Sei sulla pagina 1di 11

Ghiandola Pineale ed energia del Punto Zero

Lipotalamo una zona del cervello che esercita un controllo su importanti funzioni di sopravvivenza, come lequilibrio idrico, la temperatura del corpo, lassunzione del cibo, i cicli sessuali e circadiani, la pressione arteriosa, lincrezione dellipofisi e molto altro. Purtroppo lipotalamo sollecitato dalle emozioni, capace di vivere di vita propria e, da collaboratore della Ghiandola Pineale, diviene direttore dorchestra, con la complicit dellipofisi, per mezzo del meccanismo dellHPA. Lo stress ha effetti negativi innanzitutto sulla Pineale e, poich la Pineale pu essere considerata lestremit superiore del Sistema Simpatico, questo porta squilibrio del SNA (sistema nervoso autonomo). Lattivit della Pineale, a causa del meccanismo HPA emozionale prevalentemente in azione con progressiva produzione di ormoni surrenali, si riduce sempre pi fino a spegnersi e a una certa et si pu rilevare ai raggi X che la ghiandola letteralmente si calcifica. In questo modo si vive in una condizione di stress che sembra invece un vivere normale. A quel punto, visto che la neuro-psico modulazione inibita, lorganismo cerca di proseguire nella sua esistenza per mezzo del livello pi basso di regolazione, quello tanto caro agli psichiatri: i neurotrasmettitori. I neurotrasmettitori sono sostanze liberate anche dalle terminazioni nervose quando il segnale sta per esaurirsi per consentire la continuit del segnale. Per la trasmissione dei segnali nervosi, il sistema si avvale, tra i pi importanti neurotrasmettitori, di acetilcolina, dopamina, adrenalina, noradrenalina, serotonina, istamina, endorfine che agiscono sul SNC (sistema nervoso centrale) modificando lo stato elettrico delle cellule cerebrali le quali, a loro volta, modificano lattivit fisiologica degli organi. Endorfine, enkefaline e dinorfine sono neurotrasmettitori oppioidi e lendorfina sempre stata fatta rientrare nella chimica del piacere; in realt queste sostanze sono semplicemente sostanze analgesiche, morfino-simili. C infatti da fare una differenziazione tra il piacere egocentrico e il piacere cristocentrico (divino), intendendo il primo, come quel picco emozionale derivante dal raggiungimento di uno scopo della personalit, quale pu essere la riuscita rapina in banca, ma il piacere divino, quello derivante non da uno scopo egocentrico, cio solo fine a s stesso, ma cristocentrico, che arreca piacere anche alle situazioni collegate alla persona, definibile come

chimica della gioia e trova come suo modulatore la molecola dellanandamide, dal termine sanscrito ananda usato per intendere beatitudine. Tale molecola prodotta solo quando i sistemi oppioide e cannabinoide sono in perfetto equilibrio. Le endorfine sono rintracciabili, prevalentemente, nellipofisi e nellipotalamo. Leuforia che si nota negli innamorati (che non risponde necessariamente allamore divino tra gli esseri) pu essere dovuta proprio allaumento delle endorfine circolanti cos come anche tutte quelle attivit che la gente, in quanto branco, ricerca al fine di trovare il piacere: gioco dazzardo, cinema, teatro, fumo, mettono in moto il sistema endorfinergico, comprese le attivit religiose, il nuoto o lo jogging, motivo per il quale molta gente si dedica a esse in modo abituale. Qualsiasi tipo di dipendenza, farmacologica o meno, d luogo alla produzione di una proteina chiamata delta-FosB; questa una proteina molto stabile che pu rimanere nel cervello per mesi dopo la cessazione dellesposizione e la sua persistenza risiede nella particolare stabilit molecolare. Questa proteina crea danni nel sistema di trascrizione dellRNA; errori di trascrizione sono alla base di alterazioni dei tessuti dell'organismo, dello sviluppo di malattie, di cambiamenti comportamentali e della distruzione della chimica del piacere a livello dopaminergico e del glutammato. Ripeto che qui stiamo parlando di attivit in cui la gente trova picchi emozionali perch sa di potersi divertire e quindi non sono manifestazioni che provengono da dentro: si sa gi come va a finire, a differenza del rendere conosciuto il nostro Sconosciuto, il nostro Divino sempre nuovo. Una canzone, a tal proposito, recitava: Sono fuori dal tunnel del divertimento visto che si dice allo stesso modo quando si esce dalla droga. Quando invece tali passioni vengono raggiunte per mezzo di vere spinte interiori, il risultato non sar analgesico dovuto a produzioni cerebrali oppioidi, ma rigenerante, per produzione di sostanze date dallequilibrio oppioide-cannabinoide che sfociano, appunto, anche nellanandamide. La mente il pi astuto dei nostri nemici che, pur di sopravvivere, mette in atto numerosi stratagemmi gratificanti (endorfine) come la ricerca spirituale, laspirazione alla virt o alla santit. Fin quando il nostro piacere sar in termine di endorfine, la piena attivit regolatrice della Pineale ci preclusa. GHIANDOLA PINEALE 2

La Ghiandola Pineale un corpuscolo grande come una lenticchia, a forma di cono (quindi potrebbe ricordare una minuscola coppa, il Graal), situata alla base del nostro cervello (quindi dentro di noi). La Ghiandola Pineale, secondo le filosofie orientali, nella sua piena attivit produce 972 sostanze ed ormoni; linterezza di questa produzione corrisponde a quella del liquido dellimmortalit del Graal, ambrosia o amrita, il nettare degli dei, cio quella sostanza capace di cambiare il codice genetico, provocando unazione opposta a quella dei malefici peptidi ipotalamici (neuroumori) creati a seguito di stress emozionale. noto che chi beve dal Graal ottiene l'eterna giovinezza, la guarigione da tutte le malattie e l'illuminazione; la Ghiandola Pineale il nostro Graal fisiologico e possiamo "bere" da essa un liquido di questa portata, se la programmiamo in merito. La sostanza pi nota della ghiandola lormone melatonina; questo ormone un prodotto notturno della ghiandola e la notte, in assenza dello stress del quotidiano, abbiamo il momento massimo della sua attivit in quanto cura e ripara i danni della fase di veglia dovuti alle influenze negative che la mente esercita sul nostro corpo. Scrive Laurence Gardner in "Il Regno dei Signori degli Anelli" (Newton Compton Editore) "... la melatonina esalta e rafforza il complesso del sistema immunitario del corpo, accresce la produzione di energia fisica alzando il livello di sopportazione della fatica, regola la temperatura interna contribuendo a un'ottimale gestione del sistema cardiovascolare ed per eccellenza la sostanza antiossidante del corpo, con effetti evidenti sui meccanismi antinvecchiamento e sulla mente, sviluppando facolt paranormali". Ecco che bere dal Graal significa attingere dalla natura pi profonda del S e ci si manifesta nel corpo come secrezioni contenenti melatonina e tante altre sostanze della Ghiandola Pineale; il risultato, a certi livelli, limmortalit" (effetto antinvecchiamento e rafforzamento del sistema immunitario) e "l'illuminazione" (aumento delle facolt paranormali, dell'intuizione e altro). Il piccolo cono, dunque, come la coppa del Graal, elargisce questo succo miracoloso.

Bere dal Sacro Graal non quindi un fatto fisico, cio bere dalla pi famosa e introvabile delle reliquie, ma rappresenta l'acquisizione di un elevato stato di coscienza che produce specifici effetti biologici nel corpo, al punto che il corpo beve dalla Ghiandola Pineale finalmente libera di essere. Una caratteristica da tener presente deriva dallattenta osservazione di una procedura delle Scuole Iniziatiche: costringere gli Studenti a soggiornare almeno tre giorni in una grotta al buio pi assoluto in quanto la Pineale non si attiverebbe subito al massimo delle sue possibilit. Un discorso speciale va fatto sulla melatonina: nelle prime ore di sonno i livelli di corticosteroidi raggiungono lo zero e la melatonina aumenta, ma quando il livello di stress eccessivamente alto (dominanza para-simpatica o blocco del simpatico-parasimpatico), i livelli di corticosteroidi rimangono alti o, al meglio, c una grossa produzione di noradrenalina che blocca la trasformazione di serotonina in melatonina. In entrambi i casi, non vi produzione di melatonina e poich il corpo guarisce e riposa di notte, cos si spiega la stanchezza del mattino e la mancata guarigione. La Ghiandola Pineale fu scoperta pi di 2300 anni fa dai medici greci Erofilo ed Erasistrato, fondatori della grande Scuola Medica di Alessandria dEgitto. Dopo di loro, Galeno la consider una struttura rientrante nelle ghiandole linfatiche e solo alla fine del 600 Cartesio (Descartes) le fornisce una corretta collocazione. Nella sua opera Discorso sul metodo, divide la realt in res extensa e res cogitans. La prima rappresenta la realt fisica che estesa, limitata e inconsapevole, la seconda la realt psichica cui Cartesio attribuisce le qualit di inestensione, libert e consapevolezza. Queste due realt sono molto eterogenee e fondamentalmente non possono interagire creando cos un dualismo: come pu cio luomo agire fisicamente (res extensa) secondo libera volont (res cogitans). Cartesio affronta la cosa in questi termini: qual il punto dove nelluomo possono interagire i due aspetti res cogitans e res extensa? Fu cos che si spinse a considerare l'epifisi come l'organo dove l'anima immortale (res cogitans) si incontra con il corpo mortale (res extensa); si convinse di ci a seguito della constatazione che dal momento che, dal momento che lunica parte del cervello a essere singola e unitaria (non divisa e sdoppiata nei due emisferi) era la Ghiandola Pineale o conarium, non poteva essere che lei il 4

punto di interazione. importante sottolineare che Cartesio non sosteneva che lanima fosse contenuta nel conarium, ma che questo non fosse altro che il semplice punto di interazione; da questo assunto i medici dellepoca associarono le calcificazioni della Ghiandola Pineale a gravi turbe psichiatriche e alla follia pura, precedendo di 300 anni lattuale Scienza. La Ghiandola Pineale non mai ricevuto grande attenzione dalla medicina occidentale ufficiale che si per lungo tempo limitata a relegarla nellambito di struttura che si atrofizza dopo la pubert e comunque di incerta e non prevalente funzione, ma certamente endocrina. stata considerata, fino qualche decennio fa, come un organo pressoch superfluo giunto alluomo dai rettili in miliardi di anni di evoluzione. Sappiamo che fin dallinizio degli anni 50 del secolo scorso, alcune sostanze a funzione neuroendocrina (neurotrasmettitori/ormoni) prodotti dal cervello furono scoperti da scienziati che lavoravano in ricerche segretissime finanziate dai poteri politici, economici e militari. I finanziamenti per la ricerca pubblica in campo Pineale sono sempre stati avversati in quanto si trattava di struttura minimale e priva di importanza. Probabilmente i detrattori pubblici di queste ricerche finanziavano occultamente gli studi in alcune fondazioni e universit. In tali ricerche vennero tracciate le basi della anatomia e della fisiologia della visione a distanza, della telepatia, telecinesi e psicometria, ottime armi per agire a tutto campo senza disturbo e senza lasciar traccia. Negli anni 60, grazie agli studi coperti sullo sciamanesimo, si intu il funzionamento di alcuni poteri nascosti della mente. Fu scoperto che lassunzione di alcune piante usate nei rituali degli sciamani, rendeva il cervello non solo in grado di osservare un pi ampio spettro della realt (la grande visione degli sciamani), ma capace di modificare lambiente e il corpo fisico e tali effetti e fenomeni erano riproducibili in altri soggetti dopo lassunzione delle medesime piante. Questo poteva forse significare che lallucinazione dello sciamano sotto gli effetti di queste piante fosse reale quanto la realt dello stato di veglia? Dato che il sogno dello sciamano poteva predire, modificare o annullare effetti materiali, tale allucinazione-sogno poteva in un certo senso significare che:
1. Alcune sostanze chimiche, derivati indolici (allucinogeni) in particolare, inducono il Sistema Nervoso Centrale a incrementare la propria coerenza quantistica con creazione di 5

unonda pilota che innesca leffetto osservatore. In altre parole, latto di osservazione effettuato durante questo stato tale che lambiente stesso perda le caratteristiche spaziotemporali osservate durante lo stato beta (stato di veglia comune) e possa stabilizzarsi in uno stato energetico consono allonda pilota dellosservatore. Tale riassetto energetico osservatore indotto detto in fisica quantistica effetto osservatore possibile in uno stato di coerenza cerebrale che avviene durante un modalit particolare di coscienza che lo stato theta (cos chiamato per la presenza di onde lente 4-15 cicli\secondo), chimicamente indotto, provoca un riassetto molecolare con cambiamenti ambientali percepibili nello stato di veglia comune (stato beta). 2. Le percezioni di soggetti distanti tra loro possono interagire, con crollo della definizione di realt, arrivando a intendere per essa unallucinazione di massa. Il mistero della grande visione degli sciamani, della intercomunicazione e interazione tra le menti, delleffetto osservatore possibile che sia contenuto in alcune sostanze vegetali che vengono captate dai recettori presenti in talune cellule del SNC umano producendo gli effetti descritti. Ma per quale ragione madre natura doveva fornire il SNC umano di recettori per sostanze che stanno in strutture vegetali? La risposta ovvia che tali sostanze siano, per struttura molecolare, quasi identiche a sostanze immesse da ghiandole neuroendocrine umane, i neuroormoni e i neurotrasmettitori che siano riconosciuti dagli stessi recettori e da essi vengano captati e producano i loro effetti come se fossero sostanze engogene (disponibili a volont). Si produce cio per via esogena (mediante somministrazione di neurotrasmettitori) quello che avviene per via endogena e fisiologica durante il sonno profondo e negli stati definiti mistici spontanei. Negli anni 80 alcune ricerche dimostrarono che il cervello dei mistici aveva la peculiarit di biosintetizzare tali neurotrasmettitori in modo praticamente continuo (con produzione di fenomeni extrasensoriali e di benessere psicofisico); viceversa nelluomo comune tale produzione limitata al periodo di sonno profondo (il sonno R.E.M in cui si registrano allelettroencefalogramma le onde Theta). Per gli studi finora condotti la Ghiandola Pineale si configura come una struttura ricetrasmittente tra lenergia del Punto Zero e il corpo che la contiene; sicuramente in futuro si scoprir che le sostanze prodotte dalla Ghiandola Pineale sono quei farmaci che andranno a sostituire psicofarmaci, chemioterapici, fino ad acconsentire di rientrare in quegli stati di coscienza in cui i mistici incontrano Dio. Mente e corpo, bench totalmente separati e distinti, interagiscono nelluomo: la mente pu influenzare il corpo e viceversa. Per esistere questa comunicazione doveva necessariamente esistere un punto di interazione, in cui mente e corpo potessero esercitare la loro reciproca 6

influenza. Questo punto di interazione doveva trovarsi nel cervello, perch le ricerche fisiologiche del tempo stavano sempre pi dimostrando che il cervello era il centro delle funzioni della mente. Ora il compito della rinata Ghiandola Pineale continua nella sua funzione di spodestare la ghiandola ipofisi al fine di cambiare il codice genetico delle cellule per ottenere limmortalit: lo Studente della Grande Opera deve cominciare a tessere il Vello dOro (che sfocer nella costruzione della Merkaba per poter esercitare lascensione) che gli dar una maggiore salita di kundalini, una maggiore armonizzazione con il Tutto, ben oltre l83%. Fino ad ora si liberato il Campo Eterico di quelle forme pensiero che hanno avuto su di lui influenza in questa vita. Ma il Campo Eterico, sempre per conseguenza di un suo punto di vista alterato sulla vita, contiene anche tante altre forme pensiero delle vite passate rimaste inattive poich in questa vita non mai stato necessario trovarsi a tu per tu e quindi non si sono mai caricate emozionalmente. Quindi, da questo momento, lo Studente della Grande Opera immerso in una dimensione diversa da quella terrena che ha finora vissuto; pur possedendo un corpo fisico, sta raggiungendo il 100% di libert dagli effetti di cui ancora carica la sua Sfera Eterica. Quando ci avverr il Diamante del bacino si trasformer in Brillante poich a quel punto egli non possiede pi visioni alterate sulla vita materiale (rimangono solo 12 visioni alterate di se stesso) e la sua coscienza ego-alterata cancellata. In questa condizione, pur non essendo ancora padrone della morte, se dovesse morire sar comunque libero dal ciclo delle nascite e delle morti per cui non avr pi bisogno di incarnarsi in terra per continuare il suo percorso di auto-realizzazione. Grazie a questa nuova condizione lallievo esistenzialmente, strutturalmente e corporalmente del tutto liberato dal mondo e dalla terra: nel mondo pur non essendo del mondo. Come dicono i Rosacroce, egli ha cos costruito anche la trave orizzontale della Croce; venuto in contatto con la Coscienza Galattica, essendosi liberato per sempre dalla materia. Questo stato lo si raggiunge sempre con una maggiore apertura di cuore, cio affidandosi esclusivamente alla guida del proprio IO SONO.

In questa condizione il corpo, inondato di MATERIA PRIMA prodotta dalle ghiandole endocrine, diviene permeabile e ricettivo allEnergia vitale la quale entra attraverso miriadi di canali (nadi) e quindi tutte le fibre nervose avvertono questa condizione energetica. In questa fase il corpo cessa di produrre spermatozoi poich non pi necessario sentirsi di esistere come progenie in quanto si liberi dal ciclo delle nascite e delle morti. Ora solo il cervello e il midollo devono contattare il Tutto e divenire coscientemente Dio, cio Coscienza Cosmica Totale. Per conquistare limmortalit fisica ci si deve liberare delle 12 aberrazioni fondamentali, quei 12 apostoli che in passato erano gi stati arruolati e che devono essere riportati nella loro condizione cristica e i cui aberrati archetipi sono ancora registrati nella testa a livello del Talamo. Questo il motivo per cui ancora il Diamante della Testa non divenuto Brillante; questa condizione si raggiunge in vita per mezzo della produzione delle ultime 12 sostanze della Ghiandola Pineale che rappresentano i 12 poteri dello spirito sulluomo, quali la paura dellinevitabilit della morte o la necessit di dover mangiare. Questa fase, biochimicamente, corrisponde allimmissione nel liquido cerebrospinale delle ultime 12 tipologie di sostanze MATERIA PRIMA che raffigurano il ponte di contatto tra il Punto Zero - la divinit - e lIo che abbiamo rappresentato nel Sistema Nervoso Centrale. Questa condizione trasmuta il Diamante della testa in Brillante. Questo tipo di evoluzione corrisponde allascensione. Due parole sul liquor Il liquor o liquido cerebrospinale o cefalorachidiano, un fluido trasparente che ha un triplice scopo: nutrire il sistema nervoso centrale apportando sostanze nutritive, prelevare da esso cataboliti (scarti) che riversa nel sangue e sostenere meccanicamente sia lencefalo nel cranio che il midollo spinale nella colonna vertebrale. Il liquor riempie tutte le cavit cerebrali, quindi canale ependimale, III e IV ventricolo del tronco encefalico, acquedotto di Silvio, ventricoli laterali del telencefalo ed anche presente intorno all'aracnoide, una delle membrane che avvolge i tessuti del Sistema Nervoso Centrale. Tutte le cavit cerebrali sono ricoperte di cellule epiteliali che per mezzo del battito delle loro ciglia, consentono il movimento del liquor. 8

Il liquor prodotto in continuazione nelle cavit ventricolari del sistema nervoso da un tessuto chiamato plesso coroideo composto da cellule specializzate denominate ependimociti. La quantit totale di liquor presente in un corpo mediamente intorno ai 150-250 cc e subisce un intero ricambio ogni otto ore per mezzo del riassorbimento continuo nel sangue venoso a livello dei villi aracnoidali. Questi due processi devono essere perfettamente equilibrati per evitare danni, anche notevoli, al tessuto nervoso. Non che mi diverta a parlare difficile, ma questo un passaggio importante per la prossima sezione. La Ghiandola Pineale si trova al centro esatto del cervello tra diencefalo e terzo ventricolo. I particolari rapporti anatomici col terzo ventricolo rendono suggestivo il ruolo secretorio esterno della Ghiandola correlato alla composizione chimica del liquido cerebrospinale o del metabolismo dei tessuti cerebrali, oltre che a possedere una secrezione di tipo endocrino. Infatti proprio questa funzione rende possibile lultima fase del processo che porta alla costituzione del corpo di luce, cio l'ascensione, come vedremo di seguito

Amanda Bosman e la Ghiandola Pineale


Ananda M. Bosman, musicista e ricercatore, vive in Norvegia ed considerato da molti scienziati e studiosi uno scienziato visionario davvero straordinario. Nel 1985, come lui stesso descrive nel suo libro La Luce di Emmanuel, lo shock provocato da un incidente in bicicletta gli causa lattivazione di certi processi chimici della sua Ghiandola Pineale. Durante i successivi 7 anni di crescita interiore e di lavoro su s stesso, lOcchio Pineale (ghiandola pineale) si progressivamente riaperto completamente, rilasciando allucinogeni naturali come la Pinolina e la DMT presenti nel corpo di ogniuno di noi, e mescolandoli nel sangue, specialmente durante le ore notturne quando la produzione di melatonina pi disponibile per essere convertita nella Molecola dello Spirito . C da dire che, per chi non lo sapesse ancora, ogni notte, mentre andiamo a dormire e incominciamo a sognare, siamo tutti drograti ILLEGALMENTE poich la DMT, nonostante venga prodotta in piccole quantit e in modo del tutto naturale dal nostro organismo, una sostanza dichiarata PROIBITA dallInquisizione Farmocratica ed etichettata come PERICOLOSA, e cio vale a dire: NON SOGNARE ed proprio quello che la maggior parte delle persone fanno sempre meno. Durante questo processo, Ananda esperisce unOOBE, Out Of Body Experience (esperienza fuori dal corpo) durante il quale incontra un gruppo di esseri che vanno oltre lessere extra-terrestri, e probabilmente oltre lessere ultra-terrestri. Questi esseri definiscono s stessi collettivamente, Emmanuel e gi nel 1989 hanno parlato ad Ananda dellimportanza e del significato del 2012. Durante gli anni successivi, Ananda lavora insieme a una cospicua variet di scienziati e tecnici, per sviluppare un metodo attraverso il quale le persone possono creare un veicolo hyperspaziale, o un corpo di luce detto Vortexijah o anche Corpo di Diamante. Le tecniche includono suoni, mudras e gabbie di isolamento dalla luce. Questo isolamento si sviluppa in un ritiro di 16 giorni, pi tre di preparazione, chiamato Dark Room in cui i partecipanti isolano consapevolmente i loro corpi da qualsiasi fonte di luce (fotoni), per tutta la durata di questo periodo. Questo isolamento comprende la combinazione di una dieta ricca di triptofano, la materia prima da cui la ghiandola pineale sintetizza la melatonina, da cui provengono le allucinazioni. Questa dieta inoltre evita lassunzione di tiramina, che presente negli alimenti che giornalmente assumiamo, come i prodotti caserecci e vino ad esempio. Ci accade perch le beta-carboline - la famiglia della armina, armalina e tetraidroarmalina - generate nella pineale, sono inibitori della monoaminoossidasi (MAO) che normalmente ci proteggono dalla tiramina, rendendola cos inoffensiva. Il risultato di questo ritiro nel buio, la riapertura della Ghiandola Pineale come quando eravamo nella pancia della madre, ma che verso la fine della pubert, incomincia ad atrofizzarsi fino ad arrivare a smettere di funzionare addirittura del tutto. Uno dei gruppi che Ananda ha incontrato si autodefiniva Salvana. Durante la recente lettura degli antichi Veda (2002), diciassette anni dopo il suo primo contatto, egli era profondamente colpito nello scoprire cos tanti riferimenti arcaici nei manoscritti Veda

che riguardavano proprio il Salvana di Emmanuel (uno dei miei prjmissimi contatti intimi con loro), descritto come uno dei MANU principali delle sette coppie di ALFA-OMEGAMANU: le coppie di gruppi conivolte nellosservazione e influenza dello sviluppo delle specie. Ananda realizza cos in quel periodo, che i Veda, la cui nascita si registra a circa 7.000 anni f, decodifica il processo che tutti stiamo vivendo e che culminer nel 2012. I Veda, opportunamente decodificati, convogliano informazioni di carattere astronomico, e riguardano gli allineamenti planetari che stanno avvenendo nel nostro giardino astrofisico, che hanno iniziato la loro attivit nel 1998 e culminer nel 2012. Noi ci siamo proprio nel mezzo. Ananda ha scritto un libro di 432 pagine chiamato The Rig Veda, dove dimostra che le scritture di questi importanti documenti, sono il libro sorgente per decrittare il codice presente nel Libro della Rivelazione (Apocalisse). Ha inoltre scritto unaltro libro di 670 pagine chiamato The Soma Conspiracy, che illustra 11 anni di ricerche sul Soma, combinato, attraverso lAlchimia, alle allucinazioni provocate dalla Pineale. Va sottolineato che ciascuno di questi libri, non essendo reperibili in commercio, se non per chi presente ai suoi seminari, sono divenuti lentamente delle vere e proprie ricercatissime perle rare nel circuito della psicho-nautica.