Sei sulla pagina 1di 14

PATOLOGIA COLON

PATOLOGIA INFIAMMATORIA CRONICA


1)MORBO DI CHRON
E PROCESSO INFIAMMATORIO CRONICO DI TIPO GRANULOMATOSO-ULCEROSO
ED EZIOLOGIA IGNOTA DELLAPPARATO DIGERENTE CONTRASEGNATO DALLA
PRESENZA DI STENOSI E FISTOLE INTESTINALI;VIENE CHIAMATO ANCHE
ENTERITE SEGMENTARIA PERCHE CARATTERIZZATO DA LESIONI A SALTO CIOE
DALLALTERNANZA DI AREE SANE CON AREE MALATE
=>INSORGENZA TIPICA INTORNO A 27ANNI(PUR POTENDOSI PRESENTARE A QUALSIASI
ETA),CON LEGGERA MAGGIORE INCIDENZA NEL SESSO FEMMINILE
=>PUO INTERESSARE TUTTO IL TUBO DIGERENTE DALLANO ALLA BOCA E VIENE
CLASSIFICATO A SECONDA DELLA SUA LOCALIZZAZIONE IN
1MDC ILEO-COLICO 50% DEI CASI
1MDC ILEALE o ILEO CECALE 30% DEI CASI
1MDC COLICO 15% DEI CASI
1MDC ANO-RETTALE 5% DEI CASI
=>LEZIOLOGIA E IGNOTA ANCHE SE VENGONO CHIAMATI IN CAUSA FATTORI
ALIMENTARI (DIETA RICCA DI CARBOIDRATI RAFFINATI E POVERA DI FIBRE),FATTORI
GENETICI( GENI PREDISPONENTI LOCALIZZATI SUL CROMOSOMA 12-16) FATTORI
INFETTIVI (BATTERICI ,VIRALI),FUMO DI SIGARETTA,FATTORI IMMUNITARI( ALTERATA
RISPOSTA IMMUNITARIA-PERDITA DELLA TOLLERANZA NEI CONFRONTI DEI NUMEROSI
ANTIGENI PRESENTI A LIVELLO COLICO)
LE CARATTERISTICHE SALIENTI DEL MORBO DI CHRON CONCLAMATO
SONO
INTERESSAMENTO TRANSMURALE DELLA PARETE COLICA DA PARTE DEL PROCESSO
INFIAMMATORIO CON DANNO ALLA MUCOSA
PRESENZA DI GRANULOMI NON CASEIFICATI
FORMAZIONE DI STENOSI E FISTOLE
PRESENZA DI MANIFESTAZIONI INTESTINALI E TALVOLTA EXTRAINTESTINALI
DISTINGUIAMO LE SEGUENTI ALTERAZIONI
1INFIAMMAZIONE DELLA MUCOSA- con EDEMA ED INFILTRAZIONE FOCALE
DELL EPITELIO DA PARTE DEI NEUTROFILI e in particolare AL DI SOPRA DEGLI
AGGREGATI LINFOIDI DELLA MUCOSA;in realt la FLOGOSI E TRANSMURALE anche se I
STRATTI SOTTOSTANTI ALLA MUCOSA SONO INTERESSATI IN MUNOR MISURA.
1ULCERAZIONI che INIZIALMETE INTERESSANO SOLO DELLA MUCOSA PER POI
INTERESSARE ANCHE I STRATI PROFONDI e che sono CARATTERISTICHE DELLA FASE
ATTIVA-SEVERA DELLA MALATTIA. Inizialmente vengono rilevate PICCOLE ULCERE
SUPERFICIALI AFTOIDI A COLPO DUNGHIA simili a quelle della STOMATITE
AFTOSA che successivamente SI FONDONO IN ULCERE LUNGHE E SERPINGINOSE
ULCERE LINEARI ORIENTATE LUNGO LASSE DELLINTESTINO;queste LESIONI
ESSENDO SEPARATE DA MUCOSA SANA conferiscono UN ASPETTO AD
ACCIOTOLATO ROMANO
1DANNO CRONICO ALLA MUCOSA
DISTORSIONE DELLARCHITTETTURALE che si manifesta NEL TENUE CON UN
APPIATTIMENTO DI GRADO VARIABILE DEI VILLI mentre NEL COLON CON
1
ALTERAZIONI DELLA CRIPTE CHE APPAIONO IRREGOLARI E RAMIFICATE,L
INFILTRAZIONE DI NEUTROFILI RAGGIUNGE ANCHE LEPITELIO DELLE CRIPTE
dando origine a PICCOLI ASCESSI CRIPTICI con DISTRUZIONE DELLA CRIPTA
STESSA e ATROFIA PROGRESSIVA
METAPLASIA DELLA MUCOSA INTESTINALE che assume l ASPETTO DELLE
GHIANDOLE GASTRICHE ANTRALI=METAPLASIA PILORICA o SVILUPPA CELLULE
DI PANETH NEL COLON DISTALE DOVE NORMALMENTE SONO
ASSENTI=METAPLASIA A CELLULE DI PANETH
FISSURAZIONE che SI SVILUPPANO FRA LE PLICHE DELLA MUCOSA e spesso
PENETRANO IN PROFONDITA DELLA PARETE INTESTINALE PROVOCANDO ADERENZ
mentre un ULTERIORE PENETRAZIONE PORTA ALLA FORMAZIONE DI FISTOLE
1GRANULOMI NON CASEIFICANTI simili a quelli della SARCOIDOSI POSSONO ESSERE
EVIDENZIABILI A LIVELLO DI TUTTI GLI STRATI DELLA PARETE INTESTINALE (E ANCHE A
LIVELLO DEI LINFONODI REGIONALI) ,ma LA LORO ASSENZA NON ESCLUDE LA
DIAGNOSI DI MORBO DI CHRON
1MUSCOLARIS MUCOSAE,SOTTOMUCOSA E MUSCOLARE PROPRIA SONO
ISPESSITE ED INTERESSATE DA FIBROSI e DETERMINANO LA FORMAZIONE DI STENOSI
1SIEROSA GRANULOSA ED OPACA O GRIGIASTRA e spesso IL TESSUTO ADIPOSO
MESENTERICO COPRE PROGRESSIVAMENTE LINTESTINO=GRASSO RAMPICANTE;il
MESENTERE ADIACENTE AI TRATTI COLPITI pu essere anchesso ISPESSITO
EDEMATOSO E TALVOLTA FIBROSO
In complesso la PARETE INTESTINALE E ISPESSITA A CAUSA DELLA FLOGOSI ,EDEMA
,FIBROSI ED IPERTROFIA MUSCOLARE e spesso presenta UN RESTRINGiMENTO DEL
LUME evidenziabile RADIOLOGICAMENTE come SEGNO DELLA CORDA= DOVUTO AL
PASSAGGIO DI UNA PICCOLA QUANTITA DI BARIO NELLA ZONA STENOTICA.
Il DANNO CAUSATO DALLA FLOGOSI COLICA si TRADUCE CON:
MALASSORBIMENTO GENERALIZZATO DI ACQUA ED ELETTROLITI
MALASSORBIMENTO SPECIFICO DI VIT B12(ANEMIA PERCINOSA) E SALI BILIARI
(STEATORREA ,CALCOLOSI BILIARE)
PERDITA DI PROTEINE(ENTEROPATIA PROTEINODISPERDENTE)
ALTERAZIONI DELLA MOTILITA INTESTINALE X FORMAZIONE DI SEGMENTI PERISTALTICI
RIGIDI E COMPROMISSIONE DEL PLESSO MIOENTERICO DELLA TONACA
MUSCOLARE(COLON SI DILATA PROGRESSIVAMENTE =>MEGACOLON TOSICO)
Dal punto di vista CLINICO il MDC una PATOLOGIA AD ANDAMENTO CRONICO con
SPINTE EVOLUTIVE in cui si riconosce un ESORDIO seguito da UN ALTERNANZA DI
PERIODI CON MANIFESTAZIONI INFIAMMATORIE DI INTENSITA VARIABILE con PERIODI DI
REMISSIONI;alla sintomatologia intestinale si possono aggiungere MANIFESTAZIONI
EXTRAINTESTINALI
MANIFESTAZIONI INTESTINALI=>DOLORE ADDOMINALE CRAMPIFORME,DIARRE
ACQUOSA COMMISTA A MUCO,PUS E SANGUE NELLE FORME COLICHE o UNTUOSA NELLE
FORME ILEALI,RETTORRAGIA,COMPROMISSIONE STATO GENERALE (FEBBRE
,DIMAGRIMENTO ,ANEMIA)
MANIFESTAZIONI EXTRAINTESTINALI=>ARTICOLARI(POLIARTRITI,SPONDILITI
ANCHILOSANTI) CUTANEE(ERITEMA NODOSO,STOMATITE AFTOSA), OCULARI
(EPISCLERITE ,UVEITE,IRITE) EPATICHE (COLANGITE SCLEROSANTE) CALCOLOSI BILIARE
O RENALE, MANIFESTAZIONI PERIANALI(MARISCHE EDEMATOSE O RAGADI)
2
COMPLICANZE=>ASCESSI come CONSEGUENZA DI ESTENSIONE IN PROFONDITA
DELLE ULCERAZIONI INTESTINALI FINO A CREARE UNA VERA E PROPRIA PERFORAZIONE
CHE VERRA CISCOSCRITTA DA ANSE INTESTINALI(PSEUDOTUMOR) E FORMERA PER
AZIONE DELLA FLOGOSI E GERMI FECALI UNA SACCA CONTENENTE PUS=ASCESSO;
=>FISTOLE che possono essere ESTERNE (ANO-RETTALI o ENTERO-
CUTANEE generalmente in RAPPORTO ALLA PARETE ADDOMINALE IN PRESENZA DI
PREGRESSE CICATRICI) o INTERNE (ENTERO-ENETERICHE,ENTERO-COLICHE in
particolare ILEO-SIGMOIDEE,ENTERO-VESCICALI)
=>OCCLUSIONE INTESTINALE
=>EMORRAGIA DIGESTIVA per DANNO ARRECATO DALLA FLOGOSI SU
STRUTTURE VASCOLARI NELLAMBITO DELLA PARETE COLICA
=>CA COLON-RETTO (RISCHIO DI CANCERIZZAZIONE MINORE RISPETTO
ALLA RETTOCOLITE ULCEROSA)
TERAPIA ESSENZIALMENTE MEDICA con ANTIINFIAMMATORI (SULFALAZINA),
CORTISONICI,ANTIBIOTICI ,IMMUNOSOPPRESSORI (AZOTIOPRINA) E CHIRURGICA MA
SOLO IN CASO DI FALLIMENTO DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA O
COMPLICANZE
2) RETTOCOLITE ULCEROSA
E MALATTIA INFIAMMATORIA CRONICA DEL COLON AD EZIOLOGIA IGNOTA CON
IMPRONTA EMORRAGICA ED ULCERAZIONI DIFFUSE DELLA MUCOSA;LA
PATOLOGIA COLPISCE SOPRATTUTTO MUCOSA E SOTTOMUCOSA IN MANIERA
CONTINUA E PUO LOCALIZZARSI A LIVELLO DEL RETTO(che la
LOCALIZZAZIONE COSTANTE), SIGMA ,COLON-COLITE SUBTOTALE O TUTTO
COLON RETTO-PANCOLITE E ILEO TERMINALE (BACKWASH ILEITES-SEMBRA CHE
IN REALTA SI TRATTI DI UNA FLOGOSI DA REFLUSSO PER INCONTINENZA DELLA
VALVOLA ILEOCECALE)
=>LA PATOLOGIA PRESENTA 2 PICCHI DI INCIDENZA DI CUI UNO INTORNO A 30AA E
UNO INTORNO AI 55-60AA ESSENDO +FREQ NEL SESSO FEMMINILE
=>LA TEORIA PATOGENICA PIU ACREDITATA E QUELLA DI UN ALTERAZIONE GENETICA
CHE DETERMINA UNA MODIFICAZIONE DELLA BARRIERA MUCOSA INTESTINALE CHE SI
RENDE PIU SENSIBILE ALLATTACCO DI TOSSINE ,BATTERI E MECCANISMI IMMUNITARI
E/O UNA MODIFICAZIONE DELLO STATO DI TOLLERANZA IMMUNITARIA O
IMMUNOESCLUSIONE PERCUI E FISIOLOGICAMENTE CONSENTITA NEL COLON LA
PRESENZA DI UNA MOLLE DI ANTIGENI DI ORIGINE BATTERICA ED ALIMENTARE SENZA
CHE CIO DETERMINI UNA RISPOSTA INFIAMMATORIA;PERTANTO ALLA PERDITA DELLA
TOLLERANZA IMMUNOLOGICA VISTA LA GROSSA QUANTITA DI ANTIGENI PRESENTI NEL
COLON CONSEGUE UNA RISPOSTA IMMUNITARIA ASPECIFICA(FLOGOSI CRONICA)
DISTINGUIAMO LE SEGUENTI ALTERAZIONI
1INFIAMMAZIONE DELLA MUCOSA-che appare IPEREMICA,GRANULOSA,FRIABILE
e FACILMENTE SANGUINANTE;a livello della LAMINA PROPRIA presente un INFILTRATO
MONONUCLEATO con ASSOCIATO NEUTROFILI ed OCCASIONALI EOSINOFILI E
MASTCELLS.
1ULCERAZIONI-che come nel MDC SI ORIENTANO LUNGO LASSE DELLINTESTINO;le
ULCERE SONO SUPERFICIALI (le cellule della mucosa colica per danno flogistico vanno
incontro a vacualizzazione e si staccano dalla membrana basale generando
ULCERE);DIFFICILMENTE riscontriamo ULCERE SERPINGINOSE(caratteristiche del MDC);
spesso i MARGINI SOTTOMINATI DI ULCERE ADIACENTI SI CONNETTONO FRA LORO
3
DANDO LUOGO A TUNNEL RICOPERTI DA SOTTILI PONTI COSTITUITI DA MUCOSA
RESIDUA.
1PSEUDOPOLIPI INFIAMMATORI-che sono TRATTI DI MUCOSA COLICA ISPESSITA che
PROTRUDE NEL LUME INTESTINALE ASSUMENDO ASPETTO POLIPOIDE;si tratta di ESITI DI
TENTATIVI DI RIPARAZIONE DELLA MUCOSA COLICA.
1DANNO CRONICO ALLA MUCOSA
ALTERAZIONI DELLA CRIPTE dove per la presenza di un INFILTRATO INFIAM
-MATORIO si formano ASCESSI CRIPTICI i quali SVUOTANDOSI GENERANO
MICROULCERAZIONI
ATROFIA DELLA MUCOSA con APPIATIMENTO O DIMINUZIONE DELLO SPESSORE
ALTERAZIONI EPITELIALI che vanno da DISPLASIA AL CARCINOMA
MANIFESTO
1MUSCOLARIS MUCOSAE,SOTTOMUCOSA E MUSCOLARE PROPRIA SONO
ISPESSITE ED INTERESSATE DA FIBROSI ma si ha generalmente SCLEROSI
GENERALIZZATA SENZA STENOSI
In complesso la PARETE INTESTINALE a differenza del MDC NON E ISPESSITA e
ANCHE LA SIEROSA RISULTA GENERAMENTE INDENNE
Dal punto di vista CLINICO il MDC una PATOLOGIA AD ANDAMENTO CRONICO con
SPINTE EVOLUTIVE in cui si riconosce un ESORDIO seguito da UN ALTERNANZA DI
PERIODI CON MANIFESTAZIONI INFIAMMATORIE DI INTENSITA VARIABILE con PERIODI DI
REMISSIONI;alla sintomatologia intestinale si possono aggiungere MANIFESTAZIONI
EXTRAINTESTINALI
MANIFESTAZIONI INTESTINALI=>DOLORE ADDOMINALE CRAMPIFORME (GEN
LUNGO LA CORNICE COLICA SOLLEVATO DALLEVACUAZIONE),DIARREA
SANGUINOLENTA O RETTORRAGIA ,TENESMO RETTALE,URGENCY, COMPROMISSIONE
STATO GENERALE (FEBBRE ,DIMAGRIMENTO ,ANEMIA,TACHICARDIA,DISPROTIDEMIA)
MANIFESTAZIONI EXTRAINTESTINALI=>ARTICOLARI(POLIARTRITI,SPONDILITI
ANCHILOSANTI) CUTANEE(ERITEMA NODOSO,STOMATITE AFTOSA), OCULARI
(EPISCLERITE ,UVEITE,IRITE) EPATICHE (COLANGITE SCLEROSANTE)
COMPLICANZE=>PERFORAZIONI INTESTINALI per danno della parete con
PERITONITE STERCORRACEA,MEGACOLON TOSSICO,EMORRAGIA DIGESTIVA E
CANCRO che pu essere diffuso su uno o pi segmenti intestinali(il rischio della
trasformazione neoplastica maggiore nei paz che hanno manifestato la malattia in et
giovanile,in paz con pi di 20aa di malattia e in paz con lesioni estese-tutto colonretto)
La SPIA DI UN POSSIBILE SVILUPPO DI UN CANCRO dato dal GRADO DI DISPLASIA
DELLA MUCOSA COLICA (FARE PANCOLONSCOPIA CON BIOPSIA)
DISPLASIA LIEVE IN PIU PUNTI DI PRELIEVO CONFERMATA DA UN SECONDO
ISTOLOGO rappresenta un INDICAZIONE ALLA COLECTOMIA
DISPLASIA GRAVE IN PIU PUNTI DI PRELIEVO CONFERMATA DA UN SECONDO
ISTOLOGO rappresenta un INDICAZIONE ALLA COLECTOMIA
DISPLASIA GRAVE IN UN SOLO PUNTO DI PRELIEVO si deve DECIDERE SE FARE
COLECTOMIA O NUOVO CONTROLLO CON PANCOLECTOMIA E BIOPSIA DOPO 6 MESI
TERAPIA ESSENZIALMENTE MEDICA con ANTIINFIAMMATORI (SULFALAZINA),
CORTISONICI,ANTIBIOTICI ,IMMUNOSOPPRESSORI (AZOTIOPRINA) E CHIRURGICA
(COLECTOMIA TOTALE CON ILEOSTOMIA ILEALE DEFINITIVA)
4
MORBO DI CHRON VERSUS RETTOCOLITE ULCEROSA
M.D.C R.C.U
INTERESSAMENTO
COLON
A SALTI-SEGMENTARIO TOTALE
INTERESSAMENTO
RETTO
TALVOLTA SEMPRE
ULCERAZIONI SERPINGINOSE A BASE AMPIA
ISPESSIMENTO PARETE TIPICO -OCCLUDENTE TALVOLTA-NON OCCLUDENTE
PSEUDOPOLIPI RARISSIMI SEMPRE
GRANULOMI SPESSO MAI
ASCESSI CRIPTICI TALVOLTA CARATTERISTICI
FLOGOSI TRANSMURALE CARATTERISTICA RARA
POLIPI NON NEOPLASTICI
POLIPO CE UNA MASSA CHE PROTUDE NEL LUME INTESTINALE LA QUALE PUO
ESSERE
PEDUNCOLATA O SESSILE A SECONDA CHE SIA O MENO PROVVISTA DA
UN
ASSE DI SOSTEGNO (SONO GENERALMENTE DI NATURA EPITELIALE E PIU
RARAMENTE DI NATURA CONNETTIVALE) E SONO SUDDIVISI IN
1)POLIPI NON NEOPLASTICI che DERIVANO DA UN ALTERAZIONE
DELLARCHITETTURA O DA UN PROCESSO INFIAMMATORIO e che NON HANNO
POTENZIALITA DI TRASFORMAZIONE NEOPLASTICA MALIGNA 1POLIPI IPERPLASTICI
1POLIPI AMARTOMATOSI(POLIPI GIOVANILI E DI PEUTZ-
JAGHERS)
1POLIPI INFIAMMATORI
1POLIPI LINFOIDI
2) POLIPI NEOPLASTICI che DERIVANO DA UN ALTERATO PROCESSO DI
MATURAZIONE DELLA MUCOSA(DISPLASIA PROLIFERATIVA ) essendo LESIONI
NEOPLASTICHE PRECURSORI DI UN CARCINOMA 1 POLIPO o ADENOMA
TUBULARE
1 POLIPO o ADENOMA VILLOSO
1 POLIPO o ADENOMA TUBULOVILLOSO
POLIPI IPERPLASTICI
EPOLIPI EPITELIALI,SINGOLI O PIU FREQ MULTIPLI,GEN LOCALIZZATI A
LIVELLO DEL RETTO-SIGMA CHE POSSO PRESENTARSI A QUALSIASI ETA ANCHE
SE LA DIAGNOSI VIENE FATTA GEN TRA 60-70 ANNI;NON HANNO POTENZIALITA
MALIGNA
(SONO I PIU FREQUENTI TANTO CHE SI POSSONO RISCONTRARE IN PIU DEL 50% DEGLI
INDIVIDUI DI ETA SUPERIORE AI 50ANNI)
MACROSCOPICAMENTE
I POLIPI IPERPLASTICI sono SESSILI,PICCOLI
<5MM,LISCI,MOLLI,ROTONDEGGIANTI o DIGITIFORMI BRUNASTRI e SITUATI ALLA
SOMMITA DI UNA PLICA MUCOSA
ISTOLOGICAMENTE
I POLIPI IPERPLASTICI sono costituiti da GHIANDOLE BEN FORMATE E CRIPTE
DELINEATE DA CELLULE EPITELIALI NON NEOPLASTICHE che per la maggior parte
APPAIONO DIFFERENZIATE VERSO I TIPI CELLULARI CALICIFORME MATURO ED
ASSORBENTE ,la LAMINA PROPRIA SCARSA e IL RITARDATO RICAMBIO
CELLULARE PORTA A DEI RIPIEGAMENTI DELLE AFFOLATE CELLULE EPITELIALI
CREANDO UN PROFILO EPITELIALE SERRATO
5
Raramente i POLIPI IPERPLASTICI contengono FOCOLAI DI TRASFORMAZIONE
ADENOMATOSA
POLIPI AMARTOMATOSI
ERAPPRESENTANO MALFORMAZIONI AMARTOMATOSE FOCALI DELLA MUCOSA
QDI GEN SINGOLE E SENZA POTENZIALITA MALIGNA
C AMARTOMA =TUMORE FORMATO DALLA MESCOLANZA NON ARMONIOSA E NON
ORGANIZZATA DI TUTTI GLI ELEMENTI DELLA MUCOSA SULLA QUALE SI SVILUPPANO
NEL CASO DELLA MUCOSA COLICA AVREMMO EPITELIO E GHIANDOLE NORMALI MA IN
QUANTITA ENORME,NON PROLIFERANTI ED INTRACCIATI A FIBRE MUSCOLARI DELLA
MUSCOLARIS MUCOSAE
1)POLIPI GIOVANILI
E POLIPO AMARTOMATOSO GEN LOCALIZZATO A LIVELLO DEL RETTO(80%) CHE
SI PRESENTA GEN IN BAMBINI AL DI SOTTO DI 5 ANNI (RARO ADULTI=>POLIPO
DA RITENZIONE);POSSONO ESSERE SINGOLI E SPORADICI O
MULTIPLI,EREDITARI A TRASMISSIONE AUTOSOMICA DOMINANTE-SINDROME
POLIPOSA GIOVANILE(MOLTO POLIPI AMARTOMATOSI 30-40 DISTRIBUITI A
LIVELLO DEL RETTO,TENUE,STOMACO ED ESOFAGO)
MACROSCOPICAMENTE
I POLIPI GIOVANILI sono PEDUNCOLATI,GRANDI con DIAMETRO DA 1-3 CM
ROTTONDEGGIANTI, A SUPERFICIE LISCIA o LIEVEMENTE LOBULATA e un LUNGO
PEDUNCOLO (FINO A 2CM)
ISTOLOGICAMENTE
I POLIPI GIOVANILI sono COSTITUITI PER LA MAGGIOR PARTE DA LAMINA
PROPRIA che CONTIENE NUMEROSE GHIANDOLE DILATATE CISTICAMENTE in
superficie si possono rilevare FLOGOSI,CONGESTIONE OD ULCERAZIONE
2)POLIPI DI PEUTZ-JAGHERS
E POLIPO AMARTOMATOSO GEN LOCALIZZATI A LIVELLO DEL INTESTINO TENUE
100%,COLON 30% E STOMACO 25%;POSSONO ESSERE SINGOLI E SPORADICI O
MULTIPLI E EREDITARI A TRASMISSIONE AUTOSOMICA DOMINANTE -SINDROME
DI PEUTZ-JAGHERS
SINDROME DI PEUTZ JAGHERS PATOLOGIA EREDITARIA AUTOSOMICA DOMINANTE
CARATTERIZZATA DALLA PRESENZA DI POLIPI AMARTOMATOSI (GEN UNA DECINA)
DISPARSI IN TUTTO IL TRATTO GASTROINTESTINALE E MELANOSI=IPERPIGMENTAZIONI
CUTANE E MUCOSA ATTORNO ALLE LABBRA,MUCOSA ORALE,VISO,GENITALI E
SUPERFICIE PALMARE DELLE MANI;SEBBENE I POLIPI AMARTOMATOSI NON HANNO
POTENZIALITA MALIGNA QTI SOGGETTI HANNO MAGGIOR RISCHIO DI SVULUPPARE
CARCINOMI DEL PANCREAS.MAMMELLA,POLMONI,OVAIA E UTERO(STARE ATTENTI CHE
SE QTI PAZ SVILUPPANO CARCINOMA ESSO NON DERIVA DA UN POLIPO
AMARTOMATOSO MA DA UN POLIPO ADENOMATOSO ASSOCIATO)
MACROSCOPICAMENTE
I POLIPI DI PEUTZ-JAGHERS sono PEDUNCOLATI,GRANDI,a SUPERFICIE
LOBULATA
ISTOLOGICAMENTE
I POLIPI DI PEUTZ-JAGHERS sono COSTITUITI DA UN ASSE PORTANTE FORMATO
DA CONNETTIVO E MUSCOLO LISCIO che CIRCONDA UN NOTEVOLE NUMERO DI
6
GHIANDOLE RIVESTITE DA EPITELIO INTESTINALE NORMALE RICCO DI CELLULE
CALICIFORMI
POLIPI INFIAMMATORI o PSEUDOPOLIPI
E SONO ESTROFLESSIONI DELLA MUCOSA COLICA INFIAMMATA RIGENERANTE
CIRCONDATE DA UNA ZONA DI ULCERAZIONE CHE GEN INSORGONO IN PAZ
PORTATORI DI MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE COME MORBO DI CHRON
E RETTOCOLITE ULCEROSA
POLIPI LINFOIDI
E SONO ESSENZIALMENTE VARINATI DELLE NORMALI RILEVATEZZE DELLA
MUCOSA CONTENENTI TESSUTO LINFOIDE INTRAMUCOSO
POLIPI NEOPLASTICI
=>GEN SONO POLIPI PEDUNCOLATI PICCOLI E PIU RARAMENTE GROSSI POLIPI SESSILI
CHE VENGONO CLASSIFICATI IN 3 SOTTOTIPI
1 POLIPI o ADENOMI TUBULARI caratterizzati da GHIANDOLE TUBULARI o che
PRESENTANO UN ARCHITETTURA TUBULARE IN PIU DEL 70% DELLA LORO STRUTTURA E
RAPP LA STRAGRANDE MAGGIORANZA
1 POLIPI o ADENOMI VILLOSI caratterizzati da PROTRUSIONI VILLOSE o che
PRESENTANO CARATTERI VILLOSI IN PIU DEL 50% DELLA PROPRIA STRUTTURA E RAPP 5-
10% DEGLI ADENOMI
1 POLIPI o ADENOMI TUBULOVILLOSI caratterizzati da UN INSIEME DI GHIANDOLE
TUBULARI E PROTRUSIONI VILLOSE(questultima presente per PIU DEL 25-50%
DELLINTERA STRUTTURA) E RAPP 1% DEGLI ADENOMI
=>LA PREVALENZA DEI POLIPI NEOPLASTICI E DEL 20-30% NEI SOGGETTI DI ETA
INFERIORE AI 40ANNI E DEL 40-50% NEI SOGGETTI DI ETA SUPERIORE AI
60ANNI;MASCHI E FEMMINE SONO COLPITI IN UGUAL MISURA
=>TUTTE LE LESIONI ADENOMATOSE SONO IL RISULTATO DI UNA
PROLIFERAZIONE DISPLASTICA DELLEPITELIO(DISPLASIA CHE PUO ESSERE LIEVE
O SEVERA FINO A COSTITUIRE UN CARCINOMA IN SITU);E STATO DIMOSTRATO CHE LA
MAGGIOR PARTE DEI ADENOCARCINOMI COLICI ORIGIANO DA UNA LESIONE BENIGNA
(POLIPO) PREESISTENTE.
=>IL RISCHIO DI MALIGNITA DELLE LESIONI ADENOMATOSE E CORRELATO A 3 CARAT
-TERISTICHE ODIMENSIONI DEL POLIPO
OARCHITETTURA ISTOLOGICA
OSEVERITA DELLA DISPLASIA
Di conseguenza possiamo affermare che GLI ADENOMI TUBULARI HANNO MINOR
RISCHIO DI TRASFORMAZIONE MALIGNA RISPETTO AGLI ADENOMI VILLOSI IN
QTO I PRIMI SONO ABITUALMENTE PICCOLI(DIAMETRO<1CM) MENTRE I SECONDI
GRANDI (DIAMETRO >4CM)e in qto la DIPLASIA SEVERA SI RISCONTRA PIU
FREQUANTEMENTE NELLE ZONE VILLOSE;infine IL TEMPO RICHIESTO PERCHE IL POLIPO
RADDOPPI IL SUO VOLUME E STATO VALUTATO INTORNO A 10ANNI
ADENOMI TUBULARI
7
=>90% SONO LOCALIZZATI A LIVELLO DEL COLON (+FREQ RETTO-SIGMA) E 10% A
LIVELLO DELLINTESTINO TENUE E STOMACO
MACROSCOPICAMENTE
Gli ADENOMI TUBULARI sono SINGOLI(A VOLTE 2-3 IN DIVERSI SETTORI COLICI),
POSSINO ESSERE PICCOLI E SESSILI A CONTORNI LISCI o LOBULATI ,PIU GRANDI E
PEDUNCOLATI(RARAMENTE SUPERANO 2,5CM DI DIAMETRO)
ISTOLOGICAMENTE
Gli ADENOMI TUBULARI possiedono un PEDUNCOLO COSTITUITO DA TESSUTO
FIBROMUSCOLARE E DA PROEMINENTI STRUTTURE VASCOLARI(che prendono
origine della SOTTOMUCOSA) ed E RIVESTITO DA MUCOSA COLICA NORMALE NON
NEOPLASTICA;la TESTA MORIFORME del POLIPO costituita da EPITELIO
NEOPLASTICO CHE FORMA GHIANDOLE RAMIFICATE RIVESTITE DA CELLULE
ALTE,IPERCROMATICHE,DICORDINATE che POSSONO O NO SECERNERE
MUCINA;tali STRUTTURE GHIANDOLARI SONO SEPARATE DALLA LAMINA PROPRIA
Possono essere presenti TUTTI I 3 GRADI DI DISPLASIA;la DISPLASIA SEVERA
(CARCINOMA IN SITU)pu manifestarsi con AREE DI FRANCA TRASFORMAZIONE
MALIGNA CONFINATE ALLA MUCOSA(CARCINOMA INTRAMUCOSO)mentre
LINVASIONE DEL PEDUNCOLO SOTTOMUCOSO DEL POLIPO SEGNA LA COMPARSA
DI UNA ADENOCARCINOMA INVASIVO PRECOCE
- - -
NB.di solito nella mucosa intestinale la componente cellulare deputata alla
proliferazione e rimpiazzo delle cellule esfoliate si localizza sul fondo delle cripte
mentre la superficie esterna non e proliferante;nei polipi neoplastici le cellule
proliferanti sono spesso presenti anche sulla superficie esterna e la crescita cellulare
forma strutture ghiandolari o villi
ADENOMI VILLOSI
=>GEN SONO LOCALIZZATI NEL RETTO o RETTO-SIGMA
MACROSCOPICAMENTE
Gli ADENOMI VILLOSI sono SESSILI,GRANDI (POSSONO RAGGIUNGERE ANCHE
10CM) con ASPETTO VELLUTATO A CAVOLFIORE SPORGENDO PER 1-3 CM AL DI
SOPRA DELLA MUCOSA CIRCOSTANTE
ISTOLOGICAMENTE
Gli ADENOMI VILLOSI sono costituiti da PAPILLE DIGITIFORMI che centralmente
presentano una SCARSA QUANTITA DI LAMINA PROPRIA RIVESTITA DA UN
EPITELIO COLONNARE DISPLASTICA( TUTTI I 3 GRADI DI DISPLASIA MA PIU FREQ
DISPLASIA GRAVE);ABITUALMENTE si riscontrano CELLULE NEOPLASTICHE CON
NUCLEO IPERCROMICO E DI DIMENSIONI DIVERSE
ADENOMI TUBULOVILLOSI
8
=>HANNO CARATTERISTICHE INTERMEDIE TRA LE LESIONI TUBULARI E QUELLE VILLOSE
=>POSSONO ESSERE PEDUNCOLATI O SESSILI
=>IL RISCHIO DI TRASFORMAZIONE MALIGNA DI QTE LESIONI E CORRELATO ALLA
PERCENTUALE DELLE AREE VILLOSE
Dal punto di vista CLINICA i POLIPI possono essere ASINTOMATICI o SINTOMATICI
(RETTORAGGIA,ANEMIA e RARAMENTE OSTRUZIONE INTESTINALE;talvolta qti polipi
secernono grosse quantit di materiale mucide contenente proteine e potassio da
causare IPOPROTEINEMIA E IPOPOTASSEMIA)
Per valutare meglio le SCELTE TERAPEUTICHE da ATTUARE considerare sempre CHE:
DISPLASIE SEVERA-CARCINOMA IN SITU NON E UNA LESIONE CON CAPACITA
METASTA -TICHE e qdi viene considerata una LESIONE BENIGNA
CARCINOMA INTRAMUCOSO HA UN POTENZIALE METASTATICO SCARSO O NULLO
qto anche in virt del fatto che nella SOTTOMUCOSA COLICA I VASI LINFATICI SONO
PRATTICAMENTE ASSENTI
ADENOCARCINOMA INVASIVO nel momento in cui ATTRAVERSA LA MUSCOLARIS
MUCOSAE E RAGGIUNGE LA SOTTOMUCOSA E DA CONSIDERARE LESIONE MALIGNA CON
POTENZIALITA METASTATICHE;tuttavia lASPORTAZIONE ENDOSCOPICA DELLADENOMA
CHE LO CONTIENE PUO ESSERE ANCORA PRATTICATA SE SONO RISPETTATE LE
SEGUENTI CONDIZIONI=>ADENOCARCINOMA E SUPERFICIALE E NON RAGGIUNGE IL
MARGINE DI
RESEZIONE ALLA BASE DEL PEDUNCOLO
=>E ASSENTE LINVASIONE VASCOLARE O LINFATICA
=>IL CARCINOMA NON E SCARSAMENTE DIFFERENZIATO
INDIPENDENTEMENTE DALLA PRESENZA DI UN CARCINOMA LUNICO
TRATTAMENTO ADEGUATO PER UN ADENOMA PEDUNCOLATO O SESSILE E LA
RESEZIONE COMPLETA E SE PERMANE DELLEPITELIO ADENOMATOSO IL PAZ E
CONSIDERATO ANCORA PORTATORE DI UNA LESIONE PRECANCEROSA
SINDROMI POLIPOSICHE
1.POLIPOSI ADENOMATOSA FAMIGLIARE
EMALATTIA AUTOSOMICA DOMINANTE CHE SI MANIFESTA GENERALMENTE
TRA 15-30ANNI (ECCEZIONALMENTE PRIMA DEI 5ANNI O DOPO 50ANNI)
LEGATA AD UNALTERAZIONE DEL GENE APC SITUATO SUL CROMOSOMA 5 CHE
E DEPUTATO ALLA MIGRAZIONE DELLE CELLULE COLICHE DALLA MEMBRANA
BASALE ALLA SUPERFICIE;L ALTERAZIONE DI QTO GENE SI TRADUCE CON LA
COMPARSA DI NUMEROSSISIMI POLIPI (GEN 1000) A LIVELLO COLICO MA
ANCHE GASTRICO,DUODENALE E RARAMENTE DIGIUNO-ILEALE(SPESSO COME
PATOLOGIA ASSOCIATA E PRESENTE UN IPERTROFIA CONGENITA
DELLEPITELIO RETINICO)
=>ESSENDO MOLTO NUMEROSI LA LORO GIUSTAPPOSIZIONE FA PRATTICAMENTE
SCOMPARIRE LA MUCOSA COLICA CHE ASSUME UN ASPETTO A TAPPETO
SPESSO
=>GENERALMENTE I POLIPI SONO PICCOLI < 5MM SESSILI E PIU RARAMENTE
PEDUNCOLATI(A VOLTE IL PEDUNCOLO E RICOPERTO A SUA VOLTA DI PICCOLI POLIPI
A TESTA DI SPILLO)E PRESENTANO ZONE DI DIPLASIA GRAVE TANTO CHE DOPO 20
ANNI DI MALATTIA IL RISCHIO DI INSORGENZA DI UN CA COLON RETTALE E DEL 100%
=>CLINICAMENTE DI MANIFESTA CON DIARREA,DOLORI ADDOMINALI E RETTORRAGIA
=>QTI PAZ HANNO UN FOLLOW UP COSTANTE CON PANCOLONSCOPIA OGNI AA TRA
12-25AA,OGNI 4AA TRA 25-35AA OGNI 3 ANNI TRA 35-50 ANNI(IN PIU SCREENING
FAMIGLIARE PER I SOGGETTI A RISCHIO COME I PARENTI DI 1 GRADO DEL PAZIENTE)
=>TERAPIA CHIRURGICA CON COLECTOMIA TOTALE+MUCOSECTOMIA RETTALE
E RIPRISTINO CONTINUITA DIGESTIVA ATTRAVERSO LILEOSTOMIA (SE CERCA DI
9
EVITARE PROTOCOLECTOMIA TOTALE QDI LAMPUTAZIONE ANO RETTALE PERCHE
ABBASSA UNLTERIORMENTE LA QUALITA DI VITA DEI PAZ E PERCHE LA RECIDIVA
MONCONE RETTALE PUO ESSERE ABBASTANZA BEN CONTROLLATA CON
ELETRODISTRUZIONE PER VIA ENDOSCOPICA O CHIRURGICA)
2.SINDROME DI GARDNER
ESINDROME CARATTERIZZATA DALLASSOCIAZIONE DI UNA POLIPOSI ADENOMATOSA
FAMIGLIARE CON LESIONI DEL TIPO CISTI EPIDEMOIDI MULTIPLE,CISTI
MASCELLARI,OSTEOMI MULTIPLI (MANDIBOLA,OSSO FRONTALE),TUMORI DESMIODI(CHE
+ FREQ SI SVILUPPANO SU CICATRICI ADDOMINALI)FIBROMATOSI MESENTERICHE E
RETROPERITONEALI
3.SINDROME DI TURCOT
ESINDROME CARATTERIZZATA DALLASSOCIAZIONE DI UNA POLIPOSI ADENOMATOSA
FAMIGLIARE CON TUMORI DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE
NEOPLASIE MALIGNE COLON-RETTO
=>IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO RAPPRESENTA 90% DELLE NEOPLASIE MALIGNE
DEL COLON RETTO (GEN E UN ADENOCARCINOMA)ED E LA 2 CAUSA DI MORTE NEGLI
ADULTI DOPO CA POLMONARE (X IL SESSO MASCHILE) E CA MAMMELLA (X IL SESSO
FEMMINILE);ETA MEDIA DI INSORGENZA 60-65ANNI
=>IL CARCINOMA DEL COLON E UNA NEOPLASIA DELL ETA AVANZATA (60-70 ANNI)
E INTERESSA CON UGUALE FREQUENZA ENTRAMBI I SESSI
=>IL CARCINOMA DEL RETTO E UNA NEOPLASIA CHE SI PRESENTA DOPO 40 ANNI
CON UN INCREMENTO PROGRESSIVO FINO AI 70-80 ANNI E COLPISCE
PREVALENTEMENTE IL SESSO MASCHILE
=>LA MAGGIOR PARTE DEI CARCINOMI DEL COLON-RETTO INSORGONO IN MODO
SPORADICO E SOLO 1-3% INSORGONO IN PAZIENTI CON SINDROME POLIPOSA
EREDITARIA O IN CASI FAMIGLIARI DI CA COLONRETTALE(SINDROME DI LYNCH)
=>LE LESIONI NEOPLASTICHE SI LOCALIZZANO NEL
TREND IN PASSATO TREND OGGI
50% DEI CASI A LIVELLO DEL RETTO
20% DEI CASI A LIVELLO
SIGMA/GIUNZIONE RETTOSIGMOIDALE
25% NELLE RESTANTI PARTI DEL COLON
27% A LIVELLO DEL COLON DX
10% A LIVELLO DEL COLON TRASVERSO
36% A LIVELLO DEL COLON SX
16% A LIVELLO DEL RETTO
Dal punto di vista EZIOPATOGENETICO vengono chiamati in causa come
1.FATTORI DI RISCHIO
DIETA POVERA DI FIBRE E RICCA DI GRASSI/PROTEINE ANIMALI
-FIBRE hanno un ruolo PROTETTIVO in qto AUMENTANO LA MASSA FECALE e il
TRANSITO INTESTINALE facendo si che le POSSIBILI SOSTANZE CANCEROGENE
restino A CONTATTO CON LA MUCOSA COLICA PER POCO TEMPO e VENGONO
TRASFORMATE DALLA FLORA BATTERICA IN AC GRASSI CONO CATENA CORTA
che ABBASSANO IL PH COLICO(6.5) INIBENDO LA DECARBOSSILAZIONE DEI AC
BILIARI IN AC DEOSSICOLICO CHE E UN POTENZIALE CANCEROGENO
-GRASSI E PROTEINE ANIMALI sarebbero in grado di ACCELERARE LA
TRASFORMA
ZIONE MALIGNA DI PRE-ESITENTI POLIPI ADENOMATOSI(POLIPOCA. IN SITU
CARCINOMA) ;la PATOGENESI probabilmente legata ai COMPOSTI AZOTATI DI
PROVENIENZA BATTERICA INTESTINALE (FLORA BATTERICA ALTERATA) che
eser-
citano una FUNZIONE CANCEROGENA ATTRAVERSO UN MECCANISMO DANNO-
RIPARAZIONE PROTRATTO NEL TEMPO
SEDENTARIETA
FUMO DI SIGARETTA
10
ETA > 50 ANNI
2.FATTORI PREDISPONENTI
POLIPOSI TRASMESSE GENETICAMENTE:POLIPOSI FAMIGLIARE DEL
COLON-
RETTO, SINDROME DI GARDNER,SINDROME DI PEUTZ-JAGHERS,SINDROME DI
TURCOT,POLIPOSI GIOVANILE
POLIPO ADENOMATOSO DEL COLON-RETTO(Il TEMPO DI
TRASFORMAZIONE in
Senso neoplastico maligno di 10-15 ANNI e la probabilit aumenta per POLIPI
VILLOSI (40% in pi rispetto ai POLIPI TUBULARI),POLIPI DI DIAMETRO >2 CM E
PER
PAZ CON ETA>60ANNI
STORIA FAMIGLIARE DI CARCINOMA COLONRETTALE:SINDROME DI
LYNCH DI
TIPO 1 E 2
STORIA DI MALATTIA INFIAMMATORIA DEL COLON:RETTOCOLITE
ULCEROSA,
MORBO DI CHRON
PREGRESSA STORIA PERSONALE DI CARCINOMA DEL COLONRETTO
SCREENING-deve essere fatto DOPO 40-50 ANNI (SOPRATTUTTO NEL SESSO MESCHILE)
ESPLORAZIONE RETTALE E RICERCA DI SANGUE OCCULTO NELLE FECI OGNI 5ANNI
PANCOLONSCOPIA O SIGMOIDORETTOSCOPIA + RX CLISMA OPACO OGNI 10 ANNI
I PRINCIPALI ISTOTIPI DEL CARCINOMA COLON-RETTALE SONO
O ADENOCARCINOMA
-ADENOCARCINOMA CLASSICO
-ADENOCARCINOMA MUCINOSO
-CARCINOMA A CELLULE AD ANELLO CON CASTONE
O CARCINOMA SQUAMOSO (GEN NEL RETTO DISTALE E CANALE ANORETTALE)
O CARCINOMA ADENOSQUAMOSO
O ADENOACANTOMA
O CARCINOMA INDIFFERENZIATO A PICCOLE CELLULE
MACROSCOPICAMENTE
La LESIONE NEOPLASTICA presenta 5 TIPO DI CRESCITA
FORMA VEGETANTE(+ FREQ NEL COLON DX=CIECO E ASCENDENTE E RETTO) che
si presenta come una MASSA ESOFITICA A CAVOLFIORE che si AGGETTA NEL
LUME COLICO,presenta AREE NECROTICO-EMORRAGICHE SUPERFICIALMENTE ed ha
SCARSA TENDENZA A INFILTRARE LA PARETE E TESSUTI CIRCOSTANTI
FORMA INFILTRANTE(+FREQ DEL COLON SX) che si presenta come una PLACCA
CHE TENDE A DIFFONDERSI NEL CONTESTO DELLA PARETE COLICA DEFORMANDOLA E
GENERANDO STENOSI CISCONFERENZIALE AD ANELLO DI TOVAGLIOLO
FORMA ULCERATA(+ FREQ NEL RETTO-SIGMA) che si presenta come un ULCERA
MALIGNA di FORMA ROTONDA o OBLUNGA,FONDO NECROTICO E BORDI SOLLEVATI ED
IREGOLARI che ha ELEVATA TENDENZA A DIFFONDERSI NEL CONTESTO DELLA PARETE
COLICA E NEI TESSUTI CIRCOSTANTI
FORMA SCIRROSA(+ FREQ NEL COLON SX) che si presenta come una MASSA
SOLIDA BIANCASTRA che INFILTRA LA PARTE COLICA
FORMA COLLOIDE(+ FREQ NEL COLON SX) che si presenta come una
TUMEFAZIONE VOLUMINOSA DI ASPETTO GELATINOSO ( formata da CELLULE AD
ANELLO CON CASTONE)
11
NB-GLI ASPETTI COLORE E CONSISTENZA VARIANO A SECONDA DELLE VARIE FASI
DEL TUMORE E POSSIAMO AVERE UN COLORITO BIANCO LARDACEO O ROSSO
EMORRAGICO COSI COME LA CONSISTENZA PUO ESSERE DURA O MOLLE (XFENOMENI
NECROTICI-EMORRAGICI)
ISTOLOGICAMENTE
La LESIONE NEOPLASTICA origina dall EPITELIO GHIANDOLARE DELLA
MUCOSA COLICA ed costituita da CELLULE CILINDRICHE ALTE SIMILI ALLE
LESIONI ADENOMATOSE MA CHE INVADONO SOTTOMUCOSA E
MUSCOLARE PROPRIA o da CELLULE INDIFERENZIATE ;le LESIONI
INVASIVE provocano INTENSA REAZIONE STROMALE responsabile della
CONSISTENZA DURA DELLA NEOPLASIA
Alcune LESIONI sono costituite da CELLULE CHE PRODUCONO MUCINA che
VIENE SECRETA NEI LUMI GHIANDOLARI O NELLINTERSTIZIO DELLA PARETE
INTESTINALE DISSECANDOLA E FAVORENDO LA DIFFUSIONE NEOPLASTICA o altre
sono costituite da CELLULE AD ANELLO CON CASTONE
In alcune LESIONI si riconoscono FOCOLAI DI DIFFERENZIAZIONE
NEUROENDO -CRINA o FOCOLAI DI DIFFERENZIAZIONE SQUAMOSA
DIFFUSIONE NEOPLASTICA
C PER CONTINUITA :A MONTE A VALLE DEL SEGMENTO COLICO PRIMARIAMENTE
INTERESSATO DALLA LESIONE NEOPLASTICA sia in SENSO TRASVERSALE(STENOSI) che
LONGITUDINALE (VENGONO INTERESSATI TUTTI I STRATI DELLA PARETE MUCOSA,
SOTTOMUCOSA,MUSCOLARE SIEROSA)
C PER CONTIGUITA :AGLI ORGANI VICINI (GENERALMENTE NEGLI STADI AVANZATI)
COLON DX -RENE,URETERE DX,FEGATO,DUODENO,TENUE
COLON TRASVERSO -STOMACO,OMENTO,PANCREAS
COLON DISCENDENTE -DIAFRAMMA,MILZA,PANCREAS,RENE E URETERE SX
RETTO-SIGMA -URETERI,VESCICA,PROSTATA,UTERO,VAGINA
C PER VIA LINFATICA: ALLE STAZIONI LINFONODALI PRESENTI A QUESTO
LIVELLO :LINFONODI REGIONALI O MARGINALI-PARACOLICI,EPICOLICI;LINFONODI
INTERMEDI O DEL MESO E LINFONODI CENTRALI POSTI ALLORIGINE DEI VASI CHE
IRRORANO IVARI DISTRETTI DEL COLON
C PER VIA EMATICA:FEGATO ED UNA VOLTA SUPERATA LA BARRIERA EPATICA AL
POLMONE ,CERVELLO,OSSA
C PER VIA ENDOCELOMATICA :NEL CASO IN CUI LE CELLULE NEOPLASTICHE UNA
VOLTA INFILTRATA LA SIEROSA CADONO PER ESFOLIAZIONE E VANNO AD ATTICHIRE
SUL PERITONEO (CARCINOSI PERITONEALE) O OVAIA(TUMORE DI KRUKENBERG)
INDICATIVI NELLA VALUTAZIONE DEL CA COLON RETTALE SONO
1.GRADING
C G1 BEN DIFFERENZIATO caratterizzati da PROGNOSI MIGLIORE (eccetto ADENO
-CARCINOMA MUCINOSO a PROGNOSI PEGGIORE per la sua TENDENZZA DI DIFFONDERE
PER VIA ENDOCELOMATICA)
C G2 MODERATAMENTE DIFFERENZIATO
C G3 POCO DIFFERENZIATO caratterizzato da PROGNOSI PEGGIORE

2.CLASSIFICAZIONE TNM
C T-DIMENSIONI DEL TUMORE
Tis-CARCINOMA IN SITU
T1-TUMORE CONFINATO ALLA MUCOSA E SOTTOMUCOSA
T2-TUMORE CHE INTERESSA LA MUSCOLARE
T3-TUMORE A TUTTO SPESSORE CHE PUO INTERESSARE GLI ORGANI LIMITROFI MA
NON IL PERITONEO
T4-TUMORE CHE INTACCA IL PERITONEO
12
C N-LINFONODI REGIONALI
N0-ASSENZA DI METASTASI LINFONODALI
N1-LINFONODI INTERESSATI ENTRO 3CM
N2-LINFONODI INTERESSATI OLTRE 3 CM
C METASTASI A DISTANZA
M0-ASSENZA METASTASI A DISTANZA
M1-METASTASI A DISTANZA PRESENTI
3.STADIAZZIONE
C STADIAZZIONE DI DUKES
DUKES 1 TUMORE CONFINATO ALLA PARETE INTESTINALE SENZA METASTASI
LINFONODALI O METASTASI A DISTANZA
DUKES 2 TUMORE CHE OLTREPASSA LA PARETE INTESTINALE SENZA
METASTASI LINFONODALI O METASTASI A DISTANZA
DUKES 2 INTERESSAMENTO LINFONODALE SENZA METASTASI A DISTANZA
INDIPENDENTEMENTE DEL GRADO DI INTERESSAMENTO DELLA
PARETE
DUKES 4 PRESENZA DI METASTASI A DISTANZA
C STADIAZZIONE DI ASTER-COLLER
STADIO A TUMORE LIMITATO ALLA MUCOSA
STADIO B1 TUMORE LIMITATO ALLA PARETE SENZA METASTASI
LINFONODALI
STADIO B2 TUMORE CHE SUPERA LA PARETE SENZA METASTASI
LINFONODALI
STADIO C1 TUMORE LIMITATO ALLA PARETE CON METASTASI LINFONODALI
STADIO C2 TUMORE CHE SUPERA LA PARETE CON METASTASI LINFONODALI
STADIO D METASTASI A DISTANZA
Dal punto di vista CLINICO il CARCINOMA DEL COLONRETTO pu essere
ASINTOMATICO o SINTOMATICOALTERAZIONI DEL ALVO (DIARREA CRONICA
ALTERNATA A STIPSI X
COLON DX O STIPSI INGRAVESCENTE TALVOLTA ASS A DIARREA X COLON
SX
DOLORI ADDOMINALI QUADRANTI DX O LUNGO LA CORNICE COLICA
CHE
SI ACCOMPAGNANO A DISTENSIONE ADDOMINALE
PERDITA EMATICA CON LE FECI-RETTORRAGIA
ALTERAZIONI STATO GENERALE:ANEMIA
SIDEROPENICA,DIMAGRIMENTO,
ANEMIA,ASTENIA,FEBBRICOLA
FARE COLONSCOPIA (PANCOLONSCOPIA O RETTOSIGMOIDOSCOPIA)+BIOPSIA,EV RX
CLISMA OPACO CON DOPPIO MDC,ECOGRAFIA TRANSRETTALE (PER VEDERE
INTERESSAMENTO PARETE DI CARCINOMI RETTALI),ESAMI SANGUE (EMOCRMO CON
FORMULA),RICERCA SANGUE OCCULTO NELLE FECI E DOSAGGUIO MARKERS
TUMORALI (CEA,GICA)E PER STADIAZZIONE PREOPERATORIA-RX
TORACE,ECOGRAFIA EPATICA ,TAC/RMN ADDOMINOPELVICA

TERAPIA
STADIO 1 E 2 TERAPIA CHIRURGICA RADICALE(RESEZIONE TRATTO INTESTINALE
INTERESSATO;RESEZIONE DEVE CADERE ALMENO 5 CM DISTANTE DALLA LESIONE
TENENDO CONTO ANCHE DELLA VASCOLARIZZAZIONE)+LINFADENECTOMIA E
RICOSTRUZIONE CONTINUITA INTESTINALE + FOLLOW UP
13
IL FOLLOW UP VA FATTO PER ALMENO 5 ANNI DALLA DATA DEL INTERVENTO CON
DOSAGGIO MARKERS TUMORALI ED ECOGRAFIA EPATICA OGNI 6MESI -1ANNO E
COLONSCOPIA,RX TORACE,TAC ADDOMINOPELVICA ANNO
STADIO 3 TERAPIA CHIRURGICA RADICALE+ CHEMIOTERAPIA/RADIOTERAPIA
ADIUVANTE;LA CHEMIOTERAPIA MIGLIORA LA SOPRAVVIVENZA DEI PAZ CON
METASTASI LINFONODALI MENTRE LA RADIOTERAPIA MIGLIORA IL CONTROLLO
LOCALE DELLA MALATTIA
STADIO 4 TERAPIA CHIRURGICA RADICALE TUMORE PRIMITIVO+TERAPIA
CHIRURGICA METASTASI+CHEMIOTERAPIA
SE TUMORI NON RESECABILI RADICALMENTE VA FATTA RESEZIONE PALLIATIVA
PROGNOSI -LA SOPRAVVIVENZA A 5 ANNI E DEL 100 STADIO A,67% STADIO B1,54%
STADIO B2,43% STADIO C1,23% STADIO C2,INFAUSTA STADIO D (NB IL FATTORE
PROGNOSTICO PRINCIPALE E LESTENSIONE DELLA LESIONE AL MOMENTO DELLA
DIAGNOSI)
14