Sei sulla pagina 1di 13

LO SCAVO PALEONTOLOGICO

PER OTTENERE TUTTI I DATI POSSIBILI DAI FOSSILI OCCORRE

RACCOGLIERLI
MA SI DEVE CONSIDERARE IL FOSSILE, O MEGLIO, LASSOCIAZIONE DEI FOSSILI (TANATOCENOSI), ANCHE IN RELAZIONE ALLA ROCCIA CHE LO CONTIENE E QUINDI AI DATI CHE NE POSSO RICAVARE

LO SCAVO
COME SCAVO SI INTENDE UNATTIVITA DI RICERCA DEDICATA AL RITROVAMENTO DI FOSSILI IN UN PACCO DI STRATI, ALLO SCOPO DI RECUPERARE TUTTI GLI ESEMPLARI E CONTEMPORANEAMENTE TUTTE LE INDICAZIONI CIRCA LA LORO DISTRIBUZIONE VERTICALE E ORIZZONTALE OLTRE CHE I DATI RELATIVI ALLA ROCCIA CHE LI CONTIENE LO SCAVO INOLTRE NON PUO PRESCINDERE DALLE CONDIZIONI GEOLOGICHE GENERALI DELLAREA

FINALITA DELLO SCAVO


LO SCOPO DELLO SCAVO NON INFLUENZA TANTO LA QUALITA, LA PRECISIONE, SUL DETTAGLIO DI CUI TENER CONTO, QUANTOLA QUANTITA, CIOE SULLE DIMENSIONI FINALI DELLA RICERCA E, PROPORZIONALMENTE, SUL NUMERO DI ESEMPLARI DA RECUPERARE CONVIENE RACCOGLIERE TUTTO PER POI POTER FARE TUTTO BIOSTRATIGRAFIA PALEOBIOGEOGRAFIA PALEOECOLOGIA GLOBALE

PERCHE SCAVARE
UN FOSSILE TOLTO DAL CASSETTO NON HA LA STESSA IMPORTANZA DI UN FOSSILE RACCOLTO CON TUTTI I CRITERI DURANTE UNO SCAVO SISTEMATICO >>>> IMPORTANZA RELATIVA DELLE VECCHIE COLLEZIONI NON PUBBLICATE O DI MATERIALE MODERNO MA RACCOLTO CON SISTEMA MORDI E FUGGI

Scavo con criteri moderni: Annotazione dei ritrovamenti strato per strato Nello stesso giacimento, specialmente se lo sviluppo verticale notevole, possono esserci migliaia (anche centinaia di migliaia) di anni di differenza tra la base e il tetto. Non distinguere la composizione faunistica di uno strato da quella di un altro pu portare a seri errori di interpretazione.

I 5 livelli fossiliferi del Monte San Giorgio Coprono una finestra temporale di molti milioni di anni, un tempo venivano considerati un tuttuno!

Scavo con criteri moderni: Non si prendono in considerazione solo i pezzi migliori Ma si raccoglie tutto: Solo cos si pu avere un quadro il pi completo possibile dellassociazione, per le ricostruzioni paleobilogiche e paleoecologiche. Inoltre sono sempre possibili sorprese.

LO SCAVO
FINANZIAMENTO
PERMESSI (SOPRINTENDENZA, PROPRIETARIO, COMUNE, PARCO, FORESTALE, ETC. LOGISTICA (TRASPORTI, VITTO, ALLOGGIO) ATTREZZATURA CONDIZIONI METEO.. MEDIA MANODOPERA QUADERNO DI SCAVO, DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA, VIDEO

BIOSTRATIGRAFIA
F.-L. DI CONCENTRAZIONE BUONA SUCCESSIONE DI STRATI RICERCA MIRATA>>>FOSSILI GUIDA ASSOLUTA PRECISIONE VERTICALE

PALEOBIOGEOGRAFIA
F.-L. DI CONSERVAZIONE E/O CONCENTRAZIONE SUCCESSIONE BREVE FOSSILI GUIDA (ALLOCTONI) + FOSSILI DI FACIES (AUTOCTONI) RELATIVAMENTE POCHI FOSSILI >>>BASTA LINDIVIDUAZIONE DELLE SPECIE CONFRONTO CON SITUAZIONI SIMILI ANCHE PER LE CONDIZIONI DI RICERCA S.L.

PALEOECOLOGIA
F.-L. DI CONCENTRAZIONE E/O CONSERVAZIONE POCHE SPECIE SIGNIFICATIVE, NON SEMPRE LE PIU ABBONDANTI PROPORZIONI SPECIE>>>VOLUMI O AREE STANDARD PROBLEMI AUTOCTONIA/ALLOCTONIA

PALEOBIOLOGIA
QUI SERVE TUTTO E DI PIU ASSOCIAZIONE NATURALE CLASSI ETA ORGANISMI AUTOCTONI/ALLOCTONI .. IN PRATICA, POICHE ALCUNE FORME SONO RARE ANCHE NELLA BIOCENOSI, LA POSSIBILITA DI TROVARE QUALCHE COSA DI NUOVO E DI UTILE RIMANE (VEDI LOCALITA CLASSICHE)

SCAVO IN ROCCIA
INDIVIDUAZIONE STRATI/LIVELLI SUDDIVISIONE IN QUADRANTI DIFFICOLTA DI OTTENERE TUTTI I RESTI CONTENUTI OSSERVAZIONI SULLE SUPERFICI DI STRATO E/O LAMINA OSSERVAZIONE IN SEZIONE ATTREZZATURA DI SCAVO PESANTE GUANTI, OCCHIALI, CASCO. COLLANTI, PENNARELLI, ETC. MATERIALI IMBALLO E TRASPORTO

SCAVO IN SEDIMENTI
SUDDIVISIONE IN QUADRANTI INDIVIDUAZIONE LIVELLI STRATIGRAFICI S.L. DISTRIBUZIONE ORIZZONTALE/VERTICALE FRATTURAZIONE ESEMPLARI RECUPERO ESEMPLARI ISOLATI RECUPERO CAMPIONI VOLUMETRICI ATTREZZATURA DI SCAVO LEGGERA GUANTI COLLANTI, PENNARELLI, ETC. MATERIALI IMBALLO E TRASPORTO

PREPARAZIONE
MECCANICA SU ROCCIA CHIMICA FISICA SU SEDIMENTI CHIMICO/FISICA SU SEDIMENTI INCOLLAGGIO/IMPREGNAZIONE RIPRODUZIONE FALSIFICAZIONE

MECCANICA SU ROCCIA
Il problema maggiore solitamente legato alla scarsa differenza di durezza tra matrice e fossile, o addirittura al fatto che il fossile pi tenero della matrice. Luniformit di colore pu ulteriormente creare problemi anche al microscopio (uso Alcol). Scalpelli Taglierina, cesellatore, sabbiatrice, trapano micromotore Filo acciaio, punte sottili varie (punt. grammofono, aghi entomologici)

10

11

CHIMICA
SFRUTTA LA DIFFERENTE REATTIVITA TRA FOSSILE E MATRICE ALLATTACCO DI ACIDI FOSSILI SILICIZZATI>>> MATRICE CALCAREA>>> AC.CLORIDRICO FOSSILI FOSFATIZZATI O RESTI FOSFATICI >>> MATRICE CALCAREA>>> AC. ACETICO O FORMICO POLLINI E SPORE >>> QUALUNQUE MATRICE>>> AC. CLORIDRICO+FLUORIDRICO ASPORTAZIONE OSSIDI DI FERRO >>> ACIDO OSSALICO

12

FISICA SU SEDIMENTI
IN FUNZIONE DELLE DIMENSIONI DEI FOSSILI AMMOLLO (H2O, H2O2, TENSIOATTIVI, BENZINA) LAVAGGIO E/O SETACCIATURA ASCIUGATURA CONSOLIDAMENTO + INCOLLAGGIO PICKING CATALOGAZIONE FINALE (N. DI TERRENO + N. DI INVENTARIO

RIPRODUZIONE
Lutilizzo delle riproduzioni si ha sia nellambito scientifico che, soprattutto in quello didattico/espositivo Esecuzione matrice in resina siliconica colabile o spalmabile Esecuzione calchi/repliche in gesso o resine varie Esecuzione modelli

13