Sei sulla pagina 1di 8

Aerodinamica

Elaborato n°5

Misure sperimentali su di un modello di profilo alare

Gruppo 12

Indice generale

1. Introduzione

3

2. L'apparato sperimentale

3

3. Andamento dei coefficienti aerodinamici

4

4. Profilo di velocità a valle del modello

6

5. Appendice

8

1. Introduzione

Nel corso dell'esperienza sperimentale, eseguita presso la galleria del CLASD, si sono andati a misurare i coefficienti aerodinamici ed il profilo di velocità a valle del profilo NACA 64A212 utilizzato per i precedenti elaborati.

Il profilo è stato testato mediante la realizzazione di un modello sperimentale in polistirene espanso realizzato con il macchinario a controllo numerico SOFTCUT

a disposizione in laboratorio. Tale profilo è stato successivamente rifinito con una laminazione in fibra di vetro e resina epossidica per aumentarne la rigidezza e ridurne la rugosità superficiale.

2. L'apparato sperimentale

L'apparato sperimentale consiste nella galleria del CLASD, strumentata con: un trasduttore di pressione SETRA per fornire la pressione dinamica in galleria, una bilancia per fornire le forze ed i momenti sul modello ed un tubo di Pitot mobile a valle del modello per avere la misura del profilo di velocità.

Schema del setup sperimentale: Filtro Pitot P din a valle Modello L,D,M Bilancia
Schema del setup sperimentale:
Filtro
Pitot
P din a valle
Modello
L,D,M
Bilancia

Trasduttore di pressione

P din
P din

Gli offset di ogni strumento sono stati misurati prima dell'esperimento ed alla sua conclusione, si è poi utilizzata la media dei due valori come offset per i dati ricavati.

Strumento

Offset iniziale

Offset finale

Bilancia L

-0,44 [N]

-0,34 [N]

Bilancia D

0,16 [N]

0,23 [N]

Bilancia M

1,93 [Nm]

1,93 [Nm]

Pitot

4,961 [V]

4,962 [V]

Trasduttore SETRA

5,299 [V]

5,300 [V]

Grandezze caratteristiche del modello:

Corda media aerodinamica: c = 0,11 m

Lunghezza: L = 0,3 m

3. Andamento dei coefficienti aerodinamici

Il calcolo dei coefficienti di portanza resistenza e momento è immediato, nota

la pressione dinamica in galleria è possibile ricavare la velocità del flusso

secondo la formula:

V

= 2P din

ρ

= 25,83 m / s

Nota la velocità, la coefficienti:

con:

Re = 342'870

M = 0,0753

corda e la superficie del profilo

è possibile ricavare i

C l =

L

1

2 ρ V 2 S

C d =

L

1

2

ρ V 2 S

C m =

M

1

2 ρ V 2 S c

Di seguito si riportano gli andamenti della retta di portanza e della polare

ricavati nell'esperienza:

ρ V 2 S c Di seguito si riportano gli andamenti della retta di portanza e

Si sono poi confrontati gli andamenti con i risultati teorici forniti dal programma x-Foil, sia per il caso inviscido che per quello con numero di Reynolds equivalente al flusso in galleria:

con numero di Reynolds equivalente al flusso in galleria: Si può notare come il modello sperimentale

Si può notare come il modello sperimentale sia meno performante rispetto alle previsioni teoriche: presenta infatti un C l massimo di 0,89 rispetto ad un 1,19 teorico ed un C d maggiore su tutta la polare, soprattutto in corrispondenza del punto di stallo. Nonostante tali differenze si può riscontrare una somiglianza tra i due andamenti, in particolare per quanto riguarda il punto di stallo.

Diversamente dal caso precedente l'andamento del Cm si presenta molto diverso dalle previsioni teoriche. Come

Diversamente dal caso precedente l'andamento del Cm si presenta molto diverso dalle previsioni teoriche. Come si può notare la differenza è molto significativa.

4. Profilo di velocità a valle del modello

Tramite il tubo di Pitot posizionato successivamente al modello è possibile ricavare il profilo di velocità a valle per un angolo di 7°. Non è nota la costante di taratura dello strumento ma per il calcolo del coefficiente di resistenza tramite l'equazione di conservazione della quantità di moto non sarà necessaria la conversione dei dati in velocità, trattandosi di un coefficiente adimensionale.

quantità di moto non sarà necessaria la conversione dei dati in velocità, trattandosi di un coefficiente
P ∞ V, ρ v, ρ h Δy
P
V, ρ
v, ρ
h
Δy

Dalla conservazione del momento si ha:

D = − F x

F x =

˙

M uscente

M entrante = ρ v 2 Δ y − ρ h V 2

˙

Dalla conservazione della massa:

m˙

entrante = m˙ uscente

ρ V h = ρ v Δ y

h = v Δ y

V

Sostituendo:

D = ( v Δ y )

V

ρ V 2 −ρ v 2 Δ y v ( V v ) Δ y

Adimensionalmente:

C

d = 2 v ( V v ) Δ y

cV 2

Eseguendo numericamente i calcoli si trova un Cd pari a 0,0483 da confrontarsi con un valore ricavato dalla bilancia pari a 0,0707. Si ricava una differenza del 31,6%.

5. Appendice

Si è proceduto al calcolo della pendenza della retta di portanza ed all'angolo di portanza nulla tramite interpolazione del primo ordine dei dati sperimentali.

interpolazione del primo ordine dei dati sperimentali. Angolo di portanza nulla [deg] -1,246 Pendenza della retta

Angolo di portanza nulla [deg]

-1,246

Pendenza della retta di portanza [1/deg]

0,0732

Si allegano alcune immagini del modello sperimentale:

di portanza [1/deg] 0,0732 Si allegano alcune immagini del modello sperimentale: Modello finito Modello in laminazione

Modello finito

di portanza [1/deg] 0,0732 Si allegano alcune immagini del modello sperimentale: Modello finito Modello in laminazione

Modello in laminazione