Sei sulla pagina 1di 1

Seconda Lettura Dalle Omelie di san Beda il Venerabile, sacerdote (Om. 21; CCL 122, 149-1 1!

Ges lo guard con sentimento di piet e lo scelse "es# $ide %n %omo, c&iamato 'atteo, sed%to al banco delle im(oste, e )li disse* +e)%imi ('t 9,9!. Vide non tanto con lo s)%ardo de)li occ&i del cor(o, ,%anto con ,%ello della bontinteriore. Vide %n (%bblicano e, siccome lo )%ard. con sentimento di amore e lo scelse, )li disse* +e)%imi. Gli disse Seguimi, cio imitami . Seguimi, disse, non tanto col movimento dei piedi, quanto con la pratica della vita. /n0atti c&i dice di dimorare in Cristo, de$e com(ortarsi come l%i si 1 com(ortato (1"$ 2,2!. 3d e)li si al4., (rose)%e, e lo se)%5 ('t 9,9!. 6on c71 da mera$i)liarsi c&e %n (%bblicano alla (rima (arola del +i)nore, c&e lo in$ita$a, abbia abbandonato i )%ada)ni della terra c&e )li sta$ano a c%ore e, lasciate le ricc&e44e, abbia accettato di se)%ire col%i c&e $ede$a non a$ere ricc&e44a alc%na. /n0atti lo stesso +i)nore c&e lo c&iam. esternamente con la (arola, lo istr%5 all7interno con %n7in$isibile s(inta a se)%irlo. Infuse nella sua mente la luce della gra ia spirituale con cui potesse comprendere come col%i c&e s%lla terra lo stra((a$a alle cose tem(orali era ca(ace di dar)li in cielo tesori incorr%ttibili. 'entre "es# sede$a a mensa in casa, so(ra))i%nsero molti (%bblicani e (eccatori e si misero a ta$ola con l%i e con i disce(oli ('t 9,18!. !cco dunque c"e la conversione di un solo pu##licano serv$ di stimolo a quella di molti pu##licani e peccatori, e la remissione dei suoi peccati fu modello a quella di tutti costoro. 9% %n a%tentico e ma)ni0ico se)no (remonitore di realt- 0%t%re. Col%i c&e sarebbe stato a(ostolo e maestro della 0ede attir. a s: %na 0olla di (eccatori )i- 0in dal (rimo momento della s%a con$ersione. 3)li cominci., s%bito all7ini4io, a((ena a((rese le (rime no4ioni della 0ede, ,%ella e$an)eli44a4ione c&e a$rebbe (ortato a$anti di (ari (asso col (ro)redire della s%a santit-. +e desideriamo (enetrare (i# a 0ondo nel si)ni0icato di ci. c&e 1 accad%to, ca(iremo c&e e)li non si limit. a o00rire al +i)nore %n banc&etto (er il s%o cor(o nella (ro(ria abita4ione materiale ma, con la 0ede e l7amore, )li (re(ar. %n con$ito molto (i# )radito nell7intimo del s%o c%ore. Lo a00erma col%i c&e dice* 3cco, sto alla (orta e b%sso; se ,%alc%no ascolta la mia $oce e mi a(re la (orta, io $err. da l%i, cener. con l%i ed e)li con me (;( <,28!. Gli apriamo la porta per accoglierlo, quando, udita la sua voce, diamo volentieri il nostro assenso ai suoi segreti o palesi inviti e ci applic"iamo con impegno nel compito da lui affidatoci. 3ntra ,%indi (er cenare con noi e noi con l%i, (erc&: con la )ra4ia del s%o amore $iene ad abitare nei c%ori de)li eletti, (er ristorarli con la l%ce della s%a (resen4a. 3ssi cos5 sono in )rado di a$an4are sem(re (i# nei desideri del cielo. ; s%a $olta, rice$e anc&e l%i ristoro mediante il loro amore (er le cose celesti, come se )li o00rissero $i$ande )%stosissime. %esponsorio =. 'atteo, mosso e )%idato dalla mano di Dio, dis(ose il s%o c%ore a meditare il Van)elo, a $i$ere e inse)nare le (arole del +i)nore; > scriba sa(iente, (enetr. i misteri del re)no dei cieli. V. ; l%i 0% a00idato il messa))io )lorioso del Dio $i$o* =. scriba sa(iente, (enetr. i misteri del re)no dei cieli.