Sei sulla pagina 1di 38

Campusnet

Brochure dei corsi

Indice
Indice Co rsi di insegnamento : 0 2 febbraio 20 14 Didattica generale Diritto penale Eco no mia e o rganizzazio ne delle istituzio ni educative Educazio ne degli adulti Educazio ne interculturale Elementi di diritto di famiglia Estetica Filo so fia mo rale Geo grafia culturale Geo grafia eco no mica e dell'educazio ne Ido neit info rmatica Letteratura generale - Co rso di laurea magistrale Letteratura generale - Co rso di laurea triennale Letteratura per l'infanzia e l'ado lescenza Pedago gia dei media Pedago gia dell'ado zio ne e dell'affido Pedago gia dell'infanzia Pedago gia della lettura e della letteratura gio vanile Pedago gia generale Pedago gia so ciale Pedago gia sperimentale Pro gettazio ne e valutazio ne dei perco rsi fo rmativi Psico lo gia dell'educazio ne Psico lo gia dello sviluppo Psico lo gia evo luzio nistica Servizi educativi per la prima infanzia So cio lo gia dei pro cessi culturali ed educativi So cio lo gia dell'arte So cio lo gia generale Sto ria della filo so fia co ntempo ranea Sto ria della pedago gia Sto ria della scuo la e delle istituzio ni educative - Co rso di laurea magistrale Sto ria della scuo la e delle istituzio ni educative - Co rso di laurea triennale Strumenti giuridici di so stegno alla perso na Teo ria ed epistemo lo gia pedago gica Teo ria generale del diritto Teo rie del linguaggio e della mente 1 2 2 3 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 12 14 15 16 17 18 19 19 21 22 23 24 24 26 27 28 30 31 32 33 34 34 35 36 37

-1-

Universit degli Studi di Parma


Classe delle Lauree pedagogiche
Corsi di insegnament o: 02 f ebbraio 2014

Didat t ica generale


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Andrea Giaco mant o nio (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034885 [andrea.giacomantonio@unipr.it] Tipologia: Anno: 1 anno Cre diti/Vale nz a: 12 CFU SSD: M-PED/03 - didattica e pe dagogia s pe ciale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto OBIET T IVI Conos ce nz a e valutaz ione de l conce tto di compe te nz a. Individuaz ione de lle caratte ris tiche e s s e nz iali de i dis pos itivi di programmaz ione pe r compe te nz e e di que lli di valutaz ione de lle compe te nz e . AT T IVIT DI SUPPORT O Le z ione e x cathe dra. Pre paraz ione facoltativa da parte de gli s tude nti di un bre ve inte rve nto s u un argome nto s pe cifico. PROGRAMMA Analis i critica di alcune de finiz ioni de l conce tto di compe te nz a. Pre s e ntaz ione de l conce tto di "compe te nz a s colas tica". Introduz ione alla didattica raz ionale . Pre s e ntaz ione di un ipote tico mode llo didattico finaliz z ato allo s viluppo de lle compe te nz e

T EST I I te s ti pe r l'e s ame s ono: LASTRUCCI E., Proge ttare , programmare e valutare l'attivit formativa, Anicia, Roma 20072. PERRENOUD P., Cos truire compe te nz e a partire dalla s cuola, tr. it. Anicia, Roma 20102. PELLEREY M., Compe te nz e . Conos ce nz e , abilit, atte ggiame nti, Te cnodid, Napoli 2011. GIACOMANTONIO A., Gianni e il figlio de l dottore quattro anni dopo, Nuova Cultura, Roma 2010. GATTY J., Finalit de ll'e ducaz ione , tr. it. Anicia, Roma 20102.

Un te s to a s ce lta tra i s e gue nti pe r gli s tude nti che de vono s os te ne re l'e s ame da 12 cre diti: MATTEI F. (a cura di), La formaz ione profe s s ionale . Scorci s torici e proble mi ape rti, Anicia, Roma 2012. POSTIGLIONE R. M., La formaz ione profe s s ionale . Appunti te orici s u dis pos itivi didattici, pratiche s ociali e politiche formative , Anicia, Roma 2011. Di que s to te s to bis ogna s tudiare le prime 86 pagine . NOT A Valutaz ione de l profitto tramite s omminis traz ione di un te s t. Eve ntuale colloquio http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=03cc

-2-

Dirit t o penale
Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Piera Zagno ni (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034529 [piera.zagnoni@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: IUS/17 - diritto pe nale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale AT T IVIT DI SUPPORT O Durante le le z ioni ve rranno affrontati gli is tituti fondame ntali de lla parte ge ne rale de l diritto pe nale . Ad una parte te orica de l cors o s ar affiancata una parte pratica in cui s i analiz z e ranno e dis cute ranno alcune importanti e d attuali s e nte nz e . PROGRAMMA Il cors o s i propone di fornire allo s tude nte le noz ioni fondame ntali de lla parte ge ne rale de l diritto pe nale . Il cors o, attrave rs o l'analis i de gli is tituti e la le ttura de lle pi s ignicative pronunce giuris prude nz iali, mira, altre s , a fornire allo s tude nte gli s trume nti ne ce s s ari pe r pote rs i muove re autonomame nte , ne l futuro profe s s ionale , ne ll'ambito de lla dis ciplina pe nale . T EST I A. Cadoppi - P. Ve ne z iani, Ele me nti di diritto pe nale . Parte ge ne rale , Padova, 2012, V e d., (e s clus e le pagine : 3-47; 135-142; 143-154; 188-203; 347-360; 389-409; 434-455; 462-474; 493498; 545-555). Ediz ione aggiornata de l Codice pe nale . NOT A L'e s ame s ar orale e s i articole r s u tre domande : due ve rte ranno s ul "re ato" e una s ul "re o". L'e s ame mira a valutare il live llo di appre ndime nto de llo s tude nte , la s ua capacit di e ffe ttuare colle game nti fra gli argome nti, nonch la s ua capacit di utiliz z are un linguaggio giuridico idone o. Pe r s upe rare l'e s ame occorre ris ponde re corre ttame nte ad alme no due domande . http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=9d89

Economia e organizzazione delle ist it uzioni educat ive


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Proge ttaz ione e coordiname nto de i s e rviz i e ducativi (clas s e LM-50) Doce nte : Pro f . Simo ne Fanelli (T it o lare del co rso ) Re capito: [simone.fanelli@unipr.it] Tipologia: Anno: 1 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: SECS-P/07 - e conomia az ie ndale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto OBIET T IVI Il cors o inte nde de s crive re le fondame ntali caratte ris tiche de l funz ioname nto di una organiz z az ione e de i s uoi s is te mi di mis uraz ione e ge s tione . I) Conos ce nz a e capacit di compre ns ione : Conos ce nz a de i proce s s i organiz z ativi, de i me ccanis mi di inte graz ione organiz z ativa, de lle tipologie di s truttura organiz z ativa, de lle caratte ris tiche de lla proge ttaz ione organiz z ativa e de l s is te ma di mis uraz ione e ge s tione . II) Compe te nz e : alla fine de l cors o lo s tude nte s ar in grado di analiz z are le s trutture organiz z ative , di utiliz z are gli s trume nti di coordiname nto e valutaz ione de lle pe rformance e di le gge re e intre pre tare le principali informaz ioni di caratte re contabile e il bilancio d'e s e rciz io. III) Autonomia di giudiz io: lo s tude nte s ar in grado di analiz z are le caratte ris tiche principali di una organiz z az ione , di de finire quali s trume nti di coordiname nto s ono pi appropriati e di valutare il live llo di e fficie nz a e d e fficacia di un'organiz z az ione . IV) Capacit comunicative : alla fine de l cors o lo s tude nte s apr utiliz z are un linguaggio s pe cifico

-3-

ne ll'ambito de lla ge s tione d'az ie nda e de lle valutaz ioni e conomiche . V) Capacit di appre ndime nto: lo s tude nte , attrave rs o l'analis i di cas i e lo s volgime nto di e s e rciz i s ar in grado di appre nde re in manie ra pi approfondita le modalit di analis i, mis uraz ione e ge s tione de lle organiz z az ioni. AT T IVIT DI SUPPORT O Acquis iz ione de lle conos ce nz e : le z ioni frontali. Acquis iz ione de lle capacit di applicare le conos ce nz e : e s e rcitaz ioni. Acquis iz ione de ll'autonomia di giudiz io: durante il cors o gli s tude nti s aranno s timolati ad individuare pre gi e dife tti de i mode lli organiz z ativi. Acquis iz ione de l linguaggio te cnico: durante l'ins e gname nto s ar illus trato il s ignificato de i te rmini comune me nte utiliz z ati dalle az ie nde in me rito all'organiz z az ione e al bilancio. PROGRAMMA Il cors o pre ve de la trattaz ione de i s e gue nti argome nti: Introduz ione all'organiz z az ione az ie ndale Le te orie organiz z ative La cultura organiz z ativa Ele me nti di proge ttaz ione organiz z ativa La ge s tione e la valoriz z az ione de l pe rs onale Introduz ione all'e conomia az ie ndale Proce s s i di mis uraz ione de i ris ultati e conomici Il bilancio az ie ndale

T EST I Jone s G. R. 2007, Te oria, proge ttaz ione e cambiame nto, Milano, Ege a. (Capp. dal 1 al 10). Ulte riore mate riale didattico s ar me s s o a dis pos iz ione de l doce nte durante il cors o. NOT A Es ame s critto. Le conos ce nz e e la capacit di compre ns ione ve rranno acce rtate me diante domande ape rte . Le capacit di applicare le conos ce nz e ve rranno acce rtate me diante e s e rciz i. L'autonomia di giudiz io ve rr acce rtata attrave rs o le domande ape rte . Le capacit di comunicare con linguaggio te cnico appropriato ve rranno acce rtate attrave rs o le domande ape rte . http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=600f

Educazione degli adult i


Anno accade mico: 2013/2014 Codice : LM50 CdL: Proge ttaz ione e coordiname nto de i s e rviz i e ducativi (clas s e LM-50) Doce nte : Pro f . Elena Luciano (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034899 [elena.luciano@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PED/01 - pe dagogia ge ne rale e s ociale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI Alla fine de l cors o gli s tude nti dovranno mos trare capacit di compre ns ione de i principali te mi affrontati e di rifle s s ione critica s ugli s te s s i. In particolare , dovranno mos trare di ave r acquis ito i principali rife rime nti te orici e di rice rca che valoriz z ano il conce tto di "s is te ma compe te nte " ne ll'ambito de i s e rviz i e ducativi pe r l'infanz ia. Gli s tude nti mos tre ranno altre s di conos ce re te mi, proble mi e s ignificati de lla docume ntaz ione pe dagogica inte s a come proce s s o dalla vale nz a formativa pe r gli ope ratori cos come pe r i ge nitori. AT T IVIT DI SUPPORT O Il cors o pre ve de , oltre ad alcuni mome nti di le z ione frontale e di rifle s s ione te orica, anche il coinvolgime nto dire tto de gli s tude nti s ia attrave rs o lo s tudio di cas i (individuale , in piccolo gruppo o in ple naria) s ia attrave rs o la propos ta di lavori di piccolo gruppo e di dis cus s ioni in ple naria s ia attrave rs o l'analis i di mate riali docume ntativi vide o e cartace i s ui principali conte nuti de l cors o. Ve rranno altre s coinvolte le voci di e s pe rti prove nie nti dal mondo de i s e rviz i.

-4-

PROGRAMMA Il cors o inte nde e s plorare il te ma de lla profe s s ionalit de gli e ducatori de lla prima infanz ia, in particolare approfonde ndo le compe te nz e utili pe r promuove re s e rviz i e ducativi di qualit. Attrave rs o lo s tudio di alcune pratiche e ducative e de gli e s iti di alcune rice rche e urope e s ul prolo profe s s ionale de gli e ducatori, ve rr in particolare valoriz z ato il conce tto di "s is te ma compe te nte ", il lavoro colle giale e rifle s s ivo ne l gruppo di lavoro cos come la vale nz a formativa de lla docume ntaz ione pe dagogica. Il te ma de lla docume ntaz ione pe dagogica ve rr infatti approfondito e propos to come occas ione di appre ndime nto e di parte cipaz ione pe r gli adulti coinvolti a dive rs i live lli e con dive rs i ruoli ne i s e rviz i pe r l'infanz ia. T EST I La bibliografia ve rr comunicata all'iniz io de l cors o e s ucce s s ivame nte pubblicata s ul s ito. NOT A La ve rifica finale de gli appre ndime nti de gli s tude nti avve rr attrave rs o una prova orale che pre ve de domande in cui ve rr valutata: a)la conos ce nz a de llo s tude nti s ui te mi propos ti b) la capacit di rifle s s ione critica s ui te mi propos ti c) la capacit di analiz z are i te mi tras ve rs alme nte a dive rs i conte s ti e in re laz ioni a diffe re nti s ituaz ioni e pros pe ttive . http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=b10d

Educazione int ercult urale


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Amalia Murcio Maghei (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034898 [amalia.murciomaghei@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PED/01 - pe dagogia ge ne rale e s ociale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI Conos ce re , compre nde re le re laz ioni tra culture . Avviare proce s s i di comunicaz ione e di inte graz ione , anche s ul piano curriculare . Culture : inte graz ioni e conflitti. AT T IVIT DI SUPPORT O Le z ioni frontali, analis i di cas o, lavori di gruppo s u traccia pre dis pos ta dal doce nte PROGRAMMA Il cors o s i propone di rie tte re s ul conce tto di cittadinanz a come s tatus e di cittadinanz a come pratica quotidiana, dime ns ione , que s ta, che coinvolge allo s te s s o modo s ogge tti autoctoni, immigrati, in trans ito, impe gnati ne lla rice rca di s oluz ioni condivis e ai proble mi che incontrano vive ndo s ituaz ioni conte s tuali comuni. Diritti e dove ri s ono te rmini comple me ntari. Allo s te s s o modo non s i pu parlare di libe rt individuale e s ociale s e nz a de finirne le compone nti di re s pons abilit. Ogni cultura s i trova a ris olve re conflitti, e s plicitare diffe re nz e , ne goz iare s ignificati. In una s ituaz ione pluriculturale non bas ta analiz z are e rie tte re s ull'e s plicito. E' ne ce s s ario inte rrogars i, far e me rge re e compre nde re l'implicito. Ide ntit, apparte ne nz a e cittadinanz a Cultura e re gole in gioco: che cos a accade de ntro culture compatte e coe s e . Che cos a accade fra culture in pre s e nz a. Culture in contatto : inte raz ione fra pe rs one di dive rs a e tnia, lingua, re ligione , con die re nz e di ge ne re s pe ciche , con tradiz ioni di aggre gaz ione familiare e di s tatus dive rs e , con concons ue tudini alime ntari e di cura varie . Autorappre s e ntaz ione e e te rorappre s e ntaz ione : come ci ve diamo, come ve diamo gli altri. Da come conos ciamo gli altri de riviamo il nos tro modo di conos ce rci. Privile giare ci che ci accomuna, far e me rge re ci che ci divide . Storie individuali e corali ne i pe rcors i di migraz ione . Analis i di conte s ti lavorativi, is tituz ionali, ricre ativo-s ociali, aggre gativo-re ligios i. Forz a s ocializ z ante de lla conne s s ione informativa-formativa di conte s ti formali e non formali. Il nido come s paz io di cos truz ione ide ntitaria., luogo privile giato pe r la cos truz ione di pe rcors i inte rculturali.

-5-

Il cors o inte nde promuove re anche la parte cipaz ione attiva de i fre que ntanti attrave rs o analis i di cas i, di fatti de ll'attualit, di e s pe rie nz e pe rs onali. Oltre i te s ti d'e s ame , s aranno propos te le tture inte grative , a s ce lta, s ulle quali i cors is ti, fre que ntanti e non potranno rife rire ne i modi e ne i te mpi che s aranno concordati. T EST I M. Sante rini, Inte rcultura, La Scuola, 2003 G. Favaro, S. Mantovani, T. Mus atti (a cura di), Ne llo s te s s o nido Famiglie e bambini s tranie ri ne i s e rviz i e ducativi, Franco Ange li,2013 (ris tampa). NOT A Il cors o inte nde promuove re anche la parte cipaz ione attiva de i fre que ntanti attrave rs o analis i di cas i, di fatti de ll'attualit, di e s pe rie nz e pe rs onali. Oltre i te s ti d'e s ame , s aranno propos te le tture inte grative , a s ce lta, s ulle quali i cors is ti, fre que ntanti e non potranno rife rire ne i modi e ne i te mpi che s aranno concordati. http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=8238

Element i di dirit t o di famiglia


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Crist ina Co ppo la (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034539 [cristina.coppola@unipr.it] Tipologia: Anno: 3 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: IUS/01 - diritto privato Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI Il cors o fornis ce le conos ce nz e e la capacit di compre nde re gli is tituti fondame ntali, che concorrono a de line are il s is te ma de i rapporti giuridici familiari ne l nos tro ordiname nto. Il cors o, inoltre , fornis ce le compe te nz e pe r e s aminare e inte rpre tare de cis ioni giuris prude nz iali in mate ria di diritto di famiglia. AT T IVIT DI SUPPORT O Il cors o s ar te nuto con le z ioni orali frontali de lla durata di 30 ore , affiancate da 12 ore di e s e rcitaz ioni, cons is te nti in un e s ame e ne ll'inte rpre taz ione di alcune de cis ioni giuris prude nz iali, s ce lte dal Doce nte . T EST I G. BONILINI, Manuale di diritto di famiglia, UTET, Torino, 2013 (ultima e d.) (pp.350) Inoltre , a s ce lta de llo s tude nte : a) A. DI MAJO, Codice civile , Giuffr , Milano, ult. e d. b) F. BOCCHINI, Codice de lla famiglia e de i minori, Giuffr , Milano, ult. e d. Lo s tude nte , inoltre , potr giovars i, al fine di una ve rifica, de l s e gue nte te s to: G. BONILINI, Que s iti di diritto di famiglia, Padova, CEDAM, 2007 (pp. 198). NOT A Il cors o s ar te nuto con le z ioni orali frontali de lla durata di 30 ore , affiancate da 12 ore di e s e rcitaz ioni, cons is te nti in un e s ame e ne ll'inte rpre taz ione di alcune de cis ioni giuris prude nz iali, s ce lte dal Doce nte . Lo s volgime nto de lla ve rifica finale cons is te ne lla ris pos ta orale a minimo tre domande pos te oralme nte , s u tutte le parti ogge tto de l programma e de i te s ti di rife rime nto, s ia in re laz ione alle le z ioni frontali, s ia in re laz ione alle e s e rcitaz ioni. La ve rifica finale mira a valutare s e lo Stude nte abbia conos ce nz a e compre ns ione de gli is tituti e che abbia acquis ito la compe te nz a inte rpre tativa, dire tta all'e s ame de lle de cis ioni giuris prude nz iali, ogge tto de lle e s e rcitaz ioni e prontame nte pubblicate s ulla pagina we b de l cors o. La s oglia de lla s ufficie nz a s ar raggiunta quando lo Stude nte avr mos trato conos ce nz a, compre ns ione de gli is tituti e d anche compe te nz e applicative minime in ordine all'inte rpre taz ione de lle de cis ioni giuris prude nz iali analiz z ate . Al di s otto, l'e s ame ris ulte r ins ufficie nte . http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=b9b3

-6-

Est et ica
Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Rit a Messo ri (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.032350 [rita.messori@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-FIL/04 - e s te tica Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto e d orale OBIET T IVI 1. Conos ce nz a e capacit di compre ns ione Il cors o s i propone la compre ns ione di alcune de lle principali line e di s viluppo de lla rifle s s ione in ambito e s te tico: la de finiz ione de lle cate gorie e s te tiche di mime s is , di arte , di be llo ne l pe ns ie ro aris tote lico. Il cors o s i propone inoltre l'ins e rime nto di tali cate gorie all'inte rno de l re ce nte dibattito critico che te nde a s ottoline are gli as pe tti cognitivi de lla mime s is e de ll'arte , unitame nte alla vale nz a affe ttiva de lla fruiz ione . 2. Conos ce nz a e capacit di compre ns ione applicate Lo s tude nte dovr e s s e re in grado di articolare in modo chiaro e coe re nte la propria e s pos iz ione orale s ugli argome nti s volti durante il cors o. La re laz ione s critta richie s ta a conclus ione de lle le z ioni dovr e s prime re un ade guato e quilibrio tra parte e s pos itiva e parte argome ntativa. 3. Autonomia di giudiz io Lo s tude nte s ar s timolato a inte rioriz z are gli argome nti in modo da maturare , ne l cors o de l te mpo, una analis i critica e autonoma de i te s ti filos ofici, te nde nte alla proble matiz z az ione . 4. Abilit comunicative Durante lo s volgime nto de lle le z ioni e in particolar modo ne l cors o de i s e minari, lo s tude nte s ar s timolato a parte cipare attivame nte , e cons e gue nte me nte a e s porre in modo convince nte , richie s te di approfondime nto, os s e rvaz ioni e rifle s s ioni pe rs onali. L'e s ame orale cos tituir una pre z ios a occas ione pe r me tte re alla prova e cons olidare le abilit comunicative . 5. Capacit di appre nde re Ne ll'impos taz ione e ne lla s te s ura de ll'e laborato s critto, e ne llo s volgime nto de lla prova orale , lo s tude nte dovr mos trare di ave r appre s o una corre tta modalit di le ttura de i te s ti (mirante all'e s plicitaz ione de lle cate gorie e s te tiche e de lla line a argome ntativa de ll'autore ) e un us o ade guato de l le s s ico di bas e de lla dis ciplina. AT T IVIT DI SUPPORT O Le le z ioni frontali s ono in pre vale nz a de dicate alla le ttura e al comme nto de i te s ti. Ampio s paz io ve rr las ciato agli inte rve nti de gli s tude nti che s aranno s olle citati attrave rs o un coinvolgime nto dire tto alla le z ione . Durante le le z ioni ve rranno proie ttati de i lucidi il cui s copo que llo di dare line arit alla le z ione , di pre cis are alcuni pas s aggi-chiave e di fornire indicaz ioni bibliografiche di te s ti citati o di cui s i cons iglia la le ttura. Alla fine de l cors o i lucidi ve rranno me s s i a dis pos iz ione de gli s tude nti; s i me tte r a dis pos iz ione de gli s tude nti anche mate riale inte grativo (fotocopie ). PROGRAMMA Il cors o articolato in unit didattiche : - la prima unit didattica de dicata alla que s tione de lla s pe cicit de ll'e s te tica in quanto ambito de lla rifle s s ione filos ofica; s i individue ranno il me todo di rice rca e i te mi di e le z ione ; - la s e conda unit didattica de dicata alla nas cita de ll'e s te tica in quanto que s tione s torico-los oca e te ore tica; - la te rz a unit didattica de dicata alla le ttura comme ntata de i pas s i los ocame nte pi importanti de lla Poe tica di Aris tote le ; s i ce rche r di mos trare il ne s s o tra live llo te ore tico fondativo (il riconos cime nto de lla mime s is quale principio)e live llo de s crittivo (la s truttura de ll'ope ra, le modalit de lla fruiz ione ); s i ce rche r inoltre di mos trare l'importanz a de lla Poe tica s ia pe r la s toria de ll'e s te tica s ia pe r la trattatis tica s ulle dive rs e fome d'arte . - la quarta e ultima unit didattica de dicata alla continuit tra la Poe tica e il te rz o libro de lla Re torica a propos ito de ll'importante que s tione de ll'e s pre s s ione . T EST I Bibliografia obbligatoria: Paolo D'Ange lo, Elio Franz ini, Gabrie le Scaramuz z a, Es te tica, Milano, Raffe llo Cortina Editore , I e d. 2002.

-7-

Giovanni Lombardo, L'e s te tica antica, Bologna, Il Mulino, I e d. 2002. Aris tote le , Re torica, Milano, Mondadori, I e d. 1996; s olo il III libro. Aris tote le , Poe tica, Milano, Mondadori, I e d. 1999. Le tture cons igliate : Ste phe n Halliwe ll, L'e s te tica de lla mime s is . Te s ti antichi e proble mi mode rni, Pale rmo, Ae s the tica, 2009. Wladis law Tatarkie wicz , Storia di s e i ide e , Pale rmo, Ae s the tica, II e d. rive duta e aggiornata 1997. Ale s s andra Manie ri, L'immagine poe tica ne lla te oria de gli antichi. Phantas ia e d e narge ia, Pis a-Roma, Is tituti e ditoriali e poligrafici inte rnaz ionali, 1998. NOT A Sono pre vis te due forme di ve rifica: una s critta e l'altra orale . Pe r facilitare la s te s ura, alla re laz ione ve rr de dicata una le z ione alla fine de l cors o. L'e s ame orale , che iniz ie r con una bre ve dis cus s ione de lla re laz ione , ve rte r s ulla bibliografia di bas e e s u e ve ntuali le tture facoltative . Durante l'e s ame orale lo s tude nte dovr ris ponde re a domande di dive rs a tipologia (di e s pos iz ione di conce tti, di analis i di un pas s o de i te s ti in programma, di confronto tra pos iz ioni dive rs e di dive rs i autori). La valutaz ione finale s ar fatta s ulla bas e de lla re laz ione s critta e de lla prova orale . http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=9205

Filosofia morale
Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Mara Melet t i (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.032349 [mara.meletti@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-FIL/03 - filos ofia morale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto e d orale AT T IVIT DI SUPPORT O Le z ioni frontali Le ttura e inte rpre taz ione di te s ti Re laz ioni orali di s tude nti s u s e z ioni di te s to che pre s e ntano s ignificative de clinaz ioni de l rapporto tra e tica, natura e vita. PROGRAMMA 1-Conos ce nz a e capacit di compre ns ione Obie ttivo de lla parte prima: conos ce nz a de lle s trutture de lle te orie morali pi accre ditate . Obie ttivo de lla parte s e conda: conos ce nz a de lle line e di s viluppo de l pe ns ie ro e tico circa il rapporto uomo-natura, s ia ne lla tradiz ione filos ofica, s ia ne l dibattito conte mporane o. 2- Conos ce nz a e capacit di compre ns ione applicate Applicaz ione de lle bas i te oriche acquis ite all'analis i de l dibattito conte mporane o circa l'e s te ns ione de l ris pe tto all'ambie nte e agli animali. 3-4-5 Autonomia di giudiz io, abilit comunicative , capacit di appre nde re formaz ione de lla capacit di giudiz io autonomo circa te mi di rile vante inte re s s e morale e civile e de lla capacit di confrontars i raz ionalme nte con pos iz ioni die re nti. Capacit di e s porre le proprie rie s s ioni in forma argome ntata T EST I 1-Parte Prima de l cors o: A. Da Re , Filos ofia morale . Storia, te oria, argome nti, Bruno Mondadori, Milano 2008. Aris tote le , Etica Nicomache a, Bompiani, Milano 2000. 2-Parte s e conda: J.Stuart Mill, La natura, in Saggi s ulla re ligione , Fe ltrine lli, Milano 1987. H.Jonas , Il principio re s pons abilit. Un'e tica pe r la civilt te cnologica, Einaudi, Torino 1997. H.Jonas , Frontie re de lla vita, frontie re de lla te cnica, Il Mulino, Bologna 2011. Le tture utili pe r un approfondime nto (facoltative ): S.Pollo, La morale de lla natura, Late rz a, Bari 2008. L.Boe lla, Ne uroe tica. La morale prima de lla morale , Cortina, Milano 2008. F.Botturi,R.Mordacci, (a cura di) Natura in e tica, Vita e Pe ns ie ro, Milano 2009. M.Re ichlin, Etica de lla vita. Nuovi paradigmi morali, B.Mondadori, Milano 2008. R.Spae mann, R. Lw, Fini naturali. Storia e ris cope rta de l pe ns ie ro te le ologico, Are s , Milano 2013

-8-

NOT A Alla fine de lla prima parte de l cors o s i e ffe ttue r una prova s critta che cons is te in una s e rie di domande volte a ve rificare la compre ns ione de i te mi trattati e la capacit de llo s tude nte di e s porre le proprie rifle s s ioni in forma chiara e argome ntata. La prova s ar valutata in tre nte s imi. Le corre z ioni s ono pre s e ntate in un colloquio pe rs onale con ogni s ingolo s tude nte Es ame orale finale . Il voto de te rminato dalla me dia tra il voto de lla prova s critta e de lla prova orale . Ne lla prova orale s ono ogge tto di ve rifica in particolare : 1-compre ns ione de i te s ti filos ofici, 2- capacit di us are un linguaggio filos ofico appropriato; 3- chiare z z a ne l de limitare e d e s porre proble matiche comple s s e http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=4d96

Geografia cult urale


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Proge ttaz ione e coordiname nto de i s e rviz i e ducativi (clas s e LM-50) Doce nte : Pro f . Davide Papo t t i (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034807 [davide.papotti@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 12 CFU SSD: M-GGR/01 - ge ografia Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI Fornire una conos ce nz a ge ne rale de ll'approccio di ge ografia culturale ai fe nome ni di s viluppo locale . Fornire conos ce nz a s pe cifica, anche in chiave di me todologia de lla rice rca, attrave rs o l'analis i di un cas o di s tudio. AT T IVIT DI SUPPORT O Le z ioni frontali Illus traz ione di pre s e ntaz ioni in Powe r Point As colto di brani mus icali Vis ione di docume ntari e film Pre s e ntaz ioni orali da parte de gli s tude nti Confe re nz e di re latori os piti PROGRAMMA Il cors o ve rte r s ulle pros pe ttive che la ge ograa culturale pu orire all'analis i de lle culture s viluppate s i ne l cors o de l ve nte s imo s e colo intorno al ume Po. Lo s patial turn che ha attrave rs ato le dis cipline s ociali e d umanis tiche ne gli ultimi due de ce nni ha avuto come cons e gue nz a anche un rinnovato inte re s s e de gli s tudios i di ge ograa pe r il s e ns o di radicame nto s paz iale de gli abitanti, pe r la pe rce z ione culturale de lle re gioni e pe r i me ccanis mi di produz ione e di circolaz ione de lle immagini te rritoriali. Il cors o orir una panoramica de lla tradiz ione di s tudi ge ograca de dicata al ume Po, analiz z ando via via dive rs i as pe tti e die re nti approcci: la de s criz ione de lle varie re gioni attrave rs ate dal ume , le dive rs e tipologie di fre que nz a antropica ne ll'are a pe riuviale , le tradiz ioni mate riali e d immate riali che s i s ono aggre gate intorno alla cultura de l maggiore ume italiano. Un particolare approfondime nto ve rr de dicato alla produz ione di immagini te rritoriali in quattro forme di cre az ione artis tica che hanno dius ame nte e continuativame nte pre s tato atte nz ione al ume Po: la le tte ratura, la mus ica, la fotografia e il cine ma. Il cors o ve rr organiz z ato s e condo la s e gue nte s ucce s s ione di unit didattiche : bre ve introduz ione alla ge ografia culturale gli inte re s s i de lla ge ograa culturale : s e ns o di ide ntit, radicame nto te rritoriale , e laboraz ione di immagini te rritoriali condivis e , produz ione di immagini culturali de l te rritorio a s pe cificit te rritoriale de gli ambiti fluviali: e s e mpi inte rnaz ionali a confronto il bacino idrografico de l fiume Po: caratte ris tiche principali il "bacino culturale " de l ume Po: partiz ioni amminis trative , framme ntaz ione ide ntitaria, "biodive rs it culturale " le tradiz ioni mate riali e d immate riali de lla vita lungo il fiume Po il Po ne lla le tte ratura italiana nove ce nte s ca il Po ne lla mus ica popolare conte mporane a il Po ne lla fotografia de l s e condo Nove ce nto il Po ne l cine ma de l s e condo Nove ce nto

-9-

T EST I Guido BORELLI, Tracce di Gove rnance . Comunit e s viluppo locale ne lla Me dia Valle de l Po, Milano, Franco Ange li, 2008 Giancarlo MOTTA, Carlo RAVAGNATI (a cura di), Alve i me andri is ole e altre forme urbane . Te cniche di rappre s e ntaz ione e proge tto ne i te rritori fluviali, Milano, Franco Ange li, 2008, pp. 1155; 109-144; 164-192; 248-300 Davide PAPOTTI, Ge ografie de lla s crittura. Pae s aggi le tte rari de l me dio Po, Pavia, La Goliardica Pave s e , 1996 (e s aurito; dis ponibile in fotocopia pre s s o la copis te ria "Giovanni Paolo II", s ituata ne lle imme diate vicinanz e de l ple s s o di Borgo Caris s imi, in Borgo de lle Colonne , 9 Paolo MICALIZZI, L dove s ce nde il fiume . Il Po e il cine ma, Fire nz e , As ka, 2010

NOT A Es ame orale Elaboraz ione di una bre ve te s ina s critta http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=95c9

Geografia economica e dell'educazione


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Isabella Mo zzo ni (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034806 [isabella.mozzoni@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 12 CFU SSD: M-GGR/02 - ge ografia e conomico-politica Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto OBIET T IVI Il cors o s i pone l'obie ttivo di fornire allo s tude nte i primi s trume nti pe r iniz iare a le gge re una re alt te rritoriale e capirne le e s ige nz e . In particolare s i vuole s viluppare autonomia di giudiz io e capacit di analiz z are le proble matiche te rritoriali a dive rs e s cale , dalla s cala locale a que lla e urope a. AT T IVIT DI SUPPORT O Mod. A Il cors o s i s viluppe r in una s e rie di le z ioni frontali ne lle quali s aranno dis cus s i i vari argome nti propos ti. Ogni le z ione proporr mome nti te orici affiancati da e s e mplificaz ioni concre te . Da me t cors o in avanti s ar poi chie s to agli s tude nti di le gge re quotidianame nte qualche te s tata on line pe r lavorare s ui te mi e urope i di maggior attualit. Mod. B Il cors o s i s viluppe r in una s e rie di le z ioni frontali ne lle quali s aranno dis cus s i i vari argome nti propos ti. Le le z ioni s aranno affiancate da una s e rie di s e minari te nuti da e s pe rti di formaz ione finanz iata prove nie nti s ia da e nti pubblici che da e nti privati. PROGRAMMA Mod. A L'ins e gname nto vuole introdurre lo s tude nte ai conce tti fondame ntali de lla ge ograa e conomica in ottica e urope a. La prima parte de l cors o riguarde r argome nti di caratte re ge ne rale volti a inquadrare la dis ciplina e le s ue me todologie . Si approfondiranno te mi quali la re gione e conomica, il conce tto di dis tanz a, la trans calarit, il paradigma ce ntro pe rife ria, l'organiz z az ione te rritoriale e cc. La s e conda parte de l cors o , inve ce , rivolta all'analis i de lla s ituaz ione ge opolitica e urope a. Dopo una bre ve introduz ione alla s toria de ll'Unione Europe a, s i approfondiranno alcuni te mi re lativi alle s trate gie e politiche e urope e e vide nz iando pe r cias cun argome nto l'impatto s ulla dime ns ione e ducativa. In particolare ci s i s oe rme r s ulla archite ttura de lla gove rnance e s ulla Strate gia di Lis bona, oggi Europa 2020. Lo s tudio de lle te matiche propos te s ar e e ttuato utiliz z ando le me todologie e i conce tti appre s i ne lla prima parte de l cors o. Mod. B L'ins e gname nto s i pone in continuit con il mod A de llo s te s s o approfonde ndo i te mi e urope i le gati all'ambito e ducativo in pros pe ttiva ge ograca. In particolare il cors o pone l'acce nto s ulle politiche di coe s ione e urope e e vide nz iandone la dime ns ione te rritoriale . La prima parte aronta i te mi ge ne rali

- 10 -

re lativi al conce tto di coe s ione e conomica, s ociale e te rritoriale . La s e conda conce ntra il focus s ugli s trume nti con particolare atte nz ione al Fondo Sociale Europe o e al s uo utiliz z o pe r nanz iare proge tti formativi. Que s t'ultima parte vie ne arontata s e mpre in chiave ge ograca, le gando la dime ns ione pi te cnica de i bandi con la le ttura de lle pe culiarit e conomiche te rritoriali e de i s is te mi locali de l lavoro. T EST I Mod. A F. Attin, G. Natalicchi, L'unione e urope a. Gove rno,is tituz ioni,politiche , Il Mulino; H. Mikke li, Europa s toria di un'ida e di un'ide ntit, Il Mulino. Mod. B I. Moz z oni, Ge ografia de lla politica di coe s ione e urope a, Aracne NOT A La ve rifica de ll'appre ndime nto avve rr attrave rs o un e s ame s critto. Le domande propos te s aranno tre con dive rs i gradi di difficolt che cons e ntiranno di valutare l'accurate z z a de llo s tudio, la capacit di colle game nto tra conce tti ge ne rali e argome nti s pe cifici e , infine , il live llo di autonomia di giudiz io. Il compitos i rite rr s upe rato s e lo s tude nte ris ponde r in manie ra s ufficie nte a tutte e tre le domande pos te http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=a69b

Idoneit informat ica


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Gio vanni Raho (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034933 [giovanni.raho@unipr.it ] Tipologia: Anno: 3 anno Cre diti/Vale nz a: 3 CFU SSD: INF/01 - informatica Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Obbligatoria Modalit di valutaz ione : Prova pratica e d orale OBIET T IVI L'ins e gname nto de ll'Informatica s i propone come obie ttivo il raggiungime nto da parte de gli s tude nti di una conos ce nz a di me todi e proce dure che li aiutino a utiliz z are in manie ra ordinata gli s trume nti forniti dai programmi e dalle proce dure de lla s cie nz a informatica. Tali conos ce nz e opportuname nte organiz z ate pos s ono e s s e re la bas e pe r un lavoro produttivo. AT T IVIT DI SUPPORT O Le z ioni frontali e le z ioni in laboratorio (aula di informatica). Aula informatica con 50 compute r, proie ttore e compute r doce nte PROGRAMMA Principi e s trume nti de ll'Informatica applicata. Mode lli come bas e pe r un us o appropriato de lle proce dure informatiche e de i s uoi programmi. I s is te mi ope rativi, le carte lle in WINDOWS, Proce dure di s alvataggio e s icure z z a de i dati. WORD e d il foglio di s tile : cre az ione di una re laz ione s u argome nti indicati dal doce nte . Exce l e la variabile ce lla, formule e proce dure pre dis pos te . Proje ct MS le attivit pe r il raggiungime nto di un obie ttivo e l'us o de lle ris ors e . Inte rne t e la rice rca di informaz ioni. T EST I Giovanni Raho, Informatica, te cnica, proce dure e mode lli, con e s e rcitaz ioni, Botte ga de l libro, Parma 2010. NOT A La ve rifica compre nde una prova pratica al compute r ne lla quale lo s tude nte invitato a s volge re e s e rciz i e proce dure di applicaz ione de i programmi s tudiati. La prova pratica, s e s upe rata, comple tata da una prova orale di comme nto alla prova pratica e ris pos te a domande s ulle proce dure informatiche e le loro applicaz ioni.

- 11 -

http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=cc30

Let t erat ura generale - Corso di laurea magist rale


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Proge ttaz ione e coordiname nto de i s e rviz i e ducativi (clas s e LM-50) Doce nte : Pro f . Luana Salvarani (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034887 [luana.salvarani@unipr.it] Tipologia: Anno: 1 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: L-FIL-LET/10 - le tte ratura italiana Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI Conos ce nz a e compre ns ione : orie ntata alla de codificaz ione critica con l'aus ilio de lle s cie nz e umane ; richie s to il pos s e s s o de gli s trume nti di bas e de lla critica le tte raria. Capacit di applicare conos ce nz a e compre ns ione : utiliz z o il pi pos s ibile autonomo e critico de gli s trume nti e de gli s punti s torici acquis iti. Autonomia di giudiz io: l'obie ttivo tras ve rs ale principale de l cors o. Abilit comunicative : acquis iz ione di un linguaggio non ne ce s s ariame nte te cnico, ma in grado di dis tingue re e re nde r conto de lle caratte ris tiche di un te s to con una ce rta raffinate z z a analitica e ricche z z a di rife rime nti. Capacit di appre ndime nto: in proporz ione alle capacit individuali. AT T IVIT DI SUPPORT O Durante le le z ioni ve rranno le tti pas s i s ce lti dalle ope re ogge tto de l cors o, con comme nti mirati a e vide nz iare il conte s to culturale e le principali s ce lte ope rate dagli autori. Tramite il comme nto e , quando pos s ibile , la dis cus s ione con gli s tude nti, ve rranno s viluppate le compe te nz e critiche e d e s pre s s ive e l'autonomia di giudiz io de gli s tude nti. Oltre alle le z ioni frontali, ve rranno s volte attivit didattiche comple me ntari s otto forma di s e minari condotti da giovani s tudios i e d e s pe rti de l s e ttore . PROGRAMMA Le ttura analitica di ope re de lla le tte ratura occide ntale , in pros a e in ve rs i, aancate da s aggi s toricocritici. Il cors o s i propone , attrave rs o la le ttura analitica di ope re de lla le tte ratura occide ntale e /o di s aggi s torico-critici, di ge ne rare o accre s ce re ne gli s tude nti la capacit di inte ragire con te s ti d'arte comple s s i. Si propone altre s di ve ricare e , s e ne ce s s ario, di ge ne rare il s e ns o de lla re lativiz z az ione s torica e la cons ape vole z z a de i dive rs i codici e re gis tri e s pre s s ivi.

NOT A La ve rifica finale cons is te r in un colloquio orale ne l quale ve rranno acce rtate : - La capacit di e s porre in modo chiaro e d avvince nte , con minimo pos s e s s o de l le s s ico s pe cifico, caratte ris tiche , conte nuti e ambiguit di un te s to le tte rario; particolare importanz a ve rr data alle compe te nz e logiche e comunicative e alla pe rce z ione de gli artifici s tilis tici; - La conos ce nz a de lla collocaz ione s torica e de i te mi di rifle s s ione de i te s ti propos ti, tramite domande ins e rite ne l conte s to de lla pre s e ntaz ione propos ta dallo s tude nte . - La s oglia di s ufficie nz a de finita dalla pre s e nz a di e ntrambi que s ti parame tri: a. Effe ttiva le ttura inte grale de i te s ti propos ti; b. Me s s a in ope ra di un pe rcors o di rice rca/rifle s s ione individuale s ul te s to con e laboraz ione di propos te critiche pe rs onali, e s pos ta con le s s ico appropriato http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=7d61

Let t erat ura generale - Corso di laurea t riennale


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Luana Salvarani (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034887 [luana.salvarani@unipr.it] Tipologia:

- 12 -

Anno: 1 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: L-FIL-LET/10 - le tte ratura italiana Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI Ris ultati di appre ndime nto atte s i: conos ce nz a approfondita e pe rs onale de i te s ti propos ti. Conos ce nz a e compre ns ione : orie ntata alla de codificaz ione critica con l'aus ilio de lle s cie nz e umane ; non richie s to il pos s e s s o di s trume nti pe culiari de lla critica le tte raria. Capacit di applicare conos ce nz a e compre ns ione : utiliz z o il pi pos s ibile autonomo e critico de gli s trume nti e de gli s punti s torici acquis iti. Autonomia di giudiz io: l'obie ttivo tras ve rs ale principale de l cors o. Abilit comunicative : acquis iz ione di un linguaggio non ne ce s s ariame nte te cnico, ma in grado di dis tingue re e re nde r conto de lle caratte ris tiche di un te s to oltre l'impre s s ione pe rs onale e le ge ne raliz z az ioni. Capacit di appre ndime nto: in proporz ione alle capacit individuali. AT T IVIT DI SUPPORT O Durante le le z ioni ve rranno le tti pas s i s ce lti dalle ope re ogge tto de l cors o, con comme nti mirati a e vide nz iare il conte s to culturale e le principali s ce lte ope rate dagli autori. Tramite il comme nto e , quando pos s ibile , la dis cus s ione con gli s tude nti, ve rranno s viluppate le compe te nz e critiche e d e s pre s s ive e l'autonomia di giudiz io de gli s tude nti. Oltre alle le z ioni frontali, ve rranno s volte attivit didattiche comple me ntari s otto forma di s e minari condotti da giovani s tudios i e d e s pe rti de l s e ttore . PROGRAMMA Il cors o s i propone , attrave rs o la le ttura analitica di ope re de lla le tte ratura occide ntale (pre vale nte me nte in pros a e de i s e coli XIX-XX-XXI), di s timolare ne gli s tude nti la curios it e il piace re de i te s ti d'arte comple s s i. Si propone di cre are altre s il s e ns o de lla re lativiz z az ione s torica e la cons ape vole z z a de i dive rs i codici e re gis tri e s pre s s ivi. Titolo de l cors o: Giove nt vittoriane . Obbe die nz a e tras gre s s ione ne l romanz o ingle s e de ll'800 Il cors o attrave rs e r alcune ope re maggiori de ll'e t vittoriana, le gge ndo in e s s e non s olo la rappre s e ntaz ione di un conte s to s ociale , ma il dialogo s ottile tra s trate gie di s crittura e prolo de i pe rs onaggi. T EST I Le tture propos te : Charle s Dicke ns Gre at e xpe ctations (Grandi s pe ranz e ) Charle s Dicke ns - Hard time s (Te mpi difficili) Thomas Hardy - Jude the Obs cure (Jude l'os curo) Thomas Hardy The mayor of Cas te rbridge oppure De s pe rate Re me die s (Il s indaco di Cas te rbridge oppure Es tre mi rime di) Anthony Trollope The Warde n (tr. it. Un cas o di cos cie nz a, Garz anti, trad. di Agos tino Lombardo) Mario Praz , La cris i de ll'e roe ne l romanz o vittoriano (fuori catalogo ve rr propos ta una s e le z ione s caricabile dal Mate riale Didattico). I romanz i pos s ono e s s e re le tti in traduz ioni italiane a s ce lta de llo s tude nte , quando non dive rs ame nte indicato; naturalme nte chi fos s e in grado invitato a le gge re parte o tutti i te s ti in lingua originale . Si pre ga di ve rificare s e mpre che l'e diz ione s ce lta s ia inte grale e non ridotta/s e mplificata pe r ragaz z i o pe r us o s colas tico.

NOT A La ve rifica finale cons is te r in un colloquio orale ne l quale ve rranno acce rtate : - La capacit di e s porre in modo chiaro e d avvince nte , con le s s ico as pe cifico ma appropriato, caratte ris tiche , conte nuti e ambiguit di un te s to le tte rario; particolare importanz a ve rr data alle compe te nz e logiche e comunicative ; - La conos ce nz a de lla collocaz ione s torica e de i principali e le me nti narrativi (trama, pe rs onaggi) de i te s ti propos ti, tramite domande ins e rite ne l conte s to de lla pre s e ntaz ione propos ta dallo s tude nte . - La s oglia di s ufficie nz a de finita dalla pre s e nz a di e ntrambi que s ti parame tri: a. Effe ttiva le ttura inte grale de i te s ti propos ti; b. Me s s a in ope ra di un pe rcors o di rice rca/rifle s s ione individuale s ul te s to con e laboraz ione di propos te

- 13 -

critiche pe rs onali http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=4876

Let t erat ura per l'infanzia e l'adolescenza


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Angelo No bile (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034886 [angelo.nobile@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 12 CFU SSD: M-PED/02 - s toria de lla pe dagogia Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto e d orale OBIET T IVI Il cors o, profe s s ionaliz z ante , s i riprome tte di fornire allo s tude nte ade guata conos ce nz a de lla le tte ratura pe r l'infanz ia e l'adole s ce nz a ne l s uo s viluppo s torico e ne ll'odie rna re alt e ditoriale ; di as s icurare compe te nz e pe dagogiche , ps icologiche e didattiche e s s e nz iali pe r la s ce lta e la valutaz ione de l libro pe r ragaz z i e pe r il s uo migliore utiliz z o in vari conte s ti e ducativi; di acuire s e ns ibilit umane e s ociali ne i confronti de lla "dive rs it" comunque inte s a, e vide nz iando il ruolo de l libro pe r ragaz z i quale pos s ibile fonte di pre giudiz i e s te re otipi ma anche quale pre z ios a ris ors a pe r il loro s upe rame nto. AT T IVIT DI SUPPORT O Le z ione frontale , all'occorre nz a col s upporto di s trume ntaz ioni informatiche , s e guita da dis cus s ione critica comune ; mome nti s e minariali. Ne l cors o de lle le z ioni frontali e de i mome nti s e minariali s i dis cute r s u as pe tti nodali de lla dis ciplina, s i s ottoporranno a critica pe dagogica albi e libri pe r ragaz z i che non rie ntrano ne lla cate goria de ll'"adatto" (s otto il profilo linguis tico, conte nutis tico o de ll'apparato iconografico) e s i valute ranno in un'ottica ps icope dagogica, atte nta alla dime ns ione inte rculturale , accanto a te s ti clas s ici conte ne nti motivi di pre giudiz io, re ce nti albi, libri e pe riodici pe r ragaz z i impe gnati s ul ve rs ante de ll'e ducaz ione alla mondialit. Si dar le ttura di cre az ioni poe tiche rivolte all'infanz ia e all'adole s ce nz a e s e ne valute ranno le vale nz e formative e ricre ative . Saranno ogge tto di dis cus s ione rice rche di approfondime nto condotte s ul piano facoltativo da s ingoli s tude nti in re laz ione ai te mi trattati. PROGRAMMA Storia e critica pe dagogica de l libro pe r l'infanz ia e l'adole s ce nz a; portata formativa de i clas s ici; vale nz e formative de lla poe s ia; libro e e ducaz ione alla mondialit Dibattute alcune que s tioni e pis te mologiche de lla dis ciplina, s i ripe rcorre r criticame nte la s toria de l libro pe r il s ogge tto in formaz ione dalle s ue origini no ai giorni nos tri, rivis itando pe dagogicame nte alcuni clas s ici de lla le tte ratura pe r la giove nt, pe r poi s oe rmars i s ui nuovi indiriz z i di s crittura e s u alcuni ge ne ri e s ottoge ne ri narrativi e me rge nti. Quindi, de line ati congrui itine rari di e ducaz ione alla le ttura, s i rie tte r (col s upporto di ricche e s e mplicaz ioni) s ulle vale nz e formative di un ge ne re narrativo ingius tame nte tras curato: la poe s ia. Inne , s i individue ranno motivi di pre giudiz io pre s e nti ne lla tras cors a e ne ll'attuale le tte ratura pe r l'infanz ia, pe r poi focaliz z are l'atte nz ione s ull'impe gno multiculturale de ll'odie rna s crittura pe r ragaz z i. T EST I A. Nobile , D. Giancane , C. Marini, Le tte ratura pe r l'infanz ia e l'adole s ce nz a, La Scuola, 2011; D. Giancane (a cura di), Rile gge re i clas s ici, Galliano, 2013 C. Rodia, La poe s ia pe r l'infanz ia in Italia dal Nove ce nto ad oggi, Pe ns a Multime dia, 2013; A. Nobile , Il pre giudiz io, La Scuola (di pros s ima e diz ione ). Un ulte riore te s to ve rr indicato prima de ll'iniz io de lle le z ioni. Le ttura di una de lle s e gue nti ope re , a s ce lta: H. Be e che r Stowe , La capanna de llo z io Tom M. Twain, Le avve nture di Tom Sawye r G. Ve rne , Ve ntimila le ghe s otto i mari G. Ve rne , L'is ola mis te rios a G. Ve rne , L'is ola a e lica G. Ve rne , Martin Paz NOT A

- 14 -

L'e s ame cons is te r in una prova s critta, inte grata da un colloquio orale , volti ad acce rtare la conos ce nz a de lla le tte ratura pe r l'infanz ia e l'adole s ce nz a ne l s uo s viluppo s torico; l'as s imilaz ione de i conte nuti de l cors o e la capacit di loro rie laboraz ione critica; l'acquis iz ione di compe te nz e e s e ns ibilit pe dagogiche , ps icologiche e didattiche . Cos tituiranno ulte riore ogge tto di valutaz ione il rigore argome ntativo, le capacit e s pos itive e la proprie t di linguaggio de llo s tude nte . http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=a873

Pedagogia dei media


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Proge ttaz ione e coordiname nto de i s e rviz i e ducativi (clas s e LM-50) Doce nte : Pro f . Damiano Felini (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034920 [damiano.felini@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PED/01 - pe dagogia ge ne rale e s ociale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI Il cors o inte nde raggiunge re i s e gue nti obie ttivi, alline ati ai "de s crittori di Dublino": 1. Conos ce re la te rminologia di bas e e i conce tti de lla pe dagogia de i me dia e de lla me dia e ducation, nonch le line e di s viluppo s torico che le hanno caratte riz z ate . 2.1. Analiz z are e rie laborare criticame nte i conce tti s tudiati, colle gando te mi, autori e corre nti. 2.2. Colle gare le te orie a cas i tipici de l lavoro e ducativo, analiz z ati e compre s i con gli s trume nti conce ttuali propri de lla dis ciplina. 3. Analiz z are criticame nte te s ti me diali pre s e nti ne i me dia mains tre am e i proce s s i/prodotti di e s pe rie nz e di me dia e ducation. 4. Comunicare in forma orale e multime diale le proprie rifle s s ioni s ui te mi ogge tto di s tudio.

AT T IVIT DI SUPPORT O Il cors o dis pone di una piattaforma online di s upporto, dis ponibile s u http://le a.unipr.it/.

PROGRAMMA Titolo de l cors o: L'e ducaz ione ai me dia tra s toria e futuro Il cors o magis trale inte nde pre s e ntare alcuni te mi e me todologie de ll'e ducaz ione ai me dia (o me dia e ducation), ricos true ndone le origini s toriche e l'e voluz ione . In particolare , s i lavore r s ulle pratiche de ll'e ducaz ione al cine ma a s cuola e con gli adluti, s ia ne lla forma de l cine forum che de l vide omaking. Giunge ndo alle te orie conte mporane e di rife rime nto, s i ce rche r di trarne un bilancio critico e di pros pe ttare le line e che s i aprono ai futuri s viluppi. Agli s tude nti inte re s s ati s ar propos to di parte cipare alla vita de l cors o, e s plorando e pre s e ntando in aula un mome nto de llo s viluppo s torico de ll'e ducaz ione ai me dia, in Italia o all'e s te ro.

T EST I Il programma s ar comunicato all'iniz io de lle le z ioni.

NOT A Il cors o richie de la conos ce nz a pre liminare di te rmini, conce tti e te orie de lla pe dagogia ge ne rale , s ociale , di didattica e proge ttaz ione pe dagogica.

- 15 -

L'e s ame orale e ogni s tude nte pu s ce glie re s e portare il programma de l s uo anno o uno pi re ce nte , corris ponde nte ai cfu che de ve acquis ire , che s ia di Laure a trie nnale o magis trale , fre que ntante o non fre que ntante e che abbia gi s os te nuto un e s ame di Pe dagogia de i me dia o analoghi (e ve ntualme nte , ve de re qui s ul s ito alla s e z ione "Programmi anni pre ce de nti"). La valutaz ione finale s i s volge r attrave rs o un e s ame orale , che cons ide ra anche i lavori e ve ntualme nte s volti in itine re dagli s tude nti. Le domande riguardano i conce tti de lla pe dagogia de i me dia, il colle game nto tra te rmini, conce tti, te orie , autori e corre nti, nonch il colle game nto tra te orie e s ituaz ioni tipiche de l lavoro me diae ducativo ne i dive rs i conte s ti e con le dive rs e ute nz e . Si cons ide ra s ufficie nte l'e s ame in cui s i mos tra, con proprie t linguis tica e te rminologica, di ave re compre s o i conce tti fondame ntali. Il rife rime nto appropriato agli autori e corre nti, il colle game nto o il confronto tra dive rs e te orie , e l'applicaz ione de lla te oria alla pratica (e vice ve rs a) s ono e le me nti che compongono una votaz ione s upe riore alla s ufficie nz a.

http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=a245

Pedagogia dell'adozione e dell'affido


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Do t t . Daria Vet t o riPro f . Silvana Ost ini (T it o lare del co rso ) Re capito: [s.ostini@comune.parma.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PED/01 - pe dagogia ge ne rale e s ociale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto e d orale OBIET T IVI Lo s tude nte dovr acquis ire alcune conos ce nz e fondame ntali: - Diffe re nz a tra affido e adoz ione e as pe tti ps ciope dagogici s pe cifici - Normative re lative ad affido e adoz ione (anche inte rnaz ionale ) - Conce tti chiave s ulla famiglia: attaccame nto, re laz ione e ge nitorialit - Attori de ll'affido e de ll'adoz ione e loro inte raz ioni in me rito agli inte rve nti s pe cifici - Conos ce nz a di s tili di comunicaz ione e re laz ioni - Capacit critiche in me rito alla analis i di cas i s pe cifici e ipote s i di inte rve nto. AT T IVIT DI SUPPORT O Le z ioni frontali (con us o di Powe r Point), dis cus s ioni di gruppo. Si far largo us o di e s e rcitaz ioni pratiche e s trume nti audiovis ivi. Dis cus s ione di gruppo a partire da te s timonianz e dire tte di attori de ll'affido e /o de ll'adoz ione Coinvolgime nto in rice rche di docume ntaz ioni e archivio da parte de i s ingoli s tude nti (mate ria d'e s ame ).

PROGRAMMA Conte nuti de ll'ins e gname nto. Ne l cors o s i aronte ranno alcune proble matiche re lative all'ado e all'adoz ione con rife rime nto ine vitabile all'e ducaz ione familiare , ai s uoi proble mi e alle s ue dicolt de te rminate dall'e voluz ione e dalla comple s s it de lla s ocie t di oggi. Si chiariranno le die re nz e de i due is tituti giuridici, adoz ione e ado, come s de s ocioculturali volte a garantire ai minori che non hanno pi una famiglia, o la vivono con grande s oe re nz a, un conte s to di vita e di re laz ione e ducativame nte ricco e accoglie nte . Si e vide nz ie ranno le proble matiche applicative de lle le ggi con la s ottoline atura de i comple s s i proble mi e ducativi ad e s s e s otte s i. L'atte nz ione s i s pos te r pe rci s u alcune que s tioni pe dagogiche conne s s e alle dinamiche familiari s olle citate dalla pre s e nz a di bambini in adoz ione o in adame nto. Attrave rs o l'e s ame di cas i s pe cici s i aronte ranno te mi fondame ntali quali il s e ns o di apparte ne nz a, il proble ma de lla doppia apparte ne nz a, il s e ns o de lla ge nitorialit, il ruolo de i s e rviz i s ociali. PRIMA PARTE Introduz ione al cors o. La famiglia come ambie nte privile giato di e ducaz ione . Ce nni s torico antropologici. Funz ioni e dis funz ioni de lla comunicaz ione familiare . Affido e adoz ione come ris pos te a bis ogni s ociali particolari. Proble matiche e ducative conce rne nti le die re nz e s os tanz iali fra i due is tituti giuridici (adoz ione e affido).

- 16 -

SECONDA PARTE Ce nni normativi s u ado e adoz ione (naz ionale e inte rnaz ionale ). L'ado famigliare : alcuni pre s uppos ti te orici. Conte s to, ris chio e re s ilie nz a. Attori de ll'ado e proce dure de ll'inte rve nto attuativo. Proge tto e ducativo individualiz z ato e proge tto di vita. TERZA PARTE Sviluppo, inte rs ogge ttivit e attaccame nto. Ee tti de lla de privaz ione pre coce e re laz ioni famigliari dis organiz z ate . Adoz ione naz ionale e d inte rnaz ionale : pre paraz ione e s os te gno de lle famiglie , vis s uti de i bambini e adole s ce nti. Il racconto de lle origini e cos truz ione de l le game . Rapporto con la s cuola e conte s ti e ducativi. T EST I Te s ti obbligatori pe r s critto e orale R. CASSIBBA E L. FELEA, L'affidame nto famigliare . Dalla valutaz ione all'inte rve nto.Roma, Carrocci Fabe r. M. TOMISICH, Ris ors a famiglia. Nuove modalit di inte rve nto pe r l'infanz ia a ris chio. Roma, Carrocci Fabe r, 2006 L. PATI, (a cura di), Famiglie affidatarie ris ors a e ducativa de lla comunit, Bre s cia, La s cuola, 2008 A cura di M. CHISTOLINI, La famiglia adottiva, Milano, Franco Ange li 2011 Te s ti in pi obbligatori pe r orale , uno a s ce lta tra que s ti: D. J. SIEGEL, M. HARTZELL, Errori da non ripe te re . Come la conos ce nz a de lla propris toria aiuta ad e s s e re ge nitori. Raffae llo Cortina, 2005 J. BOWLBY, UNA BASE SICURA. Applicaz ioni cliniche de lla te oria de ll'attaccame nto, E. Raffae llo, Cortina, 1989 A cui s i dovr aggiunge re un te s to s ce lto dal candidato: romanz o o film, articolo, te s to s cie ntifico, che in modo dire tto o indire tto affronti le te matiche de ll'affido o de ll'adoz ione . NOT A Alla re aliz z az ione de l cors o collabore r il prof. Ermanno Maz z a. In itine re i crite ri di valutaz ione s aranno in bas e alla: fre que nz a, live llo di parte cipaz ione e coinvolgime nto ne l cors o de lle le z ioni e de i laboratori La ve rifica finale s i articola in due mome nti Prova s critta a domande multiple s u alcuni te s ti te orici indicati e obbligatori pe r tutti Prova orale (condiz ionata al s upe rame nto de lla prova s critta): approfondime nto s ullo s critto (in particolare s ulle ris pos te non corre tte ), ve rifica pre paraz ione s u un te s to orale s ce lto fra due facoltativi. Inoltre lo s tude nte ve rr valutato s ulla produz ione di una bre ve e laborato critico a partire dalla le ttura o vis ione di mate riale s ce lto autonomame nte riguardante le te matiche de ll'e s ame (affido, adoz ione , ge nitorialit). http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=5c5d

Pedagogia dell'infanzia
Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Elena Luciano (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034899 [elena.luciano@unipr.it] Tipologia: Anno: 3 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PED/01 - pe dagogia ge ne rale e s ociale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto e d orale OBIET T IVI Alla fine de l cors o gli s tude nti dovranno mos trare capacit di compre ns ione de i te s ti in programma e di rifle s s ione critica de i te mi in e s s i affrontati. In particolare , dovranno mos trare di ave r acquis ito i principali rife rime nti te orici e di rice rca che valoriz z ano il protagonis mo attivo de i bambini, cos come dovranno mos trare capacit di analiz z are criticame nte cos a s ignifica promuove re voci e pros pe ttive de i bambini ne i dive rs i conte s ti e ducativi, a quali condiz ioni ci s ia pos s ibile e attrave rs o quali pratiche e ducative . AT T IVIT DI SUPPORT O Il cors o pre ve de , oltre ad alcuni mome nti di le z ione frontale e di rifle s s ione te orica, anche il coinvolgime nto dire tto de gli s tude nti s ia attrave rs o lo s tudio di cas i s ia attrave rs o la propos ta di lavori di piccolo gruppo e di dis cus s ioni in ple naria s ia attrave rs o l'analis i di mate riali docume ntativi vide o e

- 17 -

cartace i s ui principali conte nuti de l cors o. Ve rranno altre s coinvolte durante il cors o le voci di e s pe rti prove nie nti dal mondo de i s e rviz i. PROGRAMMA Il cors o aronte r il te ma de lla parte cipaz ione de i bambini ai loro proce s s i di cre s cita e di s viluppo e dunque ai loro appre ndime nti ne i dive rs i luoghi in cui vivono. Una prima fas e de l cors o aronte r te mi e proble mi re lativi alla valoriz z az ione de lle voci e de lle pros pe ttive de i bambini, contro una dius a te nde nz a de gli adulti a s os tituirs i ad e s s i con approcci autoce ntrati e ingombranti. In particolare , ve rranno me s s e a te ma condiz ioni e pos s ibilit pe r promuove re l'autonomia, la parte cipaz ione e il protagonis mo de i bambini in dive rs i conte s ti, pe r e s . in que llo familiare , in que llo os pe dalie ro (ne l cas o di bambini malati) e in que llo de i s e rviz i e ducativi pe r l'infanz ia. Tali te mi ve rranno arontati con rife rime nto ad un approccio e cologico, s is te mico e s ociocos truttivis ta e ad alcune re ce nti pros pe ttive te oriche e di rice rca volte a promuove re la parte cipaz ione e il protagonis mo attivo de i bambini e de i loro appre ndime nti ne i conte s ti e ducativi. Proprio in tale dire z ione , ve rr inne analiz z ato il te ma de lla docume ntaz ione pe dagogica, inte s a e propos ta come opportunit di parte cipaz ione de i bambini ne i conte s ti e ducativi. T EST I La bibliografia ve rr comunicata all'iniz io de l cors o e s ucce s s ivame nte pubblicata s ul s ito. NOT A La ve rifica finale de gli appre ndime nti de gli s tude nti avve rr attrave rs o una prova s critta che pre ve de domande in cui ve rr valutata: a)la conos ce nz a de llo s tude nte s ulle principali te orie e que s tioni re lative alla parte cipaz ione de i bambini b) la capacit di rifle s s ione critica s ui te mi propos ti c) la capacit di analiz z are i te mi tras ve rs alme nte a dive rs i conte s ti e in re laz ioni a diffe re nti s ituaz ioni e pros pe ttive . http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=e 86b

Pedagogia della let t ura e della let t erat ura giovanile


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Proge ttaz ione e coordiname nto de i s e rviz i e ducativi (clas s e LM-50) Doce nte : Pro f . Angelo No bile (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034886 [angelo.nobile@unipr.it] Tipologia: Anno: 1 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PED/02 - s toria de lla pe dagogia Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI Il cors o s i riprome tte di approfondire criticame nte que s tioni e pis te mologiche e nodi cruciali de lla dis ciplina e di as s icurare conos ce nz e e compe te nz e s toriche , te s tuali, pe dagogiche , ps icologiche , ps icoanalitiche , s e miotiche ... in ordine a due ge ne ri narrativi: favola e fiaba, e a due clas s ici de lla le tte ratura pe r la giove nt: Ande rs e n e Kipling. Ulte riore obie ttivo: l'indicaz ione di congrue s trate gie di motivaz ione -iniz iaz ione -animaz ione alla le ttura e di e fficaci itine rari e ducativo-didattici pe r la formaz ione de l le ttore . AT T IVIT DI SUPPORT O Le z ione frontale , mome nti s e minariali, rifle s s ioni e dis cus s ioni critiche s ulle rice rche condotte dagli s tude nti. PROGRAMMA Analis i critica e rivis itaz ione ps ico-pe dagogica di due ge ne ri narrativi: favola e fiaba; la figura e l'ope ra di Ande rs e n e di Kipling; s trate gie e itine rari e ducativo-didattici pe r la formaz ione de l le ttore dalla primis s ima infanz ia all'e t adulta Approfondite varie que s tioni e pis te mologiche de lla dis ciplina, s i rivis ite ranno in un'ottica inte rdis ciplinare - ma privile giando la pros pe ttiva ps ico-pe dagogica - due ge ne ri narrativi: favola e aba, e due clas s ici de lla le tte ratura pe r la giove nt: Ande rs e n e Kipling, s e nz a tralas ciare una rile ttura critica de Le avve nture di Pinocchio. Si individue ranno quindi s trate gie , accorgime nti e itine rari e ducativi e didattici naliz z ati alla formaz ione de l le ttore maturo e compe te nte lungo l'arco de ll'e t e volutiva. Sono pre vis te e s e rcitaz ioni e rice rche di approfondime nto s ui te mi trattati condotte dagli s te s s i s tude nti, con particolare atte nz ione agli apporti critici appars i ne lla s aggis tica s pe cialis tica inte rnaz ionale .

- 18 -

T EST I N.S. Barbie ri, Le tte ratura pe r l'infanz ia. Te orie pe dagogiche e pratiche te s tuali, Cle up, 2008; E. De tti, Piccoli le ttori cre s cono. Come avvicinare bambini e ragaz z i alla le ttura, Ericks on, 2012. E' pre vis ta una rice rca di approfondime nto condotta dai s ingoli s tude nti. Gli s tude nti non fre que ntanti s ono invitati a me tte rs i in contatto col doce nte pe r concordare il te ma de lla rice rca. NOT A Es ame orale e dis cus s ione da parte de llo s tude nte s ulla rice rca di approfondime nto da lui me de s imo pre parata. http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=fbbd

Pedagogia generale
Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Enver Bardulla (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034889 [bardulla@unipr.it] Tipologia: Anno: 1 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PED/01 - pe dagogia ge ne rale e s ociale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI Alla fine de l cors o lo s tude nte s ar in grado di: - Capire e d impie gare il linguaggio pe dagogico - Coglie re la s pe cificit de ll'approccio pe dagogico ai proble mi e proce s s i e ducativi ris pe tto all'approccio adottato da altre dis cipline

PROGRAMMA Oltre a pre s e ntare le proble matiche di fondo con le quali lo s tudio de ll'e ducaz ione chiamato a mis urars i, il cors o s i focaliz z a s ul dibattito oggi pi che mai attuale s ul contributo pe culiare che a tale s tudio dovre bbe re care l'indagine pe dagogica, con particolare rife rime nto al ruolo s volto in tal s e ns o dalla pe dagogia ge ne rale . Si s oe rma poi, a titolo e s e mplicativo, s ulle pote nz ialit di profondo rinnovame nto de ll'impianto s te s s o de lla rice rca pe dagogica ins ite ne ll'individuaz ione de ll'ogge tto d'indagine in una propos ta di e ducaz ione e xtras colas tica totaliz z ante quale que lla de llo s cautis mo.

T EST I E. Bardulla - C. Ge mma - C. Lane ve - G. Mollo - G. Minichie llo - R. Pagano - A. Schie di, La Pe dagogia ge ne rale . As pe tti, te mi, que s tioni, Monduz z i Editoriale 2011E. Bardulla (a cura di),Scautis mo: dal pas s ato al futuro, Anicia, 2008.

http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=6f07

Pedagogia sociale
Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Damiano Felini (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034920 [damiano.felini@unipr.it] Tipologia: Anno: 1 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PED/01 - pe dagogia ge ne rale e s ociale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto

- 19 -

OBIET T IVI Il cors o inte nde raggiunge re i s e gue nti obie ttivi, alline ati ai "de s crittori di Dublino": 1. Conos ce re la te rminologia di bas e de lla pe dagogia e de ll'e ducaz ione , nonch i conce tti principali de lla pe dagogia s ociale e de i me dia. 2.1. Analiz z are e rie laborare criticame nte i conce tti s tudiati, colle gando te mi, autori e corre nti. 2.2. Colle gare le te orie a cas i tipici de l lavoro e ducativo, analiz z ati e compre s i con gli s trume nti conce ttuali tipici de lla dis ciplina. 4. Comunicare in forma s critta le proprie rifle s s ioni s u te mi di caratte re pe dagogico.

PROGRAMMA Proce s s i formativi, gius tiz ia s ociale e ruolo de i me dia ne lla cos truz ione de lla comunit s ociale Il cors o e s plora in manie ra s is te matica il te ma de i bis ogni e ducativi e s pre s s i ne lle comunit s ociali, s pe cialme nte que lli conne s s i ai cambiame nti culturali e all'odie rna conformaz ione police ntrica de l s is te ma formativo. In particolare , s i porge r atte nz ione al te ma de lle dis uguaglianz e s ociali e al rapporto tra e ducaz ione , dis uguaglianz e , s olidarie t, anche attrave rs o la vis ione di s ce ne ggaiati e docume ntari re aliz z ati da Vittorio De Se ta tra il 1970 e il 1979. Inne , la s e conda parte de l cors o s ar de dicata al ruolo de i me dia ne ll'e ducaz ione implicita, al divario di pos s e s s o de lle compe te nz e digitali e alle pos s ibilit offe rte dalla cos idde tta me dia e ducation.

T EST I Gli s tude nti pre s e nte ranno all'e s ame quattro libri: S. TRAMMA, Pe dagogia s ociale , Milano, Gue rini, 2010 (nuova e diz ione ). L. CAIMI (a cura di), Il confine s ottile . Culture giovanili, le galit, e ducaz ione , Milano, Vita e Pe ns ie ro, 2012. D. FELINI, Pe dagogia de i me dia. Que s tioni, pe rcors i e s viluppi, Bre s cia, La Scuola, 2004 [tutto, e cce tto il cap. 5]. D. FELINI (a cura di), Vide o game e ducation. Studi e pe rcors i di formaz ione , Milano, Unicopli, 2012. Inoltre , tra i mate riali didattici di que s to cors o (icona a fondo pagina), pos s ibile s caricare il pdf di un bre ve s aggio s ulla "pe dagogia cine matografica" di Vittorio De Se ta. Il programma d'e s ame il me de s imo pe r tutti gli s tude nti, fre que ntanti e non fre que ntanti, di tutti i cors i di laure a.

Modalit d'e s ame L'e s ame s i s volge pe r tutti in forma s critta. Ve rranno as s e gnate tre domande ape rte , a cias cuna de lle quali s i dovr ris ponde re in un mas s imo di 10 righe . Ad ogni ris pos ta il doce nte as s e gna un punte ggio da 0 a 30 e il voto comple s s ivo ris ulta dalla me dia aritme tica de i tre . Pe rch l'e s ame s ia s upe rato ne ce s s aria la s ufficie nz a (18) in tutte e tre le ris pos te . Es .: me dia di 24, 26, 19 = 23 (e s ame s upe rato) me dia di 29, 26, 15 = e s ame non s upe rato Qualora l'e s ame non ve nga s upe rato anche s olo pe r una ris pos ta ins ufficie nte , de ve comunque e s s e re ripe tuto pe r inte ro.

- 20 -

NOT A Il programma qui indicato valido pe r tutti gli s tude nti, di ve cchio e nuovo ordiname nto, fre que ntanti e non, di tutti i cors i di laure a e di tutti gli anni. A partire da giugno 2013, tutti i programmi de gli anni pre ce de nti non s ono pi rite nuti validi.

http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=0dc9

Pedagogia speriment ale


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Massimo Marcuccio (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034880 [massimo.marcuccio@unipr.it] Tipologia: Anno: 3 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PED/04 - pe dagogia s pe rime ntale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto e d orale OBIET T IVI A partire da una rifle s s ione s ul s ape re s cie ntifico come proce s s o rigoros o di cos truz ione s ociale de lla conos ce nz a che e me rge dalla pe rce z ione proble matica de lla re alt, il cors o s i propone di: 1) favorire ne gli s tude nti una pi ampia pre s a di cons ape vole z z a de lle proprie convinz ioni re lative al s ape re s cie ntifico; 2) introdurre agli as pe tti s torici, e pis te mologici e me todologici di bas e che de finis cono l'are a de lla rice rca e mpirica in e ducaz ione ; 3) promuove re la capacit di le gge re criticame nte articoli e contributi di rice rca in ambito e ducativo e valutarne il pos s ibile us o pe r l'as s unz ione di de cis ioni; 4) s viluppare abilit ne l proge ttare - in s ituaz ione s imulata - s e mplici pe rcors i di indagine e mpirica. PROGRAMMA Introduz ione alla rice rca e mpirica in e ducaz ione : s toria, conce tti e approcci. 1. Line ame nti di s toria de lla pe dagogia s pe rime ntale 2. Le forme de lla rice rca e mpirica in e ducaz ione 3. Le fas i de lla rice rca quantitativa 4. I mome nti de lle dive rs e forme di rice rca qualitativa 5. Gli s trume nti e le proce dure pe r la rile vaz ione de i dati 6. Gli s trume nti e le proce dure pe r l'analis i de i dati 7. La comunicaz ione e diffus ione de i ris ultati

Me todi didattici Le attivit didattiche s aranno condotte privile giando modalit di appre ndime nto attivo (le z ioni inte rattive , s tudi di cas i, s imulaz ioni) con una continua valoriz z az ione de lle e s pe rie nz e dire tte de i parte cipanti e le inte raz ioni tra i s ogge tti in appre ndime nto. Le attivit d'aula s aranno s upportate dall'utiliz z o di mate riali aute ntici e di pre s e ntaz ioni s u s upporto informatico.

Valutaz ione Il proce s s o di appre ndime nto ve rr monitorato cos tante me nte durante lo s volgime nto de lle attivit me diante la s olle citaz ione di s pe cifici fe e dback. La valutaz ione s ommativa de gli appre ndime nti pre ve de due mome nti: 1) una prova s critta s trutturata, con domande a ris pos ta ape rta e chius a, che richie de allo s tude nte di dimos trare la compre ns ione e la capacit di applicare i conce tti conte nuti ne i te s ti indicati in bibliograa (durata due ore ); 2) dis cus s ione orale , facoltativa, s ugli e s iti de lla prova s critta che lo s tude nte dovr e s s e re in grado di illus trare e gius tificare .

T EST I

- 21 -

Coggi C., Ricchiardi P. (2005), Proge ttare la rice rca e mpirica in e ducaz ione , Carocci, Roma. Lucis ano P., Sale rni A. (2004), Me todologia de lla rice rca in e ducaz ione e formaz ione , Carocci, Roma (pp. 11-147; 289-369). Carr M. (2012), Le s torie di appre ndime nto, Ediz ioni Junior-Spaggiari Ediz ioni, Parma. Dis pe ns a 2013/14 (Scaricabile dalla piattaforma LEA). http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=e 90c

Proget t azione e valut azione dei percorsi format ivi


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Proge ttaz ione e coordiname nto de i s e rviz i e ducativi (clas s e LM-50) Doce nte : Pro f . Massimo Marcuccio (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034880 [massimo.marcuccio@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PED/04 - pe dagogia s pe rime ntale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto e d orale OBIET T IVI A partire dall'analis i di s ituaz ioni re ali in dive rs i conte s ti e ducativi e formativi (s e rviz i pe r l'infanz ia e la ge nitorialit; s e rviz i e ducativi s colas tici, e xtras colas tici e s ocio-e ducativi; formaz ione profe s s ionale ; e ducaz ione pe rmane nte ) e me diante un approccio didattico di tipo e s pe rie nz iale , gli s tude nti avranno l'opportunit di s viluppare abilit re lative alla e laboraz ione di: 1) dive rs i tipi di docume nti proge ttuali; 2) inte rve nti di valutaz ione di pe rcors i e ducativi. PROGRAMMA 1. Conte s ti is tituz ionali e organiz z ativi de i s e rviz i e ducativi, s ocio-e ducativi e formativi 2. Approcci e mode lli di proge ttaz ione di inte rve nti e ducativi e formativi 3. Approcci e i mode lli di valutaz ione di inte rve nti e ducativi e formativi

Me todi didattici Le attivit didattiche s aranno condotte privile giando modalit di appre ndime nto attivo (le z ioni inte rattive , s tudi di cas i, s imulaz ioni) con una continua valoriz z az ione de lle e s pe rie nz e dire tte de i parte cipanti e le inte raz ioni tra i s ogge tti in appre ndime nto. Le attivit d'aula s aranno s upportate dall'utiliz z o di mate riali aute ntici e di pre s e ntaz ioni s u s upporto informatico.

Valutaz ione Pe r gli s tude nti fre que ntanti. A s ce lta: 1) un proje ct work o 2) un e s ame s critto, de lla durata di tre ore , che pre ve de l'e laboraz ione di un docume nto proge ttuale di mas s ima e de l re lativo s is te ma di valutaz ione . Pe r gli s tude nti non fre que ntanti. Un e s ame s critto, de lla durata di tre ore , che pre ve de l'e laboraz ione di un docume nto proge ttuale di mas s ima e de l re lativo s is te ma di valutaz ione .

T EST I I te s ti obbligatori pe r favorire il raggiungime nto de gli obie ttivi de l cors o s ono i s e gue nti: 1. Le one L., Pre z z a M. (2003), Cos truire e valutare i proge tti ne l s ociale , Franco Ange li, Milano. 2. Lipari D. (2002), Logiche di az ione formativa ne lle organiz z az ioni, Gue rini e As s ociati, Milano. 3. Stame N. (1988), L'e s pe rie nz a de lla valutaz ione , Ediz ioni SEAM, Roma. 4. Giovannini M. L., Marcuccio M. (2012), Rice rca s ulla valutaz ione di un proge tto s colas tico innovativo. Sce lte e inte rrogativi, Franco Ange li, Milano. 5. Marcuccio M. (2012), Valutare l'impatto de lla formaz ione continua ne lle impre s e . Sce lte te oriche e ope rative , Unive rs itas , Parma. 6. Dis pe ns a 2013/14 (Scaricabile dalla piattaforma LEA).

- 22 -

http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=857c

Psicologia dell'educazione
Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Do lo res Ro llo (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034936 [dolores.rollo@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PSI/04 - ps icologia de llo s viluppo e ps icologia de ll'e ducaz ione Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto e d orale OBIET T IVI 1. Conos ce nz a e capacit di compre ns ione (knowle dge and unde rs tanding): l'obie ttivo de l cors o que llo di "dotare " gli s tude nti di ade guate conos ce nz e re lative all'inte raz ione e ducativa, ai proce s s i e ai me ccanis mi che la gove rnano, anche in rife rime nto a s ituaz ioni atipiche che s i pre s e ntano in conte s ti e ducativi 2. Conos ce nz a e capacit di compre ns ione applicate (applying knowle dge and unde rs tanding): ci s i as pe tta che gli s tude nti attrave rs o la fre que nz a de ll'ins e gname nto e allo s tudio dive ntino capaci di e ffe ttuare una valutaz ione de lla s toria pe rs onale e familiare applicando le pi note te cniche di os s e rvaz ione e as s e s s me nt, di ide ntificare in te rmini ope raz ionali le s ituaz ioni a ris chio e di programmare un inte rve nto e ducativo compe ns ativo o s os titutivo de lle inte raz ioni che non s i s ono s volte normalme nte . 3. Autonomia di giudiz io(making judge me nts ): gli s tude nti dovranno s viluppare capacit critica e di rifle s s ione s ui principali approcci te orici in rife rime nto all'appre ndime nto, alla motivaz ione s colas tica e allo s volgime nto de ll'inte raz ione ins e gnante -s tude nte in dive rs i conte s ti didattici. 4. Abilit comunicative (communication s kills ). Gli s tude nti dovranno acquis ire la capacit di dis cute re criticame nte le principali te orie e i me todi utiliz z ati pe r indagare l'inte raz ione e ducativa. 5. Capacit di appre ndime nto(le arning s kills ). Gli s tude nti dovranno e s s e re in grado di appre nde re i pi re ce nti approcci te orici e i principali s trume nti di valutaz ione e di os s e rvaz ione de ll'inte raz ione e ducativa. AT T IVIT DI SUPPORT O A le z ione gli argome nti ve ngono trattati ne i loro as pe tti ge ne rali e s e condo un ordine che non ris pe cchia ne ce s s ariame nte que llo de i capitoli de i libri. In aula ve rr dato s paz io anche a: a) approfondime nti e chiarime nti s u richie s ta de gli s tude nti; b) proie z ione e dis cus s ione di audiovis ivi; c) le ttura e comme nto critico di articoli; d) s imulaz ione di prove di acce rtame nto. PROGRAMMA Conte nuti Oltre ai principi me todologici e te orici de lla ps icologia de ll'e ducaz ione , ve rranno pre s e ntate le fas i s alie nti de ll'inte rve nto e ducativo (dalla formulaz ione de gli obie ttivi alla valutaz ione , controllo e inte rpre taz ione de i ris ultati); le te cniche pe r organiz z are , monitorare e ge s tire gli e ve nti critici de ll'inte raz ione ; i principi de ll'is truz ione programmata; le te cnologie e ducative . Programma Le origini, le te orie e i me todi di indagine : che cos ' la ps icologia de ll'e ducaz ione - Il comportame ntis mo, il cognitivis mo, Piage t e Vygots kij, il cos truttivis mo dopo Piage t, gli approcci pos t-vygots kijani, me todi di indagine ; Strate gie didattiche e ogge tti di s tudio: didattica frontale , appre ndime nto collaborativo, la dis cus s ione tra pari, le gge re e s crive re te s ti, la motivaz ione ad appre nde re , La qualit de ll'appre ndime nto, le te cnologie a s upporto de ll'appre ndime nto. Os s e rvare pe r programmare l'inte rve nto e ducativo. L'inte raz ione ins e gnante -s tude nte ne i conte s ti didattici T EST I -Ligorio M.B., Cacciamani S. (2013), Ps icologia de ll'e ducaz ione . Roma: Carocci Editore (pp.11-264). -Rollo D., Pine lli M. (2010), Os s e rvare e valutare lo s viluppo. Milano: Franco Ange li. (pp. 191-217). -AA.VV. (2013), La re laz ione ins e gnante -s tude nte ne l conte s to didattico. Ps icologia de ll'e ducaz ione , vol. 7 (2), Nume ro monografico s e tte mbre . NOT A Oltre a prove in itine re , l'e s ame pre ve de : una prova s critta con 5 domande ape rte s ui libri di te s to (il voto finale /30 de riva dalla s omma de i voti riportati ne lle s ingole domande ); una prova orale , a cui acce de re pre vio s upe rame nto de lla prova s critta. L'orale obbligatorio pe r coloro che allo s critto pre ndono un voto compre s o da 18 a 22, facoltativo pe r

- 23 -

L'orale obbligatorio pe r coloro che allo s critto pre ndono un voto compre s o da 18 a 22, facoltativo pe r coloro che pre ndono da 23 in s u. Pe r i fre que ntanti (lo chi s volge alme no 2/3 de lle prove in itine re ) l'orale s e mpre facoltativo http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=dd08

Psicologia dello sviluppo


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Ro bert a Carbo ne (T it o lare del co rso ) Re capito: 3450846685 [roberta.carbone@unipr.it] Tipologia: Anno: 1 anno 2 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PSI/04 - ps icologia de llo s viluppo e ps icologia de ll'e ducaz ione Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto e d orale OBIET T IVI Conos ce nz e e capacit di compre nde re : capacit di raccoglie re e inte rpre tare i dati ne l proprio campo di s tudio rite nuti utili a de te rminare giudiz i autonomi Compe te nz e : conos ce nz e conne s s e al s e ttore di s tudio, capacit di compre ns ione e di applicaz ione , capacit comunicative e capacit di appre ndime nto AT T IVIT DI SUPPORT O Le z ioni frontali Vis ioni vide o Se minari Es e rcitaz ioni Il cors o s ar affiancato da e s e rcitaz ioni pratiche con lo s copo di fornire a cias cun s tude nte s trume nti ade guati pe r l'inte rve nto e la ris oluz ione di dive rs e proble matiche proprie de ll'e t e volutiva. PROGRAMMA Principali te orie e me todi d'indagine pi comune me nte utiliz z ati pe r lo s tudio ps icologico de llo s viluppo. Evoluz ione de lle varie funz ioni ps ichiche di bas e e s viluppo de lle compe te nz e cognitive , linguis tiche , ae ttive e s ociali. Sviluppo s ociale ne ll'infanz ia, prima e me dia fanciulle z z a, adole s ce nz a e alcuni proble mi ps icologici s pe cifici alle dive rs e fas ce d'e t. Le prime le z ioni riguardano argome nti di caratte re ge ne rale : ve rranno e s aminate le principali te orie e i me todi d'indagine pi comune me nte utiliz z ati pe r lo s tudio ps icologico de llo s viluppo. Ne lla s e conda parte de ll'ins e gname nto ve rranno approfondite le te matiche riguardanti l'e voluz ione de lle varie funz ioni ps ichiche di bas e quali l'e moz ione , l'atte nz ione , la pe rce z ione e lo s viluppo de lle compe te nz e cognitive , linguis tiche , affe ttive e s ociali. T EST I Carbone , R. (2010). Significati e funz ioni de l comportame nto aggre s s ivo. UNI.NOVA Carbone R. (2011). Le z ioni di ps icologia de llo s viluppo. Uni.Nova In alte rnativa: Be rti, A.E., Bonbi, A.S. (2008). Cors o di ps icologia de llo s viluppo. NOT A modalit di ve rifica in itine re : pre vis to a me t cors o un que s tionario di ve rifica modalit de lla ve rifica finale : prova orale s i inte ndono ve rificare :conos ce nz e , capacit di compre ns ione , abilit di s oluz ione de i proble mi tipologie di domande : 6 domande a ris pos ta ape rta s oglie di ins ufficie nz a: un punte ggio al di s otto di 18/30 ne lla prova orale ; crite ri con cui s i attribuiranno i punte ggi: la ris pos ta ad ogni domanda vie ne valutata con un punte ggio da 0/30 (ne s s una conos ce nz a, ne s s una compre ns ione , ne s s una abilit di s oluz ione de i proble mi) ad un mas s imo di 5/30 (ottima conos ce nz a, compre ns ione e abilit di s oluz ione de i proble mi). Punte ggio finale : un punte ggio totale (dato dalla s omma de i dive rs i punte ggi otte nuti ad ogni domanda) uguale o s upe riore ai 18/30 pe rme tte allo s tude nte di s upe rare l'e s ame . http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=c512

Psicologia evoluzionist ica


Anno accade mico: 2013/2014

- 24 -

CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Angelo T art abini (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034809 [angelo.tartabini@unipr.it] Tipologia: Anno: 1 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PSI/01 - ps icologia ge ne rale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto e d orale OBIET T IVI - L'obie ttivo primario de ll'ins e gname nto lo s viluppo di un pe rcors o di s tudio che accre s ca ne llo s tude nte la capacit critica di s ape r me tte re in re laz ione gli s tudi pi re ce nti e s e guiti s ul comportame nto animale e que llo umano con que lli e s e guiti ne l pas s ato, pe r capire in s os tanz a come la ps icologia e voluz ionis tica abbia con il te mpo fatte proprie le re gole de lla biologia che s tudia l'adattame nto de lle s pe cie all'ambie nte . Pe r pote r raggiunge re tale obie ttivo s ar fondame ntale l'acquis iz ione de lle compe te nz e ps icologiche e biologiche che ve rranno ampiame nte dis cus s e durante le le z ioni. - Conos ce re le te orie e voluz ionis tiche , al fine di s ape rne analiz z are ade guatame nte i quadri te oricoconce ttuali. - Conos ce re e s ape r analiz z are le tras formaz ioni de i s is te mi biologici, anche di que lli culturali, ne l pi ampio quadro de l mutame nto s ociale comple s s ivo animale e d umano. - Pos s e de re compe te nz e de s crittive e d analitiche s ulla ce ntralit de i proce s s i biologicocomportame ntali e d e voluz ionis tici. - Sape r inte rpre tare , in chiave ps icologica e quindi de lle funz ioni me ntali s ia il comportame nto de gli animali che de ll'uomo. AT T IVIT DI SUPPORT O La me todologia utiliz z ata s ar fondata pre vale nte me nte s ulla le z ione frontale . All'inte rno de l cors o s i utiliz z e ranno, come s trume nti inte grativi de i conte nuti, ris ors e multime diali e inte rattive , al fine di avviare un confronto attivo con gli s tude nti PROGRAMMA La prima parte de l cors o riguarde r argome nti di caratte re s torico de lla ps icologia e voluz ionis tica, come e quando iniz ia que s ta dis ciplina e i s uoi autori pi importanti attuali e de l s e colo s cors o. La s e conda parte de l cors o s e guir inve ce gli s viluppi s cie ntifici e d anche gli approfondime nti di que s ta dis ciplina. Il pe rcors o s torico de gli s tudi di ps icologia animale e d umana condotti da: Hobhous e , Lloyd Morgan, Thorndike , Las hle y, Lore nz , Ye rke s , Kohle r, Ladygina-Kohts , Eibl-Eibe fe ldt e da altri autori. Cultura: uomini e s cimmie a confronto. Evoluz ione de lla me nte e te oria de lla me nte . Ambie nte , linguaggio articolato e de i s e gni. Cos cie nz a di s . Lo s tudio de i crite ri di s e le z ione de l partne r s e s s uale ne ll'uomo a confronto con que lli animali. Il conitto, antagonis mo e inibitori conittuali. Rivalit ge nitori-gli, inve s time nto pare ntale , rango e matriarcato animale e d umano. L'origine de lla dis uguaglianz a e de ll'e guaglianz a: Homme e Enfant s auvage di Je an-Jacque s Rous s e au. Vita di gruppo e e voluz ione de ll'organiz z az ione s ociale . T EST I A. Tartabini, Fondame nti di ps icologia e voluz ionis tica, Liguori 2012; David Bus s , Ps icologia e voluz ionis tica, Pe ars on, Milano 2012. A. Tartabini, Uomini e s cimmie in pe ricolo, Murs ia, Milano, 2013. NOT A - La modalit di ve rifica finale pre ve de un e s ame s critto e uno orale che ve rte ranno s ia s ui conte nuti de lle le z ioni, s ia s ulla le tte ratura s pe cifica fornita allo s tude nte . - Si inte nde ve rificare la capacit di me tte re in re laz ione gli as pe tti ps icologici e biologici de l comportame nto animale e d umano che e me rge ranno s ia dalle le z ioni frontali, s ia dalla bibliografia as s e gnata all'iniz io de l cors o. - Alla prova s critta ve rranno fatte domande con la formula de lla ris pos ta ape rta ma limitata ne llo s paz io (s e tte righe a dis pos iz ione pe r ogni ris pos ta). Le domande alla prova orale non s i limite ranno alla s ola ve rifica de ll'acquis iz ione de i conte nuti, ma ve rranno formulate in modo da compre nde re s e il candidato s ia in grado di re laz ionare ogge tti di s tudio dive rs i, in rife rime nto s ia ai conte nuti de lle le z ioni frontali, s ia ai conte nuti bibliografici. - Il crite rio con cui lo s tude nte vie ne valutato ve rte s u tre as pe tti: - 1) conos ce nz a de gli argome nti trattati s ia ne lle le z ioni frontali, articolate in pe rcors i te matici, s ia ne lla bibliografia s pe cifica ogge tto d'e s ame orale . - 2) capacit di compre ns ione de i proble mi te orici e me todologici, nonch s torici de lla dis ciplina in que s tione . - 3) capacit di re laz ionare i dive rs i as pe tti e conte nuti di caratte re s pe cifico de lla dis ciplina.

- 25 -

- Se lo s tude nte mos tre r di pos s e de re tali re quis iti, ve rr valutato in s e de di e s ame orale con un punte ggio finale uguale o s upe riore ai 18/30.

http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=0f8d

Servizi educat ivi per la prima infanzia


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Elisabet t a Andreo li (T it o lare del co rso ) Re capito: [b.andreoli@comune.parma.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PED/03 - didattica e pe dagogia s pe ciale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto OBIET T IVI Lo s tude nte dovr acquis ire alcune conos ce nz e fondame ntali: - Il nido s e rviz io s ocio e ducativo rivolto all'e ducaz ione de i bambini - Il s ignificato de lle pratiche e ducative tra cura e e ducaz ione - Ins e rime nto e attaccame nto: ruolo e s tili di re laz ione de ll'e ducatore - Le famiglie portatrici di bis ogni e ris ors e - Conce tti chiave s ulla famiglia: attaccame nto, re laz ione e ge nitorialit AT T IVIT DI SUPPORT O Le z ioni frontali (con us o di Powe r Point), dis cus s ioni di gruppo. Giornate os s e rvative ne i s e rviz i e dis cus s ione di gruppo a partire da quanto os s e rvato. Laboratori s u te matiche s ope cifiche condotti da coordinatori pe dagogici. PROGRAMMA Conte nutI s e rviz i pe r l'infanz ia tra ruolo di cura e ruolo e ducativo: I s e rviz i pe r l'infanz ia tra ruolo di cura e ruolo e ducativo Ne l cors o s i aronte ranno te matiche re lative al s ignicato e coe re nz a de lle pratiche e ducative tra lavoroi cura e lavoro e ducativo ne i s e rviz i pe r l'infanz ia Ci s i propone di indagare la comple s s it de ll'agire e ducativo analiz z ando te mpi, modi e conte s ti di cre s cita. Si analiz z e r l'e voluz ione s torica de i s e rviz i ne l pas s aggio da luoghi di cus todia as s is te nz iale a luoghi con una pre cis a ide ntit pe dagogica volta a favorire il be ne s s e re de l bambino e a s os te ne re il s uo proce s s o di cre s cita. Si affronte ranno in particolare le s e gue nti te matiche : - analis i de lle caratte ris tiche ge s tionali e organiz z ative de lle dive rs e tipologie di s e rviz i - analis i de ll'organiz z az ione s paz io-te mporale de lla giornata e ducativa - ruolo de ll'e ducatore ne lla ge s tione de lle pratiche di cura e di gioco - ruolo de ll'e ducatore ne lla re laz ione nido-famiglia PRIMA PARTE Introduz ione al cors o. Ce nni s torici s ull'e voluz ione de i s e rviz i pe r la prima infanz ia e normative di rife rime nto. Organiz z az ione de lle dive rs e tipologie di s e rviz i. Tras formaz ioni s ociali e culturali de ll 'immagine di famiglia e di bambino. SECONDA PARTE Os s e rvaz ione e proge ttaz ione ne lle pratiche ins e rime nto/ambie ntame nto; routine , rituali e proce s s i di cre s cita. quotidiane in conte s ti e ducativi:

TERZA PARTE Ruolo de ll'e ducatore ne lla ge s tione de lle prariche di cura e ne lla cos truz ione de lla re laz ione nido famiglia T EST I Te s ti obbligatori pe r s critto 1. Sus anna Mantovani, Laura Re s tuccia Saitta, Chiara Bove , Attaccame nto e ins e rime nto, s tili e s torie de lle re laz ioni al nido, FrancoAnge li 2000 2. Nice Te rz i (a cura di), Pros pe ttive di qualit al nido, Ediz ioni Junior, 2006 3. France s ca Emiliani ( a cura di ), I bambini ne lla vita quotidiana, Carrocci Roma 2002

- 26 -

4. Colombo Coce ve r, Il lavoro di cura, Carocci Fabe r 2004 Uno a s ce lta tra i te s ti pe r approfondime nto - Ada Cigala, Paola Cors ano (a cura di ), Bambini ne i conte s ti e ducativi: os s e rvare pe r proge ttare , Ediz ioni Junior, 2007 - Pie ra Braga (a cura di), Gioco, cultura e formaz ione , Ediz ioni Junior 2005 - Monica Gue rra, Ele na Luciano, La re laz ione con le famiglie , ne i s e rviz i e ne lle s cuole de ll'infanz ia, Ediz ioni Junior 2009 - Ce ntro Studi pe r l'Infanz ia e l'Adole s ce nz a ParmaInfanz ia, Sus anna Mantovani, Paolo Calidoni (a cura di), Accoglie re pe r e ducare . Pratiche e s ape ri ne i s e rviz i e ducativi pe r l'infanz ia, Ericks on 2008 NOT A In itine re i crite ri di valutaz ione s aranno in bas e alla: fre que nz a, live llo di parte cipaz ione e coinvolgime nto ne l cors o de lle le z ioni e de i laboratori La ve rifica finale s i articola in una prova s critta a domande ape rte s ui te s ti obbligatori. http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=e 4fe

Sociologia dei processi cult urali ed educat ivi


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Danila Bert asio (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034153 [danila.bertasio@unipr.it] Tipologia: Anno: 3 anno Cre diti/Vale nz a: 12 CFU SSD: SPS/08 - s ociologia de i proce s s i culturali e comunicativi Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI - L'obie ttivo primario de l cors o lo s viluppo di un pe rcors o di s tudio che accre s ca ne llo s tude nte la capacit critica di s ape r me tte re in re laz ione , s trutturare e confrontare i fe nome ni propriame nte culturali con gli as pe tti s pe cificame nte e ducativi. Pe r pote r raggiunge re tale obie ttivo s ar fondame ntale l'acquis iz ione de lle compe te nz e s ociologiche pe r de s crive re e d inte rpre tare , s e gue ndo diffe re nti pros pe ttive e pis te mologiche , i rapporti tra cultura, s ocie t e d e ducaz ione . - Conos ce re le principali te orie s ociologiche as s e gnate ai s is te mi culturali, e ducativi e formativi, al fine di s ape r analiz z arne i quadri te orico-conce ttuali. - Conos ce re e s ape r analiz z are le tras formaz ioni de l s is te ma culturale e d e ducativo ne l pi ampio quadro de l mutame nto s ociale comple s s ivo. - Pos s e de re compe te nz e de s crittive e d analitiche s ulla ce ntralit de i proce s s i e ducativi e formativi ne lla s ocie t occide ntale , s ulle principali te orie e rice rche e mpiriche s ul rapporto tra cultura e e ducaz ione . - Sape r inte rpre tare , in chiave s ociologica i te mi de lle diffe re nz e , de lle dis uguaglianz a, de ll'e quit, de ll'e fficie nz a e de lla qualit de i s is te mi culturali e d e ducativi. PROGRAMMA La prima parte de l modulo riguarde r argome nti di caratte re ge ne rale . Se gue ndo quale lo conduttore il te ma de l rapporto fra e ducaz ione e cultura s aranno pre s e ntati s ce nari e mode lli de ll'e ducaz ione che s i s ono s viluppati e intre cciati in pas s ato pe r dare ampio s paz io alla dis cus s ione s ulle condiz ione de ducabilit e di s ocialit ne lla re alt conte mporane a. Il cors o s ar volto a compre nde re i proce s s i culturali e d e ducativi ne i dive rs i as pe tti de l comple s s o de lle conos ce nz e , de lle cre de nz e , de i modi di comportame nto, de lle conve nz ioni e de lle as pe ttative acquis ite e praticate dalla pe rs ona e dalla s ocie t. La s e conda parte de l cors o pre ve de , poi, la trattaz ione di argome nti quali la s ocializ z az ione , l'ide ntit, le dis uguaglianz e di fronte all'is truz ione . Particolare atte nz ione s ar dunque de dicata ai le gami fra re s pons abilit e libe rt, fra chance s di vita e condiz ioname nti s ocioculturali. Inne , la te rz a parte de l cors o, avr come obie ttivo que llo di trattare due age nz ie culturali fondame ntali quali la s cie nz a e l'arte . Il te rmine cultura s ar ogge tto di valutaz ioni critiche , al ne di compre nde re la dinamica de i mutame nti s ocioculturali. In que s ta dire z ione ve rranno arontati te mi ce ntrali e me todologie proprie de lla s ociologia culturale , proble matiz z ando la dis tinz ione tra s ocie t e cultura, a partire dalla s ociologia

- 27 -

clas s ica. In s e guito ve rr introdotto il conce tto s ociologico di die re nz iaz ione culturale , al ne di compre nde re come le culture non s iano s trutture ate mporali, s s e e te nde nti all'autoriproduz ione . Tale conce tto s ar inoltre arontato te ne ndo in cons ide raz ione due ve rs anti te orici: il primo, di tradiz ione ame ricana, che pone l'e nfas i s ulla die re nz iaz ione inte rna de lla cultura, dovuta alla compars a e alla s trutturaz ione de lle s ocie t indus triali me tropolitane e de i dive rs i s trati s ociali, gruppi e movime nti che s ono in e s s a pre s e nti; il s e condo, di tradiz ione s ociologica te de s ca, che inve ce acce ntua la dime ns ione s torica, raorz ando cos il conce tto di die re nz iaz ione inte rna a una s ocie t. In s e guito, tali rie s s ioni s aranno inte grate s ia con i conce tti di innovaz ione e cambiame nto, approfonditi da G.Simme l e da G.H.Me ad, al ne di compre nde re la capacit cre ativa e innovativa de lla cultura che incide s ull'as pe tto adattivo e graduale de l proce s s o di tras mis s ione culturale . T EST I W. Gris wold, Sociologia de lla cultura, Il Mulino, Bologna, 2005. E.Be s oz z i, Socie t, cultura, e ducaz ione , Carocci, 2010. D. Be rtas io, Dis armonie . Il cas o de l Kits ch, Liguori, Napoli, 2012. AA.VV Arte e Scie nz a, Mime s is , 2013 CdS C.M. Cipolla, Piccole cronache , Il Mulino, 2010. NOT A Me todi didattici: La me todologia utiliz z ata s ar fondata pre vale nte me nte s ulla le z ione frontale . All'inte rno de l cors o s i utiliz z e ranno, come s trume nti inte grativi de i conte nuti, ris ors e multime diali e inte rattive , al fine di avviare un confronto attivo con gli s tude nti. Modalit ve rifica appre ndime nto - La modalit di ve rifica finale pre ve de un e s ame orale che ve rte r s ia s ui conte nuti de lle le z ioni, s ia s ulla le tte ratura s pe cifica fornita allo s tude nte . - Si inte nde ve rificare la capacit di me tte re in re laz ione gli as pe tti propriame nte culturali con il s is te ma e ducativo e le proble matiche s ociologiche s ull'e ducaz ione che e me rge ranno s ia dalle le z ioni frontali, s ia dalla bibliografia as s e gnata all'iniz io de l cors o. - Le tipologie di domande s aranno e ffe ttuate con la formula de lla ris pos ta ape rta. Le domande non s i limite ranno alla s ola ve rifica de ll'acquis iz ione de i conte nuti, ma ve rranno formulate in modo da compre nde re s e il candidato in grado di re laz ionare ogge tti di s tudio dive rs i, in rife rime nto s ia ai conte nuti de lle le z ioni frontali, s ia ai conte nuti bibliografici. - Il crite rio con cui lo s tude nte vie ne valutato ve rte s u tre as pe tti: - 1) conos ce nz a de gli argome nti trattati s ia ne lle le z ioni frontali, articolate in pe rcors i te matici, s ia ne lla bibliografia s pe cifica ogge tto d'e s ame orale . - 2) capacit di compre ns ione de i proble mi te orici e me todologici. - 3) capacit di re laz ionare i dive rs i as pe tti e conte nuti di caratte re s pe cifico de lla dis ciplina. - Se lo s tude nte mos tre r di pos s e de re tali re quis iti, ve rr valutato in s e de di e s ame orale con un punte ggio finale uguale o s upe riore ai 18/30.

http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=47b6

Sociologia dell'art e
Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Proge ttaz ione e coordiname nto de i s e rviz i e ducativi (clas s e LM-50) Doce nte : Pro f . Danila Bert asio (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034153 [danila.bertasio@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: SPS/08 - s ociologia de i proce s s i culturali e comunicativi Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI - L'obie ttivo primario de l cors o lo s viluppo di un pe rcors o di s tudio che accre s ca ne llo s tude nte la capacit critica di s ape r me tte re in re laz ione , s trutturare e confrontare i fe nome ni propriame nte artis tici e d e s te tici con altri as pe tti culturali. Pe r pote r raggiunge re tale obie ttivo s ar fondame ntale

- 28 -

l'acquis iz ione de lle compe te nz e s ociologiche pe r de s crive re e d inte rpre tare , alla luce de lle diffe re nti pros pe ttive e pis te mologiche , i rapporti tra arte , cultura e s ocie t. - Conos ce re le principali te orie s ociologiche as s e gnate ai s is te mi s ocio-culturali, al fine di s ape r analiz z arne i quadri te orico-conce ttuali. - Conos ce re e s ape r inte rpre tare le tras formaz ioni de l s is te ma de ll'arte ne l pi ampio quadro de l mutame nto s ociale comple s s ivo. - Pos s e de re compe te nz e de s crittive e d analitiche s ulla ce ntralit de i proce s s i artis tico-culturali ne lla s ocie t occide ntale attrave rs o le principali te orie e rice rche e mpiriche . AT T IVIT DI SUPPORT O La me todologia utiliz z ata s ar fondata pre vale nte me nte s ulla le z ione frontale . All'inte rno de l cors o s i utiliz z e ranno, come s trume nti inte grativi de i conte nuti, ris ors e multime diali e inte rattive , al fine di avviare un confronto attivo con gli s tude nti. PROGRAMMA Conte nuti de ll'ins e gname nto - La prima parte de l modulo riguarde r argome nti di caratte re ge ne rale . Se gue ndo quale lo conduttore il te ma de l rapporto fra arte e s ocie t, s e nz a tras curare la natura e la s toria de ll'arte , il cors o inte nde collocars i all'inte rno di una tradiz ione di indagine s ociologica, pe r la quale la ripe titivit de gli e ve nti s ottopos ti ad analis i una caratte ris tica irrinunciabile de ll'impos taz ione s cie ntica (te orica e me todologica). - La s e conda parte de l cors o s ar volto a compre nde re i proce s s i artis tici e culturali ne i s uoi dive rs i as pe tti, quali l'inte rpre taz ione de i fatti le gati all'arte ne i s uoi paradigmi e s te tici, di produz ione , di critica e di rapporti tra pubblico e me rcato. Programma - Il cors o inte nde s oe rmars i s u dive rs i punti critici de lla s ociologia de ll'arte . Es s o s i propone di indagare il fe nome no de lla produz ione artis tica in una pros pe ttiva me todologicame nte e quidis tante tanto da chi s os tie ne un'as s oluta autonomia de ll'arte quanto da chi propone un'ide a de ll'arte come ris pe cchiame nto de lla s ocie t. Poich s ono gli e ve nti e s te ticame nte rile vanti ad e s s e re coinvolti ne ll'indagine s ociologica e non l'autonomia de ll'arte n , tantome no, la natura de l be llo, s os te ne re che il pre s e nte e il futuro de lla s ociologia de ll'arte dipe ndono dal s uo dis tacco dalla rie s s ione e s te tica una fals a ris pos ta a un fals o proble ma. Sotto que s ta luce s ar chiarito che ine vitabilme nte la s ociologia de ll'arte , dis ciplina che pe r natura non pu che e s s e re s quis itame nte inte rdis ciplinare e , dunque , difficilme nte "compre s a" e "compre s s a" all'inte rno di un unico paradigma. T EST I R. Stras s oldo, Da David a Saatchi, Forum, 2010. D. Be rtas io, Arte o s pe ttacolo? Fruitori, ute nti, attori, Franco Ange l, Milano, 2006. G.M. Cos s i, Il contributo de i clas s ici alla s ociologia de ll'arte , Aracne , 2005. R. e M. Wittkove r, Nati s otto Saturno, Einaudi, 1996. NOT A Modalit ve rifica appre ndime nto - La modalit di ve rifica finale pre ve de un e s ame orale che ve rte r s ia s ui conte nuti de lle le z ioni, s ia s ulla le tte ratura s pe cifica fornita allo s tude nte . - Si inte nde ve rificare la capacit di me tte re in re laz ione gli as pe tti propriame nte culturali de l s is te ma de ll'arte , che cos tituis ce il live llo di os s e rvaz ione ce ntrale s ia de lle le z ioni frontali, s ia de lla bibliografia as s e gnata all'iniz io de l cors o. - Le domande s aranno e ffe ttuate con la formula de lla ris pos ta ape rta. Es s e non s i limite ranno alla s ola ve rifica de ll'acquis iz ione de i conte nuti, ma ve rranno formulate in modo tale da compre nde re s e il candidato in grado di s tabilire re laz ioni fra le dive rs e impos taz ioni te oriche e me todologiche , in rife rime nto s ia ai conte nuti de lle le z ioni frontali, s ia ai conte nuti bibliografici. - Il crite rio con cui lo s tude nte vie ne valutato ve rte s u tre as pe tti: - 1) conos ce nz a de gli argome nti trattati s ia ne lle le z ioni frontali, articolate in pe rcors i te matici, s ia ne lla bibliografia s pe cifica ogge tto d'e s ame orale . - 2) capacit di compre ns ione de i proble mi te orici e me todologici. - 3) capacit di re laz ionare i dive rs i as pe tti e conte nuti di caratte re s pe cifico de lla dis ciplina. Se lo s tude nte mos tre r di pos s e de re tali re quis iti, ve rr valutato in s e de di e s ame orale con un punte ggio finale guale o s upe riore ai 18/3. http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=dffc

- 29 -

Sociologia generale
Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Alessandro Bo si (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034883 [alessandro.bosi@unipr.it] Tipologia: Anno: 1 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: SPS/07 - s ociologia ge ne rale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto e d orale OBIET T IVI Il cors o di Sociologia ge ne rale , dopo ave r introdotto gli s tude nti alle ragioni che motivarono la nas cita de lla dis ciplina, approfondis ce il conce tto di s ocie t pos tmode rna e analiz z a il pas s aggio conce ttuale dall'ide ntit s ociale all'ide ntit narrativa. Inoltre , il cors o s i s offe rma s u alcuni e le me nti di me todologia de lla rice rca s ociologica qualitativa analiz z ando alcune applicaz ioni de ll'inte rvis ta narrativa.

AT T IVIT DI SUPPORT O Il cors o pre ve de : le z ioni frontale , dis cus s ioni s ugli argome nti affrontati ne lle le z ioni frontali; focus group s u argome nti circos tanz iati; mome nti laboratoriali con s imulaz ioni e s tudio di cas i. PROGRAMMA Durante il cors o, il colloquio e le prove laboratoriali. Alla prova d'e s ame , lo s critto e l'orale . Conos ce nz a e capacit di compre ns ione (knowle dge and unde rs tanding): s olle citata e richie s ta una capacit di compre ns ione analitica de i te s ti s e condo crite ri di rigore logico e lologico. Si richie de inoltre capacit di s inte s i. Ne l comple s s o, la conos ce nz a de gli argome nti trattati non s i ridurr alla loro ripe tiz ione , ma e vide nz ie r attitudini alla re inte rpre taz ione pe rs onale re aliz z ata con linguaggio appropriato alla dis ciplina. Capacit di applicare conos ce nz a e compre ns ione (applying knowle dge and unde rs tanding): la conos ce nz a richie s ta non di tipo me rame nte de s crittivo. Lo s tude nte dimos tre r attitudini pe rs onali ne lla s oluz ione de lle que s tioni pros pe ttate . Sapr s viluppare in modo critico pe rcors i originali ne ll'ambito de gli argome nti affrontati. Autonomia di giudiz io (making judge me nts ): richie s ta autonomia di giudiz io s ugli argome nti propos ti e capacit di us are in modo autonomo le me todologie di rice rca s ociologica propos te . Il cors o s olle cita gli s tude nti a e laborare giudiz i individuali e all'inte rno di piccoli gruppi. Abilit comunicative (communication s kills ): s aranno e s e rcitate durante il cors o e richie s te in s e de d'e s ame . Lo s tudio de ll'inte rvis ta narrativa come te cnica pe r la rice rca qualitativa e le s imulaz ioni che s aranno s volte durante le le z ioni pe r appre nde rne l'us o mirano a e s e rcitare le abilit comunicative de gli s tude nti. Capacit di appre ndime nto (le arning s kills ): il cors o promuove e valuta l'attitudine de llo s tude nte ne ll'applicare i pe rcors i conce ttuali alle prove di rice rca e mpirica.

T EST I Bauman Z., Il dis agio de lla pos tmode rnit, Bruno Mondadori, Milano, 2002; Bos i A., Il s e ntime nto de l te mpo e de l luogo, Unicopli, Milano, 2005; Bos i A., Come s tai in famiglia?, Batte i, Parma, 2006; Bos i A., L'ide ntico o de lla diffe re nz a, Unicopli, Milano, 2011; Ricoe ur P., S come un altro, Jaca Book, Milano, 1993. NOT A Pre re quis iti Sono richie s te conos ce nz a di s ociologia, s toria e filos ofia Modalit d'e s ame pe r gli s tude nti di Scie nz e de ll'e ducaz ione L'e s ame di Sociologia ge ne rale , La s ocie t pos tmode rna e il pe ns ie ro narrativo, pre ve de una prova s critta e una orale s ui s e gue nti te s ti: Bos i A., Il s e ntime nto de l te mpo e de l luogo, Unicopli, Milano, 2005 (all'e s ame lo s tude nte ris ponde r s ui quattro capitoli de l libro, non s ui quattro e xcurs us );

- 30 -

Bos i A., Come s tai in famiglia?, Batte i, Parma, 2006; Bos i A., L'ide ntico o de lla diffe re nz a, Unicopli, Milano, 2011; (all'e s ame lo s tude nte ris ponde r s ulla prima parte de l libro e s u due e s e rciz i -a s ce lta- de lla s e conda parte ). La prova s critta cons is te in una te s ina s ui te mi de l cors o s volti durante le le z ioni e pre s e nti ne i te s ti indicati. La te s ina, di circa 7,8 pagine di 1.500 battute cias cuna, s volge r uno de i s e gue nti te mi a s ce lta de llo s tude nte : Con rife rime nto al cors o di Sociologia Ge ne rale , chiarite la dis tinz ione fra raccontare me ccanico e e s pe rie nz a de l raccontars i con l'altro e e s prime te le vos tre cons ide raz ioni; chiarite in che cos a cons is te la dis tinz ione fra ide ntit, dive rs it e diffe re nz a e e s prime te le vos tre cons ide raz ioni; chiarite in che cos a cons is te l'as colto narrativo e e s prime te le vos tre cons ide raz ioni; as s e gnate un titolo, e comme ntate lo, alle le z ioni di Sociologia Ge ne rale , o alcune di e s s e , che ave te fre que ntato. La te s ina cons is te r in uno s volgime nto de l te ma con rife rime nto ai te mi de l cors o e con cons ide raz ioni pe rs onali de llo s tude nte anche attrave rs o il ricors o ad altri te s ti. La te s ina dovr pe rve nirmi all'indiriz z o ale s s andro.bos i@unipr.it alme no cinque giorni prima de ll'e s ame . Ne ll'ogge tto de lla mail, lo s tude nte s crive r: te s ina di Sociologia Ge ne rale . Sulla prima pagina de lla te s ina comparir nome , cognome e indiriz z o mail de llo s tude nte . Non confe rme r via mail di ave r rice vuto e approvato la te s ina. La prova orale iniz ie r con la dis cus s ione de lla te s ina e approfondir s ucce s s ivame nte altri argome nti d'e s ame .

http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=c655

St oria della filosofia cont emporanea


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Fio renza T o ccaf o ndi (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.032540 [fiorenza.toccafondi@unipr.it] Tipologia: Anno: 1 anno Cre diti/Vale nz a: 12 CFU SSD: M-FIL/06 - s toria de lla filos ofia Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto OBIET T IVI Conos ce nz a di bas e di alcune de lle principali que s tioni dis cus s e in filos ofia de lla pe rce z ione ; acquis iz ione de l linguaggio filos ofico di bas e ne ce s s ario pe r le gge re e compre nde re compiutame nte te s ti di filos ofia conce rne nti te matiche pe rce ttive (De s crittori di Dublino 1: conos ce nz a e capacit di compre ns ione ); II. capacit di le gge re , compre nde re , analiz z are e inte rpre tare te s ti conce rne nti te matiche di filos ofia de lla pe rce z ione (De s crittori di Dublino Conos ce nz a e capacit di compre ns ione applicate ); III. capacit di me tte re a fuoco i pre s uppos ti e pis te mologici de lle varie te orie de lla pe rce z ione te ne ndo conto de l loro re trote rra s torico (De s crittori di Dublino Autonomia di giudiz io); Capacit di comme ntare cos truttivame nte i principali conte nuti de lla dis ciplina, di s os te ne re argome nti e formulare giudiz i (De s crittori di Dublino 4: abilit comunicative ); Guidare lo s tude nte ve rs o un appre ndime nto autonomo (De s crittori di Dublino 5: capacit di appre ndime nto). AT T IVIT DI SUPPORT O Se minari PROGRAMMA Proble mi filos ofici de lla pe rce z ione L'obie ttivo de l cors o orire una introduz ione ai principali proble mi los oci pos ti dalla pe rce z ione . Le prime le z ioni avranno un taglio pre vale nte me nte introduttivo e s i conce ntre ranno s u te mi di caratte re e pis te mologico. Le te matiche pe rce ttive s aranno poi analiz z ate attrave rs o la le ttura di te s ti di Carte s io,

- 31 -

Schope nhaue r e Aus tin. Ne lla s e conda parte de l cors o le proble matiche pe rce ttive s aranno inne s viluppate anche alla luce de lla tradiz ione fe nome nologica e de lle conte mporane e te orie ne urofis iologiche . T EST I Modulo A (6 cre diti): - A. Pate rnos te r, Il filos ofo e i s e ns i, Roma, Carocci, 2007, pp. 7-56 pp. 57-124 - Carte s io, Me ditaz ioni Me tafis iche (quals ias i e diz ione ): Prima e Se conda Me ditaz ione - A. Schope nhaue r, Il mondo come volont e rappre s e ntaz ione (quals ias i e diz ione ): Libro Primo (Il mondo come rappre s e ntaz ione - J. Hos pe rs , La pe rce z ione : a che cos a as s omiglia il mondo?, in J. Hos pe rs , Introduz ione all'analis i filos ofica, Mondadori Unive rs it, 2003, pp. 87-118 Modulo B (6 cre diti): - A. Pate rnos te r, Il filos ofo e i s e ns i, Roma, Carocci, 2007, pp. 57-124 - S. Ze ki, Ne urologia de ll'ambiguit, in G. Lucignani, A. Pinotti (a cura di), Immagini de lla me nte , Milano, Cortina, 2007, pp. 83-119. - V. Galle s e , Corpo vivo, s imulaz ione incarnata e inte rs ogge ttivit. Una pros pe ttiva ne urofe nome nologica, in M. Cappuccio (a cura di), Ne urofe nome nologia. Le s cie nz e de lla me nte e la s fida de ll'e s pe rie nz a cos cie nte , Milano, Bruno Mondadori, 2006, pp. 293-326 - J.L. Aus tin, Se ns o e s e ns ibilia, Ge nova, Marie tti, 2001, capitoli dall'1 al 5 - S. Gallaghe r & D. Zahavi, La me nte fe nome nologica. Filos ofia de lla me nte e s cie nz e cognitive , Milano, Raffae llo Cortina, 2009, limitatame nte al cap. 5 (Pe rce z ione , pp. 137-162). http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=2e ba

St oria della pedagogia


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Crist iano Casalini (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034893 [cristiano.casalini@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 12 CFU SSD: M-PED/02 - s toria de lla pe dagogia Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI Ris ultati di appre ndime nto atte s i: conos ce nz a approfondita e pe rs onale de i te s ti propos ti. Conos ce nz a e compre ns ione : orie ntata alla de codificaz ione critica con l'aus ilio de lle s cie nz e umane e de i loro incroci inte rdis ciplinari. Capacit di applicare conos ce nz a e compre ns ione : utiliz z o il pi pos s ibile autonomo e critico de gli s trume nti e de gli s punti s torici acquis iti. Autonomia di giudiz io: l'obie ttivo tras ve rs ale principale de l cors o, con particolare rife rime nto all'acquis iz ione di una cons ape vole z z a de lla dis tanz a s torica e de lle lunghe durate de i fe nome ni indagati. Abilit comunicative : acquis iz ione di un linguaggio non ne ce s s ariame nte te cnico, ma in grado di dis tingue re e re nde r conto de lle caratte ris tiche di un te s to pe dagogico le ge ne raliz z az ioni de lla manualis tica di rife rime nto. Capacit di appre ndime nto: in proporz ione alle capacit individuali. AT T IVIT DI SUPPORT O Durante le le z ioni ve rranno le tti pas s i s ce lti dalle ope re ogge tto de l cors o, con comme nti mirati a e vide nz iare il conte s to culturale e le principali s ce lte ope rate dagli autori. Tramite il comme nto e , quando pos s ibile , la dis cus s ione con gli s tude nti, ve rranno s viluppate le compe te nz e critiche e l'autonomia di giudiz io de gli s tude nti. Oltre alle le z ioni frontali, ve rranno s volte attivit didattiche comple me ntari s otto forma di s e minari condotti da giovani s tudios i e d e s pe rti de l s e ttore . PROGRAMMA Il cors o inte nde indagare il campo s torico de l conce tto di e ducaz ione ; inte nde inoltre arontare le principali line e di te nde nz a de lla rie s s ione pe dagogica a partire dalle prime e s pe rie nz e te oriche e pratiche in campo pe dagogico de lla Mode rnit. L'illus traz ione di tali e s pe rie nz e ve rr condotta conte ns tualiz z andole all'inte rno de lle principali te nde nz e culturali de lla prima Et Mode rna e approfonde ndo le figure caratte riz z anti de lla rifle s s ione pe dagogico-e ducativa

- 32 -

approfonde ndo le figure caratte riz z anti de lla rifle s s ione pe dagogico-e ducativa Titolo de l cors o: Libe rt e s e rvit. Trage die pe dagogiche de l Rinas cime nto. L'e ducaz ione cinque ce nte s ca al bivio: il mode llo umanis tico de lle corti e i nuovi s tandard de i colle gi re ligios i; pre de s tinaz ione e libe ro arbitrio ne i dive rs i cris tiane s imi e urope i. T EST I ATTENZIONE! Il totale de i te s ti da pre parare pe r l'e s ame CINQUE, ovve ro:

1) Un libro a s ce lta tra: De lio Cantimori, Ere tici italiani de l Cinque ce nto-Pros pe ttive di s toria e re ticale italiana de l Cinque ce nto, Einaudi 2009. Mas s imo Firpo, Riforma prote s tante e d e re s ie ne ll'Italia de l Cinque ce nto, Late rz a 1993. Adriano Pros pe ri, L'e re s ia de l Libro Grande . Storia di Giorgio Siculo e de lla s ua s e tta, Fe ltrine lli 2000. 2) Un libro a s ce lta tra: Robe rt Bire le y, Ripe ns are il cattolice s imo (1450-1700), Nuove inte rpre taz ioni de lla Controriforma, Marie tti 2010. John W. O'Malle y, Tre nto. Il racconto de l Concilio, Vita e Pe ns ie ro 2013 (in cors o di s tampa). 3) Antonio Pos s e vino S.J., Coltura de gl'inge gni, a cura di C. Cas alini e L. Salvarani, Anicia 2009. 4) France s co Ne gri da Bas s ano, Trage dia de l libe ro arbitrio, a cura di C. Cas alini e L. Salvarani, Anicia 2013 (in cors o di pubblicaz ione - te mporane ame nte dis ponibile ne l mate riale didattico). 5) Una le ttura a s ce lta tra: Eras mo da Rotte rdam Martin Lute ro, Libe ro arbitrio. Se rvo arbitrio, Claudiana 2009 (la s ola s e z ione Libe ro Arbitrio, da p. 1 a p. 115). Be ne de tto Fontanini O.S.B., Il Be ne ficio di Gie s Cris to crocifis s o ve rs o i cris tiani (s caricabile dal mate riale didattico) Mars ilio Ficino - De amore (s u inte rne t: http://www.clas s icitaliani.it/ficino/ficino_libro_amore .htm) Piccolomini - De lla ins titutione de ll'huomo nato nobile , e in citt libe ra (mate riale didattico) Giovanni De lla Cas a - Il Galathe o (mate riale didattico) Pie tro Are tino - L'Humanit di Chris to - libro primo (mate riale didattico) L'e ducaz ione di un principe lute rano. Il Furs chlag di Johann Ebe rlin, a cura di Arte mio Enz o Baldini (ve rr indicata una s e le z ione dal te s to)

NOT A La ve rifica finale cons is te r in un colloquio orale ne l quale ve rranno acce rtate : - La capacit di e s porre in modo chiaro, con le s s ico appropriato, caratte ris tiche , conte nuti e collocaz ione s torica di un te s to pe dagogico; particolare importanz a ve rr data alle compe te nz e logiche e comunicative ; - La conos ce nz a de lla collocaz ione s torica e de i principali e le me nti filos ofici e pe dagogici de i te s ti propos ti, tramite domande ins e rite ne l conte s to de lla pre s e ntaz ione propos ta dallo s tude nte . - La s oglia di s ufficie nz a de finita dalla pre s e nz a di e ntrambi que s ti parame tri: a. Effe ttiva le ttura inte grale de i te s ti propos ti; b. Me s s a in ope ra di un pe rcors o di rice rca/rifle s s ione individuale s ul te s to con e laboraz ione di propos te critiche pe rs onali

http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=21e 6

St oria della scuola e delle ist it uzioni educat ive - Corso di laurea magist rale
Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Proge ttaz ione e coordiname nto de i s e rviz i e ducativi (clas s e LM-50) Doce nte : Pro f . Gio vanni Go nzi (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034896 [giovanni.gonzi@unipr.it] Tipologia: Anno: 1 anno Cre diti/Vale nz a: 12 CFU SSD: M-PED/02 - s toria de lla pe dagogia

- 33 -

Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI Conos ce nz a de lle vice nde s torico s colas tiche dalla s e conda me t de l Se tte ce nto ad oggi PROGRAMMA Storia e s torie de lla s cuola italiana T EST I Nicola D'Amico, Storia e s torie de lla s cuola italiana. Dalle origini ai giorni nos tri, Bologna, Zaniche lli, 2010, da pag. 55 a pag. 735

http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=6c14

St oria della scuola e delle ist it uzioni educat ive - Corso di laurea t riennale
Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Livio Pini (T it o lare del co rso ) Re capito: [livio.pini@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-PED/02 - s toria de lla pe dagogia Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI Conos ce nz a de lle vice nde s torico s colas tiche dal '800 al '900. PROGRAMMA La s cuola in Italia dal s e colo de i Lumi ai giorni nos tri Il cors o inte nde pre s e ntare , in forma manualis tica, le principali vice nde e le pi importanti dis pos iz ioni normative che hanno caratte riz z ato la s cuola italiana dall' Unit ai giorni nos tri. In particolare ve rranno affrontati gli articoli de lla Carta cos tituz ionale riguardanti la s cuola e la figura di Don Lore nz o Milani. T EST I S. Santamaita, Storia de lla s cuola, Milano, Bruno Mondadori, 2010; AA.VV, La s cuola ne ll'Italia unita: 150 anni s i s toria, Padova, Cle up, 2012; G. Gonz i ,Cos tituz ione e s cuola, Parma, Cas anova, 2006 (il volume re pe ribile pre s s o la libre ria de ll'Ate ne o, Piaz z ale Be rnie ri,1, Parma); L. Milani, Le tte ra a una profe s s ore s s a, Fire nz e , Libre ria e ditrice fiore ntina. http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=9ce 3

St rument i giuridici di sost egno alla persona


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Proge ttaz ione e coordiname nto de i s e rviz i e ducativi (clas s e LM-50) Doce nte : Pro f . Maria Fo rt unat a Lo Mo ro (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034507 [mariafortunata.lomoro@unipr.it ] Tipologia: Anno: 1 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: IUS/01 - diritto privato Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale

- 34 -

AT T IVIT DI SUPPORT O Varie le modalit di s volgime nto de ll'ins e gname nto e ognuna con un pre cis o inte nto. La le z ione non mai s olo frontale pe rch s i vuole coinvolge re gli s tude nti s ia pe r controllarne il live llo di appre ndime nto s ia pe r s timolarne l'atte nz ione . Dopo l'e s pos iz ione de ll'argome nto s i pu proce de re con domande mirate e , ne l cas o di difficolt, inte rve nire con un aiuto concre to. Sono poi pre vis ti, alla fine de lla trattaz ione di ogni s pe cifico argome nto, o comunque pe r le mate rie pi s ignificative , approfondime nti pratici s oprattutto con l'e s ame di provve dime nti giudiz iari e anche di articoli di dottrina. Con que s ti approfondime nti lo s tude nte pu ve de re come la te oria s ia tras bordata ne lla pratica. Si e labora ins ie me uno s che ma utile ne l mome nto in cui l'as s is te nte s ociale dovr s tilare una re laz ione pe r l'organo giudiz iario. Pre nde ndo s punto pe r e s .da una s e nte nz a, s i pu proce de re a me tte re pe r is critto i punti chiave de l te s to dandone un'organiz z az ione logica. Pre vis ti infine de i s e minari con l'apporto di pe rs one qualificate . Un primo s e minario s ull'adoz ione di minori alla pre s e nz a di un giudice minorile . Un s e condo s ul me diatore familiare , figura in via di e s pans ione , con la parte cipaz ione di un avvocato impe gnato ne l ruolo. Infine , un s e minario re lativo all'amminis tratore di s os te gno con l'aiuto di un avvocato s pe cializ z ato. PROGRAMMA Lo s tude nte , attrave rs o l'appre ndime nto de gli Strume nti giuridici de lla pe rs ona, vie ne a conos ce re le proble matiche re lative ai s ogge tti de boli fruitori de i Se rviz i s ociali e gli s trume nti approntati dall'ordiname nto giuridico pe r tute lare tali s ogge tti. Da e vide nz iare l'organiz z az ione e i proce dime nti con cui s i e e ttua tale s os te gno oltre all'apporto fornito al giudice dagli ope ratori s ociali. Que s ti profe s s ionis ti infatti re ndono attuabile l'ope rato de i magis trati. Bis ogna quindi me tte rli ne lle condiz ioni di s volge re que s to compito cos de licato e rile vante pe r una s ocie t che s i vuole de finire civile . T EST I Sulle noz ioni ge ne rali de ll' ordiname nto giuridico e pe r un ripas s o de l diritto di famiglia s i cons iglia: Line ame nti di diritto privato, a cura di M. Be s s one , Torino, Giappiche lli e ditore , 2009 ( Cap. I, p. 3-24; Cap. XI , p. 103-109; Cap XII, p. 110-118; Cap. XIII,p. 119-121) Come te s to di rife rime nto s i indica, Famiglia e s e rviz i a cura di M.R. Spallaros s a, Milano, Giuffr e ditore , 2008( Cap. I, p. 25-49, Cap. VII, p. 251-276; Cap. VIII, P. II, p. 311-330; Cap. IX, p. 337-394; Cap. X, p. 399420; Cap. XI, p. 427-460; Cap. XII, p. 465-476; Cap. XIII, p. 479-528) Ve rranno s e gnalati a le z ione mate riali giuris prude nz iali e dottrinali( facoltativi). NOT A La ve rifica de ll'appre ndime nto s i fa in itine re , s i pu dire ad ogni le z ione , chie de ndo agli s tude nti quanto hanno re ce pito s ull'argome nto e ce rcando di ve nire incontro alle loro difficolt. Se mpre in itine re s i d ad uno o pi s tude nti una s e nte nz a da le gge re a cas a s u un te ma trattato in aula pe r dis cute rne poi con gli altri. Pe r l'e s ame finale s i pre fe ris ce la forma orale pe r dare la pos s ibilit allo s tude nte di e s porre con pi agio la mate ria d'e s ame , te ne ndo pre s e nte comunque che le conos ce nz e giuridiche s e rviranno pe r inte rloquire con i s ogge tti is tituz ionali. Le ve rifiche dovranno pe rme tte re di valutare : - La conos ce nz a maturata dallo s tude nte s ugli argome nti trattati ne l cors o. - La capacit di e ffe ttuare opportuni colle game nti tra gli argome nti trattati ne l cors o e tra que s ti e altri ambiti dis ciplinari. - La capacit di individuare gli e le me nti rile vanti s ui quali bas are i propri giudiz i s ulle te matiche e i proble mi affrontati e dis cus s i a le z ione . - La capacit di applicare le conos ce nz e appre s e ai propri conte s ti di e s pe rie nz a formativa e profe s s ionale . Le ve rifiche in forma orale s aranno cos tituite da domande , che s aranno diffe re nz iate pe r obie ttivo e te nde ranno s ia a ve rificare le conos ce nz e de llo s tude nte s ia la s ua capacit di giudiz io e di applicaz ione de lle conos ce nz e appre s e . La valutaz ione finale cons ide rata quindi ade guata / s ufficie nte qualora lo s tude nte dimos tri la conos ce nz a de i conce tti di bas e e de lle te matiche affrontate a le z ione , nonch una ade guata capacit di e ffe ttuare colle game nti e di rifle tte re s u quanto appre s o.

http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=e 0ff

Teoria ed epist emologia pedagogica


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Proge ttaz ione e coordiname nto de i s e rviz i e ducativi (clas s e LM-50) Doce nte : Pro f . Enver Bardulla (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034889 [bardulla@unipr.it] Tipologia:

- 35 -

Anno: 1 anno Cre diti/Vale nz a: 12 CFU SSD: M-PED/01 - pe dagogia ge ne rale e s ociale Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI Il cors o di propone di familiariz z are gli s tude nti con la trattaz ione te orica de i proble mi e ducativi e di far loro acquis ire gli s trume nti critici richie s ti pe r e vide nz iarne i limiti.

PROGRAMMA Il cors o, articolato in due moduli, s i propone : col primo, di analiz z are criticame nte la te nde nz a da parte de i pe dagogis ti ad ide nticare l'ambito de lla pe dagogia ge ne rale con un approccio los oco alle que s tioni e ducative ; con il s e condo, di pre nde re in e s ame l'us o che de l conce tto di te oria vie ne fatto in ambito pe dagogico e di me tte re a confronto l'approccio alle que s tioni e ducative e e ttuato dalla pe dagogia con que llo de lle altre s cie nz e umane , e d in particolare de lla rice rca antropologicoe tnografica.

T EST I W. Bre z inka, Me tate oria de ll'e ducaz ione (Introduz ione ai fondame nti de lla Scie nz a de ll'e ducaz ione , de lla Filos ofia de ll'e ducaz ione e de lla Pe dagogia pratica, Roma, Armando, 1980 (Introduz ione e parte I) F. Cambi, Manuale di filos ofia de ll'e ducaz ione , Late rz a, 20 S. De Giacinto, Educaz ione come s is te ma (Studio pe r una formaliz z az ione de lla te oria pe dagogica), Bre s cia, La Scuola, 1977 (capitoliJ Tobin, Y. Hs ue h, M. Karas awa, Infanz ia in tre culture . Ve nt'anni dopo, Milano, Cortina, 2011 http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=067e

Teoria generale del dirit t o


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Carlandrea Cremo nini (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.034891 [carlandrea@studiocremonini.it] Tipologia: Anno: 3 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: IUS/07 - diritto de l lavoro Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Orale OBIET T IVI Il cors o s i propone di approfondire e rifle tte re s ul conce tto e l'ide a di gius tiz ia, ne lla s cie nz a giuridica e ne l mondo de lle le tte re . PROGRAMMA Conte nuti: Dalla noz ione clas s ica de lla gius tiz ia, riconos ciuta ne l diritto naturale , tras me s s o oralme nte e tradiz ionalme nte , alla le gge s critta e d alla codicaz ione ne i s is te mi giuridici de i pae s i contine ntali. Confronti con pae s i anglo-s as s oni. Es ame de lla Dottrina Pura de l Diritto e d il formalis mo giuridico con particolare rife rime nto ad alcuni s uoi fondame ntali conce tti. Programma e s te s o: -Ogge tto de l cors o l'approfondime nto de l conce tto di gius tiz ia inte nde ndo come tale que l s e ntime nto cos diffus o ne lla colle ttivit da e s s e re s e mpre pi s pe s s o richiamato e , quas i, invocato; -L'approfondime nto de l conce tto di gius tiz ia, pre nde r le mos s e dalla noz ione clas s ica de lla gius tiz ia, riconos ciuta ne l diritto naturale , tras me s s o oralme nte e tradiz ionalme nte ne lle popolaz ioni. Es e mpi le tte rari s aranno rinve nibili ne lla trage dia gre ca e ne lla le tte ratura latina (Sofocle , Platone , Tucidide ); -Ne l cors o de i s e coli, poi, il s orge re de gli s forz i de lla ragione e de lla cons e gue nte rivalutaz ione de ll'uomo e de i s uoi me z z i, ha s pos tato l'obie ttivo ve rs o la le gge s critta, a partire dalla ne de ll'Impe ro

- 36 -

Romano no all'Illuminis mo e d alla nas cita de lla codicaz ione ne i s is te mi giuridici de i pae s i contine ntali (civil law) -Una alte rnativa inve ce rappre s e ntata dai pae s i anglo-s as s oni (di common law) dove la tradiz ione giuridica rimane confinata alla cons ue tudine e d alla re gola de l pre ce de nte vincolante (s tare de cis is ) -La codicaz ione inoltre s orta come s trume nto pe r il giuris ta, pe r l'inte rpre taz ione de lla norma s e condo una s ua logica autos ufficie nz a (Art. 12 Dis p. Pre l. Cod. Civ.) - Ve rranno poi e s aminati la Dottrina Pura de l Diritto e d il formalis mo giuridico con particolare rife rime nto ai conce tti di: a) validit e d e fficacia de lla norma; b) l'ordiname nto giuridico e la ge rarchia fra norme ; c) la compos iz ione di tutti i dualis mi in s e ns o formale ; d) la norma fondame ntale . -Una particolare atte nz ione ve rr poi rivolta alla forma proce s s uale e alla dinamica forma/s os tanz a. Il proce s s o s e condo Francois Rabe lais -Il proce s s o come incubo. Kafka, Dicke ns , Le wis Carroll, Durre nmatt -Da ultimo, il naturale e xitus de l proce s s o come luogo ove s i fa gius tiz ia: la s anz ione in ge ne re . La pe na di morte , natura e finalit. T EST I Hans Ke ls e n, Line ame nti di dottrina pura de l diritto, Torino, Einaudi, 2000 Eva Cantare lla, Il ritorno de lla ve nde tta, pe na di morte : gius tiz ia o as s as s inio, Milano, Bur, 2007 Il 2 te s to cons igliato, di Eva Cantare lla, ris ulta non pi in comme rcio. Vie ne pe rci s os tituito con il s e gue nte : Sofocle , Antigone , in, Edipo Re , Edipo a Colono, Antigone Os car Mondadori 2006 a cura di Dario De l Corno. http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=1575

Teorie del linguaggio e della ment e


Anno accade mico: 2013/2014 CdL: Scie nz e de ll'e ducaz ione e de i proce s s i formativi (clas s e L-19) Doce nte : Pro f . Andrea Bianchi (T it o lare del co rso ) Re capito: 0521.032341 [andrea.bianchi1@unipr.it] Tipologia: Anno: 2 anno Cre diti/Vale nz a: 6 CFU SSD: M-FIL/05 - filos ofia e te oria de i linguaggi Modalit di e rogaz ione : Le z ioni frontali Lingua di ins e gname nto: Lingua italiana Modalit di fre que nz a: Facoltativa Modalit di valutaz ione : Scritto OBIET T IVI L'obie ttivo de l cors o que llo di fornire allo s tude nte una prima compre ns ione di alcuni as pe tti fondame ntali de lla filos ofia de l linguaggio conte mporane a e la capacit di articolare ade guatame nte argome ntaz ioni al riguardo, s viluppando altre s la s ua autonomia di giudiz io e le s ue capacit comunicative (graz ie alla dis cus s ione in clas s e ) e di appre ndime nto in que s to campo T EST I W. Lycan, Filos ofia de l linguaggio, Raffae llo Cortina Editore , Milano, 2000, capp. 1-11. NOT A Le z ioni frontali, con dis cus s ione in clas s e . Prova s critta, mirata a ve rificare , con domande ape rte , l'acquis iz ione de lla capacit di ope rare con le noz ioni fondame ndali de lla dis ciplina http://s de .unipr.it/cgi-bin/campus ne t/cors i.pl/Show?_id=77e 1 Aggiornato il 02/02/2014 05:32 - by CampusNet

- 37 -

Interessi correlati