Sei sulla pagina 1di 4

LALLENAMENTO FUNZIONALE Definizione e considerazioni generali

Prof. MATTEO ROMANAZZI L Allenamento Funzionale o Functional Training pu essere definito come allenamento finalizzato a migliorare il movimento delluomo. Un esercizio si definisce funzionale quando imita o riproduce in parte o nella sua interezza i gesti utili alla quotidianit oppure un gesto atletico. In medicina funzionale tutto ci che serve alla funzione sia di un organo sia di un sistema come quello locomotore, per questo consideriamo il movimento stesso obiettivo dellallenamento funzionale. Questa pu essere considerata una definizione alquanto intuitiva di ci che rappresenta questa metodologia di allenamento (non parliamo solamente di metodo). Alcuni autori considerano lallenamento funzionale come unattivit che coinvolge capacit come la propiocezione, lequilibrio oltre che la stabilit e la mobilit articolare (Boyle, 2003; Gambetta, 1999) (Foto 1). Sono gli aspetti meccanici, coordinativi ed energetici presi in considerazione quando si identifica un esercizio dal punto di vista funzionale. Purtroppo, nel mondo del Fitness assistiamo costantemente a fenomeni di generalizzazione, oltre che di una cattiva interpretazione e, peggio ancora, cattiva applicazione di concetti fondamentali riguardanti le metodiche di allenamento. Lallenamento funzionale viene spesso confuso con esibizioni di forza ed equilibrismo degna del miglior spettacolo del Circ du Soleil. Possiamo individuare alcuni punti in comune nelle caratteristiche biomeccaniche dei movimenti che alleniamo e di cui dobbiamo tener presente quando si selezionano gli esercizi da proporre sia che ci troviamo di fronte uno sportivo agonista sia un amatore o cultore del fitness: capacit nellutilizzare le forze di reazione (al suolo, in acqua, in aria); attraverso i segmenti corporei, Foto 1 - Lo squat su una gamba: un esercizio trasmissione delle forze; rappresentativo di allenamento funzionale esecuzione dei movimenti piani multipli di solito senza vincoli esterni (illimitati gradi di libert) e di conseguenza le masse corporee o eventuali attrezzi necessitano di un preciso controllo;

sforzi brevi anche se ripetitivi (sono di solito caratteristici della maggior parte dei movimenti quotidiani e sportivi). Questo si verifica sotto la supervisione del sistema neuromuscolare, nel coordinare e modulare gli interventi muscolari, grazie alle sue caratteristiche uniche nel controllo motorio. Anche se a livelli diversi, queste caratteristiche sono comuni sia allatleta agonista che allappassionato di Fitness. Entrambi necessitano di un elevato grado di controllo motorio, ma mentre allatleta ci gli permette di migliorare una prestazione, allappassionato serve per il miglioramento della salute e come prevenzione. Spesso i traumi sono dovuti ad uno scarso grado di controllo motorio ed per questo che lallenamento funzionale si pu anche definire pre-abilitazione. Studiando lanatomia dellapparato muscolo-scheletrico, siamo in grado di individuare le caratteristiche di funzionamento dei singoli muscoli e articolazioni. In particolare, possiamo notare che la maggior parte dei muscoli del corpo umano sono multiarticolari e perci in grado di sommare e trasferire le forze da un segmento allaltro. Inoltre, i muscoli presenti in segmenti corporei adiacenti hanno spesso caratteristiche complementari. Ad esempio, il muscolo quadricipite sappiamo avere fibre pennate (inclinate rispetto alla direzione del tendine), con una buona ipertrofia ed un tendine corto, tutte caratteristiche utili alla produzione di forza. Se guardiamo, invece, la struttura del tricipite della sura (gastrocnemio e soleo), noteremo che il ventre muscolare quasi sempre ridotto a vantaggio di un tendine pi lungo. Queste caratteristiche permettono, innanzitutto, di ridurre la massa della gamba con chiari vantaggi nellefficienza di locomozione e il riuso dellenergia elastica che permette rapide accelerazioni, decelerazioni e velocit nei movimenti (Winters e Woo, 1990). Tutto ci ha ragion dessere quando il sistema funziona in un tuttuno detto catena cinetica. Lo scopo della catena cinetica quello di trasferire le forze da un segmento allaltro (es. coscia-gamba-piede) e questo pu avvenire solo se gli snodi che li collegano (articolazioni) sono stabili nelle direzioni necessarie allo svolgimento del movimento. Per questo diventa importante il lavoro dei muscoli stabilizzatori, il cui compito quello di ridurre i gradi di libert di quelle articolazioni che ne possiedono pi di uno (Foto 2). A fronte di queste considerazioni, lallenamento funzionale pone grande attenzione agli esercizi multiarticolari, rispettandone le caratteristiche coordinative e di dinamicit.

Si arriva cos a stimolare lo sviluppo anche di tutte quelle qualit fisiche chiamate capacit motorie (agilit, equilibrio, coordinazione, rapidit): le grandi assenti dei metodi di allenamento tradizionali. Dobbiamo considerare a questo punto un fattore imprescindibile per considerare un esercizio funzionale e cio la specificit dellesercizio stesso rispetto al gesto di riferimento. Foto 2: La stabilit delle articolazioni migliora lefficienza motoria, uno degli A supporto delle teorie enunciate, obiettivi dellAllenamento Funzionale verranno presentati in seguito i risultati delle ricerche che il Gruppo di Ricerca della NABBA da anni conduce in questo ambito. Crediamo che sia la strada giusta da percorrere in un momento in cui le tendenze per una volta sembrano scaturire da principi pi credibili e consistenti.