Sei sulla pagina 1di 1

Er mejo Agnolo.

(Alessandro Fadda)

Quanno che vidi er monno Ce rimasi de stucco. Monno stupenno!!! Gonfio de vita de tutte le maniere, dei colori der cielo, der mare e de la tera. Drento an giardino chera n paradiso, vidi che cera lomo, Adamo ed Eva. Mi Padre che dallarto, je rideva?! Guarda che infame. S preso er posto mio! Je ride er Padreterno, er Padre mio!! A me nun me la data na compagna Perch so n agnolo e er sesso nun celho. Come a d che n serve a gnente avecce compagnia. quarcuno accanto a te che te v bene. Ci tutto, meno quello che me serve! Nantra condanna questa a parer mio. Da aggiunge allartra pena a quella eterna! Pe na fregnaccia mha qui precipitato, in mezzo ar foco e co le corna n testa. Io Te volevo bene. So fijo tuo. Ma che se fa cos?! Se dice che li fij hanno da esse como e anco mejo de li padri. Io ci provato e Tu te sei incazzato! Co li fij se sopporta e se perdona. Invece Tu ar posto mio ciai messo nantro Nantro che nun ci lali e n po vol. Io nun ce st! Vojo er perdono tuo. e vojo puro unAngela pe me! Datte da f, Signore, Pap mio!!