Sei sulla pagina 1di 14

LA MANIPOLAZIONE EMOTIVA O EFFETTO GASLIGHT

A cura della Dott.ssa Annalisa Barbier, PhD


Psicologo Clinico, Dottore di ricerca in Neuropsicologia Specialista in Psicologia Cognitivo Comportamentale

Materiale tratto dal libro COME MI VUOI? di Robin Stern

Sito web: www.annalisabarbier.com Blog: www.annalisabarbier.wordpress.com E-mail: psicoterapiapersona@gmail.com; annalisabarbier70@gmail.com Skype: barbier_psicoterapiapersona

DEFINIZIONE DELLA MANIPOLAZIONE EMOTIVA


La manipolazione emotiva (ME) un fenomeno molto diffuso, del quale non sempre si consapevoli. Si parla spesso anche di Effetto Gaslight, in relazione al film diretto da George Cukor nel 1944 (in Italia conosciuto con il titolo Angoscia) in cui la protagonista, interpretata da Ingrid Bergman, sposa un uomo pi anziano di lei che vuole farla impazzire per impadronirsi della sua eredit. Il marito dunque, oltre a far scomparire degli oggetti incolpandola di essere la responsabile di tali eventi, arriva ad abbassare il gas dellilluminazione negando che ci sia un calo di luce, inducendo in lei una tale agitazione ed incertezza che inizia a pensare di essere pazza. Diventa quindi sempre pi confusa, spaventata e fragile essendo insicura delle proprie percezioni. Nello stesso tempo riluttante ad incolpare il marito perch vuole essere amata da lui e ha bisogno di mantenere nella sua mente, una immagine perfetta ed amabile di lui. La manipolazione emotiva una sorta di Tango, ballato da due persone con caratteristiche complementari: una delle due (tipicamente il manipolatore) ha bisogno di mantenere la percezione positiva di s ed avere sempre ragione, mentre laltra (la vittima manipolata) caratterizzata da un bisogno fortissimo di fusione ed approvazione, che la porta a permettere al manipolatore di ri-definire la sua idea di realt, idealizzandolo e cercando costantemente il suo consenso.

COME SI MANIFESTA LA MANIPOLAZIONE EMOTIVA


Pu succedere che il/la vostro/a partner vi accusi di farlo ingelosire o di boicottare le sue iniziative (e voi sapete benissimo che non vero), con un capo mai contento di come svolgete il lavoro che vi incolpa di volerlo boicottare o di avercela con lui/lei, con un genitore che ostacola la vostra autostima. Molte persone non si accorgono di essere manipolate, tuttavia avvertono unansia ed un disagio crescenti quando sono con una persona particolare. Allinizio cadono nella trappola della spiegazione e tendono a giustificare il comportamento del manipolatore per un bisogno di approvazione da parte sua ed il processo pu progredire fino alla possibilit che, pur di non dover rinunciare al rapporto e di non deludere il manipolatore, si finisce con il vedere le cose solo dal suo punto di vista negando il proprio, e sottomettendo il proprio senso della realt al suo. A comportarsi cos sono soprattutto le donne, ma non solo. La ME si manifesta attraverso una comunicazione ambigua, incoerente, passivo-aggressiva, come negli esempi seguenti:

Ti fanno sentire in colpa: rigirano le tue parole al fine di far sentire te sbagliato e in torto nei loro confronti. Sono degli aggressori passivi: non affrontano le questioni in modo diretto ma girandoci intorno e sparlando alle spalle delle persone. Utilizzano modalit subdole per farti capire che non accettano ci che fai. Ad esempio possono boicottare di fatto le tue iniziative dopo aver detto invece di volerti sostenere, in un modo tale che sembrer assolutamente involontario o casuale. Negano di aver detto o fatto cose che ricordi bene al fine di difendersi e mettere in discussione le tue affermazioni, fino al punto di farti dubitare di te stesso ( effetto gaslight) Fingono di volerti sostenere o aiutare ma poi boicottano le tue azioni e le tue iniziative in maniera sottile e apparentemente ingenua Accentrano lattenzione sui loro problemi sminuendo i tuoi: se tu hai mal di testa loro hanno un tumore! Se hai avuto una giornata impossibile la loro stata catastrofica. Non ascoltano mai veramente, non dedicano attenzione e pretendono sempre di essere al centro del gioco. Se glielo fai notare ti accusano di essere egoista. Danno sempre ad altri la responsabilit dei loro comportamenti: se si comportano male la colpa sempre di qualcosa che anno fatto gli altri. Influenzano lo stato danimo degli altri attraverso una sorta di ricatto emotivo per cui tutti, intorno a loro, finiscono con il preoccuparsi di non farli sentire arrabbiati o tristi e di porre rimedio a ci che li infastidisce.

Ma anche attraverso le CRITICHE: in particolare, critiche le che vi vengono mosse, anche se parzialmente o del tutto vere, sono intese a ferire e ad indebolirvi piuttosto che ad avere un fine costruttivo e includono:
offese, insulti ed esagerazioni sono lanciate nel bel mezzo di una lite o una discussione sono usate per cercare di vincere una discussione sono provocate dalla vostre obiezioni o dal vostro tentativo di chiudere la discussione sembrano non avere alcuna relazione con la discussione spostano lattenzione dal suo comportamento al vostro Vi vengono mosse quando non potete facilmente rispondere (in pubblico ad esempio, o al cinema ecc.)

Il meccanismo della manipolazione inizia in maniera subdola e prende piede nel tempo, con una velocit ed una chiarezza che dipendono direttamente dalla resistenza della vittima; cos possiamo trovarci di fronte a manipolazioni discrete ed occasionali che possono restare tali per mesi o anni, oppure evolvere in fenomeni caratterizzati da elementi di violenza psicologica o fisica, nellambito di relazioni duali francamente patologiche.

DA COSA VI ACCORGETE DI ESSERE COINVOLTI IN UNA RELAZIONE MANIPOLATIVA?


Il manipolatore inizialmente si presenta come una persona sensibile, empatica, altruista e molto interessata alle vostre necessit. Gli serve per entrare nel vostro spazio personale. Ma poi, non ci vorr molto per accorgervi che avete di fronte un individuo egoista ed accentratore, interessato unicamente a mantenere il proprio elevato senso di s ed il proprio potere. Tuttavia, se la manipolazione prender piede come modalit prevalente nel rapporto, presto la vittima inizier a sentire che qualcosa non va e, con il tempo, sperimenter in maniera crescente uno o pi dei seguenti segni:
Incubi o sogni inquietanti ricorrenti Scarsa fiducia nel proprio senso della realt Frequente sensazione di sconcerto o confusione Incapacit a ricordare i dettagli delle discussioni con il manipolatore Sintomi ansiosi: disturbi gastrici, tachicardia, senso di costrizione al petto, attacchi di panico Frustrazione Timore o agitazione in presenza del manipolatore Vi sforzate di dire a voi stessi e agli amici che il rapporto con il manipolatore va benissimo Sentite compromessa la vostra integrit e dignit Gli amici e i parenti fidati esprimono preoccupazione e disappunto per il vostro rapporto Non riuscite pi a provare gioia e soddisfazione nella vostra vita Tristezza, fino alla depressione Rabbia

La ME svilisce la persona che la subisce e la destabilizza profondamente, poich essa desidera ottenere lapprovazione del manipolatore avendone idealizzato la persona, e per farlo si trova a dover rinunciare al proprio punto di vista, alla propria visione della realt per abbracciare incondizionatamente quella dellaltro. Ma non solo, deve anche subire i comportamenti sminuenti del suo manipolatore.

COME SI DIVENTA VITTIMA DI MANIPOLAZIONE EMOTIVA?


Le persone che tendono a diventare vittime ella manipolazione emotiva, sono solitamente persone di spiccata sensibilit, molto vicine ai bisogni degli altri, emotivamente fragili ed insicure, dotate di un elevata capacit empatica, temono la solitudine ed hanno paura di essere lasciate, idealizzano laltro con facilit, non vogliono deludere gli altri, hanno bisogno di dare di s un immagine sempre positiva. I tratti sopra descritti sono comunemente riscontrabili nel disturbo dipendente di personalit (DPD), e non infrequente che le persone affette da depressione siano soggette a rapporti manipolativi. In linea generale, possiamo indicare alcune elementi che predispongono a diventare vittime della ME:
Desiderio di approvazione Desiderio di una relazione intensa e fusionale Spiccata capacit di empatia Paura di perdere laltro (paura dellapocalisse emotiva) Desiderio che gli altri pensino sempre bene di voi Bisogno di rassicurazioni e contenimento Scarsa autostima e fiducia di s Disturbo di Personalit Dipendente

In particolare, mi voglio soffermare su 3 importanti caratteristiche che accomunano le vittime della ME: 1. Paura dellapocalisse emotiva: viene definita in questo modo la paura, da parte della persona oggetto di manipolazione emotiva da parte del partner, di essere abbandonata, o disconosciuta o non approvata. In queste persone estremamente forte il desiderio di evitare una esplosione emotiva da parte dellaltro, solitamente caratterizzata da: Grida e insulti, fino ad arrivare a manifestazioni di aggressivit fisica (rompere piatti, sbattere le porte, prendere a pugni il muro, lanciare oggetti o minacciare la vittima) Offese che fanno leva sulle paure pi profonde (ad es: sei davvero troppo gelosa-possessiva-insicura-sovrappeso ecc., non vali niente, sei insopportabile, sei come tua madre e cos via. La lista potenzialmente infinita) Critiche distruttive (ad es: non sei capace di portare avanti una relazione sana; non sai prenderti cura dei bambini, non mi stupisco che litighi sempre con le persone, ecc.)

Mutismo e distanza emotiva (punizione emotiva particolarmente efficace per far sentire non amata o colpevole la vittima) Previsioni catastrofiche (ad es: nessuno ti amer pi, resterai sola per il resto della tua vita, nessuno ti sopporter pi ecc.) Utilizzo dei vostri ideali contro di voi in maniera imprecisa (ad es: amarsi non vuol dire accettarsi incondizionatamente? pensavo che un figlio dovesse prendersi sempre cura dei genitori, una vera professionista non dovrebbe prendersela ecc.) Inculcare dubbi ed insicurezze, come accade nel celeberrimo fil di Cukor Gaslight, mettendo in dubbio le vostre percezioni, la vostra memoria ed il vostro senso di realt (ad es: io non ti ho mai detto questa cosa, avevi promesso di fare tale cosa, possibile che non ricordi?, Durante la cena, tutti hanno pensato che fossi ridicola, non te ne rendi conto? Ecc.) 2. Desiderio fusionale: alcune persone soprattutto di sesso femminile sono particolarmente propense a vivere le relazioni sentimentali in una maniera definita fusionale, in cui laltro viene vissuto come assolutamente indispensabile e si tende a condurre una relazione di coppia in cui prevalgono spazi ed attivit forzatamente condivisi , a detrimento di una sana e necessaria quota di indipendenza ed autonomia individuale. Queste persone indipendentemente da quanto siano competenti, forti, attive nelle altre situazioni di vita - sentono il bisogno assoluto e profondo di avere sempre lapprovazione del manipolatore, che viene da loro idealizzato. In questi casi, con il passare del tempo la vittima, pur di non contraddire il suo manipolatore, inizia a mettere in discussione la propria visione della realt e a rinunciarvi insieme ad altre necessit, al fine di mantenere la condizione fusionale del rapporto. Questa la motivazione principale che spinge alcune vittime a giustificare continuamente il proprio operato anche se sanno di avere ragione, a discutere per ore ed ore con il manipolatore per dimostrare di essere state corrette ecc. Fanno insomma di tutto per difendere la loro immagine i suoi occhi. Infatti, non sopportano di essere disapprovate e giudicate negativamente dallaltro e questo le spinge ad intavolare snervanti ed infinite discussioni su questioni anche banali, oppure a rinunciare al proprio punto di vista per aderire a quello del manipolatore. 3. Trappola dellempatia: ci si cade quando si possiede una spiccata capacit di empatia verso laltro, che porta a sentire profondamente le sue eventuali sofferenze ed il suo disagio, e a desiderare in tal modo soltanto che questo cessi. Tuttavia, a volte necessario distaccarsi da questo meccanismo per tornare a salvaguardare la propria autonomia ed il proprio bene, evitando di

cadere in questa trappola che inevitabilmente finisce con lallontanarsi da se stessi nel tentativo di curarsi esclusivamente dellaltro. Riassumendo, voglio ricordarvi una cosa fondamentale: la ME avviene laddove si incontrano due persone con caratteristiche specifiche: A) un MANIPOLATORE che ha bisogno di avere sempre ragione per sentirsi potente e sicuro di s B) una VITTIMA che ha bisogno di sentirsi approvata ed amata dal manipolatore Ed insieme avviano il tango della manipolazione, alla stregua di una danza in cui, ad ogni passo delluno, corrisponde un passo complementare dellaltro. Ci sono alcuni elementi che accomunano le persone che finiscono per giocare il ruolo di vittima nella danza della ME: la paura dellabbandono, il desiderio di approvazione, una forte empatia, lidealizzazione del partner, il bisogno di dimostrare a tutti i costi la propria buona fede. Queste caratteristiche spingono ad intraprendere attivamente il tango della manipolazione.

RIASSUMENDO
GLI INGREDIENTI PER BALLARE IL TANGO DELLA MANIPOLAZIONE . Un manipolatore che ha un compulsivo bisogno di avere ragione . Una vittima che desidera solamente essere approvata dal suo manipolatore . Il desiderio di fusione da parte della vittima, nella speranza di trovare laccordo perfetto . Il terrore della apocalisse emotiva . Il tango vero e proprio: la vittima che cerca di dimostrare a tutti che stata fraintesa e il manipolatore che desidera solamente avere ragione.

I LIVELLI DELLA MANIPOLAZIONE EMOTIVA


La ME pu evolversi in gravit ed intensit, e i suoi effetti negativi sulla relazione e sulla vita psicologica e pratica della vittima diventare gradualmente pi evidenti, intensi e pesanti, fino a raggiungere una soglia di pericolosit che pu portare a sviluppare gravi disagi psicologici. Ecco elencati di seguito i tre livelli di intensit riconosciuti da Robin Stern nel suo libro Come mi vuoi?: PRIMO LIVELLO: il livello iniziale. Pu restare tale per molti anni senza subire variazioni oppure evolversi, pi o meno repentinamente, nel livello successivo in seguito alla comparsa di criticit della coppia o nella vita del manipolatore. A questo livello raramente ci si rende conto di avere di fronte un soggetto manipolatore, poich le manifestazioni del suo agire sono infrequenti e molto blande. Un esempio potrebbe essere il piccolo malinteso, il fraintendimento occasionale o la leggera arrabbiatura che occorrono e che vengono considerati trascurabili ma che vi spingono nella trappola della spiegazione. Solitamente, una sana reazione che si opponga ad instaurare le dinamiche manipolative prodotta a questo livello, in grado di bloccare levoluzione del fenomeno ai livelli successivi. ESEMPIO DI MANIPOLAZIONE AL PRIMO LIVELLO Uscite con il vostro ragazzo che frequentate da poco, e che vi sembra proprio la persona giusta per voi: affettuoso, dolce, sincero e desideroso di iniziare una relazione seria. Mentre siete a cena al ristorante voi, che avete un temperamento socievole e giocoso, scherzate amichevolmente con il cameriere. A fine serata, del tutto inaspettatamente, lui mette il broncio e vi accusa di essere state irrispettose nei suoi confronti, e di aver civettato tutto il tempo con il cameriere. Voi sapete bene che NON EVERO, e la sua affermazione vi lascia stupite! Tuttavia tenete a lui e vi invischiate in una lunga e spiacevole spiegazione finalizzata a fargli capire che non stavate civettando ma che avete un carattere aperto e amichevole con tutti. Lui ovviamente non ci crede e continua, pi o meno a lungo, a farvi sentire colpevoli. Scatta la trappola della spiegazione e voi vi sentite a disagio, confuse ed infastidite. Sta iniziando il tango.

Primo livello: i segnali interni


Frequente sensazione di confusione o sconcerto Irritazione Sentite di tollerare qualcosa che reputate ingiusto nei vostri confronti Sensazione di agitazione, disagio vicino a lui Vi sentite di dover sempre controllare quello che fate e dite quando siete in sua compagnia Avete il vago timore delle sue reazioni Temete malintesi e fraintendimenti I vostri amici sono dubbiosi sulla vostra relazione e su di lui

SECONDO LIVELLO: il livello successivo. Se nello stadio precedente le sue reazioni vi lasciano sconcertate, quando vi trovate in questo stadio le reputate valide e verosimili perch siete ancora pi bisognose e caparbiamente decise a conquistare la sua approvazione. Unapprovazione che arriver sia chiaro solamente se e quando deciderete di concordare con la sua versione della realt e dei fatti. Ma procediamo. A questo punto, il vostro bisogno di sentirvi brave e degne damore molto forte e lui ancor pi determinato a dimostrarvi che ha ragione. Possono comparire le prime liti ed i primi trattamenti a base di urla, offese o glaciali silenzi e voi, non essendo in grado di tollerare tali trattamenti (apocalisse emotiva) siete disposte sempre di pi a fare qualsiasi cosa per evitarli o porvi fine. La danza continua, e diventa sempre pi faticosa e dolorosa. Se nello stadio 1 volevate conquistare la sua approvazione e sentirgli dire quanto vi apprezza e stima, nello stadio 2 la sua approvazione diventa il solo modo per sentirvi bene, amata e degna di amore. Per tale ragione cominciate a considerare il suo punto di vista prima del vostro e a dargli unimportanza prioritaria. Nel vostro dialogo interno, quando parlate con amici e parenti e nelle discussioni con lui, vi accorgete che partite dal SUO punto di vista e non pi dal vostro, al quale iniziate ad attribuire sempre meno attendibilit ed importanza. Secondo livello: i segnali interni
Vi sentite pi deboli e fragili Siete spesso stanche Vi occupate meno spesso o con meno piacere delle cose che prima vi interessavano Vi trovate a doverlo difendere sempre pi spesso davanti ad amici e familiari Non riuscite a ricordare i dettagli delle vostre discussioni Vi colpevolizzate per averlo fatto arrabbiare Ruminate spesso su cosa avete potuto fare di sbagliato per provocare il suo disappunto o la sua rabbia Tendete a giustificare sempre pi spesso le sue reazioni spiacevoli

TERZO LIVELLO: il livello pi grave. Se nello stadio precedente partiva dal punto di vista del manipolatore ed intavolava discussioni sfibranti per dimostrare di essere una persona buona e degna damore, adesso la vittima assimila il punto di vista del suo manipolatore fino a farlo proprio. Ha talmente bisogno di essere approvata ed amata da lui per sentirsi bene con se stessa, che ha completamente rinunciato al proprio punto di vista e alla propria autonomia. A questo livello possono subentrare profondi sensi di colpa e depressione, dovute allidea prevalente di non essere capaci, di non essere in grado di soddisfare il partner, di fare soltanto errori ed alla sensazione di aver perso completamente il contatto con se stesse. Questo il livello al quale possono verificarsi episodi di abuso o violenza psicologia e fisica da parte del manipolatore. A questo punto il meccanismo talmente automatico, il bisogno di approvazione talmente profondo, la stima della vittima talmente bassa e la paura dellapocalisse emotiva tanto forte da rendere estremamente difficile fare un passo indietro. La vittima ormai preferisce assumere il punto di vista del manipolatore, giustificandolo e cercando disperatamente di soddisfare le sue aspettative. La parola dordine a questo punto: E TUTTA COLPA MIA. Terzo livello: i segnali interni
Crescente sensazione di stanchezza e svogliatezza Perdita di interesse Evitate di parlare di voi e del vostro rapporto con persone amiche e con familiari Evitate di parlare del vostro rapporto con persone amiche e con familiari Vi ritrovate a piangere spesso senza ragione apparente Vivete un crescente senso di smarrimento Angoscia Attacchi di panico Sintomi legati allo stress (ansia, tachicardia, disturbi gastri-intestinali, tremori, tensioni muscolari, emicranie, attacchi di asma, disturbi del sonno) Vi ammalate spesso o sviluppate malattie psicosomatiche (eczemi, dermatiti, difficolt digestive, allergie ecc..) Avvertite un crescente senso di paura e di inquietudine quando dovete incontrare il partner Vi colpevolizzate per i suoi comportamenti e lo giustificate completamente, assumendovi la piena responsabilit dei suoi scoppi di ira, dei suoi maltrattamenti o della sua indifferenza verso di voi

TRE TIPOLOGIE DI MANIPOLATORI


Nellilluminante libro di Robin Stern intitolato Come mi vuoi?, lautrice identifica tre tipologie di manipolatori: Lintimidatore: il suo stile la minaccia/intimidazione basata sulla apocalisse emotiva. Questultima pu essere rappresentata da scenate a base di urla ed offese, da minacce di abbandono, da affermazioni aggressive e taglienti che hanno lo scopo di fare leva sulle peggiori insicurezze della vittima e di ferirla, dal mettere il broncio e chiudersi in un ostinato e colpevolizzante silenzio. La distanza emotiva e la profonda disapprovazione del silenzio sono a volte ancora peggiori delle urla, per le vittime. Alcuni di loro approfittano di situazioni in cui la vittima non pu controbattere (es. cene, cinema e in generale situazioni di gruppo) per lanciare le loro stoccate e rendere il tutto ancora pi terribile. Il seduttore: difficilmente riconoscibile subito come manipolatore. Anzi allinizio potr sembrare decisamente luomo perfetto e potr ingannare anche amici e parenti: sempre attento, gentile e premuroso, sempre pronto a sorprese romantiche e proposte piccanti. Il problema che le sue proposte ed i suoi comportamenti non considerano i reali bisogni della vittima ma piuttosto sono finalizzate UNICAMENTE a soddisfare se stesso. Sembra che si prenda cura delle necessit della partner ma in realt le azioni che sceglie sono dettate dal desiderio di soddisfare le proprie aspettative, la propria immagine di s e i suoi bisogno. Non quelli della partner. Allinizio sembrano perci perfetti ma dopo un po di tempo ci si comincia a sentire non viste, non ascoltate, insomma del tutto sole. Questo particolare tipo di manipolatore reagisce alle proteste facendo sentire la vittime inadeguata e deludente. Il bravo ragazzo: infine compare la categoria del bravo ragazzo. Anche questa figura disorienta la vittima, parenti, amici e tutti coloro che lo conoscono poich si presenta i maniera impeccabile: innamorato, affidabile, disponibile ed accondiscendente. Ma il terrorismo psicologico che mette in atto estremamente subdolo e difficile da identificare nel breve periodo: perch si basa sullaccondiscendere verbalmente alle richieste della vittima, salvo poi adottare un comportamento caratterizzato da freddezza e scarsa partecipazione, o disappunto silenzioso, accompagnato da parole che negano ci che palesemente dimostra con i fatti. E sconcertante proprio perch a parole si mostra perfettamente collaborativo, mentre con i fatti boicotta gli interessi e desideri della vittima, ovviamente attribuendone a lei la responsabilit.

SEI PREDISPOSTA A FARTI MANIPOLARE?


Il questionario che segue, stato liberamente tratto da uno dei questionari inseriti nel libro COME MI VUOI? della Dottoressa Robin Stern, psicoterapeuta statunitense. Il questionario NON E uno strumento diagnostico e i risultati sono da intendersi in maniera indicativa e non definitiva: si rivela utile per evidenziare la presenza o meno di alcune caratteristiche che potrebbero predisporre a diventare vittima di manipolazione emotiva. Leggete attentamente i singoli casi presentati e rispondete con la massima sincerit, indicando quale delle alternative proposte scegliete. Alla fine, troverete una breve descrizione del vostro profilo in base alle preferenze che avete espresso ed un breve consiglio su come evitare di cadere nella trappola manipolativa.

QUESTIONARIO
A) Da un paio di settimane vostra madre vi chiama per fissare un appuntamento e pranzare insieme, ma voi siete super impegnate: tra il lavoro, le scadenze, una nuova relazione sentimentale, e linfluenza che vi siete beccati non riuscite proprio a trovare il giorno per incontrarla. Le quindi vi dice: aha quanto pare non ti interessa molto di me, visto che non trovi un momento per vederci. bello sapere che ho allevato una figlia tanto egoista!. Voi rispondete: 1. Come puoi dirmi egoista, non vedi quanto lavoro ho da fare? 2. Oddio mamma mi dispiace tanto, hai ragione, sono una figlia terribile! Mi sento uno schifo 3. Mamma non riesco a parlare con te quando ti comporti cos: ho limpr essione che mi voglia umiliare e far sentire in colpa! B) La vostra migliore amica ha appena disdetto - allultimo momento come al solito il vostro appuntamento per la serata. Voi vi fate coraggio e le dite che siete stufe di questo atteggiamento e che vi irrita da morire restare allultimo momento senza niente da fare nel fine settimana, e senza esservi potute organizzare con qualcun altro! E le dite anche che vi manca di vederla! Lei risponde: b intendevo dirtelo, ma cominci a dipendere un po troppo da me. Mi mette un po a disagio trascorrere le serate con una persona tanto bisognosa. Voi rispondete: 1. Non sono bisogno sa come puoi dirmi una cosa del genere? Facci continuamente cose per conto mio! Solo che non mi piace quando mi annulli allultimo un appuntamento 2. Allora questo il motivo per cui ci vediamo cos raramente? Sar meglio che i dia da fare, mi dispiace molto esserti di peso! 3. Ci rifletter, ma come mai siamo passate dal fatto che hai disdetto allultimo momento il nostro appuntamento, alla questione che sarei bisognosa?

C) Ultimamente il vostro capo sotto pressione e vi sembra che si sfoghi con voi. A volte vi riempie di complimenti per il vostro lavoro, mentre altre volte vi ammonisce per questioni di poco conto. In particolare, oggi vi ha appena redarguito per dieci minuti, sul fatto che nella presentazione dellanalisi di mercato avete usato un formato che viola lo standard aziendale. Vi dice: perch insisti nel rendere cos difficile il mio lavoro? Pensi forse di meritare un trattamento di favore o hai qualche problema con lautorit? Voi rispondete: 1. Oh si dia una calmata, in fondo si tratta solo di un formato di presentazione! 2. Non so cosa mi stia succedendo ultimamente a lavoro probabilmente ho qualcosa che non va o delle questioni irrisolte 3. Mi dispiace, evidentemente non ho seguito la procedura (pensando odio che i si urli contro!) D) Il vostro/a compagno/a di cattivo umore e resta pressoch muto e chiuso in s per tutta la serata. Alla fine, mentre tornate a casa, sbotta e vi dice: non capisco per quale ragione tu debba raccontare i fatti miei a tutti i nostri amici!. Voi gli chiedete a cosa si riferisca perch proprio non capite, e lui vi spiega che seccato perch avete parlato delle vacanze alla Hawaii che state progettando. Lui ribadisce che questi non sono affari loro: la gente ricava ogni genere di informazione da questo: guadagni, lavoro, come mi vanno gli affari. Sono cose che non ho nessuna voglia di far sapere in giro! Chiaramente non hai alcun rispetto per la mia privacy e le mie richieste. Voi rispondete: 1. Ma sei matto? solo una vacanza, qual il problema? 2. Non mi sono resa conto di averti mancato di rispetto! Scusami, mi ci sento malissimo 3. Mi dispiace che ti sia seccato ma abbiamo un modo diverso di vedere le cose! E) State discutendo da ore con vostro marito/moglie sullo stesso argomento. Avete dimenticato di ritirare la roba in lavanderia nonostante vi foste offerta/o di farlo voi, ed ora lui/lei non ha abiti puliti per il viaggio di lavoro che deve fare lindomani. Voi gli spiegate che non lo avete fatto apposta: siete arrivate con 5 minuti di ritardo e la lavanderia aveva gi chiuso! Lui vi fa notare che ogni volta che si tratta di fargli un favore, voi sempre in ritardo, e vi dice che non la prima volta che combinate un casino. Ne convenite, siete ritardatarie vero, ma dite che non si tratta d i nulla di personale contro di lui. Allora lui vi accusa di voler boicottare il suo viaggio di lavoro affinch resti a casa con voi, o perch forse siete gelose della sua promozione o invidiose della sua posizione . Voi rispondete: 1. Come puoi dire certe cose? Non vedi quanto mi impegno per aiutarti? Se stessi cercando di boicottarti sarei uscita da lavoro unora prima per ritirare la tua roba? 2. Non so.. forse hai ragione, forse sono davvero gelosa del tuo lavoro o sto cercando di vendicarmi di qualcosa. 3. Tu hai la tua visione di quello che ho fatto ed io ho la mia. A questo punto accettiamo il fatto che non siamo daccordo.

RISULTATI
MAGGIORANZA RISPOSTE 1: siete intrappolate nella discussione con il vostro manipolatore e non potrete MAI vincere. Il vostro bisogno di conquistare la sua approvazione gli d il potere di farvi letteralmente impazzire facendovi sentire in dovere di spiegare e giustificare tutto. Anche se avete ragione, riflettete su come porre fine alla discussione il prima possibile. MAGGIORANZA RISPOSTE 2: sembra proprio che il vostro manipolatore abbia il potere di farvi vedere la realt dal suo punto di vista. Siete talmente desiderose di ottenere la sua approvazione che volete essere daccordo con lui a tutti i costi, an che a spese della vostra autostima. Cominciate a pensare che le cose siano come dice lui, pur sapendo che non vero. Anche se avete commesso un errore, non necessario concordare con la sua versione negativa di voi . MAGGIORANZA RISPOSTE 3: bene, siete capaci di ritirarvi dal tango della manipolazione troncando sul nascere la discussione manipolatoria. Tenete pi al vostro senso della realt che non allapprovazione dellaltro, e questo vi permette di sostenere il vostro punto di vista e di interrompere la manipolazione.

PER APPROFONDIRE
Come mi vuoi?, Robin Stern. Edizioni Corbaccio Donne che amano troppo, Robin Norwood. Edizioni Feltrinelli Donne forti, deboli con gli uomini forti , Maja Storch. Edizioni Magi A tu per tu con la paura, Krishnananda, Amana (Thomas Trobe e Gitte Demant Trobe). Edizioni Universale Economica Feltrinelli The dance of Intimacy, Harriet G. Lerner. Perennial Library Harper & Row Publishers, New York