Sei sulla pagina 1di 46

Costruzione di macchine 2

Lezione 15 Lastre piane

Lastre e gusci (plates and shells)

Lastre
Lo spessore << delle altre dimensioni Lastre = strutture piane

Gusci

Gusci = hanno curvatura iniziale (semplice - es. recipiente cilindrico o doppia es. calotta sferica)
Lastre piane

Lastre piane

Possono reagire a carichi trasversali mediante inflessione Sono lanalogo 2D delle travi, ma con differenze importanti

Lastre piane

Nei gusci sono invece prevalenti le azioni interne assiali (membranali)

p s! s!

Esempio: cilindro di piccolo spessore s e diametro medio D, soggetto ad una pressione interna p:

Lastre piane

Una lastra pu essere trattata come un gruppo di travi affiancate?

MX

MX

Immaginiamo che la lastra venga inflessa, per esempio per effetto di un carico verticale distribuito sulla superficie superiore
Lastre piane

Risposta: NO

Sezione indeformata

Sezione deformata

Per effetto delle contrazioni laterali si verificherebbero delle lacerazioni nella lastra
Lastre piane

In presenza di un momento flettente Mx, deve necessariamente nascere My, che ripristina la continuit

MY

MY

Sezione indeformata

Sezione deformata della trave

Sezione deformata della porzione di lastra

Lastre piane

Teoria di Kirchoff delle lastre piane sottili

z y Ly x Lx

Ipotesi: Piano medio 1.! Lx, Ly >> t 2.! Contributo della deformazione a taglio (g) allo spostamento w trascurabile 3.! Un segmento rettilineo perpendicolare al piano medio nella configurazione indeformata sar ancora rettilineo e perpendicolare al piano medio deformato

Lastre piane

Espressione delle deformazioni sulla base delle ipotesi cinematiche fatte

"w "x "w u = !z "y u = !z

"u "2 w $x = = !z 2 "x "x "v "2 w $y = = !z 2 , "y "y


Lastre piane

(%

xz

= % xz = 0, per ipotesi)

Spostamenti elastici visti da z

dy

dx

Lastre piane

Legame costitutivo elastico lineare

11

Piccolo spessore => hp. sz = 0 lungo tutto lo spessore => sforzo piano

N.B.: tzx e tyz ! 0 (con distribuzione parabolica) anche se "zx = "yz = 0

Lastre piane

Azioni interne

12

Le azioni interne si ottengono integrando gli sforzi lungo lo spessore (N.B. essendo riferite a dx o a dy, hanno la dimensione di Forza o Momento per unit di lunghezza)
Mx = My = M xy =

# #

+t 2

"t 2 +t 2

! x z dz ! y z dz $ xy z dz

Qx = Qy =

# #

+t 2

"t 2 +t 2

$ xz dz $ yz dz

"t 2

+t 2

"t 2

"t 2

sforzi massimi in valore assoluto:

! x,max =

6M y 6 M xy 6M x , ! = , $ = y,max xy,max t2 t2 t2
Lastre piane

Legame momenti-curvature
Sostituendo ed integrando

13

% #2 w #2 w ( M x = + ! x z dz = " D ' 2 + $ 2 * "t 2 #y ) & #x


+t 2

% #2 w #2 w ( M y = + ! y z dz = " D ' 2 + $ 2 * "t 2 #x ) & #y


+t 2

Et 3 , con D = 12 1 " $ 2

#2 w M xy = + , xy z dz = " (1 " $ ) D "t 2 #x#y


+t 2

Lastre piane

Equazioni indefinite di equilibrio: equilibrio in direzione z

14

z y x

Lastre piane

Equazioni indefinite di equilibrio: equilibrio alla rotazione attorno a x


d contributo al momento che inf.mo di ordine superiore

15

z y x

d contributo al momento che inf.mo di ordine superiore

"M y & "M xy & # # Qy dxdy + M y dx ! % M y + dy( dx + M xy dy ! % M xy + dx ( dy = 0 $ ' $ ' "y "x

Qy !

"M y "y

"M xy "x

=0

Lastre piane

Equazioni indefinite di equilibrio: equilibrio alla rotazione attorno a y


d contributo al momento che inf.mo di ordine superiore

16

z y x

q
M xy +

!M xy !y

dy

d contributo al momento che inf.mo di ordine superiore

"M xy & # "M x & # Qx dxdy + M x dy ! % M x + dx ( dy + M xy dx ! % M yx + dy( dx = 0 $ ' $ ' "x "y "M x "M xy Qx ! ! =0 "x "y
Lastre piane

Sostituendo, dopo alcuni passaggi


!Qx !Qy q+ + =0 !x !y !M x !M xy Qx " " =0 !x !y Qy " !M y !y " !M xy !x =0 + $ !2 w !2 w ' M x = "D& 2 + # 2 ) !y ( % !x $ !2 w !2 w ' M y = "D& 2 + # 2 ) !x ( % !y !2 w M xy = " (1 " # ) D !x!y *

17

2 2 2 ! 2 M x ! M xy ! M y ! M xy * q+ + + + =0 * !x 2 !y!x !y 2 !x!y

$ !4 w $ !4 w !4 w ' !4 w !4 w ' !4 w * q " D & 4 + # 2 2 ) " (1 " # ) D 2 2 " D & 4 + # 2 2 ) " (1 " # ) D 2 2 = 0 * !x !y ( !x !y !y !x ( !x !y % !x % !y $ !4 w !4 w !4 w ' * D& 4 + 2 2 2 + 4 ) = q !x !y !y ( % !x

E lanalogo 2D dellequazione EJ yIV = q, valida per le travi

Lastre piane

Differenza tra trave e lastra inflessa


Sezione indeformata

18

Sezione deformata

z x MX d2w/ dx2 ! 0 MX MX =-EJ d2w/ dx2 d2w/ dy2 ! 0 My = 0

Lastre piane

Differenza tra trave e lastra inflessa


Sezione indeformata

19

Sezione deformata

z x MX d2w/ dx2 ! 0 MX MX =-EJ d2w/ dx2 d2w/ dy2 ! 0 My = 0

Se una lastra forzata ad atteggiarsi secondo una superficie cilindrica:

Sezione indeformata

Sezione deformata

MX

MX

! 2 w / !x 2 " 0

! 2 w / !y 2 = 0
Lastre piane

N.B. inoltre per base della sezione unitaria EJ =E t3/12 per la trave, minore di D = Et3/[12(1-n)]

Perch esiste anche un momento torcente MXY ?


prima riga

20

ultima riga

Lastra quadrata incastrata ai bordi con carico uniforme: se osserviamo la prima ed ultima riga di elementi, si osserva una rotazione relativa

N.B. modello di # della lastra

Se ci concentriamo su una fila di elementi


Lastre piane

evidente la torsione

21

z y x

La torsione si ha perch c una rotazione relativa (attorno allasse y) delle sezioni aventi la stessa coordinata x

Lastre piane

Condizioni al contorno

22

Lequazione q = D(), una volta integrata, va completata con le condizioni al contorno, che possono essere date in termini di Spostamenti e rotazioni Momenti e forze Poich il bordo di una lastra pu avere forma qualsiasi, si deve fare riferimento alle direzioni n, normale e t, tangente

y t n

x
Lastre piane

Osservazioni sulle reazioni vincolari ai bordi

23

Negli spigoli a si sommano i momenti torcenti, dando luogo ad una reazione P concentrata nello spigolo.

dy

dx Myx dx

dx = Myx dx dx = Myx dx Myx Myx Myx

Mxy dx dy dx

Mxy

P = Mxy + Myx = 2 Mxy


Lastre piane

Reazioni vincolari ai bordi: forze di sostituzione

24

dx dx Myx Qy Myx dx Qy = Myx

M yx M yx
M yx + dx !M yx !x

dx

dx
Qy + !M yx !x

M yx +

!M yx !x

il vincolo deve esercitare una forza:

Lastre piane

Legame tra Mx,My ed Mxy

25

La costruzione del cerchio di Mohr


2 2 % ! = ! cos " + ! sin " n x y ' & ' (# n = ! y $ ! x sin " cos "

!Allo stesso modo possiamo evidenziare gli sforzi agenti ad una distanza z dal piano neutro di una fetta di lastra: le relazioni che legano gli sforzi sulla faccia inclinata sono le stesse. !Gli sforzi per provengono dai momenti flettenti Mx ed My.
Lastre piane

Legame tra Mx,My ed Mxy

26

La costruzione del cerchio di Mohr sugli sforzi piani porta quindi, per le lastre, alla relazione:

!La costruzione del cerchio di Mohr lega quindi anche le componenti di momento flettente su un piano inclinato dellangolo " rispetto alla direzione X. !Non si ha Mnt solo quando i due momenti flettenti Mx ed My sono uguali ! la lastra ha la stessa curvatura in tutte le direzioni.
Lastre piane

Lastra circolare con momento uniforme


I momenti flettenti Mx ed My sono legati alle curvature della lastra in due direzioni Se Mx=My le due curvature sono uguali

27

Lastre piane

Lastra circolare con momento uniforme

28

La superficie della lastra

I momenti flettenti sono uguali in tutte le direzioni e pari ad M.

Lastre piane

Soluzioni per serie

29

Consideriamo una lastra rettangolare appoggiata soggetta al carico


" m! x % " n! y % q = fo sin $ # a ' &$ # b ' &

La soluzione unequazione:

w=

fo ! 4 D (( m / a )2 + ( n / b )2 * 2 ) +

" m! x % " n! y % sin $ sin $ ' # a & # b ' &

introducendo:

scriviamo:

wm , n =

" m! x % " n! y % sin $ sin # a ' & $ # b ' & (( m / a ) + ( n / b ) * ) +


2 2 2

1 w = 4 fo wm , n ! D

Lastre piane

Soluzioni per serie


Se scriviamo
# m" x & # n" y & q = ! ! Fm , n sin % sin % ( ( $ ' $ ' a b m =1 n =1
M N

30

dove
Fm , n

4 " m! x % " n! y % = q sin sin $ dxdy $ ' ' ( ( # & # & ab 0 0 a b


a b

la soluzione :

1 M N w = 4 " " Fm , n wm , n ! D m =1 n =1

Lastre piane

Soluzioni per serie carico uniforme

31

Fm , n

16 qo 1 = 2 ! m"n

m=n=1,3,5,..

Lastre piane

Soluzioni per serie

32

Lastre piane

Soluzioni per serie

33

Lastre piane

Soluzioni per serie

34

Lastre piane

Soluzioni per serie

35

Lastre piane

Lastre circolari

36

Consideriamo delle lastre piane in un riferimento polare, i vari termini che abbiamo utilizzato cambiano espressione :

. '2w & '2w & 1 'w 1 ' 2 w #+ '2w # M r = ( D$ $ 'x 2 + 0 'y 2 ! ! = ( D , 'r 2 + 0 $ $ r 'r + r 2 '/ 2 ! !) % " % "* & '2w . 1 'w 1 ' 2 w '2w # '2w + M / = ( D$ $ 'y 2 + 0 'x 2 ! ! = ( D , r 'r + r 2 '/ 2 + 0 'r 2 ) % " * & 1 '2w '2w 1 'w # ! M r/ = ( D( 1 (0 ) = (( 1 ( 0 )D$ ( 2 $ ! 'x'y % r 'r'/ r '/ "

Lastre piane

Lastre circolari

37

% - %2w %2w * % 2 $ Qx = ' D + + 2( = 'D &w! 2 + ( %x , %x %y ) %x ! % - %2w %2w * % 2 ! Qy = ' D + + 2( = 'D & w! 2 + ( %y , %x %y ) %y # ! ! 2 2 ! % % 2 & = 2+ 2 ! %x %y "

( )

( )

" 2 Qr = # D !w "r " Q$ = # D !2w "$

( ) ( )

Lastre piane

Lastre circolari
Il laplaciano:

38

! ! " = 2+ 2 !x !y
2 2 2

" 2 w 1 "w 1 " 2 w # w= 2 + + 2 "r r "r r "! 2


2

Lequazione biarmonica diventa

$ "2 1 " 1 " 2 ' $ " 2 w 1 "w 1 " 2 w ' q ! w=& 2 + + 2 + + 2 = 2)& 2 2) r "r r "# ( % "r r "r r "# ( D % "r
4

Lastre piane

Lastre con carichi assialsimmetrici


Se i carichi/spost. dipendono solo da r

39

# d 2 w " dw & Mr = !D % 2 + ( dr r dr $ ' # 1 dw d 2w & M) = ! D % +" 2 ( dr ' $ r dr d * d 2 w 1 dw Qr = ! D , 2 + dr + dr r dr / .

2 2 " % " d 1 d d w 1 dw % q !4w = $ 2 + + = 2 ' $ ' r dr & # dr r dr & D # dr

Lastre piane

Lastre assialsimmetriche
Se consideriamo che:
2 & d w 1 dw # 1 d & dw # 2 $ ! ' w=$ 2 + = $r ! ! r dr " r dr % dr " % dr

40

Lequazione differenziale diventa :

1 d - d ' 1 d ! dw $ * 0 q r = .r ) 1 # & , r dr / dr ( r dr " dr % + 2 D


che pu essere semplicemente integrata:

1 1 rp w = ! ! r ! ! drdrdrdr r r D

Lastre piane

Lastre assialsimmetriche
E interessante vedere come possiamo arrivare a questa equazione risolvente anche in altro modo (e ci fa vedere come ottenere delle soluzioni analitiche). Consideriamo una porzione a-b-c-d di una lastra sottesa da un angolo d$

41

trascurando gli infinitesimi di ordine superiore introducendo le espressioni di Mr ed Mt


Lastre piane

Lastre assialsimmetriche
Lequazione differenziale pu essere riscritta come:

42

esprimendo il legame tra Q e q

d 1 d dr r dr

dw r dr

1 = rD

r 0

q rdr

derivando rispetto ad r e dividendo per r

Lastre piane

Soluzioni

43

po w= a2 ! r 2 64 D
po (1 + ! )a 2 # (3 + ! )r 2 Mr = 16 po (1 + ! )a 2 # (1 + 3! )r 2 M" = 16

] ]

( r , max

6M r 3 po & a # = 2 =' $ ! t 4 %t"

Lastre piane

Lastra appoggiata con carico uniforme

44

La lastra appoggiata con carico uniforme pu essere semplicemente ottenuta dalla soluzione precedente sovrapponendo un momento radiale di estremit uguale e contrario a quello dincastro (ottenendo cos un bordo semplicemente appoggiato).

il punto pi sollecitato al centro

Lastre piane

Altre soluzioni
Per la lastra appoggiata allestremit con un carico P concentrato al centro, lequazione della superficie risulta:

45

La soluzione stata ottenuta immaginando che P sia ripartito su una infinitesima area circolare di raggio c, la soluzione valida quindi per r>c .

Lastre piane

Quaderno

46

1)! Ricavare la distribuzione dei momenti flettenti in una lastra incastrata soggetta a carico concentrato P al centro della lastra, utilizzando la soluzione della lastra appoggiata + quella della lastra circolare soggetta a momento radiale di estremit. 2)! Dato un acciaio con Rp0,2=240 MPa ed un carico P=1000 [N], calcolare lo spessore t minimo per una lastra di raggio 500 mm che sopporti il carico e ricavare la freccia massima.

Lastre piane