LEurocodice 6, al punto 3.6.1.2,
fornisce una relazione analitica generale per ricavare la resistenza a compressione della muratura in
funzionedellaresistenzadeimattoniedellamalta,riportatanellEq.2.1.

k b m
f Kf f
o |
= (Eq.2.1)

incui:
k
f laresistenzacaratteristicaacompressionedellamuraturainMPa
K unacostantefunzionedeltipoditessitura,ricavabiledaunatabella
b
f laresistenzamediaacompressionedeimattoniinMPa
m
f laresistenzaacompressionedellamaltainMPa
, o | sonocostantiperognitipologiadimuratura,taratesuprovesperimentali.

a. b.
Figura2.2(a)Legamicostitutiviuniassialetipicidellamalta(pediceM)edimattoniinlaterizio(pediceL)
(trazionepositiva),(b)Legamecostitutivouniassialedellamuratura(compressionepositiva)

In regime uniassiale, il legame costitutivo assume la forma riportata in Figura 2.2.b (Lourenco, 1998): la
resistenzaatrazionemoltoinferiorediquellaacompressione.
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 11

Il comportamento reale della muratura comunque alquanto complesso a causa della diversa
deformabilit di malta e laterizio e per la presenza di direzioni preferenziali per la fessurazione, guidate
principalmente dalla disposizione dei corsi di malta. Il comportamento della muratura pertanto
fortemente ortotropo, il che obbliga a valutare opportunamente il suo comportamento in regime
pluriassiale. Per stati di sollecitazione piana, un criterio utilizzato quello di CapursoSacchi, la cui
superficiedirotturadefinitadallEq.2.2.

det[ ] 0
R
o o + = (Eq.2.2)
incui:

11 12
21 22
[ ]
o o
o
o o
| |
=
|
\ .
lamatricerappresentantelostatotensionalenelpannellomurario

1
2
0
[ ]
0
R
R
R
o
o
o
| |
=
|
\ .
lamatricedelleresistenzeacompressionenelle2direzioni.

Considerando lEq. 2.2 in termini di tensioni principali, si pu notare come la superficie di rottura definita
dalcriteriocambialvariaredellangoloincuisisviluppanoletensioniprincipali(Figura2.3).

Figura2.3SuperficidirotturadiCapursoSacchialvariaredellangolonellospaziodelletensioniprincipali

Inpresenzaditaglioesforzonormale,siassumeingenereuncomportamentoallaCoulomb(Eq.2.3),dove
ilvaloredellaresistenzacaratteristicaataglio
vk
f dipendedaunaquotapermanenteindipendentemente
dalle condizioni di carico (detta taglio resistente in assenza di sforzo normale,
0 vk
f ) e una quota
dipendentedallapressioneassialepresentesullaporzionedimuraturaconsiderata.NellEq.2.3siriportala
relazionepropostadallanormaitaliana,cheassumeunatangentedellangolodattritoparia0.4.
0
0.4
vk vk
N
f f
b t
= +

(Eq.2.3)
dove:
blalarghezzadelpannello
tlospessoredelpannello
Nlosforzoassialepresente

A livello professionale, la muratura viene trattata come materiale omogeneo e isotropo. La normativa
italiana(NTC2008)riportaintabellaC8.A.2.1alcunecaratteristichedautilizzateperlamuraturainassenza
didatisperimentali(Figura2.4).
12GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Le modalit di scelta dei parametri fra minimo e massimo forniti in tabella sono funzione delle
caratteristiche della malta, dello spessore sei giunti, della presenza o meno di listature o ricorsi e di
elementidicollegamentotrasversalefrapareti.

Figura2.4Estrattodinormativaitalianasullecaratteristichedellemuratureesistenti(daNTC2008,tabella
C8.A.2.1)
2.1.1.3 Resistenza di pannelli murari

La resistenza di pannelli murari passa per la definizione del loro comportamento meccanico. Magenes e
Calvi(1997)evidenzianotrediversimeccanismidicollasso:
1. Rocking,cheavvianequandonelpannello,soggettoacarichiorizzontali,sifessuranoilettidimalta
a trazione e il taglio ripreso dalla parte di muratura compressa. Il collasso avviene per
ribaltamentodelmuroesimultaneafessurazioneagliangoli;
2. Rotturapertaglio,incuisimanifestaunafessuradiagonalelungotuttoilpannello;
3. Scorrimento, dovuto alla formazione di piani di scorrimento nei letti di malta orizzontali causata
dalleazionisismiche.
La nuova norma italiana, di impronta spiccatamente prestazionale, mutua molte verifiche relative alla
muratura dagli Eurocodici 6 e 8, individuando anche, implicitamente, i meccanismi di collasso pi comuni
permaschiefascemurarie.
noto come il comportamento dei maschi murari sia fortemente condizionato in termini resistenti dal
livello di sforzo assiale al quale sono sottoposti. La normativa italiana correla la resistenza tagliante e
flessionaleallosforzoassialepresenteconlerelazioniespostebrevementenelseguito.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 13

Il primo meccanismo analizzato quello flessionale (detto di rocking), un cui si sviluppano fessure agli
angolipoichilpannellotendeeruotarecomecorporigido.Sipuesprimereiltaglioresistenteassociato
almeccanismoinfunzionedelmomentoresistenteedelladistanzadelpuntodinullodelmomento
0
h .

1 1, 0 p
M V h = (Eq.2.4)

Lespressioneseguente,considerandolasezionedibasedelpannelloestimandolostressblocksullabase
dellaresistenzaacompressionedellamuratura(Figura2.5),fornisceiltaglioresistenteperpressoflessione:

1,
0
1
2
p
d d
N b N
V
h k b t f
| |
=
|

\ .
(Eq.2.5)
dove:
blalarghezzadelpannello
tlospessoredelpannello
hlaltezzadelpannello
0
h ladistanzadelpuntodinullodelmomento
Nlosforzoassiale
d
f laresistenzadicompressionediprogetto
d
k ilfattoredidistribuzionedelletensioni,assuntoparia0.85.

Figura2.5Schemadicalcoloperlarotturaapressoflessione

Il secondo meccanismo di rottura rappresentato dallo scorrimento per taglio, che accade generalmente
quando laltezza del pannello uguale o inferiore alla sua larghezza (fattore di forma vicino allunit) e lo
sforzo assiale basso. In questo meccanismo, le fessure appaiono lungo una sezione orizzontale del
pannello,causandoloslittamentodellapartesuperiore.Considerandointalesezionelapartecompressab
(Figura2.6A.),laresistenzaatagliosipuscriverecomeinEq.2.6.

2,
'
p vd
V f b t = (Eq.2.6)
incui:
3 3
'
2
e
b b
b
| |
=
|
\ .
lalarghezzacompressadellasezioneconsiderata; (Eq.2.7)
0
V h
e
N

= leccentricitdelcarico; (Eq.2.8)
14GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

SostituendoleEq.(2.7)e(2.8)in(2.6),siottienelEq.(2.9).
0
2
0 0
1.5 0.4
3
1
vk
vk
b t f N
V
h t f
N
+
=

+
(Eq.2.9)

Figura 2.6 Schema di calcolo per la rottura a taglioscorrimento (A.) e per la fessurazione diagonale (B.)

Il terzo meccanismo considerato quello proposto da Turnsek e Cacovic (1971) sulla base di risultati
sperimentali su maschi murari caricati assialmente e lateralmente nel loro piano. Questa modalit di
collassoprovocatadalletensioniprincipaliditrazionechesisviluppanoalcentrodelpannello,epertale
motivo le fessure si sviluppano lungo le diagonali (Figura 2.6B.). La resistenza a taglio che il meccanismo
esplicapuesserecalcolataconlEq.2.10.

3
1.5
1
td
td
f bt N
V
f bt
= + (Eq.2.10)
con:
bbasedelpannello
tspessoredelpannello
haltezzadelpannello
h
0
altezzadelpuntodinullodeldiagrammadelmomentoflettente
Nforzaassiale
f
vk0
resistenzadellamuraturaatagliopuro
f
m
resistenzamediaacompressionedellamuratura
f
td
resistenzaatrazione
parametrodiTurnsekCacovic,dipendentedalfattorediformah/b.

Iltaglioresistentedelpannellofornitodallaminimaresistenzacalcolataperitremeccanismiesposti.Ci
significaconsiderarelinviluppominimodellecurvepresentateinFigura2.7.

1 2 3
min( , , )
Rd
V V V V =
(Eq.2.11)

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 15

Figura2.7Dominiresistentiadimensionaliperimaschimurarisecondoitremeccanismiesposti

Perlefasce,cheusualmentehannounosforzonormalemoltoridotto,laresistenzaconsiderataquellaa
tagliopuro:

, 0 Rd F vk
V b t f =
(Eq.2.12)

Laresistenzaflessionaledellefasceinvececalcolatacome:

, ,
0
1
2 0.85
P P
Rd pr F
m
b H H
V
h b t f
| |
=
|

\ .
(Eq.2.13)

con
P
H compressioneindottanellafasciaacausadelrockingchevieneimpeditoperlapresenzadicordoli
otiranti.Lanormaimponeinoltrediconsiderare
P
H parialminimofra 0.4
hc
f h t ,con
hc
f resistenzaa
compressioneorizzontale,elaresistenzaatrazioneditirantiocordolidipiano.
Sempre la norma italiana specifica che il valore resistente da assumere per la fascia il minimo fra quello
fornito dalle Eq.2.12 e 2.13, pertanto in assenza di cordoli di piano o di tiranti la resistenza di progetto
nulla,poichilvaloreresistenteinEq.2.13pariazero.
2.1.2 Modellazione della muratura

La modellazione delle strutture in muratura rimane unoperazione complessa poich esse non possono
essere efficacemente trattate con le ipotesi semplificative comuni (isotropia, comportamento elastico,
omogeneit del materiale) e perch i metodi di costruzione degli edifici in muratura sono molto diversi in
funzionedellatipologiastrutturale,delmaterialeimpiegatoedellatradizionecostruttiva.
La modellazione della muratura pu essere sviluppata con diverse tecniche, a partire dalla
schematizzazione adottata per geometria della struttura e dal tipo di elemento finito scelto
(monodimensionale,bidimensionale,solido).
16GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Uno dei metodi pi utilizzati il metodo del telaio equivalente. Allinterno di questo approccio, maschi e
fasce sono discretizzati in elementi trave, connessi fra loro da link rigidi, rappresentanti le regioni nodali
delle pareti. Ogni asta o trave caratterizzata dalla sezione reale del muro, considerando sia la rigidezza
flessionalechetagliante,questultimaparticolarmenteimportantenelcasodipannellitozzi.Nelcorsodegli
annisonostatepropostediverseregoleperridurrelapareteadunassemblaggiodiaste;inquestolavoro
stata adottata la proposta di Dolce (1989). Le indicazioni suggerite da Dolce sono state riassunte
graficamentenellaFigura2.8.

Figura2.8Rappresentazioneschematicadelmetododeltelaioequivalente

UsandolanotazionepropostainFigura2.8,lalunghezzadeltrattodeformabilepuesserecalcolatacome
segue:
( ')
'
3 '
eff
L H h
H h H
h

= + s (Eq.2.14)
dove:
eff
H lalunghezzadellapartedeformabile;
' h unalunghezzaconvenzionalemisuratacomeinFigura2.8;
L lalarghezzadelpannello;
H laltezzadelpannello.

Un secondo metodo per analizzare la muratura quello basato sullutilizzo di elementi bidimensionali,
tipicamente plate (o shell). A differenza del modello precedente che assume le zone nodali rigide, questi
elementi modellano la muratura nel suo insieme, e, associati a modelli del materiale adeguati, sono in
gradodirappresentarelostatotensionaleedeformativonelpianodelpannello(Figura2.9).

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 17

a. b.
Figura2.9Modellazionediunaparetemurariaconelementiplate(a.)estatotensionaledopo
lapplicazionedicarichiverticalielaterali(b.)

Infine,possibilemodellareleparetimurarieconelementisolidi(brick),iqualipossonorappresentare,con
unmodellodelmaterialeopportuno,ancheglistatitensionalilungolospessoredelpannello(Figura2.10).

a. b.

Figura2.10Modellazionediunaparetemurariaconelementisolidi(a.)estatotensionaledopo
lapplicazionedicarichiverticalielaterali(b.)

Imodelliespostifinorarichiedonounaomogeneizzazionedelmateriale,cioassumonoinaltreparolecheil
materiale sia omogeneo lungo tutto lelemento. Esistono anche tecniche di modellazione solida che non
presuppongonotalepassaggio,esarannotrattatenelseguito.

2.1.3 Il problema sismico

Linteresse per il comportamento sismico delle strutture in muratura ha raggiunto un livello di particolare
attenzione soprattutto nel nostro Paese, dove eventi sismici recenti (Abruzzo 2009, Emilia 2012) hanno
messo in crisi questa tipologia strutturale in molti centri storici (basti pensare ad esempio a LAquila e
Finale Emilia). La grande variet di edifici storici presenti nel nostro territorio infatti rende inevitabile la
ricercadimetodidiverificaedirecuperoditaliedifici,facentipartedelpatrimonioculturaleitaliano.
18GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Lapirecenteversionedellanormativaitaliana,ilD.Min.Infrastrutture14gennaio2008,dedicaunintero
paragrafo alle verifiche sismiche per gli edifici esistenti (lottavo capitolo, anche se buona parte dei
contenutisiritrovanonellaCircolareApplicativa02febbraio2009).
Dal punto di vista del progettista, le capacit inelastiche della struttura sono definite tramite luso di un
fattoredistrutturaappropriato.SiriportanoinFigura2.11,percompletezzaespositiva,ifattoridistruttura
adottatidallanormaitalianaperstruttureinmuratura,nuove(cap.7.8NTC2008)edesistenti(cap.C8.7.1).

Figura2.11Fattoridistrutturadaadottarsiperlenuovecostruzioniinmuratura(estrattoNTC2008)

LaCircolareApplicativa671specificainoltreche,perstruttureesistenti,ilfattoredistrutturadaassumersi
:
1
2.0
u
q
o
o
= pergliedificiregolariinelevazione;
1
1.5
u
q
o
o
= pertuttiglialtricasi.
Globalmente quindi il fattore di struttura varia, per la muratura ordinaria, da un massimo di 3.6 ad un
minimodi2.25nelcasodiedificioesistenteirregolareinelevazione.
In presenza di azioni sismiche orizzontali valgono i criteri resistenti esposti nel paragrafo precedente, da
utilizzarsi con le sollecitazioni ricavate da un calcolo elastico se si prendono in considerazione i valori
resistenti di progetto, o da un calcolo non lineare se si assumono le caratteristiche resistenti medie delle
muratureverificate.Nelprimocasosiassumonocomevaloridiprogettoleresistenzecaratteristichedivise
perunfattore
M
chevariada2.0a3.0infunzionedellacategoriadiesecuzione(IoII)edeltipodimalta
(Eq.2.15).

;
k vk
d vd
M M
f f
f f

= = (Eq.2.15)

Nelsecondocasoivaloridaprendereinconsiderazionisonoquellimedi,derivatidaprovesperimentali.La
norma NTC2008 suggerisce inoltre un valore da assumere per la resistenza a taglio in assenza di prove
sperimentali(Eq.2.16).

0
0
0.7
vk
vm
f
f = (Eq.2.16)

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 19

Inquestolavorocisiconcentrerprincipalmentesuquestoultimoaspetto,chepermette, neicasiincuiil
fattoredistrutturasottostimilacapacitdissipativa(ingenerequellocheaccadepergliedificiesistenti),
disfruttaremegliolerisorsedelmateriale.

2.1.4 Metodi di calcolo avanzati

Negliultimiannisonostaticompiutimoltitentativipersvilupparemodellidicalcoloefficaciperlestrutture
in muratura. I risultati pi validi sono stati ottenuti nella modellazione di pareti soggette a carichi statici
monotoni, mentre un modello efficiente per la caratterizzazione ciclica delle murature non ancora stato
sviluppato.
Lanecessitdiunmodellociclicononlineareaffidabileemersanegliultimianniinrelazioneallasempre
maggioreimportanzadellanalisidinamicanonlineareecontemporaneamenteallamaggiordisponibilitdi
potenzadicalcolooffertadaimodernicomputer,capacidigestireanalisidipesoecomplessitimpensabili
sinoaqualcheannofa.
Numerosi sono in letteratura i modelli utilizzati, soprattutto in condizioni monotone, per la
caratterizzazione non lineare della muratura. In via semplificata, essi possono essere suddivisi in quattro
categorie:
1. modellibasatisulmetodisemplificatiatelaioequivalente,
2. modellicheutilizzanomollenonlineariocerniereplastiche(plasticitconcentrata),
3. modellichefannousodimacroelementi,
4. modellibasatisullaplasticitdiffusa(biotridimensionali)delmateriale.
Per lultima categoria necessario infine distinguere la scala di modellazione. Esistono infatti modelli che
rappresentano la muratura in modo omogeneo e isotropo, mentre altri scendono nel dettaglio e
caratterizzano ognuna delle componenti della muratura, malta e mattone, a livello locale (es. modelli in
mesoscala).

2.1.4.1 Modelli semplificati a telaio equivalente

Imetodibasatisuunmodelloatelaioequivalenteconsistononelmodellarelastrutturacontrattiflessibilie
tratti rigidi, connessi fra loro da elementi unidimensionali non lineari atti a formare un telaio. La non
linearitmessaincontotramitelaplasticizzazionedeglielementimaschioefascia.
Ilprimometodosignificativochehaadottatoquestametodologia,introdottoancheinItalia,fuilmetodo
POR,propostodaTomazevic(1978).Talemetodosibasavasualcuneipotesifondamentali:
- Diaframmadipianoinfinitamenterigido;
- Fasceemaschimurarimodellaticonelementimonodimensionali;
- Fasceinfinitamenterigideeinfinitamenteresistenti;
- Maschiconcomportamentoelastoplastico,aiqualieraassociatoilsolocriteriodirotturaataglio;
- Forzaassialeneimaschimurariassuntacostantedurantelanalisi.
Ilmetodo,facendousodiunaduttilitassegnataalpannello,permettevadiricavarelospostamentoultimo
e la capacit resistente della struttura in modo estremamente semplice. Lanalisi veniva effettuata
separatamentepianoperpiano,imponendounospostamentolateralecrescentefinoacollasso.Ognipiano
eracostituitodamaschimuraripostiinparalleloaiqualisiassegnavalasolarigidezzatagliante.Larisposta
globaleeraottenutasullabasedeitaglicomplessividipianoelospostamentoultimoeradeterminatodal
primo piano che collassava. Linterazione fra i piani non veniva considerata, come pure non era
correttamenteconsideratoilcontributodellefascemurarie,supposteinfinitamenterigideeresistenti,con
ilrisultatodisovrastimare,ingenere,larigidezzaelaresistenzadelledificio.
Per superare i limiti del POR, fu introdotto da Braga e Monti (1982) il metodo PORFLX. Le modifiche
apportatedaquestapropostaalmetodoPORriguardavanoleipotesidipartenza:
- Fasceinfinitamenterigidemanoninfinitamenteresistentipertaglioeflessione;
- Maschi con comportamento elastoplastico ai quali si associa un criterio di rottura a taglio e a
pressoflessione;
20GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

- Forzaassialeneimaschimurarivariabiledurantelanalisi;
- Analisiatelaioequivalentedellinterastrutturamuraria.
QuestometodofornivaunarispostainterminidiresistenzageneralmenteinferiorealPORpoichlefasce
non erano considerate infinitamente resistenti e la variazione dello sforzo normale dovuto alleffetto
ribaltantedellinterotelaio,indottodalsisma,riducevafortementelaresistenzadeimaschi.

Nellottica di migliorare questi approcci semplificati, stato sviluppata in questo lavoro unulteriore
evoluzionedelmetodoPORFLX.TalemetodostatodenominatoRigStripTSeverrespostonelseguito.

2.1.4.2 Modelli a plasticit concentrata

Negli ultimi anni questo tipo di modellazione caratterizza la gran parte delle analisi non lineari svolte in
campo professionale e non. Grazie allavvento di una maggiore capacit computazionale dei nuovi
computer di utilizzo quotidiano, il metodo ad elementi finiti a tuttoggi il pi utilizzato per la
progettazione. I modelli a plasticit concentrata rappresentano la pi semplice estensione dei modelli
utilizzatinellapraticaprofessionale,consistendonellaggiuntaadunmodelloelastico(tipicamenteatelaio
equivalente)dielementimollanonlineari(ocerniereplastiche)cherappresentinoadeguatamenteilcampo
plasticodelpannellomodellato(maschioofascia).
Tutti i principali solutori ad elementi finiti commerciali includono oramai questa possibilit; a fini di
esempio, verranno illustrate in seguito alcune caratteristiche del software Midas GEN dedicate a questo
tipodimodellazioneperlamuratura.

Il software Midas GEN, sviluppato in Corea, ha caratteristiche prettamente professionali e permette


lintroduzionedicerniereplasticheperlamuraturainmodoautomaticosuunastrutturamodellataatelaio
equivalente.
A titolo di esempio sar modellata e analizzata una struttura in muratura con la disposizione in pianta di
Figura2.12,alfinedisvolgerenelseguitounconfrontoconunaltrometodosviluppato.

Figura2.12Pianotipodelledificioanalizzato(misureincm)

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 21

a. b.
Figura2.13Modellodelledificioatrepianiinvistaestrusa(a)eatelaioequivalente(b)

Il piano tipo stato sviluppato per 1, 2 e 3 piani, in modo da avere una casistica esauriente del
comportamento della struttura al variare dellelevazione (Figura 2.13). Laltezza di piano di 3 metri,
mentrelospessoredelleparetidi50cm.LecaratteristichedellamuraturasonoquelleelencateinTabella
2.1.

Tabella2.1Caratteristichedellamuraturaperledificioconsiderato
ModulodiYoungE 1500MPa
ModuloditaglioG 150MPa
Pesospecifico 1800kg/m3
Resistenzaacompressionef
m
2.4MPa
Resistenzaatagliopurof
vk0
0.06MPa
Resistenzaatrazionef
tm
0.09MPa

stataapplicatalipotesidipianorigidoeilprimoperiodostrutturaledi0.27s.
Lanalisi effettuata statica non lineare, ai fini di ottenere la curva di capacit della struttura. La
caratterizzazione non lineare di ogni maschio o fascia realizzata automaticamente dal programma sulla
base delle caratteristiche in input fornite (Figura 2.14b) e secondo i meccanismi resistenti della normativa
italiana. La curva scheletro associata ad ogni cerniera plastica quella di Figura 2.14a, ispirata alla norma
americanaFEMA356(2000).

a. b.
Figura2.14Backbonetipicadellecerniere(a)ecaratteristichemeccanichedellamuratura(b)

22GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Sonostateutilizzatetretipicerniereperognimaschioofascia,posizionatecomeinFigura2.15:
1. Assiale,reagentesoloacompressione(rigidezzaEA/L)
2. Ataglionelpiano,simmetrica(rigidezzaGA
s
/L)
3. Aflessionenelpiano,simmetrica(rigidezza6EJ/L)
conLlunghezzadellinteropannello,EmodulodiYoung,Aareadellasezionetrasversale,A
s
areaataglioe
Gmoduloditaglio.LaformadellegameassociatoadognunariportatoinFigura2.16.

Figura2.15Posizionamentodellecerniereplasticheallinternodielementimaschio(a)efascia(b)

a. b. c.
Figura2.16Legametipicoperlecerniereassiali(a)etagliantieflessionali(b)

stataeseguitalanalisiconpatterndiforzelateraliproporzionaleallemasseperognipiano,incontrollodi
spostamento.IrisultatisonoriportatiinFigura2.17a.

a. b.
Figura2.17Curvedicapacitperivaricasianalizzati(a)estatodiplasticizzazionedellecerniere(blu
elastico,rossorottura)(b)
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 23

Ilmeccanismodicollasso(collassodellefascedipiano)portaallastessaresistenzamassimaperledificioa
2ea3pianipoichilmeccanismodicollassosiformaalsecondopiano(Figura2.17b),mentrenelcasoad
unsolopianolaresistenzainferioredovutaalminorsforzoassialeneimaschi.

2.1.4.3 Modelli a macro-elementi

Ilsecondoapproccioadottatoingenereperlamodellazionedellanonlinearitdellestruttureinmuratura
consiste nellutilizzo di macroelementi atti a rappresentare il singolo maschio murario o fascia di piano. I
metodi che usano tale procedura sono molti, fra questi il SAM di Magenes (Magenes e Della Fontana,
1998),ilmetododiBrencicheLagomarsinodellUniversitdiGenova(BrencicheLagomarsino,1997)ealtri
(Chen,MooneYi2008,AugentieRaithel1984,FusiereVignoli1991,Pugi1994etc.).

IlmetodoSAM(Figura2.18)siavvalediunamodellazioneatelaioequivalenteeconsideralarotazionealla
corda misurata agli estremi del pannello murario; tale rotazione relativa viene usata per ricavare la forza
resistente da una curva scheletro elastoperfettamente plastica che tiene conto anche della dipendenza
dellaresistenzadallosforzonormaleagente.Tutteleleggiimplementatesonoinregimesolomonotono,di
tipoelastoplasticheperimaschiedelastofragiliperlefasce.

Figura2.18Confrontodeirisultatidiunanalisidispintasuunaparetemuraria(trattodaMagenes,2000)
econfrontodeirisultatiincampononlineareconunamodellazionemedianteelementibidimensionaliea
telaioequivalente

Brencich e Lagomarsino (1997) hanno proposto un modello a macroelementi ciascuno composto di tre
parti: due layer estremi che lavorano a flessione e sforzo normale e una parte centrale per i meccanismi
taglianti(Figura2.1.19).Talilayerrappresentanoilpannelloinmodobidimensionale,eilmacroelemento
utilizza dei gradi di libert interni per cogliere le sollecitazioni competenti alle varie componenti (Figura
2.19a, in basso). Questo modello stato usato in alcuni programmi commerciali molto diffusi fra i
progettisti italiani per lanalisi di pushover in condizioni statiche (ad es. 3Muri, utilizzato per confronti
successivi).

24GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura2.19RappresentazioneschematicadelmodelloamacroelementidiBrencicheLagormarsino
(1997)

Il metodo RAN (Augenti et al. 2010) basato su un macroelemento ad plasticit distribuita, fornendo
risultati comparabili ai precedenti metodi. In Figura 2.20 riportata una curva di capacit del singolo
elemento,rappresentanteancheinquestocasounpannellomurariocaricatoassialmente.

Figura2.20CurvascheletroataglioperunmaschiomurarioimplementatanelcodiceRAN(daAugentiet
al.,2010)

2.1.4.4 Modellazione ad elementi piani o solidi

Lultimo approccio per modellare la muratura si basa sulluso di elementi finiti di tipo piano o solido,
caratterizzatidaunmaterialeconcomportamentononlineare.Lamodellazionenumericadellestrutturein
muraturaattraversoelementifinitinonlineariunoperazionemoltopionerosadiquellabasatasultelaio
equivalente. Da un lato le caratteristiche tipologiche di molti edifici in muratura non consentono luso di
modellazioni semplici ma richiedono mesh adeguate e spesso complesse, dallaltro le caratteristiche
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 25

meccanichedelmaterialeincampononlinearesonomoltodifficilidamodellare(MacorinieIzzuddin2011,
Bertoetal.2004,SenthivelandLourenco2009).

Alcunisoftware(adesempioAbaqus,MidasGENeStraus7),permettonodiutilizzareelementishellobrick
associando ad essi un materiale non lineare per cogliere il comportamento plastico della muratura.
VengonopropostiinoticriteriplasticicomeDruckerPrager,Tresca,VonMiseseMohrCoulomb,accantoa
modellidimaterialepicomplessicomeilConcreteDamagedPlasticityeilConcreteSmearedCracking(in
Abaqus,natiperilc.a.)otecnichediomogeneizzazionedelmateriale(adesempioStrumas)eilTotalStrain
CrackinMidasGEN.Tuttigliapproccicitatipresuppongonolomogeneizzazioneelisotropiadelmateriale,
einbuonapartesonomutuatidaaltrimateriali,soprattuttodalc.a.

Altri modelli propongono approcci ancora pi approfondititi, a cominciare dalla omogeneizzazione non
lineare(Sacco,2008)finoallosviluppodimodellidettagliatiperognitipodicostituente.
Tra questi si cita il metodo basato sulluso di elementi di interfaccia corotazionali per modellare i letti di
malta utilizzando un approccio a mesoscala (Macorini e Izzuddin 2011, ShiehBeygi e Pietruszczak 2008,
Casolo e Milani 2010), in cui il materiale muratura analizzato a livello dei materiali costituenti (malta e
mattoni). In questo approccio, il mattone rappresentato da elementi solidi (Figura 2.21b); lapproccio
verrapprofonditoinseguito.

a. b.
Figura2.21Modellazionedelmattonoedeilettidimalta(a)erispettivielementifiniti(b)(trattoda
MacorinieIzzuddin,2011)

Tutti questi metodi permettono in genere di ottenere una risposta monotona accurata ma implicano un
onere computazionale molto elevato e non sono adatti ad un uso progettuale. Essi inoltre forniscono una
risposta ciclica in genere non adeguata ed estremamente complessa da ottenere. Relativamente a questa
problematicaverrmostratainseguitounanalisisvoltaconilmodellosviluppatodaMacorinieIzzuddin
(2011).

2.2 Stima della capacit sismica di strutture in muratura: approccio


semplificato

Nellambito della stima della capacit delle strutture in muratura, lanalisi non lineare statica (pushover)
rappresentaunostrumentopotenteenontroppocomplessocomelanalisidinamicanonlineare.Essonon
richiede infatti una caratterizzazione ciclica del materiale ma la definizione della sola curva scheletro,
ottenibiledaunaprovamonotonaocomeinviluppodiunaprovaciclica.
I metodi POR e PORFLX esposti in precedenza erano volti essenzialmente alla determinazione della
resistenza ultima della struttura e non alla conoscenza della risposta in termini di spostamento. Il metodo
sviluppato,denominatoRigStripTS(Amadioetal.,2011),daconsiderarsicomeunevoluzionedelPORFLX
di Braga e Monti, ed rivolto alla determinazione della risposta globale in termini di resistenza e
spostamentocoscomevienerichiestoinunanalisidipushover.Essosiproponecomeunmetododirapido
utilizzoperlastimadellacapacitresistentediedificiinmuratura,incuivengonoconsideratientrambigli
elementi resistenti del telaio equivalente (fasce di piano e maschi) che concorrono alla determinazione
dellacurvadicapacitdellastruttura.
26GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

2.2.1 Il metodo RigStripTS

Come detto in precedenza, il metodo di calcolo presentato permette di effettuare unanalisi di pushover
semplificata di pareti ed edifici ed da considerarsi come una evoluzione del metodo PORFLX. Il codice
applicativo stato sviluppato in due versioni, una bidimensionale (analisi di pareti nel loro piano) in
linguaggioVBAperExceleunatridimensionale(interiedificiinmuratura)inlinguaggioFortran.

Nelseguito,questametodologiadicalcoloverrdenominataRigStripTS.Leipotesisucuisibasasono:
- idiaframmidipianosonoinfinitamenterigidinelloropiano;
- leparetisonomodellatecomeunassemblaggiodimaschiefascedipiano;
- lefascedipianoeimaschisonomodellaticomeelementimonodimensionali;
- le fasce sono modellate come degli elementi infinitamente rigidi, da qui il nome del metodo, in
grado,primadellalororottura,ditrasmetterelasollecitazioneaimaschi;
- i maschi hanno un comportamento elasticoperfettamente plastico con rigidezza e resistenza
variabile, funzione della rottura delle fasce di piano. Per i maschi si considerano tutti e tre i
meccanismidirotturaprevistidallanorma:fessurazionediagonale,scorrimentoepressoflessione;
- perlefascedipianosiconsideranoimeccanismidirotturadanormativa:pressoflessioneetaglio
puro;
- lo sforzo normale sui maschi, in via approssimata, applicato come un carico concentrato nodale
allaquotadipiano.Essononrimanecostanteduranteilcalcoloinquantolefascecomportanouna
trasmissionedisforzoassialetraunmaschioelaltrofinoallarotturadellestesse;
- landamentodelmomentosuimaschiassuntoinviaapprossimatabitriangolaresimmetrico;
- per il calcolo dellaltezza dei maschi e delle fasce, allinterno di una modellazione a telaio
equivalente,sidividonoglielementiresistentiintrattideformabilierigidi(Figura2.22);
- per la determinazione della curva di capacit della parete si effettua unanalisi incrementale in
controllodispostamento.

Figura2.22ModellazionedellapareteconilmetodoRigStripTS

- Larigidezzadiunmaschiomurariovarianelmomentoincuientrambelefascedipiano,sorretteda
esso,raggiungonolarottura.Alcollassodellafasciadipianoloschemastaticodelmaschiocambia
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 27

radicalmenteepassadaunoschemaa)confascerigideadunoschemab)confasceincernierate.In
questo passaggio non varia solo la rigidezza del maschio ma anche la sua resistenza, in quanto da
unmodelloincastroincastrosipassaadunaconfigurazioneamensola.InFigura2.23sonoriportati
idueschemistaticiincuiputrovarsiilmaschiodurantelanalisi;

Figura2.23Schemistaticidelmaschiodurantelanalisi:casoa)fascedipianointegre;casob)fascedi
pianoacollasso

- per ogni elemento fissato a priori lo spostamento a rottura in funzione del meccanismo di
collassochesirealizza;
- i criteri di rottura che vengono considerati per ogni maschio sono quelli esposti in precedenza:
pressoflessione(Eq.2.5),taglioscorrimento(2.9)etagliofessurazionediagonale(Eq.2.10).

Lospostamentoultimoarotturadelmaschioassuntopariadunaquotadellaltezzadelpannelloh:
up
0.6 0.8% h o = (pressoflessione)
(Eq.2.17)
uv
0.4% h o = (rotturaperscorrimentoofessurazionediagonale) (Eq.2.18)
InquestomodoillegameresistentechecaratterizzailgenericomaschiopuseguiregliandamentidiFigura
2.24,doveriportatalatipicarispostadiunmaschiochecollassapertagliooperpressoflessione.

Figura2.24Legamecostitutivoperungenericomaschio

28GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Linterazionetraglisforziassialieditaglioinunnodogenericodellapareteprimadellarotturadellafascia
riportatainFigura2.25.

Figura2.25Sforzonormalesulmaschioiesimoetrasmissionedeglisforzitagliantidallefasceadiacential
maschioprimadellalororottura

Nella Figura 2.26 rappresentato landamento delle sollecitazioni flessionali per il generico piano jesimo.
Osservandoloschema,landamentodeimomentisuimaschiassuntoperipotesisimmetricoeafarfalla.

Piano J
Maschio i
Ni
j+1
N0_i
j
Vi-1
Vi-1
Vi
Vi
Vi-1
Vi
Si
Si
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 29

Figura2.26Andamentodellesollecitazioniflessionaliassuntonelmodello

Per quanto riguarda il legame costitutivo delle fasce di piano, esso viene assunto di tipo rigidofragile. Le
espressioni che caratterizzano la resistenza delle fasce di piano sono date dai meccanismi di rottura per
rockingdellafascia(Eq.2.13)epertagliopuro(Eq.2.12).

Nel seguito sono descritti i passi principali del programma RigStripTS. In Figura 2.27 presentato il
diagrammadiflusso.
30GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura2.27DiagrammadiflussodifunzionamentodelprogrammaRigStripTS

Ilprogrammaarticolatonelleseguentifasi:
1. Inserimento dati input. In questa fase si inseriscono negli appositi fogli di calcolo Excel tutti i dati
relativiallageometriaeaimaterialichecompongonolaparete.Vaopportunamentedefinitaanche
ladistribuzioneconlaltezzadelleforzedipiano.
2. Calcolo profilo di forza e inizializzazione delle variabili. In questa fase il programma inizializza le
variabiliingiocoeapreduecicli:unosuipiani(indicez)eunosuimaschi(indicei).
3. Calcolo rigidezza di piano. In questa fase iniziano le iterazioni sullincremento di spostamento
relativo di piano. Ogni iterazione identificata dal contatore j che enumera il passo di analisi. Ad
ogniiterazionesicalcolalarigidezzaKp(z,j),ciolarigidezzatotaleperognipianoalpassoj,somma
deicontributideglimmaschimediantelespressione:
m( z )
i 1
Kp( z, j ) k( i,z, j )
=
=

(Eq.2.19)
4. Calcolo resistenza maschi. Detta resistenza viene determinata sulla base delle relazioni previste
dallanormativaitaliana(pressoflessione,taglioscorrimentoefessurazionediagonale).
5. Calcoloincrementodispostamentodipiano.Lanalisiincrementaleallabasedelmetodosvoltain
controllo di spostamento, cio non sono le forze ad incrementare ad ogni passo bens si va ad
aumentare lo spostamento relativo di interpiano in modo che il profilo di forza sollecitante
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 31

risultante rimanga proporzionale a quello di partenza. Affinch sia rispettata questa condizione,
lincremento di spostamento relativo ad ogni iterazione deve variare in modo che la forma
dellandamento dei tagli di piano rimanga costante. Affinch ci avvenga nel caso di una singola
paretepiana,deveessere calcolatoil moltiplicatore dellincrementodispostamentorelativoo(z,j)
inmododarispettareilseguentesistemalineare(scrittoperunastrutturaditrepianialpassoj).

d
Kp( 3, j ) 0 0 1 ( 3 )
0 Kp( 2, j ) 0 ( 2, j ) ( j ) ( 2 )
0 0 Kp( 1, j ) ( 1, j ) ( 1)
|
A o |
o |
(

(
=
` `
(

(
) )
(Eq.2.20)

IlsistemainEq.2.20postoinformaincrementale:lamatricedirigidezzadelsistemaperleipotesi
fattesullefascediagonale,glio(z,j)sonoimoltiplicatoriincognitidellincrementodispostamento
relativo
d
, che rappresenta la quantit che viene incrementata ad ogni passo di analisi, mentre i
termini noti |(z) rappresentano la forma dei tagli di piano che nel caso di un profilo di forza
triangolaresarditipotrapezoidale.NellEq.2.20,ilparametro(j)risultaincognitoerappresentail
moltiplicatoreincrementaledeitaglidipianoingradodigarantirechelaformadelprofilodiforza
rimangacostanteduranteipassidell'analisi.Risolvendoilsistemasiricavanodirettamente:
d
Kp( 3, j )
( j )
( 3)
A

|

= (Eq.2.21)
d
( j ) ( z )
( z, j )
Kp( z, j )
|
o
A

(Eq.2.22)
Unavoltaottenutiglio(z,j)sipucalcolarelincrementodispostamentorelativo ( z, j ) o perlaj
esimaiterazionemediantelespressione:
d
( z, j ) ( z, j ) o A o =

(Eq.2.23)
6. Calcolo taglio di piano. In questo passo si calcolano per ogni iterazione i tagli agenti sui maschi di
piano sommando la sollecitazione tagliante presente al passo precedente con quella ottenuta dal
prodotto tra lincremento di spostamento relativo calcolato nel passo 5 e la rigidezza delliesimo
maschio.
) , ( ) , , ( ) 1 , , ( ) , , ( j z j z i k j z i S j z i S o + = (Eq. 2.24)

7. Calcolomomentisullafasciaedequilibrioglobale.Inquestafasevannocalcolatiimomentiflettenti
agenti su ogni fascia di piano, tenendo conto oltre che delle sollecitazioni flessionali del piano
superioreedelpianoinesameanchedelcontributodatodallapresenzadeitrattirigidideimaschi
dilunghezzar
i
(i,z)perilpianoinesameer
i
(i,z+1)perilpianosuperiore(Figura2.26);pereseguire
questoperazione necessario un blocco di controllo volto a differenziare il caso dei maschi di
estremitdaquellicentrali.

8. Calcolotaglioagentesullefascedipiano.possibilecalcolareiltaglioagentesuognifasciadipiano
tramitelespressione

(Eq. 2.25)

Percomprenderelandamentodellesollecitazioniflessionalinelgenericonododellaparetesiveda
laFigura2.26.
9. Calcolo del taglio resistente ultimo di ciascuna fascia di piano. Viene eseguito considerando i
meccanismidirotturaprevisti.
) , (
) , , 1 ( ) , , (
) , , (
z i l
j z i M j z i M
j z i V
f
f f
+ +
=
32GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

10. Calcolodellosforzonormaleagente.Perilcalcolodellosforzonormaleagentesulsingolomaschio
alpassoj,sitienecontoanchedelcontributoaquestaazionedatodalpianosuperiore(Figura2.26)
conlEq.2.26.

0 0
( , , ) ( , , ) ( 1, , ) ( , , ) ( , 1, ) N i z j N i z j V i z j V i z j N i z j = + + + (Eq. 2.26)
dove
0
N ( i , z 1, j ) + rappresenta lo sforzo normale che perviene al maschio dal piano superiore
mentre
0
( , , ) N i z j lo sforzo assiale che sollecita il maschio dovuto ai carichi del piano in cui si
trovailmaschiostesso(pianoz).

11. Calcolo del taglio resistente ultimo per ogni maschio e controllo della plasticizzazione. Sono
considerati tutti e tre i meccanismi descritti nel paragrafo precedente; si calcola quindi lo
spostamento ultimo a rottura del singolo maschio a seconda del meccanismo di rottura che lo
governa.Questafasefondamentaleinquantoquisonocollocatituttiiblocchidicontrolloperla
verifica del maschio: attraverso queste istruzioni si rileva se il maschio in fase elastica, si
plasticizzatoocollassato.Inquestomodosiaggiornaanchelarigidezza,azzerandolanelcasosia
superatoillimiteelastico.

12. Aggiornamento sforzo normale. In questa fase si va ad aggiornare lo sforzo normale da utilizzare
nelliterazionesuccessiva.

13. Stepfinale.Siricavalospostamentoassolutodelpianozinesameraggiuntoalpassojesiverifica
seavvenutalarotturadituttiimaschidipiano.Intalcasosiescedalcicloesistampalacurvadi
capacit in termini di taglio alla base e spostamento del punto di sommit. In caso contrario si
prosegueconilpassosuccessivo.

Nel caso di un edificio spaziale la procedura fino a qui descritta per una singola parete si pu estendere
modellando l'edificio mediante pareti poste lungo le due direzioni principali, connesse rigidamente da
diaframmi di piano. A differenza del caso precedente, accanto alle due equazioni di equilibrio dello
spostamentorelativodiinterpiano,vaconsideratoanchelequilibrioallarotazione,calcolandolarigidezza
torsionaledipianoperognipassodianalisi.
Sfruttandoquestoapprocciosemplificato,larigidezzaalpassojdianalisidatadallasommadellerigidezze
delle pareti che si trovano in quellimpalcato in una delle due direzioni principali, che a loro volta
rappresentanolasommadellerigidezzedeimaschichelecompongono.Lastrutturadelprogrammarimane
quindisostanzialmentelastessa.
2.2.2 Validazione

Nelseguitosonoriportatialcuniesempiutilizzatiperverificarelattendibilitdelcodiceproposto.Siriporta
dapprima unanalisi eseguita su una singola parete muraria piana (Parete D del Progetto Catania) e
successivamenteunanalisieseguitasuunedificiotridimensionale,effettuandounconfrontoconirisultati
ottenuti da alcuni programmi di comune utilizzo anche nella pratica professionale (3Muri (S.T.A.DATA),
SAM(Magenes,2000)eMidasGEN).
2.2.2.1 Parete D del progetto Catania
stata modellata la parete D del Progetto Catania, analizzata allinterno di un progetto di ricerca
interuniversitaria sviluppato negli anni 19992001 con lo scopo di investigare la vulnerabilit sismica di
alcuni edifici storici a Catania e confrontare le risposte ottenute con diversi metodi di analisi numerica
(Liberatore,2000).Vistoilgrandeinteresseaccademicocheilprogettohasuscitato,irisultatiottenutisono
diventatiunpuntodiriferimentoperlamodellazioneelanalisidistruttureinmuratura.
La parete D fa parte di un edificio storico sito in via Capuana a Catania, riportato in Figura 2.28. La parte
analizzataprospicienteaviaOberdan.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 33

Figura2.28Piantadelledificio(a)eprospettodellapareteD(b)

La parete stata modellata con il metodo a telaio equivalente. In Figura 2.29 si riporta la sua geometria
assiemealloschemaatelaioadottato.

Figura2.29DatigeometriciemodelloatelaioequivalentedellapareteD

NellaTabella2.2eTabella2.3siriportanolecaratteristichemeccanicheeicarichiapplicatiallaparete.

Tabella2.2CaratteristichemeccanichedellapareteD
ModulodiYoungE 1500MPa
ModuloditaglioG 150MPa
Pesospecifico 1900kg/m3
Resistenzaacompressionef
u
2.4MPa
Resistenzaatagliopurof
vk0
0.2MPa
Resistenzaatrazionef
tu
0.4MPa

Tabella2.3CarichiapplicatiallapareteD
PareteD
Spessore
[cm]
Peso
[kN]
Carico
[kN]
Livello1(4.85m) 86 626.0 113.2
Livello2(9.80m) 57 480.0 122.8
Livello3(15.86m) 57 290.0 120.1

Nella Figura 2.30 riportato un confronto tra la soluzione ottenuta con il programma RigStripTS nella sua
versionebidimensionaleequellaottenutaconilcodiceSAM.Nellastessafigurasonoindicatiancheipunti
sulla curva di capacit ottenuti con RigStripTS in corrispondenza della prima plasticizzazione, della
formazionedelmeccanismoplasticoedelcollasso.

34GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura2.30ConfrontodelrisultatoottenutoconilcodiceSAMeilprogrammaRigStripTS

Figura2.31SequenzadiplasticizzazioneperlapareteDnelprogrammaRigStripTS

In Figura 2.31 invece riportata la sequenza di plasticizzazione ottenuta con RigStripTS. In Figura 2.32
postoaconfrontoiltipodimeccanismodirotturapropostodalcodiceSAMequellorilevatoconRigStripTS,
cheprevedelarotturadeimaschimuraridellultimopiano.

Figura2.32TipodirotturacoltodalmetodoSAM(asinistra)edaRigStripTS(adestra)
Complessivamentesipuevidenziarecomelasoluzioneottenutasiasufficientementeattendibile.Infine,
danotarecomelaforzamassimadelplateaudellacurvadicapacitdipendafortementedallaresistenzaa
trazionedeglielementiconnessiallafascia(cordolo,tirante),informazionechenonnotadaidatiacquisiti
dai report del progetto Catania (Liberatore, 2000). Per analizzare la variabilit del risultato con tale
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 35

parametro,indicatocome
P
H ,sonostateeseguitepianalisi,icuirisultatisonopresentatiinFigura2.33,
dallequaliemergelimportanzadellaresistenzadellafascia.

Figura2.33Curvadicapacitdellapareteanalizzataalvariaredi
P
H

2.2.2.2 Caso studio tridimensionale

A titolo di esempio si riporta anche lanalisi effettuata su un edificio in muratura, la cui pianta tipo
riportatainFigura2.34,utilizzandounamodellazionetridimensionale.

Figura2.34Pianotipodelledificioanalizzato(misureincm)

LedificiostatomodellatoconilsoftwareMidasGEN2011v1.1e3MuridellaS.T.A.DATA.
Il codice 3Muri implementa al suo interno il metodo sviluppato allUniversit di Genova (Brencich et al.
1997) per lanalisi di pareti murarie in campo non lineare. Il programma Midas GEN un software a
elementifinitidiusogenerale,chepermettedieseguireanalisidipushoverassegnandoautomaticamente
le cerniere plastiche per la muratura agli elementi asta di un telaio equivalente. Le cerniere assegnate
rappresentano la deformabilit assiale, flessionale e tagliante di un maschio murario nel proprio piano. I
36GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

risultatisonobrevemente presentati nellefigureseguenti perledificioconsideratodiuno,duee trepiani


conlastessapianta.

Figura2.35Confrontodellecurvedipushoverottenuteperledificioadunpiano

Figura2.36Confrontodellecurvedipushoverottenuteperledificioaduepiani

Figura2.37Confrontodellecurvedipushoverottenuteperledificioatrepiani

Dataliconfrontisipuosservarecomeilmetodopropostoforniscaunarispostasufficientementevalidasia
in termini di resistenza che di spostamento ed in ogni caso sia cautelativo. La resistenza delledificio e lo
spostamento ultimo sono infatti risultati sempre inferiori a quelli forniti dalle analisi svolte con gli altri
softwarepisofisticatiimpiegati.Inparticolare,siosservacomeivaloridispostamentoultimoequindila
duttilitdellastrutturasianoinferioriaquellipropostidalprogramma3Muriequasicoincidenticonquelli
fornitidalcodiceMidasGEN.

Complessivamente, stato proposto un metodo di analisi per ottenere in modo rapido e cautelativo la
curvadicapacitdiunedificioinmuratura.Ilmetodo,daconsiderarsiunevoluzionedelPORFLX,siavvale
della modellazione a telaio equivalente, nella quale si suddivide la struttura in pareti piane costituite da
maschi e fasce di piano collegate mediante tratti rigidi. Limmissione della geometria e dei carichi
facilitatadallusodiopportunemascheretabellariinfogliExcel.Dalleproveeseguitesuunaparetepianae
su un edificio tridimensionale avente la stessa pianta ed uno, due e tre piani, si evidenziato come i
risultatiottenutisisonosempredimostratiafavoredisicurezzasiainterminidiresistenzachediduttilit
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 37

rispetto a quelli ottenuti mediante i codici 3Muri e Midas GEN, cogliendo in genere in modo
sufficientemente accurato anche levolversi delle cerniere plastiche ed il meccanismo di collasso. Tale
metodononsiproponedisostituireleanalisidipushoverrigorose,ottenibilimediantecodicipicomplessi
di uso generale; esso pu essere visto come un metodo di rapido controllo e verifica delle soluzioni
ottenute in modo pi rigoroso. La sua principale applicazione pu essere quella di strumento di veloce
utilizzoperunastimaafavoredisicurezzadellecurvedicapacitdausarsiincampagnedivalutazionedella
vulnerabilitsismicasuareeestese.

2.3 Modellazione ciclica della muratura

In questo capitolo sar esposta la formulazione adottata per rappresentare il comportamento ciclico di
pannelli murari a taglio e flessione. I modelli presenti in letteratura raramente riescono a fornire risultati
attendibili dal punto di vista ciclico; in particolare, le modellazioni a macroelementi esposte nei capitoli
precedentisonolepiefficaci.
Nellotticadimettereapuntounmodelloveloceeversatileperilcalcolononlineareciclicodellamuratura,
inquestolavorosioptatoperlosviluppodiunamodellazioneditipofenomenologicabasatasuirisultati
di numerosi prove sperimentali presenti in letteratura sul comportamento dei maschi murari (Calvi et al.
1994,Anthoineetal.1995,Tomazevicetal.1996).
Allinternodiunamodellazioneatelaioequivalente,partendodataliipotesidilavoro,sonosviluppatidue
elementifinitiperanalisinonlineariditipociclico,unoperilmaschioedunoperlafascia.Perentrambigli
elementi sono stati implementati tutti i meccanismi di rottura propri degli elementi in muratura ed
attualmente considerati anche dalla normativa italiana. La formulazione proposta viene successivamente
validatasullabasedidatidiletteraturariportandoalcuniconfrontiinambitomonotonoeciclico.

2.3.1 Formulazione dellelemento isteretico per murature

Lamodellazionepropostasicollocaallinterno del metodoa telaioequivalente (Dolce1989,Belmouden e


Lestuzzi 2009 e Chen et al. 2008). La struttura viene quindi schematizzata mediante elementi verticali e
orizzontali (maschi e fasce rispettivamente) ed offset rigidi. Ogni elemento costituito da tratti rigidi
collegati da molle non lineari. Sono proposti due tipi di molle: una molla atta a mettere in conto il
comportamento tagliante dellelemento (cerchi vuoti in Figura 2.38) e una molla rotazionale per
considerareilsuocomportamentoflessionale(cerchipieniinFigura2.38).

Figura2.38Molleneipannellimurariemeccanismidirotturaassociati
38GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Maschi e fasce sono schematizzate mediante due molle flessionali alle estremit ed una molla tagliante.
Entrambe le molle, differenti solo per i gradi di libert in cui operano, sono state implementate nel
softwareadelementifinitidiusogeneraleAbaqus.
Sono proposte due diverse modellazioni, denominate M1 e M2. Nella prima (M1), il pannello murario
modellato mediante elementi molla connessi luno allaltro da elementi rigidi; cos facendo, tutta la
deformazione del pannello si concentra nelle molle, che rappresentano quindi una discontinuit anche in
campoelasticodelladeformata.Taleapproccioparticolarmenteconvenientepertararelemolleproposte
su prove sperimentali, ma soffre di una rappresentazione approssimata del comportamento elastico.
Proprio per questo motivo, un seconda modellazione (M2) stata sviluppata. In essa lasta costituita da
un parte elastica alla EuleroBernoulli (rappresentativa quindi della sola rigidezza flessionale senza il
contributo tagliante) connessa alle molle non lineari. In tal modo, sia la deformata elastica della struttura
analizzata che lanalisi modale offrono risultati pi accurati. Per evitare problemi di convergenza in fase
ciclica (scarico dalla curva scheletro quasi verticale), sono state evitate molle rigidoplastiche; la rigidezza
elastica di ogni molla stata calcolata sulla base di una lunghezza pari ad 1/10 dello sviluppo della parte
deformabiledelpannello.GliapprocciadottatiM1eM2sonorappresentatiinFigura2.39.

Figura2.39ApprocciodimodellazioneM1(a.)eM2(b.)

Ognimollaforniscealsolutoretresollecitazioninelpiano(sforzoassiale,momentoflettenteetaglio).Nelle
murature, il taglio e il momento dipendono fortemente dallo sforzo normale. Per poter cogliere la forte
influenza dei carichi verticali sulla resistenza del pannello murario, per ogni molla stato necessario
eseguiredellevalutazionisullosforzonormalecalcolatoalpassoprecedentedellanalisi.Perimplementare
questo effetto, le molle taglianti hanno per il taglio un legame non lineare, mentre per il momento e lo
sforzo assiale, un legame indefinitamente elastico. Le molle rotazionali viceversa hanno un legame non
lineare per il momento flettente ed uno elastico per sforzo normale e taglio. La Figura 2.40 descrive il
comportamentodellamollafrai2nodiconnessi.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 39

Figura2.40Elementomollautilizzatocon3gradidilibert

LeforzetrasmessedallamollaF
e,i
=(N
e
,V
e
,M
e
)sonodisaccoppiate,elamatricedirigidezzainternaK
i
per
lagenericamolladiagonale:

, e i i i
= F K u
(Eq.2.27)

,
,
,
0 0
0 0
0 0
N i
i V i
M i
k
k
k
(
(
=
(
(

K
(Eq.2.28)

Mentrequellaesternasiricavacomesegue:

0 0 0 0
0 0
0 0
:
0 0 0 0
0 0
0 0
dN dN
du du
dM dM dM dM
d dv d dv
dT dT dT dT
d dv d dv
K
dN dN
du du
dM dM dM dM
d dv d dv
dT dT dT dT
d dv d dv




(

(
(
(

(
(
(

(
(
=
(

(
(
(

(
(
(

(

(Eq.2.29)

con:
Nsforzoassiale
Tazionetagliante
Mmomentoflettente
uspostamentorelativoindirezioneassiale
vspostamentorelativotrasversale
rotazionerelativa

Perunamollaataglioconcentrata,lamatricedirigidezzaprecedenteassumelaforma:

40GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

(
(
(
(
(
(
(
(

=
T T
M M
N N
T T
M M
N N
k k
k k
k k
k k
k k
k k
K
0 0 0 0
0 0 0 0
0 0 0 0
0 0 0 0
0 0 0 0
0 0 0 0
(Eq.2.30)

con
N
k
rigidezzaassiale
T
k rigidezzatrasversale
M
k rigidezzaflessionale

Nelparagrafosuccessivosidiscutonolediverserigidezzeperognigradodilibertdaassegnareallamolla,
perognunodeidueapproccisviluppati.

2.3.2 Calcolo delle rigidezze elastiche

Le rigidezze elastiche da assegnare alle molle come propriet in input sono diverse per gli approcci M1 e
M2presentatiinprecedenza.
Inparticolare,perlapproccioM1siutilizzanolerigidezzederivantidalcalcolodellemolleposteinserie,e
rispettivamenteperilgradodilibertassiale,taglianteeflessionalesono:
,
3 for i=1,2,3
N i
EA
k
h
= (Eq.2.31)
, ,3
for i=1,2 and
V i V
GA
k k k
h _

= = (Eq.2.32)
, ,3
8
for i=1,2 and
M i M
EJ
k k k
h

= = (Eq.2.33)
dove:
EilmodulodiYoungdellamuratura
Alareadellasezionetrasversaledelmaschiomurarioconsiderato
Gilmoduloditaglio
hlalunghezzadelpannello
iilnumerodellamollacomeinFigura2.38
Jilmomentodinerziadellasezionedelpannellosecondolasseforte
_ ilfattoreditaglio,paria1.2perlesezionirettangolari.

Secondo lapproccio M2, le rigidezze esposte per il caso M1 possono essere riscritte considerando una
lunghezza di cerniera plastica conveniente, assunta pari a h/10, indicando con h lo sviluppo dellintero
pannello. Le rigidezze assiale e rotazionale risentono della lunghezza di cerniera plastica adottata, mentre
quellataglianterimaneinalteratarispettoalcasoprecedente.

,
for i=1,2,3
10
N i
EA
k
h
= (Eq.2.34)
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 41

, ,3
for i=1,2 and
V i V
GA
k k k
h _

= = (Eq.2.35)
, ,3
4
for i=1,2 and
10
M i M
EJ
k k k
h

= = (Eq.2.36)

Itermini
,1 ,2 ,3 V V M
k k k k

= = = poichperognimollatagliante(oflessionale)ilgradodilibertflessionale
(otagliante)bloccatoconunfattoredipenalizzazione(rigidezzamoltoalta,superioredicirca2ordinidi
grandezzaallealtrenellastessamolla).

2.3.3 Dominio resistente

Sulla base dei meccanismi resistenti esposti al paragrafo 2.1.1.3, stato implementato nel modello un
dominio sforzo normaletaglio che viene aggiornato continuamente durante lanalisi in base allo sforzo
assialepresentealpassoprecedentedellanalisi.Tutteleforzeripresedallemollesonosempreallinterno
di tale dominio; il controllo e il ridimensionamento del legame costitutivo sono automatici. In particolare,
vienemodificatalacurvascheletrodiognilegameciclicoinmodotalechesiasemprealdisottodelvalore
resistente.ConriferimentoallaFigura2.41,lacurvascheletroalpassoprecedente(lineatratteggiata)viene
scalatamantenendofissilospostamentoallaresistenzamassimaequelloultimo,mentreillimiteelastico
ricalcolato sulla base della rigidezza iniziale e del nuovo valore resistente; la nuova curva (linea continua)
ospita quindi il punto definito dalla coppia spostamento corrente e forza nella molla. Questo approccio
permette di lasciare invariata la rigidezza elastica e quelle in campo plastico, mentre sono modificate la
forzaallimiteelastico,laforzamassimaelospostamentoultimocomeinFigura2.41.

Figura2.41ModificadellacurvascheletrosullabasedeldominioNV

2.3.4 Leggi isteretiche

Perlacaratterizzazionedeilegamiciclicinonlinearisonostatisceltiduedifferenticomportamenti.
42GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Il legame tagliospostamento trasversale, che si riferisce al comportamento a taglio puro delle fasce
murarieodeimaschitozzi(Figura2.42),nelqualeicicliistereticicaratteristicidellemolleataglio,centrali
per lelemento maschio o fascia, dissipano notevole energia. Per questo comportamento stato stato
implementatoilmodellociclicopropostodaTomazevic(1996).
Il secondo comportamento considerato si riferisce invece ai maschi snelli, nei quali il collasso raggiunto
per pressoflessione (Figura 2.43). Per tale comportamento stata sviluppata una specifica legge
fenomenologica,daapplicareallemolleflessionalidiestremitdelmaschio.

Figura2.42Legametagliospostamentotipicodeiunmaschitozziedellefascedipiano

Figura2.43Legameforza(momento)spostamento(rotazione)tipicodimaschimurarisnelli

Il modello sviluppato consente di cogliere automaticamente il tipo di collasso (per taglio o per
pressoflessione), grazie alla presenza dei due tipi di molle nello stesso pannello murario e ai rapporti di
resistenzaerigidezzachesivengonoasviluppare.Ladisposizioneinseriedipimolleconcentratefasche
i rapporti di rigidezza fra le molle governino la corretta distribuzione delle sollecitazioni, e
conseguentementeiltipodicollassodellasingolamolla.

-15 -10 -5 0 5 10 15
displacement (mm)
-80
-40
0
40
80
-60
-20
20
60
f
o
r
c
e

(
k
N
)
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 43

2.3.4.1 Il legame ciclico per le molle a taglio

NelseguitoillustratoillegamepropostodaTomazevicnel1996.Sitrattadiunaleggecostitutiva
ciclicaperimaschimurariricavatadatestatagliopurosu32campionidicaratteristichemeccanichenote,
che sono stati sottoposti a diverse storie di spostamento, sinusoidali e sismiche. Questo modello, che
definiscesialaformadellacurvascheletroche quelladeicicli,statousatoperlemolleataglio(in cuila
componenteassialeeflessionalesonoassuntelineari).Lacurvascheletro,trilineareesimmetricarispetto
allorigine,sicomponediunramoelasticoedueramiplastici,ilprimoincrudenteeilsecondodisoftening.
Perdefinireunivocamentelacurvascheletrosononecessaritrepunti:

max max
( ; )
( ; )
( ; )
cr cr
H
u u
d H
d H
d H
(Eq.2.37)

che rappresentano, nellordine, il limite elastico, il punto di resistenza massima e lo spostamento ultimo
(Figura2.44a).

a. b.

Figura2.44CurvascheletropropostadaTomazevic(a)enumerazionedeiramiadottata(b)

Il ciclo isteretico invece composto da un percorso di scarico e uno di ricarico, come in Figura 2.44b. Se
avvieneuninversionedisegnodellospostamentoinunramoplastico,laforzadapprimascendefinoadun
percentuale prefissata di carico, con rigidezza degradata rispetto a quella elastica, secondo il degrado di
rigidezza nel seguito presentato. Tale limite resistente usualmente fissato al 70% della forza al punto di
scarico(puntoV
1
eV
2
diFigura2.45).Dopoquestoprimoramo,illegamesegueunramocaratterizzatoda
un pinching elevato, che termina nel punto simmetrico rispetto allorigine a quello in cui iniziato lo
scarico.
Iciclidaeversoilprimoeilsecondoramoplasticosonosimili,eccettocheperunaquotadispostamento
aggiuntivocausatadaldegradodiresistenza,comepresentatonelseguito.

44GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura2.45LeggeistereticapropostadaTomazevic(1996)

IparametrinecessariperlacostruzionedelcicloriportatoinFigura2.45sono:
1. K
el
rigidezzadelramoelastico;
2. K
p1
rigidezzadelprimoramoplastico(semprepositiva);
3. K
p2
rigidezzadelsecondoramoplastico(positivaonegativeasceltadellutente);
4. F
y
forzaallimiteelastico;
5. F
max
forzamassima;
6. C
F
percentualediforzautilizzatanelprimoramodiscarico;
7. oparametrodidegradodellarigidezza;
8. |parametrodidegradodellaresistenza;
9. U
up
spostamentoultimo(positivo).

2.3.4.2 Legame ciclico per la molla rotazionale

Sulla base dei risultati sperimentali analizzati (Calvi et al. 1994, Anthoine et al. 1995) stato
ritenutoopportunodistinguereilcicloatagliodaquelloaflessione.Ilcollassoflessionaleilmeccanismo
dominanteinpannellimurarisnelli,neiqualilaformadelcicloistereticocambiacomeanchelaquantitdi
energiadissipata,chediminuiscesensibilmenteaparitdispostamentodelpannello.Talecomportamento
(Figura2.46)statoimplementatonellamollaflessionalepostaallestremitdeimaschi.
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 45

Figura2.46Leggeciclicaperlemollerotazionali

Questaleggesicomponediunramoelasticoediunsoloramoplastico.Loscaricoseguelacurvascheletro
adunadistanzatarabiledallutentesullabasediopportunicicliistereticideterminatisuelementisnelli.Con
riferimentoallaFigura2.46,duranteloscaricodaunpuntodellacurvascheletro,siscendefinoalpuntoC
con rigidezza elastica, poi la rigidezza assume un valore uguale o proporzionale (a scelta dellutente) al
ramoplasticofinoalpuntoD.Superatoquestopunto,ilciclosichiudecongiungendoilpuntoDconillimite
elasticodisegnoopposto.Lemollerotazionalisonostatecaratterizzatetramiteiseguentiparametri:
1. K
el
rigidezzadelramoelastico;
2. K
p1
rigidezzadelprimoramoplastico(semprepositiva);
3. F
y
forzaallimiteelastico;
4. F
max
forzamassima;
5. C
C
parametrodiproporzionalitconilramo2perlarigidezzadeirami5e50;
6. C
D
parametroperlinizioinspostamentodeirami6e60;
7. C
F
percentualediforzautilizzatanelprimoramodiscarico;
8. oparametrodidegradodellarigidezza;
9. U
up
spostamentoultimo(quellopositivo).

2.3.4.3 Degrado di rigidezza

Le leggi cicliche presentate per le molle taglianti e rotazionali prevedono anche un degrado di resistenza
che interessa i rami 4, 5 per la molla tagliante (Figura 2.44b) e il ramo 4 per la molla flessionale (Figura
2.46), e i loro simmetrici. Il degrado stimato sulla base del massimo spostamento raggiunto in campo
plastico e su una rigidezza ultima da fissare a priori, come proposto da Tomazevic (1996). In particolare
statosceltodifissaretalerigidezzaultimainproporzioneaquellaelastica:

u el
K K o = (Eq.2.38)

doveouncoefficientedacalibraresullabasediidoneidatisperimentali.Ildegradodirigidezzalineare
con gli spostamenti: una volta raggiunto il limite elastico, la rigidezza di scarico decresce linearmente da
quellaelasticaaquellaultimaprecedentementescelta(Figura2.47a).

46GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

a. b.
Figura2.47Leggedidegradodellarigidezzadiscarico(a)erappresentazionescalatadellerigidezzedel
modello(b)

Esso pu essere posto in funzione di un parametro adimensionale C


K
, legato al rapporto fra rigidezze e
spostamentiultimirispettoaquelliallimiteelasticotramitelarelazioneinEq.2.39.

1
1
1 1
u
el
K
u u
y
el
el
K
K
C
d d
F
d
K
o

= =

(Eq.2.39)

La rigidezza di scarico viene infatti assunta come proporzionale a quella elastica e legata al parametro C
K,
tramite le relazioni 2.40 e 2.41, che forniscono la rigidezza degradata K
s,p
in funzione del punto di scarico
consideratoeperidueramiplasticidellacurvascheletro.

(2)
max
, 1
1
s p el K
cr
d
K K C
d
( | |
= +
( |
\ .

(Eq.2.40)

max
(3)
max
, 2
1
s p el K
H
d
K K C
d
( | |
= + ( |
|
(
\ .

(Eq.2.41)

con:
(2)
max
d spostamentomassimoraggiuntonelramo2(o20)
(3)
max
d spostamentomassimoraggiuntonelramo3(o30)

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 47

2.3.4.4 Degrado di resistenza

Il degrado di resistenza implementato quello proposto da Tomazevic e Lutman (1996) ed basato sulla
stimadellenergiadissipatainuninterocicloplastico.Questacaratteristicastataimplementatasolamente
perlemolletaglianti.

Figura2.48Definizionegraficadelparametro|

InaccordoconlaFigura2.48,vienedefinitounospostamentodasommareallattodelricarico:

max
dE
d
H
o |
+
+
| |
=
|
\ .
perforzapositiva
e,simmetricamente:
max
dE
d
H
o |

| |
=
|
\ .
perforzanegativa
(Eq.2.42)

dove H
max
la forza massima raggiunta, dE lenergia dissipata in un ciclo e | il parametro di degrado di
resistenza.
Inaltritermini,ladefinizionedi|:

max
hys
d
A
H
o
| =

(Eq.2.43)
dove A
hys
larea rappresentante lenergia dissipata in un ciclo. Questo parametro, sulla base dei test
sperimentaliriportatiinTomazeviceLutman(1996)statoassuntoparia0.06.

2.3.4.5 Valutazione dellenergia

Sulla base delle leggi di degrado di resistenza adottate, una corretta valutazione delle energie per
ognimollarisultaessenzialeperlacorrettezzadelmodello.Leenergievalutatenellemolledurantelanalisi
sonodue:
48GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

- Energiaelastica:
1
2
el
E F U o = (Eq.2.44)
- Variazionedellenergiatotale:
1
2
tot old
E F F U o A = (Eq.2.45)

con:
Fforzaalpassocorrente
F
old
forzaalpassoprecedente
U o incrementodispostamentoallostepcorrente.

Lenergiadissipataperisteresiinunpassostatacalcolatacumulativamentecomedifferenzafravariazione
dienergiatotaleedenergiaelastica.

2.3.5 Validazione del modello su singoli pannelli

2.3.5.1 Calibrazione dei parametri

Iparametriutilizzatiininputperlemollesviluppatesonostatidesuntidaprovesperimentali,inparticolare
quelle effettuate da Tomazevic e Lutman (1996) e Anthoine et al. (1995). Per la molla a taglio sono stati
adottatiiseguentivalori:
1. Laforzaallimiteelasticostataassuntaal70%dellaforzamassima;
2. Laforzacorrispondenteallospostamentoultimol80%dellaforzamassima;
3. Lospostamentoultimolo0.4%dellaltezzadelpannello;
4. Lospostamentoassociatoallamassimaresistenzastatoassuntocomeil50%diquelloultimo.
Questeassunzionideterminanogeometricamentelependenzedeiramiplasticidihardeningesoftening.
Per la molla flessionale le ipotesi formulate sono le stesse della molla a taglio, con leccezione della
rotazione ultima che stata assunta sulla base di uno spostamento pari a 0.8% dellaltezza del pannello,
coerentementeconquantopropostodallanormaitaliana.

2.3.5.2 Analisi di maschi e fasce

LeprovesperimentalipresentatidaAnthoineetal.(1995)susingolimaschimurarisonostateutilizzateper
validare il comportamento ciclico del modello proposto. stato quindi costruito un modello in cui prima
viene applicato il carico assiale pertinente e successivamente viene imposto lo spostamento ciclico. Sono
stateinvestigateduediversitipidipannelli:unotozzo,denominatoLowWall(LW),eunosnello,HighWall
(HW),entrambeaventisezione100x25cmealtirispettivamente1.35me2.0m.Ilcaricoverticaleapplicato
di150kN,aifinidiottenereunapressioneverticalecostantelungolosviluppodi0.6MPa.Ipannellisono
statiincastratiallabaseedicarichiorizzontalisonostatiapplicatisullalorofacciasuperiore.
In Figura 2.49 sono presentati i risultati del test ciclico. Dalle analisi si osserva come il pannello tozzo
evidenzi un comportamento ciclico prettamente dissipativo (Figura 2.49a), governato dalla molla a taglio,
mentrequellosnellocaratterizzatodadeiciclimoltopistrettidallacaratteristicaformaallungata,tipici
dellemolleflessionali.Dallaadeguatezzadelrisultatosiosservacomeilmodello,analogoinentrambiicasi,
risultiingradodicogliereadeguatamenteiduediversicomportamentiattivandoildiversotipodimolla.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 49

a. b.
Figura2.49ConfrontonumericosperimentaledelcomportamentociclicodelpannelloLW(a)edel
pannelloHW[18](b)conlapproccioM1

stato validato anche il comportamento delle molle rappresentative delle fasce di piano, riproducendo
numericamente i risultati ottenuti da Gattesco et al. nel 2008, nei quali stata testata ciclicamente una
fasciadipianoataglio,intermediaaduemaschimuraricaricatiassialmente.Lafascialunga100cmeha
unasezione trasversaledi100x38cm (muraturaa3teste). Ilcaricomassimoraggiuntorisultatodi70kN,
conunospostamentoultimoacollasso10mm.

Figura2.50Confrontonumericosperimentaledelcomportamentociclicodiunafasciadipiano,modellata
conlapproccioM1

La Figura 2.50 confronta il comportamento ciclico ottenuto sperimentalmente con quello numerico,
dimostrandounabuonaconcordanzatrairisultatiancheinquestocaso.Ilcicloistereticotipicodellemolle
atagliogovernainquestocasoilcomportamento.
Sono state svolte infine delle analisi di sensibilit del modello ai parametri di input. In particolare, i
parametri C
C
e C
D
, rispettivamente pendenza del ramo 5 (e 50) e inizio in spostamento del ramo 6 (o 60),
sono stati investigati nellintervallo (0,0.8] e [0.5,2.0]. I parametri o e | sono stati invece impiegati per
lanalisidisensibilitsullafasciadipiano,entrambifattivariarefra(0,1].IrisultatisonopresentatiinFigura
2.51, rispettivamente per il maschio HW e la fascia riportata in Figura 2.50. Nel grafico si riporta il valore
dellenergia totale alla fine dellanalisi ciclica, al variare dei parametri analizzati, confrontata con quella
sperimentale.
50GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

a. b.
Figura2.51AnalisidisensibilitaiparametridiinputperilmaschioHW(a)elafasciadipiano(b)

Lintersezionedellecurveconilvaloresperimentaledellenergiadissipatafornisceilparametropicorretto
periprovinianalizzati.Iparametriottenutisonoiseguenti:

0.2
1.2
0.06
C
D
C
C
|
=
=
=
(Eq.2.46)
Il parametro o stato assunto convenzionalmente pari a 0.8, data la sua scarsa influenza sul
comportamentodissipativo.

Gli studi condotti sui maschi murari sono stati eseguiti con lapproccio M1 (molle + tratti rigidi).
importante sottolineare luniformit di risultati ottenuta con entrambi gli approcci. Per dimostrare ci, a
titolodiesempiosiriportainFigura2.52lanalisieffettuataperilmaschioLWconentrambigliapprocci.

a. b.
Figura2.52ConfrontofragliapprocciM1eM2perilLW(a)econfrontofraleenergietotali(b)

Comeevidenziatodairisultatiottenuti,ledifferenzesonotrascurabili.

2.3.6 Analisi di pareti murarie

Nel seguito si riportano i risultati ottenuti, utilizzando i modelli proposti, su una serie di pareti murarie di
letteratura.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 51

2.3.6.1 Progetto Catania: parete D

LapareteDanalizzatatrattadalProgettoCatania(Liberatore,2000)edlastessapresentataalparagrafo
2.2.2.1. In Figura 2.53 si presenta nuovamente il modello a telaio equivalente adottato, con le relative
quoteinm.

Figura2.53ModelloatelaioequivalentedellapareteD(quoteinm)

Tutte le masse, riportate in Tabella 2.3, sono state concentrate puntualmente a livello di piano nelle
intersezionideitrattirigidi.

2.3.6.2 Analisi di pushover

Per la parete in esame stata eseguita unanalisi di pushover con due differenti distribuzioni di carico
laterale, una proporzionale al primo modo di vibrare e laltra proporzionale alle masse. Per validare il
risultato ottenuto sono state utilizzate due curve del progetto Catania, ottenute con 2 approcci descritti
precedentementealparagrafo2.1.4.3:
- IlmetodoSAM,codicesviluppatodallUnitdiRicercadiPavia(MageneseDellaFontana,1998);
- IlmetodoamacroelementidellUnitdiRicercadiGenova(BrencicheLagomarsino,1997).
Talimetodifornisconolarispostadiunpannellomurariotramiteunmacroelementorappresentatelintero
maschioofascia,esonostatiutilizzatientrambiperlapareteanalizzata.
stata condotta una prima analisi con il modello proposto, imponendo alle molle utilizzate un legame
elastoperfettamenteplastico.
52GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura2.54Confrontoconlanalisidipushovermolleelastoperfettamenteplastiche

Da questa prima analisi di Figura 2.54, si evince come la rigidezza iniziale sia identica a quella degli altri
modelli e come anche il valore resistente sia praticamente coincidente con quello ottenuto dal codice
SAM).

2.3.6.3 Analisi incrementali dinamiche

PerlapareteDstataeseguitaancheunanalisiincrementaledinamica,conlobiettivodidedurre
perpuntilacurvadicapacit.Sonostatiimpiegatitreaccelerogrammigenerati,denominatiACC14,ACC15
eACC16,compatibiliconlospettrofornitodallanormaitaliana.
Gli accelerogrammi (in Figura 2.55 riportato lo spettro elastico assieme allo spettro di normativa), sono
stati generati utilizzando il software SIMQKE_GR (Gelfi) su un suolo di categoria A (suolo rigido) e con le
caratteristichesismichediGemonadelFriuli(UD)(a
g
=0.259).

Figura2.55SpettroutilizzatoperlagenerazionedellaccelerogrammaACC14

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 53

Figura2.56ConfrontofracurvaIDAefusodipushover

La curva formata dalle analisi IDA molto prossima alla curva di capacit ottenuta con una distribuzione
proporzionaleallemassedelleforzelateralipianoperpiano(Figura2.56).

2.3.6.4 Wall D dellUniversit di Pavia

InquestosecondoesempiosiprendeinconsiderazionelaparetedenominataWallDPavia,facentepartedi
un prototipo di edificio a due piani testato in scala reale presso lUniversit di Pavia da Calvi e Magenes
(1997). Tale parete indipendente dal resto della costruzione (non connessa agli angoli) e pu dunque
esseremodellataestudiataseparatamentemedianteunamodellazioneatelaioequivalentecomeinFigura
2.57.

Figura2.57ModellazioneeposizionamentodellemolleconcentratenellaWallDPavia

LecaratteristichemeccanicheelecondizionidicaricodellaparetesonoriportatenellaTabella2.4eTabella
2.5.

54GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Tabella2.4CaratteristichemeccanichedellaWallDPavia
YOUNGMODULUSE 1900MPa
SHEARMODULUSG 570MPa
SPECIFICGRAVITY 1900kg/m3
COMPRESSIVESTRENGTHfu 6.3MPa
PURESHEARSTRENGTHfvk0 0.23MPa
TENSILEMASONRYSTRENGTHftu 0.345MPa

Tabella2.5CarichiemassedellaWallDPavia
Maschio
murario
Areadi
influenza
[m2]
Carico
variabile
[kN]
Pesodei
maschi
[kN]
Peso
delle
fasce
[kN]
Peso
totale
[kN]
Masse
[t]
Pier1 1.62 35.64 18.5 3 57.14 2.191641
Pier2 2.76 60.72 29.26 6 95.98 3.594292
Pier3 1.62 35.64 18.5 3 57.14 2.191641
PierB1 1.62 35.64 16 3.7 55.34 2.008155
PierB2 2.76 60.72 25.35 7.4 93.47 3.33843
PierB3 1.62 35.64 16 3.7 55.34 2.008155

La parete stata dapprima testata numericamente mediante analisi di pushover (Figura 2.58) e
successivamentesottopostaalleazioniciclichesperimentali.

Figura2.58CurvadipushoverdellaWallDPavia

Analogamente al test sperimentale, lanalisi ciclica stata condotta imponendo una distribuzione di forze
costante nei due piani, invertendo il verso delle forze quando lo spostamento massimo della parete in
sommitraggiungequelloprevisto,secondolastoriariportatainFigura2.59.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 55

Figura2.59Storiadispostamentoadottataperiltestciclico

Figura2.60Risultatideltestciclico

I risultati sono riportati in Figura 2.60. Dal confronto con la risposta sperimentale si nota come il risultato
numericosiaaderenteallaprova.
Infine, per mostrare le potenzialit della modellazione, stata svolta unanalisi IDA con gli stessi
accelerogrammiutilizzatiinprecedenzaperlaPareteDdelProgettoCatania.

Figura2.61RisultatidellIDAsvoltasulWallD
56GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

In Figura 2.61 si nota come lultimo gruppo di punti, rappresentanti le analisi dinamiche svolte con gli
accelerogrammi scalati a 0.47g, siano sopra la curva di pushover con distribuzione modale delle forze
laterali. Questo fatto dovuto ai degradi ciclici che intervengono nelle analisi in campo plastico avanzato,
come confermato dalla Figura 2.62, che mostra come la rigidezza di scarico di tutta la parete sia
visibilmenteinferiorenellanalisia0.47gaquellaelasticainiziale,rappresentatadallanalisia0.15g.

Figura2.62Taglioallabasevs.spostamentoperleanalisidinamichea0.15ge0.47gconACC15

In Figura 2.63 infine presentato un confronto fra gli approcci M1 e M2 in campo statico non lineare,
ottenuto,comeperlanalisiprecedente,aspostamentoimposto.

Figura2.63PushoverciclicodelWallDdiconfrontofraapproccioM1eM2

Comesievincedairisultati,noncisonodifferenzeapprezzabilifraidueapprocci,equestesonocomunque
molto inferiori alle approssimazioni introdotte dal metodo del telaio equivalente. Per stimare la
discrepanzaincampoelastico,statosviluppatounmodelloelasticoconelementishelleunoconelementi
beam mediante il software Midas GEN. Le differenze rilevate nel calcolo dei modi di vibrare della parete
WallDsonopresentateinTabella2.6.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 57

Tabella2.6ConfrontodeimodidivibraredelWallDcondifferentimodellazioni
Mode
number
M1
approach
M2
approach
M1vs.M2 FEMshell FEMframe
Shellvs.
M2
Framevs.
M2
FrameVs.
M1
T[s] T[s] T% T[s] T[s] T% T% T%
1 0.112 0.118 4.71% 0.165 0.129 40.03% 9.34% 14.74%
2 0.036 0.038 5.92% 0.060 0.043 57.34% 13.81% 20.97%
3 0.032 0.036 12.29% 0.054 0.039 49.65% 9.12% 24.41%

ComesievincedallaTabella2.6,ladifferenzanelperiodofondamentaledellapareteinferioreal5%tragli
approcciM1eM2,ledifferenzediquestidueapproccirispettoallasoluzionesempreatelaioequivalente,
ottenuta con Midas GEN attorno al 1014%, mentre risulta addirittura del 40% rispetto ad una
modellazionecontinua medianteelementishell.Cidovutoessenzialmentealleapprossimazioniindotte
da una modellazione semplificata a telaio, dove il reale comportamento delle zone nodali, del maschio e
dellefascevieneovviamenteapprossimato.

2.4 Modello a mesoscala

Le possibilit computazionali offerte ai nostri giorni hanno permesso ladozione di modelli sofisticati e di
dettaglio per la rappresentazione della muratura. I modelli in mesoscala sono un punto di arrivo
significativoinquestocampo,rappresentandolamuraturaneisuoicomponenticostitutivi,maltaemattoni,
separatamente.
Uno degli approcci pi efficaci stato sviluppato da Macorini e Izzuddin (2011) che propongono di
modellarelamuraturaamattonipieniconelementicorotazionaliacomportamentononlineareperiletti
di malta ed elementi solidi elastici per i mattoni. Lapproccio si rivela particolarmente efficace per
analizzare lo stato fessurativo conseguente allapplicazione di carichi verticali e laterali, poich lelemento
bidimensionalecorotazionalesideformaaprendosi,segnandolandamentodellafessura.
Gli elementi corotazionali sono elementi finiti che filtrano il moto di corpo rigido tramite due sistemi di
riferimento,lunofissoelaltrochesegueilmotorigidodellelemento.Questacaratteristicasiadattabene
ad analisi in cui sia necessario rappresentare la nonlinearit geometrica di strutture soggette a grandi
spostamentimaapiccoledeformazioni,qualilcasodelleparetimurarie.

2.4.1 Meshatore per il modello a mesoscala

IlmodelloamesoscaladiMacorinieIzzuddin(2011)utilizza20nodiperglielementisolidiperilmattonee
16nodiperglielementicorotazionaliperilettidimalta(Figura2.64).

a. b.
Figura2.64Numerazionedei20nodiperlelementomattone(a)eassemblaggiodeglielementi(b)
58GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

statosviluppatounmeshatoreche,partendodalledimensionidelsingolomattone,dalladescrizionedei
letti di malta (mattonemattone, maltamattone, mattonemalta) e dalla loro sequenza, genera
automaticamenteifilediinputperilsolutoreutilizzato,ADAPTIC(Izzuddin,1991).
Il legame costitutivo utilizzato per gli elementi solidi elastico lineare, mentre quello per le interfacce co
rotazionalisegueleleggiindicateinFigura2.65perlatrazioneeperiltaglio.

Figura2.65Leggicostitutiveintrazione(a)eataglio(b)perlelementocorotazionale

Dapprima stata sviluppata una versione per singoli pannelli murari (Figura 2.66a), con la quale stato
preparatounconfrontonumericosperimentaleconilmaschioLWdiAnthoine(1995).

a. b.

Figura2.66Schermataprincipaledelmeshatoreperpannellisingoli(a)eschermataprincipaledel
meshatoreperpartizioni(b)

Data la grande richiesta in termini computazionali del modello utilizzato, si rende conveniente ricorrere
allausilio della parallelizzazione del modello, realizzata in ADAPTIC mediante tecnica del domain
decomposition, cio della sottostrutturazione del modello completo in sottodomini, mantenendo la
congruenza al contorno di ciascuno sottodominio. Il meshatore stato pensato quindi per sfruttare
appieno questa possibilit, permettendo lintroduzione nel modello di partizioni strutturali separate,
ognunadellequaliandraimpegnareunsingoloprocessoredurantelanalisi(Figura2.66b).
Questultimo meshatore stato utilizzato per sviluppare modelli pi estesi, come la riproduzione della
provadilaboratoriosullafasciadipiano,espostanelseguito.

2.4.1.1 Generazione della mesh


In questo paragrafo sar esposto brevemente il funzionamento dellalgoritmo di generazione della mesh,
studiatoappositamenteperlacostruzionedimodellisuddivisiinpartizionistrutturali,destinateognunaad
unelaboratorediversoinfasedianalisi.
Perognimodellonecessariospecificarepreliminarmentealcuneinformazionidibase:
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 59

- Ilpianodelmuro,sceltofraXZeYZ;
- Iltipodianalisi,staticaodinamica;
- Ledimensionidelmattone(didefault62.5x55.0x120.0mm);
- Glioffsetdinumerazioniperinodi,illustratiinseguito;
- Il nome del file e alcune parti precompilate per i file di output, che specificano caratteristiche dei
materiali,carichiesettaggidellanalisi.
Lanumerazionedeinodisegueunpatternprefissato,aifinidiriconoscerelaposizionediogninodoinbase
alsuonumero.Possonoesserespecificatitreoffset,ognunoperletredirezionispaziali,inmodotalecheil
numerodiogninodoNsiacalcolatocome:

. . . dir X dir Y dir Z


mattone X mattone Y mattone Z c
N n off n off n off n = + + + (Eq.2.47)
incui:
. dir J
mattone
n numerodimattoninellaJesimadirezione
J
off offset nella Jesima direzione (per pareti in XZ, di default sono posti
X
off =10000,
Y
off =1000000 e
Z
off =100)
c
n ilnumerodelnodoinognielementosolido(Figura2.64a),chevada1a20.
Talenumerazione,pursfruttandosoloil20%deinumeriinterinelrangeesposto,permettediidentificarela
posizionedelnodoconoscendoilsuonumeroeledimensionidelmattone.

Lanumerazionedeglielementisegueleseguentiregole:
- ElementisolididiFigura2.64a: 10
br e
N offset n = +
- Elementicorotazionaliperigiuntidimaltaorizzontali(bedjoints): 20
bj e
N offset n = +
- Elementi corotazionali per i giunti di malta verticali ortogonali al piano del muro (head joints):
1 1
30
hj e
N offset n = +
- Elementi corotazionali per i giunti di malta verticali paralleli al piano del muro:
2 2
40
hj e
N offset n = +
essendo max( , , )
X Y Z
offset off off off = ,
e
n contatore progressivo,
1 e
n contatore con numeri progressivi
solamentedispari,
2 e
n contatoreconnumeriprogressivisolamentepari.
Inomideimateriali(groups)associatiadognitipodielementosono,perdefault:
- gr2perimattoni,
- gr4perilettidimaltaorizzontali,
- gr1egr3perilettidimaltaverticali,ortogonalieparallelialpianodelmuro,rispettivamente,
- gr5, gr6 e gr7 per il secondo materiale presente (ad es. legno per traverse murarie),
rispettivamenteperelementisolidi,elementicorotazionaliorizzontalieverticali.
La numerazione esposta permette di rintracciare qualsiasi elemento sulla base del suo numero,
analogamente per i nodi, e anche di utilizzare i comandi di ADAPTIC SHAPE (postprocessore 3D) per la
visualizzazioneselettivadeglielementitramiterangediesclusionesulloronumero.

2.4.1.2 Definizione del modello

Il modello strutturale viene introdotto nel meshatore partizione per partizione, specificando coordinate
spazialidiorigineenumerodiblocchi(elementisolidi)inognidirezione.necessarioinoltrespecificarele
caratteristiche degli elementi corotazionali che rappresentano i letti di malta, verticali e orizzontali,
attraversolintroduzionedistringhedinumeriinteri(es.2312)aventilaseguentecodifica:
- 1rappresentaungiuntoframattoneemattone(b/b);
- 2rappresentaungiuntoframattoneemalta(b/m);
- 3rappresentaungiuntoframaltaemattone(m/b).
60GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Questaoperazionevafattaperognilayerdimattoniindirezioneortogonalealmuro(YpatterninFigura
2.67)enelpianodellayer(XpatterninFigura2.67).

Figura2.67Pannellodiinputdeidatiperilmeshatoresviluppato

Perognipartizionenecessariospecificarelecaratteristicheaisuoibordi,eciosceglierese:
- Ilbordounconfinedipartizione:intalcasoilmeshatoreaggiungeraifiledioutputlelencodei
nodidiconfine,richiestoininputdaADAPTIC;
- Ilbordovincolato:unamascherachesiapreautomaticamentepermettedispecificareilgradodi
vincolocheilmeshatoreassegneratuttiinnodipresentiinquelbordo;
- Ilbordosoggettoacarichi:unamascherachesiapreautomaticamentepermettedispecificareil
tipodicarico(forzaospostamento)eilvalorecheilmeshatoreassegneratuttiinnodipresentiin
quelbordo;
- Ilbordounbordoesternodelmodello:nessunaoperazionevieneintrapresa.
possibile assegnare anche dei carichi per unit di volume alla singola partizione tramite lapposito
comando(LoadperunitofvolumeinFigura2.67).
Infine, tutte le partizioni sono rese graficamente in unapposita finestra, colorando i bordi con vincoli di
rosso,quelliconcarichidiverdeeiconfinipartizionatiinlineatratteggiatamarrone(Figura2.68).

Figura2.68Partizionamentodiunaparetemuraria
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 61

Lalgoritmo di meshatura pensato per poter sfalsare la posizione reciproca delle partizioni sul piano
orizzontale, ma non verticalmente. La Figura 2.69 esplica graficamente il concetto; in altre parole, il
partizionamentoorizzontaledevesempregiaceresullostessopiano.

a.
b.

Figura2.69Partizionamentocorretto(a)epartizionamentononcorretto(b)diunaparetemuraria

Loutput del meshatore infine un file di input per ADAPTIC per ogni partizione e un file aggiuntivo
parentrichiestodalprocessodicontrollodellanalisiparallela.

2.4.2 Maschio murario

IlmaschiomurariooggettodellanalisiquellodenominatoLWtestatodaAnthoineetal.(1995)eutilizzato
in precedenza per la validazione del modello con molle concentrate. stata eseguita una modellazione a
mesoscala, applicando dapprima il carico verticale (150kN) e poi lo spostamento in sommit. Ai fini di
muovere il maschio a taglio, stata aggiunta una fascia rigida di elementi in sommit per simulare le
condizioni di vincolo. Uno spostamento laterale monotono crescente stato applicato infine a questa. Il
risultatodellaprovadispintapresentatoinFigura2.70.

Figura2.70Curvaforzaspostamentolateraleinsommitconfrontataconquellasperimentale

InFigura2.71sonovisibilileinterfaccedimaltautilizzate,elostatotensionale.Ladeformatacorrisponde
allistanteimmediatamenteprecedenteilraggiungimentodelcaricomassimo,incuisinotalaperturadelle
fessureagliangolidelpannellopertrazione.

62GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno


Figura2.71RispostanonlinearedelmaschiomurarioLWsollecitatoataglioprimadelpiccoresistente

InFigura2.72siriportailquadrofessurativoavvenutodopoilpiccoresistente,dovesinotalaclassica
fessurazioneataglioinnescataneilettidimalta,chesipropagalungoladiagonaledelpannello.


Figura2.72RispostanonlinearedelmaschiomurarioLWsollecitatoatagliodopoilpiccoresistente

Lapotenzadelmodellosiesplicanelrendereapprezzabilelostatofessurativooltrechequellotensionale.
LamodellazionestataquindiestesaallafasciadipianotestatainlaboratoriodiIngegneriaeArchitetturaa
Trieste,descrittanelparagrafosuccessivo.

2.4.3 Fascia di piano

Al fine di investigare il comportamento ciclico delle fasce di piano, sono state eseguite diverse prove
sperimentali su provini ad H in mattoni pieni (Figura 2.73) presso il Laboratorio del Dipartimento di
IngegneriaeArchitetturadellUniversitdiTrieste(Gattescoetal.,2010),nellequaliunmaschiomurario
fissomentreallaltrovieneimpostounospostamentociclicopersollecitarelafasciaataglio.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 63

Figura2.73Facciatainmuraturadalqualeidealmenteestrattoilprovino(sinistra)emodalitdiprova
(destra)

Inquestocapitolosicercherdisimularenumericamentelaprovasperimentaleeseguitasuunprovinoche
sicomponedimattonipienilegaticon maltascadenteediuna traversainlegnosottolafascia(test MS1,
Figura2.74a),oppurediunarcoinmuratura(Figura2.74b)ediunatraversainlegnodidimensioniinferiori
(testMS2,Figura2.75a).

Le dimensioni delle pareti testate, di spessore di 38 cm, sono riportate in Figura 2.75a. Il test setup
visibileinFigura2.75b:ilmaschiodidestravienemossoindirezioneverticaledagliattuatori(innumerodi
3,unoadestraeglialtri2davantiedietroilprovino).

a. b.
Figura2.74VistefrontalidelprovinoMS1(a)eMS2(b)(trattodaGattescoetal.,2010)

a. b.
Figura2.75VistaposterioredelprovinoMS2(a)esetupdeltestsperimentale(b)
64GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Il carico assiale applicato prima di eseguire la prova ciclica ai maschi murari, ottenuto pretensionando le
barreDywidagverticalidiFigura2.75b,taledaportareadunatensionedi0.5MPaglistessi.
Irisultatideltestciclicosonoriportatiinterminiditaglioresistenteespostamentotrasversaledellafascia
inFigura2.76.

a. b.
Figura2.76CicliistereticisperimentaliperlafasciadipianoMS1(a)eperilprovinoMS2(b)

La prova MS1 raggiunge un taglio massimo nella fascia di 70kN e si fessura alle estremit della stessa
(Figura 2.77a), mentre la MS2 sopporta un carico di 50kN e collassa per fessurazione diagonale (Figura
2.77b).

a. b.
Figura2.77CicliistereticisperimentaliperlafasciadipianoMS1(a)eperilprovinoMS2(b)(trattoda
Gattescoetal.,2010)

Il modello realizzato per ADAPTIC della fascia muraria, per semplicit identico per entrambi i test
(assumendo la geometria di Figura 2.76a), composto da 20 partizioni, come illustrato in Figura 2.78.
Lanalisi eseguita monotona (viene movimentato verso lalto il maschio di destra) con lobiettivo di
ottenereunarispostailpivicinopossibileaquellafornitadallinviluppodeiciclisperimentaliinterminidi
tagliospostamentotrasversaledellafascia.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 65

Figura2.78Partizionamentodelmodelloperlafasciadipiano

LameshadottatavisualizzatainFigura2.79;peralleggerireilpesocomputazionaledelmodello,laparete
statarappresentataconunsololayerdimattoniaventeprofonditpariaquelladelmuro.

Figura2.79Meshaturadelmodelloutilizzato

IlparametriutilizzatiperglielementimattoneemaltasonoriassuntiinTabella2.7.

Tabella2.7Proprietdeimaterialiutilizzateperilmodellodellafascia
MATTONI
ModulodiYoung 2500 MPa
Coeff.diPoisson 0.15
MALTALettiorizzontalieverticalinelpianodelmuro
Rigidezzaindir.1 48 N/mm3
Rigidezzaindir.2e3 21 N/mm3
CoesioneC 0.35 N/mm2
66GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Res.atrazione 1.00E04 N/mm2


Ang.d'attrito(tan|) 0.15
Energiadifratturadir.1 0.02 N/mm
Energiadifratturadir.2 0.05 N/mm
Energiadifratturadir.3 5 N/mm
MALTALettiverticalieortogonalialpianodelmuro
Rigidezzaindir.1 1.00E+04 N/mm3
Rigidezzaindir.2e3 1.00E+04 N/mm3
CoesioneC 2.80E+00 N/mm2
Res.atrazione 2.80E04 N/mm2
Ang.d'attrito(tan|) 2
Energiadifratturadir.1 0.08 N/mm
Energiadifratturadir.2 0.5 N/mm
Energiadifratturadir.3 5 N/mm

Nei lati inferiori delle partizioni 1 e 5, il modello stato vincolato bloccando tutti gli spostamenti nello
spazio. Ai lati superiori delle partizioni 4, 8, 16 e 20 e ai lati inferiori di 14 e 17 stata applicata
unaccelerazione a tutti i nodi in modo da provocare prima la compressione del maschio mobile, e poi lo
spostamentomonotono, mantenendoloneltempo.InFigura2.80sonoriportatele curve, inspostamento
controtempo,applicateallastrutturaperunanalisimonotona.Inparticolare,stataapplicata:
- lacurvaC1allepartizioni4e8;
- lacurvaC2allepartizioni16e20;
- lacurvaC3allepartizioni14e17.
Le curve citate sono state utilizzate nel modello attraverso un moltiplicatore di carico, tarato con diverse
prove preliminari, in modo tale che la compressione nei maschi murari, al valore 1 di ogni curva,
corrispondaaquelladellaprova,0.5MPa.

Figura2.80Curvespostamentovs.tempoutilizzatenelmodellodellafascia

Ilmoltiplicatoredicaricostatotaratoiterativamenteperottenerelatensionedesiderata(0.5MPa).Dopo
diversitentativisiottenutalaseguentedistribuzioneditensioniverticali(Figura2.81),dovelapressione
verticale
Z
o medianeimaschidi0.45MPa.
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 67

Figura2.81Distribuzionedelletensioniverticalinelmuroaltempo1.0s(scalainMPa)

AllafinedellanalisilostatotensionalepresentatoinFigura2.82.

Figura2.82Distribuzionedelletensioniverticalinelmuroafineanalisi(scalainMPa,deformazioni
amplificate250volte)

La risposta monotona del modello, denominato M1, presentata in Figura 2.83, e si rivelata essere
confrontabilecongliinviluppi(positivoMS2+enegativoMS2)deltestMS2.

68GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura2.83RispostamonotonadelmodelloaconfrontoconquellasperimentaledelprovinoMS2

Il risultato ottenuto conferma la validit del modello a mesoscala poich rappresenta correttamente la
rigidezzainizialedellafasciadipianoesovrastimasolodipocoillivelloresistente(55kNnelmodellocontro
i 50kN nel test). Le caratteristiche dei materiali utilizzate nella modellazione effettuata vanno quindi
affinate sulla base di prove sperimentali sulla malta e su singoli mattoni, con lobiettivo di migliorare il
risultatointerminidiquadrofessurativo:nelmodellolefessurecreatesisonorappresentativedeltestMS1,
mentrelarispostatagliospostamentosimileaquelladeltestMS2.Comeprimaapprossimazionelanalisi
svolta produce risultati accettabili ma non ancora sufficientemente rappresentativi del reale
comportamentomonotono.

2.4.3.1 Variazione dei parametri del modello

Per rappresentare correttamente la risposta del modello con i risultati sperimentali del test MS1, che
presenta una rigidezza iniziale maggiore rispetto al test MS2, stato modificato il modulo elastico dei
mattoni utilizzato per la precedente analisi M1, prima raddoppiando il suo valore (5000 MPa, modello
M2)epoitriplicandolo(7500MPa,modelloM3).
Inassenzadiunacaratterizzazionesperimentalesulsingolomattone,talimodulisonoritenutiequamente
rappresentatividelmattonepieno;inoltre,unamodificadellecaratteristiche(linearienon)perglielementi
rappresentatiilettidimaltaavrebberichiestounostudiopiestesoepilungoneltempo,datocheogni
singola analisi con ADAPTIC (Izzuddin, 1991) impiega circa 144 ore (6 giorni) nellHPC (High Performance
Computer)dellImperialCollege(Londra).
Irisultatidiogniprovasonostatiriassuntinellecurvetagliospostamentotrasversaleperlafasciadipiano
riportateinFigura2.84.IlmodelloM3sidimostrailpicorrettonellastimadellarigidezzainiziale.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 69

Figura2.84Rispostemonotonedeimodellianalizzatiaconfrontoconquellasperimentaledelprovino
MS1(invilupponegativo)

Siriportanonelseguito,pericasiM3,alcuneimmaginirelativeallostatotensionaleefessurativoperi
diversimodelli.IlquadrotensionaleefessurativodelmodelloM3a0.5MPaidenticoaquellopresentato
inFigura2.81eFigura2.82.

LaFigura2.85mostrainvecelatensioneverticalesuimaschiperilmodelloM3(0.1MPa).

Figura2.85Distribuzionedelletensioniverticalinelmuroainizioanalisi(scalainMPa)
70GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura2.86Distribuzionedelletensioniverticaliefessurenelmuroafineanalisi(scalainMPa,
deformazioniamplificate250volte)

InFigura2.86sinotacomelefessurenelmurosianodiversedaquelleottenutenelcasoM1con0.5MPa;
tale comportamento da imputarsi alla minor compressione dei maschi murari, che permette la rottura
degli stessi (angoli tesi dei maschi e della fascia). interessante osservare come la fessurazione avvenga
anche nelle zone nodali (angoli della fascia), considerate invece rigide da metodi di modellazione come
quelloatelaioequivalente.

Lastessaanalisistatacondottaa0.85MPaditensioneverticaleinizialeneimaschi.

Figura2.87Distribuzionedelletensioniverticalinelmuroainizioanalisi(scalainMPa)

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 71

Figura2.88Distribuzionedelletensioniverticaliefessurenelmuroafineanalisi(scalainMPa,
deformazioniamplificate250volte)

Ilquadrofessurativoottenutoconunacompressioneneimaschidi0.85MPa,presentatoin
Figura2.88,dovutoallaumentodellaresistenzadeimaschistessi,cheasuavoltaprovocaunafessuraai
bordidellafascia,piaccentuatarispettoalmodelloM1contensioneverticaledi0.5MPa.

In conclusione, la modellazione a mesoscala proposta da Macorini e Izzuddin (2011) rappresenta uno


strumentomoltopotente eaccurato,quandoiparametridelmaterialesianoopportunamentecalibratisu
provesperimentalidimaltaemattoni.Ilcomportamentodeimodellianalizzativaspecializzatoperisingoli
casi testati (MS1 e MS2), ai fini di cogliere tutti i meccanismi di collasso osservati sperimentalmente e di
riprodurre,inprimabattuta,larispostamonotonadellefascedipianotestate.


72GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

3 Il legno strutturale

Il materiale legno presenta numerosi vantaggi quali ottimo rapporto peso/resistenza, comfort termico e
acustico, versatilit ed eleganza architettonica, oltre ad essere una materia prima facilmente
approvvigionabile e lavorabile. Come la muratura, stato uno dei materiali maggiormente utilizzati finora
dalluomoperlacostruzionedimanufattiabitativienon.Dalpuntodivistastrutturale,illegnoutilizzato
per fondazioni (ad es. i pali di fondazione dei palazzi veneziani), per pilastri, travi, pareti (sia ottenute per
sovrapposizione di tronchi di legno massiccio sia prodotte con nuove tecnologie), sistemi intelaiati (telaio
leggeroetelaiotradizionale),solai(ancheinabbinataconilcalcestruzzo)ecoperture(capriatelignee).
Il legno ad uso strutturale viene classificato sulla base della sua provenienza, in legno da latifoglie (faggio,
castagno, quercia, pioppo) e da conifere (abete, pino, larice, douglasia), sulla base della difettosit
(presenzadinodi,cipollature,taschediresina)esullabasedivariazioniambientali(stagionatura,umidit)e
biologiche(insettiefunghi).
Inquestocapitolosarannoinvestigateleproprietmeccanichedellegnoperpoisviluppareunmodellonon
linearechesiconcentrersulleconnessioniinacciaioperstruttureligneeecheconsideralecaratteristiche
dellegnodaancorareassiemeaquelledelconnettore.

3.1 Comportamento meccanico del legno

Il legno costituito da una struttura fibrosa orientata, cio da un insieme di filamenti immersi in una
matrice meno resistente di questi ultimi. Questo conferisce al legno una forte ortotropia nel
comportamento, potendo quindi individuare tre direzioni anatomiche principali: una direzione
longitudinaleL(parallelaallefibre),unaradialeReunatangenzialeT(dicaratteristicheresistentisimilari).

a. b.
Figura3.1Direzionianatomichedelmaterialelegno(a)eleggecostitutivaperlediversedirezionidicarico
(b)

Acausadellaforteortotropia,illegnosensibilealladirezionediapplicazionedelcaricorispettoaquelladi
disposizionedellefibre:comesinotainFigura3.1blaresistenzasviluppatapercarichiortogonaliallefibre
dimoltoinferiore.
La caratterizzazione numerica del materiale legno , per le ragioni viste, piuttosto difficoltosa, poich
obbliga a considerare un materiale ortotropo e un criterio plastico semiempirico, che tenga conto delle
caratteristichediverseperognidirezione.
Lamatricedirigidezzadelmaterialesipuscriverenellaseguenteforma:

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 73

( ) ( ) ( )
( ) ( ) ( )
( ) ( ) ( )
1 23 32 1 21 31 23 1 31 21 32
1 21 31 23 2 13 31 2 32 12 31
1 31 21 32 2 32 12 31 3 12 21
12
13
23
1 0 0 0
1 0 0 0
1 0 0 0
0 0 0 0 0
0 0 0 0 0
0 0 0 0 0
E E E
E E E
E E E
J
G
G
G
( u u T u u u T u u u T
(
u u u T u u T u u u T
(
u u u T u u u T u u T
(
=
(
(
(


(Eq.3.1)
con
12 21 23 32 31 13 21 32 13
1
1
T =
u u u u u u 2u u u

Ai fini di un approccio non lineare, conveniente esprimere la superficie limite fenomenologica. Una
possibile legge da adottare quella proposta da Tsai e Wu (1972), sviluppata per materiali anisotropi. Il
criteriounavariantedelcriteriodiHillgeneralizzato,estimalacombinazioneditensionichedluogoalla
plasticizzazionenelpuntomaterialeconsiderato.LaplasticizzazioneavvienequandosoddisfattalEq.3.2,
espressainnotazionecompatta.

1
i i ij i j
F F o o o + > (Eq.3.2)

incui:
i
F tensoredelsecondoordine,
ij
F tensoredelquartoordine,
,
i j
o o tensioni(assialietangenziali)nellediversedirezioni,
i,jindicida1a6.

Lespressione3.2puessereriscrittaperilmaterialelegnoutilizzandounanomenclaturapivicinaaquella
usatanelmondoprofessionale,nellaforma:

2 2 2
0 90
2 0 90 0 90 2
0 0 90 90 0 0 90 90
1 1 1 1
2 1
t c t c v t c t c
k
f f f f f f f f f
o o t
o o o o
| | | |
+ + + + + + + >
| |
\ . \ .
(Eq.3.3)

con
0
o tensioneparallelaallafibratura,
90
o tensioneortogonaleallafibratura,
0 t
f resistenzaatrazioneparallelaallafibratura,
0 c
f resistenzaacompressioneparallelaallafibratura,
90 t
f resistenzaatrazioneortogonaleallafibratura,
90 c
f resistenzaacompressioneortogonaleallafibratura,
t tagliosollecitante,
v
f resistenzaataglio,
0.5
2 0 90 0 90
( )
t t c c
k k f f f f

= , con 1 0 k s s , il coefficiente di forma del dominio che tiene in
considerazionelinterazioneditensionididiversadirezione.

IlcriteriosemiempiricodiNorris(1962),riportatoinEq.3.4,uncasoparticolarediquellodiTsaiWu,che
siottieneutilizzandok=0.

74GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

2 2 2
0 90
0 90
1
v
f f f
o o t | | | | | |
+ + >
| | |
\ . \ . \ .
(Eq.3.4)

Questultimo criterio per penalizza fortemente la trazione, come si vede in Figura 3.2 (parte in rosso
sottostanteilpianocont = 0).

Figura3.2VistatridimensionaledeicriteridiTsaiWu(nero)eNorris(rosso)nellospaziodelletensioni
0 90
, , o o t

Per completezza, si riportano i valori caratteristici utilizzati nella progettazione per alcuni tipi di legno
strutturaleinTabella3.1.

Tabella3.1Caratteristichemeccanichedeipidiffusitipidilegnoimpiegatiperstrutture
Nome
fmk
[MPa]
ft0k
[MPa]
ft90k
[MPa]
fc0k
[MPa]
fc90k
[MPa]
fvk
[MPa]
E0mean
[MPa]
E0,05
[MPa]
E90mean
[MPa]
Gmean
[MPa]
k
[kg/m3]
mean
[kg/m3]
C14 14 8 0.3 16 4.3 1.7 7000 4700 230 440 290 350
C16 16 10 0.3 17 4.6 1.8 8000 5400 270 500 310 370
C18 18 11 0.3 18 4.8 2 9000 6000 300 560 320 380
C22 22 12 0.3 20 5.1 2.4 10000 6700 330 630 340 410
C24 24 14 0.4 21 5.3 2.5 11000 7400 370 690 350 420
C27 27 16 0.4 22 5.6 2.8 12000 8000 400 750 370 450
C30 30 18 0.4 23 5.7 3 12000 8000 400 750 380 460
C35 35 21 0.4 26 6.3 3.8 13000 8700 430 810 400 480
C40 40 24 0.4 26 6.3 3.8 14000 9400 470 880 420 500
D30 30 18 0.6 23 8 3 10000 8000 640 600 530 640
D35 35 21 0.6 25 8.4 3.4 10000 8700 690 650 560 670
D40 40 24 0.6 26 8.8 3.8 11000 9400 750 700 590 700
D50 50 30 0.6 29 9.7 4.6 14000 11800 930 880 650 780
D60 60 36 0.7 32 10.5 5.3 17000 14300 1130 1060 700 840
D70 70 42 0.9 34 13.5 6 20000 16800 1330 1250 900 1080
GL24h 24 16.5 0.4 24 2.7 2.7 11600 9400 390 720 380 380
GL28h 28 19.5 0.45 26.5 3 3.2 12600 10200 420 780 410 410
GL32h 32 22.5 0.5 29 3.3 3.8 13700 11100 460 850 430 430
GL36h 36 26 0.6 31 3.6 4.3 14700 11900 490 910 450 450

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 75

Infine, la resistenza del materiale influenzata anche dai cicli per isteresi igroscopica, che provocano, in
funzione delle caratteristiche ambientali in cui la membratura lignea si trova, una variazione delle
caratteristiche meccaniche di base dovuta a ritiro e rigonfiamento. In questo lavoro tali effetti non sono
statipresiinconsiderazione.

3.2 Le strutture in legno

Lestruttureinlegnoindagateinquestolavorosonoprincipalmentetre:
1. StruttureinXlam
2. Struttureatelaioleggero
3. Struttureatelaio.

3.2.1 Strutture in Xlam

Il Xlam (contrazione di crosslaminated, in inglese CLT Cross Laminated Timber) costituito


dallincollaggio di pi pannelli, ortogonali fra uno strato e laltro, di legno massiccio (Figura 3.3). Tale
tecnica nata in Austria e Germania nel decennio scorso e si affermata negli ultimi anni per la sua
rapiditnellacostruzionediedificimonoemultipiano.

a. b.
Figura3.3SezionediunpannelloinXlama5stratidi17mm(a)epacchettocostruttivotipicoperle
struttureinXlam(b)(fotodaProgettoSOFIE)

Ai fini del calcolo statico necessario ricorrere alla teoria del Moehler (1956) per ottenere linerzia della
sezionecompostadapistrati.TaleteoriaallabasedelmetodopropostonellEurocodice5,AppendiceB,
in cui si trovano le relazioni per la rigidezza flessionale efficace. Tali indicazioni per presuppongono che i
vari strati della sezione siano a contatto fra loro, pertanto nel caso del Xlam necessario considerare la
distanzafraglistratimodificata(indicatacona
i
)pertenerecontodellospessoredelcollante(indicatocon
g
i
inFigura3.4).

76GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura3.4NomenclaturaadottataperlasezionetipicadiunpannelloinXlam

In riferimento alla sezione di Figura 3.4, si riportano le relazioni utilizzate per il calcolo della rigidezza
flessionaleefficace(Eq.3.8).

3 1 2 2
1 1 1 3 3 2
2
1 1 2 2 3 3
2 2 2 2
0
h h h h
A g A g
a
A A A


| | | |
+ + + +
| |
\ . \ .
= =
+ +
(Eq.3.5)
1 2
1 1 2
2 2
h h
a g a = + + (Eq.3.6)
3 2
3 2 2
2 2
h h
a g a = + + (Eq.3.7)
2 2 2
1 2 3 1 1 1 2 2 2 3 3 3 eff
J J J J Aa A a A a = + + + + + (Eq.3.8)
con
i
A areadelliesimostrato
,
i i
h g spessoridelliesimostrato
i
a distanzadalbaricentrodelliesimasezione
i
coefficientediMoehler(formulaB.5inEC5)

Leconnessionifrapannellisonorealizzateconconnettorimetallicichiodati.Ipidiffusisono:
Angolariperriprendereiltaglioallabasedellepareti;
Holddown(otiedown)perriprenderelupliftdelpannelloedevitareilrocking;
Vitiperiltagliofrapannelloepannello.
Leconnessioniverrannotrattatenelcapitolodedicato.

Uno dei pi importanti studi redatti in Italia per la diffusione del Xlam quello svolto dal CNRIVALSA
(Istituto per la Valorizzazione delle Specie Arboree, San Michele allAdige, Trento) allinterno del Progetto
SOFIE (acronimo di Sistema cOstruttivo FIEmme) (IVALSACNR, 2008), progetto di ricerca multidisciplinare
chehaindagatoimaggioripregidelXlamintuttiicampidiinteresseperlecostruzionicivili(architettura,
statica,sismica,resistenzaalfuoco,comportamentotermico,esposizioneallumiditedurabilit).Incampo
sismico,itestpiimportantidelProgettoSOFIEsonostatieseguitisutavolavibrante(Ceccottietal.,2006)
aTsukuba,inGiappone,ehannocoinvoltodueedificiinXlamdi3e7piani,interamenterealizzatiinloco
conlegnodelTrentino(Figura3.5).

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 77

a. b.
Figura3.5TestsismicosutavolavibranteinGiapponeperedificiodi3(a)e7piani(b)

Le costruzioni in Xlam hanno dimostrato un ottimo comportamento sismico, termico, di resistenza al


fuoco.Tuttiquestivantaggipermetterannolasempremaggiorediffusionediquestatipologiacostruttiva.

3.2.2 Strutture a telaio leggero

Lecostruzioniinlegnoatelaioleggerosonorealizzatecomeassemblaggiodiuntelaioligneoamontantie
traversidisezioneridotta,irrigiditoconunpannelloinlegnochiodatosullostessotelaio(Figura3.6a).Tale
tecnica costruttiva molto pi antica del Xlam, ed diffusa nelledilizia civile soprattutto in America del
nord.
Essa continua ad avere sempre maggior diffusione grazie alla velocit di realizzazione e per il rapporto
peso/resistenza particolarmente conveniente. Per questo motivo, da molti anni il comportamento sismico
di tali strutture oggetto di approfondito studio accademico, realizzato tramite innumerevoli prove
sperimentali e modelli numerici per la loro simulazione. Il ciclo isteretico tipico di forma molto simile a
quella dei connettori per il Xlam (Figura 3.6b), con tutte le caratteristiche tipiche di questi (degrado di
resistenzaerigidezza,effettodipinching).Lacapacitdissipativadellastrutturadipendeinlargapartedalla
connessionechiodatadelpannellodiirrigidimento(tavolato,compensato,ecc.)coniltelaio.

78GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

a. b.
Figura3.6Strutturamonopianoatelaioleggero(a)etipicociclosperimentaledelleparetiatelaioleggero
(b)

3.2.3 Strutture a telaio

Le strutture a telaio sono costituite dalla sola intelaiatura portante in legno. In genere le sezioni utilizzate
sonoinlegnomassiccioolamellare,elacapacitdissipativadellastrutturaassicuratadalleunionifratravi
ecolonnedeltelaio(Figura3.7a).Diversistudisuquestotipodistrutturesonostaticondottisulletipologie
di giunto pi convenienti, dalle funi metalliche pretese immerse nella struttura (Fragiacomo e Batchelar,
2012,Tomasietal.,2008)finoallusodibarremetallichepostteseinvestigatoinNuovaZelanda(Buchanan
et al., 2008). Unaltra opzione, utilizzata in questo lavoro, lutilizzo di connettori tubolari metallici come
propostoinOlandadaLeijten(1998).

a. b.
Figura3.7Telaioinlegnopercostruzioneadusoindustriale(a)espaccatodiungiuntocontuboinacciaio
(b)

I giunti travecolonna sono realizzati tramite bulloni metallici o tubi in acciaio (Figura 3.7b). Per poter
realizzaretalegiunto,illegnoutilizzatoperlezonenodalideltelaiohaunadensitpielevatainmododa
assicurarsi che, per buona parte, sia il connettore metallico a plasticizzare e che il nodo non si rompa. Il
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 79

Densified Veneer Wood (DVW, assemblaggio di strati di legno pressato per aumentarne la densit) pu
essereutilizzatoatalescopo,fornendounaresistenzaacompressionesufficiente.
Questo tipo di connessione stata studiata da Leijten et al. (2006) con prove sperimentali sul giunto di
Figura3.8.

Figura3.8ProvasperimentalediLeijtenetal.(2006)

Da questo studio si evince come la capacit dissipativa sia ampia e come il legame ciclico presenti le
caratteristichevisteinprecedenza.

3.3 Comportamento dellunione chiodata

Fra le diverse tipologie di collegamento per le strutture in legno (pioli per legnocalcestruzzo, giunti a dita
perlegnolegno,usodiconnettorimetallici)quellechiodaterivestonoparticolareimportanzasiaperlaloro
diffusionesiaperlafacilitdiimplementazione.Sarespostonelseguitoilcomportamentostrutturaledel
singolo chiodo per poi passare ai connettori metallici in cui i chiodi (o viti) vengono usati per lancoraggio
allepartilignee.

3.3.1 Comportamento del singolo chiodo

Il chiodo (o la vite) il connettore metallico per eccellenza nelle strutture in legno. Il comportamento
strutturale dei chiodi passa per la definizione dei meccanismi di collasso che possono verificarsi: il carico
limite viene determinato facendo lipotesi di comportamento rigidoplastico sia per il legno che per il
connettore.Ipossibilimodidicollassosonoessenzialmente4,comeraffiguratoinFigura3.9:
- Modo1:schiacciamentodellegnodavantialconnettore;
- Modo2:schiacciamentodellegnoeformazionediunacernieraplasticanelconnettore;
- Modo3:schiacciamentodellegnoeformazionediduecerniereplastichenelconnettore;
- Modo4:schiacciamentodellegnoerotazionerigidadelconnettore.

80GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura3.9Modidicollassodeiconnettoriagambocilindricopersingolaedoppiasezioneconnessa

Per ciascuno dei modi elencati esistono delle relazioni che permettono di calcolare il valore resistente
associato.
possibilepoiricavarelarigidezzaelasticadellasingolaconnessioneutilizzandolerelazionipropostedalla
normativa per il calcolo del parametro
ser
k , che rappresenta lo scorrimento istantaneo per ciascuna
sezioneresistenteepersingoloconnettore(Figura3.10).

Figura3.10TabellapropostadallanormaCNRDT206/2007perilcalcolodelloscorrimentoistantaneo

Da un punto di vista non lineare, il comportamento del chiodo risente della plasticizzazione del legno
circostante(ovalizzazionedelforo),creando,inpresenzadiunasollecitazioneorizzontaleciclicaintestaal
chiodo, un cinematismo in cui entrano in gioco il contatto fra chiodo e connettore e, dopo la
plasticizzazioneacompressionedellegno,ilcomportamentodelchiodoaflessionesenzacontrasto.Questa
ultimacaratteristicadluogoalleffettodipinchingnellegameistereticodelchiodo.

In letteratura questo comportamento stato ben delineato dal modello di Foschi (2000), che nellultima
versionetieneinconsiderazioneanchelaresistenzaallestrazione(Heetal.,2001).

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 81

Figura3.11ModellodiFoschiperilconnettore:schemadicalcolo(sinistra)eciclotipo(destra)(daFoschi
2000)

Lobiettivo del modello di Foschi di descrivere al comportamento forzaspostamento del singolo chiodo
comeinFigura3.11(destra),comprensivoquindidelleffettodipinching.
Questomodelloempiricosibasasullusodiunelementoaplasticitdiffusaa2nodichecombinalarisposta
dellacciaio del chiodo (Figura 3.12a) con quella dellembedment legnoso, che ha il comportamento di
Figura3.12b.

a. b.
Figura3.12Comportamentodellacciaionelchiodo(a)edellembedmentlegnoso(b),nelmodellodi
Foschi(2000)

Il modello di Foschi particolarmente adatto allo studio del comportamento ciclico di connettori singoli,
mailsuopesocomputazionalenonlorendeefficientepermodellareinteriedifici.
Tale comportamento del chiodo pu essere riprodotto tramite il modello proposto nel seguito, e nel
rispettodelleseguentiipotesi:
- Lareadipressioninormaliquellasottesadalraggiodelchiodo(Figura3.13);
- Illegnoreagisceperquestareainsolacompressione.
82GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura3.13Sezionetrasversaledelchiodoezonadicontattoconlembedmentlegnoso(inrosso)

Lanalisi viene condotta in controllo di spostamento, ogni molla elasticoperfettamente plastica e


rappresentalembedment.Lemollereagisconosoloincompressione.
Viene calcolato un chiodo singolo con lo schema statico di Figura 3.14a, in cui ogni molla connette e un
punto del chiodo, modellato come asta elastica, al vincolo e rappresenta la resistenza alla sola
compressionedellegno.Ladeformatatipicadopolapplicazionediunospostamentociclicoraffiguratain
Figura3.14b.

a. b.
Figura3.14Schemastaticoadottatoperilsingolochiodo(a)edeformatatipicadelchiodo(b)

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 83

Figura3.15Legameciclicorisultanteperilmodellodelchiodo

Lapproccio presentato produce risultati efficaci per la modellazione ciclica del singolo chiodo, come
presentatoinFigura3.15,incuiperivaloridiresistenzaedispostamentononsonoconfrontabilipoich
sono necessarie ulteriori validazioni sulla base di test sperimentali condotti su singoli chiodi testati
ciclicamente.
Infine, viene presentata sinteticamente unestensione del modello sviluppato per tenere in conto il
comportamentotridimensionaledelchiodo,compresalaresistenzaallestrazione(Figura3.16).

Figura3.16Modellodelchiodotridimensionale

Tale modello, se tarato sulla base di sperimentazioni, pu essere di grande efficacia per dedurre
automaticamenteilcomportamentociclicodelsingoloconnettorechiodato.

3.3.2 Comportamento del connettore

Lo studio del comportamento della singola connessione (chiodi/viti + connettore in acciaio) molto pi
conveniente,computazionalmente,rispettoalconsiderareilcomportamentodelsingolochiodo.Perquesto
84GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

motivo, a livello di ricerca, nel corso degli anni sono stati sviluppati una serie di modelli fenomenologici
adatti allanalisi monotona e ciclica di singoli connettori o di intere pareti di edifici in legno. Verranno
espostenelseguitoalcunesoluzioniproposteneidecennipassatiperiltelaioleggeroeilXlam.

3.3.2.1 Modelli per telaio leggero

Sulla base della ricerca cronologica fatta da van de Lindt (2003), uno dei primi studi sulla modellazione
numericastatopresentatodaFalkeItani(1989)che,conunelementobidimensionalea4nodi,riescono
ariprodurreilcomportamentomonotonodiparetiatelaioleggero,analizzatenelloropiano.Altromodello
per strutture a telaio leggero stato proposto da Dolan e Foschi (1990) che, sulla base di studi sulle
caratteristiche isteretiche di questo tipo di strutture condotti da Dean et al. (1986) e da Dolan (1989),
proposerounmodellopercomponenti,implementatonelsoftwareSHWALL,chepermettevadiseguirecon
accuratezza la curva di test monotoni su pareti in telaio leggero e prendeva in considerazione anche
laccoppiamentofraparetielalororigidezzafuoridalpiano.
Foliente (1995) propose un modello ciclico modificando alcuni parametri del legame isteretico di Bouc
WenBaberNoori (Baber et al., 1985), adatto a comportamenti che implicassero la presenza di pinching.
Talelegameconsideravaancheildegradodirigidezzaeresistenza.
Altri modelli costruiti per assemblaggio di molle sono stati proposti da Kasal et al. (1994) e Falk e Itani
(1989), fino ad ai modelli di Yasumura (2000) e di Collins et al. (2005) che sono principalmente dedicati
allanalisidinamica.
Una possibilit per calcolare la risposta ciclica di pannelli a telaio leggero infine offerta dal programma
SAPWood v2.0 (Pei e van de Lindt, 2010), che implementa al suo interno vari modelli isteretici (bilineare,
trilineare CUREE e EPHM Evolutionary Hysteretic Parameter Model) per modellare ogni singolo chiodo
allinterno della parete. Il programma fornisce la risposta ciclica in tagliospostamento della parete
modellatasullabasedellarispostadiognisingolochiodofratelaioepannelliinseritoalsuointerno.
Le caratteristiche presenti in questi modelli sono state prese in considerazione per formulare il modello
proposto, in particolare degrado di rigidezza e resistenza ed effetto pinching. Come assunzione generale
inoltre,soloiconnettorimetallici(chiodi,holddown,angolari,ecc.)dissipanoenergia.

3.3.2.2 Modelli per X-lam

NonaltrettantonumerosisonoimodelliperilXlampresentiinletteratura.Conunacertaapprossimazione
sul comportamento ciclico della struttura, e conseguentemente sullenergia dissipata, alcuni autori hanno
modellato gli edifici in Xlam attraverso lapplicazione di leggi isteretiche gi esistenti (Fragiacomo et al.
2011,FragiacomoeRinaldin,2011)comeillegamepivotimplementatonelsoftwareSAP2000(CSI,2012).
Altriautori(Pozzaetal.,2009)hannomodellatoiconnettoridiunedificioinXlamconunassemblaggiodi
molle non lineari con il software Straus7. Questo modello non considera il degrado di resistenza e il
softening.
Il software LightFrame 3D, appositamente sviluppato dallUniversit della British Columbia (He et al.), si
basa sulla modellazione del connettore con il modello di Foschi presentato in precedenza, e costruisce un
modello completo di una struttura in Xlam attraverso lassemblaggio di elementi monodimensionali
(beam), bidimensionali (panels) e molle (connections). La limitazione principale del programma
consiste nel fatto di poter utilizzare solo elementi che rappresentano chiodi o viti, appesantendo quindi il
calcolonelcasodistrutturecomplesse.
Un grossopassoavantistatofatto conil modello diCeccottie Vignoli(1989),conosciuto comeFlorence
PinchingModel.IlmodellorappresentafenomenologicamentelecomponentidiunastrutturainXlamed
statoutilizzatoconsuccessoperpredireilcomportamentodelledificiodi3pianitestatosutavolavibrante
aTsukuba(Ceccottietal.,2008)conilmodelloriportatoinFigura3.17.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 85

Figura3.17Modellazionedelledificioa3piani(sinistra)emodelliistereticiperholddowneangolari
(destra)(daCeccottietal.,2008)

a. b.
Figura3.18Taraturadiunsingoloholddown(a)eangolare(b)(daCeccottietal.,2008)

Questo modello stato calibrato su test ciclici di singoli pannelli in Xlam (Figura 3.18), considerando la
rispostaglobaledelpannello,assialeeataglio.
Il modello sviluppato rappresenta unevoluzione del Florence Pinching Model, e tiene in considerazione
ancheleffettodiattritoperscorrimentofrapannelloepannello.
Infine,lultimocontributoalcampodellamodellazioneciclicadipannelliinXlamstatopresentatodaPei
et al. (WCTE, 2012) e si basa su un modello cinematico della parete, che calcola il contributo resistente di
ogni connettore in funzione della sua posizione sul bordo del pannello. Questo modello stato utilizzato
perriprodurreciclisperimentalidiparetiinXlamattraversounacalibrazioneinversa,procedimentotrial
& error che parte dalla definizione del modello e ottiene iterativamente i parametri resistenti di chiodi,
angolarieholddown,confrontandoirisultatidellinterapareteconquellisperimentali.Difettodelmodello
quellodinonrappresentarecorrettamenteicicliistereticidellapareteviciniallaforzanullaeinpresenta
disforzoassiale:talicicli,comeriportatoin(Peietal.,2012)siappiattisconosullospostamentonullo.

3.4 Il modello non lineare del connettore

Lapproccio proposto basato sullusodi elementi molla non lineari che rappresentano il comportamento
ciclico di un singolo connettore utilizzato nel Xlam, come squadrette, holddown e tiedown, viti o chiodi
(Figura3.19).

86GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura3.19Dettagliosuangolareeholddown(destra)utilizzatinellecostruzioniinXlam

I pannelli in Xlam sono modellati con elementi shell elastici, poich tale approccio basato sullipotesi,
confermata dalle prove sperimentali (Gavric et al., 2011) che queste strutture dissipino energia solo nelle
connessionifrapannelliefrapannelliefondazioni.Ilprincipalevantaggiodellamodellazionepropostala
possibilitdipredireilcicloistereticodiinteripannelli,sottostruttureostruttureinXlamunavoltachele
componenti(ognigradodilibertdellemolleutilizzate)sianostatecalibratesuproveciclichediconnettori
singoli. stata scelta una caratterizzazione fenomenologica del modello, fondamentalmente grazie alle
semplicit di controllo che tale approccio garantisce: il comportamento ciclico caratterizzato da un
legame lineare a tratti definito in forzaspostamento in campo elastico e plastico. Nessun legame sul
materialeutilizzatonelmodello,cheinvecepensatoperessereautosufficienteunavoltachesonodatii
parametrichecaratterizzanoilciclo(rigidezzedeitratti,livelliresistenti,fattoridiformadeicicli).Ilmodello
stato calibrato sui test sperimentali condotto da Gavric et al. (2011 e 2012) su singoli connettori quali
angolari,holddowneviti.
Infine,ilmodelloprendeinconsiderazioneidegradidirigidezzaeresistenza,caratteristicidellestrutturein
legno.

3.4.1.1 Modello costitutivo delle componenti

Il modello stato sviluppato per lavorare nel piano, considerando 3 gradi di libert per molla: assiale,
trasversaleerotazionale(Tabella3.2).

Tabella3.2Definizionedellemollenonlineari

Rappresentazioneschematicadellerigidezze
utilizzate
Equazionidicongruenza:
=
2

=u
2
u
1
c=v
2
v
1

Equazionicostitutive
Forzedellemolle:
M=M()
T=T()
Equazionidiequilibrioalnodo
(lereazioniesterneallelementohanno
segnooppostorispettoalleforzeinterne):
T
1
=T
T
2
=T
1
2
K
M

K
V

+
u
v
K
N

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 87

N=N(c)

M
1
=M
M
2
=M
N
1
=N
N
2
=N

La generica molla caratterizzata da 3 gradi di libert u


i
=(v
1
, u
2
, ), rispettivamente assiale, trasversale e
rotazione nel piano locali (Eq. 3.9). Le componenti di forza F
e,i
=(N
e,i
, V
e,i
, M
e,i
) sono disaccoppiate e la
matricedirigidezzainternaallelementodiagonale(Eq.3.10).

, e i i i
= F K u (Eq.3.9)

,
,
,
0 0
0 0
0 0
N i
i V i
M i
k
k
k
(
(
=
(
(

K (Eq.3.10)
Incui
, N i
k larigidezzaassiale;
, V i
k

larigidezzaataglio;
, M i
k larigidezzarotazionale.

Perognipassoidellanalisi,lemolletornanoalsolutorelarigidezzaelaforzacalcolate.
Lelementopresentatoconstadi3gradidilibertpoichogniconnessioneinacciaiomodellataagisceinpi
direzioni: per un holddown, ad esempio, sia la componente assiale che trasversale devono essere
considerate. La rigidezza rotazionale in genere trascurabile per piccoli connettori come holddown,
angolariesingoleviti,madiventaimportantequandosimodellanoconnessionipigrandicomenoditrave
colonnainstruttureatelaioinlegno.Inquestocasoilgradodilibertrotazionaletrattatoconunlegame
isteretico simmetrico, come sar esposto nel seguito. Nei connettori per Xlam, il grado di libert
rotazionalestatosempretrascurato.
Infine,ilmodellodescriveancheidegradidirigidezzaeresistenza,oltrecheildominioresistentefraigradi
dilibertutilizzati(assialeetagliante).
Leffettodellattritostaticovieneinfineconsideratopermodellarelinterazionefrapannelliadiacenti.

3.4.1.2 Legge isteretica a taglio

Laleggeistereticautilizzataperigradidiliberttagliantiinognimollasimmetricaerappresentailtipico
comportamentotrasversalediunangolareindirezioneparallelaallaconnessione.LaFigura3.20mostrala
leggelineareatrattiutilizzata.

88GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura3.20Leggelineareatrattiutilizzataperiltaglio

Laleggeistereticahaleseguenticaratteristiche:
- compostada16rami;
- Lacurvascheletrocompostada3rami:ilprimoelastico,ilsecondoplasticodihardeningeilterzo
disofteningfinoarottura;
- La legge simmetrica; se avviene uno scarico dalla parte positiva della curva scheletro, il ramo 4
viene seguito fino a che si scende ad una percentuale della forza iniziale, scelta dallutente
attraversoilparametroS
C
.Inseguitointervieneilramo6chemodellaleffettodipinching,mentre
ilseguenteramo40segueunarigidezzaelasticadegradata;
- Iramida1a6sonopositivirispettoalsegnodellaforza,eilramo7utilizzatoperpassaredaun
ramodipinchingallaltro(dainferioreasuperiore).Irami10,20,30,40,50e60sononegativieil
ramo70vieneutilizzatoperpassaredalramodipinchingsuperioreaquelloinferiore;
- I rami 8 e 80 sono utilizzati per ottenere un miglior accordo con le prove sperimentali,
arrotondando il legame. I parametri aggiuntivi per questi rami definiscono la loro pendenza in
rapportoalramoelasticoeillivellodiforzadicambioramo(conirami6e60rispettivamente).
Illegamedefinitoda11parametridiinput,chesono:
1. Rigidezzaelastica,
el
k ;
2. Forzadisnervamento,
y
F ;
3. Primarigidezzaplastica(ramodihardening),
1 p
k ;
4. Resistenzadipicco,
max
F ;
5. Secondarigidezzaplastica(ramodisoftening),
2 p
k ;
6. Fattore K
sc
: determina la rigidezza dei rami 4 e 50, ottenuta moltiplicando la rigidezza elastica
el
k
conilfattoreK
sc
;
7. Parametro R
C
: determina la rigidezza dei rami 5 e 40 moltiplicando il valore di forza prima dello
scaricoconilparametroR
C
;
8. Parametro S
C
: determina la rigidezza dei rami 4 e 50 moltiplicando il valore di forza prima dello
scaricoconilparametroS
C
;
9. Spostamentoultimod
u
:quandoquestovalorevieneraggiunto,lamollasirompe;
10. Coefficientedirigidezzac
5
delramo5,chemoltiplicalarigidezzaelastica
el
k ;
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 89

11. Coefficiente di degrado di rigidezza


kf
d , che controlla il degrado lineare di rigidezza dopo la
plasticizzazioneefinoarottura.

3.4.1.3 Legge isteretica assiale

La legge isteretica assiale caratterizzata da cicli di isteresi in trazione e da un comportamento lineare in


compressione, che modella il contatto fra parete e parete (o fondazione) in modo concentrato. La Figura
3.21mostraillegamelineareatrattiutilizzato.

Figura3.21Leggelineareatrattiutilizzatanelcasoassiale

Illegameistereticoassialehaleseguenticaratteristiche:
- compostoda11rami;
- Il legame non simmetrico: 3 rami sono utilizzati dalla curva scheletro, analogamente al caso
precedente, mentre i rami 10 e 20 sono sovrapposti in compressione e rappresentano
rispettivamente il percorso seguito in campo elastico e plastico. La rigidezza di questi rami
numericamenteelevatapersimulare,inmodoconcentratoedirettamenteallinternodellamolla,il
comportamentodicontattofrapannelloepannelloopannelloefondazione.
Ilmodellodefinitoda14parametri,dicuiiprimi11sonougualiaquellidescrittiperlaleggeataglio.Si
aggiungono:
12. Coefficiente di rigidezza per i rami in compressione, c
10
, che moltiplica la rigidezza elastica.
sempremaggioredi1;
13. ValorediforzaF
6
allafinedelramo6,inpercentualesullosnervamento;
14. ValorediforzaF
60
alliniziodelramo60,inpercentualesullosnervamento.

3.4.1.4 Degrado di resistenza e rigidezza

I degradi di rigidezza e resistenza sono stati implementati nel modello poich rappresentano una
importante caratteristica delle strutture in legno. Per entrambi i legami presentati vengono utilizzate le
relazioneproposteinquestoparagrafo.
90GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Il degrado di rigidezza lineare e proporzionale allo spostamento massimo raggiunto durante la storia di
carico. I rami 5 e 40 (seguendo il percorso di scarico/ricarico sono i rami dopo quello di pinching) sono
modificaticonlarigidezzadegradatafornitadallespressione3.11.

( )
max
deg
1 1
el kf
ult
d
k k d
d
(
=
(

(Eq.3.11)

incui
k
deg
larigidezzadegradata,
k
el
larigidezzaelastica,
d
max
lospostamentomassimoraggiuntodurantelastoriadicarico,
d
ult
lospostamentoultimoalcollassodelconnettore,
d
kf
ilparametrodidegradodirigidezza,chevariain(0,1].

Il degrado di resistenza dipende dallenergia dissipata e, in misura minore, dal massimo spostamento
raggiuntodurantelastoriadicarico.Perinfluenzarelarispostasullabasediquesteduequantitsonostati
introdotti3diversiparametriperdefinirelaleggedidegradodiresistenza,riportatainEq.3.12.

( )
max
dis dis A
el
dis ult
E E
d
d d
E d
o |

| | | |
A =
| |
\ . \ .
(Eq.3.12)

incui
Adlaquotaaggiuntivadispostamentoalricaricodovutaaldegradodiresistenza,
ilparametrolinearedidegrado,
d
el
lospostamentoallimiteelastico,
oilparametroesponenzialedidegradoperlenergiadissipata,
E
dis
rappresentalenergiadissipata,
E
dis(A)
rappresentalaquotadienergiadissipataalliniziodelpercorsodiscarico,
d
max
lospostamentomassimoraggiuntodurantelastoriadicarico,
d
ult
lospostamentoultimoalcollassodelconnettore,
|ilparametroesponenzialedidegradorelativoallospostamentomassimoraggiunto.

Ivalorideiparametrisarannoespostinelparagraforelativoalleanalisicondotteconilmodellopresentato.

3.4.1.5 Dominio di resistenza

Ingenere,laleggeassialeeatagliosonoutilizzatesimultaneamenteallinternodellastessoconnettoreper
rappresentare i relativi gradi di libert nel caso di angolari, holddown, connessioni con viti o chiodi.
richiesto quindi un dominio di resistenza elastico per controllare, ad ogni passo dellanalisi, che le forze
assiali e taglianti siano accettabili allinterno dello stesso connettore. La formulazione del dominio stata
mutuatadaundocumentoeuropeoadusodelleaziendeproduttricidiconnettori(ETADanmarkA\S)ed
riportatonellEq.3.13.

2 2
1
N V
N V
F F
R R
| | | |
+ s
| |
\ . \ .
(Eq.3.13)
incui
N
F laforzaassialesollecitanteperlostepdianalisiprecedente,
N
R laresistenzaallosnervamentoindirezioneassialedelconnettoreindividuatadallutenteininput,
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 91

V
F laforzaditagliosollecitanteperlostepdianalisiprecedente,
V
R laresistenzaallosnervamentoindirezionetagliantedelconnettoreindividuatadallutenteininput.

Figura3.22Dominiodiresistenzaelasticoadottato

Se il punto caratterizzato dalla coppia di forze (


N
F ,
V
F ) allinterno del dominio rappresentato in Figura
3.22, allora le leggi isteretiche forza spostamento rimangono inalterate e operano in modo indipendente.
Quandoinvecelacoppia(
N
F ,
V
F )raggiungelacurvalimitedefinita,lecurvescheletrodeilegamivengono
ridotte imponendo
N
F e
V
F come nuovi limiti elastici, modificando di conseguenza il comportamento
ciclico e tenendo costanti lo spostamento massimo raggiunto e quello ultimo. Tale riduzione applicata
soloinquestocasoeunasolavolta,quandoappuntoildominiovieneraggiunto.
Infine,quandounodeiduelegamiraggiungelospostamentodirottura,anchelaltroforzatoarompersi.

3.4.1.6 Effetto dellattrito statico

In passato diversi ricercatori (Dujic et al., 2010 e Sustersic et al., 2012) hanno sottolineato limportanza
dellattrito fra pareti a contatto e fra pareti e fondazioni nella determinazione della risposta ciclica di
struttureinXlam.Ilcontributodellattritoinquestolavorostatoconsideratoconcentratoneiconnettori,
emessoincontoconuncontributoallaforzatotaleesplicatadailegamiprecedenticonlEq.3.14.

f f N
F k F = (Eq.3.14)

incui
F
N
laforzaassialeallostepdianalisicorrente,
k
f
ilcoefficientediattritostatico,
F
f
laforzadovutaallattritostatico.

La forza dovuta dellattrito varia con il carico verticale nellelemento molla e il suo contributo viene
aggiunto alla resistenza a scorrimento (tagliante). Quando il taglio sollecitante supera la resistenza per
attrito,ilpannelloiniziaamuoversi.
Inquestolavorostatoassunto,comepropostodaDujic(2010),uncoefficientedattritok
f
=0.4.

92GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

3.4.2 Calibrazione del modello

Una parte fondamentale per lutilizzo del modello la calibrazione delle componenti sulla base di prove
sperimentali. In questo paragrafo sar presentata la calibrazione sulle prove sperimentali condotte da
Gavric et al. (2011, 2012) su singoli connettori (holddown, angolari e viti), seguita da una validazione
condottariproducendoprovedisingoleparetiinXlam.

3.4.3 Calibrazione delle componenti

La calibrazione di ogni singola componente (intesa come singolo grado di libert di un elemento molla)
unoperazionefondamentaleperilmodellosviluppato.Infattilaccuratezzanelcomportamentociclicodelle
strutture in legno modellate con lapproccio presentato sar totalmente dipendente dallaccuratezza con
cuisonostatecaratterizzateleleggiciclicheassociateaciascunconnettore.
statosviluppatounsoftwarechepermettelataraturasemiautomaticadelleleggiisteretichepresentate
sullabasediprovesperimentalidiconnettorisingoli.
Il programma stato denominato So.ph.i. (Software for Phenomenological Implementations) ed stato
sviluppatoinlinguaggioVisualBasic.NET.LinterfacciagraficapresentatainFigura3.23.

Figura3.23SchermataprincipaledelprogrammaSo.ph.i.

Il software progettato per lutilizzo simultaneo di pi legami, ai fini di caratterizzare un connettore per
volta(adesempioangolarieholddownsonotrattaticonillegameataglioeassiale).Questacaratteristica
lo rende completamente MDI (Multiple Document Interface). Questo programma scaricabile
gratuitamentealsitohttp://giovanni.rinaldin.org.

Per ottenere una curva scheletro confrontabile con quella suggerita dalle normative per le prove
sperimentali, la rigidezza elastica (pendenza del ramo 1 nel modello isteretico proposto), la rigidezza del
ramodihardening(pendenzadelramo2)elaforzadisnervamentosonocalcolatiapartiredallanormaEN
12512:2001. Alla curva scheletro viene poi aggiunto un ramo di softening (ramo 3) per seguire linviluppo
delrisultatosperimentale.
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 93

Iparametriperiramiplasticieipercorsidicarico/scaricosonostatiottenutidaunprocessoiterativoincui
si cerca di minimizzare la differenza fra energia totale sperimentale e numerica. Il software sviluppato
quindivalutadapprimaivaloridirigidezzaelastica,plasticadihardeningeforzadisnervamentosecondola
EN12512:2001.Essofornisceancheunastima,menoaccurata,deiparametriperipercorsidicarico/scarico
eseguendoleseguentioperazioni,indipendentidalprotocolloutilizzatoperlaprovasperimentale:
a. Larigidezzadiscarico(rami4e50)calcolatasullabasediduepunticaratteristici,presisulramodi
scaricosubitodopoilpiccoresistentepositivo,al60%e85%dellaforzamassima;
b. Larigidezzadiricarico(rami5e40)calcolatasullabasediduepunticaratteristici,presisulramo
diricaricosubitoprimailpiccoresistentenegativo,al70%e90%dellaforzamassima;
c. La pendenza del ramo 6 calcolata rispetto ai 2 punti, assunti a +/40% sullo spostamento
corrispondenteallaforzamassima,nellostessopercorsoconsideratoaipuntiaeb;
d. Lapendenzadelramo8(quandoapplicabile)vienestimatacomelamediadellerigidezzedeirami4
e6(operazioniaec),essendoquestoilramodiraccordofraidue.
In seguito lutente precisa ulteriormente le rigidezze dei percorsi di carico/scarico (il ciclo isteretico) e la
pendenzadelramodisofteningattraversoiparametriR
C
,S
C
,K
SC
,C
5
andK
p2
.Ognivoltache simodificaun
parametro, il programma ricalcola lenergia numerica simulando il comportamento della componente con
la molla descritta in precedenza, utilizzando la storia di spostamento sperimentale. In seguito, il software
cerca automaticamente un valore ottimale per i parametri di degrado di energia attraverso lutilizzo di un
ottimizzatore genetico sviluppato presso il Dipartimento di Ingegneria e Architettura dellUniversit di
Trieste.Ilprocessosifermaquandoladifferenzainterminidienergiatotaleinferioreal5%.

3.4.3.1 Calibrazione di angolari

Le prove condotte da Gavric et al. (2011, 2012) sono state utilizzate per calibrare i due gradi di libert
necessari per ogni singolo connettore. La Figura 3.24 riporta il risultato (in linea tratteggiata) della prova
sperimentale condotta su un angolare metallico BMF 90483.0116 (BMF 07716), connesso ad un
pannello in Xlam con 11 chiodi a filettatura parallela 4x60mm di tipo Anker, e alla fondazione con un
bullonedidiametro12mm.Ilteststatoeseguitoataglio(a)eassialmente(b).

(a) (b)

Figura3.24Calibrazionedelgradodiliberttagliante(a)eassiale(b)diunangolare(Gavricetal.,2011)

94GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

3.4.3.2 Calibrazione di hold-down

LaFigura3.25riportalataraturadei2gradidilibertassialeetagliantediunholddownditipoSIMPSON
HTT2connessoadunpannelloinXlamcon14chiodiafilettaturaparallela4x60mmditipoAnkereconla
fondazioneconunbullonedidiametro16mm.

(a) (b)
Figura3.25Calibrazionedelgradodilibertassiale(a)etagliante(b)diunholddown(Gavricetal.,2011)

3.4.3.3 Calibrazione di viti

In Figura 3.26 riportata la prova sperimentale di una connessione fra pannello e pannello parzialmente
sovrapposti (halflap) con 2 viti di tipo HBS |8x80mm. La figura a sinistra (a) mostra la prova a carico
verticale,quellaadestra(b)laprovaataglioorizzontale(Gavricetal.,2012).
Nelle stesse figure sono state riportate le calibrazioni effettuate per le viti. A seconda delluso e del
posizionamento dei relativi elementi molla, il caso di Figura 3.26b pu essere abbinato ad un ramo di
contattoincompressioneoppureresosimmetrico.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 95

(a) (b)
Figura3.26Calibrazioneataglioverticale(a)eorizzontale(b)diunaconnessioneconviti(Gavricetal.,
2012)

3.4.3.4 Parametri di degrado di energia

Itreparametrirelativiallaleggedidegradodienergia(o,|e)sonostatiottenutiperognisingolaprova
sperimentalemediantelusodellottimizzatoregeneticoprecedentementedescritto.Unavoltachetuttigli
altri parametri sono stati calibrati viene effettuata unanalisi genetica allo scopo di minimizzare
ulteriormenteladifferenzafraenergiatotalesperimentaleenumerica.
In questo lavoro, il parametro | stato assunto sempre pari a 0 poich la presenza del ramo di softening
nel legame isteretico ritenuta sufficiente a rappresentare il degrado di resistenza in funzione dello
spostamentomassimoraggiunto.
Iparametrioesonostatiinvececalibraticonlottimizzatoregenetico,ottenendoiseguentivalorimedi:
- 1.55 o = e 5.05 4 e = perilgradodilibertassiale;
- 2.275 o = e 2.57 4 e = perilgradodiliberttagliante.
Questivalorisonostatiutilizzatipertutteleanalisicondotte.

3.4.3.5 Parametri medi

Tutti i parametri ottenuti dalle calibrazioni effettuate sulle prove considerate (Gavric et al., 2011, 2012)
sono stati mediati e riassunti in Tabella 3.3, in cui sono riportati anche i parametri per le connessioni con
viti per la singola vite. Tale set di parametri sar utilizzato per tutte le analisi successive condotte col
modellopresentato.

96GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Tabella3.3Parametrimediutilizzatiperognitipodiconnettore
Parametro
Angolare
ataglio
Angolare
a
trazione
Hold
downa
trazione
Hold
downa
taglio
Vite Vite Vite Vite
(halflap
joint):
(halflap
joint):
(spline
joint):
(spline
joint):
Taglio
parallelo
Taglio
perp.
Taglio
parallelo
Taglio
perp.
Rig.elastica
k
el
[kN/m]
1.78 2.76 4.82 0.99 1.67 1.85 0.9 1.14
Ramodi
hardening
k
p1
[kN/m]
0.22 0.41 0.69 0.12 0.13 0.18 0.094 0.09
Ramodi
softeningk
p2
[kN/m]
0.9 0.86 0.96 0.8 0.08 0.07 0.26 0.27
Snervamento
23.77 19.23 40.3 9.79 2.54 2.79 4.81 3.24
F
y
[kN]
Forza
massima
27.71 23.51 48.33 13.88 5.51 5.3 7.56 6.51
F
max
[kN]
Par.di
scaricoS
C

0.86 0.99 0.95 0.88 0.93 0.85 0.95 0.75


Par.di
ricaricoR
C

0.66 0.88 0.86 0.66 0.78 0.73 0.85 0.61


Spostamento
ultimo 64 24 30.2 48 40 32 40 40.4
d
u
[mm]
Fattoredi
scaricoK
sc

4.38 2.16 3.29 13.88 2.67 2.08 3.08 2.68


Coeff.di
rigidezzac
5

1.12 0.91 1.56 0.56 0.78 0.77 0.63 0.68


Fattoredi
forzaF
6

n.a. 0 0.09 n.a. n.a. 0.23 n.a. 0.34


Fattoredi
forzaF
60

n.a. 0.66 0.01 n.a. n.a. 0.01 n.a. 0.01


Infine, il coefficiente
10
c per la rigidezza del ramo di contatto stato assunto pari a 10, valore ritenuto
computazionalmentecorretto.

3.5 Analisi numeriche su casi studio

Ilmodellosviluppatostatoutilizzatoevalidatoperleseguentitipologiediedifici:
1. StruttureinXlam:ilmodellostatovalidatosullabaseediprovedisingolepareti,perpoiessere
estesoainteriedifici.Inparticolarestataanalizzataunastrutturamonopiano,riproducendoiltest
pseudodinamicoeseguitodalCNRIvalsa(ProgettoSOFIE);
2. Strutture a telaio leggero, modellate a 2 livelli di dettaglio: con una molla per ogni chiodo e con
diagonaliequivalentiainterepareti;
3. Struttureatelaioinlegno:siriprodottonumericamenteilcomportamentodiunparticolaretipo
digiunto,utilizzatoneinodideltelaioecompostodatubimetallicichelavoranoataglio.
Siriportanodelseguitodegliesempiperognitipologia.
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 97

3.5.1 Pannelli Xlam

Le prove eseguite da Gavric et al. (2011) su pannelli Xlam in varie configurazioni sono state utilizzate in
questo lavoro per validare il modello a componenti proposto, proponendosi di riprodurre il
comportamento ciclico dei pannelli. I pannelli sono stati testati, con il protocollo di carico ciclico EN
12512:2001,allistitutoCNRIVALSAdiS.MicheleallAdige(TN).IlsetupsperimentaleillustratoinFigura
3.27.

Figura3.27SetupdellaprovaperpannelliinXlampressoilCNRIVALSA

Figura3.28ProtocollodicaricoutilizzatoperleprovesuipannelliinXlamsecondolanormaEN12512

I pannelli testati sono composti da 5 strati da 17mm ciascuno, incollati lun laltro, e misurano 2.95 x 2.95
m. Le prove sono state eseguite imponendo uno spostamento orizzontale in sommit al pannello con il
protocolloEN12512:2001perleprovecicliche,comeinFigura3.28.Primadeltestciclico,statoapplicato
uncaricoparia18.5kN/m.
Ipannellisonoancoratiallafondazionecon2holddownSIMPSONHTT22alleestremitdellabase,econ2
(test 1.1) o 4 (test 1.2) angolari BMF 07716 lungo la base. Entrambe i connettori sono gli stessi testati
singolarmente (Gavric et al., 2011), con lo stessa chiodatura. Tali elementi sono stati quindi rappresentati
conlelementomollasviluppato,aventeiparametrielencatinelcapitoloprecedente.
Il pannello stato modellato in Abaqus con elementi shell elastici e isotropi a quattro nodi (tipo S4R),
caratterizzatidaunmodulodiYoungdi8400MPaeuncoefficientediPoissondi0.3(Figura3.29).
Infine, la meshatura adottata per il pannello non influisce sulla risposta del modello, per cui stato
adottatounvaloreconvenienteperfareinmodochelemollerappresentatiiconnettorisianoilpivicino
possibileallaloroposizionereale.
98GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

(a)

(b)
Figura3.29Mesheposizionedellemolleadottatiperiltest1.2(a)edeformatatipicasottocarico
orizzontaleciclicodiunpannelloinXlamdurantelanalisi(b)

Il confronto numericosperimentale, in termini di taglio alla base contro spostamento in sommit,


riportato in Figura 3.30, e mostra una buona approssimazione. Nessun problema di convergenza stato
riscontratodurantetalianalisi.

(a) (b)
Figura3.30Mesheposizionedellemolleadottatiperiltest1.2(a)edeformatatipicasottocarico
orizzontaleciclicodiunpannelloinXlamdurantelanalisi(b)

Per simulare i risultati sperimentali in (Gavric et al., 2012), sono state condotte anche analisi su pareti
accoppiate.Questeultimehannolastessadisposizionedeiconnettoriconlafondazioniutilizzataperiltest
1.2,mentreperquantoriguardalaconnessioneverticalefrapannelli,sonostateinvestigate2possibilit:
1. Giunto calettato con viti autofilettanti HBS |8x80mm ad interasse 150mm (Figura 3.31a),
denominatoTest2.1;
2. Giunto scanalato con LVL (Laminated Veneer Lumber, assemblato tramite incollaggio di strisce
sottilidilegno)con doppiachiodatura convitiHBS |8x80mmadinterasse150mm (Figura 3.31b),
denominatoTest3.1.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 99

a. b.
Figura3.31LayoutdeipannelliinXlamtestati(Gavricetal.,2012)

Rispetto ai modelli precedenti, sono state aggiunte delle molle per rappresentare il comportamento delle
viti.Lecaratteristicheditalimollesonoquelleesposteinprecedenza(Tabella3.3).Irisultatinumericisono
staticonfrontaticonquellisperimentaliinFigura3.32aperlapareteconilgiuntocalettato,inFigura3.32b
perquelloconscanalatura.

a. b.

Figura3.32ConfrontonumericosperimentalesuparetiinXlamaccoppiatesoggetteacaricociclico

Neitestsperimentalianalizzatisievinceuncomportamentoglobaleleggermenteasimmetrico,dovutoalle
inevitabiliimprecisionicostruttive;ciononostante,ilmodellonumerico,simmetrico,riesceafornirerisultati
accurati, comedimostrato dalcalcolodelleenergie totali,che misuranoindirettamentela correlazionefra
lecurvenumericheesperimentali,presentatoinFigura3.33peritest1.2(a)e2.1(b).

100GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

(a) (b)
Figura3.33ConfrontonumericosperimentalefraenergietotalisviluppateduranteiltestdelleparetiinX
lamaccoppiate

La media della differenza fra energie totali in tutti i test svolti del 3.6%. Tale valore incoraggiante,
considerandochetuttelecalibrazionieseguitesuiconnettorisonostateritenuteaccettabiliconunoscarto
fra energie inferiore al 5%. Tale risultato, infine, costituisce una importante validazione del modello
sviluppato.

3.5.2 Edificio monopiano in Xlam

Per effettuare un primo confronto stato sviluppato un modello numerico rappresentante un edificio
monopiano in Xlam testato dal CNRIvalsa presso il laboratorio dellUniversit di Trento. Ledificio
compostodaunassemblaggiodipannelliXlamconnessiaterraconangolarieholddown,entrambiconle
stesse caratteristiche e lo stesso numero di chiedi di quelli testati e studiati in precedenza (Gavric et al.,
2011, 2012). La struttura di 7x7m in pianta e alta 3.1m; i muri verticali sono spessi 85mm mentre i
pannellidisolaiosonospessi142mm.Ilsolaiopresentaunaperturacentrale(Figura3.34).
Sonostatieseguitideitestpseudodinamici,indiverseconfigurazioniresistenti:leprimedueconfigurazioni
hanno una disposizione di pareti simmetrica rispetto alla posizione dellattuatore di Figura 3.35a ed
entrambe le aperture ai lati sono 1.2x2.2m e 2.25x2.2m rispettivamente; la terza configurazione
asimmetricaepresentaunaperturadi4.0x2.2m,mentrelaltradi2.25x2.2m(Figura3.35b).

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 101


Figura3.34FotodelleultimefasidellacostruzionedelledificiomonopianoinXlampressoillaboratorio
dellUniversitdiTrento

a. b.
Figura3.35Setupsperimentaleadottatoperlaprovadelledificio(a)epiantadellaconfigurazione
asimmetrica(misureinm)(b)

Paretiesolaiosonostatimodellatiin Abaqusutilizzandoelementishella4nodi(S4R);lameshadottata
regolare e di dimensione conveniente in modo tale da avere i nodi che ospitano le molle il pi vicino
possibileallaposizionerealedeiconnettorinellastrutturareale.Lemollesviluppatesonostateinseriteper
modellare holddown, angolari e le viti (una per molla) che connettono le pareti adiacenti e il solaio. In
particolareleconnessionifraparetiortogonalisonostatemodellateconmollecheagisconointredirezioni:
direzioneverticale(taglioparalleloalgiunto,concomportamentosimmetrico),direzioneassiale(aperturao
chiusura del giunto, con ramo di contatto in compressione) e direzione ortogonale (taglio orizzontale
perpendicolarealgiunto,concomportamentosimmetrico).
Nelle connessioni fra pareti adiacenti sono state utilizzate molle nelle due direzioni di taglio del giunto
(orizzontaleeverticale),comefattoinprecedenzaperleparetiaccoppiate.Stessastrategiastataadottata
per le viti di connessione fra pannelli di solaio e per la connessione fra solaio e pareti sottostanti, con
laggiunta di un terzo grado di libert con comportamento rigido in compressione (contatto fra pareti) e
102GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

lineare a trazione (con rigidezza pari a 5 volte quella di una vite a taglio, per rappresentare lestrazione),
rappresentantelaperturadelgiunto.
Sono state utilizzate complessivamente 5304 molle, posizionate come in Figura 3.36a. Ogni molla
caratterizzata con il set di parametri esposti in precedenza; in particolare per le connessioni fra pareti
verticali sono realizzate con giunti scanalati con LVL, mentre le pareti del solaio sono connesse con un
giuntocalettato(halflapjoint).

(a) (b)

Figura3.36Disposizionedellemollenelmodello(a)econtourdellospostamentoedeformata
(amplificata20volte)durantelaprovaciclica(b)

Ledificio stato assoggettato, durante il test pseudodinamico, al terremoto di Kobe JMA a 0.5g. Lo
spostamentodellattuatoreneltemporiportatoinFigura3.37.

Figura3.37StoriadispostamentodellattuatoredurantelaprovasperimentaleconilsismadiKobeJMA
0.5g

Unanalisistaticanonlineareconspostamentoimpostostatautilizzataperriprodurreiltestsperimentale:
ai nodi in asse allattuatore stato imposto lo spostamento ciclico di Figura 3.37. I risultati ottenuti
mostranounbuonaccordofralarispostasperimentaleequellanumerica(Figura3.38a).

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 103

a. b.
Figura3.38Confrontonumericosperimentalesullarispostaciclica(taglioallabasevs.spostamentoin
sommit)delledificio(a)eandamentoneltempodellenergiatotale(b)

Malgrado i risultati della prova sperimentale non siano simmetrici e il modello numerico sovrastimi di
conseguenza la resistenza per spostamenti negativi, come si vede in Figura 3.38a, lenergia totale finale
differiscesolamentedel2.85%nelmodellonumerico,mantenendosialdisottodeivalorisperimentalifino
al 18 secondo, per poi superarli nella parte finale dellanalisi (Figura 3.38b), in cui i cicli di spostamento
vicinoallozerosonoleggermentepiampi(interminidiforza)rispettoalrisultatosperimentale.

Questaanalisidimostralaffidabilitdelmodellosviluppatoperstimareilcomportamentociclicoelenergia
dissipata di edifici in Xlam: le calibrazioni effettuate sulle singole componenti (connettori) sono state
utilizzateperriprodurreconsuccessounaprovasperimentalecondottasuunedificiomonopiano.

3.5.3 Pareti a telaio leggero

Il modello sviluppato stato successivamente esteso ad unaltra tipologia di strutture in legno, il telaio
leggero.LeprovesperimentalidiriferimentosuparetiatelaioleggerosonostatecondotteallUniversitdi
Kassel (Germania) nellambito del progetto di ricerca OptimberQuake (http://www.optimberquake.eu/),
progetto interuniversitario europeo per lottimizzazione del comportamento strutturale degli edifici in
legno nei confronti del sisma. Altri dati sono stati acquisiti da un lavoro di Du (2003), relativi ad un test
sperimentalediunedificioatelaioleggero(Fischeretal.,2001),riportatonelparagrafosuccessivo.
Le prove sperimentali svolte sono state utilizzate per produrre dei modelli numerici a due diversi livelli di
dettaglio,denominateapproccinelseguito:
a. Modelli numerici che utilizzano molle non lineari per rappresentare ogni singolo chiodo fra
pannelloetelaio;
b. Modellinumericicherappresentanolinteraparetetramitelutilizzodimollediagonali.

IllayoututilizzatoperitestsperimentalicondottiallUniversitdiKassel(Germania)presentatoinFigura
3.39.

104GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura3.39LayoutdeltestsperimentalesuparetiatelaioleggerocondottoaKassel(misureinm)

La parete testata composta da due montanti laterali e uno centrale ai quali fissato il pannello OSB
(OrientedStrandBoard),pialtridueaiquartideltelaio,inmezzeriadiognipannello.
Lachiodaturarealizzataconchiodididiametro2.8mmspaziatidi75mm(daasseadasse)perimontanti
esterniequellolaterale,doppiamentechiodato,mentrelaspaziaturaperimontantiaiquartidi150mm.
Sono stati utilizzati in totale 444 chiodi. Le caratteristiche geometriche del provino sono riassunte di
seguito:
- Dimensionedellaparete:2.5x2.5m
- Sezionedeimontanti:140x60mm
- Interassedeimontanti:625mm
- SpessoredeipannelliOSB,unoperognilato:18mm
- Caricoverticaleapplicato:10kN/m
- Ancoraggioconlafondazione:2holddownHTT22alleestremitdellabase.

La modellazione della parete con lapproccio a stata realizzata in Abaqus, impiegando elementi beam
(B21) opportunamente suddivisi per il telaio con sezione 14x6cm; elementi shell (S4R) con mesh di
dimensione75x75mmesezionedi36mmperrappresentareentrambeipannellicollegati(Figura3.42a).
LecaratteristichedeimaterialiutilizzatisonoelencateinTabella3.4.

Tabella3.4Caratteristichedeimaterialiutilizzateperlamodellazionedellaparete
Telaio
E
11000
2
/ N mm
u 0.25
1 m

350
3
/ kg m
OSB
E
3500
2
/ N mm
G
1080
2
/ N mm
u 0.35
2 m

650
3
/ kg m

Infine,ognichiodostatomodellatoconunamollanonlinearecherappresentailcomportamentoataglio
delchiodonelpianodellaparete,inentrambeledirezioniortogonali.Talemollastatataratasullabasedi
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 105

un test sperimentale svolto allinterno dello stesso progetto OptimberQuake, e riportato con la relativa
taraturainFigura3.40.

Figura3.40Risultatisperimentalisuunsingolochiodo(trattosottile)efittingnumerico(trattospesso)

Lanalisi svolta statica non lineare, imponendo lo spostamento ciclico al nodo del telaio in alto a sinistra
dopo lapplicazione del carico verticale. Lo spostamento ciclico imposto segue il protocollo di carico ISO
21581,rappresentatoinFigura3.41.

Figura3.41StoriadispostamentoperlanalisidellaparetesecondoilprotocolloISO21581

LadeformatadelpannelloallafinedellanalisipresentatainFigura3.42a,mentreladeformatadelsolo
telaioinFigura3.42b.Ladeformazionetotalesottocaricolateralelasommadi5componenti:
1. deformazioneatagliodeichiodicheconnettonoilpannelloaltelaio,checausaunarotazionerigida
delpannellorispettoaltelaio;
2. distorsionepertagliodeltelaio;
3. deformazioneflessionaledellapareteintera;
4. rotazionerigidadellapareteintera;
5. deformazionepertagliodeiconnettoriallabasedellapareteconlafondazione.
La deformazione pi importante la prima (#1), dovuta al taglio nella chiodatura, mentre lultima (#5)
trascurabileacausadellaposizionedegliholddown,iqualisollecitanoilbullonediancoraggioconilsuolo
perriprendereloscorrimento.
106GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

a. b.
Figura3.42Deformatadellaparete(pannellietelaio)(a)edeformatadelsolotelaio(b)

Il ciclo tipico sviluppato in ogni singolo chiodo visibile in Figura 3.43. La figura stata prodotta con un
programma scritto ad hoc per lestrazione dei risultati dellanalisi da ogni singolo elemento molla
(SpringFilterGUIv.1.6).

Figura3.43Schermatadelprogrammapervisualizzareilcomportamentoneltempodiognimolla

Il confronto con la prova sperimentale, in termini di taglio alla base contro spostamento imposto,
riportatoinFigura3.44.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 107

Figura3.44Confrontonumericosperimentaleinterminiditaglioallabasecontrospostamentoin
sommitperlapareteatelaioleggero

Comesinotadairisultati,larigidezzainizialenumericamaggiorediquellasperimentale,inoltreilmodello
numerico sottostima lo spostamento ultimo. Ciononostante, il livello di forza ottenuta con il modello
molto vicino a quello sperimentale, come anche il degrado di resistenza vicino alla rottura (ultimi cicli di
Figura3.44).

Unaltraanalisistatasvoltaaifinidipoterriprodurrenumericamente,nelcapitolosuccessivo,unedificio
atelaioleggerotestatosupiastravibranteallUCSanDiego(StatiUniti)eriportatonellavorodiFischeret
al.(2001,CUREE).
LapareteatelaioleggeroconsideratastatatestatadaDolan(1989)ehadimensioni2.44x2.44m(8x8ft)
comeriportatoinFigura3.45.

Figura3.45LayoutdellaparetetestatadaDolan(1989)

108GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Per riprodurre questa prova sperimentale, stato costruito un modello in cui ogni singolo chiodo
rappresentatodauna mollanonlinearecherappresentalasuarispostaacaricociclico nelleduedirezioni
delpiano.Pertararequestemollesonostatiutilizzatiirisultatiriportatiin(Fischeretal.,2001)relativialla
provaciclicadichiodi,parallelieortogonalialledirezionedellefibre,checolleganoilpannello(Sheathing
inFigura3.45)coniltelaio(FraminginFigura3.45).
SiriportanoinTabella3.5ivaloridiresistenzaedispostamentoultimorilevatielaloromedia.

Tabella3.5Risultatideitestsperimentalisuchiodi(Fischeretal.,2001)
Test
paralleli
allefibre
F
max
[kN] F
min
[kN] d
max
[mm] d
min
[mm]
1 1.188 1.010 16.510 16.510
2 1.023 0.907 24.892 16.510
3 1.290 1.170 24.892 16.510
4 0.770 0.689 16.510 16.510
5 1.121 1.063 24.892 24.892
6 1.063 1.019 24.892 24.892
Media 1.076 0.976 22.098 19.304
Testperp.
allefibre
F
max
[kN] F
min
[kN] d
max
[mm] d
min
[mm]
1 0.756 0.934 23.622 23.368
2 1.068 0.805 23.368 23.622
3 0.979 1.063 23.368 23.368
Media 0.934 0.934 23.453 23.453

stato eseguito un calcolo analitico secondo le relazioni fornite dallEurocodice 5 per verificare
lattendibilitdeirisultatiottenuti.Considerandoiseguentidati:
-
, 3
420
m stud
kg
m
= ,densitmediadeltelaio;
-
, 3
350
k stud
kg
m
= ,densitcaratteristicadeltelaio;
-
, 3
630
m pann
kg
m
= ,densitmediadelpannello;
- 9.5
pann
t mm = ,spessoredelpannello;
- 3.25
nail
mm | = ,diametrodelchiodo;
- 76.2
nail
L mm = ,lunghezzadelchiodo;

siottieneunarigidezzaparia:
0.998
ser
kN
k
mm
= (Eq.3.15)

eunaforzaresistenteparia:
max
1.122 F kN = (Eq.3.16)

Talivaloriconfermanolattendibilitdeitestsperimentali.
Ciononostante, la calibrazione del legame isteretico lineare a tratti provocherebbe la situazione
rappresentatainFigura3.46a,incuilataraturaeseguitautilizzaivaloridiTabella3.5.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 109

a. b.
Figura3.46Calibrazionedelmodellodelchiodosultestsperimentaleeseguitoin(Fischeretal.,2001)(a)
ecalibrazionemodificatadelmodellodelchiodo(b)(diagrammiinforzaespostamento,inmmekN)

LacalibrazionedellacurvascheletrodellegamepresenteinFigura3.46a(curvarossa)comportalaumento
dellenergiatotale(e,conseguentemente,dissipata)nelmodellonumericoacausadellapendenzadelramo
elastico,chenonseguelinviluppodellaprovasperimentaledaunlivellodiforzapariametsnervamento
inpoi.Pertalemotivo,enellotticadipreservarelabontdellastimadellenergiadissipata,lacalibrazione
adottata utilizza una forza massima pari al 50% di quella sperimentale, utilizzando come curva inviluppo
unatrilineare(Figura3.46b).
Lapendenza delramoaggiuntivofraquelloelasticoequelloperfettamenteplasticostataassuntapari a
1/6diquellaelastica,inconformitaquantoraccomandatonellanormaEN12512:2001,utilizzataperitest
suconnettori.
Intalmodolenergiasviluppatanelmodellonumericopifedeleaquellaregistratasperimentalmente.
La parete raffigurata in Figura 3.45 stata quindi modellata in Abaqus con elementi shell S4R per
rappresentare il pannello, ed elementi beam B21 per il telaio. Il modulo elastico medio utilizzato per il
pannello 3000
pann
E MPa = , mentre per il telaio 8400
frame
E MPa = . Sono state inserite le molle
tarate per rappresentare 2 chiodi nel modello, e connettono i nodi del pannello a quelli del telaio eccetto
agliangoli,periqualiichiodisonostatitrascurati.Alpannellostatoimpostounospostamentociclicoin
sommit secondo il protocollo CUREE Standard, dopo lapplicazione di un carico verticale pari a 44.5kN,
mentre la base del panello stata vincolata con cerniere alle due estremit. Una deformata del modello
dopolapplicazionedellospostamentolateraleriportatainFigura3.47.

Figura3.47Deformatadellaparetesoggettaaspostamentoorizzontaleinsommit

110GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Il risultato in termini di taglio alla base contro spostamento in sommit stato confrontato con quello
ottenutoin(Dolan,1989)eriportatoinFigura3.48.

Figura3.48Confrontonumericosperimentaledelcomportamentociclicointaglioallabasevs.
spostamentoinsommitdellaparetetestata(Dolan,1989)
Il risultato ottenuto approssima in modo soddisfacente quello sperimentale, seguendo non solo la curva
invilupposperimentale,maancheilcomportamentociclico.
Tale risultato valida il modello sviluppato e la taratura dei chiodi effettuata, permettendo di estrapolare il
comportamento di pareti di altre dimensioni (in particolare di base di lunghezza diversa) con una
opportuna modellazione. Infatti, le pareti a telaio leggero utilizzate nelledificio testato da Fischer et al.
(2001) sono di dimensioni diverse da quella testata, ma possibile scomporre ledificio in moduli da
762mm, 915mm e 1220mm di base. Per ognuna di queste misure stato prodotto un modello di parete
analogo al precedente ma con diversa larghezza. I risultati ottenuti, imponendo lo stesso protocollo di
carico,sonoriportatiinFigura3.49.

Figura3.49Comportamentoistereticointaglioallabasevs.spostamentodelleparetimodellate,al
variaredellalorolarghezza

I risultati ottenuti per queste pareti sono stati utilizzati per effettuare una calibrazione del modello a
diagonaliequivalenti,utilizzatopermodellareledificioepresentatonelparagrafo3.5.4.
Il modello a molle diagonali equivalenti si compone di elementi monodimensionali rigidi incernierati alle
estremit,utilizzatiperrappresentareiltelaio,edimolledispostesulladiagonaledeltelaio,comeinFigura
3.50.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 111

Figura3.50Schematizzazionedellapareteconmollediagonaliequivalenti(approccioM2)

Sulla base dei risultati di Figura 3.49, stata eseguita una taratura per la coppia di molle diagonali
installate.Le tarature,effettuateminimizzandoladifferenzadienergiatotalefraledueseriedidati,sono
riportatenellefigureseguenti(daFigura3.51aFigura3.53).

Figura3.51Calibrazionedellemollediagonaliperlapareteda762mmdilunghezza(inmmekN)

Figura3.52Calibrazionedellemollediagonaliperlapareteda915mmdilunghezza(inmmekN)

112GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura3.53Calibrazionedellemollediagonaliperlapareteda1220mmdilunghezza(inmmekN)

In Figura 3.54 presentata infine la taratura delle molle diagonali eseguita per la parete testata
inizialmentedidimensioni2.44x2.44m.

Figura3.54Calibrazionedellemollediagonaliperlapareteda2440mmdilunghezza(inmmekN)

La calibrazione effettuata ritenuta soddisfacente quando la differenza fra energia totale fra serie di dati
originaleenumericamediantemolladiagonaleinferioreal5%.

3.5.4 Edificio a telaio leggero

LedificiotestatosutavolavibrantedaFischeretal.(2001)compostodi2pianiehalageometriariportata
inFigura3.55.Losviluppoinpiantadi4.88x6.11m(16x20ft),laltezzadipianodi2.44m.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 113

Figura3.55Vistaschematicadelledificioanalizzato,scompostoinmoduli,ciascunorappresentanteuna
parete

LaprovastataeseguitaapplicandounsismaindirezioneX(latocorto)delledificio(Figura3.56).Essendo
lepareticortediverse,larispostaasimmetrica.
Il modello delledificio stato sviluppato con un approccio diverso da quello utilizzato per le singole, che
permette di ridurre significativamente il numero di molle da utilizzare nellanalisi. Ogni singola parete
statarappresentataconmollediagonali,equivalentialcomportamentoglobaledellaparete.

Figura3.56TestdelledificiosutavolavibrantepressoUCSanDiego(trattadaFischeretal.,2001)

Il modello delledificio realizzato, parete per parete, mediante lutilizzo di elementi truss con rigidezza
assiale molto alta per rappresentare il telaio, e con elementi molla diagonale, come in Figura 3.55. Il
modello stato vincolato con cerniere spaziali alla base, aggiungendo delle shell rigide per simulare il
comportamento di piano a diaframma rigido. A tali shell stata associata la massa di piano, distribuita su
tuttolimpalcato.
La configurazione scelta per ledificio quella della prova 9.S.5 (Fischer et al., 2001). In questo test,
ledificio stato sottoposto allaccelerogramma di Northridge (Rinaldi station, 1994), riportato in Figura
3.57.
114GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura3.57AccelerogrammainfrazionidigdelsismadiNorthridge(1994,Rinaldistation)

LaFigura3.58riportaunavistaassonometricadelmodelloutilizzatoinAbaqus.

Figura3.58Vistaassonometricadelmodellodelledificiocontruss,mollediagonalieshelldipiano.

Lamassatotalestatadedottada(Du,2003)edriportatainTabella3.6.

Tabella3.6Massedipianoutilizzate
Floor Mass[kg]
Roof 3356
First 3811
Ground 1180
Total 8347

A fini di verificare la correttezza del modello in termini di massa e rigidezza, stata svolta dapprima
unanalisi modale, che riporta una frequenza fondamentale di 3.65 1/s, differente dell8.5% da quella
misuratacontestdiidentificazionedinamicasullastrutturareale,cherisultaessere3.961/s.
IlmodellopoistatosottopostoallaccelerogrammadiFigura3.57,scalatoadunaaccelerazionedipiccodi
0.89g,comenellaprovasperimentale.
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 115

I risultati in termini di taglio alla base contro spostamento in sommit sono presentati in Figura 3.59, e
confrontaticonquellisperimentali.

Figura3.59Confrontonumericosperimentaleperledificiointerminiditaglioallabasespostamentoin
sommit

Come si evince dalla Figura 3.59, lanalisi coglie in modo sufficientemente adeguato la risposta globale in
termini forza di tagliospostamento in sommit. Le approssimazioni introdotte nel modello, rispetto alla
complessit della struttura reale (si sono trascurate le zone di parete in prossimit di porte e finestre)
hanno contribuito sicuramente ad aumentare il divario tra le due risposte. Per questo motivo al punto
successivoverreffettuataunacomparazioneinsolitermininumerici.

3.5.4.1 Confronto con modello di Du (2003)

In (Du, 2003) stato realizzato un analogo confronto numerico sperimentale con un tipo di modello
diverso, formato da pareti equivalenti tutte di dimensioni 2.44x2.44m, come quella testata. La geometria
delmodellostataquindiadattatainmoduliditaledimensione(Figura3.60).

Figura3.60VistaassonometricadelmodellodiDu(2003),riprodottoinAbaqus
A fini del confronto, tale modello stato riprodotto in Abaqus, come il modello precedente ad eccezione
deipianirigidi,periqualisonostateutilizzatedelleuguaglianzecinematiche.Lamassastataconcentrata
ainodidiognipiano,ciascunoperlapropriaareadiinfluenza.Lemollediagonalisonostatecalibratesulla
basedeirisultatidellaparetedi2.44x2.44mpresentatiinprecedenza.
Questo confronto stato sviluppato per verificare che lapproccio proposto fornisca risultati coerenti con
quellopropostodaDu(2003),dimostratosiingenereefficaceperquestotipodistrutture.
116GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

IlmodellostatosottopostoallaccelerogrammadiNorthridge,Newhallstation,1994,componentea90.
Lanalisimodalepreliminareevidenziaunafrequenzafondamentaledi5.251/s,controquelladiDudi5.03
1/s.
I risultati per questo sisma sono presentati in Figura 3.61 e Figura 3.62 in termini di drift di interpiano,
rispettivamenteperilprimopianoelacopertura,econfrontaticonlerispostenumerichetrovatedaDu.

Figura3.61Interstoreydriftperilprimopianodelledificio,modellodiDu(2003)

Figura3.62Interstoreydriftilpianodicopertura,modellodiDu(2003)

Come si nota nelle Figura 3.61 e in Figura 3.62, il modello riesce a riprodurre la risposta trovata da Du
(2003),chestatatroncatadopo5sdianalisiperraggiungimento,secondolostessoDu,deldriftmassimo
alpianoterradel3%.
Infine,larispostatagliodibasecontro spostamentoinsommit stataconfrontataancheinquestocaso,
trovandounottimoaccordoconilmodellodiDu(Figura3.63).

Figura3.63ConfrontonumericofrairisultatiottenutiinAbaquseilmodellodiDu(2003)

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 117

Come si evince dai risultati, il modello proposto trova quindi riscontro in quello proposto da Du,
riproponendo la risposta sia in termini di resistenza che di spostamento, a parit di condizioni iniziali
(masse,geometria,rigidezze).

3.5.5 Edificio multipiano a telaio

Questa tipologia di edifici, presentata in precedenza, stata oggetto di uno studio numerico ai fini di
estendere il modello sviluppato ai telai in legno massiccio. In particolare, la proposta di connessione di
Leijten (1998) stata presa in considerazione, data la disponibilit di test sperimentale sulla singola
connessionedapartedellostessoautore.Laconnessioneoggettodistudiocompostadaunaserieditubi
utilizzatiinparalleloneigiuntitravecolonna.
3.5.5.1 Riproduzione di test sperimentali

I test ciclici condotti su tali giunti hanno permesso la valutazione dello loro comportamento isteretico,
presentatoinFigura3.64.IltestsetuppresentatoinFigura3.8.

Figura3.64Risultatodeltestciclicoeseguitosuungiuntocon4tubididiametro28mm
NeldiagrammadiFigura3.64sipossonoriconosceretuttelecaratteristichetipichediuncicloistereticodi
un giunto in costruzioni in legno, e anche in questo caso si utilizzato il modello proposto per riprodurlo
numericamente.
La legge simmetrica esposta per il grado di libert trasversale (tagliante) stata calibrata sui risultati
sperimentali di Figura 3.64. Il confronto sperimentalenumerico della calibrazione presentato in Figura
3.65.

Figura3.65Confrontonumericosperimentaleperlaprovasuiconnettoritubolarididiametro28mm(in
radkNm,screenshotdalprogrammaSo.ph.i.v.4)
118GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

LadifferenzadienergiatotalenellacalibrazionediFigura3.65dell1.34%.

3.5.5.2 Il caso studio

Per dimostrare le potenzialit dellapproccio numerico proposto, sono state condotte diverse analisi non
linearisuuntelaiopiano,estrattodalledificiodiFigura3.66a.

a. b.
Figura3.66Vistaestrusadelledificioperilcasostudio(a)egeometriaedisposizionedellemolleneltelaio
analizzato(b)

LedificiostatoprogettatodalladittaHolzbauSudaSantAngelodeiLombardi(Campania)esicomponedi
3telaiirrigiditifuoridalloropianoconparetiditaglio.Ilprogettostatoredattosecondolenormeitaliane
vigentieconiparametrisismicidiTabella3.7.

Tabella3.7Parametriperladefinizionedellospettrodiprogetto
a
g
[g] F
0
T
C
*[s] Categoriadisottosuolo Vitadiriferimento
0.266 2.285 0.376 B 50years

Il fattore di struttura utilizzato 4, come indicato dalle NTC2008 e dallEurocodice 8 per questo tipo di
strutture.LospettrodiprogettorisultanteindicatoinFigura3.67.

Figura3.67Spettroelasticoediprogettoperledificioanalizzato

I telai delledificio sono realizzati utilizzando travi a sezione doppia e colonna singole, in modo tale da
facilitare la realizzazione dei giunti ai nodi del telaio. Il progetto prevedeva luso di 12 tubi di diametro
35mminogninodo,perunacapacitallostatolimiteultimodi96kNataglio.Illayoutdellaconnessione
raffiguratoinFigura3.68.
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 119

Figura3.68Layoutdellaconnessionecon12tubimetallicineltelaioanalizzato(misureinmm)

Perevitareleccessivorifollamentodellegnoacontattoconitubi,leestremitdiognitraveecolonnasono
state rinforzare con strati da 18mm di DVW (Densified Veneer Wood), di densit pari a 1100kgf/m
3
e
incollate alle facce di travi e colonne. In tal modo si privilegia la duttilit del giunto poich si sfrutta
maggiormenteilcomportamentoplasticodellacciaio.
Infine,iltelaiostatoconnessoallefondazionicondegliholddown,modellaticoncernierenelmodello.

3.5.5.3 Estrapolazione del comportamento di giunti con connettori di 35mm di diametro

Non essendo in possesso di dati ciclici su tubi da 35mm, si rende necessaria una estrapolazione del
comportamentodelgiuntoutilizzatoneltelaio.
Per estrapolare tali dati, la curva inviluppo caricospostamento del test ciclico stata normalizzata con il
limiteelasticoeilrelativospostamento,misuratisullacurvatagliovs.spostamentodiestremitdelconcio
dicolonnadellaprovasperimentalediLeijtensulgiuntocontubida28mm(Figura3.69).

Figura3.69Layoutdellaconnessionecontubimetallicineltelaioanalizzato(misureinmm)

La forza totale stata divisa per il numero di tubi operanti in parallelo per ottenere la resistenza di un
singoloconnettore.
120GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

In seguito, la curva caricospostamento dei tubi da 35mm stata stimata con la relazione proposta da
JasparteMaquoi(1992),riportatainEq.3.17.

( )
( )
1
( )
1
d
d
a b u
F u b u
u
a b
c
| |
|
\ .

= +
| |
+
|
| |
|
|
\ .
\ .
(Eq.3.17)

incui:
ulospostamentotrasversale
Flaforzaditaglio
a,b,c,dsonodeicoefficientidatarare;inparticolare:
arappresentalarigidezzaelasticainiziale
brappresentalarigidezzadihardening
claresistenzaallimiteelastico
dunacostantedifitting.

Leijten (1998) fornisce il valore di tali coefficienti per il connettore tubolare da 35mm (Eq. 3.18, Figura
3.70).

a 97.5,b 1.97, c 61.4, d 1.38 = = = = (Eq.3.18)

Figura3.70Curvadiregressioneperunconnettoremetallicodi35mmdidiametro(Leijten,1998)

Lacurvaottenuta conlEq.3.17eiparametriin3.18perunsoloconnettore di35mmdi diametrostata


quindi moltiplicata per il numero di tubi e per il raggio del cerchio passante per gli assi dei tubi nella
connessionediFigura3.68,chedi187mm.
Ultimopassaggioapplicareilfattorediscala,ottenutocomerapportofralecurveinviluppodelgiuntocon
tubida28mmecontubida35mm,allinteraprovaciclica.

Infine,iparametriperilmodellonumericosviluppato,ottenuticonlacalibrazionedellaprovasperimentale
con tubi da 28mm, sono stati utilizzati anche per il giunto con tubi da 35mm, partendo dallipotesi che il
comportamento ciclico abbia forma e energia dissipata proporzionali al proprio livello resistente (in altri
termini,iparametrichecaratterizzanolaformadelcicloistereticonelmodellosonoglistessi).Lataratura
chesiottienepresentatainFigura3.71.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 121

Figura3.71Calibrazionedellamollarappresentanteilgiuntosuidatiottenutidallestrapolazione(inrad
kNm,screenshotdalprogrammaSo.ph.i.v.4)

3.5.5.4 Modellazione numerica del telaio

Il telaio stato modellato con elementi beam e molle rotazionali, agenti nel piano momentorotazione,
comeinFigura3.66b,nellaqualeriportataanchelageometriaincm.
Prima di condurre analisi dinamiche sul telaio considerato, sono state svolte analisi di pushover con due
diverse distribuzioni di forze laterali, la prima proporzionale al primo modo di vibrare (chiamata
distribuzioneModale),lasecondaproporzionaleallemassedipiano(denominataUniforme).
Ilcaricosismicodeltelaiodi811.5kNperpianoe173.4kNincopertura,mentreilperiodofondamentale
1.13s.

Figura3.72Curvedipushoverdeltelaioanalizzatoeraggiungimentodeidiversistatilimite

La Figura 3.72 riporta le curve di capacit ottenute, nelle quali sono stati segnati i punti in cui il telaio
raggiunge i diversi stati limite, misurati quando la prima molla raggiunge le seguenti rotazioni, prefissate
convenzionalmente:
2/3dellarotazioneallimiteelasticoperlostatolimitedioperativit(OLS),
122GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Larotazioneallimiteelasticoperlostatolimitedidanno(DLS),
Larotazioneconvenzionaledi50mradperlostatolimitedicollasso(CLS),
dellarotazioneacollassoperlostatolimitedisalvaguardiadellavita(LLS).

Successivamente sono state condotte delle analisi dinamiche non lineari con 3 accelerogrammi generati e
spettrocompatibili con lo spettro elastico di Figura 3.67. Tali input sismici sono stati generati con il
programmaSIMQKE_GR(Gelfi,2012)eilprimodiessipresentatoinFigura3.73a.

a. b.
Figura3.73Accelerogramma#1generatoperleanalisidinamichedeltelaio(a)etipicocomportamento
dellamollarotazionaledurantelanalisidinamicanonlineare(b)

Ai fini di investigare il comportamento dinamico della struttura, unanalisi dinamica incrementale (in
seguito,IDA,IncrementalDynamicAnalysis)statacondotta,perogniaccelerogrammagenerato,variando
laccelerazione di picco (PGA). Per ogni analisi, la rotazione massima richiesta da ogni molla stata
monitorataalfinedievidenziareinseguitoidiversistatilimitesullecurveIDA.
IltipicocomportamentomomentorotazionediunamollanonlinearepresentatoinFigura3.73b.

statostimatoinfineilvaloredelfattoredistruttureattraversoleEq.3.19e3.20:

_ lim
inelastic
elastic it
PGA
q
PGA
= (Eq.3.19)
el
in
V
q
V
= (Eq.3.20)

Incui:
inelastic
PGA laccelerazione di picco (Peak Ground Acceleration) per la struttura inelastica ad uno stato
limiteprefissato
_lim elastic it
PGA laccelerazionedipiccoperlastrutturaallimiteelastico
el
V iltagliodibasesullastrutturaelastica,aparitdiaccelerazione
in
V iltagliodibasesullastrutturainelastica,aparitdiaccelerazione.
RelativamenteallEq.3.20,ilrapportofraitaglisicalcolasulmassimodiunatimehistoryprefissata,luna
condotta con la struttura indefinitamente elastica, laltra con la struttura inelastica come presentato in
precedenza(Figura3.74).

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 123

Figura3.74Evoluzioneneltempodeltagliodibasenellastrutturaelasticaeinelastica

SonostatecondotteanalisiIDAconitreaccelerogrammigenerati,eilfattoredistrutturastatocalcolato
per ognuna con gli approcci descritti. I risulati ottenuti per lIDA svolta con il secondo accelerogramma
generato sono presentati in Figura 3.75 in termini di PGA contro fattore di struttura ottenuto. I punti
indicatinellastessafigurasonorappresentativideiperformancepointdellastrutturaaivaristatilimite.

Figura3.75ValoridelfattoredistrutturainfunzionedellePGAutilizzateperlIDAconilsecondo
accelerogrammagenerato.

TuttiirisultatisonoriassuntiinTabella3.8.

Tabella3.8Fattoridistrutturaqaglistatilimitedisalvaguardiadellavitaecollasso,pertutteleIDA
IDA1
Limit
State
PGA
[g]
qshear
ratios
qPGA
ratios
LLS 0.818 3.27 5.45
CLS 0.918 3.58 6.12
124GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

IDA2
Limit
State
PGA
[g]
qshear
ratios
qPGA
ratios
LLS
0.831 3.76 5.54
CLS 1.019 3.79 6.80
IDA3
Limit
State
PGA
[g]
qshear
ratios
qPGA
ratios
LLS 0.612 2.75 4.08
CLS 0.714 3.48 4.76
Averagevalues
Limit
State

qshear
ratios
qPGA
ratios
LLS 3.26 5.02
CLS 3.62 5.89

Ilfattoredistrutturariferitousualmenteallostatolimitedicollasso(Ceccotti,1998);laFigura3.76mostra
lavariazionedelfattoredistrutturaalvariaredellaPGA.

Figura3.76ValoridelfattoredistrutturainfunzionedellePGAutilizzateperleIDA

Come si nota dai risultati ottenuti, c una grande differenza fra i fattori di struttura ottenuti con i due
approcci:nelcasodeirapportifraPGA,ilfattoremedioriferitoalcollasso5.89,mentreconilrapportofra
tagli3.62.
Infine,interessantenotarecome,malgradolafortedipendenzadelfattoredistrutturadallostatolimite
considerato, non ci siano indicazioni in merito n nelle norme italiane (NTC2008) n in quelle europee
(EC8).
Si evince quindi che i risultati pi conservativi per il valore del fattore di struttura sono ottenuti con il
rapportofraitaglidibasedellastruttura;sonocomunquenecessariealtreanalisiperconfermareirisultati
ottenuti.


GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 125

4 Validazione di metodi di verifica non lineari proposti attualmente


dalle norme

Il progetto sismico di un edificio in questo momento basato sulluso di analisi lineari o non lineari ed
adotta gli spettri elastici e inelastici suggeriti dalla normativa (NTC2008). Lo smorzamento o il fattore di
strutturadaintrodurreperottenereglispettriinelasticiodiprogettosonoattualmentevalutatisullabase
di considerazioni basate sulla duttilit o sullo smorzamento equivalente della struttura. I metodi pi
comunemente adottati sono il metodo N2 (Fajfar, 1999), che riduce lo spettro elastico per il fattore di
strutturaqperlaverificadellastrutturaconunanalisilineareononlineare,eilmetododellospettrosovra
smorzato (Freeman, 1978, ATC40, 1996) che propone uno spettro inelastico ottenuto sulla base di un
fattore di smorzamento equivalente. In unanalisi di pushover, entrambi i metodi confrontano la capacit
della struttura analizzata con la domanda fornita dallo spettro: la capacit rappresentata da una curva
forzaspostamento di un sistema SDOF equivalente, mentre la curva di domanda rappresentata dallo
spettroelastico,ridottodelfattoreq,odallospettrosovrasmorzato.Ingenerale,questimetodinonsono
direttamentelegatiallaformadelcicloistereticodellinteroedificio,cherappresentalacapacitdissipativa
fornitadalmaterialeodallesottostrutturepresenti.
In questo capitolo saranno indagati alcuni sistemi SDOF e MDOF al variare del tipo di ciclo caratteristico
dellastruttura(cherisultaessere,comesivisto,differenteperunamuratura,perunedificioinXlam,per
untelaioleggero,ecc.),conloscopodiverificarelavaliditdelleattualipropostenormative.

4.1 Risposta dei sistemi SDOF

Nei capitoli precedenti sono state sviluppate delle modellazioni fenomenologiche per le strutture in
muratura e legno, che presentano risposte molto diverse per la forma del ciclo isteretico. Ci si propone
quindi di investigare come la variazione di energia dissipata influenzi le verifiche associate a metodi di
calcolo statico non lineari, come la verifica di pushover. In particolare, verranno considerati i legami
istereticisviluppatiinprecedenza,perottenerelarispostainterminidispettroinelastico.

4.1.1 Set di accelerogrammi utilizzato

Sarannocalcolatiglispettriinelasticisullabasedi15accelerogramminaturali,inmediaspettrocompatibili
conunospettroelastico,concaratteristichediTabella4.1,definitoutilizzandolEurocodice8.

Tabella4.1CaratteristichedellospettroelasticosecondoEC8
Ground
type
S
0
k
1
k
2

T
B

[s]
T
C

[s]
T
D

[s]
A 1.0 2.5 1.0 2.0 0.15 0.40 2.0

Gli accelerogrammi utilizzati sono stati selezionati da eventi sismici italiani, descritti in Tabella 4.2. Gli
spettrielasticidiognunosonoraffiguratiinFigura4.1.

Tabella4.2Caratteristichedegliaccelerogrammiselezionati
Code Record Date Comp. a
g
S
d,max
S
a,max

[g] [cm] [g]


01 0032Codroipo 06/05/76 NS 0.066 8.3 0.217
02 0038Tolmezzo 06/05/76 NS 0.366 7.5 1.060
03 0143Buia 11/09/76 EW 0.110 3.5 0.271
04 0143Buia 11/09/76 NS 0.234 7.3 0.639
05 0152ForgariaC. 15/09/76 EW 0.218 7.0 0.858
06 0153S.Rocco 15/09/76 EW 0.135 7.7 0.513
126GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

07 0156Buia 15/09/76 EW 0.094 5.1 0.287


08 0156Buia 15/09/76 NS 0.109 9.4 0.327
09 0168ForgariaC. 15/09/76 NS 0.352 7.8 1.058
10 0169S.Rocco 15/09/76 EW 0.251 9.9 0.679
11 0169S.Rocco 15/09/76 NS 0.131 7.3 0.315
12 0301Patti 15/04/78 NS 0.071 2.6 0.271
13 0302Naso 15/04/78 EW 0.132 2.1 0.503
14 0350Cascia 19/09/79 EW 0.210 7.0 0.596
15 0636Calitri 23/11/80 EW 0.175 18.6 0.595

a. b.
Figura4.1Spettrielasticidegliaccelerogrammiselezionati(a)emediadeglispettriconsiderati
confrontataconlospettrofornitodallEC8(b)

LamediadeglispettrielasticiriportatispettrocompatibileconlospettrofornitodallEC8,comeriportato
inFigura4.1b.

4.1.2 Modelli isteretici

Sonoimpiegatitremodelliisteretici,mutuati(eccettoilprimo)dallavoroespostoneicapitoliprecedenti:
1. Illegameelastoplasticoconlamassimadissipazione(denominatofulldissipative)
2. Illegameabandieracondiverseampiezzediciclo(denominatoflagshape)
3. Illegameperlestruttureinlegno(denominatosliptype).

4.1.2.1 Legge full dissipative

Laleggeistereticafulldissipativequellatipicadiunastrutturafortementedissipativa(inacciaio),ed
presentatainFigura4.2.

Figura4.2Leggeistereticafulldissipative
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 127

Essaverrutilizzataconunacurvadiconfrontoinquanto,aparitdiduttilit,risultarappresentativadella
massimaquantitdienergiadissipabileinunciclo.

4.1.2.2 Legge flag-shape

LaleggeflagshapepresentatainFigura4.3.

Figura4.3Leggeistereticaflagshape

Essacaratterizzatadadiversequantitdienergiadissipataperogniciclo:cambiandoinfattiilparametro
F
C possibilevariarelarearacchiusadalciclo,modificandolaltezzadellabandiera.
Lesoluzioniindagateprevedono3diversivaloridiquestoparametro,riportatiinEq.4.1.

0.01
0.35
1.0
a
F
b
F
c
F
C
C
C
=
=
=
(Eq.4.1)
Il caso con
a
F
C rappresenta un legame non dissipativo, il caso con
b
F
C un legame poco dissipativo (ad
esempio strutture con leghe a memoria di forma, o pannelli murari snelli), mentre il caso con
c
F
C
rappresentaunacapacitdissipativaintermediafralaleggefulldissipativeeilcasoprecedente.

4.1.2.3 Legge slip-type

Illegamedenominatosliptypequellotipicodellestruttureinlegno,caratterizzatocomeinFigura4.4.

128GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura4.4Leggeistereticasliptype

Anche in questo caso la curva scheletro elastoperfettamente plastica. Tale legame racchiude lenergia
dissipataduranteuncicloentroilfusodipinching,diampiezzaprefissata:loscaricoavvienefinoal100%di
y
F , mentre il ricarico parte dal 65% di
y
F . Il parametro
C
R fissa la percentuale di
y
F in cui avviene il
ricarico.

4.1.3 Software di analisi

CiascunspettroinelasticostatocalcolatoconunsoftwarescrittoadhocinlinguaggioFortranperisistemi
SDOF.Comedatidiinputilprogrammarichiedeunaccelerogramma,ilpassodiinfittimentodaapplicarea
questoecaratteristiche(parametri)dellegameutilizzato.
Ilprogrammaottienelarispostaalpassoeseguendounanalisidinamicadellaccelerogrammadiinputcon
ilmetododiNewmark;lanalisisvoltaperogniperiodoT:didefaultvengonopresiinconsiderazionetuttii
periodi da 0.01s a 4.0s con passo 10ms. Per ogni periodo, lanalisi viene iterata fino a quando non
raggiuntaladuttilitdesideratadallutente,ricercataconilmetododellabisezione(Figura4.5).
Ilrisultatofinalequindilospettrodellaccelerogrammaininputaduttilitcostante,ottenutoricercandoil
valoredisnervamentodellegamenonlineare
y
F cheprovocaunarispostadelloSDOFallivellodiduttilit
prefissato.Lalgoritmodibisezionevariaquindi
y
F pertrovareladuttilitfissata
*
(Figura4.5);ilrisultato
ditaleoperazionesarun
*
y
F perogniTconsiderato.

Figura4.5Schemadicalcoloutilizzatodallalgoritmodibisezione

Comerisultatoilprogrammafornisceglispettridelleseguentiquantit:
- Pseudoaccelerazione
*
a y
S F = ;
- Spostamento ( ) max
d i
S u = , con
i
u spostamenti al passo dello SDOF nellanalisi dinamica con
accelerogrammasvoltaperundatoperiodo;
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 129

- Energia elastica
( )
,
max
el el i
E E = , con
, el i
E energia elastica al passo dello SDOF nellanalisi
dinamicaconaccelerogrammasvoltaperundatoperiodo;
- Energia cinetica
( )
,
max
k k i
E E = , con
, k i
E energia cinetica al passo dello SDOF nellanalisi
dinamicaconaccelerogrammasvoltaperundatoperiodo;
- Energia plastica
, y y fin
E E = , con
, y fin
E energia plastica finale accumulata dallo SDOF nellanalisi
dinamicaconaccelerogrammasvoltaperundatoperiodo;
- Energiadissipatapersmorzamento
, d d fin
E E = ,con
, d fin
E energiaviscosafinaleaccumulatadallo
SDOFnellanalisidinamicaconaccelerogrammasvoltaperundatoperiodo;
- Energia in ingresso
, i i fin
E E = , con
, i fin
E energia in ingresso finale accumulata dallo SDOF
nellanalisidinamicaconaccelerogrammasvoltaperundatoperiodo.

Loscillatoresemplicehamassaunitariaedcaratterizzatodaunarigidezzacalcolatacome:
2
2
2
k
T
t
e
| |
= =
|
\ .
(Eq.4.2)
mentreilrapportodismorzamentovale 0.05 = intuttiicasistudiati.
Si impiega il metodo di integrazione alla Newmark ad accelerazione media costante, che
incondizionatamentestabileperognipassotemporale.
Ilprogrammaesegueinsequenzaleseguentioperazioni:
1. Lettura dei dati input, quali accelerogramma, duttilit
*
scelta, passo di infittimento
dellaccelerogrammaecaratteristichedellegame;
2. Infittimentodellaccelerogramma,ottenutointerpolandolinearmenteivaloriletti;
3. Scansione iniziale per trovare due valori di
y
F , uno che genera una risposta con
*
> e laltro
conunarisposta
*
< .Questaoperazionevieneeseguitapercercareunintervallointerminidi
y
F checontenga
*
;
4. Inizio della bisezione: analisi dinamica dello SDOF con i due
y
F e conseguente dimezzamento
dellintervallo di ricerca. Questa fase termina quando la duttilit ottenuta entro lintervallo
*
*
100

;
5. Calcolodeglispettrisullabasedellerispostemassimeperogniquantitinoutput;
6. Aggiornamentodelperiodoeripetizionedellasequenzadioperazioni35.
TuttiirisultatisonofornitiinunfileditestoditipoCSV.

4.1.3.1 Calcolo delle energie

Ogni analisi effettuata con i legami esposti richiede il calcolo dellenergia totale in input, dissipata per
isteresti(plastica),dissipatapersmorzamento,cineticaedideformazioneelastica.
Denominato i il passo di analisi dinamica dello SDOF, tali energie sono state calcolate in riferimento alle
seguentiequazioni:
- Energia di deformazione elastica: calcolata per ogni passo di analisi i come larea sottesa dal
percorsodiscarico(finoaforzanulla)delpuntocorrente ( , )
i i
d F ;
- Energia plastica: calcolata come la differenza fra lenergia totale, definita come somma delle aree
dei trapezi per ogni passo
1
, , 1
1
0.5( )
i i
tot i tot i
i i
F F
E E
u u

+
= +
+
, e lenergia elastica. La somma delle
differenzecalcolateperognipassolenergiaplastica;
- Energiacinetica:calcolatacome
2
0.5
k i
E v = ,con
i
v velocitnelpassocorrente;
130GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

- Energia dissipata per smorzamento: calcolata come


, 0 , 1
2
d i d i
dv
E c v du E

| |
= + +
|
\ .
con
0
v velocit
dello SDOF al passo precedente, dv incremento di velocit al passo corrente, du incremento di
spostamentoalpassocorrentee 2 c e = coefficientedismorzamento;
- Energiainingresso:
( )
, , , 1 , 1
0.5
i i g i g i i i
E du a a E

= + ,con
g
a accelerazioneininput.Talevalore
corrispondeallasommadellealtreenergie
i k d el p
E E E E E = + + + perognipasso.

4.1.4 Risultati per i sistemi SDOF

InquestocapitolosonopresentatiirisultatiottenutiperisistemiSDOFinterminidipseudoaccelerazione
contro periodo e di pseudoaccelerazione contro spostamento. Le duttilit indagate sono 2, 4 e 6. In ogni
graficopresentatosonoriportatiglispettriridottisecondoilmetodoN2esecondoilmetododellospettro
sovrasmorzato. Infine, gli spettri ottenuti con la legge full dissipative sono stati denominati con EP,
quelliottenutidallegameflagshapeconFS,mentrequellidallegamesliptypeconST.

4.1.4.1 Metodo N2

Labbattimentodellospettroelasticoconilfattoredistrutturaqilmetodopropostodallenormeitaliane
(NTC2008)edeuropee(EC8).Ilfattoredistrutturavalutatoinfunzionedelperiodoconsideratomediante
leseguentirelazioni:

1 ( 1)
C
C
T
q if T T
T
= + < (Eq.4.3)
C
q if T T = > (Eq.4.4)
In cui
u
y
o

o
= il valore della duttilit, T il periodo dello SDOF e
C
T il valore di periodo alla fine del
trattoadaccelerazionecostantedellospettroelastico.

4.1.4.2 Metodo dello spettro sovra-smorzato

Il metodo dello spettro sovrasmorzato (Freeman, 1978) propone di ridurre lo spettro elastico applicando
unrapportodismorzamentoequivalentecalcolatocomesegue:

0.05 eq hyst
= + (Eq.4.5)
Incui:
0.05
ilrapportodismorzamentoa0.05,applicatoingenereatuttiglispettrielasticidinormativa;
hyst
losmorzamentofunzionedellenergiadissipatainuncicloisteretico,evale:
0
4
D
hyst
S
E
E

t
=
(Eq.4.6)
Incui
D
E lenergiadissipatainuncicloisteretico,e
0 S
E lenergiadideformazioneelasticacompetente
permezzocicloisteretico(Figura4.6).
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 131

Figura4.6RappresentazionegraficadelleenergiedissipataedideformazioneelasticaperlEq.4.6

Talemetodoimpiegato,fralealtre,nellanormaamericanaATC40(1996).
LEq.4.6portaalladefinizionedi
hyst
pericasistudiati.NelcasoEP,lEq.4.6diventa:

2( 1)
EP
hyst

= (Eq.4.7)
mentrenelcasoFSdiventa:

( 1)
FS F
hyst
C

= (Eq.4.8).
PerillegameST,lEq.4.6puesserevalutatacome:

2
2 ( )
2
ST C C C
hyst
R S R

t
+
= (Eq.4.9)
conilcoefficientediricarico 0.65
C
R = eilcoefficientediscarico 1
C
S = ,comeprecedentementeesposto.
PerillegameSTnecessariocitareillavorodiLoss(2011),incuisonopropostedellemodalitdicalcolodi
ST
hyst
per strutture in legno pi complesse e dipendenti dal protocollo di carico. Lo smorzamento
equivalentevieneottenutostimandoduediversecomponenti,lunadovutaallafaseplasticaveraepropria,
laltra proporzionale allenergia dissipata per attrito e per deformazione plastica del solo connettore. Pur
riconoscendolamaggioreaccuratezzaditaleapproccio,sipreferisceadottarelavalutazionesemplificatadi
ST
hyst
propostanellaEq.4.9,ottenutaapplicandolEq.4.6.

PerilegamiEPedFScon 0.35
b
F
C = sonostateinoltreconsiderateancheleformulazionidiPriestleyetal.
(2007),riportateinseguito,poichappositamentetaratesuquestitipidiciclo:
1
0.05 0.67
EP
hyst

t
| |
= +
|
\ .
(Eq.4.10)
1
0.05 0.186
FS
hyst

t
| |
= +
|
\ .
(Eq.4.11)
Larelazione4.8statautilizzatainveceperilegamiFScon 0.01
a
F
C = e 0.99
c
F
C = .

132GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

4.1.4.3 Risultati in formato S


a
- T

Neigraficiseguentisonopresentatiglispettriinelasticiottenutineivaricasi,aconfrontoconquelliridotti
diqesmorzati,secondolerelazioniespostenelparagrafoprecedente.IlcasoEPvienesemprepresentato
conentrambeleformulazioniesposte(Eq.ni4.7e4.10)perilcalcolodi
eq
.


Figura4.7SpettroinelasticomedioperilcasoEPconduttilitparia2


Figura4.8SpettroinelasticomedioperilcasoEPconduttilitparia4

Figura4.9SpettroinelasticomedioperilcasoEPconduttilitparia6

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 133

Figura4.10SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia2eC
F
=0.01

Figura4.11SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia4eC
F
=0.01

Figura4.12SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia6eC
F
=0.01

134GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura4.13SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia2eC
F
=0.35

Figura4.14SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia4eC
F
=0.35

Figura4.15SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia6eC
F
=0.35

Figura4.16SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia2eC
F
=0.35
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 135

Figura4.17SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia4eC
F
=0.99

Figura4.18SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia6eC
F
=0.99

Figura4.19SpettroinelasticomedioperilcasoSTconduttilitparia2

Figura4.20SpettroinelasticomedioperilcasoSTconduttilitparia4
136GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura4.21SpettroinelasticomedioperilcasoSTconduttilitparia6

Glispettriinelasticicalcolatimostranounbuonaccordoconlospettroridottodiq(metodoN2),pertuttii
tipidilegameistereticoadottato.Alcontrario,ilmetododellospettrosovrasmorzatosovrastimailvalore
diaccelerazioneintuttiicasi.Ingenerale,siottenutaunamiglioreaccuratezzaperbassivalorididuttilit
epergrandiquantitdienergiadissipata.Inoltre,taledifferenzamaggioreperiperiodicorti(
C
T T < ).

4.1.4.4 Risultati in formato ADRS

Ancheglispostamentigiocanounruolofondamentalenellarispostasismica.Pertalemotivo,opportuno
analizzare gli spettri visti in precedenza anche in formato ADRS (AccelerationDisplacement Response
Spectrum).Sarannopresentatiperbrevitespositivasoloicasididuttilit2e6.

Figura4.22SpettroinelasticomedioperilcasoEPconduttilitparia2

Figura4.23SpettroinelasticomedioperilcasoEPconduttilitparia6
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 137

Figura4.24SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia2eC
F
=0.01

Figura4.25SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia6eC
F
=0.01

Figura4.26SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia2eC
F
=0.35

Figura4.27SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia6eC
F
=0.35
138GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura4.28SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia2eC
F
=0.99

Figura4.29SpettroinelasticomedioperilcasoFSconduttilitparia6eC
F
=0.99

Figura4.30SpettroinelasticomedioperilcasoSTconduttilitparia2

Figura4.31SpettroinelasticomedioperilcasoSTconduttilitparia6
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 139

Come si evince dai risultati, anche in questo caso gli spettri ridotti di q secondo il metodo N2 sono molto
vicini a quelli inelastici calcolati con le diversi leggi isteretiche, e lo spettro sovrasmorzato sovrastima
laccelerazioneesottostimalospostamentointuttiicasi.

4.1.4.5 Risultati in termini di energia

Durante lanalisi sono forniti i valori al passo dellenergia in ingresso, cinetica, di deformazione elastica,
istereticaplasticaedismorzamento.Lefigureseguentimostranolandamentoneltempoditalienergiecon
idiversilegamianalizzati.

Figura4.32Andamentodelleenergieneltempoconlaccelerogramma#9perilcasoEPconduttilitparia
6,perT=1.0s

Figura4.33Andamentodelleenergieneltempoconlaccelerogramma#9perilcasoFSconduttilitparia
6eC
F
=0.01,perT=0.3s

140GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura4.34Andamentodelleenergieneltempoconlaccelerogramma#9perilcasoSTconduttilitparia
4,perT=0.3s

Mentre i comportamenti di tipo EP e ST (Figura 4.32 e Figura 4.34) sono caratterizzati da una consistente
percentualedienergiaplastica,ilcasoFSsimuoveconunavelocitsuperiore(sivedalenergiacineticain
Figura 4.33) e la dissipazione demandata allo smorzamento. Questo comportamento confermato dai
risultati successivi, nei quali si presentano gli spettri medi di energia ottenuti con i 15 accelerogrammi
analizzati.

Figura4.35SpettromediodelleenergieperilcasoEPconduttilitparia2

Figura4.36SpettromediodelleenergieperilcasoFSconduttilitparia2eC
F
=0.01

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 141

Figura4.37SpettromediodelleenergieperilcasoSTconduttilitparia2

LepercentualidienergiadissipataperisteresiedissipatapersmorzamentosonomoltodiverseneicasiEP
(Figura4.35)eFSconC
F
=0.01(Figura4.36):questultimodissipamoltamenoenergiaplasticachenelcaso
EP, ma si muove con maggiore velocit e produce per bilanciare maggior energia di smorzamento. Il
sistemaST(Figura4.37)rappresentativodiuncomportamentointermedio.

In definitiva, il metodo N2, che considera in tutti i casi leffetto dovuto principalmente alla duttilit,
permetteunavalutazioneaccuratadelcomportamentostrutturale.

4.1.5 Risultati per i sistemi MDOF

Con lobiettivo di validare le conclusioni tratte dai risultati ottenuti per i sistemi SDOF, stata analizzata
unastrutturaMDOFcompostadauntelaiopianoinacciaiodi3pianie3campate(Figura4.38).

Figura4.38Geometriadeltelaioanalizzato(misureinm)

Il telaio analizzato sheartype, e in mezzeria di ogni colonna sono poste delle molle, tutte con lo stesso
comportamentoisteretico.Sonostatepreparatediversecopiedellostessomodelloconmolleaventiicicli
istereticiEP,FSeSTvistiperisistemiSDOF.
Inoltrestatavariatalamassadeltelaioinmodo dainvestigaretre diversi periodistrutturali:0.3s,1.0se
2.0s.IvaloridimassautilizzatisonoriportatiinTabella4.3.

142GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Tabella4.3Valoridimassapernodoutilizzatipervariareilperiodofondamentaledeltelaio
Periodo del telaio 0.3 s 1 s 2 s
nodo interno, piano i-esimo 7.5 [t] 75 [t] 318 [t]
nodo esterno, piano i-esimo 4 [t] 40 [t] 170 [t]
nodo interno, ultimo piano 5.5 [t] 55 [t] 233 [t]
nodo esterno, ultimo piano 3.2 [t] 32 [t] 136 [t]

Sul telaio sono state svolte delle IDA (Incremental Dynamic Analyses) con un accelerogramma generato
tramiteilprogrammaSIMQKE_GR,compatibileconlospettroelasticoEC8diFigura4.39b.

a. b.
Figura4.39Spettrodellaccelerogrammageneratoaconfrontoconquelloelastico(a)eaccelerogramma
generatocontroiltempo(b)

La duttilit voluta, considerata sulla risposta sismica dellintero delledificio, stata ottenuta per tentativi,
modificando il livello di resistenza delle molle. Tali risultati sono stati utilizzati per costruire per punti la
curvadicapacitdelledificio.
La curva ottenuta stata bilinearizzata con il criterio di uguaglianza delle aree come riportato
nellAppendice B dellEurocodice 8 (metodo N2). La bilineare cos ottenuta stata poi confrontata con lo
spettro elastico secondo EC8 ridotto del fattore di struttura q. Lo scopo di questa operazione di
determinareilperformancepointdellastrutturacomeintersezionedellacurvaedellospettroridottodiq.I
risultati,presentatiinformatoADRSeriportantiperognicasolabilineareequivalenteottenutaelospettro
diconfronto,sonoriportatinellefigureseguenti.

Figura4.40CurvadicapacitperilcasoEPconT=0.3se=2

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 143

Figura4.41CurvadicapacitperilcasoFSconC
F
=0.01conT=0.3se=2

Figura4.42CurvadicapacitperilcasoSTconT=0.3se=2

Figura4.43CurvadicapacitperilcasoEPconT=1.0se=2
144GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura4.44CurvadicapacitperilcasoFSconC
F
=0.01conT=1.0se=2

Figura4.45CurvadicapacitperilcasoSTconT=1.0se=2

Figura4.46CurvadicapacitperilcasoEPconT=2.0se=2
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 145

Figura4.47CurvadicapacitperilcasoFSconC
F
=0.01conT=2.0se=2

Figura4.48CurvadicapacitperilcasoSTconT=2.0se=2

Le analisi IDA condotte producono curve di capacit che si avvicinano allo spettro elastico ridotto di q,
comeprescrittodallapproccioN2.Questofattoconfermalaconclusioneottenutadalleanalisiconisistemi
SDOF, e cio che la capacit dissipativa fornita dalla struttura non influenza la capacit del metodo N2 di
rappresentarelasuarispostainelastica.

4.1.5.1 Energie nei sistemi MDOF

Sono riportati nel seguito gli andamenti nel tempo delle energie cinetica, plastica, di input e di
smorzamentopericasianalizzatinelparagrafoprecedenteconT=1se 2 = .

Figura4.49EnergiainingressoneltempoaT=1.0se=2
146GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Figura4.50EnergiaplasticaneltempoaT=1.0se=2

Figura4.51EnergiadismorzamentoneltempoaT=1.0se=2

Figura4.52EnergiacineticaneltempoaT=1.0se=2

ComeosservatoperisistemiSDOF,ancheinquestocasoisistemiMDOFpocodissipativi(FSadesempio)
mostranolaquotapielevatadienergiaininput,dissipataprincipalmentepersmorzamento.Alcontrario,
selaquotadienergiadissipataperisterestielevata,ilivellidienergiacineticaedienergiaderivantedallo
smorzamentodiminuiscono(comeanchevelociteaccelerazioninellastruttura).
SuisistemiMDOFconcicloSTsinotacomelosmorzamentosiapiuttostobasso,mentrelenergiaplasticasi
assestisuunlivelloappenasuperioreaicicliFSconC
F
=0.35.

Visti i risultati ottenuti con i sistemi SDOF e MDOF, si pu concludere che il metodo dello spettro sovra
smorzato sovrastima laccelerazione in tutti i casi, in particolare per i periodi corti. Il metodo N2, che
rappresenta la richiesta inelastica alla struttura dividendo lo spettro elastico per il fattore di struttura q,
rappresentainvececorrettamentelarispostaincampoinelastico.
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 147

5 Conclusioni

Inquestolavorosonostatipropostideimodellinonlineariperstruttureinmuraturaelegno.
IlmodelloistereticoassuntoperlamuraturaquellodiTomazeviceLutman (1996)perilgradodilibert
traversale (taglio nel piano del pannello), mentre una legge isteretica ad hoc stata proposta per la
flessione. Tali leggi sono state implementate in un elemento molla che ricava automaticamente la
resistenzadelpannellomurariosullabasedellosforzonormalepresente.Lamodellazioneproposta,chesi
basa sul metodo del telaio equivalente, stata applicata a pareti di letteratura, e si dimostrata nel
complesso valida e accurata nel ricavare la risposta ciclica delle murature analizzate, sia in campo statico
chedinamico.
statoinoltrepropostounmodellosemplificatoperlastima,seppurcautelativa,dellacurvadicapacitdi
un edificio in muratura, ottenuta tramite un semplice algoritmo in controllo di spostamento. Il metodo
proposto, che pu essere considerato una evoluzione del PORFLX di Braga e Monti, stato denominato
RigStripTS, in virt del fatto che le fasce di piano sono considerate indefinitamente rigide ma non
indefinitamenteresistenti.
Sono state infine condotte alcune analisi monotone con il software ADAPTIC, che propone una
modellazione a mesoscala della muratura, al fine di investigare il quadro fessurativo e tensionale di due
provesperimentalieseguitesuunmaschiomurarioesuunafasciadipiano.

Perlestruttureinlegno,lattenzionesifocalizzatasutretipologie:lestruttureinlamellareincrociato(X
lam),quelleatelaioleggeroequelleatelaioresistenteperflessione.Ilmodelloistereticosviluppatostato
ricavato parametrizzando il comportamento delle connessioni per legno e si adatta simultaneamente,
previa taratura, a tutte le tipologie analizzate. Nel caso del Xlam, dopo diverse validazioni sul
comportamento di singole pareti, il modello permette una modellazione tridimensionale di dettaglio che
tienecontodituttiiconnettoripresenti(angolari,holddown,viti).Questiconnettorisonorappresentatida
unelementomollachestatocalibratosuirisultatidiprovedisingoliconnettori.
Per le strutture a telaio leggero sono stati proposti due livelli di modellazione: il primo rappresenta ogni
singolo chiodo fra pannello e parete, mentre il secondo simula il comportamento dellintera parete
mediante molle diagonali equivalenti. I risultati numerici ottenuti sul modello di un edificio testato su
tavolavibranteconfermanolavaliditdellamodellazionepercoglierelarispostasismica.
Il telaio in legno (momentresisting frame) stato modellato utilizzando molle rotazionali che simulano il
comportamento del nodo fra trave e pilastro nel caso di giunto realizzato con tubi metallici (dowel). La
paretepianaanalizzatastatautilizzataperstimareilfattoredistrutturaperquestatipologia.
Tuttiimodelliistereticisviluppati,siaperlamuraturacheperillegno,consideranodegradodiresistenzae
rigidezzae,nelcasodellegno,ancheleffettodellattritostaticosullastruttura(peredificiinXlam).

Infine,imetodidirappresentazionedellarispostainelasticadellastrutturapropostidallediversenormative
(EC8 e NTC2008, ATC40) sono stati messi a confronto al fine di valutarne laffidabilit per le tipologie
strutturalistudiate.Leleggiisteretichepresentatesonostateutilizzateperinvestigareilcomportamentodi
sistemiSDOFeMDOFsemplificatitramiteanalisidinamicanonlineare.NelcasodeisistemiSDOFsonostati
ottenuti spettri inelastici a partire da un set di accelerogrammi in media spettro compatibile, ed stato
eseguito il confronto con gli spettri forniti dal metodo dello spettro sovrasmorzato e dal metodo N2,
confermandolavaliditdiquestultimorispettoalprimo,cheinvecesovrastimaleaccelerazioni.
LanalisistataestesaancheallestruttureMDOF:diverseIDAsonostatecondottesuuntelaiosheartype
caratterizzato di volta in volta con legami isteretici diversi. I risultati per i sistemi MDOF confermano
quandoottenutoperisistemiSDOF.

Complessivamente, le modellazioni isteretiche proposte rappresentano un metodo computazionalmente


leggero ed efficiente per la modellazione non lineare di strutture in muratura e in legno. Gli strumenti
fornitisonodifondamentaleimportanzaperlostudiodellestrutturemenzionatesoggetteacarichisismici:
i modelli ciclici proposti sono infatti in grado di fornire una stima accurata dellenergia dissipata e del
comportamentoisteretico.
148GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno


GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 149

6 Bibliografia

Perrapiditdiconsultazione,labibliografiasuddivisaperognicapitolo.
6.1 Capitolo 2
Abrams D., Smith T., Lynch J., Franklin S., Effectiveness of Rehabilitation on Seismic Behavior of Masonry
PiersJournalOfStructuralEngineeringofASCE,January2007
Anthoine A., Magonette G., Magenes G., Shearcompression testing and analysis of brick masonry walls
10
th
EuropeanConferenceonEarthquakeEngineering,Duma1995
AugentiF.,ParisiN.,AcconciaE.NewToolsforNonLinearAnalysisofMasonryBuildingsProceedingsof
14thECEE,2010
Belmouden Y., Lestuzzi P., An equivalent frame model for seismic analysis of masonry and reinforced
concretebuildingsConstructionandBuildingMaterials,Volume23,Issue1,January2009,pp.4053
Berto L., Saetta A., Scotta R., Vitaliani R., Shear behaviour of masonry panel: parametric FE analyses
InternationalJournalofSolidsandStructures,Volume41,Issues1617,August2004,pp.43834405
Braga F., Dolce M. A method for the analysis of antiseismic masonry multistory buildings Sixth
InternationalBrickMasonryConference,Roma,1982,pp.10881098
Brencich A., Lagomarsino S. Un modello a macroelementi per lanalisi ciclica di pareti murarie Atti 6
convegnonazionaleANIDIS,Taormina,2124Settembre1997.
BuildingSeismicSafetyCouncil(BSSC),1997.NEHRPGuidelinesfortheSeismicRehabilitationofBuildings,
FEMA273,FederalEmergencyManagementAgency,Washington,D.C.
BuildingSeismicSafetyCouncil(BSSC),2000.PrestandardandCommentaryfortheSeismicRehabilitationof
Buildings,FEMA356,FederalEmergencyManagementAgency,Washington,D.C.
CalderoniB.,MaroneP.,PaganoM.,Modelliperlaverificastaticadegliedificiinmuraturainzonasismica
Ingegneriasismica,n.3,1987,pp.1927
CalviG.M.,KingsleyG.R.,MagenesG.,TestingofMasonryStructuresforSeismicAssessmentEarthquake
Spectra,Vol.12,No.1,February1996
CalviG.M.,MagenesG.,ExperimentalresearchonresponseofURMbuildingsystems.InD.P.Abramsand
G. M. Calvi (ed.), Italy workshop on guidelines for seismic evaluation and rehabilitation of unreinforced
masonry buildings, State University of New York at Buffalo, NCEER942001, 341/57. Proc. intern. symp.,
Pavia,1994.
CasoloS.,MilaniG.,Asimplifiedhomogenizationdiscreteelementmodelforthenonlinearstaticanalysis
ofmasonrywallsoutofplaneloaded,EngineeringStructures,Issue32,pp.23522366,2010
Chen S.Y., Moon F.L., Yi T., A macroelement for the nonlinear analysis of inplane unreinforced masonry
piersEngineeringStructures,Volume30,Issue8,August2008,pp.22422252
Circ.02Febbraio2009CircolareesplicativadellenormetecnicheperlecostruzioniItalianbuildingcode,
2009
CSIBerkeleySAP2000Software
D.M. 14 Gennaio 2008 Norme tecniche per le costruzioni Ministero delle Infrastrutture, normativa
italiana,2008
150GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

DolceM.,SchematizzazioneemodellazionedegliedificiinmuraturasoggettiadazionisismicheScienzae
Tecnica,pp.4456,1989
Eurocode6DesignofmasonrystructuresPart11:Generalrulesforreinforcedandunreinforced
masonrystructures
FajfarP.,ANonlinearAnalysisMethodforPerformanceBasedSeismicDesignEarthquakeSpectra,vol.16,
No.3,pp.573592,August2000
GattescoN.,MacoriniL.,ClementeI.,NoS.,Shearresistanceofspandrelsinbrickmasonrybuildings8th
InternationalMasonryConference2010inDresden
GelfiP.SIMQKE_GRv.2.3UniversityofBrescia
HSHSrlStraus7Software
IzzuddinB.,Nonlineardynamicanalysisofframedstructures.Ph.D.Thesis,ImperialCollege,1991
Kappos A.J., Penelis G.G., Drakopoulos C.G., Evaluation of Simplified Models for Lateral Load Analysis of
UnreinforcedMasonryBuildingsJournalofStructuralEngineering,July2002
KimS.C.,WhiteD.W.,Nonlinearanalysisofaonestorylowrisemasonrybuildingwithaflexiblediaphragm
subjectedtoseismicexcitationEngineeringStructures2004
LiberatoreD.,ProgettoCatania:indaginesullarispostasismicadidueedificiinmuratura,monografiaGNDT,
2000
LiberatoreD.,SperaG.,AnalisidelledificioinviaVerdiUniversitdellaBasilicata
Lourenco P.B. Experimental and numerical issues in the modelling of the mechanical behaviour of
masonryStructuralanalysisofhistoricalconstructionsII,CIMNE,Barcellona,1998
Macorini L., Izzuddin B.A. A nonlinear interface element for 3D mesoscale analysis of brickmasonry
structures.InternationalJournalForNumericalMethodsInEngineering.85(12):15841608,2011
MacoriniL.,IzzuddinB.A.,Nonlinearanalysisofmasonrystructuresusingmesoscalepartitionedmodelling,
AdvancesinengineeringSoftware,inpress,2012
Magenes G., A method for pushover analysis in seismic assessment of masonry buildings 12
th
WCEE
Conference,2000
MagenesG.,BologniniD.,BraggioC.,2000,Metodisemplificatiperl'analisisismicanonlinearediedificiin
muraturaCNRGruppoNazionaleperlaDifesadaiTerremotiRoma.
Magenes G., Calvi G.M., Inplane seismic response of brick masonry walls Earthquake engineering and
structuraldynamics,vol.26,pp.10911112,1997
MagenesG.,DellaFontanaA.,Verificadiedificiinmuraturaordinariaearmataconmetodidianalisistatica,
lineareenonlineareLecablocco2010
Magenes G., Penna A. Existing masonry buildings: general code issues and methods of analysis and
assessmentEurocode8PerspectivesfromtheItalianStandpointWorkshop,2009Napoli
MidasInformationTechnologyCo.,LtdMidasGEN2011Software
Paquette J., Bruneau M., PseudoDynamic Testing of Unreinforced Masonry Building with Flexible
DiaphragmJOURNALOFSTRUCTURALENGINEERINGofASCE2003.

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 151

Perera R., Performance evaluation of masonryinlled RC frames under cyclic loading based on damage
mechanicsEngineeringStructures2009.
Priestley M.J.N., Calvi G.M., Kowalsky M.J., DisplacementBased Seismic Design of Structures IUSS Press,
2005
PuppinA.,2009,Analisiemodellazionedegliedificiinaggregatoinmuratura.Tesidilaurea,Dipartimento
diIngegneriaCivileeArchitettura,UniversitdegliStudidiTrieste.
Rizzano G., Sabatino R., Nonlinear static analysis of masonry structures by means of equivalent frames
simplifiedapproach8thInternationalMasonryConference2010inDresden
Roca P., Molins C., Mar A.R., Strength Capacity of Masonry Wall Structures by the Equivalent Frame
MethodJournalofStructuralEngineering,ASCE,October2005,pp.16011610
S.T.A.DATASoftware3Murianalisidiparetimurariewww.stadata.com
Senthivel R., Loureno P.B., Finite element modelling of deformation characteristics of historical stone
masonryshearwallsEngineeringStructures,Volume31,Issue9,September2009,pp.19301943
ShiehBeygi B., Pietruszczak S., Numerical analysis of structural masonry: mesoscale approach, Computers
andStructures,issuen.86,pp.19581973,2008
Simulia,ABAQUSUsersManualsversion6.51
Talarico P., Modelli sintetici per lanalisi non lineare degli edifici in muratura Tesi di laurea, Universit
dellaCalabria
TenaColungaA.,JurezngelesA.,SalinasVallejoV.H.,Cyclicbehaviorofcombinedandconfinedmasonry
wallsEngineeringStructures2009.
TomazevicM.ThecomputerprogramPORReportZRMK,1978(inSlovenian)
Tomazevic M., Lutman M., Seismic behavior of masonry walls Modeling of hysteretic rules, Journal of
StructuralEngineering,1996
VBAreferenceMicrosoftMSDNhttp://msdn.microsoft.com
Yi T., Moon F.L., Leon R. T., Kahn L.F., Lateral Load Tests on a TwoStory Unreinforced Masonry Building
JoutnalofStructuralEngineering,ASCE2006.

6.2 Capitolo 3

Baber,T.,andNoori,M.N.(1985)."Randomvibrationofdegrading,pinchingsystems."J.Engrg.Mech.,
ASCE,111(8),10101026.
Boukes J. A computer model for a seven storey timber building constructed with Xlam panels and an
experiment on the KertoQ laminated Veneer Lumber connection. M. Sc. Report, Faculty of Civil
Engineering,DelftUniversityofTechnology,Netherlands,January2009
BuchananA.,DeamB.,FragiacomoM.,PampaninS.,PalermoA.,2008.MultiStoreyPrestressedTimber
BuildingsinNewZealand,StructuralEngineeringInernational,2,166173.
Ceccotti A. New Technologies for Construction of MediumRise Buildings in Seismic Regions: The XLAM
Case.StructuralEngineeringInternational2/2008,pp.156165
152GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Ceccotti A., Follesa M., Lauriola M.P. La sperimentazione sismica sulle costruzioni di legno: attualit e
prospettive.SeminariointernazionaleCIASEvoluzionenellasperimentazionenellecostruzioni,Cyprus.
Ceccotti A., Follesa M., Lauriola M.P., Sandhaas C., Minowa C., Kawai N., Yasumura M. Which seismic
behaviour factor for multistorey buildings made of crosslaminated wooden panels. Meeting 39 of the
WorkingCommissionW18TimberStructures,CIB;2006,Florence(Italy),August2831
CeccottiA.,KaracebeyliE.,1998.SeismicPerformanceofMomentResistingTimberFrames,World
ConferenceonTimberEngineering,Switzerland.
CeccottiA.,LauriolaM.P.,PinnaM.,SandhaasC.SOFIEProjectCyclictestsonCrossLaminatedWooden
Panels. CNRIVALSA Italian National Research Council, Trees and Timber Institute, San Michele allAdige
(TN),Italy,9thWorldConferenceonTimberEngineeringWCTE2006,Portland(U.S.A.),August610,CD.
Ceccotti A., Vignoli A. A Pinching Hysteretic Model for Semirigid Joints. European Earthquake Engineering
Journal,1989,Bologna,Italy,V3,39.
Collins M., Kasal B., Paevere P., Foliente G. C., Threedimensional Model of Light Frame Wood Buildings.
I:ModelDescription,JournalofStructuralEngineering,Vol.131,No.4,April2005,pages676683,ASCE
CSIBerkeley,CSIAnalysisReferenceManual,version15,www.csiberkeley.com,2012
DaviesM.,FragiacomoM.,2011.LongtermbehaviorofprestressedLVLmembers.I:Experimentaltests,
JournalofStructuralEngineering,ASCE,137(12),15531561.
DeanJ.A.,StewartW.G.,CarrA.J.,TheSeismicBehaviourofPlywoodSheathedShearwalls,Bulletinofthe
NewZealandNationalSocietyforEarthquakeEngineering,Vol.19,No.1,March1986,pages4863
Dolan J.D., Foschi R. O., Structural Analysis model for Static Loads on Timber Shear Walls, Journal of
StructuralEngineering,Vol.117,No.3,March1991,pages851861,ASCE
Dolan,J.D.,1989.TheDynamicResponseofTimberShearWalls,PhDThesis,UniversityofBritishColumbia.
Dolan,J.D.,FoschiR.O.,1990.StructuralAnalysisModelforStaticLoadsonTimberShearWalls,Journalof
StructuralEngineering,Vol.117,No.3,March,1991.ASCE,ISSN07339445/91/00030851.Paper
No.25627.
Du,Y.,TheDevelopmentandUseofaNovelFiniteElementFortheEvaluationofEmbeddedFluidDampers
WithinLightFrameTimberStructureswithSeismicLoading,PhDThesis,DepartmentofCivil&
EnvironmentalEngineering,WashingtonStateUniversity,2003
DujicB.,StrusK.,ZarnicR.,CeccottiA.Predictionofdynamicresponseofa7storeymassiveXLamwooden
building tested on a shaking table 11th World Conference on Timber Engineering WCTE 2010, Riva del
Garda(Italy),June2024,2010,CD.
EN12512:2003TimberstructuresTestmethodsCyclictestingofjointsmadewithmechanicalfasteners.
Europeannorm,UNIItaliantranslation
ETADanmarkA\S.EuropeanTechnicalApprovalETA06/0106.TechnicalApprovalforSimpsonStrongTie
AngleBracket90,http://www.strongtie.dk/Internetsite,inDanish.
Eurocode5,2009.Eurocode5:DesignofTimberStructurePart11:GeneralCommonrulesandrulesfor
buildings,EN19951:2009
Eurocode8,2005.DesignofstructuresforearthquakeresistancePart1,Generalrules,seismicactionsand
rulesforbuildings.EN19981:2005

GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 153

Falk,R.H.,Itani,R.Y.,1989.FiniteElementModelingofWoodDiaphragms,JournalofStructural
Engineering,Vol.115,No.3,March,1989.ASCE,PaperNo.23247
Fischer,D.,Filiatrault,A.,Folz,B.,Uang,C.M.,SeibleF.,2001.Shaketabletestsofatwostoreywoodframe
house,CUREECaltechWoodframeProject,DepartmentofStructuralEngineering,UniversityofSanDiego,
California,US,2001
Foliente,G.C.,1995.HysteresisModelingofWoodJointandStructuralSystems,JournalofStructural
Engineering,Vol.121,No.6,June,1995.ASCE,ISSN07339445/95/000610131022
Folz,B.,Filiatrault,A.,2001.CyclicAnalysisofWoodShearWalls,JournalofStructuralEngineering,Vol.
127,No.4,April,2001.ASCE,ISSN07339445/01/000404330441,PaperNo.22546.
Foschi R.O. Modeling the hysteretic response of mechanical connections for wood structures. In: Proc.
worldconf.ontimberengrg.Vancouver:Dept.ofWoodSci.,UniversityofBritishColumbia,2000.
FragiacomoM.,Batchelar,M.,2012.Timberframemomentjointswithgluedinsteelrods.I:Design,
JournalofStructuralEngineering,ASCE,138(6),789801.
Fragiacomo M., Dujic B., Sustersic I. Elastic and ductile design of multistorey crosslam massive wooden
buildingsunderseismicactions.EngineeringStructures,No.33Issue11,pp.30433053,2011.
Fragiacomo M., Rinaldin G.. Advanced models for seismic analyses of timber buildings. Proceedings of
9.GraHFT'11Workshop,2011,Graz,Austria.
GavricI.,CeccottiA.,FragiacomoM.Experimentalcyclictestsoncrosslaminatedtimberpanelsandtypical
connections.Proceedingsofthe14thANIDISConference,Bari(Italy),September18th22nd2011,DVD.
GavricI.,FragiacomoM.,CeccottiA..StrengthanddeformationcharacteristicsoftypicalXlamconnections.
Proceedings of WCTE 2012, World Conference on Timber Engineering, Auckland, New Zealand, 1619 July
2012,DVD.
Gelfi,P,2012.SIMQKE_GR,version2.7,UniversityofBresciainternetsite,http://dicata.ing.unibs.it/gelfi/,
Italy
He M., Lam F., Foschi R.O. Modeling threedimensional timber lightframe buildings. Journal of Structural
Engineering,ASCE,No.127Issue8,August2001,pp.901913.
Heiduschke A., Kasal B., Haller P., Analysis of woodcomposite laminated frames under dynamic loads
analytical models and model validation. Part I: connection model, Prog. Struct. Engng. Mater., Issue 8,
pager103110,2006
IVALSACNRTreesandTimberInstitute.progettosofienewarchitecturewithwood,
http://www.progettosofie.it/,2008,Internetwebsite
JaspartJ.P.,MaquoiR.,1992.Surveyofexistingtypesofjointmodeling,SemiRigidbehaviorofCivil
EngineeringStructuralConnections,COSTC1Workshop,Strasbourg,France.
JohansenK.W.,1949.Theoryoftimberconnections.InternationalAssociationofBridgeandStructural
Engineering,9:24962.
Johansen, K. W., Theory of timber connections, International Association of Bridge and Structural
Engineering,PublicationNo.3:249262,Bern,Switzerland
KasalB.,LeichtiR.J.,ItaniR.Y.,NonlinearFiniteElementModelofCompleteLightFrameWoodStructures,
JournalofStructuralEngineering,Vol.120,No.1,January1994,pages100119,ASCE

154GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno

Krawinkler,H.,Parisi,F.,Ibarra,L.,Ayoub,A.,andMedina,R.2001.Developmentofatestingprotocolfor
woodframestructures.,CUREECaltechWoodframeProjectRep.No.W02,StanfordUniversity,Stanford,
California
LeijtenA.J.M.,RuxtonS.,PrionH.,andLamF.,2006.ReversedCyclicBehaviorofaNovelHeavyTimber
TubeConnection,2006;JournalofStructuralEngineering,ASCE,132(8),13141319.
MhlerK,berdasTragverhaltenvonBiegetrgernundnachgiebigenVerbindungsmitteln.Habilitation,TH
Karlsruhe(1956).
NTCNormeTecnicheperleCostruzioni,2008.DecretodelMinisterodelleInfrastruttureedeiTrasporti
D.M.
PeiS.,PopovskiM.,vandeLindtJ.W.,Seismicdesignofamultistorycrosslaminatedtimberbuildingbased
incomponentleveltesting,ProceedingsofWCTE2012,WorldConferenceonTimberEngineering,DVD
PeiS.,vandeLindtJ.W.,SAPWoodforWindowsv.2.0,Seismicanalysispackageforwoodframestructures,
User'smanual,ColoradoStateUniversity,2010
PozzaL.,ScottaR.,VitalianiR.Anonlinearnumericalmodelfortheassessmentoftheseismicbehaviorand
ductility factor of XLam timber structures. International Symposium Timber Structures from Antiquity to
thePresenteditedbyJ.ChiltonandI.Mungan,Istanbul(Turkey),June2527,pp.151162,2009.
RinaldinG.,AmadioC.,FragiacomoM.,2011.Acomponentapproachforthenonlinearbehaviourofcross
laminatedsolidtimberpanels,ProceedingsofXIVANIDISConference2011,Bari.
RinaldinG.,So.ph.i.software,http://giovanni.rinaldin.org,2011
SimuliaDassaultSystemes,AbaqusFEMsolver,http://www.3ds.com/products/simulia/overview/,2012.
Sustersic I., Fragiacomo M., Dujic B. Influence of the connection behaviour on the seismic resistance of
multistorey crosslam buildings. Proceedings of the WCTE 2012 World Conference on Timber Engineering,
Auckland,NewZealand,2012,DVD.
Tavoussi K., Winter W., Pixner T. Development of earthquake bracing systems for multistorey buildings
using slender shear wall elements in crosslaminated timber (CLT) Department of Structural Design and
TimberEngineering,ViennaUniversityofTechnology,Austria,9thWorldConferenceonTimberEngineering
WCTE2006,Portland(U.S.A.),August610,CD.
TavoussiK.,WinterW.,PixnerT.,2010.DaserdbebensichereHolzhaus,Bauingenieur,85(3),129135
Tlustochowicz.G.,2011.StabilisingSystemforMultiStoreyBeamandPostTimberBuildings,Doctoral
Thesis,UniversityofLulea,Universitetstryckeriet,Lule.
TomasiR.,ZandoniniR.,PiazzaM.,AndreolliM.,2008.DuctileEndConnectionsforGluLambeams,
StructuralEngineeringInternational,IABSE,18(3),290296.
VandeLindtJ.W.,PeiS.,PryorS.E.,ShimizuH.,IsodaH.,2010.Experimentalseismicresponseofafullscale
sixstorylightframewoodbuilding,ASCEJournalofStructuralEngineering,136(10),12621272.
VandeLindt,J.W.,2003.EvolutionofWoodShearWallTesting,Modeling,andReliabilityAnalysis:
Bibliography,PracticePeriodicalonStructuralDesignandConstruction,Vol.9,No.1,February1,2004.
ASCE,ISSN10840680/2004/14453
Yasumura M., Dynamic Analysis and Modeling of Woodframed Shear Walls, Proceedings of 6th World
Conf.onTimberEngineering,Whistler,Canada,2000.
GiovanniRinaldinModellazioneeanalisinonlinearedistruttureinmuraturaeinlegno 155

Yates M., Linegar M., Dujic B. Design of an 8 storey Residential Tower from KLH Cross Laminated Solid
TimberPanels.TechnikerLtd,UK,andFacultyofCivilEngineeringofUniversityofLjubljana,Slovenia,10th
WorldConferenceonTimberEngineeringWCTE2008,Miyazaki(Japan),June25,2008,CD.
6.3 Capitolo 4

ATC 1996, Seismic Evaluation and Retrofit of Concrete Buildings, Products 1.2 and 1.3 of the Proposition
122SeismicRetrofitPracticesImprovementProgram,CaliforniaSeismicSafetyCommission,ReportNo.SSC
9601,ATC40,AppliedTechnologyCouncil,RedwoodCity,California.

Chopra A.K., Dynamics of Structures, Theory and Applications to Earthquake Engineering, Fourth Edition,
PrenticeHall,2011,ISBN10:0132858037

Fajfar P. (1999). Capacity spectrum method based on inelastic spectra. Earthquake Engineering and
StructuralDynamics,28,979993

Freeman S.A., 1978, Prediction of Response of Concrete Buildings to Severe Earthquake Motion, Douglas
McHenry International Symposium on Concrete and Concrete Structures, SP55, pp. 589605, American
ConcreteInstitute,Detroit.

Grant D.N., Blandon C.A., Priestley M.J.N., Modelling Inelastic Response in Direct DisplacementBased
Design,Report2005/03,IUSSPress,Pavia,2005,104pp.

LossC.,DisplacementBasedDesignofTimberStructures,PhDThesis,UniversityofTrento,March2011.

Martinelli E., Faella C., Inelastic demand spectra for nonlinear static analysis considering the actual
dissipative capacity structures, DPCReLUIS Research Project, 20102013. Rossi, M., Bianchi, A., 2001. A
responsesurfaceapproachforseismicfragilityassessmentofr.c.structures.10thInternationalConference
onCivilEngineering.July31August3,Tokyo,JP.

Priestley M.J.N., Calvi, M.C., and Kowalsky, M.J. (2007) DisplacementBased Seismic Design of Structures
IUSSPress,Pavia,670pp.