Sei sulla pagina 1di 25

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

IL LESSICO DELLA LAVORAZIONE DELLA CANAPA NELLA BASSA PIANURA BOLOGNESE NORDORIENTALE Stefano Rovinetti Brazzi

A\dr v. andare; la v taj deve essere tagliata LR la c\ve la v

taj cl trj\\ e msse i\ gr<e (cfr. traj\\ e gr<e) AB patuzr l ra a\dr a cjjar al patzz
Afu\ Afu\dr v. lo stesso che fu\dr (cfr.) -AB e p par afu\dri (vale a dire

i fs: ci si riferisce alla preparazione del pust\\) as i mitva di ss


Arulr v. arrotolare, detto della fibra arrotolata (diverso da rulr, cfr.) -AB la gramadura al la pulss da ttt i stcc dopo di che as f al

mazl al mazl ali \\ ttti sti manl arul b\\ e p i s prtan i\ maga<\\
s s.m. asse; costituiva una parte a) del ba\ctt da tirr con cui si selezionavano gli steli in base alla lunghezza, b) del gramtt con cui si ripuliva la fibra dagli stecchi, e c) dello gardz mediante il quale si districava la fibra per renderla filabile (cfr. queste voci); gli informatori hanno definito s anche d) il pedl (cfr.) che, mosso col piede, faceva girare la ruota del filar\\ (cfr.) -CS (i\d al ba\ctt da tirr) ai re d

cavaltt che in lt i finvn a v, i\ m< as i mitve una prdghe o un s e p as i pugve la c\ve c\ la prt dal ti ttte pre par tre e la zmme i\ vtte ala prdghe, i operri o i cu\tad\\ i tirvn i ga\b\\ a secnnd dla lu\gzze e i fvn al manl -CS (al gramtt) l re u\ cavaltt c\ un s fss pr al travrs e un tr s ch l a\dve s e < par tgnr firme o lasr la c\ve par md ad tirr v i stcc ch i rn ava\z
CS al gardz l re un uvi ft c\ un s e dal p\\t ad fr, as tirve

la c\ve stra l p\\t ch i lavrvan puld -CS al pedl l re un s ad lggn chal mitve i\ muvim\\t la rde dal filar\\

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

Ba\ Ba\ctt (s.m.) da tirr, tirr detto anche ba\ch, ba\chl o cavaltt (cfr.); era formato da due sostegni terminanti a v nella parte superiore, fra i quali si inseriva una pertica o unasse; gli steli di canapa erano appoggiati a terra con la parte inferiore, mentre le cime poggiavano sulla pertica, ed erano tirati per la cima e selezionati a seconda della lunghezza LR e p la s mtt i\ prlle e dala prlle la s mtt sure al

ba\ctt da tirr CS ai re d cavaltt che in lt i finvn a v, i\ m< as i mitve una prdghe o un s e p as i pugve la c\ve c\ la prt dal ti ttte pre par tre e la zmme i\ vtte ala prdghe, i operri o i cu\tad\\ i tirvn i ga\b\\ a secnnd dla lu\gzze e i fvn al manl prmme coi pi l\\g, p c\ qu d m< p coi pi crt, in ltum i ava\zve al schrt chal s ciamve maraf\\, i n ran pi dal manl ma ttt un arvuj\\
Ba\ Ba\ch s.f. lo stesso che ba\ctt da tirr (cfr.) Ba\ Ba\chl s.m. lo stesso che ba\ctt da tirr (cfr.) Ble s.f. balla di fibra di canapa confezionata dopo la gramolatura (cfr.gramtt, gramadure, gramr, gramar\\ e zilnndar); le balle erano portate allo stabilimento dove la fibra veniva ulteriormente raffinata CS al bl i ran purt i\d u\ sd i\ dvv la c\ve la gnve

lavur, prepar par filrle o par fr la crde, \\c par fr la crde as druvve la prt pi ble dla c\ve, a Sa\ Gabaril i la lavurvn i Cchi e ala M<ulre Bnni
Bl agg. bello, pregiato, detto degli steli di canapa migliori e pi lunghi LR (la c\ve) la v tir la pi l\\ghe la pi ble cltre mire u\ pc

pi crte
Bicrdal s.m. capo che, intrecciato con altri due o tre, serviva alla fabbricazione della corda; sinonimo di bicrdal curd\\ (cfr. cavzze,

crde, cu\pls d i\grang, curdr, curdgne, curd\\, filr, gnr, sughe) -AB i curdr i avvan u\ co\pls d i\grang che i girvan a m\\ e poi avevano un riduttore che aumentavano i giri e p (un tar) i\turn ala vtta l avva u\ mcc ad c\va e l filva, al filva chal fva i curd\\... dpp i curd\\ che n i ciam\\ i bicrdal, qu\\d i n avvan ft qutar o tr a secnnd dala gruszza i i mitvan
2

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

ttt i\smm e i cu\tnnuan a girr, ai gnva fra la crda che cla grsa i la ciamvan la suga che i druvvan i cu\tad\\ da lighr al crg i\ vtta ai cr e qull l i rn i curdr che i a\dvn a c, dali a<i\\d o dai cu\tad\\ che i ciamvan e i a\dvn a fr sta crda che i \ fvan dla grsa e dla sutla \\c, perch pr esempio, la cavzza dal bsti i avvan una curdgna che psva sar ad d o \\g millmetar
mentre invece la suga lra grsa acs la pr sar ad tr ze\tmmetar Cad\ Cad\ne s.f. catena, fila di lavoranti che, passandoli di mano in mano, trasportavano fino al macero i sassi necessari per affondare il pust\\ (cfr. fu\dr, pust\\ e ss) LR i\d dal maadr (la c\ve) la vn msse

d\\tr i\d u\ zirc i\d u\ qudar l c\ di ss e la v fu\d la v fu\d mss b\\ parch biggne a\dr a fu\drle pi\\ pi\\ e chla vghe < pi\\ pi\\ parch se n s la v < da una prt o da cl tre a se sfnnde i\cse e lure ai re la s <\\t apste ch i a\dvan l e i mitvn i s a fvan p la fle i\dine da dr i ss dal prmm dala mcce i\f\\ l al maadr, i\ qutr o z\\c o s <\\t ai ran \\c, e da l a lasvan l a mi z\\c s d fe\t\\t che lcue la n re gn mrze
Ccarghr v. scaricare, togliere i sassi dal pust\\ per far s che esso riaffiori dopo la settimana circa necessaria per la macerazione della canapa; il suo contrario carghr (cfr.) -AB al pust\\ l ra i\pustr un quadrato di dieci per dieci fs ad c\va di due o tre mani a secondo della profondit dlcua chai i\d al maadr e p ligh c\ dla crda

i\ md chal stss e p dpp al gnva cargh c\ i ss di un certo


peso per ottenere laffondamento dal pust\\, e qu\\d l ra st stta

lcua t o nv d chi ran bla abast\\za, ai gnva ccargh, tlt v ttt i ss i\ md (sic) che l al galegva e poi lindomani as lavva la c\va manla par manla e p la s cazva s e p la\dva ztia parch la s sughss chlra bla bi\\ca dopo di che la gnva clta untra vlta e sti manl i gnvan st o t ala vlta ligh e p cargh su u\ cr e purt i\d lra i\ duv ai gnva al zilnndar e la gramadura
C\ C\ve s.f. canapa; c\va pra il fusto della canapa privato della foglia, ormai secca, mediante battitura (cfr. btar) LR la c\ve la s

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

s\\par sumn ala prmmevire AB pas tr d zrca c\ al sul d agsst la fjja la se schva e alura biugnva pasr a btarla chai caschva la fjja chai ava\zva CS al fsst AB la c\va pra e p t la mitv l
Cre s.m. carro (altra forma cr) che serviva per trasportare la canapa LR qu\\d l dvi\t bi\\che a la tulvn untre vlte e la purtvn i\

vtte al cre a c, avvan ft untre mcce l a c


Carghr v. coprire ed appesantire il pust\\ con dei sassi in modo da farlo affondare (cfr. fu\dr); il suo contrario ccarghr (cfr.) -AB al

pust\\ l ra i\pustr un quadrato di dieci per dieci fs ad c\va di due


o tre mani a secondo della profondit dlcua chai i\d al maadr e

p ligh c\ dla crda i\ md chal stss e p dpp al gnva cargh c\ i ss di un certo peso per ottenere laffondamento dal pust\\, e qu\\d l ra st stta lcua t o nv d chi ran bla abast\\za, ai gnva ccargh, tlt v ttt i ss i\ md (sic) che l al galegva e poi
lindomani as lavva la c\va manla par manla e p la s cazva s e

p la\dva ztia parch la s sughss chlra bla bi\\ca dopo di


che la gnva clta untra vlta e sti manl i gnvan st o t ala vlta

ligh e p cargh su u\ cr e purt i\d lra i\ duv ai gnva al zilnndar e la gramadura


Cavaltt s.m. lo stesso che ba\ctt da tirr (cfr.) AB as pasva c\ al

cavaltt chas i mitva i\ vtta e p as tirva tutte le canne che poi as mitvan gi\\ acs per mettere ttti al l\\ghi i\smm e al crti i\smm
Cavzze s.f. cavezza per gli animali, specialmente per i bovini; era fabbricata con una corda sottile di circa dieci o undici millimetri di diametro, che i nostri informatori hanno definito come curdgne (cfr.

bicrdal, crde, cu\pls d i\grang, curdr, curdgne, curd\\, filr, gnr, sughe) -AB i curdr i avvan u\ co\pls d i\grang che i girvan a m\\ e poi avevano un riduttore che aumentavano i giri e p (un tar) i\turn ala vtta l avva u\ mcc ad c\va e l filva, al filva chal fva i curd\\... dpp i curd\\ che n i ciam\\ i bicrdal, qu\\d i n avvan ft qutar o tr a secnnd dala gruszza i i
4

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

mitvan ttt i\smm e i cu\tnnuan a girr, ai gnva fra la crda che cla grsa i la ciamvan la suga che i druvvan i cu\tad\\ da lighr al crg i\ vtta ai cr e qull l i rn i curdr che i a\dvn a c, dali a<i\\d o dai cu\tad\\ che i ciamvan e i a\dvn a fr sta crda che i \ fvan dla grsa e dla sutla \\c, perch pr esempio, la cavzza dal bsti i avvan una curdgna che psva sar ad d o \\g millmetar mentre invece la suga lra grsa acs la pr sar ad tr ze\tmmetar
Clazi\\ s.f. colazione a base di salsiccia, prosciutto e vino, che veniva consumata al mattino verso le otto; il lavoro di recupero della canapa dal macero, iniziato al mattino molto presto, proseguiva dopo la colazione fino a quando tutta la canapa non era stata recuperata LR

e alure as magnve as fve la clazi\\ e dala clazi\\ as finve ad fr i\cse parch a se sti\dve la c\ve e p s a\dve p a c par lavras chai ran ttt puzl\\t - CS la Lude la d che larzdure la purtve la clazi\\ vrs ali t
Crde s.f. corda; la corda si preparava intrecciando fra di loro tre o quattro capi ottenuti in precedenza mediante la filatura (cfr. filar\\ e relativi rimandi lessicali); cfr. anche bicrdal, cavzze, cu\pls d

i\grang, curdgne, curd\\, filr, gnr, sughe; in particolare, per i


due tipi fondamentali di corda, la sughe e la cavzze, cfr. queste voci Curt s.f. aia (cfr. re) Cu\ Cu\pls (s.m.) d i\ i\grang: grang insieme dingranaggi, macchina che, munita di un riduttore per aumentarne i giri, serviva a filare i capi necessari alla fabbricazione della corda (cfr. bicrdal, cavzze, crde,

curdr, curdgne, curd\\, filr, gnr, sughe) -AB i curdr i avvan u\ co\pls d i\grang che i girvan a m\\ e poi avevano
un riduttore che aumentavano i giri e p (un tar) i\turn ala vtta l

avva u\ mcc ad c\va e l filva, al filva chal fva i curd\\... dpp i curd\\ che n i ciam\\ i bicrdal, qu\\d i n avvan ft qutar o tr a secnnd dala gruszza i i mitvan ttt i\smm e i cu\tnnuan a girr, ai gnva fra la crda che cla grsa i la ciamvan la suga che i druvvan i cu\tad\\ da lighr al crg i\ vtta ai cr e qull l i rn
5

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

i curdr che i a\dvn a c, dali a<i\\d o dai cu\tad\\ che i ciamvan e i a\dvn a fr sta crda che i \ fvan dla grsa e dla sutla \\c, perch pr esempio, la cavzza dal bsti i avvan una curdgna che psva sar ad d o \\g millmetar mentre invece la suga lra grsa acs la pr sar ad tr ze\tmmetar
Curdr s.m. cordaio; cfr. filar\\ e relativi rimandi lessicali; cfr. anche

bicrdal, cavzze, crde, cu\pls d i\grang, curdgne, curd\\, filr, gnr, sughe LM ma i pasvn una vlte cum i s ciamvni i curdr
-AB i curdr i avvan u\ co\pls d i\grang che i girvan a m\\ e poi avevano un riduttore che aumentavano i giri e p (un tar)

i\turn ala vtta l avva u\ mcc ad c\va e l filva, al filva chal fva i curd\\... dpp i curd\\ che n i ciam\\ i bicrdal, qu\\d i n avvan ft qutar o tr a secnnd dala gruszza i i mitvan ttt i\smm e i cu\tnnuan a girr, ai gnva fra la crda che cla grsa i la ciamvan la suga che i druvvan i cu\tad\\ da lighr al crg i\ vtta ai cr e qull l i rn i curdr che i a\dvn a c, dali a<i\\d o dai cu\tad\\ che i ciamvan e i a\dvn a fr sta crda che i \ fvan dla grsa e dla sutla \\c, perch pr esempio, la cavzza dal bsti i avvan una curdgna che psva sar ad d o \\g millmetar mentre invece la suga lra grsa acs la pr sar ad tr ze\tmmetar
Curdgne s.f. corda sottile, di circa dieci centimetri di diametro, con cui si fabbricava la cavzze (cfr. bicrdal, cavzze, crde, cu\pls d

i\grang, curdr, curd\\, filr, gnr, sughe) -AB i curdr i avvan u\ co\pls d i\grang che i girvan a m\\ e poi avevano
un riduttore che aumentavano i giri e p (un tar) i\turn ala vtta l

avva u\ mcc ad c\va e l filva, al filva chal fva i curd\\... dpp i curd\\ che n i ciam\\ i bicrdal, qu\\d i n avvan ft qutar o tr a secnnd dala gruszza i i mitvan ttt i\smm e i cu\tnnuan a girr, ai gnva fra la crda che cla grsa i la ciamvan la suga che i druvvan i cu\tad\\ da lighr al crg i\ vtta ai cr e qull l i rn i curdr che i a\dvn a c, dali a<i\\d o dai cu\tad\\ che i ciamvan e i a\dvn a fr sta crda che i \ fvan dla grsa e dla sutla \\c, perch pr esempio, la cavzza dal bsti i avvan una curdgna
6

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

che psva sar ad d o \\g millmetar mentre invece la suga lra grsa acs la pr sar ad tr ze\tmmetar
Curd\\ s.m. lo stesso che bicrdal (cfr.) Crt agg. corto, detto della misura degli steli della canapa LR (la

c\ve) la v tir la pi l\\ghe la pi ble cltre mire u\ pc pi crte CS i operri o i cu\tad\\ i tirvn i ga\b\\ a secnnd dla lu\gzze e i fvn al manl prmme coi pi l\\g, p c\ qu d m< p coi pi crt
re s.f. spiazzo lastricato o coperto con un telo che facilitava la lavorazione dei prodotti agricoli; non corrispnnde allitaliano aia che si rende con curt (cfr.) AB dopo di che (vale a dire: dopo che la canapa stata stesa ad asciugare una volta tolta dal macero) csa

bisggna fr? bisggna raccoglierla, fr di fs e p carghri su u\ cr e purtri i\d lra che l s una fggna CS una prlle?... AB n una fggna una fggna prpri
Fs s.m. fascio formato da diversi mannelli (cfr. manle) AB as fva i

fs chi ran zrca acs della lunghezza chai n ra ad tr mtar, ai n ra ad d, ai n ra ad d e zi\cu\\ta a secnnd dla lu\gzza dla c\va
-LR e p dpp (la c\ve) la v msse ttte i\ manle e i\ fs e purt al

maadr CS divrsi manl i f\\ u\ fs


Fggne s.f. bica, covone AB dopo di che (vale a dire: dopo che la canapa stata stesa ad asciugare una volta tolta dal macero) csa

bisggna fr? bisggna raccoglierla, fr di fs e p carghri su u\ cr e purtri i\d lra che l s una fggna CS una prlle?... AB n una fggna una fggna prpri
Filar\ Filar\\ s.m. filatoio domestico sostenuto da quattro piedi in legno; un pedale aziona una ruota la quale a sua volta mette in movimento una farfalla e un rocchetto; il rocchetto girando avvolge il filato che la filatrice deriva dalla fibra avvolta intorno alla rocchetta; oltre che col

filar\\ la canapa poteva essere filata anche col fuso (f), sia pure in
modo pi lento (cfr. filr, f, p, pedl, parpje, rcche, ructt; cfr. anche curdr coi relativi rimandi lessicali) -AB qull l (sintenda: i tre tipi di fibra) si ricava dalla teglia qu\\d l bla st pul al ga<l

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

che l qull chal v i\d la ructta che l p qull chal v i\d al filar\\ -CS i\d al filar\\ ai re qutar p e p i re AB al pedl
CS chal mitve i\ muvim\\t la rde AB la rda chai ra d\\tr

una crda chla fva a\dr la parpja e l ructt e c\ linrzia la tirva d\\tr al fl tir < dala rcca
Filr v. filare, detto sia del lavoro svolto col filar\\ o col f sia della filatura mediante la quale si preparavano i capi necessari alla fabbricazione della corda (cfr. filar\\, f, p, pedl, parpje, rcche,

ructt; cfr. anche curdr coi relativi rimandi lessicali) -AB i curdr i avvan u\ co\pls d i\grang che i girvan a m\\ e poi avevano
un riduttore che aumentavano i giri e p (un tar) i\turn ala vtta l

avva u\ mcc ad c\va e l filva, al filva chal fva i curd\\... dpp i curd\\ che n i ciam\\ i bicrdal, qu\\d i n avvan ft qutar o tr a secnnd dala gruszza i i mitvan ttt i\smm e i cu\tnnuan a girr, ai gnva fra la crda che cla grsa i la ciamvan la suga che i druvvan i cu\tad\\ da lighr al crg i\ vtta ai cr e qull l i rn i curdr che i a\dvn a c, dali a<i\\d o dai cu\tad\\ che i ciamvan e i a\dvn a fr sta crda che i \ fvan dla grsa e dla sutla \\c, perch pr esempio, la cavzza dal bsti i avvan una curdgna che psva sar ad d o \\g millmetar mentre invece la suga lra grsa acs la pr sar ad tr ze\tmmetar
Fu\ Fu\dr v. affondare la canapa nellacqua del macero per macerarne la fibra; i fasci erano disposti orizzontalmente in modo che le rispettive basi e cime si alternassero e si mantenesse cos la stabilit dellinsieme affondato nellacqua del macero; questa disposizione dei fasci era indicata con lespressione (CS) vultr c p i\d al pust\\ (cfr. pust\\) LR i\d dal maadr (la c\ve) la vn msse d\\tr i\d u\ zirc i\d u\

qudar l c\ di ss e la v fu\d la v fu\d mss b\\ parch biggne a\dr a fu\drle pi\\ pi\\ e chla vghe < pi\\ pi\\ parch se n s la v < da una prt o da cl tre a se sfnnde i\cse e lure ai re la s <\\t apste ch i a\dvan l e i mitvn i s a fvan p la fle i\dine da dr i ss dal prmm dala mcce i\f\\ l al maadr, i\ qutr o z\\c o s <\\t ai ran \\c, e da l a lasvan l
8

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

a mi z\\c s d fe\t\\t che lcue la n re gn mrze -AB e p par afu\dri (vale a dire i mannelli riuniti in fasci a loro volta ordinati nel pust\\) as i mitva di ss che i\ qutr o z\\c \\ al la ciapva e p l i dva a cl tar p l i d a cl tar e l arivva i\ vtta al pust\\ CS il
passamano as fve la la cad\ne AB fin quando l ra ttt

sttalcua
F s.m. fuso (cfr. filr, filar\\, p, pedl, parpje, rcche, ructt; cfr. anche curdr coi relativi rimandi lessicali) CS uvi ad lggn grs i\d

al m< e a p\\te dai d c; la dne al la fve girr i\ tnnd e acs al fl dla c\ve al gnve trt e al s arvujve ttt i\turrn a l -LM al f l re u\ bast\\ che mi mdar as al lighve qu (sintenda: in cintura) e p li mitve la ma\lne o qull cht filv atc al bast\\ e p t fv la strisulne (sintenda: il filo) cinne p t la prilv cl dde e p t la lighv atc al f che era lungo cos (sintenda: circa 20 cm.) a due
punte e poi si abituava che uno la faceva girare e intanto che filava si torceva; chi n avve bre al filar\\ AB i al filvn a m\\... LM i fvan come un nodino alure a\ se cfilve bre dal f e

p la ? ca 6.50 (sintenda: la madre di cui si parlva sopra) ptalve e tirve < e p qu\\d lavve ft cal pz la tulve v cal tipo ad grupad\\ e p larvujve a m\\...un metro, un metro e dieci prmme chal tuchss tre parch i\ tre a\ girve pi -AB al filar\\ a m\\... la filatura a mano l gn prmma chi\ve\tssn al filar\\ parch al n m\\ga nd da par l
Ga<l s.m. parte interna, tenera e pregiata, della verdura; per estensione la fibra pi pregiata, ricavata dalla parte pi interna dello stelo, dalla cui lavorazione si traeva il ramdl (cfr.) CS al ga<l l la

prt pi i\trne e pi t\\dre dla verdre, pr e\\pi al ga<l dal radcc; i\ premmevire as a\dve a radcc i\d la tre ar, stra i mad\\ as truvve di radcc chi n avvan gn\\c ciap al sul, ttt bi\\c, di b ga< -AB qull l (sintenda: i tre tipi di fibra) si ricava
dalla teglia qu\\d l bla st pul al ga<l che l qull chal v

i\d la ructta che l p qull chal v i\d al filar\\ CS qull l l al ramdl LM al ramdl l l prmm p i la manle, p i i tz
9

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

(per una distinzione pi chiara fra ga<l e ramdl cfr. la spiegazione che segue) -CS al ga<l, l dtt la Ldie, l la prt pi i\trne dla

c\ve, qulle p che qu\\d la s lavrre i slte fre al ramdl ga<l l prmme chal se lavur, ramdl ble lavur
Gnr v. venire; gnr fre essere applicato (lett. venir fuori, uscire), detto dellintroduzione di nuove tecniche; anche risultare come prodotto finale della lavorazione (cfr. bicrdal, cavzze, cu\pls d

i\grang, curdr, curdgne, curd\\, filr, sughe) AB prmma chai gnss fra lattrezzatura mecnica la s tajva cl trj\\; i curdr i avvan u\ co\pls d i\grang che i girvan a m\\ e poi avevano
un riduttore che aumentavano i giri e p (un tar) i\turn ala vtta l

avva u\ mcc ad c\va e l filva, al filva chal fva i curd\\... dpp i curd\\ che n i ciam\\ i bicrdal, qu\\d i n avvan ft qutar o tr a secnnd dala gruszza i i mitvan ttt i\smm e i cu\tnnuan a girr, ai gnva fra la crda che cla grsa i la ciamvan la suga che i druvvan i cu\tad\\ da lighr al crg i\ vtta ai cr e qull l i rn i curdr che i a\dvn a c, dali a<i\\d o dai cu\tad\\ che i ciamvan e i a\dvn a fr sta crda che i \ fvan dla grsa e dla sutla \\c, perch pr esempio, la cavzza dal bsti i avvan una curdgna che psva sar ad d o \\g millmetar mentre invece la suga lra grsa acs la pr sar ad tr ze\tmmetar
Gramadure s.f. macchina gramolatrice (cfr. gramtt, gramr e

gramar\\) che serviva per ripulire la canapa dagli stecchi dopo il


trattamento col cilindro; quattro operai erano addetti a ricevere la fibra che usciva dalla macchina. Nel corso degli anni 30 la gramadure sostituisce, con levoluzione della tecnologia, il gramtt LR i\vzi

dpp p c\ l a\dr dal t\\p ai gn la gramadure, la gramadure c\ una mchine as fve m\\che fadghe \\c e p la gnve fte u\ p mi CS ai re tri qualit LR la qualit i gnve fre d\\che al ramdl CS ch l re al pi f\\ LR la ma\lne e al cs al tz -CS prmme dla gure m a vdve a\\c i gramtt che ormi i \ s druvvan pi stte al vult\\ dla stle di Ma\din\\ -AB fatto questo arrivava a
tempo debito la gramadura che cha al zilnndar chl qull chat

10

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

r\\p che fa i canapoli i stcc, al f i stcc e av\\za la tjja CS


la fibra la tjje la s cime AB la tjja AB la gramadura al la

pulss da ttt i stcc dopo di che as f al mazl al mazl ali \\ ttti sti manl arul b\\ e p i s prtan i\ maga<\\
Gramar\ Gramar\\ s.m. gramolatore (cfr. gramadure, gramtt e gramr) LR

p i gnve larzdure parch sti pvar gramar\\ sti pvar lava\d\\ l < fra la pzze dla c\ve e i avvan vjje ad magnr \\c, i avvan fm e alure i purtve p larzdure u\ pc ad zuzzze o sen u\ pc ad parstt, alure as mazve al nin\\ e as fve la zuzzze i\ c, e alure as magnve, as fve la clazi\\ e dala clazi\\ as finve ad fr i\cse parch a se sti\dve la c\ve e p s a\dve p a c par lavras ch ai ran ttt puzl\\t
Gramtt s.m. arnese che serve per gramolare, cio per ripulire dagli stecchi la fibra che uscita dal cilindro (cfr. gramadure, gramr,

gramar\\ e zilnndar); era formato da un cavalletto, su cui poggiava


un corpo orizzontale, e da unasta mobile che, abbassata, tratteneva la canapa dalla quale, tirando a mano, si toglievano gli stecchi; alla macchina lavoravano quattro o cinque operai, uno dei quali azionava lasta mentre gli altri tiravano la fibra. Il gramtt fu sostituito dalla

gramadure nel corso degli anni 30 LR al zilnndar p al la stia\chve e i vgnve < ttt i stcc, i la pulvan, i dvn u\ pult i\smme, dpp ai re i gramar\\ ch i la gramvan cl gramtt a m\\ -CS l re u\ cavaltt c\ un s fss pr al travrs e un tr s chl a\dve s e < par tgnr firme o lasr la c\ve par md ad tirr v i stcc ch i rn ava\z Ma\din\\
Gramr v. gramolare, maciullare gli steli della canapa per separarne la fibra dalle parti legnose (cfr. gramadure, gramar\\, gramtt e -CS prmme dla gure m a vdve a\\c i

gramtt che ormi i \ s druvvan pi stte al vult\\ dla stle di

zilnndar) LR al zilnndar p al la stia\chve e i vgnve < ttt i stcc, i la pulvan, i dvn u\ pult i\smme, dpp ai re i gramar\\ chi la gramvan cl gramtt a m\\

11

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

Gr<e s.f. disposizione incrociata dei mazzi di canapa sul terreno, subito dopo il taglio; dopo questa prima essiccazione i mazzi erano sollevati dal terreno, sbattuti per terra per farne cadere le foglie e disposti in fasci a forma di cono (cfr. prlle e btar) LR la c\ve la v taj cl

traj\\ e msse i\ gr<e AB la c\va qu\\d lra taj at fv dal gr< i\ tra parch dpp mgnva btarla qu\\d lra scca
lze s.f. (dim. ilzt cfr.) treggia slitta che serviva per trasportare la canapa dalla sponda del macero al prato su cui era stesa ad asciugare fino a diventare completamente bianca (cfr. ltte); alcuni parlanti, che hanno scarsa dimestichezza col termine, hanno coniato la forma errata

llse CS s s la Lude l dtt llze CS la Lude la m mi\ziun l llse [vale a dire lze] par telfon prmme lavve ccurs ad ltte. AB
Dopo ai vn u\ lavurr pes\\t chl qull ad lavr la c\va al

cu\ssst d avir una tvla c\ d pir chi s mitvn i\ fnnd alcua i\ md da stri i\ vtta e p t tulv al manl e p t i lavv e p t i lavv e p t i cazv s i\ vtta a un ilzt
-AB (llza) che curni d pl

c\ d di travrs CS s c\ dal travrsi AB e una cad\na e p i i tcan al bsti o u\ cavl o cs e quel al trasna sti manl l i\ duv i \\ da zt\\dar
Ilzt s.m. diminutivo di lze (cfr.); nel corso della conversazione i parlanti hanno costruito la forma

lilzt,

nata

dalliniziale

incomprensione del racconto altrui e poi subito riconosciuta come errata; per scarsa dimestichezza col termine stata coniata anche la forma errata llse AB Dopo ai vn u\ lavurr pes\\t chl qull ad

lavr la c\va al cu\ssst d avir una tvla c\ d pir chi s mitvn i\ fnnd alcua i\ md da stri i\ vtta e p t tulv al manl e p t i lavv e p t i lavv e p t i cazv s i\ vtta a un ilzt CS u\ li\zt?
AB s, unllza CS cco la gve la Lude l l dtt llse [vale a dire

lze] mo as dr lllse cusle lllse?


I\pustr v. sistemare i fasci di canapa legandoli luno con laltro in modo da costruire il pust\\ (cfr.) -AB al pust\\ l ra i\pustr un quadrato di dieci per dieci fs ad c\va di due o tre mani a secondo della profondit dlcua chai i\d al maadr e p ligh c\ dla crda

12

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

i\ md chal stss e p dpp al gnva cargh c\ i ss di un certo


peso per ottenere laffondamento dal pust\\, e qu\\d l ra st stta

lcua t o nv d chi ran bla abast\\za, ai gnva ccargh, tlt v ttt i ss i\ md (sic) che l al galegva e poi lindomani as lavva la c\va manla par manla e p la s cazva s e p la\dva ztia parch la s sughss chlra bla bi\\ca dopo di che la gnva clta untra vlta e sti manl i gnvan st o t ala vlta ligh e p cargh su u\ cr e purt i\d lra i\ duv ai gnva al zilnndar e la gramadura
Lasr v. lasciare; lasr l, lasciar crescere la pianta nel campo dopo la semina; anche lasciare la canapa esposta al sole perch diventi bianca LR la c\ve la s s\\par sumn ala prmmevire e p la s lse l

f\\ a utbbar.. n a agsst, la v taj a agsst -LR e da l (sintenda:


dopo che la canapa stata prelevata dal macero e ripulita) a la lasvan

l al sul ch la dvi\tve bi\\che


Lava\ ava\d\ d\\ s.m. lavandaio, operaio che lava e pulisce la canapa -LR p

i gnve larzdure parch sti pvar gramar\\ sti pvar lava\d\\ l < fra la pzze dla c\ve e i avvan vjje ad magnr \\c, i avvan fm e alure i purtve p larzdure u\ pc ad zuzzze o sen u\ pc ad parstt, alure as mazve al nin\\ e as fve la zuzzze i\ c, e alure as magnve as fve la clazi\\ e dala clazi\\ as finve ad fr i\cse parch a se sti\dve la c\ve e p s a\dve p a c par lavras ch ai ran ttt puzl\\t
Lavr v. lavare, ripulire la canapa dopo il periodo di macerazione (per questa fase della lavorazione cfr. lze e zt\\dar) LR dpp as i a\dve

ala matne prst a lavrle a tirr v al fs e a lavrle manle par manle e p a la zti\dvan i\ vtte ala spnnde dal maadr a la tulvan s da lavr e p da bia\chr s al sul AB Dopo ai vn u\ lavurr pes\\t chl qull ad lavr la c\va al cu\ssst d avir una tvla c\ d pir chi s mitvn i\ fnnd alcua i\ md da stri i\ vtta e p t tulv al manl e p t i lavv e p t i lavv e p t i cazv s i\ vtta a un ilzt
Lavurr s.m lavorazione, ciclo produttivo AB al lavurr dla c\va l ra

ft in cla manra qu
13

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

Lilzt s.m. forma errata, coniata dai parlanti, per l ilzt (cfr. ilzt) L\ L\\g agg. lungo, detto della misura degli steli della canapa -LR (la

c\ve) la v tir la pi l\\ghe la pi ble cltre mire u\ pc pi crte CS i operri o i cu\tad\\ i tirvn i ga\b\\ a secnnd dla lu\gzze e i fvn al manl prmme coi pi l\\g, p c\ qu d m< p coi pi crt
M\ M\\ s.f. mano; strato di fasci di canapa nel pust\\ AB e p i (sintenda: i fasci formati coi mannelli di canapa) s carghvn i\ vtte i

cr e i s purtvn al maadr, al maadr csas fva? as fva al pust\\ chi ran tri m\\ ad fs ad c\va -AB al pust\\ l ra i\pustr un
quadrato di dieci per dieci fs ad c\va di due o tre mani a secondo della profondit dlcua chai i\d al maadr e p ligh c\ dla crda

i\ md chal stss e p dpp al gnva cargh c\ i ss di un certo


peso per ottenere laffondamento dal pust\\, e qu\\d l ra st stta

lcua t o nv d chi ran bla abast\\za, ai gnva ccargh, tlt v ttt i ss i\ md (sic) che l al galegva e poi lindomani as lavva la c\va manla par manla e p la s cazva s e p la\dva ztia parch la s sughss chlra bla bi\\ca dopo di che la gnva clta untra vlta e sti manl i gnvan st o t ala vlta ligh e p cargh su u\ cr e purt i\d lra i\ duv ai gnva al zilnndar e la gramadura
Ma\ Ma\lne o manle manle s.f. dopo il ramdl (cfr.), fibra di seconda scelta della canapa CS dala gramadure o dal gramtt i saltve fre al ramdl,

chl re la prt pi fne dla c\ve, la ma\lne, ch l re m\\c fne, e al tz ch l re al pi scad\\t, cl ramdl e la ma\lne as fve la tile mgnure, pr i li\z, pr i sugam\\ e pr al tvi; qusste lre la lavurazi\\ di cu\tad\\ cl tlr; la c\ve chla gnve fre dal stabilim\\t (cfr. ble) la\dve i\vzi vi\d
CS la difer\\ze fra

ramdl, manle e tz?... AB qull l (sintenda: i tre tipi di fibra) si


ricava dalla teglia qu\\d l bla st pul al ga<l che l qull

chal v i\d la ructta che l p qull chal v i\d al filar\\ CS qull l l al ramdl LM al ramdl l l prmm p i la manle, p i i tz chi \\ chi grs, chi li\z grs CS mo cal lavurr qu qu\\d al tct a frsta disti\zi\\ ad ra\dl, manle e tz? LM ma i pasvn
14

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

una vlte cum i s ciamvni i curdr AB s per questo qui l u\ lavurr chal vn dpp qu\\d a s\\ ariv chav\\ dtt che la mazla la v d\\tar i\d al magaz\\ dpp da l o la v vi\d al comerzi\\t e una piccola parte la v ala c che cal dn cum s ciamval qull l che al la pulss CS s una spzie ad ptan AB cal ptan LM l l che i vn al ramdl e scelgono la prima, la seconda
e lultima AB ai vn v la stppa e i av\\za la teglia pura LM ai al

fl, qu\\d i dn i li\z d fl, i \\ i pi preg e p dpp ai al ma\ln, i \\ al secnnd e p ai i tz chi \\ chi grs CS chas fve i burz
LM chas filve Maadr s.m. macero; esiste anche la variante mar AB e p i s

carghvn i\ vtte i cr e i s purtvn al maadr, al maadr csas fva? as fva al pust\\ chi ran tri m\\ ad fs ad c\va LR i\d al mar i\t\\t chla dvi\tss bi\\che l ble i\d al mar
Maga<\ Maga<\\ s.m. magazzino AB la gramadura al la pulss da ttt i

stcc dopo di che as f al mazl al mazl ali \\ ttti sti manl arul b\\ e p i s prtan i\ maga<\\
Manle s.f. mannello; come sinonimo di ma\lne indica la fibra di seconda scelta della canapa (cfr. ma\lne, ramdl e tz); mttr i\

manle legare in mannelli; pi mannelli formavano un fascio (cfr. fs)


LR e p dpp (la c\ve) la v msse ttte i\ manle e i\ fs e purt al

maadr -CS divrsi manl i f\\ u\ fs


Maraf\\ s.m scarto nella selezione e nella lavorazione della canapa dopo la tiratura; detto anche patzz o schrt (cfr.) CS in ltum i

ava\zve al schrt chal s ciamve maraf\\, i n ran pi dal manl ma ttt un arvuj\\
Mazle s.f. mazzo di fibra arrotolata e conservata nei magazzini dopo essere stata pulita dagli stecchi mediante la gramadure AB la

gramadura al la pulss da ttt i stcc dopo di che as f al mazl al mazl ali \\ ttti sti manl arul b\\ e p i s prtan i\ maga<\\ -AB la mazla la v d\\tar i\d al magaz\\ dpp da l o la v vi\d al comerzi\\t e una piccola parte la v ala c

15

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

M< agg. di misura media, detto degli steli di canapa CS i operri o i

cu\tad\\ i tirvn i ga\b\\ a secnnd dla lu\gzze e i fvn al manl prmme coi pi l\\g, p c\ qu d m< p coi pi crt
Mttar v. mettere; mttar l mettere da parte (lett. mettere l) una certa quantit di prodotto per passare a lavorarne dellaltro o per preparare una fase successiva della lavorazione AB al traj\\ l una

lma acs e p l u\ m\dig l\\g u\ mtar e da str i\ p t at tajv la c\va, t i\ fv una manla e p t la mitv l
P s.m. piede; il filatoio (filar\\) era sostenuto da quattro piedi (cfr.

filar\\, filr, f, pedl, parpje, rcche, ructt; cfr. anche curdr coi
relativi rimandi lessicali) -CS i\d al filar\\ ai re qutar p e p i

re AB al pedl CS chal mitve i\ muvim\\t la rde AB la rda chai ra d\\tr una crda chla fva a\dr la parpja e l ructt e c\ linrzia la tirva d\\tr al fl tir < dala rcca
Parpje s.f. farfalla, parte del filar\\, che, fissata al ructt, ne aumentava la velocit grazie allinerzia del suo peso e rendeva pi efficace la filatura; la farfalla era dotata di uncini attraverso i quali passava il filo prima di avvolgersi intorno al ructt (cfr. filar\\, filr,

f, p, pedl, rcche, ructt; cfr. anche curdr coi relativi rimandi


lessicali) -CS i\d al filar\\ ai re qutar p e p i re AB al pedl CS chal mitve i\ muvim\\t la rde AB la rda chai ra d\\tr

una crda chla fva a\dr la parpja e l ructt e c\ linrzia la tirva d\\tr al fl tir < dala rcca -CS la parpje lavve una fle ad ra\p\\ che d\\tr i pasve al fl chl a\dve i\d al ructt
Patzz s.m. lo stesso che maraf\\ (cfr.): era lo scarto dopo la tiratura - LR e i\d la f\\ ai al cs al patzz -AB (al patzz) l al schrt

dla c\va dpp la tiradra che in molti casi usato, in molti casi
distrutto; chi al druvva i al druvvan par fr dla stppa (chl) al prodotto ltim dla c\va; i n a\dvan bra ttt a fu\drl i\d la

Lrg-na al patzz chi al fu\dva i al fu\dvan come la c\va, per n i\ dimnndi ch a l bruvan parch (sic) era u\ prodtt i\signific\\t -AB patuzr l ra a\dr a cjjar al patzz CS al maraf\\ al dve p fre al tz
16

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

Patuzr v. spigolare la canapa; in questo senso si usa anche spiglr -AB patuzr l ra a\dr a cjjar al patzz LM ai i\ m\\t

cha\dvn a spig-lr la c\ve


Pedl s.m. pedale; asse dilegno che, mosso dal piede, azionava la ruota del filar\\ (cfr. filar\\, filr, f, p, parpje, rcche, ructt; cfr. anche curdr coi relativi rimandi lessicali) -CS al pedl l re un s

ad lggn chal mitve i\ muvim\\t la rde dal filar\\ -CS i\d al filar\\ ai re qutar p e p i re AB al pedl CS chal mitve i\ muvim\\t la rde AB la rda chai ra d\\tr una crda chla fva a\dr la parpja e l ructt e c\ linrzia la tirva d\\tr al fl tir < dala rcca
Pirl s.m. gradino di unasse di legno mobile che, quando si toglieva la canapa dal macero, si poneva sulla sponda e serviva come base sicura per sporgersi sullacqua AB Dopo ai vn u\ lavurr pes\\t chl qull

ad lavr la c\va al cu\ssst d avir una tvla c\ d pir chi s mitvn i\ fnnd alcua i\ md da stri i\ vtta e p t tulv al manl e p t i lavv e p t i lavv e p t i cazv s i\ vtta a un ilzt
Prlle s.f. fasci conici in cui erano riuniti gli steli di canapa fino alla loro completa essiccazione LR (la c\ve) qu\\d l st i\ gr<e sucu\\t

d la v bat da tr v ttti al fi i av\\ze la cs (cio al gamb\\) ntte e p la s mtt in prlle e dala prlle la s mtt sure al ba\ctt da tirr AB Dopo tar d d (sintenda: due giorni dopo che la canapa
era stata sbattuta per liberare il fusto dalle foglie) la s a\dva a tr s e

as fva al prll CS una prlle? AB una prlla a cono AB dopo di


che (vale a dire: dopo che la canapa stata stesa ad asciugare una volta tolta dal macero) csa biggna fr? biggna raccoglierla, fr di

fs e p carghri su u\ cr e purtri i\d lra che l s una fggna


CS una prlle?... AB n una fggna una fggna prpri Pust\\ s.m. linsieme dei fasci (cfr. fs e manle) disposti in forma irregolare, fra quadrata e circolare, e affondati nel macero sul fondo del quale erano trattenuti mediante dei sassi; i fasci restavano a macerare per un periodo da cinque ad otto giorni a seconda della temperatura dellacqua: quando questa era marcita acquisiva un colore

17

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

verdastro, segno che la canapa aveva ormai raggiunto un buon grado di sbiancatura AB e p i s carghvn i\ vtte i cr e i s purtvn al

maadr, al maadr csas fva? As fva al pust\\ chi ran tri m\\ ad fs ad c\va
-AB e p par afu\dri (i mannelli di canapa gi ordinati nel pust\\) as i mitva di ss che i\ qutr o z\\c \\ al la

ciapva e p l i dva a cl tar p l i d a cl tar e l arivva i\ vtta al pust\\ CS il passamano as fve la la cad\ne AB fin quando l ra ttt stt alcua -AB al pust\\ l ra i\pustr un quadrato di
dieci per dieci fs ad c\va di due o tre mani a secondo della profondit dlcua chai i\d al maadr e p ligh c\ dla crda i\

md chal stss e p dpp al gnva cargh c\ i ss di un certo peso


per ottenere laffondamento dal pust\\, e qu\\d l ra st stta

lcua t o nv d chi ran bla abast\\za, ai gnva ccargh, tlt v ttt i ss i\ md (sic) che l al galegva e poi lindomani as lavva la c\va manla par manla e p la s cazva s e p la\dva ztia parch la s sughss chlra bla bi\\ca dopo di che la gnva clta untra vlta e sti manl i gnvan st o t ala vlta ligh e p cargh su u\ cr e purt i\d lra i\duv ai gnva al zilnndar e la gramadura
-CS al pust\\ l la mcce di fs chi \\ st fu\d i\d al maadr -CS la Lude la d chal pust\\ al n re bra regolr, l re a m< stra u\

zirc e u\ qudar; l la d \\c che la c\ve la stve < st o t d secnnd ch al fss pi chld o pi frssc e ch la gnve s da mi scui bi\\che
Qudar s.m. quadrato, detto della forma quadrata del del pust\\ (cfr.

zirc e pust\\) LR i\d dal maadr (la c\ve) la vn msse d\\tr i\d u\ zirc i\d u\ qudar l c\ di ss e la v fu\d - CS la Lude la d chal pust\\ al n re bra regolr, l re a m< stra u\ zirc e u\ qudar
Ramdl o ra\ ra\dl s.m. la parte pi pregiata della fibra di canapa (cfr.

manle e tz) CS dala gramadure o dal gramtt i saltve fre al ramdl, ch l re la prt pi fne dla c\ve, la ma\lne, chlre m\\c fne, e al tz ch l re al pi scad\\t, cl ramdl e la ma\lne as fve la tile mgnure, pr i li\z, pr i sugam\\ e pr al tvi; qusste lre la
18

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

lavurazi\\ di cu\tad\\ cl tlr; la c\ve ch la gnve fre dal stabilim\\t (cfr. ble) l a\dve i\vzi vi\d CS la difer\\ze fra ramdl, manle e tz?... AB qull l (sintenda: i tre tipi di fibra) si
ricava dalla teglia qu\\d l bla st pul al ga<l che l qull

chal v i\d la ructta che l p qull chal v i\d al filar\\ CS qull l l al ramdl LM al ramdl l l prmm p i la manle, p i i tz chi \\ chi grs, chi li\z grs CS mo cal lavurr qu qu\\d al tct a frsta disti\zi\\ ad ra\dl, manle e tz? LM ma i pasvn una vlte cum i s ciamvni i curdr AB s per questo qui l u\ lavurr chal vn dpp qu\\d a s\\ ariv chav\\ dtt che la mazla la v d\\tar i\d al magaz\\ dpp da l o la v vi\d al comerzi\\t e una piccola parte la v ala c che cal dn cum s ciamval qull l che al la pulss CS s una spzie ad ptan AB cal ptan LM l l che i vn al ramdl e scelgono la prima, la seconda
e lultima AB ai vn v la stppa e i av\\za la teglia pura LM ai al

fl, qu\\d i dn i li\z d fl, i \\ i pi preg e p dpp ai al ma\ln, i \\ al secnnd e p ai i tz chi \\ chi grs CS chas fve i burz
LM chas filve Rcche dim. ructte s.f. attrezzo intorno a cui si avvolgeva la fibra pronta per essere filata; era costituito da unasta in cima alla quale si poneva uno spessore di materiale vario (es. legno o cartone) intorno al quale avvolgere la fibra (cfr. filar\\, filr, f, pedl, p, rcche,

ructt; cfr. anche curdr coi relativi rimandi lessicali) -AB qull l
(sintenda: i tre tipi di fibra) si ricava dalla teglia qu\\d l bla st

pul al ga<l che l qull chal v i\d la ructta che l p qull chal v i\d al filar\\ -CS i\d al filar\\ ai re qutar p e p i re
AB al pedl CS chal mitve i\ muvim\\t la rde AB la rda chai

ra d\\tr una crda chla fva a\dr la parpja e l ructt e c\ linrzia la tirva d\\tr al fl tir < dala rcca
Ructt s.m. parte del filar\\ costituita da un cilindro in legno azionato dalla ruota a sua volta mossa dal pedale; intorno al ructt si avvolgeva il filato (cfr. filar\\, filr, f, p pedl, parpje, rcche; cfr. anche

curdr coi relativi rimandi lessicali) CS al ructt l re u\ zilnndar ad


19

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

lggn chal girve i\ tnnd ms dala rde e dala parpje pr arvujr al fl che la dne la filve -CS i\d al filar\\ ai re qutar p e p i re
AB al pedl CS chal mitve i\ muvim\\t la rde AB la rda chai

ra d\\tr una crda chla fva a\dr la parpja e l ructt e c\ linrzia la tirva d\\tr al fl tir < dala rcca
Ructte s.f. diminutivo di rcche (cfr.) Rulr v. premere la terra col rullo dopo la semina per compattarla e facilitare la germinazione del seme (diverso da arulr, cfr.) CS rulr la

tre al vl dr par<r la tre dpp la smmne parch la sm\\t la <armjje


Ss s.m. sasso; i sassi erano posti sui fasci di canapa perch col loro peso li mantenessero immersi nellacqua del macero LR dal maadr (la c\ve) la vn msse d\\tr i\d u\ zirc i\d u\ qudar l c\ di ss

e la v fu\d la v fu\d mss b\\ parch biggne a\dr a fu\drle pi\\ pi\\ e chla vghe < pi\\ pi\\ parch se n s la v < da una prt o da cl tre a se sfnnde i\cse e lure ai re la s <\\t apste ch i a\dvan l e i mitvn i s a fvan p la fle i\dine da dr i ss dal prmm dala mcce i\f\\ l al maadr, in qutr o z\\c o s <\\t ai ran \\c, e da l a lasvan l a mi z\\c s d fe\t\\t che lcue la n re gn mrze
$btar v. sbattere: fase della lavorazione della canapa che si svolgeva circa tre giorni dopo il taglio e che consisteva nello sbattere i fusti contro il terreno in modo da distaccarne le foglie ormai secche (cfr.

c\va) LR (la c\ve) qu\\d l st i\ gr<e sucu\\t d la v bat da tr v ttti al fi, i av\\ze la cs (cio al gamb\\) ntte AB pas tr d zrca cn al sul d agsst la fjja la se schva e alura biugnva pasr a btarla chai caschva la fjja chai ava\zva CS al fsst AB la c\va pra e p t la mitv l AB la c\va qu\\d lra taj at fv dal gr< i\ tra parch dpp mgnva btarla qu\\d lra scca
$bia\ $bia\chr v. rendere bianco, detto del processo di ulteriore sbiancatura della canapa, gi iniziato nel macero, mediante esposizione al sole; in questo modo la canapa diventa bianca (dvi\tr bi\\che) LR a la

tulvan s da lavr e p da bia\chr s al sul -AB la st ztia tr o


20

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

qutr o z\\c d sa\ piv bra parch sal piv ai vl de pi CS la dv\\te bi\che AB l dvi\t bi\\ca qu\\d t la t s la dv\\ta bla bi\\ca
Schras v. seccarsi (cfr. anche c\va )AB pas tr d zrca cn al sul

d agsst la fjja la se schva e alura biugnva pasr a btarla chai caschva la fjja chai ava\zva CS al fsst AB la c\va pra e p t la mitv l
Schrt s.m. scarto nella selezione della canapa; detto anche maraf\\ o patzz (cfr.) CS in ltum i ava\zve al schrt chal s ciamve

maraf\\, i n ran pi dal manl ma ttt un arvuj\\


$gardz s.m. attrezzo che serviva per districare (cfr. gardazr) la fibra; era formato da un piano irto di punte di ferro e fra le punte si faceva passare, tirandola e districandola, la fibra della canapa CS al gardz l

re un uvi ft c\ un s e dal p\\t ad fr, as tirve la c\ve stra l p\\t ch i lavrvan puld
$gardazr v. districare le fibre per renderle filabili; questa operazione si eseguiva con lo gardz (cfr.) dopo che la fibra era uscita dal cilindro e dal gramtt (cfr.) o, in epoca successiva, dalla gramadure (cfr.) CS

avrr puld la lne o la c\ve par md ch la s pse filr


Sughe s.f. corda grossa, di circa tre centimetri di diametro, con la quale si fissavano i carichi sui carri (cfr. bicrdal, cavzze, crde,

cu\pls d i\grang, curdr, curdgne, curd\\, filr, gnr) -AB i curdr i avvan u\ co\pls d i\grang che i girvan a m\\ e poi
avevano un riduttore che aumentavano i giri e p (un tar) i\turn

ala vtta l avva u\ mcc ad c\va e l filva, al filva chal fva i curd\\... dpp i curd\\ che n i ciam\\ i bicrdal, qu\\d i n avvan ft qutar o tr a secnnd dala gruszza i i mitvan ttt i\smm e i cu\tnnuan a girr, ai gnva fra la crda che cla grsa i la ciamvan la suga che i druvvan i cu\tad\\ da lighr al crg i\ vtta ai cr e qull l i rn i curdr che i a\dvn a c, dali a<i\\d o dai cu\tad\\ che i ciamvan e i a\dvn a fr sta crda che i \ fvan dla grsa e dla sutla \\c, perch pr esempio, la cavzza dal bsti i avvan

21

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

una curdgna che psva sar ad d o \\g millmetar mentre invece la suga lra grsa acs la pr sar ad tr ze\tmmetar
$ltte s.f. termine generico ad indicare la slitta che serviva per trasportare la canapa, bagnata e pesante dopo la macerazione, lontano dalla sponda del macero; il termine specifico lze (cfr.) -LR e

p a la zti\dvan i\ vtte ala spnnde dal maadr e da l la s mitve i\ vtte ala ltte, una spzie ad ltte
SpigSpig-lr v. lo stesso che patuzr (cfr.) LM ai i\ m\\t cha\dvn a

spig-lr la c\ve
St\ St\\dar v. lo stesso che zt\\dar (cfr.) Stppa s.f. stoppa -AB ai vn v la stppa e i av\\za la teglia pura Sumnr v. seminare -LR la c\ve la s s\\par sumn ala

prmmevire AB as sumnva dunque alla fine di marzo ala f\\ ad mrz e la s a\dva a tajr qu\\d lra madra ai tr o ai qutar d agsst
Tajr v. tagliare, raccogliere tagliando AB as sumnva dunque alla fine di marzo ala f\\ ad mrz e la s a\dva a tajr qu\\d lra

madra ai tr o ai qutar d agsst


Tjje s.f. teglia, attrezzo da cucina; nella lavorazione della canapa, fibra della canapa -AB fatto questo arrivava a tempo debito la gramadura che cha al zilnndar chl qull chat r\\p che fa i canapoli i

stcc, al f i stcc e av\\za la tjja CS la fibra la tjje la s cime AB la tjja


Tiradre s.f. dla c\ c\ve loperazione del tirare la canapa; cfr. tirr Tirr v. selezionare gli steli della canapa tirandoli per la cime e riunendoli in mazzi in base alla lunghezza (cfr. l\\g, m<, crt, patzz,

schrt e maraf\\) e per questa operazione si usava il ba\ctt da tirr


o cavaltt (cfr.) AB as pasva cn al cavaltt chas i mitva i\ vtta e

p as tirva tutte le canne che poi as mitvan gi\\ acs per


mettere ttti al l\\ghi i\smm e al crti i\smm LR e p la s mtt

i\ prlle e dala prlle la s mtt sure al ba\ctt da tirr. Con


lespressione tirr s la c\ve dal maadr (o da mi) si indica la rimozione della canapa dal macero perch fosse posta ad asciugare al
22

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

sole e a sbiancare ulteriormente (cfr. bia\\chr) sul prato ove era trasportata mediante llze (cfr.) CS as tirve s i fs dal maadr, as

lavve la c\ve manle par manle e i man i la cazvan i\ vtte ala spnnde
Tz s.m. dopo il ramdl e la ma\lne, la parte meno pregiata della fibra di canapa CS dala gramadure o dal gramtt i saltve fre al

ramdl, ch l re la prt pi fne dla c\ve, la ma\lne, ch l re m\\c fne, e al tz ch l re al pi scad\\t e la Lude la m dtt che cl tz fil as fve dla tile pr i burz da cune e pr i sac\\ di man ch i andvn a pudr CS la difer\\ze fra ramdl, manle e tz?... AB qull l (sintenda: i tre tipi di fibra) si ricava dalla teglia qu\\d l bla st pul al ga<l che l qull chal v i\d la ructta che l p qull chal v i\d al filar\\ CS qull l l al ramdl LM al ramdl l l prmm p i la manle, p i i tz chi \\ chi grs, chi li\z grs CS mo cal lavurr qu qu\\d al tct a frsta disti\zi\\ ad ra\dl, manle e tz? LM ma i pasvn una vlte cum i s ciamvni i curdr AB s per questo qui l u\ lavurr chal vn dpp qu\\d a s\\ ariv chav\\ dtt che la mazla la v d\\tar i\d al magaz\\ dpp da l o la v vi\d al comerzi\\t e una piccola parte la v ala c che cal dn cum s ciamval qull l che al la pulss CS s una spzie ad ptan AB cal ptan LM l l che i vn al ramdl e
scelgono la prima, la seconda e lultima AB ai vn v la stppa e i

av\\za la teglia pura LM ai al fl, qu\\d i dn i li\z d fl, i \\ i pi preg e p dpp ai al ma\ln, i \\ al secnnd e p ai i tz chi \\ chi grs CS chas fve i burz LM chas filve
Traj\ Traj\\ s.m, falcetto LR la c\ve la v taj cl trj\\ e msse i\

gr<e (cfr. gr<e) CS cum ral ft al traj\\? u\ ma\dgh\\ l\\g?


AB al traj\\ l una lma acs e p l u\ mndig l\\g u\ mtar e

da str i\ p t at tajv la c\va, t i\ fv una manla e p t la mitv l


AB al traj\\ l avva al m\dig ad lggn e i\ fnnd l avva una

lma retta non curva che as druvva da str i\ p e a tajr la c\va


LM a chi stve drtt la c\ve pugve i\d la sple

23

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

Tr v. prendere; tr s (o tr v) raccogliere la canapa da terra o dal macero (lespressione si riferisce alle fasi della lavorazione successive al taglio e alla raccolta) AB Dopo tar d d la s a\dva a tr s e as

fva al prll CS una prlle? AB una prlla a cono -AB (la canapa
ordinata nel pust\\) stava dentro (cio nellacqua del macero) t d e

p as a\dva a tr v i ss chi s turnvn a mttar l i\ duv i ran.


Vultr v. disporre in simmetria alternata nellespressione vultr c p

i\d al pust\\ (cfr. fu\dr)


Zirc s.m. cerchio, detto della forma circolare del pust\\ (cfr. qudar e pust\\) LR i\d dal maadr (la c\ve) la vn msse d\\tr i\d u\

zirc i\d u\ qudar l c\ di ss e la v fu\d

-CS la Lude la d

chal pust\\ al n re bra regolr, l re a m< stra u\ zirc e u\ qudar


><ar v. giacere in posizione orizzontale, detto della canapa stesa al suolo dopo la macerazione LR per la s mitve a <<ar parch la

<\\t ch i ran l i\ fnnd i la cazvan l, di tar i la tlevn e i la mitvn i\ vtte a una spzie dla ltte e la bstie al la purtve s i\d al pr, l ai re dltre <\\t ch ai la zti\dvan e p acs i\f\\t\\t ch an i re fin al pust\\, as ciamve al pust\\ qull dal maadr
Zilnndar s.m. cilindro, macchina che serviva per triturare la canapa ed estrarne la fibra che successivamente veniva ripulita col gramtt (cfr.

gramadure, gramar\\ e gramtt); il cilindro fu mosso inizialmente da


una macchina a vapore (mchine a fg), poi da un motore a scoppio LR dpp ai gn al zilnndar, al zilnndar manle par manle a

lav\\ turn a pasr i\d al zilnndar ch al zilnndar p al la stia\chve e i vgnve < ttt i stcc, i la pulvan, i dvn u\ pult i\smme, dpp ai re i gramar\\ chi la gramvan cl gramtt a m\\ -CS la Lude la d che a fr a\dr al zilnndar prmme ai re una mchine a fg coi stcc e p al mutur
Zt\ Zt\\dar v. stendere, disporre la canapa al sole dopo la macerazione perch si asciughi e diventi bianca LR dpp as i a\dve ala matne

prst a lavrle a tirr v al fs e a lavrle manle par manle e p a la zti\dvan i\ vtte ala spnnde dal maadr -AB (lllza) che curni d pl c\ d di travrs CS s c\ dal travrsi AB e una cad\na e
24

Stefano Rovinetti Brazzi Il lessico della canapa nella bassa pianura bolognese nordorientale

www.bulgnais.com/Lacanve.pdf settembre 2009

p i i tcan al bsti o u\ cavl o cs e quel al trasna sti manl l i\ duv i \\ da zt\\dar la st ztia tr o qutr o z\\c d sa\ piv bra parch sal piv ai vl de pi CS la dv\\te bi\che AB l dvi\t bi\\ca qu\\d t la t s la dv\\ta bla bi\\ca

25

Interessi correlati