Sei sulla pagina 1di 123

Vere allucinazioni c il diario di mi viaggio compiuto in Amazzonia da un gruppo di psiconauti alla ricerca di un mitico al.fucino geno chiamato oa-koo-bd.

Partiti per esplorare le relazioni tra la psilocibina, il principio attivo contenuto nei funghi della specie stropharia cubensis, e lo sviluppo della consapevolezza e del Linguaggio umano, troveranno, o meglio, saranno trovati da "altro". Giorcann Bruno e Castaneda, William Blake, mantidi pirata dello spazio e cospirazioni naziste, roventi sedute tantriche e sovraccarichi neuronali, piante aliene e hippy fuorilegge, teorie inquietanti sul destino del pianeta _l egate a psicofiuidi viola... Terence McKenna, etnoboranico cd enfant terrible della rivoluzione psichedelica sfida duemila anni di logica giudaico-cristiana per scaraventarci in una dimensione potentemente visionaria. Allo strabiliante racconto di Terence McKenna fanno da supporto una serie di 31 tavole di Matteo Guarnaccia che illustrano in maniera altrettanto visionaria (unita a una precisione enciclopedica nel descriverne gli aspetti but an ici) le fasi dell'esperienza nella foresta pluviale Amazzonica.
Terence McKenna, considerato il "Timothy Leary degli anni Novanta ", in realt un cantastorie, un visionaria, un eccentrico. Parte scienziato e parte sciamano, c tut esperto in "etnofarmacologia della trasformazione spirituale'_ Dirige un p rogetto diretto alla conse rvazione c alla propagazione di piante di interesse etnofarmacologico alle Hawaii. Ha pubblicato Food of the Gods 1992, The Invisible Landscape 1975, The

Terence McKenna

VERE ALLUCINAZIONI

1111I1IMMI11

Archaic Revival 1991. Marten Guamaccia, artista multimediale una figura cult della psiche delia in Italia. La sua ricerca si pu definire un intreccio di echi prove-

nienti simultaneamente da culture arcaiche, moderne tecniche di analisi


psichica, ricerche scien ti fiche so]]'sttiuir delta mente, iI tutu) opportunamente miscelato con robuste dosi di ironia. Ha pubbli cato, rra l'altro;
Arte

psichedelica e controcultura in Italia, The Born Again Pagan Travel Book, A Tribal Education, Magickal Mystery Book, Summer of Love, Provos, Paradiso Psichedelico, Smilin' Shaman.

SECONDA EDIZIONE RIVEDU TA I3,4^R1P CON 1 FuNGKt 1 Cl! MAG

I IN-trot-1m" inn !LICK UKWWI ii i i


Lire 23.000

ShaKe

Terence McKenna

VERE ALLUCINAZIONI

IMMAGINE DI COPERTINA (TECNICA MISTA): PROGETTO GRAFICO:

Matteo Guarnaccia

Paoletta Nevrosi

TRADUZIONI: Daniele Bolelli ed Ermanno "Gomma" Guarneri FOTOCOMPOSIZIONE: ShaKe Edizioni


CONTATTI POSTALI: CONTATTI TELEFONICI: CONTATTI

Shake, via C. Balbo 10, 20136 Milano 02/5 83 173 06 ELETTRONICI: Decoder BBS, 02/29527597; N-8-1; 300-28.800 bd, dalle 14.00 alle 8.00; http//www4.iol.it/decoder

STAMPA:

Grafica Sipiel, Milano True Hallucinations

TITOLO ORIGINALE DELL'OPERA:

1993, by Terence McKenna


1995, ShaKe
SECONDA EDIZIONE:

Settembre 1998

ISBN 88-86926-23-5

SHAKE EDIZIONI UNDERGROUND

INDICE

PREFAZIONE I IL RICHIAMO DEL SEGRETO


In cui il nostro cast di personaggi, tra cui un fungo, viene presentato e i loro peculiari interessi vengono abbozzati. Viene invocata la giungla amazzonica e si intraprende la discesa di uno dei suoi fiumi.

9 13

2 NEL PARADISO DEL DIAVOLO


In cui Solo Dark ed Ev vengono presentati e il passato di ognuno di noi viene narrato. Riflessioni filosofiche durante una languida discesa del fiume Putumayo.

25

3 LUNGO UN CAMMINO SPETTRALE


In cui incontriamo un bizzarro antropologo e sua moglie, ci separiamo da Solo Dark, e raggiungiamo la nostra destinazione alla Missione La Chorrera.

39

PATI SULLA PORTA D'INGRESSO 4 ACCAMPATI


In cui facciamo la conoscenza dei funghi e degli sciamani di La Chorrera. "Intorno a noi la giungla; davanti a noi ilsegreto..."

49

UNA SCHEI" MAGLIA CON L'ALTRA DIMENSIONE


In cui ci trasferiamo in una casa nuova e Dennis ha una bizzarra esperienza che divide il nostro gruppo.

57

VERE ALLUCINAZIONI
1NDIICE

6 INTERLUDIO A KATHMANDU In cui il ricordo di eccessi tantrici nei covi hippy dell'Asia, getta una strana luce sulle esperienze con i funghi a La Chorrera. 7 UNO PSICOFLUIDO VIOLA In cui Dennis comincia a schematizzare il suo approccio all"`opera" alchemica e si discute se uno pskofluido possa o meno essere una sostanza traslinguistica. 8 L"`OPERA" VIENE ILLUSTRATA In cui Dennis rivela la sua strategia per cominciare la grande impresa. 9 UNA CONVERSAZIONE SUI DISCHI VOLANTI In cui si ribadiscono, una volta per tutte, i dettagli della resurrezione del corpo e si compie un parziale test della nostra teoria. 10 ANCORA SULL"'OPERA' In cui rifiniamo la teoria e cominciamo i preparativi per i voli sperimentali dell'aerolite de ll a conoscenza. 11 L'ESPERIMENTO ALLA CHORRERA In cui si tenta l'esperimento e i fratelli McKenna sono sconvolti dalle sue inaspettate conseguenze. 12 NEL VORTICE In cui scopriamo che l'universo pi strano di quel che possiamo pensare, Dennis compie un viaggio sciamanico e il nostro gruppo si polarizza e si divide. 13 GIOCANDO NEI CAMPI DEL SIGNORE In cui io e Dennis esploriamo i contenuti delle nostre reciproche illusioni e illuminazioni naturali.

65

75

14 GUARDANDO DIETRO In cui si raccontano diversi fatti miracolosi fra i quali uno di relativa importanza l'apparizione di James e Nora Joyce travestiti da ruspanti. 15 UN DISCO VOLANTE PIENO DI SEGRETI In cui si organizza la nostra partenza, io incontro un disco volante e le teorie nascono come funghi, non appena torniamo a Berkeley.

89

16 IL RITORNO In cui Ev e io torniamo da soli a La Chorrera e una nuova cometa si dirige verso la terra.
17 IL ALLANDO CON L'ENIGMA

97

In cui ricordo il mio pseudoreclutamento da parte di una banda di scienziati nazisti rinnegati, mentre visito Timor.
107

18 COSA SIGNIFICA? In cui tento di collegare le nostre esperienze a una scienza che tutt'altro che canonica. 19 L'AVVENTO DELLA STROFARIDE In cui io ed Ev ci lasciamo e il fungo declama un discorso solenne, mentre si trasforma in produzione industriale clandestina. 20 L"`HAWAIIIIAN CONNECTION" In cui le mantidi pirata provenienti dall'iperspazio attaccano me e la mia nuova amante nei territori vulcanici di Kau, nelle Hawaii, e io consegno le mie ultime parole riguardo all'indicibile. EPILOGO In cui ritorno al presente, descrivo come sono diventati i miei compagni di viaggio e m'inginocchio davanti al soprannaturale.

115

129

139

PREFAZIONE

NA VOLTA, ALL'INIZIO DEGLI ANNI OTTANTA, MENTRE VISITAVO

1'"Esalen Institute" dove ero stato invitato a partecipare a una conferenza sullo sciamanesimo, mi resi conto che la mia innata logorrea, tipica degli irlandesi, era stata decisamente amplificata da anni di consumo di funghi magici. Aiutato dalla mia devozione alla psilocibina e dall'esperimento a La Chorrera, che l'argomento di questo libro, mi ero apparentemente trasformato in un portavoce del logos incarnato. Potevo parlare con ricadute elettrizzanti a piccoli gruppi di persone riguardo agli argomenti trascendentali di cui leggerete in questo libro. In un primo momento queste performance verbali mi sembravano relativamente normali, ma riascoltandone le registrazioni riuscii a capire il motivo per cui le altre persone ne erano affascinate. Era come se la mia personalit, ordinaria e noiosa, fosse svanita e, attraverso di me, parlasse la voce di un altro, una voce calma, chiara, senza esitazioni, una voce che cercava di informare gli altri sul potere, sulle speranze delle dimensioni psichedeliche. Decine, ormai quasi un centinaio, delle mie conferenze sono state registrate, distribuite a volte illegalmente, passate tra amici e trasmesse da stazioni radio underground. Ho cominciato la mia vita come conferenziere e insegnante presso vari centri di crescita spirituale, ma a farmi uscire dall'anonimato stato Roy di Ho llywood, la cui trasmissione notturna alla radio, mi ha reso una piccola stella underground, almeno presso i sonnambuli di Los Angeles. Solo parlando degli eventi di La Chorrera ero diventato una celebrit. La mia fama di pazzoide e di personaggio underground de ll a West

VERE ALLUCINAZIONI

Coast arriv fino ai grandi edifici di vetro della Quinta strada a Gotham [New York, N.d.R.]. Editori che, normalmente, non mi avrebbero dato un secondo di attenzione, si sono improvvisamente interessati al mio lavoro. Mentre leggete, spero che i miei libri, questo e quelli che l'hanno preceduto, stiano diffondendo queste idee particolari e possano rendere la mia vita pi agiata e la vostra pi ricca. C' uno strano paradosso intorno a tutto ci: queste idee sono ormai di dominio pubblico e soggette a un plebiscito informale. Se si diffonderanno diventeranno popolari e funzioneranno come catalizzatori di un cambiamento sociale e, allora, troverebbe conferma la speranza che esse abbiano un destino speciale. Se, d'altra parte, dopo il loro momento di gloria sparissero dalla scena pubblica, vorr dire che il mio lavoro e le mie opinioni sono state giudicate niente di pi che riflessioni irrilevanti da ll a nostra cultura surreale e paranoica. Non ho idea di dove questi ragionamenti possano portare ma, avendo alle spalle parecchi libri pubblicati, non posso certo dire che non mi sia stata data un'opportunit. Ora il pubblico che decider se questo fenomeno ha gi fatto il suo tempo o se siamo solo all'inizio Menziono tutto questo, non per informare il lettore dei tentativi poco interessanti di sfamare la mia famiglia, ma perch la mia carriera l'unica testimonianza che qualcosa di straordinario, forse di importanza storica, accaduto a La Chorrera. I funghi parlanti incontrati laggi hanno originato un mito e annunciato dettagliatamente una profezia relativa a un cambiamento globale, per la presa di coscienza, destinato a salvare l'intero pianeta. Hanno predetto tutto ci che mi accaduto nei successivi vent'anni e hanno promesso molto di pi per il futuro. Se continuerete a leggere diverrete parte di questa storia. Caveat lector.

ILR CHIAMO DE T, SEGRETO

In cui il nostro cast di personaggi, tra cui un fungo, viene presentato e i loro peculiari interessi vengono abbozzati. Viene invocata la giungla amazzonica e si intraprende la discesa di uno dei suoi fiumi.

ER MIGLIAIA DI ANNI LE VISIONI RIVELATE DAI FUNGHI

allucinogeni sono state ricercate e venerate come un vero mistero religioso. La maggior parte del mio pensiero negli ultimi vent'anni stato impegnato nel descrivere e nel contemplare questo mistero. Protetto da vicino da angeli caoticamente ingioiellati "Ogni angelo tremendo", ha scritto Rilke, e al tempo stesso sacro e profano il fungo sbucato nella mia vita allo stesso modo in cui in futuro potrebbe giungere agli onori della cronaca della storia umana. Per raccontare questa storia ho scelto un approccio narrativo. Un mistero vivente potrebbe assumere qualsiasi sembianza, esso il padrone di luogo e spazio, di tempo e spirito, per la mia ricerca del modo per comunicare questo mistero mi ha spinto a seguire la tradizione: scrivere una narrazione cronologica di una storia al contempo vera e straordinariamente bizzarra. All'inizio di febbraio del 1971, stavo viaggiando nella Colombia meridionale con mio fratello e alcuni amici, pronti per una spedizione nella foresta amazzonica colombiana. La nostra strada ci port a Florencia, il capoluogo provinciale della regione del Caquet. L ci fermammo per alcuni giorni, in attesa di un aereo che ci portasse all'imbarco sul Rio Putumayo, un fiume che segna il confine tra Colombia, Ecuador e Per. Il giorno in cui dovevamo partire era particolarmente caldo, cos ab13

14

VERE ALLUCINAZIONI

IL RICHIAMO DEL SEGRETO

15

bandonammo le mura oppressive del nostro albergo che era vicino al rumoroso mercato centrale e a ll a stazione degli autobus. Ci inoltrammo fuori citt a piedi, camminando per un paio di chilometri dove c'erano le calde acque del Rio Hacha, visibile al di l di pascoli ondulati dall'erba alta. Dopo aver nuotato nel fiume ed esplorato le profonde pozze scolpite dalle calde acque del torrente nel nero letto basaltico del fiume, tornammo attraverso gli stessi prati. Qualcuno pi esperto di me sull'aspetto del fungo stropharia cubensis ne indic un grande esemplare che se ne stava, da solo, in mezzo a un mucchietto di concime. Impulsivamente e consigliato dai miei compagni, mi mangiai tutto il fungo: ci misi un attimo e subito dopo riprendemmo la marcia, stanchi della nuotata, mentre una tempesta tropicale si muoveva verso di noi da ll a Cordigliera de lle Ande, dove si trova Florencia. Per un qua rt o d'ora camminammo in silenzio. Sollevavo stancamente la testa, quasi ipnotizzato da ll a vista del movimento regolare degli stivali che affondavano nell'erba. Per raddrizzarmi e scuotere via il torpore mi fermai stiracchiandomi a osservare l'orizzonte. La sensazione dell'imponenza del cielo, che per me si associa a ll a psilocibina, mi colp l, per la prima volta. Chiesi ai miei amici di fermarsi e mi buttai a terra. Sembrava che un tuono silenzioso muovesse l'aria intorno a me; tutto si mostrava con un nuovo aspetto e un nuovo significato. Questa sensazione arriv e mi pass sopra come un'onda, proprio nel momento in cui la furia della tempesta tropicale esplose sopra le nostre teste, bagnandoci da capo a piedi. La sensazione terrificante che un'altra dimensione o una diversa specie di esseri viventi si fosse intersecata con quello splendido giorno tropicale, dur solo pochi minuti. Elusivo, ma fo rt e, era un qualcosa che non avevo mai provato. Durante la nostra fradicia ritirata non notai nemmeno il lungo e strano momento di grande luminosit che la precedette. Riconobbi che la mia esperienza era stata provocata dal fungo, ma non volevo che i pensieri a riguardo mi distraessero, perch eravamo coinvolti in un gioco ben pi grande. Eravamo impegnati, infatti, in una ricerca nella giungla profonda di differenti allucinogeni: piante contenenti la dimetil-triptammina (o DMT) e l'infuso psichedelico dell'ayahuasca. Queste piante erano associate con le abilit telepatiche e a fatti paranormali, per le modalit del loro uso peculiari de ll a giungla amazzonica, non erano ancora stati studiate. Una volta svanitone l'effetto, liquidai l'esperienza del fungo come qualcosa a cui dar retta in un altro momento. Alcuni colombiani mi avevano assicurato che la stropharia si trovava solo nello sterco di zeb, cos conclusi

che nella giungla, dove sarei andato da l a poco, non avrei trovato n bestiame n concime. Allontanando il pensiero dei funghi da ll a mia mente, mi preparai per i brividi de ll a nostra discesa lungo il Rio Putumayo verso la nostra destinazione, una remota missione chiamata La Chorrera. Perch una banda di zingari come noi si stava inoltrando nella fumante giungla dell'Amazzonia colombiana? Il nostro gruppo era composto da cinque persone legate dall'amicizia, da un'immaginazione stravagante, dall'ingenuit e da una dedizione ai viaggi e alle esperienze esotiche. Ev, la nostra traduttrice e mia nuova fiamma, era appena entrata a far parte del nostro gruppo. Americana come tutti noi, aveva vissuto parecchi anni in Sud America e aveva viaggiato in Oriente, dove l'avevo incontrata, all'aeroporto di Katmandu, durante un momento molto duro per entrambi, ma, questa un'altra storia. Si era recentemente liberata da una lunga relazione e, rimasta sola, e non avendo niente di meglio da fare, si era unita a noi. Quando arrivammo a La Chorrera io e lei eravamo insieme da meno di tre settimane. Gli altri tre membri del gruppo erano mio fratello Dennis, il pi giovane di noi, studente di botanica e compagno di lunga data; Vanessa, una mia vecchia amica del college di Berkeley, esperta in antropologia e fotografia, e Dave, un altro vecchio amico, un gioioso meditatore e ceramista, ricamatore di blue-jeans e, come Vanessa, newyorkese. Quattro mesi prima della nostra discesa nell'inferno liquido del basso Putumayo, mio fratello e io eravamo passati attraverso il terribile dolore dovuto alla perdita di nostra madre. Prima ancora, avevo viaggiato per tre anni in India e in Indonesia, poi avevo lavorato come insegnante per societ inglesi a Tokyo e, quando non ne potei pi, me ne ero andato in Canada. A Vancouver il nostro gruppo tenne una riunione e pianific questa spedizione in Amazzonia per sondare le profondit dell'esperienza psichedelica. Deliberatamente non dir molto su di noi: forse eravamo educati in modo assurdo, ma di certo eravamo ben educati. Nessuno di noi aveva ancora venticinque anni ed eravamo stati uniti dall'esplosione politica che aveva caratterizzato gli anni passati insieme a Berkeley. Eravamo profughi di una societ che si stava avvelenando, scaricando il proprio odio e le proprie contraddizioni verso se stessa. Ci eravamo dati con passione all'ideologi, e avevamo finito per puntare tutto sull'esperienza psichedelica come la via pi breve per realizzare la nostra utopia, quella che la nostra passione politica ci infervorava a sognare. Non avevamo idea di cosa avessimo dovuto aspettarci dall'Amazzonia, ma avevamo collezionato

16

VERE ALLUCINAZIONI

IL RICHIAMO DEL SEGRETO

17

una grande quantit di informazioni etnobotaniche e queste ci dicevano dove trovare vari allucinogeni, ma non cosa aspettarci una volta che li avessimo trovati. Ho pensato molte volte a come eravamo poco preparati alle esperienze in cui ci saremmo imbattuti. Spesso le nostre interpretazioni non coincidevano, come comune tra personalit forti o tra persone che assistono a eventi straordinari: eravamo gente strana, altrimenti non avremmo fatto ci che stavamo facendo. Gi a ventiquattro anni potevo riguardare a dieci anni di coinvolgimento con cose che la maggior parte della gente considerava estreme. Il mio interesse nelle droghe, nella magia e nelle pi sconosciute branche della storia naturale e della teologia, mi davano l'aspetto di un eccentrico principe fiorentino pi che di un ragazzo che era cresciuto nel cuore degli Stati Uniti negli anni Cinquanta. Con disperazione dei nostri convenzionali genitori, Dennis aveva condiviso tutti questi interessi. Per qualche ragione eravamo strani sin dall'inizio, scelti dal fato per un destino troppo assurdo per essere immaginato. In una lettera scritta undici mesi prima della nostra spedizione, trovai che Dennis aveva un'idea di ci che sarebbe potuto accadere. Mi scrisse, quando ero a Taiwan nel 1970, per dirmi: Riguardo la vera ricerca sciamanica e l'idea che la sua soluzione possa implicare la morte fisica che allegra riflessione... sarei interessato a sapere come e perch consideri questa possibilit. Non ci ho pensato in termini di morte, sebbene abbia pensato che potrebbe farci passare, in quanto esseri viventi, attraverso la stessa porta usata ogni giorno dalla morte. Considero questa una proiezione astrale iperspaziale che permette all'iperorgano, la consapevolezza, di manifestarsi istantaneamente in ogni punto della matrice spazio-tempo, o in tutti i punti simultaneamente. Le sue lettere mi resero chiaro che la sua immaginazione non si era atrofizzata durante gli ultimi anni di liceo nella nostra piccola citt natale nel Colorado. Una rigida dieta a base di fantascienza aveva reso i frutti dell a sua immaginazione veramente spettacolari, ma mi domandavo se stesse parlando sul serio. Un UFO sostanzialmente un vortice psichico che si muove nel-

l'iperspazio e un trip pu implicare un contatto con una razza di navigatori stellari Probabilmente sar un incontro simile a una lezione di volo: delle istruzioni per l'uso della pietra tridimensionale, come navigare nell'iperspazio e, forse, un corso introduttivo di ecologia cosmica. Come me, stava cercando di prendere contatto con i paesaggi psichici abitati dagli elfi, rivelati dalla dimetil-triptammina. Avevamo fatto la nostra conoscenza con il DMT nell'atmosfera surreale di Berkeley, all'apice della Summer of Love, ed era subito diventato il principale mistero, o l'arma pi efficace per la riuscita de lla nostra impresa.
ll mantenimento della forma fisica , in simili circostanze, una questione di scelta pi che di necessit, oppure indifferente perch nella rete iperspaziale tutte le forme fisiche sarebbero aperte. Direi che il tempo non l'essenza dell'impresa, se non fosse che la morte culturale delle trib che stiamo ricercando procede a un ritmo spaventoso.

Non erano solo le nostre vivaci fantasie a essere concentrate sulle allucinazioni del DMT: anche il nostro approccio per scoprire i segreti de lla dimensione allucinogena lo era. Era cos perch, fra i componenti psicoattivi che conoscevamo, l'azione del DMT, sebbene molto rapida, sembrava essere la pi potente. Il DMT non una sostanza comunemente sperimentata, nemmeno tra gli psiconauti dello spazio interiore, quindi spender un paio di parole di spiegazione. Nella sua forma sintetica pura, appare come una pasta o una polvere cristallina che viene fumata in una pipa di vetro. Dopo qualche inalazione, l'inizio dell'esperienza viene innescato rapidamente, da quindici secondi a un minuto. L'esperienza allucinogena dura da tre a sette minuti ed estremamente particolare: cos bizzarra e intensa che persino molti tra i pi devoti aficionados degli allucinogeni la evitano. Per anche il pi comune e reperibile tra gli allucinogeni naturali e la base della maggior parte degli allucinogeni usati da lle trib aborigene del Sud America. In natura, essendo prodotto dal metabolismo delle piante, non si avvicina neanche lontanamente a lla concentrazione prodotta in laboratorio, ma gli sciamani sudamericani, predisponendosi chimicamente ai suoi effetti, raggiungono gli stessi stati di coscienza alterata prodotti dal DMT puro. La sua potenza e la sua peculia-

18

VERE ALLUCINAZIONI

IL RICHIAMO DEL SEGRETO

19

rit superano in tal modo que ll e degli altri allucinogeni che la dimetiltriptammina e i suoi derivati chimici erano, per l nostro piccolo circolo, la pi grande rivelazione e lo schiudersi pi radicale degli stati alterati che potessero essere raggiunti senza seri danni fisici o psichici. Quindi pensavamo che la nostra descrizione fenomenologica degli stati di allucinazione dovesse cominciare con l'individuazione di un forte allucinogeno aborigeno contenente DMT e proseguisse esplorando con mente aperta le dimensioni sciamaniche che questo avrebbe reso accessibili. Per questo avevamo studiato tutti gli scritti sulle droghe contenenti triptammina nel bacino delle Amazzoni e avevamo appreso che l'ayahuasca o yag, l'infuso di banisteriopsis caapi contenente DMT, diffuso in un'area molto vasta* cos come diversi tipi di polveri contenenti DMT, ma c'era un solo allucinogeno contenente DMT il cui uso fosse soggetto a restrizioni. L'oo koo h ricavato da ll a resina di certi alberi de ll a specie virola mescolata con le ceneri di altre piante, ridotta in forma di palline e inghiottita. Quello che ci colpiva nella descrizione della preparazione della pianta allucinogena era che la trib Witoto del Nord delle Amazzoni, che era l'unica a conoscere il segreto della sua preparazione, la usava per parlare a "piccoli uomini" da cui ricevevano la conoscenza. Questo piccolo popolo era una specie di ponte tra un contatto alieno e pi tradizionali elfi e fate dei boschi. La tradizione diffusa in tutto il mondo riguardante l'esistenza del piccolo popolo ben descritta nel libro The Fairy Faith in Celtic Countries di W.E. Evans-Entz, uno studio di cultura celtica che ha influenzato tanto l'opera del ricercatore di UFO Jacques Vallee quanto la mia. Il riferimento a dei piccoli uomini fece suonare dentro di me una campana, perch durante le mie esperienze fumando DMT a Berkeley, ebbi l'impressione di trovarmi in uno spazio abitato da degli allegri elfi che cambiavano forma, o da delle creature meccaniche che si trasformavano in continuazione. Decine di queste entit frattali amiche, somiglianti a uova Faberg rimbalzanti, mi avevano circondato e avevano cercato di insegnarmi il linguaggio perduto della vera poesia. Sembravano parlare in una forma visibile a cinque dimensioni, mentre fiumi di signifi-

cati ricoperti di specchi mi fluivano intorno. Questo mi accadde in pi di un'occasione ed era nello specifico la trasformazione del linguaggio a rendere questo esperimento cos memorabile e particolare. Sotto l'influenza del DMT, il linguaggio veniva trasformato da una cosa che si ascolta a una cosa che si vede. La sintassi diveniva visibile. Cercando dei paralleli con la mia esperienza mi torn in mente la splendida scena della versione di disneyana di Alice nel Paese delle Meraviglie, in cui Alice incontra il bruco che fuma un narghil seduto su di un fungo. "Chi 6?" domanda il bruco, con lettere fumose che gli escono da ll a bocca. A dire il vero una connessione tra l'esperienza psichedelica e Lewis Caroll e il suo Paese delle Meraviglie sempre stata sospettata. Nelle mani dei disegnatori di Walt Disney, la miscela sensoriale esagerata e resa esplicita: ci che il bruco comunica non sentito, ma viene visto fluttuare nello spazio intorno a lui, un linguaggio reso visibile dal fumo che il bruco produce in grande quantit.* Questo non significa che il DMT sia semplicemente un mezzo per divenire parte di un cartone animato. Per niente. La sensazione che deriva dal DMT cos bizzarra da far rizzare i capelli sulla testa, il massimo che un essere umano possa sperimentare senza che la sua consapevolezza venga alterata per sempre. A volte mi stato chiesto se il DMT pericoloso: la mia risposta che pericoloso solo per chi si sente minacciato da ll a possibilit di morire di meraviglia. L'onda di stupore che accompagna il dissolversi dei confini tra il nostro mondo e il continuum cos grande da essere una forma d'estasi in se stessa. La sensazione, che queste bizzarre esperienze con il DMT avevano procurato, e cio di trovarsi in un'altra dimensione, era stata il motivo che ci aveva spinto a concentrarci sugli allucinogeni contenenti triptammina. Dopo aver letto tutto ci che esisteva sulla triptammina, ci imbattemmo nel lavoro dell'etnobotanico Richard Evans Schultes. La sua posizione di professore di botanica ad Harvard gli aveva permesso di dedicare la sua vita a collezionare e a catalogare le piante psicoattive. Il suo scritto Virola
* Che un film di Disney possa essere una rappresentazione di questo concetto non poi cos sorprendente. Basti citare le danze, coreograficamente perfette, dei funghi orientali in Fantasia, per chiedersi se qualche membro della Disney non fosse stato ispirato dallo sciamanesimo. D'altra parte Fantasia

* Ayahuasca un termine usato nel bacino superiore delle Amazzoni. Non si riferisce solo alla bevanda allucinogena ma an che al suo ingrediente principale, il banisteriopsis caapi. Questo rampicante del-

la giungla, spesso gigantesco, viene polverizzato e bollito con una pianta che contiene DMT, di solito
psychotria viridis e raramente diploterus cabrerena. L'estratto liquido viene poi ulteriormente concentrato attraverso un'altra bollitura. L'ayahuasca, detta anche natema, yag o pild, l'allucinogeno pi

usato e diffuso tra gli sciamani dell'area equatoriale americana.

stato un serio tentativo di rendere la sinestesia un elemento di divertimento per tutti. Girano ancora voci sul fatto che molti tra gli operatori delle animazioni che la Disney assold per questo stravagante progetto fossero consci dell'esperienza psichedelica. Tra questi, c'erano alcuni cecoslovacchi che, probabilmente, avevano provato il peyote e la mescalina.

20

V E R E ALLUCINAZIONI

I L RICHIAMO

D EL SEGRETO

21

as an Orally Administered Hallucinogen era un punto fermo nella nostra ricerca. Eravamo affascinati dalla descrizione dell'uso della resina degli alberi di virola theiodora come forma di DMT attivo, allo stesso modo in cui l'uso di questa pianta sembrava specifico di una zona geografica estremamente limitata. Schultes ci ispirava scrivendo dell'oo-koo-h:

Uno studio approfondito sul campo, nella regione di questi indio, sar necessario per una comprensione totale di questo interessante allucinogeno... L'interesse per questo allucinogeno recentemente scoperto non limitato al campo dell'antropologia e della etnobotanica, ma ha un'importanza diretta su certi aspetti farmacologici e, paragonata con altre piante aventi propriet psicomimetiche dovute alla triptammina, questa sostanza pone problemi con cui ci si deve confrontare e a cui, se possibile, trovare risposte dal punto di vista tossicologico.* Basandoci sullo scritto di Schultes, decidemmo di abbandonare i nostri studi, le carriere e di fiondarci in Amazzonia a La Chorrera alla ricerca dell'oo-koo-h. Volevamo scoprire se le dimensioni titanicamente assurde sperimentate grazie alla trance del DMT erano pi accessibili attraverso le piante usate dagli sciamani amazzonici. Era a uno di questi sacramenti sciamanici a cui stavo pensando, mentre cercavo di dimenticarmi del fungo stropharia incontrato nei prati vicino a Florencia. Ero ansioso di tuffarmi nella ricerca dell'esotico oo-koo-h. Certo non immaginavo che, poco dopo essere arrivati a La Chorrera la ricerca dell'oo-koo-h sarebbe stata dimenticata. L'allucinogeno witoto venne eclissato da ll a scoperta di funghi di psilocibina che crescevano in abbondanza e dallo strano potere emanato dai prati color smeraldo, avvolti di nebbia, in cui i funghi crescevano

Il primo segnale che La Chorrera non fosse un posto come un altro mi giunse quando arrivammo a Pue rt o Leguizamo, il nostro luogo d'imbarco sul Rio Putumayo. Esso pu essere raggiunto solo per via aerea, poich
* R.E. Schuhes, Virola as an Orally Administered Hallucinogen, in "Botanical Leaflets of Ha rv ard University", vol. 2, n. 6, pp. 229-40.

nessuna strada era riuscita a passare attraverso la giungla circostante, un posto noioso e oppressivo come ti puoi immaginare che sia un paese sudamericano sul fiume. Wi lliam Burroughs, che pass di qui alla ricerca dell'ayahuasca negli anni Cinquanta, la descrisse dicendo che "sembra un paese dopo un'inondazione". Fino al 1971 poco era cambiato. C'eravamo appena piazzati nel nostro hotel, dopo esserci fatti registrare dalle autorit come di routine per gli stranieri in viaggio nelle zone di frontiera de ll a Colombia, quando la padrona dell'hotel ci inform che c'era un nostro connazionale che viveva da quelle parti. Sembrava incredibile che un americano vivesse in un posto cos fuori dal mondo, in un paese su di un fiume colombiano. Quando la senora sottoline che quest'uomo, el Senor Brown, era molto vecchio e scurissimo di pelle, la cosa divenne ancor pi interessante. La mia curiosit si risvegli, cos partii immediatamente in compagnia di uno dei figli della padrona dell'hotel. Mentre cominciavamo a incamminarci, la mia guida si affrett a informarmi che l'uomo che andavamo a incontrare era "mal y bizarro" "El Senor Brown es un sanguinero", disse. Un killer? Stavo per fare visita a un assassino? Non mi sembrava possibile. Non ci credetti nemmeno per un istante. "e, Un sanguinero, dice?" L'orrore che il boom della gomma aveva portato agli indio amazzonici nei primi anni del secolo era ancora vivo, un ricordo per le persone pi anziane e una terrificante leggenda per i pi giovani. Nell'area vicino a La Chorrera, la popolazione witoto era stata sterminata sistematicamente e ridotta dalle quarantamila persone del 1905 alle cinquemila del 1970. Non potevo immaginare che l'uomo che stavo per incontrare avesse qualcosa a che vedere con quegli eventi cos lontani. Pensai che la storia che l ragazzo mi raccontava significasse che avrei incontrato il babau locale intorno a cui erano nate storie stravaganti. Arrivammo in fretta a una casa indistinguibile da lle altre, che aveva un piccolo giardino recintato da uno steccato. Il mio compagno buss e chiam. Subito, un ragazzo simile a ll a mia guida arriv e apr il cancello: la mia guida spar in un baleno e il cancello si richiuse dietro di me. Un enorme maiale stava sdraiato nella parte pi umida del cortile; tre gradini pi su c'era la veranda. Sulla veranda sedeva un uomo molto magro, vecchio e raggrinzito che mi sorrideva e mi faceva cenno di avvicinarmi: John Brown. Non capita spesso di incontrare una leggenda vivente, se avessi saputo di pi sulla persona che mi stava davanti sarei stato pi rispettoso ed emozionato. "Si," disse, "sono americano". E poi: "S, dannazione s, sono vecchio,
.

22

VERE ALLUCINAZIONI

IL RICHIAMO

DEL

TO SEGRETO

23

ho novantatr anni. La mia storia, bambino, proprio lunga". Rise producendo un suono come il fruscio di un tetto di paglia quando vi si agita sopra una tarantola. Figlio di uno schiavo, John Brown aveva lasciato l'America nel 1885, per non tornare mai pi. Era andato a lle Barbados, poi in Francia, era stato un mercante marittimo e aveva visto Aden e Bombay. Nel 1910 era venuto in Per, a Iquitos. L era stato nominato caposquadra nella famosa "Casa di Arana", che era la fonte principale dello sfruttamento e dello sterminio degli indio amazzonici durante il boom della gomma. Passai parecchie ore de ll a giornata con el Senor Brown. Era una persona straordinaria, al tempo stesso vicino e lontanissimo, un pezzo vivente di storia. Era stato il servitore personale del capitano Thomas Whiffen del XIV Ussari, un avventuriero inglese che aveva esplorato l'area di La Chorrera gi nel 1912. Brown, che descritto nel raro lavoro di Whiffen, Explorations of the Upper Amazon, fu l'ultima persona a vedere il francese Eugene Roguchion, che spar nel Rio Caquet nel 1913. "S, aveva una moglie witoto e un enorme cane nero che gli stava sempre attaccato", comment Brown. John Brown parlava witoto, una volta aveva vissuto con una donna witoto per alcuni anni e conosceva perfettamente l'area in cui ci stavamo dirigendo. Non aveva mai sentito parlare dell 'oo-koo-h ma, nel 1915, aveva preso l' ayahuasca a La Chorrera. La descrizione de lle sue esperienze era un'ulteriore ispirazione a continuare verso la nostra meta. Fu solo dopo il mio ritorno dall'Amazzonia che appresi che quello era lo stesso John Brown che aveva informato le autorit inglesi de lle atrocit perpetrate dai baroni della gomma nella zona del Putumayo. Aveva parlato a Roger Casement e, poi, al console inglese a Rio de Janeiro che era andato in Per nel 1910 per investigare a proposito dei soprusi.* Poich la storia del Ventesimo secolo cos piena di orrori, pochi ricordano che, prima di Guernica e di Auschwitz, l'Amazzonia settentrionale fu teatro di uno degli episodi di sterminio scientifico cos comune a ll a nostra epoca. Le banche inglesi, in collusione con il "clan di Arana" e con tutti gli altri operatori pronti a chiudere un occhio, sostennero l'uso del terrore, dell'intimidazione e dell'omicidio per obbligare gli indio della foresta a raccogliere la gom* Per ulteri ori approfondimenti vedi W.E. Hardenburg, The Putumayo: The Devil's Paradise, Londra 1912. Vi sono an che ristampati estratti del rapporto di Casement. Vedi anche Michael Taussig, Shamanism, Colonialism and the Wildman, University Press of Chicago, Chicago 1987.

ma. Fu John Brown che and a Londra con Casement per portare prove alla commissione d'inchiesta dell'Alta commissione reale." Ritornai a parlare con lui i due giorni seguenti, mentre venivano fatti i preparativi per la nostra spedizione lungo il fiume. Fui impressionato dalla sincerit di Brown, dalla profondit della sua comprensione di me, dal modo in cui Roger Casement e un mondo quasi dimenticato, un mondo da me conosciuto solo dai brevi riferimenti dell' Ulisse di James Joyce, rivivevano e si muovevano davanti ai miei occhi durante quelle lunghe conversazioni sulla veranda. Parl a lungo di La Chorrera. Non era stato l dal 1935, ma finii per trovarla quasi come lui me la aveva descritta. La vecchia citt infestata dalla febbre al di l del lago non era pi l, ma si potevano ancora vedere i sotterranei degli schiavi indio con gli anelli di ferro ancora ben fissati nella pietra basaltica sudaticcia. Non c'era pi la famosa "Casa di Arana" e il Per aveva da tempo rinunciato a reclamare quell'area alla Colombia. Ma la vecchia citt di La Chorrera era spettrale cos come la vecchia pista della gomma, chiamata trocha, che noi avremmo utilizzato per percorrere i centodieci chilometri che separavano La Chorrera dal Rio Putumayo. Nel 1911 ventimila indio avevano dato la vita per costruire quella pista nella giungla. Agli indio che si rifiutavano di lavorare venivano tagliati con il machete la pianta dei piedi e i glutei. Ma per cosa? Affinch, secondo un tipico e surreale atto di ubris tecnocoloniale, un carro a motore potesse, nel 1915, percorrere quella pista. Era un viaggio dal nulla al nulla. Camminando lungo quei sentieri tristi e deserti, a volte mi sembrava di udire il suono delle voci e il rumore dei piedi incatenati. I monologhi di John Brown mi avevano preparato solo un poco a ll a singolarit di La Chorrera. La mattina in cui la nostra barca stava partendo per condurci lungo il fiume, facemmo una sosta presso la sua casa. Gli occhi e la pelle gli luccicavano. Era il custode della porta del plutonico mondo a Sud di Puerto Leguizamo e sapeva di esserlo. Mi sentivo come un bambino davanti a lui e lui sapeva anche questo. "Bye, Bye, babies. Bye bye", fu il suo secco addio.

* John Estacion River, uno storico colombiano, ha raccontato la storia in modo differente sostenendo che Brown era implicato negli omicidi e creando cos le basi per la storia del sanguinero.

2 NEL PARADISO D L DIAVOLO

In cui Solo Dark ed Ev vengono presentati e il passato di ognuno di noi viene narrato. Riflessioni filosofiche durante una languida discesa del fiume Putumayo.

cinque quando arrivammo a La Chorrera, ma eravamo sei a ripartire da Puerto Leguizamo. Io ed Ev vivevamo insieme, per quanto una coppia possa vivere insieme quando ogni notte deve scendere da una barca per appendere le proprie amache agli alberi, in compagnia di altre quattro persone. Ma anche lui era con noi: Solo Dark. Devo descrivervi Solo. Faceva parte di una setta religiosa con sede in Sud America e che non avevo visto nemmeno in India, chiamata la "Nuova Gerusalemme". I devoti, che erano quasi tutti fruttivori, erano una trib composta principalmente di americani, che dal 1962 o 1963 avevano scorrazzato per l'America latina, imbrogliandosi gli uni con gli altri, vivendo insieme, odiandosi e organizzando loschi intrighi. Comunicavano per mezzo di tavole ouija con entit che chiamavano "esseri di luce". Avevano costruito un'intera mitologia a proposito de ll a reincarnazione. Secondo loro, ognuno di noi una reincarnazione. Alcuni sostenevano di essere la reincarnazione di Rasputin; un altro, che era fuggito dalle alte sfere degli Hare Krishna e indossava sempre vesti bianche e stivali da pioggia anch'essi bianchi, era la reincarnazione di Erwin Rommell. Il leader dagli occhi infuocati dell'intero gruppo era Solo. Era stato il compagno di Ev per quattro anni.

11

0 DETTO CHE ERAVAMO UN GRUPPO DI CINQUE? ERAVAMO

NEI. PARADISO I>EI. DIAVOLO

26

VERE ALLUCINAZIONI

27

Devo forse chiarire che Solo era un tipo strano? Con la sua insondabile melanconia infantile e i suoi lunghissimi capelli selvaggi, aveva un aspetto imponente. Credeva di essersi incarnato in parecchi importanti personaggi storici: Cristo, Hitler, Lucifero. Era un clich deprimente e prevedibile al tempo stesso. Mi trovavo davanti a un dilemma assai strano, sebbene le mie categorie di pensiero non fossero affatto rigide. Avevo passato la maggior parte dei tre anni precedenti vivendo come un eremita solitario, imparando lingue asiatiche ormai morte e studiando lepidotteri nell'entroterra indonesiano, e non avevo familiarit con le abitudini tipiche dei pi esotici fra i miei coetanei nell'era del post-Charles Manson. Pensavo: "Non possiamo risolvere tutto amichevolmente? Non siamo tutti hippy felici?" Forse ero stato in Asia troppo a lungo; in ogni modo, stavo per imparare che tra gli entusiasti de ll a "Nuova Gerusalemme" c'erano un sacco di personaggi allucinanti e difficili da sopportare. Se Solo non approvava qualcosa che stavi facendo, guardava nel vuoto per un attimo e poi annunciava che proprio in quel momento gli "esseri di luce" gli avevano rivelato che non dovevi, per esempio, pelare la frutta con un coltello. Ogni piccola parte dell'esistenza era controllata da queste forze nascoste. Solo viaggiava con alcuni animali: cani, gatti, scimmie e aveva appunto una scimmia che pensava essere l'incarnazione di Cristo. Insisteva perch tutti gli animali fossero vegetariani e cos erano malnutriti e in cattiva salute e, mentre roteava gli occhi, mi diceva: "Questo Budda, questo Cristo, quello Hitler". Non che fosse proprio cos demente, esagero un po' per dare colore, ma era chiaro che nella mente di Solo la cosa si avvicinava alla mia descrizione. Quando partimmo da Puerto Leguizamo, eravamo in sei: io,Vanessa, Dave, Ev e Dennis. E Solo. Sei freak. Il nostro gruppo si era incontrato per la prima volta a Capodanno, poco pi di due mesi prima, quando ci imbattemmo in Solo ed Ev, che stavamo ancora insieme e non avevano alcuna intenzione di unirsi a noi. Il nostro incontro avvenne a San Augustine, una citt colombiana avvolta nella nebbia. Quella notte sembrava appartenere a un passato lontano. Soltanto un giorno o due dopo quella sera, io, Vanessa e Dave eravamo partiti per Bogot. Nei giorni seguenti alla nostra partenza, Ev e Solo litigarono furiosamente; all'apice della lite, Solo, in presenza di ospiti, la disarcion da cavallo gettandola in una profonda pozza di fango. Immediatamente Ev lo lasci e venne a Bogot in un appartamento che lei e Solo ci avevano offerto. Nelle due settimane in cui ci procurammo i materiali per la spedizione, io ed Ev cominciammo a es-

sere sempre pi vicini, cos lei si aggreg a noi quattro che costituivamo il gruppo originario. La forte luce andina che passava attraverso il lucernario del nostro appartamento diventava sempre pi intensa a causa dei riti di distacco e contaminazione che unirono me ed Ev. Ma questo non era un idillio per tutti. Per Vanessa, che una volta era stata la mia fidanzata, era certamente una fonte di risentimento; all'interno del labirinto specchiato dei sentimenti, le vie d'accesso erano aperte e invitanti. Le dissi: "Mi piace questa donna e per di pi parla spagnolo". Era il mio argomento migliore, ovvero l'unico che inducesse alla ragione. "Se davvero pensi che dobbiamo imbarcarci in un viaggio nel bacino delle Amazzoni, con la scarsa conoscenza della lingua che abbiamo, allora la cosa pi sensata che Ev venga con noi". A ll a fine Vanessa approv. Nel frattempo, la situazione si era complicata: Dave, ignaro del legame tra me ed Ev e de ll a sua rinuncia ad andare in Per, aveva invitato anche Solo. Durante il nostro primo incontro a San Augustine, Dave era stato molto impressionato da ll a conoscenza della Colombia che Solo aveva dimostrato e quindi gli aveva telegrafato, invitandolo a unirsi a noi a Florencia e a viaggiare con noi nelle Amazzoni! Quando a Florencia scendemmo da un vecchissimo aeroplano de ll a Colombian Air Force, con me c'erano Dave, Vanessa, Ev, Lhasa, quello era il nome del cucciolo di Ev, e mezza tonnellata di materiali che doveva essere trasportata lungo il Putumayo. Ad aspettarci all'aeroporto c'era Solo che pensava che la donna che aveva vissuto con lui per quattro anni fosse andata in Per con la reincarnazione di Rommell. All'aeroporto, quando scopr la verit, ci fu una scena patetica. Pi tardi, in citt, io ed Ev prendemmo una stanza d'albergo, lasciando a Solo il compito di tirare le sue conclusioni. La mia speranza era che Solo, vedendo che la vita di Ev aveva preso una nuova piega, se ne andasse per la propria strada. Ero sconcertato dal nostro incontro e siccome non brillo per coraggio e odio le tensioni, decisi di non affrontare la situazione. Solo venne nella nostra stanza. Parl della necessit di analizzare ogni punto di vista e poi concluse: "Sembra che io non abbia niente da fare qui. Penso che me ne torner a Bogot". "Grazie a Dio! ", pensai. Poi torn nella sua stanza a comunicare con gli "esseri di luce". Torn indietro dopo due ore dicendo: "Non lo potete trovare senza di me," si riferiva all 'oo-koo-h, "non sapete nulla della giungla. Io sono un uomo della foresta".

28

VERE ALLIJL,INAZIfDNI

NEL PARAIL1 1 SCD

D EL IL) I V f)L O

29

Con grande riluttanza approvai la sua idea e subito dopo volammo a Puerto Leguizamo. A questo punto con noi c'erano anche Solo, il suo cane, il suo gatto e la sua scimmia. Indossava una toga e aveva un bastone ornato di fasce di stoffa brillanti. Appariva minaccioso e ridicolo. Sapevo che le barche partivano da Pue rt o Leguizamo irregolarmente e pensai che forse avremmo dovuto aspettare per due settimane. L'albergo era minuscolo, il cibo terribile. Forse ci saremmo sfregati l'un con l'altra e allora Solo se ne sarebbe andato, ma lui si divertiva a obbligare Ev a lunghe e intense conversazioni: stava diventando un peso per tutti. Le cose non andavano cos come avevamo pensato. Trovammo una barca, la Fabiolita, che sarebbe partita entro due giorni; quindi ci accordammo e pagammo seicento pesos per la tariffa. All'alba de ll a mattina stabilita, i nostri animali, le macchine fotografiche, l'I Ching, le reti da farfalle, i blocchi per gli appunti, una copia di Finnegans Wake, l'insetticida, le zanzariere, le amache, i binocoli, i registratori, il burro di noccioline, un po' di droghe e tutte le altre cose di cui si pu avere bisogno nel bacino delle Amazzoni vennero ammucchiate sulla riva del fiume. Una volta saliti sulla piccola barca che sarebbe stata il nostro vascello, Ermito, il nostro capitano, ci indic la nostra cuccetta sopra le casse di soda. Ci inform che ci volevano da sei a dodici giorni per la nostra destinazione, a seconda di come sarebbero andati gli affari. John Brown venne a salutarci. Sventolava un grande fazzoletto bianco e, mentre salpavamo, si rimpicciol fino a diventare un puntino lontano. Pue rt o Leguizamo spar e il nostro mondo divenne il fiume, il verde, le nuvole di insetti, di pappagalli e l'acqua marrone. Eravamo nel mezzo del fiume sotto un cielo immenso. un momento delizioso quando uno ha fatto tutti i preparativi per un viaggio ed finalmente in movimento, senza pi alcuna responsabilit, poich quel peso stato passato a un pilota. Staccati dal mondo che stavamo lasciando, verso una destinazione ancora sconosciuta. Guadagnai un piccolo spazio dove mi sedetti a gambe incrociate e mi rollai una canna di erba proveniente dal chilo di Santa Marta Gold che ci eravamo portati dietro durante il mese trascorso a Bogot. Il flusso del fiume era come il ricco fumo che inalavo. Il flusso del fumo, il flusso dell'acqua e del tempo. "Tutto scorre", aveva scritto una volta un amato greco. Eraclito era noto come il filosofo piangente, come se le sue parole nascessero dalla disperazione. Ma perch piangere? Amo ci che dice e non mi fa piangere. Invece di interpretare panta rei come "niente resta uguale nel tempo", l'avevo sempre considerato come un'espressione occi-

dentale dell'idea di tao. E cos noi eravamo qui, nel flusso del Putumayo. Che lusso essere qui a fumare, ancora ai tropici, ancora nella luce, lontano dai luoghi della mo rt e. Lontano dalla vita vissuta in Canada sotto lo stato d'emergenza, sul confine di un'America folle e pregna di guerra. La morte di mia madre aveva coinciso con la perdita di tutti i miei libri e le mie pitture, che avevo collezionato e custodito e che erano bruciati in uno dei periodici roghi che devastano le colline di Berkeley. Cancro e fuoco. Fuoco e cancro. Via da queste cose terribili, dove gli edifici da Monopoli e la vegetazione simile a cera, crollavano nelle fenditure del paesaggio psichico vivente. Prima di tutto questo, c'era stata Tokyo: la sua atmosfera da pianeta nello spazio galattico, la pretesa di funzionare al ritmo del lavoro. Quanto disumano si pu diventare vivendo per un po' in una situazione disumana? Le notti in treno, le stanze senz'aria delle scuole di inglese akihabara: ma Tokyo ti faceva spendere quei soldi che potevano garantirti l'unica via d'uscita da quel circolo vizioso. Ripensai ai dieci mesi di alienazione che erano cominciati lasciando l'Asia tropicale. Come una cometa che viene attratta fino a scontrarsi con la propria stella, mi sentivo trascinato tra Hong Kong, Taipei, Tokyo e Vancouver, prima di passare per un'America assetata di guerra e poi fino all'oscurit di altri, nuovi e disperatamente poveri paesi tropicali. Il volo da Vancouver a Citt del Messico pass sopra mia madre che, per il primo inverno, dormiva nella sua tomba. Albuquerque era solo un intricarsi di autostrade nel vuoto della notte del deserto. Durante tutto questo tempo avevo un solo pensiero: l'Amazzonia. L, sul fiume, il passato tornava rompendo la tranquillit e scorrendo davanti all'occhio della mente, rivelando un'oscura struttura di sofismi interdipendenti. Forze visibili e nascoste che si estendevano nel passato, migrazioni, conversioni religiose: le nostre scoperte personali ci rendono un microcosmo di un pi grande disegno della storia. L'inerzia dell'introspezione conduce ai ricordi, poich solo attraverso il ricordo possiamo catturare e capire il passato. Siamo tutti attori nel gioco de ll a creazione del presente. Ma nei vuoti, nei rari momenti di deprivazione sensoriale, quando l'esperienza nel presente ridotta al minimo, come per esempio durante dei lunghi viaggi in aereo, o come durante un tranquillo viaggio interiore, allora la memoria libera di parlare e di richiamare i paesaggi dei nostri sforzi dai momenti ormai passati. Oggi, un oggi che oltre i confini di questa storia, un oggi in cui questa

30

VERE AILLUC'1(NAZUCDN11

NEL PARADISO

D EL DIAVOLO

31

storia lontana, non mi preoccupo pi del passato come facevo allora: vivo l'attimo presente in modo molto diverso. Ci aspettavano cinque giorni di viaggio lungo il fiume, cinque giorni in cui la mente avrebbe potuto giocare liberamente. Sul grande fiume le cui rive apparivano lontane, soltanto una linea verde separava il fiume dal cielo, il nostro mondo era diviso in due categorie: il conosciuto e l mistero. Il mistero spingeva le nostre conversazioni a cercare vuote analogie: il Putumayo era come il sacro Gange. La giungla evocava Ambon. Il cielo era come il cielo sopra la pianura di Serengeti e cos via. L'illusione di capire era una via distorta per sentirsi a proprio agio. Ma in questo gioco il mistero non rivelava i propri segreti, il Putumayo non diventava come il Gange: il mistero vuole essere trattato come tale, prima di essere svelato. Le sole cose familiari qui sono le persone venute con me. Esse appaiono come misure conosciute perch le ho conosciute nel passato. Cos quanto a lungo il futuro rester nella medesima relazione col passato, loro rimarranno conosciute. Certamente questa non era New York, Boulder o Berkeley e non facile prescindere dall'ambiente intorno, sviluppare un senso dell'azione pi appropriata senza andare alla ricerca del savoir faire. La fredda estetica dello straniero: "Chi, io? ! Io sono solo di passaggio". la conoscenza dei miei amici che, ai miei occhi, rende loro come finestre spalancate sul passato. Dennis pi di ogni altro. Aveva percorso un cammino lunghissimo vicino a me, non c' bisogno di tirare in ballo i geni che abbiamo in comune. La nostra connessione oltre il linguaggio e le parole, siamo cresciuti nella stessa casa e abbiamo condiviso gli stessi divieti e libert finch a sedici anni non me ne andai di casa. Ma in tutto quel tempo ero rimasto vicino a Dennis. Due anni e mezzo prima, quando avevo ventidue anni, viaggiavo nella stiva del Karanja di propriet della British Steam Navigation Company, ero debole e semidelirante, distrutto dall'orticaria, dal crepacuore e da ll a dissenteria. Gli otto giorni da Po rt o Victoria, nelle Seyche ll es, a Bombay, nel 1968 costavano trentacinque dollari e nonostante fossi malato, ero costretto a viaggiare nella classe pi scadente, altrimenti le mie finanze non sarebbero mai bastate per portarmi a casa. La mia cuccetta era fatta da una lastra di metallo che usciva dal muro. Cessi pubblici e il martello dei motori. L'acqua di sentina paludeggiava da un angolo all'altro del corridoio. Millecinquecento indiani cacciati dall'Uganda per la decisione del governo di africanizzare la nazione, viaggiavano nella stiva. Per tutta la notte le donne indiane andarono avanti e indietro dai bagni davanti al mio

corridoio pieno di melma e sussulti di motore. Senza hashish e oppio sarebbe stato insopportabile. Agli occhi di questi indiani borghesi, io e le mie consolazioni eravamo un esempio di assoluta depravazione e indegnit morale, cos mi additavano mostrando ai loro figli i mali degli hippy e della vita in generale. Dopo molti giorni in queste condizioni, mi svegliai febbricitante in piena notte. Nell'aria c'era un odore di curry, escrementi e olio di macchina. In qualche modo raggiunsi il ponte. La notte era calda e l'odore del cur ry mi inseguiva an che l fuori. Mi sedetti appoggiandomi a una scatola di metallo dai colori sgargianti contenente un estintore. Sentii che la febbre se ne andava e subito arriv una sensazione di sollievo. Il passato recente, la mia delusione romantica a ll e Seychelles e a Gerusalemme, sembrarono abbandonarmi per un attimo. Finalmente potevo pensare al futuro. Senza preavviso, un'idea mi attravers la testa: sarei andato in Sud America con Dennis; ne ero sicuro. E, con il tempo, questo accadde. Non subito, avrei vagato ancora un po' in Oriente ma infine, nel febbraio del 1971, la profezia si avver. Il fiume, la giungla e il cielo ci conducevano a La Chorrera. Questa barca era molto piccola, come la Karanja, ma il suo motorino a diesel era un'eco di pi grandi motori futuri. S, Dennis fu il primo. Mi venne in mente con i ricordi dei nostri giorni passati insieme in Colorado; era l, come sempre, vicino a me, eravamo due mosche congelate in ricordi d'ambra di gite nei pomeriggi d'estate.

Per gli altri, un'altra storia. Io e Vanessa eravamo stati insieme a Berkeley dal 1965 al 1967. Eravamo due studenti su posizioni politiche radicali. Lei veniva da New York, dall'Upper East Side. Suo padre era un grande chirurgo, la sorella maggiore una psicanalista, sua madre dava ricevimenti per le mogli dei delegati delle Nazioni unite. Vanessa era passata per varie scuole private poi, con un gesto liberal, i suoi genitori l'avevano mandata a Berkeley, un'universit statale. Lei era intel ligente e aveva un'inclinazione selvaggia per la sua bizzarra sessualit e i suoi grandi occhi marroni non potevano nascondere una crudelt da gatto e il suo amore per i giochi di parole. Facevamo pa rt e del college sperimentale a Berkeley ma, nell'autunno del 1968, io andai a New York cercando di vendere il manoscritto che avevo scritto durante il mio

32

VERE ALLUCINAZIONI

NEL PARADISO ]OIEI. DIAVOLO

33

isolamento a lle Seychell es. Era una folle dissertazione in stile McLuhan che, fortunatamente, nessuno pubblic ma, durante lo strano autunno di quell'anno, con quel lavoro, volai a New York, dove non conoscevo nessun altro all'infuori di Vanessa. Mi tir fuori dal dormitorio della Quarantatreesima Strada e mi convinse a trasferirmi all"`Hotel Alden" a Central Park West, un posto che sua madre aveva scelto per me. La nostra partenza sul fiume, verso il cuore de ll e Amazzoni, avvenne tre anni dopo il languido momento in cui io e Vanessa sedevamo insieme in un ristorante all'aperto vicino alla fontana di Central Park, lei con il suo Dubonnet e io con la mia Lowenbrau. Agli occhi del povero studioso e del rivoluzionario che pensavo di essere, la scena nella sua casuale eleganza appariva da film, ma i costi di produzione erano decisamente pi alti di quelli che potevo permettermi. La conversazione si spost su mio fratello, che allora aveva solo diciotto anni e che Vanessa non aveva mai incontrato: "Dennis davvero una sorta di genio. In ogni modo, sono suo fratello e ho grande stima per lui, perch l'ho visto crescere da vicino". "E lui ha avuto un'idea che consideri ricca di potenzialit, non vero?", domand lei. "Detta cos, una banalizzazione. Penso che abbia preso l'angelo della gnosi per la gola e che l'abbia messo al tappeto. Quest'idea secondo cui alcuni allucinogeni lavorano inserendosi nel DNA grandiosa. Contiene una pa rt e di verit che non posso ignorare. La rivoluzione politica si sta sputtanando. Quindi adesso la cosa pi interessante nella nostra vita il DMT, no?" "Rispondo di s, ma ho dei seri dubbi." "Dubbi solo perch po rt a a conclusioni estreme e sconvolgenti. Forse dovremmo smetterla di cazzeggiare e dovremmo affrontare il mistero del DMT. Chiunque abbia studiato la storia de ll a civilt occidentale per almeno dieci minuti pu capire che questa cosa ti mette in contatto con... una specie di oltraggio che, se lo capisci, potrebbe, e sai che penso proprio di s, avere una grandissima importanza per la crisi storica che coinvolge tutti." "OK. Diciamo che sospendo ogni giudizio. Allora che si fa?" "Non sono sicuro. Cosa ne dici di un viaggio in Amazzonia? L le piante allucinogene sono endemiche e, sempre l, c' abbastanza isolamento per tutti." "Forse. Io sto cercando di partecipare a uno scavo nel deserto di Gibson, in Austra li a, l'anno prossimo." "Capisco. Io, invece, ho deciso di darmi al commercio di hashish in

Asia per qualche mese. No, questo viaggio amazzonico, se mai avverr, per il futuro. Ma dovresti pensarci e c' dell'altro..." "Lui abbass la voce in tono misterioso...", disse Vanessa imitando un commentatore radiofonico. "S. L'altro sono i dischi volanti. So che sembra demenziale, ma credo che le due cose siano connesse. Non mi ancora chiaro come. Fortunatamente c' tempo di scoprirlo, ma credo che il DMT sia connesso con la parte psichica-junghiana dei dischi volanti. un po' oscuro, lo so. solo un sospetto, ma forte."

Dave era qualcosa di diverso. Lo chiamavamo "il figlio dei fiori". Era divertente, un'amalgama paradossale di ingenuit e intuizioni. Se nei negozi avessero venduto un costume da Arlecchino, lui l'avrebbe comprato. Un conte polacco, ambasciatore a ll a corte di Elisabetta la Grande e amico del dottor John Dee, uno dei miei idoli personali, dava lustro alla sua genealogia. Avevo incontrato Dave nell'estate del 1967 a Berkeley. Facevamo l'autostop insieme all'incrocio della Ashby e della Telegraph, e quando un'anima pia ci caric entrambi, facemmo conoscenza mentre la macchina passava sul ponte per San Fr an cisco. A Berkeley, Dave si manteneva vendendo il "Berkeley Barb" e ogni altra cosa che puoi vendere quando te ne stai sempre in giro. Dopo quei tempi, Dave si era laureato, sia alla comune newyorkese che aveva idealizzato sia alla Syracuse University in etnobotanica. Ci scrivemmo quando ero a Benares e lui si convinse a venire con me nel bacino delle Amazzoni. Nelle giungle e nelle montagne del Sud America avrebbe trovato un mondo ancora pi affascinante di come se lo immaginava. Oggigiorno, non ancora ritornato dal nostro viaggio. Ci vollero quasi due anni prima di mettere in pratica i nostri piani. A fine agosto del 1969, il destino mi aveva tramutato da contrabbandiere di hashish in fuggitivo, quando una delle mie spedizioni Bombay-Aspen non era passata inosservata a ll a dogana americana. Passai in clandestinit e me ne andai per il Sud-Est asiatico e l'Indonesia, ad ammirare rovine e collezionare farfalle. Poi andai in Giappone. Dubito che questo mi desse il primato in esperienza sugli altri. In ogni modo, il mio nuovo status di desperado non argin la mia passione per l'Amazzonia. Sognavo ancora di visitare le verdi dimore dei nativi. Infine, io, Vanessa e Dave ci incontrammo a Victoria, nella Colombia

34

VERE ALLUCINAZIONI

NE L ;PA[gAD1SO ][DIEL DIAVOLO

35

Britannica. Vivemmo l per tre mesi in una casa di legno che affittammo da una famiglia di sikh. Frugavamo a ll a ricerca di articoli, scrivevamo lettere e mantenevamo una corrispondenza costante con Dennis che era in Colorado. Preparando l'impresa, ammassavamo informazioni su quel mondo quasi mitico che nessuno di noi aveva mai visto. Mentre vivevo in Canada mia madre mor, dopo una lotta con il cancro. Quando venne sepolta, l'isola di Vancouver, persa in un vortice di neve, spar finalmente dal nostro orizzonte. Alla fine, il nostro viaggio stava cominciando a sembrare possibile: una dopo l'altra le barriere che ostacolavano la nostra entrata nel mondo magico svanirono. Dal diario del mio primo giorno sul fiume:
6 febbraio 1971 Siamo finalmente liberi dal cordone ombelicale che ci lega alla civilt. Questa mattina, sotto l'incerto cielo che caratterizza l'Amazzonia durante la stagione secca, siamo partiti. Siamo parte di una flotta di venditori di benzina e bibite diretta a La Chorrera, flotta che ci porter fino a El Encanto sul Rio Cara-Parana. Mentre mi muovo verso il centro della geografia del segreto, sono indotto pi che mai a considerare il significato di questa strana ricerca. Ho difficolt ad analizzare il contenuto delle mie aspettative. Non ho dubbi che, procedendo oltre, raggiungeremo ci che vogliamo. Abbiamo cercato cos a lungo questa cosa ed cos difficile da capire. Le proiezioni, riguardo chi saremmo stati o cosa avremmo fatto una volta finito il viaggio, sono inconsciamente basate sul presupposto che la nostra esperienza non ci trasformer, presupposto che senz'altro falso, ma l'alternativa pu essere immaginata solo con grandi difficolt intellettive. Pi tardi: due ore da Puerto Leguizamo, i venti ci hanno obbligato a fermarci sulla riva peruviana per aspettare che il tempo migliori. Siamo a Puerto Naranja. Non nemmeno segnalato sull'atlante. Diviene subito chiaro cosa significhi viaggiare su questo fiume. Seguire il canale implica muoversi da una riva all'altra, molto vicino a terra. La terra ricoperta dalla giungla come da un baldacchino. Mi ricorda Central Seram o la costa di Ambon, una foresta venusiana. Il sordo tamburo del motore, il tubare dei piccioni che fanno parte del nostro carico. Come il sacro Gange, la scura e tranquilla acqua del Putumayo scorre in fretta attraverso i nostri sogni e i nostri castelli in aria. Solo mi fissa in continuazione.

Il conosciuto svanisce. Il fiume immenso. Il mistero della situazione presente sta nella stranezza di questo posto. La monotonia dell'acqua. Discendere il Rio Putumayo per cinque giorni ci porter alla foce del Rio Cara-Parana. L c' una missione chiamata San Raphael. Stiamo cercando il dottor Alfredo Guzman, citato in uno dei nostri documenti come il possessore di un campione dell'oo-koo-h che stiamo cercando. Guzman un antropologo che lavora con i witoto a Nord di San Raphael, in un minuscolo villaggio suggestivamente chiamato San Jose del Encanto. Questo villaggio situato all'inizio delle antiche piste dei raccoglitori di gomma che conducono attraverso la giungla fino a La Chorrera. Guzman potrebbe aiutarci nella nostra ricerca e trovarci dei portatori da ingaggiare per il viaggio sulla terraferma. Ma ancora molti giorni ci separano da lui. Nel frattempo, l'affollato mondo di questa barca per commerci, la Fabiolita, diventa il nostro; il suo scopo vendere scarpe di plastica, cibo in scatola e lenze da pesca ai piccoli agglomerati di case che appaiono sulla riva ogni giorno. Quando arriviamo e sbarchiamo, mentre il jefe della barca fa negocios con i colonialistas, cammino nella giungla con il mio retino da farfalle, sperando di sfuggire a lle fameliche zanzare che sciamano vicino all a barca all'ancora. A volte ci sono lunghe animate conversazioni a cui tutti prendono parte. A volte, cade su di noi un silenzio che continua per ore, ogni volta che ci rilassiamo osservando la riva o scivolando nella siesta.
7 febbraio 1971 Domenica. Ieri notte siamo arrivati in un luogo senza nome e abbiamo usato le zanzariere e le amache per la prima volta da quando siamo nelle Amazzoni. Alle otto del mattino siamo di nuovo sul fiume sotto un plumbeo cielo piovoso. Gli umori via via che ci avviciniamo al segreto sono molti. L'aria ricca di ossigeno e gli odori che ci raggiungono dalla foresta di liane cambiano con la frequenza di una sonata. Brevi fermate ai controlli di polizia e su rive deserte, caratterizzano anche questa giornata. Oggi, dopo quaranta minuti di viaggio mattutino, passando per un punto dove l'acqua era poco profonda, siamo arrivati su di un argine di creta nella parte peruviana del fiume. Qui, migliaia di pappagalli erano riuniti intorno a una pozza di sale. L'acuto suono della loro voce collettiva e i corpi verdi iridescenti che attraversavano l'aria aumentavano l'impressione di muoversi in un mondo acquatico venusiano. Siamo sbarcati e alcuni dell'equipaggio hanno catturato

36

VERE

ALLUCINAZIONI

NEQ. PARADISO

DEL DIAVOLO

37

qualche pappagallo, aggiungendoli alla lunga lista di mercanzie della barca. Includendo la nostra piccola scimmia, la popolazione animale di quest'arca dei folli conta due cani, tre scimmie, un gattino, una specie di daino, un gallo, un maiale e una gabbia di piccioni. Oggi luna piena e domani arriveremo a El Encanto. L, secondo i piani, dovremmo incontrare il dottor Guzman. Le tensioni che ci dividono sono evidenti. Vanessa e Solo, che hanno pochissimo in comune, sembrano buoni amici. forse perch ho fatto incazzare Vanessa? Non va affatto bene. Dennis calmo. Dave si preoccupa della scorta di cibo; cronicamente preoccupato. Ed pure ingenuo. Pensa addirittura che uno possa togliersi le scarpe, andare da un fratello indiano, dirgli che vuole imparare i segreti della foresta e che l'indiano risponderebbe: "Certo, figlio. Vieni con noi e ti insegneremo i segreti della foresta". Ora che si deve confrontare con la realt della giungla, non sembra pi cos sicuro. Gli animali di Solo cadono dalla barca quasi ogni ora. Il capitano ci odia perch dobbiamo fermarci a ripescare le scimmie a mollo.

di cartone animato, mi posso immaginare gli abitanti che si riversavano terrorizzati per le strade con gli occhi fuori da ll e orbite e con pettinature bombate stile anni Cinquanta, tra le luci e lo smog, per sfogare la loro isteria davanti a lle inquadrature dei telegiornali. Non sapendo nulla del mondo al di l dell a foresta e del fiume, tornai all'amaca esaltato e su di giri, quel bizzarro momento cos strano sembrava un presagio di grandi eventi.

Quella notte campeggiammo sulla riva peruviana. Dopo il tramonto, intorno al fuoco, la conversazione si spost sull'imminente eclissi di luna. Pensammo al destino dell'equipaggio dell'Apollo 14 che quella sera stava tornando da quella stessa luna. Quella era l'ultima notizia che avevamo ricevuto prima di partire da Pue rt o Leguizamo. A un certo punto, nel cuore della notte, mi svegliai nell'amaca e, dopo aver ascoltato i rumori degli insetti, mi misi gli stivali e me ne andai su una piccola collina che stava sopra il luogo dove avevamo lasciato la barca. L osservai il fiume e la via per cui eravamo giunti. Ora tutto era trasformato, la giungla era spettralmente silenziosa, la luna era ridotta a una fetta arancio-rossa, l'eclissi era vicino alla totalit. Lo spettacolo e la sensazione erano totalmente "altro". Soli, nell'immensit della giungla e di fiumi grandi pi di quanto avessi mai visto, sembravamo testimoni di una diversa dimensionalit, dello scontro di geometrie extraterrestri: signori di luoghi mai visti n sognati dall'uomo. Pochi chilometri lontano, la pioggia stava cadendo da una nuvola immobile nel cielo; il fogliame sembrava nero con frecce d'arancio. In quel momento non sapevo che l'eclissi, che mi aveva chiamato dall'amaca a questa vista soprannaturale, avrebbe innescato uno spostamento di miliardi di tonnellate di roccia lungo la faglia di Sant'Andrea in California. Il caos stava per scoppiare nell'inferno di Los Angeles. In una specie

3 LUNGO tC7N C AM M NO SP N,TTRAII,E


In cui incontriamo un bizzarro antropologo e sua moglie, ci separiamo da Solo Dark, e raggiungiamo la nostra destinazione alla Missione La Chorrera.

L GIORNO SUCCESSIVO, POCO DOPO L'ALBA, LA NOSTRA BARCA

abbandon il vasto corso del Putumayo e volt verso il Rio Cara-Parana per gli ultimi chilometri prima di San Raphael, dove saremmo sbarcati. Il Cara-Parana rientrava perfettamente nella mia idea di vero fiume della giungla, dal momento che era largo poche decine di metri nel punto pi ampio e aveva una vegetazione rigogliosa che cresceva sulle rive. Il suo flusso era cos sinuoso e imprevedibile che non si riusciva mai vedere oltre qualche centinaio di metri. A met mattina arrivammo a un promontorio sulla cui cima era issata una bandiera bianca e dove si potevano scorgere alcuni costruzioni sgangherate che per gli standard del posto, delle palafitte col tetto di paglia, parevano lussuose. Quella era la "Missione San Raphael". Fummo ricevuti senz'alcun entusiasmo da Padre Miguel. Era un castigliano magro, con occhi scavati e un inizio di paralisi provocato anni prima dalla malaria. Era stato in Amazzonia per pi di trent'anni. Non era possibile leggere sul suo volto cosa pensasse di noi. Aveva visto antropologi, botanici e avventurieri, ma percepii che i nostri capelli lunghi e il nostro atteggiamento rilassato lo innervosivano. Il suo nervosismo aument quando domandai del dottor Guzman. L'aggrottarsi del suo volto rese chiaro che la mia domanda toccava un
39

40

VERE ALLUCaNAZ1ONIl

LUNGO YJN CAMMINO SPETTRALE

41

punto dolente. In ogni modo ci fu offerto un passaggio fin dove partiva un sentiero per San Jose del Encanto. "Si, il dottor Guzman senza dubbio l. passato di qua tre settimane fa per tornare ai suoi studi linguistici. Sua moglie era con lui". Il volto del prete si fece pi duro. "Potete essere sicuri di trovarlo." Ci fu offerto il pranzo da ll a suora in servizio; La Madr era il nome designato per la madre superiora in queste missioni. Mentre mangiavamo, Ev fece altre domande al prete riguardo a La Chorrera. Lui conferm che a una spedizione sarebbero occorsi cinque giorni per percorrere il sentiero. Quando gli facemmo presente il nostro bisogno di portatori, Padre Miguel ci disse che forse avremmo trovato aiuto a El Encanto, ma eravamo nella stagione di caccia e gli uomini sarebbero stati riluttanti ad abbandonarla per andare a La Chorrera. Poich non volevamo caricarci di pesi nell'ultimo tratto per La Chorrera, dopo pranzo ricontrollammo i nostri bagagli. Con riluttanza abbandonammo molti libri mentre il nostro archivio di piante e droghe fu ridotto all'essenziale; le macchine fotografiche e l'equipaggiamento per collezionare insetti furono depositati e tutto venne messo in un baule e dato in custodia al prete fino al nostro ritorno. Il cucciolo di Ev, Lhasa, fin nelle mani della Madr, la cui ammirazione per la bestia sembr un'opportunit troppo ghiotta per non essere sfruttata. Il lavoro fin e noi caricammo i nostri bagagli alleggeriti sulla veloce barca del prete: un grande lusso in un mondo dove una canoa il mezzo di trasporto migliore. In pochi minuti eravamo sulla superficie marrone del fiume, al centro di un'onda di tremendo rumore meccanico. Il prete sembrava pi umano e tranquillo, con la sua tunica marrone mossa dal vento e la sua lunga barba che ondeggiava a ll a luce del sole. Dopo quaranta minuti di viaggio, avevamo gi coperto la distanza percorribile in un giorno da una canoa. Improvvisamente il prete gir la piccola barca ad angolo retto rispetto al flusso del fiume e la diresse verso una striscia di terra. Il posto non sembrava essere meno desolato di qualunque altro luogo che avessimo incontrato dur an te la nostra selvaggia discesa del fiume, ma il prete si arrampic sulla sponda e ci indic un largo sentiero parzialmente ricoperto di rampicanti. Mentre scaricavamo le nostre scorte sulla sabbia, Padre Miguel ci spieg che c'era un chilometro per raggiungere il villaggio. "Sono sicuro che verrete degnamente ricevuti", disse il prete dal fiume mentre girava la sua piccola barca. Poi spar. Per molto tempo, dopo che lo avevamo visto scomparire dietro una curva sul fiume e che il suono dei motore era cessato, la superficie cristallina del fiume continu

a muoversi mentre si infrangeva sulle rive come l'ultima eco di un insolito turbamento. Silenzio. Poi l suono acuto degli insetti attravers la zona come un sipario che si apre. Silenzio di nuovo. C'era la giungla, il fiume e il cielo. Nient'altro. Eravamo soli ora, senza alcuna guida e, in quel momento, su quella lingua di terra sulla sponda di un fiume de ll a giungla identico a centinaia di altri fiumi, ce ne rendemmo tutti conto. Il senso di sospensione del tempo non poteva durare. Dovevamo trovare il villaggio e fare tutto il possibile per trasferire le nostre provviste lontano dal fiume. Dovevamo agire prima del tramonto; ci sarebbe stato tempo pi tardi per contemplare la situazione. Nessuno voleva rimanere di guardia al mucchio delle provviste, quindi le nascondemmo nei cespugli lontano da lla sponda e ci incamminammo lungo il sentiero. Vanessa port le sue macchine fotografiche, io portai la mia rete da farfalle col manico retrattile in vibra di vetro. Il sentiero, ben curato, era largo e facile da seguire. Lontano dalla riva, la vegetazione diveniva meno rigogliosa, cos camminammo attraverso un terreno spelacchiato ed eroso. Il terreno era fatto di argilla lateritica rossa che, dove era esposta al sole, era cotta e divisa in frammenti a forma di cubo. Dopo mezz'ora di cammino, incontrammo una lenta e lunga salita e ci trovammo di fronte a un gruppo di case costruite su un terreno sabbioso vicino ad alcune palme. Ci colp la forma di una strana casa al centro del villaggio, che era diversa da tutte le altre. Mentre osservavamo la scena, qualcuno stava osservando noi e la gente cominci a correre e urlare. Alcuni correvano in una direzione, alcuni in un'altra. A ll a prima persona che ci raggiunse chiedemmo del dottor Guzman. Circondati dalla gente che ridacchiava e sussurrava, fummo scortati a ll a casa pi curiosa. La struttura era fatta di foglie di palma infilate tra lunghi bastoni arcuati. Non aveva finestre e appoggiava sul terreno, assomigliava a una pagnotta di pane integrale. La riconoscemmo come una malloca, il tipo di casa tipico dei witoto. Dentro c'era Alfredo Guzman che riposava su un'amaca appesa tra due pali anneriti dal fumo. La sua faccia era innaturalmente scarna, aveva occhi scuri e scavati, e le sue mani erano nervose e scheletriche. Non si alz, ma fece cenno di sederci a terra. Solo quando mi accomodai vidi che dietro l'amaca, nell'angolo buio della malloca, c'era una donna bianca grassoccia con pantaloni color kaki che puliva dei fagioli in una pentola witoto. Dopo che ci fummo seduti, lei alz lo sguardo. Aveva gli occhi azzurri e anche tutti i denti.

42

WERE ALLUCINAZIONJ

LUNGO U N CAMMINO SPETTRALE

43

Poi Guzman parl rivolgendosi a nessuno di noi in particolare: "Mia moglie condivide i miei interessi professionali". " fortunato," comment Vanessa, "le sar d'aiuto". "S". L'asciutta risposta lasci un silenzio teso. Decisi di andare al punto. "Dottore, le mie scuse per avere disturbato la sua solitudine e l'ambiente intorno. Capiamo perfettamente l suo desiderio di non essere distratto dal suo lavoro. Vogliamo andare a La Chorrera prima possibile e speriamo che lei possa aiutarci a ingaggiare portatori. Inoltre abbiamo uno scopo particolare. Mi riferisco all'allucinogeno virola di cui lei ha parlato a Schultes." Chiaramente sto facendo una sintesi di quanto gli dissi. Parlai pi a lungo e arrivai al punto in maniera meno diretta. Parlammo pi o meno venti minuti. Alla fine Guzman disse che ci avrebbe aiutato con i portatori, ma che ci sarebbe voluto qualche giorno. Scoprimmo che Guzman era un ardente strutturalista, marxista e maschilista e che il suo coinvolgimento con i witoto raggiungeva livelli maniacali. I suoi colleghi a Bogot lo consideravano un po' picchiato. La nostra ricerca dell'oo koo h non ricevette nessun incoraggiamento da parte sua, anzi ci disse che era un segreto maschile che stava morendo lentamente. A lla fine della discussione, il nostro piccolo gruppo, accompagnato da una dozzina di indigeni, si diresse verso il fiume e trasport il nostro equipaggiamento fino a una capanna in disuso vicino al villaggio. Mentre preparavamo il campo, Annalise Guzman ci port del caff fumante e si ferm a chiacchierare con noi. Al contrario di suo marito, lei sembrava contenta pi che disturbata da lla nostra presenza. Mentre parlava, cominciammo a farcene un'idea. Aveva frequentato la London School of Economics, aveva studiato antropologia e proseguito gli studi in Colombia, dove aveva incontrato Guzman, pi vecchio di lei ma entusiasta della professione. Ora viveva una vita da pendolare, spostandosi tra il mondo duro e competitivo dell'Universit di Bogot e il piccolo villaggio di San Jose del Encanto. La dipendenza di suo marito alle foglie di coca la preoccupava. Come tutti gli uomini witoto, Guzman era un entusiasta de lla coca e, masticandola costantemente, era diventato un po' paranoico. Ogni volta che lo vedevamo al mattino, lui aveva il mento macchiato di coca. Poich la trib era dura verso le donne, Alfredo, per meglio integrarsi nella societ, aveva imposto ad Annalise di comportarsi come le donne witoto. La cosa richiedeva il macinare le radici di yucca con le pietre e il preparare le
-

foglie di coca il cui uso era proibito alle donne. Mentre gli uomini se ne stanno sdraiati sulle amache ascoltando la radio, le donne devono stare con i cani e i figli per terra. A lle cinque di pomeriggio, le donne vengono mandate a dormire con i cani e i figli. Gli uomini si ritirano nella capanna riservata agli uomini a raccontarsi storie e masticare coca fino a lle quattro di mattina. Scoreggiare la loro forma di divertimento favorita. Ci sono diecimila variet di scoreggia e sono tutte sguaiatamente apprezzate. Vivemmo con questa gente gomito a gomito, rimanendo in quella spiacevole situazione fino alla mattina del 18 febbraio. Infatti ci volle una settimana perch due ragazzi lasciassero la caccia per aiutarci a portare le nostre provviste a La Chorrera. Eravamo contenti della pausa nel viaggio, poich la discesa con la Fabiolita ci aveva stremato. Passai un po' di tempo collezionando insetti, scrivendo o meditando sull'amaca. Quella settimana vedemmo raramente Guzman. Ci trattava con la stessa noncuranza con cui ci trattavano gli altri capi della trib. Non erano tutti cos timidi; c'erano sempre alcuni witoto di tutte le et a osservare le nostre attivit. In una delle sue uscite pi bizzarre, Guzman ci invit a rispondere a tutte le domande riguardo le relazioni sessuali all'interno del nostro gruppo, dicendo che eravamo tutti fratelli e sorelle. Questa affermazione suscit chiaramente lo stupore di ogni essere senziente l presente. Ma la gente del villaggio ci trovava interessanti, proprio perch l'uomo esperto in tutto ci che proveniva dal mondo esterno, cercava di convincerli che un gruppo di gente cos diversa tra loro era formato da fratelli. Cos era fatto il buon dottore. Una volta, nel caldo pomeridiano, mentre ero solo a collezionare insetti nella foresta, salii su un albero da cui vidi Guzman, immobile di fianco a un piccolo ruscello con in mano una lancia da pesca. Tornammo al villaggio insieme e mentre camminavamo mi parl della sua visione della vita. "Il pericolo si nasconde ovunque. Non nuotare mai solo nel fiume. Esseri enormi stanno nascosti sotto la superficie. C' l'anaconda. I fiumi ne sono pieni. I serpenti sono dovunque. Stateci attenti andando a La Chorrera. La foresta non perdona gli errori." Avevo passato mesi nelle giungle dell'Indonesia e ogni giorno dall'inizio del viaggio, in queste foreste amazzoniche, avevo collezionato insetti. Riguardo ai rischi della foresta avevo un'idea personale che non era cos cupa come i pensieri del personaggio che gesticolava freneticamente camminando al mio fianco. Chiaramente era stata una sfortuna imbattersi in una situazione cos tesa. Guzman trattava sua moglie con il pugno di ferro. Viveva in

44

VERE AULU011,1AZ1ONII

LUNGO UN CAMMINO SPETTRALE

45

un mondo da incubo e di delusioni portate all'estremo dal consumo di coca. Sua moglie non aveva parlato con nessun anglos dal suo arrivo nella giungla. Lei naturalmente si chiedeva cosa stesse accadendo. Non le era permesso masticare coca e lui si comportava sempre di pi come un witoto. Ci furono strani incidenti che innervosirono tutti. Un serpente di una specie pi velenosa di ogni tipo di vipera fu ucciso vicino al villaggio, portato indietro e mostrato in giro. Incidenti? Diciamo piuttosto sfortuna e presagi. Un mattino un'enorme tarantola, la pi grande che avessi mai visto, fu trovata in mezzo al villaggio. Ce l'aveva forse messa qualcuno? Due notti prima della partenza, un albero bruci vicino a ll a nostra capanna. L'evento sembr indubbiamente ostile e cos accelerammo i preparativi per la partenza. Ma senza i portatori non potevamo andarcene e avremmo potuto ingaggiarli solo quando gli uomini fossero tornati da ll a caccia. Da Guzman non strappammo alcuna informazione. Riguardo l' ookoo-h disse: "Ridicolo, amici miei. Non lo troverete. Questa gente non parla nemmeno lo spagnolo, ma solo witoto. Quarantamila di loro furono uccisi qui, cinquant'anni fa. Non c' nessuna ragione perch voi gli siate simpatici, e la droga supersegreta. Che ci fate qui? Vi invito ad andarvene finch potete". In ogni modo qualche informazione la ricavammo. Scoprimmo che l'oo-koo-h era fatto con la cenere di alcuni alberi mescolata con la resina di DMT. Questa sintesi era la chiave per la sua attivit orale, infatti normalmente il DMT verrebbe distrutto dagli enzimi intestinali. Dennis era determinato a fare un'identificazione botanica degli attivatori segreti. Idealmente, speravamo di essere i primi ad avere buoni campioni di queste piante. Sarebbe stato il nostro piccolo contributo all'etnobotanica amazzonica. Finalmente, il 18, noi sei, in compagnia di due witoto, partimmo. Il capitan del villaggio ci salut. Anche Guzman sorrise, felice all'idea di tornare a ll a vita normale dopo aver dovuto ospitare una delegazione della trib elettronica globale. Nessuno pi di me era felice di lasciare il villaggio. Mentre camminavamo sul sentiero, la trocha, sentii il mio spirito risollevarsi. Finalmente tutti gli ostacoli erano passati. Esclusivamente Solo rimaneva a tormentarmi. Decisi che avrei dovuto far esplodere il problema. Le relazioni all'interno del nostro gruppo stavano diventando veramente strane. Solo combinava casini. Insisteva per essere il primo sul sentiero. Si allontanava di molto e poi lasciava bastoncini appuntiti sul terreno formando strani disegni: feticci. Durante il nostro viaggio lungo il fiume prima di arrivare a El Encanto,

fumavamo erba tutto il tempo. Solo se ne stava seduto a fissarci per ore. All a fine arrivai all a conclusione che volesse uccidermi e che probabilmente era andato di testa. Per strano che potesse apparire, il mio destino sembrava quello di essere accoppato dall'ex fidanzato psicotico di una tizia, il quale era riuscito a infiltrarsi nella nostra spedizione. Contemplai l'ironia della situazione. Ricordai che il guru dei funghi Gordon Wasson e sua moglie erano stati accompagnati da un agente della CIA in incognito durante il loro secondo viaggio al villaggio dei funghi di Huatla de Jimenez, sulle remote montagne di Mazatecan, in Messico. La storia psichedelica sarebbe stata differente se Wasson si fosse accorto di quel goffo tentativo di controllarlo. Poi, quell'assurda convinzione della CIA, secondo cui la psilocibina avrebbe dovuto rimanere per sempre "un caso sotto controllo", non sarebbe stata concepita. Fu solo infatti con la rapida pubblicazione della struttura molecolare della psilocibina da parte di Albert Hofmann, il farmacologo svizzero che aveva inventato l'LSD, a scombinare quegli oscuri piani. Ripensai ai grandi momenti decisivi della storia. Ricordai la frase di John Wayne: "Un vero uomo si deve solo comportare da vero uomo! " Con questo pensiero in testa, colsi l'occasione, mi fermai lungo il sentiero e, ad alta voce, feci presente che Solo era la pi grande testa di cazzo dell a terra. In altre parole, buttai benzina sul fuoco. Per un momento sembr che ci saremmo scannati. V an essa cominci a urlare e a spingerci da parte. I portatori witoto erano rimasti a bocca aperta. La rissa non continu, ma alla fine della giornata Solo decise di tornare indietro. Non aveva soldi e soffriva terribilmente per un ascesso a un dente. Non c'era motivo per lui di stare l. Lo stress da isolamento e l pessimo cibo possono spingere anche una persona normale oltre il limite e io ero convinto che lui fosse completamente fuori e pronto a tutto. Masticava coca per ridurre il dolore al dente, ma ci non lo aiutava. Aveva bisogno di cure mediche. Quella notte venne da me e mi disse che non aveva abbastanza soldi per tornare indietro risalendo il fiume. Mi offri un chilo della sua erba e io non ci pensai due volte e gli diedi cento dollari. Quando al mattino smontammo il campo, se n'era gi andato. Intorno a noi la giungla, davanti a noi il segreto. Dopo la partenza di Solo, mi sentivo come Van Veen, il priapico eroe di Ada, la surreale storia d'amore scritta da Nabokov. Dopo tutto, quante volte abbiamo la soddisfazione di vincere un rivale? Soprattutto un rivale che sostiene sinceramente di essere Ges Cristo e Hitler?

LUNGO

UN 'CAMAAIlNG SPETTRALE

46

VERE ALLUCINAZIONI

Era splendido andare verso La Chorrera, sotto il baldacchino di liane dell a foresta amazzonica. Di tanto in tanto, sorprendevamo iridescenti morphoea azzurre, farfalle della dimensione di un piatto, mentre oziavano tranquillamente su grandi foglie, lungo la pista. All'improvviso, si alzavano in volo con un meraviglioso spettacolo di azzurro sgargiante che in breve svaniva nel cielo. Procedevamo con passo veloce e, mentre andavamo, i miei pensieri tornavano a Nabokov e alle profetiche parole scritte in Pale Fire dal suo personaggio, il poeta americano apocrifo John Shade: e quella volta rara l'iridescenza, quando cos be ll a e strana nel cielo luminoso sopra la montagna la nuvoletta opale dalla forma ovale riflette l'arcobaleno di un temporale che in una lontana valle si scatenato, essa nella sua arte ci ha imprigionato. Quella notte ci accampammo sotto una tettoia di paglia dove c'era un segnale che ci fece capire di aver percorso durante la giornata venticinque chilometri. Mangiammo bene quella sera: formaggio in scatola e un minestrone liofilizzato e, al mattino, eravamo di nuovo in marcia mentre la nebbia mattutina svaniva. Fu un giorno di duro lavoro, portando bagagli pesantissimi grazie a un metodo che permetteva a ogni persona di portare i carichi pi pesanti per due ore e per un'ora niente. Una vera impresa fisica. Penso che fossimo gi sotto l'effetto del "fenomeno", un'anticipazione dei nostri giochi con le leggi fisiche che giacevamo ancora nel futuro. Comunque, tutto questo impossibile da dimostrare. Riducemmo la nostra dieta. Le donne annunciarono che, per fare prima, avremmo eliminato la colazione e il pranzo. Era una loro decisione, dal momento che erano loro a cucinare; era troppo duro fare un fuoco tre volte al giorno nell'umidit della foresta amazzonica. Ci svegliavamo alle quattro e mezza del mattino, facevamo il caff e poi camminavamo per venticinque chilometri, fino alle tre e mezza del pomeriggio. Senza dubbio ci stavamo facendo un culo cos. La trocha andava su e gi, gi e su. Spesso arrivavamo dove c'era un fiume senza alcun ponte e dovevamo inventare un modo di guadarlo. Dovevamo anche tenere d'occhio i portatori perch non rubassero niente e non se la filassero. Nonostante lo sforzo, le giornate erano squisite immersioni nell'immensa e vi-

brante foresta che stavamo attraversando. Per tutto il giorno, il secondo giorno, andammo avanti nonostante le nostre energie scarseggiassero. Infine, raggiungemmo una capanna simile a quella che avevamo usato la notte prima. Era situata sulla cima di una piccola collina, proprio al di l di un rozzo ponte su di un piccolo fiume. Dopo il tramonto, intorno al fuoco, fumammo e parlammo a lungo nella notte, anticipando l'avventura a venire che potevamo gi percepire, ma non immaginare. I portatori witoto scartarono pacchetti di cibo avvolto in grandi foglie e mangiarono separati da noi. Erano amichevoli, ma lontani. Il pomeriggio del quarto giorno, i portatori erano visibilmente eccitati dal nostro arrivo a La Chorrera. Durante una pausa, Vanessa indic un arcobaleno che si trovava esattamente al di sopra del nostro sentiero. Ci scherzammo un po' su e accelerammo. In pochi minuti passammo un punto della foresta meno fitta e subito dopo ci trovammo sul confine di una grande area per il pascolo. Si potevano gi vedere gli edifici della missione. Mentre camminavamo, un indio ci venne incontro. Dialogammo in uno spagnolo stentato e poi lui si rivolse ai nostri portatori in witoto e ci mostr la strada attraverso cui era venuto. Passammo per uno spazio recintato e attraversammo un cortile. Sui muri c'erano disegni a tempera di elfi da cartone animato con le orecchie a punta. Fummo finalmente condotti nella veranda di una solida casa di legno che era senza dubbio quella del prete. Un uomo enorme, barbuto e rude emerse da ll a porta. Peter Ustinov l'avrebbe impersonato divinamente. Sebbene avesse l'aspetto una persona allegra, non sembrava contento di vederci. Perch questa gente era sempre cos scontrosa? Forse perch non amavano gli antropologi, ma noi eravamo soprattutto botanici: come potevamo superare l'ostacolo? In ogni caso l'accoglienza non fu delle peggiori. Non facemmo troppe domande e appendemmo le amache nella casa per gli ospiti. Ci sentivamo sollevati per aver finalmente raggiunto la nostra destinazione.

4 ACCAMPATI SUL A PORTA D'INGRESSO

In cui facciamo la conoscenza dei funghi e degli sciamani di La Chorrera.

L GROSSO DEL BACINO AMAZZONICO E FORMATO DAI DEPOSITI

alluvionali andini. La Chorrera differente. Un fiume, il Rio Igara-Parana, si stringe e scorre attraverso una fenditura. Diviene molto rapido e poi scende da un dirupo creando, se non proprio una cascata, uno stretto canale d'acqua (la parola chorrera significa "cascata"), un fiume il cui violento espandersi ha prodotto un lago di notevoli dimensioni. La Chorrera un posto paradisiaco. Fatichi molto per arrivarci ma ne vale la pena. Non ci sono insetti che pungono o mordono. A ll a sera, la foschia scende sul pascolo creando una splendida scena pastorale. Sotto il lago spumeggiante c' la missione, intorno la giungla e, con mia grande sorpresa, anche del bestiame. Il pomeriggio dopo il nostro arrivo, sull'orlo del pascolo creato dai preti spagnoli che avevano diretto la missione di La Chorrera dalla sua fondazione negli anni Venti, presi alcuni campioni dello stesso fungo che avevo mangiato vicino Florencia. Nel pascolo davanti a me crescevano dozzine di questi funghi. Dopo averne esaminati parecchi insieme a mio fratello, concludemmo con sicurezza che quelli erano stropharia cubensis, i pi grandi, i pi potenti e i pi diffusi fra i funghi contenenti psilocibina. Cosa dovevamo fare? Non avevamo informazioni riguardo al dosaggio dell a psilocibina. L'archivio di droghe e piante che ci eravamo portati die49

50

VERE ALLUCINAZIONI ACCAMPATI SULLA PORTA D'INGRESSO

51

tro riguardava le piante e i fiori, non i funghi. Qualcuno di noi era convinto di ricordare che nei rituali con i funghi di Oaxaca descritti da Gordon Wasson su "Life", i funghi venivano mangiati a coppie e che numerose coppie venivano ingerite. Decidemmo di mangiare sei funghi a testa quella sera. Il mio diario, scritto il giorno successivo, parlava chiaro.
23 febbraio 1971 Siamo forse accampati alle porte di un'altra dimensione? Ieri Dave ha scoperto la stropharia cubensis nei pascoli dietro la casa dove dormiamo. Io e lui in mezz'ora abbiamo raccolto trenta deliziosi esemplari pieni di psilocibina. Ne abbiamo mangiati sei e abbiamo passato la notte in preda a un viaggio ricco e vivo, ma anche delicato ed elusivo. Tra strane luci viste nei pascoli e una discussione dei nostri progetti, rimango con la sensazione che penetrando nella locale flora psichedelica abbiamo fatto un immenso passo verso una consapevolezza pi profonda. Benevolo e con molte facce, complesso come la mescalina e intenso come l'LSD, si pu parlare del fungo con le stesse parole usate per il peyote: "insegna il giusto modo di vivere". Per quanto ne so, la propriet di questa particolare specie di fungo, non viene rivendicata da alcuna trib nelle vicinanze e perci ci colloca su di un terreno neutro rispetto al problema della triptammina che stiamo esplorando. Attraverso questo insegnante vegetale non richiesto, si pu entrare nel mondo degli elfi chimici. L'esperienza del fungo sottile ma pu raggiungere la profondit e la vastit di una vera e intensa esperienza psichedelica. per estremamente mutevole e difficile da analizzare. Io e Dennis, dopo una confusa descrizione delle nostre visioni abbiamo notato una somiglianza di contenuti che sembrava suggerire un fenomeno telepatico o una qualche sorta di percezione simultanea dello stesso paesaggio invisibile. Un forte mal di testa ha accompagnato l'esperienza nelle fasi finali, ma stato rapido a svanire e non abbiamo subto la stanchezza fisica spesso comune alle droghe vegetali come il peyote e la datura. Questo fungo un paesaggio tridimensionale lasciato socchiuso da fatine maliziose per chiunque trovi la chiave e il desiderio di usare questo potere, il potere della visione, per esplorare questo particolare complesso psicoattivo e totalmente naturale. Ci stiamo avvicinando all'evento pi profondo che l'ecologia planetaria possa incontrare. L'emergere della vita dall'oscura crisalide della materia.
,

Queste erano le mie impressioni dopo una sola visita al regno della visione su cui il fungo detiene il potere. Devo spiegare l riferimento alle "strane luci viste nei pascoli" poich forse avevano una relazione con gli eventi successivi. Un'ora dopo aver mangiato i funghi, mentre eravamo tutti immersi in un gradevole susseguirsi di immagini colorate che sfrecciavano sotto le palpebre, qualcuno di noi cominci una discussione. Forse era Dave, o forse era mio fratello Dennis, pi probabilmente si trattava di Dennis. Disse che stavamo sballando nel territorio di caccia del segreto e che, quindi, non era il caso di rimanere confinati nello spazio angusto de ll a nostra capanna. Sarebbe stato meglio uscire nella notte, nella nebbia che avvolgeva il pascolo. Non tutti noi, ma solo un gruppetto. Chi furono i candidati? Dennis propose me e Dave, dicendo che eravamo rispettivamente il pi e il meno scettico. Vanessa obiett riguardo al fatto che io fossi "il pi scettico" e sugger che andassero solo Dave e Dennis. Io approvai di cuore la sua idea, poich non desideravo visitare il pascolo al buio e, inoltre, il mio scetticismo non mi dava fiducia nei potenziali trascendentali di quell'incarico. Cos se ne andarono da so li , dapprima proclamando ad alta voce il potere oscurante della nebbia e subito dopo, da fuori campo, gridarono che vedevano una luce diffusa nel pascolo. La loro ricerca continu. Anche il vociare continu per un po', poi svan. La luce persisteva. Decisi che era giunto il momento che teste pi logiche entrassero in gioco. Cos mi decisi e uscii nell'umidit notturna. Attraversai con attenzione il filo spinato che circondava i pascoli; al tatto era bagnato ma sembrava caldo persino di notte, tale l'umidit dell'Amazzonia. Quando raggiunsi Dave e Dennis, trovai che la situazione era pi vicina a ll a loro descrizione di quanto mi aspettassi. C'era effettivamente una fioca luce sul terreno a pochi metri da me che sembrava ritirarsi al mio avanzare. Camminammo per una trentina di metri in quella direzione in una serie di brevi movimenti in avanti. Avvolti in una densa nebbia fluttuante, ci sentimmo improvvisamente lontani da lle nostre amiche rimaste nella capanna. "Possiamo seguire questa luce, ma non dobbiamo andare troppo lontano o ci perderemo". Dave insisteva perch tornassimo indietro, ma continuammo. A volte sembrava che la luce levitasse nell'aria a sette, otto metri da noi, sollevandosi e riabbassandosi, ma ritirandosi quando ci avvicinavamo. Corremmo per raggiungerla, ma era pi veloce di noi. Per dieci minuti inseguimmo la luce fuggitiva, poi decidemmo di non andare oltre.

52

VERE ALLUCIINAZION1

ACCAMPATI

SULLA PORTA D'INGRESSO

53

Mentre ci voltavamo per tornare, credetti di vedere un tremolio che sembrava suggerire l'idea di qualcuno che danzasse davanti a un fuoco. Abbandonai per un attimo ogni pensiero riguardo agli UFO e ricordai la serie di strani eventi accaduti a S an Jose del Encanto. Stavo forse vedendo uno sciamano danzare davanti al fuoco? Aveva qualcosa a che fare con noi? Non capii mai ci che accadde quella notte, ma quella sensazione soprannaturale anticip gli eventi a venire. Le parole che scrissi nel mio diario erano rivelatorie. Accennai a "l'entrata nel mondo dei elfi chimici", definii il fungo una po rt a tridimensionale e lo collegai a una trasformazione della vita sul pianeta. Da queste parole emergeva un s pi giovane, pi nave, pi poetico, un s pi intuitivo, tranquillo, mentre pronuncia parole di saggezza selvaggia come se fosse la verit gnostica raggiunta attraverso gli allucinogeni. Queste idee sono cambiate pochissimo negli ultimi vent'anni; ero ansioso di essere convinto da prove e lo fui. Ero cambiato ed ero certo desideroso di essere cambiato. Era vero per me allora, ed vero anche oggi, poich da ll a venuta del fungo tutto stato in continua trasformazione. Ora, anni dopo, e con due decenni di riflessioni su queste cose, posso ancora riconoscere in quell'esperienza alcuni dei temi ricorrenti e rimasti misteriosi negli anni. A un certo punto, quella sera, io e Dennis fummo in grado di vedere e descrivere le stesse visioni interiori. Negli anni a seguire, questo fenomeno mi accaduto altre volte quando ho usato la psilocibina. Ogni volta l'esperienza mi lascia stupito. Durante quelle prime esperienze con i funghi a La Chorrera, c'era un aura strana e animata, l'idea era che il fungo fosse qualcosa di pi di una pianta allucinogena, e an che qualcosa di pi di un alleato sciamanico di tipo classico. Avevo cominciato a intravedere la possibilit che il fungo fosse un'entit aliena intel ligente che, durante gli stati di trance, poteva comunicare la propria personalit come presenza nelle percezioni interiori di chi l'aveva mangiato. I giorni seguenti a ll a prima esperienza con il fungo, la mia vita e quella di mio fratello subirono una strana e terrificante trasformazione. Fu solo quando Jacques ValleJ`scrisse The Invisible College, nel 1975, dicendo che qualche esperienza apparentemente assurda pa rt e costante dei contatti extraterrestri, che trovai il coraggio di riesaminare gli eventi di La Chorrera cercando di collocarli in un quadro pi ampio. Nel corso degli anni ho raccontato varie pa rt i della mia storia, ma non ho mai rivelato la sua intera incredibile natura a nessuno, sapendo bene quali sa-

rebbero i commenti sulle nostre condizioni mentali al tempo dell'esperienza. Ogni storia di contatti alieni abbastanza incredibile di per s ma, oltretutto, al centro de ll a nostra storia c'erano anche i funghi allucinogeni che stavamo sperimentando. Il fatto stesso che avessimo a che fare con queste piante sufficiente per screditare una storia di contatto alieno agli occhi di chiunque non abbia usato allucinogeni. Chi non attribuirebbe la nostra esperienza UFO" al fatto che eravamo sballati? Ma questa non l'unica difficolt nel raccontare questa storia. Gli eventi di La Chorrera generarono una grande controversia e un duro contrasto fra i suoi attori. Riguardo ci che stava accadendo venivano proposte parecchie idee, ognuna delle quali si basava su informazioni sconosciute o reputate irrilevanti da coloro che proponevano interpretazioni alternative. Ci che alcuni di noi presero come una metamorfosi verso il trascendente, altri lo considerarono un'esplosione di fantasie ossessive. Eravamo poco preparati per gli eventi che ci sommersero. Cominciammo come ingenui osservatori di qualcosa, non sapevamo cosa, e poich il nostro coinvolgimento con questo fenomeno continu per parecchi giorni, fummo in grado di osservarne pi di un aspetto. Sono soddisfatto che il metodo operativo qui descritto sia efficace nell'innscare ci che chiamo l'esperienza di contatto alieno. (Gente, pu anche essere pericoloso quindi non provateci a casa!) Il nostro primo viaggio con la stropharia a La Chorrera avvenne il 22 febbraio 1971, poco pi di ventiquattr'ore dopo il nostro arrivo. L'inizio del mio diario del giorno dopo rendeva chiaramente l'idea che ero preda del meraviglioso. Fu l'ultima cosa che fui in grado di scrivere per parecchie settimane. Per tutto il giorno fui pieno di gioia. Capivo solo che il fungo era il migliore allucinogeno che avessi mai assunto e che possedeva una vitalit che non avevo mai sperimentato prima. Sembrava in grado di aprire passaggi per luoghi che, a causa de ll a mia mania di analizzare le cose e mantenermi realista, non avevo mai pensato di poter raggiungere. Non avevo mai preso la psilocibina prima e mi colpiva la differenza con l'LSD, che mi sembrava essere pi personale e psicanalitico. Al contrario, i funghi sembravano pieni di gioiosa energia elfica che, sbucando nel mezzo di una trance visionaria, era quanto mai allettante. Non potevo ancora percepire la grandezza delle forze che si stavano radunando intorno a ll a nostra piccola spedizione. Sapevo solo di essere felice che quei funghi fossero l. Anche se non avessimo trovato l'oo-koo-h o l' ayahuasca, avevamo sempre i funghi e, certamente, erano pi che interessanti. Il nostro piano era di trascorrere tre mesi per conoscere un po' dell'ambiente botanico e
"

ACCAMPATI SULLA PORTA D'INGRESSO

54

55

VERE ALLUC7NAL1ON]I

naturale dei witoto che vivevano in modo tradizionale in un villaggio a quattordici chilometri sul sentiero da ll a missione di La Chorrera. Sapevamo che l' oo-koo-h era tab, quindi non avevamo fretta. Passammo il giorno seguente alla nostra prima esperienza con il fungo controllando il nostro equipaggiamento e rilassandoci nella casita che Padre Jos Maria, il cappuccino che dirigeva la missione, ci aveva offerto. Nel pomeriggio raccogliemmo altri funghi e seccammo vicino al fuoco. Decidemmo che avremmo ripreso i funghi quella notte. Li ridussi a una polvere che tutti consumammo. Era deliziosa, come un'essenza di cioccolato che ci appag ampiamente. Mi sentivo esultante, radioso per ogni cosa e impressionato dal bellissimo luogo in cui ci trovavamo. Fu un'esperienza differente. Eravamo esausti dal viaggio della notte prima e, mentre sedevamo intorno al fuoco in attesa che l'effetto salisse, ci fu un litigio tra Vanessa e Dennis. Apparentemente lui ne aveva abbastanza di lei e disse: "Sai, tu sei una vera strega e ti dir perch". A quel punto si lanci in un lungo monologo a base di lamentele accumulate. Passammo il giorno successivo a rilassarci, catturando insetti, raccogliendo piante, lavando vestiti, chiacchierando con il prete e con il suo aiutante, entrambi membri di un austero ordine francescano dedito al lavoro missionario. Tramite loro, diffondemmo la voce che volevamo conoscere esperti in piante medicinali. Quello stesso pomeriggio, un giovane witoto chiamato Basilio venne alla casita e si offr di farci incontrare suo padre, uno sciamano con una buona fama locale. Basilio pensava che fossimo interessati all'ayahuasca, il pi famoso allucinogeno della zona, che generalmente facile da ottenere. L'oo-koo-h era un argomento pi scottante. C'era stato un omicidio a La Chorrera un mese prima che arrivassimo, in realt c'erano stati pi omicidi, e Guzman sosteneva che avessero tutti a che fare con l'oo-koo-h. Si diceva che uno sciamano ne avesse ucciso un altro spennellando il piolo pi alto di una scala con una resina contenete DMT. Quando la vittima aveva afferrato il piolo, aveva assorbito la resina attraverso i polpastrelli e, in preda a lle vertigini, era caduto spezzandosi il collo. Lo sciamano fratello della vittima si vendic provocando un ulteriore incidente. La moglie, la figlia e il nipote del sospetto omicida erano stati spazzati via dopo aver inspiegabilmente perso il controllo della loro canoa sopra la cascata. Si diceva che fossero state vittime della magia. Solo la moglie era sopravvissuta. Non era quindi l momento migliore per giocare con l'oo-koo-h. Basilio insisteva che l' ayahuasca si trovava a un giorno di distanza,

presso la casa di suo padre. Possedeva una canoa molto piccola, cos solo due di noi sarebbero potuti andare con lui. Dopo una discussione, decidemmo che saremmo stati io ed Ev ad andarci. Partimmo per il fiume e io presi con me la scatola per pellicole dove tenevo il tabacco da fiuto. La giornata era calma e il cielo blu. Una pace straordinaria e una profonda serenit sembravano toccare ogni cosa. Era come se la terra stesse esalando la propria gioia. A ll a luce degli eventi successivi, ora guardo indietro a quel giorno di rilassamento bucolico come il primo brivido di una corrente che mi avrebbe presto trascinato verso emozioni inimmaginabili e titaniche. Quando arrivammo al villaggio di Basilio nel tardo pomeriggio, trovammo che le nostre nuove conoscenze witoto erano molto gentili e differenti dai witoto di San Jose del Encanto. Ci fu mostrato un groviglio di piante di ayahuasca coltivata e ce ne fu data un po' con un pezzo di tralci, affinch potessimo preparare la nostra mistura personale. Basilio ci descrisse la sua unica esperienza con l' ayahuasca quando, parecchi anni addietro, dopo giorni passati con una febbre di origine sconosciuta, l'aveva presa con suo padre. Descrisse l' ayahuasca come un infuso di acqua fredda, raro per quella zona, dove, al contrario, una forte bollitura di solito alla base della preparazione. Dopo aver tenuto in infusione l' ayahuasca per un giorno e una notte, l'acqua, anche se non bollita, diventa un potente allucinogeno. C'erano stati molti "cancelli" da attraversare nella visione di Basilio. Gli sembrava di volare. Il padre aveva visto l'" aria cattiva", che aveva indebolito il figlio, come qualcosa proveniente dalla missione, che da allora in poi fu considerata come un luogo funesto. Dopo quell'esperienza, Basilio cominci a frequentare la missione con minor frequenza. Come prima testimonianza registrata sul campo questa si rivel molto interessante e concordava con le informazioni che avevamo sull'uso dell' ayahuasca in quella zona. All a sera, appendemmo le amache in una capanna vicino a ll a malloca pi grande. Sognai alcuni steccati e il pascolo de ll a missione. Presto, al mattino seguente, tornammo a ll a missione guidati da Basilio. La nostra raccolta di banisteriopsis caapi era una ragione sufficiente d'orgoglio, ma di nuovo sentii un'esaltazione la cui profondit non poteva essere misurata. "Strano...", mi dissi mentre giungevamo in vista della missione che dominava dall'alto il suo placido lago, con un filare di palme da dattero che spazzavano l'aria sopra l'imbarcadero, "veramente strano".

^__^
f

Op

-I
1 It '

5 UNA SCH KRMAGLIA CON EAL RA DIM ENSIONE

^^v^^,,p'^ '',0'' ^^as ^

In cui ci trasferiamo in una casa nuova e Dennis ha una bizzarra esperienza che divide il nostro gruppo.

ORNANDO DAI NOSTRI AMICI, APPRENDEMMO CHE, DURANTE

la nostra assenza, erano arrivati alcuni insegnanti che erano attesi da tempo alla scuola dell a missione. Erano stati trasportati da un pilota, il famoso George Tsalikas, che serviva come contatto di emergenza tra La Chorrera e il mondo esterno e che portava la posta una volta al mese. Questo significava che dovevamo trovarci una nuova casa, dal momento che eravamo alloggiati negli appartamenti dei professores. Il prete ci offr l'uso temporaneo di una capanna-palafitta che si trovava sopra una piccola altura, tra la missione e il lago. Era in questa piccola capanna, subito battezzata "the knoll house" (gioco di parole con il famoso dramma The Doll House, La casa delle bambole di Ibsen, N.d.T), che decidemmo di abitare finch non avessimo trovato un posto pi immerso nella giungla e pi lontano dall'aria coercitiva della missione. Quella mattina riposammo, fumammo canne e facemmo piani per le successive mosse. Dave e Vanessa avevano appreso da Fratello Luis, un vecchio con la barba bianca e unico altro rappresentante de lla chiesa oltre a Padre Jos Maria, che c'era una casa witoto in disuso che si trovava sul sentiero verso il villaggio dove speravamo di trovare l' oo koo h. Di solito era vuota, ma ora era occupata dalla gente che aveva portato i propri bimbi alla missione per l'inizio dell'anno scolastico. comune tra i witoto lasciare i propri
-

57

58

VERE ALLUCINAZIONI

UN A SCHERMAGLIA CON L'ALTRA DIMENSIONE

59

figli in custodia dai frati per sei mesi all'anno; il periodo di riunione a ll a missione all'inizio e a ll a fine dell'anno scolastico, uno dei momenti pi importanti della loro vita sociale ed una buona scusa per le partite di calcio e i balli serali, che i witoto amano molto essendo degli ottimi danzatori. Ci trovavamo proprio nel bel mezzo di uno di quei periodi di riunione, ma dopo pochi giorni tutte le famiglie se ne sarebbero andate e cos la casa nella giungla sarebbe stata presto libera. Dave, Dennis e V an essa avevano gi esaminato il posto e avevano concluso che era l'ideale, dato che era un buon posto per raccogliere piante e insetti e si trovava nel bel mezzo dell a giungla. Trasferimmo il nostro equipaggiamento nella capanna e preparammo le amache. Stavamo stretti, ma era una sistemazione temporanea. Nel pomeriggio ci spostammo all'unisono nel pascolo dietro la missione. "Trovare i funghi": questo era il pensiero nella testa di tutti. Quando tornammo a casa quella sera, ognuno di noi aveva da sei a otto esemplari. Li mangiammo e poi, mentre il trip serale sa liva, fumammo alcune canne di banisteriopsis caapi. Il fumo di caapi era delizioso, odorava di incenso e ogni tiro innescava una scarica di allucinazioni lente e delicate, che immediatamente battezzammo la "TV vegetale". Ogni esplosione di immagini durava pi o meno quindici minuti e svaniva, poi ricominciavamo facendo un altro tiro del fumo di caapi. L'effetto cumulativo dur un paio d'ore. Ripetemmo l'esperimento pi volte e ne parlammo come di un esempio di ci che sofisticati tecnici sciamani avevano sperimentato fin dal Paleolitico. Mentre scendeva la sera, la nostra conversazione si orient verso la possibilit di violare le usuali leggi fisiche, dibattendo i fenomeni sciamanici tra interpretazioni psicologiche e un ingenuo realismo. Eravamo interessati soprattutto ai liquidi di ossidiana che, si diceva, venissero prodotti dagli ayahuasqueros sulla loro epidermide e che venissero usati per guardare nel futuro.* L'idea di un tipo di fluido ologrammatico alchemico, una palla di cristallo liquido generata dal proprio corpo, mi sembrava assurda ma irresistibile. Il problema, se ci sia possibile o no, una questione di fegato: ci che noi moderni abbiamo da imparare riguardo la natura della realt, solo una piccola cosa che richiede un aggiustamento di percezione. Oppure ne capiamo molto poco ed il nocciolo della nostra natura che ci sfug* Vedi Terence e Dennis McKenna, The Invisible Landscape, The Seabury Press, New York 1975, cap. 6.

ge? Mi trovai a sostenere che la nostra realt formata dal linguaggio e che dobbiamo uscire dalla prigione culturale di questo per confrontare la realt al di l delle apparenze. "Se devi sparare, spara per uccidere". La retorica sal di tono. Io, Ev e Dennis divenimmo appassionati difensori di questa visione. Vanessa e Dave insistevano con un riduttivo approccio psicologico riguardo a ogni evento. Sostenevano che ogni cosa pu essere inquadrata in un contesto di fan tasia, delusione di ricerca dei propri desideri. Per loro, nulla di ci che avviene nn allcinazioni reale: ci che accade solo mentale. Poi, dimenticando l'ideologia, denunciarono la passione de ll a nostra tesi come ingenua e ossessiva. Noi ribadimmo che stavano reprimendo il vero potere dell'inconscio e che, se avevano in mente di sostenere un punto di vista materialista, avrebbero avuto qualche sorpresa. E cos via. La vita di una spedizione piena di stress, le differenze saltano fuori e, nel nostro caso, la tensione aveva covato sotto la superficie per settimane. Ma io ero convinto che la vera causa della tensione fosse qualcosa nell'esperienza con i funghi che attirava ognuno verso di s, o che comunque stava causando una crisi in cui dovevamo decidere se immergerci o no in una dimensione di cui non conoscevamo la natura. Ogni esposizione al fungo era un'esperienza istruttiva con conclusioni inaspettate. Tre di noi erano pronti a divenire figli dell'alchimia, pronti a spogliarsi, a tuffarsi nella fontana della conoscenza e a misurare l'esperienza dall'interno. Per faustiana e ossessiva che fosse, quella era la nostra posizione. La consideravo una conseguenza de ll e ragioni che ci avevano portato a La Chorrera. Da Vanessa e Dave, la realt della dimensione che stavamo esplorando, o meglio la nostra insistenza riguardo al fatto che fosse una dimensione pi che psicologica, era vista come una minaccia. Cos eravamo l, un gruppo di amici che condividevano simboli pi o meno simi li , isolati nella giungla, in lotta con i problemi epistemologici dalla cui soluzione dipendeva la nostra salute mentale. Vanessa e Dave si allontanarono da noi e da lle eccitate conversazioni speculative che implicavano l'essere sommersi dall'invisibile. Non ci furono litigate, ma dopo quella notte ci fu una tacita e mutua comprensione sul fatto che il nostro sentiero si fosse diviso. Alcuni di noi erano intenzionati ad andare pi in profondit nella trance da funghi, altri erano disturbati dall'improvvisa piega degli eventi e preferivano essere semplici spettatori. L'affollamento della capanna e le nostre divergenze indussero Vanessa a

60

VERE ALL'UCINAZIONd

UNA SCHERMAGLIA CON L'ALTRA D]MENSIONE

61

intensificare le sue visite ai componenti de ll a guarnigione di polizia per giocare con loro a scacchi. La guarnigione era formata da tre giovani colombiani malati di nostalgia per le loro case nelle Ande. Dopo parecchie pa rt ite combattute duramente, fu caldamente invitata a trasferirsi con Dave in una casa abbandonata situata presso il fiume, che era di propriet della polizia. Pi tardi, quella casa, che si trovava all'imbarco di La Chorrera, sarebbe stata il luogo de ll a mia schermaglia con l'altra dimensione. Vanessa e Dave tolsero le amache e traslocarono dalla collina verso la loro nuova casa. La loro partenza fu tranquilla. Vanessa rise dicendo che avrebbero passato pi tempo nell'acqua. Era il sesto giorno di permanenza a La Chorrera. Avevamo preso i funghi tre volte. Eravamo in forze, rilassati e felici di essere arrivati cos lontano e in cos buone condizioni. C'erano insetti e piante da prendere e c'era il lago in cui nuotare. La mia relazione con Ev sembrava promettente. Venivamo cullati dal caldo sole tropicale che oziava nel profondo cielo azzurro. Un simile stato di abbandono sembrava una condizione essenziale per il cambiamento. Gli eventi si muovevano a qualche livello profondo e invisibile. Quella mattina, dopo la partenza dei nostri due amici, io, Dennis ed Ev rimanemmo sulle amache, persi nei nostri pensieri, mentre il caldo e gli insetti si facevano sentire. Avevo smesso di tenere un diario, la scrittura era stata rimpiazzata da voli di fantasia, pallide tracce di profondi contatti con l'altra dimensione, sebbene non me ne rendessi ancora conto. Un'altra calda notte cal su di noi e cos dormimmo bene per lungo tempo. Quando le nebbie mattutine se ne furono andate, il nuovo giorno appar perfetto come erano perfetti tutti i giorni in questo splendido posto nella giungla. Ogni giorno sembrava una perla alchemica nata dalla notte precedente, calda e stellata. Usammo quel giorno per esplorare i confini dello straordinario lago vicino al chorro. A causa del restringersi dell'Igara-Parana che provocava un'improvvisa crescita di potenza e velocit delle acque, il chorro era abbastanza impressionante. Ma il lago in cui si svuotava non era un semplice bacino: era il luogo di qualche antica catastrofe geologica che aveva distrutto il deposito basaltico sotto la superficie della terra, lasciando scoperto un gr an de buco e spandendo vicino al dirupo migliaia di frammenti di roccia grandi come case. La missione era appollaiata sulla cima di una collinetta basaltica ed era il luogo pi alto della zona. Seguimmo il fiume passando per le ripide sponde che conducevano al

chorro, finch, a sette metri di distanza, il terreno divenne cos ripido da

non poter proseguire. Ma anche a quella distanza, vibrava per la pulsante energia di milioni di tonnellate d'acqua che scivolavano attraverso le pareti rocciose del chorro. Le piante pi insolite erano endemiche in quell'atmosfera piena di foschia e di fragore tuonante. La sensazione di essere cos piccolo a confronto con quelle rocce e all'energia delle rapide era soprannaturale e inquietante. Mi sentii considerevolmente sollevato quando scalammo la scogliera e raggiungemmo gli stagni e i pascoli ripuliti da ll a missione grazie ad anni di sfruttamento del lavoro witoto. Una volta raggiunto un terreno pi solido, ma ancora nell'area del chorro, ci riposammo. L, in una striscia di terra che dominava l'area circostante, la missione aveva costruito un piccolo cimitero. All'interno di un'area esagonale rozzamente cintata, c'erano una ventina di tombe in rovina e molte di esse erano chiaramente di bambini. Lo scioccante rosso del suolo laterico era allo scoperto per l'erosione. Era un luogo toccato da una triste solitudine anche in un bellissimo giorno di sole. La nostra pausa fin e ce ne andammo in fretta con una sensazione di vuoto, di abbandono, accompagnati dal lontano ruggito dell'acqua che scorreva. La camminata e l'esposizione al sole ci indussero a dirigerci verso il muro verde di giungla al di l dei pascoli, oltre la missione. Vasti sentieri sabbiosi conducevano al sistema di villaggi witoto, Bora e Muinane, che rappresentano la "componente indigena" de ll a "Comasaria" amazzonica, il resto comprende qualche missione, la caserma della polizia e alcuni personaggi non catalogabili, per lo pi commercianti, oltre a noi stessi. Esplorammo il sentiero, dando un'occhiata a ll a nostra futura casa e la trovammo ancora occupata. Tornando per i pascoli sotto uno spettacolare tramonto, raccogliemmo altri funghi, venti a testa tra Ev, Dennis e me. Fu durante la camminata nel pascolo che notai per la prima volta che tutto era fantastico e che avevo la sensazione di trovarmi in un film, o in qualcosa di pi grande della vita. Anche il cielo sembrava distorto con effetti speciali, come se tutto fosse cinematograficamente esagerato. Che cos'era? Era una distorsione dello spazio data dal consumo di psilocibina? La psilocibina pu indurre simili distorsioni. Mi sentivo alto dieci metri, a met tra il superuomo e A li ce, il cui consumo di funghi la rendeva alternativamente gr an de e piccola. Era strano, ma piacevole. Tornati a casa, accendemmo un fuoco e bollimmo del riso per una cena leggera. La pioggia cadeva a intermittenza. Dopo cena, fumammo e aspettammo per un po', pensando che Vanessa e Dave ci avrebbero fatto visita.

62

VERE ALLUCINAZIONI

UNA SCHERMAGLIA CON L'ALTRA DIMENSIONE 63

Infine, cominci a piovere pi forte, cos ci ritirammo in casa e ognuno di noi mangi parecchi funghi. Salirono rapidamente e le allucinazioni furono molto vivide ma, nonostante l'abbondante dose, dopo un'ora l'esperienza non sembr differente dagli altri viaggi. Uscimmo da ll e visioni e conversammo tranquillamente riguardo le nostre reazioni. Dennis si lament di sentirsi bloccato da una grossa preoccupazione per nostro padre in Colorado, chiedendosi se avesse mai ricevuto i nostri ultimi messaggi scritti prima di partire per il Rio Putumayo. Dennis sembrava malinconico come se la sua nostalgia di casa fosse stata amplificata dall'allucinogeno. Almeno cos supponevo. Tentai di rassicurarlo e parlammo al buio per parecchi minuti. Disse che il suo trip era ricco di sensazioni, un calore interiore e uno strano ronzio che, a suo dire, gli suggeriva alcune intuizioni sui fenomeni linguistici che avevo sperimentato con il DMT e che gli avevo descritto. Gli domandai di imitare i suoni che stava udendo, ma lui non pensava che fosse possibile. Mentre parlavamo, la pioggia cess per qualche minuto e cos sentimmo il suono di una radio trasportata da qualcuno che aveva scelto la pausa de ll a tempesta per raggiungere la collina, seguendo un sentiero che passava a pochi metri da ll a nostra capanna. La conversazione si interruppe mentre ascoltavamo il suono della radio che si avvicinava e poi svaniva. Ci che accadde dopo ci proiett in un altro mondo. Infatti, mentre la radio si allontanava, Dennis produsse per qualche secondo un forte ronzio che sembrava meccanico mentre il suo corpo si irrigidiva. Dopo un attimo di silenzio lui, in preda al panico, esplose in una serie di domande. "Cos' successo?" e, mi ricordo benissimo, "Non voglio diventare un insetto gigante!" Dennis era chiaramente scosso da ci che era accaduto, cos, sia io sia Ev, cercammo di calmarlo. Era chiaro che ci che a noi era sembrato solo uno strano suono, aveva avuto un effetto ben diverso sulla persona che l'aveva prodotto. Capii la sua situazione perch avevo avuto sensazioni simili con il DMT, quando una glossolalia che a me era sembrata pregna di significato, sembrava invece un borbottio a coloro che l'avevano sentita. Dennis disse che c'era un'energia terrificante nel suono e che l'aveva percepito come fosse una qualche forma di forza fisica. Ne discutemmo per parecchi minuti, poi Dennis decise che desiderava riprovarci. Lo fece, ma per molto meno tempo e, di nuovo, disse che aveva avvertito una grande quantit di energia che veniva liberata. Disse di sentirsi come se si fosse sollevato dal terreno e avesse diretto la sua voce verso l'interno. Ci do-

mandammo se fosse possibile produrre un suono capace di avere un effetto sinergico sulle droghe metabolizzanti, mentre Dennis sosteneva che cantare poteva far metabolizzare alcune droghe pi velocemente. Dennis sentiva di aver acquisito un qualche potere sciamanico. Cominci a passeggiare, dicendo che sperava che Vanessa saltasse fuori ora con il suo scetticismo che, secondo lui, sarebbe crollato davanti alla sua testimonianza dell'esperienza. Gli feci presente che lei l'avrebbe considerato solo un suono particolare suscitato da un allucinogeno di cui capiva ben poco. A un certo punto, Dennis si sent cos esaltato che lasciammo la capanna e andammo fuori a guardare l'oscurit. Dennis voleva andare da Vanessa e Dave per discutere con loro ci che era successo. Infine, io e una sconcertata Ev lo convincemmo a torre a ll a capanna e a ripensarci al mattino. Una volta nella capanna, cercammo di capire cosa stava succedendo. Sentii che la meraviglia di Dennis era perfettamente giustificata: era stato proprio il mio incontro con i poteri visionari e linguistici del DMT che mi aveva indotto a cercare gli allucinogeni nel loro ambiente naturale. incredibile vedere la tua concezione della realt trasformata da queste piante. L'eccitazione una reazione normale a una esperienza cos terrificante. Io e mio fratello eravamo stati vicini per anni, specialmente dopo la mo rt e di nostra madre, ma c'erano esperienze avute in Asia che non gli avevo raccontato. Per calmare tutti noi e per sostenere l'universalit dell'esperienza che Dennis aveva avuto, decisi di raccontare una storia.

6
E NT .ERIeUDIO A KA I-IMANDU

In cui il ricordo di eccessi tantrici nei covi hippy dell'Asia, getta una strana luce sulle esperienze con i funghi a La Chorrera.

1969, avevo vissuto in Nepal e studiato la lingua tibetana. L'ondata di interesse per lo studio del buddismo era appena cominciata, cos coloro che in Nepal amavano il Tibet formavano un gruppo molto ristretto. La mia ragione per studiare il tibetano era diversa da quella de ll a maggior pa rt e degli occidentali che lo volevano imparare in Nepal. Quasi tutti erano infatti interessati al buddismo mahayana, mentre io ero interessato a una tradizione religiosa che risaliva a un periodo precedente il Settimo secolo e l'introduzione del buddismo in Tibet. Questa religione prebuddista, nativa del Tibet, era un tipo di sciamanesimo connesso ai temi e alla cosmologia dello sciamanesimo siberiano. Lo sciamanesimo siberiano, chiamato bn, continua a essere praticato oggigiorno nelle aree montagnose del Nepal confinanti con il Tibet. I suoi praticanti sono generalmente disprezzati da lla comunit buddista e vengono considerati eretici poco raccomandabili. Il mio interesse per il bn e i suoi praticanti, i bn-po, nacque da lla mia passione per la pittura tibetana. In questo tipo di pittura, le pi fantastiche, stravaganti e feroci immagini sono comunemente attribuite all'immaginazione popolare prebuddista. I terrificanti guardiani da ll e molte braccia e dalle molte teste della fede
UE ANNI PRIMA, DURANTE LA PRIMAVERA DELL'ESTATE DEL 65

66

VERE ALLUCINAZIONI

INTERLUDIO A KATHMANDU

67

buddista, chiamati dharmapalas, con le loro aure di fuoco e luce, sono divinit autoctone bn e la loro alleanza con il buddismo mantenuta solo grazie a potenti incantesimi e rituali che assicurano la fedelt di questi potenti demoni. Ero convinto che la tradizione sciamanica che aveva creato tali immagini esotiche e fantastiche dovesse aver conoscenza delle piante allucinogene. In Siberia, l'estasi sciamanica veniva raggiunta tramite l'uso del fungo amanita muscaria e Gordon Wasson sosteneva la tesi secondo cui lo stesso fungo veniva usato nell'India vedica. Siccome il Tibet si trova tra queste due aree geografiche, non mi sembrava strano pensare che, prima della venuta del buddismo, gli allucinogeni fossero parte de ll a tradizione sciamanica locale. L'amanita muscaria era solo uno dei possibili allucinogeni usati in Tibet. Il pegamum harmala della famiglia zyogophallacea era un altro candidato. Quest'ultimo, come il banisteriopsis caapi, contiene in grande quantit l'alcaloide allucinogeno beta-carbolina-armalina e, probabilmente, un allucinogeno anche se consumato da solo. Di certo, la combinazione con piante contenenti DMT, di cui la flora indiana era abbondante, avrebbe prodotto un forte allucinogeno, la cui composizione non era chimicamente differente dagli infusi di ayahuasca amazzonica.* Il mio interesse per la pittura tibetana e per lo sciamanesimo mi aveva condotto in Nepal. Avevo saputo che c'erano campi profughi in Nepal e anche vicino a Simla, in India, la cui popolazione era composta da bn-po fuorilegge, che non erano benvenuti nei campi dei profughi buddisti. Era mia intenzione apprendere dai bn-po qualunque conoscenza avessero degli allucinogeni conosciuti e utilizzati nel passato. Nella mia ingenuit, desideravo dimostrare la mia ipotesi riguardo l'influenza delle piante allucinogene sulla pittura tibetana e volevo scrivere un saggio sull'argomento. Appena arrivai in Asia, compresi chiaramente la vastit del compito e dello sforzo richiesto. Il piano che mi ero proposto era soltanto un'abbozzo per una vita di dotte ricerche! Naturalmente, scoprii che non potevo fare nulla finch non avessi padroneggiato la lingua tibetana, cos misi da parte i miei progetti di ricerca e mi dedicai a imparare pi tibetano possibile nei pochi mesi che potevo passare in Nepal.
La c an na fl uviale gig ante arundo donax, per esempio, si trova in India e le sue radici contengono DMT. Vedi S. Ghosal, S.K. Dutta, A.K. Sanyal e Bhattacharya, Arundo donax L." (Graminae), Phytochemical and Pharmacological Evaluation, in "The Journal of Medical Chemistry", vol. 12,1969, p. 480.

Mi spostai da Kathmandu, lontano dai piaceri delle fumerie di hashish e dal turbine sociale della comunit internazionale dei turisti, degli spacciatori e degli avventurieri che si erano appropriati della citt. Andai a Boudanath, un piccolo villaggio molto antico a pochi chilometri a Est di Kathmandu, recentemente invaso dai tibetani di Lhasa, gente che parlava il dialetto di Lhasa diffuso in tutto l'Himalaya. La gente del villaggio era buddista e io mi ero accordato per studiare con i monaci locali, chiaramente senza menzionare il mio interesse per i bn-po. Trovai alloggio venendo a patti con Den Ba-do, il mugnaio locale, che era un newari, uno dei pi importanti gruppi etnici del Nepal. Si accord con me per affittarmi una camera al terzo piano de ll a sua grande casa di mattoni, che fronteggiava la strada fangosa di Boudanath. Contrattai con una ragazza locale perch mi portasse un po' d'acqua fresca ogni giorno e cos mi ci installai comodamente Imbiancai i muri de ll a mia camera, commissionai una grande zanzariera nel mercato di Kathmandu, e misi in casa i miei libri e una scrivania tibetana. Finalmente a mio agio, mi dedicai a coltivare la mia immagine di giovane viaggiatore e studente. Lama Tashi Gyaltsen fu il mio insegnante. Era molto gentile. Nonostante la sua et avanzata, arrivava ogni mattina a lle sette per una lezione di due ore. Ero come un bambino: cominciammo con la grafia e l'alfabeto Ogni mattina, dopo che il lama se n'era andato, studiavo per qualche altra ora e poi avevo il giorno libero. Esplorai l santuario del re del Nepal, a Est di Boudanath, e i luoghi ind dove si svolgevano le cremazioni vicino a Pashupathipath. Feci anche conoscenza con i pochi occidentali che vivevano nelle vicinanze. Tra questi c'era una coppia inglese della mia stessa et. Erano molto affascinanti. Lui era magro e biondo, con un naso aquilino e le maniere tipiche della scuola pubblica britannica. Era urbano e arrogante, ma eccentrico e spesso divertente. Lei era pazzescamente magra, tutta pe lle e ossa. Aveva i capelli rossi, un temperamento selvaggio, era cinica e, come il suo compagno, possedeva un'intelligenza acuta. Erano stati entrambi ripudiati da ll e loro famiglie ed erano divenuti hippy vagabondi, come eravamo tutti allora. La loro relazione era bizzarra: erano venuti dall'Inghilterra, ma il rilassarsi della tensione, avvenuta nel bucolico Nepal, era stato troppo per il loro equilibrio. Ora vivevano separati, ai confini opposti di Boudanath. Si incontravano solo per innervosirsi vicendevolmente. Per qualche strana ragione mi attraevano. Ero sempre pronto a interrompere gli studi per passare un po' di tempo con

68

FEIRE ALLUCINAZIONI

INTERLUDIO

A KATHMANDU

69

loro. Diventammo amici velocemente. Naturalmente discutemmo del mio lavoro, che li interessava molto perch, usando spesso l'LSD anche a Londra, erano presi da qualunque cosa riguardasse gli allucinogeni. Scoprimmo anche di avere amici comuni in India e che amavamo tutti i racconti di Thomas Hardy. Era un piacevole idillio In quel periodo, il metodo che stavo sperimentando per raggiungere la dimensione sciamanica consisteva nel fumare DMT all'apice di un'esperienza di LSD. Lo facevo ogni volta che prendevo dell'acido, cosa che capitava abbastanza spesso. Mi faceva entrare nella dimensione triptamminica per un periodo di tempo abbastanza lungo. Mentre il solstizio dell'estate del 1969 si avvicinava, mi preparavo per un altro esperimento. Avrei preso LSD la sera del solstizio e sarei rimasto tutta la notte sul tetto fumando hashish e osservando le ste lle. Parlai del mio piano ai miei amici inglesi che si dissero felici di partecipare. A me andava molto bene, ma c'era un problema: non c'era abbastanza acido per tutti. La mia piccola scorta era arrivata a Kathmandu profeticamente nascosta in un fungo di ceramica spedito da Aspen. Scherzando, suggerii che sostituissero l'LSD con i semi de ll a datura himalayana, la datura metel. La datura un cespuglio fonte di un certo numero di alcaloidi tropano: la scopolamina, l'iosciamina e altri componenti che producevano un effetto pseudoallucinogeno. Ti danno la sensazione di volare o di confrontarti con indistinte e fugaci visioni, ma il tutto difficile da controllare e da ricordare pi tardi. I semi della datura metel sono usati in Nepal dai saddhus, eremiti vaganti e uomini sacri, cos il loro uso in quella zona era conosciuto. Ma il mio suggerimento era uno scherzo, dal momento che la difficolt di controllare l'effetto della datura leggendaria. Con mia sorpresa, i miei amici si dissero d'accordo, cos stabilimmo che ci saremmo trovati a casa mia alle sei di pomeriggio per l'esperimento. Quando infine la sera arriv, preparai le coperte e le pipe sul tetto. Da l si poteva avere una bellissima vista del villaggio e del suo enorme stupa, un tempio conico con gli occhi di Budda dipinti nelle lamine d'oro sulla parte pi alta. Gli alti livelli dorati dello stupa erano avvolti da impalcature dove c'era bisogno di riparazioni per via di un crollo avvenuto mesi prima. La massa bianca dello stupa dava al villaggio di Boudanath una qualit extraterrestre. Potevo vedere ancora pi lontano, fin dove la grande catena Annapu rn a si elevava per migliaia di metri; a met strada, la terra era un mosaico di risaie color smeraldo. Le sei di pomeriggio giunsero, ma non i miei amici. A lle sette non ce

n'era ancora traccia e cos presi la mia tavoletta di Orange Sunshine [un tipo di LSD molto famosa negli anni Sessanta, N.d.R.] custodita gelosamente e mi misi ad aspettare. Dieci minuti dopo, arrivarono. Potevo gi sentire l'effetto salire, cos feci loro un cenno verso i semi di datura che avevo preparato. Li portarono gi nella mia camera dove con un mortaio e un pestello li schiacciarono, poi aiutati da un po' di t li ingoiarono. Quando raggiunsero il tetto e si sistemarono comodamente, io stavo gi partendo per lo spazio mentale. Passarono alcune ore. Quando si sedettero, ero troppo partito per accorgermi di loro. Lei era seduta di fronte a me e lui era dietro, nell'ombra. Lui suonava il flauto, io passai in giro una pipa di hashish. La luna piena sal alta nel cielo. Scivolai in una lunga serie di fantasie allucinate che durarono pochi minuti, ma che a me sembravano vite intere. Quando emersi dal lungo incanto visionario, scoprii che il mio amico aveva smesso di suonare e mi aveva lasciato solo con la sua ragazza. Avevo promesso loro che gli avrei fatto provare un po' di DMT. La mia pipa di vetro e la mia piccola riserva di DMT arancione erano davanti a me. Lentamente, con fluidi movimenti di sogno, riempii la pipa e la passai a lei. Le stelle ci osservavano da un enorme distanza. Lei prese la pipa e fece un paio di tiri, pi che sufficienti per una persona di cos scarso peso, poi la pipa torn a me e feci quattro enormi tiri, l'ultimo dei quali fu cos lungo che mi staccai dal bocchino solo quando non fui pi in grado di continuare. Era un'enorme quantit di DMT e, immediatamente, ebbi la sensazione di entrare nel vuoto. Udii un acuto lamento e un suono di cellophane strappato, mentre mi trasformavo nel goblin orgasmico ad alta frequenza che sarebbe poi un essere umano in preda all'estasi da DMT. Ero circondato dal chiacchierare di macchine elfiche e soffitti a volta pi belli di quelli arabi che avrebbero fatto arrossire Bibiena Migliaia di manifestazioni di un potere al contempo alieno e bizzarramente bello ruotavano intorno a me. Quando le visioni cominciarono a svanire, l'LSD sal portando il mio stato a un livello pi alto. Mentre la folla elfica se ne andava le saltellanti orde di macchine elfiche del DMT si ridussero a un leggero ululato. All'improvviso, mi trovai a volare a centinaia di chilometri da terra in compagnia di dischi argentati. Non potevo contarli. Ero estasiato dallo spettacolo della terra sotto di me e realizzai che mi muovevo verso Sud, apparentemente in orbita polare, sopra la Siberia. Davanti a me potevo vedere la grande pianura di Shang e la massa himalayana che si ergeva davanti al-

70

\'EIFE ALLIILIIaAZIU!1

INTLRLL"DI0

A KATHMANDU'

71

la desolazione giallo-rossa dell'India. Il sole sarebbe sorto dopo un paio di ore. Con una serie di salti telescopici, andai fino a un punto dove potevo vedere la depressione circolare de ll a valle di Kathmandu. Con il balzo successivo la valle riemp la mia visione. Mi avvicinavo a grande velocit. Potevo veder un tempio ind e le case di Kathmandu, il tempio di Svayambhunath a Ovest della citt e lo stupa di Boudanath che brillava di luce bianca pochi chilometri a Est. Poi Boudanath divenne un mandala di case e strade circolari che riempivano la mia visione. Tra le centinaia di tetti trovai il mio. L'attimo dopo andai a sbattere nel mio corpo e tutto si rifocalizz sui tetto e nella donna di fronte a me. Lei era vestita con un vestito lungo da sera di raso d'argento, un bene di famiglia, il tipo di cosa che si pu trovare in un negozio d'antichit a Notting-Hi ll Gate. Caddi in avanti credendo che la mia mano fosse coperta da qualche fresco liquido bianco. Era la tessitura del vestito di lei. Fino a quel momento nessuno dei due aveva considerato l'altro un potenziale amante. Il nostro rapporto era funzionato a un altro livello. Ma improvvisamente i rapporti normali furono dimenticati. Ci avvicinammo ed ebbi l'impressione di passare attraverso di lei. Lei si tolse il vestito con un solo gesto. Feci la stessa cosa con la mia camicia che si distrusse tra le mie mani. Udii il rumore di bottoni che volavano e dei miei occhiali che erano caduti da qualche parte e si erano schiantati. Poi facemmo l'amore. O per dirla meglio, partecipammo a un'esperienza che ricordava vagamente il fare l'amore, ma che era un'altra cosa. Entrambi urlavamo e cantavamo nel linguaggio del DMT, rotolandoci sul terreno in allucinazioni vivide e geometriche. Lei era trasformata, poche parole esistono per descrivere ci che era diventata: puro spirito, Kali, Leucotea, qualcosa di erotico, ma non umano, qualcosa che riguardava l'archetipo de ll a specie e non l'individuo, qualcosa che faceva balenare la possibilit del cannibalismo, della follia, dello spazio e dell'estinzione. Sembrava sul punto di divorarmi. La realt era a pezzi. Scopare in questo modo pu accadere solo al limite di ci che possibile. Ogni cosa era trasformata in orgasmo e negli oceani visibili e vocianti del linguaggio elfico. Poi vidi che, dove i nostri corpi erano incollati insieme, stava uscendo da lei una sorta di liquido di ossidiana scuro e bri ll ante, con colori e luci dentro, che fluiva su di me, sul tetto, ovunque. Dopo il flash del DMT, dopo gli svariati orgasmi, dopo tutto questo, quest'altra cosa mi sciocc. Che cos'era quel liquido e dove stava andando? Lo guardai. Lo guardai bene e capii che era la superificie

della mia mente riflessa davanti a me. Era una sostanza traslinguistica, l'escrescenza vivente dell'abisso alchemico dell'iperspazio, qualcosa generato dall'atto sessuale in condizioni cos pazzesche? Guardai di nuovo e ci vidi il lama che mi insegnava tibetano e che stava dormendo in realt a un paio di chilometri di distanza. Nel fluido, lo notai in compagnia di un monaco che non avevo mai visto: stavano fissando un piatto specchiato. Poi realizzai che stavano guardando me! Non capivo. Diressi lo sguardo lontano dal fluido e dalla mia compagna, perch lei aveva un'aura di stranezza troppo intensa. Mi resi conto che avevamo cantato, intonato yodel, lanciato selvagge urla orgasmiche per parecchi minuti sul mio tetto! Probabilmente tutti a Boudanath erano stati svegliati e stavano per aprire porte e finestre per capire cosa stesse succedendo. Cosa stava succedendo? La frase favorita di mio nonno sembr appropriata: "Buon Dio!', disse la beccaccia quando il falco la colp". Questo ricordo grottesco e fuori luogo mi fece ridere come un pazzo. Poi il pensiero di essere scoperto mi riport abbastanza in me per capire che dovevamo nasconderci in fretta. Eravamo entrambi nudi e la scena intorno a noi era di totale e inspiegabile caos. Lei era sdraiata, incapace di rialzarsi. Quindi la presi in braccio e raggiunsi le scale, oltre il deposito di grano, fino in camera mia. Ricordo che per tutto il tempo continuavo a dire a me stesso e a lei: "Sono un essere umano. Sono un essere umano". Avevo bisogno di ripeterlo perch non ne ero molto convinto al momento. Aspettammo nella mia stanza per qualche minuto. Lentamente capimmo che per qualche miracolo, non pi strano di tutto il resto, nessuno si era svegliato, sembrava che nessuno avesse sentito! Per calmarci feci del t e nel frattempo controllai il suo stato mentale. Lei sembrava in pieno delirio e non in grado di discutere con me di cosa fosse successo sul tetto. un tipico effetto della datura non ricordarsi ci che sperimenti. Sembrava che sebbene fossimo stati partecipi dell'atto pi intimo tra due persone, io fossi l'unico testimone che potesse ricordare qualcosa di ci che era accaduto. Considerando questo, tornai sul tetto e presi i miei occhiali. Incredibilmente erano interi, sebbene io fossi sicuro di aver sentito il rumore delle lenti che si infrangevano. I liquidi di ossidiana, escrescenze ectoplasmatiche dei giochi tantrici, erano sparite. Con i miei occhiali e i nostri vestiti, tornai nella stanza dove lei dormiva. Fumai un po' di hashish e mi sdraiai vicino a lei sotto la zanzariera. Nonostante tutta l'eccitazione e la stimolazione del mio sistema nervoso, mi addormentai subito.

72

S' ERE ALLUCINAZIONI

Non ho idea di quanto dormii. Quando mi svegliai di colpo e direttamente da un sonno profondo, era ancora buio. Non c'era traccia della mia amica. Dentro di me suon un campanello d'allarme: se stava ancora delirando, era pericoloso per lei andarsene in giro di notte. Saltai in piedi, mi misi il jalaba e cominciai la ricerca. Non era sul tetto n vicino al deposito di grano. La trovai al piano terra dell'edificio. Era seduta per terra e fissava il proprio riflesso nella tanica de ll a benzina che apparteneva al genero del mugnaio. Ancora disorientata, vedeva persone che non c'erano e confondeva una persona con l'altra. "Sei il mio sarto?" mi chiese molte volte mentre la riportavo in camera, "Sei il mio sarto?" Quando fummo di nuovo di sopra, mi tolsi il mio jalaba e scoprimmo che avevo indosso le sue mutandine. Erano troppo piccole per me e nessuno di noi sapeva come fossero finite l. Questo errore coron una serata assurda e io ruggii una risata. Le ridiedi le sue mutandine e andammo a letto, sconvolti, rassicurati, esausti e felici. Passata questa esperienza, io e la ragazza diventammo ancora pi amici; non facemmo pi l'amore, non eravamo fatti per una relazione. Non si ricordava nulla di ci che era successo sul tetto. Dopo una settimana, le rivelai i miei ricordi. Battezzai ii flusso di ossidiana "Luv", qualcosa di pi dell'amore, qualcosa di meno dell'amore, forse non del tutto amore, ma qualche inesplorata e potenziale esperienza umana di cui si conosce molto poco.

-ctIt/'

Questa era la storia che raccontai a Dennis e a Ev quella notte a La Chorrera, mentre le amache oscillavano alla luce della lampada e una pioggia intermittente tambureggiava sul tetto della capanna. Fu questo incidente ad accendere il mio interesse per i fluidi viola che si dice gli sciamani dell 'ayahuasca generino sulla superficie de ll a loro pelle e che usino per divinare e guarire. Ogni volta che racconto questa storia, metto l'accento sul liquido. Quella sera nebbiosa, ne parlai per rassicurare Dennis. Non parlai dell'assurdit di svegliarsi con le mutande di qualcun altro. Era un particolare imbarazzante e non contribuiva alla storia. A quel tempo, non avevo detto a nessuno di quell'incidente: era un ricordo personale. Lo ricordo ora perch quest'assurdo evento fu poi il centro dell'episodio di telepatia pi convincente di cui sia stato testimone.

7 UNO PSICOFLU DO V OLA


In cui Dennis comincia a schematizzare il suo approccio all"`opera" alchemica e si discute se uno psicofluido possa o meno essere una sostanza traslinguistica.

per qualche ora. Alle prime luci dell'alba, io ed Ev raggiungemmo un gruppo di capanne a un chilometro di distanza, presso la sponda dell'Igara-Parana oltre il chorro. Sapevamo che i witoto, scendendo il fiume verso la missione per portare a scuola i loro figli, si sarebbero fermati presso quelle case solitamente abbandonate. La nostra speranza era di comprare alcune uova e un po' di papaya da aggiungere a ll a nostra dieta di riso integrale, yucca e banane. Trovammo solo un piccolo gruppo di persone, il cui unico alimento in vendita era un frutto verde a forma di cuore, grande come uva, pieno di semi vagamente dolci affogati in una melassa color porpora. A quel tempo questo frutto era sconosciuto alla scienza: pochi anni dopo Schultes l'avrebbe descritto e chiamato macoubea witotorum. Non rividi mai pi questi frutti. Erano poco costosi e, siccome eravamo venuti per comprare qualcosa, spendemmo quindici pesos per quasi venticinque chi li di cibo. Sebbene la notte prima fossi rimasto alzato a giocare con gli oceani allucinogeni della mente, mi sentivo a posto e pieno di vitalit. Sollevai un sacco gonfio, i nostri acquisti, e mi diressi a passo spedito verso la missione. Mi godetti questa fatica. Il costal, cio il sacco, sembrava leggero, quasi un piacere da portare. Senza pause, io ed Ev andammo a ll a missione e alla
75

A MIA STORIA FIN E ANDAMMO TUTTI A DORMIRE SONNI AGITATI

76

VERE ALLUC;lNAZION1

UNO PSICCFLUI

VIOLA

77

residenza di Dave e Vanessa per una colazione tutti insieme. Quando avevamo lasciato la capanna a ll a ricerca di cibo, Dennis era addormentato profondamente ma, nel frattempo, si era svegliato ed era andato a svegliare Vanessa per descriverle le proprie esperienze notturne: il ronzio interno e la sensazione di essere posseduto. Stava raccontando tutto, quando arrivammo in casa e depositammo il costal. Mentre facevamo colazione, discutemmo gli eventi della sera precedente. Vanessa e Dave non furono toccati dall'eccitazione di Dennis che sosteneva di essere entrato in contatto con qualche tipo particolare di energia. A ll a fine della colazione, suggerii a Dennis che invece di litigare sulla natura dell'esperienza, avrebbe dovuto scrivere i suoi pensieri riguardo allo strano suono. Lui accett l'invito e torn alla collina de ll a nostra capanna per stare da solo e scrivere:
28 febbraio 1971 Scrivo queste pagine con una particolare sensazione di urgenza, come un uomo che si sia confrontato con un fenomeno inspiegabile, quale un'impossibile creazione di sogni o un principio naturale inenarrabile. Il compito complicato dal fatto che il fenomeno che devo tentare di descrivere ha a che fare con gli stessi strumenti di descrizione, vale a dire il linguaggio. Questa frase sembrer pi sensata esplorando pi a fondo il concetto. Prima di andare oltre, qualcosa mi dice che necessario analizzare chi sono. Ventiquattro ore fa pensavo di saperlo: adesso la domanda pi inquietante che mi sia mai posto. Le domande nate da questa daranno le risposte che ci permetteranno di capire e di usare questo fenomeno cos difficile da descrivere. Queste potrebbero essere le ultime parole che spender a descrivere qualcosa in un rozzo linguaggio; dal momento che il fenomeno comincia al confine del linguaggio, dove la facolt di formare concetti brancola ma non trova parole, devo stare attento a distinguere tra il linguaggio di simboli e metafore e la realt cui sto tentando di applicarlo.

Poich ogni fenomeno pi o meno descrivibile in termini empirici, ci deve essere vero anche per questa esperienza. Essa ha a che fare con il controllo della chimica del proprio corpo e la produzione di specifici fenomeni vocali e acustici: la cosa diviene possibile quando vegetali alcaloidi altamente biodinamici, i composti triptamminici e gli inibitori MAO," vengono introdotti nel corpo secondo parametri accuratamente regolata: Questo fenomeno apparentemente possibile in presenza della sola triptammina, sebbene l'inibizione MAO sicuramente aiuti a innescarla, facilitando l'assorbimento della triptammina. Il fenomeno stato innescato da due persone del nostro gruppo: alcuni annifa Terence ha sperimentato con fenomeni vocali sotto l'influenza del DMT. *'' Fino alla notte scorsa, quando ho sperimentato questa onda sonora per qualche secondo sotto l'influenza di diciannove funghi di stropharia, Terence era l'unica persona di mia conoscenza che sosteneva di essere in grado di emettere questo suono. Ma ieri notte, dopo aver consumato i funghi, ci siamo sdraiati sulle amache; la forte sensazione d'intossicazione che di solito sfiora le membra all'inizio delle visioni di stropharia era svanita. In me si era trasformata in una calda soddisfazione che sembrava bruciare da qualche parte dentro di me. Avevo avuto sensazioni simili prima, sia con i funghi sia appena dopo i flash da DMT. Poi parlammo di persone lontane e di come avremmo potuto tentare di contattarle nella quarta dimensione; poich, apparentemente, la connessione magica a distanza parte dello sciamanesimo, questo non era un tipo di comunicazione per noi inusuale. Poco dopo questa conversazione, udii il suono per la prima volta, debole e lontano, tra le orecchie, interno, ma distinto per quanto possa esserlo un suono sul confine della percezione. Come un segnale o come una debole trasmissione radio, inizialmente come il suono delle campane, che poi si trasformava in un suono elettrico, scoppiettante, scioccante e gorgogliante. Ho
* Gli inibitori MAO sono composti chimici la cui attivit nel corpo rallenta o interferisce con la monoamminoossidasi, un sistema enzimatico che ossida molti composti presenti all'interno di cibo e droghe riducendoli a sottoprodotti non dannosi. In presenza degli inibitori MAO, i composti che normalmente sarebbero ridotti metabolicamente in sottoprodotti inerti, subiscono al contrario un'estensione nella durata della loro attivit fisiologica e psicologica. ** I miei esperimenti sono consistiti nell'osservazione del fatto che la spontanea glossolalia che il DMTcausvinme, talounsrdiceto,uranilqest sintattiche nel linguaggio parlato divenivano realmente visibili. Effetti come questo potrebbero spiegare la mia esperienza sul tetto della casa in Nepal. Insoliti dispositivi linguistici e vocali sembrano caratterizzare l'intossicazione da DMT.

Quando lessi questo prologo, esso mi sembr grandioso e allarmante, ma Dennis aveva un'aura di calma e di certezza che imponeva rispetto. Sentivo che il logos stava lottando con il vocabolario del suo ultimo araldo. Sembrava avere via via pi senso, come se fosse vicino a qualcosa. Continuai a leggere:

78

VERE ALLUCINAZIONI

UND PSICOFLlIDO

VIOLA

79

tentato di imitare questi rumori con le mie corde vocali, sperimentando con un vocalizzo ronzante. All'improvviso, fu come se il suono e la mia voce si incontrassero e il suono divenne la mia voce, per veniva da fuori di me in un modo che nessuna voce umana avrebbe potuto imitare. All'improvviso, il suono fu intensificato e divenne come il suono di un insetto gigante.

Mentre Dennis scriveva, noi nuotavamo pigramente nel fiume e vi facemmo il bucato sotto un cielo amazzonico chiaro, infinitamente azzurro e pulito. Il ronzio di sottofondo de ll e cicale aumentava d'intensit e dominava sulla calda e luccicante superficie dell'Igara-Parana, che scivolava come elettricit, attraverso la terra, nel caldo de ll a giornata equatoriale. Pi tardi, quel pomeriggio, Dennis venne al fiume a cercarmi. Mi trov che lavavo le scarpe da tennis su una roccia piatta che stava appena sopra la superficie dell'acqua. Senza dubbio quando l'acqua non lo sommergeva era un luogo perfetto per fare il bucato. Era un posto magico, ma in quel momento la sua magia era ancora lontana quattordici giorni. Ci sedemmo e parlammo. Erano passate sedici ore dall'episodio de ll a notte precedente. Dennis disse che l'esercizio di scrittura era stato molto utile. "Grande! E cosa ne hai concluso?" "Non sono sicuro. Sono molto eccitato, ma qualunque sia la causa dell'eccitazione, sta seminando idee pi velocemente di quanto io possa scrivere." "Idee di che genere?" "Idee divertenti. Idee riguardo i modi di utilizzare questo effetto, questa cosa sconosciuta con cui abbiamo a che fare. La mia intuizione che sia relazionato agli psicofluidi di cui Michael Harner parl nel numero di `Natural History' nel luglio del 1969 e a ci che ti accaduto a Boudanath. Ricordi come Harner sostenesse che gli ayahuasqueros vomitano una sostanza magica che a ll a base della loro capacit di divinazione? Quello che mi successo qualcosa di simile, una sorta di sostanza translinguistica creata da ll a voce." Parlammo a lungo vicino al fiume, sondando varie opzioni. Dennis insisteva a collegare la mia esperienza in Nepal con lo strano fenomeno sperimentato dagli sciamani jivaro in Ecuador. Questi sono soliti prendere l'ayahuasca cos da riuscire a vedere una sostanza di colore viola, o blu scuro, che ribolle come un liquido. Vomitando, dopo aver preso l' ayahuasca, questo fluido viene emesso dal corpo; a volte si forma anche sulla su-

perficie della pelle sotto forma di sudore. Gli jivaro basano gran parte della loro pratica magica su questa sostanza di cui praticamente nulla si sa, poich questo tipo di conoscenza avvolta da un manto di segretezza. I pochi che parlano insistono che gli sciamani jivaro spargono la sostanza sul terreno davanti a loro, e che riescono a veder altri luoghi e altri tempi. Secondo i racconti, la natura di questo fluido completamente al di l dell'esperienza ordinaria: si dice che sia fatta de ll a stessa materia di cui composta la mente o lo spazio-tempo oppure ancora che sia una pura allucinazione espressa oggettivamente, ma sempre tenendosi all'interno dei confini del liquido. Il lavoro di Harner riguardo gli jivaro non era l'unica testimonianza. Fin dai primi studi etnografici dei popoli amazzonici, erano corse voci a proposito di escrezioni magiche e di oggetti psicofisici resi potenti da ll a magia, che venivano prodotti dal corpo degli sciamani dopo che questi avevano ingerito allucinogeni e avevano cantato a lungo. Ricordai l'osservazione alchemica secondo cui l segreto nascosto nelle feci. "Una sostanza iperdimensionale e quindi translinguistica?", domandai a Dennis, " questo di cui parli?" "S, qualunque cosa questo significhi. Perch no? Certo, un'idea da pazzi, ma anche il sistema simbolo che abbiamo portato con noi alla ricerca della magia sciamanica. `Questo ci per cui ti sei imbarcato, uomo, per inseguire la balena bianca in tutti gli oceani, su entrambi i lati della terra finch non sputerai sangue nero.' Non questo il tuo rap?" L'uso dell a retorica melvilliana era fuori luogo, e non da lui. Da dove le tirava fuori certe cose? "S, suppongo di s." "Questo il punto. Se c' qualcosa di strano dovremmo vedere di cosa si tratta e renderlo coerente. Ammettiamo di non sapere con cosa abbiamo a che fare, ma sappiamo che siamo venuti qui per investigare la magia sciamanica, cos ora dobbiamo lavorare su questo effetto, sperare di sapere ci che facciamo e avere abbastanza informazioni. Siamo troppo isolati per fare altro e per ignorare che rischiamo di gettare al vento un'opportunit d'oro." "S, hai ragione," dissi, "eccoci in acque profonde. Abbiamo avuto la fortuna del principiante nel trovare l'altra dimensione cos accessibile. Il fungo ce l'ha permesso, o forse la somma del fungo e del fumo di ayahuasca. difficile da stabilire. Ci sono cos tante variabili. Ci sono anche un sacco di episodi di sincronia".

80

VERE ALLUCINAZIONI

UNO PSICFQ.U1O

VIOLA

81

"Giusto. Mi sento vicino a qualcosa di grandioso. Dobbiamo osservare da vicino la nostra fantasia, cercare di costruirci sopra. Il buon vecchio metodo junghiano." "S," dissi, "idealmente possiamo sperare di creare le condizioni per un test scientifico." Ricordai che nel libro A scuola dallo stregone c' un episodio in cui Mescalito, l'entit del peyote, solleva la mano e nel suo palmo Carlos Castaneda vede un incidente accadutogli tanto tempo addietro. Se questo fenomeno avesse una validit empirica, forse suggerirebbe la presenza di una sottilissima pellicola di proiezione transdimensionale. Osservando, si potrebbe ricevere un perfetto feedback. uno specchio, non del tuo riflesso fisico, ma della tua essenza. Certo, tutto questo era speculazione: questa sostanza esisteva davvero o era solo un'allucinazione? Chi pu credere a cose simi li ? Dennis era convinto che la cosa fosse connessa con il suono e che si potesse creare la sostanza con la voce. Era un'idea strana e senza fondamento, su cui potevamo speculare a lungo, poich, qualunque cosa fosse, era fatta de ll a stessa sostanza di cui fatta l'immaginazione. In tre dimensioni, poteva assumere qualunque forma, ma questo liquido mentale ectoplasmico viola esisteva solo nella quarta dimensione. Sembrava possibile immaginare di entrare nell'altra dimensione e di produrre questo liquido. Parl a lungo di questa cosa. Ero in estasi: mi piacevano le sue idee. Sentivo che era un'altra idea proveniente dall'oceano triptamminico in cui nuotavamo. La domanda era: cosa potevamo fare? Adesso, dopo tutto ci che ho imparato negli ultimi vent'anni, difficile essere sicuro di ci che credevamo a La Chorrera. Il nostro umore era a llegro e positivo, le diverse esperienze con i funghi avute in quello splendido luogo ci avevano condotto a una delicata euforia. Era un gran periodo. Eravamo eccitati all'idea di entrare in contatto con il segreto (cos chiamavamo la gamma di effetti incontrati nell'esperienza triptamminica). Era il veicolo della nostra ricerca: le topologie a rosone degli alveari galattici del flash di dimetil-triptammina, quella combinazione di chiacchiera da bar e matematiche formali dove i desideri diventavano cavalli e ognuno poteva cavalcare. Non eravamo nuovi all'idea dell'altra dimensione, ma l'avevamo sfiorata solo in brevi momenti nella sua manifestazione di lux natura, la luce spirituale dietro la natura organica. Al momento, eravamo fan dell a dea, non ancora i suoi amanti. Ogni componente de ll a spedizione speriment la sensazione dello schiudersi di qualcosa intorno a noi, della sospensione del tempo, di entrare in un mondo verde che era stranamente e quasi eroticamente vivo,

che ci circondava per migliaia di chilometri. La giungla era come una mente, il mondo sospeso nello spazio era come mente, immagini di un ordine e di un'organizzazione cosciente si affollavano intorno a noi. Come eravamo piccoli, le nostre conoscenze erano limitate, ma di quel poco che sapevamo eravamo fieramente orgogliosi. Ci sentivamo in qualche modo come dei rappresentanti dell'umanit che stavano per venire in contatto con l'altra dimensione, quel qualcosa al confine dell'esperienza umana. In quei primi giorni a La Chorrera una magnificenza orgogliosa e soprannaturale era associata a ll a nostra impresa. Il giorno successivo, il primo di marzo, pass tranquillamente. Dennis scriveva il suo diario Io prendevo insetti e Vanessa faceva foto intorno a ll a missione. La sera ci riunimmo di nuovo presso la capanna. In silenziosa comunione con il fiume e con noi stessi, Ev e io sedemmo guardando il lago. Ev lo not per prima. Il lago era invaso dalla nebbia generata dalla corsa dell'acqua nella stretta gola. La foschia che ondeggiava sull'acqua marrone segnalava la corrente del fiume, dove si allargava nel lago e proseguiva dall'altra parte. Osservandolo, Ev sussult. La marmorea superficie del lato pi lontano del fiume era cambiata. L'acqua sembrava essersi fermata. Proprio cos: ferma! La superficie sembrava congelata, ma l'altra met del fiume continuava a scorrere. Chiamammo Dennis e Vanessa che ammisero l'assurdit di ci che vedevamo. Mi allontanai, mentre loro speculavano sulle possibili cause: l'ora del giorno, la luce, un'illusione ottica e tutto il resto. Non mi curavo di queste discussioni. Ogni volta che cominciavano, sentivo che tutto stava procedendo per il verso giusto e che ognuno stava recitando bene la propria parte. Questa passivit calma e intuitiva era nuova per me: forse intensificata dall'uso dei funghi, si era sviluppata nel mese passato in Colombia, prima di entrare nella giungla. Di solito avrei partecipato a queste discussioni, ora le lasciavo passare. Mentre camminavo, cercavo un posto per sedermi; Dennis mi diede da leggere il suo diario:
1 marzo 1971 Ieri notte, ho innescato nuovamente il fenomeno dopo aver mangiato un fungo e fumato dell'erba. stato uguale alla prima volta, un'onda che si sollevava, pulsando con un ronzio vocale sempre pi forte acquistando un'energia scioccante. Avrei potuto prolungare il suono, ma non l'ho fatto a causa dell'energia. Sono certo che presto potr

82

VERE aL,i,Ut,iN.azION1

UNO PSYC.oFLU IDo

VIOLA

83

produrre il suono senza triptammina o altre droghe. via via pi facile connettersi e sento che possibile in ogni momento. una cosa che si pu imparare e, in questo processo di apprendimento, la triptammina pu aiutare ma, una volta capito e controllato, il fenomeno pu essere prodotto senza triptammina. Per adesso, abbiamo provato l'esistenza di un particolare fenomeno vocale in due individui sottoposti a simili esperimenti. Ora dobbiamo capire che cos' il fenomeno. Dobbiamo sperimentare con il suono e sviluppare teorie dai risultati. Terence ha sperimentato con questi suoni pi di chiunque altro e ha scoperto cose interessanti.

Una cosa normalmente invisibile, come la rete sintattica che tiene insieme il mondo e il linguaggio, pu condensarsi o cambiare il suo stato ontologico e diventare visibile. Sembra esserci una dimensione mentale parallela in cui ogni cosa fatta della materia di un linguaggio visibile, un tipo di universo a noi prossimo abitato da elfi che cantano la propria esistenza e invitano coloro che incontrano a fare lo stesso.
Lo stato innescato dal DMT, che permette esplosioni prolungate di questa energia, lui lo descrive come un livello sonoro che diviene pi denso e si materializza in piccole creature simili a gnomi fatti di un materiale simile all'ossidiana, emesso dal corpo, dalla bocca e dagli organi sessuali, per tutta la durata del suono. effervescente, fosforescente e indescrivibile. Le metafore linguistiche diventano inutili, perch questa materia al di l del linguaggio, non un linguaggio fatto di parole, un linguaggio che diviene le cose che descrive. un logos archetipo pi che perfetto. Sono convinto che attraverso la sperimentazione con questi fenomeni vocali, con o senza droghe, sar possibile capire e usare la sostanza translinguistica per raggiungere ogni realt, poich dire qualcosa con il suono significa farla accadere!

mente, il metabolismo della triptammina, la natura del pensiero, della consapevolezza, di storia, magia, sciamanesimo, fisica quantistica e relativistica, metamorfosi degli insetti, processi alchemici ecc., insieme all'intuitiva comprensione di eventi senza causa e sincronici ispirati dalla stropharia, ti permettono di tentare di capire da dove venga questo suono. Gli allucinogeni, toccando la matrice neurale, possono produrre cambiamenti della consapevolezza nella dimensione temporale. Certo, la consapevolezza pu produrre cambiamenti anche a tre dimensiona: In triptammina possibile, in condizioni particolari; sentire e vocalizzare un suono che passa attraverso una dimensione superiore e multiforme e si condensa come sostanza translinguistica, come per esempio materia che si duplica nel tempo, come un ologramma si duplica attraverso lo spazio. La sostanza prodotta dal suono triptammina metabolizzata dalla mente in una dimensione spaziale superiore. una molecola iperdimensionale che si trasporta in `questo" mondo. La natura iperdimensionale di questa materia tale da essere fatta di tutti i materiali, concetti, eventi, parole, persone e idee omogeneizzate in una cosa sola tramite una pi alta alchimia mentale.

Questa l'idea del muco misterioso, la leggenda che sopravvive nelle zone meno conosciute dell'Amazzonia. Circolano voci circa un materiale magico generato dal corpo degli sciamani, che permette di curare, fare magie e ottenere informazioni non ottenibili attraverso i canali normali. Come gli specchi magici delle fiabe, i fluidi magici della foresta pluviale sono finestre aperte su tempi e spazi lontani. Il nostro compito era di creare un modello credibile riguardo al funzionamento del fenomeno, senza tralasciare le leggi fisiche o chimiche conosciute o quelle incerte. Dennis speculava nel suo diario.
Ci sono molte domande riguardo la fenomenologia di questo ologramma temporale come matrice fluida. Speculando, direi che triptammina metabolizzata iperdimensionalmente, un fenomeno alchemico che la corretta unione di triptammina (un composto onnipresente in natura) con il suono prodotto dalla voce e mediato dalla mente. la mente che dirige questo processo e la direzione consiste in un'armoniosa sintonia di un fenomeno audiolinguistico interiorizzato che potrebbe essere un tono di risonanza ESR, della molecola di psilocibina. Quando questo suono esternato imitando a perfezione

Non essendo chimici, avevamo reso la condensazione dello spirito con l'idea di una sostanza translinguistica. Parole, oggetti e cognizioni erano stati fusi nella migliore tradizione dello yoga tantrico. Mio fratello era immerso nell'impresa di rivelare il mistero alchemico tradizionale.
Una frase cos radicale potrebbe suonare esagerata se non fosse per le nostre lunghe e tediose speculazioni. I nostri studi in chimica della

84

VERE fSLLUC1Ia1AZ,IIINII

UNO PSIICO]FLUIIDO

VIOLA

85

il suono interno, si crea la triptammina iperdimensionale. Questa sostanza mentale come un'idea normale? reale come un liquido normale, come l'acqua? Harner insisteva che, sotto l'influenza di triptammina inibitore MAO e di infusi di ayahuasca, gli sciamani jivaro producono un liquido fluorescente che la base delle loro magie. Sebbene invisibile alla percezione ordinaria, si dice che questo fluido sia visibile a tutti coloro che hanno consumato la sostanza. L'ayahuasca spesso associata ad aure viola e allucinazioni blu scuro. Questo pu indicare un plasma termico, forse visibile solo nello spettro UV. Se questo fenomeno ricade nella categoria "mentale', rappresenta una comprensione perfezionata dell'iperdimensione chiamata da Jung inconscio collettivo, anche se ha il limite di non toccare lo spazio-tempo ordinario.

Cpn vent'anni di esperienza a ll e spalle, accumulati vivendo in un osservatorio privilegiato, queste parole mi sembrano arcane e ingenue. L'idea di una possibile metamorfosi unitaria dei mondi fisici e mentali concettualmente difficile e antiintuitiva, ma la convinzione che ci fosse qualcosa dietro al fenomeno, o all'idea di esso, era un fattore centrale nell'indurci a esplorare lo sciamanesimo del bacino amazzonico. Quando lessi per la prima volta questi appunti, dubitavo di ci che leggevo. Era contro ogni senso comune, non lo capivo. Oggi, dopo anni di studio dediti a capire gli eventi di La Chorrera, queste idee sembrano magicamente vicine e al tempo stesso lontane. Avevamo una teoria e un'esperienza e decidemmo che era venuto il momento di provare a unirle in un esperimento i cui risultati sarebbero stati ridicoli, a meno che non ci fosse un seme di verit nelle pazze idee nate in quel periodo. Pi tardi, quella sera, io, Dennis ed Ev fumammo una canna di Santa Marta Gold. Era una notte calda e limpida. Quando ci sedemmo e cominciammo questo rito, Ev fece commenti sulla limpidezza serale e tutti e tre guardammo il cielo. La notte era inondata di stelle. Fumammo in silenzio. Dopo forse cinque minuti, ognuno di noi era perso nella propria mente. La cosa fin quando Dennis esclam: "Guarda come sono cambiate in fretta le condizioni dell'aria. Ora si sta levando la nebbia". Era vero. Per venti metri in tutte le direzioni, c'era una fitta nebbia che avvolgeva il terreno. Mentre guardavamo, la nebbia divenne pi spessa e si allarg su tutta la zona. In pochi minuti eravamo passati da un limpido cielo notturno a ll a nebbia pi totale. Ero sinceramente colpito. Dennis fu

il primo a fornire una spiegazione, con una convinzione che era pi sconcertante del fenomeno: " qualche instabilit barometrica causata dalla combustione della nostra canna". "Mi prendi in giro?" dissi, "Stai dicendo che il calore della nostra canna ha fatto condensare l'acqua in nebbia davanti a noi e che ha creato una reazione a catena in tutta l'aria saturata della zona? Stai scherzando veramente". "No, no, cos! E per di pi accade per una ragione, forse il fungo ci sta dando un esempio. un modo di mostrarci che piccole instabilit in un sistema possono innescare cambiamenti pi grandi." "Oh, Cristo." L'idea di Dennis mi sconvolgeva. Non potevo pensare che la sua spiegazione fosse vera, n potevo capire cosa ci trovasse di sensato.* Per la prima volta, mi pass per la testa che stesse impazzendo. Non che ragionassi in termini psicanalitici, ma avevo l'idea che si stesse infilando in una realt mitopoietica, o in altri termini che si fosse "fumato il cervello". A quel punto, la nebbia era impenetrabile e cos ci ritirammo per la notte, ma non prima che Ev dicesse che nel silenzio che aveva preceduto l'apparizione della nebbia, aveva avuto un'allucinazione. Con gli occhi chiusi, aveva visto una strana creatura elfica che faceva rotolare per terra un poliedro complesso. Ogni faccia del poliedro sembrava una finestra aperta su un altro luogo nel tempo o su altro mondo. " la pietra!", esclamai. Potevo quasi vedere la sua visione della lapis philosophorum, l'ambita meta di secoli di speculazione alchemica ed ermetica che faceva capolino nella notte amazzonica, e ora appariva come un grande gioiello multidimensionale, la pietra filosofale in custodia di uno gnomo tellurico. Il potere dell'immagine era profondo e toccante. Potevo sentire i sogni spirituali degli antichi alchimisti, grandi e piccoli, che avevano cercato la pietra nei loro laboratori fumosi. Potevo sentire la catena d'oro degli adepti che si estendeva nel lontano passato ellenistico, 1'"opera" ermetica, un progetto pi grande dei secoli e degli imperi: niente di meno della redenzione di un'umanit decaduta attraverso la rispiritualizzazione della materia. Non avevo mai visto o immaginato il mistero dell a pietra, ma ascoltando la descrizione della visione di Ev, si form un'immagine nella mia mente che rimasta fino a oggi. quest'immagine
* Naturalmente, nessuno di noi poteva sapere che gr an parte delle ricerche matematiche nei decenni successivi avrebbe esplorato proprio questi concetti sotto il nome di teoria e dinamica del caos.

86

VERE ALLUCINAZIONI

della pietra filosofale come un gioiello iperdimensionale che si trasforma in un UFO, l'anima umana come un'astronave. la panacea universale alla fine del tempo, tutta la storia non che l'onda d'urto di questa realizzazione del potenziale nella psiche umana. Questi pensieri mi sembravano come l'agitarsi di qualcosa di vasto, qualcosa appena percepito che si dilatava su milioni d'anni, qualcosa come il destino dell'umanit e il ritorno dell'anima alla sua terrificante fonte nascosta. Cosa ci stava succedendo? La sensazione di stranezza era quasi palpabile. Scuri oceani di tempo e spazio sembravano fluire sotto i nostri piedi. L'immagine della terra nello spazio era emotivamente impressa nella situazione intorno a noi. E in che cosa consisteva quella situazione veramente? Giacevo sulla mia amaca, eccitato e sconvolto, sull'orlo del sonno, poi precipitavo in sogni profondi di cui non rimaneva nulla al mattino, tranne il ricordo del pigro spazio interstellare.

(( '

v
--

C'
r(t

, )^ ^ 13-

f ^ ^ '. , Qv, A v ^^ 4d ^/ 40! ^ 40, ^^ ^ ^^^^ ^.^^^ r , ',b.,t7t^^^^ ^; r lt^[( ^'^^ AWN,
^

re- i, e.
.

,ai+,tio v 0, ,^^^P3 v^^s^+'*^ .^,Y gQQ^ ^^^ ,v^^g,,,^ `^+

L: 66 OPE A 99 VIENE ILLUS RA A

In cui Dennis rivela la sua strategia per cominciare la grande impresa.

A MATTINA DEL 2 MARZO 1971, A LA CHORRERA, L'ALBA ERA CALDA

e cristallina. Questo era il giorno in cui io, Ev e Dennis avremmo preso possesso della casa nella foresta, che era finalmente libera. Quella mattina, il nostro trasloco aveva creato pi eccitazione del solito. Per tre giorni, fino all'episodio della glossolalia del 27, Dennis aveva detto che l'energia del fenomeno era cos grande che non era il caso di proseguire fino a quando fossimo rimasti isolati nella casa nella foresta. Per evitare il caldo del giorno, il nostro trasloco cominci poco dopo l'alba. La pista da percorrere per raggiungere la nuova casa passava per i pascoli. Non eravamo stati l fin dall'ultima esperienza con i funghi, tre giorni prima. La stropharia era dovunque. Sembrava che non vi fosse neanche un pezzo di letame senza un'escrescenza d'oro fungina. Mi ripromisi che non appena avessimo traslocato nella nuova capanna, avrei ripreso i funghi comunque. Sebbene fossimo tutti presi dalle speculazioni, non ci eravamo dimenticati de lle nostre originali intenzioni botaniche, la ricerca dell'elusivo oo koo h. Tutt'altro. La nostra intenzione immediata era di usare l'ayahuasca come inibitore MAO e come droga risolvi problemi, di far fermentare e di consumare il banisteriopsis caapi che io ed Ev avevamo preso da Basilio pochi giorni prima. Io ed Ev passammo il resto de lla giornata dopo il trasloco a pulire il ter-

89

90

VEREALLUCINAZ1ONI

L ,.

i3YE R " VIENE ;(-LUSTRATA

91

reno intorno alla capanna, togliendo radici dal suolo sabbioso. Le lasciammo essiccare al sole cos da poterle usare come combustibile per il fuoco, che ci sarebbe servito per preparare l'ayahuasca. Nella fatica sembravamo esultare. L'energia e la luce erano in ogni cosa. Prendendo il suo taccuino, Dennis, che era rimasto per conto suo fin dall'esperienza con l suono interiore, se ne and verso un villaggio witoto distante tredici chilometri. A met pomeriggio, torn estremamente eccitato. Aveva finito di scrivere le note preliminari di The experiment at La Chorrera. l'unico documento scritto da lui in quel periodo e, in quanto tale, l'unica prova a testimoniare come ci sentissimo riguardo ci che stavamo facendo, mentre lo stavamo facendo. Chiaramente, questi appunti non rappresentano l'edizione definitiva delle nostre teorie e non hanno un valore assoluto. Il miglioramento di queste idee stato costante fin da lla loro creazione.* Ma la visione era completa e dettagliata. La teoria rappresentata negli appunti di mio fratello rimane il punto di partenza per capire l'effetto che era stato innescato il 5 marzo a conclusione dell'esperimento. I suoi appunti erano il nostro progetto e come tale funzionavano. Per non sono una lettura leggera e semplice, perch sono incasinati come un testo alchemico. L'alchimia un test sia dei limiti del linguaggio sia dei limiti della materia. La macchina alchemica funziona al meglio nella fantasia. I maghi desidereranno dilungarsi su questi borbottii alchemici, che tenter di decifrare nel prossimo capitolo. Il resto dei miei lettori potrebbe invece preferire saltare queste pagine e proseguire a leggere pi avanti quella che una buona storia, anche senza l'aiuto di arcane teorie.
2 marzo 1971 Ieri ulteriori esperimenti con il fenomeno dell'alterazione psicouditiva hanno suscitato nuove e interessanti questioni e hanno accresciuto la nostra incessante comprensione. Scelgo il termine "alterazione percepibile" perch la mia esperienza, finora, unita a ci che mi stato raccontato, mi porta a credere che tutto questo ha a che fare con il generare vocalmente uno specifico campo di energia che pu rompere lo spazio tridimensionale. Non capisco se questo campo elettromagne* Le basi scientifiche del nostro lavoro sono dettagliatamente descritte in The Invisible Landascape. Quell'opera presentava la ponderata e complessa posizione da noi elaborata nel 1975. Queste idee sono state di molto riviste dopo che i miti e gli errori presenti nella originaria concezione sono stati espunti.

tico o no, ma sembra piegare lo spazio in modo tale da farlo quasi arrotolare su se stesso, su una dimensione superiore. Ecco come accade: Bisogna prendere abbastanza psilocibina per permettere al suono di essere udito. Credo che il suono sia dovuto alla risonanza di spin elettronico (ESR) degli alcaloidi di psilocibina contenuti nel fungo. La presenza di triptammina metabolizzante nell'ayahuasca agisce come un catalizzatore che sensibilizza la matrice neurale dell'ESR presente nella stropharia. questo principio che permette al suono di essere sentito. Quindi bisogna amplificarli con l'antenna triptamminica aggiunta al massimo della sua estensione. Poi, attraverso il suono vocale, l'energia inserita nel complesso arminico, dentro al corpo e dentro al fungo che stato raffreddato in piccole parti fino allo zero assoluto, la temperatura a cui cessano le vibrazioni molecolari, con assunzione delle frequenze dell'ESR della psilocibina. Una volta che la frequenza ESR viene analizzata, possibile amplificarla nei circuiti neurali incanalandola nel complesso arminico, per esempio, imitando l'ESR della psilocibina con la voce, costringendo il suono amplificato a causare un tono armonico con il metabolizzarsi arminico nel cervello e quindi stimolando l'ESR arminica. Finch i complessi arminici sono semplicemente nello stesso passaggio biosintetico che convoglia il triptofano nella psilocibina, possibile considerare il tono dell'ESR della psilocibina come un sovratono armonico del sistema arminico e viceversa. Usando sovratoni armonici, possibile suonare una nota che cancelli una o pi delle sue ottave, riportate nelle scale armoniche sopra o sotto di essa. Possiamo facilmente dimostrarlo su un violoncello: suoniamo una nota, mettiamo la corda in La. Il suono composto da onde-vibrazioni delle molecole dell'aria causate dalla corda, che funziona cos da cassa di risonanza. La nota udita molto chiaramente nella chiave in cui viene suonata, ma risuona anche in tutte le altre chiavi di La nelle ottave superiori e inferiori. possibile eliminare il suono originale toccando semplicemente la corda in determinati punti armonici con leggerezza. Quando si compie questa operazione, le note ai registri inferiori e superiori diventano udibili. Se si conosce sufficientemente la teoria dell'armonica superiore, si pu determinare quali armonici risuoneranno se verranno toccati determinati punti sulle corde. Se ci si applica alla risonanza molecolare ESR, si verifica essenzialmente lo stesso principio. Quando si sente il tono dell'ESR della psilocibina con l'aiuto del triptamminide, questo urter una nota armonica

92

VERE ALLI,TC1NAGiOI<I1

L"`LD1'ERA" i'1ECVE ILLUSTRATA

93

nelle strutture arminiche venendo metabolizzata dentro al sistema, cos che la sua ESR risuoner a un livello pi alto. Concordemente alla fisica del suono, questo procedimento canceller automaticamente il suono originale, per esempio l'ESR della psilocibina, e costringer le molecole a smettere di vibrare (per quanto il tono dell'ESR che sostiene la coerenza molecolare trasportato per un microsecondo sul sovratono dell'ESR delle strutture arminiche). Ci provoca la sospensione della psilocibina momentaneamente priva di carica, ma con sorprendenti capacit di conduzione, in un campo di bassa energia elettromagnetica generato dal complesso arminico dell'ESR. Recuperer cos, divenuto ora un superconduttore, il segnale originale dell'ESR, che lo bloccher in uno stato permanente di superconduttivit. Come il fenomeno procede, si azioner automaticamente l'inverso del processo iniziale. La psilocibina, caricata dalla mente in maniera superconduttiva, canceller armonicamente la risonanza dell'ESR arminica presente nel cervello. L'energia del complesso armina-psilocibina dell'ESR verr assorbita istantaneamente dalla matrice del fungo. Ci causer la metabolizzazione di quelle molecole nel corpo e l'unione dei neuroni al DNA che precipiter istantaneamente al livello zero. Ovviamente questo complesso armina-psilocibina-DNA dovr immediatamente separarsi dalla matrice cellulare. A questo punto esiste un grave pericolo, ma ci sono molte strade per aggirarlo. Scopriremo che queste molecole si condenseranno fuori dai nostri corpi associate a un suono. Questo suono il tono armonico dell'ESR di questo complesso amplificato superconduttivamente, radiotrasmesso e refrigerato nella matrice superconduttore del fungo. La psilocibina caricata superconduttivamente agisce come un'antenna che raccoglie i segnali amplificati dell'ESR del complesso e condensa le vibrazioni nella matrice superconduttore. L'operazione pu essere ora brevemente riassunta: Il fungo dev'essere preso e ascoltato. L'ayahuasca dev'essere presa e caricata con gli armonici dell'ESR della psilocibina, impartiti via voce, amplificati. La risonanza dell'ESR della psilocibina nel fungo verr cancellata e cadr in uno stato di superconduttivit; una piccola parte della materia fisica del fungo verr annientata. La psilocibina ad alto potenziale superconduttore raccoglier l'armonico dell'ESR del complesso dell'ayahuasca; questa energia verr

assorbita istantaneamente e completamente dalla triptammina alle dimensioni superiori. Verr poi trasferita nel fungo come un suono vocale e condensata nella psilocibina come una struttura superconduttore inscindibile di armina-psilocibina-DNA. Il risultato sar un aggregato molecolare di materia pluridimensionale e superconduttore che riceve e spedisce messaggi trasmessi dai pensieri. Questo ingloba e rintraccia informazioni in maniera olografica nel DNA neurale e dipende dall'armina superconduttore come una sorgente trasduttiva di energia e di RNA superconduttore come matrice temporale. Questo composto sar una parte vivente e funzionante nel cervello del "cantante" molecolare che l'ha creato. Sar composta da materia pluridimensionale: per esempio, materia che stata trasportata attraverso le dimensioni superiori per mezzo del processo di eliminazione della sua carica elettrica con una vibrazione armonica, trasmettendo quella vibrazione attraverso lo spazio (da un trasmettitore superconduttore a un ricevitore superconduttore), ricondensando poi quella vibrazione in una forma superconduttore (la psilocibina carica nel fungo), finch il complesso armina-psilocibinaDNA si condensa in una molecola superconduttore. Una molecola fatta di sostanze di una dimensione superiore, secondo questa teoria, dovrebbe rimanere stabile finch rimane in una configurazione superconduttore, forse per sempre, poich caricata dalla propria energia ESR. Risponder poi ai pensieri, sar piantata nel nostro DNA collettivo e conterr l'armina come una ricetrasmittente superconduttore e come fonte di energia.

Non avevo mai sentito mio fratello dire cose simili. Per quanto ne capivo, Dennis pensava che il corpo come uno strumento musicale scientifico, i cui potenziali sono dentro e intorno a noi, ma non ce ne rendiamo conto. Diceva che, con un atto di volont, la mente poteva usare il canto per interagire con il cervello, come se fosse un organo a colori e una biblioteca olografica al tempo stesso. Dennis mostrava la via per una scienza orfica dove le grandi scoperte sarebbero state raggiunte grazie all'interazione di voce, mente, cervello e immaginazione. Prometteva di pi di una sinestesia collettiva indotta dal canto. Diceva che sia le leggi acustiche, sia i fenomeni di basso amperaggio bioelettrico, sia i nostri corpi, potevano essere manipolati per aprire una porta sull'esplorazione degli stati della materia e sui regni della fisica

94

VERE ALLULAN

, 'ION

che hanno a che fare con alta energia e basse temperature, e che sono considerati dominio esclusivo di ricercatori totalmente dipendenti da macchinari sofisticati ed estremamente potenti. Per un momento, fu possibile sognare che i poteri dello sciamanesimo, derivati da una conoscenza millenaria della microfisica e della bioelettrica, erano pi avanzati di quelli della scienza moderna. La porta che si stava aprendo conduceva fuori dal tempo storico, verso una completezza arcaica ormai dimenticata. Forse le tradizioni sciamaniche del pianeta sono le custodi di una comprensione che usa il corpo/cervello/mente umani come veicolo, mentre ci che stato raggiunto dal nostro "metodo scientifico", si merita solo un misero secondo posto. una vecchia idea, il canto della sirena di Pitagora, sostenere che la mente sia molto pi potente di qualunque acceleratore, pi di ogni antenna radio o del pi grande telescopio, pi completa nel suo potere informativo di ogni computer poich il corpo umano, i suoi organi, la sua voce, la sua forza di locomozione e la sua immaginazione, pi che sufficiente per esplorare qualsiasi luogo, tempo o livello di energia dell'universo. Questa era l'idea che Dennis voleva provare, che voleva realizzare nell'hardware del veicolo lenticolare che, lui pensava, potesse essere generato dal proprio DNA e dagli organismi disponibili nell'ambiente amazzonico: i funghi e l' ayahuasca.

9
UNA CONVERSAZIONE SUI DISCHI VOLANTI

In cui si ribadiscono, una volta per tutte, i dettagli della resurrezione del corpo e si compie un parziale test della nostra teoria.

di quello strano luogo in cui eravamo arrivati si erano cristallizzati Sentivo anche una presenza nel cielo: quieta, onnisciente e che ci osservava da vicino. Tornai all'inizio e rilessi gli appunti, ma non avevo le basi per giudicare ci che leggevo. La speculazione scientifica di mio fratello sembrava aver acquistato vita propria. Era come un grande computer che sapeva ogni cosa. Intorno al fuoco, lo ascoltammo illustrare la sua idea di esperimento. Era molto coinvolto. Gli venivano nuove idee a ogni battito di ciglia e sparava migliaia di parole su questi strani eventi. Disse: "Sai cosa potremmo fare?" Poi si sbizzarr in un rap che oggi viene considerato come la dottrina centrale dell'opera. La chiam ipercarbolazione. Secondo quella teoria, si pu usare la voce cantante e la superconduttivit (o la completa sparizione di resistenza elettrica, che di solito possibile solo a temperature inferiori allo zero) per spingere le molecole di composti psichedelici in stati di associazione permanente con il DNA umano vivente. II rap di Dennis si spost sulla teoria del suono. Se pizzichi una corda, suoner nell'ottava in cui stata toccata, ma suoner anche nelle ottave sopra e sotto la sua chiave. Ha ci che viene chiamato ipertono armonico. Se tocchi una corda e poi la schiacci, puoi sentire lo stesso gli ipertoni ar97

EGGENDO GLI APPUNTI DI DENNIS, SENTIVO CHE GLI ELEMENTI

98

VERE ALLUC1N1AZ1ONI1

UNA C.ON1VERSAZIN1 E SUI C>1SCtlll VOLANTI

99

monici. Pitagora era stato molto affascinato da questo fenomeno. Dennis ci mostr che due suoni si possono cancellare a vicenda se sono esattamente gli stessi in relazione l'uno con l'altro. Lo stesso fenomeno che produce gli ipertoni armonici pu essere usato per placare i movimenti de ll e molecole. In alcuni punti particolari, forse solo a poche migliaia di angstrom, si possono produrre basse temperature tramite cancellazione audio. Il moto molecolare un tipo di vibrazione e, in presenza del giusto input sonoro, il moto molecolare cessa. Operativamente parlando, quando il moto molecolare cessa, la molecola ha raggiunto una temperatura di zero gradi e la superconduttivit diviene possibile. Dennis pensava di aver trovato un modo di scardinare le po rt e chiuse del paradiso usando un piede di porco psicoattivo, la psilocibina, il complesso di triptammina e la beta-carbolina presente nell'ayahuasca. Diceva che se guardi alla vibrazione de lle molecole nella famiglia de lla beta-carbolina, puoi vedere che l'ESR di queste molecole, muovendosi dall'una all'altra, in realt una serie di ipertoni armonici. La cosa interessante perch lo psichiatra Claudio Naranjo ha scritto in The Healing Journey che il cinquanta per cento dei soggetti che hanno preso l'armina, un tipo di betacarbolina presente nell'ayahuasca, sentivano un ronzio nella testa. Non era connesso con nessun altro psichedelico, era associato unicamente con questi composti arminici. Anche gli sciamani jivaro dell'Ecuador provano un ronzio nella testa. L'idea di Dennis era che quando l' ayahuasca si metabolizza attraverso la matrice neurale nel cervello, viene udito un suono. Spiegare come questo sia possibile tutt'altro che facile. L'ESR un fenomeno della struttura molecolare in cui l'energia ad alta frequenza inserita nel sistema molecolare e i segnali dell'ESR emergono dal sistema. Ma non tutti i composti hanno abbastanza ESR: per esibire l'attivit ESR una molecola deve avere un anello libero da ingombri molecolari. Tutti i composti con un anello libero risuonano a certe condizioni. Gli allucinogeni cui eravamo interessati hanno anelli liberi, come il DNA, la molecola al centro della macchina genetica di ogni forma di vita. Quando il corpo metabolizza gli alcaloidi nell'ayahuasca, una relazione si forma con i composti triptamminici metabolizzanti nel cervello. A quel punto si sente un suono che il segnale dell'interazione. Una volta che il suono viene udito, pu essere imitato. Quindi si ottiene un suono vocale. Di solito, nessuno traccia un parallelo tra questo suono e i segnali prodotti dall'ESR. Questo era il salto che Dennis aveva compiuto. Dato che soste-

neva di poter fare grandi cose con questo suono, si stava dirigendo verso l'illuminazione o la delusione. Dennis sentiva che vocalizzando il suono, avrebbe emesso un segnale ESR, un suono amplificato modulato secondo l'ESR nato da ll a psilocibina che metabolizzava nel suo cervello. Produrre questo suono avrebbe innescato una serie di vibrazioni armoniche sopra e sotto gli altri composti attivi nel suo cervello. Ora, partendo da questa base teorica, decolliamo. Se lui fosse nel corretto orientamento spaziale rispetto alla molecola verso cui sta dirigendo il suono, interrompendo il vocalizzo, la molecola diverrebbe superconduttore, perch la sua vibrazione stata cancellata. Fra i molti milioni di molecole colpite dal suono, poche decine o centinaia possono essere nell'orientamento geometrico corretto e il loro moto molecolare si fermer quasi immediatamente. Una particolare propriet delle basse temperature che, fra le molecole, appaiono forti energie di collegamento. Una molecola vicina allo zero si pu unire a qualunque cosa. Dennis prov a spiegare: "La molecola arminica, che strutturata come una piccola campana, produce un ronzio e un suono simile al rintocco di una campana. Se viene cancellata, mentre c' DNA neurale attivo nel cervello, la configurazione elettronica dell'armina sufficientemente simile alla configurazione molecolare dell'adenina, una delle basi del DNA, che la rimpiazzer. Si unir nella catena. E quando unita, il suo anello sar attivato. della stessa grandezza dell'adenina, ma un poco pi complicata. Ha un anello di risonanza libero". Dennis fece una pausa e cerc di riorganizzare le idee per continuare l'esposizione. "Ora il normale ESR dell'armina un semplice segnale, ma la risonanza dello spin elettronico del DNA molto, molto complessa. anche molto vasta. Quando l'armina finisce l , cesser di trasmettere la sua risonanza perch sar strettamente connessa nella struttura della macromolecola. Inizier invece a trasmettere l'ESR del DNA. cos. Se siete riusciti a seguire fin qui, il resto semplice. Il DNA ci che sei tu. La forma fisica solo un insieme di cristalli macrofisici succosi causati da un'espressione genetica: il risultato di enzimi messi in moto e codificati dal DNA. Il DNA neurale conosciuto per essere non-metabolizzante. Non va via. La tua stessa pe ll e cambia ogni pochi anni, il tuo scheletro non lo stesso che avevi sei anni fa, ma il DNA neurale un'eccezione. l per tutto il tempo. Viene al mondo con te. Registra tutto ed un'antenna della memoria. Non solo della nostra memoria personale, ma anche di quella di ogni entit o organismo che abbia DNA. C' un modo per connettersi a esso. il

100

VERE ALLUCINAZIONI

UNA CONVERSAZIONE SUI DISCHI VOLANTI

101

modo con cui apriamo il passaggio per l'immaginazione divina, il modo in cui William Blake concep la redenzione. Ora alla nostra portata. Avviene cos. Metti una radio nel DNA e la risonanza ESR comincer a inondare il tuo sistema perch il legame sar permanente: non c' modo di distruggerlo. Ti potr fornire qualunque informazione conosciuta nel mondo dello spazio e del tempo, perch contiene le memorie di ogni essere che sia mai vissuto. Siamo tutti connessi attraverso questa sostanza magica, che rende la vita possibile e che permette di prendere le sue innumerevoli forme. Tutto il DNA lo stesso. Solo le collocazioni sono diverse; a seconda de ll a collocazione puoi ottenere una farfalla, un mastodonte o un essere umano." "La pensi cos?", risposi senza prendere posizione, ma avevo la netta impressione di sfiorare il significato de ll e sue parole. Gli organismi sono strutture complesse che si sono evolute nell'arco di milioni di anni. Sono stati modellati dal flusso e dal riflusso del tempo su una scala pi vasta di qualsiasi vita individuale. Nella loro embriologia, biologia e morfologia, gli organismi hanno scritto un messaggio riguardante la struttura dell'universo. Il misticismo ha sempre insistito su questo punto. La biologia molecolare, come erede della teoria dell'evoluzione, sembra confermarlo. Forse che la vita sia una strategia per amplificare l'indeterminatezza quantum meccanica a un livello dove un sistema chimico macrofisico, gli esseri umani, possa sperimentare e capire? Se uno di noi potesse ridisegnare farmacologicamente la nostra chimica neurocellulare, ci potrebbero essere nuovi regni di percezione da esplorare, nuovi mondi dell'immaginazione basati su nuovi equilibri dei neurotrasmettitori nei cervelli, ancora in evoluzione, degli esseri umani. Pensai: "Chi sono io per giudicare?" Ero intrigato dalla sua precisione nell'evocare queste idee, ma, per il momento, non sapevo cosa dire. Lui mi guard, aspettandosi qualche parola. Credevo nel potere infinito e autotrasformante della mente umana e dell e specie viventi, e potevo immaginare che esistessero mondi paralleli e dimensioni alternative. Potevo immaginare possibilit fantascientifiche, a patto che non mi si chiedesse di credere che stavo assistendo a ll a loro scoperta. Ma questo era ci che Dennis diceva: in qualche modo, eravamo incappati in un'esperienza il cui esito riguardava l'intero genere umano e che avrebbe trasformato la base ontologica de ll a realt in modo che mente e sostanza divenissero la stessa cosa e riflettessero perfettamente la volont. Come si potevano pensare cose simi li ? Eravamo venuti a La Chorrera con la convinzione che se la vita e la mente sono possibili, allora i misteri

dell'universo possono non avere fine. Ma qualcosa di inerte, e al tempo stesso molto presente, stava elaborando queste idee nelle nostre menti, qualcosa che per giorni avevamo pensato essere "il fungo". Parlammo per pi di un'ora di queste idee e ci che emerse fu la necessit di un test o, secondo Dennis, almeno di un test parziale per convincere me e i miei compagni. Lui pensava che quando lo stato superconduttore si fosse stabilizzato, ci sarebbe dovuto essere un notevole abbassamento della temperatura nella zona. Parlando, io e lui lasciammo la capanna e ci incamminammo sul sentiero nella foresta. Lui supponeva che fosse possibile tentare di generare l'effetto del freddo proprio l. Ci sedemmo sul sentiero sabbioso fronteggiandoci, con il sole pomeridiano che incombeva su di noi. Dopo un paio di ronzii di riscaldamento, Dennis produsse un suono molto simile a quello che aveva prodotto tre giorni prima nella capanna. Questo suono ha una sua qualit estremamente peculiare, e, quando aument di intensit, guardai le mie braccia e ci vidi i peli ritti e la pelle d'oca, mentre un'onda di brividi intensi mi attraversava. Urlai a Dennis di smettere. Lo fece immediatamente, ma sembr molto spossato dallo sforzo. Ero disorientato. Non potevo dire se ero stato investito da una vera ondata di aria fredda o se quel particolare suono aveva fatto reagire il mio corpo come se fosse stato esposto al freddo. Non avevo dimenticato che se l'effetto avesse davvero generato una corrente d'aria fredda, avrebbe violato le leggi fisiche conosciute. Ma non volevo sperimentare ulteriormente: l'intera faccenda aveva un'aura soprannaturale e, se l'effetto era reale, chi poteva dire cosa sarebbe successo se avessimo esagerato? Ero confuso pi che mai dal mio enigmatico fratello e da ll e sue idee e abilit cos esuberanti. L'intera faccenda sembrava assurda e irresistibile, come un gioco ipnotico in cui si viene coinvolti a proprio discapito. "Ora possiamo indire una conferenza stampa?", continuava a chiedere Dennis, sulla via del ritorno. Ero cos perso nell'anticipazione deliziosa di un futuro precedentemente inimmaginabile che potevo appena sentirlo. Tornammo al campo e raccontammo a tutti i presenti che Dennis aveva creato un'onda d'aria fredda che era una prova pratica della sua teoria. La cosa era cos incredibile che nessuno os commentare. Dopo cena, Vanessa e Dave ritornarono a ll a casa sul fiume, mentre io, Ev e Dennis andammo a passare la nostra prima notte nella foresta. Dennis era in uno stato di attivit continua, ampliando le sue idee e tentando con noi nuovi trucchi. Per quella notte e per il giorno successivo, si ritir in un'intensa attivit. Scrisse pi volte le sue idee, i passaggi

102

VERE ALLUCINAZIONI

UNA CONVERSAZIONE SUI DISCI-II VOLANTI

103

del funzionamento e la teoria pratica. Passava un sacco di tempo da solo, a scrivere, poi tornava tra noi a parlare. Era impegnato in qualcosa di estremamente strano; la sua visione del mondo faceva splendere la realt e ne increspava i confini. Era davvero in contatto con questo fluido ribollente di ossidiana della quarta dimensione che noi dovevamo stabilizzare per un'utilit pratica. Fine della storia: andare verso le stelle. Il mio atteggiamento fu riassunto in un semplice: "OK, ci proveremo!" L'atmosfera era inzuppata di bizzarria. Eravamo arrivati al centro dell'Amazzonia e potevano percepire qualcosa nel cielo che ci osservava. All'inizio eravamo un gruppo di scoppiati che volevano esplorare un'ultima favola prima di divenire razionalisti per sempre ma, al contrario, avevamo incontrato qualcosa di enorme. Qualcosa di vivo, di molto vecchio e strano. Qualcosa che era peculiare da ogni punto di vista lo si guardasse. Ero poco creativo in quel periodo. Avevo preso i funghi ed ero in estasi per tutto il tempo. Era la prima volta nella mia vita in cui ero contento semplicemente di essere. Senza sforzi, ero arrivato a ll a conclusione che non avremmo mai lasciato La Chorrera e ritenevo che tutti condividessero quest'idea. Andarsene sembrava impensabile, d al momento che avevamo tutto ci che volevamo. La sensazione di essere a casa e di essere nel luogo dove dovevo essere, era sconvolgente. Pensavo che sarei rimasto sempre ad ascoltare Dennis farneticare. La sua visione andava oltre i sogni pi sfrenati di chiunque avessi mai conosciuto. Avevamo deciso che la sera successiva, il 4 marzo, avremmo fatto un test sulla teoria del legame tra armina e DNA. Notai con inusuale soddisfazione che quel giorno corrispondeva a un gioco di parole idiota che mi aveva colpito fin da piccolo: "Quale giorno dell'anno un imperativo?", "March fourth!" [gioco di parole intraducibile poich march fourth, significa "quattro marzo", ma anche "marcia diritto", N.d.T.]. "Che coincidenza," deliravo, "tentare di materializzare l'anima proprio in quel giorno". In modo assurdo, la coincidenza tra data e gioco di parole sembrava parte di un piano univers ale segreto che si sviluppava per portarci al momento culminante della storia, quando l'umanit avrebbe marciato in una dimensione superiore. I miei pensieri non erano esattamente paragonabili alla teoria superscientifica di mio fratello. Ero perplesso per ci che stava accadendo. Quel giorno, il 3 marzo, mi divertii a costruire una pipa con gli strani frutti di macoubea a forma di cuore che avevamo preferito non mangiare. Da uno di questi frutti, una canna

scavata e un po' di argilla, ricavai una pipa ad acqua che mi dava grande soddisfazione. Mentre il gergo biofisico ESR mi passava per la testa, contemplavo ci che avevo forgiato con due piante e un po' di fango. Mi sembrava un'ingenua meraviglia, forse perch il frutto era cos strano, con il suo aspetto non-terreno. Questa pipa avrebbe potuto essere costruita con uno dei frutti che la gentile Weena aveva offerto al viaggiatore del tempo nell'epopea di Wells. La mia pipa era un oggetto strambo e ossessionante e, quando veniva fumata, il borbottio dell'acqua suonava come il battere del cuore di un grande mammifero. Anche Dennis si ferm ad ammirarla e decidemmo che sarebbe stata usata nel nostro esperimento, quando fosse giunto il momento di fumare la corteccia d'ayahuasca per aumentare il livello di armina nel nostro sangue. Stavamo operando in un mondo in cui il metodo scientifico, il rituale e la partecipazione mistica erano inseparabilmente connessi. I nostri corpi e le nostre menti sarebbero stati i recipienti della trasformazione psicoalchemica che stavamo sperimentando. Nel pomeriggio, raccogliemmo delle radici e le lasciammo al sole. Sembrava che fosse l'attivit pi soddisfacente al mondo. Nulla poteva andare meglio. Quella notte, registrammo una cassetta con i nostri piani, ma sfortunatamente il nostro registratore non funzionava bene e cos perdemmo tutto. Me ne dispiace molto, poich il contenuto emotivo di ci che stavamo sperimentando era rivelato chiaramente d alle nostre parole. La registrazione comprendeva pi temi: l'ipercarbolazione: questo era il nome dato al processo di alterazione del DNA neurale e del cambiamento dell'uomo in un essere iperdimensionale eterno. Nella nostra mente, lo consideravamo una cosa simile al concepimento sessuale. Ne parlavamo come della nascita di un'idea, il cui senso non facile da concepire per menti non allenate a ll a schizofrenia. Speravamo che la mente, diretta da una volont tesa a raggiungere il bene, potesse controllare il processo del concepimento e guidare questo processo verso la produzione de ll a resurrezione del corpo, modulata dall'immaginazione cara ai Padri della chiesa, agli alchimisti del Sedicesimo secolo e ai fan degli UFO. In questo senso, stavamo seguendo Jung che, presto, cap che un disco volante un'immagine del s, la totalit psichica repressa che si nasconde dietro l'apparente dualismo di mente e natura. Pensavamo che il campo della mente e la sua volont tendente al bene, potessero essere la base del motore genetico de ll a vita. La speranza era che partendo da ll a biologia, il tantra potesse riunire la realt della pietra

104

VERE ALLUCINAZIONI

UNA CONVERSAZIONE

SUI

DISCHI VOLANTI

105

vivente, l'unicorno chimerico della ricerca alchemica fatto per appoggiare la propria testa in grembo a lla fanciulla. In breve, sognavamo l'unione tra spirito emateria. il morto: credevamo che l'ipercarbolazione fosse la sconfitta sciamanica della morte, che le porte attraversate ogni giorno dalla morte potessero essere aperte anche all'umanit ipercarbolata, che avrebbe avuto la libert di movimento da e per l'eternit in cui tutti i membri della specie esistono come una realt vivente. Carl Jung, Newton e Nabokov, Bruno, Pitagora ed Eraclito: l'incombenza di giganti provenienti dal passato umano era un'intuizione onniinclusiva che condividevamo e che non potevamo ignorare. Sembrava che ci fosse una discendenza ideologica, la catena d'oro, il cui impegno collettivo era la distruzione del continuum storico grazie alla generazione della pietra filosofale vivente dell'umanit ipercarbolata. Tutti questi visionari avevano avuto il loro ruolo nel progetto. Ora, il lavoro segreto della storia umana, la generazione del corpo cosmico di Adamo, perduta fin dal paradiso, si avvicinava alla completezza, queste ombre si agitavano presso il nostro accampamento amazzonico. Il nostro destino era apparentemente quello di essere atomi umani fondamentali per la trasformazione dell'homo sapiens in una galassia di vagabondi bodhisattva, il culmine e la quintessenza delle pi alte aspirazioni dell'umanit che brama le stelle. Chi ha studiato psicologia riconoscer questo come un caso evidente di ego messianico. Forse cos, ma noi sentivamo queste cose come le sentirebbe chiunque altro se credesse davvero di essere in una tale posizione nel corso della storia. Ci domandavamo: "Perch? Perch noi?" A tali domande, il fungo rispose nella mia mente senza esitazione: "Perch avete diligentemente cercato il bene e perch non vi siete fidati di altro essere umano pi che di voi stessi". L'impatto emotivo di questi cambiamenti interiori era pi intenso di qualunque cosa avessi mai provato. Mi sentivo umilmente riconoscente, riconoscente fino alle lacrime. Ero esaltato. Volevamo recuperare il paradiso all'umanit e ringraziammo tutti gli dei e la natura che la nostra impresa eccentrica, fra tutte le vite e i cammini vissuti sulla terra, fosse stata collocata dal destino cos vicina al confine estremo. Dove l'antico sciamanesimo aveva fallito, noi saremmo riusciti. Il salvataggio della perla senza tempo dell'immortalit umana dal pozzo della morte, sarebbe divenuto una realt per ogni persona mai vissuta, grazie all'ipercarbolazio-

ne. Tutto il dolore, la sofferenza, la guerra e la disperazione sarebbero stati ripagati dall'intercessione del segreto di dimensioni superiori e di un flusso a ritroso di logica del tempo che in qualche modo cancella ci che gi accaduto. L'onda di comprensione, che si era rafforzata dal 27 febbraio, era cos forte da essere quasi visibile in ogni cosa intorno a me. La forma lenticolare della pietra filosofale che si avvicinava sembrava essere ovunque guardassi. Ogni forma intorno a me era ricca di profondit opalescenti, ultraterrene.

ANCO A SULL'OPERA" RA 99

ILO

In cui rifiniamo la teoria e cominciamo i preparativi per i voli sperimentali

dell'aerolite della conoscenza.

L GIORNO SUCCESSIVO EM IL TANTO Al "I ESO 4 MARZO. DOPO COLAZIONE,

non spegnemmo il fuoco come facevamo di solito. Invece, cominciammo a preparare i pezzi di banisteriopsis caapiin molti litri d'acqua sorgente. Il fuoco, alimentato da nodose radici seccate al sole, bruciava furiosamente. La pentola rispose con una bollitura rombante che, per fare l'infuso, il massimo. Tutto il pomeriggio, noi tre cucinammo e parlammo poco. Dave e Vanessa passarono un po' di tempo a visitare e fotografare il vecchio villaggio di La Chorrera al di l del lago. Quella sera si unirono a noi per una cena leggera, poi ci lasciarono per permetterci di prendere l'ayahuasca e di cominciare il test sperimentale di ipercarbolazione senza di loro. Sono sicuro che la mente di Dennis, molto pi della mia, fosse presa dai dettagli del test. Durante i giorni precedenti, ero stato spesso irritabile. Considerai questo mio umore come parte della gamma di effetti connessi agli strani sviluppi mentali che stavo sperimentando. Mentre Dennis si preoccupava di prospettive interiori, io ero il custode dall'occhio di falco del rito e dei fuochi sciamanici. Avevamo discusso parecchio riguardo al fuoco e riguardo al ruolo da esso giocato nel formare il mondo mentale degli antichi esseri umani. Una volta, mentre eravamo seduti a guardare fisso il nostro fuoco, Dennis disIl07

108

VERE ALLUCINAZIONI

ga LL

c^PEu^A

109

se: "Gli esseri umani hanno guardato dentro fuochi come questi per migliaia e migliaia di anni. Lo scoppiettare di questi carboni il rilascio di plasma ionizzato e nelle onde pulsanti di elettroni liberi si pu vedere il passato e il futuro. Il fuoco il luogo da dove provengono le idee". Restai in silenzio. Poi sentii i nostri antenati presenti dall'altra parte dell'interfaccia rappresentata dalla fiamma. "Cosa ci sta accadendo?", mi domandai di nuovo, ma non dissi nulla poich il silenzio sembrava pi eloquente. Dennis, totalmente occupato a creare un test che avrebbe rivelato il fenomeno in modo tale da vincere lo scetticismo, pass gran parte del giorno a scrivere furiosamente.
4 marzo 1971 ora possibile ricostruire l'idea fisico-chimica che si sviluppata nel processo di comprensione di questo fenomeno; per esempio, la rotazione quadridimensionale della materia. Esaminando il modello linguistico che abbiamo costruito, ho capito che l'interferenza di onde ESR che compir il lavoro agisce in modo differente da come avessi pensato. Si pu spiegare cos: la psilocibina presente nel fungo agisce come un'antenna per prendere e amplificare i toni armonici di ESR di tutti i componenti derivati da triptofano di tutti gli organismi viventi alla sua portata. Poich la psilocibina, quando viene metabolizzata, superconduttore, significa che la sua portata di ricezione teoricamente infinita. L'antenna raccoglie un segnale la cui origine ultima la totalit delle creature viventi; ma poich il metabolismo della psilocibina avviene dentro al cervello (o al fungo) a un voltaggio molto basso, l'antenna si comporta come se la sua portata fosse limitata, anche se superconduttore.

tanto concentrata, ha origine nella risonanza ESR dell'ayahuasca, sebbene forse tutta la biosfera sia raccolta e trasmessa, amplificata dal trasduttore superconduttore dell'ayahuasca. Questa intuizione chiarir precisamente ci che accadr al momento della torsione quadridimensionale. Ingerire l'armina dell'ayahuasca accelerer il processo di metabolismo abbastanza da amplificare il proprio tono ESR a un livello udibile; questo tono ESR canceller armonicamente il tono ESR della psilocibina dentro il fungo, provocando la perdita del suo campo elettrico e la rottura in una configurazione superconduttiva. Il segnale ESR dell'ayahuasca trasformer il fungo in un'antenna superconduttore; quindi pronto perch il composto armina-psilocibina-DNA sia metabolizzato nel corpo, condensato nella sua forma caricata. Un microsecondo dopo che il fungo stato caricato superconduttivamente, la sua onda amplificata ESR canceller i segnali ESR di triptammina e armina, metabolizzando nel corpo e nel materiale genetico. Questo indurr i composti a finire nella configurazione superconduttiva e a unirsi nel momento esatto in cui si uniscono alla forma del fungo in attesa. Questo trasferimento di composti superconduttori caricati dentro al corpo a una forma superconduttore preparata dentro al fungo, non accadr nello spazio tridimensionale; nessun trasferimento fisico sar visibile, dacch il materiale superconduttore organicamente trattato si unisce alla forma del fungo attraverso una dimensione spaziale superiore.

Vedo questa nozione come un tentativo di spiegare il senso reale dell'interconnessione informativa che pervase la nostra esperienza, che avvenne in una delle foreste tropicali pi fitte del pianeta. Sembrava che fossimo in contatto con la mente vivente de lla foresta tropicale. Forse i composti triptamminici erano i mediatori dei meccanismi segnalatori della struttura di comando e di controllo che regola e integra l'intero ecosistema. Ancora Dennis:
Sembra chiaro che il segnale, che pu essere percepito chiaramente quando siamo sotto l'effetto dei funghi in quest'area ecologicamente

A questo punto, il razionalista si disperer. Infatti, quale abisso di assunti teorici non provati e supposizioni fantasiose si nasconde dietro la frase "attraverso una dimensione spaziale superiore"? Comunque, come gli antichi alchimisti, Dennis sembrava agire secondo l'assunto che l'esperimento, una volta riuscito, avrebbe dato validit alla teoria. Come il vocabolario dell'alchimia, le sue parole univano moderni formalismi scientifici e aspirazioni ermetiche. Aveva creato un nuovo ordine alchemico e aveva innalzato lo spettro della speranza alchemica come una fenice dalle ceneri della modernit.
Il risultato sar l'opera delle opere, la meraviglia che non pu essere narrata, quattro dimensioni catturate e compresse in tre. La pietra sar tutte le cose; ma gli elementi che sono uniti nell'iperspazio per formarla sono tra i pi comuni prodotti naturali, e la funzione e la posizione di ciascuno nella pietra possono essere compresi. La pietra

110

VERE A1_.LUC1NA' QN1

ANCORA SULL'"PERA"

111

un circuito iperdimensionale allo stato solido che di struttura quadripartita: I) la psilocibina viene caricata nel fungo per agire da architrave su cui il resto del circuito condensato. Allo stato finale, la psilocibina agisce come un'antenna superconduttore per captare le informazioni diffuse attraverso spazio e tempo. II) il complesso di armina caricato superconduttivamente nella pietra agir da trasmettitore e da fonte di energia. interessante notare che la stessa energia che mantiene i circuiti dell'antenna in uno stato di superconduttivit, sosterr anche tutto l'insieme. III) il terzo composto della pietra il DNA unito e risonante attraverso l'armina. Costituir la memoria iperdimensionale olografica del meccanismo, conterr e illustrer la storia genetica di tutte le specie. Sar la memoria collettiva del meccanismo, e tutti i tempi e i luoghi e le forme concepibili saranno accessibili in questa matrice. IV) la quarta parte del circuito sar l'RNA caricato superconduttivamente (di solito la funzione dell'RNA di leggere il codice molecolare del DNA e di trascriverne i geni in molecole di proteine utilizzabili). Grazie alla sua funzione di replica orientata attraverso l'iperspazio, l'RNA sar in grado di proiettare una forma simile a un'onda, un'immagine olografica a tre dimensioni, e perci dar istantaneamente forma a qualunque idea. Compir la stessa funzione che ha sempre avuto il processo di replica attraverso il tempo. Ma, d'ora in poi, la replicazione sar in parte soggetta al capriccio della coscienza. Il motivo per cui io e i miei compagni siamo stati scelti per capire e innescare l'onda gestaltica di comprensione che sar la liberazione dello zeitgeist iperspaziale, mi sembra ogni momento pi chiaro, sebbene sappia che non capir completamente la nostra missione sino alla fine del lavoro. Saremo istruiti nell'uso della pietra da alcuni saggi e abili compagni della comunit iperspaziale: ne sono sicuro. Sar come ricevere le chiavi della cittadinanza galattica. Penso che saremo i primi cinque esseri umani a essere istruiti nel suo uso. Distribuir la nostra missione selettivamente al resto dell'umanit, ma lentamente, e in modo tale da placare lo shock culturale. anche corretto che almeno alcuni segmenti della specie abbiano un annuncio delle implicazioni e delle possibilit di quest'ultimo prodotto della cultura. E cos ora, contro ogni probabilit e contro le circostanze, io e i miei compagni abbiamo il peculiare privilegio di sapere che la storia finir.
'

Sarebbe una strana posizione, se essere in tale posizione non si accompagnasse a una piena comprensione delle forze che hanno portato l. Fortunatamente, poich il fenomeno un'accelerazione della comprensione, si possono cogliere meglio le forze che hanno piegato spazio, tempo, pensiero e cultura per focalizzarsi in questo punto.

Come questa monumentale e imperscrutabile frase suggerisce, Dennis stava svoltando qualche sorta di angolo. Sotto l'influenza delle sue idee e delle immagini, le nostre vite erano diventate pura fantascienza. Questa intera trasformazione era stata raggiunta aprendo la nostra immaginazione collettiva. Ma cos'era cambiato? Stavamo per prendere il timone della storia nelle nostre mani, o questa faccenda era solo un altro tentativo mal riuscito di raggiungere il potere di un archetipo che deve sempre sfuggire di mano?
Ora, posso guardare alla mia vita come se fosse illustrata sulloscanner della memoria e posso capire tutti quei momenti che preannunciarono questo. facile vedere oltre la storia personale e oltre gli eventi della storia umana, e capire la prefigurazione di quest'ultimo momento. Il fenomeno sempre esistito e continuer a esistere, perch il confine estremo della comprensione fenomenica che fu generata nell'era prima della fisica e che ha accumulato un'accelerazione costante fin d'allora. La nostra meta all'interno delle tre dimensioni il passaggio di quest'onda di comprensione a una dimensione superiore, il regno dell'atemporale. Far questa transizione attraverso uno di noi. Ma non ci sar alcun cambiamento nell'ordine cosmico perch il fenomeno ha accumulato accelerazione fin dall'inizio e fluir attraverso e oltre tutte le dimensioni con la stessa disinvoltura con cui entrato, fino a muoversi finalmente attraverso tutti gli esseri, in tutte le dimensioni. La sua gioia sar completa quando avr raggiunto una piena comprensione attraverso la creazione. Se inneschiamo l'escatologia sembreremo degli anticristi, ma il vero Anticristo la riflessione storica distorta di Cristo alla fine del tempo, il cosmico Adamo anthropos. Il Cristo escatologico l'Anticristo, solo visto da una prospettiva storica. interessante notare che presso i Mezatechi e presso altri gruppi tribali delle montagne del Messico centrale, l'idea di Cristo connessa ai funghi: si tratta di sincretismo o di profezia?

112

VERE A1.E.,UCINAZION1

ANCORA SITg.II." OPEh2A"

1Il3

La cena collettiva con Dave e Vanessa nel nostro campo, con l'infuso di ayahuasca che si raffreddava sullo sfondo, non fu esattamente bri ll ante. Ora le posizioni relative al fenomeno erano polarizzate in maniera inconciliabile. Dave e Vanessa non arrivarono che a ll a fine della giornata, quando si unirono a noi nella capanna per una fumata. La discussione port a un aggiornato schema finale dell'esperimento proposto per la serata. Dennis parl: "Troveremo un fungo vivo e metabolizzante. Gli scaveremo il letame intorno e lo porteremo alla capanna. Dobbiamo avviare la connessione nel fungo perch non sappiamo cosa accadrebbe se fosse fatta nei nostri corpi. Tutto possibile. Con la tua voce, la tua mente e un fungo, queste cose possono essere realizzate. Questo tutto ci di cui hai bisogno. Niente acceleratori di particelle o roba del genere! Con un'energia centinaia di volte inferiore all'energia di una normale pila, possibile squarciare spazio e tempo". L'aria era pesante e piena di ioni caricati. Dave era pieno di dubbi; mentre parlava, udimmo un tuono distante proveniente da ll a giungla. Le obiezioni di Dave a ci che stavamo facendo erano piene di emotivit e di timore, nello stile "l'uomo non fatto per sapere queste cose". Non era ci che ci aspettavamo da un collega. Tentammo di rassicurarlo, ma lui si agit e fugg da ll a capanna, forse per tornare a ll a casa sul fiume. Invece, subito dopo udimmo un'esclamazione di paura, una sorta di lamento, un urlo sconvolto. Ci precipitammo tutti fuori e trovammo Dave pallido come un morto, che fissava il cielo puntando un dito. La luce di un primo quarto di luna illumin il cielo. Sopra il sentiero, c'era un enorme testa di tuono nera che sollevava la sua forma contorta per centinaia di metri per l'umidit e l'aria satura di elettricit. Sembrava un enorme millepiedi con grandi fulmini che si agitavano nella sua parte bassa, colpendo la cima del baldacchino della giungla con un ruggito che, quando piomb su di noi, era assordante come una cannonata. Tra le urla del vento che mise la giungla intorno a noi in frenetica agitazione, udii Dennis dire: " un'onda di ritorno del passaggio imminente. Sta dicendo che non ci sono dubbi sul nostro successo!" Dennis urlava, mentre affondava nel suolo sabbioso, quando le prime enormi gocce cominciarono a cadere. Pensai ad Achab che diceva: "Colpirei il sole se mi insultasse. Perch se lui potesse, potrei anch'io: c' sempre una forma di equilibrio". Mentre i suoni spaccavano i timpani, ci ritirammo nella capanna e Vanessa si distorse una caviglia contro il tronco che fungeva da scalino. In pochi minuti, la tempesta se n'era andata, lasciando spazio a un tramonto caotico e agitato.

L'improvvisa tempesta elettrica e il suo impatto su di noi fu presa come un segnale da parte di entrambe le fazioni. Io, Dennis e Ev pensammo che fosse connessa a un feedback dell'esperimento che stavamo per tentare. Dave e Vanessa la consideravano una piccola dimostrazione di ira divina per le nostre aspirazioni prometeiche. La possibilit che non avesse a che fare con noi, non fu neanche considerata. " questa la guarigione della T spezzata che il mio astrologo aveva predetto?", domand Vanessa (che una Scorpione) non rivolgendosi a nessuno in particolare. Io ed Ev condividemmo un pasto leggero con i nostri ospiti, mentre Dennis digiun. Dave e Vanessa ci augurarono buonanotte e buona fortuna, e si affrettarono verso l fiume. Noi tre restammo soli e non c'era altro da fare se non il test di Dennis, che aveva causato una tale tensione nella nostra spedizione. L' ayahuasca era pronta. In seguito, dopo aver visto l' ayahuasca preparata dagli sciamani peruviani, sono sicuro che la nostra mistura fosse troppo debole per avere una qualche importanza in ci che accadde dopo. Se possibile individuare un agente causale, questo fu il fungo. I funghi che avevamo, sia quelli che gi avevamo raccolto sia il campione portato a ll a capanna, erano in situ, nella loro casa di letame. Dennis disse che doveva essere presente de ll a psilocibina viva e metabolizzante. Avevamo appeso la crisalide di una morphoea vicino al fungo, cos che anche il tessuto animale in metamorfosi fosse presente. Quale parte era scienza e quale rituale? Non lo sapevamo e non lo potevamo dire. Le scommesse erano chiuse. L'ispirazione poetica e l'intuizione scientifica erano fuse insieme.

^l
E ESP KRIM .ENTO A LA Cl- ORRERA

In cui si tenta l'esperimento e i fratelli McKenna sono sconvolti dalle sue inaspettate conseguenze.

A NOTTE DEL

4 MARZO ERA TOTALMENTE BUIA. ERA ARRIVATO UN

banco di nubi basse ad avvolgere il piccolo mondo di La Chorrera, incartandolo in un'oscurit di velluto. Dopo la tempesta avevamo riacceso il fuoco e avevamo bollito parecchi litri d'acqua per il nostro infuso di banisteriopsis caapi, cos che fosse molto pi forte di prima. Aggiungemmo delle foglie che Dennis aveva raccolto quel giorno vicino al chorro e le usammo nella miscela di DMT. Speravamo che le piante per la miscela avrebbero procurato abbastanza DMT per innescare le forti allucinazioni per cui l'infuso era famoso. Avevamo identificato queste piante come justicia pectoralis var. stenophilla, una pianta forse usata nella miscela dell'ayahuasca su a Nord. Ora, anni dopo quella sera, non solo metto in dubbio la concentrazione a cui preparammo la banisteriopsis, ma anche la nostra identificazione de lle piante per la miscela. Non c' dubbio che c'era una notevole concentrazione alcaloide di armina nell'infuso, ma pi tardi appresi che non era abbastanza da provocare un'intossicazione. Gli alcaloidi di armina presenti erano, a mio parere, aumentati dalla psilocibina accumulata nei nostri corpi o, meglio, l'effetto inibitore MAO di queste beta-carboline spinse la psilocibina residua a emergere nella coscienza come una profonda esperienza allucinogena. Mentre finivo la cottura, Ev e Dennis andarono sulle loro amache ad
115

116

VERE ALLUCINAZIONI

L'E5PER1MENT

A LA CHR 2ER A

117

aspettare il completamento dei preparativi. Ridemmo insieme parlando tranquillamente. Ma, nonostante ci, c'era una tensione di sottofondo, mentre preparavamo l'esperimento in cui avevamo riposto cos tanta energia. Mentre ci avvicinavamo al momento critico, Ev e Dennis divennero via via pi goffi e mi sembrava che non controllassero bene i loro corpi: era questo che li aveva spinti verso le amache. Io non avevo problemi e riuscivo a prendermi cura di tutto. Nella sua amaca Dennis mangi due funghi per preparare l'esperimento; io ed Ev lo imitammo. Alla luce del fuoco, la nostra palafitta con le sue esili colonne sembrava una piccola astronave caduta da un mondo alieno nella giungla ululante. Ci sentivamo come se stessimo per entrare nell'iperspazio. Potevi sentire energie immense che si accumulavano. L'effetto era rinforzato da ll e amache che ondeggiavano come cinghie di accelerazione pronte ad accogliere un equipaggio ste ll are Su ll a sua amaca Dennis aveva difficolt a tenere in mano la penna, ma riusc a scrivere furiosamente riguardo all'esperimento: Il fungo sta metabolizzando dentro i nostri corpi; ci si accordato
all'architrave di triptammina nel fungo vivente ed stato sensibilizzato per la condensazione della molecola armina-psilocibina-DNA. Quando si ingerisce l'ayahuasca, l'armina comincer a metabolizzare dentro al corpo. L'ESR del circuito di psilocibina presensibilizzata canceller immediatamente lESR dell'armina e la collegher superconduttivamente con il complesso DNA-RNA sia nei nostri corpi, sia nel fungo simultaneamente, in una dimensione superiore. Completato il collegamento, l'unit di guida della memoria di armina-DNA condenser nel circuito di psilocibina in attesa e in carica dentro al fungo. Noi vedremo questa condensazione, non appena apparir nel fungo nel medesimo istante in cui il collegamento si completer in una dimensione superiore.

Non avevo idea di ci che significasse o a che cosa stava portando. Decisi che sarei stato solo un buon testimone. Di certo o non sarebbe accaduto nulla o c'era da aspettarsi qualcosa di grandioso. Dennis spieg che non riusciva a muoversi a causa dello scorrere inverso del tempo. Le crescente limitazione nella scelta dei futuri possibili l'avevano reso quasi immobile, solo la mente era libera. Finimmo di bollire l' ayahuasca. Aggiunsi all'infuso le piante di miscela. Po rt ai prima l'ayahuasca e poi il fungo nella capanna. Con quegli elementi eravamo pronti a cominciare.

Dennis cominci l conto alla rovescia, eravamo completamente trasformati dall'idea che avremmo potuto assistere all'esplosione del tempo. Disse che questo sembrava rallentare mentre ci avvicinavamo al momento. Non avevamo preso allucinogeni per parecchi giorni, cos l'effetto che avremmo sperimentato non sarebbe derivato da ll e esperienze precedenti. Qualcos'altro stava accadendo. Come prova di questa sorprendente affermazione, ci disse di osservare la candela che avevo appoggiato a un pezzo di legno che sporgeva dal muro. Sorprendentemente, la candela aveva cominciato a piegare il suo angolo di riposo fino a trovarsi in una posizione assurda, contraria a ll a gravit poich, lui diceva, il tempo passava cos lento che non potevamo vedere che si trovava sul punto di cadere. Mi avvicinai e mi piegai verso la fiamma. Il fuoco sembrava fermo, completamente congelato. La mia mente torn al momento in cui il fiume sembrava essersi fermato. La fiamma era magica. Sebbene tentassi, non vidi movimento di particelle n di gas. Sembrava che io possedessi la mia consueta libert di movimento, ma che il mondo intorno a me fosse arrivato a uno stato cristallino e soprannaturale. Fu infine Dennis a dire: "Una serie di livelli d'energia deve essere spezzata per unire il tutto. in pa rt e mitologia, parte psicologia, parte fisica applicata. Chi lo sa? Faremo tre tentativi prima di interrompere l'esperimento". Bevemmo tutti l'ayahuasca. Il gusto era aspro e astringente, come una salsa di cuoio, ma svan in fretta mentre il liquido scendeva ribollendo nelle nostre budella. Dennis prese un altro fungo per aiutarsi a sentire la nota. L'oscurit fuori era totale e noi non avevamo orologi; sembravano ore da quando Dave e Vanessa se ne erano andati. Tutto era finalmente pronto: il fungo vivente, l'infuso di armina e una mistura di armina da fumare, caso mai... Dopo aver bevuto circa mezza tazza di infuso di ayahuasca, ci fermammo ad aspettare. Per parecchi giorni Dennis era stato ad ascoltare la nota ESR che stimaya essere il sine qua non per ci che stavamo tentando. Dopo circa un quarto d'ora, annunci che poteva sentirla pi chiaramente e che stava aumentando d'intensit. Ci disse che si sentiva pronto a tentare l'esperimento in ogni momento. Ci accordammo per spegnere la candela ogni volta che si fosse formato il suono, per non appesantire le nostre menti a ll a vista delle distorsioni facciali triptamminiche causate dallo stesso strano suono. Anni prima, all'apice de lle avventure da DMT con la nostra gang a Berkeley, eravamo

118

VERE

ALLIJC1NAZ7ON1

L'ESPERIMENTO

A LA CFiORRERA

119

stati testimoni di spasmi della muscolatura del volto da far venire la pe ll e d'oca, poich evocavano le entit del buddismo tantrico: gli occhi fuori dalle orbite, la lingua in fuori e incredibilmente lunga o cose del genere. Dennis, poi, si sedette sull'amaca. Spensi la candela e lui emise il suo primo urlo di ipercarbolazione. Era meccanico e forte, come un muggito di toro e fin con una convulsione che gli attravers il corpo e lo fece cadere gi dall'amaca, sul pavimento. Riaccendemmo la candela solo per verificare che tutti volessimo continuare e ci accordammo: Dennis avrebbe fatto il prossimo tentativo stando seduto sul pavimento. Cos accadde. Di nuovo segu un lungo, rombante yodel, strano e meccanico. Suggerii una pausa prima del terzo tentativo, ma Dennis era agitato e ansioso di farcela. Ci preparammo per il terzo urlo e quando arriv fu come gli altri ma molto pi lungo e pi rumoroso. Come una sirena elettrica che ululava nell'immobile giungla notturna, continu a lungo e, quando finalmente si affievol, anche questo fu come lo spegnersi di una sirena. Poi nell'assoluta oscurit de ll a capanna amazzonica, si fece silenzio, il silenzio della transizione da un mondo all'altro; il silenzio del Ginnunga gap*, quella cruciale esitazione fra un evo terreno e la susseguente mitologia scandinava. In quel gap s'intromise il canto del gallo de ll a missione. Cant per tre volte, chiaro ma lontano e sembrava confermarci come attori sulla scena e parte di un progetto drammatico. Dennis aveva detto che se l'esperimento fosse riuscito, il fungo si sarebbe distrutto. Il fenomeno di bassa temperatura avrebbe fatto esplodere la materia cellulare e sarebbe rimasto un anello viola di luce della grandezza della cappe ll a del fungo. Sarebbe stato il modello lenticolare, o la pietra filosofale, o chiss cos'altro. Poi qualcuno ne avrebbe preso il controllo. Sarebbe stato come se qualcuno avesse partorito la propria anima, il proprio DNA esteriorizzato come una specie di fluido vivente fatto di linguaggio. Sarebbe stata una mente che poteva essere vista e tenuta in mano. Indistruttibile. Un universo in miniatura, una monade, una parte di spazio e tempo che magicamente condensa in s tutto lo spazio e il tempo, compresa la propria mente, una mappa del cosmo cos vera da essere il cosmo: quello era il coniglio che Dennis voleva estrarre dal cappello quel mattino.
* L'immenso spazio cosmico della mitologia scandinava e germanica, dove si stendevano i regni di Niflheim (il luogo dei morti) e Mulpelsheim.

Dennis si chin verso l fungo ancora intero che stava nell'area dell'esperimento: "Guarda!" Mentre seguivo il suo sguardo, alz il braccio e attraverso il cappello espanso del fungo cadde l'ombra del suo ruana, una specie di poncho usato dai contadini sudamericani. Chiaramente, ma solo per un momento, quando l'ombra tagliava in due la cima bri ll ante del fungo, vidi non un fungo maturo ma un pianeta, la terra, lucente e viva, blu, marrone e splendidamente bianca. " il nostro mondo", la voce di Dennis era piena di emozioni insondabili. Potevo solo annuire. Non capivo, ma lo vidi chiaramente, sebbene la mia visione fosse solo l'impressione di un momento. "Ce l'abbiamo fatta", proclam Dennis. "Non capisco!" dissi subito, ed era vero, "Andiamo ai pascoli. Ho bisogno di pensare", aggiunse Dennis. Ev era distrutta dalle attivit della notte e probabilmente era contenta che la lasciassimo nella capanna con l'arrivo dell'alba che prometteva un nuovo giorno. Mentre scendevamo la scala fino a terra, ero colpito dallo scenario di assoluta confusione che le nostre attivit si erano lasciate dietro durante le ultime frenetiche ore. Il nostro immenso fuoco ora non era altro che ceneri bianche. I rifiuti de ll a preparazione dell 'ayahuasca stavano l vicino e sembravano un mucchio di alghe marine sulla spiaggia. Ogni cosa era sparpagliata in giro. Camminavamo attraverso tutto questo, scrollandoci la stanchezza dal corpo e fermandoci per spruzzarci il viso d'acqua presso il piccolo ruscello che attraversava il sentiero. Non avevamo ancora parlato, quando Dennis ruppe il silenzio: "Ti stai chiedendo se ce l'abbiamo fatta?" "S, cosa successo? Stai dirigendo tutto tu. Dimmi, cosa sta accadendo?" "Non sono sicuro del come, ma ce l'abbiamo fatta. Ci devo pensare su". Sebbene l'effetto dei funghi e dell 'ayahuasca della notte prima sembrasse svanito, la mia mente era piena di domande. Mentre camminavamo, Dennis faceva commenti occasionali che, notai con sorpresa, erano risposte alle cose che stavo pensando senza esprimerle. Mi fermai un attimo. Formai con chiarezza una domanda nella mia mente. Dennis, con la testa vicino a me, cominci a rispondere senza aspettare che dicessi i miei pensieri ad alta voce. Ero confuso. "Era dunque questo?", mi domandai. Aveva in qualche modo acquistato poteri telepatici? "No", replic lui, c'era ben pi di quello. Secondo Dennis, l'unione dell'armina con il suo DNA gli aveva aperto

120

VERE ALLUCINAZIONI

L'ESPERIMENTO A LA CHORRERA

121

immediato accesso a un enorme deposito cibernetico d'informazione. E questa informazione era disponibile liberamente a chiunque nel mondo guardasse nella propria mente, precedendo la domanda con la parola "Dennis". L'assurdit della seconda met della frase mi colp moltissimo. Ma, naturalmente, davanti alla sua insistenza, feci un test. Presi una piccola pianta ai miei piedi, chiusi gli occhi e chiesi: "Dennis, qual il nome di questa pianta?" Immediatamente e senza sforzo schiocc nella mia mente un nome scientifico, che ora ho dimenticato. Cercai di ripetere la cosa con un'altra pianta e con mia sorpresa ricevetti una risposta differente. L'esperimento sembrava garantire che qualcosa nella mia testa dava le risposte, ma non potevo dire se fossero giuste o no. Ero scosso. Quando lasciammo la capanna, ero sicuro che avevamo fallito e che dovevamo rivedere il nostro approccio. Ero quasi sollevato perch l'avevamo affrontato in maniera ossessiva. Ma adesso, mentre camminavamo, potendo sentire nella mia testa una voce che dava risposte, per quanto inutili e imprecise, a ogni domanda, ero meno sicuro. Dennis era stranamente preoccupato, ma mi rassicur che il suo tentativo era stato un successo e che in tutto il mondo l'onda dell'ipercarbolazione stava attraversando il genere umano, eliminando la distinzione fra individuo e comunit, mentre ognuno poteva scoprire se stesso spingendosi nell'oceano telepatico il cui nome era quello del suo scopritore: Dennis McKenna. Mentre osservavo la mia mente e osservavo mio fratello delirare, cominciai a realizzare che l'esperimento aveva senza dubbio scatenato un effetto incredibile. Mi chiedo ora perch fu cos facile per me saltare dall'idea che stavamo avendo una bizzarra esperienza localizzata a lla conclusione che eravamo parti-chiave di un fenomeno planetario. una domanda importante e senza risposta che dice molto riguardo alla mia disponibilit alla suggestione in quel momento. Ero probabilmente vittima di un'allucinazione cognitiva; cio, al contrario di un'esperienza visiva di qualcosa non presente, un'allucinazione cognitiva un cambiamento totale ai pi alti livelli dell a nostra relazione intellettiva con il mondo. L'allucinazione cognitiva indotta da lla psilocibina faceva apparire l'impossibile probabile e ragionevole. Fui pervaso dall'estasi quando compresi che avevamo passato il punto omega e che adesso stavamo vivendo nelle prime fasi della nuova era. Entrambi sentivamo crescere la nostra eccitazione mentre ci convincevamo che ora, in qualche modo, il mondo era radicalmente e fondamentalmente diverso.

"Dev'essere cos", disse Dennis. "Non abbiamo condensato la pietra nello spazio visibile, ma l'abbiamo generata nelle nostre teste. Non appare immediatamente come un veicolo visibile ma, innanzitutto, come un insegnamento, l'insegnamento che ora noi sentiamo nelle nostre teste. Poi, le parole diventeranno carne". Non riuscivo a fare altro che fissare mio fratello. Chi era e com'era capace di sapere e fare questo genere di cose? Potevo solo tirare a indovinare. "Ora mamma e un mucchio di gente morta diventeranno presto visibili. Senza dubbio arriver Jung e, accidenti, voglio proprio sapere cos'ha da dire". Mentre parlava, Dennis guard dietro la mia spalla allungando il collo per vedere chi si avvicinasse a lla nostra capanna. "Quello Nabokov, Sunny Jim, quel bravo ragazzo di Joyce o quel rompiscatole di Nick Cusa?" Ci abbracciammo, ridendo. Mi sentivo guidato come un bambino piccolo. Senza motivo, avevo smesso di interrogarmi; sentivo invece il desiderio di vedere altra gente e di percepire la loro immersione nel nuovo cielo e nella nuova terra. Sarei andato al fiume a prendere Dave e Vanessa per ritornare con loro alla foresta. Dennis sarebbe andato al campo per spiegare a Ev cosa stava accadendo. Appena mi mossi verso il fiume, mi sentii quasi senza peso. Mi sentivo rinato, pieno di energia, carico di salute e vitalit. In pochi minuti mi ero tramutato da scettico stanco e scontroso a fervente estatico. Ripensandoci, credo che quello sia stato il mio punto critico. Perch non chiesi a Dennis qualcosa di pi? Mi ero forse autoipnotizzato? Lo scenario insolito, la dieta limitata, la tensione e le aspettative mi avevano forse spinto in una situazione dove non ero pi capace di sfuggire al mondo delle pazze idee di mio fratello? Perch non ero pi capace di mantenere il mio punto di vista distaccato e scettico? In un certo senso questa volontaria sospensione di incredulit il punto cruciale de lla questione e, credo, di molte situazioni di "incontri ravvicinati". L'altra dimensione gioca con noi e ci avvicina attraverso l'immaginazione, ed cos che si raggiunge il punto critico. Andare al di l richiede di abbandonare i modi vecchi e radicati di pensare e vedere. A quel punto il mondo si rigira pigramente da capo a piedi e i segreti si rivelano: un modo magico, un paesaggio mentale diverso da quello sempre conosciuto, e il paesaggio diventa reale. Questo il regno della risata cosmica. UFO, elfi e i fertili pantheon di tutte le religioni sono gli abitanti di questo paesaggio finora invisibile. Ci si estende dentro i continenti e gli oceani dell'immaginazione, in mondi capaci di sostenere chiunque non vuole far altro che

122

VERE ALLUCINAZIONI

L'ESPERIMENTO

A LA CY1fORREII2A

123

giocare e poi il gioco si fa sempre pi serio finch diventa una realt con la quale nessuno oserebbe scherzare. Mentre camminavo dentro quello stupendo mattino, non ero preso da alcun tipo di pensiero cos dolcemente obbiettivo. Invece, supponevo che il mio corpo stesse metabolizzando la sua strada verso il corpo de ll a resurrezione, 1' "anima resa visibile" degli ermeneuti cristiani, che noi ci eravamo aspettati fosse parte del successo dell'esperimento. Non sapevo cosa stesse accadendo nel mondo e fuori di noi, ma sapevo che, fin dal momento in cui Dennis aveva dichiarato concluso l'esperimento, avevo sentito un'ondata crescente di energia e di comprensione dischiudersi nel mio essere. Mentre camminavo, venni preso da quella che sembrava essere una comprensione totale. Fior nella mia mente la rivelazione che noi siamo tutti esseri i lluminati e che soltanto la nostra incapacit di vedere e sentire noi stessi e gli altri, per quello che siamo, ci trattiene dal liberarci dal nostro senso di colpa e dal fare esperienza di noi stessi come illuminati. Non sono mai stato un allegro sostenitore de ll a beatitudine psichedelica, eppure allora stavo sospeso da qualche parte fra clich e archetipo. Mi sentivo beato, eppure non potevo credere a ci che sembrava essere accaduto. Il cammino fino a Dave e Vanessa dur dieci o quindici minuti. Dovevano essere le sette del mattino. Il sole era ben alto nel cielo ed era una bella giornata. Attraversando i pascoli mi sarei fermato a dire: "Dennis", e la risposta sarebbe arrivata istantanea come quel pensiero; questo mi rese confuso. Mi fermai e posi le domande. Seduto sul prato. "Va bene cos? Cos' tutto questo? Non so. sicuro? Non riesco a capire cosa significa". Camminando verso il fiume, feci qualche esperimento. Dissi: "Terence, Terence". Era come parlare a me stesso. Poi dissi: "Dennis" e la cosa fu d'incanto l, pronta a darsi da fare. Poi dissi: "McKenna, McKenna", ed era sempre l. Capii che non potevo arrivarci con il mio nome, ma con il cognome s. Mi sentii simultaneamente illuminato e sconcertato, non capivo cosa stava accadendo. Stavo soppesando questo tipo di cose, quando arrivai a ll a casa lungo il fiume di Vanessa e Dave. Stavano ancora dormendo sulle amache, ma intorno alla po rt a, seppur di primo mattino, c'era un gruppo di bambini witoto con gli occhi spalancati. Quando mi feci strada fra di loro, il mio sguardo cadde su ciascuno e pensai: "Tu sei illuminato, e tu, e tu..." Il mio arrivo era il primo evento della giornata per Vanessa e Dave.

Dissi loro che tutto aveva funzionato e che il frutto del nostro successo non era un superoggetto condensato, ma un insegnamento. Chiesi loro di vestirsi e venire con me. Mentre stavano chiudendo le amache, mi dissero che, nel momento pi buio de ll a notte, Dave si era svegliato istericamente, in uno stato simile a quello provocatogli dalla tempesta elettrica della sera prima. Si erano molto agitati e avevano messo in relazione ci con quanto stavamo facendo noi. Tutto questo mi interessava ma lo percepivo come distante. Volevo tornare alla foresta e vedere cosa si sarebbe rivelato l. Nella mia mente stavo ricordando qualcosa che Dennis aveva detto pochi minuti prima nei pascoli. Aveva detto che la linea di demarcazione fra il giorno e la notte, l'alba, stava facendo un giro del mondo in ventiquattr'ore, un viaggio che era cominciato all'alba quando l'esperimento a La Chorrera era finito. In tutto il mondo il traffico e le fabbriche stavano per fermarsi. La gente stava lasciando case e scuole per guardare il cielo, comprendendo che qualcuno, da qualche pa rt e, era passato dall'altra pa rt e, che quello non era un giorno come gli altri. Dave e Vanessa mi seguirono nella foresta. La caviglia di Vanessa era migliorata ben poco durante la notte e lei si lament per buona pa rt e del percorso. Quando arrivammo al luogo dove io e Dennis ci eravamo separati, ci imbattemmo in qualcosa che non faceva parte di nessun bagaglio di aspettative. C'erano la ruana di Dennis e la sua camicia abbandonate nel mezzo del sentiero; pi in l c'era un paio di pantaloni, pi avanti due calze sudate e, me ne accorsi solo pi tardi, anche i suoi occhiali e gli stivali. Seguimmo questa traccia di indumenti gettati via fino alla capanna nella foresta. L trovammo Ev e Dennis, entrambi nudi e seduti sul pavimento, che stavano discutendo e meditando in stile "chiedi a Dennis". Avvertendoci che non si poteva essere opportunamente iniziati senza essere nudi, Dennis insistette perch ci togliessimo i vestiti; Vanessa si spogli, io e Dave la seguimmo Anche il loro scetticismo sembrava essersene andato; la presenza del fungo era palpabile e sembrava dire: "Togliti i vestiti. Getta via tutto; ogni cosa si sta rompendo. Nessun oggetto ti pi utile adesso; getta via tutto. Non ne hai pi bisogno". Ci guardammo l'un l'altro, con i nostri lucidi peli pubici e i genitali che adesso risplendevano al sole. Feci una canna, sedemmo in cerchio e fumammo. Spiegammo a Dave e Vanessa l'insegnamento e loro provarono a seguirlo, con diversi livelli di successo. Dave sembrava pensare che funzionasse, la scettica Vanessa non era cos sicura. Non ero sorpreso di que-

124

VERE AII.LUCINrAZIONd

L'ESPERIMENTO

A LA CI- IOERERrA

125

sto risultato perch una voce nella testa cosa evasiva e soggettiva. Se ce l'hai, non c' dubbio; se non ce l'hai, sembra una storia incomprensibile. Tutti eravamo socievoli, tranne Dennis che mostrava una tendenza a parlare sopra le opinioni degli altri, come se questi non esistessero. Sembrava correre su un binario temporale diverso dal nostro, poich non riusciva a capire quando qualcun altro stava parlando. Pensammo che fosse logico slegare le amache dalla casa, portandocele dietro come unico bagaglio, e andare nudi nella foresta. Avremmo legato le amache a un albero, poi avremmo provato il metodo, perch chiaramente si poteva fare di pi che porre domande. La porta era aperta. Soltanto l'esperimento avrebbe mostrato cosa fare. Mentre camminavamo, chiesi alla cosa nella mia testa ci che dovevo fare e ricevetti l'istruzione che dovevamo visualizzare le nostre vite a partire da adesso e poi muoverci attraverso la nostra vita intera, cercando di andare incontro e di ristabilire un rapporto equilibrato con qualsiasi essere vivente al quale avessimo mai fatto torto. Una volta arrivati alla fine di questo processo, avremmo lasciato i nostri corpi e saremmo entrati nella dimensione della libert assoluta, che adesso sembrava cos vicina. Pensavo a questo come se fosse un riavvolgimento veloce dell'attivit karmica. Una volta che il karma si fosse riavvolto, uno stato di innocenza originale sarebbe fiorito con naturalezza. Stesi sulle amache stavamo meditando sulla nostra via per l'iperspazio. Nell'occhio della mia mente potevo vedere me stesso a La Chorrera e poi scendere gi a El Encanto, sul fiume fino a Leguizamo, di nuovo a Bogot e poi ancora in Canada. A ogni tappa avrei incontrato la gente con cui avevo vissuto e avrei detto: "Ce l'abbiamo fatta! Mi scuso e spero di non avervi offeso troppo nei nostri incontri a tre dimensioni. Comunque adesso tutto finito. Tutto finito!" Potevo vedere molta gente. Mi avvicinai a loro. "Siamo in Amazzonia," spiegai loro, "e ora stiamo tornando a casa. O verso qualche altro posto". La visione aveva una qualit infinitamente realistica. Le lacrime si formavano dietro le mie palpebre chiuse. Era un sentimento molto particolare. La voce del maestro parl nella mia mente: "L'avete trovato. Proprio cos. finita ora. Non c' nient'altro. Tra poche ore la civilt umana legata all a terra croller e la vostra specie muter. Prima andrete fino a Giove e poi ad Alfa dove c' il Sagittario. Un giorno di gr an di avventure si affaccia per la razza umana". All'inizio le immagini sembravano divenire pi profonde e crescere

d'intensit, ma dopo un'ora fu chiaro che stavano svanendo. Uno dopo l'altro, uscimmo dallo stato di torpore indotto dal caldo mattutino e dallo stare nelle amache. Cominciammo a parlare e ad analizzare il tutto pi volte. Dennis sembrava essere il pi fuori di tutti. Dave e Vanessa dubitavano che qualcosa fosse veramente accaduto. Ev era distante e io mi sentivo stonato e immerso nella percezione surreale che mi aveva avvolto fin dal caotico inizio del giorno. Poi capii che c'era qualcosa che non andava. L'apprensione correva pi veloce della realt, come fa sempre. Per chiunque altro, non era accaduto nulla. Mentre parlavamo, mi divenne chiaro che nessuno al di fuori di me poteva sentire Dennis all'interno de ll a propria mente. Tutti si chiedevano cosa stesse succedendo e si stavano innervosendo, pensando che stessi perdendo la testa. Stavamo entrando in quella che poi chiamai la fase successiva, che era un periodo di confusione per tutti. Dennis era completamente staccato dalla realt. Io gli parlavo e lui non se ne accorgeva. Cominciava a parlare e non si rendeva assolutamente conto quando qualcun altro stava parlando. Mentre l'abisso tra le nostre percezioni si faceva pi grande, sentimmo tutti il bisogno di tornare alla normalit, di toccare le fondamenta; qualcuno sugger di farci una doccia all'aperto nella missione, dal momento che eravamo tutti sporchi e coperti della fuliggine del fuoco notturno. Raccogliemmo i nostri vestiti. Facendo questo, scoprimmo che Dennis aveva gettato via gli occhiali, gli stivali e tutto il resto. Scompigliati e disorientati, ritrovammo il sentiero per la missione, cercando senza successo gli occhiali smarriti. Un gruppo di witoto ci osserv mentre passavamo e scoppi in una risata. "Sanno, sanno ci che accaduto", mi disse la voce. Di certo stavano ridacchiando per qualcosa. Continuammo a camminare verso la missione e la sua doccia al sole. Dennis non la smetteva di parlare e non era pi possibile comunicare con lui. Stava crescendo tra gli altri l'idea che eravamo in crisi, ma non ancora completamente fuori. Concordavamo che l' ayahuasca fosse molto particolare ma eravamo convinti che il passare delle ore avrebbe aggiustato tutto. La mia conclusione era che qualcosa di irreale e inaspettato era accaduto, che Dennis aveva fatto qualcosa e che qualche strano effetto farmacologico era stato inconsapevolmente manipolato. L'effetto si era manifestato solo parzialmente nel modo in cui ce lo eravamo aspettati e, quindi, non sapevamo dove cazzo fossimo finiti. Ero calmo e potevo alme-

126

VERE ALLUCINAZIONI

no interagire socialmente. Sebbene fossi in balia di emozioni che facevano sgorgare lacrime di gioia sul mio volto, non ero fuori da ll a realt. "Aspetteremo fino a domani. Dennis torner a posto", dissi tentando di rassicurare il resto del gruppo. Sembrava che tutti, tranne me e Dennis, avessero imboccato la via del ritorno verso il loro normale equilibrio mentale. Mentre ero sommerso da strane ma splendide percezioni dilatate, le sue idee folli e i suoi occhi allucinati suggerivano che era lontanissimo da lla realt. Dopo la doccia, tornando a ll a foresta, gli feci presente i miei dubbi ma lui, comportandosi maliziosamente come Amleto nella sua follia, replic con indovinelli e mimando alcuni parenti morti. Non potevo ottenere niente da lui; continuavo a pensare che una notte di sonno l'avrebbe calmato. Quando ritornammo al campo, insistetti perch si riposasse e lui lo fece. "Adesso possiamo indire la conferenza stampa?", domand dalla sua amaca, mentre noi altri cercavamo di rimettere in ordine la capanna.

N VORTIC
In cui scopriamo che l'universo pi strano di quel che possiamo pensare, Dennis compie un viaggio sciamanico e il nostro gruppo si polarizza e si divide.

ER RISPARMIARE A VANESSA IL RITORNO AL FIUME DECIDEMMO CHE

lei e Dave avrebbero trascorso la notte nella nostra capanna. Le loro due amache furono appese vicino alle nostre tre. Quella sera la trascorremmo ammassati, ma mangiammo bene e, se si escludono degli occasionali commenti veramente incomprensibili di Dennis, tutto sembrava di nuovo a posto. La caviglia di Vanessa era ancora in pessime condizioni e tutta la nostra attenzione venne rivolta a questo problema, forse a causa della sua natura materiale, in contrasto con la maggior parte de ll e cose che stavano succedendo. Mi sentivo ancora completamente cambiato e rimesso a nuovo, sia lontano da me stesso sia contento di lasciare che gli eventi si succedessero liberamente. Questa mia nuova sensazione mi assicur che, per quanto strana ogni cosa potesse apparire, tutto andava veramente bene. L'ultimo delirio di questo lungo e incredibile giorno arriv dopo mangiato, alla luce del fuoco. Dalla sua amaca Dennis ruppe il silenzio per spiegarci che, da quella notte, attraverso i nostri sogni, avremmo imparato una serie di cose che sarebbero terminate con il distacco dal nostro corpo, molto tempo prima dell'alba. Ci saremmo riuniti nuovamente, con il nostro perfetto corpo virtuale, sul ponte di un'astronave spaziale in orbita sincronizzata con la terra, cinquemila chilometri sopra il bacino delle Amazzoni.
129

130

VERE ALLUCINAZIONI

NEL VOII!, T1 C u

131

Questa fu la seconda profezia autodeterminata che era stata emessa dal momento dell'esperimento, mentre la prima era stato il tentativo mattutino di meditare a ritroso fino al momento de ll a propria nascita. A posteriori, mi accorgo che questa "isteria escatologica" era una de lle modalit principali che avevano trasformato radicalmente il mio modo di pensare. Con l passare delle settimane e degli anni ci sarebbero state ancora molte di queste profezie autocontrollate e numerosi scenari del possibile modo in cui il mondo avrebbe potuto subire una finale e completa trasformazione escatologica. Come profeti del Vecchio Testamento o alchimisti ellenici, capimmo che facevamo ormai parte di un dramma cosmico di caduta e redenzione. Quattro giorni dopo l'esperimento e poi cinque, sette, dieci, sedici, ventuno, quaranta, sessantaquattro giorni: erano tutti momenti aftesi con speranza e ostinato rifiuto dell'incredulit. Tutto accadde e fin con l'eschaton che permeava ancora tutto, ma che era ancora sfuggente. L'idea di un veicolo intradimensionale lenticolare, una volta immaginata, non mi abbandonava pi e ossessionava le fantasie a occhi aperti mie e di Dennis, le nostre speranze segrete e i nostri sogni notturni. L'affermazione di Dennis riguardo all'attesa dell'astronave, fu anche la prima apparizione dell'immagine degli UFO nei suoi pensieri dal momento dell'esperimento, un tema che fu riproposto in numerosissimi modi nei giorni che seguirono. L'equazione pietra = s = UFO era l'assunto operativo del lungo viaggio di autocomprensione e di ritorno di Dennis. Con queste immagini di "mo rt e nel sonno" e di "rinascita all'interno di un'astronave", che risuonavano nelle nostre menti, ci lasciammo andare, completamente esausti. Ho sottolineato che la capanna era strapiena, con le amache appese a ogni trave disponibile. Era difficile muoversi senza prendere a gomitate uno dei vicini, per via dell'aggrovigliarsi e dell'intrecciarsi delle tante corde. Ci coricammo intorno a lle dieci. Dormii profondamente fino a un certo momento, alcune ore pi tardi, probabilmente fino circa alle due. Mi alzai per fare la pisciata di met notte, tipica degli esploratori che usano latte condensato. Seduto sull'amaca, lottai per trovare dei fiammiferi e accesi una candela. Nel silenzio de ll a notte sentii il mio stesso stupore crescermi dentro. Un'intensa corona di luce a tre strati scintillava intorno alla candela per circa un metro. Era di un blu profondo e iridescente, alternato con un arancio ugualmente puro. Immediatamente mi ricordai dell'aura di luce che circonda il corpo del Cristo risorto nel dipinto di Matthias

Grnewald. Compresi che Grnewald doveva aver visto la medesima cosa che stavo vedendo io in quel momento e che l'avesse incorporata successivamente nella sua "resurrezione". Contemporaneamente, come se stessi avendo un pensiero ancora pi profondo, in qualche modo "capii" che la distorsione o polarizzazione della luce della fiamma era un effetto causato dalla distorsione dello spazio-tempo fisico e indotto dal nostro esperimento e dalla vicina onnipresenza della pietra. Questo pensiero fu seguito da un altro: forse la distanza spazio-temporale dalla pietra poteva essere stimata dall'intensit dei colori presenti nell'aura della luce intorno a una semplice candela. La distorsione della luce proveniente da una candela potrebbe agire come un rivelatore della pietra filosofale. Richiamai alla memoria Diogene che andava alla ricerca del bene con una lanterna. Era veramente ci quello che stava facendo? Mi venne in mente la frase: " meglio accendere una candela piuttosto che maledire l'oscurit", e mi misi a ridere. Svegliai Ev e lei, ancora insonnolita, conferm la presenza dei colori intorno alla candela, ma ci non le comunic le stesse sensazioni. Si gir dall'altra parte e, quando tornai nella capanna, stava russando leggermente. Come mi arrampicai di nuovo sull'amaca, contai le persone e notai che erano tutti presenti e addormentati. Rimasi per lungo tempo sdraiato, sveglio, a pensare. Tutto appariva calmo. Non appena la colazione apr la mattina seguente, il 6 di marzo, fu chiaro che il sonno tranquillo, che avevo immaginato che tutti qu an ti avessimo avuto, era stato reale. Da Dennis, ancora disorganizzato ma espansivo, emersero dei commenti riguardo al fatto che aveva trascorso, o credeva di aver trascorso, una notte estremamente attiva. Sottoposto a un serrato interrogatorio, ammise che era totalmente convinto che a un certo punto, durante la notte, si fosse alzato, vestito e che avesse vissuto un certo numero di avventure notturne. Queste comprendevano l'andare da solo nel buio verso l'immensit rombante del chorro, lontano pi di due chilometri, quindi ritornare per scalare e trascorrere un po' di tempo su di un largo albero vicino ai confini della missione, infine percorrere la via del ritorno attraverso i prati, raggiungendo la sua amaca legata in mezzo a tutte le altre. L'idea di lui che si avventurava in giro durante la notte su quei percorsi, senza gli occhiali, entrando e uscendo da periodi di estasi sciamanica, forse urlando o comportandosi come un uomo del Paleolitico, era troppo anche per me. La cosa rappresentava, a questo punto, una rottura nella tranquillit collettiva. Bench fossi al novanta per cento sicuro che

132

VERE A LL UCINAZ IONI

NEL t ORT E

133

ci non era accaduto veramente, ero determinato a eliminare ogni possibilit che tali escursioni potessero in ogni caso avvenire in futuro. Il racconto di Dennis era la classica descrizione di un viaggio sciamanico notturno. Disse di essere andato al chorro e di aver meditato nel cimitero della missione che avevamo visitato in precedenza. Stava tornando indietro al campo quando si trov di fronte un enorme albero inga, dove il sentiero fiancheggia la missione. Istintivamente, lo scal, consapevole del fatto che la scalata dell'albero del mondo il tema centrale del viaggio sciamanico siberiano. Appena salito sull'albero, sent lo sventolio di numerosi archetipi e, nel momento in cui raggiunse il punto pi alto della sua salita, qualcosa che lui chiama "il vortice" si apr di fronte a lui: un turbinoso ed enorme passaggio nel tempo. Poteva vedere i megaliti ciclopici di Stonehenge e, dietro di loro, roteando a una velocit differente e a una diversa altezza, i profili delle piramidi, lastricate di marmo, che risplendevano come al tempo dell'Egitto dei faraoni. E, ancora pi in profondit, nelle tumultuose fauci del vortice, vide arcani precedenti a ll a nascita dell'uomo, titaniche forme archetipe di mondi inimmaginabili per noi, incomprensibili macchinari di presenze eteree che fecero irruzione in questa parte della galassia, quando il nostro pianeta era giovane e la sua superficie si era appena raffreddata. Questi macchinari, questi abissi gorgoglianti, a contatto con il freddo dello spazio interstellare e con una misura di tempo incommensurabile, caddero sopra di lui. Svenne e il tempo chi pu dire quanto? gli scivol intorno. Si ritrov nel prato a poche decine di metri dall'axis mundi, la sua nuova scoperta. Se veramente era caduto dall'albero, pareva non averne riportato alcuna conseguenza. Stupore, esaltazione, paura e confusione occupavano i suoi pensieri. Il seguito sembr stracciarsi e dividersi in pezzi di fronte ai suoi stessi occhi, il tempo e lo spazio avvolgevano le opere di ventimila anni di fatica umana in un vortice di contraddizioni apocalittiche. In quello stato di paura ed eccitazione, nel profondo de ll a rivelazione del destino umano, Dennis ritorn al campo e silenziosamente sal sull'amaca, oppure si risvegli l da quel sogno. Erano passate ventiquattr'ore dal tentativo di ipercarbolare il DNA umano. Era chiaro che Dennis non stava uscendo dallo stato di estasi sciamanica indotta, cos velocemente come avevamo sperato. Questo stato durava da troppo tempo per poter essere considerato una normale reazione al fungo o all'ayahuasca. Due erano le opinioni per spiegare la situazione: la prima, quella cui propendevano Vanessa e Dave asseriva che lo

sforzo del viaggio e il recente trip con la psilocibina avevano contribuito ad attivare un archetipo sciamanico in Dennis che era da sempre latente. Questo ora era evidente e portava un forte potenziale di transfert al quale stavo soccombendo poich non ero in grado di riconoscere nella condizione di mio fratello un possibile stato patologico. Questa era la fonte di tutti i nostri contrasti di opinione su come procedere. una seconda spiegazione, verso la quale propendevamo io ed Ev, aveva un approccio biochimico piuttosto che psicologico. Sosteneva che Dennis, a causa della sua insolita dieta a base di alcaloidi e dell'esperimento a cui si era sottoposto, avesse inibito alcune parti del sistema enzimatico che normalmente sarebbero dovute tornare normali dopo le sollecitazioni di un trip allucinogeno, ma che in questo caso erano, al contrario, divenute in qualche modo inattive. Il candidato pi verosimile per questo effetto sarebbe la monoamminoossidasi (MAO), responsabile di trasformare molti allucinogeni in sottoprodotti inefficaci. risaputo che il fenomeno dell'irreversibilit dell'inibizione MAO avviene con l'uso di alcune droghe e occorrono circa due settimane perch gli effetti scompaiano. Poich i composti in banisteriopsis caapi solitamente ribaltano l'inibizione MAO in quattro o sei ore, come mostrano gli eventi seguenti, questa spiegazione era senza dubbio credibile, dal momento che Dennis sarebbe stato in balia del delirio sciamanico per almeno due settimane. Dopo anni di ragionamenti, la mia spiegazione propende ancora fortemente verso la seconda possibilit: una spiegazion relativa al nostro campo d'azione. Io non credo che Dennis fosse predisposto per un'esplosione archetipa ma che, in qualche modo, in un determinato momento, tutta la MAO nel suo corpo si fosse innalzata e che il suo sconvolgimento fosse dovuto all'intervallo di tempo necessario per ricreare il livello di MAO da una completa e improvvisa inibizione. Ritengo che questo esaurimento improvviso fosse stato causato dal suo esperimento e quella risonanza vocale indotta, che cancella le forze che normalmente operano in queste molecole, avesse provocato dei cambiamenti fondamentali nella struttura chimica del suo corpo. In breve, ritengo che lui avesse indotto nel suo corpo un'inibizione MAO irreversibile attraverso l'uso della psilocibina, de ll a sua voce e della sua volont. Se questo vero, allora le implicazioni per il genere umano potrebbero essere come avevamo supposto nel nostro stato mentale alterato, poich si potrebbe ipotizzare una tecnologia farmacologica con la quale il genere umano potrebbe esplorare il continuum parallelo le cui interazioni con la

134

VERE ALLUCINAZIONI

NEL VO Fi T I 1, E

135

nostra stessa esistenza sono rappresentate dall'esperienza visionaria. Abbiamo cozzato contro un effetto che un giorno potrebbe aprire una porta per tutti quei mondi che pullulano nei nostri sogni e nelle nostre fantasie. Sicuramente un fenomeno che bisogna studiare e da cui dobbiamo imparare. Anche oggi, anni dopo l'esperimento, questo ci promette nuove sorprese. Il mio continuo interesse su questo argomento dovuto a una certezza personale che mi spinge a credere che alcuni effetti inusitati e non ancora confermati erano in atto durante il nostro esperimento, qualche cosa come il principio di "risonanza-annullamento" che intrigava particolarmente Dennis. La colazione del 7 marzo, il secondo giorno dopo l'esperimento, si chiuse su di una accesa discussione se Dennis si fosse recato veramente al chorro o se l'avesse solamente sognato. Non riuscendo a porre fine alla discussione, Vanessa mi trascin via da ll a capanna e camminammo insieme mentre andavo alla sorgente per rifornirmi d'acqua. Voleva espormi una sua idea riguardo al fatto che, dal momento che c'erano diagnosi molto contrastanti su quanto stava succedendo, di conseguenza c'erano pareri contrastanti su cosa si dovesse fare. "Poich Dennis tuo fratello e tu hai opinioni precise su questo argomento, mi rimetter a ll a tua decisione. Almeno per il momento." Ero contento per il margine di tempo concessomi da lle parole di Vanessa. Tutta la questione concernente le condizioni mentali di Dennis riguardava come e soprattutto quando queste sarebbero cessate. Qualsiasi diagnosi doveva fare conti con una previsione concreta riguardo a quel punto vitale. Ero rassicurato da ll a voce interiore che tutto andava bene, ma volevo che Vanessa capisse che avevo apprezzato la sua solidariet, anche se non ero d'accordo con lei. Capii dal comportamento di Vanessa che saremmo stati abbandonati a noi stessi nella casa nella foresta. Lei e Dave avrebbero assunto un atteggiamento di minor coinvolgimento e sarebbero venuti a trovarci come visitatori, e gi la possibilit di porre fine all'isolamento nella foresta stava lentamente prendendo consistenza. Perci il campo d'azione fu preparato per i successivi cinque giorni di caos a La Chorrera, dal 7 al 12 di marzo. Da quel giorno in avanti, Ev divenne una specie di ponte con il resto del mondo de ll a missione. Arrivava nel tardo pomeriggio e ripartiva ogni mattina, cucinando pasti e colazioni con molta partecipazione, considerando che era incappata nel nostro piccolo gruppo solamente tre settimane prima.

Durante questo periodo, Dennis cominci lentamente a migliorare. Sembrava che la sua mente fosse stata letteralmente messa sottosopra. In certi momenti del giorno, quando diventava pi coerente, diceva che questa esperienza l'aveva catapultato nella pseudosfera riemmaniana: l'universo in cui anche le linee parallele si intersecano. Asser che sarebbe dovuto tornare indietro e che stava compiendo il viaggio a ritroso passando di livello in livello. Accaddero cose veramente strane durante questo periodo. Lui poteva sentire la mia mente in azione. Aveva acquisito poteri telepatici: di questo non ho alcun dubbio. Poteva imitare perfettamente le voci di nostra madre e di nostro padre. Si trasform in diverse persone, imitandole perfettamente. Mi vide come una specie di sciamano o di messia. Si rivolgeva a me come all'insegnamento, non il maestro o l'atto di insegnare, ma l'insegnamento, una specie di ambasciatore alieno incaricato di negoziare l'ingresso della specie umana nel concilio delle intelligenze superiori. Ma c'era molto di pi: una visione de ll a storia del Ventesimo secolo che costruiva l'obbiettivo e la fine del tempo. Disse che la scoperta di una dimensione fisica superiore sarebbe avvenuta alcuni anni pi tardi, ma sarebbe stata in qualche modo collegata all'Egitto, al culto dell'acacia triptamminica, al Tibet di ottomila anni fa, alla magia sciamanica bon-po e all'I-Ching. Tutti questi concetti ritornavano costantemente mentre lui parlava senza sosta. Non esistono appunti di questo periodo. Ero cos sicuro del fatto che stessimo vivendo nell'eternit che credetti non fosse necessario scrivere. Visto che il mondo mi sembrava diventare sempre pi perfetto, mi ero posto l'obbiettivo di scrivere una poesia prima o poi, ma quel momento non giunse mai. Nulla di ci che ci rimane di quei cinque giorni ha una sua coerenza. Non c'era una sola nota emotiva o intellettuale nell'intera estensione vocale umana, che non avessimo suonato ripetutamente in migliaia di differenti variazioni. Nelle note che scrissi alcune settimane dopo quel periodo, potevo riassumere quei cinque giorni contrassegnandoli in maniera assurda: fuoco, acqua, terra, uomo, pace. Io stavo seduto e Dennis andava in estasi. Senza gli occhiali i suoi occhi erano selvaggi, penetranti e sconvolgenti a guardarsi. Fin dalla notte della sua escursione sciamanica, avevo deciso di non dormire, ma di stare costantemente sveglio con lui, giorno e notte. Per i successivi nove giorni non dormii n ebbi bisogno di dormire. Visto che un tale fenomeno degno di nota, per molti anni ho poi ritenuto che il

136

VERE ALLUCINAZIONI

non sentir bisogno di dormire per nove giorni fosse la prova pi lampante per dimostrare la presenza reale di forze straordinarie che avevamo direttamente potuto sperimentare. Non solo non ebbi bisogno di dormire, ma potevo pensare costantemente in modo tranquillo, ricco e pieno di immagini che rendevano il mio processo cognitivo simile a una leggera e tremula ombra animata. Questo potere mentale dur per tutto il periodo senza sonno e anche in seguito. La dimensione temporale in cui ci stavamo muovendo sembrava composta dai riflessi di ci che l'aveva preceduta e di ci che sarebbe avvenuto dopo. La prima notte in cui decisi di non dormire, il 6 marzo, pass in un lungo sogno a occhi aperti e con un crescente stupore per il fatto che stavo veramente bene, senza nessun bisogno apparente di dormire. Appena prima dell'alba, nel momento esatto in cui sentivo che avevamo compiuto l'esperimento due giorni prima, sentii Dennis agitarsi sull'amaca dentro la capanna. Quindi lo sentii emettere, leggero ma forte e chiaro, lo stesso ululato ondulatorio che ci aveva catapultato in un mondo nuovo quarantotto ore prima. Risuon tre volte, come se qualche cosa nella mia mente mi volesse assicurare che l'aveva fatto. L'ultimo urlo venne fuori come i precedenti; crebbe e cal alternativamente per circa un minuto. Poi, appena si affievol, sentii di nuovo il canto del gallo da ll a missione trasportato dall'aria piena di luce abbagliante. Perch le cose accadevano con una tale simmetria, come se un'imponente forma organizzata stesse tentando di rispecchiarsi nella struttura apparente della realt circostante? L'alba infiamm il cielo, un altro di quei giorni indimenticabili stava nascendo. I pensieri della mia mente si mescolarono alle sfide alla ragione tipiche di ogni nuova esperienza. Quel che rimane di quel periodo sono immagini e avvenimenti, solo metafore che lavorano in sottofondo. Tutto era al limite del mitologico, dell'immaginazione, mutevole, privo di radici, sempre fluttuante.

^// \\ Oi
^

^ / U //I

. e u ' ^ ^, ^  ri. ..e^ e

^ ^

g/V _ ^/

I 4 / ////' ///,
.

i / ^ ^, ;: ir r r'^^^ rr

13 GIOCANDO NEI CAMPI


DEL SIGNORE

^^^ ii ^/

A a- ^

r^

In cui io e Dennis esploriamo i contenuti delle nostre reciproche illusioni e illuminazioni naturali.

,,11)^ ^yI
^

;^^ ^ ^ ) ^ 1i1^ (fit1 0 . ` ^ ^,'u' /V (t d IP 4t ' ,^^d J ^ ,t ,.t ,iJlw;.l^' ^> .^


i.

N14 I" I^q^

^^'
J i///

Vt

'

1
`

fie,

((^

d ^^> ^ ^

^` \"

e. ,,,,,..

//l^/^, <

7, Ev RITORN AL FIUME CON DAVE E VANESSA; PER la prima volta in due giorni io e Dennis eravamo rimasti soli. C'era un'atmosfera calma. Occupai il mio tempo facendo una cernita e controllando l'equipaggiamento. Il nostro accampamento era di nuovo efficiente. Dennis passava da momenti di calma a lunghi discorsi riguardo a bilance cosmiche come in Starmaker di Olaf Stapleton. Eg li imit, descrisse e invoc le immense entit gnostiche e manichee che si divincolavano sul piatto di una bilancia cosmica. L'eterna lotta fra il bene e il male era rappresentata nel labirinto della sua mente come un libro comico a quattro dimensioni. Ma non era privo di spirito, si lamentava occasionalmente di sentirsi "come un vecchio mandeo", per poi ridere sfrenatamente per questa battuta. Sedetti sulla mia amaca e partecipai a queste conversazioni pi che potei, poich era chiaro che Dennis sarebbe stato capace di parlare anche da solo. Pareva infatti che avesse trovato la vena principale de ll a fonte poetica. Chiusi le palpebre per un momento e l, davanti ai miei occhi, completamente visibile, si ergeva il principio di ci che io consideravo l'insegnamento o il messaggio. Era una forma geometrica bellissima e ripetitiva con quattro "petali". Una voce nella mente mi inform subito che si trattava del "diagramma di S. Valentino". Ovviamente i quattro petali del diagramma sembravano solo vagamente simili al cuore insanguinato del sanA MATTINA DEL
139

140

VERE 2:LLU'IPdAZIOo'I

GIOCANDO

NEI CAMPI DEL SIGNORE

141

to. Ripensai per un attimo al frutto a forma di cuore che avevo trasformato in una pipa ad acqua. Non c'era nessuna connessione ovvia... l'immagine scomparve. Presi il mio quaderno e vi disegnai il diagramma, all'inizio assai rozzamente, in seguito con maggior precisione. Mi fece pensare a Basilio Valentino, un alchimista del Quindicesimo secolo, autore di The Triumphal Chariot of Antimony [il titolo originale dell'opera Char de triomphe de l'antimoine, N.d.R.]. Avevo letto il libro, ma non me ne ricordavo per niente. Mi venne in mente anche Valentino, gnostico alessandrino del Secondo secolo, con la sua dottrina che il mondo materiale fosse l'emozione condensata della sophia errante, che si autocre un universo senza fondersi con nient'altro se non con se stessa. La concrescenza del tormento della sophia, il pi basso degli Arconti, nel mondo fisico era un'idea collegata ai nostri sforzi alchemici. La condensazione delle emozioni in materia: un argomento da far rizzare i capelli. Il motivo per cui eravamo andati in Amazzonia. L'alchimia era la gnosi della trasformazione dell a materia. Vi erano indizi da ogni parte: ogni cosa era ricollegata insieme in un magico intreccio di conferme e mistero. Durante quel giorno e in quelli a venire, pensieri e idee di tutti i tipi si formarono spontaneamente nella mia testa e vennero a toccare inevitabilmente quegli argomenti su cui avevamo organizzato la nostra vita in quel luogo. Uno di questi argomenti che avevamo colto al volo e che ampliammo, all'inizio lentamente, poi sempre pi radicalmente e incisivamente, fu il gruppo di idee e relazioni contenute nell'I Ching, l'oracolo cinese. Questo antico e frammentario commentario, basato su sessantaquattro ideogrammi ancora pi antichi, chiamati esagrammi, fu uno dei miei interessi principali per quel che riguarda le forme di logica non casuali. Venni a conoscenza dell'I Ching dapprima leggendo Jung, che ritenne che il confronto significativo di un esagramma con una situazione del mondo esterno, confronto che permette all'I Ching di essere usato come oracolo, conduce a una connessione non casuale tra il mondo mentale e la realt esteriore oggettiva. Jung chiam questo fenomeno sincronicit. Per molti anni fu mia abitudine tirare I Ching, cio manipolare quarantanove steli di achillea oppure, come nel mio caso, stecchi di bamb le cui configurazioni formavano gli esagrammi, tutte le volte che c'era luna piena o nuova, e di segnare i risultati su un pezzo di carta che tenevo nella copertina sul retro della mia copia del libro. Il primo giorno dopo l'esperimento, la voce che risuonava dentro la mia testa mi sugger di consultare il foglio con le annotazioni degli esagrammi che mi erano usciti. Non potevo

nemmeno lontanamente ipotizzare le conclusioni illuminanti a cui mi avrebbe portato questo semplice gesto. Controllavo le mie annotazioni cercando un esempio di quando mi era uscito il primo dei sessantaquattro esagrammi; una volta trovatolo, ritornavo all'inizio della lista e cercavo il secondo esagramma; e cos di seguito, per tutti gli esagrammi. La mia lista conteneva tre anni di tiri: circa ottanta esagrammi e i loro cambiamenti. Dopo mezz'ora di esercizio giunsi alla conclusione che, come si vedeva dalle mie annotazioni, negli ultimi tre anni mi era uscito ciascuno dei sessantaquattro esagrammi almeno una volta. Questo fatto un po' strano mi parve al contrario gravido di significati. Il ripetersi statistico di ciascun esagramma non affatto regolare e la probabilit che uscissero tutti gli esagrammi in cos pochi tiri era piuttosto rara. Mi sembr di essere in possesso di un'identit segreta che stavo riscoprendo. Ero in qualche modo il riflesso di un microcosmo ed ero stato scelto chiss come, per essere esattamente nella situazione in cui mi trovavo in quel momento. Naturalmente ero molto emozionato per questa mia personale scoperta dei disegni, presenti dappertutto e che rappresentano uno schema preciso de ll a vita. Mi tranquillizzai e poi, per la forte spinta dell'onda interiore de ll a comprensione, bruciai tranquillamente le registrazioni del mio I Ching. Fu un gesto per nulla spontaneo. Dennis osserv tutto, poi formul uno dei numerosi indovinelli che avrebbe posto nei giorni successivi. "Cosa puoi fare con un buco nel bastoncino che non puoi fare con un bastoncino nel buco?", url dalla distesa sabbiosa, verso il luogo dov'ero seduto io, vicino al fuoco. Pensavo che la risposta avrebbe comportato una frecciata alle posizioni superficiali del tantrismo riguardo all'idea che una pipa fosse il veicolo pi adatto ai viaggi intradimensionali e che questi si potessero veramente fare. Dopo circa un'ora o pi di lungo silenzio, fenomeno strano data la sua mutata condizione, Dennis alz lo sguardo dalle sue meditazioni e annunci di aver appena realizzato la possibilit di far suonare qualsiasi telefono concentrandosi semplicemente su di un'immagine che si rifiut di descrivere. Ma and anche oltre, sostenendo di poter far suonare qualsiasi telefono anche nel passato. Per dimostrare questa sua capacit compose il numero di nostra madre in un giorno dell'autunno del 1953. La trov mentre ascoltava una chiamata di un gioco televisivo. Dennis sostenne che nostra madre si rifiut di credere che lui era al telefono poich lei poteva vedere, addormentato davanti a s, il figlio di tre anni. Dennis le disse che l'avrebbe chiamata ancora prima nel tempo e trascorse il resto del pome-

142

VERE ALLUCINAZIONI

GIOCANDO

NEI CAMPI

DEL SIGNORE

143

riggio telefonando a tutti quelli che gli venivano in mente in vari momenti del passato, intraprendendo animate conversazioni e ridacchiando con se stesso al pensiero de ll e menti che aveva fatto impazzire e alle meraviglie di ci che chiamava "Ma' Bell" [nomignolo per indicare l'AT&T, la principale compagnia telefonica degli Stati Uniti, N. d.T.]. E cos pass il pomeriggio del marzo. Una conclusione ragionevole poteva essere di supporre che Dennis fosse divenuto schizofrenico per via dell'intossicazione e che avremmo dovuto lasciare l'Amazzonia. Chi intorpid considerevolmente le acque fui io; ero sostanzialmente sincero tranne che per una cosa: insistetti sul fatto che tutto fosse normale e che Dennis sapesse esattamente ci che stava facendo. "Sta bene," cercai di rassicurare gli altri, "sta facendo ci che aveva stabilito di fare e ora tutti dovrebbero rilassarsi finch questa storia non finisce". La pensavo cos bench non sapessi nulla sul modo in cui si era cornportato durante l'esperimento o come ne avesse scoperto la teoria. Sapevo solamente che dal momento iniziale in cui guardammo il fungo, subito dopo l'esperimento, mi stava accadendo qualcosa di veramente bizzarro. Ero in un posto particolare. Mi sentii come se fossi diventato me stesso. Il mio rapporto con la voce era come quello fra uno studente e un maestro. Mi insegnava Senza limiti di campo, venni a conoscenza di cose che normalmente non avrei saputo. Ev aveva eseguito lo stesso esperimento, ma non le successe nulla. I miei amici mi apparvero molto lontani. Non potevano capire ci che stava succedendo e preferirono respingerci. Ciascuno di noi riteneva pazzi gli altri. Infatti, in relazione al proprio normale cornportamento, ciascuno di noi si comportava in maniera molto strana. La cosa pi importante che mi disse il mio maestro segreto fu: "Non ti preoccupare, non ti preoccupare perch c' qualche cosa che dovrai capire fra poco. Tuo fratello si rimetter. I tuoi compagni si occuperanno di lui. Non ti preoccupare, ma ascolta: devi trascrivere tutto". Alcune ore dopo l'esperimento, qualcosa cominci a intromettersi nei miei pensieri, qualcosa che dovevo assolutamente scoprire. Quella mattina, il 7, Dennis mi sembr essere tornato sulla terra, ma cos poco che era veramente difficile stabilire se avesse fatto o meno dei progressi. Notai con interesse che, bench sembrasse disorientato e le sue idee fossero come sempre selvagge e confuse, c'era stato un qualche miglioramento. Il giorno prima, sembrava che avesse spaziato attraverso una dimensione cos ampia di spazio e di tempo che era impossibile ricavare qual-

siasi elemento dal magma in ebollizione che stava attraversando. Quel giorno fu impossibile perfino ritrovare nella sua mente la nostra stessa galassia. Il secondo giorno si svegli dentro alla galassia e le sue visioni e fantasie vi rimasero rinchiuse. Fosse stato quello l'unico esempio del suo proiettarsi all'indietro dentro se stesso, non avrebbe significato niente, ma il punto era che ciascun passo del suo ritorno a un normale stato mentale veniva cornpiuto in questo modo. Il giorno dopo raggiunse il confine della galassia, entr nel sistema solare e si fuse con i suoi pianeti per diversi giorni finch non si incorpor solo con la Terra. Fondendosi e materializzandosi attraverso l'ecologia del suo mondo, si sentiva l'umanit intera, capace di rivivere realmente tutta la sua storia. Pi tardi ancora s'incarn in tutti i membri della nostra enorme e strana famiglia irlandese risalendo il tempo a prima che il libro dei Giudici ci desse il libro dei Numeri oppure, come dice James Joyce, prima che il Levitico ci consegnasse il Deuteronomio. Erano figure di ogni tipo e lui le impersonific tutte: minatori, un ecclesiastico del Diciassettesimo secolo che sudava sotto il peso della lussuria, un ampolloso patriarca, una generazione di donne da ll a faccia sottile, donne con le spalle larghe come un campo e mani e lingue come macchine futuristiche per tagliare le siepi. Dopo aver ciondolato un bel po' in quegli ambienti si dedic finalmente a ll a famiglia pi prossima a noi e da 11 si diresse a confrontare e risolvere la questione se lui fosse realmente Dennis o Terence. Fortunatamente alla fine venne a riposarsi con la convinzione che lui era Dennis, tornato dai confini dell'universo della mente, rinato e riposato, uno sciamano con la conoscenza pura del mondo. Ma questo completo recupero avvenne solo venti giorni pi avanti dal momento in cui camminavamo nel pascolo la mattina del 7 marzo, proprio come avevamo fatto la mattina dopo l'esperimento. Passeggiavamo in cima a una piccola radura sulla quale cresce un giovane albero. Ama, la parola witoto che significa "fratello", era uno dei numerosi appellativi che Dennis usava per rivolgersi a me. Mentre camminavamo, tenevamo gli occhi aperti in cerca di funghi, come era nostra abitudine bench ora l'idea di mangiare funghi fosse ben lontana da noi. Dennis cammin a grandi passi davanti a me e raggiunse l'albero. Piegandosi sulle ginocchia e spostando l'erba a ll a base dell'albero, punt un dito alle lettere ama incavate nella corteccia. Era un'incisione vecchia di anni. Il fatto mi confuse. Come poteva sapere Dennis che l si trovava quell'incisione e cosa significasse? Rispose alle mie domande stendendo le mani verso l'alba all'orizzonte e annunciando che questo era il pianeta Venere o il mondo archetipo di Venere o qualcosa del genere. Queste asser-

144

VERE ALLUCINAZIONI

GIOCANDO NEI CAMPI

DEL SIGNORE

145

zioni che andavano completamente contro il buon senso erano molto difficili da condividere e furono come acute pugnalate di disperazione pensando al suo stato mentale ma, ci nonostante, ero sempre pi convinto del fatto che stesse migliorando e in procinto di ritornare da quel mondo nascosto, talmente vivo in lui da non fargli vedere null'altro. Allora provai solleticando l'incontenibile fantasia di mio fratello; mi rifeci all'idea che la ristrutturazione della personalit distrutta un processo alchemico con un grande significato individuale e storico. Tutte le mattine per molti giorni dopo il 5 marzo, avremmo camminato nella radura e io gli avrei domandato "della pietra". Nessuno di noi percep questi avvenimenti andare oltre il livello di un normale stato di coscienza. Il mondo sembrava ricolmo di un potere magico ricomponente che mi assicurava che tutto era possibile e che il corso della storia, alla luce di questi avvenimenti, procedeva nella giusta direzione. "Non essere sorpreso di nulla; stai per ricevere il potere regale del padre," sugger la tranquilla voce dall'iperspazio, "il mistero della fonte perenne e de ll a palma da datteri verr svelato". Osservai l percorso della mia comprensione su ci che stavamo facendo, la conoscenza dell'alchimia classica muoversi con grandi cambiamenti che implicavano Gerhard Dorn, Robert Fludd e il conte Michael Maier, nomi associati non solo a ll a miglior fioritura letteraria de ll a mente alchemica, ma anche all a visione dell'uomo e della natura che mor al nascere dell a chimica moderna. Fui infestato dalle loro immagini alchemiche. Il trentaquattresimo emblema dell'Atlanta Fugiens di Maier in uno stupendo intrigo visivo che connette il cubo di stropharia cubensis con gli UFO, gli ultraoggetti visti nel cielo. Era un'immagine fissa davanti a me in quel periodo. John Dee, con la sua pietra infestata di angeli e l'occulta geometria della sua opera criptica The Hieroglyphic Monad, si mischi allo stesso gruppo di immagini. Perch? Forse questo circolo di adepti alchimisti riusc a penetrare il mistero fino a un segreto inimmaginabile dagli scienziati contemporanei? Diverse immagini si presentarono davanti agli occhi della mia mente: Nicholas Flamel e sua moglie, Pernelle, la loro leggendaria storia d'amore e la fine misteriosa. Mutus Liber ("il libro silenzioso") dipinge una coppia che lavora a una fornace; sembra quasi che stiano seccando funghi. A che livello di conoscenza giunse l'alchimia prima che l'Illuminismo scientifico eliminasse gli adepti e rendesse inutile il loro controllo del linguaggio? Nella radura, sempre immersa nella nebbia, chiedevo ogni giorno a

Dennis di darmi la pietra filosofale, e questo era un modo sia per spingerlo a ricomporre la sua coscienza, sia qualcosa per focalizzare la sua potenzialit di trasferimento che diveniva ogni volta pi intensa, tentando di sommergerci sempre pi. Non dormendo, ma rimanendo sveglio costantemente, mi trovavo sia nel mondo in cui si svolgevano i fatti a La Chorrera sia nel mondo in cui mio fratello era diventato un miscuglio psicotopologico, un vortice dimensionale dietro al quale sembrava esserci l'eternit, la terra dei morti, tutta la storia umana e gli UFO. Era un mondo sconosciuto, nel quale cronache cibernetiche venivano comunicate telepaticamente nelle nostre menti e che rivelarono che noi e tutta l'umanit stavamo di nuovo diventando capaci di viaggiare fra la nostra e le altre dimensioni per ristabilire i risultati dello sciamanismo escatologico perduto millenni fa. A un certo punto raccolsi un bastoncino e sul pavimento sabbioso della nostra capanna tracciai il simbolo stenografico per "e". Lo chiamai "e commerciale" [che graficamente si rappresenta cos: &, N.d.R.]. Mi sembr che la sua legatura riunita in un angolo di una struttura quaternaria fosse estremamente soddisfacente. Cominciai a immaginare questo simbolo come il simbolo della condensazione della pietra alchemica. Mi sembr il simbolo naturale per un universo a tre dimensioni in qualche modo rinchiuso in una matrice a tre dimensioni. Ne parlai come della "e commerciale" per diversi giorni, poi la chiamai eschaton. Immaginai questa come una unit base del tempo; la combinazione e la risonanza tra il gruppo di escatoni nell'universo determin quale, tra le parole possibili concesse da lla fisica, sarebbe stata in realt sottoposta a ll a formalit degli eventi. "La formalit di ci che accade" era una frase di Whitehead che continu a echeggiare dentro la mia testa come il ritornello di una canzone quasi dimenticata. Immaginai che a ll a fine del tempo tutti gli escatoni avrebbero suonato insieme come una sola cosa, e avrebbero creato una trasformazione ontologica de ll a realt, la fine del mondo come una specie di giardino dei piaceri terrestri.*
* Questi erano i primi e confusi pensieri che avrebbero successivamente condotto allo sviluppo della mia teoria del tempo descritta in The Invisible Landscape. Queste prime intuizioni non avanzavano nessuna rassomiglianza con la teoria finale; e fu un bene perch in quel periodo non sarei stato in grado di comprendere la teoria che avrei sviluppato a ll a fine. Ci vollero anni di letture e autoeducazione per ri -cordaelshmi vocentr.Lasuizperlngha,cdopLChrera, fu incredibile. Quel giorno a La Chorrera la voce ebbe un approccio olistico e orientato sistematicamente a lle cose che sembravano in modo chiaro di un altro ordine, in maniera non sufficiente per essere allarmanti, ma abbastanza per costringermi a ricordare frequentemente che le idee che stavo producendo venivano completamente organizzate da qualche altra pa rt e: non ero altro che un decifratore di messaggi, costretto a rimanere collegato con un difficile codice in entrata.

146

VERE ALLUCINAZIONI

GIOCANDO NE] CAMPI

DEL

SIGNORE

147

A volte mi sembrava di poter comprendere le meccaniche di ci che ci stava accadendo. Spezzoni di film mezzi dimenticati e stralci di vecchia fantascienza, consumati come pop-corn da bambini, riapparvero come collage per met incompresi. Momenti clou di vecchie barzellette e sogni obliati si riunivano in spirali di una lenta galassia di memorie e anticipazioni interconnesse. Da queste esperienze conclusi che qualsiasi cosa stesse succedendo riguardasse, in parte, tutte le informazioni che avevamo accumulato, fin dai dettagli pi triviali. L'impressione schiacciante era che qualcosa dallo spazio profondo o da un'altra dimensione, ci stesse contattando. Avveniva con mezzi particolari che consistevano nell'usare tutti i pensieri nelle nostre menti per guidarci attraverso scenari indotti telepaticamente di immagini stravaganti, o di profonde illuminazioni teoretiche, oppure di estremi viaggi in strani periodi del tempo, dello spazio, del mondo. La fonte di questo contatto ultraterreno era la stropharia cubensis e il nostro esperimento. Non fu compromessa la nostra intelligenza, bens l'abilit della ragione di dare una spiegazione coerente di ci che stava accadendo, come paradossi, coincidenze e stranezze sincroniche in genere, che cominciarono ad aumentare esponenzialmente. Nel vuoto lasciato dal collasso de ll a ragione irruppe una sconcertante schiera di intuizioni esotiche riguardo al perch le cose stessero in quel modo.

bambini, cosa di cui non discussi con nessuno. La figura con cui si apriva quell'articolo era un ragazzo che guardava al televisore la figura di un "8" che si rovesciava e si comprimeva. Sapeva un po' di archeologia dei media il fatto che mio fratello, o qualcosa che operava attraverso mio fratello, fosse capace di recuperare da ll a mia mente cose che avevo dimenticato settimane prima. Qualcosa era capace di recuperare e utilizzare i nostri ricordi in qualsiasi modo assurdo avesse voluto. "Adesso possiamo convocarla quella conferenza stampa, fratello?", sentenzi Dennis, dondolandosi ipnoticamente sull'amaca immersa nell'ombra.

Appena dopo colazione, la mattina del 7, il terzo giorno dopo l'esperimento, Dennis annunci un nuovo insegnamento. Disse che si poteva vedere qualsiasi punto nel tempo chiudendo gli occhi, visualizzando il numero 8, facendolo roteare in modo da assomigliare pi o meno al simbolo matematico dell'infinito, quindi facendo scivolare mentalmente i due cerchi l'uno sull'altro per formare una circonferenza, contraendo la circonferenza fino a renderla un punto e pensando contemporaneamente a ll a parola "please" e al punto scelto nello spazio-tempo. Normalmente avrei saputo da dove gli venivano queste immagini, ma in quel momento mi sorprese profondamente. Mi torn in mente chiaramente che sei settimane prima, poco prima di lasciare Vancouver, andai da un dentista per un normale controllo prima dei viaggio. In sala d'attesa, lessi su un giornale vecchio di alcuni mesi di un'associazione educativa canadese. In quel giornale vi era un piccolo articolo riguardo a macchine per l'apprendimento e

14
GUARDANDO DI F,TRO

In cui si raccontano diversi fatti miracolosi fra i quali uno di relativa importanza l'apparizione di James e Nora Joyce travestiti da ruspanti.

maggio del 1971, tentai di ricapitolare gli incidenti particolarmente bizzarri e pericolosi che potevo ancora ricordare. Qui di seguito viene riportato quanto scrissi allora, un periodo in cui rifiutavo l'idea che la schizofrenia fosse una parola magica per spiegare tutto ci che avevamo rischiato:
12 maggio 1971 Ho raccolto circa due mesi di osservazioni degli eventi intorno alla nostra esperienza a La Chorrera, e ho chiaramente riconosciuto che io e mio fratello abbiamo entrambi superato i classici sintomi delle due categorie generalmente distinte del processo di schizofrenia. Lui sembr manifestare le caratteristiche di abbandono della schizofrenia classica mentre il mio comportamento fu di un tipo pi corporeo e paranoico. Tuttavia, non posso sostenere che il nostro esperimento non fu "altro che" due simultanei casi di schizofrenia. Sapendo perfettamente che una tale posizione comporta che io risenta ancora dei sintomi residui della malattia, sostengo che noi avessimo in realt a che fare con un fenomeno oggettivo che, a causa della natura estremamente peculiare inesorabilmente inscindibile dai processi fisici, ha le sue fonda149

If

UE MESI DOPO TUTTE QUESTE ESPERIENZE, INTORNO ALLA MET DI

150

VERE A.S.1.UCllhi? Z1(>IQ1

GUARDANDO DIETRO

151

menta in un'idea molecolare che stavamo cercando di capire. Come evidenza empirica di questo punto di vista, espongo i punti seguenti, che mi sembrano provare che la nostra esperienza si form fuori dal dominio di una malattia mentale: La velocit con cui si svilupparono i sintomi seguenti al nostro esperimento: pochi minuti dopo il completamento delle procedure sperimentali prestabilite, mio fratello si stacc dalla serie di percezioni comuni e allo stesso tempo io provai una volontaria sospensione d'incredulit e cominciai a sperimentare l'unit cibernetica che, come sostenemmo precedentemente, sarebbe stata una parte dell'effetto che avremmo causato nel caso avessimo avuto successo nel generare una matrice di superconduttore genetico condensato e di prodotto arminico. Gli aspetti integrati e ricollegabili delle dissociazioni comuni: poich entrambi mostravamo sintomi di schizofrenia, la fantasia, le idee e la consapevolezza che stavamo provando erano condivise da entrambi simultaneamente. Mentre mio fratello mi riteneva uno sciamano messianico in tutte le manifestazioni, io lo immaginavo come la mente vedente condensata che tornava attraverso l'universo, un logico risultato del nostro esperimento. Ciascuno di noi due, preso da solo, avrebbe dato un'apparenza d'insoddisfazione; invece, entrambi, sembravamo dare una prova elusiva della correttezza della posizione dell'altro. Dovrei aggiungere che, poich nessun altro poteva capire i peculiare processi mentali di mio fratello, credetti di avere la capacit di discernere con una profonda competenza che sembrava essere loro sconosciuta, ma allo stesso tempo capii che la sua apparente mancanza di integrazione era dovuta al fatto che il suo pensiero procedeva fondamentalmente a ritroso. Allo stesso modo in cui un film che viene proiettato all'indietro sembra mostrare uno spettacolo di confusione selvaggia e irrazionale, ma alla fine mostra di avere le cose al posto giusto, cos le idee e i movimenti fisici di mio fratello mi sembravano esattamente l'opposto di ci che ci si poteva aspettare logicamente. Sembrava che Dennis credesse che il cervello operasse sul principio di un ologramma. Questa era un'idea espressa da Karl Pribram, un neurofisiologo di Standford, che era allora molto di moda nel nostro gruppo. Ci spiega chiaramente che un'ampia percentuale del cervello fisico pu essere danneggiata o rimossa senza alcuna conseguenza per la memoria, poich una porzione dell'ologramma contiene tutte le informazioni inglobate nell'intera totalit originaria da cui proviene. Den-

nis aveva previsto prima dell'esperimento che avrebbe potuto ricevere immagini opposte della mia organizzazione cerebro-mentale per un breve periodo. Ascoltando le sue libere associazioni dopo il cambiamento, fui certo che questo accadde, ma per molto pi tempo di quello che avevamo previsto. Infatti, credo ancora che il nostro unico errore durante tutto l'esperimento e gli avvenimenti seguenti, fu di non essere capaci di intuire con il giusto anticipo la durata di tutto il processo. Io credo che la nostra comprensione delle meccaniche del processo, al di l della sua durata, fu corretta, anche se incompleta. Il punto cruciale di questo argomento, in altre parole, il tempo. In quel periodo le libere associazioni di mio fratello riguardavano incidenti che mi capitarono pi di un anno prima e a pi di diecimila chilometri da dove viveva allora, incidenti di cui non avevo parlato con nessuno.

Sembrava che Dennis possedesse la capacit di ascoltare la mia mente lavorare durante il periodo immediatamente seguente all'esperimento. Narrai ci ricordando un avvenimento che capit quando ero seduto fuori dalla capanna, nella giungla, ad ascoltare le sue libere associazioni mentali, avendo poco prima notato che i suoi muscoli erano quasi completamente rigidi, e che sprigionavano un enorme quantitativo di energia fisica paragonabile a certi tipi di schizofrenia. Mi preoccupai poich avrebbe potuto, in futuro, sottrarsi ai miei tentativi di impedirgli di allontanarsi, archetipo che lo motivava continuamente a tentare di abbandonare i dintorni della zona dove risiedevamo. Mi venne in mente che con una tale forza mi avrebbe facilmente potuto ferire e sarebbe riuscito perfino a scappare. Mentre rimuginavo per la prima volta sopra questi possibili contrattempi, notai che Dennis scese dalla sua amaca e si mise sulla porta della capanna; e, con una perfetta imitazione della voce di nostro padre, mi consol con questo pensiero: "Dennis un bravo ragazzo e non farebbe mai una cosa del genere". Un altro incidente si verific sette giorni dopo il cambiamento, il 12 marzo. Dennis annunci che alle undici quella sera "la buona merda sarebbe apparsa". Questo era un riferimento a un certo tipo di hascish arricchito con pslocibina che Dennis disse di aver trovato alcuni mesi prima negli Stati Uniti, ma che sarebbe stato impossibile trovare in Amazzonia. Questa predizione di una trasmutazione di materia non cos strana se si prendono in considerazione i principi alchemici che ci spinsero in questo esperimento. Dopotutto, abbiamo letto e discusso dei principi alchemici fin da quando, a quattordici anni, scoprii Psicologia e Alchimia di

152

VERE AL1LUCIINAZIION1

GUARDANDO DIETRO

153

Jung. In quel periodo ci parve che con la proiezione del fantasma dell'inconscio sulla materia, gli alchimisti stessero raggiungendo un certo tipo di illuminazione psichedelica. E, dopotutto, non forse nella fede alchemica la convinzione che il mondo fatto di linguaggio? Che la poesia possa in qualche modo essere considerata l'arbitro dell'essere autentico? Dopo la conversazione, io ed Ev ritornammo, attraverso l'oscurit piovigginosa, alla casa della foresta per passarvi la notte e Dennis rest a ll a casa vicino al fiume con Vanessa e Dave, dove si era trasferito. Come era nostra abitudine, fumammo un po' della nostra Santa Marta Gold prima di andare a letto. Durante questa operazione, un piccolo frammento che ancora bruciava, cadde da ll a pipa. Come lo raccolsi per rimetterlo nella pipa, notai il caratteristico odore dell'hascish asiatico. Esaminai il serbatoio dell a pipa molto attentamente e, bench non fosse avvenuto nessun cambiamento fisico nella mistura, era ora pieno, per la gioia mia e della scettica Ev, di hascish, un lusso sconosciuto per l'Amazzonia nel 1971. Questo fenomeno continu per circa cinque minuti e poi inizi lentamente a diminuire, ritornando al solito razionale comportamento della materia. Bisogna rammaricarsi per il fatto che questa trasmutazione avvenne con una sostanza per cui qualsiasi scettico avrebbe dato sicuramente libero sfogo alla propria disapprovazione. Siamo tutti molto familiari con le facili considerazioni stile: "i fumatori di droga non riescono a pensare razionalmente", ma per chiunque abbia familiarit con queste due sostanze, la differenza inequivocabile. Questa esperienza presenta dei punti in comune con il movimento "Nijuli" presso il popolo Lawangan del Borneo, che negli anni Venti diffuse idee concernenti la credenza che un pezzo di resina si fosse improvvisamente allungato sotto l'influenza di un flauto suonato l vicino e che l'allungarsi de lla resina avesse presagito l'immortalit umana. Ugualmente assurdo e ancor pi inesplicabile fu un episodio che capit la mattina del quinto giorno, il 9 marzo. Dennis era seduto e dava di testa, mentre la normale vita del campo gli si svolgeva intorno. Io ero seduto vicino al fuoco ad affilare un coltello. Ascoltavo mentre Dennis vaneggiava, passando in rassegna le sue sconnessioni in cerca di un indizio per un messaggio. Improvvisamente interruppi il mio lavoro. "Sei tu il mio sarto?", mi domand con un forte accento inglese. In qualche modo mi sembr un'espressione familiare. "Tutti questi riflessi, vedi, sono io. Uh, ma dov' il mio sarto? Stupidotto, guardati, guardati, perch indossi le mie mutandine?"

Ebbi un sussulto. Abbassai gli occhi e non dissi nulla. Mi sentii estremamente frastornato. Dennis stava imitando una conversazione che ebbi con la mia amica inglese in Nepal, durante il nostro trip di LSD e DMT pi di un anno prima! Questa assurda conversazione, di cui non avevo discusso con nessuno se non con lei, scoppi fuori da ll a limpida voce di mio fratello nello spazio amazzonico. Non era di sicuro questo il tipo di situazione nella quale mi sarei sentito di esaltare il potere telepatico di mio fratello. Non dissi nulla e attesi, imbarazzato, che il suo vaneggiare scivolasse nell'incoerenza. Ma fui impressionato e convinto del fatto che lui fosse in qualche modo penetrato non solo nei miei pensieri immediati, ma anche nelle mie memorie personali. Molto importante, fra i vari fattori che portavano a credere che si trattasse di qualcosa di diverso da un semplice caso di schizofrenia simultanea, era la sorprendente durata del modello che avevamo creato dalla precisa osservazione degli eventi accaduti. Nessuno pu negare che la teoria della natura iperspaziale degli stati della droga allucinogena e l'esperimento successivo, avessero prodotto risultati spettacolari. Ma io ho raccolto i frutti della rivelazione visionaria e li ho portati oltre, scomponendoli, per scoprire una teoria sulla natura del tempo e l'eleganza delle sue particelle ondulatorie. Abbastanza inaspettatamente, ci che propongo basandomi su que ll e esperienze iniziali, consiste in una revisione de ll a descrizione matematica del tempo usata in fisica. Secondo questa teoria, la vecchia nozione di tempo inteso come durata, visualizzato come un piano sottile o una retta, deve essere sostituita con l'idea che il tempo un fenomeno frattale molto complesso, con su e gi di diverse dimensioni sopra il quale l'universo probabilistico del divenire deve scorrere come l'acqua sopra a un letto di fiume fatto di ciotoli sparpagliati. Scoprii la dimensione frattale del tempo stesso, una costante matematica che rimpiazza la teoria delle probabilit con un insieme di vincoli complesso ed elegante, per la verit quasi magico, sulla manifestazione delle novit.

Dopo la prima esperienza con i funghi, io e Dennis ci interessammo a due concetti in particolare. Questi riguardavano l'insegnante" e l'insetto. Potevamo sentire la presenza superiore di alcune entit invisibili e intelligenti che sembrava ci osservassero e a volte esercitavano una forza che ci

154

VERE A.LLUCaNAZIlON

GUARDANDO DIETRO

155

spingeva delicatamente verso una svolta. A causa della bizzarra natura dei flash del DMT con la loro apparente abitudine a enfatizzare su alieni, insetti e situazioni interstellari, fummo spinti a credere che questo insegnante fosse una specie di antropologo-diplomatico, venuto a consegnarci le chiavi de ll a cittadinanza galattica. Discutemmo di questa entit come di un insetto gigante e, attraverso il ronzio della giungla amazzonica, a mezzogiorno, fummo in grado di sentire un suono profondamente armonico, era il segnale che ci collegava con l'entit nell'iperspazio. Questa percezione della presenza di una terza componente aliena fu veramente intensa, soprattutto dal 5 marzo fino al 10; dopo cominci a sparire gradatamente. L'immagine di un insegnante-insetto suscit numerose speculazioni entomologiche. Pensammo in quel momento che il processo in cui eravamo coinvolti fosse simile al parto, ma anche qualcosa di molto simile alle metamorfosi che caratterizzano il ciclo vitale degli insetti, soprattutto scarafaggi, bachi e farfalle. "Sapevamo" che la triptammina costituiva in qualche modo la risposta pi credibile per la soluzione al mistero degli enzimi che circondano il processo di metamorfosi. Ricordammo certe notizie incontrollate riguardo a ll a larva di una specie di scarafaggio mangiata dagli indiani del Brasile orientale per i suoi effetti allucinogeni. La rifrazione della luce che avviene in fenomeni naturali, come negli arcobaleni, sulle piume di pavone e in alcuni insetti, e i colori che appaiono sulla superficie di certi metalli quando vengono riscaldati, sono fenomeni naturali a un particolare stadio del processo alchemico. La cauda pavonis (la coda del pavone) un breve stadio che annuncia l' albedo finale; con un'intuizione esotica io "sapevo" che la presenza di una tale iridescenza in natura indicava la presenza di un composto derivato dalla triptammina. Andando oltre, io "sapevo" che la specie della farfalla americana morphoea, caratterizzata da una estesa superficie alare ricoperta solitamente da un blu brillante iridescente, sarebbe stata la classe ideale sulla quale condurre le ricerche per illuminare questo campo ancora inesplorato. "Sapevo" che gli enzimi attivi nelle metamorfosi degli insetti ricevono un'accordatura e un controllo molecolare attraverso la risonanza indotta da una "strimpellata armonica" di quegli insetti boschivi che hanno nei loro corpi la triptammina psicoattiva. La triptammina agisce per loro come un ricevitore del segnale della risonanza dello spin elettronico del DNA collettivo, esattamente come fece con noi nell'esperimento. Il segnale sta in qualche modo trattenendo l'intera classe insecta posizionata in

un punto di stabile equilibrio nel flusso evolutivo. Questa originale riflessione spiega la notevole durata dell'adattabilit degli insetti che, vero, stabil le sue strategie evolutive di base alcune centinaia di milioni di anni fa. Questo intuito naturale, cos improbabile, mi era stato fornito in maniera molto informale da ll a voce presente nella mia mente. Durante questo periodo, un'iridescente lucentezza scura proveniente dai funghi mi aveva colpito in modo particolare. Questo effetto si verificava quando la stropharia cubensis cresceva raggruppata e quando i funghi pi grandi diffondevano le spore sulle cappelle dei compagni pi piccoli. Una cosa abbastanza curiosa fu che questa lucentezza scuro-metallica era presente chiaramente sulla corazza di uno scarafaggio di notevoli dimensioni e che emette stridii, apparentemente alla famiglia dei buprestidae, che avevo catturato nella foresta nel caldo pomeriggio. risaputo che questo materiale chitinoso che forma la copertura esterna degli insetti e delle spore uno dei materiali con pi alta densit molecolare conosciuto in natura organica ed , in questa sua propriet, molto simile al metallo. L'insegnante interiore mi consigli di analizzare questa specie, ricercando la presenza di triptammina psicoattiva. Se ne avessi trovato traccia, avrebbe trovato conferma anche l'idea che certe specie responsabili del ronzio della foresta contengono triptamminici. I triptamminici sono l'antenna di un sistema bioelettronico che permette agli insetti di regolarsi con l'armina presente nelle liane banisteropsis locali e, attraverso loro, di sintonizzarsi con la rete collettiva del DNA. Supposi che se un gruppo di queste specie avessero cominciato a emettere stridii , allora anche altre specie stridenti avrebbero potuto sintonizzarsi sul medesimo segnale molecolare, semplicemente amplificandolo e sostenendolo attraverso la foresta per alcune ore tutti i giorni. Le reazioni chimiche guidate acusticamente sono ben note; mi ritenni sicuro che alcuni processi di vita dell a famiglia degli insecta deve essere regolata acusticamente da alcune specie in questo modo.

Queste idee bizzarre e fuori dal comune si andavano dischiudendo sopra questi lunghi e caldi giorni, mentre Dennis stava sdraiato, confinato sulla sua amaca e io ero accovacciato per terra l vicino. Tre o quattro giorni dopo l'esperimento, avevo imparato abbastanza sul linguaggio simbolico nuovo e particolare che usava lui, a tal punto da sentirmi sempre pi

156

VERE ALLUCINAZIONI

GUARDANDO DIETRO

157

convinto che attraverso esso avrei potuto osservare Dennis raggiungere, gradatamente, ma con costante progresso, il ritorno alla normalit. Spesso, allora, lunghi silenzi si inserivano fra i momenti di pazzia, ed entrambi scivolavano nelle nostre personali fantasticherie. Diverse volte, in queste occasioni, guardavo in basso e notavo con uno strano brivido che le mie dita erano inconsciamente impegnate a raccogliere piccoli ramoscelli in pile, come se questi dovessero essere usati per dei fuochi in miniatura. Questa inconscia attivit compiuta con molto impegno dalle mie dita mi parve straordinaria: allora la interpretai come un letterale traboccamento delle energie organizzative di cui ero stato riempito da una fonte sconosciuta, la stessa sorgente che mi stava rifornendo di energia che mi permetteva di andare avanti senza dormire. A volte Dennis mi interrompeva per chiedere a me o a Ev di fumare una sigaretta per lui. Le sue risposte alle nostre domande rivelarono che lui riteneva che nell'iperspazio la topologia di tutti i corpi umani continua e quindi poteva tranquillamente assorbire ci di cui aveva bisogno direttamente dai nostri corpi. Per cinque giorni la vita trascorse in questo modo, un sogno a occhi aperti di un'uccisione causata da un palindromo e da un gioco di parole. Lanciammo incredibilmente nel "mondo reale" circostante alcune onde di interazione. Nessuno si ferm a osservare noi o il nostro campo; era come se fossimo divenuti invisibili. La mattina del 10 marzo tutto cambi. Per cinque giorni non mi ero praticamente mosso da ll a capanna e dal piccolo sentiero che lo separava dal limite del pascolo; dopo colazione in quel giorno perfetto, scambiai quattro chiacchiere con Dennis e lo trovai calmo e lucido come non lo era stato mai dal momento dell'esperimento. Feci l'irrimediabile errore di considerare tranquilla la situazione. Scivolai via con Ev e la rete per le farfalle e m'incamminai per una lunga e rilassata passeggiata nel profondo della giungla. Il sentiero era pulito, di sabbia bianca, a volte profonda alcuni centimetri, morbida e invit an te. Non avevamo ancora percorso cinquecento metri che l'interesse per i lepidotteri venne eclissato da ll a lussuria. Il rischio di essere scoperti da qualcuno accresceva i nostri fremiti. Gettammo le precauzioni al vento e presto fummo persi l'uno nell'altro. Era piacevole in quello scenario verdeggiante farsi largo tra le arruffate e scivolose ricchezze del sesso di Ev e infilarle. Pensai: "Fallo per Vladimir!", infatti nell'invidiabile mente di Nabokov lussuria verdeggiante e farfalle erano sempre accoppiate.

Eravamo stati via appena per quaranta minuti, ma tornati a ll a capanna trovammo un senso di abbandono e di vuoto struggente. Non mi preoccupai pi di tanto del fatto che Dennis potesse avventurarsi nella foresta e perdersi. Ero convinto che qualsiasi fosse il suo stato mentale, non si sarebbe spinto a tal punto. Ci che temevo era che avrebbe potuto attirare l'attenzione di qualcun altro su di noi e sui concetti estremi che stavamo studiando. Lasciata Ev al campo, in caso Dennis fosse ritornato, corsi al pascolo e, attraversandolo, raggiunsi la missione, facendo la strada pi lunga. Mentre correvo mi dissi che probabilmente era andato a trovare Dave e Vanessa e che l'avreji trovato l. Ero troppo preoccupato per accorgermi che le campane de ll a missione, solitamente silenziose, eccetto le domenica, stavano suonando a distesa da qualche tempo. Appena arrivai sull'altura da dove potevo vedere chiaramente le case vicino al fiume e il lago sotto al chorro, vidi Vanessa condurre Dennis verso casa sua. Sentii, come li raggiunsi, che la situazione era pi preoccupante di quanto immaginavo. Vanessa era arrabbiata e aveva preso in pugno la situazione portandoselo a casa. Sembrava che Dennis avesse abbandonato la sua amaca non appena io ed Ev fummo fuori tiro. Era andato dritto alla missione, e individuata la corda giusta per suonare la campana che chiama la gente a raccolta per la messa, l'aveva suonata violentemente finch il prete non aveva trovato Vanessa e Dave i quali avevano convinto Dennis a desistere in maniera non molto gentile. Grazie a ci, la notizia gi in circolazione che un membro de ll a nostra spedizione era andato un po' fuori di testa fu resa pi consistente da questo pubblico gesto improvviso e oltraggioso. Il delicato equilibrio politico che avevo stabilito per consentirmi di decidere su come andasse trattato Dennis, venne meno. Venne approvata l'idea di Vanessa che Dennis dovesse essere trasferito a ll a casa vicino al fiume; questa posizione fu sostenuta anche dal prete e, come mi fecero sapere pi tardi, dall a polizia. Venendo assicurato dalla voce interiore che la preoccupazione era fuori luogo e accondiscendendo sul fatto che avevo perso completamente il controllo de ll a situazione, approvai tutti i consigli. Vanessa aveva delle novit. Stava arrivando un aeroplano. Non veniva a prenderci, ma ci avrebbe impedito di cominciare la nostra ritirata, perch avrebbe consentito a uno di noi di ricevere un passaggio sopra un centinaio di chilometri di giungla fino a San Raphael, dove avevamo nascosto parte del nostro equipaggiamento prima di metterci in marcia per La Chorrera. Questa era l'unica opportunit di volo per raggiungere i

158

VERE AS.LU`IlIVAZIlO11

GUARDANDO DIETRO

159

rifornimenti e Vanessa insistette che avremmo dovuto cogliere l'occasione, piuttosto che tornarci a piedi. Ero d'accordo su tutto. Ritenni che la fine del millennio avrebbe presto ovviato a tutti questi comportamenti mondani", ma certo che lasciai agli altri la possibilit di scoprirlo da soli, nel momento in cui sarebbero entrati nella pi profonda dimensione del futuro. Dave si offr di salire sull'aereo e la decisione fu presa quasi nel momento stesso in cui fu data la notizia. Avrebbe raggiunto le nostre scorte e si sarebbe occupato da solo di trovare un passaggio lungo il Rio Putumayo, fino a Bogot. Lo avremmo incontrato laggi quando e se avessimo trovato dei mezzi, cosa che al momento non era ancora ben chiara. Il bagaglio fu preparato in fretta. L'aereo arriv scivolando gi, e subito se ne and. Con un'improvvisa paura ci accorgemmo di essere rimasti in quattro. Dennis fu trasferito alla casa vicino al fiume, Vanessa ed Ev diventarono le sue infermiere. Io preferii rimanere nella giungla per evitare la confusione. Il dibattito concernente il miglioramento del suo delirio andava avanti: stava procedendo verso un miglioramento o stava semplicemente spingendosi pi a fondo nel mondo nel quale si era perso? Avendo abitato a Berkeley, tutti qu anti avevamo avuto esperienza con casi di persone in acido; lo stato di Dennis paragonato a quei casi non era per niente rassicurante. Lo spostamento di Dennis al fiume fu un punto di svolta, da quel momento gli effetti sguinzagliati dal fenomeno furono meno presenti nelle nostre menti, e pi nel mondo reale. Nonostante tutto, anche dopo il suo spostamento, io e Dennis stavamo ancora cercando l'oggetto a forma di lente. Ci che mi aveva detto la voce maestra alcuni giorni dopo l'esperimento fu: "L'hai quasi trovato, ma non completamente". Oppure us la metafora della condensazione: "Si sta condensando". Era una perfetta metafora alchemica. La pietra ovunque. La pietra qui. Dennis era solito dire: "Posso vedere la pietra. a duecentocinquanta passi sulla destra; gi, vicino allo stagno, sospesa sopra l'acqua". Io gli chiedevo tutti i giorni di dirmi qualcosa della pietra, e tutti i giorni l' idrolite della conoscenza, conosciuta anche come la panacea universale, era sempre pi vicina. Vi erano tempeste pazzesche piene di lampi. Lentamente notai che il fenomeno atmosferico si concentr verso Sud-Est. Iniziai a osservare verso quella direzione e ogni volta che lo facevo vedevo degli arcobaleni.
"

Le nostre intuizioni su quanto stesse succedendo spaziavano da quelle profondamente religiose a que ll e completamente assurde. Il pomeriggio del 12 marzo, Dennis fu capace per due ore, per quanto critticamente, di rispondere alle domande che gli ponevamo su come gli apparissero gli avvenimenti. Questa conversazione si verific in una casa lungo il fiume di fianco a ll a quale si trovavano un bel ga llo e la sua compagna. Era forse il gallo che aveva schiamazzato pi forte di tutti, il giorno dell'esperimento e, nuovamente, due giorni dopo. Vi era una disinvolta vigilanza su questo gallo e sulla gallina, che gi in precedenza erano stati oggetto di commenti da parte nostra. Quel pomeriggio particolare, Dennis richiam la nostra attenzione sulla gallinella dicendo che se si fosse pensato a essa come a un'opera d'arte, allora il risultato da lei raggiunto sarebbe stato immenso. Chi avrebbe potuto generare una simile gallina? Solamente colui che aveva potuto immaginare il mondo particolare in cui eravamo finiti. E costui chi era? Si guard intorno aspettando una risposta, ma non trovandone esplose da solo: "James Joyce!" Per i minuti seguenti and avanti spiegano la sua teoria: Finnegans Wake rappresentava il pi completo livello di comprensione mai raggiunto riguardo a ll a relazione de ll a mente umana con lo spazio e il tempo e, per questo motivo, Joyce, a ll a sua morte, fu in qualche modo caricato delle responsabilit di aver visto quest'angolo dell'universo di Dio. Con ci Dennis stava solamente rifacendosi a Wyndham Lewis, che cre l'ascesa di Joyce al culmine dell'aldil nella sua novella The Human Age. "Jim e Nora", cos Dennis chiam le due nuove divinit appena rivelate, entrambe agivano ed erano coinvolte in tutto quello che succedeva a La Chorrera, specialmente nelle cose che Joyce aveva amato. La piccola gallina come il simbolo di Anna Livia Plurabelle del Wake era una di queste cose. Ci che veniva irradiato da ogni cosa nella giungla paradisiaca era spirito joyciano. Queste idee erano assurde ma illuminanti e mi spinsero a rileggere Joyce e a considerarlo come uno dei pionieri nel tracciare una mappa dell'iperspazio. Comunque, in quel momento, non gettarono molta luce sulla nostra situazione. Dalla visione del mondo come letteratura, Dennis pass oltre. Mi ricord che una delle nostre analogie alchemiche riguardo alla pietra filosofale, che avevamo in comune da bambini come codice per le associazioni di idee, era rappresentata da una certa piccola chiave d'argento che apriva una scatola di legno lavorato con un compartimento segreto che apparteneva a nostro nonno. Io gli dissi che la chiave era stata perduta fin da ll a

160

VERE ALLUCINAZIONI

GL A R 1[DAN7DD llD1'E"1C R (D

161

nostra infanzia e che l'abilit di riprodurre quella chiave in quel momento avrebbe provato i poteri sciamanici di Dennis e la sua capacit di trascendere lo spazio-tempo. Questa conversazione si trasform in una formula di domanda-risposta che termin quando Dennis mi chiese di tendere avanti la mano, di stringervi la sua mano chiusa. Poi lanci un forte e ridicolo urlo e deposit nel mio palmo una piccola chiave d'argento. Fui strabiliato. Eravamo a migliaia di chilometri da qualsiasi posto. Lui era praticamente nudo, ma la chiave che avevo in mano era senza dubbio la stessa della mia infanzia. Aveva conservato quella chiave per tutti quegli anni per mostrarla ora, nel mezzo dell'Amazzonia, per distorcere la mia comprensione della realt? Oppure questa era semplicemente una chiave simile che Dennis aveva portato con s quando era arrivato in Sud America, ma che io non notai finch non me la mostr? Questo mi sembr improbabile. Lui era confinato in una stanza, lontano dal nostro equipaggiamento, ed era difficile convincersi che lui si fosse calmato e organizzato al punto tale da raggiungere il bagaglio e trovare la chiave segreta. Inoltre ero stato io a chiedergli della chiave: mi aveva forse imbrogliato costringendomi a chiedergli proprio di quell'oggetto che aveva portato con s, per mandarmi in confusione? La questione della chiave d'argento, che fosse quella originale oppure no, non fu mai risolta chiaramente. La scatola di legno era andata perduta tempo prima, per cui la chiave non pot mai essere provata. Una nota ironica finale viene aggiunta all'episodio: Dennis e io siamo entrambi amanti delle storie di H.P. Lovecraft e conosciamo il suo racconto Through the gates of the silver key, una storia che tratta di diverse dimensioni, strani avvenimenti, una scala del tempo cosmico e di noncuranti e stravaganti avventurieri come noi due. Dopo che Dennis fu trasferito alla casa lungo il fiume, non c'era pi bisogno delle mie veglie notturne. Ma la mancanza di bisogno di dormire prevalse. Aspettavo con ansia il momento in cui tutti si coricavano la notte per avere davanti a me pensieri appaganti e silenziosi. Come lo spirito della volpe nell'I-Ching che erra eternamente sopra la brillante prateria notturna, io vagabondavo nei pascoli e lungo i sentieri intorno a La Chorrera. Alcune volte mi sedetti di fianco all'albero su cui era inciso ama per ore intere, guardando mandala del tempo e dello spazio girare e avvolgersi intorno a me. In quel periodo camminavo a lunghi passi, quasi saltellando, avanti e indietro, fissando tutte le stelle colorate. Spontaneamente, quel qualcosa che condivideva la mia mente struttur le costellazioni e mi mo-

str l'enorme apparato zodiacale che deve aver colpito gli antichi con la medesima forza suggestiva. Mi immersi in milioni di immagini di persone in tutti i tempi e in tutti i luoghi, comprendendo o lottando con gli insolubili enigmi dell'essere e del destino umano. Fu durante queste meravigliose notti violacee di stelle, che mi sentii vicino alla comprensione del mistero tripartito della pietra filosofale, dell'altra dimensione e dell'anima umana. C' qualche cosa di umano che trascende l'individuale, la vita e la morte allo stesso modo. Possiede desiderio, motivazione e un potere enorme. E ora con noi. Ritengo che in certe condizioni, il manipolatore della coscienza si muove nel mondo in una dimensione fuori dal corpo. Allora il mondo obbedisce al volere della consapevolezza a un grado in cui l'inerzia delle leggi fisiche preesistenziali possono essere infrante. L'inerzia sopraffatta dalla consapevolezza che determina il verificarsi di eventi microfisici, normalmente casuali. Col passare del tempo la deviazione dei microeventi dalla casualit cumulativa in modo che gli effetti di questa deviazione possano anche sconvolgere il corso degli eventi in pi grandi sistemi fisici. Apparentemente, quando si vuole che i desideri si avverino, la pazienza tutto. questa solamente una fantasia, un uomo cresciuto che cerca di spiegarsi come si possano avverare i desideri? Io non lo credo. Io l'ho vissuto e so che pi tempo la consapevolezza impiega a fare sentire i propri effetti, vi sono pi probabilit che l'evento desiderato si verifichi. come un pensiero sottile spinto verso un finale necessario, che completa una serie di piccole deviazioni che portano a una situazione irrazionale e antientropica, cio un desiderio che si avvera. Confesso che la voglia di far avverare i desideri per me sempre stata una forza trainante. Posso ancora ricordarmi in braccio a mia madre che cullandomi mi sussurrava l'antica filastrocca: "Se i desideri fossero stati dei cavalli, i mendicanti sarebbero stati dei fantini". Potevo ripeterla ancora prima di averne capito il significato. Infatti sto ancora cercando di capirla. Ora questo mi sembra il modo in cui la consapevolezza lavora dentro al cervello, dove la materia e l'energia si trovano in uno stato pi incondizionato e dinamico di qualsiasi altro posto in natura. facile per la coscienza dirigere il flusso elettrico nel sistema nervoso centrale, bench non sappiamo come ci avvenga; meno facile per lei muovere, non gli elettroni, ma l'intero sistema atomico molto lontano nello spazio e nel tempo. Ci spiega perch facile formulare un pensiero, ma molto pi difficile che un desiderio si avveri.

162

VERE ALLUCINAZIONI

GUARDANDO DIETRO

163

Io considerai queste cose durante la lunga notte stellata a La Chorrera, quando il pi profondo mistero dell'essere sembrava stesse per concedersi a me. L'oro alchemico scorreva sempre attraverso le mie dita; ero certo che se fossi stato in grado di fonderlo con la speranza e l'immaginazione, non sarebbe scomparso. Scoprii che esiste un'interfase fra consapevolezza attiva nel mondo e consapevolezza attiva nel sistema nervoso centrale, il cui intermediario il corpo. L'interfase il linguaggio. Per usare il linguaggio, la coscienza informa il cervello che informa il corpo di impartire coerenza al confuso movimento delle molecole d'aria vicine, ma al di fuori del corpo. Questa incoerenza supplita dalla coscienza in forma di parola. Nessuna de lle leggi fisiche che regolano le molecole dell'aria stata violata, poich l modello coerente della struttura delle molecole dovuta a un input di energia: un input di energia la cui riuscita fu iniziata da un atto di desiderio cosciente. Il desiderio non uno strumento nella cassetta degli attrezzi della spiegazione scientifica. Il linguaggio viene visto allora come una specie di abilit parapsicologica poich causa fenomeni a distanza e di telecinesi, anche se attraverso la voce. Forse sotto l'influenza della psilocibina un'immensa energizzazione del desiderio potrebbe essere vocalmente trasdotta nel mondo e qui far di pi che imprimere un segnale nel movimento disordinato de lle molecole dell'aria. Forse invece, una parola, tenuta in vista, pu essere trasportata e apparire attraverso opportuni cambiamenti di rifrazione nelle molecole dell'aria vicine . Discorsi normali a volte influenzano l'indice di rifrazione dell'aria di fronte alla bocca di colui che parla. Visto di profilo, a volte, colui che parla, sembra che stia generando un flusso d'aria di fronte a lla bocca che come il movimento ondulatorio di un miraggio sopra l'asfalto caldo. Forse questa potrebbe essere un'indicazione di un potenziale nascosto del discorso, per poter andare oltre la sua normale funzione di simbolizzare la realt e di darle veramente un significato. Un logos molto pi vicino alla perfezione dovrebbe esserne il risultato, un logos capace di regolare l'attivit dell'ego come somma totale di tutti gli io vissuti in qualunque tempo. come un dio; un dio umano. qualche cosa che accadr nel destino umano nel futuro e poich comunque dovr accadere, sta accadendo ora. Tutto viene annunciato. L'idea ontologica delle dimensioni superiori nelle quali l'umanit viene propulsa, viene anticipata da quel fenomeno singolare che noi chiamiamo la fantastica altra dimensione o l'alieno. L'alieno ci

sta insegnando qualcosa attraverso la sua struttura: ci sta preparando ad affrontare quell'elemento divino che le nostre esplorazioni nella natura della vita e della materia stanno per rivelare. Questo era ci di cui si discuteva nella nostra tranquilla banda di avventurieri. Quanto mi pareva lontano il nostro arrivo a La Chorrera!

15
UN DISCO VOLANT H, PIENO DI S.KGRETI*

In cui si organizza la nostra partenza, io incontro un disco volante e le teorie nascono come funghi, non appena torniamo a Berkeley.

infortuni dopo l'avventura di Dennis e della campana de ll a missione; ci mi permise di fare il punto della situazione. Rimasi estasiato, certo che tutto andasse per il meglio, sicuro che qualche risultato definitivo stesse ormai per essere raggiunto. Il gio rn o dopo, nel tardo pomeriggio, Ev lasci la casa lungo il fiume per vedermi. Mi propose di tornare al fiume e di cenare tutti insieme. Mostr la sua preoccupazione per quanto stava accadendo... Non c'era dubbio che ci che era capitato ci stesse spingendo al limite di ci che avremmo potuto sopportare senza ribellarci Mentre ritornavamo attraverso il pascolo, l'atmosfera sembrava essere molto pi viva e attiva del solito, con nuvole gravide e nebbia vagante. Ev si diresse verso Sud-Est, dove un ammasso nuvoloso nero e pesante stava immobile e puntato verso grandi al* Il titolo di questo capitolo un gioco di parole in cui viene evocato il magico album dei Pink Floyd A Saucerful of Secrets (un piattino di segreti; qui A Saucer Full of Secrets, cio un disco vo lante colmo di segreti, N.d.R.). L'album un'opera seminale de lla psichedelia, il primo dopo la dipartita di Syd Barrett , ed datato 1968. La copertina (opera del gruppo Hipgnosis, raffigurante degli alchimisti, il an ge e fasi planetarie tra sbrodolature di colori) pi la musica (fatta di tastiere fuori fase, biz- Dr.St zarri effetti sonori e un battito ipnotico di batteria), fanno di A Saucerful of Secrets un perfetto concentrato del suono mistico e misterioso dei primi Pink Floyd.

A MARZO C'ERA LA LUNA PIENA. ERA TRASCORSO DEL TEMPO SENZA 11

165

166

VERE ALLUCINAZIONI

UN DISCO

VOLANTE PIENO

D I SEGRETI

167

tezze. Lo guardammo per un momento e lui si mut in una vasta nuvola a forma di fungo, il fungo che si sprigiona dopo l'esplosione de ll a bomba atomica. L'impressione fu estremamente profonda, Ev mi ricord le parole di Dennis riguardo alla stropharia cubensis. Lui aveva detto che era il fungo dell a fine della storia. Per lui, la forma de ll a nuvola atomica era un enigma fisico e biologico riguardo al potere di trasformazione della stropharia e alla sua eruzione nella storia umana. Mentre osservavamo, improvvisamente Ev ebbe un sussulto. Da ll a base della nuvola emerse qualcosa che sembrava una colonna di luce. La colonna era come sospesa, non era un semplice rotolo di fulmini. Era difficile credere che potesse essere un raggio di sole, poich era tardo pomeriggio e il sole si trovava a Ovest, mentre la nuvola si trovava a Sud-Est. La guardammo forse per un minuto. Poi, di colpo, scomparve. Ev era piuttosto scossa. Molto di pi dell a visione del fiume gelato, questo avvenimento era di un ordine empirico assai diverso da tutto quello che le era capitato a La Chorrera. Giungendo al campo sulla riva del fiume, apprendemmo che Vanessa era stata su a lla missione con Padre Jos Maria a parlare a ll a radio con il pilota che ci aveva portato via Dave. Il pilota era disposto a seguire il proposito di Vanessa e a considerarci a un "basso grado di emergenza". Promise che sarebbe tornato dopo alcuni giorni per portarci via. Da parte mia non ero soddisfatto di questi piani. Sapevo che noi, gli stranieri gringo, avremmo perso la faccia con la popolazione locale quando si fosse sparsa la notizia della nostra partenza via aerea. Inoltre non condividevo la speranza di Vanessa che Dennis avesse solamente bisogno, per tornare normale, di fare un salto nel mondo de lla psichiatria moderna. Ma non ci fu nulla da fare, quindi rimanemmo in silenzio, ognuno con i propri pensieri. Il giorno dopo stavamo preparando il nostro bagaglio per portarlo al fiume, preparati al volo che poteva essere annunciato in qualsiasi momento. Eravamo pronti per abbandonare il vortice di La Chorrera. L'unico momento divertente de ll a serata fu provocato dalla descrizione fatta da Ev di Dennis che sfuggiva al controllo di Vanessa e scivolava via dalla casa del fiume, in un impreciso momento de ll a notte precedente, per andare a sedersi tranquillamente nella casa di alcuni colonistas colombiani, che si svegliarono e lo trovarono congelato come un pezzo di mobilio. Appena la storia scorse via, la sua dimensione interiore ritorn a lle nostre menti. Il giorno dopo era il 13 marzo. Il campo nella foresta, il posto sacro dove avvenne l'esperimento, fu smantellato. Tutti gli oggetti che lo caratterizzavano rispetto a ll e altre decine di capanne witoto vennero impacchettati e

tutto torn al precedente anonimato. Fuori, impilato, abbandonammo una specie di tesoro; per la nostra fuga forzata in aeroplano c'era rimasto posto per ben poco: vennero con noi alcune specie di insetti e piante, le macchine fotografiche, gli appunti sull'esperimento, e ci fu tutto. Le cose che abbandonammo sarebbero state lentamente assimilate dai tolleranti witoto, i padroni del luogo dove avevamo provato a comunicare con l'iperspazio. Prendemmo posto tutti quanti nella casa vicino al fiume, pronti ad andarcene non appena fosse giunto l'aereo. Tutto sembrava andare avanti senza alcun problema. Facemmo una nuotata e sedemmo sulle rocce, scrutando il cielo e ascoltando, in attesa del rombo del piccolo mezzo anfibio. Cos trascorse il pomeriggio, e anche Dennis stette tranquillo dopo un episodio avvenuto la mattina presto, quando aveva metodicamente lanciato fuori dalla finestra tutto il contenuto della sua stanza, fino a divellere il telaio della finestra e a scagliarlo sopra tutto il resto. Intorno a ll e quattro, stavo sdraiato presso l'ansa del fiume a circa cinque metri dalla riva. Stavo pensando a una passeggiata al fiume che avevo fatto due giorni prima, quando ogni passo che facevo vicino all'acqua mi sembrava dare pi poesia e ritmo ai miei pensieri. Dal nulla mi ricordai un vecchio detto celtico di cui aveva parlato Robert Graves: "La poesia si fa sulla riva di un fiume che scorre". La mia esperienza vicina all'acqua aveva a che fare con qualche cosa di simile, credevo, e stavo esaminando la cosa. Vanessa ed Ev stavano lavando di fronte a me. Dall'altra parte del fiume vi era il cielo di Sud-Est, nel quale io ed Ev avevamo visto la nuvola con il raggio di luce appena ventiquattr'ore prima. Mi stavo perdendo in quella direzione quando notai ci che pensavo fosse la debole fonte di un arcobaleno, un posto basso del cielo, vicino all'orizzonte dove sembrava esserci un leggero tocco di uno spettro. Dopo alcuni secondi, richiamai l'attenzione delle due ragazze e chiesi se avessero visto un arcobaleno. Gettarono un'occhiata dall'altra pa rt e per un momento e poi mi dissero che non avevano visto nulla. Non insistetti, ma mi misi a guardare il cielo in quel punto. Ormai avevo smesso di cercare di convincere la gente mi ritenevano matto, non proprio instabile, ma qualcuno di cui era meglio non fidarsi o da non prendere sul serio, perch credevo in cose cos strane. Questo era il mio difetto. Continuai a guardare dall'altra pa rt e del fiume e vidi il fenomeno intensificarsi. Ne ero completamente attratto. In questo paesaggio bucolico, mi parve che si stesse preparando una grande rivelazione. Guardai e notai i colori diventare pi intensi: non si form mai l'arco di un arcobaleno, ma l'in-

168

VERE tAlL,1LUO I N .Q . IO N I

U N DISCO VOLANTE

PIENO

DI

SEGRETI

169

tensit dei colori fu estremamente netta in un punto. Di nuovo domandai all e donne se vedessero l'arcobaleno dall'altra parte del fiume. Di nuovo un bagliore di luce. Meraviglioso ! "Si, lo vediamo, non un granch, vero?" La parte investigatrice della mia immaginazione iperattiva si concentr su questo particolare in un istante: prima una nuvola con un raggio di luce, ora uno spazio di colori spettromagnetici nello stesso luogo. Ebbi la netta sensazione che un occhio nel cielo si stesse avvicinando ai miei pensieri e mi guardasse con soddisfazione non appena compresi l'importanza del punto a Sud-Est e di rivolgere la mia attenzione su quel punto. Nella mia mente il maestro disse: "Questo il posto. Questo il segno. Guarda qui". Non dissi niente a nessuno, ma decisi di non trascorrere quella notte insonne come avevo speso le altre: girando per i campi come lo spirito volpe o meditando al chorro. Invece mi sarei seduto l, dove si svuotava il lago e il Igara-Parana riprendeva il suo languido corso. Qui, vicino all'imbarcadero, venti metri sotto un ripido mucchio di fango da ll a casa del fiume, mi sarei accovacciato e avrei scrutato attraverso la notte.

Durante tutta la notte, rimasi seduto passando in rassegna gli avvenimenti passati, in un modo che pareva scindere la mia coscienza e spedirla indietro nel mio albero genealogico e avanti nel futuro. Mi sembr di vedere tutti gli anni a venire; scorsi una certa logica emergere da questo contatto: le nostre carriere contestate attraverso il tempo e lo spazio e, infine, la nostra rivincita, non appena il mondo si fosse accorto della verit de ll a natura transdimensionale delle visioni dovute alla stropharia e la vicinanza dei mondi che queste visioni ci avevano spalancato. Perci, rafforzai la mia opinione che il contatto dell'umanit con specie intelligenti e totalmente aliene era ormai vicino. Sembr che da quella lunga notte di tempo cosmico, stesse per avere inizio la novit delle novit, il momento di contatto tra menti provenienti da dimensioni totalmente differenti. Noi fummo i primi a stabilire un contatto con queste specie "altre". Questo certo. Eravamo venuti nella giungla equatoriale per esplorare la dimensione apparsa come un lampo nell'estasi da triptammina e l, nell'oscurit del cuore dell'Amazzonia, eravamo stati trovati e toccati da questa incredibile e arcaica forma di vita che, ora, era sul punto di diventare conscia del potenziale globale di una relazione simbiotica con l'umanit tecnologica. Per tutta la notte mi lambirono strane visioni e sensazioni di

trionfo. Vidi macchine gigantesche e mondi di forme vegetali e meccaniche di incommensurabili dimensioni. Il tempo, agatizzato e scinti ll ante, sembr scorrermi intorno come un superfluido vivente che dimorava in regioni da sogno, a una pressione terribile e con temperature polari. E vidi il piano, il potentissimo piano. Finalmente. Fu un'estasi, uno stato di ekstasis che dur alcune ore e che pose il sigillo di compiutezza a tutta la mia vita precedente. Alla fine mi sentii rinato, ma come qualcosa che non riconoscevo pi. Nel grigiore di un'alba ingannevole, l'onda dell'imagerie scomparve. Mi alzai da dove ero stato seduto per ore e mi stiracchiai. Il cielo era limpido, ma era ancora molto presto e le stelle stavano ancora brillando nel cielo, a Ovest. A Sud-Est, nella direzione verso cui era stata rivolta la mia attenzione, il cielo era sgombro, fatta eccezione per una striscia di nebbia o di pulviscolo, parallela all'orizzonte, neanche un metro sopra le cime degli alberi, dall'altra parte del fiume, a circa un chilometro di distanza. Mi ero appena rimesso in piedi, sulla grossa pietra piatta sulla quale ero stato seduto, quando notai che la striscia di nebbia sembrava essere diventata pi scura, e ora pareva agitarsi e ondeggiare sopra quel luogo. Guardai molto attentamente mentre la linea tremolante di foschia scura si divideva in due parti e come ciascuna di queste nuvole pi piccole si divideva ulteriormente. Questi avvenimenti occuparono solamente lo spazio di un minuto, ora stavo guardando quattro nuvole a forma lenticolare della stessa grandezza, in fila poco sopra l'orizzonte, a solo un chilometro di distanza. Fui pervaso da un'onda di eccitazione seguita da un'onda ben chiara di paura. Ero incollato per terra e non riuscivo a muovermi, come in un sogno. Appena sollevai gli occhi, le nuvole si riunirono allo stesso modo in cui si erano divise, impiegandoci pochi minuti. La simmetria di questo dividersi e poi riunirsi, e il fatto che le nuvole pi piccole fossero tutte della stessa dimensione, diede allo spettacolo un aspetto soprannaturale, come se la natura stessa fosse lo strumento di qualche forza organizzatrice dietro di essa. Appena le nuvole si ingrossarono, divennero pi scure e opache. Quando le nuvole si riunirono tutte in una, questa sembr avvitarsi su se stessa, come un tornado o una tromba marina e, per un attimo, credetti che fosse proprio una tromba marina, una cosa che non avevo mai visto. Ma nello stesso tempo in cui formulai questo pensiero, sentii un forte ululare giungere da sopra gli alberi de ll a giungla, chiaramente da ll a stessa direzione de ll a cosa che stavo guardando. Mi girai e diedi un'occhiata a ll a casa del fiume a venti metri dietro di

170

VERE ALLUCINAZIONI

UN DISCO VOLANTE

PIENO DI SEGRETI

171

me, in cima alla collina, cercando di capire se avessi avuto il tempo di correre a svegliare qualcuno per avere la conferma di ci che stava accadendo. Per farlo avrei dovuto strisciare a carponi lungo la salita e di conseguenza distogliere lo sguardo da ci che stava succedendo. In un istante decisi che non potevo smettere di osservare. Provai a urlare, ma dalla mia gola bloccata dalla paura non usc alcun suono. Il suono della sirena stava lentamente guadagnando altezza e, infatti, ogni cosa sembrava aumentare di velocit. La nuvola in movimento stava rapidamente ingrossando, muovendosi dritta verso il posto dove mi trovavo. Sentii le gambe diventare molli e mi sedetti tremando spaventosamente. Per la prima volta credevo veramente in ci che c'era accaduto e sapevo che la concrescenza volante stava per prendermi. Mentre si avvicinava, i suoi dettagli parvero coagularsi Quindi mi pass direttamente sopra, all'altezza di circa cinquanta metri, cabr in verticale verso l'alto e scomparve in cima a ll a collina, alle mie spalle. Nell'ultimo istante prima che scomparisse, vi rivolsi completamente tutti i miei sensi e lo vidi molto chiaramente. Era una macchina a forma di disco, che ruotava lentamente con delle luci leggerissime, blu e arancioni. Non appena mi pass sopra potei vedere delle incisioni simmetriche nella parte inferiore. Emetteva il caratteristico sibilo dei dischi volanti dei film di fantascienza. Le mie emozioni erano confuse. All'inizio ero terrorizzato, ma nel momento in cui fui certo che quella cosa in cielo, qualsiasi cosa fosse, non mi avrebbe preso, mi sentii deluso. Ero stupito e stavo tentando di ricordarmi ci che avevo visto nella maniera pi chiara possibile. Dovevo pormi la classica ingenua domanda di quando si parla di UFO: era vero? Potevo credere ai miei occhi? Stavo vedendo qualcosa di vero? Nessun altro aveva visto, per quanto ne sapevo; io ne ero stato il solo spettatore. Credo che se ci fossero stati altri testimoni, avrebbero essenzialmente visto ci che ho raccontato io, ma, in realt, chi pu dirlo? Vidi questa cosa cambiare da una specie di nuvola fino a diventare un oggetto volante ricoperto di borchie. Era pi verosimile come nuvola o come oggetto volante? Fu un'allucinazione? Contro la mia testimonianza pu essere avanzato qualche dubbio dovuto alla mancanza di sonno e all'uso di piante psichedeliche. Ma curiosamente quest'ultimo fatto pu essere interpretato a mio favore. Io sono abituato a esperienze dirette con tutte le classi conosciute degli allucinogeni. Ci che vidi quella mattina non rientrava in nessuna categoria di allucinazioni cui ero familiare.

Inoltre, contro la mia testimonianza, si pu addurre l'inevitabile e incongruente dettaglio che rende assurdo l'accaduto. Cio che, non appena l'oggetto mi pass sopra la testa, lo vidi abbastanza chiaramente per giudicarlo identico al famigerato UFO, con tre mezze sfere sul fondo, che appare in una fotografia di George Adamski, considerata universalmente un "bidone". Non ho seguito attentamente la vicenda, ma avevo condiviso l'opinione degli esperti che ci che Adamski aveva fotografato fosse il coperchio di un'aspirapolvere. Ma io vidi lo stesso oggetto nel cielo sopra La Chorrera. Lo dovevo al fatto che da bambino ero un fanatico di dischi volanti? Era un qualcosa estrapolato da ll a mia mente come lo erano state altre memorie? La mia unica conoscenza stereotipata, da tempo ridimensionata, degli UFO era apparsa improvvisamente in cielo. Apparendo in una forma incerta di per se stessa, ci le fece guadagnare un contrasto cognitivo pi ampio, cosa che non sarebbe accaduta se fosse stata completamente convincente nel suo essere aliena. Fu, se me lo si chiede o un miracolo olografico di una perfezione tecnica impossibile oggi sulla terra o la manifestazione di qualcosa che in quella circostanza decise di iniziare come nebbia e finire come una macchina, ma che avrebbe potuto apparire in qualsiasi forma, una manifestazione di qualcosa di onnisciente, che dominava il mondo della forma e della materia. Non fu un miraggio convenzionale. Anni dopo mi domandai se non potesse essere stato un tipo di miraggio a noi sconosciuto. Un miraggio temporaneo. Il miraggio ordinario un'immagine falsata d'acqua o di un luogo distante, la cui causa la distorsione de ll a luce provocata da stati alterni di aria calda e fredda. Fuori Benares, in India, vidi una triplice immagine dell a citt sospesa sopra la superficie del Gange. Ma il miraggio temporale un'altra cosa: un'immagine lenticolare di un tempo e di un posto distante, le cui cause sono sconosciute. Ci che rende della stessa classe un miraggio ordinario e quello temporale il fatto che entrambi necessitano dell'intercessione della mente umana per esistere. Certe zone della terra posseggono particolari condizioni che rendono frequenti i miraggi: sar vero anche per i miraggi temporali? O forse il miraggio temporale un fenomeno naturale e l'UFO un risultato del miraggio temporale usato sperimentalmente da alcune tecnologie del futuro? Io credo che quest'ultima ipotesi si avvicini di pi al punto. L'UFO un riflesso di un evento futuro che promette la padronanza umana sul tempo, lo spazio e la materia. Noi, nel nostro umile tentativo di esperire questi misteri, eravamo stati capaci di costringere la natura a tirare fuori

172

VERE A L L 1 JC 1 N AZ

1 l D N ll

V 1V 1/[401.1) VVILCil

ro

8ne it u x. ,w v

ll

.r da ky uS da

u u

questa eccezionale scinti ll a che brucia nella pura contraddizione, dall'oscurit dove lavora la chimica del tempo. molto impo rt ante il fatto che eravamo riusciti a produrre questo stimolo. Questo mi dimostr che eravamo sulla pista giusta: il fungo stropharia cubensis una banca-dati di storia galattica. Alieno, ma pieno di promesse, ha scatenato un potenziale per la comprensione che spazzer via le idee banali riguardo a ll a terra e all'umanit prigioniera della storia. A La Chorrera ero stato l'unico convinto che il nostro approccio avrebbe ricevuto dei riconoscimenti; ora che le nostre teorie hanno trovato un piccolo gruppo di persone che le condividono, sono ancora pi convinto che la risposta a tutti questi misteri che fecero traballare la nostra classica considerazione del mondo, sia da ricercare dentro noi stessi. Quando guardiamo dentro di noi per mezzo dello psilocibina, scopriamo che non bisogna guardare fuori, verso la futile promessa di vita su stelle lontane, per far sparire la sensazione di solitudine cosmica. Dovremmo invece guardare all'interno; i sentieri del cuore conducono a universi vicini, pieni di vita e di sentimenti benevoli verso l'umanit.

L'incontro con l'UFO segn il culmine de ll a nostra spedizione a La Chorrera. Il mio contatto con il disco volante avvenne all'alba del 14 marzo. La mattina dopo, i115 marzo, a lle undici, arriv l'aereo, non annunciato, ma non inaspettato. Erano ormai tre giorni che Vanessa ci aveva preparato all'avvenimento. Salire a bordo fu una questione di pochi minuti, dopo aver detto addio al prete e alla polizia, a tutti quelli che erano stati pazienti con la nostra colorata combriccola e con le sue esigenze particolari. Solo nelle visioni i miei occhi avevano indugiato su sostanze simi li a quell e con cui era costruito il piccolo aeroplano. Superfici lucentissime e acriliche di macchinari e materiali inattaccabili alle dure radiazioni ultraviolette: ci che i popoli dell'Amazzonia chiamano "pelle di machete". Era un promemoria di tutto ci a cui stavamo tornando. Dennis si comportava bene. A parte una sua osservazione, fatta mentre salivamo a bordo, sul fatto che un aereo una parziale condensazione di un disco volante, non disse molto. Un rombo del motore, una spinta all'indietro sulla cloche e noi e il nostro leggendario pilota de ll a foresta eravamo in volo. Facemmo un giro sulla missione prima di seguire il Rio Igara-Parana fino al Rio Putumayo e la versione di civilt che poteva of-

frire la citt di Leticia. Che piccolo mondo La Chorrera, sperduta nella giungla impraticabile, una fugace apparizione di costruzioni e una mandria di zeb che riposano nella pianura verdeggiante, simili a masse informi di gelato alla vaniglia che si sta sciogliendo. Immaginai che quel qualcosa che avevamo toccato e che ci aveva toccato, adesso lo lasciavamo alle nostre spalle. Restammo due giorni a Leticia, giorni in cui Dennis mostr dei miglioramenti significativi mentre noialtri cominciavamo a ristabilire le distanze reciproche. Questo era sicuramente il rigetto dell'eccessiva intimit a cui la nostra spedizione ci aveva costretto. La cosa pi strana a Leticia fu che, appena scesi dall'aereo, incontrammo Jack e Ruby, una coppia americana che aveva affittato l'appartamento di Ev a Bogot per qualche settimana. Avevo gi notato la strana combinazione dei loro nomi [Jack Ruby fu colui che spar e uccise Lee Oswald, l'assassino "ufficiale" di Kennedy, N.d.T.] sei settimane prima, quando li avevo conosciuti e ora il fatto che sembrava che ci stessero aspettando a Leticia aument la stranezza. La cosa mi lasciava confuso. Il tempo necessario per raggiungere Bogot e Dennis era ormai quasi completamente tornato normale, confermando cos la teoria che una qualche forma di squilibrio chimico temporaneo fosse stata responsabile della sua reazione, piuttosto che l'affioramento di una struttura personale cronicamente squilibrata. Era veramente dubbioso e vago riguardo a ogni menzione di legami superconduttori a quattro dimensioni, ayahuasca o pratiche sciamaniche. Diceva:" Senti, le ho provate! " E lo aveva fatto davvero. Era quasi normale, ma io ero solamente all'inizio di un periodo lungo un anno di un'originale produzione di idee, lo stato di incredulit complessiva che diede a ll a luce le teorie sul tempo esposte in The Invisible Landscape. Il 20 di marzo eravamo tutti d'accordo sul fatto che Dennis era totalmente tornato fra di noi. Fu un'occasione di grande felicit e la festeggiammo in uno dei migliori ristoranti di Bogot. Era stato un immenso successo l'essere stati capaci di permettere all'inversione di lavorare da s senza l'influenza insopportabile delle moderne procedure di cura mentale. L'ordalia nella natura selvaggia che tutti gli sciamani devono affrontare era stata superata. Era stato compiuto un passo sul sentiero della conoscenza. I121 di marzo, feci un'annotazione sul diario. La prima da molti giorni e l'unica che fui capace di fare per altri due mesi. Scrissi questo:

174

VERE ALLUCINAZIONI

UN DISCO

VOLANTE PIENO

DI SEGRETI

175

21 marzo 1971 Sono passati diciassette giorni dal 4 di marzo e dalla concretizzazione della "e commerciale". Se ho capito o meno questo fenomeno, allora domani, il diciottesimo giorno, verr raggiunto una specie di giro di boa in questa esperienza. Predico che domani Dennis torner allo stato psicologico che aveva sperimentato prima dell'uno marzo, poich possibile che, invece di una residua amnesia concernente gli eventi di La Chorrera, abbia acquisito una crescente consapevolezza dell'esperimento che lui stesso ide. Le settimane scorse sono state cos tormentate e come composte di cos tanti periodi, posti e luoghi mentali, che stendere una cronaca razionale non stato possibile. Solo Finnegans Wake d una certa idea della realt del paradosso che noi sperimentammo, grazie alla capacit di vedere dietro alla doppia faccia del tempo. A discapito delle prime incomprensioni e delle mancate proiezioni riguardo ai cicli del tempo e dei numeri attivi durante il fenomeno, credo che in questi diciassette giorni avessimo sperimentato, sebbene si fosse condensato qualcosa di enorme che andava all'indietro, una parte sufficiente di un ciclo completo, per poter cominciare a prevedere in modo certo gli eventi dei successivi venti giorni e avere una qualche idea approssimativa sulla natura o sull'obbiettivo della nostra opera.

Questa pagina di diario chiarisce che, mentre Dennis stava riprendendosi dall'immersione nella lotta titanica, io ero a lle prese con il mio combattimento personale. Ero stato catturato da un'ondata di ossessione, quasi una meditazione forzata, sulla natura del tempo. Le considerazioni ordinarie sulla vita ordinaria cessarono di occupare i miei pensieri. La mia attenzione era completamente rivolta ai miei tentativi di costruire un nuovo modello di cosa sia veramente il tempo. Risonanze, ricorrenze e l'idea che gli eventi erano modelli di interferenza causati da altri eventi, distanti ternporalmente e casualmente, avevano attirato la mia attenzione. In que lle prime speculazioni, teorizzai un ciclo mitico che aveva bisogno di quaranta giorni per completarsi. Fu solo pi tardi, quando cominciai a lavorare impressionato da ll a natura legata al DNA dei cicli temporali, che rivolsi la mia attenzione a dei cicli de ll a durata di sessantaquattro giorni. Questa speculazione mi spinse a rivolgermi all'I-Ching. In quelle prime nozioni sul ciclo di quaranta giorni di redenzione alchemica vi un solo piccolo accenno a un'eventuale teoria nei suoi dettagli operativi; ma l'intento chiaramente lo stesso. Risonanze, modelli di interferenza e regressioni frattali

del tempo e nel tempo. Questi erano i materiali con i quali iniziai a costruire una teoria. Forse, dopo anni di lavoro, il risultato avrebbe potuto avere una certa consistenza. Comunque, quell'aspetto era riservato al futuro; la prima concezione era cruda, autoreferenziale e idiosincratica. Era solo la mia fede che avrebbe potuto renderla coerente e razionale di fronte agli altri e che mi tenne occupato con queste teorie per tutti questi anni, trasformando l'intuizione originale in un gruppo di asserzioni formali. Passai la fine di marzo a Bogot e fu un periodo triste. La frenesia urbana di una citt moderna e caotica si abbatt pesantemente sulle nostre percezioni abituate alla sensibilit della giungla. Dennis pareva quasi normale, seppur indebolito e tranquillo. Non giunsero messaggi da Vanessa e Dave, tornati negli USA. Il 29 Dennis segu il loro esempio e vol in Colorado. Insistette perch io ed Ev andassimo nel Sud de ll a Colombia per avere un po' di tempo per riflettere. E ci che facemmo. Passai in rassegna tutti gli avvenimenti di La Chorrera senza fare nessun passo avanti e conclusi che una specie di gravit psichica ci stava spingendo verso casa. Il 30 aprile, un mese meno un giorno dal mio incontro con l'UFO, arrivammo a Berkeley. Fu una visita breve e difficile. Iniziavo a vedere i confini di quella che sarebbe diventata la teoria dell'onda del tempo dell'I-Ching. Le prime mappe de ll a gerarchia degli esagrammi I-Ching, che furono poi inserite in un programma per computer che chiamai Timewave Zero, furono ideate in quel periodo. Non frequentai nessuno. Ero totalmente immerso nel mio lavoro e non avevo interesse per nient'altro. Ero preso da una mania creativa in un modo che non avrei mai creduto possibile. Ogni volta che tentavo di conversare di questi argomenti con qualcuno, si apriva un enorme baratro di incomprensione. Il pi grottesco di questi incidenti coinvolse il mio tentativo di ottenere un parere riguardo alle nostre idee da persone che ritenevo specialisti nel ramo. In uno stupendo giorno di maggio mi trovavo nel "Donnor Laboratory of Virology and Bacteriology" a ll a University of California, a Berkeley. Avevo preso un appuntamento per vedere il dottor Gunther Stent, genetico molecolare, famoso a livello mondiale e autore di The Molecular Chemistry of the Gene. Non sapevo che Stent era leggendario per la sua rettitudine scandinava e che si riteneva l'uomo del Rinascimento e un filosofo sociale. Un paio di anni dopo pubblic un libro che teorizzava la riforma de ll a societ globale con il tradizionale modello sociale delle Samoa come un traguardo ideale. Trovai il grande uomo nel suo bianco camice da laboratorio in una stan-

176

VERE AL L 1.rCdNAZVON1

UN DISCO VOLANTE PIENO D1 SECRET]

177

za piena di vasetti di vetro che ribollivano e circondato da studenti laureandi in adorazione. Fui cacciato dal laboratorio e un bidello mi fece entrare nel suo ufficio rivolto a Ovest, verso il Golden Gate Bridge. Da nove piani di altezza le messi primaverili di studenti erano ridotte a colonie di formiche che correvano sul prato sottostante. Gunther Stent mi raggiunse alcuni minuti dopo. Baldo e austero, si sedette sulla sedia mentre mi lanciai sulle idee che stavano dietro all'esperimento di La Chorrera. Provai a iniziare con calma, ma ero emozionato e nervoso. Dopo pochi minuti mi resi conto che Stent stava soppesando la possibilit di un mio attacco fisico su di lui. A suo merito va detto che stava combattendo con questo allarmante sciame di pensieri, lasciandomi andare avanti. La sua faccia diventava sempre pi impassibile, mentre io mi accorgevo di aver perso il controllo del discorso. A ll a fine, dopo una lunga speculazione infruttuosa durante la quale la sua espressione era diventata insondabile, decisi di arrivare finalmente al punto della questione: "Dottor Stent, il motivo per cui sono venuto qui semplicemente perch vorrei sapere se questa teoria possiede una qualche validit o totalmente campata in aria". Sembr scuotersi leggermente, lasci la sua posizione dietro alla scrivania e mi raggiunse di fianco alla finestra, per guardare oltre il fitto vetro scuro. Con un gesto di rassegnazione venuto dal cuore si volt verso di me e parl: "Mio caro giovane amico, queste idee sarebbero strambe anche se fossero totalmente campate in aria". Mi sentii a terra e fuggii sconvolto dall'imbarazzo. Tanto peggio per i miei tentativi di costruire un ponte di collegamento con la scienza ufficiale. Questo tipo di incontri mi convinsero che avrei dovuto ristudiare l'epistemologia, la genetica, la filosofia della scienza e l'intero gruppo delle scienze necessarie per discutere le aree verso le quali avevo ora un interesse impellente. Mentre i miei studi dell'I-Ching avanzavano, avevo ridefinito la teoria che la sua struttura fosse la base di un'onda temporale o di onde diverse. Queste onde sono dei periodi di cambiamento che si susseguono da vicino. Compresi che la logica interna delle onde temporali implicava necessariamente la fine del tempo normale e della storia ordinaria. A quel punto l'idea di una psicomateria concrescente e dell'UFO che incontrai a La Chorrera si identificarono fra di loro nella mia mente e con la fine degli scenari del tempo delle religioni tradizionali d'Occidente. La pi recente mappa del tempo, per quel che riguardava la mia vita personale, era piena di coincidenze. In particolare, i punti terminali di cia-

scuna sezione dell'onda mi sembravano possedere significati speciali. Posizionando uno di questi punti sull'esperimento a La Chorrera, si rendevano estremamente importanti gli altri punti nel passato (la morte di mia madre e il mio incontro con Ev) e i punti del futuro (il mio venticinquesimo compleanno). Notai che gli eventi significativi della mia vita accadevano ogni sessantaquattro giorni con stupefacente regolarit. Era necessario ragionare su di ci da solo, poich il mio interesse su questi fatti e la loro natura paradossale, sembrava assurda agli altri. Capii che l'effetto che stavo esplorando, fosse o meno un normale fenomeno naturale o un'eccezionale idiosincrasia, in ogni caso era per me estremamente importante permettere a lle forze con cui ero entrato in contatto di esaurirsi fino alla fine. Bench potesse sembrare folle, decisi di ritornare a La Chorrera, alla sua solitudine e alle sue stranezze e di trascorrere del tempo l, semplicemente e con calma ripensare a ci che mi era successo. Io ed Ev avevamo comperato degli smeraldi prima di lasciare la Colombia, la loro vendita fu pi che sufficiente per finanziare il ritorno al surreale dominio del sole, di foreste e fiumi che avevano generato la mia ossessione. Una volta a La Chorrera, ero determinato a scrivere tutto ci che ci era capitato; questo era il mio scopo e molti di questi primi appunti formarono The Invisible Landscape. Questa decisione di lasciare la California fu salutata con entusiasmo dal mio circolo di Berkeley. Il mio stato mentale preoccupava i miei amici, e girava voce che l'FBI sapeva che ero tornato e mi stava cercando. Il blues dell'hascish Bombay-Aspen mi stava al culo. Era il momento giusto, dissero, per cambiar aria.

6 IL RI ORNO

In cui Ev e io torniamo da soli a La Chorrera e una nuova cometa si dirige verso la terra.

mazzonia. Il mio desiderio di tornare a La Chorrera era ormai realt. Le annotazioni nel mio diario ricominciarono mentre discendevamo il Rio Putumayo, un nome che mi sugger una etimologia tipo "puta maya o la puttana delle illusioni":
15 luglio 1971 Lasciato Puerto Leguizamo poche ore fa con il nostro carico di birra e bestiame, io ed Ev siamo finalmente vicini, e attraversiamo quel sogno che la foresta e i fiumi del bacino delle Amazzoni. Il ritorno, per continuare a contemplare il fenomeno esattamente nel centro della natura tropicale, nel quale lo abbiamo scoperto, sottolinea una devozione e un'immersione nel fenomeno stesso, che chiunque a conoscenza degli eventi che ci hanno colpito in marzo, troverebbe incredibile e probabilmente rischioso. Non mi riferisco ai pericoli tipici della giungla o all'inevitabile durezza che comporta il viaggiare in aree selvagge, piuttosto mi riferisco allo stress psicologico inerente al confronto col fenomeno, stranamente parte del proprio s e allo stesso tempo immenso e "altro", lontano dal tranquillo ambiente di amici e da un mondo inconsapevole o scettico
179

15

LUGLIO, IO ED

Ev

ERAVAMO DI NUOVO SUL CONFINE DELL'A-

180

VERE ALLUCINAZIONI

IL RITORNO

1L81

sui nostri incontri con il fenomeno e alla comprensione che ne era derivata. Il mio primo pensiero in questo luogo di fare il possibile affinch l'inaspettato venga eliminato. Ho sempre in mente il rovesciamento della crittoschizofrenia di mio fratello. Credo di interagire con qualcosa che non ha nulla a che fare con il vago o con l'incerto. Studi e riflessioni attente possono eliminare la possibilit che il fenomeno del contatto possa improvvisamente volgersi contro di noi o agire in maniera inaspettata. Il giusto approccio a queste cose rimane sfuggente. Ogni volta la "voce interiore" del fenomeno sosteneva che, dopo l'opera d'ipercarbolazione di mio fratello, non restava nient'altro da fare e che se qualcosa fosse stata richiesta sulla strada dell'attivit allora, in virt della speciale natura del contatto, quel qualcosa sarebbe stato proprio ci che stavamo gi facendo.

Io ed Ev vivemmo tranquillamente a La Chorrera da agosto fino a met novembre dei 1971. Vi furono momenti di grande gioia. E durante quel periodo, fui capace di trarre il massimo dei benefici da ll a mia immersione nel processo interiore che stavo sperimentando. Riempivo le mie giornate pensando e passeggiando a lungo sui sentieri intorno a La Chorrera e passavo ore piegato sui fogli da disegno che mi ero portato dietro. L, nel mezzo del verde dell'Amazzonia, elaborai le mie teorie sul tempo e riempii numerosi fogli con le mie fantasie sull'onda meccanica. Quando non leggevo o facevo sogni a occhi aperti, io ed Ev facevamo lunghe conversazioni nelle quali la visione di un modo nuovo di stare al mondo sembrava a portata di mano. Durante questo secondo periodo a La Chorrera, ritorn il tema dell'oo-koo-h. Facemmo conoscenza con molti witoto, che passavano regolarmente intorno a ll a nostra capanna, posta a poche centinaia di metri sulla stessa pista dove provammo il primo esperimento. Oltre ai witoto che si fermavano per scambiare due parole o per guardarmi collezionare insetti, c'era un vecchio di nome Demetrius. Era una vecchia donnola con gli occhi torbidi che interpretava a ll a perfezione il ruolo di custode delle porte del cosmo. Nel mio stato mentale eccitato, le lettere D, M, T, parevano saltare fuori dal suo nome come un segnale. Appena riuscii a rimanere solo con lui, gli posi la domanda: "Oo-koo-he?" "Oo-koo-h! ", non poteva credere ai suoi occhi. Doveva essere incredibile per lui, che questa strana e debole creatura, una cosa da un altro mondo, potesse porre domande riguardo a un segreto della tradizione del suo

popolo. Non ho idea di quante barriere culturali riuscimmo a superare, ma dopo un po' di conversazione, sempre che si possa chiamare cos quello che passa fra due persone che non hanno nessun linguaggio in comune, ero certo che mi avrebbe aiutato. Tempo dopo, il giorno del mio venticinquesimo compleanno, mi recapitarono una strana sostanza appiccicosa, avvolta in un pacchetto di foglie. Non fui in grado di ottenere una esperienza allucinogena con questa sostanza, ma analisi successive compiute dai chimici del "Karolinska Institute" di Stoccolma, confermarono la presenza di dimetil-triptammina. Demetrius era stato all'altezza del suo nome. La cosa importante riguardo al secondo viaggio a La Chorrera fu che gli insegnamenti del logos furono pi o meno continui. E ci che insegn durante e dopo quei mesi, fu una teoria sul tempo. una teoria veramente concreta e di rigore matematico. Il logos mi insegn a fare qualcosa con 1'I Ching che forse nessuno era riuscito a fare prima. Forse i cinesi erano una volta in grado di farlo, e poi migliaia di anni fa l'avevano dimenticato. Mi insegn un modo di vedere ipertemporale. I miei libri, la mia vita pubblica, i miei sogni privati, divennero tutti una parte del tentativo sentire e capire la nuova idea di tempo che mi fu rivelata a La Chorrera. Una rivoluzione nelle conoscenze umane non qualcosa che pu essere cristallizzata nei confini di una conversazione. Questo nuovo modello del tempo permette di avere un certo tipo di conoscenza del futuro. Il futuro non assolutamente determinato, non c', in altre parole, un futuro "da vedere" nel quale tutti gli eventi sono gi ben determinati. Questo non costituisce il modo in cui stato creato l'universo. Il futuro non ancora completo, ma condizionato. Misteriosamente, fuori da tutti gli eventi possibili, certi eventi vengono selezionati, nella locuzione di Whitehead, per sottostare a ll a formalit degli avvenimenti attuali. Il logos era preoccupato di rivelare le meccaniche di questo processo e le rivel come la teoria dell'onda temporale. Ci che originariamente mi colp, osservando l'I-Ching, fu il modo originale in cui la mia prima e semplicistica conoscenza dei cicli di sessantaquattro giorni funzion perfettamente sulla mia vita. La mo rt e di mia madre fu il primo di questi punti che presi in considerazione. Poi notai che la mia relazione con Ev era iniziata sessantaquattro giorni dopo quell'avvenimento e che il culmine dell'esperimento a La Chorrera, si verific altri sessantaquattro giorni dopo. La teoria di un anno lunare basato sugli esagrammi, nacque dall'idea di sei cicli di sessantaquattro giorni ciascuno, un anno diviso in sei pa rt i, proprio come un esagramma I-Ching composto da sei linee.

182

VERE ALLUCINAZIONI

IL

RITORNO

183

Questa teoria personale mi venne confermata quando notai che un certo anno, composto da 384 giorni, se fosse iniziato il giorno in cui mor mia madre, si sarebbe concluso il giorno del mio venticinquesimo cornpleanno, il 16 novembre 1971. Notai allora che vi erano dei cicli e dei cicli di cicli. Immaginai un anno lunare di 384 giorni e un pi grande complesso di cui faceva parte: un ciclo di 64 volte 385 giorni e cos via. Le mappe che creai e le loro eventuali qualificazioni che raggiunsi, sono descritte in The Invisible Landscape. Ma ci che non vi stato raccontato, sono le esperienze di La Chorrera e il modo in cui le coincidenze e il mio inconscio, o qualcosa nella mia mente, mi guidarono per poter scoprire queste propriet dell'I Ching, a lungo nascoste. Cosa fare dell'oceano di risonanze che l'onda del tempo mostrava, connettendo tutti i momenti del tempo con gli altri momenti attraverso uno schema di connessioni che non aveva nulla di casuale? Cosa fare del fatto che certi dettagli nelle strutture matematiche dell'onda implicano che il tempo in cui viviamo il punto culminante di un importantissimo sforzo durato secoli? Queste erano immagini inflazionate e io le riconobbi come ta li , ma il loro potere e la loro seduzione, come forma soggettivamente spettacolare era irresistibile. L'onda del tempo parve essere un'immagine proveniente dalla consapevolezza collettiva che affior per dimostrare, almeno nei suoi stessi termini, che il momento culminante di tutti i processi nell'intero universo si sarebbe verificato durante la nostra vita. Questo vero per tutti noi: la nostra vita, legati come siamo ai nostri corpi e al nostro ambiente storico, ci appare come l'espressione dello scopo finale de lle cose. L'onda del tempo predisse la propria fine nell'arco de ll e nostre vite, solo un decennio dopo la fine del secolo, un periodo di cos grande novit, che dopo di esso non ci sarebbe potuto essere altro che la fine del tempo stesso. Ci era l'aspetto pi enigmatico, pi enigmatico ancora de ll a sua stessa idiosincrasia, questa implicita "fine del tempo", un periodo in cui il cambiamento di regimi avrebbe completamente trasformato le modalit della realt. Ero familiare con la teoria escatologica, la fine del tempo nel contesto religioso, ma non avevo mai considerato l'ipotesi che il sistema naturale potesse subire degli scarti cos improvvisi tali da rimettere in gioco le leggi stesse di natura. In effetti non c' nulla che contraddica una prospettiva escatologica. La scienza, per funzionare, deve solo capire che quelle leggi fisiche non dipendono dal tempo e dal contesto nelle quali sono dimostrate. Se ci non fosse vero, la teoria dell'esperimento non avrebbe
-

avuto senso, perch esperimenti eseguiti in periodi diversi darebbero risultati diversi. Per anni continuai a elaborare questa teoria e a chiarire la mia stessa comprensione del procedimento generale di formulare teorie. Giunsi, finalmente, nel 1974, a completare una quantificazione formale, matematica, de ll a struttura frattale che avevo scoperto nella struttura dell'I Ching. Dur an te gli anni Ottanta, lavorai, prima con Peter Broadwell e poi con Peter Meyer, alla creazione di quel programma per computer, che chiamai Timewave Zero, per permettere studi precisi sull'onda. Il computer uno strumento potente che ha permesso di rifinire con cura le mie conoscenze riguardo a ci che conferma o smentisce la mia teoria. Oggi, la mia conclusione riguardo a questi argomenti che la teoria de ll a natura frattale e ciclica dell'avvento de lla novit nel mondo sia una teoria autosufficiente e completamente scientifica. vera di per se stessa. E riporta il dramma umano e le nostre vite al centro del palcoscenico dell'universo. possibile, in un certo senso, che tutti gli stati della liberazione non siano altro che la perfetta conoscenza dei contenuti dell'eternit. Se si conosce ci che contenuto nel tempo, dal suo inizio a ll a fine, non si fa gi pi pa rt e del tempo. Bench si possegga ancora un corpo, si mangi e si compiano azioni, si scoperto, allo stesso tempo, qualcosa che ti libera in uno stato di totale unitariet appagante e istantanea. Vi sono altre forme di appagamento che si sprigionavano da questa teoria, che non sono menzionate in questa formulazione. I vari momenti sono collegati fra loro. Le cose accadono per una ragione e questa ragione non casuale. La risonanza, quel misterioso fenomeno per cui una corda che vibra sembra invocare magicamente una vibrazione in un'altra corda o in un oggetto con cui non ha alcun collegamento fisico, si pone come modello per la misteriosa propriet che mette in relazione un periodo con un altro an che se questi sono separati da giorni, anni e perfino da millenni. Mi convinsi che esiste un'onda, un sistema di risonanze, che condiziona gli eventi a tutti i livelli. Quest'onda frattale e autoreferenziale, molto simile a lle pi interessanti nuove curve e agli oggetti che vengono descritti ai limiti de ll a nuova ricerca matematica. Quest'onda temporale espressa in tutto l'universo a vari livelli. Costringe gli atomi a essere atomi, le cellule a essere ce ll ule, le menti a essere menti e le stelle a essere ste lle. Ci che sto suggerendo una nuova metafisica, una metafisica con rigore matematico; qualcosa che non semplicemente un nuovo credo o una convinzione religiosa. Piuttosto, questa scoperta prende la forma di una proposta formale.

184

VERE ALLUCINAZIONI

7Il. RITORNO

185

Sarei il primo ad ammettere che non stato possibile trovare un ponte fra questa teoria e la fisica formale. Non detto che questo ponte sia possibile, o necessario. Possiamo pensare che la scienza formale indichi ci che possibile, mentre la teoria del tempo che propongo io, offra una spiegazione di ci che realmente. E una teoria che sembra spiegare come, da ll e categorie di tutte le cose possibili, certi eventi o cose sottostiano alla formalit di ci che accade. E chiaro che la teoria non pu essere contraddetta dal di fuori: pu solo essere contestata perch inconsistente al suo interno. Chiunque sia in grado di confutarla, il benvenuto, sempre che ne sia capace: questo ci che ho provato a fare pi volte e ho sempre fallito.

fratelli. Attraverso di essi, i loro viaggi e la loro vita, che gli pass di fronte in un momento, percep l'intricata natura ammaliante dell'enigma. Alla fine comprese, dissolse le nebbie e le ruote della fiaba mistica con una risata, una risata che condivisero, e una volta ancora si passarono la pipa prima di entrare nel giardino azzurro dove l'albali avrebbe trovati a conversare tra i pavoni, sotto i melograni e le acacie.

Prima del 16 novembre 1971, cominciai a capire che la carta era contraddistinta da troppe variabili per poter funzionare come una mappa del futuro. Capii allora che sarebbe stato necessario quantificare in qualche modo i vari parametri dell'onda affinch i giudizi a riguardo potessero essere meno soggetti a dei cambiamenti soggettivi. Il mio ultimo scritto a La Chorrera fu composto la mattina del 16, il mio venticinquesimo compleanno. Era una specie di favola:
16 novembre 1971 Due vecchi amici, arabi, molto anziani, siedono in un palazzo molto pi antico di loro, posto su una montagna, circondato da vigne, palme da dattero e un frutteto d'agrumi. Insonni e affabili, trascorrono le lunghe ore stellate prima dell'alba, fumando hascish e raccontandosi storie. "Condividi il mio piacere su questo enigma e sulla sua soluzione", disse il pi scuro al pi vecchio e fece passare le mani davanti gli occhi del compagno. Il vecchio entr nel sogno e osserv l'enigma irrisolto. Un mondo di forme e leggi, ruote che si intersecano, passioni e intelletto. Pass attraverso ai suoi spazi e ai suoi imperi, famiglie dinastiche e uomini geniali, ne divenne il filosofo e ne predisse le catastrofi. Lui sent la struttura e il tono di tutte gli esseri, nel mondo che aveva creato il suo amico. Cerc il disegno segreto che il suo amico aveva sicuramente nascosto nella sua creazione. Lo sapeva, perch questo era un gioco a cui giocavano spesso. Alla fine, in un periodo di despotismo, in un'epoca di ricerca scientifica deludente e di ampia decadenza, si vide diviso nelle persone di due

Verremo abbandonati con null'altro che fiabe? O qui c' di pi? Nei giardini tropicali che curavo c'erano de lle piccole acacie che stavano maturando. Forse hanno ancora tempo a disposizione per crescere all'ombra dell e escursioni filosofiche. La vita pi bizzarra di quello che potrebbe sembrare al pi bizzarro di noi. Il lavoro a La Chorrera sembrava allora terminato. Smontammo il campo e ripercorremmo sentieri e fiumi. Ci volle tempo, c'erano dei libri da scrivere, e obbiettivi sfuocati per una vita vissuta in modo troppo incasinato per essere ordinata. Vivemmo per qualche tempo a Florencia nella finca di un amico. L scrissi alcuni capitoli di The Invisible Landscape e vi festeggiammo il Natale del 1971, ma scrivevo lentamente, la mancanza di materiale referenziale era frustante. Tornammo negli Stati Uniti, a Boulder, con Dennis, per alcuni mesi, durante i quali lavorai in una serra di rose. Fu una serie di tipiche avventure americane. E a ll a fine ci ritrovammo a Berkeley.

Finch l'onda temporale dell'I-Ching non fu quantificata con maggiori dati, il suo modo di integrare, apparentemente senza significato, dei dati non correlati rese facile il venirne psicologicamente coinvolti. Sembrava funzionare come un "test di Rorschach" senza fine , ognuno poteva vedere ci che voleva. Bench il mio venticinquesimo compleanno fosse arrivato senza nessun vero cambiamento per la storia, sia nella mia vita sia nel mondo intero, continuai a propagare i cicli de ll a mappa avanti nel futuro. Sentivo che la teoria di una struttura nascosta del tempo era corretta, ma ci non poteva essere confermato finch non fosse stato trovato e confermato un corretto allineamento tra questa struttura e la storia umana. Cominciai cercando una data con eventi speciali in relazione con l'onda, una data che sarebbe stata un buon testimone per l'emergere di un evento speciale. Ecco una parte della mia storia che trovo estremamente intricata: dopo l'apparente smentita dei cicli per via del mio compleanno, guardai ad altre

186

VERE A1.Il.HJC4NAZICN2

IL

RITORNO

187

date future nelle quali sarebbe caduto il ciclo dei 384 giorni, sempre continuando a ritenere il 16 novembre 1971 come la fine di uno di questi cicli. Ci signific che la successiva data finale del ciclo di 384 giorni sarebbe stata il 4 dicembre 1972. Consultai diverse tavole astronomiche, ma quella data sembrava poco promettente. La data finale del successivo cido di 384 sembrava pi interessante, era il 22 dicembre 1973. Notai che in quel giorno cadeva il solstizio d'inverno. Avevo trovato un nodo impo rt ante. Il solstizio d'inverno tradizionalmente il giorno della rinascita del messia. un momento di pausa nel movimento della macchina cosmica. an che il momento in cui c' il passaggio del sole dal Sagittario al Capricorno. Non credo molto nell'astrologia, ma notai subito che Dennis era un Sagittario ed Ev una Capricorno. Consultai le mie carte stellari e scoprii un'altra coincidenza: dove l'eclittica incrocia i punti del Sagittario e del Capricorno, a 23 gradi dal Sagittario, vi il punto dove si trova ora, con una approssimazione di pochi gradi, il centro della galassia. Nell'arco di ventiseimila anni il centro della galassia, come tutti i punti dell'eclittica, si muove lentamente attraverso i segni, ma ora si trovava al confine tra Sagittario e Capricorno, proprio in quel solstizio d'inverno. Mi sembr una serie troppo lunga di coincidenze, per cui approfondii la mia ricerca. Fu una vera sorpresa consultare l'almanacco dell'Osservatorio navale. Nel giorno che stavo esaminando, il 22 dicembre 1973, si sarebbe verificata un'eclissi totale di sole che si sarebbe potuta vedere bene a La Chorrera, nel bacino delle Amazzoni. Fui fulminato. Mi sentivo come il protagonista di una favola: questa serie di indizi era reale! Studiai l'eclissi per sapere in quale momento sarebbe stata totale. Ci si sarebbe dovuto verificare quasi direttamente sopra la citt di Belem, in Brasile, sul delta del Rio de lle Amazzoni. Il vertiginoso elfo parlante dell'iperspazio, inizi a blaterare nelle mie orecchie. Stava incitandomi o prendendomi in giro? Il ragionare su questo avvenimento dell'eclisse spinse la mia mente fuori dal reame delle coincidenze astronomiche, per riportarla indietro agli argomenti dei viaggi di La Chorrera. Belem significa Betlemme in portoghese. Le mie sensazioni, sensibili a ogni possibilit messianica, si accesero. Belem in realt Betlemme: si trova nel delta del Rio delle Amazzoni. Delta il simbolo del cambiamento del tempo, il delta, nella simbologia di Joyce e tra gli artisti del graffito, attraverso tutta la storia, rappresenta la vagina. Dennis nacque a Delta, in Colorado. Era possibile che tutte le nostre esperienze fossero state una premonizione di un evento che si sarebbe verificato in Brasile dopo due anni? Era per questo assurdo

motivo che, alla fine dell'esperimento a La Chorrera, mi erano riecheggiate nella mente i versi di Oh Little Town of Bethlehem? A ll a fine della primavera del 1972 avrei avuto una risposta anche per tutto questo. Ma perch l'onda temporale aveva puntato proprio verso il 22 dicembre 1973? E perch vi era un tal numero di coincidenze che puntavano a quel periodo? Avevo forse saputo del verificarsi dell'eclissi a un livello inconscio? Sapevo che sarebbe avvenuta esattamente sopra Belem? Perch le date importanti della mia vita si allineavano perfettamente con le date prestabilite dall'onda, che avevo imparato a costruire durante l'incontro con l'UFO a La Chorrera? Mi sembr impossibile che in qualche modo io potessi sapere queste cose e che potessi manipolare il mio inconscio costringendolo a immaginare di "star scoprendo" queste cose. Ero come un viaggiatore, accecato dal bagliore della neve, che si trova coinvolto in una serie stupefacente di coincidenze. Infine, nella primavera del 1973, avvenne un fatto che mi diede la certezza che qualcosa di pi grande, rispetto alla mia consapevolezza e alla consapevolezza dell'intera razza umana, fosse al lavoro. Fu la scoperta della cometa Kohotek, conosciuta come la pi grande de ll a storia umana, gigantesca perfino rispetto alla cometa di Halley. La pi luminosa cometa che si sia mai diretta verso la terra, era il titolo di testa del "San Francisco Chonicle". Mentre leggevo l'articolo, lanciai un urlo di stupore. La cometa avrebbe raggiunto il punto pi vicino al sole il 23 dicembre! Una cometa non periodica, sconosciuta a tutti quanti sulla terra prima del marzo del 1973, stava dirigendosi a un incontro con il sole, nello spazio di un centinaio di ore fra il solstizio e l'eclissi sopra l'Amazzonia. Era una gr an de coincidenza, se possiamo definire una coincidenza qualcosa di improbabile che impressiona profondamente il suo osservatore. Questa coincidenza non viene sminuita dal fatto che Kohotek non fu all'altezza delle aspettative, dal momento che le stesse furono in grado di sollevare un'onda di moda apocalittica e millenaristica fra le frange della popolazione che sarebbero morte appena la cometa fosse tornata nell'oscurit da cui era emersa. Accadde qualcosa a Belem il giorno dell'eclissi? Io non lo so, non c'ero, in quel periodo ero prigioniero di obblighi mondani, ma so che l'accumularsi di eventi in quello stesso giorno, e il modo in cui lo predissero le carte, era veramente strano. Solo con lo sviluppo di un programma informatico sarei stato in grado di comprendere il modo in cui l'onda temporale descrive le maree e i flussi delle novit nel tempo per la durata di lunghi periodi: alcuni durano mi-

188

VERE ALLUC QIQIAZQImid

1L R1 TORNO

189

nuti, altri secoli. Chi diventer familiare con la teoria, potr unirsi a me in questa avventura dell'intelletto e potr vedere da solo la grande sfida che risiede nel predire un nuovo avvenimento. Non mi accontentai di capire superficialmente la teoria: ho continuato a sforzarmi per cercare di applicarla e predire il corso di eventi futuri. Se, dopo anni di studi, ci si convince che l'onda mostra il corso degli avvenimenti futuri, allora l'anticipazione ordinaria del futuro gradualmente sostituita con un piacere zen di comprensione dell'intero modello. Ma era stato l'elenco di questi avvenimenti, la prima sensazione avuta di qualcosa di importante in correlazione con una data specifica nel tempo e con la citt di Belem? Stranamente no, non lo fu. Devo raccontare l'avvenimento seguente per poter collegare la storia del mio processo di comprensione personale a quel frammento d'informazione, particolarmente curiosa e intrig an te, che stava tentando di uscire fuori da me. Nella primavera del 1970, ero stato a Taipei, a Taiwan, ritornando a ll a vita urbana dopo un lungo periodo di tempo passato a raccogliere farfalle attraverso l'interno dell'Indonesia. Stavo ammazzando il tempo aspettando una compagna di viaggio, che avevo visto per l'ultima volta a Bali, alcuni mesi prima. Una notte feci un sogno veramente particolare. Ci capit, bench ancora non lo sapessi, lo stesso giorno in cui fu data la notizia, a mio fratello e a mio padre, che nostra madre stava morendo di cancro. Fu una notizia che avrei saputo solamente una settimana dopo. Il mio diario riporta in questo modo le registrazioni di quel sogno:
24 maggio 1970 Io e Dhyanna stavamo camminando su un leggero pendio erboso. Sotto di noi, la valle era totalmente immersa da ogni parte in nuvole bianche, che riflettevano il sole nell'azzurro profondo. Davanti a noi si alzavano delle colline rotondeggianti, lontane diverse chilometri, mi ricordavo, nella zona delle Rockies (le Montagne Rocciose, N.d.T.). Eravamo in una zona dalla geografia onirica, da qualche parte nell'Ovest del Colorado (dove ero nato e vissuto fino all'et di sedici anni). Mentre salivamo, Herr B. (una compagna indonesiana), venne a conoscerci indossando pantaloncini da tennis e indirizz la nostra attenzione verso numerosi palloncini meteorologici, i cui lacci di nylon si erano impigliati nei vicini alberi piegati dal vento. Alla nostra sinistra, su di una cresta increspata di bianco splendente, c'era un grosso pallone a circa dieci metri, riempito per tre quarti di gas. Le corde che

trattenevano il pallone pieno di gas, sprofondavano in esso, sezionandolo come fosse stato una grossa arancia. Non appena lo fissammo, Herr B. schiacci una leva che era apparsa dal nulla ed esso si gonfi velocemente come il mio stupore: il vento che soffiava sulla collina non lo avrebbe fatto vacillare? La sua candida massa si mosse sopra di noi, forse a solo cinque metri sulle nostre teste, poi, andando pi in alto, incontr il vento e il destino che avevo anticipato. Rovesciandosi sul lato, torn morbidamente sulla terra. Corremmo verso di esso, e altre persone (l'impressione era che fossero bambini) apparvero dalla direzione opposta, correndo anche loro verso la bianca macchina ormai sgonfia. Dopo la nostra divertente esplorazione del pallone, fummo invitati a casa di B., ora visibile come una stupenda casa "stile ranch" l vicino (diversa da quella in cui avevo trascorso la mia infanzia). Come entrammo nella casa, io mi fermai a esaminare una carta geografica appesa al muro che raffigurava il delta del Rio delle Amazzoni, pubblicata, come mi inform la legenda, per commemorare una conferenza di una societ francese di archeologia che vi tenne un convengo presso una piccola isola nel 1948. Quando rividi Dhyanna, mi disse che i figli di B. le avevano detto che una delle pi dense foreste tropicali si trovava l vicino. Io ero incredulo, come solo lo pu essere una persona che sia familiare con la geografia del Colorado. Tornai alla libreria sotto la carta geografica e, estraendo un grosso atlante, cercai la carta forestale del Colorado, ma la aprii alla pagina dell'Assam, dopo essere passato oltre una descrizione topologica del Bengala. Mi sentii dire che Shalimar era il luogo pi logico per il decollo, poi tutto svan.

Il significato di quel sogno era estremamente oscuro in quel periodo e, an che adesso, resta poco chiaro. Ci che chiaro che bisognava aspettarsi la predizione di una data in cui si sarebbe verificato un evento import an te, proprio nel delta del Rio delle Amazzoni. Sperai allora che l'eclissi totale di sole fosse proprio quell'evento anticipato molto tempo prima e il suo collocarsi esattamente sopra la vagina della Grande Madre, la Terra, anticipasse un evento straordinario per tutti quanti.

BALLANDO CON LENIGMA

In cui ricordo il mio pseudoreclutamento da parte di una banda di scienziati nazisti rinnegati mentre visito Timor.

LCUNI MESI PRIMA DEL SOGNO PREMONITORE, MI CAPIT UNO

strano incidente, che ora considero come un'ulteriore prova del fatto che ero destinato ad andare in Amazzonia e che, in qualche modo, ero caduto nell'incantesimo della risata cosmica. Nel febbraio 1970, un anno prima di arrivare a La Chorrera, il mio vagabondare mi aveva spinto nell'isola di Timor, nell'Indonesia orientale. Ricercato negli Stati Uniti con la pesante accusa di traffico di hascish, viaggiavo e vivevo con la terribile angoscia che gli agenti della polizia internazionale stessero setacciando il pianeta, a ll a mia ricerca. La mia copertura, quella di uno studente laureato in entomologia, in pratica un collezionista di farfalle, che faceva studi in questo campo per specializzarsi, aveva funzionato bene per i primi sei mesi, mentre attraversavo lentamente la Malesia, Sumatra, Giava e una moltitudine di altre isole meno famose ma egualmente esotiche. Un pomeriggio particolarmente afoso e piovoso, stavo fumando ganja nella mia stanza al "Rama", il migliore in quanto unico hotel a Kupang, a Timor. Fino a quel momento ero stato l'unico cliente dell'albergo e, dopo dieci giorni di permanenza, me ne sentivo il padrone. Non che fosse suntuoso, infatti il "Rama" era costruito con blocchi di lava vulcanica e le pareti dell e sue otto stanze tutte uguali non toccavano il soffitto. La struttura
191

192

VERE ALLUCINAZIONI

BALLANDO

CON L'ENIGMA

193

delle pareti e i canali di scolo installati ai lati del pavimento leggermente inclinato, le davano l'allegra atmosfera di un macello nuovo di zecca. Comunque era molto pulito, come sempre faceva notare il direttore. Mentre fumavo, a gambe incrociate sulla mia coperta, controllando ci che avevo collezionato la mattina nella giungla, mi accorsi dell'arrivo di altri ospiti. Sentii cinque o sei persone che parlavano tedesco e spostavano i bagagli nell'ingresso, uno spazio centrale con quattro sedie, una di fronte all'altra sopra un tappetino logoro. Pensai che fossero dei viaggiatori arrivati con l'aereo del pomeriggio da Darwin e che sarebbero volati a Bali il giorno dopo, con il volo da Timor di mezzogiorno. Quella che doveva essere una coppia, a giudicare dalle voci, occup la stanza di fianco a lla mia. Riconobbi alcune battute di tedesco, ma la donna parlava una lingua che non conoscevo. Quando uscii per cenare non c'era nessuna traccia dei nuovi arrivati. La mattina dopo mi alzai all'alba per salire su un aereo militare indonesiano che mi port nella vicina isola di Flores, il successivo obbiettivo nella mia caccia alle farfalle; non pensai pi ai tedeschi fantasma, ormai lontani e che, credevo, non avrei mai pi rivisto. Passai una settimana nelle foreste di Flores insieme a un prete alcolizzato olandese con un piede deforme che era a capo di una missione nell'interno boscoso dell'isola. Quindi tornai nella soffocante capitale costiera, Maumere, una piccola citt nel centro della quale, lungo la strada principale non asfaltata, c'erano mucchi di noci macadamia che si seccavano al sole, in attesa di essere impacchettate ed esportate. A Maumere vi era un piccolo hotel cinese con due stanze, nel quale pensavo che sarei rimasto una notte, prima di tornare a Bali. Poi arriv la nebbia. Era una nebbia tropicale densa come una zuppa e incollata al suolo, che l'albergatore cinese mi assicur che, in quel periodo dell'anno, sarebbe durata alcune settimane. Il giorno dopo, andai all'aeroporto ma fu chiaramente inutile. L'aereo da Bali fece alcuni giri in cielo, cercando un varco per fendere la nebbia e poi se ne vol via. Ero abituato a questo tipo di ritardi, i viaggi in Asia sono fatti di ritardi. Tornai all'hotel per un'altra partita a scacchi con il campione locale, sicuro che l giorno dopo sarebbe stato limpido. Cinque giorni dopo ero ancora a Flores. Avevo giocato a scacchi con tutti, stavo finendo la mia provvista di droghe e lo spettro di rimanere a Maumere per sempre era troppo reale per essere solo uno scherzo. Decisi di dimenticarmi di Bali e feci sapere che avrei preso qualsiasi aereo per allontanarmi da quel posto.

Questa mia decisione bast per permettere a un aereo di atterrare attraverso le nuvole. Era il volo settimanale Garuda per Kupang. Prima di poter cambiare idea, ero sul volo per Timor. La citt non era per nulla cambiata e la mia visita precedente mi dava il diritto di non essere trattato da turista dai ragazzi dei risci, con i quali avevo al contrario una certa confidenza. Mi sentivo quasi come fossi tornato a casa. "Rama Hotel", dissi al mio portatore favorito e, ancor prima di entrare nella mia stanza, la numero uno, i tornei di scacchi a Flores, immersi nella nebbia, non erano altro che un sogno. Non appena mi sdraiai sul letto guardando la ventola del soffitto sullo sfondo di metallo arrugginito cosparso di ragnatele, mi resi conto della presenza di voci nella stanza accanto. Tedesco e qualcos'altro, pronunciato da una leggera voce di donna, molto pi esotico dell'indonesiano, forse pasht, pensai. Apparentemente i viaggiatori che erano arrivati la sera prima dell a mia partenza circa due settimane prima, erano ancora qui. Ci significava chiaramente che non erano turisti: nessuno, senza una buona ragione, si ferma troppo a lungo a Kupang. Io non sono molto estroverso. In quei giorni avevo sempre tentato di evitare incontri con persone che ritenevo "non-freak". Comunque, quella sera, uscendo dalla mia stanza per andare a mangiare, la porta della stanza di fianco alla mia si apr e io mi trovai faccia a faccia con i suoi occupanti. "Herr McKenna, forse?" Come mi voltai verso colui che mi aveva posto la domanda, il disagio che provai per aver sentito il mio nome dovette apparirmi chiaramente in volto. "Il direttore mi ha detto delle sue ricerche biologiche a Timor. Mi permetta di presentarmi. Sono il dottor Karl Heintz della Far Eastern Mining and Minerals, Inc." ll mio sollievo fu immediato. Ovviamente questo non era un tipo da Interpol venuto per arrestarmi, per ne aveva l'aspetto. Aveva i capelli color grigio metallo tiratissimi all'indietro, e scintillanti occhi intensi di un blu glaciale. Aveva una cicatrice sulla sua guancia sinistra, un lungo, sottile segno. Non avevo mai visto una schmiss prima [la cicatrice del duello d'onore diffuso nelle universit tedesche sino alla Seconda guerra mondiale, spesso esibita come segno d'orgoglio, N.d.R.] ma quella parola da cruciverba cominci a frullarmi in testa. Mi domandai se l'avesse potuta ricevere in maniera tradizionale, nel duello alla spada che fa parte della goliardia che era di moda nelle universit prussiane.

196

VERE ALLUCINAZIONI

BALLANDO

CON L'ENIGMA

197

colt ci ha reso invincibili!" A quest'ultima parola, la sua voce si fece stentorea e il suo pugno colp quel tavolo traballante cos forte che le nostre bottiglie di birra Bintang da un litro sussultarono come se approvassero. Notando la mia incertezza, continu: " sorpreso, vedo. Forse si sta chiedendo di quali privazioni e di quali difficolt sto parlando? Eccole: noi tutti siamo vissuti nel periodo di Hitler e de ll a guerra. La Germania non era pi nulla dopo la guerra. Nella mia cara Berlino non c'era pi in piedi niente. Noi eravamo come degli scarafaggi, tra le rovine dell'Europa. Posso aggiungere anche che tutti i conti bancari delle famiglie delle SS furono bloccati. Mia madre, la mia povera aristocratica madre, si ridusse a vendere i dipinti di casa nostra per comprare patate per dar da mangiare a se stessa e alla mia giovane sorella. Riesce a immaginarselo?" "Oh no," pensai, "non pu essere un nazi. Mi sta dicendo di essere stato un nazista?" Tentai di controllare il mio sguardo pieno d'orrore, ma il mio interlocutore era ormai preso da un turbine e non ci fece caso. "Mio padre fu catturato dai Russi durante la battaglia di Berlino. Fu impiccato come un cane a Mosca, per crimini di guerra. Riesce a immaginarselo? Verdammen Russian schweinen, con che faccia possono parlare di crimini di guerra? E fu cos per tutte le SS". Questa conversazione fu come un brutto sogno o un film di serie B. Guardai in faccia il mio interlocutore che ricambi lo sguardo con totale impassibilit. Mi sembr importante cercare di deviare la conversazione, anche leggermente: "E lei, Herr Heintz... quale fu il suo ruolo in tutto ci?" Lui si blocc: "Io non ero nessuno. Un pilota dei Messerschmidt nella Luftwaffe. Solo un buon tedesco". Quest'ultima frase fu detta senza alcuna ironia. "Prima de ll a guerra ero un giovane studente in ingegneria. La guerra cambi tutto. Dopo la guerra, alcuni di noi, miei compagni, giovani scolari del `Max Planck Institute', ci riunimmo fra le rovine di Berlino. Avevamo chiuso con l'ideologia, con i maestosi sogni politici". Questa era la prima notizia confortante dall'inizio della conversazione. Decisi di festeggiare ordinando al cameriere indonesiano un altro giro di birre mentre Heintz continu a parlare: "Eravamo un gruppo molto piccolo, veramente miserando, ma eravamo uniti dalla nostra reazione all'orrore che ci circondava. Decidemmo di costruire un mondo nuovo per noi stessi, un mondo basato su due principi, due grandi poteri, il potere del capitale e della scienza Iniziammo lentamente, con brevetti supersegreti, che furono scoperti al 'Planck Institute' durante la guerra. Ci ingrandim-

mo e ci stabilimmo a Singapore. Non c'erano dilettanti, ogni membro del nostro piccolo gruppo era un genio. Il nostro frher era un professore che ci aveva istruito, un vero genio. Il suo nome era Max Bockermann. Fu lui che ci tenne uniti, fu la sua fede e la sua forza che rese tutto possibile". La schmiss sul suo petto, a questo punto della conversazione, era diventata rosso brillante. Speravo che non ci fossero pi altre cadute di stile nella conversazione, ma mi sbagliavo; potevo vederlo muoversi, sotto l'influenza del terzo litro di birra Bintang, da un trasporto appassionato fino a un malinconico sentimentalismo. "Nessun altro uomo ci ha mai amato cos come Bockermann am noi. Fummo i suoi bambini, i suoi uccellini, ja. Quando sembrava che non ci fosse pi speranza, ci ispir: ci fece credere in noi stessi". Le lacrime uscivano dai suoi occhi, poi riprese l'autocontrollo e continu: "E qual il risultato? FEMMI, Herr McKenna, Far East Mining and Minerals Incorporated. Siamo cresciuti e prosperati: dal nostro ufficio in Singapore controlliamo progetti in undici paesi diversi. Olio, nichel, stagno, bauxite, uranio, abbiamo tutto. Ma abbiamo anche di pi, abbiamo l'amore, la fratellanza, la comunit e il potere di trasformare i nostri sogni in realt". A questo punto mise la sua mano sulla coscia della moglie. Io distolsi lo sguardo. Quando ritorn dalla profondit delle sue tristi rimembranze, il suo stato era mutato: "Ci parli di lei, Herr McKenna. chiaro che sta vivendo come uno zingaro... e noi zingari abbiamo sempre le nostre storie da raccontare: avanti, ci narri le sue". Deglutii a fatica. Non sembrava il tipo di persona che avrebbe apprezzato le mie storie di battaglie contro la polizia, sulle barricate di Berkeley, a fianco di gruppi come i "Persian Fuckers" e gli "Acid Anarchists". E neppure la mia partecipazione allo "Human-Be-In" o alle orge selvagge della Summer of Love nel quartiere di Haight-Ashbury sembravano pertinenti. Anche il mio recente lavoro in qualit di contrabbandiere di hascish in India e i miei successivi spostamenti sotto copertura per evitare di essere catturato dall'Interpol sembravano poco adatti per rispondere a lle sue domande. Decisi di risolvere con la solita mezza verit che usavo per le persone perbene: "Sono uno studioso di storia de ll 'arte che si trasformato in biologo. Sono andato in Nepal per studiare il tibetano, ma mi sono accorto di non essere portato per le lingue, specialmente se si tratta di lingue asiatiche. Sono tornato alla biologia, il mio primo amore. Per essere preciso so-

198

VERE ALLUCINAZIONI

BALLANDO CON L'ENIGMA

199

no un entomologo. Sto raccogliendo farfalle qui in Indonesia ripercorrendo la strada di Alfred Russe ll Wallace. Fu lui il vero scopritore della teoria della selezione naturale, ma era uno scienziato di una classe sociale inferiore, e Darwin si prese tutto il merito. Wallace fu bastonato da ll a scienza vittoriana perch era de ll a classe sbagliata e non seppe sfruttare le conoscenze politiche allo stesso modo di Darwin. Wallace esplor anche il bacino delle Amazzoni e, se tutto va bene, anch'io spero di arrivare laggi per fare de ll e ricerche. Forse scriver una monografia sulle specie di farfalle dell'Amazzonia e dell'Indonesia orientale, che mi frutter la specializzazione. Poi, chiss. Forse potrei insegnare. Comunque ancora difficile da stabilire". "Quindi lei un vero zingaro. Uno fuori da lla norma, vedendo anche il suo aspetto. Mi piace. Ci piace questo giovanotto, vero Rani?" Era la prima volta che si rivolgeva direttamente a sua moglie durante tutta la serata. Lei rispose scuotendo la testa senza mai distogliermi gli occhi di dosso. "Ja, bene. Adesso mangiamo. E domani parleremo ancora. Domani mattina faremo colazione insieme". Detto questo si gett sulla sua bistecca di bufalo di fiume con impressionante voracit. Pi tardi tornammo all'hotel insieme, ma a quell'ora l'elettricit era gi stata sospesa in quella parte della citt, per cui dovevamo prestare attenzione a ll a strada, cos fangosa e scivolosa. Non vi furono altre battute interessanti. Appena giungemmo nell'atrio dell'hotel, egli si rivolse a me: "Chiamami pure Karl. Jetzt wir sind freunden. Hai capito?" Dissi di s con la testa e ci accomiatammo.

La colazione fu un'altra storia: qualsiasi contributo avesse dato la birra all a conversazione de ll a sera prima, doveva essere stato minimo, poich dopo cinque minuti seduti al tavolo, lui era di nuovo tutto preso. "La notte scorsa abbiamo parlato delle tue ambizioni di visitare l'Amazzonia. un sogno lodevole ma, credimi, conosco molto bene l'Amazzonia, una giungla grande come un continente; non certo come queste isole. Qui facile stare coi preti e fare spedizioni nella foresta per una o due settimane ma, per fare un bel lavoro in Amazzonia, bisogna essere in grado di sostenersi per alcuni mesi. Avrai bisogno di una barca, d'equipaggiamento e portatori. Credimi, io la conosco, non fatta per gente comune. Perci ti faccio una proposta. Mi hai detto che il tuo lavo-

ro qui quasi finito, che partirai presto per il Giappone per raggranellare qualche soldo e poi andare in Sud America. Abbandona questo piano e fai quanto segue: la FEMMI ha molti interessi nell'Amazzonia brasiliana; due anni fa ho fatto parte di un gruppo di spedizione che ha fatto importanti scoperte. Casualmente, proprio ora stiamo organizzando una seconda spedizione per un esame pi approfondito. Le nostre squadre sono solitamente formate da tredici persone tra cui vi sono, ovviamente, alcuni scienziati. La nuova squadra quasi completa ma Bockermann, se gradir la tua presenza, accetter volentieri le mie raccomandazioni per farti inserire nel gruppo. Verrai pagato bene e in cambio dovrai semplicemente terminare quella monografia che hai gi pianificato. Vedi, con la presenza di scienziati nel gruppo, possiamo scaricare un sacco di spese da ll e tasse, inoltre noi siamo convinti sostenitori de ll a ricerca scientifica. Questo progetto deve essere approvato a Singapore ma, se accettano, partirai immediatamente. Conoscerai Bockmann, ti offriremo visite dentistiche e mediche gratuite, occhiali nuovi e due settimane di tennis in modo da mettere in forma perfetta il tuo fisico. La nave da crociera Rotterdam far scalo a Singapore tra un mese. Spediremo tre barche veloci modificate, tutto il nostro equipaggiamento e la squadra intera col Rotterdam. A Rio continuerai ad allenarti per due settimane al `Krosnopolski Hotel', dove troverai degli ottimi campi da tennis. E ti dir di pi: il vecchio cuoco di mio padre lavora l! Ti ingrasseremo un po' e poi ti regaleremo il tuo sogno d'Amazzonia. Allora, che ne dici?" Si appoggi allo schienale, evidentemente soddisfatto di se stesso. Ero stato preso completamente di sorpresa. Lui aveva ragione a sostenere che viaggiare in Amazzonia troppo difficile per una persona sola. Lo stesso Wallace lo aveva detto; lui ci si era buttato dentro per esplorarla con il botanico Richard Spruce e con Walter Henry Bates, colui che scopr il mimetismo animale. Ma io non ero in realt colui che credeva Heintz, non ero un accademico. Ero un ricercato internazionale con una taglia sulla testa. E poi, pensai, cosa sarebbe successo della mia fidanzata hippy che stava studiando danza a Bali e che pensava che saremmo andati in Giappone insieme? Il fatto di menzionare gli obblighi verso un'altra persona mi sembrava, in quel momento, fuori luogo. E riguardo alla naziconnection? Avevo veramente voglia di addentrarmi nella foresta pluviale amazzonica con un gruppo di ex SS? Dall'altro lato, stavo finendo tutti i soldi e la mia fidanzata in mia assenza aveva sempre avuto un debole per gli affari poco puliti. Riguardo al problema "nazista", ero confuso. Sapevo

200

VERE ALLUCINAZIONI

IALLANIIDO CON L'ENIGMA

201

che Max Planck era stato la sola persona che avesse avuto il coraggio di opporsi a Hitler, dicendogli di tenere le mani lontano da ll a scienza pura dell"`Institute". Anche Heintz era andato molto oltre facendomi sapere che suo fratello, un altro componente della FEMMI, era sposato con quella che descrisse come "una donna nigeriana cos nera che sembra quasi blu", e anche la donna che lui stesso aveva scelto non si poteva di certo definire ariana. Pensai fra me: "Questo il destino che sta bussando alla tua porta... e adesso McKenna?" Passai dal viso di lui a quello di lei. Sembravano entrambi sinceramente in attesa. "Questa una offerta generosa, veramente straordinaria", dissi. "Allora, accetti?" "S." "Bene, hai fatto la scelta giusta. Non sei un uomo comune. Mi piaci." "Grazie. Come sa, io devo tornare a Bali questo pomeriggio. Laggi ho una collezione di farfalle e degli affari da sbrigare. Inoltre, te lo confesso, sto finendo i soldi." "Questo non un problema. Aggiusta i tuoi affari a Bali. Mander un telegramma a Singapore per procurarti i soldi per il volo da Bali a ll a nostra sede. C' solo una cosa," e, dicendo questo, il suo sguardo d'acciaio divenne ancora pi duro e mi fiss freddamente come se mi stesse inquisendo, "dovrai essere interrogato da Bockmann in persona. Lui pu vedere nell'anima di una persona; se vi anche il ben che minimo elemento di falsit in te o nella tua storia, lui la scoprir e, in questo caso, niente pi affari insieme. Questo veramente importante, non devono esserci uomini comuni!" La schmiss divenne una linea arrabbiata ancora una volta. Quest'ultimo discorso fu come un colpo al cuore. "Niente affari, capisco!" Ma pensai: "Merda, in quale guaio mi sono cacciato?" Ci stringemmo le mani e me ne andai in albergo per preparare le mie cose. Poi corsi all 'aeroporto. La mia mente dur an te il viaggio di ritorno a Bali era un vulcano in eruzione. Una a una, le isole della Sonda minore mi scivolarono sotto e, come loro, anche i miei dubbi e le mie obiezioni sull'offerta di Heintz. "Questa sembra una occasione offerta dal destino," pensai, "giocala, da ll e una possibilit e guarda cosa succede". Nelle settimane successive feci i preparativi. Raccontai la storia ai freak di Kuta Beach e molti mi incoraggiarono. La mia fidanzata mi sostenne. Avevamo deciso, mesi prima, che Bali sarebbe stato il punto da cui le no-

stre strade si sarebbero divise. Tutti i giorni andavo a piedi al fermo-posta dell'ufficio postale di Denpasar, aspettandomi di trovare i miei biglietti e i cinquecento dollari in traveller-cheques che Heintz mi aveva promesso. Passarono tre giorni, poi cinque e, infine, sette. La mattina del settimo giorno, mi svegliai con l'idea di essere stato preso per il culo. Era stato come una specie di gioco psicologico. Pensai che Heintz doveva essere pazzo, uno squilibrato che si divertiva a far abboccare i freak americani con segreti su megacorporazioni naziste e di risbatterli poi nella realt, solo per vedere che faccia facevano. Certamente c'era an che un'altra possibilit: che in qualche modo fossero stati capaci di indagare sulla mia identit e avessero scoperto chi fossi in realt. Ci mi avrebbe subito inserito nella classe degli uomini comuni e avrebbe mandato all'aria le mie speranze. Ma, di sicuro, mi ero reso ridicolo dicendo a tutti a Bali che stavo per imbarcarmi sul Rotterdam per un viaggio interamente sponsorizzato in Amazzonia. Avrei dovuto sopportare una serie di ulteriori prese per il culo per le prossime due settimane, cos decisi di tornare ai miei pi an i originali e fare una spedizione finale in Indonesia attraverso Ambon e Seram nelle Molucche. Classificai l'intero episodio seppellendolo nella mia memoria in quel posto che chiamo "persone strambe che ho incontrato in viaggio". Ma si tratt di una sepoltura agitata. Un anno dopo, in un pomeriggio di La Chorrera, capii che l'episodio non era stato altro che una conseguenza premonitrice de ll a vera pazzia che mi si par davanti in Amazzonia. Era stata un'anticipazione, un'onda nel campo del tempo, una specie di sogno profetico a occhi aperti, una testimonianza de ll a risata cosmica. Ma non fu l'ultimo riguardo a Herr Heintz.

Un anno dopo gli eventi di La Chorrera e due anni dopo la mia visita a Timor, nella primavera del 1972, mi ritrovai a Boulder, nel Colorado. Ero ritornato dal Sud America per cercare di rimettere a posto la mia situazione legale e di lasciarmi alle spalle la mia vita "on the road". Io e Dennis stavamo lavorando insieme al manoscritto di The Invisible Landscape e trascorrevamo molto tempo nella biblioteca dell'universit, studiando le diverse discipline che dovevamo padroneggiare per permettere alle nostre teorie di essere prese seriamente in considerazione.

202

VERE ALLUC1NAZION 1(

BALLANDO

CON

L'ENIGMA

203

Un giorno stavo dando una occhiata al giornale studentesco, quando notai un annuncio strabiliante Una pagina intera era riservata per annunciare che la University of Colorado, in associazione con il "Max Planck Institute" di neurofisiologia, avrebbe sponsorizzato la successiva edizione del congresso mondiale di neuroscienza. A ll e parole "Max Planck Institute" la mia attenzione si fece pi intensa e mi misi a leggere. Settecento scienziati da tutto il mondo si sarebbero incontrati a Boulder per dieci giorni di riunioni e seminari. Ci sarebbero stati tutti i migliori: John Eccles, John Smythies, Solomon Snyder e tutti gli altri, gli dei del Walhalla che sognavamo di conquistare. Il problema era che tutti i dibattiti sarebbero stati riservati, con la sola eccezione per la conferenza d'apertura, intitolata Ipercicli autocatalitici e tenuta dall'allora regnate stella della neuroscienza, Manfred Eigen del "Max Planck Institute". Avevo studiato le teorie di Eigen. Gli ipercicli autocatalitici mi sembravano un ovvio e necessario correlato alle teorie su cui stavo lavorando riguardo all'onda temporale e il modo in cui essa trovava espressione e riflesso negli organismi viventi. Io, Ev e Dennis avremmo dovuto parteciparci a ogni costo. Comunque non diedi molto peso al "Planck Institute" essendo il maggiore istituto tedesco di ricerca pura con centinaia di ricercatori sul proprio libro-paga. Le conferenze si sarebbero tenute nella sala di lettura del dipartimento di fisica, uno spazio a forma di botte con l relatore in fondo, circondato da tre lati di file di sedie, qualcosa di simile a un vecchio teatro. Ci fu una cena in abito scuro prima della conferenza e, non appena riuscimmo a infiltrarci per prendere posto, ebbi l'impressione che la folla di scienziati, solitamente trasandati, si fosse ben agghindata per l'evento. Vi era un miscuglio di linguaggi. Da dove ero seduto io potevo sentire tedesco, italiano, giapponese, russo, una specie di indiano, spagnolo e cinese. Quando i miei occhi si spostarono sulla folla, provai improvvisamente qualcosa molto simile a una scossa elettrica: l a dieci metri da me, dall'altra parte dello spazio per i relatori, sedeva il dottor Karl Heintz! Mi sentii completamente strabiliato. Heintz! Qui! Era veramente lui? La mia agitazione doveva averlo colpito, poich notai che muoveva la mano verso la tasca della sua giacca e con un gesto veloce e impeccabile rimosse la targhetta con l suo nome e la fece cadere nella tasca. Non interruppe neppure l'animata conversazione in tedesco in cui era preso con la persona che sedeva alla sua destra. Io guardai da un'altra parte, cercando di far finta di non averlo riconosciuto, di non aver notato nulla. Le luci si abbassarono e
,

Manfred Eigen, magnifico nella sua folta chioma di capelli bianchi portati all'indietro, inizi a parlare. La mia mente cominci a correre. Era tutto vero? Lui era qui! Questo era un evento organizzato dal "Planck Institute". Doveva essere tutto vero. Mi aveva riconosciuto ! E stava tentando di nascondere la sua identit! Mi sentivo eccitatissimo mentre riassunsi brevemente su di un foglio la situazione e la passai a Dennis ed Ev. Entrambi mi risposero con degli sguardi del tipo: "Stai scherzando o sei diventato pazzo?" Sedevo l al buio riflettendo sulla situazione. Qualsiasi cosa stesse dicendo Eigen l'avrei dovuto risentire dopo, ascoltando la cassetta che stava registrando Dennis. A ll a fine mi decisi: nessun gesto avventato, completa indifferenza. Sapevo che ci sarebbe stata un'opportunit di avvicinarlo appena fosse finita la conferenza. Allora avrei fatto la mia mossa. Mentre Eigen stava brillantemente concludendo il suo discorso cominciai a spostarmi. Non appena l'applauso si spense e le luci si accesero, la gente cominci a dirigersi verso le uscite: Heintz era a pochi metri che parlava animatamente con una coppia di colleghi simili a rospi. Notai che lui mi stava guardando e, non appena cominciai ad avvicinarmi, si scus con gli altri e si diresse verso di me. Era chiaro come l'obbiettivo di questa manovra fosse di non far udire da nessuno la nostra conversazione. Io mi mossi decisamente verso di lui. "Dottor Heintz. Credo di avervi conosciuto a Timor". E gli porsi la mano. Ignorando la mia mano tesa, mi fece un gran sorriso ma con la schmiss che arrossava a vista: "Heintz? Heintz? Il mio nome non Heintz. E non sono mai stato a Kupang". Quindi si gir velocemente e raggiunse i suoi colleghi che stavano uscendo, unendosi al loro animato entusiasmo per l'intervento di Eigen. La parola "Kupang" risuon nelle mie orecchie. ll bastardo mi stava prendendo in giro! Come disse il re a Mozart: "Te la sei voluta!" Un pazzo, una creatura della mia febbricitante immaginazione, un ciarlatano, o la punta di un iceberg nazista di intriganti sognatori? Non ho nessuna risposta. Ecco cosa succede con la risata cosmica.

18 COSA SIGNIFICA?

In cui tento di collegare le nostre esperienze a una scienza che tutt'altro che canonica.

e coinvolgente continua ancora un po'. il momento di tirare qualche conclusione riguardo alle teorie generate a La Chorrera. Un modello del mondo un modo di vedere e assimilare la teoria dell'onda temporale, che sta sopra di noi, che ti spinge a vedere il mondo in maniera diversa. Il mio approccio quello di cercare di garantire la possibilit che la teoria sia vera. Un giorno potr anche essere confutata, ma fino a quel momento, io ci creder. Forse, se viene diffusa, altri la renderanno pi stabile e la contestualizzeranno. Molte brillanti teorie scompaiono per mancanza di un contesto. Ma questa teoria propone una fondamentale ricostruzione del modo in cui vediamo la realt e colma le mie aspirazioni spirituali perch comprensione, semplice e pura comprensione. La teoria elaborata a La Chorrera non nega nessuno dei saperi piuttosto li aumenta. C' un argomento a favore de ll a teoria a livello fisico, anche se veramente complicato, dal momento che riguarda aree che coinvolgono la fisica quantistica, la biologia submolecolare e la struttura del DNA. Queste idee sono espresse, spero precisamente, in The Invisible
Landscape.

NCHE SE ABBIAMO LASCIATO L'AMAZZONIA, QUESTA STORIA STRANA

Anche se, mettiamo il caso, ci che Dennis fece in Amazzonia pu non aver generato l'idea che ho cercato di sviluppare, ho comunque la forte in205

206

VERE ALLUCINAZIONI

COSA

SIGNIFICA?

207

tuizione che mi spinge a ritenerla vera. Nel periodo dell'esperimento, le mie idee personali furono sostituite con delle meditazioni particolarissime che non potevo riconoscere come mie. Lui esegu l'esperimento e fu come se io avessi ricevuto una risposta nel mio DNA, o un altro magazzino di molecole simile. Ci avvenne perch le molecole psichedeliche si legarono con il DNA e si comportarono nel modo in cui avevamo previsto: trasmisero, attraverso onde radio, un simbolo di totalit la cui struttura profonda riflette i principi organizzativi delle molecole della vita stessa. Questa totalit arriv sotto forma di tempo lineare in presenza dello stato di coscienza ordinario, in un dialogo con il logos. Il logos cre una voce interiore capace di inquadrare e di dare coerenza al flusso delle nuove scoperte che altrimenti mi avrebbero sopraffatto. Il mio compito divenne quello di scoprire e di riprodurre la struttura simbolica dietro a ll a voce e di scoprire se avesse qualche significato oltre che per me e per il mio piccolo gruppo di amici. Mi sentii come se stessi creando un archivio di sistemi per un mondo appena rivelato e dotato di un'infinita variet. L'onda temporale una specie di mandala matematico che descrive l'organizzazione del tempo e dello spazio, una fotografia dei modelli d'energia e di finalit interni al DNA. Il DNA racchiude questi misteri nel tempo, come una registrazione o una canzone, questa canzone la vita di un singolo, ma anche la vita di tutti. Senza una visione superiore, comunque, non si pu capire la melodia che viene suonata: la teoria dell'onda temporale come il risultato della sinfonia biocosmica. Io sono interessato a confutare questa teoria: una buona idea resistente e pu sopportare molta pressione. Ci che successe a La Chorrera non pu essere spiegato facilmente, bench richieda di essere spiegato. Se non cos, mi chiedo: qual la concrescenza, la scinti ll a, il punto d'incontro con l'altra dimensione? Cosa rappresenta veramente? veramente, come appare, un ingresso di una epoca ultradimensionale superiore che riverbera attraverso la storia? un'onda elettrica generata da un evento escatologico a ll a fine del tempo? Si possono capire pi facilmente le leggi della natura se non le riteniamo come costanti universali, ma piuttosto come fenomeni che si evolvono lentamente. Dopotutto, la velocit della luce, che viene ritenuta una costante universale, stata misurata solamente negli ultimi cento anni. solamente un processo di pensiero induttivo credere di estrapolare il principio della costanza della velocit de ll a luce in tutti i tempi e in tutti i luoghi e qualsiasi scienziato capace sa che l'induzione un cambiamento di fede. Comunque, la scienza

basata sul principio dell'induzione e questo principio ci che la teoria dell'onda temporale mette in discussione. L'induzione comporta che se uno compie l'operazione A e ha come risultato B, allora ogni volta che si avr A, di conseguenza vi sar anche B. In realt, nel mondo reale, A e B non avvengono nel vuoto. Altri fattori possono intromettersi in qualsiasi situazione reale, spingendola verso una conclusione non ordinaria. Prima di Einstein, lo spazio era una dimensione dove si ponevano le cose: era un termine analogo a "vuoto". Einstein sostenne che il tempo una cosa che possiede un punto di torsione e che condizionato dalla materia e dai campi gravitazionali. La luce, passando attraverso un campo gravitazionale, si curva perch lo spazio attraverso il quale viaggia, curvo. In altre parole, lo spazio una cosa, non un luogo dove si pongono le cose. Ci che io propongo, in due parole, che il tempo, che fu precedentemente considerato come un'astrazione necessaria, debba essere considerato come una cosa. Il tempo non solo cambia, ma vi sono differenti tipi di tempo. Tutti questi differenti tipi di tempo vanno e vengono in progressioni cicliche su molti livelli; situazioni evolute a seconda de ll e risposte al condizionamento del tempo e dello spazio. Questi due modelli condizionano la materia. Da lungo tempo la scienza ben conscia dei modelli dello spazio che noi chiamiamo "leggi naturali" ma cosa ne sa dei modelli del tempo? Questa totalmente un'altra considerazione. Si sempre ritenuto che la materia riassumesse la realt, ma di fatto possiede alcune qualit molto pi vicine ai pensieri. I cambiamenti nella materia sono definiti da due modelli di agenti dinamici che sono in correlazione: il tempo e lo spazio. Questa teoria possiede alcuni assiomi, uno dei quali preso in prestito dal filosofo e levigatore di lenti Gottfried Wilhelm von Leibnitz. Leibnitz descrisse le monadi, che indic come piccoli particolari che sono moltiplicati infinitamente ovunque nell'universo e contengono in loro stesse ogni cosa. Le monadi non sono solamente qui e ora, sono dappertutto in qualsiasi momento, oppure possiedono dentro di loro tutti i luoghi e tutti i tempi, a seconda del punto di vista. Tutte le monadi sono identiche, ma si interconnettono per creare gruppi pi grandi, conservando, allo stesso tempo, le proprie prospettive, individuali e uniche. Queste teorie leibnitziane anticiparono il nuovo campo de ll a matematica frattale, un esempio esotico de ll a mia idea di modello temporale. Teorie come questa offrono la possibilit di spiegare altri misteriosi meccanismi della memoria e del ricordo. La distruzione di quote fino al novantacinque per cento de ll a materia cerebrale non implica cambiamenti

208

VERE ALLUCINAZIONI

CO S A 5IICNIIFIICA?

209

a lle funzioni mnemoniche. Sembra che la memoria non sia immagazzinata da nessuna pa rt e, sembra che la memoria permei il cervello. Come un'ologramma, tutta la memoria sembra essere presente in ogni zona del cervello. Allo stesso modo, si pu prendere un'immagine olografica del Fujiama e dividerla in due; quando una sola met viene illuminata, l'intera immagine diviene visibile. Si pu compiere questa operazione migliaia di volte; l'olografia composta da un'infinit di piccole immagini, ognuna delle quali, in combinazione con le sue compagne, forma un'immagine sola. Questo aspetto "olografico" de ll a memoria fu ritenuto di estrema importanza da pensatori come David Bohm e Karl Pribram. Ma siamo stati io e Dennis che abbiamo suggerito che questa forma di organizzazione potesse essere espansa al di l del cervello, all'intero cosmo. La fisica quantistica ha teorie simi li quando sostiene che l'elettrone non in un posto o in un tempo, ma una nuvola di probabilit e questa l'unica cosa che si pu dire di esso. Una qualit simile si addice alla mia idea del tempo e della comparazione del tempo a un oggetto. Se il tempo un oggetto, allora la domanda ovvia : qual la pi piccola durata rilevante per i processi fisici? L'approccio scientifico spingerebbe a dividere il tempo in pa rt i sempre pi piccole per poter scoprire se esiste un'unit indivisibile. L'oggetto di questa ricerca si chiama chronon, o particella di tempo. Io credo nella esistenza del chronon, ma non credo sia distinto dall'atomo. I sistemi atomici sono chronon, gli atomi sono molto pi complicati di ci che si pu sospettare. Io credo che gli atomi posseggano propriet non conosciute, che contano non solo per le propriet della materia, ma anche per l'esistenza dello spazio-tempo. I chronon potrebbero non essere riducibili agli atomi, ma credo che ci che si troverebbe sarebbe una particella-onda che compone la materia, lo spazio-tempo e l'energia. Questo chronon ancora pi complicato della descrizione classica del sistema atomico compiuta da Heisenberg e Bohr. Il chronon possiede dell e propriet uniche che gli permettono di funzionare come un costituente fondamentale dell'universo nel quale crescono menti e organismi. Per ora non siamo stati ancora capaci di definire le dinamiche che permetterebbero alla particella di essere attiva come pa rt e fondamentale di un organismo pensante o vivente. Anche un batterio come l'E. coli un traguardo stupefacente per l'atomo di Heisenberg e Bohr. Il modello Heisenberg-Bohr ci permette di simulare l'universo fisico fatto di stelle, galassie e quasar, ma non spiega gli organismi o le menti. Dobbiamo ricoprire quel modello atomico con qualit differenti per po-

ter presentare fenomeni pi complessi. Dobbiamo immaginare un atomo con parametri diversi se vogliamo capire perch esistiam o e come il pensare, l'operare e l'esistere possano emergere dal sustrato dell'universo. Non sostengo di aver gi fatto tutto questo, ma ritengo di essere inciampato sopra un percorso intellettuale che pu essere seguito per raggiungere questa conoscenza. La chiave si trova nei cicli di variabili temporali, annidata in strutture gerarchiche, che generano diversi tipi di relazioni Trattali, che conducono, a loro volta, verso conclusioni sorprendenti. La persona che ha posto le basi pi solide verso la comprensione filosofica di questa nozione Alfred North Whitehead. Non c' nulla di ci che abbiamo suggerito superiore alla forza del suo metodo. Il formalismo di Whitehead rende conto di menti e organismi e di un numero di fenomeni risolti in maniera sbrigativa dal metodo cartesiano. Altri pensatori visionari stanno studiando queste aree. La dinamica degli attrattori del caos l'idea che ogni processo pu essere collegato attraverso un'equazione matematica a un qualsiasi altro processo, semplicemente per il fatto che tutti i processi fanno parte de ll a medesima classe. Il rovesciamento di un dittatore, l'esplosione di una stella, la fecondazione di un uovo, tutto ci dovrebbe essere descrivibile attraverso un medesimo gruppo di termini. Il pi promettente sviluppo in questa area fu l'emergere del nuovo paradigma di Il ya Prigogine e Erich Jantsch. Il loro lavoro frutt nientemeno che un nuovo ordine di principi naturali: la scoperta e la descrizione matematica dell'autorganizzazione dissipativa come un principio creativo che mette in luce le dinamiche di una realt aperta e su pi livelli. Le strutture dissipative compiono il loro miracolo generando e preservando l'ordine attraverso le fluttuazioni, fluttuazioni il cui fondamento principale si trova nell'indeterminazione de ll a meccanica quantistica. Se si possiede una perfetta conoscenza dell'universo, si pu essere in grado, applicando semplicemente questa intuizione, di dire a un uomo quali possibilit di cambiamento risiedano gi in lui. Dal momento che questo un valore determinato, sarebbe possibile, almeno in teoria, eseguire questa operazione. L'importante capire i limiti concreti de ll a realt, non quelli probabili di possibili eventi futuri. Sebbene le condizioni-limite operino nel futuro, esse sono vincoli probabilistici, non fatti assolutamente determinati. Noi diamo per scontato che fra dieci minuti, la stanza in cui ci troviamo esister ancora: una condizione-limite che definir i prossimi dieci minuti nelle nostre coordinate spazio-temporali, ma

210

VERE ALLUC1IvAZlON 1

COSA SdCidIlFl(CA?

211

non possiamo sapere chi ci sar nella stanza nei prossimi dieci minuti, cosa che impossibile da determinare. Ci si potrebbe chiedere se veramente possibile sapere se la stanza continuer a esistere in tutti gli attimi futuri: ecco dove entra in campo l'induzione, poich in realt non lo possiamo sapere con certezza. Non vi nessun modo rigoroso per stabilirlo, ma possiamo sempre avere quell'atto di fede induttivo dovuto all'esperienza accumulata. Si stabilisce che l'esistenza de ll a stanza una condizione-limite ma in teoria, nei prossimi dieci minuti, potrebbe verificarsi un terremoto e questo palazzo potrebbe crollare. Comunque, perch questo accada, la condizione-limite dovrebbe essere radicalmente rovesciata in modo inaspettato e improbabile. Ci che curioso che una cosa simile potrebbe veramente accadere. questo che l'onda temporale permette di dire, cio che si possano dare condizioni nelle quali si verifichino eventi di grande novit. C' comunque un problema a riguardo: dal momento che noi proponiamo un modello di tempo che ha una struttura a spirale per le sue stesse leggi matematiche, gli eventi si radunano in spirali sempre pi strette che conducono inevitabilmente a un tempo terminale. Come il centro di un buco nero, il tempo finale una necessit singolare, un luogo o un evento in cui le leggi ordinarie della fisica non funzionano. Immaginare ci che pu succedere in presenza di un caso cos singolare , in teoria, impossibile e perci la scienza si allontanata da una tale idea. Il caso pi significativo il Big Bang, che i fisici ritengono la causa prima dell'inizio de ll a nascita dll'universo. La scienza ci spinge a credere che l'intero universo esplose dal nulla, in un determinato momento, senza una causa certa. Questo concetto il caso limite della credulit. In altre parole, se si pu credere a ci, si pu credere a tutto. un'impostazione che , di fatto, assolutamente assurda, ma importantissima per tutti gli assunti razionali che la scienza desidera mantenere. Le presupposizioni cosiddette razionali derivano da questa impossibile situazione iniziale. La religione occidentale possiede la propria peculiarit nel concetto di Apocalisse, un evento posto non al principio dell'universo, ma alla fine. Questa sembra una posizione molto pi logica rispetto a quella scientifica. Se esistono delle particolarit, molto pi facile supporre che queste potessero essere emerse da un cosmo antico e estremamente complesso, come il nostro, piuttosto che da un supervuoto privo di forma e di dimensioni. La scienza storce il naso a ll a vista delle fantasie apocalittiche della religione, pensando che il tempo finale possa significare solamente un perio-

do di entropia senza cambiamenti. Il punto di vista scientifico sostiene che tutti i processi alla fine si bloccheranno, ma l'entropia raggiunge i livelli pi alti solamente in un futuro lontanissimo. L'idea di entropia presuppone che le leggi del continuum spazio-tempo siano infinite e linearmente estensibili nel futuro. Nello schema del tempo a forma di spirale dell'onda temporale non viene fatta questa presupposizione. Inoltre, il tempo finale indica che le leggi di un determinato tipo, che condizionano l'esistenza, perdono di validit e vengono sostituite da un altro gruppo di leggi. L'universo visto come una serie di ere a scomparti o epoche, le cui leggi sono continuamente differenti fra di loro e il relativo passaggio, dall'una all'altra, avviene con inaspettata subitaneit. Guardare attraverso gli occhi di questa teoria come guardare un punto nello schema a spirale e sapere e anticipare quando avverr il passaggio a una nuova epoca. Questo lo si pu osservare nel mondo reale: il pianeta ha cinque o sei miliardi di anni. La formazione dell'universo inorganico occupa il primo giro dell'onda a spirale, poi appare la vita. Se si esamina attentamente questo pianeta, che l'unico che si pu esaminare attentamente, si pu scoprire che i processi stanno aumentando sia in velocit sia in complessit. Un pianeta orbita nello spazio due miliardi di anni prima che appaia la vita. La vita rappresenta una nuova qualit emergente e comincia in un istante, in una mischia confusa. Le specie appaiono e scompaiono. Questo processo dura un miliardo e mezzo di anni e poi, improvvisamente, fa il proprio ingresso sulla scena un nuovo genere: le specie pensante. Questa nuova fase de ll a storia della mente breve se paragonata a ci che la precedette; dalle mute lotte con le schegge di pietra fino alle navi spaziali, sono circa centomila anni. Cosa poteva essere quell'era se non l'ingresso in una nuova serie di leggi? Una nuova psicofisica permette a lle nostre specie di manifestare nuove propriet peculiari: il linguaggio, la scrittura, i sogni e il dibattito filosofico. Come i serpenti a sonagli o i pioppi, gli uomini sono fatti di DNA. Abbiamo gi scatenato qui nel nostro pianeta le stesse energie che illuminano le stelle. Possiamo creare la temperatura dello zero assoluto. Riusciamo in questi obbiettivi perch, nonostante siamo fatti di terra e di fango, le nostre menti ci hanno insegnato a usare degli strumenti per raggiungerli. Con la tecnologia si possono liberare energie che normalmente si creano solamente in situazioni particolari. Il centro delle stelle il luogo usuale del processo di fusione.

212

VERE ALLUCINAZIONI

COSA 57N1EpCAN

213

Facciamo queste cose con l'uso della mente, ma che cos' la mente? Non abbiamo una risposta. Ventimila anni dalla caccia nomade fino a giungere alla cibernetica e ai voli spaziali, e stiamo ancora accelerando. Vi sono ancora molte onde che devono arrivare. Dalla Ford "Model-T" all'astronave. Dal pi veloce uomo sulla terra che poteva fare cinquanta chilometri all'ora, fino a venti chilometri al secondo: tutto questo in sessant'anni. Ancora pi enigmatiche sono le predizioni che la teoria dell'onda temporale fa riguardo ai cambiamenti vicini di epoche, resi necessari dalla congruenza dell'onda temporale e dal dato storico. L'onda temporale sembra dare una migliore configurazione con i dati storici quando si asserisce che il cambiamento, o la fine dell'onda, avverr il 22 dicembre 2012. Abbastanza strano il fatto che questa data quella che i maya'assegnarono come fine del loro calendario. Cos' che spinge un individuo del Ventesimo secolo e una civilt centroamericana a porre la fine del mondo lo stesso giorno? Forse perch entrambi usarono funghi psichedelici? La risposta pu essere cos semplice? Non credo. Piuttosto credo che quando analizziamo la struttura del nostro inconscio profondo facciamo una scoperta inaspettata, cio che siamo ordinati con gli stessi principi dell'universo in cui siamo stati creati. Questo concetto, sorprendente all'inizio, diventa rapidamente ovvio, naturale e incontestabile. L'analogia che spiega come ci avvenga fornita da lle dune di sabbia. La cosa interessante delle dune che queste fanno resistenza a lla stessa forza che le cre, il vento. come se ciascun granello di sabbia fosse un bit nella memoria di un computer naturale. Il vento l' input che organizza i granelli di sabbia in modo che diventino l'architrave subdimensionale di un fenomeno iperdimensionale, in questo caso il vento. Non c' nulla di magico in questo e non ci sembra misterioso: il vento, una pressione che variabile con il tempo, crea una duna increspata, che una struttura regolare variabile nello spazio. Nei miei pensieri, i geni dell'organismo sono granelli di sabbia sospinti dal soffio e da ll a corrente del vento del tempo. Quindi, gli organismi producono naturalmente l'impronta delle variabili inerenti al luogo temporale in cui sorsero. Il DNA la tavola di ardesia sulla quale le variabili temporali in cambiamento si sono susseguite e hanno registrato le loro relative differenze. Qualsiasi tecnica che permetta di scrutare le relazioni di energia dentro a un organismo vivente, come lo yoga o l'uso di piante psichedeliche, darebbe anche la possibilit di scrutare in profondit la natura variabile del tempo. La sequenza King Wen dell'I Ching il prodotto di questo tipo di scoperta.
-

La cultura umana una curva di potenzialit in espansione. Nel nostro secolo tormentato sono stati raggiunti dei traguardi straordinari: l'uomo minaccia tutte le altre specie sul pianeta, abbiamo immagazzinato materiale radioattivo ovunque e tutte le specie sulla terra ne risentono. Il pianeta, se considerato come un'entit sensibile, pu reagire a questi soprusi: ha tre miliardi di anni e, ha in serbo, diverse opzioni. Quei discorsi dualistici che sostengono che l'umanit non fa parte dell'ordine naturale, sono privi di senso: non saremmo potuti nascere se non fossimo serviti per un determinato obbiettivo inserito nell'ecologia del pianeta. Non chiaro quale sia il nostro compito, ma pare abbia a che fare con i nostri numerosi strumenti di ricerca. E poi le crisi! Accumulando armi atomiche, abbiamo raggiunto la capacit di distruggere la terra come farebbe un candelotto di dinamite infilato in una mela marcia. Il perch non lo sappiamo. Certamente non per le ragioni politiche e sociali che vengono arrecate come scuse. Siamo semplicemente una specie di creatori di tecnologia che , essa stessa, uno strumento nelle mani dell'ecologia planetaria, la quale un'intelligenza superiore. Lei sa quali sono i pericoli e i limiti su scala cosmica e sta quindi organizzando furiosamente la vita sia per preservare sia per trasformare se stessa. La mia storia particolare ma difficile capire a cosa possa servire. Il concetto, rivelato da un visionario attraverso un processo contorto, di porre l'uomo al centro reale dell'azione, viene interpretato come un sintomo di malattia mentale. La mia teoria comporta questo, allo stesso modo dell'esperienza immediata e dell'ontologia del giudaismo, dell'Islam e del cristianesimo. La mia teoria pu essere considerata clinicamente patologica ma, al contrario di questi sistemi religiosi, ho abbastanza humor da capirlo. importante saper apprezzare l'intrinseca commedia della conoscenza privilegiata. anche molto importante ricorrere al metodo scientifico ogniqualvolta sia necessario. La maggior parte delle teorie scientifiche possono essere confutate nella calma di un laboratorio, contrariamente all'evoluzione. Per identificarsi con le visioni verificatesi a La Chorrera bisogna immaginare ci che si pu immaginare. Immagina come cavalcherebbero i mendicanti, se i desideri fossero cavalli. Le teorie sviluppate a La Chorrera sono importanti perch hanno offerto nuove possibilit a lla libert umana. Le leggende amazzoniche di fluidi magici che legano il tempo e che sono generati dai corpi degli sciamani, non sono altro che segnali de lle metamorfosi del corpo-mente dell'uomo, in uno stato di dimensione superiore.

214

VERE ALLUCINAZIONI

COSA SIGNIFICA?

215

Se queste trasformazioni de ll a materia fossero possibili, si potrebbe farne qualsiasi cosa. Si potrebbe espanderla, salirci sopra e portarla a qualsiasi altitudine, aggiungendo ossigeno in quantit desiderata. Riecco l'immagine ossessionante del disco volante. Ci si pu entrare dentro, vestendosi dell a propria mente come di un vestito bagnato. Il disco volante un'immagine della mente umana perfezionata: aspetta, col motore caldo, alla fine de ll a storia umana, su questo pianeta. Quando la mente sar perfetta, vi sar una mutazione ontologica della forma umana, nientemeno che la resurrezione dei corpi anticipata dal cristianesimo. Lo scopo della tecnologia umana quello di perfezionare e conservare le energie della vita e de ll a morte, del tempo e dello spazio. L'UFO possiede la capacit di trasformare la mente in un oggetto, un'astronave che pu attraversare l'universo nello stesso tempo in cui si pu pensarlo. Perch questo ci che l'universo: un pensiero. E quando il pensiero diventa mobile e reso oggetto, l'umanit, ancora inesperta nel perfezionamento dei pensieri, comincer a decollare. Certamente potremmo scoprire che non dobbiamo farlo e il futuro potrebbe rivelare, al contrario, che c' qualche cosa l fuori che ci sta richiamando a casa. Allora sar la nostra tecnologia e la chiamata dell'altra dimensione a spingerci verso l'incontro. Il disco volante un'eccellente metafora che indica questa possibilit. Quando Jung ipotizz l'idea che il disco fosse l'animo umano, era molto pi vicino a ll a realt di quanto avesse potuto credere. Non cos lontano. E questa l'altra cosa. L'ultimo cambiamento di epoca ci diede la teoria della relativit e la meccanica quantistica. Ora un altro cambiamento d'epoca s'intravede in lontananza, ma difficile dire se sar o no l'epoca finale. Il nostro ruolo come parte del processo introduce un'incertezza nelle nostre osservazioni che rende diaboliche le nostre predizioni. Tutti questi temi fluttuano intorno al DMT, forse perch il DMT crea un microcosmo di questo slittamento di epoche nell'esperienza di un singolo individuo. come se sollevasse la parte percettiva della mente fuori dai confini dello spazio ordinario e del tempo, e raffigurasse un frammento di una ben pi ampia immagine del possibile. Quando Platone sostenne che "il tempo l'immagine in movimento dell'eternit", fece un'affermazione che ogni viaggio dentro allo spazio del DMT riconferma. Come il cambiamento di epoche chiamato Apocalisse e anticipato dagli isterismi religiosi, il DMT sembra illuminare le regioni oltre la morte. Ma cos' la dimensione oltre la vita cos come il DMT la mette in luce? Se possiamo

credere alle nostre percezioni, questo un luogo dove fiorisce un'ecologia delle anime la cui essenza pi sintattica che materiale. Come se ci fosse un vicino regno abitato da eterne entelechie elfiche costituite interamente da informazione e da una gioiosa autoespressione. La zona dopo la vita assomiglia molto di pi a ll a terra celtica delle fate piuttosto che alla nullit esistenziale; almeno questo quanto si evince dell'esperienza con il DMT. Noi esseri umani dobbiamo ammettere che la nostra una situazione particolare: siamo nati, siamo autonomi, siamo sistemi aperti chimicamente e indipendenti che mantengono se stessi attraverso il metabolismo in una situazione ben lontana dall'equilibrio. E siamo creature del pensiero. Cosa significa? Quali sono le tre dimensioni? Cos' l'energia? Noi ci troviamo nella strana posizione di essere vivi. Una volta nati, sappiamo che stiamo andando a morire. Un sacco di riflessioni sostengono che non affatto strano che ci accada nell'universo: le cose vive si manifestano. Ma oggi la nostra fisica, che pu accendere i fuochi de lle stell e nei nostri deserti, non riesce a spiegare la stranezza del fenomeno del nostro essere vivi. Per il punto in cui si trova adesso la scienza gli organismi sono completamente fuori dal regno de ll e spiegazioni fisiche. Allora a che serve? Spenser e Shakespeare, la teoria quantistica e i dipinti nelle grotte ad Altamira. Chi siamo? Cos' la storia e verso che cosa ci spinge? Ora abbiamo innescato dei processi potenzialmente fatali per il pianeta. Abbiamo dato l'avvio alla crisi finale de ll a vita. L'abbiamo fatto e non possiamo controllarla. Nessuno di noi pu farlo, nessun leader, nessuno stato pu fermare il fatto che ci siamo intrappolati nella storia. Ci stiamo muovendo verso l'inimmaginabile, mentre l'informazione va in cortocircuito sulla reale natura dell a nostra condizione. Per parafrasare J.B.S. Haldane: la nostra situazione non solo pi strana di quanto avevamo supposto, ma anche pi strana di quanto possiamo supporre.

9 UAW KNTO DEL I ,A STROFARIDE


^

In cui io ed Ev ci lasciamo e il fungo declama un discorso solenne, mentre si trasforma in produzione industriale clandestina.

UESTI ERANO I PENSIERI CON CUI HO NAVIGATO DA QUEGLI ANNI

fino a oggi ma, durante due anni dopo il secondo ritorno da La Chorrera, prima de ll a pubblicazione di The Invisible Landscape, non restai inattivo. Io e mio fratello arrivammo alla conclusione che l'elemento veramente nuovo, il candidato a essere ritenuto la causa degli eventi di La Chorrera, era il fungo. Era la stropharia cubensis che stava dietro tutti gli effetti che sperimentammo. Pi cresceva questa certezza, pi aumentava la comprensione del fatto che, per sperimentare nuove spedizioni nell'inimmaginabile, si sarebbe dovuto trovare un sostituto del fungo. Durante il secondo viaggio a La Chorrera il fungo era stato rinvenuto in quantit assai meno abbondanti della volta precedente. Questa scarsit mi obblig a raccogliere un numero di campioni di spore da alcune specie in cui mi ero imbattuto. Questi campioni furono conservati in frigorifero per anni mentre io e mio fratello completammo la carriera accademica e il nostro libro. In quegli anni ci dilettammo al pensiero di coltivare la stropharia cubensis, ma l'unico testo a disposizione su questo argomento, era il lavoro di Wasson e Heim in francese, e in qualche altro modo sembrava dimostrare che si trattasse di un'operazione complicata e tecnicamente difficile da realizzare. Nella primavera del 1972 avevamo gi isolato il micelio del fungo e
217

218

VERE ALLUCINAZION1

L'AVVENTO

DELLA SiCROFRRIg11E

219

l'avevamo fatto crescere su una base di gelatina di alghe. Ma non successe nulla. Poi, all'inizio della primavera del 1975, trovammo un articolo che spiegava un metodo per coltivare i funghi sulla segale dentro a contenitori per la conservazione, in situazioni attentamente controllate. Ci chiedevamo se questo metodo avesse potuto funzionare anche per la stropharia cubensis e rimettere in moto la nostra esplorazione nel mondo invisibile. Io ed Ev ci lasciammo agli inizi del 1975. La nostra relazione di convenienza, creatasi sulla strada, sfior dopo il ritorno alle nostre occupazioni. Ev trov lavoro velocemente, al contrario di me e si iscrisse a una scuola per segretarie mentre io tornai in California per prendere la laurea in "Preservazione de ll e risorse naturali". Come sembravamo finiti lontano dalle esaltanti visioni rivelateci a La Chorrera. Avevamo problemi economici, eravamo frustrati dal punto di vista intellettuale e per di pi gli interessi comuni dell a nostra unione erano scomparsi. Quando giunse la rottura, fu un momento tremendo e ne soffrimmo molto. Potevamo anche aver visto il cuore di tutti i misteri, ma ci non significava che eravamo pi saggi degli altri uomini quando si trattava di affari dei nostri cuori. Ev se ne usc dall a mia vita in compagnia di un mio vecchio amico del periodo dell'Experimental College" e io mi sentivo abbandonato, confuso e colpito da ci che sembrava un doppio tradimento. Quell'orrenda conclusione de ll a nostra relazione mi lasci solo con un'emicrania che mi tormentava continuamente e con la mia solitudine. Stavo finendo la mia carriera scolastica, durata troppo a lungo a causa dei sette anni di vagabondaggio. Fu un periodo di solitudine, di autocritica e di fortissima ansia. Durante il periodo in cui io ed Ev litigavamo continuamente e ci sbattevamo per trovare un certo tipo di equilibrio interiore, mi ero gettato in uno stato di attivit ipermaniacale per tentare di far crescere il fungo. Quindi, quando finalmente ci separammo, mollai tutto e trascorsi giorni e giorni seduto, a fissare i muri o a camminare sulle colline di Berkeley e dello Strawberry Canyon. Un giorno, tornando da una delle mie lunghe passeggiate introspettive, riflettei sull'esperimento abbandonato e pensai a un nuovo metodo di coltivare i funghi utilizzando de ll a segale sterilizzata. I letti su cui avevo piantato i funghi erano senza dubbio asciutti o marciti nella serra nel giardino piccola e trascurata. "Dovrei ripulire la serra e le colture sperimentali", pensai e, se avessi fatto ci, sarebbe forse stato l'inizio de ll a pulizia generale della mia vita, ormai troppo disordinata e psichicamente infelice. Non avevo badato alla serra da oltre due settimane. La sua po rt a riluttante

si era gonfiata dall'umidit si era praticamente incollata al telaio e poteva essere aperta solo scardinandola. Ed eccoli l! A dozzine, a centinaia, esemplari maturi e perfetti di stropharia. La buia notte dell'anima aveva attirato altrove la mia attenzione e, in quel momento, i funghi erano cresciuti perfettamente. Ero immerso fino al collo nell'oro alchemico. Le legioni di elfi dell'iperspazio erano venute di nuovo in mio aiuto. Ero salvo! Dopo che avevo trascorso molto tempo esaminando specie su specie, non trattenni lacrime di gioia. Capii che non era ancora finita, il patto non era stato spezzato, la pi grande delle avventure era ancora davanti a me! Lavorando a stretto contatto con Dennis, che era tornato a Boulder, capimmo in poche settimane che la stropharia, con questo metodo, non solo cresceva floridamente ma che sarebbe stato molto pi facile coltivare questo fungo rispetto all'agaricavenduta nei negozi di alimentari come cibo. Le implicazioni di questa scoperta furono un soggetto costante delle nostre consultazioni telefoniche senza fine. Dalla primavera del 1975 in avanti, non rimasi mai senza rifornimento costante di stropharia. Nel mio mondo di cupo dolore improvvisamente apparve il metodo perfetto per far crescere il medesimo organismo che aveva aperto le porte della dimensione del contatto quattro anni prima. Le spore raccolte a La Chorrera stavano ora riproducendo furiosamente il fungo della psilocibina, in casa mia. Durante la primavera, feci degli esperimenti con piccole dosi per diverse volte. Il senso di pace e leggerezza che avevo associato ai giorni felici di La Chorrera era di nuovo vivo; e cos era anche la voce che mi insegnava e il ritorno a un nuovo rapporto con un'agenzia cosmica dalle finalit assai complesse. Durante tutta la primavera e l'estate del 1975, presi il fungo in dosi di cinque grammi, se il fungo era secco, oppure di cinquanta grammi, se era fresco, tutte le volte che mi sentivo sicuro nel farlo, cio circa una volta ogni due settimane. Ciascuna di queste esperienze fu una lezione, un tuffo fresco, un bagno di gioia in un oceano di immagini poetiche. Scoprii che la mia mente una moltitudine topologica, che si stende di fronte a me, che mi invita a sbrogliare e ad analizzare il nodo riflettente del tempo, passato e futuro, che compone ognuno di noi. In quei momenti di trance, presenze aliene ed elfi traslinguistici si rivolsero verso di me e il fungo mi mostr la sua et, la sua vasta conoscenza del flusso e dello scorrere delle forze de ll a storia in molte civilt, attraverso i millenni. Le immagini del passato e del futuro abbondavano.

220

VERE ALLUCINAZIONI

L'AVVENTO

DELLA

STROFARIDE

221

Una volta mi trovai su una collina con un gruppo di persone. La vista dava su una piana ricurva. Era l'interno di una colonia spaziale cilindrica che si estendeva per diversi chilometri, con moltissimi obl che si alternavano a fattorie e citt sparpagliate lungo la valle. Sapevo che in quel momento particolare del futuro, in qualche modo, centinaia di milioni di persone sarebbero vissute in quei mondi cilindrici. I mondi che popolano la galassia nelle menti degli scrittori di fantascienza erano stati ricreati in una sfera di sole dodici ore-luce di diametro e con il sole al centro. In quella sfera migliaia di societ indipendenti seguono il proprio destino e la propria evoluzione: migliaia di mondi cilindrici indipendenti sparsi intorno alla grande fornace energetica del sole. Quale forza creativa ricca ed eterna diventata l'umanit fuggendo dai confini del mondo! Attraverso i grandi obl potevo vedere tecnologie ancora pi avanzate, scintillanti macchinari di ossidiana, costruite per sfidare distanze al cui solo pensiero la mente si paralizza poste fra noi e i soli del Centauro che paralizzano la mente. Davanti a me vidi i preparativi della partenza di una nave spaziale. Nella mia mente veniva suonava la Fanfare for the Common Man di Copeland. Altre volte vidi futuri alternativi dove la conoscenza dei funghi non era fusa col senso frenetico di espansionismo dell'uomo. Vidi un pianeta popolato da una societ di schiavi-lavoratori in simbiosi con le macchine. Vidi la vita del Nord America scorrere attraverso diverse centinaia di anni di sconvolgimenti e mutamenti politici, un'immagine come una grande animata mappa di un'azione militare. Il dualismo fascismo/democrazia attaccato al collo del Nord America come un albatro. Ancora e ancora: uno stato di polizia fascista da incubo avrebbe travolto come una marea impazzita le reali aspirazioni della gente e, ancora e ancora, la resistenza si sarebbe organizzata contro la stupidit dell'oppressore e sarebbe risorta con rivoluzioni selvagge e sanguinose, per garantirsi lo spazio di qualche generazione per inaugurare tentativi di riforme democratiche. Il fungo tornava sempre sul fatto che fosse sulla giusta via dell'evoluzione e quindi in sintonia a un'unione simbiotica con ci che s'intende per "essere umano". Ero entusiasta di condividere il suo senso di permeabilit delle cose, un senso che era stato sviluppato in milioni di anni di esperienza consapevole come organismo intelligente, che emanava radiazioni in tutta la galassia. Dal suo punto di vista, il fungo la pi vecchia forma di vita e come tale, offre la sua esperienza di moderazione a una vibrante ma ingenua razza di bambini che, per la prima volta, sul punto di volare ver-

so le stelle. Non appena la nostra immaginazione si e lanciata in avanti per tentare di avvolgere l'altra dimensione intelligente in qualche luogo de ll a galassia, allo stesso modo l'altra dimensione, l'entit superiore, alla vista di ci, si rivelato come parte di noi stessi, quando siamo nella trance da psilocibina. Nel fenomeno provocato dalla stropharia cubensis, ci confrontiamo con una forma di vita intelligente e dall'apparenza aliena, non come ce la immaginiamo comunemente, ma ci nondimeno come una forma di vita aliena intelligente. Come avviene di solito, e nella stessa divertente maniera, la cultura popolare ha anticipato anche questo strano cambiamento di eventi. The Invasion of the Mushroom People, un pacchianissimo film di fantascienza di serie B prodotto da ll e stesse brave persone che ci hanno dato Godzilla, contiene una scena finale in cui una squadra di esploratori giapponesi vengono trasformati, molto oltre la possibilit di identificazione dell a platea, in un gruppo di funghi che cantano insieme sopra un'isola dentro una foresta pluviale asiatica. Solo un'anacronistica mancanza di autoriflessione potrebbe portare a supporre che una forma di vita aliena intelligente possa essere, anche per un caso remoto, come noi stessi. L'evoluzione un incessante fiume di forme e di soluzioni adattabili a condizioni particolari, e la cultura lo ancora di pi. pi probabile che un'intelligenza aliena sia scarsamente riconoscibile da parte nostra, piuttosto che essa si rappresenti a noi in forme umanoidi, e con una profonda conoscenza de ll a nostra rozza capacit industriale. Si pu presumere che le specie che viaggiano nello spazio, abbiano una sofisticata conoscenza della genetica e del funzionamento del DNA e che quindi non portino necessariamente la forma che ricevettero sul pianeta natio. Potrebbero piuttosto somigliare a ci che vogliono somigliare. Il fungo, che trae naturalmente vita da sostanze organiche ormai morte e con la sua ragnatela sotterranea di micelio effimero, sembra un organismo progettato sui valori buddisti della non interferenza e del basso impatto ambientale sulla mente. A ll a fine dell'estate del 1975, io e Dennis decidemmo che il mondo che stavamo esplorando aveva bisogno di una platea pi ampia. Sperammo di poter creare una comunit di persone consenzienti riguardo a ci che stava succedendo. A tale scopo, scrivemmo e pubblicammo una guida al metodo che avevamo sviluppato per coltivare la stropharia. All'inizio di quel libretto, introdussi ci che avevamo imparato di persona riguardo al mondo dei funghi:

222

VERE ALLUCINAZIONI

L'A 'VENTO

DELLA STRCDFAIItIIII>E

223

n fungo parla e le nostre opinioni coincidono con ci che dice di se stesso, in maniera molto eloquente, nelle fredde notti della mente: "Sono vecchio, molto pi vecchio del pensiero della tua specie che , esso stesso, cinquanta volte pi vecchio de lla tua storia. Nonostante io sia sulla terra da diverse ere, vengo dalle ste lle. La mia casa non un pianeta, poich i diversi mondi sparsi sul disco scinti ll ante della galassia creano le condizioni per le mie spore di vivere e riprodursi. Il fungo che vedi quella parte del mio corpo data ai fremiti del sesso e ai bagni di sole. Il mio vero corpo una fitta rete di collegamenti di fibre che crescono nel suolo. Questa rete pu estendersi per interi chilometri e pu avere molte pi connessioni di quanti numeri il cervello umano possa concepire. La mia rete di miceli quasi immortale: solo l'improvviso avvelenamento di un pianeta o l'esplosione de lle stelle vicine, possono spazzarmi via. In modo impossibile da spiegare per il vostro modello di realt, tutte le mie interconnessioni miceliche nella galassia sono in comunicazione, nello spazio e nel tempo, oltre la velocit della luce. Il corpo del micelio fragile come una ragnatela, ma la sua ipermente collettiva e la sua memoria sono un enorme archivio storico dei percorsi delle intelligenze in evoluzione di molti mondi, nel nostro sciame di stelle a spirale. Lo spazio, sappiatelo, un vasto oceano per le forme di vita che hanno l'abilit di riprodursi da lle spore, nonostante le spore siano ricoperte da ll e pi dure sostanze organiche conosciute. Attraverso gli eoni del tempo e dello spazio, molte spore, che formano forme di vita, si lasciano andare a ll a deriva, in sospensione, per milioni di anni finch non entrano in contatto con uno stato ambientale idoneo. Solo alcune specie, tra cui io e i miei simili di recente evoluzione, abbiamo la consapevolezza e la capacit di ipercomunicazione e di risorse di memoria che ci rendono i protagonisti delle comunit intelligenti galattiche. Il modo in cui funziona l'ipercomunicazione un segreto che non verr mai tramandato all'uomo. Ma le motivazioni dovrebbero essere ovvie: la presenza della psilocibina e della psilocina nei percorsi biosintetici del mio corpo vivente che apre, per me e quelli che sono in simbiosi con me, la visione di molti altri mondi. Voi, come individui e l'umanit come specie, siete prossimi alla formazione di una relazione simbiotica con il mio materiale genetico che porter l'umanit e la terra nella tradizione galattica de lle civilt superiori.

"Dal momento che non facile per voi poter riconoscere altre forme di intelligenza, le vostre teorie pi avanzate di politica e di sociali t sono avanzate solamente fino al concetto di collettivit. Ma, oltre alla coesione dei membri di una specie in un singolo organismo sociale, esistono possibilit di evoluzione pi ricche e addirittura barocche. La simbiosi una di queste. La simbiosi una relazione di dipendenza mutuata e di benefici positivi per entrambe le specie coinvolte. Alcune relazioni simbiotiche fra me e le forme civilizzate di animali superiori furono stabilite molte volte e in molti luoghi attraverso le lunghe ere del mio sviluppo. Queste relazioni furono positive per entrambi: nella mia memoria c' la conoscenza de ll e navi che vanno pi veloci de ll a luce e di come costruirle. Io scambiavo questa mia conoscenza per un passaggio verso nuovi mondi intorno al sole, meno desolati e pi vicini al centro della galassia. Per rendere possibile un'esistenza eterna lungo il fiume infinito del tempo cosmico, ho offerto continuamente questo patto a esseri superiori e poi ho attraversato la galassia durante questi millenni. Una rete di miceli non possiede organi per muovere il mondo; non ha mani, ma certi animali superiori, con abilit manipolatrice, possono diventare compagni della conoscenza de lle stelle che possiedo io e, se agiscono in buona fede, entrambi, loro e il loro fungo insegnante, possono viaggiare per gli infiniti mondi di cui sono gli eredi tutti i cittadini dello sciame delle stelle." Qualcosa che si riferiva a se stessa chiamandosi una fragile e diafana ragnatela, perch tale la rete dei miceli del fungo, non solo era in grado di comunicare con me, ma era anche in grado di trasmettere una visione della maggior grandezza e speranza trascendente che avevo mai creduto possibile. Stava muovendosi e respirava, ma era tutto vero? Le mie reazioni alle affermazioni del fungo riguardo alle origini extraterrestri degli allucinogeni triptamminici e alle visioni che procuravano, erano di diversa natura. Penso che alcuni di questi composti potessero essere "geni seminati", innestati nell'ecologia planetaria eoni fa da una sonda spaziale arrivata qui da una forma di civilizzazione in qualche altra galassia. Questi geni potrebbero essere stati trasportati nel genoma del fungo o di qualche altra pianta, nell'attesa dell'avvento di un'altra intelligenza e la loro scoperta da parte di questa, per poter cominciare a leggere un messaggio che apre la po rt a alla dimensione che gli sciamani di tutto i

224

VERE ALLUCINAZIONI

L'AVVENTO DELLA STROFARaDE

225

mondo ben conoscono. Il punto chiave di questo messaggio sarebbe diventato chiaro solo quando quelli per cui il messaggio era stato scritto avessero raggiunto un livello di conoscenza tecnico sufficientemente adeguato per apprezzarlo. La crescita esponenziale di strumenti e di metodi analitici nel secolo scorso, potrebbe indicare che stiamo ormai raggiungendo quel livello. Io speculo sul fatto che il contenuto finale del messaggio saranno le istruzioni, o la "scoperta", per costruire un trasmettitore di materia o qualche altro mezzo che ci permetta di contattare direttamente la civilt che ci sped i geni allucinogeni portatori di messaggi sulla terra, eoni fa. Lo stato di trance implica che queste forme di civilizzazione posseggano tecnologie e informazioni molto pi veloci della luce, ma necessario che ci sia un ricevitore al punto di arrivo, altrimenti la presenza aliena nel fungo rimarrebbe inerte a causa delle costrizioni della relativit generale, cos come lo siamo noi. Qualcosa, qualcuno, ha seminato lo spazio intergalattico con sonde automatiche biomeccaniche. Queste sonde sono immensamente sofisticate rispetto ai nostri canoni e sono capaci di creare allucinogeni portatori di messaggi adattabili alle particolari condizioni ecologiche che la sonda potrebbe incontrare e di rilasciare pseudo-organismi simili a virus, in grado di portare i geni artificiali nel nucleoplasma delle specie-bersaglio e di fecondarli. Questa una forma di messaggio molto pi duraturo di un monolite allo stato solido sulla luna o di un monitor orbitante. I geni artificiali potrebbero essere trasportati attraverso l'evoluzione letteralmente per centinaia di milioni di anni, senza una sostanziale degradazione del loro messaggio. L'informazione trasportata dallo specillo e trasmessa dagli allucinogeni, modulata dai bisogni de lle vite intelligenti in evoluzione, qualsiasi pianeta venga contattato. Lentamente, l'enfasi dell'informazione trasmessa dallo specillo cambia. Predizioni di caccia fruttuosa, semplici risultati divinatori come il ritrovamento di oggetti perduti e il fornire consigli medici, vengono lentamente sopraffatti dalla rivelazione della sorgente extraterrestre di questa informazione e dal suo fine nascosto: la costruzione di una stella che funga da antenna e l'ingresso nel logos delle civilt galattiche che porter. Idee speculative! Ma abbastanza stranamente, la maggior parte dei calcoli odierni e de lle teorie sulla densit de ll a vita e dell'intelligenza nella galassia, fa scontrare gli esobiologhi con il dilemma del perch non siamo ancora stati contattati. Lo scritto Scientific Perspectives on Extraterrestrial Communication di Cyril Ponnamperuma e A.G.W. Cameron offre un'ec-

cellente esposizione del pensiero contemporaneo su questo soggetto. I contributi di R.N. Bracewe ll , stampati nella stessa opera, sono state le basi delle mie personali teorie riguardo alle sonde interstellari. Stavo ricapitolando lo stato de ll e cose in questo modo: il pensiero contemporaneo afferma che la punta d'emersione di un'intelligenza nella galassia fu raggiunta da dieci a un centinaio di milioni di anni fa, perci la maggior parte delle razze nella galassia sono molto antiche e sofisticate. Non possiamo attenderci che queste razze ci appaiano con uno squillo di tromba sopra tutte le citt de ll a terra. Una tale entrata nella storia equivarrebbe a entrare in casa di qualcuno senza annunciarsi: da una civilt galattica antica e indefinibile proprio non ce lo aspetteremmo. Forse sono sempre stati qui o, meglio, forse la loro presenza fu sempre qui negli allucinogeni e, quando lo capiremo per conto nostro, in realt segnaleremo loro che siamo pronti per il contatto. Noi possiamo lanciare l segnale solamente seguendo le istruzioni contenute nei geni dei semi e costruendo il macchinario necessario, sia esso un sistema sociale o un veicolo. Eseguito ci, da qualche parte nel cielo, le luci lampeggeranno il messaggio che un altro dei milioni di milioni di pianeti seminati nella galassia, ha raggiunto lo stadio di cittadino della galassia. Stime attuali sostengono che anche in una galassia che compete con la massima intelligenza, tale limite viene sorpassato una volta ogni centinaia o migliaia di anni e questo un momento di gioia, anche per gli abitanti dell a galassia stessa. Se questa speculazione ha una qualche validit, allora in estrema sintesi indica il momento finale della fase di precontatto, e indica an che l'urgente bisogno di esplorare la trance da psilocibina e di capire il ruolo che sta giocando nella psicologia de ll a specie umana.*
* Dei nuovi elementi si sono aggiunti sul fenomeno de lle voci sentite nella testa e sul ruolo che possono giocare nell'evoluzione della coscienza. Nel 1977, Ju lian Jaynes dell'universit di Princenton pubblic un libro estremamente provocatorio, The Origin of Consciousness in the Breakdown of the Bicameral Mind. Jaynes utilizza pagine su pagine per illustrare fl ruolo che le allucinazioni, specialmente quelle uditive, giocarono nella strutturazione della mente. Jaynes ritiene che prima dell'Iliade, intorno al 1400 a.C., non esistesse niente di simile al moderno sistema di consapevolezza egocentrico. Invece, egli sostiene, che le persone vivessero come automi o insetti sociali, affrontando inconsciamente i compiti del vivere. Solo nei momenti di gr an de stress e di pericolo personale, questo regime veniva rotto. In questi momenti, una mente impersonale, fuori dalle normali esperienze del mondo, divenne m an ifesta in forma di voce. Secondo la teoria di Jaynes, queste voci furono il faro trainante delle societ umane, forse per millenni, fossero esse ritenute sia la voce di un re assente ma vivente, di un re morto, di un dio onnipresente, sia una divinit personale. Le migrazioni e la rottura de lle culture insulari delle prime civilt umane, pose fine alla relazione dell'uomo con la mente bicamerale, che il termine che usa Jaynes per la presenza cibernetica e divina, provata dietro all'allucinazione uditiva.

);

226

VERE ALLt7CIINAZIIN1

pregiudizi sociali che vanno contro il fatto di avere una relazione con la mente bicamerale in tempi moderni, ha relegato le "voci" a un fenomeno mistico o una seria aberrazione mentale, in ogni modo, un qualcosa di veramente desueto. Il lettore interessato dovrebbe studiare il caso di Jaynes con molta attenzione, bench il suo libro sia esasperante, dal momento che nel trattare il ruolo degli allucinogeni nella storia umana, sbaglia nel non offrire nessuna discussione sulle piante allucinogene. Questo un serio errore, specialmente se l'effetto raggiunto da ll a psilocibina non , come ho sostenuto, un contatto con un'intelligenza completamente distinta da noi stessi. La teoria di Jaynes offre la possibilit che la psilocibina riporti ad avere rapporti con l'altra dimensione transpersonale in un modo che duplichi, su qualche livello, lo stato della mente che era caratteristico delle popolazioni umane primitive. ragionevole ritenere che una voce nella testa, interpretata da un uomo antico come un dio, possa essere interpretata da una persona moderna, come un contatto telepatico con extraterrestri. Qualsiasi "fatto" possa essere scoperto in futuro, la psilocibina offre uno strumento che permette di sperimentare direttamente questa voce che spiega tutte le cose, questo logos dell'altra dimensione.

12 , AWA AN CONNECTION"
In cui le mantidi pirata provenienti dall'iperspazio attaccano me e la mia nuova amante nei territori vulcanici di Kau, nelle Hawaii, e io consegno le mie ultime parole riguardo all'indicibile.

20

S AUTUNNO DEL 1975 FU UN PERIODO DI TRASFORMAZIONI PERSONALII


e di consolidamento. Kat, una vecchia amica conosciuta anni prima a Gerusalemme, durante la mia fase oppiacea e cabalistica, divenne infine mia amante. Erano passati otto anni da quando andavamo a zonzo nella moschea di Omar; lei era un'osservatrice di pozze d'acqua e una viaggiatrice solitaria. Il fungo mantenne la promessa di mandare un'altra partner a condividere il viaggio nel mondo interiore. In ottobre, andammo alle Hawaii per pianificare un viaggio nell'Amazzonia peruviana per il 1976. E per scioglierci d'amore. Affittammo una casa nella remota e desolata Kau, un distretto delle Hawaii. Era un'area di sedimenti di diverse epoche. L'unica vegetazione era costituita da kapuka, zone isolate dell'antica foresta circondate da mari spumeggianti di roccia, che avevano ucciso tutte le forme di vita pi deboli e meno fortunate. Lentamente, quasi impercettibilmente, la mole slanciata del Mauna Loa si innalzava dietro di noi a quasi cinquemila metri d'altezza. Noi stavamo a un'altezza di circa ottocento metri. La nostra casetta era di fronte all'enorme distesa di lava vulcanica, ma il terreno comprendeva anche kapuka la cui ombra, insieme ai numerosi uccelli e agli insetti offrivano un contrasto prorompente con la prima impressione di desolazione che si estendeva per chilometri in ogni direzione. La nostra vita
229

230

VERE ALLUCINAZIONI

L'"H A W A 1Il AN CONNECTION"

231

si svolgeva nell'ozio pi totale. Io scrivevo e facevo alcuni esperimenti con gli aspetti pi arcani de ll a coltivazione di funghi; Kat era immersa a disegnare per il libro che io e Dennis avevamo scritto sulla coltivazione de ll a stropharia cubensis. Un sogno erotico pieno di sole si apriva intorno a noi. Eravamo isolati, cosa che entrambi apprezzavamo e prendevamo spesso insieme i funghi. Fu durante l'idillio hawaiano che decisi di tornare di nuovo nel bacino amazzonico per seguire il banisteriopsis caapi nel suo ambiente naturale, per convincere me stesso del ruolo che esso e gli allucinogeni a base di beta-carbolina avevano giocato nell'esperienza di La Chorrera. Ero interessato soprattutto a verificare se altri allucinogeni aborigeni differenti chimicamente, potessero provocare le stesse esperienze che provocava il fungo della psilocibina. Volevo scoprire se le nostre esperienze facessero parte de ll a fenomenologia generale degli allucinogeni, oppure se fossero specifiche della psilocibina. Con intervalli settimanali o di dieci giorni, durante tutto ottobre e novembre trascorsi a lle Hawaii, assumemmo la stropharia che avevamo coltivato. Facemmo una serie incredibile di esperienze. La psilocibina conferma sicuramente l'impressione che, a volte, si possono vedere con uguale chiarezza le allucinazioni che un altro sta avendo. Io e Kat ce ne rendemmo conto descrivendoci, a turno, le immagini in cui eravamo immersi. Durante quei periodi in cui il fluire delle immagini possiede una certa intensit elettrica e non vi erano dubbi che stessimo vedendo le stesse cose. Sotto l'influenza della psilocibina, la relazione della psiche con la superficie del corpo, la pelle, sinestetica ed emozionalmente complessa; i colori e le sensazioni raggiungono una qualit sconosciuta in condizioni normali. Avendo ampie zone della pelle a diretto contatto, ci parve di ovviare in qualche modo all'usuale integrit del corpo e individualit psichica; ci saremmo sciolti nelle menti uno dell'altro in un orgasmo tantrico che era estremamente piacevole e pieno di potenziali incredibili e stravolgenti per la crescita umana e per studi di parapsicologia. Io ed Ev non avevamo assunto pi funghi fino al nostro ritorno negli Stati Uniti ed era stupendo avere di nuovo qualcuno con cui condividere il fungo; e prima che Kat si unisse a me, la maggior pa rt e dei miei viaggi sotto l'effetto del fungo erano solitari, un'anima solitaria alla deriva nell'oceano cosmico. Fortunatamente adesso eravamo in due a navigare attraverso i flutti di demoniache e scintillanti geometrie ingioiellate. Due di quei viaggi con il fungo risaltano per la loro importanza. Il primo si verific una sera, verso la fine di novembre. Entrambi mangiammo

cinque grammi di stropharia secca e ci sedemmo vicino al fuoco, a guardare, con gli occhi chiusi, il sorgere lento delle allucinazioni. Mi parve di vedere immagini passeggere e profetiche del viaggio in Amazzonia che stavamo progettando. Accampamenti di fianco al fuoco e sentieri riempirono la mia mente; il suono vicino dei grilli sembr trasformarsi nel ruggito dei suoni de lla notte nella giungla che ci aspettavano in Per. Parlammo dei nostri piani e del nostro futuro: questo, di fronte a noi, ci parve enormemente invitante. Fu quella sera che decidemmo di passare la nostra vita insieme e di mettere su famiglia. Per me fu uno dei momenti pi importanti della vita e di questo non ho dubbi. Camminavamo e ce ne stavamo in piedi sotto le ste ll e, vicino all'orto dove ogni giorno seguivamo la nostra sempre pi perfetta coltivazione di stropharia. La notte era misteriosamente immobile e il cielo riluceva di ste lle. Guardando in cielo, verso Sud, pensai: "Se sei l fuori, se approvi le decisioni che abbiamo preso riguardo alla nostra vita, se il segreto esiste veramente, allora dacci un segno". Mi accostai a Kat, che stava camminando davanti a me, per dirle: "gli ho chiesto di darmi un segno". Ma prima ancora che potessi parlare, il cielo fu percorso, dalla met del cielo all'orizzonte, dalla striscia cremisi del fuoco di un meteorite. Perch tali sincronismi possano accadere, la profondit della sintonia tra la psiche e il mondo deve essere veramente grande. "Vedere un meteorite, accade una volta sola nella vita", fu quello il commento del fungo, chiaro e libero nella mia mente. Allora ci sedemmo sulla terra calda e sensibile e ci abbandonammo all'onda delle visioni. A un certo punto un vento notturno frust le foglie sugli alberi, altrimenti perfettamente immobili. La zona era molto isolata ma, portati nell'aria ferma per chilometri su case e fattorie sparse li intorno, potevamo udire i lugubri ululati dei cani da quell'intera parte dell'isola; per ore scossero l'aria con ululati spaventosi. Non potevamo immaginare cosa significasse, ma la prendemmo come una coincidenza inspiegabile, come il segno datoci dal cielo, riguardo al nostro futuro. Alcune ore pi tardi, un momento prima dell'alba, a ll e 4 e 49, cosa che venne registrata dagli strumenti sismici sparpagliati su tutto il pianeta, si scaten un terremoto. Un boato profondo e devastante si mosse attraverso i campi di lava che si stendevano per chilometri tutt'intorno a noi. Immediatamente dopo la prima scossa, al Kilauea Caldera, vicino all'epicentro, a quindici chilometri da noi, si scatenarono ondate terribili e un maremoto. Un'ora dopo ci fu un'altra scossa meno forte. Adesso appariva lam-

232

VERE ALLUclNAzIC

L``nAWAIuAN

C ONNECTION"

233

pante la ragione di que ll e ore di ululati. Fu cos che i segni meteorici e un grande terremoto, il pi forte del secolo alle Hawaii, parteciparono al nostro trip di funghi e alla nostra intensa esplorazione delle profondit della psilocibina, proprio come noi ammiravamo loro. La seconda e, per molti aspetti pi inquietante, grossa esperienza con i funghi che avemmo alle Hawaii fece terminare ogni nostra ulteriore esplorazione della psilocibina almeno fin dopo il nostro ritorno dall'Amazzonia peruviana. Era il 23 dicembre, il giorno prima che Dennis arrivasse per passare le vacanze di Natale con noi. Io e Kat prendemmo cinque grammi secchi a testa ci sedemmo davanti al caminetto aspettando le prime ondate di visioni. In breve piombammo nel vortice. ll fungo mi mostrava un pianeta acquoso, blu-verde, senza terra ferma eccetto un arcipelago che lo circondava lungo l'equatore: una specie di super-Indonesia. Ad accompagnare le visioni del pianeta c'era un commento a spiegare che questo pianeta ricco d'ossigeno si trovava all'incirca a cento milioni di anni luce da ll a terra ed era totalmente disabitato da animali evoluti. Mentre le implicazioni di quest'ultimo frammento d'informazione ci raggiungevano, sperimentai un'ondata di comprensione che pareva giungere da lle mie gonadi di primate, la reazione a milioni di anni di nomadismo e all'inarrestabile aumento de ll a popolazione umana. Il commento spiegava che quando la fusione simbolica dell'umanit con la stropharia fosse stata completata, "gli esseri umani" sarebbero stati liberi di reclamare tali pianeti per la Strofaride. La narrazione si era materializzata nella voce interiore presente nella trance da funghi. Con essa iniziai una discussione sulla scena del pianeta acqueo e sulla tecnologia che tali visioni implicavano. Mi chiesi delle tecnologie del viaggio stell are e della trasmissione a distanza de lle immagini. Chiesi al fungo se, con tutte le immagini strabilianti che era capace di donare, fosse in grado di produrre un effetto sul continuum normale. Ebbi l'idea che se fossimo usciti, come facevamo di solito a un certo punto dei nostri trip, avremmo potuto vedere un qualche seguito del fenomeno nuvoloso che era stato parte della esperienza a La Chorrera. Kat si lament del gran caldo e decidemmo d'uscire. Eravamo molto instabili sulle gambe e, sebbene Kat parlasse pochissimo, ero piuttosto spaventato per lei. Pensai per che sarebbe bastato andare fuori per farla rinfrescare. Fuori, ci trovammo barcollanti nel cortile davanti alla casa. La notte era coperta e Kat sembrava passare tra coscienza e incoscienza. Stava diventando sempre pi difficile coinvolgerla. Continuava a ripetere che la stavano bruciando, ma che pensava di poterli tenere a bada. A lla fine, col-

lass completamente e non potei pi ottenere risposte. Eravamo cos isolati da rendere impossibile qualsiasi aiuto esterno. Sarebbero occorse ore per far arrivare qualcuno l e, senza dubbio, nessuno sull'isola ne sapeva pi di noi sulla psilocibina. La schiacciante gestalt dell a situazione era che, in qualche modo, eravamo stati messi in una situazione di vita o di mo rt e e che qualsiasi cosa dovesse essere fatta, avrebbe dovuto essere compiuta da noi e da noi soltanto, in pochissimi minuti. Ricordai che sul retro della casa, vicino a dove eravamo abituati a prendere il sole, c'era una grossa vasca d'acqua, che tratteneva la pioggia delle nostre grondaie. Nonostante sapessi che stavamo affrontando una minaccia mortale, ci volle un'organizzazione completa della mia coscienza per pensare di rovesciare quell'acqua sopra Kat. Ma, appena lo pensai, ci parve dare una direzione a quel mondo vorticante. La tirai su con un solo movimento rapido e la po rt ai, strascicando nel buio, oltre le palme appuntite, che allora mi apparirono fantastiche nell'oscurit. Il momento era terribilmente grottesco: i pantaloni de ll a mia tuta erano caduti in fondo alle caviglie e stavo camminando col culo scoperto e le gambe rigide come il mostro di Frankenstein, portando Kat svenuta. La stesi per terra e iniziai a svuotare barattolo dopo barattolo d'acqua trasparente, nera e argentea come seta, su ogni centimetro del corpo di lei. Fu subito chiaro che avevamo trovato l'antidoto a qualsiasi cosa che le facesse provare il bruciore e la trascinasse gi, fino a svenire. Felici, ci abbracciammo nel fango e nell'acqua, sentendo entrambi che questo effetto estremamente raro del fungo ci aveva fatto sfiorare una tragedia. Mentre eravamo inginocchiati assieme, comprendendo che avevamo appena sorpassato la difficolt che ci aveva fronteggiato, lo scroscio selvaggio di un suono non di questa terra, una risata ululante, squarci l'aria dai boschi antichi dietro la casa. Questa risata era come l'urlo di un dio che scatenasse il panico. Innaturale, immorale, fo ll e, il gutturale stridio di battaglia del demone scatenato. Fuggimmo. Barcollando, rientrammo in casa e io feci del t mentre Kat mi parlava, confidandomi tranquillamente che quello che stava provando "dev'essere quello che intendono per follia". Disse d'avere allucinazioni a occhi aperti, strane forme "tangibili" simili a felci e orchidee stavano crescendo e si torcevano fuori da tutte le superfici. La sensazione precedente di calore continuava, ma si era tramutata in un campo potenziale di energia arroventata che poteva essere trattenuta a distanza dal contatto bruciante col suo corpo, permettendo solo all'energia allucinogena di dissiparsi in un

234

VERE A1LII.YT('SNAZIION1

L'"HAWAIIAN CONNECTION"

235

caos di immagini esplicite e bizzarre. Concentrandosi, poteva allontanare di qualche metro il plasma rovente da lei, dove diventava una visione profonda che racchiudeva ogni altra cosa. Dopo pochi minuti Kat parve svenire di nuovo, cos riempimmo una vasca d'acqua fredda nella quale si stese per un po', finch i sintomi non passarono di nuovo. Quando ne parlammo, capimmo che la sua esperienza aveva avuto delle dimensioni per lei che a me non erano risultate chiare. Mi raccont che dal momento che eravamo usciti dalla casa, aveva scoperto che la sensazione di calore non era diminuita, ma cresciuta. Aveva notato che subito sopra di lei c'era un disco di luce e di colore, un gigantesco assemblaggio composto di barre di luce dal debole splendore, con connettori simili a gioielli che emanavano tutte le gradazioni. "Capii," mi disse, "che le relazioni de ll e posizioni, le loro lunghezze, le angolazioni tra di loro, erano infinitamente complesse e costituivano un'incarnazione de ll a verit perfetta. Vedendole, capivo tutto... ma c'erano dell e creature dentro il veicolo, come mantidi composte di luce, che non volevano che io sapessi. Piegate sui pannelli degli strumenti, pi capivo e pi mi bruciavano con il loro raggio. Non riuscivo a smettere di guardare, ma mi stavano vaporizzando. Ho sentito che mi sollevavi, e mentre mi portavi, pensai: `Spero che si sbrighi. Sto diventando una nuvola...'. Per un attimo ho galleggiato in aria, guardando in basso verso di noi, gente pi grande de ll e loro vere dimensioni, fuori dal tempo. Allora sentii l'acqua sulla pelle ridefinire i limiti del mio corpo e condensarmi di nuovo." L'impressione di Kat sulla situazione era che non si trattava di una minaccia trasmessa dal fungo, ma di una forza all'interno del continuum che il fungo rende disponibile, una forza che apparentemente ambigua: erano pirati dell'iperspazio? Kat stava avendo un'esperienza ravvicinata con un UFO mentre io non vedevo nulla. Era un contatto pieno di pericolo e con minaccia d'annientamento. Si era interrotto improvvisamente quando l'avevo spruzzato con l'acqua. Rimanemmo a parlare tutta la notte di quello che era accaduto. Serv ad accentuare altre stranezze che avevamo notato nel prendere psilocibina in un ambiente isolato. Avevamo notato anche dei lievi fruscii e cigolii alla periferia del senso e della visione durante i trip, non dissimili dall'attivazione di un classico fenomeno di poltergeist. Questi piccoli movimenti e rumori erano diventati una caratteristica cos regolare di queste esperienze che avevo finito semplicemente con l'accettarli. Avevamo anche notato onde d'attivit che sembravano scorrazzare allo stesso modo attraverso la

materia, animata o inanimata, durante l viaggio da funghi. Per esempio, dopo un periodo prolungato di quasi-trance e di contemplazione de ll e visioni, se ci allontanavamo in un moto collettivo per stirarci la pe ll e o per parlare, il fuoco si attizzava improvvisamente e bruciava di pi, mentre il fruscio a ll a periferia aumentava. Eravamo certamente sull'orlo de ll a stessa dimensione nella quale ero sprofondato a La Chorrera, portato di nuovo laggi dal fungo. Questa volta, per, prendemmo il nostro minaccioso scontro con la cosa come ammonimento di rallentare per un periodo. Fu dopo questa esperienza che decidemmo di andare in Per, per prendere l'ayahuasca e ottenere un qualche senso prospettico sulla natura de ll a psilocibina relativamente ad altre piante allucinogene. Le nostre camminate per le foreste delle Hawaii erano un'eco pallida ma reale de lle piste dell'Amazzonia che avevano seguito un tempo e che, dopo qualche mese, avremmo attraversato di nuovo. Fu durante una di queste camminate, riflettendo sul suo incontro con le creature-mantide e le loro macchine di luce, che Kat fece notare che una lente il risultato naturale della sovrapposizione di due sfere. C' qualcosa da imparare applicando quest'idea agli UFO lenticolari? Forse qualche verit topologica implicita nel pensiero che la lente causata dal sovrapporre un continuum all'altro. Le nubi lenticolari furono una parte del contatto UFO che accadde a La Chorrera nel 1971. Questo tema riemerse durante quelle esperienze di psilocibina nei paesaggi desolati delle campagne hawaiane. Successe ancora durante un altro viaggio da funghi, quando io e Kat uscimmo tardi la notte, a osservare le stelle attraverso gli interstizi in movimento di una sottile trama di nuvole sottili. Eppure, sospesa solamente a poche decine di metri sopra e quasi di fronte a noi, c'era una densa nube lenticolare molto cupa. Divenne pi solida mentre la osservavamo: improvvisamente questa tendenza venne rovesciata e la nube inizi ad assottigliarsi e scomparire molto rapidamente. Poi spari. Gli anni passano e sono poche le intrusioni del meraviglioso nella vita quotidiana. Poi, improvvisamente, di nuovo con noi, una coincidenza che si realizza e che pare incanalare il flusso degli eventi verso un qualche fine che intuito ma che impossibile da anticipare. La patina paranoioia che si formata sulla societ moderna rende difficile il valutare il feedback che pu provenire da ll a cultura. Da una certa prospettiva, l'umanit una creatura sempre in trasformazione che distribuisce in ogni momento il segreto, sentito in profondit, del futuro che verr. La situazione presente davvero differente da molte altre del passato?

236

VERE ALLUCINAZIONI

La novit sempre in procinto di emergere, ma emerge mai dagli eventi in cui impressa, improvvisamente ed esplicitamente? E cosa dobbiamo farne quando emerge abbastanza improvvisamente da farcela riconoscere quale un vero flusso del continuum temporale? Credo nei miracoli e nell'estasi e nelle situazioni dove si vedono al lavoro "forze" che non sono descritte da ll a fisica odierna. Ho sentito che era necessario rintracciare questi fili conosciuti de ll a mia vita e del mio pensiero. Se non l'avessi fatto non ci sarebbe stato alcun ricordo dei passi incerti che avevamo fatto a La Chorrera, passi che ci portano verso la comprensione della psilocibina e della sua relazione con l'animo umano, quel nodo di preziosa anomalia e di fragile sentimento che infesta come un fantasma il nostro pianeta.

i11.,^^;1^^^,^:^o,^ ^^

^ ^i'li l !^.1D^^!^iI1i^^I^^^ ^^,


EPILOGO

In cui ritorno al presente, descrivo come sono diventati i miei compagni di viaggio e m'inginocchio davanti al soprannaturale.

%iIVI ^^l^J^
:,. -^ ^ ..'

, ^UUll ^l , 1 ^^^^^ ^ ^ ^ a^ ^^ ^^^^,.,a^^ j ^u


^ ,^

M D^^^; i1^ .,,,,. ,^, ^ 4160^1. \w


`

di nuovo rappresentata? Sono forse un archeologo, condannato a lavorare diligentemente con uno spazzolino e una pinzetta, tentando di riesumare e riassemblare i frammenti rotti di sogni e visioni trovati in tempi e luoghi dimenticati? Sarebbe stato facile guardarsi a lle spalle e raccontare questa storia come se fosse stata un ciclo completo, qualcosa di finito che risplendeva nella sua completezza. Il problema di questo libro che la storia vera, i suoi attori sono persone reali, le loro vite vanno avanti. I pi grandi misteri dell'esperimento a La Chorrera rimangono ta li e misteri rimangono ancor oggi. I miei colleghi, i miei amici e le mie amanti, sono cambiati. Diversi destini ci hanno condizionato. Dave rest in Sud America, ritornando negli USA una volta sola negli ultimi vent'anni, giusto il tempo di una breve visita; non lo vedo dal 1971 e so che vissuto nella maggior parte dei paesi andini del Sud America. Per anni rimase fedele alle sue radici di hippy girovago, viaggiando da un villaggio montano a un altro, insegnando alle donne locali a lavorare all'uncinetto. Mi immagino che ora, questa forma d'arte minore, sia ormai ben radicata nei luoghi dove, prima del suo passaggio, doveva essere completamente sconosciuta. Durante la sua breve visita negli Stati Uniti non riusc a venire nella West
239

1)

OVE CI HA PORTATI TUTTO QUESTO? E LA RISATA COSMICA E STATA

240

VERE .ALLUCINAZIONI

EPILOGO

241

Coast, ma mi chiam al telefono e parlammo a lungo. Era il solito vecchio Dave, da quanto ne capivo. Ev spos l'amico per l quale mi aveva lasciato nel 1975 e sono ancora sposati, con un figlio ormai abbastanza grande che va al college. Non ho ancora rivisto Ev e suo marito da ll a loro partenza nel 1975. Ci siamo parlati al telefono una volta molti anni fa; le dissi che sarebbe stato molto bello cenare insieme una volta, ma sarebbe stato compito mio organizzare tutto quanto e non lo feci. Questa omissione non fu casuale o inconscia. Vi ancora un certo tipo di riluttanza da parte mia, una specie di dolore duraturo che mi colpisce in profondit e mi fa soffrire e che non facile da sconfiggere. Vanessa torn negli Stati Uniti dall'Amazzonia e segu la tradizione di suo padre e sua sorella laureandosi in medicina. Oggi vive a Berkeley, come Ev, ed una psichiatra con uno studio ben avviato. Cf vediamo raramente e, quando succede, sono riluttante a tirare fuori l'argomento di La Chorrera, per due ragioni. Primo, perch ci troviamo all'antitesi per quel che riguarda il giudizio su quegli eventi. Secondo, perch non voglio che la nostra amicizia si trasformi, cosa che potrebbe avvenire facilmente, in un'analisi di ci che potrebbe essere definito il mio "caso". Vanessa intelligente e arguta e non ha nessun motivo di giudicarmi duramente. Le nostre differenze sorsero dal fatto che lei credette, in quel periodo, che le mie opposizioni a trattare le condizioni di Dennis a La Chorrera come una questione medica fossero il risultato della mia mancanza di sensibilit, pienezza di s, mancanza di carattere o, semplicemente, frutto di pura pazzia. L'unica persona che faceva parte de ll a squadra nella quale sento di poter ancora credere, riguardo alle opinioni dell'esperimento di La Chorrera, Dennis. Si laureato in botanica, biologia molecolare e chimica neurologica, anni fa. Eg li diventato quello scienziato che a La Chorrera poteva solamente sognare di essere. sposato, ha un figlio stupendo e lavora come un ricercatore farmacologico per una azienda della Silicon Va lley chiamata "Shaman Pharmaceuticals". Tollera le mie pazzie, ma sta attento a non incoraggiarmi mai. Penso che il suo atteggiamento sia la stesso di alcuni mesi dopo l'esperimento ma, qualsiasi cosa fosse accaduta, il sacrificio che pag fu troppo grande. Gli piace sostenere semplicemente che ci che accadde fu solamente una folie a deux, la fissazione di due fratelli addolorati per la recente scomparsa della madre e ossessionati dall'idea di conquistare l'iperspazio. Quando difesi le mie opinioni contro le sue, argomentando che qualcosa di molto pi importante stava avvenendo, lui annu in modo critico, poi scosse la testa e se ne and. Oggi si ricorda ben

poco di ci che accadde fra il 4 e il 20 marzo del 1971 e, forse, preferisce non ricordarlo. Quindi, senza rancore o sorpresa, posso dire che l'argomento riposto completamente nelle mie mani. Il giorno in cui volammo via da La Chorrera sul piccolo aereo di Tsalika, avevo ventiquattro anni, senza soldi, senza progetti, ritenuto pazzo dai miei amici pi cari e con una taglia sulla testa. Negli anni passati ho fatto ci che ho potuto per impedire che i fatti riguardanti l'esperimento di La Chorrera fossero dimenticati. Insieme, dur an te la met degli anni Settanta, io e Dennis sviluppammo e diffondemmo la tecnica per coltivare il fungo. Anche se altri ci imitarono, fummo i primi e i pi rumorosi a sostenere la coltivazione casalinga di funghi psichedelici. Questa tecnologia port decine di migliaia di curiosi a provare l'esperienza di esplorare ci che poteva essere un allucinogeno triptamminico misterioso e non sintetizzabile. L'assunzione di psilocibina negli anni Settanta fu uno dei fattori pi consistenti che crearono e fomentarono un limitato ma fedele pubblico di sostenitori di idee come quelle sviluppate a La Chorrera. Con il passare degli anni, la storia di La Chorrera e le teorie elaborate l, hanno lentamente fatto breccia nella coscienza del pubblico, attraverso i miei libri e un film che verr presto prodotto su questi argomenti. Il mio ruolo interessante, ma non invidiabile. Dal momento che la teoria centrale che emerge da questa esperienza l'onda temporale e il software per computer che la supporta, io mi trovo nell'assurda posizione di essere, allo stesso tempo, un Newton non celebrato o un tipo completamente pazzo. C' veramente poco spazio per poter manovrare con agio fra quelle due posizioni. L'onda temporale dipinge un disegno radicale di come funziona il tempo e di che cosa la storia. Fornisce una mappa de ll a marea e del flusso globale di novit per i prossimi vent'anni e, inoltre, predice i maggiori eventi di trasformazione fino al 2012. Questa data risiede tanti anni nel futuro quanto i fatti di La Chorrera risiedono nel passato. Poco tempo, insomma. I miei eventi personali sono in contrasto con un retroterra di gravi problemi nel mondo reale e un interesse crescente nell'esperienza psichedelica da parte dei giovani. Io sono, si dice, un'icona minore nella cultura underground. Che ci sia dovuto a ll a mia schizofrenica tenacia a rendere pubbliche ci che sono in ultima analisi solo de lle mie teorie? O veramente i venti della storia mi sono a favore e mi sono fatto amico il logos e ho imparato i segreti dell'universo, o almeno uno dei tanti segreti, nel caos di

242

VERE ALLUCQNAZICN1

La Chorrera? Confesso onestamente che non lo so. Mentre scrivo queste parole, il mio matrimonio con Kat, durato ormai quasi sedici anni, sembra ormai prigioniero di un processo di dissoluzione pieno di sofferenza per entrambi. Questo, nonostante i nostri due bambini, la casa che abbiamo costruito insieme e i tentativi di entrambi di essere dei tipi tranquilli. Apparentemente la presenza del logos non ha fatto nulla per mitigare le ordinarie vicissitudini de lla vita. Come l'anima nei poemi di Yeats, io sono una cosa eterna legata al corpo di un animale morente. Ma se la mia sensazione di vivere un destino speciale e di aver scoperto un modo per salvare il mondo dalle pi pericolose e rozze parti di se stesso una delusione, allora una grande illusione che sta morendo dentro di me lentamente, passo dopo passo. Io sono rassicurato da lle persone che mi circondano, editori, agenti, esperti di mercato, persone che non sanno ovviamente della promessa sussurrata di un destino speciale fattami dagli elfi dell'iperspazio, che diventer famoso, sar influente tanto da cambiare il modo di pensare della gente. Forse tutto questo si realizzer, lo spero. Ma qualcosa accadde a La Chorrera: qualcosa di straordinario. Sono stato fortunatissimo a intravedere per poco una miglior sorte per il mondo e di aver stretto una straordinaria alleanza con gli dei alieni che abitano nello spazio. L'onda temporale, creata con anni di fatica, concerne sia una profezia, sia una carta geografica che conduce a quel mondo migliore. Sono consapevole di essere un umile depositario del lavoro di queste menti superiori. Ho provato a normalizzare queste fantasie trascendentali e di metterle al loro posto in una visione di un mondo materialistico e morente, nella quale siamo imprigionati dalla cultura del tardo ventesimo secolo. Ma il compito troppo grande per le mie possibilit. La mia paura che se queste teorie non sono vere, allora il nostro mondo destinato a una morte veramente ordinaria, cresciuto per qualche ragione troppo debole per salvarci da quei demoni che noi stessi abbiamo creato. La mia speranza di essere testimone del fatto che esiste un grande segreto che ci chiama, che attraversa l'orizzonte de lla nostra storia, con la promessa di realizzarsi e di dare un vero significato a ci che al contrario sarebbe solo la confusione delle nostre vite e del passato collettivo. Vent'anni dopo l'esperimento a La Chorrera, non posso ancora dire se

Shie

UNDERGROUND

E$DIZIONI

SHAHE E0121011 UnDERGROUnD


CATALOGO

Uia Cesare Balbo 10 - Milano - Tel. 02/58317306

COLLF117f CYBERPU17HLIFIE NO COPYRIGHT Raf Valvola Scelsi. Per un nuovo diritto positivo dell'uomo. Un testo che chiarisce la questione de ll a trasmissione del sapere nella societ postfordista. Dal software al problema generale, pp 304, Lit. 23.000 CYBERPUNK Antologia di testi politici a cura di Raf Valvola Scelsi. 20a edizione. Il ritorno ruggente de ll a stampa underground, un

Primo Moroni, pp. 256 (con inserto di 64 pp. di foto). Le statistiche, il passato, il presente e il futuro dei centri sociali milanesi Lit. 25.000 TRAVELLER E RAVER: racconti orali dei nomadi della nuova era R. Lowe e W. Shaw. Le vere storie di 30 "nomadi de ll a nuova era". Parlano i protagonisti di un movimento che solo in GB conta mezzo milione di aderenti, tra vecchi hippy e nuovi raver, gente che si sposta continuamente a bordo di furgoni, camion e auto scassate, pp. 192, con immagini a colori, Lit. 25.000 ESTATE D'AMORE E DI RIVOLTA Con i Beatles nella Summer of love di Derek Taylor. Un'entusiasmante viaggio nella summer of Love con i Beatles, Ro lling Stones, Doors, Jefferson Airplane, Fugs, Ginsberg, Leary. pp. 271, Lit. 28.000 COSTRETTI A SANGUINARE Romanzo sul punk 1977 84 Marco Philopat. Un libro sulla vita di una generazione che ancora oggi porta sulla propria pelle le ferite e le cicatrici di un drammatico passaggio d'epoca, pp. 256, Lit. 25.000 LA MELA D'ORO Secondo volume de ll a trilogia GLI ILLUMINATI R. Shea RA. Wilson. Nuove fantastiche avventure aspettano i lettori "intrippati" nella paranoica visione del mondo di quel folle di Robert Anton HIPHOP A LOS ANGELES Rap e rivolta sociale Brian Cross. Il testo documenta con interviste, foto e saggi le radici storiche del rap e la variet delle sue reti culturali, pp. 272 Lit 28.000.
-

libro importante che ha disegnato i contorni degli anni novanta analizzando negli aspetti politici del caso letterario del decennio scorso: il Cyberpunk, pp. 224, Lit. 20.000 SNOW CRASH Seconda edizione riveduta Neal Stephenson. Primo romanzo edito da lla ShaKe, vero e proprio tecno-giallo dell'et dell'informazione. Premiato come miglior libro di fantascienza nel 1994 con L'Arthur C. Clarke Award, pp. 416 Lit 28.000 GIRO DI VITE CONTRO GLI HACKER Bruce Sterling. Testo fondamentale per chi desidera conoscere le dinamiche del cyberspazio, pp. 254, Lit. 23.000 MINDPLAYERS Pat Cadigan. il primo romanzo psycocyber dell'unica scrittrice riconosciuta dal movimento letterario cyberpunk pp. 240, Lit. 23.000 HACKERS: eroi della rivoluzione del computer Steven Levy. il libro definitivo de ll a storia degli hacker dal 1958 al 1983, pp. 416, Lit. 33.000 AA. VV. STRANI ATTRATTORI Antologia di fantascienza radicale a cura di Rudy Rucker, P.L. Wilson (pi conosciuto come Hakim Bey) e R. Anton Wilson, ed. it. a cura di M. Tavosanis F. Gadducci. Una bomba letteraria a base di sesso biomeccanico, droghe in quantit, postanarchismo milit an te e techno-profezie per il nostro caotico futuro. J.G. Ballard, W.S. Burroughs, P. Di Fi li ppo, W. Gibson, R. Kadrey, J. Kohenline, T. Metzger, R. Rucker, L. Shiner, B. Sterling e altri, pp. 304, Lit. 30.000 METROFAGA di R. Kadrey. L'eccezionale primo romanzo di Richard Kadrey duro mai cinico,appassionatamente politico e solleva questioni importanti. pp. 224, Lit. 25.000 L'ERA DEL DIAMANTE Neal Stephenson. Nel secondo, avvicente romanzo di Stephenson, per un errore, l'intera popolazone sta per essere riprogrammata, pp. 432 Lit 35.000 RIBELLIONE NELLA SILICON VALLEY: conflitto e rifiuto del lavoro nel postfordismo a cura di Raf Valvola Scelsi, Raccolta del meglio degli scritti e de lla grafica della straordinaria rivista "Processed World" che si occupa da ormai 15 anni dei problemi dei lavoratori del "terziario avanzato", pp. 192, Lit 23.000 SINTETIZZATORI UMANI (Synners) Pat Cadigan. Secondo strepitoso romanzo della "regina del cyberpunk", pp. 400, Lit. 28.000.

COLLF1fl 1 PIRfT1171 T.A.Z. Hakim Bey. Dalle comunit dei pirati di Captain Mission a lle comunit telematiche Cyberpunk. L'elogio del nomadismo psichico in un saggio che gi un classico de ll e controculture, pp. 175, 80 foto, Lit. 20.000 VIA RADIO Hakim Bey. Dallo stesso autore di

T.A.Z., una raccolta di brevi saggi sull'immediatismo, una strategia di accesso al piacere, "la TV per l'immaginazione quello che il virus per il DNA: la fine" pp. 64, Lit. 8.000 UTOPIE PIRATA: corsari mori rinnegati europei, Peter Lamborn Wilson, esperto di zone temporaneamente autonome, mette a fuoco le caratteristiche dell'organizzazione pirata: corsari, sufi, pederasti, irresistibili donne, schiavi, avventurieri, ribelli irlandesi, ebrei eretici, spie britanniche ed eroi popolari radicali... la popolazione di queste ormai mitiche comunit insurrezionali. pp. 160, Lit. 18.000 MILLENNIUM Dalle taz a ll a rivoluzione Hakim Bey, pp. 96, Lit. 18.000.
COLLFII711:1 BLFICHPRO177ETHEUS CON OGNI MEZZO NECESSARIO Malcolm X I discorsi e le interviste dell'ultimo

an no di vita. Uno strumento indispensabile per la conoscenza delle lotte radicali nere, pp. 224, Lit. 25.000 SENZA ILLUSIONI a cura di Bruno Cartosio. Antologia sui neri americani dalle Black P an ther a ll a rivolta di Los Angeles. Contributi dei migliori saggisti afroamericani, pp. 272, Lit 28.000 PANTERE NERE Paolo Bertella Farnetti. Il libro sull'organizzazione politica che pi ha acceso l'immaginazione di varie generazioni di giovani rivoluzionari e ribelli: il Partito delle Pantere nere, pp. 288, 100 foto Lit. 25.000.
COLLRI71:1 RE/SEFIRCH RE/SEARCH Edizione italiana W.S. BURROUGHS B. GYSIN Nuova edizione aggiornata, dopo la mo rt e dell'unico scrittore veramente geniale dei nostri tempi, pp. 272 Lit. 25.000 RE/SEARCH Edizione italiana J.G. Ba ll ard. Antologia del grande anticipatore del futuro

COLLFIF111 UI7DERGROUI7D PASTO NUDO a fumetti Professor Bad Trip. Il classico sulle droghe illustrato dal grande cerimoniere acido. Introduzione di Fernanda Pivano, pp. 80, Lit 20.000 - L'OCCHIO NELLA PIRAMIDE Primo volume della trilogia GLI ILLUMINATI R. Shea R.A.

Wilson. Questo romanzo si snoda tra magistrali fantasie paranoiche e un'intrigante analisi dell a realt "occulta" pp. 304 Lit. 23.000 VERE ALLUCINAZIONI Terence McKenna. Il pi gr an de studioso di psichedelia contemporaneo, in un romanzo verit, un viaggio alla ricerca del pi potente allucinogeno, pp. 248 Lit 23.000 CENTRI SOCIALI: geografie del desiderio, a cura di Consorzio Aaster, Centro sociale Leoncavallo, Centro sociale Cox 18,

prossimo venturo. Contiene 29 saggi originali inediti di non-fiction, pp. 272, Lit. 20.000 RE/SEARCH Edizione italiana MEDUSE CYBORG Antologia di donne arrabbiate Terzo volume dell'edizione italiana di Re/Search, una serie di lunghe interviste a donne arrabbiate che rappresentano diverse esperienze e una comune tensione verso un femminismo moderno e radicale, pp. 349, Lit. 32.000 RE/SEARCH Edizione italiana MANUALE DI CULTURA INDUSTRIALE a cura di Paolo Bandera, il testo una guida a ll a filosofia e all'attivit di un gruppo di artisti devianti che si distinto per aver avuto l'intuizione del crollo de ll a civilt industriale, pp. 288, Lit 28.000.

Interessi correlati