Sei sulla pagina 1di 296
« PSICHE E COSCIENZA >» COLLANA DI TESTI E DOCUMENTI PER LO STUDIO DELLA PSICOLOGIA DEL PROFONDO PAUL WATZLAWICK JANET HELMICK BEAVIN DON D. JACKSON PRAGMATICA della COMUNICAZIONE UMANA Studio dei modellt interattivt, delle patologie e dei paradossi ‘Traduzione di MASSIMO FERRETTI ROMA ASTROLABIO MCMLXXI INTRODUZIONE In questo libro ci occupiamo degli effetti pragmatici (compor- tamentali) della comunicazione umana, con particolare attenzione ai disordini del comportamento. Finora non si & neanche provveduto a formalizzare i codici verbal e sintattici ed @ sempre pit diffuso lo scetticismo sulle possibilita di porre Je basi di una strutturazione esauriente della semantica della comunicazione umana; in tale situa- zione, ogni tentativo di organizzarne sistematicamente Ia pragmatica deve apparire una forma d'ignoranza o di presunzione. Se le nostre cognizioni attuali non ci consentono neppure di spiegare_sufficien- temente Pacquisizione del linguaggio naturale, cosa potrebbe esserci di pit remoto della speranza di astrarre i rapporti formali tra co- municazione e comportamento? Dvsltra parte, va da sé che la comunicazione @ una conditio sine qua non della vita umana e dell’ordinamento sociale. Ed @ pure evidente che un essere umano & coinvolto fin dallinizio della sua esistenza in un complesso processo di acquisizione delle regole della comunicazione, ma di tale corpo di regole, di tale calcolo della co- municazione & consapevole solo in minima parte. Non @ nostra intenzione superare di molto i limiti di tale con- sapevolezza. Il nostro obiettivo @ stato quello di tentare di-costruire un modello e di presentare quei fatti che ci sembrano consentirne la costruzione. La pragmatica della comunicazione umana @ una scien- za giovanissima, tiesce appena a leggere e scrivere il proprio nome, ed & ancora ben lontana dall’aver elaborato un linguaggio autonomo @ coetente. Soprattutto, appartiene al futuro la possibilita che essa si integri con altri campi della ricerca scientifica. Tuttavia, nella spe- ranza che tale possibilit’ si realizzi, il nostro lavoro si rivolge a coloro che operano in tutti quei campi in cui si affrontano i problemi dell'interazione ‘sistemica’ nel senso piti esteso del termine. Si pud obiettare che la nostra trattazione trascuri studi impor tanti che hanno diretta attinenza con l’argomento, Che Ia bibliogra- 7