Sei sulla pagina 1di 2

MASSIMO VARINI

La chitarra solista
un percorso dalle basi della teoria alla costruzione di un solo in 150 esempi
struttura del manuale

CENNI PRELIMINARI
introduzione, le basi teoriche, intervalli, triadi, costruzione di accordi, armonizzazioni

SCALE
Modali, Pentatoniche, PentaBlues, Esatonali, Diminuite, Bachiane (min. Melodiche), Min. Armoniche, etc.

ARMONIA
Applicazioni armoniche, armonia "spicciola", panoramica su concetti semplici ma efficaci

TECNICHE
Altern. Picking, Sweep Pick., Plettro/dita (Hybrid picking), String Skipping, Skipping Bluesy/Country, Tapping, Legato, Verticalizzazioni, Arpeggi tipici, Arpeggi meno usuali, etc.

moving shapes IN

MAIN LICKS SPOSTAMENTI RITMICI SPOSTAMENTI CROMATICI

mov. shapes OUT

SOLO

Si parte con una panoramica sui rudimenti della teoria, dalla spiegazione delle note sul pentagramma alla costruzione delle scale, uso delle alterazioni, chiavi, segni di tempo, intervalli, costruzione di triadi, etc. Vengono poi prese in considerazione ed analizzate varie scale e attraverso l'utilizzo di diverse tecniche si creano i cosidetti Licks: diatonici, con alterazioni e note di passaggio, pattern fissi da muovere in modo casuale (moveable shapes) etc. Questi licks vengono poi proposti con spostamenti ritmici e cromatici per arrivare a creare in modo semplice ed istintivo diverse frasi, tra cui anche IN-OUT Licks. Tutto questo rapportato a semplici accordi fissi. Ogni lick, oltre ad essere modificato ritmicamente e cromaticamente viene poi proposto su accordi diversi, per esemplificare il grande numero di possibilit che possono venirsi a creare. Nasce quindi da qui l'idea di una veloce ma funzionale panoramica sull'armonia vista in modo semplice ed immediato.

CONCLUSIONE

... Questa volta mi rivolgo direttamente a te... a te che hai in mano questo mio lavoro! Tutto quello che hai letto e spero studiato nelle pagine che separano lIndice da queste righe sono convinto sia unottima base per poter suonare, ma soprattutto sapere cosa si sta suonando... Il gusto, il feeling, il timing etc. non si possono insegnare, tantopi attraverso carta stampata!!! Quindi come del resto assolutamente ovvio il grosso del lavoro spetta a te.

Alcuni consigli: ho inserito molti licks, suggerendoli su specifici accordi. Ora, sfruttando i princpi appresi nei primi capitoli, importante che tu provi a suonare proprio quei licks su altri accordi, o spostandoli modalmente sugli stessi. Non ho volutamente inserito indicazioni di tempo (nel senso di velocit b.p.m.), ogni lick inserito nel manuale come una PAROLA, largomento del discorso sta a te! Alcuni lick, suonati velocissimi possono essere molto rock, ma se modificati come nel capitolo 5 e suonati su accordi diversi possono essere Blues, jazz o Fusion, dipende da quello che tu ascolti, da quello che tu sai essere consciamente o inconsciamente il tuo background musicale...

...quindi... possiamo ricominciare!

a-ri-buon lavoro

MAX