Sei sulla pagina 1di 4

RinaIdo D' Aquino

Per fin' anore vao s aIIegranente


Op. Grande biblioteca della lett
ACTA G. DAnna Thsis
Edizioni di riferimento
elettroniche
F. Bonomi, Duecento: la poesia italiana dalle origini a Dante
a stampa
Poeti del Duecento, a cura di G. Contini, Milano-Napoli, Ricciardi, 1960
Design
Graphiti, Firenze
Impaginazione
Thsis, Firenze-Milano
3
:
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Rinaldo D' Aquino Per fin amore vao s allegramente
Per |ln' amore vao sl allegramente
Per fin' amore vao s allegramente
ch'io non aggio veduto
omo che 'n gio' mi poss'apareare;
e paremi che falli malamente
5 omo c'ha riceputo
ben da signore e poi lo vol celare.
Ma eo no '1 celaraio,
com'altamente Amor m'ha meritato,
che m'ha dato a servire
10 a la fiore di tutta caunoscenza
e di valenza,
ed ha bellezze pi ch'eo non so dire:
Amor m'ha sormontato
lo core in mante guise e gran gio' n'aggio.
15 Aggio gio psu di null'om certamente,
c'Amor m'ha s ariccuto,
da che li piace ch'eo la deggia amare:
poi che de le donne [ella] la pi gente,
s alto dono aio avuto,
20 d'altro amadore pi deggio in gioi stare;
ca null'altro coraggio
non poria aver gioi ver' cor 'namorato.
Dunqua, senza fallire,
a la mia gioi null'altra gioi si 'ntenza,
25 ne[d] ho credenza
c'altr'amador potesse unque avenire,
per suo servire, a grato
de lo suo fin' amore al meo paraggio.
Para non averia, s se' valente,
30 che lu mond' ha cresciuto
lo presio tuo s lo sape avanzare.
Presio d'amore non vale neente,
poi donn' ha ritenuto
in servidore, ch'altro vol pigliare:
35 che l'amoroso usaggio
4
:
Op. Grande biblioteca della letteratura italiana
ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli
Rinaldo D' Aquino Per fin amore vao s allegramente
non vol che sia per donna meritato
pi d'uno a ritenere;
ched altrui ingannare gran fallenza,
in mia parvenza.
40 Chi fa del suo servire dipartire
quello ch'assai c' stato
senza malfare, mal fa signoraggio.
Signoria voi ch'eo serva lalmente,
che mi sia ben renduto
45 bon merito, ch'eo non saccia blasmare;
ed eo mi laudo che pi altamente
ca eo non ho servuto
Amor m'ha coninzato a meritare:
e so ben che seraggio
50 quando serb d'Amor cos 'nalzato.
Per vorria complere,
com' de' fare chi s bene inconenza;
ne[d] ho credenza
ch'unque avenisse ma' per meo volere
55 si d'Amor non so' aitato
in pi d'aquisto ch'eo non serviraggio.