Sei sulla pagina 1di 10

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ESPOSIZIONE AD ATMOSFERE ESPLOSIVE SECONDO IL D.LG. 12/06/2003 N.

233
Edoardo Galatola, Sergio Colombo Sindar s.r.l., Corso Archinti, 35 26900 Lodi Tel. 0371-549200 Fax: 0371-549201 E-mail: sindar@sindar.it Internet http://www.sindar.it PREMESSA ...............................................................................................................................................................................1 SCHEMA LOGICO VALUTAZIONE RISCHIO ESPOSIZIONE ATMOSFERE ESPLOSIVE.......................2 CLASSIFICAZIONE IN ZONE..........................................................................................................................................4 VALUTAZIONE DEL RISCHIO .......................................................................................................................................5 Studio del ciclo produttivo ..................................................................................................................................................5 Identificazione dei pericoli di esplosione..........................................................................................................................5 Valutazione del rischio di esposizione ad atmosfere esplosive .....................................................................................5 Redazione del Documento sulla protezione contro le esplosioni (Art. 88-novies). ..................................................7 ANALISI DI DETTAGLIO DEL RISCHIO ....................................................................................................................7 Valutazione delle frequenze di accadimento ....................................................................................................................7 Calcolo delle conseguenze...................................................................................................................................................8 Misure in campo ...................................................................................................................................................................9 ELIMINAZIONE O RIDUZIONE DEL RISCHIO MEDIANTE MISURE SPECIFICHE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ..................................................................................................................................9 Prescrizioni minime per il miglioramento della protezione della sicurezza e della salute .........................................9 Ulteriori misure di riduzione della probabilit di formazione dellatmosfera esplosiva ............................................9 Ulteriori misure di riduzione del danno ......................................................................................................................... 10 MESSA A NORMA DELLE ATTREZZATURE DA UTILIZZARE NELLE AREE IN CUI POSSONO FORMARSI ATMOSFERE ESPLOSIVE ....................................................................................................................... 10 PREMESSA Il Datore di Lavoro ha lobbligo di effettuare la valutazione dei rischi di esposizione dei lavoratori ad atmosfere esplosive ai sensi dellart. 88 quinquies Decreto Legislativo 12 giugno 2003, n.233 recepito nel Decreto Legislativo 19 settembre 1994 n. 626 al titolo VIII bis, aggiornandola periodicamente in funzione di modifiche sostanziali nel frattempo intercorse. Il D.Lgs. 233/2003 si applica alle attivit industriali in cui siano presenti sostanze in grado di formare unatmosfera esplosiva, ossia una miscela con l'aria, a condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili allo stato di gas, vapori, nebbie o polveri in cui, dopo accensione, la combustione si propaga all'insieme della miscela incombusta1. Sono invece esclusi dal campo di applicazione del D.Lgs. 233/03 i seguenti casi: a) b) c) d) e) aree utilizzate direttamente per le cure mediche dei pazienti, nel corso di esse; uso di apparecchi a gas di cui al decreto del Presidente della Repubblica 15 novembre 1996, n. 661; produzione, manipolazione, uso, stoccaggio e trasporto di esplosivi o di sostanze chimicamente instabili; industrie estrattive a cui si applica il decreto legislativo 25 novembre 1996, n. 624; impiego di mezzi di trasporto terrestre, marittimo, fluviale e aereo per i quali si applicano le pertinenti disposizioni di accordi internazionali2.

La valutazione si inserisce nella pi generale valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, richiesta dal D.Lgs. 19 settembre 1994 n. 626 art. 4 comma 1.

Devono essere presi in considerazione tutti i luoghi in cui possono formarsi atmosfere esplosive e quelli che sono o possono essere in collegamento con essi, tramite aperture. 2 Il Decreto si applica invece ai veicoli destinati ad essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva
La valutazione dei rischi di esposizione ad atmosfere esplosive, pag. 1 di 10

Il D.L.gs 12 giugno 2003, n. 233 prescrive infatti al Datore di Lavoro: di effettuare la valutazione dei rischi preliminarmente, di riesaminare le misure tecniche e organizzative di prevenzione e della protezione contro le esplosioni periodicamente e, in ogni caso, ogniqualvolta si verifichino cambiamenti rilevanti. di prendere in base alle risultanze, tutte le misure di prevenzione e protezione, collettiva ed individuale, necessarie a ridurre al minimo il rischio.

Si ricorda che lanalisi del rischio di esposizione ad agenti chimici, che, per le loro caratteristiche e le condizioni di utilizzo possano causare rischio di esplosione, ove pertinente, dovrebbe essere stata effettuata ai sensi del D.lgs. 25/2002, titolo VII bis Un ulteriore importante riferimento normativo a questo proposito dato dagli obblighi previsti dallart. 5 comma 2 D.lgs. 334/99, per cui anche gli stabilimenti che utilizzino sostanze pericolose al di sotto dei quantitativi limite previsti dallAllegato I del D.Lgs. 334/99 stesso devono provvedere allindividuazione dei rischi ed alla formazione/informazione del personale ai sensi del D.M. 16 marzo 1998. SCHEMA LOGICO VALUTAZIONE RISCHIO ESPOSIZIONE ATMOSFERE ESPLOSIVE Nella Figura 1 si provveduto a schematizzare il percorso logico delle attivit previste dal D.Lgs. 233/2003 per determinare la valutazione del rischio di esposizione ad atmosfere esplosive Dallanalisi dello schema si evince che necessario innanzitutto raccogliere informazioni e dati sulle zone pericolose e sulle attivit che vi vengono svolte; grazie a queste informazioni sar possibile condurre la valutazione preliminare del rischio mediante un algoritmo dedicato. In particolare possibile individuare le seguenti fasi separate e sequenziali nella valutazione dei rischi: 1. 2. 3. 4. 5. Classificazione delle aree Valutazione dei rischi di esplosione Analisi di dettaglio del rischio con programmi di calcolo specifici e/o misurazioni Eliminazione o riduzione del rischio mediante misure specifiche di prevenzione e protezione Messa a norma delle attrezzature da utilizzare nelle aree in cui possono formarsi atmosfere esplosive

Tali fasi sono schematizzate in Figura 2 congiuntamente ai riferimenti normativi.

La valutazione dei rischi di esposizione ad atmosfere esplosive, pag. 2 di 10

1) Classificazione in zone
Dati sulle zone: Probabilit della presenza di atmosfere esplosive Durata della presenza di atmosfere esplosive Dati attivit: Modalit di lavorazione Tipo di impianti Sostanze utilizzate Livello di informazione e formazione

Informazioni sulle fonti di accensione

Entit degli effetti prevedibili

2) Valutazione dei rischi di esplosione mediante algoritmi

Basso

Livello di rischio

Non basso Esito valutazione


Caso dubbio

3) Analisi di dettaglio del rischio con programmi di calcolo specifici e/o misurazioni

No

Predisposizione del documento sulla protezione contro le esplosioni

4) Eliminazione o riduzione del rischio mediante misure specifiche di prevenzione e protezione

5) Messa a norma delle attrezzature da utilizzare nelle aree in cui possono formarsi atmosfere esplosive

Informazione e formazione per gli operatori Istruzioni operative scritte e autorizzazioni al lavoro Misure per il controllo di fughe o emissioni Misure per il controllo delle fonti di innesco

Verifica del mantenimento delle condizioni necessarie a garantire la protezione contro le esplosioni Verifica dei sistemi di evacuazione e aggiornamento Piano di Emergenza Monitoraggio dellatmosfera dellambiente di lavoro Verifica delladeguatezza degli impianti e delle apparecchiature

Valutazione periodica del rischio

Figura 1 Schema logico delle attivit previste dal D.Lgs. 233/2003


La valutazione dei rischi di esposizione ad atmosfere esplosive, pag. 3 di 10

1) Classificazione in zone

EN 60079-10 (CEI 31-30) EN 50281-3

2) Valutazione dei rischi di esposizione ad atmosfere esplosive

art. 88 quinquies Titolo VIII bis D.Lgs. 626/94

3)Eventuale analisi di dettaglio del rischio con programmi di calcolo specifici e/o misurazioni

D.Lgs. 334/99

4) Eliminazione o riduzione del rischio mediante misure specifiche di prevenzione e protezione

Allegato XV-ter A Interventi ingegneristici di riprogettazione

5) Messa a norma attrezzature da utilizzare nelle aree in cui possono formarsi atmosfere esplosive

Allegato XV-ter B Marcatura CE ex D.Lgs. 126/98

Figura 2 Sintesi delle attivit previste CLASSIFICAZIONE IN ZONE Secondo lart. 88 octies e lAllegato XV-bis del D.Lgs 626/94 (come introdotti dal D.Lgs 233/03), le aree in cui possono formarsi atmosfere esplosive in quantit tali da richiedere particolari provvedimenti di protezione per tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori interessati sono ripartite in Zone in base alla frequenza e alla durata della presenza di atmosfere esplosive. La classificazione delle Zone la seguente: Zona 0. Zona 1. Zona 2. Zona 20. Zona 21. Zona 22. Area in cui presente in permanenza o per lunghi periodi o frequentemente un'atmosfera esplosiva consistente in una miscela di aria e di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapore o nebbia Area in cui la formazione di un'atmosfera esplosiva, consistente in una miscela di aria e di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapori o nebbia, probabile che avvenga occasionalmente durante le normali attivit Area in cui durante le normali attivit non probabile la formazione di un'atmosfera esplosiva consistente in una miscela di aria e di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapore o nebbia o, qualora si verifichi, sia unicamente di breve durata Area in cui presente in permanenza o per lunghi periodi o frequentemente un'atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere combustibile nell'aria Area in cui la formazione di un'atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere combustibile nell'aria, e' probabile che avvenga occasionalmente durante le normali attivit Area in cui durante le normali attivit non probabile la formazione di un'atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere combustibile o, qualora si verifichi, sia unicamente di breve durata
La valutazione dei rischi di esposizione ad atmosfere esplosive, pag. 4 di 10

Ciascuna Zona generata da una o pi Sorgenti di emissione ossia un punto o una parte di impianto/apparecchiatura da cui pu essere emesso nellatmosfera un agente infiammabile o combustibile con modalit tali da generare unatmosfera esplosiva. Per la classificazione delle aree si pu fare riferimento alle norme tecniche armonizzate relative ai settori specifici, tra le quali la EN 60079-10 (CEI 31-30) per atmosfere esplosive in presenza di gas e la EN 50281-3 per atmosfere esplosive in presenza di polveri combustibili. In genere da presumere che una classificazione secondo le norme previgenti ed in particolare secondo le CEI 64/2, non sia da considerare sufficiente per poter applicare il D.Lgs. 233/2003. VALUTAZIONE DEL RISCHIO Nella valutazione i rischi di esplosione sono valutati complessivamente tenendo conto di: a) probabilit e durata della presenza di atmosfere esplosive; b) probabilit che le fonti di accensione, comprese le scariche elettrostatiche, siano presenti e divengano attive ed efficaci; c) caratteristiche dell'impianto, sostanze utilizzate, processi e loro possibili interazioni; d) entit degli effetti prevedibili. da notare che la classificazione in zone, pur propedeutica, non pu da sola sostituire la valutazione del rischio di esposizione ad atmosfere e esplosive, in quanto manca la caratterizzazione degli impianti/processi, delle sostanze presenti, dellentit degli effetti e, soprattutto, della presenza o meno di lavoratori. Occorre ricordare, infatti, che la valutazione in oggetto di cui al D.Lgs. 23/2003 rientra nellambito del D.Lgs. 626/94, ovvero delle norme riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro. Ne consegue che ai fini della valutazione del rischio risulta determinante la presenza di lavoratori. Studio del ciclo produttivo Lanalisi del ciclo produttivo la prima attivit da svolgere; infatti la prima azione di riduzione del pericolo consiste in una buona progettazione e nella riduzione al minimo degli agenti di rischio. La descrizione del ciclo produttivo deve comprendere uno schema a blocchi che evidenzi i flussi in ingresso/uscita, una identificazione del lay-out dellarea in esame (onde valutare interconnessioni con le aree circostanti) e lidentificazione degli agenti e dei pericoli. Identificazione dei pericoli di esplosione Nel valutazione di rischio, per ogni Zona individuata dalla classificazione possibile definire una o pi Sorgenti di emissione ossia un punto o una parte di impianto/apparecchiatura da cui pu essere emesso nellatmosfera un agente infiammabile o combustibile con modalit tali da generare unatmosfera esplosiva. Partendo dalle caratteristiche chimico-fisiche dellagente (gas e/o polveri) possibile individuare un indice di pericolo. Valutazione del rischio di esposizione ad atmosfere esplosive La valutazione del rischio pu essere effettuata secondo il seguente schema logico.

La valutazione dei rischi di esposizione ad atmosfere esplosive, pag. 5 di 10

1. Possibilit di presenza di atmosfera esplosiva

2. Presenza di innesco

3. Valutazione dell'impatto dell'esplosione

4. Misure di Mitigazione del danno diretto da esplosione

5. Mitigazione del danno inalatorio post esplosione

IRE-EX
Valutazione del rischio da atmosfera esplosiva

IRT-EX

Figura 3 schema logico della valutazione di rischio di esposizione ad atmosfere esplosive.

La valutazione dei rischi di esposizione ad atmosfere esplosive, pag. 6 di 10

Di conseguenza possibile definire il livello di rischio per ogni sorgente ed in particolare: nel caso di rischio basso: semplicemente registrarne gli esiti nel documento e ripetere periodicamente o al bisogno lintera procedura; nel caso di rischio alto: eliminare o ridurre il rischio mediante la revisione delle misure specifiche di prevenzione e protezione adottate e ripetere la valutazione tenendo conto delle modifiche adottate nel caso di rischio non basso, ma con situazione dubbia, procedere ad una valutazione dettagliata del rischio mediante strumenti di analisi pi sofisticati quali analisi affidabilistiche, programmi per la stima delle conseguenze, misure in campo, verifiche di progetto. Allesito di questa valutazione si ricadr in uno dei due casi precedenti.

Redazione del Documento sulla protezione contro le esplosioni (Art. 88-novies). Nell'assolvere gli obblighi stabiliti dall'articolo 88-quinquies il datore di lavoro provvede a elaborare e a tenere aggiornato un documento, denominato in appresso documento sulla protezione contro le esplosioni. Il documento in particolare deve precisare: a) che i rischi di esplosione sono stati individuati e valutati; b) che saranno prese misure adeguate per raggiungere gli obiettivi del presente titolo; c) quali sono i luoghi che sono stati classificati nelle zone di cui all'allegato XV-bis; d) quali sono i luoghi in cui si applicano le prescrizioni minime di cui all'allegato XV-ter; che i luoghi e le attrezzature di lavoro, compresi i dispositivi di allarme, sono concepiti, impiegati e mantenuti in efficienza tenendo nel debito conto la sicurezza; e) che, ai sensi del Titolo III del D.Lgs. 626/94 (uso delle attrezzature di lavoro), sono stati adottati gli accorgimenti per l'impiego sicuro di attrezzature di lavoro. Il documento deve essere compilato prima dell'inizio del lavoro ed essere riveduto qualora i luoghi di lavoro, le attrezzature o l'organizzazione del lavoro abbiano subito modifiche, ampliamenti o trasformazioni rilevanti. ANALISI DI DETTAGLIO DEL RISCHIO Ove il rischio individuato risulti essere critico o si ritenga comunque di doverne approfondire la conoscenza, occorre procedere mediante tecniche mutuate dallanalisi dei rischi di incidente rilevante (tenendo presente che le stesse norme affermano che per essere certi che il luogo non presenta pericoli di esplosione occorre tuttavia effettuare di volta in volta unanalisi di rischio). Valutazione delle frequenze di accadimento Gli strumenti classici per la valutazione del rischio di esposizione sono le tecniche analitiche per lindividuazione degli eventi incidentali, quali lanalisi di operabilit (HAZOP) o lindividuazione dei modi di guasto (FMEA). Grazie a queste tecniche possibile valutare in modo sistematico ogni possibile deviazione dalle condizioni di regime di funzionamento, andando ad individuare le cause iniziatrici e le mancate protezioni che, concatenate tra loro, possono portare allaccadimento di una ipotesi incidentale. Di seguito possibile produrre l'elenco delle possibili concatenazioni incidentali e l'indicazione degli interventi ingegneristici e procedurali raccomandati per ridurre la probabilit di insorgenza e l'entit delle conseguenze degli eventi di esposizione incidentale Levento individuato mediante tecniche quali lHazop, pu essere rappresentato con tecniche quali lalbero dei guasti, che garantisce una maggiore leggibilit e permette di effettuare una valutazione di tipo probabilistico, tenendo conto della frequenza di accadimento dellevento iniziatore e della probabilit di mancato intervento delle protezioni attive e passive presenti.

La valutazione dei rischi di esposizione ad atmosfere esplosive, pag. 7 di 10

Indicativamente, dal punto di vista della normativa dei rischi di incidente rilevante, possibile considerare remoto un evento con frequenza di accadimento < 10-6 occ./anno3. Nellanalisi di rischio di dettaglio pu essere utile riferirsi ai limiti indicati nella GUIDA CEI 31-35:2001-01, Tab. 2.2.4-1 Zona Zona 0 Zona 1 Zona 2 (2) Probabilit di atmosfera esplosiva in 365 d (un anno) P > 10-1 10-1 P > 10-3 10-3 P > 10-5 Durata complessiva di atmosfera esplosiva in 365 d (un anno) Oltre 1000 h Oltre 10 h fino a 1000 h Oltre 0,1 h fino a 10 h (1)

(1) Per durata complessiva si atmosfera esplosiva in 365 d (un anno) fino a 0,1 h, il luogo non generalmente pericoloso, particolarmente quando le emissioni sono pi di una in 365 d, in ogni caso la durata di atmosfera esplosiva nei singoli eventi non pu essere maggiore di 0,1 h. Per essere certi che il luogo non presenta pericoli di esplosione occorre tuttavia effettuare di volta in volta unanalisi di rischio (2) Quando non sono disponibili valori attendibili dei ratei di guasto, pu essere generalmente considerato almeno un evento ogni 365 d Calcolo delle conseguenze Per un evento non remoto, una volta individuata la frequenza di accadimento dellevento possibile stimarne gli effetti con programmi di simulazione che permettono di determinare le aree di danno. Va tenuto presente che le norme di classificazione escludono esplicitamente gli eventi catastrofici. Vedi:

In Oggetto e scopo della norma CEI 31:30, dove si dice: La presente norma non si applica a: guasti catastrofici non compresi nel concetto di anormalit trattato in questa norma (nota 3 = Il termine guasti catastrofici si applica ad esempio alla rottura di un recipiente a pressione o di una tubazione ed agli eventi non prevedibili) In Campo di applicazione della norma CEI EN 50281-3, dove si dice: La presente norma non si applica a: guasti catastrofici che superano il concetto di anormalit considerato nella presente norma (vedere Nota 1 = Nel presente contesto il termine guasto catastrofico si applica, per esempio, alla rottura di un silo di magazzinaggio o di un convogliatore pneumatico).

Per altro il D.Lgs 233/03 non fa questa assunzione parlando, genericamente, di lavoratori che possono essere esposti al rischio di atmosfere esplosive. In prima approssimazione possibile riferirsi alla Tabella 2 dellAllegato al D.M. 9 maggio 2001 per definire le aree di danno. Scenario incidentale Esplosione (sovrappressione di picco) Elevata letalit Inizio letalit Lesioni irreversibili 0,07 bar Lesioni reversibili 0,03 bar Danni alle strutture/Effetti domino 0,3 bar

0,3 bar (0,6 spazi aperti)

0,14 bar

3 Ci in linea con quanto ripreso dalla GUIDA CEI 31-35:2001-01 (che illustra come applicare la CEI 31-30), per cui si prendono in considerazioni non solo le probabilit di avere atmosfera esplosiva, ma anche la durata: per cui occorre escludere gli eventi con probabilit di avere atmosfera esplosiva 10-5 (in un anno) e durata 0,1 h. Tenendo presente che il taglio a 10-5 si applica non allesplosione, ma alla formazione di atmosfera esplosiva.

La valutazione dei rischi di esposizione ad atmosfere esplosive, pag. 8 di 10

Nelle aree di danno occorre quindi verificare la possibile presenza di lavoratori. Una volta individuata la frequenza di accadimento dellevento e la magnitudine del danno possibile valutare il rischio. Non certo questa la sede per analizzare le problematiche di tollerabilit del rischio, ma un primo criterio approssimato pu essere quello di ritenere tollerabile in ambiente di lavoro un rischio individuale 10-5 prob. morte/anno. Misure in campo Unaltra strada percorribile quella di verificare tramite misure analitiche la presenza o meno di un campo di infiammabilit. da notare che lassenza misurata di condizioni di infiammabilit pu garantire solamente che queste condizioni non siano sistematicamente presenti (zone 0 e 20), ma non la possibilit che possano in talune circostanze verificarsi. ELIMINAZIONE O RIDUZIONE DEL RISCHIO MEDIANTE MISURE SPECIFICHE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Una volta definita la necessit o lopportunit di procedere con la riduzione del rischio occorre individuare le specifiche di prevenzione e protezione da intraprendere. Prescrizioni minime per il miglioramento della protezione della sicurezza e della salute NellAllegato XV-ter A sono riportate alcune Prescrizioni minime per il miglioramento della protezione della sicurezza e della salute dei lavoratori che possono essere esposti al rischio di atmosfere esplosive; tra queste possibile evidenziare: Provvedimenti organizzativi, es: o Formazione specifica e professionale o Istruzioni scritte e autorizzazioni al lavoro Misure di protezione contro le esplosioni, es: o Uso di dispositivi di segnalazione ottici e acustici per avvisare lapprossimarsi del raggiungimento delle condizioni per una esplosione o Uso di strumenti per la deviazione delle emissioni di atmosfera esplosiva in luogo sicuro o contenuti in modo sicuro o Adozione di sistemi per garantire che il personale possa evacuare in luogo sicuro rapidamente o Misure di protezione programmate rispetto al massimo pericolo possibile in presenza di pi tipologie di gas, vapori, nebbie o polveri infiammabili presenti Ulteriori misure di riduzione della probabilit di formazione dellatmosfera esplosiva Interventi sulla emissione della sostanza o Riduzione della geometria della sorgente di emissione o Riduzione della velocit di emissione o Riduzione della concentrazione Interventi sulla ventilazione dellarea o Eliminazione di ostacoli (argini, dighe, pareti e soffitti) che possono limitare la ventilazione o Adozione di sistemi di confinamento (barriere fisiche, mantenimento dei locali attigui a quelli pericolosi in sovrapressione, bonifica del luogo considerato con un idoneo flusso daria) per evitare la propagazione dellemissione o Aumento della ventilazione naturale e/o artificiale o Inertizzazione

La valutazione dei rischi di esposizione ad atmosfere esplosive, pag. 9 di 10

Ulteriori misure di riduzione del danno Misure specifiche di mitigazione o Interventi di contenimento (pareti resistenti alla pressione di esplosione) o Adozione di misure contro la propagazione dellesplosione o Previsione di sistemi di sfogo o Previsione di sistemi per la soppressione della pressione o Presenza di sistemi antincendio ad intervento automatico Mitigazione del danno inalatorio post esplosione o Previsione dello scenario relativo allesplosione con possibile rischio inalatorio nel Piano di emergenza aziendale o Formazione del personale sul comportamento da tenere in emergenza o Fornitura e mantenimento in servizio di DPI di protezione delle vie respiratorie MESSA A NORMA DELLE ATTREZZATURE DA UTILIZZARE NELLE AREE IN CUI POSSONO FORMARSI ATMOSFERE ESPLOSIVE Qualora il documento sulla protezione contro le esplosioni basato sulla valutazione del rischio non preveda altrimenti, in tutte le aree in cui possono formarsi atmosfere esplosive sono impiegati apparecchi e sistemi di protezione corrispondenti alle categorie di cui al decreto del Presidente della Repubblica 23 marzo 1998, n. 126, cos come indicato nellAllegato XV-ter B al D.Lgs. 626/94. In particolare, in tali aree sono impiegate le seguenti categorie di apparecchi, purch adatti, a seconda dei casi, a gas, vapori o nebbie e/o polveri: o o o nella zona 0 o nella zona 20, apparecchi di categoria 1; nella zona 1 o nella zona 21, apparecchi di categoria 1 o di categoria 2; nella zona 2 o nella zona 22, apparecchi di categoria 1, 2 o 3.

Questa attivit deve essere completata al massimo entro il 30 giugno 2006.

La valutazione dei rischi di esposizione ad atmosfere esplosive, pag. 10 di 10