Sei sulla pagina 1di 143
Giovanni Marino Il grande libro dei @ © & Silenziatori armi silenziate indice Pag. \o con OD 13 29 29 30 35 37 39 41 41 42 44 46 48 48 49 50 50 51 53 RINGRAZIAMENTI PREFAZIONE INTRODUZIONE LE TECNIC HE SUONO: VELOCITA, INTENSITA E FREQUENZA DA HUTFLESS A LIBERRA, LA STORIA DEL SILENZIATORE Josef Hutfless. Hugo Baudisch. Hiram P. Maxim e Hi- ram S. Maxim. Paul Schauer. Carl Billerbeck. Paul Klau. Eugene Thurler. Robert Moore. Walther E. We- stfall. Eugene W. Thompsom. Hans Humm. Gotlieb Nothiger e Karl Moiz. Joseph Brun. Anthony Fiala e Robert Hudson. AGIR. Hans Eissfeldt. Servais Limited of London. Hans Liberra. FONTI GENERATRICI DI SUONI E TECNICHE DI SILENZIA- ZIONE A. Suoni generati dai meccanismi dell’arma. B. Suoni generati dallo: sparo. 1. Onda precorritrice. 2. Onda di bocca. 3. Implosione. C. Suoni generati dal movimento del proiettile. 1. Onda di irruzione. 2. Sibilo 3. Ronzio. 4. Onda bali- stica. D. Sviluppo e applicazione. LE ARMI PISTOLE E REVOLVERS A. Luger-Parabellum. Luger-AMFCO Silenced. B. Walther PP, PPK, P-38, P-38S. Silenziatori SD-40, Walther-Huebner, A.A.I. C. Beretta M-1934. Silenziatori SM-37, SM-55, AMFCO B-1. D. Hand Firing Device “Welrod” Mk-1, Mk-2, Mk-3. MACROD, LIBROD. E. Sleeve Gun. F. FP 45 Liberator. FP 45 Liberator Silenced. G. CZ M-27, CZ M-27S. H. T-64 Silenced Pistol. I. Makarov e Stechkin. Silenziatore PM. J. High Standard. OSS High Standard C Silenced. OSS High Standard HD-Military Silenced. Silenzia- tori FAR-Monoblock e “French” Silencer. K. Colt Woodsman. Colt Woodsman-Mason Silenced. Silenziatori: Mason Mk-1A, Mk-1B, Mk-2. Colt Targetsman e Huntsman con silenziatori SIONICS. Pag. 57 58 58 59 60 61 62 63 63 65 66 67 69 71 72 72 73 73 75 77 77 78 80 81 84 L. Ruger Standard Model. Ruger Mark I Target Mo- del. Ruger Mark I Bull Barrel. MAC-Mark I Silen- ced. Ruger “Survival”. Contender. Contender-MAC Silenced. FN-Browning cal. 22. Silenziatori: Unique e SIO- NICS. O. Smith & Wesson M-39. USN Mark 22 Mod. O Si- lenced Pistol. S&W M-59S. Silenziatore WOX I-A. P. MAC-Stinger. OSS Stinger Gun Tl e T2. MAC- Stinger Silenced. Q. Sistema Mendoza. R. Nagant M-1895 cal. 7,62 mm. Silenziatore S-42. 25 PISTOLE-MITRAGLIATRICI A. STEN Mk-II, Mk-V, Mk-IIS Type 1, Mk-IIS Type 2, Mk-IIS Type 3, Mk-IIS Improved, Mk-VI, Mk-II AMFCO Silenced. B. ERMA MP (E). ERMA MP (E) SD. C. Thompson M-1928 Al. MI-Al. OSS MI-Al Thompson Silenced. M-1928 A1-BS. M1-A1 En- field Silenced. D. US M3 cal. 45 SMG. US M3-A1 cal. 45 SMG. US M3-BELL Silenced. US M3-A1 Bell Silenced. US M3 AMFCO-M1 Silenced. US M3 AMFCO-M2 Silenced. US M3 SIONICS Silenced. M-37 “Chi- com” Silenced. E. Carl Gustaf M-45. Carl Gustaf M-45B. M-45B-S. Carl Gustaf AMFCO M-45B Silenced. T-64 SMG Silenced. MAT-49. MAT-49V. MAT-49V-S. Madsen M-46, M-50. Madsen-AMFCO M-S0 Si- lenced. I. Sterling-Patchett Mark 5 Silenced. Sterling Mark 4. J. Smith & Wesson M-76. S&W M-76 SIONICS Si- lenced. K. Beretta M-12. Beretta-AMFCO M-12 Silenced. L. UZI. UZI-AMFCO Silenced. UZI-SIONICS Silenced. M. CZ “Skorpion” M-61, M-64, M-65, M-68. Silenzia- tore CZ. N. Walther MPL. Walther MPK. Silenziatori: Walther e Walther-Huebner. O. Heckler & Koch HK-54; MP5-Al, MP5-A2, MP5- A3, MP5-K, MP5-SD1, MP5-SD2, MP5-SD3 e HK-54SD. P. MAC Ingram LIW M-10 cal. 45 ACP, M-10 cal. 9mm Parabellum, M-11 cal. 380 ACP. Silenziatori MAC-SIONICS. Q. Seggern .22. Silenziatore SS-1. =O mn Pag. 85 85 85 88 89 90 90 92 92 94 95 96 98 98 98 100 100 101 101 101 FUCILI E CARABINE A. B. amo =o mOZ Springfield M-1903. Silenziatori: Maxim e AMFCO. Mauser K 98k. Silenziatori: SD-T1, SD-T2, SD-T3, SD-T4, SD-T5 Wolf, SD-T6, SD-T7 Wenden. Mosin-Nagant M-1891; Silenziatore S-40. Carabina silenziata De Lisle. Carabina silenziata Gekados. US Carbine cal.30 M-1 OSS Carbine M-1 Silenced. US Carbine M-1 Springfield Silenced. MAC- Plainfield M-1 Silenced. Tokarev SVT-38 e SVT-40. Silenziatore S-41. Haenel StG 44 “Sturmgewehr”. Silenziatori: SD- Wolf e SD StG 44-T1. FN-FAL. Silenziatore AMFCO F-1. US 7,62mm M-14 Rifle. US 7,62mm XM-21 Sniper Rifle. Silenziatore MAC-SIONICS M14 SS]. . US 5,56mm M-16 Rifle. US 5,56mm M-16 Sniper Rifle. US 5,56mm M-16 “Commando”. Silenziato- ri: MAC-SIONICS MAW, HEL M-4 e FAR-XM. Stoner 63. USN Mk-23. US M-22. XM-207. Silen- ziatore MAC-SIONICS. . Remington M-700. MAC-73 Counter Sniper System LR. MAC-73 Counter Sniper System-IR. . Winchester M-70. Silent Sniper Rifle System M-70. Sistema A.A.I. Carabine silenziate MAC di piccolo e medio cali- bro. MAC-Remington 66. MAC-Ruger 10/22. MAC-Destroyer. ALTRE ARMI SILENZIATE A. Mitragliatrici. Browning MG cal. 30 M-1917 A1. General Electric cal. 7,62mm Minigun M-134. Mortai e lancia-granate. 1. Sistema Batou. 2 Sistema “Jet-Shot”. Lancia-granate multiple PRB-404/PRB-422. Mor- taio PRB-424. Mortaio PRB-425. Granata per fuci- le PRB-434. 3. Lancia-granate anticarro ARPAC. 4. Lancia-granate anticarro e antiuomo ARM- BRUST 107 APPENDICI TAVOLE 109 A. Pistole e revolvers: dati numerici, balistici e acustici. Pag. 111 113 115 117 118 119 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 135 136 137 139 143 B. Pistole-mitragliatrici: dati numerici, balistici e acu- stici. C. Fucili e carabine: dati numerici, balistici e acustici. D. Altre armi silenziate: a) Mitragliatrici. b) Mortai. c) Lancia-granate anticarro. Dati numerici, balistici e acustici. E. Relazione fra la velocita del proiettile e la precisione in alcune armi (con notazione dell’intensita acustica). F. Relazione tra la velocita del proiettile, il passo della rigatura e la precisione dell’arma (con notazione dell’intensita acustica). G. Cartucce subsoniche, “silenziate” e ultrasoniche. DIAGRAMMI A. Curva balistica comparata tra una cartuccia nor- male e una “silenziata”. B. Capacita di silenziazione del sistema ‘“canna- silenziatore/assorbimento termico”. C. Prova comparata tra le pistole Luger-Parabellum e Beretta M-34, con e senza silenziatore. D. Prova comparata tra le pistole mitragliatrici US M3 e Madsen M-50 con e senza silenziatore. E. Prova comparata tra le pistole mitragliatrici Sten Mk-II e Carl Gustaf M-45B con e senza silenziatore. F. Prova comparata tra i fucili Springfield M-1903 e FN-FAL con e senza silenziatore. G. Capacita di funzionamento automatico di un fucile in relazione con la potenza della cartuccia. H. Dati balistici comparati tra le pistole-mitragliatrici Sterling Mark4 e Sterling-Patchett MarkS Silenced. I. Percezione del suono in relazione alla distanza e al- Pubicazione della pistola Beretta M-12. J. Percezione del suono in relazione alla distanza e al- Pubicazione della pistola Luger. K. Percezione del suono in relazione alla distanza e al- Vubicazione della pistola-mitragliatrice Sten Mk-II. L. Percezione del suono in relazione alla distanza e al- Pubicazione della pistola-mitragliatrice US M3. M. Percezione del suono in relazione alla distanza e al- Vubicazione del fucile automatico FN-FAL. QUADRO SINOTTICO A: Storia del silenziatore. QUADRO SINOTTICO B: Fonti generatrici di suoni e tecni- che di silenziazione. GLOSSARIO BIBLIOGRAFIA INDICE. ANALITICO Ringraziamenti © Copyright by Giovanni De Vecchi Editore S.p Proprieta letteraria e artistica riservata Riproduzione e traduzione anche parziali vietate Nella preparazione di questo libro sono stato aiu- tato da molte persone, istituzioni private e statali, musei e case produttrici: HECKLER & KOCH, Oberndorf/Neckar. Germania MANUFACTURE D’ARMES DES PYRE- NEES FRANCAISE (MAPF) Hendaye. Francia. MAUSER-JAGDWAFFEN GmbH, Obern- dorf/Neckar. Germania PEDRO O. BELLO ARMAMENTOS, West Palm Beach, Florida. USA HIGH STANDARD SPORTING REARMS, Hartford, Conn. USA OMARK INDUSTRIES INC., Oroville, CA. USA CARL WALTHER WAFFENFABRIK. Ulm/Donau. Germania PARKER-HALE LTD. Birmingham. Inghil- terra STURM, RUGER & CO. INC., Southport, Conn. USA THOMPSON/CENTER ARMS, Rochester, New Hampshire. USA REMINGTON ARMS CO. INC., Bridgeport. - Conn. USA ISRAEL MILITARY INDUSTRIES, Tel Aviv. Israele FI- STERLING ARMAMENT CO. LTD., Dagen- ham, Essex. Inghilterra. .A. - Milano, 1985 FFV ORDNANCE DIVISION, Eskilstuna. Svezia EUROPEAN DEFENSE PRODUCTS S.A., Bruxelles. Belgio MESSERSCHMITT-BOLKOW-BLOHM GmbH. Monaco. Germania PRB, Bruxelles. Belgio CHARTER ARMS CORP., Stratford, Conn. USA A. FUSI & CO. S.p.A., Milano. Italia FABRIQUE NATIONALE HERSTAL (FN), Belgio PALADIN PRESS, Boulder Colorado, USA DESERT PUBLICATIONS, Cornville, Arizo- na, USA DAVID F. ANDREWS MOSHE ALLON ROGER HALE EVEREST MOORE BENGT SEVERIN , DR. LUTKENHORST e DR. SCHWAGER Maggiore B.B. KEEN THOMAS R. MYERS ULIANA GARELLI GLORIA VIDELA a tutti loro i miei pil sinceri ringraziamenti. prefazione Dai miei tempi di “marine” in cui per la prima volta ho avuto l’occasione di esa- minare alcune armi silenziate o provviste di silenziatore e di sparare con esse, mi sono altresi reso conto che nella abbon- dante letteratura tecnico-divulgativa ri- guardante le armi della fanteria mancava un’opera che riunisse tutte le informazio- ni disponibili circa la cosiddetta “zona grigia” delle armi leggere, cioé le armi si- lenziate ei dispositivi silenziatori. Questo vuoto mi incentivo a scrivere quest’opera ma certamente senza la presunzione di riempirlo completamente e senza pensa- re altresi che la sua elaborazione, col pas- sare del tempo, si sarebbe trasformata in una vera sfida. Infatti, il riserbo che circonda tutto cio che concerne questa “zona grigia” rese difficoltosa la raccolta di dati e informa- zioni attendibili, per cui ho preferito omettere la descrizione di armi e sistemi circa i quali non ho potuto riunire infor- mazioni sufficienti e/o degne di credito, ripromettendomi di completare quest’o- pera in un’edizione successiva. Le fonti d’informazioni da me utilizzate sono fondamentalmente di origine ame- ricana e provengono tanto da organismi privati come da agenzie e organismi uf- ficiali del Governo degli Stati Uniti. Ho avuto anche la collaborazione delle ’ principali industrie americane ed euro- pee del settore. Di inestimabile valore sono state inoltre le pubblicazioni tecni- che di due case editrici americane: Pala- din Press e Desert Publications, che gentilmente mi hanno concesso Il’uso delle loro fonti iconografiche. Il muro impenetrabile che, in campo so- vietico, protegge tutto quello che si rife- risce alla investigazione, sviluppo e pro- duzione di armi in generale ha, ovvia- mente, reso impossibile la acquisizione di maggiori informazioni circa i silenziato- ri sviluppati per i fucili AK-47, AKM, SVD Dragunov e per il recente AKS- 74, in dotazione nelle Forze Speciali del- l’Esercito e della Marina Militare sovie- tiche.Lo stesso dicasi in relazione ai si- lenziatori prodotti in Ungheria per la ca- rabina AMD e in Cecoslovacchia per il fucile VZ-58. In quest’opera ho incluso soltanto i si- stemi di silenziazione di origine militare 0 concepiti con questo proposito, trala- sciando tutti quei sistemi, improvvisati o meno, di origine artigianale e prodotti clandestinamente con propositi crimina- li: da quelli che fabbricava Tony Com- piello a Chicago durante l’epoca del proibizionismo, a quelli utilizzati dal- V’I.R.A. 0 altre organizzazioni terroristi- che. Non ho preso inoltre in considerazione silenziatori e armi silenziate come, ad esempio, quelle della serie “SMUFA”, le quali, nonostante siano state progettate da organismi come il US Army Frank- ford Arsenal. sono congegni improvwvisa- ti, studiati per essere costruiti e usati da movimenti clandestini di resistenza. La descrizione di tutti questi sistemi, a parte il loro scarso interesse dal punto di vista tecnico, si trova al margine dei propositi di questo libro. introduzione La soppressione del rumore dello sparo di un’arma da fuoco da al tiratore un notevole vantaggio tattico e psicologico giacché l’assenza della cosiddetta onda di bocca impedisce di determinare la di- rezione e la distanza da cui si spara, per- mettendo di scegliere il bersaglio con pit calma e sparare con maggiore sicurez- za. E per questa ragione che l’uso del si- lenziatore si é esteso a tutte quelle ope- razioni nelle quali la confusione dell’av- versario gioca un ruolo tattico, opera- zionale e psicologico determinante per il successo dell’azione. Nonostante i vantaggi che derivano dalla loro applicazione esistono alcuni fattori che limitano o condizionano l’uso dei si- lenziatori. In primo luogo, nonostante le affermazioni di alcuni esperti, quasi tutti i sistemi di silenziazione conosciuti ridu- cono la potenza, la portata e, in certi casi, influiscono negativamente sulla precisio- ne dell’arma; a questo proposito, si veda- no le tabelle e i diagrammi aggiunti nel- Yultima parte di questo libro. In secondo luogo, alcuni sistemi presuppongono modificazioni strutturali dell’arma cosi rilevanti da renderla inutilizzabile senza il silenziatore. Per ultimo, certi sistemi ri- chiedono, quando si pretende il massimo di“discrezione”, l’uso di cartucce studia- te appositamente a questo proposito. Contrariamente a quanto fanno credere i films polizieschi e di spionaggio, non € stato finora prodotto un silenziatore ca- pace di eliminare completamente il ru- more dello sparo. Conseguentemente, ¢ d’accordo con il livello attuale delle tec- niche di silenziazione, si considera gia molto soddisfacente il livello di intensita del rumore di un’arma silenziata, o do- tata di silenziatore, che ad una distanza minima di cinquanta metri non permetta la sua identificazione come arma da fuoco. le tecniche 1. suono: velocita, intensita e frequenza Per comprendere meglio l’argomento delle tecniche di silenziazione ritengo necessario ricordare alcuni concetti fon- damentali relativi alla natura del suono. Comunemente si definisce come suono la sensazione che il movimento vibrato- rio dei corpi, trasmesso attraverso un mezzo elastico, come I’aria, stimola nel- Pudito.! La velocita con la quale una perturbazio- ne sonora si propaga in un mezzo conti- nuo dipende dalle caratteristiche fisiche di questo. ' La differenza fra suono e rumore € soggettivae non é considerata in fisica. Le caratteristiche fondamentali del suo- no sono determinate dalla sua intensita e dalla sua frequenza. L’intensita, o pressione, indica la quan- tita d’energia di un suono (suono forte, medio, debole, ecc.). Si misura in decibel (dB) ed é considerata sotto due aspetti: lintensita oggettiva del suono prodotto dalla fonte e lintensita soggettiva, cioé quella con cui il nostro udito percepisce il suono. I suoni ordinati secondo una scala sog- gettiva, dal piu debole al piu forte, sono compresi fra due valori estremi: nel limi- te inferiore si trova la soglia della udibi- lita, nel limite superiore la soglia del do- VELOCITA DEL SUONO IN ALCUNE SOSTANZE lore, al di la della quale il suono é perce- pito come sensazione dolorosa. Nel presente lavoro tutti i valori d’inten- sita vengono dati in dB-SPL (SPL= Sound Pressure Level) che esprime |’in- tensita del suono come valore assoluto, indipendentemente dalla sensibilita indi- viduale e dalla frequenza. La frequenza indica la qualita del suono (acuto, grave). La frequenza si misura in Hertz (Hz) e indica il numero di volte che si ripete un fenomeno periodico, co- me il suono, nell’arco di tempo di un se- condo. La gamma di frequenza percepi- bile dall’udito umano si situa approssi- mativamente fra i 20 e 20.000 Hz; le vi- » 318 mt/sec. . 330 mt/sec. [) 348mt/sec. D> 1460 mise 5.000 mt /sec. brazioni di frequenza al di sotto della mi- nima udibile sono chiamate infrasuoni mentre le vibrazioni di frequenza troppo alte per essere udite vengono chiamate ultrasuoni. A parita d’intensita del suono, Pudito umano é particolarmente sensibile a de- terminati intervalli di frequenza (da 1.000 a 4.000 Hz); per questo motivo, la risposta psico-fisica di una- persona ad un suono, per esempio, di 80 dB a 125 Hz é molto diversa da quella otte- nuta con un suono d’intensita uguale pero da una frequenza di 2.000 Hz. Secondo uno studio dell’US Army Frankford Arsenal, in un fucile la fre- quenza del suono dello sparo é nell’ordi- ne da 650 a 700 Hz, mentre in una pisto- la questa puo raggiungere i 1.500 Hz. SCALA D’INTENSITA DI ALCUNI SUONI 4. PISTOLA cal. 9 mm Parabellum 2. FN-FAL cal 7,62 mm NATO 3. PISTOLA cal. 380 ACP 4. PISTOLA cal. 22LR i 5, SIRENA DI AUTOAMBULANZA 6. TUONO 7. TRAFFIGO DI UNA GRANDE CITTA e . 8. INTERNO DI UN SUPERMERCATO 9. RADIO ALIVELLO NORMALE LZ 10. FRUSCIO DI FOGLIE hk 441. IL PIU DEBOLE SUONO a PERCETTIBILE a gaa 0 dB 10 20 30 50 90 100 110 120 130 140 150 160 AREA DI AREA DI AREA DI SILENZIO SICUREZZA PERICOLO A A SOGLIA UDITIVA SOGLIA DEL DOLORE AREA DI SORDITA 12 2. da Hutfless a Liberra, la storia del silenziatore Le origini storiche del silenziatore ri- salgono ai primi quattro decenni di que- sto secolo. In questo periodo americani ed europei stabilirono i principi fonda- mentali sui quali si basano le tecniche di silenziazione. Sebbene nel secolo scorso si fossero re- gistrati alcuni tentativi in questo campo, fu laustriaco Josef Hutfless che pro- getto nell’anno 1900 il primo silenziato- re valido, per lo meno da un punto di vi- sta teorico. II sistema funziona per ottu- razione della bocca della canna median- ’ te un pistone che accompagna il proiet- tile; comprende inoltre due camere d’e- spansione situate sotto la canna e parallele a questa, verso le quali passano i gas per mezzo di due fori praticati vici- no alla bocca della canna. Nel 1902 Hugo Baudisch brevettd a Berlino un dispositivo silenziatore prov- visto di una valvola che, azionata dalla pressione dei gas, ottura la bocca del si- stema una volta che il proiettile é uscito, trattenendo cosi i gas all’interno del si- stema. La pratica ha dimostrato che i si- lenziatori basati su questo principio, ol- tre alla loro difficile applicabilita, fun- zionano con scarsa efficienza... quando funzionano! Hiram Percy Maxim, figlio del celebre Hiram Stevens Maxim inventore delle mitragliatrici omonime, é colui che sen- za dubbio ha contribuito maggiormente allo sviluppo del silenziatore. Nel 1907 H.P. Maxim brevetto due tipi di silenziatori: il primo é un dispositivo basato sul sistema Baudisch, migliorato con una seconda valvola attraverso la quale i gas escono lentamente all’ester- no; il secondo tipo si basa sul sistema Hutfless migliorato mediante luso di cartucce provviste di pistone dilatabile. Da parte sua, Hiram Stevens Maxim sviluppa in Inghilterra e brevetta in SISTEMA HUTFLESS: SILENZIATORE A PISTONE OTTURATORE . Pistone otturatore deformabile . Proiettile . Strozzatura . Fori di sfogo . Camere di espansione . Canna ouarhoan — | i IN (Gp \ yy g case Te te va meme Ta $$$ SILENZIATORE MAXIM M-1907 A VALVOLA OTTURATRICE 8. Stantuffo - 12. Molla dello stantuffo - 17. Valvola di sfogo SILENZIATORE MAXIM M-1907 A PISTONE OTTURATORE 21. Camera - 22. Pistone - 23. Proiettile - 26. Foro di sfogo - 27. Chiusura della camera SISTEMA BAUDISCH: SILENZIATORE A VALVOLA OTTURATRICE 1. Deflettore - 2. Canna - 3. Otturatore - 4. Leva - 5. Molla - 6. Stantuffo Francia un sistema di silenziazione for- mato da un corpo tubolare suddiviso in- ternamente in varie camere d’espansio- ne di diverso volume. I! principio delle camere multiple verra perfezionato po- steriormente da suo figlio e applicato da lui e da altri progettisti in vari sistemi di silenziazione. Con il modello 1909, H.P. Maxim stabi- lisce uno dei principi fondamentali che egli stesso perfezionera in seguito. Il suddetto silenziatore é formato da un corpo tubolare al cui interno é posta una serie di deflettori anulari che fanno si che i gas, nell’attraversarli, acquistino movimento vorticoso. La turbolenza cosi generata contribuisce in modo si- gnificativo a rallentare la velocita e la pressione dei gas. Una variante di que- sto sistema contempla l’uso di defletto- ~ DS MMI LLL TTT CMM ZILLI LILLIE TTT VE N UNO DEI SILENZIATORI A CAMERE MULTI- PLE BREVETTATI DA H.S. MAXIM NEL 1908 1. Corpo del silenziatore 2. Deflettore divisore 3. Canna 4. Fori di uscita dei gas verso la prima camera SILENZIATORE MAXIM M-1909 1. Carabina e silenziatore aN MME 2. Silenziatore: ~~ Al yo ¢ : N N a) Canna i g \ . N d) Corpo del silenziatore t¢ H e) Deflettori 3. Variante a deflettori eliformi 4. Particolare di un deflettore eliforme N SWS N N N N NN NSN N VLA NTIS ASSN YT N NIN SSK N N ANJA MSN SY \ N| N SS INS N N SSeS WY SSN Inventor: SILENZIATORE MAXIM M-1910 4, Carabina e silenziatore - 2. Silenziatore: a) Canna - d) Corpo del silenziatore - e) Deflettor! anulari - 3. Particolare di un deflettore - 4. Variante - 5. e7. Particolare di un deflettore nella va- riante - 6. Variante [ \e = a SILENZIATORE MAXIM M-1910 ~ a Nonostante i marchi (Pat. March. 30. 1909) si tratta di un silenziatore Maxim Modello 1910 per armi calibro .22 ri anulari eliformi. Nel modello 1910 Maxim ridisegno i deflettori anulari cor- reggendo cosi i difetti di funzionamento che si erano manifestati nel modello pre- cedente. Una delle caratteristiche di questo silenziatore, che sarebbe poi sta- ta applicata anche nei modelli successi- vi, € la sua asimmetricita con la quale non viene disturbata la linea di mira na- turale dell’arma. Con questo modello Maxim inizio la produzione su vasta sca- la di silenziatori attraverso la Maxim Si- lent Firearms Co. di New York, trasfor- mata poi nella Maxim Silencer Co. con sede nel Connecticut. I modelli successivi al silenziatore M-10 si basano tutti sullo stesso principio e presentano, in relazione a questo, piccole modifiche tendenti soprattutto a dimi- nuire i costi e a semplificare la produzio- ne. Nel frattempo in Germania Paul Schauer progettava nel 1908 il primo si- stema basato sull’uso di deflettori coni- ci. La funzione di questi deflettori ¢ quella di deviare lateralmente 1 gas in ; Inven tor: by pm eae Pia ease “keat cley / Grecleg MLucoives aA tty s. SILENZIATORE SCHAUER : a) Canna - b) Corpo del silenziatore - c) Deflettori conici - d) Tappo filettato DD a a is He DI 5 5 6 SSS SILENZIATORE BILLERBECK f) Molla - a) Deflettore - d) Molla - c) Corpo de! silenziatore KS y i SILBNZIATORE KLAU a) Canna - b) Corpo del silenziatore - c) Tubo interno - d) Spirale - e) Fori di “ventilazione” A, Z tne ie CGAL G 0 aw Ses LP ULIILET LD IO PLT ALR AG PLL SSHRC ANT EP AST ATT TS ZEZ modo che questi acquistino un movi- mento vorticoso e si raffreddino a con- tatto con le pareti dei suddetti coni e con quella del silenziatore stesso. Nel 1910 il tedesco Carl Billerbeck bre- vetto un silenziatore nel quale parte del- Penergia dei gas é trasformata in lavoro meccanico. Questo “knalldampfer” € co- stituito da un corpo cilindrico, un pisto- ne, nel cui interno é posta una serie di de- flettori conici, e un sistema di molle. La spinta esercitata dalla pressione dei gas sposta in avanti simultaneamente il pistone e i deflettori conici; il primo comprime la molla concentrica mentre i secondi comprimono la molla anteriore. Con questo sistema i gas, mentre si dila- tano e si raffreddano, disperdono parte della loro energia per trasformazione in lavoro meccanico. Quasi contempora- neamente a Billerbeck, Paul Klau bre- vetto a Berlino un silenziatore basato sul- lo stesso principio ma di concezione mol- to piu semplice. Questo dispositivo é formato da due tubi concentrici e da una spirale elicoidale che, nel comprimersi, trasforma parte dell’energia in lavoro meccanico, origi- nando allo stesso tempo un forte movi- mento dei gas. TMT EN ‘ 4 . = or: a sous SRE IE Sky AEE be ' by N R t S ke. " eT, S * SSS sf Ss Pere La DE aD abshe PLZZ eexezreae SRR SSRA RG SRS LLL LLL ALLL t ‘ose 2 mre Oo ~ 8 TOOT NES Nel 1911 lo svizzero Eugéne Thurler brevetto negli Stati Uniti un silenziatore basato sul sistema Shauer. Questo di- spositivo é formato da tre camere d’e- spansione concentriche. La camera in- terna contiene 12 deflettori conici la cui funzione é quella di deviare i gas ver- so la camera d’espansione centrale che a sua volta comunica con la camera ester- na attraverso un centinaio di fori situati nella parte anteriore del tubo. La came- ra esterna contiene lana d’alluminio e presenta nella parte posteriore una serie di fenditure attraverso cui i gas fuorie- scono. Il primo silenziatore adottato da un’e- sercito, benché in numero limitato, fu quello progettato da Robert Moore nel 1912. Il corpo del silenziatore é suddivi- so in una serie di camere d’espansione a pareti curve, cosi da ottenere il massimo di turbolenza. Le camere d’espansione anteriori sono attraversate da un deflet- tore tubolare per cui passa il proiettile. Dopo un’intensa serie di prove effettuate dall’?US Ordnance Department, l’US Ar- my compro alla Moore Silencer Co. un centinaio di questi silenziatori. 18 “SS & is TTS ERS DSL Tare DOS STA SIRZ OTS SUN AS I AUP SONS TIS N Ir GEE AS DISSE AE ARRANGE SESS STNG SENS SEEDS SILENZIATORE THURLER a) Manicotto - b) Canna - c) Mirino - d) Deflettori conici - e) Camera interna - e:) Foro di sfogo - g) Ca- mera centrale - g:) Foro di sfogo - h) Camera esterna (corpo del silenziatore) - hs) Fenditure di sfogo - f) Bacchette di montaggio dei deflettori SILENZIATORE MOORE M-1912 Modello di serie adottato dall’Esercito Americano SILENZIATORE MOORE M-1912 1. Corpo del silenziatore - 2. Canna - 5 e 9. Ca- mere - 6 e7. Attacco del silenziatore - 8 e 10. Pa- rete delle camere - 12, 13, 14 e 15. Deflettori tu- bolari - 17. Attacco a baionetta 4 SS — —— atin i SILENZIATORE WESTFALL 1. Canna - C) Camera di espansione - 5. Corpo del silenziatore - D) Camera primaria - 12. Pisto- ne a camere interne - 14. Deflettori - 15, 16 e 20 Fori di passaggio - 17. Molla. In basso: particolare di una variante VEX vt Wo SS Bs ; 7 Ka ky fy Ny Ry Ny Re toa aide elle dort eo ee \\ SILENZIATORE THOMPSON 1. Canna - 2. Culatta - 3. Anima - 4. Cartuccia - 6. Tubo diffusore - 7. Distanziatore - 10 e 11. Fori - 12. Camera tra i tubi diffusori - 13. Camera intor- no al tubo diffusore. A) Particolare di un tubo diffusore - B) Distanzia- tore Il silenziatore progettato nel 1914 dal- Pamericano Walther E. Westfall, é uno dei sistemi pil ingegnosi e funzionali dell’epoca. Veramente si tratta di un’ar- ma silenziata in cui la canna si trova al- linterno di una camera d’espansione tu- bolare la cui sezione anteriore contiene un pistone a camere multiple che si ap- poggia contro una molla. La funzione di questo pistone é quella di deviare una parte dei gas verso la camera d’espan- sione e, sotto la spinta dei gas, compri- mere la molla anteriore trasformando cosi l’energia in lavoro meccanico. Nel 1915 Eugene W. Thompson pro- getto. un sistema che, nonostante la sua irrealizzabilita (si trattava di un pezzo d’artiglieria silenziata), sarebbe servito come base alcuni anni dopo per svilup- pare il sistema “canna-silenziatore”. In sintesi, il sistema utilizza una canna provvista di una serie di fori attraverso i quali i gas fuggono verso una camera d’espansione periferica, diminuendo cosi la loro pressione. Il silenziatore brevettato quello stesso anno dall’americano Hans Humm é il primo sistema che adopera materiali termo-assorbenti come mezzo per dimi- nuire la temperatura dei gas e quindi la loro pressione. Pid tardi, durante la Se- conda Guerra Mondiale e fino ad oggi, gli americani avrebbero applicato que- sto principio nello sviluppo di efficaci si- lenziatori ed armi silenziate. Il primo sistema che utilizza diaframmi flessibili allo scopo di otturare parzial- 20 6 (/\AOT o/ fe A 9 FRAN ESSSSSSSSSSO SSSI S S88 Li eval Ae i Sf Hoses Hh Vee BR a Bacal y an) BA Bee BL mea 7 EEN (Ree er SY Le g SILENZIATORE HUMM Fig. 1: silenziatore applicato. - Fig. 2: 7. Spirale (molla) - 8, 13 e 14. Rete Fig. 3: 6. Tubo diffusore - Fig. 4, 5 e 6. Rete di trama diversa Vi bsesses , Sle 2s 2a Ct C Hpi — 0a az Keke Attorneys 1 SILENZIATORE NOTHIGER-MOLZ 1. Corpo del silenziatore - 2. Diaframmi - 3. Portadiaframmi SILENZIATORE BRUN a) Canna - b1, b2, b3, b4) Fenditure - c1, c2, c3) Camere d’espansione oa a é A f| & Y F SS) Vy) ) A) MN ae 4 mente la bocca del silenziatore senza dover ricorrere a complicati meccani- smi, fu progettato in Germania da Gotlieb Nothiger e Karl Molz nell’anno 1917. Questo sistema, in apparenza abba- stanza semplice, é formato da una ca- mera d’espansione chiusa anteriormente mediante una serie di diaframmi di ma- teriale refrattario (amianto), progettati in modo da poter essere velocemente so- stituiti. Secondo il parere dei progettisti, questo sistema dovrebbe permettere an- che di superare uno dei fattori critici nella costruzione dei silenziatori: la tolleranza dei fori di passaggio e/o uscita del proiet- tile. 21 Nel 1919 Joseph Brun brevetto in Fran- cia un’arma silenziata che rappresenta la prima applicazione pratica del siste- ma Thompson, sebbene non esattamen- te con gli stessi fini con i quali sarebbe stato poi applicato. Fondamentalmente il sistema ¢ formato da un tubo che avyolge la canna, di lun- ghezza quasi uguale a questa, suddiviso internamente mediante deflettori in tre camere d’espansione, ciascuna di diver- so volume, nelle quali si spandono i gas che fuggono attraverso otto fenditure praticate lungo la canna. E interessante far notare che, almeno nelle buone intenzioni di Brun, questo sistema dovrebbe permettere anche una maggiore portata dell’arma, il prolunga- mento della vita utile della canna (dovu- to a un minore riscaldamento di questa) e una diminuzione del rinculo. Tutto cio perché Varia che si trova davanti al proiettile é scaricata attraverso le fendi- ture diminuendo cosi la resistenza all’a- SRE ILRI GEER EES, He SSF IAA: aaa ESS TS SRS ASSESSES vanzare di questo lungo la canna (sic!). Il Maggiore Anthony Fiala dell’US Ar- my Ordnance Corps sviluppo nel 1919 un silenziatore da impiegarsi specifica- mente con la mitragliatrice Browning cal.30 M-1917. Si tratta di un si- lenziatore che basa il suo funzionamen- to sull’effetto vorticoso creato da un condotto elicoidale. Questo sistema, mi- gliorato da Robert Hudson nel suo pro- getto di cannone automatico, é stato uti- lizzato nella costruzione di alcuni dei pid moderni silenziatori attualmente in uso. Contemporaneamente a Fiala, in Fran- cia Jivko Barlowatz realizzava un silen- ziatore a condotti elicoidali multipli e con passo alternativamente invertito. Questo sistema lo vedremo applicato, mezzo secolo dopo, nei silenziatori SIO- NICS (vedere). La societa francese AGIR (Applica- tions Générales d’Inventions, Recher- che) brevetto nel 1932 un progetto d’ar- ma silenziata basato sui sistemi Thom- pson e Humm. In questo sistema la canna presenta, vici- no alla bocca, tre fori di sfogo praticati tra i “pieni” della rigatura, attraverso i quali i gas fuggono verso una camera di espansione concentrica. In questa camera e in corrispondenza con i fori di sfogo, un rotolo di re- te metallica avvolge la canna. La sezio- ne posteriore della camera d’espansione presenta nella sua parte inferiore una fenditura di evacuazione dei gas. Nel 1933 Hans Eissfeldt brevetto in Germania un silenziatore basato sul si- stema Nothiger/Molz. Questo silenziatore é formato da un cor- po tubolare suddiviso internamente in cinque camere d’espansione mediante diaframmi rigidi e chiuso anteriormente da un diaframma elastico (gomma, spu- gna, ecc.). L’ultima di queste camere é riempita da una massa elastica simile. La “Servais Limited of London” bre- vA ESGYUHHvuwsye SSM MH SSAA. AAA = SSN IN MISS < SS SS OOH TOO OSESEEEEEEEEEE—S_PD SSG SILENZIATORE FIALA A) Corpo del silenziatore B, E) Tappi C) Manicotto filettato D, F) Foro di passaggio G) Fori di sfogo H, H:) Tubo elicoidale J, K, L, M) Corpo elicoidale 22 Inventor ij 224 ABQAALZRAABZRAAAABRARBAAAAAAAeee Boe-- pe %6 ge % SILENZIATORE HUDSON 130. Corpo del silenziatore 131. Tubo diffusore 132. Fori 135. Corpo elicoidale ae’ ON Yor SSS Hopp ann Ny VEE IO VR re eI Yj “Ne BS 135 MITRAGLIATRICE BROWNING CAL. 30 M-1917 Illustrazione presa da un manuale ad uso confi- denziale pubblicato dall’US Army nell’anno 1919. ll silenziatoreFiala € segnalato con la freccia Jjrnven tor Robert F Hudson sy ASeetdeThone Attorney SILENZIATORE BARLOWATZ SILENZIATORE AGIR a) Canna 1. Canna b) Corpo del silenziatore 2. Pieno della rigatura c) Tubo elicoidale esterno 4. Fori d) Tubo elicoidale interno 5. Corpo del silenziatore 6. Rete metallica af oe oe ce ce PEALE FUREY oa = & Ya 4 Bi 7 7 YB ee ZB % Y bs Z o % iB Y q y 7 g ¢ % H iy Z A (3 B ] PTS | CG « < ~ dM a Lldeid S 4 SSG RK SSSMAY SSSMAMEEESESGD y S 1 art PCIE EET IZEZEZEIIE aa ae Q ZZ Z ZZ ES SSSSES : a ei an a SSS SSS SSS SSE SS SENET SS eG 5 S SILENZIATORE EISSFELDT A) Bocca del silenziatore - B) Attacco - a, c) Diaframmi elastici - b) Massa elastica - d) Deflettori estremo anteriore (A) estremo posteriore (B) vetto in Germania, nell’anno 1936, una serie di silenziatori basati sul principio dell’assorbimento termico per mezzo di rete e/o lana metallica. La “SLL” svi- luppo con questi progetti la tecnica co- struttiva definitiva di questi sistemi. Questa breve rassegna storica dei siste- mi di silenziazione che, a mio parere, so- no quelli che hanno inciso maggiormen- te sullo sviluppo delle tecniche attuali di silenziazione,! non posso_ concluder- la senza citare il piu originale sistema di silenziazione creato in questo periodo. Si tratta dello “schalldampfer” progetta- to nel 1937 dal tedesco Hans Liberra. La caratteristica principale di questo si- lenziatore é la turbina che, quando é messa in moto dai gas, provoca una for- te turbolenza, oltre a muovere un venti- latore la cui funzione é quella di immet- tere aria in una camera di compressione. Quando la canna retrocede (ovviamente il sistema fu progettato per uso con ar- mi automatiche o semiautomatiche azionate dal rinculo della canna) l’aria compressa € scaricata nella camera d’e- spansione (vedere il numero 3 della fig. pag. 28), originando cosi un’ulteriore tur- bolenza all’interno del sistema (sic). Ventisei anni dopo la Carl Walther Waffenfabrik, con la collaborazione del- lo specialista Siegfried Huebner, avreb- be sviluppato un efficace silenziatore basato sulla turbina di Liberra. ' Vedere il quadro sinottico A. 25 SILENZIATORI SERVAIS Due modi di disporre il “pack” di assorbimento termico nell’interno del silenziatore See Se RS «: 10 00 #2 G7 ait te Fr —_ == «fia a a ‘ See ato Pavia x i pe ema Re eS er | ep Se oes F heen CoRR SS SS SSO =] es a ee Ss NG a See Tet CSS SSS SSS Sy MVARARAREL SSP DIN SSG RG Rf" 1 yy N y NA KR ESQH MMi ay My VLAN WEY, iY N y y b 4) DD S &Y Sooty Peeest ay, LA, i AA 5 J Lin Peek q Cf oSbhLSSSISBVW9R00ES Piet. bh bk Shs Ly isa cy Li AAS © Ny LALLA AA Oe SSN Ne hdd hutherh dakaderdedenteDsrvmed hese AP hip NG RW 1 ps N — SS Ladd hd ddRene \ Sate tent bed La hh SS Saal Si hehanctbnnendharheck hendbnthecheal S a .30 Mode! 1923 .22 cal. Silencer Body..... . 4.00 Model 1923 .22 cal. Silencing Chambers, each.......- .10 Model 1923 .22 cal. Silencer End Cap..... 1.00 Model 1923 .22 cal. Plain Washer........- .20 Model 1921 High Power Silencer Body; ay 2 ve 6.00 Model 1921 High Power Silencing Chambers, each -20 Model 1921 High Power Silencer End Cap.....- 1.50 Model 1921 High Power Plain Washer.....-+ .20 Model 1924 High Power Silencer Body... 7.00 Model 1924 High Power Silencing Cham .20 Model 1924 High Power Silencer End Cap bee . 2.00 Model 1924 High Power Plain Washer.......--- . no MER .20 Charge for threading gun barrels when sent to us 3.00 Charge for shortening magazine tubes when done Pe re eee 1.50 DISEGNO SCHEMATICO DEL SILENZIATORE MAXIM M-15 SCHEMA DEL SILENZIATORE AMFCO-S1 1. Tappo - 2. Camera di espansione - 3. Dischi in rete di acciaio - 4. Tappo-manicotto - 5. Canna a A | Pf ole WSL Cy ZZ " FUCILE MAUSER K98K CON SILENZIATORE SD T3 E CANNOCCHIALE Z-39 eA ee 1 2 3 4 5 6 SILENZIATORE SD T1 1. Tappo - 2. Diaframma elastico - 3. Deflettore - 4. Distanziatore - 5. Attacco a baionetta - 6. Canna TESTA OOS oss oo} N ‘| | Wateemessamsaues ah ) SN SILENZIATORE SD T3 le pistole mitragliatrici Mauser “Gerat Potsdam” e MP 3008, copie tedesche della STEN Mk-II. Il modello Sd T4 € suddiviso internamente da 15 diaframmi di gomma. Questo silenziatore é una co- pia esatta del silenziatore sovietico S-41 impiegato con la carabina a ripetizione semiautomatica SVT-40 (vedere). Il silenziatore Sd T3 e Sd T5-Wolf, basati sul sistema Schauer, sono costituiti da una camera di espansione chiusa an- teriormente mediante diaframmi di gomma, al cui interno é posta una serie di deflettori conici. Nell’Sd T5-Wolf i coni deflettori sono contenuti in una camera interna. II cor- po del silenziatore presenta una rigatura spiraliforme che forma un condotto eli- coidale intorno alla camera concentrica. Il silenziatore Sd T6, ad eccezione del dispositivo d’attacco alla canna, € una copia esatta del silenziatore sovietico S- 40, di cui erano stati presi alcuni esem- plari nella prima fase dell’offensiva tede- sca sul fronte orientale. L’Sd T7 Wenden é ultimo dei silenzia- tori conosciuti realizzati per il Kar 98k e SILENZIATORE SD T5. WOLF per altre armi simili. Progettato in base al sistema Fiala/Hudson, I’Sd T7 é for- mato da una camera di espansione uni- ca eda un diffusore elicoidale attraver- sato da un tubo diffusore situato nella sua sezione anteriore. Fu prodotta anche una cartuccia specia- le subsonica, la 7,92 x 57 JS “Nahpa- tronen” identificabile per il colore verde del bossolo. Naturalmente, l’uso di que- ste cartucce riduce la portata e la preci- sione ed esige la correzione dell’alzo. Non si conoscono i dati balistici e acu- stici del K98k provvisto di questi silen- ziatori, pertanto nella tavola C si trascri- vono soltanto i dati dell’arma. C. FUCILE MOSIN-NAGANT M-1891 Il “lineyaya Vintovka obr 1891g”, pro- gettato dal Colonnello Serghei Ivano- vich Mosin con l’aiuto dei belgi Emile e Leon Nagant, fu adottato dall’Esercito Zarista nel 1891. Questa arma, nelle sue diverse versioni, fu il fucile regolamenta- |, Vi SA CW la aaisisisaaig Van AE as) A Ya re dell’Esercito Russo nelle due guerre mondiali. A causa dell’incapacita dell’industria bellica zarista di produrre in serie que- sto tipo di armi, le prime partite furono prodotte dalle fabbriche SIG, Chatelle- rault e Styer. Soltanto nel 1895 gli arse- nali di Tula e Sestrorestk iniziarono la produzione del Mosin-Nagant M-1891. Nel 1930 fu adottata la versione miglio- rata “7,62 mm Vintovka obr 1891/30 g” e, otto anni dopo, la versione per franchi tiratori “7,62 mm Snayperskaya”, pro- veniente quest’ultima da partite accura- tamente sselezionate del modello 1891/30, dotate di cannocchiale PU, sostituito durante la Seconda Guerra Mondiale dal modello perfezionato PE. Durante il conflitto gli arsenali di Se- strorestk produssero per questa versione il silenziatore S-40, che fu impiegato di preferenza per i distaccamenti partigiani che operavano dietro le linee tedesche. Il silenziatore é costituito da tre camere di espansione, di cui due concentriche e separate dalla camera anteriore median- te un diaframma di gomma. La bocca SILENZIATORE SD T7. WENDEN aaa naam eAD FUCILE MOSIN-NAGANT 1891/30 “SNAYPERSKAYA” CON SILENZIATORE S-40 e CANNOCCHIALE PU SoS ye RS Ras 5 SSS LLLLEL ML LLL LL SILENZIATORE RUSSO S-40 Spade SCALA TCLS TOTO Panic ny 1. Diaframma elastico - 2. Camera di espansione secondaria - 3. Camera di espansione principale - 4. Deflettore - 5. Attac- co a baionetta CARABINA SILENZIATA DE LISLE CON CALCIO METALLICO PIEGHEVOLE del silenziatore é chiusa da un altro dia- framma elastico. II sistema fu progetta- to in un modo da permettere la rapida sostituzione dei diaframmi. Fu anche prodotta una cartuccia specia- le subsonica con cui si ottenevano risul- tati accettabili fino ad una distanza di 200 metri. Tali cartucce sono identifica- bili per il colore verde del bossolo e del proiettile. D. CARABINA SILENZIATA DE LISLE La carabina silenziata De Lisle fu pro- gettata dagli arsenali britannici durante la Seconda Guerra Mondiale per essere impiegata dai commandos e da altre u- nita speciali. La De Lisle é un’arma a ripetizione ma- nuale, calibro .45 ACP, con una mecca- nica tipo Lee semplificata. La scelta di questo calibro, insolito per un’arma in- glese, 6 dovuta alla velocita subsonica del proiettile che consenti di semplificare considerevolmente il progetto. Si sostiene che la De Lisle, il cui silen- ziatore é del tipo a diffusore elicoidale, fu la miglior arma silenziata prodotta durante la guerra in quanto a precisione, portata ed efficacia. 89 Quest’arma fu impiegata anche nella guerra di Corea, in Malesia ed in Africa. E. CARABINA SILENZIATA GEKADOS La carabina silenziata Gekados appar- tiene alla stessa classe della De Lisle e fu progettata in Germania con gli stessi propositi. La Gekados ¢ un’arma a ripetizione ma- nuale, calibro 9 mm Parabellum, con una meccanica tipo Mauser semplifica- ta. Le cartucce di tipo speciale subsoni- co, identificabili per il colore verde del bossolo, sono contenute in un caricatore da pistola P-08. Non si conoscono altri dettagli di questo sistema e neppure la struttura interna del silenziatore. Prodotta in pochissimi esemplari, l’uni- co conosciuto in Occidente fu trovato a 90 CARABINA SILENZIATA DE LISLE IN VERSIONE CON CALCIO FISSO IN LEGNO di otturazione posto nel calcio dell’arma Berlino tra le rovine della residenza del capo della Gestapo, il conte Von Hell- dorf. Gli altri esemplari esistenti furono presumibilmente catturati dall’Esercito Sovietico. F. US CARBINE CAL .30 M1 La carabina a ripetizione semiautomati- ca “US Carbine Cal .30 M1” e la ver- sione M1-A1l, progettate da David Wil- liams e prodotte dalla Winchester Re- peating Arms Co. tra altre ditte, furono adottate dall’US Army nel 1941. Nel 1944 furono introdotte le versioni auto- matiche M2 e M3; quest’ultima differi- sce dalla M2 poiché manca di alzo, pos- sedendo in cambio un sostegno speciale per il cannocchiale a raggi infrarossi M1-Sniperscope. Nel 1944 gli arsenali inglesi di Enfield CARABINA SILENZIATA GEKADOS (DI VON HELLDORF) La formula strutturale di quest’arma é del tipo “Bull-Pup”, cioé con il gruppo culatta-meccanismo progettarono, su richiesta dell’OSS, una versione silenziata del modello M1, fu prodotta in Inghilterra dalla Royal Small Arms Factory e negli Stati Uniti dalla In- land Division of General Motors Co. In questa versione, siglata “OSS Carbine M1 Silenced”, furono modificati i conge- gni di puntamento ed eliminato il mecca- nismo recuperatore di gas, trasforman- dosi cosi in un’arma a ripetizione manua- le. La canna, accorciata di quasi la meta, presenta sette fori di 3 mm di diametro attraverso i quali fuoriesce una parte dei gas verso una serie di camere di espan- sione. Due di queste, la seconda e l’ulti- ma, contengono una serie di deflettori conici. Per quest’arma fu anche prodotta una cartuccia speciale subsonica dotata di proiettili del tipo “soft point” e identifi- cabile per il colore verde della sua ogiva. La OSS Carbine M1 Silenced ebbe il CARABINA OSS M1 CARBINE SILENCED CARABINA OSS M1 CARBINE SILENCED SCOMPOSTA NELLE SUE PARTI PRINCIPALI SCHEMA DEL SILENZIATORE DELLA OSS M1 CARBINE SILENCED acc Ze SS Vp DVO TTT oo ES DE ER Ba = AGC AA L 5 an Ee MS Lg suo “battesimo di fuoco” nei giorni che precedettero lo sbarco di Normandia, durante le operazioni di disturbo effet- tuate dai commandos dell’OSS dietro le linee tedesche lungo la costa atlantica. Durante la Guerra di Corea, gli Arsena- li di Springfield produssero una secon- da versione silenziata della M1 con ca- ratteristiche di funzionamento simili alla OSS Carbine M1 Silenced. Non sono stati resi noti i particolari del sistema di silenziazione adottato. La Plainfield Machine Co., una delle tante industrie che attualmente conti- nuano la produzione della carabina M1, ha introdotto recentemente la versione Plainfield Carbine M1 Paratrooper nei calibri .30M1 e 5,56 mm (.223). Ha pro- dotto inoltre una versione speciale cali- bro 9 mm Parabellum a ripetizione sem- plice o manuale (senza meccanismo re- cuperatore dei gas). Con quest’arma la Military Armament Corp. sviluppo una carabina silenziata: la MAC-Plainfield M1 Silenced. Il sistema di silenziazione, progettato dalla SIONICS, é del tipo canna- silenziatore/assorbimento termico, circa il quale non é stato divulgato nessun altro particolare. La carabina MAC-Plainfield fu sottopo- sta a prove in poligono e in combatti- mento dalle Forze Speciali dell?US Ar- my e dall’esercito del Vietnam del Sud durante la recente guerra. G. FUCILE SEMIAUTOMATICO TOKAREV SVT Il Tokarev SVT, nelle versioni 38 e 40, fu il primo fucile a ripetizione semiauto- matica prodotto in serie dagli arsenali sovietici durante la Seconda Guerra Mondiale. Nonostante queste armi si fossero rivelate strutturalmente fragili e di difficile manutenzione, esemplari se- lezionati di entrambi i modelli, provvisti di cannocchiale e di silenziatore S-41, fu- rono impiegati da franchi tiratori. CARABINA SILENZIATA MAC-PLAINFIELD M1 SILENCED \ 92 FUCILE SEMIAUTOMATICO TOKAREV SVT-40 Il suddetto silenziatore, con dispositivo di attacco a baionetta, é del tipo a dia- frammi multipli di gomma separati da anelli. Con quest’arma poteva essere utilizzata anche la cartuccia subsonica 7,62 x 54RS (Sd). H. FUCILE D’ASSALTO HAENEL StG-44 Lo Sturmgewehr 44 (fucile d’assalto modello 1944), prodotto da C.G. Hae- nel AG, fu la prima arma di questo tipo a fare la sua apparizione sui campi di battaglia e l’unica durante il conflitto. Fu progettato per impiegare la nuova cartuccia “intermedia” 7,92 mm x 33 kurz. Lo StG 44, adottato dall’Esercito tede- sco nel 1944 e prodotto in varie centi- naia di migliaia di esemplari, fu usato principalmente sul fronte orientale come un mezzo, notevolmente efficace, per contrastare il volume di fuoco infernale = 3 pS della fanteria d’assalto russa armata di pistole-mitragliatrici PPSh-41. Dallo StG-44, arma rivoluzionaria da ogni punto di vista, deriverebbero con- cettualmente tutti i fucili automatici mo- derni. Per lo Sturmgewehr 44 fu realizzato il SCHEMA DEL SILENZIATORE RUSSO S-41 silenziatore T-5A Wolf. Questo silenzia- tore, versione migliorata dello Sd TS5 Wolf, € costituito da due camere di espansione.concentriche. La camera in- terna contiene 10 deflettori conici ed é chiusa anteriormente da un diaframma di materiale spugnoso. La camera ester- 1. Tappo - 2. Diaframmi elastici - 3. Distanziatore - 4. Deflettore - 5. Spegnifiamma - 6. Canna - 7. Attacco a baionetta ll Lisl yt na contiene una spirale di filo di acciaio che forma un condotto elicoidale intor- no alla camera principale. Un secondo tipo, lo Sd StG-44 T1, é formato da una camera di espansione unica chiusa anteriormente da una serie di diaframmi di gomma. FUCILE AUTOMATICO Di ASSALTO HAENEL STG 44 SCHEMA DEL SILENZIATORE SDT-5A WOLF ==J Doses HH WN KH i AG vi i Hn Hi I. FUCILE A RIPETIZIONE AUTOMATICA FN-FAL Il fucile automatico Leggero - FAL - prodotto dalla Fabrique Nationale d’Ar- mes de Guerre! con sede a Herstal in Belgio e progettato da Dieudonné Saive nel 1948, deriva’ concettualmente da quell’arma rivoluzionaria che fu lo StG- 44 prodotto in Germania nell’ultima fa- se del conflitto. La produzione in serie ha avuto inizio nel 1954 e a tutt’oggi il FAL é stato adottato da pil di 70 paesi, dando pro- va di efficienza in tutti i conflitti di que- sti ultimi 25 anni. La American Machine & Foundry Co., basandosi su quest’arma, effettud un esauriente studio in relazione alla possi- bilita di applicazione dei sistemi conven- ! Attualmente: Fabrique Nationale Herstal. FUCILE AUTOMATICO FN-FAL zionali di silenziazione nelle armi auto- matiche lunghe. Come dimostrano i suddetti studi”, la silenziazione del FN-FAL (ed in gene- rale di tutte le armi lunghe a ripetizione automatica il cui funzionamento si basa sulla sottrazione di gas), utilizzando il sistema canna-silenziatore e conservan- do la capacita di fuoco automatico, é praticamente impossibile a causa della disposizione del meccanismo recupera- tore dei gas. La silenziazione basata su questo sistema é possibile solamente tra- sformando l’arma in un fucile a ripeti- zione manuale, cosa che richiede impor- tanti e costose modifiche. . Allo stesso modo, l’uso di cartucce spe- ciali subsoniche, conservando il funzio- namento automatico dell’arma, implica, oltre ad una riduzione notevole della 2 Vedere i dati numerici, balistici ed acustici alle tavole C, Ee Ge nei diagrammi F, Ge M. DISEGNO SCHEMATICO DEL SILENZIATORE AMFCO Fi SPERIMENTATO CON IL FN-FAL 1. Tappo - 2. Dischi in rete d’acciaio - 3. Tappo-manicotto - 4. Canna portata e della precisione, significative modifiche del cilindro e della valvola dei gas del meccanismo recuperatore e la sostituzione delle molle, giacché in altro modo la minore pressione dei gas impe- disce il funzionamento del meccanismo. Cosi, quindi, l’espediente piu semplice é quello di utilizzare cartucce subsoniche quando serve eliminare anche gli effetti acustici dell’onda balistica e un silenzia- tore, come quello sviluppato dalla A.M.F. & Co, avvitato alla bocca della canna al posto dello spegni-fiamma e utilizzando l’arma come un fucile a ripe- tizione manuale. Questa soluzione presenta il vantaggio di permettere l’eliminazione dei suoni meccanici e di non richiedere alcuna modifica dell’arma, potendola cosi uti- lizzare contemporaneamente con car- tucce normali. Con un FAL provvisto di un silenziato- re del tipo ad assorbimento termico, I’a- gente Rolando Cubelas Sacada tento di asgsassinare il Primo Ministro cubano Fi- del Castro. 94 SILENZIATORE SIONICS M-14 SS Introdotta arma a Cuba per mezzo della “valigia diplomatica’’, il complot- to fu smascherato, all’ultimo momento, dagli organismi di sicurezza cubani. J. FUCILE A RIPETIZIONE AUTOMATICA US 7,62 mm M-14 Rifle Il fucile automatico M-14 é l’ultima ver- sione di una lunga serie di prototipi deri- vati dall’US Rifle Cal.30 M1 “Ga- rand”, del quale conserva il meccanismo fondamentale. Vincitore di un concorso a cui parteci- parono i fucili automatici EM-2 inglese e FN belga, I’M-14 fu adottato nel 1957 dall’Esercito degli Stati Uniti restando in servizio soltanto per nove anni. La versione per il tiro di precisione, XM-21, proviene da partite di fucili M- 14 accuratamente selezionati e montati a Fort Benning ed é usata soltanto con cartucce speciali. Quest’arma é conside- rata come uno dei migliori fucili auto- matici di questa classe. Durante la guerra del Vietnam l’XM-21, provvisto di cannocchiale Redfield ART (Adjustable Ranging Telescope) 3X-9X e di silenziatori MAC-SIONICS M14SS-1, fu valutato in combattimento Fig. 6 e’7: silenziatore e congegno d'innesto nella canna - Fig. 8: variante della camera di espansio- ne primaria o “d’ingresso” - Fig. 9: variante della 5 camera di espansione di uscita 0 “di risonanza” - Fig. 10 e 11: due tipi di valvola regolatrice dei gas FUCILE AUTOMATICO XM21 CON SILENZIATORE SIONICS M-14 SS1 E CANNOCCHIALE ART REDFIELD L/L] 1 prconrdrbrbrhrkrhoiohedegaah “ KGET ELL LL / A atop ehh pS l se VAIS AL AWN Z So DYE VALAIS KZ) LY) LAL ANI SL V7 7 SUTTON Sess iit A ~ . 45 > SRP EDD j SS NSS NY KP PP PPI INN) 5 3) 70 9° 20" TNS a Yy — ee a) SG ) é BEG pS b, sy Y Y SESS AAAS SSS RRA | Ee PP ASSESS pothesis ee LiL IS a } La CH ks O by | F | Rw, K Hy WN ( ea LI ASSERT R777 ASS 77777 L KY RR, * V7 Ey ed NON WA » FY S UN] J S \J INR LL Lb PZ | WIS INVENTOR Mitchell L.WerBell, IT BY , _ Molle v Vole ATTORNEYS 95 da franchi tiratori della 9* Divisione di Fanteria dell’US Army. La relazione finale rilasciata dal Co- mando della 9* Divisione rileva che que- sto tipo di silenziatore non compromette né la precisione né la portata dell’arma, elimina completamente la vampata e ri- duce gli effetti acustici dell’onda di boc- ca al punto da impedire la localizzazio- ne della posizione del tiratore a distanze superiori a 50 metri. Basandosi su questi risultati il Continen- tal Army Command raccomando I’ado- zione del silenziatore quale parte inte- grante dell’equipaggiamento dei franchi tiratori dell’esercito. Prove successive furono effettuate an- che con cartucce 7,62 mm NATO sub- soniche con cui si ottenne, oltre ad una minore portata, una perdita rilevante della precisione su distanze superiori agli 85 metri. Il principio di funzionamento del silen- ziatore M 14SS-1 é stato gia spiegato durante la trattazione della pistola- mitragliatrice MAC-Ingram (vedere). La principale caratteristica di questo si- lenziatore é la presenza di una valvola regolatrice situata nella prima camera di espansione che consente di mantenere la pressione dei gas ad un livello normale e costante, permettendo cosi il regolare funzionamento automatico dell’arma. K. FUCILE A RIPETIZIONE AUTOMATICA US 5,56 mm M-16 RIFLE (AR-15) L’ Armalite AR-15, ideato da Eugene Stoner e prodotto attualmente dalla Colt, é il primo fucile d’assalto del mon- do progettato per utilizzare cartucce iperveloci di piccolo calibro ad essere adottato da un esercito. Dopo un intenso ciclo di prove in poli- gono e in combattimento lAR-15 fu adottato ufficialmente dall’?US Army nel 1966.con la sigla M-16. La Colt progetto successivamente un certo numero di versioni basate sul mo- dello originale AR-15, creando cosi un intero sistema di armi: il “CAR-15 Weapon System”. Tra queste, la versio- ne carabina accorciata CAR-15 SMG (conosciuta anche come XM-177 E2) fu FUCILE AUTOMATICO M-16 CON SILENZIATORE SIONICS MAW-A1 adottata da alcune unita della Marina e dell’Esercito degli Stati Uniti con la sigla M-16 “Commando”. La Colt produce anche una versione “Sniper” del fucile M-16 appositamente progettata per l’uso con silenziatore e cannocchiale. L’M-16 fu impiegato da franchi tiratori durante la Guerra del Vietnam con i si- lenziatori M-4 realizzati dall’US Army Human Engineering, con il FAR-KM sviluppato dall’?US Army Frankford Ar- senal con il silenziatore MAC-SIONICS della serie MAW. Il SOG (Studies and Operation Group), una unita autonoma formata da merce- nari e personale della CIA, sotto il con- trollo di quest’ultima, uso nelle opera- zioni Sigma, Delta e Omega, effettuate in Indocina tra gli anni 1967 e 1968, la carabina accorciata M-16 El “Com- mando” provvista di silenziatore MAC- SIONICS MAW-AI. Recentemente la societa svedese Interdi- namics ha introdotto nel mercato un si- lenziatore per il fucile M-16, che puo es- sere usato con tutti i fucili d’assalto calibro 5,56 mm. Questo dispositivo, sul 96 FUCILE AUTOMATICO M-16 SNIPER CON SILENZIATORE SIONICS MAW-A1 E CANNOCCHIALE ART REDFIELD SILENZIATORE SIONICS (PRIMO TIPO) 32. Tappo-manicotto - 16, 17, 18, 19, 20. Spirali - 3. Corpo - 5. Tappo - 33. Deflettore 35 33, 15 16 17 18 19 13 20 10-9 3 7 ZOO Wey A fo EES Ad 9 ek Wy N N Ny ATE A LN N A 4 Wise 36 ZZ Ze As N LAN Uy W LANA os zOHOaE9r = AeH sa Ees Z a FATINTS IL ST VATA Zs ALZ ca Ke 32 DN KAY Hadabd MALS ZW NE. eee ax es bok esi Le : 34 31 614 2i 22 23 24 25 26 27 28 29 30 i} INVENTOR MITCHELL L. WERBELL =) 4 SCHEMA DEL SILENZIATORE HEL-M4, ADOPERATO IN LIMITATO NUMERO NELLA GUERRA DEL VIETNAM CON IL FUCILE M-16 1. Tappo - 2. Deflettore - 3. Manicotto - 4. Attacco FUCILE AUTOMATICO STONER 63 CON SILENZIATORE SIONICS MAW-A1 quale sono stati divulgati pochissimi dettagli, misura 180 mm di lunghezza, 30 mm di diametro e pesa 180 g. Insie- me al “Interdinamics Silencer” viene of- ferta una cartuccia speciale subsonica con la quale si ottiene un tiro preciso fino a 200 m. L. FUCILE A RIPETIZIONE AUTOMATICA STONER 63 Il fucile d’assalto Stoner 63 calibro 5,56 mm fu progettato da Eugene Stoner co- me arma base di una intera famiglia o sistema di armi: lo Stoner Weapon Sy- stem. Dopo le prove preliminari in combatti- mento, la Cadillac Gage inizid nel 1965. la produzione in serie del modello mi- gliorato 63A. L’arma fu adottata, in numero ridotto, dalla Marina e dall’Esercito degli Stati Uniti con la denominazione Mk-23 e M- 22 rispettivamente. Una versione migliorata, denominata Stoner 63-A1 viene prodotta attualmen- te dalla societa olandese N.W.M. Le Seal Teams, unita di Commandos della Fanteria di Marina Americana, fu- 98 rono armate con le versioni Mk-23 AR (Assault Rifle), Mk-23C (Carbine), en- trambe provviste di silenziatore MAC- SIONICS della serie MAW, e con la versione fucile-mitragliatore XM-207. Queste unita operavano in Indocina tra gli anni 1972 e 1973. M. FUCILE A RIPETIZIONE MANUALE REMINGTON M-700 In base al modello C della nota carabina da caccia Remington della serie 700, la Military Armament Corp. sviluppo la carabina per franchi tiratori MAC-73 Counter Sniper System. Il sistema si compone di una carabina M-700 C con canna di 508 mm, silen- ziatore MAC-SIONICS della serie MIASS e cannocchiale Redfield ART 3X-9X. La M.A.C. produsse questo sistema in due versioni: MAC 73 CSS Long Ran- ge in cal. 7,62 mm x 51 NATO e il MAC 73 CSS Intermediate Range in cal. 5,56 mm x 45 (.223). Entrambi i modelli, con la designazione “Rifle Sniper M-40”, furono impiegati da franchi tiratori della Fanteria di Ma- rina e dell’Esercito degli Stati Uniti, nonché da unita speciali al servizio della CIA che operavano in Vietnam. Attualmente questo sistema viene com- mercializzato da P. Bello Armamentos con sede a Miami e dalla SATA (Security Arms Training Affiliates) una organizza- zione privata specializzata nell’addestra- mento di contro-guerriglia urbana ed an- titerrorismo. N. CARABINA A RIPETIZIONE MANUALE WINCHESTER M-70 La Winchester Repeating Arms Co., ri- vale tradizionale della Remington per cid che si riferisce alla qualita dei pro- dotti, produce la carabina da caccia grossa modello “African”, versione nel calibro .458 Winchester Magnum delle carabine da caccia della serie 70. In base a questa arma la Aircraft Arma- ment Inc., a seguito di un contratto stipu- lato conl’'US Army Land Warfare Labo- ratory, realizzo il “Silent Sniper Rifle System M-70”, Il sistema di silenziazione consta di una canna provwvista di 15 fori disposti su tre file parallele ed un corpo tubolare di CARABINA REMINGTON-MAC 73 CSS CAL.7,62MM NATO CARABINA SILENZIATA MAC-REMINGTON 66 ee ee ATLISSSLLLTTTIETTT CARABINA SILENZIATA MAC-RUGER 10/22 grandi dimensioni suddiviso interna- mente in quattro camere di espansione. Impiega cartucce di calibro .458 Win- chester Magnum accorciate e con carica speciale che da al proiettile velocita subsonica. Incorpora anche un supporto speciale che consente l’uso sia del cannocchiale Redfield ART 3X-9X sia del visore notturno ad intensificazione di immagi- ne Starlight AN/PVS 1 e AN/PVS 2-A. Dopo un lungo periodo di prova e mes- sa a punto, effettuato dal Material Te- sting Directorate dell’Aberding Proving Ground, lo SSRS M-70 fu sperimentato nel 1971 in combattimento da franchi ti- ratori della 23% Divisione di Fanteria dell’ US Army, dimostrandosi molto effi- cace per quanto riguarda il livello acu- stico e relativamente preciso fino ad una distanza massima di 250 metri. Prima di questo progetto, il Winchester M-70, trasformato in calibro .45 ACP, era stato usato con silenziatore MAC- SIONICS nella Operazione SP a cui parteciparono effettivi delle Forze Spe- ciali dell’US Army e dell’Esercito del Vietnam del Sud. Lo scopo di questa operazione era effettuare incursioni di di- sturbo psicologico e perlustrazione sul territorio del Vietnam del Nord. O. SISTEMA A.A.I. La Aircraft Armament Inc., in accordo a quanto stabilito in un contratto stipulato con US Army Frankford Arsenal, rea- lizzo un’arma silenziata sperimentale, a ripetizione manuale, con meccanismo ti- po Mauser semplificato. La canna, di 187 mm dilunghezza, presenta 28 fori di sfogo. Il silenziatore ¢ suddiviso in sette camere di espansione, due delle quali contengono rete d’acciaio. Questo sistema, il cui massimo livello di intensita del suono raggiunge i 116 dB- SPL, é suscettibile di ulteriori modifiche tendenti soprattutto a correggere i difetti di progettazione pit evidenti, il primo dei quali é rappresentato dall’unione del- la estremita posteriore del silenziatore con la canna, attraverso la quale fuorie- sce una parte dei gas; il secondo si riferi- sce alla configurazione della bocca nella quale appare evidente la mancanza di una seconda sezione che riduca gli effet- ti dell’onda d’irruzione. P. CARABINE SILENZIATE MAC DI PICCOLO E MEDIO CALIBRO 1 In base alle carabine a ripetizione se- miautomatica Remington Nylon 66, Sturm Ruger 10/22, entrambi calibro .22 LR, e a ripetizione manuale Aya Durex “Destroyer” calibro 9 mm Largo (Bergmann-Bayard), la Military Arma- ment Corp. sviluppo un serie di efficaci carabine silenziate. ' Vedere anche MAC-Plainfield Carbine M1 Si- lenced. Le principali modifiche che queste armi presentano rispetto ai modelli originali sono: — canna accorciata; — congegni di puntamento modificati o eliminati; — meccanismo di blocco dell’otturatore (nei casi dei modelli semi-auto- matici). Del sistema di silenziazione adottato per queste armi non sono stati divulgati i det- tagli, si sa soltanto che é del tipo canna- silenziatore/assorbimento termico con sezione anteriore a diaframmi di gomma di rapida sostituzione. Dopo un ciclo di prove effettuate dal- YUS Army Small Arms Lab-Rock Island Arsenal, queste armi furono im- piegate nelle operazioni “Prairie Fire” e “Salem House” effettuate simultanea- mente sul territorio laotiano e cambo- _giano. Queste operazioni, a cui parteci- parono unita miste formate da “Berretti Verdi” dell’US Army e da “Rangers” sudvietnamiti, avevano come scopo principale quello di eliminare ufficiali e quadri politici del Fronte di Liberazione. Paradossalmente, gran parte di questi Commandos caddero vittime essi stessi di imboscate tese dalle forze guerriglie- re. Attualmente il sistema viene commercia- lizzato dalla P. Bello Armamentos € si trova in servizio presso alcune unita spe- ciali d’assalto ed antiterrorismo della Po- lizia Americana. 4. altre armi silenziate Lo sviluppo e l’applicazione delle tecni- che di silenziazione non hanno interes- sato soltanto il settore delle armi porta- tili leggere, sebbene sia questo il campo in Cui Si sono concentrati gli sforzi. Dagli inizi di questo secolo alcuni esperti si so- no interessati allo sviluppo di sistemi ap- plicabili a mitragliatrici, mortai, lancia- granate e perfino cannoni. Nonostante cid, soltanto negli ultimi due decenni si sono registrati alcuni pro- zressi significativi in questo senso. A. MITRAGLIATRICI Ci sono soltanto due armi di questo tipo delle quali si sa con certezza che sono state utilizzate con silenziatore, almeno in fase sperimentale, e cioé la Browning MG cal .30 M-1917 ela General Electric cal. 7,62 mm Minigun M-134. Della prima abbiamo gia fatto menzione durante la trattazione del sistema di si- lenziazione ideato da Anthony Fiala nel 1919 (vedere). La G.E. Minigun M-134 é una mitra- gliatrice a canne rotanti sistema Ga- tling, caratterizzata da una velocita di fuoco impressionante: con le sue sei canne raggiunge una velocita di fuoco di 6.000 colpi al minuto. Quest’arma, provvista di silenziatore SIONICS, fu sottoposta ad un intenso ciclo di prove i cui risultati non sono stati divulgati. Si sa soltanto che sono stati considerati soddisfacenti. Si ignora an- che se quest’arma fu adoperata in com- battimento durante la guerra del Viet- nam. Inoltre non sono noti i dettagli co- struttivi del silenziatore. In relazione a quest’ultimo, l’unico dato conosciuto si riferisce alla sua vita utile, che, a causa fondamentalmente della elevata temperatura alla quale é sotto- posto il sistema, raggiunge all’incirca 200 colpi. B. MORTAI E LANCIA-GRANATE 1. Sistema Batou Il primo sistema utilizzabile con questo tipo di armi fu sviluppato nel 1963 dal noto esperto della Energa, Boris Batou. Si tratta di un sistema integrale granata- silenziatore per mortai, basato sul prin- cipio del pistone otturatore gia visto pre- cedentemente. II corpo della granata é formato da un tubo al cui interno € con- tenuta la carica di lancio e con l’estre- mita posteriore chiusa mediante un anello di otturazione tronco-conico at- traverso il quale passa il meccanismo di percussione dell’arma. Quando il percussore colpisce la capsu- la, provocando la deflagrazione della carica di lancio, la granata e sparata, mentre il pistone, frenato alla fine della sua corsa dall’anello di otturazione, chiude il tubo o “camera di espansione” trattenendo cosi i gas all’interno di que- sto. Con questo sistema gli unici suoni per- cettibili in prossimita dell’arma sono quelli provocati dallo slittamento della granata entro il tubo del mortaio e la successiva onda precorritrice, di entita molto minore di quella delle armi di pic- colo calibro, provocata, in questo caso, dallo scarico dell’aria. Nonostante le grandi possibilita che of- fre, ’Energa non ha sviluppato nessun sistema di armi basato su questo princi- pio. 2. Sistema “Jet-Shot”’ La societa Poudreries Réunies de Belgi- que S.A. “PRB”, ha sviluppato recente- mente un sistema simile al precedente, il “Jet-Shot” che utilizza anche il principio della resistenza dinamica secondo il quale la velocita di combustione di una carica propulsiva é tanto alta (dell’ordi- ne di 1 m/sec.) che l’energia termica svi- luppata si trasforma in energia cinetica prima che le pareti della cartuccia ceda- no per effetto della pressione. Il Jet-Shot é una cartuccia dotata di sot- tili pareti di acciaio di alta resistenza con l’estremita posteriore chiusa dalla capsula, che puo essere del tipo a per- cussione o elettrica. Sulla carica di lan- cio é situato un pistone e su questo ripo- sa l’asta di spinta. L’estremita anteriore della cartuccia é chiusa mediante un anello di otturazione attraverso il quale passa l’asta di spinta. Quando si produce la deflagrazione del- la carica, il pistone é spinto ad una velo- cita estremamente alta finché viene vio- lentemente trattenuto dall’anello di ottu- razione bloccando i gas, la cui pressione scende velocemente all’interno della car- tuccia. L’asta di spinta continua la sua corsa proiettando la granata fuori dalla car- 101 tuccia. Cosi, non essendovi fuga di gas, sono eliminati il suono, la vampata e il fumo. Il sistema é stato progettato in modo che i gas contenuti nella cartuc- cia possano filtrare lentamente all’ester- no attraverso la giuntura anello-pistone. Il Jet-Shot permette di produrre sistemi leggeri, maneggevoli, facili da costruire e di basso costo. Inoltre l’assenza di gas in espansione dietro il proiettile, nella prima fase dello sparo, aumenta significativa- mente la precisione, cosa che costituisce un ulteriore vantaggio del sistema. In base a questo sistema la PRB ha rea- lizzato un’intera famiglia di armi: il Jet- Shot Silent Weapon System, formato da un lanciatore multiplo di granate di frammentazione PRB-404 e ad alto e- splosivo PRB-422; un mortaio leggero “a perdere” PRB-424 del tipo “Com- mando” di 45 mm per granate PRB-404; un mortaio leggero PRB-425 di caratte- ristiche simili al precedente per granate PRB 404/422; una granata PRB-434 per fucile. Quest’ultima ancora in fase di sviluppo. La PRB produce anche un mortaio me- dio capace di sparare granate silenziate di 1.700 grammi a 1.200 metri di distan- za. Questo sistema, che senza dubbio rappresenta il progresso piu significati- vo di questi ultimi anni nel settore delle armi silenziate, presenta potenziali pos- sibilita di sviluppo, potendo contempo- raneamente essere adoperato in molti al- tri casi, dove sia anche necessario il si- lenzio, la velocita e la manovrabilita co- me ad esempio il lancio di corde, di linee telefoniche, di cavi di alta tensione, ecc. 3. Lancia-granate anticarro ARPAC Recentemente la Manufacture Nationa- le d’Armes de Saint Etienne-MAS, ha sviluppato l’ ARPAC (Arme individuelle de Proximité Anti Char). Si tratta di un lancia-granate con pro- pulsione addizionale a razzo apposita- mente studiato per la lotta anticarro a corta distanza. E considerata una delle armi pit silenziose nel suo genere. Gra- zie all’originale sistema di sparo, il suo- no é di intensita molto bassa, essendo praticamente inudibile a distanze supe- riori ai 30 metri. Una carica di lancio di composizione speciale spara la granata con una velo- eX eee cita iniziale di solo 7 metri al secondo. 102 SISTEMA INTEGRALE GRANATA-SILENZIATORE BATOU PESO ee ee en bea Peer TELIA LESLIE STIS SOO Yiiiiiae, Y RR Sp We SSA py COLE Uy) SOG es Ie Ee ae eae LLL SEIS 6S MY © 3 ~ S & ~ NX RQ — oO a ~ N = Konda i I AZ be i Y y by i i e i C4 3 KA yo by ig f ¢ if 4 if 4 g is (04 ai 3 Pa A SEIT RY y y SSS er Std EE 3 AN SES SS a HRS ASS SS WATT TPEOM 098 2 0000 3 rah eal Rs II \N y\ CAEP a8 NS RGRAY So") Ss SSS Sons ee © SOS SPS KS xX hb heeeth koh hess he ee Soe BQO SSSA Sra ei kee SES SS yn 72 OTT TA LILLIES SSSSSSS. Sk SU a cs CN eho Son ene DR eS Soe SS SSS << CLEARER ARR Lg A Brus [eho INVENTOR. elettrico JET SHOT SILENT SYSTEM 1. Asta di spinta 2. Pistone 3. Carica di lancio 4. Innesto “PACK” PRB 424/404 Composto da un mortaio “a perde- re” PRB 42 di45mm_ etre conte- nitori con due granate ognuno PRB 404 percussione GRANATA PRB-404 _ Involucro a frammentazione prestabilita . Esplosivo . Rinforzatore . Spoletta . Jet Shot . Alette | OnhoOon— rerryre tre rr eres er tT yy LANCIA-GRANATE ANTICARRO ARPAC * LANCIA-GRANATE ANTICARRO E ANTIUOMO ARMBRUST la piu grossa ed efficace arma silenziata A 10 metri dal lanciatore si accende il razzo incrementando la velocita della granata fino a 76 metri al secondo, il che permette di coprire la massima di- stanza effettiva (80 metri) in un secondo e tre decimi. Possiede una carica bellica con capacita di perforazione fino a 250 mm di corazza. L’ARPAC é un’arma compatta, legge- ra, di ridotte dimensioni, di tipo “a per- dere”, nella cui produzione si fa abbon- dante uso di materiale plastico rinforza- to. Per le sue caratteristiche, 6 un’arma particolarmente indicata per la lotta ur- bana, imboscate, operazioni di Com- mandos, ecc. 4. Lancia-granate anticarro Armbrust La Messerschmitt-Bolkow-Blohm ha mes- so recentemente in produzione PArm- brust, arma appositamente studiata per la difesa contro carri a corte distanze nel combattimento e l’appoggio alle trup- pe fino alla distanza di 300 metri, dove l’impiego dei sistemi di armi di medio e lungo raggio d’azione é impossibile dal punto di vista tattico. La principale caratteristica dell’Arm- brust é l’assenza di rumore, fumo e vampata, il che impedisce l’immediata localizzazione del posto del tiratore. Inoltre, presentando un basso indice di emissione di raggi infrarossi, risulta dif- ficilmente rivelabile. L’Armbrust é un’arma “a perdere” il cui principio di funzionamento si basa sul sistema del cannone senza rinculo e sul- Vapplicazione del principio dell’ottura- zione della bocca per quanto riguarda la sua silenziazione. L’arma possiede un tubo lanciatore, una granata stabilizzata da alette e una contromassa disintegra- bile, la carica propulsiva, due pistoni e due anelli di freno. Quando si produce la deflagrazione del- la carica di lancio, il bullone che ferma i due pistoni si rompe per effetto della pressione dei gas, dando inizio al movi- LANCIA- GRANATE ARMBRUST - PARTICOLARE DEL SISTEMA 1. Granata - 2. Contromassa - 3. Carica di lancio - 4. Pistone - 5. Anelli di freno “wee eo UNS a aUlRp REE LANCIA-GRANATE ARMBRUST - VISTA ESTERNA DELL’ARMA PRONTA PER LO SPARO 1. Impugnatura anteriore - 2 e 4. Appoggio - 3. Impugnatura - 5. Cinghia - 6. Grilletto 7. Maniglia di trasporto - 8. Collimatore reflex mento della granata e della contromassa. II proiettile e la contromassa sono espul- si dal tubo. I due pistoni raggiungono i freni situati alle estremita del tubo ottu- randolo. In questo modo si evita la emissione di suoni, vampata e fumo. Intanto, il proiettile continua la sua traiettoria balistica e la contromassa, formata da fiocchi di plastica, cade al suolo ad una distanza di 10 metri senza produrre danni. Se si fa fuoco da recinti chiusi, trincee o altri ostacoli, la contro- massa non rimbalza, ma si disperde sen- za causare danno al tiratore, anche nel caso in cui questo avesse un muro a me- no di un metro dietro l’arma. PRINCIPIO DI.FUNZIONAMENTO DEL LANCIA-GRANATE ARMBRUST La granata continua la sua corsa verso il bersaglio e la contromassa si disperde 106 L’Armbrust spara due tipi di granate: una a carica cava, con una portata effet- tiva di 300 metri contro carri armati e veicoli corazzati, e con capacita di per- forazione di 300 mm di corazza, l’altra a carica dirompente / a frammentazione, con uguale portata effettiva, contro uomo e materiale non protetto. Le sue caratteristiche fanno dell’Arm- brust un’arma notevolmente efficace in combattimenti speciali, in zone edifi- cate, su terreno boscoso o in tattiche di guerriglie, trasformandosi in un’arma micidiale, per la sua alta precisione e Pimpossibilita di localizzarla, contro. obiettivi a breve distanza. tavola a PISTOLE E REVOLVERS BERETTA Modello M-34 AMFCO M-34 Funzionamento semi-autom. semi-autom.° Silenziatore no AMFCO B-1 in grammi Vo misec Cartucce nel caricatore Peso dell’arma senza caricatore Lunghezza della canna Calibro .380 ACP 380 ACP Woodsman S Model Woodsman S Model Woodsman Silenced semi-autom. semi-autom. semi-autom. no Mason MK 1-2 Mason .22 LR .22 LR .22 LR CONTENDER MAC-Silenced rip. manuale rip. manuale no SIONICS (7) (7) M-27 M-27S semi-autom. semi-autom. no CZ (2) FN Browning Standard semi-autom. HAND FIRING DEVICE “WELROD” HIGH STANDARD Mk 1A Mk 2 Mk 3 MACROD “On “B” “C” Silenced HD Silenced HD HD rip. manuale rip. manuale rip. manuale rip. manuale semi-autom. semi-autom. semi-autom. semi-autom. semi-autom. semi-autom. HFD HFD HFD SIONICS 32 ACP .32 ACP .22 LR 32 ACP 9mm Para .45 ACP .32 ACP 122 120°/125 2 2 no no Bell Bell French FAR-Mono .22 LR .22 short .22 LR 22 LR .22 LR .22 LR LIBERATOR FP-45 FP-45S MAKAROV Parabellum AMFCO Silenced PM rip. manuale rip. manuale (7) (7) semi-autom. no Bell (?) no AMEFCO L-1 MENDOZA rip. manuale 45 ACP .45 ACP 9mm Para 9mm Para 9mm Para Mendoza .22 LR (?) 109 PISTOLE E REVOLVERS aS g 2 Ss g 8 3 ss PS Ses Fie E85 = E oss SFE Ky = Vv s 2g = 2S = 5 Arma! Modello Funzionamento __Silenziatore Calibro of < s a ia 3 mifsec dB NAGANT M-1895 (6) no 7,62mm N 7 750 229 109 240 2 M-1895 (6) S-42 7,62mm N 7 ? 240 ? RUGER Standard semi-autom. no .22 LR 9 1.179 276 175 335 2? MAC-Mark I semi-autom. SIONICS .22 LR 9 1.275 295 157 300 ? SLEEVE GUN rip. manuale HFD 32 ACP -— 771 229 164 231 120 SMITH & M-39 semi-autom. no 9mm Para 8 824 178 102 330 ? WESSON M-39S semi-autom. Wox 1A 9mm Para 8 1.054 324 125 274 ? STECHKIN automatica no 9mm Para 20 1.030 225 127 340 ? T-2 (7) no 22 LR - 31 89 40 ? ? STINGER MAC (7) no (7) — 200 110 6 ? ? MAC-SD (7) SIONICS (7) — 550 320 6 ? ? T-64 semi-autom. T-64 7,65mm R 8 1.270 330 124 274 ? PP semi-autom. no 32 ACP? 8 682 173 99 ? PPK semi-autom. no 32 ACP? 7 568 155 86 280 ? PPK-SD semi-autom.5 Walther 32 ACP 7 ? 156 97 285 ? WALTHER P-38 semi-autom. no 9mm Para 8 772 218 124 350 =: 1152/1398 P-38 semi-autom. A.A.I. 9mm Para 8 1.722 338 124 2717 120 P-38 SD semi-autom. Walther 9mm Para 8 ? 165 74 ? ? P-38 SD semi-autom. Walther integr. 9mm Para 8 ? 305 74 ? ? ' Dove non si hanno dati attendibili si trascrivono soltanto i dati dell’arma senza silenziatore. 2 Queste armi vengono prodotte anche nei calibri .22LR, .25 ACP e .380 ACP. 3 Con cartucce speciali subsoniche. 4 La FN produce anche una versione con canna di 114 mm. 5 Con meccanismo di bloccaggio del carrello. 6 Meccanismo a doppia azione. Fu prodotta anche una versione ad azione singola. 7 Vedere il testo. 8 A seconda del calibro. ° C’é una versione con canna di 152 mm. 110 tavola b PISTOLE - MITRAGLIATRICI Modello MK-II MK-V MK-IIS MK-IIS MK-IIS MK-IIS MK-VI AMFCO MK II THOMPSON M-1928-A1 MI-Al OSS-M1 Silenziatore no no Type 1 Type 2 Type 3 Improved Type 3 AMFCO Calibro 9mm Para 9mm Para 9mm Para 9mm Para 9mm Para 9mm Para 9mm Para 9mm Para Cadenza di fuoco colpi/min. Cartucce nel caricatore 32 32 24! 24! 24! 24! 24! 32 dell’arma senza caricatore 2.800 2.800 ? 3.500 3.614 ? 4.320 3.610 in grammi in mm Lunghezza della canna V 0 mtsec no no Lowell 45 ACP 45 ACP 45 ACP 20/30-50?/100? 20 € 30 20 e 30 4.900 4.780 ? MP (E) MP (E) SD M3 M3-A1 M3-S M3-A1S AMFCO AMFCO M-49 M-49V M-49VS ERMA (?) no no Bell Bell AMFCO-MI1 AMFCO-M2 no no Tipo Bell 9mm Para 9mm Para 25e 32 25¢ 32 45 ACP .45 ACP .45 ACP 45 ACP .45 ACP 9mm Para 30 30 30 30 30 30 9mm Para 7,62mm P 7,62mm P 32 32 32 T-64 T-64 7,62mm P 30 CARL GUSTAF MADSEN M-45B M-45BS AMFCO M-45 M-50 AMFCO M-50 no Carl Gustaf AMFCO 9mm Para 9mm Para 9mm Para 36 36 36 9mm Para 9mm Para 32 32 111 PISTOLE - MITRAGLIATRICI dell’arma senza caricatore in grammi Vy mtsec nel caricatore lunghezza totale della canna Cartucce Modello Silenziatore STERLING Mark 4 no 9mm Para 34 Mark 5 Patchett 9mm Para 34 SMITH & M-76 no 9mm Para 36 WESSON M-76S SIONICS 9mm Para 36 BERETTA M-12 9mm Para 20-30-40 AMEFCO M-12 9mm Para 20-30-40 M-61 32 ACP 10 ¢ 20 M-61 32 ACP 10 e 20 CZ M-64 380 ACP ? 27 ~SKORPION” M-65 no? 9mm Mak ? ? M-68 no? 9mm Mak ? ? MPK no 9mm Para 32 153/140" WALTHER MPL no 9mm Para 32 150/139 MPK Walther 9mm Para 32 118 Huebner HK-54 no 9mm Para MP5-Al no 9mm Para MP5-A2 9mm Para MPS5-A3 no 9mm Para HECKLER @ MPS5-K no 9mm Para & KOCH MPS5-SD1 HK 9mm Para MP5-SD2 HK 9mm Para MP5-SD3 HK 9mm Para HK-54SD HK 9mm Para rN no 45 ACP 30 no 9mm Para 32 MAC INGRAM ll no 380 ACP 1632 LIW M-10 SIONICS 45 ACP 30 SIONICS 9mm Para 32 SIONICS .380 ACP 16e32 SEGGERN .22LR 20-40-80? .22 LR 20-40-80° 9mm Para 25-32-64 9mm Para 25-32-64 ' Vedere il testo. > Caricatore a tamburo. } Cartucce speciali subsoniche. 112 tavola c FUCILI E CARABINE SPRINGFIELD Modello M-1903/A1 M-1903/AL M-1903/Al1 “Funzionamento? Silenziatore Maxim M-15 AMFCO-S1 Calibro 30-06 30-06 30-06 Cartucce nel caricatore o serbatoio a di fuoco colpifmin. Caden Peso dell’arma senza caricatore in grammi 3950 4236 4762 Lunghezza dell’arma 1097 1224 1276 Lunghezza della canna Vo mt/sec MAUSER Kar-98 Kurz 7,92x57mm 3890 1105 MOSIN- NAGANT M-1891/30 M-1891/30 DE LISLE GEKADOS Silenced Silenced 7,62x54mmR .7,62x54mmRS 45 ACP 3950 5600* 1231 1381 890 9mm Para 800 US CARBINE M-1 OSS-M1 MAC-Plainfield TOKAREV SVT SVT R.S.A.F. SIONICS .30 M1 CARB .30M1CARB 15e 30 9mm Para 15 13 904 868 820 HAENEL US 7,62mm RIFLE StG-44 StG-44 StG-44 FAL FAL M-14 XM-21 S-41 T-5A Wolf StG-44T1 AMFCO FI 7,62x54mmR 7,62x54mmRS 7,92x33mmK 7,92x33mmK 7,92x33mmK 10 10 30 30 30 1222 7,62x5 Imm 7,62x5 ImmS 20 20 SIONICS M14SS1 7,62x5 1mm 7,62x5 1mm 20 20 M-16 M-16 Commando _M-16 SIONICS MAW 5,56x45mm 5,56x45mm 5,56x45mm 113 FUCILI E CARABINE ? Funzionamento’ Cartucce nel caricatore o serbatoio Cadenza di fuoco colpifmin. Peso. dell’arma Senza caricatore in grammi Lunghezza dell’arma Lunghezza della canna in mm Modello Silenziatore Calibro STONER 63-A _ 5,56x45mm 63-A SIONICS 5,56x45mm MAW M-700 - Diversi REMINGTON MAC-73 RL SIONICS 7,62x5 1mm MAC-73 IR SIONICS 5,56x45mm WINCHESTER M-70 458 WM M-70 SSRS A.A.I. 458 WM-S CARABINE MAC-Remington 66 SIONICS .22 LR SILENZIATE MAC-Ruger 10/22 SIONICS .22 LR MAC MAC-Destroyer SIONICS 9mm* SISTEMA A.A.1. AAL 22 LR ' Dove non si hanno dati attendibili si trascrivono soltanto i dati dell’arma senza silenziatore. > RM = Ripetizione manuale o semplice; RSA = Ripetizione semiautomatica; RA —Ripetizione automatica. + Cartucce speciali subsoniche. * Arma con silenziatore e cannocchiale. + Con selettore di tiro. ® Ci sono versioni nel calibro 9mm Largo (Bergman-Bayard) e 9mm Parabellum. 7 Con meccanismo di bloccaggio dell’otturatore ® A seconda del calibro. 114 tavola d ALTRE ARMI SILENZIATE a) MITRAGLIATRICI Nome Peso Lunghezza —_ Lunghezza Cadenza dell’arma Modello Calibro| Funzionamento Raffreddamento dell’arma dell’arma della canna di fuoco Vo LN M-1917A1 30-06 A rinculo Acqua 18,6 kg 981 mm 607 mm = 450/600 dpm = 854 m/sec. G.E MINIGUN M-134 en Elettrico Aria 26,4 kg! 800 mm 559 mm 6.000 dpm 869 m/sec. ' Senza affusto. b) MORTAI Dati PRB 404-424 PRB 422-425 Calibro 45 mm 75 mm Peso del “pack”?! 11,5 kg 14 kg Peso della granata 720 g 830 g Peso della carica esplosiva? 100 g 3502 Lunghezza della granata 250 mm 265 mm Velocita alla bocca (V,) 70 m/sec 60 m/sec 0. Portata massima 400 m 300 m Intensita acustica ' Tl “pack” consta di un mortaio “a perdere”, gia caricato, e tre contenitori con due granate ognuno. 2 Alto esplosivo (composto B). 115 ALTRE ARMI SILENZIATE c) LANCIAGRANATE ANTICARRO Dati Arpac Armbrust Calibro 72mm 67 mm Peso dell’arma carica 1,25 kg 6,30 kg Peso della granata 700 g 990 g Peso della carica esplosiva! 360 g ? Lunghezza dell’arma (in configurazione di trasporto) 400 850 mm Lunghezza dell’arma (in configurazione di fuoco) 550 mm 850 mm Lunghezza della granata 250 mm Velocita alla bocca (V,) 7 m/sec 220 m/sec Velocita di crociera (a 10 m dalla bocca) 76 m/sec — Portata massima 80m 300 m Capacita di perforazione 250 mm 300 mm Intensita acustica ' Carica cava a base di esplosivo HT-7030. 116 tavola e RELAZIONE TRA LA VELOCITA DEL PROIETTILE E LA PRECISIONE DI ALCUNE ARMI (con notazione della intensita acustica ARMA SILENZIATORE CARTUCCIA tipo! marca modello calibro tipo P Beretta M-34 380 ACP normale P Beretta M-34 380 ACP normale Luger Parabellum 9mm Para normale Luger Parabellum 9mm Para subsonico Luger Silenced? 9mm Para normale Luger Silenced 9mm Para normale STEN Mk II 9mm Para normale STEN Mk II 9mm Para subsonico STEN Silenced 9mm Para normale US M3 9mm Para normale US M3 9mm Para subsonico US M3-Silenced 9mm Para normale Madsen M-50 9mm Para normale Madsen M-S0 9mm Para subsonico Madsen M-50 Silenced 9mm Para normale Beretta M-12 9mm Para normale Beretta M-12 9mm Para subsonico Beretta M-12 Silenced 9mm Para normale Springfield M-1903 30-06 normale Springfield M-1903 30-06 subsonico Springfield M-1903 30-06 subsonico FN FAL no 7,62mmx51 normale FN FAL no 7,62mmx5 1 transonico FN FAL AMFCOF-1 — 7,62mmx51 transonico FN FAL no 7,62mmx5 1 subsonico FN FAL AMFCOF-1 — 7,62mmx51 subsonico ' P = pistola; PM = pistola-mitragliatrice; FS = fucile a ripetizione semplice 0 manuale; FA = fucile a ripetizione automatica. ’ Media di una serie di dieci colpi. * Prova effettuata col silenziatore senza la camera di espansione. tavola f RELAZIONE TRA IL PASSO DELLE RIGHE, LA VELOCITA DEL PROIETTILE E LA PRECISIONE DELL’ARMA! (con notazione della intensita acustica) DISPERSIONE? (in mm) CARTUCCIA CANNA PASSO VELOCITA ROTAZIONE (in mm) (in m/sec) (girifsec) Al2m normale normale subsonico normale normale modificato? normale normale normale modificato! ' Le prove sono state eseguite con una pistola-mitragliatrice Carl Gustaf M-45B. ? Media di una serie di 5 colpi. > Canna-silenziatore AMFCO senza la sezione anteriore ad assorbimento termico. 118 tavola g CARTUCCE SUBSONICHE, “SILENZIATE” E ULTRASONICHE Cartuccia .22 Short .22 Long .22 Long .22 Long Rifle Target High Velocity Zz, P22HP Fabbrica Remington Remington RWS CCI Sinonimi 5,6mm Kurz/Corto 5,6mm Lang/Largo 5,6mm Lang/Largo 5,6mm Lf.B./Largo Rifle 7,62mm P Standard 7,62mm Nagant Standard (1) 7,62x25mm RL (1) 7,62mm Nagant Revolver 7,62mm Tokarev Standard Legia - FN 7,65x17mm SR 7,65mm Browning Silenced (2) 7,65x17mm R 380 ACP Standard Legia - FN 9x17mm 9mm Browning corto 9mm Makarov Standard (1) 9x18mm 9mm Parabellum Standard Silenced Silenced Legia - FN Super vel Cartridge Frankford Arsenal Peso della carica in grani Peso del proiettile in grani 9x19mm 9mm Luger 9mm Mark 44 Mod. O 9mm Largo Standard 9x23mm 9mm Bergman-Bayard Standard Remington -45 auto 11,43x23mm .223 Remington US M 193 Silenced (3) Interdinamic 5,56x45mm CARTUCCE SUBSONICHE, “SILENZIATE” E ULTRASONICHE a Tee TTS Peso della carica in grani gs & Cartuccia Tipo Fabbrica Sinonimi eas Vo 30 M1 Standard (3) 7,62x33mm 108 US Cal. 30 Carbine 13 603 7,62mm NATO L2A2 (4) 7,62x5 1mm 144 44 823 . .308 Winchester usw Silenced (5) 144 10 271 7,62 Mosin Standard (1) 7,62x54R 148 48 870 Silenced (1) 147 8 260 30-06 Standard (3) 7,62x63mm 174 50 761 .30 Springfield US Cal. 30 Silenced Frankford Arsenal 174 8 308 7,92mm Mauser Standard 7,92x57mm 178 45 7199 8mm Mauser Silenced 198 8 299 458 Win. Mag. Soft point Remington = 510 71 643 -458 Winchester Silenced ? _ 510 ? ? Queste cartucce sono prodotte dagli Arsenali Statali dell7URSS e da molti paesi equipaggiati con materiale sovietico, inclusa la Cina. Cartuccia subsonica speciale prodotta per la pistola silenziata cinese T-64. Non é intercambiabile con la .32 ACP. Arsenali Americani. Arsenali Inglesi. Arsenali Canadesi. 120 diagrammi NOTA: i dati illustrati in questi diagram- mi sono stati presi, ad eccezione del dia- gramma H, da “Final Report phase III Acoustic Study Program” della Ameri- can Machine & Foundry Co. DIAGRAMMA A CURVA BALISTICA COMPARATA 0 TRA UNA CARTUCCIA NORMALE 15 20 25 30 35 40 A ABBASSAMENTO DISTANZA 45 cm. 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 mt. 4) ‘ Le prove sono state eseguite con una pistola mitragliatrice CARL GUSTAF M-45 E UNA “SILENZIATA”' 121 DIAGRAMMA B CAPACITA DI SILENZIAZIONE DEL SISTEMA “CANNA-SILENZIATORE/ASSORBIMENTO TERMICO” 135 dB 130 125 120 115 112 1 50 100 150 200 250 300 colpi @ curva media m= pistola-mitragliatrice STEN MK IIS Type 3 (con diaframmi elastici) @ zona media = pistola-mitragliatrice STEN-AMFCO Silenced (senza diaframmi) 122 70 100 120 140 160 180 200 220 ano 260 280 300 320 340 360 380 400 & RETTANGOLO Di DISPERSIONE (in mm.) DISTANZA Cin mt) > DIAGRAMMA C PROVA COMPARATA DI DUE PISTOLE CON E SENZA SILENZIATORE 123 DIAGRAMMA D PROVA COMPARATA DI DUE PISTOLE-MITRAGLIATRIC! CON E SENZA SILENZIATORE 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200 220 240 260 280 300 320 340 360 380 400 420 Ny) 124 se RETTANGOLO DI DISPERSIONE ( in mm.) DISTANZA ( in mt.) ie 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200 220 240 260 280 300 320 340 360 380 400 420 RETTANGOLO DI DISPERSIONE (in mm.) DISTANZA (in mt.) % 10 a 20 30 40 DIAGRAMMA E PROVA COMPARATA DI DUE PISTOLE-MITRAGLIATRICI 50 60 70 CON E SENZA SILENZIATORE 80 90 125 J DIAGRAMMA F PROVA COMPARATA DI DUE FUCILI CON E SENZA SILENZIATORE 60 80 100 12¢ 140 160 180 200 220 240 260 280 6 300 RETTANGOLO DI DISPERSIONE (in mm.) 310 DISTANZA (in mt.) ie 10 20 40 60 80 100 120 140 160 180 126 44 gr. 40 35 30 25 20 15 DIAGRAMMA G CAPACITA DI FUNZIONAMENTO AUTOMATICO DI UN FUCILE IN RELAZIONE ALLA POTENZA DELLA CARTUCCIA? (2)- (ee ee ee ee we ee ee ee ee ee = oe Arco DELLA CARICA VELOCITA DEL PROIETTILE ae =| = FUNZIONAMENTO AUTOMATICO DELLARMA 4 @) 0 100 200 300 400 500 600 700 800 900 mt/s. ' Le prove sono state eseguite con un fucile FN-FAL e cartucce 7,62mmx51 NATO con proiet- tile di 144 grani 127 DIAGRAMMA H DATI BALISTICI COMPARATI TRA LE PISTOLE MITRAGLIATRICI STERLING 70 60 40 30 20 128 ENERGIA CINETICA ( in kgm.) DISTANZA(in mt.) 0 100 > 200 300 400 350 300 250 200 ~ ~ ~ ~ VELOCITA (in mt/sec.) rs os 170 DISTANZA (in mt.) > 0 100 200 300 400 500 400 500 90° 120° 06 90 dB 80 70 40 30 20 10 DIAGRAMMA | PERCEZIONE DEL SUONO IN RELAZIONE ALLA DISTANZA E ALL’UBICAZIONE PISTOLA SEMIAUTOMATICA BERETTA M 1934 CON SILENZIATORE AMFCO B1 INTENSITA DEL SUONO A: 45 metri 90 metri - —- ------- RUMORE AMBIENTALE: 40 dB 129 DIAGRAMMA J PERCEZIONE DEL SUONO IN RELAZIONE ALLA DISTANZA E ALL’UBICAZIONE PISTOLA SEMIAUTOMATICA LUGER-AMFCO SILENCED 90 dB 80 70 60 50 40 30 20 10 90° INTENSITA DEL SUONO A: 45 metri 90 metri - - - --—--~-—~—- RUMORE AMBIENTALE: 40 dB 130 DIAGRAMMA K PERCEZIONE DEL SUONO IN RELAZIONE ALLA DISTANZA E ALL’UBICAZIONE PISTOLA MITRAGLIATRICE STEN-AMFCO SILENCED 90 dB 20 30° L < \ 20 \ \\ SE 0 DS) ao e INTENSITA DEL SUONO A: 45 metri 90 metri - - - - -- —-— — RUMORE AMBIENTALE: 40 dB 90° S S é = ° eo 120° of 131 DIAGRAMMA L PERCEZIONE DEL SUONO IN RELAZIONE ALLA DISTANZA E ALL’UBICAZIONE PISTOLA MITRAGLIATRICE US M3-AMFCO SILENCED go° INTENSITA DEL SUONO A: 45 metri 90 metri - - - ------— RUMORE AMBIENTALE: 40 dB 90 dB 80 70 60 50 40 20 10 90° DIAGRAMMA M PERCEZIONE DEL SUONO IN RELAZIONE ALLA DISTANZA E ALL’UBICAZIONE FUCILE AUTOMATICO FN-FAL CON SILENZIATORE AMFCO F1 INTENSITA DEL SUONO A: 45 metri 90 metri —- —- —- - --—--— RUMORE AMBIENTALE: 40 dB 133 quadro sinottico A BAUDISGH (a valvola } OTTURAZIONE HP MAXIM HUTFLESS (a pistone) HS MAXIM HP MAXIM CAMERE DI ESPANSIONE WESTFALL CONVERSIONE DI ENERGIA BILLERBECK HP MAXIM a DEFLETTORI SCHAUER mm = THURLER STORIA DEL THOMPSON SILENZIAT ORE CANNA—SILENZIATORE BRUN AGL. HUNM ASSORBIMENTO TERWIGO ff] “= N SERVAIS Ltd. NOTHIGER / MOLZ DIAFRAMMI ELASTICH «= JN EISSFELDT FIALA HUDSON CONDOTTI ELIGOIDALI BARLOWATZ TURBINA LIBERRA 135 quadro sinottico B FONT! GENERATRICI DI SUONI E TECNICHE DI SILENZIAZIONE MECCANISM! DELL’ ARMA PRECORRITRICE SPARO FONT! GENERATRICI ONDA DI BOCCA E IMPLOSIONE ONDA DL IRRUZIONE SIBILO RONZIO MOVIMENT! DEL PROIETTILE ONDA BALISTICA 136 AMMORTIZZATORI RIVESTIMENTO. INTERNO SCATOLE SILENZIATRICI MODIFICAZION! DELLE ARMI DIMINUZIONE DELLE TOLLERANZE DEFLETTORI CONIC! DIAFRAMMI ELASTIC! CAMERE DEFLETTORI DIAFRAMMI ELASTICI TECNICHE ASSORBIMENTO TERMICO GONVERSIONE DI ENERGIA OTTURAZIONE CONDOTT! ELICOIDALI ULTRASONICO ? si veda il testo si veda il testo si veda il testo CARTUCCE SUBSONICHE cGANNA-SILENZIATORE glossario Apertura (fase di). Prima fase del ciclo meccanico dell’arma durante la quale l’otturatore rincula, per azione manuale o automatica, causando: a) l’apertura della camera; b) l’estrazione del bossolo della cartuccia sparata in precedenza; c) Vespulsione del bossolo; d) l’'armamento del meccanismo di percussione e sparo. Atmosfera. Misura di pressione equiva- lente a un chilogrammo per centimetro quadrato. Bachelite. Nome commerciale di un gruppo di resine sintetiche che costituiro- no i primi materiali plastici della storia. Balistica. Studio del movimento dei proiettili all’interno della canna (b. inter- na), nello spazio (b. esterna) e dei suoi ef- fetti sul bersaglio (b. terminale). Bossolo. Cilindro metallico, di cartone o plastica al cui interno viene posta la cari- ca di lancio. Alla sua estremita posterio- re, o fondello, é situata la capsula e in quella anteriore, o colletto, il proiettile. Cadenza di fuoco. Numero di spari al mi- nuto che teoricamente puo effettuare un’arma. Il termine é applicato principal- mente alle armi a ripetizione automatica. Camera. Sezione dell’anima dove si de- posita la cartuccia. Capsula. Cilindretto metallico situato nel fondello del bossolo, al cui interno é contenuto un composto detonante (ful- minato di mercurio 0 altro), che nell’esse- re percosso scoppia provocando l’accen- sione della carica di lancio. Carica. Miscela 0 composto esplosivo che nell’entrare in combustione sviluppa alte pressioni, trasmettendo la sua ener- gia al proiettile. Carica cava. Carica esplosiva di forma generalmente cilindrica la cui estremita a contatto con l’obiettivo da distruggere presenta una cavita parabolica o conica. Questo produce la concentrazione in un punto focale dell’onda esplosiva, svilap- pando cosi un alto potere di perforazio- ne. Questo fenomeno é conosciuto come “Effetto Munroe-Neumann”. Cartuccia. Insieme degli elementi della carica di un’arma da fuoco. In essa si di- stinguono: a) il bossolo; b) la carica di lancio; c) la capsula; d) il proiettile. Viene anche chiamata, sebbene impropriamen- te, munizione. Ciclo meccanico. I meccanismi delle ar- mi a ripetizione con sistema di chiusura a corsa rettilinea compiono nel loro fun- zionamento una determinata serie di mo- vimenti chiamata ciclo meccanico. Que- sto si divide in tre fasi: apertura - chiusu- ra - Sparo. Per ogni sparo é necessario ri- petere questo ciclo. Chiusura (fase di). Seconda fase del ci- clo meccanico dell’arma durante la quale Votturatore avanza, per azione manuale o automatica, determinando: .a) l’intro- duzione di una cartuccia nella camera; b) la chiusura della camera; c) l’eventuale blocco del sistema. Congegni di puntamento. Elementi mec- canici necessari per allineare visualmente la traiettoria del proiettile con il bersaglio e far si che le due linee, la visuale o linea di mira e la curva che descrive il proietti- le, si intersechino in un punto coincidente con il bersaglio. Direzione delle righe. Possono essere in- distintamente verso destra o sinistra, pero per motivi pratici si preferisce la di- rezione destrorsa. Esattezza. (Vedere precisione). Forzamento. Sforzo iniziale, a discapito di una frazione dell’energia sviluppata dai gas, necessario perché i pieni dell’ani- ma penetrino nella massa del proiettile. Superato il forzamento, il proiettile inizia il passaggio e la rotazione attraverso la canna. Questo termine viene anche appli- cato allo sforzo che il proiettile compie nel passare attraverso i diaframmi elasti- ci di un silenziatore. Freno di bocca. Dispositivo deflettore dei gas situato alla bocca della canna, la cui funzione é quella di diminuire o elimina- re, per reazione, la forza di rinculo del- Parma. Head space. Nel caso delle cartucce “rimless” (senza orlo) per pistola (per e- sempio: 9 mm Parabellum), éla distanza compresa tra il punto di massima pene- trazione del bossolo nella camera e il pia- no determinato dell’otturatore. Nel caso delle cartucce “rimmed” o “semi- rimmed” per pistole, é la distanza com- presa tra il piano determinato dall’ottu- 137 ratore ed il punto di massima penetrazio- ne dell’arlo del bossolo nella camera. Molla recuperatrice. Molla presente nel- le armi a ripetizione automatica e semi- automatica, che nell’essere premuta du- rante il movimento di rinculo dell’ottura- tore, della canna, o di tutti e due, a secon- da del tipo di armi, accumula l’energia necessaria per invertire la corsa di que- sto, lanciandolo in avanti (seconda fase del ciclo meccanico). Otturatore. Massa metallica mobile che assicura la chiusura della camera e offre appoggio posteriore alla cartuccia. A se- conda dell’arma, i movimenti che compie Potturatore durante il ciclo meccanico possono essere manuali 0 automatici. Si- nonimo: catenaccio. Passo. Distanza fra due punti entro i quali il proiettile effettua una rotazione completa attorno al proprio asse. Precisione. Un’arma é precisa ed esatta quando il centro dell’area di dispersione coincide con il punto di mira e questa si trova concentrata in una superficie mini- ma; é precisa ma non esatta, se il centro dell’area di dispersione coincide con il pun- to di mira pero questa copre una grande superficie; infine, é esatta ma non precisa se il centro dell’area di dispersione, ri- stretta ad un’area minima, non coincide con il punto di mira. Proiettile. Massa metallica di forma cilindrico-ogivale che viene lanciata a grande velocita utilizzando l’energia e- splosiva sviluppata dalla carica. Righe. Solchi elicoidali praticati nella pa- rete dell’anima. Loro obiettivo é impri- mere al proiettile un movimento rotato- rio attorno al proprio asse stabilizzando- lo. I loro elementi caratteristici sono: a) Vinclinazione, b) il passo (vedere), c) il numero, d) la direzione (vedere), e) la se- zione. Sinonimo: striatura. Ripetizione (armi a). Sono quelle con cui € possibile ripetere uno o piu spari conse- cutivi senza dovere introdurre manual- mente le cartucce nella camera. Le armi a ripetizione possono essere: a) a canne multiple (fucile da caccia, ecc.), b) a ca- mere multiple (revolvers, ecc.), c) a ser- batoio, ecc. 138 A seconda del numero di movimenti ma- nuali che sono necessari per ripetere il ci- clo meccanico, le armi da fuoco si classi- ficano in tre gruppi: a) armi a ripetizione manuale, b) armi a ripetizione semiauto- matica, c) armi a ripetizione automatica. Ripetizione automatica (armi a). Sono quelle in cui per ogni sparo successivo al primo non si richiede nessun movimento manuale. Per effettuare lo sparo iniziale sono necessari due movimenti manuali: armamento e sparo. L’arma sparera in forma automatica fino a quando il tirato- re lascera il grilletto o si esaurira il cari- catore. Ripetizione manuale (armi a). Sono quelle in cui per ogni sparo é necessario effettuare tre movimenti manuali, cioé uno per ogni fase del ciclo meccanico. Ripetizione semi-automatica (armi a). Sono quelle in cui per ogni sparo é neces- sario effettuare un solo movimento ma- nuale, vale a dire, premere il grilletto (ter- za fase del ciclo meccanico), ad eccezio- ne del primo sparo nel quale sono neces- sari due movimenti manuali: armamento (prima fase del ciclo meccanico) e sp&ro. Riverberazione. Fenomeno che si pro- duce in un luogo chiuso e che dipende dal riflesso multiplo del suono nelle pa- reti prima di essere assorbito; per tale motivo il suono persiste anche dopo che la fonte generatrice ha cessato di emet- terlo. Selettore di fuoco. Meccanismo, presen- te nelle armi a ripetizione automatica, lz cui funzione é quella di permettere il fuo- co intermittente (“colpo singolo”’). Sinterizzazione. Processo metallurgico © mediante il quale si producono pezzi par- tendo dalla polvere o da granelli di uno o piu materiali (metalli, ceramica, ecc.) per azione combinata di pressione e tempe- ratura (inferiore a quella di fusione) fino ad ottenere pezzi di materiale poroso, leggeri e di alta resistenza. Sniperscope. Strumento attivo per la vi- sione notturna, sviluppato negli Stati U- niti durante la Seconda Guerra Mondia- le, formato da una fonte emittente di rag- gi infrarossi e da un cannocchiale sensi- bile a questi raggi. Soft point. Termine usato per designare i proiettili parzialmente blindati, il cui nu- cleo di piombo sporge all’estremita del- Pogiva. I suoi effetti distruttivi sono ben maggiori rispetto a quelli di un proiettile normale. Sparo (fase di). Terza fase del ciclo mec- canico di un’arma nella quale la catena di movimenti del meccanismo di percussio- ne e sparo, che comincia con l’azione manuale sul grilletto e che termina con V’avanzamento del percussore, provoca la detonazione della capsula dando inizio cosi all’accensione della carica di lancio. Spegni-fiamme. Accessorio avvitato alla bocca della canna la cui funzione é quella di eliminare la vampata dello sparo allo scopo di impedire la sua localizzazione notturna. Sinonimo: copri-fiamme. Stabilizzazione. Rotazione giroscopica del proiettile attorno al suo asse longitu- dinale, che gli permette di mantenersi nella sua traiettoria con logiva volta in avanti. Teflon. Nome commerciale del politetra- fluoretilene, polimero fluorato caratteri- stico per la sua struttura altamente cri- stallina, per la sua elevata densita e per la sua straordinaria resistenza meccanica, termica e chimica. Titanio. Metallo leggero, duttile ed estre- mamente duro. E usato nella preparazio- ne di acciai speciali di alta resistenza meccanica e termica. bibliografia American Small Arms Research in World Ward Two - (Vol. I). Donald B. McLean. Normount Technical Publica- tions. Arizona. USA, 1975. Armas de la infanteria - John Weeks. E- ditorial San Martin. Madrid. Espajfia. 1979. Armement clandestin, Fr 1941- _1944 - Pierre Lorain. Paris. France, 1972. Armi da fuoco - Ives Cadoiou/Alphonse Richard. Arnoldo Mondadori Editore. Milano. Italia, 1976. Armi della fanteria nel mondo - Christo- pher F. Foss/T.J. Gander. Editoriale O- limpia. Firenze. Italia, 1979. Armi della fanteria russa nella II Guer- - ra Mondiale - A.J. Berker/John Walther. Ermanno Albertelli Editore. Parma. Ita- lia, 1976. Armi militari portatili del XX secolo - Ian V. Hoggs / John Weeks. De Vecchi Editore. Milano. Italia, 1977. Carbines Cal. 30 M1, M1-Al, M2 & M3 - USA War Office. Department of the Air Force. Desert Publications. Arizona. USA, 1975. Cartucce - Frank C. Barnes. Ermanno Albertelli Editore. Parma. Italia, 1978. CIA Special Weapons Supply Catalog - Paladin Press. Colorado. USA, 1976. Chronica-folge 70: Ihre Konstruktion und Wirkung” - Karl “Schalldampfer, R. Pawlas, Archiv fiir Militar und Waf- fenwesen. Niirnberg. BDR, 1971. Come funzionano le armi - Christopher Chant. Istituto Geografico De Agostini. Novara. Italia, 1979. Der Reibert Das Handbuch Fiir Den Sol- daten - Verlag E.S. Mittler & Sonn. Her- ford. BDR, 1978. Enciclopedia ragionata delle armi - Claude Blair. Arnoldo Mondadori Edito- re. Milano. Italia, 1979. Exotic Weapons - Michael Hoy. Acces Book/Loompanics Unlimited. Michigan. USA, 1978. Final Report, Phase III Acoustic Study Program - American Machine & Foun- dry Co. Paladin Press. Colorado. USA, 1970. Firearms Silencer - Donald B. McLean. Normount Technical Publications. Ari- zona. USA, 1975. Fucili d’assalto - Pierangelo Caiti. Delta Editrice. Parma. Italia, 1976. Fundamentals of Small Arms - Depart- ment of the Army. Technical Manual TM 9-2205. Normount Armament Co. Oregon. USA, 1970. Grande atlante delle armi leggere - W.H.B. Smith & J.E. Smith. Ermanno Albertelli Editore. Parma. Italia, 1972. Guidebook For Marines - Leatherneck Association Inc. Washington. USA, 1967. Guide To Combat Of Weapons Sou- theast Asia - Donald B. McLean. Nor- mount Technical Publications. Oregon. USA, 1971. Handbook Of The Browning Machine Gun - Chief of Ordnance. US Army. Wa- shington. USA, 1918. II grande libro delle pistole di tutto il mondo - I.V. Hoggs, J. Weeks. De Vec- chi Editore. Milano. Italia, 1979. Improvised Modified Firearms - J. David Truby & John Minnery. Paladin Press. Colorado. USA, 1978. Ingram M-10 SMG Caliber, 45 and 9 mm - Fred L. Rexer. Internationaler Waffen-Erkennungs- dienst-Reihe A, Lieferung: 5. Karl R. Pawlas Archiv fiir Militar und Waf- fenwesen. Niirnberg. BDR, 1969. Internationaler Waffen-Erkennungs- dienst - Reihe A, Lieferung: 11. Karl R. Pawlas Archiv fiir Militar und Waffenwesen. Niirnberg. BDR, 1969. Jane’s. Infantry Weapons 1975 - H.R. Archer. Jane’s Yearbooks. London. En- gland. Jane’s. Infantry Weapons 1976 - H.R. Archer. Jane’s Yearbooks. London. En- gland. Know Your Walther P-38 Pistols - E.J. Hoffschmidt. Blacksmith Corp. Con- necticut. USA, 1974. La scienza delle armi - William Reid. U. 139 Mursia Editore. Milano. Italia, 1979. Law Enforcement Guide To Firearms Silencers - Anonimo. Desert Publica- tion. Arizona. USA, 1979. Le armi leggere degli Alleati nella I Guerra Mondiale - (supplemento “Storia illustrata’”) Giovanni Ludi. Arnoldo Mondadori Editore. Milano. Italia. L’esperto balistico - (vol. le Il). Antonio Ugolini. Editoriale Olimpia. Firenze. Ita- lia, 1978/1979. Limited War Sniping - Pete Senich. Pa- ladin Press. Colorado. USA, 1978. Manual Of Pistol & Revolver Cartridge - (Vol. I) “Centerfire, Metric Calibers” Erlmeier-Brandt. Journal Verlag Schwend. GMBH. Schwabisch Hall. BDR, 1967. Military Small Arms Of The Twentieth Century - lan Hogg/John Weeks. Follet Publishing Co. Chicago. USA, 1973. Modern Small Arms - Mayor Frederick Myatt M.C. Salamander Books Ltd. London. England, 1978. Nato Infantry And Its Weapons - J.I.H. Owens. Brassey’s Publishers Ltd. Lon- don. England, 1976. O.S.S. Special Weapons, Devices And Equipment - Office of Strategic Services, Research & Development Branch. Wa- shington DC. Donald B. McLean. Nor- mount Technical Publications. Arizona. USA, 1974. Pictorial History Of The Machine Gun - F.W.A. Hobart. Ian Allan Ltd. London. England, 1973. Pictorial History Of The Submachine Gun - F.W.A. Hobart. Ian Allan Ltd. London. England, 1976. Pistole e revolvers militari 190045 - 1.V. Hogg. Ermanno Albertelli Editore. Par- ma. Italia, 1979. Pistols A Modern Encyclopedia - H.M. Stebbins, J.E. Shay & O.R. Hammond. The Stackpole Co. Pennsylvania. USA, 1961. 140 Pistols, Rifles And Machine Guns - W.G.B. Allen. English Universities Press ‘Ltd. London. England, 1953. Report R-1896 Silencers - Department of the Army, Frankford Arsenal. Paladin Press. Colorado. USA. Silencers Patents (vol. Il) 1901-1978. Foreign Patents - Paladin Press. Colora- do. USA, 1978. Silencers, Snipers & Assassins - J. David Truby. Paladin Press. Colorado. USA, 1972. Silencers For Hand Firearms - Siegfried Huebner. Paladin Press. Colorado. USA, 1976. Six Old Silencers Catalog - Donald B. McLean. Normount Technical Publica- tions. Arizona. USA, 1971. Small Arms Ammunition Identification Guide - US Army Foreign Science Te- chnological Center Army Material Com- mand. Washington. USA, 1969. es Small Arms Cartridge (vol. I) - Defen- se Intelligency Agency (DIA). Washin- gton. USA, 1975. Small Arms Of The World - W.H.B. Smith & E. Clinton Ezell. 11° Ed. Sta- ckpole Books. Pensylvania. USA, 1977. Small Arms Profile N° 4: “Thompson | Submachine Gun”..- A.J.R. Cormack Profile Publications Ltd. Windsor. En- gland, 1971. Small Arms Profile N° 8: “ERMA Sub- machine Guns”’.- A.J.R. Cormack. Pro- file Publications Ltd. Windsor. England, 1971. Small Arms Profile N° 22: “Armalite Weapons”; F.W.A. Hobart. Profile Pu- blications Ltd. Windsor. England, 1973. Sniping USMC - Department of the Na- vy US Marine Corps. USA, 1969. Special Forces Combat Firing Techni- ques - Frank A. Moyer/Robert J. Scrog- gie. Paladin Press. Colorado. USA, 1971. Sprinfield Rifles M-1903, M-1902A3, M-1903A4. TM-9-127 - Ordnance Maintenance. US Army. Normount Te- chnical Publications. Arizona. USA, 1956. Stoner 63 Weapons System - Paladin Press. Colorado. USA, 1978 Submachine Guns Cal. 45 M3 And M3AI] - Department of the Army. FM & TM. Normount Technical Publications. Arizona. USA, 1975. Tecnologia delle armi da fuoco portatili - Giuseppe De Florentis. Editore Ulrico Hoepli. Milano. Italia, 1974. The Book Of Pistols & Revolver - W.H.B. Smith & J.E. Smith. Castle Books. New York/Stackpole Books. 20° Edition. USA. The Book Of The Rifle - W.H.B. Smith & J.E. Smith. Castle Books New York /Stackpole Books. USA, 1977. The Quiet Killers - J. David Truby. Pala- din Press. Colorado. USA, 1972. The Walther MPK, MPL Submachine Gun - Donald B. Mc Lean Normount Technical Publications. Arizona. USA, 1975. The World’s. Submachine Guns - (vol. I). Thomas Nelson & Hans B. Lockhoven. Enterprises. Virginia. USA, 1977. The World’s. Submachine Guns - (vol. II). Thomas Nelson & Hans B. Lockho- ven. Enterprises. Virginia. USA, 1978. Thompson Submachine Guns - USA War Office. Field Manuals and Techni- cal Manual. Normount Publications. A- rizona. USA, 1974. Truppendienst Taschenbuch. Leichte In- fanteriewaffen - Nikolaus K rivinyi - J.F. Lehmans. Miinchen. BDR, 1974. Typical Foreign Unconventional Warfa- re Weapons - FSTC 381-4012. US Ar- my Foreign & Technological Center. Washington. USA, 1964. US Army Special Forces Foreign Wea- pons Handbook - Sgm Frank A. Moyer Paladin Press. Colorado. USA, 1975. US Silencers Patents 1888-1972 - (vol. I). Paladin Press. Colorado. USA. US Silencers Patents 1888-1972 - (vol. Il). Paladin Press. Colorado. USA. Waffengeschichte - Folge: W 89: “Die Maschinen Pistole Erma M.P.E.” - Karl R. Pawlas Archiv fir Militar und Waf- fenwesen, Niirnberg. BDR, 1971. Waffengeschichte - Folge W 121: “Das Deutsche Sturmgewehr 44 Und Entwi- cklung (MP 43/44, M.K.b. 42 (H) St. G44) - Armin Schcker. Karl R. Pawlas Archiv fiir Militar und Waffenwesen. Nurnberg. BDR, 1971. Waffengeschichte - Folge W 123: “Entwicklung Und Konstruktion Der Schalldampfer”.- Karl R. Pawlas Archiv fiir Militar und Waffenwesen. Niirnberg. BDR, 1976. Warsaw Pact Infantry And Its Weapons - J.J.H. Owens. Brassey’s Publisher Ltd. London. England, 1976. RIVISTE Cibles - Crépin-Leblond et Cie. Editeurs - Paris - Francia. Defensa - Ediciones Defensa S.A. - Ma- drid - Espafia. Diana Armi - Editoriale Olimpia. Firen- ze - Italia. Deutsches Waffen Journal - Journal Verlag Schwend GmbH. Schwabish Hall. BDR. Eserciti e armi - Interconair/ Sorecom. Monte Carlo - Monaco. Gazette des Armes - Argout-Editions. Paris - France. Guns & Ammo - Petersen Publishing Co. California - USA. Rapidfire Review - California - USA. Revista Internacional de defensa S.A. - Cointrin-Genéve - Switzerland. Soldier Of Fortune - Boulder, Co- USA. Tac Armi - Editrice Ravizza & C.s.a.s. Trezzano sul Naviglio - Italia. Waffen Revue - Journal Verlag GmbH. Schwabish Hall. BDR. 141