Sei sulla pagina 1di 102

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

M ANUALE

DELL U TENTE

Versione 5 ~ Tutti i diritti riservati.

1999-2008, Y VE S C HA M PO L LI O N Tradotto dallinglese da LUCIANO DRUSETTA (drusetta@libero.it)

Sommario
Introduzione................................................................................................................................ 3 Convenzioni tipografiche........................................................................................................ 4 Declinazione di responsabilit.................................................................................................... 4 Specifiche tecniche..................................................................................................................... 4 Memorie di traduzione (TM).............................................................................................. 4 Glossari............................................................................................................................... 5 Lingue supportate................................................................................................................ 5 Formato del documento...................................................................................................... 5 Requisiti di sistema............................................................................................................. 6 Installazione................................................................................................................................ 6 Installazione automatica...................................................................................................... 6 Installazione manuale.......................................................................................................... 6 Disinstallazione di Wordfast................................................................................................... 8 Rimozione manuale.............................................................................................................8 Aggiornamento di Wordfast.................................................................................................... 9 Aggiornamento automatico................................................................................................. 9 Aggiornamento manuale..................................................................................................... 9 Utilizzo di questo manuale...................................................................................................... 9 Acquisto della licenza....................................................................................................... 10 Istruzioni di utilizzo.................................................................................................................. 11 Segmenti speciali.............................................................................................................. 15 Segmenti provvisori.......................................................................................................... 16 Funzionalit...............................................................................................................................17 La memoria di traduzione......................................................................................................17 Scheda TM........................................................................................................................ 17 Scheda TM Attributes [Attributi di memoria].................................................................. 19 Scheda TM Rules [Regole di memoria]............................................................................ 22 Scheda BMT [Background Memory: Memoria di sottofondo]........................................ 25 Scheda VLTM [Memoria server]...................................................................................... 26 Miscellanea....................................................................................................................... 29 Sezione Terminology [Riconoscimento di terminologia]..................................................... 30 Glossari............................................................................................................................. 30 Scheda Backlist [Lista di esclusione]................................................................................ 35 Scheda Reference.............................................................................................................. 37 Scheda Other [Altre opzioni di riconoscimento terminologico]....................................... 38 Sezione Tools [Strumenti]..................................................................................................... 39 Sezione Setup [Impostazioni]................................................................................................ 41 Scheda General [Impostazioni generali]........................................................................... 41 Scheda Segments [Opzioni di segmentazione]................................................................. 43 Scheda QC [Quality check]...............................................................................................45 Scheda View [Visualizzazione]........................................................................................ 47

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

PB (Pandoras box: il vaso di Pandora)............................................................................ 48 Conteggi di parole e caratteri, tariffe........................................................................................ 59 Documenti di Excel, Access, Powerpoint, HTML................................................................... 59 Casi speciali.............................................................................................................................. 60 Lingue diverse dal Latino-1.................................................................................................. 60 Lingue CJK (cinese, giapponese, coreano)........................................................................... 61 I file con i tag.........................................................................................................................62 Collegamenti......................................................................................................................... 64 I file di guida (Help).............................................................................................................. 64 Note a pi di pagina............................................................................................................... 64 Campi e oggetti..................................................................................................................... 65 Campi traducibili...............................................................................................................66 Segnalibri...............................................................................................................................67 Dizionario................................................................................................................................. 68 Ricerca contestuale................................................................................................................... 69 Gestione delle memorie e dei glossari...................................................................................... 70 Introduzione...........................................................................................................................70 Editor di memorie e glossari................................................................................................. 70 Regole di segmentazione di Wordfast................................................................................... 75 Formato delle memorie di Wordfast..................................................................................... 77 Caratteri codificati.............................................................................................................79 I tag nei file di memoria di Wordfast................................................................................ 82 Risoluzione dei problemi.......................................................................................................... 83 Glossario dei termini utilizzati nel presente manuale............................................................... 89 Appendice I: Segmentazione e memorie di traduzione............................................................ 93 La segmentazione.................................................................................................................. 93 File di memoria Memoria di traduzione............................................................................. 94 Appendice II: Impostazioni di lingua e controllo ortografico.................................................. 95 Appendice III: Esempi di macro............................................................................................... 95 Verifica di conteggio dei caratteri del segmento...............................................................96 Verifica della lunghezza visibile del segmento................................................................. 96 Verifica di coerenza delle virgolette................................................................................. 97 Evidenziare del testo con ombreggiatura.......................................................................... 97 Estrarre il contenuto delle caselle di testo in un documento a parte................................. 98 Un approccio pi sofisticato per la trasformazione da testo (.txt) a documento Word (.doc)................................................................................................................................. 99 Appendice IV: Trova e Sostituisci Opzioni avanzate.......................................................... 100 Ritorno al testo source.....................................................................................................100 Cambiare il formato dei numero da USA al sistema francese........................................ 100 Da testo TXT a documento Word DOC..........................................................................101 Sostituire i numeri........................................................................................................... 101 Cancellare i segmenti target che sono del tutto uguali al segmento source.................... 102 Associare una macro a una determinata combinazione di tasti.......................................102 Ringraziamenti........................................................................................................................ 102

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Introduzione
Wordfast un software di Traduzione Assistita (CAT: Computer-Aided Translation) progettato come componente aggiuntivo per Microsoft Word. Il suo scopo principale quello di aiutare lutente a tradurre documenti Ms-Word (nel formato DOC), anche se permette di tradurre anche documenti PowerPoint ed Excel e i cosiddetti file con i tag (chiamati tagged in inglese): un formato usato molto spesso nel settore della localizzazione. Wordfast utilizza una combinazione di due tecnologie: la segmentazione e le memorie di traduzione (TM: Translation Memory). Consigliamo a chi non ha familiarit con questi termini di leggere lAppendice I per una breve nota introduttiva. Wordfast offre anche funzioni terminologiche avanzate: tre glossari utilizzabili in contemporanea, ricerca contestuale in un numero illimitato di memorie, ricerca di riferimento in documenti non formattati, collegamenti a dizionari esterni o a banche dati terminologiche sul web Inoltre, la terminologia imposta dal cliente pu essere facilmente inserita in un glossario di Wordfast semplicemente usando il copia-incolla; durante il processo di traduzione Wordfast controller tutti i segmenti dal punto di vista della conformit alla terminologia del cliente. Wordfast offre funzioni di controllo qualit (QC) in tempo reale che comprendono controllo ortografico, controllo di conformit e altro. E possibile attivare un controllo di qualit in modalit batch su pi documenti alla volta, in modo che i project manager possano ottenere un dettagliato resoconto sulla qualit dellortografia e della terminologia dei documenti da loro gestiti. Wordfast lavora allinterno di Ms-Word, ma pu tradurre anche altri documenti Ms-Office come quelli di Ms-Excel, Ms-Access, Ms-PowerPoint e i documenti HTML. Il formato dei file di memoria (TM) di Wordfast aperto: tali file possono cio essere visualizzati e/o modificati con il Word, lExcel, lAccess e con molti altri noti programmi. Wordfast, inoltre, riconosce e utilizza automaticamente le Memorie di Traduzione nel formato originale di Trados Workbench (TMW) e quelle conformi al formato TMX (come quelle di Trados, DjVu, Star Transit, SDLX...). Wordfast anche compatibile con i formati standard forniti di tag, il che lo rende lo strumento di elezione per la traduzione dei file preparati con Rainbow (www.translate.com > Italiano > Tecnologia linguistica > ENLASO L10N-Tools / Freeware), con la suite di filtri Trados (ITP filter Pack, Stagger) ecc. E tutto questo in un piccolo modello Word! Wordfast lavora su PC con Ms-Word 97, 2000, 2002 (noto anche come Word XP) e 2003, su Macintosh OS Classic con Ms-Word 98 e 2001, e su Mac OSX con Ms-Word X e 2004 (occorre per verificare la compatibilit Macintosh sul singolo sistema; potrebbero essere necessari alcuni accorgimenti come spiegato nel capitolo Risoluzione dei problemi). La stessa memoria (anche di background) pu essere condivisa da un massimo di 20 utenti collegati in rete locale (LAN). Wordfast pu anche essere collegato a un programma (in locale o in rete) di Traduzione Automatica (a cui ci riferiremo con labbreviazione MT: Machine translation) per tradurre in automatico quando non si trovano corrispondenze nel file di memoria. Diversi strumenti ed estensioni permettono agli utenti pi esperti di portare a termine compiti complessi e ripetitivi, quali lestrazione e la pretraduzione di segmenti da un file Word, Access, PowerPoint o Excel, lottimizzazione delle memorie, lanalisi di progetti, il monitoraggio della terminologia utilizzata da diversi traduttori. Per venire incontro a necessit specifiche, utilizzando Wordfast la piattaforma di programmazione di Ms-Office (VBA), le agenzie di traduzione e i clienti con particolari esigenze possono realizzare estensioni 3

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

specifiche per un determinato progetto. Speriamo sinceramente che questo strumento professionale possa aiutarvi a incrementare la vostra produttivit e fornirvi un ambiente di lavoro migliore. Il Team di Wordfast www.wordfast.net

Convenzioni tipografiche.
1. Le parole importanti sono in in grassetto. 2. Le parole che appaiono sullo schermo, ad esempio le opzioni del men, i messaggi ecc. sono in carattere Tahoma: men File. 3. I tasti da premere, come CTRL e INVIO, in maiuscoletto. 4. Tutti i nomi dei documenti e dei file, il testo del documento da tradurre, quello del documento tradotto e tutto quanto viene scritto dallutente sono in carattere Courier New: Wordfast.ini.

Declinazione di responsabilit
Chi inizia a usare Wordfast dovrebbe dedicare un po di tempo a prenderne confidenza prima di impegnarsi in progetti lunghi o complessi. E bene testare Wordfast sul proprio sistema e accertarsi dei suoi limiti: non tutti i progetti o i documenti si possono tradurre con Wordfast. Esiste un livello di complessit (nel layout, nel formato, nella composizione stessa del documento, che potrebbe incorporare altri documenti, o che potrebbe avere link dinamici a modelli complessi ecc.) che nessun CAT in grado di gestire. Se pensiamo di iniziare un progetto di traduzione con formati o layout che affrontiamo per la prima volta, prima di accettare il lavoro sperimentiamo Wordfast su alcuni paragrafi di prova per vedere se si comporta correttamente. Occorre prudenza quando si affrontano aspetti tecnici con cui non abbiamo confidenza. Wordfast non sostituisce labilit tecnica del traduttore o del cliente nel gestire i documenti elettronici: come tutti gli strumenti informatici richiede la nostra abilit, non che ce la regala. Dalle pagine del sito web di Wordfast (www.wordfast.net) si possono scaricare delle guide per principianti illustrate che guidano lutente passo per passo. Le brevi istruzioni per luso che seguono danno per scontato che il lettore sia un utente sufficientemente preparato allutilizzo del Ms-Word e dei CAT in generale.

Specifiche tecniche
Memorie di traduzione (TM)
Dimensioni: fino a 500.000 accoppiate linguistiche o unit di traduzione (TU, Translation Units) per ogni memoria. Da notare che il Wordfast Server, una componente aggiuntiva gratuita a Wordfast, aggiunge unulteriore capacit di 200 milioni di TU: grazie a ci Wordfast in grado di gestire memorie di traduzione di estensione doppia rispetto ai CAT concorrenti. Formato: Wordfast usa TM in formato di testo semplice (ANSI) o Unicode (solo UTF-16 su Mac o PC). Le memorie di Wordfast sono in formato aperto, diretto, di semplice lettura e manutenzione, facili da condividere e da salvare, come spiegato in dettaglio nel capitolo Formato delle memorie Wordfast: si possono aprire con un qualsiasi editore di testo per leggerle, modificarle, fonderle insieme, rivederle ecc. Per gestirle si pu usare il Ms-Word oppure leditor interno di Wordfast. Questo formato garantisce stabilit dei dati, maggiore versatilit e compatibilit. Si tratta probabilmente del formato standard pi compatto creato finora; una memoria di Wordfast normalmente da tre a quattro volte meno ingombrante 4

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

della concorrenza: un fattore non trascurabile quando si gestiscono numerosi file di memoria. Il formato delle memorie di Wordfast non mai cambiato: tutte le versioni di Wordfast dalla 1 alla 5 condividono lo stesso identico formato. Questo formato si pu estendere per future funzioni senza rinunciare alla compatibilit con le versioni precedenti. Compatibilit: Wordfast legge e scrive anche il formato TMX (pu cio convertire da esso o salvare in quel formato). Prestazioni del motore TM: il motore TM di Wordfast costruito per trovare corrispondenze esatte e/o parziali (fuzzy) in meno di mezzo secondo nella maggior parte dei casi. Quando non esistono corrispondenze n esatte n parziali, Wordfast pu recuperare espressioni o testo che abbiano rilevanza per il segmento di origine (source) che stiamo traducendo. Integrazione: il motore TM di Wordfast completamente integrato in Word: non si deve far girare nessunaltra applicazione. Utilizzo in rete: lo stesso file di memoria pu essere condiviso da diversi utenti (fino a 20) collegati in rete locale (LAN).

Glossari
Wordfast pu usare fino a tre glossari alla volta. Dimensioni: stato volontariamente limitato a 120.000 voci. Molti dei glossari specifici forniti dai clienti per un certo progetto contengono molto meno di 10.000 voci, e la maggior parte di essi ne contiene circa un migliaio. Formato: come le memorie, anche i glossari di Wordfast sono file di testo (semplice o Unicode) delimitato da tabulazioni. E dunque facile inserire nuova terminologia facendo un semplice copia-incolla dal glossario del cliente; facile combinare glossari ecc. Caratteristiche: i glossari di Wordfast offrono una gamma completa di servizi che vanno dalla semplice query di un termine o di unespressione fino a un pi completo riconoscimento terminologico, evidenziando in tempo reale i termini del segmento source. Riconoscimento di terminologia parziale (fuzzy): Wordfast riconosce la terminologia esatta o parziale contenuta nei glossari. I glossari si possono usare cos come sono o affinando la ricerca con luso di caratteri jolly. Integrazione: i glossari di Wordfast sono completamente integrati in Word: non si deve far girare nessunaltra applicazione. Utilizzo in rete: lo stesso glossario pu essere condiviso da diversi utenti (fino a 20) collegati in rete locale (LAN).

Lingue supportate
Possiamo usare Wordfast per tradurre una qualsiasi delle lingue supportate dal Ms-Word: dunque tutte le lingue europee basate sui caratteri latini; il cinese, il giapponese e il coreano; le lingue che si scrivono da destra verso sinistra (arabo, ebraico); quelle che usano lalfabeto cirillico; le lingue centroeuropee; il greco; varie forme di hindu; moltissime lingue rare ecc.

Formato del documento


Wordfast utilizza Ms-Word come editore di testo, dunque gestisce tutti i formati riconosciuti da Word. Possiamo usare Wordfast anche per tradurre documenti Excel e PowerPoint senza bisogno di alcun filtro o dispositivo di gestione dei tag. Wordfast pu gestire documenti HTML se installiamo il freeware PlusTools o se al documento HTML vengono aggiunti i tag. Wordfast compatibile con il formato tagged prodotto da RWS Rainbow, Trados Stagger ecc. In questo modo possiamo facilmente integrare Wordfast in un progetto basato sullarchitettura Trados per gestire i formati FrameMaker, SGML, Quark Xpress, PageMaker, InDesign ecc. 5

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Requisiti di sistema
Il sistema operativo (da Windows 95 a Window XP, da Mac OS7 a Mac OSX, Linux con MsOffice) non rilevante. Wordfast funziona senza problemi su qualsiasi sistema che fa girare comodamente Microsoft Word 97 o successivi. Le versioni di Word supportate sono: Word 97, Word 2000, Word 2002 (XP), Word 2003 su PC; e Word 98, Word 2001, Word X e Word 2004 su Macintosh. Meglio funziona Word (in termini di velocit e affidabilit) e meglio lavora Wordfast. Pu andar bene anche un modesto PC da 120 MHz con Windows e Word 97. Per il Macintosh, con Mac OS7-9 raccomandiamo un processore medio (500 MHz), mentre per Mac OSX meglio un processore veloce (1 GHz).

Installazione
Installazione automatica
Con versioni di Word superiori a Word 97, aprire in Word la finestra di dialogo Protezione in Strumenti/Macro e impostare il livello di protezione su "bassa". Se c anche la scheda "Fonti attendibili", selezionare tutte le opzioni presenti in essa. Quindi chiudere Word e riaprirlo prima di effettuare linstallazione automatica. Per linstallazione automatica avviamo Word, aprire il file di modello wordfast.dot usando la voce di men File/Apri (come quando si aprono i normali documenti), abilitare le macro se ci viene chiesto di farlo e cliccare sul pulsante INSTALL WORDFAST. Gli utenti di sistemi che utilizzano Unicode, cio lingue come cinese, giapponese, coreano, russo, lingue centroeuropee, arabo, ebraico ecc sono invitati a leggere la nota riguardante lutilizzo di nomi di file e di percorso (cartelle) in caratteri latini. Linstallazione automatica lunico caso in cui dobbiamo aprire il file wordfast.dot come un documento. Dopo linstallazione, il file wordfast.dot viene aggiunto come modello di avvio e lo troviamo aprendo la finestra di dialogo Modelli e aggiunte nel men Strumenti. Dora in avanti non dovremo pi aprire il file wordfast.dot come documento.

Installazione manuale
Linstallazione manuale va usata se fallisce quella automatica. Durante linstallazione manuale il file wordfast.dot non va aperto come documento: va solo aggiunto alla lista dei modelli di Word procedendo come segue.

Chiudere Word. Copiare il file wordfast.dot nella cartella di Esecuzione automatica di Word. Diamo di seguito i percorsi standard di questa cartella (in certi computer potrebbe trovarsi altrove):
Ms-Word 97 (tutti i sistemi operativi) ...\Programmi\Microsoft Office\Office\Esecuzione automatica Ms-Word 2000 e superiore: Windows 9x: ...\Windows\Dati applicazioni\Microsoft\Ms-Word\Startup Windows NT: ...\WinNt\Profili\Nome utente\Dati applicazioni\Microsoft\Startup Windows 2000 e XP: ...\Documents and settings\Nome utente\Dati applicazioni\Microsoft\Word\Startup Macintosh: ...::Microsoft Office 98:Startup ...:Applications:Microsoft Office X:Office:Startup:Word

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Lesatto percorso della cartella di esecuzione automatica viene specificato in Word nella scheda Directory predefinite dal men Strumenti/Opzioni (Preferenze/Cartelle predefinite su certe versioni di Mac). Se in questa scheda non indicata alcuna cartella di esecuzione automatica, la dobbiamo specificare noi: Word deve avere una cartella di esecuzione automatica per caricare determinate componenti aggiuntive al suo avvio. Se non troviamo la cartella Esecuzione automatica di Word sul nostro disco rigido, probabilmente nascosta: leggiamo allora come gestire le cartelle nascoste. Gli utenti di sistemi che utilizzano Unicode, cio lingue come cinese, giapponese, coreano, russo, lingue centroeuropee, arabo, ebraico ecc sono invitati a leggere la nota riguardante lutilizzo di nomi di file e di percorso (cartelle) in caratteri latini. Aprire Word. Se non appare licona di Wordfast, selezionare la barra degli strumenti di Wordfast dal men Visualizza/Barre degli strumenti. Se il men Barre degli strumenti non contiene la voce Wordfast, ecco cosa fare. Installazione manuale alternativa (se il metodo precedente fallisce): Avviare Word e aprire la finestra Modelli e aggiunte in Strumenti. Cliccare su AGGIUNGI.., cercare e aggiungere il file wordfast.dot. Da notare che tutte le volte che avvieremo Word si dovr ripetere questo procedimento, aprendo questa stessa finestra e cercando ogni volta il modello wordfast.dot. Se nessuno dei metodi illustrati fin qui funziona: 1. Creare una nuova cartella al primo livello dellhard-disk, per es. C:\Wordfast oppure
C:\Programmi\Wordfast. Copiare wordfast.dot nella cartella appena creata.

2. Avviare Word. Dal men Strumenti/Opzioni/Directory predefinite cliccare sulla voce


AVVIO, quindi sul pulsante MODIFICA: a questo punto indicare la cartella appena creata, che diventer la nuova cartella di Avvio. Riavviare Word e far partire Wordfast. Se non appare licona di Wordfast, selezionare la barra degli strumenti di Wordfast dal men Visualizza/Barre degli strumenti. 3. Se il punto numero 2 non funziona, aprire la finestra Modelli e aggunte del men Strumenti e cliccare su AGGIUNGI per aggiungere il modello wordfast.dot appena copiato nel punto 2. Se non appare licona di Wordfast, selezionare la barra degli strumenti di Wordfast dal men Visualizza/Barre degli strumenti.
Nota 1: Se abbiamo difficolt a individuare la cartella di esecuzione automatica di Word avviare Word e aprire il men Strumenti/Opzioni e quindi Directory predefinite. Prendere nota del percorso completo della cartella di esecuzione automatica l indicato. Nota 2: Se in qualsiasi momento Word chiede se vogliamo salvare i cambiamenti fatti al modello Wordfast, rispondere di no! Il modello Wordfast.dot non va mai modificato. Nota 3: Con Wordfast.dot nella cartella di Esecuzione automatica, Wordfast viene caricato tutte le volte che si avvia Word. Se Wordfast.dot viene copiato nella cartella Modelli, tutte le volte occorre aprire la finestra di dialogo Strumenti/Modelli e aggiunte..., cliccare su Aggiungi..., selezionare Wordfast.dot e premere OK. Wordfast.dot non va mai aperto come documento. Nota 4: Chi usa Mac OS Classic pregato di leggere la nota sulla allocazione di memoria per Word nel capitolo Risoluzione di problemi, nonch la nota sul file di opzioni della banca dati di registrazione PPC (PPC: registration database preference file). Nota 5: Con Word 2000 o superiore usare il men Strumenti/Macro/Protezione per impostare un livello di protezione basso, poi riavviare Word. Nota 6: Utenti di Ms-Word 97: vedere la parte riguardante la risoluzione di problemi con Word 97. Nota 7: Se abbiamo due versioni diverse di Word sullo stesso disco, servono due copie di Wordfast: una in ciascuna cartella di Esecuzione automatica o Modelli di ciascuna versione di Word. In questo modo ogni singolo wordfast.dot avr un suo proprio file di configurazione INI dove viene salvato il relativo numero di licenza. Si deve chiedere una licenza a parte per ogni versione di Word, perch ciascuna versione di Word impone a Wordfast di creare un numero di installazione diverso.

Cliccare sullicona verde-azzurra nella barra degli strumenti di Wordfast.


Se licona non compare, usare il men Strumenti/Modelli e aggiunte e nella finestra Modelli cliccare su Aggiungi, cercare Wordfast.dot sul disco e aprirlo. Chiudere poi la finestra Modelli.

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Dovrebbe apparire ununica icona verde-azzurra. Cliccandola, si dovrebbe aprire la barra degli strumenti di Wordfast che ha questo aspetto:

Le icone di Wordfast, da sinistra a destra, sono:


Next Segmento successivo; Copy source Copia il segmento di origine in quello di destinazione; Expand Espandi segmento; Shrink Riduci segmento; Translate Traduci; End Chiudi la traduzione; Previous placeable Elemento sostituibile precedente; Copy placeable Copia lelemento sostituibile; Next placeable Elemento sostituibile successivo; Dictionary Dizionario; Context Ricerca contestuale; Glossary Glossario; Memory Memoria; Quality-Check Controllo Qualit; Quick Clean-up Pulizia rapida; Edit TM or Glossary Editor di memorie o glossari; Wordfast Apri finestra di Wordfast.

Disinstallazione di Wordfast Rimozione manuale


Chiudere Word. Usando lutilit di ricerca file del sistema operativo (in Windows, tasti WINDOWS+ F) cerchare wordfast.* e poi cancellare tutti i file wordfast che troviamo. Tutto qui. Wordfast non modifica in nessun modo il sistema, non aggiunge n rimuove voci di registro, non aggiunge n rimuove tipi di carattere, non crea file nascosti di protezione o per scopi occulti, non aggiunge n rimuove cartelle, non aggiunge n rimuove librerie dinamiche DLL: cos lunica cosa da fare per disinstallare Wordfast cancellare il file wordfast.dot.
Nota importante: i sistemi operativi pi recenti hanno cartelle nascoste o di sistema, e la cartella di esecuzione automatica di Word potrebbe trovarsi in una di queste (probabilmente sotto C:\Documents and Settings\...). In questo caso impostare Windows Explorer o gli altri programmi di ricerca e gestione file che usiamo (i cosiddetti file manager) perch mostrino le cartelle nascoste o di sistema. Per farlo, in Windows Explorer o nellutilit di ricerca file di Windows aprire il men Strumenti/Opzioni cartella e da qui Visualizzazione e poi Cartelle e file nascosti, dove dobbiamo indicare di visualizzare questi file e cartelle. In altri sistemi operativi il metodo per rendere visibili ai file manager i file e le cartelle nascoste potrebbe essere un po diverso..

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Alcuni sistemi operativi impongono rigide restrizioni di scrittura/lettura. Certi software antivirus o certi amministratori di rete particolarmente cauti possono imporre restrizioni tali da impedire laggiunta di modelli e componenti aggiuntive a Word per paura dei macrovirus. Sebbene questi timori possano sembrare giustificati (anche se molti amministratori di rete e molti pacchetti antivirus funzionano egregiamente pur non usando tali restrizioni), essi impediscono lutilizzo di Wordfast. Per risolvere il problema possibile creare una cartella in una porzione non protetta del disco rigido (per definizione, ovunque si possa creare una cartella una parte non protetta.) Poi in Word, apriamo il men Strumenti/Opzioni e da qui Directory predefinite per indicare che la cartella di esecuzione automatica quella che abbiamo appena creato. Copiare wordfast.dot in questa cartella, poi chiudere Word e riavviarlo. Il punto fondamentale che Wordfast scritto interamente nel linguaggio delle macro di Word, e non potremo mai far partire Wordfast se lamministratore di rete o lantivirus rifiuta linstallazione di qualsiasi programma basato sulle macro.

Aggiornamento di Wordfast
Scaricare la versione pi recente di Wordfast da www.wordfast.net.

Aggiornamento automatico
Ripetere la procedura di installazione.

Aggiornamento manuale
Ripetere la procedura di installazione manuale, oppure: 1. Chiudere Word. 2. Sostituire il file wordfast.dot sul disco rigido con quello nuovo. Consigliamo di cambiare nome al wordfast.dot precedente (chiamandolo per es. wordfast.old) per poter tornare facilmente alla versione precedente in caso di problemi.
Controllare regolarmente la pagina www.wordfast.net per essere certi di usare la versione pi recente. Consigliamo di aggiornare Wordfast possibilmente tra un lavoro e laltro, quando non si lavora sotto pressione, a meno che la versione aggiornata non possegga qualche caratteristica della quale si ha davvero un urgente bisogno.

Utilizzo di questo manuale


Come in tutti i documenti Word, per trovare rapidamente uninformazione in questo manuale possiamo usare la funzione Trova di Word. Per esempio, per trovare consigli sulle preferenze relative a Virgolette/Apostrofi/Trattini, premere Ctrl+Maiusc+T (o laltra eventuale combinazione di accesso rapido indicata di fianco alla voce Trova), scrivere la parola virgolette e premere il tasto Enter o Invio. Ecco perch lidea di stampare il manuale non la migliore: si fa molto prima a trovare le informazioni nella sua versione elettronica piuttosto che sfogliare un centinaio di pagine. Per seguire i collegamenti (di colore blu sottolineato) o spostarsi dal TOC (il sommario iniziale) ai vari capitoli e sezioni del manuale, su alcune versioni di Word si deve preme il tasto Ctrl con il mouse posizionato sopra il collegamento. Lassistenza di Wordfast non risponde volentieri a richieste la cui risposta reperibile in modo chiaro e ovvio nel presente manuale, o se il problema strettamente legato alluso del sistema operativo e/o di Word, piuttosto che di Wordfast.

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Acquisto della licenza


Le copie di Wordfast senza licenza sono limitate a circa 500 unit di traduzione o poco pi. Da notare che senza una licenza valida, Wordfast pu accettare memorie pi grandi ma arrivato a un certo punto oltre le 500 unit, si blocca. Il lavoro eseguito e i dati raccolti fino a quel momento (memorie di traduzione, glossari, documenti ecc.) non andranno persi; solo che Wordfast potrebbe rifiutarsi di proseguire. Le domande pi frequenti su questo argomento sono state raccolte, con le relative risposte, nella pagina di FAQ http://www.wordfast.net/index.php?whichpage=faqbuying Qui invece si trova una descrizione completa delle conoscenze di base relative a Wordfast: http://www.wordfast.net/know.php?ToDo=view&questId=43&catId=16 Qui pubblicato lAccordo di licenza utente: http://www.wordfast.net/index.php?whichpage=agreement Per acquistare una licenza bisogna prima avere scaricato e installato Wordfast. Inoltre si dovrebbe averlo sperimentato sul proprio sistema prima di decidere se acquistarlo. Cliccare sullicona per lanciare Wordfast e prendere nota del numero di installazione a 8 cifre (Install #); nellillustrazione qui sotto il numero 47603374, ma nel nostro caso il numero sar certamente diverso.

Andare quindi sul sito www.wordfast.net alla pagina buy, dove va indicato il numero di installazione e la forma di pagamento prescelta. Per mantenere bassi i prezzi, non sono stati previsti rimborsi dopo lacquisto di una licenza. Dopo il pagamento riceveremo via E-mail una fattura con il numero di licenza (ci potrebbe arrivare una fattura o una ricevuta dal sito web di pagamento sicuro associato a Wordfast, ma quella che ci serve la fattura proveniente dal distributore di Wordfast con il numero di licenza specificato in essa). Digitare il numero di licenza nel campo vuoto License # di fianco al numero di installazione e chiudere Wordfast. Aprire di nuovo Wordfast e riorganizzare il file di memoria col pulsante reorganise nella scheda Translation Memory/TM. A questo punto possibile continuare a usare Wordfast

10

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

senza pi limitazioni. Se dovesse capitare che aprendo un file di memoria ci venga chiesto il numero di licenza, sufficiente riorganizzare il file di memoria (TM). Se pensiamo di usare Wordfast per svolgere unattivit professionale, non conviene aspettare lultimo momento per acquistare la licenza! Infatti, a seconda del tipo di pagamento, lintero procedimento potrebbe durare da poche ore (con carta di credito) a una settimana (con bonifico bancario, trasferimento di contanti, assegno ecc.). Se il numero di licenza corretto, dopo la riorganizzazione del file di memoria vengono rimosse le limitazioni sulla dimensione del file stesso. Lunica limitazione delle copie di Wordfast senza licenza consiste nella grandezza del file di memoria. Tutte le altre funzioni sono attivate. Non esistono versioni di Wordfast full o limitate: esiste solo una unica applicazione wordfast.dot con tutte le funzioni, e lunica differenza che conta se c o se non c un numero di licenza valido. Tutto lapplicativo di Wordfast contenuto in un unico modello (wordfast.dot) e questo file lo stesso per tutte le piattaforme (PC/Windows, Mac OS, Linux ecc.): si tratta della versione completa. Naturalmente si dovr controllare ogni tanto il sito www.wordfast.net o iscriversi a una mailing list (vedi il link sulla stessa pagina web) per verificare se stata rilasciata una versione aggiornata. Una volta acquistata una licenza possibile aggiornarsi gratis per tre anni alle nuove versioni di Wordfast, basta scaricare Wordfast e installarlo: sostituir la versione esistente. DECLINAZIONE DI RESPONSABILIT: Lautore, il distributore e i distributori di Wordfast declinano ogni responsabilit per lutilizzo scorretto, o semplicemente per luso, di Wordfast. Con lacquisto della licenza lutente dichiara di aver avuto tempo sufficiente per provare e testare Wordfast sul proprio sistema personale e che desidera usare Wordfast cos com, per quanto imperfetto possa essere. Le specifiche descritte nel presente manuale possono essere soggette a modifiche senza preavviso in qualsiasi momento e non hanno valore di impegno.

Istruzioni di utilizzo
Impostazioni per il primo utilizzo di Wordfast Se la barra degli strumenti di Wordfast mostra una sola icona, cliccarci sopra per aprire la barra in tutta la sua estensione. Cliccare sullultima icona ( ) della barra degli strumenti di Wordfast. Nella finestra che si apre, cliccare sulla scheda TM.

11

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Cliccare sul pulsante New TM per creare un nuovo file di memoria. A questo punto viene chiesto di indicare i codici ISO conformi allo standard TMX delle due lingue da usare nel file: la lingua source (lingua sorgente, originale, quella dalla quale si traduce) e la lingua target (la lingua di destinazione, traducente, quella verso la quale si traduce). Una volta che Wordfast ha creato la memoria (che un documento Word in formato di testo normale) basta dar un nome al file e indicare dove lo si vuole salvare. A questo punto, chiudere la finestra di Wordfast. Questa memoria pu servire per un numero illimitato di lavori, ma raccomandiamo di usare memorie diverse per argomenti e/o clienti, come spiegato nel capitolo Gestione dei file di memoria (TM). La traduzione con Wordfast consiste sostanzialmente di due fasi: Traduzione e Pulizia.

1. Traduzione:
A. Aprire il documento da tradurre e cliccare sullicona Next
. Il primo segmento source appare su fondo azzurro (notare che i segmenti sono delimitati da simboli viola come questo , che non vanno mai modificati n cancellati). Il riquadro inferiore (che pu essere verde, giallo o grigio) il segmento target da tradurre. Se Wordfast trova in memoria una traduzione esatta o approssimativa per il segmento aperto, la visualizza su fondo verde o giallo, altrimenti il riquadro target resta vuoto e di colore grigio. Sta a noi digitare la traduzione nel segmento di destinazione, cio soltanto nel rettangolo inferiore (verde, giallo o grigio) e non altrove, come nellesempio che segue:

Cliccare sullicona Next o premere Alt+Gi per convalidare il segmento aperto e spostarsi su quello successivo. ! Da notare che per convalidare la traduzione non si devono mai usare n il tasto di Invio (Enter) n quello del Tabulatore. I segmenti di origine e destinazione non devono mai contenere comandi di fine paragrafo (ritorni a capo), tabulatori o interruzioni di pagina. B. Tradurre il documento cliccando su Next per convalidare i vari segmenti. Per terminare la traduzione cliccare sullicona End (Alt+Fine) (quando si convalida lultimo segmento del documento si esce automaticamente dalla traduzione). C. Una volta tradotto lintero documento lo si pu rivedere (revisionare, controllarne lortografia, curarne la formattazione): vedi nota n. 2 qui di seguito. Per modificare un segmento premere Alt+Gi, editarlo e poi chiuderlo con Alt+Fine.

2. Pulizia (Clean-up): una volta completata la revisione clicchiamo sullicona Wordfast


, poi sulla scheda Tools; evidenziamo il documento tradotto nella lista Select documents e clicchiamo su Clean-up. Nota bene: se si lavora per unagenzia di traduzione, potrebbero chiedere di saltare questa fase, cio di rispedire il documento segmentato senza pulirlo. Rispondere S alla domanda Update translation memory? solo se il documento stato revisionato o modificato senza aprire/chiudere i segmenti. Da notare: 1. Fare sempre una copia di sicurezza del documento originale (source) prima di tradurlo. Non
tradurre mai sugli originali! 2. Visualizzare sempre il testo nascosto, in modo che quando rivediamo un documento (per curarne

12

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

3.

4.

5.

6. 7.

8.

la formattazione, fare revisioni o controlli ortografici) sia visibile sia il testo source che i segni di demarcazione dei segmenti. Ctrl+Virgola permette di passare rapidamente dalla visualizzazione con testo nascosto a quella senza testo nascosto per avere una anteprima del risultato finale della traduzione; ma quando riprendiamo il lavoro di traduzione il testo nascosto deve sempre essere visibile. Consigliamo di sperimentare le varie combinazioni possibili dalla finestra Visualizza nel men Strumenti/Opzioni di Word. Per impostare il modo in cui Wordfast gestisce le virgolette, usare il comando ProcessQuotes nel vaso di Pandora. Si pu rimandare lutilizzo di questa opzione a quando avremo maggiore confidenza con Wordfast, ma un comando molto utile che consigliamo di imparare presto (cos come gli altri due: ProcessApostrophes e ProcessDashes). Non sempre le virgolette, gli apostrofi e i trattini contenuti nel file di memoria sono in sintonia con le particolari esigenze (che possono cambiare) del progetto e/o del cliente con cui si lavora in un dato momento. Il comando ProcessQuotes permette di risparmiare tempo e di mantenere in ordine il file di memoria. Durante la traduzione possibile evidenziare una porzione di testo qualsiasi, in modo che Wordfast usi quel testo selezionato come segmento successivo: basta premere MAIUSC+ALT+GI (segmentazione forzata). Questo particolarmente utile per esempio quando si deve saltare una parte di documento. La parte di testo selezionata si trova normalmente nella porzione di documento successiva a quella che si sta traducendo. Da notare per che la selezione pu essere anche allinterno del segmento source: in questo caso il comando equivale a ridurre il segmento. Wordfast considera i numeri isolati come da non tradurre e non li segmenta. Noi per possiamo sempre selezionarli in modo che Wordfast li segmenti. Ricordiamo anche che il vaso di Pandora ha il comando SegmentAll che fa segmentare a Wordfast anche i numeri isolati. Se Wordfast trova pi di una accoppiata (TU = unit di traduzione) corrispondente, propone quella col pi alto valore di corrispondenza tra source (originale) e target (traduzione). La combinazione ALT+DESTRA/SINISTRA permette di visualizzare, fra le 10 prime accoppiate trovate in memoria, quelle rispettivamente successive e precedenti allunit di traduzione visualizzata, in ordine di valore di corrispondenza. Se il computer o Word si dovessero spegnere accidentalmente durante la traduzione, vedere il capitolo Risoluzione di problemi. E possibile lavorare anche senza nessuna memoria di traduzione, se per qualsiasi motivo non si vuole che Wordfast proponga alcunch o se non vogliamo aggiornare il file di memoria. Possiamo escludere o riattivare in qualsiasi momento la memoria di traduzione usando i tasti MAIUSC+ALT+M. Se il segmento source contiene segnalibri, allinizio e alla fine di ogni segnalibro noteremo dei segni rossi di demarcazione. Maggiori dettagli al capitolo Segnalibri.

Oltre ad ALT+FINE (che convalida e chiude il segmento aperto e termina la traduzione) ci sono altri due modi per chiudere il segmento aperto e uscire dalla traduzione: MAIUSC+ALT+FINE ALT+CANC
Chiude il segmento senza scriverlo nel file di memoria. Con un segmento aperto (il segmento source appare su sfondo blu chiaro) questa combinazione cancella il contenuto del segmento target, chiude il segmento (e la traduzione) e ripristina il segmento source cos comera prima della segmentazione. Se non vi sono segmenti aperti, questa combinazione di tasti desegmenta lintero documento (ripristinando il testo originale).

Altre icone e combinazioni di tasti: Expand


(ALT+GI) espande un segmento quando la frase logica continua oltre un segno di punteggiatura finale. Da notare che non possibile allungare un segmento oltre un segno di fine paragrafo, uninserimento di pagina, un tabulatore o la cella di una tabella. (ALT+PAGSU) ha leffetto contrario del precedente: riduce il segmento.

Shrink

13

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5 (ALT+INS) copia il segmento source sul segmento target. traduce finch trova una corrispondenza non esatta. (CTRL+ALT+C) effettua una ricerca nel file di memoria e nella memoria di sottofondo e mostra tutte le accoppiate contenenti una data parola. Come azione predefinita la ricerca viene fatta solo nei segmenti source delle memorie. Se per durante la traduzione si seleziona un termine del segmento target, Wordfast esegue la ricerca contestuale solo nei segmenti target delle memorie. (CTRL+ALT+N) effettua una ricerca nei file che si trovano nella cartella specificata in Wordfast/TerminologyReference/Reference search folders alla ricerca di materiale di riferimento. (CTRL+ALT+D) cerca una parola o unespressione nel dizionario esterno n. 1 attivo in quel momento. (CTRL+ALT+F) cerca una parola o unespressione nel dizionario esterno n. 2 attivo in quel momento. (CTRL+ALT+G) cerca una parola o unespressione nei glossari. (CTRL+ALT+M) visualizza il contenuto dellunit di traduzione (TU) sopra il segmento proposto. (MAIUSC+CTRL+G) attiva/disattiva il Controllo Qualit (QC) in tempo reale durante la traduzione. (CTRL+ALT+Q) pulisce un documento senza aggiornare la memoria (loperazione di pulizia vera e propria, completa, si effettua dalla scheda Tools di Wordfast). Si pu usare se il documento stato sottoposto a revisione tramite lapertura dei segmenti: in questo caso le modifiche sono gi registrate nel file di memoria. Se Wordfast propone di lavorare su segnalibri senza pulire il documento, vedi Segnalibri. Cancella il contenuto del segmento target. Copia gli attributi di testo/stile del segmento source nel segmento target. E utile se nel segmento aperto copiamo del testo che ha uno stile o un carattere diverso. Impone a Wordfast di utilizzare come segmento successivo il testo appena selezionato. Carica i glossari nella barra degli strumenti se la loro dimensione inferiore a 200 Kbyte. Si pu usare per tornare al segmento precedente. Se nel file di memoria viene trovata pi di una corrispondenza, questa combinazione di tasti serve a visualizzare lunit di traduzione (TU) precedente o successiva in ordine di valore di corrispondenza. Seleziona (nel segmento di origine) la precedente (o la prima) porzione di testo sostituibile. CTRL+ALT+GI copia il testo sostituibile selezionato sulla posizione che occupa il cursore nel segmento target. Per porzione di testo sostituibile si intende un elemento intraducibile che viene semplicemente copiato dal segmento di origine a quello di destinazione. Segna un segmento come provvisorio. E una funzione molto importante: vedi segmenti provvisori. Attiva/disattiva la visualizzazione del testo nascosto. Ci permette di avere una sorta di "anteprima" della traduzione finale per poi tornare alla visualizzazione piena. Tutte le operazioni di modifica, controllo ortografico, revisione ecc. vanno fatte in visualizzazione "piena", cio mostrando il testo nascosto. Se aperta una sessione di traduzione, questo comando copia una qualsiasi selezione di testo (da qualsiasi documento Word) nel segmento target aperto. Se la selezione nel segmento target ha lunghezza zero (cio se solo un punto di inserimento) il testo selezionato viene copiato nel punto di

Copy Source Translate Contexts

Reference Dictionary1 Dictionary2 Glossary Memory Quality Check Quick-clean

CTRL+ALT+X CTRL+ALT+INS MAIUSC+ALT+GI MAIUSC+CTRL+G ALT+SU


ALT+DESTRA/SINISTRA

CTRL+ALT+SINISTRA/DE
STRA

F10 CTRL+VIRGOLA

ALT+F12

14

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5 inserimento (posizione del cursore). Se viene evidenziata una porzione del segmento target o se la selezione (o il punto di inserimento) si trova fuori dal segmento target, il testo viene copiato alla fine del segmento target. Se il testo appena copiato ha un formato o uno stile diversi dallo stile generale del segmento target, ricordate che con la combinazione CTRL+ALT+INS possibile copiare lo stile e il formato del segmento source nel segmento target.

Note: 1. Trados Translators Workbench (TWB, tutte le versioni) in grado di fare il clean-up di documenti tradotti 2. 3.
con Wordfast (e viceversa); i file di memoria di Wordfast si possono condividere con Trados, DjVu, CypresSoft, Star Transit ecc. utilizzando lo standard TMX. Quando sopra il segmento aperto viene visualizzata una unit di traduzione (TU), possibile utilizzare la combinazione MAIUSCOLE+ALT+INS per copiare il contenuto del segmento target del file di memoria nel segmento target del documento. Per escludere alcune porzioni del documento dal processo di traduzione creare un nuovo stile denominato "tw4winExternal" e applicarlo alle parti del documento da non tradurre. Unaltra semplice maniera consiste nello scegliere un attributo di testo (Barrato doppio, Ombreggiatura o Cornice rossa tratteggiata nella scheda Effetti di testo), applicarlo al testo da non tradurre, poi selezionare lopzione corrispondente in Wordfast/Setup/Segments/Use ... as untranslatable attribute.

Segmenti speciali
Ci sono due casi in cui, per richiamare lattenzione del traduttore, la visualizzazione dei segmenti avviene su uno sfondo di colore particolare. 1. Segmenti a corrispondenza perfetta (100%) su sfondo giallo:

Indicano che Wordfast propone un segmento come pienamente corrispondente (full match) ma dopo aver fatto alcune modifiche automatiche. Per esempio pu avere aggiornato indirizzi web o di posta elettronica, numeri, tag o campi. Se Wordfast ritiene che il processo di aggiornamento possa causare anche la pi minima possibilit di ambiguit, il segmento target viene mostrato su sfondo giallo. In caso di dubbi, basta usare la combinazione CTRL+ALT+M per visualizzare laccoppiata di source e target originali. 2. Quando si apre un segmento gi tradotto il cui contenuto target non corrisponde al 100% al contenuto target presente nel file di memoria. Questo avviene se si traduce un documento e si modifica successivamente un segmento target senza aprirlo: in questo caso diciamo che il segmento stato corretto a mano, cio senza riaprirlo con Wordfast ma direttamente in Word.

15

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

La cornice rossa attorno al segmento target indica che il testo tradotto cambiato rispetto al segmento salvato nel file di memoria.

La combinazione di tasti CTRL+ALT+M permette di verificare quali differenze ci sono; normalmente si tratta di piccoli refusi o errori di battitura. Nellesempio in figura, larticolo femminile francese "une" del segmento target originale (quello salvato nel file di memoria) stato cambiato nellarticolo maschile "un". La convalida del segmento incorniciato di rosso (passando al segmento successivo con ALT+GI o terminando la traduzione con ALT+FINE) salva nel file di memoria laccoppiata di segmento source+target visualizzata in quel momento e cancella dal file di memoria lunit di traduzione precedente. Riaprendo il segmento la cornice rossa dovrebbe essere sparita.

Segmenti provvisori
Se vogliamo segnare come "provvisorio" o temporaneo un segmento che non abbiamo

16

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

tradotto completamente (perch per la sua traduzione siamo in attesa di chiarimenti o perch ci manca qualche terminologia specifica), premiamo F10 col segmento ancora aperto. Cos facendo assegniamo al segmento aperto un demarcatore provvisorio color fucsia e passiamo al segmento successivo. Quando pi tardi (con Wordfast avviato ma senza nessun segmento aperto) premeremo ancora F10, verremo portati sul primo segmento provvisorio del documento aperto in modo da poterlo completare. Chiudendo (convalidando o approvando) il segmento con ALT+GI (Next segment) o ALT+FINE (End translation session) il segmento perde la sua condizione di provvisorio e il segno colorato viene rimosso. Possiamo completare un segmento provvisorio in qualsiasi momento, anche parecchi giorni dopo averlo segnato con F10. Non possiamo per effettuare la pulizia (clean-up) del documento finch esso contiene anche un solo segmento provvisorio. Se dobbiamo consegnare documenti non puliti (cio segmentati, bilingui) dobbiamo accertarci che non contengano segmenti provvisori. Per vedere se un documento contiene segmenti provvisori basta premere F10.

Funzionalit
La memoria di traduzione Scheda TM

In questa sezione possiamo selezionare una memoria esistente o crearne una nuova; definire gli attributi di memoria, fissare le regole del file di memoria, usare una memoria di sottofondo, impostare Wordfast Server (solo su PC) e utilizzare la traduzione automatica se abbiamo acquistato e installato un motore MT (machine translation) che funziona con Word (come Systran, PowerTranslator, ProMT Reverso ecc.; la maggior parte dei traduttori per non usa nessun programma di traduzione automatica). Quando si crea un nuovo file di memoria Wordfast chiede i codici conformi allo standard TMX per il linguaggio source e per quello target. Sono codici a 5 caratteri: 2 caratteri per la lingua, un trattino e 2 caratteri per la variante locale (oppure 01 se in quella lingua non ci sono varianti locali). Per lo scambio TMX con altri strumenti di traduzione come il Trados, vedi 17

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

nota 2 pi sotto. Se dopo aver usato il pulsante Select TM si preme CANCEL, Wordfast chiede se vogliamo lavorare senza memoria di traduzione. Rispondendo di s non viene scelta nessuna memoria di traduzione. E possibile iniziare una traduzione senza usare memorie; Wordfast visualizzer un messaggio che ci ricorda che non abbiamo scelto nessun un file di memoria. Forniamo di seguito alcuni codici e relativa lingua. Possiamo trovare la lista completa dei codici di lingua conformi allo standard TMX alla pagina web www.lisa.org (cercando TMX o andando alla pagina http://www.lisa.org/tmx/tmx.htm e cliccando su References) o su http://www.wordfast.net/html/lang_frame.html.
AF-01 (Afrikaans) AR-01 (Arabo) BE-01 (Bielorusso) BG-01 (Bulgaro) CA-01 (Catalano) CS-01 (Ceco) DA-01 (Danese) DE-AT (Tedesco, Austria) DE-CH (Tedesco, Svizzera) DE-DE (Tedesco, Germania) EL-01 (Greco) EN-CA (Inglese, Canad) EN-GB (Inglese, Regno Unito) EN-US (Inglese, USA) ES-AR (Spagnolo, Argentina) ES-CL (Spagnolo, Cile) ES-ES (Spagnolo, Spagna) ET-01 (Estone) EU-01 (Basco) FA-01 (Farsi) FI-01 (Finlandese) FR-CA (Francese, Canad) FR-FR (Francese, Francia) HR-01 (Croato) HU-01 (Ungherese) IN-01 (Indonesiano) IS-01 (Islandese) IT-CH (Italiano, Svizzera) IT-IT (Italiano, Italia) IW-01 (Ebraico) JA-01 (Giapponese) KO-01 (Coreano) LT-01 (Lituano) LV-01 (Lettone) MK-01 (Macedone) MT-01 (Maltese) NL-BE (Olandese, Belgio) NL-NL (Olandese, Paesi Bassi) NO-NY (Norvegese) PL-01 (Polacco) PT-BR (Portoghese, Brasile) PT-PT (Portoghese, Portogallo) RO-01 (Rumeno) RU-01 (Russo) SH-01 (Serbocroato) SK-01 (Slovacco) SL-01 (Sloveno) SO-01 (Somalo) SQ-01 (Albanese) SV-SE (Svedese) TR-01 (Turco) UK-01 (Ucraino) VI-01 (Vietnamita) ZH-CN (Cinese, RPC) ZH-SG (Cinese, Singapore) ZH-TW (Cinese, Taiwan)

Oltre al proprio formato originale Wordfast pu aprire anche le memorie di traduzione TMX. TMX il formato standard di scambio dei file di memoria e sta per Translation Memory eXchange. Se il cliente fornisce un suo file di memoria, dovrebbe prima esportarlo in formato TMX. Come esempio, ecco i passi da seguire per riutilizzare una memoria di Wordfast con Trados Translators Workench (TWB): 1. In Word, nella barra degli strumenti di Wordfast cliccare sullicona Edit TM, poi sul pulsante Tools e l scegliere il filtro speciale Export TM as TMX per convertire in TMX la memoria attualmente in uso. 2. In TWB, creare una nuova memoria con le lingue opportune. Usare il men File/Import di TWB per importare il file TMX nella nuova memoria cos creata (vedi nota 2 pi sotto). Riorganizzazione. Il pulsante Reorganise riorganizza e indicizza il file di memoria. Dato che normalmente cos si riducono le dimensioni del file, grazie alleliminazione definitiva delle accoppiate segnate per la cancellazione, consigliamo di effettuare tale operazione prima di inviare a qualcuno la memoria via E-mail, o prima di archiviarla o di condividerla con altri traduttori.
Nota 1: Se si apre una memoria di traduzione TMX, Wordfast chiede se vogliamo convertirla in un file di memoria Wordfast di tipo Unicode. Normalmente inutile farlo (premere OK): le memorie Unicode vanno usate solo se il formato Unicode davvero necessario. La maggior parte delle lingue basate sullalfabeto

18

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

latino (come quelle nordeuropee e quelle dellEuropa occidentale) non richiede il formato Unicode. Nota 2: Quando si importa una memoria TMX creata da Wordfast in una memoria TWB (Trados Translators Workbench), il motivo per cui di solito la cosa non riesce da parte del TWB che i codici lingua nel file TMX di Wordfast non combaciano coi codici lingua di quella particolare versione di Trados che stiamo usando (a questo riguardo ci sono stati dei cambiamenti fra le versioni 2, 3 e 5 di Trados a causa di modifiche nello standard TMX e/o ISO: per esempio il codice dello svedese cambiato da SV-01 a SV-SE, ecc.). Per sapere esattamente quali codici di lingua vanno usati nella versione di Trados in uso occorre generare una piccola conversione (export) di TMX da un file di memoria creato da Trados con i codici di lingua voluti, poi aprire con Word questo export di TMX e prendere nota dei codici di lingua in esso contenuti. Se i codici di lingua sono diversi dai codici usati nellexport di TMX di Wordfast, li possiamo facilmente cambiare con unoperazione di Trova/Sostituisci in Word (per esempio trova SV-01 e sostituiscilo con SV-SE usando lopzione Maiuscole/minuscole della finestra di Trova/Sostituisci. Infine, salvare come testo Unicode prima di uscire.

Lavorare in rete Una stessa memoria di traduzione pu essere condivisa da numerosi utenti allo stesso tempo (fino a 20) collegati in una rete locale LAN (Local Area Network): Ciascun utente di Wordfast che utilizzi la memoria condivisa deve selezionare la casella Share TM through LAN nella scheda Wordfast/Translation memory/TM e poi usare il pulsante Select TM per aprire la memoria condivisa in rete. C una limitazione: Wordfast impedisce la manutenzione del file di memoria (riorganizzazione, modifica, fusione) finch condiviso. Inoltre tutti gli utenti che utilizzano la memoria condivisa devono usare la stessa versione di Wordfast (stesso numero di versione, compresa la lettera finale che ne indica laggiornamento o "build"). Per gli utenti Windows: usare unit di rete o cartelle connesse piuttosto che unit o cartelle con lunghi nomi di rete. Per connettere ununit di rete usare il men Connetti unit di rete degli Strumenti di Esplora risorse; assegnare una lettera allunit (o anche allunit + cartella) dove si trova la memoria condivisa. Il risultato potrebbe essere un percorso di questo tipo: Q:\Cartella\Memoria.Txt che preferibile a: \\ComputerLocale\Cartella\Memoria.Txt. Ogni utente dovr usare una combinazione di iniziali diversa da quella di tutti gli altri. Ecco la scaletta da verificare:
1. Stessa versione di Wordfast, indicata dalla stessa combinazione di numeri e lettere (es. 5.53d) 2. Selezionare la casella Share TM through LAN 3. Accertarsi che ciascun utente abbia una identit (User ID) differente 4. Connettere le unit di rete 5. Non procedere a manutenzioni o riorganizzazioni dei file di memoria finch in atto la loro condivisione!

Anche i glossari si possono condividere in LAN. Si procede come per le memorie, con lunica condizione che prima bisogna selezionare la casella Glossaries are shared over a LAN nella scheda Wordfast/Terminology/Other. La casella va selezionata anche se condividiamo uno solo dei tre glossari. Se non condividiamo alcun glossario meglio lasciare vuota la casella, perch la condivisione dei glossari pu rallentare il riconoscimento terminologico. Non indicizzare il glossario finch condiviso (e comunque Wordfast non permette di farlo). Come per i file di memoria (vedi sopra), usare unit di rete connesse.

Scheda TM Attributes [Attributi di memoria]


La scheda mostra cinque attributi, quattro dei quali si possono personalizzare; il primo riservato allo User ID (identificativo utente: iniziali e nome per esteso). Per facilitare lo scambio dei
file di memoria consigliamo di riservare lattributo n. 2 allargomento e lattributo n. 3 al cliente, come nellesempio fornito

19

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Col pulsante Sample possibile caricare una serie esemplificativa di attributi che si possono personalizzare in seguito.
in Wordfast. Ognuno libero, ovviamente, di definire gli attributi secondo le proprie specifiche esigenze.

Per personalizzare il nome di un attributo, cliccare sulla voce della lista col tasto ENTER per cambiarne il contenuto. Cliccare nella lista a scomparsa pi sotto per aggiungere voci (valori o item) di attributo usando i tasti seguenti:
INSERT o + per aggiungere una voce; ENTER per modificare una voce; CANCEL o per cancellare una voce.

Lattributo attivo quello visualizzato nella lista a scomparsa. Le voci sono composte da una abbreviazione (una sigla di 2, 3 oppure 4 lettere) seguita da uno spazio e da una descrizione per esteso. Per ridurre lutilizzo di spazio inutile Wordfast registra nel file di memoria solo labbreviazione. ! Da notare: Il primo attributo sempre lidentificativo dellutente (User ID). Come impostazione predefinita (se non lo specifichiamo o modifichiamo noi a mano) questo valore corrisponde allidentificativo utente dato da Word, che possibile modificare in Word accedendo a Strumenti/Opzioni/Inf. utente. Ma anche Wordfast permette di personalizzare questo attributo a nostro piacimento. Se il file di memoria stato usato da altri utenti, la lista a scomparsa mostra tutti i traduttori che hanno usato in passato quel file di memoria (numero massimo di traduttori: 60). In un gruppo di lavoro, questa opzione permette di conoscere lutilizzo storico della memoria: potremmo dire che un po il suo pedigree. Gli attributi vengono salvati nellintestazione, o header, del file di memoria. Quando si traduce, Wordfast registra linsieme di abbreviazioni mnemoniche degli attributi correnti su ogni accoppiata (TU) nuova o aggiornata. Se si interrompe la traduzione, si apre Wordfast e si cambiano gli attributi, le successive traduzioni riceveranno il nuovo insieme di attributi, mentre non verranno modificati gli attributi delle accoppiate gi salvate in memoria.

20

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Poniamo di avere definito un insieme di attributi per il file TM1 e di volerlo copiare-incollare in un file di memoria gi esistente col nome di TM2: usando TM1 come memoria attualmente in uso in Wordfast cliccare su Record as default. Selezionare TM2 come memoria attiva in uso col pulsante Select TM. Cliccare su Use default. Da notare che le accoppiate presenti in TM2 non vengono influenzate da questo cambiamento: laggiornamento delle definizioni degli attributi (scritte nellintestazione del file TM2) riguarda solo le accoppiate create nelle successive traduzioni effettuate usando il file di memoria TM2. Una volta copiato un insieme di attributi, Wordfast lo ricorda come linsieme di attributi predefinito, lo salva nel file di configurazione INI e lo scrive in ogni file di memoria (TM) di nuova creazione. Penalit in base agli attributi Le penalit sono numeri digitati tra parentesi (vedere gli attributi esemplificativi come modello). Una penalit abbassa la percentuale di analogia delle unit di traduzione che vengono trovate nel file di memoria: se Wordfast trova una corrispondenza del 100% nella memoria ma uno degli attributi dellunit di traduzione ha una penalit di 5, la percentuale di analogia viene abbassata di 5 punti, diventando di fatto uguale a 95%. Ci sono due tipi di penalit: assolute e relative. Penalit assolute: vengono definite in base ai valori di attributo (cio le voci della lista a scomparsa). Quando Wordfast propone una accoppiata che possiede quel determinato attributo, assegna ad essa la penalit corrispondente. Per esempio: poniamo che lidentificativo del traduttore sia JB John Bisham. Poniamo che egli importi nel suo file di memoria 200 unit di traduzione (TU) provenienti da un altro traduttore il cui identificativo sia MT Mark Tweed. E che si desideri applicare in ogni caso a tutte le TU provenienti da Mark Tweed una penalit di 5 punti. Basta creare o modificare la voce di attributo MT Mark Tweed in questo modo: MT Mark Tweed (5). Da quel momento, tutte le volte che una proposta di traduzione proviene da accoppiate (TU) create da Mark Tweed, essa avr una penalit di 5: pertanto le unit di traduzione di Mark Tweed non appariranno mai su colore verde. Penalit relative: sono definite per attributo (nellarea sensibile degli attributi), e vengono applicate se lattributo della particolare accoppiata diverso dal valore di attributo della traduzione corrente (cos come definito nella scheda TM Attributes di Wordfast). Per esempio: si decide di applicare una penalit relativa di 8 punti allattributo User ID. Modificare larea sensibile in modo da avere User ID (8) . Da quel momento, se lidentificativo utente (lo User ID, appunto) di una unit di traduzione diverso da quello definito al momento (mettiamo, il proprio identificativo personale), quella unit di traduzione riceve una penalit di 8 punti indifferentemente dal traduttore che lha originata. Le penalit assolute e relative sono cumulabili: cos se Mark Tweed ha gi una penalit assoluta di 5 punti e lintera categoria User ID ha una penalit relativa di 8 punti, le TU di Mark Tweed ricevono una penalit totale di 13 punti. Scopo essenziale delle penalit che una TU che altrimenti apparirebbe su sfondo verde non appaia sul verde ma sul giallo, in modo da richiamare su di s lattenzione del traduttore. Le penalit devono essere di scarsa entit ( sufficiente una penalit di 2 punti a evitare che una TU appaia su sfondo verde), perch se vengono cumulate potrebbero portare il valore di corrispondenza sotto la soglia di corrispondenza parziale. Di solito solo le penalit per le TU originate da traduzione automatica sono alte: normalmente vanno da 10 a 15.

21

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Altro scopo del sistema di attributi, usando leditor di TM e di glossario, quello di gestire i file di memoria (estrazione, fusione e classificazione ecc.) in base ai singoli attributi delle loro TU.

Scheda TM Rules [Regole di memoria]


Servono ad affinare il motore di memoria di Wordfast. Questo motore interno legge i file di memoria alla ricerca della corrispondenza migliore per il segmento source aperto durante la sessione di traduzione. Purtroppo spesso non esiste la corrispondenza perfetta, cio lesatta identit tra il segmento source aperto nel documento che si traduce e le unit di traduzione (TU) salvate in memoria. In questi casi il motore TM di Wordfast usa algoritmi di intelligenza artificiale che si basano su processi di analogia per cercare di "capire" se le differenze esistenti fra le due porzioni di testo permettono comunque di suggerire al traduttore una certa TU. In certi casi, Wordfast usa un algoritmo di sostituzione per aggiornare il segmento proposto e avvicinarsi ancora di pi a una corrispondenza piena fra testo source e target. Le parti che vengono aggiornate o sostituite normalmente sono elementi intraducibili (come numeri, campi, tag) chiamati anche testo sostituibile. Lo scopo alleviare il lavoro al traduttore evitandogli di cercare e modificare a mano questi elementi. Il concetto risulta particolarmente evidente se si tratta di numeri. Wordfast considera le due frasi seguenti come "esattamente" corrispondenti: Il peso netto 1.000 kg. Il peso netto 2.000 kg. e questo perch in grado di riconoscere facilmente i numeri e sostituirli automaticamente. In questa situazione, il motore TM considera i numeri come 1.000 o 2.000 vengono considerati testo sostituibile e li aggiorna automaticamente in base al contenuto del documento da tradurre, pi che al contenuto della TU salvata in memoria. Questo aiuta notevolmente il traduttore e gli permette di risparmiare tempo nella maggior parte dei casi. Questo talmente vero che i CAT sono tutti impostati di fabbrica per ignorare gli elementi sostituibili come i numeri o i campi. Questo metodo tuttavia non solleva il traduttore da un controllo visivo del segmento proposto, Specialmente per quelle lingue nelle quali un cambiamento di numero richiede anche una modifica sintattica o grammaticale. Per esempio, consideriamo queste due frasi: Ci vogliono 2 anni per completare questo procedimento. Ci vogliono 8 anni per completare questo procedimento. Qui la sostituzione automatica (il numero 2 al posto del numero 8) funziona senza problemi per la maggior parte delle lingue, ma in certe altre lingue (come per esempio il russo) produrrebbe una frase scorretta a livello grammaticale. La scheda TM rules offre un elevato grado di personalizzazione a questo proposito.

22

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Alcune penalit si applicano solo alle corrispondenze perfette al 100% (i cosiddetti full match), altre si applicano anche alle corrispondenze non perfette (i cosiddetti fuzzy match). ! Da notare: Le tre penalit descritte qui di seguito (su tre tipi diversi di file di memoria) vengono visualizzate al momento della traduzione e costituiscono una penalit temporanea. Il valore di corrispondenza (il numerino viola visualizzato tra i due segmenti) apparir di colore rosso e in grassetto per avvertire il traduttore che il segmento soggetto a una di queste penalit temporanee (come per esempio nel caso si penalit basate su attributi). Al contrario delle penalit descritte successivamente, le prime tre non trasformano una corrispondenza al 100% in un vero e proprio fuzzy match: in altre parole, se un full match viene proposto con una di queste tre penalit e il traduttore lo convalida senza modifiche, lunit di traduzione non va ad aggiornare il file di memoria. Penalty on TM: (full match e fuzzy match) penalit che viene applicata se viene proposta una corrispondenza proveniente dal file di memoria principale. Penalty on BTM: (full match e fuzzy match) penalit che viene applicata se viene proposta una corrispondenza proveniente dal file di memoria di sottofondo. Penalty on VLTM: (full match e fuzzy match) penalit che viene applicata se viene proposta una corrispondenza proveniente dal file di memoria server. ________________________________________________________________ ! Da notare: In tutti i casi che seguono, la penalit di 1 punto o pi punti produce un cosiddetto fuzzy match. Questo significa che se il traduttore convalida il segmento proposto senza modificarlo, Wordfast lo salver nel file di memoria aggiungendolo come versione alternativa a quella gi salvata in memoria. E importante capire che sebbene queste penalit permettano di restringere il campo di indagine del motore TM di Wordfast, il loro utilizzo pu comportare un notevole aumento di accoppiate linguistiche nel file di memoria. Penalty for case difference: (solo full match) questa penalit si applica quando in memoria esiste la corrispondenza esatta ma con un diverso uso di maiuscole e minuscole. Per esempio: Incontriamoci allATA! INCONTRIAMOCI ALLATA! Penalty for different numbers: (solo full match) questa penalit si applica quando nel segmento viene riscontrato un numero diverso. Per esempio: Ci vogliono 2 anni per completare questo procedimento. Ci vogliono 8 anni per completare questo procedimento.

23

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Queste ultime due regole si applicano quando si riutilizza o si modifica una TU esistente dopo che Wordfast lha proposta come corrispondente al 100%. La TU viene riutilizzata se si convalida una TU che viene proposta su verde (100%) senza editare (modificare) il segmento target. La TU viene modificata se si modifica il segmento target. Le regole che seguono vengono applicate subito dopo aver convalidato tali segmenti corrispondenti al 100% per controllare il modo in cui essi vengono registrati in memoria. Penalty for applying SmartTags: (solo full match) questa penalit si applica quando la tecnologia SmartTags ha aggiunto o tolto dei tag per produrre una corrispondenza esatta. Turn SmartTags on: Questa opzione cerca di produrre proposte corrispondenti al 100% per segmenti la cui unica differenza consiste nei tag, e dove si direbbe che la cancellazione o laggiunta dei tag non comporta problemi. Per esempio:
<p>Qui

c il testo in grassetto. Qui c il testo in grassetto.

nel file di memoria nel documento

Nellesempio qui sopra, Wordfast ignorer il primo tag <p> nel file di memoria, per poter proporre un full match o corrispondenza al 100%. The brown fox and the white cat. The brown fox and the white cat.<nbsp> nel file di memoria nel documento

Nellesempio qui sopra, Wordfast aggiunger il tag <nbsp> nel segmento che propone dal file di memoria. To be or not to be <emdash> that is the question. To be or not to be that is the question. nel file di memoria nel documento

Nellesempio qui sopra, Wordfast ignorer il tag <emdash> nel file di memoria, per poter proporre una corrispondenza al 100%. Penalty for whitespace difference: (solo full match) Questa penalit si applica quando nel file di memoria viene trovata una corrispondenza esatta con lunica differenza di uno spazio allinizio o alla fine del segmento, oppure di spazi ripetuti allinterno del segmento. Per esempio: Incontriamoci allATA! Incontriamoci all ATA!

Penalty for different quotes/apostrophes/dashes: (solo full match) questa penalit si applica quando nel file di memoria viene trovata una corrispondenza esatta ma con un diverso tipo di virgolette, apostrofo o trattino. Ecco i diversi tipi di virgolette: Ecco i diversi tipi di apostrofo: Ecco i diversi tipi di trattino: ", ` --

Da notare che il simbolo a volte viene usato come apostrofo e a volte come virgoletta di chiusura. Wordfast suppone che si tratti di una virgoletta, se allinterno dello stesso segmento trova il carattere prima del carattere . In caso di corrispondenza esatta Wordfast ignora virgolette, apostrofi e trattini a meno che non venga attivata questa penalit. Altrimenti, se lunica differenza sta nel simbolo grafico, Wordfast in grado di sostituire virgolette, apostrofi e trattini in modo automatico, come in

24

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

questo esempio: Esempio di "frase tra virgolette". Esempio di frase tra virgolette. Attivando questa penalit, il motore TM di Wordfast considerer i due segmenti qui sopra come non esattamente corrispondenti (non full match). Editing an existing TU [Modifica della TU esistente] offre 4 possibilit: 1. Add to TM by overwriting the existing TU [Aggiungi alla memoria scrivendo sopra la TU
esistente]: la TU esistente viene cancellata e in memoria viene registrata la TU modificata; dunque la TU modificata sostituisce quella esistente; 2. Add to TM; overwrite existing TU if attributes are identical [Aggiungi alla memoria scrivendo sopra la TU esistente se gli attributi sono identici]: la TU modificata viene aggiunta al file di memoria, ma la TU esistente viene cancellata solo se tutti i suoi attributi (User ID, Client, Subject ecc.) sono identici a quelli della TU appena creata; 3. Add to TM; do not overwrite existing TU [Aggiungi alla memoria senza scrivere sopra la TU esistente]: la TU modificata viene aggiunta al file di memoria ma quella esistente in memoria non viene cancellata, nemmeno se gli attributi sono identici. Normalmente non si dovrebbe usare mai questa opzione, tranne che per progetti altamente specifici, perch crea inutili doppioni. 4. Do not add to TM [Non aggiungere alla memoria]: la TU modificata non viene affatto aggiunta alla memoria e la TU esistente non viene cancellata.

Quando Wordfast trova pi di una possibile traduzione per il segmento source, il valore di corrispondenza appare di colore blu e in grassetto. Con ALT+SINISTRA possiamo aprire una finestra che contiene tutte le corrispondenze trovate con i rispettivi attributi. Con ALT+SINISTRA possiamo aprire una finestra che contiene tutte le corrispondenze trovate con i rispettivi attributi. Le traduzioni proposte verranno visualizzate una dopo laltra nel segmento target. Usando ALT+DESTRA/SINISTRA possibile scorrere tutte le possibili proposte di traduzione. Nei casi in cui nel file di memoria vi siano molte unit di traduzioni identiche, come prima corrispondenza Wordfast propone sempre la pi recente in base alla data di creazione. When re-using an existing TU, update if attributes are different [Quando si riutilizza una TU esistente, aggiornarla se gli attributi sono diversi] : se gli attributi attivi al momento (impostati in Wordfast > Translation Memory > Attributes) sono diversi da quelli propri della TU proposta, possibile scegliere di aggiornare la TU nel file di memoria con il nuovo insieme di attributi (la TU viene riscritta cos com sostituendo semplicemente linsieme degli attributi: quelli attualmente in uso rimpiazzano quelli preesistenti), selezionando la casella Update existing TU if attributes are different. Il contatore di utilizzo viene incrementato e i nuovi attributi sostituiscono gli attributi correnti della TU, mentre il testo source e quello target rimangono uguali.

Scheda BMT [Background Memory: Memoria di sottofondo]

25

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Select BTM: la memoria di traduzione di sottofondo (BTM) un file di memoria in sola lettura che viene letto alla ricerca di una corrispondenza esatta (senza tener conto della eventuale differenza tra maiuscole e minuscole) prima ancora di cercarla nel file di memoria in uso. Se viene trovata una corrispondenza nella BTM, la barra di stato di Word e un avviso sonoro avvisano il traduttore che la proposta proviene dalla BTM. Accertarsi di selezionare la casella This BTM is active se si vuole usare una memoria di sottofondo. Sort BTM: riordina la memoria di sottofondo. Va usato almeno una volta prima di usare la BTM. Le memoria di sottofondo devono essere riordinate prima delluso. Tra i vari tipi di file di memoria, quale viene letto per primo? Se nella memoria di sottofondo (BTM) e in quella principale (TM) e nella memoria server (VLTM, se viene usata) vengono trovate unit di traduzione (TU, cio corrispondenze o match) con lo stesso identico valore di corrispondenza, viene mostrata la corrispondenza contenuta nella memoria di sottofondo. La combinazione di tasti ALT+SINISTRA/DESTRA permette di visualizzare le altre TU. Il vaso di Pandora contiene il comando TranslationMemoryOrder che permette di cambiare/personalizzare lordine di ricerca delle corrispondenze: per esempio prima nella memoria principale (TM) o nella memoria server (VLTM) e solo dopo nella memoria di sottofondo (BTM).

Scheda VLTM [Memoria server]

26

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

VLTM sta per very large translation memory ed il primo server pubblico, aperto a tutti, gratis, anonimo e disponibile senza restrizioni che permette di utilizzare memorie di traduzione particolarmente voluminose. Anche se probabilmente questo tipo di memoria conterr poche corrispondenze con il testo da tradurre, si pu rivelare molto utile per le ricerche contestuali che, proprio in considerazione della notevole estensione del file di memoria server, possono portare a proficui risultati. I segmenti convalidati durante la traduzione non vengono aggiunti alla memoria server: come impostazione predefinita, la memoria server a sola lettura. In altre parole, la traduzione non viene salvata nella memoria server. In questo modo viene garantita lassoluta confidenzialit. Da questo punto di vista, la memoria server un po come un motore di ricerca tipo Google ecc. Ma a differenza di un motore di ricerca esterno, la memoria server fortemente integrata con Wordfast e permette di trovare corrispondenze o di fare ricerche contestuali senza dover uscire dallinterfaccia abituale e senza dover cambiare il modo in cui si traduce abitualmente. Ottenendo un identificativo allinterno di un gruppo di lavoro (Workgroup ID) possibile scegliere di salvare anche le proprie traduzioni nella memoria server. Cliccando su http://www.wordfast.net/ e poi navigando fino alla sezione VLTM troverete una descrizione completa e aggiornata del concetto di memoria server. Lutilizzo di una memoria server pu essere di grande aiuto sia per le agenzie di traduzione che per i traduttori freelance che decidano di lavorare in gruppo; ma anche i singoli traduttori che lavorano per conto loro ne possono trarre grandi benefici. Qualsiasi siano le impostazioni relative alla memoria server, la banca dati personale del traduttore (i file di memoria principale, le memorie di sottofondo, i glossari) rimane assolutamente protetta e privata. Wordfast considera molto importante la privacy e la confidenzialit del lavoro dei suoi utenti. Per utilizzare la memoria server, occorre semplicemente selezionare la casella VLTM. Occorre per avere una connessione Internet attiva. Lopzione Use only for context searches disabilita la lettura automatica della memoria server alla ricerca di corrispondenze tutte le volte che si apre un segmento, ma mantiene la possibilit (su richiesta, cio con un intervento dellutente) di fare ricerche contestuali nel file 27

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

server. Scegliendo No VLTM when proofreading si evita laccesso alla memoria server quando si tornano a modificare porzioni di documento gi segmentate. Ci permette di velocizzare la fase di revisione/correzione di testo gi tradotto. Tra i vari tipi di file di memoria, quale viene letto per primo? Se nella memoria server (VLTM) e nella memoria principale (TM) e nella memoria di sottofondo (BTM, se viene usata) vengono trovate unit di traduzione (TU, cio corrispondenze o match) con lo stesso identico valore di corrispondenza, viene mostrata la corrispondenza contenuta nella memoria principale. La combinazione di tasti ALT+SINISTRA/DESTRA permette di visualizzare le altre TU. Il vaso di Pandora contiene il comando TranslationMemoryOrder che permette di cambiare/personalizzare lordine di ricerca delle corrispondenze: per esempio prima nella memoria server (VLTM) o nella memoria server di sottofondo (BTM) e solo dopo nella memoria principale (TM). Scheda MT [Traduzione automatica]

Se non trova alcuna corrispondenza nel file di memoria, Wordfast pu recuperare una traduzione volante da un programma di traduzione automatica quale Systran, Power Translator Pro, PROMT Reverso ecc. Dopo lacquisto e linstallazione, questi programmi funzionano come componenti aggiuntive di Word: esattamente come Wordfast. Ci sono quattro modi per attivare la traduzione automatica di un documento di Word o di una sua porzione (per esempio un paragrafo, o il testo selezionato): 1. Si aggiunge un men in Word: lutente richiede la traduzione tramite questo men. 2. Si aggiunge una barra degli strumenti in Word: lutente richiede la traduzione cliccando su
una sua icona. 3. Si aggiunge un men contestuale: lutente seleziona una porzione di testo e ci clicca sopra con il pulsante destro del mouse; quindi sceglie una voce di men dalla finestra che si apre. 4. si aggiunge una macro: lutente richiede la traduzione del testo selezionato avviando la macro.

In ogni caso occorre fornire a Wordfast due parametri diversi a seconda di come viene richiesta la traduzione automatica. I due parametri vengono dati separati da una virgola. Ecco i parametri necessari a seconda della modalit di traduzione automatica: 1. Il nome del men e il nome del sottomen che attivano la traduzione del paragrafo attuale o
del testo selezionato (non la traduzione dellintero documento). Per esempio, nel caso di Systran 3, Systran 4, Power Translator Pro 6 e 7 i parametri potrebbero essere

28

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

"Systran,Selection" oppure "Translate,Selection".

2. Il nome della barra degli strumenti e il nome dellicona. Il nome della barra degli strumenti lo
trovate nel men di Word Visualizza/Barre degli strumenti. Non necessario fornire il nome della barra per esteso: pu bastare una parola chiave specifica per quel programma di traduzione automatica (per esempio "PROMT" oppure "Systran"). Il nome dellicona quello che appare quando ci si posiziona sopra il cursore del mouse (senza cliccare). Potrebbe essere per esempio qualcosa come "Traduci paragrafo". In questo caso i parametri da inserire sarebbero "PROMT,Traduci paragrafo". 3. Selezionare una porzione di testo e cliccarci sopra con il pulsante destro del mouse. Il nome del men contestuale che si apre per tradurre il paragrafo selezionato potrebbe essere qualcosa come "Traduci paragrafo" ( solo un esempio). In questo caso i parametri da inserire sarebbero "Contextual,Traduci paragrafo". 4. Il nome esatto della macro di traduzione (potrebbe essere, mettiamo: MTMacro). Il parametro da inserire sarebbe "Macro,MTMacro".

Comandi di impostazione della traduzione automatica in Wordfast: 1. Aprire la scheda di Wordfast Translation memory/MT. Spuntare la casella Menu, submenu for MT.

2. Nel campo immediatamente dopo la casella scrivere i parametri di cui sopra.


Se si lavora su file con tag con un applicativo MT che non riconosce i tag, deselezionare la casella Remove tags (se non si sicuri di che cosa ci comporti, preferibile lasciare che la casella rimanga selezionata). 3. Chiudere Wordfast. In Word, verificare il proprio applicativo di traduzione su una breve frase per vedere se impostato bene e se funziona correttamente.

Questa la procedura normale e funziona con Systran, PowerTranslator Pro, PROMT Reverso in tute le versioni e molti altri applicativi. Pu essere necessario fare alcune prove per far funzionare il tutto.
Nei sistemi che utilizzano Systran4 i moduli aggiuntivi che collegano Word al motore di ricerca di Systran devono trovarsi nella cartella di Esecuzione automatica di Word (che la loro collocazione normale, quando la procedura di installazione di Systran viene eseguita correttamente) in modo da essere caricati allavvio. Systran potrebbe non funzionare se i suoi moduli aggiuntivi vengono attivati dopo lavvio.

Miscellanea
Una memoria di traduzione (per esempio: WfMemory) crea i seguenti file: WfMemory.Txt WfMemory.Itx WfMemory.Net WfMemory.Bak WfMemory.Old
E il file di memoria vero e proprio. Non va cancellato a meno che non serva pi. E lindice del file di memoria. Cancellarlo non d problemi, perch Wordfast lo ricrea automaticamente al momento del bisogno. Questo file viene creato per le sessioni in rete, ma pu essere creato anche durante le sessioni non in rete. Wordfast lo ricrea ad ogni nuova sessione. Cancellarlo non d problemi. E una copia del file di memoria prima di ogni operazione di riorganizzazione, fusione o riordino. Cancellarlo non d problemi. Ogni volta che si crea un nuovo file BAK in sostituzione di un file BAK esistente, se il file BAK esistente pi esteso del nuovo file BAK, Wordfast cambia nome al file WfMemory.Bak esistente che prende il nome di WfMemory.Old. Cancellarlo non d problemi.

Dovendo salvare una memoria o spedirla a un collega, lunico file necessario quello con

29

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

lestensione .txt. Raccomandiamo di riorganizzare il file di memoria prima di inviarlo a qualcuno, usando il pulsante Reorganise in Wordfast/Translation memory/TM. Se perdiamo una memoria, ricordiamoci che se abbiamo salvato le copie dei file tradotti e segmentati, per ripristinare le corrispondenti unit di traduzione basta unulteriore operazione di pulizia (clean-up) dei file segmentati che hanno originato quel file di memoria.

Sezione Terminology [Riconoscimento di terminologia] Glossari

Attivit preliminari Creare un nuovo documento in Word, in cui digiteremo una piccola serie di termini source seguiti da un tabulatore (premendo il tasto TABULAZIONE) e la loro corrispondente traduzione; quindi ENTER, come nellesempio inglese-italiano suggerito qui sotto:

work lavorare country paese money denaro


Dare un nome al file salvandolo come Testo normale (o Unicode cio Testo con codifiche, se necessario) usando il men File/Salva con nome Ecco: abbiamo creato un glossario di Wordfast. Ora chiudiamo il documento di glossario. Avviato Wordfast, andiamo alla scheda mostrata qui sopra (Terminology/Glossary X, dove X il numero del glossario). Cliccare su Select glossary e selezionare il glossario appena creato (nella lista Tipo file scegliere Solo testo oppure Tutti i file). Cliccare sul pulsante Reorganise per riordinare il glossario in base ai termini source e dare un indice a tutte le voci. Accertarsi che la casella This glossary is active sia selezionata, cos durante le traduzioni Wordfast utilizzer questo glossario per il riconoscimento terminologico. Se si lascia vuota la casella, il riconoscimento terminologico rimane sospeso.

30

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Chiudere Wordfast. Iniziare una traduzione su un documento il cui testo contenga alcuni dei termini source contenuti nel nostro glossario (nel nostro esempio: work, country ecc.). Se tutto andato come previsto, questi termini dovrebbero risultare evidenziati su sfondo turchese tutte le volte che il segmento source ne contiene qualcuno. Ci significa che Wordfast ha riconosciuto che questi termini sono presenti nel glossario numero 1. A questo punto con CTRL+ALT+SINISTRA/DESTRA possibile selezionare i termini riconosciuti e visualizzarne la traduzione nella barra di stato; mentre con CTRL+ALT+GI possiamo copiare la traduzione corrispondente nel segmento target. Posizionando il cursore su un termine evidenziato in turchese e premendo CTRL+ALT+G, si apre la lista a scomparsa del glossario e viene mostrata la voce di glossario corrispondente. Questa stessa barra degli strumenti permette anche di aprire la finestra di edizione (modifica) del glossario. Usando la casella Use for QC verification, quando il segmento viene convalidato Wordfast compie un controllo di coerenza terminologica per accertarsi che nella traduzione siano stati usati i termini appropriati. In caso di dubbio, Wordfast ci chiede di editare (modificare) il segmento target ancora aperto oppure di accogliere la terminologia proposta senza modifiche e proseguire con il segmento successivo. Formato del glossario
Il glossario di Wordfast un file di testo normale delimitato da tabulazioni di 2 o 3 colonne: il termine originale o source, il traducente o target, pi un eventuale commento. Possiamo aggiungere altre colonne, e possiamo anche usare il testo Unicode. Per colonne, in un file di testo delimitato da tabulazione sintende che le voci sono separate da tabulazioni. Aprendolo con Excel, le voci di questo tipo di file vengono distribuite su colonne. Aperto in Word, occorre selezionare il testo e usare il men Tabella/Converti/Testo in tabella per vedere le voci incolonnate in tabella; ma prima di salvare il documento necessario tornare a convertire la tabella in formato di testo delimitato da tabulazioni. I glossari si possono creare o modificare anche in Excel. La prima colonna (colonna A) dovr contenere i termini source, la seconda colonna (colonna B) i traducenti o termini target, la terza colonna rimane a disposizione per eventuali commenti facoltativi. Il foglio di lavoro Excel cos creato va salvato come Testo (delimitato da tabulazione) con lopzione di men File/Salva con nome...

Formato in cui salvare


Se il glossario una tabella di Word, subito prima di salvarlo occorre selezionare lintera tabella col men Tabella/Seleziona/Tabella e poi usare Tabella/Converti/Tabella in testo per convertire la tabella in un testo delimitato da tabulazioni. A questo punto possiamo salvare il documento come Testo normale o, se necessario, Unicode. Se il glossario un foglio di lavoro Excel, va salvato come Testo (delimitato da tabulazione) con lopzione di men File/Salva con nome... Il formato Testo (delimitato da tabulazione) selezionabile nella lista a scomparsa Tipo file:

Formato della terminologia I termini possono essere inseriti in maiuscolo e/o minuscolo. Meglio evitare caratteri particolari quali parentesi, virgolette, barre, trattini ecc. a meno che non siano assolutamente necessari. Se di uno stesso termine sono possibili diverse forme, possiamo usare lasterisco * come carattere jolly alla fine del termine (come spiegato pi sotto, questo viene chiamato Riconoscimento Manuale di Terminologia Fuzzy e abbreviato in MTFR). Ecco un piccolo esempio di glossario inglese-italiano: Maintenance* Interview* Manutenzion* Intervist* 31

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

minimum wage*

salari* minim*

Non usare lasterisco prima del quarto carattere delle voci di glossario. Cos pa* the bill* non una voce valida; dobbiamo invece usare voci di glossario quali pay the bill*, pays the bill* e payed the bill*. Durante la traduzione con MAIUSC+CTRL+G possiamo caricare i glossari in una lista a scomparsa per una migliore visibilit. Al di fuori delle sessioni di traduzione, CTRL+ALT+SINISTRA/DESTRA permette di visualizzare o nascondere le liste dei glossari. Da notare che glossari con pi di 5.000 voci o pi di 200 Kbyte non si possono caricare nella lista a scomparsa della barra degli strumenti. Ma quando si effettua una ricerca, Wordfast carica il termine trovato e, come riferimento, carica anche i 50 termini prima e i 50 termini dopo la voce trovata. Tuttavia si possono usare senza alcuna limitazione questi glossari pesanti per tutte le altre operazioni: controllo qualit, riconoscimento terminologico ecc. E leditor di glossario (licona dopo la lista a scomparsa del glossario) permette di aprirli e modificarli senza limitazioni. Riconoscimento di terminologia fuzzy (FTR) Wordfast permette di effettuarlo in modo automatico (AFTR) o manuale (MFTR). Il riconoscimento manuale si ha quando inseriamo manualmente degli asterischi * alla fine delle parole in modo che si possano riconoscere tutte, o quasi tutte, le declinazioni o coniugazioni o variazioni della voce di glossario che stiamo cercando. Per esempio, supponiamo di dover cercare una voce di glossario source come questa: Digital Analog* Converter* (abbiamo colorato gli asterischi in rosso per maggiore enfasi) Wordfast in grado di riconoscere diverse forme per questa voce, per esempio: Digital Analog Converters Digital Analogic Converter Ecc. quando le incontra nel segmento source. Il riconoscimento fuzzy automatico molto utile nei cosiddetti glossari RRR (dallinglese Rush, Raw, Rogue), cio quei glossari grezzi e semilavorati in cui il traduttore non ha ancora avuto il tempo di inserire a mano gli asterischi come spiegato sopra. Wordfast utilizza diverse tecniche per indovinare automaticamente le possibili varianti dei termini o delle espressioni incontrate nel testo source del documento. Da notare che lo stesso glossario pu contenere sia voci AFTR (grezze) che voci MFTR (con lasterisco). Se incontra una voce di glossario con lasterisco, Wordfast non tenta nemmeno il riconoscimento fuzzy automatico di quella voce. Se per uno stesso termine trova due corrispondenze, Wordfast sceglie la voce MFTR piuttosto che quella AFTR. Ma se una voce di glossario senza asterisco corrisponde perfettamente al termine cercato (senza bisogno di riconoscimento fuzzy n manuale n automatico), naturalmente questa voce ad avere la precedenza su tutte le altre. Wordfast pu usare pi di un glossario. Ci permette di usare contemporaneamente sia la terminologia del cliente sia quella propria del traduttore, basta che siano salvate in due glossari distinti. E possibile anche impostare degli schemi di colore per capire subito da quale glossario proviene il termine riconosciuto: vedi il gruppo di comandi Glossary1Colour nel vaso di Pandora. 32

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Normalmente la terminologia del cliente trova forma man mano che si procede col lavoro, e a volte pu capitare che arrivi al traduttore dopo linizio della traduzione, perch magari il project manager si accorge in un secondo tempo di non averla inviata subito al traduttore. Inserire a mano gli asterischi nei glossari un lavoro che richiede tempo ed meglio farlo nel tempo libero fra un lavoro e laltro: ecco perch la modalit automatica (AFTR) consigliabile per la terminologia del cliente salvata in glossari grezzi (RRR). La modalit automatica cerca di riconoscere pi varianti possibili. Per sua natura dunque un procedimento impreciso (che poi il significato della parola fuzzy), e pu causare pertanto occasionali proposte sbagliate che si possono semplicemente ignorare; oppure, se il tempo ce lo permette, le possiamo correggere o modificare a mano direttamente nel glossario. Da notare quanto segue:
AFTR non affidabile per le singole parole, specie se brevi. Pi lunga una parola pi probabilit ci sono che venga riconosciuta correttamente in modalit AFTR. AFTR funziona meglio su espressioni di 2 o pi parole. AFTR potrebbe fare cilecca con glossari contenenti troppe voci, specialmente se si tratta di parole singole e brevi, e molto simili tra di loro.

In conclusione, sarebbe meglio non provare la modalit automatica (AFTR) su glossari lunghi e ricchi di voci piuttosto simili. E in nessun caso si dovrebbe usarla per crearsi degli schemi fai da te o come sostitutivo della traduzione automatica. Ecco un esempio tipico di terminologia fornita dal cliente (solo termini source): two-way multiplexed autoresponder double furnace boiler dichotomic search DOS-based application ecc. E con terminologie di questo tipo che la modalit automatica d il meglio di s e si rivela un valido aiuto per il traduttore. Una volta completato il lavoro di traduzione, quando si ha unoretta libera, pu valer la pena integrare la terminologia del cliente in uno dei propri glossari aggiungendo a mano gli asterischi, come nellesempio qui sotto: two-way multiplexed autoresponder* double furnace boiler* dichotomic search* DOS-based application* In questo modo il glossario di propriet del traduttore funzioner con la modalit manuale (MFTR) piuttosto che con quella automatica (AFTR). Ci sono due comandi nel vaso di Pandora che possiamo usare per affinare la ricerca automatica: GloStemmingRule e GloStrip. Il riconoscimento automatico cerca essenzialmente di determinare qual la radice di una parola eliminando una per una le lettere che si trovano alla fine della parola stessa. Da notare che qui siamo nel campo della statistica, pertanto vi sono eccezioni a questa regola e ogni lingua ha le sue esigenze particolari. Prendiamo per esempio il verbo inglese to go, che al passato cambia in went, sfuggendo cos a qualsiasi tentativo di riconoscimento automatico. Per fortuna, normalmente la terminologia del cliente 33

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

fatta soprattutto di parole ed espressioni tecniche dove i sostantivi hanno una netta prevalenza sui verbi; in questo modo viene ridotto al minimo il problema della coniugazione dei verbi, che tendono a cambiare forma molto pi dei sostantivi (questo almeno, nella maggior parte delle lingue). E il gergo tecnico (che spesso ricco di termini presi in prestito da altre lingue) meno propenso a cambiare in modo cos imprevedibile rispetto ai termini classici e comuni. I glossari servono soprattutto per il gergo, e pi precisamente per il gergo del cliente: il traduttore, si suppone, tenuto a capire il linguaggio standard. Leliminazione delle lettere dalla parola viene effettuata gradualmente, una lettera alla volta. Per esempio usando il comando del vaso di Pandora GloStemmingRule=A,B,C dove B = 5, la parola applications viene accorciata prima in application, poi in applicatio, quindi in applicati ecc. Ovviamente, sempre che il glossario contenga la voce application, gi il primo tentativo (che produce appunto application) centrerebbe subito la vera radice della parola e proporrebbe la corrispondenza cercata. I valori di corrispondenza della ricerca automatica vanno da 0 a B a seconda del numero di passaggi (eliminazioni dellultima lettera) necessari a trovare la corrispondenza. Questo valore viene usato per proporre al traduttore la corrispondenza migliore possibile nel caso in cui se ne trovino diverse. Come caricare un glossario Usando le schede Wordfast/Terminology/Glossary possiamo scegliere fino a tre glossari. Cliccare su Select glossary e selezionare il glossario che intendiamo usare (i glossari Wordfast hanno lestensione .txt). Poi usare il pulsante Reorganise per riordinare e reindicizzare il glossario. Possiamo visualizzare e modificare il glossario in Word. Uso di un glossario per il controllo di qualit (QC) Spuntando la casella Use for QC durante la traduzione, quando si convalida un segmento Wordfast compie una ricerca di ciascun termine source nel segmento di origine. Per ogni termine source trovato del segmento di origine, Wordfast si aspetta di trovare il corrispondente traducente nel segmento di destinazione; se questo non avviene, ci avverte offrendoci la scelta tra modificare la traduzione o ignorare lavviso. Aggiunta di terminologia Durante o al di fuori di una sessione di traduzione con Wordfast possiamo aggiungere voci a uno dei glossari usando CTRL+ALT+T: selezioniamo lespressione o il termine da aggiungere, premiamo CTRL+ALT+T, selezioniamo il traducente (espressione o termine tradotto) e premiamo di nuovo CTRL+ALT+T. La finestra di aggiunta terminologica ha tre campi vuoti che servono per codici o commenti particolari che non appartengono n al campo Source n al campo Target n tanto meno al campo Comments. Molti traduttori aggiungono codici alle voci di glossario per poter ordinare i glossari in un secondo momento ed estrarre i termini selezionati. Poniamo che stiamo lavorando su un progetto per un certo cliente; aggiungendo un codice cliente a ciascuna voce di glossario che creiamo per quel cliente, potremo in seguito distinguere quelle voci dalle altre voci del glossario. Dato che linserimento di codici un lavoro piuttosto ripetitivo, esistono due funzioni automatiche a questo scopo:
1. Digitiamo un testo in uno dei campi. Clicchiamo col pulsante destro del mouse sullarea

34

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

sensibile a sinistra del campo: ci verr chiesto se vogliamo usare sempre quel testo come testo predefinito tutte le volte che aggiungeremo nuovi termini nella finestra di aggiunta terminologica. 2. Possiamo usare codici speciali che vengono automaticamente sostituiti con precisi valori quando convalidiamo un nuovo termine di glossario. Ecco i codici:

Codice {doc} {Today} {Today=yymmdd}

Significato
Nome del documento su cui si lavora Data di quel momento Data espressa nel formato voluto, in cui yy sono le ultime due cifre dellanno; yyyy lanno in quattro cifre; mm il mese in due cifre; mmm il nome abbreviato del mese; mmmm il nome completo del mese; dd il giorno del mese in due cifre; ddd il giorno della settimana in breve; dddd il giorno della settimana per esteso. Nome della memoria in uso Iniziali dellutente attuale Codice TMX del linguaggio source attuale Codice TMX del linguaggio target attuale Il termine attualmente nel campo Source Il termine attualmente nel campo Target

{TM} {User} {SrcLang} {TrgLang} {SrcTerm} {TrgTerm}

Ricerca rapida Posizioniamo il cursore su una parola: premendo CTRL+ALT+G possiamo cercare il termine in tutti i glossari, sia durante che al di fuori di una sessione di traduzione (se si tratta di unespressione, prima di premere CTRL+ALT+G dobbiamo selezionarla). I glossari vengono caricati nella barra strumenti se la loro dimensione inferiore a 200 Kbyte; altrimenti Wordfast carica solo 100 voci: 50 prima e 50 dopo il termine trovato. Selezione e deselezione dei glossari Per selezionare un glossario usiamo il pulsante Select glossary. Se premiamo Cancel nella finestra di apertura file, Wordfast chiede se vogliamo deselezionare il file in uso. Se intendiamo mantenere un glossario selezionato ma non vogliamo che sia il glossario attivo, cio se non vogliamo che Wordfast effettui il riconoscimento terminologico su quel glossario, dobbiamo lasciare vuota la casella This glossary is active. Altrimenti lasciamo selezionata la casella. La casella viene automaticamente selezionata tutte le volte che usiamo il pulsante Select glossary. Se vogliamo usare la propagazione dobbiamo attivare il corrispondente comando Propagate nel vaso di Pandora. Per attivare lavviso di controllo qualit dobbiamo selezionare la casella Use for QC verification.

Scheda Backlist [Lista di esclusione]

35

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Wordfast pu controllare i segmenti target alla ricerca di espressioni o parole non volute. Come per il glossario, la ricerca non fa differenza tra maiuscole e minuscole e possiamo usare il carattere jolly * alla fine di una parola. Il formato solo testo, a una colonna. Sulle blacklist il riconoscimento terminologico fuzzy automatico (AFTR) non viene eseguito.

36

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Scheda Reference

Select Dictionary [Selezione del dizionario] (solo per PC): possiamo collegare Wordfast a dizionari esterni, selezionando un programma di dizionario come Trados Multiterm, Harraps Shorter, Collins version 100, Microsoft Encarta ecc. Il pulsante Keys viene usato per definire le combinazioni di tasti utilizzate per interrogare il dizionario (vedi il capitolo Dizionario per maggiori dettagli). Durante la traduzione o in qualsiasi altro momento, posizionare il cursore su una parola o selezionare unespressione e poi premere licona Dictionary o la sequenza CTRL+ALT+D.. Reference Search [ricerca di riferimento] Si tratta di una ricerca contestuale che per viene effettuata su qualsiasi tipo di documento e non solo nei file di memoria. La sequenza CTRL+ALT+N o licona avviano la ricerca di riferimento dal documento, esattamente come CTRL+ALT+C avvia la ricerca contestuale. Di solito per questo tipo di ricerca si utilizza materiale monolingue. Wordfast in grado di leggere in questi formati: DOC, RTF, TXT, HTML, SGML, XML, MIF, CSV. Se il materiale di riferimento in altro formato, va salvato (convertito) in testo semplice. Per esempio, per attivare la ricerca di riferimento su un file PDF occorre esportare il file come testo usando PlusTools (un freeware scaricabile da www.wordfast.net) o selezionare il testo dellintero file PDF e copiarlo in un documento Word. Le regole per questo tipo di ricerca sono le stesse della ricerca contestuale (vedi sopra). Tutti i comandi del vaso di Pandora riguardanti il comportamento della finestra di ricerca contestuale valgono anche per la finestra della ricerca di riferimento. Wordfast compie la ricerca di riferimento in tutti i file presenti nella/e cartella/e da noi specificata/e. Come per la ricerca contestuale, la possiamo interrompere con il tasto ESC o la stessa sequenza di tasti che lha avviata, cio CTRL+ALT+N. Usando il tasto INS (o +) oppure CANC (o -) possibile aggiungere o rimuovere la/e cartella/e dove si trova la materia prima per la ricerca di riferimento.

37

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Scheda Other [Altre opzioni di riconoscimento terminologico]

Search TM for expressions [Ricerca di espressioni nel file di memoria] Se durante la traduzione Wordfast non trova una corrispondenza esatta o parziale, compie una ricerca di espressioni nella memoria che stiamo utilizzando. Se questa ricerca ha successo, Wordfast visualizza laccoppiata in cui ha trovato un riscontro ed evidenzia in turchese lespressione source come se si trattasse di un termine riconosciuto. Possiamo capire che non si tratta di una voce di glossario perch: 1. di solito unespressione piuttosto lunga; 2. selezionando la voce con CTRL+ALT+SINISTRA/DESTRA non compare la relativa traduzione nella barra di stato; 3. normalmente, stata tradotta da poco. Lo scopo principale della ricerca di espressione evitare di dover ribattere lunghe espressioni che si ripetono allinterno di un progetto. Si pu fare un copia e incolla della traduzione dellespressione nel segmento target. Spuntando la casella Search context in all sibling translation memories la ricerca contestuale viene estesa agli altri file di memoria presenti nella stessa cartella della memoria che si sta usando.

38

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Sezione Tools [Strumenti]

Allavvio di Wordfast, se ci sono file gi aperti in Word essi appaiono nella lista Select documents della scheda Tools. Se invece non ci sono documenti aperti in Word quando si avvia Wordfast, vengono elencati i file presenti nella cartella di lavoro. Premendo il pulsante Apri possiamo cambiare cartella. Clean-up [Pulizia] cancella dai file selezionati tutti i segni di demarcazione dei segmenti e tutti i segmenti di origine, lasciando solo il testo tradotto. Il file di memoria viene aggiornato se il segmento target stato modificato a mano dopo la sua creazione. Per modifica manuale sintende che stato editato un segmento senza aprirlo con Wordfast. Da notare: licona Quick-clean nella barra degli strumenti di Wordfast pulisce il documento molto pi rapidamente, ma senza aggiornare il file di memoria e senza creare un resoconto. Analyse [Analizza] fornisce unanalisi del/i documento/i selezionato/i prima della traduzione, precisando il numero di segmenti e di parole, con le percentuali di analogia dei segmenti in relazione alla memoria di traduzione in uso. Se il documento gi stato segmentato e tradotto, questa funzione non viene avviata. Dopo lanalisi viene creato un resoconto di questo tipo:
ANALYSIS REPORT 16:48:49 11-22-2007 Scanned: document, footnotes, headers/footers, textboxes. ========================================================= C:\VBA\Document1.doc Analogy segments words char. % --------------------------------------------------------Repetitions 1 10 72 34% 100% 0 0 0 0% 95%-99% 0 0 0 0% 85%-94% 0 0 0 0% 75%-84% 0 0 0 0% 00%-74% 2 19 140 66% Total 3 29 212 ========================================================= Note: The character count includes spaces.

39

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Repetitions: questo termine si riferisce alla percentuale di ripetitivit intrinseca del testo o dei testi analizzati e non dipende dal contenuto del file di memoria. Per esempio, se una stessa frase (o per meglio dire: segmento) compare 3 volte nel testo analizzato, il resoconto dar un numero di ripetizioni pari a 2 segmenti. Subito sotto il numero di ripetizioni intrinseche, la colonna Analogy riporta una serie di valori di corrispondenza in percentuale, stimati in base al confronto diretto tra i segmenti trovati nel testo analizzato e i segmenti source trovati nella memoria di traduzione. I segmenti indicati nella riga 100% sono stimati identici, ma non detto che lo siano davvero. Non dimentichiamoci che limperfetta intelligenza artificiale di Wordfast a valutare le percentuali di analogia. E Wordfast in questo caso avrebbe potuto ignorare le differenze tra lettere minuscole e maiuscole, tra i diversi stili di virgolette/apostrofi/trattini, e soprattutto eventuali differenze di tag o di numeri contenuti nei segmenti. Wordfast arriva a questo risultato dopo aver effettuato una complessa sostituzione di numeri, tag, virgolette, apostrofi eccetera. Se loperazione di sostituzione non del tutto affidabile, Wordfast cerca di individuare dove sta lambiguit e, in fase di traduzione, propone il supposto full match su sfondo giallo, per richiamare lattenzione del traduttore sulla possibile necessit di intervento umano nel testo tradotto. In casi rari il segmento proposto come corrispondente al 100% al testo da tradurre potrebbe essere sostanzialmente diverso: la dimostrazione del fatto che il calcolo di una macchina ha pur sempre dei limiti rispetto alla comprensione umana di un testo scritto. Tramite appositi voci di comando del vaso di Pandora possibile istruire Wordfast affinch non proponga come pienamente corrispondenti, segmenti la cui unica differenza sta nella presenza di numeri diversi, tag diversi, o in un uso diverso delle maiuscole e delle minuscole. Si tratta dei comandi DifferentCase=99, DifferentNumbers=99 e DifferentTags=99. Da notare che il conteggio sui caratteri da intendersi spazi inclusi. Translate [Traduci] effettua una pretraduzione del/i documento/i selezionato/i con la memoria di traduzione in uso in quel momento. Attivando il comando CopySourceWhenNoMatch nel vaso di Pandora i segmenti sconosciuti (senza corrispondenza) vengono copiati sul segmento target cos come sono. Se per si attiva un collegamento a un programma di traduzione automatica (MT) i segmenti sconosciuti vengono tradotti automaticamente. Una volta completata la pretraduzione, possiamo una normale sessione di Wordfast e tradurre il documento (o i documenti) come al solito: il lavoro risulter pi veloce perch la segmentazione e labbinamento sono gi stati effettuati. Per ripulire un documento di questo tipo, usare il normale strumento di pulizia (Clean-up) rispondendo S alla domanda Update translation memory?
Da notare: se questa funzione viene attivata su un documento vuoto mentre in sottofondo aperta una finestra di Excel, Access o PowerPoint, viene tradotto il documento Excel, Access o PowerPoint. Se questa funzione viene attivata con le impostazioni di MT (traduzione automatica) attivate, viene effettuata la traduzione automatica dei segmenti sconosciuti. Da notare: se si vuole che venga attivata la propagazione durante la fase di pretraduzione dei documenti tramite la funzione Translate di Wordfast, occorre attivare il comando ToolsTranslateWithTR nel vaso di Pandora.

Quality-check [Controllo qualit] compie un controllo di qualit su tutti i file selezionati; per ciascun file viene generato un resoconto dettagliato con un sommario generale degli errori di QC trovati in tutti i file. Le opzioni di QC vanno impostate nella scheda Wordfast/Setup/QC prima di utilizzare questa funzione. 40

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Extract [Estrazione] apre tutti i documenti presenti nella lista Select documents ed estrae tutti i segmenti in un unico file che viene chiamato WfExtracted.txt. Si tratta di un file di testo semplice che possibile salvare in qualsiasi altra cartella e con qualsiasi altro nome: anche in Unicode, se richiesto dalla lingua in cui traduciamo. Se si vuole usare il testo estratto per allinearlo con PlusTools, opportuno effettuare questo processo di estrazione due volte: una sul documento o sui documenti source, e una sul documento o sui documenti target. Ciascuno dei due file contenenti il testo estratto va salvato a parte (per esempio chiamandolo rispettivamente source.txt e target.txt in modo da poter essere poi riconosciuti da PlusTools. Durante lestrazione viene creato anche un secondo file che contiene tutti i segmenti che si ripetono pi di una volta; questo secondo file viene chiamato WfRepetitions.txt e viene salvato nella stessa cartella di WfExtracted.txt. Ci permette ai project manager di far tradurre le ripetizioni prima di far partire il progetto, e di aggiungere queste ripetizioni tradotte al file di memoria che poi distribuiranno ai traduttori. Questo metodo assicura coerenza terminologica lungo tutto il progetto e unulteriore riduzione dei costi.

Sezione Setup [Impostazioni] Scheda General [Impostazioni generali]

Da notare: alcune opzioni vanno semplicemente selezionate (evidenziate) o deselezionate, per altre opzioni occorre specificare dei valori numerici o di testo. Per esempio se lopzione contiene un segno di uguale (=) si deve premere ENTER sullopzione per creare/modificare/cancellarne il valore.

41

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

1.Fuzzy threshold=75 E il valore percentuale minimo sopra il quale una coppia di segmenti viene considerata solo parzialmente corrispondente, e sotto il quale viene considerata sconosciuta (cio non corrispondente). Il valore predefinito 75. I valori possono andare da 50 a 99%. Non raccomandabile assegnare valori inferiori a 75 perch traducendo potremmo ricevere proposte di traduzione molto approssimative. Ricordiamoci che con CTRL+ALT+X possibile cancellare in modo rapido e sicuro il contenuto del segmento target (cio la traduzione proposta). 2.End of Segment Punctuation=. : ? ! ^t ^l Qui possiamo scegliere i segni di punteggiatura che indicano la fine di una frase. Consigliamo di non modificare i valori predefiniti; per litaliano potremmo aggiungere il punto e virgola. Limpostazione predefinita . : ? ! ^t ^l , dove ^t indica il tabulatore e ^l il fine riga manuale. 3.Target segment font= Definisce i font di carattere da usare per il segmento target. Si tratta di unopzione particolarmente utile quando il segmento target non pu usare gli stessi font del documento originale, per esempio quando si traduce dallinglese al russo, dal francese al greco, dallitaliano allebraico, in cinese eccetera. 4.Colori

42

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Questi valori impostano i colori da applicare al testo segmentato al momento della convalida; essi vengono comunque riportati ai valori predefiniti (Automatico) al momento del clean-up. Funzione Whoops Se si inizia a tradurre con una certa impostazione di colori e dopo pochi segmenti ci accorgiamo che non avremmo dovuto usare nessun colore (per esempio se il testo di origine ha dei colori che non vanno modificati nella traduzione) ricordiamoci che Wordfast, al momento del clean-up, riporta il testo di destinazione pulito al colore predefinito (Automatico), che normalmente nero nella maggior parte dei computer. Se per attiviamo il comando LeaveColours nel vaso di Pandora i colori originali non saranno ripristinati dopo la pulizia. 5.Insert the following characters(s) after segment= Qui possiamo indicare i caratteri o la (breve!) stringa di testo da aggiungere subito dopo ciascun segmento. Possiamo indicare alcuni caratteri speciali usando questi codici: {space} indica uno spazio (tasto BARRA SPAZIATRICE) {tab} indica un tabulatore; &AA; un carattere qualsiasi espresso nel suo codice esadecimale; per esempio &AB; sta per ANSI 171 &#00; un carattere qualsiasi espresso nel suo codice decimale; per esempio &#171; sta per ANSI 171 Si possono anche scrivere codici Unicode (i cui valori vanno da 256 a 65535) Reset Riporta tutte le impostazioni ai valori predefiniti di Wordfast. Save setup as... Permette di salvare le impostazioni correnti in un file INI che viene salvato nella stessa cartella dove si trova il file wordfast.dot. Si tratta normalmente della cartella di Esecuzione automatica di Word (per trovare questa cartella su disco rigido, vedi le note relative alle cartelle nascoste). Lopzione <browse> permette di aprire un file INI ovunque esso sia, anche nelle cartelle di rete o in un floppy.

Scheda Segments [Opzioni di segmentazione]

Set target segment language to TMs target language Le opzioni di controllo qualit (QC) di Wordfast possono comprendere il controllo ortografico del segmento tradotto, prima della sua convalida. Scegliendo questa 43

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

opzione (che quella predefinita) si applica a ciascun segmento tradotto la lingua di destinazione della memoria in uso ( la stessa cosa che si ottiene selezionando il segmento target e applicandogli la lingua voluta, scegliendola dal men Strumenti/Lingua... di Word); in questo modo possiamo essere certi di utilizzare la lingua corretta se viene attivato il controllo ortografico. Set target segment language to Words default language Se si traduce in una lingua che non figura nella lista delle lingue di Wordfast, o se per qualsiasi altro motivo Wordfast non riconosce la nostra specifica lingua di lavoro, possiamo scegliere questa opzione, tornare a Word e impostare la lingua target come lingua predefinita di Word (men Strumenti/Lingua), cos applicheremo ai segmenti target la lingua specificata. Scegliendo leave unchanged, durante la traduzione non viene applicata nessuna definizione di lingua ai segmenti target. La questione trattata brevemente nellAppendice II. A number + an ESP end a segment Normalmente un numero seguito da una ESP (punteggiatura di fine frase) non viene riconosciuto come indicatore di fine segmento. Selezionando questa opzione disattiviamo tale regola. An ESP without a trailing space ends a segment Normalmente una ESP viene riconosciuta come indicatore di fine frase solo se seguita da almeno uno spazio. Selezionando questa opzione disattiviamo tale regola. An ESP + a space + a lowercase end a segment Normalmente una ESP seguita da uno spazio seguito da una lettera minuscola non viene riconosciuto come indicatore di fine frase. Selezionando questa casella disattiviamo tale regola. Use DoubleStrikeThrough as untranslatable attribute Esempio di testo barrato doppio (DoubleStrikeThrough). Piuttosto che ridefinire uno stile esterno che escluda il testo dal processo di segmentazione e traduzione, possiamo scegliere allo stesso scopo un attributo di carattere. Scegliamo un attributo di carattere che definisca il testo come da non tradurre, ma ricordiamoci di deselezionare questa opzione quando non serve, altrimenti resta attiva e pu portare a risultati non voluti. E unopzione che rallenta notevolmente la velocit di segmentazione. Use Highlight Gray 25% as untranslatable attribute Esempio di evidenziato grigio al 25% (Highlight Gray 25%). E la stessa cosa di prima. Leffetto visibile solo se selezioniamo la casella Testo evidenziato in Strumenti/Opzioni/Visualizza. Importante! Lutilizzo dellattributo di testo evidenziato grigio al 25% va usato solo nei documenti che, prima della traduzione, non presentano nessun tipo di evidenziatura. Use Marching Red Ants as untranslatable attribute Esempio di testo in cornice rossa tratteggiata (Marching Red Ants). E la stessa cosa di prima. Leffetto visibile solo se selezioniamo la casella Testo animato in Strumenti/Opzioni/Visualizza. Protect segment delimiters from Delete and Backspace. Selezionando questa opzione si attiva una funzione che reindirizza i tasti di cancellazione (CANC e BACKSPACE) a una routine che previene la cancellazione accidentale dei segni di demarcazione di segmento. Questa funzione attiva sono se la barra degli strumenti di Wordfast aperta. Un limite di questa funzione quando essa viene attivata che lutilizzo dei tasti CANC e BACKSPACE allinterno di alcune finestre di dialogo di Word pu causare dei problemi. Questa funzione non impedisce che i segni di demarcazione dei segmenti possano essere sovrascritti in altro modo, 44

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

cos occorre fare attenzione comunque. Abbreviations: qui possiamo indicare le abbreviazioni pi comuni della nostra lingua. Se una parola figura in questa lista non verr considerata come fine frase. Separiamo le abbreviazioni con una virgola come nellesempio qui sotto: Dott.,Dr.,Sig.,Sig.na,Prof.,Cav.,Pr.,Pres. Ricordiamo che la funzione Expand [Espandi segmento] pu espandere un segmento fino a farlo coprire la frase effettiva anche se unabbreviazione sconosciuta fa terminare il segmento troppo presto, e che con MAIUSC+ALT+GI possiamo segmentare comunque il testo selezionato a mano. Unabbreviazione deve avere meno di 16 caratteri.

Scheda QC [Quality check]

Questa parte di Wordfast viene usata per impostare le azioni da fare durante il controllo qualit. Attivando il QC durante la traduzione, i segmenti target vengono controllati in tempo reale prima della convalida (modalit real-time), cio subito dopo aver premuto NextSegment ma subito prima che il segmento venga salvato nel file di memoria. Ricordatevi: si pu associare una propria macro al QC digitandola nel comando MacroQualityCheck del vaso di Pandora. Alcuni esempi si possono trovare nellAppendice III. Se attiviamo il controllo qualit fuori dalla sessione di traduzione:
1. Se il documento segmentato Wordfast controlla i segmenti target alla ricerca di errori di target (ortografia, termini presenti nella lista di esclusione) e confronta i segmenti source e target per eventuali errori di traduzione (glossario, termini da non tradurre) 2. Se il documento non segmentato Wordfast controlla le frasi target alla ricerca di errori di target (ortografia, termini presenti nella lista di esclusione) 3. In entrambi i casi, se il cursore si trova nella prima frase del documento Wordfast ci chiede se

45

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

vogliamo fare il QC dellintero documento e creare un documento di statistiche, o se vogliamo piuttosto procedere un segmento alla volta soffermandoci su ogni singolo problema in modo da correggere gli errori man mano che li incontriamo. Se il cursore non si trova nella prima frase del documento viene data per scontata la seconda opzione (QC passo per passo).

I controlli ortografico e grammaticale sono disponibili solo in modalit di QC in tempo reale (durante la traduzione) e non in modalit batch, quando si deve elaborare un rapporto. Le prime quattro opzioni Le prime quattro opzioni Warn if source finds= vanno completate inserendo i parametri a mano. Lillustrazione mostra alcuni possibili esempi. Servono per allertare il traduttore qualora venga individuata una delle situazioni indicate: o nel segmento source al momento della sua apertura, o nel segmento target nel momento della sua convalida e del passaggio al segmento successivo. A rigore ciascuna riga un comando Trova&Sostituisci proprio come quelli descritti nella sezione sui comandi Trova&Sostituisci del vaso di Pandora. In queto modo, se queste quattro opzioni di controllo qualit non siano sufficienti, sempre possibile attivare i comandi Cerca&Sostituisci del vaso di Pandora. E possibile personalizzare queste quattro opzioni: premere ENTER sullopzione per modificarne i parametri. Attivando le prime quattro caselle dellillustrazione proposta avremo rispettivamente i seguenti risultati:
1. Avverte il traduttore se, aprendo un segmento, il testo source contiene la parola "UFO". 2. Avverte il traduttore se prima di certi caratteri (come ?!:; nelle impostazioni predefinite, ma altre lingue potrebbero richiedere altri caratteri) manca uno spazio forzato. 3. Avverte il traduttore se il segmento target contiene un doppio spazio. 4. Avverte il traduttore se il segmento target termina con un segno di punteggiatura seguito da uno spazio.

Ciascuna di queste opzioni attivabile anche attivando la voce di men Modifica/Trova di Word su ogni singolo segmento, ma il vantaggio che Wordfast lo fa per voi automaticamente. Si possono usare molte opzioni e diversi parametri. Per ulteriori dettagli vedere la sezione Trova&Sostituisci del vaso di Pandora. Identical untranslatables Serve per verificare che i termini da non tradurre (parametri del tipo Numero di Serie MMXXZ00) siano identici sia nel segmento source che in quello target. Termine da non tradurre, in questo caso specifico, una qualsiasi sequenza di lettere o caratteri che contenga almeno un numero. Identical tags Serve per verificare che vi sia corrispondenza tra i tag interni dei segmenti source e quelli dei segmenti target. Identical bookmarks Serve per verificare se c lo stesso numero di segnalibri (indicati da segni rossi di demarcazione come questo: [ o come questo: []) nei segmenti source e target. Ci particolarmente utile se il cliente vuole che i segnalibri del documento originale vengano trasferiti nel testo tradotto. Per evitare di perderli per strada durante la traduzione, leggere la sezione sui segnalibri.

46

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Scheda View [Visualizzazione]

Si usa per ottimizzare i parametri di visualizzazione e layout di Word quando si avvia la traduzione, per assicurarci un ambiente visivo confortevole. E un fattore da non sottovalutare: laffaticamento degli occhi dovuto a una cattiva impostazione del lavoro un problema frequente fra i traduttori. Sfortunatamente possono passare anni prima che ci si renda conto dei problemi oculistici causati da tale fattore. I seguenti parametri servono a impostare lambiente visivo e di layout tutte le volte che si inizia una sessione di traduzione. Per se la casella When translation starts non selezionata, Wordfast lascia invariate le impostazioni di visualizzazione e layout di Word, tranne che per il testo nascosto che deve necessariamente restare visibile.

Zoom the Ms-Word window Si consiglia di selezionare questa opzione se si usa un monitor a risoluzioni inferiore o uguale a 800x600 (cio VGA e SVGA). Per risoluzioni maggiori (XGA, UXGA) si tratta di decidere cos meglio per i propri occhi, principalmente in base alle dimensioni fisiche dello schermo (15, 16, 17 pollici). Zoom the document window Opzione consigliabile sempre per chi usa Word 97, ma pu essere opportuno disabilitare questa funzione se si aprono diversi documenti alla volta. Text zoom= Per una visibilit ottimale Wordfast propone un fattore di zoom del 120% (per risoluzioni fino alla SVGA) e del 140% per risoluzioni maggiori. Naturalmente ci si basa su un carattere standard di dimensione 10 12: per altre dimensioni di carattere meglio modificare questo parametro. Do not show spaces Siccome la segmentazione richiede di mostrare tutti i caratteri nascosti, si pensato che evitare di mostrare gli spazi sia un sollievo, perch quei punticini tra le parole possono risultare particolarmente affaticanti per la vista. Ma anche in questo caso dobbiamo prestare particolare attenzione agli spazi forzati, per es. potrebbe essere necessario a volte deselezionare questa casella (cio mostrare gli spazi). Use normal view Con un monitor da 17" pollici ad alta risoluzione (diciamo SXGA a 1280x1024) e un

47

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

computer veloce, si pu utilizzare il layout di stampa anche se non lo consigliamo, perch comporta unincessante rimpaginazione, uno scorrimento irregolare tra una pagina e laltra e un rapido esaurimento delle risorse di sistema. E meglio usarlo di tanto in tanto, per quei rari documenti in cui il layout di pagina di primaria importanza e rientra nelle responsabilit del traduttore. In tutti gli altri casi (perfino su computer veloci e con grandi schermi) il layout normale pur sempre, e di gran lunga, il pi comodo in assoluto; specialmente quando si salta da una pagina allaltra, si devono scorrere lunghi documenti ecc. Il layout normale assicura uno scorrimento pi regolare; uno scorrimento a salti pu danneggiare seriamente la vista e causare emicranie. Tuttavia, se il layout di pagina e limpaginazione del documento sono un fattore determinante, si pu disattivare questa funzione, lasciando cos invariata la modalit di visualizzazione. Wrap text to window Si tratta dellopzione Ritorno a capo automatico, essenziale (ma disponibile solo con il layout normale) per evitare lo scorrimento orizzontale tutte le volte che una riga supera la larghezza dello schermo. Hide ruler Permette di nascondere il righello, che molto spesso non essenziale, e che rubando spazio pu essere dimpiccio sugli schermi piccoli. Se il righello ci serve, possiamo sempre deselezionare questa casella. Keep only Standard, Formatting & Wordfast toolbars Serve per nascondere automaticamente le barre degli strumenti non strettamente necessarie, che tolgono spazio prezioso.

Da ricordare che possibile modificare manualmente le opzioni di visualizzazione mentre traduciamo accedendo in Word al men Strumenti/Opzioni.../Visualizza (o Preferenze/Vista nella maggior parte dei Mac). Da notare che Wordfast richiede la visualizzazione del testo nascosto perch usarlo senza visualizzare il testo nascosto pu essere pericoloso: infatti i segni di demarcazione dei segmenti possono diventare invisibili ed essere cancellati accidentalmente.

PB (Pandoras box: il vaso di Pandora)

Wordfast cerca di venire incontro alle principali necessit del lavoro di traduzione di tutti i 48

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

giorni, ma ci sono tantissime situazioni particolari che richiedono funzioni specifiche. Piuttosto che moltiplicare allinfinito le opzioni di impostazione aggiungendo pulsanti e caselle, stata ideata uninterfaccia efficiente anche se innaturale per attivare alcune funzioni utilizzate di rado. Basta scrivere uno dei seguenti comandi nel vaso di Pandora per ottenere da Wordfast un determinato comportamento. I comandi sono separati da un segno di paragrafo (MAIUSC+INVIO). Durante la sessione di traduzione la sequenza di tasti CTRL+ALT+P attiva/disattiva tutti i comandi inseriti nel vaso di Pandora. Importante! I comandi del vaso di Pandora fanno differenza tra maiuscole e minuscole: vanno usati esattamente come sono scritti in questo manuale, o come appaiono cliccando su Commands. Per escludere una funzione basta inserire un trattino basso ( _ ) nel comando; per attivarla, basta cancellare il trattino. Il trattino basso (underscore) si pu inserire in una posizione qualsiasi del comando, cos per esempio: AllowEmptyTarget attivo; Allow_EmptyTarget non attivo; AllowEmpty_Target non attivo; Allowemptytarget viene ignorato perch non ha la corretta sequenza di maiuscole e minuscole. Cliccando con il pulsante destro del mouse sulla lista dei comandi alterna due tipi di visualizzazione: in un caso vengono visualizzati tutti i comandi disponibili, nellaltro caso solo quelli attivi. AllowEmptyTarget BetterMatch=Show BetterMatch=Write BetterMatch=Discrete
Permette a Wordfast di convalidare un segmento di destinazione vuoto. Segmenti di traduzione vuoti non causano particolari problemi, ma in modalit regolare (specie per i principianti) c un avviso che impedisce allutente di convalidare un segmento vuoto. Mettiamo di avere un documento tradotto con un file di memoria che chiamiamo TM1. Il documento segmentato, bilingue (non stato fatto il clean-up). Mettiamo che invece del file TM1, venga scelta unaltra memoria di traduzione principale che chiamiamo TM2 non come memoria di sottofondo (BTM) ma proprio in sostituzione della memoria principale (TM1). Avviando la sessione di Wordfast con la memoria TM2 BetterMatch=Show serve per ricevere proposte (TU) da TM2 se hanno un valore di corrispondenza maggiore rispetto a quelle originalmente proposte da TM1. Se esiste una corrispondenza maggiore, essa viene visualizzata sopra il segmento (MAIUSC+ALT+INS copia la proposizione del file TM2 sul segmento traduzione). BetterMatch=Write: uguale a BetterMatch=Show, ma qui la TU proveniente da TM2 sostituisce direttamente il segmento target esistente, sempre che abbia un valore di corrispondenza maggiore. The analogy rate is also replaced with the new analogy rate. BetterMatch=Discrete: uguale a BetterMatch=Write, ma qui il valore di corrispondenza esistente non viene sostituito da quello nuovo. (per documenti con i tag) Quando si usa NextPlaceable/PreviousPlaceable, con questo comando i tag vengono considerati come qualcosa che ha uno stile interno e pertanto vengono posti tra i segni < e >. In modalit regolare, tag interno un qualsiasi testo adiacente che ha uno stile interno, anche se ci sono elementi multipli che cominciano con < e finiscono con >. Comando utile se si usa un software di riconoscimento vocale (o VR, voice recognition) che per non in grado di iniziare la frase con la maiuscola. Alla convalida del segmento Wordfast cambia la prima lettera in modo che diventi maiuscola. Attivando questo comando, la pulizia (Wordfast/Tools/Clean up) ha leffetto di trasferire i segnalibri (rimuovendoli dai segmenti source e spostandoli ai rispettivi segmenti target) senza per pulire lintero documento. Se il comando non attivo, i documenti vengono puliti normalmente senza

BreakDownTags

CapitalizeFirstTargetLetter CleanUpOnlyBookmarks

49

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5
conseguenze sui segnalibri ( la procedura normale). Impone a Wordfast di visualizzare sempre la finestra in cui inserire i termini da cercare nella ricerca contestuale o di riferimento, anche se si preme CTRL+ALT+C o CTRL+ALT+N senza aver evidenziato alcuna porzione di testo. Chiude la finestra di ricerca contestuale quando usiamo la combinazione ALT+F12 (copia-incolla nel segmento target). Qui al posto di X dobbiamo inserire noi un numero. Limita a X proposte il numero di riscontri per la ricerca contestuale. Il valore massimo 4096. Visualizza le unit di traduzione senza nome del traduttore, data di creazione e attributi, cos ne possiamo vedere di pi in una stessa pagina. Durante la traduzione, selezionando un termine del segmento source Wordfast compie una ricerca contestuale solo nei segmenti source del file di memoria. Selezionando un termine del segmento target la ricerca viene fatta solo nei segmenti target del file di memoria. ContextSearch=All impone a Wordfast di cercare in tutti i segmenti (source e target) indipendentemente da dove si trova la parola selezionata. ContextSearch=Source impone a Wordfast di cercare solo nei segmenti source del file di memoria. ContextSearch=Target impone a Wordfast di cercare solo nei segmenti target del file di memoria. Se il comando non attivato, Wordfast effettua la ricerca contestuale solo nei segmenti target. Attivando questo comando, quando selezioniamo unespressione nel documento e premiamo CTRL+ALT+C, Wordfast presume che vogliamo cercare lespressione esatta: come se lavessimo scritta tra virgolette. Se il comando non attivo Wordfast presume che vogliamo cercare tutte le singole parole da cui formata lespressione selezionata e le loro possibili varianti: come se avessimo usato loperatore logico AND. Attivando questo comando, quando selezioniamo una singola parola nel documento e premiamo CTRL+ALT+C, Wordfast presume che vogliamo cercare il termine esatto: cio la parola intera senza possibili varianti. Se il comando non attivo e per esempio evidenziamo la parola cat, il risultato della ricerca potrebbe essere cat e cats, ma non bobcat. Quando si apre la finestra di ricerca contestuale, si esegue un Disponi tutto (come dal men di Word Finestra/Disponi tutto) per poter affiancare le due finestre, quella del documento e quella che mostra i risultati della ricerca contestuale. Quando si avvia una ricerca contestuale o di riferimento, questo comando fa s che il termine selezionato per la ricerca venga copiato negli appunti. Equivale a usare licona Copy source di Wordfast quando non viene proposta alcuna corrispondenza dalla memoria di traduzione. Quando usiamo CTRL+ALT+GI per copiare la traduzione di una voce di glossario nel segmento target, questo comando fa s che venga mantenuto lo stesso tipo di lettere del source (maiuscole/minuscole) anche nel target. Alcune versioni di Word hanno la tendenza a bloccarsi o ad arrestarsi se vengono usate delle tabelle nelle intestazioni o nei pi di pagina, specialmente se il documento convertito da un file RTF. Se ci avviene anche con la versione di Word che stiamo usando, conviene attivare questo comando per impedire a Wordfast di entrare nelle intestazioni e nei pi di pagina che contengono una o pi tabelle. Impone a Wordfast di mostrare (o di non mostrare) linformazione in una specifica barra di strumenti; (la stessa informazione viene visualizzare nella barra di stato nella parte inferiore, ma non disponibile per gli utenti di Word XP, e nelle altre versioni scompare al primo tasto premuto). Usando CTRL+ALT+G o licona Glossary per cercare un termine nel glossario o nei glossari, quando si trova una corrispondenza che sembra essere simile alle voci di glossario vicine, la lista a scomparsa del glossario viene lasciata aperta per permettere una visione migliore. Premendo INVIO sulla lista la possiamo chiudere e tornare al documento. Come sopra, ma la lista del glossario viene sempre lasciata aperta dopo una ricerca. Traducendo una tabella Excel lordine seguito normalmente una riga dopo laltra dallalto in basso (viene tradotta una cella alla volta della stessa riga, da destra a sinistra) Attivando questo comando si impone di tradurre una colonna alla volta (le celle di una stessa colonna vengono tradotte una alla volta dallalto al basso, poi si passa alla colonna successiva).

ContextDialog=Always ContextCloseAfterCopy ContextMaxHits=X ContextNoHeaders ContextSearch=X where X can be All, Source or Target

ContextSearch=ExactExpression

ContextSearch=ExactWord

ContextWindowArrange CopySearchWord CopySourceWhenNoMatch CopyTermsWithCase DoHeaderTables

DoShowInfo DoNotShowInfo DropGlossary

DropGlossaryAlways ExcelByColumns

50

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5
In certe versioni di VBA del Word 2003, il primo carattere che viene digitato nel segmento aperto "muto" e pertanto non viene visualizzato. Attivando uno di queti comandi (uno solo alla volta!) dovrebbe risolvere il problema. Ciascuno di questi comandi simula la pressione di un tasto "muto" in modo che il primo carattere digitato dal traduttore nel segmento venga correttamente visualizzato. Risolve un problema che stato riscontrato in certe versioni del programma di dettatura DNS, nel quale il cursore, allapertura del segmento, si posiziona alcune righe pi in basso o pi in alto. FR sta per Find and Replace. Questi comandi eseguono delle sostituzioni di testo cos come si potrebbe fare a mano usando il men Trova & Sostituisci di Word. Ftext sta per il testo da trovare, Rtext sta per il testo da sostituire. Se viene omesso il parametro Rtext il comando equivale a una semplice ricerca (Trova, ma senza Sostituisci). I comandi di questo tipo si applicano solo ai nuovi segmenti o al testo che viene aggiunto nel segmento target. Vedi anche il comando FRSegmented. Questi Trova&Sostituisci si possono fare nel segmento source o, come accade pi spesso, nel segmento target sia se il segmento viene proposto dal file di memoria principale (TM) senza intervento umano, sia se il traduttore modifica il target e lo convalida passando al segmento successivo. Sono comandi molto utili per assicurare la qualit finale del testo. Questi comandi sfruttano la versatilit delle opzioni di Trova e Sostituisci proprie di Word, il che rende questi comandi particolarmente potenti e, di fatto, unici rispetto ad altri CAT. Ftext e Rtext quello che scriveremmo rispettivamente nei campi Trova e Sostituisci del comando Sostituisci di Word.. Il loro contenuto va scritto sempre tra virgolette, come mostrato negli esempi. Nel resto del comando, fatto di opzioni o commenti, non vanno usate le virgolette. Se il testo da trovare o da sostituire contiene virgolette, usare al loro posto il carattere speciale ^34. Opzioni: /wc attiva lopzione Usa caratteri jolly /mc attiva lopzione Maiuscole/minuscole /ww tattiva lopzione Solo parole intere /T (comportamento predefinito) significa che il T&S viene effettuato sul segmento target al momento della sua convalida (solo su segmenti nuovi: vedi al proposito il comando FRSegmented). Per convalida si intende quando il traduttore, dopo aver finito le modifiche nel segmento target, lo accetta e passa al segmento successivo oppure termina la traduzione. /S significa che il T&S viene effettuato solo sul segmento source al momento della sua apertura, prima che il traduttore inizi a scrivere nel target. Vale solo per i segmenti nuovi. /F significa che il T&S viene effettuato nel segmento target su quello che vi viene aggiunto (corrispondenze esatte o parziali provenienti dal file di memoria principale, copiatura automatica o manuale del testo source nel segmento target, testo sostituibile copiato a mano o automaticamente). Da notare che per segmenti source copiati con CopySource o per testo sostituibile inserito, il comando di T&S viene effettuato anche su segmenti esistenti, in quanto il testo viene considerato come una "nuova" aggiunta. In questi casi il T&S viene fatto solo sulla porzione di testo aggiunta. Se non viene specificata nessuna opzione tra /T, /S e /F, si suppone che sia valida lopzione /T. Questo significa che lopzione /T si pu anche non scrivere. Esiste anche lopzione /warn attiva solo per il comando Sostituisci (non quando si usa solo il Trova). Chiede allutente di confermare ogni singola azione di sostituzione. Se non si usa la funzione Sostituisci (omettendo del tutto il parametro Rtext: cio non con un "Rtext" vuoto, ma proprio senza scrivere niente), lopzione /warn avvisa lutente che il testo specificato in "Ftext" stato trovato. Al testo specificato come Ftext o Rtext si possono aggiungere alcune elementari opzioni di formattazione, come +{tw4winInternal}, che verr interpretato come stile "tw4winInternal" nel campo Trova o Sostituisci. Similmente, +{<b>}, +{<i>}, +{<u>} significano rispettivamente font in grassetto, corsivo e sottolineato. Il secondo esempio proposto nella colonna qui a sinistra mostra come sostituire un dato tag, per es. <Tag1> con un altro tag, che

FirstKeyControl FirstKeyEscape FirstKeyShift FirstKeyDNS FR="Ftext","Rtext", /wc/T


FR="<Tag1>+{tw4winInternal}", "<Tag2>+{tw4winInternal}", /F

51

Wordfast Manuale dellutente


chiamiamo <Tag2> ma solo se questi hanno lo stile tw4winInternal.

Versione 5

Ci sono oltre 100 possibili comandi T&S (FR) nel vaso di Pandora, tuttavia consigliamo di usarli con parsimonia, solo se strettamente necessario. I segmenti sottoposti a questi comandi vanno riletti con particolare attenzione, pi di tutti gli altri. Il comando FRBeep pu aiutare ad allertarci ancor pi sui cambi effettuati nel segmento target. Conviene sperimentare su un file di prova (usando la finestra di dialogo Trova e sostituisci di Word) le possibilit offerte dai vari parametri che si possono usare al posto di Ftext e di Rtext in questo comando. Lesempio fornito da Wordfast come set predefinito di comandi del vaso di Pandora (cliccando sul pulsante Command) mostra due comandi di TrovaSostituisci che servono a cambiare i separatori delle migliaia e decimali in stile US (virgola/punto) nel loro corrispondente francese (spazio forzato/virgola) nei documenti finanziari. Questo invece un esempio che mostra come imporre uno spazio forzato prima di :;!? nel segmento di destinazione procedendo in due passaggi consecutivi: FR="([a-z,A-Z,0-9]) ([\:\;\!\?])","\1\2",/wc/3 FR="([a-z,A-Z,0-9])([\:\;\!\?])","\1^s\2",/wc/3 Emette un segnale acustico per avvertire che un comando di T&S ha fatto modifiche al segmento target. Consigliamo di usarlo. I comandi T&S sono attivi solo sui segmenti nuovi. Per segmento nuovo si intende un testo appena segmentato. Se si ripassa una seconda volta su un testo segmentato (riaprendo il segmento in Wordfast e facendo una modifica qualsiasi) i comandi T&S non vengono attivati su quel segmento a meno che non sia attivato anche questo comando FRSegmented. Va detto per che i comandi T&S vengono attivati anche sui segmenti target gi esistenti, se ad essi viene aggiunto del testo con il comando CopySource o trasferendo in esso una porzione di testo sostituibile. Il comando FRSegmented va usato con cautela: se si ripete la stessa operazione di T&S sullo stesso testo diverse volte, si possono ottenere risultati non voluti. I comandi di T&S vanno usati con estrema cautela. Il loro impiego eccessivo porta solo a frustrazioni, come avviene anche quando si pretende di usare i glossari (che servono solo a far presente u gergo tecnico difficile da ricordare) in un tentativo di imitare la traduzione automatica. Piuttosto che intasare il vaso di pandora con dozzine di comandi T&S nel vano tentativo di risparmiare qualche microsecondo, preferibile usare una o due macro personalizzate. (vedere la sezione FTR per sapere cos il riconoscimento di terminologia fuzzy) Questo comando definisce come deve procedere lalgoritmo di FTR. Wordfast prende ciascuna parola del segmento source e cerca di trovarne la parola corrispondente nei/l glossari/o. Quando individua una parola, Wordfast toglie un carattere finale alla volta e ad ogni passo cerca leventuale corrispondenza nel glossario. B il numero di caratteri cancellati dalla fine della parola. Per esempio: con GloStemmingRule=5,4,2 e immaginando che il segmento source contenga la parola multiplexing mentre il glossario contiene multiplex, Wordfast effettuer i seguenti passi logici: Esiste multiplexing nel glossario? No. Allora prova FTR come segue: 1. Esiste multiplexin nel glossario? No 2. Esiste multiplexi nel glossario? No 3. Esiste multiplex nel glossario? S In questo caso, in tre passi si trovata una corrispondenza. A il numero minimo di caratteri che una parola deve avere per poter tentare il FTR su di essa. I questo caso non ci saranno tentativi di FTR su parole come make composte solo di quattro lettere. C il numero minimo di caratteri che si deve lasciare alla parola durante il suo progressivo accorciamento. Supponiamo di dover accorciare maker: in questo caso verrebbe accorciato fino a ma, ma non oltre.

FRBeep FRSegmented

GloStemmingRule=A,B,C Per esempio: GloStemmingRule=5,4,2

52

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5
Il valore predefinito GloStemmingRule=5,4,2 ed un buon compromesso tra uneccessiva abbondanza di proposte e una ricerca troppo restrittiva. I valori si possono cambiare, ma consigliamo cautela perch potrebbero portare a proposte sovrabbondanti o, al contrario, troppo scarse. (vedere la sezione FTR per sapere cos il Riconoscimento di terminologia fuzzy) Comando che affianca allalgoritmo di FTR appena definito alcune terminazioni specifiche di una determinata lingua, che si possono cancellare per arrivare pi rapidamente alla radice della parola cercata. Se la parola cercata finisce con una delle terminazioni elencate in questo comando (nellesempio alcune terminazioni tipiche della lingua inglese: ful,ing,ness,es), la terminazione viene cancellata in un colpo solo e il valore di FTR viene portato a 1 anche se in effetti le lettere cancellate sono pi di una. In altre parole, sia GloStemmingRule=5,4,2 che GloStrip=ing,ness avrebbero il risultato di ridurre la parola declinata multiplexing alla sua radice multiplex reperendone lesatta corrispondenza multiplex nel glossario. Ma GloStemmingRule=5,4,2 darebbe un valore di 3 (corrispondenza piuttosto bassa) mentre GloStrip=ing,ness darebbe un valore migliore, pari a 1. Naturalmente GloStrip viene sempre provato per primo. Se esistono molte terminazioni specifiche per una certa lingua, si possono usare diverse righe di comando GloStrip= nel vaso di Pandora: verranno considerate tutte. Raccomandiamo di usare i comandi GloStrip e GloStemmingRule assieme. Normalmente i termini di glossario vengono evidenziati in turchese, indipendentemente da quale glossario essi provengano. Con questo comando si possono definire dei colori diversi (uno per ciascun glossario) sostituendo alla X il valore corrispondente precisato qui sotto: Giallo=7 Bianco=8 Grigio 50%=15 Verde limone=4 Grigio 25%=16 Fucsia=6 Verde acqua=10 Quando si attiva il modello Wordfast, vengono disattivati tutti gli altri modelli o componenti aggiuntive che si trovano in Strumenti/Modelli e aggiunte Molti modelli infatti utilizzano macro o combinazioni di tastiera in conflitto con quelle di Wordfast. Se vogliamo mantenere un modello con cui lavorare assieme a Wordfast, dobbiamo precisare il suo nome in questo comando. Lesempio qui proposto permette di mantenere il modello denominato addin.dot attivo assieme a Wordfast. Per mantenere attivi tutti i modelli, il comando KeepTemplate=All. Va per usato con cautela, in quanto potrebbe provocare conflitti qualora vi siano modelli che usano le stesse combinazioni di tastiera di Wordfast. Se il segmento source del documento tutto in maiuscole, Wordfast cambia il segmento target trovato eventualmente in memoria in tutte maiuscole, perch cos di solito necessario: questo comando disattiva tale comportamento. Quando il segmento di destinazione in caratteri CJK (coreani, cinesi o giapponesi) ma contiene testo in caratteri latini, a tali porzioni di testo viene applicato il tipo di caratteri specificato al posto della scritta MyFont alla dimensione indicata al posto del numero 12. Al momento della pulizia, se in Wordfast/Setup/General sono stati specificati dei colori, vengono ripristinati i colori originali applicando il colore Automatico su tutto il documento: questo comando impedisce il ripristino dei colori originali. E possibile associare i documenti (ma solo se sono in formato nativo Word, con lestensione DOC) a una particolare impostazione di setup. Cos facendo, Wordfast lancia un messaggio di avviso quando lo stesso documento viene aperto per una successiva sessione di traduzione. Al traduttore viene cos offerta la scelta di usare il setup originale o un nuovo setup (a cui il documento viene associato di conseguenza). Lo stesso avviso viene lanciato, a certe condizioni, al momento del clean-up. Usiamo lopzione Unlink su un documento per scollegarlo e Relink per ricollegarlo. Studiare la nota qui di seguito. E possibile associare i documenti (ma solo se sono in formato nativo Word, con lestensione DOC) a un particolare file di memoria. Cos facendo, Wordfast lancia un messaggio di avviso se lo stesso documento viene aperto per una successiva sessione di traduzione con un file di memoria diverso. Al traduttore viene cos offerta la scelta di usare la memoria originale o quella nuova (a cui il

GloStrip=ful,ing,ness,es le voci vanno separate da virgole senza spazi!

Glossary1Colour=X Glossary2Colour=X Glossary3Colour=X

KeepTemplate=addin.dot

KeepCaseAlways LatinFont="MyFont,12" LeaveColours LinkSetupToDocument

LinkTMToDocument

53

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5
documento viene associato di conseguenza). Usiamo lopzione Unlink su un documento per scollegarlo e Relink per ricollegarlo. Lo stesso avviso viene lanciato, a certe condizioni, al momento del clean-up. La funzione di "Link" inserisce nei documenti un marcatore che, quando si avvia una sessione di Wordfast, lo associa a un certo setup o a un certo file di memoria. Cos, se viene avviata una nuova sessione di traduzione su quel documento ma con un setup o un file di memoria diverso, Wordfast (qualsiasi versione e con qualsiasi impostazione) emetter un avviso. Lavviso in fase di pulizia (clean-up) invece viene emesso solo se si usa il pulsante Cleanup nella scheda Wordfast/Tools e se si attiva Update TM e se selezionato la corrispondente impostazione di Link. In altre parole, un documento associato a una memoria o a un setup emetter un avviso tutte le volte che si inizia a tradurre, indipendentemente dalle impostazioni di Wordfast su quel computer; ma emetter un avviso prima del clean-up soltanto se stata selezionata lopzione Link nel setup di Wordfast in uso in quel momento in quel dato computer. Il motivo sta nel fatto che vi sono molti traduttori che traducono soltanto, poi mandano il file segmentato allagenzia che provveder poi al clean-up. In questo modo, lagenzia non riceve un avviso che la allarmerebbe inutilmente. Qui XXX sta per il nome di un macro di Word. Il comando serve per fare eseguire la macro specificata alla fine della sessione di traduzione con Wordfast, quando viene usata la combinazione di tasti ALT+FINE o viene comunque chiuso il segmento. Qui XXX sta per il nome di un macro di Word. Il comando serve per fare eseguire la macro specificata allapertura del segmento, immediatamente prima che il segmento venga visualizzato e proposto al traduttore. LAppendice III fornisce ulteriori informazioni sulle macro. Qui XXX sta per il nome di un macro di Word. Il comando serve per fare eseguire la macro specificata quando il traduttore "chiude" un segmento, immediatamente prima che il segmento visualizzato in quel momento venga chiuso. Il segmento viene "chiuso" premendo ALT+GI a segmento aperto, oppure ALT+SU o ALT+FINE o qualsiasi altro comando che chiuda il segmento. LAppendice III fornisce ulteriori informazioni sulle macro. Qui XXX sta per il nome di un macro di Word. Questa macro viene eseguita solo una volta: quando si avvia una sessione di Wordfast per la primissima volta su un certo documento. Se la macro termina con listruzione di Visual Basic End, comporter anche la chiusura della sessione di Wordfast e cos il documento rimarr "intonso". Attivando lopzione Misc/Unlink dal men di Wordfast, il documento attivo viene riportato allo stato "illibato". LAppendice III fornisce ulteriori informazioni sulle macro. Qui XXX sta per il nome di un macro di Word. Questa macro viene eseguita immediatamente prima della pulizia (clean-up) su un documento tradotto con Wordfast. LAppendice III fornisce ulteriori informazioni sulle macro. Qui XXX sta per il nome di un macro di Word. La macro specificata viene eseguita allinizio della sessione di traduzione. Qui XXX sta per il nome di un macro di Word. Questa macro viene eseguita immediatamente prima di una eventuale macro di post-segmentazione, quando il traduttore chiude un segmento aperto (usando ALT+GI, ALT+SU, ALT+FINE o qualsiasi altro comando che chiuda il segmento). Vedere la modalit interattiva per le macro di controllo qualit. LAppendice III fornisce ulteriori informazioni sulle macro. E un comando che pu accelerare notevolmente la velocit di segmentazione. Attivando questo comando: 1. Viene effettuato il riconoscimento terminologico come al solito, allapertura del nuovo segmento; ma non viene effettuato di nuovo quando si riapre un segmento gi esistente. Molti traduttori infatti trovano inutile, se non fastidioso, ritrovare evidenziata la terminologia nota quando, per esempio, fanno la revisione di un documento gi segmentato; 2. La scansione della memoria alla ricerca di corrispondenze naturalmente viene effettuata come al solito allapertura dei nuovi segmenti, ma non quando si riaprono segmenti gi esistenti. Cos, il colore di fondo dei segmenti riaperti rifletter il valore di corrispondenza (di analogia) originale scritto nel segmento, piuttosto che il fatto che il segmento source venga ritrovato (o non trovato) ne

! Una nota importante sulla funzione di "Link"

MacroEndSession=XXX MacroPreSegmentation=XXX MacroPostSegmentation=XXX

MacroMaiden=XXX

MacroRetire=XXX MacroStartSession=XXX MacroQualityCheck=XXX

NeedForSpeed

54

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5
file di memoria. Questo comando utile per i lavori in cui la velocit di esecuzione essenziale. Indica a Wordfast di escludere la memoria di sottofondo dalla ricerca contestuale. Nelle memorie di traduzione di Wordfast di solito non vengono mantenute le informazioni di formattazione, come per esempio i font di carattere. Di fronte a un segmento contenente elementi formattati (termini scritti in grassetto, o in un color diverso ecc.) Wordfast cerca di determinare quali elementi del segmento source si ritrovano nel segmento target e vi applica il formato che ritiene opportuno. Pu valere la pena disabilitare questo comando se questo comportamento di Wordfast crea pi problemi di quanti ne voglia risolvere. Disabilita la funzione Fuzzy context search (che viene attivata se si inizia una ricerca contestuale senza evidenziare nessuna porzione di testo). Lavorando su una presentazione PowerPoint, questo comando impone a Wordfast di saltare le note allegate alle diapositive. Disattiva le finestre di conferma durante lazione di ripristino dei segmenti RestoreSegment. Disattiva le finestre di conferma alla chiusura della finestra di setup di Wordfast. In questo modo tutte le modifiche vengono slavate automaticamente. Serve in Word 2003, per far s che Wordfast inserisca un carattere di controllo non stampabile allinizio del segmento target. Infatti in certe versioni di Word 2003 il primo carattere digitato nel segmento target non compare e il traduttore lo deve ribattere una seconda volta. Questo comando risolve il problema, che per esiste solo in certe versioni di Word 2003 non aggiornate con successive patch. Gli avvisi di QC o i messaggi di Wordfast vengono spostati sullangolo superiore destro dello schermo, in modo da rendere visibile anche la porzione di testo alla quale si riferiscono. Questo comando disattiva tale comportamento. Dopo il segno di uguale dobbiamo inserire una lista di tag separati da virgola. I tag specificati verranno ignorati quando Wordfast, durante il controllo di qualit (QC), verifica che ci siano gli stessi identici tag sia nel source che nel target. Maggiori dettagli nella sezione dedicata ai documenti con i tag. Impone a Wordfast di aggiungere uno spazio dopo una porzione di testo sostituibile, quando essa viene copiata con la combinazione di tasti CTRL+ALT+GI o con licona CopyPlaceable. Scritto con la "s" finale, PlaceablePlusSpaces aggiunge anche uno spazio prima di una porzione di testo sostituibile, se possibile. Indica a Wordfast che tutto ci che compreso tra parentesi [ quadra ], ( tonda ) e { graffa } da considerarsi sostituibile. Si possono specificare anche altre coppie di caratteri, separandole con virgole. Se si lavora su un file con tag meglio evitare di usare il comando PlaceableBetween=<> e/o PlaceableBetween=&; Indica a Wordfast di considerare come testo sostituibile tutte le parole contenenti i caratteri elencati dopo il segno di uguale. Nellesempio dato, lespressione I+YOU verrebbe considerata sostituibile. D istruzioni a Wordfast di considerare come testo sostituibile le parole che cominciano rispettivamente con la lettera maiuscola, o tutte in maiuscolo. Questo significa in pratica che con CTRL+ALT+DESTRA/SINISTRA possiamo catturare il testo sostituibile nel segmento source e copiarlo (CTRL+ALT+GI) nel punto di inserimento (posizione del cursore) nel segmento target. Per esempio, Placeable=AllCap velocizza il copia-incolla di tutte le parti source completamente in maiuscolo, evitando di doverle riscrivere ogni volta. D istruzioni a Wordfast di considerare come testo sostituibile le parole che (esclusa liniziale) contengono al loro interno alternanze di lettere maiuscole e minuscole. Attivando questo comando, termini quali DosAppName o en_LangID vengono considerati come porzioni di testo sostituibile. Questo comando viene usato assieme agli alfabeti del Centro-Est Europa (che fanno uso abbondante di segni diacritici) per affinare la ricerca nel file di memoria ed evitare la proposta di false corrispondenze. Consigliamo di usarlo se il comando ProcessNoDiacritics non porta a risultati soddisfacenti. Impone a Wordfast di usare sempre le virgolette indicate quando viene proposto un possibile segmento target, indipendentemente dal tipo di virgolette presente nel file di memoria. Possibili valori per questo comando: ProcessQuotes=171+160,160+187 produce virgolette alla francese (con i relativi

NoContextsInBTM NoFormatPasting

NoFuzzyContexts NoPowerPointNotes NoPrompts NoPromptToSaveIni NoSendKey

NoSmartMessage OptionalTags= PlaceablePlusSpace PlaceablePlusSpaces PlaceableBetween=[],(),{}

PlaceableContains=#@=+: Placeable=FirstCap Placeable=AllCap

Placeable=MixedCase ProcessDiacritics ProcessExtended ProcessQuotes=147,148

55

Wordfast Manuale dellutente


spazi forzati) come nella parola example . Nei Mac la sintassi :: ProcessQuotes=199+202,202+200

Versione 5

ProcessQuotes=147,148 produce virgolette inglesi (alte) come nella parola example. Nei Mac la sintassi :: ProcessQuotes=210,211 ProcessQuotes=145,146 produce virgolette singole (alte) come nella parola example. Nei Mac la sintassi : ProcessQuotes=212,213 ProcessQuotes=132,147 produce virgolette inglesi (basse-alte) come nella parola example. Disponibile solo per PC. Non esiste un equivalente per Mac, ma da notare che 227 il codice per le virgolette inglesi (doppie) di chiusura. ProcessQuotes=34,34 produce virgolette semplici come nella parola "example" ProcessQuotes=Source usa lo stesso tipo di virgolette del segmento source. Da notare: nel caso in cui alcuni segmenti non debbano usare il tipo di virgolette specificato, ma richiedano lo stesso tipo di virgolette del source (come pu essere nel caso di certi parametri tecnici), conviene usare CTRL+ALT+U per copiare le virgolette source nel segmento target. Comando simile a ProcessQuotes. Impone lutilizzo di un certo tipo di apostrofi indipendentemente da quelli del file di memoria. Possibili valori per questo comando: ProcessApostrophe=39 produce apostrofi semplici come nellespressione lexemple ProcessApostrophe=146 produce apostrofi semplici come nellespressione l'exemple. Nei Mac la sintassi : ProcessApostrophe=213 ProcessApostrophe=Source usa lo stesso tipo di apostrofo del segmento source. CTRL+ALT+U usa lo stesso tipo di apostrofo del segmento source. Comando simile a ProcessQuotes. Impone lutilizzo di un certo tipo di trattino indipendentemente da quello nel file di memoria. Possibili valori per questo comando: ProcessDashes=45 usa trattini semplici (segni meno) come in: attach-case ProcessDashes=150 usa il trattino allungato (breve) come in: attachcase Nei Mac la sintassi : ProcessDashes=208 ProcessDashes=151 usa il tratto lungo come in: attachcase Nei Mac la sintassi : ProcessDashes=209 ProcessDashes=Source usa lo stesso tipo di tratto del segmento source. CTRL+ALT+U usa lo stesso tipo di tratto del segmento source. Usando CopySource tutta la terminologia riconosciuta (ma solo se attivato il riconoscimento terminologico) del segmento target viene sostituita con relativa traduzione. Funziona anche con lo strumento Translate, ma solo per segmenti sconosciuti (che vengono sostituiti dal segmento originale tramite la funzione CopySource). Questa funzione utilizza il glossario n. 1 e viene spesso usato assieme a CopySourceWhenNoMatch. Quando si usa uno dei comandi di propagazione, premendo ALT+INS (ALT+S sui Mac) si passa alternativamente da CopySource e propaga a solo CopySource ma senza propagare. Nota importante: se si vuole che venga attivata la propagazione durante la fase di pretraduzione dei documenti tramite la funzione Translate di Wordfast, occorre attivare il comando ToolsTranslateWithTR descritto pi sotto. Come il precedente, ma utilizzando il glossario n. 2 o n. 3 rispettivamente. I tre comandi si possono usare insieme. Con la propagazione, fa s che i termini del segmento target vengano evidenziati. Dove X pu essere: 0, 1, 2, 3. 0 limpostazione predefinita: il tipo di lettere (maiuscole o minuscole) del glossario viene trasferito cos com. 1 trasferisce il termine al segmento target con tutte le lettere minuscole. 2 trasferisce il termine al segmento target con tutte le lettere maiuscole. 3 cerca di riutilizzare il tipo di lettere (maiuscole o minuscole) del termine originale.

ProcessApostrophes=39

ProcessDashes=45

Propagate1

Propagate2 Propagate3 PropagateAndHighlight PropagateCase=X

56

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5
Con il comando PropagateOnlyKnown (descritto pi sotto) attivo, la propagazione avviene in ordine inverso (funzione utile per le lingue in cui le parole hanno un ordine diverso allinterno della frase). Indica come fare la propagazione dei termini riconosciuti. I primi due caratteri (nellesempio qui a sinistra: [ e ]) specificano i caratteri da aggiungere ai termini propagati. Se a una singola voce di glossario corrispondono due o pi traducenti (cio se lo stesso termine source ripetuto con un termine target diverso) lopzione many fa s che vengano propagati tutti i traducenti contenuti nel glossario per un certo termine source. Lopzione add fa s che i termini propagati non sostituiscano i rispettivi termini target (metodo normale) ma che vengano aggiunti al segmento target. Normalmente, la propagazione avviene su una copia del segmento source. Questo comando, invece, inserisce tutta la terminologia riconosciuta (separata da uno spazio) nel segmento target vuoto. Attivando questo comando, il CopySource (ALT+INS sui PC, ALT+S sui Mac) porter allalternanza di questi tre comportamenti: A. CopySource e propaga nellordine desiderato (vedi sopra); B. CopySource e propaga nellordine inverso; C. solo CopySource ma senza propagare. Con la propagazione, questo comando aggiunge uno spazio dopo il termine propagato, se lo spazio non c. Nella forma con la "s" del plurale, PropagatePlusSpaces aggiunge uno spazio anche prima del termine propagato, se lo spazio non c. Se un singolo termine riconosciuto finisce con un carattere jolly, viene sostituita lintera parola e non solo la radice. Cos se un glossario francese/inglese contiene affect* = affecter e il testo originale contiene affection, il risultato finale sar affecter e non affection. Comando che dice a Wordfast in quale cartella salvare i vari rapporti (Cleanup, Analyse, Translate ecc.). Al posto della parola Cartella, va specificata la cartella in cui si desidera salvare i rapporti. Se dopo aver attivato questo comando la creazione dei rapporti di CleanUp, Analyse, Translate comporta dei problemi, assicurarsi di avere indicato una cartella valida. Normalmente tutti i rapporti di CleanUp, Analyse e Translate hanno lo stesso nome, e vengono sostituiti da quelli pi recenti. Questo comando dice a Wordfast di aggiungere unindicazione di data al nome di file del rapporto in modo che ciascuno di essi abbia un nome diverso. Comando che istruisce Wordfast a separare gli elementi del rapporto con tabulatori invece che spazi, per poterli copiare in una tabella Excel. Normalmente Wordfast non segmenta numeri isolati o altre porzioni di testo che non contengono alcuna lettera dellalfabeto: questo comando impone a Wordfast di segmentare qualsiasi cosa. Quando si fa una ricerca di riferimento, i risultati sono limitati alla frase in cui viene trovata lespressione cercata: con questo comando viene visualizzato tutto il paragrafo. Usando CTRL+ALT+SINISTRA/DESTRA per scorrere tra i vari termini nel segmento target, tali termini vengono cercati nel relativo glossario e vengono visualizzati nella barra dei glossari. Comando che abilita la visualizzazione del file di memoria (per corrispondenze esatte o parziali) fin dallinizio della sessione di traduzione. Equivale a cliccare sullicona Memory subito dopo lavvio della sessione. Visualizza il contenuto del file di memoria sopra il segmento aperto se il tasso di analogia (la percentuale di corrispondenza) entro il valore indicato (in questo caso: <100) Si possono usare anche valori quali >80 o <99: loperatore pu essere < o > e il valore, un numero qualsiasi. Riduce tutti i tag a un breve sistema numerico di tag per accorciare i segmenti contenenti tag particolarmente lunghi e renderli pi leggibili. Si tratta di una modalit di visualizzazione, che per non modifica il vero valore dei tag. Nei documenti gi segmentati e bilingui, tutti i segmenti che hanno un tasso di analogia maggiore di 99 verranno saltati. Si pu precisare qualsiasi valore dopo loperatore < o > come per esempio: SkipSegment<80. Usando la combinazione CTRL+ALT+GI per copiare un testo sostituibile nel segmento target alla posizione del cursore, Wordfast pu tentare di copiare le virgolette, parentesi, o altri segni grafici (compresi eventuali spazi) che avvolgano (presenti cio sia allinizio che alla fine) il testo sostituibile source: questo il comando che attiva tale funzione.

PropagateInReverse PropagateMethod=[],many,add

PropagateOnlyKnown

PropagatePlusSpace PropagatePlusSpaces PropagateWhole ReportFolder="C:\Cartella"

ReportMany ReportWithTabs SegmentAll SetReference=Paragraph ShowGlossaryAlways ShowMemoryAtStart ShowMemoryIf<100 ShrinkTags SkipSegment>99 SmartPlaceableCopy

57

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5
Specifica quale tipo di carattere utilizzare nella visualizzazione della ricerca contestuale e dei glossari editati da Word o da PlusTools. Sostituire MyFont con il nome del tipo di caratteri desiderato. Serve a mostrare o a nascondere determinate icone della barra di strumenti di Wordfast. Ciascuna cifra si riferisce a unicona da sinistra verso destra: 0 nasconde licona e 1 la rende visibile. Lesempio fornito nasconde tutte le icone tranne lultima. La prima icona resta visibile se la barra degli strumenti di Wordfast chiusa; lultima icona sempre visibile se la barra di Wordfast aperta. Salta i segmenti sconosciuti quando usiamo il comando Translate nei Tools di Wordfast. Lo strumento Translate di Wordfast lento, perch segmenta i documenti allinterno di Word. E per questo che durante questo processo, il riconoscimento terminologico (TR) viene disattivato in quanto in questa fase non necessario evidenziare la terminologia nota. In termini di tempo, il riconoscimento terminologico pu essere anche pi lungo della segmentazione o della pretraduzione. Questo comando consente comunque a chi lo desidera di attivare la propagazione anche in fase di pretraduzione con Translate, in quanto la propagazione si basa sul riconoscimento terminologico. Usando il comando Translate nei Tools di Wordfast, questo comando impedisce a Wordfast di evidenziare i segnalibri con segni di demarcazione rossi. Comando che specifica lordine in cui le Unit di Traduzione (TU) vengono proposte, a parit di valore di corrispondenza (cio il valore percentuale di match) nel caso in cui si usino pi di una memoria di traduzione. Senza questo comando, lordine il seguente: BTM,TM,VLTM Cio se si trovano tre TU corrispondenti al 100%, premendo ogni volta ALT+SINISTRA/DESTRA verranno proposte in questordine: memoria di sottofondo, memoria principale e memoria server. Questordine pu essere cambiato a piacimento: TranslationMemoryOrder=VLTM,TM,BTM, TranslationMemoryOrder=TM,VLTM,BTM, ecc. Mostra i segmenti senza colore di fondo (utile con schermi danneggiati o molto scuri, o per i patiti del Word con sfondo blu e testo bianco). Quando usiamo il Translate di Wordfast per pretradurre un documento MsOffice (Excel, PowerPoint, Access), il processo di traduzione non rimanda indietro i segmenti tradotti al documento Office (cio non aggiorna il documento Office) come avviene durante una sessione di traduzione dal vivo. Questo comando impone di farlo. Prima di unoperazione di pulizia rapida viene chiesto se si vuole aggiornare la memoria di traduzione senza fare la pulizia. Rispondendo di no si pu andare avanti e procedere comunque al Quick-clean, il cui utilizzo normale non viene quindi modificato. Qui X un numero, per esempio 5. Impone a Wordfast di attendere X secondi mentre u segmento tradotto da un traduttore automatico. Comando che fissa la posizione della barra degli strumenti di Wordfast sostituendo ad A, B e C dei valori numerici: A lo stile di posizione, dove 1 sta per orizzontale in alto (tradizionale), 0 per verticale a sinistra, 2 verticale a destra, 3 orizzontale in basso e 4 non ancorata; B la posizione verticale in pixel dalla sommit della finestra di Word; C la posizione orizzontale in pixel dal bordo sinistro della finestra di Word. Nellesempio WfToolbarPosition=1,0,0 viene data la posizione tradizionale, ancorata in alto a sinistra. Da notare che Office X/Mac e le versioni pi recenti tendono a imporre la posizione verticale per le barre degli strumenti aggiuntive e personalizzate.

TermFont="MyFont" Toolbar=0000000000000000

ToolsTranslateSkipUnknown ToolsTranslateWithTR

TranslateIgnoreBookmarks TranslationMemoryOrder=BT M,TM,VLTM

TransparentSegment UpdateOfficeWhenTranslate

UpdateWithQuickClean WaitForMT=X WfToolbarPosition=A,B,C WfToolbarPosition=1,0,0

La sintassi di questi comandi complessa. Cos, invece di scriverli e cancellarli tutte le volte dal vaso di Pandora, pu valer la pena lasciarli l dove sono. Per escludere un comando basta inserire un trattino basso: cos per esempio, SegmentAll attivo, mentre Segment_All non attivo. Il trattino basso si pu inserire in qualsiasi posizione nel nome del comando.

58

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Conteggi di parole e caratteri, tariffe


Il modo di contare le parole di Wordfast un po diverso dalle statistiche di Word (Strumenti/Conteggio parole o Strumenti/Statistiche). Per esempio, nel testo che segue: Largent de Louis-Philippe Word conta 3 parole mentre Wordfast ne conta 5 (una modalit di conteggio pi vicina a quella della maggior parte degli strumenti informatici per traduttori). In media, Wordfast conta dal 5 al 10% di parole in pi rispetto a Word, a seconda della lingua. La differenza pu essere maggiore con certe lingue, come il francese, e meno con altre. Il conteggio di Wordfast si conforma alle raccomandazioni di gran parte delle associazioni e federazioni di traduttori della maggior parte dei paesi che utilizzano lingue alfabetiche. Raccomandiamo di chiarire la modalit di conteggio parole con il cliente prima di cominciare a lavorare su un progetto; Nei documenti con i tag, ciascun tag viene contato come una parola (indipendentemente dal numero di caratteri o parole da cui composto), e nei rapporti finali di analisi viene riportato anche il numero di tag incontrati. Per tag si intende qualsiasi serie di caratteri adiacenti (spazi inclusi) che hanno lo stile tw4winInternal. Da notare che (contrariamente al conteggio a parole) i tag non sono compresi nel conteggio a caratteri, perch un tag viene conteggiato come una parola. Il conteggio di parole e caratteri di Wordfast si basa, cos come quello di altri CAT, su quello che il software considera come testo traducibile. Questo dipende anche da come ciascun utente imposta il proprio CAT. Per esempio, usando il comando SegmentAll si impone a Wordfast di considerare traducibile tutto il testo, compresi campi e numeri isolati eccetera che altrimenti sarebbero tagliati fuori dal processo di traduzione. Il conteggio di parole e caratteri di Wordfast comprende anche intestazioni, pi di pagina, note a pi di pagina ma non campi. Quando si controlla un progetto o si cerca di stimarne la quantit di testo da tradurre, occorre fare particolarmente attenzione ai conteggi. Tra le altre cose, occorre anche chiedersi se il documento (o i documenti) contiene (o contengono) segnalibri, e se s, che cosa il cliente ci chiede di fare con i segnalibri; se dobbiamo tradurre anche eventuali immagini o caselle di testo, se dobbiamo tradurre anche le intestazioni e i pi di pagina, se il conteggio va fatto sul testo source (originale) o su quello target (tradotto), come conteggiare i tag (un tot per tag? un tag uguale a una parola? in base al numero di caratteri del tag? e a quale tariffa?) eccetera.

Documenti di Excel, Access, Powerpoint, HTML


HTML Si pu usare Wordfast per tradurre ipertesti HTML (e file SGML/XML se si sa come prepararli vedi PlusTools, un freeware scaricabile da www.wordfast.net). Aprire il file HTML in Word. Avviare una sessione di traduzione (ALT+GI). Subito prima di iniziare la sessione di traduzione, Wordfast controlla che il documento aperto sia in formato HTML e ci chiede se vogliamo aggiungere i tag. Rispondiamo di s: Wordfast aggiunge i tag al documento e lancia la sessione di traduzione. Chi non ha mai lavorato su un file con i tag prima dora, pregato di leggere la sezione sui file con i tag. Quando lintero processo di traduzione completato, dobbiamo pulire il documento (cleanup): a questo punto Wordfast si rende conto che il documento era in origine un file HTML, ne rimuove i tag e lo riporta al formato originale, pronto per luso.

59

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Excel, PowerPoint e Access Si dovrebbero fare delle prove su questa funzione prima di cominciare ad usarla, perch Wordfast pu avere difficolt ad inizializzare i necessari collegamenti Ms-Office. 1. Avviare Excel (o Powerpoint o Access), aprire il foglio (o la presentazione o la tabella),
posizionare il cursore nella cella (o nel frame/slide o nel record/campo) dove la traduzione dovrebbe cominciare (NB: nella cella o forma o campo non si deve digitare come se si volesse modificarla: basta posizionarci sopra il cursore). 2. Tornare a Word, e avviare una sessione di traduzione con Wordfast su un documento Word vuoto.

Wordfast "sposter" gli elementi traducibili dalla presentazione di PowerPoint o dal foglio di lavoro the Excel, direttamente nel documento Word. Man mano che vengono proposti, non resta altro da fare che tradurre tali elementi in Word. Una volta tradotto un segmento, esso viene riportato nel documento PowerPoint o Excel. Il traduttore per lavora e traduce esclusivamente in Word. Se si riprende la traduzione dopo aver chiuso la sessione di traduzione, occorre riaprire lultimo segmento nel documento Word e cliccare sullicona Next segment. Ci permette a Wordfast di capire da quale frame, cella o record riprendere a lavorare. Con Excel possibile tradurre solo un foglio di lavoro per volta. Per tradurre altri fogli di lavoro occorre avviare una nuova sessione di traduzione su un documento Word vuoto: uno per ciascun foglio di lavoro.
Da notare: 1. Il documento aperto in remoto non deve essere protetto da lettura/scrittura. 2. Questa funzionalit utilizzabile in combinazione con gli strumenti Translate e X-trans! di Wordfast, o con la traduzione automatica. 3. Con Excel, per escludere dalla traduzione intere righe o colonne, occorre assegnare loro una larghezza o altezza pari a 0. 4. Con PowerPoint, raccomandiamo di usare Word2000 o una versione successiva, che sono compatibili con lo schema di colori di PowerPoint (con Word97 si rischia di ridurre il numero di colori usato nella presentazione PPT). Per escludere dalla traduzione le note delle diapositive, attivare il comando NoPowerPointNotes nel vaso di Pandora. 5. Allapplicazione viene allegato un documento usato per tradurre il file Excel/PowerPoint/Access. Usare lopzione Unlink nella scheda Miscellaneous su un documento per scollegarlo, o Relink per ricollegarlo allapplicazione e al documento originale. E una funzione utile, per esempio, quando il file tradotto deve essere revisionato in assenza dellapplicativo che ha prodotto il source.

Casi speciali
Lingue diverse dal Latino-1
Il Latino-1 il set di caratteri pi usato per la maggior parte delle lingue dellEuropa occidentale, comprese le lingue scandinave. Comprende tutte le lettere dellalfabeto inglese pi un gran numero di lettere accentate; ma le lingue dellEuropa dellEst quali il polacco, il ceco, lungherese ecc. usano un altro set di caratteri conosciuto come CE o Latino-2, e non rientrano nel gruppo del Latino-1. Se usiamo una combinazione linguistica in cui una delle due lingue di lavoro non appartiene al Latino-1 dobbiamo usare memorie e glossari in formato Unicode. Per lutilizzo di memorie e glossari Unicode, vedi la sezione successiva sulle lingue CJK. Chi non usa Unicode su Windows NT4, Windows95 o Windows98 potrebbe non riuscire a visualizzare correttamente i caratteri nei glossari e nelle finestre di messaggio, senza peraltro 60

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

avere maggiori disagi. Raccomandiamo, con le memorie Unicode, di usare Windows 2000 o un sistema operativo superiore e Ms-Word 2000 o versione superiore, ma non escludiamo che possano funzionare bene anche su altre piattaforme.

Lingue CJK (cinese, giapponese, coreano)


Questo paragrafo riguarda i dati interni usati da Wordfast (memorie di traduzione e glossari), non riguarda i documenti. Quando una delle due lingue di lavoro usate nella traduzione appartiene al gruppo CJK si dovrebbero usare memorie e glossari Unicode. Per i file di memoria e i glossari, usare nomi e percorsi che contengano solo lettere latine (inglesi). Wordfast non in grado di riconoscere nomi di file e nomi di cartelle contenenti caratteri unicode. Se Wordfast d problemi, probabilmente dovuto al fatto che la cartella di Esecuzione automatica di Word contiene caratteri unicode. Se ci avviene creare una nuova cartella con caratteri semplici, per esempio C:\Avvio oppure C:\Programmi\Avvio e copiarci il file wordfast.dot. Avviare Word, usare la finestra di dialogo Strumenti/Opzioni/Directory predefinite e indicare la cartella appena creata come cartella di avvio (esecuzione automatica) di Word. Chiudere e riavviare Word. Se al momento di salvare una memoria o un glossario ci viene offerta la possibilit di salvarla in Unicode, scegliere il formato Unicode semplice (che potrebbe essere indicato come Unicode, UTF-16 oppure Big-endian) ma senza indicare una codifica di lingua specifica. Chi usa Ms-Word XP (Ms-Word 2002) sapr che esso impedisce di salvare documenti direttamente in Unicode (a meno che al momento dellinstallazione non venga aggiunta questa apposita funzione). In questo caso per possibile esportare il file di memoria verso il formato Unicode. Per farlo, aprire leditor di TM e glossari di Wordfast, cliccare su Tools e avviare il filtro speciale Rewrite as Unicode. Un altro modo per bypassare questa limitazione di aprire un documento Unicode gi esistente, cancellarne il contenuto, riversarci i dati necessari, salvarlo e cambiargli nome direttamente sul disco. Nella finestra principale di Wordfast, vicino al percorso e al nome della memoria di traduzione dovrebbe apparire la sigla (CJK). Questo solo se il codice della lingua source inizia con ZH-, JA- oppure KO-. Si tratta di una sigla necessaria a far s che Wordfast passi a una modalit compatibile con il cinese, il giapponese o il coreano. Note: Per il giapponese e il cinese, assicuriamoci che il punto compaia tra i segni di interpunzione

precisati come End-of-segment punctuation nella scheda Wordfast/Setup/General. Dovrebbe venire aggiunto automaticamente quando si crea una memoria la cui lingua source ha il codice JA, KO o ZH (come per esempio JA-01). Ecco come procedere se non vediamo il punto finale giapponese o cinese: selezioniamo il punto finale in un documento, copiamolo (CTRL+C), apriamo Wordfast, e andiamo a End-of-segment punctuation nella scheda Wordfast/Setup/General. Premiamo INVIO per modificare il valore e incollare il punto allinizio della lista dei segni di interpunzione (consigliamo di non cancellare le interpunzioni latine gi esistenti). Per il giapponese e il cinese, attiviamo almeno la regola An ESP without a trailing space ends a segment nella scheda Wordfast/Setup/Seg, per fare in modo che Wordfast riconosca come ESP (segno di fine frase) anche i segni di punteggiatura non seguiti da spazio. Wordfast dovrebbe farlo automaticamente quando si usa una memoria CJK. Per far s che tutti i segmenti target abbiano un carattere specifico (font che possano visualizzare correttamente i caratteri CJK) indicarlo come Target font nella scheda Wordfast/Setup/General. Questo passo non necessario se si usa un sistema che adatta

61

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

automaticamente i font alla lingua usata. Il vaso di Pandora permette di indicare quali font usare per la visualizzazione dei glossari e delle ricerche contestuali. Il comando TermFont=MyFont in cui al posto di MyFont va indicato il carattere desiderato.

Se apriamo un glossario o una memoria in Word e non riusciamo a leggere il testo: selezioniamo tutto il testo, quindi applichiamo i font che permettono di visualizzare correttamente la vostra lingua (possono essere font generici Unicode o font specifici per quella lingua). Se anche cos non riusciamo a visualizzare correttamente il testo, per esempio se vediamo solo una serie di punti di domanda (????), possibile che il file in qualche momento sia stato salvato riscrivendolo in formato di testo semplice, facendogli cos perdere la codifica Unicode. Purtroppo non c alcuna possibilit di tornare indietro. Si deve fare attenzione che i file Unicode restino costantemente nel formato Unicode. Questo riguarda sempre i file di testo (memorie e glossari) e non i documenti di Word. Se un documento di Word non mostra correttamente la vostra lingua, un problema di font. I segmenti target devono avere i font opportuni; abbiamo spiegato pi sopra come applicare un certo carattere ai segmenti target.

I file con i tag


Alcune agenzie di traduzioni equipaggiate con software in grado di preparare documenti con i tag possono chiedere ai propri traduttori free-lance di lavorare su file contenenti tag. Sia le agenzie che i traduttori indipendenti devono sapere che Wordfast compatibile con i pi diffusi formati tag, come Trados e RSW Rainbow. Diamo di seguito alcuni consigli per tradurre questo tipo di documenti. Preghiamo di fare attenzione ai consigli che seguono, perch i file con i tag possono causare problemi se non vengono maneggiati con la dovuta perizia. (Le agenzie che affidano per la prima volta file con i tag a un traduttore dovrebbero revisionare il file tradotto subito dopo il completamento del lavoro del traduttore, per assicurarsi che i tag siano stati ripristinati correttamente. Se necessario, andranno fatte delle messe a punto prima di proseguire nel progetto.) Tag interni I tag rossi (normalmente con lo stile tw4winInternal) sono interni e si devono trovare dentro la traduzione. Per esempio: si traduce in The <B>final</B> document. Il documento <B>finale</B>.

In questo esempio, <B> e </B> sono tag che comandano il carattere grassetto. Il traduttore ha posizionato i tag alla giusta posizione nella frase tradotta. Il testo tradotto non ha uno stile tw4winInternal (ma nemmeno tw4winExternal), cos resta di colore nero (con stile Normale o Traducibile). Solo i tag hanno uno stile di tag, rosso o grigio. Gli stili sono importanti perch il software di aggiunta/rimozione tag si basa sugli stili per distinguere i tag dal testo tradotto. ! I tag interni di solito non vanno modificati, editati o tradotti. Alcuni tag si possono aggiungere o cancellare se la traduzione lo richiede. Altrimenti, la regola doro che tutti i tag interni (di solito delimitati dai caratteri < e >) presenti nel segmento source devono venire duplicati nel segmento target, correttamente posizionati. Per duplicare questi tag interni, Wordfast fornisce un insieme di combinazioni di tasti. 62

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

CTRL+ALT+SINISTRA/DESTRA seleziona il tag interno successivo/precedente (nel segmento source); CTRL+ALT+GI duplica (porta gi) il tag selezionato nel punto di inserimento nel segmento target. E bene abituarsi a queste combinazioni di tasti. Non solo fanno risparmiare tempo: rendono anche molto pi affidabile il processo di traduzione. Se copiamo il segmento source nel segmento target e lo traduciamo scrivendoci sopra, o se modifichiamo un segmento target esistente, ci dobbiamo assicurare che il testo tradotto non abbia uno stile di tag (rosso o grigio). Se il cursore si trova subito dopo un tag rosso (o grigio) tutto ci che digitiamo sar rosso (o grigio) e ci causer dei problemi in un secondo tempo. Per evitarlo, ricordarsi che se il cursore si trova subito dopo un tag rosso, con CTRL+BARRA SPAZIATRICE si ripristina lo stile normale in quel punto, e il testo che verr digitato non avr uno stile di tag. CTRL+BARRA SPAZIATRICE una combinazione di tasti di Ms-Word. Ecco alcuni esempi di unit di traduzione corrette e scorrette: Esempi di unit di traduzione
The <B>final</B> document is here. Il documento <B>finale</B> qui. The <B>final</B> document is here. Il documento <B>finale</B> qui. The <B>final</B> document is here. Il documento <B>finale</B> qui. The <B>final</B> document is here. Il documento <B> finale qui.

Note
Questa unit di traduzione va bene. C un problema: la parola target finale ha uno stile di tag interno. C un problema: il primo tag del segmento target ha perso lo stile di tag interno (rosso). C un problema: manca il secondo tag del segmento target (dovrebbe essere </B>).

Wordfast ha unopzione di controllo qualit che si chiama Identical tags in source/target segments [Tag identici nei segmenti di origine/destinazione]:. raccomandiamo di attivarla durante il controllo qualit. Per evitare falsi allarmi per certi tag che in realt sono facoltativi, consigliamo di precisare questi tag in Wordfast/Setup/General/Optional tags. Esempi di tag facoltativi sono elementi quali spazi forzati, virgolette, & commerciale ecc. che nei file con i tag possono apparire in questo modo: &amp; o <:hs> o &nbsp; ecc. A seconda delle esigenze della traduzione, questi tag facoltativi si possono trovare nel segmento source ma non in quello target o viceversa. Per esempio, questo segmento
The R&amp;D department is <B>ready</B>. Il Dipartimento Ricerca e Sviluppo <B>pronto</B>.

un segmento valido anche se ci sono tre tag interni nel segmento source e due soltanto in quello target: infatti non stato necessario riutilizzare la & commerciale del segmento source. Ci possono essere altri casi particolari in cui anche i tag non facoltativi vanno tolti o aggiunti. Tag lunghi Wordfast considera come tag qualsiasi porzione di testo adiacente avente stile di tag interno. Cos per esempio
<p align="left" font="Times New Roman" size="12"><strong><table align="center">

considerato come un unico tag. Se la stringa di testo adiacente contiene in effetti pi di un tag e se questi tag vanno gestiti 63

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

separatamente, la combinazione CTRL+ALT+SU fa s che Wordfast li tratti come porzioni distinte di testo sostituibile. La coppia di caratteri < e > ed i simboli & e ; vengono considerati delimitatori di inizio e fine tag. Da notare che il comando del vaso di Pandora BreakDownTags converte in ogni segmento aperto i tag in simboli, cio in gruppetti di numeri quali <1>, <2> ecc. Alla convalida del segmento, i tag vengono riportati alla loro sintassi originale. Ci permette di avere segmenti pi brevi e leggibili anche in presenta di tag lunghi. Quando un tag di questo tipo viene evidenziato come sostituibile, la sua sintassi appare per esteso nella barra di stato. Tag esterni I tag esterni (stile tw4winExternal) vanno tenuti fuori dalla traduzione. Cos come i tag interni, anche questi non vanno mai modificati, cancellati, tradotti ecc. ! In caso di dubbio, fermarsi e chiedere al cliente o allagenzia. Non procedere col lavoro se non siamo sicuri della corretta gestione dei tag! Se si comincia a lavorare per la prima volta su un progetto con i tag, consigliamo di sottoporre a revisione il primo file tradotto prima di proseguire oltre.

Collegamenti
Alcuni file contengono i cosiddetti collegamenti o puntatori (jump), composti da un riferimento che punta a unaltra parte del documento. Il riferimento un testo verde con sottolineatura doppia o semplice. Esso seguito subito dopo da unespressione (senza spazi) in caratteri nascosti, come nellesempio che segue:
Per maggiori informazioni, vedere la Sezione Assistenza ClientiJump_To_CCS.

dove Sezione Assistenza Clienti il riferimento, seguito subito dopo dallespressione, nascosta e senza spazi: Jump_To_CCS. Da notare che il punto finale non nascosto perch non fa parte del puntatore. Il riferimento pu essere tradotto ma il testo nascosto no, perch si tratta dellindirizzo a cui si punta. Se Wordfast non trova una corrispondenza per il riferimento (segmento target vuoto), raccomandiamo di copiare il segmento source nel segmento target e di tradurlo scrivendoci sopra, in modo da riutilizzare gli stili esistenti. Per se Wordfast trova una corrispondenza, dovrebbe essere in grado di applicare gli stili corretti e questa procedura non necessaria.

I file di guida (Help)


Alcuni file di guida utilizzano note a pi di pagina per archiviare determinati elementi come le parole chiave ecc. Per tradurre le note, apriamo il pi di pagina, posizioniamo il cursore nel pi di pagina e traduciamo come al solito con Wordfast usando ALT+GI. Nota importante: le note a pi di pagine seguite dal segno di cancelletto o diesis ( # ) non vanno tradotte; ecco perch Wordfast le ignora.

Note a pi di pagina
Quando un segmento contiene una nota (un numero allapice, come questo 1 che apre la corrispondente nota a pi di pagina quando ci si clicca sopra due volte), si comincia a tradurre il segmento target come al solito. Nel punto in cui deve comparire la nota nel testo tradotto, usare CTRL+ALT+SINISTRA/DESTRA per selezionare il numero di nota (che dovrebbe venire incorniciato di rosso) nel segmento source e tagliarlo (trasferirlo) nel segmento target con CTRL+ALT+GI. Se queste combinazioni di tastiera non dovessero essere disponibili, si possono sempre usare le icone di Wordfast corrispondenti: Next 64 , Previous e Copy

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Placeable. Si pu anche selezionare a mano il riferimento di nota, tagliarlo (non copiarlo) e incollarlo nel segmento target. Limportante che il riferimento di nota vada spostato, e non duplicato, altrimenti si raddoppierebbero anche le note a pi di pagina. Una volta tradotto tutto il documento, fare un doppio clic su ciascun riferimento di nota: in questo modo si aprono le note a pi di pagine (la finestra di Word si divide e la parte inferiore mostra il testo delle note) e possiamo cominciare a tradurre il testo delle note. Basta posizionare il cursore su una delle note e iniziare a tradurre normalmente con Wordfast. Una nota si pu tradurre anche subito dopo aver tradotto il segmento a cui si riferisce: basta chiudere il segmento, aprire le note a pi di pagina e tradurla. Per preferibile tradurre tutte le note a parte, dopo aver tradotto tutto il documento. Dopo aver trasferito il riferimento di nota, Wordfast sostituisce il riferimento di nota originale nel segmento source con un numero di riferimento falso, per permettere al revisore di sapere dove era posizionato il riferimento di nota nel testo originale. Da notare che quando uno stesso segmento contiene pi di un riferimento di nota, la loro numerazione viene falsata dopo aver trasferito il primo dei riferimenti. La numerazione corretta viene ripristinata quando si trasferisce lultimo dei riferimenti di nota del segmento. In caso di errori usare la funzione di Annulla di Word.

Campi e oggetti
I documenti Word possono contenere campi od oggetti quali collegamenti ipertestuali, pulsanti, grafica ecc. Normalmente i campi non vanno tradotti (a meno che ci venga esplicitamente richiesto dal cliente, come nel caso di campi di indice), ma semplicemente copiati e incollati nella traduzione. Da notare che le opzioni di visualizzazione di Word in Strumenti/Opzioni/Visualizza possono alternare le due modalit di visualizzazione dei campi: o il risultato del campo (il campo unistruzione lavorata da Word, di solito risultante nella visualizzazione di un qualche testo appunto, il risultato), o i codici di campo che sono qualcosa di questo aspetto: { DATECREATION \* FUSIONFORMAT }. Consigliamo di usare licona che permette di passare da una visualizzazione allaltra (dal men Visualizza/Barre degli strumenti/Personalizza... cliccare sulla scheda Comandi, poi dalla lista scegliere Visualizza e trascinare licona {a} nella barra degli strumenti che vogliamo); oppure usare la combinazione di tasti di Ms-Word ALT+F9. Per visualizzare il concetto, premiamo alcune volte ALT+F9 per capire la differenza tra i campi (il sommario stesso del presente manuale un campo di TOC) e i due modi di visualizzare i campi (risultato o codice). Il campo seguente quello della Data di oggi: 22/07/200808 e premendo ALT+F9 o licona {a} dovrebbe apparire in due modi diversi. Come detto, il sommario di questo documento un campo di TOC ( Table of Contents): chi traduce questo manuale non deve tradurre il sommario, ma semplicemente aggiornarlo posizionando il cursore sopra di esso, in qualsiasi punto, e premendo una volta il tasto F9 dopo avere tradotto e pulito lintero documento Word. Lo stesso risultato si ottiene anche cliccando una volta sul TOC con il pulsante destro del mouse e scegliendo lopzione Aggiorna campo. Quando ci sono dei campi nel testo di origine e non esiste nessuna proposta di traduzione proveniente dal file di memoria, pu valer la pena utilizzare licona Copy source di Wordfast per copiare il segmento source nel segmento target e tradurre poi questultimo scrivendoci sopra, lasciando invariati i campi e gli oggetti. Altrimenti occorre copiare e incollare con cura i campi e gli oggetti, uno per uno, nella posizione pi opportuna del segmento target.

65

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Campi traducibili
Leggere, se non lo si gi fatto, la precedente introduzione generale ai campi. Campi dove va tradotto il testo visibile (ma non il codice) I collegamenti ipertestuali sono un buon esempio: questi campi vanno copiati a mano dal source al target, poi tradotti manualmente. Ricordarsi di cambiare visualizzazione con ALT+F9 in modo da poter modificare lelemento traducibile (il risultato). Un altro metodo consiste nel cliccare sul collegamento con il pulsante destro del mouse, scegliere la voce di men Modifica e tradurre il testo visibile del campo. Con Ms-Word 2000 o superiore, cliccare sul campo col pulsante destro del mouse, poi su Collegamento ipertestuale e poi Modifica collegamento ipertestuale. Lelemento da tradurre si trova nel campo Testo da visualizzare della finestra di dialogo Modifica collegamento ipertestuale. Campi dove va tradotta una parte del codice Per molti campi il codice non pu e non deve essere tradotto. Ci sono poche eccezioni a questa regola, come i campi di indice (campi di tipo EX e XE). Tali campi contengono un elemento traducibile tra virgolette come nellesempio che segue: {XE "Translatable text:Page 4 Figure 5" \b \r } dove solo Translatable text:Page 4 Figure 5 va tradotto, il resto no. Accertarsi che le opzioni di visualizzazione di Word (Strumenti/Opzioni.../Visualizza o la combinazione ALT+F9) siano impostate in modo da visualizzare i codici di campo e il testo nascosto. Quando apriamo un segmento con campi traducibili (e il file di memoria non propone nessuna corrispondenza), possiamo usare la funzione Previous/Next Placeable (le icone di Wordfast e oppure la sequenza CTRL+ALT+SINISTRA/DESTRA) per selezionare il campo nel segmento source e copiarlo (CTRL+ALT+GI) alla posizione opportuna nel segmento target. A questo punto Wordfast mostra la finestra di dialogo Protected input contenente la parte traducibile del campo e attende di ricevere la nostra traduzione (proponendo la corrispondenza eventualmente trovata nel file di memoria). Si pu anche usare licona CopySource o la relativa combinazione di tastiera. Quando Wordfast copia un segmento source contenente campi traducibili, si ferma ad ogni singolo campo per chiederci di fornire la relativa traduzione. E anche possibile modificare direttamente la parte traducibile del campo nel documento, dopo aver reso visibili i codici di campo con ALT+F9 o licona {a} . Questultimo approccio consigliabile solo se i due metodi precedentemente descritti non riescono.

66

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Segnalibri
Per la descrizione di segnalibro vedere il glossario dei termini. La gestione o meno dei segnalibri va concordata col cliente. In molti progetti, lautore o i clienti potrebbero non avere bisogno che i segnalibri vengano riposizionati nel testo tradotto. E questo perch in molti casi i segnalibri sono parte di uno scenario complesso studiato a tavolino, e il proprietario del documento potrebbe preferire che a riposizionare i segnalibri sul testo tradotto sia un tecnico o un ingegnere piuttosto che il traduttore, per poi testare lintero documento. In questi casi (quando al traduttore non viene richiesto di riposizionare i segnalibri nel testo tradotto), basta rispondere No quando Wordfast chiede se vogliamo preparare i segnalibri per la traduzione. Il cliente dovrebbe informare il traduttore della presenza di segnalibri nel documento e fornirgli le opportune istruzioni (se trasferirli o ignorarli), perch probabilmente il cliente, e non lautore del documento, ad avere introdotto i segnalibri nel testo. Pu anche capitare che il cliente non sia lautore del documento o dei documenti che fa tradurre, e che non sappia nemmeno che cos un segnalibro. In questo caso, sta al traduttore avere il tatto e laccortezza di capire che cosa deve fare. Il punto fondamentale che i segnalibri non vanno trasferiti a meno che il cliente lo chieda espressamente; trattandosi di unoperazione a volte complessa, in questo caso va opportunamente calcolato e stimato il lavoro extra necessario a compierla. Nella peggiore delle ipotesi, ciascun segnalibro va conteggiato come due parole, anche se riposizionare le due estremit del segnalibro richiede solitamente pi tempo che non tradurre due parole. Di solito i segnalibri che si trovano nel testo source vanno trasferiti nel testo target sulla porzione di testo tradotto corrispondente. E importante trasferire (spostare) e non copiare i segnalibri dal source al target, perch un documento non pu avere due segnalibri con lo stesso nome. In altri termini, non si possono duplicare o copiare segnalibri come se, per esempio, si duplicassero o copiassero dei campi. Prima di cominciare a tradurre un documento contenente segnalibri, Wordfast si accorge della loro presenza e propone allutente di evidenziarli con segni di demarcazione rossi posizionati allinizio e alla fine di ciascun segnalibro, come in questo esempio: [ e ]. Se un segnalibro ha lunghezza zero, viene visualizzato cos: []. Rispondere di S se vogliamo che Wordfast evidenzi in questo modo i segnalibri. Wordfast lo chiede una volta sola per ogni documento. Se rispondiamo No, Wordfast non chieder pi di evidenziare i segnalibri nel documento di lavoro a meno che non apriamo una sessione di traduzione col cursore posizionato allinizio del documento . Se rispondiamo No per sbaglio o se vogliamo che Wordfast evidenzi i segnalibri a traduzione inoltrata, usiamo il men Wordfast, scegliamo la voce Miscellaneous e da qui UnLink. Una volta che il documento scollegato, alla ripresa della traduzione Wordfast torna a chiederci se vogliamo che i segnalibri vengano evidenziati. Durante la traduzione, se un segmento source contiene demarcatori rossi, basta usare le icone Next/Previous/Copy Placeable o le combinazioni CTRL+ALT+SINISTRA/DESTRA/GI per selezionare o incorniciare i demarcatori di segnalibro (che sono sempre a coppie: uno di apertura e laltro di chiusura) e trasferirli nel segmento target con CTRL+ALT+GI. Alla pulizia del documento Wordfast rimuove i segmenti source, come al solito, e sostituisce i demarcatori nei segmenti target con i relativi segnalibri.

67

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

La funzione di pulizia rapida (Quick-clean) propone unopzione di lavorazione (restauro) dei segnalibri senza ripulire il documento. Questo utile per quei traduttori ai quali il cliente chiede di rispedire documenti non puliti, cio segmentati e bilingui (per esempio perch il cliente vuole fare il clean-up del documento con un altro programma diverso da Wordfast). In questo caso, il documento non viene pulito ma tutti i demarcatori di segnalibro vengono rimossi e sostituiti dai rispettivi segnalibri nel testo target. Si consiglia di porre la questione dei segnalibri prima di iniziare un progetto, perch la loro gestione comporta un dispendio di tempo; e se il problema viene sottovalutato, la ricostruzione a mano dei segnalibri su un documento tradotto pu richiedere molto tempo. Il comportamento predefinito dello strumento Translate di Wordfast di marcare i segnalibri. Se vogliamo evitarlo, aggiungiamo il comando TranslateIgnoreBookmarks al vaso di Pandora. Attivando tale comando, il comportamento predefinito del Clean up di Wordfast di pulire i documenti e lavorare i demarcatori di segnalibro (rimuovendo i demarcatori e spostando i segnalibri ai rispettivi segmenti target). Se vogliamo lavorare i segnalibri senza pulire i documenti, aggiungere il comando CleanUpOnlyBookmarks al vaso di Pandora. I segnalibri si possono trovare in diversi tipi di documento, e possono essere posizionati in vario modo. I documenti che contengono collegamenti ipertestuali, indici o campi TOC di sommario normalmente fanno un uso massiccio di segnalibri.

Dizionario
(Disponibile solo per PC) Wordfast si pu collegare praticamente a qualsiasi dizionario esterno, come il Collins On-line, lHarraps Shorter, Merriam Websters, Microsoft Encarta e qualsiasi dizionario o banca dati su Internet, Trados Multiterm ecc. tramite il pulsante Select dictionary nella scheda Terminology/Reference. La combinazione da digitare per laccesso (pulsante Keys) definisce le combinazioni di tasti da usare per accedere al dizionario esterno, dove alcuni campi vengono rimpiazzati dai valori indicati dalla tabella seguente:
Campo {SearchWord} {SourceSegment} {TargetSegment} {SL-CD} {SL} {TL-CD} {TL} {pause} {PAUSE} {pause=Harraps} Wordfast lo sostituisce con la parola che stiamo cercando il testo del segmento source (senza tag, se ve ne sono) il testo del segmento target (senza tag, se ve ne sono) codice di lingua source con variante locale codice di lingua source in 2 caratteri codice di lingua target con variante locale codice di lingua target in 2 caratteri interrompe lesecuzione per 200 millisecondi interrompe lesecuzione per 4 secondi interrompe finch il campo della finestra dellapplicativo contiene la parola Harraps. Non fa differenza tra maiuscole e minuscole. Pausa di 10 secondi. ritorna allapplicazione Ms-Word Esempio house EN-US EN IT-IT IT

{Ms-Word}

Per impostare questo parametro, avviare il dizionario e prendere nota della sequenza di tasti necessari ad eseguire la ricerca di una parola. Una volta fatto, premere il pulsante Keys e digitare il campo della finestra del programma dizionario seguito da un punto e virgola seguito dai tasti di cui abbiamo preso nota. Per esempio, 68

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Harraps;{pause}{F3}{Escape}%e{SearchWord}{Enter} d istruzioni a Wordfast di cercare un applicativo il cui nome di finestra comincia con Harraps, attivarlo, fare una pausa di 200 millisecondi, quindi premere F3 seguito da un ESC, quindi ALT+E, poi cercare la parola voluta, infine premere INVIO. Tutti i tasti digitabili sono indicati cos come sono, in lettere minuscole. I tasti di funzione e altri tasti speciali vanno indicati come segue:
A, B, C ecc. INVIO ESC ALT CTRL GI PAGGI a, b, c ecc. {Enter} {Escape} % ^ {Down} {PgDn] F1 ecc. FINE TABULATORE MAIUSC SU PAGSU INIZIO {F1} ecc. {End} {Tab} + {Up} {PgUp} {Home}

Una volta impostato il dizionario chiudere Wordfast. Posizionare il cursore su una parola o selezionare unespressione e premere licona Dictionary (o la combinazione di tasti CTR+ALT+D per il primo dizionario o CTRL+ALT+F per il secondo). Wordfast avvia il programma dizionario (o attiva la finestra relativa se lapplicativo gi in funzione) ed esegue la sequenza di tasti definita in precedenza.

Ricerca contestuale
Questa ricerca viene fatta innanzitutto nel file di memoria di sottofondo (se ne stata indicata una) e poi nel normale file di memoria. Scopo della ricerca contestuale di trovare unit di traduzione che contengono una data parola o insieme di parole. La ricerca viene avviata dalla combinazione di tasti CTRL+ALT+C o premendo licona Context . Questa ricerca porta a tutte le parole che iniziano come quella cercata, senza fare differenza tra maiuscole e minuscole. Cos se si cerca la stringa cat verranno mostrate le unit di traduzione che contengono cat o catering o caterpillar ecc. ma non quelle che contengono bobcat o supercat. Per trovare unit di traduzione che contengono bobcat o supercat ecc. occorre impostare la ricerca su *cat. Si pu usare anche loperatore logico AND. Cos cercare cat+dog porter a visualizzare le unit di traduzione dove siano presenti contemporaneamente la parola cat e anche la parola dog. Se invece le parole sono separate da spazi si intende loperatore logico OR, e la ricerca di cat dog proporr unit di traduzione contenenti o la parola cat oppure la parola dog. Se vogliamo cercare una espressione esatta dobbiamo scriverla tra virgolette: cos se scriviamo "The cat chases the dog" ci verranno proposte le unit di traduzione contenenti esattamente "The cat chases the dog" senza per tenere conto delle eventuali differenze tra maiuscole e minuscole. Cos per esempio potremmo anche trovare "the cat CHASES the dog" oppure "the Cat chases the Dog". Da notare che per aprire la finestra di dialogo che permette di specificare queste opzioni di ricerca estesa dobbiamo avviare la ricerca contestuale senza evidenziare alcun testo; se al suo avvio evidenziato un testo (per esempio se abbiamo selezionato una parola nel segmento source), la ricerca contestuale viene compiuta su quella porzione di testo ed esclude la possibilit di una ricerca estesa al carattere jolly o agli operatori logici. Ci permette ricerche rapide col minimo numero di clic del mouse o di pressioni della tastiera. Le stesse regole valgono anche per le ricerche di riferimento. Selezionando lopzione Search context in all sibling translation memories in Wordfast/Terminology/Other, la ricerca

69

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

contestuale viene estesa alle altre memorie di traduzione presenti nella stessa cartella della memoria che si sta usando. Possiamo interrompere la ricerca contestuale premendo il tasto ESC o ripetendo la combinazione di tasti di avvio (cio CTRL+ALT+C).

Gestione delle memorie e dei glossari


Introduzione
Le memorie di traduzione e i glossari di Wordfast usano lo stesso formato: testo delimitato da tabulazioni. E un formato che rappresenta forse il pi semplice database in assoluto, al contrario dei formati proprietari in uso dalla maggior parte degli altri software di traduzione, che oltre a rendere difficoltosa la manutenzione diretta dei dati rendono bene lidea del mercato protetto o prigioniero in cui il cliente costretto ad acquistare da un particolare fornitore per la sua posizione di mercato privilegiata. Wordfast rimane fedele ai formati di facile uso, e con il continuo stupore della concorrenza, il suo rendimento non viene minimamente ostacolato dal fatto di usare formati open. Per farla breve possiamo dire che sia le memorie sia i glossari sono normali documenti Word e che possiamo usare Word per la loro manutenzione: modificarli, revisionarli, tagliarli, incollarli, fonderli insieme ecc. A questo scopo si possono usare innumerevoli altri software ugualmente diffusi, e se si dovessero sviluppare eventuali strumenti aggiuntivi appositamente per nuovi scopi specifici, lapertura del formato di Wordfast comporter unenorme semplificazione del lavoro dei tecnici informatici. Se il file di memoria troppo grande per Excel, lo possiamo aprire comunque anche con Ms-Access, Ms-Word, FileMakerPro, dBase, FoxPro, Paradox ecc. Perfino gli applicativi pi modesti quali Notepad, JustWrite, WordPad, SideKick, XyWrite ecc. sono in grado di aprire memorie di piccole o medie dimensioni.

Editor di memorie e glossari


Per avviare leditor interno di Wordfast, cliccare sullicona TM/Glossary editor nella barra degli strumenti di Wordfast, o lultima icona a destra di una delle barre dei glossari. Le barre dei glossari si possono aprire anche al di fuori della traduzione con Wordfast usando la sequenza CTRL+ALT+DESTRA (CTRL+ALT+SINISTRA per chiuderle). Mentre traduciamo con Wordfast, premendo CTRL+ALT+G su una parola o una selezione di testo apriamo la barra (o le barre) dei glossari in cui stato trovato il termine cercato. Le barre dei glossari si aprono solo sui glossari specificati nella scheda Wordfast/Terminology.

70

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Leditor interno di Wordfast serve a rendere le operazioni di manutenzione facili ed intuitive e offre metodi praticamente identici sia per i glossari che per le memorie. Una volta aperto leditor, si possono scorrere verticalmente i dati nella finestra e modificare/cancellare/aggiungere voci. Combinazione di tasti BARRA SPAZIATRICE CTRL+A MAIUSC+CTRL+A CTRL+X CTRL+Y CTRL+C CTRL+V CTRL+D (pulsante destro del mouse) F7 o un clic sullintestazione della colonna CTRL+O Effetto
seleziona/deseleziona le voci seleziona/deseleziona tutte le voci inverte la selezione taglia tutte le voci selezionate annulla la precedente operazione di taglio copia negli appunti interni di Wordfast tutte le voci selezionate incolla il contenuto degli appunti interni di Wordfast alla fine del file visualizza alternativamente tutte le voci o solo quelle selezionate. Apre la finestra di dialogo Filter or sort. Apre un altro file (un altro glossario o unaltra memoria).

Da notare: tagliare (cancellare) una sola riga (voce di glossario o unit di traduzione) unoperazione tranquilla, nel senso che si pu tornare indietro, la possiamo annullare (premere due volte CANC su una voce per vedere unanteprima delleffetto). Quando tagliamo una voce (segnandola per la cancellazione) questa appare come una riga vuota, ma quando la selezioniamo, i dati source e target vengono visualizzati sulla barra grigio-verde nella parte bassa della finestra delleditor. Le voci tagliate vengono cancellate definitivamente premendo CTRL+CANC: questo ricompatta, cio riscrive, lintero file. La finestra di dialogo Filter or Sort (che si apre premendo F7 oppure cliccando sullintestazione delle colonne) d accesso a tre tipi di possibili operazioni sui dati: Filter [filtraggio], Sort [riordino] e Special filters [filtri speciali]. Filtraggio

71

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Filtrare significa definire una condizione nel formato Campo Condizione Argomento. Ad esempio: SourceText & "Testo dove & significa contiene, oppure Counter = 0 Maggiori dettagli vengono forniti premendo Help nella finestra di dialogo Filter or Sort. Quando lArgomento una stringa di testo, va scritto tra parentesi diritte come nellesempio: "Testo". Per effetto di un filtro, nelleditor di Wordfast vengono visualizzate solo le voci che rispondono alla condizione (o alle condizioni) del filtro stesso. Quando stato definito un filtro, i metodi di selezione/deselezione/copia/incolla/taglia avranno effetto solo sulle voci visibili. Per cancellare un filtro basta premere il tasto F8. Riordino

E unoperazione che pu richiedere un po di tempo perch viene riordinato fisicamente il file, e non solo la sua visualizzazione su schermo. Va eseguita solo se necessario. Wordfast permette di riordinare il testo source o target per numero di parole o di caratteri: unoperazione utile per lestrazione di terminologia.

72

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

I filtri speciali servono a compiere operazioni difficili o impossibili da portare a termine solamente con il filtraggio e il riordino. Ecco lelenco di queste operazioni particolari: Mark redundant entries [Seleziona le voci ridondanti] (le voci ridondanti si possono definire in modo diverso a seconda se si parla di glossario o di memoria). Questa opzione seleziona le voci considerate doppioni. Una volta selezionate possiamo revisionarle e, se vogliamo, cancellarle tutte insieme usando la combinazione Taglia (CTRL+X) seguita dal comando di cancellazione forzata (CTRL+CANC). Naturalmente, con un file di memoria riordinato per segmenti source, le voci appariranno raggruppate. Reverse source and target [Inverti source e target] Riscrive il file attuale invertendo i campi source e target. Export to Unicode Esporta il file attuale in formato Unicode. Export to TMX (solo per le memorie) Esporta il file attuale in formato TMX. Il file di memoria non viene sovrascritto: viene creato un nuovo file con lestensione .tmx. Rewrite Entries with a Mask [Riscrivi le voci con una maschera] E una potente opzione in grado di sostituire con un determinato valore un campo o pi campi, oppure di cancellare il contenuto dei campi, in ciascuna delle voci visibili. Visibile significa visualizzata in quel momento nelleditor: se stato impostato un filtro, non tutte le voci sono visibili. Innanzitutto ci viene presentata una maschera. Qui possiamo
scrivere un segno di uguale (=) seguito da un testo in uno qualsiasi dei campi; in questo caso il testo dopo luguale va a sostituire tutto ci che si trova nel campo corrispondente in tutte le voci visibili del file (sia che si tratti di una memoria di traduzione, sia che si tratti di un glossario); scrivere =null in un campo per cancellarne tutto il contenuto.

I campi lasciati in bianco nella maschera rimangono tutti invariati nel file.

73

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Per esempio, la maschera compilata come nellesempio illustrato qui sotto sostituisce tutti i campi User con lidentificativo utente FOO e cancella i campi 2, 3 e 4 degli attributi in tutta la memoria di traduzione.

Esempio pratico: "Ho quel vecchio e incasinato file di memoria che combina unit di traduzione provenienti da diversi traduttori. Voglio che queste accoppiate siano raggruppate per User ID (cio secondo il nome del traduttore). E poi voglio cancellare tutte le voci che hanno un contatore di utilizzo inferiore a 2 e che sono state create prima del 31 agosto 2004. Per voglio anche riguardarle una per una perch magari qualcuna di queste voci, segnate per la cancellazione, mi possono ancora servire e sarebbe un peccato cancellarle. Ecco, solo a questo punto cancellerei tutte le voci ancora segnate per la cancellazione.". 1. 2. 3. 4.
5. Avviare leditor di memorie/glossari e cliccare sul pulsante Tools. Ordinarlo per User. Impostare il seguente filtro: Counter < 2 AND Date < 20040831 . Premere CTRL+D per vedere solo le voci selezionate. Rivedere le voci segnate e deselezionare quelle che si vogliono conservare. Premere CTRL+X per tagliare tutte le voci selezionate. Premere CTRL+CANC per cancellare definitivamente tutte le voci selezionate. Riordinare per Date per rimettere le voci in un ordine pi naturale.

6. 7. 8.

Da notare che tutti i passi si possono annullare, tranne il n. 7. File di memoria e glossari andrebbero creati per una sola combinazione linguistica. Consigliamo anche di mantenere memorie differenti per diversi soggetti (settori) e clienti, e di salvarle in cartelle apposite in modo che sia facile rintracciarle e farne copie di sicurezza. I file di memoria crescono continuamente. Una semplice statistica mostra che la maggior parte delle unit di traduzione non viene mai riutilizzata (o ha una probabilit molto bassa di venire riutilizzata), e che solo una piccola minoranza viene di fatto riusata pi volte. Wordfast mantiene un conteggio delle volte in cui una certa unit di traduzione viene riutilizzata, in un campo che chiamiamo contatore di utilizzo; pertanto, quando una memoria di traduzione diventa imponente (diciamo, quando supera le 100.000 unit di traduzione) o comunque dopo aver completato un grosso progetto di traduzione, opportuno comprimere il file eliminando tutte le unit di traduzione che non sono mai state riutilizzate. In seguito a questa operazione il file di memoria verr notevolmente snellito pur mantenendo la sua sostanziale efficacia. Per fare ci: 74

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

1. Avviare leditor di memorie/glossari sul file di memoria desiderato. 2. Premere F7 e impostare questo filtro: Counter = 0 . Cliccare su OK. 3. Selezionare tutto (CTRL+A). Tagliare la selezione (CTRL+X). Cancellare
definitivamente (CTRL+CANC).

Come create un file di memoria di avviamento. Far confluire in un unico file tutte le memorie di traduzione che si hanno per una certa combinazione linguistica e/o settore di competenza. Cancellare tutte le unit di traduzione con un contatore di utilizzo inferiore a 3. Per una ulteriore compressione si pu ricontrollare visivamente il file di memoria e cancellare quelle unit di traduzione che difficilmente pensiamo di rincontrare. Per fare ci, riordinare il file per SourceWords, andare alla fine del file e ricontrollare le unit di traduzione pi lunghe, che sono quelle che con maggiore probabilit sono candidate a non ripetersi pi. Cancellarle. Questo file di memoria si pu dunque usare come stampo originale: se ce n bisogno, piuttosto che creare un nuovo file di memoria vuoto, meglio usare una copia di questo file di stampo perch contiene una Top 50 o al limite una Top 1000 del nostro lavoro precedente. E come inaugurare una pompa con un bicchier dacqua. In alcune unit di traduzione, la prima cifra della data (che normalmente 2, ma potrebbe anche essere 1 se il file stato creato durante il millennio scorso) viene sostituita da una x, e questo le segna come da cancellare (o tagliate) quando si apre il file con leditor di Wordfast. Questo accade quando, nel corso della traduzione con Wordfast, viene proposta una unit di traduzione con una corrispondenza del 100% (su fondo verde), ma il segmento target stato modificato; in questo caso Wordfast cancella la versione originale dellunit di traduzione dal file di memoria e la riscrive, nella versione modificata, alla fine del file stesso. E normale. Queste unit di traduzione non vanno ripristinate o salvate dalla cancellazione: la loro versione corretta si trova pi in fondo al file di memoria. Durante le traduzioni, Wordfast ignora le unit di traduzione segnate con la x. Come abitudine, conviene effettuare una Riorganizzazione della memoria prima di lavorarci. Lo si fa da col pulsante Reorganise che si trova nella scheda TM della sezione Translation memory; leffetto quello di cancellare tutte le unit di traduzione precedentemente segnate come da cancellare con la x al posto della prima cifra della data. Condivisione delle memorie con altri utenti Wordfast o altri strumenti di traduzione assistita (CAT). Condivisione delle memorie con altri utenti Wordfast: riorganizzare sempre le memorie (col pulsante Reorganise che si trova nella scheda TM della sezione Translation memory) prima di condividerle con altri utenti Wordfast. Condivisione delle memorie con altri CAT: aprire la memoria con leditor di memorie/glossari, cliccare su Tools e applicare il filtro Export TM as TMX. Il file viene riscritto come TMX e la sua estensione viene cambiata in .tmx.

Regole di segmentazione di Wordfast


Lunit di base per la segmentazione con Wordfast , come avviene per molti altri strumenti di traduzione assistita, il paragrafo. Wordfast cerca di riconoscere i segmenti allinterno di un paragrafo facendone una scansione alla ricerca di segni di interpunzione che possano indicare la fine di una frase (ESP). Le interpunzioni predefinite per Wordfast sono . : ! ? a cui si aggiunge il segno di tabulazione, che Wordfast segna come ^t. Ciascun utente pu modificare a piacimento la lista delle interpunzioni per migliorare la segmentazione, ma una procedura che non incoraggiamo in quanto pu creare incompatibilit con le memorie di traduzione create in base alle interpunzioni predefinite. 75

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Se cancelliamo tutti i segni di interpunzione dallelenco, Wordfast segmenta lintero paragrafo. Anche questo sconsigliabile, perch esistono paragrafi cos lunghi che possono superare il numero massimo di caratteri per segmento: Wordfast pu registrare fino a 8000 caratteri per segmento, pari a due pagine piene di testo! Ma ovviamente segmenti cos sono davvero eccezionali. Se il segmento pi lungo di 8000 caratteri Wordfast semplicemente si ferma lasciando fuori i caratteri in eccesso; che per si possono inglobare usando la funzione ForceSegment. Per restare compatibile con la maggior parte degli altri CAT, Wordfast non considera linserimento riga manuale (indicata con ^l) come fine di segmento. Se si ritiene pi logico che Wordfast riconosca linserimento riga manuale (corrispondente al codice ANSi decimale 11) come fine segmento, aggiungere la voce ^l alla lista delle interpunzioni. Come impostazione predefinita, Wordfast non termina i segmenti quando incontra un inserimento riga manuale. Allinterno di un paragrafo, Wordfast ritiene di avere trovato la fine di un segmento quando 1. il segmento finisce con una interpunzione dellelenco, e quando 2. linterpunzione seguita da uno spazio, e quando 3. la lettera che viene dopo lo spazio maiuscola, e quando 4. il carattere subito prima dellinterpunzione non un numero. Le regole numero 2, 3 e 4 si possono disattivare da Wordfast > Setup > Segments. Con le lingue del gruppo CJK la regola 2 sempre disattivata e vengono usate le equivalenti interpunzioni "larghe". una sequenza di questo tipo: punto, spazio, maiuscola punto, spazio, minuscola punto, spazio, numero punto, nessuno spazio, maiuscola o minuscola esempio
Ciao mondo. Ciao mondo. Ciao mondo. Ciao mondo. Ciao mondo. 10 Ciao mondo. Ciao mondo.Ciao mondo.

produce 2 segmenti 1 segmento 1 segmento 1 segmento

Regole relative allinizio di un segmento Se un segmento inizia con una serie di numeri (o una combinazione di numeri e di punti) seguita da un punto, Wordfast ritiene che si tratti di uno schema di numerazione e lo salta. Con un testo di questo tipo: 10. Esempio di testo il segmento inizierebbe con Esempio di testo saltando il 10. iniziale. Tuttavia possibile modificare anche questo comportamento di Wordfast con il comando del vaso di Pandora SegmentAll, o creare a mano il segmento selezionando il testo che si desidera e azionando la funzione ForceSegment: selezionare, poi premere MAIUSC+ALT+GI, cio la combinazione ALT+GI tenendo premuto il tasto MAIUSC. Porzioni di testo non considerate segmenti Serie isolate di numeri, combinazioni di numeri, spazi, segni di punteggiatura non costituiscono un segmento. Per esempio, 100 100.89.67.90 100 (9078) // 67-56 verranno saltati da Wordfast perch considerati "numeri", mentre 100a 100.89.6790

76

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

100 (9078) // 67-56 verranno segmentati perch in ciascuna sequenza di numeri e segni di punteggiatura presente una lettera. Il comando del vaso di Pandora SegmentAll, personalizzabile, impone a Wordfast di segmentare sequenze isolate di numeri/spazi/interpunzioni. Abbreviazioni E possibile specificare un elenco di abbreviazioni in Wordfast > Setup > Segments. Quando incontra una delle abbreviazioni dellelenco nella corretta sequenza di maiuscole e minuscole, Wordfast sa che non si trova alla fine del segmento. Mettiamo che tra le abbreviazioni specificate dallutente figuri anche Dott. In questo caso la frase che segue viene considerata un unico segmento: Ecco il Dott. Rossi. ... nonostante Dott. sia seguita da un punto, uno spazio e una lettera maiuscola. A parte queste regole, esistono molte combinazioni di tasti e opzioni che permettono al traduttore di risparmiare tempo e di affinare la segmentazione: espandendo o restringendo a piacimento il segmento oppure imponendo a Wordfast di segmentare la porzione di testo evidenziata. Ma per mantenere la massima compatibilit possibile con altre memorie di traduzione, il traduttore dovrebbe cercare di attenersi alle regole di segmentazione predefinite.

Formato delle memorie di Wordfast


Le memorie di traduzione Wordfast sono file di solo testo ANSI o Unicode UTF-16 delimitato da tabulazioni. Si pu trattare di testo semplice ANSI (8 bit) o Unicode UTF-16 (sia little endian che big-endian). La memoria di traduzione una sequenza di righe (paragrafi) di testo. Quando si visualizza un file di solo testo senza ritorno a capo automatico, una riga corrisponde a un paragrafo. La prima riga un header (intestazione) e tutte le altre sono Unit di Traduzione che a volte possiamo chiamare: accoppiate linguistiche, coppie di segmenti, voci, righe. Le righe, o voci, o Unit di Traduzione sono insiemi di campi nei quali ciascun campo una stringa di testo (e dove c mancanza di testo si intende un campo vuoto) seguita da un tabulatore. In altre parole, il formato delle memorie di Wordfast testo delimitato da tabulazioni: indubbiamente uno dei formati di dati pi antichi, affidabili e semplici da manipolare. Nellintestazione (la primissima riga del file di memoria) ciascun campo inizia con il carattere % (percentuale). Campi che formano una Unit di Traduzione: Campo Esempio Formato Data 20041231~165410 nel formato aaaammgg~hhmmss; User ID, YAC identificativo utente (Attributo n. 1) Note Campo facoltativo: pu essere vuoto Campo facoltativo: pu essere vuoto

lesempio significa 31 dicembre 2004, ore 16:54:10. Sono le iniziali del traduttore, in questo caso YAC sta per Yves A. Champollion. Lintestazione del file di memoria in grado di registrare fino a 60 iniziali di utenti (traduttori) che hanno usato quel file. Nellintestazione, le iniziali sono seguite da uno spazio, quindi il nome per esteso e una virgola. Le unit di traduzione registrano solo le iniziali. Anche gli attributi (vedi oltre)

77

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

Contatore

Lingua source

Segmento source Lingua target

seguono questo stesso schema. E un numero compreso fra 0 e 9999 che registra quante volte lunit di traduzione stata proposta come corrispondente al 100% e accettata o riutilizzata senza modifiche. Codice di lingua conforme allo EN-US standard TMX (ma in Wordfast non fa differenza tra maiuscole e minuscole). E composto dal codice di lingua ISO di due lettere, un trattino e due lettere di variante regionale, o 01 se non ci sono varianti regionali. Red Riding Hood E il segmento source, o di origine. was walking in the Lunghezza massima: 4000 caratteri.

Campo facoltativo: pu essere vuoto

Campo facoltativo: pu essere vuoto. Regola: non pu superare i 5 caratteri.

Deve contenere almeno un carattere. Campo facoltativo: pu essere vuoto. Regola: non pu superare i 5 caratteri. Campo facoltativo: pu essere vuoto Campo facoltativo: pu restare vuoto+tabulazione omessa Campo facoltativo: pu restare vuoto+tabulazione omessa Campo facoltativo: pu restare vuoto+tabulazione omessa Campo facoltativo: pu restare vuoto+tabulazione omessa

woods. IT-IT

Codice di lingua conforme allo standard TMX.

Segmento target Attributo n. 2 (facoltativo) Attributo n. 3 (facoltativo) Attributo n. 4 (facoltativo) Attributo n. 5 (facoltativo)

Cappuccetto Rosso passeggiava nel bosco. EL PS

E il segmento target, o di destinazione. Lunghezza massima: 4000 caratteri. Sigla per lattributo n. 2 definito dallutente (lunghezza massima 64 caratteri, non deve contenere spazi). Vedere gli attributi di esempio Sample. Gli attributi vengono elencati nella riga di intestazione del file allo stesso modo che gli User ID (lUser ID lattributo n. 1): iniziali o sigla seguite da uno spazio seguito da unespressione per esteso.

Diamo di seguito i primi due paragrafi (intestazione e prima Unit di Traduzione) di un file di memoria in cui lUnit di Traduzione definita come nella tabella precedente. I paragrafi sono lunghi ma sono solo due: visualizzati con il ritorno a capo automatico potrebbero sembrare di pi.
%20041231~160445 %,YAC,YAC Yves A. Champollion,MAW Mary Ann White %TU=00000000 %EN-US %Wordfast TM v5.0/00 %FR-FR %87412764 %EL,EL Electonics,ME Mechanics %PS,PS Prime Software Inc,MS MirrorSoft, Inc 20041231~165410 YAC 5 EN-US Red Riding Hood was walking in the woods.IT-IT Cappuccetto Rosso passeggiava nel bosco. EL PS

Quando legge una unit di traduzione, Wordfast mostra carenza di ottimismo nel caso in cui lunit di traduzione appaia scorretta o corrotta. In particolare, quando vede che 78

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

manca la data: se sta facendo una scansione da una unit allaltra, Wordfast prende la data precedente e la applica alla riga successiva aumentata di un secondo; altrimenti user la data e lora del computer di quel momento; il campo User ID vuoto, Wordfast applica lo User ID presente nellintestazione. Se manca, Wordfast usa lidentificativo utente definito in Word in quel momento. Se anche questo manca, scriver XX; uno dei codici di lingua manca o sbagliato, pur contando meno di 6 caratteri: Wordfast usa il codice di lingua dellintestazione (cio la prima riga del file di memoria).

La ricerca di errori (quando Wordfast presume che una accoppiata linguistica sia sbagliata) si basa sul conteggio del numero di tabulatori presenti in ciascuna riga di testo. Dovrebbero essere 6, se ce ne sono di meno non pu trattarsi di una unit di traduzione corretta. Un altro metodo consiste nel contare i caratteri che formano il codice della lingua: non devono superare i 5 caratteri. Se durante una riorganizzazione, Wordfast trova un codice di lingua che ha pi di 5 caratteri, suppone che in quella particolare unit di traduzione c qualcosa che non va. Note: 1. Non detto che ci sia proprio una tilde (~) a separare la data dallora: si pu usare un
qualsiasi carattere stampabile, basta che non sia un numero. Wordfast usa la tilde (~) e il segno di uguale (=). Se trova il segno di uguale, leditor di Wordfast intende che lunit di traduzione stata marcata (segnata). Ci non ha alcuna conseguenza sullo stato dellunit: rimane valida a tutti gli effetti. Anche se Wordfast registra sempre la data e lora di scrittura dellunit di traduzione, la data e lora sono facoltativi e possono anche essere vuoti (o costituiti da una data non valida); in tal caso Wordfast prende in considerazione la data e lora correnti. Tutte le date e le ore sono locali, prese cio dallorologio del computer locale. 2. Anche se qualche campo facoltativo viene lasciato vuoto, deve sempre rimanere il relativo tabulatore. LUnit di Traduzione valida se ci sono almeno sei tabulatori con il quinto campo (il segmento source, che si trova tra il quarto e il quinto tabulatore) composto da almeno un carattere di stampa. 3. Il primo carattere della data un numero compreso fra 0 e 9, dunque dovrebbe essere un 2 se lUnit di Traduzione stata creata nel millennio in corso, ma pu anche essere una x. In questultimo caso significa che lUnit di Traduzione non pi valida e verr cancellata alla prima riorganizzazione del file di memoria. Non togliere la x e non sostituirla con un numero a meno che non siamo davvero sicuri di cosa stiamo facendo. 4. Durante la traduzione, Wordfast pu a volte segnare una unit di traduzione come da cancellare. Ricordiamo che queste unit hanno una lettera x al posto del primo numero dellanno (se laccoppiata stata creata nel 2000 o pi di recente, la x prende il posto del 2). Queste unit vengono cancellate definitivamente alla prima riorganizzazione (reindicizzacione) del file di memoria. Praticamente le possiamo considerare come gi escluse dal file di memoria. Le possiamo recuperare scrivendo 2 al posto della x.

Caratteri codificati
Molti utenti usano Microsoft Word per modificare le memorie di traduzione. Non c nessuna controindicazione, soltanto che Word quando salva il file in modalit testo incapace di mantenere certi caratteri aventi codice ANSI esteso. Per esempio, se il testo contiene virgolette o apostrofi inglesi o simboli quali ecc., Word non salva questi caratteri cos come sono, ma li cambia in un equivalente di testo come (c) (r) 1/4 ecc. Giusto per fare qualche altro esempio, le virgolette di tipo vengono salvate sempre come virgolette semplici: cos lespressione esempio viene salvata come "esempio". Wordfast in s in grado di leggere e scrivere correttamente tutti i caratteri, ma il problema appare evidente 79

Wordfast Manuale dellutente

Versione 5

quando si vuole modificare un file di memoria direttamente da Word e salvarlo non come documento .doc ma come semplice file .txt. Per essere certi che le memorie di traduzione superino indenni le modifiche da Word (ma anche altri editori possono dare problemi simili: il problema non di Word, ma dovuto a motivi storici, cio legati allevoluzione dei sistemi basati sugli standard di testo ASCII/ANSI), alcuni caratteri vengono codificati usando la sequenza di caratteri & seguita dal valore esadecimale del carattere e poi da un punto e virgola. Cos, per esempio, le virgolette aperte francesi hanno codice ANSI decimale pari a 171 che viene codificato &AB; corrispondente al numero 171 scritto in numeri esadecimali. Da notare che leditor di Wordfast permette di scorrere e modificare le Unit di Traduzione usando i caratteri normali, cio senza mostrare questi codici, perch Wordfast fa la conversione in tempo reale. Diamo qui una tabella con tutti i caratteri che vengono codificati nelle memorie di Wordfast sotto Windows: Carattere Codice ANSI (decimale) 1 2 9 11 Codifica &1; &2; &9; &B; &1E; &1D; &26;
(virgolette) (virgolette) (virgolette) (virgolette) (virgolette) (trattino lungo) (trattino doppio) (marchio depositato) (spazio forzato) (copyright) (marchio registrato) (un quarto) (mezzo) (tre quarti)

(immagine) (nota) (tabulazione) (inserimento riga manuale) (trattino forzato) 30 (trattino 31 condizionale) & (e commerciale) 38

145 146 147 148 130 150 151 153 160 169 174 188 189 190

&91; &92; &93; &94; &82; &96; &97; &99; &A0; &A9; &AE; &BC; &BD; &BE;

Carattere

Codice Codifica ANSI (decimale) 133 &85;

80

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

Diamo di seguito la tabella con tutti i caratteri che vengono codificati nelle memorie di Wordfast sotto Mac OS: Carattere Codice ANSI (decimale) 1 2 9 11 Codifica &1; &2; &9; &B; &1E; &1D; &26;
(marchio depositato) (marchio registrato) (copyright) (marchio depositato) virgolette virgolette ... (spazio forzato) trattino lungo trattino doppio virgolette virgolette virgolette virgolette virgolette virgolette

153 168 169 170 199 200 201 202 208 209 210 211 212 213 226 227

&99; &A8; &A9; &AA; &C7; &C8;; &C9; &CA; &D0; &D1; &D2; &D3; &D4; &D5; &E2; &E3;

(immagine) (nota) (tabulazione) (inserimento riga manuale) (trattino forzato) 30 (trattino 31 condizionale) & (e commerciale) 38

Carattere

Codice Codifica ANSI (decimale) (trattino lungo) 150 &96; (trattino doppio) 151 &97;

81

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

I tag nei file di memoria di Wordfast


I tag, i campi e i collegamenti vengono registrati nelle memorie di Wordfast come segnaposti. Vengono numerati A, B, C ecc. (in ordine ANSI crescente, fino al codice ANSI 165) nello stesso ordine in cui compaiono nel segmento. I tag sono codificati nel formato &tN; dove N un carattere che va dal codice ANSI 65 fino allANSI 132, e che registra la loro posizione progressiva nel segmento source, a partire da A (ANSI 65 o &tA; per il primo tag che compare nel segmento source) fino ad ANSI 165 (&t; per il centesimo tag che si spera sia anche lultimo). Similmente, i campi vengono codificati come &fN; ... Per esempio, il testo source che segue, arricchito da tag che danno indicazioni tipografiche (quindi un testo con attributi di stile e di font)
<FONT "Helvetica">This is some text.<CTRACK 127>

apparirebbe cos nel file di memoria Wordfast che di testo semplice (cio senza attributi di stile e di font): &tA;This is some text.&tB; Quando si traduce e Wordfast propone una unit di traduzione dal file di memoria con il rispettivo segmento target come probabile candidato alla traduzione, Wordfast usa un algoritmo di sostituzione per fornire il segmento target proposto (proveniente dalla memoria) dei tag opportuni presi dal segmento source del documento (non quelli della memoria!), utilizzando un particolare metodo di triangolazione:
Segmento source del documento <> segmento source del file di memoria <> segmento target del file di memoria

Questa triangolazione pu avere successo solo se tutti i tag del target trovano corrispondenza nei tag del segmento source (il segmento source pu contenere tag che non compaiono nel target, ma non viceversa). Se il segmento target ha uno o pi tag che non compaiono nel segmento source (in gergo si parla di tag orfani), Wordfast registra la sintassi completa di questi tag orfani nel momento in cui viene creata lunit di traduzione, in modo da poterli ripristinare opportunamente al momento della traduzione, quando il segmento target deve essere proposto. Cos, se al momento della creazione dellunit di traduzione abbiamo Nel segmento source: Nel segmento target:
<FONT "Arial">This is some text: <FONT "Arial">Ecco un esempio di testo<nb>:

il segmento target viene registrato nella memoria come segue: &tA;Ecco un esempio di testo&t=<nb>;: dove la sequenza &t=<nb>; registra la sintassi completa del secondo tag. Se il tag sconosciuto contiene esso stesso una virgola, la virgola viene resa con la sequenza di caratteri \;. Ecco altri due esempi di segmento: Nel segmento source: Nel segmento target:
Nel file di memoria, accoppiata source Nel file di memoria, accoppiata target

<FT>This is some text<AR> here<FT>. <AR>Ecco un esempio di testo<FT> qui.


&tA;This is some text&tB; here&tA;. &tB;Ecco un esempio di testo&tA; qui.

82

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

Nel segmento source: Nel segmento target:


Nel file di memoria, accoppiata source Nel file di memoria, accoppiata target

<FT>This is some text<AR> here. <AR>Ecco un esempio di<AR> testo<X;X> qui<FT>.


&tA;This is some text&tB; here. &tB;Ecco un esempio di&tB; testo&t=X\;X; qui&tA;.

Risoluzione dei problemi


Da notare: si possono trovare maggiori informazioni (in inglese) nella sezione Knowledge Base, accessibile dalla pagina http://www.wordfast.net. Ho installato Wordfast ma non vedo la barra degli strumenti Se non c nessun documento aperto, aprirne uno. Cliccare Wordfast, se c, nel men Visualizza/Barre degli strumenti. Altrimenti usare il

men Strumenti/Modelli e aggiunte... per aggiungere il file di modello wordfast.dot (dot, non doc!) alla lista dei modelli di Word. Vedere anche Wordfast non si avvia.

Certe combinazioni di tasti, se non tutte, non rispondono pi Tra le cause principali: 1. C un problema con le associazioni permanenti di sequenza. Aprire il men Visualizza di
Word, e poi Barre degli strumenti/Personalizza/Tastiera/Reimposta tutto per riportare le combinazioni di tasti al loro valore originale. 2. Potrebbe esserci un altro modello attivo (vedere Strumenti/Modelli e aggiunte...) che utilizza la stessa sequenza, o le stesse sequenze di tasti. 3. Potrebbe esserci unaltra applicazione (per esempio un driver di schermo virtuale) che utilizza la stessa sequenza. 4. Molti traduttori usano diversi layout di tastiera (normalmente il codice di lingua visibile nella barra delle applicazioni, come per esempio: ), e il sistema utilizza una sequenza di tasti con ALT per passare da una tastiera allaltra. Se cos, in Windows si deve aprire il Pannello di controllo, poi Tastiera, e qui verificare le sequenze di carattere usate per cambiare tastiera: si possono escludere (lo raccomandiamo, perch volendo il layout di tastiera si pu cambiare meglio con il mouse) o modificare. Le combinazioni che usano il tasto ALT possono interferire con il normale funzionamento di Wordfast. Si pu anche cliccare col pulsante destro del mouse sullicona della lingua (es. ) nella barra delle applicazioni e scegliere Impostazioni per accedere alle impostazioni di tastiera e disabilitare le combinazioni di tasti con ALT. In certi sistemi, questa operazione si pu effettuare dalle Opzioni internazionali e della lingua del Pannello di controllo.

Se anche dopo avere provato tutti i metodi appena elencati le combinazioni di tastiera non funzionano, uscire da Word e rinominare tutti i file Normal.dot in Normal.old; quindi riavviare Word. Con Word 2002-2003, non compare mai il primo carattere che digito in un segmento aperto Vedere il comando "FirstKeyControl" nella sezione dedicata al vaso di Pandora. Il layout di tastiera passa continuamente da una lingua allaltra Vedere il punto 4 dellelenco precedente relativo alle combinazioni di tasti. Se il primo carattere che si digita nel segmento non compare, vedere la voce precedente. Non riesco pi a digitare certi caratteri speciali o accentati E la stessa cosa di prima.

83

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

Lantivirus mi avvisa che Wordfast un virus, o che contiene un virus Vedere la sezione relativa ai macrovirus nella sezione intitolata Glossario dei termini usati nel presente manuale. Ms-Word 97
Un difetto, documentato dalla Microsoft allindirizzo web http://support.microsoft.com/default.aspx?scid=kb;EN-US;q162349 che, se il documento contiene elementi grafici che sono stati incollati (come spesso accade con catture di schermate), Ms-Word97 pu non avere le necessarie risorse per visualizzarli; in tal caso i grafici vengono sostituiti da caselle contenenti una croce rossa. Tutti i tentativi per ripristinare i grafici falliscono. E probabile che ci avvenga se il documento stato creato o manipolato con una copia di Ms-Word97 non aggiornata con SR-1 (SR-1 una patch, cio un file di riparazione del difetto, distribuito dalla Microsoft rivolgersi allassistenza Microsoft, non Wordfast). Inoltre, la situazione aggravata se attivata la casella Consenti salvataggio veloce in Strumenti/Opzioni/Salva. Con Ms-Word97 raccomandiamo di disattivare questa casella (effettuando frequenti salvataggi manuali con CTRL+S) perch noto che questa opzione prosciuga le risorse e crea problemi.

Microsoft Outlook Alcune versioni di Outlook possono causare problemi se usano Ms-Word come editor predefinito di messaggi E-mail. Se ci avviene, deselezionare la casella Protect delimiters... in Wordfast/Setup/Segments. Quindi, in Word, usare lopzione Visualizza/Barre degli strumenti/Personalizza/Tastiera/Reimposta tutto per riportare le combinazioni di tasti al loro valore originale. Chiudere Word e Outlook e riprovare. Se anche cos non si risolve il problema, bisogna evitare di usare contemporaneamente Wordfast e Outlook, o invece di Word usare come editor di E-mail leditor HTML di Outlook, che fornisce quasi tutte le funzionalit di Word. La finestra principale di setup di Wordfast non mostra nessun testo Accertarsi che il font Tahoma sia installato. Normalmente, quando si installa Word, la Microsoft aggiunge automaticamente al sistema operativo il font Tahoma. Vedo un mare di testo blu o rosso con una riga nel mezzo Escludere la modalit revisione (Tieni traccia delle revisioni). Togliere la protezione, se c (Strumenti/Togli protezione) prima della traduzione. Normalmente non si devono tradurre con un CAT i documenti in modalit revisione o Tieni traccia delle revisioni finch questa modalit non viene disinserita. Wordfast (e non Word) avverte: Sorry, this file is read-only [Spiacente, un file di sola lettura] Significa che il file di memoria (e non il documento che si traduce) ha un attributo di sola lettura. Ci avviene di solito se il file di memoria stato intenzionalmente protetto da scrittura o se proviene da un CD-ROM. Con lEsplora risorse cliccare sul file col pulsante destro del mouse, cliccare su Propriet e deselezionare la casella Sola lettura. In Mac OS usare Opzione+i. Inoltre, su alcuni sistemi operativi recenti, certe cartelle sono protette da scrittura. Assicurarsi che il file di memoria non si trovi in una cartella di Ms-Office o in altra cartella di sistema. Lideale sarebbe creare una cartella apposta per le memorie di traduzione. Da non confondere con il messaggio in cui Ms-Word avvisa che il documento di sola lettura. Comportamenti imprevedibili durante le sessioni di traduzione Alcuni comandi del vaso di Pandora vanno disattivati dopo lutilizzo, come BetterMatch=Write, Skip ecc. perch possono produrre risultati indesiderati su documenti diversi da quelli sui quali sono stati usati. La stessa considerazione si applica alle macro: disattivarle quando non ce n pi bisogno. Se non si usa mai nessun comando del vaso di 84

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

Pandora non il caso di preoccuparsi. Comportamenti imprevedibili possono anche essere causati da alcune opzioni di Strumenti/Opzioni correzione automatica, come la sostituzione durante la digitazione di virgolette ecc. Assicurarsi che certe combinazioni di tasti di Wordfast non siano dirottate da qualche altro modello. Se il primo carattere che si digita nel segmento non compare, vedere il comando "FirstKeyControl" nella sezione dedicata al vaso di Pandora. Vedere la parte relativa al modello normal.dot non valido o danneggiato. Vedere la parte relativa ai layout di tastiera. La tastiera continua a cambiare Vedere la parte relativa ai layout di tastiera. Disattivare il Rilevamento automatico della lingua: unopzione che pu dare problemi e
mandare in tilt Word durante la traduzione. Verificare limpostazione dal men di Word Strumenti/Lingua.

Word non ha il solito aspetto Dopo una sessione di traduzione, Word mostra segni di paragrafo o codici di campo o uno strano tipo di carattere, oppure non mostra le immagini ecc. Durante la traduzione, Wordfast deve modificare alcune opzioni di visualizzazione per poter funzionare correttamente. Quando finisce la sessione di traduzione, le impostazioni di visualizzazione precedentemente impostate dovrebbero venire ripristinate normalmente. Se ci non accade, niente panico: cliccare sul men Strumenti e poi su Opzioni (Modifica/Preferenze in alcune versioni di Mac), poi scegliere la scheda Visualizza e selezionare o deselezionare le opzioni volute per ripristinare le impostazioni di visualizzazione originarie. Abituarsi a usare la finestra di dialogo Opzioni e sperimentare le varie impostazioni di visualizzazione che essa offre. Si pu anche usare il men di Word Visualizza per cambiare il tipo di layout da Normale a Layout di stampa e viceversa.

Documenti che fanno i capricci 1. Certi clienti mandano documenti che erano originalmente collegati a un modello (lo si pu
verificare aprendo il documento e poi andando al men Strumenti/Modelli e aggiunte e controllando il nome che appare nella casella in alto). Se c un riferimento a un modello che non si trova sul nostro disco fisso, ci possiamo aspettare dei problemi. Contattare il cliente. Di solito pu bastare cancellare il riferimento al modello inesistente, ma ci va fatto informando il cliente e con il suo consenso, in modo che egli possa ripristinare, pi tardi, il collegamento a quel dato modello. 2. Se il documento Word ha molti campi (che si possono visualizzare con Strumenti/Opzioni /Visualizza o con ALT+F9) che rimandano a grafici, indici, riferimenti ipertestuali inesistenti, ci pu causare un comportamento imprevedibile del documento. Se il cliente non riesce a fornire gli oggetti a cui i campi fanno riferimento, si deve deselezionare la casella Aggiorna collegamenti automatici allapertura in Strumenti/Opzioni/Standard. 3. Lunghi file RTF con una grafica e/o campi complessi, creati da un software diverso, o anche soltanto da unaltra versione di Word, possono comportarsi in modo strano e addirittura portare ad arresti improvvisi di Word. Nei casi pi disperati provare a importare il documento problematico in un nuovo documento vuoto (usando il copia-incolla o Inserisci/File). Questoperazione va fatta col consenso del cliente.

Avvisare sempre il cliente se si hanno dei problemi con i documenti. Ci che vogliamo dire che il cliente dovrebbe fornire al traduttore un documento pulito e

85

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

stabile. Un buon terzo delle chiamate di aiuto al servizio di assistenza tecnica Wordfast causato in effetti da documenti che si comportano male, e un altro terzo dovuto a installazioni di sistema o di Word che non sono stabili. Modelli che si comportano male E possibile far girare Wordfast assieme ad altri modelli o componenti aggiuntive di Word, ma bene capire che non possiamo garantire laffidabilit di tale pratica. Molti conflitti tra combinazioni di tasti o misteriosi comportamenti di Word e Wordfast sono semplicemente dovuti alla presenza di altri modelli o componenti aggiuntive di Word che monopolizzano le combinazioni di tasti.
I modelli e le componenti aggiunte di Word sono programmi che di solito contengono codice VBA. Ci sono molti modi di scrivere in VBA, alcuni dei quali non sono veramente professionali, col risultato di produrre applicativi molto instabili. A partire dal Word97 e versioni superiori, la Microsoft ha introdotto un ambiente molto pi affidabile e moderno grazie allarchitettura VBA a 32 bit. Purtroppo molti programmatori usano ancora le tecniche antiquate che risalgono al Ms-Dos (architettura a 8 bit) o al Windows 3 (architettura a 16 bit), usando per esempio numeri di file a I/O assoluto invece di usare la funzione FreeFile offerta dalla Microsoft o le funzioni di WORDBASIC.

E stato chiuso un documento con un segmento aperto: Provare ad avviare la sessione aprendo il segmento che era stato lasciato aperto. Se questo non risolve il problema, chiudere il documento senza salvarlo, poi andare al segmento lasciato aperto e fare quanto segue: 1. Aprire la finestra di dialogo Segnalibro dal men Inserisci. Cancellare tutti i segnalibri che
cominciano per Wf (come WfTU, WfSource, WfTarget ecc.)

2. Cancellare tutti i segni di fine paragrafo allinterno del segmento che ha creato il problema. Il
risultato che tutti gli sfondi colorati spariranno. Se non spariscono, selezionare il paragrafo e poi usare CTRL+Q oppure Formato/Bordi e sfondo per togliere tutti gli sfondi.

Assicurarsi che i segni di demarcazione (i simboletti viola) siano impostati correttamente. Salvare il documento e riprendere la sessione di traduzione. Vorrei fare pulizia nel mio file di memoria ma continuo a ricevere il messaggio: This file is used by another process [File attualmente in uso] Molto probabilmente il file di memoria attualmente condiviso su una rete o da due sessioni contemporanee di Word, oppure la precedente sessione di traduzione non stata terminata in modo corretto. Non si possono fare lavori su un file di memoria finch questo condiviso in rete. Se non si sta lavorando in rete, chiudere Word. Con Esplora risorse trovare la cartella dove si trova il file di memoria e cancellare quel file di memoria che ha lestensione .net e solo quello. Se non funziona, riavviare il computer. Il riconoscimento di terminologia non funziona: Effettuare questa serie di controlli:
che i glossari siano file di testo semplice o Unicode in cui le voci source e target (ed eventuali commenti facoltativi) sono separate da tabulatori; che i glossari siano stati ordinati usando il pulsante Reorganise in Wordfast/Terminology/Glossary; che in Wordfast/Terminology/Glossary sia selezionata la casella di controllo This glossary is active.

Il computer rallentato o mi d messaggi di memoria esaurita: La maggior parte dei sistemi sono sovraccaricati di font. Molti applicativi aggiungono al sistema diversi set di caratteri non desiderati senza avvertire lutente. In Windows, esplorare la cartella Windows\Font (o WinNt\Font). Se ci sono pi di 50 tipi di carattere, valutare le seguenti possibilit. Creare una cartella Windows\Font2 e trascinarci dentro tutti i font 86

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

presenti nella cartella Windows\Font che non sono di vitale importanza. Se pi tardi ci sar bisogno di questi font, li si potr sempre riportare nella cartella Windows\Font (oppure WinNt\Font). Da notare che ciascun font localizzato nella cartella Windows\Font appesantisce il sistema sottraendo risorse e RAM. Ci sono molte altre possibilit per verificare che il nostro sistema sia in perfetto ordire per un uso professionale, ma andremmo oltre lo scopo del presente manuale. In ogni caso, se il computer viene usato per giochi o intense attivit multimediali, o per altri scopi e specialmente da altre persone, i problemi sono sempre in agguato. Non si pu usare una workstation per far girare giochi o pesanti applicativi grafici o multimedia: c da aspettarsi instabilit usando lintero ambiente Microsoft Office. Su computer lenti (meno di 200 MHz e/o meno di 32 Mb di RAM, e/o schede video molto lente), raccomandiamo di usare alcune o tutte le seguenti accortezze: 1. Disattivare il controllo ortografico e grammaticale durante la sessione di traduzione (attivarlo
2. a parte, dopo la traduzione). Diminuire la profondit di colore del monitor a 16 a 256 colori, almeno durante le sessioni di traduzione. In Strumenti/Opzioni deselezionare lopzione Rimpaginazione per evitare che Word continui a rimpaginare continuamente il documento. Lavorare in visualizzazione Normale e non col Layout di stampa. Escludere la funzione di Salvataggio automatico in Strumenti/Opzioni o Preferenze. Premere CTRL+S di tanto in tanto durante la traduzione per salvare manualmente il documento. Nei casi estremi, usare lopzione Caratteri bozza nella scheda Visualizza del men Strumenti/Opzioni di Word; e nel men Visualizza, scegliere Normale piuttosto che Layout di stampa. Riorganizzare i file di memoria molto grandi (pi di 50.000 TU) almeno una volta alla settimana con il pulsante Reorganise nella scheda di Wordfast Translation memories/TM. Fare una regolare manutenzione delle memorie. Escludere la funzione Consenti salvataggio veloce in Strumenti/Opzioni/Salva (o Preferenze su Mac). Consenti salvataggio veloce unopzione che notoriamente prosciuga le risorse e crea problemi. Nei casi pi disperati, pretradurre il documento (Wordfast/Tools/Translate) prima di lavorarci su.

3. 4. 5. 6. 7. 8.

Difetti e blocchi Windows 9.xx, Millenium (e per certi aspetti anche Windows 2000), come pure i Mac OS 7, 8, 9, non sono sistemi operativi incorruttibili o a prova di proiettile come lo Unix o il Linux, per esempio. Sono varianti di sistemi operativi precedenti che giravano sulle risorse limitate dello scorso millennio, con una architettura piuttosto primitiva. Tutti i programmi applicativi, ma specialmente Word, continuano a rubare pi risorse RAM per visualizzare i tipi di carattere, le immagini, le modifiche ai testi temporanei, le operazioni di annulla ecc. ogni volta che si aprono i documenti, che si fanno scorrere, che si digita o si modifica qualcosa ecc. Inoltre, Word effettua tutta una serie di lavori (task) in sottofondo mentre tali sistemi operativi non sono veramente multitasking. Se Word si arresta con Wordfast aperto: riavviare il sistema e riprovare la stessa operazione sul sistema appena partito. Escludere provvisoriamente tutte le componenti aggiuntive che dovrebbero miracolosamente proteggere il sistema da blocchi, fornirgli sovralimentazione, migliorare il desktop, deframmentare in sottofondo ecc. Mantenere solo lantivirus, e disattivarlo provvisoriamente per vedere se si notano differenze. Escludere provvisoriamente tutti i modelli o componenti aggiuntive a parte il Wordfast (andare in Strumenti/Modelli e aggiunte e deselezionare tutti i modelli e le aggiunte). Se si ripete lo stesso arresto (o 87

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

blocco) sul sistema cos ripulito, la causa del blocco potrebbe essere Wordfast. In caso di blocco provare la combinazione di tasti CTRL+PAUSA (CTRL+BREAK su certe tastiere) e poi premere FINE se appare una finestra di dialogo. Se ne abbiamo la possibilit, possiamo provare ad eseguire lo stesso lavoro o task con Wordfast aperto su un altro computer, prima di arrivare alla conclusione che la causa del blocco Wordfast. In tal caso, assicurarsi di avere la versione pi recente di Wordfast (confrontare la propria versione con quella su www.wordfast.net). Se il blocco persiste anche con lultima versione di Wordfast, usare il servizio di assistenza su www.wordfast.net per comunicarcelo. Esaudiremo la richiesta il pi rapidamente possibile. La combinazione Windows 2000 + Ms-Word 2000 (o versioni superiori) nota per essere sostanzialmente pi stabile. Wordfast non vuole partire Ci pu essere dovuto a uno di questi due motivi: 1. Il file Normal.dot danneggiato. Chiudere Word. Cercare tutti i file Normal.dot e
rinominarli Normal.bak o cancellarli tutti. Se non si trova nessun file Normal.dot vedere quanto scritto sulle cartelle nascoste e ripetere quindi la ricerca dei file Normal.dot. Riavviare Word e Wordfast. 2. E un problema di installazione di Ms-Word. Anche se il nostro Word funziona bene, potrebbe trattarsi di una installazione incompleta. Certo moduli VBA potrebbero mancare o essere antiquati. Fare riferimento al manuale di Ms-Word per una sua installazione corretta e completa. In Word, possibile premere ALT+F11 per aprire la finestra di Visual Basic. Nel men Strumenti, cliccare sul primo sottomen e accertarsi che siano selezionati i seguenti 4 riferimenti: - Visual Basic for Applications - Ms-Word X Object library (dove X pu essere uguale o superiore a 7) - Microsoft Forms 2.0 Object library - Microsoft Office X Object library (dove X pu essere uguale o superiore a 7)

Macintosh Sistema classico (Mac OS 7, 8, 9): i problemi appaiono spesso correlati ad una insufficiente assegnazione di memoria per Word. Cliccare una volta sola sullapplicazione Ms-Word sul disco rigido (per evidenziarla senza avviarla). Selezionare il sottomen Info su dal men File. Allocare almeno 32.000 per Ms-Word (meglio ancora 64.000 o di pi, se possibile). Ricordiamoci che Wordfast viene usato sia sui PC che sui Mac. Per le cartelle e per i file di memoria e di glossario opportuno usare nomi semplici, senza lettere accentate, spazi, punteggiature o simboli, e lunghi meno di 32 caratteri. Questo accorgimento non riguarda i documenti, ma solo i file di memoria e i glossari. Se Wordfast nella cartella di esecuzione automatica e non si vede la barra degli strumenti allavvio di Word (dando per scontato che il men Barre degli strumenti di Visualizza non contiene la casella di spunta Wordfast): usare Strumenti/Modelli e aggiunte per aggiungere il modello Wordfast e attivarlo. In alternativa, seguire i consigli che seguono (per i quali ringraziamo Edward L. da Fukuoka, in Giappone): Il file Wordfast nella cartella di Avvia con ha una data fork di tipo simpletext sul Mac, cos ho cambiato il Type in W8TN e il Creator in MSWD (i parametri usati per i modelli Word). Adesso parte automaticamente quando si avvia Word, come in effetti dovrebbe fare. Per effettuare queste modifiche ho usato FileBuddy.
Deborah S. scrive: Posso solo riferirmi allOffice 98 [lo stesso vale per il Mac OS X] citando dallarticolo del Servizio di Assistenza Microsoft numero Q179217 "Using First Run Installation to

88

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

Troubleshoot Mac Office": Inizio della citazione: Quando si usa il processo di installazione al primo uso per verificare i problemi con lavvio di programmi Office, spesso utile rimuovere pi di quel solo file, perch ci potrebbero essere altri file danneggiati. Si raccomanda di cancellare dalla cartella di Sistema tutti i file qui sotto indicati:

Embedding Preferences (Preferenze) PPC Registration Database (Preferenze) Microsoft Component Library (Estensioni) Microsoft OLE Automation (Estensioni) Microsoft OLE Library (Estensioni) Microsoft Structured Storage (Estensioni)

Fine della citazione. Inoltre, togliere i file di Wordfast dalla cartella di Esecuzione automatica o dei Modelli e cancellare il modello Normal. Quindi far partire un qualsiasi programma Office che riconfigurer automaticamente le componenti sopra elencate. Ho letto in un forum di MacFixit che Internet Explorer 5 installa una versione diversa (precedente) della Component Library rispetto a quella di cui ha bisogno Office 98, e (da certi problemi che sto avendo) sospetto una simile interferenza con Outlook Express. In altre parole, il problema pu risiedere nel fatto che c un solo set di preferenze per cos tanti programmi diversi. Qualsiasi cosa stia succedendo, non dobbiamo necessariamente prendercela con Wordfast, che non fa altro che evidenziare il problema perch fa un uso massiccio di quelle particolari componenti.

Glossario dei termini utilizzati nel presente manuale


(I termini che fanno gi parte dellambiente Ms-Word verranno trattati brevemente; per una loro definizione pi completa fare riferimento al manuale o alla Guida in linea di Word) Microsoft Word (Ms-Word): lapplicativo (o software) con il quale stiamo leggendo questo manuale. La maggior parte degli utenti usa una minima parte delle potenzialit di Word. Il traduttore professionista ha molto da guadagnare a imparare alcune delle sue funzioni avanzate quali le opzioni avanzate di ricerca e sostituzione (vedere a questo proposito lAppendice IV), la personalizzazione delle barre degli strumenti e delle scorciatoie da tastiera, uninfarinatura essenziale sulle macro. Pu valer la pena farsi aiutare o insegnare da un esperto: un investimento in termini di tempo e denaro che si recupera molto presto. Microsoft Office: la raccolta di applicativi, generalmente venduti e installati tutti insieme, di cui anche Ms-Word fa parte. Ms-Office comprende Word, Excel, PowerPoint, Access, FrontPage ecc., ma esistono anche versioni ridotte di Office che comprendono soltanto Word ed Excel. VBA (Visual Basic for Applications) un linguaggio di programmazione condiviso da tutti gli applicativi Ms-Office. Wordfast scritto in puro, originale VBA, senza richiami a interfacce di programmazione (API) esterne, componenti aggiuntive, librerie dinamiche (DLL) ecc.; ecco perch funziona sia su Windows che su Mac, e pu essere esportato su altre piattaforme. Macro. Luso massiccio di Word pu portare a volte ad azioni altamente ripetitive; immaginiamo per esempio di dover cambiare il tipo di carattere del primo paragrafo di un centinaio di documenti. Il registratore di macro permette registrare una serie di azioni

89

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

effettuate allinterno di Word in una macro alla quale possiamo assegnare il nome che vogliamo. Da quel momento possiamo eseguire la macro tutte le volte che ci occorre, semplicemente richiamando la finestra di dialogo delle macro (ALT+F8) ed eseguire la macro desiderata; o meglio ancora, assegnando a tale macro una combinazione di tasti. Le macro sono scritte in linguaggio VBA. Per aprire leditor VBA occorre premere ALT+F11 o usare i men Strumenti/Macro/Visual Basic Editor; nella finestra che si apre vedremo le macro registrate nel modulo (o nei moduli) di codice del modello Normal. Macrovirus o virus di Ms-Word. Qualsiasi frammento di codice eseguibile, in qualunque linguaggio venga scritto, un potenziale virus. Lunica differenza tra lapplicativo e il virus che il virus stato creato per causare molestia, danni o distruzione. Sia i documenti che i modelli di Word possono contenere codice VBA ma anche molti altri formati come elementi grafici ecc. Consigliamo di usare un antivirus recente e possibilmente di marca in grado di riconoscere i virus del tipo Ms-Word, Office, Macro o VBA. Gli antivirus migliori offrono costanti aggiornamenti scaricabili da Internet. I migliori produttori di antivirus sono anche lieti di ascoltare i problemi degli utenti in difficolt, perch proprio grazie ai riscontri delle vittime di attacchi virus che essi possono mantenere aggiornate le loro banche dati. Tutte le versioni di Wordfast che mettiamo in rete da scaricare sono previamente controllate e garantite esenti da virus. A dicembre del 2003 risultavano oltre 10.000 utenti registrati che utilizzavano Wordfast e oltre 2.000 di essi contribuivano quotidianamente a una mailing list di discussione pubblica. Se Wordfast fosse infettato lo si saprebbe immediatamente. Allora cosa fare se un antivirus avverte che Wordfast un virus? E una cosa che accade con circa un antivirus su 20. Wordfast contiene molto codice VBA e gli applicativi antivirus che si basano su algoritmi semplici o inaffidabili possono sbagliarsi scambiando Wordfast per un virus. In tal caso si devono fare uno o tutti i passi seguenti: 1. Verificare immediatamente Wordfast con un altro antivirus, magari chiedendo a un collega
che ha installato un antivirus diverso dal nostro. Se anche un altro antivirus, anche di marca diversa, indica che Wordfast un virus, la faccenda seria: forse Wordfast stato infettato da un documento o un modello infetto. La cosa va segnalata subito a info@wordfast.net. 2. Contattare poi il produttore del nostro antivirus, segnalargli la cosa e chiedergli di scaricare Wordfast come abbiamo fatto noi, in modo da poterlo verificare. Se si tratta di un produttore serio e onesto, delle due luna: dovrebbe modificare il proprio software antivirus oppure dovrebbe provare che Wordfast davvero un virus. 3. Contattare lassistenza on-line di Wordfast allindirizzo info@wordfast.net. Evitiamo di inviare messaggi da panico alla mailing list: tutti i messaggi di questo tipo apparsi finora si sono presto dimostrati infondati.

Documenti e Modelli: il documento di Word contiene informazioni, per esempio sotto forma di testo, immagini ecc. Il modello una maschera di documento che propone unimpaginazione predefinita, in modo che lutente si possa concentrare sui contenuti piuttosto che sulla loro apparenza. I modelli possono anche essere usati come aggiunte, ad estensione delle possibilit di Word. Anche Wordfast unaggiunta di Word. Generalmente i modelli non vanno aperti come se fossero documenti, ma vengono usati per creare nuovi documenti con una certo layout predefinito, oppure vengono aggiunti alla lista di modelli di Word tramite il men Strumenti/Modelli e aggiunte Wordfast un modello di questo secondo tipo. Barre degli strumenti: Word, come tutti gli applicativi fatti come si deve, fa un uso massiccio delle barre degli strumenti, che possono essere personalizzate dallutente. Per i

90

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

traduttori che usano molto Word fondamentale sapere come personalizzare le barre degli strumenti. Il men di Word Visualizza ha una voce Barre degli strumenti (raggiungibile rapidamente facendo un clic col pulsante destro del mouse nella parte alta della finestra di Word, subito sotto la barra del titolo) che permette di visualizzare e nascondere determinate barre degli strumenti. Consigliamo di nascondere le barre che non si utilizzano, perch occupano spazio prezioso e appesantiscono il campo visivo creando confusione. Per personalizzare le barre degli strumenti usare lopzione Personalizza Nella finestra di dialogo che si apre, andare alla scheda Comandi (la seconda, quella intermedia). Qui possiamo fare degli esperimenti cliccando sulla lista di comandi e, tenendo premuto il pulsante del mouse, trascinare un comando fino a rilasciare licona nella barra degli strumenti di nostra scelta. Cos facendo abbiamo aggiunto unicona alla nostra barra degli strumenti. Se si fa un uso frequente di una certa funzione di Word e tutte le volte la dobbiamo cercare nella rispettiva voce di men, conviene piuttosto spostare licona del relativo comando in una barra degli strumenti: questo ci permetter di accedere a tale funzione molto pi rapidamente. Per togliere unicona dalla barra degli strumenti (con la finestra di dialogo Personalizza aperta): trascinare licona da qualche parte fuori dalla barra degli strumenti. Cos facendo la avremo rimossa. Consigliamo gli utenti di Wordfast di aggiungere almeno due icone alla barra degli strumenti standard o a quella di formattazione: Formato/Copia Formato (consigliamo di provare questicona per scoprirne le potenzialit: raffigura un pennello o una pennellessa) e Visualizza/Visualizza codici di campo. Le barre degli strumenti di Wordfast non vanno personalizzate! Selezione o evidenziazione. Trascinare il cursore sul testo di un documento mantenendo premuto il pulsante sinistro (in Windows) o il pulsante del mouse (Mac) ha leffetto di evidenziare una porzione di testo che viene visualizzata al negativo, generalmente bianco su nero. Quando si fa una selezione, il punto di inserimento (il cursore lampeggiante) scompare. Si pu fare una selezione anche tenendo premuto il tasto MAIUSC e muovendo il cursore con i tasti freccia. Il punto di inserimento (cursore) riappare quando la selezione viene cancellata. Segnalibri. In un libro cartaceo, il segnalibro viene inserito in una data posizione del documento in modo da poterci tornare rapidamente in un momento successivo. La stessa cosa si pu fare nei documenti Word. Per inserire dei segnalibri sulla selezione attuale o sul punto di inserimento si deve usare il men Inserisci. Al segnalibro va assegnato un nome. Il segnalibro ricorda la posizione e lestensione della selezione allinterno del documento. I segnalibri vengono salvati assieme al documento. La posizione e le dimensioni dei segnalibri pu essere resa visibile da speciali [parentesi quadre grigie] agendo sulla finestra di dialogo Strumenti/Opzioni/Visualizza. I segnalibri sono parte integrante del documento e giocano un ruolo fondamentale nei documenti che contengono collegamenti, indici automatici, sommari ecc. Il processo di traduzione pu richiedere il trasferimento dei segnalibri dal testo originale a quello tradotto, nella posizione opportuna, abbracciando la corrispondente stringa di testo e mantenendo lo stesso nome di segnalibro. Siccome un documento non pu avere due segnalibri con lo stesso nome, Wordfast propone alcuni modi per gestire i segnalibri durante il processo di traduzione. Fare riferimento alla sezione sui segnalibri. Per ulteriori informazioni sui segnalibri, leggere il manuale o la guida in linea di Word. Campi: i campi si possono inserire nel documento usando il men Inserisci/Campo Il 91

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

campo generalmente contiene un codice che Word deve calcolare, computare o comunque lavorare in qualche modo. Pertanto vi sono due modi di visualizzare i campi: il codice o il risultato. Per passare da una visualizzazione allaltra usare la combinazione di tasti ALT+F9 o la scheda Strumenti/Opzioni/Visualizza. Da notare che i campi vengono calcolati al momento in cui vengono creati. Posizionando il cursore su un campo e premendo F9 si causa laggiornamento forzato del campo, cio il suo ricalcolo. Un campo non aggiornato pu mostrare un valore non corretto. Per esempio il cosiddetto TOC (il sommario prodotto dal campo denominato Table of Contents) potrebbe non essere aggiornato. Se laggiornamento produce un errore, lutente viene avvertito da un messaggio a schermo. Per ulteriori informazioni sui campi, leggere il manuale o la guida in linea di Word. I tag: per una descrizione completa vedere la sezione sui tag. Il termine si riferisce solo a determinati elementi non traducibili (generalmente di colore grigio o rosso) che si trovano in particolari categorie di file chiamati tagged in inglese, cio dotati di tag, che sono stati predisposti alla traduzione tramite particolari software quali Rainbow Horizon, PlusTools, Trados Stagger ecc. I segni di demarcazione dei segmenti non vanno confusi con i tag. Sono quei simboli viola che delimitano linizio e la fine dei segmenti, sia source che target, e che sono fatti cos: . Quando viene segnalato un bad segment si intende che esiste un segmento i cui segni di demarcazione hanno subto una cancellazione, una modifica o unaggiunta. Questi segmenti sbagliati creano problemi al momento della pulizia (clean-up). Segmento: lunit fondamentale di traduzione. I segmenti sono generalmente delle frasi. Ma in certi casi piuttosto rari, invece delle singole frasi pu essere necessario tradurre interi paragrafi, e allora il segmento pu contenere pi di una frase. Anche la modalit di segmentazione per Sentence (Frase) di Wordfast va usata in situazioni molto specifiche e rare; come per esempio nel caso delle lingue che non fanno uso di segni di punteggiatura. Per la maggior parte delle lingue non si usa la modalit Sentence. Quando si traduce con Wordfast, il segmento su cui si lavora (quello con il fondo colorato per i segmenti source e target) viene definito aperto. Quando si finisce di tradurlo, il segmento viene convalidato (si usa anche un termine preso a prestito dai database, e precisamente to commit, cio scrivere il dato nel database, che nel nostro caso il file di memoria di Wordfast) e chiuso; a questo punto Wordfast si sposta sul segmento successivo e lo apre. Source e target. La traduzione viene effettuata partendo da una lingua di origine, definita source, verso una lingua di destinazione, definita target. Un singolo progetto di traduzione pu avere una sola lingua source ma diverse lingue target. Molti traduttori per hanno a che fare con una sola lingua source e una sola lingua target: in questo caso parliamo di accoppiata linguistica o anche di combinazione linguistica. Unit di Traduzione (UT oppure TU): la coppia formata da un segmento source e il corrispondente segmento target. Considerando la memoria di traduzione come un database, lUnit di Traduzione un record che registra anche la data di creazione ed eventuali attributi facoltativi (vedi oltre). File di memoria, oppure Memoria di traduzione (TM): un insieme (un database) di Unit di Traduzione. Praticamente ogni singolo CAT (software di traduzione assistita) utilizza un suo proprio formato. Anche Wordfast ha il suo, ma diversamente dagli altri CAT un formato aperto che si pu modificare con unampia variet di programmi. Il formato di memoria TMX una sorta di ponte fra diversi formati di file di memoria. Wordfast in grado di gestire il formato TMX. 92

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

Attributi: a ciascuna Unit di Traduzione si possono associare alcuni attributi (Wordfast ne ammette un massimo di 5). Lattributo tipico lidentit del traduttore che ha creato lUT. Altri attributi possono essere largomento, il cliente ecc. Ciascuno dei 5 attributi pu avere diversi valori, che vengono salvati in una lista a scomparsa visibile nella scheda Wordfast/Translation memory/TM Attributes. Per esempio, lattributo Subject pu avere tre possibili valori, come per esempio Scientifico, Letterario e Commerciale. Il valore visibile nella lista a scomparsa viene definito valore attivo. Gli attributi aiutano la manutenzione e lorganizzazione delle memorie: Maggiori informazioni nella sezione Attributi. Corrispondenza o Match: Uno degli scopi dei software di traduzione assistita quello di trovare delle corrispondenze nel file di memoria per il segmento source che si sta traducendo in un dato momento. Quando viene trovata una corrispondenza, il segmento mostra un piccolo numero che indica il tasso di analogia tra il segmento source che si sta traducendo e il segmento source di riferimento nel file di memoria. E un valore compreso fra 0 e 100. Penalit. Le penalit sono riduzioni in percentuale del valore di corrispondenza che vengono applicate al momento del calcolo del tasso di analogia. Di solito le penalit si basano sulla variazione di un certo attributo. Vedere la parte relativa alle penalit.

Appendice I: Segmentazione e memorie di traduzione


La segmentazione
Wordfast considera il documento come una serie di segmenti, e il segmento di solito una frase che finisce con un segno di punteggiatura di fine segmento (ESP) quale il punto, il punto di domanda ecc. (gli ESP si possono personalizzare nella scheda Setup/General di Wordfast). I segni di fine paragrafo, le interruzioni di pagina, i delimitatori di cella, i tabulatori ecc. indicano sempre la fine di un segmento. Abbiamo evidenziato i 10 segmenti presenti nellesempio che segue: The mark-ups for retail are as follows: for class A stores, 10%. For class B stores, 15%. Please observe the following chart: Class Mark-up. No exceptions. Class A 10% Class B 15%

THESE MARK-UPS MUST BE APPLIED AT ALL TIMES. Da notare che le due espressioni isolate 10% e 15% non sono considerate segmenti. Un segmento deve infatti contenere almeno una voce traducibile (almeno una lettera). Vedere lesempio di segmento. E per possibile fare s che Wordfast segmenti anche le porzioni di testo intraducibile: vedere il comando SegmentAll nel vaso di Pandora. Anche in assenza di una memoria di traduzione, la sola suddivisione del testo in segmenti aiuta a risparmiare tempo e ad aumentare la produttivit. I problemi che si hanno traducendo dalla carta stampata sono: 1. Affaticamento della vista. Si devono continuamente muovere gli occhi dal documento cartaceo
allo schermo del computer e viceversa. Gli occhi devono perci modificare la messa a fuoco diverse volte. Dopo un certo numero di anni, molti traduttori finiscono per avere seri problemi di vista. 2. Affaticamento mentale. Dopo aver tradotto una frase si deve tornare a guardare il foglio di carta e localizzare lesatta posizione dellultima frase, per poi leggere quella successiva. Questo

93

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

esercizio richiede attenzione e impegno di risorse mentali.

3. Errori professionali. A causa del problema n. 2 avviene regolarmente di saltare una frase, se non
un intero paragrafo; il che costituisce un grave errore professionale. Mettiamo che il documento sia composto da una serie di 100 frasi quasi identiche tra di loro, con parametri numerici lievemente differenti come Please apply the following Please apply the following mark-up for Please apply the following Please apply the following Please apply the following mark-up for Class A: 10% Class B: 12% but exclude zone TT-001 mark-up for Class C: 11.5% mark-up for Class F: 13% mark-up for Class P: 9%

e cos via per 3 pagine!


Se dimentica una sola riga, il traduttore diventa responsabile di un serio errore professionale. Lavorando con un segmentatore su un documento originale elettronico non c da preoccuparsi nemmeno un minuto. Il programma segmenta fedelmente il documento e chiede di tradurre ogni singolo segmento senza dimenticarne uno. Nellesempio precedente, inoltre, una volta tradotta la prima riga Wordfast riconosce addirittura le righe successive e le pretraduce. 4. Altri errori professionali. Guardiamo insieme la seconda riga, quella col parametro TT-001. Questo parametro non va tradotto, ma copiato fedelmente. Ora, dobbiamo essere certi di digitare Zero-Zero-Uno e non le lettere O-O-I. Sembra facile? I documenti tecnici sono pieni di simili parametri bizantini. Per noi sono solo un fastidio. Per il cliente sono di vitale importanza. Sbagliamone uno e il cliente si ritrover in mano un manuale sbagliato. Wordfast ha un algoritmo di controllo qualit che avverte se i parametri da non tradurre non sono copiati fedelmente dal source al target. Ha anche delle funzioni di QC che aiutano a rispettare le specifiche del cliente in fatto di tipografia. 5. Layout del documento. Diamo ancora unocchiata allesempio di segmentazione. Se si traduce dalla carta si deve ricreare quel simpatico layout combattendo con formati, tabelle, bordi, colori, caratteri ecc. Con Wordfast ogni singolo segmento target viene formattato come il segmento source (questo vero a livello di segmento: il primo carattere del segmento source definisce il formato dellintero segmento target. Wordfast fa il possibile per duplicare gli stili, per esempio, degli elementi intraducibili; in certi casi, si devono applicare a mano il grassetto, corsivo ecc. allinterno del segmento). 6. Coerenza terminologica. Su un progetto voluminoso (mettiamo di ricevere 50 pagine al mese in modo da lavorare per lo stesso cliente 5 giorni al mese per 12 mesi), tutte le volte che si lavora ci si deve ricordare del glossario di quel particolare cliente. Con Wordfast si pu creare e salvare un particolare settaggio (setup) per ciascun cliente, in modo da richiamare rapidamente lo stesso file di memoria e gli stessi glossari. Wordfast avvisa tutte le volte che la terminologia del traduttore entra in conflitto con quella del glossario del cliente.

File di memoria Memoria di traduzione


Il naturale complemento di un segmentatore la memoria di traduzione (TM). Tutte le volte che si traduce un segmento, esso viene salvato in un file di memoria. Cos, il file di memoria un database di accoppiate linguistiche chiamate Unit di Traduzione (TU). Ogni TU registra i segmenti source e target, la data di creazione, le lingue usate e lidentificativo del traduttore che lha generata. Contiene anche un contatore di utilizzo che registra quante volte una TU viene riutilizzata. Pi una TU viene riutilizzata, pi preziosa. La memoria di traduzione permette di risparmiare un mare di tempo specialmente con i documenti tecnici, perch Wordfast riconosce i segmenti che sono gi stati tradotti e li propone al traduttore; a questultimo non resta che controllare, convalidare e passare oltre. Dopo aver delimitato un segmento, Wordfast esplora la memoria di traduzione alla ricerca di una corrispondenza esatta o approssimativa rispetto al segmento source. Se si trova una 94

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

corrispondenza, viene proposto il segmento di destinazione della TU (la traduzione registrata in memoria). Wordfast visualizza un numero che va da 0 a 100, che indica il grado di somiglianza tra il segmento source del documento e il segmento source della TU. Una corrispondenza del 100% considerata esatta e spesso viene definita full match. Una corrispondenza al di sotto del 100% ma uguale o superiore alla soglia di accettabilit (definibile dallutente) viene considerata parziale (e definita fuzzy match); al di sotto di tale valore, considerata non corrispondente (no match) e non viene nemmeno proposta. Se viene proposta una traduzione, premendo la combinazione CTRL+ALT+M (o licona Memory) viene visualizzata la TU trovata durante la scansione del file di memoria. In caso di corrispondenza parziale, vengono evidenziate le differenze tra il segmento source del documento e il segmento source della TU. La sezione Gestione della memoria di traduzione contiene ulteriori importanti informazioni a questo proposito. Se Wordfast ha trovato pi di una corrispondenza, premere ALT+DESTRA/SINISTRA mostra le corrispondenze con un valore di analogia rispettivamente minore e maggiore.

Appendice II: Impostazioni di lingua e controllo ortografico


Un documento pu contenere testo scritto in diverse lingue. Word considera la lingua come un attributo di testo, esattamente come il tipo di carattere, il colore ecc. Per applicare lattributo lingua a una selezione di testo si usa la voce di men Strumenti/Lingua. Limpostazione della lingua importante, per esempio, quando si fa il controllo ortografico. Di solito il cliente ci invia documento in cui tutto il testo ha lattributo di lingua source (per esempio Inglese). Quando traduciamo, importante che il testo riceva lattributo di lingua target (per esempio Italiano se traduciamo dallinglese allitaliano). Ci permette di effettuare il controllo ortografico usando il dizionario opportuno. Questo viene impostato nella scheda Segments del Setup di Wordfast. Wordfast applica al segmento di target la lingua target specificata (o la lingua predefinita, a seconda di cosa viene specificato in Setup/Segments). Ma se si sceglie lopzione leave unchanged, Wordfast non ridefinisce la lingua target.

Appendice III: Esempi di macro


Da notare: su questo argomento si possono trovare maggiori informazioni (in inglese) nella sezione Knowledge Base, accessibile dalla pagina http://www.wordfast.net.
Nota relativa alle macro specificate nel comando Macro del vaso di Pandora: (solo per PC): se invece del nome di una macro scriviamo Keys= e una stringa di testo simile a quella descritta nella sezione relativa al comando "keys" del dizionario, Wordfast esegue i comandi corrispondenti ai tasti/pulsanti cos definiti. Ad esempio:

Keys=L&H;^a{Delete}{SourceSegment}{Home}%tt{Ms-Word}
in combinazione con la funzione text-to-speech della versione inglese di L&Hs Power Translator 7 ha leffetto di leggere ad alta voce il segmento di origine tutte le volte che viene presentato per la traduzione.

Come creare una macro Le macro di solito vanno inserite nel file di modello Normal.dot. Per fare ci usare leditor di Visual Basic in Strumenti/Macro (o ALT+F11) per aprire la finestra VBA. Sul lato sinistro fare un doppio click su Normal. Se non c nessun modulo usare il men Inserisci per aggiungerne uno. Di solito viene aggiunto un modulo dal nome Modulo1. Cliccarci sopra due volte, si dovrebbe aprire una finestra sulla destra: l che vanno copiate e incollate le macro riportate pi sotto, e modificate alla bisogna. Queste macro verranno salvate nel file 95

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

Normal.dot alluscita da Word. Il team di Wordfast non fornisce servizio di assistenza sul VBA e sulle macro: fare riferimento ai manuali o alla letteratura esistente sullargomento. In Wordfast/PB/Macro... digitare Normal.Modulo1.CheckLength se, per esempio, si vuole provare la prima delle macro proposte qui sotto (sia come macro di QC, sia come macro di postsegmentazione). Per associare una macro a una determinata combinazione di tasti, aprire il men Visualizza/Barre degli strumenti/Personalizza Cliccare su Tastiera; nella lista di sinistra scegliere la categoria Macro. Nella lista di destra cliccare sul nome della macro, scrivere la combinazione di tasti nel campo opportuno e poi cliccare su Assegna. Chiudere la finestra. Nelle macro che si intendono usare con Wordfast dovremmo evitare di usare le seguenti istruzioni o parole:
End (chiude tutti i processi VBA, compreso Wordfast). Per si pu usare il comando End nella macro indicata nel comando del vaso di Pandora MacroMaiden, per interromper lavvio di una sessione di traduzione al verificarsi di certe condizioni. Close (Close seguito da un numero di file che abbiamo aperto noi va bene, ma da solo ha leffetto di chiudere tutti i file di I/O compreso quelli di Wordfast) Reset (chiude tutti i file di I/O aperti, compreso quelli di Wordfast) Se si devono aprire e chiudere file di I/O sul disco, ricordiamo di usare la funzione FreeFile() affinch sia il VBA a trovare un numero disponibile di file di I/O, altrimenti la nostra macro potr entrare in conflitto con un file gi utilizzato da Wordfast.

Se la macro di QC o di postsegmentazione si rifiuta di convalidare il segmento e richiede allutente di correggere la traduzione, la macro dovrebbe aggiungere un segnalibro WfStop da qualche parte nel documento (basta aggiungere listruzione Selection.Bookmarks.Add "WfStop" prima della fine della macro). Se Wordfast trova tale segnalibro interrompe la convalida del segmento, cancella il segnalibro e riporta lutente al segmento target.

Verifica di conteggio dei caratteri del segmento


E una tipica macro di QC che usa la modalit interattiva appena descritta. Controlla il segmento di destinazione per assicurarsi che non sia pi lungo di 80 caratteri (spazi inclusi); e se lo , avvisa lutente e lo riporta al segmento.
Sub CheckLength() If Not ActiveDocument.Bookmarks.Exists("WfTarget") Then Exit Sub If Len(ActiveDocument.Bookmarks("WfTarget").Range.Text) > 80 Then If MsgBox("Target > 80 caratteri? Vuoi correggere?", vbYesNo, "Wordfast") = vbYes Then Selection.Bookmarks.Add "WfStop" End If End If End Sub

Verifica della lunghezza visibile del segmento


Macro che fa la stessa cosa di quella precedente, solo che questa confronta la lunghezza visibile del testo piuttosto che il numero di caratteri. La lunghezza visibile del testo, infatti, dipende dal tipo di carattere.
Sub CheckRealLengthOfText() Avvisa lutente se il segmento target supera quello source di oltre il 130%. Confronta la *vera* lunghezza del testo, non il numero di caratteri (Sempre che source e target usino lo stesso tipo e dimensione di carattere) Dim I As Integer, Segment As Range

96

Wordfast - Manuale dellutente


Static L(1) As Long

Versione 5

For I = 0 To 1 If I = 0 Then Set Segment = ActiveDocument.Bookmarks("WfSource").Range Else Set Segment = ActiveDocument.Bookmarks("WfTarget").Range End If Selection.Start = Segment.Start: Selection.End = Selection.Start Do While Selection.Start < Segment.End - 2 Selection.MoveStart wdLine: Selection.MoveEnd , -1 L(I) = L(I) + Selection.Information(wdHorizontalPositionRelativeToTextBoundary) Selection.MoveStart , 1 Loop Next Qui "1.3" sta per 130%. Valore modificabile. If (L(1) > L(0) * 1.3) Then If MsgBox("Testo target pi lungo del 130% rispetto al source." + vbCr + vbCr + "Torna al segmento per correggerlo?", vbYesNo, "Wordfast") = vbYes Then Selection.Bookmarks.Add "WfStop" End If End If End Sub

Verifica di coerenza delle virgolette


La macro che segue confronta i segmenti target e source per assicurarsi che le virgolette siano coerenti (che siano cio dello stesso tipo e nello stesso numero). Consigliamo di aggiungerla in Wordfast/Setup/General come macro di QC o come macro di postsegmentazione. Quando viene rilevata una discrepanza nelle virgolette, Wordfast avvisa lutente fornendogli la scelta tra tornare al segmento per correggere il problema o proseguire al segmento successivo.
Sub CheckQuotes() If Not ActiveDocument.Bookmarks.Exists("WfSource") Then Exit Sub Dim I As Integer, Src As String, Trg As String, Quotes As String, Uq As String Quotes = Chr(34) + Chr(171) + Chr(187) + Chr(147) + Chr(148) Src = ActiveDocument.Bookmarks("WfSource").Range.Text Trg = ActiveDocument.Bookmarks("WfTarget").Range.Text For I = 1 To Len(Quotes) Uq = Mid(Quotes, I, 1) If (InStr(Src, Uq) > 0 And InStr(Trg, Uq) = 0) Or (InStr(Src, Uq) = 0 And InStr(Trg, Uq) > 0) Then If MsgBox("Virgolette incoerenti (" + Uq + ".) Correggi?", vbYesNo, "Wordfast") = vbYes Then Selection.Bookmarks.Add "WfStop" End If Exit Sub Else If InStr(Src, Uq) > 0 Or InStr(Trg, Uq) > 0 Then If InStr(Src, Uq) > 0 Then Mid(Src, InStr(Src, Uq), 1) = "*" If InStr(Trg, Uq) > 0 Then Mid(Trg, InStr(Trg, Uq), 1) = "*" I = I - 1 End If End If Next End Sub

Evidenziare del testo con ombreggiatura


Domanda: Vorrei evidenziare il testo selezionato ma senza usare levidenziazione; piuttosto vorrei usare un riempimento giallo dalla scheda Sfondo del men Bordi e sfondo Per usando tutte le volte i men mi prende troppo tempo. Non c modo di velocizzare la 97

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

procedura? Risposta: Certo! Associare la macro seguente alla combinazione di tasti ALT+H come spiegato nella sezione su come associare la macro a una combinazione di tasti.
Sub HighLight() Selection.Font.Shading.BackgroundPatternColorIndex = wdYellow End Sub

Estrarre il contenuto delle caselle di testo in un documento a parte


Domanda: Vorrei fare un conteggio parole su tutto il testo contenuto nelle caselle di testo del mio documento. Risposta: Avviare questa macro: crea un documento nuovo contenente tutto il testo trovato nelle caselle di testo.
Sub ExtractFromTextBoxes() Dim I As Integer, J as Integer, Boite As Variant, ThisDoc As Document ActiveWindow.View.Type = wdPrintView Set ThisDoc = ActiveDocument DocName = ThisDoc.FullName Documents.Add On Local Error Resume Next Trasforma le forme ancorate (InlineShapes) in normali For Each Boite In ThisDoc.InlineShapes Boite.ConvertToShape Next I > 0 indica che ci sono ancora caselle di testo da convertire J serve solo per evitare che la macro vada in loop. I = 1: J = 0 While I > 0 And J < 10000 Separa le forme raggruppate For Each Boite In ThisDoc.Shapes Boite.Ungroup Next Si assicura che non ci siano caselle raggruppate (se ci sono gruppi interni, forse il processo va ripetuto) For Each Boite In ThisDoc.Shapes I = 0: I = Boite.GroupItems.Count If I > 0 Then Exit For Next J = J + 1

Wend

For Each Boite In ThisDoc.Shapes With Boite.TextFrame Se la casella contiene testo, lo copia nel file vuoto If .HasText Then Selection.InsertAfter .TextRange Selection.InsertParagraphAfter Selection.Start = Selection.End End If End With Next Separare i gruppi pu incasinare il documento: chiude il documento originale senza salvarlo. ThisDoc.Close 0 End Sub

98

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

Un approccio pi sofisticato per la trasformazione da testo (.txt) a documento Word (.doc)


La macro seguente cerca di ricostruire un documento tipo DOC a partire da un file TXT in cui tutte le righe finiscono con un segno di fine paragrafo. Questo avviene spesso nei testi copiati da Internet o da file in formato PDF. Da notare che non c nessun metodo infallibile per indovinare come ricostruire i paragrafi. Questa macro usa alcuni metodi che di solito danno buoni risultati, ricostruendo correttamente la maggior parte dei paragrafi. Ma in ogni caso bene controllare visivamente il risultato, prima di consegnare il documento a terzi.
Sub TextToDoc() Dim S As Selection, D1 As Range, D2 As Range, IsPara As Boolean, T As String If Windows.Count = 0 Then MsgBox "Nessun documento aperto": Exit Sub Set S = ActiveWindow.Selection: Set D1 = S.Range: Set D2 = S.Range S.End = 0 Do While S.Start < S.StoryLength - 1 Esclude refresh di schermo per una maggiore velocit Application.ScreenUpdating = False IsPara = False Salva lultima lettera della riga nella stringa T S.MoveEndUntil vbCr: T = Trim(S.Text): T = Right(T, 1) Primo tentativo di capire se c la fine di un paragrafo: la riga finisce con un segno di fine frase If InStr(".!?", T) > 0 Then IsPara = True If S.End < S.StoryLength - 3 Then D1.SetRange S.End + 1, S.End + 2 If IsPara Then D2.SetRange S.End - 1, S.End Else D2.SetRange S.End - 2, S.End - 1 Se successiva si Da lultimo carattere della riga minuscolo e il primo carattere della riga maiuscolo suppone che sia un vero paragrafo. disattivare per lingue come il tedesco che usano molto le maiuscole

If D2.Characters(1).Case = wdLowerCase And D1.Characters(1).Case = wdUpperCase Then IsPara = True Se il nome o la dimensione del carattere cambia da questa riga alla successiva, si suppone che inizi un nuovo paragrafo. Spesso vero se il testo proviene da un file PDF; se viene da un file TXT non rilevante. If S.Font.Name <> D1.Font.Name Then IsPara = True If S.Font.Size <> D1.Font.Size Then IsPara = True End If Se non c un paragrafo, unisce le due righe in una sola e procede oltre If Not IsPara Then S.Start = S.End: S.Delete: S.InsertAfter " " Else S.InsertParagraphAfter: S.MoveStart wdParagraph, 1: S.MoveStart wdParagraph, 1 End If Loop S.End = 0 MsgBox "Conversione da testo a DOC finita. Controllare il risultato."

99

Wordfast - Manuale dellutente


End Sub

Versione 5

Appendice IV: Trova e Sostituisci Opzioni avanzate


Da notare: su questo argomento si possono trovare maggiori informazioni (in inglese) nella sezione Knowledge Base, accessibile dalla pagina http://www.wordfast.net. Le funzioni di Trova e Sostituisci di Word (che abbrevieremo in T&S) si possono affinare con luso di caratteri jolly e opzioni avanzate. Un uso sapiente di T&S pu risparmiarci parecchie ore di inutile lavoro. Mi capitato di coordinare progetti di traduzione nei quali i traduttori, con mia grande sorpresa, passavano ore a fare a vista o a mano operazioni di T&S che avrebbero potuto tranquillamente automatizzare. Certamente, le azioni di T&S possono creare danni se eseguite senza criterio su parti del documento che non si desidera modificare. Su documenti brevi preferibile svolgere queste operazioni a mano, anche perch ci vuole un po di tempo per di impostare le opportune funzioni avanzate di T&S e verificarne il risultato. Da notare che PlusTools offre la possibilit di fare operazioni di T&S su molti file insieme, sia a mano che in automatico, con la possibilit di modificare il documento e riprendere il T&S da dove si era interrotto.

Ritorno al testo source


Domanda: Accidenti! I miei documenti sono stati pretradotti e io non ho pi gli originali. Per adesso vorrei avere indietro gli originali, non segmentati. Non ditemi che devo fare ripetute operazioni di Trova & Sostituisci... Risposta: Ma no! Basta una volta sola! Ecco come fare:
Trova: (\{\0\>)(*)(\<\})(*)(\{\>)(*)(\<\0\}) Sostituisci con: \2 Usa i caratteri jolly Imposta il carattere di sostituzione su non nascosto (nella finestra di Sostituisci premere Formato, poi Carattere, poi tra gli Effetti selezionare la casella Nascosto e tornare a cliccarci su per togliere il segno di spunta).

Lunico rischio che il testo source contenga del testo nascosto. E una eventualit piuttosto rara. Da notare: si pu ottenere lo stesso risultato usando la combinazione di tasti ALT+CANC a segmenti chiusi.

Cambiare il formato dei numero da USA al sistema francese


Cio cambiare i separatori di migliaia USA (virgole) in spazi forzati, e i separatori decimali USA (punti) in virgole. Consiste in due passaggi:
Trova: Sostituisci con: Usa i caratteri jolly ([0-9][0-9])> ,\1

e poi
Trova: Sostituisci con: Usa i caratteri jolly ([0-9]),([0-9][0-9][0-9]) \1^s\2

E il metodo offerto tra i comandi esemplificativi del vaso di Pandora. Da notare che il comando FR effettua operazioni di T&S solo nel segmento target aperto, al momento della sua convalida. Si pu usarlo in modo automatico ( Sostituisci tutto) se le cifre e i numeri del documento su 100

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

cui si lavora sono di tipo finanziario. Ma se il documento contiene cifre finanziarie miste a cifre di altro tipo (per es. scientifiche), raccomandiamo di usare questo metodo con la conferma visiva di ogni singola sostituzione (nella finestra di dialogo Trova di Word cliccare su Trova successivo e Sostituisci, piuttosto che usare Sostituisci tutto).

Da testo TXT a documento Word DOC


Domanda: Ho un documento in cui tutte le righe finiscono con un segno di fine paragrafo (ritorno a capo), anche se in effetti non sono alla fine di un paragrafo. Cosa posso fare per ricostruire il normale flusso del testo? Risposta: Non c un metodo valido in tutti i casi possibili; si deve fare una serie di operazioni di Trova & Sostituisci e poi verificare a mano il risultato, ricostruendo i paragrafi rimasti incompleti. LAppendice III contiene una macro che serve a questo scopo: Text to Doc. Altrimenti consigliamo di fare cos:
Trova: Sostituisci con: ^p^p <!?a$

Cos facendo, si mantengono i segni di fine paragrafo doppi, che vengono sostituiti da una sequenza di caratteri altamente improbabile (che chiamiamo codice).
Trova: Sostituisci con: ^p

Questo trasforma tutti i segni di fine paragrafo isolati (non doppi) in uno spazio. Ovviamente nel campo di Sostituisci con si deve inserire uno spazio.
Trova: Sostituisci con: <!?a$ ^p^p

Cos si trasforma il nostro codice improbabile in un doppio segno di fine paragrafo. Questa era una operazione di T&S in tre passi successivi. Usando i caratteri jolly, Word non accetta pi certi caratteri speciali quali ^p (segno di paragrafo): per questo necessario procedere per passi successivi, in modo da bypassare questa limitazione. Per, a pensarci bene Si pu effettivamente risolvere il tutto con una sola passata (ma non ditelo a nessuno: che resti un segreto fra di noi):
Trova: Sostituisci con: Usa i caratteri jolly ([!^0013])([^0013])([!^0013]) \1 \3

(da notare lo spazio dopo \1). Visto come funziona bene? Per occorre fare attenzione: strano ma vero, in certe versioni di Word il valore ^0013 crea una nuova riga ma non necessariamente un nuovo paragrafo. Conviene usare questo metodo solo se si sicuri di cosa si sta facendo.

Sostituire i numeri
Pu capitare che per problemi di segmentazione vengano creati segmenti il cui valore di corrispondenza sia maggiore di 100. Cos i valori di corrispondenza possono essere tipo <}833{> o <}944{> ecc. Lultima cifra del valore di corrispondenza in realt un duplicato della cifra precedente (cio i veri valori avrebbero dovuto essere <}83{> e <}94{>). Come correggere questo errore se si presenta su pi documenti, e senza modificare gli altri valori di corrispondenza corretti? Ecco la risposta:
Trova: Sostituisci con: Usa i caratteri jolly (\<\})([1-9])(?)(?)(\{\>) \1\2\3\5

101

Wordfast - Manuale dellutente

Versione 5

Spiegazione: Quando si seleziona la casella Usa caratteri jolly le espressioni sono tutto ci che contenuto tra parentesi. I numeri di Sostituisci con si riferiscono in realt alle espressioni che si trovano nellargomento del campo Trova. Cos, per esempio, lespressione ([1-9]) di Trova si riferisce a un numero qualsiasi compreso fra 1 e 9. Nellargomento di Sostituisci con il valore \1 fa riferimento allespressione ([1-9]) e potremmo dire che significa espressione 2. Cos, lazione di Trova & Sostituisci si potrebbe leggere in questo modo:
Cerca stringhe di testo composti dalle 5 espressioni contigue seguenti: 1. <} seguito da 2. un numero qualsiasi tra 1 e 9 seguito da 3. un carattere qualsiasi seguito da 4. un carattere qualsiasi seguito da 5. {\>) Se viene trovato una stringa di testo con tali caratteristiche, sostituirla con le espressioni 1, 2, 3, 5.

Come risultato, la cifra in eccesso (espressione 4) viene cancellata dal valore di corrispondenza senza il rischio di scombinare tutto il documento. Come ulteriore misura di sicurezza si potrebbe impostare lo stile del parametro di ricerca (Trova) su tw4winMark.

Cancellare i segmenti target che sono del tutto uguali al segmento source
Domanda: Ho un documento segmentato in cui i segmenti source sono stati copiati sui segmenti target con un valore di corrispondenza nullo (0%). Adesso vorrei svuotare i segmenti target, ma naturalmente, vorrei lasciare intatti i valori di corrispondenza esatta e parziale l dove sono. Risposta: Si pu, con un solo passaggio di Trova & Sostituisci, trasformare i valori di corrispondenza zero in cui il source uguale al target in altrettanti valori di corrispondenza zero in cui il target un segmento vuoto:
Trova: Sostituisci con: Usare caratteri jolly (\<\}\0\{\>)*(\<\0\}) \1\2

Associare una macro a una determinata combinazione di tasti


Aprire il men Visualizza/Barre degli strumenti e da l cliccare sul men Personalizza Cliccare su Tastiera; Nella lista Categorie scegliere Macro. Selezionare la macro desiderata e digitare la combinazione nel campo apposito, poi cliccare su Assegna e infine su Chiudi.

Ringraziamenti
Schermate a cura di Ferenc Frank Horvth (http://www.franxerve.kft.hu/). Revisore della versione originale: Oliver Walter oliver@owalter.co.uk (aggiornamenti ed errori successivi a cura dellAutore) Traduzione italiana di Luciano Drusetta drusetta@libero.it http://digilander.libero.it/drusetta Revisore della prima versione italiana: Nino Vessella (aggiornamenti ed errori successivi a cura del Traduttore) Un particolare ringraziamento ad Alessandro Cintoli a.cintoli@tin.it per la terminologia Macintosh e la revisione finale Tutti i marchi contrassegnati da sono di propriet dei rispettivi produttori. Word, Excel, Access, PowerPoint sono marchi registrati della Microsoft Corp. Translators Workbench un marchio registrato della Trados Corporation

102