Sei sulla pagina 1di 0

A

m
b
i
e
n
t
e
A
450 Impianti per acque di scarico civili
PREISPESSIMENTO E POSTISPESSIMENTO
Funzione. Si riduce lumidit`a dei fanghi freschi (preispessimento) o gi`a sta-
bilizzati (postispessimento) prima dei successivi trattamenti al ne di evitare un
sovraccarico idraulico alle successive unit`a. A tal ne si utilizzano vasche di ulte-
riore sedimentazione e addensamento dei fanghi, dotate di dispositivi di soro e di
carroponti raschianti a picchetti, a lenta rotazione, che con il loro movimento fa-
voriscono la separazione dellacqua dal fango, consentendone lispessimento (g. A
e B). Le vasche di ispessimento sono di forma circolare: i fanghi vengono immessi
in un deettore centrale e sono ripartiti radialmente nella vasca in modo da es-
sere interessati al lento rimescolamento dellispessitore rotante che determina la
separazione dellacqua contenuta nel fango. Lacqua separata viene eliminata per
soro mentre il fango ispessito, depositato sul fondo, viene raccolto dallispessitore
e successivamente estratto per mezzo di una tubazione di scarico.
Dimensionamento. Il dimensionamento della fase di ispessimento viene
eettuato assumendo un carico limite giornaliero di sostanza secca in rapporto
alla supercie dellispessitore. I valori di tale carico (kg
SS
m
2
d
1
) in relazione al
tipo di fango da ispessire e le concentrazioni ottenibili con lispessimento sono:
Preispessimento Postispessimento
Tipo di fango Carico % secco Tipo di fango Carico % secco
Fresco primario 100120 68 Digerito aerobico 4050 23
Fresco primario+secondario 7090 57 Digerito anaerobico 6080 57
Fresco secondario 3040 23
Laltezza dell ispessitore viene assunta tra i 3 e i 5 m calcolando un volume
totale della vasca mediamente pari alla produzione giornaliera di fango (tempo di
permanenza 11,5 d).
Tipologie costruttive. I bacini dispessimento sono di tipo circolare, con
carriponte raschiafanghi a lenta rotazione, dotati di appositi picchetti metallici
verticali, per favorire la separazione del fango dallacqua contenuta. I carriponte
sono del tipo a doppio braccio a testa di comando centrale e sono supportati da
una passerella in calcestruzzo o da una specica travata metallica di tipo pedona-
bile. Il carico del fango viene normalmente eseguito in modo discontinuo (qualche
ora al giorno) mentre lo scarico pu`o anche essere continuo: la gestione migliore si
ottiene controllando con apposita strumentazione il livello del fango nella vasca.
Lo scarico delle acque separate avviene per soro in canalette posizionate lungo la
circonferenza interna delle vasche. I fanghi ispessiti, trascinati dalle lame raschianti
dei carroponti in tramogge di raccolta centrali, vengono estratti attraverso oppor-
tune valvole e tubazioni di scarico per essere trasferiti ai successivi trattamenti.
Dato che il fango accumulato pu`o nel tempo dare origine a emissioni maleodoranti
`e buona norma prevedere per le vasche di ispessimento una adeguata copertura
collegata a un impianto di deodorizzazione centralizzato.
Materiale prodotto. Si tiene conto del fatto che il contenuto di sostanza
secca non varia durante lispessimento mentre la quantit`a di fanghi in volume varia
per la dierenza di concentrazione tra lingresso e luscita. Nota la produzione di
fanghi freschi (preispessitori) o di fanghi stabilizzati (postispessitori) su base secca
si calcola la portata giornaliera di fanghi ispessiti dividendo i solidi secchi totali
SS per la percentuale di secco in uscita.
Costi. (2002) Preispessimento: 2,7 E/ab. Postispessimento: 2,5 E/ab.
Marco Spada