Sei sulla pagina 1di 172

Annie Gottlieb

Slobodan D. Pesic

IL CUBO
... Custodisci il segreto

MONDADORI

ISBN 88-04-41435-9 Published by arrangement with HarperCollins Publisher, Inc. 1997 Arnoldo Mondadori Editore S.p.A., Milano Titolo dell'opera originale The Cube Traduzione di Bruno Kleinefeld I edizione novembre 1997

Introduzione

Il Cubo un gioco, un gioco di immaginazione. Ma non solo. Il Cubo anche qualcosa di pi. Nell'estate del 1991 nei fumosi bar dell'Europa dell'Est tutti giocavano al Cubo. Da dove veniva quel gioco? Chi l'aveva inventato? Tutti giocavano ma nessuno sapeva rispondere. Alcuni sostengono che il Cubo sia un antico passatempo sufi pieno di insegnamenti nascosti. Sostengono anche che il Cubo riappaia a distanza di secoli proprio l dove i suoi insegnamenti sono necessari. L dove necessario

che lo spirito ritrovi se stesso. quello che sta avvenendo proprio qui. Ora. L'avvertenza posta alla pagina 23 di questo libro protegge il potere del Cubo. Perch il Cubo come il genio della lampada. Se evocato al momento giusto il Cubo mostra i suoi tesori elargendo consapevolezza e sorpresa. Ma se i tempi non sono maturi allora ogni potere svanisce. Svanisce la saggezza, e la vista si indebolisce. Per raggiungere i pi alti doni del Cubo - piacere e conoscenza basta una raccomandazione: non leggere oltre la pagina 23 senza prima aver giocato al gioco. E in pi non rivelare il segreto a coloro che ancora non hanno giocato!

Parte Prima

Il Cubo

Il deserto
Immagina una landa deserta. facile. Facilissimo. Basta un orizzonte infinito. Tanta sabbia. E cielo.

Il cubo
Nel deserto c' un cubo. Osservalo, Descrivilo. Quanto grande? Dove si trova? Di cosa fatto? (Non esistono regole, non ci sono risposte giuste n risposte sbagliate. Descrivi il cubo come tu lo vedi.)

La scala
Ora: nel deserto, oltre al cubo, c' anche una scala. Descrivine: la forma e le dimensioni, la posizione, il materiale di cui fatta.

Il cavallo
Ora: nel deserto c' anche un cavallo. Descrivilo. Di che cavallo si tratta? Quanto grande? Di che colore ? In che posizione si trova rispetto al cubo e alla scala? E cosa sta facendo?

La tempesta
Ora: da qualche parte nel deserto sta infuriando una tempesta. Descrivila. In che zona del deserto si trova? Che tipo di tempesta ? E che effetti produce sul cubo, sulla scala e sul cavallo?

I fiori
Alla fine, nel deserto troviamo dei fiori. Descrivili. Quanti sono? Di che tipo? E quali sono i loro colori? E, infine, in che relazione stanno con il cubo, la scala, il cavallo e la tempesta?

Considera ci che accaduto fin qui. Hai creato un'immagine misteriosa: cinque elementi, disposti nello spazio di un deserto in un modo che assolutamente unico e che ti appartiene. Nessun altro vede ci che vedi tu. Chiudi gli occhi e osserva tutta la scena un'ultima volta. Ora riapri gli occhi e... volta pagina. Sei pronto per apprendere il segreto del Cubo.

Parte Seconda

Il segreto

Il cubo sei tu. La scala rappresenta i tuoi amici. Il cavallo la persona che ami. La tempesta rappresenta le difficolt della vita. I fiori sono i bambini.

Fermati ora! Prima di proseguire rifletti su ci che hai appena letto. Cosa ci trovi di vero? E cosa di enigmatico? Nelle pagine che seguono, imparerai attraverso l'esperienza di chi ha giocato al Cubo prima di te. Ma per attingere da questo serbatoio di conoscenza occorre che tu ci metta qualcosa di tuo, come se presentassi i tuoi doni a chi ti accoglier. Solo quando ti sarai affaticato a esplorare in solitudine il tuo personale deserto allora sarai pronto per voltare questa pagina e unirti alla comunit del Cubo.

Il cubo sei tu
Non sappiamo il perch, ma sappiamo che vero: descrivi il cubo una specie di antica chiave che apre lo scrigno dell'anima. Tu non hai avuto bisogno di interrogarti su come fosse il tuo cubo, Lo sapevi gi. Nel tuo cubo hai creato una tua immagine incredibilmente precisa e sottile: le sue dimensioni, la sua collocazione e il materiale di cui fatto riflettono, come uno specchio, il modo in cui ti vedi, quello in cui rappresenti te stesso e le tue relazioni.

Osserva di nuovo il tuo cubo. Probabilmente sarai sbalordito dalla rivelazione, dal suo aspetto familiare e sorprendente al tempo stesso. Il cubo in grado di dirti cose che non sapevi di sapere. Il cubo rappresenta la tua assoluta individualit. Non esistono due cubi uguali. Se vuoi averne una prova, proponi il gioco a un tuo amico. Sarai stupito dalla diversit delle visioni e dalla precisione dei dettagli. Quello che segue solo un piccolo elenco di differenti immagini di cubi raccolte in tre anni di gioco. Abbiamo visto cubi d'alluminio, di 2 m per lato di spugna, alti 4 cm di vetro infrangibile e antigraffio, di 80x80x80 cm

di ghiaccio grandi come un isolato, con i lati di dimensioni diverse e scuri all'interno di diamante scintillante, grossi come un pugno di formaggio, pi grandi della luna di cotone, morbidi e batuffolosi blu e supercomputerizzati d'acqua degli abissi oceanici e di 10 cm per lato di vetro trasparente, con all'interno rocce e cascate di lucite, in bilico su uno degli spigoli d'acciaio, grandi come mezza casa, galleggianti a dado, di ogni dimensione di Rubik, di tutte le taglie di limonata rosa ghiacciata, di 2x2x2 cm d'alluminio finestrati e con gente che ci vive dentro di teli di garza mossi dal vento di carta con un prato d'erba in cima di nuvole di luce Non c' bisogno di uno psicologo per capire il proprio cubo. Infatti, come accade con i sogni,

solo noi stessi siamo in grado di capire davvero il nostro cubo Perch il cubo un messaggio che l'Io manda a se stesso. Ogni volta che viene osservato esso rivela sempre pi cose, sempre pi dettagli. Anche a distanza di mesi, all'improvviso, pu arrivare una piccola rivelazione. Quelli che seguono sono alcuni suggerimenti e alcune domande che possono servirti a guidarti nel profondo dei misteri del cubo e di te stesso.

Quali sono le sue dimensioni?


Le dimensioni del cubo possono essere in stretto rapporto con quelle dell'individuo

che lo immagina, ma possono anche non aver nulla a che fare con la sua taglia. accaduto che un imponente ex pugile avesse un cubo sorprendentemente piccolo; ma fatto di titanio ultraresistente e trainato da un aereo da guerra supersonico e invisibile. (All'et di vent'anni l'uomo in questione riusc a scappare da un campo di concentramento sovietico). Si potrebbe dire che le dimensioni del cubo rispecchino la stima che ciascuno ha di se stesso. Ma anche questo non del tutto corretto. Il tuo cubo infatti pu essere minuscolo ma fatto di materiali preziosi - oro e diamante oppure contenere il segreto della vita. Una signora canadese madre di tre figli visualizz il proprio cubo come un piccolo semplice

dado poggiato sulla sabbia Eppure esso mostrava il lato con il numero uno! (Il dado suggerisce anche l'idea di rischio e quella, connessa, di fortuna.) Talvolta le dimensioni possono essere anche un ottimo travestimento, o un bluff. Un poliziotto piccolo e un po' bullo, ma dal cuore generoso, immagin un cubo cos grande che oscurava l'intero orizzonte. Tuttavia esso non era null'altro che un miraggio: praticamente aria fritta. Un'artista dell'ex Jugoslavia mor dal ridere quando realizz che il suo piccolo cubo - dello stesso colore della sabbia in cui era mezzo sepolto esprimeva perfettamente la sua attitudine a non farsi notare per vivere indisturbata.

Di solito si pu affermare che pi il bambino piccolo e pi il suo cubo grande. Non a caso quando si molto piccoli, il proprio ego invade e divora il mondo intero. La crescita un processo lungo e faticoso in cui si scopre che esiste un immenso mondo esterno e che in questo mondo bisogna cercare il proprio posto. Le dimensioni del tuo cubo esprimono allora la complessa verit sul risultato di questa ricerca. Non esistono misure giuste ma solo una variet infinita di proporzioni e prospettive. Un cubo molto grande pu indicare un Ego molto sviluppato, ma anche una molteplicit di interessi, come se l'Io tenesse dentro di s una grossa fetta di mondo.

Pu anche esprimere una forte inclinazione per l'introspezione: come se la persona guardasse alla propria interiorit alla stregua di una realt da studiare e di un mondo da esplorare. Un cubo molto piccolo pu invece significare che l'attenzione diretta a ci che molto vicino, oppure pu essere indice di una personalit molto estroversa e aperta a ci che sta fuori. Ma pu darsi anche che la persona si senta sperduta, oppure che si consideri come un piccolo segreto. Un cubo di media taglia pu significare accettazione della normalit, accettazione del proprio posto nel mondo. Pu anche stare a significare che le dimensioni, in fondo, non sono cos determinanti e che ci che davvero importante quello di cui siamo fatti.

Di che materiale fatto?


Il materiale di cui composto il tuo cubo l'elemento pi evocativo, il pi sensuale e il pi rivelatore di tutto il tuo autoritratto. come se la superficie del tuo cubo fosse quella della tua anima. Essa pu rivelarsi aperta al mondo oppure pu mostrarsi dura e respingente. Il tuo cubo trasparente, traslucido, oppure opaco? morbido o duro? scintillante o satinato? fragile o resistente? poroso o liscio? La sua superficie riflettente? (E se s, che cosa riflette?)

Di che colore/i ? un colore cangiante? uguale su tutti e quattro i lati? L'interno e l'esterno sono dello stesso materiale? L'interno del tuo cubo rispecchia come ti senti dentro. pieno o vuoto? compatto oppure presenta delle aperture? scuro o luminoso? resistente o tenero? familiare o sconosciuto? Riflettere sulla composizione interna del tuo cubo pu spiegare quanto leggibile e chiaro, quanto afferrabile, quanto fragile tu sia. E altro ancora.

(Il vetro richiede che vi si guardi attraverso. L'erba e il cotone vogliono essere toccati. La roccia e l'acciaio affermano il proprio peso. Il mattone chiede di essere abitato. Il diamante abbaglia con la propria luce.) Il materiale del tuo cubo naturale o artificiale? tecnologico o artigianale? resistente o friabile? raro o comune? Pu essere disciolto, ammaccato, graffiato, scheggiato? Pu essere manipolato, assorbito, tirato, crepato? E tutto ci in che modo parla di te?

Dove si trova?
Il posto che il tuo cubo occupa nel deserto in relazione alla sabbia, al cielo, all'orizzonte e al livello del suolo dice molte cose su di te. Sei a contatto con il terreno, ben calato nella realt quotidiana? Sei semi-sepolto nella sabbia? Sei affondato in un avvallamento profondo? Oppure sei su un'altura, al di sopra di ogni cosa? Hai i piedi per terra, o ti innalzi sino al cielo? Navighi forse sospeso a mezz'aria, con la testa fra le nuvole? Come fanno i grafologi e gli astrologi, potremmo leggere la posizione relativa del tuo cubo identificando tre differenti zone. La posizione al di sopra dell'orizzonte rappresenta il regno della mente e dello spirito, oppure l'ambizione e le aspirazioni.

La posizione lungo la linea dell'orizzonte o a contatto con la sabbia rimanda alla realt tangibile e pratica. Quella al di sotto della linea dell'orizzonte o semi-affondata nella sabbia esprime il regno dell'inconscio e degli istinti, ma anche la famiglia, la tradizione e il proprio passato. Se il tuo cubo si trova vicino e in primo piano nella scena ci pu indicare che ti senti vicino agli altri, che lasci che essi si avvicinino a te; viceversa, che hai bisogno di spazio e solitudine Per potrebbe anche suggerire che la tua attenzione diretta al qui e ora, alla realt presente. Se invece il cubo lontano, pu darsi che ci riveli un atteggiamento lungimirante e distaccato. Ricorda: solo tu puoi interpretare il tuo cubo sino in fondo.

Cosa significa allora se il tuo cubo in bilico su di un vertice, o su di uno spigolo? E se gira lentamente? Se dondola? Se pesante, eppure sospeso a mezz'aria? Se sepolto sotto la sabbia? Se sta sul palmo di una mano?

(Altri strumenti di interpretazione del tuo cubo si trovano nel Vocubolario, a pag. 152.)

La scala rappresenta i tuoi amici


Questo il simbolo pi misterioso di tutto il gioco. Non in fondo tanto difficile capire che il cubo sei tu o che il cavallo chi ami, ma che i tuoi amici siano una scala, sembra davvero strano. Una cosa certa: questo gioco rivela e mette in luce l'importanza degli amici, che sono secondi solo a te e vengono addirittura prima di chi ami. Nel deserto, all'alba, la scala sola insieme al cubo, talvolta lo sostiene, oppure vi appoggiata. Talvolta gli semplicemente a fianco.

Pu darsi che serva a raggiungere il cuore del cubo, o a salirvi sopra. Oppure che lo aiuti a collegarsi alla terra, o al cielo. Ma pu anche darsi che la scala resti lontana dal cubo, che lo abbandoni. Che non serva a niente. Questa immagine ci rivela un altro segreto a proposito degli amici: La scala infatti un simbolo spirituale. Nel sogno di Giacobbe essa metteva in comunicazione la terra e il cielo. Ed egli sogn di una scala posta sulla terra ma che giungeva sino al cielo. E contempl

gli angeli di Dio, che salivano e scendevano da essa. (I tuoi amici sono angeli custodi?) Una scala nella chiesa del Santo Sepolcro, a Gerusalemme, posta a significare la discesa compassionevole del Cristo sulla terra e il suo ritorno al cielo, allo Spirito. I buddisti, man mano che la loro anima evolve, salgono su una scala d'arcobaleno fatta di sette raggi sacri, ciascuno di un colore diverso. E cos ogni scala - sia essa galvanizzata, esposta alle intemperie, chiazzata di vernice o anche sdraiata per terra segretamente un aiuto spirituale o anche pratico. Del resto, una scala sempre una scala, anche se nessuno ci monta sopra.

Lo scopo nascosto dell'amicizia quello di aiutarti a salire. Di farti crescere, dentro e fuori. Ma anche di riportarti a terra, se sei un sognatore. In che direzione ti portano le tue amicizie? Quanto in alto ti conducono? Dove stai andando? I tuoi amici ti stanno aiutando ad arrivarci? Un uomo che lavorava nel mondo piratesco degli agenti cinematografici di Hollywood vide una scala nera a chiocciola che si incurvava dentro la sabbia. vero, non ho amici conferm. Ho imparato che non posso fidarmi di nessuno, solo della mia famiglia e di me stesso. Quanto lunga la tua scala? Quanti scalini ha?

E tu hai molti amici o ne hai pochi? La scala antincendio di un uomo era infinitamente lunga e conduceva sino al cielo. (Quell'uomo aveva un mucchio di amici che effettivamente gli avevano salvato la vita.) La scala di sua moglie invece era una semplice ma robusta scala a pioli di legno, con solo tre o quattro pioli: i suoi migliori amici. La tua scala pi alta del tuo cubo? Sei tu che ti prendi cura dei tuoi amici o sono loro che assistono te? Oppure siete sullo stesso piano? La scala solida, ferma, oppure instabile?

per caso scavata in un lato del cubo o magari conduce proprio nel suo centro? Forse la scala appoggiata al muro. Magari solo l vicino, oppure giace distesa per terra. Pu darsi che galleggi capovolta o che sia infissa nella sabbia. Pu essere che scenda fino al centro della terra o che si perda nell'infinito del cielo. La tua scala fatta di acciaio temperato, legno dolce o stagionato, corda robusta e flessibile, alluminio saldato? Il materiale di cui fatta ti rivela qualcosa sui tuoi amici? Se in nessun modo ti sembra che la scala ti parli dei tuoi amici, considera un'altra possibilit: la scala potrebbe anche rappresentare

la tua famiglia, le tue origini: la scala delle generazioni. La scala di una donna, tenuta insieme da corde annodate e fradicia dell'acqua della tempesta, era poggiata contro al suo cubo di vetro ed era cos pesante da mandarlo in frantumi. I miei amici non mi farebbero mai questo protest la donna. Per sua madre s. La scala di legno di un uomo era poggiata a terra, e aveva un piolo rotto. Non solo suo fratello era morto in un incidente stradale. Anche un suo amico si era suicidato. una di quelle vecchie scale a pioli appese in garage che solo il nonno sa come tirare gi, quando deve salire sul tetto per salvare il gattino che non riesce pi a scendere disse un uomo. I suoi migliori amici erano per lui

come membri della sua famiglia e suo nonno era il suo migliore amico. La scala fatta dello stesso materiale del cubo? E se no, qual' la differenza? Una donna il cui cubo era una nuvola aveva una scala di sabbia scintillante che lo metteva in comunicazione con la terra. I suoi amici forse le sembravano molto realistici, ma certo non erano noiosi. Un pianista jazz, un Cancro, aveva una scala fatta d'acqua, come se conferisse alle amicizie la fluidit dell'improvvisazione (e sua moglie diceva che mettersi in comunicazione con lui era come nuotare controcorrente).

Quando tutto ti sembrer pi chiaro scoprirai che di tutti i cinque elementi che compaiono nel deserto, la scala quello che conserva pi a lungo il suo enigma. Essa ha qualcosa di stupefacente e affascinante. Anche nell'amicizia, del resto, c' molto di pi di ci che appare.

(Fai riferimento al Vocubolario di pag. 152 per altre indicazioni che servano a svelare l'enigma della tua scala.)

Il cavallo la persona che ami


Ora siamo su un territorio pi familiare. Ogni ragazzina di undici anni sa bene, anche se forse non ne consapevole, che il cavallo un simbolo sessuale: una potenza indomita su cui montare, un'innocente onda in cui si mescolano gioia e vitalit animale e che si presenta da sola prima di apparire nelle sue spoglie umane. La persona che ami l'animale nella tua vita: l'incarnazione e la personificazione dell'animale che in te. Ma in questo c' anche molto pi della sola sessualit, poich un amante, come un cavallo, pu essere il migliore amico, colui che ti protegge,

un giocattolo da coccolare, una peste indemoniata, un rinnegato, colui che dipende da te, una bestia da lavoro, una macchina da guerra. L'amante colui o colei che pu portarti l dove da solo non saresti giunto mai, pu essere docile e disciplinato, orgoglioso e selvaggio, pu scappare via con te, pu scappare via da te, pu calpestarti, pu volteggiarti intorno o essere solo di passaggio Il cavallo chi ami cos come tu lo vedi. Ne riconoscerai i colori, il cibo e il comportamento. Se il tuo cavallo di un genere definito,

maschile o femminile ci non riguarda le tue preferenze sessuali, ma un segno delle qualit del tuo amante tradotte nel linguaggio degli antichi pregiudizi. La persona che ami, indipendentemente dal suo sesso, audace, sicura, avventurosa? La ami per la sua resistenza e per la sua tempra o per il suo affetto accogliente? Se non hai nessuno in questo momento, allora il cavallo potrebbe essere il tuo amante ideale, quello passato, o quello potenziale. Che tipo di cavallo il tuo? Un fiero purosangue? Un destriero arabo? Un mustang selvaggio? Un pegaso alato? Un pony? Un cavallo da battaglia? Una bestia da soma?

Un cavallo comune? Un uomo (la cui fidanzata impazziva per il ballo) vide un cavallo grigio di Lipizza. Il marito di una donna alta, timida e fulva, s'immagin un unicorno dorato. Il cavallo pi triste mai descritto era quello di un uomo solo ai cui annunci sul giornale, nella rubrica dei cuori solitari, non rispondeva mai nessuno. Egli vide un cavallino di legno. Il tuo cavallo nudo e libero? sellato e bardato? ingioiellato e adorno? imbrigliato per il traino?

E tu come vedi il tuo amante? Selvatico? Indipendente? Addomesticato? Rispettoso? Magnifico? Dove si trova il tuo cavallo? Sul cubo? Nel cubo? Gli corre intorno? Si riposa alla sua ombra? E' fermo l vicino, oppure lontano? Un'agente di borsa superimpegnata, che aveva un fidanzato molto appariscente, vide il suo fiero cavallo assai lontano, sullo sfondo: un'immagine esatta delle priorit nella sua vita. Un'altra donna, che da bambina era stata oggetto di violenza sessuale

ma che era riuscita ad avere un matrimonio felice, si vide saltare dalla cima del cubo sulla groppa del suo stallone nero, il quale la condusse all'interno del cubo stesso, l dove da sola non aveva avuto il coraggio di avventurarsi. Un adolescente il cui impeto aveva gi spaventato pi di una ragazza vide il suo cavallo in trappola sulla cima di un cubo alto come una scogliera, che minacciava di buttarsi gi. L'interazione tra il cavallo e il cubo parla della tua relazione affettiva cos come la vedi tu, nel profondo del tuo cuore. Forse non sempre come vorresti che fosse. Ma sempre vera, per te. La persona che ami pu vedere le cose diversamente.

Due persone che si amano possono giocare al Cubo insieme. Sicuramente le loro visioni non si influenzeranno reciprocamente. La visione sempre la propria, assolutamente unica e personale. Questa la magia del gioco. Ma se fai il gioco alla persona che ami sii preparato all'imbarazzo di quando si arriva al cavallo. Quello che scoprirai potrebbe farti molto piacere o darti molto fastidio. Una donna, i cui figli privatamente ammisero che era lei, in casa, a portare i pantaloni, giocando seduta accanto al marito descrisse un piccolo, docile cavallo rannicchiato ai piedi del cubo. Un'altra donna, con il suo fidanzato accanto,

vide un cavallo dei cartoni animati. (Lui in realt era davvero buffo.) Un compassato signore britannico vide il suo cavallo come un cammello e disse: Uno splendido animale! (dopotutto siamo o non siamo nel deserto?). Una volta che il segreto gli fu rivelato, osservando sua moglie, comment con spirito: A guardar bene anche lei ha due protuberanze!. Una donna, molto romantica, vide lui come un fiero stallone arabo nero ricoperto da una gualdrappa regale adorna di gemme (in effetti l'uomo aveva i capelli neri e assomigliava un po' al principe Carlo). Un altro uomo disse: un palomino, ma cos lontano dal cubo che non esiste praticamente relazione tra i due. Tuttavia la sua ragazza, dai lunghi capelli neri, gli stava proprio accanto.

Intanto i tre figli biondi dell'uomo correvano per la casa, giocando e ridendo. Assomigliavano proprio alla loro madre l'ex moglie di quell'uomo. Se il tuo cavallo non assomiglia per niente alla persona che ami nella realt; se molto lontano; se il tuo cubo riflette soltanto il passaggio del cavallo, se nonostante tutti gli sforzi non vedi alcun cavallo; se ci sono due cavalli, o se il tuo cavallo si trasforma nel corso della visione; se il tuo cavallo pi vicino alla scala che al cubo... ... cosa pu significare tutto ci?

(Per altri spunti sulla figura del cavallo, consulta il Vocubolario a pag. 152.)

La tempesta rappresenta i guai della vita


Questo lo sapevi gi, non vero? La tempesta un simbolo tanto classico da apparire banale. Basta pensare a tutti i cataclismi nei vecchi film, quando la pioggia sferza i vetri delle finestre, e tuoni e fulmini interrompono le liti degli amanti o coprono le grida disperate della donna. La cosa sorprendente, per, ci che la tempesta permette di scoprire. Fino a ora, nella nostra scena tutto stato immobile, serenamente surrealistico. Solo il cavallo si muoveva, e in alcuni rari casi anche il cubo. In media la relazione tra di loro

appariva statica ed eterna. La tua vita assomigliava pi a un'istantanea che a un film d'azione. La tempesta - la carta degli imprevisti mette tutto in movimento. L'equilibrio sconvolto. All'improvviso c' qualcosa di pericoloso. Si crea la suspense, un intreccio! Il cubo sar folgorato da un fulmine? La scala si metter a volare? Il cavallo riuscir a trovare un riparo? Cos come nei momenti di crisi emerge il tuo vero carattere, nello stesso modo la tempesta mette alla prova te, i tuoi amici e la persona che ami: si vedr chi protegge cosa, chi resister e come tu stesso affronterai il destino. A volte invece non succede nulla di tutto ci. Molti di noi rifiutano la sfida

rappresentata dalla tempesta, tenendola lontana, all'orizzonte o anche oltre. Se la tua tempesta modesta, o se ne sei estraneo, probabilmente il tuo motto : Non c' problema!. Questo pu essere un ottimo segno. Vuol dire che ti senti al sicuro e in piena forma. La tempesta alle mie spalle disse un'artista con decisione. Si era disintossicata gi da otto anni. Nove anni prima una tempesta della vita l'aveva fatta naufragare su un'isola deserta, alcolizzata e a pezzi. Ora ha trovato un porto sicuro: il suo lavoro, un uomo, e una figlia meravigliosa. D'altro canto, forse, ignorare la tempesta come negare testardamente che ci possa capitare anche a noi.

Non bisogna essere troppo severi. Il meccanismo di negazione fa parte del sistema immunitario dell'anima, che allontana le cattive notizie, per costruire la propria buona sorte con la forza di volont. E tuttavia ci sono volte in cui il negare pu uccidere. A un uomo di 42 anni che fumava due pacchetti al giorno fu detto che aveva un inizio di enfisema. Egli ignor i consigli del medico. La sua tempesta ovviamente era lontana, annidata nel fondo dei suoi polmoni. Prima o poi, in ogni vita, la tempesta arriva. Se la tua ancora lontana ringrazia Iddio. E pensa a inchiodare bene le assi del tetto.

Una tempesta all'orizzonte un appuntamento con i guai. Tu sai che tutto l che ti aspetta, ma almeno non ancora qui, e sai anche che forse tutto potrebbe andare avanti come ora. Un uomo di 76 anni, in buona salute, nove anni dopo un intervento al cuore, pens che la sua tempesta fosse la morte: non era cos lontana ma aspettava il momento opportuno. Egli la teneva sott'occhio e si crogiolava al sole. E invece, se la tempesta entra in scena con tutta la sua potenza - vortici di sabbia, pioggia battente, lampi e saette come ti comporti? Come affrontano la tempesta il cubo, la scala e il cavallo? E la affrontano uniti o separati? Una donna il cui cubo

era una tenda fatta di tela leggera vi port dentro la scala e il cavallo per ripararli dalla tempesta, mentre le pareti della tenda si gonfiavano come le vele di un vascello. (Da tenere presente che la donna era una veterinaria, romantica e materna.) Un uomo che confidava solo nella sua famiglia piazz il suo cubo di diamante su una collina di sabbia, piant i fiori l vicino, mentre il suo cavallo, un unicorno, correva in circolo intorno a loro. Al di fuori del cerchio magico, descritto dalla corsa dell'animale, infuriava la tempesta, un vorticoso muro di sabbia. Forse a causa del suo mestiere di scrittrice che una donna si era descritta come una specie di spettatrice passiva. Il suo agile cavallo schivava

un pericoloso tornado nero e la sua scala girava vorticosamente a gambe all'aria, mentre il suo cubo di acciaio lucidato semplicemente rifletteva tutto ci. Una giovane madre dal cuore tenero incline al piacere e ai divertimenti vide il suo cubo come un'oasi, con tanto di palme, bar e piscina. Poi vide una tempesta di sabbia abbattersi sull'oasi provocando molti danni. Poi ogni cosa venne liberata dalla sabbia e i fiori sbocciarono di nuovo. Proprio come una bambina quella donna si arrabbiava facilmente, per dimenticare tutto poco dopo. Il cubo tende a sopravvivere senza danni alla tempesta, a meno che negli ultimi due anni non abbiate subito dei grandi traumi. Dopo un matrimonio andato in frantumi

(nessun rapporto sessuale per diciotto mesi) e un divorzio sofferto, il cubo di un uomo si allag. Dopo la tempesta il pavimento del cubo era coperto d'acqua: lacrime non versate o desiderio frustrato? Una ragazza di 24 anni stava esitando se lasciare o meno il suo fidanzato che non sentiva vicino come avrebbe desiderato. C' un tuono, poi un lampo, la pioggia. Il cavallo scappa via. Il cubo... affonda. Solo la scala stagionata rimase nella sua posizione orizzontale sospesa a mezz'aria: un parente su cui contare o un vecchio amico. Un uomo di 68 anni, ridotto sul lastrico, dovette cedere la sua attivit e rassegnarsi a smettere di fare le cose di testa propria. La tempesta qui disse.

C' un gran vento. E del suo cubo (un dado da gioco), che ne era stato? Sparito. Portato via dal vento. La tempesta spazza via ogni cosa asser con certezza una signora anziana, agitando davanti a s le mani. La tempesta stravolge completamente il paesaggio. (La sua scala era fatta di rami legati e non aveva niente a che fare con il cubo.) Quando le venne svelato il segreto, disse: E' naturale. Sono sopravvissuta all'Olocausto. Ma tutti i suoi amici e la sua famiglia erano stati sterminati. Sia che la scala resti immobile o che venga sollevata da terra, oppure ancora che venga abbattuta, in ogni caso ci parla di come le disgrazie si riflettono sulla relazione tra te e i tuoi amici. I tuoi amici ti stanno accanto? Si appoggiano a te?

Si librano su di te? Avete mai condiviso una difficolt? Chi ne ha passate di pi e chi se l' vista peggio? Il comportamento del tuo cavallo nella tempesta pu essere sin troppo familiare, e cos anche il modo in cui tu reagisci. Il cavallo completamente impazzito! Ha perso la strada. Si nascosto sotto al cubo. Vola alto nella tempesta. Stai scherzando? Se ne andato! Un lato del cubo di una donna era fatto di tanti pezzetti di specchio che brillavano tutt'intorno e spaventavano il cavallo. (Lei convinta che i problemi vadano affrontati, ma ammette di essere un po' drammatica. Suo marito invece,

propenso a infilare la testa nella sabbia, l'ha sempre accusata di ingigantire e di esagerare ogni cosa.) A parte i disastri veri e propri le tempeste non sono poi cos negative. I tempi duri almeno ci avvicinano gli uni agli altri, mettono a nudo le verit e rivelano le risorse interiori che non si sapeva di possedere. E in pi portano l'acqua nel deserto. Una donna vide la sua tempesta come una grande nuvola nera che campeggiava al di sopra del suo cubo lanciando fulmini e saette. Lei disse che le sue sofferenze interiori si erano rivelate illuminanti e che erano state la scintilla della sua crescita. Il matrimonio di un'altra donna era terminato con un divorzio turbolento, che l'aveva lasciata sola e senza figli.

La sua tempesta di sabbia aveva completamente sepolto sotto una morbida duna il suo cubo ricoperto di specchi.

Alla fine due fiori rossi erano spuntati, gloriosi, sulla sommit.(Per altre indicazioni sulla tempesta, consulta il Vocubolario a pag. 152.)

I fiori sono i bambini


Che i fiori vengano dopo la tempesta una verit che ogni donna che ha messo al mondo almeno un figlio sottoscriverebbe senza esitazione. I bambini sono la ricompensa per la sopravvivenza, le rose quando cala il sipario, l'insopprimibile rinnovamento della vita... e il rischio finale. La loro carne tenera come i petali dei fiori e altrettanto fragile. Sono responsabile della mia rosa diceva il piccolo principe di Saint-Exupry. Ecco come i genitori descrivono i loro fiori,

deliziati dalla loro bellezza e al tempo stesso consapevoli del proprio compito. Le persone che hanno dei figli (o che vogliono averne) di solito collocano i loro fiori all'interno del cubo, o nelle immediate vicinanze, ben riparati dalle sue pareti, al sicuro dalla tempesta. Una veterinaria di indole romantica aveva adottato due bambine e all'interno del suo cubo fatto di tenda aveva posto un vaso con splendidi fiori. Un musicista reggae (che sperava di avere due figli) vide due rose dal lungo stelo crescere all'ombra del suo cubo verde. Il cubo di una madre che faceva il medico era circondato alla base di margherite,

disposte su un prato verde, ben protette da un'immacolata staccionata bianca. Talvolta il cavallo ha il compito di proteggere: in tal caso il partner visto come uno scudo, una difesa. Pi di un padre ha descritto i propri fiori come una ghirlanda posta intorno al collo del cavallo, aggiudicandoli alle madri come fossero un ornamento o un trofeo in quella corsa a premi che chiamiamo vita. Un uomo, con grande sgomento, vide il suo cavallo che faceva la pip sui fiori! Ehi, cosa vorrebbe dire?! Che mia moglie disprezza i nostri figli?

No, anzi. Semmai, nella stralunata logica dei sogni, lei li sta annaffiando, con il suo corpo sta dando loro l'acqua per farli crescere. Il fiore di una donna era cresciuto proprio al di sotto del suo cavallo: un pegaso bianco e alato, sospeso a mezz'aria. Il cubo di suo marito invece teneva i suoi fiori vicini, anche se, per lui, era piuttosto lei - l'unicorno che correva intorno a creare una zona di remora dall'infuriare della tempesta. Questo atteggiamento protettivo pu durare anche quando i figli sono cresciuti, specialmente se i genitori li aiutano con dei soldi o se i ragazzi abitano ancora in casa. Un uomo gi in pensione aveva un cubo simile a una casa. Due fiori erano

nel vaso in una finestra del primo piano. Dei sei figli gi grandi che aveva avuto, due gli erano molto cari. Erano i due che tornavano a casa in ogni occasione. Egli in realt non li aveva mai lasciati andare. Una donna avrebbe voluto che i suoi figli, due ragazzi in gamba sui vent'anni, fossero in grado di cavarsela da soli. Ma uno dei due viveva ancora a casa ed era senza lavoro. I suoi fiori, di un rosa luminescente, risplendevano nel buio dell'interno del cubo mentre pendevano dal soffitto (o forse sarebbe stato meglio dire: di-pendevano). Alcuni genitori dispongono i loro fiori in una piccola oasi separata, in una tenda da giardino

o in una radura. Oppure li fanno galleggiare in una pozza di ninfee. Altri vedono dei fiori di cactus, luminosi come fiamme, cresciuti al di sopra di migliaia di spine. La loro bellezza valeva la pena. Una donna che veniva da un divorzio, madre di un figlio, disse che il cavaliere del suo cavallo era stato ucciso da un fulmine nella tempesta. I fiori crescevano sulla sua tomba. D'altro canto, le persone senza figli (e senza alcuna fretta di averne) tendono a immaginare che i fiori crescano selvatici, fuori, tutt'intorno. Di solito sono gli stessi che asseriscono che i fiori

sopravviveranno alla tempesta senza l'aiuto di nessun altro elemento. I loro fiori hanno la tendenza a essere generici, indistinti, mentre quelli ideati da chi ha figli sono pi assortiti e vengono descritti con maggior cura. Vi sono persone senza figli che amano e osservano i bambini. Alcuni non hanno potuto averne. Mentre per altri ci non ha affatto importanza. Vorrei che i miei fiori fossero grandi e vermigli, ma non lo sono disse un poeta (e di rado i poeti hanno figli). Sono fiori selvatici, gialli e bianchi, molto piccoli e rari da quelle parti. Una zia amorevole, invece, vide un campo di vispe margherite! Io odio i bambini disse un agente letterario tuttavia il girasole,

posto tra il cubo e la scala, cresceva rigoglioso, avvolgendosi in spirali sino al cielo. Devono essere i miei clienti. Non sempre i tuoi fiori devono rappresentare la carne della tua carne. Forse tu saprai stabilire se essi sono i tuoi progetti, le tue idee, i tuoi pazienti o magari solo i tuoi gattini. Qualsiasi cosa insomma che riceva da te un nutrimento, anche solo spirituale, e ravvivi con la sua presenza il deserto.

(Altri spunti sui fiori si trovano nel Vocubolario, a pag. 152.)

Il deserto il mondo
Non ci eravamo mai domandati quale fosse il significato del deserto finch qualcuno non ce l'ha chiesto. Avevamo semplicemente creduto che il deserto fosse solo un luogo neutro; niente pi di una pagina bianca, lo sfondo su cui immaginare il proprio cubo. Ma poi abbiamo cominciato a notare che anche l'immagine del deserto viene vissuta in modi del tutto differenti. Per alcuni un luogo proibitivo, arido, ostile e senza vita. E la sola cosa viva che vi cresce sono i cactus. (Un bambino di otto anni impegnato a combattere il cancro vide un cactus che sputava fuoco contro il suo cubo.

Questo era una scatola di giocattoli che si apriva e rispondeva al fuoco con un getto d'acqua!) Alcuni vedono il fatto che il deserto sia del tutto spoglio e vuoto, come un aiuto in termini di efficienza, di indipendenza e di chiarezza, o di consapevolezza spirituale. Per altri ancora un luogo accogliente e lussureggiante. Nomini il deserto e loro pensano subito all'oasi. Per loro le dune sono sensuali, e spesso aggiungono una palma perch la scala possa appoggiarvisi o per dare ombra ai fiori. Una donna vide il deserto di sabbia come fosse una spiaggia. Un'attrice equipaggi il suo deserto con un Astrodomo, un luogo fantastico

dove potersi godere indisturbata i fuochi d'artificio della tempesta. Il deserto, ovviamente, il mondo cos come appare a te: il palcoscenico vuoto della tua esistenza, un Sahara che non puoi cambiare o un Gobi che puoi trasformare in una casa confortevole. i cactus possono essere terribili nemici, miraggi, seducenti illusioni. Le oasi mostrano la strada verso le sorgenti della fortuna e dell'amore.

Parte Terza

Come far fruttare il Cubo

Ora puoi vedere come mai, pi che un semplice gioco, il Cubo sia un mezzo di divinazione, uno strumento mistico per analizzare e cambiare la tua vita. L'autoconsapevolezza potere. Solo quando sei in grado di guardare dritto nella tua personale verit allora puoi amarla, riderne, dimenticarla, migliorarla, cambiarla e finalmente viverla sino in fondo. Il Cubo non mente e non esprime giudizi. Quello che vedi ci che hai, ed pi di quanto tu pensassi.

Sei sorpreso dall'arte, dall'umorismo e dalla saggezza con cui stato tratteggiato il tuo Cubo? Hai semplicemente incontrato la tua immaginazione. Ciascuno di noi la possiede, e vive in essa, nel profondo, una vita privata e misteriosa. Il Cubo si esprime utilizzando quel linguaggio e ne evoca le immagini indipendentemente dal fatto che tu consideri te stesso dotato o meno di immaginazione. Il Cubo un telefono magico per quel meraviglioso altrove che in te stesso e nelle persone che ami. Qui di seguito troverai alcuni modi per evocare il potere del Cubo e riceverne autoconsapevolezza e guida, da solo o con qualcun altro.

Conosci te stesso

Prima di tutto, un fatto semplice ma importante: nessuno odia il proprio cubo. Se qualcuno ti dicesse descrivi te stesso, faresti una lista delle cose che ami e di quelle che non ami. Ma il tuo cubo non ha n pregi n difetti... ha solo qualit concrete. E ogni qualit - che il cubo sia duro o morbido, grande o piccolo, chiaro o misterioso, brillante o oscuro ha la sua propria bellezza, la sua strategia di sopravvivenza, e produce un suo proprio senso.

Il tuo cubo ti allontana dall'abitudine a giudicare te stesso, e dall'altra abitudine, cos legata alla prima, che ti spinge a falsificare te stesso, pensandoti diverso da ci che sei davvero. Proprio perch nasce nel profondo di te stesso il cubo obiettivo e riflette un'immagine di te effettiva e fattuale, senza crudelt n semplificazioni. S, vero, sono dura, eppure le cose si riflettono in me con morbidezza spieg una donna il cui cubo era fatto di acciaio lucidato. La gente in me riconosce la sua propria immagine, ma non pu leggere cosa c' davvero dentro di me. Il mio nucleo denso e sepolto.

Quella donna era molto divertita dalla trasparenza di una sua amica. Il cubo di quest'ultima era una serra di vetro e la sua vita interiore si svolgeva in piena vista. Era tutto vero: la sua amica non mentiva mai sui suoi sentimenti pi intimi ed era persino abituata a girare nuda per casa! Sei in grado di stabilire qual' il miglior modo di essere? La questione in realt non si pone. Il Cubo sposta la tua attenzione dal livello della comparazione a quello dell'unicit. Persino parole come trasparenza o durezza hanno un significato differente in ogni descrizione di cubo. E ogni punto di forza tutt'uno con la debolezza, cos come ogni vantaggio al tempo stesso un limite.

Prova a elencare le qualit pi appariscenti del tuo cubo. In che modo ogni qualit si rivela essere un vantaggio? E in che modo essa anche un limite? Dopo aver giocato al Cubo, sei in grado di apprezzarti di pi: in ogni aspetto del tuo cubo c' qualcosa di notevole. (Il Cubo pu anche essere proposto a un gruppo di bambini o di ragazzini limitandosi magari al solo simbolo del cubo. Prima di rivelare il segreto sar allora bene prendere appunti su ci che i bambini dicono di se stessi, sottolineando gli aspetti divertenti, curiosi e positivi del cubo di ognuno. Quando il segreto sar svelato ed essi sapranno di essere il proprio cubo, l'elenco di tali caratteristiche potr essere consegnato a ciascuno di loro per aiutarli quando si sentono gi.)

Ti accorgerai di essere in grado di visualizzare i tuoi limiti con un certo grado di affettuosa ironia, in quanto parte di te stesso. Il mio cubo nero, di marmo, e il suo lato misura 50 km: e io lo vedo dall'alto! ammise ridendo un regista dell'Europa dell'Est. La tempesta - una tempesta gigantesca resa insignificante dalla mole del cubo. Quell'uomo sapeva bene che il suo ego era in grado di sopraffare la gente. (E in effetti talvolta sul set poteva diventare un vero tiranno.) Ma allo stesso modo sapeva che non ce l'avrebbe mai fatta nel suo paese e nel suo lavoro senza comportarsi cos.

Qualche volta, tuttavia, il tuo cubo rivela dei tratti che vorresti cambiare: qualcosa che prima ti sembrava astratto o vago, ora appare chiaro nella visione. Ha perfino un colore, un peso. Magari un nome. Non me ne ero accorta disse la donna il cui cubo era d'acciaio. E' vero. Mi sono molto chiusa in me stessa. Non lascio che la gente si avvicini e non mostro quello che sento. Persino un cubo di granito non fatto di pietra ma di semplice immaginazione, un campo in cui le trasformazioni sono ancora possibili. Su un aspetto di te che riesci a vedere chiaramente puoi lavorare con consapevolezza.

Cambiare se stessi
Tu non sei il tuo cubo per sempre, cio come sei sempre stato e sempre sarai. Il cubo sei tu ora. Allo stesso modo l'intera visione dei cinque elementi la tua vita di adesso. Cinque anni fa, il tuo cubo, la scala, il cavallo, la tempesta e i fiori, sarebbero stati qualcosa di diverso. Anche tra cinque anni essi non saranno pi gli stessi. Certo le pi grandi differenze sono tre: come si vede il cubo da giovani, come lo si vede da adulti e come lo si vede da vecchi.

Tu cambi, inevitabilmente. E, quindi, puoi cambiare. Come ogni cosa che fai, giocare al Cubo ti ha gi cambiato, aprendoti una nuova prospettiva su te stesso. Gli scienziati sanno che la presenza dell'osservatore gi di per s modifica l'esperimento. E gli alchimisti sanno che lavorare su certe immagini agita gli aspetti sottili dell'esistenza. Chiamando in azione le forze sincroniche il Cubo pu agire attraverso canali misteriosi. Una donna vide una scala semplice, di legno sabbiato e ben proporzionata, galleggiare a una certa distanza dal suo cubo. Sono capace di scegliere i miei amici,

pens ma non sono davvero in contatto con loro. Il giorno dopo due amici che non sentiva da mesi si fecero vivi. Il modo pi semplice per lavorare consapevolmente con il Cubo sta nel lasciare che esso ti giunga al cuore. Conscia di aver preso l'abitudine di tenere per s i propri pensieri e i propri sentimenti, la donna il cui cubo era tutto d'acciaio ora sta facendo uno sforzo consapevole per essere aperta e parlare di s. L'uomo la cui scala era rotta e inservibile, risoltosi ad ammettere di avere avuto dei veri amici prima di arrivare a Hollywood, ci rimase molto male, soprattutto considerando

che alcuni dei suoi vecchi amici lo erano ancora. Un altro modo consiste nell'immaginare come si potrebbe fare per trasformare il materiale del proprio cubo in qualcosa di gradevolmente diverso. Un avviso importante: non si pu semplicemente prendere l'acciaio e farlo diventare vetro. Bisogna che la trasformazione venga da una sorta di lavoro, un'operazione da compiere sul materiale dato. Per questo occorre riflettere e considerare il significato del lavoro. Cosa potrebbe ammorbidire l'acciaio? (Il calore della passione! Il nucleo potrebbe fondere ed eruttare come un vulcano.) Se l'accondiscendenza a mostrarsi sconfina nell'esibizionismo,

come si potrebbe dare a una casa di vetro l'opzione della privacy, per non vivere sempre davanti agli occhi di tutti? (Che ne dite di un po' di tendine?) Ora sai cosa manca nella tua vita: ci a cui puoi aprirti e ci di cui devi impadronirti. Il solo guaio di questo gioco che lo puoi fare una volta sola ci disse con acume un amico. vero. Se sai che il cubo sei tu non puoi pi crearlo. Esso proverrebbe solo dal tuo ego, e non dalla tua anima. E ora che lo sai, hai perso la tua innocenza. Puoi solo speculare, senza saperlo davvero, su cosa il tuo cubo potrebbe essere

tra una decina d'anni. Ogni tentativo di cambiare il cubo (ben inteso, nell'immaginazione), seppure onesto e ben intenzionato, sarebbe frutto di uno sforzo e non di un libero gioco creativo. Ma ricorda che le immagini hanno una vita propria. Bisogna dare loro fede. Con lo sguardo della tua mente consulta ancora il cubo. Senza desideri. E senza pressioni. Osserva semplicemente. sempre lo stesso? cambiato almeno un po'? Lo ha fatto come tu speravi, o ha seguito una strada sua?

No, il cubo d'acciaio che fluttua nell'aria non si aperto per rivelare il suo magico e misterioso contenuto. Per non pi d'acciaio. La sua superficie ora riflette nuvole che corrono veloci e piano, piano, ha iniziato a girare.

Il Cubo nelle relazioni interpersonali


Il dono di consapevolezza del Cubo non termina dove finisci tu. Giocando con gli altri - i familiari, i colleghi, gli amici e il partner innanzi tutto ci si potr divertire. Il Cubo insegna a vedere l'unicit di ciascuno di noi: esso rafforza la consapevolezza dei tratti che gi sapevi di amare, rende giocoso il corteggiamento e ti suggerisce se l'amore ha una possibilit. Fornisce un punto di vista pi interessante a partire dal quale approfondire la conoscenza di chi credevi di conoscere gi, e in pi - grazie alla scala o al cavallo ti dice cosa gli altri pensano davvero di te. E sempre, naturalmente, pi che un semplice gioco. Ogni relazione,

vista sotto una nuova luce, non pu mai essere la stessa. Puoi rendertene conto proponendo il Cubo in una situazione in cui alcuni si conoscono da molto tempo, mentre altri si incontrano per la prima volta. Come gioco di societ il Cubo un catalizzatore che pu trasformare una riunione qualsiasi in un avvenimento che tutti ricorderanno. Stabilisci il deserto e fai in modo che ciascuno, a turno, descriva a tutti il proprio cubo. Poi ricomincia con la scala, poi con il cavallo... Se quando sarai alla tempesta sembrer tutto troppo lungo e la gente comincer a distrarsi parlando d'altro, allora segnala che mancano solo due oggetti e fai notare le curiose differenze. Non appena rivelerai il segreto

avvertirai un cambiamento. Come se una corrente d'aria fresca attraversasse all'improvviso la stanza. La prima risposta sar la sorpresa accompagnata da risate imbarazzate, poi tutti si faranno pensierosi quando amici vecchi e nuovi si interrogheranno sulle loro figure e le coppie confronteranno i cavalli... Alla fine tutti saranno testimoni di alcune modeste rivelazioni e si sentiranno uniti da un sottile legame. Ricorderai quelli che hai incontrato con particolare piacere e tornerai a casa con un dono destinato a durare: una nuova consapevolezza di te stesso.

Tra amici intimi il Cubo diviene un richiamo affettuoso,

un gioco privato, uno scandaglio, un'occasione per parlare. Ah ecco, mi ero dimenticato di quanto grande il tuo cubo! Non dirmi che il brocco scappato di nuovo dal recinto!

Gli amici si confidano, si consolano l'un l'altro, si mettono in discussione, e il loro un ruolo pi antico di quello del terapeuta o del confessore. Il Cubo aggiunge a quest'intimit una ventata di aria nuova e un nuovo vocabolario. (Immagina di lamentarti della tua scala invece che di tua madre!) Pu mostrarti quali problemi ha il tuo amico, e quale parte della sua vita lo addolora. Conoscendosi l'un l'altro nel profondo, si possono vedere nell'immaginario altrui

molte cose che possono essere usate come strumenti di guarigione. Occasionalmente, la tua scala riveler una dura verit a proposito dei tuoi amici: che non sono costanti, che tendono a prevalere su di te, che sono inaffidabili, che hanno grandi sbalzi d'entusiasmo, che non stanno andando da nessuna parte o che ti stanno prendendo in giro. Ora che lo sai sta a te decidere quello che vuoi fare in merito al valore dei tuoi amici, magari stabilire semplicemente che ti vanno bene cos come sono. Il Cubo solo uno specchio. __________ Hai appena incontrato qualcuno e stai domandandoti:

questa storia potrebbe andare avanti? Non dimenticare che tra le altre cose il Cubo un eccellente rompighiaccio (e anche uno strumento di seduzione...). Ti consente di portare la discussione a un livello assai raro per un primo incontro, molto pi di quanto non potresti fare parlando dei film appena visti o anche raccontando del proprio passato. In effetti con il Cubo pi che di parlare del proprio passato si tratta di parlare dei propri misteri. Utilizzando il Cubo come un radar che trasmette le sue informazioni al cuore non ci si sente pi lanciati in un volo cieco. Si pu almeno capire a che altezza si vola, si ha un'anticipazione su cosa sar bene aspettarsi, su ci che lei o lui cercano in un partner, e si getta uno sguardo sulle immagini postume delle relazioni precedenti. Si potr cos sapere se la persona da conoscere aperta oppure imperscrutabile, accondiscendente o rigida.

Si avr cos una forte immagine dello stile di una persona, un'immagine che parla all'anima e dice quello che l'istinto dice agli animali. davvero quello che stavi cercando? una sorpresa deliziosa? Oppure non fa al caso tuo? O addirittura l'invito a una catastrofe? __________ Tra amanti, o tra coniugi, il Cubo pu portare alla luce i conflitti mostrando senza mezzi termini - con l'intenso linguaggio dei sogni quello che sente il proprio partner. Le differenze vengono allo scoperto e questo pu servire a colmare le distanze. Lei un'inguaribile romantica e la sua scena presa pari pari dalle Mille e una notte. Il suo destriero ingioiellato,

altezzoso e regale, mentre quello di lui , nel profondo della sua anima, piuttosto pratico: non un cavallo, ma un cammello! (Tu offriresti dei fiori a un cammello?) Nel suo intimo lei vorrebbe essere corteggiata e vezzeggiata e lui invece ammira la sua forza! Spesso pu essere una rivelazione (scioccante, terapeutica o stimolante) vedere le tue relazioni attraverso gli occhi di qualcun altro. Una ragazza, molto tranquilla, aveva un ragazzo molto sicuro di s. Il cubo di lei era grande e solido e aveva pareti imbiancate a calce verso cui si dirigeva il cavallo. Il cubo di lui invece era piccolo, di plastica, ben piazzato nella sabbia. All'orizzonte, lontano e alto,

il suo cavallo grazioso correva, senza nemmeno degnare di un'occhiata il cubo. Alla fine si sarebbe detto che quella sicura di s fosse lei, non lui. Il cavallo del tuo partner non solo ti mostra il posto che occupi nella sua vita e come ti percepisce, ma rivela anche l'ideale di persona a cui pensa, il ruolo che cerca di darti, che ti si adatti davvero o no. Ti ha visto bardato e sellato quando tu vorresti essere libero? Ti ha posto a grande distanza quando tu vorresti stargli vicino? Sembra che egli stia cercando un cavallo che non puoi essere tu? Una volta creata l'immagine, ogni cosa pu essere messa in discussione. Persino le visioni del tutto contrastanti possono non essere un motivo sufficiente per arrendersi disgustati.

La chiave del cambiamento non consiste nel cercare di riarrangiare e modificare il senso delle tue parole per cercare di ricomporre l'armonia, ma semmai nel rendersi consapevoli dei bisogni e delle paure di ciascuno. Giocare al Cubo rende chiara ed evidente una verit che si dimentica troppo facilmente quando l'amore brucia oppure quando divampano le liti furibonde: il mondo non mai come lo vedi tu. Non importa se l'amore devastante o se vi amate da cinquantanni: restate comunque due persone separate. La persona che ami guarda con occhi che non sono i tuoi: due mondi che esistono uno accanto all'altro, due immagini, uniche e complete, dell'oasi dell'anima.

Parte Quarta

Cubi famosi
Una galleria di ritratti

Erica Jong
Autrice di best-seller come Paura di volare, Paura dei cinquanta, Paracadute e baci, Ballata di ogni donna ecc.

Il cubo
Oh, un cubo di legno come quelli delle costruzioni dei bambini, e sui lati ha delle lettere disegnate in rosso, blu e giallo. nel deserto, mi avvicino ma non mi riesce di leggere la parola formata dalle lettere, poi finalmente capisco che c' scritto E-R-I-C-A, in rosso, blu e giallo: cio nei colori primari, ma sbiaditi, perch il cubo l da secoli. Non so come ci arrivato. Quanto grande? abbastanza grande da stare nel palmo di una mano. Come un cubo di costruzioni per bambini. Mi alzo, lo raggiungo e sono sbalordita nel trovarlo l, nel deserto, e con su il mio nome.

La scala
Affonda nella sabbia, ma in alto poggiata a una nuvola. For-

se pu sembrare che non sia molto solida, ma non cos. La scala d'oro, scintillante, ma mentre la guardo mi rendo conto che non so se dovrei arrampicarmici su, perch alla fine della scala, che cos invitante, potrebbe esserci l'angelo della morte, il malech hamovis. l'estasi o la morte? l'inizio o la fine? Quanto vicina al cubo? l nelle vicinanze.

Il cavallo
un cavallo arabo bianco. Ha un muso stupendo e gli occhi blu. Ed proprio il mio cavallo. E credo che il problema stia nella scelta tra montare sul cavallo o arrampicarmi sulla scala. Il cavallo senza sella n briglie, ma io sono brava nel cavalcare a pelo. O almeno lo sono in questo sogno. Che posizione occupa rispetto al cubo? sulla sinistra, ma voltato, come se volesse galoppare via verso casa. Eppure aspetta e scalpita.

La tempesta
una nuvola nera, ma non nelle immediate vicinanze, anzi piuttosto lontana. Potrebbe essere diretta verso di noi, ma la cosa non chiara. Forse passer senza dare fastidio. Ha qualche effetto sugli altri elementi? No... solo che, ora che ci penso, forse sarebbe meglio prendere la decisione in fretta [se salire sul cavallo o sulla scala]. Prima che accada qualcosa.

I fiori
Una ghirlanda di rose rosse attorno al collo del cavallo. Molto belle.

Commenti
Il cubo sono io? Be', visto che ci ho messo il mio nome sopra, forse potevo intuirlo.

anche un cubo alfabetico: in fondo fatto di lettere, che sono proprio gli strumenti del tuo mestiere. vero... strano che la gente veda il cubo in modi differenti. Io riesco a vederlo solo in quel modo! Cosa vuol dire che la scala d'oro? Man mano che passano gli anni, ho sempre meno amici. Sono sempre meno le persone che identifico come veri amici. Una volta non era cos: quando ero pi giovane credevo di avere intorno molti amici. Poi ho scoperto che il numero delle persone che valgono davvero molto limitato. Per me queste persone sono preziose come l'oro, perch non possono essere rimpiazzate. Credo anche di capire perch gli anziani, quando hanno ottanta o novant'anni, a un certo punto ti dicono: Ora posso anche andarmene. Tutti i miei amici sono morti. Quando ero pi giovane tutto questo mi era estraneo. Credo che ci sia parte dell'associazione nel sogno, quell'arrampicarsi sulla scala... Credo che quando arrivi a quel punto nella tua vita in cui tutti quelli che ti stavano intorno e che erano testimoni della tua esistenza se ne sono andati, allora ti senti veramente alla deriva, sperduto nel mondo. quello il punto in cui cominci a sentirti pronto per lasciare tutto e arrampicarti su quella

scala che si perde tra le nuvole. Forse per riunirti a loro, lass... da qualche parte. Il cavallo bianco... Be', se il cavallo colui che ami, mi sembra interessante che io l'abbia immaginato bianco e arabo, una sorta di compendio tra la purezza e il pericolo. Perch i cavalli arabi sono molto veloci e bizzarri, molto pi dei purosangue. Sono cavalli molto fieri e hanno un muso bellissimo, mentre i purosangue hanno in genere un muso pi tozzo e schiacciato. Cos ci sono il pericolo e la bellezza, ma anche la rara purezza, ed un po' come se un unicorno fosse in qualche modo coinvolto nell'immagine. Credo che ci che vado cercando nei miei amori sia il loro essere ancora pi eccezionali di un unicorno, al di l di ogni limite, cosa che naturalmente non accade con gli esseri umani. Cos molto spesso nei primi periodi della mia vita ho chiuso molte relazioni solo perch la persona con cui mi trovavo non era l'unicorno che stavo cercando. Ora invece capisco che ogni persona e non al tempo stesso quell'unicorno. C' una sorta di irrequietezza che ci costringe a gettare via le cose e le persone prima ancora di averle esplorate. un atteggiamento che cerco di evitare. Mi sforzo di essere pi paziente. Perch, in realt, afferrare l'unicorno possibile: solo che non bisogna proiettare il proprio bisogno di assoluto sulle persone. Gli altri forse possono essere pi di ci che sembrano, ma devono essere lasciati liberi.

Cos come bisogna accettare e permettere che le loro speciali qualit appaiano e svaniscano. Giusto. Ma perch i fiori circondano il collo del cavallo, come una ghirlanda? Forse anzich essere i figli reali essi potrebbero anche essere i frutti della tua creativit, i tuoi libri, una sorta di figliolanza spirituale. Pi di una volta ho avuto la sensazione che il mio lavoro fosse frutto di una relazione intima con qualcuno, come se questo qualcuno fosse in grado di ispirarmi. Ancor oggi ho la tendenza ad attribuire il ruolo di musa all'uomo che amo, leggendogli di tanto in tanto brani del libro a cui sto lavorando. Vado continuamente alla ricerca della sua approvazione. come se questa speciale connessione tra noi fosse una parte essenziale del lavoro. La vedo come una ricapitolazione del rapporto tra il bambino e i genitori, o se volete di quello tra la persona e Dio. Ho la tendenza, quando mi blocco su qualcosa, a lasciare delle pagine per Ken [Ken Burrows, il marito] per poi domandargli: Credi che possa funzionare?. E, se a lui piace, mi

sento incoraggiata a riprendere. Cos forse i fiori intorno al collo del cavallo sono un po' un simbolo di questo omaggio creativo.

Gloria Steinem
Protagonista della lotta per l'emancipazione femminile e autrice del libro Autostima.

Il cubo
un cubo trasparente e, sebbene poggi su uno dei vertici, come se stesse galleggiando nel vuoto. Attraverso il cubo, che lontano e immobile, si pu vedere l'orizzonte. Forse per non poi cos lontano, diciamo che a una media distanza. Si trova in gran parte sopra l'orizzonte, che riesco a intravvedere appena attraverso il suo punto di appoggio. Non mi sembra che questo cubo sia di un materiale preciso: potrebbe essere solo la sagoma di un cubo, un po' come in un quadro di Magritte.

La scala
Non appoggiata al cubo... per non neppure adagiata a terra: sulla destra del cubo e ha un'estremit interrata e l'altra che si perde nel cielo. Comunque non poggia ad alcunch, almeno fin dove riesco a vedere. leggermente pi alta del cubo, anche perch questo un

po' pi distante. La scala di legno e credo sia di colore verde antico, un po' come quello [e indica la parete marezzata, verde muschio, del suo appartamento].

Il cavallo
Mi sembra che sia sulla sinistra, dal lato opposto a quello in cui si trova la scala: entrambi comunque sono rivolti verso il cubo. Il cavallo assomiglia a un palomino ed di un colore marrone chiaro, ma ha una folta criniera un po' pi scura, come pure la lunga coda. fermo davanti al cubo, ma il cubo ora mi sembra pi vicino, mentre il cavallo e la scala appaiono pi lontani.

La tempesta
una tempesta di pioggia, non di neve, di quelle che oscurano il cielo all'improvviso e si sfogano come una furia per poi lasciare spazio al sereno subito dopo. La pioggia forte, ma non sembra avere un qualche effetto sulla scala, sul cubo e sul cavallo. Semplicemente scende dal cielo.

I fiori
I fiori sono in primo piano, pi vicini a me che al cubo. E, anche se in realt ci non sarebbe possibile se io fossi in piedi, come se fossero solo di poco pi bassi di me, a pochi centimetri di distanza. Non sembrano molti, ma in realt quello che vedo solo l'estremit del cespuglio di fiori, che io scorgo guardando in direzione del deserto. Sono di color rosso e porpora, simili ad anemoni... non so quanti siano esattamente. Forse sono pochi; sono sparsi, potrebbero essere disseminati su un prato. Il prato vicino a me, e io sto l, seduta, o forse in piedi, e guardo altrove. I fiori sono di dimensioni normali, cos non riesco a spiegarmi perch sembrino tanto alti: forse sono seduta per terra.

Commento
Mi sembra che abbia senso il fatto che io mi veda in qualche modo come trasparente, nel bene come nel male. La scala non si appoggia a te, ed verde... Punta verso il cielo, non poggiata a terra... Mi chiedo cosa

significhi che tutti gli elementi siano slegati fra di loro, che ci sia spazio tra l'uno e l'altro, anche se il cavallo sta di fronte al cubo. Hai per caso un amante villoso? L'hai mai avuto? No, ed strano anche il colore del cavallo, perch dal punto di vista fisico sono sempre stata attratta dagli uomini con i capelli e la pelle scura. Il cavallo non si spiega molto, a meno che non voglia significare che non ho pi l'et per avere un amante! I fiori potrebbero essere i giovani che sono stati influenzati dal tuo lavoro: quelle donne che, come tu stessa hai detto, ti impressionano perch, come femministe, sanno quanto te pur avendo meno della met dei tuoi anni? Quando hai detto che essi sono in qualche modo le creature che io allevo, mi sembrato molto vero: sono la sola cosa che apparsa subito chiara nella mia visione. Fiori meravigliosi, nuovi o sconosciuti. Dei veri piccoli miracoli.

Willem Dafoe
Attore, interprete di film come Platoon, L'ultima tentazione di Cristo, Mississippi Burning, Nato il quattro luglio, Cuore selvaggio.

Il cubo
un cubo di circa 75 cm di lato, trasparente e con i contorni molto marcati. Sembra, per intenderci, uno di quei finti cubetti di ghiaccio in plastica. Come fosse di lucite? Esatto. Non del tutto compatto, come se ci fosse dell'aria dentro. Prima lo vedevo da lontano, perch era sullo sfondo di un paesaggio, ma ora, mentre lo descrivo, ben presente.

La scala
una scala da imbianchino, di quelle a libro, dipinta di giallo, con una catenella che le impedisce di aprirsi completamente; spruzzata di vernice ed piuttosto vicina al cubo. di legno e sopra vi sono degli utensili di metallo.

Il cavallo
un cavallo marrone, abbastanza lontano, e ha delle macchie bianche all'altezza degli zoccoli, ma la criniera e la coda sono nere. molto muscoloso. Non me ne intendo granch, ma potrebbe essere un cavallo selvaggio... un mustang. Sta correndo lungo l'orizzonte, eppure la scena ha una prospettiva bizzarra: infatti, l'animale si muove su una linea che pi bassa di quella dell'orizzonte, cosicch sembra pi vicino anche se non proprio in primo piano. Vedi la sua silhouette stagliarsi contro il cielo? S.

La tempesta
abbastanza lontana. A ben guardare sulla sinistra, e il cavallo sta proprio correndole incontro. Ci sono nuvole nere ma tra queste e l'orizzonte si aprono degli squarci di cielo sereno; poi per le nubi ricominciano ad accavallarsi, riempiendo tutto il cielo... Immagino questa scena un po' come se fosse chiusa in una cornice e le nuvole la riempissero per intero.

I fiori
Se mi concentro vedo in primo piano un terreno verde, irregolare e piuttosto arido, su cui spuntano stentati fili d'erba: l si trovano piccoli grappoli di gigli tigrati. Nella mia visione il cubo pi o meno al centro, s, e a met strada, anzi no, a un quarto di strada, mentre il cavallo tre volte pi lontano, e la tempesta ancora pi lontana, sullo sfondo. Da questa parte, invece, vicino a me, ci sono i fiori, che potrei raggiungere e cogliere con una ventina di passi.

Commento
Posso stare tranquillo. A giudicare dalla mia descrizione, sono una persona abbastanza sana. Be', sei con i piedi per terra, tutto chiaro, vedi linee nette, confini... [ride] e poi un cubetto di ghiaccio, freddo, ma solo per finta.., [La scala a libro potrebbe riflettere la doppia vita di Willem Dafoe. Infatti, in aggiunta alla sua carriera di attore, egli membro da diciassette anni del Wooster Group, un gruppo di

teatro sperimentale di New York, la cui direttrice, Elizabeth LeCompte, anche sua moglie (e da lei ha avuto un figlio di dodici anni: Jack). Cos gli amici di Willem appartengono a due mondi diversi - il cinema e il teatro d'avanguardia - che appaiono per nel simbolo collegati da un tramite - la catenella - la quale traduce proprio la flessibilit necessaria all'attore per muoversi e operare tra queste due realt distinte.] La tempesta significa energia o qualcos'altro? Significa soprattutto problemi, ma ha anche un valore positivo: spesso una sferzata di energia. Forse sfida la parola giusta. E il cavallo... sta correndo proprio verso la tempesta! Evidentemente il tuo cavallo ha una sua vita autonoma. Gi. La tua compagna non gravita intorno a te... una donna impegnata... e non teme le sfide. S, la riconosco. Buona interpretazione, interessante questo gioco.

Douglas Coupland
Scrittore, autore di Generazione X, La vita dopo Dio, Generazione shampoo.

Il cubo
Lo immagino pi o meno come il monolite di 2001 Odissea nello spazio, ma di proporzioni diverse: pi simile a una zolletta di zucchero, compatta, levigata e nera. Una scatola nera. come se lo avessi appena appoggiato sulla superficie della sabbia... Visto che ho appena traslocato, circa delle dimensioni di una scatola da imballaggio... sapete, in questo momento quelle scatole sono la mia ossessione.

La scala
Mi viene in mente una comunissima scala da casa, di legno, ma telescopica, che si pu allungare fino al terzo o al quarto piano: non so bene come si chiamino le scale fatte cos. Dove si trova rispetto al cubo? La scala e il cubo non sono vicini fra loro: sono disposti come le

sculture o i sassi di un giardino zen, a qualche passo di distanza l'uno dall'altro. La scala appoggiata su di un lato e ricorda la spalliera di un lettino per bambini.

Il cavallo
I cavalli non sono esattamente la mia passione. Mio padre un vero intenditore, ma io no. A ogni modo, potrebbe essere un cavallo baio, con una macchia bianca sul muso e poi... Fai fatica a immaginarlo? Decisamente, anche perch... insomma, cosa ci fa un cavallo nel deserto? Ah, ecco, ho un'idea: ha trovato un po' d'erba e sta brucando. Bene. Dov' l'erba? E dov' il cavallo? Di nuovo, direi che sono disposti come gli elementi di un giardino di pietra. Hai presente certi giardini di Kyoto? Le posizioni del cubo, della scala e del cavallo che pascola rispondono a quella stessa rigorosa concezione spaziale: sono frutto di uno studio molto accurato.

La tempesta
Mah, sembrer poco plausibile, ma... una tromba marina. Ne hai mai vista una? un fenomeno straordinario: una colonna d'acqua che si solleva sull'oceano piatto. Ha un non so che di sovrannaturale. Io ne vidi una a una certa distanza dalla costa, da mio cugino, alle Bahamas. Ora ho posto mentalmente me stesso fra i tre elementi, il cavallo sta mangiando calmo e poi c' questa tromba marina, in lontananza. Ma non penso se ne stia andando... anzi sta per passarci vicino. C' una bella luce, anche perch ogni tanto il cielo squarciato dai lampi... Improvvisamente penso al sole; le nuvole che provocano la tromba marina oscurano tutto laggi. Capisco che ormai sera, perch tutto soffuso di quella inconfondibile luce dorata che precede il tramonto. Per questo dico che si tratta di una tempesta serale. Comunque nessuno si spaventa, perch la tempesta destinata a passare.

I fiori
Oh, lo sai dove sono i fiori: i fiori sono dappertutto! C' un luogo in Africa, un posto in cui amo andare appena posso, chiamato Nama Valley. L crescono piante a non finire e poi miriadi di fiori:

margherite soprattutto, ma anche acetoselle e gerbere. Sotto terra dormono letteralmente trilioni di semi; e poi ogni sei o sette anni, arriva la pioggia. L'acqua arriva dal Congo e tutti i fiori rinascono: milioni di metri quadri di margherite e fiori colorati! Ecco, ora il deserto assume un significato preciso. La tempesta come quella tempesta che fa crescere i fiori e quindi procura nutrimento anche al cavallo... E il cubo e la scala, quale il loro posto in questa architettura dello spirito? Ho sempre amato il monolite di 2001 Odissea nello spazio; una scatola nera e misteriosa priva di accesso che per contiene qualche ineffabile mistero che non puoi neppure immaginare. Per me custodisce la promessa che alla fine, non importa quanto tu creda di sapere, esiste sempre un mistero pi grande in attesa di essere scoperto. Quanto alla scala... non saprei. Credo di non averne mai usata una in vita mia. Forse questo il motivo per cui appoggiata a terra? Conoscendomi, avrei potuto conficcarla nella sabbia solo per una questione estetica, tanto per farne una scultura adatta a un giardino di pietra. Cos ora abbiamo un quadro completo: lampi, fiori, tromba marina e il cubo magico... e il cubo solo mio! diverso da quello di chiunque altro. Io ne sono il padrone. Non cos per la scala. Io sento che il cubo mio e non me lo pu portare via nessuno.

Nessuno pu averlo. Diversamente il cavallo non mio. Sta l ed come se dicesse: Salve, che fai?. Grande. E anche la scala, come se qualcuno l'avesse dimenticata qui. E... [dolcemente, come un pittore che si allontana dalla tela] Laggi! E non abbiamo ancora cominciato a interpretare le tue risposte! Oh, non sono sicuro di volerlo veramente!

Commenti
Il cubo sei tu. Okay, okay. [Lunga risata] Santo cielo, spaventoso! Cosa risponde di solito la gente? Di tutto. Davvero? Perch... mi sembra cos naturale che il cubo sia nero e custodisca un mistero che un giorno sar rivelato solo a te stesso! La gente parla di casse da imballaggio o cosa? molto divertente. Per me quel cubo pu essere una sola cosa. Non una scelta arbitraria.

Lo ripeto: amo il mio cubo, e soltanto quello, perch contiene un grande mistero che alla fine sar svelato. Non un mistero inviolabile: un giorno sar svelato, ma solo in un momento di trasformazione della propria vita. Non puoi forzare il cubo con un piede di porco n puoi comprarne il segreto. Sar lui a svelarsi. La scala rappresenta i tuoi amici. Quanti tipi di scala ci sono? Una scala una scala, o no? Non so, la mia risposta pigra, come... Prima la vedevi adagiata a terra, poi per hai pensato che avresti anche potuto conficcarla nella sabbia. Per renderla pi interessante. Ma se penso... Oh no! [sinceramente dispiaciuto] Non sono affatto carino con i miei amici! Tant'. Passiamo ad altro. Il cavallo la persona che ami... Oh, oh, questo s che interessante. ... e che ha, nella tua visione, una vita indipendente. un amico, ma non si trova proprio vicino al cubo, e non percepito come

qualcosa che ti appartiene. S, cos; ognuno sta per conto suo, e quelle relazioni spaziali non sono casuali: corrispondono alle relazioni che sussistono fra i vari elementi. E la tempesta? Simboleggia i problemi, le sfide, le turbolenze che possono mettere sottosopra la nostra esistenza. Bene, almeno per quanto mi riguarda si tratta di guai davvero lontani. Ad ogni modo, quando accade qualcosa di brutto, io cerco sempre di vederne il lato positivo. La tempesta per me anche la sua luce straordinaria e i fiori, l'avvincente drammaticit dell'evento... e poi, di nuovo, un contenuto architettonico: proprio come la mistica colonna d'acqua della tromba d'aria. I fiori sono i bambini, oppure le idee o i progetti. Penso che potrebbe essere vero. Di sicuro lo in questo periodo: il leitmotif di questo mio anno sono le idee e i progetti. Tantissimi progetti! Non fantastico? Potrebbero essere i tuoi lettori.

Forse. So solo che quei fiori sono davvero un'infinit e su tutti i fronti. E cos, cosa risponde a queste domande la maggior parte della gente? Chiss perch sono convinto che tutti vedano le cose esattamente come le ho viste io; difficile per me credere il contrario... Stasera mi vedo con tre miei grandi amici: non vedo l'ora di fare loro questo gioco!

Adam Fortunate Eagle


Attivista nativo americano, guaritore ed educatore; tra i protagonisti dell'Occupazione di Alcatraz. Autore del romanzo Alcatraz, Alcatraz.

Il deserto
Lo vedo sempre dalla mia finestra. Non devo immaginarlo. molto semplice. L'orizzonte, la sabbia, il cielo. Vedo le montagne. Lontano, a pi di settanta miglia, vedo le cime innevate dei monti pi alti.

Il cubo
una specie di monolite, come quello di 2001 Odissea nello spazio. L'immagine di questo enorme e potente monolite nero e lucido che si staglia nel deserto e lo domina in qualche modo ci appartiene. qualcosa completamente fuori posto. Il deserto infatti un ambiente morbido, naturale e rappresenta le energie creative dello spirito,

mentre il cubo rappresenta il dominio dell'uomo, geometrico e scintillante. qualcosa che pu trovarsi in completo contrasto con l'ambiente che lo circonda, anzich essere in equilibrio e in armonia con esso. Come l'uomo, anche quel grande cubo nero un intruso invadente, una presenza che non pu essere ignorata perch in posizione dominante e perch ha potere.

La scala
Le scale sono viste in modo diverso all'interno delle differenti tradizioni. Nella societ moderna una scala non altro che un normale oggetto d'uso, utile nel lavoro come nella vita domestica. Nella visione dei popoli antichi, invece, le scale rappresentavano un simbolo della crescita spirituale. Salendo verso l'alto, l'uomo si elevava e si avvicinava al regno divino. Naturalmente la cosa viene a perdere significato se la scala situata in casa o in un negozio. Ma visto che si trova in un deserto, forse l'antico significato spirituale pi presente. Come fatta? di legno, a pioli. Un tempo le scale erano diverse: erano dei tronchi

di legno massiccio con delle tacche intagliate che permettevano di arrampicarsi sino in cima. Poi le tacche intagliate hanno lasciato il posto agli scalini e le scale si sono evolute e raffinate. Qual la sua posizione in relazione a quella del cubo? Serve a mettere in comunicazione l'esterno con l'interno del cubo. Una parte permette agli uomini che sono fuori di salire ed entrare nel cubo, mentre un'altra, poggiata all'interno del perimetro del cubo, che ovviamente deve avere un'apertura, un po' come un kiva1 , permette a chi dentro di uscire. Questo anche un simbolo dell'equilibrio delle energie create dal cubo.

Il cavallo
Be', qui inevitabile che io pensi al mio cavallo, un Appaloosa che si chiama iMan, il contrario ovviamente del film Un uomo chiamato cavallo. Questo perch noi vogliamo che la gente si accorga che da queste parti le cose sono diverse. Ecco, ora
1 Locale, a volte interrato o semi-interrato, usato da alcune trib indiane centro-americane come luogo rituale per riunioni e cerimonie.

riesco a visualizzare bene il mio cavallo, Man. Ho dovuto venderlo, anni fa, perch i miei pascoli non erano pi liberi. Ora ci hanno costruito sopra una casa, e cos Man una vittima della societ. Non lo vedo da anni, ormai. Ma so che vivo, da qualche parte. Che posto occupa nell'immagine? Non credo che abbia qualcosa a che fare con quel cubo. No. Man sarebbe totalmente indifferente: il cavallo chiamato uomo. Il cubo non rappresenta nulla nella mente di un cavallo, non avrebbe alcun ruolo nella sua esistenza. Gli sarebbe completamente estraneo.

La tempesta
Qui noi possiamo vedere le tempeste quando sono ancora molto lontane, con il vento che fa da messaggero e mette a soqquadro tutto, sollevando nubi di sabbia e polvere. Nel deserto tutto ci che dobbiamo fare per predire l'arrivo di una tempesta guardare all'orizzonte. Proprio la settimana scorsa ne passata una. Puoi descrivere la posizione della tempesta?

Mi piace pensare alle tempeste come a qualcosa che accade lontano da me. E sicuramente meglio vedere una tempesta da lontano che trovarcisi in mezzo.

I fiori
Sarebbe meglio se fossimo in primavera, quando le gelate notturne sono terminate. Oggi per esempio la temperatura molto al di sopra della media, considerato che ci troviamo a met di febbraio. E un segnale ingannevole mandato dal tempo ai germogli che sono portati a credere che la primavera sia gi arrivata. I piccoli fiori cominciano cos a spuntare, traditi da questa falsa primavera. Ma le condizioni normali si ristabiliranno ben presto e gi la settimana prossima l'inverno si far sentire di nuovo. Cos tutti quei piccoli esseri cullati e ingannati da una falsa sicurezza faranno una fine inattesa e drammatica. E gli altri, quelli che hanno atteso un po' di pi, diranno: Visto? Ve l'avevamo detto noi! [ride] Voi avete rischiato e avete perso tutto. E pensare che sarebbe bastata solo un po' di pazienza in pi.... Bisogna aspettare che la natura faccia il suo corso. Che la luna compia i suoi cicli e che il tramonto si sposti verso nord, quando arriva davvero la primavera. Quello il momento in cui i piccoli fiori

possono venire al mondo senza rischiare di essere uccisi in una notte di gelo. Se dovessero esserci dei fiori in questa storia, sarebbero fiori prematuri o fiori prudenti? Preferirei che fossero fiori capaci di attendere lo svolgersi naturale delle cose. In questo modo sarebbero davvero in grado di sopravvivere. Se ci si spinge al di l dell'ordine naturale degli eventi, si rischia di venire travolti dagli eventi stessi. Proprio come il cubo, che un elemento estraneo all'ordine naturale, in disequilibrio con le energie dell'ambiente esterno. Anche lui potrebbe essere travolto dalla tempesta che sopraggiunge. Con i suoi muri ampi e piatti, offre al vento una superficie molto maggiore di quella delle morbide e basse dune sabbiose. E se il vento sar forte abbastanza, il cubo verr abbattuto. I fiori si trovano in prossimit del cubo? I fiori sono ovunque. Ma non sono in relazione con il cubo pi di quanto lo sia il cavallo.

Commenti
Sembra che tu sia destinato a rivoluzionare il gioco, visto che il tuo cubo non ti assomiglia per niente. No. vero. Quello l'atteggiamento dell'uomo sull'ambiente, che anzich cercare di piegarsi e accomodarsi per raggiungere un equilibrio, cerca invece il dominio ottenuto con l'imposizione e la forza. Proprio come l'uomo, il cubo un intruso invadente. Cos questi simboli non sono universali! Il Cubo ha un'origine europea, e prima ancora, mediorientale. E la Kaaba, che adorano alla Mecca, proprio un cubo. Il nostro invece un cerchio. Vedi? Ecco la Roundhouse Gal-lery, ecco l'Earth Lodge Museum. Sono tutti cerchi. Non cubi. La natura non conosce cubi. I cubi sono un prodotto dell'uomo. La nostra tradizione afferma che la terra la madre di tutte le forma di vita concepite dal Grande Spirito. E noi, che siamo parte di questa totalit, non siamo superiori a nessuna altra creatura esistente. Anche se abbiamo una spiritualit ben definita, essa non va intesa nel senso di una religione organizzata. Le religioni vengono dall'Oriente: sono un'invenzione dell'uomo, un sistema di credenze che diviene uno

strumento di potere. Se non credi ci che io credo, allora ho il diritto di ucciderti. Il Cattolicesimo e l'Islam hanno fatto tutto ci: hanno sterminato milioni di persone solo perch esse non credevano ci che loro credevano. Di nuovo si ripropone il modello del cubo, quello di una forza estranea dominante. Proprio come il cubo si pone in posizione dominante nella scena del deserto, cos le confessioni religiose si propongono il dominio sulla terra e sulle genti. Ma le religioni si sono trasformate nel corso della storia. I popoli della terra hanno conosciuto ogni genere di divinit, prima dell'avvento del Cristianesimo e dell'Islam, tanto che da un punto di vista pi ampio questi appaiono come fenomeni molto recenti. Quando consideri la presenza complessiva dell'uomo sulla terra -pi di tre milioni di anni - gli ultimi duemila anni non contano pi del calore del fiato di un bufalo nell'inverno. Noi vogliamo vivere in pace e in armonia con ogni essere vivente, perch ogni essere vivente in relazione con noi. Non ci interessano il dominio, il controllo e questo genere di cose. Il cubo domina e controlla, non noi. C' qualcosa che ti appartiene nella tua immagine del cubo? No davvero! Se tu fossi una forma, che forma saresti?

Sarei come gli animali, gli uccelli e i fiori. Sarei indifferente al cubo. Eppure la scala in qualche modo apre il cubo. S, apre il cubo ed come aprire il vaso di Pandora, perch nessuno sa cosa diavolo il cubo potrebbe farci e cosa noi potremmo fare con lui. Se entri nel cubo, entri in un mondo omologato e conformista. Questo perch le pareti e il soffitto e il pavimento sono fatti di angoli squadrati e linee rette. Cos ti trovi intrappolato e costretto a conformarti a questi limiti e a questi parametri. La scala la sola via di fuga. Cos sali la scala ed esci dal cubo grazie a un'altra scala. Le scale ti permettono di entrare o di uscire, dipende dalla tua provenienza. Desideri davvero essere rinchiuso in un cubo e conformarti a tutte le imposizioni della societ? C' qualcosa di tuo in quella funzione della scala. In fondo tu sei uno che aiuta gli altri a uscire dal cubo. Questo un po' quello che accade nel corso degli incontri che noi organizziamo. Proprio ieri abbiamo tenuto un incontro con un gruppo di veterani del Vietnam che hanno attraversato esperienze raccapriccianti e che ancora soffrono degli esiti di quei traumi. I nostri incontri sono come scale che servono alle persone a uscire dal

loro cubo. In questo caso le pareti del cubo erano fatte di pensieri e di ricordi. Quegli uomini agonizzano rinchiusi dai loro ricordi tragici e orribili da pi di venticinque anni e inoltre hanno questo senso di colpa tipico dei sopravvissuti che li costringe in una prigione mentale da cui non riescono a scappare. Per questo necessaria una scala che li aiuti a evadere e li porti fuori, a contemplare l'universo, la totalit della vita e il miracolo unico e irripetibile dell'esistenza. grazie ai nostri nonni e poi ai nostri genitori che siamo qui, dove restiamo per un tempo limitato. Per anche noi, a nostra volta, possiamo ripetere il miracolo e dare la vita a un bambino, ed cos che ciascuno occupa il suo posto nella scala del tempo. Il cavallo la persona che ami. Ecco perch le donne di oggi quando vedono un bel ragazzo dicono: Ehi ragazze, guardate che stallone!. Vorrebbero! Nei loro sogni! Ma non nei miei. Nossignore. Io non la penso affatto cos. Man, il mio cavallo, era un mio amico e aveva una sua spiccata personalit. Alle volte era gentile e dolce come un agnellino, altre volte invece era litigioso e testardo come un mulo. Qualche volta mi capitato di dovermi imporre. Allora, ascoltami bene, io ho un lavoro da fare e adesso tu mi devi aiutare. Mi capitato di dover esser autoritario anche con il mio amico Man, ma solo in funzione di uno scopo e non perch volevo mostrare il mio potere su di lui. Solo

se era davvero necessario. Non mi sembra male come modello per le relazioni umane, come per esempio quella con una compagna. S. [Ride] vero, perch bisogna lasciare che le persone siano se stesse, evitando di dominare e di mantenere il controllo per tutto il tempo. [Sua moglie lo chiama] Oh, stiamo per ricevere visite. Due miei giovani guerrieri, miei nipoti, stanno per arrivare. Sono stati educati nel modo tradizionale. In questo modo crescono apprezzando e imparando queste cose. I fiori sono i bambini. Aspetta un attimo, devo dire loro una cosa... Ecco, mi hai appena sentito dare ai miei giovani guerrieri il comando di prendersi cura della compagnia e questa una condivisione di responsabilit. Quando teniamo le nostre cerimonie cerco sempre di coinvolgere il pi possibile i giovani. Questo anche un modo per dare loro l'opportunit di fare, anzich di restare in seconda linea a guardare. Nessuno spettatore in questa vita. Siamo tutti protagonisti.

Il Vocubolario
Immaginare il proprio cubo (come la scala, il cavallo ecc.) pu rivelarsi sorprendentemente facile, ma interpretare le immagini pu essere talvolta piuttosto arduo. In realt il lavoro di decodificazione delle misteriose immagini prodotte dalle mente un'abilit che richiede pratica ed esercizio. I Sufi la chiamano tasvir: l'arte dell'interpretazione delle figure. Cosa significa tutto ci? la domanda che pi spesso pone chi ha appena giocato al Cubo. Paradossalmente la risposta migliore sarebbe: Dimmelo tu cosa significa. Tuttavia questa risposta non pu bastare. I dizionari dei sogni (quei libriccini dove c' scritto che se hai sognato un pesce, allora stai per sposarti) di solito sono sbagliati, e tuttavia sono letti e consultati da un grande numero di persone. La maggior parte di noi infatti va in cerca di un piccolo aiuto nell'esercizio del tasvir. E cos, sebbene noi non siamo assolutamente in grado di dirti con sicurezza cosa significhi il tuo cubo, siamo tuttavia in grado di dirti quali sono stati i significati che centinaia di persone che si sono gi sottoposte al gioco hanno trovato nei loro cubi (e nelle scale, nei cavalli ecc.). Il risultato di questo lavoro di compilazione e di comparazione questo Vocubolario: un compromesso tra l'assoluta unicit di ogni cubo e la comoda ispirazione data dai vocabolari di sogni.

Come usare il Vocubolario


Qui di seguito sono elencate in ordine alfabetico molte possibili qualit di cubi, scale, cavalli, tempeste e fiori. Prova a rintracciare tra di esse le caratteristiche salienti dei tuoi elementi: la loro dimensione, il materiale di cui sono fatti, il loro colore, la loro posizione relativa e la loro distanza. (Se il tuo cubo cos unico che non riesci a trovare nell'elenco alcuna delle sue caratteristiche, scegli quelle che pi si avvicinano.) Per ogni caratteristica troverai un certo numero di possibili significati, dedotti in base a un vasto campionario composto da centinaia di persone e anche in base alla nostra personale intuizione. Non crediamo che essi debbano essere presi come significati definitivi di fronte ai quali arrestarsi, ma semmai come stimoli e spunti a partire dai quali procedere con la propria ricerca. C' qualche significato tra quelli proposti che ti sembra adattarsi a te? (Nota che essi possono essere contraddittori: un cubo in bilico su di uno spigolo, per esempio, potrebbe essere equilibrato oppure instabile. La stessa immagine pu infatti essere ricondotta a significati opposti a seconda delle persone, o anche per la stessa persona ma in contesti differenti.) Ti sembra che almeno uno dei significati proposti ti metta sulla giusta strada? Se non cos, dai retta a ci che senti dentro di te. Non forzare il tuo cubo nel tentativo di farlo aderire a una interpretazione preconfigurata. Il Vocubolario pu solo coprire una modesta frazione di cubi possibili; non potrebbe mai essere completo, perch l'alchimia delle individualit infinita. Pensa semmai a esso come a un lavoro in progress cui stai dando il tuo personale contributo. Prova a mettere in pratica una delle seguenti

tecniche per riuscire a sviscerare l'unica e ineffabile verit del tuo cubo. Poi aggiungila al Vocubolario. Ti saremmo grati se vorrai comunicarcela. Domanda ai tuoi amici, al tuo partner e ai tuoi familiari cosa essi vedono nel tuo cubo. Le persone che ti conoscono bene possono spesso fornirti alcuni pezzi mancanti del puzzle. Prova con il metodo delle libere associazioni. Qualunque cosa ti venga in mente in associazione con il tuo cubo, per quanto ti sembri assolutamente casuale, pu essere una chiave per penetrare nel suo significato nascosto. Seguila! Prova a giocare con gli aggettivi. Se il tuo cubo di metallo, ad esempio, potresti dire: Questo metallo duro, luminoso, riflette, lavorato, sotto stress.... Stai sempre descrivendo te stesso. Tieni conto dei giochi di parole e delle immagini scherzose. La tua immaginazione contiene in s dell'ironia. Mentre i cavalli alati solitamente rappresentano la magia o la purezza, una volta un uomo che vide un cavallo alato era semplicemente innamorato di una hostess di volo! Una donna che si domandava come mai la sua scala fosse di acciaio [in inglese steel, Ndt] mentre tutti nella sua famiglia immaginavano vecchie scale a pioli di legno, si ricord che il cognome del suo migliore amico era proprio Steele. Tieni conto dell'intelligenza del corpo. Prova a sentire la posizione del tuo cubo e il materiale di cui fatto cercando di immedesimarti in esso, cinesteticamente. Quali immagini ti giungono alla mente? Un cubo in bilico su di uno spigolo potrebbe farti sentire come un bambino scavezzacollo, o come un agile gatto, mentre cammina in cima a un muretto. Un cubo posto su di un vertice pu farti venire in mente una ballerina sulle punte. E ancora: un cubo che offre alla vista uno spigolo pu far pensare alla prua di

una nave che avanza tra le onde. Successivamente, chiediti quale significato possono evocare in te simili immagini. Puoi anche provare a fare lo stesso con gli altri elementi del quadretto metafisico nel deserto. Rispetta il mistero. Ricorda che ogni immagine contiene molto pi della somma delle sue interpretazioni. Per quanti stimoli e spunti di comprensione tu sia in grado di ricavare dal tuo cubo, esso rimane intatto: un compagno misterioso e un'immagine muta in cui si specchia la tua esistenza.

!"#$%&'#
()#*)#+"#$%&'#,---#.""'/.#0%#*)+---#
12341#
emotivo mistico fluido sensibile pieno di potenzialit vicino all'inconscio

15267189:6#
eclettico, dai molti talenti tollerante ottimista infantile

784#
sereno freddo spirituale elettrico leale distante riservato triste

15!1#
aperto indifeso discreto delicato

1;;6:<1=6# :9881#(177!1#
profondo testardo conservatore presuntuoso

215=1#
vulnerabile in cerca di identit giocoso falso, simulatore (se di grandi dimensioni) CUBO DI RUBIK complesso adattabile versatile ingegnoso amante delle sfide spiritoso DADO

1==51>95(6# 8?65!@@6:=9#
visionario e pratico spirituale e sensuale capace di trasformare idee e ideali in realt CON LA SUPERFICIE A SPECCHIO tendente a rispecchiare gli altri realistico tendente a un'elaborazione per immagini

1#A9=B#(=51<1#
(vedi anche Vicino e Distante) equilibrato CASA sensibile affettuoso pratico domestico socialmente consapevole CAVO

spazioso ricettivo cuor leggero obiettivo protettivo CIBO (formaggio, pane, gelatina ecc.) nutriente affettuoso generoso consumato dagli altri sensuale, epicureo CON GLI SPIGOLI BEN EVIDENZIATI chiaro risoluto determinato
DIFFERENTE FRMICA

CON UNO SPIGOLO IN PRIMO PIANO aggressivo assertivo energico una persona d'azione dotato di duplice personalit CRISTALLO visionario spirituale puro chiaro

amante del rischio azzardato fortunato DIAMANTE brillante raro prezioso lucido frizzante tagliente deciso indistruttibile sfaccettato

GHIACCIO CHE NON

IN OGNI LATO

dotato di una personalit molteplice complesso versatile capace di cambiare consapevole di te stesso
DISTANTE

ordinato allegro sempre pronto a ricominciare ambizioso


GALLEGGIANTE

SI SCIOGLIE

imperturbabile pieno di risorse intrepido razionale


GIALLO, LUMINOSO

geloso dei tuoi spazi indipendente lungimirante

ottimista idealista spirituale sognatore poco pratico al di sopra di tutto

allegro gioioso divertente


GIREVOLE

umorale multiforme

previdente astratto
DUPLICE (due cubi)

GELATINA

attivo
GOMMA

ambiguo fisicamente malato


ENORME

vulnerabile timido tenero affettuoso divertente


GHIACCIO CHE SI SCIOGLIE

resistente ma non duro elastico flessibile divertente


GRANDE

fiducioso egoista dominante grandioso generoso GRIGIO conservatore neutrale giusto, onesto ambivalente sottile annoiato IN BILICO SU UN VERTICE speciale, eccezionale insolito fastidioso spirituale equilibrato centrato pronto a spiccare il volo

vulnerabile calmo piacevole innamorato IN EQUILIBRIO SU UNO SPIGOLO viaggiatore, nomade diviso tra due mondi indeciso irritabile perspicace preciso equilibrato precario spericolato tagliente IN MOVIMENTO libero, indipendente mutevole senza radici nomade indagatore IN UNA MANO intimo

fiducioso capace sanamente egoista LONTANO (vedi Distante) MARRONE terreno caloroso serio studioso MATERIALE INSOLITO (resine particolari, materiali per astronavi ecc.) originale solitario differente consapevole METALLICO (cavo) circospetto autoprotettivo dalla pelle dura

affettuoso fiducioso pratico

cinico avventuroso

METALLICO (pieno) indurito dalle circostanze pesante introverso impenetrabile melanconico MINUSCOLO intenso concentrato nascosto prezioso NERO elegante austero misterioso guardingo dotato di autocontrollo attratto dal mistero NUVOLA idealista sognatore immaginifico puro PIETRA (lavorata) ambizioso raffinato calmo

OASI ospitale affettuoso aperto amante del piacere OLOGRAMMA elusivo incorporeo speculativo futuristico OPACO circospetto guardingo riservato enigmatico ORO valoroso serio, importante raffinato leale, sincero attraente ricco PLASTICA di origini modeste senza pretese orgoglioso del tuo anonimato

PARZIALMENTE BRUCIATO modesto in agguato camuffato profondo oppresso PICCOLO modesto riservato estroverso realistico PIETRA (blocchi di) complesso in fase di sviluppo uno che si fatto da s

ROCCIA naturale onesto goffo rozzo

PIETRA (un blocco unico) (vedi anche Solido) monumentale immutevole saldo difficile da influenzare testardo chiaro, diretto duraturo rassegnato PIRAMIDALE affascinato dal potere (sia temporale che spirituale) misterioso enigmatico (cubo semi-sommerso)

il sale della terra PLEXIGLASS (vedi anche Vetro e Plastica) invisibilmente schermato POLICROMO eclettico multietnico versatile umorale PORPORA regale amante del lusso stravagante pensieroso moderato smodato Romantico Saggio ROSSO cordiale focoso appassionato coraggioso aggressivo rivoluzionario ROTANTE intenso affaccendato pieno di energie elusivo SCATOLA A SORPRESA spiritoso sorprendente misterioso

SCAVATO NEL TERRENO profondo introverso in armonia con te stesso anticonformista depresso SCINTILLANTE luminoso capace di catturare l'attenzione brillante ambizioso SOLIDO sostanzioso sicuro consistente onesto poco introspettivo pieno di sentimenti inespressi

SOPRA L'ORIZZONTE idealista intellettuale spirituale sognatore SOSPESO tentennante libero realistico ma aperto a molte possibilit SOTTO L'ORIZZONTE pratico realista con i piedi per terra sensuale SPUGNA curioso assetato di conoscenze facilmente influenzabile

STRUTTURA METALLICA (con pareti di vetro, stoffa ecc.) energico determinato SULLA SABBIA pratico con i piedi per terra di buon senso realistico concreto TESSUTO flessibile casalingo semplice elaborato colto temprato da molte esperienze

TRASLUCIDO pensieroso meditativo ricettivo selettivo enigmatico affascinante TRASPARENTE candido incapace di nascondere le emozioni osservatore obiettivo un libro aperto VERDE speranzoso ottimista amante della natura ecologista benestante capace di rinascere

VETRO (tipo serra, terrario o acquario) protettivo possessivo animato da una vita interiore esibizionista VETRO ANTIPROIETTILE pi forte di quello che sembri VETRO COLORATO immaginativo romantico poetico una persona che vede solo ci che vuole spirituale religioso nostalgico artistico

VETRO TRASPARENTE chiaro candido aperto realistico fragile VICINO a tuo agio con l'intimit socievole centrato sulla famiglia impulsivo una persona che vive nel presente attento all'attualit

8.#*$.".#
(Per quanto riguarda i colori fai riferimento alla sezione dedicata al cubo)

()#".#0%.#*$.".#,---#.""'/.#+#0%'+#.C+$+---#
ALLUMINIO ti danno un aiuto pratico lavorano insieme a te sono poco sentimentali utilitaristici aggiornati affidabili leggeri ma forti mai di peso ALTA COME IL CUBO sono pari a te i tuoi compagni d'avventura

ACCIAIO sono assolutamente affidabili induriti dalle circostanze indistruttibili schietti pratici disadorni A CHIOCCIOLA vanno e vengono ci sono e non ci sono ti aiutano a intervalli sono incostanti

ALTA MENO DEL CUBO sono subordinati a te sottomessi diversi da te ALTA PI DEL CUBO sono persone che ammiri che invidi che ti schiacciano che vuoi imitare APPOGGIATA ALLA SOMMIT DEL CUBO ti aiutano a sviluppare il tuo potenziale

APPOGGIATA

CACTUS

CORDA

ALL'INGRESSO

DEL CUBO

conoscono la chiave che apre il tuo cuore sono i soli a cui ti apri ti aiutano a conoscerti suscitano le tue emozioni
APPOGGIATA

sono difficili hanno un brutto carattere


CONFICCATA

sono flessibili dipendenti molto legati a te viaggiatori ti vengono incontro

NELLA SABBIA

CONTRO IL CUBO

si appoggiano a te ti sostengono ti stanno vicino ti toccano


ASCENDENTE AL CIELO

sono solidi leali fino alla morte prendono una chiara posizione offrono un sostegno
CON MOLTI SCALINI

COSTRUITA SU

UN LATO DEL CUBO

sono i tuoi parenti acquisiti come parenti stretti


DA BIBLIOTECA

sono numerosi
CON POCHI SCALINI

annoverano la divinit e le potenze superiori ti aiutano a crescere spiritualmente ti aiutano a raggiungere l'oggetto delle tue ambizioni

sono pochi
CON SCALINI MANCANTI

hai perso qualche amico caro

amano leggere ti guidano verso la conoscenza sono scrittori e insegnanti ben informati colti distinti viaggiano molto

DELLA PISCINA sono tuoi compagni di giochi dividono con te il piacere e il divertimento ti aiutano a rilassarti si calano nei tuoi sentimenti DENTRO E FUORI DAL CUBO sono di due tipi: alcuni intimi altri semplici conoscenze DENTRO IL CUBO li porti nel tuo cuore sono in confidenza con te intimi protetti da te ti trovano possessivo

DI RAMI sono naturali sportivi incolti, rozzi senza radici parenti morti DISCENDENTE DAL CIELO annoverano la divinit e le potenze superiori sono di estrazione sociale differente contatti influenti spiritualmente evoluti possono aiutarti a crescere

DISCENDENTE SOTTO TERRA ti calano nel profondo dell'esistenza aiutano la tua consapevolezza amano esplorare i misteri amano le profondit ti stanno minando ti portano dritto all'inferno DI SOSTEGNO AL CUBO ti supportano in ogni senso sono necessari alla tua sussistenza ESTENDIBILE continuano ad aumentare sono pieni di risorse accorrono nel momento del bisogno ti salvano la vita

FERRO sono pesi massimi forti leali affidabili rozzi seri, sobri

ISOLATA (in posizione diagonale) hanno un unico punto di vista sulle cose guardano al futuro sono anticonformisti ISOLATA (in posizione

LEGNO

COMPENSATO sono leggeri inaffidabili angeli (figure labili, immaginarie, Lontane o amici spirituali LEGNO LAVORATO sono colti beneducati aristocratici benestanti snob si preoccupano delle apparenze LEGNO NUOVO sono amici recenti o pi giovani di te LEGNO VECCHIO sono vecchi amici figure familiari hanno pi anni di te

FERRO BATTUTO sono colti creativi artistici hanno lavorato su se stessi GALLEGGIANTE sono sognatori intellettuali filosofi artisti apprezzati per le loro idee non molto pratici vanno alla deriva

verticale) sono indipendenti ambiziosi tutti d'un pezzo non si appoggiano a te (n tu a loro) godono della tua stima LEGATA CON CINGHIE DI CUOIO sono spontanei atletici abituati a vivere all'aria aperta casual schietti forti ma elastici

LONTANA DAL CUBO non ti sono davvero vicini vivono lontano da te non li vedi spesso non sono importanti per te MACCHIATA DI PITTURA sono i tuoi collaboratori creativi hanno avuto molte esperienze MATERIALE DIVERSO DA QUELLO DEL CUBO sono diversi da te MATERIALE UGUALE A QUELLO DEL CUBO ti assomigliano molto nel profondo

METALLO (vedi Acciaio, Alluminio, Ferro) ORO sono leali non hanno prezzo PANE sono affettuosi compagni di mangiate e bevute PIEGATA, CON SNODI E GIUNZIONI E IN VARIE POSIZIONI sono intelligenti versatili adattabili ingegnosi

PIEGHEVOLE A PIOLI (aperta) sono stabili costanti responsabili indipendenti hanno fiducia in se stessi vivono a coppie divisi in due gruppi PIEGHEVOLE A PIOLI (chiusa) accorrono al momento del bisogno non tirano fuori il meglio di se stessi ROTTA ti hanno tradito ti hanno deluso sono nei guai si sono allontanati da te

SDRAIATA A TERRA
sono rilassati casual compagnoni

SOSPESA SOPRA AL CUBO


si librano al di sopra di te ti proteggono

TRA IL CUBO E IL SUOLO


ti riportano con i piedi per terra ti costringono ad affrontare la realt

stanchi

di non grande

aiuto, tranne

TRABALLANTE
sono inaffidabili in cattiva forma malsani

sono la tua ancora

che nelle

di salvezza

emergenze

bisognosi

scrocconi

ammalati

malati

o invecchiati

morti

!"#2.D.""'#
()#+"#0%'#$.D.""'#,---#.""'/.#+"#0%'#E./0F)/#,---#
ACCANTO AL CUBO un tuo pari un compagno leale vicino AFFAMATO O ASSETATO insoddisfatto di te ALATO (vedi Volante) AL GALOPPO affannato impegnato attivo pieno di energie preoccupato atletico AL PASSO tranquillo casual determinato capace di rispettare i propri tempi AL TROTTO determinato diretto verso uno scopo ben coordinato di buone maniere ARABO ipersensibile aristocratico elegante nervoso orgoglioso A TESTA BASSA rilassato una persona che cerca di soddisfare i propri bisogni depresso BARDATO (con finimenti decorati) romantico esotico avventuroso regale forbito eroico benestante BIANCO idealizzato idealista il tuo sogno di retti principi buono

BRADO (senza sella n briglie)


libero sensuale

CAVALCATO DA TE
il coniuge

DIETRO IL CUBO
un valido appoggio

uno che conta su di te

per i retroscena

colui che ti porta

della tua vita

dove vuoi tu

detentore di un potere

CAMMELLO
resistente affidabile sposato da molto

il tuo compagno

su di te che non

di strada

mostra

protetto da te

tempo

CLYDESDALE (razza scozzese)


un vero lavoratore grande, pesante, solido forte fisicamente

tendente a nascondersi

dietro di te

capace di sopportare

indietro nella

pesi e fatiche

carriera o nella

crescita

CAVALCATO DA QUALCUN ALTRO


razionale, controllato diretto verso uno scopo

attaccato al passato

CON LE SOLE IMPRONTE


solo un ricordo

DI TROIA
lanciato alla conquista infedele incinta

gran lavoratore

DENTRO IL CUBO
nel profondo del tuo cuore una guida per trovare te stesso

innamorato di

infido

qualcun altro

imparentato con

persone sgradevoli

protetto da te

posseduto con gelosia

FEMMINA (vedi Giumenta)

FERMO calmo paziente in pace con se stesso impegnato fannullone dai solidi principi FERMO SOPRA UN PICCOLO CUBO dominatore una cornice alla tua vita GIOCATTOLO un tuo capriccio in tuo potere non preso sul serio GIUMENTA affettuoso gentile paziente fertile resistente di temperamento

IMBIZZARRITO orgoglioso rabbioso focoso pieno di energie teatrale artificioso IN CAMMINO calmo disinvolto padrone del proprio tempo determinato IN CAMMINO INTORNO AL CUBO una persona che gravita intorno a te IN CORSA (vedi Al galoppo)

INESISTENTE una persona che non esiste se n' andata escluso dalla tua anima solitaria IN FUGA LONTANO DA TE una persona che ti sta lasciando indipendente disimpegnato INTENTO A LECCARE IL CUBO una persona che si nutre di te dimostra il suo affetto un buon baciatore un buon amante

INTENTO A SALIRE SULLA SCALA in crescita nella tua stima ambizioso una persona che sta maturando INTENTO A SCENDERE LA SCALA una persona che sta perdendo la tua stima non pi idealizzato LEGATO sposato impegnato non libero

LONTANO DAL CUBO fisicamente lontano indifferente molto indipendente una persona che vive in un suo mondo si sta allontanando da te poco importante per te MARRONE caldo sensuale terreno ordinario senza pretese moro di colore MASCHIO (vedi Stallone) MORTO deceduto abbandonato, non pi amato

MUSTANG selvaggio duro un ragazzaccio una persona che ha fiducia in s ribelle NERO misterioso romantico potente umorale un buon amante moro NERVOSO emotivo sensibile facilmente irritabile di temperamento

PALOMINO amichevole bello (in ogni senso) biondo buono PEGASO (vedi Volante) PEZZATO amichevole versatile ombroso artistico oggetto di sentimenti contrastanti PINTO

PUROSANGUE beneducato competitivo un grande conquistatore di bell'aspetto RIVOLTO VERSO LA TEMPESTA una persona che preoccupa, d pensieri vigile, protettivo SDRAIATO rilassato sicuro malato pigro a suo agio sedentario SELLATO maritato responsabile un gran lavoratore addomesticato

SOPRA IL CUBO dominatore stimato su un piedistallo posseduto da te SOTTO UN GRANDE CUBO O SU UN VERTICE dominato da te messo in ombra da te sotto la tua protezione fedele SPAVENTATO DALLA TEMPESTA facilmente irritabile una persona che preoccupa, d pensieri sta attraversando un momento difficile

(vedi Pezzato)
PONY piccolo carino infantile affettuoso

SPERDUTO insicuro della direzione della propria vita separato da te STALLONE coraggioso assertivo avventuroso dominante protettivo orgoglioso UNICORNO incantevole poco terreno timido puro innocente spirituale magico

UN INSIEME DI CAVALLI pi di uno umorale multiforme una persona dalla doppia personalit VICINO AL CUBO vicino a te leale impegnato VICINO ALLA SCALA il tuo migliore amico amico prima ancora che amante vicino ai tuoi amici

VOLANTE un amore recente idealizzato idealistico ammirato, corteggiato spirituale intellettuale magico una persona che ti porta in alto ti porta via

8.#0)CE)*0.#
()#".#0%.#0)CE)*0.#,---#.""'/.#+#E/'&")C+#*'F'---#
ALL'ORIZZONTE
lontani nel futuro

relativi ad altri relativi al mondo esterno CON LAMPI (vedi Tuono) CON NUBI NERE preoccupazioni minacciosi ma non ancora presenti CON PIOGGIA ACIDA preoccupazioni fastidiose DIETRO IL CUBO nel tuo passato ignorati da te

ELETTRICA scioccanti galvanizzanti tali da darti una scossa illuminanti istruttivi IN ALLONTANAMENTO finiti per ora IN AVVICINAMENTO non ancora qui nell'immediato futuro LOCALIZZATA relativi solo a un aspetto della tua vita affrontabili intermittenti

LONTANA poco importanti niente di cui preoccuparsi NON IN VISTA assenti per ora dalla tua vita negati con forza PASSATA nel tuo passato per la maggior parte superati SOPRA IL CUBO qui, ora nella tua infanzia problemi di cui non parli con gli altri unicamente riguardanti te

SPETTACOLARE una sfida uno spunto pieno di ispirazioni parte della commedia della vita TEMPESTA CHE SEPPELLISCE IL CAVALLO il tuo partner soccombe di fronte a essi TEMPESTA CHE SEPPELLISCE IL CUBO umilianti tali che tu soccombi di fronte a essi tali da trasformarti un'esperienza da cui apprendere

TEMPESTA CHE SPAVENTA IL CAVALLO tali da far arrabbiare il tuo partner TEMPESTA CHE SPAZZA VIA IL CUBO devastanti una grande delusione un fallimento una perdita una malattia un forte senso di caducit TEMPESTA CHE SPAZZA VIA LA SCALA pi preoccupanti per i tuoi amici

TEMPESTA DI SABBIA accecanti tali da creare confusione irritanti portatori di sconvolgimenti una crisi finanziaria o comunque qualcosa di materiale TEMPORALE una crisi emotiva molte lacrime motivi di afflizione per il tuo spirito deprimenti tali da rompere la tensione necessari per crescere TORNADO violenti distruttivi acuti

TUONO liti solo una sfuriata minacciosi fragorosi

VENTO una crisi spirituale tensioni, stress tali da stravolgere le abitudini caotici forieri di cambiamenti stimolanti forieri di un rinnovamento

!#G+'/+#
()#+#G+'/+#*'F'---#.""'/.#+#&.C&+F+#*'F'---#
764349=#
vicini l'uno all'altro vicini per et un dono per/da il tuo partner

<9:=56#!8#2476#
desiderati in grembo giovani dipendenti accuditi iperprotetti posseduti un prolungamento dite

;!65!#<!#212=4(#
un grosso problema un impegno ben ripagato forti

21<4=!#<18#2!986# 6#I65=1=!#<18# >9:=6#


benedetti accolti con gioia capolavori

;!65!#(122H!#
nei guai vissuti come estranei senza interesse per te morti o abortiti cresciuti e lontani, per proprio conto

<!9=56# 268651=!# >!>129A9:=9#


importanti per te vivi motivo di grande attenzione sorgenti di piacere

!8#21>1886#
in arrivo quando troverai l'amore protetti dal tuo amato

J!J8!#12341=!2!K# :!:;99#
vicini all'inconscio vicini alla madre puri

<!9=56#!8#2476#
protetti da te i tuoi studenti/allievi gi cresciuti e fuori casa

!:#I5!A6#I!1:6#
molto importanti per te

INTORNO AL COLLO DEL CAVALLO l'orgoglio del tuo partner il suo trofeo IN UN GIARDINO LONTANO DAL CUBO di qualcun altro IN UN GIARDINO VICINO AL CUBO tuoi tenuti al sicuro coltivati, accuditi IN UN'OASI protetti dall'aridit della vita sorgenti di speranza allevati in un ambiente ricco

IN UN VASO il tuo orgoglio accuditi in mostra dominati LONTANI DAL CUBO di qualcun altro non parte della tua vita materialmente lontani MARGHERITE innocenti naturali freschi biondi NUMEROSI molti l'opera della tua vita di qualcun altro

PICCOLI giovani messi sotto i piedi cuccioli di qualcun altro non importanti nella tua vita RECISI adottati figliastri cresciuti e fuori casa ROSE amati appassionatamente figli di un amore appassionato SELVATICI non sotto la tua responsabilit affidati alla vita SOPRA O SOTTO UN ALBERO cresciuti per conto loro affidati alla vita

SOSPESI NELL'ARIA non concepiti non ancora voluti nel futuro SOTTO IL CAVALLO protetti dal tuo partner

SULLA SCALA O VICINI A ESSA i tuoi migliori amici i figli dei tuoi amici nipoti

VICINI AL CUBO davvero tuoi giovani sotto la tua protezione

Le origini del Cubo


In tre paragrafi
Paragrafo 1 Nell'estate del 1987, nell'isola di KorCula - sperduta nell'azzurro dell'Adriatico - mentre giacevo su di una spiaggetta privata lasciando che il mio corpo si beasse della luce del sole del Mediterraneo, alcuni miei amici di vecchia data mi cubizzarono per la prima volta. Rispondevo pigramente alle loro domande senza fare troppa attenzione ai loro ammiccamenti e alle risate calorose che talvolta scoppiavano. Quando mi venne data la soluzione del gioco, pensai semplicemente che il Cubo non era altro che il gioco dell'anno: una delle tante mode estive che si succedono anno dopo anno. A ogni modo nessuno conosceva l'origine di quello strano gioco. La molle e comoda pigrizia estiva ci aveva catturati e non ci preoccupammo pi molto del Cubo. Il che non ci imped, comunque, di usarlo come parte di un altro gioco, quello del costante esercizio della seduzione. E tuttavia, molti cubi vennero collezionati nel corso di quella felice estate del 1987. Paragrafo 2 Un paio di mesi pi tardi, a settembre inoltrato, mentre raccoglievo le

energie per le ultime riprese del mio primo film, passai un periodo nella casa di mia nonna nella Vojvodina, che ai tempi era una regione settentrionale dell'ex Jugoslavia. Il piccolo villaggio adagiato sulle rive del Danubio sempre stato per me un'insolita oasi di calma, cos lontana dai fragori della politica e della guerra, e i suoi abitanti mi sono sempre sembrati semplici spettatori della grande messa in scena della Storia, sebbene le loro abitudini fossero profondamente radicate nella tradizione austro-ungarica. Ogni aspetto della vita locale rivelava la forte influenza di quell'impero una volta potente e oggi ormai dimenticato. Questo si notava soprattutto nel modo in cui la gente offriva e serviva il cibo. Mia nonna, naturalmente, non faceva eccezione. Un pomeriggio, dopo un pranzo ricco e interminabile come al solito, mi trovavo a subire il consueto interrogatorio da parte di mia nonna su come mai non avessi una ragazza fissa e su quando infine mi sarei deciso a mettere la testa a posto e a sposarmi. Per cercare di cambiare argomento mi venne in mente di proporle di giocare al Cubo. Con mia infinita sorpresa, rispose: Non ti preoccupare del mio cubo. Dimmi piuttosto del tuo cavallo, cos almeno cercher di trovarti una bella ragazza del villaggio. Spalancai gli occhi. Cosa? Tu conosci questo gioco? Rispose con un'aria di sufficienza. Certo che lo conosco. Tutti lo conoscono. Ma non un gioco.

Avanti ora, dimmi del tuo cavallo e io... Aspetta, aspetta! Da dove viene il gioco? Dove l'hai imparato? Senti, una lunga storia e poi ora devo andare a dar da mangiare ai polli. Mi lasci solo con la mia curiosit. Pensai che l'unica persona che avrebbe potuto darmi altre informazioni senza per forza assillarmi con il tema del matrimonio fosse il parroco, e cos mi decisi a fargli visita. Non era in chiesa, ma al suo solito posto: un'ansa dove il Danubio rallenta la sua corsa e dove lui era solito recarsi a pescare. Quando lo trovai, una bottiglia di buon rosso del posto serv a cancellare del tutto ogni ulteriore preoccupazione. Conoscevo bene padre Ambrosie e lui conosceva bene me. Mi rimproverava sempre dicendomi che io ero stato l'unico a non mostrare rispetto per la sua originale tecnica di battesimo, che consisteva nello spruzzare l'acqua santa in giro per tutta la chiesa, e che avevo strillato e pianto per tutta la funzione fino ad assordarlo. Scommetto che lo raccontava a tutti quanti. A ogni modo quella volta era di buon umore, nonostante i pesci non si decidessero ad abboccare. Cos quando mi vide la sua faccia si illumin in un largo sorriso, anche se forse, ripensandoci, non era a me che sorrideva quanto alla bottiglia di rosso. Allora sentiamo un po', cosa vorresti estorcermi con questa? disse dando un lungo sorso. Ah, il Cubo? Sono stati i turchi a portarlo! O,

comunque, questa la mia teoria. Altri la pensano diversamente, ma io non sono d'accordo. Se provi a spulciare negli archivi della chiesa andando indietro sino all'inizio del secolo scorso, non troverai nient'altro che il consueto registro delle nascite e delle morti. (Sorso.) Sai, proprio come in ogni archivio di ogni altro villaggio della periferia dell'impero... (Altro sorso.) Eccezion fatta per un breve periodo di circa vent'anni durante il quale le consuete annotazioni... sai, tutto quello che veniva registrato in quello stile fiorito che sarebbe dovuto durare per generazioni... bene, dove ero rimasto? (Sorso.) Ah s, ecco, la tradizione delle annotazioni, che era sempre stata accuratamente mantenuta, di colpo si tramut in un ammasso casuale di eventi narrati in forma di diario. Mi guard con fare da cospiratore e fece una pausa. Non ero gi pi un regista. Ero di nuovo un ragazzino e non desideravo altro che ascoltare il seguito della storia. (Sorso.) Allora all'inizio, il diario fa il punto con chiarezza su di una serie di eventi che accaddero nel villaggio. Dapprima la lingua usata il solito tedesco, poi si passa al serbo, poi arrivano l'arabo, il sanscrito e addirittura una lingua strana e incomprensibile che sta dando un sacco di grattacapi ad alcuni studiosi venuti sin qui da Heidelberg e da Oxford. (Pausa e sorso.) Il diario continu inizia con la descrizione dell'eccezionale umidit dell'estate del 1804 che, stando allo scrivano, fu cos forte da seppellire tutta la zona nella nebbia per giorni e giorni. Alcuni cavalli, dei bambini e

persino degli uomini si persero nella nebbia. Scomparsi. Inghiottiti. Non li trovarono pi. Si fece il segno della croce e poi diede un'altra gollata dalla bottiglia. Quando la nebbia si alz lui era gi qui. Apparso dal nulla. Lui chi? Kariton! L'uomo che port il Cubo! Ma, era turco? Il nome non sembra turco! Bah, alcuni dicono di s. Io per credo che fosse un greco che aveva rubato il Cubo ai turchi e che poi se ne era scappato. A dire il vero il nome giusto era Hariton, ma siccome nessuno qui era in grado di pronunciare bene la H divenne per tutti Kariton. E poi cos gli sembrava pi cristiano. (Sorso.) A ogni modo, se vai avanti, scopri che Hariton o Kariton, o come diavolo si chiamava, organizz l'intero villaggio basandosi sul Cubo. E il villaggio prosper, fior. Era il centro del mondo. Ah, dovevano essere bei tempi quelli... Sospir, con lo sguardo perso nella luce del tramonto che si avvicinava. Cercai di immaginarmi il piccolo villaggio come il centro di qualcosa anche meno imponente del mondo intero, ma era davvero difficile. Si gir verso di me. Non ci credi? Leggi. tutto scritto. Be', naturalmente non accadde in un attimo. Dapprima questo divenne il luogo di sosta delle carovane che, per qualche ragione ignota, modificarono le loro rotte millenarie. Qui si parlavano tutte le lingue del mondo. Poi si cominciarono a

costruire scuole e i bordelli. Templi, moschee, sinagoghe e chiese di ogni genere spuntavano come funghi, e quando non servivano a onorare Dio servivano a onorare il dio denaro. Montagne delle pi pregiate sete cinesi venivano scambiate con diamanti russi, tonnellate di oro spagnolo o navi arabe cariche di caff e di spezie dall'Estremo Oriente. Tutto e tutti passavano di qui e questo non era pi il villaggio... Non era pi il villaggio? E cos'era? Era una magnifica e moderna capitale europea. Pensai che era un fantastico bugiardo e che stava solo cercando di piazzare il suo piccolo villaggio da qualche parte nella storia del mondo. E cosa ne fu di K... Hariton? Ah be', incontr il suo cavallo, voglio dire sua moglie, e si spos. Non mi ricordo come si chiamava lei, ma ebbero ben quattro figli. Due maschi e due femmine. Quando lui mor la sua famiglia se ne and, portando con s il Cubo. E cos il centro del mondo li segu e noi tornammo a essere di nuovo un piccolo villaggio. Ma la gente del paese, voglio dire... della metropoli, ormai conosceva le soluzioni. Perch allora...? Eh s, sapevano le risposte, ma non sapevano come interpretarle! Ancora adesso, dopo tutti questi anni, stiamo ancora imparando. (Sorso.) E cosa c' da imparare?

Ah, ah, senti questa. Cosa c' da imparare? Dentro di te ragazzo mio ci sono cose che tu nemmeno immagini. (Sorso.) Per esempio lo sapevi che alcuni dei pi grandi eventi politici e storici di tutti i tempi - e non parlo di qualche secoluccio, ma di migliaia e migliaia di anni - nel bene come nel male furono decisi consultando il Cubo? In base a quello le pi grandi guerre furono vinte e perse: Cesare, Napoleone, Kutuzov e persino la Rivoluzione russa! (Sorso.) Persino un movimento artistico prese il suo nome proprio dal Cubo. Cominciai a ridere. Anche lui si stava divertendo della sua storia. O forse era il vino. E allora? Non mi credi? No, no, altroch se ti credo! Ma com' che di tutte queste attivit da centro del mondo non rimasta neanche una traccia in paese? Una lunga sorsata finale vuot la bottiglia. La vuoi sapere una cosa? Con tutte queste domande mi stai spaventando i pesci. Torna domani, porta un'altra bottiglia e ti far vedere i diari. Be', domani era un altro giorno e il destino mi richiam alla moviola, di modo che potei finire il mio film, ma promisi a me stesso che sarei tornato per saperne di pi sui diari. L'ultimo ricordo che ho di padre Ambrosie lui sul greto del fiume che mi saluta agitando la bottiglia vuota.

Paragrafo 3 Molti anni, e molti cubi pi tardi, mi trovo a New York, aspettando che mi richiamino da Hollywood. Toc, toc. Improvvisamente, il destino bussa alla mia porta sotto forma di Annie, di Big Jacques e di quattordici gatti. Annie (sorridendo): Ciao! Siamo i nuovi vicini!. Jacques (perentorio): Annie! Bando alle ciance e dagli subito da mangiare. Non possiamo permetterci nessun vicino ossuto!. I gatti non commentano, ma uno di loro, Mr. Coby (il pi grosso e grasso Blu di Russia che abbia mai visto), mi guarda, sbatte le palpebre un paio di volte e, potrei giurarlo, bisbiglia qualcosa come: Il tipo ossuto a posto!. Poi tutti insieme mettono a soqquadro il mio appartamento. Quanto a me, sono senza parole, il che viene interpretato subito come se fossi affamato. Forse vero. A ogni modo in un baleno mi ritrovo nel bel mezzo di un banchetto luculliano che potrebbe essere descritto senza riserve come un'orgia di cibo stile impero romano di proporzioni smisurate, con tanto di quattordici gatti, con Annie che continua a fare domande e Jacques che continua a rispondere al mio posto. Io sono ancora senza parole, per la maggior parte del tempo. Ma il cibo cos buono che mi ci vuole un po' per rendermi conto di chi siano davvero loro. Annie meglio del Prozac e del Valium messi assieme. Basta

parlarle un paio di volte al giorno e la tua depressione scomparsa. Un'improvvisa ondata di energia ti pervade e puoi finalmente riprendere a respirare normalmente, anche se ti trovi qui a New York. Il tuo cervello si fa pi agile, come se avessi preso una specie di ginseng sotto forma di parole. Io consiglio assolutamente delle dosi quotidiane di chiacchiere con Annie. Vi sentirete meglio, garantito! Big Jacques (e l'appellativo sicuramente modesto) il marito di Annie. Personalmente nulla smetter di farmi credere che tutti e due mi stiano mentendo: Big Jacques dev'essere in realt il genio della lampada, che si disfatto della lampada non appena ne uscito fuori. Lui il cuoco. I gatti sono i gatti, con l'eccezione di Mr. Coby, che fuma i sigari nel mio bagno e ogni tanto scoppia a ridere senza alcun motivo apparente. Naturalmente ho giocato al Cubo con tutti loro (gatti compresi), che poi hanno giocato con i loro amici, che a loro volta hanno giocato con altri amici e cos via, finch, dopo molte cene, una sceneggiatura ben riuscita e una grande collezione di cubi, ho pensato che avremmo dovuto pubblicare II Cubo e dirvi tutto quello che sapevamo. Devo anche confessarvi che il libro stato in effetti scritto da Annie, mentre io, oltre a fornire alcuni cubi della mia collezione privata, mi sono limitato a dare un'occhiata finale (per so fare anche un caff molto buono). La parte di Jacques stata quella di nutrirci (troppo) e di ripeterci di continuo che avevamo sbagliato tutto. Anche i gatti

sono stati di grande aiuto, il pi delle volte. Mia nonna morta senza la gioia di vedermi sposato. Anche padre Ambrosie se n' andato e ora probabilmente sta pescando da qualche nuvoletta mentre sorseggia un vino della zona (roba, pare, celestiale). Quanto a me, sto ancora aspettando che da Hollywood mi richiamino e mi dicano qualcosa. Nel frattempo prendo con regolarit le mie dosi di terapia verbale di Annie, mentre Mr. Coby sta cercando di smettere di fumare (direi senza successo). Se non mi credete, venite una volta a cena e controllate di persona. Ricordatevi solo di portare il vostro cubo. Al resto pensiamo noi. Slobodan D. Pesic