Sei sulla pagina 1di 69

NERINA POLTRONIERI

PRIMO CORSO

Wil
edizioni Accord for Music

INDICE

Primi elernenti - N'lisure semplici cli letturatnisurata Hsercizi Puntcr Legatura Sincopee crontrotemPo Punto doppio Punto tliplo la tonalit Per riconoscere Misurecomposte Terzine Doppic terzine Sestine diffrenti cou fgr-tre Terzinefcrrmate semplici e composte Nlisr-rre preparatori ai solfggicantati Esercizi Interryalli Alterazionitran.sitorit: scale Quadr<; o cnarmtlnici Sur.rni ornofoni Formulatonale in tutte le tonalit: Esercizi

pag

7 14 18
L1

1l

27
?q 1)

40
42

i4

6o
oz o/ 70
-7 1; /1

77 88 90
g)

PRIMO CORSO
linea ----5 ----;4
----J^

----1-

Pentagramma o rigo musicale


------------

spazio
4^ 1
I

Note: segni convenzionali per indicare i suoni musicali

Note comprese nel pentagramma ( 9 suoni )

Tagli addizionali

Tagli addizionali

Posizione delle note sulle linee o Qgli addizionali

Nome delle note: Do - Re - Mi - Fa - Sol - La - Si

(aedilezione 1' dellaTeoria)

Chiavi: segni convenzionali per individuare le note

(aedilezione 2' dellaTeoria)

Chiave di Fa

Do llB'

sol 6,

Posizione delle chiavi sul rigo musicale Mezzo Soprano

Basso

Baritono

Tenore

Contralto

Soprano

Violino

Chiave di Sol o di Violino

La nota posta sul 2" rigo prende il nome della chiave cio : Sol, di conseguenza si deduce il nome delle altre note:

Chiave di Fa

Basso

La nota posta sul 4" rigo prende il nome della chiave cio : Fa deduce il nome delle altre note :

conseguenza si

La chiave di violino ( di Sol ) serve ad indicare i suoni pi acuti - La chiave di basso ( di Fa ) serve ad indicare i suoni pi gravi. Per gli strumenti che abbracciano una estensione di suoni molto ampia quali ad esempio il pianoforte, I'arpa, l'organo si adoperano la chiave di violino e quella di basso congiuntamente:

Fa

Mi

Re

Mi

Fa

Sol

La

Do

Si

La

Sol

Fa

Mi

Re

Do

Sol

Fa

e Re Mi

Praticamente per gli strumenti anzidetti alle volte necessarioscrivere note con tagli addizionali anche sotto il pentagramma della chiave di violino o sopra quello della chiave di basso, pur essendo queste note unisone, cio di uguale altezza di suono cos come si pu vedere nell'esempio seguente:
Mi Fa Sol

ol

e
I

?
I I I I I I

e
lI

Do unisono

Re unisono

I I

Mi ttnisono

Fa unisono

Sol ttnisono

I I

Do

Si

La

Sol

Fa

d4

e
I

a
a)
I I

-+
a

+ a
t l

Do ttnisono
--l-

I I I

Si unisono

I I I

La unisono

Sol unisono

rE^t r
l l I

ld

-L

-)

r0
ESERCTZIOPER LA LETTURA DELLE NOTE
Contemporaneamente

iniziare gli esercizi preparatori ai solfeggi cantati a pag. 74

1.

ereae-Ce

a-)

t-

C
ta

eo

C
ta

de
ta

.t

a
LA

C
/a

er

a)

2.

ae

ec

ea-

Te

eaC

eeT'r

t-\at

un6ono

a)

t-

-a_

Ltmsono

t'\ .ts
a z--^---

I
I

N)

tl

ll t I ilt ilb ilt I


q

ilI qtl

iltl qlll

It
ill ill ql q tf I t tb
b

tl

qll

ql

tb ilb lilt Itb


ill tf il|
ll I
I

t tl ql

lrt
ill il| tl t ti It I iltt lllr llr I

tb

t
I

ilf

iltb

It tb ilt ilb

iltt

ilt

It

It

^8

ilt lb
lf

t It
p I

ilt

\ l

('l

il

It It t

FIGURE E VALORI

MUSICALI

lezione 3o deilaTeoria) @edi

Le figure musicali indicano la durata del suono, quelle abitualmente usate sono sette; ad ogni figura corrisponde una pausa.

Nomi e valori delle figure e pause

Semibreve

gl

uno

Minima

-r-

mezzo

1/2

Semiminima

quarto

1, /4

Croma

ottavo

1. /8

Semicroma Biscroma Semibiscroma

) .N A

sedicesimo I/i.6 trentaduesimo I/g2 sessantaquattresimo I/e+

E I

Le figure musicali vengono ordinate in tanti spazi di tempo uguali denominati misure, le quali sono separate l'una dall'altra da una linea verticale. Ogni misura composta da due, he, quattro o pi tempi o movimenti uguali fra 1oro. All'inizio del brano musicale una frazione indica col numeratore il numero di questi tempi, col denominatore la qualit dei medesimi. I tempi possono essere suddivisi. Gli esercizi ritmici che seguono sono da eseguirsi prima con la suddivisione, essendoquesto un mezzo molto utile specie per gli elementi privi di doti musicali naturali, onde raggiungere una esecuzione perfetta di qualsiasi figurazione ritmica; quando questo scopo sar raggiunto, si eseguiranno senza suddivisione. (.uedi lezione S" dellaTeora)

14

ESERCIZIDI LETTURA MISURATA


MISURE BINARIE SEMPLICI (uedilezione 6" dellaTeoria)

Iniziare I'ascolto dei CD

1I
a)

a)

>

IL'

rL,

{}
t

>

ft

r.,

(,

>

t,

<>

a)

1'

<>

aJo

a,

a)

a,

2.

d/

(J

>
n

a)

Cll

ne

a)
a)

e
a)

>

''
l l lll, l l' ll'

^ae

, rl

IB MISURE TERNARIE SEMPLICI (


(uedi lezione6' della Teoria)

g.l
(
-rils-

-)lt

AJ
' tt

a---1-----7--

1.-

PUNTO

4' dellaTeoria) @edilezione

10.

()

>'

-*rrl

AJ

-a--7--t

-ll

l-a

>

20
I

\-\
l
I

13.

c
-5L'!t

')

o'

o
ta

1Y
J'

a
I

rl

rl

a)
r\
I

? t-

<>.

MISUREQUATERNARIESEMPLICI
{H

6' dellqTeoria) bedi lezione

-7

14.

_-i-?r?

{>

-o

-l

4_--.-1----_--

a 1

l I

a)
l.

21
^ rs , z
I

l'|li

. a
,
I

?t

'

-r--?.

z 'tl
| |. . , ',

tttt-r.t

tt

ttl

-=

,^1
\j.

ry

orta

a/ a)

li

IR lb
a

'rl

,e

\E

IE )b
a)

ll

e r-.

(Jl a)

IE

\---

. l

--z-r-

__F-_T

--)rl

- f c r r - - l - ,

+z--l-a-tr-

l
aJ
O

^ta

1+J

, -^--

a)

+r
a
ra
taa

e
a

aJ'
ta^ ta-ta

\J

\J

- -J

a)
a
. l

d.

tn

d-

* )o R

.lt

d-7
a l a

a
ta

,J:1 il
Ld-

a)

J1

-F

a)

I
ta

VI

?,--r{

l-"

lJ?

AJ

*.

J'

a)

t?

LECA TURA DI VALORE

(aedilezione 7' dellaTeoria)

2r.
c

a
a l. at

t?'?

t\-/-

L_l

\r-r'

qt,

Oe'J

AJ
a l a t

t
,

a?'C

'

'

I
t tt.'t

v-tt

a)

-\)-l

tt

/./

,^c?

---

??

a
--t4l ^ o ?

t)

-rr-

aJv

/<1

iJ.-

- t -

t)

a
c? ^

rLll
ta ta

U
a

PEE CONTROTEMPO
' o $

@edilezione8" della Teoria)

dJ

J.

d
ta
- F

a)

---:-------

---------f-----+\r-

.--.---+-

a
a

JJ:

ffi
--l

w
___--_I_+_-

------l----

\-/-

!\

1-r

-l
ta

a)

Iniziare a questopunto anche lo studio delle misure composte a pag.42 PUNTO DOPPIO @edi lezione 4" della Teoria)

@,1
a)
-4. t-

e
ta

l-.

-\

d \I

\s

'{

_J ll

3l

a)
q ta

lffin. I

^--r
I

(Pt
\

lt- 4 1

! l - - -

d/

a)
ta ta

,-\

f t n t ' .

l - ' , 1 1, ( i J:

-TT-

a)

(/

1
ta

a-

tc.-

r)
ta )e

/-44 .-^
- . . - P

1.^ t . )

7fl

ct7

ltl

NTO TRIPLO
t=

(aedi lezione4' della Teoria)

IF 30. .)l
\F

'
) c

-\^o

a)
,. I

l:

.1.,-

DI
(

dr.

AJ

lr

??

ata

a)

1-

; 9 t l :" Jt"!

\lr, {[
\

tr1f
/

V(E

f t-

a)
ta

e a

--a
4

E=JlJ--..-

fI

l-l

t-t)
t

o-\_l----\-

'/

*li

>1-*a

ta

=aJ

-:

L-

a. ota

)to

-\l
'

,
ta ^. ta -. ta

e'J

a.

PERRICONOSCERELA TONALITA'
r<M

(aedilezione 78"dellaTeoria)

M )=u"
r=

37.

l#
a)
t

+
tl

.)

ta

aJ
t

!-

:l

\?

flf

.t

d7

t-

JfrJJ
ta
rL

a)
t
O-

tilc

,
?,r-

, \-

AJ

\l

aJ

:r

ot-

??

* M M fuedilezione 23odellaTeoria)

4l

--,

-+rt

a ^

.d

--.
r--ll

-+
e
ta
a

'o-

,:t-l--A

tl

, ^ht

--?

ft

:z=
- l a I

,r

rJ

a)

F=-:

---l

-1

(t.il,
t]

q J' , .'
l1o'

n)

el ^h D-

VI:

h I

\I
L l

\,
t -

r-=

t--'

- ...-:

MISURE BINARIE COMPOSTE

lezione 6"della Teoria) tued

Fino ad ora abbiamo avuto esempi di misure semplici, cio con suddivisione binaria di ogni tempo; ora passiamo ad esempi di misure composte, che pur derivando dalle semplici, si distinguono da queste per la suddivisione ternaria di ogni loro tempo. In queste misure composte, il numeratore della frazione indica il numero delle suddivisioni e non gi il numero dei tempi, che rimane uguale a quello delle misure semplici. I segni del metronomo, che si trovano all'inizio di ogri esercizio, stanno ad indicare che essodeve essere esegrritoprima con suddivisionee poi serza.

) =r,
\ a=76
t a ,

senza suddivisione con suddivisione

39.

a)
a l a.

rrr

a)
a
I

L--

|ff1

,'-tJ

rtc

J'\

AJ

lra

l-Fll
)tl

e \-^-

-t

il'+ +b.

l'- tr t'

, ^h? ^A^ o?

4J

ajtT
-4. t

-a
ta
a 1 i l I I

T--___-=,

'11

o)

a)

?'.

te

e a

I -l u

\\-/\

J.

MISURETERNARIECOMPOSTE
l- - 52 senzasudtlivisione con suddivisione

\
d = 9Z

4r.

MISUREQUATERNARIECOMPOSTE
'= 5O sen:.a sudclivisione

o'l
ia

6#-=

tf\ ",

r'on .suddivisione

4/
)' -,so rl! "" sett:,u,s'Ltddit,isione cott .sucltlit,i.rione

45.

e' I (l-

l:,4=4.

tl tt -

lfffi
| | | r | |

\+-

49

a)

t-

\
tD

47.

a)
ll
I

r
t t -

d
.. tl

r1

r-

_+ eC'

t)

T-

| | ZO con suddivisione

= 52 senza suddivisione \ t

orl
)
t"ta

lf-lF
a

J
! 1 . I r

' jj

1 r e

L,rt{

l l

a
f. I a

a)

l - J

L-A^

L^A-

a)

-\.

l^

o ^.

'o{
a)
llrrt,_-LI
H I

\'

e)

ta

l a

'

) = oo ) = r,

senzasuddivisione con suddivisione

{
a)
f-F__ tltt

---\

-s

"{

o
a

J-

l_J

''

t?./

;4

--

=.4 ,O

A)p

.cc

^e

t )t

-ie

'1-

-r

-J.IJ.

.-.
la

,l

l
I

t1

t-

'\,/
ta
tsa tsa

ta-

r {_-z

TERZINE

(aedi lezione 9''dclla Teoritt)

Le terzine sono gruppi

di tre note, che vanno eseguite nello stesso spazio di tempo di

due

della medesima specie. Possiamo avere terzine in uno o piu tempi della misura ed anche nelle suddivisioni dei tempi. Praticamente il tempo nel quale si trova la terzina passa dalla suddivisione binaria a quella ternaria, cio dalla semplice alla composta.
) - o, rf! uu .ten:t sudclit'isione t',t s'utlttit,i,;ione

53.

it ? -----.=--.=-*,
i"

l-

--3

d
., u^-

_=_\
L1 ' ?

r?J
i ] .
J

ll

-3

1r-

3t3-3-l

r
o)
., L

r-

o
\-

.-3

+-

a-66
tl

)=o, \

senzasuddivisione con suddirlisione 3


a l ,J

a-J

'3313'

r__---l

ai

3r3

----=-"ts

fl

tt-t

ta

5U

5J.

doll
ah
T

a/"

"1
r^ rr:--_-,t.3-

L-/--)-

a)

Ri

,1

-.

--

-_--

ESERCIZIOPER LE DOPPIE TERZINE Le doppie terztn e derivano -T nario. Esempio:


.aa
tl

(terzine nelle suddiaisioni) dalle duine e sono la suddivisione ternaria di un gruppo bi-

59.

F * )t 3

1.-3

o -.l e "

'1
u

r"l

r _ - r?

t[ "

'

)=)

-r

33

aJ

.---^-t 3

f-

.j3r
I

t_.

a,^-|-=__-_
.. Lr A-

'

r
a -t--{

.,

-T-l
- t

t-31
J l_,,,-,,,)

>-l-a

uol
d t'' lJg tt--

-:lr

)l

3l

a-J

o
?ta^t)

10

L -t

,J I

SESTINE Le sestine
Ese mpio:

(aedi lezione9" della Tcoria) derivano dalle terzine e sono

la suddivisione binaria

un gruppo ternario.

6r.

_
3r

rF--l J

'6

r/

'/

----

) - as senzasuddivisione con suaatvtsrcn suddivisione = 66 con

63l
d

d=ill

3
L

--,,r r

1-

f-l

I t,

.h.pilc

1-

'-

t-

o
tl

'^ .

6-.-.-.-.-.--t.-.-._--' -i--

?'

t-------------I

t-

ESERCIZIO SULLESESTINE E DOPPIETERZINE

l l-Eo
t) =69

,\e n :.0 s u tl tl i r", i.; i tt t e

65.

TERZINE IN UN TEMPO FORMATE CON FIGURE DIFFERENTI

tuedi lezione 22,, cteilnTeoria)

) = so = r,

.tenia .sudtlit,i.sione c'onsucltlivi.Eione

--....--- - e 3

----^ -._-r

TERZINE IN DUE TEMPI FORMATE DA FIGURE UGUALI


(aedi lezione22o della Teoria)

)=ro
\ =72

u'1

70 ESERCIZI FORMATI DA MISURE SEMPLICI E COMPOSTE DA ESEGUIRSI SEMPRE CON LO STESSOANDAMENTO DI TEMPO

69.
^6-L
f-==--

j.J
a.-e

,* f\
3
i
I

"r

3_,

t at

--

-=
______==_l

,-----

---

3-