Sei sulla pagina 1di 1

Le quattro glaciazioni e i quattro periodi interglaciali Gli ultimi due milioni di anni, periodo che i geologi definiscono era

quaternaria (suddiviso in due grandi periodi: il pleistocene e lolocene),sono stati i pi freddi nella storia della Terra a causa di grandi periodi glaciali che avvolsero la Terra nel gelo. L'Europa, in particolare, fu interessata da quattro Glaciazioni: Gnz, Mindel, Riss e Wrm intervallate da tre periodi Interglaciali a clima caldo: Gnz-Mindel, Mindel-Riss, Riss-Wrm. Nel corso di questi periodi il clima mutava radicalmente provocando, a seconda del periodo, la sommersione o l'emersione di ampi tratti di terre. Il movimento eustatico del mare altern, nei periodi caldi, l'invasione marina di molte terre e grotte frequentate dall'uomo e, nei periodi freddi, l'emersione di ampie pianure costiere, avvicinando o ricongiungendo territori un tempo separati. Le cause che portano il clima terrestre a entrare e uscire ciclicamente da un'Era glaciale sono: la variazione della composizione dell'atmosfera; i movimenti delle placche tettoniche, che determinano la posizione dei continenti sulla superficie terrestre; la variazione dell'orbita del Sole all'interno della Via Lattea e altre cause cosmiche. L'uomo, quindi, per tutto il Paleolitico, ha dovuto confrontarsi continuamente per la propria sopravvivenza con frequenti e radicali cambiamenti di clima che trasformavano, di volta in volta, ambienti favorevoli alla vita umana in ambienti fortemente ostili, sviluppando una continua ricerca di nuove strategie e nuovi sistemi di adattamento agli ambienti che andava mano a mano conquistando. Le pi antiche attestazioni di presenza umana risalgono al Paleolitico medio, e videro protagonista l'uomo di Neandertal, Specie umana vissuta esclusivamente in Europa, conobbe sia il clima tropicale dell'ultimo interglaciale, che i rigori della Glaciazione wurmiana, estinguendosi durante il secondo acme di quest'ultima, mentre l'Europa veniva popolata dalla nuova specie del Sapiens, proveniente dall'Africa. Pi intraprendente e astuto del Neandertal, l'Homo sapiens si diffuse rapidamente in tutto il mondo, adottando sempre nuove strategie insediative e nuovi sistemi socioculturali, politici ed economici. Super brillantemente i rigori dell'ultimo glaciale, riparandosi in grotte dove perfezion la propria abilit nella scheggiatura della pietra, escogit nuovi strumenti, affin le sue tecniche di caccia e lasci i segni di una delle sue pi brillanti invenzioni: l'arte;