Sei sulla pagina 1di 5

Solaris

RISVEGLIA LA TUA LIBERTA PROFONDA Con la visione del film Le ali della libert di F. Darabond Agriturismo Borgo di Tragliata (RM) 3 e 4 Luglio 2004

8 Seminario di Cinematerapia

Se non sono per me stesso, chi sar per me? Se sono per me stesso soltanto, che cosa sono? Se non ora - quando? Talmud I valori trattati da questo film sono molti. Ma ancora pi importante che si tratta di valori fondamentali per la vita degli individui. Questo film riuscito magistralmente a parlare di Libert e a mettere insieme gli elementi essenziali che la costituiscono, quali la Tenacia, la Bellezza e la Speranza. Senza anche soltanto uno di questi valori, la Vita non sarebbe possibile. Ma per giungere alla Libert e creare Bellezza dobbiamo attraversare il fiume di odio che inquina e uccide il nostro progetto profondo. Tratto dal racconto Rita Hayworth and the Shawshank Redemption di Stephen King, la voce narrante quella dell'ergastolano Red che racconta la storia del suo grande amico Andy Dufresne, un bancario del New England condannato ad un doppio ergastolo per un doppio omicidio. Siamo nel 1946 e i primi 2 anni di carcere di Andy sono i peggiori. Egli conosce la violenza, ma si conquista anche la fiducia dei suoi compagni osando sfidare il terribile capitano delle Guardie. Il direttore Norton intuisce le doti di Andy e fa in modo di accattivarselo concedendogli piccoli privilegi: protezione dai violenti, dalla brutalit delle guardie, permessi per sviluppare la biblioteca. La Libert. La storia dell'Umanit storia della libert. Essa ha inizio quando l'uomo diventato consapevole della propria esistenza - spezza il legame che lo lega alla Natura entro la quale era immerso. L'esistenza umana comincia quando l'adattamento alla Natura perde il suo carattere coercitivo; quando il modo di agire non pi fissato da meccanismi ereditari. In altre parole, sin dall'inizio, Esistenza umana e Libert sono inseparabili. La storia individuale ha quindi inizio con la separazione dalla madre e con il primo respiro indipendente. Lo sviluppo della storia ha determinato il dominio sulla Natura, la crescita della ragione, ma ha causato anche isolamento, insicurezza, solitudine. Dalla fine del Medioevo in poi cresciuta la libert degli uomini rispetto alla Natura e ai legami della tradizione e delle consuetudini del passato. Questa accresciuta libert ha determinato, per, una perdita di significato dell'esistenza: l'uomo si sente solo, anonimo, impotente. Vive in modo spersonalizzante il lavoro e - ridotto al ruolo di consumatore - avverte la propria limitatezza. La storia moderna dell'Occidente, ha spesso visto gli uomini fuggire dalla propria libert: cedere la libert mantenendo l'appartenenza alla Societ, luogo di sicurezza contro la solitudine. Nella societ dominata dal denaro e dal consumo, l'uomo concepisce se stesso come una cosa in vendita. Luomo alienato diventa estraneo a se stesso, non si riconosce come

8 Seminario di Cinematerapia - Risveglia la tua Libert profonda 3/4 Luglio 2004, Agriturismo Borgo di Tragliata (RM)

centro del proprio mondo e come protagonista delle proprie scelte, ma i suoi atti diventano i suoi stessi padroni e a questi si sottomette. Egli diventa schiavo del possesso. La recente storia del Novecento la storia della fuga delluomo nel conformismo delle ideologie e nella sicurezza dei regimi totalitari, quando non addirittura negli integralismi religiosi ed estremismi dellintolleranza. Dice Erich Fromm, allievo dei grandi Adorno, Marcuse e Horkenheimer: L'uomo moderno, liberato dalle costrizioni della societ preindividualistica, che al tempo stesso gli dava sicurezza e lo limitava, non ha raggiunto la libert nel senso positivo di realizzazione del proprio essere: cio di espressione delle sue potenzialit intellettuali emotive e sensuali. Pur avendogli portato indipendenza e razionalit, la libert lo ha reso isolato e, pertanto, ansioso e impotente1. Ma lindividuo - dice Antonio Mercurio - ha sempre una possibilit di scelta: anche nelle condizioni pi estreme e nelle circostanze pi difficili, rimane sempre una pur ridottissima scintilla di libert. La conoscenza. Andy ancora non sa che deve passare del tempo prima di capire cosa veramente accaduto, e perch stato condannato pur non avendo ucciso. Devono passare molti anni prima che Andy cominci a riflettere su se stesso, con quali qualit ha trascorso la sua vita e su quali valori egli lha fondata. Andy deve ancora capire: deve prima cominciare a conoscersi intimamente e autenticamente. Prima di poter comprendere e poter scegliere, deve giungere fino alle sue parti pi lontane, profonde ed oscure. Afferma G. I. Gurdjieff: Liberazione: questo deve essere lo scopo delluomo. [] Ma (egli) non pu cessare dessere schiavo esteriormente finch resta schiavo interiormente. Cos per diventare libero, deve conquistare la libert interiore. La prima ragione della schiavit interiore delluomo la sua ignoranza di se stesso. Senza la conoscenza di S, [] luomo non pu essere libero, non pu governarsi e rester sempre uno schiavo, in balia delle forze che agiscono su di lui. Ecco perch negli insegnamenti antichi, la prima richiesta a chi si metteva sulla via della liberazione era Conosci te stesso.2 Un altro elemento la Bellezza. Luomo non pu vivere senza Bellezza: e senza Bellezza non pu esservi Libert. Andy pone sul giradischi Le Nozze di Figaro facendo dire a Red: Quelle voci si libravano nellaria ad unaltezza che nessuno di noi aveva mai osato sognare. Era come se un uccello meraviglioso fosse volato via dalla grande gabbia in cui eravamo facendola dissolvere nellaria. E per un brevissimo istante tutti gli uomini di Shawshank si sentirono liberi. La Bellezza libera gli uomini e non solo quelli di Shawshank: essa permette di immaginare, di pensare, di intuire e di sognare. La Bellezza permette di sperare anche quando siamo sprofondati nel buio e la luce solo un ricordo. Andy regala a Red unarmonica, e questi talmente commosso da non riuscire neppure a parlare, neppure a tentare di suonarla. La musica - dice Andy - serve per non dimenticare che al mondo ci sono posti che non sono fatti di pietra. E per non dimenticare che c qualcosa dentro di te che nessuno ti pu togliere se tu non vuoi: la speranza. Solo quando notte - timidamente e quasi di nascosto - Red si permette un piccolo fiato di musica: Red si concede un piccolo fiato di bellezza e di speranza. Tenacia. La Libert si costruisce con tenacia, pazienza, perseveranza. Dopo aver trascorso due anni a scrivere una lettera a settimana, Andy riceve un assegno di 200 dollari per ampliare la biblioteca. Ma invece di ritenersi soddisfatto, comincia a scrivere due lettere a settimana, e finalmente dopo sei anni, riceve un finanziamento permanente e un mucchio di libri e di dischi. Quanta perseveranza poni nel coltivare la tua Libert? Sei disposto a combattere giorno dopo giorno - vincendo la paura - centimetro dopo centimetro? O ti fai sconfiggere dai pensieri negativi, dalla paura e ti accontenti del premio di consolazione? Se il pensiero non bene di molti, ma soltanto privilegio di pochi - dice Bertrand Russel - lo dobbiamo alla paura. E' la paura che limita gli uomini - paura che le loro amate credenze si rivelino delle illusioni, paura che le istituzioni con cui vivono si dimostrino dannose, paura di dimostrarsi essi stessi meno degni di rispetto di quanto avessero supposto di essere.

1 Fromm E., Fuga dalla Libert, Edizioni di Comunit, 1980. 2 Ouspensky P.D., Frammenti di un insegnamento sconosciuto, Astrolabio, Roma, 1976.

8 Seminario di Cinematerapia - Risveglia la tua Libert profonda 3/4 Luglio 2004, Agriturismo Borgo di Tragliata (RM)

grazie alla tenacia che Andy - con un martelletto da roccia, notte dopo notte per diciannove anni - scava la sua strada verso la libert, mentre Red - privo di speranza - pensava che ce ne sarebbero voluti seicento. La colpa. largomento pi difficile da trattare, ma questo film riesce ad esporlo in modo davvero artistico. Andy non ha commesso alcun omicidio e tuttavia rimane in prigione per quasi ventanni, perseguitato dal suo carnefice, il direttore Norton. Se volessimo, potremmo immaginare che si trattato solo di sfortuna: la sfortuna vola nellaria e ogni tanto piomba su qualcuno. Ma questa interpretazione sic et simpliciter non ci aiuta: anzi ci fa sprofondare ancora di pi nellimpotenza e nel dolore. Proviamo invece ad ascoltare le parole di Andy: mia moglie si lamentava sempre che ero un uomo difficile, un libro chiuso Lamavo, ma non riuscivo a dimostrarglielo. Non ho premuto il grilletto, ma lho tenuta lontana. morta per colpa mia, per come sono io!. Dopo ventanni, Andy finalmente confessa la sua colpa reale: lodio verso se stesso e verso la sua compagna. La verit che lodio lo ha portato diventare chiuso, freddo e corazzato: lodio che lo ha condotto a distruggere la Bellezza del loro amore. lodio che crea il carceriere interiore. Questa la colpa di Andy e questa spesso la colpa reale dellUomo: in un mondo di ladri dove tutti si dichiarano innocenti, in verit siamo imprigionati dentro lodio e siamo ancora attaccati alle ferite del passato. Il nostro Io onnipotente reclama vendetta come un Faraone oltraggiato: lorgoglio dellIo onnipotente non pu piegarsi e accumula odio che poi viene puntualmente rimosso e dimenticato. Ma la rimozione non efficace come sembra: lodio dal fondo, continua ad agire, come brace che brucia nascosta dalla cenere. Poi un giorno la sfortuna (?) bussa alla porta e per Andy il carceriere interiore diventa reale: Norton un vero carnefice, un tiranno che lo perseguita e lo sevizia. Andy ci spiega per che non si tratta di coincidenza, casualit, imponderabilit della vita o di semplice sfortuna. Andy Dufresne ci insegna che i veri pericoli sono il nostro odio che non sappiamo riconoscere e il nostro orgoglio che non ci permette di essere morbidi e flessibili, che non ci fa piegare quando il vento della Vita chiede di saper mostrare la vera umilt, che non ci permette di perdonare e perdonarci. Solo dopo che Norton fa uccidere Tommy, il bulletto detto Mister Rock n Roll che poteva scagionarlo, allora Andy comincia finalmente a vedere chiaro dentro di s, comprende la sua vera colpa, prende la sua decisione e si perdona. O fai di tutto per vivere, o fai di tutto per morire. La soluzione dentro di noi: non bisogna attendere che esternamente qualcuno ci scagioni. Il cambiamento e la decisione sono processi interiori che spettano solo a noi. Se riusciamo a vedere fino in fondo la nostra colpa reale, se riusciamo a tenere gli occhi aperti malgrado il terrore di guardarci dentro con totale verit, se riusciamo a mantenere viva la bellezza dentro di noi, con tenacia instancabile e con speranza, allora possiamo attenderci di uscire dalla nostra prigione interiore, trasformare la nostra identit (diventando ad esempio Randall Stevens) e andare a Ziwataneo, nel Messico, sulla costa del Pacifico. In un posto caldo e senza memoria. Voglio aprire un piccolo hotel davanti alla spiaggia, prendere una vecchia barca senza valore e rimetterla a nuovo. E farla usare ai clienti che vogliono pescare. Il Pacifico? - dice Red - E chi ci sa convivere con una cosa cos grande?. A me non fa paura. Qualunque errore io abbia commesso, ho pagato pi del dovuto. La Libert profonda e autentica una cosa grande come il Pacifico, dove bagnarsi e imparare a nuotare. Questo il messaggio pieno di speranza che da Andy giunge fino a Red il quale nel suo ultimo commento dice: La speranza una cosa buona. Forse la migliore delle cose. E le cose buone non muoiono mai Spero di farcela ad attraversare il confine Spero di rincontrare il mio amico e stringerli la mano Spero che il Pacifico sia azzurro come nei miei sogni Spero .

Conoscerete la verit, e la verit vi far liberi Il Vangelo (Gv 8,32) 3

8 Seminario di Cinematerapia - Risveglia la tua Libert profonda 3/4 Luglio 2004, Agriturismo Borgo di Tragliata (RM)

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

Cinematerapia

Metodologia dei Seminari


I Seminari di Cinematerapia sono di tipo pratico-esperenziale e non sono conferenze teoriche. I fondamenti teoretici fanno riferimento allAntropologia Personalistica Esistenziale, disciplina di ricerca fondata dal Prof. Antonio Mercurio intorno al 1970 a postulato della Sophia University of Rome. La metodologia applicata fondamentalmente di tipo esistenziale e sistemico, fondata sul pensiero intuitivo e qualitativo, piuttosto che su quello razionale-quantitativo. Nei Seminari viene proposto di sperimentare direttamente ed in prima persona gli argomenti e le metodologie operative della Cinematerapia. Si invita quindi ad abbandonarsi alle emozioni piacevoli e a mettere da parte - per un momento - la critica o lo spirito polemico. Attraverso lespressione artistica, con il teatro, la musica, la prosa, la danza, la pittura e con laiuto del gruppo, si lavora sulla trasformazione delle difficolt e del dolore per creare Bellezza. I Seminari offrono metodiche innovative che hanno due finalit principali: ? la prima quella di migliorare l'auto-conoscenza e la consapevolezza rispetto a determinati nodi esistenziali fondamentali; ? la seconda quella di fornire strumenti concreti per sostenere le persone a modificare realmente la propria esistenza, a prendere decisioni importanti, a scegliere un autentico benessere e migliorare la propria qualit della vita.

Breve descrizione
Il Seminario dopo la visione del film, presenta il lavoro dei piccoli gruppi dove possibile approfondire alcune delle tematiche individuate con la proiezione ed esprimere il proprio vissuto personale e la propria esperienza. Successivamente si passa al lavoro simbolico dove concretamente si mettono in pratica le indicazioni e i suggerimenti dei Conduttori. Il Seminario propone alcuni lavori rappresentativi, dove si utilizza la forza evocativa dei Miti e degli antichi rituali popolari, per proporre spazi ludici-riflessivi. I lavori di concludono con un gruppo finale di ringraziamento, di elaborazione e scambio di ci che si vissuto durante tutto il lavoro.

A chi si rivolgono
A persone interessate alla riflessione profonda sui temi proposti. Non si rivolge a persone con specifiche patologie sia di tipo psicologico o psichiatrico. L'approccio agli argomenti non di tipo medico, ma di tipo esistenziale.

Regole di partecipazione
Nei Seminari pratici viene richiesto un certo grado di coinvolgimento personale e collettivo, che tuttavia rimane sempre una libera scelta individuale. E utile cercare di mantenere una mente aperta - vigile ma non critica - disponendosi interiormente ad accogliere i suggerimenti e tutto ci che potr contribuire al progresso evolutivo della persona. E necessario trascurare tutte le eventuali contraddizioni apparenti che sono destinate ad emergere quando si affrontano argomenti complessi e profondi con una metodologia non analitica. Se alcuni elementi potranno eventualmente non avere senso in un determinato momento, non sempre utile scartarli a priori: forse potranno essere compresi successivamente e comunque possono essere utili ad altri. Non serve tuttavia sforzarsi o costringersi a capire e ad accettare. La capacit di aprirsi e la capacit di ricevere sono come muscoli che vanno allenati e addestrati perch possano compiere efficacemente il loro lavoro. In sintesi: 1. Invitiamo a creare la coralit, confidando nellAltro e nello spirito di gruppo. 2. Invitiamo ad evitare la polemica, i giudizi o critiche agli interventi degli altri. 3. Invitiamo a focalizzare ed esprimere le vostre emozioni e le vostre esperienze personali in riferimento ai temi trattati.

Comunicazioni tecniche
Ai partecipanti che volessero visionare le fotografie dei Seminari precedenti comunichiamo che esse sono disponibili su Internet allindirizzo: www.solaris.it/seminari Ricordiamo che per ragioni di Privacy - la visione e la consultazione di tutti i materiali disponibili strettamente riservata ai partecipanti. Invitiamo quindi a farne un uso privato. Sempre sul Portale www.solaris.it nellArea relativa ai Forum, inoltre disponibile il Forum di Cinematerapia. Questo spazio ha il fine di essere un luogo di incontro e di scambio aperto a tutti ed in particolare per i partecipanti ai Seminari, come strumento di approfondimento e di continuit. Gli argomenti del Forum sono relativi alle tematiche affrontate nel corso dei Seminari.

Biblografia essenziale
S.S.Dalai Lama, Larte della felicit, Mondadori, 1998. McDonald J., Messaggio di un grande maestro, Gribaudi, 2000. Mercurio A, Le leggi della vita, S.U.R., 1996. Mercurio A., La vita come dono e la vita come opera darte spiegata in 41 film, S.U.R., 1995. Mercurio A., Antropologia esistenziale e Metapsicologia personalistica, S.U.R., 1991. Mercurio A., La nascita della Cosmo-Art, S.U.R., 2000.

8 Seminario di Cinematerapia - Risveglia la tua Libert profonda 3/4 Luglio 2004, Agriturismo Borgo di Tragliata (RM)

8 Seminario di Cinematerapia
3 e 4 Luglio 2004 Agriturismo Borgo di Tragliata (RM) ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? PROGRAMMA Sabato 3 Luglio ore 12:00/14:00 Arrivo e registrazione presso la Reception dellAgriturismo ore 15:00 Inizio Seminario ore 15:30 Visione del film Le ali della libert (durata 142) ore 17:45 Coffee break ore 18:00 Lavoro di gruppo sulle emozioni del film ore 18:30 Lavori creativi e Gruppi antropologici ? 1 Gruppo: O fai di tutto per vivere, o fai di tutto per morire. Speranza, Bellezza, Amicizia e Tenacia: come uscire dai nostri tunnel utilizzando questi valori. ? 2 Gruppo: Esploriamo in profondit gli elementi che ci imprigionano e ci costringono allespiazione. Dalla colpa passiamo alla Conoscenza, Libert e Responsabilit. ? ore 20:00 Cena ? ore 21:30 Danza del Coraggio ? ore 22:00 Presentazione della Mappa Stellare e Festa di fine anno ? ? ? ? ? ?

Domenica 4 Luglio ? ore 10:45 Ripresa lavori ? ore 11:00 Qualche minuto di raccoglimento in cui ci predisponiamo ad esprimere la creativit presentando le elaborazioni e le trasformazioni da fare, per volare fuori dalle nostre prigioni interiori (e non), ed approdare allisola dei nostri sogni. ? ore 12:00 Gruppo conclusivo e saluti ? ore 13:45 Pranzo ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?
I Seminari di Cinematerapia sono realizzati da: Dott.ssa Paola Capriani Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Esistenziale Dott. Giampiero Ciappina, Psicologo, Psicoterapeuta, Antropologo Esistenziale Rossana Chiacchierini, Esperta di antichi rituali popolari Per Informazioni: www.cinematerapia.it <pc@solaris.it> 06.97749863

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?
Cinematerapia un Marchio depositato da Solaris presso il Ministero dellIndustria e delle Attivit produttive. Solaris esclusivista in Italia e allestero, ed quindi lunico ad poter legittimamente utilizzare tale Marchio. Altri soggetti che eventualmente lo adoperano, lo fanno senza alcuna autorizzazione e in violazione delle Leggi italiane e comunitarie.