You are on page 1of 5

N.

227 -

Verifica

sulle

gravi

perduranti

inadempienze

riguardanti il Piano regionale di risanamento della qualit dellaria.


MOZIONE LASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA RILEVATO che:

una conferenza stampa, che del 9 agosto 2007

6 anni fa, il 21 novembre 2007, Legambiente Sicilia denunciava in il Piano regionale di coordinamento per la tutela e lAmbiente ecc. ed

della qualit dellaria ambiente, approvato ed adottato con il D.A. n. 176/Gab Rossana Interlandi, era un copiato dallomologo Piano della Regione Veneto di alcuni anni integralmente addietro, nonch trascritti da un collage di gi capitoli, edite da paragrafi, altri enti pubblicazioni dallAssessore per il Territorio

amministrazioni; gli autori, coordinati dal dirigente responsabile del Servizio 3 Tutela

dallinquinamento atmosferico del Dipartimento Ambiente, Salvatore Anz, non si erano neppure accorti che quel Piano del Veneto, cui avevano attinto, era gi stato bocciato dalla Comunit europea parecchi anni prima, n che nel copia e incolla si erano generate inedite comunanze e similitudini tra le caratteristiche ambientali del Veneto e della Sicilia, tipo il sistema aerologico padano della Regione siciliana, la domestico a causa della rigidit del clima, lincremento delle piste ciclabili lungo gli argini dei fiumi e dei canali presenti nei centri storici dei Comuni siciliani al montane, ecc.; fine del miglioramento del traffico urbano, la persistenza delle Comunit limitazione delle ore di utilizzo del riscaldamento

la vicenda suscitava, a causa dei suoi risvolti paradossali, notevole clamore e turbamento a livello mediatico e nazionale, attirando persino lattenzione generale del Dipartimento nellopinione della trasmissione satirica Striscia la per pubblica

regionale e

notizia che vi dedicava un esilarante servizio, nel corso del quale il dirigente labnormit dei fatti, arrivava a definirli frutto Ambiente, Pietro Tolomeo, di pochi refusi, tuttavia giustificare

lasciandosi scappare che nel copiare pu succedere;

lAssessore

accertamenti del caso e delle responsabilit, ma la commissione, di fronte allimbarazzante situazione, si trincerava dietro unenigmatica rilasciare a distanza una qualsiasi relazione; di circa 7 mesi astensione

Interlandi

nominava

una

commissione

dinchiesta

per

gli

dal

lAssessore Interlandi, con il decreto n. 43/Gab la semplice

del 12 marzo 2008, riteneva di sanare le abnormit con lasciando inalterate le altre parti interamente copiate; CONSIDERATO che:

eliminazione dal testo del Piano dei riferimenti pi spiccatamente padani, ma

il c.d. Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualit dellaria ambiente della Regione siciliana, vale a dire un documento frutto di un mero metodo del copia ed incolla di porzioni di assemblaggio, operato con il attinenza che dalla e molti altri

documenti di varia estrazione e provenienza, alcuni dei quali persino di scarsa il Piano della Regione Veneto risaliva allanno 2000 ed era stato bocciato Comunit europea), tutto pu definirsi fuorch un documento di anche temporalmente superati (basti considerare

programmazione e pianificazione in materia di tutela e risanamento della qualit dellaria; nessun provvedimento risulta essere stato intrapreso nei confronti dei

responsabili della redazione del Piano copiato; detto Piano continua inspiegabilmente e poco decorosamente a risultare un documento politici ufficiale della Regione siciliana e quelli burocratici ad essere senza inserito che i nel sito vertici istituzionale dellAssessorato Territorio e Ambiente, dellAssessorato,

i responsabili dellufficio competente che si sono succeduti abbiano ritenuto di intervenire al fine della sua revoca; a fine gennaio Piano regionale di per questanno la tutela il Tribunale della di Palermo ha depositato le

del Dipartimento Ambiente ed

motivazioni della sentenza n. 5455/2012, con la quale si sancisce che il c.d. copiature di un piano di unaltra regione e si condanna ad 1 anno e 8 mesi di reclusione lallora responsabile del Servizio qualit dellaria contiene vistose 3 del Dipartimento Ambiente e

coordinatore del Piano copiato dott. Salvatore Anz, poich nellesercizio delle 2

sue funzioni aveva redatto e inviato a diversi enti pubblici, regionali e ministeriali, una serie di note dai contenuti opinabili in danno di Legambiente e del suo Presidente regionale, arch. Domenico Fontana, per aver essi smascherato la copiatura del Piano; lo scorso 13 marzo il GUP del Tribunale di Palermo ha rinviato a giudizio, proprio sulla qualit dellaria, nonostante Lombardo, assieme agli per non avere mai adottato fossero un a conoscenza dei dati vero Piano di risanamento della allarmanti su carta intestata dellAssessorato Territorio e Ambiente

qualit dellaria, gli ex Presidenti della Regione, Tot Cuffaro e Raffaele Assessori pro tempore dellAssessorato Territorio e Interlandi, Giuseppe Sorbello e Roberto

Ambiente, Francesco Cascio, Rossana

Di Mauro, ed il processo attualmente in corso; VISTO che: durante laudizione dellAssessorato n. 69 del 26-09-2013, il dott. CAPILLI, dirigente del territorio e dellambiente, riconosce che il piano sia stato

copiato da altre regioni, ma operativo da sei anni ed ha prodotto anche effetti, contenuti in alcuni decreti assessoriali. Il dott. CAPILLI riconosce che il piano non contiene alcunch sui cementifici, si limita a prevedere linventario regionale delle emissioni; durante laudizione n. 69 del 26-09-2013 la sig.ra LO BELLO, Assessore regionale per il territorio e lambiente, esprime compiacimento ha dato per le alle iniziative intraprese sullargomento in merito al quale una riproduzione di un piano risposta

interrogazioni presentate. Ammette che il piano in questione stato frutto di contenuti sono della Regione siciliana. E su tali piano comporterebbe una lacuna e che, dati si

di altre regioni, ma assicura che i dati ivi provveduto a dare

attuazione mediante ladozione di decreti assessoriali. Sostiene che il ritiro del procedere ad un aggiornamento dello stesso;

pertanto, sarebbe pi opportuno

lAssessore Lo Bello informa che ha avviato dei tavoli su tale tema, affinch la Regione si adegui alle direttive del decreto legislativo n. 155 Assicura che unattenzione particolare dedicata allaria di Siracusa. A tal

del 2010.

proposito informa di un prossimo incontro presso il Ministero dellambiente sulla rivisitazione dellAIA di cui ha parlato il dott. LICATA di BAUCINA e sulla rete di monitoraggio dati che relazione redatta dai propri uffici sullargomento datata il deve essere attivata 22 marzo nella Regione. Deposita una

scorso....chiarisce che gli effetti citati che il piano ha finora prodotto sono effetti relativi allorganizzazione amministrativa. Ritiene meritorio il contributo che la Commissione sta offrendo con la impegna ad confronto con gli organi ministeriali; CONSIDERATO che: le giustificazioni organizzare un incontro con le parti presenti seduta odierna. successivo Si al

addotte

nel

corso dellaudizione dallAssessore per il siciliani, di non solo hanno confermato

territorio, secondo cui il Piano stato s frutto di una riproduzione di un piano di altre regioni ma i dati sono lavvenuta, aberrante, commistione elementi siculo-veneti nella redazione

del documento, ma sono state lesplicita ammissione che il risultato finale stato un pot-pourri di dati siciliani e soluzioni venete, privo, proprio per tale motivo, di qualsivoglia rappresentativit e significativit quale strumento di programmazione istituzionale; la relazione prodotta dallAssessore e messa agli atti della Commissione non attiene affatto alla problematica della copiatura del Piano e della relativa significativit e, per di pi, per motivi non meglio precisati stata fornita volutamente priva dellultima pagina, cio delle conclusioni e della firma del redattore; a distanza di 2 mesi lAssessore Lo Bello non ha fatto seguire nessuna iniziativa alle affermazioni ed il ritiro e agli impegni del punto manifestati nel corso dellaudizione; un atto di

lannullamento e

Piano

copiato costituiscono

trasparenza

dimostrato oscuro fino al

di discontinuit rispetto ad un passato che sulla materia si della incredibile mancata costituzione come

parte civile della Regione siciliana nel processo penale, IMPEGNA IL GOVERNO DELLA REGIONE e per esso LASSESSORE PER IL TERRITORIO E LAMBIENTE a mettere la parola fine ad una vicenda indecorosa che da 6 anni mortifica il revoca, in autotutela, del Piano copiato dalla Regione Veneto; ad avviare tutte le procedure per la stesura di un vero piano della qualit prestigio istituzionale della Regione siciliana, procedendo alla immediata

dellaria della Regione siciliana a tutela dellambiente ed a salvaguardia della 4

e continua ancor pi gravemente ad essere omesso dagli organi preposti. (19 novembre 2013)

salute della popolazione, giustappunto tutto ci che stato gravemente omesso

ZITO - CANCELLERI - CAPPELLO - CIACCIO - CIANCIO - ZAFARANA

LA ROCCA - MANGIACAVALLO - PALMERI - SIRAGUSA - TRIZZINO - TANCREDI

FERRERI - FOTI -

http://www.ars.sicilia.it/icaro/default.jsp?icaAction=showDoc&id=1

A cura del Comitato Cittadino Isola Pulita di Isola delle Femmine


http://tutelaariaregionesicilia.blogspot.it/2013/11/piano-regione-sicilia-tutela-qualita.html

Related Interests