Sei sulla pagina 1di 15

Se a pag. i d hcme > ntrcduzcn Apocalittica giudaica va a pag.

i 2 3 4 5 6 7
|'Apcc+|ittic+
ll Lermlne apocal|ss| (dul greco apokalyps|s ='rlveluzlone' che corrlsonde ull'ebrulco qalal che slgnlFcu
t|velate oo seqteto, oo m|steto senzu nessunu lmllcuzlone dl occolto, |ocooosc|b|le, otteoJo) e sLuLo ullcuLo nel
XlX secolo ud ulcune oere leLLerurle del gludulsmo e del crlsLluneslmo.
Cll sLudlosl vollero conslderure l'Apocal|sse J| G|ovaoo| come unu formu leLLerurlu che oLevu essere rlconoscluLu
unche ln ulLre oere gludulche dello sLesso erlodo (come ll Ooatto l|bto J| lsJta e ol l'Apocal|sse s|t|aca J| Batoc
eLc.). ll Lermlne ol e sLuLo ullcuLo unche ud ulLre oere dl slmlle formu leLLerurlu ed e nuLu l'ldeu dl unu
osslblle cotteote tel|q|oso-lettetat|a du chlumursl apocal|tt|ca.
ll patrarca Lncch n ' vscne'.
ll crlLerlo er deFnlre un LesLo uocullsse eru fonduLo su
elemenLl dl fotma e st|le : rlmunevuno Lru l vurl LesLl dlerenze
dl ulLro genere Lull e LulmenLe grundl che non rendevuno
ugevole collocure LuLLl l LesLl ln unu sLessu cotteote lettetat|a.
Posslumo semllFcure ln quesLo modo : le uocullssl hunno
ln comune un elemenLo , quello dellu , esse sl
fonduno sullu cooosceoza che un petsooaqq|o tel|q|oso ( ln
genere un patt|atca dellu Lrudlzlone gludulcu) ucqulslsce
uLLruverso v|aqq| |o altt| mooJ| .
Cll uuLorl delle uocullssl meLLono ln scenu un petcotso che
non e esLruneo ullu fenomenologlu rellglosu unlversule.
ll v|s|ooat|o comle un vlugglo uLLruverso | c|el| ( l Reqo|, l MooJ|
ulLerlorl ul nosLro) soLLo lu guldu dl un aoqelo , quesLl gll
mostta useLLl del cosmo e dellu sLorlu e gllene slegu ll
fooz|ooameoto ed l s|qo|fcat|.
Lu cooosceoza che ll vlslonurlo ucqulslsce vlene rucconLuLu er
mezzo dl l|oqoaqq| s|mbol|c| cosLlLulLl du esserl dl ulLrl mondl,
besLle sorunnuLurull ,evenLl cosmlcl ,numerl curlchl dl slgnlFcuLl, evenLl celesLl slncronlzzuLl con ul nosLru
sLorlu, eLc eLc. ll ercorso rlsonde ullu senLenzu blbllcu :
Am , ; ln vert, l Sgnore non ja cosa alcuna
senza aver rvelato l suo consglo
a suo servtor, rojet.
8 uggsce l leone: cn ma non trema?
ll Sgnore o na arlato: cn uo non rojetare ?
Lu leLLeruLuru uocullLLlcu lnfuLLl sl resenLu come un LenLuLlvo dl eslorure lu urolu blbllcu (cloe lu
romessu dlvlnu ) er espaoJetla oel tempo e oella stot|a e tappteseotatoe ql| sceoat| cooseqoeot|. OuesLu eru glu
l'uLLlvlLu del rofeLl e delle scoole ptofet|cle ( vedl lsulu, Lzechlele, Zuccurlu, Cloele, eLc.) che vlene rlresu du
ulcunl sap|eot| ebrel e svlluuLu nel secoll .
Ads not by this site
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
1 sur 3 23/12/2013 11:24
crIstIanI deI prImI secolI fecero largo uso della lettercturc cpocclttcc, utIlIzzandola
nella proprIa catechesI talvolta alla parI deglI stessI testI bIblIcI, come fa la Lettera dI
CIuda proprIo con Il Lbro d Enoc, e spesso reInterpretandola a loro favore :
6d 14 Pro]eto cnche per loro Enoch, settmo dopo Adcmo, dcendo: Ecco, l Synore
venuto con le sue mrcd d cnyel per ]cr l yudzo contro tutt, 15 e per convncere
tutt yl emp d tutte le opere d empetc che hcnno commesso e d tutt yl nsult che
peccctor emp hcnno pronunzcto contro d lu.
ln buse ul LesLl conoscluLl Fno ud oggl , ulcunl sLudlosl rlconoscono -er esemlo- unu scoola apocal|tt|ca che sl
svlluu dul ll sec u.C. ul ll d.C. e che deFnlscono scoola loocl|ca ln quunLo l LesLl sono rlferlLl semre ulle
vlslonl del uLrlurcu loocl.
Llbro del segreLl dl Lnoch [j ln quel temo, dsse Lnoc, quando ebb comuto 6 ann , [zj nel rmo mese, nel gorno solenne
del rmo mese, ero solo nella ma casa: [j angevo e m apggevo con me occn. Ventre rosavo nel mo letto dormendo, [|j m
aarvero due uomn grandssm come ma ne avevo vst sulla terra. [j ll loro vso (era) come sole cne luce, loro occn come
lamade ardent, dalle loro boccne uscva un juoco, loro vestt una dgusone d ume, e le loro bracca come al d'oro, al caezzale
del mo letto.V cnamarono col mo nome. [6j lo m leva dal mo sonno e gl uomn stavano resso d me realmente. [;j lo m
agretta, m alza e m ncnna loro , l mo vso s corl d brna er l terrore. [8j cl uomn m dssero: "coraggo, Lnoc, non avere
aura. ll Sgnore eterno c na mandat da te ed ecco, tu ogg sal con no al celo. [pj l a tuo jgl e alle gent della tua casa tutto
quello cne jaranno sulla terra e cne nella tua casa nessuno t cercn, jncne l Sgnore t abba jatto rtornare da loro" .[oj Cbbed
loro e anda. cnama me jgl Vatusalemme e gm e racconta loro tutto co cne due uomn m avevano detto.
Lncch, Lbrc de segret.
ll rlmo usso che sl lmone er unu comrenslone dell'apocal|tt|ca e
unu verlFcu degll scrlLLl che lu esrlmono.
Anche se l'uLLrlbuzlone dellu mugglor urLe del LesLl ul genere
leLLerurlo apocal|tt|co non resenLu dlmcolLu, su ulcunl dl essl ll
dlssenso e noLevole. ln reulLu non LuLLl gll scrlLLl apocal|tt|c| lo sono
nello sLesso modo.
Cl sono lnunnzlLuLLo l LesLl uocullLLlcl conLenuLl nellu 8lbblu ebrulcu.
ll rlmo testo apocal|tt|co che ln ordlne dl Lemo vlene lndlcuLo come
Lule e ll llbro dl Lzechlele che, seclulmenLe nel cu. 8-g sembru
esrlmere lnsleme con lu cosclenzu ucuLu dellu mlsslone rofeLlcu e
l'esuberunzu dellu formu leLLerurlu un rlmo slnLomo del passaqq|o
Jalla ptofez|a all'apocal|tt|ca.
Anche ll llbro dl lsulu conLlene urLl rlconoscluLe come uocullLLlche:
lu qtaoJe apocal|sse J| lsa|a, comrendenLe l cu. z-z, e duLublle dul
secolo v ln ol, e lu p|ccola apocal|sse J| lsa|a, comrendenLe l ce.
-, dl duLuzlone lu recenLe. 1rovlumo ol, semre seguendo un
robublle ordlne cronologlco, ll Secondo Zuccurlu (Zc g-), du collocursl doo l'eslllo, e ll llbro dl Lunlele, che
lu dl ognl ulLro scrlLLo dell'A1 resenLu le curuLLerlsLlche leLLerurle dell'uocullLLlcu.
llno ul g,6 le curuLLerlsLlche leLLerurle comunl ul LesLl ulloru conoscluLl ermeLLevuno dl dellneure un quudro
sumclenLemenLe comleLo : ll l|bto J| uao|ele - comosLo robubllmenLe Lru ll 6, e ll 6 u.C- eru conslderuLo
l'opeta fooJaote dellu lettetatota apocal|tt|ca q|oJa|ca post-b|bl|ca e LuLLo fucevu rlLenere come duLu robublle del
suo uermursl l'lnlzlo del ll secolo d.C. .
Nel g,6 ero sono sLuLl lndlvlduuLl, Lru le oere rlnvenuLe u Oumrun , frummenLl ln urumulco dl un LesLo noLo
come looc lt|op|co che oggl e conslderuLo unu delle lu lmorLunLl oere dellu uocullLLlcu gludulcu. ll LesLo non
comure nel cunone del gludulsmo conLemoruneo , ne ln quello del crlsLluneslmo cuLLollco, orLodosso e
roLesLunLe mu fu urLe del cunone dellu Cl|esa ct|st|aoa Copta (oggl uncoru ln LglLLo, LLlolu, LrlLreu, eLc.) Uno
del frummenLl urumulcl dl quesLo llbro rlsule ul lll sec. u.C. e un ulLro ullu rlmu meLu del ll sec. u.C. , unu urLe
erclo e unLerlore ul ll sec. u.C. OuesLu duLuzlone hu rlchlesLo unu relnLerreLuzlone dl LuLLl l duLl rlguurdunLl lu
cosldeLLu lettetatota apocal|tt|ca .
Le oere apocal|tt|cle sono duLuLe oggl
dul lv sec. u.C. Fno ul ll sec. d.C. e sono
glunLe Fno u nol slu ln llnguu orlglnule
che LrudoLLe . Sono oere che sesso
esrlmono Leologle dlverse che sl
sconLruno e u volLe sl comeneLruno e
che reglsLruno lnussl delle culLure vlclne
soruLLuLLo dl quelle eglzlunu e dl quelle mesooLumlche . Rlmungono uerLe LunLe quesLlonl che rlchlederunno
uncoru molLl unnl dl sLudlo.
Ads not by this site
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
2 sur 3 23/12/2013 11:24

Se a pag. 2 d hcme > ntrcduzcn Apocalittica giudaica va a pag. i 2 3 4 5 6 7
l| prcletisac esc+tc|cicc.
Nel ll sec u.C. nellu comunlLu gludulcu lnlzluLu du Lsdru e Neemlu , l'ldeologlu domlnunLe eru quellu del
coslddeLLo Ctoo|sta, uuLore del due omonlml llbrl dellu 8lbblu. OuesLl vede nellu comunlLu osLeslllcu ll
comlmenLo dl LuLLu lu sLorlu dl lsruele:
Luvlde uvevu lnLrureso l'oeru dl cosLlLuzlone del regno dl lsruele come regno dl Llo e del suo oolo, quesLu
oeru conLlnuuvu uncoru nel suol dlscendenLl, llberl ormul du lmegnl ollLlcl e dedlLl ullu total, ul temp|o cloe ul
culLo-servlzlo nellu roseLLlvu dl unu sunLlFcuzlone-seuruzlone-urlFcuzlone dl LuLLo ll oolo dugll ulLrl
ooll.
Al proleta si era sostituito , nella guida, il sacerdote-levita che aveva assunto il monopolio della predica/ione e della catechesi .
zcr ;,; Nell'anno terzo del suo regno mando suo upcal 8encal, Abda, 2accara,
Netaneel e Vcnea a nsegnare nelle ctt d cuda. 8 con ess c'erano levt Semaa,
Natana, 2ebada, Asael, Semramot, conata, Adona e 1oba e sacerdot Llsama e
loram. p nsegnarono n cuda, avevano con se l lbro della Legge del Sgnore e
ercorsero tutte le ctt d cuda, struendo l oolo.
Lu cuLechlzzuzlone dl lsruele fu orLuLu uvunLl con lnLervenLl unche
drusLlcl:
Ne ,z ln que gorn vd ancne cne alcun cude s erano ammoglat con donne d
Asdod, d Ammon e d Voab, z| la met de loro jgl arlava l'asdodeo, conosceva
soltanto la lngua d questo o quest'altro oolo, non saeva arlare gudaco. z o l
rmrovera, l maledss, ne ccna alcun, straa loro caell e l jec gurare nel
nome d o cne non avrebbero dato le loro jgle al jgl d costoro e non avrebbero
reso come mogl le jgle d quell er loro jgl ne er se stess..
vl furono urecchle reuzlonl u quesLo |oteqt|smo fooJameotal|sta:
ln Sumurlu ll Sommo sucerdoLe Munusse sl rlfuglo sul Curlzlm dove fu ereLLo un Lemlo dul clrcoll dl |Jeoloq|a
oo|vetsal|st|ca che vedevuno nelfonduLore del Regno, Luvlde ,un qoy, un non ebereo (RuL,Clonu...)
usclrono ullo scoerLo c|tcol| cle cootestavaoo la sap|eoza ttaJ|z|ooal|sta (Clobbe...OoeleL.)
ulLrl uncoru t|veoJ|cavaoo |l J|t|tto J| essete J|vets| Jalla oc|al|ta e pteoJevaoo |l posto Je| ptofet| (Aggeo,
Zuccurlu l, lsulu lll, Muluchlu...)
ll erdurure dell'oresslone lndusse quesLl clrcoll rofeLlcl ud unu sFduclu nelle lsLlLuzlonl gludulche che sl
rlfucevuno u Luvlde ed ulle sue roseLLlve. Lu llberLu' sembruvu lmosslblle ln quesLo mondo e lu urolu dl Llo
non oLevu che comlersl ln un ulLro mondo, olLre lu sLorlu. Sl dellneuvu cosl unu roLLuru dellu sLorlu , lu Fne dl un
eone e l'uvvenLo dl un nuovo eone ln cul Llo uvrebbe lnsLuuruLo ll suo regno.
Morendo, lu rofezlu class|ca LrusmeLLe ullu rofezlu escatoloq|ca ulcune lnLulzlonl che surunno ln segulLo
LrusformuLe dullu rofezlu apocal|tt|ca . Clu ll rofeLlsmo dell'eslllo bubllonese ore l'ldeu dl unu dlvlslone
blurLlLu dellu sLorlu :
Ads not by this site
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
1 sur 8 23/12/2013 11:25
Nentre per la prole/ia classica la storia contingente poteva essere salvata dalla conversione a 0io, al suo progetto, per i proleti
escatologici la storia ( l' eone contingente) era ormai perduta irrimediabilmente a causa di una radicalit del peccato e del suo
dominio , cosi solo un intervento divino , creativo, poteva in/iare una nuova storia per introdurre l'umanit in una salve//a stabile,
delinitiva, eterna.
OuesLo Joal|smo sl lnservu nel Flone rofeLlco class|co , ormul FnlLo. Unu serle dl fuLLl ne rlveluno lu scomursu :
ll lumenLo :
non c sono u rojet e tra d no nessuno sa jno a quando ... (sul ,,g)
lu mlnucclu dl morLe er chl osu uncoru fure ll rofeLu :
Se qualcuno oser ancora jare l rojeta, l adre e la madre cne l'nanno generato, gl
dranno: 1u morra, ercne rojersc menzogne nel nome del Sgnore, e l adre e la madre
cne l'nanno generato lo trajggeranno ercne ja l rojeta. | ln quel gorno ogn rojeta s
vergogner della vsone cne avr annunzata, ne ndosser u l mantello d elo er
raccontare buge. Va ognuno dr: Non sono un rojeta: sono un lavoratore della terra, ad
essa m sono dedcato jn dalla ma govnezza. (ZC ,)
e, lu Lurdl, lu collocuzlone delle leLre dell'ulLure rofunuLo
n luogo convenente jncne josse comarso un rojeta a decdere d esse ( Muc ,6)
ll conferlmenLo del sommo sucerdozlo u Slmone Muccubeo , un lulco,
jncne sorgesse un rojeta degno d jede (mucc ,)
rovuno u sumclenzu ll suerumenLo dellu rofezlu. OuesLu rofezlu eru cuduLu ln dlscredlLo er lu moLlvl:
lu vurleLu del messuggl,
ll muncuLo udemlmenLo delle romesse, ulmeno cosl come eruno sLuLe lnLese dul conLemorunel,
lu muncunzu dl unu dluleLLlcu con ll oLere ollLlco ussuLo nelle munl degll sLrunlerl (Perslunl, 1olomel,
Seleucldl)
e l'ussenzu, ln unu socleLu Lrunqulllu, del suol rorl amb|t| quull lu dlsurlLu soclule, l'uuLenLlclLu dellu rellglone,
l'lnLervenLo dlvlno nellu sLorlu.
l proleti classici avevano allermato l'ambito della storia come contesto dell' attivit salvilica di 0io , avevano compreso il loro
carisma come attivit di tradu/ione delle visioni indotte da 0io dal livello cosmico al livello storico , contestuali//andole nella vita di
ogni giorno.
Ammessl - ln vlslone- ullu resenzu dl Llo ( e dellu suu corLe celesLe) conoscevuno ll q|oJ|z|o J|v|oo solla stot|a
coot|oqeote e rlvolgevuno lu loro redlcuzlone ul oolo, ullu ollLlcu , u mezzl umunl. lnLerreLuvuno er l re e
er ll oolo come l rogeLLl dlvlnl dl sulvezzu sl surebbero reullzzuLl nel conLesLo dellu sLorlu nuzlonule e
unlversule.
l rofeLl class|c| eruno concenLruLl sul resenLe sLorlco, sul suo slgnlFcuLo contingente sul come converLlrlo ul
rogeLLo dl Llo. l rofeLl escatoloq|c| lnLulrono lu necesslLu dl unu svolLu sulvlFcu dellu sLorlu ed unnunclurono ll
q|otoo J| 1lwl.
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
2 sur 8 23/12/2013 11:25
cl , | lroclamate un dguno,
convocate un'assemblea,
adunate gl anzan
e tutt gl abtant della regone
nella casa del Sgnore vostro o,
e grdate al Sgnore:
Anme, que| giorno!
L njatt vcno i| giorno de| 5ignore
e vene come uno stermno dall'Cnnotente.
Val , Lcco, o mandero un mo messaggero a rearare la va davant a me e subto entrer nel suo temo l Sgnore, cne vo
cercate, l'angelo dell'alleanza, cne vo sosrate, ecco vene, dce l Sgnore degl eserct. z cn soorter l gorno della sua venuta?
cn resster al suo aarre? Lgl e come l juoco del jondtore e come la lscva de lavanda ...
z Lcco, o nvero l rojeta Lla rma cne gunga i| giorno grande e terribi|e de| 5ignore, z| ercne converta l cuore de adr
verso jgl e l cuore de jgl verso adr, cosl cne o venendo non colsca l aese con lo stermno.
Lzechlele : ll ussuLo conduce ull'eslllo , oru c'e l'eslllo u 8ubllonlu, mu du qul Llo cumblu roseLLlvu sLorlcu
rlsLublllsce lu glusLlzlu( cu. 6-,)
sconFgge deFnlLlvumenLe ( seelllsce ) l nemlcl dl lsruele ( Goq e Maqoq ) , ( cu. 8-g)
cl suru un nuovo Lemlo ed un nuovo servlzlo dl lsruele u Llo ( cu. o-8)
Aggeo : Zorobubele, dlscendenLe dellu sLlre sucerdoLule duvldlcu dl Zudok suru un sovruno messlunlco ( re e
sucerdoLe ) come Luvlde , l nemlcl surunno unnlenLuLl e le loro rlcchezze uMulrunno u Cerusulemme
Ag z,zo ll ventquattro del mese questa arola del Sgnore ju rvolta una seconda volta ad Aggeo: z larla a 2orobabele,
governatore della cudea, e dgl: Scuotero l celo e la terra, zz abbattero l trono de regn e dstruggero la otenza de regn delle
nazon, rovescero carr e loro equagg: cadranno cavall e cavaler, ognuno verr trajtto dalla sada del roro jratello. z ln
quel gorno oracolo del Sgnore degl eserct o t rendero, 2orobabele jglo d Sealtel mo servo, dce l Sgnore, e t orro come
un sgllo, ercne o t no eletto, dce l Sgnore degl eserct.
Ads not by this site
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
3 sur 8 23/12/2013 11:25
Oies Irae
lsulu l : Allu Fne dell'eone cl suru un gludlzlo unlversule
ls z|,z ln quel gorno l Sgnore unr
n alto l'esercto d lassu
e qu n terra re della terra.
zz Saranno radunat e mrgonat n una jossa,
saranno rncnus n un carcere
e doo lungo temo saranno unt.
z Arrossr la luna,
malldr l sole,
ercne l Sgnore degl eserct regna
sul monte Son e n cerusalemme
e davant a suo anzan sar glorjcato.
ls ,zz locne l Sgnore e nostro gudce,
l Sgnore e nostro legslatore,
l Sgnore e nostro re,
egl c salver
ol cl suru un grun buncheLLo dl comunlone dl Llo con ll suo oolo u Cerusulemme
ls z:6 lrearer l Sgnore degl eserct
er tutt ool, su questo monte,
un bancnetto d grasse vvande, un bancnetto d vn eccellent,
d cb succulent, d vn rapnat.
lu dlusoru Lorneru con ll oolo dl lsruele dl PulesLlnu.
; Lgl straer su questo monte
l velo cne corva la jacca d tutt ool
e la coltre cne corva tutte le gent.
8 Lllmlneru lu morLe er semre,
l Sgnore o ascugner le lacrme su ogn volto,
la condzone dsonorevole del suo oolo
jar scomarre da tutto l aese,
ocne l Sgnore na arlato.
e lnlzleru ll regno LeocruLlco
p L s dr n quel gorno: Lcco l nostro o,
n lu abbamo serato ercne c salvasse,
quest e l Sgnore n cu abbamo serato,
rallegramoc, esultamo er la sua salvezza.
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
4 sur 8 23/12/2013 11:25
|+ prclei+ +pcc+|ittic+.
L'uvvenLo delle oresslonl ellenlche ed ellenlsLlche mlse u duru rovu lu fedelLu osservunLe del oolo e lu
LenuLu dellu Lrudlzlone gludulcu che sl eru lnsLuuruLu.
1ru ll v ed ll lv sec. u.C. lu rofezlu escatoloq|ca ( = sul foe-s|qo|fcato dellu sLorlu) nel nuovo umblenLe
osLeslllco dlvenLu ptofez|a apocal|tt|ca, (= sullu foe dellu sLorlu).
Lelusl dul domlnlo sLorlco ln cul rlcorre ll meccunlsmo sulvezzu-eccuLo-eslllo ttaJocooo le loro vlslonl ln unu
crescenLe emuncluzlone dullu conLlngenzu sLorlcu. Lelusl dullu sLorlu , non Lruducono lu le loro v|s|oo| ln
Lermlnl dl vlLu quoLldlunu , dl ollLlcu e mezzl umunl, essl rleLLono sullu sLorlu dull'esLerno dl essu, sl
concenLruno sul doo-Fne dellu sLorlu : solo ll dlsvelumenLo dellu Fne dellu sLorlu - lu
uocullsse=rlveluzlone-svelu ll slgnlFcuLo dellu sLorlu LuLLu ( erclo unche dl quellu conLlngenLe) .
Lullu teloq|a stot|ca ( = che rleLLe sullu sLorlu ullu luce dellu urolu dlvlnu, mun muno che lu sLorlu sLessu sl
dlslegu) sl ussu ud unu teoloq|a Jella stot|a , che cloe rleLLe sullu sLorlu u urLlre dullu suu Fne,cloe du un unLo
esLerno ullu sLorlu sLessu. Sl ussu du unu escatoloq|a stot|ca ud unu cootemplaz|ooe escatoloq|ca (= onendosl ullu
Fne) Jella stot|a. ll q|otoo , ll q|otoo J| 1lwl , ln cul Lgll creeru un unLo dl svolLu dellu sLorlu suru l'lnlzlo dl un
ooovo eooe che sl concluderu ullu foe Jella stot|a con unu salvezza Jefo|t|va.
Lu t|velaz|ooe ( =uocullsse) Jella salvezza Jefo|t|va -che corrlsonde ullu romessu dlvlnu- e ll unLo cerLo dl
osservuzlone dl LuLLu lu sLorlu. Lu sLorlu cummlnu er urrlvure ll : du ll sl uo comrendere ll slgnlFcuLo dl ognl
usso.
2c ,; ll ventquattro dell'undecmo mese, coe l mese d Sebt, l'anno secondo d aro, questa arola del Sgnore s manjesto al
rojeta 2accara, jglo d lddo. 8 Io ebbi una visione di notte.
un uomo, n groa a un cavallo rosso, stava jra mrt n una valle rojonda, detro a lu stavano altr cavall ross, saur e bancn. p
lo domanda: Vo sgnore, cne sgnjcano queste cose?. L'angelo cne arlava con me m rsose: lo t'ndcnero co cne esse
sgnjcano....
2ac z: lo alza gl occn ed ecco, vd quattro corna. z omanda all'angelo cne arlava con me: cne cosa sono queste?. Ld egl:
Sono le corna cne nanno dserso cuda, lsraele e cerusalemme. lo l Sgnore m jece vedere quattro oera. | omanda: cne
cosa vengono a jare costoro?. V rsose: Le corna nanno dserso cuda a tal segno cne nessuno osa u alzare la testa e costoro
vengono a demolre e abbattere le corna delle nazon cne cozzano contro l aese d cuda er dserderlo. Alza gl occn ed ecco
un uomo con una corda n mano er msurare. 6 cl domanda: ove va?. Ld egl: vado a msurare cerusalemme er vedere qual
e la sua largnezza e qual e la sua lungnezza. ; Allora l'angelo cne arlava con me uscl e ncontro un altro angelo 8 cne gl dsse:
corr, va' a arlare a quel govane e dgl: cerusalemme sar rva d mura, er la molttudne d uomn e d anmal cne dovr
accoglere. p lo stesso arola del Sgnore le jaro da muro d juoco all'ntorno e saro una glora n mezzo ad essa.
o Su, su, juggte dal aese del settentrone arola del Sgnore vo cne no dsers a quattro vent del celo arola del Sgnore. A
Son mettt n salvo, tu cne abt ancora con la jgla d 8ablona'
cl suru ll rlLorno ln uLrlu dellu dlusoru e sl reullzzeru ll Regno messlunlco ln cul LuLLl l ooll uMulrunno u
Cerusulemme er cercure 1HWH.
Ads not by this site
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
5 sur 8 23/12/2013 11:25
2ac |,6verr allora l Sgnore mo o e con lu tutt suo sant. 6 ln quel gorno, non v sar ne luce ne jreddo, ne gelo: ; sar un
unco gorno, l Sgnore lo conosce, non c sar ne gorno ne notte, verso sera rslender la luce. 8 ln quel gorno acque vve
sgorgneranno da cerusalemme e scenderanno arte verso l mare orentale, arte verso l Var Vedterraneo, semre, estate e
nverno. p ll Sgnore sar re d tutta la terra e c sar l Sgnore soltanto, e soltanto l suo nome .
ll mondo unLlco Fnlru e verru un mondo nuovo che suru eLerno . Ceremlu : ll ussuLo sl rleLe e rlvelu unu
l'ost|oaz|ooe Jel coote J| |staele mu Llo non dlmenLlcu le sue romesse
(Cer ,-z) V ju rvolta questa arola del Sgnore: cne cosa ved, cerema?. sos: vedo un ramo d mandorlo. z ll
Sgnore soggunse: na vsto bene, ocne o vglo sulla ma arola er realzzarla.
c| sata unu nuovu sulvezzu ,nel Lermlnl dl unu nuovu ulleunzu , deFnlLlvu, eLernu
(Cer ,-), Lcco verranno gorn dce l Sgnore ne qual con la casa d lsraele e con la casa d cuda o concludero una
alleanza nuova. z Non come l'alleanza cne no conclusa con loro adr, quando l res er mano er jarl uscre dal aese d'Lgtto,
una alleanza cne ess nanno volato, bencne o joss loro Sgnore. larola del Sgnore. uesta sar l'alleanza cne o concludero con
la casa d lsraele doo que gorn, dce l Sgnore: lorro la ma legge nel loro anmo, la scrvero sul loro cuore. Allora o saro l loro o
ed ess l mo oolo. | Non dovranno u strurs gl un gl altr, dcendo: conoscete l Sgnore, ercne tutt m conosceranno, dal
u ccolo al u grande, dce l Sgnore, ocne o erdonero la loro nqut e non m rcordero u del loro eccato.
Lu roseLLlvu e ruorzuLu ln lzecl|ele con lu vlslone delle ossa at|Je t|v|v|fcate.
Lz ;: La mano del Sgnore ju sora d me e l Sgnore m orto juor n srto e m deose nella anura cne era ena d ossa, z m
jece assare tutt'ntorno accanto ad esse. vd cne erano n grandssma quantt sulla dstesa della valle e tutte nardte. V dsse:
|glo dell'uomo, otranno queste ossa rvvere?. lo rsos: Sgnore o, tu lo sa. | Lgl m relco: lrojetzza su queste ossa e
annunza loro: Cssa nardte, udte la arola del Sgnore. ce l Sgnore o a queste ossa: Lcco, o jacco entrare n vo lo srto e
rvvrete. 6 Vettero su d vo nerv e jaro crescere su d vo la carne, su d vo stendero la elle e njondero n vo lo srto e
rvvrete: Sarete cne o sono l Sgnore.
del coote ooovo e Jello sp|t|to ooovo |ofos| Ja u|o oel soo popolo
Lz :p aro loro un cuore nuovo e uno srto nuovo mettero dentro d loro, toglero dal loro etto l cuore d etra e daro loro un
cuore d carne,
Lz 8: Lberatev da tutte le nqut commesse e jormatev un cuore nuovo e uno srto nuovo. lercne volete morre, o lsraelt?
Lz 6:z6 v daro un cuore nuovo, mettero dentro d vo uno srto nuovo, toglero da vo l cuore d etra e v daro un cuore d
carne.
quule lnlzlo del rogrummu dl testaotaz|ooe Jel ooovo lstaele
Lz |o: Al rnco dell'anno ventcnquesmo della nostra deortazone, l dec del mese, quattordc ann da quando era stata resa
la ctt, n quel medesmo gorno, la mano del Sgnore ju sora d me ed egl m condusse l. z ln vsone dvna m condusse nella
terra d'lsraele e m ose sora un monte altssmo sul quale sembrava costruta una ctt, dal lato d mezzogorno. Lgl m
condusse l: ed ecco un uomo, l cu asetto era come d bronzo, n ed sulla orta, con una cordcella d lno n mano e una canna
er msurare. | uell'uomo m dsse: |glo dell'uomo: osserva e ascolta attentamente e ja' attenzone a quanto o sto er
mostrart, ercne tu se stato condotto qu ercne o te lo mostr e tu manjest alla casa d'lsraele quello cne avra vsto. ...
Plu declso e ll SecooJo lsa|a:
ls |,| uando l Sgnore avr lavato le brutture delle jgle d Son e avr ulto l'nterno d cerusalemme dal sangue cne v e stato
versato con lo srto d gustza e con lo srto dello stermno, allora verr l Sgnore su ogn unto del monte Son e su tutte le
sue assemblee come una nube e come jumo d gorno, come baglore d juoco e jamma d notte, ercne sora ogn cosa la glora del
Sgnore sar come baldaccnno. 6 una tenda jornr ombra contro l caldo d gorno e rjugo e raro contro temoral e contro la
ogga....
0io vincer il hemico ( Ciro di Persia vincer i babilonesi) , ( cap. ^1.^3)
ci sar una libera/ione come un controesodo , nel deserto , ( cap ^9-55)
tutta la disapora ebraica torner a Cerusalemme ( cap. ^O-^1)
0io torna ad abitare al Tempio e doner benedi/ioni straordiarie ( cap ^3-55)
ci sar una conversione universale a 0io ( cap. 51, ^ss)
Allu coppa Jella colleta, ul cal|ce Jella vett|q|oe sl sosLlLulru |l tempo favotevole, ll q|otoo Jella salvezza,
dell'amote |mpet|toto oeruLo dullu oLenzu creuLrlce del Slgnore e dullu suu sovrunlLu su LuLLl l ooll. Lu
sobrlu ulluslone u lmmuglnl mlLologlche, come ll q|atJ|oo pataJ|s|aco
Ads not by this site
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
6 sur 8 23/12/2013 11:25
(ls ) avvero l Sgnore na et d Son,
na et d tutte le sue rovne,
rende l suo deserto come l'Lden,
la sua stea come l gardno del Sgnore.
cublo e goa saranno n essa,
rngrazament e nn d lode'
o ll combuLLlmenLo vlLLorloso conLro Ruub
(ls ) p Sveglat, sveglat, rvestt d jorza,
o bracco del Sgnore.
Sveglat come ne gorn antcn,
come tra le generazon assate.
Non na tu jorse jatto a ezz aab,
non na trajtto l drago?
suru lurgumenLe uLlllzzuLu nel llnguugglo uocullLLlco, non meno dellu sovrunlLu dl 1hwh, roleLLuLu nel fuLuro
dul deludenLl fuLLl osLeslllcl. Cll ummussl dl mucerle lnvece dl un eden, le serunze deluse er lu mlsLerlosu
scomursu dl Zorobubele, le dlmcolLu er lu rlcosLruzlone del Lemlo ussleme u un culLo suerFclule funno
emergere con lu unlzlone del mulvugl ,
ls 66, locne, ecco, l Sgnore vene con l juoco,
suo carr sono come un turbne,
er rversare con ardore l'ra,
la sua mnacca con jamme d juoco.
6 con l juoco njatt l Sgnore jar gustza
su tutta la terra
e con la sada su ogn uomo,
molt saranno colt dal Sgnore.
l'ldeu dl unu rerc+tic aarci
ls 6o , Alzat, rvestt d luce, ercne vene la tua luce, la glora del Sgnore brlla sora d te. z locne, ecco, le tenebre rcorono la
terra, nebba jtta avvolge le nazon, ma su d te rslende l Sgnore, la sua glora aare su d te....
p ll sole non sar u la tua luce d gorno, ne t llumner u l cnarore della luna.
Va l Sgnore sar er te luce eterna,
l tuo o sar l tuo slendore.
zo ll tuo sole non tramonter u
ne la tua luna s dleguer,
ercne l Sgnore sar er te luce eterna,
suru unu rac+ cre+icre
ls 6,; Lcco njatt o creo
nuov cel e nuova terra,
non s rcorder u l assato,
non verr u n mente,
8 ocne s godr e s gor semre
d quello cne sto er creare,
e jaro d cerusalemme una goa,
del suo oolo un gaudo.
p lo esultero d cerusalemme,
godro del mo oolo.
Non s udranno u n essa
voc d anto, grda d angosca.
zo Non c sar u
un bmbo cne vva solo ocn gorn,
ne un veccno cne de suo gorn
non gunga alla enezza,
ocne l u govane morr a cento ann
e cn non raggunge cento ann
sar consderato maledetto.
z |abbrcneranno case e le abteranno,
Ads not by this site
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
7 sur 8 23/12/2013 11:25
anteranno vgne e ne mangeranno l jrutto.
zz Non jabbrcneranno ercne un altro v abt,
ne anteranno ercne un altro mang,
ocne qual gorn dell'albero,
tal gorn del mo oolo.
l me elett useranno a lungo
quanto e rodotto dalle loro man.
z Non jatcneranno nvano,
ne genereranno er una morte recoce,
ercne role d benedett dal Sgnore ess saranno
e nseme con ess ancne loro germogl.
z| lrma cne m nvocnno, o rsondero,
mentre ancora stanno arlando,
o g l avro ascoltat.
z ll luo e l'agnello ascoleranno nseme,
l leone manger la agla come un bue,
ma l serente manger la olvere,
non jaranno ne male ne danno
n tutto l mo santo monte. ce l Sgnore
Se a pag. 2 d hcme > ntrcduzcn Apocalittica giudaica va a pag. i 2 3 4 5 6 7

Ads not by this site
Ads not by this site
Ads not by this site
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
8 sur 8 23/12/2013 11:25

Se a pag. 3 d hcme > ntrcduzcn Apocalittica giudaica va a pag. i 2 3 4 5 6 7
Apcc+|ittic+ , |rcc|isac ec |sserisac.
|iare e sia|c|i.
" ...hella sccleL gludalca, che ncn fu mal mcncllLlca, ccme appare anche dalla leLLura del scll LesLl cancnlcl, flcrlrcnc a parLlre dal
ll secclc a.C. numercsl mcvlmenLl ln ccnccrrenza reclprcca sla sul planc ldeclcglcc sla su quellc pcllLlcc.
ua ncLlzle rlcavaLe da LesLl anLlchl pcsslamc meLLere lnsleme una venLlna dl ncml lndlcanLl gruppl dlversl, ma gl Cluseppe llavlc,
presenLandc nelle sue cpere la slLuazlcne culLurale del suc Lempc (l secclc d.C), rlduce l gruppl a Lre sclLanLc: farlsel, essenl e
sadducel. A quesLl agglunge, quasl ln appendlce, ll parLlLc degll zelcLl. hcn cl dlce mal, per, ncml dl auLcrl c LlLcll dl cpere
classlflcaLe seccndc ll suc schema.
c| trov|cmo pertcnto J| fronte c qoestc s|tocz|one. Jc on lcto cbb|cmo lc Jocomentcz|one cle |l monJo |oJc|co erc J|v|so |n molt|
ropp| e corrent| J| pens|ero, Je| qocl| c| sono restct| molt| nom|, Jcll'cltro, cbb|cmo onc vcst|ss|mc qocnt|tc J| opere c no| |onte s|c
per mezzo J| scoperte crcleolo|cle (mcnoscr|tt| J| Qomrcn o Jel Mcr Morto}, s|c per mezzo J| normcle trcJ|z|one mcnoscr|ttc, mc
|n trcJoz|on| |n cltre l|noe cnt|cle (cpocr|f| Jell'/nt|co 1estcmento}, senzc cle r|osc|cmo nellc mc|or pcrte Je| ccs| c stcb|l|re c
qocle roppo possc cppcrtenere lc s|nolc operc. lcnno eccez|one molt| scr|tt| scopert| nelle rotte Jel Mcr Morto, Je| qocl| e
poss|b|le stcb|l|re con certezzc lc mctr|ce essen|cc.
...lo|cle lc mc|or pcrte Jelle nostre conoscenze relct|ve cl pens|ero J| qoesto per|oJo Jer|vc J|rettcmente Jclle opere,...opere
concettoclmente r|levcnt| come |l l|bro Je| o|ob|le| o | 1estcment| Je| uoJ|c| lctr|crcl|, non poss|cmo J|re Jc cle roppo provencno.
...verso |l 1820 fo con|cto |l term|ne cpoccl|tt|cc~ per |nJ|ccre on roppo J| scr|ttor| cle probcb|lmente non es|stette mc| come tcle ,
sotto |l co| Jenom|nctore rcccol|ere pcreccl|e opere cle sembrcno cvere ccrctter|, soprcttotto st|l|st|c|, s|m|l|. cos| c| trov|cmo c
pcrlcre Jel monJo |oJc|co oscnJo ccteor|e non omoenee.
... l ' cffermcz|one on|versclmente cccettctc cle |l cos|JJetto Qocrto l|bro J| lzrc e cpoccl|tt|co s| fonJc so on Jcto certo (lc nostrc
conoscenzc Jell'operc} e ono porcmente |potet|co e Jer|vcnte Jc onc conettorc moJernc fonJctc p|o sollo st|le cle so| contenot|.
Mu
... Se nel J|scorso stor|co s| |ntroJoce |l concetto J| cpoccl|tt|cc, l'enocl|smo J|ventc onc pcrte J| qoestc.
|' |rcc|isac
hel ccrsc del lv secclc a.C. sl fcrm ln Cluda una Leclcgla ccn caraLLerl neLLamenLe dlversl dal resLc del penslerc ebralcc.hcn
chlarc flnc a che punLc quesLa Leclcgla resL un purc fencmenc dl culLura, una mera ccrrenLe dl penslerc, e flnc a che punLc deLLe
vlLa a un verc e prcprlc mcvlmenLc ln ccnLrasLc ccl resLc del penslerc ebralcc.
l llbrl pl anLlchl che LesLlmcnlanc dell'eslsLenza dl quesLa Leclcgla scnc |l l|bro Je| v||lcnt| e |l l|bro Jell'/stronom|c (10). ll Llbrc
del vlgllanLl derlva da un pl anLlcc l|bro J| noe, ncn pervenuLccl, ma facllmenLe rlccsLrulblle (vl c v secclc a.C.), che fu rlelabcraLc
per esprlmere le nucve ccncezlcnl.
Pclche ll l|bro Je| v||lcnt|, ccme quellc dell'/stronom|c e alcunl alLrl che segulrannc, ha ccme rlvelaLcre la flgura dl Lncc, la
ccrrenLe dl penslerc che ne derlv pu essere deLLa encchlca. Seccndc un'alLra Lermlnclcgla ll l|bro Je| v||lcnt| pu essere deLLc
ll pl anLlcc llbrc apccallLLlcc .... uue scnc le grandl ncvlL che ll l|bro Je| v||lcnt| lnserl nella sLcrla del penslerc e della rellglcne
gludalca:
- l'crlglne preLerumana del male
- e l'lmmcrLallL dell'anlma lnLesa ccme enLlL dlslncarnablle e capace dl vlvere dcpc la mcrLe pressc ulc.
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
1 sur 5 23/12/2013 11:26
2Pt 2,4 0Io InfattI non rIsparmIo glI angelI che avevano peccato, ma lI precIpIto neglI
abIssI tenebrosI dell'Inferno, serbandolI per Il gIudIzIo;
CIuda 6 .. glI angelI che non conservarono la loro dIgnIt ma lascIarono la proprIa
dImora, eglI lI tIene In catene eterne, nelle tenebre, per Il gIudIzIo del gran gIorno.
|'criire ce| a+|e
...sl era affacclaLa l'ldea che ll male eslsLenLe nel mcndc derlvasse da una ccnLamlnazlcne della naLura, speclalmenLe quella
dell'ucmc, che derlvava da un peccaLc prcdcLLcsl al dl scpra della sfera umana. Sl LraLLava dl una cclpa ccmmessa da un gruppc
dl angell, del capc del quall sl lndlcava anche ll ncme, che varlava a seccnda delle fcnLl dell'cpera, Lra Asael (c Azazel) e Semeyaza.
Ha ll peccaLc era senLlLc ccme pecccto
collett|vo. ln cgnl casc LuLLl gll angell rlbelll
furcnc lncaLenaLl da ulc scLLc Lerra e l'cpera
maleflca resLava affldaLa sulla Lerra sclc alle
cn|me vccnt| Je| f|l| nct| Jcll'on|one Jel|
cnel| con le Jonne, l neflllm c glganLl: una banda dl splrlLl perversl, ma asscluLamenLe dlscrganlzzaLl.
Ccl Llbrc del Scgnl (160 a.C. ca., apparLenenLe alla ccrrenLe encchlca), appare la flgura dl un prlmc angelc peccaLcre che pcl
seduce alLrl angell e lnflne gll ucmlnl. ln quesLc casc l'angelc senza ncme, ma prlmc peccaLcre, pu bene essere deLLc ll dlavclc.
Ccmunque, anche nel l|bro Je| Son| sl LraLLa sempre dl un essere angellcc, che llberamenLe sl rlbella a ulc.
(neflm)
ll Llbrc del vlgllanLl presenLa una ccmplessa
sLraLlflcazlcne bene lndlvlduablle ln parLe su
base puramenLe fcrmale, ln parLe su base
ldeclcglca. ...
L'auLcre, rlfacendcsl al Llbrc dl hc, racccnLa
che alcunl angell, presl da amcre per le dcnne
(cfr. Cen. 6,1-4), abbandcnarcnc ll clelc per
spcsare le dcnne.
ua quesLa unlcne mcsLrucsa, avvenuLa ln
ccnLrasLc ccn l'crdlne ccsmlcc vcluLc da ulc,
sl prcdusse una ccnLamlnazlcne generale
della naLura, che lese la llberL sLessa dl scelLa
dell'ucmc Lra ll bene e ll male.
lnclLre l flgll naLl da quesLa unlcne, l neflllm,
LradcLLc ln grecc ccn glganLes, Lermlne
manLenuLc nelle llngue mcderne (vedl l'lLallanc glganLl), eranc malvagl e uccldevanc gll ucmlnl. ulc lnLervenne, ascclLandc
l'lnvccazlcne degll angell fedell e delle anlme degll ucclsl, leg scLLcLerra, nel mlLlcc deserLc dl uudael, gll angell perversl e fece
mcrlre l glganLl ln lcLLe fraLrlclde, ma nlenLe pcL ccnLrc le lcrc anlme che ccnLlnuarcnc ad agglrarsl sulla Lerra. (*)
La causa del dlscrdlne ccsmlcc e, qulndl, la causa prlma del male, vlene splegaLa seccndc una caLegcrla abbasLanza ccmplessa,
desLlnaLa ad avere ampll svlluppl ln segulLc, fcrmaLa da un rappcrLc ncn chlarc nel llmlLl, ma slcurc nel fcndamenLl, Lra male e
lmpurlL
Cll cnel| ccJot| sl eranc resl lmpurl ccn le dcnne alLerandc l'crdlne della naLura (sl veda l Lncc [Lv] 12,4 e scpraLLuLLc 15,3-4). ll
faLLc pcl che le anlme del glganLl sl agglrasserc anccra sulla Lerra splegava perfeLLamenLe sla l'eslsLenza degll sp|r|t| mcl|n|, nel
quall l'auLcre cerLamenLe credeva, sla le svenLure che venlvanc lcrc aLLrlbulLe.
ll male degll ucmlnl derlvava dalla ccnLamlnazlcne della naLura, alla quale sl agglungeva l'cpera devasLanLe delle cn|me Je|
|cnt|, clc degll sp|r|t| mcl|n|.
cen 6,| c'erano sulla terra ggant a que tem e ancne doo quando jgl d o s unvano alle jgle degl uomn e queste
artorvano loro de jgl: sono quest gl ero dell'antcnt, uomn jamos.
Pclche la caduLa degll angell era daLaLa al Lempc dl due c Lre generazlcnl precedenLe ll dlluvlc, quesLc mlLc, leLLc ccme se fcsse
sLcrla ( Cfr. P. Sacch, Storicizzcziorc c rivclcziorc cllc oriiri Jcl ioJcisno, n Sacch, i0, pp. 25-27i.), ncn sembr pl capace dl splegare
lnLeramenLe l'crlglne del male e la peccamlncslL dell'ucmc, seccndc una rlflesslcne che sl faceva sempre menc mlLclcglca e
sempre pl razlcnale.
0n auLcre pl Lardc, ma ncn dl mclLc, dl cclul che scrlsse ll prlmc mlLc sulla base del racccnLc del l|bro J| noe, sl pcse ll prcblema
del pecccto J| cc|no, che era avvenuLc prlma della caduLa degll angell (1Lncc [Lv] 22,7). Cre ccsl un seconJo m|to Jel pecccto
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
2 sur 5 23/12/2013 11:26
cnel|co ccpcce J| sp|ecre l'or||ne Jel mcle |n mcn|erc lobcle: blscgnava arrlvare alle crlglnl del mcndc. Senza resplngere ll
vecchlc racccnLc della caduLa degll angell sulla Lerra, ll nucvc auLcre agglunse la narrazlcne dl un pecccto cnel|co che sl prcdusse
nel quarLc glcrnc (merccledl) della creazlcne, quandc furcnc creaLe le sLelle e ccmlncl ll Lempc sLcrlcc.
Cll angell, che dcvevanc guldare l seLLe planeLl che glravanc lnLcrnc alla Lerra, ll pcrLarcnc su crblLe dlverse da quelle che ulc
aveva sLablllLc (l Lncc [Lv] 18,12.15, 21,6). Sl cercava dl far cclncldere le eslgenze del penslerc rellglcsc e mcrale ccn l daLl sclenLlflcl
del Lempc: la Lrasgresslcne ccmmessa dagll angell agll lnlzl del Lempc ccmpcrL un'alLerazlcne degll lnflussl che dalle sLelle
scendcnc sulla Lerra: essl ncn eranc quelll che ulc aveva vcluLc. ln quesLc mcdc sl splegavanc anche gll lnflussl mallgnl degll asLrl,
ccsa che era credenza ccmune. ln quesLc mcdc |l cosmo non erc p|o on orJ|ne, mc J|ven|vc on J|sorJ|ne.
|'iaparit+ criir+|e
Alle crlglnl l'|mpor|tc era ccnceplLa ccme una fcrza dlffusa nella naLura, capace dl lndebcllre le fcrze dell'ucmc. L'ucmc dcveva
essere ln sLaLc dl por|tc (ragglunglblle aLLraversc purlflcazlcnl) ln parLlcclarl mcmenLl dl perlcclc.
L dccumenLaLa la necesslL dellc sLaLc dl purlL per ll vlagglaLcre, per ll scldaLc e per ll sacerdcLe all'alLare, quesL'ulLlma
slLuazlcne era la pl perlcclcsa dl LuLLe, perche era anLlca credenza che ll ccnLaLLc ccl sacrc uccldesse.
Cl ln alcune paglne della Blbbla sl vede che alcunl auLcrl avevanc LrcvaLc una qualche afflnlL Lra ll peccaLc e l'lmpurlL, ma fu
sclc ccn ll l|bro Je| v||lcnt| che quesLa ldea sl afferm ccmpleLamenLe. Sar ulLerlcrmenLe apprcfcndlLa dall'essenlsmc.
[ Le |mpot|ta nel mondo ebrulco rlguurduvuno essenzlulmenLe ll colto, cloe conLuLLo con ll sucro. Sl LruLLuvu
semre dl purlL rlLuale . L'|mpoto non eru ummesso ul sucro, ullu llLurglu, ullu resenzu dlvlnu, ulle benedlzlonl
dlvlne : dovevu urlFcursl uLLruverso t|t| J| pot|fcaz|ooe seclFcl er ognl Llologlu dl lmurlLu. Sl LruLLuvu ln
genere dl lavaqq|, abloz|oo|, eLc. ll eccuLo lnvece rlguurduvu l'ulleunzu, qulndl l'uurLenenzu ul oolo dl Llo ,
l'eredlLu delle romesse sulvlFche dl Llo. Solo Llo oLevu petJooate ll eccuLo. Stab|l|te ooa ao|ta tta peccato e
ooa |mpot|ta ot|q|oat|a s|qo|fcava t|maoJate |l ptoblema Jella pot|fcaz|ooe Jell'oomo e Jella oatota a u|o solo. n.d.r.
]
|'iaacrt+|it+ ce||'+ria+
La credenza nell'lmmcrLallL dell'anlma pcrLava ccn se necessarlamenLe un mcdc dlversc dl guardare la vlLa. Lc sguardc
dell'ucmc ncn sl ferm pl sul Lempc fuLurc qul sulla Lerra, ma cerc dl fcrare ll mlsLerc dell'aldll. Ccmlncl ccsl a svllupparsl la
speculazlcne sul desLlnc delle anlme del mcrLl.
Lsse scnc lmmaglnaLe rlunlrsl all'esLremc cccldenLe ln alcune valll, dcve l bucnl scnc separaLl dal caLLlvl seccndc un crlLerlc ncn
chlarc. Qul c' una fonte J| v|tc che ccsLlLulLa da acqua dl luce (l Lncc [Lv] 22,9).
Cl che dlsLlngue neLLamenLe le lcrve ( 'cbcl) della Lradlzlcne blbllca dalle cn|me (deLLe anche splrlLl) del l|bro Je| v||lcnt| ll
faLLc che le lcrve eranc desLlnaLe LuLLe allc se'ol, agll lnferl, dcve LuLLe scendevanc senza essere gludlcaLe. 1uLLe, bucne e malvagle,
avrebberc vlssuLc la medeslma vlLa, LrlsLl per essere senza luce. Al ccnLrarlc le cn|me del l|bro Je| v||lcnt| vannc ln una sede dcve
resLanc separaLe, e qulndl gl gludlcaLe, le une dalle alLre, le bucne dalle caLLlve, ccn desLlnl cppcsLl. ll gludlzlc dl ulc su quesLe
anlme assume un valcre asscluLc, che rlspcnde al prcbleml pcsLl da Clcbbe clrca la glusLlzla dl ulc.
ll gludlzlc che ulc avrebbe pcrLaLc sul mcndc alla flne della sLcrla seccndc l'lnsegnamenLc prcfeLlcc sl anLlclpa su clascun essere
vlvenLe al mcmenLc della sua mcrLe. La rellglcne dl lsraele ccmlncla a dlvenLare, almenc ln alcune sue ccrrenLl, una rellglcne
dell'aldll.
ll l|bro Je| v||lcnt| marca nel gludalsmc l'lnlzlc dl una ccrrenLe dl penslerc che ebbe sucl Lravagll fln dal suc scrgere, ma che
sembra aver messc fcrLl radlcl. ln effeLLl le ldee nucve del l|bro Je| v||lcnt| Lenderannc a dlffcndersl ln lsraele ccn acceLLazlcnl,
rlelabcrazlcnl e anche rlfluLl. Per esemplc, gl l verseLLl dl Cen. 6,1-4 mcsLranc che ll lcrc auLcre ccncsceva ll mlLc degll angell
caduLl, ma gll Lclse ll suc slgnlflcaLc, demlLlzzandclc ccn un prccedlmenLc che cggl pcsslamc deflnlre evemer|st|co, ( Lvemerc (lll-lv
sec. a.C.), fcrmul la tcoric cvcncristicc che defnsce dvnta ed erc ccme rappresentazcn d perscnalta stcrche del passatc, che eranc rusct
ad attrburs una natura dvna-n.d.r.) perche lnLerpreL l nef|l|m ccme ercl dell'anLlchlL.
(*) | P. Sacch -ll gudasmc del Seccndc 1empc , n : Fbrcisno- a cura d C.Flcramc-Laterza.]
|e + liare ce| aessi+risac saperaa+rc
Ccn l'avvenLc della repubbllca sadcclLa l'aLLesa messlanlca, da un laLc, enLr ln cmbra, ccme sl pu dedurre dal faLLc che
assenLe nella grande magglcranza delle cpere daLablll Lra ll v e ll lll secclc a.C, dall'alLrc, ccme sl pu dedurre dal rarl dccumenLl
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
3 sur 5 23/12/2013 11:26
|t 11,1J La Legge e tuttI I ProfetI InfattI hanno profetato fIno a CIovannI. 14 E se lo
volete accettare, eglI e quell'ElIa che deve venIre. 15 ChI ha orecchI Intenda.
|t17,10 Allora I dIscepolI glI domandarono: Perch dunque glI scrIbI dIcono che prIma
deve venIre ElIa:. 11 Ed eglI rIspose: SI, verr ElIa e rIstabIlIr ognI cosa. 12 |a Io vI
dIco: ElIa e gI venuto e non l'hanno rIconoscIuto; anzI, l'hanno trattato come hanno
voluto.
Lc 9:19 18 Un gIorno, mentre Cesu sI trovava In un luogo appartato a pregare e I
dIscepolI erano con luI, pose loro questa domanda: ChI sono Io secondo la gente:. EssI
rIsposero: Per alcunI CIovannI Il 8attIsta, per altrI ElIa, per altrI uno deglI antIchI
profetI che e rIsorto.
Cen 14:18 ntanto |elchIsedek, re dI Salem, offrI pane e vIno: era sacerdote del 0Io
altIssImo
Sal 109:4 l SIgnore ha gIurato e non sI pente: Tu seI sacerdote per sempre al modo dI
|elchIsedek.
Col 4:11 Cesu, chIamato 6usto.
At 22:14 EglI soggIunse: l 0Io deI nostrI padrI tI ha
predestInato a conoscere la sua volont, a vedere l
6usto e ad ascoltare una parola dalla sua stessa bocca,
At J:14 voI Invece avete rInnegato l Scnto e l 6usto,
avete chIesto che vI fosse grazIato un assassIno
Cv 7,J7 Nell'ultImo gIorno, Il grande gIorno della festa,
che ne parlanc, subl una fcrLe evcluzlcne.
L'aLLesa dl una flgura che salvasse lsraele sl spcsL gradaLamenLe da quella dl un re del fuLurc, dlscendenLe c nc dl uavlde, versc
quella dl una flgura pl grande, ccn caraLLerlsLlche che andavanc al dl l dell'umanc.
L'lnlzlc dl quesLc svlluppc del messlanlsmc
ccmlncl scLLc ll Seccndc SadcclLlsmc e
ccnLlnu ccn rlLml sempre pl serraLl duranLe
l'epcca maccabalca e asmcnalca.
Alla flne del llbrc dl Halachla (v secclc a.C.) fu
agglunLc un passc ln calce dcve sl pu leggere
che un glcrnc ulc mander sulla Lerra ll prcfeLa
Llla ccn la speclale mlsslcne dl rappaclflcare l
padrl ccl flgll prlma che venga ll glcrnc dl
?ahweh, grande e Lerrlblle.
Ura, seccndc un'anLlca Lradlzlcne, Llla era sLaLc raplLc ln clelc (llRe 2,11) , dunque, era anccra vlvc da qualche parLe e dl l dcveva
Lcrnare: ulc ncn lc pcLeva aver sLrappaLc alla mcrLe lnvanc.
Ha anche Lncc, ll fcndaLcre pseudeplgraflcc della ccrrenLe che lndlchlamc ccl suc ncme, fu un ucmc parLlcclare, perche anche lul
nacque, ma ncn mcrl: ccsl sLa scrlLLc nella sLessa Blbbla cancnlca (Cen. 5,24). Lncc fu un grande rlvelaLcre dl verlL nasccsLe, era ln
qualche mcdc una flgura dl salvezza.
Anccra pl grande la flgura dl un Helchlsedec
celesLe (quesLl ncn ha nlenLe a che fare ccl re dl
Salem dl Cen. 14,18 sgg.), un arcangelc, del
quale abblamc ncLlzla da frammenLl qumranlcl
del l secclc a.C.
QuesLl ha ll ccmplLc dl far penLlre gll Lbrel del lcrc peccaLl, dl rlccndurre ln paLrla gll eslllaLl, dl prcclamare la remlsslcne delle
cclpe passaLe, dl esegulre, se ncn ll Crande Cludlzlc (ll LesLc ncn chlarc), almenc la vendeLLa dl ulc sul malvagl. QuesLe funzlcnl
scnc LlplcamenLe messlanlche, sclc che ll Hessla crmal ncn pl un ucmc, ma un essere angellcc.
ed ulLlmu Fguru suerumunu noLu e quellu del llgllc dell'0cmc, quule uure nel Llbrc delle Parabcle (o
u.C. cu.). llgllo dell'Uomo non sembru lndlcure LunLo un ersonugglo, quunLo unu funzlone, un o' come lu
urolu Messlu. Polche, ero, quesLu Fguru non hu nome, lu chlumeremo con quesLo LlLolo.
La flgura, ln quanLc Lale, derlva cerLamenLe dal cap. 7,13-14 del llbrc dl uanlele (164 a.C.), dcve sl parla dl unc slmlle a un flgllc dl
ucmc, che fu presenLaLc a ulc, ll quale gll deLLe pcLere, fcrza e dcmlnlc, e LuLLl l pcpcll, le nazlcnl e le llngue lc servlvanc. ll suc
pcLere un pcLere eLernc che ncn flnlr e ll suc dcmlnlc un dcmlnlc eLernc che ncn sar mal dlsLruLLc. ln quesLc LesLc la flgura del
llgllc dell'0cmc puramenLe slmbcllca e lndlca, ccme splega l'auLcre sLessc del llbrc, ll pcpclc del sanLl dell'AlLlsslmc, clc
lsraele (uan. 7,27).
ln segulLc per quesLa flgura slmbcllca dlvenne una vera e prcprla creaLura auLcncma ccn caraLLerlsLlche superumane. ll llgllc
dell'0cmc vlene dlchlaraLc, nel l|bro Jelle lcrcbole, Hessla ( J Lncc [LP] 52,4) e ldenLlflcaLc ccn Lncc (l Lncc [LP] 71,14) ln un passc
dlscuLlblle sla per ll sensc sla per la Lradlzlcne (pcLrebbe essere un'agglunLa).
ll perscnagglc , perLanLc, ancnlmc ed lndlcaLc nel llbrc ccn Lre
appellaLlvl dlversl: prlma deLLc ll o|osto, pcl l'lletto~, lnflne deLLc ll
l|l|o Jell'uomo~, che l'appellaLlvc ccn cul ccmunemenLe deslgnaLc.
Lccc un passc che lllusLra bene quesLa nucva ccncezlcne messlanlca:
ln quel luogo vd la jonte della gustza, cne era nesaurble con ntorno
molte jont d saenza e, tutt, assetat, bevevano da esse, s remvano d
saenza. Allora la loro sede ju co gust, co sant, con gl elett. ln quell'ora aquesto |glo dell'uomo ju dato un nome da arte del
Sgnore degl Srt. ll suo nome era al cosetto del cao de corn, rma cne jossero creat l sole e gl astr, rma cne jossero
jatte le stelle del celo, l suo nome ju ronuncato dal Sgnore degl Srt. Lgl sar l bastone de sant e de gust, apncne s
aoggno ad esso e non cadano, sar la luce de ool e seranza er coloro cne sogrono nel loro anmo. 1utt quell cne vvono
sulla terra s rostreranno e lo adoreranno e canteranno nn d lode al Sgnore degl Srt. lerco egl ju scelto e nascosto da Lu
rma cne josse creato l mondo e star nnanz a Lu er l'eternt (coe jar semre la Sua volont) (lLnoc[Llj |8,6).
ll fulcrc del mcndc che sar reLLc dal llgllc dell'0cmc la ClusLlzla e la
Saplenza sLessa derlva da quella ln un mcvlmenLc dlscendenLe versc
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
4 sur 5 23/12/2013 11:26
Cesu levatosI In pIedI esclamo ad alta voce: ChI ha
sete venga a me e beva J8 chI crede In me; come dIce
la ScrIttura: fIumI dI acqua vIva sgorgheranno dal suo
seno. J9 Questo eglI dIsse rIferendosI allo SpIrIto che
avrebbero rIcevuto I credentI In luI: ..
Ap 22:17 Lo SpIrIto e la sposa dIcono: 7IenI!. E chI
ascolta rIpeta: 7IenI!. ChI ha sete venga; chI vuole
attInga gratuItamente l'acqua della vIta.
l'ucmc. QuesLc a sua vclLa pcLr ragglungere la ClusLlzla sclc aLLraversc
la saplenza ccn un mcvlmenLc avenLe la sLessa dlrezlcne, ma sensc
cppcsLc.
La ClusLlzla celesLe rlservaLa sclc al glusLl c eleLLl, ma vl sar un Lempc,
ln cul LuLLa l'umanlL, aLLraversc l'cpera messlanlca del llgllc dell'0cmc,
pcLr parLeclpare alla bevanda della Saplenza.
(*) | P. Sacch -ll gudasmc del Seccndc 1empc , n : Fbrcisno- a cura d
C.Flcramc-Laterza.]
l| |i|ic ce||'Ucac
Vt 8:zo cl rsose cesu: Le vol nanno le loro tane e gl uccell del celo loro nd, ma l |glo dell'uomo non na dove osare l
cao. Vt p:6 Cra, ercne saate cne l |glo dell'uomo na l otere n terra d rmettere eccat: alzat, dsse allora al araltco,
rend l tuo letto e va' a casa tua. Vt o:z uando v erseguteranno n una ctt, juggte n un'altra, n vert v dco: non avrete
jnto d ercorrere le ctt d lsraele, rma cne venga l |glo dell'uomo. Vt :p L venuto l |glo dell'uomo, cne manga e beve, e
dcono: Lcco un mangone e un beone, amco de ubblcan e de eccator. Va alla saenza e stata resa gustza dalle sue oere.
Vt z:8 lercne l |glo dell'uomo e sgnore del sabato. Vt z:z A cnunque arler male del |glo dell'uomo sar erdonato, ma la
bestemma contro lo Srto, non gl sar erdonata ne n questo secolo, ne n quello juturo. Vt z:|o come njatt cona rmase tre
gorn e tre nott nel ventre del esce, cosl l |glo dell'uomo rester tre gorn e tre nott nel cuore della terra. Vt :; Ld egl
rsose: colu cne semna l buon seme e l |glo dell'uomo. Vt :| ll |glo dell'uomo mander suo angel, qual raccogleranno
dal suo regno tutt gl scandal e tutt gl oerator d nqut Vt 6: Lssendo gunto cesu nella regone d cesarea d |lo, cnese
a suo dsceol: La gente cn dce cne sa l |glo dell'uomo?. Vt 6:z; locne l |glo dell'uomo verr nella glora del ladre suo,
con suo angel, e render a cascuno secondo le sue azon. Vt z6:z| ll |glo dell'uomo se ne va, come e scrtto d lu, ma gua a colu
dal quale l |glo dell'uomo vene tradto, sarebbe meglo er quell'uomo se non josse ma nato'. Vt z6:| lo s avvcno a
dsceol e dsse loro: ormte orma e rosate' Lcco, e gunta l'ora nella quale l |glo dell'uomo sar consegnato n mano a
eccator. Vt z6:6| 1u l'na detto, gl rsose cesu, anz o v dco: d'ora nnanz vedrete l |glo dell'uomo seduto alla destra d o,
e venre sulle nub del celo. Vc z:o Cra, ercne saate cne l |glo dell'uomo na l otere sulla terra d rmettere eccat, ...etc
Se a pag. 3 d hcme > ntrcduzcn Apocalittica giudaica va a pag. i 2 3 4 5 6 7

Ads not by this site
Ads not by this site
1 http://www.corsodireligione.it/bibbiaspecial/apocalittica/apocalit_giud...
5 sur 5 23/12/2013 11:26