Sei sulla pagina 1di 170

I funghi, Scarla e la Val Mastallone

Sopravvivenza micologica a spasso per i boschi della Val Mastallone ed affluenti in compagnia della famiglia Scarlassare

Liberamente tratto da: Wikipedia Progetto Forme di Vita e forum.funghiitaliani.it ed integrato con dati e foto propri!!

Prefazione

Prefazione
Perch e cos questo scritto, questa raccolta di foto ed informazioni ? Sicuramente non un libro sui funghi o sulla micologia, ne esistono in commercio e su internet a decine ben fatti (tra cui i siti www.funghiitaliani.it e Wikipedia progetto forme di vita: Funghi da cui mi sono alimentato). Leggendolo, se si esperti non si diventa pi esperti e se si neofiti non si impara ad essere indipendenti! solo un vademecum, un manuale, che d una prima idea a chi mi accompagna di cosa si pu trovare in valle, seguendomi nelle passeggiate nel bosco. Molto utile a chi digiuno dellargomento cos da sfrondare subito i primi dubbi! Laver studiato il materiale non permette ad alcuno di poter avventurarsi nella raccolta impunemente, a mendo di competenze proprie pregresse. Quello che viene fornito solo una infarinatura per distinguere almeno i funghi principali, quelli da osservare e tirare dritto e quelli che non si possono dimenticare! Le montagne e di conseguenza i boschi della val Mastallone sono impervi, per cui per inoltrarvisi serve oltre ad una adeguata preparazione psicofisica anche un adeguato equipaggiamento: Scarponi Abbigliamento adeguato e coprente (se necessario predisposto per lacqua!) Zaino Bastone Cappello Etc Se pensate di andare in giro col cestinetto tipo cappuccetto rosso e zampettare tranquillamente sui sentieroni come si vede nei servizi dei TG durante la stagione micologica. DIMENTICATEVELO! Serve sudore e fatica e spesso lo spirito di una capra di montagnaMA ma quando li incontrereteallora sarete ripagati di tutto! PS: Ricordarsi la licenza di raccolta. Ciao a tutti Vi aspetto Stefano

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 2

Prefazione Il manuale diviso in 4 sezioni principali: 1. Cosa mangiamo un elenco delle specie che vengono comunemente raccolte, primariamente i porcini e i fingerli ed in caso di scarsit le altre. 2. E cosa guardiamo solamente un elenco delle principali e pi riconoscibili specie velenose 3. Ed oravale tutto!! una raccolta fotografica senza ordine e senza categorie di cosa si pu vedere nel bosco, ci sono sia specie commestibili che specie velenose una pura galleria 4. Appendici contiene alcune informazioni accessorie interessanti Le prime due sezioni sono a loro volta divise in tre parti: 1. delle schede di presentazione del fungo (dove disponibili) principalmen te tratte da Wikipedia 2. una galleria fotografica raccolta dal forum funghiitaliani.it (con eventuale commento) 3. una galleria fotografica personale. (con eventuale commento).

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 3

Prefazione

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 4

Sommario

Sommario
Prefazione ................................................................................................................. 2 Sommario.................................................................................................................. 5 Cosa mangiamo ..................................................................................................... 8 Boletus Edulis Bull.: Fr. ........................................................................................ 9 Descrizione della specie................................................................................... 10 Habitat............................................................................................................. 11 Commestibilit ................................................................................................ 12 Etimologia....................................................................................................... 12 Confondibile con: ............................................................................................ 12 Sinonimi e binomi obsoleti .............................................................................. 12 Nomi comuni................................................................................................... 12 Galleria fotografica.......................................................................................... 13 Sezione personale ............................................................................................ 16 Boletus Aereus Bull. : Fr. .................................................................................... 23 Descrizione della specie................................................................................... 24 Microscopia..................................................................................................... 25 Habitat............................................................................................................. 25 Commestibilit ................................................................................................ 26 Confondibile con: ............................................................................................ 26 Etimologia....................................................................................................... 26 Sinonimi e binomi obsoleti .............................................................................. 26 Nomi comuni................................................................................................... 26 Collegamenti esterni ........................................................................................ 26 Galleria fotografica.......................................................................................... 27 Sezione personale ............................................................................................ 30 Boletus Erythropus Persoon................................................................................. 32 Descrizione della specie................................................................................... 34 Habitat............................................................................................................. 34 Commestibilit ................................................................................................ 35 Etimologia....................................................................................................... 35 Confondibile con: ............................................................................................ 35 Sinonimi e binomi obsoleti .............................................................................. 35 Nomi comuni................................................................................................... 36 Galleria fotografica.......................................................................................... 37 Sezione personale ............................................................................................ 40 Xerocomus Badius .............................................................................................. 43 Descrizione della specie................................................................................... 45 Habitat............................................................................................................. 45 Commestibilit ................................................................................................ 46 Confondibile con: ............................................................................................ 46 Sinonimi e binomi obsoleti .............................................................................. 46 Nomi comuni................................................................................................... 46 Galleria fotografica.......................................................................................... 47 Sezione personale ............................................................................................ 49 Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer ............................................................ 52 Descrizione della specie................................................................................... 54 Habitat............................................................................................................. 54 Commestibilit ................................................................................................ 55 I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare Pagina 5

Sommario Galleria immagini............................................................................................ 55 Confondibile con: ............................................................................................ 56 Sinonimi e binomi obsoleti .............................................................................. 56 Nomi comuni................................................................................................... 56 Bibliografia ..................................................................................................... 57 Galleria fotografica.......................................................................................... 58 Sezione personale ............................................................................................ 60 Armillaria mellea (Vahl : Fr.) Kumm................................................................... 65 Descrizione della specie................................................................................... 66 Habitat............................................................................................................. 67 Commestibilit ................................................................................................ 68 Confondibile con: ............................................................................................ 68 Etimologia....................................................................................................... 68 Sinonimi e binomi obsoleti .............................................................................. 68 Nomi comuni................................................................................................... 69 Galleria immagini............................................................................................ 69 Collegamenti esterni ........................................................................................ 69 Bibliografia ..................................................................................................... 69 Galleria fotografica.......................................................................................... 70 Sezione personale ............................................................................................ 73 Cantharellus Cibarius (Fr.: Fr.) Fr........................................................................ 75 Descrizione della specie................................................................................... 77 Habitat............................................................................................................. 77 Commestibilit ................................................................................................ 78 Confondibile con: ............................................................................................ 78 Etimologia....................................................................................................... 78 Sinonimi e binomi obsoleti .............................................................................. 78 Nomi comuni................................................................................................... 78 Forme e variet................................................................................................ 78 Galleria fotografica.......................................................................................... 79 Sezione personale ............................................................................................ 81 Leccinum aurantiacum (Bull.) S.F. Gray.............................................................. 83 Descrizione della specie................................................................................... 85 Habitat............................................................................................................. 85 Commestibilit ................................................................................................ 86 Etimologia....................................................................................................... 86 Sinonimi e binomi obsoleti .............................................................................. 86 Nomi comuni................................................................................................... 86 Confondibile con: ............................................................................................ 86 Galleria fotografica.......................................................................................... 87 Sezione personale ............................................................................................ 89 Leccinum carpini................................................................................................. 92 Scheda............................................................................................................. 92 Galleria fotografica.......................................................................................... 93 Sezione personale ............................................................................................ 94 E cosa guardiamo solamente................................................................................ 97 Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker...................................................................... 98 Descrizione della specie..................................................................................100 Habitat............................................................................................................100 Commestibilit ...............................................................................................101 I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare Pagina 6

Cosa mangiamo Etimologia......................................................................................................101 Nomi comuni..................................................................................................101 Variet............................................................................................................101 Chimica ..........................................................................................................102 Confondibile con: ...........................................................................................103 Collegamenti esterni .......................................................................................103 Galleria fotografica.........................................................................................104 Sezione personale ...........................................................................................108 Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link...................................................................112 Descrizione della specie..................................................................................114 Habitat............................................................................................................114 Commestibilit ...............................................................................................115 Etimologia......................................................................................................115 Variet............................................................................................................115 Confondibile con: ...........................................................................................115 Galleria immagini (Fasi della crescita dei carpofori) .......................................116 Collegamenti esterni .......................................................................................116 Galleria fotografica.........................................................................................117 Sezione personale ...........................................................................................123 Amanita Citrina (Schaeffer) Persoon ..................................................................125 Descrizione della specie..................................................................................126 Habitat............................................................................................................127 Commestibilit ...............................................................................................128 Etimologia......................................................................................................128 Confondibile con: ...........................................................................................128 Nomi comuni..................................................................................................128 Sinonimi e binomi obsoleti .............................................................................128 Variet............................................................................................................128 Bibliografia ....................................................................................................129 Collegamenti esterni .......................................................................................129 Galleria fotografica.........................................................................................130 Sezione personale ...........................................................................................132 Amanita Pantherina (DeCand. : Fr.) Krombh. .....................................................134 Descrizione della specie..................................................................................136 Habitat............................................................................................................136 Commestibilit ...............................................................................................137 Etimologia......................................................................................................137 Nomi comuni..................................................................................................137 Variet............................................................................................................137 Confondibile con: ...........................................................................................137 Collegamenti esterni .......................................................................................137 Galleria fotografica.........................................................................................138 Sezione personale ...........................................................................................142 Ed ora vale tutto !!.............................................................................................144 Sezione personale ...........................................................................................145 Appendici...............................................................................................................158 Val Mastallone e val Sabbiola ............................................................................158 Introduzione alla Sistematica e Tassonomia........................................................159 Specie Micologiche presenti nell Archivio di Funghiitaliani.it...........................162 Riferimenti .............................................................................................................170 I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare Pagina 7

Cosa mangiamo

Cosa mangiamo

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 8

Cosa mangiamo Boletus Edulis Bull.: Fr.

Boletus Edulis Bull.: Fr.


Boletus edulis

Boletus edulis

Classificazione scientifica Regno: Classe: Ordine: Genere: Fungi Basidiomycetes Boletales Boletus Divisione: Basidiomycota

Famiglia: Boletaceae Specie: B. edulis Nomenclatura binomiale Boletus edulis


Bull.

Sinonimi

Vedi testo

Caratteristiche morfologiche Boletus edulis

cappello convesso

imenio pori

libere

sporata oliva

nudo

carne micorrizico commestibile immutabile Leggere le avvertenze prima di consumare i funghi raccolti.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 9

Cosa mangiamo Boletus Edulis Bull.: Fr. Boletus edulis Bull., Herbier de la France 2: tab. 60 (1782) [1781-82].

Il Boletus edulis, volgarmente indicato come Porcino, un fungo edule della famiglia delle Boletaceae ed la specie pi conosciuta della sezione Edules.

Descrizione della specie

Cappello
10-20 fino a 30 cm di diametro, dapprima emisferico, irregolarmente lobato, talvolta poco sviluppato rispetto al gambo, poi piano piano-convesso, regolare. Cuticola separabile solo a lembi, liscia o rugosa, viscida e lucida con tempo umido, di colore variabile dal giallo-marrone chiaro all'ocraceo o castano bianco o bianco-gallinaccio, che volge al giallo verdiccio o verdastro a maturit.

Pori
Piccoli, rotondi e concolori ai tubuli.

Tubuli
Molli, facilmente separabili dal cappello, liberi o arrotondati al gambo, bianchi, poi giallastri e infine verdastri.

Gambo
Robusto, da gibboso a cilindrico, pi attenuato all'apice, compatto, di colore biancastro o nocciola chiaro, con reticolo a maglie oblunghe nel senso dell'asse.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 10

Cosa mangiamo Boletus Edulis Bull.: Fr.

Carne
Bianca ed immutabile sia quella del cappello che quella del gambo; soda negli esemplari giovani, floscia e spugnosa nei vecchi, con sfumature bruno-violacee sotto la cuticola del cappello.

Odore: grato. Sapore: dolce, aromatico.

Spore
14-17 x 4,5-5,5 m, fusiformi, lisce, scuro olivastre in massa.

Habitat
Cresce nei boschi di querce, di castagni, di faggi e di conifere, durante i mesi caldi dell'estate fino all'autunno inoltrato.

Esemplare con gambo piuttosto obeso

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 11

Cosa mangiamo Boletus Edulis Bull.: Fr.

Commestibilit
Eccellente. Ottima la resa anche quando viene essiccato ( ben nota la sua commercializzazione ridotto in polvere o in frammenti secchi).

Note
La sua produzione varia in relazione all'andamento stagionale: contraria alla siccit, alle basse temperature. Secondo alcuni il porcino di castagno di migliore qualit, secondo altri invece quello di abete, ancora per altri quello di faggio.

Etimologia
Dal latino edulis, commestibile, per la squisita edibilit della sua carne.

Confondibile con:

Boletus aereus, ottimo commestibile, presenta il cappello pi accentato di un color bronzo scuro. Tylopilus felleus, non commestibile, presenta il cappello giallastro, l'imenoforo rosato e un reticolo ben evidente sul gambo. Non commestibile per il sapore molto amaro.

Sinonimi e binomi obsoleti


Boletus solidus Sowerby, Coloured figures of English Fungi or Mushrooms (London) 3: tab. 419 (1809) Dictyopus edulis (Bull.) Forq., (1890) [1889] Leccinum edule (Bull.) Gray, A Natural Arrangement of British Plants (London) 1: 647 (1821)

Nomi comuni

Funzo de castagna, Funzo neigro, Servajlo (Liguria) Biancon, Brisott, Cappellet, Ferr levrin, Fonz ferr, Lgorzla, Legorsela, Nonna, Nna, Vairol (Lombardia) Anvrioel, Bol cari, Bol porcin, Funs capelet (Piemonte) Ceppatello, Ghezza, Moreccio ,Moccione(Toscana) Boleo, Brisa, Brisot, Carpanote, Pressanella, Sbrisa (Veneto) Porcino

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 12

Cosa mangiamo Boletus Edulis Bull.: Fr.

Galleria fotografica

Proseguiamo nel nostro cammino di conoscenze ed arriviamo ad un fungo universalmente conosciuto e che non ha certo bisogno di presentazioni, Boletus edulis. Rispetto ai precedenti si distingue agevolmente per l'aspetto liscio, quasi untuoso e scivoloso, della cuticola del cappello, meno mediterraneo dei precedenti lo troviamo ampiamente presente al nord Italia e scendendo nello stivale si adatta elevando il suo habitat alle cime sommitali nei boschi d'altura. Giocando con la latitudine o l'altitudine riesce a compensare ed in tal modo a spingere il suo areale fino ai boschi d'altura in Sicilia. Il Porcino pi noto, commercializzato e raccolto in assoluto, personalmente per quanto riguarda le sue qualit organolettiche lo ritengo lievemente inferiore al Boletus aereus e Boletus aestivalis Gambo fortemente panciuto, il Porcino che raggiunge insieme al B.pinophilus le dimensioni maggiori, provvisto di un fine reticolo bianco, caratteristica la colorazione con rima biancastra al margine del cappello.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 13

Cosa mangiamo Boletus Edulis Bull.: Fr.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 14

Cosa mangiamo Boletus Edulis Bull.: Fr.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 15

Cosa mangiamo Boletus Edulis Bull.: Fr.

Sezione personale

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 16

Cosa mangiamo Boletus Edulis Bull.: Fr.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 17

Cosa mangiamo Boletus Edulis Bull.: Fr.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 18

Cosa mangiamo Boletus Edulis Bull.: Fr.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 19

Cosa mangiamo Boletus Edulis Bull.: Fr.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 20

Cosa mangiamo Boletus Edulis Bull.: Fr.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 21

Cosa mangiamo Boletus Edulis Bull.: Fr.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 22

Cosa mangiamo Boletus Aereus Bull. : Fr.

Boletus Aereus Bull. : Fr.


Boletus aereus

Boletus aereus

Classificazione scientifica Regno: Classe: Ordine: Genere: Fungi Basidiomycetes Boletales Boletus Divisione: Basidiomycota

Famiglia: Boletaceae Specie: B. aereus Nomenclatura binomiale Boletus aereus


Bull., 1789

Sinonimi

Vedi testo

Nomi comuni Porcino nero

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 23

Cosa mangiamo Boletus Aereus Bull. : Fr.

Caratteristiche morfologiche Boletus aereus

cappello convesso

imenio pori

no

sporata oliva

nudo

carne micorrizico commestibile immutabile Leggere le avvertenze prima di consumare i funghi raccolti.

Boletus aereus Bull., Herbier de la France 9: tab. 385 (1789). Il Boletus aereus, conosciuto come Porcino nero, un fungo edule della famiglia delle Boletaceae. piuttosto ricercato ed apprezzato per il suo aroma inebriante e perch dotato di una carne molto compatta e quindi di ottima resa.

Descrizione della specie

Esemplare giovane

Cappello
6-24 cm, emisferico, poi convesso, infine aperto e spianato, a volte un po'depresso in et molto avanzata. Sodo, molto consistente, col tempo pi morbido; da giovane di colore bruno scuro con vaste zone irregolari pi scure su fondo pi pallido, bruno-ocraceo, superficie vellutata oppure liscia. Non infrequente osservare una forma decolorata di B. aereus che presenta il cappello di color nocciola o marrone chiaro; tale variante viene facilmente confusa con Boletus edulis. I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 24

Cosa mangiamo Boletus Aereus Bull. : Fr.

Pori
Piccoli, fitti, in principio chiusi; di colore biancastro, poi giallastri, immutabili al tocco. In et avanzata formano una spugna di color giallo-sporco simile a quella di molti altri boleti.

Tubuli
Fini, semplici, lunghi 1,5-2 cm, da adnati ad annessi, bianchi negli esemplari giovani, diventano giallo-pallidi negli esemplari maturi.

Gambo
5-12 x 3-7 cm, duro, dapprincipio ingrossato bulboso alla base poi cilindrico; brunastro; superficie ricoperta da un fine reticolatura, prima pallide poi pi o meno colorate nel fungo adulto.

Carne
Dura, bianca, non colorata sotto la cuticola del cappello.

Odore: molto grato, intenso ed aromatico, specialmente dopo cottura. Da crudo ricorda un po' il muschio. Sapore: eccellente, il migliore dei porcini a detta di molti.

Microscopia
Spore bruno-olivastre in massa, 13,5-16 x 4-5 m, lisce, ellissoidali, mono o pluriguttulate. Basidi 23-30 c 8-10 m, tetrasporici. Cistidi 28-34 X 7-11 m.

Habitat
Fungo simbionte. una specie termifila, predilige boschi di latifoglie (specialmente castagni, querce faggi e cerri) e cresce anche su terreni sabbiosi; fruttifica dalla tarda primavera (purch mite) all'autunno, sovente in prossimit di cespugli di pungitopo ed in piccole cavit nel terreno dove si accumula l'acqua piovana. A volte il carpoforo quasi completamente interrato.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 25

Cosa mangiamo Boletus Aereus Bull. : Fr.

Commestibilit
Molto profumato, migliore del Boletus edulis per la sua carne pi consistente; adatto all'essiccazione dopo essere stato tagliato a fette. Si presta molto bene alla conservazione sia in surgelatore che sott'olio. Secondo alcuni micologi, gli esemplari meno giovani sembrerebbero essere pi saporiti.

Esemplari di B. aereus raccolti ad trelles-et-la-Montbleuse (Francia)

Confondibile con:

Boletus edulis e Boletus aestivalis quando il cappello si presenta leggermente decolorato. Tylopilus felleus (immangiabile per via del sapore amarissimo) che per presenta pori di colore rosa.

Etimologia
Dal latino aes = bronzo scuro, per il colore del cappello.

Sinonimi e binomi obsoleti


Boletus edulis f. aereus (Bull.) Vassilkov Tubiporus edulis subsp. aereus (Bull.) Maire

Nomi comuni

(IT) Porcino nero, Farno, Bronzino, reale (Sardegna).

Collegamenti esterni

Boletus aereus in Atlante dei funghi (www.agraria.org) Michael Wood & Fred Stevens. inglese Boletus aereus in The Fungi of California (www.mykoweb.com/CAF/). 1999-2005 Harry D. Thiers. inglese Boletus aereus in Boletes of California (www.mykoweb.com/boletes/). 1975

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 26

Cosa mangiamo Boletus Aereus Bull. : Fr.

Galleria fotografica

Siamo arrivati ad una delle prede micologiche pi ambite, certamente un fungo che spesso ricorre nel desiderio e nei sogni di molti raccoglitori, Il Porcino Nero, Boletus aereus. :) Distribuito e presente in particolare nelle Regioni Centrali e del Meridione d'Italia ama il caldo e quindi tende a svanire al nord, diversamente molto presente al Sud e nelle Isole. Sua maest il Porcino nero, a mio avviso il Porcino pi pregiato e nelle nostre zone (Italia Centrale), tra i pi diffusi. Viene anche chiamato bronzino per le tonalit di colore che assume il cappello. Come tutti i Porcini un Boletus con carne bianca immutabile, sotto il cappello i pori hanno una tonalit che varia dal bianco candido negli esemplari giovani al giallo zolfino e poi verdastro negli adulti. Cresce sotto latifoglie, un fungo eliofilo e quindi, salendo nello stivale, diventa sempre pi raro. Tra i Porcini quello che con maggior frequenza cresce associato in gruppi di pi individui. Sapore ed odore gradevolissimi, la sua carne soda e compatta, bianca, assume tonalit lievemente rosato pallido se contusa o tagliata, pu essere come del resto tutti i Porcini consumato anche crudo in insalata. Predilige i boschi di Quercia e Faggio, cresce dallEstate allAutunno,il reticolo sul gambo e tipicamente brunastro. Fantastico nei suoi cromatismi, il contrasto tra il colore scuro del Cappello e il bianco latteo dei pori veramente ipnotizzante. Complessivamente giudicato dalla maggioranza dei raccoglitori il miglior Porcino in assoluto.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 27

Cosa mangiamo Boletus Aereus Bull. : Fr.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 28

Cosa mangiamo Boletus Aereus Bull. : Fr.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 29

Cosa mangiamo Boletus Aereus Bull. : Fr.

Sezione personale

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 30

Cosa mangiamo Boletus Aereus Bull. : Fr.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 31

Cosa mangiamo Boletus Erythropus Persoon

Boletus Erythropus Persoon


Boletus erythropus

Boletus erythropus

Classificazione scientifica Regno: Classe: Ordine: Genere: Fungi Basidiomycetes Boletales Boletus Divisione: Basidiomycota

Famiglia: Boletaceae Specie: B. erythropus Nomenclatura binomiale Boletus erythropus


Person

Caratteristiche morfologiche Boletus erythropus

cappello imenio convesso pori

libere

sporata oliva

nudo

carne micorrizico commestibile virante con riserva

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 32

Cosa mangiamo Boletus Erythropus Persoon


Leggere le avvertenze prima di consumare i funghi raccolti.

Boletus erythropus Pers., Observationes mycologicae (Lipsiae) 1: 23 (1796).

Il Boletus erythropus uno splendido boleto dai colori sgargianti che spesso viene scambiato dai pi inesperti per un Boletus satanas. La carne molto compatta e vira rapidamente al verde-azzurro.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 33

Cosa mangiamo Boletus Erythropus Persoon

Descrizione della specie

Cappello
Diametro fino a 20 cm, occasionalmente fino a 30 cm, prima emisferico, poi convesso per poi diventare appianato, con cuticola opaca, leggermente vischiosa con il tempo piovoso, carnoso, sodo, colore bruno, rosso, di solito uniforme, con velature olivastre, talvolta bruno seppia, con margine prima involuto, poi regolare.

Gambo
Bulboso, corto, carnoso, robusto, prima panciuto allo stato giovanile, poi, pi tardi, cilindrico, ingrossato alla base, colore di fondo sul giallo arancio, caratterizzato da granulazioni sul rosso scuro, pi scuro alla base dove assume una colorazione rosastro-bruna o bruno-olivastra.

Tubuli
Abbastanza lunghi, non aderenti, completamente liberi al gambo, gialli, alla sezione blu verdastri, sottili.

Pori
Piccoli e rotondi, prima giallastri, poi rosso-arancio, viranti rapidamente al blu se toccati.

Spore
12-17 x 5-7 m, fusiformi, lisce, bruno-olivastre in massa, giallastre

Carne
Soda, compatta, di colore giallo limone, al taglio diventa subito verde azzurro (3-4 secondi), poi si scurisce lentamente diventando grigio verdastra, all'estremit assume una colorazione vinosa.

Odore: leggermente fruttato; forte alla cottura, come di "carciofi". Sapore: gradevole e di ottima resa, data la consistenza della carne. A volte sa un po' di "melanzane a funghetto".

Habitat
Fungo simbionte, piuttosto comune, fruttifica da maggio ad ottobre sotto latifoglie e conifere in zone collinari e montuose, raramente in pianura. A volte gregario.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 34

Cosa mangiamo Boletus Erythropus Persoon

Commestibilit
Discreta, ma richiede prolungata cottura. In esso presente una tossina termolabile, inattivata intorno ai 70 C, che ne impedisce il consumo crudo. Se non cotto adeguatamente pu causare gastroenteriti di lieve entit unitamente a brevi ma pur sempre fastiosi episodi di diarrea, nausea e vomito.

Preparazione
La preparazione di questa specie dipende dallo stato del fungo. Se il fungo essiccato o polverizzato, la tossina pressoch assente. Se invece fresco, va cotto a lungo. A tal proposito ci sono diversi metodi:

Il pi comune quello di cuocere i funghi a pezzi o a fette per 20 o 30 minuti direttamente nel modo voluto. Il pi prudente prevede, prima della cottura voluta, una prebollitura a pezzi per 30 minuti, buttando via l'acqua di cottura.

In ragione della sensibilit individuale e della concentrazione di tossina, variabile con la zona di raccolta, non possibile specificare un metodo univoco. In assenza di consolidate abitudini personali, familiari o locali, si raccomanda prudenza.

Etimologia
Dal greco eruthrs () = rosso e pos () = piede, cio dal "piede rosso".

Confondibile con:
Pu essere confuso altri boleti a pori rossi:

Boletus luridus, che per ha un reticolo evidente sul gambo e la carne aranciata all'attaccatura dei tubuli Boletus queletii che per possiede il gambo rosso soltanto alla base ed privo di punteggiatura o reticolo Boletus satanas che tuttavia possiede il cappello biancastro e mai bruno, il gambo obeso e reticolato, e la carne che vira pi lentamente, prima al blu e poi al grigio Boletus rhodopurpureus che ha per il gambo reticolato e la testa virante al tocco Boletus dupainii che ha invece il cappello colore rosso sangue, brillante come se fosse laccato

Sinonimi e binomi obsoleti

Tubiporus erythropus (Fr.) Maire, (1937)

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 35

Cosa mangiamo Boletus Erythropus Persoon

Nomi comuni

(DE) Flockenstieliger Hexenrhrling (FR) Bolet pied rouge (SV) Blodsopp Piede rosso, ferr

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 36

Cosa mangiamo Boletus Erythropus Persoon

Galleria fotografica

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 37

Cosa mangiamo Boletus Erythropus Persoon

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 38

Cosa mangiamo Boletus Erythropus Persoon

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 39

Cosa mangiamo Boletus Erythropus Persoon

Sezione personale
Questo boleto normalmente chiamato Fer, raccolto in modiche quantit per il suo uso limitato in cucina.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 40

Cosa mangiamo Boletus Erythropus Persoon

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 41

Cosa mangiamo Boletus Erythropus Persoon

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 42

Cosa mangiamo Xerocomus Badius

Xerocomus Badius
Xerocomus badius

Xerocomus badius

Classificazione scientifica Regno: Classe: Ordine: Genere: Fungi Basidiomycetes Boletales Xerocomus Divisione: Basidiomycota

Famiglia: Xerocomataceae Specie: X. badius Nomenclatura binomiale Xerocomus badius


(Fr.:Fr.) Gilbert

Caratteristiche morfologiche Xerocomus badius

cappello imenio convesso pori

adnate

sporata oliva

nudo

carne micorrizico commestibile virante Leggere le avvertenze prima di consumare i funghi raccolti.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 43

Cosa mangiamo Xerocomus Badius Xerocomus badius (Fr.:Fr.) Gilbert

Lo Xerocomus badius un fungo della famiglia delle Xerocomataceae. la specie di dimensioni maggiori, e di maggior pregio culinario, del genere Xerocomus.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 44

Cosa mangiamo Xerocomus Badius

Descrizione della specie

Cappello
Fino a 15 cm di diametro, convesso, poi un po' pianeggiante, giallo-bruno, vellutato, di color marroncino. Diventa viscoso se umido.

Tubuli

In evidenza i pori che virano rapidamente al blu se toccati Molto lunghi, adnati, color giallo-verdastri.

Pori
Di piccole dimensioni, gialli, viranti al blu se compressi.

Gambo
12 x 4 cm circa, fibroso alla base, cilindrico, di colore giallo sporco oppure bruno.

Carne
Compatta, color bianco sporco oppure giallastra, leggermente virante al blu.

Odore: leggero, fruttato. Sapore: mite, dolciastro.

Spore
14 x 4 m, olivastre in massa.

Habitat
In boschi di conifere; molto diffuso al nord Italia. Pi raro nei boschi di latifoglie. Cresce dall'estate all'autunno.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 45

Cosa mangiamo Xerocomus Badius

Commestibilit
Buon commestibile, sicuramente il migliore nel suo genere. Si presta molto bene ad essere essiccato.

Esemplare giovane Attenzione Asternersi dal consumare carpofori raccolti in zone a rischio di contaminazione radioattiva, in quanto stato segnalato come specie che accumula elementi radioattivi (es. Cesio 137). In analisi di laboratorio condotte in Francia, stato misurato il quantitativo di cesio 137 che risultato essere al di sotto dei 60 becquerel nel Boletus aestivalis, mentre nello Xerocomus badius apparso un valore molto alto, oltre i 1000 becquerel. La predetta ricerca stata effettuata nel 2001 dalla Commissione Francese di Ricerca e Informazione sulla Radioattivit.

Confondibile con:

Alcuni Boletus del gruppo degli Edulis, da cui si differenzia, per, per il viraggio al blu della carne.

Sinonimi e binomi obsoleti

Boletus badius

Nomi comuni

(CS) Hib hnd (DE) Maronenrhrling (FR) Bolet bai

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 46

Cosa mangiamo Xerocomus Badius

Galleria fotografica

Fungo molto conosciuto e ricercato come buon commestibile; scartare il gambo troppo fibroso. Carne immutabile al taglio o con poco viraggio vicino ai tubuli che invece virano all'azzurro con intensit variabile. Odore subnullo, sapore gradevole a volte leggermente acidulo. A prima vista nel bosco ti pu sembrare un bel porcino....

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 47

Cosa mangiamo Xerocomus Badius

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 48

Cosa mangiamo Xerocomus Badius

Sezione personale
Solitamente non viene raccolto a causa del suo valore inferiore rispetto ai porcini, viene raccolto solo nel caso si voglia fare una padellata di funghi e patate senza fatica o ci sia estrema scarsit. Spettacolari qunado sono freschi tendono a essere scarsamente utilizzabili se passati.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 49

Cosa mangiamo Xerocomus Badius

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 50

Cosa mangiamo Xerocomus Badius

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 51

Cosa mangiamo Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer

Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer


Macrolepiota procera

Classificazione scientifica Regno: Classe: Ordine: Genere: Fungi Basidiomycetes Agaricales Macrolepiota Divisione: Basidiomycota

Famiglia: Agaricaceae Specie: M. procera Nomenclatura binomiale Macrolepiota procera


(Scop. Fr.) Singer, 1946

Caratteristiche morfologiche Macrolepiota procera

cappello imenio convesso lamelle

libere

sporata bianca

anello

carne micorrizico commestibile virante con riserva

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 52

Cosa mangiamo Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer


Leggere le avvertenze prima di consumare i funghi raccolti.

Macrolepiota procera (Scop.) Singer, Pap. Mich. Acad. Sci. 32: 141 (1948) [1946]

La Macrolepiota procera, volgarmente conosciuta come Mazza di tamburo, Bubbola maggiore, Ombrellone o Parasole uno dei pi vistosi e conosciuti funghi commestibili. Quello che meno noto che molte persone rimangono intossicate dal consumo di questa specie prelibata, unitamente ad altre specie congeneri, poich la consumano poco cotta; infatti non tutti sanno che la stessa tossica da cruda. Per scongiurare qualsiasi rischio sufficiente non cuocerla alla piastra, in quanto le parti interne potrebbero rimanere parzialmente crude.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 53

Cosa mangiamo Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer

Descrizione della specie

Cappello
Inizialmente sferoidale, poi a sezione semi-ellittica ed a maturit piano. Dotato di umbone liscio al centro e quindi coperto di scaglie fioccose e brunicce con caratteristica disposizione radiale, sempre pi rade verso il margine che si presenta sfrangiato. La cuticola color nocciola-biancastra, fibrillosa e setosa. Di dimensioni ragguardevoli che vanno dai 15 finanche ai 40 cm.

Lamelle
Le lamelle sono fitte e di colore bianco, poi tendenti al color cipria e facilmente imbrunenti al tocco. Ventricose, ed alte, mostrano un evidente distacco dal gambo.

Gambo
Il gambo assai slanciato e sottile (20-45 cm x 10-20 mm), di diametro pressoch costante e normalmente diritto, fibroso, abbastanza duro nei giovani esemplari, farcito ed infine cavo. Bulboso al piede, adornato da un anello doppio, scorrevole e persistente. Al di sotto dell'anello presenta la caratteristica ed evidente zebratura color caffellatte.

Carne
Bianca e tendente al rosato al taglio, fioccosa e fragile nel cappello fibrosa (quasi legnosa) nel gambo.

Odore: di nocciola. Sapore: di nocciola, specialmente negli esemplari giovani. Pi aromatico negli esemplari adulti.

Come per altre specie fungine, dopo la cottura la "resa" non molto elevata in quanto i cappelli - anche se di dimensioni enormi - si riducono considerevolmente in larghezza.

Spore
Le spore di colore bianco in massa, sono ialine, ellittiche e grandi (13-20 x 9-11 m), e presentano un vistoso poro germinativo.

Habitat
Vive indifferentemente in boschi di latifoglie o di conifere, come nei prati e nelle radure. Spesso gregario. Dall'estate all'autunno.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 54

Cosa mangiamo Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer

Commestibilit
Eccellente, consumare solo il cappello. I gambi migliori possono essere essiccati ed utilizzati in polvere per insaporire sughi oppure adoperati a m di formaggio grattugiato sui primi piatti. Come gi detto uno dei pi noti ed apprezzati funghi commestibili. Si presta per la preparazione di cotolette, quando il cappello totalmente aperto e con le lamelle ancora bianche, mentre con gli esemplari pi giovani (non ancora aperti) si preparano gustose frittate. Attenzione! Commestibile con cautela - fungo leggermente tossico da crudo, si raccomanda pertanto di cuocerlo bene. Non sono infrequenti i casi di avvelenamento da consumo di M. procera cruda oppure poco cotta. Gli esemplari essiccati spontaneamente sono pi aromatici e dovrebbero aver perso la loro tossicit; si consiglia comunque di consumarli previa cottura.

Galleria immagini

Esemplari giovani

Esemplari cresciuti

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 55

Cosa mangiamo Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer

Stadi di crescita

Confondibile con:
Difficilmente confondibile con altre specie congeneri, in virt della sua notevole stazza. Tuttavia a volte pu essere confusa con specie somiglianti (infatti la M. procera a volte si presenta di dimensioni pi ridotte rispetto la norma), quali: 1. Macrolepiota excoriata (edule), che si distingue per la tipica lacerazione della pellicola al margine del cappello 2. Macrolepiota mastoidea (edule), che per si distingue facilmente per l'umbone aguzzo ed il cappello che ricorda una mammella 3. Macrolepiota molybdites (velenoso) 4. Macrolepiota rhacodes (velenosa da cruda), in particolare quando il cappello ancora sferoidale

Sinonimi e binomi obsoleti


Agaricus procerus Scop., Fl. carniol., Edn 2 (Vienna) 2: 418 (1772) Lepiota procera (Scop.) Gray, A Natural Arrangement of British Plants (London) 1: 601 (1821) Lepiotophyllum procerum (Scop.) Locq., Bull. mens. Soc. linn. Lyon 11: 40 (1942)

Nomi comuni

Bubbola Bubbola maggiore

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 56

Cosa mangiamo Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer


Coculino Cucamela Cunocchiellu Lepiota Mazza di tamburo Parasole Ombrellone Trule

Bibliografia

Macrolepiota procera. www.IndexFungorum.org

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 57

Cosa mangiamo Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer

Galleria fotografica

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 58

Cosa mangiamo Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 59

Cosa mangiamo Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer

Sezione personale

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 60

Cosa mangiamo Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 61

Cosa mangiamo Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 62

Cosa mangiamo Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 63

Cosa mangiamo Macrolepiota Procera (Scop. : Fr.) Singer

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 64

Cosa mangiamo Armillaria mellea (Vahl : Fr.) Kumm

Armillaria mellea (Vahl : Fr.) Kumm


Armillaria mellea

Armillaria mellea

Classificazione scientifica Regno: Classe: Ordine: Genere: Fungi Basidiomycetes Agaricales Armillaria Divisione: Basidiomycota

Famiglia: Marasmiaceae Specie: Armillaria mellea Nomenclatura binomiale Armillaria mellea


(Vahl) P. Kumm., 1871

Caratteristiche morfologiche Armillaria mellea

cappello imenio decorrenti conico- lamelle ottuso

sporata bianca

anello

carne saprofita commestibile immutabile con riserva Leggere le avvertenze prima di consumare i funghi raccolti.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 65

Cosa mangiamo Armillaria mellea (Vahl : Fr.) Kumm Armillaria mellea (Vahl) P. Kumm., Fhrer Pilzk.: 134 (1871)

Questo fungo meriterebbe, secondo autori del passato, il nome di "asparago dei funghi" per il fatto che la parte buona di esso l'estremit superiore del gambo unitamente al cappello, mentre il resto dei gambi (specialmente negli individui adulti) coriaceo ed assai indigesto.

Descrizione della specie

Cappello
4-7 (12-15) cm, carnoso, sub-globoso (fungo a forma di chiodo), poi conico, membranoso, leggermente umbonato al centro, a superficie di colore giallo-miele o rossiccia o brunastra, con orlo sottile, arrotolato, lievemente striato.

Lamelle
Non fitte, bianche o rosee o con chiazze rossastre un po' decorrenti sul gambo.

Gambo
5-12 x 1-2,6 cm, cilindrico, giallastro o brunastro, ingrossato verso la base, di solito saldato con altri individui (fungo cespitoso), pieno, midolloso, pruinoso.

Anello
Bianco, striato e durevole.

Carne
Soda sul cappello e nella parte superiore del gambo, coriaceo-fibrosa nel resto, di colore bianco o carnicino.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 66

Cosa mangiamo Armillaria mellea (Vahl : Fr.) Kumm


Odore: subnullo, fungino. Sapore: acidulo e dolce, con leggero retrogusto amarognolo meno marcato negli esemplari pi giovani.

Spore
Bianche in massa, lisce, ellissoidali, 8-9 x 5-6,5 m.

Habitat
Cresce in autunno, cespitoso, sui tronchi di alberi vivi e su ceppi e radici morte.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 67

Cosa mangiamo Armillaria mellea (Vahl : Fr.) Kumm

Commestibilit

Commestibile con cautela, velenoso da crudo. Gli esemplari cresciuti su ceppi di latifoglia sono considerati migliori di quelli cresciuti su ceppi di conifera. L'A. mellea un fungo dal sapore eccellente, purch ben cotto ed escludendo il liquido di cottura. Contiene infatti tossine di natura proteica ("emolisine") termolabili a 65-70C in 30 minuti. Sono stati registrati inoltre casi di disturbi gastrointestinali, di breve latenza, procurati da esemplari di A. mellea congelati a fresco, ovvero senza preventiva cottura, e consumati dopo lo scongelamento. Tale fenomeno non ancora chiaro dal punto di vista scientifico. La teoria pi accreditata che con la congelazione le "emolisine" vengano fissate nella struttura fungina e, pertanto, anche se poi si scongelano i funghi in maniera corretta e si cuociono successivamente attraverso una prolungata cottura, tali principi attivi non vengono smaltiti completamente. Per questo si sconsiglia di raccogliere tale fungo anche soltanto dopo le gelate notturne e comunque mai conservarlo a temperature inferiori allo 0 prima di una adeguata cottura.

Confondibile con:

Armillaria gallica, ottimo commestibile (velenoso da crudo) che presenta la parte alta del gambo di colore giallo. Armillaria tabescens, buon commestibile (tossico da crudo) che per sprovvista dell'anello. Hypholoma fasciculare, (velenoso) che per di sapore molto amaro e la cui sporata grigio/nerastra, anzich bianca. Cortinarius speciosissimus (mortale) in alcune sue forme cespitose; prestare molta attenzione alla sporata che ocra nei cortinari e non bianca.

Etimologia

Genere: dal latino armilla = braccialetto, armillaria = attinente i braccialetti, per il suo anello. Specie: dal latino melleus, a, um = attinente il miele.

Sinonimi e binomi obsoleti


Agaricus melleus Vahl, Fl. Danic. 6(17): tab. 1013 (1790) Agaricus sulphureus Weinm. Armillaria mellea var. glabra Gillet, Les Hymnomyctes ou description de tous les champignons (fungi) qui croissent en France (Alenon): 84 (1874) Armillaria mellea var. maxima Barla, Bull. Soc. mycol. Fr. 3: 143 (1887) Armillaria mellea var. minor Barla, Bull. Soc. mycol. Fr. 3: 143 (1887) Pagina 68

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Cosa mangiamo Armillaria mellea (Vahl : Fr.) Kumm


Armillaria mellea var. sulphurea (Weinm.) Fr., Rysslands, Finlands och den Skandinaviska Halfns. Hattsvampar: 22 (1879) Armillariella mellea (Vahl) P. Karst., Acta Soc. Fauna Flora fenn. 2: 4 (1881) Clitocybe mellea (Vahl) Ricken, Die Bltterpilze: 362 (1915) Lepiota mellea (Vahl) J.E. Lange, Dansk bot. Ark. 2(3): 31 (1915)

Nomi comuni

Chiodino del miele, Fungiu 'e troccanu, Famigliola buona, Agarico di miele, Fungo della zocca Armillaire couleur de miel (FR) Honiggelber Hallimasch (DE)

Galleria immagini

A. mellea su Melo

Cespo con esemplari giovaniFoto ravvicinata

Tronco infestato

Cespo in primo pianoCespo

Collegamenti esterni

scheda dell' A. mellea altra scheda del fungo

Bibliografia

Armillaria mellea. <www.IndexFungorum.org>

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 69

Cosa mangiamo Armillaria mellea (Vahl : Fr.) Kumm

Galleria fotografica

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 70

Cosa mangiamo Armillaria mellea (Vahl : Fr.) Kumm

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 71

Cosa mangiamo Armillaria mellea (Vahl : Fr.) Kumm

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 72

Cosa mangiamo Armillaria mellea (Vahl : Fr.) Kumm

Sezione personale
Quandi nascono in montagna se ne possono trovare a quintali, poco apprezzato solitamente il loro arrivo coincide con la fine della stagione dei funghi !.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 73

Cosa mangiamo Armillaria mellea (Vahl : Fr.) Kumm

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 74

Cosa mangiamo Cantharellus Cibarius (Fr.: Fr.) Fr.

Cantharellus Cibarius (Fr.: Fr.) Fr.


Cantharellus cibarius

Cantharellus cibarius

Classificazione scientifica Regno: Classe: Ordine: Genere: Fungi Basidiomycetes Cantharellales Cantharellus Divisione: Basidiomycota

Famiglia: Cantharellaceae Specie: C. cibarius Nomenclatura binomiale Cantharellus cibarius


Fr., 1821

Caratteristiche morfologiche

cappello ondulato

imenio creste

decorrenti

sporata gialla

nudo

carne micorrizico commestibile immutabile Leggere le avvertenze prima di consumare i funghi raccolti. Segui il Progetto Funghi

Cantharellus cibarius Fr., Systema mycologicum 1: 318 (1821)

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 75

Cosa mangiamo Cantharellus Cibarius (Fr.: Fr.) Fr.

Il Cantharellus cibarius (volgarmente gallinaccio, galletto, gialletto o finferlo) uno dei funghi pi conosciuti; senza dubbi la specie raccolta e mangiata ovunque. Riesce eccellente cotto in olio, prezzemolo, aglio e peperoncino, da solo o come contorno. Si presta bene alla conservazione, sia sotto aceto che essiccato. In quest'ultimo modo viene utilizzato per condire varie pietanze o altri funghi, per tale ragione detto "il prezzemolo dei funghi".

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 76

Cosa mangiamo Cantharellus Cibarius (Fr.: Fr.) Fr.

Descrizione della specie

Cappello
Piccolo, irregolarissimo, ondulato, prima convesso, poi piano ed avvallato, margine rivoluto, liscio, pruinoso, di colore giallo-arancio o giallo-oro.

Imenio
A grosse pieghe (pseudolamelle), distanti, verrucose, decorrenti sul gambo, dicotome e spesso anastomizzate fra loro, di colore giallo-arancio, pi vivo del cappello.

Gambo
Concolore al cappello, tozzo, assottigliati alla base e talora brevissimo.

Carne
Soda, bianca, alquanto fibrosa, giallastra sotto la cuticola.

Odore: subnullo da crudo, intenso ed aromatico dopo la cottura; in ogni caso gradevole. Sapore: acro-dolce da crudo, dolce e fruttato dopo cottura.

Spore
Ellittiche, giallastre in massa, 8-10 x 4-7 m.

Habitat
Cresce in estate-autunno, nei boschi d latifoglie e aghifoglie, in numerosi esemplari disposti a circoli o gruppi nel terreno muscoso.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 77

Cosa mangiamo Cantharellus Cibarius (Fr.: Fr.) Fr.

Commestibilit
Eccellente: Spesso viene conservato sott'olio oppure sott'aceto. Indubbiamente uno dei funghi pi apprezzati, in alcune nazioni sono preferiti addirittura ai Porcini.

Confondibile con:

Hydnum repandum oppure Hydnum rufescens (ottimi commestibili). A volte pu essere confuso con esemplari di Albatrellus ovinus o Albatrellus pes-caprae. Omphalotus olearius (velenoso) - che pu ricordare forme "giganti" del Cantharellus cibarius.

Etimologia
Cantarello deriva dal diminutivo di "Cantaro", coppa, per la forma a calice del fungo; cibario, cio alimentare.

Sinonimi e binomi obsoleti


Alectorolophoides cibarius (Fr.) Earle, Bulletin of the New York Botanical Garden 5: 407 (1909) Cantharellus cibarius var. cibarius Fr., Systema mycologicum (Lundae) 1: 318 (1821) Craterellus cibarius (Fr.) Qul., Fl. Mycol. France (Paris): 37 (1888) Merulius cibarius (Fr.) Westend., Hausschwammforsch.: no. 340.

Nomi comuni

Cresta di gallo Finferlo Galletto, Gallinaccio, Gallinella Gialet

Forme e variet
Si riportano di seguito alcune variet di questa specie: C. cibarius var. bicolor Maire cappello e gambo biancastri, lamelle giallo carico. C. cibarius var. ferruginascens (Orton) Courtecuisse sfumature olivastre e tonalit prima giallo-albicocca e poi ruggine alla manipolazione. C. cibarius var. amethysteus Quelet cappello con squame adnate violacee. C. cibarius var. alborufescens Malencon pallido, da biancastro a giallo-chiaro, si macchia al tocco di rosso-bruno, privo di odore.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 78

Cosa mangiamo Cantharellus Cibarius (Fr.: Fr.) Fr.

Galleria fotografica

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 79

Cosa mangiamo Cantharellus Cibarius (Fr.: Fr.) Fr.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 80

Cosa mangiamo Cantharellus Cibarius (Fr.: Fr.) Fr.

Sezione personale

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 81

Cosa mangiamo Cantharellus Cibarius (Fr.: Fr.) Fr.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 82

Cosa mangiamo Leccinum aurantiacum (Bull.) S.F. Gray

Leccinum aurantiacum (Bull.) S.F. Gray


Leccinum aurantiacum

Leccinum aurantiacum

Classificazione scientifica Regno: Classe: Ordine: Genere: Fungi Basidiomycetes Boletales Leccinum Divisione: Basidiomycota

Famiglia: Boletaceae Specie: L. aurantiacum Nomenclatura binomiale Leccinum aurantiacum


(Bull.) Gray, 1821

Caratteristiche morfologiche Leccinum aurantiacum

cappello imenio semisferico pori

adnate

sporata oliva

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 83

Cosa mangiamo Leccinum aurantiacum (Bull.) S.F. Gray


nudo carne micorrizico commestibile virante Leggere le avvertenze prima di consumare i funghi raccolti.

Leccinum aurantiacum (Bull.) Gray, A Natural Arrangement of British Plants (London) 1: 646 (1821).

Il Leccinum aurantiacum un fungo edule appartenente alla famiglia delle Boletaceae, abbastanza pregiato ma poco conosciuto.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 84

Cosa mangiamo Leccinum aurantiacum (Bull.) S.F. Gray

Descrizione della specie

Cappello
Abbastanza grande, fino a 20 cm di larghezza; inizialmente emisferico, poi convesso infine piano; cuticola di colore aranciato oppure rosso mattone, opaca e quasi vellutata a tempo secco, viscida con l'umidit.

Tubuli
Pi lunghi della carne del cappello, alti fono a 2 cm, di colore grigio.

Pori
Piccoli, circolari; da biancastri a grigi, 2-3 per mm.

Gambo
10-16 x 2-3 cm, molto lungo, cilindrico o fusiforme, pi sottile in prossimit del cappello, coriaceo, ricoperto di squamette inizialmente chiare, poi di colore rosso (concolori al cappello).

Carne
Bianca, al taglio vira lentamente al grigio. Tenera nel cappello, coriacea nel gambo. Dopo cottura diventa compatta e leggermente croccante.

Odore: subnullo. Sapore: grato, acidulo e leggermente dolciastro.

Spore
13-18 x 3,5-5 m, lisce, ellissoidali, verde oliva in massa.

Habitat
Estate-autunno, nei boschi, predilige il Pioppo.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 85

Cosa mangiamo Leccinum aurantiacum (Bull.) S.F. Gray

Commestibilit
Ottima. I cappelli pi grossi sono anche quelli pi saporiti, purch integri. Asportare il gambo in quanto coriaceo, scadente ed indigesto.

Etimologia
Dal latino aurantiacum = aranciato, per via del colore del cappello.

Sinonimi e binomi obsoleti

Boletopsis rufa (Schaeff.) Henn., Die Natrlichen Pflanzenfamilien nebst ihren Gattungen und wichtigeren Arrten insbesondere den Nutzpflanzen: I. Tl., 1. Abt.: Fungi (Eumycetes): 194 (1900) Boletus aurantiacus Bull., Hist. Champ. France (Paris): 320 (1791) Boletus aurantiacus var. rufus (Schaeff.) Mrat, Nouv. Flore des Environs de Paris: 46 (1821) Boletus rufus Schaeff., Syst. Nat. 2(2): 1435 (1792) Boletus scaber var. aurantiacus (Bull.) Opat., Commentation HistoricoNaturalis de Familia Fungorum Boletoideorum (Berolini): 34 (1836) Boletus versipellis var. aurantiacus (Bull.) Vassilkov,: 38 (1948) Krombholzia aurantiaca (Roques ex Bull.) Gilbert{?} Krombholziella aurantiaca (Bull.) Maire, Publ. Inst. Bot. Barcelona 3(4): 46 (1937) Krombholziella rufa Schaeff. ex Alessio, Boletus Dill. ex L. (Saronno): 474 (1985) Leccinum populinum M. Korhonen, Karstenia 35(2): 55 (1995) Leccinum quercinum sensu auct.; fide Checklist of Basidiomycota of Great Britain and Ireland (2005) Leccinum rufum (Schaeff.) Kreisel, Boletus, SchrReihe 1: 30 (1984) Leccinum rufum (Schaeff.) Kreisel, in Michael, Hennig & Kreisel, Handbuch fr Pilzfreunde, 5 edition (Stuttgart) 1: 346 (1983) Trachypus aurantiacus (Bull.) Romagn., (1939)

Nomi comuni

Leccino Porcinello rosso

Confondibile con:

Leccinum quercinum Leccinum versipelle Leccinum vulpinum

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 86

Cosa mangiamo Leccinum aurantiacum (Bull.) S.F. Gray

Galleria fotografica

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 87

Cosa mangiamo Leccinum aurantiacum (Bull.) S.F. Gray

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 88

Cosa mangiamo Leccinum aurantiacum (Bull.) S.F. Gray

Sezione personale

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 89

Cosa mangiamo Leccinum aurantiacum (Bull.) S.F. Gray

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 90

Cosa mangiamo Leccinum aurantiacum (Bull.) S.F. Gray

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 91

Cosa mangiamo Leccinum carpini

Leccinum carpini
Scheda
Netta e ben visibile nella foto la superficie corrugata del cappello, ricca di avvallamenti, fossette e grinzosit. Gamgo tipicamente decorato con aculei nerastri e carne fortemente ingrigente se contusa ed esposta. Non apprezzato per l'annerimento in cottura, ritengo che i giovani esemplari siano del tutto gustosi e diano un buon apporto di corpo al misto, il gambo deve essere escluso dall'uso alimentare, come del resto in tutti i Leccinum.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 92

Cosa mangiamo Leccinum carpini

Galleria fotografica

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 93

Cosa mangiamo Leccinum carpini

Sezione personale
Lalberello buono non solitamente racolto a causa del suo poco valore.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 94

Cosa mangiamo Leccinum carpini

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 95

Cosa mangiamo Leccinum carpini

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 96

E cosa guardiamo solamente

E cosa guardiamo solamente

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 97

E cosa guardiamo solamente Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker

Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker


Amanita muscaria

Amanita muscaria

Classificazione scientifica Regno: Classe: Ordine: Genere: Fungi Basidiomycetes Agaricales Amanita Divisione: Basidiomycota

Famiglia: Amanitaceae Specie: A. muscaria Nomenclatura binomiale Amanita muscaria


(\L.:Fr.) Hooker

Caratteristiche morfologiche Amanita muscaria

cappello imenio convesso lamelle

libere

sporata bianca

anello e

carne

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 98

E cosa guardiamo solamente Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker


volva immutabile micorrizico velenoso Leggere le avvertenze prima di consumare i funghi raccolti.

Amanita muscaria (L. : Fr.) Hooker

L'Amanita muscaria uno dei funghi pi appariscenti del bosco. anche una delle specie pi chiacchierate del momento, dato che in Giappone si sono tenuti recentemente dei convegni internazionali di micologia in cui si parlato anche della commestibilit di questa specie previo trattamento di de-tossificazione; tesi peraltro sostenuta da esperti micologi giapponesi che affermano di consumarla senza riscontrare alcun disturbo, nonostante nella comunit scientifica sussistano molti dubbi circa la reale efficacia di tale trattamento[citazione necessaria]. La specie veniva nel passato usata anche come antiparassitario contro le mosche. Si immetteva in un contenitore di latte dei pezzi del fungo e dopo un giorno di macerazione, usato per attirare le mosche che morivano dopo aver bevuto il latte.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 99

E cosa guardiamo solamente Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker

Descrizione della specie

Cappello
Da 8-20 cm di diametro, da rosso vermiglio a rosso acceso, raramente giallastro, cosparso di verruche bianche o gialle (resti del velo); orlo liscio, ma striato nel senso delle lamelle; cuticola viscida a tempo umido, facilmente staccabile dal cappello.

Lamelle
Fitte, libere, bianche, talvolta volgenti al giallo-limone, con lamellule.

Gambo
Cilindrico e slanciato, bulboso alla base, bianco e portante anello e volva.

Anello
Collocato nella parte alta del gambo, ampio, membranoso, bianco, persistente.

Volva
Quasi non apparescente, bianca, dissociata in verruche.

Carne
Bianca, colore arancio sotto la cuticola del cappello, soda.

Odore: subnullo. Sapore: trascurabile.

Spore
Bianche in massa, ovali, non amiloidi, 9-11 x 6,5-7,5 m.

Habitat
estate-autunno nei boschi di conifere e di latifoglie, pi frequente sotto conifere. Molto diffuso.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 100

E cosa guardiamo solamente Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker

Commestibilit
VELENOSO, provoca la sindrome panterinica, avvelenamento di tipo neurotropico.

Note
In alcuni paesi europei usato come stimolante, per l'effetto neurotropico; in altri paesi viene consumato dopo prolungata bollitura (ad esempio in alcune zone del Giappone, come gi detto), oppure dopo salamoia e prolungati lavaggi. Presso alcuni popoli del Sud-America, viene usato come allucinogeno. In Siberia solo in tempi recenti il suo uso stato sostituito da quello della vodka. Per R. G. Wasson (giornalista anglosassone studioso di etnie "micofobe" e "micofile") , nel Rig Veda (il pi antico scritto religioso dell'India) oggetto di 120 dei 1028 versi sotto il nome di Soma, dio pianta senza radici n foglie n fiori, cibo prediletto degli dei. Inoltre Wasson sostiene che sia connesso ai misteri eleusini greci, che avevano luogo durante la stagione dei funghi. Altri hanno sostenuto che i temuti Berserker vichinghi si eccitassero con funghi del genere. Schultes e Hofmann riferiscono del rito di bere l'urina: si usava bere l'urina di chi aveva usato il fungo per cinque o sei passaggi; questo perch ogni passaggio, pur conservandone i principi allucinogeni, eliminava parte delle sostanze tossiche in esso contenute. R. A. Wilson sostiene addirittura, citando questi e altri esempi, che si potrebbe concludere che questo fungo ha avuto nella storia religiosa una funzione ben pi importante di qualunque altro fattore. Nell'antichit l'Amanita era anche stata oggetto di un florido commercio. Nelle zone in cui scarseggiava raggiungeva prezzi esorbitanti. Si racconta che i Coriachi non avrebbero esitato a scambiare una renna per un solo esemplare di Amanita muscaria; ci spiegherebbe lo stretto legame tra la civilt della renna e l'uso degli allucinogeni.

Etimologia
Dal latino muscarius, attinente alle mosche, per le sue propriet moschicide.

Nomi comuni

Ovolo malefico Ovolaccio Tignosa moscaria Cocco matto Moscaria

Variet

Amanita muscaria var. aureola Amanita muscaria var. formosa Amanita muscaria var. flavivolvata Amanita muscaria var. guessowii Amanita muscaria var. alba

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 101

E cosa guardiamo solamente Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker

Chimica
Dal fungo sono state isolate numerose sostanze:

L'unico composto contenente Vanadio esistente nel mondo vegetale. presente anche la Muscarina, ma in quantit minime e pertanto da escludersi un possibile effetto velenoso. stato infatti accertato che la muscarina presente nella quantit di circa 2.5 mg/kg. La muscarina stimola il sistema parasimpatico provocando sudorazione, dilatazione delle pupille, diminuzione della frequenza cardiaca, sudorazione profusa e aumento della peristalsi intestinale. Un'altra sostanza presente nell'A. Muscaria l'Atropina, farmaco anticolinergico per eccellenza. Su una piccola percentuale della popolazione si scoperto avere un effetto psicodislettico. Tuttavia insostenibile che gli effetti tossici e psichedelici della muscaria dipendano da questa sostanza in quanto presente in quantit molto ridotte. Per alcuni gli effetti psicotropi sono imputabili alla Bufotenina, sostanza presente anche nelle secrezioni dei rospi della specie Bufo marinus, ingrediente attivo dei "filtri delle streghe"; non tuttavia stata verificata empiricamente un'effettiva attivit psichedelica.

Sono invece sostanze isolate in laboratorio come: 1. l'Acido ibotenico, 2. il Muscimolo 3. ed il Muscazone, ad aver suscitato, nei volontari cui sono stati somministrate, esperienze psichedeliche similari a quelle provocate dal fungo. La quantit di Muscazone contenuto nel fungo pu variare di molto, anche a seconda della zona di raccolta: questo spiegherebbe come mai la potenza psichedelica incostante da fungo a fungo. Il Muscimolo, invece, viene escreto intatto per via urinaria: questo potrebbe spiegare l'abitudine, testimoniata da vari scritti, di riciclare le urine di chi ha assunto la muscaria.

Lamelle in dettaglio

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 102

E cosa guardiamo solamente Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker

Imenio in evidenza

Confondibile con:
Nelle forme pi aranciate ed in assenza di verruche (per slavatura da piogge), pu essere confuso dai pi sprovveduti con l'Amanita caesarea, dalla quale si distingue facilmente per le lamelle bianche anzich giallo zabaione. Attenzione: l'Amanita muscaria var. aureola pu essere facilmente confusa con l'Amanita caesarea dai meno esperti.

Collegamenti esterni

William Rubel - Author and Cook Specializing in Traditional Cooking Fotografie dell' A. muscaria f.ma Aureola Amanita muscaria e la var. aureola presentate dal Gruppo A.M.B. di Messina

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 103

E cosa guardiamo solamente Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker

Galleria fotografica

Siamo arrivati ad Amanita muscaria, fungo emblema di velenosit. Che Amanita muscaria sia uno dei funghi pi belli, se non il pi bello in assoluto deve essere detto, che sia diversamente l'icona del fungo tossico per eccellenza un luogo comune privo di ogni fondamento. Deve questa etichetta di estrema pericolosit alle favole e ai cartoni animati, in realt e si tossico, ma la sua pericolosit decisamente modesta, tanto vero che in alcune zone dell'Oriente (Giappone), viene regolarmente consumato e stessa cosa risulta essere fatta in Russia e in alcune localit italiane del nord. Il motivo semplice, la maggioranza delle sue tossine sono concentrate nella cuticola del cappello e nel primo strato del derma sottostante, uno dei principi tossici contenuto nel fungo, la muscarina idrosolubile, per cui se sbucciato come una mela e prebollito accuratamente, diventa praticamente innocuo. Questo non vuole essere un invito al consumo, in Italia una specie tossica e come tale deve essere considerata, semplicemente ho espresso delle considerazioni che dimostrano come spesso il conoscere comune sia frutto di leggende.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 104

E cosa guardiamo solamente Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 105

E cosa guardiamo solamente Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 106

E cosa guardiamo solamente Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 107

E cosa guardiamo solamente Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker

Sezione personale

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 108

E cosa guardiamo solamente Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 109

E cosa guardiamo solamente Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 110

E cosa guardiamo solamente Amanita Muscaria (L. : Fr) Hooker

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 111

E cosa guardiamo solamente Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link

Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link


Amanita phalloides

Amanita phalloides

Classificazione scientifica Regno: Classe: Ordine: Genere: Fungi Basidiomycetes Agaricales Amanita Divisione: Basidiomycota

Famiglia: Amanitaceae Specie: A. phalloides Nomenclatura binomiale Amanita phalloides


(Vaill.:Fr.)

Nomi comuni Tignosa verdognola, Tignusa morteada Caratteristiche morfologiche Amanita phalloides

cappello imenio convesso lamelle

libere

sporata bianca

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 112

E cosa guardiamo solamente Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link

anello e carne micorrizico mortale volva immutabile Leggere le avvertenze prima di consumare i funghi raccolti.

Amanita phalloides (Vaill.:Fr.)

L'Amanita phalloides nota anche come Tignosa verdognola ed Agaricus phalloides un fungo mortale assai diffuso. sicuramente la specie pi pericolosa per via della sua somiglianza con molte altre specie, congeneri e non.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 113

E cosa guardiamo solamente Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link

Descrizione della specie

Cappello
Di colore variabile da grigio-giallastro, a verdastro, o giallo-bruno o anche bianco nella variet alba, di forma conico-campanulata od emisferica e poi espanso, pianeggiante, liscio, serico, senza verruche con fibrille innate.

Lamelle
Bianche, libere al gambo, alte.

Gambo
Bianco, spesso ornato da "zebrature" simili al colore del cappello (non facilmente distinguibili nella variet alba), prima pieno e poi cavo nell'esemplare molto vecchio, bulboso alla base.

Anello
Bianco con riflessi giallognoli, cadente a fazzoletto sul gambo, spesso caduco negli esemplari maturi.

Carne
Bianca, immutabile, soda. Assaggio assolutamente da evitare se non si dispone di acqua per immediati ed abbondanti risciacqui della bocca.

Odore: pressoch nullo (o di rosa appassita) nel fungo fresco e giovane, di miele nel fungo adulto, fetido e cadaverico nel fungo fradicio. Il micologo Riccardo Mazza, nel suo libro "Introduzione alla Micosmologia", afferma che l'odore ricorda l' "ammoniaca". Sapore: nullo in principio, un po' acre oppure di "nocciole" alla fine.

Per evitare l'accidentale ingestione di un frammento di fungo - anche piccolo - nella cosiddetta fase di assaggio, si sconsiglia vivamente tale procedura per la specie in questione!

Spore
Bianche in massa, ovoidali, quasi rotonde, a reazione amiloide 9-11 x 7-9 m.

Habitat
Cresce in estate-autunno, preferibilmente ne boschi frondosi, non di rado anche sugli argini alberati, limitanti prati e terreni coltivati. Predilige le querce ma non di rado si trova anche nei pressi di conifere. I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 114

E cosa guardiamo solamente Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link

Commestibilit

VELENOSO MORTALE Contiene Amanitine e Falloidine, ciclo-peptidi inibitori della sintesi proteica per inattivazione dell'enzima RNA polimerasi.

Note

Provoca danni al fegato irreversibili e la morte. Possono risultare letali anche piccoli frammenti di fungo. I primi sintomi della Sindrome falloidea possono essere avvertiti dopo circa 4 ore dall'ingestione, a seconda della costituzione fisica del soggetto. Se l'avvelenamento diagnosticato in tempi brevi, possibile scongiurare il decesso del paziente; tuttavia quest'ultimo, a seguito del danno epatico riportato, dovr ricorrere a dialisi oppure al trapianto dell'organo. L'elevato "polimorfismo" dell' A. phalloides aumenta enormemente il rischio di confusione con altre specie congeneri o con specie di generi differenti da Amanita. Occasionalmente pu raggiungere dimensioni ragguardevoli in altezza.

Etimologia
Dal latino phallus = fallo e dal greco edos = forma, sembianza e cio "a forma di fallo" per l'aspetto del fungo giovane.

Variet

Amanita phalloides var. alba

Confondibile con:
Lunga la lista delle specie con cui pu essere confusa l'A. phalloides:

Ovuli di A. phalloides e di A. caesareaOvuli di A. phalloides e di A. cesarea


Amanita caesarea (eccellente commestibile), cui somiglia molto allo stadio di ovolo (vedi le due fotografie qui sopra). Amanita citrina (non commestibile) - vedi illustrazione. Amanita virosa (velenoso mortale), se trattasi di Amanita phalloides var. alba, da cui si distingue per l'odore ed il sapore cattivo (non assaggiare!).

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 115

E cosa guardiamo solamente Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link

Allo stadio di ovolo, i pi inesperti potrebbero confonderlo con alcune specie del genere Lycoperdon (le cosiddette "vesce"), ad esempio L. pyriforme o L. perlatum. Alcune specie del genere Volvaria come Volvaria volvacea, (commestibile di scarso valore) Alcune specie del genere Agaricus se trattasi di Amanita phalloides var. alba. Russula virescens (ottimo commestibile), quando la "phalloides" viene maldestramente raccolta senza la volva e quindi il cercatore poco esperto non si accorge che non una Russula. Occasionalmente esemplari giovani di alcune forme decolorate di A. phalloides sono stati confusi con carpofori di Amanita vaginata (ottimo commestibile da cotto).

Galleria immagini (Fasi della crescita dei carpofori)

Carpofori giovani Dopo un giorno

Due giorni dopo Tre giorni dopo

Quattro giorni dopoCinque giorni dopoSei giorni dopo

Sette giorni dopo

Otto giorni dopo

Collegamenti esterni

(EN) Amanita phalloides su Mushroomexpert.com Scheda di Agraria.org

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 116

E cosa guardiamo solamente Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link

Galleria fotografica

Parliamo del fungo pi nefasto in assoluto, responsabile del 90% degli avvelenamenti letali, questo significa che semplicemente il riconoscimento certo di questo fungo annullerebbe o quasi, la totalit delle intossicazioni mortali dovute al consumo di funghi spontanei. Letale in dosi modestissime, sono sufficienti 40/50 gr. di fungo fresco per uccidere un uomo adulto di 70 Kg. di peso corporeo, se pensate che i funghi sono costituiti dal 90% di acqua, questo vuol dire che con 8/10 gr. di fungo cotto, un cucchiaino da caff, si fa un viaggio di non ritorno. Perch viene raccolto???? Semplicemente perch tanti sprovveduti si cimentano in raccoglitori improvvisati senza pesare minimamente i rischi che corrono. Secondo motivo, perch ancor oggi molti insistono nella raccolta di ovoli chiusi e sbagliano clamorosamente raccogliendo l'ovolo malefico invece dell'ovolo buono. Ricordo a tal proposito che la Legge giustamente vieta la raccolta di ovoli in forma chiusa e che il 50% del 90% dei morti ricordati precedentemente, sono tali per aver raccolto e consumato ovoli in forma chiusa. Imparate a riconoscere senza alcun dubbio questo fungo, conoscerlo vi salva la vita!!!!

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 117

E cosa guardiamo solamente Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 118

E cosa guardiamo solamente Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 119

E cosa guardiamo solamente Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 120

E cosa guardiamo solamente Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 121

E cosa guardiamo solamente Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 122

E cosa guardiamo solamente Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link

Sezione personale

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 123

E cosa guardiamo solamente Amanita Phalloides (Vaill.:Fr.) Link

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 124

E cosa guardiamo solamente Amanita Citrina (Schaeffer) Persoon

Amanita Citrina (Schaeffer) Persoon


Amanita citrina

Amanita citrina

Classificazione scientifica Regno: Classe: Ordine: Genere: Fungi Basidiomycetes Agaricales Amanita Divisione: Basidiomycota

Famiglia: Amanitaceae Specie: A. citrina Nomenclatura binomiale Amanita citrina


(Schaeff.) Pers., 1797

Nomi comuni Tignosa paglierina Caratteristiche morfologiche Amanita citrina

cappello imenio convesso lamelle

libere

sporata bianca

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 125

E cosa guardiamo solamente Amanita Citrina (Schaeffer) Persoon

non anello e carne micorrizico commestibile volva immutabile Leggere le avvertenze prima di consumare i funghi raccolti.

Amanita citrina (Schaeff.) Pers., Nat. Arr. Brit. Pl. (London) 1: 599 (1797) L'Amanita citrina un fungo appartenente alla famiglia Amanitaceae, molto comune ma di scarsa qualit dal punto di vista gastronomico per via dell'odore rafanoide e del sapore poco gradevole. A volte si anche rivelato facilmente confondibile con Amanite mortali (es. Amanita phalloides). Per quanto innanzi esposto, il consumo di questa specie viene vivamente sconsigliato.

Descrizione della specie

Cappello
Ha la superficie di color giallo-verdognolo o citrino (bianco o bianco-sporco nella sua f.ma Alba), con verruche bianche disposte a circoli concentrici, pi appressate al centro, talvolta mancanti (se staccate da eventi atmosferici o altro).

Lamelle
Fitte, di colore bianco, libere al gambo, con lamellule.

Gambo
Cilindrico, di colore da bianco a bianco-giallino, alto 9-15 cm.

Anello
Bianco o giallino, nella parte alta dello stipite.

Volva
Bianca, circoncisa, aderente alla base bulbosa.

Carne
Bianca immutabile.

Odore: di radici o "rafanoide". Sapore: sgradevole, mediocre. Ciononostante non mancano gli estimatori di questa specie. Pagina 126

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

E cosa guardiamo solamente Amanita Citrina (Schaeffer) Persoon

Spore
Ovali o ellissoidi, lisce, bianche in massa, amiloidi, 8-11 x 7-9 m.

Habitat
Specie gregaria, abbastanza frequente nei boschi di conifere e di latifoglie, fruttifica in estate-autunno.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 127

E cosa guardiamo solamente Amanita Citrina (Schaeffer) Persoon

Commestibilit
Considerato Non commestibile, o meglio scadente, per poter essere confuso con specie mortali come Amanita phalloides o Amanita verna. Al limite lo si potrebbe anche mangiare, ma anche per le sue mediocri qualit (anche se non potrebbe presentare alcuna velenosit) consigliato non usufruire affatto questo fungo.

Etimologia
Dal latino citrus - del limone, per il colore giallo del cappello.

Confondibile con:

Amanita phalloides (velenoso mortale), se la "citrina" non presenta verruche. Infatti si distinguono le due specie per la presenza di grandi verruche sul cappello della "citrina" e per assenza di verruche sul cappello fibrilloso e lucido della "phalloides". A volte con Amanita virosa (velenoso mortale), molto simile anche alla variet "Alba" della "citrina".

Nomi comuni

Tignosa paglierina

Sinonimi e binomi obsoleti


Agaricus citrinus Schaeff., Fung. Bavar. Palat. 1: tab. 11 (1762) Agaricus mappa Batsch, Elench. fung. (Halle): 57 (1783) Amanita bulbosa var. citrina (Schaeff.) Gillet, Les Hymnomyctes ou description de tous les champignons (fungi) qui croissent en France (Alenon): 36 (1874) Amanita citrina var. mappa (Batsch) Pers., (1801) Amanita citrina mappalis Gray, Nat. Arr. Brit. Pl. (London) 1: 599 (1821) Amanita mappa (Batsch) Bertill., in Dechambre, Dict. Encyclop. Sci. Medic., Sr. 1 3: 500 (1866) Amanita mappa var. citrina (Gonn. & Rabenh.) Rea, Brit. basidiomyc. (Cambridge): 100 (1922) Amanitina citrina (Pers.) E.-J. Gilbert, (1941) Venenarius mappa (Batsch) Murrill, (1948)

Variet

Amanita citrina var. alba

Variet Amanita citrina var. alba


Si differenzia dalla comune "citrina" per il pallido colore della cuticola del cappello, il resto pi o meno simile. Per la facile confusione con Amanita phalloides var. alba e per la mediocre qualit considerata non commestibile, o meglio scadente. Anche se I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 128

E cosa guardiamo solamente Amanita Citrina (Schaeffer) Persoon essa non potrebbe presentare alcuna velenosit come la "citrina", meglio in assoluto evitarla.

Bibliografia

Amanita citrina. <www.IndexFungorum.org>

Collegamenti esterni

(EN) Amanita citrina su Mushroomexpert.com Scheda di Agraria.org

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 129

E cosa guardiamo solamente Amanita Citrina (Schaeffer) Persoon

Galleria fotografica

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 130

E cosa guardiamo solamente Amanita Citrina (Schaeffer) Persoon

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 131

E cosa guardiamo solamente Amanita Citrina (Schaeffer) Persoon

Sezione personale

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 132

E cosa guardiamo solamente Amanita Citrina (Schaeffer) Persoon

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 133

E cosa guardiamo solamente Amanita Pantherina (DeCand. : Fr.) Krombh.

Amanita Pantherina (DeCand. : Fr.) Krombh.


Amanita pantherina

Amanita pantherina

Classificazione scientifica Regno: Classe: Ordine: Genere: Fungi Basidiomycetes Agaricales Amanita Divisione: Basidiomycota

Famiglia: Amanitaceae Specie: A. pantherina Nomenclatura binomiale Amanita pantherina


(DC.:Fr.) Krombholz

Caratteristiche morfologiche Amanita pantherina

imenio cappello lamelle campanulatoconico

libere

sporata bianca

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 134

E cosa guardiamo solamente Amanita Pantherina (DeCand. : Fr.) Krombh.


anello e volva carne micorrizico velenoso immutabile Leggere le avvertenze prima di consumare i funghi raccolti.

Amanita pantherina (DC.:Fr.) Krombholz L' Amanita pantherina un fungo velenoso molto comune e pertanto abbastanza popolare che appartiene alla famiglia delle Amanitaceae. Nonostante molti testi la considerino semplicemente una specie "tossica", essa pu provocare addirittura la morte se ingerita in quantitativi non trascurabili!

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 135

E cosa guardiamo solamente Amanita Pantherina (DeCand. : Fr.) Krombh.

Descrizione della specie

Cappello
10-15 cm, di colore bruno, di forma conico-campanulata od emisferica e poi espanso, pianeggiante, liscio, ricoperto da piccole verruche bianche; margine nettamente striato.

Lamelle
Bianche, libere al gambo, fitte, con lamellule.

Gambo
6-12 cm, bianco, cilindrico, prima compatto, poi cavo, si ingrossa alla basa in un bulbo.

Anello
Pi o meno ampio, bianco, piuttosto basso.

Volva
Bianca, aderente al bulbo.

Carne
Bianca, immutabile, soda.

Odore: subnullo. Sapore: dolciastro.

Spore
Bianche in massa, ovoidali, lisce, non amiloidi, 10-12 x 7-9 m.

Habitat
Cresce in estate-autunno, al limitar del bosco, sotto latifoglie e conifere.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 136

E cosa guardiamo solamente Amanita Pantherina (DeCand. : Fr.) Krombh.

Commestibilit

MOLTO VELENOSO, provoca avvelenamenti assai gravi o addirittura la morte se ingerito in quantit.

Note
Contiene la muscarina, neurotossina che provoca avvelenamento piuttosto grave, ed il muscimolo.

Etimologia
Dal latino pantherinus = relativo alla pantera, per l'aspetto del cappello.

Nomi comuni

Tignosa bruna Tignosa bigia Tignosa rigata

Variet

Amanita pantherina var. velatipes

Variet Amanita pantherina var. velatipes


Specie con solo il cappello leggermente pi chiaro del solito. Molto pericoloso, anche mortale come la Amanita pantherina.

Confondibile con:

Amanita ceciliae (velenoso da crudo) Amanita rubescens (commestibile dopo prolungata cottura, velenoso da crudo) Amanita junquillea (velenoso da crudo, fortemente sconsigliato)

Collegamenti esterni

Scheda dell' A. pantherina Altra scheda del fungo Amanita pantherina presentata dal Gruppo A.M.B. di Messina

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 137

E cosa guardiamo solamente Amanita Pantherina (DeCand. : Fr.) Krombh.

Galleria fotografica

Alla fine dell'estate e in autunno, nei boschi, possiamo incontrare questo bellissimo fungo che richiama l'attenzione per le verruche bianchissime sul fondo bruno (scuro negli esemplari giovani e poi pi chiaro) del cappello che presenta una fine striatura sul margine. Le lamelle sono bianche, fitte. Il gambo cilindrico, bianco, la base bulbosa ed ricoperta dalla Volva bianca e tipicamente circoncisa, consistente e dissociata in cercini. L'anello bianco a gonnella. Carne bianca, odore nullo, sapore neutro. A. pantherina un fungo tossico e come la sua parente A. muscaria, attacca il sistema nervoso centrale e provoca disturbi motori, convulsioni, logorrea, convulsioni, vertigini,allucinazioni. Per cavarsela bisogna ricorrere alle cure in ospedale.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 138

E cosa guardiamo solamente Amanita Pantherina (DeCand. : Fr.) Krombh.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 139

E cosa guardiamo solamente Amanita Pantherina (DeCand. : Fr.) Krombh.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 140

E cosa guardiamo solamente Amanita Pantherina (DeCand. : Fr.) Krombh.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 141

E cosa guardiamo solamente Amanita Pantherina (DeCand. : Fr.) Krombh.

Sezione personale

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 142

E cosa guardiamo solamente Amanita Pantherina (DeCand. : Fr.) Krombh.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 143

Ed ora vale tutto !!

Ed ora vale tutto !!


Una selezione senza regole di ci che si pu trovare nel mondo dei funghi Ci sono sia variet edibili che non giusto una parata di personaggi fin qui non trattati.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 144

Ed ora vale tutto !!

Sezione personale

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 145

Ed ora vale tutto !!

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 146

Ed ora vale tutto !!

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 147

Ed ora vale tutto !!

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 148

Ed ora vale tutto !!

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 149

Ed ora vale tutto !!

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 150

Ed ora vale tutto !!

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 151

Ed ora vale tutto !!

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 152

Ed ora vale tutto !!

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 153

Ed ora vale tutto !!

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 154

Ed ora vale tutto !!

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 155

Ed ora vale tutto !!

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 156

Ed ora vale tutto !!

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 157

Appendici Val Mastallone e val Sabbiola

Appendici
Val Mastallone e val Sabbiola
La valle del Mastallone, torrente che confluisce nel Sesia presso Varallo, una delle pi selvagge e pittoresche delle Alpi Pennine. Il paesaggio assai vario: nella parte bassa caratterizzato dalle profonde gole scavate dal torrente e dai suoi affluenti, mentre a quote pi elevate si apre in ampi pianori circondati da boschi di abeti e faggi. Gli abitanti, nella costruzione delle loro abitazioni, hanno conservato le caratteristiche dei villaggi alpini: lutilizzo della pietra locale come materiale da costruzione, la copertura dei tetti con "piode", la vicinanza delle case che sorgono spesso luna a ridosso dellaltra.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 158

Appendici Introduzione alla Sistematica e Tassonomia

Introduzione alla Sistematica e Tassonomia


Questa trattazione, elaborata dal CSM di AMINT, si pone come scopo quello di fornire una guida semplice e di facile lettura per tutti quegli appassionati di Micologia che vogliano approfondire le loro conoscenze nei campi proposti. Nella stesura si terr conto della letteratura aggiornata in campo micologico senza per scendere nelle tematiche introdotte dalla recente ricerca genetica nel campo dei funghi, questo allo scopo di rendere fruibile e consultabile da tutti gli appassionati i testi presi a riferimento. I settori che verranno maggiormente toccati sono quelli che riguardano i macromiceti, essenzialmente Basidiomiceti ed Ascomiceti allinterno dei quali troviamo tutti quei funghi che normalmente incontriamo e vediamo (chiaro il concetto di macromiceti?!) negli habitat che siamo soliti frequentare. I nomi scientifici delle piante e dei funghi vengono attribuiti secondo le norme stabilite dal Codice Internazionale di Nomenclatura Botanica (ICBN) che viene aggiornato ogni quattro anni. Lattuale sistema di nomenclatura si basa sul metodo binomiale, ideato nel XVIII secolo dal naturalista svedese Carl von Linn (italianizzato in Linneo) che nella sua opera Systema Naturae descriveva e classificava le piante. Persoon e Fries estesero il metodo ai funghi. Secondo tale metodo, ogni organismo vivente identificato da un doppio nome (nome scientifico) in lingua latina (adottata come lingua internazionale), di cui il primo (nome generico) relativo al taxon Genere ed il secondo (epiteto specifico) relativo al taxon specie. La combinazione di nome generico ed epiteto specifico forma il nome della specie (nome scientifico) che sempre scritto in corsivo e con liniziale del nome del Genere in maiuscolo (es.: Boletus edulis). Nei libri spesso si legge: Genere=Boletus, Specie=edulis, ci un errore; la forma corretta : Genere=Boletus, Specie=Boletus edulis. Il nome cos composto va, poi, seguito dal nome dellautore che per primo ha descritto la specie ed eventualmente dallanno della pubblicazione; quando lautore molto noto il nome pu essere abbreviato (es.: Fr. per Fries; L. per Linneo). Quando ci riferiamo ad un Genere, si usa la formula Genere spp.; ad esempio: Boletus spp. (il genere Boletus); Morchella spp. (il genere Morchella). La formula Genere sp., invece, si usa quando dobbiamo ancora identificare la specie; se, ad esempio, troviamo un Porcino, sappiamo che esso appartiene al genere Boletus ma non sappiamo ancora a quale specie, scriveremo Boletus sp. Il rango sul quale sono basate le classificazioni di tutti gli esseri viventi la Specie, essa definita come un insieme di individui fertili tra di loro e capaci di generare discendenti fertili. Per quanto riguarda il Regno dei funghi, non essendo possibile verificare il requisito della interfertilit, la Specie definita come un insieme di individui con determinati caratteri morfologici macroscopici o microscopici uguali.

Testi e fonti consultati per questa prima parte della trattazione: Courtecuisse R. & B. Duhem - 1994: Guide des Champignons de France et dEurope. Ainsworth and Bisby's Dictionary of the Fungi, 9th Edition Wikipedia, l'enciclopedia libera sul web www.wikipedia.it Rambelli Angelo - Pasqualetti Marcella - Bortoli Antonella: Nuovi fondamenti di micologia. In appendice: i licheni Ovviamente il tutto unito dall'esperienza e dalle conoscenze della squadra CSM AMINT.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 159

Appendici Introduzione alla Sistematica e Tassonomia


La seguente tabella si propone di schematizzare la gerarchia della sistematica dei funghi. Nella prima colonna troviamo le categorie in cui organizzato il regno dei Funghi. Il termine taxon (plurale taxa) si utilizza per descrivere una qualsiasi di queste suddivisioni. Nella seconda colonna troviamo le desinenze da usare in ciascuna di queste suddivisioni. Dal Regno alla Sottotrib le desinenze sono fisse, mentre dal genere alla forma le desinenze sono variabili e seguono le regole della concordanza della grammatica latina. Nella terza colonna abbiamo un esempio di percorso completo di nomenclatura riferito ad uno dei funghi pi conosciuti ed apprezzati il Boletus edulis. Se percorriamo la prima colonna in verticale incontriamo il Regno Fungi, che comprende tutte le altre suddivisioni ed organizzato in Divisioni. Ciascuna Divisione organizzata in Classi, e cos via continuando con Ordine, Famiglia, Trib, Genere, Sezione, specie, variet e forma. Bisogna pensare che Linneo aveva riunito tutti i funghi lamellati nel Genere Agaricus e che il loro numero totale era limitato, mentre oggi siamo arrivati a classificarne diverse migliaia. Ormai siamo lontani dal concetto pi antico di classificazione intesa come enumerazione, oggi il concetto alla base della classificazione quello di riconoscere le affinit e i legami presenti tra le varie specie. Nella ricerca di queste relazioni diventato necessario utilizzare un sistema pi complesso di suddivisioni e da qui nata la necessit di crearne di nuove, superiori e inferiori al binomio Genere e specie.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 160

Appendici Introduzione alla Sistematica e Tassonomia


Commento e tabella grafica realizzata da Tomaso Lezzi CSM - AMINT

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 161

Appendici Specie Micologiche presenti nell Archivio di Funghiitaliani.it

Specie Micologiche presenti nell Archivio di Funghiitaliani.it


Commestibile / Edible Non commestibile - Sospetto / Not edible - Suspect Velenoso / Poisonous

A
Abortiporus biennis Agaricus albertii Agaricus arvensis Schaeffer Fr. Agaricus augustus Agaricus bisporus Agaricus bitorquis (Qulet) Saccardo Agaricus campestris L. Fr. Agaricus chionoderma Agaricus essettei Agaricus haemorrhoidarius Agaricus langei Agaricus macrosporus Agaricus menieri Agaricus pilatianus Agaricus porphyrizon Agaricus praeclaresquamosus Agaricus romagnesii Agaricus semotus Agaricus silvaticus Schaeff : Fr. Agaricus silvicola (Vitt.) Peck Agaricus subperonatus Agaricus variegans Agaricus xanthoderma Agrocybe aegerita (=Pholiota aegerita) Agrocybe arenaria Agrocybe erebia Agrocybe molesta Agrocybe vervacti Agrocybe praecox Albatrellus confluens Albatrellus cristatus Albatrellus ovinus Albatrellus pes-caprae Aleuria aurantia Aleuria vesiculosa = Peziza vesiculosa Aleuridiscus disciformis Amanita amici Amanita caesarea (Scop. : Fr.) Pers. Amanita ceciliae Amanita citrina Amanita crocea (Qulet) Melzer Amanita curtipes

Amanita eliae Amanita excelsa Amanita franchetii (Boud.)Fayod (=Amanita aspera) Amanita fulva (Sch. : Fr) Fr. Amanita gemmata (Paulet) Bertillon (=Amanita junquillea) Amanita gioiosa Amanita gracilior Amanita magnivolvata Amanita mairei Amanita malleata Amanita muscaria (L. : Fr) Hooker Amanita ochraceomaculata Amanita ovoidea Amanita pantherina (DeCand. : Fr.) Krombh. Amanita phalloides (Vaill.:Fr.) Link Amanita ponderosa Amanita porphyria Amanita praelongipes Amanita proxima Amanita rubescens (Pers.:Fr) S.F.Gray Amanita spadicea Amanita strobiliformis Amanita submembranacea Amanita vaginata Amanita verna (Bull.) Lamarck Amanita virosa (Lamarck) Bertillon Amanita vittadini Anellaria semiovata Anthracobia melanoma Antrodia ramentacea Armillaria cepistipes Armillaria gallica Armillaria mellea (Vahl : Fr.) Kumm Armillaria ostoyae Armillaria tabescens Arrhenia lobata Arrhenia rickenii Artomyces pyxidatus Ascobolus carbonarius Ascocoryne cylichnium Ascocoryne sarcoides

Asterophora lycoperdoides Astraeus hygrometricus Aureoboletus gentilis Auricularia auriculajudae Auricularia mesenterica Auriscalpium vulgare

B
Baeospora myosura Battarrea phalloides Biannularia imperialis Bisporella citrina Bisporella sulphurina Bjerkandera adusta Bolbitius demangei Bolbitius vitellinus Boletinus cavipes Boletus aemilii Boletus aereus Bull. : Fr. Boletus aestivalis Boletus appendiculatus Boletus calopus Boletus dupainii Boletus edulis Bull.: Fr. Boletus erythropus Boletus fechtneri Boletus fragrans Boletus lupinus Boletus luridus Sch.:Fr. Boletus luteocupreus Boletus mirabilis Boletus permagnificus Boletus pinophilus Pilt & Dermek (=Boletus pinicola) Boletus pseudoregius Boletus pulchrotinctus Boletus pulverulentus Boletus purpureus Boletus queletii Boletus radicans Boletus regius Krombh Boletus rhodopurpureus Smotl. Boletus rhodoxanthus Boletus rubrosanguineus Boletus satanas

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 162

Appendici Specie Micologiche presenti nell Archivio di Funghiitaliani.it


Boletus subappendiculatus Boletus xanthocyaneus Bovista nigrescens Bovista plumbea Brefeldia maxima Bulgaria inquinans Clavulina rugosa Clavulinopsis fusiformis Clavulinopsis helveola Clavulinopsis subtilis Clitocybe alexandri Clitocybe alkaliviolascens Bell (1995) Clitocybe costata Clitocybe dealbata Clitocybe decembris Clitocybe geotropa (Bull. : Fr.) Qul. Clitocybe gibba Clitocybe langei Clitocybe metachroides Clitocybe nebularis Clitocybe nivea Clitocybe odora Clitocybe phaeophtalma Clitocybe radicellata Clitocybe sinopica Clitocybe squamulosa Clitocybe vermicularis Clitopilus prunulus (Scop. : Fr.) Quelt Collybia amanitae Collybia aquosa Collybia asema Collybia butyracea Collybia confluens Collybia dryophila Collybia filamentosa Collybia fodiens Collybia fusipes Collybia hariolorum Collybia luxurians Collybia maculata Collybia marasmioides Collybia ocior Collybia peronata Coltricia perennis Conocybe fragilis Conocybe fuscimarginata Conocybe lactea=Bolbitius tener Conocybe rickeniana Conocybe rickenii Coprinus atramentarius Coprinus auricomus Coprinus comatus (Mull. : Fr.) Pers. Coprinus domesticus Coprinus ellisii Coprinus insignis Coprinus lagopus Coprinus micaceus Coprinus niveus Coprinus picaceus Coprinus plicatilis Coprinus radians Coprinus truncorum Coprinus xanthothrix Cordyceps capitata Cordyceps militaris Cordyceps ophioglossoides Cortinarius acutus Cortinarius alboviolaceus Cortinarius aleuriosmus Cortinarius alnetorum Cortinarius anomalus Cortinarius anserinus Cortinarius armillatus Cortinarius atrovirens Cortinarius balteatoalbus Cortinarius balteatus Cortinarius biformis Cortinarius bivelus Cortinarius bolaris Cortinarius brunneus Cortinarius bulliardii Cortinarius caerulescens Cortinarius callisteus Cortinarius calochrous Cortinarius camphoratus Cortinarius caninus Cortinarius caperatus Cortinarius cedretorum Cortinarius cinnabarinus Cortinarius cinnamomeoluteus Cortinarius cinnamomeus Cortinarius claricolor Cortinarius cliducus Cortinarius collinitus Cortinarius cotoneus Cortinarius croceus Cortinarius cumatilis Cortinarius cyanites Cortinarius dibaphus Cortinarius dionysae Cortinarius diosmus Cortinarius elatior Cortinarius elegantissimus Cortinarius gentilis Cortinarius glaucopus Cortinarius hercynicus Cortinarius hinnuleus Cortinarius humicola Cortinarius illibatus Cortinarius inexspectatus Cortinarius infractus

C
Callistosporium xanthophyllum Calocera viscosa Calocybe gambosa Caloscypha fulgens Calvatia excipuliformis Calvatia fragilis Calvatia utriformis Camarophyllus pratensis Camarophyllus russocoriaceus Camarophyllus virgineus Cantharellus alborufescens Cantharellus amethysteus Cantharellus cibarius (Fr.: Fr.) Fr. Cantharellus cinereus Cantharellus friesii Cantharellus ianthinoxanthus Cantharellus lutescens Pers.: Fr. Cantharellus melanoxeros Cantharellus tubaeformis Ceratiomyxa fruticulosa Chalciporus amarellus Chalciporus piperatus Chalciporus rubinus Cheilymenia stercorea Chroogomphus helveticus Chroogomphus rutilus Ciboria amentacea Ciboria batschiana Ciboria viridifusca Clathrus archeri Clathrus crispus; Turpin Clathrus ruber Clavaria vermicularis Clavariadelphus ligula Clavariadelphus pistillaris Clavariadelphus truncatus Clavulina cinerea Clavulina cristata

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 163

Appendici Specie Micologiche presenti nell Archivio di Funghiitaliani.it


Cortinarius ionochlorus Cortinarius ionosmus Cortinarius largus Cortinarius limonius Cortinarius meinhardii Cortinarius melanotus Cortinarius multiformis Cortinarius napus Cortinarius nemorensis Cortinarius odorifer Cortinarius olidus Cortinarius orellanus Fr. Cortinarius paleaceus Cortinarius paleifer Cortinarius papulosus Cortinarius percomis Cortinarius phoeniceus Cortinarius praestans Cortinarius rapaceus Cortinarius renidens Cortinarius rufoolivaceus Cortinarius sanguineus Cortinarius scaurus Cortinarius scutulatus Cortinarius sertipes Cortinarius sordescens Cortinarius speciosissimus Cortinarius spilomeus Cortinarius splendens Cortinarius stillatitius Cortinarius suaveolens Cortinarius subvalidus Cortinarius suillus Cortinarius traganus Cortinarius triformis Cortinarius trivialis Cortinarius variecolor Cortinarius varius Cortinarius velicopia Cortinarius venetus Cortinarius vibratilis Cortinarius violaceus Cortinarius zinziberatus Cortinarius angelasianus Cortinarius arcuatorum Cortinarius torvus Craterellus cornucopioides Creopus gelatinosus Crepidotus cesatii Crepidotus variabilis Crinipellis stipitaria Crucibulum laeve Cudonia circinans Cudonia confusa Cuphophillus cereopallidus Cyathus olla Cyathus stercoreus Cyathus striatus Cystoderma amianthinum Cystoderma carcharias Cystoderma fallax Cystoderma granulosum Cystoderma terreyi Cystolepiota pulverulenta (=Entoloma lividum) Entoloma undulatosporum Exidia glandulosa Exobasidium rhododendri

F
Fistulina hepatica Flammulina velutipes Fomes fomentarius Fomitopsis officinalis Fomitopsis pinicola Fuligo candida Fuligo cinerea Fuligo luteonitens Fuligo rufa Fuligo septica

D
Dacrymyces chrysospermus Dacrymyces deliquescens Daedalea quercina Daedaleopsis confragosa Daedaleopsis tricolor Daldinia concentrica Dasyscyphus ciliatus Dasyscyphus corticalis Dasyscyphus niveus Dasyscyphus pudibundus Diatrypella quercina Dichomitus campestris Dictydium cancellatum Didymium squamulosum Discina perlata Disciotis venosa

G
Galerina hypnorum Galerina laevis Galerina marginata Galerina stylilifera Galerina vittaeformis Galeropsis lateritia Ganoderma applanatum Ganoderma lucidum Ganoderma resinaceum Ganoderma valesiacum Geastrum elegans Geastrum fimbriatum Fries Geastrum pectinatum Geastrum quadrifidum Geastrum rufescens Geastrum triplex Jungh. Geoglossum nigritum Geopora arenosa Geopora sumneriana Gloeophyllum odoratum Gomphidius glutinosus Gomphidius maculatus Gomphidius roseus Gomphus clavatus Gomphus floccosus Greletia planchonis Grifola frondosa Gymnopilus penetrans Gymnopilus picreus Gymnopilus sapineus Gymnopilus spectabilis Gyrodon lividus Gyromitra esculenta Gyromitra gigas Gyromitra infula Gyrophragmium dunalii

E
Echinodema asperum Echinodema echinaceum Elaphomyces asperulus Elaphomyces granulatus Encoelia furfuracea Entoloma bloxamii Entoloma clypeatum Entoloma euchrorum Entoloma hirtipes Entoloma incanum Entoloma incarnatofuscescens Entoloma lividoalbum Entoloma mougeotii Entoloma nidorosum Entoloma nitidum Entoloma percandidum Entoloma rhodopolium Entoloma saundersii Entoloma scabiosum Entoloma sepium Entoloma sericeum Entoloma sinuatum (Bull : Fr.); Kumm.

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 164

Appendici Specie Micologiche presenti nell Archivio di Funghiitaliani.it


Gyroporus castaneus (Bull. : Fries) Qul. Gyroporus cyanescens (Bull.:Fr.) Qul. Hygrocybe reae Hygrocybe virginea Hygrocybe vitellina Hygrophoropsis aurantiaca Hygrophorus agathosmus Hygrophorus arbustivus Hygrophorus carpini Hygrophorus chrysodon Hygrophorus cossus Hygrophorus eburneus Hygrophorus erubescens Hygrophorus latitabundus Hygrophorus leucophaeo-ilicis Hygrophorus lindtneri Hygrophorus marzuolus (Fr.:Fr.) Bres. Hygrophorus mesotephrus Hygrophorus nemoreus Hygrophorus olivaceoalbus Hygrophorus penarius Fries Hygrophorus persicolor Hygrophorus persoonii Hygrophorus poetarum Hygrophorus pudorinus Hygrophorus russula Hygrophorus speciosus Hygrophorus lucorum Hymenochaete rubiginosa Hymenoscyphus fructigenus Hypholoma capnoides Hypholoma elongatum Hypholoma fasciculare Hypholoma myosotis Hypholoma sublateritium Inocybe nitidiuscula Inocybe piriodora Inocybe rufoloides Inocybe soluta Inocybe terrigena Inonotus hispidus Inonotus tamaricis (Pat.) Maire Irpex lacteus

H
Hapalopilus rutilans Hebeloma circinans Hebeloma crustuliniforme Hebeloma edurum Hebeloma gigaspermum Hebeloma mesophaeum Hebeloma ochroalbidum Hebeloma porphyrosporum Hebeloma quercetorum Hebeloma radicosum Hebeloma sacchariolens Hebeloma sinapizans Helvella acetabulum Helvella atra Helvella crispa Helvella elastica Helvella leucomelaena Helvella macropus Helvella sulcata Hemimycena mairei Hemimycena tortuosa Hemipholiota oedipus Hemitrichia clavata Hohenbuhelia geogenia Humaria hemisphaerica Hydnangium carneum Hydnellum compactum Hydnellum concrescens Hydnellum ferrugineum Hydnellum peckii Hydnellum spongiosipes Hydnellum suaveolens Hydnocystis piligera Hydnum albidum Hydnum repandum L.: Fr. Hydnum rufescens Hygrocybe acutoconica Hygrocybe coccinea Hygrocybe conica Hygrocybe glutinipes Hygrocybe ingrata Hygrocybe insipida Hygrocybe konradii Hygrocybe persistens

J K
Kuehneromyces mutabilis Kuehneromyces vernalis

L
Laccaria amethystina Laccaria bicolor Laccaria fraterna Laccaria laccata s.l. Laccaria proxima Lactarius acerrimus Lactarius acris Lactarius atlanticus Lactarius azonites Lactarius badiosanguineus Lactarius bertillonii Lactarius blennius Lactarius camphoratus Lactarius chrysorrheus Fr. Lactarius circellatus Lactarius controversus Lactarius curtus Lactarius decipiens Lactarius deliciosus (L.: Fr.) S.F. Gray Lactarius deterrimus Lactarius evosmus Lactarius fuliginosus Lactarius glaucescens Lactarius glyciosmus Lactarius lacunarum Lactarius leonis Lactarius lignyotus Lactarius luridus Lactarius mairei Lactarius mediterraneensis Lactarius omphaliformis Lactarius pallidus Lactarius picinus Lactarius piperatus Lactarius porninsis Lactarius pubescens Lactarius pyrogalus

I
Inocybe Inocybe Inocybe Inocybe Inocybe Inocybe Inocybe Inocybe Inocybe Inocybe Inocybe Inocybe asterospora calamistrata corydalina fastigiata geophylla godeyi heimii hygrophana lacera leiocephala maculata malenconii

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 165

Appendici Specie Micologiche presenti nell Archivio di Funghiitaliani.it


Lactarius quietus Lactarius repraesentaneus Lactarius romagnesi Lactarius rubrocinctus Lactarius rufus Lactarius rugatus Lactarius salmonicolor Lactarius sanguifluus Lactarius scrobiculatus Lactarius semisanguifluus Lactarius subdulcis Lactarius subumbonatus Lactarius torminosus Lactarius trivialis Lactarius tuomikoskii Lactarius turpis Lactarius uvidus Lactarius vellereus (Fr.:Fr.) Fries Lactarius vinosus Lactarius volemus Lactarius zonarioides Lactarius zonarius Laetiporus conifericola Laetiporus sulphureus Langermannia gigantea Leccinum aurantiacum (Bull.) S.F. Gray Leccinum brunneogriseolum Leccinum carpini Leccinum corsicum Leccinum crocipodium Leccinum duriusculum Leccinum holopus Leccinum lepidum Leccinum quercinum Leccinum scabrum Leccinum variicolor Leccinum versipelle Leccinum vulpinum Lentinellus cochleatus Lentinellus omphalodes Lentinus tigrinus Lenzites betulina Lenzites warnieri Leocarpus fragilis Leotia lubrica Lepiota alba Lepiota brunneoincarnata Lepiota clypeolaria Lepiota cortinarius Lepiota cristata Lepiota felina Lepiota fuscovinacea Lepiota ignivolvata Lepiota kuehneri Lepiota lilacea Lepiota pseudofelina Lepiota subincarnata Lepista caespitosa Lepista densifolia (J. Favrel) Singer & Clmenton Lepista gilva Lepista glaucocana Lepista inversa Lepista irina Lepista nuda (Bull. : Fr.) Cooke (=Tricholoma nudum) Lepista rickenii Lepista sordida Leptoglossum griseopallidum Leucoagaricus bresadolae Leucoagaricus leucothites Leucocoprinus brebissonii Leucocoprinus cretaceus Leucocoprinus flossulphuris (Schnizl.) Cejp Leucocortinarius bulbiger Leucogyrophana pseudomollusca Leucopaxillus candidus Leucopaxillus gentianeus Leucopaxillus giganteus Leucopaxillus macrocephalus Leucopaxillus tricolor Limacella glioderma Limacella guttata Limacella illinita Lycogala epidendrum Lycogala terrestre Lycoperdon echinatum Lycoperdon lividum Lycoperdon mammiforme Lycoperdon molle Lycoperdon nigrescens Lycoperdon perlatum Lycoperdon pyriforme Lycoperdon umbrinum Lyophyllum conglobatum Lyophyllum connatum Lyophyllum decastes Lyophyllum deliberatum Lyophyllum fumosum Lyophyllum loricatum Lyophyllum rhopalopodium

M
Macrolepiota excoriata (Sch. : Fr.) Wasser Macrolepiota konradii Macrolepiota mastoidea Macrolepiota procera (Scop. Fr.) Singer Macrolepiota puellaris Macrolepiota rachodes Macrolepiota rachodes var. bohemica Macrotyphula fistulosa Marasmiellus foetidus Marasmius alliaceus Marasmius anomalus Marasmius bulliardii Marasmius cladophyllus Marasmius cohaerens Marasmius corbariensis Marasmius oreades Marasmius quercophilus Marasmius rotula Marasmius scorodonius Marasmius wynneae Megacollybia plathyphylla Melanoleuca brevipes Melanoleuca cognata Melanoleuca evenosa Melanoleuca grammopodia Melanoleuca melaleuca Melanoleuca rasilis Melastiza chateri Meripilus giganteus Micromphale brassicolens Micromphale inodorum Micromphale perforans Mitrula paludosa Mollisia melaleuca Mollisia ventosa Morchella conica Morchella elata Morchella esculenta Morchella semilibera Mucilago crustacea Mutinus caninus Mutinus elegans Mycena alba Mycena alcalina Mycena amicta Mycena aurantiomarginata Mycena crocata

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 166

Appendici Specie Micologiche presenti nell Archivio di Funghiitaliani.it


Mycena epipterygia Mycena haematopus Mycena inclinata Mycena niveipes Mycena pelianthina Mycena poligramma Mycena pura Mycena renati Mycena rosea Mycena rosella Mycena seynii Mycena strobilicola Mycena tymicola Mycena viridimarginata Mycena zephirus Myriostoma coliforme (With. : Persoon) Corda Paxina leucomelas = Helvella leucomelaena Peziza ampelina Peziza badia Peziza badioconfusa Peziza micropus Peziza moseri Peziza petersii Peziza praetervisa Peziza varia Peziza vesiculosa Pezizella alniella Phaeocollybia arduennensis Phaeocollybia festiva Phaeocollybia lugubris Phaeolus schweinizii Phaeomarasmius erinaceus Phallus hadriani Phallus impudicus Phallus impudicus Var. pseudoduplicatus Phallus indusiatus Phellinus hartigii Phellinus torulosus Phellodon niger Phellodon tomentosus Pheolepiota aurea Phlebia tremellosa Pholiota astragalina Pholiota flammans Pholiota gummosa Pholiota higlandensis Pholiota lenta Pholiota lucifera Pholiota squarrosa Pholiotina arrhenii Phylloporus rhodoxanthus Phyllotopsis nidulans Piptoporus betulinus Pisolithus arhizus Pleurotus eryngii Pleurotus ostreatus Plicaria anthracina Pluteus cervinus Pluteus inquilinus Pluteus leoninus Pluteus nigromarginatus Pluteus petasatus Pluteus romellii Pluteus salicinus Pluteus thomsonii Pluteus tricuspidatus Polyporus arcularius Polyporus badius Polyporus brumalis Polyporus ciliatus Polyporus lentus Polyporus melanopus Polyporus mori Polyporus squamosus Polyporus tuberaster Polyporus varius Poronia punctata Porphyrellus porphyrosporus Postia fragilis Postia stiptica Psathyrella artemisiae Psathyrella bipellis Psathyrella candolleana Psathyrella conopilus Psathyrella cotonea Psathyrella disseminata Psathyrella hydrophiloides Psathyrella lacrymabunda Psathyrella multipedata Psathyrella pennata Psathyrella piluliformis Psathyrella pygmaea Psathyrella spadiceogrisea Psathyrella spintrigera Pseudoclitocybe cyathiformis Pseudoclitocybe obbata Pseudocraterellus sinuosus Pseudocraterellus undulatus Pseudohydnum gelatinosum Pseudoplectania nigrella Psilocybe coprophila Psilocybe luteonitens Psilocybe squamosa Psilocybe subviscida Ptycoverpa bohemica Pulcherricium caeruleum Pulveroboletus lignicola Pycnoporus cinnabarinus

N
Neolentinus lepideus (Fries) Redhead & Ginns (=Lentinus squamosus) Neolentinus schaefferi (=Lentinus cyathiformis)

O
Octavianina asterosperma Octospora roxeimii Omphalina pixidata Omphalotus olearius Orbilia xanthostigma Osteina obducta Otidea leporina Otidea onotica Otidea umbrina Oudemansiella mucida Oudemansiella pudens Oxyporus latemarginatus

P
Pachyella violaceonigra Panaeolina foenisecii Panaeolus acuminatus Panaeolus campanulatus Panaeolus papilionaceus Panaeolus retirugis Panaeolus semiovatus Panaeolus sphinctrinus Panellus serotinus Panellus stypticus Panus conchatus Paxillus atrotomentosus Paxillus filamentosus Paxillus involutus Paxillus panuoides

Q R
Ramaria Ramaria Ramaria Ramaria Ramaria Ramaria Ramaria aurea bataillei botrytis flavescens formosa largentii pallida

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 167

Appendici Specie Micologiche presenti nell Archivio di Funghiitaliani.it


Ramaria secunda Ramaria stricta Ramariopsis pulchella Reticularia lycoperdon Rhizina undulata Rhizopogon obtextus Rhizopogon vulgaris Rhodocybe gemina Rhodocybe mundula Rhodotus palmatus Rhytisma acerinum Rickenella fibula Ripartites strigiceps Ripartites tricholoma Rugosomyces ionides Rugosomyces persicolor Russula acetolens Russula acrifolia Russula adusta Russula aeruginea Russula albonigra Russula alnetorum (pumila) Russula amara Russula amarissima Russula amethystina Russula amoena Russula amoenicolor Russula amoenolens Russula atropurpurea Russula atrorubens Russula aurea Pers. Russula aurora Russula azurea Russula badia Russula camarophylla Russula cessans Russula chloroides Russula claroflava Russula curtipes Russula cyanoxantha Russula decipiens Russula decolorans Russula delica Russula densifolia Russula drimeia Russula emetica (Schaeff.: Fr.) Pers. Russula fellea Russula firmula Russula foetens Persoon. : Fr. Russula fragilis Russula heterophylla Fries Russula ilicis Russula illota Russula integra Russula ionochlora Russula laurocerasi Russula lepida Russula luteotacta Russula maculata Russula mairei Russula melliolens Russula mustelina Fries Russula nigricans Russula ochroleuca Russula olivacea Russula paludosa Russula parazurea Russula pectinatoides Russula pelargonia Russula persicina Russula postiana Russula pseudoaeruginea Russula queletii Russula raoultii Russula rhodopus Russula risigallina Russula romellii Russula roseipes Russula rubroalba Russula sanguinea Russula silvestris Russula solaris Russula torulosa Russula turci Russula velenosky Russula vesca Fries Russula veternosa Russula vinosa Russula vinosobrunnea Russula violacea Russula violeipes Russula virescens (Schaeff.) Fr. Russula xerampelina Rustroemia bulgarioides Rustroemia echinophila Scutellinia scutellata Sericeomyces serenus Sowerbiella radiculata Sparassis crispa Spathularia flavida Spathularia rufa Squamanita umbonata Stemonitis ferruginea Stemonitis fusca Stereum hirsutum Stereum subtomentosus Strobilomyces strobilaceus Strobilurus esculentus Strobilurus stephanocystis Strobilurus tenacellus Stropharia aeruginosa Stropharia caerulea Stropharia coronilla Stropharia hornemannii Stropharia rugosoannualata Stropharia semiglobata Suillus bellinii Suillus bovinus Suillus bresadolae Suillus collinitus Suillus flavidus Suillus granulatus Suillus grevillei Suillus lakei Suillus luteus Suillus mediterraneensis Suillus placidus Suillus plorans Suillus sibiricus Suillus tridentinus Suillus variegatus Suillus viscidus

S
Sarcodon cyrneus Sarcodon fusco-indicus Sarcodon imbricatus Sarcodon joeides Sarcodon scabrosus Sarcodon versipellis Sarcoscypha coccinea Sarcosphaera crassa Schizophyllum commune Scleroderma cepa Scleroderma citrinum Scleroderma meridionale Scleroderma polyrhizum Scleroderma verrucosum Sclerotinia tuberosa

T
Tapesia fusca Tarzetta catinus Tarzetta cupularis Thelephora palmata Trametes hirsuta Trametes multicolor Trametes pubescens Trametes trogii Trametes versicolor Tremella foliacea Tremella mesenterica Tremiscus helvelloides Trichaptum biforme Trichaptum hollii Tricholoma acerbum Tricholoma album Tricholoma

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 168

Appendici Specie Micologiche presenti nell Archivio di Funghiitaliani.it


atrosquamosus Tricholoma aurantium Tricholoma basirubens Tricholoma bresadolanum Tricholoma bufonium Tricholoma caligatum Tricholoma columbetta Tricholoma equestre Tricholoma focale Tricholoma fracticum Tricholoma fucatum Tricholoma gausapatum Tricholoma imbricatum Tricholoma inamoenum Tricholoma lascivum Tricholoma myomyces Tricholoma orirubens Tricholoma pardinum Tricholoma populinum Tricholoma portentosum Tricholoma saponaceum Tricholoma scalpturatum Tricholoma sciodes Tricholoma sejunctum Tricholoma squarrulosum Tricholoma sulphurescens Tricholoma sulphureum Tricholoma terreum Tricholoma ustale Tricholoma ustaloides Tricholoma vaccinum Tricholoma virgatum Tricholomopsis decora Tricholomopsis rutilans Trichophaeopsis bicuspis Trochila ilicina Truncospora ochroleuca Tubaria conspersa Tuber aestivum Tuber borchii Tuber magnatum Tubifera ferruginosa Tulostoma brumale Tylopilus felleus (Bull.:Fr.)Kartsen Tyromyces placenta

V
Vascellum pratense Verpa conica Vibrissea truncorum Volvariella bombycina Volvariella gloiocephala Volvariella hypopithys Volvariella pusilla

W X
Xerocomus armeniacus Xerocomus badius Xerocomus chrysenteron (Bull.) Qul. Xerocomus depilatus Xerocomus dryophilus Xerocomus ferrugineus Xerocomus ichnusanus Xerocomus impolitus Xerocomus moravicus Xerocomus parasiticus Xerocomus persicolor Xerocomus porosporus Xerocomus pruinatus Xerocomus ripariellus Xerocomus roseoalbidus Xerocomus rubellus Xerocomus subtomentosus Xeromphalina campanella Xeromphalina fellea Xerula mediterranea Xerula radicata Xylaria hypoxylon Xylaria polymorfa

Y Z

U
Unguicularia millepunctata

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 169

Riferimenti

Riferimenti
Wikipedia, LEnciclopedia Libera http://it.wikipedia.org/wiki/Fungi http://it.wikipedia.org/wiki/Progetto:Forme_di_vita/Funghi

http://www.funghiitaliani.it/ Sito ufficiale dellAMINT (Associazione Micologica Italiana Naturalistica Telematica)

I funghi, Scarla e la Val Ma stallone Stefano Scarlassare

Pagina 170

Potrebbero piacerti anche