Sei sulla pagina 1di 5

Come sopravvivere ad una Jam Session (senza troppe pretese)

Diamo per scontato che sappiate suonare il Blues in tutte le tonalit, e poi minore, con i "bop changes", (Blues for Alice, Barbados ecc), qualche tema di blues in 3/4 come All Blues (Davis), Footprints (Shorter) e sappiate dellesistenza di blues con bridge (tanto ce ne sono pochi, magari cercate Locomotion di Coltrane, Unit seven di Sam Jones). Diamo anche per scontato che siate pratici del chorus del Rhythm changes (che in Italia si chiama anche Anatole) in Bb, (per anche in F e Ab) e con le principali varianti del bridge (sostanzialmente quelle cromatiche discendenti e quella che deriva da Eternal Triangle di Sonny Stitt), per quanto riguarda i temi bisognerebbe conoscere quelli a costruiti su riffs, come "Lester Leaps In" di Lester Young, o "The Theme" di Davis, assieme a Oleo di Rollins, Antrophology di Parker/Gillespie, Rhythm-A-Ning di Monk. Standards: non tutto quello che stato composto da Gerswin o Cole Porter necessariamente entrato nel repertorio dei Jazzisti, lo Standard tipico caratterizzato da una forma semplice e breve, organizzata su cicli di battute pari (4, 8, 16) suddivise normalmente in brevi periodi che vengono convenzionalmente chiamati: Strofa (parte introduttiva, affine al recitatativo che denuncia lorigine teatrale della maggior parte degli standards e quasi sempre non utilizzata nella prassi jazzistica), una esposizione del materiale principale, spesso ritornellata (A) chiamata Refrain, un Bridge (B), nel quale viene esposto del materiale secondario, quasi sempre modulante o in una tonalit relativa, ed una parte conclusiva che di solito si rif alla lettera A, spesso anche ripetuta testualmente. Sulla base di questa formula semplicissima le varianti sono decine, si va dalla presenza di code ad elaborazioni dei periodi che compongono la struttura, quindi AABC, ABAC eccetera. Eccone alcuni suonati spessissimo negli ultimi 50 anni: All The Things You Are (Kern) 32+ 4 AABA+coda, le due prime A utilizzano lo stesso materiale melodico, ma modulando di una quarta. Autums Leaves (Kosma, era francese, un raro caso di standard che non arriva da Broadway) 32 AABC suonato sia ballad che med-fast, in un paio di tonalit. Body & Soul (Green) 32 misure AABA per divertirvi cercate la versione di Coltrane. But Not For Me (Gershwin) 32 misure ABAC uno dei rari brani dei quali potrebbe capitare vi chiedano la strofa, che di solito non viene suonata, almeno nella comune prassi Jazzistica, la trovate nelle versioni di Chet Baker. Bye Bye Blackbird (Henderson) 32 misure AABA mettetevi daccordo per gli accordi delle prime battute, c chi suona dei II V e chi invece resta sullo stesso accordo. Cherokee (Noble) 32 misure AABA, su questi venerandi accordi Parker scriver Koko. Days Of Wine And Roses (Mancini) ABAC un esempio di standard nato dopo la grande stagione degli anni 30, occhio che ne esistono diverse armonizzazioni. Have You Met Miss Jones (Rodgers) 32 misure AABA. How High The Moon (Lewis) 32 misure ABAC, Parker ne far Ornithology. Indiana (Hanley) 32 misure ABAC, si intitola in realt Come back in Indiana, Parker, o pi probabilmente Davis, scriver Donna Lee su questa griglia di accordi. I Love You (Porter) 32 misure AABA, le seconde 4 battute di ogni sezione A sono differenti. Ill Remember April (Raye De Paul) chorus anomalo, abitualmente suonato con una sezione latin e una swing. Invitation (Kaper) chorus anomalo e insolitamente lungo: A (divisa in 2 sezioni per un totale di 16 misure ) B (di 16) A (di 16 con le ultime

8 differenti dalla prima volta). Just Friends (Klenner) 32 misure ABAC, suonata in Eb e C. Lover Man (Sherman, Ramirez) 32 misure AABA, si suona in F ma non improbabile vi capiti in Db, tonalit nella quale sono le celebri versioni di Parker. Softly, As In A Morning Sunrise (Romberg) AABA, le versioni pi note sono quelle di Coltrane e quella di Rollins, potete scegliere da che lato della storia del Jazz volete stare. My Funny Valentine (Rodgers) possibili varianti di accordi nelle prime battute, le 32 battute che lo costituiscono sono suddivise 3 sezioni sostanzialmente A(8) B(8)A(8) suddivise al loro interno in frazioni di 4 battute. On Green Dolphin Street (Kaper) ABAC si suona in C o in Eb, tradizionalmente la parte A del tema suonata su un ritmo latin, mentre il Bridge si suona swing. Out Of Nowhere (Green) ABAC su questi accordi Ornette Coleman scriver Janey. Someday My Prince Will Come (Churchill) ABAC esistono 3/4 pi divertenti, ma questo lo sanno tutti. Summertime (Gershwin) 16 battute, ABAC di 4 battute ognuna, vi capiter in 100 modi, in 3/4, in qualsiasi tonalit, e mascherato, come per esempio in Four On Six di Wes Montgomery. Stella By Starlight (V.Joung) altro brano dalla forma insolita, 32 misure ABCA. Star Eyes AABA+coda di 4 battute, suonato di solito con unintroduzione su vamp della ritmica, che fa anche da coda. Sweet Georgia Brown (Casey, Pinkard) ABAC se vi propongono Dig di Davis o Bright Mississippi di Monk, non vi preoccupate, sono S.G.B. There Is No Greater Love (Jones) AABA. There Will Never Be Another You (Warren/ Gordon) ABAC. What Is This Thing Called Love (Cole Porter) 32 misure AABA, chorus amatissimo da tutti i Jazzisti, che spesso hanno scritto dei brani partendo da qui, quali Hot House di Dameron, Subconscious-lee di Konitz per arrivare alla versione, del tutto stravolta, intitolata What Love, che ne diedero Mingus e Dolphy. Yesterdays (Kern) 32 misure ABAC. Questi 28 pezzi sono troppo pochi, sappiatelo subito. Sono rimasti fuori molti autori importanti come Jules Styne, Jimmy Mc Hugh, Artur Schwartz, Jimmy Van Housen, Kurt Weill, Frank Loesser. Mettetevi a cercare i loro pezzi, appena sentite di padroneggiare quelli che ho indicato qui sopra. Jazz standards Il jazz standard , sostanzialmente, un brano scritto da un musicista di jazz, che quindi non ha percorso la strada da e per Broadway o Tin pan Alley, ma che utilizza le stesse strutture formali e le logiche armoniche che caratterizzano la canzone americana "classica", oppure un brano che comunque cos diffuso, eseguito e registrato dagli altri jazzisti da essere entrato nel repertorio ed essersi guadagnato il blasone di standard. Ovviamente il confine tra le due cose pu essere piuttosto sfumato, Misty di Errol Garner o Whats New di Bob Haggart sono brani scritti da Jazzisti ma sono anche entrati a pieno titolo nel Book della grande canzone "popular" americana. La versione alla quale fare riferimento , di solito, quella dellautore. Qualche tema be-bop: La maggior parte di essi sono composti partendo da chorus di standards, ricordiamo

Quasimodo (Embraceable you), Groovin High (Whispering) ma impariamo subito almeno Confirmation (deriva da un vecchio standard, anni dopo Coltrane ci caver fuori il difficile 26/2) Ornithology (sugli accordi di How high the moon) Scrapple From The Apple (sugli accordi di Honeysuckle Rose di Fats Waller) Donna Lee (pare lo abbia scritto Davis, gli accordi sono quelli di Indiana, c sempre un "virtuoso" che lo proporr) Night In Tunisia (Dizzy Gillespie scrisse molti bei temi, vale la pena di impararne qualcuno, cos come per Tadd Dameron, per esempio il gi citato Hot House, Ladybird, On Misty Night e Bud Powell, che ha scritto interessanti varianti di Rhythm Changes come Celia, Webb City e Hallucinations). My Little Suede Shoes. Thelonious Monk. Addentrarsi nel mondo musicale di Thelonious Monk unesperienza tra le pi straordinarie che possa fare un musicista di Jazz, impariamo perlomeno un paio di temi molto suonati. Round Midnight, con intro e coda (ne esistono molte armonizzazioni, se fate parte della ritmica dovreste conoscere le principali). Well, You Neednt (di solito si suona la versione di Davis, fate bella figura e proponete quella con il bridge originale). Bossa nova: I pezzi di Antonio Carlos Jobim, o almeno Girl From Ipanema, Wawe. Ellington: I temi di Ellington bisognerebbe saperli tutti, ma almeno cominciamo con alcuni di quelli che pi probabile incontrare in una Jam: In A Sentimental Mood, Take The "A" Train (che di Strayhorn). Prelude To A Kiss (oppure Sophisticated Lady, o Solitude e anche I Got It Bad, tanto per avere in repertorio almeno un paio di Ballads ellingtoniane). Satin Doll, Caravan (di Juan Tizol, esiste anche un bridge alternativo, antecedente quello suonato di solito), Perdido (Tizol), In A Mellow Tone. Miles Davis: Solar ( il primo pezzo che si impara, di solito) Tune Up (e poi date un occhiata anche a Countdown di Coltrane), Four, Half Nelson (che sugli accordi Ladybird di Tadd Dameron, quindi imparate anche questa), Nardis (Davis non la suon mai, ascoltatela da Bill Evans) Sonny Rollins: Doxy, St. Thomas (il calypso di riferimento!) John Coltrane: Giant Steps (il virtuoso di turno!), Impressions (valida anche per So What di Davis, ma se siete bassisti questultimo uno dei pochi temi che dovete sapere), Moments Notice (un po' passata di moda, ma non fa male studiarsela) Varie ed eventuali: almeno un tema di Benny Golson, scegliete tra Along Came Betty, Stablemates, Whisper Not e qualche pezzo degli anni 60 tipo Maiden Voyage (di Hancock, imparatevi pure qualche pezzo costruito su pedali funky tipo Watermelon Man o

Cantaloupe Island cos come Little Sunflower di Freddie Hubbard, che veramente semplice; di Hancock si suona spesso anche anche Dolphin Dance che non semplice per niente). Blue Bossa (di K. Dorham, tutti dicono che orrenda, ma suonatela bene e poi si vedr) Qualcosa di Wayne Shorter: magari Yes Or No, fermo restando che anche sui pezzi di questo grande sar proficuo spendere parecchio tempo. Un paio di temi "veramente" hard bop: Pescate nel ricchissimo book di Horace Silver, per esempio Song For My Father Piccole annotazioni ovvie: Se un anziano appassionato vi chiede Take Five (che non di Dave Brubeck ma del suo sassofonista, Paul Desmond) dite di no, oltretutto probabilmente andreste fuori tempo! Imparare questi pezzi vuol dire non doverli leggere e poterli suonare in diverse tonalit. Dove trovarli: Fate lo sforzo di trascrivervi i chorus dai dischi, oltre ad essere un eccellente esercizio per le orecchie otterrete gli accordi pi giusti, Miles Davis, nel periodo nel quale registrava per la Prestige ha suonato praticamente tutti quelli che si continuano a eseguire oggi (La lista interminabile: Autumn Leaves, But Not for Me, Love for Sale, On Green Dolphin Street, My Funny Valentine, Stella by Starlight, All of You, Bye Bye Blackbird) e comunque non credo che scovare gli standards sui dischi possa rappresentare un problema. Se proprio siete pigri sapete benissimo dove trovarli, i vari Real book illegali, (che restano il riferimento ma sono notoriamente pieni di armonizzazioni discutibili e temi non sempre attendibili), i 3 "legal"editi da Sher Music, accurati ma anche pieni di pezzi che nessuno suona, a parte forse gli autori, gli svariati volumi curati da Jamey Aebersold, anche loro non esenti da qualche pecca, il Jazz fake book edito da Hal Leonard, che quantomeno riporta le melodie giuste, i due eccellenti volumi curati da Dick Hyman (D.H Chord changes and substitutions, edizioni Ekay music) validi soprattutto per il repertorio Mainstream. Per quello che riguarda i temi possiamo saccheggiare i dischi di Frank Sinatra, "Old blue eyes" cantava le melodie rispettando assolutamente il materiale originale. Drizzate le orecchie, sia pure con le debite eccezioni gli standards seguono i flussi delle mode; nel recente disco dellultimo tenorista spinto dalle major del disco c probabilmente la ballad che tutti vi chiederanno di suonare, almeno fino al prossimo sassofonista. Per qualche misterioso motivo alcuni pezzi (e i loro autori) possono scomparire per un po, ultimamente vengono suonati piuttosto di rado i pezzi di Hoagy Carmicahel (ed roba del calibro di Stardust o Skylark) o Joseph Arlan e Irving Berlin, tanto per fare qualche nome, ci sono poi pezzi magnifici ma talmente legati alla visione estetica dellautore da rendere molto difficile renderli in maniera creativa e personale, pensiamo per esempio alle composizioni di Charles Mingus o di Ornette Coleman. Eseguirli in maniera testuale non avrebbe molto senso, daltra parte elaborare un

materiale cos consistente e fecondo implica una maturit non comune, pu essere una sfida che varrebbe la pena di accettare, male che vada acquisterete delle competenze preziose e avrete una verifica dei vostri limiti, nel bene e nel male. C sempre un pezzo da imparare, il book di autori come Porter o Kern cos copioso da permettere scoperte entusiasmanti. Vi sono musicisti che hanno scavato molto nei songbooks a caccia di materiale di rara esecuzione, Sonny Rollins per esempio. Non vi mettete da soli nei pasticci, se state facendo una Jam coi membri del "New Orleans ministrel legacy stompers" e il trombettista attacca "Tiger-rag" o vi chiede una introduzione stride a "12 street rag" ve la siete voluta voi! Troppa roba? Pure considerando quelli costruiti sugli stessi accordi non sono che 60 pezzi! Studiatene uno alla settimana e in un anno siete quasi a posto per sopravvivere ad una Jam session! Cosa avete da fare di cos importante per non riuscire ad imparare a memoria 32 misure di musica (al massimo) alla settimana? ;-)

Piero Leveratto