Sei sulla pagina 1di 4

GIOVANNI PASCOLI (1855-1912)

data 1855 vita opere (31 dicembre 1855) nasce, quarto di 10 figli, Giovanni Pascoli a SAN MAURO DI ROMAGNA, da una famiglia della piccola borghesia rurale abbastanza agiata: il padre Ruggiero era fattore della tenuta La Torre dei principi Torlonia, e fu assessore e sindaco del paese; la madre era Caterina Allocatelli Vincenzi inizia gli studi elementari presso una scuola privata di Savignano, col maestro Ireneo Pandolfi (cui P. si proclam debitore della sua calligrafia rapida e nervosa) (ottobre 1862) Giovanni Pascoli entra con i scrive le prime poesie (storiche e doccasione) fratelli Giacomo e Luigi nel collegio degli Scolopi a URBINO, dove riceve una solida formazione classica (fino al 1871, I liceo), soprattutto grazie agli insegnanti Giuseppe Giacoletti (vincitore del premio di poesia latina di Amsterdam nel 1863) e padre Geronte Cei, che rimase molto vicino al poeta dopo la morte del padre (10 agosto 1867) misterioso assassinio del padre al ritorno da Cesena (un mandante e due esecutori) La famiglia versa in forti difficolt economiche (13 novembre 1868) morte della sorella maggiore Margherita per tifo (18 dicembre 1868) morte della madre (19 ottobre 1871) morte del fratello Luigi per meningite abbandono del collegio degli Scolopi per difficolt finanziarie (novembre 1871) trasferimento dei fratelli Pascoli a Rimini, dove il fratello maggiore Giacomo aveva trovato lavoro; qui Pascoli frequenta la II liceo (ottobre 1872) proseguimento degli studi (III liceo) presso il collegio San Giovanni degli Scolopi a FIRENZE grazie alla generosit di padre Cei Ritorno del fratello Giacomo a San Mauro per le proprie nozze. I fratelli si disperdono: Giuseppe trova lavoro a Ancona, Raffaele studia come perito a Forl, le sorelle Ida e Maria si trasferiscono a casa di una zia a Sogliano sul Rubicone (novembre 1873) conseguimento di una la partecipazione al concorso per la borsa viene borsa di studio per la facolt di Lettere narrata nello scritto Ricordi di un vecchio scolaro allUniversit di BOLOGNA, per il brillante esito di un esame (nella commissione cera Carducci) (3 marzo 1874) le sorelle Ida e Maria entrano come educande nel convento delle agostiniane di Sogliano, trascurate per ben 8 anni dal poeta, che non and mai a trovarle (2-6 maggio 8176) partecipazione ad una dimostrazione contro il ministero della pubblica istruzione, Ruggero Bonghi, e conseguente perdita della borsa di studio; periodo di sbandamento, durante difficolt finanziarie (12 maggio 1876) morte del fratello Giacomo per tifo, lasciando Pascoli come capofamiglia; il poeta si avvicina alle idee socialiste di Andrea Costa (8 luglio 1876) partecipazione al congresso delle organizzazioni emiliane e romagnole dellInternazionale e impegno propagandistico interruzione degli studi universitari pubblicazione su riviste delle prime poesie lavoro saltuario come supplente al ginnasio Guinizzelli di Bologna e collaboratore di riviste (7 settembre) arresto per la partecipazione ad una manifestazione anarchica contro il governo contro la condanna di G. Passanante, attentatore di Umberto I; detenzione in carcere per alcuni 1

1861 1862

1867

1868 1871

1872

1873

1874 1876

187778

1879

1880 1882 1884 1885 1887 1889

1891 1892

mesi fino allassoluzione; sceglie quindi il distacco politico e unadesione bonaria al socialismo (22 dicembre 1879) processo e assoluzione per la manifestazione di settembre ripresa di studi universitari dietro consiglio di Carducci (17 giugno 1882) laurea in letteratura greca con una tesi sul lirico greco Alceo (ottobre 1882) inizio di carriera da insegnante liceale di latino e greco a MATERA (ottobre 1884) trasferimento a MASSA, sempre come docente liceale, insieme alle sorelle Ida e Mari DAnnunzio lo invita a collaborare a Cronaca bizantina (maggio 1887) le sorelle Ida e Maria si trasferiscono presso Pascoli (ottobre 1887-95) trasferimento a LIVORNO (febbraio 1889) inizio di intensa pubblicazione in rivista, su Vita nuova, di poesie poi collaborazione con la rivista fiorentina Vita comprese in Myricae nuova scrive per varie riviste (La vita nuova, Il (luglio 1891) pubblica marzocco, Il convito) (gennaio 1892) Myricae 2, aggiungendo molte poesie (marzo 1892 e poi per altri 12 anni) vince col poemetto Veianus la medaglia doro al

Myricae

concorso di poesia latina di Amsterdam


1893 (30 luglio 1893) elezione a consigliere comunale di Livorno a partire da una lista di candidati democratici, ma non partecipa a nessuna seduta del Consiglio (23-28 settembre) partecipa a Roma ad una commissione ministeriale per una riforma dellinsegnamento del latino nella scuola secondaria (2 dicembre) viene distaccato per un anno al (marzo 1894) Ministero della pubblica istruzione a Roma Myricae 3, aggiungendo molte poesie e riscuotendo per una serie di lavori ai problemi della successo scuola; a Roma conosce Adolfo De Bosis, che gli offre una collaborazione poetica alla rivista Il convito (30 settembre 1895) Crisi per il matrimonio (gennaio 1895) pubblica su Il convito il poemetto di Ida Gog e Magog, primo nucleo dei Poemi conviviali (5 ottobre 1895) Trasferimento in una casa in (marzo 1895) pubblica lantologia latina Lyra affitto -acquistata nel 1902a romana CASTELVECCHIO DI BARGA (Lucca) (6 ottobre 1895) Conseguimento della cattedra di grammatica greca e latina alluniversit di BOLOGNA, poi di letteratura latina a Messina (fino al 1903) (febbraio 1896) inizia la collaborazione con Il (24 marzo 1896) conferenza a Firenze su Leopardi Marzocco, rivista filoestetista con il saggio Il sabato, dove espone anche proprie idee poetiche (25 agosto 1896) pubblica su Vita italiana il saggio Eco di una notte mitica, dove confronta la notte degli imbrogli dei Promessi Sposi con lultima notte di Troia nellIliade (10 gennaio 1897) dimissione pubblica i Poemetti, poi arricchiti in successive dalluniversit di Bologna per non vivere edizioni nella stessa citt dello sregolato fratello Giuseppe (17 gennaio 1897) pubblica una parte dellarticolo (27 ottobre 1897) professore di letteratura 2

1894

1895

1896

1897

Il fanciullino

su Il marzocco, poi per intero in

1898

latina allUniversit di MESSINA fino al vari numeri della medesima rivista entro il 1897 1903 (febbraio 1897) pubbl. lantologia latina Epos (14 marzo 1898) commemorazione di (fine marzo 1898) pubbl. Minerva oscura, primo Leopardi per il centenario della nascita, volume di studi danteschi, gi apparso su Il convivio leggendo La ginestra a puntate dal giugno 1895 (5 febbraio 1899) conferenza a Messina con il saggio Lera nuova, dove dichiara il fallimento morale della scienza e la necessit della poesia per migliorare la vita delluomo (ottobre 1899) pubbl. Sul limitare, antologia scolastica letteraria onnicomprensiva (marzo 1900) Poemetti 2, ampliati (giugno 1900) pubbl. Sotto il velame, II vol. di studi danteschi (ottobre 1900) pubbl. lantologia Fior da fiore su autori italiani poco noti, spesso popolari (14 agosto 1901) rappr. a Barga di Il sogno di Rosetta, scritta da P. e musicata da Mussinelli (dicembre 1901) pubbl. La mirabile visione III vol. di studi danteschi (10 dicembre 1901) legge per una conferenza benefica a Messina il saggio Lavvento sulle proprie idee sociali e politiche (umanitarismo patriottico antisocialista) (febbraio marzo 1902) scrive per R.Bossi il libretto dopera Lanno Mille, mai musicato (marzo 1903) pubblica i

1899

1900

1901

1902 1903 trasferimento (insieme alla cattedra) a PISA

Canti di Castelvecchio ,

poesie gi

1904

apparse in rivista (giugno 1903) pubbl. su Il marzocco il poemetto Paolo Uccello (prima dei Poemi italici) e Miei pensieri di varia umanit (agosto 1903) Canti di Castelvecchio 2, , corredati di un dizionarietto di termini dialettali (10 agosto 1904) pubblica i

Poemi conviviali, gi apparsi su Il convivio


1905 (ottobre 1904) Pubbl. i Primi Poemetti, riprendendo i Poemetti con importanti aggiunte (novembre 1905) successore di Carducci alla (luglio 1905) Poemi conviviali 2, ampliati cattedra di letteratura italiana a BOLOGNA morte di Carducci e impegno patriottico di (febbraio 1906) pubblica la raccolta storico-civile P. Odi e inni (7 apile 1907) commemorazione di Carducci (luglio 1907) pubbl. Pensieri e discorsi, raccolta di a Pietrasanta saggi in parte gi editi in Miei pensieri scrive la raccolta Diario autunnale (fine maggio 1908) pubbl. La cancone dellOlifante, prima delle 3

1906 1907

1908

Canzoni di Re Enzio, raccolta

1909

1910

incompiuta di sapore storico medievale (luglio 1909) pubbl. Nuovi poemetti, continuazione dei Primi poemetti (ottobre 1909) pubbl. La canzone del Paradiso, ultima della Canzoni di Re Enzio pubbl. Virgilio e Dante, ultimo scritto dantesco, su Memorie della R.Accademia delle Scienze di Bologna (10 agosto) inizia un poemetto su Napoleone, primo abbozzo per i Poemi del Risorgimento, raccolta poetica storica filopatriottica incompiuta (26 novembre 1911) celebrazione della (maggio 1911) pubblica Poemi italici guerra coloniale in Libia con il discorso La patriottici grande proletaria si mossa (4 giugno 1911) pubbl. Hymnus in Romam per il concorso di poesia latina a Roma (26 novembre 1911) pronuncia a Barga il discorso

1911

La grande proletaria s mossa


1912 favore della guerra in Libia 15 dicembre 1911) pubbl. lHymnus in Taurinos malato di cancro allo stomaco, (18 febbraio (22 marzo 1912) inizia Inno al tricolore 1912) si trasferisce a Bologna per le cure, infine muore (6 aprile 1912) a BOLOGNA (9 aprile 1912) sepoltura a Braga

19122 1913

(maggio 1912) la sorella Maria pubblica Poesie varie (IIed. 1913) e Canti di Castelvecchio 6, ampliata di 2 poesie e della raccolta Diario autunnale (postumi, 3 marzo 1913) Traduzioni e riduzioni e ( 30 aprile) Poemi del Risorgimento e (maggio) Odi e inni3