Sei sulla pagina 1di 15

Sistemi Elettronici Automatici

Trasmissione seriale
Trasmissione seriale
La trasmissione seriale una modalit di comunicazione tra dispositivi digitali nella quale i bit dei codici binari che rappresentano le informazioni, viaggiano uno di seguito all'altro, e giungono sequenzialmente al ricevente nello stesso ordine in cui le ha trasmesse il mittente !al punto di vista architetturale e di gestione la trasmissione seriale pi" complessa rispetto alla trasmissione parallela, tuttavia molto diffusa in ambito informatico perch#$ richiede un minor numero di fili con conseguente riduzione dei costi pi" tollerante rispetto alle interferenze e agli errori di trasmissione

La velocit standard per una dispositivo seriale asincrono dipende dal tipo di linee dati e si misura in bit per secondo %bps& o, in alternativa, in simboli per secondo %baud& 'el caso di trasmissione binaria le due cose ovviamente coincidono numericamente( mentre nel caso di trasmissioni a pi" livelli possibile trasmettere con una sola transizione pi" bit$ se per esempio posso trasmettere otto diversi valori di tensione tra ) ed * volt, con un solo valore di tensione invio tre bit %) + , ))), - + , ))-, . + , )-)/& ed in questo caso una trasmissione a -))) baud equivale ad una a 0))) bps 'el caso dello standard E1A 2S3.0. i livelli utilizzati sono due quindi il baud rate coincide numericamente con il bps Le trasmissioni seriali utilizzano due differenti modalit, la 4ull duple5 che consente la trasmissione e la ricezione in simultanea, e la 6alf duple5 che consente invece una trasmissione per volta, in una sola direzione

7odalit sincrona
La prima alternativa alla trasmissione parallela la modalit sincrona Si trasmettere, su di un singolo filo, tutti i bit in sequenza sincronizzandoli con un segnale di cloc8, trasmesso con un altro filo 9uesta modalit, richiede tre fili %segnale, cloc8 e massa& e permette alte velocit, tuttavia l'uso di un filo di sincronizzazione non la rende adatta all'uso in impianti gi esistenti, come la rete telefonica

:rincipio di 4unzionamento 1n caso di trasmissioni seriali sincrone attraverso un sistema !TE3!;E %Terminale !TE e 7odem !;E&, indipendentemente dal protocollo usato, la trasmissione deve essere preceduta da almeno tre caratteri S<; %S=nc o S<';62>'>?S 1!LE& -@h o )))- )))), che servono al 7odem e al !TE ricevente per :roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo -

Sistemi Elettronici Automatici sincronizzarsi !i questi tre caratteri, almeno il primo viene generalmente perso, mentre i restanti due dovrebbero arrivare a destinazione, permettendo cosC il controllo della bont della linea e di tutto il sistema ;omunque il primo carattere ricevuto dal !TE remoto deve sempre essere un carattere S<; Se, per qualsiasi motivo, il !TE in trasmissione non ha temporaneamente dati significativi da inviare, per non fare cadere la connessione sincrona e invalidare i dati precedentemente trasmessi, deve autonomamente trasmettere il carattere di riempimento !LE %!ATA L1'D ES;A:E& -)h o )))) -)-)

7odalit asincrona
'ella modalit asincrona il trasmettitore e il ricevitore si sincronizzano usando i dati stessi 1l trasmettitore invia inizialmente un bit di partenza, poi il dato vero e proprio, poi un bit opzionale di parit, e infine un bit di stop Attualmente il controllo di parit non pi" affidabile, quindi non pi" usato 1nfatti con le aumentate velocit di trasmissione un possibile disturbo elettromagnetico puE avere durata superiore al tempo di trasmissione di un bit, per cui si puE avere la perdita di pi" di - bit 1n questo caso il sistema di controllo di parit potrebbe dare falsi riscontri di parit soddisfatta, si ricorre a ;2;

7odalit 1socrona
9uando si dispone di un canale sincrono ad elevata velocit ed necessario stabilire una connessione di tipo Asincrono, si ricorre ad una modalit di trasmissione detta isocrona La cosa tecnicamente possibile solo se la velocit di trasmissione Asincrona si riduce ad un quarto della velocit a cui opera la trasmissione Sincrona( in pratica si puE trasmettere -.)) bFsec su una connessione Sincrona predisposta a G@)) bFsec

Standard E1A 2S.0.


Lo standard E1A 2S3.0., equivalente allo standard europeo ;;1TT +.-F+.H, definisce protocolli meccanici, elettrici ed informatici per lo scambio a bassa velocit L'ultima revisione del -GG* ed indicata come E1A 2S3.0.f, mentre la versione pi" diffusa la 2S.0.c, del -G@G, che corrisponde alle specifiche europee ;;1TT + .H La porta seriale E1A 2S3.0. ancora presente in quasi tutti i :; des8top, tuttavia stata soppiantata dalla ?SA in quasi tutti gli utilizzi, tranne che$

:roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo

Sistemi Elettronici Automatici nei dispositivi di rete, per scopi di configurazione e monitoraggio per la comunicazione a bassa velocit tra microcontrollori, dispositivi industriali ed altri circuiti relativamente semplici che non necessitano di particolare velocit

;aratteristiche elettriche
1 segnali che vengono supportati dal dispositivo sono di tre tipi$

7A2D$ ;ompresi tra 30 e 3-I +( S:A;E$ ;ompresi tra J0 e J-I +( 1';E2TEKKA$ ;ompresi tra 30 e J0 +(

1l protocollo indica che si possono utilizzare tensioni che vanno da LI + a L-I +, ma la tensione classica di L-. volt :er incrementare l'immunit ai disturbi elettrici l'interfaccia elettrica ha una soglia di commutazione di L0 + ovvero per passare da uno stato ad un altro non sufficiente arrivare allo zero, ma dovr essere superata la soglia dei 0+ di segno opposto 9uando si trasmette, la tensione di riconoscimento di J-. volt per l'invio dei bit ) %7ar8& e di 3-. volt per la trasmissione del bit - o di spazio %Space& e Stop 'ellMimmagine a lato

visualizzato un segnale E1A 2S3 .0. a G@)) bps del tipo Nn. che rappresenta il valore binario ))--)))) LMampiezza del segnale

caratterizzata da un valore alto %) logico o mar8& pari a circa 3I + ed un valore basso %- logico o space& pari a JI + Tutte le transizioni appaiono in corrispondenza di multipli di -)HOs %pari ad -FG@)) cio ciascun bit dura esattamente l'inverso del baud rate& La linea si trova inizialmente nello stato di riposo, bassa o -, nessun dato in transito( in questa condizione misuriamo P-.+ La prima transizione da basso a alto o -, indica lMinizio della trasmissione %bit di start&, si passa da P-.+ a J-.+ Segue il bit meno significativo %LSA&, dopo un tempo pari allMinverso della velocit di trasmissione %nel caso di G@)) bitFsec sar di -)H Qs& il secondo bit, e cosC via, per otto volte, fino al bit pi"

:roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo

Sistemi Elettronici Automatici significativo %7SA& Segue infine un periodo di riposo della linea di almeno .)NQs, cio due bit di stop e quindi %eventualmente& inizia un nuovo pacchetto di bit Lo standard originale prevede una velocit da *Ibaud a -G.))baud, mentre uno standard successivo %2S3 I@.& ha portato il limite a @HDbps lasciando gli altri parametri elettrici praticamente invariati e rendendo quindi i due standard compatibili a bassa velocit >vviamente sia trasmettitore che ricevitore devono accordarsi sul modo di trasmettere i dati prima di iniziare la trasmissione R importante garantire il rigoroso rispetto della durata dei singoli bit, infatti non presente alcun segnale di cloc8 comune a trasmettitore e ricevitore e l'unico elemento di sincronizzazione dato dal fronte di discesa del bit di start 1l campionamento in ricezione effettuato di norma al centro di ciascun bit$ l'errore massimo ammesso quindi, teoricamente, pari alla durata di mezzo bit %circa il IS della frequenza di cloc8, infatti occorre sincronizzare -) bit&

1l formato
1l formato del pacchetto trasmesso indicato da una sigla del tipo Nn., Nn- o *e.$

la prima cifra indica quanti bit di dati sono trasmessi %rispettivamente N, N e *&( la lettera indica il tipo di parit %n , nessuna ed e , even3parit=, cio parita pari&( la seconda cifra indica il numero di bit di stop %rispettivamente ., - e .&
Tenendo conto che esiste sempre un solo bit di start, un singolo blocco costituito rispettivamente da -%-JNJ)J.&, -) %-JNJ)J-& e -- %-J*J-J.& bit

:rincipi di funzionamento dell'interfaccia nelle reti


L'interfaccia standard E1A 2S.0. stata concepita unicamente per interfacciare un !ata Terminal Equipment !TE %computer, terminale& ad un !ata ;ommunication Equipment !;E %7>!E7& Tuttavia, nel caso di protocolli Asincroni, lMinterfaccia 2S.0. stata usata per connessioni '?LL 7>!E7, cio dirette fra !TE L'interfaccia E1A 2S3.0. utilizza una notevole quantit di linee ausiliarie per i segnali di controllo

:roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo

Sistemi Elettronici Automatici !A.I N !AG E1A ;4 ;;1TT ;-)G 4unzione !;! %data carrier detector& il rivelatore di portante nel canale dati e viene attivato da !;E per avvertire !TE dellMarrivo di dati in ricezione 0 . . 0 AA AA ;-)H ;-)0 2! %received data& porta al !TE i dati provenienti dalla linea e demodulati dal !;E T! %transmitted data& porta i dati in trasmissione dal !TE al !;E !T2 %data terminal read=& .) H ;! ;-)N . il !TE pronto a trasmettere e quindi autorizza il !;E a connettersi alla linea SB %signal ground& * I AA ;-). potenziale comune di riferimento a tutti i circuiti dellMinterfacciamento !S2 %data set read=& @ @ ;; ;-)* viene attivato da !;E per indicare al proprio !TE che lMaltro !TE pronto per il collegamento H I * N ;A ;A ;-)I ;-)@ 2TS %request to send& viene attivato dal !TE per predisporre il !;E alla trasmissione ;TS %clear to send& viene attivato da !;E in risposta allMattivazione di 2TS 21 %ring indicator& .. G 3 ;E AA ;-.I B'! viene attivato da !;E per indicare che stata ricevuta una chiamata B'! massa protettiva

;onsideriamo un sistema formato da un !TE-, !;E-, linea telefonica, !;E., !TE., esaminiamone il comportamento

AllMistante t) tutto il sistema spento AllMistante t- vengono accese le apparecchiature, e !;E- e !;E. comunicano ai rispettivi !TE che lMaltro !TE pronto portando il segnale !S2 %data set read=& ad un valore tra JI e J-I + %) logico&( gli altri segnali sono a 3-. + %- logico&

AllMistante t. viene caricato sul !TE il programma di gestione della linea seriale dei !TE, e, se necessario, il segnale !T2 %data terminal read=& diventa attivo a J-.+ %) logico& AllMistante t0 !TE- ha la necessit di trasmettere dati al !TE., quindi !TE- rende attivo %) logico& il segnale 2TS %request to send&, allora !;E - si attiva iniziando ad emettere una portante di trasmissione sulla linea telefonica relativa !opo un tempo di TstabilizazioneT dipendente tipicamente dalla velocit di trasmissione del 7>!E7 %il !;E& invier a !TE- il segnale attivo di ;TS %clear to send, cio pronto a trasmettere& 'el

:roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo

Sistemi Elettronici Automatici frattempo !;E. avr ricevuto la portante trasmessa da !;E- e avr reso attivo il proprio segnale !;! %data carrier detect, rilevamento di portante& segnalando al proprio !TE . che !TE- sta per inviare dati >vviamente anche !TE. dovr aver predisposto la propria linea seriale ed inviato a !;E. il proprio !T2 altrimenti i dati inviati da !TE- andranno persi

AllMistante tH, dopo che !TE- avr ricevuto il segnale ;TS attivo dal proprio !;E, finalmente !TE potr inviare i primi bit

:rincipi di funzionamento dell'interfaccia lenta


:er acquisire dati via seriale con un :;, dobbiamo tener conto che in genere i segnali digitali variano tra ) e I + e non sono quindi compatibili con i livelli di tensione dello standard E1A 2S3.0. Si ricorre ad appositi traslatori di livello che hanno il compito di fornire sia in trasmissione che in ricezione gli opportuni livelli pur non modificando la forma del segnale trasmesso

1 traslatori di livello 7;-HNG ed 7;-HNN


'ella porta seriale gli stati logici ) e - corrispondono a P0 e 0+ :er realizzare la connessione con un microprocessore in cui gli stati logici sono ) e I+, occorre utilizzare i traslatori di livello Si tratta di due 1; che traslano il livello degli stati logici, in particolare 7;-HNN ed 7;-HNG compatibili deve allo 1l primo rende i livelli logici 2S.0. )FI+ e necessita di standard tensioni

alimentazione duale per poter generare 30+ 1l secondo produrre non necessita dellMalimentazione duale 1n fig . si riporta lo schema del collegamento tra i due traslatori e la porta seriale

Bestione softUare della porta seriale


LMinsieme dei servizi resi dal :; costituisce il A1>S$ la stampa dello schermo, i servizi per il video, per la tastiera, per la porta parallela, etc/ :er attivare questi servizi si ricorre agli interrupt softUare, cio a routine predefinite che si trovano nella 2>7 9uesti sottoprogrammi possono essere richiamati dallMinterno di altri programmi sia a basso che ad alto livello interrompendone il flusso LMinterrupt 1'T -H attiva i servizi della porta seriale a seconda del contenuto di alcuni registri$ A6, AL e !V 1n particolare$
1

1l protocollo di trasmissione si prender cura di verificare che il destinatario dei dati sia in grado di riceverli @

:roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo

Sistemi Elettronici Automatici 1l registro !V serve a selezionare una delle due porte presenti, la ;>7- %!V,))h& o la ;>7. %!V,)-h& AH 00h 01h 02h 03h

inizializza trasmissione dati ricezione dati stato della porta seriale

;on A6,))h si inizializza la porta seriale e si possono definire alcuni parametri attraverso il registro AL$

1. +elocit di trasmissione %baud rate& numero di caratteri che si possono trasferire eFo ricevere in secondo %bit *, @ e I del registro AL&$ ))) W -)) bitFsec --) W HN)) ))- W -I) --- W G@)) )-) W 0)) )-- W @)) -)) W -.)) -)- W .H))

2. ;ontrollo parit il numero di bit a livello logico - La parit puE essere pari o dispari, a seconda che il bit
di parit sia alto quando il numero di bit pari a - pari o dispari %bit H e 0 del registro AL&$ )) W nessuna parit -) W nessuna parit ) la lunghezza di * bit, altrimenti di N& )- W dispari -- W pari

3. Lunghezza della parola numero di bit del carattere da trasmettere eFo ricevere %bit . del registro AL$ bit a 4. Ait di stop il numero di bit a livello logico - posti a fine carattere per indicarne la fine %bit - e ) del registro
AL&$ )) W nessun significato )- W - bit di stop -) W nessun significato -- W . bit di stop

4acciamo un esempio :artiamo dalla inizializzazione ponendo A6,))h 'el registro AL inviamo ))))-)-%);h&$ i primi 0 bit ))) indicano una baud rate pari a -)) caratteri al secondo, i bit H e 0 sono a )- ed indicano una parit dispari, il bit . a ) indica una lunghezza del dato a * bit, e gli ultimi due bit a -- indicano . bit di stop Se A6,)-h, viene trasmesso un carattere sulla porta specificata in !V, tale carattere va posto nel registro AL 1l servizio ritorna A6,))h se il dato stato trasmesso con successo, in caso contrario si puE controllare l'errore facendo riferimento allo stato della porta che, come vedremo, controllato da A6,)0h Se A6,).h, viene ricevuto un carattere sulla porta specificata in !V, tale carattere viene posto nel registro AL 1l servizio ritorna A6,))h se il dato stato ricevuto con successo, in caso contrario si puE controllare l'errore facendo riferimento allo stato della porta che, come vedremo, controllato da A6,)0h Se A6,)0h viene restituito lo stato della porta seriale, in particolare nel registro A6 ritorna il line status register e in AL il modem status register$

:roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo

Sistemi Elettronici Automatici A6 !* !@ Stato dei registri T> %Time >ut&$ errore di time out TE7T %Transmitter empt=&$ i registri di trasmissione T62 e TS2 sono entrambi vuoti !I T62E %Transmitter 6olding 2egister !I !S2 %!ata Set 2ead=& Empt=&$ registro di memorizzazione del trasmettitore vuoto !H !0 A1 %Area8 1ndicator&$ indicatore di brea8 4E %4raming Error&$ errore nella struttura !H !0 ;TS %;lear To Send& !!;! dati !. !!) :E %:arit= Error&$ errore di parit >E %>verrun Error&$ errore di !. !!) TE21 %Trailing Edge 2ing 1ndicator&$ segnalatore dellMindicatore di chiamata !!S2 %!elta !ata Set 2ead=&$ indicatore del set dati pronto !;TS %!elta ;lear To Send&$ indicatore del pronto a trasmettere sovrapposizione !2 %!ata 2ead=&$ dato pronto %!elta !ata ;arrier !etect&$ indicatore del rivelatore della portante AL !* !@ Stato del modem !;! %!ata ;arrier !etector& 21 %2ing 1ndicator&

1l traslatore di livello 7AV.0.


L'uso degli integrati 7;-HNN e 7;-HNG semplice, ma non sempre attuabile a causa della necessit di disporre di tre alimentazioni$ si pensi per esempio alle apparecchiature alimentate a batteria Si ricorre a 7AV.0., un circuito integrato che permette il collegamento tra logica TTL o ;7>S a I + e le tensioni E1A 2S3.0., partendo solo da una alimentazione a I + La sezione ricevente del 7AV.0. %pin -0 e N& costituita da due porte invertenti che accettano in ingresso una tensione di L-. + %o altra compatibile E1A 2S3.0.& ed in uscita hanno un segnale TTL compatibile %pin -. e G& La sezione trasmittente %pin -- e -)& ha due driver invertenti con in ingresso TTL compatibile e capaci di erogare a vuoto una tensione di poco meno di L-) +, compatibile con lo standard E1A 2S3.0. %pin -H e *&

:roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo

Sistemi Elettronici Automatici

1nterfaccia 2S.0. con :1;-@4NHA


Lo standard 2S.0. definisce una serie di specifiche per la trasmissione seriale di dati tra due dispositivi denominati !TE, che generano o ricevono dati, e !;E che gestiscono la comunicazione dati ?n computer %!TE& collegato al suo modem %!;E& ed un altro modem %!;E& collegato al suo computer %!TE& 1n questo modo qualsiasi dato generato dal primo computer e trasmesso tramite 2S.0. al relativo modem verr trasmesso da questo al modem remoto che a sua volta provveder ad inviarlo al suo computer tramite 2S.0. Lo stesso vale per il percorso a ritroso

:er usare la 2S.0. per collegare tra loro due computer vicini senza interporre tra loro alcun modem dobbiamo simulare in qualche modo le connessioni intermedie realizzando un cavo '?LL 7>!E7 o cavo invertente, ovvero un cavo in grado di far scambiare direttamente tra loro i segnali dai due !TE come se tra loro ci fossero effettivamente i !;E

:roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo

Sistemi Elettronici Automatici :er connettere il :; al nostro circuito simuleremo invece direttamente un !;E con un :1;-@4NHA, ed andremo a comandare un L;! a . righe con la tastiera del :; ?na volta montato il nostro circuito d'esempio e programmato correttamente il :1;-@4NH possiamo collegare al nostro :; il circuito e fornire alimentazione Sul displa= apparir il cursore lampeggiante in alto a sinistra :er inviare dati allML;!, si esegue terminale %XindoUs& un programma qualsiasi di emulazione 6=perTerminal ;onfiguriamo

con G@)) baud, N data bit, - stop bit, no parit=, e nessun controllo di flusso dei dati !escriviamo il processo di trasmissione e ricezione dati, senza soffermarci sulla gestione dellML;! 1 dati seriali vengono

trasmessi dal :; sul pin ) della :>2TA, che viene configurato quindi come input, mentre il pin - di :>2TA La sequenza di bit del dato seriale trasmesso dal :;, viene memorizzata in un registro e in un secondo tempo inviata in parallelo allML;! attraverso la :>2TA :er trasmettere un carattere sulla linea TV facciamo riferimento ad una subroutine che chiamiamo TV;har, il dato da trasmettere viene messo in X2EB e viene quindi chiamata TV;har !al registro X2EB il dato viene trasferito nel registro Shift2eg TV;har movUf Shif2eg quindi mette a N il registro Ait;ount usato per il conteggio del numero di bit da trasmettere movlU N movUf Ait;ount

:roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo

-)

Sistemi Elettronici Automatici La cosa da fare a questo punto trasmettere il bit di start su 2A) bcf :>2TA,TV

!obbiamo leggere bit a bit il dato in Shift2egister attraverso un loop, se il bit ) allora 2A) , ), altrimenti 2A) , TVloop btfss goto bsf goto T5Lo bcf goto :>2TA,TV cT5 Shift2eg,) T5Lo :>2TA,TV cT5 ( aggiornamento di Shift2egister ( se bit , ) va a T5Lo, altrimenti 2A) , -

Trasmesso il primo bit, occorre shiftare il registro Shift2egister con una rotazione di un bit a destra per portare il secondo bit nella prima posizione >ccorre a questo punto decrementare Ait;ount e verificare che non sia a ), se Ait;ount , ) allora la trasmissione finita ed corre inviare un bit di stop cT5 rrf goto bsf Shift2eg,T5Loop :>2TA,TV ( bit di stop decfsz Ait;ount,-

:er ricevere caratteri l'operazione leggermente pi" complessa, occorre infatti eseguire un loop infinito finch# non si rileva uno stato logico ) sulla linea 2V che corrisponde ad un bit di start proveniente dal :; 7ainLoop btfsc goto call :>2TA,2V 7ainLoop 25;har

La subroutine 25;har legge ogni singolo bit ricevuto e li compatta in un unico b=te, restituendo il valore del b=te cosC ricevuto nel registro Shift2eg La prima azione di 25;har di azzerare il registro Shift2eg in cui verranno memorizzati i bit man mano che vengono ricevuti 25;har clrf Shift2eg

quindi mette a N il registro Ait;ount usato per il conteggio del numero di bit in arrivo

:roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo

--

Sistemi Elettronici Automatici movlU movUf N Ait;ount

La subroutine legge lo stato della linea 2V ed inserisce il valore letto nel flag di ;A22< %;& del registro STAT?S e quindi effettua una istruzione di 2>TATE 21B6T 4 T2>?B6T ;A22< %224& con il registro Shift2eg in modo da spostare verso destra tutti i bit del registro Shift2eg ed inserire nel bit pi" significativo il valore appena letto dalla linea 2V come riportato nella seguente figura$

questa lettura avviene per otto volte ad intervalli di tempo pari alla durata di un bit in modo da campionare il valore della linea 2V sempre al centro del bit in ricezione U!A btfss goto 25Ait6 bsf goto 25AitL bcf goto 25Shift nop rrf Shift2eg,4 STAT?S,; 25Shift STAT?S,; 25Shift :>2TA,2V 25AitL

continua a campionare se non ha ancora letto tutti ed otto i bit, ed esce da 25;har dopo aver letto l'ultimo bit A questo punto nel registri Shift2eg dovrebbe esserci il b=te trasmesso dal :; decfsz goto return ?na volta letto il b=te proveniente dal :; il nostro programma d'esempio controlla se il b=te ricevuto un carattere di controllo oppure un normale carattere da visualizzare su L;! Ait;ount,4 U!A

:roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo

-.

Sistemi Elettronici Automatici

E1A 2SH..
A differenza dello standard E1A 2S.0. lo standard E1A 2S H.. %o ;;1TT +--& stato progettato per connettere direttamente due apparecchiature %siano esse !TE o !;E& con alta immunit ai disturbi anche a distanze considerevoli %tipicamente fino a -II) m& e a velocit considerevoli %anche oltre ai .) Dbps& R uno standard molto diffuso, soprattutto in ambito industriale La trasmissione usa due conduttori per i dati ed differenziale bilanciata, cio la variazione di stato del dato determinato dalla differenza delle tensioni sui due fili in modo bilanciato %da ) a JI + e a 3I + sui due conduttori rispettivamente& e dal momento che entrambi i fili arrotolati fra di loro con un passo ben preciso devono seguire lo stesso percorso, un rumore elettrico o disturbo, riperquotendosi su entrambi i conduttori, non altera la tensione relativa fra loro ottenendo cosC una alta immunit ai disturbi Lo standard E1A 2SH.. usato su distanze notevoli %ma5 -II) m& comporta il rischio di distruggere gli integrati di trasmissione eFo di ricezione 1nfatti, secondo la normativa E1A la tensione differenziale fra le due apparecchiature non deve superare il valore di 0+ pena la rottura dell'integrato :err ovviare a questi inconvenienti indispensabile adottare circuiti di protezione

?A2T
Bli ?A2T %?niversal As=nchronous 2eceiver Y Trasmitter& sono dei circuiti integrati che permettono di trasformare il segnale parallelo proveniente dal processore in segnale seriale 1n genere vengono gestite dall'hardUare tutte le funzioni a basso livello necessarie %inserimento dei bit di start e di stop, generazione o riconoscimento del bit di parit, generazione di interrupt& e spesso presente un buffer 414> che permette di ricevere ed inviare dati anche quando la ;:? impegnata

4ireXire
La connessione tipo 4ireXire %1EEE -0GH& viene comunemente usata per collegare dispositivi di archiviazione o dispositivi di acquisizione video

:roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo

-0

Sistemi Elettronici Automatici

?niversal Serial Aus


L'?niversal Serial Aus %?SA& uno standard di comunicazione seriale che consente di collegare diverse periferiche ad un computer 'ella figura a lato riportato il simbolo di questo standard 1l sistema ?SA asimmetrico, consiste in un singolo gestore e molte periferiche collegate da una struttura ad albero attraverso dei dispositivi chiamati hub %concentratori& La lunghezza massima che puE avere il cavo senza che il segnale diventi troppo debole pari a Im, oltre questo limite necessario ricorrere ad uno o pi" hub attivi
.

Lo standard prevede che il connettore porti anche un cavo %chiamato +A?S& per alimentare le periferiche a basso consumo Le periferiche che hanno richieste energetiche elevate vanno alimentate a parte 1l disegno dell'?SA stato pensato per consentire un semplice inserimento e rimozione Le porte ?SA sono dotate del supporto del :lug and :la= e supportano i dispositivi hot sUap, quindi se il sistema operativo lo consente supportano la rimozione a caldo e il reinserimento delle periferiche senza dover riavviare il computer %questo per i dispositivi a basso consumo$ verificare sul manuale della periferica che si desidera collegare se consentito l'hot sUap& Lo standard - ) dell'?SA supporta collegamenti a solo -,I 7bitFs, velocit adeguata per mouse, tastiere e dispositivi lenti La versione - - aggiunge la modalit full speed che innalza la velocit a -. 7bitFs Lo standard ?SA nella versione . ) raggiunge una velocit massima di trasmissione di @) 7b=te per secondo %HN) 7bitsFs& e viene usato negli hard dis8 esterni dove si preferisce privilegiare la praticit di poter collegare e scollegare a caldo il componente rispetto alla velocit di una connessione tipo ATA La versione 0 ) raggiunge la velocit di H,N BbitFs Le port ?SA possono essere di tipo A o A, e a seconda delle dimensioni possono essere micro ?SA di tipo A o A, e mini ?SA di tipo A e A

:inout
:inZout dei connettori standard A e A %in parentesi il colore del filo&$ . 0 H
2

+A?S %rosso& !3 %bianco& !J %verde& B'! %nero&

Bli hub attivi ricostruiscono e risincronizano i segnali

:roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo

-H

Sistemi Elettronici Automatici :inZout dei connettori mini ?SA$ . 0 H I +A?S %rosso&$ JI+ !3 %bianco&$ !ata3 !J %verde&$ !ataJ 1! %non connesso&$ interconnessione 7iniF7icro A e A connesso a B'!, tipo A non connesso& B'! %nero&$ B'! A %Tipo

1l livello di tensione per il +A?S di circa JI+ con una corrente massima di I))mA ;on i segnali !J e !3 si intendono le due linee di comunicazione dati pseudoZdifferenziali :er tutti i connettori la protezione metallica esterna connessa a terra

?SA 0 )
La ?SA 0 ) consentir di far viaggiare i dati a H,N Bbs %circa @)) 7As contro gli attuali @) 7As dell'?SA . )& La versione 0 ) mantiene la retrocompatibilit con ?SA . ) e - )

:roff 2usso 4rancesco e Aaccinetti Biampaolo

-I