Sei sulla pagina 1di 84

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Corso di

TECNICA DELLE COSTRUZIONI

PROGETTO E VERIFICA DI UN SOLAIO MISTO IN C.A.


Docente: Collaboratori: Prof. Ing. Angelo MASI
Ing. Giuseppe SANTARSIERO Ing. Vincenzo MANFREDI

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Dalla volta al solaio


Il trasferimento dei carichi verticali dello spazio abitabile di un piano alle strutture portanti pu essere realizzato attraverso: 1) Strutture a volta realizzate con materiali resistenti a compressione (es. pietra naturale); 2) Strutture orizzontali realizzate con travi di materiale resistente a flessione (solai)

Schema statico della volta


Prof. Angelo MASI

Schema statico del solaio


2

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

I requisiti richiesti
Requisiti strutturali - Sostegno del peso proprio strutturale, non strutturale e di esercizio; - Sufficiente rigidezza nel piano in modo ridistribuire le azioni orizzontali (sisma) agli elementi verticali e assicurare un comportamento globale uniforme.

Requisiti funzionali e di sicurezza - Limitata deformabilit; - Buon isolamento termico ed acustico; - Sufficiente resistenza al fuoco

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

I solai
Si intendono con il nome di solai le strutture bi-dimensionali piane caricate ortogonalmente al proprio piano con prevalente comportamento resistente mono-direzionale ( 4.1.9, NTC2008)
struttura portante struttura portante

solaio

Direzione delle travi del solaio orditura

luce libera luce di calcolo


Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 4

Tipologie costruttive
Solaio in legno lamellare

Solaio in legno massello

assito di tavole e tavolato

orditura principale

orditura secondaria

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Tipologie costruttive
Voltine in laterizio pieno Profili in acciaio da carpenteria metallica

Solaio in ferro e tavelloni Solaio in ferro e voltine Elemento in laterizio forato Tavellone

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Tipologie costruttive

Elementi portanti

Solaio in c.a. con soletta piena

Nervature in c.a.

Solaio in c.a. con soletta nervata


Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 7

Il solaio misto in c.a. Tipologie


Solaio misto c.a. laterizio con getto in opera getto di cls in opera

Bloccho di alleggerimento o pignatta armatura inferiore casseforma


H=12-25cm

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Il solaio in c.a.. Tipologie


Solaio misto con travetti in c.a. precompresso e getto di completamento in opera

Travetti in cls precompresso


H=12-30cm

pignatta
Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 9

Il solaio in c.a.. Tipologie


Solaio con travetti tralicciati prefabbricati e getto di completamento in opera

Travetti tralicciati
H=12-30cm

pignatta
Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 10

Il solaio in c.a.. Tipologie


Lastre tralicciate o predalles

Traliccio di armatura

fondello in cls armato

Blocchi di alleggerimento in polistirolo


Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 11

Prof. Angelo MASI

Il solaio in c.a.. Fasi realizzative


Posa in opera di un solaio con travetti precompressi e getto di completamento
Blocchi di alleggerimento o pignatta Travetti prefabbricati in cls

Casseforme o casseri
Prof. Angelo MASI

Puntelli di sostegno
12

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Il solaio in c.a.. Fasi realizzative


Posa in opera di un solaio misto con travetti tralicciati e getto di completamento

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

13

Il solaio in c.a.. Fasi realizzative


Elementi di sostegno verticali

Ritti metallici o puntelli


Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 14

Il solaio in c.a.. Fasi realizzative


Posa in opera di un solaio misto con travetti in c.a.p. e getto di completamento

Trave rompitratta Armatura di ripartizione

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

15

Il solaio in c.a.. Fasi realizzative


Posa in opera di un solaio misto con travetti in c.a.p. e getto di completamento

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

16

Progetto e Verifica di un solaio in c.a. gettato in opera


Normativa di riferimento: Fasi operative: scelta dei materiali da utilizzare e definizione delle loro caratteristiche meccaniche di calcolo pre-dimesionamento della sezione dellelemento definizione dei carichi agenti definizione delle combinazioni di carico schematizzazione e modellazione degli elementi strutturali determinazione delle sollecitazioni progetto delle armature verifica dello stato limite ultimo e di esercizio. predisposizione degli elaborati esecutivi del solaio
Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 17

Norme Tecniche per le Costruzioni D.M. 14 gennaio 2008 NTC2008

Prof. Angelo MASI

Progetto e Verifica di un solaio in c.a. gettato in opera


Solaio di piano in struttura intelaiata in c.a. destinata a civile abitazione
Ls1=5m Ls2=5m Lsb=1.4m MATERIALI Trave portante dim. 30x50cm 100cm Fascia di solaio di larghezza unitaria cls C20/25 acciaio B450C L2=5m L1=5m Ls1=5m
Prof. Angelo MASI

Asse della trave

Ls2=5m

Lsb=1.4m
18

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Sezione resistente del solaio


Sezione resistente soletta

nervatura

bo = larghezza travetto cls bp = larghezza pignatta i = interasse travetti

H = altezza totale solaio h = altezza nervatura-pignatta s = altezza soletta cls


19

In genere i solai in latero-cemento vengono definiti attraverso il Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni valore di h e s (es. 16+4cm) Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Pre-dimensionamento della sezione resistente


Indicazioni utili per il pre-dimensionamento dei solai in c.a. misti (dal D.M. 09/01/1996)

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

20

Pre-dimensionamento della sezione resistente

H = 1 / 25 500 = 20cm s = 4cm


i = 50 < 15 4 = 60cm

b o = 10cm < 1 / 8 50 = 6.25cm

b p = 40 < 52cm

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

21

Progetto e Verifica di un solaio in c.a. gettato in opera


Ls1=5m Ls2=5m Lsb=1.4m Trave portante dim. 30x50cm 100cm Fascia di solaio di larghezza unitaria

Solaio di piano di una struttura intelaiata in c.a. destinata a civile abitazione


MATERIALI cls C20/25 acciaio B450C

L2=5m L1=5m Ls1=5m


Prof. Angelo MASI

Asse della trave

Ls2=5m

Lsb=1.4m
22

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Analisi dei carichi

pignatta

8cm

4cm

16

20cm

10
armatura

40cm 50cm

10

cls

100cm

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

23

Analisi dei carichi


Carichi permanenti Strutturali (G1) Peso proprio di tutte le parti strutturali essenziali quali la soletta, la nervatura, le pignatte

Carichi permanenti non strutturali (G2) Peso proprio delle parti non strutturali quali il pavimento, il massetto, le tramezzature interne, lintonaco

Carichi variabili o di esercizio (Q) Definiti dalla norma in funzione delle destinazione duso proprie della struttura (es. abitazione, negozio, parcheggio)

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

24

Gli elementi del solaio in c.a.


massetto sottopavimento (sp. 5-10cm) [G2] isolante termoacustico [G2]

100

cm

cm 100

altezza della nervatura di cls = altezza pignatta (1235cm) [G1]


Prof. Angelo MASI

altezza soletta cls (45cm) [G1]


25

G1 = peso proprio strutturale;Progetto G2 = peso proprio non strutturale [NTC2008] e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Corso di Tecnica delle Costruzioni

Gli elementi del solaio in c.a.


Pavimento [G2]
100 cm
cm 100

armatura di ripartizione (rete elettrosaldata)

intonaco sp. 15mm [G2]


Prof. Angelo MASI

armatura inferiore per momento positivo

blocchi di alleggerimento in laterizio (pignatte) [G1]


26

G1 = peso proprio strutturale;Progetto G2 = peso proprio non strutturale [NTC2008] e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Corso di Tecnica delle Costruzioni

Peso di volume dei principali materiali utilizzati nelle costruzioni

[forato]

[8,0]

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

27

Analisi dei carichi


Analisi dei carichi riferiti alla striscia di solaio (interno) di larghezza 1.0m Campate interne Soletta Laterizi Nervature Altezza Larghezza p. spec. (m) (m) [N/m3] 0.04 0.16 0.16 1.0 0.8 0.2 25000 8000 25000 Carico lineare [N/m] 1000 1024 800 2824 N/m 1440 360 400 800 3000 N/m
28

Carico G1 per metro di lunghezza Totale Massetto Intonaco Pavimento Incidenza tramezzi 0.08 0.02 0.02 -1.0 1.0 1.0 -18000 18000 20000 --

Carico G2 per metro di lunghezza Totale


Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Analisi dei carichi


Come si valuta lincidenza del carico delle partizioni interne (tramezzi)?

Estratto dal cap. 4 del D.M. 14.01.2008, NTC2008

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

29

Analisi dei carichi


Tramezzature (o partizioni interne): il carico pu essere schematizzato come uniformemente distribuito sulla superficie, purch i solai abbiano unadeguata capacit di ripartire i carichi ( 3.1.3.1)

Muratura di mattoni forati (b=10cm, h=280 cm) Peso specifico muratura (senza intonaco) =8 kN/m3 h L=1m b
Prof. Angelo MASI

G2,M = *b*h*L= 8*0.1*2.8*1= 2.24 kN/m Peso specifico della malta di calce (intonaco) =18 kN/m3 G2,I = *b*h*L= 18*0.02*2.8*1= 0.45 kN/m G2 = G2,M+G2,I = 2.69kN/m g2=1.2 kN/m2
Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 30

Analisi dei carichi


Analisi dei carichi riferiti alla striscia di solaio (sbalzo) di larghezza 1.0m sbalzo Soletta Laterizi Nervature Altezza Larghezza p. spec. (m) (m) [N/m3] 0.04 0.16 0.16 1.0 0.8 0.2 25000 8000 25000 Carico lineare [N/m] 1000 1024 800 2824 N/m 720 360 400 70 1550 N/m
31

Carico G1 per metro di lunghezza Totale Massetto Intonaco Pavimento Guaina imperm. 0.04 0.02 0.02 -1.0 1.0 1.0 -18000 18000 20000 --

Carico G2 per metro di lunghezza Totale


Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Analisi dei carichi


Valori dei carichi di esercizio per le diverse categorie di edifici (3.1.4, NTC2008)

Carichi lineari Carichi puntuali Carichi di superficie

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

32

Analisi dei carichi


Peso di volume dei principali materiali utilizzati nelle costruzioni (3.1.4, NTC2008)

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

33

Combinazioni di calcolo delle azioni


COMBINAZIONI PER LE VERIFICHE ALLO STATO LIMITE ULTIMO

Fd = G1 G1 + G2 G2+ qQk1 + (i>1) q 0i Qki


COMBINAZIONI PER LE VERIFICHE ALLO STATO LIMITE DI ESERCIZIO Combinazioni rare: Combinazioni frequenti: Combinazioni quasi permanenti: G1 G2 P Qk1 Qki 0i, 1i, 2i

Fd = G1 + G2 + P + Qk1 + (i>1) 0i Qki Fd = G1 + G2 + P + 1i Qk1 + (i>1) 2i Qki Fd = G1 + G2 + P + (i>1) 2i Qki

valore nominale delle azioni permanenti strutturali valore nominale delle azioni permanenti non strutturali valore nominale delle azioni di precompressione valore caratteristico dellazione variabile di base di ogni combinazione valore caratteristico delle altre azioni variabili coefficienti di combinazione
Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 34

Prof. Angelo MASI

Coefficienti parziali per le azioni (F)


Coefficienti parziali per le azioni F nelle verifiche SLU ( 2.6.1, NTC2008) F Carichi permanenti G1 Carichi permanenti NON strutturali G2 Carichi variabili Q Favorevoli Sfavorevoli Favorevoli Sfavorevoli Favorevoli Sfavorevoli G1 1.0 1.3 0.0 1.5 0.0 1.5

G2

Qi

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

35

Combinazioni di calcolo delle azioni


I Coefficienti di combinazione destinazione duso dei locali

(0j; 1j; 2j) sono funzione della

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

36

Lo schema statico
Per la valutazione delle caratteristiche di sollecitazione il (M, V) il solaio viene schematizzato come una trave continua su pi appoggi

Carico uniformemente distribuito

Sezione resistente Ls1=5m Ls2=5m Lsb=1.4m B=50cm

G1, G2, Q
bo=10cm
A
Ls1 L s2 Lsb

Qual la condizione di carico che massimizza gli effetti?

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

37

Le combinazione di carico

C Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 38

Prof. Angelo MASI

La combinazione a scacchiera
Disposizione dei carichi per la valutazione dei massimi momenti positivi M+ in campata

Campata 1

Campata 2

Campata 3

Campata 4

Campata 5

Disposizione dei carichi per la valutazione dei minimi momenti negativi M- sugli appoggi

Campata 1

Campata 2

Campata 3

Campata 4

Campata 5

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

39

Le combinazione di carico
Combinazione1: maxM(+)_AB; minM(-)_C
1.5 x Q 1.5 x G2 1.3 x G1 1.0 x G1 1.5 x Q 1.5 x G2 1.3 x G1

L = 5m

L = 5m

L = 1.4m

Combinazione2: maxM(+)_BC
1.5 x Q 1.0 x G1 1.5 x G2 1.3 x G1 1.0 x G1

L = 5m

L = 5m

L = 1.4m

A Prof. Angelo MASI

B C Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

D 40

Le combinazione di carico
Combinazione3: minM(-)_B, maxV_B
1.5 x Q 1.5 x G2 1.3 x G1 1.0 x G1

L = 5m

L = 5m

L = 1.4m

Combinazione4: minM(-)_C; maxV_C


1.5 x Q 1.0 x G1 1.5 x G2 1.3 x G1

L = 5m

L = 5m

L = 1.4m

A Prof. Angelo MASI

D 41

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Lo schema statico
Per la valutazione delle caratteristiche di sollecitazione il (M, V) il solaio viene schematizzato come una trave continua su pi appoggi

Carico uniformemente distribuito

Sezione resistente Ls1=5m Ls2=5m Lsb=1.4m B=50cm

G1, G2, Q
bo=10cm
A
Ls1 L s2 Lsb

Per portare in conto le reali condizioni di vincolo in A si valuta un momento di semi-incastro pari a Msd = qL^2/18
Prof. Angelo MASI 42

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Diagramma delle sollecitazioni. Momento


L = 5m L = 5m L = 1.4m

Diagramma di inviluppo delle sollecitazione di momento di calcolo Msd


-20000 -15000 -10000 [kN/mm] -5000 0 5000 10000 15000 [m] 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Cond 1 Cond 2 Cond 3 Cond 4 11

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Fibre tese inferiorifibre compresse superiori 43

Diagramma delle sollecitazioni. Momento


L = 5m L = 5m L = 1.4m

Diagramma di inviluppo delle sollecitazione di momento di calcolo Msd


-20000 -15000 -10000 [kN/mm] -5000 0 5000 10000 15000 [m] 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Cond 1 Cond 2 Cond 3 Cond 4 11

Momento negativo da semi-incastro


Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Fibre tese superiorifibre compresse inferiori

44

Diagramma delle sollecitazioni. Taglio

L = 5m

L = 5m

L = 1.4m

A
20,00 15,00 10,00 5,00 [kN] 0,00 -5,00 0 -10,00 -15,00 -20,00 1 Cond 1 Cond 2 Cond 3 Cond 4 2 3 4

10

11

[m]

Diagramma di inviluppo delle sollecitazioni di taglio di calcolo Vsd


Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 45

Le sollecitazioni di calcolo
I valori delle sollecitazione (M, V) con i quali effettuare le operazioni di progetto/verifica sono ottenuti dal diagramma di inviluppo delle combinazioni di carico
Sezione resistente in c.a.
D

L = 5m

L = 5m

L = 1.4m

M [kNmm] Appoggio A Campata A-B Appoggio B Campata B-C Appoggio C


Prof. Angelo MASI

Vsx [kN] --15.1 -11.4

Vdx [kN] 10.2 -14.7 -8.4


46

-6750 10257 -14012 8732 -5890

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Scelta dei materiali: diagrammi tensioni-deformazioni


DIAGRAMMI DI CALCOLO TENSIONI DEFORMAZIONE DEL CLS
fcd fcd fcd

0.20%

(a)

0.35%

0.175%

(b)

0.35%

0.07%

(c)

0.35%

a) parabola-rettangolo; b) triangolo-rettangolo; c) rettangolo (stress block)


DIAGRAMMI DI CALCOLO TENSIONI DEFORMAZIONE DELLACCIAIO
Kfyd fyd arctg Es yd (a) ud uk fyd arctg Es yd (b) attenzione: nel modello (b) si pu limitare la deformazione ultima (es. ud = 1%) nota: nel modello (a) K il rapporto di incrudimento. (1.35 > K 1.15)

a) bi-lineare con incrudimento; b) elastico-perfettamente plastico indefinito


Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 47

Scelta dei materiali: Resistenze di Calcolo


Le resistenze di calcolo si valutano mediante lespressione:

fk fd = m
dove fk la resistenza caratteristica, m il coefficiente parziale del materiale. La norma NTC prescrive per elementi in c.a.:

M
Calcestruzzo Acciaio per c.a.

1.5 1.15

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

48

Scelta dei materiali: Resistenze di Calcolo


Calcestruzzo
Resistenza di calcolo a compressione: f cd dove: f ck = R ck 0.83
f = cc ck c
fcd

cc = 0.85

c = 1.5

0.20%

Resistenza media a trazione: f ctm = 0.3 f ck 2 / 3 Modulo elastico:

(a)

0.35%

E cm = 22000 [f cm / 10]0.3
Modulo di Poisson: = 0.2

dove: f cm = f ck + 8

[NOTA: unit in N/mmq]

[NOTA: per cls fessurato si pu = 0]

ipotizzando limpiego di un calcestruzzo C20/25 (Rck = 25 N/mm2; fck = 20N/mmq) si ha: 2 0.85 25 0.83 2 f = 2 . 2 N / mmq E = 30200 N/mm ctm f cd = = 11.7 N/mm cm 1.5
Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 49

Scelta dei materiali: Resistenze di Calcolo


Acciaio
Resistenza a trazione:

f yd =

f yk s

dove: s = 1.15

fyd arctg Es yd (b)

Modulo elastico: Es = 210000 N/mm2 Deformazione al limite elastico:

yd =

f yd Es

Per un acciaio B450C: fyk = 450 N/mm2

f yd

450 = = = 391.3 N/mm 2 s 1.15

f yk

yd =

f yd Es

391.3 = 1.83% 210000


50

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Il progetto delle armature


Il progetto delle armature consiste nel dimensionare larea minima di acciaio, tale che in fase di verifica risulti in ogni sezione:

M Rd M Sd
In via semplificativa larea minima di armatura resistente a flessione pu essere valutata attraverso:

A f min = M d (0.9 d f yd )
Inoltre, in corrispondenza della sezione di appoggio, deve essere disposta unarea di armatura minima inferiore tale che:

A f min = VSd f yd
NOTA: Nella disequazione di verifica il valore del momento resistente deve essere valutato con il valore effettivo di armatura disposta.
Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 51

Il progetto delle armature


Sezione resistente del travetto di solaio in c.a.

B=50cm

d =17cm

s =4cm
MATERIALI

d =3cm bo=10cm

cls C20/25 acciaio B450C

La definizione dellaltezza utile (d) presuppone la valutazione del valore del copriferro (strato di cls posto per garantire la protezione delle armature dalla corrosione p.to 4.1.6.1.3 della NTC08)

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

52

Il copriferro - interferro
Estratto dalla NTC08 (D.M. 14/01/2008)

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

53

Il copriferro
In funzione delle condizioni ambientali e della classe di resistenza del cls deve essere utilizzato un valore del copriferro secondo quanto riportato nella tabella (circolare NTC2008 C4.1.6.1.3):

Per classi di cls C < Cmin il valore del copriferro deve essere aumentato di 5mm
Prof. Angelo MASI 54

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Il progetto delle armature


La norma NTC08 prescrive che in ogni sezione deve essere disposto almeno un valore minimo di armatura longitudinale:

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

>

A s , min = 0.26

2 .2 100 170 = 21.6mmq 450

0.0013 100 170 = 22.1mmq


55

Il progetto delle armature


A
L = 5m

B
L = 5m

C
L = 1.4m

sezione Asup Ainf AB Bsup Binf BC Csup Cinf

Msd [kNm] 6.75 -10.26 14.01 -8.73 5.89 --

Vsd [kN] -10.2 --15.1 --11.4

As(M) [cm2] 1,12 -1,70 2,34 -1,46 0,98 --

As(V) [cm2] -0,27 --0,39 --0,30

As,min [cm2] 0.22 -0.22 0.22 -0.22 0.22 --

As,eff [cm2] 1.13 (1.54) 0.5 2.04 3.08 0.5 1.57 (2.04) 1,13 (1.54) 0.50 112 (114) 18 114+18 214 18 210 (114+18) 112 (114) 18
56

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Il progetto delle armature


A
L = 5m

B
L = 5m

C
L = 1.4m

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

57

Le verifiche di sicurezza a flessione


La verifica di sicurezza si effettua confrontando il momento resistente Mrd con quello agente. La verifica soddisfatta se risulta:

M Rd M Sd
La procedura per la verifica di sicurezza a flessione si compone delle seguenti fasi: 1) Valutazione del momento resistente Mrd
1.1) Posizione dellasse neutro 1.2) Determinazione del Momento Resistente Mrd

2) Confronto tra il Momento resistente Mrd e quello agente Msd

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

58

Le verifiche di sicurezza a flessione


La procedura per la valutazione della posizione dellasse neutro si pu sintetizzare in 5 passi: 1) si ipotizza la regione di rottura e una posizione di tentativo dellasse neutro; 2) sulla base dellip. 1 si valuta la tensione dellacciaio teso/compresso (snervato o in fase elastica) e il coefficiente 3) si impone lequilibrio alla traslazione e si determina la posizione dellasse neutro 4) si itera le fasi (1)-(2) con il valore di x determinato in (3) fino a ridurre lo scarto relativo tra due iterazioni 5) nota la posizione dellasse neutro (e di ) si calcola il valore del momento resistente imponendo lequilibrio alla rotazione NOTA: per le regioni da 1 a 4 il valore di x univocamente determinato dalla (3) ipotizzando la sola condizione (snervato o in fase elastica) dellacciaio teso/compresso. Il valore di costante Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni 59
Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Verifiche a flessione semplice


Sezione della campata A-B. Ipotizziamo che lasse neutro della sezione ricada entro lo spessore della soletta s e sia in regione 2 a.n. c =< x < xlim; = 0.809; = 0.416
x lim = 0.35 % h 0.0035 170 = = 111 .6 mm 0.35 % + yd 0.0035 + 0.00183
0.35% B=50cm
s

fcd x xlim
C

d=17cm

0.41x

c 114+18
Prof. Angelo MASI

sy

F (acciaio teso)
60

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Verifiche a flessione semplice


La posizione dellasse neutro valutata imponendo lequilibrio alla traslazione delle risultanti di compressione e di trazione:
N Rd = B x f cd + A s f yd = 0 x = A s f yd B f cd = 204 391 .3 = 16 .8 < 111 .6 mm = x lim 500 0.81 11 .7

La rottura avviene nella regione 2


0.35% B
s

fcd x xlim
C

d=17cm

0.41x

c 114+18
Prof. Angelo MASI

yd

F (acciaio teso)
61

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Verifiche a flessione semplice


Il valore del momento resistente valutato imponendo lequilibrio alla rotazione delle risultanti di trazione e di compressione rispetto a qualsiasi asse (es. passante per H/2):
MRd = B x f cd H 2 x + As f yd (H 2 c)
MRd = 500 0.81 16.8 11.7 (100 0.41 16.8) + 204 391.3 (100 30) = 13000112Nmm
0.35%
B

x xlim
H d

fcd

0.41x

b Prof. Angelo MASI

yd

F (acciaio teso)
62

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Le verifiche di sicurezza a flessione


Schema statico
L = 5m L = 5m L = 1.4m

Sezione resistente

As,eff sezione Asup AB Bsup BC Csup [cm2] 1.54 2.04 3.08 2.04 1.54 114 114+18 214 114+18 114

Msd [kNm] 6.75 10.26 14.01 8.732 5.890

Mrd [kNm] 8.60 12.99 17.20 12.99 8.60

Verifica Mrd Msd Ok Ok Ok Ok Ok

In ogni sezione il valore di Mrd maggiore di Msd. Larea di acciaio nelle parte inferiore delle sezioni di appoggio maggiore a quella strettamente necessaria valutata in funzione della sollecitazione di taglio.
Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 63

Le verifiche di sicurezza a flessione

114

214

114

L = 5m

L = 5m

L = 1.4m

114+18
-20000 -15000 -10000 [kN/mm] -5000 0 5000 10000 0 1 2 3 4 5

114+18
Cond 1 Cond 2 Cond 3 Cond 4 6 7 8 9 10 11

Prof. Angelo MASI

15000

Corso di Tecnica delle Costruzioni [m] Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

64

La verifica di sicurezza
A causa delle lesioni diagonali a taglio lo sforzo nellarmatura longitudinale tesa allascissa z = a dallappoggio prodotto dal momento flettente che si verifica nella sezione di ascissa

z = a + d*/2(cot-cot)
Operativamente questo comporta che la verifica dellarmatura longitudinale tesa debba essere effettuata traslando il diagramma del momento di calcolo per lo stato limite ultimo della quantit

d*/2(cot-cot)
Nel caso in esame, ponendo = 45 e = 0 (elementi non armati a taglio) e d* = 0.9d, ogni ordinata del diagramma dei momenti deve essere traslato, nel senso di una maggiorazione dellarea del diagramma, di un valore pari a:

0.9 x 170/2 = 76.5mm (trascurabile)


Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 65

Diagramma del momento agente - resistente

L = 5m

L = 5m

L = 1.4m

-20000 -15000 -10000 [kN/mm] -5000 0 5000 10000 15000 0

Mrd214 Mrd114
1 2

Cond 1 Cond 2 Cond 3 Cond 4 9 10 11

Mrd114
3 4 5 6 7

Mrd114
8

Mrd114+18
[m]

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

66

-20000 -15000 -10000 [kN/mm] -5000 0 5000 10000 15000 0

Diagramma del momento agente - resistente


Mrd214 Mrd114
1 2

Cond 1 Cond 2 Cond 3 Cond 4

Mrd114
3 4 5 6 7

Mrd114
8 9 10

11

Mrd114+18
[m]

114 L = 320 114 L = 222


30 120 60 60 60 215 100 100 60

114 L = 927
500 137 15

15 500

114+18 L = 1179
500 137

15

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

67

Lancoraggio delle barre

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

68

Lancoraggio delle barre


Le barre di armatura devono essere ancorate nelle zone di cls compresso per una lunghezza idonea a prevenire lo sfilamento. La lunghezza di ancoraggio valutata ipotizzando uno sviluppo costante delle tensioni di aderenza entro la lunghezza di ancoraggio (ipotesi di Brice) lmin
ad

fbd

La lunghezza di ancoraggio determinata imponendo lequilibrio alla traslazione della forza di tiro agente nella barre (F) e della risultante delle forze di aderenza nel cls

F = f bd p dx
0

F = f yd A f = f bd p l

l min = f yd d 4f bd
Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 69

Lancoraggio delle barre

fctk = 0.7 x fctm = 1.54N/mmq


Prof. Angelo MASI (11.2.10.2

NTC08)Corso di Tecnica delle Costruzioni

fbd = 2.31N/mmq

70

Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Scelta dei materiali: Resistenze di Calcolo


Calcestruzzo
Resistenza di calcolo a compressione: f cd dove: f ck = R ck 0.83
f = cc ck c
fcd

cc = 0.85

c = 1.5

0.20%

Resistenza media a trazione: f ctm = 0.3 f ck 2 / 3 Modulo elastico:

(a)

0.35%

E cm = 22000 [f cm / 10]0.3
Modulo di Poisson: = 0.2

dove: f cm = f ck + 8

[NOTA: unit in N/mmq]

[NOTA: per cls fessurato si pu = 0]

ipotizzando limpiego di un calcestruzzo C20/25 (Rck = 25 N/mm2 - fck = 20N/mmq) si ha: 2 0.85 25 0.83 2 f = 2 . 2 N / mmq E = 30200 N/mm ctm f cd = = 11.7 N/mm cm 1.5
Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 71

Lancoraggio delle barre


Nel caso in esame, utilizzando barre 8, 14 la lunghezza di ancoraggio :

l min(8) = f yd d (4f bd ) = 391.3 8 /(4 2.31) = 338mm 40(8) l min(14) = f yd d (4f bd ) = 391.3 14 /(4 2.31) = 592mm 40(14)

lmin
ad

fbd

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

72

-20000 -15000 -10000 [kN/mm] -5000 0 5000 10000 15000 0

Diagramma del momento agente - resistente


Mrd214 Mrd114
1 2

Cond 1 Cond 2 Cond 3 Cond 4

Mrd114
3 4 5 6 7

Mrd114
8 9 10

11

Mrd114+18
[m]

114 L = 320 114 L = 222


30 120 60 60 60 215 100 100 60

114 L = 930
500 140 15

15 500

114+18 L = 1182
500 140

15

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

73

-20000 -15000 -10000 [kN/mm] -5000 0 5000 10000 15000 0

Diagramma del momento agente - resistente


Mrd214 Mrd114
1 2

Cond 1 Cond 2 Cond 3 Cond 4

Mrd114
3 4 5 6 7

Mrd114
8 9 10

11

Mrd114+18
[m]

114 114 114

Sovrapposizione in zona compressa

114+18 114+18
Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 74

-20000 -15000 -10000 [kN/mm] -5000 0 5000 10000 15000 0

Diagramma del momento agente - resistente


Mrd214 Mrd114
1 2

Cond 1 Cond 2 Cond 3 Cond 4

Mrd114
3 4 5 6 7

Mrd114
8 9 10

11

Mrd114+18
[m]

114 114 114

114

114+18 114+18
Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Sovrapposizione in 75 zona compressa

La verifica di sicurezza a taglio


ELEMENTI SENZA ARMATURE TRASVERSALI RESISTENTI A TAGLIO Per elementi sprovvisti di armatura resistente a taglio (es. solai) la verifica allo SLU soddisfatta se: VRd VEd dove VEd il valore dello sforzo di taglio agente e VRd il taglio resistente valutato secondo lespressione:

VRd = 0.18 k (100 l f ck )1 / 3 / c + 0.15 cp b w d ( v min + 0.15 cp ) b w d

d
bw

laltezza utile della sezione la larghezza minima della sezione il rapporto geometrico di armatura longitudinale la tensione media di compressione nella sezione
1/ 2

l = Asl /(b w d)
cp = N Ed / A c
Prof. Angelo MASI

v min = 0.035k 3 / 2 f ck

1/ 2 k = 1 + ( 200 / d ) 2 Corso di Tecnica delle Costruzioni

76

Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Diagramma delle sollecitazioni. Taglio

L = 5m

L = 5m

L = 1.4m

A
20,00 15,00 10,00 5,00 [kN] 0,00 -5,00 0 -10,00 -15,00 -20,00 1 Cond 1 Cond 2 Cond 3 Cond 4 2 3 4

10

11

[m]

Diagramma di inviluppo delle sollecitazioni di taglio di calcolo Vsd


Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 77

Diagramma del taglio agente-resistente


20,00 15,00 10,00 5,00 [kN] 0,00 -5,00 0 -10,00 -15,00 -20,00 1 Cond 1 Cond 2 Cond 3 Cond 4 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

Vrd travetto bw = 10cm

Vrd travetto bw = 10cm

Vsd > Vrd (travetto) [m]

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

78

Diagramma del taglio agente-resistente


50
20,00 15,00 10,00 5,00 [kN] 0,00 -5,00 0 -10,00 -15,00 -20,00 1 Cond 1 Cond 2 Cond 3 Cond 4 [m] 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
Vrd bw = 10cm Vrd bw = 10cm

75

75

50

Vrd Fascia semipiena bw = 30cm


Prof. Angelo MASI

Vrd Fascia semipiena bw = 30cm


Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

Vrd Fascia semipiena bw = 30cm


79

Verifiche a taglio. Fascia semi-piena di solaio


Sezione resistente soletta

nervatura

bo = 30cm; H = 20cm; h = 16cm; s = 4cm

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

80

Verifiche a taglio. Fascia piena di solaio


Sezione resistente soletta

nervatura

bo = 50cm; H = 20cm; h = 16cm; s = 4cm

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

81

Dettagli costruttivi
Per luci superiori a 5.50 metri necessario inserire un travetto rompitratta, o di ripartizione, perpendicolare alla tessitura dei travetti, con base 15 cm (armato con 2 barre allestr. superiore e 2 barre allestr. inferiore) allo scopo di aumentare la rigidezza della struttura nel suo insieme La soletta deve essere armata con una rete elettrosaldata in grado di ripartire i carichi trasversali e assorbire gli effetti del ritiro del calcestruzzo. Il quantitativo minimo previsto dalla normativa (D.M. 09/01/96 punto 7.1.4.6. e punto 5.1.9.1.1.4 del D.M. 14/09/2005) di 36/m o il 20% dellarmatura longitudinale di intradosso. Una rete di uso frequente composta da una maglia quadrata composta da 6 con passo 20 cm. Le prescrizioni sulla rete devono essere indicate sui disegni di carpenteria
Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 82

Progetto e Verifica di un solaio in c.a. gettato in opera


Relazione di calcolo Introduzione Caratteristiche meccaniche dei materiali Pre-dimesionamento della sezione dellelemento Analisi dei carichi agenti Definizione delle combinazioni di carico Schematizzazione e modellazione degli elementi strutturali Determinazione delle sollecitazioni Progetto delle armature Determinazione della lunghezza di ancoraggio Verifica dello stato limite ultimo - Verifica a flessione - Verifica a taglio
Prof. Angelo MASI Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a. 83

Progetto e Verifica di un solaio in c.a. gettato in opera


Elaborati grafici Diagramma del momento agente-resistente Diagramma del taglio agente-resistente Carpenteria Armatura del travetto (sezione longitudinale) Sezioni trasversali Particolari costruttivi

Prof. Angelo MASI

Corso di Tecnica delle Costruzioni Progetto e Verifica di un Solaio misto in c.a.

84